Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. La grande malata di Europa. Cdu -7.4, Spd -11.5. Tutti vecchietti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-29.

2019-05-27__Germania__001

La Germania è la grande malata di Europa.

2019-05-27__Germania__002

Tra i partiti tradizionali, la Cdu è al 22.6%, -7.4 punti percentuali, la Spd è al 15.8%, -11.5 punti percentuali, ed  iGrune sono al 20.5%, +9.8 punti percentuali.

A Bremen la Spd è crollata di -8.6 punti percentuali al 24.2%.

2019-05-27__Germania__004

EU elections: Wake-up call for centrists

EU results put pressure on Merkel coalition 15h ago

EU election: Surge for Greens and euroskeptics, losses for centrist blocs

German EU election results ramp up pressure on Merkel’s coalition

German official warns Jews against wearing kippahs in public   

Europee, l’ex roccaforte socialdemocratica è caduta.

Opinion: EU election result spells an uncertain future for the German government

«In Germany, at least, Europe-friendly parties are the winners of the EU vote. However, the SPD’s defeat is so devastating that it puts Angela Merkel’s ruling coalition in danger.

For Germany’s Social Democrats, however, this Sunday has been an absolute disaster. The oldest German democratic party fell to under 16% at European level. And that’s not all: Local elections were also held on Sunday in Bremen, a federal state that the Social Democrats have governed for 73 years. No longer, though — the election was won by a CDU candidate for the very first time.

This double setback will not be without its consequences. It’s evidence that the party is on its last legs, and that total reorientation is the only way it stands any chance of having a future.

There will be arguments in Brussels over the coming days about which party gets to fill which of the leading posts. In Germany, the discussions will be more fundamental. The main question is likely to be: How much longer does this governing coalition intend to go on tormenting both itself and the country as a whole? 

Following this weekend, it’s entirely possible that, after 14 years, the Merkel era will actually be brought to an end by her SPD coalition partner — and that there will be an early election later this year. It would be an election with many, many open questions, and only one certainty: Angela Merkel is not going to stand again.»

* * * * * * *

Si noti come la Csu stia tenendo, anzi, aumentando di 1 punto percentuale, mentre la Cdu di Frau Merkel sta sprofondando.

In altri tempi, di fronte a simili disastri, la dirigenza dava le dimissioni.

La dirigenza politica tedesca è troppo superba per far ciò: seguirà quindi il destino del Labour Party e dei  Conservatori nel Regno Unito.

Vi è infatti anche un altro elemento degno di nota.

2019-05-27__Germania__003

Ogni anno Sorella Morte razzia un milione circa di tedeschi. Una volta morti e sepolti non possono più votare.

Nella Union, Cdu e Csu, il 40% dei votanti è sopra i 60 anni, mentre solo l’11% è sotto i venticinque.

Nella Spd il 22% dei votanti è sopra i 60 anni, ma solo l’8% è sotto i 25 anni.

Alle elezioni del 2021 Cdu ed Spd avranno perso, volenti o nolenti, tre milioni di voti. La base elettorale vecchia è una ben cattiva consigliera

Questi due partiti o si danno una mossa pensionando le personalità vetuste e rinnovando il programma politico, sociale ed economico, oppure sono destinati a scomparire.

* * *

Fervono riunioni e conventicole. Sono in molti ad affilare il pugnale.

L’entità del crollo del PPE e del PSE sarà il metro della vittoria dei sovranisti.

Chi non conta in patria non conta in Europa.

Annunci
Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Finlandia. È iniziata la fine del welfare finlandese.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-26.

Scandinavia 001

Il paese è uscito ancor più diviso di prima dalle elezioni del 14 aprile.

I socialdemocratici hanno ottenuto il 17.7% dei voti e 40 / 200 seggi, il partito dei finlandesi il 17.5% con 39 seggi, rispetto ai 17 ottenuti alle precedenti elezioni. I restanti voti sono sparsi su altri sette partiti.

I governi di coalizione sono la norma, ma come tutti gli esecutivi di tal fatta hanno vita grama e difficile: di norma non hanno la forza per affrontare di petto le situazioni, che quindi languiscono irrisolte.

*

Nella campagna elettorale si è parlato molto di tutto ciò che era irrilevante.

Il vero problema sul tavolino consiste nel fatto che la popolazione autoctona sta decrescendo rapidamente cui consegue la impossibilità di mantenere il livello del welfare. Nessun allarmismo immediato, ma la Finlandia ha imboccato un vicolo cieco che alla fine porta al collasso del sistema economico.

Gli unici ad aver correttamente inquadrato la reale situazione finlandese sono i russi di Mr Putin, che stanno pazientemente aspettando che spopolamento e crisi economica inneschino il movente per un intervento militare. Le mire russe sulla Scandinavia datano da Pietro il Grande.

* * * * * * *

«Since 2010, the Finnish total fertility rate has plummeted from its comparable low level of 1,87, to an all-time rock bottom of 1,41 in 2018,3) and there is no reason to assume that the trend will be reversed. Finland was hit quite badly by the financial crisis, and its economy really started to recover only in 2015,4) which can be seen as one major cause behind the low number of births. There has been some talk about the low fertility rate in the Finnish media in the recent years. However, there has been little political action to alleviate the situation. And, truth be told, the political actions to boost the fertility seem to be doomed anyway»

*

«In Finland, there is a large and growing elderly population, but the number of tax payers is not increasing, but actually decreasing.6) The much-touted panacea, immigration, is of little help in the case of Finland. As shown by Professor Emeritus Matti Viren, immigrants do not help to correct the dependency ratio, as their employment levels tend to be far lower than those of the native population.7) In fact, Viren has observed that in Finland, only the two highest earning deciles pay more in taxes than they receive in benefits.8) The immigrant population is overrepresented in the lowest deciles, which shows that they do not add to the common pool of resources, but mostly receive from it.»

*

«All this means, that the long-term prospects of keeping up a vast welfare system seem bleak. Even now, in the middle of an economic upturn, that is finally coming to an end, the Finnish state is getting deeper into debt.9) The next recession will further exacerbate the situation, as those laid off will start to receive the unemployment benefits. In a recent interview, Heikki Hiilamo, professor of social policy at the University of Helsinki, brought up the possibility of dismantling the welfare state in a systematic and controlled fashion, since low fertility will make financing it impossible.10) This view represents the other of the two probable scenarios facing the Finnish welfare system in the coming years. An orderly dismantling of the social system, dispersed over several years, would mean gradual abandoning of many public services and drastic reduction in the public spending. However, all this would take place slowly, letting the society and the labor market adjust to the new situation. However, thanks to the unfavorable demographics, taxation would decrease rather slowly.»

*

«Cutting the public spending is a political suicide in a social democracy like Finland.»

*

«Second, discussing fertility seems to be perceived as an assault on the women’s rights. This means that a politician speaking about the lack of babies is branded as a henchman of the (imagined) patriarchy, whatever that means»

*

«In the long run, the Finnish welfare model has absolute zero chances of surviving»

* * * * * * *

Non è al momento possibile stabilire come e quando, ma in rapidi tempi finiti la Finlandia sperimenterà la dura realtà.


Gefira. 2019-05-24. The coming end of the Finnish welfare system

At the time of writing this, the negotiations to form the next Finnish government are in full swing. Currently, a red-green coalition, aided by either the liberal conservative National Coalition Party or the centrist-agrarian Center Party, seems a likely option. However, nothing is certain since the elections produced no clear winner. The three largest parties all gathered around 17% of the votes indicating a fractured electoral base.1) The negotiations might actually continue for some time to come.

The elections campaigns and debates were characterized by two things. First, there was much speculation regarding the popularity of the national conservative Finns Party, which changed its leadership in 2017 causing a split within the party.2) Second, the climate change was a major issue, which was extensively discussed and gained much visibility during the campaigning.2)

Both themes become understandable when considering the largely leftist-green discourse within the Finnish media. The rise of the Finns Party was feared, as its success could undermine the visions of the idealists inhabiting the larger cities, especially Helsinki and its surroundings. The climate change, on the other hand, was shamelessly utilized as a political tool to win votes of those struck by the climate anxiety.

It is telling, that the politicians were discussing with straight faces how Finland could work to stop the climate change. The notion that Finland with its puny population of 5,5 million could affect the climate in any meaningful way is demonstrably absurd, even insane. So, either the Finnish politicians have utterly lost their touch with the reality, or become mad, or are cynically lying. Given the track record of politicians in general, the last option is the likeliest one, which just proves the fact that in order to be a successful politician, one needs an utter and condescending contempt towards the voters. Otherwise the talk about the climate change remains incomprehensible.

There should have been a third theme also, however. That theme was one that was largely absent from the debates but very much present in the minds of those contemplating the economic and political future of Finland. That theme was demographics.

Since 2010, the Finnish total fertility rate has plummeted from its comparable low level of 1,87, to an all-time rock bottom of 1,41 in 2018,3) and there is no reason to assume that the trend will be reversed. Finland was hit quite badly by the financial crisis, and its economy really started to recover only in 2015,4) which can be seen as one major cause behind the low number of births. There has been some talk about the low fertility rate in the Finnish media in the recent years. However, there has been little political action to alleviate the situation. And, truth be told, the political actions to boost the fertility seem to be doomed anyway.5)

In Finland, there is a large and growing elderly population, but the number of tax payers is not increasing, but actually decreasing.6) The much-touted panacea, immigration, is of little help in the case of Finland. As shown by Professor Emeritus Matti Viren, immigrants do not help to correct the dependency ratio, as their employment levels tend to be far lower than those of the native population.7) In fact, Viren has observed that in Finland, only the two highest earning deciles pay more in taxes than they receive in benefits.8) The immigrant population is overrepresented in the lowest deciles, which shows that they do not add to the common pool of resources, but mostly receive from it.

All this means, that the long-term prospects of keeping up a vast welfare system seem bleak. Even now, in the middle of an economic upturn, that is finally coming to an end, the Finnish state is getting deeper into debt.9) The next recession will further exacerbate the situation, as those laid off will start to receive the unemployment benefits.

In a recent interview, Heikki Hiilamo, professor of social policy at the University of Helsinki, brought up the possibility of dismantling the welfare state in a systematic and controlled fashion, since low fertility will make financing it impossible.10) This view represents the other of the two probable scenarios facing the Finnish welfare system in the coming years. An orderly dismantling of the social system, dispersed over several years, would mean gradual abandoning of many public services and drastic reduction in the public spending. However, all this would take place slowly, letting the society and the labor market adjust to the new situation. However, thanks to the unfavorable demographics, taxation would decrease rather slowly.

This scenario, although reasonable, is not likely to take place. Cutting the public spending is a political suicide in a social democracy like Finland. And if one government would be willing to do it, what stops the next government reversing what has been done? Too many in Finland depend on the state, either directly or indirectly, to be willing to cut from anything. In a democracy this means that the spending will not be reformed to fit the means of state, but will continue until the state can no longer get any money from the financial markets.11) Then the system crashes, causing misery and political instability.

The question of demographics, directly responsible for the coming demise of the Finnish model, will not be addressed by the politicians. First of all, there is little they can do besides promising some extra spending for child-related services, financed, of course, by debt. Second, discussing fertility seems to be perceived as an assault on the women’s rights. This means that a politician speaking about the lack of babies is branded as a henchman of the (imagined) patriarchy, whatever that means.

The next economic downturn will show the way the Finnish politicians will choose regarding the future of the welfare system. The road of a controlled demolition is unlikely but desirable. It is probable that we will witness some cuts, but in general everything will likely continue as before.

What this means for the Finnish economy, is that the companies will have to prepare for heavier taxation, which will slowly but surely strangle some of them to death. Furthermore, the brain drain, which has plagued Finland for years,12) will likely speed up due to increasing taxation and declining economy, depriving the companies of valuable and much needed professionals, which further worsens the economic situation.

Politically, all this will initially benefit those ready to promise more spending. However, as the population realizes that none of the parties actually deliver anything else than misery, the trust in the public institutions is likely to erode, and the support for the radical political parties is likely to increase. Needless to say, all this will also weaken the democratic system, making it more susceptible to external influences13) and corruption.

In the long run, the Finnish welfare model has absolute zero chances of surviving. The question regarding the way in which it will come to an end, however, is still open. There is an option of slow and steady dismantlement, and also one of a more violent, crash-like scenario. Whichever option comes to pass, the days of the welfare state are numbered. And it may have fewer days left than we might think.

  1. ↑ Vaalitulos ratkesi äärimmäisen niukasti: Sdp suurin, vaali­päivän äänivyöry toi perus­suomalaiset lähes tasoihin – lue HS:n analyysit tuloksesta Source: Helsingin Sanomat

  2. ↑ Tekivätkö kampanjat eduskuntavaaleista ilmastovaalit vai jotkin muut? Tutkijat arvioivat, mitä teemoja puolueet korostivat Source: Helsingin Sanomat

  3. ↑ Jyrkkä käyrä näyttää Suomen poikkeuksellisen vauvakadon – ”Lapsia ei tehdä valtiota varten” Source: findikaattor

  4. ↑ Taloudellinen kasvu (BKT) Souce:

  5. ↑ Influence of women’s workforce participation and pensions on total fertility rate: a theoretical and econometric study. Source: Researchgate

  6. ↑ Väestöennuste 2018–2070 Source: Tilastokeskus

  7. Maahanmuutto-Talouden Ongelma Vai Ongelmien Ratkaisu?

  8. ↑ Professori: Suomeen on syntynyt mittava tulonsiirtojen varassa elävä uusi luokka – ”Mihin helvettiin olemme menossa?” Source: Iltalehti

  9. ↑ Yksi asia on sentään varma: Suomen valtio velkaantuu lisää – ”Profiili on stabiili” Source: kauppalehti

  10. ↑ Jyrkkä käyrä näyttää Suomen poikkeuksellisen vauvakadon – ”Lapsia ei tehdä valtiota varten” Source: Ilta Sanomat

  11. ↑ Admittedly, with the current low interest rates the debt can accumulate a long time without problems.

  12. ↑ Brain drain of Finnish researchers continues into second decade Source: Yle Muualla

  13. ↑ Russia’s Threat to Finland Source: Warsaw Institute

 

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Italia. Generazione Y (18-32). La nuova carne da cannone, da macello.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-10.

2019-04-09__Millennials__001

In Italia la così detta Generazione Y, ossia di età compresa tra i 18 ed i 32 anni, assomma a circa otto milioni di persone.

Il Centro Studi dell’Associazione Civita in collaborazione con Baba Consulting ne fornisce queste caratteristiche:

– vive ancora in famiglia (76%),

– è single (93%)

– non ha figli (96%)

– il 41% ha una laurea o un titolo post laurea (in prevalenza scientifico)

– il 14% del campione lavora

– 4 Millennials su 10 sono occupati a tempo pieno

– mentre 6 su 10 sono studenti.

* * * * * * *

Questi dati si presterebbero a molte argomentazioni.

Italia. Università. Fabbrica disoccupati e sottoccupati. I numeri ufficiali.

Italia. Questione Meridionale. Al sud la gente in miseria è più del 30%.

Italia. Il calo demografico bloccherà, tra l’altro, il sistema pensionistico.

*

Il dato che maggiormente salta agli occhi consiste nel fatto che solo il 14% del campione lavora: se il 76% vive ancora in famiglia ciò è dovuto al semplice fatto che i genitori continuano a mantenerli.

Ma i genitori, ed i loro redditi lavorativi e/o pensionistici, non sono eterni: è nella logica naturale che in un futuro più o meno prossimo decedano, lasciando l’attuale Generazione Y senza fonte di sostentamento.

Più gli anni passano e meno probabile diventa l’immissione nel mondo del lavoro, se non in condizioni dequalificate.

Tuttavia l’aspetto peggiore è costituito dal fatto che, ragionando in termini medi, questa Generazione Y non versa contributi pensionistici per il semplice motivo che non lavora. Ma il tempo passa impietoso ed il sistema pensionistico è oramai quasi completamente transitato al sistema contributivo: le pensioni sono commensurate ai versamenti effettuati. Nessun versamento, nessuna pensione.

Si delinea quindi all’orizzonte una nuova catastrofe: tra circa trenta anni vi saranno milioni e milioni di persone che non avranno i contributi per garantirsi una pensione che permetta loro almeno di sopravvivere.

Nessuno ha la sfera di cristallo e nessuno intenda fare il negromante: nessuno può prevedere il futuro. Tuttavia queste considerazione sembrerebbero essere non lontane dal vero.

Se è vero che tra molti millennials circola l’idea di risolvere il problema pensionistico attuale tramite l’eutanasia, sarebbe altrettanto vero che tra una trentina di anni questo trattamento sarà richiesto per l’attuale Generazione Y.

* * * * * * *

Emerge così nella sua imponenza il problema lavorativo.

Scopo di un governo dovrebbe essere quello di generare un ambiente idoneo alla generazione di posti di lavoro. Tutto il resto ha ben poca rilevanza.


Ansa. 2019-04-06. Generazione Z e Y, come sono i nuovi Millennials

Internazionali e precari, tra consumi e progettualità, la fotografia nel rapporto Civita.

*

Internazionali, ma precari. Appassionati di film, serie tv e musica, ma spesso frenati dai costi. Non si riconoscono in classi generazionali, ma piuttosto, dicono ”sono ciò che faccio”. È la fotografia dei ragazzi delle Generazioni Y (18-32) e Z (15-17), ovvero i nati fra il 1986 ed il 2003, che oggi si trovano ad affrontare scelte chiave della loro vita, come l’uscita dalla famiglia di origine o il passaggio dallo studio al mondo del lavoro. A raccontarli è ”Millennials e Cultura nell’era digitale. Consumi e progettualità culturale tra presente e futuro” (ed.  Marsilio), XI Rapporto condotto dal Centro Studi dell’Associazione Civita in collaborazione con Baba Consulting.

    Ma chi sono questi ragazzi? La maggior parte, racconta l’indagine, vive ancora in famiglia (76%), è single (93%) e non ha figli (96%). Il 41% ha una laurea o un titolo post laurea (in prevalenza scientifico), il 14% del campione lavora (oltre 4 Millennials su 10 sono occupati a tempo pieno), mentre 6 su 10 sono studenti. Si descrivono tutti con una certa propensione all’internazionalità, i Millennials ”ambiziosi” ma minati dalla ”precarietà”, i giovanissimi della Gen Z ”curiosi” e ”felici”. La loro socialità tende a polarizzarsi nell’ambito ristretto della famiglia, degli amici e delle relazioni amorose (pilastri sicuri ed inattaccabili in stretta connessione con la tradizione, cui il concetto di Cultura si associa fortemente), con disinteresse e disaffezione per le istanze sociali e collettive.

    Rispetto al vivere la Cultura, l’indagine li suddivide in quattro cluster: Custodi (Millennials, 25-32 anni di genere femminile) con una visione di stampo conservativo-tradizionalista; Artefici (15-17 anni di genere maschile), che vivono la Cultura come un’esplorazione di proposte originali; Cercatori (in prevalenza di genere femminile e nel Mezzogiorno), che la vedono come potenziale leva di crescita; e Funamboli (più istruiti, ubicati al Nord Ovest e dediti al lavoro) che la percepiscono come complesso di conoscenze aperto e dinamico, fra tutela della tradizione e sperimentazione.

    La buona notizia è che per la maggioranza dei ragazzi la Cultura fa parte della propria sfera di esperienza, è vicina al proprio mondo. Un corredo di conoscenze che per lo più si eredita dai genitori (63%). In termini di vissuto, metà del campione ama frequentare cinema, teatri, musei, concerti, letture, anche per arricchire personalità, social reputation e crescere professionalmente. Ma 5 su 10 dichiarano di non fruire appieno dell’offerta della propria città, sia per scarsa conoscenza che per disinteresse. Ruolo chiave nella formazione culturale, dicono, dovrebbero averlo scuola e università (70%), media e internet (50%), famiglia (48%), istituzioni (44%), queste ultime sentite distanti, in particolare dalla Gen Z. Oltre 6 su 10 prediligono web e social network, seguiti dal passaparola (33%), in linea con l’attuale pratica dello sharing.
    Quanto ai consumi, la fanno da padrone film, web series e musica: per la Gen Z come momento di condivisione con gli amici attraverso gruppi e communities, mentre la Gen Y preferisce un consumo privato. Tutti in prevalenza su piattaforme di streaming online (Spotify e Youtube per la musica e Netflix per film e serie), con la tv ”tradizionale” all’angolo e cinema troppo costoso.

    Sul fronte della produzione partecipano tra il 33% e il 14%), protagonisti sono per lo più giovani della Gen Z, impegnati in ambiti quali fotografia, produzione audiovisiva e danza. Anche qui il costo è la barriera maggiore (39%), seguito dalla mancanza di luoghi idonei (36%), persone con cui condividere e co-produrre (33%) e supporto informativo (26%). Il web, specie per i più giovani, è la fonte di ispirazione e supporto privilegiata, mentre lo strumento per la condivisione delle proprie opere è Instagram, seguito da Facebook e WhatsApp. Anche il tag è visto come forma di produzione creativa, a metà fra scrittura e disegno.

Pubblicato in: Cina, Demografia

Cina. Controllo strategico del Mar Giallo e del Mare Cinese Orientale.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-01.

Cina Mar Giallo Mare Cinese orientale

Si deve ammettere che Deng Xiaoping quaranta anni fa aveva visto ben lontano, quando aveva detto che la Cina avrebbe solo dovuto aspettare per avere il dominio del Mar del Giappone, del Mar Giallo e del Mare Cinese Orientale.

Prima, guardiamo con molta attenzione la carta geografica.

Giappone, Korea del Sud, Taiwan ed Hong Kong costituiscono punti geografici che la Cina da sempre avrebbe voluto possedere. Taiwan poi è per la Cina una pulpite purulenta.

* * *

Adesso, leggiamoci i dati della seguente tabella, che riporta il tasso di fertilità di questi paesi.

Giappone            1.42

Korea del Sud    1.27

Taiwan                 1.13

Hong Kong           1.2

*

Basta avere pazienza ancora trenta anni, una generazione, e questi paesi sono destinati a scomparire dalla faccia della terra.

A quel tempo, la Cina se li potrà occupare tranquillamente, senza dover sparare un colpo, e soprattutto, potrà colonizzarli con una popolazione cinese, ottenendone quindi un dominio irreversibile. Al massimo, entrando in quei paesi, troverà un ammasso di vecchietti, ma i cinesi hanno per questo sistemi infallibili.

Nota.

Se è vero che molte persone in Occidente hanno scarsa dimestichezza con i problemi demografici, sarebbe altrettanto vero constatare quanto invece i cinesi ne tengano conto: tanto alla fine loro ci saranno sempre come popolo, mentre gli altri saranno felicemente defunti, quindi innocui.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Italia. Il calo demografico bloccherà, tra l’altro, il sistema pensionistico.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-01.

2019-02-08__Italia_Istat__001

Le femmine in età fertile erano 14,090,000 nel 1998, 12,739,000 nel 2018 e saranno 10,521,000 nel 2038: a questi numeri corrispondono 533mila nati, 449mila e 406mila nati, rispettivamente.

Con un tasso di fertilità di 1.39 l’Italia è destinata ad estinguersi nel breve volgere di due generazioni.

Tranne Francia e Regno Unito, tutto il continente europeo è destinato alla estinzione per carenza di nascite.

Il trend potrebbe ancora essere invertito ricorrendo a manovre draconiane:

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

Germania. Herr Spahn prospetta la tassa sul nubilato.

In parole poverissime: le femmine dovrebbero essere obbligate a figliare.

* * * * * * *

L’Istat ha rilasciato gli ultimi dati demografici.

Il tasso totale di fecondità italiano è 1.32. Con l’eccezione del Trentino Alto Adige – Südtirol a 1.62 e di Bolzano a 1.74, le restanti regioni presentano valori molto bassi, arrivando anche all’1.06 della Sardegna.

La popolazione risulterà essere dimezzata nel volgere di una generazione.

«il nostro tasso di fecondità è basso (1,32 appunto, contro l’1,9 della Francia o l’1,8 della Gran Bretagna), ma drammatico è anche «il rimpicciolimento della platea dei genitori»»

*

«I figli del boom economico erano tanti, un milione l’anno, una folla di potenziali mamme e papà. Nel 2018, invece, sono nati 449 mila bambini e saranno loro i genitori di domani. Dieci anni fa, erano 128 mila in più. Si parla tanto del calo della natalità, ma è forte anche l’allarme “genitori cercasi”. Fra 20 anni, avremo 2 milioni 215 mila potenziali mamme in meno di oggi»

*

«Noi scontiamo l’inattivismo politico degli anni ‘90 e lo dimostrano i dati in controtendenza di zone dove invece la natalità è fortemente supportata, come Bolzano: 1,76 figli a donna»

*

«si legge anche la smentita del pregiudizio che le italiane fanno pochi figli perché lavorano, come ha registrato un’indagine sconfortante dell’Eurobarometro sulla mentalità di genere. Dai dati, infatti, si vede che si fanno più figli dove le donne lavorano di più, come nel Nord. All’opposto, la fecondità è minore nelle Regioni a scarsa occupazione femminile: 1,16 in Basilicata, 1,13 in Molise…»

* * * * * * *

Il periodo di transizione degli spopolamenti è sempre drammatico perché si formano inevitabilmente degli squilibri tra le diverse classi di età.

Per quanto riguarda la situazione italiana, alcuni considerazioni saltano all’occhio.

Innalzandosi il rapporto vecchi / giovani sia per l’aumento dell’età media sia per il calo delle nascite, i vecchi vengono a trovarsi senza braccia giovani che li accudiscano. Sono circa un quattro milioni ad oggi i single senza parenti.

Se è vero che una badante potrebbe alleviare il problema, sarebbe anche vero ricordare che una badante messa in regola ha un costo stipendiale di 18,000 euro l’anno, cui di dovrebbero aggiungere i contributi pensionistici oltre a vitto ed alloggio. Sono ben pochi i vecchi che dispongano di almeno 2,000 euro al mese per la badante.

Similmente, i ricoveri nei gerontocomi hanno rette che partono dai 1,500 euro mensili, ma quelli che abbiano una qualche decenza superano i 2,500 euro mensili. Nuovamente, non sono molti i pensionati a disporre di tali risorse. La maggior quota creperà in una disperante solitudine: terranno loro compagnia soltanto quei particolari rimorsi che emergono alla mente solo nei momeniìti dei triboli.

Sempre poi che non vengano malattie invalidanti.

* * *

C’è poi un problema di cui poco si ama parlare, ma ciò non toglie che ci sia e ben reale.

Inps. Si avvicina la soluzione finale dei pensionati. Eutanasia.

«L’Inps riporta a bilancio 2018 entrate complessive per 423.975 miliardi di euro, delle quali 211.462 miliardi derivano dal versamento dei contributi. Mancano all’appello 212.513 = (423.975 – 211.462) miliardi di euro.

Per comprendere appieno il dramma dell’Inps servirebbe tener sempre a mente che i contributi versati sono immediatamente utilizzati per pagare le prestazione fatte dall’ente: in altri termini, sono i lavoratori attuali che pagano con i contributi che versano le pensioni di quanti siano ritirati.»

La contrazione delle nascita determina una consistente riduzione numerica di quanti versano i contributi pensionistici

Non solo, ma i giovani nuovi assunti godono di stipendi consistentemente minori di quelli ottenibili in tempi passati: versano quindi contributi minori e spesso molto minori di quelli che versavano i lavoratori a fine carriera.

In parole poverissime: l’Inps è destinato a fare bancarotta a breve termine.

Né ci si illuda che lo stato possa continuare a sanarne i bilanci: già ora passa un centinaio di miliardi direttamente ed un altro centinaio indirettamente, ma sarebbe ben difficile pensare che possa fare di più. Le entrate statali sono finite, non infinite.

* * * * * * * * * * *

Come si vede, il problema riguarda tutti, e da vicino: la possibilità che l’erogazioni delle pensione sia sospesa è tutt’altro che remota. Grecia e Venezuela dovrebbero ben insegnarci qualcosa. Ma quando verrà loro tolta la pensione, le persone che non hanno figliato non vengano a lamentarsi.


Corriere. 2019-02-08. Il Paese senza genitori: fra 20 anni 2,2 milioni di madri in meno

Il numero medio di figli per donna è rimasto invariato a 1,32, come nel 2017, eppure, nell’ultimo anno, di bambini ne sono nati novemila in meno. L’antinomia dei due dati appena rilasciati dall’Istat è la foto perfetta di una nuova «trappola demografica». La definisce così Letizia Mencarini, demografa alla Bocconi di Milano, facendo notare che sì il nostro tasso di fecondità è basso (1,32 appunto, contro l’1,9 della Francia o l’1,8 della Gran Bretagna), ma drammatico è anche «il rimpicciolimento della platea dei genitori». Spiega: «I figli del boom economico erano tanti, un milione l’anno, una folla di potenziali mamme e papà. Nel 2018, invece, sono nati 449 mila bambini e saranno loro i genitori di domani. Dieci anni fa, erano 128 mila in più. Si parla tanto del calo della natalità, ma è forte anche l’allarme “genitori cercasi”. Fra 20 anni, avremo 2 milioni 215 mila potenziali mamme in meno di oggi».

Trappola demografica

«Genitori cercasi», è il titolo del libro appena pubblicato da Mencarini e dal collega Daniele Vignoli per Università Bocconi Editore, e lo scenario è quello di una popolazione che invecchia e si riduce. Per l’Istat, anche il saldo migratorio positivo del 2018 è stato quasi integralmente assorbito dal saldo naturale di nascite e morti. «Né i 67 mila neonati da madre straniera sono sufficienti a mutare le cose», aggiunge Mencarini, che avvisa: «Dalla trappola demografica si esce avendo più genitori con le migrazioni e più figli per donna: con 1,6, avremmo mezzo milione di bimbi l’anno». Alle mamme che mancano all’appello, si sono aggiunte anche le figlie del ‘68, il che ha un suo fascino simbolico.

Ultimo anno fertile

L’Istat fa notare, infatti, che il 2018 va considerato, per convenzione, il loro ultimo anno fertile: le nate del ‘68 hanno oggi 50 anni e 1,53 figli ciascuna, avuti in media a 30,1 anni. Ora, invece, si partorisce in media a 32, l’età più alta di sempre. E avere i figli più tardi significa probabilmente averne meno, anche se le italiane tentano il recupero e l’Istat segnala fra le over 40 il massimo della fecondità mai registrato dal ‘70. I calcoli di Mencarini, tuttavia, dicono che fra vent’anni nasceranno solo 406 mila bimbi, sempre che le donne continuino ad averne così pochi e se non cambiano le politiche socio-economiche: «Noi scontiamo l’inattivismo politico degli anni ‘90 e lo dimostrano i dati in controtendenza di zone dove invece la natalità è fortemente supportata, come Bolzano: 1,76 figli a donna».

Scarsa occupazione e culle vuote

Fra le righe di questo rapporto Istat, aggiunge, «si legge anche la smentita del pregiudizio che le italiane fanno pochi figli perché lavorano, come ha registrato un’indagine sconfortante dell’Eurobarometro sulla mentalità di genere. Dai dati, infatti, si vede che si fanno più figli dove le donne lavorano di più, come nel Nord. All’opposto, la fecondità è minore nelle Regioni a scarsa occupazione femminile: 1,16 in Basilicata, 1,13 in Molise… Zone che per l’Istat vanno verso lo spopolamento». Di questo passo, insomma, parleremo ancora di «culle vuote», ma a chi?

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. I tedeschi iniziano a sbattere il grifo contro la realtà. Sulla loro pelle.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-06.

Das Brandenburger Tor in Berlin

Germania. Un disoccupato su tre salta i pasti. Meglio l’Uganda.

Germania. Non è povera. È misera. – Financial Times

Germania. 13 milioni di poveri e 330,000 famiglie con la luce tagliata.

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

*

Germania. Assistenza agli anziani: quasi 40,000 posti vacanti.

Germania. L’allucinazione disillusa dei gerontocomi. – Spiegel

*

Il problema è molto semplice.

In Germania sta allungandosi la durata della vita media e, simultaneamente, sono crollate le nascite da tedesche autoctone: ne consegue una diminuzione numerica dei giovani autoctoni ed un aumento numerico dei vecchi. Mancano le braccia per sopperire alle esigenze dell’industria e dei servizi.

Larga quota dei vecchi, poi, non ha figliato: deve quindi affrontare la senescenza e le malattie senza il supporto familiare. I tedeschi vecchi sono soli come cani.

Sono ‘disperati’, riporta il Deutsche Welle.

Ma i problemi non vengono mai da soli.

È difficile trovare gerontocomi che accolgano per meno di 2,500 euro al mese, ossia 30,000 euro l’anno.

Se è vero che in Germania esiste una forma assicurativa per ottenere al momento un posto in un gerontocomio, è anche vero che ben pochi si sono potuti permettere il lusso di versare i necessari contributi a tariffa piena. Al dunque: pochi tedeschi hanno i mezzi per essere ricoverati in strutture idonee. Per entravi, quelli che ne dispongono vendono casa ed i restanti beni, ma mica tutti ne dispongono. Stesso ragionamento è per una badante: con meno di 18,000 euro l’anno non se ne parla. Non sono molti quelli che possono permettersi cifre del genere.

*

Ma c’è anche dell’altro.

I gerontocomi esistenti hanno una carenza di personale stimata a circa 40,000 unità lavorative. Ma ogni anno i pensionamenti falcidiano gli organici del personale.

I tedeschi giovani non gradiscono questo tipo di lavoro. L’ideale proposto della donna è la manager che dal settantesimo piano dirige affari miliardari, mica quello di una infermiera che imbocchi i vecchietti e che li pulisca quando siano sporchi.

I tedeschi si stanno dando quindi un gran da fare ad importare infermieri/e specie dai paesi dell’est europeo, ma sono più i problemi che causano che i benefici che producono.

Il primo grande ostacolo è costituito dalla lingua. Per fare l’infermiere servirebbe avere il tedesco fluente, mentre gli immigrati parlano la lingua a livello di sopravvivenza.

Il secondo grande ostacolo è costituito dal fatto che i diplomi infermieristici conseguiti all’estero non sono quelli presi in Germania. La differenza è evidente.

Il terzo ostacolo è costituito dal fatto che gli infermieri esteri vogliono fare gli infermieri: non ne vogliono sapere di fare i badanti. Pulire i pazienti loro non competerebbe. Nei loro paesi questo compete ai familiari.

Infine, anche gli infermieri esteri vorrebbero poter fare carriera, ma sembrerebbe che trovino molti ostacoli. Già: i tedeschi sono aperti a tutto tranne quando si parla dei loro stipendi. Vogliono sempre comandare.

*

È davvero ingenuo aver pensato che dei mercenari accudiscano con la cura e l’amore dei figli. E le ingenuità si pagano ad usura.

Ma siamo solo agli inizi: questi sono gli antipasti.

Continuando con una tasso di fertilità delle femmine autoctone attorno all’1.3, la carenza di giovani forze sarà sempre più evidente e non rimpiazzabile.

Sarà curioso vedere come i tedeschi rimpiazzeranno gli insegnanti, i burocrati, i funzionari di banca, i giudici che andranno in pensione: sono tutti lavori per i quali il tedesco fluente sarebbe ben mandatorio.


Deutsche Welle. 2019-03-01. Conflicts grow in German care sector as more foreign workers come

Misunderstandings between German-trained care workers and foreign colleagues can be a source of tensions, a study says. The number of carers in Germany who trained abroad has recently risen dramatically.

*

German hospitals and aged-care centers are seeing growing tensions among staff members as more and more carers come from abroad with different training and a lack of German-language skills, a study published on Friday said.

Researchers from the Hans-Böckler Foundation found that there were often two mutually hostile camps in care institutions, one made up of established carers and the other of staff recently arrived from abroad.

Different views

The study said that differing attitudes to the profession were often at the root of misunderstandings between the two sides.

For example, the report said, carers from abroad were often trained at universities, something that German-trained staff tended to see as lacking in practical relevance.

Foreign-trained care workers, for their part, often felt that they were working under their proper level, particularly those from southern Europe, who are used to taking on responsibilities for management and patient treatment — decisions that in Germany are left up to doctors. In southern Europe, helping patients eat or looking after their personal hygiene is usually done by special assistants or family members.

Language skills problematic

German-trained carers also often complained that staff from abroad could not work optimally because of a deficient command of the German language. The foreign-trained carers, in their turn, frequently had the impression that the German language was being used to create hierarchies and push them into an outsider role.

The researchers behind the study said it was essential that hospitals and aged-care facilities set aside enough time to allow an exchange of views and the resolution of conflicts. They said independent coaches should be employed to help overcome communication barriers between locally trained staff and those coming from abroad.

Carer shortage

Most of the new care workers in Germany come from the EU countries of Romania, Croatia, Poland and Hungary, as well as Bosnia-Herzegovina, Serbia and Albania. In addition, a growing number of staff members come from the Philippines under a special agreement, the study said.

The annual influx of foreign-trained care workers rose from some 1,500 per year in 2012 to around 8,800 in 2017, the study showed. Despite the growth in numbers, however, Germany still has a much lower proportion of carers trained abroad than countries such as Great Britain or Switzerland, which have two to three times as many, according to the researchers.

German care institutions have long complained about a local shortage of qualified workers in the sector.


Deutsche Welle. 2019-03-01. Germany’s aging population desperate for more nurses

The German government has announced 13,000 more jobs for hospitals and care homes, but there is still a shortage of qualified medical staff. DW spent a shift with two nurses to learn more about the care sector crisis.

*

“110/70 — you have normal blood pressure, that’s good,” says nurse Valentina. She makes a note, inquires how the patient is feeling and then rushes off to see the next person. “We have to check on 23 patients today before the doctor tends to them at eight,” Valentina explains. Often, she admits, that leaves little time to chat.

The 48-year-old Oleg Busch, who heads the surgical ward at Helios hospital in the western German city of Siegburg, also works as a nurse. He’s been doing so for over 20 years now. Oleg likes his job, even though it can be very stressful at times.

Understaffed hospitals

Germany faces a massive lack of medical care personnel, which means many hospitals are overburdened. Nurses complain that they are too short-staffed to properly tend to their patients. Currently, roughly 1 million people work in the country’s nursing industry. It is projected that 3 million nurses will be needed by 2060, given Germany’s aging population. In late 2015, there were 2.9 million individuals in need of care — by 2030, this figure is expected to rise to 4.1 million.

Busch believes Germany is in dire need of additional care personnel, and his hospital is no exception. “Ideally, we should have three certified care-givers working the morning shift, just like today,” he says. However, Busch concedes that such ideal staffing conditions are difficult to achieve, as there simply aren’t enough nurses.

Patients are always his absolute priority, which can sometimes mean having to put bathroom and meal breaks on hold. Sometimes, there is not even enough time to complete all the patient paperwork, and it has to be postponed.

German government vows to improve situation

German Health Minister Jens Spahn, Family Minister Franziska Giffey and Labor Minister Hubertus Heil want to remedy this problem. Together, the three unveiled a plan for “concerted action regarding the care sector.” It envisions better nursing wages and working conditions through collective bargaining agreements. Spahn also wants to hire additional care personnel from abroad.

Christina Körner of the Johanniter Education Center in Bonn says this plan would merely relieve the symptoms rather than address the underlying problem. Körner, who is a trained nurse, is critical of the fact that the workload continues to increase in Germany’s health care sector, but staff numbers aren’t keeping up. “Their job is getting more and more demanding,” she says. “I can say this because I have 20 years experience working in the sector.”

Körner does not believe that hiring foreign care personnel to compensate for staff shortages is a good idea in the long term. People from other cultures need time to integrate into German society she says, stressing that there is not enough staff capacity to help foreign workers settle in.

Nurses fed up with heavy workload

Despite the hard work, Busch says he likes being a nurse. “I enjoy working with people and helping them,” he explains, adding that the rewarding work sometimes helps him forget about the inconveniences and little annoyances that come with the job.

Busch believes that nursing is only for people who deeply care about working with others. “Anyone who says they want to be a nurse because the money is good is in the wrong job. Here, the patient is the focus. Anyone who enjoys doing that will always have a future,” he says while putting together medical records for the doctor — several patients are set to undergo surgery today.

Körner sees a future for the nursing industry in Germany. After completing vocational training, she studied health and care education. In 2016, she became a member of the executive board of the German Nurses Association. “I believe it’s almost inevitable that the caregiver sector will develop and progress,” Körner says. “There are so many different education programs on offer, some for people with prior work experience and regular university degrees, too.”

Establishing an appropriate framework to make this vocation more attractive is key, believes Körner. “We have grown used to the current situation and keep telling ourselves ‘we will manage somehow,'” Körner says. However, she admits that Germany’s caregivers are becoming increasingly discontent with the heavy workload. “Maybe now would be a good time for the new government to tackle the issue and initiate a public debate on the matter,” she says. 

Conditions must improve

As Busch’s shift comes to an end, he is preparing the hand-over with his colleagues. It entails telling the late night staff how the patients are doing. What matters most to him, says Busch, is knowing he has fulfilled all his daily tasks. Alas, often he is forced to work extra hours to get everything done. “The conditions need to be right, things are totally different when we are not short-staffed,” he says. As Busch closes the file, he bids farewell to his colleagues. “This is about human lives,” he says. “And that requires having reliable and trustworthy caregivers.”

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Grecia. A maggio cambierà governo. È quello che sarà l’Europa tra qualche anno.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-04.

2019-03-05__Grecia__001

La Grecia di oggi è quello che sarà l’Europa tra qualche anno.

Ora che è quasi interamente distrutta si appresta ad un drastico ribaltone politico.


«La crisi ha bruciato un quarto del Pil greco. Se n’è andato un cittadino su 20. Nell’età più produttiva,uno su tre»

*

«Le radici sono nella terra che calpestano i figli, non nelle tombe dei genitori»

*

«Negli ultimi 10 anni da un Paese di 11 milioni se n’è andato un greco su 20. Ma se si guarda solo alla fascia di età più produttiva, quella dai 20 ai 40 anni, la percentuale schizza al 35%: tre giovani ogni dieci, maschi o femmine in proporzioni uguali»

*

«Gli studiosi lo chiamano «brain drain», qualcosa di più e di diverso dalla nostra solita traduzione «fuga dei cervelli»

*

«Brain drain evoca un passare al setaccio, pescare da un Paese le forze migliori e metterle al servizio del proprio sistema economico.»

*

«Se da una parte riduce la disoccupazione dello Stato «drenato» (o «saccheggiato»), dall’altra toglie le energie migliori che potrebbero aiutarne la ripresa»

*

«I primi sondaggi prevedono uno tsunami che spazzi via la sinistra di governo a vantaggio del centro-destra di Nuova Democrazia»

*

«A dar voce alla rabbia, però, ci pensa soprattutto l’estrema destra nazionalista di Alba Dorata che rimprovera a Tsipras di aver prima svenduto gli asset nazionali e poi i suoi giovani cervelli»

*

«Antonios Gregos, deputato di Salonicco per Alba Dorata è chiaro: «L’Europa della globalizzazione, dei banchieri, dei liberali e dei socialisti ha regalato profitti giganteschi ai potentati economici e schiavizzato finanziariamente i cittadini. La gente lo ha capito e ci renderà almeno terzo partito con percentuali a due cifre»

*

«La sorte peggiore è toccata ai distretti industriali come quello di Noussa, a 150 chilometri da Salonicco, dove la globalizzazione ha fatto il deserto»

*

«Eravamo la Manchester dei Balcani, il maggior centro tessile della regione. A inizio anni 2000, la concorrenza dei prodotti asiatici ci ha messo fuori mercato. Su 30mila abitanti 5mila hanno perso il lavoro. La città si è svuotata. Oggi siamo circa 20mila e stiamo tentando di rinascere»

* * * * * * * *

Il 26 maggio si voterà in Grecia e sembrerebbe essere possibile un totale sommovimento politico, tornando al potere Nea Dimokratia, al momento quotata al 32.9%: ovviamente, dovrà fare alleanze per formare un governo

*

La Grecia è il laboratorio ove si sta sperimentando quello che sarà l’Europa entro un lustro.

Il comparto produttivo industriale è stato annientato con la cura dei bombardamenti a tappeto e senza di quello il comparto dei servizi non ha motivo di esistere. Sopravvivono le vestigio del moloch statale, con personale pagato da fame ma pagato, ma che virtualmente non eroga più servizi. Gli ospedali greci si limitano ad una insegna cadente.

Ma questo sarebbe ancora il meno.

Il paese si sta spopolando nella sua componente giovanile: tre giovani su dieci sono emigrati. Lo stato sta spendendo cifre molto elevate per formare laureati che poi emigrano senza tornare.

Non solo: emigrano le persone più intraprendenti, restano quelle più rassegnate, con meno voglia di emergere, di sopravvivere.

La Grecia è ora quello che sarà l’Italia e buona parte dell’Europa tra uno o due lustri.

L’Asse francogermanico e la eurodirigenza ora a scadenza  ha desertificato la Grecia peggio di come abbia fatto il comunismo con i paesi dell’Europa dell’est.

«il problema vero è la distruzione della classe media,

unica guardiana della democrazia»

*


La lezione è finita. E i ragazzi se ne vanno.

Vasilis Angelis legge nella rubrica del suo smartphone il bollettino della guerra che la Grecia sta perdendo: «Questo non c’è più, questo neppure, questo neanche però, forse, potrebbe tornare». Angelis è avvocato. Ha una laurea presa a Macerata e una patente nautica per girare in barca a vela l’Egeo. «Mio nipote Iorgos è a Londra e si occupa di ingegneria robotica, un altro sta per laurearsi ad Atene ed andrà in Germania o in Gran Bretagna. Costas, un loro compagno di scuola, è già in Massachusetts, la figlia di un nostro amico in Virginia. Se non avessi due bambini piccoli partirei anch’io. Mi ha scritto uno studio legale canadese, lì guadagnerei probabilmente cinque, dieci volte quel che incasso qui».

Le statistiche della Banca Centrale di Atene danno ragione all’empirico sondaggio di Vasilis. Negli ultimi 10 anni da un Paese di 11 milioni se n’è andato un greco su 20. Ma se si guarda solo alla fascia di età più produttiva, quella dai 20 ai 40 anni, la percentuale schizza al 35%: tre giovani ogni dieci, maschi o femmine in proporzioni uguali. «Io sto per partire — annuncia Dafni Drossou, 24 anni di energia e chioma nera —. Prima l’Erasmus in Francia, poi un qualunque lavoro pur di restare lì. Entusiasta? Certo. Illusa? No. Sono disposta ad accettare un lavoro meno qualificato di quello che dovrei con la mia laurea in architettura, ma per il semplice fatto che sarei costretta a farlo comunque, anche se restassi in Grecia. La differenza è che nell’Europa che non è indebitata, che non è come la Grecia, spero di esser almeno pagata. Poco, ma pagata e con la possibilità di avere un futuro. Qui gli studi di architettura, ma anche i bar, vogliono solo lavoro gratuito». «Tantissimi studenti sanno di doversene andare. Chi può permetterselo fa direttamente l’università fuori» Dimitris Tahmatzidis

Un preside di liceo a Veria, verso il confine macedone, Dimitris Tahmatzidis, non può che darle ragione: «Tantissimi miei studenti sanno di doversene andare. Chi può permetterselo fa direttamente l’università fuori. Altri puntano sui master, altri ancora emigrano dopo la laurea. L’impressione è di stare su un Titanic. Diamo ai ragazzi gli strumenti per emigrare, ma quando se ne andranno loro, chi resterà qui ad insegnare agli altri? Se si va avanti così, la Grecia affonderà senza neppure più la scialuppa della cultura per salvarsi».

Nella facoltà di Scienze politiche ed Economia dell’Università Aristotele di Salonicco, il preside Grigoris Zarotiadis è un emigrante di ritorno. Giubbotto di pelle come l’ex ministro anti austerità Yanis Varoufakis, inglese perfetto, è stato in Austria per perfezionarsi e in Gran Bretagna per lavorare, ma poi è riuscito a trovare una cattedra in patria. «Siamo ancora in una fase che chiamerei di emigrazione reversibile — spiega —. Fra qualche anno, quando chi è all’estero avrà fatto famiglia e i figli saranno a scuola, nessuno vorrà più abbandonare la vita che si è guadagnata con fatica. Se vogliamo salvare la Grecia dobbiamo farlo in fretta. La crisi economica ha bruciato un quarto del Pil e bloccato le chances di crescita. All’estero invece l’ascensore sociale per chi è qualificato funziona ancora. L’emigrazione è quindi la soluzione per i singoli. Come collettività, invece, dovremmo investire in ricerca e sviluppo, in turismo, agricoltura e manifattura di qualità, e non come abbiamo fatto sinora solo riducendo il costo del lavoro».

La Grecia è da sempre un Paese d’emigrazione. Lo scrittore Thòdoros Kallifatidis l’ha anche teorizzato: le nostre radici sono nella terra che calpestano i nostri figli, non nelle tombe dei genitori. L’ultima ondata migratoria è stata negli anni 50 e 60 e chi è rimasto in Usa, Australia, Nord Europa fa da base di appoggio ai nipoti che vogliono partire oggi. Il problema per la Grecia, però, è che non se ne vanno più braccia, ma cervelli la cui formazione è costata parecchio alla Grecia. «Qui tutti, dagli studi di architettura ai bar, offrono solo lavoro non retribuito» Dafni Drossou  

Gli studiosi lo chiamano «brain drain», qualcosa di più e di diverso dalla nostra solita traduzione «fuga dei cervelli». Brain drain evoca un passare al setaccio, pescare da un Paese le forze migliori e metterle al servizio del proprio sistema economico. Se da una parte riduce la disoccupazione dello Stato «drenato» (o «saccheggiato»), dall’altra toglie le energie migliori che potrebbero aiutarne la ripresa. È un fenomeno che coinvolge nell’Ue anche Portogallo, Irlanda, Spagna, Croazia, Slovenia, la stessa Italia. In Europa ci sono Paesi come Romania, Bosnia, Bulgaria che esportano manodopera a ritmi anche più alti (fino al 50%), ma il «capitale umano» di solito resta.

Nell’Ue della crisi invece c’è un accentramento di competenze e creatività nelle aree più produttive a scapito delle periferie. Solo nel sistema sanitario tedesco sono ormai 35mila i medici greci, oltre tre volte quelli che si laureano in Italia ogni anno. Il risultato è negli ospedali greci senza più personale.

È facile dare la colpa del «saccheggio» all’austerità imposta ai Paesi indebitati come la Grecia dai mercati finanziari e dall’Ue. La questione dominerà la campagna elettorale tanto più che il 26 maggio qui non si voterà solo per Bruxelles, ma anche per il Parlamento di Atene e per le amministrazioni locali. I primi sondaggi prevedono uno tsunami che spazzi via la sinistra di governo a vantaggio del centro-destra di Nuova Democrazia. Per resistere, il premier Alexis Tsipras punta sui timidi segni di ripresa e su una massiccia campagna di assunzioni a tempo determinato.

A dar voce alla rabbia, però, ci pensa soprattutto l’estrema destra nazionalista di Alba Dorata che rimprovera a Tsipras di aver prima svenduto gli asset nazionali e poi i suoi giovani cervelli. Antonios Gregos, deputato di Salonicco per Alba Dorata è chiaro: «L’Europa della globalizzazione, dei banchieri, dei liberali e dei socialisti ha regalato profitti giganteschi ai potentati economici e schiavizzato finanziariamente i cittadini. La gente lo ha capito e ci renderà almeno terzo partito con percentuali a due cifre».

La crisi in Grecia ha colpito soprattutto le città maggiori: Atene e Salonicco. Le isole sono restate a galla con il turismo, l’interno con l’agricoltura. La sorte peggiore è toccata ai distretti industriali come quello di Noussa, a 150 chilometri da Salonicco, dove la globalizzazione ha fatto il deserto e l’Europa sta cominciando a seminare. È il sindaco Nikos Koutsogiannis a raccontarlo. «Eravamo la Manchester dei Balcani, il maggior centro tessile della regione. A inizio anni 2000, la concorrenza dei prodotti asiatici ci ha messo fuori mercato. Su 30mila abitanti 5mila hanno perso il lavoro. La città si è svuotata. Oggi siamo circa 20mila e stiamo tentando di rinascere. Con i fondi per lo sviluppo Ue stiamo riconvertendo le fabbriche in centri per congressi, arte e creatività. Vorremmo arrivare a fare di Noussa un ambiente moderno e piacevole capace di attrarre la diaspora internazionale. Con la loro professionalità, sfruttando anche il lavoro a distanza, potrebbero far ripartire il Paese».

Evi Zygoulianou, 32 anni, è una di quelli scappati. Laureata in pedagogia, master sui disturbi dell’apprendimento, vive e lavora a Monaco. Una, due volte la settimana parla in Skype con genitori e fratello rimasti in Grecia. La sua voce arriva in una casa piena di icone ortodosse. «Guadagno bene, ma se potessi tornerei indietro. In Germania mi sento comunque straniera: mi piacciono cibi diversi, gesticolo in modo diverso, tratto le persone diversamente dai tedeschi». La crisi ha colpito soprattutto le città maggiori. Le isole sono restate a galla con il turismo, l’interno con l’agricoltura

Ad Atene anche lo scrittore Petros Markaris, il padre dell’ispettore Charitos, è tormentato dalla nuova diaspora. «Capisco che molti possano incolpare l’Europa perché questa sembra dire ai disoccupati quel che un proverbio greco dice al demonio: “Vattene via da me, va’ dal mio vicino”. Per me però il problema vero è la distruzione della classe media, unica guardiana della democrazia. La crescita dell’estrema destra e del razzismo non è casuale. Se vogliamo uscire dalla crisi ancora in democrazia, c’è qualcosa di meglio dell’Europa?».

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Stati verso il default. Illudersi oggi per suicidarsi domani.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-05.

Caravaggio. Davide con la testa di Golia

È stato rilasciato un interessante studio.

Gli stati (a volte) falliscono: ecco quali e quante volte

«Dal 1800 la Germania ha fatto crack 4 volte, l’Austria 7»

*

«Gli Stati occidentali falliti dal 1800 al 2014 sono pochi, ma insospettabili. Tra questi, infatti, ci sono l’Austria, la Spagna, la Grecia e, a sorpresa la Germania, che ha vissuto 4 fallimenti di Stato, l’ultimo dei quali negli anni ’20. Solo la Grecia, tra i Paesi avanzati, è stata protagonista di un default dopo il 1950»

*

«Ma c’è default e default. Tra quelli segnalati dall’Economist vi sono quelli clamorosi, con banche chiuse, code davanti agli sportelli, stipendi pubblici bloccati, e quelli in un certo senso pilotati, gli “haircut”, i default parziali per alleviare dal peso del debito più insostenibile Paesi che hanno stretto un accordo con i debitori, come è il caso della Grecia durante la crisi»

*

«Oggi i fallimenti sembrano un evento estremo, almeno in Occidente. Eppure la storia del passato insegna che non lo sono. Non solo. Oggi nel complesso i rating delle agenzie che valuta l’affidabilità dei debiti degli Stati sono peggiorati rispetto a 10 anni fa. Per esempio quelli di Moody’s che partono da AAA (il rating migliore) e man mano scendono fino a SG (Speculative Grade). L’Italia è Baa2 per intenderci»

*

«In ogni caso nel dettagliato elenco degli Stati falliti c’è un illustre assente: l’Italia, il Paese che (pare) preoccupare i mercati in realtà non ha mai vissuto un fallimento del debito, perlomeno dalla fondazione nel 1861»

* * * * * * * * *

Il tema del default degli stati è intellettualmente affascinante, peccato che il discorso economico in senso stretto sia sempre fortemente inquinato da pesanti considerazioni politiche.

Così, la lettura dei dati numerici nel loro sviluppo storico varia, ed anche in modo consistente, a seconda dell’angolatura politica con la quale si valuta il fenomeno. Nella affannosa ricerca di giustificare le proprie teorie economiche, ovvero anche ideologiche, si corre anche il serio rischio di travisare severamente l’insegnamento storico, primo passo verso la reiterazione del default.

*

Si vorrebbe fare solo alcune considerazioni.

La prima consiste nel valutare oggettivamente la natura del debito.

Una cosa infatti è un debito contratto per finanziare investimenti strutturali che alla fine determineranno un rientro, ed una totalmente differente è un debito volto a mantenere servizi quali il welfare: questi ultimi sono risorse elargite a fondo perduto. È una differenza enorme. Alla prima tipologia sarebbe da ascriversi il debito pubblico cinese, alla seconda quello degli stati occidentali.

*

La seconda considerazione verte sullo storico di un paese.

Dal 1861 l’Italia non ha mai fatto default, la Germania ne ha fatto quattro e l’Austria sette.

Se ci si rende conto che il passato non dia garanzie certe per il futuro, questo è almeno indice di una notevole duttilità di pensiero nel sapersi adattare agli insulti dell’alterna sorte: gli italiani dimostrano spesso una grande capacità di governare le crisi.

*

La terza considerazione verte sugli elementi considerati al fine di giudicare la pericolosità della situazione. È un discorso delicato. Spesso il default è più un problema politico che economico.

Di certo in questi tempi molte nazioni stanno correndo sul filo del rasoio.

Ad un debito sovrano ipertrofico quasi di norma si associa una bilancia commerciale in deficit cronico, pubbliche amministrazioni in dissesto, stagnazione economica, crescita della disoccupazione e della sottooccupazione.

Il rating emesso dalle competenti società tiene appunto conto di tutti questi fattori.

Ma per l’Occidente e per l’Italia il problema attuale emergente sembrerebbe essere un altro, che si associa ai precedenti e con il tempo li offusca.

Italia. Occupati. 9.568 milioni sono occupati a meno di 40 ore settimanali.

In Occidente corre il vezzo di considerare occupata anche la persona che abbia lavorato per una sola ora nel periodo di riferimento: è evidente come il dato degli occupati e dei disoccupati sia inficiato all’origine da una definizione metastabile.

Ma una nazione che lavora poco, ben poco può ricavare, al di là delle alchimie di bilancio.

E questo sarebbe ancora il meno.

I paesi occidentali stanno andando incontro ad una crisi della natalità che li destina alla scomparsa demografica.

Tuttavia, prima di scomparire passeranno attraverso la fase della contrazione del numero di persone in età lavorativa.

Diminuendo la popolazione attiva, il rapporto debito procapite è solo destinato a salire, raggiungendo in breve punti di non ritorno.

*

Sono queste riportate considerazioni invero molto semplici, ma funzionali proprio perché sono tali.

Consentono di valutare la possibilità di default sotto un’angolatura reale e più consona ai nostri tempi.

Gli stati (a volte) falliscono: ecco quali e quante volte.

Dal 1800 la Germania ha fatto crack 4 volte, l’Austria 7. E in futuro i default aumenteranno

L’infografica qui sopra è stata pubblicata dall’Economist (ricerca dati a cura di Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff, l’originale può essere consultato a questo link) illustra quali sono gli Stati falliti nel mondo dal 1800 ai giorni nostri. Ogni pallino indica un fallimento dello Stato al quale corrisponde mentre di fianco al nome dello Stato è indicato il numero complessivo dei fallimenti dal 1800 al 2014.

Quanti Stati falliti

Il caso dell’Argentina è il più recente di tutti, quindi ce lo ricordiamo bene, ma nella classifica degli Stati falliti il primo posto è occupato da altri: Ecuador, Venezuela sono crollati ben 10 volte, Uruguay, Costarica, Brasile, Cile 9, e poi, con 8 default, Argentina, Perù, Messico e Turchia.

Gli Stati occidentali falliti dal 1800 al 2014 sono pochi, ma insospettabili. Tra questi, infatti, ci sono l’Austria, la Spagna, la Grecia e, a sorpresa la Germania, che ha vissuto 4 fallimenti di Stato, l’ultimo dei quali negli anni ’20. Solo la Grecia, tra i Paesi avanzati, è stata protagonista di un default dopo il 1950, come ben sappiamo dal quale deve ancora riprendersi completamente, come Truenumbers ha spiegato in questo articolo.

Nella lista manca qualcuno…

Ma c’è default e default. Tra quelli segnalati dall’Economist vi sono quelli clamorosi, con banche chiuse, code davanti agli sportelli, stipendi pubblici bloccati, e quelli in un certo senso pilotati, gli “haircut”, i default parziali per alleviare dal peso del debito più insostenibile Paesi che hanno stretto un accordo con i debitori, come è il caso della Grecia durante la crisi.

In ogni caso nel dettagliato elenco degli Stati falliti c’è un illustre assente: l’Italia, il Paese che (pare) preoccupare i mercati in realtà non ha mai vissuto un fallimento del debito, perlomeno dalla fondazione nel 1861.

I default però sono diversi anche in base all’ammontare. Secondo un report di Moody’s il maggiore è stato appunto quello greco del 2012, quando lo Stato greco trasformò i vecchi titoli di debito in nuovi con una perdita del 70%. In totale il debito “defaultato” è stato di 261 miliardi e 478 milioni di dollari. Nel dicembre dello stesso anno vi fu un altro default del 60% del debito per altri 42 miliardi e 76 milioni. Nel complesso parliamo di 303 miliardi e 554 milioni di dollari.

Molto più per esempio di uno dei default più famosi degli ultimi anni, quello argentino del 2001, il secondo per grandezza. Che fu più semplice e, in un certo senso, netto di quello greco. Lo Stato sudamericano annunciò che non avrebbe pagato le tranche dovute sul debito esterno, verso l’estero. Interessi e capitale. Partì una contrattazione, che tra l’altro ha coinvolto anche migliaia di risparmiatori italiani, in seguito al quale, di fatto fu garantito ai creditori solo il 30% di quanto avrebbero avuto diritto. Un default quindi del 70% per un totale di 82 miliardi e 268 milioni di dollari.

Nel 2014 l’Argentina, ancora

Nel 2014 come indica l’Economist l’Argentina fu ancora protagonista. I pagamenti rateali dovuti ai risparmiatori dopo gli accordi e la ristrutturazione del debito furono bloccati in un fondo fiduciario americano, dove erano stati depositati, per la sentenza di una corte Usa che bloccò gli esborsi se prima lo Stato sudamericano non avesse pagato 1,3 miliardi di dollari ai fondi americani che non avevano accettato il compromesso, con rinuncia al 70% del valore, concordato invece con gran parte dei risparmiatori.

Anche questo è stato calcolato come default, di oltre 29 miliardi di dollari, anche se in un certo senso involontario e provocato dall’esterno.

Perché ce ne saranno altri

Oggi i fallimenti sembrano un evento estremo, almeno in Occidente. Eppure la storia del passato insegna che non lo sono. Non solo. Oggi nel complesso i rating delle agenzi che valuta l’affidabilità dei debiti degli Stati sono peggiorati rispetto a 10 anni fa. Per esempio quelli di Moody’s che partono da AAA (il rating migliore) e man mano scendono fino a SG (Speculative Grade). L’Italia è Baa2 per intenderci e in questo articolo, Truenumbers ha raccontato la storia dell’andamento delle valutazioni, degli ultimi 30 anni, di tutte e tre le maggiori agenzie di rating del mondo.

Nei  grafici sotto si mostra per ogni anno la percentuale di Paesi con rating AAA, quelli con rating Aa – A, Baa e SG. La somma è naturalmente 100%. Quello sotto riguarda le economie avanzate.

Come si vede è calata man mano, da più del 50% nel 2006 al 30% nel 2016 la proporzione di Stati con rating massimo, AAA. Sono invece aumentati fino al 2013 quelli con titoli solo speculativi, ovvero non raccomandabili come destinazione del risparmio (ma solo per specularci sopra), per poi diminuire negli ultimi anni. Così come quelli Baa, tra cui l’Italia per esempio.

Hanno proseguito a peggiorare anche i rating dei Paesi emergenti, come si vede nel grafico sotto.

Quelli con rating solo speculativo sono ormai il 60%, ed erano poco più del 50% nel 2012. Significa che nuovi default non sono, quindi, impossibili. Anzi, appaiono più probabili rispetto al passato.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Ungheria. Orban vara misure per nascite e famiglie.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-18.

Budapest 001

Come peraltro molti altri paesi occidentali, l’Ungheria soffre due problemi strategicamente severi:

– denatalità, con tasso di fertilità a 1.45;

– emigrazione causata dalla pregressa situazione economica.

Il risultato è un calo della popolazione con un netto incremento del rapporto vecchi / giovani.

L’immigrazione non è un rimedio, anche se è stata assunta a livello di credo religioso da parte dei liberal socialisti.

Immigration ‘not a human right’: Hungary FM on EU criticism [Aljazeera]

«In an unprecedented move against a member state, the European Parliament has triggered Article 7 of the EU’s governing treaty intended to protect its core principles: human dignity, freedom, democracy, equality, the rule of law and respect for human rights, including minority rights.

The EU accuses the Hungarian government led by Prime Minister Viktor Orban of breaching those values by passing anti-refugee laws, manipulating the media, disregarding government corruption and removing independent judges.»

Si noti come il termine “EU accuses” dovrebbe essere tradotto nel fatto che è l’attuale eurodirigenza che accusa. Ma a maggio questa se ne tornerà a casa sua.

Operazione difficile il supporto alle famiglie, dato l’ancora persistere della mentalità liberal che inneggia il controllo delle nascite, l’aborto, la visione della femmina che si realizzerebbe esclusivamente nel lavoro, nonché una sostanziale avversione al concetto stesso di famiglia. Una cultura di morte.

L’unico rimedio noto alle crisi demografiche è riprendere a fare figli.

«Hungarian women with four children or more will be exempted for life from paying income tax»

*

«It was a way of defending Hungary’s future without depending on immigration»

*

«young couples will be offered interest-free loans of 10 million forint ($36,000), to be cancelled once they have three children»

*

«A pledge to create 21,000 nursery places over the next three years»

*

«An extra $2.5bn to be spent on the country’s healthcare system»

*

«Housing subsidies»

*

«State support for those buying seven-seat vehicles»

*

«Hungarian people think differently, …. We do not need numbers. We need Hungarian children»

*

«Hungary’s Prime Minister Viktor Orban launched his European elections campaign on Sunday, calling on voters to defend “Christian” nations against immigration»

* * * * * * *

Prendiamo atto con piacere che Mr Orban abbia potuto mettere in essere una serie di provvedimenti a favore e tutela della famiglia e della maternità. Questo è uno dei tanti segni della devoluzione dell’ideologia liberal.

Non possiamo fare a meno di notare però come il supporto finanziario alla famiglia ed alla prole sia soltanto una parte dell’impresa testé iniziata.

Occorre ritornare appieno al retaggio religioso, storico, culturale e sociale delle nostre nazioni. Occorre smantellare, con calma ma con fermezza, tutta la dottrina giuridica liberal in materia, dalle leggi sulla separazione e sul divorzio, fino all’abrogazione delle leggi sull’aborto. Ci vorrà ancora un po’ di tempo, ma la strada è questa. La famiglia deve essere difesa allo strenuo.

Sì: l’Occidente è cristiano ed è anche orgoglioso di esserlo.


Bbc. 2019-02-11. Hungary tries for baby boom with tax breaks and loan forgiveness

Hungarian women with four children or more will be exempted for life from paying income tax, the prime minister has said, unveiling plans designed to boost the number of babies being born.

It was a way of defending Hungary’s future without depending on immigration, Viktor Orban said.

The right-wing nationalist particularly opposes immigration by Muslims.

Hungary’s population is falling by 32,000 a year, and women there have fewer children than the EU average.

As part of the measures, young couples will be offered interest-free loans of 10 million forint ($36,000), to be cancelled once they have three children.

Mr Orban said that “for the West”, the answer to falling birth rates in Europe was immigration: “For every missing child there should be one coming in and then the numbers will be fine.

“Hungarian people think differently,” he said. “We do not need numbers. We need Hungarian children.”

While Mr Orban was delivering his state of the nation address, the latest demonstrations were being held in Budapest against his government’s policies.

Correspondents say the biggest applause during his speech was for his announcement of a seven-point plan to increase the fertility rate.

Other points in the government’s plan include:

A pledge to create 21,000 nursery places over the next three years

An extra $2.5bn to be spent on the country’s healthcare system

Housing subsidies

State support for those buying seven-seat vehicles

‘Remarkable’ decline in fertility rates

Why is IVF so popular in Denmark?

‘Why I never want babies’

‘I’m not having children because I want to save the planet’

Mr Orban finished his speech with: “Long live Hungary and long live the Hungarians!”

The average number of children a Hungarian woman will have in her lifetime (fertility rate) is 1.45. This puts the country below the EU average of 1.58.

France has the highest fertility rate in the EU – 1.96 – and Spain the lowest at 1.33.

Niger in West Africa has the highest fertility rate in the world, with 7.24 children per woman.


Aljazeera. 2019-02-11. Hungary’s Orban vows defence of ‘Christian’ Europe

Prime Minister Viktor Orban also announces raft of measures intended to address Hungary’s declining population.

*

Hungary’s Prime Minister Viktor Orban launched his European elections campaign on Sunday, calling on voters to defend “Christian” nations against immigration, which he said led to the “virus of terrorism”.

Delivering a “state of the nation” speech in the capital, Budapest, Orban also announced a seven-point package of tax breaks and subsidies to encourage families to have more children – a move he called “Hungary’s answer” to its falling population, instead of increasing immigration.

The benefits include a lifetime personal income-tax exemption for women who give birth to and raise at least four children and a subsidy of 2.5 million forints ($8,825) towards the purchase of a seven-seat vehicle for families with three or more children.

A low-interest loan of 10 million forints ($35,300) for women under the age of 40 who are marrying for the first time will also be introduced.

Orban, who has made “zero tolerance” for immigration his main theme over the past four years and was elected to a third consecutive term as prime minister in April of last year, also said May’s elections for the European Parliament were an “historic crossroads” for Europe.

He framed the vote as a choice between the “new internationalism” of pro-migration Brussels bureaucrats under the sway of “money men”, such as liberal US billionaire George Soros, and sovereign nation-states defending tradition and Christianity.

He also warned against voting for pro-immigration parties.

Those who “decide for immigration and migrants for whatever reason, in reality, are creating mixed-race nations”, he said.

‘We want Hungarian babies’

Referring several times to Hungary’s abandoning of communism in 1989, he said Hungarians were again confronted with “those who would wipe out our traditions and nation states”.

He added: “Historic traditions in immigrant countries come to an end … in such countries Christian-Muslim worlds are created with continually shrinking Christian proportions.”

Orban, who has emerged as a self-styled “illiberal” figurehead for nationalist politicians in Europe, added that “immigration brings increased crime, especially crimes against women, and lets in the virus of terrorism”.

Announcing his seven-point programme, Orban ruled out any move to tackle Europe’s declining birth numbers with higher immigration as “capitulation”.

“We don’t just want numbers, we want Hungarian babies,” he said.

Hungary’s population has fallen below 10 million in recent years and it has one of the lowest fertility rates in the OECD. An estimated 500,000 Hungarians, meanwhile, have emigrated to Western Europe since it joined the European Union in 2004.

Several hundred members and supporters of Hungary’s main opposition parties held an anti-Orban rally in Budapest following the Hungarian leader’s speech.

The event also was aimed at protesting against recent heavy fines the state audit office imposed on several opposition parties.

Opposition leaders allege the fines, which cannot be challenged in Hungarian courts, are politically motivated and intended to hinder their campaigns for the European Parliament and municipal elections in Hungary later this year.

Pubblicato in: Amministrazione, Demografia

Inps. Si avvicina la soluzione finale dei pensionati. Eutanasia.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-08.

2018-101_età pensionamento

L’Inps ha un flusso finanziario complessivo di 860 miliardi annuo.

L’Inps riporta a bilancio 2018 entrate complessive per 423.975 miliardi di euro, delle quali 211.462 miliardi derivano dal versamento dei contributi. Mancano all’appello 212.513 = (423.975 – 211.462) miliardi di euro.


Per comprendere appieno il dramma dell’Inps servirebbe tener sempre a mente che i contributi versati sono immediatamente utilizzati per pagare le prestazione fatte dall’ente: in altri termini, sono i lavoratori attuali che pagano con i contributi che versano le pensioni di quanti siano ritirati.

Perché il gioco funzioni devono essere soddisfatte alcune condizioni di base:

– il numero dei lavoratori dovrebbe essere sempre maggiore dei pensionati;

– I lavoratori dovrebbero guadagnare a sufficienza da poter versare contributi consistenti;

– il sistema non dovrebbe essere gravato da spese improprie. A rigor di termini, l’assistenza non dovrebbe competere l’Inps bensì essere contabilizzata a parte: per l’assistenza sociale non si versano contributi;

– le pensioni di reversibilità altro non sono che una forma assistenziale che prolunga lo stato in essere di un trattamento pensionistico ben oltre i contributi versati.

– la demografia del paese non dovrebbe subire scossoni significativi.

*

Negli ultimi tempi si sono evidenziati diversi fatti avversi al bilancio dell’Inps.

– L’età media si è allungata in modo molto significativo;

– Con il calo delle nascita è diminuito il numero delle persone al lavoro che versano contributi;

– Con la crisi economica le retribuzioni si sono ridimensionate, riducendo così il flusso contributivo;

*

I rimedi hanno certamente rabberciato situazioni temporanee, ma hanno generato i presupposti per ulteriori peggioramenti ed anche per molte iniquità.

Se l’innalzamento dell’età pensionabile ha ridotto il transito da lavoro a pensione, ha però reso impossibile la liberazione di posti di lavoro, da cui aumento della disoccupazione giovanile, ricorso a forme di lavoro precario, da cui deriva una diminuzione di quello che avrebbe dovuto essere l’apporto contributivo alle casse dell’Inps.

*

Al mantenimento dei pensionati in essere è immolata l’intera generazione che loro subentra, per la quale la prospettiva di ottenere a fine ciclo lavorativo una pensione con cui poter vivere risulta essere semplicemente impossibile.

* * *

Un orpello a parte è costituito dagli oneri squisitamente assistenziali, in continuo aumento.

Tutti i morti erano vivi un secondo prima di morire: il fatto che l’Inps sia ancora in piedi non garantisce affatto che tale posa restare in un domani.


2018-102

Con 22.5 milioni di contribuenti l’Inps dovrebbe mantenere 15.5 milioni di beneficiari di trattamento pensionistico. In altri termini, un lavoratore paga grosso modo un migliaio di euro al mese per mantenere il “suo” pensionato, denaro che gli resterebbe in tasca se il pensionato non ci fosse oppure decedesse con gradita sollecitudine.

2018-103

A riscontro di 22,523,280 assicurati Inps, 4,877,333 sono beneficiari di prestazioni a sostegno del reddito. È un numero insostenibile. Ci si rende conto che non si può chiedere di essere solidali al punto tale da immiserirsi.

2018-104

Le entrate contributive dell’Inps sono disperatamente scarne in confronto degli obblighi. Senza il contributo statale di 110 miliardi l’Inps non potrebbe far fronte ai propri impegni. Ma, ci si pensi bene: lo stato quei 110 miliardi li cava fuori dalle tasche dei lavoratori, che alla fine si trovano un conto totale non salato, ma sale schietto.

2018-105

Dei 428.142 miliardi di uscite, solo 251.643 sono per le pensioni. I commenti dovrebbero essere superflui.

2018-106

2018-107

L’importo lordo medio mensile del reddito pensionistico ammonta a 1,513,41 euro. È una cifra di poco superiore alla soglia di povertà.

2018-108

Lo stato in cui è stata ridotta l’Italia da decine di anni di governo delle sinistre è ben evidenziato da questa tabella, di cui sopra. La retribuzione media annua ammonta a 26,331 euro in Lombardia, la massima riscontrabile in Italia, mentre quella ottenuta dagli italiani all’estero vale 62,570 euro, ossia tre volte tanto. La “colpa” non è certo degli esteri che lasciano guadagnare bene chi lavora, è dello stato italiano che tiene chi lavora a livello di schiavo.

2018-109

2018-110

La grande quantità dei pensionati maschi, il 67.5%, gode di trattamenti inferiori ai 2,000 euro mensili.

Il 7.2% del totale dei pensionati percepisce trattamenti superiori ai 3,000 euro mensili, per una pensione media lorda annuale di 52,216.99 euro. Hanno avuto modo di fare versamenti contributivi elevati ed adesso ottengono ciò che loro spetta.