Pubblicato in: Medio Oriente, Religioni

Arabia Saudita. Un progetto da 500 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-31.

Egitto e Sinai 001

«Saudi Arabia plans to build a new $500 billion metropolis that spans three countries»

*

«The development, called NEOM, was announced at a conference on Tuesday by Saudi Crown Prince Mohammed bin Salman. It’s the latest in a series of mega projects designed to reshape the kingdom’s economy»

*

«a $500 billion plan to create a business and industrial zone extending across its borders into Jordan and Egypt, the biggest project yet in a series of efforts to free the kingdom of its dependence on oil exports»

*

«NEOM is situated on one of the world’s most prominent economic arteries … Its strategic location will also facilitate the zone’s rapid emergence as a global hub that connects Asia, Europe and Africa»

*

«All services and processes in NEOM will be 100% fully automated, with the goal of becoming the most efficient destination in the world»

*

«The city, which will be independent of the kingdom’s “existing governmental framework,” will be built across 26,500 square kilometers (10,231 square miles) near the Red Sea»

*

«Saudi Arabia has made a string of big announcements recently that are aimed at diversifying its economy away from oil»

*

«In August, it launched a tourism project that consists of 100 miles of sandy coastline and a lagoon with 50 islands»

* * * * * * *

Al momento non sono noti particolari di questi piano grandioso, che è riferito essere lanciato completamente nel futuro dell’Arabia Saudita.

Alcuni elementi emergono però molto vistosi.

– L’esigenza di generare un qualche tessuto produttivo alternativo allo sfruttamento delle risorse petrolifere.

– La localizzazione in una zona decentrata rispetto al baricentro dell’Arabia Saudita, ma posta in zona economicamente strategica.

– Del tutto inaspettato il fatto che questo polo produttivo sarà indipendente dall’attuale struttura governativa. Non è nota la veste giuridica, ma questo è un modo molto elegante di evitare lunghi e dolorosi cambiamenti legislativi in un paese singolarmente conservatore.

– Questo annuncio integra quello già fatto sul progetto turistico: religione e provenienza delle persone che vi accederanno dovrebbero essere fattori irrilevanti.

* * * * * * *

Questo progetto ha luci ed ombre.

Opinion: Saudi Arabia – progress, or megalomania?

«The crown prince of Saudi Arabia says he wants to fundamentally change his country. But the inexperienced and impulsive young Mohammed bin Salman could quickly find himself in over his head. ….

It is to be one of the biggest projects the Middle East has ever seen: A technology park and a new city with the futuristic name, “Neom.” What Saudi Arabian Crown Prince Mohammed bin Salman announced in Riyadh sounded nothing short of spectacular ….

The crown prince is not looking for traditional investors though, instead his sales pitch is directed at “visionaries who want to create something utterly new.” ….

And the crown prince has plans to build a luxury tourist resort on the Red Sea for an international clientele – that means that women will be allowed to wear bikinis and bars and restaurants will serve alcohol – things that were heretofore unthinkable. ….

One thing that greatly angered archconservatives in the kingdom was the recent severing of influence exerted by the religious police, which over the years had grown into a practically independent state security apparatus with wide-ranging powers.»

In Arabia Saudita la polizia religiosa si è sviluppata fino a diventare un apparato di sicurezza con enormi poteri non supervisionati da quello politico. Chi la gestisce ha il potere vero, e non è Mohammed bin Salman.

*

Vedremo nei fatti ciò che questo polo sarà in grado di produrre e, soprattutto, quanto i beni generati saranno richiesti e collocabili sui mercati internazionali.

Questo progetto richiama alla mente, mutatis mutandis, quello posto in essere dal Regno Fatimide mille anni or sono, istituendo in Alessandria un porto franco che divenne in breve il punto di incontro degli allora commerci mondiali, ossia quelli mediterranei.


Reuters. 2017-10-24. Saudis set $500 billion plan to develop border region with Jordan, Egypt

RIYADH (Reuters) – Saudi Arabia announced on Tuesday a $500 billion plan to create a business and industrial zone extending across its borders into Jordan and Egypt, the biggest project yet in a series of efforts to free the kingdom of its dependence on oil exports.

The 26,500 square km (10,230 square mile) zone, known as NEOM, will focus on industries including energy and water, biotechnology, food, advanced manufacturing and entertainment, Saudi Crown Prince Mohammed bin Salman said.

Adjacent to the Red Sea and the Gulf of Aqaba and near maritime trade routes that use the Suez Canal, the zone will power itself solely with wind power and solar energy, said the Public Investment Fund, Saudi Arabia’s top sovereign fund.

“NEOM is situated on one of the world’s most prominent economic arteries … Its strategic location will also facilitate the zone’s rapid emergence as a global hub that connects Asia, Europe and Africa.”

The Saudi government, the PIF, and local and international investors are expected to put more than half a trillion dollars into the zone in coming years, Prince Mohammed said.

There was no immediate comment on the plan from Jordan and Egypt, both of which are close allies of Saudi Arabia.


Cnn. 2017-10-24. Saudi Arabia wants to build a $500 billion mega-city spanning 3 countries

Saudi Arabia plans to build a new $500 billion metropolis that spans three countries.

*

The development, called NEOM, was announced at a conference on Tuesday by Saudi Crown Prince Mohammed bin Salman. It’s the latest in a series of mega projects designed to reshape the kingdom’s economy.

It is nothing if not ambitious.

“We try to work only with the dreamers,” the young crown prince told investors gathered in Riyadh. “This place is not for conventional people or companies.”

Plans call for the city to be powered entirely by regenerative energy, while also making use of automated driving technology and passenger drones. Wireless hi-speed internet will be free.

“All services and processes in NEOM will be 100% fully automated, with the goal of becoming the most efficient destination in the world,” the Saudi Arabia Public Investment Fund said in a statement.

The city, which will be independent of the kingdom’s “existing governmental framework,” will be built across 26,500 square kilometers (10,231 square miles) near the Red Sea. According to the fund’s statement, its land mass “will extend across the Egyptian and Jordanian borders.”

“NEOM will be constructed from the ground-up, on greenfield sites, allowing it a unique opportunity to be distinguished from all other places that have been developed and constructed over hundreds of years,” the fund said in a statement.

The project will be backed by $500 billion from the Saudi government and its investment fund, as well as local and international investors.

It has caught the attention of foreign investors including SoftBank (SFTBF) founder Masayoshi Son and Blackstone CEO Stephen Schwarzman, who joined the crown price on a panel dedicated to the project.

“NEOM is a fantastic opportunity,” Son said on Tuesday. “In the beginning, I didn’t understand. But when I visited the location, I said ‘Wow.’ “

Son said his Softbank Vision Fund, which counts Saudi Arabia as its biggest investor, would put money toward the new project.

The crown prince said there no set timeline for the development.

“This is a challenge,” he said. “We know this takes time … we are under pressure to deliver something new and to give innovative ideas.”

Saudi Arabia has made a string of big announcements recently that are aimed at diversifying its economy away from oil.

The country said in September that it would pump almost $3 billion into its entertainment industry.

In August, it launched a tourism project that consists of 100 miles of sandy coastline and a lagoon with 50 islands. The project even caught the eye of billionaire Richard Branson.

A year and a half into the efforts, officials have made progress on some parts of the broader plan — known as Vision 2030 — but also flip-flopped on others.

The government has cut some subsidies, announced new taxes and lifted a controversial ban on women driving. It also tapped global bond markets three times in less than a year, borrowing billions to balance its books.

Annunci
Pubblicato in: Persona Umana

Il caso Vlada Dzyuba. Le illusioni terminano con la morte.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-31.

2017-10-30__Vlada Dzyuba__003

Il fatto è drammaticamente semplice.

«Vlada Dzyuba, aged 14, a prominent young model, died after being in a coma for two days»

*

«She was evidently suffering from meningitis but her condition was not spotted in time»

*

«As she waited for her next appearance, her temperature soared.

Minutes later she collapsed and was unconscious. 

An ambulance was called but she died on Friday after two days in a coma. 

The preliminary cause of death is meningitis compounded by severe exhaustion»

2017-10-30__Vlada Dzyuba__001

* * * * * * * *

Questa giovane ragazza, quattordici anni, ha contratto una forma di meningite che la ha portata alla morte in due giorni.

Un doloroso fatto di cronaca che rimarca quanto subdola e pericolosa sia questa patologia, a sviluppo così rapido che spesso è diagnostica quando oramai non c’è più nulla da fare.

Non solo. Da quanto riferito, emergerebbero alcuni fatti.

La ragazzina era in una tournée per delle sfilate di moda in Cina, a Shanghai. Non era accompagnata dai genitori e, a quanto sembrerebbe, lo staff avrebbe sottovalutato il quadro clinico.

«She was evidently suffering from meningitis but her condition was not spotted in time and she was made to continue on the catwalk in a show for Asian designers …. As she waited for her next appearance, her temperature soared  …. Minutes later she collapsed and was unconscious»

*

«It appears the girl did not go to hospital because she had not been provided with medical insurance despite being in China on a three month contract which involved her missing school back home in Perm, in the Urals»

*

«The young model’s relatives fear that ‘a desire to profit from Vlada won against elementary care’ for her»

* * * * * * * *

2017-10-30__Vlada Dzyuba__002

Sarebbero molte ed anche importanti le considerazioni da trarre da questo mesto episodio. Tuttavia alcune sembrerebbero essere doverose.

Anche se l’aspetto fisico appare da donna fatta, a quattordici anni si è ancora ragazzine: non a caso la legge tutela i minori.

Il posto dove stare per una ragazza di 14 anni sarebbe la scuola, vicino alla propria famiglia, amata e tutelata dai propri genitori.

Ma il contratto di lavoro non è stato firmato da Vlada Dzyuba, bensì dai suoi genitori.

Ci si pensi bene.

Il mondo della moda, così come il mondo dello spettacolo, genera l’illusione di facile successo ed ancor più facile guadagno. Gli occhi sono puntati sulle modelle che riescono ad emergere alla notorietà e sui loro guadagni del tutto fuori dalla norma.

Ma per una donna che riesce ad emergere, ed il caso spesso gioco un gran ruolo, migliaia di loro conducono invece una vita stentata, severamente pesante, spesso di stenti. Alla fine poi, quando il fascino della giovinezza si affievolisce, queste ragazze tornano alla vita reale senza arte né parte, senza aver terminato un ciclo di studi che ne permetta l’inserimento nella vita lavorativa. Alle illusioni fa seguito una vita sbalestrata, spesso un vero e proprio inferno sulla terra.

Se è normale che una ragazzina sogni, è abbietto che i genitori la illudano che si possa vivere di sogni e, diciamolo pure francamente, speculino su di essa nella speranza di poter poi lucrare guadagni elevati.

Se è vero che spesso questi posti di lavoro, saltuario peraltro, somigliano ai lavori forzati, è altrettanto vero che i primi sfruttatori di questo lavoro minorile sono stati proprio i genitori.

Resta difficile capire se la madre sia in lacrime per la morte della figlia oppure per la svanita illusione di arricchirsi.

Il giudizio su quei genitori, su quella madre, è severamente pesante.

Per massimizzare il guadagno aveva negato alla figlia anche l’assicurazione sanitaria, che pure avrebbe dovuto essere obbligatoria: otto miserabili euro. Otto schifosissimi euro in cambio della vita della propria figlia.

*

Da ultimo, ma non certo per ultimo, un commento sembrerebbe essere opportuno.

Nei tempi correnti sembrerebbe che tutto debba essere visto e valutato in chiave di un sesso anormale.

Ma questa componente è ben poco cosa rispetto ai guasti maggiori, di ben più vasta portata.

È la visione distorta della donna e di cosa possa rendere felici gli esseri umani.

Il caso di Mr Weinstein è da manuale.

Il mondo liberal compiange le aspiranti star che sarebbero soggiaciute alle proposte dell’uomo.

Alla base di tale modo di sentire sta la credenza radicata che sia diritto delle donne giovani e carine di accedere alla carriera dello spettacolo. Quindi, le richieste di Mr Weinstein sarebbero stati abusi.

Ma da un punto di vista differente, il tutto si risolverebbe in una ordinaria storia di prostituzione.

La ragazza voleva una particina, e questo aveva il suo costo: nessuno aveva obbligato la ragazza a fare ciò che aveva fatto.

Era un semplice rapporto dativo: lei andava a letto con Mr Weinstein e questi, invece di pagare in denaro, la ricompensava con un contratto. Questo tipo di rapporto è pura e semplice prostituzione, accettata da persone consenzienti e spesso ben ricercata dall’aspirante attricetta.

«Non posso essere così rigida. Se è una scena, lo devo fare. Se voglio fare l’attrice, lo devo fare» [Fonte]

Questa frase riassume tutto ciò che è stato detto.

Nessuno obbliga nessuna a fare l’attrice, proprio nessuno. Anzi, fuori dall’uscio c’è la fila.

Ma la ragazza dice, leggete bene, “voglio” e, quindi “devo“.

Ma il verbo ‘volere‘ implica la perfetta volontarietà dell’azione: nessuna costrizione al volere. Non subisce, vuole.

E perché mai vuole? Perché la sua morale ed etica glielo impongono come agire coatto: ‘devo‘. Il sogno di denaro e successo è diventato un imperativo di vita: unico scrigno della felicità attesa.

Sono ierodule del dio successo e del dio denaro, e quella madre russa stava spingendo la figlia su questa strada.


The Siberian Times. 2017-10-29. Modelling scandal: young girl dies in China after 13 hour fashion show with no medical insurance

Fears over exploitation of Russian models sent on ‘slave labour contracts’ without parents to care for them.

Vlada Dzyuba, aged 14, a prominent young model, died after being in a coma for two days after expiring at a gruelling fashion show in Shanghai.

She was evidently suffering from meningitis but her condition was not spotted in time and she was made to continue on the catwalk in a show for Asian designers, it was reported. 

As she waited for her next appearance, her temperature soared.

Minutes later she collapsed and was unconscious. 

An ambulance was called but she died on Friday after two days in a coma. 

The preliminary cause of death is meningitis compounded by severe exhaustion. 

Vlada’s distraught mother Oksana wept as she told NTV: ‘She was calling me, saying ‘Mama, I am so tired. I so much want to sleep’.

‘It must have been the very beginning of the illness… and then her temperature shot up. 

‘I didn’t sleep myself and was calling her constantly, begging her to go to hospital.’

The schoolgirl’s tragic death raises serious questions about the use of child labour by the fashion industry. 

China is recruiting an increasing number of – often very young – models from Russia and especially Siberia to work at catwalk shows. 

It appears the girl did not go to hospital because she had not been provided with medical insurance despite being in China on a three month contract which involved her missing school back home in Perm, in the Urals.

Vlada was also described as suffering from ‘utter exhaustion’.

She had been recruited by a prominent Chinese modelling agency, it is understood. 

The model had a ‘personal curator’ named as Dmitry Smirnov. It is unclear what role he played in seeking medical care for the model when she needed it.

It is also not clear who is to blame for her not having medical insurance.

Vlada’s mother had sought a visa to rush to her sick daughter but was unable to complete the red tape in time. 

Tests are being carried out as to the cause of death. 

The young model’s relatives fear that ‘a desire to profit from Vlada won against elementary care’ for her. 

Vlada’s family has appealed to Russian diplomats to secure answers to the conditions under which she lived, worked – and died. 

Officially she was allowed to work three hours a week in China, a law which mirrors that in Russia. 


Adnk. 2017-10-29. Sfila per 12 ore: muore baby modella

Una passerella dietro l’altra, per 12 ore di fila. Senza mai fermarsi. Senza fare neanche una sosta. E’ morta così Vlada Dzyuba, modella russa di 14 anni che non ha retto ai ritmi serrati delle passerelle di Shanghai e dopo due giorni di coma è deceduta. Stando a quanto riporta il ‘Siberian Times’, la giovane sarebbe morta a causa di una meningite cronica, che non le era stata diagnosticata. La sua condizione sarebbe stata aggravata da un forte esaurimento fisico.

Vlada ha continuato a sfilare e sfilare, anche con la febbre altissima. Finché non si è accasciata sulla passerella. La madre, Oksana, è scoppiata in lacrime mentre raccontava la vicenda alla NTV: “Mi chiamava e mi diceva ‘mamma, sono così stanca, vorrei solo dormire’ – ha detto la donna – Deve essere stato all’inizio della malattia, e poi la febbre ha iniziato a salire. Anche io non riuscivo a dormire e la chiamavo continuamente, supplicandola di andare in ospedale”. Vlada però non si è recata in ospedale perché sprovvista di assicurazione sanitaria per coprire le spese mediche, nonostante il suo contratto prevedesse l’obbligo di stipularne una.

Ora la morte della ragazza sta sollevando un polverone di polemiche sui turni massacranti cui sono sottoposte molte baby modelle. In Cina, in particolare, si registra un numero impressionante di giovanissime mannequin russe e siberiane che vengono ingaggiare per sfilare. Spesso seguendo ritmi e orari massacranti.

Vlada era stata reclutata da un’agenzia di modelle cinese ed era seguita da un assistente personale, tale Dmitry Smirnov. La polizia sta indagando sulla vicenda, e non è ancora chiaro chi sia il responsabile della mancata assicurazione sanitaria di Vlada. La madre aveva chiesto un visto raggiungere la figlia, ma per motivi burocratici non è riuscita a ottenere i documenti necessari in tempo. Quel che è certo in questa triste storia è che Vlada non doveva morire così e non era autorizzata a sfilare per 12 ore di fila. Il suo contratto di lavoro, infatti, prevedeva solo tre ore di sfilate alla settimana.

Pubblicato in: Religioni

Lutero. 500 anni di antisemitismo. E anche lo celebrano.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-31.

Martin_Lutero_1

Oggi ricorre il 500° anniversario di quando Martin Luther affisse le sue 95 tesi alla porta della Chiesa di Ognissanti a Wittenberg.

Di lì prese origine la riforma luterana e, quindi, quella protestante.

Luther è di quei personaggi che hanno impresso svolte epocali nel divenire umano.

Se non spetta certo a noi un giudizio morale, ma quello storico deve convenire che il 31 ottobre 1517 segnò l’inizio di un modo differente di concepire religione, persona umana, società in cui vive.

Modo differente non significa né modo migliore, né modo più corretto, né tanto meno modo più giusto.

Lasciamo il problema religioso ai teologi: storicamente, Luther dette la stura ai principi tedeschi di iniziare un processo di autonomizzazione nei confronti dell’Impero. Processo sicuramente politico, ma altrettanto di affrancamento dalle imposte. Il conflitto religioso fu il pretesto di quello economico.

I principi tedeschi infatti, come peraltro tutti a quell’epoca, erano alle prese con l’enorme problema di come costituire ed organizzare i propri principati, specialmente dal punto di vista economico.Perennemente in guerra tra di loro, avevano un disperato bisogno di denaro per alimentarle.

Per loro la riforma luterana fu manna dal Cielo: era una bellissima motivazione per riaffermare la propria indipendenza, cessare di pagare le tasse all’Impero, ed incamerare infine tutti i beni ecclesiastici che si erano accumulati nei secoli. Un modo per legalizzare il furto.

Quelle che comunemente sono denominate guerre di religione, di religioso avevano poco o nulla: erano guerre di bottega, per chiamarle con il loro nome politicamente scorretto. Ma le guerre costano, ed anche molto. E di soldi non ce ne sono mai a sufficienza. Spolpati all’osso gli ordini religiosi, la cupidigia dei principi si posò su chi avesse avuto denaro, senza andar troppo per il sottile.

Il dramma del luteranesimo, della riforma protestante in senso lato, è racchiudibile in poche parole: più che una diatriba teologica è stata una diatriba politica. E quando la politica si impossessa di un qualcosa di dottrinale lo snatura asservendolo ai propri scopi.

*

Né si potrebbe dimenticare ciò che successe pochi anni dopo.

Nel 1526 il Sultano Solimano I, detto il Magnifico, sconfisse nella battaglia di Mohács, gli ungheresi ed occupò una gran parte dei territori magiari. Tre anni dopo arrivò a mettere sotto assedio Vienna, subito dopo un orrendo massacro a Buda.

L’Imperatore Carlo V era tutto impegnato con la guerra contro la Francia, e dovette basarsi soltanto sulle proprie forze.

I protestanti non dettero il minimo aiuto, cosa che invece fecero massicciamente in occasione del secondo assedio di Vienna del 1683.

Per poco, la riforma protestante non aveva esitato nella conquista turca del cuore dell’Europa. La storia mondiale sarebbe cambiata radicalmente.

* * * * * * *

In questo contesto Martin Luther pubblicò nel 1543 il suo famoso libro “Degli ebrei e delle loro menzogne“. Libro commissionatogli dai principi protestanti.

Per chi non lo avesse razionalizzato, all’epoca in Germania gli Ebrei erano generalmente ricchi, gestivano buona parte del commercio internazionale e dei relativi servizi bancari. Ma non erano armati né avevano percepito il livello di ostilità che su di loro incombeva.

La storia insegna che la ricchezza è un crimine agli occhi dei governanti.

Essi bramano e concupiscono il denaro, costi quello che costi. Meglio poi se lo possono ottenere immolando innocenti inermi ed estorcendo loro tutto il possibile.

Luther è il capostipite dell’antisemitismo sistematizzato, teorizzato, sfociato alla fine nei fatti del secolo scorso.

Luther è stato uno dei maggiori odiatori della storia.

Come capita per molti grandi uomini, il dramma di Luther è che quasi nessuno si è peritato di leggere cosa avesse scritto. È impressionante sentir parlare di lui e domandarsi di chi mai si stia parlando. Negli ultimi decenni questo libro è stato soggetto ad una massiccio tentativo di ridimensionamento a livello di birbonata fanciullesca, mentre invece è la base dell’antisemitismo dell’enclave protestante.

Proponiamo quindi al Lettore un piccolo estratto di alcuni passi di codesto pregevole libro: giudicherà quindi lui stesso cosa deve pensarne, anche se la lettura dell’intero libro sarebbe molto suggeribile.

Martin Lutero, Degli Ebrei e delle loro menzogne, Einaudi, 2008

«Martin Lutero scrisse questo aspro e violento documento antisemita negli ultimi anni della sua vita. Si tratta di un saggio così duro da richiedere un commento che ne tenti una contestualizzazione, addentrandosi nell’intrico di violenza che ispirò quest’opera. Risulta allora fondamentale la ricostruzione che Adriano Prosperi fa dei rapporti del fondatore della Riforma con gli ebrei e più in generale dei rapporti fra il mondo cristiano e il mondo ebraico. Prosperi analizza poi l’enorme eco che il saggio ha suscitato nel mondo protestante dove l’antisemitismo si è rivelato ancora più tenace e devastante che nel mondo cattolico.»



da Martin Lutero, Degli Ebrei e delle loro menzogne, Einaudi, 2008, pag. 188-189, 190, 191, 192, 195, 201, 203, 213, 217-218, 221-222

[Gli Ebrei] ci tengono prigionieri nel nostro paese. Ci fanno lavorare, col sudore della fronte, a guadagnare denaro e proprietà per loro, e loro stanno accanto alla stufa, indolenti, flatulenti, ad arrostire pere, a mangiare, a bere, a far la vita bella e comoda con le nostre ricchezze. Ci sbeffeggiano, ci sputano addosso, perché lavoriamo, e li accettiamo come inetti signori e padroni nostri e del nostro regno. Che cosa dobbiamo avere ancora a che fare, noi cristiani, con questo popolo dannato e infame degli ebrei?

[Le misure da adottare] Io voglio dare il mio sincero consiglio.

In primo luogo bisogna dare fuoco alle loro sinagoghe o scuole; e ciò che non vuole bruciare deve essere ricoperto di terra e sepolto, in modo che nessuno possa mai più vederne un sasso o un resto. E questo lo si deve fare in onore di nostro Signore e della Cristianità, in modo che Dio veda che noi siamo cristiani e che non abbiamo tollerato né permesso – consapevolmente – queste palesi menzogne, maledizioni e ingiurie verso Suo figlio e i Suoi cristiani. Perché ciò che noi fino a ora abbiamo tollerato per ignoranza (io stesso non ne ero a conoscenza) ci verrà perdonato da Dio. Ma se noi, ora che sappiamo, dovessimo proteggere e difendere per gli ebrei una casa siffatta, nella quale essi – proprio sotto il nostro naso – mentono, ingiuriano, maledicono, coprono di sputi e di disprezzo Cristo e noi (come sopra abbiamo sentito), ebbene, sarebbe come se lo facessimo noi stessi, e molto peggio, come ben sappiamo.

Mosè scrive al XIII capitolo del Deuteronomio, che se una città pratica l’idolatria, bisogna distruggerla completamente col fuoco e non conservarne nulla. E se egli ora fosse in vita, sarebbe il primo a incendiare le sinagoghe e le case degli ebrei. Perché ordinò molto severamente ai capitoli IV e XII del Deuteronomio di non togliere né aggiungere niente alla sua legge. E Samuele dice al XV capitolo del I libro che non obbedire a Dio è idolatria. Ora, la dottrina degli ebrei non è altro che glosse di rabbini e idolatria della disobbedienza, cosicché Mosè è diventato del tutto sconosciuto presso di loro (come si è detto), proprio come per noi sotto il papato la Bibbia è diventata sconosciuta. E dunque anche in nome di Mosè le loro sinagoghe non possono essere tollerate, perché diffamano loro tanto quanto noi, e non è necessario che essi abbiano per una simile idolatria le loro proprie, libere chiese.

Secondo: bisogna allo stesso modo distruggere e smantellare anche le loro case, perché essi vi praticano le stesse cose che fanno nelle loro sinagoghe. Perciò li si metta sotto una tettoia o una stalla, come gli zingari, perché sappiano che non sono signori nel nostro Paese, come invece si vantano di essere, ma sono in esilio e prigionieri, come essi dicono incessantemente davanti a Dio strillando e lamentandosi di noi.

Terzo: bisogna portare via a loro tutti i libri di preghiere e i testi talmudici, nei quali vengono insegnate siffatte idolatrie, menzogne, maledizioni e bestemmie.

Quarto: bisogna proibire ai loro rabbini – pena la morte – di continuare a insegnare, perché essi hanno perduto il diritto di esercitare questo ufficio, in quanto tengono prigionieri i poveri ebrei per mezzo del passo di Mosè, al XVII capitolo del Deuteronomio, nel quale egli ordina a quelli di obbedire ai loro maestri, pena la perdita del corpo e dell’anima; mentre invece Mosè aggiunge con chiarezza: in «ciò che ti insegnano secondo la legge del Signore». […]

Quinto: bisogna abolire completamente per gli ebrei il salvacondotto per le strade, perché essi non hanno niente da fare in campagna, visto che non sono né signori, né funzionari, né mercanti, o simili. Essi devono rimanere a casa. […]

Sesto: bisogna proibire loro l’usura, confiscare tutto ciò che possiedono in contante e in gioielli d’argento e d’oro, e tenerlo da parte in custodia. E il motivo è questo: tutto quello che hanno (come sopra si è detto), lo hanno rubato e rapinato a noi attraverso l’usura, perché, diversamente, non hanno altri mezzi di sostentamento. […]

Settimo: a ebrei ed ebree giovani e forti, si diano in mano trebbia, ascia, zappa, vanga, canocchia, fuso, in modo che si guadagnino il loro pane col sudore della fronte, come fu imposto ai figli di Adamo, al III capitolo della Genesi. Perché non è giusto che essi vogliano far lavorare noi, maledetti goijm, nel sudore della nostra fronte, e che essi, la santa gente, vogliano consumare pigre giornate dietro la stufa, a ingrassare e scorreggiare, vantandosi per questo in modo blasfemo di essere signori dei cristiani, grazie al nostro sudore. A loro bisognerebbe invece scacciare l’osso marcio da furfanti dalla schiena! […]

Se però i signori non vogliono costringerli e non vogliono porre rimedio a questa loro diabolica ribellione, allora vengano espulsi dal Paese, come si è detto, e si dica loro di tornare alla loro terra e ai loro beni, a Gerusalemme, dove possono mentire, maledire, bestemmiare, deridere, uccidere, rubare, rapinare, praticare l’usura, dileggiare e compiere tutti questi empi abominî come fanno qui da noi […]

Pubblicato in: Cina, Commercio, Rapporti Commerciali

Cina. Nuova linea Urumqi – Ukraina. Trasporta materiale strategico.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-31.

2017-10-31__Cina. Nuova linea Urumqi - Ukraina. 001

La strategia cinese del Belt and Road prosegue con la precisione dei cronometri cinesi.

Tuttavia la notizia odierna travalica in modo sostanziale quello relativo ad una mera tratta ferroviaria. È molto di più.

Di questi giorni è l’apertura di una nuova tratta che collega direttamente Urumqi, capitale della regione autonoma dello Xinjiang Uygur all’Ukraina, esattamente Poltava, di fatidica memoria.

Sono diversi gli elementi di rilievo da recepire.

In primo luogo, la Cina sta sviluppando una fitta rete di connessioni ferroviarie anche su lunghissime distanze. Soluzione questa che comporta una lunga serie di vantaggi. In questo caso, per esempio, la merce è stata consegnata con un viaggio di circa due settimane, contro i due mesi richiesti dalla linea marittima. Per fine anno saranno oltre 700 i treni arrivati in Europa dalla Cina, e che ritorneranno in patria con merci del vecchio continente: un interscambio che sfiora i 140 miliardi, e siamo solo agli inizi. Solo per esempio, si prenda nota come le esportazioni dello Xinjiang ammontavano fino a poco tempo fa a circa tre miliardi di dollari americani: lo sviluppo è evidente.

Freight train links China with France

Freight train from China coming to Bratislava after one year break

Freight train links China with Slovakia

First Changchun-Hamburg freight train departs

Direct China-Britain freight train likely to reshape trade

In secondo luogo, l’attivazione di queste tratte presuppone prima, facilita e stimola dopo, una produzione industriale specifica sulle esigenze dell’interscambio, sia ai capi dei terminali, sia anche in tutte le tappe intermedie. In poche parole, lungo la linea ferroviaria si possono sviluppare attività manifatturiere che prima non avrebbero avuto senso causa la intrasportabilità del prodotto manufatto. È un indotto di proporzioni per il momento relativamente modeste, ma che a regime eserciterà un notevole peso sulle economie.

In terzo luogo, si noti la classifica merceologica dei beni trasportati: “oil drilling equipment“, materiali per le perforazioni petrolifere. Già. La Cina, un popolo che solo trenta anni fa era alla fame, adesso è un produttore competitivo nel settore petrolifero, prima appannaggio esclusivo di alcuni paesi occidentali. E ciò che fa specie, è che questa tipologia produttiva è per molti aspetti sia migliore sia più economica di quella occidentale. L’idea che i cinesi sappiano fabbricare solo canestri di vimini è davvero bislacca.

In quarto luogo, si noti come la regione dello Xinjiang Uygur sia autonoma dal 1955. Circa il 45% della popolazione è uiguri, turcomanna mussulmana. È una regione che sta emergendo da poco e lentamente dalla miseria, essendo ora il pil pro capite di 25,034 ¥. Convivenza difficile quella degli uiguri con gli han, che sfociò anche in sedizioni alle quali lo stato reagì con fermezza, dal coprifuoco prolungato alle pena di morte per i fomentatori di disordini. Detto a mo’ di cronaca, molti paesi esteri avevano a suo tempo cercato di mettere benzina sul fuoco, specie tramite ong (ngo).

Il governo centrale cinese aveva preso fin dal 1954 un provvedimento molto efficiente, che sembrerebbe essere la fotocopia di quello attuato in Germania negli anni trenta da Herr Hjalmar Schacht: costituì il “Corpo per la produzione e la costruzione dello Xinjiang” (Xinjiang Shengchang Jianshe Bingtuan). Detto corpo era un’organizzazione militare e paramilitare che era arrivata ad avere un organico di 900,000 uomini, impiegati alla costruzione di infrastrutture e sistemi produttivi. A questo corpo si deve la fondazione di oltre cento grandi fattorie agricole.

Cina. Regioni. 001

* * * * * * *

Agli occhi degli Occidentali resta incomprensibile come in Cina convivano simbioticamente strutture fortemente centralizzate, ed addirittura militarizzate come il Corpo, con altre completamente deregolamentate: una libertà di azione economica mai riscontrata in Occidente.

Il fatto è che, essendo deideologizzati, i cinesi scelgono per quanto sia più opportuno al momento e non considerano le scelte come fatti definitivi ed irreversibili.




Xinhua Net. 2017-10-29. New cargo route links Xinjiang with Ukraine

URUMQI, Oct. 29 (Xinhua) — A new China-Europe freight train route was launched Sunday in Urumqi, capital of northwest China’s Xinjiang Uygur Autonomous Region.

The first train, carrying oil drilling equipment, left Urumqi Sunday noon and is bound for Poltava, Ukraine, via Kazakhstan and Russia. This is the first cargo train linking Xinjiang with Ukraine.

The new route will cut the transportation time from more than two months by sea to just 15 days, said Cheng Jingmin, deputy manager of Xinjiang Beiken Energy Engineering.

The company sent the equipment for a drilling project in Ukraine.

According to Cui Yumiao, deputy mayor of Karamay, the new route will serve as an important channel for enterprises in the city to expand their presence in overseas market along the Belt and Road.

With trade volume increasing between China and European countries in recent years, Urumqi has started to offer “point-to-point” customized services to cut transportation costs and time.

A total of 700 China-Europe freight trains are expected to depart from Xinjiang by the end of 2017. 

Pubblicato in: Cina

Cina. Mandarinato e democrazia. – Handelsblatt

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-30.

Pechino-Cina

La mente umana è pronta a recepire una realtà oppure un ragionamento verso i quali sia già predisposta: in caso contrario ignora oppure non riesce a comprendere.

Milioni e milioni di persone avevano visto oggetti penzolare, ma solo la mente di Galileo Galilei ha saputo cogliere questa realtà e quindi ragionarci sopra.

È esattamente quello che sta accadendo ai tempi nostri nei confronti della realtà cinese.

Handelsblatt ci propone un lungo articolo sul modo di governo della Cina e giunge alla conclusione che

«The world needs a democratic China».

*

«This is in both China’s and the world’s interest.»

*

Si noti l’uso dell’indicativo presente, segno di certezza assoluta di quanto enunciato. Non è stato usato il tempo condizionale né, tanto meno, un verso ausiliare di potenzialità.

Eppure l’articolista non manca di percezione sensoriale, quando dice che

«The reforms propagated by Deng Xiaoping in the 1980s and 1990s were intended to pull back the state from society and the economy. He pushed back the work units that controlled the life of every Chinese citizen – where they were allowed to travel, who they were allowed to marry and what their healthcare looked like. Never before had the Chinese so many freedoms, so much prosperity and so much rapid growth under Communist leadership as they did after Mr. Deng’s reforms»

*

A nostro sommesso avviso, l’articolista incorre in numerosi errori fondamentali.

In primo luogo, nessuno su questa terra è depositario di verità assolute. La prima domanda avrebbe potuto vedersi rovesciata:

«La Cina ha bisogno di un mondo cinesizzato».

E la domanda posta in questi termini avrebbe riscosso il plauso di un miliardo e mezzo di cinesi.

In secondo luogo, l’articolista enuncia un grande dato di fatto:

«Never before had the Chinese so many freedoms, so much prosperity and so much rapid growth under Communist leadership as they did after Mr. Deng’s reforms».

Se dunque i cinesi sono liberi, si sono arricchiti e riescono a crescere con un ritmo impensato ed impensabile per gli occidentali “democratici”, per quale strano motivo dovrebbero cambiare il loro modo di reggere la nazione?

In terzo luogo, la democrazia. Sarebbe un discorso ben lungo. Intanto, è solo nell’ultimo secolo che questo modo di reggimento dei popoli si è affermato, e soltanto nel mondo occidentale. Ma un secolo a confronto della storia è un’inezia, l’Occidente rappresenta solo un sesto della popolazione mondiale ed in termini economici assomma grosso modo un terzo del pil ppa mondiale. Davvero un po’ troppo poco per definirsi “il mondo“. Che poi il suffragio universale sia così bello andiamolo a dire ai liberal democratici trombati alle elezioni presidenziali americane oppure ai socialisti europei, che gli Elettori hanno scacciato dai governi europei. Tutta gente che non si è rassegnata alla sconfitta e che cerca di sovvertirla con la piazza. Il vero problema non è tanto il modo con sui un popolo decide di governarsi, bensì il raggiungimento di una ragionevole felicità, prosperità e pace, tutte realtà raggiunte dai cinesi con il loro sistema di governo. E questo articolo compare proprio quando Mr Macron ha pronunciato la sua fatidica frase:

«I believe in the sovereignty of states, and therefore, just as I don’t accept being lectured on how to govern my country, I don’t lecture others»

In quarto luogo, ogni popolo ha le sue tradizioni, non solo religiose, culturali e storiche, ma anche quelle politiche ed amministrative. Questi retaggi sono da comprendersi e rispettare. Con quale diritto l’articolista, l’Occidente, si arroga il diritto di suggerire, od anche cercare di imporre, alla Cina di mutare le proprie tradizioni di reggimento della cosa pubblica?

Deng Xiaoping nacque in un paesetto contadino del Guang’an, provincia di Sichuan, e divenne il capo della Cina, Xi nacque da un veterano combattente, ma di origine ben umili, eppure anche lui è emerso ai vertici del governo.

Forse dunque che in Cina non sia possibile scalare il potere anche se si proviene da origini modeste?

* * * * * * *

In un recente articolo si è cercato di spiegare cosa sia la Cina nell’attuale realtà dei fatti.

La ‘casa’ di Shanghai. Capire cosa sia la Cina di oggi.

Sicuramente, si può anche vivere in Cina da occidentali e non riuscire quindi a comprenderla.

Ma sono oramai molti gli attenti osservatori di questa realtà.

Cosa vuol dire per la Cina abbandonare Marx per tornare a Confucio.

Il Partito Comunista Cinese altro non è che la rediviva scuola mandarinica.

*

Un’ultima considerazione, lessicologica ma sostanziale.

I cinesi danno ai termini “comunismo” e “capitalismo” significati e contenuti totalmente differenti da quelli intesi in Occidente.

Cercheremo di spiegarci con un esempio, che potrebbe anche aiutare a comprendere la attuale teoria economica cinese.

Consideriamo una nazione ed il suo sistema bancario.

Un ‘comunista‘ lo nazionalizzerebbe, perché così gli imporrebbe l’ideologia che professa.

Un ‘capitalista‘ lo liberalizzerebbe in modo pieno e totale, perché così gli suggerirebbe la teoria socio-economica che segue.

Ambedue sono però azioni coatte, sradicate ed avulse dal contesto reale.

Il cinese invece osserva la realtà e quindi opta per la scelta che sia più conveniente.

È questo il motivo essenziale per il quale in Cina non solo convivono ma sono addirittura sinergiche azioni che gli occidentali designerebbero alcune “comuniste” ed altre “capitaliste“: azione per loro contraddittorie ed antitetiche perché viste pregne di contenuti ideologici alieni ai cinesi. I cinesi sono empiristi che scelgono ciò che più è opportuno e loro conviene: poi gli Occidentali denominino pure a piacer loro quelle azioni.  Ai cinesi ciò non interesa nulla.

Non solo. Mentre il politico occidentale è coatto entro i limiti temporali del mandato elettorale, quattro o cinque anni, il cinese ragiona quasi invariabilmente sul lungo termine, e fa così perché è espressione della scuola di pensiero mandarinica. È indifferente chi sia l’essere umano che materialmente firma gli ordini: è la scuola mandarinica che agisce tramite le persone. Così può su base euristica sceglliere anche un qualcosa al momento poco conveniente, ma verosimilmente fruttifero nel futuro.

*

Concetto questo di ben difficile comprensione da parte dell’occidentale contemporaneo.

In effetti è lo stesso motivo per cui l’occidentale medio non riesce a comprendere la Chiesa Cattolica, per fortuna di questa santa istituzione.

La Chiesa ha duemila anni di storia alle spalle, ed è viva e vegeta nonostante sia stata quasi sempre perseguitata. La sua gerarchia ascende il cursus honorum per cooptazione su base strettamente meritocratica. Solo per l’elezione del papa si ricorre a votazioni, ma il Sacro Collegio è formato da personale accuratamente scelto e selezionato. Sicuramente nella storia vi sono stati cardinali chiacchierabili, ma imbecilli mai.

* * * * * * *

Poniamoci allora la domanda finale.

Riuscirà il sistema ‘democratico’ così come oggi è concepito in Occidente a resistere alla forza ascendente del mandarinato cinese e sopravvivere, diciamo, almeno altri cinquanta anni?


Handelsblatt. 2017-10-26. A Dangerous Concentration of Power

The world needs a democratic China, but Xi Jinping is leading the country in the opposite direction, writes Handelsblatt’s China correspondent.

*

Communist China has had two outstanding leadership figures in its history: one was revolutionary leader Mao Zedong, who became the founding father of the People’s Republic of China; the other was Deng Xiaoping, the architect of major reforms who opened up the giant country to the world and initiated its economic ascendency. Now President Xi Jinping has elevated himself to same level as these historic figures.

The ruler had his ideology placed on the same footing as Mao’s by the most powerful cadres at the 19th National Congress of the Communist Party of China. It was incorporated into the party constitution under the unwieldy name “Xi Jinping Thought on Socialism with Chinese Characteristics for a New Era.” But what is meant to be a symbol of strength is actually a weakness: Mr. Xi’s supremacy allows almost no contradiction, which makes the aspiring superpower vulnerable.

Communist China has experienced an impressive ascent. The nation worked its way up from a developing country to become the world’s second-largest economy. The reforms propagated by Deng Xiaoping in the 1980s and 1990s were intended to pull back the state from society and the economy. He pushed back the work units that controlled the life of every Chinese citizen – where they were allowed to travel, who they were allowed to marry and what their healthcare looked like. Never before had the Chinese so many freedoms, so much prosperity and so much rapid growth under Communist leadership as they did after Mr. Deng’s reforms.

«It was not for nothing that The Economist named Xi Jinping the world’s most powerful man, ahead of US President Donald Trump.»

But a contrary approach is emerging under Xi Jinping’s dominance. Although his ideology is not yet clearly formulated, there is no doubt that the absolute superiority of the Communist Party is paramount. The functionaries once made intra-party democracy a guiding principle. But since Mr. Xi has been in power, critical discussions have become increasingly difficult, even within the party.

The party police have punished more than one million cadres for corruption offences. At the same time, the cadres’ adherence to party ideology has become a decisive criterion. Today, party members are expected to be able to mechanically recite the autocratic ruler’s current slogans. Public contradiction is unwelcome. It was not for nothing that The Economist named Xi Jinping the world’s most powerful man, ahead of US President Donald Trump. This was not only an investiture, it was a warning, too.

Mr. Xi’s claim to omnipotence is not only limited to PRC officials. Chinese research institutes are developing strategies to allow ideology to be anchored in all areas of life. Even small children are introduced to the Communist Party’s world view at an early age. From a European perspective, this may sound frightening. But from the point of view of party strategists, it is, above all, efficient. The country works under the party’s leadership. Opposition takes time, debates drag on and obedience is just faster.

The entire country is being oriented toward these goals. Business owners and their employees too are busy memorizing the slogans of the country’s “paramount leader.” Being loyal to party principles becomes the key to success, not only in state-owned enterprises, but also in private companies. Those who excel receive a red telephone, which they can use to call other highly respected cadres.

State-of-the-art technology comes into play when the classical approach is not enough. The country’s internet companies are helping to make the party and its control more efficient. More than 5 million people are no longer allowed to fly, and almost 2 million are not allowed to take trains. They were banned from travelling because they failed to meet the requirements of a new credit rating system. However, these drastic measures are only the beginning, with a nationwide system expected to be in place by 2020. The Chinese central bank is evaluating the payment data of more than 600 million people.

But the surveillance goes even further than that. High-resolution cameras monitor traffic, scan license plates and, in pilot projects, capture the faces of pedestrians. Voice-recognition systems are being developed to make it easier for the government to monitor conversations with computer-guided equipment in the future. These tools can do enormous damage if placed in the wrong hands.

Europe and Germany need a robust China. Its huge market has become a key growth driver for European companies. No problem, from climate change to globalization, can be solved without Beijing’s involvement. But to ensure that China can play a positive role as a major global power, the country also needs free discussion and open criticism. This is in both China’s and the world’s interest.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Problemi militari

Regno Unito. Sommergibile atomico con a bordo nove cocainomani.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-30.

Ubrianchi 001

Il commento del Kremlin è sintetico ma chiaro:

«“political schizophrenia”» [Mr Putin – Bloomberg]

Purtroppo non è lecito raccontare i fatti come si siano svolti realmente, per cui ci si dovrà accontentare della versione ufficiale.

*

Andreste a dormire tranquilli se la sala operativa per attivazione e lancio di missili balistici a testata atomica multipla fosse in mano a nove cocainomani fatti come cocchi che stanno giocano con i bottoni rossi?

«Nine British servicemen have been thrown off a nuclear submarine after testing positive for drugs»

*

«the drug they had taken was cocaine»

*

«The servicemen were dismissed from duty from HMS Vigilant»

*

«The Royal Navy said it did not tolerate drugs misuse»

*

«A nuclear submarine captain has been relieved of his command after an alleged “inappropriate relationship” with a member of his crew. The Royal Navy captain is being investigated following the allegations, which involve a female member of crew.»

* * * * * * * *

Cerchiamo di parlarci chiaramente, perché qui ne va della nostra pelle.

Diamo atto a Lavrentij Pavlovič Berija di aver inventato il “pacifismo” ed il “femminismo“: due idee semplicemente geniali per indurre l’Occidente al suicidio.

I liberal democratici ed i socialisti ideologici vi si buttarono sopra come lupi famelici, e ne fecero bandiera ideologica.

Nemmeno Berija e nemmeno Stalin avrebbero però potuto prevedere gli sviluppi finali.

Dal loro punto di vista, ma anche da quello dei loro epigoni, lo sfascio morale dell’Occidente ottenuto così a buon mercato era, ed è tuttora, manna caduta dal Cielo. Un grande risultato ottenuto con il minimo sforzo.

Se basta regalare qualche bustina di coca ad un marinaio per mettere fuori combattimento una nave da guerra il rapporto prestazioni / costi è da favola.

L’Occidente si è assuefatto all’uso di sostanze inebrianti e stupefacenti, ed insorge veementemente contro quanti cerchino di bloccare codesto andazzo, come per esempio le Filippine.

Si valuti bene la penultima frase riportata. La Royal Navy non tollera l’abuso, non l’uso. Questa lessicologia la conta lunga.

Sarebbe velleitario sperare che una società così decadente possa poi dotarsi di eserciti virili. Sì: usiamo pure il tanto vilipeso termine “virile“.

In Occidente la gente si bea di una presunta superiorità tecnologica, senza tener presente che sono alla fine gli esseri umani ad impiegare la tecnologia. Ed ubrianchi o sotto l’effeto di una droga non sanno nemmeno fare i loro bisogni primari. se la fanno addosso e tanti signori: figurarsi poi gestire un sistema tecnologicamente complesso.

Con immensa soddisfazione russi e cinesi hanno assistito alla femminizzazione delle forze armate occidentali, che hanno dovuto abbassare gli standard fisici alla massa muscolare muliebre. Ed abbassare anche il grado di resistenza morale alla alterna sorte.

Ma con ancor maggiore soddisfazione Mr Putin e Mr Xi stanno assistendo all’imbruttimento delle forze armate occidentali.

Ufficialmente, a parole, vige la “no touching rule“, ma nei fatti mettere assieme, specie poi nei ristretti spazi di una nave da guerra, la miscela maschi – femmine risulta essere una mistura esplosiva. Se poi oltre alle femmine si prendono alla leggera gli alteramente senzienti ed agenti, bene, allora il “casino” è assicurato.

Russi e cinesi sono riusciti a neutralizzare gli Occidentali usando le loro stesse armi: bustine di coca e sesso sfrenato. E quante informazioni sensibili si ottengono con quattro soldi di droga!

Sulle allegre navi di Sua Maestà Britannica la Regina gli equipaggi passano il loro tempo ad amoreggiare, tra una sniffata e l’altra. Però, sia ben chiaro, mica fumano sigarette di tabacco!

*

Quando però nove imbarcati sul sommergibile atomico HMS Vigilant sono cocainomani fradici, la cosa inizia ad essere preoccupante, ma diventa estremamente pericolosa quando gli inglesi, gente notoriamente di larghe vedute, li mette nella sala di controllo per l’attivazione ed il lancio di missili balistici a testata multipla.

Quegli scotennati, nell’estasi eroica da stupefacenti, potrebbero tranquillamente scatenare un conflitto atomico.

Ed alla fine dei sughi si arriva all’epilogo.

Saranno i servizi russi a dover segnalare all’Ammiragliato inglese quanto sta accadendo sulle navi britanniche.

* * * * * * *

Quanto accaduto è di straordinaria gravità.

Non solo il fatto che membri dell’equipaggio fossero cocainomani, quanto piuttosto il clima di placida indifferenza che circondava quei nove.

Cari signori Lettori, se è vero che non potrete dir più nulla il giorno che arriverà sulla testa un missile nucleare lanciato da un cocainomane, è altrettanto vero che ve la siete voluta con il vostro permissivismo, con il vostro “femmina è bello“, e così via.

Siamo chiari: Mr Duterte fa benissimo, anzi, è fin troppo lasco.


Bbc. 2017-10-28. HMS Vigilant: Nine sailors dismissed after failing drugs tests

Nine British servicemen have been thrown off a nuclear submarine after testing positive for drugs, the Ministry of Defence has said.

The servicemen were dismissed from duty from HMS Vigilant – which carries the Trident nuclear deterrent.

The Daily Mail reported that the drug they had taken was cocaine.

The Royal Navy said it did not tolerate drugs misuse, adding: “Those found to have fallen short of our high standards face being discharged from service.”

Earlier this month, the submarine’s captain was relieved of his command after an alleged “inappropriate relationship” with a member of his crew.

The Royal Navy said at the time that an investigation was ongoing and operations were not impacted.

HMS Vigilant is one of Britain’s four Vanguard-class submarines which carry up to eight Trident missiles armed with nuclear warheads.

The submarine is based at Her Majesty’s Naval Base Clyde at Faslane in Argyll and Bute.

All Royal Navy vessels have a “no touching rule” that prohibits intimate relationships on board.


Bbc. 2017-10-02. Nuclear submarine captain relieved of command

A nuclear submarine captain has been relieved of his command after an alleged “inappropriate relationship” with a member of his crew.

The Royal Navy captain is being investigated following the allegations, which involve a female member of crew.

The BBC understands the captain of the submarine HMS Vigilant is at the centre of the investigation.

HMS Vigilant is a Vanguard class submarine based at HMNB Clyde at Faslane in Argyll and Bute.

It is one of four British submarines armed with the Trident ballistic missile system.

The Royal Navy has confirmed an investigation is ongoing but said it had not had an impact on current operations.

A ban on women serving on board submarines was only lifted in 2011.

Since then, a few dozen women have undergone specialist training to serve on board Royal Navy submarines.

All Royal Navy vessels have a “no touching rule” that prohibits intimate relationships on board, but the Navy takes a particularly harsh view when it might affect the chain of command.

In 2014, the first female captain of a Navy warship – HMS Portland – was removed from command after she was found to have breached strict rules on relations with a member of her crew.


Bbc. 2014-08-08. First female navy commander removed after affair claim

The first female commander of a major Royal Navy warship has been removed from her post following allegations of an affair with one of her officers.

*

Cdr Sarah West, 42, took charge of Type 23 frigate HMS Portland in May 2012, but left her vessel last month.

A Royal Navy spokesman said Cdr West had now been “removed from command” but gave no further details saying it was an “internal matter”.

She would be reappointed to another post, the spokesman added.

Cdr West had been on board Plymouth-based HMS Portland on a deployment since January.

Last month, the Ministry of Defence confirmed it was “aware of an allegation of a breach of the code of social conduct” on board the ship, which it said it was “treating seriously”.

The code governs personal relationships, which are not permitted if they compromise operational effectiveness.

Confirming her removal, a Royal Navy spokesman said the case was an “internal matter between the individual and her senior officers”.

“Cdr West will continue to serve in the Royal Navy and she will be reappointed to a post where her skills and experience can be used to best effect,” the spokesman added.

The spokesman said Cdr West’s second-in-command had taken over the running of HMS Portland.

When she took up her post in May 2012, Cdr West said it was “definitely the highlight of my 16 years in the Royal Navy so far”.

Cdr West, who grew up in Lincolnshire and joined the Royal Navy in 1995, previously commanded four minesweepers. There has been no confirmation that Cdr West had a relationship with a fellow officer.

Pubblicato in: Amministrazione, Sistemi Politici, Stati Uniti

Burocrati. Vil razza dannata. Le democrazie occidentali sono ereditarie.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-30.

Bburocrate

Una delle grandi illusioni che la gente nutre senza nessun substrato oggettivo o logico è che nel sistema democratico occidentale le elezioni possano mutare il quadro politico: via i vecchi governanti e subentrino i nuovi.

È questa una visione decisamente miope quanto irreale.

Che le elezioni possano servire a qualcosa, d’accordo, ma mica poi più di tanto.

Vediamo subito il perché, pigliando spunto dagli Stati Uniti di America, anche se le considerazioni che si svilupperanno sono di ordine generale.

*

Le elezioni presidenziali polarizzano, correttamente, l’attenzione del mondo. Ci si domanda cosa e come farà il nuovo presidente. Ma allora, domandiamoci, quanto è libero di agire?

Quando un presidente entra in carica si ritrova, per limitarsi ai poteri politici tradizionali, un Congresso ed un Senato eletto negli anni precedenti, che quasi invariabilmente non lo supporta. Il presidente uscente condiziona quello entrante lasciandogli in eredità la composizione delle due camere. Il presidente ha sicuramente molti poteri, ma senza il placet del Congresso e del Senato fa ben poca strada.

*

Se è vero che al rinnovo presidenziale fa riscontro lo spoils system, ossia le dimissioni d’ufficio delle maggiori figure burocratiche della federazione, è altrettanto vero che il corpo dei burocrati resta. E questo è stato assunto dalle Amministrazioni precedenti: di volta in volta possono essere un volano oppure un terribile freno all’operato del Presidente. Molti di essi sono inamovibili.

La resilienza del corpo burocratico è proverbiale nei secoli ed in ogni nazione. Mai un burocrate ammetterà che le mansioni che svolge sono inutili o dannose per il paese: anzi, per sua intima natura cercherà di sopravvivere alle alterne sorti irrobustendo l’organico e le mansioni: al caso, inventandosele di sana pianta.

La burocrazia sopravvive benissimo anche senza erogare servizi. La burocrazia serve sé stessa.

Poi, si consideri che ad ogni legge approvata corrisponde la messa in funzione di un organo burocratico che la attui e ne sorvegli l’attuazione. Ogni legge ipertrofizza l’apparato burocratico.

*

Poi, a metà mandato, ci sono le elezioni di mezzo termine.

«Le elezioni di metà mandato o medio termine (dall’inglese Midterm Elections) si tengono, ogni quattro anni, ovvero due anni dopo le elezioni presidenziali, negli Stati Uniti e riguardano il Congresso, le assemblee elettive dei singoli Stati, e alcuni dei governatori dei singoli Stati. Non riguardano l’elezione del presidente degli Stati Uniti.

Tale tornata elettorale si tiene il primo martedì dopo il primo lunedì del mese di novembre degli anni pari e riguarda i 435 membri della Camera dei rappresentanti e un terzo dei 100 membri del Senato (alternativamente 33 o 34). Le elezioni di metà mandato si tengono a metà del mandato presidenziale (4 anni), e da ciò deriva la loro denominazione.

Le elezioni di metà mandato riguardano anche i governatori di trentasei dei cinquanta Stati membri degli Stati Uniti.» [Fonte]

Se è vero che la Presidenza degli Stati Uniti può modulare le elezioni di mezzo termine, è altrettanto vero che nella storia bicentenaria degli Stati Uniti raramente un Presidente in carica sia riuscito a vincere le elezioni di mezzo termine.

*

Ma il problema è ancora più complicato.

Da sempre il Senato è stato una delle bestie nere dei Presidenti.

«La sua organizzazione e i suoi poteri sono delineati dall’articolo 1 della costituzione degli Stati Uniti. Il Senato è presieduto dal vicepresidente degli Stati Uniti d’America; condivide con la Camera il potere legislativo e le funzioni di controllo dell’operato dell’esecutivo, ma possiede anche alcuni poteri esclusivi, tra cui la ratifica dei trattati internazionali e l’approvazione delle nomine di molti funzionari e dei giudici federali. ….

Ogni Stato degli Stati Uniti è rappresentato da due membri; pertanto il Senato è attualmente composto da cento senatori. ….

Ciascun senatore è eletto per sei anni; le scadenze dei mandati sono distribuite nel tempo con un sistema di classi, in modo che un terzo dei senatori siano rinnovati ogni due anni» [Fonte]

Già. I senatori durano in carica due anni più del Presidente degli Stati Uniti. Il Presidente entrante si ritrova senatori eletti quattro o due anni prima di lui, in un clima politico spesso molto differente da quello attuale. In compenso, i senatori che riuscisse a far eleggere nelle elezioni di mezzo termine ovvero quelle in occasione del rinnovo presidenziale li lascerà in eredita non sempre gradita al suo successore.

*

Ma dove il concetto di ereditarietà appare evidente nella sua forma completa è il corpo dei giudici federali, ivi compresa la Suprema Corte di Giustizia.

Agli inizi, due secoli or sono, la Suprema Corte di Giustizia era solo la suprema istanza d’appello cui poter ricorrere. Mentre le corti federali dei Circuiti sono tenute ad esaminare qualsiasi istanza sia loro sottoposta, la Suprema Corte decide se ammettere o meno l’appello alla valutazione. Sull’intorno del 1820 – 1830 i membri della Suprema Corte fecero un quasi colpo di stato, anche se allora non fu percepito come tale. La costituzione americana non prevedeva, e continua a non prevedere, una qualche forma giuridica equivalente a ciò che noi europei denominiamo Corte Costituzionale, ossia una corte che esamini se i provvedimenti legislativi siano o meno conformi alla costituzione.

Orbene, l’allora Suprema Corte di Giustizia si autoproclamò competente in materia costituzionale, e nessuno disse nulla: continuò quindi così per tradizione e consuetudine. Negli ultimi decenni poi, la Suprema Corte di Giustizia avocò a sé persino la definizione dei principi metagiuricidi alla base della Costituzione. La contraddizione dei termini è evidente. La Suprema Corte di Giustizia applica una Costituzione i contenuti della quale decide lei stessa quali debbano essere: è un potere assoluto mai visto dai tempi di faraoni e di Ivan il Terribile. Nemmeno Stalin era arrivato a tanto.

Ciò premesso, quando si renda vacante un posto di giudice federale, quasi sempre per decesso del titolare, il Presidente nomina il subentrante, ma sotto la condizione che il Senato approvi la proposta.

Inutile dire che se il Senato fosse contrario per un qualsiasi motivo al Presidente in carica le nomine dovrebbero essere tutte contrattate.

Ma quando un Presidente riuscisse a far passare un giudice federale della sua parte, quello occuperebbe il posto per lunghi decenni. E, dato l’immenso potere politico dei giudici federali, ciò costituisce un fatto ereditario di potere assoluto mai visto nella storia.

* * * * * * *

Non desta quindi meraviglia che spesso una situazione così contro frenata trovi epilogo nel modo più umanamente semplice ed efficace.

Abramo Lincoln nel 1865, James Garfield nel 1881, William McKinley nel 1901 e John Kennedy nel 1963 furono semplicemente assassinati. I successori mangiarono la foglia, e morirono così nel proprio letto. Ma Franklin Delano Roosevelt, Harry Truman, Theodore Roosevelt e Gerald Ford sfuggirono per un pelo a degli attentati, mentre Donald Regan se la cavò con tre mesi di ospedale.

Ma anche candidati alla presidenza quali Robert Kennedy nel 1968 furono uccisi senza tanti complimenti.

Si pensi anche come nel 1859 il «Chief Justice» della California, David Terry, uccidesse il senatore dello Stato, David Broderick.

Come si vede, ogni lavoro ha i suoi rischi professionali.

* * * * * * *

Adesso non rimane altro che porsi due tra le tante possibili domande.

La prima domanda è per quale strano motivo gli Stati Uniti si siano dotati di una costituzione così farraginosa.

La risposta solita è che ai padri fondatori era parso opportuno bilanciare i poteri, nell’ottica illuministica e massonica della divisione dei poteri.

Questa risposta soddisfa le intelligenze scarne e superficiali. Questo sistema in effetti è sostanzialmente ingestibile, o, quanto meno, con tempi di risposta geologici e con la concreta impossibilità di delineare una linea strategica duratura.

Il problema è semplicissimo. Solo per fare un nome, consideriamo George Washington, padre della patria.

«George Washington fu anche uno dei principali esponenti della massoneria in America durante il suo periodo. Fu iniziato il 4 novembre 1752 nella Loggia “Fredericksburg” in Virginia, e divenne Maestro il 4 agosto 1753. Nel 1779 gli fu proposto il titolo di “Primo Worshipful Master” (Gran Maestro) della neonata Gran Loggia per tutti i Paesi del Commonwealth, proposta in un’assemblea delle logge della Virginia, ma egli rifiutò la carica perché preferì occuparsi dei problemi militari.

Nell’aprile del 1788 fu eletto Maestro Venerabile della Loggia di Alexandria, in Virginia, nei pressi di Washington DC, e il 30 aprile 1789 gli fu conferito il titolo di Gran Maestro, carica che mantenne ed esercitò fino alla sua morte.» [Fonte]

Al sodo: tutte le decisioni importanti erano prese in loggia, quindi erano applicate con la collaborazione dei massoni di ogni ordine e grado, indipendentemente dal partito di militanza. La massoneria formava il vero centro di potere trasversale a quello formale politico e burocratico. Qualsiasi azione deliberata in loggia trovava immediato riscontro, mentre iniziative non sue non avevano quasi possibilità di concretizzarsi.

Qualcuno non gradiva il sistema? Nessun problema. Si sarebbe scatenata una terrificante campagna mediatica, una persecuzione giudiziaria e burocratica. Se poi questo non fosse stato sufficiente, ebbene, allora un killer avrebbe provveduto.

*

Compreso questo marchingegno, resta perfettamente comprensibile tutto quello che sta accadendo a Mr Trump, che è un outsider. Il sistema non lo riconosce e quindi lo rigetta.

*

La seconda domanda è perché mai Mr Xi, Mr Putin e tanti altri governanti a livello mondiale non sappiano cosa farsene della democrazia occidentale. La risposta dovrebbe essere implicita in tutto ciò che prima è stato detto. Osservando accuratamente cosa sia e dove abbia portato la democrazia occidentale ne fanno volentieri a meno.

*

Resta da fare un’ultima considerazione di vasta portata.

Cerchiamo per almeno un momento di scordare che è la politica a gestire la cosa pubblica.

Sotto questa condizione, resta la struttura organizzativa dello stato.

Per quanto riguarda l’Occidente, questa era stata pensata dagli illuministi in un’epoca prettamente contadina, con comunicazioni molte lente e difficoltose, e senza tutto sommato una grande pressione esterna ad avere un’organizzazione strutturalmente efficiente.

Ad oggi le cose sono mutate.

Le costituzioni dei paesi occidentali, viste assieme al copro legislativo di competenza quali le leggi elettorali, prevedono un costante steady-state. Sono difficilmente gestibili nei periodi di crisi e non prevedono di norma la gestione di eventi straordinari.

Due esempi per tutti.

Solo la costituzione francese permette sostanzialmente che prenda il potere la maggioranza relativa. Ci sono dei pro e dei contro: è vero. Però così facendo lo stato ha sempre un governo legalmente costituito.

Nelle altre nazioni ad una frammentazione politica corrisponde una sostanziale ingovernabilità. Spagna e Germania stanno ora cercando di affrontare alla al meglio un simile frangente.

La tecnologia innanzitutto rende accessibili le informazioni in tempo reale, e sempre in tempo reale è possibile smistare gli ordini ai destinatari. Il mondo finanziario, economico e sociale si muove a questa velocità.

I governi occidentali sono farraginosamente lenti.

Questo non sarebbe drammatico che esistesse solo l’Occidente: ma così non è.

La Russia ha tempi di reazione tra evento e decreto in gazzetta ufficiale di poche ore, così come la Cina.

Si voglia o meno, la competizione è con queste due realtà: al momento il confronto ricorderebbe quello di un esercito appiedato che combattesse contro un esercito meccanizzato.

Senza profonde riforme dell’assetto burocratico degli stati con relativi snellimenti procedurali, l’Occidente si condannerebbe a morire di inedia mentre tutti gli altri corrono. Esattamente come la quantità di potere che debba essere concessa al capo dello stato (primo ministro nel caso) dovrebbe essere rivista.

Nota.

L’autore è conscio che un tema di questa portata è stato riportato in modo frammentario ed incompleto. Lo si prenda come spunto di riflessione.


New American. 2017-10-20. “Deep State” Bureaucracy vs. Trump, America, Constitution

Burrowed deep within the bowels of the U.S. government are legions of Big Government bureaucrats with views that are radically at odds with those of everyday, mainstream Americans — and the implications for freedom are enormous. Elections may be useful in removing politicians, but the career bureaucrats who toil away in obscurity, often in blatant defiance of the Constitution, never go anywhere. Instead, they protect their turf as they dump an unfathomable amount of regulations and decrees on the very taxpaying Americans who pay their salaries — tens of thousands of pages worth every year. And when there is a perceived threat to their power and agenda — say, for example, a president who promises to “drain the swamp” and rein in the bureaucracy — they react with fury. Meet the infamous “Deep State,” or at least one crucial component of it.  

On paper, at least, President Donald Trump is the chief executive officer of the federal government. He sits atop a vast and incredibly powerful machine that includes nearly three million civilian federal employees, according to data from the Office of Personnel Management. That does not include the more than two million in the Armed Services or the over 20 million government employees at the state and local level. Those millions of federal employees are spread out across hundreds — nobody has the exact number, apparently — of bureaucracies, agencies, departments, sub-agencies, and more. Official estimates on the number of agencies range as high as 430, or even higher. And regardless of which agency they work at, among those federal employees who gave to a political campaign in the last presidential election, almost all of them gave to Hillary Clinton.

In a memo produced by Rich Higgins while he was serving as U.S. national security council director for strategic planning in the Trump administration, the “Deep State” is referred to multiple times. Under “The Deep State,” the document outlines the general idea: “The successful outcome of cultural Marxism is a bureaucratic state beholden to no one, certainly not the American people. With no rule of law considerations outside those that further deep state power, the deep state truly becomes, as Hegel advocated, god bestriding the earth.” Throughout the memo, there are more than half a dozen references to this “Deep State,” including the idea that Democratic leadership “protects cultural Marxist programs of action and facilitates the relentless expansion of the deep state.” Even the Republican leadership, in cooperation with “globalists, corporatists, and the international financial interests,” is willing to “service the deep state.”

The document, which outlines the coalition of interests that are said to be working to destroy President Trump and America, highlights a seemingly bizarre alliance among the hard Left, Islamist organizations, globalists, and more. “Recognizing in candidate Trump an existential threat to cultural Marxist memes that dominate the prevailing cultural narrative, those that benefit recognize the threat he poses and seek his destruction,” Higgins observed, describing a Maoist-style insurgency being waged against the administration. “For this cabal, Trump must be destroyed. Far from politics as usual, this is a political warfare effort that seeks the destruction of a sitting president. Since Trump took office, the situation has intensified to crisis level proportions. For those engaged in the effort, especially those from within the “deep state” or permanent government apparatus, this raises clear Title 18 (legal) concerns.”

Higgins was reportedly removed from his post by the Deep State. Former Trump advisor Sebastian Gorka referred to it as the “permanent state.”

And indeed, there does appear to be a sort of permanent governing class that, at least in part, is composed of unaccountable federal officials burrowed into the bowels of the bureaucracy. And there is plenty of evidence to suggest that this permanent government is hostile to the founding values of the United States — limited government, rule of law, inalienable rights endowed on individuals by God, traditional morality, and more. Of course, the first and most obvious piece of evidence is simply to examine the actions of this permanent governing class. The obvious fruits of the bureaucracy’s labors include constantly diminishing individual freedom, perpetually expanding government power, increased militarization of the bureaucracies, destroyed lives, reduced prosperity, and other ills.   

Consider also the fact that some 95 percent of the money donated by federal employees who gave in the 2016 presidential election went to Clinton. The massive imbalance held true across every agency analyzed by The Hill as part of an eye-opening investigation published in the days before the election. Among employees at the U.S. State Department, for example, more than 99 percent of all donations went to Clinton. That incredible ratio helps explain seemingly bizarre occurrences such as, for instance, the recently exposed plot by top State Department officials to install Clinton’s top aide as U.S. ambassador to Colombia amid a Deep State-backed scheme to empower communist forces there. It also helps explain why foreign policies started under previous administrations — using U.S. tax money to promote homosexuality abroad, as one example — continue despite the change in the political leadership.   

Some bureaucracies were even worse than the State Department. At the U.S. Department of Education, which has usurped virtually all authority over what gets taught in government schools today, 99.7 percent of donations went to Clinton. Virtually every bureaucrat in this department who donated (except three) supported Hillary Clinton, who supported Common Core and infamously claimed that it takes a (government) “village” to raise a child. That is why, despite the ostensible change in leadership, very little has actually changed in terms of policy at the department. In fact, Education Secretary Betsy DeVos’ false claims notwithstanding, the department continues its scheming to force government schools across America to teach the Obama-backed, dumbed-down Common Core standards — a politically toxic program to further nationalize and destroy education that Trump promised to crush.     

Other federal departments — including many that can literally destroy the lives of Americans on a whim — are almost as radically skewed in favor of Clinton and her anti-constitutional, Big Government agenda. Consider the Department of Justice as a representative example. According to The Hill’s analysis of election spending data, 97 percent of DOJ employees’ donations to a presidential campaign went to Clinton. Remember, those are the same bureaucrats who were in charge of investigating Clinton for a variety of serious crimes, including her use of a private e-mail server while she was secretary of state. Still today, despite having Attorney General Jeff Sessions ostensibly in charge, the DOJ remains dominated by a permanent class of bureaucrats and attorneys who loathe the average Trump voter.    

At the U.S. Department of Agriculture, 99.4 percent of donations went to Clinton. The numbers were the same at the U.S. Department of Labor, with just 0.6 percent of donations going to Trump. At the U.S. Commerce Department, more than 98 percent of the cash went to Clinton. At the Department of Energy, it was 95 percent. Among Health and Human Services (HHS) bureaucrats, 96 percent of their donations were for Clinton. At the Department of Housing and Urban Development (HUD), 96 percent of donations went to Clinton, too. At the Internal Revenue Service (IRS), which has been under fire for years for targeting conservatives, almost 95 percent of donations were for Hillary. At the Treasury Department, 95 percent went to Clinton. At the EPA, where former bureaucrats got caught circulating a guide teaching current bureaucrats how to resist the Trump policies voters supported, it was 96 percent.      

In other words, the federal bureaucrats in charge of foreign policy, “justice,” education, agriculture, health, tax audits, housing, commerce, and more are virtually all opponents of their boss — the man elected by the American people to rein in those very bureaucracies and bureaucrats. Those bureaucrats, who make up a key component of the “deep state,” are still giving overwhelmingly to Democrats ahead of the 2018 congressional elections, according to an analysis by the Washington Free Beacon released this week. Those trends are unlikely to change any time soon, with many of those bureaucrats having “job security” unimaginable in the private sector that includes a practical ban on being fired.    

Some analysts have tried to explain away the incredibly lopsided donation numbers by citing self-preservation. In essence, the argument goes like this: Trump said he would consider cutting back some of the sprawling federal bureaucracy, so bureaucrats were anxious about potentially losing their jobs or their power or both. However, even among the agencies ostensibly dealing with “defense” and “security,” where Trump vowed more resources, Trump still did poorly in terms of donations relative to Clinton. At the Defense Department, for example, some 84 percent of donations went to Clinton. At “Homeland Security,” 90 percent of the donations went to Hillary. And at Veterans Affairs, Clinton received almost 90 percent.  

Unfortunately, despite the rhetoric, President Donald Trump has been unable or unwilling to drain the Deep State bureaucracy swamp. Indeed, beyond the bureaucracy, many of Obama’s political appointees remain in their posts. At the State Department, for example, out of six undersecretary of state positions, only one has been filled so far. That single post was actually filled by an Obama-era official, Thomas Shannon, who has been working to have Deep State operatives put into key posts that will advance Obama’s agenda while ensuring that the “dirty laundry” never gets aired. Of the 23 assistant secretary of state positions, just three are filled so far, and two of those have been filled by officials from the Obama administration. A State Department official quoted in media reports said the agency had a “deep bench” of career bureaucrats working to “advance U.S. interests.” Even neocons, though, have warned that the State Department is still pursuing Obama’s policies despite the election.   

When asked about the huge number of appointments that have not been made, Trump suggested he might not make them. “We are not looking to fill all of those positions,” Trump explained on Twitter. “Don’t need many of them — reduce size of government.” In an interview earlier this year with Forbes, Trump echoed those comments, saying he would not be making many of the appointments that would normally be made, because “you don’t need them.” “I mean, you look at some of these agencies, how massive they are, and it’s totally unnecessary,” he said. “They have hundreds of thousands of people.” Trump is right, of course. In reality, it is even worse — many of those jobs and the agencies the appointees would lead are unconstitutional. But by not filling those key posts, Trump is allowing Obama holdovers and swarms of bureaucrats across the federal government to run wild. He may be getting bad advice from “Deep State” operatives.         

In fact, some of the Deep State’s leading luminaries — such as fanatical “New World Order” advocate and population-control zealot Henry Kissinger, who has served as secretary of state and in other top posts — have even been embraced by Trump in recent weeks. On October 10, Kissinger visited the Oval Office and was showered with praise by the president. “Henry Kissinger has been a friend of mine. I’ve liked him, I’ve respected him,” Trump said. “He’s a man I have great, great respect for.” Beyond that, The New American has highlighted the troubling connections to globalist establishment and the Council on Foreign Relations — another key component of the “Deep State”even among some of his Cabinet appointments. Some of his top officials have even attended the annual Bilderberg meeting, another gathering of Deep State operatives.  

Clinton and Biden have realized how important it is for Deep State operatives to remain in place as they try to sabotage any semblance of America First policies promised to voters by Trump. Biden, for example, said they “call me all the time.” He responds by telling them: “Please stay, please stay. There has to be some competence and normalcy.” Clinton made similar remarks last month, urging federal employees to “stick it out, stick it out, because the tide has to turn.” “If [Democrats] can take back one or both houses of Congress in 2018, you will have people you can talk to again,” Clinton declared while promoting her book. At least 78 of Obama’s political appointees even “burrowed” into top-level civil service jobs where they essentially cannot be removed, according to a report from the Government Accountability Office.     

Those “Deep State” bureaucrats and bureaucracies have many ways to take down their enemies. Consider, for example, that these out-of-control, rabidly pro-Clinton agencies produce more decrees and regulations with criminal penalties attached than the government itself can count — literally. Estimates suggest there are close to half a million federal regulations with criminal penalties. But nobody knows the true number. When lawmakers asked the Congressional Research Service to calculate the number of statutes and regulations with criminal penalties, its response was that it lacked the “manpower and resources to accomplish this task.” Seriously. Despite the Constitution delegating all legislative powers to Congress, the reality is that most legislative powers (and even many judicial powers) have been usurped by the administrative arm of “Deep State” and its never-ending deluge of regulations and decrees.

That means, among other things, that virtually every American commits multiple federal crimes each day without even knowing it, according to the book Three Felonies a Day: How the Feds Target the Innocent by attorney Harvey Silverglate. In other words, any American who crossed the Deep State could, theoretically, be targeted for violating some criminal regulation that he or she never even heard of. That is one of the things that makes the ongoing “fishing expedition” against Trump by Special Counsel Robert Mueller, a longtime Deep State operative, so dangerous — experts such as prominent emeritus law professor John Baker say there is literally no American over 18 who could not be charged with some federal crime. Combined with the out-of-control “intelligence” apparatus — another crucial component of the Deep State — literally nobody is safe. The vicious take down of Trump’s first national security advisor, Mike Flynn, appears to have been a clear-cut example of the “Deep State” taking down one of its enemies.        

Of course, different people mean different things when they talk about the “Deep State.” In the coming days and weeks, The New American magazine will also take a look at the Deep State behind the Deep State — manifested in, among other organizations, the Council on Foreign Relations, the Trilateral Commission, the Bilderberg network, and more. But for now, it is clear that the federal bureaucracy has become a crucial element of what is today known in the popular imagination as the “Deep State.” It is not alone, of course. But it is extremely powerful, and it has countless ways to destroy its enemies. If the American people hope to protect their Constitution and their liberties from the forces arrayed against it, defanging the administrative arm of the “Deep State” will be essential. And right now, Trump has the power to put that process in motion — if only he will take steps to do it.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Finanza e Sistema Bancario, Sistemi Economici, Stati Uniti

Mondo ed Occidente. Economie e borse valori.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-29.

Banche 016. Marinus Van Reymerswaele, Prestatori di denaro, 1542.

Se si considera il pil per potere di acquisto, il mondo genera 108,036,500 milioni Usd, la Cina 17,617,300 (16.31%) e gli Stati Uniti 17,418,00 (16.12%). L’Eurozona rende conto di 11,249,482 (10.41%) ed il Gruppo dei G7 di 31.825,293 (29.46%). Però i Brics conteggiano un pil ppa di 32,379,625 Usd, ossia il 29.97% del pil ppa mondiale. I Brics valgono come i paesi del G7.

Di conseguenza, la voce dell’Occidente vale nel mondo al massimo per il 29.46%, ma quella degli Stati Uniti vale solo il 16.12% e quella dell’Eurozona uno scarno 10.41%.

*

Questi dati sono parzialmente corroborati ed integrati da un conto recentemente prodotto da Bloomberg, anche se l’articolista lo ha usato per tutt’altro scopo.

«All stocks across the globe are valued at $89.9 trillion»

*

«American equities are now worth $28.4 trillion»

*

«U.S. shares make up only 31.6 percent of that total»

* * * * * * * *

Le borse americane rendono conto del 31.6% del totale mondiale, mentre l’economica americana vale il 16.12% di quella mondiale.

Il paragone dovrebbe essere corretto, almeno parzialmente, tenendo conto come molte nazioni occidentali gravitino più sulla borsa americana che su quelle locali.

In ogni caso appare evidente come i volumi finanziari siano quasi il doppio di quelli economici.

Se per alcune teorie economiche questo sarebbe un bene, per altre sarebbe solo il segno di una bolla.

Ma le teorie economiche sono come le previsioni del tempo: spesso prendono solenni cantonate.

Quindi, a nostro sommesso parere, né trionfalismi né terrorismo psicologico.

Si constata soltanto come in situazioni fisiologiche economia e finanza dovrebbe muoversi in modo coordinato. Una finanza asfittica frena il sistema economico tanto quanto una finanza ipertrofica.

Il problema è nella resa utile dei due sistemi: è lo squilibrio tra il rendimento di finanza e di economia che convoglia i flussi di denaro sull’uno o sull’altro mercato, condizionando crescita e sviluppo.

E questo sembrerebbe essere un warning da tenere ben presente.

In fondo, i titoli di borsa sono solo pezzi di carta.


Bloomberg. 2017-10-28. Trump’s Stock Market Is Great, But Rest of the World’s Is Greater

President Donald Trump likes to boast about how well the U.S. stock market’s done during his term. What he doesn’t mention is that the rest of the world has gotten richer, faster at the same time.

American equities are now worth $28.4 trillion, having swelled by almost $3 trillion since he took office in January, according to data compiled by Bloomberg.

But they’ve lost ground against the rest of the world.

All stocks across the globe are valued at $89.9 trillion. U.S. shares make up only 31.6 percent of that total. That’s the lowest proportion since November 2011, or a few months after the U.S. flirted with default. And it’s sunk from the 11-year high of 38.3 percent set in December under then-President Barack Obama.

 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Italia. Simulazione di voto con il ‘Rosatellum’. – Demopolis

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-29.

2017-10-27__Demopolis__000

Questa sarebbe la composizione del parlamento italiano se l’Elettorato fosse quello delle ultime elezioni europee utilizzando la legge elettorale del Rosatellum.

Il partito democratico sarebbe saldamente al governo con una larghissima maggioranza: 386 seggi.

2017-10-27__Demopolis__001

«La storia ci insegna che i sondaggi non sono strumenti di previsione: ci dicono come stanno probabilmente le cose al giorno d’oggi, ma difficilmente possono essere usati per dire con certezza quale sarà il risultato di un’elezione che si terrà diversi mesi dopo.»

2017-10-27__Demopolis__003

Già. Ma in questi tre anni molte cose sono mutate. Le sinistre hanno perso il governo dei principali stati occidentali. In Italia sono stati sufficienti altri tre anni di governo pidiino per decretarne la fine. L’effetto Renzi ha svolto il suo compito in modo eccellente: il pd scenderebbe dai 386 deputati previsti tre anni fa agli attuali 180. E se nel Centro destra emergesse un Kurz, il pd andrebbe a zero.

La migliore propaganda al Centro Destra è fatta da un Governo socialista: dopo averlo sperimentato in corpore vili nessuno vuole più saperne.

2017-10-27__Demopolis__004

“E ora con chi ci alleiamo?”. Una domanda inquieta i democratici

Questa è la domanda che tormenta il partito democratico: con il loro comportamento si sono alienati elettori ed alleati. Sono rimasti soli, politicamente isolati: il nuovo Arco Costituzionale li rigetta.

2017-10-27__Demopolis__005

*

L’Istituto Demopolis ha rilasciato un Report di grande interesse:

Simulazione Demopolis: chi guadagna e chi perde con la nuova legge elettorale

«Nel giorno del voto al Senato sulla nuova legge elettorale, l’Istituto Demopolis ha realizzato per il programma Otto e Mezzo una simulazione sull’attribuzione dei seggi in Parlamento con il “Rosatellum”.

Secondo l’analisi dell’Istituto diretto da Pietro Vento, Lega, Forza Italia e FdI porterebbero nel complesso a Montecitorio 246 deputati, il Movimento 5 Stelle 168; il Partito Democratico con il Centro Sinistra 180, MdP-SI 24.

Ma chi guadagna e chi perde con la nuova legge elettorale? In base alla simulazione di Demopolis, il vantaggio maggiore sarebbe per il Centro Destra, che otterrebbe 25 seggi in più rispetto a quelli che avrebbe ottenuto con il Consultellum. Una leggera crescita di appena 4 deputati ci sarebbe anche per il Centro Sinistra. Più penalizzati dalla nuova legge elettorale risulterebbero il M5S, con 15 seggi in meno, e la Sinistra che perderebbe 14 deputati rispetto al proporzionale puro.

Se appare positiva l’uniformità del sistema di voto tra Camera e Senato, il Rosatellum – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – non sembra invece garantire la futura governabilità del Paese. Con le attuali stime di voto, anche la coalizione più forte, quella di Centro Destra, con 246 seggi, resta ben distante dalla maggioranza assoluta di 316 seggi a Montecitorio”.

L’ultimo Barometro Politico dell’Istituto Demopolis vede il M5S al 28%, il PD al 26,5%, la Lega al 15,3 e Forza Italia al 14%. Più distanti, ma sopra la soglia di sbarramento, MdP-SI al 6% e FdI al 4,7%. Con la nuova legge elettorale torna rilevante, per l’assegnazione dei seggi nella quota uninominale, anche la forza delle coalizioni. I partiti di Centro Destra otterrebbero insieme il 35%, superando di circa 4 punti la coalizione di Centro Sinistra, posizionata al 31%. Il M5S avrebbe il 28%, la Sinistra da sola il 6%.»

* * * * * * *

Cerchiamo di sintetizzare.

– Il risultato elettorale non varierà in modo sostanziale pur avendo cambiato la legge elettorale.

– Per quanto riguarda i partiti, M5S sarebbe il primo partito, seguito dal Pd.

– Per quanto riguarda le coalizioni, il Centro Destra raggiungerebbe il 35%, il Centro Sinistra il 31%, e M5S il 28%.

– Negli ultimi anni il Centro Destra è aumentato in modo significativo, ma non sufficiente per poter formare un governo.

* * * * * * *

Si prospetta quindi una situazione abbastanza simile a quella attuale tedesca: nessun partito è in grado di governare e nessuna coalizione sembrerebbe essere politicamente possibile.

Resta da fare una sola constatazione.

Tutto si svolge nel tempo, ogni cosa necessita dei suoi tempi.

L’impazienza è pur sempre comprensibile, ma quasi mai condividibile.

Chi volesse edificare un nuovo edificio, prima dovrebbe demolire il vecchio, indi rimuovere le rovine, ed solo a quel momento potrebbe procedere a ricostruire.

In questo momento in Occidente è in atto la devoluzione del socialismo ideologico: la priorità strategica è la distruzione delle formazioni socialiste, costi ciò che costi.

Poi, messi i socialisti in grado di non poter più nuocere alle nazioni, allora se ne potrà riparlare.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Merkel. La coalizione più affamata del mondo.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-29.

Avvoltoi 001

Sempre che alla fine la si faccia, la vera perdente di questa inedita coalizione di governo non sarà la Cdu o la Bundeskanzlerin Frau Merkel, bensì la Germania.

Se la stanno spolpando viva: uno a me, uno a te e nulla alla Germania.

Non è un errore quanto sopra detto: uno a me, uno a te perché Grüne ed Fdp faranno la parte del leone. E la Cdu e Frau Merkel? Ma hanno già la cancelleria: cosa caspita potrebbero volere di più?

«Simone Peter, who co-chairs the environmental party, said it was nonsense to continue talks unless the FDP committed to a 2007 pledge to reduce carbon dioxide emissions by 40 percent from 1990 levels by 2020»

*

«Before exploratory talks continue, the FDP must accept unconditionally the climate protection goals …. Otherwise the talks make no sense»

*

«“a big clash” and the failure to reach agreement on immigration as well as climate policy during an 11-hour session on Thursday»

*

«Immigration also remains a touchy topic. Many conservatives want to take a harder line»

*

«The Greens reject such a cap»

*

«That’s a no-go»

*

«the Greens had agreed to completely eliminate a “solidarity tax” for poor eastern states»

* * * * * * * *

Così i Länder dell’est saranno deprivati della “solidarity tax”, che avrebbe dovuto durare fino a tanto che il loro pil procapite non fosse diventato eguale a quello dei Länder dell’ovest. Un grande regalo politico per AfD, che in Sassonia ha raggiunto il 27% dei suffragi.

Mettendo le mani sulle energie alternative, di qui al 2020 i Grüne si porterebbero a casa una qualcosa come 720 miliardi, con i quali potrebbero iniziare a far quadrare pranzo con cena.

Ma i Grüne vorrebbero anche una immigration no-cap. Ossia, fare entrare tutti. Pigliando in mano tutta la gestione organizzativa, si garantirebbero diverse centinaia di migliaia di posti per loro e per i loro cari.

Per carità di patria non parliamo delle trattative sulle società finanziarie e sulle banche.

*

Ma siamo solo agli inizi.

Inizia a prendere corpo la possibilità concreta di un governo Cdu di minoranza.

Domandiamoci seriamente: riuscirà la Germania a sopravvivere a questa coalizione?


Reuters. 2017-10-28. Greens demand C02 pledge before continuing German coalition talks

BERLIN (Reuters) – The leader of Germany’s Greens on Saturday said the pro-business Free Democrats must agree to honor existing carbon dioxide reduction promises before her party would continue coalition talks.

*

Chancellor Angela Merkel, whose conservative alliance suffered its worst result in September elections since 1949, is trying to forge a tricky three-way coalition with the FDP and Greens that has never been tested at a national level.

Simone Peter, who co-chairs the environmental party, said it was nonsense to continue talks unless the FDP committed to a 2007 pledge to reduce carbon dioxide emissions by 40 percent from 1990 levels by 2020.

“Before exploratory talks continue, the FDP must accept unconditionally the climate protection goals,” Peter told Reuters in an interview. “Otherwise the talks make no sense.”

Deputy FDP leader Wolfgang Kubicki told the RND newspaper chain on Friday that no agreement was possible if the Greens insisted on sticking to that target.

The exploratory talks are to continue Monday after what one negotiator called “a big clash” and the failure to reach agreement on immigration as well as climate policy during an 11-hour session on Thursday.

Manfred Weber, a senior member of the Bavarian conservative CSU, said negotiations would be “very difficult”, but his party still aimed to reach a deal by year-end.

Immigration also remains a touchy topic. Many conservatives want to take a harder line after blaming their election setback on Merkel’s decision to open Germany to more than a million migrants in 2015 and 2016.

They insist that an agreement by Merkel’s CDU and the CSU on guidelines that would limit annual refugee numbers must form the basis of any coalition accord. The Greens reject such a cap.

Peter said the compromise used a different word but still amounted to a cap. She criticized efforts to play off asylum-seekers against other refugees wanting to join family members already granted asylum. “That’s a no-go,” she said.

The right to asylum is guaranteed under Germany’s constitution.

The Greens leader also accused the FDP of “foul play” by suggesting that the Greens had agreed to completely eliminate a “solidarity tax” for poor eastern states, saying such a move would exacerbate lingering social divisions.