Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Materie Prime, Senza categoria

Sud Africa. Estrazione oro -5.4% yoy.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-13.

2019-10-12__Sud Africa. Estrazione Oro. 001

L’estrazione di oro in Sud Africa è in diminuzione da due anni a questa parte.

Se sicuramente vi siano molte ed acute problematiche di tensioni sociali, altrettanto sicuramente le miniere sembrerebbero avviarsi all’inizio dell’esaurimento.

*

«A South African gold mine that goes two miles beneath the Earth’s surface holds far more than just precious metals»

«Moab Khotsong, a South African gold mine that extends nearly two miles beneath the surface.»

«The country was the world’s top gold producer for decades. »

«Now the gold is running out, just as these ultra-deep mines have attracted a new breed of miner on a very different quest»

«We dropped two miles in a couple of minutes and emerged in an underground city. To get to the gold, miners must walk miles through a vast maze of dimly lit tunnels.»

«The gold in these ultra-deep mines is found in narrow veins, laced through the rock. Some are no wider than a pencil.»

* * * * * * *

Queste argomentazioni potrebbero aiutare a comprendere meglio la corsa all’oro perseguita da molti stati.

*


What lies at the bottom of one of the deepest holes ever dug by man?

A South African gold mine that goes two miles beneath the Earth’s surface holds far more than just precious metals.

Over the years at “60 Minutes,” we have been in more than a few tunnels. We explored Mexican drug lord El Chapo’s subterranean escape routes, burrowed through a Roman villa buried by Mount Vesuvius and traveled the depths of the New York City subway.   But nothing prepared us for a place called Moab Khotsong, a South African gold mine that extends nearly two miles beneath the surface. As we first reported last November, In their pursuit of gold, South Africans have dug the deepest holes on earth. The country was the world’s top gold producer for decades. Now the gold is running out, just as these ultra-deep mines have attracted a new breed of miner on a very different quest. We went along for the adventure.

In the early morning light, tall mine shafts loom over the Vaal River basin two hours southwest of Johannesburg. This once was a booming gold field, now most mines lie abandoned but Moab Khotsong is bustling. Long before the sun rises, thousands of miners start lining up for the triple-deck elevator called “the cage.” It’s jammed but more always push on, and early one morning, so did we.

We’re packed in as tight as sardines, the electric bells signal we’re ready, and the cage drops. Slowly at first, then picks up speed fast. We plunge 450 stories straight down. It’s the longest elevator ride on Earth.

The cage rattles and whistles as we descend, the air gets more humid the deeper we go. Our lifeline to the surface is a machine called the manwinder, massive coils of steel rope two inches thick that attach to the cage and unspool faster and faster. We dropped two miles in a couple of minutes and emerged in an underground city.

To get to the gold, miners must walk miles through a vast maze of dimly lit tunnels. Sometimes you’re lucky and can catch a ride, but mostly you just walk. For Leroy Lee, it’s in the blood. His father worked in the mines. Now it’s his turn. His family depends on his job.

The gold in these ultra-deep mines is found in narrow veins, laced through the rock. Some are no wider than a pencil. It’s cramped at the rock face and we crouch alongside the miners as they work hunched over in the dark. The noise from the drills is deafening. Massive air conditioners cool the tunnels but it can still reach 120 degrees down here.

At the end of the shift, we had to rush not to miss the elevator back up. It doesn’t wait for anyone.

And here’s where all that breaking rock pays off: the smelter. The ore is smashed and pulverized in a grinder before being fed into a furnace. Monga Kasongo, who runs the operation, told us we were the first TV crew to film the weekly ritual they call “the pour.” We all had to wear these special pajamas with no pockets so we couldn’t steal anything. The heat was intense as the furnace reached almost 2,000 degrees. The gold turned to liquid and poured down into the moulds.

Monga Kasongo: When I saw it the first time, I was like “wow.” That’s something that keeps me going. When you hear people who have never seen gold or touched it, I feel like I’m more privileged.

These bars will be refined again to 99.99 percent purity before they’re sold for coins and jewelry. The mine used to process about 60 tons of gold a year. Now it’s just a quarter of that. Still, the day we watched the pour, there was a pretty good haul.

Bill Whitaker: Wow, this is quite heavy…

Monga Kasongo: Yes, it is.

Bill Whitaker: How much is this?

Monga Kasongo: 11 million rand.

Bill Whitaker: In U.S. dollars, we’re talking seven and a half to eight million U.S. dollars for what you poured today?

Monga Kasongo: Yes, definitely.

Bill Whitaker: That sounds like a good day?

Monga Kasongo: It’s a good business.

It’s one thing to come here for the gold but now this harsh environment has attracted others: scientists hunting for what they call extreme life.

Tullis Onstott: We’ve found water that’s a billion years’ old

Bill Whitaker: A billion years old?

Tullis Onstott: A billion years’ old

Bill Whitaker: In these caves?

Tullis Onstott: Right.

An international team, led by Princeton geoscientist Tullis Onstott and Belgian biologist Gaetan Borgonie, are pioneers in the search for life buried in the rock where no one thought it could survive. Borgonie says his colleagues thought he was crazy when he took a sabbatical to try to prove there was life deep underground.

Gaetan Borgonie: Oh, come on they said. You’re going to go to South Africa for a year, you’re gonna go look for something that does not exist there.

They’ve lost count of the number of trips to the bottom of the mines searching for life hidden in the ancient water, seeping through the rock.

Gaetan Borgonie: This is a completely different world down there. There are different rules.

Bill Whitaker: How so?

Gaetan Borgonie: The temperature is different; the pressure is different. I mean, it’s a tough world down there for life.

The next day we went along with them to the deepest level of the mine. For them it was just another day at the office, for us it was an eye-opener.

With just the light from our headlamps, we waded through a tunnel that had been flooded with cold water to cool it down. Then we grabbed a chairlift cut through a channel of rock, except this one went down.

Picture five of New York’s World Trade Centers stacked on top of each other. That’s how deep in the Earth we are.

When the chairlift stopped suddenly we had to hike down the last 50 yards to the bottom. Then, at the end of an abandoned tunnel our scientists found something amazing.

Tullis Onstott: I’ve been looking for 20 years for a salty water deposit like this. Never found it until now.

White patches on the wall turned out to be salt.

Bill Whitaker: Is that edible?

Bennie: I don’t know, he’s tried it.

Bill Whitaker: This is ancient salt?

Tullis Onstott: That’s the question. Has to be– has to be ancient salt.

Bill Whitaker: Very salty. Salty salt.

And the source? This dripping salt water.

Bill Whitaker: What does that tell you?

Tullis Onstott: It tells me this water is extremely old. Cause in these rock formations they were formed three billion years ago. There weren’t salt deposits back then.

They believe this water could be all that’s left of an ancient ocean and where there’s water, there can be life.

Tullis Onstott: We could be looking at something which has never seen the life that has evolved on the surface of the planet.

Bill Whitaker: All from this cave two miles down in South Africa?

Tullis Onstott: All from gold mines in South Africa. Exactly.

In 2011 they found what no one thought possible: these tiny worms living in a pocket of water 5,000 years old. What you’re seeing is magnified. These worms are no bigger than a human hair. It was a species never-before-seen. It survives without sunlight, deep in the hot underworld, so they called it Mephisto or, “the devil.”

Gaetan Borgonie: That’s where my worms live. They eat bacteria.

Bill Whitaker: The first worm you found was in something like that?

Gaetan Borgonie: Yeah

Using an endoscope camera, they were the first to film this deep inside the earth’s crust. This is the devil worm’s home. Before this, no one thought animal life could exist this deep.

Bill Whitaker: You’ve made a big discovery.

Gaetan Borgonie: For me it is big, because for me personally, I had to fight quite a lot of people to be able to do this. On a personal level, that was the biggest victory for me. In the total grand scheme of things, it’s just a worm.

Bill Whitaker: It’s just a worm …

Gaetan Borgonie: It’s just a worm.

They were surprised to find other living creatures too, so many they called them a zoo. A crustacean, about one sixty-fourth of an inch. An arthropod, a flatworm, and single-cell bacteria. It set off a storm of speculation about where else extreme life might exist, perhaps even on Mars. NASA helped fund their research.

Gaetan Borgonie: If there is life here in the deep, then you should definitely dig on Mars because if life was ever there you will find some life form, I believe very strongly, still on Mars.

Bill Whitaker: So the Martians we meet in the future could be these single-cell organisms you’re–

Gaetan Borgonie: I think that would be the–

Bill Whitaker: –you’re talking about.

Gaetan Borgonie: –that is– yes, indeed. I think that would be the most likely. But be prepared to be surprised, I would say.

South Africa’s gold mines are now so deep they might as well be on another planet.

Bernard Swanepoel: I’m not sure that we really want to send human beings much deeper.

Bernard Swanepoel started his career underground and ended it as the CEO of Harmony Gold, which now owns Moab Khotsong.

Bernard Swanepoel: If you are in a successful mining team, it must be like a successful sports team. I mean mining is one of those activities where at the end of every shift you know whether you won or lost.

Gold was the lifeblood of South Africa. The way it’s dug out has changed little since apartheid when underpaid black miners often worked in mortal danger. At its worst, more than 800 workers a year died in mining accidents. No coincidence the struggle that led to apartheid’s defeat started underground.

Bill Whitaker: Gold and gold mining seem to be in the DNA of South Africa.

Bernard Swanepoel: South African gold mining especially has always been at the center of all political and other activities in our country. I mean our bad apartheid history is intertwined with gold mining. I mean a lot of the– a lot of the legislation to dispossess black people of land was in order to create cheap labor for South African gold mines.

Bill Whitaker: You grew up in a small mining town, during the era of apartheid. What are your strongest memories?

Bernard Swanepoel: Well, ultimately I’m a privileged person that, because I was white and I was male, those were the two requirements at the time to become a mining engineer.

Bill Whitaker: So are you the new face of South African mining?

Monga Kasongo: I will say yes. We are the new generation in the mining.  

Just a dozen years after apartheid ended, engineer Monga Kasongo started managing the smelter. He told us he chose to move here from the Congo to work in the mines.

Bill Whitaker: Has that wound in South Africa been healed?

Monga Kasongo: Not 100 percent healed. But there is some healing happening, there is some healing, yes because you have a different– different people working in the mines and the mindset has been changing.

Now safety is paramount. You’ll find women underground and blacks are senior managers. Once some of the lowest-paid laborers are now among the highest. But this generation of gold miners know they may be the last. Of the 11 gold mines that once flourished around here, only three still operate. The mines are now so deep, it’s becoming too expensive to get the gold out. The story of the ultra-deep mines is nearing its final chapter. To dig the riches from such astounding depths took grit and brute force. Now South Africa’s resolve must be deployed to solving the next challenge: what to do when the gold runs out.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria

I tre giganti. I nuovi discreti padroni dell’Occidente. Nomi quasi ignoti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-09.

BlackRock 1001

L’importante non è possedere.

L’importante è poter disporre.


Il dieci maggio di questo anno è stato pubblicato un lungo lavoro scientifico, ben 27 pagine, su di un tema che per molto tempo è stato ben poco trattato. Esso risponde alla domanda di chi comanda in Occidente.

Bebchuk, Lucian A. and Hirst, Scott.

The Specter of the Giant Three.

Boston University Law Review, Vol. 99, 2019, pp. 721-741.

Available at SSRN: https://ssrn.com/abstract=3385501 or http://dx.doi.org/10.2139/ssrn.3385501

* * * * * * *

Ecco chi sono gli Autori:

Lucian A. Bebchuk

Harvard Law School

Professor of Law, Economics and Finance; Director, Corporate Governance Program

Cambridge, MA 02138

United States

*

Scott Hirst

Boston University – School of Law

Director of Institutional Investor Research

765 Commonwealth Avenue

Boston, MA 02215

United States

* * * * * * *

«Abstract

This Article examines the large, steady, and continuing growth of the Big Three index fund managers — BlackRock, Vanguard, and State Street Global Advisors. We show that there is a real prospect that index funds will continue to grow, and that voting in most significant public companies will come to be dominated by the future “Giant Three.”

We begin by analyzing the drivers of the rise of the Big Three, including the structural factors that are leading to the heavy concentration of the index funds sector. We then provide empirical evidence about the past growth and current status of the Big Three, and their likely growth into the Giant Three. Among other things, we document that the Big Three have almost quadrupled their collective ownership stake in S&P 500 companies over the past two decades; that they have captured the overwhelming majority of the inflows into the asset management industry over the past decade; that each of them now manages 5% or more of the shares in a vast number of public companies; and that they collectively cast an average of about 25% of the votes at S&P 500 companies.

We then extrapolate from past trends to estimate the future growth of the Big Three. We estimate that the Big Three could well cast as much as 40% of the votes in S&P 500 companies within two decades. Policymakers and others must recognize — and must take seriously — the prospect of a Giant Three scenario. The plausibility of this scenario exacerbates concerns about the problems with index fund incentives that we identify and document in other work.»

* * * * * * *

È lecito domandarsi come abbiano fatto questi tre fondi a disporre di oltre 14,000 miliardi di dollari ed a governare il 40% dei voti nei consigli di amministrazione delle società S&P 500.

I Padroni del Mondo che manipolano anche la Germania.

Germania. La polizia irrompe negli uffici di BlackRock.

Warning! BlackRock guida la rivolta degli azionisti.

Blackrock. Mr Fink, il vero padrone del mondo.

«Attraverso BlackRock Solutions – risultato di continui investimenti in sistemi tecnologici integrati altamente sofisticati – BlackRock offre soluzioni di gestione del rischio e piattaforme d’investimento ad un’ampia rosa di clienti istituzionali, detentori di un patrimonio complessivo di oltre 7.000 miliardi di dollari.»

«Fondata da Robert S. Kapito e da Laurence Fink nel 1988, ha basato il suo successo su alcune semplicissime considerazioni.

– Una società di investimenti può ammaliare un potenziale cliente, ma se non lo fa guadagnare perde sia il cliente sia il suo entourage. I clienti soddisfatti sono fedeli e portano immediatamente altri clienti. Il guadagno assicurato è la migliore forma pubblicitaria possibile.

– Gli investimenti devono essere copiosi, fruttiferi e stabili nel tempo. Quindi, pochissimo mordi e fuggi. Solo investimenti strategici. La platea deve essere semplicemente il mondo.

– Tipicamente, si rileva un pacchetto di compartecipazione in una società produttiva sana. Non un pacchetto di maggioranza, sarebbe troppo oneroso, ma di dimensioni tali da poter nominare membri nel cda e da poter influenzare la condotta della società stessa.

– Le società delle quali BlackRock detiene una partecipazione azionaria formano un network virtuale di aziende sane e redditizie, che si spalleggiano le une con le altre. Per esempio, una società produttrice utilizzerà delle banche ove sia presente BlackRock, si servirà da fornitori BlackRock, venderà ad utilizzatori BlackRock.

– Ma la idea portante è utilizzare il denaro degli altri, ossia degli investitori, per ottenere il condizionamento del cda di una società, obbligandolo alla generazione di reddito da ripartire tra gli azionisti ed alle norme comportamentali su riportate. La conditio sine qua non è una gestione impeccabile di quanto conferito. A nessuno mai interesserà come il denaro sia investito purché esso frutti utili copiosi.

– La onestà di comportamento nei confronti degli investitori che hanno conferito il loro denaro da gestire è il cuore del comportamento di BlackRock, e ne condiziona eticamente ogni azione. Infatti nessun investimento dura nel tempo se è utilizzato in modo improprio.

– Nella realtà dei fatti, BlackRock ha introdotto una filosofia di investimenti volta sicuramente al profitto, ma molto di più al controllo: in altri termini, al potere.  Non solo. Se è difficile entrare nel suo organico, è facilissimo uscirne: le progressioni di carriera sono fortemente meritocratiche, basate solo sui risultati ottenuti. Si viene così a formare una scuola dirigenziale di elevato valore, che potrebbe in ogni momento transitare alla politica surclassando i classici candidati mediatici. In altri termini: è un nuovo modo di fare politica.»

* * * * * * *

«conta chi governa i consigli di amministrazione».

È semplicemente evidente come la Weltanschauung di BlackRock, così come quella di Vanguard e di SSGA, sia diametralmente opposta all’ideologia liberal democratica negli Stati Uniti e liberal socialista in Europa, che vedono le società come vacche da mungere.

Si legga con grande attenzione il profilo biografico di Mr Larry Fink.

«Laurence D. Fink is Founder, Chairman and Chief Executive Officer of BlackRock, Inc. He and seven partners founded BlackRock in 1988, and under his leadership, the firm has grown into a global leader in investment and technology solutions to help investors build better financial futures. Today, BlackRock is trusted to manage more money than any other investment firm in the world. Mr. Fink has been named one of the “World’s Greatest Leaders” by Fortune, and Barron’s has named him one of the “World’s Best CEOs” for 13 consecutive years.

Prior to founding BlackRock in 1988, Mr. Fink was a member of the Management Committee and a Managing Director of The First Boston Corporation.

He serves as a member of the Board of Trustees of New York University (NYU) and the World Economic Forum, and is Co-Chairman of the NYU Langone Medical Center Board of Trustees. In addition, he serves on the boards of the Museum of Modern Art, the Council on Foreign Relations, and the Nature Conservancy. He also serves on the Advisory Board of the Tsinghua University School of Economics and Management in Beijing and on the Executive Committee of the Partnership for New York City.

Mr. Fink earned an MBA with a concentration in real estate from the University of California at Los Angeles (UCLA) in 1976 and a BA in political science from UCLA in 1974.»

– Mr Fink non si è laureato nelle così dette grandi università della costa dell’est.

– Mr Fink siede nell’Advisory Board of the Tsinghua University School of Economics and Management in Beijing.

– “World’s Greatest Leaders” by Fortune.

*

Similmente, altrettanto istruttiva è la lettura meditata dell’elenco dei membri del Global Executive Committee.

Per esempio, Mr Geraldine Buckingham “received the Rhodes scholarship to study at Oxford University, where she earned a Master of Philosophy degree in Comparative Social Policy. She earned her Bachelor of Medicine and Bachelor of Surgery (MBBS) degrees from Monash University.”

Mr Conway “earned a BComm degree from University College Dublin (UCD)”

Sir Robert Fairbairn “currently serves as a member of the Board of Trustees of Pitzer College and Vice Chair of the Campaign Board of Durham University. He earned BA degrees in history, economics, and Russian studies from Durham University in 1987.”

Mr. Goldstein “earned a BS degree, magna cum laude, in economics from Binghamton University in 1994.”

Dr. Golub “earned a SB degree and an SM degree in Management in 1978 and 1982 respectively, and a PhD degree in Applied Economics and Finance in 1984, all from the MIT Sloan School of Management.”

Sono pochi i membri del Global Executive Committee che abbiano conseguito lauree specifiche: la maggior quota ha lauree umanistiche.

Da ultimo, ma non certo per ultimo, BackRock ha nel Committee dosi omeopatiche di donne, ma tutte di profilo professionale molto elevato. Rimasto fuori dall’uscio, il gender non può nuocere più di tanto.

Gli altri due fondi sono fotocopia di BlackRock,

Nota.

Questi Tre Moschettieri hanno recentemente preso posizione contro i liberal democratici, specificatamente Mrs Warren, e contro il ‘clima’.

Si mormora, sussurrando, che l’on Matteo Renzi sia stato da loro ispirato.

*

Tre fondi, BlackRock, Vanguard e SSGA controllano tutte le corporation USA

Le grandi istituzioni economiche, come il Financial Stability Board e il Fmi, alla fine hanno dovuto ammettere che il sistema finanziario non bancario, ufficialmente chiamato «shadow banking», ha surclassato il tradizionale sistema bancario nella gestione del risparmio e degli investimenti finanziari.

Un recente paper «The specter of giant three», preparato da due professori americani, Lucian Bebchulk e Scott Hirst, e pubblicato dalla Harvard Law School University di Cambridge, Massachusetts, analizza in dettaglio il ruolo dominante degli exchange trade funds (etf) nel variegato e sempre meno controllato mondo della finanza. «Lo spettro dei tre giganti» non è soltanto un titolo provocatorio. Esso mostra una precisa fotografia del crescente potere di tre etf americani, i fondi BlackRock, Vanguard e State Street Global Advisors (SSGA). Il primo è di gran lunga il più conosciuto in quanto a suo tempo venne utilizzato dal Dipartimento del Tesoro per «fare pulizia» di titoli tossici presenti in varie istituzioni finanziarie americane.

I fondi indicizzati etf sono fondi d’investimento che raccolgono capitali e risparmio da diversi soggetti e li investono in un «portafoglio di titoli» di corporation comprese in alcuni indici borsistici di Wall Street. Il caso emblematico è quello di Standard&Poor’s 500, Detti fondi comprano un ventaglio di partecipazioni azionarie, replicando così fedelmente la composizione dell’indice di riferimento. Com’è noto, gli etf sono anche quotati in borsa.

I Tre Giganti complessivamente gestiscono ben 14.000 miliardi di dollari di attivi (assets under management).La loro crescita è stata vertiginosa, anche per le non irrilevanti agevolazioni fiscali. In dieci anni, di tutti i capitali confluiti nei vari fondi d’investimento, l’80% è finito nei tre colossi. In venti anni la loro partecipazione azionaria nelle grandi corporation americane, che fanno parte dello S&P 500, è quadruplicata, passando dal 5,2% al 20,7%.

BlackRock e Vanguard, di fatto, detengono ognuna più del 5% delle azioni di tutte le corporation comprese nell’indice menzionato. Il paper succitato stima che i Three Giants rappresentino il 25% dei voti nelle assemblee direttive delle imprese in questione.

Questo, ci sembra, l’aspetto più preoccupante. I manager delle Tre Big sarebbero nella posizione di essere azionisti dominanti in tutte le più importanti company americane, soprattutto in quelle ad azionariato diffuso e senza un azionista di controllo. Non è un caso, quindi, che molte istituzioni pubbliche, a cominciare dal Dipartimento di Giustizia Usa e dalla Commissione federale del commercio, che vigila sulla concorrenza, siano attenti al rispetto delle leggi anti trust, al conflitto d’interesse e in generale alle eventuali manipolazioni dei mercati e delle borse.

Dopo la Grande Crisi del 2008 giustamente si era molto parlato della concentrazione di potere delle banche cosiddette «too big to fail» per tentare di introdurre nuove regole per contenerne lo strapotere. Oggi, invece, i giganti dello «shadow banking» hanno bypassato il sistema bancario, creando un nuovo e più potente oligopolio finanziario.

Nessuno può essere indifferente. Con un’attività sempre più agguerrita i Tre Giganti puntano verso i mercati asiatici e verso quelli europei.

È molto preoccupante assistere alla faticosa e spesso poco produttiva rincorsa delle varie agenzie di controllo dietro questi attori della grande finanza, che naturalmente corrono più veloci rispetto ai controllori. I numeri in questione e i tanti rischi per l’economia reale di molti paesi sono troppo grandi perché siano sottovalutati da parte dei decisori globali.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Senza categoria

Germania. Le bugie hanno le gambe corte. Saper mentire è un’arte.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-08.

2019-10-08__Destatis__001

Nel mandare in Siberia alcuni suoi collaboratori, Lenin disse:

«non vi condanno per aver mentito, ma per esservene fatti accorgere»


Mica tutto ciò che è stampato e divulgato è vero. Anzi, molto spesso è menzognero.

Un caso da manuale è quello di riportare mezze verità.

Nessuno può, né vuole, contestare la veridicità di quanto affermato, ma tutto il resto, pur vero, fornisce un quadro opposto della reale situazione.

* * *

Destatis. 2019-10-08. Production in August 2019: +0.3% seasonally adjusted on the previous month

* * *

Il titolo è formalmente corretto, bensì incompleto, e come tale è ripreso dalle agenzie di stampa.

Germania: produzione industria risale

«Sale, a sorpresa, la produzione industriale in Germania nel mese di agosto dopo due mesi di declino. L’aumento rispetto a luglio è dello 0,3% a fronte di un andamento zero stimato dagli economisti riportato dalla Bloomberg»

* * *

Ma se ci si pigliasse la briga di leggere tutto il testo e tutti i dati pubblicati da Destatis, ne emergerebbe un quadro ben differente.

«Press release No. 394 of 8 October 2019

August 2019 (provisional): production in industry

+0.3% on the previous month (price, seasonally and calendar adjusted)

-4.0% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)

July 2019 (revised): production in industry

-0.4% on the previous month (price, seasonally and calendar adjusted)

-3.9% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)»

* * *

L’aumento del +0.3% è relativo al mese di agosto, comparato al valore del mese precedente, ma solo e soltanto quanto esso è “price, seasonally and calendar adjusted“.

Ciò che i titoli ben si guardano dal riportare è il

«-4.0% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)».

* * *

Una gran bella differenza!

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria

Mef. Fabbisogno statale di 22.6 miliardi a settembre.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-03.

2019-10-02__Mef_001

«Nel mese di settembre 2019 il saldo del settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un fabbisogno di 22.600 milioni, con un peggioramento di circa 2.700 milioni rispetto al corrispondente mese dello scorso anno (-19.942 milioni).»

«Il fabbisogno dei primi nove mesi dell’anno in corso si attesta sui 55.000 milioni, con un peggioramento di circa 5.500 milioni rispetto a quello registrato nel periodo gennaio-settembre 2018 (-49.529 milioni).»

* * * * * * *

 

2019-10-02__Mef_002


Mef. 2019-10-01. A settembre 2019 il settore statale mostra un fabbisogno di 22,6 miliardi di euro

Comunicato Stampa N° 171 del 01/10/2019

Nel mese di settembre 2019 il saldo del settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un fabbisogno di 22.600 milioni, con un peggioramento di circa 2.700 milioni rispetto al corrispondente mese dello scorso anno (-19.942 milioni). Il fabbisogno dei primi nove mesi dell’anno in corso si attesta sui 55.000 milioni, con un peggioramento di circa 5.500 milioni rispetto a quello registrato nel periodo gennaio-settembre 2018 (-49.529 milioni).

Sul sito del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato è disponibile il dato definitivo del saldo del settore statale del mese di agosto 2019

Commento
Il risultato del mese mostra un andamento degli incassi pressoché in linea con i livelli dello scorso anno, mentre si segnalano maggiori pagamenti delle Amministrazioni Centrali e maggiori prelievi INPS. 

La spesa per interessi sui titoli di Stato presenta un aumento di circa 150 milioni.

A settembre 2019 il settore statale mostra un fabbisogno di 22,6 miliardi di euro (PDF, 129.99 KB )

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Senza categoria

Auto elettriche. 9,579 immatricolazioni nel 2018.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-29.

Flop 001

«Nel 2018 in Italia sono state 9.579 le elettriche immatricolate (5.010 pure e 4.569 ibride): lo 0,5% del totale»

*

I dati sono questi: le auto elettriche pure sono lo 0.25 delle immatricolazioni totali.

Ci si pone soltanto qualche domanda.

– Che senso abbia il proliferare in ogni comune di colonnine di ricarica quando il parco auto elettriche è residuale?

– Non avrebbe potuto il denaro pubblico essere utilizzato per opere di beneficio generale?

* * * * * * *


Corriere. 2019-09-26. Auto elettriche, tutti ne parlano, ma ancora pochi le comprano

Nel 2018 in Italia sono state 9.579 le elettriche immatricolate (5.010 pure e 4.569 ibride): lo 0,5% del totale

Per la prima volta in Italia, ad aprile, è stata superata la soglia delle 1.000 auto elettriche pure immatricolate in un mese, risultato che si è ripetuto in maggio e in giugno e che si deve certamente anche agli incentivi all’acquisto («Ecobonus») introdotti dalla Legge di Bilancio 2019, grazie ai quali si è scalfita la barriera più rilevante alla diffusione della mobilità elettrica, cioè l’elevato costo iniziale del veicolo. Questo ha fatto salire a circa 6.000 le auto elettriche «pure» vendute nei primi sette mesi del 2019, ben un migliaio in più rispetto a tutto il 2018, con una crescita del 113% sullo stesso periodo dell’anno precedente. Nel 2018 infatti sono state 9.579 le auto elettriche immatricolate (5.010 pure e 4.569 ibride), appena lo 0,5% del totale (2 milioni) e tuttavia abbastanza da far salire il parco circolante a 22.000 unità. Né va dimenticata la crescita relativa: le elettriche sono aumentate di una volta e mezza rispetto all’anno precedente (e del 113% se si considerano i primi 7 mesi del 2019), i PHEV, o ibridi plug-in, del 60%. Sono alcuni dei risultati emersi dalla terza edizione dello Smart Mobility Report, redatto dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano e presentato per la seconda volta a THAT’S MOBILITY, l’evento dedicato alla mobilità elettrica in corso al MICO, Centro Congressi di Fiera Milano.

L’analisi riguarda i principali macro-trend che stanno ridisegnando il mondo della mobilità verso la smart mobility – dall’elettrificazione alla sharing mobility, all’uso dei veicoli elettrici come soggetto attivo all’interno del sistema elettrico (Vehicle-Grid Integration) – ed è stata supportata da numerosi partner industriali. «Uno scenario incoraggiante nonostante i numeri delle auto elettriche in Italia risultino ancora piccoli se comparati al mercato interno totale dei veicoli o all’andamento della mobilità elettrica nei principali paesi europei, dove rappresentiamo il 2,5% – commenta Vittorio Chiesa, Direttore dell’E&S Group -. Tuttavia, è ormai chiaro a tutti che non stiamo più parlando di una “nicchia”, ma di una componente fondamentale dei trasporti del futuro. Opinione suffragata dal Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima – PNIEC, che fissa obiettivi ambiziosi per i prossimi anni.

Ottimi segnali sono l’ampliamento dell’offerta di modelli di auto, oggi più di 60 (+260% rispetto al 2015) tra «puri» e ibridi plug-in – continua Chiesa – così come lo sforzo degli operatori della ricarica, che ha permesso di raggiungere gli 8.200 punti di ricarica ad accesso pubblico installati oggi in Italia, aumentando la percezione di adeguatezza dell’infrastruttura da parte degli utenti”. In tutto il mondo, nel 2018 sono stati immatricolati 2,1 milioni di veicoli elettrici, sia «full electric» (70% del totale) che ibridi plug-in, con un trend di crescita sul 2017 (+78%) che ci si aspetta venga confermato nel 2019, quando si dovrebbero superare i 3 milioni. La Cina svetta con 1,2 milioni di nuovi veicoli elettrici (+78%), il triplo dell’Europa che però si conferma il secondo mercato con oltre 400.000 immatricolazioni (+34%). Seguono Stati Uniti (350.000, +79%) e Giappone (53.000, -6%). In Europa, al primo posto ancora la Norvegia, che con oltre 72.000 nuove auto elettriche segue Cina e Stati Uniti e registra un impressionante 49% sul totale dei nuovi veicoli nel Paese. Al secondo posto la Germania (67.000, +24%), poi Gran Bretagna e Francia (rispettivamente 60.000 e 45.000, +26% e +24%).

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

EU. Lamberts (Grüne) dichiara che M5S è un’azienda in mano del solo Casaleggio.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-29.

unione europea 001

Nell’Europarlamento il M5S sta cercando un gruppo parlamentare nel quale potersi trasferire. Operazione invero non molto semplice. Questa a seguito è la prima risposta dei Grüne.

«Eurodeputato ecologista, ‘vero capo M5s è Casaleggio’»

«Incontreremo i cinque stelle e ascolteremo quello che hanno da dire»

«Le nostre preoccupazioni sul M5s sono note. Nonostante votino come noi su moltissimi temi, abbiamo a che fare con un’organizzazione che non è un partito, ma un’azienda nelle mani di una sola persona” e questo “non è in linea con i criteri democratici”.»

«”Abbiamo visto che il signor Casaleggio, il vero capo del partito – ha sottolineato Lamberts – si sente perfettamente a suo agio quando incontra Steve Bannon, che non è esattamente uno dei pensatori chiave dell’ideologia ‘verde’. Siamo molto sospettosi sull’organizzazione, anche se cooperiamo molto bene con le persone” nel Parlamento Ue.»

«Sull’ipotesi di una cooperazione con il M5s, Lamberts ha quindi concluso: “Siamo cauti, molto cauti”.»

* * * * * * *

Se queste sono le premesse, sarà dura per M5S transitare nel gruppo parlamentare Grüne.

– M5S è un’azienda;

– ‘vero capo M5s è Casaleggio’;

– un’organizzazione che non è un partito;

– non è in linea con i criteri democratici.

* * *

Un giudizio tranchant.


Ansa. 2019-09-28. Lamberts (Verdi), M5s è azienda in mano a uno solo

Eurodeputato ecologista, ‘vero capo M5s è Casaleggio’.

“Incontreremo i cinque stelle e ascolteremo quello che hanno da dire. Le nostre preoccupazioni sul M5s sono note. Nonostante votino come noi su moltissimi temi, abbiamo a che fare con un’organizzazione che non è un partito, ma un’azienda nelle mani di una sola persona” e questo “non è in linea con i criteri democratici”. Così il co-presidente dei Verdi europei, l’eurodeputato Philippe Lamberts, interrogato sulle aspettative per l’incontro di oggi con il Movimento 5 Stelle.

“Abbiamo visto che il signor Casaleggio, il vero capo del partito – ha sottolineato Lamberts – si sente perfettamente a suo agio quando incontra Steve Bannon, che non è esattamente uno dei pensatori chiave dell’ideologia ‘verde’. Siamo molto sospettosi sull’organizzazione, anche se cooperiamo molto bene con le persone” nel Parlamento Ue. “Immaginatevi – ha aggiunto – se due anni e mezzo fa avessimo preso a bordo i cinquestelle: ci saremmo trovati a confrontarci, prima delle elezioni, con la maggiore delegazione nei Verdi che era insieme all’estrema destra” in Italia. Sull’ipotesi di una cooperazione con il M5s, Lamberts ha quindi concluso: “Siamo cauti, molto cauti”.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Senza categoria

ECB, Il membro tedesco del Comitato si è dimesso.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-27.

Gufo_019__

Che il clima in Ecb fosse teso era cosa nota da tempo. Così come era ben chiara la discrepanza di visioni di politica economica. Nessuno poi potrebbe negare quanto la politica sbandieri a voce alta l’indipendenza del governatore dell’Ecb, ma nel contempo lo riempia di oscure minacce sussurategli nell’orecchio.

ECB. Offerti 100 mld Tltro-III e richiesti 3.4 mld. Deserta l’asta.

Fed ed Ecb. Molti pensano che siano a fine corsa. Vecchie, ragionano da vecchie.

Ecb. Eurozona. Riserva valutaria 836.50 miliardi Usd, 4.52% del pil.

ECB. Rivolta dei Governatori contro i provvedimenti disperati.

Ecb. ‘Rallentamento più duraturo del previsto’.

* * * * * * *

La debolezza dell’Ecb è documentabile da pochi dati, ma sono quelli che poi contano davvero.

L’Ecb ha 836.5 miliardi Usd di riserve valutarie, la Cina 3,107 miliardi Usd, il Giappone 1,331.6, la Russia 532.7 e l’India 529.61 miliardi Usd. Le differenze saltano immediatamente agli occhi se si considera il rapporto riserve / pil: Eurozona 4.52%, Cina 23.73%, Giappone 26.26%, Russia 33.80% ed India 19.69%.

L’eurozona è piena di liquidità giacenti inerti in attesa di poter essere investite: ma ripristinare  il clima di fiducia necessario è compito dei politici, non certo dei banchieri centrali.

Nei fatti, l’ultima manovra prospettata da Draghi serve solo a rendere agli stati meno gravoso il peso dei debiti sovrani, ma non solo non concorre a ridurne l’ammontare, ma al contrario li farà levitare.

È del tutto sequenziale che Germania, ed Olanda, per esempio, non possano tollerare una simile situazione.

Ma su tutto spicca l’inconsistenza finanziaria dell’Ecb.

Siamo chiari: il piano Draghi è velleitario: non si possono fare nozze con i fichi secchi, così come è velleitario cercare di risolvere problemi economici e politici con manovre monetarie. Le viti si avvitano ed i chiodi si piantano, non viceversa.

* * * * * * *

«Official’s planned departure in October will come two years before term ends»

«The most senior German official at the European Central Bank unexpectedly resigned before the end of her term amid a conflict over a move this month to restart the bank’s giant bond-buying program»

«Sabine Lautenschläger, who sits on the bank’s six-member executive board in Frankfurt, will leave the bank on Oct. 31, more than two years before her eight-year term had been due to end»

«She is the third German-born official to resign from the ECB in just over eight years following policy disputes»

«Her departure underscores deep divisions within the ECB’s 25-member rate-setting committee over how to steer the eurozone economy through a period of slowing growth and mounting external threats»

«They will pose an early challenge for the ECB’s incoming president, Christine Lagarde, who starts on Nov. 1 and will need to mend ties with officials in major eurozone economies, notably Germany»

«The Bundesbank’s current President, Jens Weidmann, has repeatedly criticized the bank’s bond purchases, most recently in an interview this month with German mass-market daily Bild»

* * * * * * *

A quanti avessero buona memoria dovrebbe essere inutile ricordare come nel 1930 in Germania i rotoli di banconote da cento miliardi di marchi fossero usate come carta da parati.

Già. Chi mai lo avrebbe mai detto?


WSJ. 2019-09-27. Germany’s Lautenschläger Resigns From ECB Board

Official’s planned departure in October will come two years before term ends.

FRANKFURT—The most senior German official at the European Central Bank unexpectedly resigned before the end of her term amid a conflict over a move this month to restart the bank’s giant bond-buying program.

Sabine Lautenschläger, who sits on the bank’s six-member executive board in Frankfurt, will leave the bank on Oct. 31, more than two years before her eight-year term had been due to end, the ECB said Wednesday.

She is the third German-born official to resign from the ECB in just over eight years following policy disputes.

Her departure underscores deep divisions within the ECB’s 25-member rate-setting committee over how to steer the eurozone economy through a period of slowing growth and mounting external threats. Those divisions have unsettled investors and, some analysts said, hampered the ECB’s response to economic crises.

They will pose an early challenge for the ECB’s incoming president, Christine Lagarde, who starts on Nov. 1 and will need to mend ties with officials in major eurozone economies, notably Germany.

Two other German-born ECB officials—former Bundesbank president Axel Weber and the former ECB chief economist, Jürgen Stark —both stepped down from the bank in 2011 after criticizing its decision to buy eurozone government debt. The Bundesbank’s current President, Jens Weidmann, has repeatedly criticized the bank’s bond purchases, most recently in an interview this month with German mass-market daily Bild.

German public opinion is highly critical of the ECB’s expansionary monetary policy, and senior German officials worry that the ECB’s bond purchases unfairly subsidize spendthrift governments in Southern Europe.

The ECB gave no reason for Ms. Lautenschläger’s departure. But it comes less than two weeks after the ECB unveiled a large new stimulus package aimed at shoring up the eurozone economy that included an open-ended bond-buying program.

In an interview in August, Ms. Lautenschläger, a 55-year-old jurist, warned that it was too early to launch an aggressive stimulus package, pointing to signs of strength in the eurozone economy. She argued that bond purchases should only be used in an emergency, such as when the region was threatened with deflation, or a vicious circle of falling prices.

The ECB’s Italian-born President Mario Draghi, who is also due to leave the bank in October, pushed forward with the stimulus package over objections from at least seven members of the bank’s 25-member rate-setting committee. Opponents included the heads of the Dutch, French and German central banks, representing economies that account for more than half of eurozone economic output.

The very vocal opposition to the ECB’s move “shows how fragile the ECB currently is,” said Carsten Brzeski, chief economist with ING Bank on Germany. Ms. Lagarde “will have some work to do to mend the ties,” he added.

European leaders must now agree on a successor to Ms. Lautenschläger, likely another German. Her resignation caps a period of high turnover on the ECB’s executive board, with five of six board members departing the bank over a period of 18 months.

Ms. Lautenschläger recently helped lead the ECB’s new banking supervisory arm, established during the region’s debt crisis to sever the link between weak governments and banks.

*


Caos in BCE: uno dei membri del Comitato si è dimesso. I motivi

La BCE perde pezzi: Sabine Lautenschläger, membro tedesco del Comitato esecutivo, ha rassegnato le dimissioni. I motivi.

La BCE sta perdendo pezzi: Sabine Lautenschläger, uno dei membri del Comitato esecutivo della banca centrale, ha scelto di rassegnare le dimissioni.

Il motivo? Da ricercare nei mai sopiti contrasti con Mario Draghi che in occasione dell’ultima riunione ha scelto di tagliare i tassi di interesse sui depositi e di annunciare un nuovo Quantitative Easing.

Le dimissioni di Lautenschläger dalla BCE sono tra l’altro giunte proprio nel momento in cui l’Italia ha avanzato all’Eurogruppo la candidatura di Fabio Panetta come prossimo membro del Comitato esecutivo.

Tegola BCE: i motivi delle dimissioni di Lautenschläger

Il Comitato esecutivo della BCE è formato da sei persone, compresi il Presidente e il Vicepresidente dell’istituto, tutte nominati dal Consiglio europeo.

Nella serata di ieri, mercoledì 25 settembre, il membro tedesco Sabine Lautenschläger ha scelto di rassegnare le dimissioni senza però fornire indicazioni in merito ai motivi di questa scelta.

Molti hanno puntato il dito contro i rapporti piuttosto tesi tra la donna e Mario Draghi, lo stesso che il 31 ottobre lascerà la BCE nelle mani di Christine Lagarde.

Nell’ultima riunione l’italiano ha tagliato i tassi sui depositi, annunciato un nuovo Quantitative Easing e aperto le porte a un nuovo round di politiche monetarie extra-accomodanti. Il deciso cambiamento di rotta operato dalla banca centrale ha portato gli oppositori del Presidente a storcere il naso.

Tra le maggiori critiche mosse al nuovo Quantitative Easing sicuramente quelle relative alla sua efficacia. La Lautenschläger si è sin da subito scagliata contro la decisione di introdurre un nuovo QE a tempo indefinito che procederà al ritmo di 20 miliardi al mese e ha votato contro le mosse di Draghi. I loro scontri hanno portato poi alle dimissioni della donna, secondo i rumor.

Cosa accadrà adesso?

Le dimissioni di Lautenschläger non avranno alcun impatto sulla rappresentanza del Comitato esecutivo BCE: la donna sarà infatti sostituita da un altro tedesco visto che ai Paesi con il PIL più alto viene in genere accordata una presenza nel Board.

Molto probabilmente il suo successore sarà comunque una donna. D’altronde lo stesso Draghi ha più volte sottolineato la necessità di dare spazio alla componente femminile in ogni tipo di istituzione.

Le dimissioni di Lautenschläger dalla BCE, si noti, sono arrivate con più di due anni di anticipo rispetto alla scadenza naturale del mandato prevista per febbraio 2022.

Pubblicato in: Senza categoria

Banche. Liquidità. Ubi banca rifonde anticipatamente 1.5 mld.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-25.

Brüghel il Vecchio. La parabola dei ciechi.

ECB. Offerti 100 mld Tltro-III e richiesti 3.4 mld. Deserta l’asta.

Al momento almeno, le banche sono strapiene di liquidità non collocabili.

* * *


Ubi Banca rimborsa anticipatamente 1,5 mld di TLTRO2

Attualmente l’esposizione residua è di 11 miliardi

Ubi Banca informa di aver provveduto al rimborso anticipato di 1,5 miliardi di TLTRO2, a valere sui 10 miliardi di euro attualmente in essere con scadenza 24 giugno 2020. Conseguentemente l’esposizione complessiva residua al TLTRO2 ammonta attualmente a 11 miliardi, comprensiva dei 2,5 miliardi nominali in scadenza il 24 marzo 2021.

“Tale rimborso – si legge in una nota – è stato reso possibile dalla velocità di implementazione del Piano di Funding, volto anche a sostituire progressivamente nel tempo, con emissioni di mercato, i finanziamenti straordinari Bce. UBI Banca non ha partecipato alla prima operazione TLTRO3 che ha avuto luogo nel corrente mese di settembre”.

Pubblicato in: Banche Centrali, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria

Consob chiude 22 siti illegali di trading e finanza. Una grande truffa.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-25.

2019-09-25__ Comsob 001

La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, Consob, ha fatto chiudere ventidue siti che operavano trading on line e servizi finanziari.

* * * * * * *

Provvedimenti contro siti abusivi.

Pubblicazioni di gennaio e febbraio 2019 Pubblicazioni di marzo e aprile 2019 Pubblicazioni di maggio e giugno 2019

Interventi Consob per l’oscuramento dei siti abusivi di trading on line. Nuovi poteri di vigilanza attribuiti dal “decreto crescita” (30 luglio 2019)

Consob ordina l’oscuramento di 22 siti web che offrono abusivamente servizi finanziari (19 settembre 2019)

Consob ordina l’oscuramento di 3 siti web che offrono abusivamente servizi finanziari (20 settembre 2019)

* * * * * * *

Altri provvedimenti.

Rischi per i consumatori: valute virtuali e criptovalute

Avviso dell’Esma del 9 gennaio 2019: Initial Coin Offerings and Crypto-Assets Comunicato della FINMA in merito agli «stable coin» (Libra)

Rischi per i consumatori: compravendita di diamanti

Rischi per i consumatori: presunte offerte di assistenza per il recupero dei crediti da perdite per frodi finanziarie

Rischi per i consumatori: utilizzo improprio di elementi identificativi identici o somiglianti a quelli di società autorizzate nonché della denominazione di Consob e di altre autorità di vigilanza

* * * * * * *

«Se vieni contattato o ti imbatti in un sito web di un soggetto che ti propone il trading on line (ad es. su opzioni binarie e/o operazioni su forex) verifica che sia autorizzato.

Con l’autorizzazione il soggetto viene iscritto nell’elenco delle SIM tenuto dalla CONSOB. Per consultare l’elenco clicca qui. Nel sito della CONSOB è possibile consultare anche l’elenco delle imprese di investimento comunitarie che operano in Italia:

con succursale;

in regime di libera prestazione, cioè senza succursale.

Allo stato nessuna impresa di investimento extracomunitaria è autorizzata ad operare in Italia.

Consulta la sezione “AVVISI AI RISPARMIATORI” del sito della CONSOB e verifica se nei confronti del soggetto in cui ti sei imbattuto la CONSOB ha pubblicato un warning e/o ha adottato un provvedimento con cui gli ordina la cessazione dell’attività svolta tramite un sito web.

Consulta la sezione “WARNING AND PUBLICATIONS FOR INVESTORS” dell’ESMA (la CONSOB europea) e verifica se, nei confronti del soggetto in cui ti sei imbattuto, altre autorità europee omologhe alla CONSOB, hanno pubblicato un warning.

Consulta la sezione “INVESTOR PROTECTION – INVESTOR ALERTS PORTAL” della IOSCO e verifica, se nei confronti del soggetto in cui ti sei imbattuto, altre autorità mondiali omologhe alla CONSOB, hanno pubblicato un warning.»

* * * * * * *

«Indici di allerta

– rendimenti elevati;

– scarsa trasparenza informativa;

– presenza di meccanismi remunerativi premianti (es. schemi piramidali).»

* * * * * * *

Questo è l’elenco degli ultimi ventidue siti oscurati.

  WebNet Ltd e 4COM Network

  One Thousand One Ltd

  Herds

  Lancelot Equity Ltd

  TQR Trade

  Sucaba Enterprise Ltd

  CMP24 Ltd

  Capital Tech Limited

  PayPeq Holding OU

  Madar Partners Ltd

  Swissinv24 Ltd

  Codexfx Ltd

  A Corp Ltd

  Apsilon Ltd

  Dubai FXM Ltd

  Light Media Ltd

  Global ES Ltd e Sonartch OU

  Brokerz Ltd e All Media Eood

  London Capital Ltd

  Pmt247 Ltd

  Next Trade Ltd

  Globalix Ltd

  cfd2fx.com