Pubblicato in: Istruzione e Ricerca, Scienza & Tecnica

Nature. Studiando una carota di 584 metri è stata ricostruita la storia climatica della Groenlandia.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-02.

2019-10-17__Nature Grenlandia 001

«These findings constrain the possible response of the Greenland ice sheet to climate forcings.»

«Atmospheric models show extreme disagreement regarding the quantity of dust transported from Iceland to East Greenland»

* * * * * * *


La storia dei ghiacciai della Groenlandia svelata dalla polvere

Applicato per la prima volta un approccio completamente nuovo per studiare le variazioni del margine orientale della calotta. La ricerca si è basata sull’analisi di una carota di ghiaccio di 584 metri di profondità prelevata presso il sito di Renland nella regione di Scoresby Sund.

In uno studio pubblicato su Nature Communications il 3 Ottobre 2019, che ha visto coinvolto un team internazionale di ricercatori tra i quali Barbara Delmonte e Giovanni Baccolo del laboratorio Eurocold del dipartimento di Scienze dell’ambiente e della terra dell’Università di Milano-Bicocca, è stato per la prima volta applicato un approccio completamente nuovo per studiare le variazioni del margine orientale della calotta di ghiaccio della Groenlandia.

La ricerca si è basata sull’analisi di una carota di ghiaccio di 584 metri di profondità prelevata presso il sito di Renland (71.30°N, 26.72°W, 2315 m s.l.m.), ubicato nella regione di Scoresby Sund, periferica rispetto alla calotta e quindi molto sensibile alle oscillazioni del margine glaciale. Attraverso l’analisi delle polveri minerali provenienti dalle regioni proglaciali, sollevate e trasportate dal vento negli ultimi 120.000 anni, è stato possibile distinguere in modo inequivocabile i periodi in cui la calotta copriva queste aree marginali dai periodi in cui le aree proglaciali erano libere da ghiaccio e sottoposte all’azione dei venti. 

La ricostruzione dell’estensione delle calotte glaciali polari nel passato in risposta a cambiamenti climatici repentini o di lungo periodo è di fondamentale importanza per i modelli climatici, in quanto è un parametro fondamentale per la stima del contributo delle calotte all’innalzamento del livello del mare. Solitamente, questo tipo di ricostruzione si basa su diversi parametri, come l’età di esposizione delle rocce nelle aree deglaciate circostanti i ghiacciai oppure la datazione di reperti organici.

La calotta glaciale della Groenlandia è oggi particolarmente sensibile alle variazioni climatiche in atto. Tuttavia la ricostruzione dei limiti della calotta in epoche antecedenti l’Ultimo massimo glaciale – il periodo dell’ultima glaciazione, conclusosi circa 18.000 anni fa, durante il quale si ebbe la massima espansione dei ghiacci – è molto difficile a causa della rimozione e del rimaneggiamento dei materiali ad opera dei ghiacciai in avanzata durante i periodi freddi. Ciò inevitabilmente impedisce di ricostruire il comportamento della calotta prima dell’ultima grande avanzata glaciale e durante le variazioni climatiche repentine verificatesi più di una ventina di volte nell’ultimo periodo glaciale, tra circa 116.000 e 18.000 anni dal presente.

Grazie alla precisa datazione della carota è stato possibile affermare che il margine orientale della calotta era in fase di avanzata tra 113400±400 e 111000±400 anni dal presente, ovvero durante l’inizio dell’ultima era glaciale. Al contrario, era in fase di progressivo ritiro tra 12100±100 e 9000±100 anni dal presente, ovvero durante la prima parte dell’interglaciale in cui viviamo, l’Olocene.

Non sono state però rilevate evidenze significative di cambiamenti al margine della calotta durante l’ultimo periodo glaciale e specialmente in corrispondenza degli eventi di “Dansgaard-Oeschger”, caratterizzati da un riscaldamento climatico repentino seguito da un più graduale ritorno a condizioni glaciali.

Non bisogna dimenticare che la polvere minerale depositata sulla calotta glaciale rappresenta uno dei fattori che contribuisce all’annerimento della neve superficiale (riduzione dell’albedo) con conseguente fusione del ghiaccio e perdita di massa. L’importanza di questo studio è quindi duplice: da un lato ha permesso di stimare i tempi di risposta della calotta nei confronti delle variazioni climatiche naturali avvenute nel passato, dall’altro ha fornito elementi che permetteranno in futuro di quantificare il contributo delle polveri minerali nei processi di “feedback” (retroazione) tipici del sistema climatico.

* * * * * * *


East Greenland ice core dust record reveals timing of Greenland ice sheet advance and retreat

Abstract

Accurate estimates of the past extent of the Greenland ice sheet provide critical constraints for ice sheet models used to determine Greenland’s response to climate forcing and contribution to global sea level. Here we use a continuous ice core dust record from the Renland ice cap on the east coast of Greenland to constrain the timing of changes to the ice sheet margin and relative sea level over the last glacial cycle. During the Holocene and the previous interglacial period (Eemian) the dust record was dominated by coarse particles consistent with rock samples from central East Greenland. From the coarse particle concentration record we infer the East Greenland ice sheet margin advanced from 113.4 ± 0.4 to 111.0 ± 0.4 ka BP during the glacial onset and retreated from 12.1 ± 0.1 to 9.0 ± 0.1 ka BP during the last deglaciation. These findings constrain the possible response of the Greenland ice sheet to climate forcings.

Introduction

Although ice cores are geographical point measurements, they represent a record of air, water and aerosols transported to the ice over regional or even hemispheric scales. In contrast, reconstructions of past ice sheet limits are typically limited to the locations of the individual measurements1,2. These measurements include dating of moraines and subglacial rocks by cosmogenic surface-exposure methods and radiocarbon dating of exposed organic material3. Although East Greenland is mountainous and relatively inaccessible, the deglacial timing and location of the ice sheet margin has been intensively studied, particularly in the locality of Scoresby Sund and Milne Land. It is a challenge to investigate changes in ice sheet extent prior to the LGM, due to the removal and/or reworking of chronological features such as moraines and erratics. Hence there are large dating uncertainties regarding glacial advance after the Eemian4. Ice core dust records may complement this research because ice caps and ice sheets are sensitive recorders of aeolian dust, such as that deflated from glacial outwash plains5, and ice cores typically feature accurate chronologies over multimillennial timescales6.

Records of past dust deposition have been reconstructed from central Greenland ice cores, yet no single record covers the last glacial cycle entirely. Representative dust fluxes for the Holocene have been reported as 24 ± 9 mg m−2 yr−1 from the South Greenland DYE-3 core7,8 and Steffensen9 reported fluxes of 7–11 mg m−2 yr−1 from the central Greenland GRIP core. During the last glacial period, the ice core dust concentration was 10–100 times greater than in the Holocene due to enhanced continental aridity, increased wind strength, lower snow accumulation and longer atmospheric particle lifetime9,10,11. Around 90% of the dust mass in central Greenland during the Holocene and 95% during the glacial comes from particles smaller than 4 μm, as large particles are depleted during transport due to gravitational settling9.

The provenance of dust in Greenland ice cores has been primarily assigned by comparing geochemical parameters with likely dust sources in arid zones of the Northern Hemisphere. Mineralogy and strontium/neodymium isotope ratios12,13 provide the classic means of establishing dust provenance, with central Asian deserts (the Gobi and Taklamakan in particular) providing the best geochemical matches to the dust found in central Greenland during both the Holocene and last glacial. Bory et al.14, also investigated late Holocene ice from two small coastal Greenland ice caps, Renland and Hans Tausen, identifying greater dust fluxes with distinctly less-radiogenic Sr and Nd isotope ratios (i.e. lower εNd, higher 87Sr/86Sr) compared to central Greenland ice cores. Although no representative source was identified, Bory et al. speculated that a potential contributor was the Caledonian fold belt, a formation that comprises most of North and East Greenland14 and for which less-radiogenic Sr isotopic signatures have been reported15.

The dust record of the RECAP ice core was obtained from the Renland ice cap in the Scoresby Sund region of central East Greenland. The RECAP ice core (71.30°N, 26.72°W, 2315 m asl) was drilled in June 2015 less than 2 km from the site of the 1988 Renland ice core16. The surface elevation at the drill site is comparable to the DYE-3 (2490 m asl) and NEEM (2450 m asl) ice cores. The core reaches 584 m to bedrock, and contains a complete climate record back to 120 ka b2k (before 2000 CE) (see Supplementary Note 1, Supplementary Figs. 13 for information regarding the time scale). It was drilled into a topographic valley, resulting in a thick and well-resolved Holocene sequence (533 m), a strongly thinned glacial sequence (20 m) and a partially-preserved Eemian sequence (8 m) above 23 m of stratigraphically disturbed ice. The coastal location of the Renland ice cap provides important geographic climate information that can be compared with central Greenland ice cores as well as providing a sensitive indicator of changes at the margins of the Greenland ice sheet.

We use the RECAP large dust particle record (larger than 8 μm) as an indicator of the presence of local dust sources and present new isotope geochemistry data constraining the likely sources of dust found on the Renland ice cap. The RECAP dust record also provides an independent age constraint on changes to local relative sea level and the location of the East Greenland ice sheet margin, which are both important controls on the presence of dust deflation sources through the onset of the glacial and the deglaciation. During both the Holocene and the previous interglacial period (the Eemian) the ice core dust record was dominated by coarse particles likely to originate from Kong Christian X Land in central East Greenland. We infer the East Greenland ice sheet margin advanced from 113.4 ± 0.4 to 111.0 ± 0.4 ka BP during the glacial onset and retreated from 12.1 ± 0.1 to 9.0 ± 0.1 ka BP during the last deglaciation. These findings provide important constraints for ice sheet models used to investigate the sensitivity of the Greenland ice sheet to climate forcing parameters.

Results

RECAP dust record

The RECAP dust record (Fig. 1, Supplementary Fig. 4) confirms previously reported features of central Greenland dust records such as extreme concentration variability during stadial/interstadial cycles. The dust record also displays unusually high concentrations during the interglacials. Dust records from central Greenland ice cores (DYE-3, GRIP, GISP2, NGRIP) consistently feature low concentrations in the Holocene (<102 µg kg−1) and high glacial stadial concentrations (>103 µg kg−1)17. In contrast, the RECAP dust record displays intermediate concentrations during the Holocene (5–11.7 ky b2k, 305 ± 117 µg kg−1, 1σ error bounds) and late Eemian (119.0–120.8 ka b2k, 861 ± 402 µg kg−1, 1σ error bounds) with higher concentrations in the glacial stadials (>103 µg kg−1) and lower concentrations in the glacial interstadials (<200 µg kg−1). We evaluate the glacial and interglacial sections of the RECAP dust record separately below.

Considering the glacial section (11.7–119.0 ka b2k) of the RECAP dust record, we find similar features of the dust record (concentrations, particle size mode, scales of variability) to central Greenland ice cores. RECAP dust concentrations varied by a factor of 10–100 between mild interstadial and cold stadial periods commonly known as Dansgaard-Oeschger events18. These changes are attributed to changes in aridity and dust storm activity in central Asian deserts as well as hemispheric-scale atmospheric circulation patterns19,20. We compare the RECAP dust record to the NGRIP ice core, which is the longest continuous central Greenland dust record available10. We observe a Pearson correlation coefficient of 0.95 ± 0.01 between the log-scaled 100-year mean RECAP and NGRIP glacial dust records. The NGRIP dust concentration is 1.7 ± 0.2 times greater than the RECAP dust concentration. Assuming an identical dust flux to the two sites, the different dust concentrations can be explained by the different snow accumulation rates at NGRIP (19 cm ice equivalent yr−1)21 and RECAP (45 cm ice equivalent yr−1). The accumulation difference alone explains the higher dust concentrations in NGRIP compared to RECAP, without the need to invoke differences in source activity or atmospheric dust transport. The mode of the RECAP glacial dust size distribution, i.e. the particle size contributing most to the total mass (see Methods for calculation of the mode), is also in good agreement with those reported for central Greenland ice cores. The RECAP glacial dust size distribution mode is 2.22 ± 0.02 µm, compared to 1.73 µm for NGRIP (Fig. 2)10. The close similarities of dust concentrations and particle size distributions strongly suggest the glacial dust deposited at RECAP, GRIP, GISP2 and NGRIP originated from a common source18. In the absence of geochemistry data for RECAP glacial dust, we assume that the central Asian dust source determined for other Greenland ice cores12,13 also provided dust to Renland ice cap throughout the glacial.

The RECAP dust record also confirms previous findings of surprisingly high interglacial dust concentrations at coastal Greenland ice core sites compared to central Greenland ice core sites. Bory et al.14, reported elevated late Holocene dust concentrations in coastal Greenland ice cores from Renland (1360 µg kg−1, dated 1604–1662 CE) and Hans Tausen (476 µg kg−1, dated ca. 1000 CE) ice caps, which are similar to those reported here for RECAP interglacial samples. In comparison, dust concentrations in contemporaneous central Greenland ice core samples ranged from 35 to 123 µg kg−1. The elevated interglacial dust concentrations found at Renland and Hans Tausen suggest an alternate or additional source of dust impacts on coastal East and Northeast Greenland but not the central Greenland ice core sites.

Further support for an additional coastal Greenland interglacial dust source is provided by particle size distributions in the RECAP ice core, which reveal a much larger particle mode than those found in central Greenland ice cores. The mode of the RECAP Holocene size distribution is 19.6 ± 1.0 µm, compared to 1.47 µm for NGRIP (Fig. 2). Furthermore, the NGRIP and RECAP glacial dust size distributions are concave with power law tails, whereas the Holocene RECAP size distribution is bimodal and therefore indicative of contributions from two distinct sources. A power law was fitted to the tail of the RECAP Holocene particle size distribution between 4 and 6 µm and the concentration of excess particles in the size range 0.9–2.5 µm was determined. The mode of these small RECAP Holocene particles is 1.88 ± 0.04 µm (Fig. 2, see Methods for details on separating the two distributions), consistent with that of NGRIP early Holocene ice. The large RECAP Holocene particle mode (19.6 ± 1.0 µm) suggests a dust source local to Renland ice cap, as such large particles are rapidly sedimented and typically reside in the atmosphere for less than a day19.

To better characterize changes in large and small particle deposition in the RECAP dust record, we identify two particle size ranges representative of these modes and determine their concentrations over time. The small (1.25–2.9 µm) and large (8.13–10.5 µm) particle size ranges are shown in Fig. 2 and, respectively, correspond to size ranges assigned to ‘distal’ and ‘local’ dust sources in a comparable study22. The record of RECAP large particles (Fig. 1) shows elevated values during interglacials (Holocene 66 ± 28 µg kg−1 and late Eemian 205 ± 170 µg kg−1, durations as previously defined) and low values during the glacial (14 ± 21 µg kg−1). During the Holocene, RECAP large particle concentrations peak (135 µg kg−1) at 7.8 ± 0.1 ka b2k coinciding with the Holocene climatic optimum at Renland23. This coincidence may mark the maximum extent and/or activity of the local East Greenland dust production zone, which is the product of both the retreating ice sheet margin and the lowering relative sea level. Northern Hemisphere insolation was at a maximum during the Holocene climatic optimum, implying a maximum rate of meltwater runoff from the Greenland ice sheet even if the ice sheet continued to lose elevation (and therefore mass) until ~7 ka b2k23. Available reconstructions indicate that the central east Greenland deglacial response in relative sea level change was almost complete by 8 ka b2k24,25,26. This suggests that relative sea level decrease may have had a greater influence than ice margin retreat with respect to the establishment of dust production areas local to Renland ice cap. Three instances of high concentrations of large particles are found in the glacial, and all correspond to the ages of tephra layers previously identified in central Greenland ice cores (26, 55 and 81 ka b2k)27, although geochemical measurements have not yet been undertaken to confirm a volcanic source for these large particles. Otherwise, RECAP large particle concentrations vary by a factor of just 2.6 ± 0.5 throughout the glacial stadials and interstadials (Supplementary Note 2, Supplementary Fig. 5), which is consistent with a factor 2 variability in the snow accumulation rate in central Greenland28,29. If the snow accumulation rate at Renland follows the same pattern, the glacial large particle concentration variations can be explained solely by variations in snow accumulation, suggesting the location of the central East Greenland ice sheet margin did not change significantly through the rapid stadial/interstadial cycles. Furthermore the data suggest a small but constant flux of dust from local sources was transported to Renland ice cap throughout the glacial.

….

Pubblicato in: Istruzione e Ricerca, Scienza & Tecnica

Asse magnetico terrestre in rapido spostamento, ma Greta lo fermerà.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-07.

2019-10-08__Clima Magnete

Negli ultimi mesi sono stati pubblicati alcuni lavori di grande interesse scientifico, e che potrebbero avere ripercussioni non indifferenti su tutte le popolazioni mondiali. Non introducono concetti scientifici nuovi, ma li presentano con grande ricchezza di dati sperimentali che sembrerebbero consentire la formulazione di teorie scientifiche autoconsistenti.

* * * * * * *

Hui Li, Chi Wang, Huijun Wang, Cui Tu, Jiyao Xu, Fei Li, Xiaocheng Guo

Plausible modulation of solar wind energy flux input on global tropical cyclone activity.

Journal of Atmospheric and Solar-Terrestrial Physics. Volume 192, 1 October 2019, 104775.

https://doi.org/10.1016/j.jastp.2018.01.018

* * *

«Highlights

– Global tropical cyclone activity is modulated by solar wind energy flux.

– Tropical cyclones are more intense with higher geomagnetic activities.

– A possible mechanism is proposed and some evidences are also presented.

Abstract

Studies on Sun-climate connection have been carried out for several decades, and almost all of them focused on the effects of solar total irradiation energy. As the second major terrestrial energy source from outer space, the solar wind energy flux exhibits more significant long-term variations. However, its link to the global climate change is rarely concerned and remains a mystery. As a fundamental and important aspect of the Earth’s weather and climate system, tropical cyclone activity has been causing more and more attentions. Here we investigate the possible modulation of the total energy flux input from the solar wind into the Earth’s magnetosphere on the global tropical cyclone activity during 1963–2012. From a global perspective, the accumulated cyclone energy increases gradually since 1963 and starts to decrease after 1994. Compare to the previously frequently used parameters, e.g., the sunspot number, the total solar irradiation, the solar F10.7 irradiation, the tropical sea surface temperature, and the south oscillation index, the total solar wind energy flux input exhibits a better correlation with the global tropical cyclone activity. Furthermore, the tropical cyclones seem to be stronger with more intense geomagnetic activities. A plausible modulation mechanism is thus proposed to link the terrestrial weather phenomenon to the seemingly-unrelated solar wind energy input.»

* * * * * * *

Yves Gallet, Vladimir Pavlov, Igor Korovnikov

Extreme geomagnetic reversal frequency during the Middle Cambrian as revealed by the magnetostratigraphy of the Khorbusuonka section (northeastern Siberia).

Earth and Planetary Science Letters. Volume 528, 15 December 2019, 115823.

https://doi.org/10.1016/j.epsl.2019.115823

***

«Highlights

– We present the magnetostratigraphy of the Khorbusuonka section (northeastern Siberia).

– Numerous polarity reversals are observed during the Drumian stage (Middle Cambrian).

– A magnetic reversal frequency >20 reversals per Myr is estimated for the Drumian.

– A sharp decrease in reversal rate is found around the Middle-Upper Cambrian boundary.

– These results confirm the existence of a hyperactive reversing mode of the geodynamo.

Abstract

We present new magnetostratigraphic results obtained for the Drumian stage (504.5–500.5 Ma; Epoch 3/Middle Cambrian) from the Khorbusuonka sedimentary section in northeastern Siberia. They complement previous data that did not allow the determination of a reliable estimate of the geomagnetic reversal frequency during this time. Magnetization of the samples is carried by a mixture of magnetite and hematite in various proportions. Thermal demagnetization makes it possible to distinguish two magnetization components. The low unblocking temperature (<350 °C) component has a steep inclination and likely originates from remagnetization in a recent field. At higher temperatures, the magnetization isolated possesses the two polarities. Its direction is usually well determined; however, for a noticeable set of samples, a strong overlap between the demagnetization spectra of the two components prevents the determination of reliable directions, although their polarities are well established. The directions from 437 samples define a sequence of 78 magnetic polarity intervals, 22 of which are observed in a single sample. Biostratigraphic data available from the Khorbusuonka section indicate that the duration of the studied section is ∼3 Myr. A geomagnetic reversal frequency of 26 reversals per Myr is therefore estimated for the Drumian, reduced to 15 reversals per Myr if only the polarity intervals defined by at least two consecutive samples are retained. This is an extreme reversal rate, similar to that reported for the Late Ediacaran (late Precambrian), ∼50 Myr earlier, and proposed to be potentially linked to a late nucleation of the inner core. The reversal frequency appears to have drastically dropped for ∼3–4 Myr from a value probably >20 reversals per Myr during the Drumian to ∼1.5 reversals per Myr during the Furongian/Upper Cambrian. Such a sharp decrease is consistent with a transition at a ∼1-Myr timescale, probably caused by threshold effects in core processes, between two geodynamo modes, one characterized by reversals occurring at frequencies ranging from 1 to 5 reversals per Myr, and the other marked by hyperactivity of the reversing process, with reversal rates >15 reversals per Myr.»

* * * * * * *


Inversione ‘superveloce’ dei poli magnetici della Terra

L’inversione dei poli magnetici della Terra avviene più velocemente del previsto: particelle magnetiche trovate in rocce sedimentarie della Siberia indicano che 500 milioni di anni fa Nord e Sud magnetici si sono invertiti circa 80 volte nell’arco di pochi milioni di anni. La scoperta, pubblicata sulla rivista Earth and Planetary Science Letters, si deve alla ricerca coordinata da Yves Gallet, dell’università di Parigi e del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (Cnrs).

Analizzando i sedimenti raccolti nel fiume Khorbusuonka, nella Siberia nord-orientale, i ricercatori hanno trovato le prove dell’inversione dei poli magnetici nell’orientamento delle particelle di due minerali, la magnetite e l’ematite, il cui allineamento ai poli magnetici terrestri è rimasto ‘intrappolato’ nelle rocce in modo permanente.

Nei 437 campioni studiati, i geologi hanno identificato il numero record di 78 inversioni di polarità avvenute nell’arco di 3 milioni di anni. “Dal punto di vista magnetico, la Terra ha alternato fasi particolarmente stabili, come accaduto nel periodo compreso tra 118 e 83 milioni di anni fa, a fasi dinamiche, con frequenti inversioni del campo magnetico terrestre”, ha detto all’ANSA Aldo Winkler, del laboratorio di Paleomagnetismo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

“Negli ultimi 20 milioni di anni – ha aggiunto – le inversioni del campo magnetico terrestre sono avvenute al ritmo di qualche centinaio di migliaia di anni, l’ultima, circa 780.000 anni fa”. Le inversioni, ha spiegato, “avvengono durante periodi di bassa intensità del campo e dipendono dalle complicate dinamiche nel confine tra nucleo esterno e mantello”.

Non è affatto chiaro se questi eventi siano collegati o meno ad alcune estinzioni di massa, ma secondo l’esperto, “non sono state trovate significative correlazioni, anche considerando che il genere umano è sopravvissuto a molte di queste inversioni”. Il fenomeno oggi “creerebbe problemi soprattutto a satelliti e reti elettriche che potrebbero essere bombardati da particelle solari e raggi cosmici perché il campo magnetico indebolito ha più difficoltà a fare da scudo”.

* * * * * * *

«Negli ultimi 20 milioni di anni – ha aggiunto – le inversioni del campo magnetico terrestre sono avvenute al ritmo di qualche centinaio di migliaia di anni, l’ultima, circa 780.000 anni fa”. Le inversioni, ha spiegato, “avvengono durante periodi di bassa intensità del campo e dipendono dalle complicate dinamiche nel confine tra nucleo esterno e mantello»

«Global tropical cyclone activity is modulated by solar wind energy flux»

«Tropical cyclones are more intense with higher geomagnetic activities»

«Studies on Sun-climate connection have been carried out for several decades, and almost all of them focused on the effects of solar total irradiation energy»

«As the second major terrestrial energy source from outer space, the solar wind energy flux exhibits more significant long-term variations»

«However, its link to the global climate change is rarely concerned and remains a mystery»

«As a fundamental and important aspect of the Earth’s weather and climate system, tropical cyclone activity has been causing more and more attentions. Here we investigate the possible modulation of the total energy flux input from the solar wind into the Earth’s magnetosphere on the global tropical cyclone activity during 1963–2012»

«Compare to the previously frequently used parameters, e.g., the sunspot number, the total solar irradiation, the solar F10.7 irradiation, the tropical sea surface temperature, and the south oscillation index, the total solar wind energy flux input exhibits a better correlation with the global tropical cyclone activity»

«Furthermore, the tropical cyclones seem to be stronger with more intense geomagnetic activities»

* * * * * * *

La temperatura della crosta terrestre e le sue variazioni locoregionali sono fenomeni altamente complessi, ove sono in gioco una considerevole quantità di fenomeni, alcuni dei quali possono anche funzionare da trigger. Punto nodale è che nel momento in cui si trovassero reclutati in fase si assisterebbe a variazioni di enorme portata.

Nota.

Almeno per il momento, non esistono studi che mettano in relazione le emissioni dei motori diesel e gli spostamenti degli assi magnetici né del sole né della terra.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Italia. Un addetto alla scuola ogni 5.57 studenti, sei volte più che in Cina.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-06.

2019-07-17__Scuola_Italiana__001

Il Miur, nel Portale Unico dei Dati della Scuola, mette a disposizione numerose tabelle numeriche.

Docenti a tempo indeterminato. Scuola statale Aggiornato a tutto il 2018-08-31.

ATA titolari per genere e fascia di eta’. Scuola statale. Aggiornato a tutto il 2019-03-04.

*

L’Italia ha 8,481,183 persone in età scolare.

Il numero dei docenti a tempo indeterminato assomma a 1,346,487 unità lavorative.

Il numero geli Ata, acronimo di personale amministrativo, tecnico ed ausiliare, a tempo indeterminato assomma a 183,425 unità lavorative.

Il totale del personale a tempo indeterminato è quindi 1,346,487 + 183,425 = 1,529,912 addetti.

A questo numero dovrebbe essere aggiunto il personale non a tempo determinato, sul quale non sono però al momento disponibili statistiche recenti. Sono grosso modo stimabili trai 300,000 ed i 400,000 addetti.

Ragionando quindi sui soli dati disponibili emerge che in Italia vi siano:

– 6.29 studenti per ogni docente a tempo indeterminato;

– 5.57 studenti per ogni addetto alla scuola a tempo indeterminato.

Queste cifre sono tre volte maggiori di quelle riscontrabili per classi omologhe negli Stati Uniti, cinque volte maggiori per la Russia e sei volte maggiori per la Cina.

Tuttavia, mentre negli Stati Uniti, in Russia ed in Cina non risulterebbe che gli studenti siano particolarmente mal preparati, gli studenti italiani emergono essere particolarmente mal preparati.

Questi sono i risultati dell’Invalsi, pubblicati il 10 luglio.

«le scuole del Nord che riescono a mantenere un buon livello degli studenti durante tutto il percorso e le scuole di regioni come la Campania, la Calabria e la Sicilia in cui la metà degli studenti arriva alla Maturità con l’insufficienza sia in italiano che in matematica»

«soltanto due studenti su tre posseggono alla fine del percorso le competenze di base richieste dai programmi scolastici»

«matematica: se in terza media tre ragazzi su 5 (61,33 per cento) hanno appreso in maniera sufficiente o di più il programma, alla fine delle scuole superiori sono solo il 58,3 per cento quelli che si possono considerare «promossi»»

«in Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna dove addirittura la situazione è rovesciata: il 60 per cento degli studenti non è sufficiente»

«Inglese: per quanto riguarda la comprensione orale solo uno studente su tre riesce a raggiungere il livello richiesto»

«i dati sulla lettura in inglese: il 51,8 per cento degli studenti di quinta superiore, cioè uno su due, arriva al livello B2. Ma resta un risultato comunque insoddisfacente»

«Si conferma anche per la quinta superiore il divario tra le regioni del Nord nelle quali l’insufficienza grave nelle prove di italiano è quasi fisiologica al di sotto del 10 per cento e quelle del Sud dove sfiora il 20 per cento in Puglia e Molise e supera il 25 in Calabria»

«Ma il vero problema della scuola superiore in Italia resta la matematica: ci sono regioni come la Calabria, la Campania e la Sicilia dove il 60 per cento dei ragazzi non ha raggiunto le competenze minime richieste dai programmi»

* * * * * * *

Nel corso degli ultimi decenni la scuola ha subito una burocratizzazione che supera ampiamente quella che vigeva nella passata Unione Sovietica e nella Cina della rivoluzione culturale. Il corpo docente passa il suo tempo a disbrigare pratiche burocratiche che mai i burocrati ministeriali leggeranno.

Scuola Italiana. Fotocopie di una burocrazia satanica.

«Come si constata, le sole circolari interne dedicate in un anno al Corpo docente assommano a 477 (quattrocentosettantasette). Ogni tanto sono di semplice e rapida lettura, ma di norma sono lunghette e complesse, con molti rimandi.

Ragionando in termini medi, ogni circolare richiede grosso modo un’ora di tempo tra lettura e tentativi di comprendere cosa dicano.

Questo significa che un usuale Insegnate spende ogni anno circa 500 ore del suo tempo a leggersi e studiarsi circolari sulla utilità delle quali ben si potrebbe argomentare.

Ma un insegnante di liceo scientifico lavora mediamente 1,300 ore all’anno, secondo i dati ministeriali.

In altri termini, ogni insegnante passa più di un terzo del suo tempo lavorativo a leggere circolari.»

* * *

Sorgono spontanee alcune domande.

– Che senso ha investire 80 miliardi ogni anno nella scuola per ottenere poi risultati così sconfortanti?

– Che senso ha utilizzare il comparto scolastico come ammortizzatore sociale di persone che hanno conseguito lauree fuori mercato?

– Cosa si aspetta a ristrutturare deburocratizzando l’intero comparto?

– Una scuola che non seleziona bocciando gli incapaci è solo un opificio di certificati senza valore.

– Lo si è capito o meno che gli studenti di oggi saranno i professori di domani nonché la classe dirigente?

*

I ministeriali sono davvero fortunati a vivere in Italia. Fossimo in Cina sarebbero da tempo nel Laogai a meditare che lo stipendio ce lo si deve guadagnar con il sudore della fronte.


Corriere. 2019-07-10. Invalsi 2019, l’Italia divisa in due. Quasi la metà dei maturandi «analfabeta» in matematica

Italiano, uno su tre «bocciato»

E’ un’Italia divisa in due quella che appare dalla fotografia della scuola italiana presentata il 10 luglio dall’Invalsi, l’ente di valutazione del sistema d’Istruzione guidato da Anna Maria Ajello. Con le scuole del Nord che riescono a mantenere un buon livello degli studenti durante tutto il percorso e le scuole di regioni come la Campania, la Calabria e la Sicilia in cui la metà degli studenti arriva alla Maturità con l’insufficienza sia in italiano che in matematica. Per la prima volta quest’anno l’Invalsi ha testato i ragazzi della quinta superiore, quelli che hanno appena affrontato la maturità. Come media nazionale, i risultati delle superiori confermano quelli della terza media: soltanto due studenti su tre posseggono alla fine del percorso le competenze di base richieste dai programmi scolastici: sono il 65,6 % alle medie e il 65,4 % in quinta superiore per quanto riguarda l’italiano.

Emergenza matematica

Va anche peggio per la matematica: se in terza media tre ragazzi su 5 (61,33 per cento) hanno appreso in maniera sufficiente o di più il programma, alla fine delle scuole superiori sono solo il 58,3 per cento quelli che si possono considerare «promossi». Una situazione incredibile che diventa drammatica in Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna dove addirittura la situazione è rovesciata: il 60 per cento degli studenti non è sufficiente. «Le cause sono varie – spiega il direttore dell’Invalsi Roberto Ricci – molto dipende dal contesto e dalla situazione socioeconomica familiare. In alcune aree l’impreparazione è tale che è come se un terzo degli studenti non avesse frequentato la scuola: alla fine delle superiori ha conoscenze e competenze della terza media». Nei piccoli centri delle regioni del Sud ancora esistono classi di fatto differenziate per i bravi e gli studenti considerati scarsi.

Il flop dell’inglese

Doccia fredda anche per l’inglese. I programmi ministeriali prevedono che i ragazzi escano dalle scuole superiori con competenze al livello B2 in lettura e comprensione orale, che è un livello avanzato: per quanto riguarda la comprensione orale solo uno studente su tre riesce a raggiungere il livello richiesto. «E’ un problema anche di didattica – spiega Anna Maria Ajello – ma ormai ci sono moltissime risorse facilmente reperibili: aver messo sotto la lente anche l’inglese in questi ultimi due anni ci ha permesso di avere già i primi miglioramenti per esempio alle medie. Questo è un caso in cui la valutazione aiuta a migliorare il curriculum».

La lettura (in inglese)

Sono un po’ più incoraggianti anche se ben lontano dal 77,5 per cento dei ragazzini della terza media che superano il livello A1, i dati sulla lettura in inglese: il 51,8 per cento degli studenti di quinta superiore, cioè uno su due, arriva al livello B2. Ma resta un risultato comunque insoddisfacente.

Nord vs Sud

Si conferma anche per la quinta superiore il divario tra le regioni del Nord nelle quali l’insufficienza grave nelle prove di italiano è quasi fisiologica al di sotto del 10 per cento e quelle del Sud dove sfiora il 20 per cento in Puglia e Molise e supera il 25 in Calabria: «In quest’ultima regione è come se uno studente su quattro non fosse andato a scuola», commenta Ricci.

Italiano, i migliori e i peggiori

I numeri sono inversi se si considerano gli studenti migliori, quelli che hanno i punteggi più alti: sono tra il 15 e il 20 per cento nelle regioni del Nord e sotto il 10 per cento al Sud.

Il tonfo in matematica

Ma il vero problema della scuola superiore in Italia resta la matematica: ci sono regioni come la Calabria, la Campania e la Sicilia dove il 60 per cento dei ragazzi non ha raggiunto le competenze minime richieste dai programmi. Al contrario di regioni come la Lombardia, il Veneto, l’Emilia Romagna e il Friuli Venezia Giulia dove tre studenti su quattro hanno raggiunto gli obiettivi.

Matematica, il divario comincia alle elementari

Occorrerà riflettere sui risultati della matematica e trovare qualche soluzione: il trend degli studenti scarsi comincia dalla quinta elementare e non si arresta più, aumentando anzi il divario.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Germania. Anche la scuola pubblica è entrata in depressione.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-24.

Gufo_019__

Un dogma dell’ideologia  liberal  socialista  recita  che  la  scuola  debba  essere  pubblica:  è  un  fatto  che  è  dato semplicemente per scontato.

Diverse sono le motivazioni addotte.

In  primo luogo, si afferma come  l’istruzione sia  un  fondamentale patrimonio della  Collettività, rendendo quindi necessario un intervento dello stato per uniformare al meglio insegnamenti ed insegnanti.

In secondo luogo, si asserisce come lo stato debba avere un controllo diretto della istruzione, selezionando il corpo docente secondo i propri criteri informatori.

In terzo luogo, anche qualora fosse tollerata la presenza di scuole private, lo stato abbia il diritto – dovere di legiferare per esse direttive e normative.

* * *

Da un punto di vista squisitamente euristico, ciò che dovrebbe interessare è che i diplomi rilasciati abbiano tutti ragionevolmente lo stesso identico valore, ossia paragonabili livelli culturali, esattamente come l’accesso alla istruzione sia aperto a facilitato a tutti i giovani Cittadini. Da un punto di vista pratico, dare ai meno abbienti una borsa di studio ovvero esonerarli dal pagare la retta dovrebbe essere equivalente, rendendo preferibile il metodo meno oneroso.

In realtà, al di là delle belle parole altisonanti, lo stato liberal socialista vuole esercitare un potere di controllo politico sia del corpo docente sia dei discenti. Una volta compresa questa esigenza inespressa ma concreta, tutto il problema delle scuole diventa banale.

Si dovrebbe anche notare come, se avesse un senso che scuole omologhe rilasciassero diplomi equipollenti, d’altro canto ciò non dovrebbe implicare la diretta proprietà delle scuole stesse. Ciò che dovrebbe contare dovrebbe essere la garanzia di un comune livello di istruzione.

* * * * * * *

Tutto è filato più o meno liscio, a parte il grande attrito nell’impiego delle risorse, fino a tanto che non è entrata in gioco la ideologia liberal socialista. In accordo, nella scuola pubblica è iniziato l’insegnamento della sua etica e morale, da cui il mix di studenti a diversa capacità di apprendimento e di giovani migranti non autoctoni nelle classi che ha determinato un sensibile abbassamento del livello di preparazione finale.

L’immediata risposta è stato un continuo fiorire di scuole private, istituite con il malcelato scopo di sfuggire a codeste imposizioni.

«A politician stated this that many parents are turning away from Germany’s public schools in favour of private ones.»

«Christian Democratic politician Carsten Linnemann caused a stir when he suggested children with inadequate knowledge of German should be held back from starting primary school»

«many middle-income parents “who send their children to private schools because the level at state schools is falling”.»

«It’s true that private school enrollment across Germany is growing, with increasing numbers in nearly every German state»

«But the reasons for parents to enroll their children in such a school – ranging from religious run to experimental education schools like Montessori – varies state by state»

«Within 25 years, the number of privately run schools has almost doubled from around 3,200 to just under 5,850 in Germany»

«According to the latest figures, they account for 14 percent of all schools»

«Private schools are “socially selective and contribute to a social divide,”»

* * * * * * *

È una legge universale del mercato che ovunque si manifesti una esigenza fiorisca di conserva l’offerta.

Così come è strutturata, la scuola non provvedere a dare una formazione umana ed una preparazione quale quella richiesta per accedere alle classi sociali e professionali superiori. L’immissione nelle classe dei figli dei migranti e degli handicappati non innalza certo il livello.

A nostro personale avviso però il problema non risiede nel dover porre limitazioni alle scuole private, bensì nell’innalzare il livello di quelle pubbliche.


The Local. 2019-08-10.  State by state: Why private school enrolment across Germany is growing A politician stated this that many parents are turning away from Germany’s public schools in favour of private ones. We look at all of the reasons private schools are growing throughout the country.

At the beginning of the week, Christian Democratic politician Carsten Linnemann caused a stir when he suggested children with inadequate knowledge of German should be held back from starting primary school.

He lamented on the poor performance of many public schools due to the mixed levels of learning.

Linnemann told the Rheinische Post that he sees many middle-income parents “who send their children to private schools because the level at state schools is falling”.

It’s true that private school enrollment across Germany is growing, with increasing numbers in nearly every German state.

But the reasons for parents to enroll their children in such a school – ranging from religious run to experimental education schools like Montessori – varies state by state.

14 percent of all schools

Within 25 years, the number of privately run schools has almost doubled from around 3,200 to just under 5,850 in

Germany. According to the latest figures, they account for 14 percent of all schools.

The growth largely comes from East Germany, where there were practically no private schools before the fall of the

Berlin Wall, explained Nele McElvany, an education researcher from the University of Dortmund.

In almost all federal states, the number of private students has been constant or rising most recently in the school year

2018/19, as a survey by the German Press Agency shows.

“We see continuous growth and increasing popularity,” said Association of German Private Schools spokeswoman

Beate Bahr.

Whether private individuals, foundations or church organizations: anyone can set up a private school.

But there are several conditions that need to be met. According to the VDP, they must be charitable and accessible to everyone, meet criteria and requirements and be approved by the state.

A mixed debate

Yet there remains a mixed reaction about sending children to private school – or if students should stick to state schools.

Private schools are “socially selective and contribute to a social divide,” according to a statement by Germany’s

Education and Science Workers’ Union (GEW).

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Università. Mai a memoria di uomo vinse un non raccomandato.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-28.

Raccomandato 001

Mai, assolutamente mai, nell’università italiana un non raccomandato ha vinto un concorso.

I titoli presentati equivalgono a carta straccia. I riconoscimenti esteri sono titolo di demerito: sono la prova evidente che il non raccomandato ha una sua personalità scientifica di rilievo che gli altri cncorrenti non hanno.

Non facciamo nomi e cognomi, per ovvi motivi, ma due anni or sono l’apposita commissione non ammise nemmeno alle graduatorie di abilitazione al concorso universitario un nostro scienziato italiano che, per ironica coincidenza, nel mentre riceveva la notifica di reiezione dall’Italia, era stato nominato rettore di un prestigioso ateneo straniero.

Si formano circoli chiusi, ove si entra solo per cooptazione: nel loro interno i membri si incensano vicendevolmente, si elargiscono l’un l’altro titoli ed onorificenze, affermano ad alta voce di essere il meglio che il mondo scientifico possa esprimere.

Anni fa una buonanima fece chiamare a telefono molti direttori di grandi dipartimenti universitari: un madrelingua inglese annunciava loro che avevano vinto una prestigiosa onorificenza americana. Su cento e passa intervistati, riuscirono a balbettare qualcosa in un numero che può essere contato sulle dita di una mano.

«Il rettore di Catania, Francesco Basile, e altri nove professori sono stati sospesi dal servizio dal Gip»

«Sono indagati per associazione per delinquere, corruzione e turbativa d’asta. Al centro delle indagini su ‘Università bandita’ della Digos coordinate dalla Procura etnea 27 concorsi»

«L’ordinanza applicativa della misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio emessa dal Gip di Catania, su richiesta della locale Procura distrettuale, è stata eseguita da personale della polizia di Stato»

«I nove docenti destinatari del provvedimento sono professori con posizioni apicali all’interno dei Dipartimenti dell’università di Catania»

* * * * * * *

A sentenza andata in giudicato ci aspettiamo l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Nota.

Ironia del destino. I professori corrotti saranno giudicati da magistrati: si pensi soltanto a cosa è successo al Consiglio Superiore della Magistratura.

Se non fosse una tragedia la si dovrebbe definire una farsa.

* * * * * * *


prof. Mario Monti. L’unico economista con una sola citazione scientifica in tutta sua vita.

«Il prof. Mario Monti ha al suo attivo ben 13 pubblicazioni, avendo ricevuto un totale di una, dicansi una, citazione. La maggior parte dei Suoi lavori é stata pubblicata su il «Giornale degli Economisti e Annali di Economia», che non sono mai stati citati nemmeno una volta proprio da nessuno. ….

Come ha fatto a passare il concorso a cattedra?

Come ha fatto a diventare il rettore della Bocconi?»


Ansa. 2019-06-28. Concorsi truccati, sospesi il rettore dell’Università di Catania e 9 professori

Il rettore di Catania, Francesco Basile, e altri nove professori sono stati sospesi dal servizio dal Gip. Sono indagati per associazione per delinquere, corruzione e turbativa d’asta. Al centro delle indagini su ‘Università bandita’ della Digos coordinate dalla Procura etnea 27 concorsi. Sono complessivamente 40 i professori indagati degli atenei di Bologna, Cagliari, Catania, Catanzaro, Chieti-Pescara, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Padova, Roma, Trieste, Venezia e Verona.

L’ordinanza applicativa della misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio emessa dal Gip di Catania, su richiesta della locale Procura distrettuale, è stata eseguita da personale della polizia di Stato. I nove docenti destinatari del provvedimento sono professori con posizioni apicali all’interno dei Dipartimenti dell’università di Catania. La polizia di Stato sta eseguendo 41 perquisizioni nei confronti dei 40 professori indagati.

L’inchiesta, denominata ‘Università Bandita’, nasce da indagini avviate dalla Digos della Questura di Catania su 27 concorsi che per l’accusa sono stati ‘truccati’. E in particolare riguardano l’assegnazione di 17 posti per professore ordinario, quattro per professore associato e sei per ricercatore. Ulteriori particolari saranno resi noti durante un incontro con i giornalisti che si terrà alle 10 nella sala stampa della Procura di Catania.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Italia. Università. Fabbrica disoccupati e sottoccupati. I numeri ufficiali.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-06.

2019-04-02__Università__001

Alma Laurea è un accurato data base che riporta ampie ed attendibili statistiche Di particolare interesse sono quelle che riportano la percentuale dei laureati, secondo ateneo e corso di laurea, che risultano essere occupati a distanza di qualche anno dal conseguimento della laurea. Di notevole, riporta anche lo stipendio medio netto mensile.

*

 L’università ha infatti due grandi scopi: la ricerca scientifica e la preparazione di quella che dovrebbe essere la futura classe dirigente. Conforta infatti il sapere che frequentando un determinato ateneo ed un determinato corso di laurea vi siano alte possibilità trovare poi lavoro ed anche ben remunerato.

Nessuno intende qui fare graduatorie né si vuole sottostimare il fatto che non tutti i laureati sono mobili per una congerie di motivi, che vanno da quelli familiari a quelli personali.

Né, tanto meno, si intende inferire che vi siano differenze nella composizione della classe studentesca: intelligenti e meno dotati sono equidistribuiti ovunque, specie poi utilizzando statistiche fatte su grandi numeri.

*

Se l’aver frequentato un corso di laurea sicuramente eleva il livello culturale, altrettanto sicuramente esso rappresenta un costo, ed un costo di non poco conto.

Uno studente medio spende circa un 3,000 euro di tasse scolastiche, 1,000 euro di casermaggio, e, grosso modo, 500 euro per materiali di studio. A ciò si aggiunga il mancato guadagno, stimato ad un minimo di 1,000 euro al mese. Tenendo conto della durata di cinque anni del corso, la cifra totale esborsata, investita, ammonta a 137,500 euro. Sarebbe quindi lecito aspettarsi una resa allineata all’investimento effettuato.

* * * * * * *

Riportiamo i dati calcolati a cinque anni dalla laurea. Ci si aspetterebbe occupazione piena e stipendi in linea.

Italia.

Ad un anno dalla laurea, lavorano il 42.7% dei laureati, con stipendio mensile medio di 1,021 euro.

A cinque anni dalla laurea, lavorano il 70.4% dei laureati, con uno stipendio mensile medio di 1,359€.

Ma se si osservano i dati per settore disciplinare, emergono sostanziali differenze.

Solo il 41% dei medici riesce a lavorare a cinque anni dalla laurea, e per un emolumento non certo entusiasmante di 1,666€. Ciò è dovuto al fatto che dopo la laurea in medicina si deve frequentare una specialità, della durata di cinque anni.

2019-04-02__Università__002

Milano.

A cinque anni dalla laurea lavorano l’81.30% dei laureati, per un emolumento medio mensile di 1,488 euro.

I laureati del gruppo letterario trovano sì occupazione, 84.6%, ma per uno stipendio molto basso, 1,238 euro.

2019-04-02__Università__003

Messina.

A cinque anni dalla laurea lavorano il 67.2% dei laureati, per un emolumento medio mensile di 1,181 euro.

I laureati del gruppo giuridico sono occupati per il 57.6% con uno stipendio medio di 969 euro mensili.

* * * * * * *

Questi dati si presterebbero a numerose considerazioni, e la consultazione del database sarebbe cosa ottimale.

– Un paese in cui ad un anno dalla laurea si siano inseriti nel mondo del lavoro solo il 42.7% dei laureati, percentuale salita a 70.4% a cinque anni dal diploma, ebbene, questo paese ha serie problemi occupazionali.

– Se il problema fosse l’iperproduzione di laureati, sarebbe un cospicuo danno per lo stato, visto che in termini medi un laureato costa allo stato circa 89,000 euro.

– Tenendo conto dei livelli stipendiali a cinque anni dal diploma, laurearsi non conviene più di tanto, almeno in alcune regioni di Italia. Nel corso degli anni i livelli stipendiali dei laureati si sono significativamente abbassati, fino a raggiungere livelli che non compensano degli anni passati a studiare e delle spese sostenute. Si tenga presenta che Istat pone la soglia di povertà a 1,640 euro, sotto la quale sono gli stipendi di quasi tutti i laureati a cinque anni: questo dato dovrebbe essere molto meditato.

– I differenti livelli occupazionali e relativi emolumenti percepiti tra i diversi atenei riflette solo in parte le condizioni economiche della zona ove opera un ateneo. I laureati sono molto mobili ed è frequente il riscontro al nord di ottime persone laureate al sud. In parte, ed evitiamo apposta di fare una caratura, dipende dalla qualità dell’insegnamento ed anche di un certo quale lassismo nel far passare gli esami. Un ateneo con pochi abbandoni ed altrettanto pochi fuori corso potrebbe vantarsi di tali risultati solo ed esclusivamente se alla fine i suoi laureati trovassero tutti occupazione e con livelli stipendiali in linea almeno con quelli nazionali.

Pubblicato in: Istruzione e Ricerca, Medicina e Biologia

Stupefacente progresso nel trattamento delle lesioni spinali.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-03.

2018-11-13__Neuroscience__001

«Tre persone paraplegiche sono tornate a camminare grazie a una nuova tecnica di stimolazione elettrica del midollo spinale che veicola gli impulsi in modo ultra preciso attraverso un impianto senza fili. Dopo alcuni mesi di riabilitazione, i pazienti sono riusciti a riconquistare il controllo delle gambe paralizzate mantenendolo anche dopo lo spegnimento dello stimolatore: ora camminano autonomamente, solo con l’aiuto delle stampelle o del deambulatore. Il risultato senza precedenti è pubblicato in un doppio studio sulle riviste Nature e Nature Neuroscience dai ricercatori del Politecnico federale (Epfl) e dell’Ospedale universitario (Chuv) di Losanna.»

2018-11-13__Neuroscience__002

*

Questa notizia ha dell’incredibile, ma la ricerca silenziosa e seria riserba sempre risultati di tal fatta.

Accanto alla studio neurofisiopatologico compare anche la pubblicazione della sua applicazione in campo clinico.

Questo è il primo vagito: abbiamo quasi timore e paura a pensare cosa potrà succedere quando questa tecnologia sarà matura, tra una ventina di anni.

Nota.

Questo è un esempio lampante di come la ricerca scientifica si faccia con il cervello e l’intelligenza prima ancora che con i fondi elargiti. In rapporto ai risultati, questa ricerca è costata solo qualche spicciolo.

Senza una stretta meritocrazia non esiste ricerca, ma solo generazione assistenziale di posti di lusso. Le’quote’ sono nemiche giurate del progresso scientifico.


Targeted neurotechnology restores walking in humans with spinal cord injury

Fabien B. Wagner,

Jean-Baptiste Mignardot, […], Grégoire Courtine 

Nature volume 563, pages 65–71 (2018)  

*

Grégoire Courtine

– Center for Neuroprosthetics and Brain Mind Institute, School of Life Sciences, Swiss Federal Institute of Technology (EPFL), Lausanne, Switzerland

– Department of Clinical Neuroscience, Lausanne University Hospital (CHUV), Lausanne, Switzerland

– Department of Neurosurgery, Lausanne University Hospital (CHUV), Lausanne, Switzerland

– Faculty of Biology and Medicine, University of Lausanne (UNIL), Lausanne, Switzerland

-These authors jointly supervised this work: Karen Minassian, Jocelyne Bloch, Grégoire Courtine

*

Abstract.

Spinal cord injury leads to severe locomotor deficits or even complete leg paralysis. Here we introduce targeted spinal cord stimulation neurotechnologies that enabled voluntary control of walking in individuals who had sustained a spinal cord injury more than four years ago and presented with permanent motor deficits or complete paralysis despite extensive rehabilitation. Using an implanted pulse generator with real-time triggering capabilities, we delivered trains of spatially selective stimulation to the lumbosacral spinal cord with timing that coincided with the intended movement. Within one week, this spatiotemporal stimulation had re-established adaptive control of paralysed muscles during overground walking. Locomotor performance improved during rehabilitation. After a few months, participants regained voluntary control over previously paralysed muscles without stimulation and could walk or cycle in ecological settings during spatiotemporal stimulation. These results establish a technological framework for improving neurological recovery and supporting the activities of daily living after spinal cord injury.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca

Germania. Il fuoco cova sotto la brace. AfD e la Università.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-11-04.

2018-11-03__Università__001

Viviamo in una epoca di turbolenze.

Tutti i media occidentali sono ancora in mano ai liberal socialisti e si comportano come se questi fossero ancora al potere, come se fossero ancora al governo, cosa che non è. La loro lettura condurrebbe ad avere un’idea distorta dalla realtà, ossia dai risultati delle elezioni degli ultimi due anni e, nel caso, dalle prospezioni elettorali.

*

Stiamo assistendo non a semplici cambi di governo, ma ad una vera e propria mutazione della Weltanschauung dominate, in Germania come peraltro in tutto l’Occidente. È un grandioso movimento tettonico politico e sociale.

*

Fino ad un quinquennio or sono erano due le ideologie dominanti e simbiotiche.

L’idealismo liberal, che affonda le sue radici nel neoplatonismo illuminista, postula l’esistenza di una élite di illuminati che guida un popolino informe ed ondivago: una massa inespressiva che gli illuminati devono governare con mano di ferro in guanto di velluto. È una concezione ripresa dalla massoneria, i cui membri ritengono di essere essi stessi gli illuminati. Il grande Fëdor Dostoevskij ce la descrive con somma arte nel capitolo dei Fratelli Karamazov dedicato al Grande Inquisitore.

L’idealismo socialista affonda invece le sue radici nell’idealismo dialettico e storico, evolutosi poi nel materialismo storico e scientifico di Marx.

Ambedue le ideologie hanno in comune molti punti, dall’ateismo positivo al germe rivoluzionario, per cui si accetta il sistema democratico se, e solo se, si sia in maggioranza, altrimenti si va alla rivoluzione, ossia alla presa del potere da parte di un piccolo manipolo di persone.

Ambedue sono ad anima dittatoriale. Tipica è l’adesione al giuspositivismo, ossia un diritto volontario positivo, che riceve forza dal potere civile, politico e militare: di qui consegue la loro peculiare visione della amministrazione della giustizia e la avversione al giusnaturalismo. Altro elemento comune è una visione  statalista, ove lo stato interviene spesso assumendo la proprietà della produzione, ma costantemente regolando con leggi e regolamenti tutta la vita dei cittadini fino nei minimi dettagli. Organizzazione grandiosa, resa possibile dalla generazione di una burocrazia onnipresente di dimensioni e competenze tali da superare e vicariare la volontà popolare, qualora anche essa potesse esprimersi. Anche in quelle che loro chiamano ‘democrazie‘ il vero potere è quello dei burocrati, che non a caso loro hanno voluto fossero inamovibili. La burocrazia è l’anima di quelle ideologie.

*

Nell’ultimo quinquennio è emersa una idea del tutto alternativa, opposta a queste ideologie. Essa si rifà al retaggio religioso, storico, culturale, sociale di ogni singolo popolo; la persona umana è messa in primo piano e la cosa pubblica è ad essa asservita. L’essere umano non è più concepito come una monade economica inserita nel meccanismo produttivo statale, bensì come persona autonoma con proprio intelletto e sentimenti. L’essere umano è libero, intendendo per libertà la concreta possibilità di concepire ed attuare la realizzazione delle proprie aspirazioni fondamentali nel divenire storico. L’essere umano primeggia sulla società, non viceversa.

Sono Weltanschauung opposte e, soprattutto, impossibili da far convivere sotto lo stesso tetto.

*

Come tutti i fenomeni culturali anche questa nuova visione, riedizione dell’umanesimo medievale aggiornata alla realtà odierna, necessita e necessiterà dei suoi tempi per far presa in modo generalizzato.

Né si confonda tale fenomeno con le sue manifestazioni fenomenologiche, quali i risultati elettorali: questi sono una semplice conseguenza.

È quindi del tutto naturale che le università debbano aprirsi anche alla valutazione, alla fermentazione di tale modo di concepire la vita. È virtualmente impossibile che una rivoluzione culturale non fermenti in ambiente accademico, se non altro perché è ricettacolo di forze giovani e con già un ragionevole grado cultruale.

*

Ed è proprio per questo motivo che sia gli ideologi liberal sia quelli socialisti hanno da sempre tentato di ingabbiare il pensiero universitario entro i loro canoni. Basti pensare al destino del prof. Hunt, Premio Nobel, costretto alle dimissioni dalla sua cattedra universitaria per aver espresso il proprio pensiero avverso a quello liberal imperante, ma che dopo un solo mese aveva già trovato accoglienza nell’Università giapponese di Okinawa.

*

«AfD-naher Akademikerverband gegründet»

“È stata fondata l’Associazione Accademica, vicina ad AfD”.

Accademici vicini all’AfD hanno fondato vicino a Berlino la German Academics Association (DAV).

 L’associazione vuole unire gli accademici della Repubblica Federale e si inserisce nella tradizione dei movimenti tedeschi del 1815, 1848 e 1989 per la libertà. Christoph Birghan, il suo vice Frank Weber, è presidente.

Chiunque abbia completato con successo un corso di studi può diventare membro dell’Associazione accademica tedesca. Gli studenti acquisiscono un diritto a partecipare, che è convertito affiliazione stabile dopo la laurea.

Per quanto riguarda il contenuto, il DAV è vicino all’Alternativa per la Germania (AfD), ma non è un’organizzazione di partito. I suoi membri non devono necessariamente essere membri dell’AfD, ma non possono appartenere a nessun partito in concorrenza con Alternativa per la Germania.

L’attività dell’Associazione si concentrerà sull’organizzazione di eventi di informazione scientificamente validi.

“Ma ci saranno anche eventi sociali per mettere in rete i nostri membri e le organizzazioni amichevoli”, dice Birghan.

Il DAV si considera un collegamento con le altre associazioni accademiche e gli ambienti accademici che condividono le stesse idee in Germania e in Europa. Esistono già contatti con il Freiheitlicher Akademikerverband in Austria e sono in corso colloqui di cooperazione. Per la prossima primavera è previsto un primo grande evento con copertura nazionale.

Anche le querce quando spuntano dal terreno sembrano fili di erba: poi crescono.

Germania. Il deep state sta abbracciando la causa di AfD.

«Per anni i partiti tradizionali hanno volutamente ignorato AfD, al punto di non rispondere alle loro interpellanze parlamentari, fatto questo visto e constatato dalla stragrande maggioranza dei tedeschi che seguono la televisione. Fatto di inaudita gravità: AfD siede al Bundestag perché eletta dai Cittadini.

I liberal socialisti hanno caricato AfD di ogni sorta di insultante nequizia, i media si sono scatenati come cani idrofobi, ma nulla ha fermato il loro crollo e la crescita di AfD.»

*

«It’s not surprising, then, that the AfD seeks to present itself as the party of the military, though its expertise on issues pertaining to the military is limited»


→ Junge Freiheit. 201811-01. AfD-naher Akademikerverband gegründet

BERLIN. AfD-nahe Akademiker haben bei Berlin den Deutschen Akademikerverband (DAV) gegründet. Der Verband will Akademiker in der Bundesrepublik vereinen und sieht sich in der Tradition der deutschen Freiheitsbewegungen von 1815, 1848 und 1989. Vorsitzender ist Christoph Birghan, sein Stellvertreter Frank Weber.

Mitglied im Deutschen Akademikerverband kann werden, wer ein Studium erfolgreich abgeschlossen hat. Studenten erwerben eine Anwartschaft, die nach Studienabschluß in eine Mitgliedschaft umgewandelt wird. Inhaltlich steht der DAV der Alternative für Deutschland (AfD) nahe, ist aber keine Parteiorganisation. Seine Mitglieder müssen nicht Mitglied der AfD sein, dürfen aber keiner mit der Alternative für Deutschland konkurrierenden Partei angehören.

Kontakte zum Freiheitlichen Akademikerverband in Österreich

Der Schwerpunkt der Verbandsarbeit werde in der Organisation von wissenschaftlich fundierten Informations- und Schulungsveranstaltung liegen. „Aber auch gesellschaftliche Veranstaltungen zur Vernetzung unserer Mitglieder und mit befreundeten Organisationen wird es geben“, so Birghan.

Der DAV sieht sich als Bindeglied zu gleichgesinnten akademischen Verbänden und Milieus in Deutschland und Europa. Zum Freiheitlichen Akademikerverband in Österreich bestehen bereits Kontakte, Kooperationsgespräche werden geführt. Für das kommende Frühjahr ist eine erste größere Veranstaltung mit bundesweiter Ausstrahlung geplant.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca, Unione Europea

Immigrati. Rimpiazzeranno i 11,800 medici che mancano.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-21.

Gatto. sono -stati-i- russi

Come ogni stato del socialismo reale che si rispetti, anche in Italia esiste un Gosplan, abbreviazione di Gosudarstvennoe Planovij Komitet, commissione statale per la pianificazione, che determina il numero di persone che possono iscriversi alla facoltà di medicina e chirurgia.

Nulla deve sfuggire al controllo dello stato. Ci mancherebbe altro!

Vi lavorano tutte le migliori menti della nazione.

Mica roba da Premi Nobel: chiunque in fondo può conseguire questo premio. Basta soltanto che scopra la teoria della relatività oppure il neutrino.

Per fare il funzionario nel Gosplan ‘de noiatri‘ devi avere almeno una ambitissima tessera del partito interno ed essere il fedele interprete del volere dei potenti. Se poi si fosse figli di …. oppure amanti di …. allora molte difficoltà si appianerebbero.

*

«Aumentano le chance per i maturandi che aspirano al camice bianco. E anche quelle per gli aspiranti veterinari e architetti. Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha firmato i decreti sui corsi universitari ad accesso programmato nazionale (Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Professioni sanitarie, Architettura e Scienze della formazione primaria) con la specifica dei posti per ogni ateneo. E rispetto al 2017, aumentano i posti in tutte le facoltà.

Medicina e Odontoiatria, quelle più gettonate, avranno rispettivamente quasi 800 (da 9.100 passano a 9.779) posti e quasi 200 (si passa dai 908 del 2017 ai 1.096 del 2018) posti in più rispetto all’anno scorso. Una buona notizia per le migliaia di ragazzi e ragazze che si preparano ad affrontare il quizzone ministeriale. L’anno scorso si presentarono in 60mila e quest’anno potrebbero anche aumentare.» [Fonte]

*

Ma il lavoro di questa costellazione di burocrati trova un ferocissimo nemico in una potenza straniera che ha dimostrato in passato di riuscire a condizionare il voto di centinaia di milioni di persone negli Stati Uniti. Gente sordidamente losca che ha fatto fare un gigantesco flop al Gosplan pianificatore al solo scopo di denigrarlo e ricoprirlo di biacca, intendendo per biacca ciò che tutti ben comprendiamo. Se non fosse stato per questo perfido piano spionistico la pianificazione del Ministero sarebbe stata semplicemente perfetta, non perfettibile. Hanno anche programmato due Michelangelo e tre Raffaello. Tutti rigorosoamente iscritti al partito ….

«In Italia, nei prossimi 5 anni,

mancheranno 11.800 medici»

*

Il problema potrebbe essere facilmente risolto conferendo a 11,800 immigrati arrivati su di un qualche barcone il lunedì la laurea in lettere moderne, il martedì quella in medicina e chirurgia, il mercoledì una specialità a scelta, il giovedì una abilitazione alla professione  ed il venerdì un primariato a piacere, dalla neurochirurgia alla medicina nucleare.

E gli italiani? Ma che si studino il nigeriano, poffare!


Ansa. 2018-07-12. Fra 5 anni mancheranno 11.800 medici

In Italia, nei prossimi 5 anni, mancheranno 11.800 medici. Ad oggi, abbiamo ancora più medici degli altri Paesi Ue con sistemi sanitari simili ma da qui al 2022 tra uscite dal lavoro e numero contingentato di nuovi specialisti mancheranno 11.803 dottori, anche se si andasse ad un totale sblocco del turn over. Questo anche a causa del fatto che il 35% lascia il lavoro prima dei limiti di età, perché si prepensiona o per andare nel privato. A lanciare l’allarme è la Federazione delle aziende sanitarie pubbliche (Fiaso). Un problema è anche rappresentato dal fatto che, in entrata, uno specializzando su 4 non opta per il servizio pubblico. E’ questo il quadro del fabbisogno medico in Asl e ospedali tracciato dal Laboratorio Fiaso sulle politiche del personale. Lo studio è stato presentato in occasione dell’Assemblea annuale della Federazione delle aziende sanitarie pubbliche ed è svolto su un campione rappresentativo di 91 aziende sanitarie e ospedaliere, pari al 44% dell’intero universo sanitario pubblico.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Istruzione e Ricerca, Scienza & Tecnica, Unione Europea

Il Consiglio Europeo finanzia 269 ricercatori top: tutti snobbano l’Italia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-04-12.

Denaro__009

Il Consiglio Europeo della Ricerca ha finanziato con 653 milioni di euro 269 ricercatori di provata esperienza, conferendo loro grant per circa due milioni e mezzo l’uno.

Tranne i pochissimi ricercatori italiani, nessuno dei vincitori ha scelto l’Italia come paese ove poter sviluppare le proprie ricerche, pur portandosi dietro fondi di tutto rispetto.

Questo fatto dovrebbe dare da pensare.

*

European Research Council invests in research and innovation [Scitech Europa]

«€653m of EU funding will go to 269 senior researchers across Europe, giving them a chance at developing their research and innovation ideas and produce results that will have a major impact on science, society and the economy.

The funding announced today (6 April) will benefit 269 researchers in the research and innovation sector. The grants of up to €2.5m per project are selected by the European Research Council (ERC) and financed through Horizon 2020, the EU Research and Innovation programme.

The research of these new grantees covers all fields of research. For example: one grantee in France is to explore the use of underwater communication cables in earthquake warning systems, while another in London, UK, will examine the causes and consequences of electoral hostility, and a scientist in Ljubljana, Slovenia, will build molecular machines based on proteins.»

*

L’Italia ne esce con le ossa rotte.

«Siamo quinti tra le nazionalità preceduti da britannici (50 grant), tedeschi (40 grant), francesi (29) e spagnoli (21): sono infatti 16 in tutto i ricercatori italiani che hanno vinto una borsa e 11 hanno deciso di restare in Italia mentre gli altri 5 (come è normale che accada nella ricerca) hanno scelto laboratori di altri Paesi.»

Solo 16 italiani hanno vinto un grant, ossia il 5.95% (100* 16 / 269),

contro il 18.59% del Regno Unito ed i 40 (14.87%) della Germania.

Ma la cosa peggiore di tutte è che  

«nessuno degli oltre 250 ricercatori stranieri “premiati” con un grant ha scelto un laboratorio, università o centro di ricerca del nostro Paese per spendere i suoi ricchi fondi».

*

I motivi di questa débâcle sono noti da tempo, ma nessuno dei governi precedenti ha mai fatto qualcosa perché sarebbe andato contro i propri interessi di vilissima bottega.

Università ed enti di ricerca italiani sono la negazione vivente del principio meritocratico: ciò che conta è, almeno fino ad oggi lo era, la tessera di partito o l’affiliazione ad una loggia potente.

Un esempio?

prof. Mario Monti. L’unico economista con una sola citazione scientifica in tutta sua vita.

L’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (in acronimo ANVUR) è un ente pubblico della Repubblica Italiana, vigilato dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (MIUR).

Questo ente è la quintessenza della burocrazia al servizio del potere: giudica il livello scientifico di ricercatori ed enti.

«L’Anvur è uno di quei carrozzoni che sfuggono alla immaginazione dei semplici. Come se non bastasse la Thomson Reuters, Isi, punto di riferimento mondiale cui fan capo tutte le università di tutto il mondo, l’Anvur stila le graduatorie dei ricercatori e degli istituti di ricerca nazionali. La capacità scientifica ed il successo internazionale non solo non sono nemmeno un optional, ma sono anche situazioni noiose da conculcare con forza.

Ciò che conta è essere nel cuore del partito democratico. ….

Lo scorso anno un ricercatore italiano da tempo residente all’estero, ove in breve è diventato rettore di uno dei più famosi atenei mondiali, ha fatto umile richiesta all’Anvur di essere valutato se fosse stato considerato degno di poter poi partecipare al concorso di idoneità, propedeutico al poter fare un concorso per l’entry level universitario. Un po’ come se Mattarella avesse chiesto di essere valutato se fosse idoneo a fare l’usciere a Montecitorio.

Bocciato, ed anche malo modo.» [Fonte]

*

Quanti si stiano chiedendo come sia stata possibile una simile bruttura, possono leggere questo documentato articolo, leggendo anche gli allegati:

Mistica del femminismo e del gender in Università. A spese del Contribuente.

*

In sintesi.

Il Contribuente italiano paga tasse lorde del proprio sangue per far studiare i meritevoli stranieri.


Erc Europe. 2018-04-07. From babies’ brains to bacterial warfare: ERC invests €650 million in ground-breaking research

How does air pollution affect the development of baby’s brains? Can innovative heart regeneration treatments increase the long-term survival of heart attack victims? How did non-living matter evolve into living systems that established themselves on Earth? Why are bacteria extremely aggressive towards one another? These are some of the issues that leading researchers will be exploring thanks to Advanced Grants from the European Research Council. This EU funding, worth a total of €653 million, announced today will benefit 269 senior researchers across Europe, giving them a chance to realise their most creative ideas and potentially produce results that will have a major impact on science, society and the economy. The grants are part of the EU’s Research and Innovation programme, Horizon 2020.

On this occasion, Carlos Moedas, European Commissioner for Research, Science and Innovation, said: “The ERC’s Advanced Grant scheme has supported outstanding and established research leaders since 2007. It provides a great example of how EU funding can help expand the frontiers of scientific knowledge, providing the resources necessary to continue ground-breaking, high-risk projects, and ensure Europe’s global competitiveness.”

The President of the ERC, Professor Jean-Pierre Bourguignon, commented: “The diversity and boldness of the research in this latest funding round are once again impressive. The selected researchers explore the brink of the unknown, the ideal setting to make breakthroughs. If the past is any guide to the future, the ERC is set to continue betting on audacious scientific projects – the latest review shows again that over 70% of ERC-funded research led to discoveries and major scientific advances. But there are many more bright minds with ambitious ideas in Europe that the ERC could fund if we had more means. That’s why the ERC Scientific Council argues for more resources for the future while keeping the strategy of using scientific quality as the only criterion for selection.”

The research of these new grantees covers all fields of scholarship. One grantee in France will explore using underwater communication cables in earthquake warning systems. Another scholar in London will investigate the causes and consequences of electoral hostility and a scientist in Ljubljana will build a new class of molecular machines based on proteins.


World University Ranking. 2018-04-07. UK re-establishes dominance in ERC advanced grants scheme

Academics at British institutions make one in four successful bids in 2017 funding round.

One in four grants under one of the European Union’s most prestigious research funding programmes has been awarded to UK-based researchers, allaying some fears about the early impact of the Brexit vote but underlining the risk facing British universities if their access to the scheme is curtailed.

The European Research Council said on 6 April that scholars based at UK universities had made 66 successful bids for advanced grants, typically worth up to €2.5 million (£2.2 million) each, more than any other country.

Advanced grants are aimed at established researchers and require no consortia or co-funding. The ERC awarded 269 grants in total, worth €653 million, with Germany (42), France (34) and Switzerland (24) the next most successful nations.

The UK’s success in the 2017 funding round represents a recovery from the 2016 competition, when the UK secured only 41 advanced grants and was outperformed by Germany for the first time.

It also contrasts with the UK’s weakening performance in some collaborative EU research programmes in the wake of the country’s decision to leave the bloc. UK universities suffered a sharp drop of close to half a billion euros in the value of EU projects that they started coordinating in the year after the Brexit referendum.

However, the UK’s continuing participation in EU-funded research post-Brexit remains in doubt, with Sam Gyimah, the universities minister, refusing to commit to associate membership of the next framework programme.

With 2,167 applications having been submitted for advanced grants in 2017, down from about 2,400 the year before, the success rate rose from 9.6 per cent to 12.4 per cent. The ERC funded 83 projects in the life sciences, 126 in the physical sciences and engineering, and 60 in the social sciences and humanities.

Just 17 per cent of advanced grants were awarded to female researchers in 2017, although this was in line with the proportion of applicants who were female.

Jean-Pierre Bourguignon, the president of the ERC, said that the advanced grants would fund “audacious” scientific projects that were likely to lead to significant breakthroughs.

“There are many more bright minds with ambitious ideas in Europe that the ERC could fund if we had more means,” Professor Bourguignon said. “That’s why the ERC scientific council argues for more resources for the future while keeping the strategy of using scientific quality as the only criterion for selection.”

The ERC said that the 2017 advanced grants would likely create an estimated 2,000 jobs for postdocs, PhD students and other staff in grantees’ research teams.


Sole 24 Ore. 2018-04-07. I 269 super-cervelli d’Europa snobbano l’Italia

I migliori cervelli d’Europa snobbano l’Italia. Se i nostri ricercatori sono comunque tra i migliori del Vecchio Continente c’è sicuramente un problema di scarsissima attrattività dei nostri centri di ricerca e delle nostre università all’estero. Dall’ultimo round di fondi che Bruxelles ha assegnato a 269 ricercatori top emerge infatti che nessun straniero ha scelto un laboratorio italiano. Paura della burocrazia? O magari di condizioni non proprio competitive per fare ricerca (dai fondi al contagocce alle strutture spesso non all’avanguardia)? L’unica certezza è che tra i grandi Paesi d’ Europa siamo l’unico a non ospitare un supercervello che non sia italiano.

Se c’è una storia di successo in Europa è quella dei fondi per la ricerca e dei progetti finanziati dall’Erc – il Consiglio europeo della ricerca – che in 10 anni di vita ha finanziato con 12 miliardi oltre 7mila supercervelli della ricerca (compresi 6 premi Nobel e 5 medaglie fields). I grant dell’Erc sono i più prestigiosi riconoscimenti a livello europeo anche perché i più ricchi: nel nuovissimo round da 650 milioni sono state assegnati 269 advanced grant (le borse per chi è al top della carriera scientifica) del valore in media di 2,5 milioni l’una ad altrettanti ricercatori. La notizia è che in questa corsa dove vince il miglior progetto l’Italia ne esce con le ossa rotte perché nessuno degli oltre 250 ricercatori stranieri “premiati” con un grant ha scelto un laboratorio, università o centro di ricerca del nostro Paese per spendere i suoi ricchi fondi. Ne escono meglio i ricercatori italiani. Siamo quinti tra le nazionalità preceduti da britannici (50 grant), tedeschi (40 grant), francesi (29) e spagnoli (21): sono infatti 16 in tutto i ricercatori italiani che hanno vinto una borsa e 11 hanno deciso di restare in Italia mentre gli altri 5 (come è normale che accada nella ricerca) hanno scelto laboratori di altri Paesi. All’estero infatti almeno una parte dei progetti è guidata da ricercatori stranieri ospiti. Quello che non torna è che nessuno dall’estero abbia scelto l’Italia. Un dato, questo, che indica come non siamo un Paese “attraente” per fare ricerca.

Secondo l’Erc i nuovi fondi permetteranno di creare 2.000 posti fra ricercatori, dottorandi e altri membri dei gruppi di ricerca. I 269 progetti finanziati dall’Erc equivalgono al 12% delle 2.167 proposte presentate inizialmente e fra le quali sono stati selezionati. Dei progetti approvati, inoltre, solo il 17% sono coordinati da ricercatrici. La classifica dei Paesi con il più alto numero di progetti ospitati – un termometro dell’attrattività scientifica – vede in testa la Gran Bretagna con 66 progetti, seguita da Germania (42), Francia (34), Svizzera (24), Spagna (18), Olanda (16) e Israele (13) . All’ottavo posto c’è l’Italia con 11 ricercatori (tutti italiani) con progetti che spaziano nei campi più disparati. Nell’ambito della Fisica e dell’Ingegneria – con algoritmi per capire i meccanismi del commercio online e studi sul comportamento collettivo di sistemi biologici – si collocano 6 ricerche. Quattro appartengono al campo delle Scienze umanistiche e sociali, dagli avatar virtuali per imparare l’onestà a ricostruzioni di una nuova lingua scritta usata nell’antichità e nel Medioevo. Gli ultimi 2 progetti per le Scienze della Vita: la rigenerazione cardiaca per curare l’infarto e i vaccini come rimedio alle infezioni batteriche resistenti agli antibiotici.

Guardando la lista di università e centri di ricerca coinvolti, il grande assente è il Sud. Ad aggiudicarsi i fondi sono infatti cinque regioni di Nord e Centro: Trentino, con Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler; Friuli con l’Università di Trieste; Lombardia con l’Università Commmerciale Bocconi e quella di Pavia; Toscana con Università di Pisa e Fondazione Toscana Life Sciences; Lazio con Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e l’Università Sapienza di Roma, con ben 3 progetti. Per il presidente dell’Erc, Jean-Pierre Bourguignon, «la diversità e l’audacia delle ricerche presentate quest’anno sono ancora una volta impressionanti». I progetti selezionati, ha aggiunto, «si avventurano in territori inesplorati, l’ideale per nuove scoperte».