Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Pagliacci, Parassiti, Senza categoria

Bbc. Pubblico è splendido per £1.24m all’anno di salario.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-08-10.

 giornalisti-leccaculo-650x533

Pubblico è bello in uno stato socialista, ma lo è ancora di più se sei femmina ed incardinata nella massoneria. E chi te la fa fare di sgobbare alla produzione quando ci sono i posti nelle Pubbliche Amministrazioni? E poi, nel parastato chi riesce ad entrarci ci prospera benissimo.

Carriere inspiegabili. Velocissime e con remunerazioni da fantastilioni.

Mezzi busti insignificanti, pronubi al potere ed ai suoi voleri. Femmine pimpanti, dismesse dalle alcove per limiti di età e carenza fisiologica delle prestazioni, transitate al ruolo di “inviate speciali“. Ma il politicamente corretto impone di dire che le femmine sono molto, ma molto meglio dei fu-maschi, più intelligenti, brave ed oneste.

Però.

Nella vita c’è sempre un però.

Se fossero davvero tali non avrebbero certo bisogno delle “quote rose” per trovarsi una greppia a cui brucare.

Anchor-man ed anchorwoman disperatamente tesi/e a giustificare qualsiasi cosa avessero fatto gli egemoni, a prevenirne i desiderata, ed ad indottrinare il popolo bue. Bue perché si beve tutto come oro colato. Persone che si lodano tra di loro, ma delle quali ci si dimentica in un amen il giorno che scompaiono.

Poi, un bel giorno, la storia insegna che il popolo “bue” si ricorda di quando era “toro“, ossia con una bella quota di testosterone nelle vene. Ed allora la notorietà di questi figuri diventa motivo della loro condanna.

Per chi avesse una buona memoria e qualche rudimento elementare di storia:

«il 30 piovoso, anno IV della Repubblica (19 febbraio 1796) in forma pubblica in Place Vendôme» ….

Un bel rogo più la ghigliottina, ed in quattro e quattro fa otto lo stato non ha più avuto bisogno di pagare quegli stipendi di platino impreziosito di diamanti: tutti due metri sotto terra. Senza la testa ed alquanto abbrustoliti. Benedette siano le rivoluzioni!

Solo la morte risolve certi problemi.

Note.

– Il Primo Ministro inglese guadagna £143,462 all’anno.

– I dirigenti Bbc sono un trentesimo di quelli della Rai.

 


Bbc. 2016-08-10. BBC’s Clare Balding earns more than £500,000.

The BBC’s Rio Olympics anchor Clare Balding earned more than £500,000 last year, cementing her position as one of the UK’s highest-earning female presenters.

The sports broadcaster made £516,712 in the year to the end of October 2015.

According to documents filed at Companies House Balding, who works for the BBC covering events including Wimbledon and BT, receives payments for services as a TV presenter and royalties as an author.

Her company Clearly Clare shows that shareholders’ funds rose from £1.24m to £1.76m year on year, the difference effectively being the amount she earned during last year.

The filing also shows that last year a fixed asset worth £1.33m was added to the company.

While the asset is not named, one City analyst said it is typical for something like a house. Balding also sold off an un-named asset for £300,000.

The amount the company had in cash at the bank fell from £1m to £485,000.

Balding’s earnings have emerged as a debate grows over what proportion of the BBC’s top stars should be made to officially reveal their salaries.

The government’s white paper on the future of the BBC has settled at those on more than £450,000, after originally mulling a threshold of £150,000.

Last week a committee of MPs published a report calling for the level to be those on more than £143,000, approximately the level of the combined ministerial and parliamentary salary of the prime minister (£143,462 a year).

BBC presenter Andrew Neil said this week that he is happy to have his salary made public, admitting he does earn more than the PM, but only if the number of programmes he fronts each year is made clear.


The Guardian. 2016-08-10. BBC should reveal pay of stars earning more than £143,000, say MPs

The BBC should reveal the salaries of stars paid more than £143,000 a year as part of a new era of openness under the next royal charter, according to an influential committee of MPs.

The Commons culture, media and sport select committee, which has released its report after the government’s publication in May of the white paper on the BBC, also endorsed the creation of a Scottish Six news programme and questioned the decision to appoint the BBC Trust chair, Rona Fairhead, as head of a new BBC unitary board without a full formal appointment process.

The white paper already lays out rules forcing the the BBC to publish the salaries of stars earning more than £450,000, but the committee says that figure should be reduced to £143,000 in line with rules on executives.

The BBC has argued that even publishing the salaries of those earning more than the higher figure – thought to include names such as Chris Evans, Gary Lineker and Graham Norton – would create a “poachers’ charter” and make it easier for commercial rivals to lure top talent.

A BBC spokesperson said: “The BBC has led the way in transparency by publishing details of senior manager salaries over £150,000, and already publishes more information about talent pay than other broadcasters.

“We cut our bill for talent pay by £8m last year, but creating a poacher’s charter by publishing the salaries of individual presenters and actors wouldn’t be in the interests of licence fee payers who say they want the best talent on the BBC. We believe the proposal in the white paper is a sensible compromise.”

However, the MPs argued that salaries were already known throughout the industry. “The point is that all these salaries are paid by the licence fee payer, whether they are for broadcasters or BBC executives,” said Damian Collins, the acting chair of the committee.

“Why should there be different rules for each? It’s disingenuous to say confidentiality is needed to prevent poaching when in general everyone in the industry knows what everyone else is getting paid. The threshold should be the same for both executives and talent, the salary of anyone getting paid more than the prime minister should be published.”

The combined ministerial and parliamentary salary of the prime minister was £143,462 in April 2016, according to Parliament UK. This figure includes the parliamentary salary of £74,962.

On the creation of a Scottish Six, the committee backed the most ambitious of three proposals being considered by the BBC which would see the programme almost entirely run from Scotland.

In a separate statement, SNP committee member and former BBC news presenter John Nicholson said: “BBC Scotland should now deliver a high-quality six o’clock television news programme for Scottish audiences with a broader remit of national, UK, and international stories, in the way that Radio Scotland or any newspaper already does.

“This cross-party committee found that for a ‘Scottish Six’ to work it needs to be edited and presented from Scotland. The BBC must resist any hybrid options with a parallel studio and co-presenter in London for non-Scottish stories. As the committee concluded – this would be both needlessly extravagant, and patronising.”

Concerns over Fairhead’s appointment to the role follow her appearance before the committee last month, in which Nicholson claimed it had broken rules on public appointments.

Commenting on the committee’s findings on her appointment, Collins said: “Ms Fairhead’s experience with the trust and the benefits of continuity might well have favoured her in a proper, open recruitment process. But given the prestige of the new role it is likely that other strong candidates could have emerged.

“At any rate, it would not be appropriate for any minister, including even the prime minister, simply to offer her the job. Whatever rules for public appointments are finally settled on, there must always be a very good reason for not following due process. That was simply not the case here.”

The committee also said it supported recommendations from the BBC director general, Tony Hall, for a smaller unitary board with a greater number of independent directors, suggesting a split of five government appointees and a further seven made up of executive and non-executive roles.


Bbc. 2016-06-30. Inside the BBC. Salaries and Expenses

Listed below are staff whose salaries and remuneration are published quarterly by the BBC.

In 2009 it was agreed with the BBC Trust that the BBC would publish the salaries, total remuneration, Declaration of Personal Interests, expenses, gifts and hospitality for all senior managers who have a full time equivalent salary £150,000 or more or who sit on a major divisional board.

This excludes commercially funded roles and graded employees temporarily acting up into a Senior Manager role.

Staff members who have left the organisation are listed at the bottom of this page; their last set of expenses are published one financial quarter after their leaving date. Staff members whose names are listed in italics are people who started in their roles after the current disclosed quarter (so haven’t incurred any expenses yet). Archived staff biographies and expenses are listed here

This page was last updated on Thursday 30 June 2016. 

A to C

Gavin Allen, Controller, Daily News Programmes

Shane Allen, Controller, Comedy Commissioning, Television

Philip Almond, Director, Marketing and Audiences

Jatin Aythora, Chief Architect

Justin Bairamian, Director, BBC Creative

Jenny Baxter, Chief Operating Officer, BBC North

Isabel Begg, Head of Commercial Business Development, Rights and Business Affairs

Philip Bernie, Head of TV Sport

Nick Betts, Controller, Business, in Drama, Films & Acquisitions, Television

Keith Blackmore, Managing Editor, BBC News & Current Affairs

Helen Boaden, Director, Radio and Director, England

Anne Bulford, Deputy Director General

Simon Burke, Non-executive director

Chris Burns, Head of Group Operations, Radio

Colin Burns, Executive Creative Director, Future Media

Shirley Cameron, Finance & Business Director, Radio and Strategy & Digital

Fiona Campbell, Head of Current Affairs

Kieran Clifton, Director, Distribution & Business Development

Andy Conroy, Controller, Research and Development (previously COO, BBC Future Media & BBC Online)

Ben Cooper, Controller Radio 1 and 1Xtra

Mark Cooper, Head of TV Music

Rachel Currie, HR Director, Radio, Finance & Operations, Strategy & Digital (previously HR Director, Employment)

D to F

Wendy Darke, Head of Natural History Unit

Alan Davey, Controller, Radio 3

Leighton Davies, Director, Finance Centre of Excellence

Richard Dawkins, Chief Financial and Operating Officer, News

Michael Donnelly, HR Director, Service Centre

Claire Dresser, Chief Adviser, Television

Graham Ellis, Deputy Director, Radio

Phil Fearnley, Director of Homepage & myBBC

Tessa Finch, Head of Development, Television Productions

Mike Ford, Director of Risk & Assurance

Mark Freeland, Controller of Fiction and Entertainment, BBC Television, (Director of Scripted, BBC Studios from 1 April 2016)

Mark Friend, Controller, Radio & Music Multiplatform

G to I

Joe Godwin, Director, BBC Academy

Jim Gray, Deputy Head of TV Current Affairs

William Greswell, Controller, Content Strategy

Dale Haddon, HR Director

Tony Hall, Director-General

James Harding, Director of News & Current Affairs

Cassian Harrison, Channel Editor, BBC Four

Mark Harrison, Controller, Production, BBC North

Ian Haythornthwaite, Director of Finance

Polly Hill, Controller, BBC Drama Commissioning (previously Head of Independent Drama)

Mary Hockaday, Controller, World Service English (previously Head of Newsroom)

David Holdsworth, Controller, English Regions

Patrick Holland, Head of Commissioning, Television

Tamara Howe, Controller of Business, Comedy & Entertainment, Television

Natalie Humphreys, Controller, Factual & Daytime Production

Valerie Hughes D’Aeth, Director, HR

Nicholas Hytner, Non-executive Director

J to L

Peter Johnston, Director, BBC Northern Ireland

Sarah Jones, Group General Counsel & Secretary, Operations

David Jordan, Director, Editorial Policy & Standards

Roux Joubert, General Manager, Platform

Ian Katz, Editor, Newsnight

Damian Kavanagh, Digital Controller, BBC Three

Liliane Landor, Controller, Language Services, BBC World Service Group

Christine Langan, Head of BBC Films

Roger Leatham, Controller of Rights, Legal & Business Affairs

Ken Lee, Human Resources Director, BBC North

Mark Linsey, Director, BBC Studios (previously Acting Director, Television)

Charlotte Lock, Director of Media Engagement and Marketing and Audiences, BBC North

M to O

Sonia Magris, Finance Director

Ken MacQuarrie, Director, BBC Scotland

Anna Mallett, Director and Project Lead Production Review

Dharmish Mistry, Non-executive Director

Brian McBride, Non-executive Director

Dan McGolpin, Controller, Daytime

Charlotte Moore, Director, Content

Jonathan Munro, Head of Newsgathering

Nick North, Director of Audiences

Lisa Opie, Controller of Business, Knowledge & Daytime, Television

P to R

Gary Payne, Chief Information Security Officer

Jonathan Peachey, Launch Director, myBBC

Alice Perkins, Non-executive Director

Clare Pizey, Head of Factual Entertainment & Format Entertainment Production

Matthew Postgate, Chief Technology Officer

James Purnell, Director, Strategy & Education

Gautam Rangarajan, Director of Strategy

Peter Ranyard, Assistant General Counsel and Head of Commercial Legal

Dame Fiona Reynolds, Senior Independent Director

Ralph Rivera, Director, BBC Digital

S to U

Jabbar Sardar, HR Director, Television

Hilary Salmon, Head of Drama, England

Peter Salmon, Former Director, BBC Studios*

Bal Samra, Commercial Director BBC and Managing Director TV

Bob Shennan, Director, Music

John Shield, Director, Communications

Kim Shillinglaw, Former Controller, BBC Two and BBC Four

Barbara Slater, Director, BBC Sport

Paul Smith, Head of Editorial Standards

Sir Howard Stringer, Non-executive Director

Emma Swain, Controller, Factual Commissioning, Television

Rhodri Talfan Davies, Director, BBC Cymru Wales

Cheryl Taylor, Controller, CBBC

Katie Taylor, UK Controller of Entertainment Production

Ceri Thomas, Editor Panorama (previously Head of Programmes, News)

Francesca Unsworth, Director, World Service Group and Deputy Director, News & Current Affairs

V to Z

Adrian Van Klaveren, Head of Strategic Change and Portfolio Management

Charlie Villar, Finance Director, BBC Finance & Operations

Cary Wakefield, Director, Marketing & Audiences, Television

Jonathan Wall, Controller, Radio 5 Live & 5 Live Extra

Alice Webb, Director, BBC Children’s (formerly Chief Operating Officer, England)

Gwyneth Williams, Controller, Radio 4 and Radio 4 Extra

Jon Zilkha, Controller, 24/7 and Digital News

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Parassiti

Dopo gli spogli ‘alla austriaca’ ecco in Germania i poll alla ‘Forsa’.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-08-01

 caravaggio-il-baro_jpg

Per decenni i nostri amici teutoni hanno fatto facile ironia sui criteri organizzativi di noi latini. E, diciamolo anche con molta franchezza, pienamente a ragione.

Negli ultimi tempi però molte cose sono cambiate.

*

Nelle ultime elezioni presidenziali austriache sono stati fatti così tanti e così severi brogli elettorali da far sembrare corretta la peggiore della repubblica delle banane. I socialdemocratici si sono dimostrati essere quello che sono: brogli galattici, ma fatti anche male. Talmente male che persino la Corte Suprema austriaca, vertice supremo dell’ideologia socialista, ha dovuto dichiarare nulle quelle elezioni.

Non fan più i socialdemocratici criminali di una volta: malvagi ma almeno intelligenti e furbi. Forse anche per il fato che all’essere malvagi associano l’essere perversi contro natura.

*

Di questi giorni la Germania inizia ad interrogarsi sul caso Forsa.

Citeremo da un sito internet di diffusione mondiale.

«The Forsa Institute for Social Research and Statistical Analysis (German: Forsa Gesellschaft für Sozialforschung und statistische Analyse mbH), forsa for short, is one of the leading market research and opinion polling companies in Germany. It was founded in 1984 by Manfred Güllner in Cologne and is now headquartered in Berlin with a branch in Dortmund; it formerly also had an office in Riga, Latvia.»

*

«Güllner ist seit 1964 SPD-Mitglied»

Güllner è membro dell’Spd dal 1964.

*

«Der Forsa-Gesellschaft wird deshalb eine Nähe zur SPD unterstellt»

La società Forsa è quindi un soggetto molto vicino all’SPD.

*

Fin qui non ci sarebbe nulla di male. I numeri dovrebbe per sempre essere numeri.

Ma non quando sono manipolati da dei socialisti.Il massacro ai Corni di Hattin diventa una marachella da monelli.

Guardate questa tabella riassuntiva dei sondaggi per le prossime elezioni di Berlino.

2016-08-01__Forsa

Due cose saltano immediatamente agli occhi.

Anche se l’indagine Forsa è la più recente, il recensore riporta nel riquadro riassuntivo superiore i dati del precedente sondaggio di Infratest dimap.

Infatti i dati Forsa darebbero l’Spd al 26%, con il 21% sia di Infratest dimap sia dell’Insa, altra casa di sondaggi.

Macroscopiche anche le differenze di stima per AfD, che Forsa stima all’8% conto l 13% ed il 14% delle altre due istituzioni di sondaggi.

Mica male come scherzetto, ne vero?

* * * * * * *

Eccovi allora un pochino di storia della Forsa. Pigliatevi prima di proseguire un antiemetico, perché lo schifo sarà grande.

«Accusations of political bias.

Both forsa and its head, Manfred Güllner, have been accused of bias towards the SPD in connection with pre-election polls, most recently before the 2005 election in North Rhine-Westphalia. Forsa was successful in obtaining an injunction against accusations from the CDU on this issue, but their surveys did show in part a greater agreement with SPD positions than those of other polling firms. Forsa have themselves stated that they received 40,000 € in fees in connection with the national election in 2002 and in connection with the state election in 2005. In an interview on 6 September 2002, Hans Mathias Kepplinger, a professor of public relations at the University of Mainz, named three other firms as relatively likely to be free of party bias, but not forsa, although one of the three he named, the Institut für Demoskopie Allensbach, which has collaborated with the University of Mainz, cannot be said to be altogether free of ties to the CDU.

After the national elections in 2005, forsa’s closeness to the SPD lessened appreciably and indeed reversed: in 2007 and still more in the first quarter of 2008, forsa reported poll results for the SPD an average of approximately 5% lower than those of other polling firms. Accusations have therefore been levelled at forsa of slanting results against the SPD and its “reformist course” after former Chancellor Gerhard Schröder, a longtime friend of Manfred Güllner, stood down in favour of the CDU’s Angela Merkel.

One example was a study in summer 2008 on the basis of which forsa reported that 36% of SPD members had considered leaving the party. Then-party chief Kurt Beck criticised Güllner severely and stated that he would not comment on forsa surveys.

Accusations of data manipulation.

In 2003 forsa was accused of data manipulation in a poll on tuition fees for higher education commissioned by the Centre for College Development (Centrum für Hochschulentwicklung) co-founded by the Bertelsmann Foundation. According to the statement of findings, the majority of students (59%) and of the population (67%) stated in November 2003 that they would accept tuition fees if they directly benefitted the educational institutions and could be financed through loans. The Centre for College Development announced these results in a press release in December 2003 and they were reported in the press. But later that month, a spokesperson for the Centre indirectly admitted that respondents were only given the option of deciding between three models of tuition fees, and not of rejecting them entirely.

In 2007 forsa was accused on the political website NachDenkSeiten of becoming involved through manipulation of a survey in a campaign by the organization Initiative Neue Soziale Marktwirtschaft (Initiative for a New Social Market Economy) for the introduction of private health insurance.

Forsa was the market research firm involved in the 2009 public relations scandal concerning Deutsche Bahn. Surveys with leading questions which produced results showing disapproval of the 2007 train drivers’ strike and approval of privatisation of the railway were secretly funded by Deutsche Bahn. »

* * * * * * *

Ebbene, adesso siamo avvisati.

La Forza non riporta proiezioni elettorali, bensì i desiderata della dirigenza socialdemocratica.

Il primo che venisse a parlarmi male degli italiani o dei miei amici napoletani lo piglierò a cazzotti.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Pagliacci, Parassiti

Quando verrà la rivoluzione si bonifichi la Rai.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-07-25.

 Strage 001

La Rai ha messo in linea una parte di consultivi di bilancio 2014.

È un organico strepitosamente elefantiasico: 11,635 dipendenti, solo nella holding.

263 dirigenti coordinano il lavoro di 1,882 giornalisti, 7,277 operai, più il restante personale, tra cui undici medici.

Il tutto al modicissimo costo di solo personale di 905.0 miserabili milioni di euro, pagati in solido dai Contribuenti nazionali.

Più del doppio del personale in organico alla Cnn, che ha diffusione mondiale.

«CNN International reaches more than 315 million households around the world.

CNN has 42 editorial operations around the world and around 4,000 employees worldwide.» [Fonte]

*

Quando in Italia verrà la rivoluzione (è arrivata la rivoluzione francese, ed è arrivato anche il 25 aprile, ricordiamocelo bene) ci si ricordi di tutte queste persone.

Nel caso, ci si faccia aiutare dai consulenti di Mr Erdoğan. Reduci dal genocidio armeno, i turki ci sanno fare ad eliminare gli indesiderati.

Ma sia ben chiaro. Non ne deve poter scappare nemmeno uno, per sbaglio.


«COSTO DEL LAVORO

Il Costo del lavoro ammonta a 905,0 milioni di Euro, in leggera diminuzione rispetto al 2013 (-0,1%), secondo la ripartizione evidenziata nella tabella sottostante. I risparmi derivanti dalle uscite incentivate nel 2013 hanno consentito di compensare la fisiologica crescita del costo del lavoro per effetto degli automatismi contrattuali, degli impatti dei rinnovi contrattuali, inclusi i trascinamenti degli accordi siglati nel 2013, e dei maggiori costi derivanti dalla stabilizzazione dei precari.

Tali risparmi hanno inoltre consentito di riaprire, anche se con un impegno economico ridotto, le politiche retributive gestionali dopo anni di sostanziale blocco.

Ad incidere positivamente sulla dinamica del costo del lavoro sono stati anche la minore inflazione che ha impattato positivamente sulla rivalutazione del fondo TFR e la riduzione dello stanziamento per il Fondo contenzioso del lavoro. Il personale in organico al 31 dicembre 2014 è composto da 10.754 unità, con una crescita di 410 unità rispetto al 31 dicembre 2013. La variazione è determinata dall’uscita di 248 unità, di cui 56 incentivate e 82 per conferimento del Ramo commerciale e dall’assunzione di 658 unità, delle quali 368 per stabilizzazione di precari, 44 per reintegro da cause, 120 con contratto di apprendistato, 37 per acquisizione del ramo Internet, 4 per fusione di Rai World e 53 per altri ingressi da società del Gruppo.

Il numero medio dei dipendenti, comprensivo delle unità a tempo determinato, ammonta a 11.635 unità, in diminuzione di 68 unità rispetto agli organici del passato esercizio. Nel dettaglio si registra una crescita di 231 unità del personale a tempo indeterminato e un calo di 299 unità del personale a tempo determinato.»

2016-07-25__Rai__001

2016-07-25__Rai__002

2016-07-25__Rai__003

2016-07-25__Rai__004

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Pagliacci, Parassiti

Migrante siriano massacra con un machete una donna a Reutlingen.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-07-24.

 2016-07-24__Machete

Una versione esaustiva dei fatti è riportata dal Bild:

Macheten-Mann (21) tötet Schwangere

*

«L’assassino è un ventunenne siriano, richiedente asilo»

*

«L’uomo sarebbe già noto alla polizia perchè avrebbe compiuto altri atti di violenza»

*

La Germania sta diventando sempre più terra inospitale, xenofoba, razzista.

Un povero migrante illegale, un siriano, che era già stato più volte molestato dalla polizia tedesca con il pretesto che sarebbe stato violento, mentre il poveraccio stava solo facendo valere i suoi diritti inalienabili e precostituiti di migrante illegale in attesa del vaglio della domanda di asilo, è stato brutalmente assalito dalla polizia che ha osato persino arrestarlo sotto il pretesto di aver ucciso a colpi di machete una femmina tedesca.

Questo pomeriggio se ne andava a spasso per le vie di Reutlingen (Baden-Württemberg) portandosi appresso il suo machete personale, bello affilato, così, tanto da ribadire il concetto che i tedeschi devono filare come schegge quando un immigrato illegale dia loro dei comandi. Sono o non sono gli schiavi dei migranti?

Una donna tedesca non ha riflettuto che agli schiavi non si addice contraddire i padroni. I tedeschi son sempre stati un popolo tracotante.

E poi, una femmina che si ribella ad un maschio immigrato?? Ma ci siamo o non ci siamo??

Giustamente e santamente il siriano la ha fatta a pezzi. La ha uccisa stecchendola con pochi fendenti ben assestati, segno di diuturno esercizio.

→ → E qui si arriva allo scandalo. ← ←

La polizia intervenuta ha ammanettato il siriano arrestandolo.

Ma dove andrà a finire così la Germania?

Si arrestano i galantuomini e si lasciano a piede libero i tedeschi?

Ma quando Allah si compiacerà di sterminare quella genia, che peraltro sta iniziando ad estinguersi?

Ci si aspetta una ferma posizione di condanna di questo iniquo arresto da parte delle Organizzazioni Umanitarie.

 


Ansa. 2016-07-24. Germania: uccide donna con machete vicino un negozio di kebab

Un uomo ha ucciso con un machete una donna a Reutlingen (Baden-Württemberg) ed ha ferito altre persone a Listplatz. La gente è scappata nel panico. L’aggressore è stato arrestato. Non sono ancora chiare le ragioni del suo gesto. L’uomo indossava una t-shirt nera. E’ stato ammanettato dalla polizia, mentre il machete era a terra a poca distanza da lui.  

L’assassino è un ventunenne siriano, richiedente asilo. L’uomo sarebbe già noto alla polizia perchè avrebbe compiuto altri atti di violenza. 

Secondo media tedeschi, la donna lavorava in un negozio di kebab, ma l’aggressione è avvenuta nelle vicinanze, a Listplatz. Altre due persone rimaste ferite a colpi di machete sarebbero un uomo e una donna.

Secondo i media tedeschi, non ci sarebbero altri assalitori e il motivo dell’omicidio al momento non è chiaro. La Sueddeutsche Zeitung online dice che alcuni testimoni hanno riferito alla polizia di una lite fra l’assalitore e la donna: i toni si sarebbero accesi fino a quando l’uomo avrebbe aggredito e ucciso la donna, ferendo poi altre due persone. Non si capisce però come potesse avere quel machete.

 

Pubblicato in: Pagliacci, Parassiti

Colpo di Stato in Germania. Decretato lo stato di assedio.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-07-24. Ore 12:31.

 

Angela Merkel has a beer
German chancellor Angela Merkel enjoyes some beer at the Oktoberfest party of the Bavarian representation in Berlin.

Con un discorso breve e concitato, diramato a reti riuniti questa notte alle 12:30, la Bundeskanzlerin Frau Merkel ha decretato lo stato di assedio in Germania, sospendendo Costituzione e diritti civili sine die.

Frontiere bloccate ed esercito nelle piazze delle principali città.

Arrestati tutti gli iscritti ad Alternative für Deutschland e tutti gli islamici presenti sul suolo tedesco, entrati con visto regolare.

È in corso una drastica purga tra burocrati e funzionari delle pubbliche amministrazioni.

Arrestati tutti i docenti universitari e tutti i giudici: istituiti Tribunali di Emergenza.

Si stanno allestendo campi di concentramento.

*

I Fatti.

Dalle perquisizioni eseguite da parte di Polizia e Servizi Segreti in casa del killer di Monaco, Ali Sonboly, non sono emersi documenti che lo colleghi direttamente all’Isis od ad altre organizzazioni terroristiche attive.

Il Problema.

Su Ali Sonboly grava il terribile sospetto che non abbia rinnovato la tessera di iscrizione all’Isis, evadendo quindi la tassa federale sulle iscrizioni ai gruppi terroristici, voce già messa a bilancio federale assieme a tutte le altre voci relative agli introiti da criminalità organizzata, quali nuove componenti del pil nazionale.

Fonti dei Servizi Segreti stanno ventilando persino che detto Ali Sonboly abbia sì versato la regolare quota di iscrizione, ma illegalmente, omettendo quindi di versare all’erario la ritenuta di acconto sulla transazione avvenuta.

Il Nucleo di Polizia Tributaria sta freneticamente lavorando al caso, che peraltro voci insistenti di corridoio insinuerebbero essere abbastanza diffuso.

Durissima dichiarazione di Herr Schäuble.

«Abbiamo individuato la vera causa del dissesto economico e finanziario tedesco e dell’Unione Europea. Una colossale evasione fiscale, reato per cui la Germania dovrebbe reintrodurre la pena capitale».

Lapidario Herr Gabriel:

«Il Governo dovrebbe dimettersi. Staneremo tutti gli evasori fiscali ovunque cerchino di nascondersi. Mobiliteremo le piazze. Arruoleremo ed armeremo tutti gli immigrati, purché dimostrino di essere clandestini»

Juncker:

«L’Unione Europea tutela i diritti precostituiti dei degustatori di vino».

* * * * * * *

* * * * * * *

Cari Amici Lettori,

Questa è una fiction, ovviamente, ma era l’unico modo espressivo per cercare di descrivere la crisi corrente in quel povero paese che è la Germania.

Il paese che ha dato alla umanità san Bonifacio ed Alberto Magno, Bach, Beethoven, Wagner, Schiller, Goethe, Leibniz, Gauss, Han, Planck, Einstein, Heisenberg, solo per fare qualche nome, sta barcollando paurosamente.

Una cosa però è certa.

Se avete letto questo articolo attratti dal titolo è perché lo avete considerato verosimile.

Nota.

Sono debitore dell’idea all’arguzia del sig. Evelino Belloli.

 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Parassiti

L’Italia non può più permettersi il lusso di Roma Capitale.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-07-11.

 BACIAMANO-BOSS624

Da sempre Roma è stata un onere passivo per tutti i Contribuenti italiani, periodicamente chiamati a sanare con urgenza spaventose montagne di debiti contratti dal Comune della Capitale di Italia.

Un calcolo sia pure approssimativo suggerirebbe che dal 1960 ad oggi il Comune di Roma sia costato ai Contribuenti nazionali oltre centocinquanta miliardi di euro, al valore attuale. A questa cifra si dovrebbe però aggiungere i disavanzi coperti dallo stato in modo anomalo delle partecipate.

Ad oggi, il solo Comune di Roma Capitale ha contabilizzato oltre 13.6 miliardi di euro di debiti, anche se una stima più obiettiva si aggirerebbe attorno ai venti miliardi, tenendo conto delle Partecipate e delle fatture non pagate.

Già. È più facile coltivare asparagi sul pack artico che ottenere il pagamento di merce fornita a questo comune.

*

«The city has roughly €13.6 billion ($15.2 billion) in debt and more than 12,000 creditors—though the pile is so complex no one really knows how much is owed to whom.»

Il problema non consiste soltanto nell’ammontare davvero alto di codesta situazione debitoria, quanto piuttosto nel fatto che nulla è stato messo in opera per costringere le giunte capitoline a chiudere una buona volta i bilanci almeno in pareggio, meglio in attivo ammortizzando il debito.

Sembrerebbe, ma in realtà è una certezza, che leggi e codice penale siano inapplicabili a Roma Capitale.

Tutti i pregressi sindaci e giunte hanno sempre avuto la certezza che alla fine il tutto sarebbe stato ripianato dallo stato nazionale, un petit cadeau.

«La sostenibilità dei conti del Campidoglio peraltro è garantita solo dal contributo annuale straordinario di 500 milioni di euro all’anno del Governo alla gestione commissariale, a cui si aggiungono i 110 milioni stanziati per sostenere gli extra»

A questo si aggiunga un livello di corruzione di politici e massimamente degli alti burocrati del comune tale da far rimpiangere i pirati della Malesia.

A febbraio i burocrati comunali, 24 mila dipendenti comunali, insorsero perché reclamavano

«l’integrazione col salario accessorio (un terzo circa della retribuzione media)»

un altro fiume di milioni di euro.

Tanto per rendersi impopolari, sfatiamo un altro mito, ben duro a morire.

Le retribuzioni dei politici eletti in Comune sono bazzecole.

Scandalo che grida vendetta a Dio ed agli uomini sono le retribuzioni dei dipendenti del Comune, un esercito di 24,000 persone, alle quali aggiungere gli avventizi precari.

Il Segretario – Direttore Generale, tale Liborio Iudicello, tanto per non fare nomi e cognomi, ha percepito nel 2014 253,930.75 euro di stipendio, con una Retribuzione di posizione annua lorda di 162,992.07 euro.

EccoVi l’incipit della Tabella stipendiale pubblicate nel 2014, ultima data disponibile di quei “poveri” esseri per mantenere i quali il Contribuente italiano deve sudare sangue.

 2016-07-11__Roma_Capitale__002

Chi ha portato alla rovina il Comune di Roma si porta a casa in termini mediani oltre 100,000 euro all’anno.

Sono inamovibili, e ricevono un regolare premio di produttività.

Una vera e propria associazione per delinquere ai fini estorsivi.

Per mantenere la quale, e bene, si riducono ogni giorno che passa numero e qualità dei servizi che il Comune sarebbe tenuto ad erogare.

Ci si stupisce poi che M5S abbia spopolato?

*

In parole poverissime, il Sindaco Marino ha lasciato un puffo stimabile attorno ai venti miliardi, oltre ad un dissesto etico e morale degno di Sodoma e Gomorra.

*

Conclusione.

Senza una legge che imponga, e faccia rispettare a puntino, la parità di bilancio ogni altro intervento è solo una fatica di Sisifo.

Senza estirpare questa mala genia di burocrati non si andrà mai da nessun’altra parte che non sia il default.

 

 

Corriere. 2016-02-18. Roma, debito ancora da record: 13,6 miliardi di euro di voragine.

La cifra è stata certificata da Silvia Scozzese, commissario del governo per il piano di rientro dell’esposizione maturata prima del 2008. L’Irpef locale resta dunque ai massimi di legge. E in arrivo ci sono nuovi sacrifici.

*

Doccia fredda per chi sperava in un allentamento della tassazione locale all’ombra del Campidoglio. Il debito pregresso della Capitale è infatti fermo a quota 13,6 miliardi nonostante i tagli e i sacrifici imposti ai contribuenti. Si tratta della voragine creata prima del 2008 con mutui e prestiti contratti nel tempo per investimenti sulla città ma in alcuni casi anche per mandare avanti la macchina amministrativa e in parte per finanziare costosissimi espropri, come quello delle aree per realizzare lo Sdo di Pietralata, progetto però mai realizzato. La cifra – come ha anticipato il quotidiano Il Messaggero – è stata certificata da Silvia Scozzese, ex assessore al Bilancio della giunta Marino (andò via sbattendo la porta) e adesso Commissario straordinario di governo per il Piano di rientro che deve monitorare e gestire la situazione ancora di piena emergenza.

I contributi dal governo

I romani dovranno quindi continuare a pagare l’addizionale Irpef record fissata al tetto massimo dello 0,9 per mille (di cui lo 0,5 va al comune mentre lo 0,4 genera la rata annuale da 200 milioni versata per fronteggiare i debiti), in un quadro comunque di scarse disponibilità finanziarie per la macchina pubblica. La sostenibilità dei conti del Campidoglio peraltro è garantita solo dal contributo annuale straordinario di 500 milioni di euro all’anno del Governo alla gestione commissariale, a cui si aggiungono i 110 milioni stanziati per sostenere gli extra-costi legati al ruolo di Capitale. Una situazione drammatica perché – come osservano dal Palazzo Senatorio – «tecnicamente il Comune di Roma sarebbe fallito». Peraltro le erogazioni del Governo sono subordinate a un piano triennale di revisione dei costi approvato nel 2014 per riportare in equilibrio le casse capitoline.

I nuovi tagli

In questo quadro non solo non c’è spazio per l’allentamento della fiscalità locale (che peraltro è gravata anche dalle aliquote maggiorate della Regione Lazio), ma è ridottissimo lo spazio per i nuovi investimenti , anche se una boccata d’ossigeno potrebbe arrivare qualora Roma dovesse ottenere la candidatura ai Giochi olimpici del 2024. Intanto però i sacrifici diventeranno ancora più stringenti: il prefetto Francesco Paolo Tronca è infatti impegnato nella definizione del bilancio 2016 nel quale dovrebbero essere inseriti altri 180 milioni di tagli, partendo però da una situazione già disastrata.

 

Corriere. 2016-02-19. Comune, il governo salva gli stipendi. Fumata bianca sul salario accessorio.

Positivo il parere dell’avvocatura dello Stato. Il commissario Tronca pensa di erogarlo in due tranche.

*

Sarà stato il pressing del commissario Francesco Paolo Tronca sulla ministra della Funzione pubblica, Marianna Madia. Oppure che, sotto campagna, neppure il premier Matteo Renzi (proprio ora che ha lanciato il «suo» candidato, Roberto Giachetti, alle primarie Pd) può permettersi un’ondata di scioperi e di proteste sulla Capitale. Ma sta di fatto che, quando tutto sembrava perduto, in serata trapela da Palazzo Chigi che la soluzione sul salario accessorio dei 24 mila dipendenti comunali pare davvero dietro l’angolo.

Già oggi, forse al massimo domani, dovrebbe infatti arrivare il tanto agognato – da Tronca, dai sindacati, dai lavoratori – parere dell’Avvocatura statale che «autorizza» l’ex prefetto di Milano a rimettere mano sul fondo da 157 milioni per il salario accessorio, ridefinendolo nella sua composizione (tra parte fissa e parte variabile) e, in qualche modo, anche nella struttura: se aumenta la parte fissa, quella finisce direttamente sulla busta paga e l’incidenza del «salario accessorio» (legato a turnazioni, notturni, speciali indennità) si riduce.

Il via libera definitivo, però, non è ancora arrivato. E, anche se ieri si era anche diffusa la voce che uscisse un comunicato stampa direttamente da Palazzo Chigi, la «fumata bianca» è comunque attesa per oggi, quando lo stesso commissario («È l’unico sindacalista presente al tavolo», dice Gabriele Di Bella, dirigente della Fiadel) incontrerà di nuovo Cgil-Cisl-Uil e Ugl per comunicargli l’esito delle ultime ore di incontri e telefonate.

Tra questi, il vertice di ieri mattina di Tronca con Marianna Madia, responsabile della Funzione pubblica, a palazzo Vidoni, sede del ministero. Un incontro – i due non si erano mai visti prima – per spiegare i termini della delibera che Tronca si accingerebbe ad approvare e per andare in pressing. Il commissario, alla ministra, ha chiesto esplicitamente di dargli una mano, per ottenere quel parere dalle strutture statali predisposte: il Consiglio di Stato, l’Aran (cioè l’Anci), i ministeri dell’Economia o della Funzione pubblica.

Madia ha spiegato a Tronca che non era nei suoi poteri sbloccare la faccenda, promettendo però che anche lei si sarebbe attivata. Così, in extremis, alla fine della giornata dal Campidoglio filtrava un certo ottimismo, con o senza comunicazione ufficiale da parte del governo. La soluzione è quella di un pagamento in due tranche: la prima, con lo stipendio «tabellare», è già partita, come spiegato anche da Tronca nella delibera appena varata. Quei bonifici arriveranno il 27 gennaio, come tutti i mesi. Il resto, cioè l’integrazione col salario accessorio (un terzo circa della retribuzione media) dovrebbe essere messo in pagamento subito dopo ed arrivare entro i primi di febbraio.

Se poi così non fosse, oppure questa mattina ci fosse una nuova fumata nera, vorrebbe dire che commissario e sindacati si siederebbero al tavolo per discutere una serie di tagli ai servizi alla cittadinanza: notturni, municipi, scuole, musei. Sarebbe il caos, in pieno Giubileo e col voto alle porte. Per questo i sindacati hanno già organizzato due giorni di assemblea permanente per domani e dopodomani, preludio allo sciopero di fine mese: l’assemblea dei vigili è in programma domani dalle 7 alle 10 e dalle 14 alle 17. Mentre giovedì sarà il turno delle maestre e degli amministrativi, dalle 7 alle 11. E, nonostante il freddo, il «clima» sociale molto caldo fa pensare anche a delle assemblee piuttosto partecipate, con tutti i disagi che questo può comportare per i cittadini. A meno che, oggi, non arrivi l’ok che «salva» tutto.


Bloomberg. 2016-07-09. Populist Politicians Take On Italy’s Massive Debt Pile.

The Rome Olympics of 1960 marked the rebound of the Italian capital after years of war and reconstruction, an affirmation of the country’s renaissance and the city’s emergence as a symbol of dolce vita insouciance. Rome is still paying the bill, and the new mayor, Virginia Raggi, is sick of it.

The city has roughly €13.6 billion ($15.2 billion) in debt and more than 12,000 creditors—though the pile is so complex no one really knows how much is owed to whom. Rome faces outstanding bills for operating its 61-year-old metro system, hauling trash, and running a network of unprofitable pharmacies that compete with private shops. The courts are grappling with hundreds of lawsuits over unpaid debts going back 50 years for land expropriated to build hospitals, streets, and other city projects—including some debts connected to the 1960 games, former Mayor Ignazio Marino has said. The average interest rate: 5 percent, at a time when the Italian government is issuing 10-year bonds at 1.5 percent annually. “We can’t keep paying such high interest just because nobody bothered to renegotiate the debt,” Raggi, who was elected on June 19, told the RAI television network.

Raggi, a 37-year-old lawyer and Rome’s first female mayor, has ridden a wave of frustration with Italy’s old guard—especially its handling of the economy—to one of the country’s most powerful political jobs. Her rise mirrors the growing strength of her party, the Five Star Movement, founded in 2009 by Beppe Grillo, a scruffy, bearded comedian who got his start on variety shows in the 1970s but was later banned from public television for his biting political satire. Five Star (the stars are meant to represent water, environment, transport, development, and energy, though the party mostly focuses on fighting corruption and cutting regulations) has grown into a formidable rival to the Democratic Party of Prime Minister Matteo Renzi. Its biggest names—Grillo, Raggi, and Chiara Appendino, a 32-year-old businesswoman just elected mayor of Turin—have won support from across the political spectrum with their portrayal of the establishment as greedy buffoons unprepared to deal with the country’s problems. Renzi’s “life of privilege with public money,” Grillo writes on his blog, “is an insult to those who can barely make ends meet.”

Five Star’s leaders have used debt as an issue that sets their party apart from Renzi’s. The movement says banks and special interest groups encouraged governments at the national and municipal levels to borrow beyond their means. At one point Raggi even hinted some of the debt shouldn’t be paid—echoing Grillo’s contention that the pile of loans is “immoral”—but she quickly backtracked after rivals accused her of scaring off investors.

Renzi says he doesn’t believe in austerity measures that might stifle growth but that he’s committed to reducing the national debt by trimming bloated budgets. And while he hasn’t said he’ll seek to renegotiate the debt, he’s obtained a partial waiver from European Union restrictions on deficit spending to free up money for security, infrastructure investment, and support for the unemployed. Nonetheless, efforts to tackle the debt have been hobbled by lackluster expansion. The gross domestic product is forecast to grow 1.1 percent this year, vs. 1.6 percent for the euro area, the European Commission forecasts.

Few would argue that Italy doesn’t desperately need a solution to its debt woes. The country owes creditors €2.2 trillion, or more than 130 percent of GDP—a ratio higher than any EU country’s other than Greece. High taxes aimed at paying down the debt stifle growth, which reduces the government’s ability to fund new programs. At the same time, Italy’s banks hold more of their country’s sovereign debt than lenders in any other euro area nation, and they’re burdened with €360 billion in bad loans, more than a quarter of the total held by euro area financial institutions. Government attempts to load these assets into a “bad bank” have foundered because of European rules against state aid to banks. As a result some institutions could face insolvency. The nonperforming loans and the level of public debt held by banks make their “overall position very precarious,” says Marc Ostwald, a strategist at ADM Investor Services International. The nonperforming loans could devastate banks’ balance sheets, and the heavy exposure to government debt could trigger heavy losses.

Before Raggi, a government-appointed commissioner ran Rome for nine months. Marino, from Renzi’s Democratic Party, had been forced out over a scandal that included allegedly billing the city for a dinner with the Vietnamese ambassador that never took place. His downfall and Renzi’s inability to counter Raggi with a convincing candidate portend growing problems for the ruling party. A poll released in July by researcher Demos found that Five Star would win a majority in Parliament if elections were held today. Renzi’s popularity will be tested in October, with a referendum he proposed on reducing the Senate’s powers and streamlining the legislative process. If it fails, he’s said he’ll quit, leading to “months of political instability,” says Giovanni Orsina, a government professor at Rome’s Luiss-Guido Carli University. “That would make Italy a problem for Europe once again.”

Pubblicato in: Pagliacci, Parassiti

Pensioni. I dipendenti pubblici sono il 15.67% e lucrano il 33.69%.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-05-31.

 Ghigliottina

L’Inps ha rilasciato l’aggiornamento statistico sulla situazione pensionistica nazionale.

Documento ampio e complesso, dal quale estrarremo e presenteremo in fotocopia tre sole tabelle, che suggeriremmo di leggere con molta cura: in fondo sono denari del Contribuente. Sono denari Vostri.

  • Per capire donde vengano le cifre riportate e trattate è fondamentale leggere prima il report Istat “Trattamenti pensionistici e beneficiari“: senza averlo letto i conti potrebbero apparire pochi chiari.
  • Si ricordi come siano confluiti nell’Inps anche molti enti di previdenza di dipendenti di pubbiche amministrazioni, che formano contabilità separate, dei quali l’Inps, ossia il Contribuente, si è assunto l’onere delle passività. In particolare, le pubbliche amministrazioni non avevano versato i contributi pensionistici, diventando così i più elevati evasori della storia nazionale.

*

2016-05-31__Pensioni__000

*

2016-03-31__Inps__001

*

2016-05-31__Pensioni__001

 *

Facciamo adesso un semplicissimo conto.

– A tutto il 31/12/2014 erano erogati 23,316,004 trattamenti pensionistici, per un onere di 277.067 miliardi. Di questi, 4,279,258 trattamenti erano assistenziali, per un onere di 22.067 miliardi. Nel complesso, una cfra modica, ricordando che sono assegni assistenziali.

– A tutto il 1° gennaio 2016 erano presenti 18,136,820 pensionati di gestione Inps, per un onere complessivo annuo di 196.818 miliardi di euro.

– Sempre a tale data, erano presenti 2,841,815 pensionati a carico della Gestione Dipendenti Pubblici, per un onere complessivo annuo di 66.309 miliardi di euro.

– Il rapporto percentuale tra il numero dei pensionati di dipendenza dalla Gestione Dipendenti Pubblici ed il numero di quelli di dipendenza Inps ammonta al 15.67% (100 * 2,841,815 /  18,136,820).

– Il rapporto percentuale tra l’onere dei pensionati di dipendenza dalla Gestione Dipendenti Pubblici e l’onere di quelli di dipendenza Inps ammonta al 33.69% (100 * 66.309 / 196.818).

*

Conclusione.

I dipendenti pubblici in pensione rappresentano il 15.67% dei pensionati ma assorbono il 33.69% delle risorse.

Dicono che hanno versato più contributi? Ma la maggior quota dei contributi è a carico del datore di lavoro: piantiamola lì di dire che è lo “stato“. Non solo:

Nella fusione con l’Inpdap è passato all’Inps anche un enorme passivo patrimoniale

Siamo noi Contribuenti i loro datori di lavoro: i soldi dei contributi versati sono i nostri.

Difficile non chiamarli parassiti.

Nota.

Alla fine del settecento in Francia i nobili costituivano una casta intoccabile, costituitasi proprio sui “diritti precostituiti“.

Ghigliottina in funzione e fine di tale parassitismo.

Non verrà mai troppo presto.