Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Psichiatria

G20. 15 e 16 novembre. Joe Biden il demente e sfiduciato renderà quella riunione inconcludente.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-10-31.

2022-10-07__ Biden Pazzo 001

«there is currently no credible way for the world to deliver on the central goal of Paris.»

* * *

«Il Gruppo 20 (o G20) è un forum dei leader, dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali, creato nel 1999, dopo una successione di crisi finanziarie per favorire l’internazionalità economica e la concertazione tenendo conto delle nuove economie in sviluppo. Di esso fanno parte l’Unione Europea e 19 paesi tra i più industrializzati del mondo: Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, India, Indonesia, Francia, Germania, Giappone, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Sudafrica, Turchia. Il G20 rappresenta i due terzi del commercio e della popolazione mondiale, oltre all’80% del PIL mondiale.» [Fonte]

«The 17th G20 Heads of State and Government Summit will take place at November 2022 in Bali. The Summit will be the pinnacle of the G20 process and intense work carried out within the Ministerial Meetings, Working Groups, and Engagement Groups throughout the year.» [G20 Indonesia 2022]

«Joe Biden non ha alcuna intenzione di incontrarsi con Vladimir Putin al G20 di Bali: lo ha reso noto la Casa Bianca.» E ci mancherebbe! Quale senso avrebbe mai un summit con un Joe Biden demente e che per di più a tale data avrà perso il controllo politico del Congresso?

* * * * * * *

                         L’Ucraina rende imprevedibile il vertice del G20, da tenersi a Bali il 15 ed il 16 novembre. I leader mondiali stanno effettuando gli ultimi preparativi per quello che potrebbe essere un vertice del G20 di grande impatto il mese prossimo, che ha il potenziale per essere la riunione multilaterale più imprevedibile degli ultimi anni. Ciò è dovuto non da ultimo al conflitto in Ucraina, giunto al nono mese, che ha scosso il panorama internazionale. Le tensioni sull’invasione di Mosca hanno già causato fuochi d’artificio diplomatici al G20 di quest’anno.

                         I leader occidentali, che si riuniranno per la prima volta dopo le riunioni del G7 e della NATO tenutesi in estate in Europa, utilizzeranno il vertice per rinnovare la loro strategia sull’Ucraina. Daranno inoltre il benvenuto al nuovo primo ministro britannico Rishi Sunak e discuteranno di sfide più ampie, comprese quelle provenienti dalla Cina. Secondo Widodo, anche se Putin potrebbe non partecipare di persona al vertice, altri capi di Stato lo faranno.

                         Una delle questioni economiche correlate che verranno discusse è l’aumento dei prezzi dell’energia. Questo problema urgente, che sarà anche un argomento chiave di discussione durante l’incontro dei leader mondiali alla COP27 in Egitto il 7-8 novembre, è stato evidenziato in un importante rapporto pubblicato giovedì dalle Nazioni Unite, in cui si afferma che attualmente non esiste un modo credibile per il mondo di raggiungere l’obiettivo centrale di Parigi.

* * * * * * *

«Ukraine makes for unpredictable G20 summit. World leaders are making their final preparations for what could be a blockbuster G20 summit next month, which has the potential to be the most unpredictable multilateral meetings of recent years. This is not least because of the Ukraine conflict, now in its ninth month, which has shaken up the international landscape. Tensions over Moscow’s invasion already caused diplomatic fireworks in the G20 this year.»

«Western leaders, who will be gathering for the first time since the G7 and NATO meetings over the summer in Europe, will use the summit to renew their Ukraine strategy. They will also welcome new UK Prime Minister Rishi Sunak into their midst and discuss wider challenges, including those originating from China. According to Widodo, while Putin might not attend the summit in person, other heads of state will»

«One of the related economic issues that will be discussed is surging energy prices. This pressing matter, which will also be a key topic for discussion during the world leaders’ gathering at COP27 in Egypt on November 7-8, was highlighted in a major report published on Thursday by the UN, which asserted that there is currently no credible way for the world to deliver on the central goal of Paris.»

* * * * * * *


Ukraine makes for unpredictable G20 summit

World leaders are making their final preparations for what could be a blockbuster G20 summit next month, which has the potential to be the most unpredictable multilateral meetings of recent years.

This is not least because of the Ukraine conflict, now in its ninth month, which has shaken up the international landscape. Tensions over Moscow’s invasion already caused diplomatic fireworks in the G20 this year. The group’s foreign ministers clashed during their meeting in Bali over the summer, with Russia’s Sergey Lavrov walking out of meetings at least twice.

With Ukraine proving so divisive, there are potentially huge barriers to any constructive discussion taking place. For instance, Western leaders fear Russia is likely to try to use a possible extension of the UN-brokered Black Sea grain-export deal as a way to gain leverage in other discussions.

Ahead of the expiry on Nov. 19 of the existing agreement, which kick-started Ukrainian grain exports in recent weeks, Moscow has repeatedly stated there are serious problems with it. So a potential extension of the deal could prove to be a centerpiece of the summit, with Russia holding court on the issue.

Western leaders, who will be gathering for the first time since the G7 and NATO meetings over the summer in Europe, will use the summit to renew their Ukraine strategy. They will also welcome new UK Prime Minister Rishi Sunak into their midst and discuss wider challenges, including those originating from China.

In this context of uncertainty, Indonesian President Joko Widodo is determined to try to make his mark as host of the event, even though his nation is one of the group’s less-prominent states. He might be helped in this by supportive noises from Chinese President Xi Jinping, who said recently that he and US President Joe Biden, who will attend in the aftermath of the US midterm elections, must find ways to get along better following a longstanding cooling of bilateral ties.

According to Widodo, while Putin might not attend the summit in person, other heads of state will, including those from China, Germany, India, Japan, Australia, Brazil, the UK, Saudi Arabia, South Africa, Turkey, France, Italy, Germany, Canada, South Korea, Argentina, Mexico, the EU and the US. Collectively, these powers account for about 90 percent of global gross domestic product, 80 percent of world trade, and 66 percent of the global population.

One high priority for the event is the outlook for the global economy amid growing concerns that key nations, including much of the West, are in or heading for recession. Indonesia’s G20 presidency has formulated six priority agendas that include support for the economy through the difficult period that lies ahead, including dealing with the continuing pandemic and securing future growth in the digital age.

One of the related economic issues that will be discussed is surging energy prices. Following Russia’s invasion of Ukraine, energy security has become as important as net-zero emissions for some governments, not least in Europe, and this might be the case not just this year and next but also into the medium term.

This pressing matter, which will also be a key topic for discussion during the world leaders’ gathering at COP27 in Egypt on November 7-8, was highlighted in a major report published on Thursday by the UN, which asserted that there is currently no credible way for the world to deliver on the central goal of Paris: Namely, to limit the average increase in global temperatures to no more than 1.5 C above preindustrial levels.

Hence the compelling need for strong leadership from G20 leaders and bolder statements of intent because, in the words of UN climate change chief Simon Stiell: “We are still nowhere near the scale and pace of emission reductions required to put us on track toward a 1.5 degrees Celsius world. To keep this goal alive, national governments need to strengthen their climate action plans now and implement them in the next eight years.”

Broader global economic-development issues will also be a key feature of the summit, reflecting Indonesia’s status as a key emerging market with the ambition of spurring a more-inclusive global economic order. This will include discussions on sustainability finance, financial inclusion through digital financial inclusion and the development of micro, small and medium enterprises.

All of this highlights why this year’s G20 summit could be one of the most unpredictable. While it could collapse into rancor, there is an outside chance significant agreements could be reached, including for Black Sea grain exports.

Widodo is well aware that in the past decade and a half, while the G20 is widely considered to have seized the mantle from the G7 as the premier forum for international economic cooperation and global governance, it has failed so far to realize the full scale of the ambitions some have thrust upon it.

In part, this is because it has no formal mechanisms to ensure enforcement of agreements by world leaders.

However, the Indonesian presidency will still try to exceed the expectations of what the summit will deliver. Whether it manages to do this will depend significantly on whether Ukraine-driven global divisions ameliorate or grow in the days ahead.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Psichiatria, Stati Uniti

Biden il demente parla e dice cose da demente. Non ascoltiamolo.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-10-13.

2022-10-07__ Biden Pazzo 001

Questa è la più corretta definizione della ideologia liberal democratica.

«Questa negazione totale dell’uomo, la sovversione della fede e dei valori tradizionali, la soppressione della libertà assumono le caratteristiche di una religione al contrario – un vero e proprio satanismo.» [Putin]

I liberal democratici hanno la caratteristica di voler imporre l’osservanza della loro ideologia usando qualsiasi mezzo, anche il più sordido. Si pensi solo all’attentato a Mr Bolsonaro oppure al porre come imposizione imprescindibile l’accettazione della ideologia liberal, conditio sine qua non per ogni possibile accordo politico ovvero economico.

Loro credevano, e credono tuttora:

– 1. Che la loro potenza economica sia condizionante sempre e dovunque

– 2. Che mai sarebbe venuto loro a meno il consenso popolare.

Orbene, i fatti hanno dimostrato come codeste assunzione siano false.

I Cittadini Contribuenti ed Elettori hanno voltato loro le spalle e non ne vogliono sapere di votarli. Questo a livello mondiale, ma anche americano.

Tutti i sondaggi elettorali sono concordi nel prospettare che nelle elezioni di midterm gli Elettori daranno la maggioranza del Congresso ai repubblicani e, forse, anche la maggioranza nel Senato.

Un simile risultato sarebbe la morte politica dei liberal socialisti.

* * * * * * *

Ciò premesso, appare del tutto evidente il perché Joe Biden stia parlando così come parla.

Se lo compatiamo da un punto di vista umano, la sua demenza è incompatibile con la carica che ricopre.

Biden il demente parla da demente e dice cose demenziali.

Sta tentando di polarizzare l’attenzione degli Elettori sulla concreta possibilità di un conflitto atomico con la Russia, quando questa ultima userebbe le armi nucleari solo ed esclusivamente se aggredita nei suoi territori patri. È un problema che non esiste.

E parla con toni sempre più melodrammatici, da demente.

Non lo si stia quindi a sentire.

Tanto, tra un mese la manfrina sarà finita e potremo avere il responso delle urne.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Psichiatria, Stati Uniti

Biden. La demenza di Biden svergogna tutti gli Stati Uniti.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-10-08.

2022-10-07__ Biden Pazzo 001

Il senile Joe Biden sta portando vergogna agli Stati Uniti. I deficit cognitivi di Joe Biden sono sempre più evidenti, anche all’osservatore più dilettante. Che abbia o meno la demenza senile a questo punto è irrilevante. Mezzo mondo pensa che ce l’abbia e questo indebolisce gli Stati Uniti e mette in pericolo tutti noi.

Sia che stia cadendo dalle scale dell’Air Force One o che stia cadendo da una cyclette, sia che si aggiri sul palco in preda alla nebbia o che stringa foglietti di calcolo pensati per un bambino di 4 anni, sia che urli in modo incoerente o che sussurri in modo inquietante, l’ottica è scioccante. Con l’avvicinarsi del suo 80° compleanno il mese prossimo, anche se la maggior parte degli americani è troppo educata o volutamente poco attenta per dirlo, è chiaro che Biden non è all’altezza del lavoro più difficile del mondo.

Egli proietta debolezza e follia in un momento di turbolenza internazionale. La mancanza di rispetto per il Presidente riecheggia in tutto il mondo, sia tra gli alleati che tra i nemici. Anche quando il mese scorso si è recato a Londra per il funerale della regina, la gente è stata filmata mentre urlava Let’s Go Brandon alla sua limousine di passaggio. Lui e la First Lady Jill Biden sono arrivati in ritardo all’Abbazia di Westminster e, dopo essere stati accompagnati ai posti economici di 14 file più indietro, è stato preso in giro per aver giocato con la lingua durante la funzione.

Il vuoto di memoria sarebbe probabilmente passato inosservato, come molti altri errori di Biden, se non fosse che per qualche motivo l’organo di stampa della Casa Bianca ha deciso che ne aveva abbastanza di essere criticato per l’idoneità mentale del Presidente. Non c’è spiegazione per come una persona sana di mente abbia potuto commettere un simile errore. Questa è la risposta giusta, anche se non va bene che il Presidente del mondo libero sia oggetto di pietà. Quante volte dovremo trasalire quando, in un discorso, parlerà in modo incauto di polveriere internazionali come la Russia, l’Ucraina, il gasdotto NordStream o Taiwan?.

L’imbarazzo non è solo per un politico di carriera di 79 anni che ha bisogno di gobbi che gli dicano quando stare in piedi, dove sedersi e cosa scrivere in un libro di condoglianze. È per tutti gli americani. La verità è che non è Biden ad essere rimbambito è tutta l’America ad essere rimbambita.

* * * * * * *

«Senile Joe Biden is bringing shame to the United States. Joe Biden’s cognitive deficits are increasingly apparent, even to the most amateur observer. Whether or not he has dementia at this point is immaterial. Half the world thinks he does and that weakens the United States and imperils us all.»

«Whether he is falling up the stairs of Air Force One or falling off a stationary bike, whether he is wandering around on stage in a fog or clutching cheat sheets designed for a 4-year-old, whether he is shouting incoherently or whispering creepily, the optics are shocking. With his 80th birthday approaching next month, even if most Americans are too polite or willfully unobservant to say so, it’s clear that Biden is not up to the world’s most difficult job. »

«He projects weakness and folly at a time of international turmoil. Disrespect for the president echoes around the world, among allies and enemies alike. Even when he went to London last month for the queen’s funeral, people were filmed yelling, “Let’s Go Brandon,” at his passing limousine. He and First Lady Jill Biden arrived late to Westminster Abbey and, after they were ushered to the cheap seats 14 rows back, he was mocked for playing with his tongue during the service.»

«The memory lapse would likely have passed unnoticed, like so many of Biden’s oopsies, except for some reason the White House Press corps decided they had had enough of being gaslit about the president’s mental fitness. There is no explanation for how anyone of sound mind could make such a bungle. That is the decent response, although it is no good for the president of the free world to be an object of pity. How many times must we wince as he ad-libs recklessly in a speech about international tinderboxes, like Russia, Ukraine, the NordStream pipeline, or Taiwan?»

«The embarrassment is not just for a 79-year-old career politician who needs cue cards to tell him when to stand and where to sit and what to write in a condolence book. It’s for every American. The truth is that it’s not Biden who is senile, all of America is senile»

* * * * * * *


‘Senile’ Joe Biden is bringing shame to the United States

Joe Biden’s cognitive deficits are increasingly apparent, even to the most amateur observer. 

Whether or not he has dementia at this point is immaterial. Half the world thinks he does and that weakens the United States and imperils us all. 

Whether he is falling up the stairs of Air Force One or falling off a stationary bike, whether he is wandering around on stage in a fog or clutching cheat sheets designed for a 4-year-old, whether he is shouting incoherently or whispering creepily, the optics are shocking. 

With his 80th birthday approaching next month, even if most Americans are too polite or willfully unobservant to say so, it’s clear that Biden is not up to the world’s most difficult job. 

He projects weakness and folly at a time of international turmoil. Disrespect for the president echoes around the world, among allies and enemies alike. 

Even when he went to London last month for the queen’s funeral, people were filmed yelling, “Let’s Go Brandon,” at his passing limousine. He and First Lady Jill Biden arrived late to Westminster Abbey and, after they were ushered to the cheap seats 14 rows back, he was mocked for playing with his tongue during the service. 

It’s criminal that the Democratic Party has placed America in such an invidious position with an emotionally febrile part-time president who appears not to be all there an awful lot — either in his mind or at the White House. The least they could do is cover up his deficits more skillfully. 

Last week, at a press conference, much was made of his calling out for recently deceased congresswoman Rep. Jackie Walorski

“Jackie, are you here?” he said. “Where’s Jackie?” he continued, looking around the startled room. “I think she wasn’t going to be here.” 

Well, no, because she died in August, as he should have remembered since he issued a long public condolence letter after her death in a car crash, and the conference he was speaking at was partly in honor of her memory, with a film montage of her life due to be played. 

The memory lapse would likely have passed unnoticed, like so many of Biden’s oopsies, except for some reason the White House Press corps decided they had had enough of being gaslit about the president’s mental fitness. 

What happened here?” reporters asked of the flummoxed White House Press Secretary Karine Jean-Pierre, who only had one glib talking point prepared, which she repeated over and over: Walorski “was on his mind — she was top of mind.” But the answer cleared up nothing. 

“Was the president confused?” asked one reporter. “Was something written in the teleprompter that he didn’t recognize? Help us explain what happened here?” 

Another reporter asked, “Why, if she and the family is top of mind, does the president think she’s living, and in the room?” 

Yet another pointed out, “I have John Lennon top of mind just about every day, but I’m not looking around for the man.” 

No satisfactory answer was forthcoming, and how could there be? 

There is no explanation for how anyone of sound mind could make such a bungle. 

                         Pity the president 

The late congresswoman’s brother, Keith Walorski, handled the “big mess-up” with compassion: “All I’m saying right now about the president is bless his heart for trying,” he told reporters, adding that Biden is “doing the best he can do with what he’s got right now . . . I just feel sorry for him.” 

Ouch. That is the decent response, although it is no good for the president of the free world to be an object of pity. 

As dishonest and destructive as Biden has been, it’s hard to see an elderly man humiliating himself every day while the White House continues to pretend there is nothing to see and the media pretends he is a serious candidate for 2024. 

Saturday night, Biden dressed up in a bow tie to deliver another angry speech railing against his “semi-fascist” political opponents to a Congressional Black Caucus dinner in Washington: “I know I’m being banged up by the Republicans, but come bring it on,” he snarled. 

“Hate will not prevail in America,” he bellowed later, warning to his favorite imaginary topic. “White supremacy will not have the last word.” 

How many more times must we endure these spiteful outbursts from a president who promised to unite the country? 

How much longer must we cringe as he reads “end of quote, repeat the line” off the teleprompter? 

How many times must we wince as he ad-libs recklessly in a speech about international tinderboxes, like Russia, Ukraine, the NordStream pipeline, or Taiwan? 

How much longer must we watch him wandering around lost on stage after giving a speech, appearing to shake imaginary hands or gesture to invisible staff? 

The embarrassment is not just for a 79-year-old career politician who needs cue cards to tell him when to stand and where to sit and what to write in a condolence book. It’s for every American.

When Biden went to Israel in the summer, he stumbled off Air Force One asking, “What am I doing now?”, had to be steered onto the red carpet and then accidentally waxed lyrical about the “honor” of the Holocaust. 

“The truth is that it’s not Biden who is senile, all of America is senile,” was the conclusion of Israeli newspaper Haaretz. 

                         Who’s to blame 

It is at least a staff failure that Biden is left to wander around confused in front of the cameras. Why isn’t a minder always at his side to subtly steer him off stage? 

He keeps looking to Secret Service agents to step in and guide him. But it’s not their job to play nursemaid. 

It’s also a wife failure. Dr Jill ought to be saving her husband’s dignity, but she always looks out of sorts when she is in place to perform the role, whether it’s telling him what direction to walk in the Rose Garden or helping him put on a jacket at the airport. 

It’s not easy, as anyone knows who has experienced the aging of a loved one. But Nancy Reagan would never have allowed her husband to be repeatedly humiliated in public.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Psichiatria

Biden. La guerra proseguirà ‘as long as it takes’ anche con 380 dollari al barile.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-07-07.Biden 013

 Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che gli americani dovranno sopportare i prezzi elevati del gas “fino a quando sarà necessario” per respingere l’invasione dell’Ucraina da parte del presidente russo Vladimir Putin.

Fino a quando sarà necessario, in modo che la Russia non possa di fatto sconfiggere l’Ucraina e andare oltre l’Ucraina.

Il prezzo medio nazionale della benzina ha toccato un record questo mese, superando i 5 dollari al gallone, anche dopo che Biden ha ordinato una storica liberazione dalle riserve statunitensi all’inizio di quest’anno.

I prezzi alla pompa sono stati uno dei principali motori dell’inflazione, che ha rappresentato un grosso grattacapo politico per l’amministrazione Biden.

Gli americani hanno citato l’inflazione – che in primavera ha toccato un massimo di quattro decadi – come la loro principale preoccupazione in vista delle elezioni di metà novembre.

I democratici perderanno probabilmente il controllo del Congresso. Lo scenario peggiore diventerà ancora più probabile se gli Stati Uniti entreranno in recessione.

Un sondaggio dell’Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research, pubblicato mercoledì, ha rilevato che l’85% degli adulti afferma che il Paese è sulla strada sbagliata, con il 79% che descrive l’economia come “scarsa”.

Nello stesso sondaggio, il 67% dei democratici ha giudicato pessime le condizioni economiche.

Biden ha chiesto al Congresso di sospendere la tassa federale sul gas per tre mesi, ma la proposta ha incontrato la resistenza dei principali legislatori democratici.

I prezzi globali del petrolio potrebbero raggiungere la “stratosferica” cifra di 380 dollari al barile se le sanzioni statunitensi ed europee dovessero spingere la Russia a imporre tagli alla produzione di greggio come ritorsione.

Ma data la solida posizione fiscale di Mosca, la nazione può permettersi di tagliare la produzione giornaliera di greggio di 5 milioni di barili senza danneggiare eccessivamente l’economia.

Un taglio di 3 milioni di barili alle forniture giornaliere spingerebbe i prezzi di riferimento del greggio di Londra a 190 dollari, mentre lo scenario peggiore di 5 milioni potrebbe significare la “stratosferica” cifra di 380 dollari”.

* * * * * * *


«US President Joe Biden said Americans will have to stomach high gas prices “as long as it takes” to beat back Russian President Vladimir Putin’s invasion of Ukraine»

«As long as it takes, so Russia cannot in fact defeat Ukraine and move beyond Ukraine»

«The national average gasoline price hit a record this month above $5 a gallon, even after Biden ordered a historic release from US reserves earlier this year»

«Prices at the pump have been a main driver of inflation, which has been a major political headache for the Biden administration»

«Americans have cited inflation — which hit a four-decade high this spring — as their primary concern heading into November midterms»

«Democrats will likely lose control of Congress. That worst-case scenario will become even likelier if the US. goes into recession»

«An Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research  poll released Wednesday found that 85% of adults said the country was on the wrong track, with 79% describing the economy as “poor»

«In that same poll, 67% of Democrats deemed economic conditions as bad»

«Biden has called on Congress to suspend the federal gas tax for three months, but that proposal was met with resistance from key Democratic lawmakers»

«Global oil prices could reach a “stratospheric” $380 a barrel if US and European penalties prompt Russia to inflict retaliatory crude-output cuts»

«But given Moscow’s robust fiscal position, the nation can afford to slash daily crude production by 5 million barrels without excessively damaging the economy»

«A 3 million-barrel cut to daily supplies would push benchmark London crude prices to $190, while the worst-case scenario of 5 million could mean “stratospheric” $380 crude»

* * * * * * *


US Will Face High Gas Prices ‘as Long as It Takes,’ Biden Says

– National average gasoline price topped $5 a gallon this month

– President said he’ll ask Gulf allies to boost oil production

* * * * * * *

US President Joe Biden said Americans will have to stomach high gas prices “as long as it takes” to beat back Russian President Vladimir Putin’s invasion of Ukraine. 

“As long as it takes, so Russia cannot in fact defeat Ukraine and move beyond Ukraine,” Biden told reporters Thursday in Madrid, in response to a question about how long high gas prices might persist. His comments echoes those of U.K. Prime Minister Boris Johnson, his closest geopolitical ally and one who is facing similar pressures back home about the cost-of-living crisis.

The national average gasoline price hit a record this month above $5 a gallon, even after Biden ordered a historic release from US reserves earlier this year. Prices at the pump have been a main driver of inflation, which has been a major political headache for the Biden administration. 

Biden said he’ll ask allies in the Persian Gulf region to boost oil production when he meets with them during a trip to Saudi Arabia next month, though he pointedly refrained to say he’d ask the country’s de-facto leader to directly when he meets de-facto ruler, Crown Prince Mohammed Bin Salman, in person next month.

Biden’s latest comments about inflation — which amount to telling voters that they need to brace themselves for the long haul — are unlikely to play well. 

Americans have cited inflation — which hit a four-decade high this spring — as their primary concern heading into November midterms. Democrats will likely lose control of Congress. That worst-case scenario will become even likelier if the US. goes into recession. Concerns about such a downturn are growing daily.

An Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research  poll released Wednesday found that 85% of adults said the country was on the wrong track, with 79% describing the economy as “poor.” 

In that same poll, 67% of Democrats deemed economic conditions as bad.

The White House has taken pains to show it is trying to solve the inflation quandary — by tackling supply chain snarls, releasing extra barrels of oil from the strategic petroleum reserve and lifting the ban of E15 gas during the summer. 

Biedn has called on Congress to suspend the federal gas tax for three months, but that proposal was met with resistance from key Democratic lawmakers. 

Biden aides have tried to point to the strong labor market and low unemployment rate as the major bright spot of the economy — and evidence of their strong stewardship of the U.S. during Covid.

So far, that hasn’t worked.

* * * * * * *


JPMorgan Sees ‘Stratospheric’ $380 Oil on Worst-Case Russian Cut

(Bloomberg) — Global oil prices could reach a “stratospheric” $380 a barrel if US and European penalties prompt Russia to inflict retaliatory crude-output cuts, JPMorgan Chase & Co. analysts warned.

The Group of Seven nations are hammering out a complicated mechanism to cap the price fetched by Russian oil in a bid to tighten the screws on Vladimir Putin’s war machine in Ukraine. But given Moscow’s robust fiscal position, the nation can afford to slash daily crude production by 5 million barrels without excessively damaging the economy, JPMorgan analysts including Natasha Kaneva wrote in a note to clients.

For much of the rest of the world, however, the results could be disastrous. A 3 million-barrel cut to daily supplies would push benchmark London crude prices to $190, while the worst-case scenario of 5 million could mean “stratospheric” $380 crude, the analysts wrote.

“The most obvious and likely risk with a price cap is that Russia might chose not to participate and instead retaliate by reducing exports,” the analysts wrote. “It is likely that the government could retaliate by cutting output as a way to inflict pain on the West. The tightness of the global oil market is on Russia’s side.”

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Psichiatria, Unione Europea

Unione Europea. Il 29% della popolazione è drogato con droghe maggiori.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-27.

2022-06-26__ Droga 001

«The European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction (EMCDDA) is the leading authority on illicit drugs in the European Union. The Lisbon-based agency provides independent scientific evidence and analysis on all aspects of this constantly changing threat to individual lives and wider society. Its work contributes to EU and national policies to protect Europe’s citizens from drug-related harms.» [Emcdda]

2022-06-26__ Droga 002

* * *

Lo European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction ha pubblicato il Report

The drug situation in Europe up to 2022.

An overview and assessment of emerging threats and new developments

The 2022 European Drug Report draws on the latest data available to provide an overview of emerging drug issues affecting Europe. Based on a mixed method approach, utilising data from a range of routine and complementary sources, we present an analysis here of the current situation and also highlight some developments that may have important implications for drug policy and practitioners in Europe.

                         The drug situation in Europe up to 2022

Our overall assessment is that drug availability and use remain at high levels across the European Union, although considerable differences exist between countries.

Approximately 83.4 million or 29 % of adults (aged 15–64) in the European Union are estimated to have ever used an illicit drug, with more males (50.5 million) than females (33.0 million) reporting use. Cannabis remains the most widely consumed substance, with over 22 million European adults reporting its use in the last year. Stimulants are the second most commonly reported category. It is estimated that in the last year 3.5 million adults consumed cocaine, 2.6 million MDMA and 2 million amphetamines. Around 1 million Europeans used heroin or another illicit opioid in the last year. Although the prevalence of use is lower for opioid use than for other drugs, opioids still account for the greatest share of harms attributed to illicit drug use. This is illustrated by the presence of opioids, often in combination with other substances, which was found in around three quarters of fatal overdoses reported in the European Union for 2020. It is important to note that most of those with drug problems will be using a range of substances. We are also seeing considerably more complexity in drug consumption patterns, with medicinal products, non-controlled new psychoactive substances and substances such as ketamine and GBL/GHB now associated with drug problems in some countries or among some groups. This complexity is reflected in an increasing recognition that drug use is linked with, or complicates how we respond to, a wide range of today’s most pressing health and social issues. Among these issues are mental health problems and self-harm, homelessness, youth criminality and the exploitation of vulnerable individuals and communities.

* * * * * * *

Nell’economia del presente articolo, il dato di rilievo è espresso da questa frase:

«Approximately 83.4 million or 29 % of adults (aged 15–64) in the European Union are estimated to have ever used an illicit drug»

Ci si rende perfettamente conto dell’enorme giro economico illegale determinato dalla droga.

Esattamente come ci si rende perfettamente conto come un simile potere economico sia in grado di corrompere forze dell’ordine e magistrati.

Tuttavia il problema si configura a livello politico, anche esso corrompibile. Molti partiti politici, massimamente quelli liberal e di sinistra, sono promotori di legislazioni oltremodo tolleranti e ben difficilmente i magistrati erogano condanne detentive agli spacciatori.

Questo stato di cose obbliga a concludere come il problema della droga possa essere risolto solo estromettendo quelle componenti politiche dal potere di governo.

Le ripercussioni sociali sono drammatiche.

L’uso delle droghe comporta la dipendenza farmacologica. Tuttavia il problema è ancora a più alto livello. Sono spinte all’uso degli stupefacenti quelle persone incapaci di percepire nelle sue corrette dimensioni la realtà, e che si rifugiano nei deliri coatti prodotti dalle loro menti malate ed ingigantiti dall’uso di codeste sostanze.

Il tragico è che alla fine esse credono fermamente che i loro deliri siano la realtà.

In termini riduttivi, ma forse più facilmente intuibili, sono persone incapaci di intendere e di volere.

Si deve tristemente costatare però come in un regime retto a suffragio universale codeste persone esercitino il diritto di voto.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Psichiatria, Russia, Unione Europea

Unione Europea. Pagare il gas russo in rubli viola le sanzioni. – Bloomberg.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-04-21.

Tagliare il ramo sul quale si è seduti 001

«L’Unione Europea e la Russia sono suscettibili di innescare un embargo di fatto sul carburante russo dopo che i legali del blocco hanno scoperto che il meccanismo che il presidente Vladimir Putin sta chiedendo per pagare il gas in rubli violerebbe le sanzioni del blocco»

L’Unione Europea sta languendo sotto il peso delle leggi e dei regolamenti che si è auto imposta.

* * * * * * *

«The European Union and Russia are liable to triggering a de facto embargo on Russian fuel after the bloc’s attorneys drafted a preliminary discovering that the mechanism President Vladimir Putin is demanding for cost in rubles would violate the bloc’s sanctions»

«Countries together with Germany are nonetheless scrutinizing an preliminary EU evaluation that Putin’s ruble demand would breach the bloc’s sanctions imposed over Russia’s invasion of Ukraine»

«Moscow has been pulling in roughly 1 billion euros a day from Europe in vitality purchases, which has helped insulate it from the influence of EU sanctions»

«If Russia follows by way of on its menace to chop off fuel provides to consumers that don’t comply, it poses a severe menace for the EU, which will get 40% of its fuel from Russia»

«Germany might face a 220 billion-euro ($238 billion) hit to output over the following two years ought to the fuel provide be reduce instantly»

«That’s the equal of a 6.5% annual output reduce and it might tip the nation right into a recession of greater than 2% subsequent yr»

«by attorneys for the European Commission, the EU’s govt arm, discovered that funds utilizing this technique would violate the bloc’s sanctions»

«The Netherlands this week advised its corporations to refuse the brand new gas-payment phrases being demanded by Russia»

«Gazprom’s fuel exports to the Netherlands are comparatively low by regional requirements, with provides to the nation representing solely about 4% of the Russian fuel big’s shipments to the EU»

* * * * * * *

L’intera faccenda è ancora in fieri, non essendo ancora stata formalizzata.

Ma tutto questo groviglio sembrerebbe essere un segno patologico di sindrome masochista con delirio di suicidio.

* * * * * * *


Putin’s Ruble Standoff With Europe Risks De Facto Gas Embargo – Bloomberg.

(Bloomberg) — The European Union and Russia are liable to triggering a de facto embargo on Russian fuel after the bloc’s attorneys drafted a preliminary discovering that the mechanism President Vladimir Putin is demanding for cost in rubles would violate the bloc’s sanctions.

Countries together with Germany are nonetheless scrutinizing an preliminary EU evaluation that Putin’s ruble demand would breach the bloc’s sanctions imposed over Russia’s invasion of Ukraine. The Netherlands has advised its vitality corporations to refuse the brand new cost system in mild of the EU authorized evaluation.

Russia might nonetheless present clarifications or changes to its decree that would have an effect on how the EU and firms transfer ahead. Moscow has been pulling in roughly 1 billion euros a day from Europe in vitality purchases, which has helped insulate it from the influence of EU sanctions.

If Russia follows by way of on its menace to chop off fuel provides to consumers that don’t comply, it poses a severe menace for the EU, which will get 40% of its fuel from Russia. The bloc is scrambling to search out various vitality sources because it involves phrases with the outsize leverage Moscow has over its safety, however the transition will take time. The EU is engaged on its sixth sanctions bundle, however strikes to focus on Russian vitality have been fraught given the bloc’s dependence.

Germany might face a 220 billion-euro ($238 billion) hit to output over the following two years ought to the fuel provide be reduce instantly, in accordance with a joint forecast of financial institutes. That’s the equal of a 6.5% annual output reduce and it might tip the nation right into a recession of greater than 2% subsequent yr.

On March 31, Putin issued a decree stipulating that “unfriendly” consumers of its fuel open two accounts, one in a overseas forex and one in rubles, with Gazprombank. The Russian financial institution would convert the overseas forex funds into rubles earlier than transferring the cost to Gazprom PJSC, the state-owned fuel firm.

A preliminary evaluation by attorneys for the European Commission, the EU’s govt arm, discovered that funds utilizing this technique would violate the bloc’s sanctions, in accordance with an individual aware of the matter. Lawyers for the European Council, the establishment composed of the leaders of the 27 member states, concurred with the fee’s evaluation, one other particular person mentioned.

The fee relayed the evaluation to member states this week, including that governments would wish to tell the 150 corporations that maintain fuel contracts with Russia, the particular person mentioned. The EU additionally mentioned it plans to offer additional steering on the state of affairs to assist nations and firms.

The Netherlands this week advised its corporations to refuse the brand new gas-payment phrases being demanded by Russia. “The Dutch government agrees with the conclusion of the European Commission,” a spokesperson for the Dutch Ministry of Economic Affairs and Climate Policy advised Bloomberg. “This means it’s not allowed for Dutch companies to agree with these terms.”

                         New Sanctions Package.

Gazprom’s fuel exports to the Netherlands are comparatively low by regional requirements, with provides to the nation representing solely about 4% of the Russian fuel big’s shipments to the EU and Turkey within the first half of final yr.

German Economy Minister Robert Habeck acknowledged the fee report back to Politico, including, “We cannot allow any circumvention of the sanctions through back doors.” He didn’t, nonetheless, say if his authorities agreed with the evaluation, nor did he elaborate on what motion Germany would take.

The fee is engaged on a sixth sanctions bundle that would embody restrictions on some oil imports and items, in accordance with an individual aware of the work, however member states together with Germany, Austria and Hungary have expressed reservations on a full embargo. Even then, it’s unlikely the fee will current something concrete till after the second spherical of the French election on April 24, two separate officers mentioned.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Psichiatria, Stati Uniti

Usa. Il 66%% degli Elettori vuole che Biden si sottoponga a visita psichiatrica.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-02-22.

2022-02-23__ Biden Pazzo 001

Riportiamo il risultato di questo sondaggio senza apporvi commento alcuno.

* * * * * * *

«Most voters believe that President Joe Biden’s mental abilities have declined since he took office, and two-thirds agree with GOP members of Congress who have urged the president to take a cognitive test and release the results.

A new national telephone and online survey by Rasmussen Reports finds that 42% of Likely U.S. voters are confident Biden is physically and mentally up to the job of being President of the United States, including 27% who are Very Confident in Biden’s ability. Fifty-six percent (56%) are not confident that Biden is up to the job, including 45% who are Not At All Confident in his ability.»

* * *

“La maggior parte degli elettori crede che le capacità mentali del presidente Joe Biden siano diminuite da quando è entrato in carica, e due terzi sono d’accordo con i membri del GOP del Congresso che hanno esortato il presidente a fare un test cognitivo e rilasciare i risultati.

Un nuovo sondaggio nazionale telefonico e online di Rasmussen Reports rileva che il 42% dei probabili elettori statunitensi è fiducioso che Biden sia fisicamente e mentalmente all’altezza di essere presidente degli Stati Uniti, compreso il 27% che è molto fiducioso nelle capacità di Biden. Il 56% (56%) non è sicuro che Biden sia all’altezza del lavoro, compreso il 45% che non è affatto fiducioso nelle sue capacità”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Psichiatria, Stati Uniti

Biden. Commento della Casa Bianca ai dati sulla inflazione. – Fotocopia.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-01-13.

2022-01-13__ Biden WH 001

Questo è il commento ufficiale rilasciato da Biden sull’Indice dei Prezzi al Consumo.

Lo riportiamo anche in fotocopia per maggiore chiarezza.

WH.GOV. Statement by President Biden on the Consumer Price Index.

Today’s report—which shows a meaningful reduction in headline inflation over last month, with gas prices and food prices falling—demonstrates that we are making progress in slowing the rate of price increases. At the same time, this report underscores that we still have more work to do, with price increases still too high and squeezing family budgets.

Inflation is a global challenge, appearing in virtually every developed nation as it emerges from the pandemic economic slump. America is fortunate that we have one of the fastest growing economies—thanks in part to the American Rescue Plan—which enables us to address price increases and maintain strong, sustainable economic growth. That is my goal and I am focused on reaching it every day.

* * * * * * *

Riportiamo solo alcune note al testo.

«which shows a meaningful reduction in headline inflation over last month»

Il dato di Nov21 era6.8; contro quello attuale del 7.0%. ‘meaningful reduction’? Proprio si direbbe il contrario.

* * *

«gas prices and food prices falling»

US Bureau of Labor Statistics. Consumer Price Index – December 2021

«By far the largest increase was that of the index for meats, poultry, fish, and eggs, which rose 12.5 percent over the year …. The index for natural gas rose 24.1 percent over the last 12 months»

* * * * * * *

Non abbiamo parole sufficientemente dure per stigmatizzare questo uso disinvolto della menzogna. Lo additiamo al pubblico ludibrio.

* * * * * * *

«President Joe Biden said his administration is “making progress” in battling cost-of-living increases, pointing to slower gains last month in energy and food prices, even as headline consumer inflation hit the highest in almost four decades.

Wednesday’s report from the Labor Department on the consumer price index “shows a meaningful reduction in headline inflation over last month, with gas prices and food prices falling,” Biden said in a statement on Wednesday.» [Bloomberg]

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario, Psichiatria, Unione Europea

Recovery Fund. Stanno spartendosi quello che non esiste. Tutto bloccato. Schizofrenia.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-10-14.

Giulio Romano. Mantova. Palazzo Te. Caduta dei Giganti. 002 Particolare

Questo fondo non si ha da fare: né oggi, né domani, né mai.

Tutti parlano del Recovery Fund come se esistesse, come se ci fosse. Ma nei fatti non è mica ancora stato approvato. Poi, se approvato, dovrà essere confermato da ciascuna delle ventisette nazioni della Unione Europea.

Non esiste. I pietosi lo chiamerebbero sogno, quelli con i piedi sulla terra lo denominerebbero delirio schizofrenico.

È disperante constatare di come la gente creda che esista.

* * * * * * *

ECB. Weidmann mette in guardia contro gli acquisti su larga scala dei bond.

Recovery Fund. Europarlamento e Commissione litigano come lavandaie ai trogoli.

Politica monetaria non convenzionale. Potrebbe diventare la nuova convenzionale. In occidente.

* * * * * * *

«A una settimana dal Vertice dei leader previsto a Bruxelles per giovedi e venerdi prossimi, è scontro tra Parlamento europeo e Consiglio sul Bilancio pluriennale della Ue e il Recovery Fund»

«Il braccio di ferro tra Eurocamera e Stati membri rischia di far slittare l’approvazione del pacchetto e ritardare ulteriormente l’arrivo dei fondi europei decisi dai governi a luglio per rispondere alla crisi economica legata alla pandemia di coronavirus»

«I negoziatori del Parlamento europeo sul quadro finanziario pluriennale (Qfp) e il Recovery Fund hanno bocciato oggi la proposta arrivata ieri dal Consiglio Ue che proponeva un aumento di fondi solo a pochi programmi ‘bandiera’ dell’Unione e chiedono un aumento di risorse su 15 capitoli di spesa, oltre alla richiesta di rafforzare le condizionalità legate al rispetto dello Stato di diritto per erogare i fondi europei»

«I capi di Stato e di Governo hanno trascurato il valore aggiunto di programmi veramente paneuropei»

«Johan Van Overtveldt, presidente della commissione Bilanci dell’Eurocamera …. definisce le proposte “inaccettabili per il Parlamento”. Si potrà arrivare a “un rapido accordo a vantaggio dei cittadini europei” solo se “il Consiglio presenterà una proposta veramente sostenibile per rafforzare i programmi ‘bandiera’” che saranno “disperatamente necessari nei prossimi sette anni”»

«deplorevole che il Parlamento oggi abbia perso l’occasione di portare avanti i negoziati sul bilancio»

«Il trilogo sul Bilancio 2021-27 tra Eurocamera e Consiglio, si è “interrotto”, annuncia il portavoce»

«Senza una proposta praticabile da parte della presidenza tedesca per innalzare i tetti, e’ impossibile fare passi avanti. Margini e flessibilita’ servono per bisogni imprevisti, non per trucchi di bilancio»

«Lo scontro è’ aperto e senza un accordo tra Parlamento e Consiglio Ue, l’intero bilancio pluriennale e il Recovery Fund concordati al vertice di luglio non potranno procedere l’iter legislativo di ratifica da parte dei Parlamenti nazionali entro la fine del 2020»

* * * * * * *


È un anno e mezzo che l’Unione Europea non riesce a prendere una decisione che sia una.

Ed al momento attuale né il piano finanziario 2021 – 2027 né il Recovery Fund sono stati approvati: semplicemente non esistono nella realtà dei fatti.

Sta diventando materia più da trattato di psichiatria che di politica economica: tutti ne parlano come se esistesse, mentre non sussiste. Che vada bene, ma bene per davvero

«l’intero bilancio pluriennale e il Recovery Fund concordati al vertice di luglio non potranno procedere l’iter legislativo di ratifica da parte dei Parlamenti nazionali entro la fine del 2020»

Ma il mondo non si ferma per far piacere all’Unione Europea.

*


Stop ai negoziati sul Recovery Fund. È scontro tra Parlamento europeo e Consiglio sul Bilancio

Il braccio di ferro tra Eurocamera e Stati membri rischia di far slittare l’approvazione del pacchetto e ritardare ulteriormente l’arrivo dei fondi europei decisi dai governi a luglio per rispondere alla crisi economica legata alla pandemia di coronavirus.

A una settimana dal Vertice dei leader previsto a Bruxelles per giovedi e venerdi prossimi, è scontro tra Parlamento europeo e Consiglio sul Bilancio pluriennale della Ue e il Recovery Fund. Il braccio di ferro tra Eurocamera e Stati membri rischia di far slittare l’approvazione del pacchetto e ritardare ulteriormente l’arrivo dei fondi europei decisi dai governi a luglio per rispondere alla crisi economica legata alla pandemia di coronavirus.

I negoziatori del Parlamento europeo sul quadro finanziario pluriennale (Qfp) e il Recovery Fund hanno bocciato oggi la proposta arrivata ieri dal Consiglio Ue che proponeva un aumento di fondi solo a pochi programmi ‘bandiera’ dell’Unione e chiedono un aumento di risorse su 15 capitoli di spesa, oltre alla richiesta di rafforzare le condizionalità legate al rispetto dello Stato di diritto per erogare i fondi europei.

“I capi di Stato e di Governo hanno trascurato il valore aggiunto di programmi veramente paneuropei”, attacca l’europarlamentare belga Johan Van Overtveldt, presidente della commissione Bilanci dell’Eurocamera in una lettera recapitata all’ambasciatore tedesco Michael Clauss. Il politico belga definisce le proposte “inaccettabili per il Parlamento”. Si potrà arrivare a “un rapido accordo a vantaggio dei cittadini europei” solo se “il Consiglio presenterà una proposta veramente sostenibile per rafforzare i programmi ‘bandiera’” che saranno “disperatamente necessari nei prossimi sette anni”, aggiunge.

Nel tardo pomeriggio arriva la replica della presidenza di turno tedesca, che in un tweet del portavoce, Sebastian Fischer, definisce ” deplorevole che il Parlamento oggi abbia perso l’occasione di portare avanti i negoziati sul bilancio” e difende la proposta di compromesso messa nero su bianco da Berlino e approvata a maggiornaza dai 27 ieri all’Ecofin.

Altrettanto dura la replica dell’Eurocamera, affidata al portavoce del Parlamento europeo, Jaume Duch, che annuncia lo stop del negoziato. Il trilogo sul Bilancio 2021-27 tra Eurocamera e Consiglio, si è “interrotto”, annuncia il portavoce.  “Senza una proposta praticabile da parte della presidenza tedesca per innalzare i tetti, e’ impossibile fare passi avanti. Margini e flessibilita’ servono per bisogni imprevisti, non per trucchi di bilancio”.

Lo scontro è’ aperto e senza un accordo tra Parlamento e Consiglio Ue, l’intero bilancio pluriennale e il Recovery Fund concordati al vertice di luglio non potranno procedere l’iter legislativo di ratifica da parte dei Parlamenti nazionali entro la fine del 2020.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Psichiatria, Unione Europea

Industria automobilistica. Immatricolazioni -80%. Potrebbe anche fallire.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-07.

Cigni Neri 001

«il settore Automotive, che rappresenta più del 7% del PIL europeo, impiega (con l’indotto) quasi 14 milioni di lavoratori».

Coronavirus, la grande paura dell’auto: chiudono in Europa Fca, Psa, Renault, Daimler e Volskwagen

«Per ultima oggi capitola anche il leader mondiale. La tedesca Volkswagen annuncia la chiusura della maggior parte degli impianti europei per due settimane. Lo fa a causa dell’incertezza sulla domanda di auto e sulla forniture di componenti. L’amministratore delegato del gruppo di Wolfsburg Herbert Diess l’ha annunciato oggi in conferenza stampa per la presentazione dei risultati annuali: «Ci saranno imminenti interruzioni della produzione nella maggior parte dei siti dei nostri marchi».»

*

Crolla il mercato dell’auto: -85,4% a marzo, fa peggio Fca (-90,3%)

«Concessionari chiusi e rimasti senza liquidità. Impianti sbarrati perché la produzione di automobili non è un servizio essenziale. E i clienti in ritirata, costretti a casa per le misure di contenimento. A marzo il peggior dato di sempre per le immatricolazioni di nuove vetture. Meno 85% rileva il ministero dei Trasporti. Flessione di poco superiore a quella francese (-82%) ma Oltralpe la quarantena collettiva è cominciata qualche giorno dopo. Peggio del mercato fa Fiat-Chrysler (90,3%).»

* * * * * * *

Con i rivenditori e gli stabilimenti chiusi era del tutto prevedibile un calo di questo livello.

Il problema immediato consiste per quanto tempo ancora si dovrà andare avanti con le attività economiche bloccate per ridurre le possibilità di contagio. Se gli ottimisti prevedono la riapertura a fine aprile, sembrerebbe più aderente alla realtà posporre alla fine di luglio. Sarebbe la morte dell’automotive, che con l’indotto da lavoro a 14 milioni di persone.

Ma non meno fosco si presenta il problema nel medio – lungo termine.

«La pandemia ribalta completamente gli scenari, apre probabilmente per la prima volta ad un processo di de-globalizzazione con l’ipotesi di macroaree regionali capaci di coprire per intero tutta la filiera della componentistica»

«impone alla Commissione Ue anche una possibile revisione dei limiti sulle emissioni pensate in un’era a crescita costante»

«l’impatto dell’emergenza COVID-19 sulla filiera automobilistica si è limitato inizialmente agli stabilimenti cinesi e all’export di componentistica, destinato soprattutto ai produttori coreani e giapponesi, per poi ampliarsi rapidamente generando uno shock manifatturiero su larga scala che ha invaso anche i Paesi occidentali»

«A livello globale, si prevede per quest’anno un crollo della produzione di veicoli leggeri pari a circa 11 milioni di unità, dagli 88,9 milioni del 2019 ai 77,9 milioni per l’anno in corso»

«Ma è evidente che, almeno nel breve termine, le ripercussioni economico-finanziarie si stanno diffondendo in maniera ramificata attraverso la supply-chain internazionale dell’Automotive, dalle materie prime ai semi-lavorati fino ai prodotti finiti»

«E ciò inevitabilmente sta mettendo in discussione il modello globalizzato della value-chain del settore»

«La pandemia probabilmente archivia l’idea di Cina fabbrica del mondo e costringe a ripensare completamente la catena del valore con inevitabili processi di internalizzazione di alcune attività per limitare l’effetto pandemico della supply chain logistica»

«i produttori mantengono un network internazionale di supplier ma, al tempo stesso, presidiano la costante disponibilità dei componenti chiave tramite processi di insourcing, ovvero: 1) riportandone la produzione nel Paese d’origine o in aree geografiche ritenute maggiormente stabili e sicure (in una modalità assimilabile appunto ad una logica di multisourcing)»

«Il “lockdown” degli stabilimenti anche nei Paesi occidentali accentua ulteriormente la disruption della supply-chain. La gravità della situazione deriva dal fatto che lo shock esogeno della pandemia ha colpito il mercato automobilistico con un contemporaneo crollo della domanda di mercato e della produzione industriale»

«Per le imprese del settore, il blocco delle attività si tradurrà in una crescente pressione sui margini di profitto e sulla liquidità, a fronte di enormi investimenti e costi fissi che devono essere ammortizzati.»

«L’impatto maggiore non riguarda tanto i grandi gruppi industriali, quanto soprattutto le piccole e medie imprese della value-chain, dalla componentistica fino alle concessionarie, che sono tipicamente caratterizzate da margini di profitto molto contenuti ed elevati costi di struttura»

«Inevitabilmente anche la spinta all’elettrico subirà una battuta d’arresto. Il comparto elettrico ha subito il contraccolpo della crisi generale del settore, soprattutto alla luce del fatto che la Cina è il principale produttore di batterie al mondo con una quota superiore 50% e un netto distacco su Stati Uniti (7%) ed Europa (2%)»

«La complessità della tecnologia legata allo sviluppo della mobilità elettrica richiede enormi investimenti pluriennali in ricerca e sviluppo, che al momento appaiono incompatibili con la contrazione dei margini di profitto e la crisi di liquidità delle imprese»

«mancato raggiungimento dei target sulle emissioni definiti in un periodo del tutto diverso da quello attuale ma che oggi appaiono decisamente irraggiungibili. «Basti pensare che i livelli sono stati abbassati del 27% dal 2012 ad oggi ed è prevista un’ulteriore riduzione pari al 15% entro il 2025»

* * * * * * *

Negli ultimi decenni l’occidente è andato incontro ad una crescita esponenziale delle patologie psichiatriche.

La World Health Organization constata che in Occidente

«27% of the adult population (here defined as aged 18–65) had experienced at least one of a series of mental disorders in the past year».

*

Germans struggle to find mental health care during holidays

«But the “big problem in the system,” according to Götz, “is that the people with the most serious psychological problems only rarely get psychotherapy. The people with less pronounced problems get quicker access to resources.”»

*

Lo studio Cnesps-Iss del 2011 riportava:

«La prevalenza dei disturbi mentali è molto elevata. Studi recenti condotti in Italia hanno mostrato che la prevalenza annuale nella popolazione generale adulta è come minimo dell’8%, il che implica che ogni anno in Italia almeno 4 milioni di persone presentano un problema di salute mentale»

*

«Obsessive compulsive disorder is considered the fourth most common mental disorder in high-income countries and ranks as the tenth leading cause of disability worldwide» [Lancet Psychiatry]

*

Nel 2016 la situazione è ancora peggiorata, come riporta il Lancet Psychiatry dell’ottobre 2016.

«sono 164 milioni, il 38,2% della popolazione totale, gli europei colpiti da qualche forma di disturbo mentale, con un impatto economico stimato in 798 miliardi di euro, ma solo 1 europeo su 3 si cura ed arriva a rivolgersi ad uno specialista» [Fonte]

*

Babis, PM ceko, vuole annullare il Green Deal per combattere il coronavirus.

Coronavirus seppellisce l’EU Green Deal. Riposa con i fu liberal.

New Industry Plan. Pochi fondi e niente green. Gli ululati dei liberals.

Romania. Il Green Deal è una ‘true religion’. Il gesto del dito.

Letto nell’ottica psichiatrica, lo European Green Deal è un classico deliro compulsivo schizofrenico.

Tutto è stato mirabilmente sintetizzato da Hegel nella seguente frase:

«quando i fatti smentiscono la teoria, tanto peggio per i fatti».

Ma il fatto del coronavirus sta obbligando l’Unione Europea e gli scalmanati a prendere atto della realtà.

*


Coronavirus, il futuro dell’auto: il crollo della produzione e ora l’elettrico slitta

Stabilimenti chiusi in tutta Europa, concessionari fermi, immatricolazioni crollate in Italia ed Europa oltre l’80% a marzo. La tempesta perfetta sull’automotive. La pandemia ribalta completamente gli scenari, apre probabilmente per la prima volta ad un processo di de-globalizzazione con l’ipotesi di macroaree regionali capaci di coprire per intero tutta la filiera della componentistica, prelude probabilmente ad uno slittamento di un anno degli investimenti immaginati sull’elettrico da tutti i produttori, impone alla Commissione Ue anche una possibile revisione dei limiti sulle emissioni pensate in un’era a crescita costante senza la cesura storica di un’epidemia di proporzioni inimmaginabili per il suo choc simmetrico su domanda e offerta.

Spiega Giorgio Barbieri, partner Deloitte e responsabile italiano del settore automotive, che «l’impatto dell’emergenza COVID-19 sulla filiera automobilistica si è limitato inizialmente agli stabilimenti cinesi e all’export di componentistica, destinato soprattutto ai produttori coreani e giapponesi, per poi ampliarsi rapidamente generando uno shock manifatturiero su larga scala che ha invaso anche i Paesi occidentali. A livello globale, si prevede per quest’anno un crollo della produzione di veicoli leggeri pari a circa 11 milioni di unità, dagli 88,9 milioni del 2019 ai 77,9 milioni per l’anno in corso. Al momento prevale ancora una diffusa incertezza riguardo alle conseguenze a medio-lungo termine di questo fenomeno prima d’ora sconosciuto. Ma è evidente che, almeno nel breve termine, le ripercussioni economico-finanziarie si stanno diffondendo in maniera ramificata attraverso la supply-chain internazionale dell’Automotive, dalle materie prime ai semi-lavorati fino ai prodotti finiti. E ciò inevitabilmente sta mettendo in discussione il modello globalizzato della value-chain del settore».

Stabilimenti chiusi in tutta Europa, concessionari fermi, immatricolazioni crollate in Italia ed Europa oltre l’80% a marzo. La tempesta perfetta sull’automotive. La pandemia ribalta completamente gli scenari, apre probabilmente per la prima volta ad un processo di de-globalizzazione con l’ipotesi di macroaree regionali capaci di coprire per intero tutta la filiera della componentistica, prelude probabilmente ad uno slittamento di un anno degli investimenti immaginati sull’elettrico da tutti i produttori, impone alla Commissione Ue anche una possibile revisione dei limiti sulle emissioni pensate in un’era a crescita costante senza la cesura storica di un’epidemia di proporzioni inimmaginabili per il suo choc simmetrico su domanda e offerta.

Spiega Giorgio Barbieri, partner Deloitte e responsabile italiano del settore automotive, che «l’impatto dell’emergenza COVID-19 sulla filiera automobilistica si è limitato inizialmente agli stabilimenti cinesi e all’export di componentistica, destinato soprattutto ai produttori coreani e giapponesi, per poi ampliarsi rapidamente generando uno shock manifatturiero su larga scala che ha invaso anche i Paesi occidentali. A livello globale, si prevede per quest’anno un crollo della produzione di veicoli leggeri pari a circa 11 milioni di unità, dagli 88,9 milioni del 2019 ai 77,9 milioni per l’anno in corso. Al momento prevale ancora una diffusa incertezza riguardo alle conseguenze a medio-lungo termine di questo fenomeno prima d’ora sconosciuto. Ma è evidente che, almeno nel breve termine, le ripercussioni economico-finanziarie si stanno diffondendo in maniera ramificata attraverso la supply-chain internazionale dell’Automotive, dalle materie prime ai semi-lavorati fino ai prodotti finiti. E ciò inevitabilmente sta mettendo in discussione il modello globalizzato della value-chain del settore».

La pandemia probabilmente archivia l’idea di Cina fabbrica del mondo e costringe a ripensare completamente la catena del valore con inevitabili processi di internalizzazione di alcune attività per limitare l’effetto pandemico della supply chain logistica. Dice Barbieri zche le imprese sono chiamate a un profondo ripensamento delle proprie strategie di procurement, che non esclude un eventuale insourcing dei componenti ritenuti maggiormente critici e indispensabili per la continuità produttiva, per i quali è essenziale garantire un costante rifornimento. Da questo punto di vista, tali strategie possono essere concepite e implementate in una logica “multisourcing”, secondo la quale i produttori mantengono un network internazionale di supplier ma, al tempo stesso, presidiano la costante disponibilità dei componenti chiave tramite processi di insourcing, ovvero: 1) riportandone la produzione nel Paese d’origine o in aree geografiche ritenute maggiormente stabili e sicure (in una modalità assimilabile appunto ad una logica di multisourcing); 2) internalizzando la produzione direttamente all’interno dell’OEM stesso (un’ipotesi da ritenersi tuttavia meno probabile)».

Il “lockdown” degli stabilimenti anche nei Paesi occidentali accentua ulteriormente la disruption della supply-chain. La gravità della situazione deriva dal fatto che lo shock esogeno della pandemia ha colpito il mercato automobilistico con un contemporaneo crollo della domanda di mercato e della produzione industriale. I dati relativi al mese di marzo sono chiari, con poco più di 28.000 immatricolazioni in Italia pari ad un crollo dell’85%, e l’emergenza potrebbe prolungarsi per almeno 4-6 mesi. Nel complesso, le stime più recenti relative al 2020 indicano un calo della produzione pari a -2,219 milioni di unità nel Nord America e -2,956 milioni in Europa. Per le imprese del settore, il blocco delle attività si tradurrà in una crescente pressione sui margini di profitto e sulla liquidità, a fronte di enormi investimenti e costi fissi che devono essere ammortizzati. L’impatto maggiore non riguarda tanto i grandi gruppi industriali, quanto soprattutto le piccole e medie imprese della value-chain, dalla componentistica fino alle concessionarie, che sono tipicamente caratterizzate da margini di profitto molto contenuti ed elevati costi di struttura. Molte imprese del settore saranno perciò costrette a ridurre drasticamente i costi, sacrificando i progetti più innovativi. Spiega Barbieri che «il rischio è quello di innescare un circolo vizioso fra domanda e offerta di mercato. Se la situazione non migliorerà nel corso dei prossimi mesi, la chiusura degli stabilimenti potrebbe causare pesanti conseguenze in termini di ridimensionamento della forza lavoro, riducendo ulteriormente sia la capacità produttiva che la capacità di spesa dei consumatori. Il risultato sarebbe una continua revisione al ribasso dei volumi di produzione e un inasprimento della crisi economica, alla quale contribuirebbe anche l’incremento del peso degli ammortizzatori sociali e delle misure di sostegno al reddito. È chiaro quindi come il settore Automotive, che rappresenta più del 7% del PIL europeo e impiega (con l’indotto) quasi 14 milioni di lavoratori».

Inevitabilmente anche la spinta all’elettrico subirà una battuta d’arresto. Il comparto elettrico ha subito il contraccolpo della crisi generale del settore, soprattutto alla luce del fatto che la Cina è il principale produttore di batterie al mondo con una quota superiore 50% e un netto distacco su Stati Uniti (7%) ed Europa (2%)4. «Anche per i veicoli elettrici le stime relative al 2020 saranno decisamente diverse rispetto a quanto previsto fino a pochi mesi fa, con una maggiore incertezza sulle tempistiche di trasformazione del settore della mobilità. Verosimilmente, l’effetto si rifletterà anche sul lancio dei nuovi modelli elettrici previsti per quest’anno, a causa del rinvio o dell’annullamento di molti eventi di punta — spiega Barbieri —. Questo, a sua volta, porterà ad un progressivo slittamento dei modelli successivi e dei relativi investimenti. La complessità della tecnologia legata allo sviluppo della mobilità elettrica richiede enormi investimenti pluriennali in ricerca e sviluppo, che al momento appaiono incompatibili con la contrazione dei margini di profitto e la crisi di liquidità delle imprese».

Ecco perché prende piedi l’ipotesi anche di uno slittamento delle penalizzazioni della Ue relative al mancato raggiungimento dei target sulle emissioni definiti in un periodo del tutto diverso da quello attuale ma che oggi appaiono decisamente irraggiungibili. «Basti pensare che i livelli sono stati abbassati del 27% dal 2012 ad oggi ed è prevista un’ulteriore riduzione pari al 15% entro il 2025; inoltre, ancor prima dell’attuale crisi, si prospettavano sanzioni di circa 400 milioni di euro per metà delle case produttrici in Europa nel 2020 e di 3,3 miliardi nel 202110 — dice Barbieri —. È dunque ragionevole prevedere che, alla luce del peso del settore Automotive sull’economia e degli sforzi finanziari già messi in campo dalla BCE per sostenerla, i vincoli ambientali saranno inevitabilmente allentati per poter rimettere in moto la macchina industriale. Fra le possibili soluzioni ipotizzabili, vi è lo slittamento temporale dei target di almeno uno o due anni, che consentirebbe alle imprese di ritrovare l’ossigeno di cui hanno bisogno per ripartire su basi nuove».