Pubblicato in: Amministrazione, Banche Centrali, Senza categoria, Stati Uniti, Trump

Trump. T2. Personal income tax balza a 1.4$ trilioni di dollari.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-18.

Trump Vincitore

Il Bureau of Fiscal Service, US Department of Treasury, ha rilasciato il report

Monthly Treasury Statement (MTS).

Del più recente aggiornamento è disponibile un pdf.

*

Nel secondo trimestre le entrate fiscali da tasse su persone sono ammontate ad 1.4 trilioni di dollari.

Questo è uno degli effetti del grande taglio delle tasse praticato mesi or sono dalla Amministrazione Trump.

E sono passati soltanto pochi mesi, ma il cresciuto benessere della popolazione è palpabile, tangibile.

A cosa mai servirebbe lo stato se non a far star bene la gente comune?


Sean Hannity. 2018-08-13. Great again: US Government Collects record tax haul in July

The United States treasury collected the highest level of personal income tax on record in July 2018, smashing estimates and taking-in more than $1.4 trillion just months after President Trump signed the sweeping tax overhaul into law.

According to CNS News, the federal government collected its highest recorded level of personal income tax on record in the second quarter of 2018 at $1,415,150,000,000; topping the previous record in the first ten months of 2017.

“In addition to the individual income taxes and corporation income taxes, the total taxes the federal government collected in October through July included $978,254,000,000 in Social Security and other payroll taxes; $70,755,000,000 in excise taxes; $18,761,000,000 in estate and gift taxes; $32,477,000,000 in customs duties; and $84,688,000,000 in miscellaneous revenues,” writes CNS.

The strong economic data may spell disaster for Democratic challengers just months before the 2018 midterm elections, with liberal candidates vowing to repeal the “GOP tax scam” should they retake control of Congress this fall.


Cns. 2018-08-13. Feds Collect Record Individual Income Taxes Through July; Still Run $683.9B Deficit

The federal government collected a record $1,415,150,000,000 in individual income taxes through the first ten months of fiscal 2018 (October 2017 through July 2018), according to the Monthly Treasury Statement.

But the federal government also ran a $683,965,000,000 deficit for those ten months, according to the statement.

The previous record for individual income tax collections in the first ten months of the fiscal year was in fiscal 2017, when the Treasury collected $1,351,409,020,000 in individual income taxes (in constant July 2018 dollars) in the October through July period.

Despite the record amount in individual income taxes collected in the first ten months of this fiscal year, overall federal tax collections declined in the first ten months of this fiscal year compared to last year. In the October-through-July period of fiscal 2017, the Treasury collected $2,820,673,610,000 in total taxes. In the October-through-July period of this fiscal year, the Treasury collected only $2,766,071,000,000.

While individual income taxes collected in the first ten month of the fiscal year increased from 2017 to 2018, corporation income tax collections declined. In the October-through-July period of fiscal 2017, the Treasury collected $239,013,770,000 in corporation income taxes (in constant July 2018 dollars). In the October-through-July period of fiscal 2018, the Treasury collected $166,004,000,000 in corporation income taxes.

In addition to the individual income taxes and corporation income taxes, the total taxes the federal government collected in October through July included $978,254,000,000 in Social Security and other payroll taxes; $70,755,000,000 in excise taxes; $18,761,000,000 in estate and gift taxes; $32,477,000,000 in customs duties; and $84,688,000,000 in miscellaneous revenues.

The federal government ran a $683,965,000,000 deficit in October through July of fiscal 2018 because while collecting its $2,766,071,000,000 in total taxes, it spent $3,450,035,000,000.

Annunci
Pubblicato in: Commercio, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Macron. L’ultima proposta EU su Brexit esclude la Francia dai traffici.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-16.

France's President Emmanuel Macron Hosts Joint Cabinet Meeting With Germany's Chancellor Angela Merkel

Quando accaduto è grave non tanto per la materia esposta, quanto piuttosto per il metodo perseguito.

«a European Commission proposal to exclude French ports from a re-routing of a strategic trade corridor between Ireland and mainland Europe after Brexit»

*

«This proposal therefore is not acceptable to France.»

*

Se da un punto di vista meramente tecnico i porti di Zeebrugge and Rotterdam sarebbero lo sbocco più efficiente del traffico tra Irlanda e continente, d’altro canto la esclusione dei porti francesi suona come un sonoro schiaffo dato a Mr Macron.

Non solo.

Bruxelles rigurgita di burocrati e funzionari francesi e la Commissione Europea è densamente popolata da politici francesi. Mr Juncker e Mr Macron avevano fatto di tutto per mettere in mostra una loro solidissima amicizia e comunanza di idee. Che proprio nessuno si sia sentito in dovere di avvisare il governo francese di quanto si stata progettando?

Poi, Mr Macron si era presentato, ed era stato presentato, come l’uomo che con Frau Merkel avrebbe rifondato l’Unione Europea trasformandola negli Stati Uniti di Europa, ovviamente ad egemonia francese. In linea con la direttiva che femmina è bello, intelligente e proficuo,  il clou dell’intelligenza umana, Mrs Elisabeth Borne è stata nominata Ministro dei Trasporti, ma né la Commissione Europea né gli euroburocrati la hanno ritenuta essere degna non si dice di una consultazione, ma anche nemmeno di uno straccetto di avviso. Conta meno della Mogherini.

*

Da un punto di vista politico, Mr Macron sta evidenziando una serie di lacune impensabili in un presidente di una grande nazione, e la sua audience e moral suasion in sede di rapporti internazionali giace adesso a livelli molto bassi.

L’affaire Benalla ha intaccato in modo davvero sensibile la sua poca credibilità rimasta.

Fatto sta che al momento non si vedrebbe un qualche capo di governo o di stato che nell’Unione Europea possa costituire un punto di riferimento, anche se Mr Orban e Mr Salvini stanno crescendo e si stanno irrobustendo. E le elezioni dell’europarlamento stanno avvicinandosi.


Reuters. 2018-08-12. France fumes at proposed post-Brexit EU sea trade links

France deems unacceptable a European Commission proposal to exclude French ports from a re-routing of a strategic trade corridor between Ireland and mainland Europe after Brexit, the government said.

At the moment much of Ireland’s trade with the continent goes via Britain in trucks. However, with less than eight months to go until Britain leaves the European Union there is still little clarity on its future trade relations with the bloc, nor the nature of the Irish Republic’s border with the British province of Northern Ireland.

The new route put forward by the Commission would connect Ireland by sea with Dutch and Belgian ports including Zeebrugge and Rotterdam. French ports such as Calais and Dunkirk would be bypassed.

“France and Ireland maintain important trade channels, both overland via Britain and via direct maritime routes. The geographical proximity between Ireland and France creates an obvious connection to the single market,” French Transport Minister Elisabeth Borne wrote to the EU’s transport commissioner in a letter dated Aug. 10.

“Surprisingly, the Commission proposal in no way takes this into account. This proposal therefore is not acceptable to France.”

At stake are jobs, millions of dollars’ worth of port revenues and possibly EU infrastructure funding.

Borne said that French ports had the necessary resources to ensure they could handle the likely increase in trade flows, hinting at concerns of congestion in ports such as Calais, France’s busiest passenger port.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Stati Uniti, Trump, Unione Europea

La Voce del Padrone. Tornate nei ranghi!

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-10. h 16:00.

2018-08-10__Borse__000

«we Europeans must really take our fate into our own hands» [Bundeskanzlerin Frau Merkel – NYT]

*

«really take our fate into our own hands.» [Bundeskanzlerin Frau Merkel – Cnn]

*

«I believe that climate change is certainly caused by humans» [Bundeskanzlerin Frau Merkel – Ccn]

*

«The call for a post-Atlantic Western policy by some German columnists also misses the mark, as it suggests the West could exist as a political force without the United States»

*

Ma chi mai si credeva di essere? Qui, se gli europei non si tolgono lo scolapasta dalla testa, finiscono diritti nella miseria più nera. Ora la Turkia, poi l’Italia ed tutto il resto.

I grafici sono in coda.


Ansa. 2018-08-10. Crollo lira, Erdogan: mantenere calma, comprare nostra valuta

La crisi della Turchia spaventa i mercati con effetti sullo spread e l’euro mentre calano anche le Borse, con ribassi specialmente sui titoli delle banche. Ma il presidente turco Racep Tayyip Erdogan, parlando durante una visita alla città settentrionale di Bayburt ad un gruppo di fedeli musulmani, ha detto che il governo turco “non perderà la guerra economica”.
Erdogan invita alla calma dopo il crollo della lira turca, arrivata a perdere fino al 13,5% sul dollaro, e sollecita la popolazione a cambiare la moneta straniera in quella locale.

Piazza Affari amplia il calo a metà seduta e cede il 2,09% a 21.183 punti. Sotto pressione Unicredit (-4,41%), per l’esposizione in Turchia, dove la lira cede l’11,22% sul dollaro e oltre il 10% sull’euro. In forte calo anche Fca (-2,59%), che controlla il 38% della turca Tofas, mentre Stm (-5%, sconta le valutazioni degli analisti sul settore, che colpiscono i rivali nelle varie piazze mondiali.

”Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, e’ in rapido calo nei confronti di un dollaro molto forte. I dazi sull’alluminio saranno ora al 20% e quelli sull’acciaio al 50%. I nostri rapporti con la Turchia non sono buoni al momento”. Lo afferma in un tweet, il presidente americano Donald Trump.

I bond sovrani della Turchia segnano nuovi massimi di rendimento, con il decennale denominato in lira volato al 20,58%, segnando un balzo stamani di 84 punti base. Alta tensione anche sui bond denominati in dollari, con il rendimento dei titoli ottobre 2029 balzato di 25 punti base al 7,92%, secondo dati Bloomberg. Altro segnale dei timori degli investitori per la situazione della Turchia sono i credit-default swap, i contratti derivati che fungono da ‘assicurazione’ per il rischio d’insolvenza: quello a cinque anni è volato a 400 punti base, ai massimi dal 2009. Una situazione che fa temere ad alcuni un possibile contagio ad altri mercati emergenti, ugualmente colpiti dalla fine di un decennio in cui le banche centrali, e in particolare la Fed, hanno inondato i mercati globali di liquidità a bassissimo costo: l’indice Msci che monitora le valute emergenti segna il calo più forte in quasi due mesi, quello relativo alle Borse -0,9%.

La Russia prende contromisure per sostenere il rublo. La crisi della Turchia riverbera anche a Mosca, dove la banca centrale, allo scopo di sostenere le quotazioni del rublo, ha tagliato stamani l’ammontare di valuta estera che acquista regolarmente per proteggere l’economia dalle fluttuazioni del prezzo del petrolio. Il rublo ha così recuperato terreno a 66,8575 dollari dopo aver toccato i 67 dollari stamani, il minimo dal giugno 2016.

BCE PREOCCUPATA PER LE BANCHE La vigilanza è preoccupata per il contagio della crisi economica e monetaria turca sulle banche europee. Lo scrive l’Ft che cita come le più esposte l’italiana Unicredit, la spagnola Bbva e la francese Bnp Paribas. Secondo il quotidiano la situazione non sarebbe ancora critica ma viene monitorata da vicino. Quest’anno la moneta turca ha perso un terzo del suo valore a causa delle politiche del presidente Erdogan, in aperto contrasto con i paesi occidentali (si parla di sanzioni dagli Usa) e che ha ridotto, dopo la vittoria elettorale di giugno, ancor più l’autonomia della banca centrale impedendo una stretta monetaria giudicata necessaria in uno scenario mondiale di tassi in rialzo. Anche i dicasteri economici sono stati posti sotto stretto controllo del presidente aumentando così i timori degli investitori.

LIRA AFFONDA, -13% Non si arresta il crollo della lira turca che, in avvio di contrattazioni, è arrivata a perdere fino al 13,5% sul dollaro, secondo quanto riporta Bloomberg. La valuta di Ankara, sotto attacco per via dei timori sulle politiche economiche del Paese, è arrivata a scambiare fino a 6,3 sul biglietto verde per poi recuperare un po’ di terreno e ora tratta a 5,81.  La Lira turca segna l’ennesimo minimo record a 6,24 contro il dollaro, in calo del 7%.

EFFETTO ANCHE SU EURO I timori di un contagio alle banche e al sistema finanziario europei (oltre che agli investimenti nel paese) della crisi turca indebolisce l’euro in avvio di giornata. L’euro scende ai minimi dal luglio 2017, segnando 1,1432 contro il dollaro da 1,1527 di ieri prima di recuperare parzialmente terreno a 1,1454. 

SPREAD IN SALITA Sale fino a quota 260 lo spread tra il Btp e il Bund tedesco nei primi scambi della mattinata mentre sui mercati si accendono i timori per il crollo della lira turca. Il differenziale di rendimento tra il decennale italiano e quello tedesco, che ieri aveva chiuso a 252 punti base, si attesta ora a 257 punti, con un rendimento del 2,91%.



2018-08-10__Borse__001

2018-08-10__Borse__002

2018-08-10__Borse__003

2018-08-10__Borse__004

2018-08-10__Borse__005

2018-08-10__Borse__010

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Senza categoria

Articolo degno della Pravda di Lenin su come vivere di soldi pubblici. – Sole 24 Ore.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-08.

Riace 011

Riace è un comune italiano di 2.343 abitanti della città metropolitana di Reggio Calabria, in Calabria.

*

Diamo atto alla dr.ssa Donata Marrazzo di aver scritto per il Sole 24 Ore un pezzo replicando alla perfezione, nello spirito e nella lettera, gli articoli che comparivano sulla Pravda dei tempi di Lenin.

Per i più giovani ricordiamo come la Pravda (Правда, in italiano Verità) sia stato l’organo ufficiale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica.

Ricordo gli anni della giovinezza passati alla Biblioteca di stato russa, la российская государственная библиотека, in precedenza Biblioteca Lenin: soprannominata Ле́нинка, Leninka. Quarantacinque milioni di volumi. I bibliotecari erano tutti di istruzione superiore, sapevano dare ottimi consigli e, con grande cortesia, mi aiutavano a tradurre il russo colto e ricercato della Pravda, spiegandomi il contesto in cui inserire gli articoli. Come risultato conosco termini russi specialistici e non saprei come intendermi con un idraulico venuto a stagnare un rubinetto. Ma la posta valeva la candela.

All’epoca tutti si dichiaravano comunisti leninisti. Poi, nella solitudine di una panchetta nei giardini, vuotavano il sacco, felici di una biro che scrivesse per davvero.

* * *

La dr.ssa Donata Marrazzo è invece comunista fino nelle cellule staminali del midollo. I suoi cromosomi sono conformati a falce e martello. Per Lei lo stato dovrebbe possedere tutto, gestire tutto, ma specialmente, erogare fondi da spendere secondo convenienza.I fondi elargiti dallo stato non saranno mai sufficientemente esaltati. Ovviamente, se finiscono nelle tasche dei comunisti, liberal e socialisti vari.

I Fatti.

«Il Comune di Riace in liquidazione: rischia di saltare un esempio virtuoso di integrazione. Crediti per 2 milioni»

*

«Riace in liquidazione. Rischia di saltare il più virtuoso ed efficace modello di integrazione che ha rigenerato il tessuto sociale in un’area interna della Calabria ravvivando l’economia»

*

«Restano i crediti che il Comune avanza dallo Stato: quasi 2 milioni di euro»

*

«Riace è stata esclusa dal saldo luglio-dicembre 2017 di circa 650.000 euro e per il 2018 non è compresa tra gli enti beneficiari del finanziamento del primo semestre»

Riassumendo.

Riace ha aperto le porte ai migranti, e con il passato governo godeva di fondi in abbondanza. Poi, portandosi avanti con il lavoro, spendeva anche quello che non aveva.

Con tutti quei milioni di euro ha persino comprato due piscinette gonfiabili del valore di circa cento euro.

Ed il resto?

Ma sciocchini!! Stipendi ed emolumenti per il personale. Due milioni di euro di denaro del Contribuente sono il minimo per gonfiare le piscinette.

Adesso però quel mai sufficientemente esecrato Mr Matteo Salvini ha chiuso i rubinetti: basta finanziamenti per sì nobile impresa. Ma allora, che ci stanno a fare i Contribuenti se non per mantenere le ‘opere benefiche‘ del Comune di Riace?

Le conseguenze.

Sono immediatamente scesi in campo personaggi di rilievo mondiale.

L’immarcescibile padre Alex Zanotelli, già: proprio quello che ha dovuto lasciare a gambe levate il posto dove faceva il ‘missionario‘. Poi Mimì u Curdo, un fior di galantuomo di cui parlano male solo i maledicenti, Michele Uselli, consigliere della Regione Lombardia che è stato medico per Emergency, Riccardo Gatti di Open Arms ed alcuni altri. Insomma: mica che sia intervenuto Mr Trump oppure Mr Putin.

*

«Riace senza più soldi tracolla»

*

«La farmacia, il supermercato e gli altri fornitori che hanno accettato i bonus in attesa dei contributi pubblici non vedranno un euro.»

*

«L’Enel staccherà la luce nelle case.»

*

«E i rifugiati finiranno per strada. Con loro 80 operatori e 50 bambini»

Avete letto più che bene: ottanta operatori per cinquanta bambini: un forestale ogni albero, diceva Cetto La Qualunque.

*

«L’ultima ispezione, eseguita nel mese di maggio, denuncia condizioni di degrado»

Ma quale degrado!!! Subito intervenuta, Magistratura Democratica descrive un paradiso sulla terra.

* * * * * * * *

Ma ogni buon comunista mente, e mente contro ogni evidenza.

Mente perfettamente conscio di mentire.

Non si è certi nemmeno del nome e cognome.

Questo articolo del Sole 24 Ore non fa eccezione.

La realtà è totalmente differente.

Riace, il comune ripopolato coi profughi va in default

«I migranti sono talmente una risorsa, che la cittadina che ha fatto del ripopolamento con gli immigrati un modus vivendi sta andando in default: fallendo per debiti. Che, ovviamente, dovranno ripianare i contribuenti italiani.

La cittadina si chiama Riace, il suo sindaco è ovviamente del PD ed è conosciuto come ‘il mago di Riace’, perché avrebbe fatto sparire un milione di euro.

Chiuso per default. È questo il rischio che sta correndo Riace, il paesino ripopolato grazie al business dell’accoglienza dei sedicenti profughi e per questo divenuto un modello per i media di distrazione di massa. Un modello che andava avanti solo con i soldi dei contribuenti, ovviamente.

Il suo storico sindaco, Mimmo Lucano – inserito da Fortune fra i 50 uomini più influenti al mondo e dai magistrati nel registro degli indagati – non sa più dove trovare i soldi. Da tempo, la prefettura ha sospeso i trasferimenti dei fondi destinati ai progetti di accoglienza e l’intero paese, una sorta di monocoltura dell’immigrazione che basava tutta la propria economia sul parassitismo dell’accoglienza, rischia di essere obbligato a gettare la spugna. ….»

*

Quanto sia il buco reale nessuno lo sa: forse la Magistratura potrà appurare il valore reale,

Ma corrono voci di cinquanta milioni di euro del Contribuente, ossia soldi nostri.


Sole 24 Ore. 2018-08-06. Il Comune di Riace in liquidazione: rischia di saltare un esempio virtuoso di integrazione. Crediti per 2 milioni

Riace in liquidazione. Rischia di saltare il più virtuoso ed efficace modello di integrazione che ha rigenerato il tessuto sociale in un’area interna della Calabria ravvivando l’economia. Restano i crediti che il Comune avanza dallo Stato: quasi 2 milioni di euro. «Riace è stata esclusa dal saldo luglio-dicembre 2017 di circa 650.000 euro e per il 2018 non è compresa tra gli enti beneficiari del finanziamento del primo semestre, nonostante tutte le attività siano state svolte e nessuna comunicazione di chiusura del progetto mi sia mai stata recapitata», dichiara il sindaco di Riace Mimmo Lucano.

Il digiuno di giustizia di Mimì u curdu

In un’altra vita era maestro di scuola Lucano. In paese lo chiamano Mimì u curdu, come i primi profughi sbarcati sulla spiaggia di Riace 20 anni fa: li ha soccorsi, accolti e integrati nella sua comunità. È il sindaco dell’accoglienza, che ha tenuto conferenze a Bruxelles e Cambridge, il visionario al quale Papa Francesco ha rivolto parole di ammirazione e gratitudine. Nel 2016 è uno dei 50 uomini più influenti del pianeta, secondo Fortune. Due anni dopo lo “zero” del ministro Matteo Salvini.

Padre Alex Zanotelli appende manifesti

Da tre giorni fa lo sciopero della fame: «un digiuno di giustizia», com’è scritto su uno striscione issato sul muro del Villaggio globale, una piazzetta multietnica nel centro storico. È padre Alex Zanotelli che appende i manifesti. «Perché la chiesa in Calabria non entra in questa problematica? Perché non interviene la conferenza episcopale per mobilitare le parrocchie?», si interroga il missionario comboniano.

Avvocati, giudici, politici e intellettuali per sostenere Lucano

Sono accorsi in tanti per sostenere Lucano in questa protesta: c’è Magistratura democratica, gli attivisti dell’associazione Studi giuridici sull’immigrazione. La sindaca di Barcellona Ada Colau. Michele Uselli, consigliere della Regione Lombardia che è stato medico per Emergency. L’attore Peppino Mazzotta che quest’anno cura la ricca edizione di Riace in festival. C’è il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, sempre accanto a Lucano, la Rete dei comuni solidali. Riccardo Gatti di Open Arms, assente per una nuova missione, manda il suo sostegno dal mar Mediterraneo.

Due piscine di plastica per i più piccoli

Riace senza più soldi tracolla. La farmacia, il supermercato e gli altri fornitori che hanno accettato i bonus in attesa dei contributi pubblici non vedranno un euro. L’Enel staccherà la luce nelle case. E i rifugiati finiranno per strada. Con loro 80 operatori e 50 bambini. Ne sono nati 10 negli ultimi sei mesi. I più grandi giocano in piazza facendo il bagno in due piscine di plastica. Parlano un mix di inglese e italiano con accento calabrese. Le botteghe del legno, della ceramica, del vetro, del ricamo, del cioccolato sono aperte: dentro lavorano insieme rifugiate e riacesi.

Il prezzo dell’innovazione sociale

Un progetto di innovazione sociale che è costato a Lucano un’indagine della magistratura, partita in seguito a un’ispezione della Prefettura di Reggio Calabria che riscontrava «anomalie nel funzionamento del sistema». I verbali delle ispezioni successive dipingevano invece «un microcosmo strano e composito che ha inventato un modo per accogliere e investire sul futuro», come riporta l’appassionata relazione di 4 ispettori, diffusa dopo un anno a seguito di una richiesta del sindaco alla procura di Reggio Calabria. L’ultima ispezione, eseguita nel mese di maggio, denuncia condizioni di degrado. Che non coincidono però con il video girato una settimana dopo da un gruppo di lavoro di 30 persone coordinato dal magistrato Emilio Sirianni, responsabile della sezione di Catanzaro di Magistratura democratica.

Il video di Magistratura democratica

Sono andati nelle case, nei vicoli, hanno parlato con la gente. «Le immagini saranno presto online e, come sarà possibile constatare, raccontano un’altra storia. Non si può ignorare il valore costituzionale della solidarietà – sottolinea Sirianni – su certi rilievi della prefettura ci sono aloni di opacità. I bonus, per esempio, non sono affatto illegali e anzi sono uno strumento di dignità e di trasparenza che bisognerebbe studiare e incentivare».

Barcellona e Napoli con Riace

Sul web sono state raccolte 10mila firme e più per chiedere l’iscrizione di Riace nella lista dell’Unesco. Ma il borgo è già di fatto un patrimonio dell’umanità. «La Spagna guarda con speranza all’esperienza di Mimmo Lucano. Una persona straordinaria è quella che agisce come dovremmo agire tutti in quello stesso momento», dichiara la sindaca di Barcellona Colau citando la filosofa Hannah Arendt. E continua: «Per questo sono a Riace, perché sono convinta che il suo sindaco e tutta la popolazione agiscano come dovrebbe agire l’Europa in un momento di crisi, di difficoltà». C’era anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris: ha detto che «bisogna praticare l’accoglienza, Riace non è sola, ripartirà senza più subire».

Le valutazioni dei giuristi esperti di immigrazione

«Nella gestione di Lucano sono state riscontrate delle carenze ma non hanno a che fare con la qualità del progetto», dicono l’avvocato torinese Lorenzo Trucco, presidente dell’associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione e il vice Gianfranco Schiavone. «Semmai sono la conseguenza della mancata erogazione dei fondi che quella qualità avrebbero dovuto continuare a garantire e che non può giustificare la cancellazione di due anni di finanziamenti. Si tratta di contestazioni residuali. Questa è una grave ingiustizia anche sul piano giuridico. Riace è un’anomalia positiva».
La macchina del fango e la fiction della Rai

«Su Riace è scattata la macchina del fango – dice Michele Uselli di + Europa – Noi stiamo studiando il suo modello. Faccio i complimenti al presidente Oliverio per essere qui accanto a Lucano. Fontana non sarebbe mai venuto a sostenere un progetto del genere. Ma non è possibile chiedere un incontro pubblico del sindaco con il prefetto?». All’unanimità, tutti chiedono che la fiction che racconta l’esperienza di Lucano “Tutto il mondo è paese”, girata dalla Rai (interpretata da Beppe Fiorello) vada in onda al più presto.

«Costituiamo un arbitrato per Riace»

Il presidente Oliverio media: «C’è da discutere? Da capire dove si possono apportare correttivi? Come migliorare il sistema? Bene, facciamolo. Ma fermatevi prima di assumere decisioni – dice rivolgendosi al ministero dell’Interno che stabilisce la sorte dei progetti Sprar -. Chiediamo di costituire un arbitrato, una commissione terza che valuti l’esperienza di Riace prima che i formalismi prevalgano sugli interessi umanitari».

Lucano aspetta la reversale d’incasso

«Io resto qui – conclude Mimmo Lucano – senza cibo per protesta. Per giustizia. Non voglio elemosina. Aspetto la reversale d’incasso».

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Repubbliche Baltiche. Sondaggi Elettorali.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-07.

Stati del Nord Europa

Si faccia grande attenzione.

Nell’attuale Unione Europea il principale centro direzionale politico è il Consiglio Europeo, ossia il consesso dei capi di stato o di governo dei paesi afferenti l’Unione.

Il tale organo contano in modo ponderato le teste ed il peso delle relative popolazioni, ma in molte situazioni conta il numero degli stati che hanno votato a favore oppure contro.

In questa ottica diventa evidente come anche paesi minuscoli come quelli baltici possano svolgere ruoli fondamentali.

*

In linea generale possiamo constatare come anche in questi paesi i partiti di ispirazione liberal e socialista siano in regresso, seppure meno rispetto l’Europa continentale. Nel contempo i partiti di ispirazione ‘populista‘ o ‘sovranista‘ stanno crescendo nelle propensioni di voto.

Sembrerebbero essere variazioni del quadro politico che non dovrebbero condurre a vistosi ribaltamenti dei governi, ma in ogni caso dovrebbero esser di entità tale da condizionarne severamente il comportamento.

Il Termometro Politico è uscito con il seguente Report.

Sondaggi elettorali Europa: le intenzioni di voto nei Paesi del Nord

Svezia e Lettonia si preparano a tornare alle urne, mentre nel 2019 toccherà a Finlandia, Danimarca ed Estonia. Scopriamo quale è ad oggi lo scenario nei Paesi del Nord Europa, con una rapida carrellata delle intenzioni di voto in base all’analisi dei sondaggi elettorali condotti dai principali istituti demoscopici dei Paesi presi in esame.

Sondaggi elettorali Europa: le intenzioni di voto in Svezia.

La Svezia sarà il primo dei Paesi scandinavi a tornare al voto, previsto per il 9 settembre 2018. Il Partito Socialdemocratico (SAP) del premier uscente Stefan Löfven è in netto calo ma resta la formazione di maggioranza relativa per quasi tutti gli istituti demoscopici, con un consenso medio del 24% (+7% rispetto al 2014). In calo anche i Verdi (MP), partner di minoranza del governo. Con il 4% attuale, registrano un arretramento di circa 3 punti rispetto alle ultime elezioni e si trovano al limite della soglia di sbarramento. Va meglio al Partito della Sinistra (V), che appoggia dall’esterno l’esecutivo di minoranza Löfven: passerebbe dal 5.7% di 4 anni fa al 9% attuale.

Luci ed ombre anche per l’Alleanza per la Svezia, la coalizione conservatrice all’opposizione del governo Löfven guidata dal Partito Moderato (M), accreditato del 20% ed in calo di circa 3 punti rispetto alle ultime elezioni. Va meglio al Partito di Centro (C), con un consenso tra il 9-10% ed in crescita di 3-4 punti rispetto al 2014. Attorno al 5% il consenso dei Liberali, in leggero calo rispetto al 5.4% delle ultime elezioni. Sotto al 4% invece i Cristiano Democratici (KD), che rischiano di restare fuori dal Parlamento.

Il vero exploit elettorale potrebbe però essere registrato al di fuori delle due principali coalizioni. I Democratici Svedesi (SD), formazione euroscettica di destra, sono valutati attorno al 22%. Un vero boom per il partito guidato da Jimmie Åkesson: +10% rispetto al 2014 e la possibilità di eleggere oltre 80 parlamentari. Nettamente sotto la soglia di sbarramento invece Iniziativa Femminista (FI), partito di sinistra femminista dato attorno al 2%.

Sondaggi elettorali Europa: la Finlandia si avvicina al voto del 2019.

Le prossime elezioni in Finlandia si terranno nell’aprile 2019. I sondaggi al momento tratteggiano un testa a testa tra i socialdemocratici (SDP) e il Partito di Coalizione Nazionale (KOK), entrambi accreditati di circa il 20% ed in crescita rispettivamente di 4 e 2 punti rispetto al 2015. Dietro di loro il Partito di Centro (KESK) del premier uscente Juha Sipilä, che perde lo scettro di partito di maggioranza relativa ed arretra dal 21.1% delle ultime elezioni all’attuale 16%. La vera sorpresa rispetto al 2015 potrebbero essere però i Verdi (VIHR), valutati al 14% (+6% rispetto a 3 anni fa).

Dietro a questi 4 partiti valutati in doppia cifra c’è il partito populista euroscettico dei Veri Finlandesi (PS), in netta sofferenza dopo l’exploit elettorale del 2015 (17.7%). L’entrata nel governo Sipila ha portato il PS a dover scendere a compromessi, dovendo rinunciare a temi cari come la linea dura nei confronti della crisi greca. Un riposizionamento che ha provocato un’emorragia di consenso alla quale il PS ha reagito promuovendo Timo Soini alla leadership del partito nel giugno 2017.

La radicalizzazione del PS a guida Soini ha provocato la rottura con l’esecutivo Sipila (composto sino ad allora da KESK, KOK e PS) e la scissione dell’ala più moderata del partito, che ha dato origine ad una nuova formazione (SIN) volta a confermare il sostegno il governo. Tutto ciò sembra aver indebolito il consenso del PS, al momento accreditato del 9%, al pari dell’Alleanza di Sinistra (VAS). Va molto peggio invece al neonato SIN, valutato appena all’1%. Attorno al 4% invece sia i Cristiano Democratici (KD) che il Partito Popolare a sostegno della minoranza svedese della popolazione (SFP).

Sondaggi elettorali Europa: Danimarca, sfida all’ultimo seggio.

Anche la Danimarca tornerà alle urne nella prima metà del 2019. Le elezioni del 2015 hanno visto la vittoria di misura del cosiddetto “blocco azzurro” di centrodestra, con 90 seggi sui 179 totali. Ciò ha portato alla nascita di un monocolore liberale (Venstre), con l’appoggio esterno degli altri membri del blocco azzurro.

In un quadro così equilibrato, ogni minima variazione potrebbe rivelarsi decisiva. E al momento i sondaggi sembrano pronosticare un successo sul filo di lana del centrosinistra, segnalato in crescita di 2-3 punti rispetto al 2015. Una variazione che potrebbe portarli a strappare al blocco azzurro almeno 4-5 seggi e tornare alla guida del Paese. Per quanto riguarda le singoli formazioni, confermato il ruolo di partito di maggioranza relativa – e di leader del blocco rosso – per i Socialdemocratici, che restano stabili al 26%. Testa a testa invece nel centrodestra, con i Liberali (Venstre) del premier uscente Lars Løkke Rasmussen e la destra populista del Partito Popolare danese (DF) accreditati entrambi del 19-20%.

Sondaggi elettorali Europa: Norvegia ed Islanda, appuntamento al 2021.

Ben più distante il ritorno alle urne in Norvegia, previsto per il 2021. Il voto del novembre 2017 ha visto la conferma del governo di centrodestra, pur con una maggioranza più risicata (88 seggi su 169) rispetto alla legislatura precedente (96 seggi). Dieci mesi dopo, la situazione non sembra particolarmente mutata, con il centrodestra accreditato di 88-89 seggi. La luna di miele sembra favorire i Conservatori (Høyre) del premier Erna Solberg, che oggi sarebbero il primo partito con il 27%, sorpassando i Laburisti (23%, 4 punti in meno del 2017).

Nel 2021 tornerà la voto anche l’Islanda. Le elezioni del novembre 2017 hanno visto la nascita del governo tripartito – che può contare sul sostegno di 35 dei 63 seggi del Parlamento – formato dalla Sinistra-Verde (VG), dal Partito dell’Indipendenza e dal Partito Progressista (FSF). Stando alle ultime rilevazioni, gli euroscettici del Partito dell’Indipendenza si confermano ampiamente il partito di maggioranza, mantenendosi nettamente sopra il 20%. In calo invece gli altri partner di governo. VG del premier Katrín Jakobsdóttir è stimato all’11-12% (rispetto al 16.9 delle ultime elezioni). Attorno al 9% il consenso di FSF, in calo di un paio di punti. In crescita le opposizioni, con i socialdemocratici attorno al 15% (+3%) e il Partito Pirata al 13-14% (+4-5%).

Sondaggi elettorali Europa: le intenzioni di voto nelle repubbliche baltiche.

La Lettonia sarà la prima delle tre repubbliche baltiche a tornare al voto, previsto per il prossimo autunno. I pochi sondaggi in circolazione sembrano prevedere un’ulteriore crescita dei Socialdemocratici (SDPS), già partito di maggioranza relativa nel 2014 con il 23%. A registrare un passo avanti potrebbe essere anche il blocco dei conservatori ecologisti agrari (ZZS) del premier Māris Kučinskis (21.9% nel 2014). In netto calo sembrerebbero invece sia la destra populista di Alleanza Nazionale, che i conservatori-liberali di Unità (rispettivamente 16.6 e 21.9% alle ultime elezioni). A ciò fa da contraltare la probabile crescita della destra europeista ed anticorruzione JKP. Che sembra in grado di superare agevolmente la soglia di sbarramento del 5% (dopo lo 0.9% raccolto 4 anni fa).

Il prossimo anno tornerà al voto anche l’Estonia, dopo le elezioni del marzo 2015 che hanno visto la conferma del Partito Riformatore Estone come formazione di maggioranza relativa. Nonostante il voto di sfiducia al governo Roivas e il passaggio all’opposizione, il partito resta in testa ai sondaggi con circa il 30% dei consensi, in crescita di un paio di punti rispetto al 2015. A seguire il Partito di Centro del premier uscente Juri Ratas, stabile al 25%. In affanno sia i Socialdemocratici (SDE) che i conservatori di Pro Patria (IRL), entrambi al governo prima con Roivas e poi con Ratas. Un “ribaltone” che evidentemente potrebbe non essere premiato dagli elettori, con un calo di consensi stimato rispettivamente del 5 e 7%. In netta crescita invece i nazionalisti euroscettici EKRE, che ad oggi passerebbero dall’8 al 17%.

Mancano ancora 2 anni al ritorno alle urne in Lituania, previsto per l’autunno 2020. Il testa a testa andato in scena nel 2016 tra l’Unione dei Contadini e verdi (LVŽS) e i Democratici cristiani (TS-KD) ad oggi si risolverebbe a favore di questi ultimi, dati al 25% (contro il 23% di LVŽS). Divisa la sinistra, a seguito della scissione all’interno dei socialdemocratici (LSDP) con la conseguente nascita del partito socialdemocratico del lavoro (LSDDP). Entrambi i partiti sono accreditati attualmente dell’8%, complessivamente più del 14.4% registrato dall’LSDP nel 2016. L’ondata euroscettica e populista non risparmia nemmeno la Lituania, con il partito Ordine e Giustizia (PTT) dato al 10%, il doppio rispetto a 2 anni fa.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Medio Oriente, Senza categoria

Arabia Saudita e Canada. Congelati gli accordi commerciali. Espulsi gli Ambasciatori.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-06.

2018-08-06__Arabia__001

I fatti.

«Canada is gravely concerned about additional arrests of civil society and women’s rights activists in #SaudiArabia, including Samar Badawi. We urge the Saudi authorities to immediately release them and all other peaceful #humanrights activists.»

*

«The negative and surprising attitude of #Canada is an entirely false claim and utterly incorrect. ….

We have been briefed by what the #Canadian foreign minister and the Canadian embassy to the #Kingdom released on what they named “civil society rights activists”, and we affirm that this negative and surprising attitude is an incorrect claim. ….

The Canadian position is an overt and blatant interference in the internal affairs of the Kingdom of #SaudiArabia and is in contravention of the most basic international norms and all the charters governing relations between States. ….

The Canadian position is a grave and unacceptable violation of the Kingdom’s laws and procedures. In addition to violate the Kingdom’s judiciary and a breach of the principle of #sovereignty. ….»

*

«We consider the Canadian ambassador to the Kingdom of Saudi Arabia persona non grata and order him to leave within the next 24 hours.»

2018-08-06__Arabia__002

Questo il testo ufficiale dell’Arabia Saudita, che riportiamo in fotocopia.

2018-08-06__Arabia__003

* * * * * * *

Considerazioni.

Per comprendere al meglio quanto è successo sarebbe utile richiamare alla mente alcuni elementi.

Fino alla fine degli anni settanta del secolo scorso l’Occidente rendeva ragione di oltre l’80% del pil mondiale: governava economicamente l’intero globo terraqueo. Se sicuramente l’economia non è l’unico fattore che concorre all’umano benessere e felicità, la potenza economica e familiare poneva l’Occidente in posizione egemone. Ma le cose sono cambiate e stanno evolvendosi in modo turbinoso.

«International Monetary Fund World Economic Outlook (October – 2017)

Le proiezioni al 2022 danno la Cina ad un pil ppa di 34,465 (20.54%) miliardi di Usd, gli Stati Uniti di 23,505 (14.01%), e l’India di 15,262 9.10%) Usd. Seguono Giappone con 6,163 (3.67%),  Germania (4.932%), Regno Unito 3,456 (2.06%), Francia 3,427 (2.04%), Italia 2,677 (1.60%). Russia 4.771 (2.84%) e Brasile 3,915 (2.33%).

I paesi del G7 produrranno 46,293 (27.59%) mld Usd del pil mondiale, mentre i paesi del Brics renderanno conto di 59,331 mld Usd (35.36%).»

Questi dati evidenziano come l’Occidente, inteso almeno come G7, conti grosso modo il 30% del pil ppa mondiale, mentre i Brics stanno evolvendosi a ritmo serrato. La Cina in particolare è proiettata per avere nel 2020 un pil ppa del 20.54% di quello mondiale. Per riscontro, gli Stati Uniti sarebbero proiettati al 14.01%, ed i paesi dell’Unione Europea a frazioni marginali di questo indicatore.

La conseguenza è evidente: l’Occidente non può permettersi di fare la voce grossa con nessuno.

*

Ma la situazione forse peggiore per l’Occidente è stata l’influenza delle ideologie liberal e socialiste, che per qualche decennio hanno anche gestito i governi nazionali ed attivamente partecipato alla Alleanza Progressista.

In estrema sintesi, in Occidente ha preso campo il vezzo di voler imporre la propria Weltanschauung a tutti i paesi non occidentali per quanto concerne il credo liberal, specialmente poi nei settori etici e morali. La situazione è stata anche forzata fino al punto di condizionare i rapporti economici alla accettazione di ciò che i liberal denominano i propri “valori“.

Orbene, codesti “valori” non sono per nulla condivisi a livello mondiale e l’ascesa dei movimenti sovranisti negli Stati Uniti e nell’Unione Europea dovrebbe renderli in breve oggetto di studio da parte della storia della filosofia e dell’economia: i liberal ed i socialisti si stanno rapidamente estinguendo.

Significativo è l’atteggiamento cinese.

Cina ed Africa. Una politica di rapporti internazionali paritetici.

Kenyatta: Gay rights is a non-issue for Keny

Cina, nuovo leader mondiale dei Paesi mussulmani. – Al Arabiya

Ma alla avanzata cinese, che considera i rapporti internazionali su base paritetica e non interferisce con le situazioni interne degli stati con i quali intrattiene rapporti economici, fa riscontro una lunga serie di insuccessi diplomatici occidentali.

Merkel. Una gran brutta figuraccia in Arabia Saudita.

Macron in visita nel Burkina Faso. Per poco lo accoppano. Incidente diplomatico.

Cina. Grande Muraglia contro la Germania. – Handelsblatt.

Macron licenzia in tronco l’ambasciatore in Ungheria.

*

«Saudi Arabia has said it is freezing all new trade and investment with Canada over its “interference” in the Gulf Kingdom’s internal affairs»

*

«In a series of tweets, the Saudi foreign ministry said it was expelling the Canadian ambassador and recalling its own envoy in Canada »

*

«The move comes after Canada said it was “gravely concerned” about the arrest of several human rights activists.

Among those arrested was Saudi-American women’s rights campaigner Samar Badawi»

*

Tranne che per i liberal e socialisti ideologizzati gli “human rights activists” non sono altro che agenti sovversivi al soldo di potenze straniere: nessuno li vuole sul proprio territorio, così come non gradiscono le ngo dalle quali dipendono. Per non parlare poi di cosa i liberal considerino “diritti umani“: una concezione giuridica scazontica e rigettata dal resto del mondo.

«what they named “civil society rights activists”, and we affirm that this negative and surprising attitude is an incorrect claim.»

Poi, da quale pulpito arriva la predica? Da Mr Justin Trudeau?

Canada. Ontario. I populisti di Mr Doug vincono 76 seggi contro i 7 dei liberal.

G7. Volano gli stracci. Figuraccia di Trudeau il trombato.

Trudeau. Un altro leader liberal arrostito sulla graticola. – Bloomberg.

Justin Trudeau, premier canadese, si era palpeggiato Mrs. Rose Knight.

Non siamo fini conoscitori dell’ideologia liberal e di quella femminista che ne deriva, ma avremmo seri dubbi che il palpeggiare le femmine sulle mammelle e sui glutei, nel tentativo di farsi strada verso zone ben più strategiche, sia conforme alla dottrina che Mr Trudeau professa.

«Canada is gravely concerned about additional arrests of civil society and women’s rights activist»

Ripetiamo. Sempre che esistano i “diritti delle femmine“, rientra nel loro diritto essere palpeggiate da Mr Trudeau? Lui sì e gli altri no?

Nota.

L’anno prossimo si terranno le elezioni politiche in Canada ed, a meno di grossolane variazioni del quadro politico, Mr Trudeau potrà tornate a fare lo spogliarellista in un qualche locale gay.


Bbc. 2018-08-06. Saudi Arabia freezes Canada trade ties, recalls envoy

Saudi Arabia has said it is freezing all new trade and investment with Canada over its “interference” in the Gulf Kingdom’s internal affairs.

In a series of tweets, the Saudi foreign ministry said it was expelling the Canadian ambassador and recalling its own envoy in Canada.

The move comes after Canada said it was “gravely concerned” about the arrest of several human rights activists.

Among those arrested was Saudi-American women’s rights campaigner Samar Badawi.

Ms Badawi had been calling for an end to Saudi Arabia’s male guardianship system.

– Saudi Arabia widens crackdown on women’s rights activists

Have executions doubled in Saudi Arabia?

Who is Saudi Crown Prince Mohammed?

What did Saudi Arabia say?

The foreign ministry said it “will not accept any form of interfering” in its internal affairs.

It referred to last week’s statement by the Canadian foreign ministry, which urged Riyadh to “immediately release” civil society and women’s rights activists.

The Saudi ministry described Canada’s position as “an attack” on the kingdom, saying it would now:

Freeze all new trade and investment transactions between the two countries

Consider the Canadian ambassador persona non grata and order the envoy to leave within 24 hours

Recall the Saudi envoy in Canada

Reserve the right to take further action

Canada’s government has so far made no public comments on Saudi Arabia’s diplomatic measures.

The arrests are at odds with the progressive image the government has projected this year under Crown Prince Mohammed bin Salman.

He drew widespread praise last year when they announced that the decades-old ban on women driving would end on 24 June.

Saudi women’s rights activists, including those who have been imprisoned for defying the ban, had celebrated the decision.

But they also vowed to continue campaigning for the end of other laws they consider discriminatory.

Women must adhere to a strict dress code, be separated from unrelated men, and be accompanied by or receive written permission from a male guardian – usually a father, husband or brother – if they want to travel, work or access healthcare.

The Saudi crown prince has also spearheaded a sweeping anti-corruption drive which resulted in dozens of princes, government ministers and businessmen being detained in November and generated an estimated $107bn ($80bn) in settlements.

Pubblicato in: Senza categoria

Moviment. Inutile fondarlo: c’è già.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-04.

2018-08-04__Moviment__000

Come preannunciato, si è svolta una riunione organizzativa delle organizzazioni informali che a livello europeo appoggiano la concezione di un’Europa di Nazioni Sovrane tra loro collegate da vincoli economici. Ovviamente, questa concezione è diametralmente opposta a quella di quanti desiderano invece degli Stati Uniti di Europa.

La grande maggioranza dei partiti e dei movimenti che nelle diverse nazioni propugnano questa tesi politica si fonda sulla piena rivalutazione del proprio retaggio religioso, storico, culturale ed artistico. È evidente come tale concezione sia nettamente contraria a quella degli attuali eurocrati di Bruxelles così come a quella di taluni partiti politici nazionali.

Ma forse la differenza maggiore risiede nel fatto di non essere ideologizzati.

Questo è il punto di maggiore contrasto con la visione di Bruxelles, ed è anche elemento di difficile comprensione da parte di quanti invece abbiano abbracciato una qualche ideologia. Per questi ultimi sembrerebbe essere semplicemente impossibile che si possa pensare a problemi politici ed economici senza inquadrarli, magari in modo forzoso, in un qualche contesto ideologico o quanto meno teorico. L’empirismo è rigettato come deviazione eretica.

Cercheremo di spiegarci meglio con un esempio, da prendersi con buon senso.

Quando una banca dovesse entrare nei triboli, gli ideologi non avrebbero dubbio alcuno: quelli di ‘sinistra‘ proporrebbero di nazionalizzarla e quelli di ‘destra‘ di lasciarla al suo destino, perché lo stato non dovrebbe intromettersi nei sistemi economici.

L’empirista invece si domanderebbe cosa fosse più conveniente. In altri termini, per l’empirista il sistema potrebbe essere la risultante di settori altamente statalizzati e di altri completamente liberalizzati, che convivono tranquillamente affiancati. La Cina è l’esempio vivente di questa Weltanschauung ed i risultati sembrerebbero essere più che soddisfacenti.

Da ultimo, ma non certo per ultimo, queste organizzazioni informali sono fortemente convinte che il potere politico debba essere esercitato dal popolo tramite elezioni. Ma ciò sembrerebbe essere non ancora sufficiente ad affrontare le sfide correnti. Data la complessità e l’importanza di molte problematiche attuali si ravviserebbe l’opportunità di frequenti consultazioni referendarie: se il popolo è sovrano, ne deriva che sia esso a dover decidere. La delega politica correttamente conferita agli eletti in sede elettorale ha peso e valore solo ed unicamente per i topic indicati nei programmi elettorali e per la gestione corrente della cosa pubblica. A maggior ragione l’uso del referendum diventa mandatorio in caso di decisioni politiche sua materie impreviste ovvero di portata generale. La Svizzera è uno stato democratico che usa estensivamente lo strumento referendario.

*

Ai liberal ed ai socialisti residui da un fastidio becco che queste organizzazioni siano informali e tali vogliano restare. Siccome non hanno una etichetta, per loro non esistono, non possono esistere. Ed è bene che sia così. Poi, si dimostreranno sorpresi dei risultati elettorali. Valli a capire!

I media liberal e socialisti hanno cercato di dare un nome ad un simile movimento. Tralasciamo gli epiteti ingiuriosi, forse quello di ‘sovranisti‘ potrebbe essere quello più appropriato. Moviment potrebbe essere ancor più rispondente alla realtà fattuale.

* * * * * * *

Queste scarne considerazioni hanno come naturale svolgimento la cooperazione tra partiti e movimenti nazionali e la possibilità concreta di potersi presentare alle prossime elezioni europee come un unico movimento politico.

Difficile poter fare previsioni sui futuri risultati elettorali, ma sembrerebbe del tutto verosimile che un tale movimento europeo possa essere in grado di conquistare almeno un terzo dei seggi nell’europarlamento.

Manuel Müller, “Wenn am nächsten Sonntag Europawahl wäre (Juli 2018): Sozialdemokraten machen Boden gut, EVP in neuem Rekordtief, Rechte legen zu“. foederalist.eu. (2018-07-25), avrebbe stimato a 177 gli eurodeputati del partito popolare europeo ed a 145 quelli del partito socialista europeo. Sono stime ottimistiche a parere di molti.

2018-08-04__Moviment__001

Nella tabella riportata, relativa alla Germania, risulterebbe evidente come Cdu/Csu siano in calo di due o tre punti percentuali, la SpD anche essa sarebbe in calo di due o tre punti, mentre Alternative für Deutschland avrebbe guadagnato quattro o cinque punti percentuali. In Baviera la Csu ad ottobre perderebbe 8.7 punti percentuali, la Spd 8.6 punti percentuali ed AfD ne guadagnerebbe 13. Quadro analogo per le elezioni in Hessen: la Cdu perderebbe 7.3 punti percentuali, la Spd 8.7, mentre AfD ne guadagnerebbe 10.9. In Svezia i Democratici Svedesi potrebbero diventare il partito di maggioranza relativa con il 25.5%. Questi sono solo alcuni degli esempi disponibili, e tutti attesterebbero un significativo calo dei liberal e dei socialisti ideologici, con netto incremento dei ‘sovranisti’, quelli che Mr Macron aveva simpaticamente definito come ‘lebbrosi‘.

*

Comunque, pigliando per buone queste previsioni, il prossimo europarlamento risulterebbe essere profondamente differente da quello attuale.

*

Il Progetto Movement si presenterebbe quindi come molto in linea con i tempi e con ragionevoli possibilità di condizionare l’intera Unione Europea.

A controprova, il terrore degli eurocrati è davvero molto elevato. Eccone un esempio tratto dal The Guardian.

Europe shouldn’t fear Steve Bannon. It should fear the hype that surrounds him

«Trump’s former adviser is no evil genius.

If Steve Bannon didn’t exist, the media would have had to invent him. And, in fact, they largely did. US coverage has turned Bannon into Donald Trump’s Rasputin, single-handedly responsible for his shock election as the 45th president of the United States. And now, as Bannon crosses the Atlantic, breathless reports speak of his “Plan to Hijack Europe for the Far Right”. His meeting with the former foreign secretary Boris Johnson was apparently convened to plot “new moves that could have a significant impact on European politics”.

The notion of the evil genius, particularly one on the far right, is seductive. It helps externalise the evil. Rather than accepting that nationalist and populist ideas are part of the mainstream of society, their success is presented as the outcome of a devious plot, constructed by a political mastermind, in which a gullible population is seduced by a charismatic leader. …. »

È davvero strano, al limite della comprensione, come gli atei positivi riconoscono degli avversari vissuti come nemici il ‘diavolo‘.

La copertina di Famiglia Cristiana è paramount. Quella testata di cristiano ha invero ben poco, assomigliando davvero molto a Giuda l’Iscariota. Che poi “Si tratta del Vangelo” è frase incauta, essendo stata estensivamente utilizzata dagli ariani e dai catari. Forse il teologo di quella rivista dovrebbe ripassarsi almeno il catechismo. Ma, bando alle polemiche qui fuori luogo, è significativo l’uso del ‘vade retro‘. Che Famiglia Cristiana usi il latino fa scompisciare dal ridere, che rispolveri poi il demonio dopo esserne stata a lungo negazionista non concorre certo a renderla più credibile.

Che poi la tratta degli schiavi sia patrocinata dai Santi Vangeli è una visione del tutto personale che lasciamo loro senza poi troppa preoccupazione. Qui notiamo solo il loro terrore di perdere un potere peraltro già perso, e con esso tutti i loro guadagni.

Ad ottobre si voterà in Trentino, roccaforte dei cattocomunisti che di Famiglia Cristiana si nutrono avidamente. Ma difficilmente l’unione delle sinistre manterrà il 58.7% dei suffragi. Un giro per quella provincia evidenzia come il clero diocesano stia scomparendo: ogni parroco ha in carico una dozzina di parrocchie ed il seminario è desolatamente vuoto.

“L’albero lo si giudica dai suoi frutti”.

Questa frase di Gesù Cristo ben si attaglia a liberal, socialisti e cattocomunisti: si stanno estinguendo.

*

Orbene, alle prossime tornate elettorali avremo modo di contarci.

Che Movement sia o meno presente non è fatto rilevante: da buoni empiristi ciò che conta sono i voti nelle urne. Non interessa che vinca le elezioni: lo scopo strategico è quello di alterare gli attuali equilibri.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Persona Umana, Psichiatria, Senza categoria

Sexy toys e porno. Un mercato al femminile in crescita del +40%.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-23.

Vincent van Gogh - Gli Scarponi

Questo è un mercato in continua espansione, che cresce al ritmo del 40% l’anno, e che fatturerebbe circa quindici miliardi, ma in questo settore l’evasione è così elevata che le stime più realistiche indicherebbero un centinaio di miliardi ogni anno.

«Secondo quanto riferiscono gli ultimi dati, sono sempre più le donne ad acquistare sex toys rispetto agli uomini, per un utilizzo da sole o in compagnia del proprio partner. A conferma di tale impressione supportata dai dati di vendita, il fatto che siano stati i gadget dedicati alla coppia i più richiesti nel 2017, con un incremento del 40% rispetto all’anno precedente: kit per il bondage e per i giochi di ruolo sono tra i sex toys più apprezzati e utilizzati.» [Fonte]

*

«women are not only dominating the adult toy industry as owners, but as users of products as well.»

*

I sey toys più evoluti sono a scheletro metallico e vanno a corrente, alcuni erogano 500 watt. Il povero cromosoma Y si trova spiazzato: sarebbe una performance disumana.

I kit di bondage vanno alla grande perché con i toys la femmina riesce a raggiungere uno stato orgasmico continuativo: se è stata adeguatamente e saldamente legata non può svincolarsi ed il partner può farle protrarre il godimento per ore. Poi, ovviamente, serve per slegarla. Un po’ quello che accadde ad Ulisse con le sirene.

Il tasso di assuefazione è la quasi totalità, così come è quasi impossibile che dopo esperienze del genere la femmina si adatti ad un rapporto normale: sarebbe dar da bere latte ad un etilista.

La clinica ginecologica e quella psichiatrica iniziano a classificare nuove forme patologiche.

* * * * * * *

Tube Sites Are Free, So How Does The Porn Industry Actually Make Money?

«Porn is literally a single click away. It seems like it’s harder to avoid than to find, and you can access the most extreme, hardcore material with simple search terms in your favorite search engine. It wasn’t always that way, but let’s break down the basics.

The porn industry is worth an estimated massive $97 billion dollars, globally. But since the shift of power within the industry, and the new business model based on free content for viewers, we think it’s important to understand the economics of it all so our Fighters are better equipped.

In the industry today, how do people make money? Especially those behind the massive sites that only post free videos? ….

So what about those free tubes? In the online business, clicks are king. Huge sites owned by MindGeek command a massive amount of traffic— like PornHub that received 23 billion visitors in 2016—and that’s potential viewers for those paid content guys who want more subscribers. ….»

*

Top Ten Reviews fornisce qualche dato statistico.

– I fruitori di siti porno hanno 50,000 – 75,000 Usd di entrate nette nel 25.58% dei casi, e più di 75,000 Usd netti nel 35.30%. Sono un po’ più del 61% degli utenti.

– L’industria del porno produce più di dodicimila titoli l’anno.

– I siti web porno sono 4.2 milioni, ossia il 12% del totale.

– I motori di ricerca ricevono 68 milioni di richieste porno al giorno, ossia il 25% delle richieste totali.

– I download pornografici giornalieri ammontano a 1.5 miliardi, ossia il 35% del totale.

– Il 42.7% degli utenti internet visualizza costantemente siti porno.

– Ogni mese 75 milioni di utenti internet visita siti porno.

* * * * * * *

Il problema sarebbe però ben più vasto.

«Con il termine Deep Web si indica l’insieme dei contenuti presenti sul web e non indicizzati dai comuni motori di ricerca (ad es. Google, Bing), mentre con il termine Dark Web si indica l’insieme di contenuti accessibili pubblicamente che sono ospitati in siti web il cui indirizzo IP è nascosto, ma ai quali chiunque può accedere purché ne conosca l’indirizzo. Elementi appartenenti al Dark Web sono anche i contenuti privati scambiati tra utenti all’interno di un network chiuso di computer, strutture definite come darknet»

Deep Web e Darknet sono l’Eldorado di quanti abbiano la necessità di compiere operazioni finanziarie discrete. Ma con questo non si pensi che il porno ne resti escluso. Anzi!

Qui si trovano filmati reali, non fiction.

Se il filone bdsm è quello percentualmente più richiesto dai siti porno, qui si trova il bdsm reale, culminante spesso con la soppressione della vittima.

Similmente, qui la pedopornografia consiste di filmati reali.

I guadagni in questo settore sono davvero consistenti, anche perché tutto ciò che vi avviene costituisce reato punibile con l’ergastolo in occidente e con la pena di morte in quasi tutto il resto del mondo. Il dark web è la fogna delle fogne.

* * * * * * *

Questi dati dovrebbero dare da pensare a dove si stia andando. È un degrado morale da fa venire i brividi.

D’altra parte, questi numeri ci danno ragione di molti comportamenti abnormi ai quali assistiamo quotidianamente.

Si tenga sempre ben presente che il 38% della popolazione occidentale assume cronicamente psicofarmaci maggiori.

Nota.

Chiunque dedichi un po’ di tempo a girare per studio siti porno, magari anche limitandosi a quelli di libero accesso sul web, noterà immediatamente come la quasi totalità delle ragazze / donne riprese siano di razza bianca, caucasica. Tutte a volto scoperto, facilmente riconoscibili.

Prendendo il dato con il dovuto buon senso, sono stati enumerati oltre tre milioni di volti differenti. Ossia larga parte delle ragazzine occidentali.

Eppure l’emolumento di una ‘attrice porno‘ è davvero miserabile.


Iol. 2017-07-25. Sex toy industry now dominated by women

Not only was it unheard of, it was unspoken of – female sexual liberation and self exploration were simply not acknowledged despite it happening behind closed doors.

Fast forward to 2017 and women are not only dominating the adult toy industry as owners, but as users of products as well.

“Back in the days when I started in the field of sexology pre-apartheid, the notion of female masturbation didn’t exist. It is quite revolutionary how women have claimed their sexuality and the sex toy sales really affirm that women are proudly buying these products,” clinical sexologist Dr Marlene Wasserman, popularly known as Dr Eve, explained.

“Before, there was silence around female masturbation no one spoke about it publicly, whereas male masturbation was seen as ‘something men do’ and a sign of masculinity. For women, there was a lot of shame and guilt around a woman pleasing herself in that way,” she said

Adult World store chain owner Arthur Calamaras attested to this, adding, “The adult toy and pleasure industry was traditionally a male-controlled industry and mostly about men selling to men. But in the last few years, the market has gone a different direction and women are now driving the market. There are a lot of women now opening their own stores.”

Earlier this year, a survey commissioned by Desir, luxury brand for high-end adult toys, involving more than 700 respondents, revealed that the vibrator was the most sought after and bought toy among South Africans with 29% of the respondents purchasing them.

Last year, a report on the global sex toy industry released by the Statistic Brain Research Institute also showed that SA had the third-highest number of Google searches for sex toys in the world, and that the top five most popular items bought online were, in order, vibrators, rubber penises, lubrication, anal beads and penis rings.

“There are a lot of single people out there looking after themselves. We are also getting healthier and some couples are outliving each other. We’re living up until 70-80 years old and some people are still sexually active past their 70s,” Calamaras added.

“Lubrications are also a very big market. We bring in R400000 worth of lubricants every three months (in their stores).

“Also, there are far more expensive vibrators that have come out into the market than in previous years. We’ve seen women want more classier, streamlined toys like the ‘Rabbit’ and other ranges”.

The only trouble with this openness about sex toys, according to Dr Eve, “it’s created another tide” of pressure to self-please and achieve orgasm for women.

“We tend to pathologise things too much as a society. Now, if a woman doesn’t masturbate, there’s suddenly a problem with her. People want women to get edgier and edgier when so many women are already so uncomfortable with their bodies.

“I can’t stand these magazines that project women as these sexual vixens – women just want to be who they are,” Dr Eve countered.

“Masturbation is part of a woman’s health and pleasure – it shouldn’t be forced, it should be consensual,” she said.

Dr Eve has also noted a “huge shift” in her own sex toy store that has seen sales of higher-end toys drop as an emerging market of younger, black people sought more affordable access to the toys.


Business Insider. 2017-12-01. L’e-commerce guida il boom dei sex toys, un mercato da 15 miliardi di dollari che in Italia è cresciuto del 40% in un anno

Da piccolo per tanto tempo sono stato convinto che mio padre fosse un criminale, un mafioso. Il lavoro che faceva è stato sempre un grande mistero, nessuno ne parlava. Poi quando sono cresciuto le cose sono cambiate, e ora la sua occupazione è diventata la mia, un business di famiglia“.

Il padre di Chad Braverman nel 1976 aprì una start-up di sex toys in California, attività che all’epoca creava non poco imbarazzo. Il New York Times racconta che quello dei giocattoli per adulti era quasi un business ‘sotterraneo’, i gadget venivano venduti nel retrobottega di squallide librerie, e i clienti uscivano con i loro acquisti nascosti in anonimi sacchetti di carta marrone.

In questo clima Ron Braverman fondò la Doc Johnson Enterprises a North Hollywood, in California. Poi però i tempi sono cambiati, l’industria dei giocattoli erotici da mercato di nicchia si è trasformato in un settore di più ampio consumo, e la sua azienda è diventata leader di un comparto da 15 miliardi di dollari.

Le persone ci scherzavano su – racconta Chad – Chiedevano ‘tuo papà fa davvero dei peni di gomma?’ Ma quando sono andato all’università improvvisamente tutto è cambiato e sono diventato la persona più ‘cool’ del campus“.

I Braverman – Ronald, il 35 enne Chad e sua sorella Erica, di 29 anni – sono i primi ad aver trasformato quello dei sex toys in un business di famiglia. E se storicamente “i clienti non erano fedeli ad un marchio in particolare”, spiega l’imprenditore dell’erotico, il trend si è poi modificato e ora i produttori seguono con attenzione maniacale il mutare delle richieste di consumatori sempre più attenti e in rapida crescita numerica.

“Il settore dei gadget per adulti è in piena espansione”, afferma da parte sua Lynn Comella, docente della University of Nevada e autrice del libro ‘Vibrator Nation‘. L’azienda dei Braverman, peraltro, è anche una grande sostenitrice del ‘Made in America’, visto che il 75% degli oggetti escono dallo stabilimento nella Fernando Valley, dove si producono 75 mila gadget ogni settimana, distribuiti in 7.500 negozi negli Stati Uniti e su siti specializzati. Nell’ultimo periodo, spiegano gli analisti, i canali offerti dall’e-commerce hanno permesso all’industria di espandersi ulteriormente perché consentono a tutti gli utenti del mondo di superare l’imbarazzo legato all’acquisto.

Il mercato dei sex toys a livello globale vale oggi 15 miliardi di dollari e secondo l’ultimo rapporto di Technavio dovrebbe superare i 29 miliardi di dollari entro il 2020. Statistic Brain, invece, rileva che i gadget vengono usati dal 23% degli adulti durante i rapporti intimi. Gli americani sono coloro che più di tutti al mondo cercano su Google informazioni dettagliate sui sex toys, seguiti da inglesi e sudafricani.

Anche in Italia il business è in forte crescita: i dati raccolti dalla piattaforma di e-commerce MySecretCase rilevano un incremento delle vendite del 40% rispetto al 2016. Pare che le coppie siano i maggior acquirenti: il tasso del 2017 afferma che rappresentano il 35% delle vendite, rispetto al trend 2014-2016 dove il valore è rimasto stabile al 25%. Milano si rivela la città più dinamica in termini di vendite con il 20%, seguita da Roma al 15% e Torino, al 5%.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Francia. Il trono di Macron inizia a sfaldarsi. – Bva

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-18.

Parigi. Arco di Trionfo. 001

Per oltre cinquanta anni in Francia la destra francese rappresentata dal Front National, che di recente ha mutato denominazione in  Rassemblement National, è stata accuratamente isolata politicamente con una sorta di arco costituzionale. Anche se sia diventata la seconda forza politica nazionale in termini percentuali, in tutti i ballottaggi ai quali si era presentato, sinistre e destre si votavano vicendevolmente pur di escluderli.

Questa conventio ad excludendum ha funzionato più che bene, unitamente al sistema elettorale francese in due turni, l’ultimo dei quali è sostanzialmente un ballottaggio. Così, a fronte di un 30% dei voti, FN ha ottenuto solo 7 / 577 deputati, 2 /348 senatori, 17 / 74 eurodeputati. Nelle elezioni regionali del 2016 FN ha conquistato 333 / 1,758 seggi.

*

Questa situazione sembrerebbe iniziare a mutare, per svariati motivi.

– Il partito socialista francese è crollato da quasi maggioranza all’attuale 8%, generando una costellazione di formazioni politiche di ideologia socialista ma fortemente conflittuali, per lo più su base personale.

– In risposta, molti ambienti politici e sociali hanno generato lo scorso anno il partito En Marche!, guidato da Mr Macron, che ottenne il 24% dei consensi al primo turno delle elezioni presidenziali del 2017, che poi vinse grazia al massiccio voto delle sinistre.

– Alle elezioni presidenziali e politiche del 2017 i Les Républicains, LR subirono una severa sconfitta elettorale, perdendo la gara per la presidenza ed ottenendo solo 98 / 577 deputati.. Si prese una buona rivincita al senato, grazie al sistema elettorale ad hoc, ottenendo 146 / 348 senatori. LR perse 87 seggi in parlamento e scese dal 38% al 15 – 22%.

– I concetti di ‘sinistra’ e ‘destra’ stanno perdendo i loro contenuti ideologici, ed i problemi economici sono diventati prioritari su quelli ideologici.

* * * * * * * *

Ma nessuna realtà umana è immutabile, specie poi la politica.

La destra francese ha un potente alleato in Sorella Morte, che con grande puntualità e precisione falcidia i rancorosi vegliardi che si adattarono a votare Mr Macron pur di fare un dispetto al Front National. Muoiono e le generazioni subentranti sembrerebbero essere di parere alquanto differente.

Adesso sembrerebbe che un’alleanza elettorale tra Les Républicains e Rassemblement National potrebbe prendere corpo, almeno per le prossime elezioni europee del prossimo anno.

Chiaramente, una cosa sono i numeri, peraltro indispensabili, ed un’altra è la volontà politica.

Di certo però l’Elettorato potrebbe apprezzare una simile coalizione, che metterebbe fuori gioco le sinistre ed il partito En Marche!.

Se così fosse, la Francia volterebbe pagina politica ed economica e, verosimilmente, in modo irreversibile.

* * * * * * * *

2018-07-17__Francia__001

Il sondaggio Bva evidenzia, in sintesi:

2018-07-17__Francia__002

– Il 37 % dei francesi si colloca politicamente a destra, il 36% a sinistra.

– il 65% dei francesi potrebbe votare una coalizione di destra per le elezioni europee, ma solo per quelle.

– Se questi sono i dati numerici, le valutazioni politiche degli Elettori sono fluide:

    → I francesi “piuttosto di destra” si distinguono per una maggiore vicinanza ideologica a La République en Marche!

    → I repubblicani non trovano un’eco di maggioranza tra i francesi che dicono di essere “molto di destra”.

    → La linea politica della RN e di Debout la France è respinta dalla “destra piuttosto”.

    → Tra le personalità i cui sostenitori si appoggiano “alla destra”, Marion Maréchal e Nicolas Dupont-Aignan appaiono piuttosto unificanti.

    → Mentre Laurent Wauquiez ha una posizione più centrale sulla destra, il suo profilo non appare essere molto unificante.

2018-07-17__Francia__003

* * *

Ci si rende perfettamente conto che di qui alle elezioni europee correranno undici mesi, durante i quali molte cose impreviste ed imprevedibili potrebbero accadere.

Tuttavia questi risultati numerici dovrebbe dare da pensare alla realtà francese che sta mutando.

* * * * * * * *

La Bva ha rilasciato recentemente il seguente report:

L’union des droites, avenir crédible ou impasse politique ? – Décrypter les mécanismes de l’opinion – Sondage BVA pour L’Obs

37% des Français se positionnent politiquement à droite : la majorité d’entre eux pourrait voter pour une liste d’union de la droite aux élections européennes (65%)…mais l’intérêt pour des listes d’union serait surtout ponctuel.

– 83% des Français peuvent se positionner politiquement sur l’axe gauche-droite : 36% à gauche, 10% au centre et 37% à droite. A l’inverse, 15% se disent ni de gauche ni de droite et 2% ne se prononcent pas.

– Parmi les 37% des Français se positionnant politiquement à droite : 14% se placent plutôt à droite, 14% à droite et 9% très à droite.

– 65% des Français se positionnant à droite pourraient voter pour une liste d’union de la droite aux élections européennes 2019, rassemblant des candidats Les Républicains, Debout la France et du Rassemblement national.

– Uniquement 32% des sympathisants de la droite soutiendraient des listes d’union « quelles que soient les élections » et le soutien à cette possibilité varie très fortement selon la position politique, de 60% chez les « très à droite » à seulement 35% chez les « à droite » et 12% chez les « plutôt à droite ».

Verbatim de la communauté POP by BVA : «Je ne pourrais pas voter pour une telle association qui n’aura le nom d’union que par la circonstance. Ce serait plutôt une liste d’union d’intérêts personnels »

*

Peu  de partis ou de personnalités politiques apparaissent susceptibles de rassembler l’ensemble des sympathisants de la droite

– Les Français « plutôt à droite » se distinguent par une plus grande proximité idéologique à La République en Marche !

– Les Républicains ne trouvent pas d’écho majoritaire chez les Français se disant « très à droite »

– La ligne politique du RN et de Debout la France est rejetée auprès des « plutôt à droite »

– Parmi les personnalités dont les soutiens penchent « très  à droite », Marion Maréchal et Nicolas Dupont-Aignan apparaissent assez rassembleurs

– Si Laurent Wauquiez dispose d’une position plus centrale à droite, son profil est peu fédérateur

Verbatim de la communauté POP by BVA : «Il est difficile aujourd’hui de cerner la droite, le RPR a éclaté et ne s’est toujours pas trouvé, DLF balbutie et fait un peu la girouette, le RN n’a rien à envier au FN, et la faiblesse de son programme reste nette. Alors comment s’y retrouver ? Pour le moment je pense que je n’en ai même pas envie. La main sur le cœur, ils sont tous pour « une France », mais leurs chemins divergent.»

*

Au-delà d’un certain socle commun, des divergences de position sur des questions-clefs (économie libérale, Euro, Union européenne) et sur certaines valeurs (égalité, solidarité, tolérance, laïcité)

– Des positions plutôt proches sur les sujets sociétaux (identité française, protection sociale), plus éloignées sur l’économie libérale.

– Des opinions plus clivées sur les questions européennes, l’attachement à l’Euro et à l’Union européenne différant fortement selon les segments de la droite.

– Le Travail, la Justice, la Famille, la Liberté, l’Autorité, le Mérite et le Patriotisme, valeurs transverses à l’ensemble des Français se positionnant à droite.

– L’Autorité, le Mérite et le Patriotisme font figure de « marqueurs de droite », l’importance qui leur est accordée à droite différant significativement de celle exprimée par les Français.

– L’Egalité, la Solidarité, la Tolérance et la Laïcité apparaissent comme des valeurs moins consensuelles à droite.

Verbatim de la communauté POP by BVA : «Liberté, responsabilité, justice, famille et amitié, respect et politesse. L’autorité est nécessaire et ne doit pas se discuter, le patriotisme est un plaisir personnel léger qui s’applique aux différents cercles d’appartenance de chacun pour moi, le monde, l’Europe, ma région. Oui à l’égalité dans la différence et un non puissant et définitif à l’égalitarisme des jaloux et des loosers. La laïcité oui dans le sens de la liberté de penser offerte à chacun.»

Pubblicato in: Banche Centrali, Senza categoria, Unione Europea

Bankitalia. Debito sovrano a 2,327.368 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-13.

2018-07-13__Debito__001

Banca di Italia ha rilasciato Finanza pubblica: fabbisogno e debito – maggio 2018.

A tutto il 2016 il debito delle Amministrazioni Pubbliche ammontava a 2,219.546 miliardi di euro.

A tutto il 2017 il debito delle Amministrazioni Pubbliche ammontava a 2,263.056 miliardi di euro.

*

A fine maggio 2018 tale debito era salito a 2,327.368 miliardi.