Pubblicato in: Amministrazione, Stati Uniti, Trump

Trump. Americani favorevoli all’accordo con i democratici. Poll: 71% Y, 8% N.

Giuseppe Sandro Mela.

2047-09-26.

2017-09-25__Trump_Deal__001

Con la solita sintesi lapidaria Mr Putin aveva definito ciò che sta succedendo negli Stati Uniti: «“political schizophrenia”».

Ricordiamo come secondo Treccani la schizofrenia altro non sia che:

«psicosi dissociativa caratterizzata da un processo di disgregazione (dissociazione) della personalità psichica; si manifesta con gravi disturbi dell’attività affettiva e del comportamento»

*

È da circa un anno che sia al Congresso sia in Senato, sia pur anche su tutti i media liberals, è in corso un qualcosa che assomiglia sempre più ad una guerra civile combattuta, almeno al momento, senza armi letali, senza strumenti bellici.

Se si potesse parlare senza l’uso della fraseologia politicamente corretta, si potrebbe dire che i parlamentari si stiano litigando come bagasce ai trogoli e, tutti presi dai motivi del contendere, ben poco facciano per dare un governo efficiente al paese.

I liberal hanno accusato il Presidente Trump di ogni possibile nefandezza, a partire dal sexual harassment fino all’intelligenza con i russi, senza peraltro riuscire a produrre uno straccetto di prova probante.

Diciamo pure che i liberal democratici proprio non sanno perdere.

2017-09-25__Trump_Deal__002

*

I risultati del sondaggio eseguito da Nbc e dal Wall Street Journal sono però inequivocabili su come la stiano pensando gli americani.

Una larga maggioranza, sempre sopra il 60%, approva un accordo tra repubblicani e democratici sulla riforma dell’healthcare, la tassazione, l’immigrazione e la protezione ambientale. Ossia, su tutti i grandi temi interni al momento dibattuti nei ritagli di tempo lasciati dagli alterchi.

*

Il politico dovrebbe essere un personaggio che appiana le divergenze, coagula consensi, trova accordi proficui con chiunque: quindi, almeno a nostro sommesso parere, ben vengano accordi tra i due partiti.

Deputati e senatori dovranno alla fine comprendere come i litigi siano sgraditi alla gente che li ha eletti, e che li sta mantenendo.

Nota.

Si fa un gran dire che Mr Trump sarebbe impopolare.

Si fa sommessamente notare come Mrs Nancy Pelosi, leader della minoranza democratica al Congresso, più che un tasso di gradimento sembrerebbe avere un tasso di esecrabilità.

2017-09-25__Trump_Deal__003


Fox News. 2017-09-21. 71% of Americans Support Trump’s Deal With Dems to Keep Gov’t Open, Fund Hurricane Relief, Poll Finds

More than 70 percent of Americans support President Donald Trump’s deal with Democratic leaders to provide hurricane relief and keep the government open for 90 days, according to the latest NBC News/Wall Street Journal poll.

Trump was criticized by some of his fellow Republicans for reaching across the aisle and working with Senate Minority Leader Chuck Schumer and House Minority Leader Nancy Pelosi to raise the debt limit, which kept the government open and provided relief for Hurricanes Harvey and Irma.

71 percent of those surveyed by NBC News and the Wall Street Journal, however, approved of Trump agreeing with Schumer and Pelosi on the legislation. Only eight percent disapproved, while 20 percent had no opinion and one percent were not sure.

Trump’s overall job approval rating in the poll is 43 percent, which is up three points since August. 83 percent of Republicans, 41 percent of independents and 10 percent of Democrats approve of Trump’s performance.

“There’s a sense out there that people are so dug in in Washington, they’re oblivious to the fact the average American says we’re not getting anything done, we’re going to have to compromise,” Brian Kilmeade said on “Fox & Friends.” “And I think the president was the first to realize that. And now the poll numbers reflect that.”

He noted that a recent Economist/YouGov poll found that 60 percent of Republicans prefer lawmakers who are willing to work with Democrats and compromise.

Watch more above.


YouGov. 2017-09-21. Americans prefer compromise to inaction in Congress

55% of Americans want President Trump to make a deal with Democrats over “Dreamers”

Americans today say compromise across party lines is a good thing, especially now – a time when the public gives Congress only a 10% approval rating and few see a lot being accomplished by legislators. In the latest Economist/YouGov Poll, even Republicans think it would be fine if President Trump were to reach across the aisle and work with Congressional Democrats on a host of critical issues before Congress.

Their interest in compromise doesn’t mean that Republicans agree with the Democrats on these issues. They overwhelmingly favor GOP positions on immigration and health care reform. But the poll findings underscore the lowered expectations for this Congress. Almost half of the public no longer thinks Congress will repeal Obamacare. Most don’t think there will be funding for a border wall, while a plurality thinks there won’t be comprehensive immigration reform and barely half expect Congress will even pass a budget.

Republicans expect tax reform to pass (55% to 32%) and Obamacare repeal as well, though by a narrow margin (48% to 43%). But they too are skeptical about the prospects for passing funding for a border wall and comprehensive immigration reform.

The first indication of the President’s interest in compromising with Democrats came earlier this month when he agreed with the House and Senate Minority Leaders, Nancy Pelosi and Chuck Schumer, to increase the debt limit and to provide aid for those affected by Hurricane Harvey. Last week, there were conflicting reports about whether or not there had been another compromise, this time about the Deferred Action for Childhood Arrivals program established through an executive order signed by former President Barack Obama. The public approves of an attempt at compromise on this issue.

Republicans generally agree. So do those who voted for President Trump, although they are more closely divided. 45% approve of the President working with Democrats on this issue; 39% do not. Like the public overall, they think protection for “dreamers” will happen.

The GOP willingness for compromise is relatively new. Throughout the Obama Administration, Republicans were much more likely than Democrats to say they preferred to have a Representative in Congress who stuck to principles at all costs, even at the risk of limiting accomplishments. In a 2011 poll, Republicans opposed having a Congressman who would be willing to compromise by nearly two to one. In this week’s poll, 60% of Republicans prefer a representative who is willing to compromise.

However, Republicans and Democrats may have different goals for DACA. Two in three Republicans approve of the President’s decision to end the program. When it comes to the program itself, members of the President’s party are divided: 39% support it, 45% do not.

There is also a significant amount of distrust of both sides. Majorities say they trust Democrats in Congress – and Donald Trump “not much” or “not at all” – when it comes to negotiating an agreement for the Dreamers.

More than two-thirds of Republicans distrust the Democrats in Congress on this issue; more than two-thirds of Democrats distrust the President. And the public is not quite sure of how much their leaders care about the “dreamers,” especially the President – most think he cares little or nothing about the needs and problems of the “dreamers.” This contrasts with the two-thirds of Americans – and a majority of Republicans – who say they care about the “dreamers.”

Increased interest in compromise may also be due to the fact that the Democratic Congressional leaders are more popular with the public and within their own parties than the Republican Congressional leadership is within theirs. The Democratic leadership even has gained support in recent weeks. While more than a third of the public disapproves of the way Schumer is handling his job as Senate Minority Leader, his 31% approval rating this week is the highest ever for him since he took office. 52% of Democrats approve. House Minority Leader Nancy Pelosi has just a 28% approval rating, but 56% of Democrats approve of her performance.

Speaker Paul Ryan fares worse both with the public and with members of his own party. Only 43% of Republicans approve of the way he is doing his job, matching his low ratings after the failure of Obamacare repeal. Senate Majority Leader Mitch McConnell scores even worse. His 30% approval rating among Republicans is his lowest all year.

Annunci
Pubblicato in: Amministrazione, Giustizia, Unione Europea

Prima legge sul Brexit e Corte di giustizia dell’Unione europea.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-23.

Diritto Europeo 001

Il 12 settembre il Regno Unito ha votato a larga maggioranza la legge di stacco dall’Unione Europea: nonostante fosse una legge generale però tutti i media continentali la hanno interpretata come la «legge che mette fine alla preminenza del diritto comunitario nel Regno Unito». Cerchiamo di comprenderne il motivo e cosa significhi tutto ciò.

Ufficialmente, l’Unione Europea dovrebbe essere guidata dalla Commissione Europea e dal Parlamento Europeo, e le delibere dovrebbero essere approvate da entrambi codesti organi. Ma nei fatti non sono loro ad esercitare il vero potere.

*

Il fatto nodale è che l’Unione Europea non ha una Costituzione, una Carta Fondamentale, o qualcosa del genere: non avendola non avrebbe nemmeno potuto sottoporla ad un referendum popolare.

«La Costituzione europea, formalmente Trattato che adotta una Costituzione per l’Europa, è stato un progetto di revisione dei trattati fondativi dell’Unione europea, redatto nel 2003 dalla Convenzione Europea e definitivamente abbandonato nel 2007, a seguito dello stop alle ratifiche imposto dalla vittoria del no ai referendum in Francia e nei Paesi Bassi. Diverse innovazioni della Costituzione sono state incluse nel successivo Trattato di Lisbona, entrato in vigore il 1º dicembre 2009.» [Fonte]

*

«Il Trattato di Lisbona, noto anche come Trattato di riforma e ufficialmente Trattato di Lisbona che modifica il trattato sull’Unione europea e il trattato che istituisce la Comunità europea, è il trattato internazionale, firmato il 13 dicembre 2007, che ha apportato ampie modifiche al Trattato sull’Unione europea e al Trattato che istituisce la Comunità europea.

Rispetto al precedente Trattato, quello di Amsterdam, esso abolisce i “pilastri”, provvede al riparto di competenze tra Unione e Stati membri, e rafforza il principio democratico e la tutela dei diritti fondamentali, anche attraverso l’attribuzione alla Carta di Nizza del medesimo valore giuridico dei trattati.

È entrato ufficialmente in vigore il 1º dicembre 2009.» [Fonte]

Si noti come nemmeno il Trattato di Lisbona fosse stato sottoposto a vidimazione popolare e sicuramente non è strutturato a mo’ di Costituzione. Si noti anche come

«la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea non è integrata nel Trattato, ma vi è un riferimento ad essa. Il Regno Unito ha ottenuto una “clausola di esclusione” (“opt-out”) per non applicarla sul suo territorio al fine di preservare il Common law. Lo stesso è stato concesso alla Polonia ma con l’elezione a premier di Donald Tusk quest’ultimo si è impegnato a non far valere l'”opt-out” ottenuto. Anche la Repubblica Ceca ha richiesto e ottenuto, poco prima della ratifica, l’opt-out;» [Fonte]

Ma la “clausola di esclusione” è stata erosa nel tempo.

*

Chiariti questi dati di fatto, arriviamo al punto nodale.

L’Unione Europea, pur non essendo dotata di una Carta Costituzionale, ha invece una specie di Corte Costituzionale.

«La Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) è un’istituzione dell’Unione europea (UE) con sede in Lussemburgo.

La CGUE ha il compito di garantire l’osservanza del diritto nell’interpretazione e nell’applicazione dei trattati fondativi dell’Unione europea.» [Fonte]

Non solo.

In giurisprudenza esistono due opposte tendenze: per la prima il giudice dovrebbe applicare le leggi, per la seconda il giudice dovrebbe interpretarle. Bene, i Giudici della Corte di giustizia dell’Unione europea hanno abbracciato la seconda ipotesi di lavoro: non applicano, bensì interpretano.

*

Le sentenze interpretative della Corte di giustizia dell’Unione europea hanno valore coercitivo sulla giurisprudenza dei singoli stati, che per trattato dovrebbero adeguarvisi: ma hanno tale valore solo perché i principali stati membri vogliono che lo abbiano. Esse impegnano gli stati a varare leggi conformi.

Questo è l’immenso potere politico che è conferito alla Corte di Giustizia, che non è organo elettivo, bensì nominato.

È sequenziale che la corrente politica e giuridica che detenga la maggioranza in seno alla Corte esercita poteri virtualmente dittatoriali su tutta l’Unione, e con il Brexit il Regno Unito si è sottratto a questo potere.

*

Senza nessuno spirito di polemica, sembrerebbe davvero molto utile che l’Unione Europea rivedesse in modo sistematico la propria struttura organizzativa: la confusione non genera chiarezza.

La farraginosità decisionale dell’Unione Europea è proverbiale: ma il mondo viaggia a ben altra velocità. Mr Trump può firmare un executive order in meno di sei ore, Xi e Putin in meno di tre ore, laddove l’Unione Europea impiega mesi.

Senza parlare poi della necessità di disporre di una carta costituzionale, vidimata da dei referendum da tenersi in ogni singolo stato membro dell’Unione.

Nota.

Suggeriremmo a tutti di acquistarsi e leggersi con attenzione il seguente manuale:

Martinelli Francesco.

Manuale di Diritto dell’Unione Europea.

Napoli, 2017.

Questo trattato è arrivato alla XXIV edizione. È molto chiaro e dettaglia al meglio i concetti su esposti in succinta sintesi.

Pubblicato in: Amministrazione, Giustizia, Stati Uniti

America. Corte di Appello del 9th Circuito. La Corte del disonore.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-14.

Court_of_Appeals_and_District_Court_map.svg

Cerchiamo di comprendere il problema posto, perché se esso è rilevante negli Stati Uniti, ha anche grandi risvolti internazionali.

Il sistema giudiziario americano è complesso perché gli Stati Uniti di America sono una realtà complessa.

*

«Gli Stati Uniti sono una Repubblica federale di tipo presidenziale. Nell’esperienza statunitense, Federazione e Stati mantengono diverse sfere di competenze, i cui confini, tuttavia, non sono mai stati fissati in maniera rigida ed assoluta. La miglior sintesi della divisione dei poteri fra Stati e Federazione è probabilmente contenuta nel decimo emendamento alla Costituzione, in base al quale i poteri che non sono espressamente attribuiti al Governo federale e che non sono dalla stessa Costituzione sottratti alla competenza dei singoli Stati, sono riservati a questi ultimi.

In particolare, tra i poteri sottratti alla competenza degli Stati e attribuiti espressamente al Congresso, così come previsto all’articolo 1, sezione 8 della Costituzione, vale la pena menzionare, tra gli altri, quello di imporre e percepire le tasse, di regolare il commercio internazionale e tra i vari Stati della federazione, di legiferare in materia fallimentare, di gestire il sistema postale, di costituire tribunali di grado inferiore rispetto alla Corte Suprema e di legiferare in materia di proprietà intellettuale.

I singoli Stati, tuttavia, con il consenso espresso del Governo e nei limiti posti da quest’ultimo, godono di una autonoma potestà legislativa. In linea di principio, può dirsi, per concludere, che nel sistema federale statunitense gran parte del diritto privato è di competenza statale. La Costituzione degli Stati Uniti adottata nel 1789 ed emendata solo raramente da allora, è la legge suprema del Paese» [Fonte]

*

«Il potere giudiziario federale è un ramo completamente separato ed autonomo. Il potere giudiziario ha il compito di interpretare e stabilire la costituzionalità delle leggi federali e di risolvere le controversie riguardanti tali norme.

La Costituzione garantisce l’indipendenza del potere giudiziario stabilendo che:

– i giudici federali, nominati secondo l’art. III della Costituzione, possono restare in carica a vita e possono essere destituiti solo in seguito a “impeachment” e solo qualora il Congresso abbia accertato atti di tradimento, corruzione, o altri gravi reati a loro carico;

– la retribuzione dei giudici federali nominati secondo l’art. III della Costituzione non può essere ridotta durante la loro permanenza in carica: dunque, né il Presidente, né il Congresso hanno alcuna facoltà di ridurre lo stipendio dei giudici federali. Queste due salvaguardie consentono ad un organo giudiziario indipendente di deliberare senza vincoli imposti da influenze politiche o passioni popolari.

L’art. III della Costituzione stabilisce, altresì, che il potere giudiziario degli Stati Uniti è affidato ad una Corte Suprema ed a tanti tribunali di ordine inferiore quanti il Congresso stabilirà all’occorrenza.» [Fonte]

*

«The federal courts are composed of three levels of courts.

The Supreme Court of the United States is the court of last resort. It is generally an appellate court that operates under discretionary review, which means that the Court can choose which cases to hear, by granting writs of certiorari. There is therefore generally no basic right of appeal that extends automatically all the way to the Supreme Court. In a few situations (like lawsuits between state governments or some cases between the federal government and a state) it sits as a court of original jurisdiction.

The United States courts of appeals are the intermediate federal appellate courts. They operate under a system of mandatory review which means they must hear all appeals of right from the lower courts. In some cases, Congress has diverted appellate jurisdiction to specialized courts, such as the Foreign Intelligence Surveillance Court of Review.

The United States district courts (one in each of the 94 federal judicial districts, as well three territorial courts) are general federal trial courts, although in many cases Congress has diverted original jurisdiction to specialized courts, such as the Court of International Trade, the Foreign Intelligence Surveillance Court, the Alien Terrorist Removal Court, or to Article I or Article IV tribunals. The district courts usually have jurisdiction to hear appeals from such tribunals (unless, for example, appeals are to the Court of Appeals for the Federal Circuit.)» [Fonte]

*

«I distretti giudiziari sono organizzati in circuiti regionali, in ciascuno dei quali è presente una Corte d’Appello. Ognuna di esse giudica i ricorsi provenienti dai tribunali distrettuali appartenenti al proprio circuito e da alcuni enti amministrativi federali. Inoltre, la Corte d’Appello federale ha competenza su tutto il territorio nazionale in merito ad alcuni casi specifici, tra i quali quelli relativi alle leggi sui brevetti e quelli sui quali si sono pronunciati i Tribunali per il Commercio Internazionale e il Tribunale per i Ricorsi Federali.

Il diritto all’appello si applica a tutti i procedimenti sui quali si è pronunciato un tribunale distrettuale con una decisione definitiva. Le Corti d’Appello sono di regola composte da tre giudici.»  [Fonte]

*

«Federal judges, like Supreme Court Justices, are appointed by the President with the consent of the Senate to serve until they resign, are impeached and convicted, retire, or die. » [Fonte]

* * * * * * *

Riassumendo solo gli aspetti discussi in questo articolo:

– Le Corti di Appello Federali sono composte da giudici nominati a vita dal Presidente degli Stati Uniti e confermati nella nomina dal Congresso.

– Le sentenze delle Corti di Appello Federali hanno valore su tutti i territori della Federazione: possono essere appellate davanti la Suprema Corte di Giustizia, sotto la condizione che questa deliberi di esaminare quel caso specifico.

– I Giudici federali sono dichiaratamente schierati sia politicamente (repubblicani oppure democratici) sia secondo la scuola giurisprudenziale (una favorevole alla “interpretazione” di Costituzione e Leggi, l’altra invece fautrice dell’applicazione testuale del corpo giurisprudenziale).

^ ^ ^

Nessuno quindi si scandalizza, né dovrebbe scandalizzarsi, che su molti argomenti le sentenze siano atti squisitamente politici, essendo i giudici dei politici nominati dalla politica.

Nei fatti, il controllo politico di almeno una Corte di Appello Federale consente ad un partito politico di bloccare, se non altro temporaneamente, le iniziative politiche sia del Presidente degli Stati Uniti, sia del Congresso, sia anche del Senato.

Se nella storia le Corti Federali hanno usualmente evidenziato una ragionevole serenità di giudizio, negli ultimi decenni la componente liberal democratica le ha fatte virare a veri e propri centri di potere politico, a mo’ di surroga del potere elettivo.

L’attuale guerra civile che intercorre tra liberal democratici e repubblicani non verte tanto sulla natura dei provvedimenti sottoposti a giudizio, quanto piuttosto sul controllo della composizione delle Corti.

Le Corti di Appello Federali sono il vero centro di potere negli Stati Uniti: giudici non elettivi ed incardinati a vita, che possono facilmente deragliare verso un regime dittatoriale.

* * * * * * *

«The United States Court of Appeals for the Ninth Circuit (in case citations, 9th Cir.) is a U.S. Federal court with appellate jurisdiction over the district courts in the following districts:

    District of Alaska

    District of Arizona

    Central District of California

    Eastern District of California

    Northern District of California

    Southern District of California

    District of Hawaii

    District of Idaho

    District of Montana

    District of Nevada

    District of Oregon

    Eastern District of Washington

    Western District of Washington

It also has appellate jurisdiction over the following territorial courts:

    District of Guam

    District of the Northern Mariana Islands» [Fonte]

*

La Corte di Appello del Nono Circuito è un caso atipico per molti motivi.

Dimensioni territoriali. A lei afferiscono circa 65 milioni di cittadini americani, ossia un quinto della popolazione. Se è vero che è dotata di ventinove giudici, è altrettanto vero che la sua giurisdizione, ragionevole un secolo or sono, al momento rasenta la ingestibilità. Il problema è squisitamente organizzativo: tutte le componenti politiche e giuridiche ne convengono, nessuno ha però la forza politica di ripartire in due o tre tronconi l’attuale Nono Distretto.

Competenza professionale.

«From 1999 to 2008, of the 0.151% of Ninth Circuit Court rulings that were reviewed by the Supreme Court, 20% were affirmed, 19% were vacated, and 61% were reversed …. From 2010 to 2015, of the cases it accepted to review, the Supreme Court reversed around 79 percent of the cases from the Ninth Circuit» [Fonte]

Quando la Corte Suprema ribalta i tre quarti delle sentenze pronunciate dovrebbe essere chiaro come in quel Circuito la Corte di Appello manchi di professionalità nell’applicare le leggi nel rispetto della Costituzione.

Composizione politica. Al momento sono vacanti quattro posti di Giudice Federale. Diciotto giudici sono liberal democratici e sette sono repubblicani. Lo squilibrio politico di tale Corte è evidente.

^ ^ ^

Nessuno quindi si stupisca se questo distretto giudiziario fosse un giorno scorporato in due e tre Distretti.

Si legga la sentenza (opinion):

Appeal from the United States District Court for the District of Hawaii Derrick Kahala Watson, District Judge, Presiding

Si noti un fatto davvero inusuale.

«Argued and Submitted August 28, 2017 Seattle, Washington»

*

«No. 17-16426 D.C. No. 1:17-cv-00050-DKW-KSC.  SEP 7 2017»

*

Sentenza emessa in una sola settimana.

Una settimana durante la quale la Corte avrebbe letto alcuni faldoni di documenti complessi, tenuta una serie di udienze pubbliche ed infine scritto questa sentenza di trentasette fitte pagine.

Questa sentenza era stata scritta prima ancora di aver ricevuto il ricorso, in perfetto stile liberal democratico.

* * * * * * *

Ma l’operato della Corte di Appello del Nono Circuito è sottoposto alla revisione della Corte Suprema.

In questo specifico caso, la Corte Suprema ha agito con una rapidità fulminea:

Trump. Corte Suprema conferma legalità del travel ban.

*

Tiriamo allora alcune conseguenze.

Che la Corte Federale di Appello del Nono Circuito sia un organo politico non ci piove: è uno dei tanti templi liberal rimasti.

Che la Corte Federale di Appello del Nono Circuito sia faziosamente anti – governativa è di nuovo un semplice dato di fatto.

Nel contempo, che la Corte Suprema non sia più feudo liberal è altrettanto un dato di fatto.

Tutto si deciderà in modo che potrebbe essere definitivo con le elezioni me mezzo termine.

Trump. La guerra civile americana si avvia alla sua Gettysburg.


Conservative Daily Post. 2017-09-07. Liberal Court Rules Against Trump, Travel Ban Struck Down

One of the biggest acts that President Donald Trump has made during his short tenure was his Executive Order to limit refugees that are coming over. Citing security risks, Trump’s main goal is to make sure the country is safe. Unfortunately, not everyone understands that as it was dealt a significant blow from the Ninth Circuit Court Of Appeals.

The Ninth Circuit has reportedly ruled against Trump’s revised travel ban. The revision, which would allow immediate family members from six Muslim-majority countries to be allowed in, didn’t allow grandparents. Liberals challenged this decision.

The Daily Caller, the Associated Press, and Reuters are all reporting on the decision.

According to the Associated Press, “US appeals court rejects Trump administration’s limited view of who is allowed into the country under travel ban.” Reuters followed a similar pattern, “U.S. appeals court rules against President Donald Trump over scope of travel ban.”

It’s not surprising that the Ninth Circuit is the one to rule on this. They have consistently done whatever they could to stop Trump’s orders.

Pubblicato in: Amministrazione, Banche Centrali, Stati Uniti

USA. Reddito delle famiglie per scaglioni. – Census Bureau

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-06.

2017-09-03__USA. Reddito delle famiglie per scaglioni. - Census

Lo United States Census Bureau ha rilasciato l’ultima Tabella dei redditi delle famiglie ripartiti per classi di reddito, relativi all’anno 2015.

HINC-06. Income Distribution to $250,000 or More for Households.

*

Riportiamo una parte di questa complessa Tabella, ossia quella riassuntiva di tutta la popolazione.

Per “mean income” l’estensore della Tabella ha inteso il reddito prima della tassazione, ossia il reddito lordo.

Il sistema di tassazione americano è complesso, e qui sarebbe fuori luogo dettagliarlo. In linea generale si potrebbe assumere una tassazione media complessiva attorno al 25%.

La famiglia media risulta essere composta da tre persone.

La colonna denominata “%” riporta la frequenza percentuale cumulativa, ossia la percentuale di popolazione totale che gode del reddito della classe oppure inferiore ad esso.

Per esempio. Per la classe “$30,000 to $34,999”, il valore “%” è 32.14%: ciò significa che il 32.14% della popolazione ha reddito lordo eguale od inferiore a 32,027 Usd l’anno, che corrisponde ad un reddito netto annuale di 24,020Usd.

*

Nel valutare i dati si dovrebbe tenere ben presente che il reddito corrisponde alle entrate lorde di un nucleo familiare. Le spese variano però grandemente a seconda della zona di residenza. Abitare a New York è molto espensivo, mentre abitare in un paese della provincia rurale molto meno. Però, negli Stati Uniti ben il 75% della popolazione risiede in città.

* * * * * * *

– Il 50% delle famiglie americane vive con un reddito lordo eguale od inferiore a 51,119 Usd, che corrisponde grosso modo ad un reddito netto dalle tasse di 38,925 Usd.

– Il 40% delle famiglie americane vive con un reddito lordo eguale od inferiore a 41,973 Usd, che corrisponde grosso modo ad un reddito netto dalle tasse di 31,480 Usd.

– Il 30% delle famiglie americane vive con un reddito lordo eguale od inferiore a 27,116 Usd, che corrisponde grosso modo ad un reddito netto dalla tasse di 20,337 Usd.

*

Sempre parlando in termini di valori medi continentali, la famiglia media di tre persone ha come spese fisse basali mensili di circa 600$ di affitto, 100$ di utenze, 300$ di vitto, e 150$ di trasporti. Sono 1,150$ al mese, ossia 13,800$ annuali, da detrarsi dal reddito netto.

Ricordiamo anche come negli Stati Uniti l’assicurazione per le cure mediche e quella pensionistica siano a carico del Cittadino.

Questi dati del Census Bureau sono coerenti con quelli riportati dalla Fed, anche se ottenuti con metodologia diversa. Infatti Fed riporta il netto, non il lordo.

America. I numeri della mutazione in atto.

Trump ha vinto perché metà America è in miseria. – I dati della Fed.

«Ricordiamo che, oggi, il 51% dei lavoratori americani guadagna meno di 30mila dollari l’anno, mentre il 28% guadagna addirittura meno di 20mila dollari.»

Già. Mr Trump ha vinto perché metà della America vive in miseria: vuole lavoro e reddito, e non sa cosa farsene dell’ideologia liberal.

Nota. Si ricordi come il reddito pro capite e quell per famiglia siano concettualmente e numericamente differenti.

Pubblicato in: Amministrazione

Georgia. Martedì 20 si vota alle suppletive.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-06-19.

Georgia (USA) 001

«A special election will be held on June 20, 2017, to determine the member of the United States House of Representatives for Georgia’s 6th congressional district. Republican Incumbent Tom Price resigned from the seat following his appointment and confirmation as the United States Secretary of Health and Human Services in the Trump Administration. A primary election occurred on April 18, 2017.

Georgia’s state law requires the Governor of Georgia to call for a special election to be held at least 30 days after a vacancy. Following Price’s resignation, Governor Nathan Deal called for the special election to be held on April 18, with a filing window for prospective candidates from February 13 to 15, 2017. All candidates ran on one ballot, with a runoff election scheduled for June 20, 2017, for the first- and second-place finishers, if no candidate received 50% of the vote.

No candidate reached a majority of the vote on April 18, leading to a runoff election on June 20, 2017. The candidates in the runoff will be Republican candidate Karen Handel and Democratic candidate Jon Ossoff. Ossoff received 48.1% of the vote and Handel received 19.8% of the vote. Democratic candidates combined to receive about 49 percent of the total vote, while Republican candidates combined to receive about 51 percent of the total vote.

The election has attracted exceptional national interest, with both major parties perceiving it as an opportunity to shape the political narrative prior to the 2018 midterm elections.» [Fonte]

*

Le proiezioni più accreditate indicherebbero il democratico Mr Jon Ossoff al 49% e la candidata repubblicana Mrs Karen Handel al 51%. Un testa a testa al momento impredicibile.

Tuttavia si dovrebbe notare come Real Clear Politics fornisca dati previsionali totalmente differenti: Mr Ossoff avrebbe 28.3 punti percentuali di vantaggio su Mrs Handel.

2017-06-18__Georgia__001

Di fronte a discrepanze di questa portata ogni commento sarebbe a nostro parere inutile. Verosimilmente le prime proiezioni sono raccolte a livello statale, mentre le seconde solo nel 6° Distretto.

Pur essendo elezioni locali il cui risultato sarà del tutto ininfluente sulla composizione del Congresso, l’interesse federale è massimo, perché molti vorrebbero interpretarlo come un referendum sull’Operato di Mr. Trump, il Presidente.

Questa è una posizione a nostro avviso incorretta, anche considerando che i due candidati hanno incentrato le proprie campagne elettorali su temi prettamente locali e che l’elettorato del 6° distretto è atipico per la Georgia.

*

Di interesse globale invece emergerebbe un altro fattore.

Queste elezioni sono al momento quelle che hanno fatto mobilitare la maggior quantità di fondi nella storia americana.

La Georgia è al momento uno stato controllato dai repubblicani.

«The current Governor of Georgia is Nathan Deal, who was elected as a Republican in 2010, and reflected for a second four-year term in 2014. The Lieutenant Governor is Casey Cagle. Other elected state executive officials include Secretary of State Brian P. Kemp, Attorney General Sam Olens, Commissioner of Insurance Ralph Hudgens, and Superintendent of Schools John Barge.

The Georgia General Assembly has been controlled by the Republicans since 2004. They have majorities over the Democrats in both the Senate and House of Representatives by margins of 38 to 18 and 119 to 60 to 1 respectively as of 2015. In congressional elections, Georgia is now represented in the U.S. Senate by David Perdue and Johnny Isakson, who are both Republicans. The state also sends 14 members to the U.S. House of Representatives, which in 2015 included 10 Republicans and 4 Democrats. » [Fonte]

*

«On Tuesday, voters outside Atlanta will head to the polls to fill the seat in the U.S. House of Representatives left vacant when President Donald Trump tapped Republican Tom Price to serve as his Secretary of Health and Human Services»

*

«The Democratic candidate, Jon Ossoff, a 30-year-old documentary-film producer and former congressional aide, has drawn national attention and managed to raise an incredible $23.6 million, largely from donors outside of the district and state»

*

«Some of the nation’s largest political organizations on the left have been pouring in resources to the race too, itching to capitalize off anti-Trump sentiment and hoping take back a seat in the Republican-held Congress»

* * * * * * *

Questo sarebbe il quarto stato ad aver indetto elezioni suppletive dalla data della vittoria del Presidente Trump.

Nelle prime tre la vittoria ha arriso ai repubblicani, pur essendo state condotte in stati a maggioranza democratica.

Questo spiega la dovizia di mezzi dei quali ha goduto Mr. Ossoff, fondi arrivatigli principalmente da fonti non georgiane.


ABC. 2017-06-17. An inside look at Georgia’s upcoming special election – maybe the priciest US House race ever

On Tuesday, voters outside Atlanta will head to the polls to fill the seat in the U.S. House of Representatives left vacant when President Donald Trump tapped Republican Tom Price to serve as his Secretary of Health and Human Services.

The much-anticipated special election will go down in history as one of the most expensive congressional races ever. The Democratic candidate, Jon Ossoff, a 30-year-old documentary-film producer and former congressional aide, has drawn national attention and managed to raise an incredible $23.6 million, largely from donors outside of the district and state. Historically, the next closest House race in terms of dollars raised was Speaker Paul Ryan’s $19.8 million victory in 2016, according to the Center for Responsive Politics.

Some of the nation’s largest political organizations on the left have been pouring in resources to the race too, itching to capitalize off anti-Trump sentiment and hoping take back a seat in the Republican-held Congress. A decisive win in the district could send a message ahead of the 2018 midterm elections that Democrats have a shot in traditionally Republican districts.

Ossoff won 48.1 percent of the vote during a primary in April, but failed to win the simple majority needed to take the seat outright. He now faces Republican Karen Handel, Georgia’s former secretary of state. By comparison, Handel has raised over $4.2 million, an impressive figure on its own. The amount of money going into the race is unprecedented, especially in a special election. In the year leading up to the 2016 election for the seat, Price raised $2,300,000 before easily defeating the Democratic candidate with 61.8 percent of the vote.

Before the special primary in April, Ossoff had already raised $8 million and Handel $467,000. Comparatively, ahead of the South Carolina fifth congressional district special election, which will also take place Tuesday, Democratic challenger Archie Parnell has raised $559,000.

Given the national attention, both Ossoff and Handel have raised money from around the country — not just at home. While the most cash was raised locally in Georgia, donors from California and New York sent considerable cash in too. According to FEC data, Ossoff has raised $578,000 in Georgia, $536,356.61 from sources in California, and $423,000 from New York.

Handel has received $340,000 from within Georgia, $16,200.00 from California, and $8,400.00 from New York donors.

According to the Ossoff campaign, their average contribution is less than $50, with two thirds of donations coming in at amounts less than $200. Senator Bernie Sanders has not made a big push to help Ossoff fundraise, but instead is focusing on candidates with a more populist economic message, such as Virginia gubernatorial primary candidate Tom Perriello, who earned Sanders’ endorsement before losing to Ralph Northam.

“This guy Ossoff is going to win because Democrats put gazillions of dollars into that race and they didn’t do that in the other two [earlier special election] races where the candidates widely outperformed Hillary Clinton… This is a testament to what happens when you put resources into a race versus not putting resources into a race,” a long time progressive strategist, who asked not to be named, told ABC News.

According to the strategist, his fellow progressives were frustrated that the party did not spend more money on other special election races earlier this year in Kansas and Montana, and do not think a potential Ossoff win should be treated as an indicator of the only type of Democratic candidate that can win.

Despite the cash and volunteer support coming in, the Democratic Congressional Campaign Committee (DCCC) insists Ossoff faces an uphill battle.

“Even with Ossoff’s considerable war chest and an unequaled grassroots army, Republicans hold numerous structural advantages, which is why the DCCC has invested heavily in expanding the electorate and persuading swing Georgians to vote their Ossoff,” the national political organization said in a statement in May.

The DCCC has contributed over $6 million — including almost $5 million on Atlanta TV, radio, and digital advertising — against Handel. A significant portion of this funding has gone specifically towards mobilizing black and young voters.

The Democratic National Committee has been actively promoting his candidacy and fundraising off of anti-Trump sentiment in minorities, women, and millennials in the district to raise more money as well. Earlier this month, the DNC announced that it will support the Democratic Party of Georgia’s efforts to target new voters who did not vote in the primary by paying for 10 additional field organizers. The DCCC contributed an eight person team to help train and lead the Ossoff campaign, and the organization’s deputy national field director has been embedded in Georgia since the primary in April.

Online efforts, like a fundraiser by the website Daily Kos through the Democratic nonprofit ActBlue, have raised nearly $2 million from over 100,000 individual donations for the Ossoff campaign. The ActBlue donation page for Ossoff states “flipping this seat from red to blue would send shockwaves through Congress — and replacing Trump’s anti-Obamacare point man with a Democrat would be an amazing little cherry on top.”

Erin Hill, Executive Director of ActBlue, told ABC News that fundraising levels for Ossoff are in the top five of all the candidates and entities that have ever used ActBlue. Hill sees the success of Ossoff’s fundraising as a “harbinger of things to come” and notes that ActBlue is “seeing donations like never before.” The organization has surpassed $200 million raised in the first five months of 2017, the same amount raised in all of 2015.

“People really want to have their voices heard,” said Hill.

Swing Left, an organization focusing on assisting democratic candidates in swing districts supported by Hillary Clinton’s Onward Together nonprofit group, has also made major fundraising efforts, reminding voters that Ossoff fell short of an April victory by only 3,700 votes.

Pubblicato in: Amministrazione, Politica Mondiale

Elezioni comunali. Vince l’astensionismo (40%)

Giuseppe Sandro Mela.

2017-06-12.

2017-06-12__Comunali__001

Premettiamo immediatamente che i dati disponibili sono ancora parziali, che le elezioni comunali hanno una connotazione personale che molto spesso non coincide con l’espressione di una preferenza politica, ed infine che il clima politico generale, continentale, condiziona sicuramente anche le prese di posizione locali.

Ci si riserva un’analisi a quando saranno disponibili i risultati definitivi di queste elezioni, ossia a ballottaggi conclusi.

Per il momento però alcuni fatti sembrerebbero essere evidenti.

In primo luogo, avrebbe votato solo il 60.07% degli aventi diritto. Il partito dell’astensione è quindi quello di maggioranza relativa e potrebbe in breve diventare anche quello di maggioranza assoluta. Se è facile dire che il Cittadino è disaffezionato dalla politica, sarebbe altrettanto facile conclusione affermare che se in Italia emergesse un qualche personaggio credibile, giovane e che sapesse esprimente un programma coerente, potrebbe replicare la grande vittoria ottenuta da Mr Macron in Francia oppure, a suo tempo, da Berlusconi in Italia.

In secondo luogo, ancora una volta dobbiamo constatare come i partiti presentino spesso personaggi sfumati per non dire inconsistenti, emersi da un contesto litigioso quale quello dei Montecchi e Capuleti. Più che per vincere le elezioni, le candidature sembrerebbero essere state poste per odio interno al partito di provenienza.

I partiti dovrebbero iniziare a fare una seria pulizia interna, anche tenendo conto che a breve termine si terranno le elezioni politiche.

In terzo luogo, sempre che i dati parziali si confermino, sembrerebbe emergere come i partiti specializzati nelle critiche non corredate da proposte concrete e realizzabili non hanno audience. Sicuramente dopo crescite tumultuose è necessaria una pausa di riflessione, ma le percentuali ottenute da M5S dovrebbe dare da pensare.


Ansa. 2017-06-12. Elezioni Comunali, M5S fuori dalle grandi città. Orlando al primo turno

Comunali amare per M5S. Secondo exit poll e proiezioni, il Movimento Cinque Stelle sarebbe fuori dai ballottaggi in tutte le grandi città, a partire da Genova, patria di Beppe Grillo diventata terreno di una faida interna. Il voto in 1.004 Comuni, con oltre nove milioni di italiani, riconsegna un quadro politico soprattutto bipolare con i candidati di centrosinistra e quelli di centrodestra che si sfideranno ai ballottaggi tra due settimane. 

E’ stata del 60,07% l’affluenza alle urne rilevata alle 23: nelle precedenti omologhe la percentuale dei votanti si era attestata al 66,85%.

L’unico che ottiene un’immediata riconferma al primo turno è il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. M5S, dopo l’exploit lo scorso anno a Roma e a Torino, sarebbe fuori dai quattro capoluoghi di Regione: a Genova, dove al secondo turno vanno il candidato di centrosinistra Gianni Crivello, e del centrodestra, Marco Bucci. A L’Aquila, governata fino ad oggi dal dem Massimo Cialente, è in vantaggio il candidato sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) mentre a Catanzaro Sergio Abramo (centrodestra) se la vedrà al ballottaggio con Nicola Fiorita (Civica).

Il Pd nel capoluogo calabrese sarebbe fuori dai ballottaggi segnalando, secondo Roberto Speranza di Mdp, un dato politico: “In tre su quattro capoluoghi di Regione, dove c’è un’alleanza classica di centrosinistra – sostiene l’ex esponente Pd – il candidato del centrosinistra va avanti. Nell’unico comune, Catanzaro, in cui si è fatta scelta diversa e noi sosteniamo un candidato civico diverso da quello del Pd, il Pd secondo gli exit poll sarebbe fuori dal ballottaggio”.

Il flop M5S è reso ancora più amaro dal risultato, abbastanza scontato, di Parma, dove il sindaco uscente Federico Pizzarotti, espulso dal Movimento di Grillo, è in vantaggio con il suo ‘Effetto Parma’ e se la vedrà al secondo turno con Paolo Scarpa del centrosinistra. A Verona l’eredita di Flavio Tosi non sembra avvantaggiare la sua compagna Patrizia Bisinella che sarebbe fuori dal secondo turno dove si sfideranno Orietta Salemi (centrosinistra) e Federico Sboarina (centrodestra).

Tutta da decidere anche l’affollatissima partita a Taranto dove sono in quattro in corsa per raggiungere il ballottaggio. Anche se big e partiti si sono tenuti fuori dalla campagna per le amministrative, evitando di dare un valore nazionale, un minuto dopo la chiusura delle urne è partita l’esultanza per il risultato M5S. Secondo Matteo Renzi, che segue i risultati dalla sede nazionale del Pd, la sconfitta grillina è un dato politico “perché vorrebbe dire – spiega il responsabile Enti Locali Matteo Ricci – che a un anno dalla vittoria di Roma e Torino, messi alla prova del governo locale, c’è un giudizio negativo”.

Chi tira il fiato è il centrodestra, che guardava alle comunali come un test per un’alleanza tra Fi e Lega. “Noi abbiamo fatto – sostiene Maurizio Gasparri – l’alleanza classica ed a Genova abbiamo una condizione buona dove il sindaco uscente di centrosinistra nemmeno si è ricandidato autocertificando un fallimento. Il centrodestra ci può essere, vedremo lo scenario nazionale”. Ma per fare un’analisi più approfondita sulle alleanza a livello nazionale bisognerà aspettare l’esito dei ballottaggi: il Pd dovrà contare in quante città resterà alla guida per verificare se ha ancora senso un’alleanza classica di centrosinistra. Ma contro l’autosufficienza del Pd fa sentire la sua voce l’area che va da Pisapia a Si: “Laddove la sinistra è dentro il centrosinistra va, dove il Pd sceglie l’autosufficienza esce fuori”, è la tesi.

VAI ai risultati delle singole città:

-Genova

-Palermo

-L’Aquila

-Catanzaro

-Parma

Verona

Pubblicato in: Amministrazione, Trump

La triste eredità di Mr Obama. 2 trilioni Usd di buco.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-06-03.

Debiti 000

Nel 2016, ultimo anno della Presidenza Obama, il Federal Register ha aggiunto 95,000 pagine di nuovi regolamenti.

L’Amministrazione ha speso ulteriori 63 miliardi Usd solo per gestire le nuove regolamentazioni.

Ci si domanda come possa un normale essere umano leggersi 95,000 pagine di regolamenti all’anno.

«The Obama administration issued a record number of new regulations on its way out the door in 2016, leaving an administrative state that saps the economy of nearly $2 trillion a year»

*

«The government itself spent $63 billion in 2016 to administer and enforce all of its own regulations»

*

«3,853 federal rules that were finalized in 2016»

*

«The Department of the Treasury led the way among executive branch agencies by accounting for 469 rules among agency priorities, followed by the Interior, Transportation and Commerce departments and the Environmental Protection Agency (EPA)»

*

«President Trump already has made regulatory reform a key part of his agenda. He ordered the dismantling of Mr. Obama’s Clean Power Plan, which was a push to regulate carbon emissions in the nation’s power plants, and teamed up with Congress to repeal about a dozen last-minute Obama-era regulations»

*

«The total federal regulatory cost was $1.963 trillion in 2016»

* * * * * * * *

A nostro personale avviso rimane invero molto difficile definire libero un popolo che ogni anno si vede aggiungere 95,000 pagine di nuovi regolamenti, da osservare e fare osservare.

Sia chiaro, molto ben chiaro.

Se è inconcepibile una Collettività che non si sia dotata di leggi e regolamenti, è altrettanto inconcepibile il poter vivere sotto questo overkilling regolatorio. Dovrebbe essere una pura e semplice questione di buon senso.

Citiamo solo per esempio il Regno Unito, che almeno in alcuni settori non è certo iperattivo.

Re Edgar nel 965 emanò un decreto in cui stabiliva che non poteva esserci più di un pub per villaggio.

Nel 1393 re Riccardo aveva imposto agli osti dei pub di porre insegne fuori dei loro locali.

Il “Gin Act” del 1751 pone i gin-shop sotto la giurisdizione della magistratura locale e obbliga le distillerie a vendere il gin ai venditori al minuto autorizzati.

Il regolamento Alcohol and Young People consta di 12 righe: anche un decerebrato capisce cosa sia permesso e cosa non lo sia. Non solo. La frase “However, this isn’t always the case. It can also depend on the specific conditions for that premises.” lascia un ragionevole margine di manovra a gestori e consumatori. Si direbbe che sia una semplice questione di sano buon senso. Scusi il lettore se ci si ripete, ma nei tempi odierni il buon senso sembrerebe essere scomparso.

*

In conclusione: spendere due trilioni di dollari per non essere liberi sembrerebbe proprio essere puro masochismo. Pretendere poi che il mondo si adegui, sembrerebbe essere pura imbecillità.


The Washington Times. 2017-05-31. Obama’s regulations in 2016 to drain economy by $2 trillion

The Obama administration issued a record number of new regulations on its way out the door in 2016, leaving an administrative state that saps the economy of nearly $2 trillion a year, according to a new report being released Wednesday.

The government itself spent $63 billion in 2016 to administer and enforce all of its own regulations, the Competitive Enterprise Institute said.

With Republicans in Washington looking for reasons to streamline Washington and roll back President Barack Obama’s accomplishments, the new report is likely to be ammunition.

“The federal government’s reach extends far beyond its taxes, deficits, and borrowing. Federal environmental, safety and health, and economic regulations affect the economy by hundreds of billions — even trillions — of dollars annually,” Clyde Wayne Crews Jr. wrote in the CEI’s 2017 “Ten Thousand Commandments” report on federal regulations.

He counted 3,853 federal rules that were finalized in 2016 — the most for any year since 2005.

All told, during his time in office, Mr. Obama issued 685 “major” rules — generally defined as having an economic impact of at least $100 million — compared to 505 during President George W. Bush’s tenure, the CEI report said.

The page count for the Federal Register, which publishes regulations, topped 95,000 new pages in 2016, setting a record, the report said.

The Department of the Treasury led the way among executive branch agencies by accounting for 469 rules among agency priorities, followed by the Interior, Transportation and Commerce departments and the Environmental Protection Agency (EPA). Financial regulations and federal land use issues in the western part of the U.S. were two big battles during the Obama administration.

President Trump already has made regulatory reform a key part of his agenda. He ordered the dismantling of Mr. Obama’s Clean Power Plan, which was a push to regulate carbon emissions in the nation’s power plants, and teamed up with Congress to repeal about a dozen last-minute Obama-era regulations.

But the CEI report said Congress should also bear more responsibility for the “hidden tax” of regulatory costs, which it said gets passed on to consumers to the tune of $15,000 per household.

For example, rather than vote to create new job training programs — and accept the consequences of adding to the federal deficit — lawmakers can instead pass a law requiring major companies to provide job training under rules they delegate to the Labor Department, Mr. Crews wrote.

“The latter option would add little to federal spending but would still let Congress take credit for the program,” he wrote. “By regulating instead of spending, government can expand almost indefinitely without explicitly taxing anybody one extra penny.”

The growth of the so-called “administrative state” has become a major issue in conservative legal circles, with some scholars saying it’s time to push the federal courts to roll back regulatory power and force it back into the hands of Congress.

Newly installed Supreme Court Justice Neil M. Gorsuch drew praise from some conservative circles with his opinion in a case last year in which he said it may be time for the high court to show less deference to regulatory agencies’ decisions.

On Capitol Hill, Republicans are pushing another solution: fewer regulations all around.

In January the House passed the REINS Act, which would require Congress to vote on major rules before they can take effect. That legislation hasn’t gone anywhere in the Senate.

Congress has, however, used the Congressional Review Act (CRA) to overturn a dozen last-minute Obama-era regulations. Previously the tool had been used just once to overturn a Clinton-era rule.

Democrats have tried to throw up roadblocks to Republicans’ deregulation efforts, saying many rules are intended to protect consumers, notably in the area of financial oversight.

Senate Minority Leader Charles E. Schumer said earlier this month that the recent uses of the CRA were more about helping special interests than rolling back burdensome regulations.

“They are giveaways to big oil, big gas, big coal, big mining and wealthy special interests,” he said.

The total federal regulatory cost was $1.963 trillion in 2016, which marked an increase of about $100 billion since 2012, according to Mr. Crews’ analysis.

Mr. Trump can also order reviews within his own administration, hoping to knock out rules that tie the economy’s hands.

But White House budget director Mick Mulvaney said it’s not always easy to unwind long-embedded regulations.

“As we’ve been through the process, what we’ve learned is, it’s not that hard to slow down an agency on creating new regs,” Mr. Mulvaney recently told the Senate Budget Committee. “But when you ask an agency, a bureaucratic agency that is designed to create regs, to start to deregulate themselves … it’s a muscle that they have not used for a long time, if ever.”

Still, Mr. Obama’s penchant for using regulations as an end run around Congress means some of them are easier to undo now, said Tim Phillips, president of Americans for Prosperity.

“Right now we’re seeing enormous progress rolling back the extreme environmental regulations of the Obama years precisely because our side was successful in stopping the extreme environmental legislation during the eight years of Obama,” said Mr. Phillips, whose group lobbies for lower taxes and fewer regulations.

Pubblicato in: Amministrazione, Trump

Caso Gorsuch. Uno dei perché della lite tra repubblicani e democratici.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-04-14.

Washington. White House. 001

Molto spesso accadono cose apparentemente inspiegabili, anche se gli attori sembrerebbero aver avuto ottime ragione per fare ciò che hanno fatto, ancorché irrazionale alle apparenze.

L’ostruzionismo condotto dai democratici in Senato avverso la nomina del Giudice Gorsuch alla Corte Suprema è un caso paramount.

La gente ha assistito sgomenta al macello, ed anche al discredito dell’istituzione, senza riuscire a comprendere cosa stesse succedendo. Spesso sono state fornite possibili motivazione alquanto spigliate e riduttive.

In questo caso, particolarmente importante, si è mosso addirittura l’Editorial Board di Bloomberg per cercare di fare alquanta chiarezza sul tema.

«What did Senate Minority Leader Chuck Schumer achieve in attempting to deny a vote on Judge Neil Gorsuch, President Donald Trump’s nominee for the Supreme Court?»

*

«Not keeping Gorsuch off the court; he was approved on Friday»

*

«Not preserving the filibuster for use against any future Trump nominee; Senate Majority Leader Mitch McConnell abolished the tactic on Thursday»

*

«Not standing on principle; after rightly attacking Republicans for denying Merrick Garland a vote last year, Democrats tried to do the same thing»

*

«Schumer did, however, achieve a political victory: He placated the “resistance” wing of the Democratic Party, which opposes any cooperation with Republicans»

*

«Party activists had threatened to mount primary campaigns against Democrats who allowed a vote to proceed, even organizing protests outside the Brooklyn home of Schumer, who is not up for re-election until 2022»

*

«the price for the country is steep»

* * * * * * *

Cercare di essere obiettivi costa molta fatica, ma ne vale sempre la pena.

Intanto, sarebbe da sottolineare come le generalizzazioni siano una sintesi non solo ingiusta, ma speso anche riduttiva ed errata. Dovrebbero essere rigettate con la massima cura.

È cosa del tutto naturale come su di un elettorato di centinaia di milioni di persone vi siano della frange più o meno ampie di persone viscerali e del tutto tetragone ad ogni forma di ragionamento. Molte di esse sono anche violente, sicuramente a parole ma spesso anche nei fatti.

La tentazione di risoluzioni di piazza sembrerebbe essere sempre in agguato.

Sono persone che vivono le proprie idee senza sottoporle a revisione critica alla luce della ragione: con loro il dialogo è quanto meno difficile, ma spesso è impossibile. Non solo. Altrettanto speso sono scoordinate dalla realtà, che percepiscono alla fine solo quando vi si debba sbattere contro il volto. Talora però anche severe lezioni non producono frutto alcuno.

Se l’elettorato repubblicano ha le sue frange acritiche, quello democratico ne ha una componente che sembrerebbe essere numericamente maggiore e più turbolenta. Purtroppo si dovrebbe constatare come la maggior parte della stampa e dei media sia ricettacolo di codesta genia.

Queste frange propugnano una sorta di guerra di religione, di muro contro muro. Ricordano da vicino il fondamentalismo islamico.

Negli ultimi decenni la conflittualità è stata anche alimentata da una svolta impressa dai liberals democratici. Oltre alle usuali problematiche politiche ed economiche, che ovviamente negli Stati Uniti assumono dimensioni continentali, essi hanno introdotto problematiche religiose, etiche e morali. Questo sarebbe stato anche opportuno se avessero saputo resistere alla tentazione di voler imporre la loro visione non con l’arte del convincimento e della persuasione, bensì con leggi, regolamenti, normative ed infine tramite l’azione delle Corti di Giustizia. Alla fine sarebbe sembrato che i problemi sessuali fossero gli unici che travagliavano gli Stati Uniti d’America.

A questo punto il muro contro muro diventava pura conseguenza. E, molto verosimilmente, era proprio questo l’obiettivo che si prefiggevano.

A ciò si aggiunga come alcune realtà economicamente molto robuste abbiano riversato grandi quantità di denaro per alimentare e sobillare questa conflittualità. Siamo chiari: è molto costoso mantenere i media, giornali e televisioni, così come sono costose le manifestazioni di piazza ed i processi di infiltrazione della burocrazia statale.

*

I dirigenti dei due partiti hanno avuto il loro gran da fare nel cercare di tenere a bada questi scalmanati, ma con risultati sconfortanti.

Sarebbe sufficiente che la memoria rielaborasse le scene di crisi isteriche che hanno fatto seguito all’elezione di Mr Trump, alle dimostrazioni di piazza anche particolarmente violente, ad una campagna stampa e televisiva ricolma di ingiurie e menzogne, per comprendere che in una qualche maniera si sarebbe arrivati allo scontro.

La nomina di un Giudice al posto vacante alla Suprema Corte era sembrato esser l’agone opportuno.

Da che mondo è mondo i tribunali sono sempre stati uno strumento di potere, ove l’iniquo è riciclato in legale.

Sicuramente il potere politico della Suprema Corte è enorme e tale da poter condizionare l’intero processo legislativo ed esecutivo degli Stati Uniti: negli ultimi decenni la Suprema Corte è stata nei fatti la centrale politica direzionale della federazione.

Ma lo scontro non sarebbe stato così sanguigno se non fossero entrati in gioco fattori che trascendono la politica in senso stretto. Il Giudice Gorsuch proposto dai repubblicani non solo era, e si potrebbe presumere che continui ad esserlo, repubblicano, ma professa idee diametralmente opposta alla Weltanschauung dei liberals nel campo familiare e sessuale. Lo scontro è stato spostato sul piano etico e morale.

Leggere i verbali delle discussioni in Senato e durante l’escussione del Giudice Gorsuch fa venire la pelle d’oca: nemmeno Kafka avrebbe osato immaginare cose del genere. Nessuno dei grandi temi giurisprudenziali è stato affrontato: hanno parlato quasi esclusivamente delle posizioni del giudice Gorsuch in materia sessuale, fatto questo alquanto strano nell’esame di un candidato alla Suprema Corte.

Correttamente gli Editorialisti di Bloomberg si domandano perché mai il partito democratico abbia consentito una simile manfrina, che alla fine si è risolta in una severa sconfitta su tutti i punti di vista.

La loro conclusione, che apparirebbe anche essere del tutto ragionevole, sarebbe che il senatore Schumer, capo dei democratici al Senato, avrebbe lasciato deliberatamente andare allo sbaraglio la sua ala oltranzista per ridimensionarla.

*

La politica è fatta da esseri umani.


Bloomberg. 2017-04-11. Democrats Will Regret Trying to Block Gorsuch

What did Senate Minority Leader Chuck Schumer achieve in attempting to deny a vote on Judge Neil Gorsuch, President Donald Trump’s nominee for the Supreme Court?

Not keeping Gorsuch off the court; he was approved on Friday. Not preserving the filibuster for use against any future Trump nominee; Senate Majority Leader Mitch McConnell abolished the tactic on Thursday. Not standing on principle; after rightly attacking Republicans for denying Merrick Garland a vote last year, Democrats tried to do the same thing.

Schumer did, however, achieve a political victory: He placated the “resistance” wing of the Democratic Party, which opposes any cooperation with Republicans. Party activists had threatened to mount primary campaigns against Democrats who allowed a vote to proceed, even organizing protests outside the Brooklyn home of Schumer, who is not up for re-election until 2022.

By caving to their demands, Schumer bought his conference some temporary peace. But the price for the country is steep.

This resistance movement is the mirror image of the Tea Party, which has pushed Republicans into a period of obstructionism that persists even with their transition to the governing party. If the Democrats’ resistance wing calls the tune on other major questions facing Congress — from infrastructure to trade to health care — Americans will be poorer for it.

Schumer must decide whether he wants to be the leader of the Senate’s Democrats or a follower of the party’s activist base. His first responsibility as an American is to be a patriot and do what’s right for the country. Leadership requires more than doing battle with the opposition; it requires speaking difficult truths to your own troops. It would not have required much courage for Schumer to announce that he would oppose Gorsuch while still allowing a vote to proceed.

Schumer’s gambit will impose a second, even more harmful, cost on the country: ending the tradition that senators consider judicial nominees’ legal qualifications more than their political philosophy. This tradition has taken some blows in recent decades, but with Garland and Gorsuch, the two parties have bludgeoned it to death. Leading the Democratic attack may have been the most shortsighted decision of Schumer’s long career.

Democrats will almost certainly come to regret taking revenge for Garland. It is not hard to imagine a Republican majority refusing to allow a vote on the Supreme Court nominee of a Democratic president — not in the last year of his or her tenure, but in the first. With this kind of tit-for-tat obstructionism, the court might even come to lack a six-member quorum.

The partisanship that has increasingly consumed Congress is now inflicting collateral damage on the courts. The long-term consequences — for the country and for Schumer’s legacy — could be severe.

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo

Trump. Abrogate le ‘Obama-era broadband privacy rules’

Giuseppe Sandro Mela.

2017-04-09

abbattimento torri pinetamare (FOTO L FRATTARI)

Il Presidente Trump fa procedere a ritmo serrato il processo di deobamizzazione degli Stati Uniti.

Deobamizzare‘ significa bonificare il corpo legislativo e normativo americano dalle sovrastrutture burocratiche imposte dalla passata Amministrazione. In pratica, lo smantellamento di uno stato socialista di fatto e liberal di nome.

Adesso è il turno della Federal Communications Commission.

«U.S. President Donald Trump on Monday signed a repeal of Obama-era broadband privacy rules»

*

«The bill repeals regulations adopted in October by the Federal Communications Commission under the Obama administration requiring internet service providers to do more to protect customers’ privacy than websites like Alphabet Inc’s Google or Facebook Inc»

* * * * * * * *

Parlando in modo politicamente fortemente scorretto, queste regole conferivano ad organizzazioni quali Facebook il diritto – dovere, oltre che la concreta possibilità, di filtrare ciò che l’utente faceva e poteva fare. In altri termini, Facebook avrebbe potuto, ed in parte lo fa già, consentire l’uso solo sotto condizioni da lei dettate, pena l’essere bannati dal servizio. Esprimere dubbi o disaccordo con qualcosa che stesse a cuore al regime portava immediatamente al banno. Sarebbe stato Facebook a dover decidere cosa fosse o non fosse “fake news“, solo per fare un esempio. Ma essendo Facebook diffuso a livello mondiale, il potere di veto sarebbe stato a livello mondiale.

Come al solito, la FCC è un’agenzia “indipendente“, di fatto colonizzata per tempo dai liberal democratici, indipendente quanto un servo può esserlo dal padrone che lo nutre e gli consente ogni sorta di arbitrio in cambio della fedeltà assoluta.

«The Federal Communications Commission (FCC) is an independent agency of the United States government, created by Congressional statute (see 47 U.S.C. § 151 and 47 U.S.C. § 154) to regulate interstate communications by radio, television, wire, satellite, and cable in all 50 states, the District of Columbia and U.S. territories. The FCC works towards six goals in the areas of broadband, competition, the spectrum, the media, public safety and homeland security, and modernizing itself.

The FCC was formed by the Communications Act of 1934 to replace the radio regulation functions of the Federal Radio Commission. The FCC took over wire communication regulation from the Interstate Commerce Commission. The FCC’s mandated jurisdiction covers the 50 states, the District of Columbia, and the Territories of the United States. The FCC also provides varied degrees of cooperation, oversight, and leadership for similar communications bodies in other countries of North America. The FCC is funded entirely by regulatory fees. It has an estimated fiscal-2016 budget of US$388 million. It has 1,720 federal employees» [Fonte]

*

«The FCC is directed by five commissioners appointed by the President of the United States and confirmed by the United States Senate for five-year terms, except when filling an unexpired term. The U.S. President designates one of the commissioners to serve as chairman. Only three commissioners may be members of the same political party. None of them may have a financial interest in any FCC-related business» [Fonte]

*

«The Federal Communications Commission regulates interstate and international communications by radio, television, wire, satellite, and cable in all 50 states, the District of Columbia and U.S. territories. An independent U.S. government agency overseen by Congress, the Commission is the federal agency responsible for implementing and enforcing America’s communications law and regulations.» [Federal Communications Commission]

* * * * * * * *

Uno dei tanti criteri con il quale giudicare se si sia o meno liberi consiste nel valutare la massa di leggi, norme e regolamenti cui si deve sottostare.

Meno leggi, norme e regolamenti ci siano e maggiore sarebbe la libertà.

La deobamizzazione è la lunga strada verso il riappropriarsi della libertà individuale.


Reuters. 2017-04-04. Trump signs repeal of U.S. broadband privacy rules

U.S. President Donald Trump on Monday signed a repeal of Obama-era broadband privacy rules, the White House said, a victory for internet service providers and a blow to privacy advocates.

Republicans in Congress last week narrowly passed the repeal of the privacy rules with no Democratic support and over the strong objections of privacy advocates.

The signing, disclosed in White House statement late on Monday, follows strong criticism of the bill, which is a win for AT&T Inc, Comcast Corp and Verizon Communications Inc.

The bill repeals regulations adopted in October by the Federal Communications Commission under the Obama administration requiring internet service providers to do more to protect customers’ privacy than websites like Alphabet Inc’s Google or Facebook Inc.

The rules had not yet taken effect but would have required internet providers to obtain consumer consent before using precise geolocation, financial information, health information, children’s information and web browsing history for advertising and marketing.

FCC Chairman Ajit Pai praised the repeal in a statement late on Monday for having “appropriately invalidated one part of the Obama-era plan for regulating the internet.” Those flawed privacy rules, which never went into effect, were designed to benefit one group of favored companies, not online consumers.”

Pai said the FCC would work with the Federal Trade Commission, which oversees websites, to restore the “FTC’s authority to police internet service providers’ privacy practices.”

Republican FCC commissioners have said the Obama rules would unfairly give websites the ability to harvest more data than internet service providers.

The action is the latest in a string of reversals of Obama administration rules. On Monday, the FCC reversed a requirement that Charter Communications Inc extend broadband service to 1 million homes that already have a high-speed provider.

On Friday, Comcast, Verizon AT&T Inc said they would voluntarily not sell customers’ individual internet browsing information.

Verizon does not sell personal web browsing histories and has no plans to do so but the company said it has two advertising programs that use “de-identified” customer browsing data, including one that uses “aggregate insights that might be useful for advertisers and other businesses.”

The American Civil Liberties Union said last month Congress should have opposed “industry pressure to put profits over privacy” and added “most Americans believe that their sensitive internet information should be closely guarded.”

Trade group USTelecom Chief Executive Jonathan Spalter in a statement praised Trump for “stopping rules that would have created a confusing and conflicting consumer privacy framework.”

Last week, 46 Senate Democrats urged Trump not to sign the bill, arguing most Americans “believe that their private information should be just that.”

Republicans later this year are expected to move to overturn net neutrality provisions that in 2015 reclassified broadband providers and treated them like a public utility – a move that is expected to spark an even bigger fight.

Pubblicato in: Amministrazione, Economia e Produzione Industriale

Equitalia. ‘814 miliardi di arretrati, 53 quelli recuperabili.’

Giuseppe Sandro Mela.

2017-04-06.

Tassaert, Jean-Joseph-François. Arresto di Robespierre. Musée Carnavalet. Paris.

È interessante notare come diano la notizia tre grandi testate nazionali.

Rai News. 2017-04-06. 21 milioni di italiani hanno debiti per 817 miliardi. Metà dei quali difficilmente recuperabili.

Corriere. 2017-04-06. Tasse, in 21 milioni hanno debiti con lo Stato. Equitalia: «817 miliardi di arretrati, quasi metà irrecuperabile»

Sole 24 Ore. 2017-04-06. Fisco, Equitalia: debiti per 21 milioni di contribuenti, il 53% sotto mille euro

*

Se tutti si concorda che scrivere un titolo sintetico sia difficile, altrettanto si dovrebbe concordare che codesto titolo non dovrebbe essere menzognero.

La frase «817 miliardi di arretrati, quasi metà irrecuperabile»

è falsa, ed è smentita all’interno degli articoli.

«817 mld debiti, interventi possibili su 52mld».

In poche parole, quelli probabilmente recuperabili sono 52 miliardi, mentre gli altri 765 sono inesigibili, vuoi perché il debitore ha avuto la fortuna di morire di morte naturale e così si è sottratto al fisco, vuoi perché ha dichiarato fallimento.

Il fisco si è lasciato sfuggire dalle mani 817 miliardi, ossia grosso modo un terzo del debito sovrano nazionale.

*

Molte le possibili argomentazioni.

«Il total tax rate stimato per un’impresa di medie dimensioni – spiega la relazione Cdc – «testimonia di un carico fiscale complessivo (societario, contributivo, per tasse e imposte dirette) che penalizza l’operatore italiano in misura (64,8%) eccedente quasi 25 punti l’onere per l’omologo imprenditore dell’area Ue/Efta» [Fonte]

Con un carico fiscale complessivo maggiore di 25 punti a quello medio europeo, si potrebbero ritenere meritorie le persone fisiche o giuridiche che non abbiano versato allo stato quell’odiosa estorsione denominata “tasse“.

Se pagare le tasse è eticamente e moralmente corretto, esso lo è nei limiti in cui le tasse siano giuste: e questo non è il caso.

Una seconda amara considerazione dovrebbe essere fatta sull’organizzazione e sulla capacità professionale dei dipendenti del marchingegno fiscale.

L’Italia è letteralmente sepolta sotto una montagna di leggi, normative, circolari applicative spesso conflittuali tra di esse. Anche nella più perfetta buona fede, gli errori e le imprecisioni nelle denuncie sono la norma: queste sono la foia di quell’immane esercito di pubblicani addetto alla riscossione.

Ma una cosa sono le evasione presunte, ‘accertate‘ dalla GdF e da quanti altri ne hanno titolo, ed una completamente differente sono i denari dovuti, o non dovuti, stabiliti in sede giudiziaria.

Un rapporto talmente alto da lasciare perplessi: dei dipendenti privati così scarsamente produttivi sarebbero già stati licenziati in tronco.

Conclusioni.

Con un carico fiscale complessivo del 64.8% sarebbe davvero ingenuo che non vi fosse evasione, che peraltro risulta essere opera socialmente utile perché preserva ricchezza dallo sperpero.

Questa è una di quelle situazioni per le quali l’unico rimedio è quello propugnato dai giacobini di infausta memoria: la ghigliottina.


Rai News. 2017-04-06. 21 milioni di italiani hanno debiti per 817 miliardi. Metà dei quali difficilmente recuperabili.

Dati forniti da Equitalia in audizione parlamentare. “Ci sono infatti 147,4 miliardi dovuti da soggetti falliti, 85 da persone decedute e imprese cessate, 95 da nullatenenti” spiega l’Amministratore Delegato della società di riscossione, Ernesto Maria Ruffini.

*

Il ‘magazzino’, cioè i carichi residui da riscuotere affidati a Equitalia dal 2000 al 2016 “ammonta a 817 miliardi di euro” ma la “quota su cui azioni di recupero potranno ragionevolmente avere più efficacia” si ferma a “51,9 miliardi”. E’ quanto ha detto l’Amministratore Delegato della società di riscossione Ernesto Maria Ruffini in audizione in Commissione Finanze della Camera, spiegando che “oltre il 43% è difficilmente recuperabile”. Ci sono infatti “147,4 miliardi dovuti da soggetti falliti, 85 da persone decedute e imprese cessate, 95 da nullatenenti”. Per altri “30,4 miliardi la riscossione è sospesa per i provvedimenti di autotutela emessi da enti creditori o sentenze dell’autorità giudiziaria”, ha proseguito poi Ruffini. Restano così 459,2 miliardi di cui oltre il 75%, 384,4 miliardi, si riferisce a contribuenti” rispetto ai quali Equitalia “ha già tentato invano in questi anni azione di riscossione”. “Altri 26,2 miliardi sono pagati a rate e “l’effettivo magazzino resideo” su cui agire “si riduce a 84,6 miliardi di cui circa 32,7 riferiti a posizioni non lavorabili per effetto delle norme a favore dei contribuenti”. Ruffini poi ricorda che Equitalia ha riscosso nel biennio 2015-2016 quasi 17 miliardi (16.996,2 milioni), il 16,85% in più rispetto al risultato registrato nel biennio precedente, quando gli incassi si erano fermati poco oltre i 14,5 miliardi (14.544,7 milioni). Nel 2016 la riscossione di Equitalia ha superato gli 8,7 miliardi (+6,17% rispetto all’anno precedente). ‘A oggi sono circa 21 milioni i contribuenti che risultano avere debiti a vario titolo con gli enti creditori che li hanno affidati a Equitalia per la riscossione’ – ha spiegato ancora Ruffini – Il 53% di questi contribuenti ha accumulato pendenze che non superano i mille euro’.


Corriere. 2017-04-06. Tasse, in 21 milioni hanno debiti con lo Stato. Equitalia: «817 miliardi di arretrati, quasi metà irrecuperabile»

Sono 21 milioni i cittadini con debiti con gli oltre 8 mila enti creditori per cui Equitalia esercita la riscossione. L’ad Ruffini: 74% dei contribuenti ha debiti sotto i 5 mila euro.

*

Ad oggi «ci sono circa 21 milioni di contribuenti che risultano avere debiti a vario titolo» con gli «oltre 8 mila enti creditori» per cui esercita la riscossione Equitalia. La fotografia degli italiani e il fisco arriva dall’ad della società pubblica di riscossione, Ernesto Maria Ruffini, in audizione in commissione Finanze alla Camera. Il manager ha sottolineato che «il 53% ha accumulato pendenze che non superano i 1000 euro», ma che «il 74% dei contribuenti ha debiti sotto i 5mila euro». L’ad di Equitalia – ente che nel biennio 2015-16 ha riscosso quasi 17 miliardi, rispetto a un consuntivo del biennio precedente di circa 14,5 miliardi, il 16,85% in più – ha sottolineato che i dati del «magazzino debiti residui» imporrebbero una «riflessione in ordine alle ragioni per le quali nel 2017 ancora si discuta della possibilità di riscuotere somme iscritte a ruolo dagli enti impositori oltre 15 anni fa».

Quasi 600 miliardi di tasse «irrecuperabili»

Il carico contabile residuo, affidato dagli 8 mila diversi enti creditori a Equitalia, dal 2000 a fine 2016, ammonta a 817 miliardi di euro. L’ad di Equitalia ha precisato che oltre il 43% della somma è «difficilmente recuperabile». Ruffini ha inoltre evidenziato che tra soggetti falliti o deceduti, imprese cessate, nullatenenti, provvedimenti di autotutela e pagamenti rateizzati, «l’importo di 51,9 miliardi di euro rappresenta la quota sulla quale le azioni di recupero potranno ragionevolmente avere più efficacia». Il valore di 817 miliardi «è già al netto – si legge nel documento depositato in Commissione da Ruffini – degli importi annullati con provvedimenti di sgravio in autotutela dagli stessi enti creditori in quanto ritenuto indebito (cioè non dovuto dai contribuenti), ovvero con decisioni dell’autorità giudiziaria».

Il «magazzino debiti» nello specifico

Il 43% indicato da Ruffini come di difficile recupero è stato così precisato: «147,4 miliardi di euro sono dovuti da soggetti falliti, 85 miliardi di euro da persone decedute e imprese cessate, 95 miliardi di euro da nullatenenti (in base ai dati presenti nell’Anagrafe tributaria), per altri 30,4 miliardi di euro la riscossione è sospesa per provvedimenti di autotutela emessi dagli enti creditori o sentenze dell’autorità giudiziaria. Residuano 459,2 miliardi di euro, di cui oltre il 75% (348,4 miliardi) si riferisce a contribuenti nei confronti dei quali l’Agente della riscossione, come è noto, ha già tentato invano, in questi anni, azioni di recupero esecutive e/o cautelari». L’ad ha aggiunto che «ulteriori 26,2 miliardi di euro sono oggetto di pagamenti rateizzati in essere» e che di conseguenza «l’effettivo magazzino residuo su cui poter presumibilmente svolgere azioni di recupero si riduce quindi a 84,6 miliardi di euro, di cui circa 32,7 miliardi sono riferiti a posizioni non lavorabili per effetto delle norme a favore dei contribuenti». E il risultato di questa lista lascia mano libera agli agenti di Equitalia su una quota di quasi 52 miliardi di euro.

La corsa alla rottamazione delle cartelle

Questo aggiornamento sulla situazione debitoria degli italiani permette di comprendere meglio il fenomeno del boom delle cartelle esattoriali in via di rottamazione, che in base ai dati elaborati da Equitalia fino al 23 marzo risultano pari a circa 500 mila, per un controvalore lordo di 8,3 miliardi di euro. La comunicazione di Ruffini fa supporre che il numero delle cartelle da rottamare possa crescere ancora, visto che le pratiche giù esaminate da Equitalia rappresentano a questo punto circa il 3% del totale dei contribuenti non in regola che potrebbero essere interessati alla sanatoria su aggi e interessi.

Tasse a rate: 6,5 milioni di istanze dal 2008

Altro dato interessante sul mondo delle tasse che gli italiani pagano (o dovrebbero pagare) è quello relativo alle rateizzazioni: «Da quando, nel 2008, la rateizzazione è stata affidata a Equitalia – ha detto l’ad della società pubblica di riscossione – sono state gestite complessivamente circa 6,5 milioni di istanze di dilazione, movimentando, in tutti questi anni, un valore di oltre 116 miliardi di euro».

Nel 2016 «quasi il 55%» di quanto riscosso da Equitalia, oltre 8,7 miliardi, «proviene da posizioni con debiti superiori a 100 mila euro e quasi il 10% da posizioni con debiti da 50 mila a 100 mila euro». Dalle tabelle consegnate in commissione emerge che le rate hanno inciso sui risultati della riscossione per il 53,7% (rispetto al 49,6% del 2015), portando incassi per 4,69 miliardi di euro.

Verso la riforma di Equitalia

Dal primo lugio, poi, Equitalia cambierà forma, trasformandosi in Agenzia delle entrate-Riscossione, come fissato dal decreto fiscale collegato alla manovra dello scorso anno. «Sulla riorganizzazione siamo assolutamente nei tempi – ha detto Ruffini – Abbiamo già effettuato e stiamo per completare la ricognizione delle competenze del personale e l’adozione dei regolamenti interni. Dal primo luglio sarà tutto operativo». La riforma, ha sottolineato, «aiuterà il fisco a raggiungere unicità decisionale e una più efficace funzionalità organizzativa. E gli adempimenti per i contribuenti saranno ridotti e semplificati».


Sole 24 Ore. 2017-04-06. Fisco, Equitalia: debiti per 21 milioni di contribuenti, il 53% sotto mille euro

A oggi sono circa 21 milioni i contribuenti che risultano avere debiti a vario titolo con gli enti creditori che li hanno affidati a Equitalia per la riscossione». Lo ha affermato l’amministratore delegato della società della riscossione Ernesto Maria Ruffini, nel corso dell’audizione sul contrasto all’evasione fiscale in commissione Finanze alla Camera. «Il 53% di questi contribuenti – ha aggiunto – ha accumulato pendenze che non superano i mille euro». Ruffini ha spiegato che ad Equitalia sono affidati 817 miliardi di debiti da riscuotere, ma che «ragionevolmente» non si potrà recuperare più di 52 miliardi.

Nel 2015-2016 riscossi 17 miliardi, +17% su 2013-2014

Nel biennio 2015-16, ha riferito Ruffini, Equitalia ha riscosso quasi 17 miliardi (16.996,2 milioni), rispetto a un consuntivo del biennio precedente di circa 14,5 miliardi. Si tratta di una differenza positiva di circa 2,5 miliardi, il 16,85% in più. Nel 2016 la riscossione di Equitalia ha superato gli 8,7 miliardi (+6,17% rispetto all’anno precedente).

Equitalia: 817 mld debiti, interventi possibili su 52mld

Il “magazzino”, vale a dire i carichi residui da riscuotere affidati a Equitalia dal 2000 al 2016 «ammonta a 817 miliardi di euro» ha detto Ruffini, ma «la quota su cui azioni di recupero potranno ragionevolmente avere più efficacia» si ferma a «51,9 miliardi». Secondo l’ad di Equitalia, infatti, «oltre il 43%» dei debiti «è difficilmente recuperabile»: ci sono infatti «147,4 miliardi dovuti da soggetti falliti, 85 da persone decedute e imprese cessate, 95 da nullatenenti», ha spiegato. Per altri «30,4 miliardi la riscossione è sospesa per i provvedimenti di autotutela emessi da enti creditori o sentenze dell’autorità giudiziaria», ha proseguito poi Ruffini. Restano così 459,2 miliardi di cui oltre il 75% – cioè 384,4 miliardi – si riferisce a contribuenti rispetto ai quali Equitalia «ha già tentato invano in questi anni azioni di riscossione». Altri 26,2 miliardi sono pagati a rate e «l’effettivo magazzino residuo» su cui agire «si riduce a 84,6 miliardi, di cui circa 32,7 riferiti a posizioni non lavorabili per effetto delle norme a favore dei contribuenti».

Per 74% contribuenti debiti sotto i 5milaeuro

Il «74% dei contribuenti ha debiti sotto i 5mila euro» ha spiegato poi l’ad di Equitalia, secondo il quale servirebbe una «riflessione in ordine alle ragioni per le quali nel 2017 ancora si discuta della possibilità di riscuotere somme iscritte a ruolo dagli enti impositori oltre 15 anni fa». I debiti tra i mille e i 5mila euro rappresentano il 20,4% del totale, ha spiegato Ruffini, il 7,1% si trova tra i 5mila e i 10mila euro, l’11,9% tra 10mila e 50mila mentre appena il 3% ha debiti tra 50 e 100mila euro e un altro 4% deve al fisco oltre 100mila euro.

Dal 2008 rate a 6,5 milioni per un valore di oltre 116 miliardi

Ruffini ha inoltre sottolineato che «da quando, nel 2008, la rateizzazione è stata affidata a Equitalia, sono state gestite complessivamente circa 6,5 milioni di istanze di dilazione, movimentando, in tutti questi anni, un valore di oltre 116 miliardi di euro».

Quanto alle riscossioni, l’ad ha spiegato che nel 2016 «quasi il 55%» di quanto riscosso da Equitalia, cioè oltre 8,7 miliardi, «proviene da posizioni con debiti superiori a 100 mila euro e quasi il 10% da posizioni con debiti da 50 mila a 100 mila euro». Dalle tabelle consegnate in commissione Finanze emerge che le rate hanno inciso sui risultati della riscossione per il 53,7% (rispetto al 49,6% del 2015), portando incassi per 4,69 miliardi di euro.

Ruffini: confidenti che riforma Equitalia scatterà dal 1° luglio

Parlando della trasformazione della società di Agenzia delle entrate-Riscossione, fissata dal dl fiscale dello scorso anno al prossimo primo luglio, Ruffini ha detto che «sulla riorganizzazione siamo assolutamente nei tempi, abbiamo già effettuato e stiamo per completare la ricognizione delle competenze del personale, stiamo attuando l’adozione dei regolamenti interni che saranno attuati dal primo luglio». «Siamo confidenti – ha assicurato – che dal primo luglio sarà tutto quanto operativo».