Pubblicato in: Armamenti, Devoluzione socialismo, Geopolitica Africa, Problemi militari, Russia

Russia. Dispiegati cacciabombardieri in Libia. La strategia russa in Africa.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-03.

2020-06-03__Russia Africa 001

Inizia a delinearsi la strategia di Mr Putin e della Russia per il dominio del Mare Mediterraneo. Dapprima l’intervento militare diretto in Siria, adesso in Libia. Ma il Mediterraneo è solo un elemento di uno scacchiere ben più vasto: l’obiettivo è il dominio dell’Africa.

*

«The US has identified over a dozen Russia warplanes in Libya, marking Moscow’s first direct venture into the North African country»

«Experts say it is part of a larger Russian plan to expand its influence in the region»

«US Africa Command (AFRICOM) announced earlier this week that Russia had deployed at least 14 warplanes to Libya in support of private military contractors known as the Wagner Group»

«It was the first time Russian armed forces were identified in the North African country. Although the Wagner Group purportedly enjoys Russian state backing, the Kremlin had initially stopped short of deploying official military assets to Libya, despite Moscow’s support for general-turned-warlord Khalifa Haftar»

«For too long, Russia has denied the full extent of its involvement in the ongoing Libyan conflict»

«neither Haftar’s Libyan National Army (LNA) nor private military contractors could “arm, operate and sustain these fighters without state support — support they are getting from Russia»

«Russia is clearly trying to tip the scales in its favor in Libya …. The UN said Russia’s Wagner group already has up to 1,200 mercenaries in Libya.»

«Haftar’s LNA has sought to oust the UN-backed government Tripoli in favor of a rival Tobruk-based government. He has received support from Egypt, the United Arab Emirates and, at one point, even France. …. But Russia remains Haftar’s most committed ally»

«Strengthening the Russian military position in North Africa will undoubtedly provide Russian President Vladimir Putin with a much tighter grip over Europe and possibly even deep-rooted influence and control in the wider MENA region»

«Libya’s energy resources and the presence of several deep-water ports will give Putin the logistical and geo-strategical advantage he is attempting to achieve»

2020-06-03__Russia Africa 002

Sarebbe impossibile dominare il Mediterraneo senza poter disporre di porti con acque sufficientemente profonde da permetterne l’uso a navi da guerra. Ma gli unici porti ‘acquisibili’ al momento sono quelli della Libia.

2020-06-03__Russia Africa 003

«Russia’s state arms seller Rosoboronexport announced in April the first contract to supply assault boats to a country in sub-Saharan Africa»

«Russia is building its path to gain a foothold in Africa and broaden its export map for arms on the continent»

«Currently, it accounts for 49% of total arms exports to Africa, according to the database of the Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI)»

«Until now, Algeria remains the biggest recipient of Russian arms in Africa, followed by Egypt, Sudan and Angola …. In the early 2000s, 16 African countries were recipients of Russian arms. Between 2010 and 2019, the figure went up to 21»

«Starting in 2015, Russia started selling arms to oil-rich Angola — mainly fighter aircraft and combat helicopters»

«That same year, Algeria signed another arms deal to buy Russian weapons for $7.5 billion»

«Russia hosted the first-ever Russia-Africa summit in Sochi in 2019 as a way of further identifying cooperation possibilities across the continent. During the summit, Russian President Vladimir Putin stated that “the strengthening of ties with African countries is one of Russia’s foreign policy priorities”»

«This exhibition showed that Russia does not aim to offer disruptive new technologies in arms; instead, it focuses on improving the models that have been demanded the most»

«Russia sees Africa as a key potential partner in the vision for a multipolar world order»

«Less European, less trans-Atlantic and focused more on rising powers and rising regions»

«Despite widespread international condemnation of Mugabe’s regime, Russia stayed on the side of Zimbabwe: together with China, it vetoed the UN’s Security Council resolution for an arms embargo in 2008 and criticized Western sanctions»

«Russia has been scaling up activities in the mining of resources such as coltan, cobalt, gold, and diamonds in several other countries across Africa»

«For example, Algeria alone bought around 200 aircraft items from Russia from 2000 to2019, ranging from transporter helicopters to combat helicopters, bomber and fighter ground aircrafts. Various models of surface-to-air missiles (SAM) that are designed for destroying aircrafts or other missiles have been ordered from Algeria (several orders through 2000-2019), Burkina Faso, Egypt (several orders), Ethiopia, Libya and Morocco. Algeria also ordered tanks (more than 500 items in total), as did Uganda (67 items).»

«Cheap weapons — no questions asked»

«Africa is the continent where Russia can freely push one of the key elements of its exports: weapons. Arms trading accounts for 39% of Russia’s defense industry revenue.»

«Russian arms are good. It is universally recognized. Russian arms are also cheaper. There is no reason why African countries would not want to buy them»

«For example, in 2014, government soldiers in Nigeria were accused of human rights abuses against suspects in the country’s fight against Boko Haram. Afterwards, the US cancelled a shipment of attack helicopters, even though the deal had already been signed. That same year, Nigeria placed an order and received six Mi-35M combat helicopters from Russia»

«from 2009 to 2018, Russia accounted for 31% of Egypt’s imports of major weapons.»

«Russia’s defense industry is secretive; the law does not oblige companies to report on arms exports as such, and usually this information falls under the state’s secrecy laws.»

«China is generally growing as an arms exporter and shows similar patterns as Russia in a way of giving weapons with less political conditions»

* * * * * * *

Fornire armi e sistemi di arma è sicuramente una operazione economica, ma i risvolti politici sono evidenti: i paesi che si dotano di armamenti russi alla fine dipendono dalla Russia.

La chiave del successo è di un semplice banalità.

«Russian arms are good»

«Cheap weapons — no questions asked»

«giving weapons with less political conditions»

Il vizietto di voler imporre la propria Weltanschauung come prerequisito ai commerci sta costando all’occidente il domini mondiale.

*


Russia expands war presence in Libya.

The US has identified over a dozen Russia warplanes in Libya, marking Moscow’s first direct venture into the North African country. Experts say it is part of a larger Russian plan to expand its influence in the region.

US Africa Command (AFRICOM) announced earlier this week that Russia had deployed at least 14 warplanes to Libya in support of private military contractors known as the Wagner Group.

It was the first time Russian armed forces were identified in the North African country. Although the Wagner Group purportedly enjoys Russian state backing, the Kremlin had initially stopped short of deploying official military assets to Libya, despite Moscow’s support for general-turned-warlord Khalifa Haftar.

“For too long, Russia has denied the full extent of its involvement in the ongoing Libyan conflict,” said US Army General Stephen Townsend, who leads AFRICOM. “We watched as Russia flew fourth-generation jet fighters to Libya — every step of the way.”

The US general noted that neither Haftar’s Libyan National Army (LNA) nor private military contractors could “arm, operate and sustain these fighters without state support — support they are getting from Russia.

“Russia is clearly trying to tip the scales in its favor in Libya,” Townsend said.

The UN said Russia’s Wagner group already has up to 1,200 mercenaries in Libya.

Russia’s man

Haftar’s LNA has sought to oust the UN-backed government Tripoli in favor of a rival Tobruk-based government. He has received support from Egypt, the United Arab Emirates and, at one point, even France.

But Russia remains Haftar’s most committed ally.

Moscow has sought to expand its influence in the Middle East and North Africa (MENA) region and supported that mission through military escapades. In Syria, Moscow deployed its armed forces to prop up the Assad regime, a move that has ensured its place as a regional stakeholder.

“Strengthening the Russian military position in North Africa will undoubtedly provide Russian President Vladimir Putin with a much tighter grip over Europe and possibly even deep-rooted influence and control in the wider MENA region,” said Tomas Olivier, a counter-terrorism expert and former senior officer in the Dutch government.

“Libya’s energy resources and the presence of several deep-water ports will give Putin the logistical and geo-strategical advantage he is attempting to achieve,” Olivier added.

Risky business

Although the Russian Defense Ministry has yet to comment on the US allegations, Russian lawmaker Andrei Krasov, a member of the Russian parliament’s Defense Committee, dismissed them as “fake.”

With state-supported paramilitary forces on the ground, the Kremlin maintains the ability to deny direct involvement, yet still has strategic assets in place. That plays into its larger hybrid warfare strategy, which serves to undermine rules and responsibilities in the conflicts it engages with.

But deploying warplanes raises the stakes, making it a highly risky move for Russia, according to Theresa Fallon, director and founder of the Brussels-based Center for Russia Europe Asia Studies.

“Moscow’s supply of aircraft reportedly repainted in Syria for plausible deniability, represents a creeping shift from a proxy war to open support for Haftar,” Fallon said. “If Turkey responds by deploying more aircraft, it is likely that this could turn into another endless, Syria-like conflict.”

Although Russian-Turkish ties have thawed in recent years, the countries back opposing parties in Syria and Libya. Earlier this month, the Turkish government threatened to strike Haftar’s forces if they continued to attack diplomatic missions in Tripoli, where the UN-backed government is based.

“Libya is rich in energy sources, migrants can be leveraged in negotiations with Europe and Russian mercenaries are likely to command a lucrative revenue stream,” Fallon said. “This could turn into one more frozen conflict on which Russia thrives.”

*


Russian arms exports to Africa: Moscow’s long-term strategy.

Along with natural resources, arms exports are a key component of Russia’s economy. In the last two decades, Moscow has managed to deepen its connection with Africa and became the biggest arms supplier on the continent.

Russia’s state arms seller Rosoboronexport announced in April the first contract to supply assault boats to a country in sub-Saharan Africa. The recipient’s identity is concealed. What is known: It marks the first export contract of Russian-made final naval products to this region in the last 20 years. While this news might not have caught much international attention, this new deal adds up to a pattern: Russia is building its path to gain a foothold in Africa and broaden its export map for arms on the continent.

Once a major supplier during the Soviet era, Russia’s role in Africa waned after the collapse of the USSR. But by 2000, Russia had made inroads again, and within the last two decades Russia has managed to become the biggest arms exporter to Africa. Currently, it accounts for 49% of total arms exports to Africa, according to the database of the Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI). 

Since 2000, Russia’s arms exports to Africa have grown significantly. The increases were mainly due to growth in Russia’s arms exports to Algeria.

Russia’s eye on Africa

Until now, Algeria remains the biggest recipient of Russian arms in Africa, followed by Egypt, Sudan and Angola. According to Alexandra Kuimova, a researcher with SIPRI’s Arms and Military Expenditure Program, the number of African countries buying Russian arms increased over the last two decades. In the early 2000s, 16 African countries were recipients of Russian arms. Between 2010 and 2019, the figure went up to 21.

Starting in 2015, Russia started selling arms to oil-rich Angola — mainly fighter aircraft and combat helicopters. The Angolan government in Luanda has long maintained strong ties with Moscow, dating back to the USSR. In 1996, Russia forgave 70% of Angola’s $5 billion (€4.56 billion) in debt, which was mainly a result of several export credits the USSR had issued Angola for buying Soviet arms and military equipment. In the new millennium, Russia was a predictable choice for Angola to sign new arms deals — and within the last five years, Angola has become the third-biggest African client for Russian arms after Algeria and Egypt. Luanda’s other suppliers are Bulgaria, Belarus, Italy and China, but their shares are small.

The situation was similar with Algeria, the largest importer of Russian arms on the African continent. Soviet-era connections allowed Russia to secure its monopoly on arms deals, and Moscow completely wrote off Algeria’s $5.7 billion in debt in 2006. That same year, Algeria signed another arms deal to buy Russian weapons for $7.5 billion.

“Officials in these countries intrinsically look at Moscow from the Soviet-era links and Moscow has been able to maintain its influence. In some cases, like Algeria, it is done by debt release; sometimes by claiming that it will build repair facilities and manufacturing or maintenance facilities,” says Paul Stronski, a senior fellow in the Carnegie Endowment’s Russia and Eurasia Program.

Russia hosted the first-ever Russia-Africa summit in Sochi in 2019 as a way of further identifying cooperation possibilities across the continent. During the summit, Russian President Vladimir Putin stated that “the strengthening of ties with African countries is one of Russia’s foreign policy priorities”.

Arms deals were at the center of attention at the summit. African delegates were invited to exhibitions of Russian weapons: from subsonic jet trainor Yakovlev Yak-130, the Pantsir missile system, and the Tor-M2KM surface-to-air missile systems to smaller arms including a new Kalashnikov AK-200 series assault rifle. This exhibition showed that Russia does not aim to offer disruptive new technologies in arms; instead, it focuses on improving the models that have been demanded the most. 

Opening new markets in line with geopolitical vision

Russia’s growing interest in Africa is defined by not only economic, but also political and strategic reasons. Russia sees Africa as a key potential partner in the vision for a multipolar world order.

“Less European, less trans-Atlantic and focused more on rising powers and rising regions,” Stronski said. This is where Russia’s ties with countries like Zimbabwe and Sudan have been established, he stressed.

Zimbabwe has been subject to financial sanctions from the West since the early 2000s. The state was reportedly responsible for violence, tortures and killings of the president’s opponents during the era of former President Robert Mugabe. Despite widespread international condemnation of Mugabe’s regime, Russia stayed on the side of Zimbabwe: together with China, it vetoed the UN’s Security Council resolution for an arms embargo in 2008 and criticized Western sanctions. Russia exports a number of both raw and finished materials to Zimbabwe, ranging from wood, wheat and fertilizers to printed materials, railway cars and electronics. Russia, in turn, imports coffee and tobacco from Zimbabwe.

Russian companies are also involved in diamond and gold mining projects in the country. According to Gugu Dube, a researcher at the Transnational Threats and International Crime program in the Institute for Security Studies (ISS) in Pretoria, Russia has been scaling up activities in the mining of resources such as coltan, cobalt, gold, and diamonds in several other countries across Africa. In Zimbabwe, Russian companies are also involved in a joint venture of the Darwendale project — mining and smelting one of the world’s largest deposits of platinum group metal — for which production is planned in 2021.

These include aircrafts, missiles, tanks, air defense systems and artillery. For example, Algeria alone bought around 200 aircraft items from Russia from 2000 to2019, ranging from transporter helicopters to combat helicopters, bomber and fighter ground aircrafts. Various models of surface-to-air missiles (SAM) that are designed for destroying aircrafts or other missiles have been ordered from Algeria (several orders through 2000-2019), Burkina Faso, Egypt (several orders), Ethiopia, Libya and Morocco. Algeria also ordered tanks (more than 500 items in total), as did Uganda (67 items).

Cheap weapons — no questions asked

In Russia’s publicly available strategy documents, such as its foreign policy concept or defense doctrine, African states are defined as belonging to an unstable continent and posing an international threat in light of terrorist groups’ activities, particularly in the North African region. Such documents highlight Russia’s aims to expand interaction with Africa by developing beneficial trade and economic relations and supporting regional conflict and crisis prevention.

This ongoing instability feeds a continuous market for arms — and for Russia, Africa represents a major market without a limit in the form of economic sanctions that came from the West after the annexation of Crimea. Africa is the continent where Russia can freely push one of the key elements of its exports: weapons. Arms trading accounts for 39% of Russia’s defense industry revenue.

“Russian arms are good. It is universally recognized. Russian arms are also cheaper. There is no reason why African countries would not want to buy them,” says Irina Filatova, a history professor at Moscow’s Higher School of Economics and professor emeritus of the University of KwaZulu-Natal, who specializes in Russo-African history and relations.

In comparison to other big players, arms deals with Russia do not demand political or human rights conditions. In some cases, Russia has managed to fill the gap where European or American suppliers stepped out.

For example, in 2014, government soldiers in Nigeria were accused of human rights abuses against suspects in the country’s fight against Boko Haram. Afterwards, the US cancelled a shipment of attack helicopters, even though the deal had already been signed. That same year, Nigeria placed an order and received six Mi-35M combat helicopters from Russia.

Egypt is a similar case. After a military coup in 2013, the US started cutting military aid and arms supplies to the country. This left Russia (together with France, another leading arms exporter) with an open opportunity; the country quickly intensified arms transfers to Egypt. From 2009 to 2018, Russia accounted for 31% of Egypt’s imports of major weapons.

According to Kuimova, arms deals with Russia generally go fast. If a certain country needs weapons right away and Russia has them, Russia will be able to supply. What also plays in its favor is a lack of pressure from local civil society groups to track weapons sales. Russia’s defense industry is secretive; the law does not oblige companies to report on arms exports as such, and usually this information falls under the state’s secrecy laws. A general lack of data and transparency has created a situation where civil society groups for monitoring arms trading simply do not exist.

Competition for Russia? Growing potential of Chinese arms

For now, Russia seems to be secure in its markets for arms in Africa. However, experts see the potential of China to become a bigger player for arms supplies in Africa. Currently, China accounts for 13% of arms exports to the continent.

“China has improved the quality and quantity of what it sells. They also do reverse-engineered Russian weapons. Since 2014, Russia has shared sensitive military technology as a part of its growing ties with China,” Stronski said.

Kuimova adds that today China is able to produce and offer all kinds of arms. “China is generally growing as an arms exporter and shows similar patterns as Russia in a way of giving weapons with less political conditions,” she explained.

Researcher Filatova does not see China as a threat to Russian arms in Africa, however — in her opinion, the main competitors for Russian arms will remain the same: the US and France. She defines China’s interest in Africa as predominantly economic and says that “Russia’s competition in Africa in that regard is already lost” — because economically, Russia is not able to offer what China can. Moscow instead focuses on natural resources exports and locking down arms deals. For arms importers, switching to other suppliers is costly, so the likelihood is high that Russia can ensure new deals with its arms buyers well into the future.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Geopolitica Africa

Congo. In un anno il morbillo ha ucciso 6,000 persone.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-03-15.

Repubblica democratica del Congo 001

La Repubblica democratica del Congo è uno degli stati più miseri del mondo. Con 99 milioni di abitanti, ha un pil ppa procapite di 816 Usd all’anno. Se è vero che il costo della vita è molto basso, sarebbe altrettanto vero constatare come la miseria si davvero severa. Miseria causata dalle guerre civili predatorie delle sue ricchezze minerarie.

Dal 1960, anno della indipendenza, il paese è stato travagliato da una serie inenarrabile di guerre civili, sanguinose e crudeli, fomentate in gran quota dai paesi ocidentali. Dal 1998 al 2003 fu travagliato da una guerra combattuta sul sui territorio dagli eserciti di ben sei stati africani, per il controllo delle miniere di diamanti, oro e coltan, nel Congo Orientale. Ricordiamo come il coltan sia un minerale ricco di tantalio e di niobio: il Congo produce buone quantità di tantalio ed il 15% del niobio mondiale.

Ma questa ricchezza mineraria è spietatamente sfruttata dalle società estrattrici, che cercano di difendersi ed ampliare il proprio raggio di azione fomentando una continua guerra civile. Siamo chiari: questo saccheggio viene più che bene per i paesi occidentali, principali consumatori di quei minerali rari e preziosi, ed i loro governi stanno facendo il possibile e l’impossibile pur di mantenere il continuo stato di guerra civile. Poi, a parole sono enfatici sostenitori degli ‘human right’.

* * * * * * *

Con un un pil ppa procapite di 816 Usd all’anno non è materialmente possibile curare in modo decente la gente che si ammali.

«Il morbillo ha ucciso più dell’epidemia di Ebola dichiarata il 1 agosto 2018 nella parte orientale del Paese, che ha causato 2.264 morti»

«La Rdc ha registrato oltre 335.413 casi sospetti e 6.362 decessi dal primo gennaio 2019 al 20 febbraio 2020, secondo le statistiche dell’Oms»

«Il morbillo è una malattia altamente contagiosa causata da un virus che attacca principalmente i bambini»

«Si tratta del peggior focolaio del mondo, che triplica il bilancio dell’epidemia di ebola nel Paese. È anche quasi il doppio delle 3.404 persone che sono morte finora a causa del coronavirus in tutto il mondo»

* * * * * * *

A prezzo di notevolissimi sforzi, la Repubblica democratica del Congo ha avviato un intenso programma di vaccinazioni, riuscendo a coprire lo scorso anno 18 milioni di bambini, ma purtroppo molto resta ancora da fare.

Cosa mi si potrebbe dire? È una situazione

che grida vendetta a Dio ed agli uomini.

*

Nota.

Ogni volta che si accende un cellulare oppure un calcolatore, si usa tantalio e niobio provenienti dalla Repubblica Democratica del Congo.

*


In Congo l’emergenza è il morbillo, 6 mila morti in un anno.

L’epidemia ha fatto il doppio delle vittime del nuovo coronavirus in tutto il mondo. Il Paese africano è già pesantemente colpito dall’ebola.

Nella Repubblica Democratica del Congo, già pesantemente provata dall’epidemia di ebola, la nuova emergenza sanitaria non è il coronavirus ma il morbillo che in un anno ha ucciso oltre 6 mila persone.

Si tratta del peggior focolaio del mondo, che triplica il bilancio dell’epidemia di ebola nel Paese. È anche quasi il doppio delle 3.404 persone che sono morte finora a causa del coronavirus in tutto il mondo.

L’anno scorso, oltre 18 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni sono stati vaccinati per il morbillo in tutta la Repubblica Democratica del Congo e sono stati segnalati circa 310 mila casi sospetti. Una seconda fase di vaccinazioni è iniziata questa settimana.

I vaccini vengono caricati su motociclette nei villaggi intorno a Temba, a sei ore di auto lungo strade sterrate dalla comunità occidentale di Seke-Banza. Circa 73 mila bambini dai sei mesi ai 15 anni saranno vaccinati nella provincia centrale di Kongo come parte della seconda fase.     

La Rdc ha registrato oltre 335.413 casi sospetti e 6.362 decessi dal primo gennaio 2019 al 20 febbraio 2020, secondo le statistiche dell’Oms. Il morbillo ha ucciso più dell’epidemia di Ebola dichiarata il 1 agosto 2018 nella parte orientale del Paese, che ha causato 2.264 morti.

Il morbillo è una malattia altamente contagiosa causata da un virus che attacca principalmente i bambini. Le complicanze più gravi comprendono cecità, gonfiore cerebrale e gravi infezioni respiratorie.     

Gli sforzi per fermare la diffusione sia dell’ebola che del morbillo nella Repubblica Democratica del Congo sono ostacolati dalla mancanza di accesso alle cure, dalla scarsa assistenza sanitaria e dai disordini in tutto il Paese, specialmente nell’Est. 

Pubblicato in: Armamenti, Devoluzione socialismo, Geopolitica Africa

Libia. La Turkia ha sbarcato truppe, artiglieria e cingolati.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-06.

Artiglieria Semovente 001

Per il momento, la Turkia avrebbe sbarcato il Libia:

    – 6 cingolati trasporto truppe da combattimento ACV-19, evoluzione dell’ACV-15 sviluppato dall’M-113 realizzato in Turchia da FNSS Defense Systems

    – 2 obici semoventi d’artiglieria da 155 millimetri T-155 Firtina, prodotti in Turchia derivati dai semoventi sudcoreani K9

    – Un numero imprecisato di mortai pesanti da 120 millimetri HY1-12 prodotti in Turchia da MKEK

    – Due cannoni binati antiaerei da 35 millimetri Oerlikon GDF 003B prodotti su licenza in Turchia da MKEK

    – Autocarri tattici 4×4 BMC EFE da 2,5 tonnellate

*

«La presenza di una nave turca per ricerche energetiche in un settore delle acque cipriote assegnato a ENI e Total ha contribuito a indurre Emmanuel Macron a rafforzare la presenza navale nell’area.

Al momento non si può dire altrettanto del governo italiano che si è limitato, col ministro degli Esteri Luigi Di Maio, a esprimere la sua preoccupazione ad Ankara. Del resto Turchia e Francia sono ai ferri corti fin dall’autunno scorso quando l’intervento militare turco in Siria sollevò pesanti critiche in Francia.

Alcune fonti rilevano che la presenza navale turca al largo della Libia sarebbe ben più consistente di quanto non appaia. La Marina di Ankara schiererebbe all’interno della Zona economica esclusiva libica (estesa arbitrariamente con il Memorandum turco-libico del 26 novembre scorso) ben 4 fregate da 4mila tonnellate classe G (le ex Perry statunitensi): la già citata F490 Gaziantep, la F496 Gökova, F497 Göksu e F495 TCG Gediz più la nave appoggio/rifornimento da 20mila tonnellate A595 Yarbay Kudret Güngör della classe Akar.»

*

È inutile girarci attorno: senza forze armate è impossibile svolgere politica estera.

*


I turchi sbarcano a Tripoli artiglieria e cingolati da combattimento

L’escalation dell’intervento turco in Siria prosegue inarrestabile e soprattutto senza che nessuno cerchi di ostacolarlo, nonostante l’Onu, la Ue, diversi governi europei e quello italiano abbiano dichiarato quasi quotidianamente la volontà di garantire l’embargo sulle forniture di armi nella ex colonia italiana.

Prima i consiglieri militari con droni e sistemi di disturbo elettronici, poi missili e semoventi antiaerei, poi la fanteria composta da circa 3mila mercenari delle milizie jihadiste siriane e infine artiglieria, obici semoventi e cingolati da combattimento.

Il 30 gennaio, scortata da una delle due fregate della Marina turca presenti da giorni al largo di Tripoli (una è le F-490 Gaziantep, ex US Navy classe Oliver Hazard Perry), la nave per il trasporto di veicoli Bana, battente bandiera libanese, ha sbarcato a Tripoli mezzi e armamenti turchi che includerebbero:

    6 cingolati trasporto truppe da combattimento ACV-19, evoluzione dell’ACV-15 sviluppato dall’M-113 realizzato in Turchia da FNSS Defense Systems

    2 obici semoventi d’artiglieria da 155 millimetri T-155 Firtina, prodotti in Turchia derivati dai semoventi sudcoreani K9

    Un numero imprecisato di mortai pesanti da 120 millimetri HY1-12 prodotti in Turchia da MKEK

    Due cannoni binati antiaerei da 35 millimetri Oerlikon GDF 003B prodotti su licenza in Turchia da MKEK

    Autocarri tattici 4×4 BMC EFE da 2,5 tonnellate

I numeri limitati di ACV-19 e semoventi T-155 Firtina potrebbero indicare che altri esemplari giungeranno a Tripoli con altre navi ma già da ora si può affermare che si tratta dei mezzi terrestri più pesanti, protetti e complessi forniti alle forze libiche dai diversi “sponsor” stranieri.

Sia le milizie del Governo di accordo nazionale (GNA) che quelle legate all’Esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar impiegano in numero limitato carri da combattimento T-55 ereditati dall’esercito di Muammar Gheddafi. Durante le operazioni contro l’Isis a Sirte le milizie di Misurata impiegarono T-55 e obici semoventi Oto Melara Palmaria (nella foto sotto) mentre l’anno scorso emerse che tank e cingolati dell’LNA venivano mantenuti in condizioni operative da team di tecnici russi appartenenti a compagnie militari private, con ogni probabilità la Wagner.

Negli ultimi anni i mezzi terrestri forniti ai due schieramenti hanno incluso una vasta gamma di blindati e MRAP (protetti contro mine e ordigni improvvisati) tutti ruotati.

L’arrivo di questi ultimi veicoli da combattimento con obici semoventi, mortai da 120 millimetri e cannoni binati antiaerei potrebbero indicare che i turchi si apprestano a favorire un contrattacco intorno alla capitale colpendo con precisione le postazioni dell’LNA migliorando così la qualità dei tiri di artiglieria finora affidati per lo più a razzi non guidati.

Gli ACV-19 sono in grado di trasportare sul campo di battaglia squadre di fanti proteggendoli in modo ben più efficace di quanto non facciano gli attuali veicoli ruotati civili o militari come i Kirpi che i turchi hanno fornito da tempo al GNA ma che non avrebbero offerto prestazioni soddisfacenti in battaglia.

E’ possibile che i mezzi sbarcati dalla motonave Bana, tutti ampiamente testati negli ultimi anni nelle operazioni nel nord della Siria, abbiano equipaggi appartenenti all’Esercito Turco (che già schiera in Libia 350 uomini delle forze speciali) ma è probabile che gli ACV-19 (nella foto d’apertura) imbarchino squadre di mercenari siriani già peraltro abituati a operare su mezzi turchi e in stretta cooperazione con le forze di Ankara che li hanno addestrati.

I cannoni binati antiaerei da 35 millimetro rafforzano ulteriormente le capacità di difesa aerea a bassa quota del GNA soprattutto contro droni, elicotteri e aerei da attacco al suolo tenuto conto che le forze aeree dell’LNA non dispongono di armi guidate lanciabili da quote elevate.

Il 30 gennaio il GNA ha annunciato di aver abbattuto un drone da ricognizione russo del tipo Orlan-10 a sud di Tripoli, velivolo già impiegato in più occasioni dall’LNA e gestito con ogni probabilità da contractors russi che ne avevano già perso un esemplare l’anno scorso vicino a Sirte.

Dall’inizio dell’offensiva contro Tripoli da parte delle forze di Haftar, nell’aprile scorso, il GNA ha reso noto di aver abbattuto o distrutto l suolo 16 velivoli nemici: 7 aerei e 9 droni.

I primi includono di cui 2 aerei da attacco Sukhoi Su-22, 2 cacciabombardieri Mig-23, un “ricognitore emiratino” (probabilmente un aereo antiguerriglia AT-802, un “cargo Ilyushin” e un addestratore armato L-39.

Dei droni non vengono meglio specificati ma, oltre agli Orlsan-10 è noto l’abbattimento di alcuni velivoli armati di costruzione cinese Wing Loong 2 gestiti dagli Emirati Arabi Uniti.

“Abbiamo ricevuto rapporti sicuri che confermano che ieri nel porto di Tripoli sono state consegnate armi e munizioni e ciò è avvenuto grazie alla protezione di due navi da guerra turche” ha detto il 30 gennaio il portavoce dell’esercito nazionale libico, colonnello Ahmed al -Mismari, in conferenza stampa.

“La questione ora – ha proseguito il portavoce – è vedere come la comunità internazionale si pone di fronte a questa pubblica invasione turca e come comunità internazionale e Nazioni Unite si posizioneranno di fronte a questa chiara violazione della tregua”.

Al Mismari, certo meno disposto a fornire dettagli circa la cinquantina di voli di aerei cargo che hanno recentemente trasportato dagli Emirati Arabi Uniti armi, mezzi e munizioni per l’LNA, ha poi affermato che l’aeroporto tripolino di Mitiga è ormai “una base aerea completamente turca”.

La presenza della motonave Bana, scortata da una fregata turca era stata segnalata il 29 gennaio da una fonte militare francese all’ agenzia France Presse. A localizzare la nave era stato un velivolo decollato dalla portaerei Charles de Gaulle impegnata alla testa di un gruppo navale in esercitazioni congiunte con la Marina Greca nel Mediterraneo centro-orientale determinate dalla volontà comune di Atene e Parigi di contrastare le iniziative navali turche in Libia e nelle acque cipriote ricche di gas.

La presenza di una nave turca per ricerche energetiche in un settore delle acque cipriote assegnato a ENI e Total ha contribuito a indurre Emmanuel Macron a rafforzare la presenza navale nell’area.

Al momento non si può dire altrettanto del governo italiano che si è limitato, col ministro degli Esteri Luigi Di Maio, a esprimere la sua preoccupazione ad Ankara. Del resto Turchia e Francia sono ai ferri corti fin dall’autunno scorso quando l’intervento militare turco in Siria sollevò pesanti critiche in Francia.

Alcune fonti rilevano che la presenza navale turca al largo della Libia sarebbe ben più consistente di quanto non appaia. La Marina di Ankara schiererebbe all’interno della Zona economica esclusiva libica (estesa arbitrariamente con il Memorandum turco-libico del 26 novembre scorso) ben 4 fregate da 4mila tonnellate classe G (le ex Perry statunitensi): la già citata F490 Gaziantep, la F496 Gökova, F497 Göksu e F495 TCG Gediz più la nave appoggio/rifornimento da 20mila tonnellate A595 Yarbay Kudret Güngör della classe Akar.

Pubblicato in: Geopolitica Africa, Putin, Russia

Putin. La Russia alla conquista dell’Africa.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-23.

2019-06-15__Russia_Africa__001

2019-06-15__Russia_Africa__002

Gli occidentali hanno fatto nei confronti di popoli africani una lunga serie di errori alcuni dei quali madornali quali per esempio, il voler imporre loro la visione del’l’ideologia liberal, elemento loro alieno.

Kenyatta: Gay rights is a non-issue for Kenya

La Francia ha gestito l’Africa Centrale al rango di colonia schiavista.

China: France’s Macron Should Press Xi on Rights

Macron in visita nel Burkina Faso. Per poco lo accoppano. Incidente diplomatico.

*

La Cina ha invece dispiegato tutta la sua maestria diplomatica, impegnandosi con rapporti bilaterali equiparitari alla costruzione di un largo numero di infrastrutture essenziali.

Cina. Consolida il suo impero in Africa.

Cina ed Africa. I rapporti collaborativi si stanno consolidando.

Cina ed Africa. Una politica di rapporti internazionali paritetici.

Cina. Grande Muraglia contro la Germania. – Handelsblatt.

I nuovi enormi investimenti della Cina in Africa

* * * * * * *

Se le mosse diplomatiche ed economiche della Cina e dell’occidente sono alquanto evidenti se non altro perché riportate dai giornali internazionali, quelle russe sembrerebbero azioni fantasma, ben poco chiacchierate. Ma il classico riserbo russo non significa assolutamente che Mr Putin sia inerte, anzi.

«Russia is seeking to bolster its presence in at least 13 countries across Africa by building relations with existing rulers, striking military deals, and grooming a new generation of “leaders” and undercover “agents”»

«The mission to increase Russian influence on the continent is being led by Yevgeny Prigozhin, a businessman based in St Petersburg who is a close ally of the Russian president, Vladimir Putin. One aim is to “strong-arm” the US and the former colonial powers the UK and France out of the region»

«Russia has a military presence and peacekeeping mission in Central African Republic. CAR is described as “strategically important” and a “buffer zone between the Muslim north and Christian south”. It allows Moscow to expand “across the continent”, and Russian companies to strike lucrative mineral deals, the documents say»

«On 24 May the Kremlin announced it was dispatching a team of army specialists to the neighbouring Democratic Republic of the Congo.»

«Five days later the Kremlin said it would host the first ever Russia-Africa summit in October in the Black Sea resort of Sochi. Putin and Egypt’s president, Abdel Fatah al-Sisi, will chair the event. About 50 African leaders are due to attend»

«The closest relations are with CAR, Sudan and Madagascar – all put at five. Libya, Zimbabwe and South Africa are listed as four, according to the map, with South Sudan at three, and DRC, Chad and Zambia at two.»

«Other documents cite Uganda, Equatorial Guinea and Mali as “countries where we plan to work”. Libya and Ethiopia are flagged as nations “where cooperation is possible”.»

«In Madagascar the new president, Andry Rajoelina, won election with “the Company’s support”, the map says. Russia “produced and distributed the island’s biggest newspaper, with 2 million copies a month”, it adds. Rajoelina denies receiving assistance.»

«Other suggestions in the documents include trans-African road and rail-building schemes. A railway could be built linking Dakar in Senegal with Port Sudan in Sudan, along the “old hajj [pilgrimage] route”. A separate 2,300-mile (3,700km) toll road was proposed connecting Port Sudan with Douala in Cameroon»

«More immediate practical measures include setting up Russian-controlled non-governmental organisations in African states and organising local meetings.»

«Russian operatives also offer thoughts on global politics.»

* * * * * * *

I piani di Mr Putin sono a lungo termine.

Sembrerebbe quindi difficile poter vedere risultati immediati od a breve. Ma l’esperienza insegna come questo approccio per piccoli passi discreti ponga delle solide basi durature.

Attenzione!

L’Africa odierna è povera, spesso misera. Ma è nella stessa situazione della Cina trenta anni or sono, e trenta anni passano velocemente. Pensiamo solo a come cambierebbe il mondo quando l’Africa entrasse tra i paesi emersi.


Guardian. 2019-06-11. Exclusive: Kremlin ally Yevgeny Prigozhin leading push to turn continent into strategic hub, documents show

Russia is seeking to bolster its presence in at least 13 countries across Africa by building relations with existing rulers, striking military deals, and grooming a new generation of “leaders” and undercover “agents”, leaked documents reveal.

The mission to increase Russian influence on the continent is being led by Yevgeny Prigozhin, a businessman based in St Petersburg who is a close ally of the Russian president, Vladimir Putin. One aim is to “strong-arm” the US and the former colonial powers the UK and France out of the region. Another is to see off “pro-western” uprisings, the documents say.

In 2018 the US special counsel Robert Mueller indicted Prigozhin, who is known as “Putin’s chef” because of his Kremlin catering contracts. According to Mueller, his troll factory ran an extensive social media campaign in 2016 to help elect Donald Trump. The Wagner group – a private military contractor linked to Prigozhin – has supplied mercenaries to fight in Ukraine and Syria.

The documents show the scale of Prigozhin-linked recent operations in Africa, and Moscow’s ambition to turn the region into a strategic hub. Multiple firms linked to the oligarch, including Wagner, are known by employees as the “Company”. Its activities are coordinated with senior officials inside Russia’s foreign and defence ministries, the documents suggest.

Putin showed little interest in Africa in the 2000s. But western sanctions imposed in 2014 over the annexation of Crimea have driven Moscow to seek new geopolitical friends and business opportunities.

Russia has a military presence and peacekeeping mission in Central African Republic. CAR is described as “strategically important” and a “buffer zone between the Muslim north and Christian south”. It allows Moscow to expand “across the continent”, and Russian companies to strike lucrative mineral deals, the documents say.

On 24 May the Kremlin announced it was dispatching a team of army specialists to the neighbouring Democratic Republic of the Congo. According to Dmitry Peskov, Putin’s press spokesman, they will service Russian-made military equipment. So far Moscow has signed military cooperation deals with about 20 African states.

Five days later the Kremlin said it would host the first ever Russia-Africa summit in October in the Black Sea resort of Sochi. Putin and Egypt’s president, Abdel Fatah al-Sisi, will chair the event. About 50 African leaders are due to attend. The aim is to foster political, economic and cultural cooperation.

The leaked documents were obtained by the Dossier Center, an investigative unit based in London. The centre is funded by Mikhail Khodorkovsky, the Russian businessman and exiled Kremlin critic.

Prigozhin has been approached for comment. He has previously denied any links to the troll factory and has said of Wagner that it does not exist. Putin has previously said that entities linked to Prigozhin do not constitute the Russian state.

A map from December 2018 seen by the Guardian shows the level of cooperation between the “Company” and African governments, country by country. Symbols indicate military, political and economic ties, police training, media and humanitarian projects, and “rivalry with France”. Five is the highest level; one is the lowest.

The closest relations are with CAR, Sudan and Madagascar – all put at five. Libya, Zimbabwe and South Africa are listed as four, according to the map, with South Sudan at three, and DRC, Chad and Zambia at two.

Other documents cite Uganda, Equatorial Guinea and Mali as “countries where we plan to work”. Libya and Ethiopia are flagged as nations “where cooperation is possible”. The Kremlin has recently stepped up its ground operation in Libya. Last November the Libyan commander Khalifa Haftar travelled to Moscow and met the defence minister, Sergei Shoigu. Prigozhin was spotted at the talks. Egypt is described as “traditionally supportive”.

The graphic gives an overview of “Company” activities and achievements. It claims credit in CAR for getting of rid of politicians who are “orientated to France”, including national assembly representatives and the foreign minister. This appears to be Charles-Armel Doubane, sacked in December. It has “strengthened” the army and set up newspapers and a radio station. Russia is an “83% friend”, it says.

In Madagascar the new president, Andry Rajoelina, won election with “the Company’s support”, the map says. Russia “produced and distributed the island’s biggest newspaper, with 2 million copies a month”, it adds. Rajoelina denies receiving assistance.

Another key territory is Sudan. Last year Russian specialists drew up a programme of political and economic reform, designed to keep President Omar al-Bashir in power. It included a plan to smear anti-government protesters, apparently copy-pasted from tactics used at home against the anti-Putin opposition. (One memo mistakenly says “Russia” instead of “Sudan”.)

One ploy was to use fake news and videos to portray demonstrators in Khartoum and other Sudanese cities as “anti-Islam”, “pro-Israel” and “pro-LGBT”. The government was told to increase the price of newsprint – to make it harder for critics to get their message out – and to discover “foreigners” at anti-government rallies.

In a leaked letter Prigozhin wrote to Bashir complaining that the president had not actually followed through on the advice. Prigozhin mentioned “lack of activity” by the Sudanese government and its “extremely cautious position”.

The military deposed Bashir in April in a coup. Last week Sudan’s Rapid Support Forces opened fire on pro-democracy protesters, killing over a hundred. The Russian advisers had urged Sudan’s military council to suppress the activists with “minimal but acceptable loss of life”, one former regime source told CNN.

Meanwhile, Moscow is keen to exploit a long-running territorial dispute in Comoros, the documents say. France directly controls one out of four of the Indian Ocean islands, Mayotte. In 2018 Prigozhin employees flew to Comoros via Belarus. Their objective was to test if “political technologies” might be used to inflame the row between Paris and the Comoros government.

Other suggestions in the documents include trans-African road and rail-building schemes. A railway could be built linking Dakar in Senegal with Port Sudan in Sudan, along the “old hajj [pilgrimage] route”. A separate 2,300-mile (3,700km) toll road was proposed connecting Port Sudan with Douala in Cameroon. Neither has so far happened.

A plan to revive “pan-African consciousness” appears closely modelled on the idea of Russkiy Mir, or Russian world. The concept has become fashionable under Putin and signifies Russian power and culture extended beyond current borders.

One working paper is titled “African world”. It calls for a developing “African self-identity”. It recommends collecting a database of Africans living in the US and Europe, which might be used to groom “future leaders” and “agents of influence”. The eventual goal is a “loyal chain of representatives across African territory”, the March 2018 paper says.

More immediate practical measures include setting up Russian-controlled non-governmental organisations in African states and organising local meetings.

It is unclear how many Prigozhin initiatives have actually gone forward. There is evidence that media projects mentioned in the documents are now up and running – albeit with marginal impact. They include a website, Africa Daily Voice, with its HQ in Morocco, and a French-language news service, Afrique Panorama, based in Madagascar’s capital Antananarivo.

Russian operatives also offer thoughts on global politics. One policy paper, titled “Russian influence in Africa”, says Moscow needs to find “reliable partners among African states” and should establish military bases.

Pubblicato in: Bergoglio, Devoluzione socialismo, Geopolitica Africa, Religioni

Chiesa. Chi entra in conclave papa ne esce cardinale. Sarah e i migranti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-09.

Sarah cardinale

Chiunque si sia preso la briga di leggersi, meglio forse studiarsi, il Flichet Martin, Storia della Chiesa, ha ampio materiale per meditare che i preti non siano riusciti a distruggerla perché è istituzione divina. Ce la avevano messa tutta.

«E il mondo, sgomento, si ritrovò ariano»: così constatò amareggiato san Girolamo. L’imperatore Costanzo mica che scherzasse, con lui il boia non restava certo inoperoso: aveva imposto l’arianesimo e non defletteva. Atanasio di Alessandria:, Lucifero di Cagliari, Eusebio di Vercelli, Dionigi di Milano, Ilario di Poitiers furono gli unici vescovi ad opporsi: per lungo tempo subirono l’esilio. Tutti gli altri vescovi abiurarono. Tutti. Ma alla fine l’arianesimo fu sconfitto sia dal punto di vista dogmatico, sia anche da quello umano sul campo di battaglia di Pavia.

Perché questo incipit?

Negli ultimi settanta anni l’ideologia liberal ha ricalcato le orme e la storia dell’arianesimo. Il loro potere politico e quello economico hanno combattuto la Chiesa permeandola e traendo nelle proprie fila sia i semplici fedeli, sia vescovi e cardinali. Il concetto di filantropia ha a lungo soppiantato quello della Carità, e mammona si è dato un gran da fare, spalleggiato da asmodeo. Come per l’arianesimo, il Cristo è ridotto a mera figura umana. Il caso McCarrick dovrebbe ben essere significativo e non è sicuramente l’unico.

* * *

Ma in ogni epoca la Chiesa ha i suoi Atanasi.

«Robert Sarah (Ourous, 15 giugno 1945) è un cardinale e arcivescovo cattolico guineano, dal 23 novembre 2014 prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti.

Maturata la vocazione al sacerdozio, intraprende gli studi; nel 1964 ottiene il baccalaureato in teologia.

Il 20 luglio 1969 è ordinato presbitero, nella cattedrale di Sainte Marie a Conakry, dall’arcivescovo Raymond-Maria Tchidimbo.

Dopo l’ordinazione riprende gli studi; ottiene la licenza in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma e una licenza in sacra scrittura presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme. Rientra in Guinea nel 1974. ….

Il 13 agosto 1979 papa Giovanni Paolo II lo nomina, a soli trentaquattro anni, arcivescovo metropolita di Conakry; succede al dimissionario Raymond-Maria Tchidimbo, costretto all’esilio dopo anni di prigionia. L’8 dicembre successivo riceve l’ordinazione episcopale …

Il 1º ottobre 2001 papa Giovanni Paolo II lo nomina segretario della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli; succede a Marcello Zago, deceduto il 1º marzo 2001.

Il 7 ottobre 2010 papa Benedetto XVI lo nomina presidente del Pontificio consiglio “Cor Unum”; succede al cardinale Paul Josef Cordes, dimessosi per raggiunti limiti d’età.

Nel concistoro del 20 novembre 2010 papa Benedetto XVI lo crea cardinale diacono di San Giovanni Bosco in via Tuscolana, diventando il primo cardinale guineano. Il 30 gennaio 2011 prende possesso della diaconia.

Il 12 e il 13 marzo partecipa come cardinale elettore al conclave del 2013, che porta all’elezione di papa Francesco.

Il 23 novembre 2014 papa Francesco lo nomina prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti.» [Fonte]

* * *

Ecco alcune sue frasi.

«l’Africa potrebbe diventare la punta di lancia della Chiesa nella sua opposizione alla decadenza occidentale»

*

«Per quel che riguarda il mio continente voglio denunciare con forza una volontà d’imporre dei falsi valori utilizzando argomenti politici e finanziari. In alcuni Paesi africani sono stati creati ministeri dedicati alla teoria del gender in cambio di sostegno economico! Queste politiche sono tanto più odiose in quanto la maggior parte delle popolazioni africane è senza difesa, alla mercé d’ideologi occidentali fanatici»

*

«l’idea che consisterebbe nel rinchiudere il Magistero in un bello scrigno staccandolo dalla pratica pastorale che potrebbe evolvere secondo le circostanze, le mode e le passioni, è una forma di eresia, una pericolosa patologia schizofrenica. Affermo dunque con solennità che la Chiesa d’Africa si opporrà fermamente a ogni ribellione contro l’insegnamento di Gesù e del Magistero»

*

«Da una parte, l’idolatria della libertà occidentale; dall’altra il fondamentalismo islamico: secolarismo ateo contro fanatismo religioso».

* * *

Citiamo infine uno dei suoi tanti libri:

La forza del silenzio. Contro la dittatura del rumore, con Nicolas Diat, Cantagalli, 2017

In calce, alleghiamo un articolo che ben spiega il card Sarah: una ottimo traduzione del classico Why Cardinal Sarah terrifies his critics.

* * * * * * *

Vatican Cardinal: Encouraging Immigration Misrepresents the Gospel

«it is wrong to “use the word of God to promote migration.”»

*

«using the Bible to promote migration constitutes “false exegesis,” adding that it is better “to help people flourish in their culture than to encourage them to come to Europe.”»

*

«the cardinal condemned the Church’s push for migration into Europe in the strongest terms, insisting that most immigrants wind up “without work or dignity” and assume the condition of slaves»

*

«this new form of slavery that is mass migration»

*

«If Europe disappears, and with it the priceless values of the Old Continent, Islam will invade the world and we will completely change culture, anthropology, and moral vision»

*

«This is not the end of the world, the Church will rise»

*

«In the Church there have always been betrayals. Today, I can say without fear that some priests, some bishops and even some cardinals are afraid to proclaim what God teaches and to transmit the doctrine of the Church. They are afraid of being seen as reactionary»

*

«yield to the morbid, wicked temptation to align the Church with the current values of Western societies. Above all they want people to say that the Church is open, welcoming, attentive, modern»

*

«Some have adopted the ideologies of today’s world with the fallacious pretext of being open to the world. But instead we should bring the world to be open to God, who is the source of our existence»

*

«When I visited Poland, a country often criticized, I encouraged the faithful to affirm their identity as they have done for centuries …. My message was simple: you are first and foremost Poles and Catholics and only afterward Europeans. You must not sacrifice these first two identities on the altar of a technocratic Europe that recognizes no homeland.»

*

«The European Union no longer protects the peoples within it. It protects the banks.»

* * *

Nella sua storia millenaria, la Chiesa ha spesso dovuto attraversare il deserto. Sono i momenti della prova, sempre molto dura. Ma sono anche i momenti fondamentali nei quali si setaccia il grano dalla pula.I santi ed i martiri emergono nei momenti dei triboli.

Una sola nota, ma che la conta tutta.

Molti presbiteri, vescovi e financo cardinali parlano in continuo dei problemi politici, sociali ed economici dei migranti. Ma non si riesce a sentire nemmeno una parola sulla necessità di convertirli. Per chiarire: convertire non significa costringere, bensì proporre. Senza Cristo, la carità diventa filantropia, e la filantropia mammona.

«Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura.» Marco, 16: 15.

Mica ha detto di fare finanza, oppure di costruire strade e ponti.

Non si confondano i mezzi con il fine.

*


Vatican Cardinal: Encouraging Immigration Misrepresents the Gospel

The prominent Vatican Cardinal Robert Sarah, as his newly released book is causing furor in Europe, said it is wrong to “use the word of God to promote migration.”

The Guinean cardinal, prefect of the Vatican’s Congregation for Divine Worship, said that using the Bible to promote migration constitutes “false exegesis,” adding that it is better “to help people flourish in their culture than to encourage them to come to Europe.”

In an interview last week, the cardinal condemned the Church’s push for migration into Europe in the strongest terms, insisting that most immigrants wind up “without work or dignity” and assume the condition of slaves.

“Is that what the Church wants?” he asked, adding that the Church should not support “this new form of slavery that is mass migration.”

“God never intended these fractures,” he said.

The cardinal also said that the demise of Christian Europe does not bode well for the future of the world.

“If Europe disappears, and with it the priceless values of the Old Continent, Islam will invade the world and we will completely change culture, anthropology, and moral vision,” he warned.

Cardinal Sarah has recently published a new book titled Evening Draws Near and the Day is Nearly Over (from Luke 24:29), in which he laments the “collapse of the West,” as well as the “migratory processes” that threaten Europe’s identity.

The cardinal insists that he wrote the book not to discourage believers but to “give hope” to all God’s people. “This is not the end of the world, the Church will rise,” he said.

In his interview, however, the cardinal pulls no punches in decrying what he sees as a betrayal of many of the Church’s pastors to preach the true Gospel of Christ and, instead, waste their time in political activism.

“In the Church there have always been betrayals. Today, I can say without fear that some priests, some bishops and even some cardinals are afraid to proclaim what God teaches and to transmit the doctrine of the Church. They are afraid of being seen as reactionary,” he said.

“And so they say confusing, vague, inaccurate things, to escape any criticism, and to enlist in the stupid evolution of the world. This is a betrayal,” he said.

“If he does not teach the faith, if he enjoys activism instead of reminding people that they are made for prayer, he betrays his mission,” Sarah said. “Jesus says, ‘I will strike the shepherd and the sheep of the flock shall be scattered.’ This is what is happening today. People no longer know who to turn to.”

There are some who “yield to the morbid, wicked temptation to align the Church with the current values of Western societies. Above all they want people to say that the Church is open, welcoming, attentive, modern,” he said.

“Some have adopted the ideologies of today’s world with the fallacious pretext of being open to the world. But instead we should bring the world to be open to God, who is the source of our existence,” he said.

The cardinal also offered his support for nationalist movements in Europe that wish to recover their sovereignty from Brussels.

“When I visited Poland, a country often criticized, I encouraged the faithful to affirm their identity as they have done for centuries,” the cardinal said. “My message was simple: you are first and foremost Poles and Catholics and only afterward Europeans. You must not sacrifice these first two identities on the altar of a technocratic Europe that recognizes no homeland.”

“The Brussels Commission thinks only about building a free market in the service of the great financial powers,” he continued. “The European Union no longer protects the peoples within it. It protects the banks.”

“This contemporary desire to globalize the world, ridding it of nations with their distinctive characteristics is sheer madness,” he said.»

*


Why Cardinal Sarah terrifies his critics

Com’è che il cardinal Sarah è diventato l’uomo più pericoloso della cristianità

Per gentile concessione del Catholic Herald, proponiamo di seguito in una nostra traduzione un articolo di Matthew Schmitz apparso nel numero del 23 giugno del magazine cattolico londinese. Il testo originale in inglese è pubblicato in questa pagina.

Una folla sempre più numerosa vuole la testa del cardinale Robert Sarah su un piatto. Aprite un qualunque periodico cattolico liberal e probabilmente vi troverete un appello al licenziamento del cardinale guineano che in Vaticano guida la Congregazione per il Culto divino: «È giunto il tempo per [papa Francesco] di sostituire il cardinal Sarah» (Maureen Fiedler, National Catholic Reporter); «Potrebbe esserci bisogno di vino nuovo alla Congregazione per il Culto divino» (Christopher Lamb, The Tablet); «I rappresentanti della Curia che si rifiutano di adeguarsi al programma di Francesco dovrebbero dimettersi. O il Papa dovrebbe mandarli da qualche altra parte» (Robert Mickens, Commonweal); «Papa Francesco deve puntare i piedi. I cardinali come Robert Sarah… possono credere che con un pontificato che va nella direzione sbagliata, sia un dovere resistere. Ma questo non significa che Francesco debba arrendersi a loro» (The Tablet).

Sarah non è sempre stato trattato come l’uomo più pericoloso della cristianità. Quando fu scelto per l’incarico da papa Francesco nel 2014, beneficiò della benevolenza anche di quelli che oggi lo criticano. Mickens lo descrisse come «poco ambizioso, un buon ascoltatore e, nonostante abbia mostrato chiaramente un lato conservatore da quando è arrivato a Roma… un “uomo del Vaticano II”». Le fonti di Lamb gli riferirono che Sarah sarebbe piaciuto ai liberal, il tipo di vescovo che guarda simpateticamente alla “inculturazione”. John Allen sintetizzò così il consenso intorno al Vaticano: Sarah è un vescovo di basso profilo, «caloroso, simpatico e modesto».

Tutto questo mutò il 6 di ottobre del 2015, il terzo giorno del controverso Sinodo sulla famiglia. I padri sinodali erano divisi da due richieste apparentemente contrastanti, quella di avvicinarsi alle persone che si sentono stigmatizzate dall’insegnamento della Chiesa riguardo al sesso e quella di proclamare coraggiosamente la verità a un mondo ostile. In quello che divenne noto come il discorso delle “bestie dell’apocalisse”, Sarah insistette che entrambe le cose sono possibili. «Non combattiamo contro creature di carne e sangue», disse ai suoi fratelli vescovi. «Dobbiamo essere inclusivi e accoglienti verso tutto ciò che è umano». Ma la Chiesa deve continuare a proclamare la verità di fronte a due grandi sfide. «Da una parte, l’idolatria della libertà occidentale; dall’altra il fondamentalismo islamico: secolarismo ateo contro fanatismo religioso».

Da giovane prete Sarah aveva studiato alla École Biblique di Gerusalemme e progettato una dissertazione su “Isaia, capitoli 9-11, alla luce della linguistica semitica nordoccidentale: ugaritico, fenicio e punico”. Perciò non sorprende che [al Sinodo] impiegò il linguaggio biblico per spiegarsi. La libertà occidentale e il fondamentalismo islamico, disse all’assemblea, sono come le due «bestie dell’apocalisse». L’immagine viene dal Libro della Rivelazione, che parla di due bestie che attaccheranno la Chiesa. La prima emergerà dal mare con sette teste, dieci corna e blasfemia sulle labbra. La seconda sorgerà dalla terra facendo grandi prodigi e convincerà il mondo ad adorare la prima.

Questa strana dinamica – una minaccia mostruosa che porta gli uomini ad abbracciarne un’altra – è quella che Sarah vede all’opera nella nostra epoca. La paura della repressione religiosa induce alcuni a venerare una libertà idolatrica. (Mi ricordo la volta che fui l’unico a rimanere seduto mentre Ayaan Hirsi Ali terminava un suo discorso chiedendo alla platea di fare un’ovazione «alla blasfemia!»). D’altra parte, gli attacchi alla natura umana spingono altri ad abbracciare la falsa sicurezza del fondamentalismo religioso, che ha la sua espressione più terribile sotto l’insegna nera dell’Isis. Ciascun male tenta coloro che lo temono a soccombere al suo opposto. Così come con il comunismo e il nazismo nel XX secolo, bisogna resistere a entrambi.

L’arcivescovo Stanisław Gądecki, capo della Conferenza episcopale polacca, scrisse che l’intervento di Sarah aveva un «livello teologico e intellettuale molto alto», ma sembra che altri non ne abbiano inteso il significato. L’arcivescovo di Brisbane, Mark Coleridge, deprecò l’uso del «linguaggio apocalittico». (Viene da chiedersi che cosa pensi del resto della Rivelazione di Giovanni). «Ai giovani non piace che gli si ricordi il giudizio», ironizzò un cardinale dopo il discorso di Sarah.

Un importante osservatore di cose vaticane mi scrisse da Roma: «[Sarah] è intervenuto oggi parlando delle due bestie dell’Apocalisse. Il suo potenziale papabile ha subìto un brutto colpo». Il padre gesuita James Martin dichiarò che Sarah aveva violato il Catechismo, «che ci chiede di trattare le persone LGBT con “rispetto, compassione, delicatezza”».

A volte viene da chiedersi se, per i cattolici come padre Martin, esistano parole con cui l’insegnamento della Chiesa a riguardo del sesso possa essere difeso – dal momento che loro non le utilizzano mai. Comunque, la reazione al discorso di Sarah probabilmente aveva a che fare più con il semplice analfabetismo che con una qualche differenza di principio. Il cardinale di Durban, Wilfred Napier, alla vigilia del Sinodo disse che gli europei soffrono di una «diffusa ignoranza e rifiuto non solo dell’insegnamento della Chiesa ma anche della Scrittura». Aveva ragione. Coloro che non vivono nella Scrittura e non conoscono personalmente le sue immagini sono più propensi a ritenere il linguaggio biblico irrilevante o incendiario.

Il 14 ottobre, una settimana dopo il discorso di Sarah, il cardinale Walter Kasper si lamentò degli interventi africani al Sinodo. «Io posso parlare solo della Germania, dove una larga maggioranza vuole un’apertura verso i divorziati risposati. Lo stesso vale per il Regno Unito e ovunque». O meglio, non proprio ovunque: «Con l’Africa è impossibile. Ma non dovrebbero essere loro a dirci cosa fare».

Il rigetto di Sarah e degli altri africani da parte di Kasper scatenò una immediata protesta. Obianuju Ekeocha, una cattolica nigeriana che si batte contro l’aborto, scrisse: «Figuratevi il mio shock oggi quando ho letto le parole di uno dei più importanti padri sinodali… In quanto donna africana che oggi vive in Europa, vedo le mie idee e i miei valori morali continuamente screditati come “questioni africane”». D’accordo il cardinale Napier: «È preoccupante leggere espressioni com “il teologo del Papa” riferite al cardinale Kasper… Kasper non è molto rispettoso verso la Chiesa africana e i suoi pastori».

La dichiarazione di Kasper ruppe la diga. Da quel momento, una ondata di abusi si è abbattuta su Sarah. I suoi critici lo hanno descritto come arrogante, ignorante e un criminale potenziale – o quanto meno meritevole di una bella lezione.

Michael Sean Winters del National Catholic Reporter ha ricordato a Sarah il suo ruolo («In fondo i cardinali di Curia sono dipendenti, dipendenti rispettati, ma dipendenti»). Padre William Grim su La Croix ha definito il suo lavoro «asinesco… palesemente stupido… idiozia». Andrea Grillo, un liturgista italiano liberal, ha scritto: «Sarah ha mostrato, da anni, una sostanziale inadeguatezza e incompetenza in ambito liturgico».

Su The Tablet, padre Anthony Ruff ha corretto Sarah. «Sarebbe bene che studiasse le riforme più approfonditamente e riuscisse a comprendere, per esempio, cosa significa “mistero” nella teologia cattolica». Massimo Faggioli, un vaticanista che frequenta le gelaterie di Roma, ha osservato innocentemente che il discorso delle bestie dell’apocalisse di Sarah «sarebbe passibile di denuncia penale in alcuni paesi». (Avendo amministrato per anni sotto la brutale dittatura marxista di Sékou Touré, Sarah non ha proprio bisogno che gli si ricordi che la professione della fede cristiana può essere un crimine).

Dopo che papa Francesco ha respinto l’appello di Sarah ai sacerdoti a celebrare la Messa ad orientem, il disprezzo verso di lui è esploso in una scarica di botte: «È assai insolito per il Vaticano schiaffeggiare pubblicamente un principe della Chiesa, eppure non sorprende del tutto visto come si è mosso il cardinal Sarah…» (Christopher Lamb, Tablet); «Il Papa ha schiaffeggiato Sarah abbastanza sonoramente, salvandogli la faccia solo un po’» (Anthony Ruff, Pray Tell); «Il Papa schiaffeggia Sarah» (Robert Mickens su Twitter); «Papa Francesco… lo ha schiaffeggiato» (sempre Mickens, per Commonweal); «Un altro schiaffo» (Mickens ancora una volta, qualche mese dopo per La Croix). Sommato tutto insieme, fa una notevole lezione.

Scambiarsi accuse di insensibilità probabilmente non è il modo migliore per risolvere le dispute dottrinali, ma la retorica dei critici di Sarah rivela qualcosa di importante a riguardo della vita cattolica oggi: nelle dispute dottrinali, morali e liturgiche, i cattolici liberal sono diventati nazionalisti ecclesiali.

I cattolici tradizionali sono inclini a sostenere standard dottrinali e atteggiamenti pastorali coerenti a prescindere dai confini nazionali. Se non prediligono la Messa in latino, vogliono che le traduzioni nelle lingue locali ricalchino il latino il più esattamente possibile. Non sono scandalizzati dal modo in cui gli africani parlano dell’omosessualità o i cristiani d’Oriente dell’islamismo.

I cattolici liberal, invece, si battono per le traduzioni scritte in stile idiomatico e approvate dalle conferenze episcopali nazionali, non da Roma. Le realtà locali esigono che la verità venga regolata ogni volta che oltrepassa un confine. Le affermazioni dottrinali cattoliche dovrebbero essere accennate in un linguaggio pastoralmente sensibile – sensibile cioè verso le sensibilità dell’Occidente ricco e istruito.

Uno dei vantaggi del nazionalismo ecclesiale è che consente ai liberal di evitare di argomentare in campo dottrinale, dove i “rigoristi” tradizionali di solito hanno la meglio. Se la verità deve essere mediata dalle realtà locali, nessuno a Roma o ad Abuja avrà granché da dire sulla fede di Bruxelles e di Stoccarda (ecco qual era il punto dietro il rigetto degli africani da parte di Kasper).

È quel che emerge in certi autori come Rita Ferrone di Commonweal, la quale dice che invece di badare a Sarah, chi parla inglese dovrebbe «fidarsi del nostro popolo e del nostro buon senso per quanto riguarda la preghiera nella nostra lingua». Il “noi” che sta dietro quel “nostro” non è globale e cattolico, ma borghese e americano.

E se invece di essere rimesso al suo posto, schiaffeggiato e sbattuto in galera per aver violato i codici linguistici dell’Occidente, Sarah diventasse papa? Ecco quello che i suoi critici temono di più. Mickens scrive della cupa possibilità di un «Pio XII (anche noto come Robert Sarah». Lamb dice che Sarah potrebbe finire per essere «il primo papa nero». (Sarebbe stupendo – i genitori di Sarah, due convertiti del remoto villaggio di Ourous, in Guinea, immaginavano che solo gli uomini bianchi potessero diventare preti e risero quando il loro figlio disse loro che voleva entrare in seminario). Lo stesso osservatore bene informato che mi disse che il potenziale di Sarah era precipitato durante il Sinodo, ora dice che le sue prospettive stanno migliorando. «La gente ha visto tutti gli attacchi, e il suo generoso rifiuto di rispondere a tono».

È davvero notevole il fatto che Sarah abbia sopportato una tale gragnuola di insulti con tanta grazia. Nel suo nuovo libro La forza del silenzio sentiamo il suo grido soffocato di angoscia:

«Ho provato sulla mia pelle la dolorosa esperienza dell’assassinio attraverso il chiacchiericcio, la calunnia e la pubblica umiliazione, e ho imparato che quando una persona ha deciso di distruggerti, non le mancheranno le parole, la cattiveria e l’ipocrisia; la menzogna ha una capacità immensa di costruire argomenti, prove e verità sulla sabbia. Quando tale è il comportamento degli uomini di Chiesa, e dei vescovi in particolare, il dolore è anche più profondo. Ma… dobbiamo restare calmi e in silenzio, chiedendo che la grazia non ceda mai al rancore, all’odio e alla sensazione dell’impotenza. Restiamo saldi nel nostro amore per Dio e per la sua Chiesa, nell’umiltà».

Nonostante tutto questo, Sarah è un uomo indomito. Il suo libro ribadisce l’appello alla Messa ad orientem e al resto della “riforma della riforma”. «Se Dio vorrà, quando vorrà e come vorrà, sarà realizzata la riforma della riforma nella liturgia. Malgrado lo stridore di denti, essa avverrà, perché c’è in gioco il futuro della Chiesa».

Se Sarah si è rifiutato di rendersi accondiscendente con quelli che comandano a Roma, non si metterà nemmeno al servizio altri schieramenti. In questo libro meravigliosamente personale, racconta vecchie storie popolari islamiche, ama profondamente i deboli e gli afflitti, e depreca gli interventi armati: «Come possiamo non essere scandalizzati e inorriditi dall’azione dei governi dell’America e dell’Occidente in Iraq, Libia, Afghanistan e Siria?». Sarah li considera spargimenti di sangue idolatrici «nel nome della dea Democrazia» e «nel nome della Libertà, un’altra divinità dell’Occidente». Si oppone allo sforzo di costruire «una religione senza confini e una nuova etica globale». E se questa vi sembra un’iperbole, ricordate che sei giorni dopo che i missili avevano colpito Baghdad, Tony Blair mandò a George W. Bush un promemoria che diceva: «La nostra ambizione è grande: costruire un’agenda globale attorno alla quale possiamo unire il mondo… per diffondere i nostri valori di libertà, democrazia, tolleranza». Sarah vede questo programma come qualcosa di contiguo alla blasfemia.

Ha opinioni altrettanto taglienti sull’economia moderna: «La Chiesa commetterebbe un errore fatale se si logorasse nel tentativo di dare una specie di volto sociale al mondo moderno che è stato scatenato dal capitalismo del libero mercato».

Guerra, persecuzione, sfruttamento: tutte queste forze fanno parte di una «dittatura del rumore» i cui slogan incessanti distraggono gli uomini e screditano la Chiesa. Per resistere ad essa, Sarah si rivolge all’esempio di Fratello Vincent, un giovane recentemente scomparso che Sarah amava con tutto il cuore. Solo se amiamo e preghiamo come Vincent possiamo sentire la musica callada, la musica silenziosa che gli angeli suonarono per Giovanni della Croce. Sì, questo libro mostra che Sarah ha molto da dire: sulla vita mistica, sulla Chiesa e sull’attualità mondiale. Ma su tutto il resto, rimane in silenzio – mentre il mondo parla di lui.

Pubblicato in: Cina, Commercio, Geopolitica Africa

Cina penetra economicamente l’Africa subsahariana.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-30.

Cina

Cina. Consolida il suo impero in Africa. [2016-11-05]

«Se negli anni sessanta l’Occidente rendeva conto di oltre il 90% del pil mondiale, ad oggi supera a stento il 40%: paesi allora miseri sono emersi economicamente ed adesso sono potenze economiche mondiale o, almeno, locoregionali. ….

Stiamo assistendo al crollo della visione occidentale di tentare di integrare obtorto collo le altre realtà politiche, sociali ed economiche usando la sola leva economica. ….

Il nodo è che i popoli sono attaccati al loro retaggio religioso, storico, culturale e sociale in modo ben più radicato e profondo di quanto non possa apparire ad un’analisi superficiale. ….

In Cina Deng Xioaping ha fatto transitare il Pcc in una risorta scuola mandarinica. ….»

*

«South Africa is the only country on the continent to have legalised gay marriage. Most African countries have made it illegal to be gay or lesbian»

*

«China’s popularity in Africa is strong. Its policy of not linking aid and investments to human rights and good governance has made Beijing many friends on the continent, beyond its authoritarian governments»

*

Cina ed Africa. I rapporti collaborativi si stanno consolidando.

«La ricetta cinese è di estrema semplicità: mentre l’Occidente condiziona i rapporti economici all’accettazione della propria Weltanschauung, la Cina molto pianamente accetta trattative alla pari, senza imporre condizioni che mutino i costumi dei popoli. Solo per fare un esempio, il suffragio universale vige quasi esclusivamente in Occidente, e così come la visione di una società lgbt, del tutto aliena a quella africana.»

* * * * * * *

La seconda grande differenza tra Occidente e Cina risiede nel fatto che quest’ultima è da millenni abituata a pensare in termini strategici, ossia con piani di lungo termine, sull’arco dei decenni. L’occidentale giudica su quanto guadagna ora, il cinese su quanto guadagnerà domani.

Comprendere a fondo queste due differenze consente di capire appieno cosa stia succedendo.

Mentre per l’Occidente l’Africa subsahariana è un posto desolatamente misero da cui portar via quante più risorse maturali sia possibile, per la Cina è invece una zona abbandonata dall’Occidente ma destinata a crescere e svilupparsi: e ciò è utile che avvenga sotto l’egida cinese. Ragionamento analogo per altre parti del mondo: l’obiettivo di lungo termine è quello di rinchiudere l’Occidente entro i suoi confini naturali.

*

«Le esportazioni di alcuni importanti Paesi dell’Africa subsahariana dipendono dagli alti e bassi del Paese asiatico»

*

«A prima vista è un bene, ma a lungo andare ciò significa che Pechino può influenzare a suo piacimento l’andamento economico di intere nazioni»

*

«Mauritania, Gambia, Eritrea, Sud Sudan, Gabon, Congo, Repubblica democratica del Congo, Angola e Zambia: le loro esportazioni africane in Cina pesano per il 30% sul totale»

*

«Sempre in Africa subsahariana gli Stati con un export verso la Cina compreso fra il 15 e il 30% sono Guinea, Sierra Leone, Repubblica Centrafricana e persino il ricco Sudafrica»

*

«il gruppo composto da Ghana, Camerun, Chad, Tanzania e Madagascar al 5-10%.»

* * * * * * *

Se si riuscisse a ragionare in termini strategici, si dovrebbe concludere che nel volgere di una generazione l’Africa subsahariana sarà intimamente interconnessa commercialmente con la Cina da formare un unico blocco politico.

Questo dovrebbe aprire alla Cina futuri mercati di miliardi di persone in sistemi economici emergenti. Si pensi ad una Cina da quattro miliardi e più di persone.


Pechino assorbe il 30% dell’export di 9 Paesi subsahariani.

L’Europa farà la fine dell’Africa? Nessun allarmismo, sono i numeri che parlano. Le esportazioni di alcuni importanti Paesi dell’Africa subsahariana dipendono dagli alti e bassi del Paese asiatico. A prima vista è un bene, ma a lungo andare ciò significa che Pechino può influenzare a suo piacimento l’andamento economico di intere nazioni.

Le esportazioni africane in Cina

La cartina sopra mostra quanto pesano le esportazioni africane in Cina per ciascun Paese africano, calcolate in percentuale rispetto all’export complessivo. Guardiamo Mauritania, Gambia, Eritrea, Sud Sudan, Gabon, Congo, Repubblica democratica del Congo, Angola e Zambia: le loro esportazioni africane in Cina pesano per il 30% sul totale. Ciò significa che se domani Pechino decidesse di interrompere i rapporti commerciali, questi Paesi non saprebbero più a chi vendere un terzo delle proprie merci. Una condizione di subalternità che inevitabilmente ne influenza le politiche economiche e gli accordi strategici.

Sempre in Africa subsahariana gli Stati con un export verso la Cina compreso fra il 15 e il 30% sono Guinea, Sierra Leone, Repubblica Centrafricana e persino il ricco Sudafrica. Poi ci sono Niger, Sudan, Etiopia e Mozambico, tutti al 10-15% e il gruppo composto da Ghana, Camerun, Chad, Tanzania e Madagascar al 5-10%. Il Madagascar si è “salvato” dall’influenza cinese anche perché è una specie di “colonia” americana, come Truenumbers ha spiegato in questo articolo. Infine ci sono quei Paesi che hanno mantenuto le esportazioni verso il Dragone inferiori al 5% (è il caso di quelli che si affacciano sul Mediterraneo).

Il neocolonialismo cinese

Ma c’è un altro modo attraverso il quale la Cina si sta “comprando” l’Africa. Mentre gli investimenti statunitensi ed europei nel Paese in Africa sono spesso subordinati alla realizzazione di riforme nel campo dei diritti umani e della democrazia, la Cina non pone condizioni e, in cambio dello sfruttamento delle risorse presenti sul suolo africano, Pechino mette sul piatto miliardi di dollari in infrastrutture, scuole, ospedali, investimenti industriali. Un sistema che però ha creato una vera e propria dipendenza commerciale. Lo possiamo chiamare neocolonialismo?

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Geopolitica Africa

Gambia. Inaugurato il ponte Farrafemi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-27.

gambia__001

Gambia plans to construct 2 key bridges with Chinese expertise

The Gambian government plans to construct two key bridges in the country’s Upper River Region as part of plans to boost transportation and movement of people and goods.

The presidency said on Friday that president Adama Barrow had been presented with designs for the two bridges and a road network when he arrived in the region on his nationwide tour.

The presentation, which was done on the sidelines of the ongoing nationwide tour, at the President’s hometown of Mankamang Kunda, was meant to brief the President about the state of preparedness for the construction of a bridge at Basse-Fatoto and Chamoi-Suduwol crossing points.

The President was told that the construction will commence before the end of 2018, the presidency’s statement read in part. A completion time was however not given or how much the project is estimated to cost.

The designs were presented to Barrow by the Chinese ambassador to the Gambia, Zhang Jiming, who was also accompanied by some officials.

A delighted Barrow is reported to have described the construction as key landmarks since independence. “This is one of the greatest landmark projects since independence in 1965,” he is quoted to have said.

*

Barrow Unveil Major Projects of Bridges, Roads in Rural Gambia

«President Adama Barrow, of the Gambia has laid the foundation stones for bridges and roads in Upper River Region (URR), on Saturday the 15th of  December, 2018 at Bassending about 3km away from Basse, the provincial Capital of URR.

The Basse-Fatoto-Koina road and bridges project in URR of the Gambia was funded by the People’s Republic of China.

On May 19, 2017, China and The Gambia entered into an agreement on economic and technological cooperation.

Also, on July 19, the same year; the two governments signed the exchange of letters on the feasibility study for the construction of the China Aid Road and Bridge projects in URR of The Gambia. ….»

* * * * * * *

La Repubblica del Gambia ha 1.7 milioni di abitanti che hanno un pil ppa procapite di1,868 Usd.

Non è un paese povero: è un paese misero.

Ha un’agricoltura di sussistenza ed una minima industria legata agli arachidi. Ben un terzo del pil è costituito dagli aiuti dell’UNCtad.

Ma il grosso degli aiuti occidentali si concretizza nella fornitura di anticoncezionali.

Cerchiamo di parlare senza usare il tedioso politicamente corretto.

Sia il Gambia sia il Senegal sono paesi miseri che ambirebbero a diventare solo poveri.

Ma miseria e povertà non si risolvono con le elemosine e nemmeno ammazzando la popolazione.

Quei popoli hanno un disperato bisogno di infrastrutture. Sicuramente scuole ed ospedali, ma soprattutto acquedotti, fogne, centrali elettriche, strade, ponti, strade ferrate.

Fare emigrare quella parte di popolazione più intraprendente è un vero e proprio omicidio.

Cina ed Africa. I rapporti collaborativi si stanno consolidando.

Non ci si stupisca dunque che la Cina abbia sostituito quasi totalmente gli occidentali.

I cinesi concorrono a costruire infrastrutture senza voler imporre alla popolazione costumi degeneri.


Bbc. 2019-01-24. The Gambia River bridge set to end ‘centuries’ of trade chaos with Senegal

A new bridge spanning the River Gambia is set to revolutionise travel and trade in the region.

The Gambia is a thin sliver of land either side of the eponymous river, surrounded on three sides by Senegal.

The 1.9km (1.2 miles) Senegambia bridge near Farafenni links the two halves of The Gambia, as well as allowing people from the north of Senegal to reach the southern Senegalese province of Casamance with ease.

Up until now, people have had to use an unreliable ferry crossing or take the long route round The Gambia. Lorry drivers could spend days, and sometimes a week, in a queue waiting to cross meaning that perishable goods could spoil.

On Monday, people took the opportunity to make the crossing over the bridge for the first time.

Celebrations broke out when the crossing, which took seven years to build, was formally opened by Gambia’s President Adama Barrow and Senegal’s President Macky Sall.

One of Africa’s most famous stars, Senegalese musician Youssou Ndour performed for the crowds.

“I have been using this route for the past 15 years,” one driver told the BBC. “Today, I thank God, the hurdles that have been experiencing over the years have finally come to end.

“Also, the bridge will cement the relationship between the two countries.”

“At times I [used to] spend 10 to 20 days waiting for the ferry to cross,” another driver said. “Goods got spoiled, it didn’t only affect the drivers but the businesses.”

There had been a plan to build the bridge since the 1970s, but it was delayed as relations between the neighbours were sometimes strained.

President Sall (second left) thanked the African Development Bank, which helped fund the construction, and paid tribute to “the Gambian people for the great achievement we made together”.

President Barrow (right) said the bridge “ends centuries of travel difficulties”.

At the moment, small cars that use the bridge are charged $5 (£4), lorries and other heavy vehicles will be able to cross from July.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Geopolitica Africa, Ong - Ngo

Mauritius. La Presidente Mrs Gurib-Fakim si dimette. Corruzione. I nomi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-03-10.

Mauritius_-_Post_Office_Stamps

Un giorno o l’altro i liberal si dovranno ben rendere conto che il loro copione è stantio e sta rapidamente virando al grottesco. Nel frattempo continueranno a perdere consensi.

Nel loro credo c’è un indiscusso ed indiscutibile dogma di fede:

“femmina è bello, buono, efficiente”

*

“la femmina è sempre migliore del maschio”.

* * * * * * *

«Cristina Elisabet Fernández Wilhelm, coniugata Kirchner, fu presidente dell’Argentina dal 10 dicembre 2007 al 10 dicembre 2015.

Wikipedia riporta con grande orgoglio:

«Si tratta della seconda donna a diventare presidente della Repubblica argentina dopo Isabelita Perón …. Più in generale è la nona donna, in ordine di tempo, a divenire capo di Stato di un Paese sudamericano indipendentemente dalla modalità di assunzione della carica» [Fonte]

L’entusiasmo dei liberal democratici e delle femministe fu travolgente: finalmente si vedeva uno stato civile destinato alla prosperità massima. Femmina è bello al punto tale che i maschi si facciano femmina.

«Dopo otto anni di governo, la presidente Kirchner ha lasciato il Paese in difficili condizioni economiche: nel 2015 l’Argentina si trova in una situazione di stagnazione, il debito pubblico è in aumento (dal 45,3% del PIL del 2014 al 52,1% del 2015), la bilancia dei pagamenti è in negativo e l’inflazione è al 20% ….

Nel 2013 l’Argentina è diventato il primo paese a subire la penalizzazione del Fondo Monetario Internazionale per la manipolazione di statistiche ufficiali. ….»

*

«2017-12-07. Un giudice federale argentino ha incriminato oggi l’ex presidente e ora senatrice Cristina Fernandez de Kirchner nell’ambito dell’inchiesta su un memorandum d’intesa firmato fra il suo governo e l’Iran.

Il giudice ha chiesto alla camera alta di autorizzare il suo arresto preventivo. Lo ha reso noto il sito news Infobae.

Il magistrato, Claudio Bonadio, ha già fatto arrestare l’ex segretario di Kirchner durante la presidenza, Carlos Zannini, e il leader peronista Luis D’Elia, per le stesse ragioni.» [Fonte]

Argentina judge calls for arrest of ex-president Cristina Fernández for treason

I fatti non corroborano che l’essere femmina significhi un buon governo.

* * * * * * *

Per Dilma Rousseff liberal democratici e socialisti andarono in visibilio.

Alla fine il Brasile era approdato alla civiltà che solo il governo di una femmina riesce ad esprimere.

«Dilma Vana Rousseff Linhares (Belo Horizonte, 14 dicembre 1947) è una politica ed economista brasiliana, membro del Partito dei Lavoratori, presidente del Brasile dal 1º gennaio 2011 al 31 agosto 2016. Il suo incarico è durato per due mandati, dopo aver vinto al ballottaggio delle elezioni del 2014. Sospesa per impeachment dalle funzioni di governo il 12 maggio 2016, è stata destituita definitivamente con il voto del Senato del 31 agosto successivo. …

Il 3 dicembre 2015, la Camera dei Deputati ha intrapreso la procedura di messa in stato d’accusa della Rousseff, formalizzata con la votazione del 17 aprile 2016, 367 sì e 137 no, autorizzando il successivo passaggio al Senato, per l’accusa di aver truccato i dati sul deficit di bilancio  ….

Secondo le informazioni dell’Università di Campinas, Dilma conseguì tutti i crediti richiesti dal corso di studi, senza però discutere la tesi, cosicché non ottenne il titolo ….

Dilma fu allieva del corso di laurea magistrale in Scienze economiche presso l’Università di Campinas tra il marzo del 1978 e il luglio del 1983, conseguendo tutti i crediti formativi richiesti, ma senza arrivare a discutere la tesi» [Fonte]

*

L’epilogo è ben evidenziato dal titolo del The New York Times.

Brazilian Corruption Case Ensnares Ex-Presidents da Silva and Rousseff

«Brazil’s attorney general on Tuesday charged former President Luiz Inácio Lula da Silva; his successor, Dilma Rousseff; and several other senior figures of the Workers’ Party with running a “criminal organization” that raked in hundreds of millions in bribes during the party’s nearly 14-year reign.

The case is the first in which Ms. Rousseff, who was impeached last year for violating budgetary rules, stands accused of partaking in the kickback schemes that have cast a pall over every major Brazilian political party.»

* * * * * * *

Bene. Come si constata, due donne al governo che se fossero rimaste a casa a spazzare i pavimenti sarebbe stato molto meglio per le loro nazioni.

Che femmina sia meglio del maschio è vero solo nella mente deprivata e coatta dei liberal: le inneggiarono solo per poter meglio lucrare sulla povera gente.

Adesso Bbc in gramaglie da al mondo il triste :la Mrs Gurib-Fakim, Presidente della Mauritania, si dimette per accuse di corruzione.

Mauritius President Gurib-Fakim to resign over financial scandal

«Mauritian President Ameenah Gurib-Fakim, Africa’s only female head of state, is to quit over a financial row.

She has been accused of using a bank card provided by a charity to make personal purchases worth tens of thousands of dollars.

She is to step down after ceremonies to mark the 50th anniversary of the island’s independence next week.

Denying wrongdoing, she said she had refunded all the money, Reuters news agency reports.

Ms Gurib-Fakim is a renowned scientist and in 2015 became the first woman to be appointed to the ceremonial position of president of Mauritius.

“The president of the republic told me that she would resign from office and we agreed on the date of her departure,” Prime Minister Pravind Jugnauth told reporters without giving the chosen date.

“The interest of the country comes first, and I am proud of Mauritius’s image as a model of living democracy in the world.”

He added it would take place before parliament returned at the end of the month.

The Mauritian daily L’Express published bank documents purporting to show Ms Gurib-Fakim had used a credit card given to her by the Planet Earth Institute (PEI) in London to buy thousands of dollars worth of clothes, jewellery and other personal items.

According to the paper, the card was given to her as part of her work as an unpaid director for the charity.

One of the organisation’s directors is Angolan businessman Alvaro Sobrinho who, the paper says, secured a permit to found an investment bank in Mauritius, prompting allegations of favouritism.»

*

E così anche Mrs Ameenah Gurib-Fakim, presidente delle Mauritius, eccellente ed eccelsa in quanto femmina,

«in 2015 became the first woman to be appointed to the ceremonial position of president of Mauritius»

ha eccelso nell’usare la carta di credito di una ngo caritativa

«to make personal purchases worth tens of thousands of dollars worth of clothes, jewellery and other personal items.»

*

Già. Mrs Gurib-Fakim faceva la carità a sé stessa: mica poteva discriminarsi in quanto femmina.

*

Nota.

Chi lo avrebbe mai detto? Chi mai se lo sarebbe immaginato?

Planet Earth Institute

«The Planet Earth Institute (PEI) is an international NGO and charity working for the scientific independence of Africa. While other emerging regions have invested heavily in science and technology, Africa is falling behind in the race for scientific development. And we want that to change, fast.»

Chi sono il Ceo ed i Trustees? Eccoli. Tutti filantropi con il denaro dei Contribuenti.

Dr Alvaro Sobrinho

Nick Staite

Sir Christopher Edwards

Prof. Sir Magdi Yacoub

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Geopolitica Africa

Cobalto. Il Congo triplica le tasse e ci guadagna la Cina.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-16.

2018-01-11__Congo__

«Il cobalto è l’elemento chimico di numero atomico 27. Il suo simbolo è Co.

Il nome deriva probabilmente dal greco kobalos, traducibile con folletto (ma vedi anche coboldo), “kobolt” in tedesco, probabilmente dato ai minatori tedeschi che incolpavano i folletti di fargli trovare un metallo inutile anziché il desiderato oro. ….

Il cobalto non si trova allo stato puro metallico, ma solo come minerale, e non viene estratto da solo ma come sottoprodotto della estrazione di rame o nichel. I più importanti minerali di cobalto sono la Heterogenite, la cobaltite, l’eritrite, il glaucodoto e la skutterudite. I maggiori produttori al mondo di cobalto sono la Repubblica Democratica del Congo, la Cina, lo Zambia, la Russia e l’Australia.» [Fonte]

*

«The main ores of cobalt are cobaltite, erythrite, glaucodot and skutterudite (see above), but most cobalt is obtained by reducing the cobalt by-products of nickel and copper mining and smelting.

In 2005, the top producer of cobalt were the copper deposits in the Katanga Province (former Shaba province) of the Democratic Republic of the Congo (DRC) with almost 40% world share, reports the British Geological Survey. By 2015, DRC supplied 60% of the world production of 32,000 tons at prices of $20,000 to $26,000 per ton, including artisanal mining which supplied 10% to 25%. The political situation in Congo influences the price of cobalt significantly.

The Mukondo Mountain project, operated by the Central African Mining and Exploration Company (CAMEC) in Katanga, may be the richest cobalt reserve in the world. It was estimated to be producing one third of total global production of cobalt in 2008. In July 2009, CAMEC announced a long-term agreement to deliver its entire annual production of cobalt concentrate from Mukondo Mountain to Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Materials of China.» [Fonte]

*

Questo è il profilo che Bloomberg fornisce per la Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Materials.

«Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material Co.,Ltd. is engaged in the research and manufacture of cobalt, nickel, and copper compounds for customers in China and internationally. It offers cobalt chloride, cobalt oxalate, cobalt sulfate, copper sulfate, cobalt hydroxide, cobalt tetroxide, cobalt oxide, cobalt carbonate, copper cathode, cobalt caprate, cobalt boroacylate, cobalt powder, nickel oxide, nickel sulfate, copper sulfate, and copper electrode; and their extended products. Its products are mainly used in battery material, hard alloy, electric plating, ceramic glaze, industrial catalyst, and powder metallurgy. It also provides technical support services. The company was founded in 2004 and is based in Shangyu, China. As of February 28, 2007, Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material Co.,Ltd. operates as a subsidiary of ENRC Africa Holdings Limited. As of December 19, 2016, Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material Co.,Ltd operates as a subsidiary of China Greatpower Jinchuan.»

*

«Founded in December 2016, China Greatpower Jinchuan is a joint venture between Shanghai Greatpower, Jinchuan Group and an undisclosed new energy industry fund, with Shanghai Greatpower as the majority stakeholder. The Shanghai-headquartered joint venture purchased assets belonging to former Chinese cobalt salt producer Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material at a public auction in December 2016 and plans to invest $150 million into the idled operations. Before halting production, the former Galico plant had an annual capacity of 4,500 tonnes of cobalt contained in cobalt salts and 2,000 tonnes of nickel contained in nickel salts, with products ranging from cobalt sulfate, cobalt chloride and nickel sulfate. The company expects to reach full production capacity for cobalt salts in August and will begin producing nickel sulfate» [Metal Bulletin]

*

«Founded in 2016, China Greatpower Jinchuan Advanced Battery Materials Corp.(GPJC)is a leading producer of core materials for global lithium battery industry. Located in National Economic and Technological Development Zone near Hangzhou Bay in Shaoxing City of Zhejiang Province,the company covers 120000㎡of land area and 70000㎡of building area including a large-scale production site.

 GPJC is a joint venture between Shanghai Greatpower, Jinchuan Group and an undisclosed new energy industry fund, with Shanghai Greatpower holding the majority stake, successfully purchasing assets belonging to former Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material Co.,Ltd in December 2016. GPJC aims to be the key supplier of core materials across the whole supply chain for global lithium battery material. For the commissioning of first-stage production, GPJC has invested over 200 million RMB to produce battery materials including cobalt, nickel and lithium with a new capacity of 30,000 mtpa on board by 2017. GPJC has both the expertise in sourcing and marketing battery materials with long-term strategic partnerships in the upstream sector and also the cutting-edge technology of producing and processing battery materials in the downstream sector, the combination of which will maximise its competitive advantage and show its uniqueness under ever-changing market conditions.

With Shanghai Greatpower holding the majority stake, GPJC is a national high-tech enterprise specialized in developing, manufacturing and selling high performance power battery material(lithium-ion battery and energy storage battery), which is jointly invested by Jinchuan Group and Beijing Daseng International Investment. GPJC aims to be the core supplier in key material of the power battery industry chain in Chinese and even global market.

In order to set up the double advantage of resource control and material technology, our company have arranged effective layout on the upstream resources of lithium battery materials and established the supply chain of lithium and cobalt resources all over the world in a simultaneous way, thus completely possessing the service ability for new energy industry.» [Greatpower J]

* * * * * * *

Cerchiamo di sintetizzare, al costo di essere anche molto riduttivi.

– Larga parte del cobalto è estratto nella Provincia del Katanga (ex Shaba) della Repubblica Democratica del Congo, che fornisce il 50% di tutta la produzione mondiale.

– L’estratto minerario è inidoneo all’impiego industriale diretto, e deve essere trattato, almeno a solfato di cobalto.

– L’aumento delle tasse di estrazione resterà trasparente alla Cina, che lo scaricherà sugli acquirenti, mentre gioverà al Congo, che ha un disperato bisogno di infrastrutture.

– A partire dal 2009 l’intera produzione estrattiva della Mukondo Mountain è esportata in toto in Cina, alla  Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Materials, di proprietà Shanghai Greatpower, che la manipola ottenendo la quasi totalità del solfato di cobalto disponibile sui mercati.

– I mercati mondiali dipendono anche in questo settore dal virtuale monopolio cinese, che lo coordina tramite la Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Materials con la produzione di altre molecole indispensabili per l’industria globale.

– In ultima analisi, il governo cinese modula tutto il mercato del solfato di cobalto e, di conseguenza, quello delle batterie e di molti componenti elettronici e metallurgici.

* * * * * * *

Si voglia o meno, piaccia o meno, la Cina ha un governo di persone capaci, ben selezionate e che governano e sanno governare.

La sua organizzazione politica è in grado di tessere piani strategici di lungo termine, e lo fa con accortezza.

L’Occidente avrebbe molte cose da imparare.


Metalli Rari. 2017-12-12. Il cobalto andrà forte anche nel 2018?

«Le aspettative per il cobalto, durante l’anno che sta per finire, sono sempre state brillanti.

Il metallo chiave per la produzione delle batterie al litio, utilizzate anche per alimentare i veicoli elettrici (EV), è stato uno dei protagonisti del 2017. I prezzi al London Metal Exchange (LME) sono cresciuti di oltre il 120% da inizio anno e i titoli azionari delle società del settore hanno registrato guadagni del 100%.

Il trend al rialzo dei prezzi dura ormai da inizio anno, grazie alle prospettive di una forte domanda proveniente dal settore EV e alle preoccupazioni che non ci sia abbastanza cobalto. Nei primi giorni del 2017 i prezzi erano di 32.500 dollari, mentre a inizio dicembre hanno raggiunto i 75.000 dollari a tonnellata, il punto più alto dell’anno.

Probabilmente, a spingere i prezzi così in alto non è stata soltanto la domanda, ma anche la speculazione. Agli investitori è sempre più chiaro che la scommessa a lungo termine sullo sviluppo del mercato della mobilità elettrica è vincente.

Molti fondi istituzionali hanno studiato a lungo la catena delle forniture del cobalto, per coglierne tutte le opportunità. Si sono resi conto che le batterie al litio non contengono il metallo quotato al LME, quanto piuttosto solfato di cobalto. Tuttavia, il fatto che il cobalto sotto forma metallica sia quotato in un mercato regolamentato come l’LME, aggiunge una maggiore trasparenza sull’andamento dei prezzi dal momento che le diverse forme di cobalto sono intrinsecamente legate (ma il solfato di cobalto costa molto di più).

Per chi non lo sapesse, l’80% della produzione mondiale di prodotti chimici a base di cobalto, come il solfato, vengono prodotti dalla Cina, che importa la materia prima necessaria dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC), un paese ad altissima instabilità politica.

Ma cosa succederà nel 2018?

Innanzitutto, l’aumento della domanda è destinato a continuare. Domanda crescente e scarsità di offerta porteranno ancora ad una crescita dei prezzi, spinti soprattutto dal settore EV. In questo contesto, giocherà un ruolo sempre più importante la Repubblica Democratica del Congo che, attualmente, fornisce il 50% di tutta la produzione mondiale. Di conseguenza, i grossi problemi di questo paese, instabilità politica ed estrazione del minerale ottenuta sfruttando il lavoro minorile, si ripercuoteranno sui prezzi del cobalto.»


Bloomberg. 2018-01-10. Congo May More Than Double Tax on Critical Global Cobalt Supply

– Mining code to increase royalty taxes on ‘strategic’ materials

– Legislation awaiting Senate approval to be signed into law

*

The Democratic Republic of Congo is preparing to more than double a tax on two-thirds of global cobalt supply, potentially increasing the cost of the critical battery metal just as the world begins to embrace electric vehicles.

Congo, the world’s biggest cobalt producer, will increase the royalty miners pay on exports of the metal to 5 percent from 2 percent if it opts to categorize cobalt as a “strategic substance,” Mines Minister Martin Kabwelulu told the country’s Senate last week.

The new classification is part of an overhaul of mining legislation that is fiercely opposed by the industry, which says the law may deter future investment. Under the revised code, backed by the government and being scrutinized by parliament, the tax on base metals including copper and cobalt will increase to 3.5 percent from 2 percent. If approved by the Senate, the law will also allow the state to select “strategic” metals, likely to include cobalt, and tax them at a higher rate of 5 percent, Kabwelulu said.

A byproduct of copper and nickel mining used to harden steel, cobalt stepped into the global spotlight last year as prices surged. The metal’s efficiency in conducting electricity has made it essential for rechargeable batteries used in electric cars produced by companies including Tesla Inc. and Volkswagen AG.

Prices Triple

Plans to dramatically increase the production of electric vehicles resulted in the price of the metal more than tripling in the past two years as miners and automakers scrambled to secure supply. The boom hasn’t gone unnoticed in Congo, whose mines supply about two-thirds of global output.

The new legislation will guarantee Congo “the flexibility to face unforeseen developments in the international market if the international economic situation demands it” by permitting the government to declare certain minerals “strategic substances,” Kabwelulu told senators Jan. 5, according to a transcript of his remarks.

The minister singled out cobalt’s “not only strategic but also critical character” on the world market. Tantalum, a scarce mineral extracted from so-called coltan ore and used in smartphones, could also be taxed at the higher rate, Kabwelulu said.

The current mining law, which was promoted by the World Bank and adopted in 2002, attracted billions of dollars of investment from mining companies including Glencore Plc and Randgold Resources Ltd. While the economy has grown, the government says the mining industry hasn’t generated sufficient revenue for the state.

Windfall Tax

“If cobalt is declared strategic one day, naturally the royalty will climb to 5 percent,” Kabwelulu’s chief of staff, Valery Mukasa, said by phone Tuesday. “We haven’t said cobalt will be a strategic substance. We said cobalt can be,” he said, adding there are “considerations that need to be assessed from a technical point of view and in terms of the international market.”

In addition to the new royalty tax on strategic minerals, the draft law also:

– Increases royalties on gold from 2.5 percent to 3.5 percent;

– Introduces a profit-windfall tax;

– Doubles the state’s free share to 10 percent; and,

– Reduces the period during which contract stability is guaranteed to five years from 10 years.

Stability Clauses

While existing stability clauses mean companies with valid mining contracts, like Glencore and Randgold, won’t have to comply with most reforms for 10 years, the increased royalty rates will be applied to all projects immediately, Kabwelulu told senators on Jan. 2.

The royalty hike may have the biggest impact on Glencore, the country’s largest producer of both copper and cobalt. The company shipped about 213,000 metric tons of copper and 24,500 tons of cobalt from its Mutanda mine last year. That could rise to more than 500,000 tons of copper and more than 65,000 tons of cobalt by 2019 once production at its suspended Katanga Mining operation reaches full capacity.

The draft law was adopted by the National Assembly on Dec. 8 and is being examined by the Senate in an extraordinary session that started Jan. 2. If approved by the Upper House, it will be sent to President Joseph Kabila to sign into law.

Pubblicato in: Geopolitica Africa, Problemi militari, Senza categoria, Unione Europea

Olanda. Mrs Jeanine Hennis-Plasschaert, Ministro della Difesa, si dimette.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-04.

Mali 001

Nessuno si scandalizza se nel corso di esercitazioni a fuoco dei militari perdono la vita: queste infatti sono di utilità quanto più rappresentano la realtà operativa.

Ma una cosa è la dolorosa constatazione di un incidente imprevisto ed imprevedibile, ed una totalmente differente la morte di soldati a causa dell’incuria governativa.

«The soldiers died when a mortar grenade exploded unexpectedly during target practice. A third was gravely injured.»

*

«The Dutch Safety Board said last week that the military had been using old, defective grenades that had not been tested or stored correctly»

*

«General Tom Middendorp, the top Dutch military commander, also stepped down over the failures»

*

«The defence ministry did not follow its own procedures to check they were safe»

* * * * * * *

Non c’è scusa o ragione che tenga.

Mandare in zona operativa reparti equipaggiati con granate vecchie, difettose, non testate a dovere e conservate non allo stato dell’arte è cosa criminale, che non ammette scuse di sorta.

E, diciamolo francamente, le dimissioni sono ben poca cosa.


Bbc. 2017-10-04. Dutch minister resigns over deaths of Mali peacekeepers

The Dutch defence minister has resigned over the deaths of two soldiers during a training exercise in Mali in 2016.

*

Jeanine Hennis-Plasschaert stepped down after a report denounced “serious shortcomings” by her ministry.

The soldiers died when a mortar grenade exploded unexpectedly during target practice. A third was gravely injured.

The Dutch Safety Board said last week that the military had been using old, defective grenades that had not been tested or stored correctly.

In its report, it said the shells had been bought in 2006 “with the help of the US Department of Defence amid a pressure of time”. The defence ministry did not follow its own procedures to check they were safe.

“I am politically responsible and am taking that responsibility,” Ms Hennis-Plasschaert told the lower house of parliament in The Hague on Tuesday.

She had been expected to play a key role in Prime Minister Mark Rutte’s new government.

General Tom Middendorp, the top Dutch military commander, also stepped down over the failures.

They pair had come under increasing pressure over the deaths of Kevin Roggeveld, 24, and Henry Hoving, 29, in Kidal, in north-west Mali in July last year.

The men were serving as part of the UN peacekeeping mission in Mali – described as the most dangerous in the world.

The country’s security has gradually worsened since 2013, when French forces repelled allied Islamist and Tuareg rebel fighters who held much of the north, including Timbuktu.

The UN says attacks by militant Islamists against government forces, UN peacekeepers and French troops have dramatically increased in recent months. There were 75 attacks between June and September – double the total of the previous four months. Malian troops suffered the heaviest casualties.

The UN mission in Mali (Minusma) employs more than 12,000 uniformed personnel and 1,350 civilians, at an annual cost of $1bn (£0.75bn).

The Dutch contingent is mostly involved in reconnaissance missions, police training and intelligence, according to the Netherlands defence ministry.