Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale

Giappone. Ordinativi Industriali. Lievi segni di ripresa ma indici negativi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-09.

2020-07-09__Giappone 001

Il Giappone è il grande malato dell’oriente. I suoi macrodati mostrano un qualche segno di ripresa, ma sono sempre fortemente negativi. -16.3% gli ordinativi di macchinari e -32.0% quelli per le macchine utensili. Si noti come questo ultimo macrodato nell’ultimo anno abbia sempre variato tra il -30% ed il -40%.

Preoccupanti sono i bassi ordinativi di macchine utensili, indispensabili per qualsiasi produzione industriale.


Giappone. Maggio. Consumi famiglie -16.2% anno su anno.

Giappone. Trimestre II (Q2). Una selva sconfortante di dati macro.

Giappone. Maggio. Export -28.3%. Negativo da oltre un anno.

Giappone. Indice BSI Q2 -52.3. Un tonfo storico.

Giappone. Aprile. Ordinativi Macchinari -17.7% anno su anno.

Giappone. Produzione Industriale -9.1%, Vendite Dettaglio -13.7%.

Giappone. Aprile. Export -21.9% (annuale).

Giappone. Ordinativi Macchine Utensili -48.3%.

Giappone. Il grande malato dell’oriente. Export -11.7% yoy.

Giappone. Pil anno su anno crolla del -6.3%.

Giappone. Previsione Produzione Industriale a 2 mesi -6.9%.

Giappone. Produzione Industriale -4.5% mom.

Giappone. Ordinativi di macchine utensili (Annuale) -35.5% a/a.

Giappone. Un vecchio ogni 1.8 giovani. Cina e Russia si leccano i baffi.

Indice Tankan dei grandi produttori manifatturieri (2° trim.)

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Germania. Fallita e.GO Mobile, start-up tedesca di auto elettriche.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-09.

Gufo

Carissima Frau Merkel, non si possono più dare incentivi statali stroboscopici ad una ditta che non esiste più, perché è fallita.

«E-Auto, nein danke: Erster deutscher Elektro-Hersteller insolvent!»

«Der Aachener Elektroautohersteller »e.GO Mobile« hat ein Insolvenzverfahren in Eigenverwaltung beantragt.»

«Das Amtsgericht Aachen habe das Verfahren eröffnet und den bisherigen Vorstand sowie zwei Anwälte als operative Verantwortliche benannt, verlautete am Firmensitz»

«Für den Monat Juli kündigte der Autobauer an, die Produktion und weitere Entwicklungen auszusetzen.»

«Auf dem Höhepunkt der Corona-Krise hatten die Bänder bei dem E-Zombie wochenlang stillgestanden»

«Nahezu alle Hersteller von Elektroautos leiden unter dramatischen Nachfrage-Einbrüchen!»

* * * * * * *

E-Auto, no grazie: il primo produttore tedesco di auto elettriche è insolvente!

Tanto per cambiare, buone notizie dal fronte del fallimento: il produttore di auto elettriche di Aquisgrana “e.GO Mobile”, con sede ad Aquisgrana, ha avviato una procedura di insolvenza per la propria amministrazione controllata. Il tribunale locale di Aquisgrana ha aperto il procedimento e ha nominato il precedente consiglio di amministrazione e due avvocati come responsabili delle operazioni, ha detto la sede della società. Per il mese di luglio, la casa automobilistica ha annunciato la sospensione della produzione e degli ulteriori sviluppi.

Al culmine della crisi di Corona, le catene di montaggio degli E-Zombie erano ferme da settimane. L’anno scorso l’azienda di Aquisgrana aveva mancato l’obiettivo autoimposto di vendere 1.000 veicoli. Alla fine ce n’erano solo 540, riferisce il ‘Westdeutscher Rundfunk’ (‘WDR’).

La seconda buona notizia: quasi tutti i produttori di auto elettriche soffrono di un drastico calo della domanda!

* * * * * * *

Miliardi di euro dati in incentivi per l’acquisto di 540 autovetture elettriche in un anno.

Qualche conto sembrerebbe non ritornare.

Ma un buon liberal non demorde mai. Ecco l’ultimo titolo di Bloomberg.

Why the Cars of Our Self-Driving Future Will Be Electric.

*


Deutschland Kurier. E-Auto, nein danke: Erster deutscher Elektro-Hersteller insolvent!

Zur Abwechslung mal eine gute Nachricht von der Pleitefront: Der Aachener Elektroautohersteller »e.GO Mobile« hat ein Insolvenzverfahren in Eigenverwaltung beantragt. Das Amtsgericht Aachen habe das Verfahren eröffnet und den bisherigen Vorstand sowie zwei Anwälte als operative Verantwortliche benannt, verlautete am Firmensitz. Für den Monat Juli kündigte der Autobauer an, die Produktion und weitere Entwicklungen auszusetzen.

Auf dem Höhepunkt der Corona-Krise hatten die Bänder bei dem E-Zombie wochenlang stillgestanden. Die Aachener hatten im vergangenen Jahr ihr selbst gestecktes Ziel verfehlt, 1.000 Fahrzeuge zu verkaufen. Am Ende waren es nur 540, berichtet der ›Westdeutsche Rundfunk‹ (›WDR‹).

Die zweite gute Nachricht: Nahezu alle Hersteller von Elektroautos leiden unter dramatischen Nachfrage-Einbrüchen!

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Germania. Maggio. Ordini Industria. -29.3 YoY, +10.4% MoM.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-08.

Destatis__001

In sintesi.

– Aprile. -26.2% mese su mese

– Aprile. -36.9% anno su anno.

– Maggio. +10.4% mese su mese

– Maggio. -29.3% anno su anno

* * * * * * *

I titoli di molte testate sono forvianti, perché riportano i dati in modo artatamente incompleto.

Germania, ordini industria maggio in moderata ripresa dopo minimi per virus

Germania: ordini all’industria maggio +10,4% m/m da -25,8% (atteso +15,1%)

Germania, ordini industria maggio in moderata ripresa dopo minimi per virus. [Reuters].

Dopo il crollo degli ordinativi all’industria verificatosi nel mese di aprile è bastato l’ordine di un pacchetto di cerini per far salire il mese di maggio del +10.4% rispetto al mese di aprile. Ma le variazioni mese su mese sono molto volatili.

Ben differente la variazione anno su anno: -29.3%.

«New orders in the automotive industry increased again markedly in May 2020, after very low levels in April 2020.

However, new orders were still more than 47% lower than in February 2020».

* * * * * * *

A nostro sommesso parere, i dati statistici dovrebbero essere riportati per quello che sono, nella loro completezza.

*


Destatis. Manufacturing in May 2020: new orders up 10.4% (seasonally adjusted) on the previous month. However, new orders 30.8% below pre-crisis level.

May 2020 (provisional): new orders in manufacturing

→ +10.4% on the previous month (price, seasonally and calendar adjusted)

→ -29.3% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)

April 2020 (revised): new orders in manufacturing

→ -26.2% on the previous month (price, seasonally and calendar adjusted)

→ -36.9% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)

*


WIESBADEN – According to provisional results of the Federal Statistical Office (Destatis), real (price adjusted) new orders increased by a seasonally and calendar adjusted 10.4% in May 2020 compared with April 2020. Compared with May 2019, the decrease in calendar adjusted new orders amounted to 29.3%. Excluding major orders, real new orders in manufacturing seasonally and calendar adjusted were 8.9% higher than in the previous month.

Compared with February 2020, the month before restrictions were imposed due to the corona pandemic in Germany, new orders in May 2020 were 30.8% lower in seasonally and calendar adjusted terms.

Domestic orders increased by 12.3% and foreign orders rose by 8.8% in May 2020 on the previous month. New orders from the euro area went up 20.9%, and new orders from other countries increased by 2.0% compared with April 2020.

In May 2020 the manufacturers of intermediate goods saw new orders increase by 0.4% compared with April 2020. The manufacturers of capital goods saw an increase of 20.3% on the previous month. Regarding consumer goods, new orders rose 4.7%.

New orders in the automotive industry increased again markedly in May 2020, after very low levels in April 2020.

However, new orders were still more than 47% lower than in February 2020.

For April 2020, revision of the preliminary outcome resulted in a decrease of 26.2% compared with March 2020 (provisional: -25.8%).

Turnover +10.6% (seasonally adjusted) on the previous month

According to provisional results, price-adjusted turnover in manufacturing in May 2020 went up a seasonally and calendar adjusted 10.6% on the previous month. In April 2020, the corrected figure showed a decrease of 22.4%, compared to March 2020 (provisional: -22.8%).

Compared with February 2020, the month before restrictions were imposed due to the corona pandemic in Germany, turnover in May 2020 was 23.5% lower in seasonally and calendar adjusted terms.

Turnover in the automotive industry increased again markedly in May 2020, after very low levels in April 2020. However, it was still nearly 47% lower than in February 2020.

More information on industry turnover in other EU Member States is provided in Eurostat’s database. Germany is among the first countries to provide Eurostat with these monthly data.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Geopolitica America Latina.

Brasile. Giugno. PMI in crescita, ma ancora in fascia di contrazione.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-08.

Brazil 001

Ricordiamo la definizione del Purchasing Managers Index (PMI).

«The Purchasing Managers Index (PMI) is a composite indicator designed to provide an overall view of activity in the manufacturing sector and acts as an leading indicator for the whole economy. The PMI is a composite index based on the diffusion indexes for the following five indicators and their weight: New orders – 0.3, Output – 0.25 , Employment – 0.2, Suppliers delivery times – 0.15 and Stock of items purchased – 0.1 with the Delivery times index inverted so that it moves in a comparable direction. When PMI is below 50.0 this indicates that the manufacturing economy is declining and a value above 50.0 indicates an expansion of the manufacturing economy. The individual survey indexes have been seasonally adjusted using the US Bureau of Census X-11 programme. The seasonally adjusted series are then used to calculate the seasonally adjusted PMI.»

*

A giugno i PMI del Brasile sono tutti in crescita:

– PMI Servizi, dal 27.6 di maggio al 35.9 di giugno;

– PMI Composito, dal 28.1 di maggio al 40.5 di giugno;

– PMI Manifatturiero, dal 38.3 di maggio al 51.6 di giugno.

Sono valori in crescita, ma sotto la soglia di 50, tranne il manifatturiero.

«Economic activity in Brazil contracted significantly in June for a fourth month, a survey of purchasing managers’ activity showed on Friday, as the COVID-19 crisis ensured Latin America’s largest economy ended the second quarter on a weak footing»

«There was, however, a sharp divergence between manufacturing, which expanded slightly, and the dominant services sector, which remained under severe pressure and shed jobs at the fastest pace on record»

«the April-June PMIs are consistent with Brazil’s gross domestic product falling by around 7-8% in the second quarter, maybe more. GDP shrank 1.5% in the January-March period.»

«Brazil’s economy is expected to shrink by a record 6.3% this year, according to a Reuters poll of economists. The International Monetary Fund is forecasting a crash of 9.1%.»

* * * * * * *

La crisi da Covid-19 ha flagellato il Brasile in modo severo.

Se è vero che si notano segnali di ragionevole ripresa, questi macrodati suggerirebbero un ritorno alla norma più lento di quanto sarebbe stato auspicabile.

*


Reuters. Brazil PMIs show economic activity shrank in June for fourth straight month

Economic activity in Brazil contracted significantly in June for a fourth month, a survey of purchasing managers’ activity showed on Friday, as the COVID-19 crisis ensured Latin America’s largest economy ended the second quarter on a weak footing.

There was, however, a sharp divergence between manufacturing, which expanded slightly, and the dominant services sector, which remained under severe pressure and shed jobs at the fastest pace on record.

IHS Markit’s Brazil services purchasing managers index (PMI) rose to 35.9 in June from 27.6 in May, and the composite PMI encompassing manufacturing rose to 40.5 from 28.1.

Although both headline indexes rose on the month, they still signaled steep declines in activity: a reading above 50.0 marks expansion, while a reading below signifies contraction. Both marked the fourth month in a row of shrinking activity.

Paul Smith, economics director at data provider IHS Markit, said the April-June PMIs are consistent with Brazil’s gross domestic product falling by around 7-8% in the second quarter, maybe more. GDP shrank 1.5% in the January-March period.

“Despite easing somewhat since May, the downturn in Brazil’s services economy remains severe and of an unprecedented nature,” Smith said. “Indeed, the latest data on activity and new business was again quite simply awful,” he added.

Brazil’s economy is expected to shrink by a record 6.3% this year, according to a Reuters poll of economists. The International Monetary Fund is forecasting a crash of 9.1%.

The services employment index reading of 34.9 in June was the lowest since the index was constructed in 2007, IHS Markit said. The new business, outstanding business and new export business indexes all remained well blow 50.0.

On the upside, the services business expectations index jumped to 57.0, although Smith cautioned that even that is consistent with “historically muted” sentiment.

Pubblicato in: Commercio, Economia e Produzione Industriale

Italia. Maggio. Vendite Dettaglio. Annuale -11.9%, Mensile +25.2%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-07.

2020-07-07__Italia Vendite dettglio

– A maggio 2020 si stima, per le vendite al dettaglio, un aumento rispetto ad aprile del 24,3% in valore e del 25,2% in volume. A determinare la variazione positiva sono le vendite dei beni non alimentari, che crescono del 66,3% in valore e del 66,6% in volume, mentre quelle dei beni alimentari diminuiscono in valore (-1,4%) e in volume (-1,6%).

– Nel trimestre marzo-maggio 2020, le vendite al dettaglio registrano un calo del 20,6% in valore e del 21,8% in volume rispetto al trimestre precedente. Diminuiscono le vendite dei beni non alimentari (-37,4% in valore e -37,8% in volume), mentre le vendite dei beni alimentari mostrano variazioni positive (rispettivamente +1,5% in valore e +0,4% in volume).

– Su base tendenziale, a maggio, si registra una diminuzione delle vendite del 10,5% in valore e dell’11,9% in volume. Le vendite dei beni non alimentari sono in calo (-20,4% in valore e -20,6% in volume), mentre crescono quelle dei beni alimentari (+2,8% in valore e +0,1% in volume).

– Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali negative per quasi tutti i gruppi di prodotti ad eccezione di Dotazioni per l’informatica, telecomunicazioni, telefonia (+12,4%) e Utensileria per la casa e ferramenta (+5,6%). Le diminuzioni maggiori riguardano Abbigliamento e pellicceria (-38,1%), Foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali (-37,4%) e Calzature, articoli in cuoio e da viaggio (-34,8%).

– Rispetto a maggio 2019, il valore delle vendite al dettaglio diminuisce del 4,4% per la grande distribuzione e del 18,8 % per le imprese operanti su piccole superfici. Le vendite al di fuori dei negozi calano del 23,0% mentre è in deciso aumento il commercio elettronico (+41,7%).

2020-07-07__Italia Vendite dettglio 002

* * * * * * *

2020-07-07__Italia Vendite dettglio 003


Istat. Commercio al dettaglio

A maggio 2020 si stima, per le vendite al dettaglio, un aumento rispetto ad aprile del 24,3% in valore e del 25,2% in volume. A determinare la variazione positiva sono le vendite dei beni non alimentari, che crescono del 66,3% in valore e del 66,6% in volume, mentre quelle dei beni alimentari diminuiscono in valore (-1,4%) e in volume (-1,6%).

Nel trimestre marzo-maggio 2020, le vendite al dettaglio registrano un calo del 20,6% in valore e del 21,8% in volume rispetto al trimestre precedente. Diminuiscono le vendite dei beni non alimentari (-37,4% in valore e -37,8% in volume), mentre le vendite dei beni alimentari mostrano variazioni positive (rispettivamente +1,5% in valore e +0,4% in volume).

Su base tendenziale, a maggio, si registra una diminuzione delle vendite del 10,5% in valore e dell’11,9% in volume. Le vendite dei beni non alimentari sono in calo (-20,4% in valore e -20,6% in volume), mentre crescono quelle dei beni alimentari (+2,8% in valore e +0,1% in volume).

Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali negative per quasi tutti i gruppi di prodotti ad eccezione di Dotazioni per l’informatica, telecomunicazioni, telefonia (+12,4%) e Utensileria per la casa e ferramenta (+5,6%). Le diminuzioni maggiori riguardano Abbigliamento e pellicceria (-38,1%), Foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali (-37,4%) e Calzature, articoli in cuoio e da viaggio (-34,8%).

Rispetto a maggio 2019, il valore delle vendite al dettaglio diminuisce del 4,4% per la grande distribuzione e del 18,8 % per le imprese operanti su piccole superfici. Le vendite al di fuori dei negozi calano del 23,0% mentre è in deciso aumento il commercio elettronico (+41,7%).

2020-07-07__Italia Vendite dettglio 004

*

 

 


Italia: vendite al dettaglio rimbalzano a maggio, grazie al recupero dei beni non alimentari

Rimbalzo dei consumi in Italia con la fine progressiva del lockdown e la riapertura dei negozi di ogni genere. Secondo la stima preliminare dell’Istat, le vendite al dettaglio hanno registrato a maggio un aumento del 25,2% rispetto al mese prima. A determinare la variazione positiva sono state le vendite dei beni non alimentari, cresciute del 66,6%, in parziale recupero dopo i forti cali registrati nei due mesi precedenti, mentre quelle dei beni alimentari sono diminuite dell’1,6%, per la prima volta dallo scorso agosto.

Su base annua, si evidenzia una flessione delle vendite dell’11,9%, a causa soprattutto dal calo delle vendite dei beni non alimentari (-20,6%).

Tra le differenti forme distributive, l’e-commerce registra una ulteriore e forte accelerazione, confermandosi come l’unico settore in crescita in termini tendenziali.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale

Spagna. Maggio. Produzione Industriale. -24.5% YoY, +14.7% MoM.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-06.

2020-07-06__Spagna 013

Dopo il crollo avvenuto nel mese di aprile era atteso un certo quale miglioramento nel mese di maggio.

Per quanto il saldo su base annua sia ancora in fascia negativa, -24.5%, si noti come abbia guadagnato 11 punti percentuali sul mese presedente.

Segnaliamo infine quanto siano state ottimiste le previsioni degli economisti: -18.5%.

Aveva ben ragione Papa Ratzinger quando aveva detto di diffidare dagli stregoni e dagli economisti.

*

Spagna: rimbalza produzione industriale a maggio.

Rimbalza a maggio la produzione industriale in Spagna.

Secondo i dati diffusi dall’ufficio nazionale di statistica Ine, il dato ha segnato un aumento a maggio del 14,7% mensile recuperando in parte il forte crollo dei due mesi precedenti (-22,1% in aprile e -13,6% in marzo).

Su base annua il saldo è tuttavia ancora negativo: -24,5% rispetto al maggio 2019.

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Senza categoria

Cina. Indici PMI tutti ampiamente in fascia positiva.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-06.

2020-07-03__Cina PMI 013

«L’Indice PMI composito indica il livello di attività dei direttori acquisti in entrambi i settori. Una lettura superiore a 50 indica un’espansione nel settore, mentre una lettura inferiore a 50 indica una contrazione.»

«HSBC Servizi PMI è compilato tramite questionari inviati per l’acquisto di oltre 400 dirigenti in aziende private del settore dei servizi. Il pannello è stato accuratamente selezionato per replicare accuratamente la vera struttura del economy.developed servizi di un’ottima reputazione per fornire l’indicazione più up-to-data possibile di ciò che sta realmente accadendo nell’economia settore privato, quali le variabili di monitoraggio delle vendite, l’occupazione , scorte e prezzi.»

«I dati preliminari sono rilasciati circa 6 giorni lavorativi prima della fine del mese. I dati finali sostiuiscono quelli preliminari al momento della pubblicazione e sono a loro volta sovrascritti dalla lettura preliminare successiva. L’indice dei Direttori degli Acquisti (PMI ) è un indice composito studiato per fornire una visione globale delle attività nel settore manifatturiero e agisce come un indicatore importante per l’intera economia. Quando l’indice PMI è inferiore a 50,0 indica che l’economia manifatturiera è in declino e un valore superiore a 50,0 indica un’espansione dell’economia manifatturiera. I dati preliminari sono rilasciati circa 6 giorni lavorativi prima della fine del mese. I dati finali sostiuiscono quelli preliminari al momento della pubblicazione e sono a loro volta sovrascritti dalla lettura preliminare successiva. L’indice dei Direttori degli Acquisti (PMI) è un indice composito studiato per fornire una visione globale delle attività nel settore manifatturiero e agisce come un indicatore importante per l’intera economia. Quando l’indice PMI è inferiore a 50,0 indica che l’economia manifatturiera è in declino e un valore superiore a 50,0 indica un’espansione dell’economia manifatturiera.»

* * * * * * *

La Cina è in piena ripresa.

Per confronto, la produzione industriale annualizzata del blocco europeo valeva -28.0%.

Cina. Maggio. Profitti Industriali +6% anno su anno.

Europa. Maggio. Immatricolazioni auto -58.6% anno su anno. Cina auto +1.9%, commerciali +48%.

Cina. Maggio. Produzione e vendita veicoli commerciali +48% YoY.

Produzione Industriale Annuale. Cina +4.4%, Eurozona -28.0%.

Cina. Maxipetroliere in rada in attesa di scaricare. La ripresa corre veloce.

Cina. Giugno. Produzione energia elettrica + 9.1% anno su anno.

* * *

Cina mon amour. American Express sposta il suo baricentro in Cina.

Cina mon amour. Maggio. Ford aumenta le vendite in Cina +32%.

Exxon Mobil Corp e la Cina. Notizia non economica bensì politica.

Cina non amour. Maggio. Mercedes-Benz vendite in crescita a due cifre.

Cina. I grandi Atenei inglesi stanno trasferendosi in Cina.

Cina. Anche Volkswagen vi programma grandi investimenti.

Cina e Red Bull Gmbh. Un mercato impossibile da trascurare.

Cina. Multinazionali aprono in continuazione stabilimenti. – Nestlé.

Cina. Aprile. Produzione Industriale Annualizzata +3.9%.

Cina mon amour. American Express sposta il suo baricentro in Cina.

Cina mon amour. Maggio. Prada +10%.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Italia. Istat. Maggio. Occupati -613,000 anno su anno.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-06.

2020-07-03__Istat 001

– Diminuzione dell’occupazione su base mensile (-0,4% pari a -84mila unità)

– Confrontando il trimestre marzo-maggio 2020 con quello precedente (dicembre 2019-febbraio 2020), l’occupazione risulta in evidente calo (-1,6%, pari a -381mila unità)

– flessione rilevante dell’occupazione anche rispetto al mese di maggio 2019 (-2,6% pari a -613mila unità)

– Il tasso di disoccupazione risale al 7,8% (+1,2 punti) e, tra i giovani, al 23,5% (+2,0 punti)

2020-07-03__Istat 002

* * *

2020-07-03__Istat 003

«Il commento.

A maggio 2020 i dati mensili sul mercato del lavoro descrivono un’evoluzione diversa rispetto a quella dei mesi precedenti: rispetto a marzo e aprile, la diminuzione dell’occupazione è più contenuta, il numero di disoccupati sale sensibilmente a seguito del contenimento delle restrizioni previsto dal Dpcm del 26 aprile e si osserva un recupero consistente di ore lavorate.

Ciononostante, da febbraio 2020 il livello di occupazione è diminuito di oltre mezzo milione di unità e le persone in cerca di lavoro di quasi 400 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 900 mila unità. L’effetto sui tassi di occupazione e disoccupazione è la diminuzione di oltre un punto percentuale in tre mesi.»

2020-07-03__Istat 004

* * * * * * *


« ++ Istat: da febbraio oltre mezzo milione occupati in meno ++

Tra Covid e lockdown, a maggio calo più contenuto e recupero ore

ROMA
(ANSA) – ROMA, 02 LUG – Tra emergenza Covid e lockdown, “da febbraio 2020 il livello di occupazione è diminuito di oltre mezzo milione di unità e le persone in cerca di lavoro di quasi 400 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 900 mila unità”. E’ quanto indica l’Istat nel commento ai dati provvisori su occupati e disoccupati di maggio, sottolineando che comunque gli ultimi dati mensili “descrivono un’evoluzione diversa rispetto a quella dei mesi precedenti: rispetto a marzo e aprile la diminuzione dell’occupazione è più contenuta, il numero di disoccupati sale sensibilmente a seguito del contenimento delle restrizioni previsto dal Dpcm del 26 aprile e si osserva un recupero consistente di ore lavorate”. (ANSA).

Nel mese di maggio “continua a ritmo meno sostenuto” rispetto ad aprile, mese di pieno lockdown, la diminuzione dell’occupazione, che su base mensile segna un -0,4% pari a -84mila unità, coinvolgendo soprattutto le donne (-0,7% contro -0,1% degli uomini, pari rispettivamente a -65mila e -19mila). Lo rileva l’Istat nei dati provvisori su occupati e disoccupati. Il calo congiunturale dell’occupazione determina “una flessione rilevante” rispetto al mese di maggio 2019, registrando un -2,6% pari a -613mila unità, che coinvolge sia le donne (-270mila) che gli uomini (-343mila).» [Ansa]

*


Istat. Occupati e disoccupati (dati provvisori). [Full text pdf]

Rispetto al mese di aprile 2020, a maggio continua – a ritmo meno sostenuto – la diminuzione dell’occupazione e torna a crescere il numero di persone in cerca di lavoro, a fronte di un marcato calo dell’inattività. Dopo due mesi di decisa diminuzione, aumenta anche il numero di ore lavorate pro capite.

La diminuzione dell’occupazione su base mensile (-0,4% pari a -84mila unità) coinvolge soprattutto le donne (-0,7% contro ¬ 0,1% degli uomini, pari rispettivamente a -65mila e -19mila), i dipendenti (-0,5% pari a -90mila) e gli under50 mentre aumentano leggermente gli occupati indipendenti e gli ultracinquantenni. Nel complesso il tasso di occupazione scende al 57,6% (-0,2 punti percentuali).

L’aumento delle persone in cerca di lavoro (+18,9% pari a +307mila unità) si rileva maggiormente tra le donne (+31,3%, pari a +227mila unità) rispetto agli uomini (+8,8%, pari a +80mila) e coinvolge tutte le classi di età. Il tasso di disoccupazione risale al 7,8% (+1,2 punti) e, tra i giovani, al 23,5% (+2,0 punti).

Generalizzata anche la diminuzione del numero di inattivi (-1,6%, pari a -229mila unità): -1,7% tra le donne (pari a -158mila unità) e -1,3% tra gli uomini (pari a -71mila), con conseguente calo del tasso di inattività che si attesta al 37,3% (-0,6 punti).

Confrontando il trimestre marzo-maggio 2020 con quello precedente (dicembre 2019-febbraio 2020), l’occupazione risulta in evidente calo (-1,6%, pari a -381mila unità) per entrambe le componenti di genere.

Diminuiscono nel trimestre anche le persone in cerca di occupazione (-22,3% pari a -533mila), mentre aumentano gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+6,6% pari a +880mila unità).

Il calo congiunturale dell’occupazione determina una flessione rilevante anche rispetto al mese di maggio 2019 (-2,6% pari a -613mila unità), che coinvolge entrambe le componenti di genere, i dipendenti temporanei (-592mila), gli autonomi (-204mila) e tutte le classi d’età; le uniche eccezioni risultano essere gli over50 e i dipendenti permanenti (+183mila). Il tasso di occupazione scende in un anno di 1,5 punti.

Infine, nell’arco dei dodici mesi, calano in misura consistente le persone in cerca di lavoro (-25,7%, pari a 669mila unità), mentre aumentano gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+8,7%, pari a +1 milione 140mila).

Pubblicato in: Arte, Economia e Produzione Industriale

Neolitico. 6,000 anni fa si produceva già la birra in una società evoluta.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-04.

2020-05-15__Neolitico 001

Gli archeologi che studiano il neolitico avevano già localizzato dei siti ove erano state riscontrate tracce della fabbricazione di birra: il sito di Hierakonpolis—HK 11C, vicino all’odierna Edfu in Egitto ed il sito Tell el-Farkha, sempre in Egitto nella parte orientale del Delta, a circa 120 kilometri a nord-est del Cairo.

«The oldest structure (known as Feature 192/201) is archaeologically dated to the Naqada IIB–C period (3600–3500 BCE). It was arranged as parallel rows of vat sets, and it measured 6 meters by 3.4 meters. There were 13 circular installations (or sockets) in which the vats were originally seated and their contents were heated. Two large ceramic vats were preserved in situ. One of the vats contained charred organic residue from the cooking or heating of the grain, which was subjected to archaeobotanical and chemical analysis.»

Nella Feature 192/201 è stata trovata una vera e propria fabbrica di birra, con file parallele di tini e 13 alloggiamenti circolari per riscaldarli: sono rimasti conservati due grandi tini di ceramica.

*

Con viva sorpresa degli archeologi, Herr Heiss e Collaboratori sono riusciti ad individuare una produzione di birra anche nell’Europa continentale in siti coevi: Hornstaad—Hörnle IA, situato nel banco del Lago di Costanza, Sipplingen—Osthafen, sempre sul Lago di Costanza, Zürich—Parkhaus Opéra, datato con criteri dendrocronologici tra il 3234 a.C. ed il 2727 a.C.

* * * * * * *

Negli ultimi decenni l’archeologia del neolitico ha compiuto consistenti passi in avanti che ci consentono di rivedere criticamente i concetti che avevamo di tale periodo.

Tuttavia, gli studi sulla birra, la sua produzione ed il reperto di vere e proprie fabbriche stabili e dedicate alla sua produzione apre nuovi orizzonti. Indicano soprattutto l’esistenza di un consistente tessuto sociale ed economico. Non è solo la pregevolezza delle tecniche usate, alquanto complesse e prima non supposte esistere cinquemila anni fa: una produzione semi-industriale presuppone la contemporanea presenza di rapporti commerciali a vasto raggio e, quindi, anche la esistenza di vie di comunicazione ragionevolmente sicure e la presenza di merci con cui scambiare la birra prodotta. In altri termini, oltre alla produzione, fatto già questo sorprendente, dovevano esistere persone che si dedicavano sia al trasporto sia alla commercializzazione del prodotto.

*


Heiss AG, Azorín MB, Antolín F, Kubiak-Martens L, Marinova E, Arendt EK, et al. (2020)

Mashes to Mashes, Crust to Crust. Presenting a novel microstructural marker for malting in the archaeological record.

PLoS ONE 15(5): e0231696.

https://doi.org/10.1371/journal.pone.0231696

Abstract

The detection of direct archaeological remains of alcoholic beverages and their production is still a challenge to archaeological science, as most of the markers known up to now are either not durable or diagnostic enough to be used as secure proof. The current study addresses this question by experimental work reproducing the malting processes and subsequent charring of the resulting products under laboratory conditions in order to simulate their preservation (by charring) in archaeological contexts and to explore the preservation of microstructural alterations of the cereal grains. The experimentally germinated and charred grains showed clearly degraded (thinned) aleurone cell walls. The histological alterations of the cereal grains were observed and quantified using reflected light and scanning electron microscopy and supported using morphometric and statistical analyses. In order to verify the experimental observations of histological alterations, amorphous charred objects (ACO) containing cereal remains originating from five archaeological sites dating to the 4th millennium BCE were considered: two sites were archaeologically recognisable brewing installations from Predynastic Egypt, while the three broadly contemporary central European lakeshore settlements lack specific contexts for their cereal-based food remains. The aleurone cell wall thinning known from food technological research and observed in our own experimental material was indeed also recorded in the archaeological finds. The Egyptian materials derive from beer production with certainty, supported by ample contextual and artefactual data. The Neolithic lakeshore settlement finds currently represent the oldest traces of malting in central Europe, while a bowl-shaped bread-like object from Hornstaad–Hörnle possibly even points towards early beer production in central Europe. One major further implication of our study is that the cell wall breakdown in the grain’s aleurone layer can be used as a general marker for malting processes with relevance to a wide range of charred archaeological finds of cereal products.

Introduction

Understanding the role of alcoholic beverages in the evolution of prehistoric societies is fundamental, yet unravelling their patterns of production and consumption is a challenging task. This is especially true for one of the supposedly most ancient and widely spread of these drinks–beer. Beer and other alcoholic beverages play complex roles in human societies and, as a consequence, their significance for prehistoric communities has been under discussion for decades. The archaeology of beer is today a highly active field, relating the beverage to the complex social processes involved in the beginnings of agriculture, to social bonding and stratification in general, and to the formation of social elites in particular. Its ritual and dietary role has been extensively investigated in ancient states with written and iconographic records but our knowledge of the occurrence and manufacture of ancient beer is highly incomplete. Tracking beer in the archaeological record as precisely as possible would therefore result in fundamentally novel insights on human societies in the past. However, archaeological beer finds are still rare and highly contested due to insufficiently explicit criteria, or a missing consensus on the criteria. We present here a discussion of possible markers for beer production from a novel approach: histological evidence observed in charred archaeological crusts and lumps of cereal products as an indication for the beer product itself. ….

Archaeobotanical case studies.

In Egypt, some insights into Predynastic brewing have already been obtained from three sites–Abydos, Hierakonpolis, and Tell el-Farkha. Excavations at all three sites have uncovered installations that may well be connected with brewing, involving actual brewing vat contents. At Abydos, the residues contain wheat, but presumably emmer (Triticum dicoccum) instead of “common wheat” as originally stated. Two further sites, both dating to the New Kingdom, have provided important evidence for the sequence of the ancient brewing method: Deir el-Medina and the Workmen’s Village at Amarna. In our study, charred crusts and lumps of emmer-based cereal products retrieved from the 4th millennium BCE brewing installations in Hierakonpolis and Tell el-Farkha were re-evaluated in order to test the consistency and reliability of thinned aleurone cell walls as indicators of ancient malting.»

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Stati Uniti, Trump

USA. Nuovi Posti di Lavoro +4.8 milioni, Nuovi Sussidi Disoccupazione 1.427 milioni.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-02.

2020-07-02__USA__Sussidi 010


2020-07-02__USA__Sussidi 011

In estrema sintesi.

– Total nonfarm payroll employment rose by 4.8 million in June;

– unemployment rate declined to 11.1 percent;

– the number of unemployed persons fell by 3.2 million to 17.8 million;

– The number of unemployed persons who were on temporary layoff decreased by 4.8 million in June to 10.6 million, following a decline of 2.7 million in May.

È più che comprensibile l’esultanza di Mr Trump.

La ripresa degli Stati Uniti sta avviandosi alla grande, nonostante le stizzose reazioni dei liberal democratici e della Unione Europea.

2020-07-02__USA__Sussidi 013

* * * * * * *

L’US Bureau of Labor Statistics ha rilasciato il Report Employment Situation Summary

«Total nonfarm payroll employment rose by 4.8 million in June, and the unemployment rate declined to 11.1 percent, the U.S. Bureau of Labor Statistics reported today. These improvements in the labor market reflected the continued resumption of economic activity that had been curtailed in March and April due to the coronavirus (COVID-19) pandemic and efforts to contain it. In June, employment in leisure and hospitality rose sharply.

Notable job gains also occurred in retail trade, education and health services, other services, manufacturing, and professional and business services. ….

The unemployment rate declined by 2.2 percentage points to 11.1 percent in June, and the number of unemployed persons fell by 3.2 million to 17.8 million ….

The number of unemployed persons who were on temporary layoff decreased by 4.8 million in June to 10.6 million, following a decline of 2.7 million in May»

*


USA: richieste sussidi disoccupazione 1,427 milioni unità.

Negli USA le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 26 giugno si sono attestate a 1,427 milioni di unità, superiori alle attese (1,355 milioni di unità) ma inferiori al dato della settimana precedente (1,482 milioni di unità).

Negli USA le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 26 giugno si sono attestate a 1,427 milioni di unità, superiori alle attese (1,355 milioni di unità) ma inferiori al dato della settimana precedente (1,482 milioni di unità). Il numero totale di persone che richiede l’indennità di disoccupazione (calcolato sui dati al 19 giugno) si attesta a 19,290 milioni, superiore ai 19,231 milioni della rilevazione precedente (attese 19,000 milioni).

*

Negli Usa creati 4,5 milioni di posti di lavoro a giugno, Trump esulta.

Le richieste di nuovi sussidi settimanali di disoccupazione negli Usa si attestano a 1,42 milioni, in costante calo dal picco di 6,867 milioni toccato a marzo. Il presidente: “L’economia torna a ruggire perchè abbiamo riaperto l’America”.

L’economia Usa ha creato 4,8 milioni di posti a maggio, nonostante la crisi da coronavirus, dopo il sorprendente rialzo di 2,5 milioni di unità a maggio. Tuttavia non sarà facile recuperare i circa 22 milioni di posti persi finora, dopo il crollo record di 20,5 milioni di addetti ad aprile. Il dato è superiore alle stime degli analisti che si aspettavano un rialzo di 3 milioni di unità. Il tasso di disoccupazione (calcolato su una diversa base statistica) frena all’11,1%, contro il il 13,5% di maggio e il 14,7% di aprile e un atteso 12,3%.

Le richieste di nuovi sussidi settimanali di disoccupazione negli Usa si attestano a 1,42 milioni. Il dato è superiore alle attese degli analisti si aspettavano 1,35 milioni nuove domande. La settimana scorsa le richieste erano state 1,48 milioni. I nuovi sussidi sono in costante calo dal picco di 6,867 milioni toccato a marzo ma il declino procede più lentamente del previsto.

“L’economia americana torna a ruggire dopo il virus, abbiamo creato 5 milioni di nuovi posti di lavoro”, ha commentato il presidente americano, Donald Trump, in conferenza stampa. “I mercati finanziari hanno cominciato a superare la crisi del coronavirus”, ha aggiunto il capo della Casa Bianca. “Abbiamo superato la crisi. Altri buoni numeri, numeri fantastici, arriveranno nei prossimi mesi perché abbiamo riaperto l’America”, ha affermato ancora Trump, e ha sottolineato: “I titoli in Borsa volano con un +18 per cento nell’ultimo trimestre, il dato più alto degli ultimi vent’anni”.