Pubblicato in: Amministrazione, Banche Centrali, Unione Europea

Italia. Potrebbe uscire dall’Unione Europea dopo le elezioni – Bloomberg

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-20.

2018-02-18__Bloomberg__001

Mr Bill Rhodes è uno dei vecchi saggi del sistema bancario americano e mondiale.

Il fatto che il suo nome sia quasi sconosciuto alla gente comune è un segno della sua potenza: non ama la pubblicità, parla poco, ascolta molto. Può proteggere la sua privacy.

«William R. “Bill” Rhodes (born August 15, 1935) is an American banker and philanthropist. Rhodes is President and CEO of William R. Rhodes Global Advisors, LLC which he founded in 2010. He is a former senior international officer and senior vice chairman of Citigroup and Citibank. He served in various senior executive positions at Citi from 1957 until his retirement from Citigroup on April 30, 2010. ….

Post his retirement in 2010, Rhodes continued to serve as senior advisor to Citi from 2010 through 2017 ….

– Rhodes established and is currently president and CEO of William R. Rhodes Global Advisors, LLC.

– Director, Private Export Funding Corporation (PEFCO)

– Senior Advisor, Oliver Wyman

– Vice Chairman, National Committee on U.S.-China Relations

– Member, Group of Thirty

– Director, Korea Society

– Current member of the Economic Club of New York and former member of the Board of Trustees

– Member, Advisory Council of the Brazilian American Chamber of Commerce

– First Vice Chairman Emeritus, Institute of International Finance

– Chairman Emeritus, Americas Society and Council of the Americas

– Life Trustee, The New York Presbyterian Hospital

– Member, Emeriti of the Watson Institute for International Studies, Brown University

– Member, Council on Foreign Relations

– Director, Foreign Policy Association

– Chairman Emeritus, Board of Trustees, Northfield Mount Hermon School

– Member of the Chairman’s Council and a Vice Chairman, Metropolitan Museum of Art Business Committee

– Chairman Emeritus, U.S.-Korea Business Council

– Member, Advisory Board of the Museum of American Finance

– Member, Board of Directors of The Volcker Alliance

– Member, European-American Chamber of Commerce New York

– Member, Chairman’s Advisory Council for The Hudson Institute» [Fonte]

*

Bill Rhodes Warns of Possible Italian Exit From EU After Election – Bloomberg

«Bill Rhodes, chief executive officer of William R. Rhodes Global Advisors and author of “Banker to the World,” weighs in on the looming elections in Italy. He speaks with Bloomberg’s Vonnie Quinn on “Bloomberg Markets.”»

*

How to improve on that performance will be top of the agenda at the first meeting of the International Investment Council, including such magnates as Bill Rhodes, George Soros and Frank Savage

*

«Bill Rhodes Warns of Possible Italian Exit From EU After Election»

* * * * * * *

La possibilità che l’Italia si stacchi sia dall’Unione Europea sia dall’Eurozona c’è, ed è concreta. Nel caso, sarebbe una catastrofe.

Il vuoto politico che si è determinato sia in seno all’Unione Europea, sia in una Germania un tempo egemone in Europa, sia infine in un’Italia di fatto ingovernabile potrebbe facilitare questa drastica presa di posizione dalle impredicibili conseguenze.

Troppe persone stanno vivendo questo periodo esternando visceralità non supervisionate dalla mente, tentativo inconscio di esorcizzare il drammatico quadro sociale ed economiche che si delinea fosco all’orizzonte.

Il vero dramma consiste nel fatto che alle agoniche ideologie liberal e socialiste sembrerebbe non contrapporsi una svolta metodologica verso un ragionevole empirismo economico.

Sostituire un credo ideologico con uno eguale e contrario non aiuterebbe in nulla a risolvere i problemi in atto: qualsiasi ideologia coerce le menti verso un’ideazione coatta e, quindi, avulsa dalla realtà fattuale.

Nei fatti invece sembrerebbe proprio che la stagnazione politica non costituisca humus favorevole all’abbandono di un modus pensandi che a stento riesce a superare il momento di slogan roboanti.

Sembra che le menti abbiano perso la capacità cognitiva ed il potere di revisione critica.

Italia. Sondaggio. Astensionismo e Giovani.

Italia. Elezioni. 35 collegi nel Meridione saranno decisivi. Analisi dei collegi.

Italia. Partiti promettono ciò che non hanno. Il macigno del debito.

*

Ci si prepari quindi al peggio: se poi non dovesse accadere ne saremmo tutti felici.


Bloomberg. 2018-02-18. Female, Middle-Aged and Let Down by Renzi: Italy’s Swing Voters

– Almost a third of Italian electorate undecided, YouTrend says

– With hung parliament projected, the swing voters could be key

*

Almost a third of Italians have yet to decide who to vote for in next month’s general election — more than enough to determine the outcome.

Their profile? Mostly women, middle-aged, without a university degree and disappointed with former Prime Minister Matteo Renzi, the leader of the ruling Democratic Party. Those are the findings of Agenzia Quorum, which did an analysis of so-called swing voters ahead of a pre-election polling blackout that’s set to begin Saturday.

“This is yet another sign that the Democratic Party is on a downward slope, and its voters feel let down by Renzi,” said Giovanni Diamanti, the managing partner of Agenzia Quorum. “But it also suggests that the game is open and the final outcome is far from decided.”

With Italians set to vote in little more than two weeks, on March 4, the latest surveys published by the main Italian newspapers also point to a large proportion of undecided voters. A poll done by Demos&Pi and printed in la Repubblica on Friday showed some 45 percent of people still unsure.

While the anti-establishment Five Star movement has risen in polls to become the leading single party, it still trails the center-right coalition led by four-time former premier Silvio Berlusconi. Neither appears set to win a majority of seats, setting the stage for a hung parliament and difficult talks over a grand coalition or national unity government. That makes swing votes potentially key to the outcome.

About 30 percent of potential voters remain undecided, according to Agenzia Quorum’s YouTrend poll of 1,000 adults on Feb. 12 and 13. About 64 percent are women, just 11 percent have a degree and the largest share abstained in previous votes. Among those who cast a ballot in the past, former backers of the Democratic Party are the most unsure. About half of those still undecided who voted in the 2014 European elections are from Renzi’s party. The margin of error was 3.1 percent.

Economists Map Out Italian Election Probabilities in Bloomberg Survey

An electoral law passed last year gives just over a third of seats in the lower house and in the Senate to first-past-the-post winners, which encourages the formation of coalitions. Five Star has traditionally opposed tying up with another party, while the Democratic Party suffered a blow after a splinter group, Free and Equal, decided to run on its own. That paved the way for a resurgent Berlusconi, who can’t serve as prime minister because of a public office ban following a tax fraud conviction.

A Bloomberg-calculated average of polls through Feb. 11 has the center-right at 37 percent of the vote, almost 10 points higher than the center-left at 28 percent and Five Star at 27 percent. 

Trending Toward Berlusconi

As the blackout nears, a projection by YouTrend based on their final poll of polls for news agency Agi shows Berlusconi’s camp taking 290 seats in the 630-member lower house and 141 seats in the 315-member Senate. The Demos&Pi poll, and a separate one by Ipsos published by Corriere della Sera on Friday, also found that none of the parties or coalitions would be able to obtain a parliamentary majority.

Compared to previous projections, centrist parties, including Berlusconi’s Forza Italia, are gaining some seats from the fringes, making a post-vote national unity government or grand coalition more likely.

“The clearest trend in recent weeks is a gain in consensus for Berlusconi,” Diamanti said.

Of the 232 first-past-the-post seats in the lower chamber, about a third are too close to call, according to YouTrend. Thirty-five of those are in the South. Winning all of those seats could give Berlusconi a majority.

That highlights the importance of voters who make up their minds at the last minute. About 55 percent of undecided voters are based in the North, and 45 percent in the Center and the South, YouTrend’s poll showed. The survey indicates that if the undecideds turn out to vote, the biggest parties — the Democratic Party, Forza Italia and Five Star — would gain the most.

Annunci
Pubblicato in: Amministrazione, Stati Uniti, Trump

Trump. Sondaggio fatto su oltre 600,000 elettori.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-17.

Champagne__

Gli usuali sondaggi elettorali sono eseguiti su di un campione di grandezza variabile dai 500 ai 2,000 elettori intervistati.

Dovrebbe essere intuitivo come tale campione sia numericamente insufficiente a descrivere in modo proprio il comportamento di uno stato da 312 milioni di persone.

Per questo motivo Newsmax, una testata indipendente, ha commissionato un sondaggio su di un campione realmente esaustivo: oltre 600,000 persone.

Questi sono i risultati, che riportiamo in fotocopia.

Questi sembrerebbero essere risultati confortanti per l’inquilino della White House.

Nota.

Siamo perfettamente consci che ogni prospezione, ancorché fatta in perfetta buona fede, sia affetta da problemi metodologici ed i risultati siano affetti da un errore spesso non indifferente. Siamo altresì consci di quanto le prospezioni elettorali siano inquinabili, ed inquinate, da fattori politici. Riportiamo questi dati numerici senza indulgere in commenti: che sia il Lettore a trarne argomentazioni e, nel caso, conseguenze.

2018-02-12__Trump__Sondaggio__001

Pubblicato in: Amministrazione, Unione Europea

Italia. Elezioni. 35 collegi nel Meridione saranno decisivi. Analisi dei collegi.

Giuseppe Sandro Mela

2018-02-16.

2018-02-16__Elezioni_Corriere__i

Italia. Simulazione di voto con il ‘Rosatellum’. – Demopolis

Rosatellum bis. Gli strani effetti della nuova legge elettorale. [Questo articolo riporta una breve spiegazione dei sistemi elettorali e del Rosatellum in particolare.]

Elezioni 4 Marzo. Rosatellum potrebbe beffare il Pd.

*

Il risultato di queste elezioni potrebbe variare non solo il quadro politico nazionale, ma anche e soprattutto quelle all’interno del Consiglio di Europa.

Si noti come i risultati del referendum interno alla socialdemocrazia tedesca saranno rilasciati solo a chiusura delle urne in Italia.

* * * * * * *

«Il centrodestra è in largo vantaggio al nord, il centrosinistra al centro, mentre in buona parte del sud è sfida aperta tra Movimento cinque stelle e centrodestra.»

*

«348 collegi uninominali (232 alla Camera, 116 al Senato)»

*

«i collegi contendibili, quelli nei quali un candidato o una campagna azzeccata possono cambiare il corso delle cose. Secondo Rosatellum.info ce ne sono 113, 78 alla Camera e 35 al Senato.»

*

«Al nord la partita è quasi chiusa. Il centrodestra ha largo margine di vantaggio in buona parte dei collegi e quelli incerti sono solo 29 (su 138), 21 alla Camera e 8 al Senato.»

*

«Al centro, invece, molti collegi sono già considerati sicuri per il centrosinistra e anche in quelli incerti, Pd e alleati sono sempre in vantaggio.»

*

«Da Rimini a Bari ci sono 18 collegi e sono quasi tutti incerti»

*

«La vera sfida è tra centrodestra e Movimento 5 Stelle nei collegi del sud. Lì il centrodestra può trovare quella trentina di seggi (tra maggioritario e proporzionale) che ancora gli mancano per ottenere la maggioranza assoluta in entrambe le Camere.»

*

«Nell’area metropolitana di Napoli nulla è deciso: di nove collegi alla Camera, solo due sono — di fatto — già assegnati»

*

«In tutto il sud c’è un unico collegio alla Camera che probabilmente andrà al centrosinistra, quello di Potenza»

*

«Per il resto, è sfida a due — aperta e incerta — in ben 35 collegi tra Camera e Senato. Intere regioni sono in bilico: Sicilia, Campania, Calabria.»

* * * * * * *

È una partita del tutto aperta.

Persino gli allibratori di Londra danno un fifty fifty.


Corriere. 2018-02-15. Elezioni 2018: saranno 35 collegi del Sud a decidere la partita del voto

Se il centrodestra li vincesse nella sfida con i 5 Stelle potrebbero cambiare gli equilibri anche nel proporzionale. Per i sondaggi finora nel Mezzogiorno il centrosinistra ha buona probabilità di incassare un solo seggio: quello di Potenza alla Camera.

*

Chi vince le prossime elezioni? È possibile ottenere una maggioranza assoluta in un sistema che vede tre poli alternativi? Per scoprirlo, bisogna capire cosa sta succedendo nei singoli collegi uninominali, come i candidati sul territorio stanno spostando voti e se la vittoria di una coalizione o di un’altra nelle zone in bilico potrà avere ripercussioni sul dato finale. La situazione è abbastanza cristallizzata. Il centrodestra è in largo vantaggio al nord, il centrosinistra al centro, mentre in buona parte del sud è sfida aperta tra Movimento cinque stelle e centrodestra. Se la coalizione di Berlusconi, Salvini e Meloni, riuscisse a imporsi anche nel Mezzogiorno potrebbe ottenere la maggioranza assoluta dei seggi.

Leader e peones

Le campagne elettorali sono due: una, mediatica e incentrata sui leader, è quella per il proporzionale, che determinerà i due terzi del Parlamento. L’altra, sul territorio, riguarda 348 collegi uninominali (232 alla Camera, 116 al Senato). Lì corrono alcuni leader (mai uno contro l’altro) qualche big e molti peones: la vittoria è certa per chi prende un voto più egli altri.

Il sito Rosatellum.info

Un gruppo di studiosi legati a Quorum, YouTrend e Reti, ha elaborato Rosatellum.info, un’analisi collegio per collegio basata su sondaggi, serie storiche e trend in grado di determinare quanto un collegio sia «sicuro» e quanto sia incerto, ovvero i collegi nei quali la differenza tra le prime due coalizioni è inferiore al cinque per cento dei voti. Sono i collegi contendibili, quelli nei quali un candidato o una campagna azzeccata possono cambiare il corso delle cose. Secondo Rosatellum.info ce ne sono 113, 78 alla Camera e 35 al Senato.

«Effetto trascinamento»

Spostare gli equilibri nei collegi maggioritari non solo garantisce parlamentari eletti, ma ha anche un «effetto trascinamento» — seppur piccolo — sul collegio proporzionale soprastante, che è formato dalla «somma» di diversi collegi maggioritari affiancati.

Il nord è deciso

Al nord la partita è quasi chiusa. Il centrodestra ha largo margine di vantaggio in buona parte dei collegi e quelli incerti sono solo 29 (su 138), 21 alla Camera e 8 al Senato. Berlusconi è fuori dai giochi solo in due dei collegi incerti del nord (Torino 2 e Torino 4), mentre in Liguria combatterà alla pari praticamente ovunque, tranne che in due dei 4 collegi di Genova, saldamente in mano ai Cinque Stelle. Discorso simile per il Senato. Degli otto collegi incerti al nord per la conquista di Palazzo Madama, solo uno è conteso tra Movimento 5 Stelle e centrosinistra ( Torino), mentre in tutti gli altri la sfida sarà «classica» tra la coalizione di Berlusconi e quella di Renzi (sono 5 in totale: in Lombardia solo uno, nella zona di Milano che racchiude il centro e tutta la parte est).

La variante adriatica

Al centro, invece, molti collegi sono già considerati sicuri per il centrosinistra e anche in quelli incerti, Pd e alleati sono sempre in vantaggio. La roccaforte rossa tiene, anche se la spina nel fianco di Liberi e uguali rende molti collegi da «probabile» (percentuale superiore a oltre il 10% sul secondo arrivato) a «tendente» (tra il 5 e il 10%). Diverso però il discorso sul litorale adriatico, dove il Movimento 5 Stelle ha sempre ottenuto buoni risultati. Da Rimini a Bari ci sono 18 collegi e sono quasi tutti incerti. Le coalizioni si «spartiscono» equamente le regioni. Il centrosinistra è in vantaggio nei collegi incerti dell’alto Marche (Pesaro, Fano, Ancona); il Movimento 5 Stelle guida da Ascoli a Vasto. Da Cerignola a Bari invece, il centrodestra è davanti alla lista di Di Maio.

Dove si decidono le elezioni

E per tutto il sud sarà così. La vera sfida è tra centrodestra e Movimento 5 Stelle nei collegi del sud. Lì il centrodestra può trovare quella trentina di seggi (tra maggioritario e proporzionale) che ancora gli mancano per ottenere la maggioranza assoluta in entrambe le Camere. La gran parte dei collegi del sud e delle isole è infatti un testa a testa tra Berlusconi e Di Maio. Nell’area metropolitana di Napoli nulla è deciso: di nove collegi alla Camera, solo due sono — di fatto — già assegnati. Negli altri se la giocano, compreso il collegio di Acerra dove c’è una delle pochissime sfide tra big: quella tra lo stesso Luigi Di Maio, candidato premier M5S, e Vittorio Sgarbi per il centrodestra. In tutto il sud c’è un unico collegio alla Camera che probabilmente andrà al centrosinistra, quello di Potenza. Ce ne sono altri due «incerti», quello di Potenza al Senato (che racchiude anche il collegio di Matera alla Camera) e quello di Corigliano Calabro. Per il resto, è sfida a due — aperta e incerta — in ben 35 collegi tra Camera e Senato. Intere regioni sono in bilico: Sicilia, Campania, Calabria. Qualora il centrodestra facesse filotto, cioè riuscisse a vincere i seggi in bilico anche in quelli in cui è per ora dietro, riuscirebbe nell’impresa di ottenere quei seggi in più che a oggi gli mancano per raggiungere i 315 seggi a Montecitorio e i 158 a Palazzo Madama.

Le grandi città in bilico

Zoomando un po’ nella mappa, è interessante vedere come nelle grandi città il risultato è molto più incerto che nel resto del Paese. A Milano sono in bilico 4 collegi su 9 (la competizione qui è centrodestra-centrosinistra), Torino è tutta in bilico in un’affascinante competizione a tre (tranne che per il seggio di Collegno, quello verso la Val Susa che vede il M5S saldamente al comando). A Roma 9 collegi su sedici sono in bilico; a Bari e Napoli è apertissima la sfida tra M5S e centrodestra (con leggero vantaggio per la coalizione di Berlusconi).

Le sfide tra candidati

Detto della sfida ad Acerra tra Di Maio e Sgarbi, non ci sono grandi match tra big, o candidature pesanti capaci di invertire i risultati. Nemmeno la tesissima sfida nel collegio senatoriale di Bologna tra Casini, che oggi si candida col centrosinistra e l’ex governatore della Regione Vasco Errani in lista per Liberi e Uguali. Vedremo se queste due settimane di campagna elettorale potranno invertire la tendenza.

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Trump

Trump il Grande. La riducendo le tasse aumentano stipendi, pensioni ed investimenti. 2,800 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-02.

Liberal incazzati 001

Chiunque si fosse preso la briga di leggere, ed anche cercare di capire, Adam Smith, non avrebbe avuto nessuna difficoltà a comprendere il fenomeno nella sua reale portata. Poi, economisti del calibro di von Hayek oppure von Mises raffinarono il concetto. Splendide per chiarezza le chiose sull’argomento del Gaxotte.

Qualcuno deve pur detenere la ricchezza della nazione: o sono i privati, o è lo stato, oppure sistemi più o meno misti.

Lo stato può detenere ricchezza sia per diretta proprietà sia tramite leggi, normative e regolamenti.

Il sistema funziona fino a tanto che lo stato si occupa dello stato, tenendo sempre ben presente gli interessi della gente: interni e difesa sono i due classici compiti dello stato.

Per quanto riguarda il così detto welfare, per il cittadino è importante il poterne usufruire, indipendentemente da chi ne disponga. Ci spiegheremo con alcuni esempi.

Poter ricorrere alla necessarie cure sanitarie è un obiettivo da tutti ambito: che lo stato le metta a disposizione a costi ragionevoli utilizzando quanto leva dalle tasse, oppure che il cittadino abbia in tasca il necessario per potersi pagare una assicurazione è solo un differenza di mezzo per ottenere il fine.

Identico discorso per la pensione.

* * * * * * *

In buona sostanza l’ideologia liberal e quella socialista sostengono che lo stato deve intervenire attivamente nei sistemi economici, possedendo e legiferando, mentre quelli che una volta potevano essere definiti “liberali” sostenevano l’esatto contrario. Chiaro esempio la Scuola Austriaca.

Nel corso dell’ultimo secolo la visione ideologica ha prevalso, ed ora sta devolvendo: visti i risultati gli elettori non accordano più il loro consenso.

*

Con una imponente riduzione delle tasse, dell’ordine di 1,500 miliardi, il Presidente Trump si propone di ridurre l’operatività pubblica in economia e di lasciare maggiore ricchezza a disposizione del popolo lavoratore.

Non sarà un processo istantaneo: richiederà tempo. Ma gli inizi si stanno vedendo chiaramente.

Facendo una somma molto, ma molto, grossolana e approssimata per difetto, la grande maggioranza delle imprese utilizza la riduzione del carico fiscale per aumentare i salari, finanziare meglio i fondi pensioni, ed eseguire investimenti produttivi: la somma degli annunci fatti sfiora a tutto ieri i 2,800 miliardi di dollari americani.

Senza alcun bisogno di leggi o normativi, i salari minimi sono si sono innalzati mediamente di tre dollari l’ora, ed i salari sono incrementati di duecento – quattrocento dollari al mese, in busta paga.

Al momento sono interessati a questo fenomeno circa trenta milioni di cittadini, ma il numero è destinato ad ampliarsi. Quanti infatti hanno ricevuto un aumento di stipendio lo spenderanno, aumentando così i consumi interni.

È quanto basta per proporre per Mr Trump il titolo di “Grande“.

Nota.

Trump. Discorso Stato dell’Unione. Testo ed indici gradimento.

Gli ascoltatori del discorso sulla stato della nazione sono stati favorevoli a Mr Trump nella percentuale del 75%. Fare guadagnare la gente è la migliore propaganda elettorale che mai possa essere fatta.

Tutto il resto è aria fritta.

* * * * * * *

«FedEx announced Friday it will commit to more than $3.2 billion in wage increases, bonuses, and American capital investment due to the recently passed Tax Cuts and Jobs Act»

*

«FedEx revealed in its statement that it will spend more than $200 million in increased compensation, about two-thirds of which will go to hourly workers, and the remainder will go to increases in performance-related incentive plans for salaried personnel»

*

«FedEx also suggested it will contribute $1.5 billion to the FedEx pension to ensure that it remains “one of the best-funded retirement programs in the country.”»

*

«Home Depot announced Thursday that its workers can receive a bonus of up to $1,000 as a result of the Tax Cuts and Jobs Act.»

*

«Well over 100 American companies gave their employees as much as $2,000 in bonuses after President Trump signed the Tax Cuts and Jobs Act»

*

«Several corporations, such as AT&T, Comcast, and Nationwide, also increased their 401(k) match rate, raise their minimum wages, and increased domestic investment because of the Republican tax bill»

* * * * * * *

Walmart’s Bumpy Day: From Wage Increase to Store Closings [The New York Times]

«Walmart, the nation’s largest private employer, waded into the bumpy waters of partisan politics on Thursday, announcing that it will use some of its savings under the new tax bill to provide wage increases, bonuses and expanded benefits to its hourly workers.

The giant retailer, which faces stiff competition for qualified workers in a tight labor market and pressure from unions to increase wages, said it would raise its minimum starting wage to $11 an hour, from $9. It will also expand maternity and family leave benefits, and give bonuses of up to $1,000 to eligible employees.»

*

More Businesses Raise Wages, Give Bonuses in Wake of Tax Cuts

«More businesses are announcing bonuses, higher minimum wages, and new benefits for employees after passage by Congress of Republicans’ tax reform bill. 

An email from House Speaker Paul Ryan’s press office highlights 33 businesses—including Aflac, Associated Bank, and PNC Bank—that have announced raises, bonuses, and other improvements for employees.

In moves that may defuse efforts to mandate higher minimum wages across the nation, at least nine of the 33 businesses announced they are boosting their minimum wage for thousands of workers to $15 or more an hour.»

*

«Insurance company Aflac says it will boost U.S. investments by $250 million and increase 401(k) benefits for employees, including a one-time contribution of $500 to every worker’s retirement savings account.»

*

«Associated Bank announced a $500 bonus for nearly all employees and an increase in its minimum wage from $10 per hour to $15 per hour»

*

«PNC Bank is giving a $1,000 bonus to 47,500 workers and a $1,500 boost to workers’ existing pension accounts.»

*

«Southwest Airlines announced a $1,000 cash bonus for all employees, including part-timers, plus $5 million in charitable donations.»

*

«AT&T announced it would give a $1,000 bonus to over 200,000 U.S. employees and invest $1 billion in the economy»

*

«Boeing announced a $300 million investment»

*

«CVS announced it would hire 3,000 new workers »

* * * * * * * * * * * *

Ecco un micro – elenco delle società che a seguito della riduzione delle tasse hanno innalzato gli stipendio o deciso investimenti ed assunzioni.

Aflac: $250 million boost in U.S. investments and increased 401(k) benefits, including one-time contribution of $500 to every employee’s retirement savings account.

American Savings Bank: $1,000 bonus to 1,150 employees, nearly the entire workforce, and increase of minimum wage from $12.21 an hour to $15.15.

Aquesta Financial Holdings: $1,000 bonus to all employees, increase in minimum wage to $15 per hour.

Associated Bank: $500 bonus to nearly all employees and increased minimum wage to $15 per hour, up from $10.

AT&T: $1,000 bonus to all 200,000 U.S. workers and $1 billion boost in U.S. investments.

Bank of America: $1,000 bonus for about 145,000 U.S. employees.

Bank of Hawaii: $1,000 bonus for 2,074 employees, or 95 percent of its workforce, and increase of minimum wage from $12 to $15.

BB&T Corp.: $1,200 bonus for almost three-fourths of associates, or 27,000 employees, and increase in minimum wage from $12 to $15.

Boeing: $300 million boost in investments to employee gift-match programs, workforce development, and workplace improvements.

Central Pacific Bank: $1,000 bonus to all 850 nonexecutive employees and increase in minimum wage from $12 to $15.25.

Comcast NBCUniversal: $1,000 bonus for more than 100,000 employees.

Deleware Supermarkets Inc.: $150 bonus to 1,000 nonmanagement employees and $150,000 in new investment in employee training and development programs.

Express Employment Prc: $2,000 bonus to all nonexecutive employees at Oklahoma City headquarters.

Fifth Third Bancorp: $1,000 bonus for all 13,500 employees and increase of minimum wage to $15 for nearly 3,000 workers.

First Hawaiian Bank: $1,500 bonus for all 2,264 employees and increase in minimum wage to $15.

First Horizon National Corp.: $1,000 bonus to employees who do not participate in company-sponsored bonus plans.

Kansas City Southern: $1,000 bonus to employees of subsidiaries in the U.S. and Mexico.

Melaleuca: $100 bonus for every year an employee has worked for the company—an average of $800 for each of 2,000 workers.

National Bank Holdings Corp.: $1,000 bonus to all noncommissioned associates who earn a base salary under $50,000.

Nelnet: $1,000 bonus for nearly all of 4,100 employees.

Nephron Parmaceuticals: wage increase of 5 percent for its 640 employees.

Nexus: wage increase of 5 percent and plans to hire 200 workers in 2018.

OceanFirst Bank: increase in minimum wage from $13.60 to $15, affecting at least 166 employees.

PNC Bank: $1,000 bonus to 47,500 employees and $1,500 increase to existing pension accounts.

Pinnacle Bank: $1,000 bonus for all full-time employees in Nebraska, Kansas, and Missouri.

Pioneer Credit Recovery: $1,000 bonus to employees.

Rush Enterprises Inc.: $1,000 discretionary bonus to 6,600 U.S. employees.

Sinclair Broadcast: $1,000 bonus to nearly 9,000 employees.

SunTrust: increase of minimum wage to $15, $50 million increase in community grants, 1 percent 401(k) contribution for all employees.

Turning Point Brands, Inc.: $1,000 bonus to 107 employees.

Washington Federal, Inc.: wage increase of 5 percent for employees earning less than $100,000 per year and increased investments in technology infrastructure and community projects.

Wells Fargo: increase in minimum wage from $13.50 to $15, and higher charitable giving by about 40 percent, to $400 million.

Western Alliance: wage increase of 7.5 percent for the lowest-paid 50 percent of employees.


Breitbart. 2018-01-26. FedEx Announces $3.2 Billion in Wage Increases, Bonuses Due to Tax Reform

FedEx announced Friday it will commit to more than $3.2 billion in wage increases, bonuses, and American capital investment due to the recently passed Tax Cuts and Jobs Act.

“FedEx believes the Tax Cuts and Jobs Act will likely increase GDP and investment in the United States,” FedEx wrote.

FedEx revealed in its statement that it will spend more than $200 million in increased compensation, about two-thirds of which will go to hourly workers, and the remainder will go to increases in performance-related incentive plans for salaried personnel.

FedEx also suggested it will contribute $1.5 billion to the FedEx pension to ensure that it remains “one of the best-funded retirement programs in the country.”

The shipping company also wrote in the statement that it will invest “$1.5 billion to significantly expand the FedEx Express Indianapolis hub over the next seven years. The Memphis SuperHub will also be modernized and enlarged in a major program the details of which will be announced later this spring.”

The American economy continues to thrive under President Donald Trump. Reports suggested that an excess of one million Americans will receive a bonus of up to $3,000, thanks to the tax cut bill.

Home Depot announced Thursday that its workers can receive a bonus of up to $1,000 as a result of the Tax Cuts and Jobs Act.

Craig Menear, Home Depot’s chief executive officer, said in a statement released Thursday, “This incremental investment in our associates was made possible by the new tax reform bill. We are pleased to be able to provide this additional reward to our associates.”

Well over 100 American companies gave their employees as much as $2,000 in bonuses after President Trump signed the Tax Cuts and Jobs Act. Several corporations, such as AT&T, Comcast, and Nationwide, also increased their 401(k) match rate, raise their minimum wages, and increased domestic investment because of the Republican tax bill.

American unemployment claim benefits remain at a record 17-year low, and American consumer sentiment reached its highest level since 2000.

Meanwhile, former Democratic National Committee (DNC) chairwoman and Rep. Debbie Wasserman Schultz argued on Thursday that $1,000 in bonuses as a result of tax reform do not amount to much help.

Schultz said, “I’m not sure that $1,000 goes very far for anyone.”

Pubblicato in: Amministrazione

M5S. Il caso di Alessia D’Alessandro.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-01.

2018-02-01__Alessia__001

La dr.ssa Alessia D’Alessandro si è candidata per il Movimento Cinque Stelle.

Sono sorte alcune incomprensioni sulla sua modalità di essere presentata.

*

Wirtschaftsrat der CDU

«Der Wirtschaftsrat der CDU e. V. ist ein CDU-naher Verband. Er vertritt die Interessen der unternehmerischen Wirtschaft gegenüber der Partei und will deren Wirtschaftspolitik in ihrer Interpretation der Sozialen Marktwirtschaft mitgestalten. Gleichzeitig soll bei den Unternehmern für die christdemokratischen Grundsätze geworben werden.»

*

Economic Council Germany

«The Economic Council (Wirtschaftsrat der CDU e.V.) is a major German business association representing the interests of around 12,000 small and medium-sized firms. Members are drawn from all sectors of the German economy including banking and finance, insurance, the automotive and chemical industries, healthcare and high-tech. On the basis of this broad membership base the Economic Council claims to represent the interests of the German entrepreneurial community as a whole, as opposed to lobbying for one particular business sector.

The aim of the council is to promote a social market economy based on the principles of Ludwig Erhard, economy minister of the Federal Republic of Germany between 1949 and 1963 and widely regarded as the initiator of Germany’s so called “Economic Wonder” during the 1950s. Although the organisation is both financially and ideologically independent it has traditionally had close ties to the free-market liberal wing of the conservative Christian Democratic Union (CDU) of Chancellor Angela Merkel. For this reason it is sometimes referred to as the Economic Council to the CDU. This description can also be attributed to the link with Erhard, who was one of the founding members of the association»

*

Ricapitoliamo.

«Il Consiglio economico della CDU è un’associazione collegata alla CDU. Rappresenta gli interessi dell’economia imprenditoriale nei confronti del partito e vuole contribuire a plasmare la sua politica economica nella sua interpretazione dell’economia sociale di mercato. Allo stesso tempo, si devono promuovere gli imprenditori per i principi della democrazia cristiana.»

*

«the organisation is both financially and ideologically independent»

*

«traditionally had close ties to the free-market liberal wing of the conservative Christian Democratic Union (CDU) of Chancellor Angela Merkel»

* * * * * * *

Chi è Alessia D’Alessandro, la più bella delle liste

«Vive a Berlino, ha 28 anni e nel curriculum vanta esperienze di studio alla Sciences Po di Parigi e alla Jacobs University Bremen di Brema. Oltre a fare l’assistente al marketing della Wirtschaftsrat, un’organizzazione imprenditoriale vicina alla Cdu, il partito della cancelliera tedesca Angela Merkel. Alessia D’Alessandro è il volto emergente scelto dal Movimento Cinque Stelle per correre nel collegio uninominale di Agropoli-Castellabate, in provincia di Salerno.

Occhi verdi e lunghi capelli castani, la bella Alessia (che parla cinque lingue) sfiderà l’ex sindaco di Agropoli Franco Alfieri, oggi capostaff del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e soprannominato “il re delle fritture”. Celebre il fuorionda diffuso poco prima del referendum costituzionale nel quale De Luca lo invitava a offrire “fritture di pesce” nella campagna per il sì, definendolo inoltre uno che fa “le clientele come Cristo comanda”.

Contro Alfieri e D’Alessandro, nel collegio uninominale Campania 2-10, correrà anche Marta Ferraioli, professoressa di Procedura penale al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Roma Tor Vergata e candidata per il centrodestra.»

* * *

Candidata M5S in staff Merkel? Presa distanza da Berlino

«Dalla Germania arriva una netta presa di distanza nei confronti di Alessia D’Alessandro, giovane candidata del Movimento 5 stelle che ha vantato un suo ruolo nel partito Cdu della cancelliera tedesca Angela Merkel. “Abbiamo l’impressione che la sua posizione alla Wirtschaftsrat sia stata esagerata dal suo partito nei media italiani”, ha detto all’agenzia tedesca Dpa l’organizzazione dove ha lavorato la candidata, che è un think tank economico legato alla Cdu, ma non è un organo del partito.

“D’Alessandro lavora come assistente alla Wirtschaftsrat sin dal primo aprile 2017 – afferma l’organizzazione – la settimana scorsa ci ha informati della sua candidatura. Non è mai stata attiva in campi politicamente rilevanti e non ha contatti politici. La nostra impressione è che la sua posizione alla Wirtschaftsrat sia stata esagerata dal suo partito sui media italiani. Non vogliamo aggiungere commenti a questo gioco politico. D’Alessandro ha lasciato oggi la Wirtschaftsrat su sua richiesta”.

Il sito della “Wirtschaftsrat der Cdu” (Consiglio economico della Cdu) spiega che si tratta di un’associazione che rappresenta gli interessi di oltre 11mila piccole e medie imprese, oltre che compagnie multinazionali, nel dialogo con i “decision makers” tedeschi ed europei. Fondato da Ludwig Erhard, ministro della Cdu che guidò la ripresa economica nel dopoguerra, il Consiglio sostiene politiche che riflettono principi di “economia di mercato sociale”.»

* * * * * * *

Non dovrebbe essere necessario altro commento.

Pubblicato in: Amministrazione, Unione Europea

Germania. Immigrati illegali. Precisazioni degli uffici competenti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-01.

2018-02-01__Germania__001

È stato recentemente pubblicato un articolo dal titolo:

Germania. Un immigrato illegale guadagna più del rettore. – Fotocopie

*

Taluni Lettori ne hanno messo in dubbio la autenticità della documentazione riportata.

Riportiamo quindi dal Mimikama la seguente presa di posizione.

Der Bescheid des Landratsamts Landkreis Leipzig

Quel giornale ha chiesto chiarimenti direttamente al Landkreis Leipzig. Büro des Landrats – Pressesprecherin. Stauffenbergstr.4. 04552 Borna.

Riportiamo in fotocopia la relativa risposta. Riamrchiamo il passo:

«Allgemein ist jedoch zu sagen, dass die Bescheide die vom Landratsamt Landkreis Leipzig in Angelegenheiten des Asylbewerberleistungsgesetzes (AsylbLG) erstellt werden, in ihrer äußeren Erscheinung dem abgebildeten Schriftstück entsprechen.»

*

«In linea di massima, tuttavia, va detto che le comunicazioni dell’ufficio distrettuale del distretto di Lipsia in materia di diritto d’asilo (AsylbLG) corrispondono al documento illustrato.»

*

Questa che segue è la traduzione automatica effettuata con Deepl.


    …. apprezziamo molto il vostro lavoro, ma rispettiamo anche la protezione dei dati.

    L’ ufficio dell’ amministrazione distrettuale del distretto di Lipsia non è autorizzato a prendere posizione sulla questione se le foto con i documenti illustrati che circolano nei social media siano vere e proprie. Questa dichiarazione è coperta dalla protezione dei dati sociali.

    L’ Ufficio non ha nemmeno diffuso tale lettera. Pertanto, come misura precauzionale, l’ avviso urgente: Si prega di rispettare la protezione dei dati: I nomi, le date di nascita e anche l’ indirizzo esatto non può essere ulteriormente distribuito!

    In linea di massima, tuttavia, va detto che le comunicazioni dell’ufficio distrettuale del distretto di Lipsia in materia di diritto d’asilo (AsylbLG) corrispondono al documento illustrato.

    Le decisioni dell’ Ufficio sono strutturate in modo tale che nei calcoli sia indicato un importo totale. Ciò non corrisponde necessariamente all’ importo del rimborso.

    Ad esempio, il costo dell’ alloggio di una famiglia di dieci persone può superare i 4.000 euro al mese.

    Ciò include già tutti i costi aggiuntivi, simili a quelli di una residenza studentesca o di un altro alloggio ammobiliato. Tale somma non viene versata alla famiglia, l’ importo viene dedotto dall’ importo totale indicato.

    Tuttavia, sarebbe stato versato solo un importo molto inferiore. Ciò corrisponde al tasso di previdenza sociale generalmente noto.

    Per orientamento di massima:

    Una famiglia rifugiata, che rientra nella cerchia legale ai sensi del § 2 AsylbLG, riceve prestazioni analoghe a quelle della SGB XII. In una costellazione familiare con 10 persone, si può ipotizzare una media di 300 euro per persona. I dati esatti sono disponibili al pubblico.

    Spero che queste informazioni vi possano aiutare.

    Vostro sinceramente,

    ~~~~~~~~~~~~~

    Distretto di Lipsia

    Ufficio dell’ amministratore distrettuale – addetto stampa

    Stauffenbergstr. 4

    04552 Borna

    http://www.landkreisleipzig.de

Tradotto con http://www.DeepL.com/Translator



Nota.

Si ringrazia il sig. Marco Baffi Monari per aver segnalato il problema.

Pubblicato in: Amministrazione, Persona Umana

Pensionati. 16.2 milioni, 17,580€ il reddito lordo medio, 14,311€ netto.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-12-31.

 Vincent van Gogh - Vecchio che soffre

 

L’Istat ha rilasciato il Report «Condizioni di vita dei pensionati»

La lettura integrata delle condizioni di vita dei pensionati è basata su diverse fonti informative: Casellario centrale dei pensionati, Indagine campionaria su reddito e condizioni di vita delle famiglie e Rilevazione sulle forze di lavoro.

Nel 2016 i pensionati sono 16,1 milioni (-115mila rispetto al 2015, -715mila rispetto al 2008) e percepiscono in media un reddito pensionistico lordo di 17.580 euro (+257 euro sull’anno precedente). Le donne sono il 52,7% e ricevono in media importi annuali di circa 6mila euro inferiori a quelli degli uomini.

Per gli importi medi delle pensioni, le differenze di genere rimangono marcate ma tendono a ridursi (per le pensioni di vecchiaia, dal +72,6% a favore degli uomini nel 2005 al +62,1% del 2016). Si ampliano invece le differenze territoriali: l’importo medio delle pensioni del Nord-est supera del 18,2% quello delle pensioni del Mezzogiorno (era il 17,3% nel 2015), quasi il doppio rispetto al divario dell’8,8% del 1983 (primo anno per cui i dati sono disponibili).

Il cumulo di più assegni pensionistici sullo stesso beneficiario è meno frequente tra i pensionati di vecchiaia (ha più trattamenti il 27,9% dei pensionati) mentre è ovviamente molto più diffuso tra i pensionati superstiti (67,4%), soprattutto donne (86,6%).

Nel 2016, i percettori di pensione che risultano occupati sono 436mila (-15,5% rispetto al 2011) uomini in tre casi su quattro; l’85,8% svolge un lavoro autonomo, quasi i due terzi risiede nelle regioni settentrionali e il 54,0% ha conseguito al massimo la licenza media.

*

«stimare il reddito pensionistico netto dei pensionati residenti in Italia, che nel 2015 è in media di 14.311 euro annui»

*

«Le ritenute fiscali incidono per il 18,9% (+0,3% rispetto al 2014); l’aliquota media si attesta al 21,6% per i pensionati di vecchiaia e anzianità, al 18,0% per quelli di reversibilità e al 12,8% per i beneficiari di trattamenti d’invalidità ordinaria o indennitari.»

*

«In molti casi il reddito pensionistico sembra proteggere da situazioni di forte disagio economico. Nel 2015 l’incidenza delle famiglie a rischio di povertà tra quelle con pensionati (16,5%) è sensibilmente inferiore a quello delle altre famiglie (24,2%). Il rischio è relativamente più elevato tra i pensionati che vivono soli (21,8%) o con i figli come monogenitore (18,6%) e ancor più elevato nelle famiglie in cui il reddito del pensionato sostenta altri componenti adulti senza redditi da lavoro (34,9%).»

*

Nota Metodologica.

«Grave deprivazione materiale (indicatore Europa 2020): percentuale di persone in famiglie che registrano almeno quattro segnali di deprivazione materiale sui nove indicati di seguito:

  1. essere in arretrato nel pagamento di bollette, affitto, mutuo o altro tipo di prestito;

  2. non poter riscaldare adeguatamente l’abitazione;

  3. non poter sostenere spese impreviste di 800 euro (l’importo di riferimento per le spese impreviste è pari a circa 1/12 del valore della soglia di povertà annuale calcolata nel 2014, il cui valore era pari a 9.455 euro);

  4. non potersi permettere un pasto adeguato almeno una volta ogni due giorni, cioè con proteine della carne, del pesce o equivalente vegetariano;

  5. non potersi permettere una settimana di vacanza all’anno lontano da casa;

  6. non potersi permettere un televisore a colori;

  7. non potersi permettere una lavatrice;

  8. non potersi permettere un’automobile;

  9. non potersi permettere un telefono.»

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo, Sistemi Economici

Retribuzioni sempre più basse e lavoro sempre più duro. La nuova realtà.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-12-25.

2017-12-21__Retribuzioni__002

Vi sono delle realtà, più o meno sgradite, alcune davvero fortemente penalizzanti, ma delle quali si deve prendere atto, volenti o nolenti.

Una di queste è la triste eredità che è lasciata dalla lunga serie di governi precedenti, sia in Italia sia nell’Unione Europea: il mercato del lavoro offre posti a contratto, spesso di corta durata, e con emolumenti minimali.

«Uno stipendio di 92 euro al mese, circa 33 centesimi all’ora, e decurtazioni ai pagamenti del corrispettivo di un’ora di lavoro per chi andava 5 minuti al bagno o arrivava con 3 minuti di ritardo. E’ quanto emerge da una denuncia della SLc Cgil di Taranto, riguardo un call center. ….
il primo allucinante bonifico di appena 92 euro per un intero mese di lavoro …. l’azienda ha risposto che se per 5 minuti si lascia il posto per andare al bagno si perdeva una intera ora di lavoro. Anche per un ritardo di tre minuti l’azienda non riconosceva alle lavoratrici la retribuzione oraria»

2017-12-21__Retribuzioni__001

Riportiamo, ma esclusivamente a mo’ di esempio concreto, il caso della Ryanair, società internazionale.

«Sottopagati e sfruttati con turni massacranti spesso pagati solo in parte …. “schiavitù moderna” …. la lettera inviata ai piloti italiani Ryanair, e fatta circolare sui social, in cui li ‘invita’ a non aderire allo sciopero pena “la perdita di futuri aumenti in busta paga, trasferimenti ed eventuali promozioni” …. Dozzine di assistenti di volo hanno contattato il ‘Daily Mail’ per raccontare come siano “sfruttati in modo spietato” dalla compagnia aerea low cost …. Qualcuno ha rivelato come un giorno abbia lavorato otto ore ma di essere pagato solo per due. Un altro di aver guadagnato meno di 500 sterline (quindi poco più di 550 euro) in un mese. E ancora c’è chi dice di essere stato pagato 3,75 sterline all’ora (meno della metà del salario minimo). …. Alcuni membri dello staff affermano di essere stati minacciati di essere trasferiti se non avessero venduto abbastanza».

* * *

Il quadro è desolante per quanti possano ricordare i tempi passati, ma è quello attuale.

Se si considera che per conseguire una laurea sono mediamente necessari cinque anni con un investimento stimabile, sempre in termini medi, di circa centomila euro, la retribuzione iniziale lorda di 23,827€ non genererebbe certo entusiasmi, anche se ai 45 anni essa potrebbe essere salita ai 50,590.

Per i non laureati il quadro retributivo è desolante.

Nella fascia dei 15 – 24 anni si arriva in termini medi a 21,584€ lordi, che possono salire a fine carriera a 29,649€ lordi annui. Si ricordi come i 1,500 euro al mese siano la soglia superiore della povertà.

Sempre in termini medi, le retribuzioni nette ammontano a circa il 60% del lordo, detratte tasse e contributi.

*

L’Istat ci fornisce un quadro mensile dell’occupazione: ecco i dati di ottobre.

In Italia gli occupati totali sono 23,082 migliaia, (13,394 maschi e 9,689 femmine). I disoccupati sono 2,879 mentre gli “inattivi” (15 – 64 anni) sono un qualcosa come 13,348 (tredici milioni 348,000).

Dei 17,776 dipendenti, 14,952 erano permanenti mentre 2,824 erano a termine.

La disoccupazione nella classe di età 15 – 24 anni ammontava al 34.7%, ricordando che in questa categoria non rientrano gli “inattivi“. I numeri assoluti sono ben spietati: in questa fascia di età 998 sono occupati, 530 sono disoccupati, e 4,345 sono inattivi. Al sodo, solo il 16.9% dei giovani è occupato (100 * 998 / 5,873).

Ma non ci si faccia illusioni.

I rapporti di breve durata hanno mediamente retribuzioni attorno ai 500 euro mensili. Ben difficilmente la retribuzione di ingresso, sia pure a regime precario, super gli 800 euro. Nel converso, le condizioni di lavoro sono spesso severe, così essendo imposto dai tempi.

Non ci si stupisca quindi se stia entrando in auge una sorta di ius primae noctis, che in realtà nel medioevo non esisteva: essere assunto anche come precario è un lusso che spetta a ben pochi. È del tutto sequenziale che si faccia di tutto pur di ottenere una posizione, sia pure precaria. Ed una volta assunti per un pugno di scudi ci si scordi di quelli che una volta erano denominati i “diritti sindacali“. Quelli sono i privilegi feudali di quanti siano occupati a tempo pieno.

In pratica, una legione di nuovi schiavi sgobba da mane a sera per mantenere i privilegi di quanti li abbiano preceduti. Anche la nobiltà francese accampava quei “diritti precostituiti” dei quali la rivoluzione li deprivò assieme alla testa: lezione della storia mai assimilata.

Nè ci si stupisca se il futuro sarà ben peggio del presente.

*

Nel suo Report «Il mercato del Lavoro 2017» l’Istat non da cifre confortanti.

«Il quadro demografico del Paese si caratterizza per il protrarsi di fenomeni presenti da lungo tempo ma anche per l’accentuarsi di squilibri più recenti.

La recente evoluzione demografica conferma il rapido invecchiamento della popolazione, frutto dell’allungamento della sopravvivenza e del persistente calo della fecondità iniziato negli anni ‘70. La speranza di vita alla nascita si attesta tra le più alte del mondo ed è, nel 2016, 80,6 anni per gli uomini e 85,0 anni per le donne (Istat 2017a).

Contemporaneamente, dopo il boom delle nascite degli anni ‘60 la dinamica naturale si affievolisce fino al 1995. Da quel momento si assiste a una graduale ripresa della fecondità durata fino al 2010, alla quale hanno contribuito prevalentemente le straniere nel Nord. Più recentemente, la fecondità ha subìto una nuova battuta di arresto (1,34 figli per donna nel 2016).»

*

«Nel 2016 poco più della metà dei 12 milioni 664 mila giovani tra i 15 e i 34 anni ha almeno un’esperienza lavorativa, conclusa o ancora in corso. In particolare, il 39,9% è occupato mentre il 15,2% non è occupato ma ha avuto in passato almeno un’esperienza di lavoro e nella maggioranza dei casi vorrebbe lavorare (disoccupato o forza lavoro potenziale). Il restante 44,9% dei giovani non ha mai lavorato nella vita.»

In sintesi: nella fascia di età 15 – 34 anni solo il 39.9% risulta essere occupato. In termini numerici, 5.053 milioni sono occupati e 7.611 milioni non sono occupati.

«I rapporti di lavoro di breve durata (RB) ….

il numero di lavoratori coinvolti in RB distinti per diverse tipologie: nel complesso risultano poco meno di 4 milioni di lavoratori nel 2016, in crescita dai 3 milioni del 2012.»

*

Nel suo Report «Condizioni di vita, reddito e carico fiscale delle famiglie» l’Istat riporta:

«Metà delle famiglie residenti in Italia percepisce un reddito netto non superiore a 24.522 euro l’anno (circa 2.016 euro al mese»

*

«Il cuneo fiscale e contributivo è pari al 46,0% del costo del lavoro, in lieve calo rispetto agli anni precedenti (46,2% nel 2014, 46,7% nel 2012).»

*

«Aumentano sia l’incidenza di individui a rischio di povertà (20,6%, dal 19,9%) sia la quota di quanti vivono in famiglie gravemente deprivate (12,1% da 11,5%) …. la popolazione esposta a rischio di povertà o esclusione sociale è infatti superiore di 5.255.000 unità rispetto al target previsto …. In Italia, la quota di popolazione a rischio di povertà o esclusione sociale è passata da 28,7% a 30,0% tra il 2015 e il 2016»

* * * * * * *

Ma se in Italia vi sono 23.082 milioni di occupati, il numero di addetti ai servizi pubblici è degno di menzione.

«Nel 2015 le unità economiche partecipate dal settore pubblico sono 9.655 ed impiegano 882.012 addetti» [Istat]

*

I dipendenti delle pubbliche amministrazioni sono in Italia 3.142 milioni, ossia il 13.61% degli occupati. Ma se si tenesse conto anche dei dipendenti delle partecipate pubbliche, la percentuale salirebbe al 17.43%: un esercito di 4.024 milioni di dipendenti pubblici. La Unione Sovietica è implosa quando il rapporto burocrati / totale degli occupati aveva oltrepassato la soglia del 5%.

Nota Importante.

Ecco le definizioni Istat:

«Occupati: comprendono le persone di 15 anni e più che nella settimana di riferimento:

– hanno svolto almeno un’ora di lavoro in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura;

– hanno svolto almeno un’ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente;»

*

«Disoccupati (o in cerca di occupazione): comprendono le persone non occupate tra i 15 e i 74 anni che:

– hanno effettuato almeno un’azione attiva di ricerca di lavoro nelle quattro settimane che precedono la settimana di riferimento e sono disponibili a lavorare (o ad avviare un’attività autonoma) entro le due settimane successive;»

*

I nostri occupati nel settore produttivo e le nostre imprese lavorano per mantenere quattro milioni di dipendenti di pubbliche amministrazioni. Costerebbe meno lasciar loro lo stipendio attuale ed abolire lo stato e, di conseguenza, le tasse.


Adnk. 2017-12-19. “Ryanair come la Corea”, l’affondo delle hostess

Sottopagati e sfruttati con turni massacranti spesso pagati solo in parte. “Era come una piccola Corea del Nord“, dice un ex dipendente della Ryanair che accusa la compagnia aerea di “schiavitù moderna”: “Dovrebbero vergognarsi”, aggiunge.

Sono mesi che la compagnia aerea irlandese si trova al centro di aspre critiche da parte dei dipendenti. L’ultima in ordine di tempo è la lettera inviata ai piloti italiani Ryanair, e fatta circolare sui social, in cui li ‘invita’ a non aderire allo sciopero pena “la perdita di futuri aumenti in busta paga, trasferimenti ed eventuali promozioni”.

Dozzine di assistenti di volo hanno contattato il ‘Daily Mail’ per raccontare come siano “sfruttati in modo spietato” dalla compagnia aerea low cost, per descrivere le condizioni di lavoro estenuanti e le tattiche utilizzate per far sì che i passeggeri acquistini il più possibile durante i voli, come ad esempio tenerli svegli con luci e annunci rumorosi. Qualcuno ha rivelato come un giorno abbia lavorato otto ore ma di essere pagato solo per due. Un altro di aver guadagnato meno di 500 sterline (quindi poco più di 550 euro) in un mese. E ancora c’è chi dice di essere stato pagato 3,75 sterline all’ora (meno della metà del salario minimo). Alcuni membri dello staff affermano di essere stati minacciati di essere trasferiti se non avessero venduto abbastanza. Una hostess è stata informata che sarebbe stata trasferita nel suo paese natale per stare con sua figlia solo se avesse venduto più patatine.

La storia di Giulia – Giulia, hostess italiana di 28 anni, ha raccontato di aver chiesto più volte alla compagnia di essere avvicinata a casa quando sua nonna era in fin di vita. Sarebbero 12 le richieste. A tutte la Ryanar ha risposto di no, sottolineando come la priorità per i trasferimenti sia basata sulle prestazioni legate alle vendite e non sulle circostanze familiari. Così sua nonna è morta prima che a Giulia venisse concesso un trasferimento. La 28enne, che quest’anno ha lasciato il suo posto a causa di una forte depressione, ha raccontato come i capi della Ryanair spingano senza sosta l’equipaggio verso obiettivi di vendita sempre più irrealistici. Le tecniche progettate per migliorare le vendite includerebbero la possibilità di lasciare le luci di bordo sempre accese e fare ripetuti annunci. Anche il riscaldamento sull’aereo verrebbe disattivato nella speranza che ciò mantenga i passeggeri svegli. Tutto questo solo per garantire all’equipaggio maggiori opportunità di vendere gratta e vinci, cibo e profumi.



Adnk. 2017-12-20. “Pagati 33 cent all’ora”, il call center della vergogna

Uno stipendio di 92 euro al mese, circa 33 centesimi all’ora, e decurtazioni ai pagamenti del corrispettivo di un’ora di lavoro per chi andava 5 minuti al bagno o arrivava con 3 minuti di ritardo. E’ quanto emerge da una denuncia della SLc Cgil di Taranto, riguardo un call center.

Sulla carta l’offerta era allettante: il call center di Taranto avrebbe offerto ai lavoratori circa 12mila euro all’anno, la realtà però “non solo era differente – spiega Andrea Lumino, segretario generale di SLc Cgil Taranto -, ma superava di gran lunga la più macabra immaginazione”.

I lavoratori impiegati nel call center da metà ottobre a dicembre si sono licenziati dopo “il primo allucinante bonifico di appena 92 euro per un intero mese di lavoro“, si legge in una nota del sindacato. “Alle loro rimostranze, l’azienda ha risposto che se per 5 minuti si lascia il posto per andare al bagno si perdeva una intera ora di lavoro. Anche per un ritardo di tre minuti l’azienda non riconosceva alle lavoratrici la retribuzione oraria”.

Il segretario generale di SLc Cgil Taranto ha annunciato che i legali del sindacato stanno valutando “la possibilità di collegare questa situazione alla legge contro il caporalato“. Subito dopo la conferenza stampa, si legge nel comunicato, è stato preparato un esposto denuncia dei lavoratori e del sindacato da inviare alla Procura della Repubblica, al Sindaco, al Presidente della Provincia e al Prefetto.

 

Pubblicato in: Amministrazione, Scienza & Tecnica, Storia e Letteratura

1517. Cinquecentesimo anniversario di Fra Luca Pacioli.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-12-16.

2017-10-25__Fra Luca Pacioli

È molto difficile misconoscere l’enorme retaggio religioso, umano e culturale che il medioevo ha lasciato in eredità all’umanità intera.

C’è voluta tutta la pervicace volontà dei così detti ‘illuministi‘ per definire quell’epoca come ‘secoli bui‘: dovevano demonizzare il passato per poter giustificare la loro presenza. Ma le menzogne non durano nel tempo. Sarebbe sufficiente andare a visitare le cattedrali gotiche: sono lì da ottocento anni.

Sarebbe davvero lungo enumerare tutte le eredità medievali, ma in questa sede una dovrebbe essere ricordata in modo particolare: la messa a punto della logica. Basata sulla geniale intuizione di Aristotele, essa è stata oggetto di profondi ripensamenti da parte delle maggiori menti dei diversi tempi. Da Boezio ad Alcuino, fino ad Abelardo con il celeberrimo Sic et non. Per non menzionare poi Alessandro di Hales e Tommaso d’Aquino.

Senza lo strumento logico sarebbe stato impossibile porre le basi della teologia e, come sequenziale evento, di ogni tipo di scienza. La matematica lasciò la veste di strumento di calcolo per diventare il regno assoluto della dimostrazione robusta. Le scienze empiriche furono fondate sull’assioma ‘adaequatio rei et intellectus‘ ideato dalla scolastica.

*

Concetti che a noi contemporanei del ventunesimo secolo sembrerebbero essere auto evidenti non lo erano affatto.

In questo contesto culturale, che non dimentichiamolo ci ha donato l’architettura gotica e scuole artistiche culminate con Raffaello, Bramante, Leonardo e Michelangelo, Fra Luca Pacioli assume una sua ben precisa figura di spicco.

«Fra Luca Bartolomeo de Pacioli o anche Paciolo (Borgo Sansepolcro, 1445 circa – Roma, 19 giugno 1517) è stato un religioso, matematico ed economista italiano, autore della Summa de Arithmetica, Geometria, Proportioni e Proportionalità e della Divina Proportione. Egli è riconosciuto come il fondatore della ragioneria.

Studiò e avviò la sua formazione a Sansepolcro, città natale, completandola poi a Venezia. Entrò nell’Ordine francescano nel 1470, probabilmente nel convento di Sansepolcro. Fu insegnante di matematica a Perugia, Firenze, Venezia, Milano, Pisa, Bologna e Roma e viaggiò molto. Nel 1497 accettò l’invito di Ludovico il Moro a lavorare a Milano, dove collaborò con Leonardo da Vinci.

Nel 1499 abbandonò Milano insieme a Leonardo da Vinci. Andò prima a Mantova poi a Venezia. Per Isabella d’Este scrisse il trattato De ludo scachorum, prezioso manoscritto sul gioco degli scacchi, introvabile per 500 anni e riconosciuto dal bibliofilo Duilio Contin tra i libri della Fondazione Coronini Cronberg di Gorizia, ospitati dalla Biblioteca statale Isontina, nel dicembre del 2006. ….

Nel 1494 pubblicò a Venezia una vera e propria enciclopedia matematica, dal titolo Summa de arithmetica, geometria, proportioni e proportionalità (stampata e pubblicata con Paganino Paganini), scritta in volgare, come egli stesso dichiara (in realtà utilizza un miscuglio di termini latini, italiani e greci), contenente un trattato generale di aritmetica e di algebra, elementi di aritmetica utilizzata dai mercanti (con riferimento alle monete, pesi e misure utilizzate nei diversi stati italiani). Uno dei capitoli della Summa è intitolato Tractatus de computis et scripturis; in esso viene presentato in modo più strutturato il concetto di partita doppia, già noto e divulgato nell’ambiente mercantile, (e quindi: “Dare” e “Avere”, bilancio, inventario) che poi si diffuse per tutta Europa col nome di “metodo veneziano”, perché usato dai mercanti di Venezia.» [Fonte]

*

Dopo l’azzeramento economico dell’alto medioevo, si iniziò il lungo cammino di una ripresa economica integrata, ove le realtà diventavano ogni giorno più complesse. Le realtà politiche ed amministrative del medioevo centrale erano davvero rudimentali, ma tutto si edifica nel tempo e facendo tesoro degli errori fatti.

Un primo e fondamentale motore furono le abbazie. Queste si dotarono ben presto di un sistema economico differenziato e coordinato, che già da solo aveva bisogno di una corretta tenuta dei conti. Ma il momento critico si determinò quando dall’abbazia madre furono fondate abbazie figlie ad essa collegate anche dal punto di vista economico. Per dare un solo esempio, Cluny raggiunse al suo apice quasi cinquantamila sedi distaccate ovvero funzionalmente dipendenti. Fare quello che oggi chiameremmo il bilancio consolidato era impresa fuori dall’allora umana possibilità.

Poi venne lo sviluppo economico e mercantile e, di conserva, le prime banche nel senso moderno del termine.

Sicuramente nelle repubbliche marinare italiane si svilupparono molteplici sistemi per cercare di tenere una contabilità ragionevolmente chiara e leggibile. Il trattato del Bongiorno, Il Bilancio di uno Stato Medievale, li tratteggia in modo vivace e dettagliato.

«The oldest record of a complete double-entry system is the Messari (Italian: Treasurer’s) accounts of the Republic of Genoa in 1340. The Messari accounts contain debits and credits journalised in a bilateral form, and include balances carried forward from the preceding year, and therefore enjoy general recognition as a double-entry system. ….

The earliest extant accounting records that follow the modern double-entry system in Europe come from Amatino Manucci, a Florentine merchant at the end of the 13th century. Manucci was employed by the Farolfi firm and the firm’s ledger of 1299-1300 evidences full double-entry bookkeeping. Giovannino Farolfi & Company, a firm of Florentine merchants headquartered in Nîmes, acted as moneylenders to the Archbishop of Arles, their most important customer suggest that Giovanni di Bicci de’ Medici introduced this method for the Medici bank in the 14th century.» [Fonte]

*

Siamo però debitori a Fra Pacioli di aver compilato il primo trattato organico e consistente di quella che in futuro sarebbe stata chiamata la partita doppia, che gli amici anglosassoni denominato come double-entry bookkeeping system. Non solo: oltre a riportare la metodologia, Fra Luca Pacioli ne delineò anche il preciso inquadramento teorico.

*

Non sarebbe azzardato sostenere che il lavoro di Pacioli abbia costituito una pietra miliare nello sviluppo economico e finanziario dell’Occidente di allora, senza il quale noi oggi non saremmo ciò che siamo.

Onore quindi al merito, e perpetuo ricordo dei nostri grandi pensatori.

Bbc. 2017-10-22. Is this the most influential work in the history of capitalism?

In 1495 or thereabouts, Leonardo da Vinci himself, the genius’s genius, noted down a list of things to do in one of his famous notebooks.

*

These to-do lists, written in mirror-writing and interspersed with sketches, are magnificent.

“Find a master of hydraulics and get him to tell you how to repair a lock, canal and mill in the Lombard manner.” “Draw Milan.” “Learn multiplication from the root from Maestro Luca.”

Leonardo was a big fan of Maestro Luca, better known today as Luca Pacioli.

Pacioli was, appropriately enough, a Renaissance Man: – educated for a life in commerce, but also a conjuror, a chess master, a lover of puzzles, a Franciscan Friar, and a professor of mathematics.

Today he is celebrated as the most famous accountant who ever lived.

Pacioli is often called the father of double-entry bookkeeping, but he didn’t invent it.

The double-entry system – known in its day as “bookkeeping alla Veneziana,” or “in the Venetian style” – was being used two centuries earlier, around 1300.

The Venetians had abandoned as impractical the Roman system of writing numbers, and were instead embracing Arabic numerals.

They may have also taken the idea of double-entry book keeping from the Islamic world, or even from India, where there are tantalising hints that double-entry bookkeeping techniques date back thousands of years.

Or it may have been a local Venetian invention, repurposing the new Arabic mathematics for commercial ends.

Intricate transactions

Before the Venetian style caught on, accounts were rather basic. Early medieval merchants were little more than travelling salesmen. They had no need to keep accounts – they could simply check whether their purse was full or empty.

But as the commercial enterprises of the Italian city states grew larger, and became more dependent on financial instruments such as loans and currency trades, the need for a more careful reckoning became painfully clear.

We have a remarkable record of the business affairs of Francesco di Marco Datini, a merchant from Prato, near Florence, who kept accounts for nearly half a century, from 1366 to 1410.

They begin as little more than a financial diary, but as his business grew more complex, he needed something more sophisticated.

Late in 1394, Datini orders wool from Mallorca.

Six months later the sheep are shorn. Several months after that, 29 sacks of wool arrive in Pisa, via Barcelona. The wool is coiled into 39 bales. Of these, 21 go to a customer in Florence and 18 go to Datini’s warehouse, arriving in 1396, over a year after the initial order. They are then processed by more than 100 separate subcontractors.

Eventually, six long cloths go back to Mallorca via Venice, but don’t sell, so are hawked in Valencia and North Africa instead. The last cloth is sold in 1398, nearly four years after Datini’s original order.

Fortunately, he had been using bookkeeping alla Veneziana for more than a decade, so was able to keep track of this extraordinarily intricate web of transactions.

Enormous influence

So what, a century later, did the much lauded Luca Pacioli add to the discipline of bookkeeping? Quite simply, in 1494, he wrote the book.

“Summa de Arithmetica, Geometria, Proportioni et Proportionalita” was an enormous survey of everything that was known about mathematics – 615 large and densely typeset pages.

Amidst this colossal textbook, Pacioli included 27 pages that are regarded by many as the most influential work in the history of capitalism. It was the first description of double-entry bookkeeping to be set out clearly, in detail and with plenty of examples.

Pacioli’s book was sped on its way by a new technology: half a century after Gutenberg developed the movable type printing press, Venice was a centre of the printing industry.

Symmetry and balance

His book enjoyed a long print run of 2,000 copies, and was widely translated, copied, and plagiarised across Europe.

Double-entry bookkeeping was slow to catch on, perhaps because it was technically demanding and unnecessary for simple businesses. But after Pacioli it was always regarded as the pinnacle of the art.

As the industrial revolution unfolded, the ideas that Pacioli had set out came to be seen as fundamental to business life. The system used across the world today is essentially the one that Pacioli described.

Pacioli’s system has two key elements.

First, he describes a method for taking an inventory, and then keeping on top of day-to-day transactions using two books – a rough memorandum and a tidier, more organised journal. Then he uses a third book – the ledger – as the foundation of the system, the double-entries themselves.

Every transaction was recorded twice in the ledger. If you sell cloth for a ducat, you must account for both the cloth and the ducat.

The double-entry system helps to catch errors, because every entry should be balanced by a counterpart, a divine-like symmetry which appealed to a Renaissance Man.

Practical tool

It was during the industrial revolution that double-entry bookkeeping became seen not just as an exercise for mathematical perfectionists, but as a tool to guide practical business decisions.

One of the first to see this was Josiah Wedgwood, the pottery entrepreneur. At first, Wedgwood, flush with success and fat margins, didn’t bother with detailed accounts.

But in 1772, Europe faced a severe recession and demand for Wedgwood’s ornate crockery collapsed. His warehouses began to fill with unsold stock and workers stood idle.

Wedgwood turned to double-entry bookkeeping to understand where in his business the profits were, and how to expand them.

He realised how much each piece of work was costing him – a deceptively simple-sounding question – and calculated that he should actually expand production and cut prices to boost business.

Others followed, and the discipline of “management accounting” was born – an ever-growing system of metrics and benchmarks and targets, that has led us inexorably to the modern world.

But in that modern world, accounting does have another role.

It’s about ensuring that shareholders in a business receive a fair share of corporate profits – when only the accountants can say what those profits really are.

Here the track record is not encouraging.

A string of 21st century scandals – Enron, Worldcom, Parmalat, and the financial crisis of 2008 – have shown us that audited accounts do not completely protect investors.

A business may, through fraud or mismanagement, be on the verge of collapse. Yet we cannot guarantee that the accounts will warn us of this.

Complacency

Accounting fraud is not a new game. The first companies to require major capital investment were the British railways of the 1830s and 1840s, which needed vast upfront investment before they could earn anything from customers.

Investors poured in, and when railway magnates could not pay the dividends that the investors expected, they simply faked their accounts. The entire railway bubble had collapsed in ignominy by 1850.

Perhaps the railway investors should have read up on their Geoffrey Chaucer, writing around the same time as Francesco Datini, the merchant of Prato.

In Chaucer’s Shipman’s Tale, a rich merchant is too tied up with his accounts to notice his wife being wooed by a clergyman.

Nor do those accounts rescue him from an audacious con.

The clergyman borrows the merchant’s money, gives it to the merchant’s wife – buying his way into her bed with her own husband’s cash – and then tells the merchant he’s repaid the debt, and to ask his wife where the money is.

Accountancy is a powerful financial technology – but it does not protect us from outright fraud, and it may well lure us into complacency. As the neglected wife tells her rich husband, his nose buried in his accounts: “the devil take all such reckonings!”

Pubblicato in: Amministrazione, Stati Uniti, Trump

White House. Il personale guadagna meno dei barbieri a Montecitorio.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-30.

Washington. White House. 001

La White House ha rilasciato il Report “Staff Salaries” relativo al 2017.

«Since 1995, the White House has been required to deliver a report to Congress listing the title and salary of every White House Office employee.  This report is being publicly disclosed on our website as it is transmitted to Congress.

2017 Report»

Nota. Questo documento reca data nominale del 30 giugno 2017, ma la sua pubblicazione è avvenuta solo pochi giorni or sono.

* * * * * * *

La White House ha 377 dipendenti, tre dei quali senza stipendio: Kushner, Jared C.; Cordish, Reed S; Trump, Ivanka M.

Il costo totale del personale ammonta a 35,766,744 dollari l’anno, essendo 95,633 $ lo stipendio medio e 108,550 lo stipendio mediano.

Mr House Mark, Senior Policy Advisor, percepisce 187,100 $ l’anno, ed è il funzionario meglio pagato di tutto lo staff. 22 altri funzionari sono a 179,700 $ l’anno ed occupano tutti posti chiave di alta responsabilità.

97 funzionari, circa un quarto del totale, percepiscono meno di 60,000 $ l’anno.

221 prendono meno di 100,000 $ l’anno, 173 una cifra maggiore.

Si tenga presente che da questa voce stipendiale il dipendente deve detrarre le spese di accontonamento pensionistico e quelle della polizza sanitaria. Poi, ovviamente, pagare le tasse.

* * * * * * *

I paragoni sono sempre odiosi.

Citiamo come fonte La Repubblica, giornale di specchiata fede governativa.

Montecitorio ha circa 1,500 dipendenti con un costo annuo di 310 milioni di euro, cui si dovrebbero aggiungere altri 227 milioni di euro, sempre per il personale ma sotto altre voci. Il segretario generale percepisce 406,000 euro l’anno, mentre il suo vice ne prende 304,000.

«Oggi barbieri, elettricisti, autisti e centralinisti entrano con uno stipendio imponibile lordo di 30mila euro l’anno cui si aggiungono contributi previdenziali per altri 5.300 euro: dopo 10 anni la retribuzione sale oltre i 50mila euro, ma a fine carriera un barbiere o un centralinista con 40 anni di servizio guadagna circa 136mila euro (al netto di 24mila euro di contributi previdenziali).»

*

«Non si possono lamentare neppure i ragionieri e i consulenti. Certo il processo di selezione non è dei più semplici, ma neppure complesso come un concorso da diplomatico o da magistrato. Eppure lo stipendio d’ingresso alla Camera è da favola: 39mila euro annui per i primi, 64mila per gli altri. Salari più che raddoppiati dopo 10 anni e che a fine carriera arrivano a 238mila e 358mila euro l’anno. Sempre al netto dei contributi previdenziali.»

*

«Non si possono lamentare neppure i ragionieri e i consulenti. Certo il processo di selezione non è dei più semplici, ma neppure complesso come un concorso da diplomatico o da magistrato. Eppure lo stipendio d’ingresso alla Camera è da favola: 39mila euro annui per i primi, 64mila per gli altri. Salari più che raddoppiati dopo 10 anni e che a fine carriera arrivano a 238mila e 358mila euro l’anno. Sempre al netto dei contributi previdenziali.»

Tenendo conto dell’attuale rapporto di cambio Eur/Usd, Mr House Mark, Senior Policy Advisor, massimo funzionario della Casa Bianca, prende quasi quanto un barbiere a Montecitorio.