Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Le cose vanno così bene che Merkel pensa di far fagotto.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-20.

Calimero Fagotto

Per capire l’articolo, leggere per cortesia sia il testo sia gli allegati ed i link.


La situazione tedesca inizia a dare segni sempre più vistosi di cedimenti.

I risultati elettorali delle prossime elezioni in Hessen ed in Baviera si preannunciano destruenti per la Große Koalition.

Germania. Hessen. Cdu -9.5, Spd -6.5, Afd +10 punti percentuali.

Germania. Baviera. Csu perderebbe undici punti percentuali.

Baviera. Csu – 8 punti percentuali in sei mesi.

Lebbrosi. Buone notizie. Cdu-Csu scese al 28% (-5 punti percentuali).

*

Ma le cose non si preannunciano migliori nell’Unione Europea.

Europarlamento. Il problema sono i 197 contrari ed i 58 astenuti.

Unione Europea. Il ppe sta subendo una mutazione genetica.

Elezioni europee. I sovranisti iniziano le grandi manovre.

* * * * * * *

Non è Alternative für Deutschland a crescere:

sono Cdu, Csu ed Spd che stanno crollando.

Nei Länder orientali AfD supera il 25%, ed anche i tedeschi orientali votano.

Quello che una volta era il trono del cancelliere adesso è lo straccio messo per terra di Frau Merkel.

L’affaire Maassen è stato solo l’ultimo segnale.

*

«For nearly two weeks Chancellor Angela Merkel tried to find a way to fire her own domestic intelligence chief, a man who had publicly contradicted her and become the darling of the far right for questioning the authenticity of a video showing angry white men chasing an immigrant»

*

«But she couldn’t — not without risking the collapse of her fragile government»

*

«Hans-Georg Maassen, the rebellious spy, has powerful friends, among them his immediate boss, Interior Minister Horst Seehofer, the leader of the Bavarian conservatives and one of Ms. Merkel’s pricklier coalition partners»

*

«Merkel was an authority at home and abroad. …. She stood up to Trump, negotiated peace deals and passed the laws she wanted to pass. She was the queen of consensus. …. Now she can’t even fire the head of an agency …. she has become a lame duck»

* * * * * * *

Non ci sono molte alternative: dimissioni oppure cercare di conquistarsi un posticino qualsiasi, potrebbe essere l’IMF così come una Commissione nell’Unione Europea. Naturalmente, Frau Merkel non disdegnerebbe la Presidenza della Commissione, di subentrare cioè al posto di Mr Juncker.

Merkel vuol lasciare la Germania per guidare la Commissione europea

«Germania ed Europa potrebbero trovarsi alla vigilia di un “cambio di sistema”, un assetto politico molto diverso da quello del recente passato. La figura chiave nei nuovi equilibri sarebbe ancora una volta la cancelliera tedesca Angela Merkel.»

*

«In ambienti vicini al governo di Berlino si mette in dubbio, per la prima volta in modo significativo, la permanenza di Angela Merkel a capo del governo tedesco per l’intera legislatura»

*

«Fonti informate ritengono che Merkel possa decidere nel prossimo semestre di uscire di scena, per rientrare nel gioco delle nomine europee»

*

«Un colpo di teatro a Berlino è possibile, se non necessario, in conseguenza del terremoto provocato negli equilibri politici tedeschi da “Alternativa per la Germania”»

*

«Il movimento ha posizioni inconciliabili con quelle degli altri partiti tradizionali, ma sta catalizzando il consenso di una quota sempre crescente di elettori, e sta rendendo impossibile governare con solide maggioranze secondo le vecchie alleanze»

*

«Dopo le elezioni di ottobre in Baviera, il partito conservatore Csu, abituato a controllare la maggioranza assoluta del Land, si troverà costretto quasi certamente a governare per la prima volta con i Verdi. Nelle successive elezioni in Assia, l’attuale coalizione Cdu-Verdi sarà messa a dura prova dagli elettori conservatori, orfani anche di un significativo partito liberale, che vedono il partito di centro allearsi ancora una volta a sinistra»

*

«L’impossibilità di coalizzarsi con “Alternativa” sposta automaticamente la Cdu verso sinistra, cioè nell’unica direzione dove può trovare partiti di dimensioni tali da formare una coalizione di maggioranza. Ma facendo questo, il partito della cancelliera lascia scoperta un’area conservatrice che finisce nelle braccia degli xenofobi. »

*

«A livello federale, l’impasse ha finito per logorare sia il partito socialdemocratico, che preferirebbe ricostruirsi stando all’opposizione, sia la cancelliera.»

* * * * * * * *

I partiti tradizionali hanno dato ostracismo ad AfD, mettendo così i fattivi presupposti per farla crescere: nei fatti è l’unico partito di opposizione.

Un bel giorno si siederanno ad un tavolo a trattare, ma lo faranno come fecero i loro avi a Compiègne.

Intanto, Merkel kaputt.


The New York Tims. 2018-09-19. As the Far Right Gains in Germany, Merkel Weakens

BERLIN — For nearly two weeks Chancellor Angela Merkel tried to find a way to fire her own domestic intelligence chief, a man who had publicly contradicted her and become the darling of the far right for questioning the authenticity of a video showing angry white men chasing an immigrant.

But she couldn’t — not without risking the collapse of her fragile government.

Hans-Georg Maassen, the rebellious spy, has powerful friends, among them his immediate boss, Interior Minister Horst Seehofer, the leader of the Bavarian conservatives and one of Ms. Merkel’s pricklier coalition partners.

Instead of firing Mr. Maassen, Ms. Merkel had to allow Mr. Seehofer to promote him. Mr. Maassen will get a pay raise of about 2,500 euros a month.

“You couldn’t make it up,” said Andrea Römmele, a professor of political science at the Hertie School of Governance in Berlin.

If the episode shows anything, analysts said in the aftermath, it is that Ms. Merkel is growing more feeble even as the far right — in Parliament, online and on the streets — is getting stronger.

The chancellor’s inability to act decisively has exposed the spectacular weakening of a leader who not long ago was seen as a key defender of the liberal order. That view was cemented by her decision in 2015 to welcome to Germany hundreds of thousands of migrants from the Middle East, Africa and elsewhere who were not wanted by neighboring European countries.

Three years later, as a nationalist and populist backlash is spreading, Ms. Merkel has so little authority left that many here wonder how much longer she can last.

“Merkel was an authority at home and abroad,” Ms. Römmele said. “She stood up to Trump, negotiated peace deals and passed the laws she wanted to pass. She was the queen of consensus.”

“Now she can’t even fire the head of an agency,” Ms. Römmele added. Six months into her fourth term, “she has become a lame duck.”

Ever since an inconclusive election last September, Ms. Merkel has stumbled from one political crisis to another. In the election, her party saw a significant decline in voter support and a far-right party, the Alternative for Germany, entered Parliament for the first time in more than 60 years.

In the end it took six months to form a government, an unwieldy one straddling left and right, with Ms. Merkel perched precariously at its center.

That government almost fell apart in the summer, when Mr. Seehofer, the interior minister, challenged the chancellor over her immigration policies and demanded the reintroduction of border controls with Austria.

That earlier episode was just a foretaste of how the Alternative for Germany, or AfD, has been using its toehold in Parliament — where it now has the megaphone of being the leading opposition party — to reorder German politics.

Mr. Seehofer’s party, the Christian Social Union, has been veering sharply to the right ahead of state elections in Bavaria next month, trying to fend off a challenge from the AfD, which is on course to deprive it of its absolute majority.

But there was also the larger and more important question for Germany of Mr. Maassen’s own political sympathies, and whether they were undermining his agency’s ability to assess links between far-right politicians and dangerous neo-Nazi groups.

In an interview with Germany’s best-selling tabloid newspaper, Bild, Mr. Maassen suggested that a widely circulated video of a dark-skinned man being chased by a number of white men, during riotous protests in Chemnitz at the end of August, was a fake.

“There is no evidence that the video circulating on the internet about this purported event is authentic,” he told Bild, adding that there were “good reasons to believe that this was a case of targeted misinformation.”

He later walked back on his claims, saying he had been “misunderstood.”

But Mr. Maassen, who has met several times with AfD politicians in recent years, had vetted and authorized the initial comments before publication. Reports that he had spoken to Mr. Seehofer before the interview intensified speculation that the two men, both longtime critics of Ms. Merkel’s migration policy, were trying to undermine the chancellor’s authority.

If Ms. Merkel thought she could quell the turmoil inside her government by moving Mr. Maassen out of his post, she was wrong.

On Wednesday, Mr. Seehofer publicly defended Mr. Maassen, saying he had his “full trust” and calling him “competent and loyal.”

Mr. Maassen, who has been promoted to under secretary in the interior ministry, will remain in place as president of the domestic intelligence agency — the Office for the Protection of the Constitution, as it is known here — until a successor is named.

Despite Mr. Maassen’s recent comments on the protests in Chemnitz, his vast new brief will include overseeing “public security” and the federal police — though not the intelligence office, Mr. Seehofer said.

The outrage among commentators and politicians, even from within Ms. Merkel’s own camp, was widespread.

“I would like a president of the agency for the protection of the constitution of whom the enemies of the constitution are afraid,” said Peter Tauber, a conservative lawmaker.

Katrin-Göring Eckhardt of the Greens spoke of the “unbelievable jiggery-pokery” in rewarding Mr. Maassen for “disloyalty” and for “cozying up to the AfD.”

But fear of the far right — and, by extension, of new elections that would most likely strengthen it further — was one reason Ms. Merkel and her other governing partner, the Social Democrats, let Mr. Seehofer have his way.

Many also pointed out the dangerous signal the deal had sent to voters. “Ordinary people get punished for the smallest misstep and the elites get promoted,” said Jens Hacke, a political scientist at the University of Greifswald. “This message will only strengthen the AfD.”

Former Foreign Minister Sigmar Gabriel called the whole episode “crazy.”

“If disloyalty and incompetence are rewarded with career jumps,” he said, “then Horst Seehofer has every chance to become U.N. secretary general.”

But a good dose of the criticism was directed at the chancellor herself, underscoring the sense that though Ms. Merkel won the round, she was weakened in the fight.

Some inside the Social Democratic Party, Ms. Merkel’s other coalition partner, were so furious that they urged their leadership to quit the government.

“My personal pain threshold has been reached,” said Kevin Kühnert, the influential leader of the party’s youth organization. The price for staying in government, he said, “has become too high.”


Reuters. 2018-09-19. Merkel coalition slides into ‘permanent crisis mode’ with spy row

BERLIN (Reuters) – A clumsy compromise to end a row over the fate of Germany’s spy chief has exposed a cruel fact: the parties in Chancellor Angela Merkel’s right-left coalition are loveless partners in a dysfunctional relationship that none of them can afford to quit.

The coalition leaders sought on Tuesday to end a scandal that had rumbled on for 11 days by agreeing to replace the head of the BfV domestic intelligence agency, who has faced accusations of harboring far-right sympathies.

Their solution – promoting spymaster Hans-Georg Maassen to a better paid position at the Interior Ministry – has only inflamed tensions among the rank-and-file of the ruling parties, whose leaders are united by fear more than collective purpose.

The scandal, the latest in a series of setbacks to shake the six-month-old coalition, threatens to erode further the German ruling elite’s authority and may point to years of policy drift just as Germany and Europe are crying out for firm leadership.

Merkel is yet to address the criticism that the coalition lacks direction.

Polls show both Merkel’s conservative bloc and its junior coalition partner, the center-left Social Democrats (SPD), would bleed votes to the far-right Alternative for Germany (AfD) and the ecologist Greens in any new elections.

That leaves their leaders hanging on to the awkward right-left ‘grand coalition’ as Merkel, serving her fourth and likely final term as chancellor, tries to secure her legacy as a stateswoman and the SPD struggles to remain relevant to voters.

“The grand coalition is like a dead marriage where the spouses have too many intertwined assets to be able to separate without heavy losses,” said Josef Joffe, publisher-editor of weekly Die Zeit.

“They would be trounced in snap elections. Nor can they recruit more docile partners among the four opposition parties.”

The Maassen scandal comes only two months after Merkel closed a painful row with her Bavarian CSU allies on immigration – an issue that goes back to her 2015 decision to leave open Germany’s borders to refugees fleeing war in the Middle East.

The SPD had wanted Maassen removed after he questioned the authenticity of video footage showing far-right radicals hounding migrants in the eastern German city of Chemnitz.

But Interior Minister Horst Seehofer, leader of the Bavarian Christian Social Union (CSU), sister party of Merkel’s Christian Democrats (CDU), stood behind Maassen.

By promoting the spymaster to the post of state secretary in his Interior Ministry, Seehofer found a solution that satisfied the SPD’s demand for Maassen’s removal from the BfV but left the coalition looking lame.

“The only thing that is still grand in this coalition is the absolute determination to carry on muddling through,” mass-selling daily Bild wrote in an editorial.

“PERMANENT CRISIS MODE”

Speaking at the sidelines of a European Union meeting in Salzburg, Merkel defended the Maassen deal as a “right and important” decision.

Merkel stressed that Maassen would not be in charge of domestic security issues in his new position.

The SPD had accused the former spymaster of having too close ties to the anti-immigration AfD party.

The grand coalition only took office in March, nearly six months after last year’s election, as there was effectively no other viable governing option following the collapse of talks between Merkel’s conservatives and two smaller parties.

After the Maassen deal, pressure is growing in the SPD for its leaders to reconsider the coalition or else deliver results that will win back working class voters who are turning to the far right or left, and middle class voters moving to the Greens.

“Patience in the SPD with this grand coalition is extremely thin,” said Ralf Stegner, a senior SPD official.

Even SPD Secretary General Lars Klingbeil questioned Maassen’s promotion, adding: “We must finally get out of this permanent crisis mode.”

SPD leader Andrea Nahles said the party should remain in the coalition but added that Seehofer’s decision to transfer Maassen to his ministry was a “further burden” for cooperation.

In a letter to party members, she added: “The SPD shouldn’t sacrifice this government because Horst Seehofer employs a civil servant whom we consider to be unsuitable.”

Merkel’s 2015 decision on refugees has proved to be the defining moment of her leadership and one that still haunts her as the CSU, fearful of losing votes to the AfD in Bavaria’s state election on Oct. 14, tries to sound tough on immigration.

The CSU is likely to lose its absolute majority in Bavaria, which could make it an even more difficult partner for Merkel.

Nationally, the conservative bloc is polling around 30 percent, down from 33 percent in last September’s election. The SPD is on about 18 percent, down from 20.5 percent. The AfD is polling around 15 percent, with the Greens close behind.

“So it is in (Merkel’s) interests to keep up the image of a coalition that is functional and capable of acting,” said Gero Neugebauer, political scientist at Berlin’s Free University.

“She is managing to do that less and less,” he said, adding that even after the Maassen deal conflicts between the coalition parties were “bubbling away like lava in a volcano”.


Sole 24 Ore. 2018-09-20. Merkel vuol lasciare la Germania per guidare la Commissione europea

Germania ed Europa potrebbero trovarsi alla vigilia di un “cambio di sistema”, un assetto politico molto diverso da quello del recente passato. La figura chiave nei nuovi equilibri sarebbe ancora una volta la cancelliera tedesca Angela Merkel. In ambienti vicini al governo di Berlino si mette in dubbio, per la prima volta in modo significativo, la permanenza di Angela Merkel a capo del governo tedesco per l’intera legislatura. Fonti informate ritengono che Merkel possa decidere nel prossimo semestre di uscire di scena, per rientrare nel gioco delle nomine europee. L’attuale candidatura alla presidenza della Commissione europea di Manfred Weber, esponente della Csu e capogruppo del Partito popolare europeo, potrebbe essere rimessa in discussione nel caso Merkel optasse lei stessa per un incarico di vertice a Bruxelles. Un colpo di teatro a Berlino è possibile, se non necessario, in conseguenza del terremoto provocato negli equilibri politici tedeschi da “Alternativa per la Germania”.

Il movimento ha posizioni inconciliabili con quelle degli altri partiti tradizionali, ma sta catalizzando il consenso di una quota sempre crescente di elettori, e sta rendendo impossibile governare con solide maggioranze secondo le vecchie alleanze.

Dopo le elezioni di ottobre in Baviera, il partito conservatore Csu, abituato a controllare la maggioranza assoluta del Land, si troverà costretto quasi certamente a governare per la prima volta con i Verdi. Nelle successive elezioni in Assia, l’attuale coalizione Cdu-Verdi sarà messa a dura prova dagli elettori conservatori, orfani anche di un significativo partito liberale, che vedono il partito di centro allearsi ancora una volta a sinistra. Proprio la Cdu, il partito della cancelliera, ad agosto ha sondato un’alleanza in Sassonia per il 2019 addirittura con la sinistra radicale “Die Linke”, pur di non allearsi con “Alternativa” che raccoglie un voto su quattro nella regione di Dresda.

L’impossibilità di coalizzarsi con “Alternativa” sposta automaticamente la Cdu verso sinistra, cioè nell’unica direzione dove può trovare partiti di dimensioni tali da formare una coalizione di maggioranza. Ma facendo questo, il partito della cancelliera lascia scoperta un’area conservatrice che finisce nelle braccia degli xenofobi. Alternativa d’altronde ha cambiato il significato stesso delle politiche di destra in Germania, radicalizzando le posizioni su immigrazione, Europa e sicurezza personale, al punto di rendere difficile per i partiti democratici seguirla sullo stesso linguaggio o addirittura farsi portatori di politiche conservatrici tout court. Perfino la Csu, che ha cercato di coprire nei toni, se non nelle politiche, la fascia più di destra dell’elettorato bavarese, ha finito per perdere voti, a sinistra verso i Verdi, e a destra verso i “Freie Waehler” e la stessa “Alternativa per la Germania”.

A livello federale, l’impasse ha finito per logorare sia il partito socialdemocratico, che preferirebbe ricostruirsi stando all’opposizione, sia la cancelliera. Di fatto la Germania non può più contare sul tradizionale baricentro politico che dava al sistema un’impareggiabile stabilità, rappresentata dalla decennale guida della cancelliera. Tuttavia, la pressione su Angela Merkel da parte dei partiti e dei media sta diventando insopportabile. Le sue apparizioni in pubblico nei nuovi Laender orientali sono spesso imbarazzanti per le manifestazioni di protesta organizzate dal partito nazionalista. I media tedeschi, afflitti da una grave perdita di credibilità presso il largo pubblico, stanno contribuendo al rafforzamento del partito nazionalista e alla perdita di consenso dei partiti tradizionali.

Per Merkel si tratta di prendere nei prossimi mesi una decisione molto difficile, perché la sua successione alla guida della Cdu e del Paese non è ancora pronta. I nomi più citati non sono considerati abbastanza autorevoli e tali da mantenere la barra stabile in un panorama politico reso tanto turbolento dal rischio di deriva nazionalista. Le riflessioni sul futuro della cancelliera procedono a un livello preliminare e confidenziale e verranno sviluppate nel corso dei prossimi mesi anche con l’obiettivo di evitare che i partiti tradizionali possano essere logorati o addirittura travolti da una serie di insuccessi elettorali che destabilizzerebbe ulteriormente gli equilibri politici del Paese e del continente.

Il tiepido appoggio di Angela Merkel alla candidatura di Manfred Weber alla guida della Commissione non sarebbe un ostacolo insormontabile e ha quanto meno il beneficio di aver assicurato alla Germania un diritto riconosciuto a candidarsi alla posizione di leader dell’esecutivo comunitario. L’approvazione di una candidatura Merkel da parte del Partito popolare europeo, secondo le procedure del “candidato di vertice” da effettuare nel Parlamento di Strasburgo, viene data a Berlino per scontata. Che sia Weber, o non direttamente la cancelliera Merkel, si chiarirà solamente nel corso dei prossimi sei mesi. Ma una candidatura Merkel a Bruxelles, secondo le fonti, non troverebbe ostacoli nelle maggiori capitali e rappresenterebbe un “cambio di regime” anche per l’Europa, ridando personalità e centralità politica alle istituzioni comunitarie.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Summit di Salzburg. Il discorso di Mr Tusk.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-20.

Salzburg 001

Mr Donald Tusk presiede il Consiglio Europeo: una carica che dovrebbe conferire autorevolezza, non certo rappresentata dall’attuale suo presidente.

Anche se l’italiano imbarbarito ne ha alterato in parte il significato, il termine “autorevolezza” è disgiunto dalla concreta possibilità di esercizio di un qualche potere. È autorevole chi è sentito con attento interesse perché afferma cose vere ed interpretazioni coerenti.

Ma l’autorevolezza non è legata alla carica ricoperta, bensì alla persona che la ricopre.

Mr Donald Tusk è un polacco. È stato per quasi nove anni leader di Piattaforma Civica, formazione politica sostanzialmente liberal socialista, e dal 16 novembre 2007 al 22 settembre 2014 è stato primo ministro polacco. In accordo con l’ideologia che professa, Mr Tusk avrebbe voluto vedere gli Stati Uniti di Europa a governo liberal e socialista, e durante il suo mandato ha fatto il possibile per trascinare una sempre più riluttante Polonia su tale linea.

Il 1° dicembre 2014 abbandonò la Polonia per assumere la carica di Presidente del Consiglio Europeo, carica utilizzata per opporsi al Governo polacco legittimamente eletto in ogni modo e maniera.

Infatti, alle elezioni del 2015 il Partito Diritto e Giustizia di Jarosław Kaczyńsk vinse in modo plebiscitario le elezioni, ottenendo 235 / 460 deputati e 61 / 100 senatori.

Il suo mandato biennale fu rinnovato il 9 marzo 2017: fatto questo altamente traumatico, perché la Polonia, alla quale sarebbe dovuto spettare l’indicare il nome del Presidente che le sarebbe toccato per regolamento, fu conculcata  ed ignorata. Frau Merkel impose con atto di forza la prosecuzione del fedelissimo Mr Tusk in spregio al Governo polacco. Questo infatti è un Governo ‘sovranista‘ e, per di più, cattolico.

Da allora i polacchi considerano Mr Tusk un traditore della Patria.

* * *

Ma anche i paesi del Visegrad e taluni stati baltici, per non parlare poi dell’Italia con il suo attuale Governo, ha di Mr Tusk un concetto che decenza imporrebbe di non riportare in questa sede. I traditori servono prima e quando tradiscono: dopo sono inisi anche a quanti siano stati utili. Chi ha tradito una volta tradirà anche la seconda.

Molte cose sono successe sotto la presidenza Tusk. A partire dal Brexit, al crollo del partito socialista francese, al 24 settembre dello scorso anno in Germania, per finire poi con il 4 marzo e la formazione di un nuovo Governo in Italia. Da non trascurarsi poi l’elezione di Mr Trump alla Presidenza americana.

Sarebbero stati tutti problemi facilmente risolvibili senza la altera superbia mostrata da Mr Juncker e da Mr Tusk, sorretti da una Francia e da una Germania presuntuosamente altezzose, almeno fino alla loro sconfitta nelle elezioni.

*

Al momento, un Macron con il 69% di tasso di esecrabilità, ed un governo che perde ministri ogni giorno che passa, ed una Frau Merkel già ridimensionata ma in attesa del colpo di grazia con le elezioni in Hessen ed in Baviera, sono politicamente ininfluenti nel quadro europeo.

Il Consiglio Europeo è sostanzialmente diviso su tutto.

Poi, tutti stanno semplicemente facendo melina in attesa che si chiariscano i risultati elettorali dei prossimi quaranta giorni e, soprattutto, quelli per il rinnovo del parlamento europeo, che dovrebbe vedere i sovranisti salire attorno al 30%, unitamente al frazionamento del partito popolare ed al ridimensionamento di quello socialista.

*

Sei mesi ed il quadro politico europeo sarà mutato.

«the UK’s proposals will need to be reworked and further negotiated. Today there is perhaps more hope, but there is surely less and less time. Therefore, every day that is left, we must use for talks. I would like to finalise them still this autumn»

*

«Mostly because we have been focused on external border control and cooperation with third countries, which has brought down the number of irregular migrants from almost 2 million in 2015 to fewer than 100.000 this year»

*

«So, instead of taking political advantage of the situation, we should focus on what works and just get on with it»

*

«We can no longer be divided into those who want to solve the problem of illegal migrant flows, and those who want to use it for political gain»

* * * * * * * *

Conscio che la sua fazione perderà le elezioni e che l’attuale eurodirigenza sia destinata a scomparire, Mt Tusk propone semplicemente che i sovranisti recedano dal loro pensato e dal loro agire: vorrebbe che rinnegassero sé stessi.

Sarebbe cosa ben troppo comoda, Mr Tusk!

Non solo. Ma sarebbe anche da mettere sui piatti della bilancia che la gente ha memoria ottima, e ben si ricorda come Ella ed i suoi sodali trattavano quando si ritenevano sicuri del potere che avevano.


Consiglio Europeo. 2018-09-19. Remarks by President Donald Tusk ahead of the informal Salzburg summit

The Brexit negotiations are entering their decisive phase. Various scenarios are still possible today, but I would like to stress that some of Prime Minister May’s proposals from Chequers indicate a positive evolution in the UK’s approach as well as a will to minimise the negative effects of Brexit. By this I mean, among other things, the readiness to cooperate closely in the area of security and foreign policy. On other issues, such as the Irish question, or the framework for economic cooperation, the UK’s proposals will need to be reworked and further negotiated. Today there is perhaps more hope, but there is surely less and less time. Therefore, every day that is left, we must use for talks. I would like to finalise them still this autumn. This is why, at tomorrow’s meeting of the twenty-seven, I will propose calling an additional summit around mid-November.

This evening I will call on leaders to stop the migration blame game. Despite the aggressive rhetoric, things are moving in the right direction. Mostly because we have been focused on external border control and cooperation with third countries, which has brought down the number of irregular migrants from almost 2 million in 2015 to fewer than 100.000 this year. In fact, this is less than in the years before the migration crisis. So, instead of taking political advantage of the situation, we should focus on what works and just get on with it. We can no longer be divided into those who want to solve the problem of illegal migrant flows, and those who want to use it for political gain.

Tonight, I will ask for support for our efforts to intensify cooperation with North African countries and the idea of calling an EU-League of Arab States summit in Egypt in February next year.


Corriere. 2018-09-20. Migranti, Tusk accusa i sovranisti: «Usate la crisi per giochi politici»

Vertice europeo, la replica di Conte: falso. May sulla Brexit: tocca all’Unione evolvere.

*

Resta difficile concordare soluzioni europee sul surriscaldato tema dei migranti. Si è capito nella cena del Consiglio straordinario dei capi di Stato e di governo dell’Ue a Salisburgo, organizzato dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz per cercare di avvicinare posizioni spesso opposte. Il presidente del summit, il polacco Donald Tusk, europopolare come la cancelliera tedesca Angel Merkel, ha esortato i governi sovranisti a non «approfittare politicamente della situazione», pur senza citare i leader del gruppo, il premier ungherese Viktor Orbán e il vicepremier italiano Matteo Salvini. «Non possiamo più dividerci tra quelli che vogliono risolvere la crisi e quelli che la vogliono usare per giochi politici», ha attaccato Tusk, sottolineando che «malgrado la retorica aggressiva, le cose si muovono nella giusta direzione» perché «il numero di migranti irregolari è passato da quasi 2 milioni nel 2015 a meno di 100 mila quest’anno, che è meno degli anni prima della crisi dei migranti».

Il premier Giuseppe Conte ha replicato sostenendo che per il governo M5S-Lega «non è una questione elettorale, noi ne siamo distanti». Si è poi detto fiducioso di ottenere a Salisburgo un «atteggiamento costruttivo» in vista del summit di ottobre sull’immigrazione. «Sul tavolo c’è l’ipotesi che i Paesi non volenterosi, ovvero quelli che non partecipano in termini di sbarchi o in termini di redistribuzione» dei migranti, «versino un contributo finanziario», ha spiegato Conte interpellato dai cronisti in albergo al termine della cena tra i 28 leader Ue, durata oltre 4 ore, e tenutasi al Felsenreitschule di Salisburgo. Nel corso della cena si è parlato quasi esclusivamente di migranti, spiega Conte che, interpellato su un titolo da dare alla riunione sottolinea: «lavori in corso».

Il presidente dell’Europarlamento, l’europopolare Antonio Tajani, ha chiesto a Conte di ottenere la modifica delle regole di Dublino, in modo che «i rifugiati siano distribuiti automaticamente in tutta l’Ue», e «più fondi europei per l’Africa» per ridurre i flussi nel Mediterraneo centrale. Kurz, europopolare, ha criticato le riserve sul potenziamento di Frontex, manifestate dai governi preoccupati dalla perdita di sovranità nazionale e da registrazioni più complete dei migranti (che renderebbero più difficili successivi spostamenti in Germania, Austria o Francia). «Italia, Spagna e Grecia sono riluttanti a rendere l’Agenzia europea delle guardie di frontiera una forza in grado di schierare il suo personale ai confini dell’Ue — ha detto Kurz —. Ma dobbiamo convincerli».

La proposta di Bruxelles è 10 mila guardie Ue entro il 2020. Orbán, che ha fatto costruire una barriera di centinaia di chilometri lungo i confini meridionali dell’Ungheria, è contrario: «Siamo capaci di proteggere da soli le nostre frontiere». Oggi i leader parlano di sicurezza e Brexit. Il nodo principale è il confine tra Irlanda comunitaria e Irlanda del Nord britannica. La premier di Londra Theresa May ha detto che tocca ai partner Ue «far evolvere la loro posizione».

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Francia. Elezioni Europee. Sondaggio Bva.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-20.

Macron Merkel Parigi

Bva. L’union des droites, avenir crédible ou impasse politique ? – Décrypter les mécanismes de l’opinion – Sondage BVA pour L’Obs

«37% des Français se positionnent politiquement à droite : la majorité d’entre eux pourrait voter pour une liste d’union de la droite aux élections européennes (65%)…mais l’intérêt pour des listes d’union serait surtout ponctuel.

– 83% des Français peuvent se positionner politiquement sur l’axe gauche-droite : 36% à gauche, 10% au centre et 37% à droite. A l’inverse, 15% se disent ni de gauche ni de droite et 2% ne se prononcent pas.

– Parmi les 37% des Français se positionnant politiquement à droite : 14% se placent plutôt à droite, 14% à droite et 9% très à droite.

– 65% des Français se positionnant à droite pourraient voter pour une liste d’union de la droite aux élections européennes 2019, rassemblant des candidats Les Républicains, Debout la France et du Rassemblement national.

– Uniquement 32% des sympathisants de la droite soutiendraient des listes d’union « quelles que soient les élections » et le soutien à cette possibilité varie très fortement selon la position politique, de 60% chez les « très à droite » à seulement 35% chez les « à droite » et 12% chez les « plutôt à droite».

* * * * * * *

Riassumiamo in italiano.

– Del 37% dei francesi che si posiziona politicamente a destra: il 14% è piuttosto a destra, il 14% a destra e il 9% alla estrema destra.

– Solo il 32% dei sostenitori della destra apprezzerebbe una lista comune ‘indipendentemente dalle elezioni’.

– Ma se la lista comune valesse solo per le elezioni europee, la percentuale dei consensi salirebbe al 65%,

– Tra tutto l’Elettorato, il 36% si dichiara di sinistra, in 10% di centro, ed il 37% di destra.

*

Resterebbe alquanto difficile comprendere la collocazione degli elettori dei Les Républicains e di En Marche!.

Ad oggi il Presidente Macron ha un tasso di approvazione del 25%, mentre il 69% lo esecra.

Ed il 23 – 24 maggio 2019 si va a votare per le elezioni europee.

In bocca a Benalla, Mr Macron!

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Texas. Elezioni suppletive senato. Vittoria repubblicana dopo 139 anni.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-20.

Texas 001

Si sono svolte ieri le elezioni suppletive senato nel diciannovesimo distretto, vinte con il 52.99% dei consensi dal sen. Pete Flores, repubblicano.

Premettiamo immediatamente come i risultati di elezioni in un singolo collegio, per di più statale, non federale, dipendano molto dalle condizioni locali e dalla personalità dei candidati. Il tentativo di generalizzare a tutti gli Stati Uniti sarebbe destituito di buon senso.

Tuttavia questo caso ha una particolarità degna di nota.


Huge Upset for GOP in Texas: State Senate Seat Flips Red for First Time in 139 Years

«In a major upset Tuesday night, voters elected a conservative political newcomer to the Texas Senate, flipping a Democratic district red for the first time in 139 years.

Retired game warden Pete Flores defeated former state and U.S. Rep. Pete Gallego in the runoff election for the Senate District 19 seat in San Antonio, further increasing the Republicans’ supermajority in the chamber ahead of the November elections. Flores will replace Democrat state Sen. Carlos Uresti, who was forced to step down in June after being sentenced to 12 years in prison on federal fraud and money laundering charges.

This seat wasn’t supposed to be competitive. It went 54-42 for Hillary Clinton in 2016 and 55-44 for Barack Obama in 2012.»

* * *


How Texas Democrats lost a state Senate seat amid talk of a blue wave

«Republican Pete Flores defeated Democrat Pete Gallego on Tuesday in a state Senate district that Hillary Clinton won by 12 points, prompting Democratic soul-searching less than two months before the midterms.

Republican Pete Flores’ upset victory in a Democratic-friendly Texas Senate district Tuesday night has spurred GOP jubilation and Democratic soul-searching with less than two months until the November elections.

“All this talk about a ‘blue wave’? Well, the tide is out,” Republican Lt. Gov. Dan Patrick proclaimed at Flores’ election night party in San Antonio.

Flores beat Democrat Pete Gallego, a former U.S. representative, by 6 percentage points in the special election runoff for Senate District 19, where state Sen. Carlos Uresti, D-San Antonio, resigned earlier this year after 11 felony convictions. The win made Flores the first Hispanic Republican in the Texas Senate and grew the GOP majority there to 21 members, a key addition as the caucus heads toward November looking to retain its supermajority.

Democrats moved quickly Tuesday night to blame Gov. Greg Abbott for scheduling the special election at a time when turnout was expected to be low and would favor his party. But they were nonetheless demoralized Wednesday, trying to figure out how they let a valuable seat flip in a district where Uresti repeatedly won re-election by double digits and that Hillary Clinton carried by 12 in 2016.»

* * * * * * *

Per i media è certo che la Marea Blu travolgerà Trump a midterm.

Ripetiamo esclusivamente per chiarezza.

Nessuna intenzione di generalizzare, ma i repubblicani sono riusciti a scalzare da questo distretto i democratici, che da 139 anni vi facevano eleggere un loro aderente. Un distretto ove Mrs Clinton aveva vinto nel 2016 54 – 42.

Alla fine dei conti, ciò che importa sono i risultati delle urne.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Ponte Benetton. Bucci, Toti, il Governo. Via della Superba aperta in un mese di lavoro.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-19.

2018-09-19__Genova__001

In meno di un mese di lavoro, 24 ore su 24, è stata fatta dal nulla una nuova strada a quattro corsie di marcia che passa il torrente Polcevera e permette la piena ripresa del lavoro portuale.

Sicuramente non è il ponte, ma come soluzione di emergenza va più che bene. Accoglierà e smaltirà il traffico pesante senza obbligarlo nella litoranea che passa nell’abitato.

*

Da quando gli Elettori liguri hanno cacciato le giunte regionali e comunali pidiine il clima era già sensibilmente migliorato, nonostante decine di anni di incurie e ruberie, che hanno portato in tribunale penale anche un sindaco.

Ma il triste fatto del crollo del ponte Benetton ha messo in piena luce le capacità organizzative del Presidente della Regione Toti e del Sindaco Bucci, nonché le capacità operative del Governo, nella sua interezza.

Hanno fatto, in piena emergenza, un’opera prima impensata ed impensabile. Ad agosto e nelle prime settimane di settembre, quando ancora molta gente era in ferie.

*

Cosa mai avrebbe potuto essere la nostra città se non fosse stata oppressa dalla lebbra socialista!

Nota.

Vincenzi condannata per l’alluvione 2011: ecco che cosa succede adesso

«Genova – Dopo la condanna anche in appello (5 anni per i reati di disastro, omicidio colposo plurimo e falso) per quanto accaduto a Genova durante l’alluvione del 2011, l’ex sindaca Marta Vincenzi non andrà in carcere.»

*

Le giunte socialcomuniste sono responsabili delle numerose alluvioni e dei numerosi morti. Ben poco conta che alla fine i suoi sindaci siano stati condannati da processi penali per omicidio. [Fonte]

Genova ha pagato il loro usbergo con il proprio sangue.

«Il più drammatico è quello del 7/8 ottobre 1970, quando strariparono i torrenti Bisagno, Leira, Polcevera, Cantarena e Chiaravagna. Le piogge intense accumularono quasi 1 litro d’acqua in 24 ore e la città di Genova e altri comuni limitrofi si allagarono in più punti. Vi furono oltre 2000 sfollati, 35 morti e 8 dispersi.»

*

«Il 27 settembre 1992 piogge torrenziali hanno causato lo straripamento dei torrenti Sturla e Bisagno. L’alluvione ha provocato due vittime.»

*

«Il 23 settembre 1993 a Genova sono esondati alcuni corsi d’acqua tra cui il Varenna e il Leira. I morti sono stati due e i dispersi tre.»

*

«Il 4 ottobre 2010, piogge torrenziali unite al dissesto idrogeologico hanno procurato danni in tutta la provincia di Genova e Savona. Particolarmente colpite le zone di Pontedecimo e Bolzaneto. Un morto.»

*

«Il 4 novembre 2011 a Genova e nella zona della Val Bisagno un violento nubifragio ha prodotto mezzo litro d’acqua in cinque ore e durante la notte la piena del fiume Bisagno e degli affluenti, in particolare il Fereggiano ha sommerso la città di oltre 2 metri. Ci sono stati sei morti e i danni ingentissimi.»

*

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Salzburg. Il problema non sono i migranti bensì le elezioni (ed i soldi).

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-19.

Gabellieri__002__

«Donald Tusk. Che ammonisce: la crisi rimarrà “irrisolvibile” finché ci sarà qualcuno che non vuole risolverla e che di fatto “la usa” per i propri tornaconti di consenso»

*

«Nei palazzi delle istituzioni europee, è palpabile il fastidio nei confronti di certe prese di posizioni muscolari contro l’Ue»

*

«siamo molto divisi, anche aspramente. Ma si tratta di una questione reale, politica e concreta, con un’incidenza sui flussi elettorali»

* * *

Solo i risultati delle prossime tornate elettorali chiariranno gli orizzonti politici.

– Il 21 settembre 2018 si vota in Lettonia.

– Il 7 ottobre 2018 si vota in Brasile.

– Il 14 ottobre si vota in Lussemburgo.

– Il 14 ottobre 2018 si vota in Baviera.

– Il 28 ottobre 2018 si vota in Hessen.

– Il 21 ottobre 2018 si vota nella Regione Trentino Alto Adige ed in Abruzzo

– Il 7 novembre 2018 si terranno le elezioni di midterm.

– Il 23 – 24 maggio 2019 si voterà nell’Unione Europea.

Poi, finalmente, si quieterà perché le bocce saranno ferme.

* * *

Nota.

Molto bella questa Unione Europea. Solo la Ecb non ne sapeva nulla, ma proprio nulla. Mr Juncker, Mr Tusk, Frau Merkel e Mr Macron sarebbero dei miti agnelli innocenti, candidi gigli coltivati nel letamaio sovranista.

E poi ci si domanda per quale strano motivo i liberal socialisti siano così arrampanati a difendere questa Unione ed odino i ‘lebbrosi‘ che potrebbero scoperchiare il vermaio.

Danske Bank boss quits over €200bn money-laundering scandal

«The chief executive of Danske Bank has resigned in the wake of a money-laundering scandal involving its Estonian operation.

Thomas Borgen stepped down following an investigation into payments of about €200bn (£177bn) through its Estonian branch.

The Danish bank said many of those payments were suspicious.»


Ansa. 2018-09-19. Migranti, Italia in pressing ma l’Europa fa muro

 L’Italia, con il pressing del premier Giuseppe Conte e del ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, insiste nel chiedere “una risposta europea” alla gestione dei flussi migratori del Mediterraneo. Ma perché questa risposta arrivi, se arriverà, bisogna aspettare ancora. Di certo nulla di decisivo – né sulla questione dei porti di sbarco delle missioni europee, né sulla riforma del regolamento di Dublino sull’asilo – arriverà dal vertice informale dei leader dell’Ue in programma oggi e domani a Salisburgo. Un appuntamento cui gli Stati del Vecchio Continente arrivano ancora una volta divisi.

Delle questioni sul tavolo Conte ha parlato con il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, il cui Paese ha fino a dicembre la presidenza di turno dell’Unione. Kurz, dopo avere incontrato Merkel e Macron, è sceso a Roma come ultima tappa del suo tour organizzato per tastare il polso alle capitali in vista del vertice. “Se non vogliamo un altro caso Diciotti abbiamo bisogno di una risposta europea”, lo ha incalzato Conte. Che all’austriaco ha anche ribadito la posizione fortemente contraria dell’Italia su un’altra questione: quella dei doppi passaporti che Vienna vorrebbe per i cittadini altoatesini di lingua tedesca e ladina. Quanto alle migrazioni, il premier ha ribadito la richiesta di più investimenti in Nord Africa e di rivedere le missioni europee, per far sì che anche i porti di altri Paesi rivieraschi siano coinvolti negli sbarchi. Kurz ha sottolineato ancora una volta la necessità di rafforzare quanto prima Frontex, l’agenzia Ue per il controllo delle frontiere, come propone la Commissione europea, anche se l’idea ha già suscitato perplessità in vari Stati membri. Nel blocco dei Paesi Visegrad, ad esempio. Nel mirino delle critiche c’è sia il rafforzamento del mandato dell’agenzia perché svolga compiti all’interno dei Paesi, sia il fatto di destinarle più finanziamenti. “Meglio dare i fondi direttamente agli Stati”, ha già fatto sapere ad esempio la Repubblica Ceca.

I capi di Stato e di governo dell’Ue parleranno del punto specifico di Frontex in una discussione ad hoc giovedì durante il vertice in Austria. Gli altri dossier relativi al nodo delle migrazioni saranno invece affrontati già domani a cena. Ma secondo fonti europee non c’è da attendersi alcuna svolta o passo in avanti. L’unica speranza, a Bruxelles, è quantomeno raggiungere un risultato minimo: recuperare un “clima costruttivo”, come chiede il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Che ammonisce: la crisi rimarrà “irrisolvibile” finché ci sarà qualcuno che non vuole risolverla e che di fatto “la usa” per i propri tornaconti di consenso. Nei palazzi delle istituzioni europee, è palpabile il fastidio nei confronti di certe prese di posizioni muscolari contro l’Ue. Che il clima non sia dei migliori per una soluzione condivisa lo ammette anche il ministro degli Esteri Moavero, volato a Bruxelles per una riunione del Consiglio Affari generali. Sui migranti, dice, “siamo molto divisi, anche aspramente. Ma si tratta di una questione reale, politica e concreta, con un’incidenza sui flussi elettorali”. Un tema, insomma, su cui potrebbe giocarsi una buona fetta di campagna elettorale per le europee in calendario la primavera dell’anno prossimo.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Ponte Benetton. Qualche altra testa è finita nella cesta. Licenziamenti al Cesi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-19.

2018-09-19__CESI__001

Leggete con cura tutto l’articolo, allegati compresi.

Sembrerebbe un testo scritto da Kafka in persona.

*

Cosa è l’Ismes, Models and Structures Experimental Institute.

«How we have just said, the principal Ismes attempt developed engineering abilities by models structures applied to large civil structures in general, such as dams, bridges, airports, highways, energy systems, shells and complex structures building in seismic areas: churches, cathedrals, skyscrapers. ….

Bridges, tests on static and dynamic models ….

Since the1th November 2004 Ismes enterprise became part of Cesi (Italian Electro technical Experimental Institute), its main activities concerns managing civil structures safety control, dynamic tests with master system (MultiAxes Shaking Table for Earthquake Reproduction), and it is committed in Environmental Services Division. ….

Moreover the Institute supported the design of Pirelli’s skyscraper, Place Victoria building Montreal in Canada, Parque Central special building in Caracas Venezuela, S. Mary Cathedral in S. Francisco California, Bosphorus suspension bridge, Zarate Brazo Largo bridge, Nile river Shambat bridge, Mont Blanc tunnel, Cisa highway tunnel, different shells structures committed by architectural studios: P. Luigi Nervi, Fraioli, Blum, Yesselman, Morandi, Belluschi, Gambirasio, Sonzogni, Gian Carlo Giuliani and so on. ….» [Fonte]

*

«News_31.08.2018

CESI SU PONTE MORANDI

Milano, 31 Agosto 2018

Il Gruppo CESI, profondamente colpito dal tragico crollo del Ponte Morandi,  si stringe intorno alle famiglie delle vittime e alla città di Genova esprimendo il suo più sentito cordoglio.

Dal 2015 al 2016, CESI attraverso ISMES ha realizzato sul Ponte Morandi di Genova attività di consulenza specialistica per Autostrade per l’Italia (ASPI).

ISMES precisa che l’ambito dell’incarico per ASPI non comprendeva né alcuna verifica progettuale e strutturale del viadotto, o di sue singole parti, né attività di ispezione e sorveglianza.

Pertanto ISMES, in base alle attività svolte, non poteva valutare la stabilità strutturale  del viadotto né tantomeno oggi può formulare alcuna ipotesi sulle cause del tragico crollo. Eventuali dichiarazioni che dovessero contraddire quanto appena affermato non rappresentano la posizione ufficiale dell’azienda.

La consulenza affidata da ASPI a ISMES nel giugno 2015, infatti, prevedeva principalmente l’analisi della documentazione, fornita dalla stessa ASPI, in cui erano descritti le procedure per la sorveglianza e il sistema di monitoraggio statico del viadotto. Inoltre nell’ambito dello stesso incarico, tra ottobre e novembre 2015, ISMES ha rilevato  grandezze dinamiche  sulle Pile 9 e 10, inclusi gli stralli,  propedeutiche allo sviluppo, da parte di ASPI, di successivi analisi e approfondimenti.

Nei diversi rapporti originariamente consegnati al cliente, tra gennaio e maggio 2016 (e inoltrati nuovamente, su richiesta del cliente, nella notte tra il 14 e il 15 agosto), ISMES ha suggerito ad ASPI di aumentare la frequenza di alcune ispezioni e implementare un sistema di monitoraggio dinamico, ossia continuo, della struttura in presenza di fenomeni rapidamente variabili (es. vento, traffico, sisma, ecc.).

Al momento ISMES non è a conoscenza dell’effettivo utilizzo o implementazione, da parte del cliente, delle informazioni e dei suggerimenti da lei indicati nei rapporti oggetto dell’incarico.​»

*

Ma chi mai sarà questo Cesi? Loro si presentano così:

«CESI References

CESI is a world leader in the supply of integrated consulting and engineering services to electricity sector players (generation and distribution companies, network operators, regulatory bodies, governments, developers and institutions financing large electrical infrastructure projects, etc.) as well as to global manufacturers of electromechanical components and industrial automation devices.

Today CESI possesses important references in 35 countries and a group of “core” loyal customers, whose challenges provided source of continuous development of new technological capabilities.»

Rileggiamo bene.

“integrated consulting and engineering services to electricity sector players”.

In poche parole, le consulenze sulla tenuta del ponte Benetton, meglio una parte di esse, erano affidate ad una società specializzata nelle consulenze nel settore elettrico. Che poi si risolvono in grandi consulenze elargite dall’Enel a famigliari, amici di famiglia, ed amici degli amici, usando il denaro cavato con pinze incandescenti dalle carni dei Contribuenti. Amici degli amici, sicuramente sì, ma altrettanto sicuramente con una bella tessera di partito.

Ma la tessera di partito non assicura solide basi ingegneristiche. Né, tanto meno, di far critica all’establishment, grazie alle limosine del quale si vive.

*

Ci si commuove alle lacrime, estasiati, leggendo che il 31 agosto il Cesi si dichiari contrito della caduta del Ponte Benetton.

Ci hanno messo sedici giorni, ma a quanto sembrerebbe è stato determinante l’arrivo di finanza e polizia nei loro uffici.

La colpa del crollo è chiaramente dei fascisti, di Salvini e di Di Maio, che hanno agito segretamente in previsione del crollo con anni di anticipo.

«La società di consulenza ingegneristica e strutturale era stata incaricata da Autostrade, nel 2015, di compiere uno studio sulle condizioni del ponte Morandi.»

*

«La sera del 14 agosto, mentre i soccorritori scavavano ancora tra le macerie del viadotto, Chiara Murano spedì una copia dello studio al funzionario di Aspi Enrico Valeri, che l’aveva contattata.»

*

«La dirigente inoltrò il documento scrivendo che la tragedia era stata causata da “probabili fatti collegati al progetto originario”.»

*

«Chiara Murano e Domenico Andreis, dirigenti del Cesi, sono stati sospesi. Il provvedimento avvia le procedure di licenziamento nei confronti della responsabile Marketing e del direttore della Divisione Engineering, che della donna è anche il superiore.»

*

«Partiamo dal principio. Nel 2015, Autostrade incaricò l’Ismes, del gruppo Cesi, di effettuare uno studio sulla stabilità del viadotto. Il capo del team di ingegneri che se ne occupò era Fabrizio Gatti: “Abbiamo svolto i test e nel maggio 2016 abbiamo consegnato il report finale dove veniva specificato che erano state riscontrate ‘asimmetrie di comportamento degli stralli’ – dichiarò a fine agosto, quando fu sentito dagli inquirenti – Proprio per questo motivo avevamo sottolineato la necessità di procedere con un sistema di monitoraggio dinamico permanente. Da quel momento non abbiamo più avuto contatti con Autostrade”.

Il mistero delle mail che oggi è su tutti i quotidiani si sviluppa proprio attorno a questo report»

*

«Era già emerso che, nella notte tra il 14 e il 15 agosto, quella del crollo, mentre i soccorritori scavavano tra le macerie, un manager di Autostrade, Enrico Valeri, aveva contattato Ismes/Cesi per chiedere che gli fosse spedito lo studio effettuato nel maggio 2016, che segnalava, come detto sopra, forti criticità sui tiranti del viadotto.

A mezzanotte e otto minuti del 15 agosto (l’orario esatto è riportato de Il Fatto Quotidiano), una manager commerciale di Cesi gli risponde con una mail sorprendente: “A nostro avviso il ponte ha mantenuto pressoché inalterata la sua risposta dinamica nel tempo, nonostante la vetustà della struttura, il variare delle condizioni di traffico, la particolare esposizione ambientale e la severa esposizione al rischio idrogeologico dell’aria. Anche questo vecchio studio è nel nostro archivio a vostra disposizione”.»

*

Fatto invero ben strano che a mezzanotte ed otto minuti del 15 agosto una manager commerciale del Cesi si si trovasse in azienda. Il 15 agosto è Ferragosto.

Ma ancora più strane suonano due evenienze.

Che a rispondere sia stata una ‘manager commerciale’ e non un ingegnare od un succedaneo surrogato lascia impietriti.

E che bella la risposta.

Ma l’allucinante arriva nell’ultima frase.

«Anche questo vecchio studio è nel nostro archivio a vostra disposizione”.»

Lo studio era stato fatto, la fattura incassata, ed il faldone manco era stato mandato alle Autostrade, il committente.

*

La Magistratura sta lavorando, e noi la lasceremo lavorare in santa pace, nella speranza che possa giungere a conclusioni certe in un tempo finito.

Che Dio ci scampi dalla furia della peste, da questi consulenti e dalla banda di Autostrade.


Ansa. 2018-09-19. Crollo ponte, Cesi sospende dirigenti

Notte tragedia scrissero ‘fatti legati progetto originario’.

*

GENOVA, 19 SET – Chiara Murano e Domenico Andreis, dirigenti del Cesi, sono stati sospesi. Il provvedimento avvia le procedure di licenziamento nei confronti della responsabile Marketing e del direttore della Divisione Engineering, che della donna è anche il superiore. La società di consulenza ingegneristica e strutturale era stata incaricata da Autostrade, nel 2015, di compiere uno studio sulle condizioni del ponte Morandi.

La sera del 14 agosto, mentre i soccorritori scavavano ancora tra le macerie del viadotto, Chiara Murano spedì una copia dello studio al funzionario di Aspi Enrico Valeri, che l’aveva contattata. La dirigente inoltrò il documento scrivendo che la tragedia era stata causata da “probabili fatti collegati al progetto originario”.

Gli investigatori, che hanno perquisito la sede milanese del Cesi, stanno cercando di risalire ai contatti avuti via cellulare dalla donna quella notte, prima dell’invio della mail e successivamente, per capire se qualcuno le suggerì di scrivere quel commento.


Genova24. 2018-09-19. Crollo ponte Morandi, il Cesi “disconosce” la mail dell’addetta commerciale e precisa: “Suggerimmo di aumentare frequenza ispezioni”

L’istituto milanese è stato perquisito tra ieri e oggi dagli investigatori della guardia di finanza.

*

Genova. Dopo la notizia circa le perquisizioni della guardia di finanza nella sede del Cesi l’istituto in una nota precisa “di essersi messo volontariamente a disposizione degli inquirenti sin dal 22 agosto e di collaborare con loro attivamente. Cesi ribadisce inoltre che, vista la natura dell’incarico, ISMES non poteva valutare la stabilità strutturale del viadotto e quindi non può formulare alcuna ipotesi sulle cause del tragico crollo”.

Rispetto alla mail inviata la notte del 14 agosto dall’addetta commerciale del gruppo ad Autostrade, il gruppo “disconosce in modo deciso le ipotesi sulle cause del crollo formulate nel testo della mail inviata dall’addetta commerciale e ribadisce che l’ambito dell’incarico per ASPI non comprendeva né alcuna verifica progettuale e strutturale del viadotto, o di sue singole parti, né attività di ispezionee sorveglianza.

Il Cesi precisa inoltre che “la consulenza affidata da ASPI a ISMES nel giugno 2015 prevedeva principalmente l’analisi della documentazione, fornita dalla stessa ASPI, in cui erano descritti il sistema di monitoraggio statico del viadotto e le procedure per la sorveglianza. Inoltre nell’ambito dello stesso incarico, tra ottobre e novembre 2015, ISMES ha rilevato grandezze dinamiche sulle Pile 9 e 10 propedeutiche allo sviluppo, da parte di ASPI, di successivi analisi e approfondimenti”.

“Nei diversi rapporti originariamente consegnati al cliente tra gennaio e maggio 2016, ISMES ha suggerito ad ASPI di aumentare la frequenza di alcune ispezioni e implementare un sistema di monitoraggio dinamico – dice ancora il Cesi – ossia continuo, della struttura in presenza di fenomeni rapidamente variabili (es. vento, traffico, sisma, ecc.)”.


Telegenova. 2018-09-19. Inchiesta su ponte Morandi, perquisizione negli uffici del Cesi.

La guardia di finanza di Genova è tornata nella sede milanese del Cesi, la società di consulenza ingegneristica e strutturale, per finire di completare l’acquisizione dei dati del server. Le operazioni, nell’ambito dell’inchiesta sul crollo del ponte Morandi, erano iniziate ieri, quando le fiamme gialle hanno preso documenti ma anche clonato i cellulari di alcuni dipendenti e dirigenti della società e anche del politecnico di Milano.

Al vaglio degli investigatori in queste ore il telefono della dipendente del settore marketing del Cesi. Il funzionario di Aspi Enrico Valeri nella notte dopo il crollo contattò la donna per farsi inviare lo studio che nel 2016 la società consegnò ad Autostrade.

La dipendente inoltrò il documento dicendo che la tragedia era stata causata da “probabili fatti collegati al progetto originario”.


Il Napolista. 2018-09-19. Ponte Morandi: lo strano scambio di mail nella notte tra il 14 e il 15 agosto

A poche ore dal crollo, Autostrade scrive a Cesi che risponde dimenticando il report allarmante di due anni prima e quindi assolvendo Autostrade.

*

Due mail, un mistero. Preoccupante. Sicuramente da approfondire, secondo gli inquirenti.

Partiamo dal principio. Nel 2015, Autostrade incaricò l’Ismes, del gruppo Cesi, di effettuare uno studio sulla stabilità del viadotto. Il capo del team di ingegneri che se ne occupò era Fabrizio Gatti: “Abbiamo svolto i test e nel maggio 2016 abbiamo consegnato il report finale dove veniva specificato che erano state riscontrate ‘asimmetrie di comportamento degli stralli’ – dichiarò a fine agosto, quando fu sentito dagli inquirenti – Proprio per questo motivo avevamo sottolineato la necessità di procedere con un sistema di monitoraggio dinamico permanente. Da quel momento non abbiamo più avuto contatti con Autostrade”.

Il mistero delle mail che oggi è su tutti i quotidiani si sviluppa proprio attorno a questo report.

Le strane mail inviate la notte del crollo

Era già emerso che, nella notte tra il 14 e il 15 agosto, quella del crollo, mentre i soccorritori scavavano tra le macerie, un manager di Autostrade, Enrico Valeri, aveva contattato Ismes/Cesi per chiedere che gli fosse spedito lo studio effettuato nel maggio 2016, che segnalava, come detto sopra, forti criticità sui tiranti del viadotto.

A mezzanotte e otto minuti del 15 agosto (l’orario esatto è riportato de Il Fatto Quotidiano), una manager commerciale di Cesi gli risponde con una mail sorprendente: “A nostro avviso il ponte ha mantenuto pressoché inalterata la sua risposta dinamica nel tempo, nonostante la vetustà della struttura, il variare delle condizioni di traffico, la particolare esposizione ambientale e la severa esposizione al rischio idrogeologico dell’aria. Anche questo vecchio studio è nel nostro archivio a vostra disposizione”.

La colpa è del progetto originario

E continua: “Dal nostro punto di vista, le attività di gestione e sorveglianza del ponte sono state adeguate e svolte con la dovuta diligenza. Riteniamo piuttosto che le cause di quanto tragicamente occorso siano da rintracciarsi nel progetto originario di una struttura complessa e inconsueta e che questo possa aver generato un collasso imprevisto e non riconducibile ai parametri dell’ingegneria classica”.

Il verdetto è chiaro: la colpa non è di Autostrade ma del progetto originario di Morandi.

Eppure il rapporto di Cesi del 2016 era più allarmante e riportava il consiglio di aumentare alcune ispezioni e implementare un sistema di monitoraggio dinamico, cioè continuo, del ponte in fenomeni rapidamente variabili come vento, traffico e sisma.

I toni delle due comunicazioni sono diversi, qualcosa non torna: il sospetto è che “quella precisazione possa essere stata richiesta”, scrive La Repubblica.

Cesi prende distanza dalla sua addetta commerciale

Del resto, riporta Il Fatto, fonti Cesi-Ismes commentano: “Le parole contenute nella mail del 15 agosto, che parlano di difetti progettali e assolvono Autostrade non sono riconducibili a noi. Sono scelta del tutto personale della dipendente. Non abbiamo compiuto rilievi strutturali”.

Gli avvisi di garanzia: la posizione di Mario Servetto

Ieri son stati consegnati gli avvisi di garanzia ai venti indagati.

Tra questi Mario Servetto, professore di ingegneria civile a Genova, membro della commissione ministeriale che doveva approvare il progetto di retrofitting ai piloni. Servetto dichiara a Il Fatto che durante i lavori di approvazione non emersero elementi di preoccupazione legati alla sicurezza: “Se qualcuno ne poteva essere a conoscenza erano quelli di Autostrade”.

Eppure Servetto ammette che la commissione aveva a disposizione gli studi del Cesi e del Politecnico che sollevavano preoccupazioni: “Erano negli allegati. Il relatore li ha letti tutti, noi li abbiamo sfogliati quella mattina. C’erano molti esperti di prim’ordine ma non toccava a noi” sapere se c’erano pericoli.

Una commissione che approva un progetto di restauro dei piloni che non deve pronunciarsi sulla sua bontà e neppure sullo stato di degrado dei piloni: se pure non fosse un suo compito di legge, quantomeno dovrebbe essere un compito di coscienza.

E infatti Servetto aggiunge: “Mi sento tranquillo, abbiamo esaminato il progetto di retrofitting. Certo, da quel giorno mi chiedo, con il senno di poi, se qualcosa si poteva fare”.

Brencich: non c’erano elementi, ma non accetterei di nuovo l’incarico

Sui quotidiani, oggi, anche le dichiarazioni di Antonio Brencich, ex membro della commissione di inchiesta ministeriale sul disastro rimosso nelle scorse settimane per conflitto di interessi perché aveva fatto parte anche della commissione del Provveditorato che approvò il progetto di retrofitting il primo febbraio scorso: “Ritengo di non aver mai avuto elementi che potessero far sospettare una situazione di pericolo”.

Il Provveditorato diede delle prescrizioni precise ad Autostrade, però, pur approvando il progetto di rinforzo degli stralli: “Abbiamo dato ad Autostrade un suggerimento preciso. Quello di diagrammare la portata del ponte nel tempo. Cosa abbiano fatto non lo so”.

Autostrade non ha mai evidenziato l’urgenza dei lavori? “Mai avuto la percezione. Né numerica, né verbale tantomeno documentale. C’erano più di 20 persone presenti quel giorno”.

Se solo una di esse avesse sentito il peso della coscienza forse qualche passo in avanti sarebbe stato fatto.

La causa del disastro: stralli sbriciolati

La possibilità che la causa del disastro sia il cedimento degli stralli prende corpo anche grazie alle testimonianze di chi era sul ponte al momento del crollo, che combaciano con gli elementi acquisiti grazie ai video delle telecamere piazzate sul viadotto.

Tra le testimonianze, quella di don Davide Ricci, sacerdote transitato con la sua auto sul viadotto al momento del crollo che racconta di aver visto “gli stralli laterali del primo pilone lato ponente distaccarsi in prossimità della parte superiore, nei pressi del vertice della struttura quasi si fossero letteralmente sbriciolati. In poche parole mi è parso che la struttura degli stralli si fosse staccata sgretolandosi in piccole parti come se si stesse sbriciolando”.

Don Davide continua: “Non ne ho certezza ma la sensazione che ho avuto è che si sia lesionato dapprima lo strallo lato ponente e subito dopo quello lato levante. In pochi istanti tutta la struttura inferiore ad essi agganciata, quindi la carreggiata autostradale e quanto vi era sopra, crollava a terra. Pochi istanti più tardi infine cadeva anche il pilone centrale e quanto ad essa collegato. Ho visto scendere insieme ai pezzi del ponte anche alcuni veicoli, tra i quali ricordo chiaramente un autocarro che finiva la propria caduta nel greto del torrente Polcevera”.

I ritardi nella pubblicazione della concessione: la burocrazia paralizzata

Le concessioni sono rimaste segrete per 20 anni. L’iter seguito dalla loro pubblicazione è ridicolo quanto agghiacciante. Lo ricostruisce in maniera completa Il Fatto Quotidiano.

A dicembre 2017 il senatore M5S Andrea Cioffi, oggi sottosegretario ai Trasporti, fa un esposto all’Anac per chiedere di pubblicare le concessioni. A gennaio 2018 l’Anac scrive alla Direzione vigilanza sulle concessionarie autostradali guidata da Vincenzo Cinelli e dice che è un obbligo pubblicare tutto perché si tratta di contratti pubblici “e l’interesse pubblico è preminente”.

Ma il Mit chiede il permesso ai concessionari. L’Aiscat, l’11 gennaio, risponde picche: “Ci sono incomprimibili interessi di natura economica, commerciale e industriale”.

Negli uffici di Delrio trovano la scappatoia: rigirano la palla all’Anac e pubblicano le concessioni senza gli allegati più importanti, ovvero i piani economico-finanziari che contengono le remunerazioni degli investimenti che assicurano pedaggi sempre crescenti.

L’Anac scrive allora di nuovo al Ministero ribadendo che va pubblicato tutto e chiede di fornire “reali e concrete motivazioni per impedire la pubblicazione, visto che quelle finora elencate non stanno in piedi”.

Negli uffici di Cinelli inizia un nuovo intenso scambio con il concessionario, che sembra molto arrabbiato. Autostrade scrive due lettere, evocando il rischio che venga commesso il reato di aggiotaggio. Anac ribadisce – siamo ad aprile – che sono motivazioni ridicole.

Il ministero non ubbidisce anche se pubblicare è un obbligo di legge.

Il 2 giugno a Delrio subentra Toninelli, che torna alla carica con la richiesta di pubblicare tutto. Il 19 giugno Cinelli chiede un ulteriore parere all’ufficio Foia (Freedom of Information Act) della Funzione pubblica e la richiesta resta ferma altri due mesi. Il 21 agosto, sette giorni dopo il disastro, arriva la risposta: la questione viene riandata all’Anac, unica legittimata a decidere.

Cinque giorni dopo, Aspi pubblica il pef 2013 ma si scorda di quello del 2007. Lo stello giorno, il Mit pubblica tute le concessioni.

Una “storia emblematica della burocrazia paralizzata”, la definisce, giustamente, Il Fatto.

L’incidente probatorio

Il tribunale continua la sua ricerca di un perito specialista in ponti per l’incidente probatorio, scrive La Stampa: “Scelta difficile, poiché non è facile individuare esperti che non abbiano in passato avuto collaborazioni con Autostrade”.

Autostrade manda in pezzi il ponte di Renzo Piano

Nell’Auditorium della Regione Liguria Renzo Piano ha illustrato una primissima bozza del suo progetto di ponte: in acciaio, avrà 22 piloni alti dai 30 ai 40 metri posti a distanza di 50 metri l’uno dall’altro, 43 antenne luminose, quante sono state le vittime del crollo, 18 pilastri e, secondo il suo ideatore, durerà mille anni.

E mentre governo e regione litigano per chi dovrà costruirlo, Autostrade fa crollare anche questo.

È pura ironia, la nostra, ma nemmeno tanto: al termine della conferenza stampa di presentazione del ponte, ieri, Giovanni Castellucci, ad di Autostrade, si è avvicinato al plastico che riproduceva in miniatura il ponte ideato da Renzo Piano e lo ha involontariamente urtato facendolo crollare a pezzi. “Porta fortuna”, ha esclamato sorridendo l’archistar.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Svezia. Adesso è caduta nel limbo politico.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-19.

STOCCOLMA-01

«Full preliminary results, including overseas and postal votes, showed the Social Democrat, Green and Left parties took 40.7% of the vote, giving them 144 seats, while the centre-right Alliance of the Moderate, Centre, Christian Democrat and Liberal parties won 40.3% and 143 seats»

*

«Both blocs are well short of a majority in the 349-seat Riksdag and whatever government finally emerges will need support either from members of the opposition bloc, or from the far-right Sweden Democrats whose 17.5% of the vote gave them 62 MPs, to pass new legislation»

* * * * * * *

Il parlamento svedese, Riksdag, conta 349 deputati: la maggioranza per poter governare parte da 175 deputati.

Lo avevamo scritto giorni prima delle elezioni elettorali, e preconizzammo ciò che adesso sta succedendo.

Svezia. Due lezioni che resteranno inascoltate.

Svezia. Il terrore degli eurocrati la conta lunga.

«Se i Democratici svedesi (Sverigedemokraterna, SD) riusciranno a superare il 15% sarà già per loro una grande vittoria, ma se passassero il 20% sarebbe un vero e proprio trionfo.

E possono vincere? No, ma sicuramente intralciare la maggioranza che uscirà dalle urne. Rimasti a lungo fuori dal parlamento, gli Sverigedemokraterna avevano già fatto parlare di sé nel 2014, con 42 seggi e il 12,9% dei consensi. Nessuno prende in considerazione una loro vittoria domani, ma i sondaggi parlano di un balzo fino al 20% dei consensi. Si tratterebbe al massimo di una 70ina di seggi, meno della metà dei 175 necessari. Eppure quanto basta per “ricattare” su determinate decisione una probabile coalizione formata dai socialdemocratici (dati intorno al 25%, il minimo storico), i verdi e altre forze della sinistra. Non si esclude neppure l’ipotesi di una sorta di grande coalizione alla tedesca fra centrosinistra e centrodestra, con l’intenzione di escludere il partito e le sue interferenze sul governo»

* * * * * * *

L’epicrisi è il giudizio conclusivo che si desume da una somma di giudizi parziali.

Apprestiamoci quindi a fare l’epicrisi della attuale situazione svedese, tenendo però conto che tutte le realtà umane hanno sempre un ché di imprevedibile.

Come avevamo preconizzato dalle proiezioni preelettorali, SD, Svezia Democratica, ha conseguito 62 deputati, portandosi al 17.5% dei suffragi.

Lo schieramento di sinistra, ad ideologia socialista, ha ottenuto 144 seggi, mentre quello di centrodestra, liberal, ne ha conseguiti 143.

Nessuno di questi due schieramenti intende colloquiare con Svezia Democratica, ma nemmeno desiderano formare un governo di Grande Coalizione, almeno per il momento.

In questa situazione di muro contro muro, lo stallo è evidente.

* * *

«Stefan Löfven, the Social Democrat prime minister, rejected a demand from Ulf Kristersson, the Moderate party leader, to step aside and help the centre-right alliance form a viable government, saying it would be “illogical” for the larger bloc to facilitate an Alliance government. “You can discount that idea absolutely,” Löfven said»

*

«But Kristersson, the centre-right’s candidate for the premiership, said it was “natural” for the Alliance to now seek a mandate to build a government. “We want the government to respect the result and resign,” he told a news conference.»

*

«The prime minister had earlier said he believed the election result marked the end of Sweden’s traditional system of political blocs, which has been severely destabilised by the steady rise of the anti-immigration Sweden Democrats.»

*

«A “grand coalition” of the Social Democrats and Moderates could also lend credence to the Sweden Democrats’ claim to be the only true opposition»

*

«There are only two choices: victory or death»

* * * * * * *

Da oltre settanta anni la Svezia si era abituata ad avere uno schieramento nettamente vincente, fatto questo che assicura la possibilità di costituire un governo coeso ed efficiente, con una chiara politica sia interna sia estera. Le coalizioni sono per loro natura instabili, quasi sempre frutto di accordi che suonano tanto da compromessi momentanei.

Mettiamo anche che alla fine, spinti dalla sindrome governopenica, si faccia una coalizione.

Se questa non rigasse diritto, al passo dell’oca, Svezia Democratica potrebbe avere una crescita subitanea.

Tutto questo si riverbererà sul comportamento che la Svezia terrà in seno al Consiglio Europeo: il loro nuovo premier dovrà diventare una campione di cerchiobottismo

Da ultimo, ma non certo per ultimo, a maggio del prossimo anno si terranno le elezioni europee..


Guardian. 2018-09-14. Sweden remains in political limbo after all votes counted

One-seat margin separates two established blocs, with far right waiting in the wings.

*

Sweden’s ruling centre-left bloc holds just one more parliamentary seat than its centre-right rival, election authorities said, with all votes now counted after an election that has left the country in political deadlock and facing weeks, if not months, of talks to form a new government.

Full preliminary results, including overseas and postal votes, showed the Social Democrat, Green and Left parties took 40.7% of the vote, giving them 144 seats, while the centre-right Alliance of the Moderate, Centre, Christian Democrat and Liberal parties won 40.3% and 143 seats.

Both blocs are well short of a majority in the 349-seat Riksdag and whatever government finally emerges will need support either from members of the opposition bloc, or from the far-right Sweden Democrats whose 17.5% of the vote gave them 62 MPs, to pass new legislation.

The Sweden Democrats, populists shunned by all other parties because of their neo-Nazi roots, achieved their highest ever score but did not get near the 25%-plus share of the vote that their leadership and many opinion polls had forecast. Depending on the make-up of the new government, however, they could still wield considerable influence in parliament.

The official result would be confirmed this weekend, the election authority said on Friday, after all votes had been recounted and double-checked. That is a longer process than normal because of the high turnout of 84.4%, but standard electoral practice in Sweden and not expected to change the result.

Stefan Löfven, the Social Democrat prime minister, rejected a demand from Ulf Kristersson, the Moderate party leader, to step aside and help the centre-right alliance form a viable government, saying it would be “illogical” for the larger bloc to facilitate an Alliance government. “You can discount that idea absolutely,” Löfven said.

But Kristersson, the centre-right’s candidate for the premiership, said it was “natural” for the Alliance to now seek a mandate to build a government. “We want the government to respect the result and resign,” he told a news conference.

The Christian Democrat leader, Ebba Busch Thor, said “the Alliance is the government alternative that is clearly larger than the Social Democrats, and clearly larger than the current government” of the Social Democrats and Greens. Löfven, however, is counting the former communist Left party, which backed the outgoing coalition in parliament, as part of his centre-left bloc.

The prime minister had earlier said he believed the election result marked the end of Sweden’s traditional system of political blocs, which has been severely destabilised by the steady rise of the anti-immigration Sweden Democrats.

He wants to form some kind of coalition or cross-bloc deal with the smaller Centre and Liberal parties but both have so far indicated they would prefer to stick within their bloc, aware that splitting the Alliance could condemn the centre right to years in opposition or as minority members of Social Democrat-led governments.

A “grand coalition” of the Social Democrats and Moderates could also lend credence to the Sweden Democrats’ claim to be the only true opposition. The other parties are so far holding to their pledge not to negotiate with the far-right party, which has promised to use its parliamentary votes to sink any government that does not give it a say over policy, particularly on immigration.

“Our enemies have really forced us into a life-and-death struggle for our culture and our nation’s survival,” Mattias Karlsson, the Sweden Democrats’ parliamentary group leader and chief ideologue, wrote on his Facebook page. “There are only two choices: victory or death.”

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

California. 12% della popolazione e 33% sotto soglia povertà.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-19.

California 001

La California è uno stato dalle grandi contraddizioni.

Se è vero che in California risiedono numerosi miliardari, se è vero che posti come Hollywood rigurgitino di ricchezza, sarebbe altrettanto vero ricordare che pur avendo il 12% della popolazione della federazione ha il 33% delle persone che vivono sotto la soglia della povertà. Il 60% dei residenti è senza lavoro stabile.

Basta solo lasciare il centro delle metropoli e visitare i suburbi: lì la povertà la si vede e la si tocca con mano.

* * *

«According to the United States Census Bureau Supplemental Poverty Measure, California has the highest poverty rate in the country»

*

«One in five people in California are living in poverty and the state’s residents account for 33% of all those on welfare in the United States, despite the state only being 12% of the country’s population»

*

«The state spent $958 billion on welfare programs between 1992-2015»

*

«According to the study, 60% of Californians are jobless and living in poverty.»

*

«One contributing factor to their high poverty levels is their lack of affordable housing. Housing in California has become increasingly out of reach for the middle class due to building regulations and space constraints. This has caused housing to consume far more of the average residents income than in other parts of the country, leaving them with less money for food, transportation, healthcare and other services»

* * * * * * * *

Tutto ha una spiegazione logica.

Lo stato della California è un ‘santuario‘ dell’immigrazione illegale: persone che non parlano la lingua, a basso tasso di istruzione, di quasi impossibile inserimento nel ciclo produttivo sono attivamente richiamate e poi lasciate in tale situazione precaria.

Il nodo consiste nel fatto che, almeno fino alla riforma varata dal Presidente Trump e che sta trovando attuazione nei tempi tecnici necessari, la legge dava la possibilità di mettere in detrazione dalla tasse federali le tasse pagate agli stati.

Lo stato della California aveva così imposto tasse statali molto elevate, che però non gravavano sui cittadini californiani bensì erano ripartite su tutti i cittadini della federazione. Le tasse statali erano del tutto trasparenti per i cittadini californiani.

Grazie a questa alchimia fiscale il budget della California permetteva di spendere, inter alias, 42 miliardi di dollari per interventi assistenziali, per mantenere, sia pure sobriamente, la popolazione sotto la soglia della povertà.

La sussistenza di costoro dipendeva, dipende, strettamente dall’elargizione governativa, diventando di fatto clientes del partito al governo, ossia dei liberal democratici.

Nessuno dovrebbe quindi stupirsi del perché la California sia un feudo liberal particolarmente roccioso.


CDP. 2018-09-12. $958 Billion Welfare, California Has Highest Poverty Rate In America As 60 Percent Baffles Democrats.

Nancy Pelosi represents California’s 12th district who advocates for policies like mass immigration which contribute to the states crippling poverty rate.

*

According to the United States Census Bureau Supplemental Poverty Measure, California has the highest poverty rate in the country. One in five people in California are living in poverty and the state’s residents account for 33% of all those on welfare in the United States, despite the state only being 12% of the country’s population. The state spent $958 billion on welfare programs between 1992-2015. According to the study, 60% of Californians are jobless and living in poverty.

California is a sanctuary state and is often championing movements which find ways to grant protections and entitlements to immigrants at the expense of Americans. While an astronomical 30% of Americans in California are receiving means-tested welfare, this pales in comparison to the 55% rate of use by immigrant families consuming this type of welfare. The state is handing over tons of cash to foreign nationals at the expense of Americans.

One contributing factor to their high poverty levels is their lack of affordable housing. Housing in California has become increasingly out of reach for the middle class due to building regulations and space constraints. This has caused housing to consume far more of the average residents income than in other parts of the country, leaving them with less money for food, transportation, healthcare and other services.

The state simply does not have enough jobs to support the hordes of immigrants they have taken in. The minority of the population who do hold jobs in California are often competing with illegals for work and having their wages suppressed by the mass migration of people from the third world who are willing to work much less an American whom expects a living wage be paid for their labor.

Democrats in California have consistently rejected forcing work requirements on the able-bodied individuals who receive welfare. Forcing those who can work to look for a job and/or maintain employment before receiving benefits is a policy unpalatable for the democrats who control the state.  Americans in California are mostly jobless and the ones who can find work are actually having their money taken through the highest state income tax in the union to support immigrants, the majority of which are on welfare.

The current system in place in California is unsustainable, according to a memorandum sent to Senator Boxer from Legislative Director Sean Moore and Senior Economic Advisor Marcus Stanley, “…the estimate that in 2009 California received $1.45 in Federal expenditures for each dollar paid in taxes is conservative and likely to be an underestimate.” However, the most recent Legislative analysis concluded that in 2015 the state received $0.99 for every dollar contributed in federal taxes, meaning the state was able to reign in some of its spending or mitigate it through higher state taxes.

Over the past two decades the state has increased taxes on its resident, on both their income and their purchases, i.e. gasoline. The state has also been continuously flooded with poor economic migrants, who are using up a huge portion of the available assistance paid for by and initially implemented to help Americans. California lost more Americans, who are statistically net contributors to overall tax revenue, in a mass exodus in 2017 than any other state, only to be replaced by foreign nationals who are a statistical net drain on their tax revenue, and a burden to their schools, roads and infrastructure.

California under Democratic rule has seen a rapid decline in both its ability to sustain itself and the quality of life for most of their residents. Their population of poverty stricken is vastly disproportionate to their overall population. Policies which continue to flood the state with parasitic foreign nationals while continuing to raise taxes on the contributing population will only push more people out of the state, evaporating their tax base.

The poverty-stricken California is a sad condition for the state to be in, and if the state is able to lobby the government to provide Amnesty for DACA recipients, something they claim to want, the decline will only accelerate. The Congressional Budget Office conducted a study and found about one in four DACA recipients to be functionally illiterate in English.

Granting hordes of unskilled and illiterate foreign nationals will allow them to apply for more benefits than they are currently consuming wildly out of proportion, hindering the states ability to turn around this disturbing trend.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Psichiatria, Unione Europea

Macron le Gaffeur. Adesso anche il ministro degli interni se ne va.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-18.

2018-09-18__Macron e Collomb

Mr Macron lo scorso anno godeva di una popolarità del 62%. Ad oggi è quotato al 25%, con un tasso di esecrabilità al 69%, che si è pienamente meritato.

Il suo governo sta cadendo a pezzi.

Macron perde un altro ministro. Gli resta solo il carissimo Benalla.

Francia. Silurato ed affondato Mr. Nicolas Hulot. Riposi in pace.

*

Mr Macron soffre soltanto di delirio schizofrenico di onnipotenza: crede con tutta modeastia di essere il dio creatore dell’universo e pretende di essere oggetto di culto.

Nei sondaggi per le elezioni europee, il partito di Mr Macron è proiettato al 21%, dal 57% che aveva un anno or sono, ed anche i suoi fidi se la stanno squagliando uno per volta. Sono stufi di essere presi a pesci in faccia.

Nota a margine.

Un capo politico europeo vale nell’Unione Europea per quanto vale nella propria patria.

Chi non si ricorda il suo megalitico programma di riforma dell’Unione Europea in una Stato di Europea?

È diventato materiale per gli archivi storici.

Ci manca solo che anche il fido Benallà abbandoni il tetto ed il talamo.

*


French interior minister to quit in further blow to Macron [The Guardian]

«France’s interior minister, Gérard Collomb, has announced he will resign next year to run for his former job as mayor of Lyon, in yet another blow to the president.

The announcement from Collomb, a political heavyweight and one of Emmanuel Macron’s most loyal ministers, comes after the environment minister, Nicolas Hulot, quit last month and as the president’s approval ratings have plummeted.

Collomb told L’Express magazine he would quit after the European elections in order to stand for mayor of France’s third biggest city in 2020.

“The local elections are still far away – I will run in Lyon if I don’t get diagnosed as seriously ill any time before that,” he joked. “I won’t be interior minister right up until the last moment. After a certain amount of time it would be better to be totally free for the campaign.

“I think ministers who want to run in the 2020 local elections should be able to quit the government after the European fight,” he said of the European parliament polls in May.

Collomb served as Lyon mayor for 16 years until Macron poached him for the interior ministry job.»

*


Macron stuck in ‘ketchup moment’ says interior minister, as he announces 2020 retirement [The Telegraph]

«President Emmanuel Macron of France is stuck in a “ketchup moment” whereby the effects of his reforms are still stuck inside the bottle but with a “thump” will soon come flying out in one go, his interior minister has claimed.

Gérard Collomb, the interior minister, issued the ketchup analogy to explain the lack of tangible benefits of Mr Macron’s reforms while also dealing his presidency a fresh blow by announcing his intention to step down next year to run for re-election as mayor of Lyon in 2020.

His reference to the physics of the famed bottled tomato sauce came a day after an MP quit his party, saying she felt as if she was “on the Titanic”.

Frédérique Dumas resigned from Mr Macron’s centrist Republic on the Move party because she said the government had “forgotten the fundamental principles of Macronism”. She added: “Some decisions come down to budget cuts. There is no ambition, no direction.”

The move by Ms Dumas, 55, a former film producer, reflects growing disillusionment with the president and impatience that his controversial and often painful economic reforms have so far failed to cut unemployment or significantly boost growth.»

*


Macron’s government in flux as key ally plans to quit post [Reuters]

«France’s interior minister, one of President Emmanuel Macron’s closest allies, has announced plans to quit the government and run for election as mayor of Lyon in 2020, adding to doubts and instability around the young leader’s administration.

Gerard Collomb’s announcement in an interview in L’Express magazine follows the abrupt resignations of a popular environment minister, who questioned Macron’s commitment to the reduction of nuclear power, and the sports minister.

A high-profile member of Macron’s party, Republique En Marche, also quit over the weekend.

Macron’s approval rating has plunged to about 30 percent, from around 60 percent shortly after he was elected in May 2017, with opinion polls showing he is regarded as aloof and unsympathetic toward people’s everyday hardships.

Collomb, who recently acknowledged what he called a “lack of humility” in Macron’s administration, suggested he could stand down as soon as the middle of next year.

“I won’t be interior minister up to the last minute,” he told the weekly magazine. “Ministers who want to run in the 2020 municipal elections should in my view leave the government after the European (parliament) elections,” he said.

The European parliament vote takes place in May 2019.»


Corriere. 2018-09-18. Macron, si dimette il ministro dell’Interno Collomb. Gaffe sulle porcellane al negozio dell’Eliseo

Dopo l’addio del ministro Hulot, numero 3 dell’esecutivo, anche il numero 2 Collomb ha annunciato l’intenzione di lasciare il governo (il prossimo anno, dopo le Europee). E la contraffazione sulle porcellane vendute nel negozio dell’Eliseo si somma ad altri «fastidi» accumulati negli ultimi mesi.

*

PARIGI — Non sono giorni facili per Macron e per il governo francese. Dopo le dimissioni con effetto immediato in diretta alla radio di Nicolas Hulot, il ministro della Transizione ecologica considerato il numero 3 dell’esecutivo, ci sono quelle a scoppio ritardato del numero 2 Gérard Collomb, ministro dell’Interno e macroniano della prima ora, annunciate per il 2019 al settimanale l’Express.

L’intervista

Alla domanda sulle sue intenzioni per le elezioni municipali del 2020, quando avrà 73 anni, Collomb ha risposto così: «Se fino a quel momento non mi avranno diagnosticato una malattia grave, sarò candidato a Lione». Il ministro aggiunge che per partecipare alla corsa a sindaco lascerà il governo nel 2019, dopo le europee di giugno.

La carriera

Per Collomb si tratterebbe di un ritorno alla politica locale, che ha monopolizzato il suo impegno per quasi tutta la carriera. Consigliere comunale nel 1977, è stato poi sindaco di Lione per 16 anni e, se dovesse vincere, il prossimo sarebbe il suo quarto mandato. Collomb è sempre stato iscritto al partito socialista e ha cominciato ad avvicinarsi a Macron quando questi era ministro dell’Economia nel governo della gauche di François Hollande, per poi uscire dal partito entrando tra i primi nel movimento En Marche.

I rapporti con Macron

Membro più anziano del governo, forte di una lunga esperienza e di una personalità politica che precedono la collaborazione con Macron, Collomb è stato finora un ministro tutto sommato fedele sul fondo delle questioni ma capace di rivendicare la propria libertà di espressione, fino a provocare conflitti con Macron. Per esempio, non ha rinunciato a sottolineare la propria contrarietà al progetto del primo ministro Édouard Philippe di abbassare il limite di velocità da 90 a 80% nelle strade secondarie. Qualche giorno fa, commentando il crollo di Macron nei sondaggi, ha detto che «forse abbiamo mancato di umiltà», una critica diretta allo stile del capo dello Stato, che lo ha invitato poi all’Eliseo per una cena chiarificatrice. Negli ultimi tempi i rapporti si sono incrinati, anche in seguito allo scandalo Benalla e alla prestazione poco convincente di Collomb davanti alla commissione d’inchiesta dell’Assemblea nazionale. Collomb potrebbe avere deciso di fare la prima mossa, rubando il tempo a un presidente che comunque avrebbe avuto già in mente di sostituirlo nel grande rimpasto di governo che con ogni probabilità sarebbe avvenuto comunque dopo le europee.

Via subito

L’opposizione di destra chiede gran voce che Collomb lasci immediatamente, perché un portafoglio così delicato come l’Interno — che ha la competenza su questioni cruciali come migranti e lotta al terrorismo — non può essere lasciato a un ministro a tempo. «A partire da oggi Collomb sarà un ministro precario, un precario della sicurezza — dice Eric Ciotti dei Républicains —. Dopo l’addio di Hulot assistiamo un po’ a una fuga dal Titanic, la maggioranza En Marche è completamente frastornata». Florian Philippot, ex braccio destro di Marine Le Pen e presidente dei Patriotes, nota che «qualcosa non funziona nella maggioranza, comunque sarebbe più logico che Collomb se ne andasse subito».

Gli altri fastidi

Dopo il calo nei sondaggi successivo allo scandalo Benalla (qui sopra il video, qui l’intervista in cui il collaboratore di Macron raccontava che all’Eliseo «tutto dipende da un suo sorriso»), il presidente Macron vive un momento delicato. Il suo «parlare vero», la franchezza che ha sempre rivendicato, si traduce talvolta in frasi che vengono poco apprezzate dall’opinione pubblica. Come quando in visita a Copenaghen ha lodato la capacità dei danesi di rinnovarsi definendo invece i francesi «Galli refrattari al cambiamento». O quando, domenica scorsa, in occasione della giornata «porte aperte» dell’Eliseo, ha risposto così a un orticoltore che si lamentava di non trovare lavoro: «Se lei è pronto e motivato, negli alberghi, ristoranti, caffè, nell’edilizia, non c’è un posto dove non mi dicano che cercano personale. Attraverso la strada e glielo trovo io un lavoro» (video in alto). La voglia di spronare all’ottimismo di Macron e i modi spicci si traducono talvolta in una tendenza a fare la lezione ai francesi. Così anche iniziative secondarie, come l’idea di vendere merchandising con il logo dell’Eliseo per finanziare il rinnovamento dell’edificio, si prestano a critiche. Non passa il braccialetto d’oro con la scritta «Égalité» venduto a 250 euro nella boutique online, e neanche l’infortunio della scritta «porcellana di Limoges» incisa sulle tazze con l’immagine di Macron, fabbricate in realtà a Tolosa. L’Eliseo si è accorto della contraffazione appena prima di metterle in vendita e il fornitore ha inviato allora altre 300 tazze con una più vaga dicitura «porcellana francese».