Pubblicato in: Demografia, Unione Europea

Germania. ‘Demographic Armageddon’. Il sistema pensionistico sta per saltare. – Handelsblatt.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-11.

2018-06-06__Destatis__1980__

Fa specie che nella laica ed atea Germania contemporanea la Confindustria trovi soltanto il seguente rimedio:

«the commissioners will pray for a miracle to save us.»

Sembrerebbe lecito domandarsi per quale motivo la Divina Provvidenza dovrebbe soccorre quel popolo, visto che “usa misericordia a quanti lo temono“.

*

2018-06-06__Destatis__2000__

Questa volta l’Handelsblatt si strappa i capelli per un problema non da poco, legato al crollo demografico.

«Germany’s public finances under current laws are unsustainable»

*

«The study, which Handelsblatt has seen ahead of a conference of Germany’s government pensions committee next week, predicts that as millions of baby-boomers retire within the next few years, Berlin’s sacrosanct budget surplus will be wiped out as early as 2020»

* * * * * * *

2018-06-06__Destatis__2020__

Il problema tedesco è drammaticamente semplice, ed assomiglia a quello italiano e di molti altri paesi.

A costo di essere oltremodo riduttivi e ricordando come vi siano numerose eccezioni, ancorché non sostanziali, cercheremo di sintetizzare chiaramente il problema.

In Germania, come in molti altri paesi europei, chiunque lavori è tenuto per legge a versare i contributi pensionistici.

Questi contributi servono a calcolare al momento del ritiro l’ammontare della pensione da percepire, ma non sono versati in un fondo nominativo.

I contributi versati dai lavoratori sono utilizzati per pagare le pensioni in essere.

*

Il sistema funziona sotto alcune condizioni:

– che chi lavori versi effettivamente i contributi;

– che il numero dei lavoratori sia maggiore di quello dei pensionati.

*

Se il rapporto lavoratori / pensionati fosse 1 a 10, i contributi di dieci lavoratori sarebbero utilizzati per pagare una pensione. Diciamo 150 euro a testa di contributi per una pensione di 1,500 euro al mese.

Ma se il rapporto lavoratori / pensionati fosse 1 a 5, i contributi di cinque lavoratori sarebbero utilizzati per pagare una pensione. Diciamo 300 euro a testa di contributi per una pensione di 1,500 euro al mese

Ma se infine il rapporto lavoratori / pensionati fosse 1 ad 1, ogni lavoratore dovrebbe versare 1,500 euro al mese di contributi.

Dovrebbe essere chiaro che oltre ad un certo limite il lavoratore non può materialmente versare cifre così elevate, e quindi deve intervenire lo stato a ripianare il disavanzo.

*

Ma i problemi non vengono mai da soli.

Destatis riporta come occupati 44.57 milioni di persone, gli “Em­ployees subject to social insurance contributions” sono solo 32.732 milioni. Infatti circa 12 milioni di tedeschi lavora con contratti a termine o precari, che non richiedono contributi. Se questa categoria di persone avrà poi severi problemi pensionistici per carenza contributiva, il problema immediato è che il volume dei contributi versati è basso: troppo basso.

Aggiungiamo la severa denatalità tedesca, e si calcola facilmente come il numero dei giovani sia destinato a diminuire sensibilmente, specie poi in rapporto ai vecchi.

Ecco che il crack si avvicina a grandi passi.


Handelsblatt. 2018-06-03. Aging population on course to wipe out Germany’s finances within 30 years

Germany’s current pensions system is unsustainable as millions are due to retire while the population shrinks. In the absence of reform, its public debt could dwarf Greece’s in a few decades, a study has foun

*

It doesn’t look like it, but Germany’s best years may well be behind it. It’s common knowledge that the country’s population has been steadily aging for decades. As a result, the share of retirees in the overall population is becoming a greater burden on public finances. But a new study by the Bertelsmann Foundation shows just how tremendous the problem could become in a matter of decades if nothing is done about it. And the picture looks bleak.

The study, which Handelsblatt has seen ahead of a conference of Germany’s government pensions committee next week, predicts that as millions of baby-boomers retire within the next few years, Berlin’s sacrosanct budget surplus will be wiped out as early as 2020. And things will go downhill from there.

While in 2020 there will three workers for every person over 65, the ratio will drop to 1:1 by 2035, the Bertelsmann Foundation has calculated. That does not bode well for a country where pensions, health care and old-age care are mostly funded with mandatory social contributions paid by workers. Their contributions are set to balloon to almost 50 percent of their incomes by 2040 from 40 percent today if Berlin fails to reform its pensions system.

——

“Germany’s public finances under current laws are unsustainable.”

——

That won’t be nearly enough to keep Germany’s finances afloat, however. The country will witness an “explosion” of its budget deficit and public debt from 2040 onward, the report says. By 2032, the deficit of Europe’s largest economy will exceed the 3 percent limit dictated by the European Union. And by the end of the 2040s, it will mushroom to 9 percent of the country’s GDP. As a result, Berlin’s debt will start rising again in less than two decades, to 80 percent of GDP by 2040 and 208 percent in 2060 (see charts below). That’s more than Greece’s current public debt-to-GDP ratio. “Germany’s public finances under current laws are unsustainable,” the study emphasizes.

The analysis also extrapolates that in 2080, Germany will have accrued an eye-watering 467 percent of its GDP in debt. Of course, this calculation is unlikely to be accurate, as are most predictions on such a long time span. But the extrapolation shows how dangerous the current trend is. Yet, Bertelsmann economist Martin Werding, who authored the study, is fairly confident that his predictions up to 2040 are reliable.

Worth still, he believes little can be done to change course until then. The economist based his calculations on fairly conservative assumptions: more than one percent of GDP growth per year over the next decades, net migration at 150,000 annually, and a birth rate of 1.4 children per woman. But, Mr. Werding notes, “the evolution of costs and contributions remains nearly identical until 2040 regardless of the demographic scenario.” The booming labor market, higher birth rate and high immigration Germany has seen in recent years have just slightly reduced the long-term demographic risks, he finds.

Those findings fly in the face of policies the German government has enacted in recent years. The labor ministry has backed up the costs of the pensions system until 2030, so until then the welfare state is financially viable. But after that, it’s a leap into the unknown.

In the longer term, Germany can mitigate this evolution by bringing more women and seniors to the job market. But the government is not doing much to address this. In the last election campaign, economists urged Chancellor Angela Merkel’s conservative Christian Democrats to start a discussion on raising the legal retirement age to 70 from 67 currently. But their calls fell on deaf ears.

Germany will also need a higher birth rate and more immigrants to take up jobs as baby boomers retire. But this means the government will have to spend a lot more on education and on family policy instead of hoarding budget surpluses.

Or Berlin could just keep doing what it has done until now: Do nothing and hope things will magically sort themselves out. Maybe that’s why the government’s pensions committee will convene at the Berlin headquarters of the German Lutheran Church next Wednesday — the commissioners will pray for a miracle to save us.

 

Annunci
Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Demografia. Accademia Tecnica. Mancano dieci milioni di lavoratori.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-06.

Culle Vuote 001

Sembrerebbe che a nessuno venga in mente che l’unico modo per rimediare alle crisi demografiche è riprendere a far figli, ad ogni costo. L’idea di figliare cozza contro l’ideologia liberal e socialista, che inneggia controllo delle nascite, aborto, distruzione dell’istituto familiare, ossia di tutto ciò che ha portato a questo Armageddon.

Gli attuali tedeschi, e non solo loro, ricordano strettamente le lunghe colonne di fanti che si indirizzavano a Stalingrado, da cui non avrebbero mai più fatto ritorno.

*

Germania. Non è povera. È misera. – Financial Times

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg.

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

*

Germania. Mancano ora 35,000 insegnanti, nel 2025 ne mancheranno 105,000.

Germania. Mancano 1.6 milioni di lavoratori esperti, Meister. – Handelsblatt.

«Germany will lack millions of skilled workers, technical and medical workers and researchers in the near future»

*

«As a result of demographic change, the labour market situation will considerably worsen over the next 10 to 20 years»

* * * * * * *

La Deutschen Akademie der Technikwissenschaftenrepresents the German scientific and technology communities, at home and abroad. As a working academy, Acatech supports policy-makers and society by providing qualified technical evaluations and forward-looking recommendations.

Adesso è questa alta istituzione a rilanciare l’allarme.

*

«Karl-Heinz Streibich …. Seit wenigen Wochen ist er neben Dieter Spath einer der zwei Präsidenten der Deutschen Akademie der Technikwissenschaften, kurz Acatech, mit Sitz in München.»

*

«„Das schwierigste Problem der kommenden Jahre ist die demographische Lücke“»

Il problema più difficile nei prossimi anni è il divario demografico.

*

«In zehn Jahren werden uns zehn Millionen Mitarbeiter fehlen und damit ein Viertel der heute sozialversicherungspflichtig Beschäftigten“»

Tra dieci anni avremo dieci milioni in meno di dipendenti, un quarto degli attuali dipendenti soggetti ai contributi previdenziali.

*

«In Zukunft müssen immer weniger Menschen das gleiche Wirtschaftsvolumen produzieren. Daher müssten alle Reserven über eine längere Lebensarbeitszeit, über mehr Frauen im Beruf oder auch über Zuzug aus dem Ausland ausgeschöpft werden.»

In futuro, sempre meno persone dovranno produrre lo stesso volume economico. Pertanto, tutte le riserve dovrebbero essere messe in campo nel corso di una vita lavorativa più lunga, da un maggior numero di donne sul posto di lavoro o anche da immigrazione dall’estero.

* * * * * * * *

Alla Germania servono tedeschi, e servono tedeschi madrelingua e skilled-workers.

Mancano e mancheranno sempre più infermieri, idraulici, elettricisti, meccanici specializzati, carrozzieri, per intenderci persone che abbiano atteso una Fachhochschule, una Fachschule oppure una Berufsakademie.

Non solo, ma mancano e mancheranno quadri dirigenziali: avvocati, medici, burocrati e funzionari delle pubbliche amministrazioni, giudici ed insegnanti, funzionari di banca, etc.

Tutte tipologie di lavoro che richeidono non solo competenze, ma anche un tedesco fluente, nativo.

*

I tedeschi amano le soluzioni pianificate e complesse.

Non hanno ancora compreso come l’unico sistema noto per ovviare le crisi demografiche sia quello di riprendere a far figli, magari anche arrivando alla coercizione.

Ma fino a tanto che non ne sapranno cogliere l’aspetto umano e considereranno il problema come un mero aspetto economico, marceranno diritti alla rovina. Come i Romani al Trasimeno, come i Teutoni in marcia verso Aquae Sextie.

Senza una famiglia ben edificata, tutelata e protetta la Germania è destinata a scomparire, tra pinto e stridore di denti.


Faz. 2018-06-02. Acatech fordert neue technische Aufklärung

Der neue Präsident der Akademie der Technik- wissenschaften will mehr über den Nutzen neuer Technologien sprechen. Das vertreibe Angst vor Innovationen.

*

geg. FRANKFURT, 1. Juni. Karl-Heinz Streibich ist ein Missionar – ein Missionar der Technik. Und dieser Aufgabe wird er in den kommenden Jahren noch stärker frönen. Seit wenigen Wochen ist er neben Dieter Spath einer der zwei Präsidenten der Deutschen Akademie der Technikwissenschaften, kurz Acatech, mit Sitz in München. Die Acatech verbindet Wissenschaft und Praxis. „Die Acatech ist einmalig in der Verbindung von intellektueller Tiefe und pragmatischer Umsetzung“, ist Streibich überzeugt. Sie versteht sich als Denkfabrik – und als Berater der Politik in Zukunftsfragen.

Dabei ist ihr Spektrum viel breiter, als der Name vermuten lässt. „Das schwierigste Problem der kommenden Jahre ist die demographische Lücke“, sagt Spath. „In zehn Jahren werden uns zehn Millionen Mitarbeiter fehlen und damit ein Viertel der heute sozialversicherungspflichtig Beschäftigten“, ist er überzeugt. Das Bundesministerium für Bildung und Forschung habe daher zu Recht das Wissenschaftsjahr 2018 unter das Motto „Arbeitswelten der Zukunft“ gestellt. In Zukunft müssen immer weniger Menschen das gleiche Wirtschaftsvolumen produzieren. Daher müssten alle Reserven über eine längere Lebensarbeitszeit, über mehr Frauen im Beruf oder auch über Zuzug aus dem Ausland ausgeschöpft werden. Aber Spath weiß auch um die Begrenztheit dieser Reserven: „Sie werden höchstens ein Viertel der demographischen Lücke füllen“, sagt er.

Den Rest muss die Technik bringen. Dafür sei eine höhere Effizienz nötig, also mehr Digitalisierung, mehr Industrie 4.0. Benötigt würden ertragsstarke Produkte und Dienstleistungen sowie eine gut ausgebaute Infrastruktur, die eine hohe Lebensqualität ermögliche und den Standort attraktiv mache. Sowohl Spath als auch Streibich wollen nicht schwarzmalen. „Kein Land der Welt hat eine Strategie der vierten industriellen Revolution (Industrie 4.0) so klar beschrieben wie Deutschland“, sind sie überzeugt. Jetzt müssten wir aufklären, um den Transfer von der analogen zur digitalen Welt zu beschleunigen, ist Streibich überzeugt. Immer wichtiger werde die Förderung von sogenannten Sprunginnovationen. Darunter versteht man solche Innovationen, die nicht evolutionär bestehende Techniken und Modelle weiterentwickeln, sondern ganz neue, richtungweisende und wagemutige Neuentwicklungen sind. Das sei auch deshalb notwendig, weil hinter solchen Sprunginnovationen oft neue Geschäftsmodelle lauerten, die hohe Renditen versprechen.

Gerade in der digitalen Welt spielten Sprunginnovationen eine große Rolle, weiß Streibich aus seiner Erfahrung als Chef des Softwarehauses Software AG. Diese Position gibt er in diesem Sommer nach gut 15 Jahren ab. Aber seine Erfahrungen und Kenntnisse der Digitalisierung waren ein Grund, ihn zum neuen Präsidenten der Akademie der Technikwissenschaften zu berufen. Denn auch wenn viele des Themas überdrüssig sind, „Industrie 4.0 beginnt erst richtig. Erst nach der Digitalisierung der Produktion gibt es einen großen Entwicklungsschub“, ist Streibich überzeugt.

Die Digitalisierung tangiere schon heute die nächste große Technikwelle, die Biotechnologie, der die sogenannte Genschere (zur Erbgutveränderung) zu großen Durchbrüchen verhelfen werde. Dort könne es auch wieder zu mehr ethisch motiviertem Widerstand kommen. Umso wichtiger ist für Streibich, das Thema rechtzeitig in einen ethisch-rechtlichen Rahmen einzubetten und immer wieder den Nutzen der neuen Techniken hervorzuheben, um so auch Kritikern den Wind aus den Segeln zu nehmen. Da könnten wir uns manchmal auch ein Beispiel an anderen Ländern nehmen. Aus Sicht von Streibich sieht man in Japan eher den Nutzen einer neuen Technik, während in Deutschland die Risiken in den Vordergrund der Diskussion gestellt werden.

Gerade eine Nutzendiskussion könnte seiner Ansicht nach dazu führen, dass das Thema Smart Home (Intelligentes Heim) mehr Fahrt aufnimmt. Nicht die automatische Beobachtung des Bierbestands im Kühlschrank, eine auch in den Augen vieler Verbraucher unwichtige Lösung, sei hier hervorzuheben, sondern Sicherheitsaspekte. Ist der Keller verriegelt, der Rauchmelder eingeschaltet oder sind die Fenster geschlossen, könnten Fragen sein, die man gern über eine App beantwortet sähe. Aus Verbrauchersicht könnte auch eine App-Funktion sinnvoll sein, über die man die Heizung in der Ferienwohnung zu Winterbeginn zuschalten könne. Streibich denkt auch an Sicherheitsfunktionen für ältere Menschen, die eventuell lebensrettend sein können, weil jemand über sein Smartphone mitbekommt, dass der Senior in der Wohnung gestürzt ist.

Ähnlich sieht Streibich die Diskussion über die intelligente Stadt. Dann gehe es um beleuchtete und damit sichere Straßen oder Parkplätze oder die bessere Energieausnutzung. „Wer vom Nutzen einer Technik spricht, der spricht weniger von der Angst vor ihr“, ist Streibich überzeugt. Und dieser Nutzen erschließe sich dem Bürger über ganz konkrete Anwendungen, die er als hilfreich, sinnvoll und erstrebenswert erachte. „Die dahinter stehende Technik ist dem Verbraucher egal“, glaubt er.

Hätte man statt vom autonomen Fahren und seinen Gefahren mehr vom „sicheren Fahren“ gesprochen, weil es zu weniger Unfällen kommen wird, wären auch hier mehr Durchschlagskraft und eine schnellere Entwicklung möglich. Gerade die Schnelligkeit der Entwicklung wird nach Spaths Ansicht hierzulande immer noch unterschätzt. „Wir haben viel in Qualität neuer Produkte investiert – aber zu wenig in die Produktivität.“ Und damit meint er auch, dass die Entwicklung produktiver, also schneller werden und in ertragsstarke Produkte und Dienstleistungen erfolgen muss. Viele produktnahe Dienstleistungen, die heute unter Industrie 4.0 angeboten würden, seien zu margenschwach. Wirtschaft, Wissenschaft und Politik müssten zusammenarbeiten. Spath bedauert es daher sehr, dass die Berufung von Praktikern an Hochschulen wieder abnehme. Was dagegen gut laufe, sei die Kooperation mit der Politik. „Wir werden in Berlin gehört. Der Innovations-Dialog oder die Hightech-Initiative laufen gut“, bestätigt Spath die gute Zusammenarbeit mit der politischen Ebene.

Pubblicato in: Demografia, Unione Europea

Italia. 169 vecchi ogni 100 giovani. Si prospettano tempi crudeli.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-20.

«Oportet fecisse, non facere.»


2018-05-17__Italia__Index_Mundi__001

Ogni mille persone vi sono in Italia 10.4 decessi contro 8.6 nascite: il saldo demografico degli autoctoni è quindi negativo. A ciò si aggiunga come in Italia vi siano 168.7 vecchi contro 100 giovani: è un paese di vecchi, con la mentalità tipica dei vecchi.

La età mediana della popolazione è di 45.5 anni, ossia metà della popolazione ha età inferiore ai 45.5 anni, e l’altra metà superiore. È uno squilibrio severo. Per paragone, i maschi hanno età mediana di 39.6 anni in Francia e 36.5 anni in Cina.

*

Questi dati suggerirebbero un elevato numero di aspetti da approfondire, ma ne vorremmo segnalare solo alcuni.

Le persone vecchie necessitano di assistenza, che può essere fornita soltanto da persone giovani, usualmente familiari. Ma se i giovani non esistono, non può sussistere nemmeno l’assistenza ai vecchi. Taluni amano dire che esistono i gerontocomi e le badanti. È cosa vera, ma incompletamente riportata. Un gerontocomio medio ha una retta mensile a partire dai 2,500 euro, ossia 30,000 euro l’anno: non sono molti i vecchi che abbiano a disposizione cifre del genere. Simile discorso per la badante, i cui emolumenti medi partono dai 1,500 euro mensili ai quali si dovrebbero aggiungere i contributi: anche in questo caso non tutti hanno la possibilità di spendere in badante 20,000 euro ogni anno.

Si tenga anche conto come in larga maggioranza il capitale di famiglia risulti essere investito nell’immobile di abitazione: se lo si vendesse si otterrebbe liquidità, ma non si saprebbe dove e come andare ad abitare. Dalla vendita della nuda proprietà di ricava infine solo una quota piccola del valore totale dell’unità abitativa.

*

Vi è poi un altro problema, che riportiamo qui in modo grossolanamente approssimativo solo per poterlo esporre in sintesi di poche righe.

Il sistema pensionistico italiano in buona sostanza eroga in pensioni quanto è versato annualmente come contributi dalla popolazione attiva dal punto di vista lavorativo. Ossia i contributi versati dai 100 giovani pagano le pensioni dei 168.7 vecchi. Questo è un macigno insostenibile. Le entrate dell’Istituto Previdenziale sono infatti integrate dallo stato con oltre un centinaio di miliardi: situazione anch’essa non sostenibile nel tempo.

Ma alla bassa quota di giovani fa riscontro un ulteriore fattore di contrazione delle nascite: la carenza di femmine.

In poche parole: questo è un problema che, lasciato lì, non ammette vie di uscita, e che prospetta un avvenire invero crudele, causa forza maggiore.

Nota.

Prima o poi, vecchi lo diventeremo tutti, almeno, molti lo spererebbero. Problemi che da giovani sembrerebbero essere remoti nel tempo un bel dì si evidenziano in tutta la loro crudezza. E questo sempre che si abbia buona sorte con la salute, ma mica è detto che le patologie invalidanti colpiscano solo il noioso vicino di casa. Se sussiste il problema economico, e non tutti godranno pensioni adeguate a potersi permette il welfare e case di riposo da anziani, ancor peggio sarà l’assordante silenzio della solitudine.


Ansa. 201805-05-17. Istat: Italia in declino demografico, più vecchi e soli

100mila residenti in meno sul 2017, 168 anziani ogni 100 giovani.

*

Italiani più vecchi e soli. La popolazione totale diminuisce per il terzo anno consecutivo di quasi 100mila persone rispetto al precedente: al 1° gennaio 2018 si stima che la popolazione ammonti a 60,5 milioni, con 5,6 milioni di stranieri (8,4%). Così il rapporto Istat secondo cui l’Italia è il secondo paese più vecchio del mondo: 168,7 anziani ogni 100 giovani. Il Paese appare anche più fragile rispetto all’Ue: il 17,2% si sente privo o quasi di sostegno sociale. Gli anziani che vivono soli passano oltre 10 ore senza interazioni con altri.

Ascensore sociale bloccato. La dote familiare in termini di beni economici ma anche di titoli di studio e attività dei genitori è ”determinante” per avere successo nello studio e nel lavoro: solo il 18,5% di chi parte dal basso si laurea e il 14,8% ha un lavoro qualificato. La cerchia di parenti e amici è anche decisiva nel trovare e non solo nel cercare un impiego: lavora grazie a questo ”canale informale” il 47,3% (50,6% al Sud) contro il 52,7% che l’ha ottenuto tramite annunci, datori di lavoro agenzie, concorsi.

“Il Mezzogiorno rimane l’unica ripartizione geografica con un saldo occupazionale negativo rispetto al 2008 (-310 mila, -4,8%)”. Si legge nel Rapporto annuale dell’Istat. Quindi il Sud non ha ancora recuperato i livelli pre-crisi. E ancora, al Mezzogiorno la quota di giovani 15-29enni che non studiano e non lavorano, conosciuti con l’acronimo inglese di Neet, è più che doppia rispetto a quella dell’Italia settentrionale. I Neet seppure in calo, a 2,2 milioni nel 2017, sono ancora il 24,1%, dal 16,7% del Nord al 34,4% del Sud.

In un decennio la mappa del lavoro è cambiata e il lavoro manuale segna una decisa contrazione: tra il 2008 e il 2017 sono scesi di un milione gli occupati classificati come “operai e artigiani” mentre si contano oltre 860 mila unità in più per le “professioni esecutive nel commercio e nei servizi”, in cui rientrano gli impiegati con bassa qualifica che potrebbero essere ribattezzati come i ‘nuovi collettivi bianchi’. Lo rileva l’Istat. E ancora, se nell’industria si sono perse 895mila unità nei servizi se ne sono guadagnate 810mila.

In Italia il trasporto pubblico locale appare sottoutilizzato: gli utenti abituali di autobus, filobus e tram sono l’11 dei residenti dai 14 anni in su. Nel 2016, quasi quattro italiani su cinque si sostano giornalmente utilizzando mezzi propri per un tasso di motorizzazione di 625 auto ogni 1.000 abitanti. Un dato largamente superiore a quello registrato nei maggiori Paesi europei (555 in Germania, 492 in Spagna, 479 in Francia, 469 nel Regno Unito). Nel biennio 2015-16 l’offerta del trasporto pubblico locale ha recuperato una parte della flessione registrata nel quadriennio precedente, ma è ancora inferiore del 2,2% rispetto a quella del 2011. Tra il 2011 e il 2016 si poi modificata anche la ripartizione dell’offerta. Nei capoluoghi o città metropolitane l’offerta di autobus e filobus è diminuita del 12,6%, quella del tram è aumentata del 3,7%, così come quella della metropolitana (+18,1%).

“Nel 2017 il benessere degli italiani misurato nel Def mostra un deciso miglioramento in cinque dei dodici indicatori considerati e un arretramento nei rimanenti sette”. “In positivo” la riduzione della criminalità predatoria (scippi e rapine), il miglioramento della partecipazione al mercato del lavoro e la diminuzione della durata delle cause civili. Invece, risultano “in negativo” l’aumento delle disuguaglianze e della povertà assoluta, che, come rivelato già in audizione sul Def, nel 2017 secondo le stime preliminari interesserebbe l’8,3% dei residenti (circa 5 milioni) contro il 7,9% nel 2016. Inoltre, fa presente l’Istat, “gli indicatori disponibili per i primi mesi del 2018 segnalano la prosecuzione del recupero della crescita dell’economia italiana, pur se a ritmi moderati”.

Nell’anno scolastico 2016-2017 nelle scuole del primo ciclo, statali e non, gli alunni con disabilità sono quasi 160 mila, il 3,5% del totale. Solo il 34% degli edifici scolastici del primo ciclo è accessibile e privo di barriere. Lo certifica Istat nel Rapporto annuale 2018. In circa la metà dei fabbricati non accessibili mancano ascensori a norma, servoscala o rampe. Meno carenti sono servizi igienici scale o porte a norma. La normativa prevede un insegnante di sostegno ogni due alunni disabili: in quasi tutte le regioni del Mezzogiorno si riscontra un rapporto vicino a un insegnante per ogni alunno con disabilità mentre nel centro e nel nord il rapporti si avvicina a quello previsto dalle norme. La situazione è capovolta per la presenza degli assistenti dell’autonomia e della comunicazione, figura finanziata dagli Enti locali: nel Mezzogiorno l’offerta è molto ridotta.

Nel 2015 la spesa per protezione sociale è stata in Italia pari al 30% del Pil. Un dato superiore a quello registrato nei Paesi dell’Unione Europea che hanno speso mediamente il 28,5% del Pil. Spiega sempre il rapporto annuale dell’Istat. Le prestazioni sociali in denaro predominano su quelle in natura, con l’Italia che presenta il valore più elevato (il 22% del Pil).

La ripresa del mercato del lavoro iniziata nel 2014 “è andata consolidandosi nel 2017” con un aumento di occupati stimati nella contabilità nazionale di 284.000 unità sul 2016 a fronte dei 324.000 in più registrati nell’anno precedente. Il monte ore lavorate nel 2017 ha raggiunto quota 10,8 miliardi di ore, ormai vicino al recupero del livello pre-crisi (11,5 miliardi nel 2017). La dinamica salariale invece è rimasta contenuta con le retribuzioni contrattuali per dipendente cresciute solo dello 0,6% in linea con il minimo storico registrato nel 2016.

Se si sommano le persone che nel 2017 erano disoccupate con le forze lavoro potenziali, ovvero coloro che sono disposti a lavorare ma non cercano attivamente impiego o non sono immediatamente disponibili, si arriva a poco più di sei milioni di individui, in calo rispetto ai 6,4 milioni del 2016. Lo sottolinea sempre l’Istat nel suo rapporto. Le persone in cerca di occupazione nel 2017 erano 2,9 milioni con un calo di 105.000 unità sul 2016 (tasso all’11,2%). Le forze lavoro potenziali nell’anno erano 3,13 milioni con un calo di 213.000 unità sul 2016.

Nel tradizionale rapporto annuale, l’Istat ha messo a confronto la struttura delle disuguaglianze urbane in tre delle principali città italiane, Milano, Roma e Napoli, evidenziando come ci sia comunque quasi sempre un netto distacco tra il centro e la periferia. Il capoluogo lombardo ha una struttura radiale, a cerchi concentrici. Le aree più benestanti coincidono con quelle con i più alti valori immobiliari e si addensano soprattutto nelle zone centrali della città mentre le zone ad alta vulnerabilità si trovano tutte in periferia. Più complessa, invece, la situazione nella Capitale, dove emergono sia gli sviluppi borghesi di ‘Roma Nord’, sia i più recenti cambiamenti socio-economici di alcuni quartieri popolari dovuti al trasferimento di segmenti della popolazione benestante. Le zone più vulnerabili sono presenti anche in alcune aree centrali, anche se la loro concentrazione massima si registra nelle zone a ridosso del Raccordo Anulare, a Nord-ovest come ad est. Napoli, infine, presenta un evidente contrasto da Ovest, dove si trovano le zone più benestanti e meno vulnerabili, a Est (e all’estremo Nord) dove accade il contrario.

Pubblicato in: Demografia, Unione Europea

Germania. Assistenza agli anziani: quasi 40,000 posti vacanti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-09.

Culle Vuote 001

«The Dutch population, like in many western societies, is aging. The number of elderly with dementia is expected to rise by 60 percent in the next 15 years, according to the Dutch Central Statistics Office. An equivalent rise in professional caregivers is not expected»

*

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

Germania. Summit in Cancelleria per l’allarme demografico.

Germania. Mancano ora 35,000 insegnanti, nel 2025 ne mancheranno 105,000.

Germania. Mancano 1.6 milioni di lavoratori esperti, Meister. – Handelsblatt.

*

Non passa giorno senza che una qualche Autorità tedesca denunci la carenza degli organici attuali, carenza che sinistramente appare essere sempre più severa ogni giorno che passa.

Come durante la fase finale della seconda guerra mondiale i tedeschi si illudevano che le ‘armi segrete‘ avrebbero risolto il conflitto, adesso vivono l’allucinazione che immigrazione e robot potranno risolvere la loro crisi demografica.

Ma proprio come negli ultimi anni della guerra mandarono al fronte i vecchietti del Volkssturm, così ora i tedeschi iniziano ad esperire in corpore vili una disperata carenza di giovani. Arruolarono anche polacchi e gente di altre nazioni, per poi stupirsi della loro nulla volontà guerriera: non ne volevano sapere di morire per la Grande Germania. La differenza tra un carro armato costruito da maestranze specializzate tedesche oppure assemblato da deportati ai lavori forzati era quella che passava tra un quadro del Caravaggio ed il disegnino di un bimbo: si sfacevano strada facendo, semplificando di molto il compito degli Alleati.

*

I robot in grado di svolgere lavori proficui non in una catena di montaggio sono al momento una allucinazione. Non esiste negozio ove andare e comprare un robot che sappia riparare un impianto elettrico oppure un rubinetto che goccia. Per non parlare poi di saper cucinare oppure servire in tavola. Di assistenza gli anziani manco a parlarne.

Magari i nostri post nipoti ne disporranno: noi, ora, qui, non ne abbiamo nemmeno l’ambra.

*

Gli immigrati?

Sicuramente possono dedicarsi alla manovalanza oppure a raccogliere le barbabietole. Ma senza istruzione specifica, i dodici anni canonici, non i tre mesi di corso, e senza parlare fluentemente la lingua non sono impiegabili come quelli che la confindustria tedesca denomina “skilled workers“.

Ben difficilmente un immigrato potrebbe insegnare lingua tedesca nelle scuole, sostituire i funzionari bancari, oppure insegnare geometria variazionale. Ed ancor meno fare l’infermiere. I vecchietti senza dentiera mica che parlano Hochdeutsch con la voce di Florian Ingo Ulrich Fitz. Capirli riesce difficile anche ad un madre lingua.

*

La Germania sta entrando in un periodo storico tenebroso, ove molte delle sue ferme convinzioni crolleranno sotto il peso della realtà.

E quanti si siano illusi ne avranno grande tormento nel rimorso del tempo sprecato: se riusciranno a diventare vecchi, ovviamente.


Deutsche Welle. 2018-05-02. German opposition slams government for 36,000 vacant jobs in care industry

New government figures show that tens of thousands of professional care jobs in Germany are unfilled. One opposition politician has called the government’s existing plan to tackle the shortfall “a joke.”

*

Opposition politicians have said the government’s plan to improve Germany’s professional care industry is insufficient after it was revealed that some 36,000 jobs are unfilled.

In a reply to a Green Party request for information, the government said that there were around 23,000 vacancies in elderly care and some 12,000 vacancies in sick care in 2017.

The government’s figures published on Wednesday also showed that the number of professional carers without a job was far lower than the total number of vacant positions.

Government plans ‘a bad joke’

Merkel’s conservatives (CDU/CSU) and the center-left Social Democratic Party (SPD) had pledged in their coalition government agreement to improve working conditions in the care industry and finance 8,000 more care jobs.

The SPD’s spokeswoman for care policy, Heike Baehrens, said the government’s plan was “a realistic first step” to tackle the shortages and would be followed by other initiatives.

But the Green Party’s care policy spokeswoman, Kordula Schulz-Asche, told the Berliner Zeitung newspaper the government’s plan was “a bad joke” in light of the new vacancy statistics.

The Greens’ parliamentary chief Katrin Göring-Eckhardt said the care industry was on the brink of a “serious crisis” and called on the government to introduce a “emergency program” to finance 50,000 new jobs.

Who’s to blame?

The Left Party also criticized the government’s plan, with care policy spokeswoman Pia Zimmermann blaming the previous CDU/CSU/SPD government for bad working conditions in the industry that had made professional care work “unattractive.”

The chair of the German Foundation for the Protection of Patients said hospitals and elderly care homes were primarily responsible for the problem: “It is not acceptable that hospitals and care homes have made savings at the expense of professional carers while at the same time increasing their profits,” said Eugen Brysch.

Disputed numbers

The director of the German Institute of Applied Nursing Research questioned the government’s vacancy figures: “According to our data there are 38,000 unfilled positions in elderly care homes and ambulance and outpatient services alone,” Frank Weidner told the epd news agency, adding: “We should assume there are around 50,000 vacancies.”

Left Party chief Bernd Riexinger also called the government’s figures unrealistic. He said 100,000 new healthcare positions and 40,000 elderly care jobs would need to be financed to “end the sometimes life-threatening conditions in the care industry.”

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Analisi del voto per età e sottogruppi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-03.

Berlino Porta Brandemburgo

Wahl Tagesschau ha rilasciato un interessante studio sulla stratificazione del voto del 24 settembre 2017 in Germania.

Lo riportiamo nella sua parte iconografica dato l’interesse per l’argomento e per il fatto che la Germania è ancora un punto di riferimento per l’Unione Europea.

Questa tipologia di dati ben si presta a ragionamenti alquanto robusti perché larga parte della popolazione adulta cambia molto difficilmente la propria propensione al voto, mentre usualmente i giovani evidenziano una mobilità di voto molto maggiore dei vecchi. Questa stratificazione consente di disporre di dati ragionevolmente sicuri per inferire quali potrebbero essere gli scenari futuri.

Una nota lessicologica. Traduciamo il termine “Stimmanteile” come “quote di voto“. Questo termine avrebbe però anche un significato tecnico molto allusivo: “azioni con diritto di voto“.

*

Cdu/Csu Stimmanteile nach Altersgruppen. – Quote di voto Cdu/Csu per fascia di età.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__001_cdu


Spd Stimmanteile nach Altersgruppen. – Quote di voto Spd per fascia di età.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__002_spd


Stimmanteile der Linkspartei nach Altersgruppen. – Quote di voto Linke per fascia di età.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__003_linke


Grünen Stimmanteile nach Altersgruppen. – Quote di voto Grüne per fascia di età.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__004_gruene


Fdp Stimmanteile nach Altersgruppen. – Quote di voto Fdp per fascia di età.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__005_fdp


Afd Stimmanteile nach Altersgruppen. – Quote di voto Afd per fascia di età.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__006_afd


Stimmanteile unter Erstwählern – Quote di voto alla prima elezione.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__007_est-ovest


Wahverhalten nach Altersgruppen – Quote di voto per fascia di età.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__008_fascia_età


Stimmanteile bei über 70-Jähringen – Quota di voto per gli ultra settantenni.

2018-05-01__Germania_Voto_per_Fascia_Età__009_ultrasettantenni


Considerazioni.

Il 70% della popolazione ultra settantenne vota per partiti tradizionali: 45% per la Cdu/Csu ed il 25% per l’Spd. Stando alle attese di vita rilasciate da Destatis, entro dieci anni i partiti tradizionali perderanno per cause naturali quasi sette milioni di voti.

Questo dato corrobora il fatto che la Cdu/Csu raccoglie buona quota dei consensi negli over – 60, mentre le persone sotto i 34 anni votano Unione nel 24% – 26%.

Stesso discorso potrebbe valere per l’Spd, il cui calo più evidente è nella fascia lavorativa: – sei punti percentuali nella fascia 35 – 44 anni e – sette punti percentuali in quella 45 – 59.

Linke evidenzia un buon risultato nelle classi giovani, mentre Fdp ha distribuzione rettangolare sulla età.

AfD sembrerebbe non avere molto successo nelle classi giovani, essendo votata principalmente dalle persone in età lavorativa.

*

L’orientamento dei giovani al primo voto rimarca il calo della propensione al voto nei confronti dei partiti tradizionali, ma evidenzia significative differenza tra i Länder dell’est e quelli dell’ovest. Se è vero che i Länder dell’est siano meno popolatiti di quelli dell’ovest, e quindi abbiano un minor peso elettorale, sarebbe altrettanto vero constatare come all’est il calo di Union ed Spd sia impressionante.

La Figura Wahverhalten nach Altersgruppen suggella plasticamente i dati riportati per categoria. Cdu/Csu ed Spd sono votate al 24% ed al 19% rispettivamente sotto i 25 anni, ma al 40% ed al 24% rispettivamente per gli over-60.

Mentre nella classe ultrasessantenne una Große Koalition sarebbe possibile (40% + 24% = 64%), nella classe sotto i venticinque anni essa sarebbe impossibile.

*

Cosa inferire per il futuro?

Sotto la condizione che gli orientamenti di voto non mutino e che entri in gioco il mero fattore demografico, la Germania sembrerebbe orientarsi verso una situazione in cui l’unico governo numericamente possibile potrebbe essere o quello Union, Grüne ed Fdp, oppure Union, Fdp, Afd. Sembrerebbero così delinearsi periodi di grande incertezza.

Ci si pensi bene. Una legge elettorale che premiasse la maggioranza relativa garantirebbe l’immediatezza e la solidità del governo.

Pubblicato in: Demografia, Unione Europea

Paesi Baltici che stanno scomparendo velocemente. – Bloomberg.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-04-29.

2018-04-22__Paesi_Baltici__001

“Just walk the main street—everyone you’ll see is old and sad.” 


UN’s Department of Economic and Social Affairs ha rilasciato un interessante report.

«The UN sees a catastrophe lurking»

*

I paesi baltici hanno problemi severi.

La Lettonia (Latvia) aveva nel 2016 il pil di 27.58 miliardi Usd, 14,095 Usd pro capite, un tasso di disoccupazione dell’8%, ed un fertility rate dell’1.74%.

La Estonia aveva nel 2016 il pil di 25.98 miliardi Usd, 19.751 Usd pro capite, ed un fertility rate di 1.5.

La Lituania aveva nel 2016 un pil di 47.29 miliardi Usd, un pil procapite di 16,6 Usd ed un fertility rate di 1.6.

*

«nine of the world’s countries most at risk of losing citizens over the next few decades are former East bloc nations »

*

«Porous borders and greater opportunity in the west have lured people away»

*

«the populist wave sweeping the continent has made it next-to-impossible for African or Middle Eastern refugees to take their place»

*

«Latvia, with a current population of 1.96 million, has lost about 25 percent of its residents since throwing off Soviet control in 1991»

*

«In Estonia, with a population of 1.32 million, the UN foresees a 13 percent decline by 2050»

*

«in Lithuania, the current population of 2.87 million is expected to drop by 17 percent in 2050. By 2100, it will have lost 34 percent»

*

«“Some people say this city will completely vanish in 40 years”»

2018-04-22__Paesi_Baltici__002

* * * * * * *

Un vecchio andante recita che piove sempre sul bagnato.

I paesi baltici hanno subito una storia lunga, gloriosa e travagliata. Gli ultimi settanta anni, poi, li hanno passati sotto il regime comunista.

Emersi dal comunismo in una situazione misera, sono riusciti con molta fatica a ricostruire un loro proprio sistema economico: nulla di esaltante, ma che concede una vita contenuta ma dignitosa.

Nulla da stupirsi che in simili difficoltà economiche il tasso di fertilità sia ampiamente sotto il due, ossia sotto la soglia di mantenimento numerico della popolazione.

Ma si aggiunge ora un nuovo fenomeno, peraltro largamente previsto dai demografi.

Quando una popolazione è economicamente contenuta e sostanzialmente vecchia i giovani rimasti tendono ad emigrare.

Si forma in questa maniera un circolo vizioso che continua a peggiorare la situazione ed a rendere sempre più difficile la normalizzazione demografica ed economica.

Questo

«catastrophe lurking»

sembra solo essere incombente fino a tanto che non si arrivi al melting point: quindi segue la catastrofe.

Ma nessuno si faccia illusioni di sorta.

Se l’esito finale è la “catastrophe” la via per arrivarvi è tormentata.


Bloomberg. 2018-04-20. Europe’s Depopulation Time Bomb Is Ticking in the Baltics

Young workers keep leaving for the west, while refugees from the Middle East and Africa are shunned. The UN sees a catastrophe lurking.

*

With much of Eastern Europe already in the European Union or looking to join, living standards have been rising in the cities that dot these former Soviet satellites. More storefronts beckon to western tourists, who have grown more eager to wander among the cobblestones of historic capitals that were once less than hospitable. 

But a closer look outside the central squares reveals a different reality. According to the UN’s Department of Economic and Social Affairs, nine of the world’s countries most at risk of losing citizens over the next few decades are former East bloc nations. Porous borders and greater opportunity in the west have lured people away. Meanwhile, the populist wave sweeping the continent has made it next-to-impossible for African or Middle Eastern refugees to take their place.

Former Latvian economic minister Vjaceslavs Dombrovskis, now head of the Certus think tank, compared the westward migration of young eastern Europeans to the industrial revolution, when peasants rushed to large urban centers. He said these countries risk turning into what ancestral villages are for city dwellers: “a lovely place where you might spend an odd weekend with your folks.”

The trend is hitting especially hard in the Baltics. Latvia, with a current population of 1.96 million, has lost about 25 percent of its residents since throwing off Soviet control in 1991. The UN predicts that by 2050, it will have lost an additional 22 percent of its current population—second only to Bulgaria—and by 2100, 41 percent.

In Estonia, with a population of 1.32 million, the UN foresees a 13 percent decline by 2050, growing to 32 percent by 2100. And in Lithuania, the current population of 2.87 million is expected to drop by 17 percent in 2050. By 2100, it will have lost 34 percent.

As bad as those numbers look, the trend looks even worse for Ukraine and Moldova. The UN predicts 36 percent and 51 percent declines in those nations by the end of the century, respectively. Russia, meanwhile, is expected to lose 13 percent by 2100.

——

“Just walk the main street—everyone you’ll see is old and sad.” 

——

Several factors are contributing to the depopulation of Eastern Europe, and Latvia has all of them: low income, compared with more developed EU nations; insufficient growth; and strong anti-immigrant sentiment. The average annual take-home pay among all EU nations was 24,183 euros ($29,834) in 2015, according to Eurostat, while in Latvia it was only 6,814 euros ($8,406). 

The young and educated are disappearing in the greatest numbers, shrinking the amount of working adults who can fund benefits for pensioners. Latvian demographer Mihails Hazans said that, as of 2014, one in three ethnic Latvians aged 25 to 34—and a quarter of all Latvians with higher education—lived abroad. In Moldova, that figure is more than 20 percent. In Ukraine—which other Eastern European nations look to for migrant labor—the state employment service said 11 percent of the population lives abroad.

A decade ago, when Austris Lakse was a sixth-grader in the Latvian village of Staburags, his school was converted into a retirement home, a transformation he said would become commonplace. Now a law student, he said roughly half of his classmates have gone abroad, leaving behind the small village on the Daugava River, some 67 miles (109 kilometers) southeast of the capital, Riga.

They left for menial jobs in the U.K., Ireland, France and the Netherlands, he said. Lauris Urtans, another law student, said that most of his classmates from secondary school have either left for Riga or Western Europe. With fewer young Latvians staying and getting married, buying houses or starting families, the school system is slowly shrinking. The population is skewing older. Classrooms give way to day rooms. 

But Lakse stayed. He went on to college and is now pursuing a legal degree at the University of Daugavpils, Latvia’s second-largest city, which has a population of 86,000. Even for those who stay, though, the pull of the west remains. When students in his class were asked recently whether they were going to stay in Latvia after graduation, almost half said no.

“If Latvians keep leaving, [those who remain] risk being assimilated by those who’ll come in their place—from the Middle East, South Asia or wherever,” Lakse said. That Eastern Europe’s demographic trends could be so altered via immigration, however, seems unlikely given the current political climate.

Nine out of 10 countries with the lowest acceptance rate of immigrants are former members of the Eastern bloc. Of these, the three Baltic nations had been previously forced to accept Russian-speaking migrants. In Latvia, the issue is so controversial that in 2015, when the EU insisted it accept just a few hundred Syrian refugees, nationalists initially threatened to withdraw from the government. That same year, Latvia came in second to last in the Migrant Integration Policy Index, which ranks 38 democracies according to the quality of immigration policies. Only Turkey did worse. Latvia was fourth from the bottom in Gallup’s 2017 Migrant Acceptance Score list, which ranks countries in order of their populations’ attitudes to immigrants

Anti-immigrant sentiment in Latvia is driven, in part, by the National Alliance party, one of three in Latvia’s governing coalition. Speaking in Parliament earlier this year, party official Janis Dombrava quoted polling agency Eurobarometer as showing that 86 percent of Latvians believe immigrants make no contribution to the state. 

“Latvia must either completely abandon or minimize the number of migrants who come from third-world countries,” Dombrava said. In October, Prime Minister Maris Kucinskis rejected an EU plan to accommodate an additional 50,000 refugees from the Middle East and Africa. He also defended Poland, which refused to meet the EU-imposed minimum number of refugees it was obliged to accept.

Hazans, the Latvian demographer, has been researching the nation’s slow-motion implosion. Low wages, poor career prospects and poorer working conditions, he said, are the top reasons. He also warned of a parallel political cycle to match the economic one: Since the young leave and the old stay, the electorate gets more conservative, he said, further exacerbating anti-immigrant leanings.

——

“Some people say this city will completely vanish in 40 years.”

——

Daugavpils, home to a major university of the same name, is known for having been the home of acclaimed painter Mark Rothko—who emigrated to America. It was here that Arturs Fisers, 28, thought he could attain his dream of a college degree.

But first he had to pay off his parents’ debt. He went to live with a friend in the U.K. who had already left Latvia and got a job at a chicken factory in Lincolnshire. He said factory work was monotonous, but he was paid 820 pounds ($1,159) a month—an unthinkable amount for the same work in Latvia. 

After four years, he returned to Daugavpils and school. But two years later, the money ran out and he was forced to leave again, this time for work at a roadside restaurant in Switzerland. Fisers is hoping to become a teacher after graduation, which could pay as much as 700 euros ($862) per month, he said. Urtans, the law student, isn’t quite so optimistic. He sees no future in Latvia—even in Daugavpils. “Just walk the main street; everyone you’ll see is old and sad,” he said. “Some people say this city will completely vanish in 40 years.”

Hazans said emigration is now firmly embedded in Latvian culture. “It’s a new normal. Ten years ago, it was still an exotic decision, but now 90 percent of Latvians have friends or relatives abroad.”

foto 001

While the UN and demographers paint a bleak picture of Latvia’s future, the government remains upbeat. “By 2022, emigration flows will significantly slow down, as an average wage of Latvia will reach the levels of minimum wage in emigration target countries like Ireland, Germany and the U.K.,” Dace Zile, the head of analytics for Latvia’s ministry of economics, said in an email. 

The average monthly wage in Latvia last year was 1,013 euros, while pay in the countries Zile mentioned is more than double that. Dombrovskis, the former economic minister, estimated that by 2030, there will be roughly one taxpaying private sector employee for each pensioner. But Dombrovskis said that if gross domestic product could grow just a a little faster, at a 5 percent rate for three consecutive years, it could turn the tide. The Latvian economy grew at around 4.5 percent in 2017. 

“To stop emigration, you need economic growth, but to achieve economic growth, you need to explain to foreign investors what you’re going to do about declining population,” he said. The best role-model is Ireland, Dombrovskis said. “Latvia is like Ireland in the 1980s—a rural country with around the same level unemployment and suffering from sluggish growth,” he said, adding that the Irish “economic miracle” happened because of highly attractive tax incentives that brought in future digital economy giants. 

With a scenic coastline and a vibrant capital city, Latvia—or at the very least Riga—could be seen as a candidate for becoming such a hipster-filled tech hub. Ernests Stals, an IT entrepreneur, said the business environment is already ideal.

“It’s cheaper and easier to do business here than elsewhere in the EU—there is less bureaucracy and taxes are lower,” Stals said. But TechHub Riga, which Stals helped found, is still a tiny affair. The main obstacle besides a lack of investment is the acute shortage of young tech experts.

“The threshold for entry for technology companies is 3,000 IT graduates a year. Latvia has around 600,” Dombrovskis said. Latvia should welcome students from such neighboring non-EU countries as Ukraine and Russia, who will happily stay behind after graduation, he said.

foto 002

Perhaps the more realistic model for Dombrovskis’s Latvia is neighboring Estonia. Though its economy is growing a bit slower than Latvia’s, it has managed a slight rise in immigration. The birthplace of Skype, Estonia has been actively touting itself as a digital paradise, a branding effort that may be resonating with foreign investors.

Estonian demographer Allan Puur said his country is already benefiting from higher income levels, with average monthly salary exceeding 1,200 euros. The discrepancy with its neighbors, he said, is explained in part by the success of Estonia’s economic reforms and its close geographic connection with Helsinki, which sits across the Gulf of Finland from Estonia’s capital, Talinn. Many Estonians work in Helsinki during the day and commute home at night, he said.

Estonia touts itself as a digital economy leader in the EU and an ideal place to launch a high-tech startup or a set up a research and development facility. The government is seeking to attract foreign investors with offers of residence permits and no tax on retained or reinvested profit.

A flagship investor is ABB Ltd., a Swiss company specializing in robotics which landed in Estonia as the USSR collapsed. It now employs around 1,000 people. Other major investors include banks such as Swedbank, SEB and Nordea Bank. Telefonaktiebolaget L. M. Ericsson, the Swedish telecom giant which produces mobile base stations at its plant in Tallinn, employs 1,200 people.

Meanwhile, NATO membership has created jobs (along with more defense expenditures). The organization’s main cyber-defense center, built a decade ago in Talinn, is emblematic of the investment that comes with NATO troops and equipment spread across member states.

While joining the EU has had the unforeseen consequence of causing young people to head west, joining NATO has managed to confer some economic benefits—as the three small Baltic nations look warily to the east.

Pubblicato in: Demografia, Unione Europea

Germania. La demografia stritola Germania e Große Koalition.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-03-31.

2017-09-24__Elezioni_Tedesche__004

La Germania ha 82 milioni di abitanti, con attesa di vita di circa 81.09 anni.

Destatis, l’Istituto tedesco di statistica, riporta 737,575 nascite e 925,200 morti nel corso del 2015. Questo valore corrisponde ad un tasso di fertilità dell’1.5. Questo però è il dato globale, essendo retto in gran parte dalle femmine immigrate, mentre le autoctone hanno un tasso di fertilità di poco superiore la unità.

Sempre secondo Destatis, vivono in Germania 18.6 milioni di persone non autoctone.

2017-09-24__Elezioni_Tedesche__003

«As regards foreign mothers, a marked increase in births was observed especially among Romanians, Bulgarians and Syrians»

2017-09-24__Elezioni_Tedesche__002

Nel paragrafo “Population projection“, Destatis calcola che agli attuali ritmi di immigrazione (499,944 individui) nel 2060 vi saranno in Germania 34.3 milioni di persone in età lavorativa. Se l’immigrazione cessasse, di qui al 2060 verrebbero a mancare 499,944 * 40 ≈ 20 milioni. La Germania avrebbe quindi a tale data 14.3 milioni di persone in età lavorativa. Scomparirebbe come realtà industriale.

2017-09-24__Elezioni_Tedesche__001

*

Questo è il quadro di lungo termine, che prevede la scomparsa della Germania.

Sul breve termine, invece, il problema è di banale constatazione del dato di fatto.

Sia la Cdu sia la Spd hanno la maggior parte dei votanti nella fascia di età superiore ai 60 anni. Gli Elettori della Cdu sotto i 30 anni non superano il 23% della popolazione. Stesso ragionamento vale per la Spd.

Al contrario, sia AfD sia Fdp hanno prevalentemente un Elettorato in fascia giovane o, comunque, sotto i 45 anni.

*

È del tutto chiaro come la demografia cambierà le propensioni al voto. In soli cinque anni saranno deceduti circa 4.5 milioni di persone ora vecchie, con collasso degli Elettori di Cdu e di Spd.

* * * * * * * *

Queste considerazioni né possono né devono essere assolutizzate.

La demografia è sicuramente un fattore sia importante sia ineludibile, ma non è certamente l’unico elemento in gioco.

Molto si giocherà sulla capacità di Cdu e dell’Spd di sapersi rinnovare, ma in ogni caso il transitorio si prospetterebbe tumultuoso.

 

Pubblicato in: Demografia, Psichiatria

Germania. Il 17% degli studenti è affetto da patologie psichiatriche.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-03-18.

2018-03-10__Nature__001

Prolegomeno.

Alcuni giorni or sono è stato pubblicato questo articolo, che ha riscosso notevole audience:

Conoscere e capire la Cina. Test di ammissione in seconda elementare.

Si riportava come il 90% degli studenti tedeschi di scuola superiore ed i loro relativi insegnanti non fosse stato in grado di risolvere i quiz che in Cina sono usati per il passaggio dalla prima alla seconda elementare.

Dei 218 graditi commenti, 215 erano rivolti alla risoluzione del quiz. Solo tre persone hanno cercato correttamente di porsi il problema di cosa stia succedendo in Germania.

Non è preoccupazione di poco conto. Solo per quanto riguarda il sistema scolastico:

Germania. Mancano ora 35,000 insegnanti, nel 2025 ne mancheranno 105,000.

«A new study by the Bertelsmann Stiftung has revealed that elementary schools in Germany are facing a shortfall of 35,000 teachers. By 2025, there will be a need for 105,000 new primary school teachers»

Negli ultimi quindi anni il sistema scolastico tedesco ha quasi triplicato gli organici, avendo dato piena copertura ad un impegno anche pomeridiano ed immettendo nelle classi larghe quote di immigrati.

Il livello qualitativo degli insegnanti è sceso e le classi marezzate seguono molto meno gli insegnamenti. Gli effetti si ripercuoteranno sul lungo termine.

Adesso poi la carenza di insegnanti diventa drammatica nel quadro della costante contrazione della popolazione autoctona: difficile rimpiazzare un insegnante di tedesco con un immigrato che non parla la lingua. Inizia a farsi sentire la carenza di popolazione giovanile.

Ma il problema non è soltanto scolastico: è globale. Coinvolge tutta la popolazione tedesca o, meglio, europea.


Sarebbe impossibile capire il comportamento dei tedeschi senza tener conto che oltre un terzo della popolazione adulta soffre di severe patologie mentali e che tali forme patologiche sono diagnosticabili nel 17% dei giovani studenti delle scuole secondarie.

Sarebbe necessario fare una grande attenzione nel distinguere con la massima cura un comportamento psichiatrico, sia del singolo di gruppo, per evitare di cercare di portare avanti un discorso logico con persone che hanno oggettive difficoltà ad intendere il reale ed ad argomentarvi sovra in modo sequenzialmente logico.

I malati di mente perdono la capacità percettiva e raziocinante che dovrebbe essere la caratteristica del genere umano.

Il problema non è meramente clinico medico: data la sua estensione e gravità è un severo problema sociale.

* * * * * * *

«Depression is the leading cause of ill health and disability worldwide. According to the latest estimates from WHO, more than 300 million people are now living with depression, an increase of more than 18% between 2005 and 2015. Lack of support for people with mental disorders, coupled with a fear of stigma, prevent many from accessing the treatment they need to live healthy, productive lives.» [World Health Organization]

*

«Immer mehr junge Erwachsene leiden unter psychischen Erkrankungen wie Depressionen, Angststörungen oder Panikattacken. Allein zwischen den Jahren 2005 bis 2016 ist der Anteil der 18- bis 25-Jährigen mit psychischen Diagnosen um 38 Prozent und darunter bei Depressionen um 76 Prozent gestiegen. Diese Zahlen stammen aus dem Barmer-Arztreport 2018, der heute in Berlin vorgestellt wurde. Demnach ist selbst bei den Studierenden, die bislang als weitgehend „gesunde“ Gruppe galten, inzwischen mehr als jeder sechste (17 Prozent) von einer psychischen Diagnose betroffen.» [Barmer Arztreport 2018]

“Sempre più giovani adulti soffrono di malattie mentali come depressione, disturbi d’ansia o attacchi di panico. Solo tra il 2005 e il 2016, la percentuale di giovani tra i 18 e i 25 anni con diagnosi mentali è aumentata del 38 per cento, di cui il 76 per cento in depressione. Queste cifre provengono dal Barmer Arztreport 2018, presentato oggi a Berlino. Secondo questo studio, più di uno su sei (17 per cento) degli studenti, che in precedenza erano considerati come un gruppo “sano”, è ora affetto da una diagnosi psicologica. [Barmer Arztreport 2018]

* * * * * * *

«Over one in six students across the country now have a mental health illness»

*

«depression, anxiety disorders and panic attacks among young people are on the increase»

*

«About 17 percent of students who were previously regarded as healthy are now affected by a mental illness, according to the study. This corresponds to almost half a million (around 470,000) people»

*

«Many signs show that there will be significantly more mentally ill young people in the future»

*

«more than a quarter (28 percent) of young people seek the help of a therapist in the event of a case of mild depression»

* * * * * * *

Sarebbe impossibile comprendere il comportamento dell’Occidente e dei tedeschi in particolare prescindendo dal loro stato psichiatrico: lo avevamo detto in inizio e lo ripetiamo con triste amarezza. Purtroppo, data l’elevata frequenza di questa categoria di patologie, l’essere mentalmente alterati è diventata la norma, ed i pochi rimasti normali, capaci di intendere e volere, sono guardati sottecchi come se fossero animali stranissimi piovuti dal cielo.

Né ci si illuda che crescendo questi studenti migliorino, ritornino normali.

Mental disorders affect more than a third of Europeans [Nature]

«Mental disorders affect more than 160 million Europeans — 38% of the population — each year ….

the most common disorders are anxiety, insomnia and depression, which account for 14%, 7% and 6.9% of the total ….

the true figure is likely be “considerably larger” than 38%»

* * * * * * * *

In parole poverissime, il 38% degli adulti occidentali assume cronicamente psicofarmaci maggiori. Le conseguenze sociali e politiche sono terrificanti.

Larga parte delle manifestazioni alle quali assistiamo sono veri e propri deliri coatti. Basterebbe solo pensare al visceralismo patologico con cui i più sostengono le proprie strampalate tesi, dal ‘clima’ alla dieta vegana, ai presunti effetti nocivi di qualcosa di per sé assolutamente innocuo. Per non parlare poi dei visceralismi politici, in accordo ai quali la gente sostiene la propria visione politica od economica non solo come se fosse una religione, quanto piuttosto un fanatismo acritico, non supervisionato da un intelletto perché inesistente.

Basterebbe andare almeno una volta ad assistere ad una partita di calcio ed osservare attentamente i comportamenti dei tifosi.

Per disgrazia, anche i soggetti mentalmente alterati godono in Occidente del diritto di voto. Si potrebbe dire che siano equidistribuiti, ma la cosa mica che consoli molto.

Un capitolo a parte sarebbe la qualità dei nostri studenti prima, classe dirigenziale dopo. Sicuramente sussiste il problema nella sua attualità, ma ancor meno rassicurante è pensare al futuro.

Una ultima considerazione.

Con la devoluzione delle ideologie liberal e socialista si dovrebbe iniziare a pensare seriamente a quando l’attuale clima sociale possa effettivamente incidere sullo stato di salute mentale.

Un esempio, uno per tutti. L’obbligo all’uso del fraseggio politicamente corretto è una coercizione del comune sentire ed intendere, ma alla fine condiziona e coerce le menti predisposte.


Nota.

Vi fareste operare da un chirurgo pazzo?

Volereste tranquilli su di un aeroplano guidato da un pilota pazzo?

Vi sentite tranquilli sapendo che un terzo dei militari, armati fino ai denti, sono affetti da patologie psichiatriche?

Siete contenti che vostro figlio, psichicamente normale, abbia nella sua stessa classe il 17% dei compagni insani di mente?


The Local. 2018-03-03. Half a million students in Germany suffer from a mental health illness: study

Over one in six students across the country now have a mental health illness, according to a new study.

The study, published by Barmer health insurance provider last week, found that depression, anxiety disorders and panic attacks among young people are on the increase.

About 17 percent of students who were previously regarded as healthy are now affected by a mental illness, according to the study. This corresponds to almost half a million (around 470,000) people.

Between 2005 and 2016, the proportion of 18- to 25-year-olds diagnosed with mental illnesses in Germany rose by 38 percent. These figures are published in Barmer’s report of the study.

“Many signs show that there will be significantly more mentally ill young people in the future,” said Dr. Christoph Straub, CEO of Barmer.

“Especially among prospective students, pressure having to do with time and one’s performance is constantly increasing and financial worries and fears about the future are added to this,” the CEO said.

Another finding of the study is that the risk of depression among students increases significantly with age; young students were found to be less at risk than older students.

In order to avoid possible mental health cases later on, the health insurance provider recommends that young adults – particularly those who have already experienced depression or anxiety – take advantage of online or in-person resources at an early stage.

While more than a quarter (28 percent) of young people seek the help of a therapist in the event of a case of mild depression, many who should do not. “Out of shame, those affected often avoid going to the doctor,” said Straub.

“We therefore see great potential in online services, especially if they are anonymous and cater to the smartphone generation,” he added.

Barmer not only carries out research into how to reach out to young people with a mental health issues earlier on, it also supports a nationwide research project – funded by the World Health Organization (WHO) – on the mental health of students called StudiCare.

Depression is the leading cause of ill health and disability worldwide and more than 300 million people are now living with the illness, according to WHO.

“Lack of support for people with mental disorders, coupled with a fear of stigma, prevent many from accessing the treatment they need to live healthy, productive lives,” WHO writes on its website.

Barmer health insurance compiled anonymous data from around eight million insured people for the completion of the study. Each year Barmer’s annual study has a different focus.  

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Germania al capolinea. – Handelsblatt

Giuseppe Sandro Mela.

2018-03-14.

 Scrofa che allatta

Da quasi due anni la confindustria tedesca lancia sempre più accorati segnali di allarme sul reale stato dell’economia tedesca.

Germania. Gigante dai piedi di argilla. – Handelsblatt

Confindustria tedesca sempre più preoccupata. – Handelsblatt

Brexit. Alla fine chi ci perde sarà la Germania. – Handelsblatt

Handelsblatt. Ciò che rendeva forte la Germania ora la rende vulnerabile.

Germania. Energiewende kaputt. – Handelsblatt.

Germania. Trump ha ragione. – Handelsblatt.

*

Come è logico per quanti abbiano a mente gli investimenti strategici, confindustria è sempre più preoccupata della denatalità degli autoctoni. E la preoccupazione è tale che se ne è interessata anche Bundesbank.

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg.

Germania. Summit in Cancelleria per l’allarme demografico.

Deutsche Bundesbank. Si moltiplicano i segnali di un disastro annunciato.

«The population in Germany will age in the coming years and fall significantly in the future …. This will also have an impact on the labour market …. the number of people of working age, ie between the ages of 15 and 74, will drop by nearly 2.5 million by 2025 …. the share of the population made up by older people aged between 55 and 74 will increase by 7 percentage points to roughly 40%»

*

«Al 2025, essendo andata in pensione la classe del baby-boom, serviranno circa 900,000 insegnati nelle scuole, 600,000 burocrati dell’amministrazione pubblica, 130,000 addetti alle banche ed alla gestione finanziaria.»

* * * * * * *

Quasi di norma, la gente non ha il senso del futuro, salvo poi lagnarsene quando il futuro diventa attuale.

Non così un industriale.

Selezionare l’idea produttiva, progettare l’impianto industriale, costruirlo, renderlo attivo ed infine ammortizzarlo è un processo che si articola su almeno sette anni di tempo. L’industriale si domanda quindi: tra sette anni ciò che produco troverà mercato? E per un investimento di centinaia di milioni?

Ma i tempi sono ancora più lungi quando ci si accosta a particolari settori, quali per esempio, quello energetico. Tra progetto e costruzione una centrale elettrica assorbe una decina di anni, ed altrettanti anni sono necessari per l’ammortamento dell’investimento. Un arco di tempo ventennale.

Dovrebbe essere quindi chiaro come il problema demografico interessi strettamente tutti coloro che direttamente od indirettamente siano interessati al comparto produttivo industriale.

* * * * * * *

«Unfilled job openings and holes in supply chains threaten economic growth»

*

«The time to act is now»

*

«there are increasing signs that Europe’s powerhouse may be reaching its limits»

*

«Shortages of skilled workers, factories operating at nearly full capacity, and bottlenecks in supply chains threaten to brake the country’s surging economy»

*

«The limits are affecting not only the manufacturing industry, but services and construction as well»

*

«And while IT workers are hard to come by, caretakers for an aging population are in even shorter supply»

*

«a currency regime that keeps the euro undervalued for Germany, bolstering its exports and enabling it to accumulate the largest current account surplus in the world»

*

«there would be less shortage of skilled workers»

*

«There are only 194 unemployed for every 100 job openings in western Germany and 225 in eastern Germany, the lowest level in 25 years»

*

«The building sector estimates it needs to add 35,000 workers in the current year, to a total of 3.3 million»

*

«Some firms can’t take in more orders because they don’t have the personnel to fulfill them»

* * * * * * *

Il messaggio è semplice.

All’industria non servono braccia senza qualificazione: servono lavoratori esperti, ben qualificati nel loro mestiere.

Ed il calo demografico renderà questo problema sempre più scottante.

Adesso poniamoci una domanda, anche se gli industriali tedeschi già vi hanno risposto nei fatti.

Quale persona sana di mente farebbe un grande investimento nel comparto produttivo in questa Germania?


Handelsblatt. 2018-03-11. German economy faces shortages as growth tests limits

Unfilled job openings and holes in supply chains threaten economic growth. The time to act is now.

*

The German economy shows no signs of slowing down even after nine years of growth, but there are increasing signs that Europe’s powerhouse may be reaching its limits. Shortages of skilled workers, factories operating at nearly full capacity, and bottlenecks in supply chains threaten to brake the country’s surging economy.

The limits are affecting not only the manufacturing industry, but services and construction as well. And while IT workers are hard to come by, caretakers for an aging population are in even shorter supply.

The economy is reaping the benefits of its own efficiency, gains in productivity and labor-law reforms — but also from a currency regime that keeps the euro undervalued for Germany, bolstering its exports and enabling it to accumulate the largest current account surplus in the world. The country is becoming the victim of its own success and economists are urging companies and lawmakers to take action now to secure growth.

They have plenty of suggestions on how to do that. Greater emphasis on recruitment and training for skilled workers is an obvious step. But economists also recommend removing incentives for early retirement that date from times of high unemployment but now exacerbate shortages. And some are urging lawmakers to do away with tax splitting for married couples — income tax is levied for each partner on half the combined income — which studies have shown inhibits more women from entering the workforce. Germany has the widest gap in working hours for men and women in the European Union.

—–

“Some firms can’t take in more orders because they don’t have the personnel to fulfill them.”

Hans Peter Wollseifer, president, German Confederation of Skilled Crafts

—–

Also, companies have to become less perfectionist in standards they set for new hires. “Many still unfortunately think they can buy skilled workers like merchandise,” said Marika Lulay, head of IT firm GFT. Everyone wants fully trained, experienced workers. “If business was prepared to accept more compromises, there would be less shortage of skilled workers.”

In the meantime, almost every measure shows an economy near its limits. The country has 1.2 million job openings — a record. There are only 194 unemployed for every 100 job openings in western Germany and 225 in eastern Germany, the lowest level in 25 years. Openings in manufacturing rose 35 percent over the year-ago quarter, and in construction, they were up by a quarter. The building sector estimates it needs to add 35,000 workers in the current year, to a total of 3.3 million. Openings remain unfilled for more than 150 days, compared to 100 days on average for jobs in general. Caretaker openings are vacant for 171 days, well above the wait for IT workers.

Electrical and metalworking industries are hurting for skilled laborers. Nearly 30 percent of companies say that a lack of workers is dampening production. “Some firms simply can’t take in any more orders because they just can’t find the personnel to fulfill them,” said Hans Peter Wollseifer, president of the German Confederation of Skilled Crafts.

Average capacity utilization is at 87 percent, and in some electrical and metalworking industries it has shot above 90 percent. The chemical industry was running at 87 percent utilization last year, and recently had to revise its forecast upward for production this year.

Logistics sometimes lag for lack of personnel — goods sometimes sit idle because trucking companies lack enough drivers. Nearly half the firms surveyed by the Kiel Institute for the World Economy listed this as a problem. Two-fifths of the procurement managers surveyed by HIS Markit reported longer waits for deliveries in February — longer than they have seen in years. Besides bottlenecks, there are some basic materials, like metals, plastics, and electric components, that are not readily available.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo

Giappone. Si avvia sul Calvario, ma in fondo c’è solo la Croce.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-03-09.

 2018-03-05__Giappone__001

7 signs Japan has become a ‘demographic time bomb’ [Business Insider]

«Japan is dealing with what economists call a “demographic time bomb.”

Through a vicious cycle of low fertility and low consumer spending, the country’s economy has gradually shrunk over the last 25 years.»

*

Index Mundi riporta che all’inizio del 2018 il Giappone contava 126,451,398 abitanti.

La ripartizione per fasce di età è singolare:

00 – 14 anni: 12.84%

15 – 24 anni: 09.64%

25 – 54 anni: 37.50%

55 – 64 anni: 12.15%

65 – 99 anni: 27.87%.

L’età mediana è 46 anni. Nascono 7.7 bambini ogni 1,000 abitanti ed il tasso di fertilità è 1.41. Ma in Tokyo il tasso di fertilità è 1.09.

Ogni 1,000 abitanti si registrano 9.8 decessi contro le 7.7 nascite.

Il Giappone si avvia a diventare una paese di vecchi depauperato della componente giovanile.

Se il traguardo finale è la estinzione del popolo giapponese, la fase di passaggio sarà caratterizzata da un elevato rapporto vecchi / giovani.

La prima conseguenza immediata è semplicissima: i vecchi dovranno rinunciare ad un largo numero di servizi non tanto per carenza di mezzi economici, quanto per carenza di braccia giovani. Diciamo pure che non sarà certo una pacchia: i vecchi non sono autosufficienti.

*

Il madornale errore fatto da liberal e socialisti ideologici è quello di aver considerato i processi economici come fattori a sé stanti. Invece l’economia altro non è che la risultante dell’agire economico delle persone umane: senza di queste non può esistere sistema economico di sorta. Le crisi demografiche si accompagnano sempre a crisi economiche, e l’unico rimedio è la ripresa della proliferazione. L’essere umano è libero, libero di fare anche cose totalmente anti economiche.

Se è di interesse la numerosità della popolazione totale, ancor più lo sono i rapporti intercorrenti tra le diverse classi di età. Il vecchio pensa solo alla propria pensione ed a come poter conservare i propri beni. È il giovane che per sua intima natura ha il gusto dell’imprendere, del fare.

Alla luce di quanto riportato, appare evidente che non c’è “stimolo economico” che tenga se non ci sono le persone che possano raccoglierne l’opportunità: sarebbe come voler rianimare un cadavere. Le ossa nella tomba non imprendo né tanto meno sono mercato.

*

Adesso i primi nodi iniziano a venire al pettine.

«In un paese che ha un tasso di disoccupazione molto basso (intorno al 2,8 per cento) e un numero di giovani universitari in costante calo, Mitsuhiro Wada deve assumere fino a 900 nuovi laureati ogni anno»

*

«Il mercato è difficile: c’è una concorrenza enorme» dice Wada, responsabile delle assunzioni del personale di Daiwa House, uno dei colossi giapponesi del settore edilizio e una delle aziende che assumono di più. «Oggi è addirittura più difficile che nel 2007 o 2008»

*

«Dopo il quinquennio di stimoli economici varati dal governo del primo ministro Shinzo Abe e con una popolazione in età lavorativa in netto calo demografico, le grandi aziende giapponesi sono impegnate in una sfida agguerrita per accaparrarsi i talenti migliori»

*

«Tenuto conto che per molti laureati il posto di lavoro a vita è ancora adesso la regola, non riuscire ad assumere energie fresche potrebbe esporre perfino le aziende più affermate al rischio di un declino sul lungo periodo, perché di sicuro faranno molta più fatica a reclutare personale all’altezza nelle ultime fasi della loro carriera»

* * * * * * * *

«non riuscire ad assumere energie fresche».

Semplicemente non ce ne sono più.

Giappone. Continua la lenta agonia.

Giappone. Un nuovo sconcertante aspetto demografico.

*

Né ci si illuda che questi dati siano ignoti a cinesi, indiani e russi, che stanno aspettando pazientemente la disintegrazione demografica nipponica.

Né infine ci si illuda che il tasso di fertilità possa essere smosso con stimoli economici, quali gli assegni familiari.

La denatalità che affligge l’Occidente non è causata da carenza di mezzi, ma è la risultante finale della Weltanschauung liberal e socialista ideologica.


Sole 24 Ore. 2018-03-02. In Giappone mancano laureati, aziende pronte a lottare per assumere

In un paese che ha un tasso di disoccupazione molto basso (intorno al 2,8 per cento) e un numero di giovani universitari in costante calo, Mitsuhiro Wada deve assumere fino a 900 nuovi laureati ogni anno. «Il mercato è difficile: c’è una concorrenza enorme» dice Wada, responsabile delle assunzioni del personale di Daiwa House, uno dei colossi giapponesi del settore edilizio e una delle aziende che assumono di più. «Oggi è addirittura più difficile che nel 2007 o 2008». Dopo il quinquennio di stimoli economici varati dal governo del primo ministro Shinzo Abe e con una popolazione in età lavorativa in netto calo demografico, le grandi aziende giapponesi sono impegnate in una sfida agguerrita per accaparrarsi i talenti migliori.

Tenuto conto che per molti laureati il posto di lavoro a vita è ancora adesso la regola, non riuscire ad assumere energie fresche potrebbe esporre perfino le aziende più affermate al rischio di un declino sul lungo periodo, perché di sicuro faranno molta più fatica a reclutare personale all’altezza nelle ultime fasi della loro carriera. «Di solito, il settore edilizio ha un andamento ciclico: ci sono stati periodi in cui le assunzioni erano scarse – dice Wada -. Di conseguenza, fanno parte del nostro personale pochi trentenni e vorremmo riuscire a mantenere un certo equilibrio». Le prospettive per il settore edilizio in Giappone sono migliorate parecchio da quando Tokyo ha vinto la candidatura a ospitare i Giochi Olimpici del 2020. Daiwa House punta a un rapido aumento delle vendite e di conseguenza deve procedere a numerose assunzioni. «Intendiamo essere il numero uno e trovare una buona occasione per espandere la nostra quota di mercato», dice Wada.

In Giappone le assunzioni sono ancora adesso collegate alla stagione annuale delle lauree e le aziende seguono alcune disposizioni facoltative che le vincolano a condurre colloqui e proporre posti di lavoro a determinate condizioni. Una volta assunto, un neolaureato avrà la certezza di costanti avanzamenti di carriera e riceverà aumenti della retribuzione annuale fino all’età della pensione, che di solito è a 60 anni ma è anch’essa in rialzo. Mentre nell’insieme il mercato del lavoro giapponese è in notevole espansione – con un rapporto tra posti di lavoro e aspiranti lavoratori che è tra i più alti dalla metà degli anni Settanta a oggi –, nel caso dei laureati il rapporto è ancora inferiore ai massimi storici del 2007-2008, e molto al di sotto della bubble economy degli anni Ottanta.

In parte, ciò dipende dal fatto che le aziende sono diventate più disciplinate in relazione a come assumono nel corso del ciclo economico. Lo dice Akihito Toda, analista capo per Recruit Works Institute, un istituto di ricerca: «Di recente, questo modello ha previsto di non incrementare le assunzioni in maniera eccessiva solo perché l’economia è migliorata». Questo, però, nasconde il divario che si è venuto a creare tra i datori di lavoro di prestigio che assumono (come il governo, le case automobilistiche e le grandi banche da una parte) e i settori meno popolari come le vendite al dettaglio, l’assistenza sanitaria e l’edilizia dall’altra. «Chi riesce ad assumere personale senza contrattempi non lo considera un problema di rilievo. Le aziende che si imbattono in difficoltà, invece, non pensano a lungo termine ed entrano in forte competizione le une con le altre», dice ancora Toda.

Le aziende più piccole ingaggiano una battaglia particolare: «Secondo un nostro sondaggio di quest’anno, più del 50 per cento delle piccole e medie imprese non è riuscito ad assumere il numero di laureati che voleva», dice Tomonori Sugisaki della Camera di Commercio del Giappone. Le aziende reagiscono in molteplici modi diversi ma, in generale, non aumentano il salario. Dal momento che i laureati giapponesi si aspettano di trovare un lavoro a vita, la retribuzione iniziale non è rilevante: scelgono dunque in base alla stabilità e alla reputazione percepite e al grado di comfort che offre un datore di lavoro.

Wada, di Daiwa House, sta cercando di incoraggiare una più ampia diversità di stili lavorativi, oltre a facilitare la vita delle madri che lavorano. Tra le altre cose, questa azienda ha cancellato uno dei requisiti tradizionali nel mondo del lavoro giapponese, quello che prevede che un dipendente si trasferisca ovunque lo mandi il datore di lavoro. «Abbiamo inaugurato un sistema nel quale è possibile specificare la regione nella quale si è disposti a lavorare: così facendo, cerchiamo di offrire al nuovo personale termini di lavoro su misura», dice. Per il momento, le aziende giapponesi non hanno ancora cercato all’estero, se si esclude un numero assai esiguo di aziende manifatturiere globalizzate. Anche se il lavoro oltreoceano di Daiwa House è in rapida espansione, «per adesso pensiamo alle assunzioni ancora e soltanto in termini di lavoratori giapponesi», dice Wada.

Altra questione sulla quale si sta concentrando l’attenzione generale è che cosa fare dei lavoratori di maggior talento. Di norma, le aziende giapponesi amano prendere tempo e spostare i dipendenti in una serie di posizioni diverse, assottigliando sempre più il loro numero a mano a mano che si sale più in alto nell’organigramma aziendale. Anche le aziende più popolari, tuttavia, stanno riscontrando una nuova tendenza: i lavoratori giovani non sono disposti come un tempo a farsi strada verso l’alto, ma preferiscono abbandonare il posto di lavoro che hanno per unirsi a una start-up o un’associazione di beneficenza.«Alcune aziende ormai stanno prendendo in considerazione l’ipotesi di dover trovare una scorciatoia», dice Toda.

Le prospettive di riuscire ad assumere sono sempre più cupe. A partire dall’anno prossimo, il numero degli studenti che si iscriverà alle università giapponesi inizierà a calare vistosamente, visto che l’ultimo strascico dei baby boomer si va esaurendo. E a partire dal 2022 inizieranno a laurearsi classi composte da un numero sempre più esiguo di studenti.