Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Epp denunzia il ‘clima’ come ‘unrealistic’ ‘ left-wing propaganda’.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-19.

EP-051364A_Tajani_Brexit
Opening the debate on BREXIT

Come spesso accade ai parlamenti che stanno andando in scadenza per il nuovo turno elettorale, i deputati uscenti stilano il proprio testamento politico, votando mozioni di auspicio. È un tentativo di cercare di perpetuare la propria Weltanschauung, quello che sia il verdetto elettorale. Ma senza un chiaro appoggio politico le visioni politiche non riescono a sopravvivere.

«(it isn’t legally binding)»

*

«A majority of 306 MEPs supported an amendment Thursday which said that the EU should have a more ambitious climate goal for 2030»

*

«Instead of a cut of “at least 40%”, as agreed by EU leaders in October 2014, the EU should reduce greenhouse gas emissions by 55%, compared to 1990»

*

«The final text of a resolution on climate change, including the new target, was approved 369 to 116.»

*

«Support came mostly from the centre-left Socialist group, the Greens, the far-left GUE/NGL group, the Liberals, Italy’s Five Star Movement, and 19 EPP members.»

* * * *

Il popolare europeo si è dissociato da codesta mozione.

«But most EPP members participating in the vote – 135 of them – voted against. In total 240 MEPs opposed the amendment on a more ambitious 2030 target.»

*

«The position of the [EPP] group was against the 55 percent for 2030 because it is unrealistic and only introduced by Greens and socialists to make propaganda»

*

«The debate in the group was about joining this propaganda or not, knowing that this resolution is useless (it isn’t legally binding) and the majority of the group decided that we should not play the unrealistic game of the left-wing groups»

*

«While the resolution is indeed not legally binding, it delivers an important political signal.»

* * * * * * *

Sul ‘clima’ la battaglia è durissima.

La sola Unione Europea ha destinato negli anni passati decine di miliardi su questo argomento: a quanti prima li hanno ricevuto sta ben a cuore il poterne usufruire ancora, ma a quanti sono rimasti esclusi starebbe invece a cuore eliminare questi stanziamenti.

Ma non sono soltanto i miliardi di euro a far gola: un innalzamento della riduzione programmata avrebbe ricadute non indifferenti sull’industria automobilistica, con tutte le conseguenze produttive ed occupazionali.

Si prende atto che l’Epp si sia sostanzialmente spaccato su questo argomento.

Una cosa è finanziare manifestazioni di piazza, una cosa è riportarle con enfasi su tutti i media disponibili, ed una totalmente differente è raccogliere il consenso elettorale nelle urne.


EU Observer. 2019-03-15. MEPs want to raise 2030 emissions cut to 55%

A majority of 306 MEPs supported an amendment Thursday which said that the EU should have a more ambitious climate goal for 2030. Instead of a cut of “at least 40%”, as agreed by EU leaders in October 2014, the EU should reduce greenhouse gas emissions by 55%, compared to 1990. The final text of a resolution on climate change, including the new target, was approved 369 to 116.


EU Observer. 2019-03-15. EPP dismiss higher climate target as ‘propaganda’

The centre-right European People’s Party (EPP) has slammed a call for a more ambitious greenhouse gas reduction target as “unrealistic” and part of a left-wing “propaganda” effort.

On Thursday (14 March), the European Parliament adopted a resolution on climate change, partly in response to the growing protests among young Europeans.

One amendment tabled in Strasbourg said that MEPs would support an update of the EU’s contribution to tackling global warming, and raising the 2030 greenhouse gas emissions target.

The current EU goal, to reduce at least 40 percent emissions by 2030, compared to 1990, was agreed in October 2014.

But that was before the first-ever global treaty on climate change was signed in Paris, and before increasing scientific evidence showed that more needed to be done to prevent the worst effects of climate change.

On Thursday, 306 MEPs supported including in the text a call to change the reduction target to 55 percent compared to 1990.

Support came mostly from the centre-left Socialist group, the Greens, the far-left GUE/NGL group, the Liberals, Italy’s Five Star Movement, and 19 EPP members.

But most EPP members participating in the vote – 135 of them – voted against. In total 240 MEPs opposed the amendment on a more ambitious 2030 target.

“The position of the [EPP] group was against the 55 percent for 2030 because it is unrealistic and only introduced by Greens and socialists to make propaganda,” an EPP spokesman told EUobserver, when asked to explain how the group voted.

“The debate in the group was about joining this propaganda or not, knowing that this resolution is useless (it isn’t legally binding) and the majority of the group decided that we should not play the unrealistic game of the left-wing groups,” he added.

he amendment was tabled by Finnish MEP Nils Torvalds and his Swedish colleague Fredrick Federley, on behalf of the liberal Alde group.

Separately, the identical text was also submitted jointly by socialist MEPs Kathleen Van Brempt (Belgium), Jytte Guteland (Sweden), Miriam Dalli (Malta) , far-left MEP Lynn Boylan (Ireland), Green MEP Bas Eickhout (the Netherlands), and Italian Five Star Movement MEPs Eleonora Evi and Dario Tamburrano.

While the resolution is indeed not legally binding, it delivers an important political signal.

Following all the amendment votes, the text as a whole was put to a vote, and it received support from 369 MEPs, with only 116 voting against, and another 40 abstaining.

It called on the heads of state and government of the 27 remaining EU countries after Brexit “to support an increase in the level of ambition” of the EU’s commitments to the United Nations in the context of the Paris agreement, and to reach this increased ambition at the EU summit in Sibiu in May.

Later this year, in September, the UN will hold a special climate summit to discuss higher climate ambition.

It is not the first time the European Parliament has called for an increase of the 2030 target.

In a resolution adopted in October 2018, ahead of a UN climate summit in Poland, a majority of MEPs already supported an updated target of 55 percent.

Sweden has already came out in support support for a 2030 target that goes beyond 50 percent.

In 2017, the new Dutch government agreed in its coalition programme that it would plea for a 55 percent-reduction target.

One of the Dutch coalition parties that supported ’55 percent’, is the Christian-Democrat party, which sits with EPP in Strasbourg.

Remarkably, however, the three Dutch EPP members abstained on Thursday from the amendment on raising ambition to 55 percent.

Environmentalist groups, not unexpectedly, praised MEPs for the outcome of the vote.

“The vote shows that a wave of youth-led climate protests starts to make politicians get serious about fighting climate change,” said Climate Action Network Europe in an emailed statement.

Greenpeace added that the EU parliament “gets the message”.

“With European and national elections around the corner, governments would be foolish to ignore the groundswell,” the environmental lobby group said.

It signalled that the response to climate change could play an important role in the campaign for the European Parliament elections, this May.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Merkel. Sta diventando il ‘becchino’ della Germania, e dell’EU. – Bloomberg

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-18.

Merkel 001

Per fortuna che Bloomberg è una testata liberal amica intima di Frau Merkel.

Se fosse stata nemica non avremmo potuto immaginare cosa mai avrebbe detto.

“come cancelliere tedesco posso solo dire: le prospettive ci sembrano pessime per noi.”

*

“La sua disperazione è stata sempre più evidente.”

*

“Il governo sta correndo dietro gli avvenimenti”

*

“La politica economica strategica è stata ignorata”

*

Quando un governante non sa visibilmente che pesci prendere, sarebbe proprio ora di cambiarlo. Di rottamarlo.

Tuttavia Frau Merkel ricopre un ruolo di somma importanza nel ridimensionare il ruolo egemone che la Germania ebbe in passato nel governo dell’Unione Europea. Assieme al suo sodale Macron stanno picconando questa Europa, facilitando grandemente il compito degli identitari sovranisti.

Merkel e Macron sono ad oggi i migliori alleati degli identitari sovranisti.

* * * * * * *

«as German chancellor I can only say: the prospects look bad for us»

*

«Her desperation has been increasingly evident.»

*

«The government is running behind the developments»

*

«Strategic economic policy has been ignored»

* * * * * * *

«President Donald Trump’s America First policy is forcing Germany to make an impossible choice between the U.S. and China—pitting the force behind the country’s modern economic success against the key to its future growth»

*

«The result is political paralysis at a time when Germany’s allies are looking for political leadership»

*

«The economy is slowing, populists urged on by Trump are advancing across the European Union, and Merkel’s strategic rivals are hatching plans to prize more countries away from the multilateral system she treasures»

*

«Her desperation has been increasingly evident.»

*

«U.S. tariffs would reduce German car exports by about 18.4 billion euros ($20.7 billion)»

*

«The autos dispute is a sign of the way that geopolitics is becoming increasingly uncomfortable for Germany»

*

«Trump has sown doubts about his commitment to defending America’s NATO allies, populists across Europe are rallying opposition to free trade and challenging fundamental tenets of EU membership, and China is offering an  alternative funding source to weaker nations like  Italy, Portugal and Greece, frustrated by Germany’s insistence on budget tightening.»

*

«Germany is caught up in a dilemma of changing trade patterns and doesn’t know how to react»

*

«But in most areas, the chancellor’s desire to avoid inviting trouble prevents Germany, and often the EU, from taking a stand»

*

«The government is running behind the developments»

*

«Strategic economic policy has been ignored»

* * * * * * *

Cosa mai si dovrebbe aggiungere?


Bloomberg. 2019-03-12. Germany Is Paralyzed by an Impossible Choice

For decades, the country watched the money roll in. Now the global trade order is unraveling.

*


The global order that underpins German prosperity is unraveling. And Angela Merkel doesn’t know what to do about it.

President Donald Trump’s America First policy is forcing Germany to make an impossible choice between the U.S. and China—pitting the force behind the country’s modern economic success against the key to its future growth.

The result is political paralysis at a time when Germany’s allies are looking for political leadership.

On issues from trade to cyber security to international tax reform, Merkel is hamstrung by her fear of antagonizing her country’s key trading partners. The fear in Merkel’s inner circle is that any firm position risks a backlash that could see tensions spiral out of control, according to people familiar with their thinking.

The urgency is intensifying. The economy is slowing, populists urged on by Trump are advancing across the European Union, and Merkel’s strategic rivals are hatching plans to prize more countries away from the multilateral system she treasures. Her desperation has been increasingly evident.

 “Are we splitting up into little puzzle pieces with everyone thinking they can best solve problems on their own?” Merkel asked last month at the Munich Security Conference. “If that’s case, as German chancellor I can only say: the prospects look bad for us.”

——

Merkel is determined to keep reaching out to Trump

——

In the eye of the storm is Germany’s mighty car industry, which is already grappling with the transition to an era of self-driving, electric vehicles.

Trump is threatening to levy tariffs on imported European cars, a move that would hit Mercedes-Benz, BMW and Volkswagen AG’s Porsche particularly hard. U.S. tariffs would reduce German car exports by about 18.4 billion euros ($20.7 billion), according to a study by the Munich-based Ifo economic research institute.

Despite the antagonism from the White House, and to the frustration of the French, Merkel is determined to keep reaching out to Trump. The German leader wants to get the U.S. involved in negotiations on a broader trade deal as quickly as possible and is concerned that EU retaliation on tariffs would evolve into a full-scale trans-Atlantic trade conflict, a person familiar with the government’s position said.

The autos dispute is a sign of the way that geopolitics is becoming increasingly uncomfortable for Germany. For decades, the country profited from an international trading system run by the West and backed up by the military might of the U.S. The government just got out of the way and watched exports roll.

Those days are now over. Trump has sown doubts about his commitment to defending America’s NATO allies, populists across Europe are rallying opposition to free trade and challenging fundamental tenets of EU membership, and China is offering an  alternative funding source to weaker nations like  Italy, Portugal and Greece, frustrated by Germany’s insistence on budget tightening.

“Germany is caught up in a dilemma of changing trade patterns and doesn’t know how to react,” said Sebastian Dullien, an analyst at the European Council on Foreign Relations.

As a result, Merkel has flip-flopped between engagement and assertiveness. At times she tries to court both the U.S. and China, at others she articulates a stronger national stance in response to threats, but she has yet to follow through.

One area where the chancellor has taken a stand is over a new gas pipeline to Russia. Merkel stuck to her guns over the Nord Stream 2 project despite trenchant complaints from the U.S. about increasing dependence on Moscow and European concerns about weakening Ukraine. The government has also tightened rules on foreign takeovers in a bid to shield German technology from economic rivals like China, in line with Economy Minister Peter Altmaier’s new industrial strategy for Germany.

But in most areas, the chancellor’s desire to avoid inviting trouble prevents Germany, and often the EU, from taking a stand.

——

“The government is running behind the developments”

——

A French push to forge a common European front to tackle the esoteric tax structures of Internet giants like Amazon.com Inc, Alphabet Inc. and Facebook Inc. is another victim of German caution, and again it’s the car industry that’s at the heart of it.

The French plan would have seen tech firms—in practice most of them U.S.-based—taxed on the basis of where their sales are generated, rather than where their services were produced. That’s a frightening precedent for an export powerhouse like Germany, especially when Trump is looking for excuses to penalize its car makers.

So rather than take the lead alongside France, Merkel’s administration wants to wait for an international consensus to emerge and provide cover, a person familiar with the government’s position said. Finance Minister Olaf Scholz wants to tie the U.S. into an international accord before a European digital tax moves ahead. The French, meanwhile, are introducing a national levy, despite the lack of support from their most important partner.

“The government is running behind the developments,” said Kerstin Andreae, a Green lawmaker on the lower-house of parliament’s economics committee. “Strategic economic policy has been ignored.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Francia. La rivolta potrebbe virare in una rivoluzione.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-19.

2019-03-18__Francia__001

I problemi attuali della Francia sono ben sintetizzati dalla tabella storica del pil, espresso in dollari americani, valuta dei commerci internazionali, usata anche nei confronti tra diversi stati.

Facendo paragone con il 2008, in Francia il pil è passato da 2,932.215 miliardi ai 2,774.158 di fine 2018, mentre il pil procapite è passato da 47,181 Usd agli attuali 41,269.

In dieci anni sono stati persi 158.06 miliardi di pil e 5,912 Usd di pil procapite.

Contro un reddito mediano di circa 1,200 euro mensili, la soglia di povertà è stimata essere 1,650 euro. È la condizione in cui versa larga quota dei francesi.

* * * * * * *

La situazione economica francese è decisamente meno buona di quanto non si fosse voluto ammettere.

Se sicuramente il movente economico non è l’unico che ha spinto i Gilets Jaunes in piazza, altrettanto sicuramente ha svolto un ruolo pesante.

Il crollo del partito socialista, storicamente attento alle esigenze delle classi meno abbienti, e la parcellizzazione politica hanno giocato un altro ruolo di non poca importanza.

Gli ultimi dieci anni sono trascorsi in una specie di palude economica e sociale: per paragone, gli Stati Uniti hanno visto il pil crescere dai 14,712 miliardi Usd del 2008 agli attuali 20,501 miliardi Usd, mentre la Cina è passata da un pil di 4,604 miliardi Usd del 2008 agli odierni 12,238 miliardi Usd.

Questi dati indicano come sarebbe stato possibile far progredire il pil se i passati governi francesi ne fossero stati in grado: cosa che non è stata. A pagare il conto è stata tutta la Francia, perché il mondo non si è fermato ad aspettarla.

* * * * * * *

Se letto entro questo quadro generale, il fenomeno dei Gilets Jaunes e della violenza sempre più evidente trova una sua più che logica collocazione.

Da una parte c’è un Popolo sempre più impoverito ed inviperito e dall’altra un governo semplicemente impotente.

«Questo movimento non è mai stato identico a se stesso. È una cosa unica, che non si è mai vista prima. C’è stata una fase di estrema destra, poi una populista-plebiscitaria con la richiesta del referendum e della democrazia diretta, oggi siamo arrivati alla fase insurrezionale. Da una crisi di consenso alle tasse, siamo passati a una crisi di consenso allo Stato. Questi gruppi ormai non riconoscono l’autorità dello Stato, e lo contestano sul terreno più puro, cioè l’ordine pubblico. A breve termine il governo non potrà che rispondere sullo stesso piano, quello della repressione. Ma se dovesse morire qualche manifestante, quella sarebbe la vera svolta. Il potere farebbe fatica a rimanere in piedi».

*

«Sarebbe toccato a chiunque al suo posto. I predecessori di Macron hanno messo tonnellate di tasse e regolamenti sulla trave. Macron si è limitato ad aggiungere un chilo, ed è quello che ha fatto crollare tutto».

*

«In realtà alla questione, centrale, del potere d’acquisto non è stata data risposta. Le questioni decisive sono due: l’eccesso di tasse che gravano sulla classe media, e i troppi regolamenti che piovono sulla testa dei francesi secondo la tradizione centralista dell’ancien régime. La protesta è cominciata a novembre contro la carbon tax e il limite di velocità abbassato a 80 km/h sulle strade di provincia. Ma ormai è diventata un’altra cosa, e il governo potrebbe solo prendere una decisione clamorosa come dimezzare le tasse per la classe media. Qualsiasi altro aggiustamento non serve».

*

«Il problema dei gilet gialli è che non esistono. Ci sono sovranisti di destra vicini a Marine Le Pen, altri gauchisti della France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon, altri no global come se ne vedono da anni, c’è di tutto. I partiti populisti hanno provato a recuperarli ma loro hanno resistito, non hanno leader e non hanno rappresentanti con cui negoziare. L’obiettivo ormai è il teppismo e l’attacco sistematico alla polizia, simbolo dello Stato».

*

«Se le violenze dei manifestanti aumenteranno ancora e dovessero esserci vittime, quella sarà il punto di non ritorno».

*

«l’eccesso di tasse che gravano sulla classe media, e i troppi regolamenti che piovono sulla testa dei francesi secondo la tradizione centralista dell’ancien régime»

Chi abbia buona memoria storica, si ricordi cosa significò l’assassinio di Jerzy Popiełuszko.

«Ma se dovesse morire qualche manifestante, quella sarebbe la vera svolta …. il punto di non ritorno»

Stiamo assistendo ai prodromi di una ricolta che sembrerebbe essere destinata a diventare un rivoluzione.

Il sistema socio-economico francese è irredimibile. così come lo era l’Ancien Régime.


Corriere. 2019-03-17. Gilet gialli, il politologo Reynié: «Siamo alla fase dell’insurrezione, un vicolo cieco»

«Questo movimento non è mai stato identico a se stesso. È una cosa unica, che non si è mai vista prima. C’è stata una fase di estrema destra, poi una populista-plebiscitaria con la richiesta del referendum e della democrazia diretta, oggi siamo arrivati alla fase insurrezionale. Da una crisi di consenso alle tasse, siamo passati a una crisi di consenso allo Stato. Questi gruppi ormai non riconoscono l’autorità dello Stato, e lo contestano sul terreno più puro, cioè l’ordine pubblico. A breve termine il governo non potrà che rispondere sullo stesso piano, quello della repressione. Ma se dovesse morire qualche manifestante, quella sarebbe la vera svolta. Il potere farebbe fatica a rimanere in piedi». Il politologo Dominique Reynié, docente a Sciences Po a Parigi e specialista dei populismi, parla di una situazione francese che si trascina da decenni.

Qual è la responsabilità di Macron?

«Sarebbe toccato a chiunque al suo posto. I predecessori di Macron hanno messo tonnellate di tasse e regolamenti sulla trave. Macron si è limitato ad aggiungere un chilo, ed è quello che ha fatto crollare tutto».

Eppure il governo sembrava avere ripreso in mano la situazione, con il piano da dieci miliardi e il grande dibattito nazionale che si è appena concluso.

«In realtà alla questione, centrale, del potere d’acquisto non è stata data risposta. Le questioni decisive sono due: l’eccesso di tasse che gravano sulla classe media, e i troppi regolamenti che piovono sulla testa dei francesi secondo la tradizione centralista dell’ancien régime. La protesta è cominciata a novembre contro la carbon tax e il limite di velocità abbassato a 80 km/h sulle strade di provincia. Ma ormai è diventata un’altra cosa, e il governo potrebbe solo prendere una decisione clamorosa come dimezzare le tasse per la classe media. Qualsiasi altro aggiustamento non serve».

La distinzione tra teppisti e gilet gialli ha senso?

«Il problema dei gilet gialli è che non esistono. Ci sono sovranisti di destra vicini a Marine Le Pen, altri gauchisti della France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon, altri no global come se ne vedono da anni, c’è di tutto. I partiti populisti hanno provato a recuperarli ma loro hanno resistito, non hanno leader e non hanno rappresentanti con cui negoziare. L’obiettivo ormai è il teppismo e l’attacco sistematico alla polizia, simbolo dello Stato».

I poliziotti sono accusati di eccesso di violenza, e allo stesso tempo di non riuscire a fermare le distruzioni.

«Gli agenti si trovano di fronte a un rompicapo insolubile, perché devono mantenere l’ordine pubblico ma anche rispettare la priorità assoluta posta dal governo, quella di evitare il morto. Se le violenze dei manifestanti aumenteranno ancora e dovessero esserci vittime, quella sarà il punto di non ritorno».

Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Devoluzione socialismo, India, Russia, Stati Uniti

Pil ppa 2019-2203. Brics 36%, G7 27%. I Brics valgono 3.5 volte l’eurozona.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-08.

2019-03-08__Pil PPa Mondo G7 Brics

L’International Monetary Fund World Economic Outlook (April – 2018) è una miniera di dati, tra i quali figurano anche le proiezioni del pil ppa al 2023.

Pil 2016 e proiezioni 2020. Sorprese in arrivo. Ripercussioni mondiali.

Pil 2018 – 2022. – Previsioni dell’IMF. Grandi sorprese in arrivo. 

*

Le prime dieci nazioni classificate per pil ppa proiettato al 2023 sarebbero la Cina, gli Stati Uniti, l’India, il Giappone, la Germania, l’Indonesia, la Russia, il Brasile, il Regno Unito, e la Francia.

Ma subito dopo verrebbero il Messico, la Turkia, la Korea, la Repubblica Islamica dell’Iran e l’Arabia Saudita.

Sempre nella proiezione al 2023, la Cina si collocherebbe al primo posto con 37,067 miliardi Usd, seguiti dagli Stati Uniti con 24,537 miliardi Usd. L’avvenuto sorpasso è diventato chiaramente evidente.

Ma ciò che più salta agli occhi è la disparità tra il gruppo dei paesi G7 e quelli facenti capo ai Brics.

Con 48,179 miliardi Usd i paesi del G7 renderebbero conto del 27.06% del pil ppa mondiale, mentre i Brics si attesterebbero a 63,907 miliardi Usd, ossia al 35.90%.

* * * * * * *

Nel 2008 l’eurozona aveva un pil di 14,113 miliardi Usd, ma a fine 2017 aveva registrato un pil di 12,589 miliardi Usd; la Cina, nello stesso arco temporale, era passata da un pil di 4,804 miliardi Usd ad un valore di 12,237 miliardi Usd. Per quanto riguarda il pil espresso in valori assoluti, e non relativi al potere di acquisto, la Cina a fine 2017 eguagliava l’eurozona.

La differenza di performance tra questi due sistemi socio-economica è lampante.

L’eurozona è regredita mentre la Cina è cresciuta, ed anche di molto.

Nelle proiezioni al 2023 l’eurozona rende conto di un pil ppa di 18,413 miliardi Usd: il 10.34% del valore mondiale. Troppo poco per contare realmente, troppo poco per poter dettare condizioni.

Qualsiasi persona di buon senso dovrebbe trarne le conseguenze: qualsiasi perdita può essere rimediata, tranne quella del tempo. Il tempo andato via è perso per sempre.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Slovakia. Presidenziali. Caputova 40.04%. Una lezione da meditare.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-17.

Pifferaio Magico. Hameln. Koppen.

 Lapide nella Chiesa di Hameln.


«Al secondo turno delle elezioni presidenziali in Slovacchia passano l’avvocatessa Zuzana Caputova e il diplomatico Maros Sefcovic»

*

«Dopo lo scrutinio del 92% dei voti del primo turno, la Caputova è in testa con il 40,04%, mentre Sefcovic ha ottenuto il 18,72%.»

*

«I see the message from voters as a strong call for change»

*

«The Slovak presidency is a largely ceremonial office, but the president has limited powers of veto over laws passed by parliament»

* * * * * * * *

Slovakia. Mrs Zuzana Caputova potrebbe vincere le elezioni presidenziali.

Le elezioni presidenziali hanno sempre avuto la grande caratteristica di essere centrate sulla personalità dei candidati forse ancor più che sui loro programmi.

Il successo di Mrs Zuzana Čaputová si presta ad alcune considerazioni che potrebbero anche essere estese a tutto l’elettorato europeo.

– Per quanto riguarda l’Unione Europea, nel 2008 il pil dell’eurozona era 14,113.094 miliardi Usd, ed a fine 2017 era 12,589.880 miliardi. Similmente, il pil procapite è crollato da 42,770 Usd a 36,670 Usd.

Riassumendo: il pil è sceso di 1,523.21 miliardi Usd ed il pil procapite di 6,100 Usd. Nel contempo, il pil cinese è cresciuto del 139%, quello indiano del 96% e quello degli Stati Uniti del 34%. Ricordiamo che questi dati sono espressi in dollari americani, non in euro.

Anche se la gente comune non ha presente codeste cifre, l’aria di stagnazione economica generalizzata grava pesante sull’eurozona. E l’inquietudine economica si ripercuote severamente sulle scelte politiche.

– In tutta l’Unione Europea si evidenzia una disaffezione degli Elettori nei confronti dei partiti tradizionali, che hanno perso quasi ovunque larghe quote di consenso. A questo fenomeno si è associata una frammentazione politica, per cui in quasi tutti gli stati sono presenti quasi una decina di formazioni politiche, ma con risultati difficilmente superiori al 10% – 15%. Questo fenomeno obbliga la formazione di coalizioni governative instabili, in quanto formate da partiti spesso con programmi divergenti.

– La conseguenza di quanto evidenziato è una impossibilità oggettiva ad affrontare le grandi sfide europee e nazionali. Questa è una palude politica chiaramente avvertita dall’Elettorato, che è diventato molto mobile: ci si dovrebbero aspettare successi impensabili, ma spesso per nulla duraturi. Nessun politico né alcun partito potrà considerare stabile l’Elettorato che lo ha espresso.

– Un altro grande problema che emerge è un fenomeno di gestione personalistica del potere che spesso sfocia in veri e propri episodi di corruzione fin troppo evidenti per poter essere tollerati dal popolo. Il comportamento etico e morale dei governanti sta rapidamente diventando un elemento di grande importanza. Tuttavia la onestà è solo un requisito, importante sicuramente ma non certo l’unico, di un governante.

* * *

Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

In tutta la Unione Europea assistiamo ad un fiorire di partiti politici ‘di protesta’: formula invero molto riduttiva.

Spesso arrivano a posti di grande responsabilità politica persone degnissime, ma digiune dei reali problemi che dovrebbero cercare di risolvere. Non solo. I nuovi eletti si scontrano con un apparato burocratico nominato e cresciuto dal pregresso governo e sono spesso facili prede di navigati marpioni.

I recenti accadimenti della Catalogna in Spagna e dei Gilets Jaunes in Francia dovrebbe anche indicarci come il tasso di esasperazione stia rapidamente salendo nell’europeo medio. E questo sarebbe un fenomeno da non trascurarsi. Nei climi politici rancorosi sorgono spesso dei demagoghi che trascinano le masse come il pifferaio magico.

*

Prendiamo quindi atto alla luce di quanto detto che Mrs Zuzana Čaputová potrebbe verosimilmente essere il nuovo presidente della Slovakia, che a breve dovrebbe andare alle elezioni politiche.

È un personaggio politico entrato prepotentemente in scena e che nel volgere di qualche mese è riuscito a conquistarsi una larga fetta dell’Elettorato. Verosimilmente la sua elezione potrebbe concorrere a stabilizzare il quadro politico slovacco.


Ansa. 2019-03-17. Slovacchia, sarà sfida Caputova-Sefcovic

Al secondo turno delle elezioni presidenziali in Slovacchia passano l’avvocatessa Zuzana Caputova e il diplomatico Maros Sefcovic.

 Dopo lo scrutinio del 92% dei voti del primo turno, la Caputova è in testa con il 40,04%, mentre Sefcovic ha ottenuto il 18,72%.
L’affluenza alle urne è stata del 46,04%. Il ballottaggio si terra’ il 30 marzo.


Bbc. 2019-03-17. Anti-corruption candidate Zuzana Caputova leads Slovak poll

Lawyer and anti-corruption campaigner Zuzana Caputova has easily won the first round of Slovakia’s presidential election.

She has just over 40% with Maros Sefcovic of the ruling Smer-SD party her nearest rival on less than 19%.

Ms Caputova came to prominence during mass protests sparked by the murder of a journalist who had been investigating political corruption.

As no candidate won more than 50%, a second-round run-off will be held.

Turnout was just under 50%.

If Ms Caputova, 45, wins the second round in a fortnight’s time, she will become Slovakia’s first female president.

“I see the message from voters as a strong call for change,” she said early on Sunday.

A member of the small Progressive Slovakia party, which has no seats in parliament, she is a newcomer to politics, whereas her conservative 52-year-old opponent is vice-president of the European Commission.

Ms Caputova first rose to prominence when she led a battle lasting 14 years against an illegal landfill.

More recently, Slovakia has seen large anti-government rallies following the murder of journalist Jan Kuciak and his fiancée in February last year.

The protests prompted Prime Minister Robert Fico to resign.

A new suspect in the killings was charged earlier this week with ordering the murders.

Four others were charged by investigators last year.

Ms Caputova was backed in her campaign by outgoing President Andrej Kiska, who did not seek a second term in office.

The Slovak presidency is a largely ceremonial office, but the president has limited powers of veto over laws passed by parliament.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Verhofstadt avrebbe percepito 425,000 euro di finanziamenti. Alcune domande.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-17.

Mela con il Coltello tra i Denti.

Si stanno avvicinando le elezioni europee ed il clima sta surriscaldandosi.

I politici usano con sempre maggiore frequenza frasi invero molto forti, ma che rientrano nella dialettica del momento.

Il 12 febbraio 2019 Mr Guy Verhofstadt fece un durissimo attacco diretto al premier Conte in sede del parlamento europeo.

Ue, Verhofstadt (Alde) a Conte: “Per quanto tempo intende essere il burattino di Salvini e Di Maio?” [Video]

«“Per quanto tempo lei sarà ancora il burattino mosso da Matteo Salvini e Luigi Di Maio?”. Lo dice Guy Verhofstadt, capogruppo dei liberali di Alde, rivolgendosi al premier Giuseppe Conte al termine del suo intervento all’Europarlamento di Strasburgo. “Mi fa male vedere l’Italia, uno dei paesi fondatori dell’Unione Europea passare a fanalino di coda”, aggiunge.

I 5 stelle gli hanno risposto con una nota: “Non basta saper parlare in italiano per essere amici del popolo italiano”, si legge. “L’intervento di Guy Verhofstadt è stato offensivo e privo di contenuti. Non accettiamo nessuna lezione da chi, come dimostra uno studio commissionato da tre ong europee Friends of the earth Europe, Corporate Europe Observatory e LobbyControl, è a libro paga di multinazionali e comitati d’affari. Verhofstadt stesso ha dichiarato di far parte di sette fra Comitati e consigli di amministrazione. Chi è allora il burattino?”.»

*

La risposta del Premier Conte fu ragionevolmente pacata.

Ue, Conte attaccato in Aula: ‘Io burattino? No, forse quelli al servizio delle lobby. Alcuni interventi offendono me e italiani’ [Video]

«“Io burattino non lo sono. Interpreto e sono orgoglioso di rappresentare un intero popolo e di interpretare la voglia di cambiamento del popolo italiano e di sintetizzare una linea politica di un governo che non risponde alle lobby. Forse i burattini sono coloro che rispondono a lobby e comitati d’affari”. Lo afferma, rispondendo all’attacco di Guy Verhofstadt, il premier Giuseppe Conte alla plenaria del Parlamento Ue.  “Alcuni interventi non andrebbero commentati, perché hanno pensato di offendere non solo il sottoscritto ma l’intero popolo che rappresento”.

Poi c’è stato un botta e risposta tra l’europarlamentare Pd Daniele Viotti e lo stesso Giuseppe Conte. Viotti, tra i tanti eurodeputati critici intervenuti in Aula, ha lett

–o i numeri, molto bassi, delle presenze dei ministri del governo giallo-verde alle riunioni del Consiglio europeo. “Chiedete scusa, all’Italia serve un governo presente in Europa”, ha attaccato Viotti. “Grammatica vuole che un governo possa essere rappresentato anche da un sottosegretario o da un delegato”, ha sottolineato Conte nella sua replica, non risparmiando una frecciata al Pd: “Lei è un esponente di un partito che non ha presidiato adeguatamente per l’Ema e ne paghiamo ancora le conseguenze”, ha affermato il premier rivolgendosi a Viotti.»

* * *

Come c’era da aspettarselo, in breve è stata organizzata la risposta.

Verhofstadt chiamò Conte ‘burattino’. Ora 425 mila euro mettono in imbarazzo lui e Macron

«Ricordate Guy Verhofstadt? Il politico belga, leader dei liberali europei, l’amico di Emmanuel Macron che, sfoggiando il suo miglior italiano, qualche settimana fa al Parlamento europeo dava lezioni al presidente del consiglio Giuseppe Conte chiamandolo “burattino” (e ricordando che lo stesso Di Maio aveva provato a corteggiare Macron) e Conte replicava che burattino è “chi risponde alle lobby”.

Ma perché quest’allusione? Conte sapeva forse qualcosa che noi non sapevamo ancora? Oggi, infatti, – come riportato da Le Monde e France 2 – si scopre che il gruppo Alde di Verhofstadt non ha disdegnato centinaia di migliaia di euro (ben 425mila, per l’esattezza) ricevuti dal 2014 da grandi multinazionali del calibro di Google, Walt Disney, Syngenta, Deloitte, Microsoft e persino Bayer, l’attuale produttore del Roundup – glifosato – da quando ha acquisito Monsanto.

Finanziamenti ovviamente del tutto legali (d’altronde chi le scrive le leggi?), ma che pongono il problema del conflitto di interessi e del potere di condizionamento delle lobby sui cosiddetti “rappresentanti dei cittadini”. L’Alde non risulta l’unico gruppo ad aver ricevuto finanziamenti di questo tipo, ma se guardiamo agli importi gli altri sembrano aver ricevuto “spiccioli” in confronto.

È legittimo chiedersi come tali finanziamenti influenzino le decisioni politiche ad esempio in tema di pesticidi, tassazione delle multinazionali, paradisi fiscali, controllo della rete e negli ambiti di interesse delle multinazionali che elargiscono tali generose donazioni senza contropartita(?).»

* * * * * * *

A questo punto sorgono spontanei molti interrogativi.

Come prolegomeno, dobbiamo constatare come la politica costi, e costi anche cara. È quindi nella logica delle cose che i politici cerchino finanziamenti e che gruppi di pressione, lobby, li offrano in cambio di una tutela dei loro interessi.

Il problema resta quello di dare delle regole che rispettino il buon senso, permettendo così che tutto possa svolgersi alla luce del sole.

– Sarebbe intanto proficuo che ogni formazione politica fosse tenuta a riportare pubblicamente i finanziamenti ricevuti: ammontare e provenienza.

– Altrettanto importante sarebbe abbandonare ogni forma di ipocrisia. La politica è la risultante degli equilibri delle forze finanziarie, economiche e sociali che operano nel contesto sociale. Nulla quindi da scandalizzarsi se una formazione politica riceva fondi da parte di un gruppo che voglia tutelare i propri interessi.

– Da questo punto di vista, potrebbe anche essere preferibile che siano riportati in chiaro anche i finanziamenti ottenuti da componenti estere. Fa parte del gioco democratico.

*

Resta il problema dell’uso che i partiti fanno di tali finanziamenti.

Si dovrebbero notare alcuni punti:

– intanto, le personalità elette hanno una vidimazione nel voto popolare, e ciò comporta che li si onori e rispetti. Avere idee differenti non implica essere nemici mortali.

– a nostro personale parere, opinabile quindi, sarà il parlamento stesso ad esprimere l’istanza ultima sulle proposte di legge patrocinate da gruppi di pressioni e presentate da formazioni politiche. Il parlamento ha il diritto/dovere di approvare o respingere le proposte di legge, e nel momento in cui le approva le legalizza.

* * * * * * *

Non neghiamo come questo clima sempre più incandescente lasci molto ma molto perplessi.

L’Europa sembrerebbe avviarsi su di una china di violenza verbale che alla fine precede quella fisica.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Germania. Come perdere 38 miliardi Usd.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-17.

Das Brandenburger Tor in Berlin

La Germania ha perso 38 miliardi Usd.

«Temporary factors cost the German economy about 34 billion euros ($38 billion) in the second half of 2018, when it tipped dangerously close to a recession»

*

«A simulation by the Kiel Institute for the World Economy looked at the state of industry while stripping out the effects from one-offs that dented growth»

*

«A change in car-industry regulations last summer, low water levels on the Rhine river, and a curious breakdown in pharmaceutical output were seen as among the culprits behind the industrial slump»

*

«Germany’s economy ministry said car-model changes and strikes at suppliers emerged as new challenges, after factory orders and output took an unexpected hit in January.»

* * *

La Germania sta agonizzando soffocata dallo stesso corpo legislativo che si era data sicura di futuri trionfi.

L’insieme delle leggi, regolamenti ed anche sentenze sulle emissioni dei gas di scarico delle automobili sono state una pesante mazzata sull’industria automotiva tedesca, che all’estero vive ragionevolmente bene, ma in patria stenta a sopravvivere.

Ma su tutto pesa l’incubo della presenza di Frau Merkel, fantasma di ciò che era in passato, incapace a trarre le conseguenze del suo operato. Capo di un governo ectoplasmatico, senza visione strategica alcuna, in attesa dei risultati che emergeranno dalle elezioni europee e da quelle che si terranno a breve in Brandenburg, Bremen, Sachsen e Thüringen, ove le proiezioni sono sfavorevoli.


Bloomberg. 2019-03-13. Germany’s Economy Has Already Lost About $38 Billion to One-Offs

Temporary factors cost the German economy about 34 billion euros ($38 billion) in the second half of 2018, when it tipped dangerously close to a recession.

A simulation by the Kiel Institute for the World Economy looked at the state of industry while stripping out the effects from one-offs that dented growth. Without those, the economy could have expanded by about 0.5 percentage point more in each of the final two quarters of last year.

What’s unclear is how much more will be added to that bill in the coming months, with some issues, particularly in the auto industry, lingering into 2019.

A change in car-industry regulations last summer, low water levels on the Rhine river, and a curious breakdown in pharmaceutical output were seen as among the culprits behind the industrial slump. Now, global uncertainties and capacity constraints might challenge a meaningful rebound, and the institute forecasts expansion of only 1 percent in 2019.

Economists from the Bundesbank to the European Central Bank have scratched their heads over the slowdown in Germany and the euro area as they try to gauge whether growth is entering a more protracted shift.

The spell of temporary factors might not be over. Earlier this week, Germany’s economy ministry said car-model changes and strikes at suppliers emerged as new challenges, after factory orders and output took an unexpected hit in January.

But there’s also been some good news. Water levels on the Rhine have risen again after last year’s issues hurt industries from steel makers to petrochemical companies.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Slovakia. Mrs Zuzana Caputova potrebbe vincere le elezioni presidenziali.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-16.

2019-03-16__Slovakia__001

Oggi si vota in Slovakia il primo turno delle elezioni presidenziali.

Due sono i candidati di rilievo.

Maroš Šefčovič, 1966, membro fino al 1990 del Communist Party of Czechoslovakia, quindi membro della direzione della socialdemocrazia. Una lunghissima carriera consumata all’interno delle strutture dell’Unione Europea.

Dal 2009 al 2010 è European Commissioner for Education, Training, Culture and Youth, dal 2010 al 2014 è European Commissioner for Interinstitutional Relations and Administration, dal 2014 ad oggi è European Commissioner for the Energy Union.

Un curriculum di tutto rispetto: può piacere o non piacere politicamente, ma nessuno potrebbe negare il valore intrinseco della persona.

Zuzana Čaputová, 1973, esponente di Progressive Slovakia, formazione politica non rappresentata in parlamento. Di ideologia liberal socialista, si è distinta come avvocato delle ngo operanti in Slovakia.

*

I sondaggi elettorali sono quasi impossibili da essere interpretati.

L’ultimo sondaggio della Phoenix Research darebbe Šefčovič al 19.8% e la Čaputová al 18.5%: tenendo conto dell’errore di stima, sarebbe un sostanziale testa a testa, che si risolverebbe quindi solo al secondo turno.

Lasciano invero molto perplessi i sondaggi pubblicati nel corso dell’ultimo mese da numerose società che darebbero la Čaputová al 37.9%, al 44.8% ed anche al 52.9%: li riportiamo in fotocopia per correttezza.

Ricordiamo come le elezioni politiche si terranno l’anno prossimo.

Nota.

Di fronte a sondaggi così discrepanti si resta impossibilitati di esprimere una qualsivoglia considerazione.

Li abbiamo riportati in fotocopia proprio per portare a conoscenza del largo pubblico l’intrinseca difficoltà che si incontra a trattare questi argomenti.


Bloomberg. 2019-03-16. Europe’s Populists Set for Slap in Slovakia’s Presidential Race

– NGO lawyer Caputova leads polls for first-round vote Saturday

– Anti-establishment judge, top EU official vie for runoff spot

*

An election in the heart of the European Union’s increasing populist eastern wing is poised to deliver a different kind of anti-establishment triumph.

Sandwiched between Poland and Hungary — perennial thorns in the side of Brussels officials — Slovakia is set to pick as president an NGO lawyer who backs EU integration, vows to fight nationalism and wants to rebuild a system skewed to favor politicians and their cronies.

Zuzana Caputova’s rise has been rapid. A year ago, her biggest claim to fame was stopping a well-connected businessman from building a landfill in Slovakia’s wine country. Now, polls indicate the 45-year-old will comfortably win Saturday’s ballot and will also prevail in a likely runoff two weeks later. She’s trouncing the pro-Russian populist candidate.

Her victory would be a marked departure from the governments in Warsaw and Budapest, which the EU accuses of trampling over democracy and the rule of law.

“Uniquely for the region, a liberal is leading polls by a wide margin,” said Otilia Dhand, senior vice president at Teneo Intelligence in Brussels. “But support has less to do with her ideological leanings and more to do with the fact that she represents a clear break from what voters perceive as corrupt and ineffective political elites.”

Caputova has ridden a wave of anti-government anger triggered last year’s murder of an investigative journalist and his fiancee. A local businessman was charged this week with ordering the killing. Inspired by her slogan — ‘Let’s fight evil together’ — voters have taken to the streets in the biggest protests since the fall of the Iron Curtain.

As vice-chairwoman of the Progressive Slovakia party, Caputova supports gay partnerships and adoption, a rare stance in the predominantly Catholic nation. Once deemed a long-shot for president, which is largely ceremonial but plays a key role in forming governments and appointing judges, she mesmerized audiences in television debates.

That helped her overtake former frontrunner Maros Sefcovic, vice president of the European Commission, who’s now in second place. While Slovaks generally embrace the EU, Sefcovic has suffered as the candidate of the ruling Smer party, whose three-term prime minister was ousted last year by anti-graft demonstrators.

Despite robust economic growth, record-low unemployment and rising living standards, some voters are turning away from traditional political forces toward figures mounting xenophobic campaigns.

Stefan Harabin, an anti-NATO Supreme Court judge, is Caputova’s main populist challenger. He says he’d take a more active foreign-policy role, working to annul sanctions against Russian and repel migrants.

But Harabin is a long way behind in the hunt to succeed incumbent Andrej Kiska, who’s stepping down after one term. He has just 12 percent support, compared with 45 percent for Caputova and about half that for Sefcovic, according to a Feb. 26-28 FOCUS survey. Caputova would get 64 percent in a runoff.

Polls open Saturday at 7 a.m. in Bratislava and runs until 10 p.m. There are no exit polls.

Caputova says Slovakia is at a crossroads.

“We’re facing a crisis of confidence in politics and democratic values are being doubted,” the mother-of-two said in the town of Zilina, a nationalist bastion where she was cheered by a packed crowd. “If we don’t stop this trend, extremists will gain more ground.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ideologia liberal

Financial Times. L’Occidente ha perso la voglia di vivere.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-16.

Cervello Liberal Denocratico

Cerchiamo di ragionare.

Tramonto non dell’Occidente ma della dottrina illuminista.


Al mondo ci sono circa 7.53 miliardi di esseri umani. Di questi 325.7 milioni vivono negli Stati Uniti e 503.7 milioni nell’Unione Europea. Con 829.4 milioni di abitanti l’Occidente rende ragione dell’11.01% della popolazione mondiale.

Tenendo conto che i liberal socialisti sono grosso modo la metà degli Elettori occidentali, essi rendono conto di poco più del 5% della popolazione mondiale.

Ciò nonostante, i liberal socialisti ritengono di essere i depositari della Verità e che tutti gli altri dovrebbero adattarsi a condividere la loro Weltanschauung.

Solo che gli altri invece non ne vogliono proprio sapere.

Loro, nella loro neolingua politicamente corretta, li definiscono “illiberali“.

Il Financial Times ha fatto l’argomento oggetto di un simpatico articolo, che riproponiamo nella chiosa di Gog e Magog.

* * * * * * *

«Secondo Gideon Rachman, sul Financial Times di ieri, se il XIX secolo ha reso popolare l’idea dello ‘Stato-nazione’, il 21mo secolo potrebbe essere, invece, il secolo della ‘civiltà-Stato’»

*

«Una civiltà-Stato è un paese che pretende di rappresentare non solo un territorio storico o una particolare lingua o gruppo etnico, ma una civiltà ben distinta. È un’idea che sta guadagnando terreno in stati differenti fra loro come la Cina, l’India, la Russia, la Turchia e, persino, gli Stati Uniti»

*

«La nozione di civiltà-Stato ha risvolti decisamente illiberali»

*

«Implica che i tentativi di definire dei diritti umani universali o degli standard democratici comuni sono sbagliati, poiché ogni civiltà ha bisogno di istituzioni politiche che riflettano la propria specifica cultura»

*

«Una delle ragioni per cui l’idea di una civiltà-Stato ha buone probabilità di diventare diffusa è l’ascesa della Cina»

*

«la Cina moderna ha avuto successo proprio perché ha voltato le spalle alle idee politiche occidentali — per perseguire, invece, un modello radicato nella propria cultura confuciana e nelle tradizioni meritocratiche incentrate sul superamento di ferrei esami.»

*

«Come la Cina, l’India ha una popolazione di oltre 1 miliardo di persone»

*

«idea che l’India sia più di una semplice nazione — e sia, invece, una civiltà a sé»

*

«i padri fondatori dell’India moderna, come Jawaharlal Nehru, abbiano sbagliato nell’abbracciare idee occidentali, come il socialismo scientifico, ritenendole universalmente applicabili»

*

«L’idea di uno Stato-civiltà sta guadagnando terreno anche in Russia. Alcuni degli ideologi vicini a Vladimir Putin hanno fatto propria l’idea che la Russia rappresenti una civiltà eurasiatica distinta, che non avrebbe mai dovuto cercare di integrarsi con l’Occidente»

*

«In un sistema globale plasmato dall’Occidente, non sorprende che alcuni intellettuali di paesi come la Cina, l’India o la Russia vogliano sottolineare la peculiarità della propria civiltà. La cosa più sorprendente è però che anche pensatori di destra negli Stati Uniti stanno ripudiando l’idea di “valori universali”»

*

«la questione fondamentale del nostro tempo è se l’Occidente voglia ancora vivere»

* * * * * * * *

La frase chiave di tutta la costruzione sembrerebbe essere questa:

«la Cina moderna ha avuto successo proprio perché ha voltato le spalle alle idee politiche occidentali».

È una mezza verità.

La Cina ha voltato le spalle all’ideologia liberal socialista, non all’Occidente.

I liberal dovranno bene un bel giorno prendere atto che loro non personificano l’Occidente e non possono pontificare a nome suo. In fondo tutto si risolve in una semplice domanda: “chi mai si credono di essere'”.

Quanto sia sciabecca questa pretesa lo lasciamo giudicare alle opere.

Nel 2008 l’eurozona aveva un pil di 14,113 miliardi Usd, ma a fine 2017 aveva registrato un pil di 12,589 miliardi Usd; la Cina, nello stesso arco temporale, era passata da un pil di 4,804 miliardi Usd ad un valore di 12,237 miliardi Usd.

Si è perfettamente consci che una Weltanschauung non potrebbe essere giudicata sulla base dei risultati economici che produce, ma alla fine delle fini codesta débâcle è la risultante di una mentalità, di un atteggiamento mentale, ed i dati numerici sono incontrovertibili come macigni.


Gog e Magog. 2019-03-05. Il FT inorridito: Cina, India, Russia e l’ascesa delle “civiltà-Stato”. Una idea illiberale che piace a destra.

Secondo Gideon Rachman, sul Financial Times di ieri, se il XIX secolo ha reso popolare l’idea dello ‘Stato-nazione’, il 21mo secolo potrebbe essere, invece, il secolo della ‘civiltà-Stato’.

“Una civiltà-Stato è un paese che pretende di rappresentare non solo un territorio storico o una particolare lingua o gruppo etnico, ma una civiltà ben distinta. È un’idea che sta guadagnando terreno in stati differenti fra loro come la Cina, l’India, la Russia, la Turchia e, persino, gli Stati Uniti.

La nozione di civiltà-Stato ha risvolti decisamente illiberali. Implica che i tentativi di definire dei diritti umani universali o degli standard democratici comuni sono sbagliati, poiché ogni civiltà ha bisogno di istituzioni politiche che riflettano la propria specifica cultura. Inoltre l’idea di una civiltà-Stato tende a escludere: le minoranze e i migranti potrebbero non esservi mai inclusi, perché non fanno parte del nucleo centrale della civiltà.

Una delle ragioni per cui l’idea di una civiltà-Stato ha buone probabilità di diventare diffusa è l’ascesa della Cina. Nei discorsi rivolti al pubblico straniero, il presidente Xi Jinping ama sottolineare come la storia e la civiltà cinesi siano uniche. Questa idea è stata portata avanti da intellettuali filogovernativi, come Zhang Weiwei dell’università di Fudan. In un libro che ha avuto molta influenza (“L’onda cinese: l’ascesa di una civiltà-Stato”), Zhang sostiene che la Cina moderna ha avuto successo proprio perché ha voltato le spalle alle idee politiche occidentali — per perseguire, invece, un modello radicato nella propria cultura confuciana e nelle tradizioni meritocratiche incentrate sul superamento di ferrei esami.

Zhang ha in realtà adattato un’idea elaborata per la prima volta da Martin Jacques, uno scrittore occidentale, in un libro di successo (“Quando la Cina governa il mondo”). “La storia della Cina come stato nazionale”, sostiene Jacques, “risale a soli 120–150 anni fa: la sua storia come civiltà risale invece a migliaia di anni fa”. Egli ritiene che il carattere distinto della civiltà cinese porti a norme sociali e politiche molto diverse da quelle prevalenti in Occidente, compresa “l’idea che lo Stato dovrebbe basarsi su relazioni familiari e su una visione molto diversa del rapporto tra individuo e società, con quest’ultima considerata molto più importante del primo”.

Come la Cina, l’India ha una popolazione di oltre 1 miliardo di persone. I teorici del partito al potere (Bharatiya Janata) sono molto attratti dall’idea che l’India sia più di una semplice nazione — e sia, invece, una civiltà a sé. Per il BJ, l’unica caratteristica distintiva della civiltà indiana è la religione indù — una nozione che relega implicitamente i musulmani indiani a un secondo livello di cittadinanza.

Jayant Sinha, ministro del governo di Narendra Modi, sostiene che i padri fondatori dell’India moderna, come Jawaharlal Nehru, abbiano sbagliato nell’abbracciare idee occidentali, come il socialismo scientifico, ritenendole universalmente applicabili. Invece, essi avrebbero dovuto basare il sistema di governo postcoloniale dell’India sulla unicità della propria cultura. Da ex consulente McKinsey con un MBA di Harvard, il signor Sinha potrebbe sembrare l’archetipo del portatore di valori “globalisti”. Ma quando l’ho incontrato a Delhi l’anno scorso, stava predicando il particolarismo culturale, sostenendo che “a nostro avviso, il nostro retaggio culturale precede lo Stato…Le persone avvertono che le loro tradizioni sono minacciate. Abbiamo una visione del mondo basata sulla fede che entra in collisione con una visione razionale-scientifica”.

L’idea di uno Stato-civiltà sta guadagnando terreno anche in Russia. Alcuni degli ideologi vicini a Vladimir Putin hanno fatto propria l’idea che la Russia rappresenti una civiltà eurasiatica distinta, che non avrebbe mai dovuto cercare di integrarsi con l’Occidente. In un recente articolo [11 febbraio 2019, una traduzione italiana qui] Vladislav Surkov, uno stretto consigliere del presidente russo, ha sostenuto che “i ripetuti e infruttuosi sforzi” del suo paese per entrare a far parte della civiltà occidentale “sono finalmente finiti”. La Russia dovrebbe invece riconciliarsi con la propria identità di “civiltà che ha assorbito sia l’est che l’ovest” con una “mentalità ibrida, un territorio intercontinentale e una storia bipolare. Carismatica, di talento, bella e solitaria. Proprio come dovrebbe essere un mezzosangue”.

In un sistema globale plasmato dall’Occidente, non sorprende che alcuni intellettuali di paesi come la Cina, l’India o la Russia vogliano sottolineare la peculiarità della propria civiltà. La cosa più sorprendente è però che anche pensatori di destra negli Stati Uniti stanno ripudiando l’idea di “valori universali” — a favore dell’enfasi sulla natura peculiare, e presumibilmente in pericolo della civiltà occidentale.

Steve Bannon, che è stato brevemente lo stratega capo della Casa Bianca con Trump, ha ripetutamente sostenuto che la immigrazione di massa e il declino dei valori cristiani tradizionali stanno minando la civiltà occidentale. Nel tentativo di arrestare questo declino, Bannon sta fondando in Italia una “Accademia per l’Occidente giudeo-cristiano”, destinata a formare una nuova generazione di leader.

L’argomentazione bannonita secondo cui l’immigrazione di massa sta minando i valori tradizionali americani è al centro della visione ideologica di Donald Trump. In un discorso pronunciato a Varsavia nel 2017, il presidente Usa ha dichiarato che “la questione fondamentale del nostro tempo è se l’Occidente voglia ancora vivere”, prima di rassicurare il suo pubblico con un “la nostra civiltà trionferà”.

Stranamente, l’adozione da parte di Trump di questa visione “di civiltà” del mondo potrebbe in realtà essere un sintomo del declino dell’Occidente. I suoi predecessori proclamarono con fiducia che i valori americani erano “universali” e destinati a trionfare in tutto il mondo. Ed è stata la forza globale delle idee occidentali che ha fatto dello Stato nazionale la norma internazionale dell’organizzazione politica. L’ascesa di potenze asiatiche come la Cina e l’India può creare nuovi modelli: il prossimo passo, la “Civiltà-Stato”.