Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Germania. Merkel. La recessione è in atto e potrebbe anche essere violenta.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-03.

Das Brandenburger Tor in Berlin

Recessione. La parola che nessuno vorrebbe leggere o sentire.

Europa. Germania. La recessione è sempre più probabile.

«For the export-oriented German economy, this risk-cocktail is anything but advantageous.»

Italia. Crisi in vista. Liquidità bancarie salite al 32%, 1,371 miliardi.

Usa. Tassi di interesse nella crux desperationis. La crisi si avvicina.

Ecb. Nuovo Ltro. Intanto il rapporto EurUsd vale

Siamo chiari.

Se la situazione fosse buona e tutto stesse andando per il meglio, la banca centrale europea non avrebbe ripristinato il programma Ltro.

* * *

Giorno dopo giorno si stanno evidenziando segni che prospettano la concreta possibilità di una severa crisi e recessione., e la Germania potrebbe essere uno dei primi paesi coinvolti. Se tutto questo è ben chiaro ai governanti, lo è molto meno alla gente comune.

«Germany is quietly preparing plans to fight a recession»

*

«Some politicians worry voters are unprepared for what’s ahead»

*

«Chancellor Angela Merkel’s government senses trouble brewing for the German economy, but voters don’t see the storm clouds»

*

«There are many global risks currently overshadowing the economy, …. If global risks accumulate further, it might be too much for growth to be sustained»

*

«Merkel herself has carefully avoided setting off any alarm bells, even as Brexit, China’s slowdown and U.S. trade tensions weigh on Germany»

*

«Bracing for a worst case, the government is prepared to pass a set of recession-busting measures ranging from tax cuts to investment incentives, according to people familiar with the government’s plans, who asked not to be identified because the deliberations are private»

*

«President Donald Trump’s America First protectionism has knocked Germany’s export machine off track»

* * * * * * * *

Il punto cardine da comprendere è racchiuso in pochissime parole:

«Bracing for a worst case».

Essere possibile non significa essere probabile e, tanto meno, essere in atto.

Esattamente come l’essere probabile non implica assolutamente il concretizzarsi dell’evento.

Quando però il possibile evento potrebbe rivelarsi drammatico, sarebbe improvvido non valutarlo.

Porre in opera le scale antincendio non significa che a breve si debba manifestare l’incendio: ma non allestirle sarebbe criminale omissione.

Ciò premesso, per cercare di evitare falsi allarmismi oppure ingenui ottimismi, sarebbe da ricordarsi come questo anno elettorale ostacoli in modo consistente l’operato dei politici.

«Some politicians worry voters are unprepared for what’s ahead …. voters don’t see the storm clouds»

Ci si pone quindi una domanda.

È più importante un sereno rinnovo elettorale oppure che la gente sia resa edotta di quanto stia accadendo?


Bloomberg. 2019-03-28. Merkel Doesn’t Want to Tell Germans the Good Times May Be Over

– Germany is quietly preparing plans to fight a recession

– Some politicians worry voters are unprepared for what’s ahead

*

Chancellor Angela Merkel’s government senses trouble brewing for the German economy, but voters don’t see the storm clouds.

That’s creating a conundrum for German officials on how to head off risks without sapping further momentum as Merkel enters the final years of her political career. While the government forecasts only a brief slowdown before growth picks up again next year, officials’ body language suggests they are preparing for a potentially much harsher outcome.

The leaders preparing to take over when Merkel steps aside are worried too. They say voters could be caught unawares by an economic shock in the middle of the political transition from Merkel’s rule. Two senior party officials this month voiced concerns that such a double whammy could shake up the political map ahead of the next election. They asked not to be identified questioning the chancellor’s approach.

The clearest sign of the government’s anxiety is its risky plan to patch up Deutsche Bank AG through a merger with domestic rival Commerzbank AG. The fact that ministers are prepared to take the political hit for as many as 30,000 job cuts shows just how seriously they take the threat of a recession exposing the country’s flagship lender to a potential bailout.

Lawmakers from the governing coalition are also discussing whether they need to loosen the constitutional restrictions on deficit spending. That suggests they are also contemplating a more severe downturn.

Fiscal Firepower

“There are many global risks currently overshadowing the economy,” said Matthias Heider, a lawmaker from Merkel’s CDU party and a member of the economics committee in the lower house of parliament. “If global risks accumulate further, it might be too much for growth to be sustained.”

Merkel herself has carefully avoided setting off any alarm bells, even as Brexit, China’s slowdown and U.S. trade tensions weigh on Germany. In an address to the Bundestag last week, she told lawmakers that she foresees “times of growth” ahead, while the outlook for the European Union has become “somewhat clouded.”

Finance Minister Olaf Scholz said in a newspaper interview this week that he’s prepared to use all the fiscal leeway available to him to stimulate the economy if a crisis hits, though he ruled out changing the rules to make more ammunition available.

Bracing for a worst case, the government is prepared to pass a set of recession-busting measures ranging from tax cuts to investment incentives, according to people familiar with the government’s plans, who asked not to be identified because the deliberations are private. The proposals are preliminary, and there remain differences within the government over the types of stimulus, with some in Merkel’s coalition calling for consumer-focused spending, while others preferring to target businesses, the people said.

While the mechanics of any package are in flux, Germany is in position to flex its financial muscle after years of rigid spending discipline brought public debt down to just 60 percent of output last year. Scholz hinted he may be ready to deploy some of that firepower when presenting his latest budget last week in Berlin, saying that “good, stable finances are the best way to prepare” for a period of greater economic uncertainty.

In her address to the Bundestag, Merkel noted that German debt now fulfills one of the euro area’s key stability criteria.

America First Fallout

Germany surged out of the financial crisis a decade ago with robust demand from China for German cars, contributed to a historic run of uninterrupted growth and record-low unemployment. But President Donald Trump’s America First protectionism has knocked Germany’s export machine off track.

The latest sign came last week, when the Council of Economic Experts slashed its 2019 growth forecast to 0.8 percent from an earlier prediction of 1.8 percent. Its central scenario though is still for a rebound to 1.4 percent next year.

Bolstered by a robust labor market, German consumer confidence remains buoyant — projected for April to be at 10.4 points, a mild dip from a high of 11 points from February last year. The optimism has fueled strong domestic spending, which is taking the sting out of the country’s export struggles.

Even if concerns are intensifying in Berlin, the message from Merkel’s inner circle is clear: don’t rock the boat.

When Scholz told the Bild tabloid in January that “the fat years are over” he was quickly slapped down by Economy Minister Peter Altmaier, a close ally of Merkel.

“One shouldn’t undermine the economic upswing by talking it down,” Altmaier said.

Since then, Scholz has mainly referred to the country’s outlook as a “normalization.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Italia. Questione Meridionale. Al sud la gente in miseria è più del 30%.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-01.

2019-03-29__Miseria__000

In altri tempi si faceva in continuazione un gran parlare della Questione Meridionale. Non passava giornata senza che i media non facessero fior di articoli.

Poi, un bel giorno, scese un silenzio omertoso, ed i media cessarono di menzionare il problema. Tuttavia, non è che tacendo le cose si siano risolte. Il problema sussiste.

Nella Tabella Principali aggregati territoriali di Contabilità Nazionale, Valori pro capite l’Istat riporta il reddito disponibile delle famiglie consumatrici per abitante, che nel 2017 valeva 18,504.6 euro l’anno, ossia 1,542.05 euro al mese. La soglia d povertà è stimata essere 1,1640 euro al mese.

L’Istat definisce ‘miseria’ la condizioni in cui si vive con un reddito che sia inferiore al 60% del reddito nazionale mediano. Ossia 925 euro al mese.

L’Istat pubblica anche la presenza percentuale di persone che vivono in condizioni di miseria, ripartiti per regione e macroregioni.

2019-03-23__Miseria_Italia_003

Il valore nazionale è 20.4%. Non è un valore basso.

Con un 6.2%, la Provincia Autonoma di Bolzano è  la regione con minore povertà in Italia.

Ma via via che si cala verso il sud le percentuali salgono vertiginosamente.

Se il 21.6% del Lazio sembrerebbe essere già un valore molto alto,

Nel Mezzogiorno siamo al 33.6%, al Sud al 31.8% e nelle isole al 36%, con un 41.6% della Sicilia.

2019-03-23__Miseria_Italia_010

* * *

Non è questo tempo e luogo per indagare le cause di una simile anomalia, che però vogliamo segnalare a piena voce.

Ci si aspetterebbe però che la politica torni a considerare la Questione Meridionale e che formuli un piano pluriennale che dovrebbe essere valutato solo con il rientro di queste percentuali entro limiti accettabili

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Stati Uniti, Trump

Trump. Generati 304,000 nuovi posti di lavoro, 5.3 milioni dalla elezione.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-05.

Donald Trump photographed at Trump Tower in NYC
Donald Trump photographed at the Trump Tower on 5th Ave. in Manhattan, NYC on Monday, September 21, 2015. (Damon Winter/ The New York Times)

Dal momento in cui è stato eletto, Mr Trump ha generato 5.3 milioni di posti di lavoro.

Non solo.

«average hourly pay for workers rose 3.2 percent from a year earlier, to $27.56 from $26.71.»

*

«The Bureau of Labor Statistics, in its first monthly Employment Situation Report of 2019, revealed nonfarm payroll employment rose by 304,000 jobs in January»

*

«The figure was far in excess of expectations of 165,000, and well above the previous 12-month average gain of 223,000»

*

«Numerous sectors experienced job growth in January, including mining and logging (7,000), transportation and warehousing (27,000), and construction (52,000)»

*

«January 2019 marked the 100thstraight month of positive job growth and the sixteenth consecutive month of employment growth of at least 100,000 new jobs»

* * * * * * * *

Prendiamo atto che mentre l’economica dell’Unione Europea e dell’Eurozona langue e la fascia dei miseri e dei poveri sta salendo al 20% della popolazione totale, in due soli anni Mr Trump ha fatto generare 5.3 milioni di posti di lavoro, unitamente ad un incremento del 3.2% dei salari.

L’unica vera lotta alla miseria ed alla povertà è la generazione di posti di lavoro degnamente remunerati. Tutto il resto è aria fritta.

Questi dati dovrebbero farci porre molte domande.

La prima è se il modello economico propugnato ed applicato da Mr Trump non sia più efficiente di quello europeo. Le teorie economiche l’applicazione delle quali non generi posti di lavoro e ricchezza dovrebbero essere rimosse senza tanti complimenti.

La seconda è se la litigiosità interna degli Stati Uniti verta argomenti effettivamente utili ai Cittadini Contribuenti, ovvero non ne ostacoli la crescita economica.

*

A nostro personale parere, ciò che conta sono i fatti.


Paris Guardian. 2019-02-03. U.S. has massive 304,000 new hirings in January, only 165,000 expected

– The Bureau of Labor Statistics, in its first monthly Employment Situation Report of 2019, revealed nonfarm payroll employment rose by 304,000 jobs in January

– The figure was far in excess of expectations of 165,000, and well above the previous 12-month average gain of 223,000

– Numerous sectors experienced job growth in January, including mining and logging (7,000), transportation and warehousing (27,000), and construction (52,000)

*

WASHINGTON DC – The White House was delighted with the employment figures for January announced on Friday.

The Bureau of Labor Statistics, in its first monthly Employment Situation Report of 2019, revealed nonfarm payroll employment rose by 304,000 jobs in January, far exceeding market expectations of 165,000, and well above the previous 12-month average gain of 223,000.

January 2019 marked the 100thstraight month of positive job growth and the sixteenth consecutive month of employment growth of at least 100,000 new jobs.

Job gains in December were revised down by 90,000 and November jobs were revised up by 20,000 for a cumulative loss to total employment of 70,000 jobs in the previous months. Nevertheless, despite these downward revisions, the 223,000 average monthly jobs created in 2018 remains well above the pace of monthly job creation in 2016 (193,000) and 2017 (179,000).

Numerous sectors experienced job growth in January, including mining and logging (7,000), transportation and warehousing (27,000), construction (52,000), education and health services (55,000), and leisure and hospitality (74,000).

“The economy has added 4.9 million jobs since January 2017 and 5.3 million jobs since President Donald J. Trump was elected in November 2016, the White House said in a statement released on Friday.

“The report also indicates that wages are continuing to rise. Nominal average hourly earnings rose by 3.2 percent over the past 12 months, marking the 6th straight month that year-over-year wage gains were at or above 3 percent. Prior to 2018, nominal average hourly wage gains had not reached 3 percent since April 2009. Taking inflation into account, real wages are also growing. Based on the most recent Personal Consumption Expenditures (PCE) price index data from November, inflation in the past year was 1.8 percent, and based on the most recent Consumer Price Index (CPI-U) price data from December, the inflation in the past year was 1.9 percent (the most recently available data).”


Bloomberg. 2019-02-03. The Jobs Numbers: Who’s Hiring in America—and Who’s No

[Questo articolo è molto lungo e riporta numerosi grafici]

U.S. employers added 304,000 jobs in January, and the nation’s unemployment rate ticked up to 4 percent, according to data released Friday by the Labor Department. Meanwhile, average hourly pay for workers rose 3.2 percent from a year earlier, to $27.56 from $26.71.

Pubblicato in: Sistemi Economici, Sistemi Politici

Arridateci il vecchio caro Demetriano.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-17.

2018-08-17__Ponti__001Ponte Sant’Angelo (nome ufficiale: ponte S. Angelo), noto anche come pons Aelius (ponte Elio), pons Hadriani (ponte di Adriano) o ponte di Castello, è un ponte che collega piazza di Ponte S. Angelo al lungotevere Vaticano, a Roma, nei rioni Ponte e Borgo.
Fu costruito a Roma nel 134 dall’imperatore Adriano per collegare alla riva sinistra il suo mausoleo. Si tramanda il nome dell’architetto Demetriano.

Ha resistito agli imperatori romani, al sacco di Roma del 410, a quello dei lanzichenecchi del 6 maggio 1527, ai bombardamenti americani dell’ultima guerra. Ha retto tutte le ventisette esondazioni storicamente riportate del Tevere, oltre che ad undici terremoti.

È sopravissuto persino alle giunte di sinistra!

E funziona ancora egregiamente.

Al sodo: ridateci l’architetto Demetriano!

Nota.

Adriano era un fior di galantumo, che faceva decapitare gli archietti incapaci.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici

Filippine. Q1. Investimenti esteri diretti +43.5%.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-07.

Filippine 010

«Foreign direct investment (FDI) into the Philippines in the first quarter of this year rose to 2.2 billion U.S. dollars, or an increase of 43.5 percent compared to the same period last year»

*

«in March 2018 alone, FDI net inflows reached 682 million U.S. dollars, or an increase of 27 percent from 537 million U.S. dollars recorded in the same period in 2017»

*

«These are actual investments that flowed into our economy that helped create jobs and fueled growth. We should be more concerned with FDIs that are delivering economic benefits to the people, rather than pledges»

*

«is testament to the strong vote of confidence by investors in the economic strategy of the Duterte administration, which is anchored on an aggressive spending program on infrastructure and human capital development to achieve inclusive growth»

*

«In 2017, she said foreign businessmen also brought a record amount of investments into the country. FDI inflows reached a record high of 10 billion U.S. dollars last year, up by 21.5 percent from the previous year.»

*

«the increasing volume of FDIs supports the Duterte administration’s efforts to shift the economy from consumption-led to investments-led growth, which would then help create decent, well-paying jobs for the country’s young, well-trained Filipinos entering the workforce in the coming years»

*

«Duterte has also made the country a safer place for investors, with his campaign against corruption and criminality, leading to a decrease in crime volume by 21.86 percent since the start of the Duterte administration on June 30, 2016»

* * * * * * *

Tra le molte osservazioni possibili, alcune sembrerebbero essere evidenti.

– Mr Duterte ha dichiarato guerra alla criminalità organizzata, specie nei suoi commerci di sostanze stupefacenti. Le azioni malavitose sono state ridotte in modo molto significativo, ed ora il paese potrebbe essere ritenuto essere sicuro. Senza questa precondizione, gli investimenti esteri non sarebbero mai approdati nelle Filippine.

– Fondamentale il cambio della politica economica. Da azioni volte ad incrementare i consumi interni si è passati ad iniziative che generino posti di lavoro nella produzione. Così facendo, si induce una situazione sostenibile nel tempo e ben più dignitosa per la popolazione.

– Il Governo Duterte ha indirizzato gli investimenti soprattutto sulle infrastrutture, unico modo noto per generare posti di lavoro.


Xinhua. 2018-07-01. Philippines’ FDI grows 43.5 pct in Q1

MANILA, July 1 (Xinhua) — Foreign direct investment (FDI) into the Philippines in the first quarter of this year rose to 2.2 billion U.S. dollars, or an increase of 43.5 percent compared to the same period last year, the government said on Sunday.

Citing data from the central bank Bangko Sentral ng Pilipinas (BSP), Finance Assistant Secretary Paola Alvarez said that in March 2018 alone, FDI net inflows reached 682 million U.S. dollars, or an increase of 27 percent from 537 million U.S. dollars recorded in the same period in 2017.

“These are actual investments that flowed into our economy that helped create jobs and fueled growth. We should be more concerned with FDIs that are delivering economic benefits to the people, rather than pledges,” Alvarez said.

Alvarez said the increase in FDI inflows “is testament to the strong vote of confidence by investors in the economic strategy of the Duterte administration, which is anchored on an aggressive spending program on infrastructure and human capital development to achieve inclusive growth.”

In 2017, she said foreign businessmen also brought a record amount of investments into the country. FDI inflows reached a record high of 10 billion U.S. dollars last year, up by 21.5 percent from the previous year.

Finance Secretary Carlos Dominguez has said that this high volume of FDI inflows indicate a “broader and sustained increase of investment inflows into our economy.”

The BSP said the 43.5 percent increase in FDI net inflows in the first quarter “reflected investors’ continued positive outlook on the Philippine economy on the back of sound macroeconomic fundamentals and robust growth prospects.”

The BSP said FDIs were invested mostly in manufacturing; real estate; art, entertainment and recreation; and financial and insurance activities.

Dominguez earlier said the increasing volume of FDIs supports the Duterte administration’s efforts to shift the economy from consumption-led to investments-led growth, which would then help create decent, well-paying jobs for the country’s young, well-trained Filipinos entering the workforce in the coming years.

Pubblicato in: Finanza e Sistema Bancario, Persona Umana, Sistemi Economici

Italia. 394,000 con patrimonio finanziario sopra il milione.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-04.

Dürer Albrecht. Jacob Fugger, il Ricco. 1519. Staatsgalerie Altdeutsche Meister, Augsburg

Nel 2017 sono state censite 307mila famiglie con patrimonio finanziario superiore al milione.

Italia. 307mila (1.2%) famiglie controllano il 20% della ricchezza finanziaria.

Ad oggi sarebbero stimabili a 394,000.

Un milione di euro sono sicuramente una gran bella cifra, ma tenendo conto di un tasso di interesse medio attorno al 3% la resa netta di un milione in prodotti finanziari si aggira attorno ai 24,000 euro all’anno. Troppo poco per poter definire ricchi i proprietari.

La Ricchezza. Domandiamoci cosa sia.

«Si potrebbe definire ricca la persona che goda delle seguenti caratteristiche.

(1) Avere disponibilità tali da potersi permettere personale stipendiato addetto esclusivamente alla propria persona od interessi personali, quindi, oltre l’usuale personale domestico addetto alle pulizie ed alla cucina, ed agli eventuali dipendenti sul lavoro. Alcuni esempi potrebbero meglio chiarire quanto detto. Un segretario/segretaria personale oppure l’autista potrebbero essere esempi concreti.

(2). Non avere necessità ordinarie, in accordo al proprio stato sociale, che richiedano l’uso completo delle rendite, per cui una quota più o meno consistente di esse venga reinvestita in quanto non utilizzata. Ossia, che i beni produttori di reddito si auto sostengano nel tempo. La ricchezza che genera ricchezza in un circolo virtuoso.»

Usando una definizione di questo tipo, il livello di entrate nette varia in funzione del tenore di vita: assumendo una persona normale, né prodiga né troppo parsimoniosa, si potrebbe dire che sia ‘ricco‘ chi abbia entrate nette per almeno 240,000 euro l’anno. Con interessi netti del 2%, sarebbe necessario un capitale finanziario di circa dieci milioni di euro. Entrate nette minori giustificherebbero più propriamente il termine di ‘benestante‘.

* * * * * * * * * * *

Intanto, ricordiamo alcune definizioni usate in campo internazionale.

«What is a ‘High Net Worth Individual – HNWI’

High net worth individual (HNWI) is a classification used by the financial services industry to denote an individual or a family with high net worth. Although there is no precise definition of how rich somebody must be to fit into this category, high net worth is generally quoted in terms of liquid assets over a certain figure. The exact amount differs by financial institution and region.

The most commonly quoted figure for membership in the high net worth club is $1 million in liquid financial assets.

An investor with less than $1 million but more than $100,000 is considered to be “affluent” or perhaps even “sub-HNWI.”

The upper end of HNWI is around $5 million, at which point the client is then referred to as “very HNWI.”

More than $30 million in wealth classifies a person as “ultra HNWI.”» [Fonte]

*

Ricapitolando e ricordando che si tratta solo di asset liquidi di persone fisiche.

– Affluent ovvero sub-Hnwi: 100,000$ – 1,000,000$;

– Hnwi: 1,000,000$ – 5,000,000$;

– very Hnwi: 5,000,000$ – 30,000,000$;

– billionaires: più di un miliardo di Usd.

*

«Global wealth reached $201.9 trillion on equities, soft dollar»

*

«the rich are getting richer faster»

*

«The 28 Eastern Europeans in the Bloomberg Billionaires Index have a total net worth of $294 billion »

*

«In North America, which had $86.1 trillion of total wealth, 42 percent of investable capital is held by people with more than $5 million in assets. Investable assets include equities, investment funds, cash and bonds.»

*

«The U.S. is home to the largest number of people with more than $100 million. Globally, the ranks of the ultra-rich are expected to reach 671,000 by 2022.»

*

«The Middle East was the region with the greatest share of wealth held in investable assets —- $3.1 trillion of a total $3.8 trillion.»

*

«Western European residents held 56 percent in currency and deposits, while in North America the emphasis was on equities and investment funds, with 62 percent of $47 trillion of investable wealth parked in those assets»

*

«Nel 2017 l’analisi Bcg ha stimato in 394mila gli italiani milionari, cioè coloro che hanno un patrimonio finanziario di almeno un milione di dollari»

* * * * * * * *

Alcune considerazioni sorgono spontanee.

– La stima del controvalore degli asset liquidi – azioni e bond – dipende dalle quotazioni dei titoli e dei cambi. In un quadro sostanzialmente stabile le stime sembrerebbero essere corrette, ma si tenga presente che  turbolenza sono pur sempre possibili.

– Nei momenti di turbolenze anche severe, usualmente i ricchi riescono a perdere percentualmente meno dei meno doviziosi soprattutto per l’accesso ad informazioni di prima mano: informazioni che spesso consentono non solo di evitare le perdite, ma anche di trarne guadagni.

– Usualmente, i ricchi sanno utilizzare i consulenti finanziari e ed i tributaristi per razionalizzare il carico fiscale. Ricordiamo semplicemente come un consulente povero impoverisce il cliente.

– Se oltre un secolo di cultura socialista ha lasciato il retaggio di considerare la ricchezza quasi un reato, un furto, ed ha postulato che lo stato avesse il compito di ‘ridistribuire‘ la ricchezza, sarebbe da ricordare come siano proprio i ricchi i principali contributori agli investimenti produttivi, gli unici in grado dia generare ricchezza e posti di lavoro.

– Il problema quindi non si pone nel vituperare e cercare di depauperare i ricchi, quanto piuttosto di poter dare a tutti l’opportunità di guadagnare e mettersi da parte qualcosa secondo possibilità.


Bloomberg 24 Ore. 2018-06-15. Millionaires Now Control Half of the World’s Personal Wealth

– Global wealth reached $201.9 trillion on equities, soft dollar

– Fastest growth in Asia, where fortunes increased 19% last year

*

The rich are getting a lot richer and doing so a lot faster.

Personal wealth around the globe reached $201.9 trillion last year, a 12 percent gain from 2016 and the strongest annual pace in the past five years, Boston Consulting Group said in a report released Thursday. Booming equity markets swelled fortunes, and investors outside the U.S. got an exchange-rate bonus as most major currencies strengthened against the greenback. 

The growing ranks of millionaires and billionaires now hold almost half of global personal wealth, up from slightly less than 45 percent in 2012, according to the report. In North America, which had $86.1 trillion of total wealth, 42 percent of investable capital is held by people with more than $5 million in assets. Investable assets include equities, investment funds, cash and bonds.

“The fact that the wealth held by millionaires as a percentage of total wealth is increasing does not mean that the poor are getting poorer,” Anna Zakrzewski, the report’s lead author, said in an emailed statement. “What it means is that everyone is getting richer. Specifically, we believe that the rich are getting richer faster.”

Last year’s big winner was China, which now ranks second globally in terms of financial wealth after overtaking Japan in the past five years, Zakrzewski said. While China trails only the U.S. in the number of millionaires and billionaires, the biggest driver of growth in the Asian country was its so-called affluent segment, or those with $250,000 to $1 million of investable assets.

“China will continue to experience similar growth as in the past and this will mean that over the next five years, there will be more wealth created in China than in the U.S.,” she said, adding the number of millionaires there is expected to grow four times as fast as in the U.S.

Without the boost from a weakening dollar, the global wealth gain would have been 7 percent. The region that benefited the most from currency appreciation was Western Europe, where a 15 percent advance in U.S. dollar terms shrinks to 3 percent in local currency.

Eastern Europe and Central Asia had the greatest concentration of wealth at the top, with billionaires alone holding almost a quarter of investable assets. The 28 Eastern Europeans in the Bloomberg Billionaires Index have a total net worth of $294 billion, which includes a gain of $3.4 billion so far in 2018.

Wealth is also highly concentrated in Hong Kong, where individuals with more than $20 million hold 47 percent of investable riches.

Money in investment funds and publicly traded equities gained the most, while bonds were the only core asset class to post negative growth last year, falling 7 percent.

Top-Tier Wealth

The U.S. is home to the largest number of people with more than $100 million. Globally, the ranks of the ultra-rich are expected to reach 671,000 by 2022.

The Middle East was the region with the greatest share of wealth held in investable assets —- $3.1 trillion of a total $3.8 trillion. Western European residents held 56 percent in currency and deposits, while in North America the emphasis was on equities and investment funds, with 62 percent of $47 trillion of investable wealth parked in those assets.

If personal wealth creation continues at the rate of the past few years, Boston Consulting projects a compound annual growth rate of about 7 percent from 2017 to 2022, in U.S. dollars. Events like stock market corrections and geopolitical uncertainties could knock that down to 4 percent.

In a worse-case scenario, such as a major economic crisis, global wealth might produce a compound growth rate of only 1 percent over five years, the study found. 


Sole 24 Ore. 2018-06-15. Super ricchi: balzo del 12% a livello mondiale. E l’Italia è in crescita

Dodici per cento. È l’ennesimo balzo in avanti che ha fatto la ricchezza finanziaria nel 2017 a livello mondiale.

Non solo. È cresciuta più del doppio rispetto all’anno precedente, quando era aumentata del 4%. Degno di nota è anche il fatto che questo incremento è il più alto degli ultimi cinque anni. Stiamo parlando a livello complessivo di una montagna di denaro pari a di 201,9 mila miliardi di dollari americani, attribuibile agli individui con patrimoni superiori al milione di dollari.

Italia all’ottavo posto

In uno scenario ottimistico di crescita, la ricchezza finanziaria personale globale potrebbe aumentare a un tasso annuo composto di circa il 7% tra il 2017 e il 2022. Continuano a guidare la classifica Stati Uniti con 80mila miliardi, Cina con 21mila miliardi e il Giappone con 17mila miliardi. L’Italia registra una crescita del 3%, totalizza 5mila miliardi di dollari e si aggiudica l’ottava posizione per ricchezza finanziaria. Sono queste alcune delle evidenze emerse dalla rapporto annuale sulla ricchezza mondiale di The Boston Consulting Group (Global Wealth 2018: Seizing the Analytics Advantage), giunto alla 18esima edizione.

Asia al top per crescita

Che la ricchezza finanziaria cresca in Asia non è una novità. Da anni infatti alcuni paesi come Cina, HongKong, Taiwan e Sud Corea segnano questo trend di crescita tra i più alti nel mondo. Ma quello che ha fatto la differenza tra il 2016 e il 2017 è l’impatto dell’andamento delle valute. Se infatti guardiamo la crescita della ricchezza a cambi costanti l’Asia ha registrato un +12%, il Nord America un +7% e l’Europa occidentale il +3%. Ma se invece si analizza la crescita a cambi variabili, la regione con la miglior performance è ancora l’Asia in generale che segna +19%, seguita dall’Est Europa e Asia Centrale con +18%. In questo scenario l’Europa occidentale batte il Nord America in termini di crescita, rispettivamente +15% e +8%.

In Italia 394mila milionari

Per quanto riguarda l’Italia il nostro paese segna una crescita in linea a quella europea, registrando un aumento del 3%. Ma in prospettiva secondo l’analisi di Bcg l’incremento dovrebbe passare al 5% annuo tra il 2018 e il 2022. Un altro driver determinante di crescita è stato l’andamento dei mercati azionari in tutte le principali economie – con la ricchezza in equity e fondi di investimento che ha registrato la crescita di gran lunga più forte. Nel 2017 l’analisi Bcg ha stimato in 394mila gli italiani milionari, cioè coloro che hanno un patrimonio finanziario di almeno un milione di dollari. Entro il 2022 le stime prevedono che la ricchezza personale degli italiani possa toccare 7mila miliardi di dollari.

Il divario ricchi-poveri aumenta

Nel mondo il divario tra ricchissimi e poveri aumenta. Ma in alcuni paesi cresce anche la classe media. Tra i segmenti più attrattivi per chi fa wealth management ci sono infatti gli individui con ricchezze sopra i 20 milioni (upper hnwi) e quelli con ricchezze tra i 250 mila e il milione (affluent) perché sono i segmenti che crescono di più.
Nel 2017 i super super ricchi (chi ha più di 100 milioni investiti) e coloro che hanno patrimoni tra i 20/100 milioni detenevano ricchezze sopra in 26mila miliardi di dollari investiti (su un totale di 201mila miliardi). Gli Usa si aggiudicano il primato di ricchezza perché più del 30% di questi due segmenti risiede nel nuovo continente. Super super ricchi sono anche in Cina, Hong Kong, India, Russia, Brasile, Germania che per questo si aggiudica il terzo posto in assoluto tra i paesi più ricchi al mondo, Francia e Italia. E sono soprattutto i super paperoni americani a detenere partecipazioni di aziende quotate e non: il 61% del loro patrimonio contro il 52% di quello dei paperoni europei e il 37% del patrimonio degli asiatici. Supera gli Usa con il 7,5% di penetrazione di milionari la Svizzera, segue il nuovo continente Hong Kong con il 3,8%. Nella zona euro è in assoluto il Lussemburgo ad avere la penetrazione più alta con 2,2% delle popolazione.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Sistemi Economici, Unione Europea

Europa. Lavoro Part time. Da risorsa a ghetto.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-18.

Lavoratori 001

Il part time è semplicemente una forma di contratto di lavoro ad orario ridotto, cui corrisponde usualmente una congrua riduzione dell’emolumento e dei contributi versati. Si noti come le legislazioni varino in modo significativo da stato a stato dell’Unione Europea: per questo motivo abbiamo tenuto una definizione generica.

Prima di addentrarci, potrebbe essere utile fare almeno alcune considerazioni generali.

La prima considerazione verte il ruolo dei mezzi. Un mezzo è di per sé stesso neutro: acquista un suo significato nel contesto e per le finalità per le quali è usato. Per spiegarci meglio, un coltello altro non è che una lama metallica affilata con un manico. Può essere usato per tagliare fini fettine di un buon salame stagionato, oppure per sgozzare una persona: non dipenda da esso il fine per cui è stato utilizzato.

La seconda considerazione prende atto di come il part time risolva brillantemente le esigenze di una certa quale quota di popolazione che sarebbe indisponibile a lavorare a tempo pieno, per problemi personali oppure familiari, I casi classici sono gli studenti e le donne con famiglia. Non solo queste categorie possono guadagnarsi un qualcosa dignitosamente, ma mettono anche a disposizione della società le proprie competenze, che spesso sono importanti.

La terza considerazione verte invece sul fatto che ad un lavoro part time corrispondono minori contributi versati, se ovviamente previsti dalla legislazione. Quanti lavorano a part time contribuiscono in maniera ridotta alle entrate delle casse pensionistiche e, di conseguenza, al memento del pensionamento godranno di pensioni ridotte, con le quali non sarà possibile svolgere una dignitosa vita da pensionati. In linea generale questa situazione diventa un gradito aiuto all’economica familiare, non certo il cespite primario.

La quarta considerazione verte invece sull’uso ‘improprio’ del part time. Quando un mercato del lavoro stagna, le persone in cerca di un lavoro si devono accontentare di quello che trovano, e molto spesso accettano un part time. Questa categoria è solitamente denominata ‘involontaria‘, perché formata da persone che avrebbero desiderato trovare piena occupazione, ma non ci sono riusciti. La quota percentuale degli ‘involontari‘ è uno dei tanti segni di disagio lavorativo.

La quinta considerazione riguarda invece la modalità di classificazione del fenomeno. Il problema non è lessicologico sul valore del termine ‘occupato‘: il buon senso suggerirebbe trattarsi di una persona che lavori guadagnando almeno quel tanto che basta per mantenere sé stesso e la propria famiglia in modo dignitoso. La maggior parte degli Istituti di Statistica europei considerano invece ‘occupato‘ chiunque nel mese precedente al rilevamento abbia lavorato in modo retribuito almeno una ora. È del tutto evidente come i lavoratori a part time siano considerati occupati a tutti gli effetti statistici. Questa ambiguità definitiva determina una grande confusione, anche se abbellisce le statistiche degli occupati. A voler esser caustici, si potrebbe dire che se gli Istituti di Statistica definissero ‘occupati‘ tutti i cittadini dello stato, l’occupazione sarebbe del 100% e sarebbe anche inutile rilevarla.

* * * * * * *

2018-06-10__Eurostat_Part_Time__001

«43 million persons aged 15 to 64 in the European Union (EU) worked part-time in 2017. This represents one in five (19.4%) persons having a job in the EU »

*

«In 2017, this proportion was still much higher for women (31.7%) than for men (8.8%).»

*

«Across the EU Member States, part-time employment was by far the most common in the Netherlands, with half (49.8%) of all employed persons aged 15 to 64 working part-time in 2017. After the Netherlands, about one in four employed persons worked part-time in Austria (27.9%), Germany (26.9%), Denmark (25.3%), the United Kingdom (24.9), Belgium (24.5%) and Sweden (23.3%).»

*

«Low shares were also recorded in Slovakia (5.8%), the Czech Republic (6.2%), Poland (6.6%), Romania (6.8%), Lithuania (7.6%) and Latvia (7.7%).»

*

«Among those persons in the EU employed part-time in 2017, over a quarter (26.4%) did not actively choose this working pattern»

*

«The highest shares of involuntary part-time work across the EU were recorded in Greece (70.2% of persons employed part-time) and Cyprus (67.4%), followed by Italy (62.5%), Spain (61.1%), Bulgaria (58.7%), Romania (55.8%), Portugal (47.5%) and France (43.1%).»

2018-06-10__Eurostat_Part_Time__002

* * * * * * *

Questi dati dovrebbero dare molto da pensare, specie ai nostri governanti.

Che in Italia ed in Spagna il 62.5% ed il 61.1%, rispettivamente, degli occupati a part time abbiano accettato un simile posto non riuscendo a trovare un lavoro a tempo pieno la conta lunga sullo stato di questi sistemi economici. Che poi anche il 43.1% dei francesi a part time siano in simile condizione non è certo buona notizia da quel paese.

Non conforta venire a sapere che il 49.8% degli olandesi lavori a part time, né tanto meno che il 46.4% delle donne tedesche sia in simili condizioni. Un fenomeno del genere è, come minimo, una bomba ad orologeria pensionistica di non poco rilievo.

*

Concludiamo con una unica raccomandazione.

Ogniqualvolta si incontri un termine, ci si premuri di verificare la definizione sotto la quale è stato usato: spesso di si trova di fronte a sorprese inaspettate.

* * * * * * *

Eurostat ha rilasciato il Report «Part-time employment as percentage of the total employment, by sex and age (%)» ed il Report «Involuntary part-time employment as percentage of the total part-time employment, by sex and age (%)»

Sempre Eurostat pubblica un commento ai dai prodotti:

«How common – and how voluntary – is part-time employment?»

43 million persons aged 15 to 64 in the European Union (EU) worked part-time in 2017. This represents one in five (19.4%) persons having a job in the EU. Part-time employment as a percentage of total employment has fluctuated between 15.6% and 19.6% over the last 15 years in the EU.

In 2017, this proportion was still much higher for women (31.7%) than for men (8.8%). It was also slightly higher in the euro area (21.6%) than in the EU (19.4%).

Highest share of part-time employment in the Netherlands; lowest in Bulgaria

Across the EU Member States, part-time employment was by far the most common in the Netherlands, with half (49.8%) of all employed persons aged 15 to 64 working part-time in 2017. After the Netherlands, about one in four employed persons worked part-time in Austria (27.9%), Germany (26.9%), Denmark (25.3%), the United Kingdom (24.9), Belgium (24.5%) and Sweden (23.3%).

At the opposite end of the scale, part-time employment accounted for less than 5% of all employment in Bulgaria (2.2%), Hungary (4.3%) and Croatia (4.8%). Low shares were also recorded in Slovakia (5.8%), the Czech Republic (6.2%), Poland (6.6%), Romania (6.8%), Lithuania (7.6%) and Latvia (7.7%).

Involuntary part-time work highest in southern Member States

Among those persons in the EU employed part-time in 2017, over a quarter (26.4%) did not actively choose this working pattern.

The highest shares of involuntary part-time work across the EU were recorded in Greece (70.2% of persons employed part-time) and Cyprus (67.4%), followed by Italy (62.5%), Spain (61.1%), Bulgaria (58.7%), Romania (55.8%), Portugal (47.5%) and France (43.1%).

In contrast, involuntary part time represented less than 10% of total part-time employment in Estonia (7.5%), Belgium (7.8%), the Netherlands (8.2%), the Czech Republic (9.1%) and Malta (9.6%).

Further information on part-time work can be found in this Statistics Explained article.

Pubblicato in: Amministrazione, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Karachi senza acqua pone il problema di cosa serva lo stato.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-17.

Pakistan 001

«Karachi, la più popolosa città del Pakistan, vive ormai da tempo il suo dramma: l’acqua potabile scarseggia. Di fatto, solo la metà dell’acqua necessaria – circa 2080 milioni di litri al giorno contro un fabbisogno di 4160 milioni – viene distribuita quotidianamente»

*

La vicenda di Karachi dovrebbe suggerire molti spunti di meditazione e ripensamenti.

Ma, forse, quello principale dovrebbe essere un ripensamento di cosa consista la funzione dello stato e della gestione della cosa pubblica.

La Repubblica prima e l’Impero Romano dopo ci hanno sicuramente tramandato una gloriosa storia militare e civile, ma altrettanto sicuramente sono ricordati per il loro impegno a costruire acquedotti, reti fognarie, argini fluviali, porti e strade. Gli acquedotti romani sono davvero imponenti.

Esattamente come i grandi stati dell’Europa ottocentesca si sono contraddistinti per aver concepito ed attuato grandiosi progetti di infrastrutture, dalla rete ferroviaria alle gallerie transalpine, alla costruzione di centrali elettriche e della rete di distribuzione, di grandi acquedotti e l’erezione di argini ai fiumi. Per non parlare delle bonifiche.

*

Riassumendo.

Ragion d’essere dello stato, al di là della difesa e degli interni, è la messa in opera di infrastrutture quali acquedotti e relative reti di distribuzione dell’ultimo miglio, efficienti reti fognarie, reti stradali, autostradali e linee ferroviarie, ivi comprese le alte velocità, aeroporti efficienti e funzionali, ben collegati ai centri urbani, porti allo stato dell’arte, ed una oculata politica energetica: tutti devono essere cllegati alla corrente elettrica. Queste sono le principali opere, che ovviamente non escludono quelle di importanza relativamente minore, meno vitali, quali, per esempio, la tutela del patrimonio artistico della nazione.

La lettura dei bilanci statali europei degli ultimi decenni è invece sconsolante.

Lo stato si è trasformato in un ammortizzatore sociale che elargisce stipendi per lavori non produttivi, garantisce pensioni e cerca di gestire alla meno peggio il welfare.

Nulla di cui stupirsi se alla fine sistemi di tal fatta si inceppano fino quasi a smettere di funzionare.

E questo è il quadro che abbiamo sotto i nostri occhi e che sta segnando il declino del continente.


Sole 24 Ore. 2018-06-10. A Karachi cronica carenza di acqua: 20 milioni di persone hanno sete

Una popolazione di oltre 20 milioni di persone se si comprende l’intero agglomerato urbano, un fiume come l’Indo –il terzo come portata di tutta l’Asia- che ha il suo delta a poche decine di chilometri di distanza dalla città, le acque del Mare Arabico che la lambiscono. Eppure Karachi, la più popolosa città del Pakistan, vive ormai da tempo il suo dramma: l’acqua potabile scarseggia. Di fatto, solo la metà dell’acqua necessaria –circa 2080 milioni di litri al giorno contro un fabbisogno di 4160 milioni- viene distribuita quotidianamente.

Le cause di questa penuria sono diverse. Non tutto può essere attribuito ai cambiamenti climatici in atto negli ultimi anni, che sicuramente hanno comunque contribuito in negativo alla situazione, ma esistono anche altre cause. Una delle principali è la scarsa attenzione da parte delle autorità cittadine e nazionali al problema della distribuzione dell’acqua e, come concausa e conseguenza, il crescere di quella che viene chiamata “water mafia”, con un vero e proprio mercato nero dell’acqua potabile, che viene distribuita attraverso autobotti a prezzi altissimi, che arrivano a 30 volte il prezzo ufficiale stabilito dalle autorità.

Il contraddittorio boom economico

Karachi è il centro industriale e finanziario più importante del Pakistan, e genera una percentuale a doppia cifra del prodotto interno lordo del Paese asiatico. Però, la sua crescita economica negli ultimi anni è, come spesso succede nei grandi agglomerati urbani nei Paesi emergenti, a macchia di leopardo: se il Pil reale dal 2000 al 2012 è cresciuto in medi a del 5,7% annuo, quelli pro capite ha avuto un incremento medio nello stesso periodo solo del 2,7%. Tra le cause, vi è una crescita fortissima della popolazione di anno in anno, con punte che raggiungono il 4,5%, dovuta in gran parte all’immigrazione dalle campagne. Karachi ha una densità di popolazione che raggiunge i 24.000 abitanti per chilometro quadrato: una delle più alte al mondo. E una delle cause del problema idrico della megalopoli è proprio l’enorme crescita della popolazione urbana: nel non lontanissimo 1947, gli abitanti erano solo 450.000. Far fronte a questa smisurata crescita è stata una sfida che, evidentemente, ha messo a durissima prova le infrastrutture cittadine, fra cui appunto la rete di distribuzione dell’acqua potabile.

Poche ore di acqua. E di acqua «cattiva»

Attualmente, gran parte della cittadinanza può usufruire dell’acqua di rubinetto solo per alcune ore al giorno, in particolare la notte. E, molto spesso, quando l’acqua esce dai rubinetti, è di pessima qualità, tanto da essere inutilizzabile non solo per essere bevuta, ma anche per l’igiene personale e per lavare i panni. La qualità dell’acqua è così scarsa da mettere a repentaglio la salute dei cittadini, con batteri tra cui l’Escherichia Coli, la cui presenza nelle acque potabili è un chiaro sintomo di contaminazione, e che può portare malattie di vario tipo. Di fatto, nell’intero Pakistan, le acque distribuite come potabili ma in realtà di pessima qualità, a cui è esposta il 65% della popolazione, sono una delle cause maggiori di morti e malattie, raggiungendo addirittura il 40%. A Karachi, la water mafia e le sue autobotti sono l’unica fonte per molte case prive di collegamento con gli acquedotti, costrette anche a dotarsi di pompe idriche di aspirazione per portare l’”oro blu” ai piani alti.

Inoltre, la penuria di acqua potabile non colpisce solamente la popolazione, ma anche strutture industriali, servizi e infrastrutture. Per esempio, l’aeroporto internazionale di Karachi, il più grande del Pakistan, avrebbe bisogno di circa tre milioni di litri d’acqua al giorno per operare al meglio, ma al conto mancano circa 1milione 900mila litri.

Perché le fonti non bastano

Una delle principali fonti di acqua pubblica della città, l’invaso del fiume Hub chiuso da una diga, ha subito negli ultimi anni gli effetti del climate change e del calo delle piogge monsoniche. Questo invaso deve fornire di acqua non solo la provincia di Sindh, ove è situata Karachi, ma anche quella di Balochistan, la più grande in dimensione di tutto il Pakistan, dove sono situati i terreni agricoli meno irrigati dalle piogge. L’altra fonte, il fiume Indo, sta subendo anch’essa dei problemi, dovuti al clima più caldo degli ultimi anni sulle catene dell’Himalaya e del Kakakorum, con conseguente riduzione della massa di molti ghiacciai che per millenni hanno alimentato il fiume.

Il progetto di un grande acquedotto

Le autorità pubbliche che gestiscono l’acqua della città da anni cercano una soluzione a un problema che, oltre ad essere diventato cronico, rischia di peggiorare di anno in anno. Ma le inefficienze del sistema di distribuzione dell’acqua, con acquedotti che perdono percentuali importanti del proprio contenuto durante il percorso verso la città, hanno impedito di fatto il miglioramento della situazione. Attualmente, è in corso di realizzazione il progetto K-4, un sistema di condutture idriche lunghe circa 120 chilometri che dovrebbero portare poco meno di 2.500 milioni di litri di acqua al giorno nell’area urbana prelevandola dal bacino del lago Keenjar. L’ultimamento del progetto è previsto per la fine di quest’anno, ritardi e lungaggini operative e burocratiche permettendo. Ma il problema, come abbiamo visto, è complesso e di difficile soluzione, e riguarda non solo l’approvvigionamento, ma anche la distribuzione, la burocrazia e la corruzione endemica diffusa da quelle parti. Il sesto più grande agglomerato urbano al mondo ha sete, e l’emergenza sanitaria è alle porte.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Populisti. Governano già il 41% del pil dei G-20. – Bloomberg.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-14.

Vincent-Van-Gogh-Vecchi-Scarponi1

Attenzione. Nell’articolo citato il termine “populista” definisce qualsiasi tipo di reggimento politico differente da quello occidentale tradizionale, liberal. È questa una definizione molto opinabile, ma la si deve accettare almeno durante la lettura dell’articolo allegato: in caso contrario risulterebbe impossibile comprenderlo.

L’autore ne da una descrizione: “to defend the common man against corrupt elites, offering common-sense solutions to complex policy debates, and national unity above cosmopolitan inclusion”. Per l’economia del presente discorso potrebbe essere considerata essere ragionevole.



«In the Group of 20, just 32 percent of gross domestic product is controlled by mainstream democratic parties, down from 83 percent in 2007»

*

«Over the same period, the power of populist parties’ has surged to 41 percent of GDP from 4 percent»

*

«That’s a significant shift in the way the world economy is run»

*

«At the heart of the rise of populism and authoritarianism is a failure by Western democracies to manage the forces unleashed by globalization and technology. The specific catalyst was the 2008 global financial crisis and the high unemployment that followed, which reflected the policy failures of mainstream parties»

*

«Populist parties — which claim to defend the common man against corrupt elites, offering common-sense solutions to complex policy debates, and national unity above cosmopolitan inclusion — have risen into the vacuum created by the financial crisis»

*

«the rise of China means authoritarian regimes, with strong central power and limited political freedom, are playing an expanded role»

*

«Non-democratic regimes: China, Russia, Saudi Arabia and Turkey are now managing 24 percent of the G-20’s GDP; indeed China accounts for almost 19 percent, up from 8 percent a decade earlier»

*

«High-quality regulation and government effectiveness correlate more closely with growth than democratic values like voice and accountability»

* * * * * * * *

Se i numeri sono chiari, le previsioni lo sono altrettanto.

International Monetary Fund World Economic Outlook (October – 2017)

Le proiezioni al 2022 danno la Cina ad un pil ppa di 34,465 (20.54%) miliardi di Usd, gli Stati Uniti di 23,505 (14.01%), e l’India di 15,262 9.10%) Usd. Seguono Giappone con 6,163 (3.67%),  Germania (4.932%), Regno Unito 3,456 (2.06%), Francia 3,427 (2.04%), Italia 2,677 (1.60%). Russia 4.771 (2.84%) e Brasile 3,915 (2.33%).

I paesi del G7 produrranno 46,293 (27.59%) mld Usd del pil mondiale, mentre i paesi del Brics renderanno conto di 59,331 mld Usd (35.36%).

* * *

In estrema sintesi, Bloomberg constata come i governi ad impronta liberal siano rimasti in pochi e con il controllo di una parte modesta del pil occidentale. Controllo che le recenti tornate elettorali hanno consegnato prevalentemente ai populisti. I populisti controllano infatti il 41% del pil contro il 32% dei liberal, qui designati come ‘democratici‘.

Tramonto non dell’Occidente ma della dottrina illuminista.

Questi dati pongono numerosi interrogativi, tutti di ampia portata. Ne focalizzeremo solo alcuni.

Se nel 2007 i partiti ‘democratici’ governavano l’83% del pil dei G-20, ad oggi ne governano il 32%.

Le così dette ‘democrazie‘ sono crollate in modo vistoso ed inconfutabile, franamento che non può essere imputato al solo vorticoso cresce dei paesi ex – emergenti.

È la struttura stessa degli stati occidentali ad essere diventata inidonea a gestire i tempi correnti.

Se si avesse anche solo per qualche istante il coraggio di guardare la realtà per quello che è e non per quello che si vorrebbe, la seguente enunciazione sembrerebbe davvero corretta:

«High-quality regulation and government effectiveness correlate more closely with growth than democratic values like voice and accountability»

I governi occidentali hanno strutture politiche e filiere decisionali obsolete, ridondanti, assurdamente lente.

Un solo esempio: i trattati del’Unione Europea, comprendendo appendici, circolari esplicative e via quant’altro, assommano a 170,000 pagine. Sono un tutto ingestibile, indipendentemente da chi sia al governo.

La così detta divisione dei poteri porta poi ad una conflittualità interna paralizzante.

Il suffragio universale obbliga ad ascoltare la volontà della maggioranza, che spesso ha difficoltà a vedere i problemi nella loro complessità e sembrerebbe essere incapace di procedere a ragionamenti sul lungo termine.

Il regime parlamentare poi impone spesso coalizioni contra natura e tempi decisionali dilatati nel tempo.

Tutti problemi di vasta portata, ma che se non saranno risolti in breve tempo, diverrebbe inutile risolverli.


Bloomberg. 2018-06-05. In G-20, 41% of GDP Controlled by Populists vs 4% in 2007

– Mainstream democratic parties now control 32% of G-20’s output

– Key catalyst is 2008 financial crisis and ensuing unemployment

*

Democrats’ sway in major economies is on the wane.

In the Group of 20, just 32 percent of gross domestic product is controlled by mainstream democratic parties, down from 83 percent in 2007, according to Tom Orlik at Bloomberg Economics. Over the same period, the power of populist parties’ has surged to 41 percent of GDP from 4 percent.

“That’s a significant shift in the way the world economy is run,” Orlik and Associate Economist Justin Jimenez said in a Global Insight article Tuesday. “So far it has not had a major negative impact on growth and financial stability. Maybe it’s only a matter of time?”

G-20 GDP Share by Governance, Labor Share of Income

At the heart of the rise of populism and authoritarianism is a failure by Western democracies to manage the forces unleashed by globalization and technology. The specific catalyst was the 2008 global financial crisis and the high unemployment that followed, which reflected the policy failures of mainstream parties.

Populist parties — which claim to defend the common man against corrupt elites, offering common-sense solutions to complex policy debates, and national unity above cosmopolitan inclusion — have risen into the vacuum created by the financial crisis.

Moreover, the rise of China means authoritarian regimes, with strong central power and limited political freedom, are playing an expanded role.

Top Parties in Western Democracies — Share of Vote

Non-democratic regimes: China, Russia, Saudi Arabia and Turkey are now managing 24 percent of the G-20’s GDP; indeed China accounts for almost 19 percent, up from 8 percent a decade earlier.

But it’s not time to pull out the “end is nigh” placards yet, Orlik said. For the G-20 as a whole, GDP growth accelerated to 3.8 percent in 2017, the fastest pace since 2011. In part, he said, that’s because populists got lucky: they fed off economic discontent from the financial crisis, but ultimately inheriting an upswing. The U.S. fiscal package and a pro-business stance in China and India are also helping.

But there’s more to it than dump luck and stimulus. Some aspects of good governance are more important for growth than others, Orlik said, adding this may be uncomfortable for democracy advocates.

Governance vs Growth — Breakdown

“High-quality regulation and government effectiveness correlate more closely with growth than democratic values like voice and accountability,” Orlik notes. “Looking at the G-20 in those terms, the trajectory on governance looks less alarming. Democratic standards are deteriorating, but quality of regulation and government effectiveness are more stable, even edging up in recent years.”

But, Orlik adds, government effectiveness and high-quality regulation are tough to maintain in the absence of policy debate and accountability for leaders. So he remains skeptical that the new rulers of the world’s major economies will be able to decouple long-term growth from the institutions that underpin good governance.

Pubblicato in: Banche Centrali, Sistemi Economici

BlackRock Sovereign Risk Index. Argentina e Nigeria meglio dell’Italia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-24.

2018-05-24__Spread__001

BlackRock Sovereign Risk Index

«Drawing on a pool of more than 30 measures spanning financial data, surveys and political insights, the BlackRock Sovereign Risk Index (BSRI) provides investors with a framework for tracking sovereign credit risk in 60 countries.

The BSRI breaks down the data into four main categories that each count toward a country’s final BSRI score and ranking: Fiscal Space (40%), Willingness to Pay (30%), External Finance Position (20%) and Financial Sector Health (10%).»

*

La Tabella dei dati in formato Excel può essere scaricata qui.

2018-05-24__Blackrock__001

*

2018-05-24__Blackrock__002

Ecco alcune delle nazioni affidabili.

La Norvegia è la nazione più affidabile con un indice eguale a 1.27.

La Repubblica Ceka ha 060, un pochino meglio degli Usa, che hanno 0.56.

La Russia ha indice 0.12, mentre la Francia ha 0.08, ed il Giappone 0.07.

Un indice negativo è segno della pericolosità degli investimenti in quella nazione.

Le Filippine hanno -0.07, meglio della Spagna, che ha -0.17.

*

Se guardiamo invece i paesi da cui guardarsene bene, abbiamo una simpatica tripletta: Argentina -0.43, Nigeria -0.44, Italia -0.45.

In poche parole, l’Italia sta ben peggio di Argentina e Nigeria.

Sicuramente l’Italia va un po’ meglio del Venezuela, ma non si sa mai. Sembrerebbe essere una magra consolazione.

* * * * * * *

BlackRock ha una solida fama di farsi punto di onore di non far perdere un centesimo ai suoi clienti. Per questo esegue investimenti limitatissimi nel paese con indice sotto lo zero e, ancor di meno, sotto lo -.40.