Pubblicato in: Commercio, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Stati Uniti, Trump, Unione Europea

Trump. Sanzionare l’Iran per distruggere la Germania, meglio Frau Merkel. – Handelsblatt.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-17.

Ivan Iv. Il Terribile. 001. Viktor Michajlovič Vasnecov. Ivan IV il Terribile

Gran brutta cosa essere ideologizzati, assumendone i dogmi come fossero credo religioso non soggetto alla revisione critica della ragione. Pensiero ed azione diventano deliri coatti del tutto avulsi dalla realtà fattuale. Si pensa e si attua ciò che teoria impone, non ciò che sia retto, giusto e logico.

Se poi alla dipendenza dall’ideologia si associasse una smisurata superbia ed un inflessibile orgoglio si vivrebbe un delirio onirico caratterizzato da allucinazioni di grandezza autoreferenziale.

Potrebbero sembrare parole dure, ma sono invece mera constatazione di un dato di fatto. È nei fatti un delirio di onnipotenza: ma basta un nonnulla e la realtà strangola.

*

Nel novembre 2016 la dirigenza europea, Mr Juncker, Mr Hollande e Frau Merkel nutrivano la certezza assoluta che Mrs Hillary Clinton ed i liberal democratici avrebbero stravinto le elezioni presidenziali: una incapacità di vedere e percepire la realtà del tutto anomala per capi di governo. Arrivarono al punto di mandare a Mr Trump le congratulazioni per la nomina oltre una settimana dopo le elezioni, comportamento che da un punto di vista diplomatico corrisponde ad uno sgarro severo. Quindi ne dissero tutto il male possibile, denigrandolo in ogni modo e maniera: ma le loro invettive si rilevarono presto essere altamente controproducenti. Ma chi mai si credevano di essere?

*

Le parole della Bundeskanzlerin Frau Merkel furono chiare:

«we Europeans must really take our fate into our own hands» [Bundeskanzlerin Frau Merkel – NYT]

*

«really take our fate into our own hands.» [Bundeskanzlerin Frau Merkel – Cnn]

*

I tedeschi sono in un vicolo cieco, dal quale non potranno uscirne se non a costo di immani disastri: sono strategicamente battuti, proprio come cento anni or sono lo furono alla battaglia di Amiens, che decretò la fine della prima guerra mondiale. Adesso stiamo assisitendo alla sua agonia.

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

Germania. Non è povera. È misera. – Financial Times.

Germania. 13 milioni di poveri e 330,000 famiglie con la luce tagliata.

*

Stiamo adesso assistendo ad un progressivo ripudio fatto dalla confindustria tedesca nei confronti dei liberal socialisti e, soprattutto, di Frau Merkel.

Merkel, Trump e G20. Vincere o morire. – Handelsblatt.

Industriali tedeschi: Trump ha ragione e Merkel torto. – Handelsblatt.

Questa Unione Europea si sta collassando. – Handelsblatt.

Germania. ‘Conservative Manifesto’ vuole defenestrare Frau Merkel.

*

L’Unione Europea e Frau Merkel si sono sempre opposte fieramente alle sanzioni poste dagli Stati Uniti all’Iran. Usarono anche parole grondanti di orgoglio.

Europe requests exemptions from Trump’s Iran sanctions for energy, aviation and more [Cnbc]

«”As allies, we expect that the United States will refrain from taking action to harm Europe’s security interests.” [Frau Merkel»

EU sets course for US clash with law blocking Iran sanctions

«The EU has put itself on a collision course with the US over Donald Trump’s decision to withdraw from the nuclear deal with Iran, as major European firms started to pull out of the country to avoid being hit by sanctions.

In an attempt to shield EU companies doing business with Iran, the European commission president, Jean-Claude Juncker, said he would turn to a plan last used to protect businesses working in Cuba before a US trade embargo was lifted on the Latin American country.

“We will begin the ‘blocking statute’ process, which aims to neutralise the extraterritorial effects of US sanctions in the EU. We must do it and we will do it tomorrow [Friday] morning at 10.30,” he said at the end of a summit in the Bulgarian capital, Sofia.»

*

EU To Activate ‘Blocking Statute’ Against U.S. Sanctions On Iran

«Speaking after a meeting of EU leaders in Sofia, Bulgaria, European Commission President Jean-Claude Juncker told a news conference that the EU will launch on May 18 the process of activating its so-called blocking statute.

“We have to protect our companies. We have to protect mainly those who bona fide — mainly small and medium-sized enterprises — did invest in Iran, and we cannot leave them alone,” he said.»

* * *

Alla fine Mr Trump perse la pazienza.

Trump. Colpire l’Europa attraverso la Turkia. Knockout.

Trump. Executive Order EO13846. Della vera novità nessuno ne parla.

Mr Trump aveva semplicemente ignorato eurodirigenza e governi europei, ottenendo in questa maniera il massimo risultato con il mimino sforzo. Non solo, Mr Trump aveva piantato un cuneo tra il governo tedesco e la realtà del comparto produttivo e commerciale, ponendoli in un’antitesi di vita o di morte.

Frau Merkel è diventata il nemico numero uno della confindustria tedesca,

«Anyone doing business with Iran will not be doing business with the United States»

Visto? Basta una riga per piegare l’altera Frau Merkel.

«Even as European leaders oppose the measure, the likes of Daimler and Siemens are scrambling to comply rather than risk disruption of their US business»

*

«How quickly they caved — Daimler, Volkswagen, Siemens, Bayer and many others. Despite all the brave words of defiance when the US announced renewed sanctions against Iran, German firms are suspending business with the Middle Eastern country now that they are in place for fear of President Donald Trump’s wrath»

*

«Whatever German executives might think about the wisdom or legality of the sanctions, the US market is simply too important to risk disruptions»

*

«The Berlin government has pledged to find ways to protect German companies from secondary sanctions, but they seem to prefer the safer path of not flouting sanctions to begin with»

*

«Daimler, the maker of Mercedes-Benz luxury vehicles, announced as soon as the sanctions became effective on Tuesday that it has suspended its “activities in Iran in accordance with applicable sanctions until further notice.”»

*

«Oil and gas producer Wintershall said it will close down its office in Tehran»

*

«VW warned that the truck and bus sales of its Scania unit in Iran could be completely lost»

*

«Siemens said it is taking measures to make its business activities conform to the “changed multilateral framework.”»

*

«Chemicals giant Bayer and consumer goods producer Henkel said they are reviewing their Iran business.»

*

«On the face of it, the US threat puts German firms in a quandary. “Adherence to US sanctions can conflict with EU law, which can be an offense in Germany that carries a fine of up to €500,000,” said Constantin Lauterwein of the law firm Hengeler Mueller. “At the same time, ignoring US sanctions can be a major disadvantage, especially in terms of access to the US market.”»

*

«The showdown over sanctions demonstrates once again the economic clout of the United States, severely restricting the ability of Germany or any other European country to follow a different policy»

*

«The gap between Europe’s aspirations as a wannabe great power and its impotence in the face of US power is as wide as ever»

*

«Then as now, US officials will not be paying much attention to the damage inflicted on European companies through the sanctions»

* * * * * * * *

Ci sarebbero molti validi motivi per dubitare di questa ultima affermazione: tutta questa operazione è stata condotta per obbligare i governi europei a togliersi lo scolapasta dalla testa e rientrare nei ranghi.

Nulla è più apprezzabile di un governo che eserciti la Realpolitik.


Handelsblatt. 2018-08-12. German firms bend to US sanctions, cutting ties to Iran

Even as European leaders oppose the measure, the likes of Daimler and Siemens are scrambling to comply rather than risk disruption of their US business.

*

How quickly they caved — Daimler, Volkswagen, Siemens, Bayer and many others. Despite all the brave words of defiance when the US announced renewed sanctions against Iran, German firms are suspending business with the Middle Eastern country now that they are in place for fear of President Donald Trump’s wrath.

“Anyone doing business with Iran will NOT be doing business with the United States,” the US president tweeted unequivocally on Tuesday.

Whatever German executives might think about the wisdom or legality of the sanctions, the US market is simply too important to risk disruptions. The Berlin government has pledged to find ways to protect German companies from secondary sanctions, but they seem to prefer the safer path of not flouting sanctions to begin with.

Firms adapt to ‘changed multilateral framework’

Daimler, the maker of Mercedes-Benz luxury vehicles, announced as soon as the sanctions became effective on Tuesday that it has suspended its “activities in Iran in accordance with applicable sanctions until further notice.”

Oil and gas producer Wintershall said it will close down its office in Tehran. VW warned that the truck and bus sales of its Scania unit in Iran could be completely lost. Siemens said it is taking measures to make its business activities conform to the “changed multilateral framework.” Chemicals giant Bayer and consumer goods producer Henkel said they are reviewing their Iran business.

The US said it would renew sanctions when it unilaterally pulled out of the Iran nuclear accord in May. European allies, including Germany, opposed the move and said they will uphold their end of the agreement.

Mr. Trump considered the accord reached by his predecessor, Barack Obama, to lift sanctions in exchange for Iran suspending development of nuclear weapons to be a bad deal, too full of holes to be effective. European countries fear that abandoning the accord will lead to accelerated development of nuclear weapons in Iran.

Europe’s aspirations vs reality

On the face of it, the US threat puts German firms in a quandary. “Adherence to US sanctions can conflict with EU law, which can be an offense in Germany that carries a fine of up to €500,000,” said Constantin Lauterwein of the law firm Hengeler Mueller. “At the same time, ignoring US sanctions can be a major disadvantage, especially in terms of access to the US market.”

The showdown over sanctions demonstrates once again the economic clout of the United States, severely restricting the ability of Germany or any other European country to follow a different policy. The gap between Europe’s aspirations as a wannabe great power and its impotence in the face of US power is as wide as ever.

The so-called “blocking statute” put into place by the European Union is not much help. The measure “allows EU operators to recover damages arising from US extraterritorial sanctions from the persons causing them and nullifies the effect in the EU of any foreign court rulings based on them,” the European Commission said in a press release Monday. It also forbids EU persons from complying with those sanctions.

However, Mr. Lautwein said it isn’t likely to bring a wave of lawsuits. Who is the person causing the losses – a government, a bank, a company? How do you quantify the damage?

Washington has promised further sanctions for November, directly targeting Iran’s oil and gas exports, if Tehran does not meet its demands regarding uranium enrichment and supporting terror. Then as now, US officials will not be paying much attention to the damage inflicted on European companies through the sanctions.

Annunci
Pubblicato in: Demografia, Economia e Produzione Industriale

Germania. La svendita prosegue. Volontà di suicidio economico. – Reuters.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-17.

Berlino Porta Brandemburgo

«Germany’s Lanxess is selling its 50 percent stake in synthetic-rubber maker Arlanxeo to partner Saudi Aramco IPO-ARMO.SE for around 1.4 billion euros ($1.6 billion) in cash in a deal it said will give it more flexibility to grow»

*

«The deal marks an early exit for Lanxess from the world’s largest provider of synthetic rubber for tyres, while the Saudi state oil giant said it would “accelerate the development of growth opportunities in the kingdom, leveraging the strong feedstock position of Saudi Aramco”.»

*

«The proposed purchase underscores Saudi Aramco’s strategy to further diversify our downstream portfolio and strengthen our capabilities across the entire petroleum and chemicals value chain»

* * * * * * * *

Questo è un problema di lunga durata.

Da molto tempo la industria tedesca delocalizza la produzione e vende le proprietà.

Questo non è di per sé un agire errato, solo che consente risultati immediati ipotecando il futuro.

Non solo, sarebbe anche ben comprensibile se le imprese tedesche comprassero in eguali volumi ditte straniere e se gli stranieri impiantassero in Germania processi produttivi.

Così come stanno le cose il sistema è fortemente squilibrato. Ma logica insegna come le situazione perturbate alla fine debbano trovare un loro proprio equilibrio.

Poi, se tutto va bene, nulla da dire, ma chi mai potrebbe fidarsi ciecamente dei partner? Mica ci si potrebbe mettere in tasca uno stabilimento e riportarselo in patria.

*

Quando si progetta una nave è sicuramente del massimo interesse che possa navigare bene in acque tranquille, ma molto di più conta che possa resistere le mareggiate. Già: ci sono anche quelle.


Reuters 2018-08-10. Germany’s Lanxess gets out of rubber with Saudi Aramco sale

Germany’s Lanxess (LXSG.DE) is selling its 50 percent stake in synthetic-rubber maker Arlanxeo to partner Saudi Aramco IPO-ARMO.SE for around 1.4 billion euros ($1.6 billion) in cash in a deal it said will give it more flexibility to grow.

The deal marks an early exit for Lanxess from the world’s largest provider of synthetic rubber for tyres, while the Saudi state oil giant said it would “accelerate the development of growth opportunities in the kingdom, leveraging the strong feedstock position of Saudi Aramco”.

Aramco, which is planning to go public and looking to buy a stake in petrochemicals maker SABIC 2010.SE, plays a key role in Crown Prince Mohammed bin Salman’s ambitions to diversify Saudi Arabia’s economy beyond oil.

“The proposed purchase underscores Saudi Aramco’s strategy to further diversify our downstream portfolio and strengthen our capabilities across the entire petroleum and chemicals value chain,” Aramco’s Senior Vice President of Downstream, Abdulaziz al-Judaimi said in a statement on Wednesday.

For Lanxess chief executive Matthias Zachert the sale will allow him to focus on more deals to strengthen its specialty chemicals activities. Lanxess has previously said it would keep the remaining half of Arlanxeo until at least 2021.

The German chemicals group expects to receive about 1.4 billion euros in cash from the deal, which is expected to complete by end of 2018, valuing all of Arlanxeo at 3.0 billion euros including debt and liabilities.

Aramco plans to boost investments in refining and petrochemicals to secure new markets and sees growth in chemicals as central to cut the risk of an oil demand slowdown.

The sale in 2015 of the first 50 percent of Arlanxeo to Saudi Aramco had valued the business at 2.75 billion euros, and was pushed by Zachert at the time to make the company less volatile amid signs of increasing global rubber oversupply.

“We increase the resilience of our business, strengthen our financial basis and gain additional strategic flexibility for further growth,” Zachert said in a statement.

Zachert has pursued deals to grow in smaller but more profitable specialty markets and vowed last year he would change the company further.

Sources familiar with the company have said the CEO could consider another takeover the size of Chemtura. Lanxess bought the U.S. maker of additives for lubricants and flame retardants for 2.4 billion euros including debt last year.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Lidl. Un buco da 500 milioni (5 mld?). Il dramma delle imprese targate Spd. – Handelsblatt

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-10.

2018-08-07__Lidl__001

Come al solito, il problema può essere visto da differenti punti di vista, ciascuno dei quali identifica una certa quale quantità di verità. Similmente, ogni problema può essere valutato nella sua scarna essenzialità, oppure può essere valutato nella sua grande complessità analitica.

Se l’analisi dei problemi permette di metterne in luce le molte sfaccettature, la sintesi finale si centra sul principale agente concausale.

Cercheremo di essere più chiari che sia possibile.

Aspetto tecnico.

«Lidl è una catena europea di supermercati di origine tedesca.

Il nome completo della compagnia è Lidl Stiftung & Co KG. Appartiene alla Holding Schwarz, alla quale appartengono altre catene di supermercati tedesche, come Handelshof e Kaufland.

Il gruppo opera con 2 diversi sistemi distributivi: il cosiddetto discount (con insegna Lidl) e la struttura commerciale degli Iper e Super con il marchio Kaufland (che in tedesco significa il “Paese degli acquisti”). I supermercati Kaufland non sono presenti in Italia. La loro diffusione maggiore è in Germania e nei paesi dell’Europa orientale. Le due strutture (Lidl e Kaufland) non hanno apparenti contatti.

Nel 1999, secondo la lista annuale di Forbes, il proprietario di Lidl era il 37° uomo più ricco del pianeta: successivamente i suoi legali hanno chiesto che non apparisse più in questa classifica, confermando la politica di discrezione da sempre seguita dalla famiglia Schwarz…..

Secondo dati forniti nel 2004, Lidl sarebbe per grandezza la seconda catena di supermercati in Germania e inoltre è diffusa in 26 stati nel mondo, prevalentemente nell’Unione europea. Inoltre il bilancio del gruppo ammonterebbe a 36 miliardi di euro, incrementandosi del 44% ogni tre anni» [Fonte]

*

Il bilancio 2016 evidenzia un fatturato di 86 miliardi di euro, ottenuto tramite 200,000 dipendenti, la gran parte a part time. In Germania la Lidl è gestita tramite una fondazione, struttura giuridica che consente una notevole riduzione delle imposte e, soprattutto, un ragionevole anonimato dei dirigenti.

*

Negli ultimi due decenni la Lidl ha affiancato la grande distribuzione discount con l’acquisizione di impianti di produzione di alimentari, garantendo così un sicuro mercato anche a prodotti che altrimenti avrebbero potuto incontrare severe difficoltà. Da questo punto di vista l’ingresso dei paesi dell’est nell’Unione Europea è stata per Lidl una manna dal Cielo. Ma questo non è l’unico settore di diversificazione: un business particolarmente lucroso è stato quello del software gestionale per supermercati, dalla automazione delle casse alla gestione dei magazzini locali, fino alla contabilità della holding.

Aspetto politico.

Un progetto industriale di questa portata sarebbe stato semplicemente impossibile senza un consistente appoggio politico. All’epoca della grande espansione internazionale nel mondo occidentale imperava dapprima la Internazionale Socialista, trasformatasi poi in Alleanza Progressista.

L’Internazionale Socialista fu fondata il 3 giugno 1951, essendo George Papandreou l’ultimo presidente: era l’unione mondiale dei partiti d’ispirazione socialdemocratica e laburista, dei liberal democratici americani ai socialisti italiani. Essendo all’epoca i partiti di sinistra al governo in molti stati del mondo era cosa ovvia che favorissero lo sviluppo delle imprese loro vicine, che ricambiavano generosamente con finanziamenti ai partiti ed alle loro opere caritative.

Alleanza Progressista fu fondata il 22 maggio 2013 sulle rovine dell’Internazionale Socialista. L’adesione fu aperta non solo alle formazioni politiche di sinistra, ma anche a pieno titolo a tutti i partiti di ispirazione liberal. All’apice della sua potenza Alleanza Progressista coordinava l’attività politica ed economica degli Stati Uniti, del Giappone, della Germania, della Francia, del Regno Unito, dell’Italia e della Spagna, solo per citare i nomi di maggior rilievo.

Fu una potenza politica e economica mai vista in Occidente, destinata a crollare sia per le contraddizioni insite nelle ideologie liberal e socialista, sia per aver sottovalutato la portata della crescita cinese., sia infine per aver voluto sconfinare nei tempi etici e morali.

La superbia è un gran brutto vizio che porta a considerarsi fine ultimo e sovrano, dall’umano scivola impercettibilmente nell’ontologico: alla fine il superbo adora sé stesso e si illude di essere dio. Ma la realtà ridimensiona immancabilmente le ambizioni smodate.

Un esempio pratico.

Lidl aderì con entusiasmo al ruolo di supporter di Alleanza Progressista, traendone appieno tutti i congrui vantaggi. E più guadagnava più si appiattiva sull’ideologia liberal.

Ma il vento stava cambiando direzione: tutti se ne erano accorti, tranne i liberal. Per definizione infatti i superbi sono avulsi dalla realtà fattuale.

Ok. Adesso in molti non andranno più a far spesa ai Lidl.

«Croci delle chiese cancellate per non urtare la sensibilità dei clienti di fedi religiose diverse, in particolare i musulmani»

*

«È questa la strategia di marketing messa in atto dal supermercato Lidl di Camporosso, che utilizza una maxi foto del borgo di Dolceacqua sulla parete di fronte alle casse, dalla quale sono «sparite» le croci sulla facciata e sul campanile della chiesa di Sant’Antonio Abate»

*

«Ma la scelta nata da una sensibilità, probabilmente, arriva a rasentare l’eccesso. E si tramuta in un autogol, arrivando potenzialmente ad urtare, al contrario, i tanti clienti italiani»

*

«Non è la prima volta che Lidl cancella simboli religiosi da foto o pannelli»

Questa incapacità di percepire correttamente il reale si paga a caro prezzo.

Il seme del disfacimento.

Uno dei motivi della forza di Alleanza Progressista è il rispettoso ossequio alla regola che se si favoriscono politicamente le realtà amiche, a maggior ragione si tutelano le realtà economiche afferenti. Una impresa ad impronta liberal o socialista deve utilizzare prodotti e servizi di correligionari.

Se nella scala microbica questo dogma è constatabile nelle straordinarie progressioni di carriera fatte da alcuni, dai primari chirurghi focomelici a quelle dei burocrati di rara incompetenza, su scala industriale il lucro è incomparabilmente maggiore, ma solo ed esclusivamente sotto la condizione che il prodotto fisico od immateriale sia di ragionevole qualità.

Ma una regola empirica stabilisce che chi abbia bisogno di codeste ‘presentazioni’ è quasi invariabilmente una realtà che in un libero mercato mai sarebbe emersa. Einstein non aveva certo bisogno di ‘raccomandazioni’ né tanto meno una Maria Skłodowska avrebbe avuto bisogno del femminismo per conquistarsi ben due Premi Nobel: fisica e chimica.

Il problema attuale della Lidl.

«It was to be a great digital leap for Germany’s biggest discount grocer»

*

«Instead, after seven years and €500 million, Lidl’s new inventory management system with SAP is dead on arrival»

*

«It was to be a grand, transformative project for the company, the biggest in grocery chain Lidl’s history. And success appeared certain. Lidl and German software giant SAP are leaders in their respective fields. About a thousand staff and hundreds of consultants implemented a new company-wide system for inventory control for the discount grocery chain, which has close to €100 billion in annual revenue. The system, in planning since 2011, even got a cute nickname — eLWIS (pronounced like Elvis in German). In April 2017, SAP awarded Lidl a prize for being one of their best customers.»

*

«But by May 2017, Lidl’s head of IT, Alexander Sonnenmoser, had left, and in July this year, eLWIS was pronounced dead on arrival»

*

«Lidl would need to revert to its old inventory system»

*

«All this after spending an estimated €500 million on eLWIS»

*

«Changing the software necessitated reassessing almost every process at the company …. But Lidl’s management was not prepared to do that.»

*

«The cancellation of the project at Lidl is doubly annoying to SAP: They’ve lost some big business, and all the rumors are casting doubt on their own work»

* * * * * * * *

Conclusioni.

Le trimestrali di cassa della Lidl sono necessariamente complesse, essendo una multinazionale che opera in molti settori sinergici ma distinti.

Il danno non si limiterebbe ai cinquecento milioni persi nel cambio del software gestionale. A questa cifra dovrebbero essere aggiunte le perdite dovute a scollamenti dei rifornimenti e dai conseguenti triboli delle imprese produttrici di alimenti a governo Lidl.

Difficile inferire una cifra ragionevolmente comprensiva, ma nessuno si stupirebbe se raggiungesse i cinque miliardi di euro.

«Now everybody‘s asking why»

Sarebbe davvero ingenuo imputare la colpa al software.

Il commento migliore lo ha fatto un alto dirigente della Carrefour:

«Liberal, socialisti e raccomandati li presentiamo alla Lidl»

Avere la tessera socialdemocratica non è sinonimo di competenze e capacità. E siamo solo agli inizi.


Handelsblatt. 2018-08-05. Lidl software disaster another example of Germany’s digital failure

It was to be a great digital leap for Germany’s biggest discount grocer. Instead, after seven years and €500 million, Lidl’s new inventory management system with SAP is dead on arrival. Now everybody‘s asking why.

*

It was to be a grand, transformative project for the company, the biggest in grocery chain Lidl’s history. And success appeared certain. Lidl and German software giant SAP are leaders in their respective fields. About a thousand staff and hundreds of consultants implemented a new company-wide system for inventory control for the discount grocery chain, which has close to €100 billion in annual revenue. The system, in planning since 2011, even got a cute nickname — eLWIS (pronounced like Elvis in German). In April 2017, SAP awarded Lidl a prize for being one of their best customers.

But by May 2017, Lidl’s head of IT, Alexander Sonnenmoser, had left, and in July this year, eLWIS was pronounced dead on arrival. Lidl would need to revert to its old inventory system. “We are practically starting from scratch,” a company insider told Handelsblatt. All this after spending an estimated €500 million on eLWIS. Neither Lidl nor SAP will confirm that number.

Apparently one of the biggest problems was a “but this is how we always do it” mentality at Lidl. Changing the software necessitated reassessing almost every process at the company, insiders say. But Lidl’s management was not prepared to do that.

The house falls down

Unlike many of their competitors, Lidl bases its inventory management system on purchase prices. The standard SAP for Retail software uses retail prices. Lidl didn’t want to change, so the software had to be adapted. Many more accommodations had to be made, and the more changes there were to the code, the more complex and more susceptible to failure the Lidl software became.

Performance fell, costs rose. Altering existing software is like changing a prefab house, IT experts say — you can put the kitchen cupboards in a different place, but when you start moving the walls, there’s no stability.

“The strategic goals as originally defined were not possible at an acceptable expense,” Lidl boss Jesper Hoyer wrote in letter to staff.

“If a company wants to use the standard software, it has to adapt its own processes,” suggests Jean-Claude Flury, an IT manager who works in the pharmaceuticals branch and also heads a SAP-user group, DSAG, which includes more than 3,300 SAP clients. His implication: It’s the company’s fault, not the software’s.

This sector is also particularly problematic, explains Mario Zillmann, a partner at IT consultancy Lünendonk. In-house software systems are often cobbled together over decades and outdated. Not using standard software already makes “the adaptation of new technologies and transformation difficult,” he notes.

Communication may have also been a problem. The challenges the new system needed to overcome may not have been properly defined, say IT experts. Perhaps the IT department and those doing the actual work did not talk about this enough, they suggest. Also noted: Ongoing changes in senior management at Lidl, from digital technology and e-commerce divisions right to the top. After ex-Lidl chief Sven Seidel left, his successor, Mr. Hoyer, cancelled a number of planned digital initiatives, such as an online ordering service named Lidl Express.

Who’s actually to blame?

Some have taken SAP to task, asking whether its software really is the best long-term solution for inventory at such a large company. Nobody at SAP wants to talk about the Lidl drama, pointing out only that a large proportion of German retailers use SAP for Retail without these kinds of problems. Another supermarket chain, Aldi Nord, is already working with SAP software in some regional stores; a new system for Aldi’s international outlets remains a work in progress.

The cancellation of the project at Lidl is doubly annoying to SAP: They’ve lost some big business, and all the rumors are casting doubt on their own work. Officially Lidl has said that the eLWIS project ended because Lidl decided to stick with its own internal software. Unofficially, the backbiting is apparent.

Gossips are scapegoating German IT consultancy KPS, which was supposed to guide the transformation. SAP only provided the software — KPS was supposed to manage the adaptation procedures for Lidl, they say. Critics inside Lidl say that KPS was too slow. But Matthias Nollenberger, a senior manager at KPS who was responsible for overseeing the eLWIS project, says his company was working too short deadlines compared to other similar projects, and that the pilot phases in Austria, the US and Northern Ireland were all achieved on time.

One of Lidl’s biggest challenges now, apart from keeping its old inventory management system afloat, will be retaining all the IT experts it hired. Software engineers are highly in-demand all over Europe, and talented professionals may not want to keep fiddling with 30-year-old in-house code.

If they leave Lidl, the discounter will really only have one thing left after the death of their eLWIS — and that’s a big bill.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Stati Uniti, Trump

Trump. Pil T2 +4.1%, export +9.3%. Coliche biliari dei liberal democratici.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-27.

FED 001

Reuters non sa se essere felice come americano, oppure esserne desolato come liberal democratico.

Questo è il titolo della breaking news della Cnbc.

U.S. second-quarter GDP growth expected to top 4%

«Wall Street — and the White House — eagerly await the release of GDP data on Friday that many economists expect to top 4 percent. The last time the economy expanded at a comparable pace was in 2014, when growth hit 5.2 percent in the third quarter.

Granted, a single three-month period of rising output is a limited gauge of the economy’s health. The quarterly figures are volatile and can swing sharply from quarter to quarter. But this year’s second-quarter number will be more closely watched than usual, thanks to President Donald Trump’s repeated pledge to hit annual growth of “much higher” than 3 percent

The economy grew 2.3 percent in 2017, which is considered typical for the late stages of a post-recession recovery. GDP growth for a full year hasn’t crossed the 3 percent mark in 14 years.»

*

Il The New York Times annuncia anche esso la notizia, intercalandola con la bile che ha emesso.

G.D.P. Grew at 4.1% Rate in U.S. in Latest Quarter. Here’s What That Means.

«The Commerce Department released its initial estimate of second-quarter economic growth on Friday, providing the latest snapshot of the American economy.

– United States gross domestic product rose at an annual rate of 4.1 percent in the second quarter, up from 2.2 percent in the first three months of the year. It was the strongest quarter of growth since 2014.

– Consumer spending rose 4 percent, but private investment fell slightly as the housing market cooled.

– Exports rose 9.3 percent, driven in part by a surge in soybean shipments tied to President Trump’s trade policies.

– Consumer prices rose at a 1.8 percent annual rate.

Economic growth surged in the second quarter — but don’t expect the boom to last.

The second-quarter acceleration was widely anticipated by economists, a result of a confluence of events unlikely to recur. Most economists expect growth to slow in the second half of the year.

Still, recent data does suggest that the pace of growth has picked up this year. Some economists think full-year growth in gross domestic product could hit 3 percent in 2018 for the first time in the nearly decade-long recovery, a prospect that became more likely following Friday’s strong numbers. The second quarter was the first time since 2014 that economic growth topped 4 percent in a quarter; the economy reached that level or higher just four times during the eight years of the Obama administration.

“The bottom line is that the economy is doing better,” said Diane Swonk, chief economist for the accounting firm Grant Thornton.

Mr. Trump didn’t wait for the numbers to be released to herald rosy news. At an event in Iowa on Thursday, he said he was expecting very strong result, noting predictions that ran to 5 percent or higher.

“We’ll take anything with a four in front,” he said.»

* * * * * * *

Cerchiamo di ragionare.

«but don’t expect the boom to last»

*

«Most economists expect growth to slow in the second half of the year»

*

Gli economisti del NYT la vedono grigia: ‘dura minga, non può durare‘. Sono gli stessi economisti che da circa trenta anni celebrano anticipatamente i funerali al sistema economico cine, che invece sopravvive alla grande. Non hanno molto feeling con le previsioni.

Ma il meglio è in coda

«the economy is doing better»

Ma a dir ciò è niente po po di meno che Mrs Diane Swonk, “chief economist for the accounting firm Grant Thornton.”

Ma allora: gli economisti dicono che va male oppure he va bene?

*

I liberal democratici stanno annegando nel mare di bile che si stanno facendo da quando al governo c’è Mr Trump.

«Republican tax cuts are probably also playing a role»

Già. Lascia la gente a lavorare in pace, ed il paese prospera.

Non servirebbe essere Pico della Mirandola per arrivarci.


Cnbc. 2018-07-27. Second-quarter GDP jumps 4.1% for best pace in nearly four years

– Gross domestic product increased 4.1 percent in the second quarter, matching Reuters estimates.

– Strong consumer and business spending as well as a surge in exports ahead of retaliatory tariffs from China helped drive economic growth.

 The last time the economy grew this quickly was in the third quarter of 2014.

*

Gross domestic product grew at a solid 4.1 percent pace in the second quarter, its best pace since 2014, boosting hopes that the economy is ready to break out of its decade-long slumber.

The number matched expectations from economists surveyed by Reuters and was boosted by a surge in consumer spending and business investment. Stock market futures edged lower on the news while government bond yields moved lower.

That’s the fastest rate of the growth since the 4.9 percent in the third quarter of 2014 and the third-best growth rate since the Great Recession. In addition to the strong second quarter, the Commerce Department revised its first-quarter reading up from 2 percent to 2.2 percent.

In addition to the rise in consumer and business spending, increases in exports and government spending also helped. Personal consumption expenditures rose 4 percent while business investment grew 7.3 percent while federal government outlays increased by 3.5 percent.

Exports rose in part as farmers rushed to get soybeans to China ahead of expected retaliatory tariffs to take effect in the coming days. Declines in private inventory investment and residential fixed investment were the main drags, the report said.

The tariffs as well as last year’s massive tax cut both were key factors in the growth.

“Bottom line, if it wasn’t for a big upside to inflation, GDP would have been much better because of the upside in spending, boost in exports and government spending which offset an unexpected sharp decline in inventories and no change in gross private investment,” said Peter Boockvar, chief investment officer at Bleakley Advisory Group.

“We hope capital investment continues to improve in light of the tax incentive to ramp up,” he added. “The consumer has tax cuts and higher wages on one side and a low savings rate and a recent credit card binge on the other.”

In recent days, White House officials had been indicating the reading will be strong.

President Donald Trump himself tweeted a few days ago that the U.S. has the “best financial numbers on the planet,” while National Economic Council Chairman Larry Kudlow predicted on Thursday that Q2 GDP will be “big.”

The administration has used a mix of tax cuts, deregulation and spending increases to goose growth. White House budget director Mick Mulvaney told CNBC earlier this week that deregulation likely has had the most impact so far as companies feel more comfortable about committing capital.

The next question will be whether the growth spurt is sustainable. There were several jumps in GDP under former President Barack Obama. That Q3 increase in 2014 was preceded by a 5.1 percent rise in the second quarter. But by the end of 2015, growth had slowed to 0.4 percent. Federal Reserve officials forecast GDP to rise 2.8 percent for all of 2018 but then to tail off to 2.4 percent in 2019 and 2 percent in 2020.

Some economists worried that the jump in consumer spending for the April-to-June period may not be sustainable, adding to skepticism that the gains will continue.

“Personal consumption would need to keep up with this impressive pace to see a solid second half,” said Ian Lyngen at BMO Capital Markets.

Economists generally expect the trade war between the U.S. and China to temper further growth. Trump has slapped 25 percent duties on $34 billion worth of Chinese imports and has threatened $200 billion more. The administration also has put tariffs on steel and aluminum.

However, more recently the administration said it has made progress on trade agreements with the European Union.

In a recent forecast, Goldman Sachs said the effects from trade disputes are “typically modest,” shaving about 0.2 percent from output.

Pubblicato in: Cina, Commercio, Economia e Produzione Industriale

Cina. Pil T2 +6.8% anno/anno. I dazi cinesi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-21.

2018-07-16__Cina__001

Nel secondo trimestre il Pil cinese è incrementato del 6.8%, su base annuale.

Se si pensasse che a fine 2000 il pil ammontava a 1,214.915 miliardi Usd contro gli 11,221.836 miliardi Usd a fine 2016, si constaterebbe che in questo arco di tempo è aumento di un fattore dieci.

*

Di questi tempi si fa un gran parlare dei dazi che gli Stato Uniti stanno mettendo sulle merci cinesi, ma ben poco si considerano i dazi cinesi sui beni americani ed occidentali in senso lato.

Si tenga presente che al momento attuale i dazi cinesi, amministrati e riscossi dal State Administration of Taxation of Customs, rendono conto del 3.5% del totale delle entrate fiscali.

«La più diffusa tariffa d’importazione resta, in ogni caso, la most favoured nations la cui aliquota varia da 0% a 65%, laddove le general tariff rates possono addirittura superare un rate del 250%. ….

Gli export duty hanno un’aliquota che varia da 20% a 50% mentre è applicata un’imposta fino al 40% per le merci soggette a provisional tariff rates. Consigliabile, comunque, di prendere visione delle tariffe applicate ad ogni singolo bene per conoscere a pieno l’ammontare esatto dell’aliquota d’imposta» [Fonte]

RsA Asia ha stilato un elenco dei dazi cinesi.

Se sulla pelletteria il dazio medio è del 20%, sugli indumenti sale al 25%. Sulle macchine endotermiche abbiamo dazi del 30%, così come sugli apparecchi elettrici. Questo solo per fare degli esempi.

Il problema si configurerebbe quindi come la necessità di rimodulare i dazi da ambo le parti.

Non sembrerebbe sinceramente cosa onesta guardare solo ai dazi praticati da una delle due parti.


Sole 24 Ore. 2018-07-16. Cina, Pil in crescita nel secondo trimestre: +6,7% su base annua

La Cina, nel mezzo delle tensioni commerciali con gli Usa, segna nel secondo trimestre del 2018 un Pil in crescita dell’1,8% su base congiunturale e del 6,7% su base annua: i dati, diffusi dal Ufficio nazionale di statistica, si confrontano, rispettivamente, con il +1,4% e il +6,8% del primo trimestre e il +1,4% e il +6,7% delle previsioni formulate degli economisti. La crescita su base annua rallenta, ma quella congiunturale batte le attese, spingendo a un rialzo semestrale del 6,8%. Caldissimo il tema dei dazi, sul fronte delle relazioni internazionali, come dimostra anche la conferenza stampa congiunta Cina-Ue.

L’appello di Tusk: «Evitiamo guerre commerciali»

«È comune dovere di Ue, Cina, Usa e Russia non iniziare guerre commerciali», ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, parlando accanto al premier cinese Li Keqiang e al presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker. «C’è ancora tempo per prevenire il conflitto e il caos». Tusk ha «ripetuto» quanto appena riferito al premier Li durante il bilaterale Cina-Ue: «Oggi, nello stesso giorno in cui l’Europa incontra la Cina a Pechino, il presidente americano Trump e il presidente russo Putin parleranno a Helsinki. Siamo tutti consapevoli del fatto che l’architettura del mondo sta cambiando sotto i nostri occhi». Ed è «nostra responsabilità comune renderlo un cambiamento per il meglio. Ricordiamo, qui a Pechino, e là, a Helsinki, che il mondo che stavamo costruendo da decenni, a volte attraverso dispute, ha portato la pace per l’Europa, lo sviluppo della Cina e la fine della Guerra Fredda tra l’Oriente e l’Occidente. È un dovere comune dell’Europa e della Cina, dell’America e della Russia, non distruggere questo ordine, ma migliorarlo», ha detto Tusk.

Wto da cambiare

In altri termini, «non iniziare guerre commerciali, che si sono trasformate in conflitti così spesso nella nostra storia, ma per riformare coraggiosamente e responsabilmente l’ordine internazionale basato sulle regole. Per questo motivo chiedo ai nostri padroni di casa cinesi, ma anche ai presidenti Trump e Putin di avviare congiuntamente questo processo di riforma del Wto», l’Organizzazione mondiale del Commercio. «C’è ancora tempo per prevenire il conflitto e il caos. Oggi siamo di fronte a un dilemma: se giocare a un gioco duro come guerre tariffarie e conflitti in luoghi come l’Ucraina e la Siria, o cercare soluzioni comuni basate su regole eque. Questo è il motivo per cui responsabilità, prevedibilità, spirito di cooperazione e rispetto delle nostre regole e degli impegni comuni sono così importanti in questi giorni». L’Ue, ha concluso Tusk, «è impegnata a lavorare per la modernizzazione del Wto»: c’è bisogno di nuove regole in materia di sussidi industriali, proprietà intellettuale e trasferimenti forzati di tecnologia, riduzione dei costi commerciali, nonché di un nuovo approccio allo sviluppo e alle risoluzione delle controversie più efficace. In questo scenario, il Wto va rafforzato «come istituzione e come garanzia di parità di condizioni».

Ricorso cinese al Wto contro i dazi Usa

A proposito di World Trade Organization: la Cina ha deciso di ricorrere al Wto, contro la minaccia di dazi aggiuntivi al 10% annunciati dagli Usa sull’import di beni «made in China» per 200 miliardi di dollari ex art.301 dello Us Trade Act. La mossa, annunciata con un post sul sito del ministero del Commercio, cade nel giorno in cui Cina e Ue, nel loro 20esimo summit annuale, hanno ribadito l’impegno congiunto per il multilateralismo e il libero scambio.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Medio Oriente, Problemia Energetici

Eni. I giacimenti mediterranei Zhor e Noor. Sembrerebbero essere enormi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-12.

2018-07-10__mediterraneo__003

«Secondo uno dei pochi giornali egiziani di solito attendibili, al-Masry al-Ayoum, di fronte alle coste dell’Egitto l’Eni ha scoperto un giacimento di gas, Noor, che ha dimensioni pari a tre volte il gigantesco giacimento di Zohr, individuato nel 2015 e ritenuto all’epoca il più grande del Mediterraneo»

*

«punto l’Egitto si troverebbe nelle condizioni di diventare un grande esportatore di energia verso l’Europa, a scapito delle analoghe ambizioni israeliane affidate ai giacimenti Tamar e Leviathan, quest’ultimo in joint-venture con l’americana Noble

*

«Eni ha finalizzato la cessione a Mubadala Petroleum, società interamente posseduta da Mubadala Investment Company, di una quota del 10% nella concessione di Shorouk, nell’offshore dell’Egitto, nella quale si trova il giacimento super-giant a gas di Zohr»

*

«L’euforia egiziana per l’importante scoperta fa storcere il naso a Israele per più ragioni: la prima è che con la prospettiva di un Egitto non solo indipendente energicamente ma anche esportatore è a rischio un accordo annunciato a febbraio tra la società israeliana Delek Drilling per fornire gas israeliano alla società egiziana Dolphinus Holdings e che prevede(va) di esportare 15 miliardi di dollari di gas israeliano in Egitto nel prossimo decennio»

*

«Il gas che sarà estratto da questi due dovrà andare in Egitto prima di raggiungere i potenziali acquirenti nel resto del mondo, per colpa della conformazione del fondo marino che impedisce ai gasdotti di dirigersi altrove – e anche perché l’Egitto a questo punto si candida a essere il paese leader nel trattamento del gas appena estratto nel settore est del Mediterraneo»

* * * * * * * *

Se lo sfruttamento di questi giacimenti è difficoltoso dal punto di vista tecnico, ancor più problematico lo è dal punto di vista politico. I giacimenti sono molto distanti dalle coste ed Egitto, Israele, Cipro e Turkia avanzano diritti più o meno ragionevoli sullo sfruttamento.

Egitto. L’Eni ha già avviato la produzione dal campo Zohr.

Egitto. Impianto Nucleare russo di Al Dabaa funzionante per il 2022.

Mediterraneo e giacimenti gas. Pericolo di una guerra.

I giacimenti in oggetto distano in termini medi 100 km da Cipro, altrettanti dal Libano, poco meno di 200 km da Israele e 330 km dall’Egitto.

Ciascuno di questi quattro stati vorrebbe avere l’esclusiva per lo sfruttamento di questi giacimenti e mal sopporta l’idea di dover spartire queste risorse con altri.

Ma il problema si complica ulteriormente quando si pensa che il gas estratto deve essere portato agli utilizzatori tramite un qualche gasdotto. Ma i fondali mal si adatto a gasdotti, tranne quelli diretti in Egitto.

Insomma: è ancora una situazione in divenire.


La prima notizia risale al 26 giugno 2016.

Egitto, Eni scopre Noor: ‘Più grande giacimento di gas del Mediterraneo’. La verità su Regeni si allontana

«Secondo uno dei pochi giornali egiziani di solito attendibili, al-Masry al-Ayoum, di fronte alle coste dell’Egitto l’Eni ha scoperto un giacimento di gas, Noor, che ha dimensioni pari a tre volte il gigantesco giacimento di Zohr, individuato nel 2015 e ritenuto all’epoca il più grande del Mediterraneo.

Le stime delle dimensioni dei giacimenti di idrocarburi sono sempre scommesse, pronostici che possono essere smentiti quando comincia l’estrazione (tra due mesi, secondo il governo egiziano). Ma se al-Masry al-Ayoum, o in questo caso l’Eni, avessero indovinato, ci troveremmo di fronte ad un evento che in prospettiva può cambiare la geopolitica del Mediterraneo. A quel punto l’Egitto si troverebbe nelle condizioni di diventare un grande esportatore di energia verso l’Europa, a scapito delle analoghe ambizioni israeliane affidate ai giacimenti Tamar e Leviathan, quest’ultimo in joint-venture con l’americana Noble


Reuters. 2018-06-20. Zohr, Eni completa cessione 10% concessione Shorouk in Egitto a Mubadala

Eni ha finalizzato la cessione a Mubadala Petroleum, società interamente posseduta da Mubadala Investment Company, di una quota del 10% nella concessione di Shorouk, nell’offshore dell’Egitto, nella quale si trova il giacimento super-giant a gas di Zohr.

Secondo una nota, Eni, attraverso la sua controllata IEOC, detiene ora una quota di partecipazione nel blocco del 50%, mentre gli altri partner sono Rosneft con il 30%, Bp con il 10% e Mubadala Petroleum con un altro 10%.


Occhi della Guerra. 2018-07-09. Eni, l’Italia e l’Egitto: un giacimento cambia gli equilibri nel Mediterraneo

Secondo i funzionari del ministero del Petrolio egiziano citati dal Middle East Eye, l’Eni annuncerà presto il giacimento Noor trovato nella concessione di Shorouk. Si dice che Noor abbia tre volte le dimensioni di Zohr, rilevato dall’Eni nel 2015, e che abbia quindi le risorse per trasformare l’Egitto in un esportatore di gas, cambiando di conseguenza gli equilibri in un settore dove tutti, dagli attori regionali fino a alle superpotenze internazionali, hanno forti interessi.

La nuova scoperta sta rafforzando i piani dell’Egitto di diventare un hub regionale del gas. Il ministro egiziano del petrolio Tarek El-Molla  ha detto a Bloomberg alla fine della scorsa settimana che il paese potrebbe interrompere l’importazione di gas naturale liquefatto (GNL) entro la fine dell’anno per poi concludere: “L’Egitto avrà abbastanza gas per i propri bisogni e molto probabilmente anche per l’esportazione” evitando però di confermare la scoperta del nuovo giacimento, ancora non ufficiale.

L’euforia egiziana per l’importante scoperta fa storcere il naso a Israele per più ragioni: la prima è che con la prospettiva di un Egitto non solo indipendente energicamente ma anche esportatore è a rischio un accordo annunciato a febbraio tra la società israeliana Delek Drilling per fornire gas israeliano alla società egiziana Dolphinus Holdings e che prevede(va) di esportare 15 miliardi di dollari di gas israeliano in Egitto nel prossimo decennio.

La seconda ragione della preoccupazione di Israele è ben riassunta da Daniele Raineri su Il Foglio : “Oltre al gigante egiziano, esistono due giacimenti minori ma pur sempre grandi, il Leviatano davanti a Israele e l’Afrodite davanti a Cipro. Il gas che sarà estratto da questi due dovrà andare in Egitto prima di raggiungere i potenziali acquirenti nel resto del mondo, per colpa della conformazione del fondo marino che impedisce ai gasdotti di dirigersi altrove – e anche perché l’Egitto a questo punto si candida a essere il paese leader nel trattamento del gas appena estratto nel settore est del Mediterraneo”. Elemento che spingerebbe il governo israeliano ad avvicinarsi il più possibile all’Egitto, costringendo la leadership israeliana ad avere un occhio di riguardo per i rapporti con il nuovo attore energetico della regione.

Per quanto riguarda il giacimento di Zohr per ora il 60% rimane in mano all’Eni, che l’ha scoperto, mentre alla russa Rosneft è stato ceduto il 35%. Nelle ultime settimane invece Eni ha firmato ad Abu Dhabi due concession agreements per l’ingresso di Mubadala Petroleum con una quota del 5% nel giacimento a olio di Lower Zakum e con una quota del 10% nei giacimenti a olio, condensati e gas di Umm Shaif e Nasr, nell’offshore del Paese, per circa 934milioni di dollari e una durata di 40 anni.

La scoperta del giacimento di Noor che dovrebbe essere annunciata quest’estate ha sì le capacità di avvicinare gli attori attivi nella regione portando magari a nuove alleanze e accordi, ma allo stesso tempo potrebbe aumentare la tensione in un’area già abbastanza suscettibile alle manovre delle grandi potenze. 

Solo qualche mese fa (febbraio 2018) la nave Saipem 12000noleggiata da Eni per svolgere attività di esplorazione nel Blocco 3 delle acque di Cipro è stata bloccata dalla Marina turca che, infine, ha costretto l’imbarcazione a tornare nel porto di Cipro rischiando, peraltro, di speronare la Saipem durante le manovre, tutt’altro che “diplomatiche” proprio come la politica del presidente Erdogan, accolto in pompa magna a Roma qualche giorno prima. 

Altro elemento da tenere in considerazione sono le voci di molti analisti e un’inchiesta del New York Times che, senza inutili complottismi, hanno fatto notare la coincidenza della scoperta di Zohr con l’uccisione di Giulio Regeni, avvenuta solo pochi mesi dopo l’annuncio del supergiacimento a largo delle acque egiziane. Tra le tante ipotesi delle ragioni che hanno portato all’omicidio del giovane ricercatore italiano c’è la teoria che sia stato ucciso per minare i rapporti tra il governo italiano e quello egiziano, uno dei partner più importanti per Roma soprattutto alla luce della scoperta di Zohr.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Medio Oriente, Problemia Energetici

Arabia Saudita. Aramco. Offerta Pubblica da 2.5 trilioni. – Bloomberg.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-12.

2018-07-08__Aramco__001

I mercati ci stanno abituando a cifre con dodici zeri. Serve un pochino di fantasia oppure molta abitudine.

L’Aramco è la compagnia petrolifera saudita, che possiede la quasi totalità delle risorse sotto sfruttamento e di riserva.

Con 65,266 dipendenti, nella prima metà del 2017 ha avuto un ricavo netto di 33.8 miliardi di dollari americani. Ufficialmente.

Di questi tempi sembrerebbe che l’Arabia Saudita sia intenzionata venderne delle quote più o meno ampie sui mercati internazionali.

Emergono quindi alcuni problemi di non poco conto. Intanto il valore totale, poi la resa, ed infine il contorno politico: tutti gli idrocarburi di pertinenza sono locati in Arabia e quindi potenzialmente vulnerabili.

*

Già nel 2016 si parlava di cessione di quote.

How Much Is Saudi Aramco Worth? It Depends On The Country’s Institutions

«Saudi Arabia plans a public offering of 5% of its national oil company, Aramco, sometime in 2018. As the world’s largest energy producer and with the largest proved reserves, Saudi Arabia believes that the capital market will value Aramco at some $2 trillion, making it the world’s most valuable publicly traded company. At this price, the government’s 5% would bring in $100 billion, which is supposed to be devoted to diversifying the Saudi Arabian economy away from energy.

The eventual valuation of Aramco is hotly disputed. The Saudis have thrown out a figure of $2 trillion. Analysts doubt this figure. Some put the valuation as low as $500 billion, which would mean a lean diversification fund of $25 billion.

Given the wide divergence of estimates of the upcoming market capitalization of Aramco, we can examine the determinants of value of publicly traded international energy companies to determine possible pricing ranges.»

*

Se è naturale che il venditore dia una stima elevata, in questo caso due trilioni di dollari, sarebbe altrettanto naturale che i potenziali acquirenti ne diano una valutazione decisamente inferiore: alcuni dicono 500 miliardi. È una discrepanza di valutazioni davvero troppo ampia. Sono valori inconciliabili. Forse, la stima di un trilione potrebbe avvicinarsi alla realtà.

Il mercato del greggio ha evidenziato negli ultimi anni andamenti con significative fluttuazioni dei prezzi.

Dovrebbe essere inutile far presente come esse dipendano sicuramente dai costi estrattivi, ma altrettanto  sicuramente da complesse considerazioni politiche, che trascendono volontà ed aspettative saudite.

«The company finds itself caught in geopolitical crosswinds once again. Riyadh needs higher oil prices to fund its national budget and get the Aramco valuation closer to the $2 trillion target MBS wants.»

*

«But that’s antagonizing Trump—Saudi Arabia’s most important ally—and other customers, notably China and India, the world’s second- and third-largest oil consumers.»

*

Sotto queste condizioni, una vendita sia pure parziale presenta davvero molte difficoltà.

«A face-saving private placement—selling a stake in Aramco to a Chinese enterprise without the public exposure of how much money was actually raised in the transaction—is also possible.»

*

«Officials have openly discussed a sale—in effect, a distribution of a few shares each to Saudi citizens—that would take place only in the country’s stock market.»

*

Verosimilmente i cinesi potrebbero essere gli acquirenti di elezione.

Per loro, l’ingresso in Aramco sarebbe un’acquisizione strategica di risorse energetiche che loro mancano, non hanno certo carenza di liquidità, ed infine hanno un peso politico tale da controbilanciare quelle che potrebbero essere nel futuro esigenze altrui.


Bloomberg. 2018-07-08. Saudi Aramco’s $2 Trillion Zombie IPO

Likely investors doubt the value of the proposed public offering. How will Mohammed bin Salman save face?

*

It was the moment Saudi Arabia’s reforming young prince told the world he meant business. In early 2016, Mohammed bin Salman said he planned to sell shares in the kingdom’s crown jewel: Saudi Aramco, the giant energy company that produces 10 percent of the world’s oil and finances the Saudi state. The initial public offering—planned for 2018—would be the deal to end all deals, raising more than $100 billion for a new sovereign wealth fund, creating the world’s most valuable listed company, and funneling hundreds of millions of dollars in fees to Wall Street’s elite banks. MBS, as the 32-year-old crown prince is known, said the company would be worth at least $2 trillion—more than double the current market valuation of Apple Inc.—and perhaps as much as $2.5 trillion.

Two years later, things look very different. A combination of hubris on the valuation, an overambitious timetable, and indifference—if not derision—from global investors doubtful that an IPO would benefit them, has forced Riyadh to delay the sale until at least 2019. And many observers—including members of the company’s senior leadership—doubt whether it will happen at all. Aramco has become the zombie IPO.

Add Donald Trump to the mix. While the U.S. president has said he’s excited about the idea of Aramco selling shares in New York, keeping the price of gasoline under control seems far more important. With Republicans facing tough midterm elections in November, he’s pressured Saudi Arabia to pump more oil, and cheaper crude means a lower valuation for the company.

For MBS, the IPO has faded in importance as he grapples with an agenda crowded with social and economic reforms at home and an assertive foreign policy. He may also not need the money as much as he did at the outset of his mission to change the country. Saudi authorities this year reached agreements to recover more than $100 billion (the same amount the Aramco IPO was supposed to provide) from a controversial corruption investigation that saw many of the kingdom’s most prominent subjects imprisoned at the five-star Riyadh Ritz-Carlton.

Already, senior officials have started to soften expectations for the IPO. “The timing isn’t critical for the government of Saudi Arabia,” Khalid al-Falih, the energy minister, told an industry conference in June. While “it would be nice if we can do it in 2019,” the minister said, “there is a lot more at stake than just ticking a box and say, ‘We got this out of the way.’ ”
Aramco didn’t respond to requests for comment for this story.

Delaying the IPO beyond 2019—or even shelving it—would be a setback to MBS’s plan to transform Saudi Arabia and leave the kingdom open to suggestions that it’s not truly serious about overhauling its economy. But it would also be a victory for environmentalist in Europe and America who say international investors should begin turning their back on oil and prepare for the switch to an electric transport system.

Aramco is a company like no other. Its profits easily outstrip those of every other company on Earth, from Apple to Exxon Mobil Corp. The billions of petro dollars it pumps out every month underpin the kingdom’s decades-old social contract: generous state handouts in return for the political loyalty that maintains stability in the birthplace of Islam. Those dollars also finance the lavish lifestyles of hundreds of princes. For decades, diplomats have joked that Saudi Arabia is the only family business with a seat at the United Nations. As the world’s largest petroleum producer, Aramco is key for global economic growth and international security. At one point during the Arab oil embargo in the 1970s, the U.S. even considered the possibility of seizing the company’s oil fields by force, according to declassified British intelligence papers.

The company finds itself caught in geopolitical crosswinds once again. Riyadh needs higher oil prices to fund its national budget and get the Aramco valuation closer to the $2 trillion target MBS wants. But that’s antagonizing Trump—Saudi Arabia’s most important ally—and other customers, notably China and India, the world’s second- and third-largest oil consumers. On April 20 the U.S. president took to Twitter to lambaste the Saudis’ push for higher oil prices. “ Looks like OPEC is at it again,” Trump tweeted. “Oil prices are artificially Very High!” Since then, Trump has issued more tweets about oil, Saudi Arabia, and the Organization of Petroleum Exporting Countries. In one, he said he’d persuaded Saudi King Salman to raise production in order to lower prices.

The problem isn’t just Washington, Beijing, and New Delhi. Moscow, which for the last two years has supported the Saudis in boosting oil prices by curbing oil output, has called time on the production cuts. Vladimir Putin said at the end of May that Moscow would be happier with $60 a barrel than the $80-plus the Saudis are aiming for.

The Saudis duly delivered. In late June they announced that OPEC and its allies will increase production by as much as 1 million barrels a day—equal to about 1 percent of global demand. At the St. Petersburg International Economic Forum, al-Falih pledged to do “whatever is necessary to keep the market in balance,” echoing the famous pledge made by Mario Draghi, the head of the European Central Bank, to save the single currency at the height of the euro crisis in 2012.

All of a sudden, Riyadh couldn’t push for the higher oil prices it needs to achieve the Aramco valuation it wants. “This is a pivotal change from recent months,” says Olivier Jakob, managing director of Swiss-based consultant PetroMatrix GmbH. “We are back to the days when Saudi Arabia had to respond to U.S. requests for a cap on gasoline prices.”

The IPO process started in January 2016, when MBS told the Economist that Riyadh was considering selling shares in Aramco, which the kingdom nationalized in 1976 when it took over the stake of its American owners. “Personally, I’m enthusiastic about this step,” he said. “I believe it is in the interest of the Saudi market, and it is in the interest of Aramco.” Nowhere was the surprise greater than at Aramco itself, where senior officials weren’t expecting the announcement, according to people with direct knowledge of the events who asked not to be named to avoid damaging their relationships with the kingdom.

For months, Saudi officials said again and again the IPO was “on track, on time” for the second half of 2018, with a sale on both the Tawadul, the local stock market, and a foreign stock exchange, most likely New York or London. Late last year, Saudi officials poured cold water on the foreign exchange, sketching a plan for a far less ambitious IPO just in Riyadh.

Then, earlier this year, when it became obvious the process was delayed, officials shifted their narrative, saying the sale would happen “most likely” in 2019. Now the guidance has weakened again. The Saudis are adamant the IPO has simply been delayed rather than canceled. Yet signs the deal is deep in the long grass abound.

Inside Aramco, key executives working on the project have left or moved. Abdullah bin Ibrahim al-Saadan, a 30-year veteran who as chief financial officer was the most senior executive working on the IPO’s day-to-day preparations, left in June to become the chairman of the Royal Commission for Jubail and Yanbu. Aramco has yet to announce a permanent replacement for al-Saadan; another executive is working in an acting capacity as CFO. Motassim al-Maashouq, another key executive on the IPO project, has been asked to take on new responsibilities.

Wall Street is also feeling the delay. In January, Aramco called global banks to pitch for IPO roles, joining the lenders that have so far done most of the preparatory work— JPMorgan Chase, Morgan Stanley, HSBC Bank, Moelis, and Evercore. Nearly six months later, banks hoping to win new mandates, including Goldman Sachs Group and Citigroup, are still waiting for a call from the company. “Without explanation, they’ve gone quiet,” says a banker who’d hoped to participate.

The main problem is valuation. There’s a wide gulf between MBS’s ambitious $2 trillion target—which the prince says is nonnegotiable—and the $1 trillion to $1.5 trillion that most analysts and investors see as more realistic, according to two persons directly involved in the internal discussions. The gap between what the market thinks Aramco is worth and what the Saudi royals want is so wide that, even at the narrowest end it would overshadow the combined value of America’s two largest oil companies—Exxon Mobil and Chevron Corp. In May, al-Falih said the company was ready for an IPO but investors weren’t. “We are ready,” he said. “We’re simply waiting for a market readiness for the IPO.”

The valuation problem has become more visible after Bloomberg News disclosed the first accountings of Aramco since its nationalization almost 40 years ago. The leaked documents included the company’s tax regime, until now secret. The accounts showed that Aramco was the world’s most profitable company, churning out $33.8 billion in net income the first six months of 2017—before taxes. Much of the cash the highly taxed company generates is channeled as royalties into the Saudi government budget. How can investors be sure the government won’t raise taxes on the company to pay for more social or military spending, especially when the government already needs a price of about $80 a barrel to break even?

Even higher oil prices won’t help the valuation as much as they might, because Riyadh has overhauled the royalty system to mean the government gets more cash as crude rises. A marginal rate of 20 percent of revenue is due for oil prices up to $70 a barrel, 40 percent between $70 and $100, and 50 percent above $100. The government also widened the volume of crude covered by the royalties. Previously, the royalty was applied to exports. Now, it’s on production. The increase is almost a third to a fourth of the previous volume covered.

For potential investors, the Aramco conundrum goes beyond the valuation. They may also be spooked by the politics involved in the way oil is priced. Aramco’s production has always been determined by the state; it must fit into what’s decided by OPEC, where Saudi Arabia is the leading member. That creates potential conflicts between what works for the government in Riyadh and what maximizes investor returns.

Fund managers also worry that the value of oil fields could dwindle as governments ramp up their efforts to reduce fossil-fuel consumption to fight climate change. The spread of electric vehicles, for example, will reduce demand growth over the next two decades. In May a group of investors including Standard Life Aberdeen, Fidelity Investments, and Legal & General Group warned oil companies about the risk of global warming. “As long-term investors, representing more than $10.4 trillion in assets,” they said in an open letter, they believed “the case for action on climate change is clear.”

The government has options should it decide to get the IPO done quickly. It could slash tax rates on the company to juice its valuation and look to take the money back in dividends. A face-saving private placement—selling a stake in Aramco to a Chinese enterprise without the public exposure of how much money was actually raised in the transaction—is also possible. Officials have openly discussed a sale—in effect, a distribution of a few shares each to Saudi citizens—that would take place only in the country’s stock market. “I’m sure there will be a form of sale of Saudi Aramco in a market, but it’s unclear which market and exactly how,” says John Browne, who ran British oil giant BP Plc for more than a decade. “I’m reluctant to use the word IPO.”

The once-in-a-generation deal MBS promised in 2016 seems a long way off.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale

Startup innovative. Le allucinazioni di gloria e la realtà dei fallimenti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-07

 Idolatria 001

Mito e demitizzazione.

Il flop delle start up italiane: non creano impiego, stentano ad andare all’estero e non sono aiutate dal Paese

«L’opinione generale è che una startup sia un’azienda nella sua fase di avvio ….

È più probabile che la fase di startup finisca quando l’impresa è in grado di provvedere alle proprie esigenze di bilancio in modo autonomo, cominciando ad ammortizzare i debiti o a dare soddisfazioni economiche agli investitori. ….

Alle nostre latitudini il caos è moltiplicato da questioni più tecniche, a partire dall’apposito registro voluto dal ministero dello Sviluppo economico e che accoglie oggi 6.973 startup innovative, in barba al decreto legge “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese” (179/2012) il quale, all’articolo 25, impone i requisiti utili all’identificazione di una startup innovativa, tra cui spicca: “Deve avere quale oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico” ….

 il registro per le startup contiene di tutto un po’ e, tra le 6.973 censite non manca qualche sorpresa, incluse quelle neo-imprese che non hanno un sito web, non per forza essenziale per fare business ma che dovrebbe rientrare nei fondamentali di un’azienda ad alto valore tecnologico. ….

Le società di capitali tradizionali che hanno dipendenti sono invece 632.991 e danno lavoro a 8.832.898 persone. La ratio società di capitali e startup – che sono lo 0,43% – svantaggia queste ultime le quali, per tenere il passo, dovrebbero creare circa 30mila impieghi in più. ….

Le notizie poco buone non sono finite: tutti gli indici della produzione delle startup sono in calo. In questo caso i dati più completi risalgono al 2015 (i bilanci del 2016 sono ancora in fase di preparazione) e offrono una tendenza alla contrazione. Il fatturato medio è di 122.600 euro (-15% rispetto al terzo trimestre 2015), l’attivo medio è di circa 237.000 euro (-10,9%) e il valore di produzione delle startup (questa volta il dato è al 31 marzo 2017) è di 454,68 milioni di euro, in calo di 129 milioni rispetto alla fine del 2015 (-22%). Inoltre solo 42 startup ogni 100 raggiungono la zona utili.»

* * * * * * *

Rerum novarum cupidi“, aveva detto Vincenzo Pecci. L’idea di startup ‘innovativa‘ ha da sempre colpito la fantasia, alimentata dall’aneddotica dei quei pochissimi casi che sono riusciti a raggiungere fama e guadagno. Era il cavallo di battaglia dei liberal democratici, mica di quei buzzurri che scavano carbone.

Bill Gates non è la norma, bensì la eccezione. Illudersi che l’eccezione sia la norma è via maestra verso il fallimento.

Elizabeth Holmes, e la Theranos, è un caso paramount. Sbandierata altissima tecnologia all’estrema avanguardia, fondatrice ed amministratrice una ragazza giovane e bella, idolo di tutte le femministe e di tutti i liberal, Silicon Valley la inneggiava deificandola, attirando nel contempo una valanga di investimenti, ma proprio tanti.

Marc Andreessen, aveva definito la Holmes come la prima donna capace di entrare nell’empireo degli “imprenditori rivoluzionari”, che avrebbe rivoluzionato la medicina ed il mondo degli affari. Il Wall Street Journal le dedicò un paginone iper laudativo.  Valutata all’apice 9 miliardi di dollari: femmina!! È femmina!! cantavano giulivi. Poi passavano a raccogliere denaro.

La sa anche la Peronospora manshurica: le starup si nutrono di denaro, con grande chemiotattismo positivo per quello pubblico: quello estirpato a forza dalle tasche dei contribuenti, che i governanti elargiscono a man bassa agli amici degli amici. Voi finanziateci adesso, ora, subito, con denaro sonante: noi nel futuro si daremo cose mirabolanti, mai viste, impensate ed impensabili.

Poi l’agenzia federale revoca la licenza alla Theranos: risultato, la bancarotta fraudolenta.

*

E per l’Italia?

Le startup innovative hanno un fatturato medio di 122,600 euro, tanto quanto un tecnico odontoiatra, e solo il 42% genera un qualche utile.

Ma tutte sono state fatte partire con denaro elargito dallo stato dopo averlo prelevato dalle tasche dei Contribuenti.

Si vorrebbe forse fare i pitocchi per qualche decina di miliardi?

Si vogliono eliminare gli sprechi? Si smetta di finanziare con denaro pubblico questa voragine insulsa.


Corriere. 2018-07-04. Chiude Mosaicoon, la startup siciliana fiore all’occhiello del Sud hitech

Pluripremiata, anche nella Silicon Valley, l’azienda con sede a Palermo nata nel 2010 simboleggiava la rinascita digitale del Sud Italia. Ottimista il fondatore: «É stata ed è ancora una esperienza di successo. Abbiamo creato valore»

*

L’idea di base era creare una nuova forma di marketing sfruttando le potenzialità virali della Rete. Si definivano infatti una «Viral Media Company»: creavano campagne video curandone tutti i dettagli dalla prima all’ultima fase. E poi li diffondevano online con tecniche per farle diffondere il più velocemente e ampiamente possibile. Un’idea brillante che ha portato Mosaicoon, startup fondata a Palermo nel 2010, ad essere apprezzata e premiata in tutta Europa ma anche nel mondo, fino in Silicon Valley. Una esperienza di successo che però ora deve fermarsi. Mosaicoon ha dichiarato che chiuderà. Anche se il tono con cui il suo fondatore, Ugo Parodi Giusino racconta le motivazioni dell’annuncio di avvio del processo di fallimento della azienda, ha comunque sfumature di ottimismo: «Vorrei che prevalesse quella che è stata ed è ancora una esperienza di valore — dice al Corriere — se in Italia ci si stupisce, in altri Paesi è normale. In fondo nove startup su dieci chiudono e un progetto che è durato dieci anni, che in questo settore rappresentano un’era geologica, non va compianto ma celebrato».

Perché la chiusura

I motivi del fallimento sono diversi, racconta Parodi Giusino che oggi ha 36 anni, ma nel 2010, al momento della creazione di Mosaicoon, ne aveva 26: «Un mix di fattori legati a un mercato che è forse il più competitivo in assoluto», quello della pubblicità online. «In parte sicuramente è stata nostra responsabilità — aggiunge — in questo campo devi continuare ad innovare e non siamo più riusciti ad evolverci». Poi i finanziamenti, che non sono mancati nel momento in cui la startup doveva crescere — Mosaicoon ha collezionato oltre 12,2 milioni — ma «nell’ultimo anno siamo entrati in un ciclo complesso dove c’era anche il problema di accesso ai capitali». In generale — ragiona — «è mancata la giusta chimica tra investimenti e un nuovo prodotto che non ha funzionato».

Il «gioiello» del Sud hitech

Il fondatore parla anche della scelta di rimanere radicato in Italia, e in particolare nella regione dove è nato e cresciuto, la Sicilia. Con la creazione di una sede «vista mare» a Isola delle Femmine, alle porte di Palermo: «L’obiettivo di un’impresa — spiega — non è solo quello di produrre capitali, ma anche di creare valore». E la scelta di restare nel Sud Italia ha infatti reso Mosaicoon un simbolo della possibile rinascita del Meridione in chiave digitale. Lo ha celebrato anche il sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando: «Ha simboleggiato la possibilità anche in Sicilia di costruire una impresa innovativa, generando un percorso anche culturale con ricadute positive per il territorio in termini economici e di innovazione. Oggi simboleggia le difficoltà imposte al sistema imprenditoriale da una sempre più estrema finanziarizzazione e il sempre maggiore monopolio nel settore hi-tech in mano a pochi colossi. Resta comunque patrimonio di tutti noi su cui continuare a costruire». Ma secondo Parodi Giusino «il problema è più che altro relativa all’Italia in generale. Non è facile essere competitivi da qui».

Nessuna «lagnusìa»

Mosaicoon negli anni era riuscita ad aprire sedi anche a Londra, Singapore, Nuove Delhi, Seoul, Milano e Roma. Oltre a quella principale, che è sempre rimasta a Palermo. Qui lavorano, fino ad oggi, una quarantina di persone, molte delle quali giovani e che erano tornate nella regione proprio grazie alla startup. «Grazie al brand — continua Parodi Giusino — spero riusciranno a riposizionarsi in altri impieghi». Ma assicura che il clima generale, al momento dell’annuncio di chiusura, è stato in generale positivo: «Siamo una startup. Oggi il lavoro è diverso, è dinamico ed elastico. Il mondo sta cambiando». Lui si prenderà un momento per rifiatare e per analizzare a freddo la situazione, ma si porterà dietro «il valore enorme di questa esperienza», dice, che è pronto a ricapitalizzare in nuovi progetti. «Odio le lamentele — conclude — in siciliano la chiamiamo “lagnusìa”». E si augura che il messaggio di Mosaicoon sia costruttivo, quello di un progetto che è nato, è cresciuto, ha avuto successo e poi, quando qualcosa si è rotto, è finito.

 

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Wind Tre è totalmente cinese, comprata dalla Ck Hutchison.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-04.

2018-07-03__Wind__001

«Wind Tre diventa al 100% una controllata di Ck Hutchison»

*

«La conglomerata di Hong Kong, come annuncia oggi un comunicato, ha infatti raggiunto l’accordo per acquistare la restante quota del 50% del capitale dell’operatore italiano in mano a Veon per 2,45 miliardi di euro»

*

«Il completamento dell’accordo resta soggetto ad approvazione regolamentare nell’Ue e in Italia. L’intesa dovrebbe concludersi nel terzo trimestre del 2018»

*

«Guardando ai numeri la conglomerata russa si aspetta un guadagno netto di circa 1,1 miliardi di dollari dalla vendita della quota in Wind Tre»

* * * * * * *

La notizia non desta scalpore: in fondo era attesa.

Se ci si rende conto perfettamente che i cinesi avranno la massima cura nel far rendere la Wind Tre, nel contempo si guarderebbe inquieti il fatto che un’altra azienda che opera in Italia è passata sotto controllo straniero.

Non solo, le aziende di telecomunicazioni sono anche imprese strategiche per la nazione, o, almeno, dovrebbero esserle.

Da ultimo, ma non certo per ultimo, si dovrebbe notare che nessuna azienda italiana stia al momento comprando una qualche realtà produttiva cinese.

Vendi una cosa oggi, vendine un’altra domani, ed alla fine non resterà più nulla da alienare.


Sole 24 Ore. 2018-07-03. La cinese Ck Hutchinson compra il 50% di Wind Tre per 2,45 miliardi e sale al 100%

Wind Tre diventa al 100% una controllata di Ck Hutchison. La conglomerata di Hong Kong, come annuncia oggi un comunicato, ha infatti raggiunto l’accordo per acquistare la restante quota del 50% del capitale dell’operatore italiano in mano a Veon per 2,45 miliardi di euro. La transazione, sottolinea la nota, “sarà immediata e fortemente positiva sia per gli utili che per il flusso di cassa per azione di Ck Hutchison”.

“Siamo lieti – commenta Canning Fok, co-Managing Director di Ck Hutchison – di diventare gli unici proprietari di Wind Tre, che ci offre la piattaforma più forte possibile per aumentare il valore per i nostri azionisti”. Ck Hutchison, prosegue, “spera di continuare a investire nel futuro digitale dell’Italia, a vantaggio dei consumatori e delle imprese di tutto il Paese “. Veon, dal canto suo, ha affermato di aver venduto la sua quota in Wind Tre, con l’obiettivo di ridurre significativamente il suo debito. Inoltre utilizzerà i proventi della vendita per “acquistare gli asset di Global Telecom Holding in Pakistan e Bangladesh”.

Completamento accordo atteso per terzo trimestre dell’anno

Il completamento dell’accordo resta soggetto ad approvazione regolamentare nell’Ue e in Italia. L’intesa dovrebbe concludersi nel terzo trimestre del 2018.

La transazione, sottolinea il colosso cinese, “renderà Ck Hutchison l’unico proprietario di un importante operatore di telecomunicazioni mobili in un mercato interessante” come quello italiano.

Nel 2017, la proprietà del 50% di Wind Tre ha contribuito per un miliardo di euro all’ebitda e per più di 800 milioni all’ebit operativo di pertinenza del gruppo Hutchison. Con l’acquisizione del 100% di Wind Tre, Ck Hutchison “garantirà forti guadagni per gli anni a venire, incrementando l’utile per azione e rappresentando un eccellente valore per gli azionisti”.

Veon, precedentemente nota come VimpelCom, annunciando l’accordo raggiunto con Hutchison e l’acquisto di asset da Gth, sottolinea la riduzione del debito attesa grazie alla transazione. Al termine delle due operazioni, la società si aspetta “un rapporto di indebitamento netto pro-forma di circa 1,8 volte, significativamente inferiore al nostro target ratio di 2,0”. Il gruppo ha compiuto “due step critici verso l’obiettivo di semplificare la struttura e incrementare il valore per gli azionisti”. “Vogliamo aumentare il valore per i nostri azionisti attraverso un portafoglio più mirato e ottimizzato” ha dichiarato Ursula Burns, presidente esecutivo di Veon. La top manager ha anche annunciato che il gruppo che ha sede ad Amsterdam fornirà “un aggiornamento più completo sulla strategia nelle prossime settimane”.

Nuova pagina nella storia del gruppo

Guardando ai numeri la conglomerata russa si aspetta un guadagno netto di circa 1,1 miliardi di dollari dalla vendita della quota in Wind Tre. Per le operazioni di acquisto degli asset di Gth, invece, utilizzerà “approssimativamente 400 milioni di dollari”.

Con l’annuncio di oggi viene scritta una nuova pagina nella storia del gruppo di telecomunicazione italiano. Wind Tre è nato a fine 2016 dalla fusione delle due società operative H3G e Wind Telecomunicazioni, a seguito della joint-venture paritetica creata da CK Hutchison e VimpelCom. Con l’accordo di oggi l’operatore passerà totalmente sotto l’egida del gruppo cinese.

 

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Problemia Energetici

Tanap. Inaugurato il tratto transanatolico.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-03.

Tanap 001

«The Trans-Anatolian Natural Gas Pipeline (TANAP; Turkish: Trans-Anadolu Doğalgaz Boru Hattı) is a natural gas pipeline in Turkey. It is the central part of the Southern Gas Corridor, which will connect the giant Shah Deniz gas field in Azerbaijan to Europe through the South Caucasus Pipeline, TANAP and the Trans Adriatic Pipeline. The pipeline has a strategic importance for both Azerbaijan and Turkey. It allows the first Azerbaijani gas exports to Europe, beyond Turkey. It also strengthens the role of Turkey as a regional energy hub.

The construction of the 1,841-kilometre (1,144 mi)-long pipeline started in in March 2015 and it was inaugurated in June 2018…..

The pipeline cost US$8.5 billion. $800 million of funding was approved by the International Bank for Reconstruction and Development. ….

The pipeline cost US$8.5 billion. $800 million of funding was approved by the International Bank for Reconstruction and Development.

The capacity of the pipeline is 16 billion cubic metres (570 billion cubic feet) of natural gas per year at initial stage and would be increased later up to 23 billion cubic metres (810 billion cubic feet) by 2023, 31 billion cubic metres (1.1 trillion cubic feet) by 2026, and at the final stage 60 billion cubic metres (2.1 trillion cubic feet) to be able to transport additional gas supplies from Azerbaijan and, if the Trans-Caspian Gas Pipeline, from Turkmenistan. ….

The TANAP is operated by SOCAR, which holds 58% stake in the project. Turkey’s pipeline operator BOTAŞ own 30%, while BP acquired 12% in the project on March 13, 2015. The TANAP project company is headquartered in the Netherlands» [Fonte]

*

«Shah Deniz è un giacimento di gas naturale, il più grande dell’Azerbaigian. Si trova a sud-ovest del Mar Caspio, al largo della costa dell’Azerbaigian, a circa 70 km (43 miglia) a sud-est di Baku, a una profondità di 600 metri. Il campo copre circa 860 chilometri quadrati. Estendendosi per oltre 140 chilometri quadrati, il bacino artificiale è simile per dimensioni e forma all’isola di Manhattan. La profondità del mare nella zona del campo varia da 50 a 650 m. L’area della zona portante del gas è di circa 860 km².

È considerato un collegamento fondamentale per il corridoio meridionale del gas, con l’obiettivo di portare volumi aggiuntivi e alternativi di gas naturale verso i paesi membri dell’Unione europea. Geologicamente si riferisce al bacino del petrolio e del gas del Mar Caspio meridionale. Le riserve totali del giacimento sono stimate a 1,2 trilioni di metri cubi di gas naturale e 240 milioni di tonnellate di condensato di gas. Lo sviluppo del giacimento è effettuato da un consorzio, che comprende le seguenti società:

    BP Azerbaigian (25,5%) – operatore

    Statoil Azerbaigian (25,5%)

    SOCAR Azerbaigian (10%)

    Elf Petroleum Azerbaigian (10%)

    LukAgip N.V. (società affiliata di Lukoil, 10%)

    Oil Industries Engineering & Construction (10%)

    Turkish Petroleum Overseas Company Limited (9%) » [Fonte]

*

L’Azerbaigian, ufficialmente Repubblica dell’Azerbaigian, è uno stato situato nella regione del Caucaso.

Ricco di petrolio, il paese è situato nell’Asia transcaucasica, a sud dello spartiacque montuoso che lo separa convenzionalmente dall’Europa. Confina con il Mar Caspio a est, con la Russia a nord, la Turchia a ovest, la Georgia a nord-ovest, l’Armenia a ovest e l’Iran a sud.

Ha nove milioni e mezzo di abitanti, un pil ppa pro capite di 17,500 Usd, ed un tasso di fertilità di 2.3.

Non può certo essere considerato uno stato ricco, pur disponendo di grandi giacimenti di petrolio e gas naturale.

Sicuramente i proventi derivanti dal Tanac dovrebbero concorre a migliorare in modo sensibile la situazione economica del paese.

Si noti come il consorzio gestionale sia formato da società a capitale inglese, francese, russo e turko, ed abbia sede nei Paesi Bassi. Quasi invariabilmente gli imprenditori si dimostrano molto più ragionevoli dei rispettivi governi.

Generare ricchezza e posti di lavoro è l’unico mezzo noto per far emergere le popolazioni dalla povertà.


Agenzia Nova. 2018-06-13. Energia: vicepresidente Commissione Ue Sefcovic, inagurazione Tanap è una pietra miliare

Baku, 12 giu 08:52 – (Agenzia Nova) – L’apertura ufficiale del gasdotto transanatolico (Tanap), tratto intermedio del Corridoio meridionale del gas che prevede il trasporto di gas azerbaigiano verso l’Europa, è una pietra miliare. Lo ha dichiarato a Trend il vicepresidente della Commissione europea per l’Unione dell’energia Maros Sefcovic. “Il gasdotto transanatolico, insieme al gasdotto del Caucaso meridionale e al gasdotto transadriatico (Tap), è una parte essenziale del Corridoio meridionale del gas. La sua apertura ufficiale segna quindi una pietra miliare, poiché il gas del Caspio potrà ora arrivare in Turchia su base commerciale”, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea. “In altre parole, stiamo trasformando le intenzioni in realtà e producendo un altro risultato tangibile sotto l’egida dell’Unione dell’energia”.
“Aiutando a diversificare i nostri fornitori di energia e le rotte, il Corridoio meridionale del gas è strategicamente importante per la sicurezza energetica dell’Ue. Tutti noi guadagneremo da questo ‘ponte’ tra la regione del Caspio e il mercato dell’Unione. È nel nostro comune interesse renderlo un successo”, ha affermato Sefcovic. “Il nostro obiettivo a lungo termine è creare un mercato energetico paneuropeo basato sul libero scambio, sulla concorrenza e su forniture, fonti e rotte diversificate. Ciò dimostra che l’Unione dell’energia non si ferma ai confini dell’Ue e ha una forte dimensione esterna”, ha aggiunto il vicepresidente della Commissione.

Il progetto del Tanap prevede il trasporto di gas dal giacimento azerbaigiano di Shah Deniz ai confini occidentali della Turchia. Il gas sarà consegnato alla Turchia nel 2018. Dopo il completamento della costruzione del Tanap, il gas verrà consegnato in Europa all’inizio del 2020. Lungo 1.850 chilometri, il Tanap avrà una capacità iniziale di 16 miliardi di metri cubi di gas. Circa 6 miliardi di metri cubi di queste forniture dovrebbero essere consegnati alla Turchia, mentre i volumi rimanenti saranno destinati all’Europa. Gli azionisti del Tanap sono: Cjsc col 51 per cento, Socar Turkey Enerji col 7 per cento, Botas col 30 per cento e BP con il 12 per cento.