Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Ungheria. Orban vara misure per nascite e famiglie.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-18.

Budapest 001

Come peraltro molti altri paesi occidentali, l’Ungheria soffre due problemi strategicamente severi:

– denatalità, con tasso di fertilità a 1.45;

– emigrazione causata dalla pregressa situazione economica.

Il risultato è un calo della popolazione con un netto incremento del rapporto vecchi / giovani.

L’immigrazione non è un rimedio, anche se è stata assunta a livello di credo religioso da parte dei liberal socialisti.

Immigration ‘not a human right’: Hungary FM on EU criticism [Aljazeera]

«In an unprecedented move against a member state, the European Parliament has triggered Article 7 of the EU’s governing treaty intended to protect its core principles: human dignity, freedom, democracy, equality, the rule of law and respect for human rights, including minority rights.

The EU accuses the Hungarian government led by Prime Minister Viktor Orban of breaching those values by passing anti-refugee laws, manipulating the media, disregarding government corruption and removing independent judges.»

Si noti come il termine “EU accuses” dovrebbe essere tradotto nel fatto che è l’attuale eurodirigenza che accusa. Ma a maggio questa se ne tornerà a casa sua.

Operazione difficile il supporto alle famiglie, dato l’ancora persistere della mentalità liberal che inneggia il controllo delle nascite, l’aborto, la visione della femmina che si realizzerebbe esclusivamente nel lavoro, nonché una sostanziale avversione al concetto stesso di famiglia. Una cultura di morte.

L’unico rimedio noto alle crisi demografiche è riprendere a fare figli.

«Hungarian women with four children or more will be exempted for life from paying income tax»

*

«It was a way of defending Hungary’s future without depending on immigration»

*

«young couples will be offered interest-free loans of 10 million forint ($36,000), to be cancelled once they have three children»

*

«A pledge to create 21,000 nursery places over the next three years»

*

«An extra $2.5bn to be spent on the country’s healthcare system»

*

«Housing subsidies»

*

«State support for those buying seven-seat vehicles»

*

«Hungarian people think differently, …. We do not need numbers. We need Hungarian children»

*

«Hungary’s Prime Minister Viktor Orban launched his European elections campaign on Sunday, calling on voters to defend “Christian” nations against immigration»

* * * * * * *

Prendiamo atto con piacere che Mr Orban abbia potuto mettere in essere una serie di provvedimenti a favore e tutela della famiglia e della maternità. Questo è uno dei tanti segni della devoluzione dell’ideologia liberal.

Non possiamo fare a meno di notare però come il supporto finanziario alla famiglia ed alla prole sia soltanto una parte dell’impresa testé iniziata.

Occorre ritornare appieno al retaggio religioso, storico, culturale e sociale delle nostre nazioni. Occorre smantellare, con calma ma con fermezza, tutta la dottrina giuridica liberal in materia, dalle leggi sulla separazione e sul divorzio, fino all’abrogazione delle leggi sull’aborto. Ci vorrà ancora un po’ di tempo, ma la strada è questa. La famiglia deve essere difesa allo strenuo.

Sì: l’Occidente è cristiano ed è anche orgoglioso di esserlo.


Bbc. 2019-02-11. Hungary tries for baby boom with tax breaks and loan forgiveness

Hungarian women with four children or more will be exempted for life from paying income tax, the prime minister has said, unveiling plans designed to boost the number of babies being born.

It was a way of defending Hungary’s future without depending on immigration, Viktor Orban said.

The right-wing nationalist particularly opposes immigration by Muslims.

Hungary’s population is falling by 32,000 a year, and women there have fewer children than the EU average.

As part of the measures, young couples will be offered interest-free loans of 10 million forint ($36,000), to be cancelled once they have three children.

Mr Orban said that “for the West”, the answer to falling birth rates in Europe was immigration: “For every missing child there should be one coming in and then the numbers will be fine.

“Hungarian people think differently,” he said. “We do not need numbers. We need Hungarian children.”

While Mr Orban was delivering his state of the nation address, the latest demonstrations were being held in Budapest against his government’s policies.

Correspondents say the biggest applause during his speech was for his announcement of a seven-point plan to increase the fertility rate.

Other points in the government’s plan include:

A pledge to create 21,000 nursery places over the next three years

An extra $2.5bn to be spent on the country’s healthcare system

Housing subsidies

State support for those buying seven-seat vehicles

‘Remarkable’ decline in fertility rates

Why is IVF so popular in Denmark?

‘Why I never want babies’

‘I’m not having children because I want to save the planet’

Mr Orban finished his speech with: “Long live Hungary and long live the Hungarians!”

The average number of children a Hungarian woman will have in her lifetime (fertility rate) is 1.45. This puts the country below the EU average of 1.58.

France has the highest fertility rate in the EU – 1.96 – and Spain the lowest at 1.33.

Niger in West Africa has the highest fertility rate in the world, with 7.24 children per woman.


Aljazeera. 2019-02-11. Hungary’s Orban vows defence of ‘Christian’ Europe

Prime Minister Viktor Orban also announces raft of measures intended to address Hungary’s declining population.

*

Hungary’s Prime Minister Viktor Orban launched his European elections campaign on Sunday, calling on voters to defend “Christian” nations against immigration, which he said led to the “virus of terrorism”.

Delivering a “state of the nation” speech in the capital, Budapest, Orban also announced a seven-point package of tax breaks and subsidies to encourage families to have more children – a move he called “Hungary’s answer” to its falling population, instead of increasing immigration.

The benefits include a lifetime personal income-tax exemption for women who give birth to and raise at least four children and a subsidy of 2.5 million forints ($8,825) towards the purchase of a seven-seat vehicle for families with three or more children.

A low-interest loan of 10 million forints ($35,300) for women under the age of 40 who are marrying for the first time will also be introduced.

Orban, who has made “zero tolerance” for immigration his main theme over the past four years and was elected to a third consecutive term as prime minister in April of last year, also said May’s elections for the European Parliament were an “historic crossroads” for Europe.

He framed the vote as a choice between the “new internationalism” of pro-migration Brussels bureaucrats under the sway of “money men”, such as liberal US billionaire George Soros, and sovereign nation-states defending tradition and Christianity.

He also warned against voting for pro-immigration parties.

Those who “decide for immigration and migrants for whatever reason, in reality, are creating mixed-race nations”, he said.

‘We want Hungarian babies’

Referring several times to Hungary’s abandoning of communism in 1989, he said Hungarians were again confronted with “those who would wipe out our traditions and nation states”.

He added: “Historic traditions in immigrant countries come to an end … in such countries Christian-Muslim worlds are created with continually shrinking Christian proportions.”

Orban, who has emerged as a self-styled “illiberal” figurehead for nationalist politicians in Europe, added that “immigration brings increased crime, especially crimes against women, and lets in the virus of terrorism”.

Announcing his seven-point programme, Orban ruled out any move to tackle Europe’s declining birth numbers with higher immigration as “capitulation”.

“We don’t just want numbers, we want Hungarian babies,” he said.

Hungary’s population has fallen below 10 million in recent years and it has one of the lowest fertility rates in the OECD. An estimated 500,000 Hungarians, meanwhile, have emigrated to Western Europe since it joined the European Union in 2004.

Several hundred members and supporters of Hungary’s main opposition parties held an anti-Orban rally in Budapest following the Hungarian leader’s speech.

The event also was aimed at protesting against recent heavy fines the state audit office imposed on several opposition parties.

Opposition leaders allege the fines, which cannot be challenged in Hungarian courts, are politically motivated and intended to hinder their campaigns for the European Parliament and municipal elections in Hungary later this year.

Annunci
Pubblicato in: Amministrazione, Demografia

Inps. Si avvicina la soluzione finale dei pensionati. Eutanasia.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-08.

2018-101_età pensionamento

L’Inps ha un flusso finanziario complessivo di 860 miliardi annuo.

L’Inps riporta a bilancio 2018 entrate complessive per 423.975 miliardi di euro, delle quali 211.462 miliardi derivano dal versamento dei contributi. Mancano all’appello 212.513 = (423.975 – 211.462) miliardi di euro.


Per comprendere appieno il dramma dell’Inps servirebbe tener sempre a mente che i contributi versati sono immediatamente utilizzati per pagare le prestazione fatte dall’ente: in altri termini, sono i lavoratori attuali che pagano con i contributi che versano le pensioni di quanti siano ritirati.

Perché il gioco funzioni devono essere soddisfatte alcune condizioni di base:

– il numero dei lavoratori dovrebbe essere sempre maggiore dei pensionati;

– I lavoratori dovrebbero guadagnare a sufficienza da poter versare contributi consistenti;

– il sistema non dovrebbe essere gravato da spese improprie. A rigor di termini, l’assistenza non dovrebbe competere l’Inps bensì essere contabilizzata a parte: per l’assistenza sociale non si versano contributi;

– le pensioni di reversibilità altro non sono che una forma assistenziale che prolunga lo stato in essere di un trattamento pensionistico ben oltre i contributi versati.

– la demografia del paese non dovrebbe subire scossoni significativi.

*

Negli ultimi tempi si sono evidenziati diversi fatti avversi al bilancio dell’Inps.

– L’età media si è allungata in modo molto significativo;

– Con il calo delle nascita è diminuito il numero delle persone al lavoro che versano contributi;

– Con la crisi economica le retribuzioni si sono ridimensionate, riducendo così il flusso contributivo;

*

I rimedi hanno certamente rabberciato situazioni temporanee, ma hanno generato i presupposti per ulteriori peggioramenti ed anche per molte iniquità.

Se l’innalzamento dell’età pensionabile ha ridotto il transito da lavoro a pensione, ha però reso impossibile la liberazione di posti di lavoro, da cui aumento della disoccupazione giovanile, ricorso a forme di lavoro precario, da cui deriva una diminuzione di quello che avrebbe dovuto essere l’apporto contributivo alle casse dell’Inps.

*

Al mantenimento dei pensionati in essere è immolata l’intera generazione che loro subentra, per la quale la prospettiva di ottenere a fine ciclo lavorativo una pensione con cui poter vivere risulta essere semplicemente impossibile.

* * *

Un orpello a parte è costituito dagli oneri squisitamente assistenziali, in continuo aumento.

Tutti i morti erano vivi un secondo prima di morire: il fatto che l’Inps sia ancora in piedi non garantisce affatto che tale posa restare in un domani.


2018-102

Con 22.5 milioni di contribuenti l’Inps dovrebbe mantenere 15.5 milioni di beneficiari di trattamento pensionistico. In altri termini, un lavoratore paga grosso modo un migliaio di euro al mese per mantenere il “suo” pensionato, denaro che gli resterebbe in tasca se il pensionato non ci fosse oppure decedesse con gradita sollecitudine.

2018-103

A riscontro di 22,523,280 assicurati Inps, 4,877,333 sono beneficiari di prestazioni a sostegno del reddito. È un numero insostenibile. Ci si rende conto che non si può chiedere di essere solidali al punto tale da immiserirsi.

2018-104

Le entrate contributive dell’Inps sono disperatamente scarne in confronto degli obblighi. Senza il contributo statale di 110 miliardi l’Inps non potrebbe far fronte ai propri impegni. Ma, ci si pensi bene: lo stato quei 110 miliardi li cava fuori dalle tasche dei lavoratori, che alla fine si trovano un conto totale non salato, ma sale schietto.

2018-105

Dei 428.142 miliardi di uscite, solo 251.643 sono per le pensioni. I commenti dovrebbero essere superflui.

2018-106

2018-107

L’importo lordo medio mensile del reddito pensionistico ammonta a 1,513,41 euro. È una cifra di poco superiore alla soglia di povertà.

2018-108

Lo stato in cui è stata ridotta l’Italia da decine di anni di governo delle sinistre è ben evidenziato da questa tabella, di cui sopra. La retribuzione media annua ammonta a 26,331 euro in Lombardia, la massima riscontrabile in Italia, mentre quella ottenuta dagli italiani all’estero vale 62,570 euro, ossia tre volte tanto. La “colpa” non è certo degli esteri che lasciano guadagnare bene chi lavora, è dello stato italiano che tiene chi lavora a livello di schiavo.

2018-109

2018-110

La grande quantità dei pensionati maschi, il 67.5%, gode di trattamenti inferiori ai 2,000 euro mensili.

Il 7.2% del totale dei pensionati percepisce trattamenti superiori ai 3,000 euro mensili, per una pensione media lorda annuale di 52,216.99 euro. Hanno avuto modo di fare versamenti contributivi elevati ed adesso ottengono ciò che loro spetta.

Pubblicato in: Amministrazione, Demografia, Unione Europea

Danimarca. A breve restrizioni accesso migranti al welfare.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-30.

2019-01-28__danimarca__001

Il problema dell’accesso dei migranti alla assistenza sanitaria è sia politico sia economico.

Le diatribe politiche prendono in considerazione una congerie di elementi e le scelte finali rispondono a criteri che sono tutto tranne che economici.

Le diatribe economiche invece si basano, o dovrebbero farlo, sui numeri: sulle reali disponibilità, sull’allestimento di una scaletta di priorità, ed infine sulla sostenibilità nel tempo degli investimenti.

In questo caso il problema è duplice.

In Danimarca sta governando un monocolore di minoranza, composto solo da ministri del partito liberale, con il sostegno esterno del partito del popolo danese, alleanza liberale, e partito conservatore.

Il DF, Dansk Folkeparti, partito del popolo danese, è una formazione populista fortemente euroscettica nei confronti dell’attuale élite egemone.

Il DA, Det Konservative Folkeparti, partito conservatore aderisce al gruppo del ppe, ma se ne differenza in modo sostanziale essendo molto meno statalista della Cdu, per esempio.

Il Venstre, alleanza liberale pur professandosi liberal, ha posizioni molto simili al Da.

A giugno in Danimarca si terranno le elezioni politiche, e le formazioni politiche identitarie sovraniste sono in grande fermento. È concretamente possibile che possano riuscire ad essere determinanti nella formazione di quello ce sarà il prossimo governo. Questa evenienza induce tutte le forze politiche a formulare proposte che posano essere metabolizzate anche dalle opposizioni.

Infatti, a meno di clamorosi mutamenti del quadro politico, sarà alla fine possibile solo un governo di coalizione ed il partito socialdemocratico sembrerebbe essere fuori gioco.

* * * * * *

«A proposed tightening of immigration rules could have a significant impact on refugees’ ability to pay unforeseen costs of vital services like medicine and healthcare»

*

«The Danish government’s projected ‘paradigm change’ in asylum policy could reduce the access of refugees to vital economic support in paying for medicines and other necessary one-off costs»

*

«Several organisations have advised against changing a current scheme which enables municipalities to provide subsidies for specific, often unforeseen costs»

* * *

Il costo delle cure mediche, prestazioni professionali, medicine e protesi, è molto elevato, specie poi se si volesse mantenere lo standard a livello dello stato dell’arte.

Con i tempi nei quali viviamo e, ancora a maggior ragione, con quelli venturi, i problemi dei costi diventeranno via via sempre più cogenti. Ogni azione politica necessita infatti di una adeguata copertura. Ed i soldi stanno finendo.


The Local. 2019-01-27. New Danish asylum curb could restrict refugee access to medicine and dental care

A proposed tightening of immigration rules could have a significant impact on refugees’ ability to pay unforeseen costs of vital services like medicine and healthcare.

The Danish government’s projected ‘paradigm change’ in asylum policy could reduce the access of refugees to vital economic support in paying for medicines and other necessary one-off costs.

Several organisations have advised against changing a current scheme which enables municipalities to provide subsidies for specific, often unforeseen costs incurred by hard-up refugees, newspaper Jyllands-Posten reports.

The Danish Refugee Council (Dansk Flygtningehjælp) has said that the proposal, which underwent the first round of political process in parliament on Thursday, would “limit individual refugees’ ability to get help” with the costs of medicine, dental care and other “necessary one-off costs”.

The bill also provides for a 2,000-kroner reduction in benefits payments to refugees who provide for dependents.

“This will affect a group which is already economically pressed to its absolute limits,” the Danish Red Cross wrote in a response to the hearing stage of the bill procedure.

Current rules enable refugees, like other people living in Denmark, to apply for assistance in covering the costs of specific one-off costs that they cannot afford themselves. Half of the money provided by municipalities in such instances is directly refunded by the state.

But the proposed new legislation will change that by providing for a block subsidy only, paid by the state to municipalities for extra financial assistance to refugees.

That means that municipalities will no long be certain of receiving the same state subsidies for the payments as before and may thereby have to change their policies.

Meanwhile, another element of the bill, which cuts integration benefits paid to refugee families.

“Put succinctly, this is making things harder for the people who are already struggling the most,” Danish Institute for Human Rights director Jonas Christoffersen told Jyllands-Posten.

Martin Henriksen, immigration spokesperson with the Danish People’s Party, told the newspaper he hoped the result of the new legislation would be fewer subsidies for refugees.

“Since we have cut benefits to refugees [via previous reforms, ed.], we have got the impression that some municipalities have compensated for some of the reduction by giving these subsidies. We want that stopped,” Henriksen said.

“We are not interested in letting municipalities, with 50 percent economic support from the state, conduct local politics that contradict national policy on foreigners,” he added.

In written comments provided to Jyllands-Posten, immigration minister Inger Støjberg did not directly answer whether she expected the bill to result in municipalities providing fewer subsidies to refugees, the newspaper writes.

But Støjberg’s ministry confirmed that savings are expected to be made through the change, the report adds.

The term ‘paradigm shift’ has been used to refer to a change in approach to asylum policy, initially driven by the anti-immigration Danish People’s Party, reflecting the view that the status of refugees should always be considered as temporary, and that their status should be revoked as soon as conditions in origin countries are deemed to enable this.

That means less emphasis in general on assisting refugees to integrate, which would aid their long-term prospects in Danish society.

The bill that provides for the new rule change is scheduled for its second and third parliamentary procedures in February, following normal process in Denmark for passing legislation.

It was contained in the budget agreed between the government and Danish People’s Party in November last year and is expected to be voted through.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Germania. Staatsangehörigkeitsrechts. Un tentativo disperato.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-25.

2018-12-03__Stem__001

In Germania è variata la legge sulla cittadinanza.

La femmina sterile adotta prole altrui.

*


Consolato d’Italia a Brema.

Cittadinanza tedesca

La nuova legge sulla cittadinanza (Gesetz zur Reform des Staatsangehörigkeitsrechts) è entrata in vigore il 1° gennaio 2000. È stata anche modificata la legge sugli stranieri (Ausländergesetz), introducendo una procedura facilitata per la naturalizzazione degli stranieri (Einbürgerungsverfahren).

Di seguito sono riportate le modifiche più importanti che riguardano i cittadini italiani.

Bambini nati in Germania da genitori stranieri:

Tutti coloro che nascono in Germania dopo il 1.1.2000, da genitori stranieri,  ricevono automaticamente la nazionalità tedesca se almeno uno dei genitori:

– risiede regolarmente in Germania da otto anni e

– possiede un diritto di soggiorno (Aufenthaltsberechtigung) o, da almeno tre anni, un permesso di soggiorno illimitato (unbefristete Aufenthaltserlaubnis). Nel caso in cui il minore abbia una diversa cittadinanza, deve obbligatoriamente scegliere fino al compimento della maggiore età, e al più tardi, con il completamento del 23° anno di età, una delle cittadinanze. Se non rilascia la dichiarazione perde automaticamente la cittadinanza tedesca.

Naturalizzazione (richiesta di cittadinanza tedesca):

A partire dal 22.12.2002, in seguito ad un accordo fra l’Italia e la Germania, è venuto meno il requisito della perdita della cittadinanza precedente entrando in vigore il nuovo Art. 87, comma 3 della Legge tedesca sulla riforma della cittadinanza, Gesetz zur Reform des Staatsangehörigkeitsrechts, (ossia § 12 della Legge sulla cittadinanza, Staatsangehörigkeitsgesetz StAG, dopo la riforma introdotta dalla Legge sull’immigrazione entrata in vigore il 1 gennaio 2005 e di recente dall’articolo 6 Nr. 9 della Legge del 14 marzo 2005, BGBl. I S. 721). In seguito a questa legge, i cittadini dell’Unione Europea possono acquistare la cittadinanza tedesca mantenendo quella originaria, nel rispetto del principio di reciprocità, mentre il cittadino tedesco che acquista la cittadinanza italiana può mantenere quella tedesca.

Un cittadino italiano ha diritto all’acquisto della cittadinanza tedesca mantenendo quella italiana in presenza dei seguenti requisiti:

– risiedere regolarmente in Germania da almeno otto anni;

– riconoscersi nell’ordinamento libero e democratico della Costituzione tedesca;

– non può svolgere attività contrarie ai principi garantiti dalla Costituzione;

– essere in grado di sostenere sé stessi ed i familiari che hanno diritto ad essere sostenuti senza dover ricorrere ai sussidi previsti dal II o XII Buch del Sozialgesetzbuch;

– non aver subito condanne penali (con eccezione di reati lievi);

– dimostrare una sufficiente conoscenza della lingua tedesca.

Inoltre la legge tedesca prevede che la cittadinanza tedesca può essere concessa anche ai familiari del cittadino italiano che vuole acquistare la cittadinanza tedesca in aggiunta ai presupposti sopra elencati, in particolare:

– il coniuge del cittadino italiano e i figli minori in conformità del § 10 comma 1 della Legge sulla cittadinanza (StAG) anche se non risiedono regolarmente da otto anni in Germania.

Requisito essenziale per l’acquisto della cittadinanza tedesca è la conoscenza della lingua tedesca. Questa conoscenza viene controllata dalle autorità tedesche. La cittadinanza tedesca è da richiedere alle competenti autorità tedesche (in molti casi è l’Ufficio stranieri). Queste controllano se le condizioni sopra menzionate sono soddisfatte offrendo ulteriori informazioni. La concessione di cittadinanza è soggetta una tassa di naturalizzazione.

* * * * * * *

Adesso dovrebbe essere chiaro il motivo per cui Frau Merkel ed i liberal ritengono che l’mmigrazione sia parte integrante della loro ideologia.

Importano persone che reputano debbano essere loro riconoscenti e dalle quali si aspettano in contraccambio un voto di sostegno: i cittadini tedeschi infatti votano, almeno ancora per il momento.

Pubblicato in: Demografia, Stati Uniti

USA. Demografia. Risvolti sociali e politici.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-12.

2019-01-13__usa_demography__002

A tutto il novembre 2018 gli Stati Uniti avevano 328,963,020 cittadini.

Gli ispanici assommavano a 54,232,205 individui, 16.49% della popolazione.

Gli ispanici presentano 899,000 nascite sul totale di 3,855,500 bambini nati, ossia il 23.32%.

*

Questi dati sono inequivocabili.

La popolazione americana ispanica ha un numero di nascite sette punti percentuali circa maggiore di quello della popolazione bianca, per cui la sua incidenza percentuale sulla popolazione totale è destinata a crescere rapidamente nel tempo.

*

2019-01-13__usa_demography__001

Se è cosa ovvia che i cittadini ispanici siano tali a tutti gli effetti, altrettanto evidente è il fatto che il loro modo di vivere e concepire la realtà risente in modo sensibile della propria origine, come peraltro è giusto che sia.

«More than half of the nation’s Hispanic baby births came from just three states: California, Texas and Florida.»

Midterm. Voto stratificato per gruppi etnici.

Ci si prepari quindi a vedere nel tempo una sempre maggiore ispanizzazione degli Stati Uniti, con una corrispettiva riduzione della popolazione bianca, di discendenza puritana e luterana. Con le logiche conseguenze sociali e politiche ampiamente riportate nella pubblicazione sulla stratificazione del voto.


Bloomberg. 2019-01-10. Without Migration, U.S. Population in 48 States Would Shrink

– S. Dakota, Utah are only states with needed replacement rate

– White children were minority in 13 U.S. states plus DC in 2017

*

White children were a minority among births in 13 U.S. states plus the District of Columbia, according to 2017 data released by Centers for Disease Control and Prevention.

In Hawaii, less than 1 in 5 children were born to, non-Hispanic, single-race white mothers; while in New Mexico, California, Texas as well as Washington DC fewer than one third of child births were.

In New Mexico, the majority of children were born to Hispanic mothers with about two Hispanic children born for each white, non-Hispanic child. At the other extreme, in Maine, West Virginia and Vermont more than 40 white children were born for every Hispanic child.

Overall, 3,855,500 children were born in the U.S. in 2017.

California leads all states with 471,658 births, followed by Texas, New York and Florida.

South Dakota and Utah, were the only states with fertility rates above that of replacement level — an equilibrium of flat population growth achieved by new birth only, without migration. In other words, the population of the remaining 48 states plus the District of Columbia would have shrunken without either domestic or international migration. South Dakota had the highest overall total fertility rate in the United States (2,227.5 births per 1,000 women).

In the majority of states, Hispanic births outpaced non-Hispanic black births. Overall, about one-third of a million more Hispanic children were born compared to black kids in 2017. More than half of the nation’s Hispanic baby births came from just three states: California, Texas and Florida.

However, births of black babies outpaced Hispanic ones by more than a 3 to 1 margin in Louisiana, Alabama, South Carolina, Ohio, the nation’s capitol as well as Mississippi, where ten black babies were born for every Hispanic one, the highest relative comparison.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo

Giappone. Segni iniziali di disfacimento. Apertura alla immigrazione.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-31.

2018-12-30__Giappone__001

Lo studio della storia serve quasi invariabilmente per capire che sono stati rifatti gli stessi identici errori del passato: solo pochissime persone hanno la dote di ricordarsi dei propri errori ed evitare di ripeterli.

Cercheremo di essere più chiari usando un esempio che dovrebbe rendere bene l’idea.

Fate conto di essere presenti ad un grave incidente: un masso si è staccato ed è piombato su di un poveraccio, che vi rimane imprigionato con le gambe schiacciate sotto. Queste situazioni sono davvero dolorose, molto dolorose.

Sicuramente praticare al ferito una iniezione di morfina gli attenua il dolore, ma fino a tanto che non si rimuove il masso non si cerca di risolvere il problema alla radice. Trattare codesti incidenti solo con antidolorifici, o anche anestetici, non solo non risolve il problema di base, ma spesso ne procrastina la soluzione.

Ma i tempi sono finiti: non si può campare a lungo con le gambe maciullate sotto un masso.

*

Tutto l’Occidente, Giappone ivi compreso, evidenzia negli ultimi decenni una grande crisi di denatalità.

Il rimedio più ovvio, come il rimuovere il masso, è quello di far riprendere le nascite: tutto il resto potrebbe al massimo essere un momentaneo palliativo.

Quando le donne romane iniziarono a far di tutto per evitare le gravidanze l’Impero iniziò il suo inarrestabile declino. Non solo. I barbari immessi negli organici dell’esercito dapprima difesero gli interessi dell’Impero romano, poi, una volta bene armati ed addestrati, si misero in proprio, ed i romani da padroni del mondo si ritrovarono ad essere schiavi.

La grande peste del milletrecento causò una immane moria, specie tra le persone in età giovane ed adulta. Una conseguenza degna di nota fu che i superstiti si contendevano le braccia sopravissute ed i salari decuplicarono. Stava meglio il fattore od anche il contadino che il signorotto locale, che reggeva solo perché teneva in mano una spada affilata. Nella Sassonia molti nobilotti concedevano le proprie figlie ai fabbri ferrai che si fossero trasferiti al loro servizio.

*

Come nel caso della grande peste, la già temibile crisi demografica risulta essere aggravata dal prolungarsi della vita media, almeno per il momento. In Giappone gli over65 costituiscono il 27.87% della popolazione contro il 12.84% dei giovani.

In altri termini, il decremento risulta essere squilibrato nei rapporti delle classi di età. Ma i vecchi necessitano di braccia giovani che li accudiscano: in carenza, la durata della vita media è destinata a contrarsi. Ma in Occidente il rapporto vecchi / giovani è in continua ascesa.

Ovviamente, l’eutanasia è un rimedio di facile messa in opera: si pensi solo a quanto successe durante l’assedio di Alesia  oppure durante quello di Gerusalemme.

Ma dell’odierna società industriale vengono a mancare i rincalzi al comparto produttivo. Aziende che avrebbero potuto ampliarsi non possono farlo per carenza di mano d’opera, mentre altre sono destinate alla chiusura, sempre per lo stesso problema.

A popolazione dimezzata corrisponde un dimezzamento del pil.

Ad una popolazione dimezzata corrisponde il dimezzamento dei consumi energetici.

*

Sarebbe ingenuo considerare il problema soltanto dal punto di vista economico, sicuramente molto importante, ma non comprensivo di tutte le cause.

Il problema è di Weltanschauung.

Da decenni in Occidente la famiglia è attaccata e demolita con raro accanimento. In particolare è stata vilipesa la figura della madre di famiglia, che genera ed alleva la propria prole, svolgendo un ruolo complementare a quello del marito.

Ad oggi, in Giappone il 40.4% delle femmine in età fertile, dai 20 ai 49 anni, assume cronicamente contraccettivi orali. Poi vi sono tutte le altre tecniche, non ultima l’aborto. La famiglia ha perso quella protezione legislativa che la aveva tutelata per secoli.

Si rivive il clima del basso Impero romano, ove la maternità era guardata con fiero sospetto: alterava la linea.

* * *

La ricetta dei liberal socialisti è semplicissima.

Si importino immigranti.

Mutatis mutandis, è la soluzione presa dai romani, con le note conseguenze.

Alla fine, si arriverà ad adottare la proposta Spahn:

Germania. Herr Spahn prospetta la tassa sul nubilato.


Corriere. 2018-12-29. «Mancano lavoratori»: il Giappone fa arrivare 340.000 immigrati

Contro l’invecchiamento demografico Il governo di Tokyo investirà l’equivalente di 50 milioni di euro in cinque anni. I principali flussi da Filippine, Vietnam e Myanmar.

*

Un Paese con una forte economia manifatturiera, alle prese con un inarrestabile invecchiamento della popolazione e un debito pubblico da record, si trova a fare i conti anche con una pesante carenza di manodopera per il suo tessuto produttivo. I connotati potrebbero essere quelli dell’Italia e invece in questo caso si parla del Giappone e delle misure varate dal governo per fronteggiare il rischio del declino economico e demografico. Il governo del premier Shinzo Abe ha varato alcuni giorni fa un pacchetto di misure per favorire l’arrivo in Giappone di lavoratori stranieri dai paesi del Sud Est asiatico. Una misura in controtendenza con il vento «sovranista» che soffia su Europa e Stati Uniti.

L’offerta a 11 paesi

Il pacchetto di misure (sono 126 in tutto) punta a un obiettivo dichiarato: garantire l’immigrazione di almeno 340.000 lavoratori nell’arco di cinque anni e la loro integrazione nella società nipponica. La decisione si è resa indispensabile soprattutto per coprire le carenze di manodopera in alcuni settori: costruzioni, sanità, ma anche alta tecnologia; per il piano sono stati messi a bilancio 6 miliardi di yen, che corrispondono a circa 50 milioni di euro. Verranno spesi per l’integrazione dei nuovi arrivati in circa 100 comunità (grandi città ma anche centri minori) , l’assistenza burocratica, corsi di lingua, assistenza medica e scolastica per i figli degli immigrati. L’offerta è rivolta a 11 paesi dell’area ma si prevede che i flussi più forti possano arrivare da Filippine, Vietnam e Myanmar.

I casi di Germania e Ungheria

Il pacchetto varato dal governo di Tokyo tenta di dare una risposta a un problema che sta diventando assillante per l’intera società occidentale. La Germania, la scorsa estate ha adottato misure analoghe: lì le dimensioni dell’economia hanno richiesto di pianificare l’arrivo addirittura di 1.600.000 lavoratori stranieri; discorso opposto riguarda invece l’Ungheria: anche qui delocalizzazioni e sbarco di multinazionali hanno fatto rialzare la richiesta di manodopera ma la politica di chiusura delle frontiere di Viktor Orbàn ha costretto a soluzioni diverse. La nuova legge sul lavoro consente di alzare il numero delle ore straordinarie di lavoro fino a 400 l’anno, misura che ha scatenato le proteste di piazza a Budapest e in altre località del paese magiaro.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Psichiatria, Unione Europea

Germania. 5.3 milioni di adulti depressi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-29.

Gufo_021__

Mental disorders on the rise in Europe

«Mental disorders such as depression and anxiety attacks, as well as neurological diseases like dementia and Alzheimer’s, are affecting 38 percent of Europeans. ….

The authors found that every year almost 165 million people suffer from mental illnesses, in particular depression, anxiety and insomnia. Addiction and eating disorders are also a concern for more than 15 million people in the 30 countries analyzed»

*

Anti-depression drugs are on the rise in Germany, but do we know what we’re taking

*

«Depression can take a massive toll not only on the sufferers, but also on their loved ones»

*

«A study by the German Depression Foundation found the illness caused relationship breakdowns for almost half of those affected»

*

«Around 5.3 million people in Germany suffer from depression each year»

*

«around 17 percent of German adults will experience a persistent depressive disorder in their lifetime»

*

«Eighty-four percent of respondents stated that depression caused them to completely withdraw from social life, 72 percent experienced feeling disconnected from people in general, and 45 percent broke up with their romantic partner»

*

«The high number of separations shows what a profound illness depression is»

*

«is often the cause, rather than the consequence, of partnership conflicts»

* * * * * * * *

I dati sono questi.

Possono essere discussi in ogni modo e maniera che tali rimangono.

La cosa strana è che la gente si accapiglia nel cercar una qualche causa a suo dire efficiente, e sembrerebbe invece che nessuno si domandi cosa si possa fare.

Sicuramente un più facile e precoce accesso alle cure psichiatriche sarebbe il benvenuto. Quasi sempre queste patologie prese all’inizio tendono a regredire, se curate allo stato dell’arte. Spesso i pazienti tendono a considerare patologici non tanto sé stessi, quanto gli altri che li circondano.

Vi è poi una generalizzata tendenza a guardare con sospetto gli psicofarmaci, salvo poi utilizzarli in modo incongruo. È un vezzo sociale che si paga ben caro.

Una considerazione finale.

Se i consulenti matrimoniali e gli avvocati razionalizzassero che nella metà delle coppie che loro si presentano uno dei coniugi sarebbe da inviare per consulenza allo psichiatra, molte unioni potrebbero superare il momento di crisi e riprendere con comune gradimento.

Già: consulenti ed avvocati onesti: mica si è detto poco.

Nota.

Non ci si illuda. La depressioneè una patologia psichiatrica frequente, ma mica che si l’unica…

Deutsche Welle. 2018-11-29. 5.3 million Germans suffer from depression each year

Depression can take a massive toll not only on the sufferers, but also on their loved ones. A study by the German Depression Foundation found the illness caused relationship breakdowns for almost half of those affected.

*

The German Depression Foundation has published its 2018 Depression Barometer, offering an insight into how widespread the mental disorder is in Germany, and the impact it can have on personal relationships.

The foundation interviewed 5,000 people between ages 18 and 69 for the study.

Eighty-four percent of respondents stated that depression caused them to completely withdraw from social life, 72 percent experienced feeling disconnected from people in general, and 45 percent broke up with their romantic partner.

“The high number of separations shows what a profound illness depression is,” German Depression Foundation chairman Ulrich Hegerl said.

Around 5.3 million people in Germany suffer from depression each year, and around 17 percent of German adults will experience a persistent depressive disorder in their lifetime, the foundation said.

According to the World Health Organization (WHO), 322 million people worldwide suffer from depression — that means roughly every 20th person you’d walk past in the street.

What are the typical symptoms?

Listlessness, insomnia, feeling emotionally drained — the symptoms of depression are diverse, and the illness itself is still taboo.

For a clinical diagnosis, symptoms have to be present for more than two weeks. It’s not just about feeling a bit down at the end of the day. People suffering depression are often permanently exhausted and have trouble sleeping.

“People suffering from depression lose their drive, their interest … they withdraw and see everyday life through black glasses,” Hegerl said. “People lose their appetite, and hopeless thoughts and thoughts about self-harm swirl in their brain. Clinical depression is very different from sadness or stress.”

These changes can have a destructive impact on relationships, which is why depression “is often the cause, rather than the consequence, of partnership conflicts,” Hegerl added.

Still stigmatized

The German Depression Foundation warned that a lack of knowledge about depression had resulted in a stigmatized view of the disease in society.

According to its barometer, 56 percent of people think that living the wrong lifestyle can cause depression. About 30 percent said having a weak character was to blame.

The study, which also looked at how families respond to depression, found that 73 percent of relatives reported feeling guilt and responsibility for the suffering of a loved one.

Pubblicato in: Banche Centrali, Demografia

Giappone. Pil T3 -0.6%. 2.17 vecchi per ogni giovane.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-12.

Viale del tramonto. Lelio Menozzi. Il Viale del Tramonto.

Paese di vegliardi crepuscolari: nessuna voglia quindi di imprendere alcunché.

Con 126.4 mln di popolazione, 35.24 milioni (27.87%) hanno età superiore ai 65 anni. Nella fascia tra lo 0 ed i 14 anni si contano 16.236 persone (12.84%). Il rapporto vecchi / giovani vale 2.17, mentre in una Collettività fisiologicamente sana questo rapporto dovrebbe essere ben inferiore alla unità.

Il vecchio è per definizione conservatore dello status quo. Il suo obiettivo è una sopravivenza al meglio possibile, non certo quella di intraprendere lavori nuovi, di produrre un qualcosa.

Una Collettività vecchia ristagna: si è trasformata in una palude. Il Giappone dinamico e vitale è un ricordo degli anni sessanta.

«La contrazione dell’economia giapponese nel periodo da luglio a settembre è stata più ampia del previsto, in primo luogo a causa della flessione degli investimenti aziendali»

*

«In base ai dati del governo, nel terzo trimestre 2018 il pil è calato dello 0,6% rispetto alle stime preliminari di un meno 0,3%, mentre su base annualizzata la contrazione è pari al 2,5%, più del doppio rispetto al meno 1,2%»

* * *

Il trend decrescente è oramai stabilizzato.


Ansa. 2018-12-10. Giappone: Pil terzo trimestre -0,6%

TOKYO, 10 DIC – La contrazione dell’economia giapponese nel periodo da luglio a settembre è stata più ampia del previsto, in primo luogo a causa della flessione degli investimenti aziendali. In base ai dati del governo, nel terzo trimestre 2018 il pil è calato dello 0,6% rispetto alle stime preliminari di un meno 0,3%, mentre su base annualizzata la contrazione è pari al 2,5%, più del doppio rispetto al meno 1,2%. L’apporto degli investimenti in conto capitale sull’economia è diminuito del 2,8% rispetto al precedente trimestre, e al meno 0,2% previsto. Le spese per consumi, che contribuiscono al 60% della formazione del Pi sono calate dello 0,2%.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo

Germania. Le femmine non gradiscono le carriere in scienza e tecnologia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-12.

2018-12-03__Stem__001

Stem è l’acronimo di science and technology careers. È diventato un punto critico non solo economico ma anche sociale.

Infatti è il cuore pulsante del comparto produttivo.

Ad oggi il comparto è carente di 338,000 posti, e la carenza aumenta costantemente nel tempo.

Non solo. per preparare una persona ad un lavoro in questo comparto servono dai venti ai venticinque anni di corsi scolastici. Ma per ottenere dei veri e propri Maestri, ci si dovrebbe aggiungere almeno un quinquennio di esperienza sul campo.

Nonostante ogni sorta di accattivanti incentivi:

«Women account for just 9 percent of technical degrees in Germany, compared with 12 percent in Switzerland and 13 percent in Austria, according to the OECD.»

*

«The old favorites remain office administrator, doctor’s receptionist and sales assistant»

In poche parole, le donne non gradiscono lei tipologie di lavoro offerte dal comparto scientifico e tecnologico.

Nel contempo, è molto difficile inserire in tali ruoli immigrati che non parlino fluentemente il tedesco e non abbiano preparazioni specifiche allo stato dell’arte.

«the shortage of skilled STEM workers widened to 338,000 in October, up 42,000 from a year ago.»

*

«Germany must respond by getting girls aged 10 to 13 more interested in science and technology»

*

«Various studies have shown that girls, unlike boys, tend to underestimate their capabilities in math from the fifth grade on and then go on to make corresponding choices in their education»

*

«That applies not only to parents, but especially to schools which offer a lot of biology lessons but comparatively less physics, IT and technology teaching»

* * * * * * *

Il problema è sempre il solito, anche se esposto con terminologie differenti in settori altrettanto differenti.

La Germania è andata incontro ad una severa contrazione della natalità delle femmine autoctone tedesche, ed ora sta entrando nella fase in cui iniziano a sentirsi le carenze di braccia disponibili.

Sarebbe ancora in tempo a cercare di rimediare la situazione, ma nessuno dovrebbe illudersi di uscirne a buon mercato.

Germania. Herr Spahn prospetta la tassa sul nubilato.

Alla fine si arriverà a mettere in pratica la tassa sul nubilato. I soli incentivi non smuovono ancora la situazione.


Handelsblatt. 2018-12-02. German women losing interest in STEM jobs

Women aren’t opting for STEM – science and technology careers – even as this sector is crying out for fresh talent. New research has triggered calls for greater efforts to break down gender stereotypes.

*

Hopes that women may help Germany plug its chronic shortage of tech-skilled workers have been dashed by startling new figures. The proportion of women aged 30 to 34 with a so-called STEM qualification in science, technology, engineering or mathematics fell from 6 percent in 2005 to just 2.6 percent in 2016, according to new research by the IW German economic institute in Cologne.

Despite a growing array of schemes aimed at encouraging more women to opt for technical and engineering jobs, that category doesn’t feature in the 20 professions most popular among women. The old favorites remain office administrator, doctor’s receptionist and sales assistant.

The total number of female STEM workers fell by 5 percent to just over 1 million from 2011 to 2016. That compares with 8 million men in such jobs.

The apparent lack of female interest in becoming mechatronics engineers, electronics technicians or IT specialists – the most popular jobs among men – is all the more disturbing because the shortage of skilled STEM workers widened to 338,000 in October, up 42,000 from a year ago.

Get them while they’re young

Other countries are ahead of Germany in getting women into tech jobs. Women account for just 9 percent of technical degrees in Germany, compared with 12 percent in Switzerland and 13 percent in Austria, according to the OECD.

Germany must respond by getting girls aged 10 to 13 more interested in science and technology, said Thomas Sattelberger, head of an employers’ initiative to combat the shortage of STEM workers. “We have to completely rethink and break up the stereotypes among everyone involved,” he said, referring to women and employers.

Various studies have shown that girls, unlike boys, tend to underestimate their capabilities in math from the fifth grade on and then go on to make corresponding choices in their education. “It’s important to strengthen the self-assessment of girls at an early stage,” said IW education expert Axel Plünnecke.

The director of the Gesamtmetall engineering employers federation, Michael Stahl, said a lack of female role models was probably to blame. “But it’s very difficult, we face a tough task there, there’s virtually no movement,” he said.

On the plus side, there’s been a bigger increase in women in STEM jobs in the academic field — by 30 percent to 622,000 since 2011. But that’s mainly been attributed to the general rise in the number of people going into higher education.

Busting the stereotypes

Nathalie von Siemens, the spokeswoman of the National STEM Forum, a group dedicated to promoting education in technical and science skills, said the rise in female academics was a positive sign, but persuading women to opt for industrial STEM jobs remained a challenge.

“We’re still too stuck on stereotypes,” she said. “It’s up to all of us to make the opportunities of STEM jobs clear to girls and young women. We must show them how important their creativity, curiosity and sense of social responsibility are in that field and that they can make decisive and innovative contributions to combat climate change, promote health and further digital change.”

That applies not only to parents, but especially to schools which offer a lot of biology lessons but comparatively less physics, IT and technology teaching. There’s a lack of expertise and of role models in those areas, said Plünnecke.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Redditi netti mediani. Ecco il perché dei Gilets Jaunes. – Eurostat.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-10.

2018-11-22__Europa_Mediane__001

Data una serie di dati ordinabili, ed ordinati in modo crescente, la mediana è il valore che divide in due parti esatti la serie: il 50% con valori al di sotto della mediana ed il 50% con valori sopra la mediana.

Non è la definizione matematicamente corretta, ma rende bene l’idea.

*

Questa sua caratteristica definizione dà ragione della ritrosia degli economisti ad usare questo indicatore di tendenza centrale a favore della media. La mediana è un indicatore molto robusto ossia insensibile ai valori assunti dalla serie al di sopra ed al di sotto di essa, mentre la media ne risente fortemente. Non solo, la maggior parte delle serie di dati economici ha una distribuzione di frequenza caratterizzata usualmente da una lunga coda destra, cosa che innalza, ed anche di molto, il valor medio. In tale evenienza l’uso della media è statisticamente incorretto.

*

Eurostat ha rilasciato la Tabella dei valori mediani del reddito netto nei paesi europei. Fornisce sia il valore assoluto espresso in euro, sia il prower purchase standard, ossia il valore normalizzato sul potere di acquisto: sono euro – equivalenti..

*

I dati di questa Tabella sono eloquenti.

Se in Norvegia il 50% della popolazione vive con un reddito netto annuo inferiore ai 28,873 euro-equivalenti (2,406 euro al mese), nella così detta ricca Germania il reddito netto mediano è 21,166 euro-equivalenti, (1,764 euro mensili).

Non sono cifre da nababbi.

Ma se guardassimo l’Italia, troveremmo un valore di 16,213 pps, ossia 1,351 euro al mese.

Poi, ovviamente, c’è anche chi sta peggio. È la metà della popolazione.

*

Questa Tabella dovrebbe darci molto cui pensare.

Nessuno intende far qui retorica di basso calibro. Le persone abbienti svolgono all’interno di una Collettività il ruolo importante di essere generatori di spesa e di contribuire non poco alla generazione e mantenimento dei posti di lavoro, nonché di partecipare agli investimenti produttivi. Di ricchi non ce ne sono mai a sufficienza.

Nel converso, in tutta l’Unione Europea il numero di persone che vivono con redditi inferiori al pps è davvero enorme.

Solo per fare un esempio, il 50% degli italiani ha un reddito netto mediano inferiore a 1,351 euro al mese. Veramente difficile vivere con un simile reddito: non ci si stupisca poi se il 21% della popolazione vive nella fascia di povertà.

Non ci si stupisca delle repentine mutazioni del voto. Non si votano gli affamatori. Lo sfacelo che hanno lasciato i passati governi del partito democratico sono sommarizzati in questa tabella. Cavallette e peste di Giustiniano avevano avuto la mano più leggera.

*

Di fronte a numeri del genere, per l’Italia si parla di trenta milioni circa di persone, dovrebbe essere chiaramente evidente come non esistano risorse sufficienti per sanare in via assistenziale il problema. Si potrà sicuramente intervenire erogando qualcosa nelle situazioni estreme, ma ben poco di più.

Il punto focale si sposta quindi sul favorire la generazione di posti di lavoro che consentano la percezione di un reddito netto con cui poter ragionevolmente e dignitosamente vivere.

Ma nessuno si mette ad imprendere, assumendo quindi dei dipendenti, se non avesse la ragionevole certezza di poter guadagnare almeno un qualcosa di più che ad investire nel comparto finanziario.

Quando il reddito ottenibile dalla finanza supera quello ottenibile dalla produzione, questa non riceve più finanziamento alcuno.

Ma uno stato famelico di denaro deve pagare alti interessi: questa situazione è la peggior nemica della generazione di posti di lavoro.

Per una nazione il problema non è se ci siano Cittadini ricchi: il problema vero è la miseria e la povertà in cui vive larga fetta di popolazione.

Questo problema non si risolve con i criteri liberal socialisti di togliere ai ricchi, bensì con il fare emergere le classi misere e povere a livelli di reddito compatibili con una vita dignitosa: riduzione delle tasse ed eliminazione della burocrazia.

Compito di uno stato non è l’elargizione di pensioni e sussidi: deve porre in atto le condizioni che permettono la generazione di posti di lavoro degni di tal nome. Lo stato deve lasciar lavorare e guadagnare.