Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Confindustria, Università e lavoro inesistente.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-13.

2018-02-13__Miur__002

Premettiamo immediatamente come quanto segue non sia una barzelletta.

E nemmeno mette alla berlina un refuso: un refuso non lo si nega a nessuno, me per primo.

Ma quando un errore è sistematico, ripetuto nello spazio e nel tempo…

*

Riportiamo un estratto di un blog molto famoso, avendo avuto cura di cancellare tutti gli scritti che avrebbero potuto far riconoscere facilmente gli autori.

Ovviamente pubblichiamo la fotocopia senza mettere il link.

I Signori Lettori comprenderanno bene il nostro desiderio di continuare a vivere in questa valle di lacrime.

«38%+36%+30% = 104%

su questo confindustria sicuramente ha ragione»

*

«È una specie di legge universale: quando un grafico contraddice i propri pregiudizi è perché non contiene tutte le informazioni necessarie»

*

p.s. Son tutte persone da appellarsi con il titolo di “Eccellenza”, “Perclaro” oppure “Magnifico”.

Annunci
Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Cina. 1000TTP. Ne ignorate la esistenza. Domani vi mangerete le dita.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-08.

2018-01-06__Safea__001

Dopo il Progetto Belt and Road, un investimento di 1,500 miliardi di dollari americani in infrastrutture costruite nei paesi emergenti, adesso la China sta lanciando un grandioso progetto di richiamo del bene più prezioso che esista a questo mondo: l’intelligenza umana. Premi Nobel, ricercatori di eccellenza, persone intelligenti: venite a lavorare in Cina. Sarete stimati socialmente, sarete ben pagati, e nessuno vi importunerà con problemi amministrativi. Ma soprattutto, vivrete liberi dalla dittatura liberal.

中华人民共和国国家外国专家局.

Se ufficialmente questo progetto dovrebbe avere una dotazione di un po’ più di due miliardi Usd, tenendo conto di tutte le voci correlate che concorrono a questo fine, si dovrebbe arrivare a superare i duecento miliardi Usd.

Sei uno scienziato di valore e ti trasferisci in Cina?

«start-up package of RMB 1 million yuan from the nation’s central budget»

Lì nessuno ti importunerà più con l’ideologia liberal e potrai lavorare in pace e sereno. Lo ripetiamo perché non sarà mai un concetto sufficientemente chiaro. Per chiarimenti:

*

Andiamo con ordine.

*


2018-01-06__Safea__002

千人计划网广州  浙江  广西

欢迎广大海内外高层次人才踊跃申报千人计划、国内各地人才计划

«The Thousand Talents Plan.

The Recruitment Program for Innovative Talents (Long Term)

  1. Basic Qualifications for Candidates

The Recruitment Program for Innovative Talents (Long Term) targets people under 55 years of age who are willing to work in China on a full-time basis, with full professorships or the equivalent in prestigious foreign universities and R&D institutes, or with senior titles from well-known international companies or financial institutions.

  1. Preferential Policies and Treatments

Awardees will be conferred the title of “National Distinguished Experts” and be provided with enabling working and living conditions.

(1) Enabling working conditions

Awardees are entitled to assume some leadership, professional or technical positions in universities, R&D institutes, central SOEs as well as state-owned commercial and financial institutions; to serve as project principals of the National Key Scientific and Technological Projects, “863 Program”(or the National High-tech R&D Program),“973 Program”(or the National Program on Key Basic Research Project), the National Nature Science Fund Projects; to apply for S&T funds and industrial development funds from government to support scientific research as well as production and operating activities in China; to participate in the consultation and demonstration of China’s major projects, the formulation of key scientific research plans and national standards, the construction of major projects, etc; to determine the expenditure and employment within the prescribed scope of responsibilities as project principals; to be engaged in various domestic academic organizations and the election of academicians of the Chinese Academy of Sciences and the Chinese Academy of Engineering (foreign academicians) and become the candidates of a wide range of government rewards.

(2) Special living benefits

Awardees as well as their spouses and minor children with alien nationality may apply for “Permanent Residence for Aliens” and/or multiple entry visas, the validity of which lasts 2-5 years. Awardees with Chinese citizenship will be free to settle down in any city of their choice and will not be restricted by his or her original residence registry. Each awardee shall receive a one-off, start-up package of RMB 1 million yuan from the nation’s central budget; be entitled to medical care, social insurance including pensions, medical insurance and work-related injury insurance; and may purchase one residential apartment for personal use. The housing and meal allowance, removing indemnity, home-leave-subsidy, and children-education-allowance in the wage income in Chinese territory within 5 years shall be deducted before taxes in accordance with relevant laws and regulations. Employers have to offer job opportunities to spouses, and children will have guaranteed admission to schools. The income level should be decided on their previous jobs overseas through negotiation with due living allowances. ….»

*

2018-01-06__Safea__003

Cerchiamo di ragionare.

«China is issuing long-term visas to lure highly skilled people from abroad to work in the country»

*

«The multi-entry visas will be valid for between five and 10 years, according to state media»

*

«Technology leaders, entrepreneurs and scientists from in-demand sectors are among those eligible to apply»

*

«China has set out goals for its economic and social development, and sees recruiting experts from abroad as key to achieving that»

*

«When plans for the scheme were first considered, China said at least 50,000 foreigners would benefit»

*

«Nobel Prize winners welcome»

* * * * * * *

Si potesse per almeno una volta parlare senza incorrere nel politicamente corretto oppure essere bollati di discorsi di odio!

In Occidente la vita degli scienziati creativi è diventata impossibile. È stato trasformato nella landa dei meno che mediocri. Si vive, si cerca di vivere sotto la dittatura liberal.

Parole grosse? Credete?

Bene. Questo è uno dei tanti esempi della Cina.

New graphene center named after Sir Andre Geim established in Shenzhen.

«The Shenzhen Geim Graphene Research Center was established in Shenzhen, China in early December. The new center joins other prominent research centers and labs named after and led by Nobel laureates such as Robert H. Grubbs, Shuji Nakamura and Barry Marshall, all pioneers in global science, and technology trends in energy, materials, optics and medicine.

“China is one of the most active countries in the research and application of graphene, and Shenzhen is the most innovative and dynamic place in China. Here, the whole innovation environment and industry development trend make me more willing to participate,” said Andre Geim, winner of 2010 Nobel Prize in Physics, which is said to shift his work focus there by personally directing research, industrialization and talent at the lab.»

* * *

Eccovi l’Occidente Liberal.

Vi ricordate il caso del prof. Tym Hunt, premio Nobel 2001, licenziato in tronco dall’University College London (UCL) per aver detto in un convegno a Seul:

«Let me tell you about my trouble with girls. Three things happen when they are in the lab. You fall in love with them, they fall in love with you, and when you criticise them, they cry».

Vuoi criticare un Premio Nobel? Bene: prima prendi tu un premio Nobel, e poi se ne può parlare. Quattro bagascette urlanti hanno fatto dimettere un Premio Nobel. Come in passato otto lavandaie costrinsero all’esilio Enrico Fermi ed Albert Einstein.

* * *

Oppure, vi ricordate quando l’Università di Oxford tolse il diritto di parola al prof. James Watson, che aveva accennato alla “razza bianca“? Peccato che il prof. Watson fosse lo scopritore del dna, premio Nobel 1962. Ma chi mai si credevano di essere quelli che gli tolsero la parola? Esseri insignificanti, a voler essere generosi oltre misura.

*

Vi ricordate i cartelloni e le scritte

«Feynman sporco sessista! Feynman sporco sessista!»

ove un branco di erinni ne reclamavano l’allontanamento e come il premio Nobel 1965 per la Fisica le mise a tacere dicendo:

«Anche se l’Associazione Americana degli Insegnanti di Fisica ha premiato il mio insegnamento, confesso che non so insegnare. Quindi non ho nulla da dire sull’insegnamento. Vorrei invece parlare di un tema che interesserà particolarmente le donne presenti: vorrei parlare della struttura del protone».

Le femmine ammutolirono e quindi se ne andarono: non sapevano neppure cosa fosse un protone. Avevano preso la laurea in fisica come ‘quote rosa’. Ma dove mai pensa di andare l’Occidente con fisici e chimici dichiarati tali in ‘quote rosa’?

* * * * * * *

«Nobel Prize winners welcome»

Perché mai allora un ricercatore di eccellenza dovrebbe continuare a vivere in questa dittatura liberal femminista e non scegliere la via della libertà in Cina?

L’Occidente si tenga pura la sua mediocrità di infimo livello, quote rosa e via cantando, che ha così care come ogni altra pratica contro natura. Le aquile voleranno altrove. Poi, arriverà il diluvio.


Bbc. 2018-01-05. China offers 10-year visas to ‘high end talent’

China is issuing long-term visas to lure highly skilled people from abroad to work in the country.

The multi-entry visas will be valid for between five and 10 years, according to state media.

Technology leaders, entrepreneurs and scientists from in-demand sectors are among those eligible to apply.

China has set out goals for its economic and social development, and sees recruiting experts from abroad as key to achieving that.

When plans for the scheme were first considered, China said at least 50,000 foreigners would benefit.

Nobel Prize winners welcome

Applications for the visas can be made online, are free of charge and will be processed quickly, the Chinese government said.

Visa holders will be allowed to remain in the country for up to 180 days at a time, and will be eligible to bring partners and children.

In 2016 China introduced a ranking system for expatriates, aimed at identifying the skills it wanted to attract while reducing the number of lower-skilled foreigners coming into the country.

According to a document released at the time, those classed as “high-end foreign talent” included Nobel Prize winners, successful Olympic athletes and directors of “world famous colleges of music fine arts and arts”.

Top scientists, heads of major financial institutions and professors of “overseas high-level universities” also fit the bill.

Pubblicato in: Istruzione e Ricerca, Persona Umana

Georg Cantor. Centenario della morte di un genio.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-06.

1475-1564_(1510)__Michelangelo__Cappella_Sistina__LUCE__La_Creazione_di_Adamo_RESTAURATA_

I grandi, veri progressi dell’umanità sono quasi invariabilmente dovuti alla comparsa di persone geniali che hanno lasciato al mondo l’eredità dei loro pensieri. Spesso codesti giganti sono quasi dimenticati, oppure ricordati per frivolezze. Difficile anche trovare strade o piazze a loro dedicate.

Alcuni esempi potrebbero chiarire meglio il concetto.

Alessandro Volta, per esempio, colui che scoperse l’elettricità. A molti sfugge che la prima centrale elettrica dell’Europa Continentale sorse in una piccola area compresa fra le vie Santa Radegonda ed Agnello, vicinissimo al fianco sinistro del Duomo di Milano. Progetto dell’ing Giuseppe Colombo e di Giovanni Battista Pirelli.

Si pensi a cosa sarebbe il mondo senza elettricità.

Si considerino i fratelli Reinhard e Max Mannesmann, grandi ignorati dei tempi odierni. Erano i due ingegneri che scoprirono, inventarono, il modo semplice ed economico di produrre i tubi metallici. Cosa c’entra ciò con il progresso dell’umanità? Senza tubi efficienti ed a buon mercato non sarebbe stato possibile fare arrivare l’acqua nelle case, e con essa il riscaldamento: vi sembrerebbe cosa da poco? Ma non basta. Senza elettricità e tubi decenti sarebbe stato impossibile a Lord Kelvin inventare il frigorifero. E chi mai si ricorda di Alva Fisher, colui che con elettricità e tubi costruì nel 1907 la prima lavatrice della storia?

Si fa tanto parlare della ‘liberazione’ della donna, ma senza acqua corrente, riscaldamento, corrente elettrica, frigorifero e surgelatore, lavatrice ed elettrodomestici vari, nessuna teoria socio – economica avrebbe mai liberato alcunché. Gli uomini prima ricordati valgono ben più di tutti i filosofi messi assieme.

*

Facciamo allora un passo in avanti.

Tutte queste mirabolanti scoperte non sarebbero state possibili senza l’opera geniale dei matematici, che hanno messo a disposizione, gratuitamente, lo strumento cardine di ogni ricerca pura od applicata.

Per lungo tempo il volto di Gauss troneggiava sulle banconote tedesche dieci marchi: un riconoscimento dovuto. Senza matematica, niente chimica e niente fisica, nienete meccanica, nienete economia.

Eppure il contributo dato all’umanità dal genio di Newton o di Einstein è stato enorme. Davvero il genere umano è loro debitore.

Senza lo sviluppo delle matematiche non sarebbe stato possibile alcun sviluppo scientifico: nulla di nulla.

*

Oggi, sei gennaio, ricorre il centesimo anniversario della morte di un grande genio: Georg Cantor.

Come avviene da copione, in vita fu osteggiato aspramente: basti solo pensare a quanto lo ostacolò Kronecker, che pure era anche lui un grande, molto grande, matematico.

Cantor è il matematico dell’infinito.

«L’infinito attuale si presenta in tre contesti: in primo luogo quando si realizza nella forma più completa, in un’essenza mistica completamente indipendente, in Dio, che io chiamo Infinito Assoluto o, semplicemente, Assoluto; in secondo luogo quando si realizza nel mondo contingente, creato; in terzo luogo quando la mente lo coglie in abstracto come una grandezza, un numero o un tipo di ordine matematico.»

È quanto basta per essere demonizzato dal volgo.

Cantor diede origine alla teoria degli insiemi (1874-1884).

Fu il primo a capire che gli insiemi infiniti possono avere diverse grandezze: dapprima mostrò che dato un qualsiasi insieme A, esiste l’insieme di tutti i possibili sottoinsiemi di A, chiamato l’insieme potenza di A. Poi dimostrò che l’insieme potenza di un insieme infinito A  ha una grandezza maggiore della grandezza di A: dimostrazione nota con il nome di teorema di Cantor. Espresso in termini differenti, dato un insieme di qualsiasi cardinalità (numero di elementi), esiste sempre un insieme di cardinalità maggiore. In particolare, dato un insieme X, l’insieme delle parti di X (cioè l’insieme formato da tutti i possibili sottoinsiemi di X ha sempre cardinalità maggiore di quella di X.

Se il teorema di Cantor è ovvio per insiemi finiti, continua a valere anche per insiemi infiniti. In particolare, l’insieme delle parti di un insieme numerabile è più che numerabile.

Non solo.

L’argomento diagonale di Cantor è una tecnica dimostrativa con cui Georg Cantor ha dimostrato la non numerabilità dei numeri reali.

Tradotto in linguaggio corrente, Cantor aveva assestato un colpo mortale a tutte le teorie filosofiche basate sull’assunto dell’esistenza e potenzialità di una “Dea Ragione“. Gran brutto colpo per l’illuminismo e succedanei, i cui epigoni presero ad odiarlo di odio viscerale. Tutti gli idealisti, dai liberal ai socialisti ai comunisti lo odiarono perché aveva dimostrato la loro inconsistenza.

*

Ma la grandezza di un genio la si misura sulla elevatezza dei suoi allievi, di coloro che hanno avuto l’intelletto di rilevarne l’eredità mentale.

Senza Cantor, verosimilmente non avrebbe potuto dispiegarsi il genio di Gödel.

A venticinque anni, 1931, Gödel pubblicò il suo teorema dell’incompletezza: Über formal unentscheidbare Sätze der “Principia Mathematica” und verwandter Systeme.

«In ogni teoria matematica T sufficientemente espressiva da contenere l’aritmetica, esiste una formula φ tale che, se T è coerente, allora né φ né la sua negazione ¬ φ sono dimostrabili in T.»

*

«Kurt Gödel’s achievement in modern logic is singular and monumental – indeed it is more than a monument, it is a landmark which will remain visible far in space and time. … The subject of logic has certainly completely changed its nature and possibilities with Gödel’s achievement» [von Neumann]

*

L’apporto di Gödel è maestoso: vi sono dunque delle realtà vere ma non dimostrabili. Una costruzione assiomatica non può soddisfare contemporaneamente le proprietà di coerenza e completezza. È impossibile costruire un sistema logico senza ricorrere ad almeno un postulato derivante da un sistema superiore. Sia esso postulato chiaramente espresso oppure inespresso.

Le conseguenza sono di portata universale, ma nell’economia del presente discorso, distrussero alla base le possibilità di sussistenza logica dell’illuminismo e dei suoi succedanei, cosa non attirò all’autore la ammirazione delle sinistre imperanti. Dopo Gödel si è autorizzati a ridere in faccia a chi sproloquia di ‘verità scientifica‘, magari asserendo di esserne il depositario. I liberal lo detestano e fingono che non esista.

*

Georg Cantor e quindi Gödel. Due grandi, sommi, benefattori dell’umanità.

Lasciamo all’astrofisico Trinh Xuan Thuan il commento di codesta connessione, che ha riportato molto bene nel suo libro Lo Scienziato e l’Infinito. Dedalo. 2013.

Pagina 064

Pagina 065

Pagina 066

 

 

Pubblicato in: Cina, Istruzione e Ricerca

Capire la Cina. Il caso di Mrs Yaxi Hu e delle carni adulterate.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-05.

2018-01-04__cina__001

Leggersi i curricula potrebbe sembrare essere cosa noiosa, mentre invece è fonte di una grande quantità di informazioni.

«Xiaonan Lu, Ph.D

I am currently an Energy Systems Scientist in Argonne National Laboratory. I received my B.E. and Ph.D. degrees in electrical engineering from Tsinghua University, Beijing, China, in 2008 and 2013, respectively. From Sep. 2010 to Aug. 2011, I was a guest Ph.D. student at Department of Energy Technology, Aalborg University, Denmark. From Oct. 2013 to Dec. 2014, I was a postdoc researcher in the Department of Electrical Engineering and Computer Science, the University of Tennessee, Knoxville. In Jan. 2015, I joined Argonne National Laboratory.

Contact Information

Email:      xiaonan.lu@anl.gov

                  xiaonan.lu@ieee.org

Address:  Argonne National Laboratory

               9700 South Cass Ave

               Lemont, IL 60439, USA

News

– I am currently serving as the Associate Editor for IEEE Transactions on Industry Applications and the Editor for IEEE Transactions on Smart Grid.

– I am currently serving as the Guest Associate Editor for the Special Issue on “Asynchronous Interconnect and Generation” in IEEE Journal of Emerging and Selected Topics in Power Electronics. 

– I am currently serving as the topic co-chair for “Power Converter Control” and “DC distribution and DC micro-grids” in IEEE Energy Conversion Congress and Exposition (ECCE) 2017.

– I was invited to give the webinar entitled “Resilient and Sustainable Distribution Systems with Advanced Microgrids” in Power Electronics Society (PELS) Young Professional Presentation Series (http://resourcecenter.ieee-pels.org/).»

*

«Yaxi Hu

University of British Columbia – Vancouver | UBC · Food, Nutrition and Health Program

Current position

PhD Student

Education

Sep 2015 – May 2019

University of British Columbia – Vancouver

Food Science

Sep 2013 – Jul 2015

University of British Columbia – Vancouver

Food Science

Sep 2009 – Jul 2013

China Agricultural University

Biological Science»

* * * * * * *

Il lettore attento ai particolari avrà già capito al volo cosa insegnano questi fatti.

Mrs Yaxi Hu è una gran bella donna, trentenne, piena di vita ed amante dei gelati, che sotto la guida di Mr Xiaonam sta facendo una veloce carriera scientifica.

Questo è il suo ultimo lavoro pubblicato.

Yaxi Hu, Liang Zou, Xiaolin Huang & Xiaonan Lu. Detection and quantification of offal content in ground beef meat using vibrational spectroscopic-based chemometric analysis. Nature. Scientific Reports 7, Article number: 15162. doi: 10.1038 / s41598-017-15389-3.

«As less consumed animal by-product, beef and pork offal have chances to sneak into the authentic ground beef meat products, and thus a rapid and accurate detection and quantification technique is highly required. In this study, Fourier transformed-infrared (FT-IR) spectroscopy was investigated to develop an optimized protocol for analyzing ground beef meat potentially adulterated with six types of beef and pork offal. Various chemometric models for classification and quantification were constructed for the collected FT-IR spectra. Applying optimized chemometric models, FT-IR spectroscopy could differentiate authentic beef meat from adulterated samples with >99% accuracy, to identify the type of offal in the sample with >80% confidence, and to quantify five types of offal in an accurate manner (R2 > 0.81). An optimized protocol was developed to authenticate ground beef meat as well as identify and quantify the offal adulterants using FT-IR spectroscopy coupled with chemometric models. This protocol offers a limit of detection <10% w/w of offal in ground beef meat and can be applied by governmental laboratories and food industry to rapidly monitor the integrity of ground beef meat products.»

In parole miseramente povere, è stato messo a punto un dispositivo che consente di scoprire praticamente in tempo reale, con una precisione del 99%, se una carne macinata di manzo contiene anche carne di altri animali non dichiarata, e con una precisione dell’80% quali parti dell’animale sono state utilizzate e in quale concentrazione, fino a più o meno il 10%. L’equipe ha realizzato uno spettrometro a infrarossi dotato di laser che, grazie ad un’analisi statistica, rende semplice e veloce la scoperta di eventuali frodi alimentari: è in grado di individuare diverse parti della carne, sei tipi di frattaglie di manzo e maiale, producendo una immagine per ogni sostanza esaminata..

* * * * * * *

Tiriamo adesso alcune conclusioni.

La prima conclusione è che le università cinesi producono laureati allo stato dell’arte: in caso contrario non avrebbero potuto superare il concorso di ingresso in Università quali la University of British Columbia – Vancouver.

La seconda conclusione è che i laureati cinesi, oltre al bagaglio culturale specifico, dominano una o più lingue straniere.

La terza conclusione è che le università cinesi interagiscono correntemente con i sistemi universitari esteri.

La quarta conclusione è che tutte le donne meritevoli e capaci sono messe in grado di accedere e di laurearsi nelle università cinesi. Indi, di proseguire liberamente la propria carriera.

*

La quinta conclusione lascia un filo di bocca amara. Le statistiche indicano come la maggior parte dei laureati cinesi che siano andati all’estero per perfezionarsi nelle conoscenze delle proprie materie ritornano in patria. Si portano dietro un bagaglio culturale di tutto rispetto, allo stato dell’arte. Sono accolti a braccia aperte, la Cina non ha l’Anvur: il loro rientro è la norma. Questo è un fenomeno sconosciuto nei paesi sottosviluppati ed in Italia, ove chi sia emigrato non ritorna mai più: è guardato come corpo estraneo al sistema. Un terrificante sperpero di energie e risorse. Una vera e propria chiusura al mondo esterno.

La sesta conclusione dovrebbe essere solo di sano buon senso. Tutti i media liberal demonizzano la Cina che sarebbe, a dir loro, una dittatura. I fatti ed i dati qui riportati non corroborano questa visione delle cose, anzi, la demoliscono.

Nessuno stato dittatoriale aiuterebbe i propri intelletti migliori ad andare a perfezionarsi all’estero: sarebbe un suicidio. Non solo, nessuno degli emigrati nutrirebbe un qualche desiderio di ritornare sotto un regime dittatoriale.

Similmente i media liberal stigmatizzano la Cina che sarebbe antifemminista, senza quote rosa.

Mrs Yaxi Hu non ha avuto necessità di saltellare in letti importanti per frequentare l’università in Cina, né per arrivare a pubblicare su Nature: semplicemente è persona che lavora sodo e bene. Sufficit. La Cina è meritocratica, come lo fu in passato l’Occidente.

*

I commenti che si leggono sulla Cina sui media occidentali sono tediosi e richiamano alla mente ciò che disse, e poi fece, il buon Lenin.

Criticò aspramente alcuni suoi collaboratori, quindi disse: “non vi rimprovero per aver mentito, ma per averlo fatto in modo maldestro. Tutti in Siberia!”.

Pubblicato in: Istruzione e Ricerca

Francia. Telefonini proibiti a scuola.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-12-12.

Cellulare 004

«France’s education minister announced on Sunday that mobile phones will be banned from schools in France »

*

«the ban, which the government had been mulling for some time, will be implemented in September 2018»

*

«These days the children don’t play at break time anymore, they are just all in front of their smartphones and from an educational point of view that’s a problem»

*

«It’s important that children under the age of seven are not in front of these screens»

*

«The ban would be imposed for primary schools and middle schools called “colleges” for pupils aged 11 to 15»

*

«Experts and trade unions have pointed out that using mobile phones in class is already outlawed in France»

*

«Some teachers view phones as a source of a distraction and indiscipline which can be used for cyberbullying at school»

*

«At our cabinet meetings, we drop our phones in lockers before sitting down together. It seems to me that this should be possible for any human group, including classes»

* * * * * * * * * * * *

Si dovrebbe richiamare l’attenzione sull’ultima frase.

«At our cabinet meetings, we drop our phones in lockers before sitting down together.»

I ragazzi dovrebbero andare a scuola per imparare, ossia per stare, e ben attenti, a seguire le lezioni.

Si impara ascoltando, non parlando. Le interruzioni servono solo a distrarsi, a far perdere il filo del discorso.

Se è vero che in Occidente si proclama il diritto alla istruzione, anche a spese pubbliche, sarebbe altrettanto vero asserire che tale diritto è acquisito nel momento in cui si faccia tutto il possibile per imparare.

Nota.

Provatevi ad entrare con il cellulare acceso in una riunione di cda: sarebbe l’ultima volta che vi partecipate.

Provatevi ad entrare con il cellulare acceso in una classe cinese. Quando l’ospedale vi avrà dimesso, potrete raccontarci cosa è successo.

È impossibile meditare nel frastuono e nel chiasso: ma chi non pensa nella solitudine del suo cervello alla fine non ha proprio nulla da dire.


The Local. 2017-12-11. France to ban mobile phones in schools

France’s education minister announced on Sunday that mobile phones will be banned from schools in France.

*

Jean-Michel Blanquer confirmed that the ban, which the government had been mulling for some time, will be implemented in September 2018.

Phones are already banned in the classrooms in France but from September next year, pupils will be barred from taking them out at breaks, lunch times and between lessons.

“These days the children don’t play at break time anymore, they are just all in front of their smartphones and from an educational point of view that’s a problem,” said Blanquer.

But it is not clear how the ban would work. There are suggestions that schools will have to provide lockers where pupils can keep the phones. Teachers also fear they will be asked to search pupils to make sure no one is flouting the ban.

“We are currently working on this [ban] and it could work in various ways,” said Blanquer. “Phones may be needed for teaching purposes or in cases of emergency so mobile phones will have to be locked away.”

For the education minister the issue of mobile phones and tablets is a matter of “public health”.

“It’s important that children under the age of seven are not in front of these screens,” he added.

The minister also sees the move as a way of cutting down on cyber-bullying.

The ban would be imposed for primary schools and middle schools called “colleges” for pupils aged 11 to 15, but phones would be allowed in Lycee high schools.

French president Emmanuel Macron, a 39-year-old centrist, put banishing mobile phones from all primary and secondary schools in his manifesto ahead of his election victory in May.

Experts and trade unions have pointed out that using mobile phones in class is already outlawed in France, even though research shows that many pupils confess to having broken the rules.

Some teachers view phones as a source of a distraction and indiscipline which can be used for cyberbullying at school, while others believe they can be harnessed for educational purposes — under strict control.

One of the biggest groups representing parents of French school children, known as Peep, said previously it was sceptical that a ban could be implemented.

“We don’t think it’s possible at the moment,” said the head of Peep, Gerard Pommier.

“Imagine a secondary school with 600 pupils. Are they going to put all their phones in a box? How do you store them? And give them back at the end?”

In an interview with Express magazine earlier this year, Blanquer suggested that pupils might be asked to deposit their phones in secure boxes when arriving at school or for classes.

“At our cabinet meetings, we drop our phones in lockers before sitting down together. It seems to me that this should be possible for any human group, including classes,” he said.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca, Stati Uniti

America. Mr Soros e legioni di Sugar Daddies e Sugar Babies.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-27.

Sexy Robot 001

Questo articolo è complesso: tratta un argomento anche scabroso ma inquadrato nel preciso progetto politico di asservimento della gente che lo ha generato in modo voluto ed artato.

Per comprenderlo appieno sarebbe proficuo leggere i precedenti articoli sull’argomento, che ne permettono il corretto inquadramento economico e politico.

Trump. Il debito delle famiglie sale a 12,730 miliardi. – Bloomberg

USA. Reddito delle famiglie per scaglioni. – Census Bureau

HINC-06. Income Distribution to $250,000 or More for Households.

Trump ha vinto perché metà America è in miseria. – I dati della Fed.

America. I numeri della mutazione in atto.

Board of Governors of the Federal Reserve System. Consumer Credit – G 19.

Household Expenditures and Income

*

More Than 40% of Student Borrowers Aren’t Making Payments

«More than 40% of Americans who borrowed from the government’s main student-loan program aren’t making payments or are behind on more than $200 billion owed, raising worries that millions of them may never repay.»

Student Loan Debt In 2017: A $1.3 Trillion Crisis

A Look at the Shocking Student Loan Debt Statistics for 2017

Soros George. Uno stato negli stati. Ecco i suoi principali voivodati.

Soros. Esercito universitario e controllo della cultura, strumenti del potere.

* * * * * * *

Luciano di Samosata già nel secondo secolo aveva delineato magistralmente la mentalità femminile nei sui immortali “Dialoghi delle cortigiane“. Per necessità di sopravvivenza, ma spesso anche per brama di ricchezza e per innato narcisismo le donne giovani e ragionevolmente piacenti commercializzano il proprio corpo dietro denaro o compensi vari. Sono passati milleottocento anni, ma la mentalità è sempre la stessa.

Nulla di cui scandalizzarsi: natura così fece le donne, ed è anche per quel pepe di puttannesco che emanano che sono così piacenti e ricercate.

Ma non si pensi i maschi non abbiano ben compreso l’essenza del loro comportamento e, almeno quelli intelligenti, non abbiano saputo sfruttare fino in fondo tale caratteristica.

Tutto può essere detto di Mr Soros tranne che non sia un ottimo psicologo ed un intelligente conoscitore degli abissi dell’animo umano: il bene non conosce il male, ma il male consoce benissimo il bene, e lo evita accuratamente.

Come tutti i registi, Mr Soros è un fine tessitore, paziente come il ragno ai bordi della tela.

Se l’invenzione delle ogn (ngo) fu geniale, ancor più lo fu il loro impiego strategico: qui ne delineiamo solo una visione parziale.

Da una parte una serie di ong si agita per indurre il maggior numero possibile di persone verso gli studi universitari: cosa in sé apparentemente buona e giusta, ma diabolicamente eccessiva.

Da un’altra parte un altro manipolo di ong si prospetta quale mediatore finanziario dei mutui erogati agli studenti per pagarsi il ciclo di studi. Tipicamente prendono i fondi governativi.

Questo il cuore del problema. Mr Soros concede ed invoglia i funzionari di queste ong ad esercitare appieno il potere discrezionale loro attribuito, ma esige fedeltà alla sua causa.

*

Una prima conclusione è che 44.2 milioni di cittadini americani sono ricattabili. Chiunque si debba trovare nella condizione di chiedere un prestito e, quindi, di doverlo rinnovare, è sempre in una situazione di debolezza nei confronti della controparte. Non solo. Ma nessuno sano di mente ama tagliare il ramo su cui sia seduto: il prestatario diventa di fatto un supporter del prestante e dei funzionari che lo rappresentano. Per non parlare poi di quel dieci per cento circa che in un anno hanno dichiarato default: sono persone più che ricattabili. E sono trattate peggio degli schiavi. Questo sterminato esercito di persone ricattate non può fare altro che aderire all’ideologia liberal e votare partito democratico.

La seconda conclusione deriva strettamente dai prolegomeni. Mr Soros ha costituito un elevato numero di fondazioni e di ong che, direttamente od indirettamente, governano il mercato del credito per lo studio. Tramite questi canali governa parte della politica americana e condiziona il partito democratico.

La terza conclusione è semplice, ancorché impopolare. Da che mondo è mondo, le femmine mercificano il proprio corpo in cambio di denaro. Il Fisco tedesco certifica che almeno una femmina ogni 51 esercita abitualmente la professione di prostituta: è un lavoro che fanno per scelta, non per necessità, essendo facile trovare un qualsiasi altro lavoro. Le Sugar Babies altro non sono che prostitute, ed anche di lusso. Il fatto che dicano che poi impiegano il denaro ottenuto per pagarsi gli studi nulla inficia del rapporto mercimonioso. Non sembrerebbe proprio il caso di piangere su di loro. Che poi vengano a dirci che ne provano rimorso, lo vadano a contare ad un altro.

La quarta conclusione è invece molto amara. I funzionari addetti a rinnovare o ristrutturare il debito degli studenti hanno un potere straordinario e non controllato. Il loro potere è illimitato. Sono nella perfetta situazione di poter ricattare chi, come e quando vogliono, ivi compreso l’accordo di dilazioni in cambio di prestazioni sessuali. È questa la vera situazione scandalosa negli States.


Business Insider. 2017-11-11. Millions of college students are so terrified of loans they’re turning to ‘Sugar Daddies’ for help paying for school

– A growing number of students are turning to dating sites to find Sugar Daddies and Mommas for help with college costs.

– Christina, a 29-year-old Sugar Baby and MBA student living in Las Vegas, talked to Business Insider about her experience.

– She’s received over $90,000 for education-related costs, but says the stigma is the hardest part about being a Sugar Baby.

*

The student debt crisis in the US has gotten so bad, there’s a growing group of young women — and some men — who are taking an unconventional approach to paying for college.

Through dating websites like SeekingArrangement.com, Sugar Babies, as they’re called, partner up with wealthy, often older, men who want to spend money on them.

Some 2.5 million Sugar Babies identified as students in 2016 on SeekingArrangement.com. Many of these Sugar Babies turned to the site to find someone who will pay for their education so they can graduate debt, and worry, free.

In exchange, Sugar Babies go to dinners, attend events, or accompany their Sugar Daddy, or daddies, on trips. In some cases, they provide companionship or foster a mentor-mentee relationship. In other situations, the terms of the agreement include physical intimacy.

Welcome to Sugar Baby University

SeekingArrangement.com was founded by MIT graduate Brandon Wade in 2006 and now counts 10 million members worldwide, making it the biggest Sugar Baby and Sugar Daddy dating site on the web.

A couple years ago, the site noticed an uptick in the number of members signing up with a university email address, Alexis Germany, a spokesperson for SeekingArrangement.com, told Business Insider. It decided to launch a marketing campaign — dubbed Sugar Baby University — targeting indebted college students and young people who are interested in college but afraid of taking on massive loans.

Americans owe more than $1.3 trillion to the federal government and private lenders for borrowing money to go to college. That’s more than two and a half times what they owed a decade ago, according to Pew, and it’s thanks to higher-than-ever enrollment numbers and rising college tuition costs.

“Some of [the Sugar Daddies] have that ‘white knight’ scenario where they really want to be helping somebody and saving them from their debt — or whatever you want to call it,” Germany said. The average annual income for Sugar Daddies who use SeekingArrangement.com is $250,000 and the average net worth is $1.5 million, she said, although those figures are self-reported.

Sugar Baby students get a SeekingArrangement.com premium account free of charge. A one-month membership typically costs $20 for Sugar Babies and $80 for Sugar Daddies and Mommas.

‘What are you looking for?’

To understand what one of these partnerships looks like, Business Insider spoke with Christina, a 29-year-old Sugar Baby who lives in Las Vegas.

Currently an online MBA student at Michigan State University, Christina turned to SeekingArrangement.com a few years ago for help with college costs after her uncle, who previously paid for her education, passed away.

“That was when it finally set in and I was looking at the prices and I was looking at how much debt I was getting in and I had already started my MBA,” said Christina, who received her first bachelor’s degree in fashion design and merchandising, and at the time was in the middle of earning her second bachelor’s in political science and pre-law from Oakland University. “I was like, I can’t afford this, I’m going to be paying this off for years and years and years.”

Some girlfriends introduced Christina to SeekingArrangement.com and encouraged her to find a Sugar Daddy to foot the bill. With education as her priority, Christina thought she’d probably be different than the typical Sugar Baby who was after expensive gifts and cash, she said.

“One of the very first messages that pretty much everyone sends, on either side, is ‘What are you looking for?’ because we want to make sure we’re on the same page,” Christina explained.

Christina says she isn’t willing to have sex for money, though she knows some sugar babies who do.

“I’m not a person that is interested in one-night stands with people who are visiting Vegas for a couple days — that’s not interesting to me. If that’s what you’re going to come at me with, my response is going to be, thank you for the offer, but I’m going to pass,” she said.

“On my profile it specifically says, I’m going to school for this, this is what I’m looking for, I would like help paying for my school and my books,” Christina said. That’s the kind of straightforwardness and honesty that’s expected of all users on the site, she says.

Even so, there have been situations where Christina will agree to dinner under her terms and still get propositioned for sex. She’s learned “the site isn’t foolproof,” she says. “You have to stand your ground, you need to have a backbone.”

There are expensive gifts and free trips, too

Over the past couple of years, Christina says there have been three consistent Sugar Daddies in her life who have helped her pay for school.

The men, at least one of whom is married with children, will ask how much she owes for school and write her a check. In total, Christina estimates she’s been given “at least $90,000” from these men and others to pay for tuition, books, labs, and other education-related costs.

“People are more gracious and more willing to do more for you [when you aren’t demanding] … as opposed to someone who’s sitting there saying, this is what I’m expecting and if I get less than this I want nothing to do with you,” she said.

Christina has been given extra money after finals week so she can pamper herself and take care of her other bills, like insurance and rent. The Sugar Daddies also plan and pay for expensive weekend trips on a whim. But ultimately, Christina says she calls the shots.

“They know that school comes first to me,” she said. “If a trip is offered to me or something and I say I can’t because I have school, they back off right away.”

The stigma is the hardest part

Christina still has two semesters left before she completes her MBA, then she’s hoping to start law school. As of now, she doesn’t expect to stay on the site when she’s finally done with school, “but that could always change,” she says.

When she’s not busy with school, Christina works as a cocktail waitress and an atmosphere model, a type of model who is paid by wealthy partiers to sit at their VIP table at a nightclub or in their cabana by the pool.

It’s another source of income, so she doesn’t have to fully rely on the money she gets from her Sugar Daddies. But the earnings — anywhere from $50 to $100 an hour for atmosphere modeling — pale in comparison to what she gets from Sugar Daddies.

“It was difficult at the beginning to be like, OK I’m getting handed this money for doing really nothing, I’m literally just going to dinner, it was difficult to understand at the beginning,” Christina said.

Now, she values the relationships she’s formed and is happy with the way she’s presented herself to Sugar Daddies, as someone who can have an intellectual dinner conversation and has goals she’s working toward.

“I’m fortunate enough to, hopefully when I’m completely finished with school, to say, I have no student loans, I have no debt at all, that is going to be the easiest part [of this experience] for me,” Christina said.

But as expected, the benefit to using SeekingArrangement.com hasn’t been as clear to the naysayers, including some of Christina’s friends and family.

“I’ve had to struggle with the negative attachment that comes along with being on the site, or saying that you have a Sugar Daddy, it’s difficult to have people hear a word and automatically think negative about you, but at the same time, I have to push that stuff out of my mind,” she continued.

“At the end of the day, it’s benefiting me and it’s helping me and my future, and people’s opinions aren’t going to benefit my future.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca, Stati Uniti

Usa. Tramonto dell’Occidente. Il caso della prof.ssa Gutierrez.

Giuseppe Sandro Mela.
2017-11-22.

Einstein 003

Di questi tempi corre un serrato dibattito su di un problema che tale proprio non dovrebbe essere, ma in ogni epoca c’è sempre un qualcosa alla moda che richiama i quesiti sul sesso degli angeli.

La qualcosa non darebbe poi un grande fastidio e non fosse utilizzata per richiamare fiumi di denaro pubblico, che in nome di una qualche “giustizia” si riversano su eletti ed illuminati che partecipano al dibattito.

Non solo.

In tutte le università occidentali, quelle cinesi, russe ed indiane ne sono immuni, sono invalse le ‘quote rosa‘ anche per la matematica. Newton, Gauss, Rieman e Poincaré sarebbero stati bocciati in un concorso in cui si fosse presentata con loro una femmina. Ma l’essere femmina non costituisce patente certa di brillanti doti matematiche.

Cercheremo di inquadrare adesso il problema, senza utilizzare la terminologia esoterica che lo rende alieno alla gente comune.

*

Why are there so few female maths professors in UK universities?

«Here’s an easy sum: if 94% of maths professors in British universities are men, what percentage are women?

No need to crack Fermat’s last theorem for that one: the correct answer is indeed 6% — a depressing figure just revealed in the first gender survey of UK mathematics departments. The study, commissioned by the Women in Mathematics Committee of the prestigious London Mathematical Society, has exposed the dispiriting truth that no numerical sleight of hand can disguise: maths boasts one of the most skewed gender balances of any university subject.

Things start off relatively positively: girls make up 40% of A-level maths students (though fewer take further maths), and the proportion studying for a first degree in maths is even a little higher, at 42%. But the subsequent trajectory runs broadly downhill, with numbers falling away to just 29% of female researchers, 19% at doctorate level, and the 6% handful who bag a professorship.»

*

Presso la London Mathematical Society  è istituito il Women in Mathematics Committee, con dotazione milionaria. Lo stesso dicasi per ogni qualsivoglia università occidentale: stranamente comitati del genere sono inesistenti in paesi come Cina, India, Russia.

Il dato di fatto consiste nella scarsa attrattiva che provano le femmine nei confronti della matematica e nella grande difficoltà che provano a comprenderla.

Situazione questa che angustia qualsiasi liberal benpensante e fa arrovellare l’intelletto delle femministe, alla ricerca della quadra.

Torniamo a ripetere: il problema non esisterebbe se non esistessero fiumi di denaro investiti nel settore.

* * * * * * *

Cerchiamo adesso di dare una qualche definizione dei termini usati.

Ci scusiamo con i Lettori se per qualche decina di righe li riportiamo ai ricordi di prima media, ma talora il tempo logora i ricordi.

Per quanto possa sembrare strano, quasi nessuno si è mai posto il problema di cosa sia la matematica.

Con il termine ‘matematica‘ indichiamo la scienza basata sulla dimostrazione incontrovertibile ed inoppugnabile.

La matematica altro non sarebbe che la pura e semplice applicazione della logica.

La matematica si fonda su di un corpo di definizioni, le più rigorose ed inequivocabili possibili, della terminologia usata. Per quanto possa sembrare strano, disporre di corrette definizioni è tutt’altro che intuitivo.

Dopo le definizioni si pongono i postulati, principi indimostrati la cui validità si ammette a priori per evidenza o convenzione allo scopo di fornire la spiegazione di determinati fatti o di costruire una teoria.

Anche ai giorni odierni il termine ‘assioma‘ è considerato essere sinonimo di ‘postulato‘, questo ultimo sarebbe più propriamente appannaggio della geometria, mentre ‘assioma‘ indicherebbe una qualsiasi proprietà non dimostrata che riguarda tutte le discipline scientifiche.

Si noti come definizioni e postulati possano essere ragionevolmente considerati essere logicamente equivalenti.

Sia le definizioni sia postulati sono arbitrari. Vedremo poi che lo sono entro margini oltremodo ristretti.

Date le definizioni ed i postulati il ragionamento che possa essere svolto su di essi utilizzando la logica non contraddittoria prende nome di matematica: ogni particolare risultato dedotto da definizioni e postulati prende nome di teorema, che si basa appunto sulla sua incontrovertibile dimostrazione.

La dimostrazione è vera, robusta, se rispetta in ogni suo passaggio il principio di non contraddizione.

Il principio di non-contraddizione afferma la falsità di ogni proposizione implicante che una certa proposizione A e la sua negazione, cioè la proposizione non-A, siano entrambe vere allo stesso tempo e nello stesso modo.

Una cosa è oppure non è. In altri termini, si enuncia il principio di identità.

Un sistema logico dove siano valide le comuni regole di inferenza e dove sia anche presente una contraddizione, ossia sia ‘vera‘ (completamente vera) una affermazione e anche la sua negazione, è privo di logica, di struttura e di informazione, poiché tutte le affermazioni sono vere (comprese le loro negazioni). E quindi non può essere interessante poiché non comunica informazione. In altre parole, è ‘falso’.

Quanto detto conduce inevitabilmente ad una constatazione di dato di fatto.

La matematica, essendo dimostrazione, è per sua natura astratta.

Ricordiamo come per ‘astrazione‘ si definisca quel processo mentale mediante il quale una cosa viene isolata da altre con cui si trova in rapporto, per considerarla come specifico oggetto di indagine.

Nota. Il problema è decisamente molto più complesso: in questa sede quanto esposto sembrerebbe essere sufficiente.

Da quanto detto emerge come la matematica sia tutt’altra cosa del calcolo, del computo. Le così dette matematiche orientali erano, e sono, ottimi esempi di calcolo: si davano soluzioni di alcuni particolari tipi di equazioni, ma mancando la dimostrazione, non vi si riscontrano toeremi generali, regole generali. Erano solo risoluzioni ci casi particolari. In poche parole: non sono matematiche.

*

Moltissime le conseguenze paramount. Alcune sono però di importanza fondamentale.

– I risultati forniti da un teorema, sempre che la dimostrazione sia perfetta, sono veri solo ed esclusivamente se siano veri definizioni e postulati dai quali dipendono. Per esempio: la somma degli angoli interni di un triangolo ammonta ad un angolo piatto sotto la condizione che tale figura giaccia in un piano. Questo enunciato non vale, né potrebbe valere, in uno spazio curvo, ovvero non piano.

– Tutte le scienze naturali sono descrivibili in termini matematici: a ciò consegue che la natura soggiace anch’essa al principio di non contraddizione.

* * * * * * *

«One of the largest gender differences in cognitive abilities is found in the area of spatial skills, with boys and men consistently outperforming girls and women. Spatial skills are considered by many people to be important for success in engineering and other scientific fields»

*

«Many girls and women report that they are not interested in science and engineering»

*

Una scorsa alla lista dei Premi Nobel consente di meglio comprendere i termini del problema.

Nel corso di 113 anni, hanno conseguito il Premio Nobel 816 maschi e 47 femmine.

Attenzione però.

Se si considerano i Premi Nobel ‘veri‘, quelli che davvero contano in campo scientifico, ossia quello per la fisica e quello per la chimica, i numeri son ben differenti.

Solo cinque donne: Marie Sklodowska-Curie (1903 per la fisica e 1911 per la chimica), Irène Curie-Joliot (1935 per la chimica), Maria Goeppert-Mayer (1963 per la fisica), Dorothy Crowfoot-Hodgkin (1964 chimica), Ada Yonath (2009 per la chimica).

Si noti come la Sklodowska-Curie sia l’unico ricercatore al mondo ad aver conseguito il premio sia per la Fisica sia per la Chimica.

La prof.ssa Sklodowska-Curie non aveva certo bisogno delle ‘quote rosa‘, né di dover grufolare nelle altrui alcove: è semplicemente uno dei massimi geni fisici che il mondo abbia avuto, ed i suoi meriti erano stati riconosciuti pienamente da una società ora definita ‘maschilista‘.

*

La International Medal for Outstanding Discoveries in Mathematics, o più semplicemente medaglia Fields, è un premio riconosciuto a matematici che non abbiano superato l’età di 40 anni in occasione del Congresso internazionale dei matematici della International Mathematical Union (IMU), che si tiene ogni quattro anni.

La medaglia Fields è spesso considerata come il più alto riconoscimento che un matematico possa ricevere. La medaglia Fields ed il premio Abel sono da molti definiti il “Premio Nobel per la Matematica“.

Dire che la medaglia Fields sia prestigiosa sarebbe ben riduttivo.

Orbene, nel 2011 essa fu conferita alla prof. Maryam Mirzakhani, 27enne, e purtroppo deceduta tre anni dopo di cancro mammario. Essa fu l’unica donna ad aver conseguito tale titolo.

* * * * * * *

Ora che il problema dovrebbe essere un po’ più chiaro, almeno nelle sue grandi linee, pigliamo in considerazione la prof. Rochelle Gutierrez, docente alla University of Illinois, autrice dell’articolo sotto riportato.

Estraiamo dal suo curriculum vitae:

Non è laureata in matematica.

Ecco il titolo della sua tesi:

«Beyond Tracking: How the Beliefs, Practices, and Cultures of High School Mathematics Departments Influence Student Advancement»

Questo il cursus honorum:

– Research Assistant.  Opportunity to Learn:  A Study of American High Schools (awarded by the National Science Foundation to Charles Bidwell and Anthony Bryk).

– Assistant Professor in the Department of Curriculum and Instruction, College of Education, University of Illinois at Urbana-Champaign  (Jan. 1996-Jan. 2002). Faculty Affiliate in Latina/Latino Studies. 

– Professor, Department of Curriculum and Instruction, College of Education, University of Illinois at Urbana-Champaign  (Aug. 2011 — present)Faculty Affiliate, Department of Latina/Latino Studies.

*

Quindi, la prof. Rochelle Gutierrez non insegna matematica, ancorché essendo inserita in una Facoltà di matematica. È Faculty Affiliate, ma appartiene al Dipartimento di Studi Latini: tutto tranne che matematica. Sarebbe l’equivalente di quelle che erano le nostre Scuole Magistrali. Quindi si sente autorizzata a parlare di matematica.

A riprova, ecco una prima parte delle sue pubblicazioni scientifiche, riportando quelle pubblicate sotto stringent editorial review by peers:

– Gutiérrez, R.  (2016).  Strategies for Creative Insubordination in mathematics teaching.  Teaching for Excellence and Equity in Mathematics, 7(1), 52-60.

– Gutiérrez, R.  (2015).  HOLA:  Listening to Latin@ students.  Mathematics Teacher, 109(4), 271-277.

– Gutiérrez, R.  (2012). Embracing “Nepantla:” Rethinking knowledge and its use in teaching. REDIMAT-Journal of Research in Mathematics Education, 1(1), 29-56

– Dance, L. J., Gutiérrez, R., Hermes, M. (2010).  More like jazz than classical:  Reciprocal interactions among educational researchers and respondents.  Harvard Educational Review.  80(3), 327-352.

– Gutiérrez, R.  (2009).  Embracing the inherent tensions in teaching mathematics from an equity stance.  Democracy and Education, 18(3), 9-16.

* * * * * * *

Nemmeno un lavoretto piccino piccino di matematica. Nemmeno unao straccetto di una qualsiasi dimostrazione.

A questo punto sorge spontanea una domanda.

Per quale motivo così tante persone, Rochelle Gutierrez, vogliono salire in cattedra per insegnare cose che non sanno?

Quella non sa nemmeno dove stia di casa la matematica.

Che poi ogni persona si arrabatti a sbarcare il lunario lo si comprende benissimo, ma non sarebbe stato male se si fosse limitata a settori innocui e, soprattutto, meno costosi per il Contribuente.

Questo è un ennesimo intervento che scardina il buon concetto che si possa avere delle donne. Ce ne è a sufficienza per diventare misogeni.

Nota Importante. Mrs Rochelle Gutierrez vorrebbe imporre al mondo di abbandonare Pi greco, perché greco, maschilista e, a quanto dice, segno ostentato di una supposta supremazia bianca sulle altre razze. Pi greco se ne fa nulla ed i cinesi si rifiutano di cambiare tutti i loro libri di matematica per star dietro ai contorsionismi della Gutierrez. Poi, il Pi greco serve ancora per fare quattro conti e ci sono fior di teoremi matematici su di esso: piaccia o non piaccia alla Mrs Gutierrez.

Nota.

Ma vi siete mai letti i programmi di matematica delle scuole inferiori russe, indiane, cinesi oppure sud koreane?

Vi siete mai letti i piani di studio universitari di queste nazioni?

No? Non importa. Quando vi metteranno ai lavori forzati ringraziate Mrs Rochelle Gutierrez ed i liberal.


Campus Reform. 2017-11-17. Prof: Algebra, geometry perpetuate white privilege

– Gutierrez worries that algebra and geometry perpetuate privilege because “emphasizing terms like Pythagorean theorem and pi” give the impression that math “was largely developed by Greeks and other Europeans.”

– She also worries that evaluations of math skills can perpetuate discrimination against minorities, especially if they do worse than their white counterparts.

*

A math education professor at the University of Illinois argued in a newly published book that algebraic and geometry skills perpetuate “unearned privilege” among whites.

Rochelle Gutierrez, a professor at the University of Illinois, made the claim in a new anthology for math teachers, arguing that teachers must be aware of the “politics that mathematics brings” in society.

“On many levels, mathematics itself operates as Whiteness. Who gets credit for doing and developing mathematics, who is capable in mathematics, and who is seen as part of the mathematical community is generally viewed as White,” Gutierrez argued.

Gutierrez also worries that algebra and geometry perpetuate privilege, fretting that “curricula emphasizing terms like Pythagorean theorem and pi perpetuate a perception that mathematics was largely developed by Greeks and other Europeans.”

Math also helps actively perpetuate white privilege too, since the way our economy places a premium on math skills gives math a form of “unearned privilege” for math professors, who are disproportionately white.

“Are we really that smart just because we do mathematics?” she asks, further wondering why math professors get more research grants than “social studies or English” professors.

Further, she also worries that evaluations of math skills can perpetuate discrimination against minorities, especially if they do worse than their white counterparts.

“If one is not viewed as mathematical, there will always be a sense of inferiority that can be summoned,” she says, adding that there are so many minorities who “have experienced microaggressions from participating in math classrooms… [where people are] judged by whether they can reason abstractly.”

To fight this, Gutierrez encourages aspiring math teachers to develop a sense of “political conocimiento,” a Spanish phrase for “political knowledge for teaching.”

Gutierrez stresses that all knowledge is “relational,” asserting that “Things cannot be known objectively; they must be known subjectively.”

Campus Reform reached out to Gutierrez for comment, but did not receive a response in time for publication.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca, Unione Europea

EU disgustata. Turkia, Ungheria e Polonia insegnano a scuola religione e patriottismo.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-23.

Unione Europea Eurpa 001

Poveri liberal e poveri socialisti ideologici! In rapida successione ha perso la Presidenza, il Congresso ed il Senato negli Stati Uniti, il Regno Unito ha abbandonato l’Unione Europea, i socialisti francesi sono crollati dal 62% all’8%, Herr Schulz e Frau Merkel sono riusciti a perdere 153 deputati al Bundestag, sono stati scalzati dall’Austria e cacciati a pedate nei denti dalla Repubblica Ceka. Sugli attuali ventotto paesi dell’Unione Europea, sono al governo solo in cinque, e tutti stati marginali.

Mr Juncker è sull’orlo del suicidio e molti temono che qualcuno possa dissuaderlo.

Così, dopo aver per lustri imposto i programmi scolastici, tra i quali spiccava l’educazione sessuale che formava i giovani a diventare dei perfetti omosessuali dediti a tutti le possibili perversioni, adesso si lamentano che stia avvenendo il processo contrario.

Con dei distinguo.

«In neighboring Romania, the minister of education sparked controversy by suggesting the introduction of a single school textbook system – with only one nationwide edition per subject and grade».

*

«School curricula in Turkey and EU states Hungary and Poland have been trending more toward patriotism and religion, with less emphasis on diversity»

*

«the government introduced mandatory religious education – with the option of attending ‘ethics’ classes instead, but this subject is hardly any different from religion»

*

«In Turkey, creationism has been present in textbooks since the 1980s»

* * * * * * *

Se gli attuali eurocrati, ed i loro fidi scudieri giornalisti si aspettavano che i “populisti” lasciassero insegnare nelle scuole le ideologie liberal e socialista, bene, allora avevano sbagliato, ed anche di molto.

I populisti insegnano ai bambini ed ai ragazzi i valori della patria e la sua storia: insegnano ad amare la propria nazione. Insegnano loro i rudimenti della religione, che è intima parte del loro retaggio.

Queste erano aberranti eresie agli occhi dei liberal e dei populisti, che però non esitavano a sbattere in galera i genitori che si fossero rifiutati di far frequentare ai propri figli le lezioni di omosessualità.

Ma ora non contano più che ben poco: le elezioni hanno tagliato i loro artigli e segato le loro zanne.

Due pesi e due misure, intolleranza estrema.

Poi si domandano perché mai gli Elettori li abbiano cacciati via.

Sono stati fin troppo pazienti.


Deutsche Welle. 2017-10-19. Turkey, Hungary and Poland: The politics of school textbooks

School curricula in Turkey and EU states Hungary and Poland have been trending more toward patriotism and religion, with less emphasis on diversity. Teachers and other education experts are voicing their criticism.

*

The image of schoolchildren marching in step reminds many Eastern Europeans of life under communist dictatorship, yet it could again become reality in Hungary. Prime Minister Viktor Orban has asked the Ministry of Defense and the Ministry of Human Resources to develop a patriotic homeland defense education program by the end of this year, which would be included in the national curriculum for Hungarian schools. 

‘Nationalistic and religious indoctrination’    

“Introducing military education in schools is not surprising: After the complete political and administrative takeover of schools, they are already more like military barracks than institutions for teaching and learning,” Peter Rado, a Hungarian expert on education policy and critic of the Orban government, told DW. He also expressed concern over the elimination of the free textbook market in Hungary.

In neighboring Romania, the minister of education sparked controversy by suggesting the introduction of a single school textbook system – with only one nationwide edition per subject and grade. Critics have warned that single textbooks would be reminiscent of the school system during Nicolae Ceausescu’s regime, paving the way for ideological control. 

Christiane Brandauer, from Germany’s Georg Eckert Institute for International Textbook Research, told DW a red line is crossed “if teaching aims at presenting a certain worldview as an absolute truth.”

From Peter Rado’s perspective, Hungary has crossed that red line, calling the new policy a “nationalistic and religious indoctrination” that goes beyond textbooks. “For example, the government introduced mandatory religious education – with the option of attending ‘ethics’ classes instead, but this subject is hardly any different from religion,” he said.

Theory of evolution: ‘Too complicated’

In Turkey, creationism has been present in textbooks since the 1980s. In the new academic year, Darwin’s theory of evolution has less space in the official school curriculum. Large parts of the theory are “too complicated” and “too controversial,” the Ministry of Education explained in an official statement. A new subject called “creatures and environment” is set to replace it.

Hatice Karahan, one of President Recep Tayyip Erdogan’s chief advisers, defended the Turkish curriculum in an interview with DW. Removing the theory of evolution from lesson plans does not “contradict” the progressiveness of Turkish schools, she said. “Countries have different curricula, and many of our schools focus on technical subjects.”

Academics and politicians from the opposition have strongly condemned the changes. “Removing a proven theory from the curriculum means sidelining wisdom and science,” said Baris Yarkadas, a member of Turkey’s largest opposition party, CHP. “The [ruling Justice and Development Party] government is replacing it with a program including Sharia principles.”

Critics of these changes see them as an attempt to weaken Turkey’s secular ideals. They also point out that in comparison to previous versions, the current curriculum left less space for modern Turkey’s founder, Mustafa Kemal Ataturk, who introduced secular reforms.

Historical revisionism?   

History textbooks can allow governments the opportunity to cast political figures in a positive light. In Russia, a book on Josef Stalin’s campaign of repression was declared “dangerous to the health of students.” Its author, history professor Andrei Suslov, has taken the issue to court. Stalin’s dictatorship is framed in Russian schools as having been necessary for its time. He is depicted as the hero who defeated the Nazis in World War II, despite operating gulags and persecuting his political opponents.

Addressing political figures can also impact the present. In Hungary, one textbook quotes Prime Minister Orban several times and includes a speech he delivered on the refugee crisis. Students learn that Hungary is a culturally homogeneous country – unlike former colonial powers – as an argument against accepting refugees.      

Good migrants, bad migrants   

The current refugee crisis has also found its way into Polish school textbooks. In a seventh grade “civic science” class, students learn that migrants have “positive or negative effects.”

“I don’t know if I should laugh or cry at this,” Jacek Staniszewski, a teacher from Warszaw and member of the European Association of History Educators (Euroclio), told DW. “The textbook says that migrants from Ukraine can fill gaps in the Polish labor market, while those who come from other cultures and religions cause social conflicts.” Staniszewski is critical of education reform pushed by the country’s ruling Law and Justice Party (PiS), which abolished the middle school model and reinstated the eight-year elementary school system used during communist rule. 

‘My students deserve more than just one perspective’

In Polish schools, subjects like history have taken on more importance. But the changes to the curriculum have also drawn criticism. “This curriculum divides people into us and them – the narrative shapes our identity against some nations like the Germans and the Russians,” said Staniszewski.

From this school year on, lessons in fourth grade don’t start with ancient history, as they did before, but with the 10th century, when the Christian ruler Miezko I founded Poland. For one year, children study a long list of Polish national heroes, said Staniszewski, adding: “My task is to show greatness – but history is not all about great people. And maybe they were not that great all the time.”  

“My students deserve more than just one perspective,” said the teacher, who does not plan to change his style of educating. “It’s up to them to choose one and debate with me.” Unlike in Hungary, Polish teachers can choose from a multitude of textbooks. “Our government is naive enough to try to indoctrinate people, but history shows that it’s not going to work,” said Staniszewski. “Communism hasn’t succeeded in indoctrinating people in 50 years.”    

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

PD. ‘I bambini italiani imparino l’arabo per integrarsi.’

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-07.

2017-10-06__Arabi__001

يحتاج الأوروبيون إلى تعلم التحدث باللغة العربية.

Lo insegnavano compiutamente alle Frattocchie, ma il buon insegnamento non si disperde.

«I bambini dovrebbero imparare a parlare l’arabo per fare un percorso inverso e contribuire all’integrazione …. l’insegnamento della lingua araba a tutti».

Questa è la proposta della sig.ra Sofia Zemmale, consigliera del partito democratico presso il Comune di Rivalta.

* * * * * * *

Cerchiamo allora di ragionare come ragiona e ragionerebbe un buon iscritto al partito democratico.

  1. Si istituisce l’Agenza per lo studio dell’arabo.

  2. Una sede nazionale con presidente, cda, ed almeno tremila funzionari.

  3. Una sede in ogni capoluogo di regione, con presidente, cda, ed almeno un migliaio di funzionari.

  4. Una sede in ogni Comune, con un presidente, un cda, ed almeno un funzionario per ogni classe scolastica ivi presente.

  5. Un corpo docente, due per ogni classe, da selezionarsi all’interno degli iscritti al partito democratico.

*

Per il personale docente la conoscenza della lingua araba è benvenuta, ma sicuramente non necessaria, per non discriminare gli iscritti che non la conoscessero.

*

Gli oneri derivanti dall’istituzione di codesta agenzia saranno ripartiti pro quota tra le regioni il cui presidente non sia incardinato nel partito democratico.

I fondi europei raccolti per codesta iniziativa avanzata saranno versati direttamente sui conti correnti svizzeri della dirigenza del partito democratico.

InNews24. 2017-10-02. PD: “Bambini italiani imparino l’arabo per integrarsi”

A sentire il PD si prospettano tempi duri per i bambini italiani, che in alcune classi quest’anno si sono ritrovati ad essere minoranza nel nostro Paese e questo creerà notevoli problemi riguardo difficltà nell’inserimento e nell’apprendimento della lingua madre, visti appunto la maggior parte di bambini stranieri provenienti da ogni dove. Se non bastasse questo, una violenta polemica verbale è scoppiata nel primo Consiglio Comunale post pausa estiva nel comune di Rivalta. Durante il momento delle interrogazioni, una consigliera di maggioranza, tesserata per il pd (partito democratico), ha lanciato una proposta che ha suscitato da subito polemiche in seno all’aula consigliare e poi anche fuori, dove alcuni cittadini hanno chiesto le dimissioni di Sofia Zemmale (questo il nome della Consigliera Pd, nata a Casablanca nel 1975 ma cittadina italiana e residente da noi da 20 anni). Ecco le sue parole:

“I bambini dovrebbero imparare a parlare l’arabo per fare un percorso inverso e contribuire all’integrazione”, ha detto in aula suggerendo “l’insegnamento della lingua araba a tutti”.

Immediato e diremo quasi scontato l’intervento dell’opposizione, in particolare del consigliere di Forza Italia Michele Colaci, che ha stigmatizzato le parole della Zemmale, criticandola in modo aspro, con queste parole: “Per la sinistra, evidentemente non è importante se i bambini hanno poca dimestichezza con l’inglese, il cinese, il tedesco, utili per il loro futuro: è importante invece – ha dichiarato – affrettarsi a imparare l’arabo, per far integrare i compagni di classe islamici. Penso che la scuola italiana dovrebbe insegnare la nostra cultura ai figli degli immigrati e non viceversa”.

Colaci poi ha sottolineato qual è a suo avviso la vera emergenza nelle scuole: ” La manutenzione: un problema che aspetta rapide soluzioni”.