Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Francia. Il Senato arrostisce Mr Macron a fuoco lento.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-22.

Pollo allo Spiedo 001

Il Senato francese è eletto a suffragio indiretto, sta in carica sei anni, e va incontro ad elezioni ogni tre anni.

I 346 senatori sono eletti su base dipartimentale dai deputati e senatori, consiglieri regionali, consiglieri dipartimentali e da delegati dei consigli municipali. Questo sistema elettorale provoca uno sbilanciamento politico nella composizione dei senatori, poiché privilegia le zone rurali della Francia, storicamente più a destra delle zone urbane.

Nelle elezioni tenutesi nel 2017 gli elettori erano quindi quelli che rappresentavano il proscenio politico  di almeno tre anni precedenti, quando La République en Marche! non esisteva ancora.

Come risultato, i Les Républicains hanno ottenuto 146 seggi, il partito socialista 78, l’Unione Centrista 51, più altri gruppi minori. I senatori di La République en Marche! sono solo 21, per lo più transfughi.

I Les Républicains odiano di odio viscerale Mr Macron, cui imputano sia la loro sconfitta alle presidenziali, sia il modo vigliacco con cui il loro candidato Fillon è stato massacrata in sede di campagna elettorale.

Nella vita è più importante non avere nemici piuttosto che avere amici: ed il Senato francese nutre verso il Presidente un livoroso rancore.

Anche se costituzionalmente il Senato ha praticamente gli stessi poteri dell’Assemblea Nazionale, è questa ultima che ha un potere dominante nella formazione delle leggi.

Ma il Senato francese opera anche come controllo sull’azione governativa. Potestà che fa valere secondo opportunità.

* * * * * * *

France: Macron’s ex-bodyguard detained as Senate report on ‘Benalla affair’ is due

«The French president’s disgraced senior security aide Alexandre Benalla was placed in provisional detention on Tuesday, his lawyer said, a day before the release of a long-awaited Senate report on the so-called “Benalla affair”.

Investigative magistrates took the decision after President Emmanuel Macron’s former staffer allegedly broke the conditions of his bail, said lawyer Jacqueline Laffont.

Benalla faces criminal charges after it emerged in July that he roughed up protesters during a May Day demonstration in Paris while wearing a police helmet.

The “Benalla affair” sparked a major scandal for Macron, prompting a wave of accusations from opponents that the presidency covered it up.

Benalla was fired after the revelations, but officials are worried he may since have been profiting from his former insider status.

Reports that he continued to use diplomatic passports long after his dismissal led to claims he lied to a Senate committee investigating the case.

After a seven-month investigation, the committee is due to release its findings on Wednesday, coupled with recommendations to avoid a repeat of the “dysfunctions at the highest level of the state” revealed by the case.

Benalla’s lawyer said she had already launched an appeal against her client’s provisional detention.»

* * * * * * *

«A French Senate commission demanded Wednesday an investigation into three close aides to President Emmanuel Macron after finding “major flaws” in the government’s handling of a scandal involving security aide Alexandre Benalla»

*

«The senators accused the three aides, including Macron’s chief of staff, of contradictions in their testimony over the scandal triggered in July by video footage of former security aide Benalla roughing up protesters during a May Day rally»

*

«Their report suggested that chief of staff Patrick Strzoda, presidency secretary Alexis Kohler and security chief Lionel Lavergne may have “withheld significant truth” during their testimony, notably about the remit of Benalla’s role as security adviser, and called on prosecutors to look into their statements»

*

«French justice announced on Wednesday they had opened another probe into by former Macron aide Alexandra Benalla for allegedly obstructing investigations by “concealing evidence”.»

*

«French justice announced on Wednesday they had opened another probe into by former Macron aide Alexandra Benalla for allegedly obstructing investigations by “concealing evidence”»

*

«Benalla, who was already facing criminal charges, was placed in detention on Tuesday for allegedly breaking the conditions of his bail»

*

«What happened on May Day now appears to be the tip of the ice»

*

«There is no doubt that the indirect relationship between a Russian oligarch and a close aide of the president, who is directly involved in the presidency’s security … would compromise the head of state’s security and, further still, the nation’s interests»

*

«Lying to parliament under oath is punishable by up to five years in prison»

*

«The commission found Benalla had eight passports, four of them personal and four of them either issued for work or on diplomatic grounds»

* * * * * * * *

Bene.

Benissimo.

Lentamente ma inesorabilmente il cerchio inizia a restringersi attorno all’élite dell’Eliseo.

Poi, al momento opportuno, sarà il turno del mandante, ossia del Presidente Macron.

Nota.

Gli allibratori di Londra hanno iniziato a tener scommesse su quanto tempo ancora Mr Macron resterà presidente della Francia.


France 24. 2019-02-21. Macron aides grilled in scathing Senate report on ‘Benalla affair’

A French Senate commission demanded Wednesday an investigation into three close aides to President Emmanuel Macron after finding “major flaws” in the government’s handling of a scandal involving security aide Alexandre Benalla.

*

The senators accused the three aides, including Macron’s chief of staff, of contradictions in their testimony over the scandal triggered in July by video footage of former security aide Benalla roughing up protesters during a May Day rally.

Their report suggested that chief of staff Patrick Strzoda, presidency secretary Alexis Kohler and security chief Lionel Lavergne may have “withheld significant truth” during their testimony, notably about the remit of Benalla’s role as security adviser, and called on prosecutors to look into their statements.

The senate’s investigative committee also said it had reason to believe Benalla may have lied to them under oath.

‘Concealing evidence’

French justice announced on Wednesday they had opened another probe into by former Macron aide Alexandra Benalla for allegedly obstructing investigations by “concealing evidence”.

Benalla, who was already facing criminal charges, was placed in detention on Tuesday for allegedly breaking the conditions of his bail, his lawyer Jacqueline Laffont said.

“What happened on May Day now appears to be the tip of the iceberg,” Philippe Bas, a senator from the opposition centre-right Les Républicains party and head of the investigative committee, told reporters.

The committee said Benalla also appeared to have misled senators over his alleged link to a contract between Russian billionaire Iskander Makhmudov and a French security firm, which was revealed by investigative website Mediapart.

There was evidence, the senators said, that Macron’s security and France’s national interests had been put at risk.

“There is no doubt that the indirect relationship between a Russian oligarch and a close aide of the president, who is directly involved in the presidency’s security … would compromise the head of state’s security and, further still, the nation’s interests,” the report read.

The committee recommended that Benalla be prosecuted for perjury during the investigation.

Lying to parliament under oath is punishable by up to five years in prison and a €75,000 fine in France.

French government spokesman Benjamin Griveaux said on Wednesday Macron’s office would reply in due course to the “many untrue elements” in the senate’s findings.

Accusations of presidential cover up

The “Benalla affair” sparked a major scandal for Macron, prompting a wave of accusations from opponents that the presidency covered it up.

The former top security aide was fired after the revelations, but officials are worried he may since have been profiting from his former insider status.

Those concerns were heightened late last year when it emerged that he had continued to use diplomatic passports long after his dismissal. The commission found Benalla had eight passports, four of them personal and four of them either issued for work or on diplomatic grounds.

Benalla’s lawyer said she has launched an appeal against her client’s provisional detention.

Annunci
Pubblicato in: Senza categoria

Copenhagen. Mille prove a favore corroborano, ma una smentita affonda.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-22.

Metrobyggeri

Durante gli scavi per una stazione sotterranea a Copenhagen sono emerse evidenze inequivocabili dell’esistenza di un periodo interglaciale prima sconosciuto.

«An unexpected discovery was made as a result of excavation work at the construction site of a new underground rail station at Trianglen in Copenhagen»

*

«Work on the new Metro station revealed traces of a hitherto unknown interglacial period in Denmark»

*

«Analysis of amino acids enabled researchers to demonstrate the existence of a period around 200,000 years ago which punctuated two ice ages, otherwise known as an interglacial»

*

«An interglacial is a warmer period such as the one we are currently living in, which falls between two ice ages»

*

«This is certainly a surprise, because lots of drillings have been done in Copenhagen. It’s very unlikely to come across these types of interglacial deposits»

*

«Researchers have previously found evidence of four interglacial periods in Denmark, with the new find representing the fifth»

* * * * * * *

Questo reperto ricopre una sua importanza per molti motivi: ne enucleeremo soltanto due.

In primo luogo, questi lavori sono la evidente dimostrazione di quante buone informazioni possano essere ottenute da lavori di per sé stessi banali, se eseguiti in un clima di collaborazione scientifica. Non osiamo pensare a quanti reperti di tal fatta, per non parlare poi di quelli archeologici, avrebbero potuto essere scoperti in Italia, se tutti i lavori di scavo fossero stati condotti ad arte. Ed i buoni esempi sarebbero sempre da essere seguiti.

In secondo luogo, questa scoperta ci permette una considerazione di metodologia scientifica.

La così detta “verità scientifica” altro non è che una serie di evidenze sperimentali e di relative teorie che al momento attuale non siano state contraddette. Le prendiamo per buone fino a tanto che non ci si imbatta in un contro esempio.

Detto in parole diverse, le teorie sono spiegazioni temporanee al meglio possibile, che aspettano solo di essere smentite. E ci si pensi su bene: è proprio la smentita l’elemento dirompente che consente di far progredire la scienza.

Per lungo tempo si è ritenuto che siano sussistiti quattro periodi di interglaciazione nell’attuale periodo in essere.

Su questa base, corroborata da un elevatissimo numero di reperti sperimentali, sono state costruite numerose teorie meteorologiche, alcune delle quali matematicamente brillanti.

Adesso, il nuovo reperto le rimette in discussione. Non ammettono un quinto periodo interglaciale.

Basta un dato sperimentale incontrovertibile che rende obsoleta una teoria.

Ma non solo riscontri sperimentali: si pensi soltanto all’impatto causato dal theorema egregium di Gauss. Dopo che fu formulato, il mondo non fu più interpretabile come prima.

* * * * * * *

Anche se medicina amara, ogni elemento che consenta di superare teorie sia pur egregie dovrebbe essere sempre il benvenuto. La scienza non è una religione e non ammette dogmi per definizione.


The Local. 2019-02-03. Excavations for Copenhagen Metro dig up evidence of interglacial period

An unexpected discovery was made as a result of excavation work at the construction site of a new underground rail station at Trianglen in Copenhagen.

Work on the new Metro station revealed traces of a hitherto unknown interglacial period in Denmark, science media Videnskab.dk writes based on research published in the journal Boreas.

Analysis of amino acids enabled researchers to demonstrate the existence of a period around 200,000 years ago which punctuated two ice ages, otherwise known as an interglacial.

An interglacial is a warmer period such as the one we are currently living in, which falls between two ice ages.

The Copenhagen Metro find is remarkable due to its location, according to Ole Bennike, a geologist with the Geological Survey of Denmark and Greenland (GEUS).

“This is certainly a surprise, because lots of drillings have been done in Copenhagen. It’s very unlikely to come across these types of interglacial deposits,” Bennike told Ritzau.

Global climate has varied between ice ages and interglacials for millions of years. The current interglacial began around 11,700 years ago.

Researchers have previously found evidence of four interglacial periods in Denmark, with the new find representing the fifth.

Further discoveries in future are likely, according to Bennike.

“Our ability to date [sediment] layers is becoming better and better. New methods are being developed with which to date these layers,” he said.

Pubblicato in: Commercio, Finanza e Sistema Bancario, Materie Prime, Senza categoria

Oro fisico 1,337.80 $, palladio 1,451.40 $.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-20.

2019-02-20__Gold__001

Sul mercato sono disponibili un elevato numero di titoli legati all’ora ed  ai metalli preziosi.

Si resta alquanto perplessi nel constatare come il loro volume totale corrisponda a diverse decine di migliaia di volte l’intero ammontare dell’oro fisico estratto nel corso della storia.

A dire il vero quasi nessuno di questi titoli millanta una convertibilità in oro fisico, ma questo non basterebbe che in minima parte se tale operazione fosse reclamata per i soliti titoli che si proclamano essere convertibili.

Alcuni arrivano a proclamare che al comprare quote corrisponde da parte del gestore all’acquisto di oro fisico.

Lungi da noi fare i cavillosi, ma i conti non tornano in maniera grossolana.

2019-02-20__Gold__002

*

2019-02-20__Gold__003

Nel converso, diamo per scontato che ogni risparmiatore abbia nel cassetto, oppure in cassaforte, una certa quale quantità di oro fisico, o altri metalli preziosi.

Questa quota rappresenta una sorta di riserva strategica da cui attingere secondo convenienza.

I tempi che stiamo vivendo sono caratterizzati da grande volatilità ed incertezze.

2019-02-20__Gold__004

Se sicuramente il palladio è stato molto richiesto dall’industria negli ultimi tempi, il suo passaggio dagli 800 Usd dell’agosto scorso all’attuale quotazione di 1,451.40 Usd è stata sostenuta anche dalla esigenza di accumulo di scorte.

L’oro fisico ha avuto un periodo meno tumultuoso. A settembre dello scorso anno valeva circa 1,200 Usd all’oncia ed ora quota 1,337.80 Usd, più o meno il valore che aveva nell’aprile dello scorso anno.

Si tenga infine conto che per le transazioni di quantità minimali vi è una ampia forchetta bid / ask.

Il lingotto da kilogrammo ha un valore di 37,665 euro, ma è trattato a 38,319 euro.

*

Nota per i micro o nano-investitori.

È sempre facile comprare, e tutti magnificano ciò che vendono. La vera grande difficoltà consiste nell’individuare la realtà cui poter vendere, scegliendosela anche solvibile.

Nei periodi di tensione la forchetta può aumentare in modo strepitoso ed i vari compro oro non sono propriamente dei monaci benedettini.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria

Italia. Crisi in vista. Liquidità bancarie salite al 32%, 1,371 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-20.

2019-02-20__Italiani_Liquidi__001

Bankitalia ha rilasciato un interesante report, ripreso da un media di tiratura nazionale.

2019-02-20__Italiani_Liquidi__002

Risparmio, la paura degli italiani vale 1.371 miliardi

2019-02-20__Italiani_Liquidi__003

Riassumiamo in sintesi per punti.

– Le famiglie italiane hanno una ricchezza finanziaria di 4,287 miliardi di euro, dei quali 1,371 miliardi sono tenuti liquidi in conto corrente.

– Se durante le crisi del 2005 – 2006 la quota liquida era del 23% e durante quella del 2008 era del 29%, ad oggi rappresenta il 32% del totale disponibile.

– Di questi 1,371 miliardi 340 sono delle imprese, il resto della famiglie.

– Se nel 2018 il 25% degli imprenditori pensava di fare investimenti, nel 2019 questa quota è scesa all’11%.

– Nel 2017 il 22% delle famiglie non poteva far fronte ad una spesa improvvisa di 1,000 euro, mentre il 64% non avrebbe potuto far fronte ad una spesa improvvisa di 10,000 euro.

– Il 53% degli italiani teme una crisi economica ed una recessione.

2019-02-20__Italiani_Liquidi__004

* * * * * * *

2019-02-20__Italiani_Liquidi__005

In un sistema economico fisiologicamente funzionante si tende a tenere liquide in conto corrente soltanto quelle cifre che servono la ordinaria gestione e per far fronte ad imprevisti di piccola entità. Infatti, il deposito in conto corrente non rende nulla e le cifre depositate sono erose dai costi di gestione e dall’inflazione, che al momento attuale sfiora lo 0.9%.

Che gli italiani stiano tenendo liquido il 32% delle loro risorse finanziarie, 1,371 miliardi, da molto materiale sul quale riflettere.

Se usualmente nei periodi di crisi il sistema tende a mantenersi liquido, sarebbe altrettanto vero constatare come in crisi quali quella del 2006 la percentuale di liquidità sul totale arrivava al 23%, e sembrerebbe essere stata sufficiente.

Durante le crisi taluni prezzi e quotazioni scendono significativamente ed in quel momento diventano potenzialmente appetibili. Buona regola insegna a comprare per poco e rivendere per molto.

Una tale liquidità tenuta non solo infruttifera ma anche onerosa suggerisce che gli abbienti si configurino scenari nei quali potranno rifarsi, ed anche abbondantemente, dei costi sostenuti a mantenere capitali di tal livello immobilizzati in attesa.

Sembrerebbe quindi che sia feeling comune l’attesa di un qualche evento sommovente.

Ma ci sarebbe anche almeno un altro fattore da considerare.

Al momento gli investimenti nel comparto produttivo sono fortemente penalizzati da una resa minimale, cui si aggiunge di normale il dover sopportare il peso di un soffocante apparato burocratico.

In termini mediani, un milione investito nella produzione rende difficilmente più di 24,000 euro netti, mentre investito in un qualche strumento finanziario potrebbe rendere almeno tre volte tanto.

* * * * * * *

Ma forse ciò che lascia più perplessi è quanto questo feeling sia diventato comune sentire dal microrisparmiatore fino a chi disponga anche di capitali ingenti.

*

Per nostra mentalità siamo alieni dagli allarmismi. Pur tuttavia in simile evenienza saremmo propensi a ritenere che l’uso della santa prudenza potrebbe essere molto utile.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Senza categoria, Unione Europea

Istat. Fatturato Industria -7.3% (- sette punto tre) anno su anno.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-19.

abbattimento torri pinetamare (FOTO L FRATTARI)

Testo integrale e nota metodologica

«Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 19 contro i 18 di dicembre 2017), il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali del 7,3%, con un calo del 7,5% sul mercato interno e del 7,0% su quello estero»

*

«A dicembre si stima che il fatturato dell’industria diminuisca in termini congiunturali del 3,5%. Nel quarto trimestre l’indice complessivo ha registrato un calo dell’1,6% rispetto al trimestre precedente»

*

«mezzi di trasporto (-23,6%), industria farmaceutica (-13,0%) e industria chimica (-8,5%).»

*

«L’indice grezzo degli ordinativi segna un calo tendenziale del 5,3%, derivante da diminuzioni sia per il mercato interno (-3,6%) sia per quello estero (-7,6%).»

* * *

A dicembre 2018 export -2,3% import -1%; prezzi all’import dei prodotti industriali -1,6% su novembre

«A dicembre 2018 entrambi i flussi commerciali con l’estero registrano una flessione congiunturale, più intensa per le esportazioni (-2,3%) che per le importazioni (-1,0%). La diminuzione congiunturale dell’export è da ascrivere al netto calo delle vendite verso i mercati extra Ue (-5,6%) mentre l’area Ue registra una contenuta crescita (+0,5%).»

*

«Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente al calo delle esportazioni sono Turchia (-32,9%), Stati Uniti (-5,7%), Cina (-15,2%) e paesi OPEC (-8,3%).»

* * * * * * *

Questi dati non dovrebbero necessitare di grandi commenti.

Solo due considerazioni.

Ad una contrazione degli ordinativi all’industria consegue a breve nel tempo il relativo calo della produzione e quindi del fatturato.

Ma al calo del fatturato consegue il rispettivo calo nel gettito di imposte e tasse.

Al sodo: entreranno nelle casse dello stato denari in meno in ragione del -7.3%.

Adesso qualcuno cerchi di spiegare donde si trarranno i soldi per pagare pensioni ed assegni assistenziali.

Aumentando ancora le tasse?

Benissimo: così si fermerà tutto.

A quel punto vorremo vedere i “fedeli servitori dello stato” donde trarranno i loro agognati stipendi.

Si consoleranno di essere ecologicamente puri

A dicembre 2018 il fatturato diminuisce del 7,3% e gli ordinativi del 5,3% in un anno

A dicembre si stima che il fatturato dell’industria diminuisca in termini congiunturali del 3,5%. Nel quarto trimestre l’indice complessivo ha registrato un calo dell’1,6% rispetto al trimestre precedente. Anche gli ordinativi registrano una diminuzione congiunturale sia rispetto al mese precedente (-1,8%), sia nel complesso del quarto trimestre rispetto al precedente (-2,0%).

Il calo congiunturale del fatturato riguarda sia il mercato interno (-2,7%) sia, in misura più accentuata, quello estero (-4,7%). La flessione degli ordinativi è la sintesi di un incremento delle commesse provenienti dal mercato interno (+2,5%) e di una marcata contrazione di quelle provenienti dall’estero (-7,4%).

A dicembre tutti i raggruppamenti principali di industrie segnano una variazione congiunturale negativa: -1,8% i beni di consumo, -5,5% i beni strumentali, -1,7% i beni intermedi e -9,7% l’energia.

Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 19 contro i 18 di dicembre 2017), il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali del 7,3%, con un calo del 7,5% sul mercato interno e del 7,0% su quello estero.

Sempre con riferimento al fatturato corretto per gli effetti di calendario, tutti i principali settori di attività economica registrano cali tendenziali. I più rilevanti sono quelli dei mezzi di trasporto (23,6%), dell’industria farmaceutica (-13,0%) e dell’industria chimica (-8,5%).

L’indice grezzo degli ordinativi segna un calo tendenziale del 5,3%, derivante da diminuzioni sia per il mercato interno (-3,6%) sia per quello estero (-7,6%). Si registra una crescita per il solo comparto dei macchinari e attrezzature (+5,4%), mentre la diminuzione più marcata si rileva per l’industria delle apparecchiature elettriche (-21,4%).

Nella media dell’anno, il fatturato dell’industria registra una crescita del 2,3% rispetto al 2017, più sostenuta per il mercato estero (+3,5%) rispetto a quello interno (+1,8%). Al netto dell’energia, la crescita si riduce all’1,7%, risultando più ampia della media solo per i beni intermedi (+2,4%).

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Italia. Sondaggi. Lega 34.5%, M5S 23.5%, Pd 15.5%.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-16.

2019-02-16__Sondaggi__001

2019-02-16__Sondaggi__002

La Lega di Salvini prosegue la sua ascesa, piazzandosi adesso per le elezioni europee al 34.5%, seguita dal M4S al 23.5% e dal Pd al 15.6%.

*

Si noti come il Pd sia sceso dal pregresso risultato del 40.82% all’attuale 15.6%.

A nostro sommesso parere la sua dirigenza non ha ancora compreso le istanze reali che hanno portato a codesto crollo e, specialmente, che tutte quelle frammentazioni e parcellizzazioni saranno utili per il potere interno, ma sicuramente  frastornano l’elettorato ancora rimasto.

 

 

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria, Unione Europea

Europa. Fondi di investimento. 580 chiusi e Q4 con perdite per 120 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-15.

2019-02-15__Fondi Investimento__001

Hedge Funds. 174 hanno chiuso nel terzo trimestre 2018. – Bloomberg.

«Potremmo inoltre tentare di definire “hedge fund” come lo strumento finanziario che ha la possibilità – negata ai gestori tradizionali – di usare uno o più strumenti o strategie di investimento sofisticati quali short selling, derivati, hedging e leverage».

*

«An estimated 174 hedge funds were liquidated in third quarter»

* * *

Finanza, “grandi speculatori”: l’anno nero degli hedge fund. In 580 hanno chiuso i battenti

«Che cosa ha messo in fuga le «locuste»? Più delle incertezze geopolitiche, è l’improvvisa morìa degli hedge fund, i grandi «predatori» della finanza speculativa, a tenere banco sui mercati finanziari. La selezione naturale esiste sui mercati come in natura, ma in questo caso sembra quasi un’epidemia: le chiusure di fondi alternativi hanno superato quest’anno ogni record negativo, evidenziando la stessa dinamica del peggior periodo della grande crisi finanziaria.

Tra gennaio e metà dicembre, sono oltre 580 gli hedge fund che hanno deciso di chiudere i battenti e restituire il capitale ai clienti, il numero più elevato del decennio e soprattutto superiore alla dinamica delle aperture, ferme a quota 552 secondo la società specializzata Eurekahedge. Che non sia un fenomeno passeggero è un dato di fatto: il 2018 segna il terzo anno consecutivo di «correzione» per la compagine dei gestori speculativi, un’elite della finanza che in meno di vent’anni ha creato un mercato da 3.500 miliardi di dollari. ….

dopo 10 anni di denaro gratis fornito a piene mani dalle banche centrali, non solo si profila ora una fase di bassa marea per la liquidità»

* * *

Santander non rimborsa il CoCo bond da 1,5 miliardi

«Banco Santander, dopo giorni in cui ha tenuto i mercati in sospeso, ha deciso di non esercitare l’opzione “call” su un bond subordinato da 1,5 miliardi di euro: uno schiaffo agli investitori convinti che il gruppo spagnolo avrebbe seguito la regola non scritta di rimborsare il bond, un “contingent convertible” o “CoCo”, che costituisce capitale Tier 1. La prima banca spagnola ha deciso oggi – ultimo giorno per annunciare cosa avrebbe fatto con la “call option” esercitabile il 12 marzo – di non richiamare il bond, che ha una cedola del 6,25%.

* * * * * * *

Sarebbe stato sufficiente avere l’intelligenza di un anfiosso. Ma gli esseri umani sono liberi, e sono anche liberi di permettersi il lusso delle ideologie, delle idee preconcette, del credersi onnipotenti. Poi la realtà li fustiga ridimensionandoli per benino. La realtà è spietata, non conosce cosa sia la misericordia.

Per una decina di anni le banche centrali hanno tenuto tassi infimi se non addirittura negativi.

L’accordo era che in cambio i governi avrebbero sfruttato questa occasione per fare riforme strutturali: in poche parole, rimuovere le strutture socialiste e stataliste, deburocratizzare, abbassare le tasse, facendo riprendere la produzione industriale. Lasciando la gente in pace a poter lavorare e guadagnare dal comparto produttivo.

Mai fiducia fu peggio riposta.

I fiumi, gli oceani di denaro arrivavano puntuali, ed altrettanto puntualmente nulla finiva alla produzione, ma andava tutto ai servizi, al welfare. E per buon peso i governi dell’Unione aumentavano anche il debito sovrano.

È stata un’orgia scriteriata.

Far guadagnare gli hedge funds con denaro regalato a costo zero era un’attrattiva irrinunciabile per ogni buon liberal socialista.

Ora stanno arrivando i conti da pagare.

Nel 2018 hanno chiuso 580 fondi di investimento e le trimestrale del quarto periodo accusano perdite per oltre 120 miliardi. Poi, quelli che pubblicheranno saranno bilanci sottoposti a maquillage, ma saranno pur sempre lacrime e sangue.

* * * * * * *

L’epoca in cui si giocava a monopoli è finita: kaputt.

Un grande numero di persone sta contemplando i pezzi di carta a loro mani, ridotti da presunta ricchezza a carta da parati.

«Da oggi ci liberiamo dal socialismo e dal politicamente corretto»

Questa frase di Mr Bolsonaro dovrebbe essere scolpita su tutti i parlamenti ed anche sulle sedi dell’Unione Europea.

Nota.

Il 23 – 26 maggio si voterà per il rinnovo del parlamento europeo.

Starà agli elettori decidere se avere un futuro di fame e miseria, oppure almeno tentare di rimettere le cose in funzione.


Bloomberg. 2019-02-13. Europe’s Fund Managers May Have Lost $100 Billion in 4th Quarter

Europe’s money managers have been warning for months that the fourth quarter was bad for them. How bad? One estimate puts it at $100 billion.

That’s the amount of client money that Europe’s open-ended funds lost in the final three months of 2018 as markets whipsawed, according to Amundi SA. The French company alone saw outflows of $7.4 billion in that period amid an “extremely hostile” market, Chief Executive Officer Yves Perrier said on Wednesday. Other European companies have reported similar outflows.

For now, money managers are sticking to their targets. Perrier still plans to attract at least 50 billion euros ($57 billion) annually through 2020 — he missed that goal by 8 billion euros last year, Amundi confirmed in its latest results.

DWS Group CEO Asoka Woehrmann likewise didn’t scrap his medium-term goal of bringing in about 20 billion euros per year, though he labeled the target as “ambitious” in a recent Bloomberg interview. Both Perrier and Woehrmann have said it’s too early to make predictions for 2019.

A Deep Slump

Net flows have been declining since mid-2017 and plunging in 2018.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Senza categoria, Unione Europea

Germania. Destatis. Ordini all’industria. Variazione grezza a/a -10.8%.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-15.

2019-02-15__Destatis__001

Destatis, l’Istituto federale tedesco di statistica, ha rilasciato la seguente Tabella.

«Change on the corresponding month of the previous year -10.8%»

*

Germania. Crollano gli ordinativi all’industria. Da eurozona -9.9%.

«I dati rilasciati dall’Istituto di Statistica della Germania Federale sono inequivocabili: il sistema produttivo industriale tedesco è in crisi, per non voler usare il termine recessione. Gli ordinativi dall’eurozona sono crollati del -9.9%.»

*

Germania, calo inaspettato a dicembre degli ordini all’industria [Reuters]

«Gli ordini all’industria sono inaspettatamente calati in Germania a dicembre a causa di una debole domanda estera. Si tratta di un ulteriore segnale di difficoltà della prima economia europea di fronte al rallentamento dell’economia mondiale e alle dispute commerciali.

Gli ordini sono calati dell’1,6% rispetto alle attese degli economisti di un aumento dello 0,3%, dopo la revisione al rialzo a -0,2% del dato di novembre, secondo quanto comunicato dall’ufficio di statistica federale.»

* * * * * * *

Ci sarebbero ben pochi commenti da fare.

Ad un calo del -10.8% degli ordinativi corrisponde un identico calo nella produzione e, quindi, nel fatturato.

Ma se si ferma il comparto produttivo tutte le energie alternative tanto care a Frau Merkel non troveranno utilizzatori.

Frau Merkel dovrebbe trarne le conseguenze. Andarsene.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Conte. Uomo forte e mite, con due didimi grossi così. Verhofstadt.

Giuseppe Sandro Mela

2019-02-14.

Conte 001

Questo è il video dell’attacco di Mr Guy Verhofstadt, il leader liberal ed europeista belga.

Ecco l’intervento del Presidente Conte.

La risposta del Presidente Conte.

* * *

Conte: «Per chi mi ha attaccato al parlamento Ue è stato il canto del cigno. I gilet gialli? Piaccia o meno sono il nuovo»

«Il premier: «Il nostro governo esprime il cambiamento in Italia ed Europa: per questo mi attaccano, molti di loro non verranno rieletti». Le critiche al grillino Di Battista: «Non ha un ruolo di governo. E le sue posizioni non lo rispecchiano.»

«Me li aspettavo, gli attacchi. Non prevedevo la scompostezza, le falsità. Ho avuto l’impressione che per alcuni parlamentari europei, il discorso di martedì sia stato un po’ il canto del cigno…»

Serafico, e confermando la sua fama di incassatore, il premier Giuseppe Conte racconta l’aggressione verbale che ha subito nell’aula di Strasburgo, come un prezzo inevitabile pagato a quello che ritiene di rappresentare»

«Il mio», osserva, «è un governo che esprime il cambiamento in atto in Italia e in Europa. Per questo mi hanno attaccato. Molti di loro sanno che non verranno rieletti. Sono figli di forze con una vecchia ispirazione. Il nuovo vento li spiazza. Ma dispiace solo che per colpirmi siano ricorsi a falsità, tipo che facciamo morire i bambini africani in mare o che difendiamo il venezuelano Nicolàs Maduro»»

* * * * * * *

Ecco dei passi da mettere in cornice:

«Tutti parlano di stabilità finanziaria, meno di stabilità politica e sociale. E si trascura il consenso interno altissimo che la mia maggioranza ha, altri Paesi no. Il premier socialista Pedro Sanchez, in Spagna, sta andando diritto verso il voto anticipato. In Belgio sul fiscal compact c’è stata una crisi di governo»

*

«Nei quaranta minuti del mio intervento ho cercato di far capire lo stato di crisi dell’Unione europea e di indicare le strategie per uscirne. Sono stato critico e costruttivo. Loro, invece, no. Doveva essere la loro vetrina, ma non l’hanno occupata bene»

*

«È andato come leader del M5S. Anche quando l’ungherese Viktor Orban di recente è venuto a incontrare il vicepremier leghista Matteo Salvini, è stato un incontro politico, tra leader di partito, e si è svolto a Milano». Imperterrito, seguendo un ragionamento che sembra impossibile scalfire, il premier aggiunge che i «gilet gialli, per quanto in modo confuso e a volte sbagliato, cercano di interpretare quanto di muovo si sta muovendo nella società francese, che piaccia o no. A Strasburgo, invece, ho visto riaffiorare la vecchia politica»

* * * * * * *

Diamo atto con grande piacere che il Presidente Conte sia uomo pacato ma fermo, e che abbia reagito da gran signore alle contumelie che gli sciorinava Mr Guy Verhofstadt che, se dovessimo usare il linguaggio che gli è solito, è la lattrina dell’europarlamento.

Mr Conte ha dalla sua un grande consenso popolare, proprio quel consenso che i liberal socialisti si sono alienati con le loro ideologie e con i loro comportamenti.

In uno stato democratico si parla, si discute, si confrontano idee e progetti diversi: è la fisiologica dialettica della democrazia. E l’Italia è al momento uno dei pochi stati europei ove si discuta. Le personalità politiche che la pensano nell’identico modo sono il frutto delle dittature: il pensiero unico è la classica manifestazione della dittatura. Ma i dibattiti, anche accesi, non possono né debbono trascendere: chi non rispetta la persona dell’avversario politico è solamente e semplicemente un nazionalsocialista. E Mr Verhofstadt ben incarna quella ideologia razzista e settaria.

*

Il 23 – 26 maggio si voterà per le elezioni europee.

Gran quota degli attuali europarlamentari sarà trombata, e lo sarà in modo particolarmente doloroso. Stando ai sondaggi, gli identitari sovranisti dovrebbero poter ottenere lusinghieri successi.

Scompariranno dalla scena i vari Juncker, Tusk, Moscovici, Oettinger, e, manco a dirlo, Verhofstadt.

Ma siano pur certi che noi non li dimenticheremo mai.

Nota.

Si era nascosto molto bene, ma alla fine lo abbiamo trovato.

Abbiamo preso Eichmann e lo abbiamo portato in Patria. Lo abbiamo processato con equo processo. Lo abbiamo condannato. Abbiamo infine eseguito la sentenza.

Lapidario il commento di una delle mie ultime pronipoti, 9 anni, non vive in Italia: “Burattino sarà lui”.


Ansa. 2019-02-14. Conte: governo non cadrà, questa Europa al canto del cigno

“Il governo va avanti. Andremo avanti anche più forte di prima”. Lo assicura il premier Giuseppe Conte che, in due colloqui con Corriere della Sera e Repubblica, parla dello scontro di martedì al Parlamento europeo: “Per colpirmi hanno usato falsità. Si trascura il consenso interno altissimo che la mia maggioranza ha e altri Paesi no”. “Il mio è un governo che esprime il cambiamento in atto in Italia e in Europa. Per questo mi hanno attaccato. Molti di loro sanno che non verranno rieletti. Sono figli di forze con una vecchia ispirazione. Il nuovo vento li spiazza”, afferma Conte. “Chi parlava apparteneva alle vecchie famiglie politiche. Anzi, per molti di loro era una sorta di canto del cigno”.

“Mi hanno descritto come confuso. Ma non è vero. Semmai ero amareggiato, perché è stata persa un’occasione. Potevamo discutere del futuro dell’Unione e invece alcuni parlamentari hanno trasformato l’aula di Strasburgo in un’arena da talk show”, prosegue Conte, che parla di “attacchi scomposti” a cui – dice – “ho risposto pan per focaccia”. “Hanno insultato me e attraverso di me tutto il nostro Paese. Non potevo accettarlo. E avevo l’obbligo di far notare che io, a differenza di altri, non son un prestanome di qualche comitato d’affari. Che non ho conflitti di interesse”, sottolinea. Sul fatto che gli attacchi fossero rivolti a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio, “il leader del governo sono io, più di loro. Io rappresento l’unità e l’azione dell’esecutivo”. Il premier nega l’immagine di un’Italia isolata: “Con Angela Merkel il rapporto è eccellente. Con Parigi risolveremo presto. E non siamo mai stati contro l’Ue. Noi lavoriamo semmai a un cambio di rotta, per un’Europa più equa e solidale. Siamo per il cambiamento e le famiglie tradizionali europee si oppongono”, dichiara. Sulla Francia, “l presidente Mattarella come sempre si è mosso molto bene. D’altronde non pensavo che la polemica potesse protrarsi a lungo”, osserva Conte, secondo cui “i gilet gialli, per quanto in modo confuso e a volte sbagliato, cercano di interpretare quanto di muovo si sta muovendo nella società francese, che piaccia o no”. Quanto al Venezuela, “Noi non appoggiamo Maduro. Chiediamo fin dall’inizio elezioni libere e rapide”, rimarca Conte. “Di Battista non ha un ruolo di governo e le sue posizioni non lo rispecchiano”.

Pubblicato in: Arte, Senza categoria

Poggetti Vecchi, Grosseto. Cimitero di elefanti e reperti di Neanderthaliani.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-12.

2019-01-04__grosseto_elefanti__001

L’Italia è un paese così ricco di storia e di arte che alla fine si potrebbe correre il rischio di diventare troppo schizzinosi.

Eppure la nostra archeologia costituisce un patrimonio unico al mondo, anche se poco conosciuto ai più.

Gli studi della preistoria e della protostoria hanno permesso di riportare alle luce tutta una serie impressionante di reperti utili a meglio chiarirci cosa fosse quell’epoca entusiasmante.

«Homo neanderthalensis (King, 1864), comunemente detto Uomo di Neanderthal, è un ominide strettamente affine all’Homo sapiens che visse nel periodo paleolitico medio, compreso tra i 200 000 e i 40 000 anni fa.

Prende il nome dalla valle di Neander (Neandertal) presso Düsseldorf in Germania, dove vennero ritrovati i primi resti fossili. Fu un “Homo” molto evoluto, in possesso di tecnologie litiche elevate e dal comportamento sociale piuttosto avanzato, al pari dei sapiens di diversi periodi paleolitici.

Convissuto nell’ultimo periodo della sua esistenza con lo stesso Homo sapiens, l’Homo neanderthalensis scomparve in un tempo relativamente breve, evento che costituisce un enigma scientifico oggi attivamente studiato»

*

Vissuti a ridossi dell’era glaciale, i Neanderthaliani erano gente scaltra, intelligente e pratica. Lavoravano la pietra in modo mirabile, specie tenendo conto della allora miseria strumentale. Ma vorremmo ricordali per un altro manufatto: il flauto di Divje Babe. È un flauto con quattro note compatibili con la naturale scala diatonica greca, ottenuto da un frammento di femore di orso delle caverne. Quando un popolo perviene alla espressione artistica è da considerarsi civile.

*

«I nostri antenati, secondo gli esperti, usavano il fuoco per creare armi in legno per la caccia già 170.000 anni fa. Questi reperti sono stati rinvenuti durante i lavori effettuati presso il complesso termale a Poggetti Vecchi, vicino Grosseto. Per l’esattezza si tratta di 40 frammenti di bastoni in legno di bosso, alcuni hanno un manico e una punta e sono lunghi fino a un metro. 

I Neanderthal li hanno lasciati in un luogo che raggiungevano per procurarsi del cibo: allora, infatti, il sito dello scavo corrispondeva a una baia costellata di pozze d’acqua termale. Una condizione favorevole per animali e piante, all’interno di un ambiente più freddo, a ridosso di una glaciazione. “I manufatti richiamano i cosiddetti “bastoni da scavo”, strumenti multifunzionali usati da tutte le società di cacciatori-raccoglitori”. Il team di ricerca è guidato da Biancamaria Aranguren, della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Siena, Grosseto e Arezzo. I risultati completi sono stati pubblicati sulla rivista Atti della National Academy of Sciences.» [Fonte]

*

2019-01-09__maremma_terme_elefanti_neanderthal2

Non stupisce il fatto che uomini ed animali si fossero concentrati sulla fine dell’era glaciale in zone termali, dove anche la vegetazione poteva continuare a sussistere. All’epoca, riscaldarsi era un gran problema.

Bene.

Adesso abbiamo un ulteriore motivo per andare a visitare Grosseto.


Archeologia. Beni Culturali. Grosseto: sito preistorico di Poggetti Vecchi. Il restauro dei resti fossili di Elephas antiquus

In località Poggetti Vecchi nel Comune di Grosseto, zona già ricordata nella letteratura archeologica per ritrovamenti di età romana e attualmente di proprietà del Sig. Aldo Ceccarelli, è venuto alla luce un importante sito preistorico caratterizzato dalla presenza di resti di Elephas antiquus, durante i lavori di approfondimento di un piccolo invaso artificiale per la costruzione di una vasca termale condotti sotto la sorveglianza della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana.

La sequenza stratigrafica vede più livelli di frequentazione umana, gli ultimi dei quali riferibili al Paleolitico medio, con abbondanti strumenti in pietra (industria litica), reperti lignei e resti di numerose specie animali, fra cui in particolare Elephas antiquus. Come indica la natura dei depositi carbonatici rinvenuti nei livelli antropizzati, si tratta di un sito caratterizzato già in antico dalla presenza di acque termali, e dove l’insediamento è documentato in diverse fasi, probabilmente legate alle occupazioni connesse all’attività venatoria, rivolta in particolare ad Elephas antiquus, di cui sono stati rinvenuti resti riferibili a più soggetti.

Il sito di Poggetti Vecchi riveste una straordinaria importanza, trattandosi del primo esempio in Toscana di insediamento preistorico pluristratificato in cui è testimoniata la caccia a questa specie animale; è pertanto di grande soddisfazione che proprio intorno all’attività della Soprintendenza si siano raccolte le energie di tutti gli Enti interessati a ricostruire la più antica storia della Maremma, per una adeguata conoscenza e valorizzazione di questo eccezionale contesto.

Lo scavo, diretto dai Funzionari della Soprintendenza Gabriella Poggesi e Biancamaria Aranguren e condotto dagli archeologi preistorici Giuditta Grandinetti e Floriano Cavanna, con l’ausilio del Gruppo Speleologico Naturalistico Maremmano, si è svolto nel 2012 ed è stato interamente supportato logisticamente e finanziariamente dal proprietario, Sig. Aldo Ceccarelli.

Un lungo lavoro attende adesso l’equipe interdisciplinare che ha iniziato a restaurare, catalogare, studiare e datare i resti archeologici, anche nell’ottica della futura valorizzazione e diffusione dei dati. Fra le diverse professionalità coinvolte sono presenti specialisti della Soprintendenza (Biancamaria Aranguren, Pasquino Pallecchi e Gianna Giachi), dell’Università di Firenze (Dipartimento di Scienze della Terra: Paul Mazza, Marco Benvenuti; Dipartimento di Biologia evoluzionistica – Biologia vegetale: Marta Mariotti Lippi); dell’Università di Roma La Sapienza (Dipartimento di Scienze della Terra: Daniela Esu); dell’Università di Roma 3 (Dipartimento di Scienze della Terra: Elsa Gliozzi); dell’Università di Trento (Laboratorio di Preistoria: Stefano Grimaldi e Fabio Cavulli); dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria (Anna Revedin); del PIN di Prato (Franco Niccolucci).

A conclusione degli scavi, la Soprintendenza ha sottoscritto un protocollo d’intesa con la Fondazione Grosseto Cultura, che prevede un coinvolgimento del Museo di Storia Naturale della Maremma: quest’ultimo si occuperà, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza, del restauro dei reperti paleontologici e della loro datazione. Queste attività sono finalizzate alla successiva esposizione del materiale presso il Museo, nella propria sede o in altri locali idonei, congiuntamente individuati. La Fondazione Grosseto Cultura si è impegnata ad espletare presso il MiBACT le formalità amministrative per il deposito pluriennale dei reperti paleontologici sottoposti a restauro, secondo la normativa vigente.

Contestualmente, la Fondazione Grosseto Cultura ha richiesto ed ottenuto dalla Cassa di Risparmio di Firenze il finanziamento di una parte sostanziale del progetto di restauro dei reperti paleontologici del sito di Poggetti Vecchi.

I lavori saranno condotti dalla Cooperativa Atlante (Grosseto) sotto la supervisione dei tecnici del MiBACT (Simona Pozzi e Salvatore Caramiello); al termine del restauro, che avrà durata di un anno, i reperti più significativi entreranno a far parte delle collezioni del Museo di Storia Naturale della Maremma, diretto da Andrea Sforzi. Gli interventi sono mirati in particolare alla preservazione di alcune zanne di Elephas antiquus, che ad oggi costituiscono un rinvenimento decisamente straordinario per il territorio grossetano.

Adnk. 2019-01-03. Scoperte le terme di elefanti e Neanderthal

In età paleolitica, oltre 170.000 anni fa, nella Maremma toscana, ai piedi della modesta altura di Poggetti Vecchi, che emerge dalla pianura a nord di Grosseto fra i monti di Vetulonia da una parte e il colle di Roselle dall’altra, era attivo e frequentato un piacevole ambiente termale dove elefanti e Neanderthaliani trovarono un’oasi per rifugiarsi nel momento in cui la morsa della penultima era glaciale cominciava a farsi sentire.

La straordinaria scoperta preistorica in un bacino di acque termali è annunciata, come anticipa l’AdnKronos, sul nuovo numero della rivista ‘Archeologia Viva’ (Giunti editore), diretta da Pietro Pruneti. Autrici della ricostruzione scientifica sono Biancamaria Aranguren, ex funzionaria della Soprintendenza Archeologica per le province di Siena e Grosseto, Silvia Florindi e Anna Revedin, entrambe archeologhe dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria di Firenze. L’eccezionalità della scoperta risiede anche nel fatto che Poggetti Vecchi è uno dei pochi siti archeo-paleontologici in Europa che documentano il passaggio dal Pleistocene medio al Pleistocene recente.

Lo studio dei resti di piante e animali ritrovati nel sito, a partire dalla scoperta casuale nel 2012 e dai successivi scavi, ha permesso di capire che, intorno a 170.000 anni fa, l’ambiente naturale era caratterizzato da ampie radure erbose interrotte da acquitrini di acqua dolce, che si estendevano fino alle pendici delle colline circostanti, coperte da boschi a prevalenza di querce e frassini.

Fra le ossa ritrovate dominano quelle di Palaeloxodon antiquus, un elefante estinto di grandi dimensioni, seguite da quelle di uro (Bos primigenius), cervo rosso (Cervus elaphus) e capriolo (Capreolus capreolus). I resti di elefante del livello archeologico più basso e quindi più antico, formatosi prima di 170.000 anni fa, appartenevano a sette individui, probabilmente un’unica famiglia, morta per cause naturali. L’ipotesi più plausibile è che gli elefanti avessero cercato rifugio nell’area termale per difendersi dall’inasprimento del clima, ma che siano poi morti di inedia, quando il cibo in questa piccola area si esaurì.

Non erano solo gli animali a frequentare la piccola conca delle terme di Poggetti Vecchi: tracce di presenza umana sono state rinvenute in vari livelli. Ma in particolare, nello strato archeologico più ricco, sono stati trovati alcuni strumenti in osso e tanti strumenti in pietra: circa duecentocinquanta manufatti realizzati su ciottoli, tutti raccolti nelle vicinanze. Si tratta di nuclei e schegge lavorate, con tracce di utilizzo per la macellazione e per la lavorazione del legno.

La cosa più incredibile, spiegano Biancamaria Aranguren, Silvia Florindi e Anna Revedin, è stata ritrovare anche dei manufatti in legno, forse realizzati con quegli stessi strumenti in pietra. Chi erano dunque gli uomini che produssero e utilizzarono questi oggetti? L’aspetto dei manufatti di pietra è piuttosto arcaico, ma non permette l’attribuzione immediata a una specifica fase del Paleolitico. Solo grazie allo studio del contesto e alle datazioni si è giunti alla certezza che i primi frequentatori delle terme di Poggetti Vecchi fossero dei Neanderthaliani antichi.

Tra le ossa di elefante, nello scavo di Poggetti Vecchi sono stati recuperati circa cinquanta frammenti di legno, intrisi di quella stessa acqua termale che li ha conservati fino ad oggi. Un primo studio sui legni si è da poco concluso, svolto in collaborazione fra Soprintendenza e Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria. I manufatti identificati sono trentaquattro, tutti in legno di bosso (Buxus sp.), una specie selezionata per la sua particolare durezza e compattezza, che i frequentatori neandertaliani del sito potevano trovare sulle vicine formazioni collinari, come ha rivelato lo studio dei pollini fossili.

Si tratta di bastoni lunghi più di un metro con chiare tracce di intervento umano, ad esempio la rimozione della corteccia e dei rami laterali; in particolare sono lavorate le estremità: la parte più spessa è arrotondata a formare un’impugnatura, la parte più sottile a formare una punta smussata. Qualcosa di molto simile ai cosiddetti digging stick, i “bastoni da scavo” multiuso che ancora fanno parte dell’equipaggiamento delle residue popolazioni di cacciatori-raccoglitori, tradizionalmente usati dalle donne per recuperare radici, tuberi e altri prodotti spontanei, ma anche per cacciare piccole prede.

Alcuni di questi bastoni erano in parte anneriti: l’annerimento è attribuibile all’uso del fuoco. Inoltre, molti elementi, fra cui la localizzazione e la superficialità delle bruciature sui manufatti, fanno pensare non solo a un’intenzionalità, ma addirittura a un sapiente controllo del fuoco al momento della lavorazione.

“Già da questi primi risultati è chiaro – sostengono le autrici dell’articolo, Biancamaria Aranguren, Silvia Florindi e Anna Revedin – come siamo in presenza di un rinvenimento straordinario: sono pochi i siti archeo-paleontologici in Europa che documentano il passaggio dal Pleistocene medio al Pleistocene recente. Poggetti Vecchi offre un’opportunità eccezionale per studiare il comportamento dei primi Neanderthal in questo specifico contesto climatico e ambientale. Di sicuro le calde sorgenti termali attrassero in questa piccola valle rigogliosa uomini e animali in cerca di cibo e di un riparo dai primi freddi della glaciazione in arrivo”.

Ma per gli elefanti, sensibili al freddo più di altre specie, questo ambiente si trasformò “in una trappola e forse le risorse presto si esaurirono (non dobbiamo dimenticare che erano animali enormi, alti quattro metri al garrese, e che dunque necessitavano di quantità enormi di cibo)”. Un bottino insperato e abbondante per l’intero gruppo di Neanderthal che sistematicamente controllava la valle per un’attività di caccia e raccolta che impegnava anche le donne, come suggerisce la presenza dei “bastoni da scavo”.

“E anche per noi si è rivelata una fonte inaspettata di nuove conoscenze, a partire dalla scoperta che già i primi Neanderthaliani erano in grado di controllare il fuoco, utilizzandolo come strumento di lavorazione: uno degli elementi per capire l’avanzare della ‘modernità’ nei comportamenti e nelle capacità di questi antichissimi maremmani”, concludono Biancamaria Aranguren, Silvia Florindi e Anna Revedin.