Pubblicato in: Cina, Sistemi Economici

Cina ed emersione dalla povertà rurale.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-23.

2018-02-19__Cina__001

I grafici riportati dall’Economist si riferiscono al 2010 – 2011: in termini medi dovrebbero essere triplicati (vide infra).


Definire quale sia il livello di povertà in un paese a dimensione continentale è cosa ardua. In Cina, le zone orientali costiere sono ragionevolmente sviluppate dal punto di vista economico, ed ivi il costo della vita è molto maggiore rispetto alle zone rurali interne.

Non solo. Quando un paese vede crescere la propria economia al ritmo del 6% – 8% l’anno, dovrebbe andare di conserva come il livello reddituale minimo per poter parlare di povertà vari anche esso.

Questa situazione oggettiva spiega il perché al momento sia disponibile una ridda di dati relativi alla soglia di povertà in Cina: spesso sono riportati senza indicare le condizioni al contorno e sono quindi ripresi come se fossero di validità generale, generando così ulteriore confusione in un quadro che proprio non ne avrebbe bisogno.

Un criterio ragionevole è quello di considerare sotto la soglia di povertà coloro che nella provincia in cui vivono non percepiscano quanto serva per gestire una abitazione confacente, procurarsi un vitto decente, potersi permettere i servizi fondamentali alla vita, quali l’accesso alla corrente elettrica, all’acqua, ad un minimo di riscaldamento durante il periodo invernale.

Il National Bureau of Statitics of China pubblica nella sezione ‘People’s Living Conditions‘ dei dati metodologicamente ineccepibili, relativi al quarto trimestre 2017.

«- Per Capita Disposable Income Nationwide, Accumulated(yuan)                     25,973.8

– Median of Per Capita Disposable Income Nationwide, Accumulated(yuan)  22,408.0

– Per Capita Disposable Wages Nationwide, Accumulated(yuan)                        14,620.3

– Per Capita Food&Tobacco Expenditure Nationwide, Accumulated(yuan)       5,373.6

– Per Capita Residence Expenditure Nationwide,  Accumulated(yuan)              4,106.9»

*

Alcune considerazioni emergono spontanee.

– Il reddito medio procapite è solo di poco superiore a quello mediano, segno di una minima sperequazione della ricchezza;

– La spesa media per alimentari e sigarette incide per il 20.69% delle entrate;

– La spesa media per l’abitazione incide per il 15.81% delle entrate.

*

Questi dati indicherebbero come sia stato raggiunto un soddisfacente livello di prosperità: punto di partenza, non certo di arrivo. Come detto, in una società in rapido sviluppo economico, la soglia di povertà si innalza di conserva con l’aumento delle entrate procapite mediane: è tempo-variante.

Per la dottrina economica cinese, il problema non consiste nel ridurre la fascia dei ricchi, quanto piuttosto nell’innalzare il reddito dei poveri, dando loro un dignitoso lavoro.

Lo stato non ha nulla da equiripartire, da ridistribuire. Compito dello stato è mettere in essere le infrastrutture necessarie a far generare posti di lavoro nel comparto produttivo. Poi, quando la gente ha lavoro e guadagna, provvederà essa stessa al proprio welfare.

«China has long spoken of a ‘war on poverty,’ but recent signs suggest it might be even more of a focus in 2018»

*

«For the sixth year in a row, Xi’s Lunar New Year inspection tour has taken him to the front lines of China’s war against poverty»

*

«This year, the “front lines” were in Sichuan province, a mountainous inland province bordering the provinces of Tibet to the west and Yunnan to the south»

*

«Xi visited members of the Yi ethnic group, where he vowed to exorcise “the evils of ignorance, backwardness and poverty.”»

* * * * * * * *

Nel suo pragmatismo, la dottrina economica cinese punta tutti i suoi sforzi a traslare la curva di Pareto verso destra, senza curarsi del dove arrivi la lunga coda. L’obbiettivo è che tutti stiano bene: se alcuni stanno meglio, ben per loro.

«Xi’s pledge to eliminate poverty by 2020 is also not new; that’s been part of China’s definition of the goal of attaining a “moderately prosperous society” since the Hu Jintao era»

Poi, una volta raggiunto codesto obiettivo, si vedrà il da farsi.


The Diplomat. 2018-02-16. Is This the Year China Gets Serious About Ending Rural Poverty?

China has long spoken of a ‘war on poverty,’ but recent signs suggest it might be even more of a focus in 2018.

*

As has become his tradition, Chinese President Xi Jinping used this week’s New Year inspection tour (meaning the Lunar New Year, rather than January 1) to demonstrate the government’s focus on combatting poverty. “For the sixth year in a row, Xi’s Lunar New Year inspection tour has taken him to the front lines of China’s war against poverty,” Xinhua, China’s state news agency declared.

This year, the “front lines” were in Sichuan province, a mountainous inland province bordering the provinces of Tibet to the west and Yunnan to the south. Xi visited members of the Yi ethnic group, where he vowed to exorcise “the evils of ignorance, backwardness and poverty.”

“To lead the people to a better life is our goal. Not a single ethnic group, family or person should be left behind,” Xi told villagers during his New Year inspection tour.

This year’s inspection tour was fairly routine. Chinese media coverage even borrowed liberally from descriptions of Xi’s trips to other impoverished villages in previous years. After all, China has been waging its “war on poverty” since at least Xi Jinping came to power – if not for decades. Xi’s pledge to eliminate poverty by 2020 is also not new; that’s been part of China’s definition of the goal of attaining a “moderately prosperous society” since the Hu Jintao era.

Yet there are other signs that this year’s emphasis on poverty reduction, while not unique, may bring more tangible results than in years past.

Xi’s visit to Sichuan, and the resulting emphasis on “people-centered development” and poverty reduction, is in line with a major rhetorical shift in Xi’s remarks at the 19th National Congress of the Chinese Communist Party in October 2017. In his work report, Xi said that the “principal contradiction facing Chinese society” had evolved, from a contradiction between “the ever-growing material and cultural needs of the people and backward social production” to today’s “contradiction between unbalanced and inadequate development and the people’s ever-growing needs for a better life.”

In plain English, that means the Party’s goal in guiding development is no longer to boost “production” but to address economic and social imbalances in order to provide “a better life” for China’s people. And that “better life,” according to Xi, is defined broadly, not only in terms of access to material goods but intangibles like “democracy, rule of law, fairness and justice, security, and a better environment.”

Though this change made fewer headlines than “Xi Jinping Thought,” also introduced in the work report, Xi was not exaggerating (at least not much) when he said the new “contradiction” was a “historic shift that affects the whole landscape and that creates many new demands for the work of the Party and the country.” In essence, Xi acknowledged that China’s previous growth-at-all-costs model was no longer meeting the expectations of the Chinese people; the time has come for a shift to growth that actively considers the all-around well-being of the population (For more on the importance of this change, see Evan Feigenbaum’s  article for the Carnegie Endowment for International Peace).

This is the necessary context behind Xi’s visit to rural Sichuan, and the recent government statement outlining a “rural rejuvenation” policy. China’s developmental imbalances are best embodied in the tension between the prosperous cities of the east coast and its impoverished rural inland regions. In 2011, the Economist created a map comparing different provinces of China to countries around the world in terms of GDP. The eastern coastal provinces have GDPs comparable to western European economies like Switzerland and Austria; further inland, provinces merit less enviable comparisons to Libya and Bolivia. While the numbers are outdated, the general trend remains true.

The government has long recognized the issue this imbalanced development creates. The high incidence of rural poverty makes it the most urgent area of focus in China’s “war on poverty”; according to the Chinese government’s definition of poverty, as of 2015 there were 55 million rural poor out of a total of 70 million Chinese living in poverty. As part of its coverage of Xi’s New Year tour, Xinhua said that China had reduced the number of rural poor by 10 million in 2017, without providing exact figures (Xinhua claimed the same 10 million figure for poverty reduction in 2016).

Ending rural poverty, however, is far easier said than done. Xi’s predecessor, Hu Jintao, also made addressing China’s developmental imbalances a major theme of his time in office; that was a key part of Hu’s signature “scientific development” catchphrase. Yet, according to Kerry Brown, “the best that can be said” for Hu’s efforts is that he was able to “stabilize” inequality during his final three years in power.

Whether Xi will have better luck might be the biggest question facing China today.

Annunci
Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Unione Europea

Cina e Germania. Dietro i sorrisi pistole fumanti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-12.

 Gabellieri__002__

China denies using social media to infiltrate German politics and business circles

Germany wants EU to tighten foreign takeover rules

China emerging as Germany’s main economic rival  

China’s unsatisfied hunger for German companies

Chinese acquisitions in Germany’s mechanical engineeing industry

Berlin approves Kuka sale to Midea

Germany tightens takeover rules to shield ‘critical’ businesses

*

«As the German government is trying to prevent German companies in strategic industries from being acquired by foreign investors, especially from China, we take a look at some prominent takeovers from recent years.»

*

«Germany continues to be a favorite destination for Chinese investors. According to Berlin-based Mercator Institute for China Studies, foreign direct investment (FDI) in Germany started soaring in 2015 and hit a record of 11 billion euros ($12.6 billion) of completed deals last year. This makes Germany the largest recipient of Chinese FDI in Europe.»

*

«In the light of the German government tightening takeover rules to shield ‘critical’ businesses from foreign investors, especially technology and advanced manufacturing assets, here are some examples of Beijing buying up Germany’s famed “hidden champions” of mid-sized companies.»

*

«Chinese appliance manufacturer Midea’s purchase of German robot manufacturer Kuka for 4.4 billion euros was by far the largest transaction last year. As German daily Süddeutsche Zeitung reported, the German government’s plan to veto the sale of critical technology is a direct response to the Kuka takeover.»

*

«In October of last year, China’ sovereign wealth fund CIC invested one billion euros in German property group BGP. The transaction was the first major Chinese investment in German homes. According to Reuters, CIC and its co-investors beat out German property groups Vonovia and Deutsche Wohnen in the auction for BGP»

*

«However, Audretsch also said that Economics Minister Sigmar Gabriel would seek to initiate a public debate about how “Europe’s open societies” would deal with unfair competition in future.»

*

«Chinese appliance giant Midea has secured a stake of more than 90 percent in the German industrial robotics supplier Kuka, with a multi-billion-euro offer that stoked controversy in Europe.»

*

Ma il problema non è solo economico: è anche politico.

«The report deals primarily with political issues but it also urges EU action on some economic fronts, notably on how the bloc deals with Chinese investment.»

*

«It says that the EU “needs to continue providing alternatives to the promises of Chinese investments in European countries” and needs to avoid scenarios where falls in its own structural funding opens the door for Chinese investment.»

*

«The report also says that the EU should employ a “screening” mechanism which prevents any Chinese investment that is deemed to “run against European interests”.»

*

«”While the EU should welcome foreign investment in general, it must be able to stop any state-driven takeover of companies in systemically important sectors,”»

* * *

Toh!! L’Unione Europea inizia ad adottare il protezionismo.

Ma chi lo avrebbe mai detto?


Deutsche Welle. 2018-02-05. Exit the Dragon? Chinese investment in Germany

In 2016, Chinese investors took over more companies in Europe than in the previous four years combined, most of them in Germany. The trend did not continue in 2017 but that was not due to any tightening of Chinese belts.

*

Sun Yi, who leads the China business services bureau at the German offices of consulting firm EY (formerly known as Ernst & Young), doesn’t reveal exactly how many German companies were taken over by the Chinese in 2017. One thing is clear though — it is less than there were in 2016.

That year, Germany was the most popular investment destination for Chinese companies in Europe, hosting 68 acquisitions. As Sun Yi explains, that number fell last year, as did the overall volume of transactions.

By her account, there is one clear reason for all of this. “In November 2016, the Chinese government agreed to strictly control the flow of capital abroad,” she tells DW. Since then, German sellers have demanded higher sums as collateral than previously. “Money now has to be deposited into an account in Germany, or else a bank has to give a guarantee,” she says. “Some planned deals have failed since.”

German angst over China

The recent obstacles are not only regulatory. A tangible discomfort around the issue of Chinese investment has also crept in on the German side.

“We are seeing the growing influence of the Chinese Communist Party on individual companies, exactly the opposite of what we heard in Davos last year. That’s what annoys us,” Dieter Kempf of the Federation of German Industry (BDI) told DW, referring to Chinese President Xi Jinping’s championing of free trade at the 2017 World Economic Forum annual meeting.

The Communist Party has made no secret of its desire to dominate certain industries, such as technology, and unseat current incumbents. With the state’s ‘Made in China 2025’ strategy, it has defined its target industries.

Aerospace is one. That might explain why the German Ministry of Economics wants to probe the planned takeover of German aerospace supplier Cotesa by a Chines state-owned company.

“Since the introduction of investment auditing in Germany in 2004, no acquisition has been prohibited,” the Ministry says. But last year the rules were tightened. “Since July 2017, around 30 acquisitions have been audited — equivalent to around half the revenue for the whole year,” the Ministry confirmed to DW.

China enters the Citadel

Concerns over China’s growing influence in Europe, not just economically but also politically, are dealt with in a new policy document from MERICS, the Berlin-based Mercator Institute for China Studies, titled: “Authoritarian Advance: Responding to China’s Growing Political Influence in Europe”.

The report deals primarily with political issues but it also urges EU action on some economic fronts, notably on how the bloc deals with Chinese investment.

It says that the EU “needs to continue providing alternatives to the promises of Chinese investments in European countries” and needs to avoid scenarios where falls in its own structural funding opens the door for Chinese investment.

The report also says that the EU should employ a “screening” mechanism which prevents any Chinese investment that is deemed to “run against European interests”.

“While the EU should welcome foreign investment in general, it must be able to stop any state-driven takeover of companies in systemically important sectors,” it says.

How the Kuka crumbles…

Germany — unsurprisingly, given the volume of Chinese investment that has already flowed into the country — is already on the alert. A major impetus for the German tightening of regulations was the takeover by Chinese conglomerate Midea of German robotics manufacturer KUKA in 2016. It was a wake-up call.

“KUKA is a key player in industry 4.0,” says Oliver Emons of the Hans Böckler Foundation, a research body of the German Trade Union Confederation.

To see such a respected, high-tech company fall into Chinese hands hurts. On the other hand, it was just the rule of the market in action — KUKA needed money, Midea needed the tech and in a form of economic OK-Cupid, they found each other.

As well as this kind of natural coupling, Chinese companies have in recent years cultivated an image of being seen to genuinely care about the long-term well-being of the German companies they invest in.

A study by the Hans Böckler Foundation found Chinese investment, on the whole, to be a positive thing. “If you look at the investments, we see that a large proportion of companies remain committed to their investments and to the staff,” Emons, author of the study, told DW.

China’s investment image takes a hit

There is another side to this though. When that study was being written, the first cases of job cuts were not yet known. For example, the former Osram subsidiary Ledvance, now in Chinese hands, cut 1,300 jobs recently.

KUKA also reportedly wants to cut around 250 jobs at its Augsburg headquarters, around a third of the workforce. Midea has given a jobs guarantee and KUKA boss Til Reuter says any job losses are unrelated to the Chinese presence.

Emons has his doubts. “Would he have done that were the Chinese not there?” he wonders. He believes that these kinds of cases will harm the image of Chinese investors and will fuel the already latent fear that exists over selling German technology to the Chinese.

For Sun Yi over at EY, such fears are unfounded. “First of all, the Chinese are not the biggest investors in Germany. The USA, Britain and the Swiss are all ahead of them,” she explains.

“Secondly, with a few exceptions, the companies in Germany and Europe that Chinese firms have invested in generally have had nowhere left to grow within their own markets.”

Pubblicato in: Cina, Sistemi Economici

Cina. Record mondiale con 135 mln di turisti che hanno speso 261.1 mld Usd.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-05.

Pechino-Cina

«In 2014, China issued 16 million passports, ranking first in the world, surpassing the United States (14 million) and India (10 million)» [Fonte]

*

«As of April 2017, China had issued over 100 million biometric ordinary passports» [Fonte]

*


How Chinese tourists are changing the world

«135 million travellers a year, spending US$261 billion – numbers that will soon be smashed: Chinese tourists are having a huge impact on destinations everywhere, which welcome the money they pay but not always their ways»

* * * * * * * * * * *

Ricapitoliamo.

135 milioni di cinesi si sono mossi all’estero per turismo, spendendo 261 miliardi di dollari americani. La spesa media è di 1,933 dollari a testa. Una famiglia di padre, madre e due figli ha speso 7,733 Usd.

Questo significa che le famiglie cinesi guadagnano a sufficienza da avere un surplus di quasi 8,000 Usd l’anno, e potersi permettere di spenderlo in un viaggio turistico all’estero.

Un po’ più del dieci per cento della popolazione totale può permettersi una tale spesa nonché di assentarsi dal lavoro per una – due settimane.

Il turismo cinese copre il 21% dell’intero mercato turistico mondiale.

Un grande risultato, tenendo conto che nel 1990, ventotto anni fa, il pil procapite cinese era 349 Usd.

* * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * *

«Outbound Chinese tourism has enjoyed explosive growth over the past decade and there’s plenty more where that came from: only 5 percent of the Middle Kingdom’s citizens hold a passport, compared with 40 percent in the U.S.»

*

«While much public discourse in the U.S. focuses on things like steel prices and cheap manufactured goods, the really dominant theme in Chinese economics is the power of consumer spending and services»

*

«According to the United Nations World Tourism Organization, Chinese outbound tourism expenditure grew to $261 billion in 2016 (21 percent of the world market), an increase of 12 percent from 2015 and 11 times of the amount spent a decade earlier.»

*

«The number of outbound travelers climbed 6 percent to 135 million in 2016. Numbers like these reinforced China’s No. 1 outbound tourism status in the world since 2012.  »

*

«The footprints of Chinese tourists are now found across Southeast Asia, Africa, North and South America and even the Polar regions»

*

«President Xi Jinping increasingly encourages outbound tourism to project soft power on the global stage»

*

«Chinese outbound tourism is a precursor to Chinese overseas investment and consumption.»

*

«It will help create a significant number of jobs in destination countries.. Their trips abroad have created up to 100 million jobs worldwide. »

*

«According to the CEO of Ctrip, about 15 million Chinese outbound tourists chose the company annually»

*

«That will make the greatest splash in small countries like Cambodia»

*

«Despite investors’ skepticism about official Chinese economic data, the rising wealth of the population is reflected through the boom in outbound tourism»

* * * * * * * * * * *

Una considerazione sorgerebbe spontanea.

In un recente articolo il The New York Times diceva:

Going Long Liberty in China

«China has thrived since Deng Xiaoping by offering its people economic freedom without political freedom»

*

«Can China continue to prosper, while censoring the Internet, controlling its news media and insisting on a monopoly of political power by the Chinese Communist Party?»

*

I liberal ed i socialisti sono ideologicamente impossibilitati a comprendere ciò che accade in Cina.

Non fanno altro che ripetere che i cinesi sarebbero deprivati della loro libertà.

Ci si pone quindi alcune domande.

– Ma se in Cina vigesse un regime autoritario, illiberale, questo permetterebbe che ben 135 milioni dei suoi cittadini se ne vadano all’estero ogni anno?

– Ma se in Cina vigesse un regime autoritario, illiberale, perché mai i cinesi andati all’estero per turismo ritornerebbero in patria?

*

Durante il periodo dell’Unione Sovietica i passaporti erano dati dietro ricetta medica non ripetibile. Si concedevano i visti di uscita ad un numero irrisorio di persone. E ciò nonostante buona parte di chi fosse riuscito ad espatriare richiedeva asilo politico.

Ringraziamo il The New York Times per pubblicare, diciamo pure in continuazione, articoli così vistosamente avulsi dalla realtà: sono l’arma migliore per distruggere alla radice ciò che asseriscono. Non li biasimiamo di aver detto menzogne, ma di averle dette incredibili. Alla lunga questo modo di fare risulta esere controproducente.

Davvero l’ideologia liberal e socialista è una patologia mentale che rende avulsi dalla realtà oggettiva: sono incurabili, irridimibili.


Bloomberg. 2018-01-29. To Understand China’s Growth, Look at Its Tourists

The country’s consumers are flexing muscles abroad. Leisure travel will be followed by investment and plenty of jobs in nations they visit.

*

If you want to gauge how Chinese consumers are reshaping the world, look at how many of them are leaving China.

For vacation, that is. Outbound Chinese tourism has enjoyed explosive growth over the past decade and there’s plenty more where that came from: only 5 percent of the Middle Kingdom’s citizens hold a passport, compared with 40 percent in the U.S. That’s a lot of ground to make up and suggests this boom has some staying power.  

Investors would do well to focus on the beneficiaries, and not just the Chinese companies among them. I’m talking about Marriott International Inc., Ctrip.com International Ltd. and the PowerShares Dynamic Leisure and Entertainment exchange-traded fund.  

While much public discourse in the U.S. focuses on things like steel prices and cheap manufactured goods, the really dominant theme in Chinese economics is the power of consumer spending and services. This was initially a domestic phenomenon. It’s now increasingly taking place beyond China’s shores.  

If you worry that Chinese economic data are fake, here are some numbers that may comfort, or startle, you. According to the United Nations World Tourism Organization, Chinese outbound tourism expenditure grew to $261 billion in 2016 (21 percent of the world market), an increase of 12 percent from 2015 and 11 times of the amount spent a decade earlier. The number of outbound travelers climbed 6 percent to 135 million in 2016. Numbers like these reinforced China’s No. 1 outbound tourism status in the world since 2012.  

How did all this happen? Like many changes, it can be traced to Deng Xiaoping’s opening of the economy in the 1980s. But it didn’t really take off in force until 1995 when China launched the Approved Destination Status (ADS) program, which allowed for organized tours to a small but growing number of approved countries. The industry has had three distinct phases.

First, from the mid-1980s to early 1990s, trickles of outbound tourism to a few Asian neighbors were allowed for family visits only. Also permitted were government-paid or employer-paid business trips and cultural exchanges involving visiting scholars and seminar attendees.

Next, from the mid-1990s to 2010, under the ADS policy, some licensed travel agencies organized self-paid packaged group tours usually involving multiple destinations. Those trips often featured superficial sightseeing in iconic cities, photo snapping, and gift shopping for family and friends. Tourists still didn’t have much interaction with the local scene due to low income levels, rigid tour arrangements, rushed itineraries, language barriers and lack of overseas travel experience.

Lastly, from 2010 to the present, rising income, increasing travel experience, easier visa regulations and marketing efforts by destination countries made things a lot easier. Add to that, self-driving independent tours and off-the-beaten-track destinations with in-depth experience and lifestyle experiments.

The footprints of Chinese tourists are now found across Southeast Asia, Africa, North and South America and even the Polar regions. Millennials dominate the self-driving tourist group, whose interest shifted from merely sightseeing and shopping to learning about history and experiencing culture.

President Xi Jinping increasingly encourages outbound tourism to project soft power on the global stage. Chinese officials are also known to adjust the flow of tourists to destinations based on the temperature of political relations. All the while, rising Chinese incomes at home mean more is spent each trip. 

The explosive growth of the internet, social media, mobile applications and mobile payment provides more convenience for tourists. This isn’t unique to China, but it underscores how uniquely the Chinese tourism industry is positioned.  

What are the investment implications? This boom has just started and the best is yet to come. Investors should target destinations, industries and companies that can attract Chinese tourists. Multinational hotel chains like Marriott, travel service companies like Ctrip, airlines, and foreign luxury brand retails should all benefit from this trend. As shown below, the exchange-traded fund for PowerShares has been riding Chinese outbound tourism since 2010, substantially outperforming Standard & Poor’s 500 index.

Chinese outbound tourism is a precursor to Chinese overseas investment and consumption. It will help create a significant number of jobs in destination countries. According to the CEO of Ctrip, about 15 million Chinese outbound tourists chose the company annually. Their trips abroad have created up to 100 million jobs worldwide. That will make the greatest splash in small countries like Cambodia.

Despite investors’ skepticism about official Chinese economic data, the rising wealth of the population is reflected through the boom in outbound tourism. Can something go wrong? Sure. But the spending refutes, at least in part, the argument that China’s growth is a debt-fueled house of cards.

Keep your eye on that passport number and watch it grow. 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Stati Uniti, Trump

USA. Effetto Trump sull’economia. Un anno di soddisfazioni.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-04.

2018-02-05__TrumP__Economy__001

Per un uomo politico la più efficiente propaganda elettorale è il lasciar guadagnare la gente, che vuole solo lavorare onestamente senza interferenze statali. Senza dover essere iugulato da tasse massacranti che poi si perdono in rivoli inconsistenti.

Significativi i risultati del questionario Gravis Marketing in Pannsylvania, ove si voterà il 14 marzo. Lì si conteranno i riusultati delle urne.

Per l’uomo della strada, il bilancio del primo anno di Presidenza Trump è più che soddisfacente, anche tenendo conto che gli effetti del calo delle tasse si attueranno nel tempo.

Trump il Grande. La riducendo le tasse aumentano stipendi, pensioni ed investimenti. 2,800 miliardi.

Le società infatti utilizzeranno il surplus ottenuto dalla riduzione della pressione fiscale per remunerare meglio azionisti e dipendenti, incrementando gli investimenti produttivi.

*

«U.S. job growth surged in January and wages increased further, recording their largest annual gain in more than 8-1/2 years»

*

«Nonfarm payrolls jumped by 200,000 jobs last month after rising 160,000 in December»

*

«The unemployment rate was unchanged at a 17-year low of 4.1 percent. Average hourly earnings rose 0.3 percent in January to $26.74, building on December’s solid 0.4 percent gain»

*

«That boosted the year-on-year increase in average hourly earnings to 2.9 percent, the largest rise since June 2009, from 2.7 percent in December»

*

«The acceleration in average hourly earnings growth punches a hole in the narrative that wage growth remains lackluster»

*

«The unemployment rate dropped seven-tenths of a percentage point in 2017 and economists expect it to hit 3.5 percent by the end of the year»

*

«President Donald Trump and his fellow Republicans have cast the fiscal stimulus, which includes a reduction in the corporate income tax rate to 21 percent from 35 percent, as creating jobs and boosting economic growth»

*

«Wages probably also got a lift from the tax cut. Companies like Starbucks Corp and FedEx Corp have said they will use some of the savings from lower taxes to boost wages for workers»

*

«Further gains are expected in February when Walmart raises entry-level wages for hourly employees at its U.S. stores»

*

«Annual wage growth is now close to the 3 percent»

*

«The unemployment rate for African Americans shot up to 7.7 percent from 6.8 percent and is more than double that of whites»

*

«A weak dollar is also providing a boost to manufacturing by making U.S.-made goods more competitive on the international market»

* * * * * * * *

Una precisazione sulla disoccupazione degli afroamericani. Reuters sbaglia.

Black unemployment is at a record low. But there’s a lot more to the story. [Cnn]

«The unemployment rate for African American workers has never been lower — another sign of the strength of the economy.

Still, at 6.8%, black unemployment remains well above the rate for white people, at 3.7%. That disparity is deeply rooted and a continuing cause of concern for economists and advocates.

Take Columbia, Missouri. It has long had one of the lowest overall unemployment rates in the country. It’s now down to 2.5%, but black unemployment is far higher. In 2016, the last year for which such Census Bureau data is available, African American unemployment locally stood at 8%.»

*

Bureau of Labor Statistics. Labor Force Statistics from the Current Population Survey. Black or African American.

Il tasso di disoccupazione era 7.9% a fine 2016, mentre è del 7.7% al gennaio 2018, dopo aver registrato un 6.8% a fine dicembre 2017.

È in discesa se considerato contro il suo valore un anno fa, in salita se considerato sul mese precedente.

*

«The unemployment rate for African Americans shot up to 7.7 percent from 6.8»

Reuters riporta in modo tendenzioso l’informazione. Essendo tutti i dati riportati anno su anno, non segnala come quello sui disoccupati negri sia confrontato mese su mese: una scorrettezza non da poco.

È diventato il motto di Reuters: una menzogna al giorno toglie Mr Trump di intorno….


Reuters. 2018-02-02. U.S. hiring accelerates; annual wage growth strongest since 2009

WASHINGTON (Reuters) – U.S. job growth surged in January and wages increased further, recording their largest annual gain in more than 8-1/2 years, bolstering expectations that inflation will push higher this year as the labor market hits full employment.

Nonfarm payrolls jumped by 200,000 jobs last month after rising 160,000 in December, the Labor Department said on Friday.

The unemployment rate was unchanged at a 17-year low of 4.1 percent. Average hourly earnings rose 0.3 percent in January to $26.74, building on December’s solid 0.4 percent gain.

That boosted the year-on-year increase in average hourly earnings to 2.9 percent, the largest rise since June 2009, from 2.7 percent in December. Workers, however, put in fewer hours last month likely because of bitterly cold weather.

The average workweek fell to 34.3 hours, the shortest in four months, from 34.5 hours in December.

The robust employment report underscored the strong momentum in the economy, raising the possibility that the Federal Reserve could be a bit more aggressive in raising interest rates this year. The U.S. central bank has forecast three rate increases this year after raising borrowing costs three times in 2017.

“The acceleration in average hourly earnings growth punches a hole in the narrative that wage growth remains lackluster,” said Scott Anderson, chief economist at Bank of the West in San Francisco. “The Goldilocks view of inflation is being sorely challenged right now.”

Fed officials on Wednesday expressed optimism that inflation will rise toward the central bank’s target this year. Policymakers, who voted to keep interest rates unchanged, described the labor market as having “continued to strengthen,” and economic activity as “rising at a solid rate.”

U.S. financial markets have priced in a rate hike in March. Prices for U.S. Treasuries fell, with the yield on the benchmark 10-year note hitting a four-year high as investors worried about high inflation. The dollar rose against a basket of currencies on the data while U.S. stocks were trading lower.

The unemployment rate dropped seven-tenths of a percentage point in 2017 and economists expect it to hit 3.5 percent by the end of the year. Economists say job gains are being driven by buoyant domestic and global demand.

Some worry that the Trump administration’s $1.5 billion tax cut package passed by the Republican-controlled U.S. Congress in December, in the biggest overhaul of the tax code in 30 years, could cause the economy, already operating near full capacity, to overheat.

President Donald Trump and his fellow Republicans have cast the fiscal stimulus, which includes a reduction in the corporate income tax rate to 21 percent from 35 percent, as creating jobs and boosting economic growth.

“If the labor market is this strong and the tax cuts have yet to kick in, what will it look like when households and businesses actually start spending the money?” said Joel Naroff, chief economist at Naroff Economic Advisors in Holland Pennsylvania. “No good economy goes unpunished and the punishment may already be starting to be meted out.”

(Graphic: Wage growth in the U.S. accelerates – http://reut.rs/2EAEGey)

JOB GROWTH SEEN SLOWING

Economists polled by Reuters had forecast nonfarm payrolls rising by 180,000 jobs last month and the unemployment rate unchanged at 4.1 percent. January’s jobs gains were above the monthly average of 192,000 over the past three months.

The economy needs to create 75,000 to 100,000 jobs per month to keep up with growth in the working-age population.

January marked the first full year of employment data under the Trump administration. Job growth averaged 176,000 per month under the current government, compared to 208,300 during last year of the Obama administration.

Job growth is expected to slow this year as the labor market hits full employment. Companies are already reporting difficulties finding qualified workers, which economists say will force some to significantly raise wages as they compete for scarce labor.

Wage growth last month came as increases in the minimum wage came into effect in 18 states in January. Wages probably also got a lift from the tax cut. Companies like Starbucks Corp (NASDAQ:SBUX) and FedEx Corp (NYSE:FDX) have said they will use some of the savings from lower taxes to boost wages for workers.

Further gains are expected in February when Walmart (NYSE:WMT) raises entry-level wages for hourly employees at its U.S. stores. Annual wage growth is now close to the 3 percent that economists say is needed to push inflation towards the Fed’s 2 percent target.

But the road to faster wage growth remains long. The year-on-year rise in average hourly earnings for production and non-supervisory workers was stuck at 2.4 percent in January.

A broader measure of unemployment, which includes people who want to work but have given up searching and those working part time because they cannot find full-time employment, rose one-tenth of a percentage point to 8.2 percent in January.

The unemployment rate for African Americans shot up to 7.7 percent from 6.8 percent and is more than double that of whites.

Manufacturing payrolls increased by 15,000 last month after rising 21,000 in December. The sector is being supported by strong domestic and international demand. A weak dollar is also providing a boost to manufacturing by making U.S.-made goods more competitive on the international market.

Hiring at construction sites picked up last month despite unseasonably cold weather. Construction payrolls increased by 36,000 jobs, adding to December’s 33,000 gain.

Retail employment rebounded and the government added jobs following two straight months of declines.

There were also increases in payrolls for professional and business services, leisure and hospitality as well as healthcare and social assistance.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Unione Europea

Italia. Partiti promettono ciò che non hanno. Il macigno del debito.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-31.

Carampane 001

Quando in famiglia muore il nonno decrepito tutti si disperano. Del nonno se ne facevano un baffo a torciglione: uno di qua e l’altro di là. Importava loro invece la sua pensione. Morto il nonno, basta pensione, e si deve iniziare a pensare di andare a lavorare per vivere.

Ma la terra è bassa: lavorare costa fatica. Un partito, un candidato, mica che possa promettere lavoro: sarebbe immediatamente linciato.

Qui in Italia ci si dimentica, non si vuole dire, che nonna Banca Centrale ci ha comprato per anni titoli di stato ed altre frattaglie. Mica briciolotti: decine di miliardi. Ed ora la pacchia sta per finire. I QE sono destinati a cassare, ed ora proseguono a ritmo ridotto. E mancheranno all’appello all’incirca sessanta miliardi di euro subito, ma la cifra a fine QE dovrebbe salire a 146 miliardi.

Nessun partito politico in corsa per le elezioni ha detto donde vorrebbe cavare una cifra del genere, quando cesseranno i QE.

Al sodo: il nuovo governo, sempre che alla fine lo si possa fare, cosa mica poi così scontata, dovrà attirare un qualcosa come trecento miliardi all’anno ora in tasca ai privati, che vogliono essere remunerati del rischio che corrono e che alla fine ne vorranno la restituzione.

Il kompagno Keynes ha spiegato alla perfezione come fare i debiti, ma si è scordato di spiegare come fare a rimborsarli.

Se non stupisce il fatto che i partiti ed i candidati non lo sappiano, quelli si intendono più di grammatica ittita che di economia, lascia esterrefatti il cumulo di promesse buttate sul tavolino, con soave levità.

Facendo una somma anche molto grossolana, tutti assieme hanno promesso azioni per oltre settecento miliardi.

«lunga promessa con l’attender corto / ti farà trïunfar ne l’alto seggio»

diceva padre Dante.

*

«Il debito pubblico italiano (oltre 2.200 miliardi su cui maturano interessi annui per circa 60 miliardi) nel 2018 continuerà a ricevere (come per tutti i Paesi dell’Eurozona, eccezion fatta per la Grecia) un aiutino da parte della Banca centrale europea. Ma sarà meno ricco rispetto al passato di circa 5 miliardi al mese. »

*

«Il Pspp (Public sector purchase program, il piano di acquisti di bond sovrani, l’elemento più corposo del pacchetto complessivo del quantitative easing attraverso il quale la Bce compra anche obbligazioni private, covered bond e titoli Abs) continuerà infatti almeno fino al prossimo settembre»

*

«C’è però una differenza sostanziale rispetto al 2017. I miliardi iniettati saranno molti di meno: anziché 60, scenderanno a 30 al mese»

*

«Sommando quindi ai 30 miliardi mensili destinati a nuovi titoli circa 15 miliardi che verranno utilizzati per ricoprire le scadenze (ottenuti sulla base di un monte scadenze pari a 146 miliardi a cui aggiungere il reinvestimento delle cedole maturate) vuol dire che, miliardo più miliardo meno, la Bce immetterà qualcosa come 45 miliardi al mese per l’acquisto di asset

*

«Escludendo la quota di acquisti destinata a bond privati e titoli Abs la fetta relativa ai titoli di Stato dell’Eurozona nell’ipotesi che l’aiuto arrivi fino a dicembre sarà vicina a 310 miliardi, di cui 116 per reinvestimenti.»

*

«Nel complesso il sostegno pubblico della Bce sarà inferiore per oltre 300 miliardi rispetto al 2017.»

* * * * * * * *

Cerchiamo di essere chiari.

Paroloni grossi grossi, come reddito da cittadinanza, aumentare le pensioni, rendere gratuita la frequenza universitaria, nozze gay per tutti, possono colpire le menti microlissencefale, ma sono solo nuovi capitoli di spese.

A spendere siamo buoni tutti.

Il problema è guadagnarseli, e qui si sta parlando di cifre astronomiche.

Quando c’è poco, dire che si potrebbe risparmiare è follia pura: roba da neurodeliri.

In un paese serio questo dovrebbe essere il vero nodo del dibattito politico. Il resto è roba da Boldrini, dicerie da carampane in disarmo.


Sole 24 Ore. 2018-01-28. BTp alla sfida del mercato: all’appello mancano 4,8 miliardi al mese della Bce

Il debito pubblico italiano (oltre 2.200 miliardi su cui maturano interessi annui per circa 60 miliardi) nel 2018 continuerà a ricevere (come per tutti i Paesi dell’Eurozona, eccezion fatta per la Grecia) un aiutino da parte della Banca centrale europea. Ma sarà meno ricco rispetto al passato di circa 5 miliardi al mese. Vediamo perché.

Il Pspp (Public sector purchase program, il piano di acquisti di bond sovrani, l’elemento più corposo del pacchetto complessivo del quantitative easing attraverso il quale la Bce compra anche obbligazioni private, covered bond e titoli Abs) continuerà infatti almeno fino al prossimo settembre. Anzi, molti analisti si aspettano che venga prolungato fino a dicembre. C’è però una differenza sostanziale rispetto al 2017. I miliardi iniettati saranno molti di meno: anziché 60, scenderanno a 30 al mese. Questo dato però non tiene conto della quota di titoli in mano alla Bce che andranno in scadenza e che l’istituto di Francoforte reinvestirà. Sommando quindi ai 30 miliardi mensili destinati a nuovi titoli circa 15 miliardi che verranno utilizzati per ricoprire le scadenze (ottenuti sulla base di un monte scadenze pari a 146 miliardi a cui aggiungere il reinvestimento delle cedole maturate) vuol dire che, miliardo più miliardo meno, la Bce immetterà qualcosa come 45 miliardi al mese per l’acquisto di asset.

Escludendo la quota di acquisti destinata a bond privati e titoli Abs la fetta relativa ai titoli di Stato dell’Eurozona nell’ipotesi che l’aiuto arrivi fino a dicembre sarà vicina a 310 miliardi, di cui 116 per reinvestimenti.

Nel complesso il sostegno pubblico della Bce sarà inferiore per oltre 300 miliardi rispetto al 2017. Quanto ai BTp italiani i calcoli indicano che la Bce immetterà fino a dicembre 45 miliardi a cui aggiungere un importo che oscilla tra i 14 e i 20 miliardi relativo al riacquisto dei titoli in scadenza. Quindi circa 60 miliardi, ovvero 5 miliardi al mese. Considerando che nel 2017 la Bce ha stanziato solo per il debito italiano 117 miliardi (circa 9,8 miliardi al mese) il conto è fatto: nel 2018 all’Italia mancheranno all’appello (lato Bce) 4,8 miliardi al mese.

A questo punto è lecito chiedersi: chi ce li mette? Il mercato degli investitori privati sarà in grado di coprire il calo di acquisti annunciato da Francoforte? A giudicare dalla forte domanda che c’è stata a gennaio sulla prima emissione a lunga scadenza (BTp a 20) non ci dovrebbero essere problemi: il titolo è stato offerto per un controvalore di 9 miliardi mentre la domanda è arrivata a 30, oltre tre volte. Segnale che la richiesta di BTp da parte dei privati resta ancora sostenuta anche perché in questa fase – complici anche le incertezze legate alle elezioni politiche del 4 marzo – i rendimenti italiani sono i più alti (Grecia esclusa) dell’Eurozona. Venerdì il BTp a 10 anni è tornato sopra il 2%, 138 punti base in più del rispettivo titoli tedesco e 60 del Bonos spagnolo di pari durata.

«Il mercato obbligazionario dovrà trovare più domanda per la carta italiana rispetto all’anno scorso – spiega Gianni Piazzoli, head of advisory di Anthilia Capital Partners -. Un target ambizioso, ma a nostro modo di vedere alla portata dei titoli del Tesoro italiano, che possono contare in questa fase su un quadro macroeconomico in significativo miglioramento e, grazie alle vicende politiche, un premio al rischio ancora attraente rispetto ai rendimenti offerti dalla carta “core” europea».

A quanto pare dal mercato dovrebbe arrivare senza patemi quella quota di ossigeno che la Bce ha deciso di ritirare. C’è poi un altro fattore che tranquillizza. È vero che la Bce stanzierà meno soldi a sostegno dei BTp ma è anche vero che nel 2018 il Tesoro ridurrà le emissioni nette. Le stime di uno studio di Bnp Paribas indicano che lo Stato italiano emetterà nuovi titoli per 225 miliardi a fronte dei 181 che andranno in scadenza per un netto positivo di 44 miliardi che in ogni caso rappresenta il 16% in meno rispetto al 2017. Quindi meno titoli emessi vuol dire anche meno titoli da “coprire” dal mercato.

La solidità della domanda privata potrebbe però non bastare ad evitare il rialzo dei rendimenti. Questo perché i tassi stanno salendo in tutto il mondo non per la mancanza di compratori ma in funzione del fisiologico adeguamento dei bond all’aumento delle stime di inflazione. E questo è certamente un tema per chi in questo momento ha in pancia dei bond.

«I rischi per i governativi europei sono evidenti e risiedono in un ciclo economico molto forte che inizia a palesarsi in una ripresa dell’inflazione – spiega Fabrizio Santin, portfolio manager di Pictet asset management -. Il livello ancora molto basso dei rendimenti aumenta il tempo impiegato per recuperare perdite da rialzo dei tassi. Si tenga conto che un aumento di 50 punti base per un BTp con durata a 10 anni equivale a un calo del 5% sul prezzo, ovvero due anni per recuperare la perdita».

Pubblicato in: Cina, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Cina. La dottrina economica vincente di Deng Xiaoping.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-17.

Pechino-Cina

«Non interessa il colore del gatto, purché acchiappi i topi».

Deng Xiaoping.


La cultura occidentale avrebbe in sé tutti gli elementi necessari e sufficienti per comprendere la dottrina economica cinese. Solo che la generazione attuale o se ne è dimenticata oppure li tiene in non cale. Come risultato, la dottrina economica cinese resta ai più un enigma. Eppure è quella vincente ad oggi.

Dobbiamo a quel grande genio di Max Planck due celebri frasi, molto difficili da comprendersi a fondo.

«Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e al loro posto si forma una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari.»

*

«Non siamo autorizzati a supporre che esistano leggi fisiche, che siano esistite fino ad ora, o che continueranno ad esistere in forma analoga nel futuro»

* * * * * * * *

L’Occidente è rimasto abbacinato dalle teorie sociopolitiche illuministiche e, successivamente, dal pensiero di Hegel, che lui stesso sintetizzò in un’altrettanto celebre frase:

«se i fatti contraddicono la teoria, tanto peggio per i fatti»

*

L’idealismo dialettico prima, quello materialista e quello storico dopo, hanno deprivato il pensiero occidentale dal contatto e corretta percezione del reale. Se poi l’incorretta percezione è elaborata alla luce di logiche contraddittorie, il disastro è assicurato. L’attuale palude occidentale è il prodotto finale.

Il nodo logico è il rispetto o meno del principio di non contraddizione.

Il pensiero non deve contraddire il reale né come assunti né come conclusioni, e deve essere coerente con sé stesso ed i postulati che ha assunto.  

Le scienze economiche non sfuggono queste condizioni al contorno.

Solo che la politica è donna capricciosa e mendace, avida quanto corrotta, ma che ama e si strugge di ammantare di roboanti parole il suo misero operato di vilissima bottega. Ecco il fiorire di teorie economiche stravaganti, in auge solo fino a tanto che il potere politico le impone.

Non a caso in Cina le teorie economiche occidentali sono studiate nella storia dell’economia: sono anticaglie, utili da conoscersi da un punto di vista culturale, ma esclusivamente per non ripeterne gli errori.

«Perdersi in astratti ragionamenti per stabilire se l’economia pianificata è per sua natura socialista, mentre l’economia di mercato sarebbe per sua natura capitalistica, è fatica sprecata perché priva di senso»

* * * * * * * *

La ‘casa’ di Shanghai. Capire cosa sia la Cina di oggi.

Cina. Mandarinato e democrazia. – Handelsblatt

Cosa vuol dire per la Cina abbandonare Marx per tornare a Confucio.


Citeremo alcuni passi tratti da Beijing Information. n. l del 3.1.1994.

Si noti come la terminologia occidentale, quali per esempio “capitalismo“, “socialismo” siano sempre da intendersi come “capitalismo cinese“, “socialismo cinese“: hanno contenuti logici e definizioni totalmente differenti.

«L’economia socialista di mercato – tra tutti i mutamenti strutturali il più visibile e il più convincente- corrisponde a quel tipo di economia che la Cina sperimenta in via di fatto ormai da alcuni anni: resta da precisarne e da regolamentarne i tempi, mediante una normativa che dia certezza giuridica alle transazioni e alle intese. «L’economia di mercato, in fatti, è in un certo senso una economia legislativa», dichiara Wang Zhingyu, direttore della Commissione di stato per l’economia e il commercio. Una regolamentazione legislativa idonea consente di standardizzare le norme del mercato. consente di mantenere l’ordine negli scambi e di rafforzare il controllo macro-economico; consente inoltre di “creare le condizioni favorevoli allo sviluppo economico. in modo che la legislazione economica nel suo insieme si adatti al ritmo della riforma dei meccanismi di gestione”»

*

«Nel valutare l’efficacia di questo modello di sviluppo. resta manifestamente cinese, pragmatico senza ombra di mediazioni, il principio di ottimizzazione. Il successo o il fallimento delle riforme introdotte viene valutato secondo un unico criterio: se contribuiscono oppure no allo sviluppo delle forze produttive socialiste. Dove si può ancora leggere il punto focale del pensiero economico di Deng Xiaoping e il suo irriducibile pragmatismo.»

*

«Perdersi in astratti ragionamenti per stabilire se l’economia pianificata è per sua natura socialista, mentre l’economia di mercato sarebbe per sua natura capitalistica, è fatica sprecata perché priva di senso. «Questo – dice Deng – ho imparato meglio di qualsiasi altra cosa: pazientare; attendere che le cose maturino da sé è molto meglio che obbligare la gente a fare in fretta. Invece di imporre obblighi e di scatenare dei movimenti di massa, è meglio lasciar fare le cose.

Così, progressivamente, tutta la gente si abitua alle cose nuove. Non discutere è la mia più grande invenzione. Non discutere significa guadagnare tempo. Quando si discute troppo, le cose si complicano. Si passa tutto il proprio tempo a discutere e non si riesce a fare nulla.

Invece di discutere bisogna sperimentare con audacia e avere il coraggio di innovare. Così è stato per la riforma rurale, così è stato per la riforma urbana».

Il ragionamento di Deng Xiaoping è tutto costruito sul principio della naturale tendenza delle cose, un atteggiamento inseparabile dalla mentalità operativa dei cinesi. Una sintesi tra le più espressive, del tipico pragmatismo di Deng Xiaoping: lasciare che le cose facciano il loro corso.»

*

«Pianificazione e mercato sono semplicemente dei meccanismi economici. neutri di per sé. da assumere o da rifiutare a seconda delle condizioni oggettivamente accertate in una situazione specifica. Condizione fondamentale, da porre in ogni caso come premessa necessaria non modificabile, ce n’è una sola: la fedeltà ai quattro principi, unica garanzia per la stabilità politica; necessaria solida base a partire dalla quale ogni audacia innovativa può essere sperimentata.»

* * * * * * * *

Deng Xiaoping è un empirista, tetragono ad ogni teoria. Per fortuna della Cina ed, in ultima analisi, anche nostra.

A seguito riportiamo un saggio particolarmente ben scritto dal prof. Marco Costa.

In alcuni punto avremmo preferito che l’Autore si fosse dilungato nella spiegazione, ma consideriamo questo un testo di rilievo.



Marco Costa. I caratteri fondamentali dell’ascesa economica cinese

Per secoli la Cina è stata una civiltà che ha saputo giocare un ruolo primario e di leadership all’interno dell’Asia fino al XIX secolo quando il paese ha registrato un notevole arresto culturale, politico ed economico. Grazie a Mao Zedong, dopo la Seconda Guerra Mondiale, la Repubblica Popolare Cinese è riuscita ad imporre una forma di governo, il sistema socialista autocratico, che ha permesso di assicurare al paese sovranità territoriale, controlli severi sulla vita quotidiana dei cinesi e sui costi. Succeduto a Mao Zedong nel 1978, Deng Xiaoping e gli altri esponenti del partito comunista cinese hanno dato il via ad una economia orientata verso il libero mercato che ha fatto registrare un significativo sviluppo nazionale economico a partire dal nuovo millennio. Attualmente la Cina registra una crescita del proprio PIL pari al 7.3%, dato che subirà un decremento nei prossimi cinque anni secondo le stime degli esperti attestandosi nel 2019 al 5.5%. Ma quali sono stati i fattori che hanno favorito la crescita economica della Cina e la sua affermazione a livello mondiale? Il Dott. Marco Costa, responsabile dell’area euroasiatica presso il CeSEM (partner dell’Associazione), analizza e presenta le linee guida che hanno costituito il modello economico cinese effettuando un raffronto con il modello economico occidentale e con le relative performance.

*

Ci siamo abbastanza diffusamente occupati dello straordinario fenomeno della crescita cinese già in due volumi di recente pubblicazione, La Grande Muraglia (Cavriago, 2012), vertente sulle dinamiche strettamente ideologiche e geopolitiche relative alla pacifica ascesa della Cina Popolare, e in La Via della Seta – Vecchie e Nuove Strategie Globali tra la Cina e il Bacino del Mediterraneo (Cavriago, 2014)dedicato a diversi aspetti storici e culturali di interrelazione tra area europea e area dell’estremo oriente. Tuttavia risulta evidente che l’argomento Cina – tanto a livello economico visto l’interesse rispetto alle opportunità commerciali, quanto a livello ideologico nell’analisi dell’originalità del modello socialista cinese, non meno che a livello geopolitico rispetto alla chiarificazione della teoria dello sviluppo multilaterale delle relazioni internazionali – può tutt’altro che considerarsi esaurito. Risulta utile a tal proposito proporre un raffronto, almeno schematico, tra le linee guida che hanno segnato il modello economico occidentale (quindi euro-americano) e quello cinese nel corso degli ultimi due decenni; date premesse diverse, dati fondamentali economici diversi, non deve quindi stupire che i risultati, le performance macroeconomiche delle due rispettive aree risultano nel mondo contemporaneo del tutto differenti se non opposte.

La crisi del capitalismo occidentale ha avuto infatti almeno tre premesse. In primo luogo uno straordinario processo di finanziarizzazione dell’economia, secondo cui si immaginava di portare avanti un modello in cui il denaro si sarebbe moltiplicato infinitamente come variabile indipendente dei processi di produzioni di beni reali (per dirla alla Marx, passando da M-D-M’ a D-M-D’ a D-D’-D”).[1] In definitiva la crescita del ruolo della finanziarizzazione è strettamente collegata al processo di innovazione finanziaria avvenuto a partire dagli anni 1980. Tale processo, sospinto dalla deregolamentazione (il cosiddetto neoliberismo) e tradottosi nella creazione e nella diffusione in un mondo sempre più globalizzato di strumenti finanziari oltremodo strutturati e complessi, se in un primo momento può avere favorito lo sviluppo dell’economia, ha poi incoraggiato anche comportamenti incauti, gestioni prive di sani criteri prudenziali e speculazioni spregiudicate; ciò a danno della stabilità dell’intero settore finanziario e, per effetto contagio, di tutto il sistema economico. Nello specifico, l’eccessiva finanziarizzazione del sistema, determinata dal ruolo preminente assunto nel sistema economico dagli intermediari e dagli strumenti finanziari, è ritenuta da molti studiosi una della concause (o addirittura il fattore scatenante) della crisi economica globale partita nel biennio 2007-08. Aspetti tra i più disgraziatamente noti, di questo fenomeno, si sono incontrati nella vertiginosa diffusione di prodotti finanziari virtuali quali i famigerati subprime, i future, i derivati o altri similari. Non è un caso se più di un analista ha definito questo processo come passaggio da economia a stregoneria di Wall Street, alludendo alla smisurata fiducia nella moltiplicazione dei titoli finanziari virtuali.

Seconda premessa, non meno importante, dell’incartamento recessivo in cui sono precipitate le economie occidentali (anche se, ad onor del vero, quella americana ha potuto fornire risposte differenti alla luce di uno status di sovranità economica contrariamente all’area Euro), è stato il cosiddetto fenomeno della sovrapproduzione. Anche qui, non bisogna necessariamente muoversi secondo coordinate marxiste per ammettere che la crisi economico-finanziaria del nostro mondo è scaturita in larga misura dalla rottura di quell’equilibrio che per decenni – ininterrottamente dal dopoguerra in poi – ha retto il sistema capitalistico occidentale, secondo cui potenziale produttivo e capacità di consumo sono variabili interdipendenti, ovvero l’economia può prosperare nella misura in cui vi sia una massa di consumatori potenziali (interni o esterni) predisposti monetariamente all’acquisto. È evidente che con una drastica proletariarizzazione del ceto medio e una depauperizzazione delle classi lavoratrici le merci prodotte hanno avuto sempre meno consumatori disponibili ad acquistarle, innescando una classica crisi di sovrapproduzione in cui la crisi è prodotta non da scarsa produzione o da calamità naturali o da eventi bellici, bensì come conseguenza del fatto che i lavoratori generalmente non riescono più ad acquistare le merci che concorrono a produrre. Insomma l’archiviazione definitiva di quel modello che solitamente veniva chiamato come sistema fordista. Negli ultimi anni si è sentito dire che la causa della crisi sono il sistema finanziario, i mutui spazzatura, l’avarizia dei mercati, la cattiva amministrazione dei politici e delle istituzioni regolatrici. Probabilmente in ognuna di queste c’è una parte di ragione, in alcune molto più che in altre. Tuttavia, come sostiene David Harvey nel suo Crisis of Capitalism,“sembra che l’ultima cosa a passare per la testa alla maggior parte degli economisti e/o opinionisti di professione è che la causa della crisi sia il sistema stesso, che si tratti di una crisi strutturale. Anche qualche anno fa qualcuno chiese in un gruppo di discussione al quale partecipava se la crisi che allora iniziava a intravedersi fosse una tipica crisi di produzione. Allora pensavo di sì, ed è un’opinione che continuo ad avere. Nella teoria marxista classica le crisi capitaliste hanno origine nelle imprese che non trovano mercato per i loro prodotti. Sovrapproduzione che pertanto tende a coesistere con una situazione di disoccupazione, e che nel suo complesso non è altro che capitale e forza lavoro (un altro tipo di capitale) che non trovano opportunità per essere investiti e generare profitti. Questo non vuol dire che non ci sia scarsità. La sovrapproduzione implica eccedenze di merci e le merci non vanno a coprire i bisogni umani ma la domanda solvente. Così possiamo trovare uno stock, per esempio di merce-casa, che non trova sbocco sul mercato e pertanto si accumula senza essere utilizzato”.[2] Suonano assai familiari queste parole, basti pensare al fatto che solo nel nostro paese ci sono 3,5 milioni di case vuote e, tuttavia, in un contesto di distruzione di posti di lavoro, migliaia di famiglie incontrano difficoltà per dare soluzione a un bisogno così fondamentale come quello di avere un tetto. La causa per la quale il sistema capitalista tende a sfociare in questo tipo di crisi è che, dopo un periodo di espansione, la differenza tra la capacità di produzione e la domanda solvente si fa sempre più profonda, così che la domanda diventa insufficiente, i prezzi si bloccano e diminuiscono, cadono i profitti, le imprese falliscono e i lavoratori rimangono disoccupati. Cosicché, per affrontare le crisi o per evitarle, bisogna creare opportunità dove investire capitale e manodopera e/o incrementare la domanda solvente. Entrambe le cose sono intimamente legate, dato che si distruggono posti di lavoro, la domanda solvente si riduce e viceversa. Stando così le cose, direi che le ultime crisi del capitalismo globale, a partire dagli anni ‘70, sono state crisi delle soluzioni per evitare la crisi di sovrapproduzione. Queste soluzioni sono state in primo luogo,l’intervento dello Stato nell’economia e, in secondo luogo, la liberalizzazione del sistema finanziario e la creazione di complessi sistemi di debito. In entrambi i casi, la questione della casa e dell’urbanizzazione in generale hanno svolto un ruolo fondamentale (e quest’ultima è un’idea che prendo direttamente da David Harvey che a sua volta lavora sulle tesi di Henri Lefebvre); tale ipotesi sembra straordinariamente attuale.

Infine un terzo fattore, una terza concausa che mi sembra aver contribuito in modo evidente ad affossare le economie occidentali: il debito. In realtà l’economia fondata sul debito come regola, ha contribuito per anni e forse decenni ha mantenere in vita un sistema completamente esaurito, secondo uno schema che potremmo così sommariamente riassumere: per indurre al consumo in condizioni di scarsità monetaria si ricorre al debito privato → il debito privato diventa debito delle banche → il debito delle banche diventa debito pubblico dove lo Stato funziona sempre come copertura assicurativa dei banchieri → lo Stato per ripianare i debiti è costretto a tagliare ulteriormente i diritti sociali e tassare ulteriormente la base lavoratrice e produttrice → implicando una spirale di contrazione ulteriore consumi come un effetto feedback, generando un’auto-alimentazione della crisi. Basti pensare al caso europeo, dove la crisi economica apparve ulteriormente aggravata dalla crisi dei debiti pubblici di alcuni stati europei (Grecia, Irlanda, Spagna, Portogallo, Italia, Cipro, Slovenia), i cui piani di salvataggio finanziario (erogati dalla cosiddetta troika) furono volti a scongiurare il rischio di insolvenza sovrana (default), con effetti che si rilevarono tuttavia ulteriormente recessivi per l’economia reale. Questi piani furono subordinati all’accettazione di misure di politica di bilancio restrittive sui conti pubblici (austerity) basate su riduzioni di spesa pubblica e aumenti ossessivi delle imposte. Tali ricette sono state pesantemente messe in discussione, da una parte del mondo accademico internazionale (specie di formazione keynesiana), come una delle cause dell’aggravarsi dello stato di crisi che, soprattutto all’interno dell’Eurozona, appariva amplificato dall’attuazione di pesanti misure di austerity (rese necessarie dall’adozione dell’euro con cambio fisso che non consente eccessivi squilibri nel conto delle partite correnti tra gli stati aderenti). Altri esponenti accademici, di cultura liberista, ritengono invece tali misure come necessarie per evitare l’esplosione del debito pubblico e il rischio di default.

Passando al modello adottato dai governi cinesi che si sono succeduti a partire dal 1976, anno dell’avvio delle prime riforme economiche attuate da Deng Xiaoping, possiamo trovare una straordinaria differenza nei fondamentali macroeconomici; insomma i cinesi si sono affidati ad un modello di sviluppo del tutto opposto rispetto a quello che ha segnato le aree Euro e Dollaro. La Cina è oggi il paese più studiato grazie all’originalità del suo modello economico. Studiato perché è l’unica esperienza di matrice socialista che è riuscita a competere anche sul piano economico con l’Occidente; ma temuto perché è l’unico paese a far fronte agli Stati Uniti senza la necessità di allearsi in un blocco economico (e militare) extraterritoriale. Ma come mai questo paese, che è il più popoloso al mondo, è riuscito ad arrivare a questo livello? La risposta a questa domanda può essere individuata a partire dall’analisi della figura di Deng Xiaoping, l’uomo che ha portato la Cina allo sviluppo attuale. È difficile immaginare come un paese che aveva una crescita annua del 20% sia riuscito a svilupparsi. Nell’economia non è sufficiente che il prodotto nazionale cresca mentre il reddito pro-capite diminuisce, ma Xiaoping è riuscito a portare la Cina ad avere contemporaneamente sia lo sviluppo economico che quello sociale. Per capire questo paese dobbiamo riandare alla storia di questi ultimi anni e analizzarla attentamente. Prima della Rivoluzione cinese guidata da Mao Tse Tung, la Cina era un paese feudale, chiuso e diretto dalle dinastie che lo governavano sotto la supervisione inglese. Con la rivoluzione culturale Mao ha introdotto elementi economici di collettivismo – un modo di produzione basato sulla collettività dei mezzi di produzione – affinché la Cina potesse svilupparsi in maniera autonoma, nonostante quel modello rimaneva ancorato e adatto ad un’economia fondamentalmente agricola. In realtà, Mao è riuscito a controllare il problema della fame in un paese così vasto, ciò nonostante la Cina continuava ad essere assai arretrata economicamente. Con la sua morte, avvenuta nel 1975, la Cina si è divisa in due: i fedeli ortodossi alla parola di Mao, più conosciuti come la banda dei quattro, guidati dalla moglie, che sostenevano che tutti dovevano seguire ciò che lui aveva fatto e continuare la sua opera ostinatamente; e l’altro gruppo guidato da Xiaoping che era fedele al messaggio originario di Mao, come vedremo in seguito. Alla fine ha prevalso Xiaoping e questo è stato cruciale per la Cina in quanto quest’ultimo era abbastanza saggio da riuscire a guidare la Cina sulla strada dello sviluppo e della riforma. L’attuale epoca coincide con la cosiddetta Terza Rivoluzione Industriale, quella della microelettronica. Le precedenti rivoluzioni hanno portato la tecnologia meccanica che permetteva al paese di raggiungere il livello delle altre nazioni ma, poiché questa richiedeva la necessità di laboratori di ricerca, i paesi del terzo mondo sono stati condannati all’arretramento. A partire da questa rivoluzione, si è cominciato invece a verificare che lo sviluppo cinese ha incentivato le entrate dell’industria tecnologica, diversamente dall`URSS che è rimasta ancorata al vecchio sistema incentrato sull’industria pesante. Il programma di sviluppo di Xaoping si è basato sull’introduzione di elementi di mercato attuato con una grande pianificazione centrale. Ossia, Deng ha aperto gradualmente le frontiere cinesi mentre nel contempo continuava a mantenere una decisiva presenza dello Stato nell’economia e nella politica. Lo scopo di questa politica economica intrapresa da Xiaoping è stata l’accumulazione, che secondo tutti i grandi teorici classici dell’economia, come Riccardo e Adam Smith e Karl Marx, è la base preliminare per arrivare allo sviluppo. Questo fatto, aggiunto a una grande politica di controllo della natalità (che è riuscita a bloccare quell’immensa ed altrimenti incontrollata crescita demografica), ha fatto sì che la Cina sia oggi il paese con maggiori prospettive economiche. L’economia cinese ha sempre avuto, in questi anni, un aumento relativamente rapido e costante. La riforma ha affrontato subito ciò che era semplice per poi arrivare al complesso; era iniziata dalle campagne per arrivare alle città, dalla costa orientale per arrivare all’occidente. Dal campo economico a quello politico, culturale, scientifico, tecnologico, educativo ecc. Gli straordinari successi ottenuti dai cinesi confermano la superiorità del sistema socialista, sia pure di un socialismo originale. Riforma, sviluppo e stabilità sono gli unici modi di salvare il socialismo in Cina, giacché senza innovazione non c’è sviluppo, senza sviluppo non si può mantenere la stabilità sociale. Gli obiettivi che la Cina si è prefissa riguardo allo sviluppo economico, si sono svolti in tre tappe fondamentali: dal 1981 al 1990 il PIL pro capite doveva raddoppiare passando da 250 dollari a persona a 500 risolvendo per l’essenziale i problemi della gente riguardo al cibo e al vestiario; la seconda tappa dal 1991 al 2000 il PIL pro capite doveva ulteriormente raddoppiare arrivando a 1000 dollari, ovvero l’entrata del tenore di vita a uno stadio medio con il PIL che passa i 1000 miliardi di dollari. Nella terza tappa il PIL per persona deve triplicare arrivando a un reddito pari allo standard dei paesi mediamente sviluppati, alla metà del XXI secolo. La gente potrà vivere in un benessere relativo dato che la modernizzazione sarà già essenzialmente realizzata in Cina. La Cina ha realizzato nel 1987 il suo primo obiettivo con tre anni di anticipo e nel 1995 l’obbiettivo previsto per la seconda tappa. In seguito la Cina ha concretizzato l’obiettivo della terza tappa riformulando l’obiettivo in tre fasi che durerà cinquanta anni sino alla metà del XXI secolo. L’obiettivo dell’undicesimo piano quinquennale formulato nel 2005 per il 2010 era di mantenere lo sviluppo relativamente rapido e duraturo dell’economia nazionale realizzando il raddoppio del PIL in rapporto al 2000 con un consistente miglioramento del livello di vita. La vita dei contadini doveva essere sensibilmente migliorata e l’insieme delle regioni rurali doveva entrare nel livello medio di benessere. Nella seconda fase, fino al 2020, gli obiettivi economici e sociali sono l’industrializzazione e l’urbanizzazione delle campagne, dove migliorerà il tenore di vita assieme ad un ulteriore arricchimento delle città. La Cina nel suo complesso entrerà in uno stadio di moderato benessere. Nella terza fase, tra il 2020 e il 2050, si pone l’obiettivo è di arrivare a essere un paese socialista moderno a un livello di sviluppo medio. É un programma ambizioso e certamente difficile da realizzare perché quest’ultimo periodo, e qui l’esperienza internazionale insegna, potrebbe essere caratterizzato da una stagnazione con molteplici conflitti sociali. Nei primi anni ’80 la priorità fu data allo sviluppo dell’industria tessile e leggera. Il nono piano quinquennale degli anni ’90 propose la trasformazione del sistema economico e del modello di crescita economica. Il decimo piano del 2000 ha proposto la strategia d’industrializzazione e urbanizzazione (nel 2005 la percentuale di popolazione dedita all’agricoltura si aggirava ancora sul 47% mentre la percentuale della popolazione urbana era solo il 43%). Nel 2005 il PIL era il 4,7% del totale mondiale. La Terza sessione plenaria del 16° Congresso del Partito ha preso la decisione di programmare uno sviluppo scientifico sostenibile centrato sull’uomo. L’undicesimo piano del 2005 ha stabilito i nuovi compiti di accrescere la capacità innovativa, di costruire una nuova campagna socialista e una società armoniosa. Nel 2012 il PIL nominale era secondo le stime più caute già di 7.740 miliardi di dollari, il secondo al mondo e 12.460 miliardi quello a parità di capacità d’acquisto, con un PIL procapite a parità di capacità d’acquisto pari 9.100. Era 8.500 nel 2011 e 7.800 nel 2010. L’industria contribuisce per il 46.8%, i servizi per il 43.6%, l’agricoltura per il 9.6% nel 2010. La forza lavoro è di 815 milioni di persone, con un dato sempre significativo, ovvero una disoccupazione mai superiore al 4%. La Cina offre un ambiente adatto agli investimenti e alla produzione. La Cina è il paese più dinamico del mondo con la crescita più alta. Si apre sempre più verso l’esterno; il costo della mano d’opera, delle materie prime e dei servizi è molto competitivo, l’ambiente macroeconomico eccellente. La Cina sarebbe anche un paese ricco in risorse naturali e agricoltura se non fosse sovrappopolato. Il paese ha comunque notevolmente migliorato le strade, le telecomunicazioni, la qualità delle risorse idriche, l’elettricità e l’approvvigionamento di energia e materie prime sono soddisfacenti. La mano d’opera è sufficiente e la formazione tecnica elevata. La forza lavoro è di 815 milioni di persone così distribuita: agricoltura (36.7%), industria (28.7%), servizi (34.6%) secondo i dati del 2008. La Cina si sta adeguando anche dal punto di vista legale, le leggi sono sempre più in sintonia con la legislazione internazionale. La Cina ha stabilito 120 misure preferenziali per l’investimento di capitali stranieri. Dal 2001 il paese si è progressivamente aperto in tutti i campi all’investimento straniero. I limiti dell’investimento straniero riguardano l’acciaio, l’investimento immobiliare e il controllo macroeconomico riguarda particolarmente i rischi legati al sistema bancario e interessa poco le imprese straniere semmai quelle entrate in Cina con intenti speculativi. Veniamo alle cifre del boom economico cinese, in particolare nell’industria, fermandoci per ora al contesto precedente la crisi finanziaria americana:

Sebbene i dati siano del periodo precedente alla crisi mondiale, sono comunque molto significativi. Il PIL è raddoppiato dal 2002 al 2007, alla vigilia della crisi finanziaria USA, passando da 1000 a 2000 miliardi di Euro. Con un aumento annuo medio del 10,6% ha avuto in questo periodo la crescita più rapida dall’inizio delle riforme. Il ritmo medio di crescita è stato del 5% superiore a quello mondiale. Le entrate pubbliche che erano pari a 171 miliardi di euro sono aumentate di una volta e mezzo negli ultimi cinque anni. Dal 2005, il PIL ha sorpassato successivamente quello della Francia e quello della Gran Bretagna. Nel 2002, il PIL della Cina era rispettivamente il 13,9% di quello degli Usa, il 37% del Giappone e il 71,8% della Germania, diventando nel 2006 il 20% (USA), 60,6% (Giappone) e il 91,3% (Germania). Il PIL tedesco è stato superato nel 2009 e nel 2010 quello giapponese. Il PIL cinese nella produzione mondiale è passato dal 4,4% al 5,5% nel 2006 (Revenu moyen 2007).

Dal 2002 al 2007, i fondi destinati all’agricoltura, alle regioni rurali e ai contadini dalle finanze centrali sono passati da 190,5 miliardi di yuan (16 miliardi di euro) a 431,8 miliardi di yuan. Quelli destinati ai settori dell’istruzione, della scienza, della cultura e della sanità pubblica da 514,3 miliardi di yuan nel 2004 sono aumentati a 742,6 miliardi di yuan nel 2006 (63 miliardi di euro). La Cina ha buoni fondamentali anche dal punto di vista del debito, pari a circa il 20% del PIL (per avere un paragone, in Italia abbiamo sforato il 130%!). La Cina è indubbiamente la maggiore potenza industriale del mondo. Se invece del PIL assoluto prendiamo quello PPP (Purchasing Power Parity ossia a parità del costo della vita) le cose diventano ancora più chiare. Se una multinazionale produce 10 lettori CD in USA al costo di 100 dollari l’uno, la sua quota PIL per gli USA sarà 1000 dollari, se produce gli stessi 10 lettori in Cina al costo unitario di 10 dollari, la sua quota PIL in Cina sarà 100 dollari. Dal punto di vista del PIL assoluto ciò che ha prodotto in USA è dieci volte quello che ha prodotto in Cina. Dal punto di vista del PIL PPP avrà prodotto 1000 dollari in USA e 1000 in Cina (nel PPP la cifra viene infatti rapportata al costo che il prodotto ha in USA). Il PIL PPP da più l’idea della quantità di merci e servizi prodotti. La Cina comunque è la prima economia del mondo nel settore industriale, poiché il PIL degli USA è dato sopratutto dal terziario. In altre parole gli USA si conferma che le economie occidentali sono state investite da fenomeni di terziarizzazione e finanziarizzazione, mentre quella cinese è rimasta tradizionalmente ancorata alla produzione di beni materiali. I lavoratori cinesi dell’industria sono più di 200 milioni, superano quelli dell’Ocse, del Brasile, dell’India mesi assieme. Ma oltre ad essere la maggiore potenza industriale lo è anche dal punto di vista economico generale.

Questa tabella ci descrive la marcia inesorabile della Cina verso la leadership mondiale. Se poi si tiene conto che Gregory Chow sostiene che il PIL cinese sarebbe sottostimato per via del mancato apprezzamento dei fattori innovativi delle merci probabilmente già alla fine del 2008, il PIL cinese già superava quello americano. La World Bank ha invece cambiato, improvvisamente e in maniera molto sospetta, i criteri del PPP in Cina. Secondo alcuni si tratterebbe di un artificio contabile per mantenere formalmente in testa gli USA. A questo punto con il PIL della Cina che aumenta, e quello degli USA che diminuisce o ristagna, mantenendo il vecchio criterio del PPP avrebbe già abbondantemente sorpassato gli USA. Uno studio della banca di investimenti Goldman Sachs proietta nel 2041 il sorpasso sugli USA in base al PIL nominale. Scriveva Bowles ancora nel 1994: “La Cina ha raddoppiato la sua produzione pro capite nei dieci anni tra il 1977 e il 1987, uno dei periodi di tempo più brevi impiegati da qualsiasi paese per raggiungere un tale record. Questa crescita impressionante è in parte il risultato di un aumento significativo del fattore della produttività sia del settore statale che non statale, un punto di una certa importanza dato il ben documentato fallimento del socialismo a pianificazione centrale nell’aumentare la produttività. Il risultato è che l’economia della Cina è ora stimata (utilizzando i tassi di cambio di potere d’acquisto) che si superata per dimensioni solo dagli Stati Uniti e Giappone e vi è una reale possibilità che la Cina diventerà la più grande economia del mondo entro il 2025”.[3] Solo la ridefinizione del potere d’acquisto della Cina da parte della Banca Mondiale ha rimandato il sorpasso. Sarà però questione di qualche anno. Inoltre i ricavi non sono trasformati in rendite finanziarie e capitali speculativi, giochi di Borsa, invece di essere reinvestiti creando sviluppo industriale, ricerca, innovazione, occupazione e benessere per la popolazione. E’ sbagliato pensare che il boom economico si sia basato unicamente sulle esportazioni. Bisogna convincersi che gran parte della crescita economica cinese è dovuta all’espansione del mercato interno, quindi è avvenuta a direttamente beneficio dei cittadini cinesi. Tra l’altro nel capitalismo il surplus, il guadagno insomma, è appannaggio di una classe molto ristretta che ha la tendenza (particolarmente nelle aziende famigliari italiane) a investire di più in beni di consumo superflui che nello sviluppo. In Cina lo stato stabilisce i tassi d’investimento giacché ha il controllo dell’economia.

A tal fine è interessante scorgere il trend del PIL della Cina ai prezzi di mercato secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale con dati in milioni di yuan. Per l’equiparazione al Purchasing Power Parity (PPP), il dollaro è scambiato a 2,05 yuan.

Ci sono buoni motivi per pensare che la Cina possa continuare nella sua corsa; infatti i dati della Banca mondiale e Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo dimostrano che non la migliore performance media per quindici anni di Corea del Sud, Singapore, Taiwan e ha raggiunto il 10 per cento. Inoltre, il potenziale di crescita della Cina è enorme. Il suo PIL pro capite è solo il 5 per cento di quello statunitense. La Corea del Sud ha avuto più o meno lo stesso divario di crescita con gli Stati Uniti nel 1960, e continuò la rapida crescita che è ancora più probabile nella Cina di oggi di quanto lo fosse in Corea, grazie alle nuove tecnologie. La Cina può continuare a questo ritmo incredibile? Cinque fattori suggeriscono che può. In primo luogo, la Cina è attenta a investire in settori che alimentano la sua crescita. Si ottiene circa la stessa esplosione di crescita dell’India per gli stessi soldi investiti. Ma il sistema finanziario cinese mobilita più risorse che in India, e si assegna una quota molto maggiore al settore delle infrastrutture come strade, porti e sistemi fognari. In secondo luogo, la Cina ha creato incentivi che premiano il duro lavoro, la conoscenza e l’assunzione di rischi. I lavoratori rurali possono ora passare alla città e competere per i lavori urbani. L’istruzione obbligatoria è stata estesa a nove anni, e l’alto tasso di alfabetizzazione della Cina è alla base dell’aumento della produttività dei lavoratori. In terzo luogo, l’apertura audace della Cina di commercio su scala mondiale ha migliorato la sua flessibilità economica e finanziato le nuove tecnologie, mentre ha giudiziosamente gestito le aree chiave come gli investimenti esteri. Giappone e Corea non hanno mai rischiato l’apertura così veloce. In quarto luogo, le basi di una classe media durevole sono emerse, grazie alle riforme della terra, ai miglioramenti in materia di istruzione, e alle nuove reti di sicurezza sociale e pensionistica. Infine, la Cina è una società relativamente basso tasso di criminalità, dove la mancanza di minacce alla sicurezza fisica migliorano le opportunità economiche. La corruzione esiste, ma a livelli inferiori a quelli in India, Indonesia, e le Filippine, ed è vigorosamente perseguita. Tale andamento suggerisce che i funzionari cinesi stanno governando in modo agile ed energico. Le contraddizioni ed il relativo malcontento è connaturato in qualsiasi paese abbia il privilegio di trasformare la produttività così rapidamente come ha fatto la Cina. Il problema è come gestire i disordini. L’approccio della Cina è di compensare gli sfollati, punire coloro che causano problemi, e punire gli illeciti dei governi locali. Tale processo è difficilmente perfetto. Le assemblee con discorsi critici sul governo sono diffuse e in gran parte pacifiche. Sia la crisi finanziaria asiatica che l’epidemia di SARS aveva il potenziale di portare alla crisi. In entrambi i casi, il governo ha imparato dai suoi errori e recuperato in fretta, facendone tesoro negli anni successivi. La Cina è diventata nel 2011 il maggiore paese industriale del mondo, spodestando la leadership degli USA, che la deteneva da 110 anni secondo l’IHS Global Insight. L’IHS ha esaminato i dati del US Bureau of Economic Analysis, e l’Ufficio Nazionale di Statistica della Cina. La Cina aveva il 19,9% del mercato mondiale., gli Stati Uniti il 19,4%. “Gli Stati Uniti ha attraversato una grave recessione, mentre la Cina ha continuato a crescere”, ha dichiarato Mark Killion, economista di IHS Global Insight; “Sapevamo che sarebbe avvenuto comunque, ma il declino negli Stati Uniti e l’ascesa della Cina ha avvicinato molto l’evento”, ha detto Killion (China Edges 2011). Per il Wall Street Journal “L’America è umiliata ancora una volta dal successo cinese”. (McIntyre 2011). Secondo il Crédit Suisse AG, nel 2016 poterebbe superare il Giappone come secondo paese più ricco del mondo con una ricchezza totale di 40 milioni di dollari. Stime della PwC, la maggiore società di contabilità al mondo segnalano che la Cina diventerà nel 2018 la maggiore economia del pianeta come risulta da uno studio sul peso delle 22 maggiori economie del mondo a parità di potere d’acquisto del PIL ai prezzi di mercato. Secondo il FMI il PIL cinese (PPP) potrebbe superare quello americano nel 2016 aprendo la strada a quando nel 2050, forse anche prima, gli attuali paesi emergenti domineranno lo scenario economico globale. Va altresì ricordato che rispetto alla crescita della Cina gli USA sono cresciuti solo del 4,6%; e che nel 2010, la proporzione del PIL della Cina nel totale mondiale è del 9,5%, quasi il doppio del 5% de 2005, equivalendo al 40,2% di quello degli USA (Informe anual 2012). Questa straordinaria crescita economica – che probabilmente non ha paragoni nella storia moderna – induce anche ad una riflessione geopolitica: la Cina è ormai un punto di riferimento per tutti paesi che cercano di sottrarsi all’egemonia americana. la Cina lo può fare a differenza dell’URSS che non aveva la possibilità di esportare né un modello economico efficiente, né tecnologia e management, né capitali. Come correttamente ricorda Giovanni Arrighi nel suo Adam Smith a Pechino: “Assieme a questa trasformazione, si assiste a una crescita, relativamente agli Stati Uniti, dell’importanza della Cina anche fuori dall’Oriente asiatico. Nell’Asia meridionale gli scambi con l’India sono passati dai 300 milioni di dollari del 1994 ai 20 miliardi di dollari del 2005, una vera inversione a U nelle relazioni commerciali a cui si accompagna un’intensificazione senza precedenti nella realizzazione di accordi sia a livello aziendale che a livello governativo. Il fallimento americano nel prendere il controllo esclusivo del “rubinetto petrolifero globale” in Medio Oriente ha trovato la sua sanzione più spettacolare nell’ottobre 2004 con la firma di un grande contratto di forniture petrolifere fra Pechino e Tehran. Ancora più a Sud, la Cina preme sull’Africa per le proprie forniture petrolifere. Nel 2000 Pechino ha volontariamente rinunciato a 1,2 miliardi di dollari di debiti dei paesi africani e nei cinque anni successivi ritmo scambio fra Africa e Cina è passato da poco meno di 10 milioni di dollari a più di 40 miliardi di dollari. Un numero crescente di imprenditori cinesi – nel 2006 erano dieci volte di più che i 2003 – si recano in Africa per realizzare investimenti in paesi cui le aziende occidentali non sembrano interessate e a cui il governo cinese offre assistenza allo sviluppo a fronte della sola contropartita politica del non riconoscimento di Taiwan e senza nessuno di quei lacci e laccioli che si nascondono dietro agli aiuti occidentali. In risposta, i governanti dei paesi africani guardano sempre più a Oriente in tema di commercio, aiuti e alleanze politiche scrollando via i tradizionali legami storici del continente con l’Europa e gli Stati Uniti. Altrettanto importante è stato l’ingresso della Cina in Sud America. Mentre Bush si è limitato a una fugace apparizione al meeting dell’APEC del 2004 in Cile, Hu Jintao ha impiegato due settimane per visitare Argentina, Brasile, Cile e Cuba, ha annunciato più di trenta miliardi di dollari di nuovi investimenti e ha firmato contratti di lungo periodo per la fornitura alla Cina di materie prime essenziali. Gli effetti politici di queste iniziative sembrano più evidenti in Brasile, dove Lula ha più volte lanciato l’idea di una “alleanza strategica” con Pechino, e in Venezuela, dove Chavez salutò nella rapida ascesa degli scambi petroliferi con la Cina l’aprirsi di una via per il Venezuela per rompere con la propria dipendenza dal mercato americano”.[4]

Tirando le somme, possiamo stabilire alcune caratteristiche essenziali della poderosa ascesa cinese: aumento della produzione di beni, merci e prodotti materiali che ha mantenuto un + 10% di PIL ultimo decennio; (le cifre più caute parlano di un + 8% di PIL nell’ultimo biennio). Un aumento delle condizione di vita della popolazione (il PIL è cresciuto di pari passo con il potere d’acquisto delle masse lavoratrici, mantenendo la disoccupazione al 3,9 – 4,1%, e un potere d’acquisto medio annuo delle masse lavoratrici del + 10%). Una chiara crescita della domanda interna, funzionale anche alla protezione dalle oscillazioni dei mercati internazionali. Ed un aumento della capacità di erogazione del credito bancario interno alle forze imprenditoriali; come infatti ricorda l’economista statunitense Patrick Chovanec“In Cina per combattere la recessione sono stati introdotti due piani di stimolo all’economia. Nel primo il governo ha speso 4000 milioni di renminbi per potenziare le infrastrutture. Con il secondo piano ha iniettato nelle banche commerciali 10.000 milioni di renminbi perché li dessero in prestito a chi ne aveva bisogno; di questi, 2000 milioni sono serviti a sostenere il primo stimolo. Una parte dei prestiti elargiti dalle banche sono i cosiddetti non-performing loans, investimenti che non generano soldi ma che sviluppano l’economia, come per esempio la costruzione di strade ferrate. Per il governo cinese incitare le banche a comportarsi in questo modo, e cioè a concedere prestiti, non è un problema perché è ricco e se necessario può facilmente ricapitalizzare”.[5] E qui basta ricordare come l’enorme surplus monetario cinese abbia avuto una conseguenza epocale dal punto di vista geo-economico, nella misura in cui il credito cinese si è tradotto in acquisto del tesoro americano. L’ammontare di titoli detenuto da questa ampia categoria di finanziatori del debito USA ammonta a più di 9.000 miliardi di dollari. Spiccano in particolare i 1.152 miliardi detenuti dalla Cina, a cui vanno aggiunti i 112 miliardi in mano a Hong Kong e una frazione più risibile a Macao. A seguire c’è il Giappone, creditore fin dai primi anni Ottanta, con 906 miliardi. Terzo posto per il Regno Unitocon 333 miliardi e quarto per i Paesi esportatori di petrolio con 221,5 miliardi. Da notare anche il Brasile con quasi 207 miliardi.

Dall’altra ci sono gli enti governativi statunitensi con i restanti 4.613 miliardi. Per la gran parte si tratta di fondi fiduciari per finanziare il sistema del welfare (come i programmi Social Security e Medicare) e la costruzione di infrastrutture. In pratica, se sommiamo questi titoli a quelli detenuti dalla Fed scopriamo che quasi la metà (circa 6.000 miliardi) del debito del Paese è con se stesso, il che non è molto rassicurante. Un po’ come avveniva da noi negli anni Ottanta, quando l’allora Ministero del Tesoro apriva linee di credito presso la Banca d’Italia per finanziarsi. L’adesione all’euro, con il conseguente trasferimento delle competenze di politica in tema di monetaria in capo alla Bce, ha posto fine a questa pratica licenziosa. In secondo luogo, oltre 7.840 miliardi sono detenuti da investitori nazionali, mentre la restante metà è in mano ad investitori esteri. Ciò significa che in caso di default il mercato soffrirebbe non poco, con ripercussioni potenzialmente gravi per la stabilità della finanza internazionale. Infine, l’ultima demarcazione è tra titoli negoziabili e non. Quasi tutto il debito detenuto dal pubblico è negoziabile, ovvero passibile di essere oggetto di scambio sui mercati. Solo una piccola parte (540 milioni) è non negoziabile, dunque emesso in favore di determinati possessori e detenuto stabilmente da questi ultimi. In buona sostanza la Cina Popolare è oggi il primo finanziatore del debito americano, senza della quale l’economia statunitense non avrebbe più avuto copertura reale per mantenere i propri equilibri di bilancio ad un livello accettabile. Questo modello dello sviluppo cinese, che vede consumo e produzione regolati dall’autorità dello Stato, legando costantemente crescita del PIL alla crescita condizioni di vita (e relativa capacità di consumo interno) e viene chiamato socialismo armonico di mercato.

A questo punto risulta naturale una riflessione di carattere ideologico; non deve infatti stupire, e nemmeno suonare coma un’anomalia, il fatto che elementi di economia di mercato siano per la Cina Popolare affiancati ad elementi di carattere statale e socialista, nel quadro di una salda guida del PCC sui vari organi di Governo. Questo sistema, che è fondamentalmente un sistema misto tra imprese pubbliche e private sotto la direzione generale dello Stato è chiamato come socialismo armonico di mercato in tutti i documenti scaturiti nei due ultimi Congressi generali del PCC, il 17° e il 18°. Spesso tale sistema è criticato, inopportunamente, anche da settori della sinistra che sono dimentichi dell’autonoma tradizione socialista cinese, dove la collaborazione tra attori pubblici e privati allo sviluppo della nazione è in realtà una costante. Consci del fatto che, oltretutto con assoluta correttezza anche marxista, i dirigenti cinesi vedono il socialismo non come collettivizzazione della povertà (vedi comuni agricole maoiste) ma come collettivizzazione di un benessere diffuso che deve essere conseguente al pieno sviluppo delle forze economiche, tecnologiche e scientifiche della nazione (anzi come sua filiazione), in realtà nella storia del socialismo cinese il concetto di cooperazione tra classi sotto la direzione dello Stato emerge ben prima della fase attuale. Già Mao Tse Tung, con la sua teoria del Fronte Unito aveva infatti teorizzato che “La Repubblica Popolare, nel periodo della rivoluzione democratica borghese, non abolirà la proprietà privata, a meno che non abbia carattere imperialistico o feudale, non confischerà le imprese industriali e commerciali della borghesia nazionale, ma, al contrario ne incoraggerà lo sviluppo. Dobbiamo proteggere qualsiasi capitalista nazionale, a condizione che non appoggi gli imperialisti o i traditori della patria. Nella fase della rivoluzione democratica, la lotta tra il lavoro e il capitale avrà dei limiti. Le leggi sul lavoro della repubblica popolare salvaguarderanno gli interessi degli operai, ma non saranno dirette contro l’arricchimento della borghesia nazionale e lo sviluppo dell’industria e del commercio nazionale, poiché tale sviluppo nuoce agli interessi dell’imperialismo ed è a vantaggio degli interessi del popolo cinese. Ne consegue che la repubblica popolare rappresenterà gli interessi di tutti gli strati del popolo in lotta contro l’imperialismo e le forze feudali”.[6] Ebbe, non a caso, modo di affermare ciò nel 1969, proprio dopo fallimento grande balzo in avanti e comuni agricoli, esperimento ammirevole ma contraddittorio di socialismo rurale. Ancora Deng Xiaoping così si espresse a proposito della modernizzazione socialista: “Le forze d’avanguardia della produzione, la cultura più avanzata e i più ampi interessi delle masse, incoraggiando la partecipazione popolare a partire da tutti i livelli della società per trasformare la Cina in un moderno paese socialista”. E ancora Jang Zemin, parlando della teoria della tripla Rappresentanza, ebbe a dire: “Il compito fondamentale del socialismo è di sviluppare le forze produttive. Durante lo stadio iniziale è tanto più necessario concentrarsi, con assoluta priorità, sul loro sviluppo. Diverse contraddizioni esistono nell’economia, nella politica, nella cultura, nelle attività sociali e in altri settori della vita in Cina; ma la contraddizione principale nella società è quella tra i crescenti bisogni materiali e la produzione arretrata. La contraddizione principale continuerà ad essere questa durante la fase iniziale di costruzione del socialismo in Cina e in tutte le attività della società”.[7] Il Presidente Hu Jintao, sulla stessa falsariga, così descrisse nello Statuto del PCC varato nel 2007 i caratteri del socialismo armonico di mercato: “la visione dello sviluppo scientifico è una teoria scientifica che si adatta perfettamente ai tempi e che deriva in linea diretta dal marxismo-leninismo, dal pensiero di Mao Tse Tung, dalla teoria di Deng Xiaoping e dall’importante pensiero della Tripla rappresentanza”.[8]Insomma che Stato e mercato attori parallelamente coinvolti in uno stesso progetto di sviluppo e modernizzazione sono un elemento di continuità dello straordinario sviluppo cinese, e non un’anomalia. Questo perché si può scorgere un filo rosso del socialismo cinese, che pone il tema del progresso come propedeutico a quello del socialismo (prima contraddizione tra cina e suoi nemici; seconda tra classi all’interno della cina – prima contraddizione tra sviluppo e sottosviluppo; seconda su distribuzione sociale sviluppo), sorge però una questione: ma lo Stato e il Pcc che ruolo hanno, o si limitano a guardare il dispiegarsi delle forze produttive? La risposta deve essere scorta negli obiettivi di lungo termine del progetto modernizzatore della Cina Popolare; Mao diceva che prima di poter parlare di socialismo in Cina bisognava almeno attendere un secolo, e chi lo accusava di temporeggiare, controargomentava che al capitalismo erano servite due rivoluzioni industriali ed oltre due secoli ed ancora non aveva risolto le sue contraddizioni; Hu Jintao, nel congresso del 2007, parlava del 2012 (centesimo anniversario del Pcc) come data per poter parlare di “una società di media prosperità di livello elevato” e del 2049 (centesimo anniversario della Rep. Pop.) come data decisiva per il raggiungimento di “uno Stato socialista armonioso, prospero, potente, democratico e modernizzato”.

Per il ruolo giocato dalla Cina nell’economia mondiale e per le potenzialità espresse, questo paese è ormai un fattore chiave nell’analisi dell’attuale crisi internazionale. In tal senso, benché i vari punti di vista e le opinioni in merito non siano omogenei, c’è un certo consenso riguardo al ruolo di rilievo che la Cina potrebbe avere nelle dinamiche globali. La crisi, scoppiata negli Stati Uniti a metà del 2007 come crisi del mercato immobiliare, è divenuta una crisi finanziaria di portata mondiale, e ora tutti concordano sul fatto che si tratti di una crisi economica globale che ha reso manifeste le conseguenze della liberalizzazione e globalizzazione dei mercati. L’estensione pressoché immediata della crisi al resto del mondo trova spiegazione nella stretta interconnessione esistente tra i diversi mercati finanziari, nella liberalizzazione e flessibilità delle operazioni finanziarie e nell’automatizzazione dei mercati; processo che ha reso facile l’acquisto, da parte investitori internazionali che ne ignoravano la natura – e dunque il rischio insito – di complessi prodotti finanziari legati ai debiti ipotecari. La crisi, inoltre, trascende ormai l’ambito finanziario e va a toccare l’economia reale. L’impatto maggiore è avvertito nell’economia nordamericana, dove si osserva un rallentamento della crescita ed una contrazione della domanda interna, che incide indirettamente sul resto del mondo in termini di scambi commerciali. Nel caso dell’Asia, benché l’esposizione diretta alla crisi sia stata limitata dalla minore presenza di titoli “tossici” nei mercati finanziari di questi paesi, l’impatto è stato comunque avvertito, proprio a causa del processo avanzato di globalizzazione dell’economia mondiale. Il colpo più duro è venuto dal rallentamento della crescita globale, in particolare negli Stati Uniti e in Europa. Questo rallentamento si riflette sulla domanda, e comporta un calo delle esportazioni con conseguenze pesanti sull’economia asiatica.

Anche la Cina è stata colpita dalla crisi, benché l’impatto diretto sia stato abbastanza limitato. Si stima che degli oltre 1,9 bilioni (milioni di miliardi) di dollari statunitensi presenti nelle riserve monetarie cinesi, almeno la metà sia costituita da investimenti in titoli del debito pubblico statunitense e da oltre 400 mila milioni da titoli di Fannie Mae e Freddy Mac.[9] Il livello di esposizione più elevata è quello della Banca Centrale e di altre banche commerciali (soprattutto la Banca Cinese e la Banca Commerciale Cinese) che nel complesso detenevano circa 30 mila milioni di dollari in prodotti finanziari legati alle ipoteche americane. Inoltre, almeno 7 banche cinesi hanno confermato di avere, al momento della bancarotta, buoni della Lehman Brothers per 772 milioni di dollari, una cifra che tuttavia rappresenta meno dello 0,5% del capitale complessivo investito in titoli.[10] Tuttavia, dato l’orientamento dell’economia verso le esportazioni, l’impatto più duro è stato avvertito sul commercio e sugli investimenti, molto forte in termini di riduzione delle esportazioni. Infatti, pur essendo queste cresciute del 30% annuale tra 2003 e 2007, e del 20% nel 2008, nel dicembre dello stesso anno il tasso di crescita inter-annuale[11] si è ridotto al 5,3%, a causa della contrazione della domanda, in primo luogo da parte dei mercati statunitensi ed europei.[12] Va considerato, a proposito, che la domanda dei G-3 (Stati Uniti, Europa e Giappone) rappresenta il 46% delle esportazioni cinesi. A partire da ottobre 2008 gli investimenti diretti esteri (IDE) hanno avuto una tendenza decrescente. Durante i primi cinque mesi dell’anno gli IDE verso la Cina si sono ridotti del 20,4% rispetto allo stesso periodo del 2008, attestandosi a 34.050 milioni di dollari. Nel maggio 2009 inoltre sono diminuiti di un ulteriore 17,8%, scendendo a 6.380 milioni di dollari, in conseguenza dell’ottava caduta mensile consecutiva. Tutto ciò ha avuto un effetto notevole sulla crescita, dato che le esportazioni costituiscono il 40% del PIL cinese e che nel 2008 gli investimenti esteri sono stati pari al 29,7% della produzione industriale totale, al 21% delle entrate fiscali, al 55,3% delle esportazioni ed al 54,7% delle importazioni; inoltre, gli IDE avevano creato posti di lavoro per 45 milioni di persone.[13] Dunque nel 2008, con una crescita del 9% (la più bassa degli ultimi sette anni), l’economia cinese ha vissuto il rallentamento più forte a partire dalle riforme di trent’anni fa. Il rallentamento della crescita in sé, non è poi così grave per la Cina, considerando che le autorità intendevano frenarla per evitare il surriscaldamento dell’economia; tuttavia dal punto di vista della creazione di posti di lavoro la minore crescita ha un peso significativo, e date le caratteristiche demografiche della Cina, pone il paese intero di fronte ad una sfida importante. Si stima, infatti, che l’economia cinese debba mantenere un tasso di crescita vicino all’8% annuo per poter creare abbastanza impiego da garantire la stabilità sociale e politica del paese. La crisi attuale ha coinvolto circa 150 milioni di lavoratori immigrati, di cui circa 20 milioni sono dovuti tornare nei luoghi d’origine. Si avverte inoltre l’urgenza di creare nuovi posti di lavoro per i 6,5 milioni di studenti universitari che si sono laureati nel 2009. Nonostante quanto detto finora, la Cina può contare su alcune fattori che la pongono in una posizione migliore nella crisi rispetto ai grandi paesi occidentali, sia per quanto riguarda la limitatezza dell’impatto, sia per quanto riguarda la possibilità di affrontarne le conseguenze. Tra i fattori che spiegano la limitatezza dell’impatto vanno citati: la possibilità del governo cinese di utilizzare poderosi strumenti d’intervento, nonostante la liberalizzazione e l’apertura dell’economia frutto delle riforme. Tale capacità d’intervento è evidente nel grado di controllo sul mercato finanziario, nella limitazione posta agli investimenti esteri e nella cautela usata rispetto ai complessi prodotti finanziari diffusi negli altri paesi. Benché sia cresciuto il livello di interdipendenza tra economia mondiale ed economia cinese, il sistema finanziario di quest’ultima non ha ancora forti legami con quello internazionale, e ciò determina una maggiore resistenza agli effetti della crisi finanziaria. Oltre a ciò, in confronto ad altri paesi la Cina era più preparata ad assorbire le conseguenze della crisi. Da questo punto di vista occorre considerare i successivi vari elementi. Il sistema bancario è stato notevolmente migliorato dalle riforme ed è più solido rispetto a quello degli altri paesi. I crediti non recuperabili sono solo il 5% dei titoli posseduti. Anche se la quota dovesse salire al 12%, le perdite potrebbero essere assorbite attraverso le rendite bancarie. In Cina la situazione dei debiti è comodamente gestibile. A fine 2007 il totale dei prestiti rappresentava meno del 12% del PIL, di cui il 7% costituito da debiti a breve scadenza. Inoltre, con un surplus di partita corrente del 10%, la Cina non ha bisogno di far affluire valuta estera per finanziare la propria crescita. La situazione fiscale è solida, con un debito pubblico che ammonta 15% del PIL e un surplus fiscale del 1%. Il tasso di risparmio privato è uno dei più elevati al mondo (35%), perciò le banche cinesi possono contare su un’abbondante liquidità e il sistema bancario è uno dei pochi a non essere stato toccato dalla crisi del credito. Inoltre, la quota dei prestiti sui depositi è al livello che aveva a metà anni Sessanta, e dato che molte banche sono pubbliche, il flusso del credito può essere diretto verso l’economia a seconda delle necessità. La Cina può contare sulle riserve monetarie più ampie del mondo, dato ché a fine marzo 2009 ammontavano ad 1 bilione, 953 mila e 700 milioni di dollari. Quella cinese è fondamentalmente un’economia di Stato (quasi il 70% della proprietà dei mezzi di produzione è in mano allo Stato), con un potere decisionale e d’intervento fortemente centralizzato.

I punti di forza citati fanno sì che, a differenza della maggior parte dei paesi colpiti, la Cina possa contare sugli strumenti necessari ad adottare incentivi economici utili per affrontare la situazione. In sintesi questi strumenti sono: le ampie risorse statali; la capacità di gestione, la cautela e la flessibilità dimostrate dal governo e dal Partito Comunista; la serietà dimostrata nell’impegno a sostenere l’economia. In quest’ottica, il governo si è affrettato a promuovere un ampio piano di incentivi economici da qui al 2010, per un ammontare di 4,4 bilioni di yuan (585.000 milioni di dollari), pari al 13 % del PIL. L’80 % delle risorse sarà destinato ad investimenti infrastrutturali, e gli effetti saranno percepiti gradualmente a partire dal secondo semestre del 2009 e nel 2010.[14] Il piano adottato ha quattro obiettivi strategici: 1-Equilibrio dell’economia: sviluppare un strategia di crescita a lungo termine, basata in misura maggiore sul consumo interno e meno sulle esportazioni. 2-Aumentare l’efficienza: modernizzare e ristrutturare l’industria per migliorarne la produttività e l’efficienza (rivitalizzare i settori più importanti per lo sviluppo). 3-Sviluppo sociale: estendere il benessere sociale ed aumentare i livelli occupazionali. 4-Dare alle riforme un carattere di continuità: mantenere stabile il processo di riforma e fare progressi nel raggiungimento degli obiettivi stabiliti. Con queste finalità, il governo ha aumentato le risorse del piano 2009 destinate al settore ricerca e sviluppo e alla spesa sociale in aree chiave come l’istruzione, l’assistenza medica e la sicurezza sociale. Dunque, il programma cinese anticrisi si differenzia notevolmente da quelli messi in atto dagli altri paesi. In primo luogo, si differenzia per l’entità dell’intervento, che in termini di risorse è il maggiore messo in pratica tra tutti i paesi emergenti; Secondo, è diverso perché la sua azione non si limita ad affrontare la situazione congiunturale, e punta invece verso uno sviluppo a lungo termine; Terzo, il programma d’intervento tocca la sfera sociale e include impegni importanti sul piano della protezione ambientale, cosa che manca totalmente nei piani d’intervento degli altri paesi e che risulta ancora più significativa data la situazione di crisi; Infine, si tratta di uno dei programmi più efficaci, dato che se ne cominciano già a vedere i risultati.

A dispetto della rapidità con cui le misure descritte sono state adottate in Cina, nei primi mesi del 2009 gli effetti della crisi non hanno smesso di manifestarsi. Il commercio ha continuato a contrarsi rispetto all’ultimo trimestre del 2008, le esportazioni sono diminuite del 25,7 % e le importazioni del 43,1 %. Nel settore industriale la caduta del valore aggiunto è stata di 9,1 punti percentuali rispetto al totale del 2008. La diminuzione del tasso di crescita, nel primo trimestre del 2009 è stata sensibile (6,1 % rispetto al primo trimestre del 2008), anche se le politiche espansive adottate hanno cominciato a stimolare la domanda interna e l’economia ha iniziato a riprendersi. Per il 2009 ci si aspetta che l’economia cresca del 7-8 %, e che inizi un lento recupero nel corso del 2010, dato che ci vorrà del tempo per avviare un processo di crescita diverso da quello basato sulle esportazioni. L’opinione di Li Yang, ex consulente della Banca Centrale cinese e direttore dell’Istituto di Finanze dell’Accademia di Scienze Sociali cinese, l’andamento del recupero avrà la forma di una “W”, ovvero la crescita diminuirà nel momento in cui si esaurirà l’effetto immediato delle misure di stimolo fiscale e monetario, ma in seguito tornerà ad aumentare.[15] A partire dal primo trimestre del 2009 alcuni indicatori hanno iniziato a dare segni positivi: gli aggregati monetari e i crediti del settore finanziario hanno registrato una tendenza al rialzo. Il credito erogato nel corso dell’anno rappresenta più del 93 % del credito concesso nel 2008. Inoltre, anche la produzione industriale e il valore aggiunto del settore hanno invertito la tendenza al ribasso, salendo del 5,1% (1,3 punti percentuali in più rispetto a febbraio), e gli investimenti diretti esteri mostrano segni di recupero quali il rallentamento della flessione rispetto ai mesi precedenti. Altri indicatori incoraggianti sono l’aumento dell’investimento in titoli a tasso fisso, che ha raggiunto il 28,8%, così come la crescita dei consumi rappresentata dall’aumento della vendita di automobili (3,4% rispetto al primo trimestre del 2008). In base a questi dati, gli analisti sono certi che la Cina sarà il primo paese a riprendersi dalla crisi e quello che a livello mondiale avrà la crescita maggiore, benché non potrà tornare ai tassi di aumento del PIL a due cifre degli ultimi anni. Sembra fuori dubbio che per la Cina l’esito finale della crisi sarà positivo, non solo in termini di raggiungimento degli obiettivi interni, ma soprattutto per la posizione internazionale che guadagnerà. Sul piano del commercio, la diminuzione dei prezzi di materie prime e prodotti alimentari ha reso meno costose le importazioni, e ciò si riflette positivamente sulla competitività delle esportazioni, oltre a rappresentare un vantaggio per i consumatori cinesi in termini di moderazione del rischio d’inflazione.[16] La diminuzione dei prezzi, aiuta a sua volta a compensare la caduta del volume di esportazioni, e pone il paese in condizioni più favorevoli ad aumentare la presenza sui mercati esteri. Sfruttando la contrazione della domanda di combustibili causata dalla recessione mondiale e dal loro deprezzamento, la Cina sta orientando gran parte delle riserve monetarie all’acquisto di greggio dall’estero, con l’obiettivo di accrescere le proprie riserve petrolifere e assicurare sia la crescita presente che futura. D’altra parte, a causa della scarsità di risorse disponibili per il finanziamento su scala mondiale e dell’ampiezza delle riserve monetarie cinesi, il paese sta accentuando la strategia di investimento all’estero, per garantirsi le risorse necessarie alla crescita e l’accesso a nuove tecnologie.[17] È noto, inoltre, che di fronte alle difficoltà economiche attraversate da numerose imprese occidentali la Cina ha manifestato interesse alla loro acquisizione totale o parziale, il che ha suscitato congetture in merito al tentativo del gigante asiatico di aiutare tali imprese, o piuttosto di stare approfittando della crisi delle stesse. Finora, la Cina ha dimostrato di gestire tali progetti con estrema cautela, cercando di non entrare in conflitto con le controparti occidentali, evitando rischi economici e politici e dando prova di grande responsabilità sullo scenario internazionale. Dal punto di vista monetario, lo yuan si è mantenuto stabile, con una tendenza all’apprezzamento rispetto al dollaro statunitense, ciò a causa della volatilità del dollaro e della posizione cinese nel contesto attuale, che rende sempre più plausibile un maggiore riconoscimento dello yuan a livello internazionale. Nel complesso questi elementi confermano che la crisi sta facendo da catalizzatore rispetto all’emergere sullo scenario globale della Cina, destinata ad avere un ruolo sempre più importante. Nel breve termine, ci si aspetta che il Gigante Asiatico abbia un peso rilevante nell’uscita dalla crisi e che diventi la seconda economia mondiale (secondo alcuni questo avverrà nel 2010, secondo altri nel 2018).[18] La posizione occupata a livello mondiale dal PIL, costituisce unicamente una misura delle dimensioni dell’economia cinese, ma non è rilevante in termini assoluti. In primo luogo perché dal punto di vista dei redditi procapite la Cina impiegherà ancora molto tempo per raggiungere i livelli dei paesi sviluppati; in secondo luogo perché per la Cina è più importante il grado di partecipazione all’economia e alla politica internazionale, piuttosto che la posizione occupata nelle classifiche degli indicatori macroeconomici. Quello che è certo è che in questa fase la Cina Popolare si sta affermando come uno dei motori dell’economia mondiale, con un apporto sempre maggiore alla crescita mondiale. In questo senso, si ipotizza che il miglior contributo che la Cina possa dare all’uscita dalla crisi è continuare il processo di crescita. Di fatto, il PIL cinese complessivo come dato di stock non è ancora largamente superiore a quello di Europa e Stati Uniti. Inoltre, il consumo privato è ancora un terzo di quello statunitense, perciò la contrazione del consumo negli Stati Uniti, a cui va aggiunta quella in atto nelle altre economie avanzate, non può essere compensata dall’aumento del consumo cinese e delle altre economie emergenti sul breve termine. Altro aspetto da considerare, in merito al possibile contributo cinese all’uscita dalla crisi mondiale, è quello delle relazioni cinesi con il resto del mondo. Da questo punto di vista, nei confronti degli Stati Uniti, si osserva un atteggiamento di sostegno del dollaro, al punto che ormai il futuro economico degli Stati Uniti dipende in larga misura dalla continuità dell’acquisto di buoni del Tesoro da parte cinese. Naturalmente, la Cina è molto interessata sul brevissimo termine a mantenere a galla quello che è il suo maggior acquirente internazionale, oltre che fonte di capitali d’investimento, perciò ha continuato a comprare i buoni nonostante la svalutazione del dollaro, la cui quota nelle riserve cinesi è però in via di diminuzione. Nei confronti dell’Europa, l’atteggiamento cinese è una politica di cooperazione diretta a stimolare la domanda e la crescita di entrambe le economie, e ad evitare che la crisi spinga all’adozione di misure protezionistiche. Per quanto riguarda lo scenario asiatico, spicca il ruolo assunto dalla Cina nella cooperazione e concertazione regionale delle politiche di stabilità finanziaria e monetaria. In tal senso, è notevole la determinazione cinese mostrata nell’appoggio alla Iniziativa di Chiang Mai, un sistema di scambio di valute tra paesi asiatici istituito dopo la crisi finanziaria regionale di fine anni Novanta, in aggiunta agli incentivi finanziari e fiscali alle esportazioni.[19] Recentemente i paesi dell’Asean +3 hanno stabilito le quote che ognuno apporterà al fondo comune, che ammonta a 120.000 milioni di dollari; si tratta della prima azione congiunta e autonoma di portata continentale diretta a fronteggiare la crisi e a proteggere le monete nazionali dei paesi membri. Per quanto riguarda il peso relativo di ciascun paese, Cina e Giappone superano entrambi il 32% del totale, la Corea del Sud si attesta al 16% e gli altri paesi dell’Asean coprono il residuo 20%. Per quanto riguarda i paesi in via di sviluppo, la Cina ha aumentato l’aiuto nonostante la crisi finanziaria globale e si è detta disponibile a sostenere i paesi in difficoltà. All’inizio del 2009, i leader cinesi sono stati in Asia, Africa, America Latina ed Europa per discutere alcuni progetti di cooperazione commerciale ed economica, contrastare le misure protezionistiche e raccogliere consenso sulla comune opposizione alla crisi. Per altro, le autorità cinesi hanno dichiarato che continueranno ad impegnarsi nell’implementazione degli accordi stipulati con gli altri paesi, guadagnando credibilità come “partner di fiducia” nell’attuale contesto di crisi. Infine, vanno sottolineati aspetti rilevanti, come il ruolo che nel lungo termine la Cina potrebbe assumere a livello mondiale. In tal senso, si intravede il potenziale protagonismo cinese sul piano finanziario e nella ricostruzione del sistema finanziario internazionale, soprattutto per quanto riguarda l’emergere dello yuan e la partecipazione cinese alle istituzioni finanziarie internazionali. In merito alla propria valuta la Cina sta attuando, con intensità sempre maggiore, una strategia di promozione dello yuan come moneta internazionale, strategia che prevede l’avvio di progetti di cooperazione con altri paesi, come Argentina e Russia, che inizieranno ad usare lo yuan come mezzo di pagamento nell’interscambio commerciale, al fine di limitare la propria dipendenza dal dollaro statunitense; da parte cinese, l’obiettivo è invece quello di diffondere lo yuan in regioni diverse da quella asiatica. Negli ultimi mesi il paese ha poi firmato accordi nei quali si impegna a prestare yuan a determinati paesi asiatici (Corea del Sud, Malesia, Indonesia) e alla Bielorussia, qualora dovessero attraversare un’emergenza finanziaria; inoltre Hong Kong è stato autorizzato ad usare lo yuan nel commercio con il resto dell’Asia. Tuttavia, almeno nel breve e nel medio termine, lo yuan non sostituirà il dollaro come moneta di riserva internazionale globale (alcuni economisti lo considerino possibile entro il 2020)[20], anche se Shangai si affermerà come vero e proprio centro finanziario mondiale; per allora si stima che il 9% delle riserve mondiali saranno in valuta cinese, facendone così la quarta valuta più importante dopo il dollaro, l’euro e la sterlina. Per quanto riguarda il ruolo all’interno delle istituzioni finanziarie mondiali, l’aumento del potere finanziario cinese avrà l’effetto di limitare la capacità di decisione unilaterale di Stati Uniti ed Unione Europea. La Cina ha inoltre mostrato disponibilità a finanziare il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Asiatica di Sviluppo (ADB), e dunque a rafforzare la propria posizione in questi organismi. Va poi considerato che, nel 2010, il Fondo Monetario revisionerà i pesi assegnati alle singole valute all’interno del paniere di monete che compongono i cosiddetti Diritti Speciali di Prelievo. La composizione di questo paniere viene aggiornata ogni cinque anni, nell’ultima revisione del 2005 il dollaro rappresentava il 44% del paniere, l’euro il 34%, lo yen e la sterlina l’11% ciascuno; nella revisione del 2013 lo yuan potrebbe far parte della lista. Inoltre, recentemente la Cina ha proposto di creare una nuova valuta internazionale, gestita dal Fondo Monetario, che rimpiazzi il dollaro come moneta di riserva e di scambio commerciale. Questa moneta potrebbe essere costituita dagli stessi Diritti Speciali di Prelievo, in modo da rendere più stabile il sistema finanziario internazionale. La proposta cinese, benché di difficile attuazione per molte ragioni, di cui alcune di carattere tecnico, esprime la preoccupazione e la necessità avvertita di un’ampia ristrutturazione delle finanze globali e sottolinea, oltre alle perplessità cinesi nei confronti del dollaro, la volontà implicita di giocare un ruolo di maggiore protagonismo nella finanza internazionale. In sintesi, la crisi sta accelerando la formazione di un nuovo ordine mondiale economico, finanziario e politico, nel quale la Cina occuperà una posizione di superiorità indiscutibile.

A causa dei progressi nel grado di integrazione all’interno dell’economia mondiale, la Cina ha subito solo marginalmente gli effetti della crisi mondiale; tuttavia, le peculiarità del modello economico cinese si riflettono nelle caratteristiche dell’impatto: l’esposizione diretta alla crisi è stata limitata e l’effetto più forte deriva dal calo delle esportazioni e degli investimenti esteri. La Cina può far leva sulle caratteristiche del proprio modello economico che hanno limitato l’impatto, e sui punti di forza che la pongono in una posizione migliore degli altri paesi nel processo di recupero. La crisi ha messo in evidenza le peculiarità del modello economico cinese, nella misura in cui aspetti tradizionalmente oggetto di critica si sono invece rivelati punti di forza nel proteggere l’economia del gigante asiatico. Risulta quindi evidente che la crisi finanziaria occidentale sta facendo da catalizzatore del ruolo emergente della Cina sullo scenario mondiale, e del sempre maggiore protagonismo del paese asiatico.

*

[1]  Vedi K. Marx, Il Capitale, Editori Riuniti, Roma, 1964, pp. 180-184.

[2]  Vedi D. Harvey, The Enigma of Capital and the Crises of Capitalism, Profile Books, London, 2010.

[3]  Vedi  Paul Bowles and Xiao-yuan Dong, New Left Review, n°208 1-1-12:1994 pp. 49 – 77

[4]  Vedi G. Arrighi, Adam Smith a Pechino, Feltrinelli, Milano, 2008, pp. 234-235.

[5]  Vedi L. Napoleoni, Maonomics, 2010, p. 110.

[6]  Vedi Mao Zedong, Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese, 27 dicembre 1935, in Opere scelte, Vol. I, Casa Editrice in Lingue Estere, Pechino, 1969, pag.173.

[7]    Intervento disponibile anche sul sito internet China Daily, 7 dicembre 2002 .

[8]   Hu Jintao, risoluzione del XVII Congresso del PCC sullo Statuto, 21 ottobre 2007.

[9]    Società, patrocinate dal governo statunitense, che detenevano o garantivano la gran parte dei prestiti ipotecari, e che sono andate fallite.

[10]  Arribas Quintana, Javier, Crisis financier global: Serà China una victima o saldrà beneficiada?, Global Asia, 1/11/2008.

[11]   Bustelo, Pablo, Podrà China capear el temporal?, El Paìs.com, 25/01/2009.

[12]  Secondo alcune stime, quando la crescita del PIL statunitense diminuisce di un punto percentuale, le esportazioni cinesi calano del 4,75%, tale è il livello di interrelazione ed interdipendenza.

[13]  “Gli IDE in Cina scendono del 20,4% nei primi cinque mesi”, Pueblo en Linea, 16/06/2009.

[14]  Reuters, 16/06/2009

[15]  Reuters, 15/06/2009.

[16]  Lo yuan si è apprezzato del 20% tra il luglio 2005 e il febbraio 2009. (Xinhua, 8/03/2009).

[17]  IPS, 6/03/2009.

[18]  Xinhua, 14/06/2009

[19]  Si tratta di un’iniziativa adottata dai paesi che dal maggio 2000 fanno parte dell’Asean+3, che istituendo un sistema di scambio delle valute e di unione delle riserve internazionali dei paesi membri, si pone l’obiettivo di aumentare la liquidità e di vigilare collettivamente per prevenire le crisi.

[20] Xinhua, 9/05/2009.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, India, Sistemi Economici, Unione Europea

Cina. Previsione del Cebr a dieci anni.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-03.

2017-12-27__Cina. Previsione del Cebr a dieci anni.__001

«Report sees India overtaking both U.K., France next year»

*

«The growing importance of Asia’s major economies will continue in 2018 and beyond, according to a league table that sees the region dominating in terms of size in just over a decade»

*

«The report by the Centre for Economics and Business Research in London sees India leapfrogging the U.K. and France next year to become the world’s fifth-biggest economy in dollar terms. It will advance to third place by 2027, moving ahead of Germany»

*

«Also by 2032, South Korea and Indonesia will have entered the top 10, supplanting the Group of Seven nations of Italy and Canada»

*

«China will also have overtaken the U.S. to hold the No. 1 spot.»

*

«Also by 2032, South Korea and Indonesia will have entered the top 10, supplanting the Group of Seven nations of Italy and Canada»

*

«Shanghai will replace Paris in the top five of global city economies by 2035»

* * * * * * * * * * * *

L’Occidente sta tramontando culturalmente, politicamente ed economicamente.

Si faccia attenzione!

Al momento attuale, a tutt’oggi, l’Occidente è ancora forte ed economicamente rilevante. Ma è in declino.

Per meglio spiegarci, pensate al luglio 1943

Le truppe tedesche occupavano gran parte della Russia europea. Ma i tedeschi avevano perso ad El-Alamein, a Stalingrado ed, infine, a Kursk erano state annientate quasi tutte le loro forze corazzate.

Se era evidente che avevano perso la guerra, ci vollero altri due anni di lacrime esangue per arrivarne a compimento.

Mutatis mutandis, la situazione attuale.

In occidente la classe politica latita: in Germania non riescono nemmeno a fare uno straccetto di governo, così, tanto per mandare qualcuno a tagliare i nastri.

Si faccia buona cura a non imitare i tedeschi che hanno capito di aver perso la guerra quando i russi hanno parcheggiato i loro carri armati sulla verticale del bunker della cancelleria: in quel momento non ci sarà più nulla da fare.


Bloomberg. 2017-12-26. China to Overtake U.S. Economy by 2032 as Asian Might Builds

– CEBR publishes World Economic League Table and predictions

– Report sees India overtaking both U.K., France next year

*

The growing importance of Asia’s major economies will continue in 2018 and beyond, according to a league table that sees the region dominating in terms of size in just over a decade.

The report by the Centre for Economics and Business Research in London sees India leapfrogging the U.K. and France next year to become the world’s fifth-biggest economy in dollar terms. It will advance to third place by 2027, moving ahead of Germany.

In 2032, three of the four largest economies will be Asian — China, India and Japan — and, by that time, China will also have overtaken the U.S. to hold the No. 1 spot. India’s advance won’t stop there, according to the CEBR, which sees it taking the top place in the second half of the century.

Also by 2032, South Korea and Indonesia will have entered the top 10, supplanting the Group of Seven nations of Italy and Canada.


Bloomberg. 2017-12-14. Shanghai Seen Replacing Paris as Global Growth Center by 2035

Shanghai will replace Paris in the top five of global city economies by 2035 in a sign the balance of the world’s economy is shifting east, according to an Oxford Economics study.

The top 780 cities in the world, which already produce almost 60 percent of global activity, will add almost half a billion more people and $32 trillion in output over roughly the next couple of decades, Mark Britton, an economist at Oxford Economics, writes in a research note published this week. 

The eye-popping headline figures mask significant disparities between cities studied, Britton wrote. Among the big winners: emerging Asia, with three other Chinese cities entering into the top 10: Beijing, Guangzhou, and Tianjin.

“The world’s urban center will continue to shift eastwards, particularly as growth in a number of cities in the West is likely to be constrained by aging, and in some cases, declining, population,” Britton wrote.

The changing power balance is shown by the forecast that the combined output of Asian cities will overtake that of urban centers in Europe and North America in about a decade, according to Britton. A decade ago, the cities in the West claimed twice the aggregate GDP of those in Asia. 

Non-Chinese Asian cities will also post impressive growth, with places like Mumbai and Kuala Lumpur adding $4.7 trillion in GDP through 2035. But China’s urban star power will increase by about $14 trillion over that period, and 15 of its cities will join the top-100 rankings, on top of 18 already on the  list. 

The estimates are based on  constant 2015 prices and exchange rates.

Two cities in Latin America – Santiago and Rio de Janeiro – will drop out of the top-100 rankings, and while the Middle East looks to be making gradual improvement, cities there could get a boost if development plans like Saudi Arabia’s are implemented. There will be rapid urbanization in African nations, but it will take time for that to translate into big economic gains, Britton estimates.

That challenge for policy makers – leveraging their populations to spur the economy – could make or break some of these cities, Britton warned.

“Rapid population growth in emerging cities requires considerable management to ensure the infrastructure can accommodate the additional people,” he wrote. “This includes the provision of adequate housing, support services and transport networks, whilst also developing and maintaining the city as an attractive place to live and work.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Unione Europea

Godetevi la guerra, perché la pace sarà tremenda. Stop ai QE.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-02.

2017-01-02__Retuters__001

Questa frase di Léon Degrelle circolava nei mesi che precedettero la fine del seconda guerra mondiale: è un equivalente del redde rationem.

Vi sono periodi più o meno lunghi nei quali la storia consente a taluni di agire a piacere loro, come se le usuali regole di umana convivenza non esistessero: assaporano il dolce gusto del potere assoluto e ne dispongono secondo voluttà.

Nel secolo scorso abbiamo assistito al nascere, imperare e morire di tre grandi ideologie.

Lenin diceva che il comunismo avrebbe dovuto essere eterno: durò settanta anni

Mussolini denominava ‘era’ il fascismo: durò venti anni.

Hitler parlava del Reich millenario, e durò tredici anni.

Se è vero che quando erano stati al potere comunisti, fascisti e nazionalsocialisti erano padroni di fare ciò che volevano, alla fine furono braccati da quelli che avevano buona memoria. Talora con le spicce, chi non ricorda i roghi dei gerontocomi russi? oppure le forche del periodo post bellico?, talora con l’esilio come per Mr Degrelle. In ogni caso con obbrobrio ed ignominia.

A nessuno venne mai in mente di chiamare al redde rationem San Francesco oppure San Vianey.

Questa è una lezione della storia che potere miscelato a superbia e supponenza esita sempre in una rovina per tutti. Adesso siamo in piena devoluzione delle ideologie liberal e del socialismo: con alti e bassi, con grandi colpi di coda, ma il trende è segnato da tempo. E con queste ideologie andranno nel cestino un buon numero di teorie economiche a loro tempo osannate.

Ma è un amen sentire la gente passare dal grido di “viva il duce” a quello di “morte al duce“.

* * * * * * *

«Inizio d’anno negativo per il mercato obbligazionario italiano, il quale, tra volumi sottili, fa i conti con la possibilità, ventilata dal membro del board della Banca centrale Benoit Coeurè, che il quantitative easing possa chiudersi a settembre, mentre gli occhi degli investitori sono già puntati sulle elezioni in agenda il 4 marzo»

*

«Intervistato nel fine settimana dal giornale finanziario cinese Caixin Global, Coeurè ha sostenuto ci siano ragionevoli possibilità che l’estensione degli acquisti di bond stabilita in autunno possa essere l’ultima»

*

«Lo scorso ottobre la Bce ha deciso di allungare almeno fino a settembre di quest’anno il Qe, dimezzandone l’importo mensile a 30 miliardi di euro a partire da questo mese»

*

«Confermata anche l’intenzione di mantenere i tassi d’interesse all’attuale minimo storico per un periodo prolungato di tempo, e ben oltre la chiusura del Qe»

*

«Movimento 5 Stelle, che propone un referendum sull’euro, come extrema ratio se i partner Ue non accettassero una riforma dei Trattati, giudicati penalizzanti per l’economia italiana.»

* * * * * * * *

Uno dei drammi degli ultimi decenni è stata l’invenzione dell’economia politica.

Se di per sé la cosa avrebbe anche potuto essere proficua, alla fine il potere politico ha però prevalso ed agli economisti è stato solamente chiesto di giustificare teoricamente l’operato dei governanti.

Se i quantitative easing hanno concorso a superare la crisi dei subprime, il loro mantenimento prolungato ha solo prodotto dilapidazione di risorse. Così sulle due sponde dell’Atlantico seimila miliardi sono stati iniettati nel sistema, senza riuscire in nulla a far riprendere i sistemi economici. Si pensi solo per comparazione ai benefici tratti dai cinesi dall’aver investito 1,500 miliardi nel progetto Belt and Road.

*

La situazione è semplice. È la logica conseguenza dell’ideologia liberal.

A tre mesi dalle elezioni la Germania è ancora senza governo, e tale resterà a lungo: è ingovernabile e tale resterà a lungo. Nuove elezioni replicherebbero i risultati attuali. Se riuscirà a fare un governo, sarà un governicchio anemico e senza autorità alcuna, in patria ed all’estero.

Nell’Unione Europea è in corso una rivolta dei paesi dell’est contro Bruxelles, di cui rigettano in modo completo la Weltanschauung.

Ed in Italia il quadro politico sembrerebbe essere quello di una ingovernabilità. Si badi bene: in momenti di situazione economica non buona, un governo non coeso e compatto, che idee ben chiare nella mente conta poco o nulla. È una foglia caduta nel torrente e trascinata dalla corrente.

Il ridicolo è che i popoli che si sono dotati di strumenti di formazione dei governi funzionanti anche in tempi burrascosi sono bollati con l’epiteto di ‘antidemocratici‘. È la condatta di ciò che funziona. Ma il mondo non si siede certo ad aspettare che l’Europa risolva i suoi problemi.

*

Nessuno ha la minima intenzione di generalizzare al futuro quanto accaduto oggi in borsa: sicuramente ci saranno alti e bassi, ma una cosa è certa. I QE non possono essere considerati provvedimenti eterni.

Poi, all’orizzonte si staglia anche un qualcosa che potrebbe anche portare un grande sconquasso:

«referendum sull’euro».

In sintesi, ci si prepari a dover transitare per un lungo periodo di turmoil politici, sociali ed economici.


Reuters. 2018-01-02. Debutto 2018 in rosso: incombe voto e Coeurè avvicina fine Qe. Spread balza a 165

Inizio d’anno negativo per il mercato obbligazionario italiano, il quale, tra volumi sottili, fa i conti con la possibilità, ventilata dal membro del board della Banca centrale Benoit Coeurè, che il quantitative easing possa chiudersi a settembre, mentre gli occhi degli investitori sono già puntati sulle elezioni in agenda il 4 marzo.

** Intervistato nel fine settimana dal giornale finanziario cinese Caixin Global, Coeurè ha sostenuto ci siano ragionevoli possibilità che l’estensione degli acquisti di bond stabilita in autunno possa essere l’ultima.

** Lo scorso ottobre la Bce ha deciso di allungare almeno fino a settembre di quest’anno il Qe, dimezzandone l’importo mensile a 30 miliardi di euro a partire da questo mese.

** Francoforte, in occasione del consiglio di dicembre, ha poi ribadito che resta nella facoltà dell’istituto aumentare o ridurre l’importo e durata del programma, varato per ridare fiato alla crescita e all’inflazione, se fosse necessario.

** Confermata anche l’intenzione di mantenere i tassi d’interesse all’attuale minimo storico per un periodo prolungato di tempo, e ben oltre la chiusura del Qe.

** Le parole di Coeurè hanno pesato sul comparto dei titoli di Stato della zona euro, ma in particolare sui Btp, che risentono della fase d’incertezza politica che potrebbe aprirsi con le elezioni.

** Al momento infatti i sondaggi non attribuiscono a nessun partito o coalizione la maggioranza parlamentare necessaria a formare un governo. Primo partito risulta essere il Movimento 5 Stelle, che propone un referendum sull’euro, come extrema ratio se i partner Ue non accettassero una riforma dei Trattati, giudicati penalizzanti per l’economia italiana.

** Il M5S, inoltre, secondo quanto riportato dai quotidiani italiani in questi giorni, nell’ambito di una revisione delle proprie regole, si appresta a rimuovere il divieto di associarsi ad altre forze politiche, aprendo alla possibilità — finora esclusa — di alleanze post-elettorali.

** In questo contesto, il tasso del decennale italiano ha chiuso in area 2,1%%, massimo dalla fine di ottobre, da 2,009% dell’ultima chiusura del 2017.

** Ai massimi dal 19 ottobre anche lo spread con l’analoga scadenza del Bund, che in chiusura si è attestato a 164 punti base, dopo una fiammata a 165 punti base da 159 punti base del 29 dicembre.

** In salita a 50 punti base da 47 punti base dell’ultima chiusura anche il differenziale di rendimento tra titoli di Stato italiani e spagnoli sul tratto a dieci anni, considerato un barometro del rischio politico italiano.

** Incombe, inoltre, sul primario l’emissione via sindacato di un nuovo bond decennale da parte dell’Irlanda, che questo pomeriggio ha incaricato a tal scopo un pool di dealer. Dublino, secondo quanto riferito da una fonte di mercato, punta a raccogliere 3-4 miliardi di euro, che coprirebbero circa un quarto delle esigenze di finanziamento di quest’anno.

 

============================ 17,15 =============================

FUTURES BUND MARZO 161,38 (-0,30)

FUTURES BTP MARZO 135,00 (-1,14)

BTP 2 ANNI (SET 19) 107,300 (-0,043) -0,154%

BTP 10 ANNI (AGO 27) 99,656 (-0,787) 2,099%

BTP 30 ANNI (MAR 47) 88,941 (-1,915) 3,320%

========================= SPREAD (PB)===========================

——————— ————— ———- PRECEDENTE

TREASURY/BUND 10 ANNI 200 200

BTP/BUND 2 ANNI 53 53

BTP/BUND 10 ANNI 164 159

minimo 155,7 154,1

massimo 165,0 159,6

BTP/BUND 30 ANNI 208 202

BTP 10/2 ANNI 225,3 216,3

BTP 30/10 ANNI 122,1 120,0

================================================================

Pubblicato in: Sistemi Economici, Sistemi Politici

Economisti, sensitivi e ciarlatani fanno previsioni per il 2018.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-12-31.

 McBeth. Tre Streghe. 001

Visto il grande credito di cui godono gli economisti occidentali, sembrerebbe del tutto sequenziale accordarne anche a maghi e sensitivi, che ogni tanto qualcosa almeno la azzeccano.

Tra questi si dovrebbe constatare come Mr Craig Hamilton-Parker abbia quasi sempre fatto previsioni che poi si sono puntualmente avverate, come il Brexit, l’elezione di Mr Trump e l’attacco terroristico di Nizza.

«Hard Brexit will be a success»

*

«the Euro will plummet»

*

«Jean Claude Juncker to lose face and will retire»

*

«2018 will be a year of political turmoil»

*

«environmental crisis caused by dramatic and unprecedented weather»

*

«Denmark and Italy will pull out of the EU.»

*

«Trump will almost be overthrown by an attempted impeachment mid-2018, which will make him more popular. …. This comes as multiple members of the US Congress are calling for the US President’s impeachment»

* * * * * * *

Diciamolo francamente: Nostradamus era un allegrone.


Express. 2017-1212. Revealed: Hard Brexit ‘will be a success and the Euro will plummet 2018’, psychic claims

HARD Brexit will be a success, the Euro will plummet, Jean Claude Juncker will retire and the UK will thrive despite a world of economic problems, according to psychic who revealed his 2018 predictions.

*

Craig Hamilton-Parker accurately predicted Brexit, Donald Trump’s election victory and the terror attack in Nice.

Speaking on his blog, Mr Hamilton-Parker said: “2018 will be a year of political turmoil and environmental crisis caused by dramatic and unprecedented weather.”

His predictions range from Brexit to North Korea.

He believes there will be a hard Brexit, but Europe will relent at the last minute and allow a trade deal.

This will cause Jean Claude Juncker to lose face and retire.

He also predicts the Euro will plummet towards the end of 2018 and into 2019.

As a result, there will be riots as the steep economic decline takes hold, causing Denmark and Italy will pull out of the EU.

The UK and USA will be hit by the weak Euro but will bounce back their currencies will be seen as safe havens for international money and investment.

Meanwhile, an Italian banking crisis will cause chaos and cause many people to become homeless.

Even though it seems unlikely, he thinks Theresa May will stay in power.

Jeremy Corbyn, on the other hand, will “lose support from voters” after many strikes encouraged by the Labour leader.

He also foresees a new political party forming.

Despite world economic problems, the UK will thrive.

In addition, he believes high-tech companies will move to Britain which will enable the UK to lead the world in innovation.

The prediction comes after a recent report by a group representing some of the country’s leading companies highlighted the benefits of robotics, 3D printing, virtual reality and artificial intelligence.

Professor Juergen Maier, chief executive of Siemens UK and Ireland, who chaired the group, said: “The business and academic community has set out a vision for much greater ambition needed for Britain to be a world leader in the fourth industrial revolution.”

The mystic is adamant Brexit will be further boosted by a trade deal initiated by Trump that will shake of the EU.

The deal will concern arms, high-tech services and the motor industry.

This comes as Donald Trump’s Secretary of Commerce declared here would be problems if the UK kept the current EU-wide ban on chlorinated chicken and genetically modified food.

While striking a friendly tone, he also issued a veiled threat that talks with the US could be hindered if Mrs May allies too closely to the EU post-Brexit.

But, as a huge boon to Britain’s prospects after leaving the EU, the advisor said a trade deal with the UK could be signed within months of Brexit – dismissing claims it could take 10 years to reach an agreement.

But, Trump will almost be overthrown by an attempted impeachment mid-2018, which will make him more popular.

This comes as multiple members of the US Congress are calling for the US President’s impeachment.

Liberal billionaire Tom Steyer said: “We’re not doing these tactical political considerations, we actually think the health and safety of American citizens is at risk.”

The Mexico border will not be built, but will instead consist of drones and sensors.

The US will lose trade in the East as China and Russia form a military and economic alliance in response to North Korea and US protectionism.

The US will also rent nuclear weapons to Japan and a US warship will be sunk by a mine or terrorist.

North Korea will depose Kim Jong-un, but the leader will go missing with some claiming he has started a new life in China.

He also thinks there will be a world flu epidemic which will possibly be linked to biological warfare started by North Korea or a terrorist group.

 

Pubblicato in: Cina, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Cina, Pakistan ed Afganistan. La Pax Sinica si espande.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-12-30.

Pakistan 011

Ne abbiamo già parlato diffusamente.

Cina, nuovo leader mondiale dei Paesi mussulmani. – Al Arabiya

Nepal. Belt and Road. Progetto di collegamento ferroviario moderno con la Cina.

La Cina sta dando lezioni magistrali di come comportarsi in politica estera.

«With regard to specific cooperation projects and ways of cooperation, we will determine through tripartite consultations on an equal footing»

*

«The CPEC is an economic cooperation project and should not be politicized»

* * * * * * *

Purtroppo ci toccherà ripeterci fino a tanto che l’Occidente non abbia compreso questo semplicissimo concetto.

La Cina sta ottenendo strepitosi successi applicando la classica forma mentis che ha governato l’Impero cinese per quattromila anni.

Anche con una controparte politicamente, economicamente e militarmente minuscola la Cina ama operare su base paritetica: accetta l’interlocutore come sia senza cercare di imporgli cambiamento alcuno.

Non solo:

«project should not be politicized»

*

Questo è l’esatto opposto del modus operandi occidentale.

Eppure gli occidentali ben avrebbero potuto imparare dalla storia come i romani si dessero un gran da fare a costruire nei territori conquistati strade, ponti, acquedotti e tutte le infrastrutture caratteristiche di quell’epoca. Non a caso la repubblica romana è durata cinquecento anni, così come la Roma imperiale.

La Cina offre amicizia e ricerca amicizia, che è poi il clima migliore per risolvere le eventuali disparità di opinione.

Non stupiamoci quindi se nel breve volgere di una decina di anni la Cina sposti i suoi confini funzionali sull’Oceano Indiano e sull’Oceano Pacifico.

Attenzione, però! Alla fine risulterà impossibile scalzarla dalle posizioni conquistate e l’Occidente si troverà incapsulato all’interno dei suoi territori originali: ben poca cosa per contare almeno un poco nel mondo.


China Org. 2017-12-27. China, Pakistan, Afghanistan agree to discuss extending economic corridor

“In the long run, through Afghanistan, we will gradually connect the CPEC with the China-Central and Western Asia Economic Corridor,” Chinese Foreign Minister Wang Yi told reporters after China-Afghanistan-Pakistan foreign ministers’ meeting in Beijing.

As important neighbor of China and Pakistan, Afghanistan has an urgent desire to develop its economy and improve people’s livelihood, and it is willing to integrate itself into the process of regional interconnection, said Wang.

“With regard to specific cooperation projects and ways of cooperation, we will determine through tripartite consultations on an equal footing,” he said.

Improving livelihoods in border areas may be an entry point for the extension, said Wang, noting that the three parties agreed to promote wider connectivity under the framework of the Belt and Road Initiative.

The CPEC is a network of highways, railways, pipelines and optical cables, and a flagship project under the Belt and Road Initiative, currently under construction throughout Pakistan.

The 3,000-km-long corridor starts from China’s Kashgar and ends at Pakistan’s Gwadar, connecting the Silk Road Economic Belt in the north and the 21st Century Maritime Silk Road in the south.

Wang said the CPEC has not targeted at any third party, but hopes to bring benefits to the entire region and become an important driving force for regional integration.

“The CPEC is an economic cooperation project and should not be politicized,” he said, noting that it has no relationship with existing disputes in the region, including territorial disputes, nor should it be related.

As the first meeting of its kind since the three countries agreed to establish a trilateral dialogue mechanism in June, the foreign ministers’ meeting aims for dialogue between Afghanistan and Pakistan and to reinforce trilateral cooperation in politics, economy and security.