Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Germania. Cosa non farebbe Mutti Angela pur di non esser cacciata via!

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-13.

Kursk 001

Lady Macbeth.

«In sintesi l’opera racconta la disperata ascesa di un nobile che, da virtuoso e fedele al proprio sovrano, si trasforma in un mostro crudele che non si ferma di fronte a nessun ostacolo ed elimina fisicamente tutti i potenziali nemici, compresi amici e parenti. La spirale di sangue e violenza finisce però per distruggere lui stesso e la moglie la quale sempre lo appoggia nei complotti di corte. Proprio questa figura femminile, lady Macbeth, rappresenta la parte psichicamente malata dell’eroe, la perversa consigliera ed istigatrice che, alla stregua di un serpente velenoso, usa il marito come uno strumento per raggiungere il potere e soddisfare la propria cupidigia.»

* * *

«Germany said on Friday it was extending by another half year border controls with Austria, which were reintroduced in several places in the passport-free Schengen zone in response to the migrant influx»

*

«Travel without border controls is one of the greatest achievements (of the EU)»

*

«But we still see problems with the protection of the EU’s external borders and we still have high numbers for illegal secondary migration»

*

«The decision was ordered by Germany’s hardline Interior Minister Horst Seehofer»

* * * * * * *

Cerchiamo di ragionare.

Se la Germania sigilla i propri confini “in response to the migrant influx” tutto va bene: cosa retta, giusta, santa, encomiabile.

Se invece l’Italia chiuse i porti ai migranti, sempre “in response to the migrant influx”, è cosa bestialmente abbietta, degna di antropofagi populisti, da bandirsi dal sacra e pio terreno dell’Unione Europea, di cui la Germania celebra la somma dei valori.

Frau Angela, ci vedremo a Kursk. ….


The Local. 2018-10-12. Germany extends Austria border controls over migrants

Germany said on Friday it was extending by another half year border controls with Austria, which were reintroduced in several places in the passport-free Schengen zone in response to the migrant influx.

German Interior Ministry spokeswoman Eleonore Petermann said the new measure would begin on November 12th and apply for six months. “It is important to say in this context that it is still our aim to return to a Schengen without borders, without border controls,” Petermann told reporters.

“Travel without border controls is one of the greatest achievements (of the EU). But we still see problems with the protection of the EU’s external borders and we still have high numbers for illegal secondary migration” between member states.

Since 2015, several countries in the 26-nation Schengen zone have reintroduced border controls due to the largest migrant/refugee crisis since World War II – effectively suspending its principle of open-borders travel.

EU rules say countries in exceptional circumstances can reintroduce border controls for up to two years, in periods of up to six months at a time.

Petermann said more than 7,000 people crossed the German-Austrian border illegally this year until August, of whom nearly 4,000 were turned back.

The decision was ordered by Germany’s hardline Interior Minister Horst Seehofer, whose conservative party is facing a tough election in the border state of Bavaria on Sunday.

Seehofer nearly toppled Chancellor Angela Merkel’s shaky coalition government over the summer with a threat to unilaterally turn back migrants at the border with Austria. Arrivals there have dropped off steeply since 2015-2016.

The dispute was resolved with a more moderate compromise plan involving bilateral agreements between Germany and EU member states.

Merkel’s spokesman said Friday that Seehofer’s decision on the border checks had been agreed with the rest of the government. 

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ideologia liberal, Senza categoria

I liberal alle corde. La torta più costosa del Regno Unito.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-12.

2018-10-12__Gay Cae 001

«Five Supreme Courts justices travelled to Belfast earlier this year to hear the case.»

*

«On Wednesday, the Supreme Court ruled that there was no political discrimination as well as no discrimination based on Mr Lee’s sexual orientation»

*

«The legal battle – which has lasted four-and-a-half years and has cost nearly £500,000 so far – has raised questions over equality and freedom of conscience.»

* * * * * * *

Questo che segue è il testo del Deutsche Welle.

UK court sides with bakers in Northern Irish gay cake fight

«A Northern Irish bakery that refused to bake a cake iced with a pro-gay slogan won its bid to overturn an earlier prosecution for discrimination after the UK’s Supreme Court.  

The five judges ruled that the business relationship between the prospective buyer, Gareth Lee, and vendor, Ashers Baking, did not involve people being refused jobs or services because of their religious faith, political affliation or sexual orientation.

Wednesday’s ruling reversed an earlier decision made in a Belfast County court that Ashers had discriminated against Lee on the grounds of sexual orientation. It also overturned the 500-pound (€430, $405) damages award imposed on it.

Freedom of expression, as guaranteed by article 10 of the European convention on human rights, includes the right “not to express an opinion which one does not hold,” according to Brenda Hale, president of the Supreme Court. ….

Lee, a gay rights activist, sued the company for discrimination on the grounds of sexual orientation and political beliefs. He supports the campaign to legalize same-sex marriage in the UK province, the only part of the UK where same-sex marriage is not allowed. ….

The Northern Ireland Equality Commission spent £150,000 (€190,000, $205,000) of public money in backing Lee in the case, while Ashers spent £200,000, covered by The Christian Institute, a charity and lobby group. The cake itself would have cost £36.50.»

*

Ironia della sorte. La Suprema Corte Europea aveva usato la stessa identica frase per sentenziare in modo opposto. Poi taluni parlano di ‘giustizia‘.

*

Quanto riportato è chiaramente illuminante sull’entità del tracollo dell’ideologia liberal.

*

Il problema era stato affrontato un anno fa dalla Suprema Corte americana.

The United States Department of Justice. 2017-10-06. Attorney General Sessions Issues Guidance On Federal Law Protections For Religious Liberty

*

America. Corte Suprema e Masterpiece Cakeshop Case.

«Sei anni or sono Mr Jack Phillips, di professione pasticciere, si era rifiutato di allestire la torta di nozze per un matrimonio omosessuale.

La coppia portò la cosa in giudizio, asserendo un proprio diritto che il pasticciere li servisse.

Il processo si dipanò in tutti i suoi gradi nel Colorando ed alla fine approdò per un giudizio finale e definitivo davanti alla Corte Suprema di Washington.

Il problema giuridico sembrerebbe essere alquanto intricato.

Da una parte c’è la libertà del pasticciere di negare i propri servizi, ed in effetti nessuna legge impone ai pasticcieri di essere obbligati a vendere ciò che fanno.

Non solo, il pasticciere si appella anche alla libertà religiosa, per cui vorrebbe veder tutelato il proprio diritto di credere e praticare la propria religione.

Dall’altra parte i due sposini si sono sentiti discriminati, e discriminati in quanto gay, e ciò sarebbe contrario alle leggi vigenti.»

*

Judge: Baker can refuse to make same-sex wedding cakes

*

America. Crepe tra i liberal per un nuovo caso di Masterpiece Cakeshop.

«A leggere la stampa americana l’unico vero problema che ossessiona ed attanaglia il grande pubblico è quello sessuale. Sessuale sicuramente sì, purché sia contro natura in una del 179 forme canoniche sancite dalla Corte Suprema.»

*

«No baker may place their wares in a public display case, open their shop, and then refuse to sell because of race, religion, gender, or gender identification»

*

«The difference here is that the cake in question is not yet baked»

*

«Judge Lampe said California’s interest in preserving an open, public marketplace cannot compel an individual to endorse or communicate a message by which he or she disagrees, saying a wedding cake is not just a cake when it comes to free speech»

* * *

America. La Suprema Corte fa cessare la persecuzione contro religione e Masterpiece Cakeshop.

« La Suprema Corte degli Stati Uniti di America ha sentenziato sul caso Masterpiece Cakeshop versus Colorado Civil Rights Commission.

 «In Masterpiece Cakeshop case, Supreme Court holds that Colorado Civil Rights Commission violated baker’s rights under the free exercise»»

* * * * * * *

La California, così come la famosa United States Court of Appeals for the Ninth Circuit, è liberal della più specchiata dottrina. Costituisce il centro nevralgico della ‘resistenza‘ alla Presidenza Trump ed a quanto essa esprime.

A conti fatti, l’allucinante vicenda del Masterpiece Cakeshop e quella dell’omologo caso californiano hanno paralizzato il funzionamento di una Corte di Appello federale e della Suprema Corte degli Stati Uniti per oltre un anno, con un danno al Cittadino Contribuente di oltre trecento milioni di dollari.

L’ideologia liberal assume come dogmi di fede il relativismo etico, la necessità del controllo della nascite e dell’aborto per quanti incautamente sopravvissuti agli anticoncezionali, la propalazione dei ogni possibile tipo di perversione sessuale. Nulla sarà mai sufficientemente pervertito per i liberal.

Appena giungono al potere, impongono per legge il loro credo ideologico, trovando poi in corti di giustizia compiacenti un feroce braccio esecutivo, vero e proprio gruppo di fuoco persecutorio.

*

L’avvento di Mr Trump alla presidenza degli Stati Uniti e le nomine delle Loro Giustizie Mr Gorsuch e Mr Kavanaugh alla Corte Suprema hanno però ribaltato l’era liberal, negli Stati Uniti e nel mondo.

Questo è quanto accaduto nel Regno Unito: cosa prima impensata ed impensabile.

Ashers ‘gay cake’ row: Bakers win Supreme Court appeal

« The Christian owners of a Northern Ireland bakery have won their appeal in the so-called “gay cake” discrimination case.

The UK’s highest court ruled that Ashers bakery’s refusal to make a cake with a slogan supporting same-sex marriage was not discriminatory.

The five justices on the Supreme Court were unanimous in their judgement.

The high-profile dispute began in 2014 when the bakery refused to make a cake with the slogan “Support Gay Marriage”.

The customer, gay rights activist Gareth Lee, sued the company for discrimination on the grounds of sexual orientation and political beliefs.

Ashers lost the case and the subsequent appeal, but on Wednesday the firm won its appeal at the Supreme Court.

In quotes: Reaction to judgement

‘Gay cake’ row Q&A

Timeline: Bakery discrimination case

The legal battle – which has lasted four-and-a-half years and has cost nearly £500,000 so far – has raised questions over equality and freedom of conscience.

Ashers bakery’s general manager Daniel McArthur said he was delighted and relieved by the ruling.

“I know a lot of people will be glad to hear this ruling today, because this ruling protects freedom of speech and freedom of conscience for everyone,” Mr McArthur said outside the court.

 Gareth Lee, the gay rights activist who took the case against Ashers, said the ruling made him feel like a second class citizen.

“To me, this was never about conscience or a statement. All I wanted to do was to order a cake in a shop,” he said.

He said he was now concerned about “the implications for all of the gay community”.

The Equality Commission for Northern Ireland, which has supported Gareth Lee’s action against Ashers, said it would study the implications of the judgement carefully.

“There is a concern that this judgement may raise uncertainty about the application of equality law in the commercial sphere, both about what businesses can do and what customers may expect,” said Dr Michael Wardlow, the organisation’s chief commissioner.

What is the row about?

The customer, Gareth Lee, requested a cake featuring the Sesame Street characters Bert and Ernie, iced with the message: “Support Gay Marriage.”

His order was initially accepted at a branch of Ashers in Belfast city centre, but two days later the baking firm’s head office contacted Mr Lee to say the firm would not make the cake.

Why did the bakers refuse?

The family-run baking company, based in County Antrim, has described the same-sex marriage slogan as “inconsistent” with their religious beliefs.

But it points out that the company’s issue was with the slogan and not Mr Lee, claiming it would have refused the same order from a heterosexual client.

As he arrived outside the Supreme Court for the start of the case in May, Ashers’ general manager Daniel McArthur said: “We didn’t say no because of the customer; we’d served him before, we’d serve him again.

“It was because of the message. But some people want the law to make us support something with which we disagree.”

What has the court said and why?

The president of the Supreme Court, Lady Hale ruled that the bakers did not refuse to fulfil his order because of his sexual orientation.

“They would have refused to make such a cake for any customer, irrespective of their sexual orientation,” she said.

“Their objection was to the message on the cake, not to the personal characteristics of Mr Lee.”

She added: “Accordingly, this court holds that there was no discrimination on the ground of the sexual orientation of Mr Lee.”

What does this mean for the law?

When Mr Lee first took action against the firm, he said the bakery’s actions left him feeling like a lesser person.

On Wednesday, the Supreme Court ruled that there was no political discrimination as well as no discrimination based on Mr Lee’s sexual orientation.

“This conclusion is not in any way to diminish the need to protect gay people and people who support gay marriage from discrimination,” said Lady Hale.

“It is deeply humiliating, and an affront to human dignity, to deny someone a service because of that person’s race, gender, disability, sexual orientation, religion or belief.

“But that is not what happened in this case.”

Five Supreme Courts justices travelled to Belfast earlier this year to hear the case.»

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Medicina e Biologia, Senza categoria

Carenza di medici e pensionamenti anticipati. E moh, che fammo?

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-11.

Clusone.-Trinfo-e-Danza-della-Morte.-La-Marcia-macabra__02_.

L’argomento è di attualità.

Fuga dei medici. Saranno sostituiti dai becchini negli ospedali della mala morte.

Mancano i medici. Secondo il Sole saranno sostituiti dalla intelligenza artificiale.

«Nel 2013 tale personale ammonta a 626.350 unità …. Nelle strutture di ricovero pubbliche ed equiparate operano 93.935 medici e 240.323 unità di personale infermieristico» [Ministero della Salute]

*

«In 10 anni perderemo 47.000 camici bianchi, tra 5 non potremo curare 14 milioni di persone»

*

«L’ultimo caso a Parma. Il concorso per medici di pronto soccorso e medicina d’urgenza bandito dall’azienda ospedaliera e universitaria è andato deserto»

*

«il precedente avviso per 23 posti aveva attratto appena nove adesioni»

*

«A Matera a un bando per 14 professionisti da distribuire tra pronto soccorso, radiologia e medicina generale non ha risposto nessuno»

*

«alcune discipline (chirurghi, pediatri, anestesisti, ginecologi, medici di pronto soccorso) non più appetibili perché sono le più esposte alle denunce del cittadino»

* * * * * * * *

I sistemi burocraticamente troppo complessi non possono essere riformati: devono essere soppressi. Nel toccare un aspetto si genera immediatamente un handicap in un altro.

Questa è la regola aurea che ha alla fine condotto alla rivoluzione francese, che fece la riforma della burocrazia statale a colpi di ghigliottina.

«Il Governo si appresta a riformare la Legge Fornero introducendo la quota 100: l’uscita interesserà in pochissimo tempo i nati tra il 1954 e il 1957, più di 25 mila tra medici e dirigenti sanitari»

*

«Che aggiungendosi alle 45 mila uscite previste dalla Legge Fornero, porterà fuori dagli ospedali circa 70 mila tra medici e dirigenti medici»

* * * * * * * *

Resteranno in servizio più o meno 25,000 sanitari, ossia un quarto dell’organico. I medici ospedalieri non vedono l’ora di scappare da quel caravanserraglio. I concorsi stanno andando deserti.

E mo’ come si pensa di rimpiazzarli?

Importare degli sciamani illegali dal Centro Africa oppure medici dell’Uzbekistan? Oppure si promuoveranno sul campo tutti i burocrati a medici specialisti?

Se è vero che le colpe dei padri ricadono sui figli, gli anni di governo del partito democratico hanno fatto più danni della peste nera.

Certamente i ricchi potranno andare a farsi curare in Svizzera, ma mica tutti sono ricchi.

Non si vorrebbe che questa ultima genialata altro non sia che il preludio alla soluzione finale dei vecchi in Italia.


Ansa. 2018-10-03. Pensioni: allarme del sindacato medici, con quota 100 via in 70mila

Anaao-Assomed, non basteranno neo specialisti

*

Il Governo si appresta a riformare la Legge Fornero introducendo la quota 100: l’uscita interesserà in pochissimo tempo i nati tra il 1954 e il 1957, più di 25 mila tra medici e dirigenti sanitari. Che aggiungendosi alle 45 mila uscite previste dalla Legge Fornero, porterà fuori dagli ospedali circa 70 mila tra medici e dirigenti medici.

A lanciare l’allarme il sindacato dei medici Anaao Assomed con un’analisi delle ricadute della riforma delle pensioni sul Servizio sanitario nazionale.


Ansa. 2018-10-03. Allarme sindacato medici, con quota 100 via in 70mila

Anaao-Assomed, non basteranno neo specialisti

*

Il Governo si appresta a riformare la Legge Fornero introducendo la quota 100: l’uscita interesserà in pochissimo tempo i nati tra il 1954 e il 1957, più di 25 mila tra medici e dirigenti sanitari. Che aggiungendosi alle 45 mila uscite previste dalla Legge Fornero, porterà fuori dagli ospedali circa 70 mila tra medici e dirigenti medici. A lanciare l’allarme il sindacato dei medici Anaao Assomed con un’analisi delle ricadute della riforma delle pensioni sul Servizio sanitario nazionale. 

 “Non basteranno i giovani neo specialisti a sostituirli, ma soprattutto è a rischio la qualità generale del sistema, perché i processi previdenziali sarebbero così rapidi e drastici da impedire il trasferimento di esperienze e di pratica clinica”, sottolinea il sindacato. Superato lo scalone previdenziale creato dalla Legge Fornero – spiega l’analisi – i medici e i dirigenti sanitari abbandonano il lavoro con una età media di 65 anni, grazie anche ai riscatti degli anni di laurea e specializzazione. La riforma determinerà in un solo anno l’acquisizione del diritto al pensionamento di ben 4 scaglioni, “diritto che verrà largamente esercitato visto il crescente disagio lavorativo per la massiccia riduzione delle dotazioni organiche”. Il Conto annuale dello Stato mostra che dal 2010 al 2016 i medici e i dirigenti sanitari in servizio sono diminuiti di oltre 7.000 unità. Questo ha permesso alle Regioni una riduzione delle spese per il personale che limitatamente al 2016 ammonta a circa 600 milioni di euro. Diversi miliardi, se il calcolo viene effettuato dal 2010 ad oggi”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Germania. Il dramma del parastato. Baviera. Spd al 10%.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-09.

2018-10-09__Spd_Dimezzata__001

Nessuno si faccia illusioni. Ma proprio nessuna. Spd scende dal 20.6% al 10%.

Ovunque siano al governo formazioni liberal e/o socialiste impera una concezione stato centrica, spesso statolatra, che comporta la proliferazione di enti pubblici con i relativi organici.

Alcuni sono chiaramente percepibili, per esempio amministrativi ed insegnanti nella scuola pubblica.

Ma questi sono pesci piccolissimi, quasi microbici: si accontentano di uno stipendiuccio e di poter alle volte angariare qualcuno. La sindrome del caporale è appagata. Ma nel complesso sono nullità.

Poi, a salire, vi sono i gradi intermedi ed altri del meccanismo burocratico pubblico. Tutti rigorosamente assunti e passati di grado per pubblico concorso, ove la competenza p un indesiderato optional, mentre la vicinanza politica, meglio però la tessera giusta, è il vero elemento discriminante.

Poi viene il grosso, che proprio perché grosso, resta invisibile ai più.

Date una sia pur distratta occhiata al Commerzbank Board of Managing Directors.

Sette persone che esercitano un enorme potere, almeno, tutti tranne la dr. Bettina Orlopp, messa in quel posto in quote rosa. Tutti e sette però davvero molto vicini all’spd.

Sia chiaro: a quei livelli si deve essere vicini a tutti, ma alcuni sono più vicini.

Herr Martin Zielke è il chairman. Questo è il suo curriculum.

«Das Fachforum Finanzen und Kapitalmarkt hat am 22. Juni die Veranstaltung „Niedrigzinsen und ihre Folgen: Operation gelungen, Patient tot?“ im Haus der Commerzbank mit mehr als 100 Teilnehmerinnen und Teilnehmern aus der Banken-, Versicherungs- und Kapitalmarktbranche ausgerichtet. Die Eröffnungsrede hielt Dr. Peter Gassmann, Leiter des Fachforums und Managing Director von PwC Strategy&.

Martin Zielke, Vorstandsvorsitzender der Commerzbank AG, und Dr. Theodor Weimer, Sprecher des Vorstandes der HypoVereinsbank – UniCredit Bank AG, bereicherten den Abend mit ihren Keynotes zu den Risiken der Niedrigzinsphase und ihres kritischen Marktumfeldes. Anschließend diskutierten Dr. Theodor Weimer, Prof. Dr. Henrik Enderlein, Professor für Politische Ökonomie und Vize-Dean der Hertie School of Governance sowie Direktor des Jacques Delors Instituts, und Harald Christ, Mitglied des Präsidiums des Wirtschaftsforums der SPD, kontrovers über die aktuellen und potentiellen Auswirkungen der Niedrigzinsphase. Die Diskussion wurde moderiert von Andrea Rexer (Süddeutsche Zeitung).» [Fonte]

*

«Anschließend diskutierten Dr. Theodor Weimer, Prof. Dr. Henrik Enderlein, Professor für Politische Ökonomie und Vize-Dean der Hertie School of Governance sowie Direktor des Jacques Delors Instituts, und Harald Christ, Mitglied des Präsidiums des Wirtschaftsforums der SPD»

“Il Dr. Theodor Weimer, il Prof. Dr. Henrik Enderlein, professore di economia politica e vicedecano della Hertie School of Governance, nonché direttore dell’Istituto Jacques Delors, e Harald Christ, membro del comitato esecutivo del Forum economico del SPD, hanno poi discusso i seguenti argomenti”.

*

«Berlin, like Paris or London, needs a first-class, international university forpublic policy, which prepares top-notch students for leadership positions in society, and which is a central hub for the political and societal debates in our time» [Hertie School of Governance]

* * * * * * *

Senza appoggio politico nessuno si sogni di entrare in questo Gotha.

Il crollo dei partiti tradizionali in Germania avrà ovviamente severe ripercussioni sulle nomine e sul turn-over nel parastato.

Ma con la spd al 10% i suoi fidi stanno iniziando a fare conti su conti. Di parastato a loro toccherà poco o nulla.

Ma gli stessi conti li stanno facendo i Grüne, che per il bene del paese vorrebbero sostituire gli uomini dell’spd con uomini loro. I seggi in parlamento sono pochi, ma posticini dorati sono un gran bel numero.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Odoxa. Macron e l’affaire Aquarius. 74% non vuole i migranti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-09.

2018-10-03__Odoxa__000

Tre quarti dei francesi approvano il rifiuto di Emmanuel Macron di accogliere l’Acquario a Marsiglia.

2018-10-03__Odoxa__001

La soluzione europea trovata sull’Acquario è approvata da 6 francesi su 10….. ma viene respinta dalla maggioranza dei sostenitori di LR e RN.

2018-10-03__Odoxa__002

I francesi (51%) hanno comunque una buona opinione di ONG come SOS Méditerranée che aiutano i migranti…. ma “allo stesso tempo” comprendono paesi come l’Italia che ora rifiutano loro qualsiasi accoglienza.

2018-10-03__Odoxa__003

“Sebbene la scelta e le parole di Emmanuel Macron siano state generalmente accolte con favore, la mancanza di una soluzione a lungo termine è fortemente criticata”.

* * * * * * *

I liberal socialisti avevano fatto della immigrazione una delle loro bandiere, così come della gestione centralizzata dell’Unione Europea e dell’eurozona, del sostegno all’lgbt, per non parlare poi del fatto di considerare nemici giurati, ‘lebbrosi’ quanti non avessero condiviso le loro idee.

Benissimo.

Adesso Mr Macron sa che il 74% dei francesi concorda con i ‘lebbrosi’ per quanto concerne l’immigrazione illegale.

Altri sondaggi elettorali darebbero il partito del Presidente al 2%, di pochissimo superato dal movimento della Mrs Marine Le Pen.

Si preannuncia una difficile coabitazione.

Verosimilmente, molto potrà essere chiarito con i risultati delle elezioni europee prossime venture.


Odoxa. 2018-09-30. Les Français approuvent Emmanuel Macron sur l’Aquarius et sont totalement paradoxaux sur la question des migrants

Les trois-quarts des Français approuvent le refus d’Emmanuel Macron d’accueillir l’Aquarius  à Marseille

La solution européenne trouvée sur l’Aquarius est approuvée par 6 Français sur 10… mais elle est majoritairement rejetée par les sympathisants LR et RN

Les Français (51%) ont pourtant une bonne opinion des ONG comme SOS Méditerranée qui aident les migrants… mais «en même temps» ils comprennent les pays comme l’Italie qui leur refusent désormais tout accueil.

*

«Bien que le choix et les propos d’Emmanuel Macron aient été globalement salués, l’absence de solution à terme est fortement critiquée»

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Nordrhein-Westfalen. La Große Koalition tracolla.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-08.

2018-10-08__Nordrhein-Westfalen__001

Il 19 gennaio 2001 la Cdu aveva il 48% dei voti.

Il 28 maggio 1998 la Spd aveva il 50% dei voti.

*

Oggi la Cdu scende dal 33% al 28%, -5 punti percentuali, [100 * (33 – 28) / 33] = 15% perdita percentuale.

La Spd scende dal 31.2% al 21%, , -10.2 punti percentuali, [100 * (31.2 – 21) / 31.2] =  32.7% perdita percentuale.

*

Ci si rende conto di essere insistentemente noiosi con i continui report sulle proiezioni elettorali in Germania e nei Land, ma qui ogni giorno che passa i partiti tradizionali stanno perdendo fasce sempre più ampie dell’Elettorato.

Se un calo del 15% è severo, quello del 32.7% ha dell’incredibile.

Se è vero che i Grüne abbiano triplicato i consensi e che AfD abbia significativamente incrementato lla propensione al voto, il crollo della Cdu e dell’Spd inizia a generare problemi molto severi.

Una volta erano partiti egemoni e facevano e sfacevano a piacer loro. Adesso si stanno avviando ad essere politicamente ininfluenti.

E questo anche se i loro esponenti continuano a parlare alla gente con la arrogante prosopopea  di chi abbia ancora il potere assoluto.

Dovrebbe essere evidente che alla fine le loro rispettive dirigenza dovranno saltare come tappi.

E poi, se con queste percentuali si dovesse votare alle elezioni europee, ppe e pse si dimezzerebbero.

Qui non sono i lebbrosi populisti che avanzano, ma i partiti tradizionali che stanno imputridendo: sono due fenomeni  ben distinti.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ideologia liberal, Senza categoria, Unione Europea

Corriere. Inizia a cambiare idea, come fece il 26 aprile 1945.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-08.

Corriere della Sera 1938-04-25 .

Giornalisti e magistrati sono i più veloci voltagabbana della storia umana.

Vivono parassitando il potere, da cui ricevono quanto loro serve per vivere nel lusso e nella impunità: in cambio leccano i piedi indipendentemente da chi sia colui che elargisca loro codesti benefici. Sono i più sensibili sensori di dove spiri il vento.

Il Corriere della Sera è stato nel ventennio il fedelissimo ricopiatore delle veline governative, di una piaggeria da lasciare stomacati anche i vecchi agenti del Kgb, che pur erano dei lecchini di primissimo piano.

Corriere della Sera 1945-04-25

Le due fotografia qui riportate ben evidenziano cosa sia il Corrire.

Quest’oggi, scorrendo quel giornale tanto per sapere cosa avrebbe scritto la Pravda se ci fosse stata ancora la edizione staliniana, ci si è imbattuti nell’articolo riportato in allegato.

Non siamo per nulla sicuri che l’autore, sig. Alda Cazzulo, si chiami così veramente: quando si mente su scala industriale lo si fa anche cambiandosi nome.

Inizia a trapelare, tra ansiose proposizioni, anche qualche cosa di vero.

Grande fu lo stupore.

* * * *

Precisiamo immediatamente alcuni concetti

– Mr Juncker è il Presidente della Commissione Europea e Mr Tusk è il Presidente del Consiglio Europeo. Nè Mr Juncker né Mr Tusk sono la Unione Europea.

– Non solo. Ambedue i personaggi sono a fine mandato, e nel maggio 2019 si terranno le elezioni auropee.

* * * * * * *

«È evidente che l’orizzonte della maggioranza gialloverde è il voto del maggio 2019»

*

«I 5 Stelle e più ancora Salvini puntano a ribaltare l’Europa così com’è oggi»

*

«Vedono in Merkel e Macron i principali nemici, e in Trump e Putin affidabili alleati»

*

«Vogliono far saltare la coalizione tra popolari e socialisti, che da tempo governa l’Unione (e la Germania), per sostituirla con un asse populista che al popolarismo europeo paghi appena un pedaggio formale; proprio come fa Orbán»

*

«Dall’altra parte, la Commissione di Bruxelles sta facendo tutto il possibile per rafforzare i populisti italiani.»

*

«Occorre dire con chiarezza che i toni usati da Moscovici e da Juncker sono inaccettabili. Non si può trattare come illegittimo un governo che ha avuto la fiducia delle Camere.»

*

«è il governo del nostro Paese, e questo l’Europa non lo può sindacare. Tantomeno può permettersi di accusare di «xenofobia» l’Italia, che in questi anni si è trovata a fronteggiare un’ondata migratoria spesso fuori controllo»

*

«Più in generale, il bilancio di Juncker è molto deludente. Il presidente della Commissione è partito annunciando un piano miliardario di investimenti pubblici che nessuno ha mai visto arrivare»

*

«Merkel e Macron sono senz’altro indeboliti.»

*

«La Cancelliera ha imboccato il viale del tramonto, senza aver individuato un erede. Il presidente francese ha perso in pochi mesi il numero 2 e il numero 3 del governo, il solido ministro dell’Interno Collomb e la star mediatica e ambientalista Hulot»

* * * * * * * *

Mentre la bugia è una semplice enunciazione di un ché di falso, la menzogna è alterazione consapevole ed intenzionale della verità, spesso poi considerata in un suo aspetto solo parziale.

Siamo chiari.

Stiamo vivendo una vera e propria guerra tra idealisti libera e socialisti sulla via del declino e quanti abbiano invece avuto il coraggio di ribellarsi alla loro dittatura.

All’articolista l’Italia interessa come la polvere sui piatti della bilancia: gli interesserebbe solo sopravvivere. Non sarà certo una manciata di miliardi a far sprofondare l’Italia.


Corriere. 2018-10-06. Il voto europeo e i (veri) scopi dell’asse populista

Criticare il presidente Juncker si può e si deve fare. Insultarlo non serve a nulla

*

È partita la campagna elettorale per le Europee; purtroppo si farà sulla pelle di noi italiani.

La promessa di ridurre il deficit nel 2020 e nel 2021, formulata dal governo Conte o meglio Di Maio-Salvini, non significa molto. È evidente che l’orizzonte della maggioranza gialloverde è il voto del maggio 2019. I 5 Stelle e più ancora Salvini puntano a ribaltare l’Europa così com’è oggi. Vedono in Merkel e Macron i principali nemici, e in Trump e Putin affidabili alleati. Vogliono far saltare la coalizione tra popolari e socialisti, che da tempo governa l’Unione (e la Germania), per sostituirla con un asse populista che al popolarismo europeo paghi appena un pedaggio formale; proprio come fa Orbán. In questa ottica, non è importante se nel 2021 il deficit sia destinato a diminuire o ad aumentare. La sola cosa che conta è raccogliere più consenso possibile. A questo serve la manovra: non certo a mettere in salvo i conti pubblici, e nemmeno a far crescere l’economia; semmai, a comprare consenso, grazie al reddito di cittadinanza e alla diminuzione dell’età pensionabile. Se poi l’Europa, come probabile, la boccerà, sarà tutto combustibile per i motori elettorali.

Dall’altra parte, la Commissione di Bruxelles sta facendo tutto il possibile per rafforzare i populisti italiani. Occorre dire con chiarezza che i toni usati da Moscovici e da Juncker sono inaccettabili. Non si può trattare come illegittimo un governo che ha avuto la fiducia delle Camere.

Non è certo «un governo eletto dal popolo», come si sente dire, per il semplice fatto che la Costituzione italiana è incentrata sul Parlamento; ma è il governo del nostro Paese, e questo l’Europa non lo può sindacare. Tantomeno può permettersi di accusare di «xenofobia» l’Italia, che in questi anni si è trovata a fronteggiare un’ondata migratoria spesso fuori controllo; e per un Traini, che viene giustamente condannato a una lunga pena detentiva, ci sono mille sconosciuti che hanno avuto gesti di solidarietà, a cominciare da Vito Fiorino, il gelataio di Lampedusa che l’altro giorno ha scritto al Corriere per raccontare come con i suoi amici ha salvato 47 migranti nel naufragio del 3 ottobre 2013.

Più in generale, il bilancio di Juncker è molto deludente. Il presidente della Commissione è partito annunciando un piano miliardario di investimenti pubblici che nessuno ha mai visto arrivare. Criticarlo politicamente si può e forse si deve. Ma insultarlo non serve a nulla, se non alla propaganda. Ancora una volta Salvini si comporta da capo partito anziché da vicepremier, anche con gli interlocutori stranieri. Si muove e parla come un piccolo Trump; dimenticando che dietro non ha gli Stati Uniti d’America, ma un Paese in difficoltà, che può pensare di avere una dimensione internazionale solo se inserito in un patto europeo mai così incrinato dal 1957, l’anno dei trattati di Roma.

Andare allo scontro frontale con gli alleati non fa parte dell’interesse della nazione. Merkel e Macron sono senz’altro indeboliti. La Cancelliera ha imboccato il viale del tramonto, senza aver individuato un erede. Il presidente francese ha perso in pochi mesi il numero 2 e il numero 3 del governo, il solido ministro dell’Interno Collomb e la star mediatica e ambientalista Hulot. Ma sia Merkel sia Macron hanno davanti anni di governo, e dietro due sistemi-Paese solidi. Di Maio e Salvini non hanno né gli uni né gli altri. Avranno senz’altro ottimi risultati alle Europee. Ma se per conseguirli scriveranno una manovra scriteriata, al solo scopo di farsi bocciare dall’Europa e consolidare così il proprio consenso, alla lunga pagheranno un prezzo molto alto. A quel punto sarebbe l’Europa a raccogliere i cocci. E non sarebbe clemente con i vinti; anzi, getterebbe sulla bilancia la spada di Brenno.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria

Corriere. Si interroga perché il pd sia così esecrato.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-06.

Corriere della Sera 1938-04-25 .

Il Corriere si pone la lecita domanda del

Perché nel nostro Paese la sinistra è tanto odiata?

*

«Oggi la sinistra è vista come establishment, élite, casta, sistema. Per tenore di vita, frequentazioni, mentalità, i dirigenti del Pd sono considerati i sodali dei ceti dominanti, dei vincitori della globalizzazione; oltre che i protettori degli immigrati»

La domanda iniziale è mal condizionata.

Gli altri non sono odiatori, è il pd che si è fatto odiare. E siamo solo agli inizi.

Molti sono i motivi di fondo.

– Il suo profondo odio rancorosa verso la religione ha offeso ed offende una grande quantità di persone. Piaccia o meno, l’Italia è piena di credenti, e questi votano. E i credenti non son certo lettori di Famiglia Cristiana.

– Il pd ha fatto propria l’ideologia liberal e socialista. Il dramma è che la ha recepita come un credo religioso, una verità assoluta della quale i pidiini ne sarebbero i depositari, gli illuminati destinati a guidare un popolo bue. Questo atteggiamento di altera superbia che considera eretici tutti coloro che non la pensassero allo stesso modo è conseguenza diretta del loro credo politico e sociale e causa prima della disaffezione della gente comune. Sono semplicemente chiusi in sé stessi comportandosi come persone autistiche. Sono geneticamente incapaci di stare a sentire ciò che la gente vorrebbe poter esprimere.

– La loro saccenza è proverbiale: sembrerebbe che l’uso del condizionale sia loro alieno. Si credono di essere dio in terra, ma non lo sono.

– Le testate giornalistiche che fanno capo al pd ostentano l’identico susseguioso modo di parlare: scrivono come se fossero i possessori della verità assoluta da spiegare a quei poveri mentecatti che non votano pd. Hanno svolto un ruolo determinante nel crollo del partito democratico.

– Si sono comportati e si stanno comportando come se la gente non esistesse, non pensasse, ma avesse dovere inalienabile di continuare a votare le loro formazioni. L’uso che hanno fatto e che stanno facendo dei magistrati loro vicini è vomitevole.

– Sono infine propalatori due idee decotte.

La prima è un relativismo etico ostico alla gente, che degli lgbt proprio non ne vuole sapere. Mentre essi hanno sempre cercato di imporlo. Similmente, il sostegno acritico all’immigrazione illegale, quasi che fosse un comandamento divino: di nuovo, la gente non ne vuole sapere.

La seconda è una visione più che statalista, statolatra. Adorano stato e burocrazia nella presunzione di essere sempre i detentori del potere e poterne fare ciò che vogliono. Adesso che gli Elettori li hanno sbattuti via a pedate se ne lamentano.

* * * * * * *

Boldrini, Grasso, Martina, Renzi e così via sono stati i migliori, più fedeli ed attivi supporter dell’ascesa del M5S e della Lega.

La sinistra vorrebbe essere credibile?

Bene.

Si tolga lo scolapasta dalla testa.

Calenda. ‘Al pd serve il presidente della associazione di psichiatria.’

Radino dai loro ranghi tutti i personaggi del passato e riprendano a fare politica stando a sentire la gente, avendo ben cura di aver rigettato pubblicamente sia l’ideologia liberal sia quella socialista. Poi ne riparleremo.


Corriere. 2018-10-06. Perché nel nostro Paese la sinistra è tanto odiata?

Caro Aldo,

Bersani alla festa Art.1-Mdp, ha tirato il meglio del suo repertorio. Da: mica siam qui a pettinar le bambole a Cus’è? Contro il Pd che s’è permesso di dichiarare questo governo giallo-verde populista. A Bersani non è bastata la batosta elettorale improntata sul Pd. Se vuole continuare a fare politica deve cambiare bersaglio.

Antonio Mottola

La sinistra si è suicidata da sola: con Renzi e company è stata solo la rovina dell’Italia.

Grazia Maranzani

Calenda dovrebbe prendere ispirazione da suo nonno, Luigi Comencini, il regista del film «Tutti a casa».

Attilio Baldan

Cari lettori,

A sette mesi dalla rivoluzione del 4 marzo, la politica resta – con i migranti – l’argomento più dibattuto dalla comunità che in diverse forme scrive al Corriere. Il tono medio è più o meno questo: preoccupazione per l’incompetenza e il pauperismo dei grillini; giudizi divisi su Salvini e malinconici su Berlusconi; solidarietà al limite della simpatia per la debolezza di Conte. C’è una nota però che mette tutti d’accordo: l’insofferenza verso la sinistra. A parte qualche raro rivalutatore di Renzi, sul Pd arrivano messaggi gonfi di risentimento, anche al di là degli evidenti demeriti di quel partito e dei suoi dirigenti. È legittima la domanda: perché la sinistra in Italia non è mai stata primo partito? Più in generale, perché è tanto odiata? Sono cresciuto negli anni 80, quando il Pci declinava, e il mite Natta non poteva davvero far paura a nessuno; ma nella borghesia era ancora vivo il ricordo del decennio precedente, i cortei di strada, le violenze, le minacce, il pansindacalismo.

Quanto la sinistra fosse minoritaria si capì appieno con la grande sconfitta del 1994 e l’inizio dell’egemonia berlusconiana. Ma i giovani che oggi scrivono sui social negli anni di piombo non c’erano, e forse non sanno neppure che ci sono stati. Oggi la sinistra è vista come establishment, élite, casta, sistema. Per tenore di vita, frequentazioni, mentalità, i dirigenti del Pd sono considerati i sodali dei ceti dominanti, dei vincitori della globalizzazione; oltre che i protettori degli immigrati. Possiamo discutere quanto ci sia di vero e quanto di falso in questa rappresentazione; ma per cambiarla occorreranno molti anni.

Pubblicato in: Senza categoria

Kavanaugh. Due persone ed un unico salvagente in mezzo all’oceano.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-05.

Zattera

La posta in gioco con la votazione di domani per la conferma o meno della nomina di Sua Giustizia Kavanaugh alla Suprema Corte degli Stati Uniti è il controllo del sistema politico, economico e militare dell’Occidente nei prossimi decenni.

È una lotta per la vita o per la morte: il vincitore sterminerà i vinti. Non potrebbe agire in modo diverso.

Né è un problema meramente americano, una questione di una sua politica interna. Interessa tutto l’Occidente, Europa in primis.

Il tutto complicato dal turbinio di eventi mondiali che l’Occidente non è più in grado di governare.

Pil 2018 – 2022. – Previsioni dell’IMF. Grandi sorprese in arrivo.

Impossibile fare al momento previsioni.

La portata storica di questa nomina è ben stata evidenziata anche se schematicamente da un noto commentatore liberal:

Suprema Corte. 5 motivi del terrore dei liberal democratici. – New Stateman.

*

Il risultato di queste votazioni avranno anche ripercussioni severe sulle prossime elezioni di midterm:

WSJ ha voltato gualdrappa.

Wall Street Journal butta i liberal democratici alle ortiche.

Midterm. Il The New York Times si interroga sulla marea blu.

Midterm. I lib dem candidano 15 femmine al Senato, 187 al Congresso, 12 a Governatrici.

Per i media è certo che la Marea Blu travolgerà Trump a midterm.

2018-10-15__Kavanaugh__001

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Germania. Il problema dei giovani senza futuro.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-05.

Vincent van Gogh - Vecchio che soffre

Why young Germans are feeling gloomy about their country

Questo è il titolo di un editoriale della Bbc, che individua con acume un problema reale.

*

«In polling Forsa did for the German broadcaster RTL, 81% were very happy or happy with their own personal financial situation»

*

«asked about the country more broadly, that figure dropped 10%.»

*

«while 71% said they were happy with the German political system as it’s supposed to operate»

*

«just 14% were happy with how it actually functions»

*

«Since the summer, however, there has been a shift of nearly 20% towards greater pessimism»

*

«A high-profile showdown over migration nearly brought down the government»

*

«Once upon a time, there was a strong country (Es war einmal ein starkes Land)

*

«The crises in politics, economics and sports are the result of complacency»

*

«Mirroring the post-Brexit vote UK, the data shows that young people feel they’ve been saddled with the problems of their parents and grandparents – and that their political future has been determined by an older generation.»

*

«it seems to me that the whole political discourse is about migration and hate and crime,…. It’s not focused on the real problems that we are going to have, or that we’re having at the moment»

*

«The politics we have now here in Germany are more for middle-aged people, Baby Boomers – not for the younger generation, …. When you look in the future and you ask who is paying my retirement when I’m old? Nobody»

*

«“Once upon a time, there was a strong country” (Es war einmal ein starkes Land). “The crises in politics, economics and sports are the result of complacency,” Der Spiegel’s cover story said. “How could it come to this?”»

* * * * * * *

A nostro sommesso avviso, l’editorialista commette un errore, ed anche grossolano.

L’uomo non è stato fatto per l’economia, ma l’economia per l’uomo.

Se sicuramente la persona umana compie tutta una lunga serie di atti economici, altrettanto sicuramente essa non si estingue nel solo denaro.

L’essere umano ha bisogno di ideali, ed anche di ideali forti: il giovane poi non si accontenta della sciacquatura dei piatti.

Cercheremo di spiegarci con un esempio, da prendersi con sano buon senso.

Dopo un lungo e glorioso periodo di fasti politici e militari, il 19 febbraio 1772 a seguito del Trattato di Vienna la Polonia fu spartita tra Impero Austroungarico, Prussia e Russia: scomparve dalla carta geografica europea. Ci mise centocinquanta anni per ricostituirsi, più fiera ed orgogliosa di prima. Il cementante, che sopravvisse persino all’occupazione tedesca ed ai successi settanta anni di regime comunista, fu la sua tradizione religiosa, storica, culturale e sociale. E fu proprio la Polonia a dare l’avvio all’implosione dell’Unione Sovietica.

Nemmeno settanta anni di comunismo riuscirono ad eradicare la religione dal cuore dei polacchi.

Senza religione e senza il conseguente senso del futuro tutto si risolve nell’immanente.

Il futuro è percepito soltanto come nera incognita foriera di triboli.

Chiunque abbia studiato la storia del dopoguerra, oppure se ne ricordi di persona, vedrà come le dure condizioni di vita erano superare con gioiosa allegria dalla solida speranza di star costruendo un futuro migliore. Sì: la situazione odierna appare florida, ma i giovani ben percepiscono la caducità di questo stato di benessere. Senza nascite, nessuno penserà a loro: saranno disperatamente soli.

«who is paying my retirement when I’m old? Nobody».

Senza giovani che nascano e rimpiazzino quelli che sono transitati nella fascia adulta non può esistere speranza nel futuro.

Ma, attenzione!

Come i giovani attuali disperano del loro futuro, i vecchi attuali avrebbero ben motivo di disperare delle proprie vite: mica è legge automatica che i giovani accudiscano i vecchi. Ma figliare non è problema economico: senza speranza nel futuro nessuno mai lo farà.


Bbc. 2018-09-29. Why young Germans are feeling gloomy about their country.

The German economy is booming. Unemployment is at a near-record low. In Europe and around the world, the country is seen as a beacon of wealth and efficiency.

So why are these prosperous young Germans so doggedly pessimistic about their future? Good job prospects, a clean environment, low crime rates, lots of leisure time and cultural attractions, good transport links – what’s not to like? But there are problems below the surface that could impact the younger generation.  

Peter Matuschek, chief political analyst at the German polling institute Forsa, says that while Germans tend to be content with their own lives, they feel less at ease with the direction the country is taking.

In polling Forsa did for the German broadcaster RTL, 81% were very happy or happy with their own personal financial situation; asked about the country more broadly, that figure dropped 10%. And while 71% said they were happy with the German political system as it’s supposed to operate, just 14% were happy with how it actually functions.

When it comes to the economy, for example, Matuschek told BBC Capital that perceptions had shifted starkly over the course of the last year. Asked whether the economy would improve or deteriorate, Germans in January were split fairly evenly. Since the summer, however, there has been a shift of nearly 20% towards greater pessimism.

And while the assumption may be that this is a phenomenon among older Germans, it’s also very much affecting the younger generation. Mirroring the post-Brexit vote UK, the data shows that young people feel they’ve been saddled with the problems of their parents and grandparents – and that their political future has been determined by an older generation.

To be fair, it has been a tumultuous summer for Germans. A high-profile showdown over migration nearly brought down the government. Mesut Özil, a member of Germany’s national football team who is of Turkish descent, quit this summer after alleging racism from team members and fans. The incident forced broader discussions about the prevalence of everyday racism in Germany.

And in late August, video footage of far-right sympathisers rioting and chasing foreigners through the streets of Chemnitz, a town in the East German state of Saxony, shook the country and reopened questions about the extent to which Germany has learned from its past.

A feeling of crisis has played out in German media. In late June, shortly after the German national team failed to advance to the second round of the World Cup, German magazine Der Spiegel ran a cover entitled: “Once upon a time, there was a strong country” (Es war einmal ein starkes Land). “The crises in politics, economics and sports are the result of complacency,” Der Spiegel’s cover story said. “How could it come to this?”

This was followed by similarly gloomy pronouncements over the summer heat wave and what climate change could mean for Germany.

So what exactly is going on? Though these feelings of pessimism may perhaps seem like a media storm in a teacup, data and conversations with young Germans bear the phenomenon out.

For young people, a great deal of this pessimism comes from watching the rise of the far-right political party Alternative for Germany (AfD). Many feel it represents a breakdown of the way Germany discusses politics and policy.

Till Baaken, a 28-year-old NGO staffer in Berlin, said the increasing influence of far-right populism meant the national conversation on politics and media was dominated by new – and increasingly hate-filled – topics.

Since the rise of the the far right, “it seems to me that the whole political discourse is about migration and hate and crime,” he said. “It’s not focused on the real problems that we are going to have, or that we’re having at the moment.”

Instead of a focus on migration, Baaken said, the government should spend more of its time improving the healthcare system, investing more in education and considering how to prepare the younger generation for a secure retirement.

Jule Löw, a 24-year-old student in Berlin, said Chemnitz was a sad reminder that Germany had not learned well enough from its own history. “Almost all of my life, I thought that with the things we’ve studied – German nationalism and the history of the last century – that we would have left that behind, that nationalism and racism,” she said. “And reality’s shown us differently.”

What happened in Chemnitz may seem like an isolated event, Löw continued, but it’s proof that similar events could unfold anywhere in the country if the discourse doesn’t change. “In my neighborhood, until now it hasn’t happened yet,” she said. “But still, Chemnitz isn’t too far away from where we are right now.”

There is also a feeling, even if things are going well right now, that Germany is on the brink of bigger financial and societal problems. In other words, many young Germans might feel they are in a good position now but fear that further down the line that might not be the case.

“We are doing okay, or I am doing okay at the moment. But obviously if you look five to 10 years in the future, we’re at a certain crossway… on how the country develops,” Baaken said. “I think everyone’s a bit worried about which course it’s going to take with the rise of right-wing populism, and with the state not investing enough into education and infrastructure, our future.”

Compared with their peers in many other European countries, on the surface things look good for young Germans. Youth unemployment here was 6.4% in 2017, far lower than EU countries like Italy or Greece. But there is still a persistent feeling that the older generation isn’t focusing enough on areas that will impact young people.

House prices have risen 80% in major cities since 2009, according to a recent Deutsche Bank report. Rents are also rising, it said, and there’s a national shortfall of about one million residential units. A recent OECD report, meanwhile, said that rapid population ageing “would challenge the financial sustainability of the public pension scheme”.

“The politics we have now here in Germany are more for middle-aged people, Baby Boomers – not for the younger generation,” said Aaron Hinze, a 24-year-old working in health care in Berlin. “When you look in the future and you ask who is paying my retirement when I’m old? Nobody.”

Just because Germans are pessimistic about their future doesn’t mean others outside the country are so gloomy. Elsewhere in Europe and the world, Germany remains a land of plenty for young people interested in moving to greener pastures.

Dino Cviko, a 24-year-old journalism student in Sarajevo, told BBC Capital that he hoped to move to Germany when he finishes his studies – even if it means giving up the possibility of working in journalism. “Most of us actually want to move out of here, out of Bosnia,” he said. “Especially to Germany, our promised land.”