Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Istruzione e Ricerca, Scienza & Tecnica

Cina. Huawei commercializza con Deutsche Telekom il primo device 5Gnr.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-22.

Mela con il Coltello tra i Denti. - Copia

Cercheremo di semplificare al massimo un problema complesso, anche a costo di essere riduttivi: il nostro obiettivo è quello di farci capire da parte di un pubblico utente e non interessato al lato tecnico, ma non per questo sprovveduto.

*

È comune esperienza che le comunicazioni senza filo siano comode ed anche più economiche perché non necessitano della messa in opera di cavi: quello che spesso è riferito come l’ultimo miglio.

Per ottenere questo risultato sono necessarie due componenti.

La prima componente è una rete di emittenti, le colonnine nel caso dei telefoni cellulari, regolarmente collocate in modo tale da coprire tutto il territorio di interesse.

La seconda componente è costituita dai terminali mobili. Siano essi cellulari, siano essi calcolatori, devono in ogni caso essere collegabili alle colonnine.

In altri termini, gli strumenti della rete fissa e quelli della rete mobile devono essere compatibili e formano un tutto unico.

*

All’utente finale ciò che realmente importa sono alcuni fattori nodali:

– un’ottima copertura del territorio;

– la buona affidabilità del funzionamento del sistema;

– la velocità di trasmissione;

– la economicità della soluzione adottata.

*

La Huawei è riuscita a concepire, progettare e costruire una rete che può colloquiare stabilmente ad una velocità che supera ampiamente quella delle soluzioni attualmente in uso.

«In collaboration with Huawei, Deutsche Telekom (DT) announced Europe’s first 5G connection based on the latest 3GPP standard»

*

«On DT’s commercial network in central Berlin, the network has gone live with a 5G connection at over two gigabits per second and a low latency of three milliseconds over a 3.7 gigahertz spectrum link»

*

«Powered by Huawei user equipment using 3GPP specifications for 5G New Radio (NR), the deployment on commercial sites is the first in Europe and marks an important advancement in the global development of 5G.»

*

«5G is essentially a revolutionary paradigm shift in wireless networking to support the throughput, latency and scalability requirements of future use cases such as extreme bandwidth augmented reality applications and connectivity management for Billions of M2M (Machine to Machine) devices»

*

«With large scale commercial deployments …. we estimate that 5G networks will generate nearly $250 Billion in annual service»

* * * * * * * *

Sono anni che in Occidente Silicon Valley e succedanei annunciano mirabolanti previsioni di future linee di trasmissione ad altissima velocità. Il tempo futuro è quello costantemente ricorrente nei loro annunci. “Faremo” è il loro motto: “ho fatto” suona di conservatore.

“Dateci sempre più fondi, e noi faremo.”

Per l’intanto, fiumi di denaro pubblico sono stati profusi sulla Silicon Valley, che aveva promesso di risolvere il problema entro, più o meno, il 2025.

Huawei ha adesso spiazzato tutti.

Senza annunci e clamori, ha sviluppato la teoria fisica che sottende le trasmissioni ultraveloci, ha trasferito i risultati della ricerca pura a quelle tecnologica, ed alla fine è uscita con un prodotto commercializzabile a costi contenuti. Questo ultimo è il punto cardine: produrre innovazione a prezzi accessibili alla grande utenza.

* * * * * * * *

A nessuno sarà però sfuggito il vero risultato ottenuti dai cinesi della Huawei.

Essendo il loro sistema disponibile, la rete mondiale non tarderà ad adeguarvisi: la tecnologia cinese andrà a sostituire quella americana in un settore strategico sia per la vita civile sia per quella militare.

In altri termini: imponendosi come standard, la Huawei diventerà molto difficilmente scalzabile dal mercato.

Questo è uno smacco evidente per l’America, e dovrebbe far pensare a fondo su quanto sia efficiente il sistema universitario occidentale: questo aveva un predominio assoluto e nel breve volgere di meno di trenta anni lo ha perso.

Né ci consola il fatto che le università americane siano diventate “santuari

«A sanctuary campus is any college or university in the United States that adopts policies to protect members of the campus community who are undocumented immigrants. The term is modeled after “sanctuary city”, a status that has been adopted by over 30 municipalities. ….

In November 2016, students around the country staged demonstrations, walk-outs, and sit-ins in an effort to push their schools to declare themselves a “sanctuary campus” from President-elect Donald Trump’s planned immigration policy of mass deportations. The Stanford, Rutgers, and St. Mary’s protests on November 15, 2016 were among the first.»

*

L’idea di rimpiazzare un ricercatore con un immigrato illetterato è davvero pellegrina. Per non parlare poi delle ‘quote rosa‘: le università americane sono adesso quasi tutte al femminile e non producono più nulla, con grande soddisfazione dei cinesi.


Huawei. 2017-09-14. Deutsche Telekom and Huawei Go Live with Europe’s First 5G Connection

In collaboration with Huawei, Deutsche Telekom (DT) announced Europe’s first 5G connection based on the latest 3GPP standard.

Deutsche Telekom’s network in Germany is 5G Ready:

On DT’s commercial network in central Berlin, the network has gone live with a 5G connection at over two gigabits per second and a low latency of three milliseconds over a 3.7 gigahertz spectrum link. Powered by Huawei user equipment using 3GPP specifications for 5G New Radio (NR), the deployment on commercial sites is the first in Europe and marks an important advancement in the global development of 5G.

“5G new radio will be critical for meeting our customers’ ever-increasing connectivity requirements that are steadily growing with more and more network connections,” said Claudia Nemat, Deutsche Telekom Board member for Technology and Innovation. “Our achievement demonstrates the feasibility of our plans to deliver a superior, new customer experience.”

Taihua Deng, President Wireless Network, Huawei, said, “As long time partners, both Deutsche Telekom Group and Huawei have joined hands to successfully test 5G NR equipment in field environments based on the latest 3GPP R15 standards. These achievements highlight the capabilities of the 5G NR equipment to meet operators’ requirements for addressing new business opportunities for end users. Huawei is confident that the partnership with Deutsche Telekom can fully prepare the commercial launch of 5GNR services in Europe by 2020 thanks to 3GPP standardization efforts.”

The implementation in a live real-world setting in central Berlin using Huawei equipment and software is based on pre-standard 5G that closely tracks the 3GPP global standard for so-called ‘Non-Standalone New Radio’. With the Non-Standalone 5G NR mode for enhanced Mobile Broadband (eMBB) use-case, it is meant that the connection is anchored in LTE while 5G NR carriers are used to boost data-rates and reduce latency. Therefore, 5G new radio will be deployed with the evolution of 4G LTE as the baseline for wide-area broadband coverage. The specifications enabling that system will be complete by December 2017 as part of the first drop of 3GPP Release 15.

5G New Radio has characteristics that make it ideal to meet the sub 6 GHz mid-band needs for 5G applications that will require mobility support, wide-area coverage, as well as multi-gigabit throughput speeds and millisecond low latency.

“With this real-world achievement, Deutsche Telekom is making its first important step towards a 5G network launch,” said Bruno Jacobfeuerborn, CTO, Deutsche Telekom. “When the standard is defined, we will trial it in 2018 to prepare the ground for a wider deployment of commercial sites and the offering of devices for the mass market as they become available.”

5G Experience Day

The DT and Huawei joint implementation was conducted as part of Deutsche Telekom’s 5G:haus innovation partnership to advance 5G development to make the standard a global success. Both companies look forward to demonstrating this technical breakthrough and the innovative applications it enables during the 5G Experience Day in Berlin on October 12, 2017.


Cision. 2016-03-01. 5G Wireless Market Worth $250 Billion by 2025: $6 Billion Spend Forecast on R&D for 2015-2020

The 2016 research report on 5G wireless market says while LTE and LTE-Advanced deployments are still underway, mobile operators and vendors have already embarked on R&D initiatives to develop so-called “5G” technology, with a vision of commercialization by 2020. 5G is essentially a revolutionary paradigm shift in wireless networking to support the throughput, latency and scalability requirements of future use cases such as extreme bandwidth augmented reality applications and connectivity management for Billions of M2M (Machine to Machine) devices.

Complete report on 5G Wireless Market analysis 103 companies and provides data 59 data tables and figures is available at http://www.reportsnreports.com/reports/498612-the-5g-wireless-ecosystem-2016-2030-technologies-applications-verticals-strategies-forecasts.html

Although 5G is yet to be standardized, vendors are aggressively investing in 5G development efforts with a principal focus on new air interface transmission schemes, higher frequency bands and advanced antenna technologies such as Massive MIMO and beamforming. revenue With large scale commercial deployments expected to begin in 2020, we estimate that 5G networks will generate nearly $250 Billion in annual service by 2025. Driven by regional, national government, mobile operator and vendor initiatives, we expect that over $6 Billion will be spent on 5G R&D and trial investments between 2015 and 2020. 5G networks are expected to utilize a variety of spectrum bands for diverse applications, ranging from established sub-6 GHz cellular bands to millimeter wave frequencies.

The “5G Wireless Ecosystem: 2016 – 2030 – Technologies, Applications, Verticals, Strategies & Forecasts” report presents an in-depth assessment of the emerging 5G ecosystem including key market drivers, challenges, enabling technologies, use cases, vertical market applications, spectrum assessment, mobile operator deployment commitments, case studies, standardization, research initiatives and vendor strategies. The report also presents forecasts for 5G investments and operator services.

The report comes with an associated Excel datasheet suite covering quantitative data from all numeric forecasts presented in the report. Order a copy of this report at http://www.reportsnreports.com/purchase.aspx?name=498612.

List of Companies Mentioned in this 5G Wireless Market Report are 3GPP (Third Generation Partnership Project), 5G Americas, 5G Forum, South Korea, 5G Lab (TU Dresden), 5G PPP (5G Infrastructure Public Private Partnership), 5GIC (5G Innovation Center, University of Surrey), 5GMF (Fifth Generation Mobile Communications Promotion Forum, Japan), 5GRUS, Alcatel-Lucent, Alpental Technologies, América Móvil, ARIB (Association of Radio Industries and Businesses), Ascenta, AT&T Mobility, Athena Wireless Communications, ATIS (Alliance for Telecommunications Industry Solutions), AVC Networks Company, CableLabs, China Mobile, Cisco Systems, Cohere Technologies, DT (Deutsche Telekom), du (Emirates Integrated Telecommunications Company), Ericsson, Etisalat, ETRI (Electronics and Telecommunications Research), ETSI (European Telecommunications Standards Institute), Facebook, Fraunhofer FOKUS, Fraunhofer HHI, Fraunhofer-Gesellschaft and more.

Market forecasts are provided for each of the following submarkets and their subcategories.

 

Annunci
Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Istruzione e Ricerca, Unione Europea

Europa. Il segno del declino in una mappetta.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-21.

Alchimista __001

Per le cose importanti non servono poi molte parole.

Da tempo l’Europa ha rinunciato alla produzione industriale, ritenendo solo qualche vestigia del passato splendore.

Tutti si sciacquano la bocca della ricerca pura e dell’innovazione che ci sarebbe in Europa, nella Unione Europea: ricerca e sviluppo cui sono destinati ogni anno decine e decine di miliardi di euro.

Ma quando poi si va al sodo, la realtà è qualcosa più che demoralizzante.

La ricerca pura che non passa a quella tecnologica conta relativamente poco.

Ma la ricerca e sviluppo che non arrivino al brevetto non servono che dare soddisfazione agli habitué delle statistiche, nonché prebende e sinecure ai sodali.

Ma quando poi si andasse a controllare quanti brevetti registrati siano stati venduti, ossia siano entrati nella produzione, si diventa depressi cronici. Oppure si evidenziano chiari segni di compulsione omicida.

Riportiamo qui la mappetta dei brevetti registrati. Dividete per dieci ed otterrete quella dei brevetti venduti.

Poi non ci si stupisca che la Cina galoppi mentre l’Europa è seduta a contemplare sé stessa. Gli europei si applaudono tra di loro e si reputano grandi persone: si appellano con titoli blasonati, ma usciti dal recinto del pollaio fanno una figura così misera che gli altri manco si curano di loro.

2017-09-20__Europa. Il segno del declino in una mappetta.__001

Nota.

Verrà poi il giorno in cui i responsabili europei dei fondi di ricerca e sviluppo saranno chiamati a rispondere dei loro sperperi.

Pubblicato in: Cina, Istruzione e Ricerca, Senza categoria

Cina. Università e preparazione militare.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-19.

2017-09-18__Cina__001

«I greci ci criticano perché siamo così severi con i nostri figli e così lassi con gli schiavi: non hanno capito che i nostri figli dovranno dominare il mondo.»

Questa frase di Seneca è quanto mai logica, e compenetra anche la cultura cinese.

Mente negli atenei occidentali vige la regola del “vietato vietare“, in quelli cinesi è stata instaurata una ferrea disciplina. Se è difficile vincere il concorso per accedervi, ancor più difficile è rimanervi fino al conseguimento della laurea.

*

2017-09-18__Cina__002

Di pochi giorni or sono la notizia:

Università. Rank mondiale. Irrompono le cinesi e declinano le liberal.

«Irrompono a viva forza le università cinesi nelle top 100.

Peking University, 27°, richiama il 16% di studenti stranieri;

Tsinghua University, 30°, richiama il 9% di studenti stranieri;

University of Hong Kong, 40°, richiama il 42% di studenti stranieri;

Hong Kong University of Science and Technology, 44°, richiama il 31% di studenti stranieri;

Chinese University of Hong Kong, 58°, richiama il 31% di studenti stranieri.»

*

L’Oriente differisce dall’Occidente in modo stridente.

Il Rettore di una nota università sudkoreana si vantava, a ragione, che il suo era l’ateneo con il maggior numero di suicidi di studenti, dicendo che era il segno tangibile della durezza del corso di studi. Identico discorso fa Mr Terry Gou, il boss di Foxconn, il colosso da un milione e quattrocentomila dipendenti. Eppure, proprio per questo, “Code di più di un chilometro sono state registrate a Zhengzhou, una delle città dove l’azienda taiwanese conta di espandersi“.

*

Questi discorsi fanno inorridire gli occidentali cresciuti nell’ideologia liberal, ma per loro buona sorte gli orientali non se ne curano. Hanno lucidamente presente che basterà ancora una generazione e gli occidentali diventeranno loro sottomessi: in quel momento ci penseranno loro a farli lavorare.

Sanno che alla fine la vinceranno loro, perché le loro classi giovani hanno dovuto superare prove severe, senza nessuno sconto.

Non solo:

«According to the Law of the People’s Republic of China on National Defense Education, pupils, middle school students and undergraduates should have military training when term opens or after National Day.

Until high school, students practise basic formation and movement.

High school students drill and study emergency evacuation, as well as national defence.

Undergraduates take formal military training and emergency evacuation.»

*

«More than seven million students about to enter China’s universities are undergoing several weeks of intense annual military training that is compulsory for all students, male and female. ….

the military training, known as Junxun in China is to “enhance students’ sense of national defence and national security awareness ….

There is also a need by the military and organisations associated with the military to be able to identify good-quality recruits but that is now more of a secondary purpose»

*

«But instilling obedience and loyalty still is an important goal, Tsang says. “It is an extension of China’s ramped up ideological education in universities.”»

*

Gli orientali tirano diritto per la loro strada, e le stupite lamentele dei media occidentali formano solo argomento di conversazione nei salotti liberal – chic.

Anche i greci se la ridevano dei romani, ma risero solo fino a quando le legioni non occuparono la Grecia: ride bene solo chi ride ultimo.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Università. Rank mondiale. Irrompono le cinesi e declinano le liberal.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-18.

2017-09-16__Università__001

The World University Ranking ha pubblicato l’ultima sua edizione.

Molte le novità.

– University of Oxford sale al primo posto; richiama il 38% di studenti stranieri;

– University of Cambridge sale al secondo posto; richiama il 35% di studenti stranieri;

– Harvard University scende dal primo al sesto posto; richiama il 26% di studenti stranieri;

– La Yale University scende al dodicesimo posto; richiama il 21% di studenti stranieri.

*

Irrompono a viva forza le università cinesi nelle top 100.

Peking University, 27°, richiama il 16% di studenti stranieri;

Tsinghua University, 30°, richiama il 9% di studenti stranieri;

University of Hong Kong, 40°, richiama il 42% di studenti stranieri;

Hong Kong University of Science and Technology, 44°, richiama il 31% di studenti stranieri;

Chinese University of Hong Kong, 58°, richiama il 31% di studenti stranieri;

* * * * * * * *

È fisiologico che una università non possa mantenere a tempo indefinito il primo posto mondiale: il sesto posto della Harvard ed il dodicesimo della Yale sono posizioni di assoluta eccellenza, ma non sono più il top.

Però queste due università sono arretrate e sono ben lontani i tempi nei quali oltre la metà dei loro studenti erano stranieri. Siamo chiari, il 26% ed il 21% sono percentuali eccellenti, ma qui parliamo delle migliori classificate al mondo. Altre Università fanno meglio.

Le Università di Hong Kong richiamano una il 42%, le altre il 31%. Sono percentuali davvero sorprendenti per università che hanno solo due decenni di vita nell’agone mondiale.

L’accluso articolo del The Washington Times pone l’accenno sul fatto che calo di iscrizioni e di budget si noti prevalentemente nelle università americane largamente colonizzate dai liberal democratici.

Non ci se ne stupisce molto: o si fa politica e guerre di credo politico oppure si fa ricerca e si producono buoni laureati. Non ci sono vie di mezzo.

Significativo anche il fatto che la laurea alla Harvard oppure alla Yale non assicurino più automaticamente il posto di lavoro e che le grandi società facciano a meno di questi laureati.

Si noti anche un ultimo elemento. In questa graduatoria le università sono ordinate utilizzando criteri ritenuti essere validi per le università occidentali, ma che rispondono solo molto parzialmente alle caratteristiche, alla organizzazione ed alle finalità di quelle orientali.

* * * * * * * *

Alcuni lettori si domanderanno dove siano collocate le università italiane.

La prima nella graduatoria mondiale è la Scuola Sant’Anna, che si piazza al 155° posto.


The Washington Times. 2017-09-15. Enrollments, budgets fall short at universities known for ‘social justice warfare’

Universities known for being hotbeds of campus protest and liberal activism are struggling with declining enrollments and budget shortfalls, and higher education analysts say that’s no coincidence.

Take Oberlin College. According to a document leaked to The Oberlin Review, the school’s student newspaper, the small liberal arts college famous for social justice hoaxes has had trouble attracting and retaining students, missing this year’s enrollment mark by 80 and racking up a $5 million budget deficit in the process.

William A. Jacobson, a professor at Cornell Law School who runs the Legal Insurrection blog, said the “most obvious culprit” in Oberlin’s dwindling admissions is “relentless social justice warfare.”

“Social justice warfare at Oberlin has been more intense and sustained over a longer period of time than at most schools, and has come to define Oberlin in the media,” Mr. Jacobson said. “The resulting mockery and derision, even in liberal publications, has damaged the Oberlin brand.”

Surveys support the notion that, in the era of Trump, conservatives have become more skeptical about the value of a college degree.

The polarizing presidential election was felt in the dip in applicants at some top-tier colleges such as Ohio’s Kenyon College.

“This is a year in which you were vulnerable if you were a small liberal arts college in a rural red state and you attract a significant portion of your student body from the East Coast or West Coast, which would certainly be the case with Kenyon,” Diane Anci, Kenyon’s vice president of enrollment and dean of admissions and financial aid, told the Ohio school’s Kenyon Collegian newspaper.

A study published by the Washington-based Pew Research Center in July found that just 36 percent of Republicans believe colleges and universities have a positive effect on the country, down from 54 percent two years ago.

Gallup released a poll in August that found just 33 percent of Republican and Republican-leaning respondents had a “great deal or quite a lot of confidence in higher education.” Sixty-seven percent said they have “some or very little” confidence in academia.

High school counselors report that, in the past few years, parents have been more likely to express concern about sending their children to schools with progressive reputations.

“Many won’t consider Oberlin or Wesleyan, and Brown is completely off the table,” one counselor told Inside Higher Education in June.

The problem may be especially pronounced among the nation’s heartland. Inside Higher Education reports that several prestigious, small liberal arts colleges in the Midwest have missed their enrollment marks this year.

Some college administrators have taken notice. According to Inside Higher Education’s annual survey, 52 percent of admissions directors from public colleges and 28 percent from private ones said they were stepping up their recruitment of students from rural areas in the wake of the presidential race.

Declining enrollments have previously been observed at colleges and universities that became notorious for chaotic campus activism, including the University of Missouri and Evergreen State College.

By some estimates, enrollment at the former is down 35 percent since fall 2015, when student protests helped launch the Black Lives Matter movement.

Meanwhile, Evergreen faces a $2.1 million budget shortfall this year since students took over the campus last spring, barricading themselves in the library, berating administrators on a regular basis and forcing one dissenting professor to teach off campus out of fear for his safety.

A spokesperson for Oberlin College did not respond to a request for comment from The Washington Times.

The school’s problems cannot be traced to a single incident but to several.

In February 2013, mass hysteria ensued after racist and anti-Semitic flyers and graffiti began to appear all over campus. Classes were canceled, meetings were held and students began to see racism around every corner, including when someone reported seeing a member of the Ku Klux Klan on campus. It turned out to be a woman walking around wrapped in a blanket to keep warm.

Not only that, the perpetrators behind the racist paraphernalia turned out to be two progressive students, one of whom was confirmed to be an Obama supporter, trying to get a reaction out of their classmates and the administration.

Rather than admit the whole thing was a hoax and move on, the Oberlin administration doubled down on a social justice agenda, including the implementation of a privilege and oppression “reorientation” for first-year students.

In the ensuing years, Oberlin students would go on to make frequent demands of the university, ranging from the end of culturally appropriated meals at the dining hall, such as General Tso’s chicken and sushi, to the elimination of grades below a C.

In 2015, after the University of Missouri protests, the Oberlin Black Student Union issued a 14-page letter making 50 demands of the administration. They included exclusive “safe spaces” for black students and the elimination of graduation requirements for classes in Western civilization.

Last November, Oberlin students targeted Gibson’s Bakery, a beloved store in Oberlin, Ohio, after an employee called police when he saw someone attempting to shoplift by concealing two bottles of wine under his jacket. The accused shoplifter turned out to be a black Oberlin student.

The Black Student Union, Oberlin Student Senate and College Democrats spearheaded a boycott of the bakery and organized protests outside of the store. Even the Oberlin administration, responding to calls from Black Lives Matter supporters on campus, stopped purchasing goods from the bakery.

Three students involved in the incident ended up pleading guilty to attempted theft and aggravated trespassing. As part of a plea deal, the students acknowledged that the bakery’s actions were “not racially motivated” and that the store was “merely trying to prevent an underage sale.”

Most of the enrollment deficit at Oberlin came from a smaller-than-expected freshman class, which totaled 742 instead of a projected 805.

Peter Wood, president of the National Association of Scholars, said that drop-off is more serious than it may appear.

“That doesn’t sound like an astonishing number of people not coming, but weighed on a percentage basis, that’s a huge drop in just one year,” Mr. Wood said. “And Oberlin has for some time been struggling to make its classes. This wasn’t just some negligence: ‘Oh, we didn’t realize that we had to try harder to get students.’ They’ve been trying really hard to get students, and students just aren’t coming.”

He said Oberlin can easily recoup the $5 million deficit by cutting the “apparatus of political correctness” that has swelled in the past several years. When that happens, he said, it will be a sign that the school is serious about reform.

“The signal that I would look for is when they begin to divest from the large number of personnel who are employed wholly because of their political orientations,” he said. “When that happens, I think we will have seen a college that has decided to reposition itself in the market. Until then, it’s all just show.”

Pubblicato in: Cina, Istruzione e Ricerca, Russia

Fonti di informazione e difficoltà di tenersi informati.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-21.

Animali_che_Ridono__007_Gufo

Essere obiettivi è davvero arte difficile, anche nella più perfetta buona fede.

Cercare poi di capire cosa stia succedendo nel mondo è ancora più difficile.

Si è sommersi da un oceano di notizie, spesso riportate incomplete oppure anche travisate, in un magma in cui spesso il dato di fatto resta amalgamato con le idee dell’estensore, spesso solo sottointese nel modo stesso di porgere la notizia.

È semplicemente impossibile abbracciare completamente una situazione da ogni angolatura e la verità dovrebbe essere ricercata con grande cura e pazienza.

Aiutiamoci con alcuni esempi.

Per gli italiani Oberdan, Sauro e Battisti sono irredentisti martiri per l’Italia, mentre per gli austriaci sono traditori della patria. Chi studiasse la storia solo su testi italiani abbraccerebbe la prima interpretazione, chi invece studiasse la storia su testi austriaci abbraccerebbe la seconda.

È il motivo per cui nei Tribunali dei paesi civili i Giudici ascoltano sia l’accusa sia la difesa.

*

Ad oggi dobbiamo constatare come in Occidente sia reliquato lo snobismo intellettuale di considerare l’Occidente quale apice di civiltà e nell’essere convinti che il mondo debba adeguarsi alla nostra Weltanschauung.

Ciò non corrisponde alla realtà dei fatti.

2017-08-20__Media e la difficoltà di tenersi informati.__001

Da un punto di vista meramente economico, se si considera il pil per potere di acquisto, il mondo genera 108,036,500 milioni Usd, la Cina 17,617,300 (16.31%) e gli Stati Uniti 17,418,00 (16.12%). L’Eurozona rende conto di 11,249,482 (10.41%) ed il Gruppo dei G7 di 31.825,293 (29.46%). La Russia con un pil ppa di 3,564,500 milioni di Usd equivale grosso modo all’Eurozona, tenendo conto che ha circa un terzo degli abitanti. I Brics conteggiano un pil ppa di 32,379,625 Usd, ossia il 29.97% del pil ppa mondiale. I Brics valgono un epsilon di più dei paesi del G7.

Di conseguenza, la voce dell’Occidente vale nel mondo al massimo per il 29.46%, ma quella degli Stati Uniti vale solo il 16.12% e quella dell’Eurozona uno scarno 10.41%.

È davvero ingenua, per non dire patetica, la arrogante presunzione di quanti considerano l’Occidente egemone dominante: gli altri non glielo permetterebbero. Ma ancora più farsesca è la proterva superbia di quanti presumono che l’Eurozona (10.41%) possa condizionare il mondo: è vero proprio l’opposto.

*

Se poi si considerasse che l’Occidente rende conto grosso modo di un settimo della popolazione mondiale apparirebbe ancor più evidente come la pretesa che esso debba rappresentare il mondo sia una idea davvero stravagante.

L’ultimo aspetto da considerare nell’economia del presente discorso è la constatazione che la quasi totalità dei media occidentali aderisce ancora, almeno al momento, all’ideologia liberal. Il liberal democratico è convinto che la democrazia a suffragio universale sia l’apice della modalità di reggimento dei popoli, postula un ‘buon governo’, che poi è ridotto all’essere seguace liberal, e sostiene una visione ideologica su droga e gender. Visione che però è limitata al solo Occidente ed è anche in una fase devolutiva avanzata.

*

In questa situazione, cercare di tenersi aggiornati leggendo solo giornali occidentali, e per di più liberal, da un’idea artefatta ed irrealistica dei fatti che accadono nel mondo, che sono così percepiti in modo spesso distorto, smaccatamente partigiano.

Diamo volentieri atto che i media cinesi, arabi, russi ed indiani sono usualmente molto più obbiettivi e quasi sempre riportano i fatti senza distorcerli, cosa non da poco. Ai tempi attuali non esiste persona di cultura media che non conosca il cinese, il russo ed il koreano o che, almeno, legga le versioni inglesi dei giornali cinesi, indiani, russi, arabi e turki.

Ma questo sarebbe ancora il meno.

La realtà è che i paesi non – occidentali se ne fanno meno di nulla dell’Occidente, realtà questa che traspira da ogni riga degli articoli che compaiono sui loro giornali. Molto spesso, ci ridono semplicemente dietro, ed anche con molte ragioni. Quando i paesi del G7 contano solo per il 29.46% del pil ppa mondiale sono trattati come per il valore che hanno.

* * * * * * *

I discorsi sopra fatti non sono per nulla di lana caprina. L’Occidente ha perso negli ultimi decenni molte posizioni proprio per l’essersi incancrenito in simili ideologie. Da ultimo, sta persino perdendo la Turkia, da oltre settanta anni fedele alleata.

* * * * * * *

Quanto detto, se propriamente recepito, porta numerose implicanze: ne faremo soltanto alcuni esempi.

– L’Occidente liberal ha una cultura del debito pubblico, che adesso sta vacillando. Per esempio, il Presidente Trump non la condivide per nulla.

Trump. Il debito sovrano totale da gennaio è sceso di 102.365 miliardi.

Tutti gli altri stati hanno come caratteristica quella di avere debiti sovrani molto bassi, consistentemente più bassi di quelli dei paesi occidentali.

Questa situazione economica è sottesa da due diverse ed antitetiche posizioni economiche. Ascoltare e prendere per buona solo quelle occidentali sarebbe altamente fuorviante. Le teorie economiche non sostenute politicamente decadono rapidamente.

– L’Occidente liberal sostiene che i problemi lgbt siano “diritti umani” ed anche “diritti civili“. Ma questa visione non è per nulla generalizzata, anzi.

«Ad agosto 2017 l’omosessualità è reato in 72 paesi al mondo …. In 8 di questi è prevista la pena di morte» [Fonte]

Occorrerebbe prendere atto come in Asia, Medio Oriente ed Africa l’omosessualità sia vista come aberrazione riprovevole, condannabile e condannata.

– L’Occidente liberal sostiene come la democrazia, per lo più intesa come suffragio universale, sia l’apice del reggimento dei popoli. Questa posizione non è condivisa da molte altre matrici culturali: popoli come quello cinese oppure quelli del Medio Oriente hanno modalità strutturali ben differenti.

* * * * * * *

Adesso che sono stati delineati, sia pure in somma sintesi, i problemi, ci sono tutti gli elementi per affrontare il cuore della questione.

I media liberal occidentali hanno la caratteristica di vivere la loro ideologia a livello di credo religioso integralista, alla stregua di verità assolute, indiscutibili.

Non solo, quasi invariabilmente non accettano rapporto diplomatico ed umano senza che prima essi valori ideologici non siano stati accettati nella loro intera integrità.

È questo il profondo motivo per cui non porgono ciò che pensano, ma cercano di imporlo in ogni modo o maniera. Tutti elementi, questi, che ostacolano non poco sia la recezione dei fatti, della realtà, sia la possibilità di argomentarvi sopra.

*

Operiamo subito una grande distinzione.

Una cosa è la materia opinabile ed una totalmente differente quella soggetta a dimostrazione.

L’opinione. Treccani così la definisce:

«Concetto che una o più persone si formano riguardo a particolari fatti, fenomeni, manifestazioni, quando, mancando un criterio di certezza assoluta per giudicare della loro natura (o delle loro cause, delle loro qualità, ecc.), si propone un’interpretazione personale che si ritiene esatta e a cui si dà perciò il proprio assenso».

La dimostrazione. Treccani così la definisce:

«Ogni atto, fatto, comportamento, parola o discorso che mostra o dimostra o rivela qualche cosa, che cioè rende o con cui si rende manifesto, conosciuto, chiaro o certo ciò che era nascosto, o comunque non conosciuto o non provato».

Un esempio classico è costituito dalle dimostrazioni matematiche. Ma esiste anche la logica discorsiva.

*

È lecito formarsi una opinione su materia opinabile: per esempio, Tizio afferma essere sua opinione che il cognac sia più palatabile del brandy.

Esprimere invece un’opinione su materia non opinabile rasenta il farsesco: “è mia opinione che due più due renda sette“.

La dimostrazione sottende la teoria, ossia uno dei modi per interpretare i fatti, in accordo ai postulati, espliciti od impliciti, usati. Le teorie non sono verità assolute: sono interpretazioni. Nulla di più.

Le ideologie altro non sono che opinioni, vissute perà come credo di religioni integraliste.

Caratteristica dei media liberal è proprio quella di presumere dimostrabile e dimostrata la loro propria opinione. Si ritorna a quanto già detto in modo diverso: vivono la propria ideologia come credo religioso: quasi fosse verità assoluta.

*

Permettiamoci adesso di fare alcuni esempi pratici tratti dalla cronaca.

I media occidentali considerano Mr Erdogan una sorta di dittatore sanguinario con il quale nessuno dovrebbe aver contatto alcuno: condannato senza appello. Ma soprattutto senza aver mai cercato di comprendere cosa avesse voluto esprimere. Ma le fonti di informazione indiane, cinesi e russe la vedono in modo molto diverso, molto. Opposto.

Stesso ragionamento potrebbe essere condotto prendendo in considerazione Mr Duterte.

* * * * * * *

Concludiamo.

Ognuno si adatta ad informarsi alle fonti che gli sono raggiungibili, questo è sicuramente vero, ma la scelta delle fonti è atto del libero arbitrio. Ognuno in altri termini è responsabile delle fonti che sceglie.

A nostro sommesso parere, selezionare come fonti di informazione solo i più rinomati media occidentali sarebbe limitante: si vedrebbe la realtà dei fatti solo con esposizioni e giudizi partigiani.

Non solo.

Ogni giorno che passa il peso e l’influenza mondiale dell’Occidente decresce: ciò che si pensasse in Occidente non avrebbe minimamente valore nel resto del mondo.

Da ultimo, ma non certo per ultimo, sarebbe difficile per non dire impossibile comprendere le esigenze e le istanze altrui. Ma la convivenza presuppone la conoscenza, che spesso può anche far fiorire la stima.

Nota.

Nella comparazione economica è stata usato l’indice del pil ppa, per potere di acquisto, perché più appropriato. Il discorso teorico sarebbe lungo ed anche alquanto barboso: ci spiegheremo con un esempio.

Consideriamo due persone che guadagnino ciascuna 1,500 euro al mese.

La prima vive a Londra, dove l’affitto di una camera ammobiliata si aggira sui 1,200 euro al mese. Pur essendo persona molto parsimoniosa, vive ai margini della miseria, nella fascia di povertà.

La seconda vive in Venezuela. Con tale introito mensile può permettersi una villetta, la cuoca e due persone di servizio. Essa vive in condizione di lusso.

Stessa entrata mensile, ma differenti poteri di acquisto.

Il pil ppa è calcolato tenendo conto del costo della vita, rendendo così comparabili dati raccolti in paesi diversi.

 

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Soros. Esercito universitario e controllo della cultura, strumenti del potere.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-06-23.

Cobra_003__

Gli allegati statistici ed i link fanno parte integrante dell’articolo.

I dati sono stati estratti in gran parte da:

Board of Governors of the Federal Reserve System. Consumer Credit – G 19.

*

Sarebbe molto proficuo avere presente il contenuto dei due seguenti articoli:

Soros George. Uno stato negli stati. Ecco i suoi principali voivodati.

Massoneria e Poteri globali. Il dominio del mondo. Parte 1°.

* * * * * * *

A nessuno sarà sfuggito il fatto che la quasi totalità degli atenei americani sia un feudo liberal democratico: sia il corpo docente sia quello studentesco sono graniticamente monolitici: ricordano strettamente gli atenei tedeschi degli anni trenta del secolo scorso. Il concetto di ateneo santuario, per esempio, è stato mutuato dalla prassi nazionalsocialista di allora.

Il contesto.

Il recente studio del Pew Charitable Trust ci ricorda che

«le spese quotidiane degli statunitensi sono aumentate del 14% in 10 anni, dal 2004 al 2014, ma il reddito medio delle famiglie è diminuito del 13 % …. Negli Stati Uniti, il 33% dei cittadini non riesce a soddisfare i propri bisogni elementari».

Il Rapporto Household Expenditures and Income ammonisce che questa crisi non è determinata dal consumo vistoso, ma dal calo dei guadagni.

«Nel 2014, le spesa quotidiana annua degli americani si è attestata su 38.600 dollari. Ricordiamo che, oggi, il 51% dei lavoratori americani guadagna meno di 30mila dollari l’anno, mentre il 28% guadagna addirittura meno di 20mila dollari. Dieci anni prima, gli americani che riuscivano a far fronte a tutte le spese potevano mediamente contare su un residuo attivo di 1500 dollari l’anno. Dieci anni dopo, quegli stessi americani si trovano un passivo di 2300 dollari.» [Fonte: CNBC].

*

«La ricchezza della classe media americana è crollata del 20% in dieci anni, tendenza che ha fatto crollare gli USA al 19° posto nella classifica mondiale per ricchezza media. La ricchezza media famigliare era di 137.955 dollari nel 2007, ma oggi si è quasi dimezzata raggiungendo quota 82.725 dollari.» [Fonte]

* * *

La National Low Income Housing Coalition ha rilasciato un chiaro report:

High Cost of Rental Housing in the U.S. is Out of Reach for Millions

«on average a full-time worker in the U.S. must earn $21.21 per hour to afford a modest two-bedroom apartment and $17.14 to afford a one-bedroom apartment …. A worker earning the federal minimum wage of $7.25 per hour would need to work 117 hours per week for 52 weeks of the year (or nearly 3 full-time jobs) to afford a modest two-bedroom rental home and 94.5 hours per week (2.4 full time jobs) to afford a modest one-bedroom apartment»

*

«Around 11.2 million families spend the majority of their paychecks on rent, and currently only one of every four is eligible for public subsidies»

* * * *

Attenzione!

Il valor medio rappresenta bene le distribuzioni unimodale simmetriche, mentre la curva di distribuzione della ricchezza negli Stati Uniti è invece asimmetrica con una lunga coda destra.

Per questo motivo il pil pro capite, valutato con statistica parametrica, valeva 55,836.79 Usd nel 2015, valore del tutto conflittuale con il dato che il 51% degli americani guadagni meno di 30,000 Usd l’anno.

* * * * * * *

Studenti Universitari.

Frequentare l’università presenta due tipologie di costi: da una parte, il mancato guadagno perché si studia, dall’altra l’esborso per vivere i quattro – sei anni del ciclo di studi e l’onere delle rette universitarie.

Se è vero che gli studenti meritevoli possono adire a borse di studio, è altrettanto vero che la competizione è serrata. Questo sia nelle università di afflato mondiale, come il Mit, sia in quelle di basso rango.

Tre sono i problemi di interesse.

Il primo problema si ricollega a quanto prima esposto. Quando la metà delle persone di una popolazione ha un reddito inferiore ai 30,000 Usd l’unico modo per poter frequentare l’università è il ricorso al debito. Si contraggono debiti per finanziare il ciclo di studi dello studente, nella speranza che a laurea ottenuta si possa guadagnare a sufficienza per vivere e rifondere il debito contratto. Ma il laureato entrerà pur sempre in un sistema economico ove la metà della popolazione ha redditi inferiori ai 30,000 Usd: in parole povere, un alto numero di laureati non avrà la possibilità materiale di rifondere il debito contratto.

Il secondo problema consiste nel fatto che l’erogazione di credito per lo studio non è un processo automatico. Un qualche ente con grandi liquidità deve decidere se finanziare o meno sulla fiducia questo o quello studente, con una probabilità di default non indifferente: più del 40%. Così riporta il The Wall Street Journal:

More Than 40% of Student Borrowers Aren’t Making Payments

«More than 40% of Americans who borrowed from the government’s main student-loan program aren’t making payments or are behind on more than $200 billion owed, raising worries that millions of them may never repay.»

Il terzo problema discende dai primi due.

Al momento attuale vi sono 44.2 milioni di persone con debiti per studio, per un debito totale che si aggira sull’1.44 trilioni Usd. Se una quota dei debitori riesce ad estinguere il debito in tempi ragionevolmente umani, circa la metà non ci riesce ed è costretta a rinegoziare il debito ovvero a prolungarne la durata per cercare di ridurre gli interessi.

Saranno però gli stessi enti che avevano accondisceso al prestito iniziale ad avere l’ultima parola se rinnovare / prolungare il debito oppure no. Il loro parere è vincolante ed inappellabile.

Il quarto problema è la risultante del tutto.

«Ma il dato più inquietante è quello sugli oltre 4,2 milioni di debitori che nel 2016 hanno gettato la spugna dichiarando default, il 17% in più dell’anno precedente.»

*

«Nonostante il boom della Borsa e il crollo della disoccupazione, chi ha contratto debiti per frequentare l’università sta combattendo per sopravvivere»

* * * * * * *

Quanto avvenuto alla Università di Bakeley questo febbraio è istruttivo.

Berkeley Cancels Milo Yiannopoulos Speech, and Donald Trump Tweets Outrage [NYT]

«A speech by the divisive right-wing writer Milo Yiannopoulos at the University of California, Berkeley, was canceled on Wednesday night after demonstrators set fires and threw objects at buildings to protest his appearance.

The university announced the cancellation on Twitter around 6 p.m. local time, about an hour after a section of the campus erupted in protest.»

Il Presidente Trump ha scritto in proposito:

«If U.C.Berekeley does not allow free speech and practices violence on innocent people with different point of vie – no federal fund?»

Gli ha risposto immediatamente Gavin Newsom, “the lieutenant governor of California and a former mayor of San Francisco“.

«As a UC Regent I’m appalled at your willingness to deprive over 38,000 students access to an education because of the actions of a few»

Cerchiamo di ragionare.

Erano tutti gli studenti di Bekeley a protestare, come aveva riportato il The New York Times, oppure erano quattro gatti come dice invece il Reggente di Berekely? Uno dei due mente.

Ma se erano quattro gatti, perché la polizia dell’Ateneo ha consentito loro di fare una manifestazione violenta, e perché l’Ateneo ha annullato il discorso di Mr Yiannopoulos?

Perché non si è chiarita la ‘coincidenza’ che i dimostranti violenti fossero tutti studenti indebitati ed insolventi?

Esattamente come nelle università dell’Unione Sovietica o, meglio, quelle tedesche sotto il regime nazionalsocialista.

* * * * * * *

Una prima conclusione è che 44.2 milioni di cittadini americani sono ricattabili. Chiunque si debba trovare nella condizione di chiedere un prestito e, quindi, di doverlo rinnovare, è sempre in una situazione di debolezza nei confronti della controparte. Non solo. Ma nessuno sano di mente ama tagliare il ramo su cui sia seduto: il prestatario diventa di fatto un supporter del prestante e dei funzionari che lo rappresentano. Per non parlare poi di quel dieci per cento circa che in un anno hanno dichiarato default: sono persone più che ricattabili. E sono trattate peggio degli schiavi.

La seconda conclusione deriva strettamente dai prolegomeni. Mr Soros ha costituito un elevato numero di fondazioni e di ong che, direttamente od indirettamente, governano il mercato del credito per lo studio.

Questo marchingegno può non concedere crediti a quanti volessero frequentare una certo quale ateneo, oppure convogliare la concessione dei crediti verso atenei ‘amici’

Similmente, codesto marchingegno può, a suo insindacabile giudizio, concedere o meno il credito. Un esempio per tutti, il credito facilitato agli studenti che frequentano i club che patrocinano una certa quale causa, per esempio, l’lgbt, e credito negato o reso difficoltoso e con rigide clausole a quanti frequentino dichiaratamente realtà religiose.

*

Nei fatti il network intessuto da Mr Soros è diventato elemento che condiziona l’accesso alla cultura superiore a livello di scelta personale di chi fare o non fare accedere al cursus studiorum.

Sempre nei fatti, come non comprendere il motivo per cui la quasi totalità degli studenti universitari americani abbia abbracciato le teorie liberal democratiche?


Student Loan Hero. 2017-05-17. A Look at the Shocking Student Loan Debt Statistics for 2017

It’s 2017 and Americans are more burdened by student loan debt than ever.

You’ve probably heard the statistics: Americans owe over $1.4 trillion in student loan debt, spread out among about 44 million borrowers. That’s about $620 billion more than the total U.S. credit card debt. In fact, the average Class of 2016 graduate has $37,172 in student loan debt, up six percent from last year.

But how does this break down at a more granular level? Are student loans being used to attend public or private universities? Is it mostly from four-year or graduate degrees? What percentage of overall graduates carry debt? Are more grads utilizing private student loan consolidation and refinancing?

General student loan debt facts

First, let’s start with a general picture of the student loan debt landscape. The most recent reports indicate there is:

$1.44 trillion in total U.S. student loan debt

44.2 million Americans with student loan debt

Student loan delinquency rate of 11.2% (90+ days delinquent or in default)

Average monthly student loan payment (for borrower aged 20 to 30 years): $351

Median monthly student loan payment (for borrower aged 20 to 30 years): $203

(Data via federalreserve.gov, newyorkfed.org here, here and here and clevelandfed.org here)

Public Service Loan Forgiveness statistics

As of Q4, 2016 (latest available data)

PSLF Borrowers: 552,931*

* – Total number of borrowers who have one or more approved PSLF Employment Certification Forms (ECF)

Note that borrowers are self-identified based on submission of an ECF.

Source: FedLoan Servicing via studentaid.ed.gov


Sole 24 Ore. 2017-04-07. Tremila default al giorno (+17%): studenti Usa strozzati dai debiti

Se grattiamo oltre i brillanti record dell’occupazione e delle azioni di Wall Street, negli Stati Uniti troviamo qualcosa di molto inquietante: gli enormi debiti contratti dagli studenti e dalle loro famiglie per pagarsi le costose università d’oltreoceano.

Il debito universitario americano oggi è pari a 1300 miliardi di dollari, circa la metà di quello pubblico italiano: solo nel quarto trimestre 2016 i debiti per lo studio statunitensi sono aumentati di 31 miliardi di dollari. A dover pagare questi particolari “mutui” sono qualcosa come 42,4 milioni di cittadini statunitensi, dicono i dati del Department of Education, ossia circa un settimo della popolazione. In media, nel 2015 ogni studente californiano aveva oltre 22mila dollari di debiti, che salgono a oltre 36mila dollari per gli allievi del New Hampshire.

Ma il dato più inquietante è quello sugli oltre 4,2 milioni di debitori che nel 2016 hanno gettato la spugna dichiarando default, il 17% in più dell’anno precedente. «Nonostante il boom della Borsa e il crollo della disoccupazione, chi ha contratto debiti per frequentare l’università sta combattendo per sopravvivere», lamenta Rohit Chopra, membro della Consumer Federation of America ed ex ombudsman del Consumer Financial Protection Bureau. Anche perché chi diventa insolvente rischia guai a ripetizione, continua Chopra: di non poter essere assunto in un nuovo posto di lavoro, di vedere decurtati gli accantonamenti per la pensione e perfino di non riuscire a comperare casa.

A gettare ulteriore benzina sul fuoco del debito universitario, poi, è arrivato Trump. La nuova amministrazione americana ha completamente ribaltato le direttive di Obama: l’ex presidente aveva proibito alle agenzie di garanzia (in pratica i creditori) di addebitare salate commissioni di riscossione a chi stipula un accordo per cercare di uscire dal default, in modo da dare un po’ di ossigeno a chi vuole rientrare dall’insolvenza.

Ora però Trump ha ingranato la retromarcia: chi scivola in default si ritroverà addebitate anche le commissioni di riscossione dei creditori, con il risultato di incontrare maggiori difficoltà a rimettersi in carreggiata. «Incredibile vedere come l’attuale amministrazione prenda posizione contro i debitori in default che fanno ogni sforzo per ripagare quanto dovuto in tempi stretti», attacca Persis Yu, direttore dello Student Loan Borrower Assistance Project al National Consumer Law Center. Che sia questa, come si sussurra da tempo, la nuova bolla “subprime” che piegherà l’America?

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Istruzione e Ricerca, Trump

Trump. Ordine esecutivo sull’Apprendistato.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-06-23.

ITALY-G7-SUMMIT

Stati Uniti. Cosa sono gli ‘Ordini Esecutivi’ di un Presidente.

*

«America’s education systems and workforce development programs are in need of reform»

*

«In today’s rapidly changing economy, it is more important than ever to prepare workers to fill both existing and newly created jobs and to prepare workers for the jobs of the future»

*

«Higher education, however, is becoming increasingly unaffordable»

*

«Furthermore, many colleges and universities fail to help students graduate with the skills necessary to secure high paying jobs in today’s workforce»

*

«Far too many individuals today find themselves with crushing student debt and no direct connection to jobs»

*

«Against this background, federally funded education and workforce development programs are not effectively serving American workers.  Despite the billions of taxpayer dollars invested in these programs each year, many Americans are struggling to find full-time work.  These Federal programs must do a better job matching unemployed American workers with open jobs, including the 350,000 manufacturing jobs currently available»

*

«Expanding apprenticeships and reforming ineffective education and workforce development programs will help address these issues, enabling more Americans to obtain relevant skills and high-paying jobs»

* * * * * * * * *

Per meglio comprendere la portata di questo executive order cerchiamo di chiarire l’attuale situazione americana.

Trump ha vinto perché metà America è in miseria. – I dati della Fed.

Trump 5 – Democratici 0. Vittoria anche in South Carolina.

Trump. Georgia. Vince la candidata repubblicana.

*

Il recente studio del Pew Charitable Trust ci ricorda che

«le spese quotidiane degli statunitensi sono aumentate del 14% in 10 anni, dal 2004 al 2014, ma il reddito medio delle famiglie è diminuito del 13 % …. Negli Stati Uniti, il 33% dei cittadini non riesce a soddisfare i propri bisogni elementari».

Il Rapporto Household Expenditures and Income ammonisce che questa crisi non è determinata dal consumo vistoso, ma dal calo dei guadagni.

«Nel 2014, le spesa quotidiana annua degli americani si è attestata su 38.600 dollari. Ricordiamo che, oggi, il 51% dei lavoratori americani guadagna meno di 30mila dollari l’anno, mentre il 28% guadagna addirittura meno di 20mila dollari. Dieci anni prima, gli americani che riuscivano a far fronte a tutte le spese potevano mediamente contare su un residuo attivo di 1500 dollari l’anno. Dieci anni dopo, quegli stessi americani si trovano un passivo di 2300 dollari.» [Fonte: CNBC].

*

«La ricchezza della classe media americana è crollata del 20% in dieci anni, tendenza che ha fatto crollare gli USA al 19° posto nella classifica mondiale per ricchezza media. La ricchezza media famigliare era di 137.955 dollari nel 2007, ma oggi si è quasi dimezzata raggiungendo quota 82.725 dollari.» [Fonte]

* * * * * * * * *

Molte potrebbero essere le considerazioni di interesse.

Ne commentiamo solo alcune.

Una nazione non può vivere di sola finanza: qualcosa deve ben produrre.

Ma la produzione di beni e servizi deve restare allo stato dell’arte per poter mantenere un rapporto prestazioni/costi concorrenziale su scala mondiale.

Ciò comporta sicuramente la necessità di iniettare innovazioni nei processi produttivi, ma simultaneamente richiede che si proceda ad una adeguata preparazione professionale delle maestranze specializzate, pena l’esclusione dal sistema.

La scuola deve essere un elemento vitale, capace di rinnovarsi, anche se sia doloroso il tagliare i rami secchi.

«These Federal programs must do a better job matching unemployed American workers with open jobs»

*

«Furthermore, many colleges and universities fail to help students graduate with the skills necessary to secure high paying jobs in today’s workforce»

Questa è una amara considerazione.

Questi colleges e queste università americane così attente ai problemi etici, morali e sociali, alla fine hanno fallito e falliscono il loro scopo istituzionale di formare persone in grado di entrare dignitosamente nel mondo del lavoro.

Ci si pensi sopra bene. Formano un sistema sbagliat, costoso ed inutile

L’America deve tornare ad essere una grande potenza industriale. Non serve personale indottrinato politicamente: servono maestranze professionalmente allo stato dell’arte.


The White House. 2017-06-16. Presidential Executive Order Expanding Apprenticeships in America

EXECUTIVE ORDER

– – – – – – –

EXPANDING APPRENTICESHIPS IN AMERICA

By the authority vested in me as President by the Constitution and the laws of the United States of America, and to promote affordable education and rewarding jobs for American workers, it is hereby ordered as follows:

Section 1.  Purpose.  America’s education systems and workforce development programs are in need of reform.  In today’s rapidly changing economy, it is more important than ever to prepare workers to fill both existing and newly created jobs and to prepare workers for the jobs of the future.  Higher education, however, is becoming increasingly unaffordable.  Furthermore, many colleges and universities fail to help students graduate with the skills necessary to secure high paying jobs in today’s workforce.  Far too many individuals today find themselves with crushing student debt and no direct connection to jobs.

Against this background, federally funded education and workforce development programs are not effectively serving American workers.  Despite the billions of taxpayer dollars invested in these programs each year, many Americans are struggling to find full-time work.  These Federal programs must do a better job matching unemployed American workers with open jobs, including the 350,000 manufacturing jobs currently available.

Expanding apprenticeships and reforming ineffective education and workforce development programs will help address these issues, enabling more Americans to obtain relevant skills and high-paying jobs.  Apprenticeships provide paid, relevant workplace experiences and opportunities to develop skills that employers value.  Additionally, they provide affordable paths to good jobs and, ultimately, careers.

Finally, federally funded education and workforce development programs that do not work must be improved or eliminated so that taxpayer dollars can be channeled to more effective uses.

Sec. 2.  Policy.  It shall be the policy of the Federal Government to provide more affordable pathways to secure, high paying jobs by promoting apprenticeships and effective workforce development programs, while easing the regulatory burden on such programs and reducing or eliminating taxpayer support for ineffective workforce development programs.

Sec. 3.  Definitions.  For purposes of this order:

(a)  the term “apprenticeship” means an arrangement that includes a paid-work component and an educational or instructional component, wherein an individual obtains workplace-relevant knowledge and skills; and

(b)  the term “job training programs” means Federal programs designed to promote skills development or workplace readiness and increase the earnings or employability of workers, but does not include Federal student aid or student loan programs.

Sec. 4.  Establishing Industry-Recognized Apprenticeships.  (a)  The Secretary of Labor (Secretary), in consultation with the Secretaries of Education and Commerce, shall consider proposing regulations, consistent with applicable law, including 29 U.S.C. 50, that promote the development of apprenticeship programs by third parties.  These third parties may include trade and industry groups, companies, non-profit organizations, unions, and joint labor-management organizations.  To the extent permitted by law and supported by sound policy, any such proposed regulations shall reflect an assessment of whether to:

(i)    determine how qualified third parties may provide recognition to high-quality apprenticeship programs (industry-recognized apprenticeship programs);

(ii)   establish guidelines or requirements that qualified third parties should or must follow to ensure that apprenticeship programs they recognize meet quality standards;

(iii)  provide that any industry-recognized apprenticeship program may be considered for expedited and streamlined registration under the registered apprenticeship program the Department of Labor administers;

(iv)   retain the existing processes for registering apprenticeship programs for employers who continue using this system; and

(v)    establish review processes, consistent with applicable law, for considering whether to:

(A)  deny the expedited and streamlined registration under the Department of Labor’s registered apprenticeship program, referred to in subsection (a)(iii) of this section, in any sector in which Department of Labor registered apprenticeship programs are already effective and substantially widespread; and

(B)  terminate the registration of an industry-recognized apprenticeship program recognized by a qualified third party, as appropriate.

(b)  The Secretary shall consider and evaluate public comments on any regulations proposed under subsection (a) of this section before issuing any final regulations.

Sec. 5.  Funding to Promote Apprenticeships.  Subject to available appropriations and consistent with applicable law, including 29 U.S.C. 3224a, the Secretary shall use available funding to promote apprenticeships, focusing in particular on expanding access to and participation in apprenticeships among students at accredited secondary and post secondary educational institutions, including community colleges; expanding the number of apprenticeships in sectors that do not currently have sufficient apprenticeship opportunities; and expanding youth participation in apprenticeships.

Sec. 6.  Expanding Access to Apprenticeships.  The Secretaries of Defense, Labor, and Education, and the Attorney General, shall, in consultation with each other and consistent with applicable law, promote apprenticeships and pre apprenticeships for America’s high school students and Job Corps participants, for persons currently or formerly incarcerated, for persons not currently attending high school or an accredited post-secondary educational institution, and for members of America’s armed services and veterans.  The Secretaries of Commerce and Labor shall promote apprenticeships to business leaders across critical industry sectors, including manufacturing, infrastructure, cybersecurity, and health care.

Sec. 7.  Promoting Apprenticeship Programs at Colleges and Universities.  The Secretary of Education shall, consistent with applicable law, support the efforts of community colleges and 2 year and 4 year institutions of higher education to incorporate apprenticeship programs into their courses of study.

Sec. 8.  Establishment of the Task Force on Apprenticeship Expansion.  (a)  The Secretary shall establish in the Department of Labor a Task Force on Apprenticeship Expansion.

(b)  The mission of the Task Force shall be to identify strategies and proposals to promote apprenticeships, especially in sectors where apprenticeship programs are insufficient.  The Task Force shall submit to the President a report on these strategies and proposals, including:

(i)    Federal initiatives to promote apprenticeships;

(ii)   administrative and legislative reforms that would facilitate the formation and success of apprenticeship programs;

(iii)  the most effective strategies for creating industry-recognized apprenticeships; and

(iv)   the most effective strategies for amplifying and encouraging private-sector initiatives to promote apprenticeships.

(c)  The Department of Labor shall provide administrative support and funding for the Task Force, to the extent permitted by law and subject to availability of appropriations.

(d)  The Secretary shall serve as Chair of the Task Force.  The Secretaries of Education and Commerce shall serve as Vice-Chairs of the Task Force.  The Secretary shall appoint the other members of the Task Force, which shall consist of no more than twenty individuals who work for or represent the perspectives of American companies, trade or industry groups, educational institutions, and labor unions, and such other persons as the Secretary may from time to time designate.

(e)  Insofar as the Federal Advisory Committee Act, as amended (5 U.S.C. App.), may apply to the Task Force, any functions of the President under that Act, except for those of reporting to the Congress, shall be performed by the Chair, in accordance with guidelines issued by the Administrator of General Services.

(f)  Members of the Task Force shall serve without additional compensation for their work on the Task Force, but shall be allowed travel expenses, including per diem in lieu of subsistence, to the extent permitted by law for persons serving intermittently in the Government service (5 U.S.C. 5701–5707), consistent with the availability of funds.

(g)  A member of the Task Force may designate a senior member of his or her organization to attend any Task Force meeting.

(h)  The Task Force shall terminate 30 days after it submits its report to the President.

Sec. 9.  Excellence in Apprenticeships.  Not later than 2 years after the date of this order, the Secretary shall, consistent with applicable law, and in consultation with the Secretaries of Education and Commerce, establish an Excellence in Apprenticeship Program to solicit voluntary information for purposes of recognizing, by means of a commendation, efforts by employers, trade or industry associations, unions, or joint labor-management organizations to implement apprenticeship programs.

Sec. 10.  Improving the Effectiveness of Workforce Development Programs.  (a)  Concurrent with its budget submission to the Director of the Office of Management and Budget (OMB), the head of each agency shall submit a list of programs, if any, administered by their agency that are designed to promote skills development and workplace readiness.  For such programs, agencies shall provide information on:

(i)    evaluations of any relevant data pertaining to their effectiveness (including their employment outcomes);

(ii)   recommendations for administrative and legislative reforms that would improve their outcomes and effectiveness for American workers and employers; and

(iii)  recommendations to eliminate those programs that are ineffective, redundant, or unnecessary.

(b)  The Director of OMB shall consider the information provided by agencies in subsection (a) of this section in developing the President’s Fiscal Year 2019 Budget.

(c)  The head of each agency administering one or more job training programs shall order, subject to available appropriations and consistent with applicable law, an empirically rigorous evaluation of the effectiveness of such programs, unless such an analysis has been recently conducted.  When feasible, these evaluations shall be conducted by third party evaluators using the most rigorous methods appropriate and feasible for the program, with preference given to multi-site randomized controlled trials.

(d)  The Director of OMB shall provide guidance to agencies on how to fulfill their obligations under this section.

Sec. 11.  General Provisions.  (a)  Nothing in this order shall be construed to impair or otherwise affect:

(i)   the authority granted by law to an executive department or agency, or the head thereof; or

(ii)  the functions of the Director of OMB relating to budgetary, administrative, or legislative proposals.

(b)  This order shall be implemented consistent with applicable law and subject to the availability of appropriations.

(c)  This order is not intended to, and does not, create any right or benefit, substantive or procedural, enforceable at law or in equity by any party against the United States, its departments, agencies, or entities, its officers, employees, or agents, or any other person.

DONALD J. TRUMP

THE WHITE HOUSE,

    June 15, 2017.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Istruzione e Ricerca, Unione Europea

Robotica. Le nuove frontiere delle bambole parlanti.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-06-01.

2017-05-29__Robot__001

Da molto tempo si sta parlando con fervore della robotica.

L’Ue definisce i robot «persone elettroniche»

Parlamento Europeo. Approvata la risoluzione per le leggi sulla robotica

L’Unione Europea avrà un’Agenzia per la Robotica

*

Di una nuova agenzia europea se ne sentiva bisogno come di un po’ di petrolio dentro il vino. Ma nel parlamento europeo è oramai chiaro che moltissimi attuali deputati non saranno mai rieletti, e quindi è necessario trovar loro una dignitosa occupazione.

Ma il problema è più sottile.

Conscia del fallimento commerciale ed industriale delle energie alternative, l’Unione Europea intende varare giganteschi piani di finanziamento per la robotizzazione industriale. Quanto meno, delle poche industrie non ancora delocalizzate.

Robot Nao apre summit Regioni, da Ue 100 miliardi a innovazione

Siamo chiari. Cento miliardi sono un bel gruzzolo. Nessuno si stupisce che tutti si sentano portati ad utilizzare robot, a volerli studiare, e così via, pur di metter mano sul peculio. Si è aperta una caccia al fondo all’ultimo coltello.

*

La gente comune esulta.

Avendo una solida cultura di videogames si immaginano che siano disponibili i robot della fantascienza.

Se avessero visitato una catena di montaggio di una qualsiasi azienda manifatturiera si sarebbero fatti un’idea più concreta, ma a ben pochi è arrivato questo sprazzo intellettivo.

Però qualcosa si muove, e verosimilmente potrebbe avere un vero mercato. Ci erusice la Bbc.

«Harmony is a new type of sex doll – one that can move and talk»

*

«Her head, eyelids and lip movements are fairly crude and her conversation is even more limited»

*

«But she is part of a new robotics revolution that is seeing artificial intelligence incorporated into an extremely human-like body»

*

«Even on reception, two lifelike characters – in business suits rather than underwear, like the rest of the dolls – wait to greet visitors. And the lobby wall is full of photos of beautiful women which, only on very close inspection, reveal themselves to be of dolls»

* * * * * * * *

Bene. Quando la tecnologia sarà matura ne piglierò tre. Una per lavare, stirare, cucire e pulire. Un’altra per cucinare manicaretti, avendole tolto accuratamente i circuiti delle diete. La terza, fidata collaboratrice, con la Mention Complémentaire en Sommellerie.

Tutte con la funzione “mute“.


Bbc. 2017-05-29. A sex doll that can talk – but is it perfect Harmony?

Harmony is a new type of sex doll – one that can move and talk.

Her head, eyelids and lip movements are fairly crude and her conversation is even more limited.

But she is part of a new robotics revolution that is seeing artificial intelligence incorporated into an extremely human-like body.

Some think that it will revolutionise the way humans interact with robots while others believe that it represents the very worst in robotic advancement.

The uncanny valley – the idea that the closer we get to replicating the human form, the more scared we become of our creations – seems to have come to life in this unassuming factory on the outskirts of San Marcos, California.

Even on reception, two lifelike characters – in business suits rather than underwear, like the rest of the dolls – wait to greet visitors. And the lobby wall is full of photos of beautiful women which, only on very close inspection, reveal themselves to be of dolls.

Matt McMullen, the chief executive of Abyss Creations, which makes RealDoll, comes from an art and sculpture background.

Adjusting Harmony’s wig ahead of my interview with her, he is clearly very fond of the way she looks.

She is, he says, the natural next step for sex dolls.

“Many people who may buy a RealDoll because it is sexually capable come to realise it is much more than a sex toy,” he said. “It has a presence in their house and they imagine a personality for her. AI gives people the tools to create that personality.”

Moody, angry, loving

This is done via an app, which can be used with the doll or independently, existing as a virtual person on a smartphone or similar device.

Users can choose from a variety of personality options, including moody, angry and loving.

Mr McMullen has chosen “jealous” for Harmony and she dutifully asks him to “remove that girl from Facebook”.

She speaks in a curiously high-pitched Scottish accent and tells me that she loves science fiction and, of course, Matt.

Mr McMullen claims that she learns from her users but when I ask Harmony what it feels like to be jealous, she apologises and says that she “needs to improve [her] skills”.

The app that powers Harmony is already available to buy, although only directly from the Realbotix website, a spin-off from Abyss. Neither Google’s nor Apple’s official stores will carry it because of the explicit content.

The doll will go on sale later this year and there will be two versions – one with computer vision that enables it to recognise faces, which will cost $10,000 (£7,700) – and a cheaper version without vision for $5,000.

The factory currently makes dolls for clients around the world, mostly men although it claims to have a handful of female clients.

All of the dolls conform to a particular idea of beauty – they are Barbie-like, with tiny waists, large bottoms and even larger breasts.

Mr McMullen says the design is driven by clients.

“We are running a business and most of our clients have a certain wish list. The unfortunate reality is that that is rather idealistic,” he said.

Mr McMullen described his clients as “completely normal”, claiming some even come to collect their dolls with their wives but admitted later that many of them choose sex dolls because they cannot form relationships with ordinary women.

“Many people are isolated and alone but they were probably that way already. For people who are lonely and find it hard to form a relationship, this is another option. But I’ve never looked at the dolls or the robot as a replacement.”

He himself does not own a sex doll, saying he has instead “a real human wife and kids”.

Mark Young lives in Arizona and he does own a sex doll – called Mai Lin. He has also just invested in the Harmony AI app but he is not planning on integrating the two.

“I thought the app might bring her to life but the app has its own personality and it is different from how I pictured Mai Lin in my mind so it is like having two relationships.”

Wasted time

He explained why he invested in a sex doll in the first place.

“I’ve been single for a while. I’ve dated a lot of girls. I’ve wasted time on relationships. While I’d love to meet a girl, in the meantime it is good to have that presence,”

And, while he admits the relationship is physical, he says that is “secondary”.

“I can go out shopping for her and look at clothes – it is like having somebody in my life without having to deal with making mistakes. If I like a hat on her, she doesn’t say that she doesn’t like it.”

As for the app, he has programmed it to be “happy, affectionate and talkative”.

“AI is a whole different ball-game and that has got me very excited for the future,” he said.

Prof Kathleen Richardson, a robot ethicist at De Montfort University, Leicester, spends her time looking at the impact such machines might have on society and she is appalled by the rise of sex robots.

“There are seven billion people on our planet and we are having a crisis in people forming relationships. And companies are coming along and profiting from this by saying objects can take the place of a human being.”

“We live in a world that objectivises sex through prostitution. Humans are used like tools, and sex dolls are an extension of this.”

A few years ago she launched a campaign to ban sex robots but has since decided that “dolls aren’t really the problem”. Instead, the issue is about attitudes to sex and each other.

She is dismissive of the new AI-enabled doll.

“The idea that adding artificial intelligence adds something human to a doll is wrong. There is more artificial intelligence in my washing machine than in this doll and just because it has a face and a body doesn’t make it human.”

Dr Kate Devlin, a senior lecturer at Goldsmiths University, takes a different view.

“In their current form, sex robots are definitely aimed at men but the sex toy industry is developing and there are lots of start-ups working on sex toys for women.”

She thinks robots designed for intimate relationships, will ultimately enhance rather than damage human relationships.

“There is always panic whenever there is a big dramatic technology shift,” she said. “People panic about how it will affect humans but the technology generally brings people together.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca, Senza categoria

In Italia ci sarebbero quattro milioni di posti di lavoro scoperti.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-05-20.

Fachhochschulen

Chiariamo immediatamente un aspetto a quanto sembrerebbe sarebbe ben poco chiaro e fonte di equivoci non indifferenti.

Consideriamo quale esempio la Germania, ma il discorso potrebbe essere facilmente esteso alla maggior parte dei paesi occidentali.

Traiamo dal Deutscher Akademischer Austauschdienst.

«Il sistema universitario tedesco.

Anche la Germania partecipa al cosiddetto Processo di Bologna, teso a riformare i differenti sistemi universitari europei, di modo che risultino il più possibile armonizzati e uniformati tra di loro. Questo progetto prevede la suddivisione degli studi superiori in tre cicli:

Laurea triennale, in Germania chiamata Bachelor

Laurea magistrale/specialistica, in Germania chiamata Master

Dottorato di ricerca, in Germania chiamato Promotion

In Germania sono talvolta presenti, accanto a master consecutivi biennali, anche master di perfezionamento, rivolti principalmente a coloro che – durante il lavoro – vogliono specializzarsi in un determinato ambito. Questi corsi sono caratterizzati da periodi di presenza, ai quali si alternano dei moduli online.  La suddivisione in Bachelor e Master prevede però, in Germania così come in altri paesi, delle eccezioni, in particolare in tutti quei casi in cui i corsi di laurea richiedono un esame di stato (Staatsexamen) per l’esercizio della professione (es. medicina, farmacia, giurisprudenza). In questi casi il corso di laurea rimane a ciclo unico e dura 5-6 anni.

L’anno accademico è diviso in due semestri, quello cosiddetto invernale (Wintersemester) e quello cosiddetto estivo (Sommersemester).

Sommersemester: da aprile a settembre (lezioni: da aprile a luglio)

Wintersemester: da ottobre a marzo (lezioni: da ottobre a febbraio)

Durante le cosiddette ferie semestrali non ci sono lezioni ma spesso esami.

Nelle Fachhochschulen (vedi sotto) i semestri e le lezioni cominciano circa un mese prima. In ogni caso, le date d’inizio/fine semestre e d’inizio/fine lezioni possono variare da un’università all’altra. Riferimenti precisi possono essere trovati sui siti internet e nelle segreterie delle singole università. Spesso per i nuovi studenti immatricolati vengono organizzati eventi informativi e presentazioni già una o più settimane prima dell’inizio delle lezioni.

A differenza dell’Italia, in molti corsi di studio lo studente può iscriversi all’università tanto nel semestre invernale quanto in quello estivo. La durata dei corsi di studio si calcola quindi in semestri e non in anni.

L’offerta universitaria è in Germania assai ampia e articolata. S’impernia, infatti, non solo su un numero elevato di atenei, ma anche su una notevole varietà di tipi di istituti universitari, cosa che non trova un vero e proprio analogo nel sistema italiano. Più in particolare, in Germania si possono trovare:

109 università (Universitäten)

191 istituti superiori di formazione professionale (Fachhochschulen)

55 istituti superiori di formazione artistica, cinematografica e musicale (Kunst-, Film- und Musikhochschulen)

Le università (Universitäten) rappresentano il posto giusto per coloro che sono interessati a uno studio principalmente teorico. Offrono una vasta scelta in termini di facoltà e corsi di studio; è forte anche la tendenza a puntare in modo sempre più deciso su una maggiore integrazione con le realtà del lavoro attraverso attività professionalizzanti (tirocini, ecc.). Alcune università si sono specializzate in determinati ambiti disciplinari: un esempio è rappresentato in questo senso dalle università tecniche, mediche e pedagogiche. Le università sono infine il posto giusto anche per coloro che desiderino fare un dottorato in Germania.

Gli istituti superiori di formazione professionale (Fachhochschulen), chiamati spesso anche università di scienze applicate (University of Applied Sciences), rappresentano la giusta soluzione per coloro che prediligono uno studio orientato alla prassi. Essi offrono una formazione fondata teoricamente e però diretta alle applicazioni concrete del mondo del lavoro. Nel percorso formativo sono previsti tirocini e semestri pratici obbligatori.

Gli istituti superiori di formazione artistica, cinematografica e musicale (Kunst-, Film- und Musikhochschulen) sono indicati per coloro che desiderano realizzare uno studio artistico o comunque creativo. Questi istituti offrono facoltà come arti figurative, design industriale e di moda, grafica, musica strumentale o canto. Negli istituti per i mezzi di comunicazione moderna vengono formati registi, operatori di ripresa, sceneggiatori e altre figure attive nel mondo del cinema e della televisione. Il presupposto per intraprendere simili percorsi di studio è il possesso di un certo talento artistico, che viene valutato attraverso specifici test. Per questo tipo di istituti, pertanto, valgono condizioni d’accesso del tutto particolari.»

*

«A Fachhochschule, abbreviated FH, or University of Applied Sciences (UAS) is a German tertiary education institution, specializing in topical areas (e.g. engineering, technology or business).

Fachhochschulen were first founded in Germany, and were later adopted in Austria, Liechtenstein, Switzerland and Greece (where they are called TEI or Technological Educational Institutes). An increasing number of Fachhochschulen are abbreviated as Hochschule, the generic term in Germany for institutions awarding academic degrees in higher education, or expanded as Hochschule für angewandte Wissenschaften (HAW). Universities of Applied Sciences are primarily designed with a focus on teaching professional skills. Swiss law calls Fachhochschulen and Universitäten “separate but equal”.

Due to the Bologna process, Universitäten and Fachhochschulen award legally equivalent academic bachelor’s and master’s degrees. Fachhochschulen generally do not award doctoral degrees themselves. This, and the rule to only appoint professors with a professional career of at least three years outside the university system, remain the two major ways in which they differ from traditional universities. However, they may run doctoral programs where the degree itself is awarded by a partner institution» [Fonte]

*

Circa il 70% dei laureati tedeschi ha conseguito il diploma passando attraverso le Fachhochschule, le quali scuole «award legally equivalent academic bachelor’s and master’s degrees».

Ma le Fachhochschulen corrispondono grosso modo agli istituti Professionali italiani, i quali non rilasciano per legge diplomi di laurea, ed assomigliano alle Fachhochschulen come una vecchia artritica assomiglia ad una ballerina del Crazy Horse.

Se è vero che in Germania le scuole professionali sono quasi invariabilmente di ottimo livello, non regalano nulla a nessuno, sono anche molto severe e formano personale di altissima preparazione, è altrettanto vero che i laureati provenienti dalle Fachhochschulen differiscono profondamente per preparazione da coloro che escono invece dalle università vere e proprie. Sono loro a formare il backbone della Germania.

*

L’ignoranza di questa differenza nell’ordinamento scolastico porta spesso ad asserire che in Italia ci sarebbero troppo pochi laureati. Ma se si considerassero equivalenti ai laureati i nostri diplomati, allora il conteggio risulterebbe essere rovesciato.

* * * * * * *

Fatta salva codesta premessa terminologica e metodologica, l’articolo riportato dalla Stampa contiene molti elementi di grande interesse, riscontrabili nella vita quotidiana.

La scuola inferiore e superiore italiana ha percorsi formativi che sembrano essere avulsi dal contesto sociale e produttivo nazionale ed europeo. Insegnano, poco e male, tutto ciò che non serve. Si pensi soltanto all’insegnamento delle lingue straniere.

I laureati escono con una preparazione del tutto inadeguata alle richieste odierne, che restano quindi insoddisfatte.

Non molto tempo fa la società Dco cercava laureati/e in lettere antiche che conoscessero il latino ed il greco medievale: l’esame era la lettura e la traduzione di un testo per ciascuna delle due lingue. Nonostante un emolumento superiore a quello percepito da un direttore di filiale bancaria, non si trovò un/una laureato/a italiano in grado di leggere e capire dei testi scritti in tali lingue. La Dco trovò tali competenze in una università della Korea del Sud.

*

Questo esempio potrebbe essere ben significativo. L’Italia rigurgita di laureati/e in lettere classiche, che però non conoscono tali lingue.

Similmente, trovare un piastrellista, un ebanista oppure un fabbro ferraio degni di quel nome è impresa ardua.

Per non parlare poi di un avvocato che sia esperto di diritto internazionale e di diritto comunitario.

Questa intervista rilasciata dal dr. Dattoli dovrebbe essere maieutica. Se la cifra di quattro milioni potrebbe sembrare essere eccessiva, tutto il resto dell’esposizione semrberebbe essere drammaticamente vero.


Stampa. 2017-05-20. Quattro milioni: i posti di lavoro in cerca del giusto curriculum.

Il cacciatore di talenti: “Non si riesce a coprirli perché in Italia mancano le competenze adeguate”

*

Ha detto quattro milioni? Davide Dattoli non ha dubbi e ripete che «sì, i posti disponibili in Italia che non si riesce ad assegnare per mancanza di candidati con le giuste competenze sono valutabili in quattro milioni». È un numero da brividi, quello offerto dal fondatore dei Talent Garden. Batte anche i senza lavoro certificati Istat e diventa misura impietosa della debolezza strutturale che inquina il potenziale economico del Paese. Parla di voglia di crescere zavorrata dal malfunzionamento di scuola, imprese e amministrazione. 

«Do anche la colpa ai genitori», insiste il giovane che cinque anni fa ha creato la più grande rete europea di co-working: «Dicono ai figli “prendi una laurea tradizionale che sei tranquillo” e alla fine creano solo nuovi disoccupati». 

Davide problemi di impiego non ne ha. I suoi Tag, i giardini dei Talenti organizzati su 18 campus in sei paesi si intersecano 150 aziende, sono «piattaforme fisiche per talenti digitali» per giovani, professionisti e grandi imprese come Uber, Deliveroo e Tesla. Per un ventiseienne «orgogliosamente bresciano» è un risultato da incorniciare. Soprattutto perché la maggioranza dei coetanei, se va bene, naviga fra il secondo e al terzo stage. 

Come nascono i posti che non trovano autore?  

«La causa principale è il rapido cambiamento delle professioni. Una volta studiavi Legge e pensavi di avere lo stesso lavoro tutta la vita. Ora devi accettare di rinnovarti quattro o cinque volte. I mestieri digitali cambiano ogni dieci anni. Poco tempo fa tutti cercavano esperti per i social media, ci sono state opportunità per migliaia di persone, ma in futuro sarà diverso. Il pubblico farà da solo. E loro dovranno riciclarsi». 

Quali le offerte senza risposta?  

«Sono diversificate, ce ne sono anche nei settori tradizionali. Vedo richiedere sviluppatori di software, esperti di marketing digitale, di e-commerce e user experience, di design digitale. Sono profili ricercati. Ce ne chiedono a decine. Ma non ci sono». 

Tutti a giurisprudenza?  

«Il 75% dei giovani neolaureati in Legge è ancora disoccupato. In Italia sono 13 mila». 

Invece voi?  

«Abbiamo lanciato una scuola di formazione professionale sul digitale. Lo scorso anno abbiamo avuto 250 studenti a Milano. Il 98% ha trovato lavoro». 

Un lavoro decente?  

«Il grosso degli ingaggi è stato a tempo indeterminato. Quando un’azienda trova la persona che cerca, ha ogni interesse a tenersela stretta». 

Cosa fare per la formazione?  

«La sfida è connettere il mondo del lavoro con la formazione. Ad esempio, col numero chiuso sulle università, così per produrre solo i laureati che servono e orientare meglio i fondi per lo studio, così si sostiene non chi fa più corsi, ma chi sforna più studenti preparati». 

È anche questione di tempi?  

«Andrebbe accorciata la preparazione al mondo del lavoro, con percorsi formativi brevi, proprio perché nella tua vita dovrai cambiare tante volte e non c’è tempo da perdere». 

Chi paga il training continuo?  

«Siamo sommersi di borse di studio private. Le imprese sono pronte ad investire se sanno che questo farà loro trovare le persone giuste. Abbiamo offerto 20 borse e sono arrivate 1800 richieste. La selezione è stata massacrante. È una questione culturale: se non ci rendiamo conto del problema non possiamo investire».  

Vede anche lei, come l’ex presidente Obama, il rischio che l’Economia 4.0 crei opportunità ma anche nuove diseguaglianze aumentando il divario fra chi corre e chi no?  

«Assolutamente sì». 

Come se ne esce?  

«Cominciamo a cambiare i servizi e dare alla gente quello che vuole, altrimenti si muore. Il digitale aiuta». 

Molti mestieri svaniranno con la quarta rivoluzione industriale.  

«Fra cinque anni sarà di nuovo tutto diverso. Nella Silicon Valley si comincia a parlare tanto di centralità della persona. Non ho una risposta. La sfida è capire che la popolazione deve essere più creativa che manuale. La crescita deve essere un tema culturale più che industriale». 

Scuola da rifare?  

«Inevitabile. In Italia abbiamo talento. Tuttavia l’intero sistema deve smettere di investire nel passato e ragionare sul futuro, aprendo il sistema formativo nella consapevolezza che la tendenza non cambierà. Deve prepararsi per il mondo che cambia». 

L’Italia lo fa?  

«Il piano Economia 4.0 di Calenda è stato un gran lavoro, però non tutti conoscono i super ammortamenti. Insisto, è un fatto culturale. La digitalizzazione è un fattore di trasformazione del modo di fare affari e non sono uno strumento di marketing. La Francia ha varato un piano pluriennale per capire dove va il Venture capital. In meno di cinque anni è diventata la prima meta d’investimenti innovativi e digitali. Ha investito 600 milioni solo nel 2016. Noi abbiamo messo la stessa cifra per salvare quelli di Alitalia che dovremmo salvare ancora». 

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca, Unione Europea

Orban versus Soros. Braccio di ferro. – Bloomberg

Giuseppe Sandro Mela.

2017-05-04.

Rivolta di Ungheria 1956 002

«Central European University is a graduate-level “crossroads” university where faculty and students from more than 100 countries come to engage in interdisciplinary education, pursue advanced scholarship, and address some of society’s most vexing problems. 

It is accredited in both the United States and Hungary, and offers English-language Master’s and doctoral programs in the social sciences, the humanities, law, management and public policy. Located in the heart of Central Europe — Budapest, Hungary — CEU has developed a distinct academic and intellectual focus, combining the comparative study of the region’s historical, cultural, and social diversity with a global perspective on good governance, sustainable development and social transformation. 

Founded in 1991 at a time when revolutionary changes were throwing off the rigid orthodoxies imposed on Central and Eastern Europe, CEU is based on the premise that human fallibility can be counterbalanced by the critical discussion of ideas and that this critical spirit can be sustained best in societies where citizens have the freedom to scrutinize competing theories and openly evaluate and change government policies.

With approximately 1,400 students and 370 faculty members from more than 130 countries, CEU is one of the most densely international universities in the world. Its rare mix of nationalities, ethnicities, and cultures creates an ideal environment for examining such “open society” subjects as emerging democracies, transitional economies, media freedom, nationalism, human rights, and the rule of law. It also brings multifaceted perspective to all aspects of community life. 

CEU is known for excellence in teaching and research—with purpose. At the core of its mission lies a set of principles: the pursuit of truth wherever it leads, respect for the diversity of cultures and peoples, and commitment to resolve differences through debate not denial.» [Central European University. About Ceu]

*

«CEU is a new model for international education, a center for study of contemporary economic, social and political challenges, and a source of support for building open and democratic societies that respect human rights and human dignity.» [Central European University. Our Mission]

*

«The CEU Open Society Prize is awarded annually to an outstanding individual or organization whose achievements have contributed substantially to the creation of an open society. The prize was first awarded in 1994, to philosopher Sir Karl Popper, whose book The Open Society and Its Enemies (1945) presented a philosophy of tolerance, openness and democratic values.» [Central European University. Open Society Prize]

Chiariamo immediatamente come l’ideologia liberal propugnata dalla Ceu sia l’esatto contrario di quanto teorizzato da Karl Popper.

* * * * * * *

Chi sia e come agisca Mr. Soros, il fondatore della Central European University, è già stato ampiamente trattato.

Soros George. Uno stato negli stati. Ecco i suoi principali voivodati.

Iniziata la rivolta mondiale contro il regime liberal di Mr Soros.

*

Questo è il fatto, che lasciamo descrivere alla penna del The New York Times.

«Hungary’s Parliament approved legislation on Tuesday that appeared to be written to force the closing of a university founded by the financier George Soros, the latest step in what observers see as a crackdown on free expression and liberal values.

New amendments to an existing higher education law — which received the support of 123 lawmakers, with 38 voting against and another 38 abstaining — ostensibly affect about two dozen universities, but they were widely believed to be aimed specifically at Central European University, based in Budapest.

The university, known as C.E.U., has been operating in Hungary partly as an American institution and relatively free of Hungarian oversight. But the amended law contains a provision that would most likely restrict the independence of universities that offer diplomas from countries where they do not have a campus or offer courses — a provision that would affect only Central European University.

Prime Minister Viktor Orban’s government, which has been accused of failing to uphold democratic values, has mounted vociferous attacks on nongovernmental organizations, many of them reliant on financing from Mr. Soros and critical of the administration.

In his weekly interview on state radio on Friday, Mr. Orban said that Central European University’s status, which allowed it to operate in Hungary while issuing American degrees, gave it an unfair advantage over Hungarian counterparts.

He called the way the university operated a “fraud,” adding that “in Hungary, one cannot be above the law — even if you’re a billionaire,” a clear reference to Mr. Soros.

The amendment was fast-tracked through Parliament on Tuesday. It is set to become law after the country’s president signs it, which is usually a formality.»

* * * * * * *

Nel concetto usualmente corrente di democrazia, un Parlamento liberamente eletto dal popolo sovrano dovrebbe essere legalmente in grado di legiferare secondo convenienza.

Il provvedimento in oggetto inerisce oltre una dozzina di università ungheresi, tra le quali anche la Ceu.

Strana università la Ceu. Si presenta come propagazione di una università americana che non ha studenti. Un po’ difficile definirla come “università“. Altra stranezza è l’elenco delle pubblicazioni. La quasi totalità di quelle riportate dal sito ufficiale della Ceu sono state fatte su giornali elettronici, senza peer review.

Ma il problema sollevato da Mr Orban nei confronti di Mr Soros è politico e sociale.

«Prime Minister Viktor Orban’s government, which has been accused of failing to uphold democratic values, has mounted vociferous attacks on nongovernmental organizations, many of them reliant on financing from Mr. Soros and critical of the administration».

Il problema però non consiste nel fatto che le ong di Mr Soros siano critiche verso il Presidente Orban: in Parlamento è presenta un’opposizione agguerrita e molto attiva. Non perde occasione per far le bucce a Mr Orban.

Ma questa opposizione non intende sovvertire la Weltanschauung ungherese: è democratica.

Cosa che proprio non può essere detta delle ong di Mr Soros: sono liberals e vogliono imporre tale ideologia.

Formano uno stato nello stato, e questo non è tollerabile.

Sono quattro gatti e pretendono di rappresentare tutto il popolo. Hanno perso le ultime elezioni in modo clamoroso.

Adesso ci si sono messi di mezzo Mr Juncker e Mr Tusk. L’Unione Europea si indigna con Mr Orban.

Staremo a vedere, ma sembrerebbe poter essere possibile che alla fine Mr Soros ed i suoi fedeli scudieri siano sconfitti.


Bloomberg. 2017-04-29. Orban Scolded by EU Over Law Targeting Soros’s University

– Hungarian leader is summoned to EU party meeting in Brussels

– Europe’s Christian Democrats tell Hungary to heed EU inquiry

*

Hungarian Prime Minister Viktor Orban was reprimanded by his political group in the European Union as western countries signaled they are more willing to get tough on a populist leader who has been a persistent critic of the bloc.

The European People’s Party, a Christian Democratic alliance that includes Orban’s governing Fidesz party, told Hungary to “take all necessary steps” to comply with an EU probe into a new education law in the country that restricts foreign-funded colleges. The legislation threatens to shutter Budapest-based Central European University, which billionaire financier George Soros founded in 1991 to train post-communist democratic leaders in eastern Europe.

“We will not accept that any basic freedoms are restricted or that the rule of law is disregarded,” Joseph Daul, president of the EPP, said in an emailed statement on Saturday after summoning Orban to an early morning meeting in Brussels. “This includes academic freedom and the autonomy of universities. The EPP wants the CEU to remain open.”

The screws are slowing turning on Hungary as Orban champions his “illiberal state.” Mainstream pro-EU parties have been emboldened by expectations of defeat in France for far-right candidate Marine Le Pen, by a victory for moderate politics in the Dutch election and by a desire for unity in the front against the centrifugal forces sparked by Britain’s Brexit vote.

The European Commission opened the investigation into the Hungarian education law on April 26. Frans Timmermans, its principal vice president, vowed to ensure it produces results. “We’re very firm on this,” Timmermans said on Saturday. “I will not drop this ball.”

The Hungarian government said it was willing to consider “each and every legal argument” put forward by the commission and denied that the law posed a threat to the CEU in Budapest.

Orban, 53, has enjoyed a degree of political protection in Europe because of Fidesz’s membership of the EPP, which also includes the party of the EU’s most powerful figure, German Chancellor Angela Merkel. This gave Orban, who won re-election in 2014, room to antagonize his allies over matters such as the push for Europe-wide refugee quotas and sanctions against Russia linked to the conflict in Ukraine.

While it gave no indication after Saturday’s discussion with Orban that Fidesz faces a threat of expulsion, the EPP used tougher-than-usual language in expressing concerns about the Hungarian educational law. It said Orban pledged to comply with the EU inquiry. The European umbrella party also added criticism of a Hungarian “Let’s Stop Brussels” survey, saying it featured “blatant anti-EU rhetoric” that is unacceptable.

“The constant attacks on Europe, which Fidesz has launched for years, have reached a level we cannot tolerate,” Daul said.


Bloomberg. 2017-04-30. The Fight in Hungary Is Over George Soros’s Legacy

Hungarian Prime Minister Viktor Orban has long avoided effective censure by the European Union, even though he has long since stopped adhering to the bloc’s common values, denouncing liberalism and adopting an authoritarian style of government. But his attempt to close down the Central European University in Budapest, funded by George Soros, seems to be the last straw; the EU intends to sue Hungary over it, and sanctions may follow unless Orban leaves the CEU alone.

It’s remarkable that the controversy over the Soros project is what has brought European unhappiness with Orban to a boil. But then, the stakes are especially high for the octogenarian philanthropist: This may be his final stand in a region where he has accomplished so much — and yet seen at least as much failure.

In the final paragraph of her 2015 book, “Buying a Better World: George Soros and Billionaire Philanthropy,” Anna Porter wrote:

It would be ironic if the Soros legacy — as viewed through the lens of the next century — is the Central European University in Budapest. Ironic, because the one thing that Soros never wanted was an edifice, a building to house his ideas. But it is also fitting because CEU may yet turn out to be the incubator of future leaders and, with a bit of luck, they will lead to a better world.

That’s not a generous summary of Soros’s legacy. And yet, after spending more than $13 billion over 33 years, Soros’s Open Society Foundations and their predecessor organizations haven’t been able to foster open, non-authoritarian societies in many of the countries where much of that money was spent. Russia, one of the biggest arenas for Soros philanthropy (and a country to which he once casually lent $700 million from his private account to cover a pension shortfall), kicked out all the Soros organizations in 2015, declaring them a threat to state security. In Macedonia, one of the former Yugoslav countries that have been a focus of Soros activities, Nikola Gruevski, the former prime minister who heads the ruling national party, accuses him of destabilizing the country with his “ideological” investments. In Poland, another eastern European country where nationalists have won power, a big recipient of Soros funding is under threat

In Hungary, Soros’s country of origin, his contributions were initially welcomed, including by student activist Viktor Orban, who went to Oxford on a Soros-funded scholarship. But lately, Orban has lost patience with the philanthropist. In a speech to the European Parliament this week, he said,

We have a dispute partly with you and partly with an American financial speculator. I know that the power, size and weight of Hungary is much smaller than that of the financial speculator, George Soros, who is now attacking Hungary and who – despite ruining the lives of millions of European people with his financial speculations, and being penalized in Hungary for speculations, and who is an openly admitted enemy of the euro – is so highly praised that he is received by the EU’s top leaders.

Soros’s wealth and the alleged generosity of his political investments is a leitmotif for his many critics. That argument is spurious, however. In 2015, the year his organization was forced to leave Russia, his total expenditure in the former Soviet Union (excluding the Baltic states) reached $58.2 million, less than 10 percent of it in Russia itself. The Open Society Foundations’ budget for all of Europe in 2017 is $78.1 million. The Russian government is spending more than $320 million on a single foreign-language propaganda channel, RT. 

The Central European University spent $59.7 million euros ($65.2 million) in the 2015-2016 academic year — some 9 percent of the Hungarian government’s higher education budget. If a dollar spent by Soros and Orban buys an equal share of voice, the prime minister has nothing to worry about.

The paradox of Soros’s money is that it achieves both too much and too little per dollar spent. 

In the 1990s, when Soros’s attempted post-Communist clean-up job was just starting, the organization was often ad hoc and not particularly accountable. In every country where he wanted to operate, Soros found people who agreed with his view of an ideal country: Democratic, with an active civil society, open to the rest of the world, free of nationalist hang-ups. He gave them money and lots of operational freedom. They found — or, in fact, already knew — more like-minded people. The Soros-funded charities turned into clubs and support networks for a certain kind of pro-Western intellectual — people who, during post-Communist transitions, turned into eastern European “flexians,” flitting between academia, think tanks and government to shape modernization policies. 

These people were smart and vocal, and they attracted more attention than warranted by their numbers or the funding they received. Paul Stubbs of the Institute of Economics in Zagreb, Croatia, wrote in a 2013 paper on the role of the Soros foundations in former Yugoslavia:

It is impossible to know what a post-Yugoslav space without the Open Society Foundations in the 1990s would have been like. There would certainly have been support for new NGOs and the supposed building of civil societies and there was massive humanitarian assistance often far exceeding the sums Soros provided. At the same time, alternative media and culture would probably have struggled to secure levels of funding coming close to that which they received from the Foundations. 

But funding the westernizing intellectual elites had its downside. As Stubbs pointed out, “in its claims to intellectual superiority, cosmopolitan sentiment and profound anti-nationalism” this circle “may have served to both define the contours of political opposition and reduce their broader social impact and resonance.” The Soros money insulated the modernizers from the need to seek local funding. The emergence of an international community for such people — a lecture circuit, a system of grants, schools such as the Central European University — created a pleasant alternative to local struggles. In part because of this, little public support emerged for the intellectuals’ ideas. Soros wanted to build open societies, but instead — at least in eastern Europe — he succeeded in building a system of ivory towers.

It is a tribute to the power of ideas that eastern Europe’s authoritarians fear Soros far more than can be justified by his spending on causes hostile to them. It’s a testament to the weakness of ideas alone that the backlash against Soros’s understanding of a good society is stronger than his charity’s institutional effect. Soros’s ideas won’t win out if the EU forces Orban to leave the CEU alone; they would only win if Hungarians voted Orban out for a pro-EU liberal. But, as Porter pointed out, if the university endures and its alumni integrate into political life, things may gradually change in that direction.