Pubblicato in: Armamenti, Senza categoria, Stati Uniti

USA. Testato in mare un sistema laser antiaereo.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-05.

2020-05-25__Laser 013

Laser è la sigla di light amplification by stimulated emission of radiation, che indica un dispositivo per ottenere fasci intensi ed estremamente concentrati di radiazioni elettromagnetiche coerenti nei campi infrarosso, visibile e ultravioletto.

«The U.S. Department of Defense (DoD) has made large investments weaponizing laser technology for air defense. Despite billions of dollars spent, there has not been a successful transition of a high-energy laser (HEL) weapon from the lab to the field. Is the dream of a low-cost-per-shot, deep-magazine, speed-of-light HEL weapon an impossible dream or a set of technologies that are ready to emerge on the modern battlefield? Because of the rapid revolution taking place in modern warfare that is making conventional defensive weapons very expensive relative to the offensive weapons systems, the pull for less expensive air defense may necessitate a HEL weapon system. Also, due to the recent technological developments in solid-state lasers (SSL), especially fiber lasers, used throughout manufacturing for cutting and welding, a HEL weapon finally may be able to meet all the requirements of ease of use, sustainability, and reliability. Due to changes in warfare and SSL technology advances, the era of HEL weapons isn’t over; it may be just starting if DoD takes an evolutionary approach to fielding a HEL weapon. The U.S. Navy, with its large ships and their available electric power, should lead the way.» [Optical Engineering 52(2): 1008- · February 2013]

* * * * * * *

«The US successfully tested a laser weapon that can destroy aircraft mid-flight»

«A US Navy warship has successfully tested a new high-energy laser weapon that can destroy aircraft mid-flight, the Navy’s Pacific Fleet said in a statement Friday»

«Images and videos provided by the Navy show the amphibious transport dock ship USS Portland executing “the first system-level implementation of a high-energy class solid-state laser” to disable an aerial drone aircraft»

«The images show the laser emanating from the deck of the warship. Short video clips show what appears to be the drone burning»

«The power of the weapon was not disclosed, but a 2018 report from the International Institute for Strategic Studies said it was expected to be a 150-kilowatt laser»

«With this new advanced capability, we are redefining war at sea for the Navy»

«The Navy says lasers, which it calls directed energy weapons (DEW), can be effective defenses against drones or armed small boats»

«We don’t worry about wind, we don’t worry about range, we don’t worry about anything else. We’re able to engage the targets at the speed of light.»

* * * * * * *

Sviluppo e tecnologie laser sono protette da segreto militare: le informazioni rilasciate sono scarse e spesso contrastanti.

Quello riportato è uno dei primi test pubblicizzati di impiego sul campo di un’arma laser, di cui al momento si prospetta l’uso a difesa da droni, ossia aerei non a guida umana, usualmente subsonici, che volano a quote relativamente basse.

Significativo il fatto che l’annuncio sia stato dato dalla sede di Hong Kong della Cnn.

*

The US successfully tested a laser weapon that can destroy aircraft mid-flight.

A US Navy warship has successfully tested a new high-energy laser weapon that can destroy aircraft mid-flight, the Navy’s Pacific Fleet said in a statement Friday.

Images and videos provided by the Navy show the amphibious transport dock ship USS Portland executing “the first system-level implementation of a high-energy class solid-state laser” to disable an aerial drone aircraft, the statement said.

The images show the laser emanating from the deck of the warship. Short video clips show what appears to be the drone burning.

The Navy did not give a specific location of the laser weapons system demonstrator (LWSD) test, saying only that it occurred in the Pacific on May 16.

The power of the weapon was not disclosed, but a 2018 report from the International Institute for Strategic Studies said it was expected to be a 150-kilowatt laser.

“By conducting advanced at sea tests against UAVs and small crafts, we will gain valuable information on the capabilities of the Solid State Laser Weapons System Demonstrator against potential threats,” Capt. Karrey Sanders, commanding officer of Portland, said in the statement.

“With this new advanced capability, we are redefining war at sea for the Navy.”

The Navy says lasers, which it calls directed energy weapons (DEW), can be effective defenses against drones or armed small boats.

“The Navy’s development of DEWs like the LWSD provide immediate warfighter benefits and provide the commander increased decision space and response options,” the statement said.

In 2017, CNN witnessed a live-fire exercise of a 30-kilowatt laser weapon aboard the amphibious transport ship USS Ponce in the Persian Gulf.

At the time, Lt. Cale Hughes, a laser weapons system officer, described how they work.

“It is throwing massive amounts of photons at an incoming object,” Hughes said. “We don’t worry about wind, we don’t worry about range, we don’t worry about anything else. We’re able to engage the targets at the speed of light.”

The Ponce was retired from service later that year.

*


Raytheon Delivers High-Energy Laser to US Air Force.

Raytheon Co., a technology and innovation leader specializing in defense, civil government, and cybersecurity solutions, delivered the first high-energy laser counter-unmanned aerial system (UAS) to the U.S. Air Force earlier this month. The Air Force will deploy the system overseas as part of a year-long experiment, to test the system’s efficacy in real-world conditions and to train operators.

Raytheon’s high-energy laser weapon system uses an advanced variant of the company’s multispectral targeting system (MTS) — an electro-optical/infrared (EO/IR) sensor — to detect, identify, and track combative drones. Once targeted, the system engages with and neutralizes the aircraft in seconds.

“Five years ago, few people worried about the drone threat,” said Roy Azevedo, president of Raytheon Space and Airborne Systems. “Now, we hear about attacks or incursions all the time. Our customers saw this coming and asked us to develop a ready-now counter-UAS capability. We did just that by going from the drawing board to delivery in less than 24 months.”

Raytheon installed its high-energy laser weapon system (HELWS) on a small all-terrain vehicle. On a single charge from a standard 220-V outlet, the HELWS can deliver intelligence, surveillance, and reconnaissance capability, and dozens of precise laser shots. Paired with a generator, it can provide an almost unlimited number of shots.

Raytheon is integrating multiple proven technologies to counter UAS dangers across a wide range of targets, such as commercial airports, forward operating bases, and crowded stadiums. Raytheon’s portfolio of sensors, command and control (C2) systems, and kinetic and nonkinetic effectors offers effective defenses against the various threats posed by UASs.

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Senza categoria

Cina mon amour. Maggio. Prada +10%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-04.

Prada 013

Prada è una holding italiana che opera nel settore della moda di lusso. Nel 2019 ha chiuso con un fatturato di 3.226 miliardi e da lavoro a 3,000 dipendenti.

Il lockdown europeo non ha conciliato gli affari locali della casa, mentre invece  questa a maggio è cresciuta in Cina del 10%.

«La maison sta lavorando a nuovi prodotti, all’ampliamento della rete vendita e a nuove tecnologie digitali»

«Secondo quanto dichiarato dal CEO di Prada Patrizio Bertelli a Bloomberg TV, nel mese di maggio le vendite della maison hanno registrato un aumento di oltre il 10% in Cina»

«Incremento che tuttavia rimane “lontano dall’essere sufficiente a un recupero del settore lusso nella fase successiva al lockdown” sottolinea il Ceo dell’azienda»

«Sul mercato europeo pesa la forte dipendenza dal turismo internazionale»

«Il gruppo guidato da Bertelli e Miuccia Prada ha chiuso i 12 mesi al 31 dicembre scorso con ricavi netti per 3,226 miliardi di euro, in crescita del 3% a cambi correnti e flat a cambi costanti. L’utile netto del gruppo, cui fanno capo i marchi Prada, Miu Miu, Church’s e Car Shoe, ha toccato quota 256 milioni di euro (percentuale sui ricavi del 7,9%), beneficiando del Patent Box. Nel 2018, il risultato netto era pari a 205 milioni, con una percentuale sui ricavi del 6,5 per cento»

* * * * * * *

Cerchiamo di ragionare, nei limiti del possibile.

Checché ne pensino i governanti occidentali, le grandi aziende di questo blocco trovano decisamente conveniente impiantarsi in Cina. Lì possono lavorare senza troppi ostacoli ed ottenerne i leciti guadagni. Poi, farle ritornare nel blocco europeo sarà cosa ben difficile.

Cina. Anche Volkswagen vi programma grandi investimenti.

Cina ed Hong Kong. I media occidentali hanno cambiato registro.

Cina e Red Bull Gmbh. Un mercato impossibile da trascurare.

Cina. Multinazionali aprono in continuazione stabilimenti. – Nestlé.

Cina. Aprile. Produzione Industriale Annualizzata +3.9%.

Daimler, Mercedes Benz, ha ripreso la produzione in Cina.

Exxon Mobil Corp e la Cina. Notizia non economica bensì politica.

*

Se sicuramente la Cina ha sofferto il danno umano ed economico del lockdown, altrettanto sicuramente ne sta uscendo molto più rapidamente di quanto ci si sarebbe potuto aspettare.

La ripresa del mercato del lusso è uno dei tanti segni della ripresa. Ma un +10% per Prada indica uno stato di benessere che il blocco europeo se lo sogna.

*


Prada, a maggio la Cina cresce di oltre il 10%.

La maison sta lavorando a nuovi prodotti, all’ampliamento della rete vendita e a nuove tecnologie digitali.

La Cina cresce nei conti di un big tra i marchi del lusso

Secondo quanto dichiarato dal CEO di Prada Patrizio Bertelli a Bloomberg TV, nel mese di maggio le vendite della maison hanno registrato un aumento di oltre il 10% in Cina. Incremento che tuttavia rimane “lontano dall’essere sufficiente a un recupero del settore lusso nella fase successiva al lockdown” sottolinea il Ceo dell’azienda. “Sul mercato europeo pesa la forte dipendenza dal turismo internazionale, le cui sorti sono a loro volta condizionate dalla scoperta di un vaccino”.

Prada: il gruppo a dicembre 2019 ha chiuso con ricavi netti per 3,226 miliardi di euro

Il gruppo guidato da Bertelli e Miuccia Prada ha chiuso i 12 mesi al 31 dicembre scorso con ricavi netti per 3,226 miliardi di euro, in crescita del 3% a cambi correnti e flat a cambi costanti. L’utile netto del gruppo, cui fanno capo i marchi Prada, Miu Miu, Church’s e Car Shoe, ha toccato quota 256 milioni di euro (percentuale sui ricavi del 7,9%), beneficiando del Patent Box. Nel 2018, il risultato netto era pari a 205 milioni, con una percentuale sui ricavi del 6,5 per cento.

L’uscita dalla Borsa non è attualmente nei piani di Prada

A Bloomberg TV, Bertelli ha anche dichiarato: “Non stiamo affatto pensando al delisting, il nostro lavoro è focalizzato sullo sviluppo del marchio. Stiamo lavorando su nuovi prodotti, sull’ampliamento della nostra rete vendita e sulle tecnologie digitali”. Il titolo Prada ha chiuso la seduta di venerdì scorso in rialzo dell’8,14% sui listini di Hong Kong, come riportato da Pambianconews

Pubblicato in: Banche Centrali, India, Senza categoria

India. Pil Q1 annualizzato 4.2%. Ma il Q2 potrebbe essere negativo.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-03.

India 013

Pil del primo trimestre, Q1, annualizzato sarebbe 4.2%, riflettendo almeno in parte il ritardo con cui il Covid-19 ha epidemizzato il paese.

«India’s economy slows in March quarter, with worse to come»

«India’s economy grew at its slowest pace in at least eight years in the January-March quarter as the COVID-19 pandemic weakened already sluggish consumer demand and investments»

«Asia’s third-largest economy grew at a faster-than-expected 3.1% in the last quarter, compared with 5.7% a year ago, government data showed on Friday»

«The weakness in manufacturing, construction, trade, hotel, transport, and real estate was clearly visible in the Q4FY20 data»

«The economy had clearly slowed down even before COVID-19 hit India»

«This, in some sense, serves as the warning for the deep slump due in Q1 of FY21. The investment contraction along with an extremely weak private consumption segment will pull Q1 of FY21 into a deep contraction. FY21 real GDP growth will likely be around (-)5.8% though much of the estimation remains in some flux»

«The sharp deterioration of economic performance in FY20 can’t be attributed to 10 days of lockdown in March»

«However, stricter form of lockdown and an uncertainty about its duration will certainly push the country into a deep recession that was not witnessed in several decades»

«While the level of stress during the lockdown period is often high for the lower strata of the economy, with meaningful and targeted policy support, these segments can potentially recover quickly once economic activities normalise and lead the recovery»

«Q4 GDP print came in higher than most economists’ estimates at 3.1%. On the output front, agriculture and mining sectors seem to have held fort»

«Private consumption, gross fixed capital formation and net exports have been disappointing»

* * * * * * *

Il sistema economico indiano aveva già dato segni di rallentamento nel corso dello scorso anno. Se in passato il pil cresceva al ritmo del 6% – 7%, a partire dallo scorso febbraio ha evidenziato una crescita sempre alta, ma decrescente.

Adesso che l’epidemia da Covid-19 inizia a dispiegarsi le attese sono di conseguenza più severe, e nessuno si stupirebbe se il pil del Q2 fosse sostanzialmente negativo.

*


India’s economy slows in March quarter, with worse to come.

India’s economy grew at its slowest pace in at least eight years in the January-March quarter as the COVID-19 pandemic weakened already sluggish consumer demand and investments.

Asia’s third-largest economy grew at a faster-than-expected 3.1% in the last quarter, compared with 5.7% a year ago, government data showed on Friday.

A Reuters poll of economists had forecast a growth rate of 2.1% for the March quarter, compared with a downwardly revised 4.1% rise in the October-December period in 2019.

COMMENTARY

“Real GDP growth of 3.1% was in line with our expectation of 3.4%, especially considering the volatility in the last two weeks of March. The weakness in manufacturing, construction, trade, hotel, transport, and real estate was clearly visible in the Q4FY20 data.

The economy had clearly slowed down even before COVID-19 hit India. The contraction in investment was visible in the pre- COVID-19 period too.

This, in some sense, serves as the warning for the deep slump due in Q1 of FY21. The investment contraction along with an extremely weak private consumption segment will pull Q1 of FY21 into a deep contraction. FY21 real GDP growth will likely be around (-)5.8% though much of the estimation remains in some flux.”

*

“All important activity indicators of the economy — production of coal, crude oil or cement or sales of commercial vehicles or cargo handled at airports or rail freight, etc. — have witnessed a sharp decline in FY20.

The sharp deterioration of economic performance in FY20 can’t be attributed to 10 days of lockdown in March. However, stricter form of lockdown and an uncertainty about its duration will certainly push the country into a deep recession that was not witnessed in several decades.

It will be a formidable challenge for policymakers to tackle both the health and economic challenges simultaneously in FY21.”

*

“The Q4 FY20 GDP growth at 3.1% y/y came in somewhat better than the Street’s expectation, while the broadly-in-line FY20 GDP growth of 4.2% reflects significant downward revisions in previous quarters of the financial year.

Given the prolonged lockdown in the economy and a sudden stoppage in economic activities, Q1 FY21 is set to sink deep into the negative zone. The full-year growth for FY21 is likely to remain materially negative as well, hitting a multi-decade low.

The role of the RBI’s TLTROs and the recently-announced measures by the government will likely hold the key in this context. It is critically important to provide focused support to the lower end of the socio-economic pyramid.

While the level of stress during the lockdown period is often high for the lower strata of the economy, with meaningful and targeted policy support, these segments can potentially recover quickly once economic activities normalise and lead the recovery. We expect continued support in areas such as microfinance, MSMEs, and affordable housing.”

*

“India’s Q4 FY20 GDP growth slowed down to 3.1% yoy, much higher than ours (2.0%) and market expectations (1.6%). This, however, is barely a consolation.

We expect the data for the quarter to be revised down as we get better sense of the actual economic activity going forward by which time more comprehensive data flows in.

Given that the initial sample size for data collection for March for various high-frequency indicators is much lower than the actual sample size, we feel that the pain in the economy, especially that which was undergone by the MSMEs are not truly reflected in the current data.

There is a probability that the impact of the week-long lockdown in March is not necessarily fully priced in, in the GDP data.”

*

“Q4 GDP print came in higher than most economists’ estimates at 3.1%. On the output front, agriculture and mining sectors seem to have held fort. On the expenditure front, government spending seems to have saved the day.

Private consumption, gross fixed capital formation and net exports have been disappointing. There have been material downward revisions in previous quarters’ GDP prints, resulting in GDP growth for FY20 coming in at 4.2%.

April core sector data came in at -38.1%, the worst print ever. Most of the negativity has already been priced in and markets are braced for a shocker of a GDP print in Q1 FY21 as well.

Going forward, markets are more likely to focus on leading and high-frequency indicators to get a sense of the pace of recovery once restrictions on movement are eased. They would be closely tracked alongside the novel coronavirus cases’ curve.”

Pubblicato in: Banche Centrali, Senza categoria, Stati Uniti

FED Atlanta. Stima il GDPNow USA del secondo trimestre -51.2% (sic).

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-30.

2020-05-30__FED 013


«The growth rate of real gross domestic product (GDP) is a key indicator of economic activity, but the official estimate is released with a delay. Our GDPNow forecasting model provides a “nowcast” of the official estimate prior to its release by estimating GDP growth using a methodology similar to the one used by the U.S. Bureau of Economic Analysis.

GDPNow is not an official forecast of the Atlanta Fed. Rather, it is best viewed as a running estimate of real GDP growth based on available data for the current measured quarter. There are no subjective adjustments made to GDPNow—the estimate is based solely on the mathematical results of the model. In particular, it does not capture the impact of COVID-19 beyond its impact on GDP source data and relevant economic reports that have already been released. It does not anticipate the impact of COVID-19 on forthcoming economic reports beyond the standard internal dynamics of the model.

Recent forecasts for the GDPNow model are available here. More extensive numerical details—including underlying source data, forecasts, and model parameters—are available as a separate spreadsheet. You can also view an archive of recent commentaries from GDPNow estimates.

Please note that as of May 8, you can view the GDPNow data through the EconomyNow app or on our website. The Atlanta Fed will no longer support the standalone GDPNow app. More information about EconomyNow is available on the Atlanta Fed’s website. Atlanta Fed data and tools are also available on the website.

Latest estimate: -51.2 percent — May 29, 2020

The GDPNow model estimate for real GDP growth (seasonally adjusted annual rate) in the second quarter of 2020 is -51.2 percent on May 29, down from -40.4 percent on May 28. After this morning’s Advance Economic Indicators report from the U.S. Census Bureau and personal income and outlays release from the U.S. Bureau of Economic Analysis, the nowcast of second-quarter real personal consumption expenditures growth decreased from -43.3 percent to -56.5 percent and the nowcast of the contribution of change in real net exports to second-quarter real GDP growth decreased from 2.07 percentage points to 0.73 percentage points.»

* * * * * * *

Riportiamo il dato in fotocopia.

Il termine ‘sic’ messo tra parentesi dopo un numero indica che questo è stato controllato ed è stato riportato correttamente.

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Senza categoria

Cina. Aprile. Profitti industriali annualizzati -27.4%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-27.

2020-05-27__Cina profitti industriali

Secondo la rilevazione del 15 maggio, ad aprile la produzione industriale annualizzata della Cina era +3.99%.

Cina. Aprile. Produzione Industriale Annualizzata +3.9%.

Per poter mantenere un adeguato volume produttivo la Cina ha ridotto il margine di guadagno industriale.

Questa potrebbe essere una manovra vincente, ma verosimilmente non sarebbe imitabile da parte del blocco europeo, dove il regime di tassazione dell’industria è molto più alto di quello cinese.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Senza categoria

Francia e Cina. Renault in crisi e fuori dal mercato cinese.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-24.

Mela con il Coltello tra i Denti. - Copia

La Renault è una società multinazionale produttrice di automezzi con sede legale a Boulogne-Billancourt. Nel 2017 aveva fatturato 58.77 miliardi come Renault SA e 46.923 miliardi come Renault sas. Ha 181.344 dipendenti.

La Renault SA, Gruppo Renault, ha al momento queste partecipazioni, dirette oppure indirette:

Francia Renault s.a.s. (100%)

Francia RCI Banque SA (100%)

Paesi Bassi Alliance Rostec Auto b.v. (82,45%)

Russia AvtoVAZ (64,6%)

Russia Lada (100%)

Svizzera Renault Finance SA (100%)

Francia Société des Automobiles Alpine (100%)

Corea del Sud Renault Samsung Motors (79.91%)

Romania Dacia (99.43%)

Giappone Nissan Motor (43.4%)

Germania Daimler AG (1.55%)

Cina Dongfeng Renault Automotive CO Ltd. (50%)

L’azionariato di Renault SA è costituito dalla Repubblica Francese 15.01%, Nissan Finance 15%. BlackRock 4.96%,     Daimler 3.10%, Azioni proprie 2.17%, Dipendenti 2.03%.

* * * * * * *

«L’ammiraglia industriale francese si trova in una pessima situazione, avendo visto i suoi stabilimenti e la sua rete commerciale paralizzati dalla crisi del coronavirus e dai lockdown decisi in particolare in Europa, che hanno causato un calo del 76,3% del mercato delle nuove auto nel mese di aprile nel Vecchio Continente»

«Il gruppo era già indebolito avendo registrato la sua prima perdita netta in dieci anni nel 2019. Per questo motivo, il ministro francese aveva già esortato l’azienda ad adattarsi al nuovo momento storico perché altrimenti “potrebbe pure scomparire”»

«A metà maggio il giornale satirico ‘Le Canard enchaine’ prevedeva che la casa automobilistica francese potesse chiudere quattro siti in Francia – Flins, Dieppe, Choisy-le-Roi e le Fonderies de Bretagne – nell’ambito di un piano di risparmio da 2 miliardi di euro che dovrebbe essere presentato il 29 maggio»

«Con i suoi 2.600 dipendenti, l’impianto di Flins, troppo vicino a Parigi, e’ da anni sotto torchio per la sua situazione occupazionale e i suoi rendimenti, al di sotto rispetto alla fabbrica più performante di Maubeuge. Da Flins sono usciti alcuni tra i modelli più popolari di Renault, tra cui Dauphine, 4L, R5 e Clio, la cui produzione è stata poi delocalizzata in Slovenia e Turchia.»

«Lo stabilimento di Flins a Yvelines impiega 2.600 persone e assembla le city car Zoe’ (elettriche) e la Micra del partner giapponese Nissan»

«Secondo il quotidiano economico Les Echos la direzione Renault potrebbe decidere di procedere ad una profonda trasformazione di Flins, ancora tutta de definire, accogliendo presumibilmente l’attività della fabbrica di Choisy-le-Roi – 263 dipendenti – specializzata in ricondizionamento di parti meccaniche»

«Nel primo trimestre 2020 le vendite di aiuto in Cina sono calate del 43% ma erano in discesa già nei due anni precedenti»

«La presenza di Renault in Cina era già in crisi prima dell’epidemia di coronavirus e la diffusione del virus ha accelerato la sua uscita di scena»

«La francese Renault smetterà di produrre auto non elettriche in Cina e metterà fine alla sua joint venture paritaria con la cinese Dongfeng Motor. In pratica la casa francese chiude il grosso delle sue attività sul più grande mercato dell’auto del mondo»

* * * * * * *

Come tutte le società produttrici di automezzi, anche la Renault si trova ad affrontare un periodo di crisi. Già la sua produttività era calata nettamente negli anni precedenti ed i triboli legali non avevano, e tuttora non hanno certo concorso ad attenuare la discesa. Le conseguenze dei lockdown hanno semplicemente aggravato la situazione.

La presenza in Francia sta diventando sempre più difficile, e gli stabilimenti di Flins, Dieppe, Choisy-le-Roi e le Fonderies de Bretagne non sono per nulla produttivi: dovrebbero essere chiusi.

A questo si aggiunga l’uscita dal mercato cinese, sostenuta solo in parte da problematiche economiche.

I cinesi non gradiscono troppo il collaborare con società francesi e nipponiche.

*


Renault chiude il grosso delle sue attività in Cina.

La presenza della casa francese era già in crisi prima dell’epidemia di coronavirus e la diffusione del virus ha accelerato la sua uscita di scena.

La francese Renault smetterà di produrre auto non elettriche in Cina e metterà fine alla sua joint venture paritaria con la cinese Dongfeng Motor. In pratica la casa francese chiude il grosso delle sue attività sul più grande mercato dell’auto del mondo.

La presenza di Renault in Cina era già in crisi prima dell’epidemia di coronavirus e la diffusione del virus ha accelerato la sua uscita di scena. Il 50% di Renault nella joint venture dovrebbe finire a Dongfeng, ma una decisione ufficiale in questo senso deve ancora essere presa. Nel primo trimestre 2020 le vendite di aiuto in Cina sono calate del 43% ma erano in discesa già nei due anni precedenti. La joint venture era stata siglata nel 2013. 

Renault non lascerà completamente il mercato cinese e fa sapere che manterrà la partecipazione del 25% nel produttore di auto elettriche eGT New Energy Automotive, una joint venture di recente costituzione con Dongfeng e Nissan, che a novembre ha lanciato il suo primo veicolo elettrico, la K-ZE a marchio Renault. Inoltre Renault detiene una partecipazione del 49% in una società di veicoli commerciali elettrici fondata nel 2017 con il produttore di auto statale Brilliance Auto Group.

“Questa nuova strategia cinese migliorerà i vantaggi competitivi della Renault per sostenere la presenza a lungo termine nel mercato cinese e massimizzare le sinergie con Nissan”, ha affermato la società francese in una nota.

*


Renault potrebbe scomparire.

Secondo il ministro dell’Economia, Bruno Le Maire la casa automobilistica francese dovrebbe essere invece in grado di mantenere il maggior numero possibile di posti di lavoro in Francia, ma allo stesso tempo rimanere competitiva.

Renault potrebbe addirittura scomparire se non riesce a riadattarsi dopo la crisi del coronavirus. Lo ha detto il Ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire alla radio Europa 1.

Secondo Le Maire, lo stabilimento francese della Renault a Flins (che assieme ad altri tre sarebbe a rischio chiusura) non deve fermarsi e la casa automobilistica francese dovrebbe essere invece in grado di mantenere il maggior numero possibile di posti di lavoro in Francia, ma allo stesso tempo rimanere competitiva.

“Sì, la Renault potrebbe scomparire”, ha detto Le Maire, aggiungendo che, tuttavia, il presidente della Renault Jean-Dominique Senard stava lavorando duramente su un nuovo piano strategico, e anche con il sostegno del governo francese. Le Maire aveva anche detto a Le Figaro che non aveva ancora firmato un prestito di 5 miliardi di euro (5,5 miliardi di dollari) per la Renault, e che le discussioni stavano continuando.

A metà maggio il giornale satirico ‘Le Canard enchaine’ prevedeva che la casa automobilistica francese potesse chiudere quattro siti in Francia – Flins, Dieppe, Choisy-le-Roi e le Fonderies de Bretagne – nell’ambito di un piano di risparmio da 2 miliardi di euro che dovrebbe essere presentato il 29 maggio.

Secondo una fonte vicina al dossier, tuttavia, non si tratterebbe di una chiusura a Flins, ma di un arresto della produzione automobilistica per dedicare il sito ad un’altra attività.

Da dove vengono i guai di Renault

Lo stabilimento di Flins a Yvelines impiega 2.600 persone e assembla le city car Zoe’ (elettriche) e la Micra del partner giapponese Nissan. “Per noi è importante sapere qual è la strategia a lungo termine di Renault e come garantiscono che domani i veicoli elettrici saranno localizzati in Francia”, ha chiesto Bruno Le Maire. “Come possono garantire che domani la Francia diventi il primo centro di produzione mondiale di veicoli elettrici per Renault?”, ha insistito il ministro.

In un’intervista a Le Figaro, Le Maire aveva già detto che il gruppo automobilistico francese, di cui lo Stato è azionista storico e possiede il 15% del capitale, “gioca per la sua sopravvivenza”, e ha precisato di non aver ancora dato il via libera a un prestito di cinque miliardi di euro che dovrebbe permettere alla Renault di superare la crisi.

L’ammiraglia industriale francese si trova in una pessima situazione, avendo visto i suoi stabilimenti e la sua rete commerciale paralizzati dalla crisi del coronavirus e dai lockdown decisi in particolare in Europa, che hanno causato un calo del 76,3% del mercato delle nuove auto nel mese di aprile nel Vecchio Continente.

Il gruppo era già indebolito avendo registrato la sua prima perdita netta in dieci anni nel 2019. Per questo motivo, il ministro francese aveva già esortato l’azienda ad adattarsi al nuovo momento storico perché altrimenti “potrebbe pure scomparire”.

In Francia sindacati e governo erano subito scesi sul piede di guerra dopo le anticipazioni sul piano di risparmio da 2 miliardi di euro, oltre a quello strategico per l’alleanza con i giapponesi Nissan e Mitsubishi.

Il premier Edouard Philippe aveva assicurato che il governo sarà “intransigente sulla preservazione” dei siti in Francia se Renault dovesse confermarne la chiusura.

“C’è una forma di responsabilità dell’azienda ad andare avanti, a trasformarsi ma a tenere conto, anche, delle realtà del paese in cui ha sede e di un certo modo di vivere” aveva avvertito Philippe.

Durante il question time in Parlamento, il primo ministro aveva sottolineato che “se Renault è un’azienda mondiale, il suo marchio francese è evidente”. Stesso irrigidimento da parte del sindacato CFE-CGC del gruppo Renault, la prima organizzazione rappresentativa della casa automobilistica, che aveva già manifestato al riguardo le “preoccupazioni” dei dipendenti.

“La CFE-CGC Renault favorisce il dialogo sociale di fronte alle voci” e “pur non avendo l’abitudine di commentare le voci, è consapevole delle preoccupazioni e dei timori che queste suscitano tra i dipendenti e più in particolare quelli dei siti citati”, si leggeva in un comunicato stampa.

I prossimi passi

Saranno cruciali i prossimi giorni, quando il sindacato si riunirà con la direzione generale della Renault, che ha convocato gli organi centrali di rappresentanza del personale. In base al calendario delle consultazioni diffuso, le quattro organizzazioni rappresentative di Renault saranno ricevute separatamente dalla direzione generale del gruppo.

Lunedì toccherà alla CFDT e a seguire, martedì, CFE-CGC, CGT e poi FO. Il Comitato Centrale Sociale ed Economico (CCSE) e il comitato di gruppo si riuniranno ciascuno due volte, mercoledì 27 e giovedì 28 maggio, giorni in cui saranno presentati i due attesi piani aziendali.

Gli stabilimenti in crisi

Con i suoi 2.600 dipendenti, l’impianto di Flins, troppo vicino a Parigi, e’ da anni sotto torchio per la sua situazione occupazionale e i suoi rendimenti, al di sotto rispetto alla fabbrica più performante di Maubeuge. Da Flins sono usciti alcuni tra i modelli più popolari di Renault, tra cui Dauphine, 4L, R5 e Clio, la cui produzione è stata poi delocalizzata in Slovenia e Turchia.

Oggi dall’impianto di Flins esce solo la Micra, che si vende male, motivo per cui il partner giapponese potrebbe annunciare la sua uscita dalla storica fabbrica. Sulla carta, ancora per 4 anni, dovrebbe produrre la macchina elettrica Zoe’, ma i prossimi veicoli potrebbero poi essere fabbricati a Douai (nord), sede di una piattaforma industriale tecnica condivisa con Nissan e Mitsubishi.

Secondo il quotidiano economico Les Echos la direzione Renault potrebbe decidere di procedere ad una profonda trasformazione di Flins, ancora tutta de definire, accogliendo presumibilmente l’attività della fabbrica di Choisy-le-Roi – 263 dipendenti – specializzata in ricondizionamento di parti meccaniche. Altre fonti citano per la futura Flins una possibile attività di progettazione e di produzione di prototipi di nuovi veicoli elettrici o condivisi oltre al montaggio di batterie. 

Pubblicato in: Commercio, Economia e Produzione Industriale, Senza categoria

Italia. Previsione sul mese di aprile. Produzione Industriale -45.9%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-14.

Produzione Robot 013

Durante il mese di aprile il lockdown ha fatto chiudere la produzione industriale in quasi tutti i paesi europei: calo del pil e della produzione industriale sono solo le logiche conseguenze. Chiudere la produzione per un mese dovrebbe significare in calo di 1/12 di questi indici, ma, tenendo conto che le industrie essenziali hanno continuato bene o male a lavorare e che costituiscono grosso modo la metà della produzione totale, il calo teorico dovrebbe aggirarsi attorno ad 1/24, ossia poco più del 5%. Per contro, le attese sono di cali decisamente più consistenti.

*

La produzione tedesca è calata del 9.2%, mentre per Parigi segna un -16.2%: dovrebbe essere chiaro come tali crolli siano stati sostenuti solo in parte dalla crisi del coronavirus.

«A marzo, aggiunge il Csc, la situazione e’ rapidamente peggiorata, in linea con l’aumento dei contagi. Con Dpcm e è stata decisa la chiusura del 57% delle attività industriali a partire dal 23 marzo (48% della produzione); il restante 43% di imprese ha continuato a lavorare a un ritmo molto ridotto, con poche eccezioni (alimentari e farmaceutico), a causa della più bassa domanda, delle difficoltà della logistica e del parziale blocco delle attività nei principali partner commerciali dove, con ritardo rispetto all’Italia, sono state introdotte misure di contrasto al Covid-19. Ciò si è tradotto in cancellazioni di ordini e blocco ulteriore delle filiere internazionali.»

* * * * * * *

«Secondo Prometeia, la produzione industriale potrebbe subire un tracollo del 45,9% ad aprile, mese durante il quale il lockdown ha fatto sentire per intero il proprio peso sull’industria tricolore. La riduzione della produzione tra marzo e aprile arriverebbe al 61%.»

«La perdita attesa nel II trimestre del 2020 è pari al 28% e l’impatto sul Pil della sola caduta della manifattura sarà nell’ordine del 5%, cui andranno sommate le contrazioni di altri settori come quello delle costruzioni e, in particolare, dei servizi»

«nella prima settimana di riapertura i consumi elettrici sono passati da -20/22% di aprile a -13% nella scorsa settimana»

«Secondo il Fmi, il rapporto deficit/Pil nel 2020 negli Usa sarà di oltre il 15% contro il 5,8% del 2019; in Germania sarà del 5,5% contro un attivo dell’1,4%; in Italia sarà dell’8,3% contro l’1,6% dello scorso anno»

* * * * * * *

Tuttavia il lockdown non ha colpito solamente la produzione industriale ed i servizi.

Tutto il settore artigianale, quello dei lavori stagionali, ed infine anche il lavoro nero, è stato colpito in modo severo.

Se sarebbe sequenziale affermare che riaprendo la produzione industriale la situazione dovrebbe migliorare, questa affermazione sarebbe soltanto parzialmente vera.

Infatti una cosa è produrre ed una ben differente è il vendere il prodotto. Ma la domanda degli altri paesi, anche essi in crisi, così come la domanda interna si è contratta in modo significativo: parte del prodotto esiterà in giacenza di magazzino.

Ma il futuro presenta anche altre ombre non certo rasserenanti.

Questa marcata contrazione del lavoro e, quindi, delle entrate, comporterà una denuncia dei redditi che nel prossimo anno falcidierà le entrate statali, e questo proprio in un momento in cui  le spese nazionali saranno caricate di azioni assistenziali di consistenti volumi.

«È solo l’inizio».

*


Il tonfo della produzione industriale è solo all’inizio

Secondo gli economisti ad aprile andrà ancora peggio. Pesantissimo l’impatto sul Pil. Indispensabile sostenere la domanda che registrerà un inevitabile crollo.

La produzione industriale italiana è in picchiata e peggiorerà ancora ad aprile: gli effetti sul Pil 2020 saranno devastanti, anche se si può immaginare un rimbalzo. In questo quadro è indispensabile che lo Stato italiano sostenga la domanda, che registra un inevitabile crollo, dal momento che i consumatori subiscono il taglio dei redditi o in ogni caso sono frenati nei consumi dalla mancanza di fiducia. Questa l’analisi di economisti e centri studi.

Secondo Prometeia, la produzione industriale potrebbe subire un tracollo del 45,9% ad aprile, mese durante il quale il lockdown ha fatto sentire per intero il proprio peso sull’industria tricolore. La riduzione della produzione tra marzo e aprile arriverebbe al 61%.

Un quadro drammatico

La perdita attesa nel II trimestre del 2020 è pari al 28% e l’impatto sul Pil della sola caduta della manifattura sarà nell’ordine del 5%, cui andranno sommate le contrazioni di altri settori come quello delle costruzioni e, in particolare, dei servizi. Il rimbalzo nei mesi successivi sarà “molto deciso”, pari all’84% a maggio e al 20,6% a giugno, ma “recupererà solo parzialmente le perdite subite”.

L’analisi definisce il quadro “drammatico”, facendo notare che i dati della produzione industriale sono ben peggiori rispetto a quelli di principali Paesi europei (-16% in Francia, -12% in Spagna, -9% in Germania).

Convinto che ad aprile i numeri saranno ancora peggiori è anche Luca Paolazzi, economista partner di Ref Ricerche, secondo cui è inevitabile che il Pil venga rivisto al ribasso. Calcolando che la stima per il primo trimestre era -4,7% e sapendo che la produzione industriale pesa circa un quinto, il Pil risulterebbe già in calo del 5,5%. Ma a questo dato, si aggiungerà quello del fatturato dei servizi privati, che pesa molto di più sul Pil e sarà anch’esso peggiore di quanto avevano imputato per calcolare la variazione trimestrale.

Guardare nell’abisso

“Nessuno riesce a immaginare un crollo di tali dimensioni – osserva Paolazzi – anche se sai che c’è un abisso, guardarci dentro è impressionante. Tutti i dati verranno rivisti”. Secondo la congiuntura flash di Ref, nella prima settimana di riapertura i consumi elettrici sono passati da -20/22% di aprile a -13% nella scorsa settimana. Ora naturalmente saliranno ancora.

“È ovvio immaginare che ci sarà il rimbalzo, perché se riapre il bar anche al 30% della capacità produttiva, il +30% rappresenta una forte ripresa. Il problema è però se e quando si recupereranno i livelli precedenti alla crisi: nutro forti preoccupazioni anche per Paesi dove ci sono state politiche espansive.

Il problema – fa notare l’economista – è il comportamento dei consumatori che frena la domanda: il 69% degli americani ha paura e quindi è titubante nel riprendere le abitudini precedenti al Coronavirus. E’ uno stato d’animo che vale per tutti. A questo si aggiunge che prima di tornare a fare acquisti importanti, si dovranno affrontare le spese rinviate, a partire dalle rate dei mutui e dagli affitti.

Occorre poi fare i conti con la paura del domani: il timore che possa ripetersi l’emergenza sanitaria e l’insicurezza sul fronte del lavoro porta al risparmio precauzionale. Negli Usa si è registrato a marzo un aumento del tasso di risparmio speculare al crollo della fiducia”.

Per far fronte a questa situazione serve, secondo Paolazzi, “iniettare grandi dosi di fiducia”: per prima cosa avere al più presto le terapie e il vaccino per il Covid-19, quindi, sul piano economico, tracciare delle linee di sviluppo che tengano conto delle nuove priorità: sanità, ambiente, informatizzazione. “Se si indica un sentiero di sviluppo che va incontro a queste nuove priorità si rassicurano le persone e si crea un clima sociale più favorevole alla crescita”.

La strada indicata da Fabio Sdogati, professore di Economia internazionale al Mip Politecnico di Milano Graduate School of business, è quella di una spesa pubblica che riesca a compensare il crollo della spesa privata.

Una crisi di domanda

Anche Sdogati stima previsioni sul Pil italiano 2020 “molto buie, le peggiori d’Europa”. “In una crisi di tale gravità – è la sua analisi – le famiglie aumentano i risparmi perché hanno paura. Sono i cosiddetti risparmi precauzionali, superiori a quelli normali. Aumentando il risparmio, diminuisce la spesa e viene a mancare la domanda privata: questo ha effetti devastanti sull’industria manifattura, sui servizi, sull’agricoltura.

Senza domanda, le imprese non investono e non producono. La conseguenza è la disoccupazione e un ulteriore calo dei consumi. È il circolo del moltiplicatore negativo”.

Come spezzarlo questo circolo? “Serve che tutti i governi aumentino la spesa pubblica per compensare la perdita di spesa dei privati. La banca centrale ha già cominciato a fare il suo mettendo a disposizione maggiore liquidità”.

Il dibattito verte quindi su quanto deve spendere il governo: “Gli Usa hanno già stanziato e speso una marea di soldi per trasferire potere acquisto ai consumatori. Il governo italiano è stato rapido a mettere in campo le prime misure ma ora occorre dell’altro di fronte ad una crisi che rischia di generare milioni di nuovi poveri”.

Secondo il Fmi, il rapporto deficit/Pil nel 2020 negli Usa sarà di oltre il 15% contro il 5,8% del 2019; in Germania sarà del 5,5% contro un attivo dell’1,4%; in Italia sarà dell’8,3% contro l’1,6% dello scorso anno.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, India, Senza categoria

India. Aprile. Consumi elettrici -24%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-13.

2020-05-11__India GDP 001

«The Gross Domestic Product (GDP) in India was worth 2800 billion US dollars in 2019, according to official data from the World Bank and projections from Trading Economics. The GDP value of India represents 2.31 percent of the world economy. …

GDP in India is expected to reach 2950.00 USD Billion by the end of 2020, according to Trading Economics global macro models and analysts expectations. In the long-term, the India GDP is projected to trend around 3100.00 USD Billion in 2021 and 3200.00 USD Billion in 2022, according to our econometric models» [Fonte]

Questi erano dati e previsioni a fine 2019. Poi ha preso campo la pandemia da Covid-19, con conseguenti lockdown, sia pure parziali.

Fitch Solution cuts India’s FY21 GDP growth forecast to 1.8%.

«Fitch Solutions on Monday cut India’s economic growth forecast for the financial year 2020-21 to 1.8 per cent saying private consumption is likely to contract due to large-scale loss of income in the face of worsening domestic outbreak of COVID-19.

“Over the past week, we have continued to adjust down our country-specific real GDP growth forecasts on the back of persistent low oil prices and the widening spread of COVID-19. Our forecasts remain fluid and, even despite the recent downward revisions, we believe that the risks remain skewed to the downside,” the rating agency said.

For India, it said the real GDP growth rate for 2020-21 (April 2020 to March 2021) has been revised down to 1.8 per cent from 4.6 per cent, previously.

“We now expect private consumption to contract, versus a weak expansion previously, due to large scale loss of income across the economy in the face of a worsening domestic outbreak of COVID-19,” it said.

Fitch Solutions also anticipated a deeper contraction in fixed investments as businesses choose to cut back on capital expenditure to conserve cash amid elevated economic uncertainty.

“The slow roll-out of fiscal stimulus by the central government will only exacerbate India’s economic woes,” it added.

For China, it revised downwards its 2020 real GDP forecast to 1.1 per cent from 2.6 per cent previously, to reflect the impact of a worsening global economic outlook.

“Real GDP (of China) contracted by a sharp 6.8 per cent y-o-y in Q1 2020, and our current forecast reflects our view that private consumption and net exports will continue to drag heavily,” it said. “Meanwhile, targeted fiscal stimulus should see fixed investment growth come in relatively flat, while strong government consumption will provide the bulk of support and prevent a full-year contraction in 2020.”»

* * * * * * *

L’attuale situazione del sistema economico indiano può essere ben rappresentato dai dati sui consumi energetici.

«Overall electricity use fell by about 24% in April, the data from POSOCO showed, as all industries and offices not categorized “essential” were shut as a part of a nationwide lockdown to prevent the spread of the coronavirus»

«Industries and commercial plants account for over half of India’s annual consumption of electricity, with residences making up nearly a quarter and agriculture accounting for over a sixth.»

«Consumption in industrial states fell steeply, with states such as Gujarat and Tamil Nadu recording a fall of about 30%, while Maharashtra’s fell over 20%.»

«Electricity generation from coal – India’s primary source of electricity – fell 32.3% to 1.91 billion units per day, the data showed, with its contribution to overall electricity generation falling to 65.5%, compared with an average of over 73.7% last year. »

«India – the world’s second-largest consumer, importer and producer of coal and the third-largest greenhouse gas emitter – expects to remain heavily dependent on coal for electricity»

* * * * * * *

Prendiamo atto che il lockdown da Covid-19 ha indotto un calo dei consumi elettrici del 24% in aprile.

Tenendo conto che la produzione industriale ed il commercio rendono conto di circa la metà dei consumi elettrici, si potrebbe inferire che tali settori si siano contratti del -12%.

*


India doubles down on solar, gas at coal’s expense as electricity use falls

India’s solar and gas-fired electricity generation rose in April even as overall power demand fell at the steepest monthly rate in at least thirteen years, a Reuters analysis of provisional government data showed.

Solar-powered electricity generation rose 16.9%, accounting for a record 5.6% of the country’s total output, while gas-fired power output was 13.7% higher, an analysis of daily load despatch data from state-run power operator POSOCO showed. However, wind-powered electricity generation fell 11.4%.

Electricity generation from coal – India’s primary source of electricity – fell 32.3% to 1.91 billion units per day, the data showed, with its contribution to overall electricity generation falling to 65.5%, compared with an average of over 73.7% last year.

“Solar production was ramped up in the southern states, while gas-fired power plant operators in the west used cheap imported gas to address peak demand,” a senior power ministry official said, adding that many coal-fired utilities were shut for maintenance.

India – the world’s second-largest consumer, importer and producer of coal and the third-largest greenhouse gas emitter – expects to remain heavily dependent on coal for electricity but has pledged that clean energy will account for at least 40% of its installed capacity by 2030, up from about 22% now.

Overall electricity use fell by about 24% in April, the data from POSOCO showed, as all industries and offices not categorized “essential” were shut as a part of a nationwide lockdown to prevent the spread of the coronavirus.

With the lockdown extended with certain relaxations for another two weeks, state-run Coal India Ltd might face higher inventory and lower sales, while Indian utilities could face more financial stress.

Utilities were suffering from a prolonged industrial slowdown before the pandemic struck, with electricity demand rising only 1.2% during the fiscal year ending March 2020 – the second slowest growth rate since 1984/85.

Industries and commercial plants account for over half of India’s annual consumption of electricity, with residences making up nearly a quarter and agriculture accounting for over a sixth.

Ratings agency Moody’s unit ICRA expects annual power demand to fall for the first time during the year ended March 2021, while losses at state-run electricity distribution utilities (DISCOMs) are set to rise to 500 billion rupees ($6.6 billion).

Barring two hilly states in the country’s north east with little industrial load, power use fell across all regions, the data showed. Consumption in industrial states fell steeply, with states such as Gujarat and Tamil Nadu recording a fall of about 30%, while Maharashtra’s fell over 20%.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Italia. Marzo. Vendite al dettaglio. Mensile -20.5%, Annuale -18.4%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-07.

2020-05-07__Italia. Vendite al dettaglio 001

La situazione italiana è molto peggiore di quanto ci ammannisca il governo e lo stuolo degli economisti troppo presi dal presenziare sui media per continuare a fare il loro mestiere.

Il crollo delle vendite al dettaglio è solo parzialmente spiegabile con il lockdown, ma rende pienamente conto della reale gravità della situazione.

Questo semi-collasso delle vendite si ripercuoterà su molti esercizi che saranno costretti alla chiusura e sulle future dichiarazioni dei redditi, che risulteranno essere per maggior quota in perdita. A ciò conseguirà un ridotto gettito fiscale proprio mentre lo stato sarà ancor più impegnato a cercare di far riprendere il sistema economico.


2020-05-07__Istat 001

Così riporta l’Istat.

A marzo 2020 si stimano, per le vendite al dettaglio, flessioni rispetto a febbraio pari al 20,5% in valore ed al 21,3% in volume. A determinare l’eccezionale calo sono le vendite dei beni non alimentari, che diminuiscono del 36,0% in valore e del 36,5% in volume, mentre quelle dei beni alimentari sono stazionarie in valore e in lieve diminuzione in volume (-0,4%).

Nel primo trimestre del 2020, le vendite al dettaglio registrano un calo del 5,8% in valore e del 5,9% in volume rispetto al trimestre precedente. Diminuiscono le vendite dei beni non alimentari (-11,6% in valore e -11,5% in volume), mentre le vendite dei beni alimentari registrano variazioni positive (rispettivamente, +2,0% in valore e +1,9% in volume).

Su base tendenziale, a marzo, si registra una diminuzione delle vendite del 18,4% in valore e del 19,5% in volume. Anche in questo caso sono le vendite dei beni non alimentari a registrare un calo (-36,0% in valore e in volume), mentre risultano in crescita quelle dei beni alimentari (+3,5% in valore e +2,1% in volume).

Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali negative per tutti i gruppi di prodotti. Le diminuzioni maggiori riguardano abbigliamento e pellicceria (-57,1%), giochi, giocattoli, sport e campeggio (-54,2%) e calzature, articoli in cuoio e da viaggio (-54,1%), mentre il calo minore si registra per i prodotti farmaceutici (-6,3%).

Rispetto a marzo 2019, il valore delle vendite al dettaglio diminuisce del 9,3% per la grande distribuzione e del 28,2% per le imprese operanti su piccole superfici. Le vendite al di fuori dei negozi calano del 37,9% mentre è in crescita sostenuta il commercio elettronico (+20,7%).

*

Commento dell’Istat.

A marzo si osserva una forte flessione delle vendite di beni non alimentari, come conseguenza dell’applicazione delle misure di chiusura di molte attività di vendita al dettaglio a partire dal 12 marzo scorso, a causa dell’emergenza sanitaria in corso.

Nella grande distribuzione aumentano le vendite degli esercizi non specializzati a prevalenza alimentare (+5,2%), soprattutto dei supermercati (+14,0%), mentre per quelli a prevalenza non alimentare si registra un calo eccezionale (-40,5%). Per gli esercizi specializzati le vendite subiscono una diminuzione ancora più forte (-55,7%).

Nelle imprese operanti su piccole superfici anche il comparto alimentare è in lieve diminuzione (-1,0%), mentre per quello non alimentare il calo è del 36,6%.

*

Monte dei Pegni. Lunghe code di indigenti che impegnano per qualche euro.

Ristoranti e negozi. Il 30% non riaprirà a giugno. – Unimpresa.

Italia. Auto -97.55% immatricolazioni in aprile.

Italia. PMI del settore manifatturiero crolla a 31.1.

Italia. Anziani over 75. Il problema delle famiglie – Istat.

Italia. Pil primo trimestre -4.8 annuale, -4.7% trimestrale.

Fitch declassa l’Italia a BBB-, outlook è stabile.

Italia. ‘Default becomes increasingly probable’. – Financial Times.

Italia. 192,237 aziende hanno comunicato la riapertura.

Italia. Marzo 2020. Extra EU. Export -13.9%, Import -12.4%.

Italia. Industria. Dati macro febbraio, pre-coronavirus.

Italia. Covid-19. Miseria in forte crescita. – Mef ed Istat.

Goldman Sachs. Pil 2020. Europa -9%, Italia -11.6%. Ma solo se tutto andasse bene.

Istat. Nota mensile sull’andamento dell’economia italiana. Marzo.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Germania. Aprile. PMI composito 17.4, PMI servizi 16.2.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-07

2020-05-06__Germania PMI

La situazione economica tedesca, già in recessione, ha subito un duro colpo dalla crisi da coronavirus.

Germania. Marzo. Ordini alle Fabbriche -15.6% mese su mese.

Germania. 10.1 milioni di lavoratori in Kurzarbeit.

Germania. PMI del settore manifatturiero a 34.5. Da più di un anno è sotto il 50.

Germania. Dipendenti delle PA saliti a 4.8 milioni (11%). In Italia 3.516 mln.

Germania. 50,000 negozi si preparano a dichiarare bancarotta.

Der Spiegel. La Germania ha dell’Italia un’idea distorta che affossa l’Europa.

Germania. Ripresa dopo grave recessione sarà lenta – Bundesbank.

Germania. Indice GfK -23.4.

Germania. ZEW. Sentiment 28.2. ZEW Condizioni economiche -91.5.

Germania. 150,000 prostitute ridotte a senzatetto affamate.

Germania. Febbraio. Ordini all’industria -1.4% mese su mese.

*

Il crollo del PMI composito a 17.4 e del PMI dei servizi a 16.2 si riverbererà sulla produzione del prossimi mesi, sfocerà in una riduzione della produzione, da cui meno ricavi e, l’anno prossimo, dichiarazioni fiscali ampiamente decurtate rispetto al passato. Il risultato finale sarà un decremento delle entrate statali.