Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, India, Materie Prime, Russia

Oro schizzato a 1,387.25 dollari/oncia.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-20.

2019-06-20__Gold__001

E siamo solo agli inizi.


Gold soars to five-year high after Fed hints at interest rate cuts

Gold prices shot to levels not seen since 2013 on Thursday, as investors flocked to the metal after the U.S. Federal Reserve left key interest rates unchanged but shifted away from its “patient” stance on monetary policy.

In electronic trading, August gold GCQ19, +2.76% soared $33.50, or 2.5%, to $1,382.20 an ounce. The contract slipped $1.90 to settle at $1,348.80 an ounce. On a continuous contract basis, gold was trading at its highest level since September 2013, according to FactSet data.

Gold began climbing higher in electronic trading Wednesday after a statement that followed the gold futures’ settlement. While the Fed held benchmark interest rates steady between 2.25%-2.50%, officials said that over the last six weeks, “uncertainties” have increased about the outlook, hinting at the trade tensions between the U.S. and China.

Fed officials appeared at odds about whether the central bank will cut interest rates this year, judging from the central bank’s projections of future interest rate moves, known as the “dot plot.” Precious metals like gold tend to attract buyers in a low interest-rate climate.

The yield for the 10-year Treasury note TMUBMUSD10Y, -1.95%  dropped to just under 2%, at 1.983%, a level not seen since 2016. Such a move can make government debt less attractive to buyers seeking haven assets compared against bullion.

“As long as real rates are headed lower, the pool of negative yielding bonds increases (currently $12.3t) then gold is only going one way,” said Chris Weston, head of research at Pepperstone, in a note to clients.

Gold has gained over 2% week to date, as investors have bought the metal owing to uncertainty over an import tariff dispute between China and the U.S. and fears that the global economy is weakening. On Tuesday, European Central Bank President Mario Draghi suggested that the ECB could introduce more stimulus if the eurozone economy weakens further. The Bank of England’s Monetary Policy Committee will also make a policy announcement later on Thursday.

In other metals dealings, July silver SIN19, +2.35%  rose 27 cents, or 1.8% , to $15.225 an ounce, while July copper HGN19, +1.27% rose 1% to $2.709 a pound.

July platinum PLN19, +1.18%  rose 0.9% to $812.70 an ounce and September palladium PAU19, +0.41%  gained 0.3% to $1,496.50 an ounce.

Pubblicato in: Cina, Geopolitica Militare, Materie Prime

Cina. Export terre rare -16%. Industrie militari i crisi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-20.

Cinaa_Esercito_Terracotta_04__

Avevamo già anticipato l’argomento:

Usa, Cina e Terre Rare. Ora interviene anche il Pentagono.

Silenziosa come suo solito, la Cina è passata ai fatti.

«China’s rare earth exports in May fell by 16% from April to 3,640 tonnes, according to customs data released last week»

«Other proposals heard at the symposiums included accelerating the development of high-end downstream industries and establishing a “traceability mechanism” allowing every shipment of exported rare earth to be tracked»

«China will also step up efforts to combat illegal rare earth mining and promote green development of the rare earth industry»

«China should also work out a list of foreign end-users of Chinese rare earths»

* * *

«Military equipment firms in the United States will likely have their supply of Chinese rare earths restricted, the Global Times said on Monday, after China’s state economic planner confirmed industry experts have proposed export controls»

* * * * * * *

Ad una contrazione dell’export cinese delle terre rare del 16% corrisponderebbe una contrazione della produzione dei prodotti elettronici del 12%, quanto basterebbe per mandare in crisi tutto questo settore.

Per non parlare poi del comparto militare.

Sicuramente l’estrazione mineraria delle terre rare è tutto fuorché semplice ed ecologica, ed i paesi occidentali hanno anche caricato il settore di una congerie di leggi, normativi e regolamenti che, se applicati, comporterebbero costi di estrazione proibitivi.

Poi, per soprammercato, gli occidentali sono troppo civili per andare a lavorare in una miniera né, tanto meno, per sopportarne l’esistenza sotto casa.

*

Il figliol prodigo si decise a tornare a casa quando fu ridotto alla fame, a desiderare ciò che era dato da mangiare ai porci ed a lui era invece negato. Non lo spinse il rimorso di come aveva trattato il padre: lo spinse invece la fame. Ma il figliol prodigo aveva un padre, mentre l’occidente  non ce lo ha.


Reuters. 2019-06-17. U.S. military firms likely to face China rare earth restrictions: Global Times

Military equipment firms in the United States will likely have their supply of Chinese rare earths restricted, the Global Times said on Monday, after China’s state economic planner confirmed industry experts have proposed export controls.

China is the world’s dominant producer of rare earths — a group of 17 prized minerals used in everything from consumer electronics to military equipment such as jet engines, missile guidance systems satellites and lasers.

Numerous reports from state-run Chinese media have raised the prospect that China may limit its supplies of the minerals to gain leverage in its trade dispute with the United States.

The Global Times, a newspaper that is published by the ruling Communist Party’s People’s Daily, said on its official Twitter account that U.S. military equipment companies “are likely to face restrictions,” citing unidentified Chinese industry insiders.

China should also work out a list of foreign end-users of Chinese rare earths, it added.

The Global Times comment followed a statement from a spokeswoman for China’s state economic planner, the National Development and Reform Commission (NDRC), earlier on Monday that the NDRC would study and roll out relevant polices on rare earths as soon as possible.

The NDRC recently held three symposiums on rare earths to hear views from industry experts that included suggestions to enact export controls, according to a transcript of comments from NDRC spokeswoman Meng Wei.

China’s rare earth exports in May fell by 16% from April to 3,640 tonnes, according to customs data released last week.

Other proposals heard at the symposiums included accelerating the development of high-end downstream industries and establishing a “traceability mechanism” allowing every shipment of exported rare earth to be tracked, Meng said.

The government resolutely opposes any attempt to use products made with China’s exported rare earths to suppress the country’s development, Meng added.

China will also step up efforts to combat illegal rare earth mining and promote green development of the rare earth industry, she said.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Materie Prime, Putin, Russia

Russia. Varato il rompighiaccio atomico Ural. Alla fine saranno 13 navi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-20.

Yamal 001

«Russia launched a nuclear-powered icebreaker on Saturday, part of an ambitious program to renew and expand its fleet of the vessels in order to improve its ability to tap the Arctic’s commercial potential.»

«Designed to be crewed by 75 people, the Ural will be able to slice through ice up to around 3 meters thick.»

*

«The Arctic holds oil and gas reserves equivalent to 412 billion barrels of oil, about 22 percent of the world’s undiscovered oil and gas»

*

«The Ural together with its sisters are central to our strategic project of opening the NSR to all-year activThe Ural together with its sisters are central to our strategic project of opening the NSR to all-year activityity»

*

«The Ural together with its sisters are central to our strategic project of opening the NSR to all-year activity»

* * * * * * *

La Russia di Mr Putin ha da tempo lanciato una lunga serie di programmi volti a sfruttare le risorse energetiche rinvenibili nelle zone artiche, che detengono grosso modo il 22% delle riserve di petrolio e gas mondiali.

Due i grandi problemi da risolvere, e, si direbbe, risolti.

Il primo inerisce le difficoltà di allestire gli impianti estrattivi in condizioni climatiche particolarmente avverse.

Il secondo verte invece sulla trasportabilità del minerale estratto, essendo impossibile al momento attuale la costruzione di oleodotti o di gasdotti.

Artico. 50% delle riserve minerarie.

Dall’Artico la sfida russa al gas Usa: Yamal Lng ultimato in tempi record

Russia. Un gigantesco rompighiaccio per Lng. – Bloomberg.

Russia. Akademik Lomonosov. Prima centrale atomica mobile e galleggiante.

Putin avvia lo sfruttamento del mega campo Kharasaveyskoye.

Yamal. Gli Usa hanno perso, la Russia ha vinto e raddoppia. – Bloomberg

Cina, Groenlandia e ‘Polar Silk Road’.

Cina. Centrali elettriche nucleari. 37 reattori attivi, 60 in costruzione, 179 programmati.

*

La centrale atomica montata su di una chiatta trasportabile e la flotta dei 13 rompighiaccio pesanti, sette dei quali a propulsione atomica ed in grado di sfondare strati di tre metri di ghiaccio, dovrebbero essere in grado di mantenere la rotta artica agibile sia di estate sua di inverno.

La Russia si avvia a diventare la maggior produttrice di petroli e gas naturale del mondo. Poi, avere limitrofa la Cina in espansione economica sempre più rapida, garantisce un immenso mercato, per di più servibile con rotte militarmente sicure.


Reuters. 2019-05-26. Russia, eyeing Arctic future, launches nuclear icebreaker

ST PETERSBURG, Russia (Reuters) – Russia launched a nuclear-powered icebreaker on Saturday, part of an ambitious program to renew and expand its fleet of the vessels in order to improve its ability to tap the Arctic’s commercial potential.

The ship, dubbed the Ural and which was floated out from a dockyard in St Petersburg, is one of a trio that when completed will be the largest and most powerful icebreakers in the world.

Russia is building new infrastructure and overhauling its ports as, amid warmer climate cycles, it readies for more traffic via what it calls the Northern Sea Route (NSR) which it envisages being navigable year-round.

The Ural is due to be handed over to Russia’s state-owned nuclear energy corporation Rosatom in 2022 after the two other icebreakers in the same series, Arktika (Arctic) and Sibir (Siberia), enter service.

“The Ural together with its sisters are central to our strategic project of opening the NSR to all-year activity,” Alexey Likhachev, Rosatom’s chief executive, was quoted saying.

President Vladimir Putin said in April Russia was stepping up construction of icebreakers with the aim of significantly boosting freight traffic along its Arctic coast.

The drive is part of a push to strengthen Moscow’s hand in the High North as it vies for dominance with traditional rivals Canada, the United States and Norway, as well as newcomer China.

By 2035, Putin said Russia’s Arctic fleet would operate at least 13 heavy-duty icebreakers, nine of which would be powered by nuclear reactors.

The Arctic holds oil and gas reserves equivalent to 412 billion barrels of oil, about 22 percent of the world’s undiscovered oil and gas, the U.S. Geological Survey estimates.

Moscow hopes the route which runs from Murmansk to the Bering Strait near Alaska could take off as it cuts sea transport times from Asia to Europe.

Designed to be crewed by 75 people, the Ural will be able to slice through ice up to around 3 meters thick.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Materie Prime

Oro. I compro-oro lo stanno incettando a piene mani.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-18.

2019-06-18__Gold__001

Bce, Draghi: “In assenza di miglioramenti necessari ulteriori stimoli”. Ira di Trump.

«Lo spread fra il Btp decennale e il Bund scende dopo le parole di Mario Draghi. Il presidente della Bce, ha detto che ulteriori tagli dei tassi restano fra le opzioni disponibili, che che il quantitative easing (QE) ha ancora spazio. Nel pomeriggio è sotto la soglia dei 240 punti, a 238,7, per la prima volta da metà marzo scorso.»

*

Al momento di scrivere il cambio Eur/Usd valeva 1.1188.

*

2019-06-18__Gold__003

Di questi tempi non sarebbe male seguire anche i bookmaker di Londra e l’attività dei compro-oro: per loro le previsioni errate si concretizzano in perdite. E non sono gente che gradisca le perdite.

L’annuncio selezionato verte uno dei principali compro-oro europei. 

Anche se il mercato è terreno quasi privato delle banche centrali, le richieste al dettaglio iniziano a farsi sentire, e sono un segno prognostico non dei migliori. Il picco di discesa sembrerebbe essere il risultato dell’intervento di una banca centrale. Magari di quella russa.

Pubblicato in: Materie Prime, Senza categoria

Cobalto e dintorni. Attenzione a non scottarvi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-25.

2019-03-25__Cobalto__001

Queste sono le quotazioni del cobalto. Fino a novembre 2016 sono rimaste fluttuanti sotto 30,000.

Quindi è iniziata una salita spettacolare, che è terminata giusto un anno fa: 92,500.

Poi è iniziata una discesa che assomiglia molto ad un crollo. Ora quota 30,000.

*

Cosa è successo?

Un elevato numero di persone ha dapprima contemplato la salita, mordendosi le dita di non aver comprato dei futures oppure del cobalto fisico da tenere in magazzino. Alla fine si sono decisi e sono entrati quanto i prezzi superavano gli 80,000.

Poco tempo di gongolamento, poi la realtà ha iniziato a stritolare i sogni.

Fiumi di recriminazioni, di macerazione davanti al terminale. Dubbi e tentennamenti: attesa di una impossibile rivalsa.

Poi, più che il dolor poté il digiuno: vendita a prezzi da straccivendoli, pur di riportare qualcosa a casa.

Insegnamento da trarne.

Non essere ingordi, non essere indecisi, non entrare mai in un mercato maturo.

Si compra a titolo basso e lo si rivende a titolo alto.

Questa frase sembrerebbe essere un banalità, mentre invece è una tristissima verità.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Materie Prime, Stati Uniti

Cobalto. Congo terreno di scontro di una guerra mondiale.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-22.

2019-03-12__Cobalto__001

«Il cobalto è l’elemento chimico di numero atomico 27 e il suo simbolo è Co.

Il nome deriva probabilmente dal greco kobalos, traducibile con folletto (ma vedi anche coboldo), “kobolt” in tedesco, probabilmente dato ai minatori tedeschi che incolpavano i folletti di fargli trovare un metallo inutile anziché il desiderato oro.

È un elemento bianco-argenteo, ferromagnetico e molto duro. Il cobalto metallico è solitamente una miscela di due diverse strutture cristallografiche: hcp e fcc, con una temperatura di transizione da hcp a fcc di 722 K. La configurazione termodinamicamente stabile è pertanto quella esagonale, anche se tecnologicamente risulta facile ottenere l’allotropo cubico (ad esempio realizzando film sottili di cobalto). È associato spesso con il nichel, ed entrambi sono componenti caratteristici del ferro meteorico. La sua temperatura di Curie è 1 388 K con 1,6~1,7 magnetoni di Bohr per atomo. Il cobalto ha una permeabilità magnetica relativa pari a due terzi di quella del ferro. ….

I mammiferi hanno bisogno di piccole quantità di sali di cobalto nella dieta. » [Fonte]

Svariati ed essenziali molti dei suoi usi, tra i quali:

– Leghe metalliche, quali per esempio l’acciaio Widia;

– Legante per le sinterizzazioni;

– Magneti;

– Catalizzatori;

– Elettrodi;

60Co, quale sorgente di raggi gamma.

*

Il cobalto non si trova allo stato puro metallico, ma solo come minerale, e non viene estratto da solo ma come sottoprodotto della estrazione di rame o nichel. I più importanti minerali di cobalto sono la Heterogenite, la cobaltite, l’eritrite, il glaucodoto e la skutterudite. I maggiori produttori al mondo di cobalto sono la Repubblica Democratica del Congo, la Cina, lo Zambia, la Russia e l’Australia.

*

Nel 2017 la produzione mondiale di cobalto si aggirava sulle 110,000 tonnellate, 64,000 delle quali estratte dalle miniere congolesi, le riserve delle quali ammonterebbero a circa 3.5 milioni di tonnellate. Seguono per produzione Russia (5,600 ton), Australia (5,000 ton), Canada (4,300 ton), ma solo l’Australia detiene circa 1.2 milioni di tonnellate di riserva.

È semplicemente evidente come il controllo della Repubblica Democratica del Congo sia interesse strategico di tutte le potenze industriali mondiali.

We’ll All Be Relying on Congo to Power Our Electric Cars [Bloomberg]

«The cars of the future will depend increasingly upon supplies of an obscure metal from a country in the African tropics where there has never been a peaceful transition of power and child labor is still used in parts of the mining industry.

Most major automakers are pledging to build millions of electric vehicles as the world’s governments crack down on climate-damaging emissions from traditional-fuel engines. As a result, demand is surging for lithium-ion batteries and the materials needed to make them — including cobalt, a relatively rare substance found mostly in the Democratic Republic of Congo ….»

* * *

2019-03-12__Cobalto__002

Il prezzo del cobalto è rimasto ragionevolmente stabile tra il 2009 e la prima metà del 2017. Quindi, da un valore di 10 Usd/lb è salito rapidamente ad un picco di 43 Usd/lb, per poi crollare al 5 marzo c.a. ad un prezzo di 14.97 Usd/lb.

Queste variazioni, del tutto fuori dal comune buon senso, diventano chiaramente spiegabili comprendendo come nel Congo sia in corso una vera e propria guerra per il controllo delle miniere.

2019-03-12__Cobalto__003

Se è vero che il programma Belt and Road cinese mira a controllare strategicamente nel futuro quella zona, e con buone possibilità di successo, nell’immediato le società cinesi impegnate nell’estrazione si trovano in grandi difficoltà. Anche la potente Zijin Mining Group Co. Ltd deve fare i conti con il calo delle quotazioni.

* * *

Nessuno dovrebbe stupirsi quindi di quanto stia accadendo.

Il calo del prezzo spiazza severamente le imprese estrattive australiane e canadesi, che hanno elevati costi del lavoro, Nel contempo, la situazione dei minatori congolesi non ha proprio nulla da invidiare alla schiavitù.

Questo potrebbe essere un elemento di riflessioni per i tanti occidentali che a parole piangono sulla triste sorte dei congolesi, ma nei fatti vogliono continuare a mantenerli schiavi per ridurre i costi dei loro device elettronici: piangono lacrime ipocrite.

Nota.

Tutte le grandi battaglie decisive della storia sono state combattute ben lontane dalle capitali. Poltava distava 1,514 kilometri in linea d’aria da Stoccolma, Kursk distava 1,546 kilometri in linea d’aria da Berlino, Midway era a 4,173 kilometri da Tokio. Il Congo non è poi così lontano da Washington, Pechino e Berlino.


The Sunday Times. 2019-03-10. Congo’s miners dying in hell tunnels to power your mobile

Exploited by Chinese firms, workers as young as nine risk their lives to feed the world’s growing hunger for cobalt

*

Solange Kanena sits on her broken orange sofa, heavily pregnant, resting. Looking around her three-room shack, she wonders how she will feed her eight children. Her husband died in a mining accident 10 days ago.

She has never held an iPhone and has no idea what an electric car is. But when the deep, muddy tunnel collapsed on her husband, he was digging for a commodity that is critical to the batteries of both: cobalt.

Last year about 70% of the world’s supply came from the Democratic Republic of Congo, one of the poorest, most violent and corrupt places on Earth. Much of its cobalt comes from around this town. ….

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Materie Prime, Senza categoria

Sterline Oro. Il discreto fascino del gruzzolo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-06.

2019-03-05__Sterline Orao__001

La sterlina oro è forse la moneta aurea meglio conosciuta, data la sua diffusione. Il Regno Unito iniziò a battere questa moneta sotto il regno di Re Enrico VIII, e, dopo lunga sospensione, il conio fu ripreso nel 1837.

Nel 1892 furono riconiate fondendo quelle vecchie 13,680,486 sterline oro, e nel 1900 si fusero ancora sterline vecchie ed usurate per riconiarne 10,846,741 pezzi.

Si stima che al momento siano in circolazione quasi un miliardo di pezzi.

2019-03-05__Sterline Orao__002

Oltre alla diffusione, un altro pregio è peso globale di 7.9881 grammi, cui corrisponde un contenuto in oro di 7.32 grammi. fatto questo che conferisce un valore facilmente accessibile quasi ad ogni borsa.

Infine, proprio il loro valore relativamente basso consente la loro vendita anche pezzo per pezzo, secondo le esigenze e le necessità.

Un aspetto di non scarsa importanza è la loro difficile adulterazione. Abbastanza spesso, infatti, i lingotti sono adulterati immettendo nel loro interno delle barrette di wolframio. Chiaramente questa è una truffa, ma per scoprirla sarebbe necessario o tagliare il lingotto oppure sottoporlo ad esami chimico – fisici che solo pochi laboratori sono in grado di eseguire.

Ricordiamo come il prezzo vari tra acquisto e vendita di circa un 10%, e vari inoltre, sia pur di poco, da grossista a grossista. I così detti ‘comproro’ comprano solitamente alla quotazione dell’oro. Le quotazioni variano a seconda del tipo della sterlina, ma alla fine ciò che conta è solo il contenuto aureo: ricordiamocelo bene.

2019-03-05__Sterline Orao__003


Nome: Gold Sovereign

Paese: Gran Bretagna

Peso: 7,9881 g

Spessore: 1,52 mm

Diametro: 22,05 mm

Titolo: 22 kt (91,67%)

Peso in oro: 7,3224 g

*


Breve storia della Sovrana

Sovrana (in inglese: Gold Sovereign) è il nome di una moneta d’oro inglese emessa per la prima volta nel 1489 da Enrico VII ed ancora in produzione. La moneta aveva il valore nominale di una sterlina o 20 shilling, ma in realtà era in primo luogo un pezzo d’oro senza indicazione del valore. Il nome “sovereign” deriva dal maestoso ritratto impresso moneta, uno dei primi a mostrare il re di faccia seduto in trono, mentre al rovescio era rappresentato lo stemma reale con la rosa dei Tudor. In Italia è comunemente indicata col nome di Sterlina d’Oro.

Le sovrane originali erano d’oro a 23 carati (96%) e pesavano 240 grani o mezza oncia troy (15,6 grammi). Enrico VIII ridusse la purezza a 22 carati (92%), che divenne (e rimane) lo standard delle monete d’oro (cosiddetto crown gold) sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti; il peso della sovrana fu ripetutamente abbassato fino a quando, con la legge del Great Recoinage emessa nel 1816, il contenuto di oro fu fissato agli attuali 113 grani (7,3224 grammi), equivalenti a 0,235421 oncia troy. Oltre alla sovrana la Royal Mint coniò anche la moneta da 10 shilling (mezza sovrana), quella da £2 (doppia sovrana) e quelle da £5 (quintupla sovrana). Solo la sovrana e la mezza sovrana erano normalmente coniate per la circolazione.

La coniazione della sovrana fu interrotta dopo il 1604, sostituita prima dalla Unite, poi dal Laurel, ed infine dalla Ghinea. La produzione della sovrana iniziò di nuovo nel 1817, e il nuovo rovescio era quello con San Giorgio che uccide il drago, inciso da Benedetto Pistrucci. Lo stesso disegno è ancora in uso nella sovrana d’oro coniata nel Regno Unito, anche se altri rovesci sono stati usati durante il regno di Guglielmo IV, Vittoria, Giorgio IV ed Elisabetta II.

Nel periodo vittoriano era abitudine della Bank of England di ritirare dalla circolazione le sovrane e le mezze sovrane rovinate e riconiarle. Di conseguenza anche se sono state coniate un miliardo circa di pezzi, questo numero include quell’oro che è stato coniato e riconiato più volte. Si stimava che un pezzo potesse circolare per circa 15 anni prima che il peso diminuisse al di sotto del minimo previsto perché la moneta non perdesse il suo valore legale. In particolare era la mezza sovrana che circolava nell’Inghilterra vittoriana. Molte sovrane invece passarono il loro tempo nei caveau delle banche. Si è stimato che solo l’1% di tutte le sovrane d’oro che sono state coniate, siano ancora in condizione da poter essere collezionate. Nel 1891 si decise che le monete sotto peso sarebbero state sostituite con monete nuove. Contemporaneamente le monete battute prima del 1837 furono dichiarate fuori corso. Questo oro fu riconiato in 13.680.486 mezze sovrane nel 1892 e in 10.846.741 sovrane nel 1900 (entrambe alla sede di Londra della Royal Mint).

I coni di dritto delle sovrane nel XIX secolo furono usati, quando erano troppo usurati, per coniare il farthing (un conio di dritto produce in genere 100.000 monete). La sovrana fu coniata in grandi quantità fino alla prima guerra mondiale, quando il Regno Unito uscì ufficialmente dal gold standard. Da allora e fino al 1932, le sovrane furono prodotte solo alle sedi di Melbourne, Sydney, Perth, Bombay, Ottawa e Pretoria (escluse alcune nel 1925 prodotte a Londra nel quadro del tentativo fallito di Winston Churchill di tornare al gold standard). L’ultima emissione regolare fu quella del 1932 a Pretoria. La produzione fu ripresa nel 1957, sembra per prevenire la produzione di monete contraffatte in Siria ed Italia. Alcune pubblicazioni del tesoro sembrano indicare che le sovrane erano ampiamente usate per sostenere la politica estera britannica nel Medio Oriente ed era importante che queste monete mantenessero il loro standard, giacché diverse persone ricevevano sotto forma di sovrane il pagamento dei loro servigi al governo britannico.

La sovrana è stata prodotta come moneta-lingotto fino al 1982. Da allora fino al 1999, furono prodotte solo monete con fondo a specchio ma dal 2000 è stata anche ripresa la monetazione precedente. Attualmente la sovrana è coniata alla Royal Mint in Pontyclun, Mid-Glamorgan, Galles. Le monete sono prodotte con il metallo prezioso che è custodito separatamente dal resto della zecca. Questa a sua volta è protetta dalla polizia del Ministero della Difesa. Agli impiegati non è permesso di usare nessun tipo di monete metalliche all’interno della zecca; le monete sono sostituite da gettoni di plastica.

Pubblicato in: Commercio, Finanza e Sistema Bancario, Materie Prime, Senza categoria

Oro fisico 1,337.80 $, palladio 1,451.40 $.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-20.

2019-02-20__Gold__001

Sul mercato sono disponibili un elevato numero di titoli legati all’ora ed  ai metalli preziosi.

Si resta alquanto perplessi nel constatare come il loro volume totale corrisponda a diverse decine di migliaia di volte l’intero ammontare dell’oro fisico estratto nel corso della storia.

A dire il vero quasi nessuno di questi titoli millanta una convertibilità in oro fisico, ma questo non basterebbe che in minima parte se tale operazione fosse reclamata per i soliti titoli che si proclamano essere convertibili.

Alcuni arrivano a proclamare che al comprare quote corrisponde da parte del gestore all’acquisto di oro fisico.

Lungi da noi fare i cavillosi, ma i conti non tornano in maniera grossolana.

2019-02-20__Gold__002

*

2019-02-20__Gold__003

Nel converso, diamo per scontato che ogni risparmiatore abbia nel cassetto, oppure in cassaforte, una certa quale quantità di oro fisico, o altri metalli preziosi.

Questa quota rappresenta una sorta di riserva strategica da cui attingere secondo convenienza.

I tempi che stiamo vivendo sono caratterizzati da grande volatilità ed incertezze.

2019-02-20__Gold__004

Se sicuramente il palladio è stato molto richiesto dall’industria negli ultimi tempi, il suo passaggio dagli 800 Usd dell’agosto scorso all’attuale quotazione di 1,451.40 Usd è stata sostenuta anche dalla esigenza di accumulo di scorte.

L’oro fisico ha avuto un periodo meno tumultuoso. A settembre dello scorso anno valeva circa 1,200 Usd all’oncia ed ora quota 1,337.80 Usd, più o meno il valore che aveva nell’aprile dello scorso anno.

Si tenga infine conto che per le transazioni di quantità minimali vi è una ampia forchetta bid / ask.

Il lingotto da kilogrammo ha un valore di 37,665 euro, ma è trattato a 38,319 euro.

*

Nota per i micro o nano-investitori.

È sempre facile comprare, e tutti magnificano ciò che vendono. La vera grande difficoltà consiste nell’individuare la realtà cui poter vendere, scegliendosela anche solvibile.

Nei periodi di tensione la forchetta può aumentare in modo strepitoso ed i vari compro oro non sono propriamente dei monaci benedettini.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Materie Prime

Palladio. Una crescita politica delle quotazioni.

Giuseppe Sandro Mela.

2015-12-28.

2018-12-22__Palladio__001

Il Los Alamos  National Laboratory così descrive in sintesi il palladio.

«History

Palladium was named after the asteroid Pallas, which was discovered at about the same time. Pallas was the Greek goddess of wisdom.

Sources

Discovered in 1803 by Wollaston, Palladium is found with platinum and other metals of the platinum group in placer deposits of Russia, South America, North America, Ethiopia, and Australia. It is also found associated with the nickel-copper deposits of South Africa and Ontario. Palladium’s separation from the platinum metals depends upon the type of ore in which it is found.

Properties

The element is a silvery-white metal, it does not tarnish in air, and it is the least dense and lowest melting of the platinum group of metals. When annealed, it is soft and ductile; cold-working greatly increases its strength and hardness. Palladium is attacked by nitric and sulfuric acid.

At room temperatures, the metal has the unusual property of absorbing up to 900 times its own volume of hydrogen, possibly forming Pd2H. It is not yet clear if this is a true compound. Hydrogen readily diffuses through heated palladium, providing a means of purifying the gas.

Uses

Finely divided palladium is a good catalyst and is used for hydrogenation and dehydrogenation reactions. It is alloyed and used in jewelry trades.

White gold is an alloy of gold decolorized by the addition of palladium. Like gold, palladium can be beaten into leaf as thin as 1/250,000 in. The metal is used in dentistry, watch making, and in making surgical instruments and electrical contacts.»

* * *

L’onda lunga del Dieselgate continua a farsi sentire non solo sul mercato dell’auto, ma anche su quello dei metalli preziosi. Il palladio – impiegato nei catalizzatori per motori a benzina (oltre che per gli ibridi) –vale più del platino, che invece viene utilizzato per le marmitte dei veicoli a gasolio.

Quando si parla dei propri investimenti, un po’ di cinismo non guasta.

«A key component in pollution-control devices for cars and trucks, the metal’s price has surged as much as 50 percent in about four months, making it at times more expensive than gold»

La richiesta del palladio dipende dalle decisioni politiche di ridurre i gas emessi dai motori a scoppio alimentati a benzina. Ma nel momento in cui venisse a cessare l’imposizione politica, verrebbe simultaneamente a cessare questa richiesta del tutto fuori della norma.

Con una popolazione in rapido invecchiamento, in Europa il ricambio delle autovetture è destinato a rallentare: i vecchi non sono molto mobili. Sarebbe quindi prospettabile una contrazione di questo mercato in un futuro non molto lontano.


Bloomberg. 2018-12-22. Why Palladium’s Suddenly an Especially Precious Metal

For the first time in more than a decade, palladium is rivaling gold in value. A key component in pollution-control devices for cars and trucks, the metal’s price has surged as much as 50 percent in about four months, making it at times more expensive than gold. The rally shows few signs of fizzling.

  1. What is palladium?

It’s a lustrous white material, one of the six platinum-group metals (along with ruthenium, rhodium, osmium, iridium and platinum itself). About 80 percent of palladium ends up in the exhaust systems in cars, where it helps turn toxic pollutants into less-harmful carbon dioxide and water vapor. It is also used in electronics, dentistry and jewelry. The metal is mined primarily in Russia and South Africa, and mostly extracted as a secondary product from operations focused on other metals, such as platinum or nickel.

  1. Why is it getting more expensive?

Supply hasn’t responded to growing demand. Usage is increasing as governments, especially China’s, tighten regulations to crack down on pollution from vehicles, forcing carmakers to increase the amount of precious metal they use. In Europe, consumers bought fewer diesel vehicles, which mostly use platinum, and instead chose gasoline-powered vehicles, which use palladium, following revelations that makers of diesel cars cheated on emissions tests.

  1. Why is supply so tight?

Palladium’s status as a byproduct to platinum or nickel mining means that output tends to lag behind price increases. In fact, the amount of palladium produced is projected to fall short of demand for the seventh straight year in 2018. That’s helped drive prices to successive records. While some obscure metals are still more valuable, palladium topped gold this month to become the highest-priced among the four most widely traded precious metals.

  1. Are speculators driving up the price?

Partly. Hedge funds have increased their bets that prices will rise, according to futures positioning data. Yet palladium for immediate delivery is trading at a growing premium to material for delivery later, suggesting that manufacturers are scrambling to get hold of metal. And palladium-backed exchange-traded funds have seen outflows as investors withdraw metal and then lease it to users at lucrative rates. There’s also anecdotal evidence of stockpiling in China, the biggest buyer in the automotive sector. And palladium-backed exchange-traded funds have seen outflows as investors withdraw metal. They’re leasing it at lucrative rates to manufacturers who plan to buy palladium when it becomes less hard to obtain.

  1. Who are the winners and losers?

While Russia’s MMC Norilsk Nickel PJSC is the biggest palladium producer, the rally is especially good news for South Africa’s platinum miners, who dig it up alongside their primary metal and are dealing with platinum prices hovering near decade lows. On the other hand, carmakers are having to pay more for the metal and may eventually pass this on to consumers.

  1. Is palladium usually this volatile?

Yes, and not just palladium. Precious metals used in small quantities by the auto industry have a history of price spikes when demand outstrips supply. In the decade following 1998, platinum soared more than 500 percent as a shortage caught the attention of speculative buyers. Rhodium rallied more than 4,000 percent over a similar period before carmakers found ways to use less. Palladium itself jumped ninefold from its lows in 1996 to a peak in 2001 as users worried Russian sales would slow.

  1. Is it too late to buy into the rally?

Possibly not. While palladium has climbed a long way already — it’s up more than 600 percent from the lows hit in the wake of the global financial crisis — supply shortages are projected to continue. It’s true that palladium’s rise relative to platinum might prompt some carmakers to work on substituting the metals. However, the switch is unlikely to happen at a large scale anytime soon. And the likes of Daimler AG are more focused on electrification and batteries than a metal which represents a relatively small part of production costs.

  1. Where do electric cars fit into the picture?

Electric cars don’t burn fuel, don’t have exhaust pipes and don’t use palladium. Still, most analysts believe the electrification of the majority of the world’s automotive fleet is many years in the future. In the meantime, palladium use in hybrid vehicles is also a growing source of demand.