Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Istruzione e Ricerca, Scienza & Tecnica

Cina. Huawei commercializza con Deutsche Telekom il primo device 5Gnr.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-22.

Mela con il Coltello tra i Denti. - Copia

Cercheremo di semplificare al massimo un problema complesso, anche a costo di essere riduttivi: il nostro obiettivo è quello di farci capire da parte di un pubblico utente e non interessato al lato tecnico, ma non per questo sprovveduto.

*

È comune esperienza che le comunicazioni senza filo siano comode ed anche più economiche perché non necessitano della messa in opera di cavi: quello che spesso è riferito come l’ultimo miglio.

Per ottenere questo risultato sono necessarie due componenti.

La prima componente è una rete di emittenti, le colonnine nel caso dei telefoni cellulari, regolarmente collocate in modo tale da coprire tutto il territorio di interesse.

La seconda componente è costituita dai terminali mobili. Siano essi cellulari, siano essi calcolatori, devono in ogni caso essere collegabili alle colonnine.

In altri termini, gli strumenti della rete fissa e quelli della rete mobile devono essere compatibili e formano un tutto unico.

*

All’utente finale ciò che realmente importa sono alcuni fattori nodali:

– un’ottima copertura del territorio;

– la buona affidabilità del funzionamento del sistema;

– la velocità di trasmissione;

– la economicità della soluzione adottata.

*

La Huawei è riuscita a concepire, progettare e costruire una rete che può colloquiare stabilmente ad una velocità che supera ampiamente quella delle soluzioni attualmente in uso.

«In collaboration with Huawei, Deutsche Telekom (DT) announced Europe’s first 5G connection based on the latest 3GPP standard»

*

«On DT’s commercial network in central Berlin, the network has gone live with a 5G connection at over two gigabits per second and a low latency of three milliseconds over a 3.7 gigahertz spectrum link»

*

«Powered by Huawei user equipment using 3GPP specifications for 5G New Radio (NR), the deployment on commercial sites is the first in Europe and marks an important advancement in the global development of 5G.»

*

«5G is essentially a revolutionary paradigm shift in wireless networking to support the throughput, latency and scalability requirements of future use cases such as extreme bandwidth augmented reality applications and connectivity management for Billions of M2M (Machine to Machine) devices»

*

«With large scale commercial deployments …. we estimate that 5G networks will generate nearly $250 Billion in annual service»

* * * * * * * *

Sono anni che in Occidente Silicon Valley e succedanei annunciano mirabolanti previsioni di future linee di trasmissione ad altissima velocità. Il tempo futuro è quello costantemente ricorrente nei loro annunci. “Faremo” è il loro motto: “ho fatto” suona di conservatore.

“Dateci sempre più fondi, e noi faremo.”

Per l’intanto, fiumi di denaro pubblico sono stati profusi sulla Silicon Valley, che aveva promesso di risolvere il problema entro, più o meno, il 2025.

Huawei ha adesso spiazzato tutti.

Senza annunci e clamori, ha sviluppato la teoria fisica che sottende le trasmissioni ultraveloci, ha trasferito i risultati della ricerca pura a quelle tecnologica, ed alla fine è uscita con un prodotto commercializzabile a costi contenuti. Questo ultimo è il punto cardine: produrre innovazione a prezzi accessibili alla grande utenza.

* * * * * * * *

A nessuno sarà però sfuggito il vero risultato ottenuti dai cinesi della Huawei.

Essendo il loro sistema disponibile, la rete mondiale non tarderà ad adeguarvisi: la tecnologia cinese andrà a sostituire quella americana in un settore strategico sia per la vita civile sia per quella militare.

In altri termini: imponendosi come standard, la Huawei diventerà molto difficilmente scalzabile dal mercato.

Questo è uno smacco evidente per l’America, e dovrebbe far pensare a fondo su quanto sia efficiente il sistema universitario occidentale: questo aveva un predominio assoluto e nel breve volgere di meno di trenta anni lo ha perso.

Né ci consola il fatto che le università americane siano diventate “santuari

«A sanctuary campus is any college or university in the United States that adopts policies to protect members of the campus community who are undocumented immigrants. The term is modeled after “sanctuary city”, a status that has been adopted by over 30 municipalities. ….

In November 2016, students around the country staged demonstrations, walk-outs, and sit-ins in an effort to push their schools to declare themselves a “sanctuary campus” from President-elect Donald Trump’s planned immigration policy of mass deportations. The Stanford, Rutgers, and St. Mary’s protests on November 15, 2016 were among the first.»

*

L’idea di rimpiazzare un ricercatore con un immigrato illetterato è davvero pellegrina. Per non parlare poi delle ‘quote rosa‘: le università americane sono adesso quasi tutte al femminile e non producono più nulla, con grande soddisfazione dei cinesi.


Huawei. 2017-09-14. Deutsche Telekom and Huawei Go Live with Europe’s First 5G Connection

In collaboration with Huawei, Deutsche Telekom (DT) announced Europe’s first 5G connection based on the latest 3GPP standard.

Deutsche Telekom’s network in Germany is 5G Ready:

On DT’s commercial network in central Berlin, the network has gone live with a 5G connection at over two gigabits per second and a low latency of three milliseconds over a 3.7 gigahertz spectrum link. Powered by Huawei user equipment using 3GPP specifications for 5G New Radio (NR), the deployment on commercial sites is the first in Europe and marks an important advancement in the global development of 5G.

“5G new radio will be critical for meeting our customers’ ever-increasing connectivity requirements that are steadily growing with more and more network connections,” said Claudia Nemat, Deutsche Telekom Board member for Technology and Innovation. “Our achievement demonstrates the feasibility of our plans to deliver a superior, new customer experience.”

Taihua Deng, President Wireless Network, Huawei, said, “As long time partners, both Deutsche Telekom Group and Huawei have joined hands to successfully test 5G NR equipment in field environments based on the latest 3GPP R15 standards. These achievements highlight the capabilities of the 5G NR equipment to meet operators’ requirements for addressing new business opportunities for end users. Huawei is confident that the partnership with Deutsche Telekom can fully prepare the commercial launch of 5GNR services in Europe by 2020 thanks to 3GPP standardization efforts.”

The implementation in a live real-world setting in central Berlin using Huawei equipment and software is based on pre-standard 5G that closely tracks the 3GPP global standard for so-called ‘Non-Standalone New Radio’. With the Non-Standalone 5G NR mode for enhanced Mobile Broadband (eMBB) use-case, it is meant that the connection is anchored in LTE while 5G NR carriers are used to boost data-rates and reduce latency. Therefore, 5G new radio will be deployed with the evolution of 4G LTE as the baseline for wide-area broadband coverage. The specifications enabling that system will be complete by December 2017 as part of the first drop of 3GPP Release 15.

5G New Radio has characteristics that make it ideal to meet the sub 6 GHz mid-band needs for 5G applications that will require mobility support, wide-area coverage, as well as multi-gigabit throughput speeds and millisecond low latency.

“With this real-world achievement, Deutsche Telekom is making its first important step towards a 5G network launch,” said Bruno Jacobfeuerborn, CTO, Deutsche Telekom. “When the standard is defined, we will trial it in 2018 to prepare the ground for a wider deployment of commercial sites and the offering of devices for the mass market as they become available.”

5G Experience Day

The DT and Huawei joint implementation was conducted as part of Deutsche Telekom’s 5G:haus innovation partnership to advance 5G development to make the standard a global success. Both companies look forward to demonstrating this technical breakthrough and the innovative applications it enables during the 5G Experience Day in Berlin on October 12, 2017.


Cision. 2016-03-01. 5G Wireless Market Worth $250 Billion by 2025: $6 Billion Spend Forecast on R&D for 2015-2020

The 2016 research report on 5G wireless market says while LTE and LTE-Advanced deployments are still underway, mobile operators and vendors have already embarked on R&D initiatives to develop so-called “5G” technology, with a vision of commercialization by 2020. 5G is essentially a revolutionary paradigm shift in wireless networking to support the throughput, latency and scalability requirements of future use cases such as extreme bandwidth augmented reality applications and connectivity management for Billions of M2M (Machine to Machine) devices.

Complete report on 5G Wireless Market analysis 103 companies and provides data 59 data tables and figures is available at http://www.reportsnreports.com/reports/498612-the-5g-wireless-ecosystem-2016-2030-technologies-applications-verticals-strategies-forecasts.html

Although 5G is yet to be standardized, vendors are aggressively investing in 5G development efforts with a principal focus on new air interface transmission schemes, higher frequency bands and advanced antenna technologies such as Massive MIMO and beamforming. revenue With large scale commercial deployments expected to begin in 2020, we estimate that 5G networks will generate nearly $250 Billion in annual service by 2025. Driven by regional, national government, mobile operator and vendor initiatives, we expect that over $6 Billion will be spent on 5G R&D and trial investments between 2015 and 2020. 5G networks are expected to utilize a variety of spectrum bands for diverse applications, ranging from established sub-6 GHz cellular bands to millimeter wave frequencies.

The “5G Wireless Ecosystem: 2016 – 2030 – Technologies, Applications, Verticals, Strategies & Forecasts” report presents an in-depth assessment of the emerging 5G ecosystem including key market drivers, challenges, enabling technologies, use cases, vertical market applications, spectrum assessment, mobile operator deployment commitments, case studies, standardization, research initiatives and vendor strategies. The report also presents forecasts for 5G investments and operator services.

The report comes with an associated Excel datasheet suite covering quantitative data from all numeric forecasts presented in the report. Order a copy of this report at http://www.reportsnreports.com/purchase.aspx?name=498612.

List of Companies Mentioned in this 5G Wireless Market Report are 3GPP (Third Generation Partnership Project), 5G Americas, 5G Forum, South Korea, 5G Lab (TU Dresden), 5G PPP (5G Infrastructure Public Private Partnership), 5GIC (5G Innovation Center, University of Surrey), 5GMF (Fifth Generation Mobile Communications Promotion Forum, Japan), 5GRUS, Alcatel-Lucent, Alpental Technologies, América Móvil, ARIB (Association of Radio Industries and Businesses), Ascenta, AT&T Mobility, Athena Wireless Communications, ATIS (Alliance for Telecommunications Industry Solutions), AVC Networks Company, CableLabs, China Mobile, Cisco Systems, Cohere Technologies, DT (Deutsche Telekom), du (Emirates Integrated Telecommunications Company), Ericsson, Etisalat, ETRI (Electronics and Telecommunications Research), ETSI (European Telecommunications Standards Institute), Facebook, Fraunhofer FOKUS, Fraunhofer HHI, Fraunhofer-Gesellschaft and more.

Market forecasts are provided for each of the following submarkets and their subcategories.

 

Annunci
Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Istruzione e Ricerca, Unione Europea

Europa. Il segno del declino in una mappetta.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-21.

Alchimista __001

Per le cose importanti non servono poi molte parole.

Da tempo l’Europa ha rinunciato alla produzione industriale, ritenendo solo qualche vestigia del passato splendore.

Tutti si sciacquano la bocca della ricerca pura e dell’innovazione che ci sarebbe in Europa, nella Unione Europea: ricerca e sviluppo cui sono destinati ogni anno decine e decine di miliardi di euro.

Ma quando poi si va al sodo, la realtà è qualcosa più che demoralizzante.

La ricerca pura che non passa a quella tecnologica conta relativamente poco.

Ma la ricerca e sviluppo che non arrivino al brevetto non servono che dare soddisfazione agli habitué delle statistiche, nonché prebende e sinecure ai sodali.

Ma quando poi si andasse a controllare quanti brevetti registrati siano stati venduti, ossia siano entrati nella produzione, si diventa depressi cronici. Oppure si evidenziano chiari segni di compulsione omicida.

Riportiamo qui la mappetta dei brevetti registrati. Dividete per dieci ed otterrete quella dei brevetti venduti.

Poi non ci si stupisca che la Cina galoppi mentre l’Europa è seduta a contemplare sé stessa. Gli europei si applaudono tra di loro e si reputano grandi persone: si appellano con titoli blasonati, ma usciti dal recinto del pollaio fanno una figura così misera che gli altri manco si curano di loro.

2017-09-20__Europa. Il segno del declino in una mappetta.__001

Nota.

Verrà poi il giorno in cui i responsabili europei dei fondi di ricerca e sviluppo saranno chiamati a rispondere dei loro sperperi.

Pubblicato in: Demografia, Economia e Produzione Industriale, Sistemi Economici

India. Da paese emergente a paese emerso.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-20.

2017-09-19__India. Un continente in crescita.__001

«Gross Domestic Product of India grew 1.4% in the second quarter of 2017 compared to the previous quarter. This rate is 1-tenth of one percent higher than the figure of 1.3% published in the first quarter of 2017.

The year-on-year change in GDP was 5.9%, 1-tenth of one percent less than the 6% recorded in the first quarter of 2017.

The GDP figure in the second quarter of 2017 was $514,375 million, leaving India placed 6th in the ranking of quarterly GDP of the 50 countries that we publish.

India has a quarterly GDP per capita, of $428, $59 higher than the same quarter last year, it was.

If we order the countries according to their GDP per capita, India‘s population is the poorest of the 50 countries whose quarterly GDP we publish.

Here we show you the progression of the GDP in India. You can see GDP in other countries in GDP and see all the economic information about India in India’s economy.» [Fonte]

*

Secondo il Cia World Factbook 2016, il pil ppa dell’India ammonterebbe a 9,489.302 miliardi Usd, 6,616 Usd di pil ppa pro capite.

Se nel 2000 il pil ammontava a 476.636 miliardi Usd, nel 2016 aveva raggiunto i 2,256.397 miliardi Usd: in sedici anni il pil nominale è aumentato di 4.73 volte. È un risultato lusinghiero, nonostante che l’India abbia passato periodi politicamente alquanto turbolenti. Da anni sta crescendo al ritmo del 6%.

L’articolista di Bloomberg, a nostro parere correttamente, evidenzia come concausa di questo vorticoso incremento il fattore demografico.

«India is poised to emerge as an economic superpower, driven in part by its young population, while China and the Asian Tigers age rapidly»

*

«The number of people aged 65 and over in Asia will climb from 365 million today to more than half a billion in 2027, accounting for 60 percent of that age group globally by 2030»

*

«India will account for more than half of the increase in Asia’s workforce in the coming decade, but this isn’t just a story of more workers: these new workers will be much better trained and educated than the existing Indian workforce»

* * * * * * *

Si noti anche come il debito pubblico ammonti a 1,569 miliardi di Usd, con un rapporto debito/pil del 69.54%, in discesa rispetto agli anni precedenti.

In conclusione, l’India da paese emergente è diventato paese emerso e si avvia a diventare anch’essa una superopotenza economica. Ci metterà ancora una generazione, ma sembrerebbe essere sulla strada buona.




Bloomberg. 2017-09-18. Superpower India to Replace China as Growth Engine

India is poised to emerge as an economic superpower, driven in part by its young population, while China and the Asian Tigers age rapidly, according to Deloitte LLP.

The number of people aged 65 and over in Asia will climb from 365 million today to more than half a billion in 2027, accounting for 60 percent of that age group globally by 2030, Deloitte said in a report Monday. In contrast, India will drive the third great wave of Asia’s growth – following Japan and China — with a potential workforce set to climb from 885 million to 1.08 billion people in the next 20 years and hold above that for half a century.

“India will account for more than half of the increase in Asia’s workforce in the coming decade, but this isn’t just a story of more workers: these new workers will be much better trained and educated than the existing Indian workforce,’’  said Anis Chakravarty, economist at Deloitte India. “There will be rising economic potential coming alongside that, thanks to an increased share of women in the workforce, as well as an increased ability and interest in working for longer. The consequences for businesses are huge.’’

While the looming ‘Indian summer’ will last decades, it isn’t the only Asian economy set to surge. Indonesia and the Philippines also have relatively young populations, suggesting they’ll experience similar growth, says Deloitte. But the rise of India isn’t set in stone: if the right frameworks are not in place to sustain and promote growth, the burgeoning population could be faced with unemployment and become ripe for social unrest.

Deloitte names the countries that face the biggest challenges from the impact of ageing on growth as China, Hong Kong, Taiwan, Korea, Singapore, Thailand and New Zealand. For Australia, the report says the impact will likely outstrip that of Japan, which has already been through decades of the challenges of getting older. But there are some advantages Down Under.

“Rare among rich nations, Australia has a track record of welcoming migrants to our shores,” said Ian Thatcher, deputy managing partner at Deloitte Asia Pacific.  “That leaves us less at risk of an ageing-related slowdown in the decades ahead.’’

Japan’s experience shows there are opportunities from ageing, too. Demand has risen in sectors such as nursing, consumer goods for the elderly, age-appropriate housing and social infrastructure, as well as asset management and insurance. 

But Asia will need to adjust to cope with a forecast 1 billion people aged 65 and over by 2050. This will require:

– Raising retirement ages: Encouraging this could help growth in nations at the forefront of ageing impacts.

– More women in the workforce: A direct lever that ageing nations can pull to boost their growth potential.

– Taking in migrants: Accepting young, high-skilled migrants can help ward off ageing impacts on growth. 

– Boosting productivity: Education and re-training to bolster growth opportunities offered by new technologies.

Pubblicato in: Commercio, Economia e Produzione Industriale, Logistica

‘Clima’. I grandi dimenticati. Anche navi ed aerei sono inquinanti.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-17.

2016-11-30__Aminali_006

Riportiamo un articolo pubblicato tre anni or sono su di un argomento sul quale è sceso un silenzio tombale.

Ma il fatto di non parlarne più non significa minimamente che il problema non esista più.

«sia le turbine a reazione dei velivoli (alimentate a kerosene, carburante petrolifero simile al gasolio), che i grandi motori diesel navali (alimentati con olio combustibile poco raffinato di origine petrolifera, il cosiddetto”bunker oil”), a differenza delle auto, emettono quantitativi enormi di idrocarburi (HC), ossido di carbonio (CO), ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx), particolato (PM), anidride carbonica (CO2), poiché sono del tutto privi di dispositivi assimilabili ai catalizzatori ed ai filtri anti-particolato, atti a ridurre drasticamente le emissioni allo scarico»

*

«Stime per difetto hanno quantificato che il traffico aereo di un aeroporto come Fiumicino o Malpensa emetta giornalmente gas inquinanti pari alla quantità che emetterebbero circa 350 mila auto non catalizzate»

*

«un solo aereo di linea inquina come circa 600 auto non catalizzate»

* * *

IL CIA World Factbook riporta la tabella del censimento delle navi mercantili attualmente in funzione.

Sono attive 32,561 navi, ciascuna delle quali inquina mediamente come diciannovemila automobili non catalitiche.

Ciò significa un inquinamento pari a quello di 619 milioni di automobili non catalitiche.

Si consideri che il parco autovetture mondiali è stimato essere circa un miliardo, in gran parte catalizzate.

*

Così stando le cose, nessuno si stupirebbe che a breve si varino progetti per avere aerei e navi elettrici.




Nogeo Ingegneria. 2014-04-28. Aerei e navi emettono di tutto – ma tutti a far finta di niente.

Auto tartassata: ma nulla si fa contro le principali fonti inquinanti.

Le istituzioni si accaniscono solo contro le auto, mentre su altri settori molto più inquinanti domina l’impunità e un silenzio assordante

Le istituzioni, spinte da demagogia ambientalista, si accaniscono, da oltre 20 anni, solo contro le auto mentre su altri settori molto più inquinanti, domina l’impunità e un silenzio assordante. Mi chiedo se ai vari legislatori europei (i più accaniti contro le emissioni delle auto), sia mai venuto in mente di valutare obiettivamente, senza condizionamenti o preconcetti di tipo ideologico, magari con il supporto tecnico-scientifico di veri esperti non di parte, quanto possano inquinare molto più delle auto, gli aerei e le navi, tanto per restare nell’ambito dei mezzi di trasporto. Hanno costoro una sia pur vaga idea della enorme quantità di prodotti della combustione immessi nell’atmosfera dal traffico aereo e marittimo in un solo giorno o in un intero anno? La domanda è volutamente oziosa poichè è fin troppo evidente che gli esperti indipendenti lo sappiano bene, ma le istituzioni fanno finta di niente.

AEREI E NAVI EMETTONO DI TUTTO – Ebbene, proviamo a spiegarlo a beneficio di chi ignora tale aspetto e crede, a causa della falsa informazione dei media, che le automobili siano la unica fonte di ogni problema ambientale e soprattutto del presunto riscaldamento globale. Ma prima è doveroso fare una fondamentale distinzione anche qualitativa fra le emissioni di scarico degli aerei e delle navi rispetto a quelle delle auto, e ciò rende ancor più inaccettabile il voler ignorare tale aspetto, perché non si tratta solo di CO2. Infatti, sia le turbine a reazione dei velivoli (alimentate a kerosene, carburante petrolifero simile al gasolio), che i grandi motori diesel navali (alimentati con olio combustibile poco raffinato di origine petrolifera, il cosiddetto”bunker oil”), a differenza delle auto, emettono quantitativi enormi di idrocarburi (HC), ossido di carbonio (CO), ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx), particolato (PM), anidride carbonica (CO2), poiché sono del tutto privi di dispositivi assimilabili ai catalizzatori ed ai filtri anti-particolato, atti a ridurre drasticamente le emissioni allo scarico. Per gli aerei non potrebbe essere diversamente, stante la logica di funzionamento di un turboreattore, mentre per quanto riguarda le navi affronteremo il grave problema in altra occasione. I gas suddetti sono realmente tossici e pericolosi per la salute, a differenza della CO2 (anidride carbonica) che, giova ricordarlo, non è un gas inquinante, né tanto meno tossico, ma solo ad effetto serra come il vapore acqueo presente in atmosfera (le nuvole) che è di gran lunga l’elemento naturale ad effetto serra più diffuso. La CO2 è talmente innocua per la salute che la ingeriamo con piacere e volontariamente, in grandi quantità, con le bevande gassate, i vini spumanti, ecc. (per poi tornare all’aria libera dopo essere espulsa dal nostro organismo in modo poco elegante). Peraltro, è assai singolare che nessun ambientalista o istituzione abbia nulla da obiettare sulla enorme produzione industriale di CO2 destinata alle bevande (ma anche per altri scopi), ma ritorneremo presto sull’argomento.

DUE PESI E DUE MISURE – Beninteso, noi non vogliamo criminalizzare il trasporto aereo, né quello marittimo ai quali riconosciamo ovviamente una primaria e insostituibile funzione economica e commerciale. Tuttavia, è impossibile ignorare la stridente disparità di trattamento di cui godono tali attività rispetto al martoriato settore automotive privato. Inoltre, da sempre abbiamo preso le dovute distanze dalle teorie catastrofiste, invero semplicistiche quanto sospette (grossi interessi pseudo-ambientalisti in gioco), contestate peraltro da fior di scienziati ed esperti del clima, secondo cui le emissioni di CO2 derivanti dalle attività umane sarebbero le uniche responsabili dei cambiamenti climatici. Questi, come dimostrano le conoscenze acquisite, sono sempre avvenuti, in epoche diverse, a prescindere dalle attività umane, visto che si tratta di processi ciclici naturali che si evolvono di norma nel corso di svariati secoli o anche millenni da non poter essere valutati obiettivamente nell’arco di poche generazioni. Dunque, non cadiamo nel facile tranello di cercare altri capi espiatori. Noi vogliamo sottolineare e denunciare la mala fede, l’incompetenza, l’ottusa demagogia e il doppio-pesismo delle istituzioni che da vari anni hanno preso di mira solo il settore automotive, penalizzando e colpendo pesantemente non solo i costruttori, costringendoli ad investire enormi capitali al fine di rispettare normative e limiti sempre più stringenti e dall’esito pratico assai dubbio, ma anche gli utilizzatori finali del bene automobile con imposizioni legislative talvolta arbitrarie e spesso demenziali, costi, limiti e divieti di libera circolazione del tutto ingiustificati e penalizzanti, che hanno effetti devastanti sulla libera mobilità privata, l’economia dell’intero settore e indirettamente sulle filiere di altre attività industriali e commerciali. Basti pensare ai danni economici sul commercio causati dall’inutile e demagogico periodico blocco delle circolazione veicolare privata in molte città italiane. L’aver escluso artatamente il trasporto aereo (ed altri settori) dalle restrizioni stabilite dal Protocollo di Kyoto, è la più evidente dimostrazione che i Paesi coinvolti hanno la coda di paglia e, al di là dei proclami ufficiali con cui tutte le istituzioni mondiali si dichiarano convinti ambientalisti, di fronte a interessi enormi i cosiddetti difensori della “eco-sostenibilità” ricorrono a provvedimenti di facciata e sono pronti a chiudere tutti e due gli occhi per puro opportunismo. Peraltro, giova sottolineare che negli USA, in concomitanza con la buona ripresa economica e industriale degli ultimi anni, le emissioni di CO2 sono aumentate, con tanti saluti al Protocollo di Kyoto ed alla vocazione “ambientalista” del Presidente Obama.

UN GIORNO IN AEROPORTO VALE 350 MILA AUTO – Stime per difetto hanno quantificato che il traffico aereo di un aeroporto come Fiumicino o Malpensa emetta giornalmente gas inquinanti pari alla quantità che emetterebbero circa 350 mila auto non catalizzate! Figuriamoci se si prendono in considerazione aeroporti ben più trafficati come New York, Londra, Parigi. In altri termini, un solo aereo di linea inquina come circa 600 auto non catalizzate. Ma le auto, ormai da oltre 20 anni, sono tutte catalizzate per legge, quindi al suddetto rapporto, per essere più realistico, andrebbe aggiunto, per difetto, almeno uno zero. E’ ben noto che l’industria automobilistica mondiale, nell’ultimo ventennio, ha dovuto investire cifre enormi per ridurre le emissioni e continua a farlo, in un processo di obblighi legislativi e normative che appare senza fine. Viceversa, il comparto aereo avrebbe ottenuto il permesso dai vari organi internazionali, di triplicare il traffico fino al 2050, come afferma SDC (Sustainable Development Commission) nominata dal governo britannico. Negli ultimi 10-15 anni i viaggi low cost hanno incrementato a dismisura il traffico aereo e il conseguente inquinamento atmosferico e si può affermare che il trasporto su ali sia la fonte di emissioni di gas serra e di sostanze inquinanti più in crescita.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Aceto Balsamico di Modena fa fagotto e va a Londra.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-13.

Animali_che_Ridono__006_Muli

«L’Aceto Balsamico di Modena è un condimento a Indicazione geografica protetta (IGP).

Si produce secondo varie ricette. Il disciplinare di produzione IGP lascia ampio margine di azione, prevedendo l’utilizzo di mosto di uva (anche non proveniente dalle province di Modena e Reggio Emilia) in percentuali tra il 20 e il 90% e di aceto di vino dal 10 all’80%. È consentito l’uso di caramello, fino al 2%. La lettura dell’etichetta può fornire utili informazioni sugli ingredienti usati e sui metodi di lavorazione. Non sono previsti i prelievi e i rincalzi, tipici dell’Aceto Balsamico Tradizionale; gli ingredienti, una volta miscelati, devono essere tenuti per almeno 60 giorni in contenitori di legno. È ammessa la dicitura “invecchiato” per il prodotto di almeno 3 anni. L’Aceto Balsamico di Modena ha ottenuto il marchio di Indicazione geografica protetta (IGP) il 3 luglio 2009» [Fonte]

La sua produzione è regolata da una apposita disciplinare dell’Unione Europea:

Aceto Balsamico Di Modena. Indicazione Geografica Protetta. Disciplinare di Produzione

«La produzione dell’“Aceto Balsamico di Modena” deve essere effettuata nel territorio amministrativo delle province di Modena e Reggio Emilia.»

* * * * * * *

L’aceto balsamico di Modena è una delle tante prelibatezze italiane.

Un flaconcino da 100 ml

«Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Riserva Ciliegio»

ha un costo commerciale sopra i duecento euro. Ma li vale pienamente.

Per quanti non avessero palato addestrato, suggeriremmo di assaggiarlo in modo comparato con uno dei tanti “Aceto Balsamico” commercializzati in tutti i supermercati a partire dai due euro. La differenza è lampante.

* * * * * * *

Bene.

Adesso la proprietà non è più italiana, bensì inglese.

«Associated British Foods plc (ABF) is a British multinational food processing and retailing company whose headquarters are in London, United Kingdom. Its ingredients division is the world’s second-largest producer of both sugar and baker’s yeast and a major producer of other ingredients including emulsifiers, enzymes and lactose. Its grocery division is a major manufacturer of both branded and private label grocery products and includes the brands Mazola, Ovaltine, Ryvita, Jordans and Twinings. Its retail division, Primark, has around 325 stores with over 6,500,000 sq ft (600,000 m2) of selling space across Austria, Belgium, Germany, Ireland, the Netherlands, Portugal, Spain, the UK, and the United States.

Associated British Foods is listed on the London Stock Exchange and is a constituent of the FTSE 100 Index. ….

Some 54.5% of ABF is owned by Wittington Investments. 79.2% of the share capital of Wittington Investments is owned by the Garfield Weston Foundation, which is one of the UK’s largest grant-making charitable trusts, and the remainder is owned by members of the Weston family. Wittington Investments also owns Fortnum & Mason and Heal & Son. George G. Weston became chief executive of ABF on 1 April 2005, and Galen Weston, the chief executive of George Weston Ltd., is a non-executive director. Garth Weston is Regional President of AB Mauri.» [Fonte]

La Associated British Foods plc ha comprato la Acetum spa, principale produttore italiano.

Un altro marchio italiano, italianissimo, che fa fagotto.

Quando lo stato tratta le imprese produttive come figliastre indesiderate, queste fuggono via.

Infatti il problema non è tanto che una società inglese abbia comprato una società italiana, quanto piuttosto che nessuna società italiana è in grado di comprarne altre estere.


Ansa. 2017-09-11. Ass.British Foods compra Acetum, leader balsamico Igp

MODENA – Associated British Foods (Abf), quotato al London Stock Exchange, annuncia l’accordo per l’acquisizione di Acetum spa, principale produttore italiano di Aceto Balsamico di Modena Igp (Indicazione Geografica Protetta).

Cesare Mazzetti rimarrà presidente, Marco Bombarda direttore del business. I marchi di Acetum includono Mazzetti, Acetum e Fini.

Acetum produce anche glasse balsamiche, aceto di vino e di mela e ha realizzato nel 2016 vendite per 103 milioni in oltre 60 paesi. Il completamento dell’operazione è al vaglio Antitrust in Germania e in Austria.

Per George Weston, chief executive di Associated British Foods, “questa è un’occasione meravigliosa per diventare i custodi di un prodotto italiano con grande reputazione” e di promuovere “progetti di crescita ambiziosi in tutto il mondo”.
Mentre per Mazzetti, si tratta di “una conferma della grande attrattività delle aziende dotate di IGP nei confronti di gruppi internazionali” come ABF: una holding “che ha capacità di sviluppare imprese familiari e con cui non vedo l’ora di lavorare insieme in futuro”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Finanza e Sistema Bancario, Unione Europea

Cina. Anbanged ed HNA comprerebbero Allianz.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-11.

2017-09-08__Allianz__000

Questa è la struttura del’azionariato di Allianz al 31 dicembre 2016. Si noti come il 33.8% del capitale sia tedesco mentre il 66.2% sia straniero.



Cerchiamo di capire chi siano le parti in causa.

Anbang Insurance Group.

«Anbang Insurance Group (Chinese: 安邦保险; pinyin: Ānbāng bǎoxiǎn) is a Chinese holding company whose subsidiaries mainly deal with insurance, banking, and financial services. The company was founded in 2004 as a regionally based property insurance business with its headquarters in Beijing. Its founding shareholders included state-owned car maker Shanghai Automotive Industries Corp., which held a 20% stake. In 2005 state-owned oil company Sinopec bought a 20% share.

As of February 2015, the company had assets worth more than CN¥800 billion (US$123 billion). The Financial Times has described Anbang as “one of China’s most politically connected companies.”

Anbang Insurance has more than 30,000 employees in China and is engaged in offering various kinds of insurance and financial products.

*

The company holds a geographically diversified portfolio of assets in financial services real estate and lodging.

    In 2014, Anbang Insurance acquired Belgium insurer, Fidea Verzekeringen.

    In 2014, Anbang Insurance purchased the Waldorf Astoria New York hotel from Blackstone for nearly US$2 billion.

    In 2015 Anbang purchased Dutch insurer Vivat from the Dutch state. They paid €150m outright, and agreed to infuse between €770m and €1bn in fresh capital, and to take on €550m of debt.

    In 2015 Anbang paid US$1 billion for a 57.5% stake in South Korea’s Tongyang Life, an insurance company, in what was reported to be the first direct investment in a South Korean financial institution by a mainland China entity.

    In November 2015, Anbang announced that it would buy Iowa-based insurer Fidelity & Guaranty Life for about $1.57 billion.

    In February 2016, the Financial Post in Canada reported that is to purchase a 66% stake in four office towers of Bentall Centre in Vancouver from Ivanhoe Cambridge, a subsidiary of Caisse de dépôt et placement du Québec; and subsequently remaining 33% stake in May 2016. Terms of the deal were undisclosed. But the price paid by Anbang is reported to value the property at over CAD$ 1 Billion.

    In March 2016, Blackstone agreed to a further US$6.5 billion sale of 16 landmark US hotels owned by the Strategic Hotels & Resorts REIT, including the historic Hotel del Coronado near San Diego, the Westin St. Francis in San Francisco, several Four Seasons resorts, and Manhattan’s JW Marriott Essex House hotel.

    In April 2016, Anbang purchased Allianz’s South Korea operations.

    In 2016, Anbang purchased Retirement Concepts, a Canadian company with 24 retirement homes in British Columbia, Calgary and Montreal.» [Fonte]

Riassumendo.

Anbang è un gruppo assicurativo cinese con asset di 123 miliardi di dollari nel 2015, e penetrazione nel mercato mondiale.

*

HNA Group.

«HNA Group Co., Ltd., is a Chinese conglomerate headquartered in Haikou, Hainan, China. Founded in 2000, it is involved in the aviation, real estate, financial services, tourism, logistics, and other industries. It is part owner of Grand China Air (Hainan Airlines), China’s fourth largest airline, and owns 25% of Hilton Worldwide.

HNA Group was ranked 170th in 2017 Fortune Global 500 list.» [Fonte]

Nel 2015 il total asset ammontava a 466.709 miliardi di yuan.

*

Allianz.

«Allianz SE is a German financial services company headquartered in Munich, Germany. Its core businesses are insurance and asset management. As of 2014, it is the world’s largest insurance company, the largest financial services group and the largest company according to a composite measure by Forbes magazine, as well as the largest financial services company when measured by 2013 revenue. The company is a component of the Euro Stoxx 50 stock market index.

Its Allianz Global Investors division ranks as a top-five global active investment manager, having €1,933 billion of assets under management (AuM), of which €1,408 billion are third-party assets (as of 2015-03-31), with specialized asset managers including PIMCO (bonds), RCM (equities) and Degi (real estate).

Allianz sold Dresdner Bank to Commerzbank in November 2008. As a result of this transaction, Allianz gained a 14% controlling stake in the new Commerzbank. » [Fonte]

Nel 2015 Allianz gestiva un asset under management di 1,933 miliardi di euro, dei quali 1,408 erano di terze parti.

*

Si resta alquanto sorpresi quando si esamina l’elenco dei maggiori azionisti.

2017-09-08__Allianz__001

* * * * * * *

Il cancellierato della Bundeskanzlerin Frau Merkel passerà alla storia come il periodo in cui l’élite ha svenduto la Germania.

Germania. Sassonia. La realtà travolge i tedeschi. Ed è solo l’inizio.

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

Germania. La malata di Europa. 68 banche nei triboli. – Bundesbank

Trump. Export tedesco e banche nei triboli. – Handelsblatt

Germania. Non è povera. È misera. – Financial Times

Germania. Vdma. Il furor teutonico sta crescendo. – Handelsblatt

*

Germania. Deutsche Bank esclusa dal novero delle banche mondiali.

Deutsche Bank. Asset azionario e terrorismo. I proprietari.

*

Cina. Banche Cinesi e Belt and Road. Yuan come valuta internazionale.


Reuters. 2017-09-07. China’s Anbang, HNA had sights set on insurer Allianz: sources

HONG KONG (Reuters) – China’s Anbang Insurance Group and HNA Group both considered buying into German insurer Allianz SE this year as part of plans to become global financial powerhouses, people with direct knowledge of the matter said.

The separate talks, which were at an early stage and did not result in formal bids, were called off earlier this year due to expected regulatory hurdles in Germany and China and the fact that Allianz (ALVG.DE) showed little interest, they added.

The Chinese conglomerates both weighed buying a majority stake in the world’s fourth-largest insurer by market value – which is worth over $95 billion – while HNA was also open to a minority stake, two people involved in the discussions said.

It was “highly unlikely” that the talks to acquire a controlling stake in Allianz, one of nine insurers regulators say are of global systemic importance, would be revived in the near future, one of the people said.

A bid would have ran into political and regulatory hurdles as the insurer is a German stalwart that holds a huge amount of capital and is an important pillar for local pensions.

HNA’s [HNAIRC.UL] plan to buy an Allianz stake was first reported by Germany’s Sueddeutsche Zeitung.

Representatives at Allianz, Anbang [ANBANG.UL] and HNA – which has announced over $50 billion in deals since 2015 including stakes in Deutsche Bank AG (DBKGn.DE) and Hilton Worldwide Holdings Inc (HLT.N) – all declined to comment when contacted by Reuters.

Although the talks did not continue for long, the plans for possible separate bids for Allianz reveal ambition among Chinese conglomerates including Anbang and HNA to create a global empire through large, debt-fueled acquisitions.

BINGE BUYING

Massive overseas deals has resulted in Chinese regulators ramping up scrutiny this year of outbound acquisitions – ranging from football clubs to movie studios – of groups including Anbang, HNA, Fosun and Dalian Wanda.

Beijing has increased restrictions on overseas acquisitions in recent months and has leant on domestic banks to reduce lending that helped fuel the shopping spree and saw local firms spending a record $221 billion on assets overseas in 2016.

And in June, China ordered a group of lenders to assess exposure to some of China’s more aggressive dealmakers, including Anbang, Dalian Wanda, and HNA, the sprawling aviation-to-financial services conglomerate.

Anbang started discussing acquiring a controlling stake in Allianz in the second half of last year and had held informal talks with some banks, including select Wall Street banks, to seek advisory and lending support, the people said.

HNA had also held similar talks with some banks, they said. Besides regulatory roadblocks, the uncertainty about the ownership structures at the two conglomerates, however, led to some banks pulling back from those talks, the people said.

Similar to HNA, Beijing-based Anbang, whose main business is insurance, has been one of China’s most aggressive dealmakers in recent years, and is best-known overseas for the record-breaking purchase of the Waldorf Astoria hotel in New York.

Anbang’s overseas shopping spree included acquisition of Allianz’s South Korean businesses — Allianz Life Insurance Korea and asset management firm Allianz Global Investors Korea — for more than $3 million last year.

Pubblicato in: Banche Centrali, Economia e Produzione Industriale, Sistemi Economici

Liquidità. Uno dei grandi problemi dell’Occidente.

Giuseppe Sandro Mela

2017-09-09.

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Quello della liquidità è uno dei maggiori problemi dell’Occidente.

Se non si leggono con attenzione le contabili, non si avrebbe la percezione né della sua esistenza né della sua entità né, infine, dei pericoli che racchiude.

Bank of America ha calcolato che le ventiquattro maggiori aziende americane detengono circa 1,010 miliardi Usd di liquidità, depositata per la maggior quota all’estero, fuori dagli Stati Uniti.

Ma questa è solo la punta dell’iceberg.

In Occidente aziende e privati detengono un po’ più di 10,000 miliardi sostanzialmente liquidi ed altrettanto sostanzialmente fuori dalle lunghe mani del fisco locale.

È una cifra immane, che si aggira come l’Olandese Volante nelle piazze finanziarie alla ricerca di una impossibile collocazione. Mobilissima nel fuggire ogni forma di imposta e balzello, timorosa come un leprotto, ma all’occasione vorace come una tigre affamata. In poche parole è un elemento di instabilità.

Anche con tutti gli artifizi della finanza creativa non riesce a trovare un posto ove riposare in pace, rendendo il giusto in un’allocazione tranquilla.

^ ^ ^ ^

Se solo si potesse parlare tralasciando il politicamente corretto e dicendo almeno uno straccetto di verità, il problema sarebbe davvero semplice.

Negli ultimi trenta anni, ma soprattutto nell’ultimo decennio, in Occidente la produzione è stata severamente penalizzata da una lunga serie non solo di tasse e balzelli, ma anche e soprattutto di normative che hanno messo in moto un moloch burocratico che ne impedisce la nascita, la crescita e la sopravvivenza. Le multinazionali sopravvivono solo ripartendo oculatamente gli utili nelle diverse zone di investimento, ed andando a produrre altrove. E ci riescono anche molto bene grazie soprattutto all’impotenza di una burocrazia sclerotica quanto ipertrofica, provinciale e, tutto sommato, sommamente ignorante.

In poche parole, imprendere in Occidente non conviene più. Conviene solo ed esclusivamente se sovvenzionati dallo stato.

Sia il micro investitore, sia quello mini oppure medio hanno gli stessi identici problemi dei grandi investitori: quando l’investimento finanziario rende più di quello nel comparto produttivo la scelta risulta essere obbligata.

In parte ciò è dovuto all’immane quantità di denaro che Fed ed Ecb hanno immesso nel sistema, ancorché in modo anomalo. Queste cifre da capogiro che non potevano per definizione arrivare alla produzione.

^ ^ ^ ^

Il Presidente Trump ha iniziato, cautamente, a deburocratizzare gli Stati Uniti. Siamo solo agli inizi: sarebbe ingenuo sperare in risultati immediati ed eclamptici.

Ma la strada è stata tracciata.


Sole 24 Ore. 2017-09-03. Le aziende Usa scoppiano di liquidità: oltre mille miliardi $, Apple in testa.

Complice un trimestre che ha fatto il pieno di utili come non si vedeva da oltre un decennio, i big della Corporate America continuano a mettere in cascina liquidità. Stando ai calcoli fatti da Bank of America sulla base dei risultati del secondo trimestre, 24 delle maggiori aziende americane hanno superato i mille miliardi di dollari di cash, in gran parte detenuto all’estero. E per buona pace di Donald Trump, che aveva ventilato l’idea di un condono per il rimpatrio degli utili, questa montagna di dollari non sembra al momento pronta per rientrare in patria.

Nel secondo trimestre 2017 le 24 aziende hanno ulteriormente aumentato il livello di liquidità nelle loro casse, raggiungendo 1,01 trillioni di dollari, per più dell’80% detenuti all’estero.

A guidare la classifica del cash sono i big dell’hi-tech, con in testa ancora una volta Apple con un portafoglio di liquidità che arriva a 261,5 miliardi di dollari, per il 94% parcheggiati al di fuori dei confini Usa. La società della mela tiene a netta distanza Microsoft (133 miliardi, 96% all’estero), Alphabet, la casa madre di Google (94,7 miliardi, 61%), Cisco (68 miliardi, 96%) e Oracle (66,1 miliardi, 82%). In totale le prime cinque società, tutte appartenenti al mondo hi-tech, valgono 623 miliardi di liquidità, pari a più della metà delle prime 24.

Per trovare la prima società non tecnologica bisogna arrivare alla sesta posizione, dove si trova General Eletric, con cash per 44 miliardi di dollari, dei quali “solo” il 78% si trova all’estero.

La liquidità è in netta maggioranza detenuta sotto forma di bond, sia societari che titoli pubblici, il che fa concludere a Bank of America che le aziende non si stanno preparando a riportarla in patria: «Dal momento che il 70% degli incasi del secondo trimestre è stato investito in corporate bond, non c’è nessuna evidenza che le aziende stiano rendendo più liquide le loro posizioni cash in vista di un possibile rimpatrio delle liquidità all’estero», afferma la banca.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Geopolitica Europea, Russia

Kerch. Varata la prima grande arcata ferroviaria del ponte.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-05.

2017-09-01__Ponte_Crimea_001

«The Kerch Strait Bridge (Russian: Керченский мост [kérchenskiy most]) or Crimean Bridge (Russian: Крымский мост [krímskiy most]) is a road-rail bridge under construction by the Russian Federation, to span the Strait of Kerch between the Kerch Peninsula of Crimea and the Taman Peninsula of Krasnodar Krai in Russia. The current connection is by the Kerch Strait ferry between Port Kavkaz and Port Krym.

In January 2015, the multibillion-dollar contract for the construction of the bridge was awarded to Arkady Rotenberg’s SGM Group. In May 2015, construction of the bridge commenced; the road bridge is projected to be opened on December 18, 2018 with completion of the rail link delayed until the end of 2019.» [Fonte]

*

«Russian engineers are installing a giant railway arch in the channel between Russia and Crimea, as a 19km (12-mile) road-rail bridge takes shape»

*

«It will take about a month to fix the arch, weighing 6,000 tonnes, to massive supports in the water»

*

«The road section of the Kerch Strait bridge will also have a giant arch»

2017-09-01__Ponte_Crimea_002

 * * * * * *

Tanto di cappello agli ingegneri russi.

Se, come sembrerebbe, riusciranno a finire di costruire il ponte sullo stretto di Kerch entro la fine dell’anno prossimo, avranno compiuto un’opera da primato. Da una parte per la lunghezza, 19 km, e dall’altra per la rapidità costruttiva.

Un unico commento.

Che il ponte di Kerch sia “controverso” è solo un punto di vista personalissimo della Bbc. Unire la Krimea alla Russia con un ponte sia ferroviario sia stradale sembrerebbe solo essere un’infrastruttura doverosa nel ventunesimo secolo. Che poi gli ingegneri russi stiano lavorando con una velocità impensata ed impensabile in occidente è un altro paio di maniche: non è mica colpa loro se lavorano allo stato dell’arte.


Bbc. 2017-09-01. Russia’s controversial Crimea bridge gets giant arch

Russian engineers are installing a giant railway arch in the channel between Russia and Crimea, as a 19km (12-mile) road-rail bridge takes shape.

It is a flagship political project, as Russia claims Ukraine’s Crimea peninsula – which it annexed in March 2014 – as its own territory.

It will take about a month to fix the arch, weighing 6,000 tonnes, to massive supports in the water.

The road section of the Kerch Strait bridge will also have a giant arch.

The project’s official website (in Russian) – www.most.life – says the bridge should be completed by the end of next year, when the first cars will cross it. Then rail traffic will start crossing it in 2019.

The EU and US have ratcheted up sanctions on Russia since first imposing restrictions over the seizure of Crimea.

Western firms and politicians are banned from doing business with the Russian-installed Crimean government, or with Russian economic actors there.

Russia’s Vesti TV news says the Kerch Strait bridge will be Russia’s longest.

The bridge will not impede shipping, the project website says, as it will stand 35m (115ft) above the water.

The four-lane highway is designed for a capacity of 40,000 vehicles per 24-hour period.

Russia sees the bridge as a key strategic tool for developing Crimea, more efficient than the current ferry service.

Crimea’s land border with Ukraine is tense and heavily militarised, making cross-border deliveries slow and difficult.

Crimean Tatars on trial

Ukraine and Western governments accuse Russia of crushing political opposition in Crimea, whose leadership is solidly loyal to President Vladimir Putin. Ethnic Russians are the majority group in Crimea, which used to be part of imperial Russia.

In April 2016 the Crimean Tatars’ Mejlis – an assembly representing the ethnic group’s interests – was banned by Russia as an “extremist” organisation.

Ruslan Zeytullayev, a Crimean Tatar activist serving a 15-year jail term in Russia’s southern city of Rostov, has sent an open letter to the UN, urging international pressure on Russia to get “political” prisoners released. A month ago he went on an indefinite hunger strike.

Russia found him and three other Crimean Tatars guilty of membership in a “terrorist” group – Hizb ut-Tahrir – and jailed them all.

The group is not listed as “terrorist” in Ukraine. Amnesty International said the case raised “numerous fair trial concerns” – notably, several prosecution witnesses had retracted their pre-trial statements.

A leading Crimean Tatar activist and deputy head of the Mejlis, Akhtem Chiygoz, is expected to be sentenced by a Russian court on 11 September. He is accused of organising “mass disturbances” during a pro-Ukrainian rally in 2014 before Russia’s annexation of Crimea.


Bbc. 2017-09-01. Il controverso ponte Crimea della Russia implementa una campata gigante. [Traduttore automatico]

Ingegneri russi stanno installando un arco ferroviario gigante nel canale tra la Russia e la Crimea, come un 19 km (12 miglia) strada-ferrovia ponte prende forma.

Si tratta di un progetto politico di punta, come la Russia sostiene che la penisola ucraina di Crimea – che ha allegato nel marzo 2014 – come proprio territorio.

Ci vorrà circa un mese per fissare l’arco, del peso di 6.000 tonnellate, a massicci sostegni in acqua.

Il tratto stradale del ponte dello Stretto di Kerch presenta anche un arco gigantesco.

Il sito ufficiale del progetto (in russo) – http://www.most.life – dice che il ponte dovrebbe essere completato entro la fine del prossimo anno, quando le prime vetture lo attraverseranno. Il traffico ferroviario inizierà poi a attraversarlo nel 2019.

L’Unione europea e gli Stati Uniti hanno inasprito le sanzioni nei confronti della Russia fin dalla prima volta che hanno imposto restrizioni al sequestro del Crimea.

Aziende e politici occidentali sono vietati di fare affari con il russo installato il governo russo Crimea, o con gli attori economici russi lì.

Russia Vesti TV notizie della Russia Vesti dice che il ponte dello Stretto di Kerch sarà più lungo della Russia.

Il ponte non ostacolerà la spedizione, dice il sito web del progetto, in quanto si troverà 35m (115ft) sopra l’ acqua.

L’autostrada a quattro corsie è progettata per una capacità di 40.000 veicoli per un periodo di 24 ore.

Russia vede il ponte come uno strumento strategico chiave per lo sviluppo del Crimea, più efficiente rispetto al servizio di traghetto attuale.

Il confine terrestre della Crimea con l’Ucraina è teso e pesantemente militarizzato, il che rende le consegne transfrontaliere lente e difficili.

Criminali tatari sul processo

Ucraina e i governi occidentali accusano la Russia di schiacciare la resistenza politica in Crimea, la cui leadership è solidamente fedele al Presidente Vladimir Putin. Russi etnici sono il gruppo di maggioranza in Crimea, che una volta faceva parte della Russia imperiale.

Nell’aprile 2016 il Mejlis dei tatari krymean – un’assemblea che rappresenta gli interessi del gruppo etnico – è stato vietato dalla Russia come organizzazione “estremista”.

Ruslan Zeytullayev, un attivista del Tatar del Crimeo che serve un periodo di 15 anni di prigione nella città meridionale della Russia di Rostov, ha inviato una lettera aperta alle Nazioni Unite, esortando la pressione internazionale sulla Russia per ottenere il rilascio dei prigionieri “politici”. Un mese fa ha intrapreso uno sciopero della fame a tempo indeterminato.

Russia ha trovato lui e altri tre Tatars Crimea altri Crimea colpevole di appartenenza a un gruppo “terrorista” – Hizb ut-Tahrir – e li imprigionato tutti.

Il gruppo non è elencato come “terrorista” in Ucraina. Amnesty International ha dichiarato che il caso sollevava “numerose preoccupazioni in merito a un processo equo” – in particolare, diversi testimoni dell’accusa avevano ritirato le loro dichiarazioni preliminari al processo.

Un attivista di spicco del Tatar del Crimeo e vice capo del Mejlis, Akhtem Chiygoz, dovrebbe essere condannato da un tribunale russo l’11 settembre. Egli è accusato di aver organizzato “disordini di massa” durante un raduno filo-ucraino nel 2014 prima dell’annessione del Crimea da parte della Russia.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Trump. Export tedesco e banche nei triboli. – Handelsblatt

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-29.

2017-07-07__Hamburg__001 trumps_climate_war_74848_c0-250-4832-3067_s885x516

Il problema è complesso: cercheremo quindi di tratteggiarlo almeno a grandi linee.

In primo luogo, la Germania è molto meno ricca di quanto non si voglia ammettere:

Germania. Non è povera. È misera. – Financial Times

«In Germania, mentre il pil ppa procapite ammonta a 45,802.12 Usd, il pil ppa mediano vale 16,534.50 Usd. In altri termini, metà della popolazione tedesca deve vivere con un potere di acquisto inferiore a 16,534.50 Usd l’anno.»

In una situazione del genere, più della metà dei tedeschi semplicemente non ha disponibilità di denaro da allocare nel sistema bancario.

In secondo luogo, la Banca Centrale Europea, ECB, sta tenendo da anni tassi di interesse nulli o negativi: in altri termini, si paga per tenere il denaro depositato. Così facendo Ecb favorisce gli stati membri dell’Unione Europea oberati da ingente debito pubblico, ma penalizza severamente le banche, le quali vivono proprio sugli interessi che percepiscono sui crediti concessi.

In terzo luogo, le banche europee si trovano di conseguenza nella concreta impossibilità di finanziare il sistema produttivo, bloccandone non solo lo sviluppo, ma limitandone anche la capacità di sopravvivenza. Nel favorire Ecb il pubblico, nel contempo esse penalizza produzione e privato. Una scelta politica di grande peso sul sistema economico e finanziario.

In quarto luogo, svalutando di fatto il valore del dollaro americano, Mr Trump sta infliggendo al sistema produttivo ed all’export tedesco un danno devastante. A questo mondo i tedeschi non sono gli unici a produrre macchinari industriali ed un euro forte equivale ad una dazio generalizzato a livello mondiale su tutta la loro produzione. Elemento questo che costituisce una forte dissuasione sui potenziali clienti.

In quinto luogo, per poter cercare di competere sul mercato, le industrie esportatrici tedesche richiedono i necessari crediti alle banche dei paesi nei quali esportano. Ma in questa maniera mica che abbiano i tassi di interesse nulli: pagano dal 7% al 12%, che vada loro bene. Ma questi tassi di interesse falcidiano completamente i loro margini di guadagno.

* * * * * * *

Handelsbatt, giornale della confindustria tedesca, propone il caso della Wirtgen Group, dimenticandosi però di riferire un particolare di non trascurabile importanza.

«Wirtgen Group is an international operating German company in the construction industry. The company’s core business is the development and production of machinery for road construction and maintenance.

Wirtgen Group employs around 7,000 people around the world. It also has local manufacturing plants in Brazil, China, and India, 55 distribution and service offices and over 150 authorized dealers around the globe.

In 2017, Wirtgen Group entered into a definitive agreement with John Deere to be purchased for $5.2 Billion.» [Fonte]

*

Già.

Il Gruppo Wirtgen è nominalmente tedesco, ma è stato acquisto per 5.2 miliardi di Usd dalla John Deere.

«Deere & Company (brand name John Deere) is an American corporation that manufactures agricultural, construction, and forestry machinery, diesel engines, drivetrains (axles, transmissions, gearboxes) used in heavy equipment, and lawn care equipment. In 2016, it was listed as 97th in the Fortune 500 America’s ranking and was ranked 364th in the global ranking in 2016. John Deere also provides financial services and other related activities» [Fonte]

La John Deere è una ditta con revenue di 26.644 miliardi Usd, net income di 1.524 miliardi Usd, ed un capitale totale di 57.981 miliardi.

La John Deere ha ottenuto un simile risultato impiegando soltanto 56,767 dipendenti.

* * * * * * *

In realtà, la John Deere non ha proprio difficoltà ad accedere al credito, ed a quello in valuta americana.

Nei triboli è la sua branca tedesca, non certo la holding.

E questa mattina il cambio Eur/Usd valeva 1.1981.

*

Conclusione.

Le ideologie fanno pagare un prezzo elevato, smisurato poi se fossero anche utopiche.

La conduzione economica fatta da Frau Merkel nei suoi lunghi anni di cancellierato hanno costretto la Germania a svendere molti dei suoi apparati produttivi, ed alla fine gli scotti si pagheranno carissimi.

Se i micro e mini investitori sono abbacinati da quel monopoli che è la borsa tedesca, da tempo gli investitori strategici, quella dal miliardo in su, per intenderci, investono in Germania non per intraprendere nuove attività, bensì per rilevarne quelle in essere, appropriarsi del know-how, e prepararsi alla fuga. Questa categoria di investitori si rende perfettamente conto di quanto la crisi demografica da mancate nascite desertificherà la Germania nel breve volgere di qualche lustro.

Pensateci sopra bene:

«In Germania, mentre il pil ppa procapite ammonta a 45,802.12 Usd, il pil ppa mediano vale 16,534.50 Usd. In altri termini, metà della popolazione tedesca deve vivere con un potere di acquisto inferiore a 16,534.50 Usd l’anno.»


Handelsblatt. 2017-08-27. The Export Champions German Banks Won’t Bet On

German manufacturers are struggling to find financing for smaller export contracts, putting them at a disadvantage against rivals in the US, France and Korea.

*

The purchase order came from Buenos Aires: three machines for road construction, with a price tag of €2.5 million ($3 million). It’s an ordinary transaction for the Wirtgen Group, a global leader in the market of road-building machines.

Since the 2015 political power shakeup in Argentina, there’s been a lot of infrastructure renewal there, meaning lots of demand for Wirtgen’s road construction machines and tarmac rollers. The construction equipment manufacturer has received more than three dozen such Argentinian orders worth between €500,000 and €4.5 million since 2015, but the success has also caused a headache: trade financing is problematic or impossible.

“The banks’ credit offers for smaller orders are not adequate,” said Reimund Felderhoff, business manager of Wirtgen GmbH, the company’s subsidiary responsible for street construction machinery. “We are financing our orders from Latin America 100 percent through our own supplier loans.”

The fact that a company with a turnover of €2.6 billion and an export share of about 90 percent in auxiliary construction is having this problem isn’t an exception. For many German industrial companies, especially the small and medium-sized, family-owned businesses known as Mittelstand, this financing hang-up is a real problem. “Many banks are no longer offering any financing,” said Ulrich Ackermann, foreign trade expert of the VDMA mechanical engineering association. This is particularly true for orders up to €5 million – so-called “small tickets.”

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Stati Uniti

Hollywood in crisi. Bancarotte a catena. – Morgan Stanley

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-28.

Passion Satana Rosalinda Celentano

Hollywood è stato per decenni la mecca del cinema.

Non solo produceva ingenti guadagni, ma era anche in grado di imporre una sua propria Weltanschauung, proponendo ad un vastissimo pubblico nuovi eroi e personaggi da prendersi a modello di vita. In altri termini: era una vera e propria fucina culturale.

Negli ultimi anni la vena creativa sembrerebbe essersi andata esaurendo: il livello qualitativo della produzione è sceso in modo consistente, altre forme di intrattenimento stanno prendendo campo, ma soprattutto il pubblico sembrerebbe essere disaffezionato.

Il calo del pubblico pagante si è ripercosso immediatamente sui ricavi delle ditte cinematografiche, rendendo ancor più difficoltosa la produzione. Di qui una lunga serie di bancarotte.

MGM film studio plunges into bankruptcy

Relativity Media struggles to come back from bankruptcy

12 Movies So Expensive They Bankrupted Their Studio

Relativity Bankruptcy: The Fallout for Its Movies

* * * * * * *

Hollywood in crisis? Summer box office projected to be the lowest since 2007

Già. Questo anno è un anno di fiaschi. Un anno di prodotti abortiti, che si aggiunge ai precedenti andati male.

*

Ma la crisi finanziaria e produttiva di Hollywood si è ripercossa in modo diretto ed indiretto su molte star. Eccone alcuni esempi.

33 Celebrities Who Have Declared Bankruptcy

«In 1993, Kim Bassinger decided not to appear in the film “Boxing Helena,” but she had already signed a contract. The producers of the film took Bassinger to court and she ended up owing them over $8 million dollars. She filed for bankruptcy later that year.»

*

«In 2002, Elton John declared bankruptcy after experiencing massive debt associated with his many properties all over the world.»

*

«”Say a Little Prayer” singer Dionne Warwick declared bankruptcy in 2013.  She owed over $10 million to the IRS in unpaid taxes.»

*

«In 1996, Anna Nicole Smith filed for bankruptcy.  She found her self in debt after she was ordered to pay a former employee over $800,000 for alleged sexual harassment.»

*

«In 1988, singer Tammy Wynette declared bankruptcy after losing a court case, which left her owing over $900,00 to the Federal Savings & Loan Insurance Corp.»

* * * * * * *

Concludendo.

I prodotti di Hollywood trovano sempre maggiore difficoltà sul mercato mondiale e domestico.

Al momento attuale il mercato mondiale non desidera più vedere i film prodotti ad Hollywood ed il pubblico domestico americano si sta restringendo sotto i limiti della sopravvivenza.

Analizzare le cause di un simile tracollo esulerebbe le finalità di questo articolo.

I tagli ai finanziamenti federali per lo spettacolo mesi in atto da Mr Trump non faciliteranno certo la ripresa, se mai questa avverrà, di Hollywood.

Notiamo però come Hollywood sia intimamente legato ai liberals democratici: cadendo questi ultimi era inevitabile che cadesse anche Hollywood.

Lo schieramento politico dei divi di Hollywood si avvia ad essere ininfluente dal punto di vista elettorale.

Il pubblico è stanco di film politicizzati ed ideologizzati.


Morgan Stanley. 2017-08-21. Can Premium on Demand Video Save Hollywood?

As big studios struggle to fight against shrinking film profits, Premium Video On Demand, or P-VOD, may be coming soon to a small screen near you.

*

Imagine a world where the teenager loudly munching popcorn behind you in a movie theatre vanishes into thin air; where the guy texting on his phone during the film is teleported to a distant land; where never-ending previews journey to a galaxy far, far away.

This is the promise of Premium Video On Demand, or P-VOD, a service that would allow film consumers to watch blockbuster movies at home on the same day as their theatrical release (or close to it). P-VOD utilizes a pay-per-view model that allows consumers to pay $30 to $50 per movie to see films that they would normally have to wait three to six months to see at home.

For Hollywood film studios, this model could improve revenue and margins, which have been feeling the pinch of declining box office sales. “The desperation level in Hollywood is at new highs and a broader attempt at driving P-VOD seems almost inevitable,” says Benjamin Swinburne, who covers media for Morgan Stanley Research.

In a new report “Pause Button: Can Premium Video On Demand Save Hollywood?” Swinburne and his colleagues look at the viability of this emerging model, as well as the implications. “If consumers embrace Premium Video On Demand, there could be significant upside for film studios,” he says. His team estimates that P-VOD could bolster studio revenues by $2 billion annually—with minimal incremental costs.

For theaters, however, P-VOD could become a formidable villain.

The Case for Studios

Film distribution has been continually evolving ever since the VCR first disrupted Hollywood’s model of big stars on big screens in the 1980s. DVDs, streamed content and video on demand have only accelerated that evolution. For more than a decade, domestic theater attendance has been in decline, even as Hollywood has ramped up the number of releases.

In a recent poll conducted by AlphaWise, Morgan Stanley’s evidence-based research group that leverages big datasets and surveys, 25% of people surveyed said they would “probably” or “definitely” pay a premium to see the latest release at home immediately rather than wait three to six months under the current release model. Not surprisingly, the best response for this model came from households with three or more people, in which case $30 is a bargain—even without factoring in the price of a jumbo popcorn.

“We estimate a hypothetical bull case for the P-VOD model could reach 100 million to 110 million purchases annually, based on adoption by consumers,” says Swinburne. By 2020, this could mean an additional $2 billion for the film studio industry.

Will Cinemas Be Left in the Cold?

Not everyone would stand to gain. Widespread adoption of P-VOD among movie consumers could be a staggering blow to big screen cinemas that have been investing in upgrades—such as 3D projection and luxury seating—in an effort to retain their audiences.

Notably, the same consumers who indicated that they’d pay a premium for the newest releases also indicated that they are avid movie goers. In other words, says Swinburne, P-VOD could cannibalize box office sales.

Morgan Stanley estimates that for each P-VOD rental (two views), the traditional movie exhibitor would likely lose one cinema consumer, a 50% cannibalization rate that could lead to big losses for big-screen movie houses. Based on a 50% cannibalization rate, Morgan Stanley forecasts a 15% to 25% drop in EBITDA for major players in the cinema industry.

Cinema owners do have some protection via contractual agreements which currently require studios to give them first dibs on films after they debut. There have also been press reports suggesting that theaters are negotiating a piece of the P-VOD pie to help offset potential losses, although it is unclear if that will ultimately be the outcome, says Swinburne.

All of this could add further pressure to cinemas, who have already been battling increased consumer interest in home streaming services. In the wake of one major studio’s announcement that it would seek to launch its own direct-to-consumer streaming subscription services, other studios could potentially explore their own streaming services as well. If studios begin creating original movies for those platforms, it could provide a source of competition to the theatrical window and further siphon viewers away from cinemas.

In the end, P-VOD will pit traditional big-screen movie-goers against small-window watchers in a scene that, itself, could be the stuff of drama. Hollywood is indeed desperate for a new leading actor to restore its glamour, and P-VOD could be that spark.