Pubblicato in: Cina, Istruzione e Ricerca, Senza categoria

Cina. Università e preparazione militare.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-19.

2017-09-18__Cina__001

«I greci ci criticano perché siamo così severi con i nostri figli e così lassi con gli schiavi: non hanno capito che i nostri figli dovranno dominare il mondo.»

Questa frase di Seneca è quanto mai logica, e compenetra anche la cultura cinese.

Mente negli atenei occidentali vige la regola del “vietato vietare“, in quelli cinesi è stata instaurata una ferrea disciplina. Se è difficile vincere il concorso per accedervi, ancor più difficile è rimanervi fino al conseguimento della laurea.

*

2017-09-18__Cina__002

Di pochi giorni or sono la notizia:

Università. Rank mondiale. Irrompono le cinesi e declinano le liberal.

«Irrompono a viva forza le università cinesi nelle top 100.

Peking University, 27°, richiama il 16% di studenti stranieri;

Tsinghua University, 30°, richiama il 9% di studenti stranieri;

University of Hong Kong, 40°, richiama il 42% di studenti stranieri;

Hong Kong University of Science and Technology, 44°, richiama il 31% di studenti stranieri;

Chinese University of Hong Kong, 58°, richiama il 31% di studenti stranieri.»

*

L’Oriente differisce dall’Occidente in modo stridente.

Il Rettore di una nota università sudkoreana si vantava, a ragione, che il suo era l’ateneo con il maggior numero di suicidi di studenti, dicendo che era il segno tangibile della durezza del corso di studi. Identico discorso fa Mr Terry Gou, il boss di Foxconn, il colosso da un milione e quattrocentomila dipendenti. Eppure, proprio per questo, “Code di più di un chilometro sono state registrate a Zhengzhou, una delle città dove l’azienda taiwanese conta di espandersi“.

*

Questi discorsi fanno inorridire gli occidentali cresciuti nell’ideologia liberal, ma per loro buona sorte gli orientali non se ne curano. Hanno lucidamente presente che basterà ancora una generazione e gli occidentali diventeranno loro sottomessi: in quel momento ci penseranno loro a farli lavorare.

Sanno che alla fine la vinceranno loro, perché le loro classi giovani hanno dovuto superare prove severe, senza nessuno sconto.

Non solo:

«According to the Law of the People’s Republic of China on National Defense Education, pupils, middle school students and undergraduates should have military training when term opens or after National Day.

Until high school, students practise basic formation and movement.

High school students drill and study emergency evacuation, as well as national defence.

Undergraduates take formal military training and emergency evacuation.»

*

«More than seven million students about to enter China’s universities are undergoing several weeks of intense annual military training that is compulsory for all students, male and female. ….

the military training, known as Junxun in China is to “enhance students’ sense of national defence and national security awareness ….

There is also a need by the military and organisations associated with the military to be able to identify good-quality recruits but that is now more of a secondary purpose»

*

«But instilling obedience and loyalty still is an important goal, Tsang says. “It is an extension of China’s ramped up ideological education in universities.”»

*

Gli orientali tirano diritto per la loro strada, e le stupite lamentele dei media occidentali formano solo argomento di conversazione nei salotti liberal – chic.

Anche i greci se la ridevano dei romani, ma risero solo fino a quando le legioni non occuparono la Grecia: ride bene solo chi ride ultimo.

Annunci
Pubblicato in: India, Senza categoria

India. Ong, matrimoni e Corti di Giustizia.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-09.

Women whispering

In piazza c’erano ottantasette donne.

Un po’ poche per una nazione di 1,335 milioni di abitanti.


L’Occidente rende conto di poco meno di un sesto della popolazione mondiale e del 29% del sistema economico mondiale, se misurato nei termini del pil ppa.

La componente liberal rende conto di una quota ancora consistente, ma in declino, come dimostrano i risultati delle elezioni presidenziali e politiche americane.

Tuttavia questa componente urla a gran voce e pretenderebbe anche di essere ritenuta essere la “voce” dell’Occidente: cosa che non è.

Un caso da manuale è il suo atteggiamento nei confronti dell’India.

Ripassiamoci la situazione.

* * * * * * *

Why isn’t marital rape punishable under the Indian Penal Code?

«Social changes are slow to occur and especially slow in large countries like India. Until the 1970s, systems across the world – even in the developed world – had permitted Marital rape and criminalized homosexuality to various levels. Since then activists have fought on those fronts and have achieved great progress.

India is a couple of decades behind the curve as the discussions on those topics have not permeated the society beyond just a thin layer at the top. Discussions on a variety of other social topics – ranging from dowry to widow burning to untouchability – was a priority for our reformers for the most part.

Since the discussions have not happened and social understanding not yet developed, even the courts have been pretty slow to ensure progress. Indian Supreme Court’s decision to uphold the 150 year old sodomy/unnatural sex laws is just an example of how much behind such discussions are. The judges were unable to contemplate LGBT due to their unfamiliarity. Same happens in case of marital rape.

In summary, many of these laws got into the books world over at a time when women were not considered equal subjects. In the past couple of decades, west has moved away from many such laws. In India, the variety of existing social problems didn’t let the society focus on such changes enable all these changes in our law books. However, I believe it is just a matter of time as activists prepare the population to understand the issue. Awareness spread precedes legal victories.»

*

By not seeing marital rape as a crime, Supreme Court is doing a disservice to Indian women

«The systematic pushback against women’s rights and liberties in India is going great guns. After the tepid attempt by the Supreme Court to dilute the impact of the Prevention of Domestic Violence Act, 2005 and Section 498A, by ordering the constitution of “family welfare committees” to look into cases before charges can be pressed, we now have the infuriating and grossly anti-women observation by the apex court that “marital rape cannot be considered as a criminal act”.

The Supreme Court was really the last straw of hope for reforms in outdated approach towards marital rape after Parliament had hung up its boots, saying the country isn’t ready to accept marital rape as a crime. The Union minister of women and child development, Maneka Gandhi, made an infamous volte-face on the issue when she said last year that marital rape “cannot be applied in the Indian context”, because of factors including “level of education and illiteracy, poverty, social customs and religious beliefs”.

Marriage over marital rape

This, despite the 2015 hoopla around the WCD ministry trying in to bring in “comprehensive” legislation to criminalise marital rape, and bring the law at par with a number of European and Western democracies, where women enjoy equal rights within marriage.

For example, marital rape is a crime in the United States, United Kingdom, Australia, Germany, Sweden, Belgium, Argentina, Bhutan, Brazil, Canada, France, Hungary and several other countries. The list of countries where marital rape isn’t a crime is hardly enviable, including Egypt, Afghanistan, Indonesia, Iraq, Saudi Arabia, etc.

Needless to point out that most thriving and healthy democracies have penalised marital rape, and only authoritarian or theocratic states still retain the right of the husband to have forced sex on the wife. That India is part of the latter club is a terrible shame.

However, Maneka Gandhi’s U-turn proved that her ministry had capitulated to the larger misogynist trend in the BJP-RSS government. Now, the Supreme Court’s observation drives a nail through the coffin of demanding that marital rape be criminalised.

The two-judge bench of Justices MB Lokur and Deepak Gupta has said: “Parliament has extensively debated the issue of marital rape and considered that it was not an offence of rape. Therefore, it cannot be considered as a criminal offence.”

Raping minor/wives isn’t rape

The apex court was responding to a petition by the NGO Independent Thought, drafted by lawyers including the noted Supreme Court advocate Gopal Subramaniam, who was a co-panellist on the Justice Verma Committee report that firmed up the anti-rape legislation in the wake of the December 16, 2012 gangrape and murder of Jyoti Singh in Delhi.

The petition wanted the court to intervene and read down Section 375 (2) of the Indian Penal Code, which is the clause in the rape law that makes the exception for a man to have sex with a girl aged 15-17 if she’s married to him. “Without any remuneration, we have submitted the report to the government and that too without any extension.

It was an exhaustive work,” Subramaniam said. Basically, Section 375 (2) of the IPC allows men to rape their minor wives, and because marital rape isn’t yet a crime in India, but raping a minor is a statutory offence, the institution of marriage gets precedence over the health and well being of a girl child, just because she has been married off well before the legal age of marriage and consent, 18.

The Centre vehemently defended Section 375 (2) of the IPC, and like the debates in Parliament earlier, it fell back on tradition. MoS Home, Haribhai Parthibhai Chaudhary, a BJP MP from Gujarat and the minister of state, home affairs, is on record saying:

“It is considered that the concept of marital rape, as understood internationally, cannot be suitably applied in the Indian context due to various factors, including level of education, illiteracy, poverty, myriad social customs and values, religious beliefs, mindset of the society to treat the marriage as a sacrament.”

However, Section 375 (2) of IPC is against the provision of anti-rape and anti-sex trafficking legislations, such as Immoral Trafficking (Prevention) Act, the Protection of Children from Sexual Offences Act, 2012, because neither of the latter two legislations makes the distinction between married and unmarried minor girl children.

This is exactly the point that was highlighted by the petitioners, but it seems both the Centre and the Supreme Court, weren’t ready to pave the way for a paradigm shift in the understanding of marriage as an institution and in ensuring the rights of women as citizens, and not as biological determinants.»

* * * * * * *

Tratto caratteristico dei liberal democratici americani è l’ossessione per le perversioni sessuali, che patrocinano sia in sede legislativa sia soprattutto attraverso le ogn (ngo) appositamente istituite, che poi si arrogano la facoltà di parlare a nome della nazione intera.

Non a caso Cina, India e Russia hanno adottato leggi che regolano il rilascio dei permessi ad agire sui loro rispettivi territori. Con i paesi africani, ammontano a sei settimi della popolazione mondiale.

«The Russian president has signed into law a bill defining the term political activity of non-governmental organizations and allowing charity groups receiving funding from abroad not to register as foreign agents.

The new law lists political activity as participation in street rallies and marches and any activity aimed at influencing the result of an election or a referendum. The list also includes elections monitoring, participation in the work of political parties, public appeals to state agencies seeking changes in laws, circulating appraisals of existing laws or state policies and attempts to influence views on political issues through opinion polls.

The act also names the spheres where no activity can be recognized as political. These are culture, science, sport, fine arts, healthcare, environmental protection, volunteering and charity. “The definition of political activity must not be vague, it must not be expandable, and there must be only one way to understand it.» [Fonte]

Le ong in Occidente usualmente agiscono attraverso due consolidate vie:

– si fanno riconoscere dall’autorità civile, se amica, quindi si fanno finanziare con denaro pubblico, ed infine si fanno nominare come consulenti della amministrazione. Di lì possono svolgere il ruolo politico per il quale i loro finanziatori le hanno istituite.

– una volta legalmente riconosciute, le ong possono costituirsi in giudizio. Questa è la loro arma più efficiente, perché nessun giudice liberal rigetterebbe mai un loro ricorso.

Seguendo queste elementari direttive, le ong hanno governato per decenni l’Occidente ed hanno cercato, fortunatamente senza successo, di conquistare il mondo.

*

Il codice penale indiano è inequivocabilmente chiaro, ed il giudizio della Corte è stato sequenziale.

Secondo il diritto e la giurisprudenza indiana il rapporto matrimoniale è finalizzato alla procreazione ed al reciproco aiuto. Nel caso di impossibilità oggettiva al mantenimento dello stato matrimoniale, esiste un’apposita legislazione sul divorzio, ma fino a tanto che sussiste la convivenza, questa deve svolgersi in accordo alle regole matrimoniali.

Se l’Occidente volesse essere rispettato, dovrebbe iniziare a rispettare leggi e tradizioni degli altri popoli.

*

Nota.

«Several women’s charities are contesting this and have launched a petition that is being heard at the Delhi High Court.

Campaigners have requested that marital rape is made illegal on the grounds that sexual violence violates human rights.

They argued that, in other countries, married women are still entitled to the full range of civil liberties and human rights and are not required to have sex at the will of their husband»

Alcune considerazioni brevissime, ma non per questo irrilevanti.

– Lo stato coniugale si fonda su di una libera rinuncia ad una parte della propria libertà per il bene comune della famiglia. Per esempio, il coniuge ritiene una sua libertà di agire economico, ma solo nei limiti nei quali soddisfa le necessità familiari. Lo stesso concetto vale per la disponibilità del proprio corpo.

– Il fatto che in alcuni paesi esteri all’India il principio su esposto non sia al momento più in vigore non implica automaticamente che esso debba essere abolito anche in India. Con lo stesso metro, gli Stati Uniti dovrebbero allora proibire le ong sul loro territorio.

– Infine una considerazione giuridica. Se tutti i codici e le giurisprudenze mondiali sono concordi nel ritenere la violenza sessuale un reato, tutti altrettanto concordi esigono che debbano esistere serie ed inequivocabili prove a supporto della denuncia per arrivare a condanna. Solo in taluni stati degli Stati Uniti delle Corti di Giustizia con giudici liberal sono arrivati a condanna assumendo fosse vera la denuncia sporta dalla femmina, ancorché non dimostrata: ma tale prassi giudiziaria è da condannarsi. Gli Indiani sono troppo civili per condannare qualcuno senza prove.


Evening Standard. 2017-09-02. Indian government attempts to block plea to criminalise marital rape because it ‘puts husbands at risk of harassment’

The Indian Government has tried to block a petition in High Court to criminalise marital rape because it says it could put husbands at risk of “harassment”.

*

Indian penal law currently stipulates that sexual intercourse with a wife over the age of 15 cannot be classed as rape.

Several women’s charities are contesting this and have launched a petition that is being heard at the Delhi High Court.

Campaigners have requested that marital rape is made illegal on the grounds that sexual violence violates human rights.

They argued that, in other countries, married women are still entitled to the full range of civil liberties and human rights and are not required to have sex at the will of their husband.

According to the Times of India, Section 375 of the Indian Penal Code has the exception clause sexual intercourse or sexual acts by a man with his own wife, the wife not being under fifteen years of age, is not rape”. 

Judges hearing the case asked the Government to detail its stance on the issue.

In their submission, the Government lawyers said: “What may appear to be marital rape to an individual wife, it may not appear so to others. 

“As to what constitutes marital rape and what would constitute marital non-rape needs to be defined precisely before a view on its criminalisation is taken.”

The submission goes on to say that, by criminalising marital rape, it could encourage it to “become a phenomenon which may destabilize the institution of marriage” and be “an easy tool for harassing the husbands”. 

They added: “That the fact that other countries, mostly western, have criminalised marital rape does not necessarily mean India should also follow them blindly.”

The petition has also been opposed by several men’s welfare charities who said it could lead to husbands being victimised.

Pubblicato in: Banche Centrali, Economia e Produzione Industriale, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria, Trump, Unione Europea

Intesa San Paolo nei triboli per il prestito a Rosneft.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-27.

2017-08-04__Trump TELEMMGLPICT000136310797-xlarge_trans_NvBQzQNjv4BqHwnvh86NCImGNxSron0kTyxqUYn5PGopOSNBtx07gTA

Il problema dovrebbe essere noto.

Rosneft. Роснефть. Chi la possiede e chi la comanda.

Germania. L’ex-cancelliere Spd Schröder nel board della russa Rosneft.

Cina. Quanzhou. I Brics decidono cosa farsene dell’Occidente.

Erdogan. Turki in Germania non votate Frau Merkel.

Giovanni P. Dieselgate. Braccio di ferro Usa – Germania. L’Italia latita.

*

Rosneft, Intesa Sanpaolo in prima fila. Maxi-prestito a Glencore e Qatar

«Il consorzio internazionale acquisisce il 19,5% del colosso energetico russo. Dal gruppo italiano fino a 5,2 miliardi. L’interesse dei gruppi internazionali.

Intesa Sanpaolo ha vinto la partita: supporta con un finanziamento fino a un massimo di 5,2 miliardi di euro il consorzio formato da Glencore, leader mondiale nell’attività di produzione e trading di materie prime, e dal Fondo sovrano del Qatar (Qia) per l’acquisizione del 19,5% del capitale di Rosneft. Valore complessivo dell’operazione 10,2 miliardi di euro.»

*

«Glencore couldn’t come up with its half of the Capital by the way, so a Russian Bank floated it a “bridge loan”, until the Italian Bank could approve the Glencore loan — in spite of the Sanctions on the “collateral”»

*

Bene. Banca Intesa San Paolo ha dovuto chiedere il permesso alla Banca Centrale per erogare il prestito alla Rosneft, che è colpita sia dalle sanzioni generiche sia da quelle specifiche ad personam. In poche parole: fare un prestito a quella società è uno dei peggiori reati configurabili all’interno dell’Unione Europea.

Ma omnia munda mundis, dice la Europa Unita: se il prestito fa bene alla Germania è cosa buona, giusta e salutare. Ma questo vale solo nell’Unione Europea.

Non è vero che siano due pesi e due misure: la presenza tedesca santificherebbe anche satanasso in persona. Ma gli altri cosa ne pensano. Quanto vale Frau Merkel?

*

Ma l’Eurozona è solo un decimo dell’economica mondiale. E l’Italia è un settimo dell’economia europea.

Fuori dall’Unione Europea c’è il mastino che morde.

«Italian bank Intesa Sanpaolo has encountered problems syndicating a loan to Glencore and Qatar’s wealth fund to finance their purchase of a stake in the Kremlin-controlled oil major Rosneft because of new U.S. sanctions against Russia»

*

«Four banking sources told Reuters that Western banks including from the United States and France have so far put on hold their participation in the syndication of the 5.2 billion euro ($6.13 billion) loan that Intesa provided last year»

*

«Intesa (ISP.MI) invited about 15 banks to join the loan when it opened the syndication in May»

*

«The banking sources said their compliance departments needed to understand the new sanctions»

*

«they are wary of damaging their relations with Saudi Arabia and the other three Gulf nations embroiled in the dispute.»

*

«the syndication was complicated by a political stand-off between Qatar and Saudi Arabia»

* * * * * * * *

Ricapitoliamo.

– Prendiamo atto che Banca Intesa San Paolo non è in grado di erogare un prestito di 5.2 miliardi di euro, cifra miserrima per una banca.

– Prendiamo atto che le altre banche a livello mondiale si siano rifiutata di partecipare in compagnia di Banca Intesa San Paolo in un’operazione illegale, perché viola le sanzioni contro la Russia.

– Prendiamo atto come due paesi relativamente piccoli, quali l’Arabia Saudita ed il Qatar, possano condizionare l’operato di una banca dell’Unione Europea, infischiandosene palesemente degli interessi tedeschi e di Frau Merkel.

– Prendiamo infine atto che a Mr Trump basta fare una leggina piccola piccola a Washington per bloccare l’Unione Europea.

*

A questo punto verrebbe da chiedersi: ma Frau Merkel chi mai crede di essere?

Nota.

Non si sa dove sia e cosa stia facendo il Governo italiano.


Reuters. 2017-08-26. Exclusive: Russia sanctions disrupt Italian bank’s 5 billion euro loan deal

LONDON/MILAN (Reuters) – Italian bank Intesa Sanpaolo has encountered problems syndicating a loan to Glencore and Qatar’s wealth fund to finance their purchase of a stake in the Kremlin-controlled oil major Rosneft because of new U.S. sanctions against Russia.

Four banking sources told Reuters that Western banks including from the United States and France have so far put on hold their participation in the syndication of the 5.2 billion euro ($6.13 billion) loan that Intesa provided last year.

Intesa (ISP.MI) invited about 15 banks to join the loan when it opened the syndication in May. A loan of this size would normally take between four and six weeks to syndicate, though deals involving emerging markets can sometimes take a few weeks longer.

The banking sources said their compliance departments needed to understand the new sanctions.

They also said the syndication was complicated by a political stand-off between Qatar and Saudi Arabia. Banks are taking a more cautious approach to deals involving Qatar as they are wary of damaging their relations with Saudi Arabia and the other three Gulf nations embroiled in the dispute.

“The syndication is stuck because of new U.S. sanctions on Russia. The new sanctions are so wide-reaching that they will surely impact all similar deals involving Russian state firms,” said a London-based source with a large Western bank invited by Intesa to participate in the syndication.

Intesa, Italy’s largest retail bank, declined to comment. The banking sources did not want themselves or their banks to be named because they were not cleared to speak about the deal and because talks between Intesa and the banks about the syndication are confidential.

Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Russia, Senza categoria, Unione Europea

EurUsd 1.1821. Effetto Quanzhou.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-21.

2017-08-21__18-48__eurusd

Il problema è semplice.

L’Eurozona non ha la forza finanziaria necessaria e sufficiente per tenere fisso il cambio della propria valuta.

In questo momento alla Banca Centrale Europea converrebbe avere un euro debole, ma il mondo non glielo permette.

Non è solo la forza degli Stati Uniti, anche il resto del mondo riunito a Quanzhou vuole imporre un euro forte.

2017-08-21__18-48__eurusd__002

Nulla vieta di pensare che alla fine anche la coriacea Germania si possa rendere conto di quanto poco conta nel contesto mondiale, ed alla fine si rimetta alle decisioni altrui: in politica tutto è possibile. Ma se Frau Merkel vuole proseguire sulla strada percorsa non si intravede proprio nulla di buono.

Cina. Quanzhou. I Brics decidono cosa farsene dell’Occidente.

Quanto valgono gli Stati Uniti, i G7, l’Eurozona ed i Brics?

Da un punto di vista meramente economico, se si considera il pil per potere di acquisto, il mondo genera 108,036,500 milioni Usd, la Cina 17,617,300 (16.31%) e gli Stati Uniti 17,418,00 (16.12%). L’Eurozona rende conto di 11,249,482 (10.41%) ed il Gruppo dei G7 di 31.825,293 (29.46%). Però i Brics conteggiano un pil ppa di 32,379,625 Usd, ossia il 29.97% del pil ppa mondiale. I Brics valgono come i paesi del G7.

Di conseguenza, la voce dell’Occidente vale nel mondo al massimo per il 29.46%, ma quella degli Stati Uniti vale solo il 16.12% e quella dell’Eurozona uno scarno 10.41%.

Il pil ppa rende bene l’idea, ma non è l’unico modo di conteggiare. Secondo altre metodiche i Brics varrebbero il 25% dell’economia mondiale e renderebbero conto del 50% della crescita dei sistemi economici. Un risultato molto simile.

Pubblicato in: Persona Umana, Religioni, Senza categoria

Centesimo anniversario della nascita di Oscar Romero. Assassinato.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-16.

2017-08-16__Romero__001 romero-martyred

«Non ho la vocazione di martire …. uno non deve mai amarsi al punto da evitare ogni possibile rischio di morte che la storia gli pone davanti. Chi cerca in tutti i modi di evitare un simile pericolo, ha già perso la propria vita»

*

«“Nel nome di Dio e del popolo che soffre vi supplico, vi prego, e in nome di Dio vi ordino, cessi la persecuzione contro il popolo”, dice il 23 marzo 1980, nella sua ultima predica in cattedrale. Il giorno dopo, nel tardo pomeriggio, un sicario si intrufola nella cappella dell’ospedale, dove Romero sta celebrando, e gli spara dritto al cuore, mentre il vescovo alza il calice al momento dell’offertorio. Aveva appena detto: “In questo Calice il vino diventa sangue che è stato il prezzo della salvezza. Possa questo sacrificio di Cristo darci il coraggio di offrire il nostro corpo ed il nostro sangue per la giustizia e la pace del nostro popolo”.» [Fonte]

* * * * * * *

Il 15 agosto 1917 nasceva Oscar Arnulfo Romero, assassinato sull’altare il 24 marzo 1980, beatificato nel 2015 per volontà di Papa Francesco.

La sua vita e la sua morte dovrebbero porgerci molti elementi da meditare con cura, alcuni dei quali profondamente scomodi.

La disinformazione fatta sia prima sia dopo la sua morte è impressionante, e merita alcune ferme precisazioni.

– È cristiano non solo chi professa che Gesù Cristo nostro Signore è il Figlio del Dio vivente, vero Dio e vero Uomo, nato, morto e risorto per la salvezza dell’umanità. Non sufficit. È cristiano solo ed esclusivamente chi vive la sua realtà storica osservando la Parola di Gesù. In caso contrario, è soltanto un ipocrita, un peso per la Comunione dei Santi, un sfrego alla santa Fede. Rispettabili come persone, ma sicuramente non cristiani.

– Né tanto meno può dirsi cristiano chi non pratichi la santa obbedienza al Santo Padre ed alla Gerarchia. Non esistono cristiani “dissidenti”: esistono eretici ed esistono persone che si sono allontanate da Santa Madre Chiesa, esercitando il loro proprio libero arbitrio. Ripetiamo solo per chiarezza: rispettabili come persone, ma sicuramente non cristiani. Chi non obbedisca alla Parola del Cristo ed alla Gerarchia non è cattolico. Chi critica, specie pubblicamente, la Gerarchia non è cattolico. Per essere chiari: è tutto fuorché cattolico.

– Tutti siamo peccatori, nessuno escluso tranne il Cristo. È cristiano colui che per Grazia del Signore si rialza ben presto dalla caduta, confessandosi secondo il rito canonico. Siamo chiari: colui che non si confessa frequentemente e non si comunica frequentemente, almeno una volta la settimana, non può essere cristiano: dica ciò che vuole, ma non lo è.

– La Chiesa e la Gerarchia predicano il Cristo, la salvezza delle anime ed il Regno di Dio. La Chiesa non è un’organizzazione di beneficienza. Il suo scopo è la salvezza delle anime. Solo secondariamente di dedica anche a scopi caritativi: ma se la carità non è fatta in nome di Cristo ed in pieno accordo alla Sua Parola, non conta nulla per un cristiano, perché così ha stabilito il Cristo in persona.

– Ottime quindi, e degne di lode, le persone filantrope: ma se non operano in nome di Dio essi non sono cristiane. Sono tutto quello che si voglia dare come etichetta, meno quella di “cristiane”. Ripetiamo nuovamente: persone rispettabile, ma non sono cristiane.

– Il cristiano non lo si riconosce da segni o simboli: lo si riconosce dalla vita che tiene, dalle scelte che opera. La Fede senza le relative opere coerenti non è fede: creanza, talora anche superstizione: tutto tranne che cristianesimo.

*

– La Fede è un atto volontario, sostenuto dal libero arbitrio: essendo atto volontario ciò comporta la supervisione della mente, della ragione. Il cristiano ha Fede perché vuole credere, e crede perché la teologia cattolica gli assicura un solidissimo supporto logico. Non esiste infatti verità alcuna che non sia anche vera. Ma senza verità e logica non può nemmeno sussistere la giustizia. Il sedicente cristiano viscerale, emotivo, sentimentale, semplicemente non è un cristiano. Si dica ciò che si vuole, ma persiste a non essere un cristiano.

– Tratto caratteristico del cristiano che vive pienamente la propria Fede nel rispetto della Parola del Cristo è l’essere estremamente rigoroso verso sé stesso, ma nel contempo comprensivo, pietoso e paziente verso le debolezze, quelle propri e quelle altrui.

– Altro tratto caratteristico del cristiano, quello cattolico massimamente, è la Grazia e la capacità di saper perdonare. Chi non sappia o non voglia perdonare è tutto tranne che un cattolico. Farebbe meglio a staccarsi dalla Chiesa che frequenta solo per dare scandalo. Non esiste pace senza capacità di perdonare.

– Da ultimo, ma non certo per ultimo, un cattolico è riconoscibile perché prega e fa penitenza. Quanti non preghino quotidianamente e non pratichino una via penitenziale semplicemente non sono né cristiani né cattolici. Ci si rende perfettamente conto che di questi tempi a parlare di penitenza ti si ride in faccia: ma ciò che per il cattolico è importante e farla lui, non farla fare agli altri.

– Il Cristo disse: «Vi do la pace, vi do la mia pace». La pace del Cristo significa essere in comunione sacramentale con Lui, cosa del tutto differente dalla pace terrena, che consiste nel vivere tranquillo, senza il fragore delle armi. Per il cattolico essere operatore di pace significa essere parte attiva nel portare le altre anime al Cristo.

*

Da quanto detto dovrebbe essere ben chiaro che ad essere cristiani e cattolici sono nei fatti ben pochi. Molto pochi. Un vero corpo di élite. Porta stretta per entrare nel novero, porta spalancata per andarsene.

Però, non si facciano confusioni.

* * * * * * *

Oscar Arnulfo Romero, arcivescovo di San Salvador, è un classico esempio di essere cristiani, di essere cattolici.

È irrilevante che lo si osteggi o meno: tale è e tale rimane.

È stato coerente, e lo è stato fino alla morte. È stato obbediente, e lo è stato fino alla morte.

«Non ho la vocazione di martire»

Nessun cristiano ha la vocazione al martirio, ma se ciò diventasse necessario per la salvezza propria e per esempio edificante per i tiepidi, ebbene, allora venga il martirio.

Ma per il cristiano, per il cattolico, il martirio sarebbe del tutto vano, se non fosse simultaneamente associato al perdono dei propri carnefici. L’esempio ci viene dall’alto: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno»

Cos’ il beato Romero si aggiunge alla lunghissima serie di santi martiri che dettero la vita e sparsero il loro sangue per aver predicato il Cristo in una società che viveva in odium Fidei, in odium Dei, in odium Evangelii.

Solo per citarne tre esempi fulgidi: Thomas Becket, John Fisher e Thomas More.

2017-08-16__Romero__002 monseñor-01

Nota importante.

Il segno migliore per constatare la natura divina della Santa Chiesa consiste nel fatto che nessuno dei suoi nemici si sia mai peritato di studiarla nella sua teologia e nei suoi canoni. Il Signore non ha permesso che capissero come la Chiesa sia un fatto sorpannaturale e non umano. Nemmeno settanta anni di persecuzioni bolsceviche sono riuscite ad eradicare la Fede dalla Russia, eppure sono stati martirizzati quasi cinquecentomila sacerdoti. Tratto comune di tutti i suoi odiatori è la crassa ignoranza di cosa sia. Che Dio li perdoni per i meriti dei suoi santi martiri!



La Stampa. 2017-08-15. Romero, il vescovo martire che scelse il Vangelo e il popolo

Cento anni fa nasceva il Presule salvadoregno che sarebbe stato ucciso, mentre celebrava Messa, dagli «squadroni della morte». Beatificato da Francesco, adesso è vicino alla santità.

*

È ben possibile che Oscar Arnulfo Romero, nato cento anni fa, il 15 agosto 1917, assassinato sull’altare il 24 marzo 1980, beatificato solo nel 2015 per volontà di Papa Francesco, venga in futuro canonizzato. Di certo egli fu «diffamato, calunniato, infangato» dopo la morte, come ha denunciato lo stesso Pontefice latino-americano, tanto che il suo martirio «continuò», anche «da parte di suoi fratelli nel sacerdozio e nell’episcopato», con «la pietra più dura che esiste: la parola». 

La figura di Romero ha toccato i drammi di un epoca e di un continente, la sua memoria è stata spesso controversa. Quando, nel 1977, Paolo VI lo nominò Arcivescovo di San Salvador, era conosciuto come un «conservatore», gradito alle oligarchie al potere nel paese. Nel corso del tempo, Romero cominciò a denunciare pubblicamente i soprusi del regime, senza peraltro tacere delle violenze dei guerriglieri che vi si opponevano. L’Arcivescovo era convinto che la guerra civile in El Salvador scaturiva dalle ingiustizie sociali, e per questo puntò il dito contro la giunta militare al governo. Arrivò a leggere durante la predica domenicale in cattedrale i nomi delle persone torturate, ammazzate o fatte sparire (desaparecidos) nel corso della settimana. La sua fu una sorta di conversione, seguendo il Vangelo a servendo il popolo di Dio, nella quale ebbe probabilmente un ruolo l’assassinio, nel 1977 da parte degli squadroni della morte legati ai latifondisti, cattolici anch’essi, di padre Rutilio Grande Garcia, gesuita, indomito nel denunciare lo sfruttamento della povera gente (anche per lui è stato aperto il processo di beatificazione). «Adesso – ebbe a scrivere nel 1979 alla nipote del Gesuita – si cerca di appannare l’immagine e il ricordo di persone come padre Rutilio, e di far credere agli altri che abbiano sbagliato strada e vangelo. Stia attenta, perché sono molto astuti. Preghi molto lo Spirito santo affinché l’aiuti a comprendere l’audacia che il Vangelo richiede». La conversione dell’Arcivescovo turbò l’establishment salvadoregno e non pochi maggiorenti della Curia romana di Giovanni Paolo II.  

Domenica 23 marzo 1980 monsignor Romero si rivolse all’esercito: «Vi chiedo, vi imploro, vi ordino: in nome di Dio cessi la repressione!». L’indomani un killer prezzolato sparò all’arcivescovo mentre celebrava Messa nella cappella dell’ospedale della Divina provvidenza. Non aveva taciuto. «La Chiesa – aveva avuto a scrivere anni prima – non può tacere quando ci sono migliaia di nostri fratelli che subiscono le conseguenze dell’ingiustizia in cui vive la nostra America latina, non può tacere davanti al dolore e alle costanti violazioni di cui sono oggetto i nostri fratelli contadini e il popolo in generale» 

La causa di beatificazione di Romero fu aperta nel 1997, ma solo con l’arrivo di papa Francesco si è sbloccata. Il premio Nobel per la pace Adolfo Perez Esquivel, argentino, che ha fatto visita al Papa pochi giorni dopo l’elezione al Conclave del 2013, lo preannunciò subito. E con decreto del 3 febbraio del 2015, Jorge Mario Bergoglio ha riconosciuto il martirio in odium fidei dell’Arcivescovo. Il successivo 23 maggio a San Salvador si è celebrata la solenne beatificazione.  

Un esito tutt’altro che scontato. «Il martirio di Romero non fu puntuale, non avvenne solo nel momento della morte, fu un martirio-testimonianza, fu sofferenza anteriore, persecuzione anteriore la sua morte. Ma fu anche posteriore», ha denunciato Papa Francesco dopo la beatificazione. Romero, «una volta morto – ero giovane sacerdote e ne fui testimone – fu diffamato, calunniato, infangato. Il suo martirio continuò anche da parte di suoi fratelli nel sacerdozio e nell’episcopato. Non parlo per aver sentito dire. Ho ascoltato queste cose», ha detto il Papa. «È bello vederlo così: un uomo che ha continuato a essere martire. Ora credo che quasi nessuno osi… ma dopo aver dato la sua vita ha continuato a darla lasciandosi colpire da tutte quelle incomprensioni e calunnie. Questo mi dà la forza, solo Dio sa. Solo Dio sa la storia delle persone, e quante volte le persone che hanno già dato la loro vita continuano a essere lapidate con la pietra più dura che esiste nel mondo: la lingua». Come ha avuto a rilevare il postulatore della causa di beatificazione, monsignor Vincenzo Paglia, nel corso degli anni erano arrivati «chili di carte» contro Romero, a volte in buona fede altre volte «in cattiva coscienza»: «Scrivevano che faceva politica, che era seguace della teologia della liberazione. Lo accusarono di problemi di carattere, di squilibri. Tutte cose che hanno ovviamente frenato e rafforzato i nemici», sia dentro il Paese che tra l’episcopato che in Vaticano. È nota l’ostilità del cardinale colombiano Alfonso Lopez Trujillo per la causa di beatificazione di Romero. «La decisione su Romero mette a tacere i motivi che hanno impedito un procedimento più lineare», concluse Paglia. 

Ora in Salvador si ricorda il centenario della nascita dell’arcivescovo martire con il primo pellegrinaggio in suo onore. L’occasione è celebrata con tre giorni di cerimonie e preghiere che culminano oggi. A promuoverle, più di tutti, Gregorio Rosa Chavez, stretto collaboratore di Romero, vescovo ausiliare di San Salvador che ha ricevuto – “scavalcando”, gerarchicamente, l’arcivescovo titolare della città, successore di Romero, José Luis Escobar Alas – la berretta cardinalizia da Papa Bergoglio nell’ultimo Concistoro dello scorso 28 giugno. In futuro Romero potrebbe essere proclamato santo. L’arcivescovo Paglia ha detto in questi giorni alla Radio Vaticana: «Siamo a buon punto. Stiamo esaminando un miracolo che riguarda una donna incinta e il suo bambino che sono stati, speriamo, miracolosamente guariti per intercessione di Romero. È stato terminato il processo diocesano, che è giunto a Roma e abbiamo iniziato l’esame del miracolo. Mi auguro che il processo vada a compimento presto. Se tutto questo accade, è possibile che anche l’anno prossimo si possa sperare di celebrare la canonizzazione di Romero».  

Di certo la figura di Romero ancora oggi turba alcuni animi. Il suo messaggio era radicalmente evangelico. «A volte cresciamo nella religione senza comprendere che il vangelo è vita. Alcuni praticano la religione con la convinzione che Dio è con loro soltanto perché detengono un qualche potere: poco importa se abbiano o non abbiano fede, e nemmeno l’immortalità dei loro atti. Gesù ha definito costoro “giusti”, ovvero uomini chiusi al richiamo di conversione rivolto loro dai profeti, perché sono persuasi che quel richiamo non li riguardi. Infatti si credono benedetti da Dio tramite le ricchezza che possiedono o il potere che hanno ricevuto, basandosi sull’asserzione che “ogni potere viene da Dio”. Alcuni di noi, portati da una pratica della religione fiacca e superficiale, crediamo di avere un cuore aperto a Dio perché andiamo a messa alla domenica, anche se ci arriviamo in ritardo o assistiamo distrattamente; e ci reputiamo generosi con gli altri perché diamo loro lavoro, sebbene gli ritardiamo lo stipendio o perfino gli tratteniamo il salario oppure, semplicemente, non diamo il giusto. La conversione comincia quando mi rendo conto che sono stato ostinato nel peccato, cocciuto nelle mie opinioni, caparbio nelle mie cattive azioni. Allora l’umiltà apre breccia nel muro che mi faceva credere “giusto”; allora agisce anche l’amore che mi conduce verso il suo termine che è Dio. Allora, infine, scoprirò che Dio non è mai stato lontano da me, ma sono stato io cieco non vedendolo così vicino a me, tutti i giorni, nella persona dei miei vicini» (brano tratto da Oscar A. Romero, «La Chiesa non può stare zitta», scritti inediti 1877-1980, Emi). 

Pubblicato in: Banche Centrali, Criminalità Organizzata, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria

Monte Paschi Siena. -3.243 miliardi nel primo semestre.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-12.

Marcia Funebre Chopin __001

Moltissimi compositori si sono cimentati con le marce funebri.

Solo per citarne le più note:

– La più celebre marcia funebre è il notissimo terzo movimento della Sonata n. 2 op. 35 di Chopin.

– Le Dead marches scritte da Händel per gli oratori Saul (1738) e Sansone (1742)

-La Mauerische Trauermusik (1785) di Mozart.

– La Marcia funebre sulla morte d’un eroe (1800-1801) che è il terzo movimento della Sonata per pianoforte n. 12, di Beethoven.

*

EccoVi lo spartito della marcia funebre per Monte Paschi, scritto dal Governo italiano a spese dei contribuenti e redatto da Reuters.


→ Reuters. 2017-08-11. Mps chiude sem1 con perdita netta a 3,243 mld

(Reuters) – Banca Monte Dei Paschi Di Siena Spa:

Mps, cet1 transitional a 30 giugno a 15,4%

Mps, perdita netta trim2 circa 3,1 mld euro

Mps, impatto rettifiche non ricorrenti su risultato trim2 pari a circa 4 mld euro

Mps, margine interesse trim2 in calo 2,5%

Mps, crediti deteriorati lordi a fine giugno in calo di circa 500 milioni su marzo 2017

Mps, margine interesse sem1 903 milioni, in calo 12,7%

Mps, perdita netta sem1 3,243 mld euro

Mps, raccolta diretta a fine giugno a 106,5 mld in rialzo di 2 mld da fine 2016

Mps, ricavi sem1 in calo 21% a 1,853 mld

Mps, copertura crediti deteriorati a 30 giugno a 65,7%

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Senza categoria

Washington. Altro scandalo in casa democratica. Deborah Wasserman Schultz.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-07-27.

Mafia 011

Mrs Deborah Wasserman Schultz è un pezzo grosso del partito democratico americano, essendo anche stata presidente del Democratic National Committee, massimo organo direzionale del partito.

«On July 24, 2016, Wasserman Schultz announced her resignation from her position after Wikileaks released a collection of hacked emails indicating that Wasserman Schultz and other members of the DNC staff showed bias against the presidential campaign of Senator Bernie Sanders in favor of Hillary Clinton’s campaign».

*

«She was subsequently appointed honorary chair of the Clinton campaign’s “50 state program”»

«Ronna Romney McDaniel, the chairwoman of the Republican National Committee (RNC), is calling on former Democratic National Committee (DNC) chairwoman Rep. Debbie Wasserman Schultz (D-FL) to testify before Congress on her now-arrested, just-fired IT staffer.

McDaniel made the explosive demand in an exclusive interview with Breitbart News via phone on Wednesday afternoon, after news broke Tuesday night that Wasserman Schultz’s IT staffer for more than a decade was caught trying to flee the country by federal law enforcement agents after wiring hundreds of thousands of dollars to Pakistan.

“I think Congress needs to open an investigation into what this staffer had access to, to figure out what information he had on the hard drives he took a hammer to, why he was fleeing the country,” McDaniel told Breitbart News. “There are just so many questions with this individual and his family members who received over $4 million of taxpayer money between 2005 and 2009. We need to get to the bottom of it. It’s very sad that the mainstream media is not talking about this at all. It shows the bias.”

McDaniel is worried that Awan may have had access to information that not only put America’s national security at risk but may also be relevant» [Fonte]

*

Questo è il suo profilo più esteso di Mrs Deborah Wasserman Schultz.

«Deborah Wasserman Schultz (born September 27, 1966) is an American politician. She is the U.S. Representative for Florida’s 23rd congressional district. She is a member of the Democratic Party and was a former chairperson for the Democratic National Committee.

Wasserman Schultz previously served in the Florida House of Representatives and the Florida Senate, and was a national campaign co-chair for Hillary Clinton’s unsuccessful 2008 run for president. She is the first Jewish congresswoman elected from Florida. Her district covers parts of Broward and Miami-Dade Counties, including Fort Lauderdale and Miami Beach.

Wasserman Schultz was elected chairperson of the Democratic National Committee in May 2011, replacing Virginia Senator Tim Kaine. On July 24, 2016, Wasserman Schultz announced her resignation from her position after Wikileaks released a collection of hacked emails indicating that Wasserman Schultz and other members of the DNC staff showed bias against the presidential campaign of Senator Bernie Sanders in favor of Hillary Clinton’s campaign. Her resignation was finalized on July 28 following the 2016 Democratic National Convention. She was subsequently appointed honorary chair of the Clinton campaign’s “50 state program”» [Fonte]

*

Il responsabile all’informatica di un simile personaggio politico aveva accesso diretto a tutte le informazioni riservate a livello governativo.

Mrs Wasserman Schultz ha anche minacciato gli inquirenti di “conseguenze”.

«A House IT staffer at the center of a congressional computer equipment scandal has been arrested by federal officials and charged with bank fraud»

*

«Law enforcement authorities for months have been looking into how Awan may have double-billed the House for equipment like computers, iPads, monitors, keyboards and routers. Several relatives of Awan worked for House Democrats and were fired months ago»

*

«Awan, however, was kept on staff by Rep. Debbie Wasserman Schultz, D-Fla., even though he was no longer allowed access to the House server network»

*

«Authorities also have looked into IT workers putting sensitive House information on the “cloud” and potentially exposing it to outside sources»

*

«Meanwhile, the counsel for Wasserman Schultz, the former Democratic National Committee chairwoman, recently began negotiating with Capitol Police for access to her laptop in the case. Until this point, she had resisted USCP efforts to look at her computer – even suggesting “consequences” for the agency if the computer was not promptly returned»

* * *

«Federal authorities said Awan allegedly tried to get a $165,000 home equity loan through the Congressional Federal Credit Union for a rental property, which violates the credit union’s policy because it is not the owner’s primary residence»

*

«The $165,000 was then transferred to two people in Faisalabad, Pakistan»

*

«Federal agents said they didn’t believe Awan had any intention of returning to the U.S.»

*

«Awan’s attorney, Chris Gowen, said his client is the victim of a right-wing media conspiracy»

* * * * * * * *

Al momento non è dato sapere quali e quanti segreti di stato siano stati a conoscenza di Mr Awan. Di solito, le persone che hanno triboli economici non sono i migliori depositari di segreti, specie poi di quelli sensibili.

Nulla esclude anche da pensare che l’Fbi già da tempo sospettasse la persona e gli passasse informazioni fasulle.

Prendiamo però atto della gravità del caso e delle risposte date da Mrs Debbie Wasserman Schultz.

Un’unica considerazione finale.

Cosa mai sarebbe successo se Mr Awan avesse lavorato per il partito repubblicano?


Fox News. 2017-07-26. Feds arrest IT staffer for Wasserman Schultz trying to leave country

A House IT staffer at the center of a congressional computer equipment scandal has been arrested by federal officials and charged with bank fraud, Fox News has learned.

Fox News is told officers and agents from the U.S. Capitol Police, the FBI and Customs and Border Protection were involved in the arrest of Imran Awan at Dulles International Airport. 

Awan, 37, of Virginia, pleaded not guilty Tuesday to one count of bank fraud during his arraignment in federal court in Washington, D.C. He was released but will have to wear a GPS monitor and abide by a curfew. 

Awan also was ordered to turn over all his passports. A preliminary hearing is scheduled for Aug. 21. 

Law enforcement authorities for months have been looking into how Awan may have double-billed the House for equipment like computers, iPads, monitors, keyboards and routers. Several relatives of Awan worked for House Democrats and were fired months ago. Awan, however, was kept on staff by Rep. Debbie Wasserman Schultz, D-Fla., even though he was no longer allowed access to the House server network.

Wasserman Schultz, though, has now fired Awan. Spokesman David Damron said Tuesday in a statement:

“Mr. Awan previously served as a part-time employee but his services have been terminated. No charges, evidence or findings from the investigation have been formally shared with our office, so we cannot comment on them.”

Authorities also have looked into IT workers putting sensitive House information on the “cloud” and potentially exposing it to outside sources.

Fox News is told that federal officials arrested Awan at Dulles airport in suburban Virginia as he was “trying to leave the country.” 

The criminal complaint and affidavit said he had bought a ticket to fly Monday to Doha, Qatar, and then Lahore, Pakistan, with a return flight booked for early January. The affidavit specifically alleged he engaged in a scheme to defraud a Congressional Federal Credit Union. It did not appear to go in depth into the other matters investigators have been looking into. 

Meanwhile, the counsel for Wasserman Schultz, the former Democratic National Committee chairwoman, recently began negotiating with Capitol Police for access to her laptop in the case. Until this point, she had resisted USCP efforts to look at her computer – even suggesting “consequences” for the agency if the computer was not promptly returned.

Fox News first reported last week that arrests were coming in the case.

Awan and his relatives worked for House Democrats for more than a decade, earning hundreds of thousands of dollars. But Awan declared bankruptcy in 2012.

Awan is of Pakistani descent, and Democratic sources have argued the family’s ethnicity is a factor in the attention they’re receiving. 


Breitbart. 2017-07-26. Aide for Rep. Wasserman Schultz arrested while trying to leave country

An IT staffer for Rep. Debbie Wasserman Schultz (D-Fla.) who has been under criminal investigation was arrested when he tried to leave the country from Washington, D.C.’s Dulles International Airport, according to reports.

Imran Awan, 37, of Virginia, pleaded not guilty to one count of bank fraud after the arrest. Federal authorities said Awan allegedly tried to get a $165,000 home equity loan through the Congressional Federal Credit Union for a rental property, which violates the credit union’s policy because it is not the owner’s primary residence, reported Politico.

The $165,000 was then transferred to two people in Faisalabad, Pakistan.

Awan was on his way to Pakistan, where his wife, Hina Alvi, and children are currently residing, before he was arrested. Federal agents said they didn’t believe Awan had any intention of returning to the U.S.

He will have to wear a GPS-monitoring device, abide by a curfew and surrender his passports before his next court date in August.

Awan’s attorney, Chris Gowen, said his client is the victim of a right-wing media conspiracy.

“This is clearly a right-wing media-driven prosecution by a United States Attorney’s Office that wants to prosecute people for working while Muslim,” Gowen said. “A quick glance at what the government filed in court today confirms the lack of evidence or proof they have against my client.”

Awan is a longtime Democratic House staffer who was worked for more than 24 Democrats, including Wasserman Schultz, since 2004.

According to a February Politico report, Awan and several other staffers, including his wife, were under investigation for equipment and data theft from Democratic House members. Alvi was fired in March and moved to Pakistan, but Awan was kept on Wasserman Schultz’s staff until his arrest Tuesday.

“Mr. Awan previously served as a part-time employee but his services have been terminated,” said Wasserman Schultz spokesman David Damron. “No charges, evidence or findings from the investigation have been formally shared with our office, so we cannot comment on them.”

Pubblicato in: Religioni, Senza categoria

Canada. Il problema legale della poligamia. Un caso dibattuto.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-07-26.

2017-07-05__Canada__Poligamia__001

«Two Canadian religious leaders have been found guilty of practising polygamy by the Supreme Court of British Columbia (BC).»

*

«The trial heard Winston Blackmore, 61, married 24 women»

*

«His former brother-in-law James Oler, 53, married five»

*

«The landmark ruling is considered a test of the boundaries of religious freedom in Canada»

*

«The Charter of Rights is the supreme law of Canada but we have to realise that the rights in the Charter are not absolute»

*

«In 2011, the BC Supreme Court upheld Canada’s anti-polygamy law as constitutional following a request from BC’s government for a ruling on the issue»

* * * * * * * *

Mr Winston Blackmore ha ventiquattro moglie ed oltre 145 figli. Come religione aderisce ad una sottosetta mormonica, la Fundamentalist Church of Jesus Christ of Latter-Day Saints.

Molte delle sue mogli sono giovani e molto carine: smentiscono in modo stridente l’usuale stereotipo di femmina canadese. Tutte in blocco difendono il loro marito: nei fatti sono loro a volere la poligamia.

Nel 2011 il Canada aveva posto il quesito se la poligamia potesse o meno rientrare nella costituzione canadese, ma la risposta della Suprema Corte, pur negandone la legalità aveva lasciato aperti molti dubbi legali.

Una buona sintesi del problema è fornita da TV News, che allega anche un video molto esplicativo. L’articolo riporta anche stralgie della sentenza.

Former bishops guilty of polygamy involving isolated sect in Bountiful, B.C.

«CRANBROOK, B.C. — Winston Blackmore was making no apologies Monday after he and another former bishop of an isolated religious community in British Columbia were found guilty of practising polygamy.

“I’m guilty of living my religion and that’s all I’m saying today because I’ve never denied that,” Blackmore told reporters after a judge announced a verdict against him and co-defendant James Oler.

“Twenty-seven years and tens of millions of dollars later, all we’ve proved is something we’ve never denied,” Blackmore said. “I’ve never denied my faith. This is what we expected.”

Blackmore, 60, was married to Jane Blackmore and then married 24 additional women as part of so-called “celestial” marriages involving residents in the tiny community of Bountiful.

Oler, 53, had five wives.

B.C. Supreme Court Justice Sheri Ann Donegan said the “collective force of the evidence” proved the guilt of both men, who were practising members of the Fundamentalist Church of Jesus Christ of Latter-Day Saints, a breakaway Mormon sect that believes in plural marriage.

“His adherence to the practices and beliefs of the FLDS is not in dispute,” Donegan said, reading her written ruling in a Cranbrook, B.C., courtroom.

“Mr. Blackmore … would not deny his faith in his 2009 statement to police. He spoke openly about his practice of polygamy.”

Blackmore was shown a list of his alleged wives and made two corrections to the details, Donegan said.

“Mr. Blackmore confirmed that all of his marriages were celestial marriages in accordance with FLDS rules and practices.”

Blackmore’s lawyer Blair Suffredine told the court he would launch a constitutional challenge of Canada’s polygamy laws. A hearing date is expected to be set next Monday.

Blackmore said it’s not religious persecution that bothers him, but that it’s political persecution and he hopes the challenge will bring about change.

“Twenty-seven years ago adultery was a criminal act. Twenty-seven years ago when they started with us same-sex marriage was criminal,” he said.

“Those people all successfully launched constitutional challenges on the basic right to freely associate. For us I imagine it will be (that) this is entrenched in our faith and I would have been hugely disappointed if I would have been found not guilty of living my religion.”

A decades-long legal fight launched by the provincial government led to a 12-day trial earlier this year. It heard from mainstream Mormon experts, law enforcement who worked on the investigation and Jane Blackmore, a former wife of Winston Blackmore who left the community in 2003.

Oler didn’t retain a lawyer and had the services of Joe Doyle, an amicus curiae, a so-called friend of the court appointed to ensure a fair trial, though he could not offer any legal advice.

Both men’s lawyers argued against the credibility of evidence related to marriage and personal records seized by police in 2008 from the Yearning for Zion Ranch, an FLDS church compound in Texas. The information involved members of the sect in the United States and Canada.

Doyle said important events related to Oler were missing, such as his client’s elevation to presiding elder in the community in June 2004. He also argued the Crown didn’t prove Oler continuously practised polygamy between 1993 and 2009.

“I find that the FLDS marriage records are ultimately reliable,” Donegan said before announcing her verdict against Oler.

“Having concluded the Crown has proven beyond a reasonable doubt that James Oler … practised a marriage with more than one person at the same time I find Mr. Oler guilty of practising polygamy,” Donegan said.

Both Blackmore and Oler remain out on bail. Crown spokesman Dan McLaughlin said the maximum sentence for a conviction of polygamy is five years in prison.

The mainstream Utah-based Church of Jesus Christ of Latter-day Saints officially renounced polygamy in the late 19th century and disputes any connection to the fundamentalist group’s form of Mormonism.

Blackmore and Oler were charged in 2014 for the second time with practising polygamy, more than two decades after allegations that members of the Bountiful community were involved in multiple marriage, sexual abuse and cross-border child trafficking.

Uncertainty over whether the Criminal Code section banning polygamy violated religious rights hovered over the case until 2011 when the B.C. Supreme Court ruled the law was constitutional and that polygamy is a crime.

The constitutional reference case heard that the harms of polygamy outweigh any claims to freedom of religion and include physical and sexual abuse, child brides, the subjugation of women, and the expulsion of young men, the so-called lost boys, who have no women left to marry.»

*

Il nodo è semplicemente questo:

«polygamy is a crime»?

Anche con donne consenzienti?


Bbc. 2017-07-25. Winston Blackmore and James Oler found guilty of polygamy

Two Canadian religious leaders have been found guilty of practising polygamy by the Supreme Court of British Columbia (BC).

*

The trial heard Winston Blackmore, 61, married 24 women. His former brother-in-law James Oler, 53, married five.

They were both charged with one count of polygamy. Each face up to five years in prison.

The landmark ruling is considered a test of the boundaries of religious freedom in Canada.

“The Charter of Rights is the supreme law of Canada but we have to realise that the rights in the Charter are not absolute,” Wally Opal, former BC attorney general told CTV News following Monday’s ruling.

Blackmore and Oler are from Bountiful in southeastern BC, a religious community of about 1,500 people founded in 1946.

Both are former bishops with a breakaway Mormon sect, the Fundamentalist Church of Jesus Christ of Latter-Day Saints (FLDS).

Mr Blackmore was excommunicated from the FLDS in 2002 and replaced by Mr Oler.

The sect has branches in the United States, where it has about 10,000 members.

But attempts to bring the case to trial stumbled over a lack of legal clarity.

In 2011, the BC Supreme Court upheld Canada’s anti-polygamy law as constitutional following a request from BC’s government for a ruling on the issue.

It said the law was a reasonable restriction on religious freedoms in Canada.

The verdict on Monday is unlikely to be the final legal word.

Blackmore’s lawyer, Blair Suffredine, told the court he planned to launch a challenge to the anti-polygamy laws should his client be found guilty.

Legal experts suggest that the case is likely to eventually end up in the Supreme Court of Canada.

Pubblicato in: Senza categoria, Vignette Umoristiche

Tempi moderni. Una barzelletta per sorridere.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-07-23.

Gufo_019__

Spengler. Il Tramonto dell’Occidente.

Spengler aveva visto lontano!

*

Un uomo entra in una casa isolata dove trova una giovane coppia che dorme tranquillamente.

Lega l’uomo sulla sedia da un lato della stanza e lega la donna sul letto dal lato opposto.

Si avvicina alla giovane donna e le sussurra qualcosa all’orecchio …

poi va di corsa in bagno. Il marito, a fatica, si avvicina con la sedia alla moglie e mormora:

– Cara questo è appena scappato dalla prigione, ho visto che ti ha baciata sul collo … probabilmente non vede una donna da anni… qualunque cosa ti domandi obbedisci e fai finta che ti piaccia, è una questione di sopravvivenza, sii forte, ti amo.

La moglie mezza nuda, si sposta il bavaglio e dice:

– Caro, sono felice che tu la prenda così, ma non mi ha baciata sul collo … mi ha sussurrato che sei carino e mi ha chiesto se avevamo della vasellina in bagno … si forte, ti amo!

Pubblicato in: Banche Centrali, Economia e Produzione Industriale, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria

Fed ed Ecb hanno iniziato il tapering. Effetti sulla gente comune.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-07-09.

Banchieri__101

Cerchiamo innanzitutto di definire al meglio i termini usati.

*

Quantitative easing (QE).

«Con alleggerimento o allentamento quantitativo, o anche facilitazione quantitativa, sovente con la locuzione inglese quantitative easing (o QE), si designa una delle modalità con cui avviene la creazione di moneta a debito da parte di una banca centrale e la sua iniezione, con operazioni di mercato aperto, nel sistema finanziario ed economico. ….

Il quantitative easing è uno strumento in grado di assicurare la permanenza dell’inflazione al di sopra di una certo valore-obiettivo. Il rischio di questa politica monetaria è il fatto che si riveli più efficace del previsto contro la deflazione nel lungo termine, portando ad un eccesso di inflazione a causa dell’aumento dell’offerta di moneta ….

I passi fondamentali per la realizzazione di un allentamento quantitativo dell’economia sono:

– l’emissione di nuova moneta da parte della banca centrale di riferimento (la BCE nel caso europeo);

– l’immissione della nuova moneta sul mercato tramite l’acquisto di titoli (titoli di stato, titoli finanziari, titoli tossici);

– il conseguente aumento del prezzo dei titoli e riduzione del loro rendimento;

– nei casi in cui il rendimento dei titoli pubblici è agganciato a quello dei tassi d’interesse bancari questo produce un abbattimento degli interessi bancari che in ultima istanza permette la riduzione nel medio periodo dei mutui, dei debiti delle famiglie verso le banche e di altri tipi di scoperto finanziario» [Fonte]

*

Tapering.

«Tapering is the reverse policy of quantitative easing (QE). It is when the government stops following the policy of quantitative easing (QE) gradually. For instance, at the present moment, the US government is buying $85 billion worth assets on a monthly basis. If the US government were to drop the asset purchases from $85 billion to $60 billion the next month, that would amount to quantitative easing (QE) tapering» [Fonte]

Il tapering di conseguenza altro non è che l’operazione inversa del QE. La banca centrale riduce gradualmente gli acquisti di titoli di stato e di titoli tossici. Le conseguenze sono opposte a quelle ottenute con il QE: le quotazioni dei titoli scendono ed i tassi di interesse salgono. Salgono sia gli interessi dovuti sui bond, sia quelli praticati dalle banche.

*

«Qualcosa sta davvero cambiando sul fronte obbligazionario e lo conferma la seduta di ieri in cui si sono visti molti tassi fissi perdere non poco sul secondario. La pressione ribassista sulle quotazioni del Bund a dieci anni, il cui rendimento è salito quasi allo 0,57%, con una variazione costante nel corso della giornata, ha inevitabilmente coinvolto tutti gli altri governativi e corporate in euro. La parte di curva però più in tensione è stata quella sui 5-7 anni. I mercati scontano così la riduzione del QE e la fine graduale degli stimoli di politica monetaria da parte della Banca centrale europea, eccedendo forse nel contraccolpo. …. I numeri sono inesorabili e lasciano intendere come i mercati stiano ormai scontando un cambio di strategia da parte della Bce …. Molto esposti al movimento ribassista i titoli aziendali e bancari con maggiore sensibilità al rialzo dei tassi.» [Fonte]

* * * * * * *

Conseguenze sulla gente comune.

In primo luogo si dovrebbe dire, per quanto oltremodo impopolare, è che la crisi del 2009 non sarebbe scoppiata se gli stati occidentali non avessero avuto debiti sovrani eccedenti le loro capacità gestionali: fossero stati società private sarebbero falliti. Senza ricordarsi questo, tutto resterebbe semplicemente incomprensibile.

In secondo luogo i tempi necessari al tapering saranno ragionevolmente lunghi. Le banche centrali non hanno nessuna intenzione di generare brusche rotture. Non ci si aspetti quindi eventi drammatici, ma ci si prepari ad un lento quanto inevitabile bradisismo delle quotazioni e degli interessi. Se questo è un bene, può però generare nei non addetti ai lavori la falsa speranza che il processo di tapering non esista.

In terzo luogo si deve prendere atto che i governi europei non hanno utilizzati i tempi del QE per ridurre il debito pubblico, approfittando dei bassi tassi di interesse. Solo la Germania è stata lungimirante da questo punto di vista. Le conseguenze saranno quasi sicuramente devastanti: senza easing e con alti tassi di interesse la riduzione dei debiti sovrani risulterà essere quasi impossibile. Di qui severe condizioni di instabilità e necessità di agire non più in modo graduale ma con provvedimenti che saranno molto, ma molto dolorosi.

In quarto luogo, se in passato era conveniente avere debiti, per esempio dei mutui, in futuro essi potrebbero diventare n peso insopportabile. Né ci si faccia illusioni di sorta. Anche contratti che apparentemente fossero inattaccabili con rigide clausole sugli interessi potrebbe alla fine essere ridefiniti ope legis. Ripetiamo: non ci si illuda che l’aumento dei tassi non morda anche il micro investitore.

*

Due ultime considerazioni.

L’Occidente è in una situazione davvero molto delicata. Le banche centrali hanno iniettato nel sistema masse monetarie gigantesche mantenendo artificialmente interessi vicini o sotto lo zero. Gli effetti sono stati modesti per il semplice motivo che il denaro non girava: i sistemi economici produttivi erano, e lo sono tuttora, paralizzati da un coacervo di leggi e regolamenti che rendevano improduttivi gli investimenti. Se però, quasi per paradosso, l’economia dovesse riprendersi, ad una maggiore circolazione del denaro corrisponderebbe una sempre crescente inflazione. L’inflazione diventerebbe il modo più semplice ed efficiente per bruciare il denaro generato in eccesso.

Il tutto è fortemente aggravato dal fatto che mentre i sistemi finanziari ed economici occidentali sono severamente malati, il resto del mondo sta molto meglio dell’Occidente: questo non significa che stiano bene, stanno solo meglio di noi. Di conseguenza, l’Occidente dovrà suo malgrado tener conto di un mondo politico ed economico totalmente mutato.


Forbes. 2017-06-27. Fed Tapering Roadmap Triggers the Reversal of the QE Experiment

Historically, scientists have conducted experiments not knowing how they would turn out. From Galileo testing theories on gravity to Isaac Newton separating light into its component colors. More recently Ben Bernanke and Janet Yellen experimented with quantitative easing (QE). Since then, economists and market participants have argued about how QE and the ballooning of Fed balance sheet has and will affect the economy and financial markets.

Recently, as telegraphed to the markets, the Fed raised the Fed Funds target rate by 25 basis points to a range of 1% to 1.25% while reaffirming its expectations for ongoing rate hikes this year and into 2018 and 2019 despite recently weaker than anticipated inflation data. The minimal change to the Fed’s forward rate expectations, slightly higher GDP growth estimates, a lower projected unemployment rate and most importantly the transitory verbiage describing the recent weakness in inflationary data was a modestly hawkish surprise to the financial markets. This in turn caused short maturity interest rates to rise substantially more than longer maturity interest rates. Additionally the Fed provided an outline for their plan regarding the tools, pace and timing for reducing the size of their balance sheet.

QE’s Impact on the Economy and Asset Valuation

Intending to work through the portfolio balance channel, QE and the Fed’s purchases of securities in the market has equated to a Fed balance sheet expansion of approximately $3.7 trillion dollars through the purchasing of U.S. Treasuries and agency mortgage backed securities or MBS. The expectation being Fed purchases would lower Treasury and mortgage interest rates thereby easing financial conditions, making it easier for individuals and companies to borrow, all things equal. In addition, these actions were intended to incentivize investors to diversify their portfolio outside of U.S. Treasuries and agency MBS given the shrinking free float of those assets as well as the less compelling valuations versus other assets such as corporate bonds and equities. In theory this would push corporate spreads tighter, U.S. equity prices higher, boost consumer wealth, increase confidence, and spur spending which in a virtuous cycle further supports an economic expansion.

How the $3.7 trillion in QE affects various asset classes is often debated. While it is nearly impossible to single out the effects of QE from other market influences, some estimates include 1% lower 10-year U.S. Treasury rates as a result of nearly $2 trillion of U.S. Treasury securities and 25 basis points or more in tighter mortgage spreads from the $1.8 trillion of MBS added to the Fed’s balance sheet. In corporate credit and equities, the effects on valuations are much more difficult to quantify given they are part of the second derivative effect of QE.

Essentially investors have crowded into asset classes like corporate credit and equities given yield and return hurdles were no long attainable in U.S. Treasuries and agency MBS.  Outside of the unquantifiable spread tightening in corporate credit, we have also seen an increase in opportunistic issuance from companies looking to take advantage of low interest rates and attractive credit spreads. As a partial result, the size of the U.S. credit markets has doubled since 2007.

How Will the Market Digest a Reversal of QE?  

The reversal of QE will have to be very slow, measured and well telegraphed in order to minimize what could be an inevitable market impact. Currently the Fed reinvests all of its maturities and principal paydowns equating to approximately $25-$33 billion per month or $300-$400 billion per year for US. Treasuries and agency MBS held on its balance sheet. According to the Fed, this potential balance sheet reduction could begin this year, however, it will start off slowly with a maximum monthly reduction in reinvestments of $10 billion between U.S. Treasury and agency MBS combined. This pace of tapering will then pick up quarterly by $10 billion combined each month culminating in a monthly reduction in reinvestment of $50 billion combined between Treasuries and agency MBS twelve months hence. At that point, the Fed could either begin selling the remainder of its intended portfolio reduction or much more likely, continue to let the portfolio slowly shrink over several years from strictly maturities and principal paydowns.