Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario

Credit Suisse. Da banca svizzera sta diventando una banca araba.

Giuseppe Sandro Mela.

2023-01-27.

2023-01-26__ Credit Suisse 001

«Once a symbol of Swiss reliability, the bank’s reputation has been tarnished by a series of scandals, including an unprecedented prosecution at home involving laundering money for a criminal gang.»

«Un tempo simbolo dell’affidabilità svizzera, la reputazione della banca è stata macchiata da una serie di scandali, tra cui un procedimento giudiziario senza precedenti in patria per riciclaggio di denaro per una banda criminale.»

* * * * * * *

                         Qatar Investment Authority aumenta la partecipazione in Credit Suisse a poco meno del 7%.

                         24 gennaio 2023.

                         Dubai: Il fondo sovrano del Qatar ha aumentato la sua partecipazione in Credit Suisse a poco meno del 7%, diventando il secondo azionista della banca svizzera dopo la Saudi National Bank, a dimostrazione del fatto che la base di investitori del Golfo sta crescendo di importanza.

                         La Qatar Investment Authority ha acquistato 139,03 milioni di azioni dell’istituto di credito svizzero, come mostrano i dati di Refinitiv, basati sul deposito di venerdì scorso presso la Securities and Exchange Commission, che ha citato l’ultima partecipazione al 31 dicembre 2022.

                         Le nuove azioni portano la proprietà del QIA nel Credit Suisse al 6,87%, pari a 272,25 milioni di azioni, dal 5,57% riportato nell’ultimo deposito SEC di novembre.

                         Il Credit Suisse ha rifiutato di commentare quando è stato contattato da Reuters lunedì e il QIA non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

                         Le azioni del Credit Suisse sono salite del 2,2% lunedì, chiudendo a 3,15 franchi svizzeri.

La società d’investimento statunitense Harris Associates, uno dei maggiori azionisti del Credit Suisse, ha ridotto la sua partecipazione a circa il 5%, secondo quanto riportato nei documenti normativi dell’11 gennaio, rispetto alla quota del 10% circa detenuta nella banca lo scorso agosto.

                         La Saudi National Bank detiene una quota di circa il 10% nella banca prestatrice svizzera dopo essere diventata un investitore di riferimento nella raccolta di capitale di 4,3 miliardi di dollari del Credit Suisse, iniziata in ottobre per finanziare il rinnovamento e la ristrutturazione della banca. Il conglomerato saudita Olayan Group detiene una quota di circa il 3%, secondo i dati di Eikon. SNB, insieme a QIA e Olayan Group, rappresenta circa il 20% delle azioni del Credit Suisse.

                         In ottobre il Credit Suisse ha annunciato l’intenzione di raccogliere 4 miliardi di franchi svizzeri dagli investitori, di tagliare migliaia di posti di lavoro e di spostare l’attenzione dall’investment banking ai clienti facoltosi.

                         L’annuncio ha fatto seguito a settimane difficili in cui l’istituto svizzero, un tempo rispettato, era diventato addirittura un titolo meme al centro di una tempesta sui social media.

                         Un tempo simbolo dell’affidabilità svizzera, la reputazione della banca è stata macchiata da una serie di scandali, tra cui un procedimento giudiziario senza precedenti in patria per riciclaggio di denaro per una banda criminale.

                         Nel 2021, la banca ha subito una perdita di 5,5 miliardi di dollari a causa del fallimento della società di investimento statunitense Archegos e ha dovuto congelare 10 miliardi di dollari di fondi per il finanziamento della catena di approvvigionamento legati al finanziere britannico insolvente Greensill, evidenziando le carenze nella gestione del rischio.

* * * * * * *


Qatar Investment Authority raises stake in Credit Suisse to just under 7%.

January 24, 2023.

Dubai: Qatar’s sovereign wealth fund has increased its stake in Credit Suisse to just under 7 percent, becoming the Swiss bank’s second-largest shareholder after Saudi National Bank, in a sign that its Gulf investor base is growing in importance.

The Qatar Investment Authority bought 139.03 million shares in the Swiss lender, Refinitiv data shows based on a filing on Friday with the Securities and Exchange Commission which quoted its most recent ownership holding as of Dec. 31, 2022.

The new shares bring the QIA’s ownership in Credit Suisse to 6.87 percent, amounting to 272.25 million shares, from 5.57 percent as reported in its last SEC filing in November.

Credit Suisse declined to comment when contacted by Reuters on Monday and the QIA did not immediately respond to a request for comment.

Credit Suisse’s shares rose 2.2 percent on Monday to close at 3.15 Swiss francs.

US investment firm Harris Associates, one of Credit Suisse’s largest shareholders, shed its holding to about 5 percent, according to regulatory filings on Jan. 11 from a stake of about 10 percent in the bank last August.

Saudi National Bank owns a stake worth about 10 percent in the Swiss lender bank after it became an anchor investor in Credit Suisse’s $4.3 billion capital raise which began in October to fund the bank’s revamp and restructuring. Saudi Arabian conglomerate Olayan Group owns a stake of about 3 percent, Eikon data shows. SNB, along with the QIA and Olayan Group, account for about 20 percent of Credit Suisse shares.

Credit Suisse outlined plans in October to raise 4 billion Swiss francs from investors, cut thousands of jobs and shift its focus from investment banking toward its rich clients.

The announcement followed a difficult few weeks when the one-time respected Swiss institution had even become a ‘meme stock’ at the center of a social media storm.

Once a symbol of Swiss reliability, the bank’s reputation has been tarnished by a series of scandals, including an unprecedented prosecution at home involving laundering money for a criminal gang.

In 2021, the bank took a $5.5 billion loss from the unraveling of US investment firm Archegos and had to freeze $10 billion worth of supply chain finance funds linked to insolvent British financier Greensill, highlighting risk-management failings.

Pubblicato in: Banche Centrali, Finanza e Sistema Bancario

Arabia Saudita. Inflazione salita al 3.3% anno su anno.

Giuseppe Sandro Mela.

2023-01-20.

Saudi Arabia 001

                         Il tasso d’inflazione annuale dell’Arabia Saudita è aumentato del 3.3% nel dicembre 2022, rispetto allo stesso periodo del 2021. Il rapporto ha rilevato che l’aumento dell’indice dei prezzi al consumo del Regno è stato guidato principalmente dall’aumento dei prezzi di alloggi, acqua, elettricità, gas e altri combustibili, che sono saliti del 5.9%, mentre i prezzi di cibo e bevande sono aumentati del 4.2%. Il tasso di inflazione dell’Arabia Saudita a dicembre è il più alto dal giugno 2021, quando aveva raggiunto il 6.2%.

                         I prezzi delle abitazioni sono stati il principale motore del tasso d’inflazione nel dicembre 2022 a causa della loro elevata importanza relativa nel paniere dei consumi sauditi, con un peso del 25.5%. I prezzi dei ristoranti e degli hotel hanno registrato un aumento del 6.8% a dicembre, trainato da un aumento del 7% dei prezzi della ristorazione. Aumento del 7.5% dei prezzi dei prodotti alimentari, delle bevande, del tabacco e dei prodotti tessili.

* * * * * * *

«Saudi Arabia’s annual inflation rate rose by 3.3 percent in December 2022, compared to the same period in 2021. The report noted that the rise in the Kingdom’s consumer price index was primarily driven by the higher prices of housing, water, electricity, gas, and other fuels which went up by 5.9 percent, while food and beverage prices rose by 4.2 percent. Saudi Arabia’s inflation rate in December is the highest since June 2021, when it hit 6.2 percent.»

«Prices for housing were the main driver of the inflation rate in December 2022 due to their high relative importance in the Saudi consumer basket with a weight of 25.5 percent. Restaurant and hotel prices witnessed a 6.8 percent rise in December, driven by an increase in catering prices by 7 percent. 7.5 percent rise in prices of food products, beverages, tobacco, and textiles.»

* * * * * * *


Saudi inflation rises 3.3% year-on-year in December 2022: GASTAT

January 15, 2023.

Riyadh: Saudi Arabia’s annual inflation rate rose by 3.3 percent in December 2022, compared to the same period in 2021, according to the latest report released by the Kingdom’s General Authority for Statistics.

The report noted that the rise in the Kingdom’s consumer price index was primarily driven by the higher prices of housing, water, electricity, gas, and other fuels which went up by 5.9 percent, while food and beverage prices rose by 4.2 percent.

Saudi Arabia’s inflation rate in December is the highest since June 2021, when it hit 6.2 percent.

According to the report, housing, water, electricity, gas, and other fuel prices were increased due to the rise in actual rentals for housing by 6.8 percent, which in turn was affected by the increase in apartment rental prices by 18.1 percent.

In November, the inflation rate in Saudi Arabia was 2.9 percent, while it stood at 3.1 percent and 3 percent in September and October respectively.

“Prices for housing were the main driver of the inflation rate in December 2022 due to their high relative importance in the Saudi consumer basket with a weight of 25.5 percent,” said GASTAT in the report.

The report further pointed out that transport prices in the Kingdom increased 4.1 percent year-on-year, mainly due to the increase in purchase of motor car prices by 5 percent.

Restaurant and hotel prices witnessed a 6.8 percent rise in December, driven by an increase in catering prices by 7 percent.

The report added that education prices in the Kingdom rose by 3.6 percent year-on-year as pre-primary and primary education fees soared by 5.9 percent.

Compared to November, housing, water, electricity, gas, and other fuel prices rose by 0.9 percent, while transport prices and restaurant and hotel prices increased by 0.4 percent and 0.2 percent respectively.

Meanwhile, another report by GASTAT revealed that wholesale prices in the Kingdom increased by 3 percent in December compared to the same month in 2021, driven by a 7.5 percent rise in prices of food products, beverages, tobacco, and textiles.

According to the report, the wholesale prices decreased by 0.2 percent in December 2022 compared to November 2022, as a result of the decrease in the prices of agriculture and fishery products prices by 0.6 percent.

Pubblicato in: Commercio, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario

Tetto del contante a 5 mila euro ed altro dal 2023.

Dott. Gabriele Righetti

2023-01-08.

Considerazioni preliminari

L’uso del denaro contante non è solo uno strumento di pagamento, di scambio, di circolazione della ricchezza, ma anche uno strumento di riservatezza nella conduzione del proprio operare.

Al netto dei conflitti di interesse di chi propugna la sua utilizzazione, od addirittura la sua eliminazione (comparto commissionale e/o vendita di dati?), il denaro contante è strumento non costoso per il sistema economico ed è la stessa Banca Centrale Europea, attraverso un post di poco tempo fa a firma del membro del suo Comitato esecutivo Fabio Panetta (post pubblicato QUI e riportato in seguito), che ne evidenzia la fondamentale importanza1, funzione2, convenienza3, ove fra l’altro vi si afferma che le banconote e monete non verrebbero eliminate neppure con l’emissione dell’euro digitale, attualmente allo studio.

Del resto, per via del paradigma di sovranità nel battere moneta legale (moneta “fiat”) non sarebbe neppure possibile, oltre che opportuno, eliminare il denaro contante e la sua criminalizzazione è effettuata da coloro che inconfessabilmente portano dei conflitti di interesse o non sono adeguatamente informati, compreso quello di attribuire prevalentemente all’uso del contante l’ammanco del gettito fiscale per via dell’evasione che questa modalità consentirebbe.

Premessa

La legge di Bilancio del 2023 (Legge 29/12/2022 n. 197, il cui testo è scaricabile dal sito dello studio a questo link: https://www.righettiassociati.it/wp-content/uploads/2022/12/Legge-di-Bilancio-2023-L-29-12-2022-N-197.pdf), tra i suoi 21 articoli di totali 1.017 commi, tratta -con novità e conferme- la regolamentazione di alcuni strumenti di pagamento.

Denaro contante: elevazione a 4.999,99 euro del tetto di libero utilizzo

Dopo un grande dibattito con ingerenze anche a livello di Commissione europea4, dal primo gennaio 2023 è stata elevata a 5.000 euro la soglia da cui scattano sanzioni se i pagamenti tra persone fisiche e/o persone giuridiche (società, enti, ecc.) vengono effettuati con denaro contante.

Al comma 3-bis dell’art. 49 del D.Lgs. n. 231/2007 è stato inserito:

“A decorrere dal 1° gennaio 2023, il predetto divieto di cui al comma 1 è riferito alla cifra di 5.000 euro.”5

Sarà così possibile, dall’inizio del nuovo anno, effettuare trasferimenti di denaro contante fino a 4.999,99 euro senza incorrere in sanzioni.

I soggetti (debitore e creditore) coinvolti in operazioni di pagamento o comunque di trasferimento di denaro contante ultrasoglia rischiano la sanzione minima di mille euro e massima di 50 mila euro.

Anche se la norma afferma che sono “vietati” i pagamenti ultrasoglia con denaro contante6, occorre ricordare che -aldilà delle conseguenze sanzionatorie prodotte dalla normativa antiriciclaggio-, ai fini del codice civile -regolatore dei rapporti tra le persone e lo stato-  tali pagamenti sono perfettamente validi.

Trovano conferma tutta la precedente vigente regolamentazione, compresi:

  • la sanzionabilità dei pagamenti artatamente frazionati,
  • i rischi di accertamento fiscale per versamenti (in generale) anche all’interno del tetto al contante se “ingiustificabili” da un punto di vista reddituale.

Occorre ricordare che i prelevamenti bancari -di per sè- non sono sanzionabili, ancorchè le banche affermino il contrario.

Per quanto sopra ed altro un approfondimento può farsi riferimento a questo post.

POS

Pari se non maggiore dibattito rispetto al tetto del contante l’ha ricevuto la norma di liberazione dall’obbligo di accettazione di pagamenti di importo pari o inferiore a 60 euro che l’acquirente avrebbe voluto effettuare tramite carte di debito o di credito.

La trasformazione in facoltà, anzichè obbligo, di pagamento tramite POS per pagamenti inferiori a  60 euro non è stata apportata.

Conseguentemente sarà applicabile anche nell’anno 2023, l’Art. 15, comma 4-bis del D.L. n. 179/2012, il quale prevede(va) che, con decorrenza dal 30 giugno 2022 nei casi di mancata accettazione di un pagamento, indipendentemente dall’importo, effettuato con carta di debito, carta di credito o carta prepagata, da parte di un professionista o da un esercente attività commerciale, si applica nei confronti di tale soggetto la sanzione amministrativa pari a 30 euro, aumentata del 4 per cento del valore della transazione.

Cambiavalute

Col 1° gennaio 2023 viene modificato anche il limite previsto per le operazioni effettuate dai cambiavalute iscritti nell’apposito registro.

Dal 1° gennaio 2023 si applicherà il limite di base pari a 3.000 euro (Art. 49, comma 3-bis, D.Lgs. 231/2007), in luogo della preceedente soglia di 2.000 euro (in vigore fino al 31 dicembre 2022).

Money transfer

Non subirà alcuna modifica, neppure nel nuovo anno, il limite di 999,99 euro all’utilizzo di contanti per il servizio di rimessa di denaro, più comunemente noto come money transfer, autentico buco nero della normativa valutaria ed antiriciclaggio.

Note:

[1] “Fin dai tempi dell’antica Grecia il termine moneta è stato sinonimo di contante: dapprima le monete e poi le banconote hanno infatti rappresentato mezzi di pagamento efficienti e ampiamente accettati nella vita di tutti i giorni.”

[2] Il contante e gli strumenti digitali rappresentano sistemi di pagamento tra loro complementari: la possibilità di utilizzare entrambe queste modalità garantisce ai consumatori di tutte fasce economiche e sociali un’abbondante scelta e un ampio accesso a mezzi di pagamento facili da utilizzare, assicurando un grado elevato di inclusione e di affidabilità nel campo dei pagamenti.

Anche se concepiti per garantire la massima affidabilità, i pagamenti digitali sono inevitabilmente espositi a rischi di blackout, di attacchi cibernetici e di malfunzionamenti tecnici. L’utilizzo del contante non risente invece di questi rischi. Esso conferisce pertanto resilienza al sistema dei pagamenti: per sua natura, rappresenta infatti uno strumento utilizzabile in condizioni estreme, oltre che una sicura riserva di valore: la nostra indagine SPACE sui pagamenti indica che il 34% dei cittadini dell’area dell’euro detiene contante a fini precauzionali.

Il contante è inoltre utilizzabile da chiunque; al contrario gli strumenti di pagamento digitali potrebbero escludere dal circuito economico i consumatori che non vogliono utilizzarli, ad esempio per ragioni di privacy, o che non sono grado di farlo.
… il contante è usato con regolarità da cittadini di ogni età, livello di istruzione e fascia di reddito. Esso è quindi essenziale per l’inclusione finanziaria delle fasce di cittadini più vulnerabili – ad esempio, quelle prive di un conto bancario o di competenze digitali. Queste indicazioni sottolineano l’importanza di garantire il regolare funzionamento del “ciclo del contante”, assicurando sia un ampio accesso alle banconote sia una ampia accettazione dei pagamenti in contanti nei punti di vendita. L’Eurosistema è pienamente impegnato su questi due fronti”
.

[3] “L’euro digitale affiancherebbe il contante, senza sostituirlo: insieme, questi due strumenti garantirebbero un’adeguata disponibilità di strumenti di pagamento di facile utilizzo ed esenti da costi.”

[4] entrata a gamba tesa sull’eccessività del tetto al contante a Se il . euro, laddove numerosi paesi (Germania in primis) non hanno alcun tetto.

[5] Se il legislatore non fosse intervenuto, il limite sarebbe sceso da 2.000 a 1.000 euro.

[6] e di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, siano esse persone fisiche o giuridiche.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario

Musk. Il debito marginale

Giuseppe Sandro Mela.

2022-12-30.

2022-12-27__ Margin Debt 001

Per margin debt si intende l’ammontare di denaro che gli investitori hanno preso in prestito dalla propria banca per utilizzarlo per acquistare azioni.

Di norma si investono i risparmi, per fare fruttare la ricchezza accumulato  nel tempo con l’obiettivo di farla “fruttare”.

Esistono però alcune alcuni investitori particolarmente ingordi che vogliono investire più di quanto sia nelle loro disponibilità.

Quando si investe ricorrendo al margin debt, l’investitore si espone ad un rischio più elevato. Oltre a dover restituire quanto preso a prestito, dovrà pagare anche gli interessi sulle somme ricevute. Il solo eventuale capitale residuo rappresenta il guadagno. Ma mica è detto che debba andare bene.

Si guardi con attenzione il grafico. Sono cifre da capogiro, che possono essere monetizzate solamente in un mercato in perenne crescita.

* * * * * * *

                         Il miliardario Elon Musk mette in guardia da un’azione che lui stesso ha fatto – indebitarsi con il valore dei titoli che si possiedono – a causa del rischio di panico di massa nel mercato azionario. Consiglierei davvero alle persone di non avere margini di debito in un mercato azionario volatile e, dal punto di vista della liquidità, di tenere la polvere asciutta.

                         L’amministratore delegato di Tesla Inc. ha investito miliardi di denaro proprio quando ha acquistato Twitter Inc. per 44 miliardi di dollari all’inizio di quest’anno, caricando la società di 13 miliardi di dollari di debiti. I colloqui sui prestiti a margine di Tesla mostrano che la pressione su Musk e i banchieri sta aumentando. Ha anche ceduto quasi 40 miliardi di dollari di azioni Tesla, una mossa che ha contribuito a portare il titolo ai minimi di due anni.             

         A seguito delle ultime vendite, Musk ha nuovamente dichiarato questa settimana che smetterà di vendere azioni, aggiungendo che la pausa potrebbe durare circa due anni.

                         A dicembre 2020, Musk aveva 92 milioni di azioni Tesla in pegno come garanzia, secondo un documento della SEC dell’aprile 2022. L’avvertimento, almeno il secondo lanciato da Musk questo mese, è ironico dato che il miliardario ha già dato in pegno le sue azioni Tesla. Musk ha anche ribadito la sua convinzione che l’economia sia in ritardo per una recessione e che il rallentamento potrebbe essere simile alla portata vista nel 2009.

                         La mia ipotesi migliore è che avremo tempi burrascosi per un anno o un anno e mezzo, e poi, l’alba sorgerà all’incirca nel secondo trimestre del 2024, questa è la mia ipotesi migliore, ha detto Musk. I boom non durano per sempre, ma nemmeno le recessioni.

* * * * * * *

«Billionaire Elon Musk is warning against something he himself has done — borrowing against the value of securities one owns — because of the risk of “mass panic” in the stock market. I would really advise people not to have margin debt in a volatile stock market and you know, from a cash standpoint, keep powder dry»

«The Tesla Inc. chief executive officer put up billions of his own money when he purchased Twitter Inc. for $44 billion earlier this year and saddled the company with $13 billion of debt. Tesla Margin-Loan Talks Show Pressure Mounting on Musk, Bankers. He’s also disposed of nearly $40 billion of Tesla’s shares, a move that contributed to driving the stock to a two-year low. Following the latest sales, Musk again said this week he will stop selling shares, adding that the pause could last for two years or so»

«As of December 2020, Musk had 92 million Tesla shares pledged as collateral, according to an SEC filing in April 2022. The warning, at least the second made by Musk this month, is ironic given the billionaire has previously pledged his Tesla shares. Musk also reiterated his belief that the economy is overdue for a recession and that the slowdown could be similar to the scale seen in 2009.»

«My best guess is that we have stormy times for a year to a year and a half, and then, dawn breaks roughly in Q2 2024, that’s my best guess,” Musk said. “Booms don’t last forever, but neither do recessions.»

* * * * * * *


Musk Warns Against Margin Debt on Risk of Market ‘Mass Panic’.

(Bloomberg) — Billionaire Elon Musk is warning against something he himself has done — borrowing against the value of securities one owns — because of the risk of “mass panic” in the stock market.

“I would really advise people not to have margin debt in a volatile stock market and you know, from a cash standpoint, keep powder dry,” Musk said in the All-In podcast released Friday. “You can get some pretty extreme things happening in a down market.”

The Tesla Inc. chief executive officer put up billions of his own money when he purchased Twitter Inc. for $44 billion earlier this year and saddled the company with $13 billion of debt. Bloomberg News has reported that Musk’s bankers are considering replacing some of the high-interest debt he layered on Twitter with new margin loans backed by Tesla stock that he’d be personally responsible for re-paying.

Tesla Margin-Loan Talks Show Pressure Mounting on Musk, Bankers

He’s also disposed of nearly $40 billion of Tesla’s shares, a move that contributed to driving the stock to a two-year low. Following the latest sales, Musk again said this week he will stop selling shares, adding that the pause could last for two years or so.

The warning, at least the second made by Musk this month, is ironic given the billionaire has previously pledged his Tesla shares. As of December 2020, Musk had 92 million Tesla shares pledged as collateral, according to an SEC filing in April 2022.

During the podcast, Musk also reiterated his belief that the economy is overdue for a recession and that the slowdown could be similar to the scale seen in 2009.

“My best guess is that we have stormy times for a year to a year and a half, and then, dawn breaks roughly in Q2 2024, that’s my best guess,” Musk said. “Booms don’t last forever, but neither do recessions.”

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario

Egitto. Ha aumentato i tassi di interesse di 200 punti base.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-11-02.

2022-11-03__ Egitto 001

                         La mossa dell’Egitto di aumentare i tassi di interesse è un passo nella giusta direzione e un tasso di cambio flessibile aiuterà a proteggere la sua economia dagli shock in un momento di inasprimento delle condizioni finanziarie globali. Le autorità egiziane si sono impegnate a garantire un tasso di cambio flessibile e duraturo in concomitanza con un accordo a livello di staff per una linea di credito allargata del FMI da 3 miliardi di dollari. La banca centrale ha anche aumentato i tassi di interesse di 200 punti base in una riunione fuori dal ciclo.

                         L’Egitto sta lottando per far fronte all’impatto della guerra in Ucraina, che ha portato a un rapido deflusso degli investimenti di portafoglio, a un aumento delle importazioni di materie prime e a un calo delle entrate del turismo. L’accordo dovrebbe catalizzare un ampio pacchetto di finanziamenti pluriennali, tra cui circa 5 miliardi di dollari nell’anno fiscale che termina a giugno 2023, a testimonianza dell’ampio sostegno internazionale e regionale all’Egitto. Sì e alcune autorità del Golfo hanno già rilasciato dichiarazioni a sostegno del programma. Ha detto che i 5 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2022-23 si aggiungeranno all’estensione dei depositi degli Stati del Golfo nella banca centrale egiziana.

* * * * * * *

«Egypt’s move to raise interest rates is a step in the right direction and a flexible exchange rate will help protect its economy from shocks at a time of tightening global financial conditions. Egyptian authorities pledged a durably flexible exchange rate in conjunction with a staff-level agreement for a $3 billion IMF extended fund facility. The central bank also raised interest rates by 200 basis points in an out-of-cycle meeting.»

«Egypt has been struggling to cope with the impact of the war in Ukraine, which led to rapid outflows of portfolio investments, a hike in the commodity import bill and a drop in tourism revenues. It said the deal was expected to catalyst a large, multi-year financing package, including about $5 billion in the fiscal year ending June 2023, reflecting broad international and regional support for Egypt. Yes and some of the Gulf authorities already issued statements in support of the programme. He said the $5 billion for FY2022-23 would be in addition to the extension of Gulf states’ deposits in Egypt’s central bank.»

* * * * * * *

Egypt interest rate hike step in right direction, IMF official says

Dubai, Oct 31 (Reuters) – Egypt’s move to raise interest rates is a step in the right direction and a flexible exchange rate will help protect its economy from shocks at a time of tightening global financial conditions, an International Monetary Fund official said.

Egyptian authorities pledged a “durably flexible” exchange rate in conjunction with a staff-level agreement for a $3 billion IMF extended fund facility. The central bank also raised interest rates by 200 basis points in an out-of-cycle meeting.

“The measures that the central bank took last week in hiking interest rates. ..goes in the right direction. It’s very important to control inflation,” the director of the IMF’s Middle East and Central Asia Department, Jihad Azour, told Reuters.

Egypt has been struggling to cope with the impact of the war in Ukraine, which led to rapid outflows of portfolio investments, a hike in the commodity import bill and a drop in tourism revenues.

The IMF, in a statement on Thursday confirming a staff-level agreement on a $3 billion, 46-month Extended Fund Facility, said a flexible exchange rate regime should be “a cornerstone policy” for rebuilding and safeguarding Egypt’s external resilience.

It said the deal was expected to catalyst a large, multi-year financing package, including about $5 billion in the fiscal year ending June 2023, reflecting “broad international and regional support for Egypt”.

Asked if there were assurances on assistance from wealthy Gulf states, Azour said: “Yes and some of the Gulf authorities already issued statements in support of the programme”. He said the $5 billion for FY2022-23 would be in addition to the extension of Gulf states’ deposits in Egypt’s central bank.

Any steps by Egypt that increase the level of predictability and bring confidence back is welcomed and allows Egypt to cover its financing needs, he said.

“We see that through these programmes there are enough financing assurances in order to cover their (Egypt’s) external financing needs,” he added.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario, Geopolitica Asiatica

Vietnam. Aumenterà i tassi di interesse di 100 punti base. Pil proiettato allo 8%.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-10-27.

Vietnam Britannica 001

                         La banca centrale del Vietnam ha dichiarato lunedì di voler aumentare i tassi di interesse di 100 punti base, il secondo aumento in un mese, nel tentativo di prevenire i rischi di inflazione, mantenere la stabilità e proteggere il sistema bancario. Con effetto da martedì, il tasso di rifinanziamento sarà portato al 6.0% e il tasso di sconto al 4.5%.

                         Il Vietnam, come la maggior parte dei suoi vicini del sud-est asiatico, ha affrontato una pressione al rialzo dell’inflazione e ha visto la sua valuta subire un colpo negli ultimi mesi, con il dong che ha perso il 9% rispetto al dollaro quest’anno. La SBV ha dichiarato che il livello di inflazione globale rimane elevato e che la Fed ha alzato i tassi cinque volte di recente, con ulteriori rialzi previsti per il resto dell’anno e per il 2023.

                         Il principale indice azionario del Paese ha toccato lunedì il livello più basso dal gennaio 2020 e ha chiuso in ribasso del 3.3%, recuperando leggermente il calo del 4.11% precedente. Il dong è salito dello 0.04% rispetto al dollaro alla chiusura, dopo essere crollato a un nuovo minimo storico per la tredicesima sessione consecutiva. Il governo ha dichiarato che quest’anno la crescita del PIL potrebbe raggiungere l’8%, battendo l’obiettivo ufficiale di un’espansione del 6.0%-6.5% e più velocemente rispetto alla crescita del 2.58% dell’anno scorso.

* * * * * * *

«Vietnam’s central bank on Monday said it would raise its policy rates by 100 basis points, the second increase in a month, in what it said was an effort to head off inflation risks, maintain stability and protect its banking system. Effective Tuesday, the refinancing rate will be increased to 6.0% and the discount rate to 4.5%»

«Vietnam, like most of its Southeast Asian neighbours, has faced upward pressure on inflation and has seen its currency take a hit in recent months, with the dong losing 9% against the dollar this year. The SBV said the global inflation level remains high and the Fed had raised its rates five times recently, with more hikes expected during the rest of this year and 2023.»

«The country’s main stock index (.VNI) hit its lowest level since January 2020 earlier on Monday and closed down 3.3%, recovering slightly from 4.11% fall earlier. The dong edged up 0.04% against the dollar at the close, having earlier slumped to a fresh record low for a 13th consecutive session. The government has said this year’s GDP growth could reach 8%, beating an official target for 6.0%-6.5% expansion and faster than the 2.58% growth last year.»

* * * * * * *


Vietnam cenbank raises policy rates by 100 bps

Hanoi, Oct 24 (Reuters) – Vietnam’s central bank on Monday said it would raise its policy rates by 100 basis points, the second increase in a month, in what it said was an effort to head off inflation risks, maintain stability and protect its banking system.

Effective Tuesday, the refinancing rate will be increased to 6.0% and the discount rate to 4.5%, the State Bank of Vietnam (SBV) said in a statement.

Vietnam, like most of its Southeast Asian neighbours, has faced upward pressure on inflation and has seen its currency take a hit in recent months, with the dong losing 9% against the dollar this year.

The SBV said the global inflation level remains high and the Fed had raised its rates five times recently, with more hikes expected during the rest of this year and 2023.

“This, coupled with the strengthening of the dollar, has put pressure on domestic interest rates and exchange rate,” SBV said.

Vietnam’s prime minister last week said Vietnam would keep prices in check and pursue flexible, prudent monetary policy throughout next year, noting that uncertainty over energy prices and the war in Ukraine were behind inflationary pressure.

The country’s main stock index (.VNI) hit its lowest level since January 2020 earlier on Monday and closed down 3.3%, recovering slightly from 4.11% fall earlier.

The dong edged up 0.04% against the dollar at the close, having earlier slumped to a fresh record low for a 13th consecutive session.

Market analysts had earlier said a faster-than-expected gross domestic product growth for this year has offered the central bank some room to raise its policy rates.

The government has said this year’s GDP growth could reach 8%, beating an official target for 6.0%-6.5% expansion and faster than the 2.58% growth last year.

Consumer prices in September rose 4.01% from the end of last year, slightly higher than a government target of 4.0% for the year.

The central bank on Oct. 17 widened the exchange rate trading band to 5.0% from 3.0%, following a sharp fall in the dong currency resulting from fluctuations in the global market.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario, Stati Uniti

Usa. Il tasso medio contrattuale su un mutuo a tasso fisso a 30 anni è salito al 6.81%.

Giuseppe Sandro Mela

2022-10-14.

2022-09-04__ Svezia 001

Il tasso di interesse medio sul più diffuso mutuo per l’acquisto di una casa negli Stati Uniti è salito al livello più alto dal 2006, mentre il settore immobiliare continua a sopportare il peso dell’inasprimento delle condizioni finanziarie. I tassi ipotecari sono più che raddoppiati dall’inizio dell’anno, mentre la Federal Reserve persegue un percorso aggressivo di rialzi dei tassi di interesse per ridurre l’inflazione ostinatamente alta.

Queste azioni, volte a raffreddare l’economia in misura sufficiente a frenare le pressioni sui prezzi, hanno pesato molto sul settore immobiliare, sensibile ai tassi d’interesse, mentre le aspettative di un inasprimento della Fed hanno portato a un’impennata dei rendimenti dei Treasury. Il rendimento del titolo decennale funge da parametro di riferimento per i tassi ipotecari. Il tasso medio contrattuale su un mutuo a tasso fisso a 30 anni è salito di 6 punti base al 6.81% nella settimana conclusasi il 7 ottobre, mentre il Market Composite Index dell’MBA, una misura del volume di richieste di mutui ipotecari, è sceso del 2.0% rispetto alla settimana precedente ed è diminuito di circa il 69% rispetto a un anno fa.

* * * * * * *

«The average interest rate on the most popular U.S. home loan rose to its highest level since 2006 as the housing sector continued to bear the brunt of tightening financial conditions. Mortgage rates have more than doubled since the beginning of the year as the Federal Reserve pursues an aggressive path of interest rate hikes to bring down stubbornly high inflation»

«Those actions, designed to cool the economy sufficiently to curb price pressures, have weighed heavily on the interest-rate-sensitive housing sector as expectations for Fed tightening have led to a surge in Treasury yields. The yield on the 10-year note acts as a benchmark for mortgage rates. The average contract rate on a 30-year fixed-rate mortgage rose by 6 basis points to 6.81% for the week ended Oct. 7 while the MBA’s Market Composite Index, a measure of mortgage loan application volume, fell 2.0% from a week earlier and is down roughly 69% from one year ago»

* * * * * * *


U.S. mortgage interest rates rise to highest level since 2006

Oct 12 (Reuters) – The average interest rate on the most popular U.S. home loan rose to its highest level since 2006 as the housing sector continued to bear the brunt of tightening financial conditions, data from the Mortgage Bankers Association (MBA) showed on Wednesday.

Mortgage rates have more than doubled since the beginning of the year as the Federal Reserve pursues an aggressive path of interest rate hikes to bring down stubbornly high inflation.

Those actions, designed to cool the economy sufficiently to curb price pressures, have weighed heavily on the interest-rate-sensitive housing sector as expectations for Fed tightening have led to a surge in Treasury yields. The yield on the 10-year note acts as a benchmark for mortgage rates.

The average contract rate on a 30-year fixed-rate mortgage rose by 6 basis points to 6.81% for the week ended Oct. 7 while the MBA’s Market Composite Index, a measure of mortgage loan application volume, fell 2.0% from a week earlier and is down roughly 69% from one year ago.

Its Purchase Index, a measure of all mortgage loan applications for purchase of a single family home, fell 2.1% from the prior week and is 39% lower than a year ago, while MBA’s refinance Index declined 1.8% last week and is down 86% from one year ago.

Homebuilding and sales have weakened significantly in recent months, with home resales posting seven straight months of declines. However, home prices remain high even as house price growth slows, eroding affordability for buyers who are still competing due to a shortage of properties for sale.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario

Germania. Sarebbe un crollo obbligazionario come quello del Regno Unito.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-10-11.

2022-10-09_ Germania Bond 001

«Germany’s relief plan could trigger a UK-style bond meltdown in euro nations»

«Il piano di aiuti della Germania potrebbe innescare un crollo obbligazionario in stile britannico nei Paesi dell’euro.»

* * * * * * *

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha annunciato la scorsa settimana un pacchetto di 200 miliardi di euro (198 miliardi di dollari) per far fronte all’impennata dei prezzi dell’energia. Lo scudo difensivo comprende un freno al prezzo del gas e un taglio dell’imposta sulle vendite di carburante. Il pacchetto potrebbe attenuare la recessione in arrivo, ma presenta anche dei rischi. Il piano di aiuti della Germania potrebbe innescare un crollo obbligazionario in stile britannico nei Paesi dell’euro.

Preoccupazioni più ampie per i violenti movimenti del mercato obbligazionario e per i governi europei che cercano di prendere in prestito ingenti somme di denaro. I rendimenti delle obbligazioni sovrane della Germania, il tasso di riferimento della Banca Centrale Europea e i piani di prestito di altre nazioni dell’euro che potrebbero fare lo stesso.

Schulz ha notato la recente esplosione del mercato obbligazionario del Regno Unito dopo i tagli alle tasse non finanziati dal governo britannico. Le aspettative sui tassi e i rendimenti obbligazionari sono saliti in Gran Bretagna il mese scorso dopo una serie di annunci fiscali. Secondo Schulz, la Germania potrebbe permettersi qualsiasi finanziamento del debito grazie al suo basso rapporto debito/PIL e al minore fabbisogno di finanziamenti esterni, ma il pacchetto potrebbe aprire la porta a Paesi meno prudenti dal punto di vista fiscale che volessero prendere in prestito grandi somme ed emettere nuovo debito, portando potenzialmente a problemi come quelli visti nel Regno Unito. Citi prevede che il finanziamento del debito tedesco potrebbe anche costringere a una politica più restrittiva da parte della BCE, con conseguente impennata dei rendimenti nell’area dell’euro.

La Corte dei Conti Federale tedesca ha criticato il governo e ha suggerito che ha eluso le norme fiscali per finanziare il pacchetto. Berenberg Economics ha dichiarato in una recente nota che la fiducia dei consumatori in Germania, e più in generale nell’area dell’euro, è crollata a un minimo storico, preludendo così alla recessione. L’Istituto per la Ricerca Economica prevede infatti che gli investimenti crolleranno del 25% e prevede una recessione tedesca nel 2023.

* * * * * * *

«German Chancellor Olaf Scholz last week announced a package worth 200 billion euros ($198 billion) designed to help with soaring energy prices. The defensive shield includes a gas price brake and a cut in sales tax for fuel. The package may soften the coming recession but also poses risks. Germany’s relief plan could trigger a UK-style bond meltdown in euro nations»

«Wider concerns about violent bond market moves and European governments looking to borrow vast sums of money. Germany’s sovereign bond yields, to the European Central Bank’s benchmark rate, and to the borrowing plans of other euro nations that may do the same.»

«Schulz noted the U.K.’s recent bond market blowup after unfunded tax cuts by the British government. Rate expectations and bond yields surged in Britain last month after a swathe of tax announcements. It caused the Bank of England to unleash a new bond-buying plan, mayhem in the mortgage market and talk of a housing crisis. Schulz said Germany could “afford” any debt financing thanks to its low debt-to-GDP ratio and lower external funding needs, but the package could open the door for less fiscally prudent countries to want to borrow large amounts and issue new debt — potentially leading to trouble like that seen in the U.K. Citi predicts that German debt financing could also force tighter ECB policy, which could then also send yields surging in the euro area»

«Germany’s Federal Audit Court criticized the government and suggested it had dodged tax rules to fund the package. Berenberg Economics said in a recent note that consumer confidence in Germany, and the euro zone more generally, has plunged to a record low, which it said is a prelude to recession. Indeed, the Institute for Economic Research predicts investment will plummet by 25% and expects a German recession in 2023»

* * * * * * *


Germany’s relief plan could trigger a UK-style bond meltdown in euro nations

– German Chancellor Olaf Scholz last week announced a package worth 200 billion euros ($198 billion) designed to help with soaring energy prices.

– The “defensive shield” includes a gas price brake and a cut in sales tax for fuel.

– The package “may soften the coming recession but also poses risks, in our view,” Citi analysts said in a note released last Friday.

* * * * * * *

Amid downbeat predictions of a recession in Germany and the wider region, analysts at one Wall Street bank have shared wider concerns about violent bond market moves and European governments looking to borrow vast sums of money.

German Chancellor Olaf Scholz last week announced a package worth 200 billion euros ($198 billion) designed to help with soaring energy prices. The “defensive shield” includes a gas price brake and a cut in sales tax for fuel.

The proposals could cut 2 percentage points off inflation in the next year, according to Citi, but they are unlikely to prevent an economic contraction. The package “may soften the coming recession but also poses risks, in our view,” Citi analysts said in a note released last Friday.

Those risks relate to the question of how the package will be financed and what that could do to inflation, to Germany’s sovereign bond yields, to the European Central Bank’s benchmark rate, and to the borrowing plans of other euro nations that may do the same.

                         Germany’s example

“The risk is that others may follow that example,” Christian Schulz, deputy chief European economist at Citi, told CNBC’s “Street Signs Europe” on Monday.

Schulz noted the U.K.’s recent bond market blowup after unfunded tax cuts by the British government. Rate expectations and bond yields surged in Britain last month after a swathe of tax announcements. It caused the Bank of England to unleash a new bond-buying plan, mayhem in the mortgage market and talk of a housing crisis.

Schulz said Germany could “afford” any debt financing thanks to its low debt-to-GDP ratio and lower external funding needs, but the package could open the door for less fiscally prudent countries to want to borrow large amounts and issue new debt — potentially leading to trouble like that seen in the U.K. Citi predicts that German debt financing could also force tighter ECB policy, which could then also send yields surging in the euro area.

“The risk is that this same dynamic [seen in Britain] evolves on the continent as well now,” Schulz said.

“The way [Germany] want[s] to do it is by using an existing SPV [special purpose vehicle], an off balance sheet fund …. whether that’s going to lead to borrowing or whether it’s going to lead to guaranteed loans — because this fund can do both — we shall see,” he added, referring to the 200 billion euro plan.

Germany’s Federal Audit Court criticized the government and suggested it had dodged tax rules to fund the package, according to Politico.

Other banks and institutions pointed to the difficult environment in Germany — the largest European economy and an engine room for euro area growth — which is now trying to abruptly wean itself off of Russian fossil fuels.

Berenberg Economics said in a recent note that consumer confidence in Germany, and the euro zone more generally, has plunged to a record low, which it said is “a prelude to recession.” Indeed, the Institute for Economic Research predicts investment will plummet by 25% and expects a German recession in 2023.

Deutsche Bank analysts estimate that the “defensive shield” could boost household income and limit the projected GDP decline in 2023 to around 2%. That’s better than their previous forecast of a 3.5% contraction.

                         Recession may be on the cards

ECB President Christine Lagarde hinted at further interest rate hikes, saying on Sept. 28 that the bank was “not at neutral rates yet.”

Speaking at the Frankfurt Forum, Lagarde said the latest hikes — most recently an unprecedented 75 basis point increase in September that demolished the region’s track record of negative rates — were just “the first destination on the journey.” The ECB president said the institution would “do what [it has] to do” in order to return to its 2% inflation target in the medium term.

While the EU and U.S. will see positive growth this year overall, “the signs are there of a slowdown and a recession can no longer be ruled out,” European commissioner for economy, Paolo Gentiloni, told CNBC’s Annette Weisbach at the Frankfurt Forum. “We are entering a phase of stagnation and possible recession,” Gentiloni said via video link.

That sentiment was echoed by World Trade Organization director-general Ngozi Okonjo-Iweala. “My worry is that all indicators are going in the wrong direction,” Okonjo-Iweala told CNBC’s Julianna Tatelbaum in Brussels at an emergency energy meeting last month — but she said she disliked the word “recession.”

“Let’s say ‘slowing’ and let’s say we are inching towards the ‘R’,” she said.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario

Intesa, Unicredit, Banco BPM. Hanno emesso un certificato con premio del 26% annualizzato.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-10-10.

Draghi che parla alle poltrone vuote 001

Draghi che parla alle poltrone vuote della Assemblea delle Nazioni Unite.

L’Italia ha un Indice dei Prezzi di Produzione, PPI, del 40.1% annuale.

Questa è la orripilante eredità che Draghi lascia alla Italia.

Non ci si stupisca quindi se le banche si siano accordate per emettere un certificato con premio del 20% annuo, un rendimento ai prezzi attuali del 26% annualizzato.

Se sicuramente la situazione internazionale ed europea è caratterizzata da una inflazione fuori controllo, sarebbe altrettanto vero ricordare come all’interno della eurozona l’Italia abbia i peggiori valori.

Da ultimo, ma non certo per ultimo, non è che le banche italiane sprizzino salute. Anche le banche possono fallire, e se hanno un tale bisogno di denaro da pagarlo il 26% annuo, ebbene, codesto è un segno prognostico negativo.

* * * * * * *


Intesa, Unicredit, Banco BPM: Un certificato con premio del 20% annuo

Con un VIX che negli ultimi giorni ha superato i 33 e giornate in cui si alternano forti rialzi a forti ribassi, anche sul mercato italiano è tornata la volatilità.

In particolare, abbiamo visto delle giornate di negoziazione alquanto nervose sulle principali banche italiane che nell’ultimo mese le hanno spinte ad una leggera correzione: Intesa Sanpaolo (BIT:ISP) da oltre 1.9 euro, prezza ora 1.7 euro; Unicredit (BIT:CRDI) da oltre 11.3 euro scambia intorno a 10.6 euro; Banco BPM è scivolata a 2.64 euro dai 2.97 euro.

Nonostante in Europa alcune banche destano preoccupazione (si pensi all’impennata del prezzo dei CDS di Credit Suisse, la cui probabilità di default sul debito ha superato i massimi del 2008), le banche italiane sembrano essere solide, continuano i loro programmi di buy-back e continuano ad erogare dividendi interessanti per i loro azionisti (che per ora non sembra vengano messi in discussione).

Ciononostante, i titoli non sembrano essere ancora pronti per un rally rialzista. In effetti anche i target price degli analisti sono stati tagliati sulle banche italiane negli ultimi mesi (fonte dati: Tikr): Intesa è passata da un target price medio di 3 euro (febbraio 2022) a 2.5 euro, con un minimo a 1.22 euro; Unicredit da un target price medio di 17.28 euro (febbraio 2022) ha ora un target a 14.82 euro, con un minimo a 10.50 euro; Banco BPM è la favorita degli analisti che da un target medio di 4.02 euro (febbraio 2022) ha oggi un target a 3.83 euro, con un minimo a 3.25 euro.

Considerando l’incertezza riguardante diverse variabili che potrebbero avere un impatto significativo sul prezzo delle azioni (tra cui politiche monetarie, inflazione, recessione ma anche la futura politica sui dividendi delle banche) e considerando che continuiamo ad essere inquadrati in un mercato marcatamente ribassista, potrebbe aver senso investire su queste azioni tramite l’acquisto di un certificato di investimento difensivo, che ci permette di realizzare interessanti guadagni sia in caso di discesa limitata delle azioni sottostanti che di eventuale rialzo.

In particolare, analizziamo oggi un certificato di investimento di recente emissione su Unicredit, Intesa e Banco BPM con un rendimento ai prezzi attuali del 26% annualizzato.

Si tratta di un Certificato della tipologia Memory Cash Collect Step-Down con le seguenti caratteristiche:

                         – Sottostanti: Unicredit, Intesa e Banco BPM (basket della tipologia worst-of)

                         – Protezione del capitale fino ad un -45% delle azioni: la barriera di protezione del capitale è posta al 55% dello strike ed è pari a 0.91 euro per Intesa, 5.60 euro per Unicredit, 1.46 euro per Banco BPM. Pertanto, a scadenza (il 30/09/24), se Intesa è superiore a 0.91 euro, Unicredit a 5.60 euro e Banco BPM è superiore a 1.46 euro, il certificato protegge il capitale investito e restituisce il valore nominale di 100 euro.

                         – Ha un premio condizionato, erogato mensilmente, se tutte le azioni sono superiori alla barriera premio del 55%. In altre parole, se Intesa è superiore a 0.91 euro, Unicredit a 5.60 euro e Banco BPM è superiore a 1.46 euro, il Certificato paga il premio mensile di 1.67 euro (20.04% p.a.).

                         – Effetto memoria: Se in una qualsiasi delle date di valutazione mensili una delle azioni dovesse violare la barriera, si attiva l’effetto memoria quindi il premio non è perso ma conservato in memoria e alla successiva data di valutazione in cui si verificheranno le condizioni per il pagamento del premio il certificato pagherà il premio del periodo più tutti i premi eventualmente non pagati e conservati in memoria.

                         – Possibilità di rimborso anticipato con barriera discendente (“step-down”): a partire da dicembre di quest’anno si attiva l’opzione autocall e il certificato può essere rimborsato anticipatamente se tutti i sottostanti saranno superiori alla barriera autocall. La barriera autocall è della tipologia step-down: parte dal 100% e scende dell’1% ogni mese fino ad arrivare all’80%. La barriera autocall discendente facilita il rimborso anticipato e rappresenta un’ulteriore protezione. Infatti il certificato potrebbe andare in autocall anche in caso di discesa dei sottostanti (fino ad un -20%).

                         – Il certificato scade il 30 settembre 2024 ed è negoziabile sul segmento TLX di Borsa Italiana.

                         – Il prezzo di acquisto del certificato è di 99 euro, garantisce quindi un’extra-rendimento sul capitale.

                         – L’emittente è tra i migliori (in quanto a rischio emittente) del mercato: Barclays (LON:BARC) (Rating: S&P A, Moody’s A1, Fitch A).

Al momento tutti i sottostanti sono sopra la pari: Intesa è a +3.6%, Unicredit a +4.2%, Banco BPM a +0.2%. Ai valori attuali il certificato andrebbe in autocall a dicembre pagando tre premi e rimborsando quindi in totale 105.01 euro. Considerando che si acquista a 99 euro, garantirebbe un rendimento di 6.01 euro ossia un 26.4% annualizzato.

 Parliamo del certificato anche all’interno del gruppo Facebook (NASDAQ:META) e del canale telegram di FreeFinance.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario, Stati Uniti

Hedge Fund. 2022-H1. Hanno subito deflussi per 49.2 miliardi di Usd.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-10-09.

denaro-in-fuga-001

«$49.2 billion in total for the first half of 2022.»

«49.2 miliardi di dollari in totale per la prima metà del 2022»

* * * * * * *

Gli investitori hanno ritirato 32 miliardi di dollari dagli hedge fund nel secondo trimestre del 2022, spaventati dall’inflazione, dalle tensioni geopolitiche e dalla guerra in Ucraina. I deflussi sono stati i più consistenti che l’industria degli hedge fund da 4.1 trilioni di dollari abbia visto dall’inizio della pandemia di coronavirus nel primo trimestre del 2020. I ribassi potrebbero continuare con il continuo aumento dei tassi da parte delle banche centrali.

Nel frattempo, un’impennata dei rendimenti dei titoli di Stato del Regno Unito ha colpito i fondi pensione britannici, costringendo alcuni a cercare fondi di emergenza presso le società per le quali gestiscono il denaro. I prezzi delle obbligazioni scendono quando i rendimenti aumentano.

I rendimenti sono scesi dell’8.82% negli hedge fund focalizzati sul Nord America, mentre le loro controparti europee sono andate leggermente meglio con cali del 5.78%. I rendimenti dei fondi focalizzati sulla regione Asia-Pacifico sono scesi del 4.45%. Tuttavia, la maggior parte dei deflussi ha riguardato gli hedge fund focalizzati sull’Europa, che hanno registrato 28.4 miliardi di dollari nel secondo trimestre e 49.2 miliardi di dollari in totale per la prima metà del 2022.

* * * * * * *

«Investors pulled $32 billion from hedge funds in the second quarter of 2022, spooked by inflation, geopolitical tensions and the war in Ukraine. The outflows were the largest that the $4.1 trillion hedge fund industry had seen since the start of the coronavirus pandemic in the first quarter of 2020. The declines may continue as central banks continue to raise rates»

«Meanwhile, a surge in U.K. government bond yields hit British pension funds, forcing some to seek emergency funds from the companies for which they manage money. Bond prices fall when yields rise.»

«Returns fell 8.82% in North American-focused hedge funds whereas their European counterparts fared slightly better with 5.78% declines. Funds’ returns focused in the Asian Pacific Region fell 4.45%. Still, most of the outflows were from European-focused hedge funds, which saw $28.4 billion in the second quarter and $49.2 billion in total for the first half of 2022.»

* * * * * * *


Hedge funds suffer $32 bln of outflows in Q2 -data

Oct 5 (Reuters) – Investors pulled $32 billion from hedge funds in the second quarter of 2022, spooked by inflation, geopolitical tensions and the war in Ukraine, according to a report from data provider Preqin.

The outflows were the largest that the $4.1 trillion hedge fund industry had seen since the start of the coronavirus pandemic in the first quarter of 2020.

The declines may continue as central banks continue to raise rates, Preqin said.

In September, central banks in North America and Europe increased interest rates in order to curb inflation. Meanwhile, a surge in U.K. government bond yields hit British pension funds, forcing some to seek emergency funds from the companies for which they manage money. Bond prices fall when yields rise.

Global uncertainty put significant pressure on markets and forced investors to revisit their allocations, the report said.

Lacklustre second quarter returns have not encouraged investors to stay, either. Returns fell 8.82% in North American-focused hedge funds whereas their European counterparts fared slightly better with 5.78% declines. Funds’ returns focused in the Asian Pacific Region fell 4.45%.

Still, most of the outflows were from European-focused hedge funds, which saw $28.4 billion in the second quarter and $49.2 billion in total for the first half of 2022.

Longer term performance trends in Europe also lagged behind peers in the United States and the Asia-Pacific (APAC) region.

In the last five years and including the first half of 2022, funds focused on the U.S. and APAC returned 8.55% and 6.90%, respectively but European focused hedge funds only managed 3.5%, the report said.

Now that market stress has returned, hedge funds are poised to do their best particularly those which use strategies which make use of macro-economic indicators to trade trends in the markets, the report said.