Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Stati Uniti, Trump

Trump. Corte Suprema ripristina le limitazioni alle richieste di asilo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-13.

Supreme Court

«Donald Trump incassa una vittoria sull’immigrazione alla corte suprema, a maggioranza repubblicana dopo le sue due nomine: ribaltando la decisione di una corte d’appello, i giudici hanno deciso di far entrare in vigore la nuova normativa governativa che vieta a gran parte degli immigrati centroamericani di chiedere asilo in Usa se durante il loro viaggio hanno attraversato Paesi terzi sicuri dove potevano avanzare la stessa istanza.

Due giudici, Ruth Bader Ginsburg e Sonia Sotomayor, si sono dissociati.

“Grande vittoria alla corte suprema degli Stati Uniti per la frontiera sulla questione dell’asilo”: ha commentato Trump.

La nuova normativa entrerà in vigore finché prosegue la battaglia legale nel merito»

* * * * * * *

Questa è la documentazione rilasciata dalla Suprema Corte.

Aug 26 2019      Application (19A230) for a stay pending appeal, submitted to Justice Kagan.

Aug 27 2019      Response to application (19A230) requested by Justice Kagan, due Wednesday, September 4, 2019, by 3 p.m.

Sep 03 2019       Motion for leave to file amicus brief and motion for leave to file brief in compliance with Rule 33.2 filed by Immigration Reform Law Institute.

Sep 03 2019       Motion for leave to file amici brief and motion for leave to file brief in compliance with Rule 33.2 filed by Arizona, et al.

Sep 04 2019       Response to application from respondents East Bay Sanctuary Covenant, et al. filed.

Sep 04 2019       Motion for leave to file amici brief filed by Non-Profit Organizations and Law School Clinics.

Sep 06 2019       Reply of applicants William P. Barr, Attorney General, et al. filed.

Sep 10 2019       Supplemental brief of applicants William P. Barr, Attorney General, et al. filed.

Sep 11 2019       Letter of applicants William P. Barr, Attorney General, et al. received.

* * * * * * *

Il problema è semplice e può essere visto da due punti di vista differenti.

Nel caso specifico, la Suprema Corte ha dichiarato legale la normativa governativa che preclude dal diritto di asilo i migranti illegali che abbiano transitato in altri stati ai quali avrebbero potuto rivolgersi in piena sicurezza. La Suprema Corte ribalta quindi le sentenze emesse sia dal giudice distrettuale sia da quello federale del Nono Circuito, che erano state emesse con valore applicativo su tutta la nazione.

Dal punto di vista generale, invece, si ripropone il quesito dei limiti entro i quali i giudici di livello inferiore possano emettere sentenze su dispositivi nazionali in materia francamente politica, sentenziando anche con argomentazioni politiche.

Non solo quindi un problema giuridico in sé e per sé, ma anche politico: mentre infatti il Presidente degli Stati Uniti è stato eletto da libere elezioni, i giudici sono semplici funzionari della pubblica amministrazione.

Se per il concetto di divisione dei poteri la politica dovrebbe astenersi dall’immettersi nelle procedure sentenziali, il potere giudiziario dovrebbe astenersi dal voler svolgere ruolo politico.

* * * * * * *

«The Supreme Court on Wednesday cleared the way for President Trump and his administration to enforce a ban on nearly all asylum seekers arriving at the southern border.»

«In a one-paragraph order, the justices by a 7-2 vote granted an emergency appeal from Trump administration lawyers and set aside decisions from judges in California who had blocked the president’s new rule from taking effect.»

«While it is not a final ruling on the issue, the decision is nonetheless a major victory for Trump and his effort to restrict immigration because it allows the asylum ban to be enforced at the southern border while the dispute wends its way through the courts. That potentially could last for the remainder of Trump’s current term in office.»

«Wednesday’s order is further evidence that Trump is changing how the Supreme Court works. Prior to 2017, it was rare for federal judges to issue nationwide orders that blocked actions of the federal government. And it was also rare for the high court to intervene in such pending cases with emergency orders, rather than holding oral arguments and releasing written decisions.»

«In late July, the justices cleared the way by a 5-4 vote for Trump to spend $2.5 billion from the military budget to pay for border wall construction. Congress had refused to appropriate the money, and a federal judge in Oakland and the U.S. 9th Circuit Court of Appeals in San Francisco blocked the transfer.»

«U.S. District Judge Jon S. Tigar in San Francisco agreed and issued a nationwide injunction that barred enforcement of the new rule. The 9th Circuit Court upheld this order, but restricted its reach to California and Arizona.»

«U.S. Solicitor Gen. Noel Francisco filed an emergency appeal with the Supreme Court in late August in the case of Barr vs. East Bay Sanctuary Covenant. He urged the justices to lift the injunction and allow the new rule to take effect immediately. Doing so would “alleviate a crushing burden on the U.S. asylum system,” he said.»

* * * * * * *


 Barr v. East Bay Sanctuary Covenant (09/11/2019)

«SUPREME COURT OF THE UNITED STATES. No. 19A230.

 The application for stay presented to JUSTICE KAGAN and by her referred to the Court is granted. The district court’s July 24, 2019 order granting a preliminary injunction andSeptember 9, 2019 order restoring the nationwide scope of the injunction are stayed in full pending disposition of the Government’s appeal in the United States Court of Appeals for the Ninth Circuit and disposition of the Government’spetition for a writ of certiorari, if such writ is sought. If a writ of certiorari is sought and the Court denies the peti­tion, this order shall terminate automatically. If the Court grants the petition for a writ of certiorari, this order shall terminate when the Court enters its judgment.»

*


Trump lawyers ask Supreme Court to allow rule limiting asylum claims to go into effect nationwide. [2019-08-26]

The Trump administration asked the Supreme Court to allow a rule limiting asylum claims to go into effect nationwide while a lower court ruling blocking it is appealed.

A federal judge had blocked the Trump administration rule, which dramatically limits the ability of Central American migrants to claim asylum if they enter the US by land through Mexico, nationwide. Earlier this month, the 9th US Circuit Court of Appeals dialed back the nationwide injunction, saying that it can only apply to migrants claiming asylum in California and Arizona, states that fall under the Ninth Circuit’s jurisdiction.

In its filing Monday, the administration laid out its case for the rule, arguing that, among other things, it “alleviates a crushing burden on the US asylum system” and deters migrants from coming to the US.

“The injunction now in effect is deeply flawed and should be stayed pending appeal and pending any further proceedings in this Court,” the filing reads.

The Trump administration has rolled out a slew of policies in recent weeks to try to curb migration to the United States amid high border apprehension numbers. The solicitor general acknowledged the uptick in illegal border crossings in Monday’s filing.

The rule, which was issued from the departments of Justice and Homeland Security in July, would prohibit migrants who have resided in or traveled through a third country from seeking asylum in the US, therefore barring migrants traveling through Mexico from being able to claim asylum. The result would be a severe limiting of who’s eligible for asylum.

Immigrant advocacy groups have claimed the rule is unlawful and leaves migrants in harm’s way.

In his July ruling, US District Judge Jon Tigar, a Barack Obama nominee, in the US District Court for the Northern District of California, wrote, “This new rule is likely invalid because it is inconsistent with the existing asylum laws.”

“An injunction,” Tigar added, “would vindicate the public’s interest — which our existing immigration laws clearly articulate — in ensuring that we do not deliver aliens into the hands of their persecutors.”

The US District Court for the Northern District of California will hold a hearing in early September.

*


Supreme Court Allows Broad Enforcement of Asylum Limits

WASHINGTON (AP) — The Supreme Court is allowing nationwide enforcement of a new Trump administration rule that prevents most Central American immigrants from seeking asylum in the United States.

The justices’ order late Wednesday temporarily undoes a lower-court ruling that had blocked the new asylum policy in some states along the southern border. The policy is meant to deny asylum to anyone who passes through another country on the way to the U.S. without seeking protection there.

Most people crossing the southern border are Central Americans fleeing violence and poverty. They are largely ineligible under the new rule, as are asylum seekers from Africa, Asia and South America who arrive regularly at the southern border.

The shift reverses decades of U.S. policy. The administration has said that it wants to close the gap between an initial asylum screening that most people pass and a final decision on asylum that most people do not win.

“BIG United States Supreme Court WIN for the Border on Asylum!” Trump tweeted.

Justices Ruth Bader Ginsburg and Sonia Sotomayor dissented from the high-court’s order. “Once again, the Executive Branch has issued a rule that seeks to upend longstanding practices regarding refugees who seek shelter from persecution,” Sotomayor wrote.

The legal challenge to the new policy has a brief but somewhat convoluted history. U.S. District Judge Jon Tigar in San Francisco blocked the new policy from taking effect in late July. A three-judge panel of the 9th U.S. Circuit Court of Appeals narrowed Tigar’s order so that it applied only in Arizona and California, states that are within the 9th Circuit.

That left the administration free to enforce the policy on asylum seekers arriving in New Mexico and Texas. Tigar issued a new order on Monday that reimposed a nationwide hold on asylum policy. The 9th Circuit again narrowed his order on Tuesday.

The high-court action allows the administration to impose the new policy everywhere while the court case against it continues.

Lee Gelernt, the American Civil Liberties Union lawyer who is representing immigrant advocacy groups in the case, said: “This is just a temporary step, and we’re hopeful we’ll prevail at the end of the day. The lives of thousands of families are at stake.”


Usa: Corte suprema, ok a limiti asilo

Donald Trump incassa una vittoria sull’immigrazione alla corte suprema, a maggioranza repubblicana dopo le sue due nomine: ribaltando la decisione di una corte d’appello, i giudici hanno deciso di far entrare in vigore la nuova normativa governativa che vieta a gran parte degli immigrati centroamericani di chiedere asilo in Usa se durante il loro viaggio hanno attraversato Paesi terzi sicuri dove potevano avanzare la stessa istanza.

Due giudici, Ruth Bader Ginsburg e Sonia Sotomayor, si sono dissociati.

“Grande vittoria alla corte suprema degli Stati Uniti per la frontiera sulla questione dell’asilo”: ha commentato Trump.

La nuova normativa entrerà in vigore finche’ prosegue la battaglia legale nel merito.

Annunci
Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Ong - Ngo

Alan Kurdi. Il nuovo governo italiano nega l’ingresso.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-10.

2019-09-10__Alan Kurdi 001

«L’Italia dice no alla nave Alan Kurdi che da giorni si trova in acque internazionali con 5 giovani migranti a bordo»

«Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo della Guardia Costiera italiana, nella tarda serata di ieri, come spiega la ong Sea Eye, ha negato alla Alan Kurdi il permesso di entrare, transitare e fermarsi in acque territoriali italiane»

«Il divieto, si legge nella comunicazione delle autorità italiane mostrata dalla ong, è in accordo al divieto d’ingresso firmato lo scorso 31 agosto dall’allora ministro Matteo Salvini, sulla base del decreto sicurezza bis.»

* * * * * * *

È una prima piccola sbavatura al programma governativo.


Adnk. 2019-09-10. Italia dice no a ingresso Alan Kurdi

L’Italia dice no alla nave Alan Kurdi che da giorni si trova in acque internazionali con 5 giovani migranti a bordo, dopo le evacuazioni mediche dei giorni scorsi.

Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo della Guardia Costiera italiana, nella tarda serata di ieri, come spiega la ong Sea Eye, ha negato alla Alan Kurdi il permesso di entrare, transitare e fermarsi in acque territoriali italiane.
Il capo missione della nave nei giorni scorsi aveva chiesto aiuto ai centri di coordinamento per il soccorso marittimo di Italia, Francia, Spagna e Portogallo per i cinque migranti, dei 13 salvati, ancora a bordo. La ong ha mostrato su Twitter la comunicazione delle autorità italiane in cui si cita il decreto sicurezza.

*


Ansa. 2019-09-09. Migranti, Alan Kurdi: no dell’Italia alla richiesta d’ingresso

La Alan Kurdi non è autorizzata ad entrare in acque italiane. Questa, informa la ong tedesca Sea Eye, la risposta del Centro di coordinamento per il soccorso marittimo italiano alla richiesta di aiuto inviata dalla nave che si trova da nove giorni davanti a Malta con 5 migranti a bordo. Il divieto, si legge nella comunicazione delle autorità italiane mostrata dalla ong, è in accordo al divieto d’ingresso firmato lo scorso 31 agosto dall’allora ministro Matteo Salvini, sulla base del decreto sicurezza bis.

“Oggi l’Italia sfortunatamente è molto veloce quando si tratta di rifiutare aiuto per la Alan Kurdi”, commenta Sea Eye. La nave, dopo aver soccorso lo scorso 31 agosto 13 migranti in acque sar libiche, si era diretta verso Lampedusa e aveva chiesto il Pos (Place of safety, il porto sicuro) all’Italia. Era però arrivato il divieto firmato da Salvini e dai suoi colleghi Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli e quindi la nave aveva fatto rotta verso Malta. Ma anche in questo caso c’era stato il no allo sbarco. Otto migranti nei giorni scorsi sono stati comunque evacuati verso l’isola per emergenze sanitarie.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Ong - Ngo

Lampedusa. Altro miracolo. Appena sbarcati i minorenni diventano maggiorenni.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-18.

2019-08-18__Slvini Tqitter

«Hanno toccato la terraferma i 27 minori non accompagnati che hanno lasciato la Open Arms dopo 16 giorni in mare. È stato autorizzato ed è iniziato intorno alle 16,45 lo sbarco nel porto di Lampedusa: «Terminata evacuazione dei minori non accompagnati- scrive su Twitter l’Ong Open Arms -. Che poi sarebbero ragazzi di 16, 17 anni. Soli. Molte lacrime. Hanno lasciato amici e compagni di viaggio. Vi auguriamo il meglio. E andiamo avanti. Per tutti».»

«Il ministro dell’Interno Matteo Salvini su Twitter ha scritto: «Mi riferiscono da Lampedusa che dei 27 immigrati per i quali è stato ordinato lo sbarco in quanto minorenni, già 8 si sono dichiarati maggiorenni! Vedremo gli altri… Dopo i `malati immaginari´, ecco i `minorenni immaginari´! Mentre altri cedono, io non cambio idea».»

* * * * * * *

Sono in molti a credere fermamente che la Open Arms possa eseguire miracoli: guarigioni istantanee appena i migranti clandestini toccano terra italiana, oppure, adesso, viaggio avanti nel tempo ed acquisito della maggiore età.

Corre voce che la Caritas, assieme alle altre ngo, voglia riconsacrare Santa Maria Maggiore alla Open Arms, ponendola come santa patrona delle interessenze che percepisce per i migranti illegali clandestini arrivati in suolo italiano.


Open Arms, sbarcati i 27 minori Salvini: «Autorizzo, mio malgrado»

Hanno toccato la terraferma i 27 minori non accompagnati che hanno lasciato la Open Arms dopo 16 giorni in mare. È stato autorizzato ed è iniziato intorno alle 16,45 lo sbarco nel porto di Lampedusa: «Terminata evacuazione dei minori non accompagnati- scrive su Twitter l’Ong Open Arms -. Che poi sarebbero ragazzi di 16, 17 anni. Soli. Molte lacrime. Hanno lasciato amici e compagni di viaggio. Vi auguriamo il meglio. E andiamo avanti. Per tutti». Ora a bordo restano 107 migranti. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini su Twitter ha scritto: «Mi riferiscono da Lampedusa che dei 27 immigrati per i quali è stato ordinato lo sbarco in quanto minorenni, già 8 si sono dichiarati maggiorenni! Vedremo gli altri… Dopo i `malati immaginari´, ecco i `minorenni immaginari´! Mentre altri cedono, io non cambio idea».

La lettera di Conte

In mattinata l’equipaggio ha dichiarato «lo stato di necessità» non essendo più in grado di «garantire la sicurezza a bordo». Allo sblocco della vicenda, relativa ai minori, si è arrivati dopo che il presidente del Consiglio Conte ha scritto una seconda lettera (dopo quella di Ferragosto), al vicepremier Salvini: nella missiva, privata, il premier ha ribadito la «disponibilità» alla redistribuzione dei migranti da parte dell’Unione Europea e la necessità di mettere in sicurezza i soggetti più deboli, soprattutto i minori. «Lo sbarco dei presunti minori è una scelta di esclusiva responsabilità del premier», ha replicato Salvini, secondo quanto si apprende da fonti del Viminale.

«Autorizzo mio malgrado»

Poi è lo stesso Salvini a rispondere a Conte: «Prendo atto che disponi che vengano sbarcati i (presunti) minori attualmente a bordo della Open Arms» e «darò pertanto, mio malgrado, per quanto di mia competenza e come ennesimo esempio di leale collaborazione, disposizioni affinché non vengano frapposti ostacoli all’esecuzione di tale Tua esclusiva determinazione, non senza ribadirti che continuerò a perseguire in tutte le competenti sedi giurisdizionali l’affermazione delle ragioni di diritto che ho avuto modo di esporti». Una lettera formale che spiega la scelta voluta da Conte.

Open Arms sempre ferma

Il braccio di ferro, comunque, prosegue nonostante la disponibilità di 6 Paesi europei per la redistribuzione dei migranti, mentre la procura di Agrigento prosegue la sua inchiesta per sequestro di persona e violenza privata : i pm agrigentini hanno già acquisito dei documenti dalla Guardia costiera. Tra gli incartamenti che sono, adesso, al vaglio del procuratore aggiunto Salvatore Vella, anche la comunicazione con cui il centro di ricerca e soccorso di Roma scrive, chiedendo una risposta urgente, al ministero dell’Interno sostenendo che «non vi sono impedimenti di sorta» allo sbarco.

Polizia sentirà medico di Lampedusa

Per l’indagine la procura ha delegato la squadra mobile di Agrigento e la Guardia Costiera. Agenti e militari che a breve faranno un sopralluogo sulla nave. In più la procura ha disposto un’ispezione medica a bordo della Open Arms per accertare le condizioni igienico-sanitarie. Non solo, agenti di polizia si sono recati, ieri, nel poliambulatorio a Lampedusa per sentire il responsabile Francesco Cascio. Il medico però non si trova nell’isola, sarà ascoltato probabilmente a breve o al suo rientro a Lampedusa, la prossima settimana. Ieri Cascio (che è stato, in passato, presidente dell’Assemblea regionale siciliana e deputato nazionale di Forza Italia) ha sostenuto che i 13 migranti fatti sbarcare per motivi di salute dalla Open Arms, erano in buone condizioni come refertato dal suo staff medico, salvo uno di loro che presentava una otite: Cascio ha aperto così un nuovo fronte di polemica in questo caso con i medici del Cisom che hanno certificato «l’emergenza medica» a bordo. «Se c’è qualcuno che pensa che io possa fare falsificare un referto o è un cretino o è in malafede», ha commentato il medico di Lampedusa.

Continua il braccio di ferro

Intanto è questo il 16esimo giorno di stallo per la nave dell’Ong spagnola. «Un porto sicuro subito», chiedono dall’organizzazione non governativa: «Il mondo è testimone di quello che hanno dovuto sopportare le 134 persone che attendono di scendere sul ponte della Open Arms. Solo la mancanza di volontà dei politici che hanno il potere di decidere li separa da un porto sicuro», scrive su Twitter l’Ong. «In 16 giorni sareste già tranquillamente arrivati a casa vostra in Spagna», replica Matteo Salvini ritenendo quella delle ong «una battaglia politica giocata sulla pelle degli immigrati». Il capo del Viminale, infatti, non molla. E se l’inchiesta (al momento a carico di ignoti) ricorda il caso Diciotti che ha portato il Tribunale dei ministri a chiedere l’autorizzazione a procedere al Senato per il ministro dell’Interno (sempre per sequestro di persona), autorizzazione poi negata da Palazzo Madama, Matteo Salvini prosegue per la sua strada: «La procura indaga per sequestro di persona. Per difendere l’Italia e gli Italiani io non mollo!», scrive il ministro leghista. Intanto il sindaco di Lampedusa invita a sbloccare la vicenda. «Se fossi io il comandante della nave non esiterei a entrare in porto», ha dichiarato il primo cittadino dell’isola, Salvatore Martello.

L’attesa della Ocean Viking

Mentre si cerca una soluzione per i 134 migranti dell’Open Arms, si fa sempre più vicina una potenziale nuova emergenza. In attesa tra le isole Pelagie e Malata c’è l’altra nave, la Ocean Viking, che a bordo di migranti ne ha ben 365, 103 dei quali sono minori (il più piccolo ha un anno). Il 9 agosto hanno soccorso il primo barcone nel Mediterraneo. Ne sono seguiti altri due. La nave si trova in acque internazionali ma non in prossimità di Lampedusa: l’imbarcazione, infatti, staziona in un tratto di mare tra Malta, Linosa (l’altra isola delle Pelagie a nord rispetto a Lampedusa) e la costa sud della Sicilia. La nave delle Ong Sos Mediterranee e Medici senza Frontiere è più grande della Open Arms ma la situazione a bordo, con 365 migranti, rischia di precipitare nelle prossime ore.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Ong - Ngo

Malta nega lo sbarco alla Proactiva Open Arms. Una beata ngo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-08.  

Negrieri 010

Open Arms è una ngo spagnola che si è attribuita il diritto di praticare la tratta sulle rotte del Mediterraneo.

In pratica, si mette di accordo con i negrieri che operano in Libia, quindi preleva la preziosa merce dai gommoni ed inizia la affannosa ricerca di un porto europeo in cui sbarcare queste preziose risorse. Di certo, non salva nessuno, ma proprio nessuno, dalle acque.

I finanziamenti scorrono alla grande.

Basterebbe dare una occhiata seppure distratta a quanto riporta la stessa Commissione Europea, gestione uscente.

Migration: follow-up to the European Council Conclusions of 28 June 2018

Migration: Key fundamental rights concerns/Quarterly bulletin

Frontespizio XXIV rapp ingl.indd

«any way, for example by providing food or even by giving information on how to apply for asylum. The accusation of “conspiracy to facilitate illegal immigration” was made against NGOs that use their boats to rescue migrants in the Mediterranean: between March and April 2018, the Spanish NGO rescue ship “Proactiva Open Arms” was seized by the Catania and Ragusa prosecutors and then released»

*

Zero Hedge è tranchant.

«At the end of May 2016, Proactiva decided to allocate a ship in the Central Mediterranean to assist the migrants that came out of the coasts of Libya. The agreement between the EU and Turkey was making the Aegean Sea route more difficult to traverse, so other more dangerous channels were re-opened.

They have been accused of being part of the human trafficking network, by taking migrants on board in pre-arranged locations close to the African coast and transporting them to Italy, Malta or Spain. This practice violates international maritime law, which states that people who are rescued should be transported to the nearest port. Such activities may encourage more migrants to take the risk of a dangerous trip to Europe, which intensifies the tensions on the Mediterranean Sea.[

In August 2017 Proactiva boats were barred by Italy and Malta from disembarking migrants. Proactiva also came in close contact with the Libyan coastguard who fired warning shots over one of its boats»

*

Così si dipende la Proactiva Open Arms.

«Open Arms is a non-governmental, non-profit organization whose main mission is to protect, by having a presence at sea,  those people who try to reach Europe fleeing from war, persecution or poverty. Born from a rescue and first aid at sea company with extensive experience in the Spanish coasts.

We specialize in surveillance and rescue missions of boats carrying people who need help in the Aegean and Central Mediterranean sea, as well as raising awareness of all the injustices that are happening which have been untold.

It all started with some pictures of children that drowned on a beach. We thought: if we dedicate ourselves to this and we do it on our beaches, why are they dying there and why is nobody helping them?

With the help of lots of people who collaborate with donations, we were able to increase our resources and save more lives every day.

These donations also helped us to be able to rotate our teams. Our volunteers rotate every 15 days due to the physical and emotional impact of the situation.

After the agreement between the UE and Turkey, we are also in the Mediterranean Sea with a rescue and surveillance boat. We do not want to lose one more life to the sea, neither do we want to allow the sea to silence the injustices that happen there. ….

Open Arms is a “supporting entity” of Human Rights at Sea, which is an independent international platform for the preservation of human rights at sea. ….

Open Arms is an entity associated to the Department of Public Information of the United Nations. ….

From September 1st 2017 to September 1st 2018, contributions reached to 3.5 million euros. Open Arms has total economic independence thanks to all the small contributions from private individuals. ….

From September 1st 2017 to September 1st 2018, contributions reached to 3.5 million euros. Open Arms has total economic independence thanks to all the small contributions from private individuals»

* * * * * *

Il costo di gestione di quella carretta non passa i 90,000 euro annui.

* * * * * *

«Le autorità maltesi hanno negato lo sbarco alle 121 persone che si trovano a bordo della nave Open Arms della ong spagnola Proactiva Open Arms»

*

Queste ngo possono tenere questo comportamento tracotante perché godono di ampie coperture politiche.

Fanno rimpiangere amaramente quei galantuomini che furono i negrieri portoghesi.


Ansa. 2019-08-07. Malta nega sbarco a Open Arms

Le autorità maltesi hanno negato lo sbarco alle 121 persone che si trovano a bordo della nave Open Arms della ong spagnola Proactiva Open Arms. Lo ha riferito un portavoce della ong al sito Newsbook.com.mt. La nave, sulla quale si trovano anche quattro bambini, tra cui due gemelli di nove mesi, è ora in attesa di ulteriori istruzioni, dopo il rifiuto di ingresso da parte di Italia e Malta. Fonti vicine alla Commissione europea riferiscono di non avere ancora ricevuto alcuna richiesta di coordinamento per lo sbarco dei migranti a bordo della nave.

La Open Arms ha soccorso giovedì scorso 53 adulti e due bambini che si trovavano a bordo di una piccola imbarcazione. Alcune ore dopo, la nave della ong spagnola ha soccorso altre 69 persone. Sabato, due donne incinte sono state evacuate dalla nave. Tra le persone soccorse ci sono anche 32 minori, 27 dei quali non accompagnati. Domenica mattina, su richiesta del governo tedesco, Malta ha consentito lo sbarco di 40 migranti soccorsi dalla nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea Eye. I 40 migranti saranno ridistribuiti tra gli altri stati Ue.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Unione Europea

Unione Europea ed ngo. Un fiume di denaro non tracciabile. I numeri.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-26.

2019-07-15__Ngo__001

Cosa siano e come funzionino le ngo è già stato trattato in modo esaustivo.

Soros George. Uno stato negli stati. Ecco i suoi principali voivodati.

Soros, ngo e debito studentesco. 50 milioni di americani resi schiavi.

Guerra civile americana. Si avvicina lo scontro finale.

Trump vs Liberal. Ultima battaglia per la vita o la morte nel generale silenzio.

Ricapitoliamo solo per maggiore chiarezza.

«Quando Mr Soros ha deciso di conquistare il mondo occidentale ha concepito un piano virtualmente perfetto e davvero geniale. Soros ha fondato una miriade di organizzazioni seguendo uno schema ripetitivo, acutamente penetrante la società  nella sua semplicità e mimetismo.

In primo luogo si fonda e finanzia una organizzazione che patrocini un qualcosa di apparentemente degno per ogni persona: “diritti della gioventù”, “protezione dei più deboli”, etc. Dirigenza e personale è nominata da Soros in persona.

In secondo luogo, si scatena un’offensiva mediatica che sensibilizzi l’opinione pubblica al problema e ne evidenzi l’assoluta emergenza in atto.

In terzo luogo, governi amici riconoscono tale organizzazione e, soprattutto, la dotano di fondi.

In quarto luogo, tali governi amici stabiliscono anche che tale organizzazione debba essere obbligatoriamente consultata prima di prendere decisioni in materia.

In quinto luogo, governi amici costituiscono delle agenzie indipendenti dal governo stesso, strutturate attorno all’organizzazione in oggetto, che ne assume de facto la dirigenza. Parte del personale dell’organizzazione transita nei quadri burocratici di queste agenzie, così da averne il governo indipendentemente da chi le dovesse dirigere.

In sesto luogo, governi amici deliberano fondi per la risoluzione di un qualche problema, la gestione dei quali fondi è affidata a codeste agenzie od anche direttamente a quella organizzazione.»

* * *

Sarebbe impossibile comprendere la strenua difesa fatta dai liberal socialisti europei delle ngo, ong, senza aver compreso come funzionino ed a cosa servano.

Finanziando una ngo l’Unione Europea trasferisce del denaro pubblico, tracciabile nei bilanci dell’Unione, ad una entità fuori dal suo controllo: quei fondi perdono ipso facto la caratteristica di essere tracciabili: chi li riceve ne fa ciò che vuole.

 

2019-07-15__Ngo__002

«Partiamo dal totale. Per le Ong la Ue ha speso, nel 2017, un miliardo 427 milioni 431mila e 541 euro. Questi rischiano però di essere solo una parte degli effettivi investimenti dell’Ue verso le Ong. Difatti, ancora oggi, i database europei sono carichi di oltre 73.000 nomi di associazioni ed enti e non si è ancora trovato il modo di uniformare il sistema informatico per avere una certezza assoluta degli esborsi reali.»

«In altre parole: di fatto non si sa né chi è stato finanziato né per quale importo né l’esborso complessivo. Una situazione che è stata stigmatizzata anche dalla Corte dei Conti europea che continua a chiedere più trasparenza nell’uso dei fondi europei destinati a finanziare le Organizzazioni non governativa.»

«Al secondo posto c’è il Danish Refugee Council con 108.805.541 milioni di euro. Terzo posto per il Norvegian Refugee Council con 94.937.540. Quindi solo tre organizzazioni hanno incassato dalla Ue qualcosa come 368 milioni 228mila e 151 euro, il 25,8% del totale degli stanziamenti. Non si può dire che alle altre organizzazioni restino le briciole, ma quasi.»

«Quello che, infine, stupisce è che nell’elenco dei finanziamenti alle Ong non esistano associazioni italiane, almeno nelle prime 30 più sussidiate. L’Italia è comunque un Paese che spende una parte considerevole del proprio Pil in aiuti umanitari agli Stati in via di sviluppo.»

* * * * * * * * * * *

Adesso, leggendo queste cifre, dovrebbe essere ben chiaro il motivo per cui i liberal socialisti si siano eretti a santi patroni delle ngo, dei migranti, del ‘clima’ e del ‘rule of law’., etc.

A Mrs Carola Rackete dei migranti interessa poco o punto: ma non si rassegna a perdere il denaro facile, quello cavato dal sangue dei Contribuenti.


Ong, ecco a chi vanno davvero tutti i soldi della Ue

Spesi quasi 1,5 miliardi di euro. Il Max Plank Insitute (Germania) è il più finanziato: 164 milioni

All’indomani della approvazione in Consiglio dei ministri del Decreto Sicurezza bis, che tra le altre cose prevede sanzioni per le navi (anche di Ong) che non rispettano il divieto di ingresso nelle acque territoriali, ecco l’elenco delle Organizzazioni non governative finanziate dall’Unione europea. L’elenco e gli importi sono contenuti in un report della Commissione europea che ha deciso di alzare il velo sui fondi di cui beneficiano questi enti.

Quanti soldi alle Ong

Il grafico sopra mostra l’elenco di tutte le organizzazioni non governative (Ong) finanziate ufficialmente dal DG Budget, il portafoglio del Direttorato Generale dell’Ue. I nomi delle organizzazioni sono stati lasciati esattamente come sono riportati dal report della Commissione.

Partiamo dal totale. Per le Ong la Ue ha speso, nel 2017, un miliardo 427 milioni 431mila e 541 euro. Questi rischiano però di essere solo una parte degli effettivi investimenti dell’Ue verso le Ong. Difatti, ancora oggi, i database europei sono carichi di oltre 73.ooo nomi di associazioni ed enti e non si è ancora trovato il modo di uniformare il sistema informatico per avere una certezza assoluta degli esborsi reali. In altre parole: di fatto non si sa né chi è stato finanziato né per quale importo né l’esborso complessivo. Una situazione che è stata stigmatizzata anche dalla Corte dei Conti europea che continua a chiedere più trasparenza nell’uso dei fondi europei destinati a finanziare le Organizzazioni non governativa.

Le Ong più ricche

Nell’elenco delle Ong il primo posto spetta alla tedesca Max Plank che non è precisamente un’organizzazione caritatevole, ma si occupa di ricerca scientifica senza fini di lucro e per questo ha potuto accedere ai finanziamenti. L’Istituto Max Plank ha ottenuto 164.485.070 euro.

Al secondo posto c’è il Danish Refugee Council con 108.805.541 milioni di euro. Terzo posto per il Norvegian Refugee Council con 94.937.540. Quindi solo tre organizzazioni hanno incassato dalla Ue qualcosa come 368 milioni 228mila e 151 euro, il 25,8% del totale degli stanziamenti. Non si può dire che alle altre organizzazioni restino le briciole, ma quasi.

Quello che, infine, stupisce è che nell’elenco dei finanziamenti alle Ong non esistano associazioni italiane, almeno nelle prime 30 più sussidiate. L’Italia è comunque un Paese che spende una parte considerevole del proprio Pil in aiuti umanitari agli Stati in via di sviluppo.

Il Decreto Sicurezza bis

Il Decreto Sicurezza bis, sebbene limato rispetto alla prima versione circolata, è stato approvato in Consiglio dei ministri l’11 giugno 2019. Oltre al potenziamento degli agenti sotto copertura e delle intercettazioni per il contrasto al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, in materia di immigrazione il testo – che ora dovrà passare al vaglio del Parlamento – introduce multe da 10mila a 50mila euro per chi trasgredisce il divieto di ingresso nelle acque territoriali. La sanzione amministrativa viene notificata al comandante e, se possibile, all’armatore e al proprietario della nave in questione: spesso, quando si tratta di imbarcazioni che trasportano migranti recuperati nel Mediterraneo, a gestirle sono proprio Organizzazioni non governative. In caso di reiterata trasgressione è prevista la confisca della nave come sanzione accessoria.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Ong - Ngo, Unione Europea

Europarlamento. L’arte di sapersi conquistare i nemici.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-22.

Razzismo 001

Il problema dovrebbe essere semplice, sempre che come tale lo si voglia vedere. Servirebbe anche un pochino di onestà intellettuale.

Una cosa è l’ingerenza della politica nella formulazione delle sentenze emesse dalle corti di giustizia ed una totalmente differente è il fatto che la politica nomini i giudici, come avviene, per esempio, negli Stati Uniti di America, in Francia ed in Germania, solo per fare alcuni esempi. Una cosa ancora differente è quando il potere giudiziario interferisce con quello politico.

Le sinistre europarlamentari fanno volutamente ed artatamente di tutt’erba un fascio, generando così confusione dalla quale rafforzare il proprio potere. Vogliono cercare di governare i paesi identitari sovranisti tramite il sistema giudiziario e la presenza sul loro territorio delle ngo. Non riuscendo ad avere una quota elettorale decente, usano questi sistemi.

*

Polonia: l’Ue insiste nel pressing sullo stato di diritto

La Commissione europea ha compiuto il secondo passo in una procedura d’infrazione contro la Polonia, inviando un parere motivato sullo stato di diritto, e più in particolare, sul nuovo regime disciplinare per i giudici polacchi. Si legge in una nota dell’Esecutivo comunitario. Varsavia ha avuto due mesi per rispondere agli argomenti presentati dalla Commissione nella sua lettera di messa in mora. Ma a seguito di un’analisi approfondita della risposta delle autorità polacche, la Commissione ha concluso che “la risposta non allevia le preoccupazioni giuridiche”. Le autorità polacche ora hanno due mesi per adottare le misure necessarie per conformarsi al parere motivato inviato oggi. Se Varsavia non adotterà le misure appropriate, la Commissione può decidere di deferire il caso alla Corte di giustizia dell’Ue. 

Il 3 aprile 2019, Bruxelles aveva avviato questa procedura d’infrazione sostenendo che il nuovo regime disciplinare mina l’indipendenza giudiziaria dei giudici polacchi e non assicura le necessarie garanzie per proteggere i giudici dal controllo della politica. Tra le altre cose – si legge nella nota della Commissione Ue – “la legge polacca permette che i giudici ordinari siano sottoposti a indagini disciplinari, procedure e sanzioni sulla base del contenuto delle loro decisioni giudiziarie. Inoltre, le nuove regole non garantiscono l’indipendenza e l’imparzialità della Camera disciplinare della Corte suprema, composta solo da giudici selezionati dal Consiglio nazionale per la magistratura, che è a sua volta nominato dal Parlamento polacco”.

*

Si noti come l’ordinamento polacco sia simile a quello germanico.

«Corte Costituzionale Tedesca.

La nomina dei 16 giudici compete per metà al Bundestag (il parlamento federale) e per metà al Bundesrat (la camera che rappresenta i Länder). Il Bundestag designa i giudici di propria competenza attraverso un comitato di 12 grandi elettori, di cui fanno parte parlamentari eletti dalla medesima camera con metodo proporzionale, che delibera con la maggioranza dei due terzi dei voti. ….

La durata della carica è fissata a 12 anni, ma termina comunque al raggiungimento dell’età di 68 anni,»

Sia in Germania sia in Polonia la Corte Suprema è nominata dai politici eletti: ma per l’europarlamento ciò che va bene in Germania è antidemocratico in Polonia.

Il nodo è ben differente, ed in parte è stato già enucleato. Dobbiamo però aggiunge un’altra componente di non poco valore.

I liberal socialisti odiano di violento odio razziale polacchi ed ungheresi, rei di non essersi sottoposti ai loro voleri, di essersi ribellati al loro piano egemone: questi liberal socialisti nulla hanno da invidiare al nazionalsocialismo di infausta memoria.

Di oggi un nuovo sfregio: la ricusazione di Mrs Beata Szydlo perché polacca.

Non ci si stupisca poi se votando nel Consiglio Europeo Polonia ed Ungheria, assieme a molti altri stati, boccino sistematicamente quanto proposto dall’europarlamento. Per esempio, il bilancio ….

EP employment committee elects Slovak chairwoman

The members of the European Parliament’s employment committee elected Slovak MEP Lucia Duris Nicholsonova as chairwoman on Thursday. Nicholsonova was put forward by the European Conservatives and Reformists (ECR) group after their Beata Szydlo, former Polish PM, was twice rejected, leading to a spat where Szydlo’s PiS party initially refused to back Commission president candidate Ursula von der Leyen. Nicholsonova received 38 votes in favour and 14 against.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Unione Europea

Summit Helsinki. Francia e Germania sono di ben dura cervice.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-19.

Kadesh. Trattato. Versione Ittita.

Alla riunione di Helsinki dei ministri degli interni francesi e tedeschi hanno rigettato la bozza formulata da Malta ed Italia.

La loro posizione è semplicemente riassumibile in pochi statements.

– Malta ed Italia aprano i porti e prendano tutti i migranti che arrivano, e se li tengano.

– Francesi e Tedeschi si assumono invece l’onere di prendere i fondi europei per la migrazione, e se li tengono per sé.

*

Una consolazione riguarda Herr Seehofer. Sconfitto nelle recenti elezioni in Baviera, è stato destituito dalla carica di presidente della Csu, con le prossime elezioni nei Länder orientale dovrebbe verosimilmente perdere il posto anche di Ministro degli Interni tedesco. Se tutto procede bene, non lo si vedrà mai più.

* * * * * * *

«Potrebbe essere solo l’antipasto (piuttosto indigesto per il nostro Paese) di una conflittualità permanente tra l’Italia e i Paesi del Nord Europea sul dossier migranti che rischia di proseguire per i prossimi cinque anni di nuova legislatura europea e far regredire i pur timidi passi in avanti registrati nel Consiglio europeo del giugno 2018»

«Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini e il suo collega maltese hanno contestato l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati, temendo di doversi sobbarcare tutto il peso degli arrivi»

«Nello stesso tempo Francia e Germania si sono opposti al piano italo-maltese che prevede sbarchi e creazione di hot spot per i richiedenti nei Paesi limitrofi a quelli di partenza e corridoi umanitari per chi può essere accolto nei paesi Ue»

«le regole della ricerca e soccorso in mare (Sar), fatta salva la necessità di proteggere la vita umana e fornire assistenza a qualsiasi persona in difficoltà, non possono essere sfruttate dai trafficanti di migranti per facilitare la loro attività criminale»

«stretta sulle Ong e incremento delle espulsioni»

«Secondo Salvini le Ong non possono sostituirsi agli Stati, ricordando quanto avvenuto con la Sea Watch 3 a Lampedusa “che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta»

* * * * * * *

Francogermanici hanno semplicemente proposto un diktat: prendere o lasciare.

Poi erano barbari quelli del Trattao di Qadeš ….


Migranti, no di Francia e Germania al piano italo-maltese

Potrebbe essere solo l’antipasto (piuttosto indigesto per il nostro Paese) di una conflittualità permanente tra l’Italia e i Paesi del Nord Europea sul dossier migranti che rischia di proseguire per i prossimi cinque anni di nuova legislatura europea e far regredire i pur timidi passi in avanti registrati nel Consiglio europeo del giugno 2018. La riunione informale dei ministri dell’Interno europei tenutasi oggi ad Helsinki ha fatto riemergere infatti tutte le divisioni esistenti tra i Paesi di prima accoglienza del Sud Europa e quelli del Nord. Già durante la cena di ieri sera Italia e Malta si erano opposti all’adozione di un documento proposto da Francia e Germania che avrebbe impegnato i Paesi del Sud ad offrire porti sicuri per i migranti in arrivo. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini e il suo collega maltese hanno contestato l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati, temendo di doversi sobbarcare tutto il peso degli arrivi. Vi sarebbe poi, secondo Roma e La Valletta, il rischio che in questo modo i profughi vengano ridistribuiti negli altri Paesi mentre tutti gli altri migranti resterebbero nei Paesi di sbarco. Neppure gli incontri di questa mattina tra i ministri di Italia, Malta, Francia e Germania e successivi contatti tra tecnici sono riusciti a smussare le divergenze. È stato concordato che i tecnici dei 28 ministeri dell’Interno si incontreranno anche nelle prossime settimane in vista di un vertice a quattro (più la presidenza finlandese) da tenersi a settembre a Malta.

No di Parigi e Berlino ad hot spot fuori da Ue e corridoi umanitari

Nello stesso tempo Francia e Germania si sono opposti al piano italo-maltese che prevede sbarchi e creazione di hot spot per i richiedenti nei Paesi limitrofi a quelli di partenza e corridoi umanitari per chi può essere accolto nei paesi Ue. Un “non paper” italo-maltese chiedeva un impegno politico e finanziario “per attuare accordi di sbarco (e centri) con i Paesi terzi” con “misure di ridistribuzione obbligatorie”. Italia e Malta chiedevano alla nuova Presidenza finlandese e alla prossima Commissione europea di “dare la massima priorità” alla questione della migrazione “con un duplice obiettivo: creare le condizioni per una vera lotta contro il traffico di migranti e affrontare, senza pregiudizi, la questione delle pressioni subite dai Paesi più esposti”. Si legge nel documento ufficioso (non paper), che i ministri dell’Interno di Italia e Malta hanno preparato per la riunione di Helsinki. Inoltre si chiedeva che i rimpatri fossero condivisi equamente tra tutti gli Stati membri o, altrimenti, gestiti direttamente dall’Unione europea, attraverso Frontex. Più in particolare, nel documento si segnalava che “le regole della ricerca e soccorso in mare (Sar), fatta salva la necessità di proteggere la vita umana e fornire assistenza a qualsiasi persona in difficoltà, non possono essere sfruttate dai trafficanti di migranti per facilitare la loro attività criminale”.

Salvini: stretta sulle Ong e più espulsioni

Concetti che il responsabile del Viminale ha sintetizzato in due punti: stretta sulle Ong e incremento delle espulsioni. Secondo Salvini le Ong non possono sostituirsi agli Stati, ricordando quanto avvenuto con la Sea Watch 3 a Lampedusa “che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta”. Un altro punto è il rafforzamento dell’impegno per prevenire partenze e, soprattutto, l’incremento di espulsioni con una lista di Paesi sicuri che prevedano “riammissioni automatiche” perché ”un conto sono gli arrivi da zone di guerra e un conto quelli da Tunisia o Albania”. “Si è parlato di rispetto delle leggi e sovranità nazionale – ha aggiunto Salvini – dai ministri di più Paesi è stata apprezzata la politica italiana di difesa dei confini con la drastica riduzione degli arrivi in Europa e dei morti nel Mediterraneo”.

Castaner (Francia): cerchiamo di evitare altri morti

In linea con il programma enunciato dalla nuova presidente della Commissione Ue Ursula von der Lynen il ministro dell’Interno francese Christophe Castaner ha tenuto a ricordare che “l’iniziativa franco-tedesca che abbiamo preso è anche un’iniziativa di solidarietà per l’Italia e per Malta. Le posizioni politiche di ognuno sono legittime, ma quello che mi interessa è evitare che gli uomini e le donne muoiano in fondo al mare”. “Matteo Salvini – ha aggiunto Castaner – intende difendere le sue posizioni politiche, che sono legittime. Ma anche le mie posizioni sono altrettanto legittime e sono differenti. Non c’è dell’acrimonia, non ci sono critiche, abbiamo discussioni politiche franche e cordiali. La cosa fondamentale – ha aggiunto Castaner – è la sicurezza degli italiani da un lato e dei francesi dall’altro”. Il rappresentante di Parigi ha confermato che, al momento, “non c’è accordo” ma, ha aggiunto, “c’è bisogno di maggiore solidarietà e più responsabilità, l’Europa ha degli obblighi umanitari. Siamo dei ministri con responsabilità e sappiamo che bisogna trovare un accordo”.

Avramopoulos: non seguire solo l’interesse nazionale

Un appello alla solidarietà e ai principi europei è venuto dal commissario uscente all’immigrazione Dimitris Avramopoulos per il quale “la priorità è combattere le reti di trafficanti e fermare gli arrivi e le partenze irregolari. Non possiamo continuare così in futuro affrontando la situazione caso per caso nel Mediterraneo. Il Consiglio di oggi ha grosse possibilità di trovare soluzioni, sappiamo quali sono le nostre priorità e, ribadisco, chiederò a tutti di comportarsi come Unione europea, per trovare soluzioni. I ministri hanno grosse responsabilità”. Occorre secondo il commissario “pensare e agire con una modalità europea. Se si segue solo l’interesse nazionale ci sono sempre grossi problemi”.

Seehofer a Salvini: Stai già twittando contro di me?

Siparietto tra Matteo Salvini e il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer questa mattina ad Helsinki. Seehofer è stato il primo a raggiungere Salvini nella sala dove era in programma l’incontro e appena ha visto il titolare del Viminale con il telefonino in mano si è rivolto a lui con una battuta. “Matteo, stai già twittando per dire che siamo cattivi con voi?” ha detto riferendosi alle accuse italiane sullo strapotere di Berlino e Parigi in Ue. Salvini ha sorriso e ha risposto: “stavo mandando un messaggio di auguri”.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Problemia Energetici, Russia

Russia. La Akademik Lomonosov parte da Murmansk verso Pevek.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-11.

2019-07-01__Admiral__001

La chiatta Admiral Lomonosov ospita una centrale atomica da 70 MW, progettata per poter lavorare a temperature molto rigide, quali quelle artiche. Fornirà energia elettrica alla zona estrattiva di Pevek.

Artico. 50% delle riserve minerarie.

Russia. Varato il rompighiaccio atomico Ural. Alla fine saranno 13 navi.

Russia. Akademik Lomonosov. Prima centrale atomica mobile e galleggiante.

Cina. Centrali elettriche nucleari. 37 reattori attivi, 60 in costruzione, 179 programmati.

* * *

«Next month, a floating nuclear power plant called the Akademik Lomonosov will be towed via the Northern Sea Route to its final destination in the Far East, after almost two decades in construction»

«It’s part of Russia’s ambition to bring electric power to a mineral-rich region»

«The 144-meter (472 feet) long platform painted in the colors of the Russian flag is going to float next to a small Arctic port town of Pevek, some 4,000 miles away from Moscow»

«It will supply electricity to settlements and companies extracting hydrocarbons and precious stones in the Chukotka region»

«About 2 million Russians reside near the Arctic coast in villages and towns similar to Pevek, settlements that are often reachable only by plane or ship, if the weather permits. But they generate as much as 20% of country’s GDP and are key for Russian plans to tap into the hidden Arctic riches of oil and gas as Siberian reserves diminish.»

* * * * * * *

Sarebbe facile previsione prevedere un grande sviluppo della zona estrattiva di Pevek che, data la sua ubicazione, sembrerebbe destinata ad alimentare le richieste energetiche della Cina.

Inutile dire che Greenpeace, la ngo Bellona (che monitora i progetti nucleari e l’impatto ambientale) e tutta la costellazione delle ngo sia insorta contro questo progetto, additandolo come non ecologico.

Degno di nota è il commento fatto da un ottimo amico russo, potente in opere e parole.

«Se hanno paura che gli orsi polari si estinguano, non temano: daremo gli ecologisti in pasto agli orsi. Gli altri? Il gulag è grande e può bene accoglierli tutti»

«in the Arctic waters, it will be cooling down constantly, and there is no lack of cold water».

*

Taluni resteranno amareggiati di questo commento, ma molti invece lo condivideranno.


Cnn. 2019-06-30. Russia plans to tow a nuclear power station to the Arctic. Critics dub it a ‘floating Chernobyl’

Murmansk, Russia (CNN) Next month, a floating nuclear power plant called the Akademik Lomonosov will be towed via the Northern Sea Route to its final destination in the Far East, after almost two decades in construction.

It’s part of Russia’s ambition to bring electric power to a mineral-rich region. The 144-meter (472 feet) long platform painted in the colors of the Russian flag is going to float next to a small Arctic port town of Pevek, some 4,000 miles away from Moscow. It will supply electricity to settlements and companies extracting hydrocarbons and precious stones in the Chukotka region.

A larger agenda is at work too: aiding President Vladimir Putin’s ambitious Arctic expansion plans, which have raised geopolitical concerns in the United States.

The Admiral Lomonosov will be the northernmost operating nuclear plant in the world, and it’s key to plans to develop the region economically. About 2 million Russians reside near the Arctic coast in villages and towns similar to Pevek, settlements that are often reachable only by plane or ship, if the weather permits. But they generate as much as 20% of country’s GDP and are key for Russian plans to tap into the hidden Arctic riches of oil and gas as Siberian reserves diminish.

In theory, floating nuclear power plants could help supply energy to remote areas without long-term commitments — or requiring large investments into conventional power stations on mostly uninhabitable land.

But the concept of a nuclear reactor stationed in the Arctic Sea has drawn criticism from environmentalists. The Lomonosov platform was dubbed “Chernobyl on Ice” or “floating Chernobyl” by Greenpeace even before the public’s revived interest in the 1986 catastrophe thanks in large part to the HBO TV series of the same name.

Rosatom, the state company in charge of Russia’s nuclear projects, has been fighting against this nickname, saying such criticism is ill founded.

“It’s totally not justified to compare these two projects. These are baseless claims, just the way the reactors themselves operate work is different,” said Vladimir Iriminku, Lomonosov’s chief engineer for environmental protection. “Of course, what happened in Chernobyl cannot happen again…. And as it’s going to be stationed in the Arctic waters, it will be cooling down constantly, and there is no lack of cold water.”

The idea itself is not new — the US Army used a small nuclear reactor installed on a ship in the Panama Canal for almost a decade in the 1960s. For civil purposes, an American energy company PSE&G commissioned a floating plant to be stationed off the coast of New Jersey, but the project was halted in the 1970s due to public opposition and environmental concerns.

Russia’s civilian nuclear industry also faced public questions following the Chernobyl catastrophe, which shaped concerns about “the peaceful atom” for decades to follow. Construction of dozens of nuclear plants stopped, affecting not only massive Chernobyl-scale projects but also slowing down the use of low-power reactors like the one in what would become the floating station (The Chernobyl plant produced up to 4,000 megawatts. Lomonosov has two reactors producing 35 megawatts each).

“These reactors were initially to be used within city limits, but unfortunately the Chernobyl incident hindered that,” said Iriminku. “Our citizens, especially if they are not technically savvy, don’t really understand the nuclear energy and that these stations are built differently, so it’s almost impossible to explain that to them.”

The explosion at Chernobyl directly caused around 31 deaths, but millions of people were exposed to dangerous radiation levels.

The final death toll as a result of long-term radiation exposure is much disputed. Although the UN predicted up to 9,000 related cancer deaths back in 2005, Greenpeace later estimated up to 200,000 fatalities, taking further health problems connected to the disaster into account.

Modern Russia hasn’t seen anything close to Chernobyl though. Russia, a major oil and gas producer, also operates several nuclear power stations. The state atomic energy corporation Rosatom has long maintained that its industrial record is one of reliability and safety, and that its reactors have been modernized and upgraded.

But rather than summoning the specter of Chernobyl, some nuclear watchdogs are drawing parallels to the 2011 accident at Fukushima in Japan, with the images of its waterlogged reactors still fresh in the public memory. The Russian plant’s main benefits — mobility and ability to work in remote regions — complicate some crucial security procedures, from routine disposal of the nuclear fuel to rescue operations in the event the platform is hit by a massive wave.

But project engineers say they’ve learned the lessons of Fukushima.

“This rig can’t be torn out of moorings, even with a 9-point tsunami, and we’ve even considered that if it does go inland, there is a backup system that can keep the reactor cooling for 24 hours without an electricity supply,” said Dmitry Alekseenko, deputy director of the Lomonosov plant.

However, experts of Bellona, an NGO monitoring nuclear projects and environmental impacts, say 24 hours might not be enough to prevent a disaster should a tsunami land the rig among towns with two active nuclear reactors aboard.

And then there is the question of cost. Some Russian officials have questioned the floating reactor complex’s price tag of an estimated $450 million, saying it would need to enter serial production to be economically viable. Rosatom has been working to attract clients from Asia, Africa and South America to purchase next iterations of Akademik Lomonosov, but has yet to announce any deals.

The last Russian nuclear project of a comparable scale was completed in 2007, when the “50 Years of Victory” nuclear-powered icebreaker finally sailed after sitting in the docks since 1989. Now, after more than 20 years of arguments, changes of contractors and economic crises, Russian engineers can finally take pride in launching the world’s only nuclear floating rig.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Ong - Ngo

Ngo e sbarchi clandestini. Si credono razza egemone. Erasmo Palazzotto.

Giuseppe Sandro Mela

2019-07-07.

2019-07-06__Salvini__001

La Alan Kurdi, nave della ngo tedesca Sea Eye, ha cambiato rotta e si dirige su Malta.


Il comportamento degli attuali governi francese e tedesco, dai quali deriva quello delle ong da loro patrocinate, è di tipica derivazione marxista-leninista.

Come tutte le persone superbe, ritengono di essere la razza egemone, credono che ciò che pensano sia verità assoluta, e quindi fanno di tutto per imporla. Sono sia dittatoriali sia rivoluzionari. Come tutti i razzisti, odiano di odio viscerale quanti loro si oppongano.

Questo odio trova la sua genesi nella discrepanza evidente che non sono in grado di imporre completamente i loro voleri, e questa è per loro una umiliazione urente. Così gli avversari politici diventano dei nemici mortali: sono quelli che sono percepiti come la minaccia alla loro stesa esistenza.

Reduci dalle eclamptiche sconfitte nel Consiglio Europeo, ove undici nazioni capitanate da quelle del V4 e dal’Italia li hanno mazzolati per benino, sfogano la loro rabbia impotente scatenando le ogn, loro gruppo di fuoco.

Chiamano la tratta dei negri “salvataggi in mare“. credono di essere autorizzati a non rispettare codici e leggi.

Sono comunisti fino al midollo.

Si fanno forti degli appoggi politici che hanno in sede dell’Unione Europea e della quinta colonna che hanno nella magistratura italiana. Sì: proprio quella magistratura che sta ad oggi mostrando il suo vero volto con la crisi del Consiglio Superiore della Magistratura.

*

Italia. Sondaggio plebiscitario a favore di Salvini.

La stragrande maggioranza degli italiani di immigrazione clandestina e delle ngo non ne suole più sapere.

Se il 59% degli italiani approva il fermo comportamento di Salvini, il gradimento delle ngo è crollato dal passato 80% all’attuale 39%. La gente iniza a percepirle per quello che sono: organizzazioni criminali al soldo straniero.

Ma non dimentichiamo.

Il capo missione di Mediterranea è Erasmo Palazzotto, parlamentare di Leu, Liberi ed Uguali, partito fondato da Pietro Grasso, ex presidente del senato.

Quanto vale elettoralmente il Leu?

Nelle elezioni del 4 marzo 2017 ha ottenuto 14 deputati su 630, e 4 senatori su 320.

E costui, con poco più del’1% vorrebbe imporsi al governo legalmente in carica.


Ansa. 2019-07-07. I migranti sbarcano a Lampedusa, la ‘Alex’ sequestrata e l’equipaggio indagato

I migranti sbarcano a terra dalla Alex per effetto del sequestro penale disposto di iniziativa dalla Guardia di Finanza. Lo fa sapere il Viminale, aggiungendo che l’equipaggio è indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

La Alan Kurdi ha cambiato rotta verso Malta, lasciando le acque al largo di Lampedusa. “Non possiamo aspettare finche’ lo stato di emergenza non prevale”, fa sapere la ong Sea Eye. “Ora – aggiunge Sea Eye – Sì deve dimostrare se gli altri governi europei appoggiano l’atteggiamento dell’Italia “

Un esposto alla Procura di Agrigento sulle procedure che sono state seguite nei confronti della Alex, l’imbarcazione alla quale era stato intimato dalle autorità italiane di recarsi a Malta come “porto sicuro”, è stato presentato dai legali di Mediterranea Human Savings prima ancora dell’approdo a Lampedusa. Lo ha detto all’ANSA il capo missione Erasmo Palazzotto, parlamentare di Leu.

“Ancora non ci è stato notificato nulla. Siamo assolutamente sereni perchè convinti di avere operato correttamente e perchè abbiamo già presentato un esposto alla magistratura. Diciamo che questa volta siamo arrivati prima della Guardia di Finanza”. Così il capo missione di Mediterranea Erasmo Palazzotto, commenta la decisione del Viminale di fare sbarcare tutti i migranti a bordo della Alex, sequestrare l’imbarcazione e indagare tutto l’equipaggio per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Unione Europea

Ungheria. Accademia delle Scienze bonificata dai liberal socialisti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-08.

Budapest 002

L’Occidente liberal socialista si picca di essere la quintessenza della democrazia, della libertà di parola della tolleranza.

*

«Lasciate che vi dica qualcosa dei mei problemi con la ragazze. Tre cose succedono quando le donne sono in un laboratorio: tu ti innamori di loro, loro si innamorano di te e poi, quando le critichi, scoppiano a piangere».

Per questa frase il Premio Nobel Tim Hunt è stato obbligato a dare le dimissioni.

*

E che dire del comportamento verso il Premio Nobel Feynman?

«Il 28 gennaio 1986 la navetta spaziale Challenger esplose in diretta televisiva, con l’equipaggio a bordo. Quattro mesi dopo Richard Feynman, in un’altra diretta televisiva, spiegò il disastro immergendo una delle guarnizioni di gomma della navetta in un bicchiere di acqua gelata e mostrando che si spaccava: uno smacco per la Nasa, ma un successo mediatico per lui.» [Fonte]

A new feminist attack on Richard Feynman

«Feynman used to pretend to be a student so he could ask undergraduate women out. I suspect that this kind of behavior on the part of a contemporary professor would almost certainly lead to harsh disciplinary action, as it should» [Fonte]

*

«“A few years after I gave some lectures for the freshmen at Caltech (which were published as the Feynman Lectures on Physics), I received a long letter from a feminist group. I was accused of being anti-women because of two stories: the first was a discussion of the subtleties of velocity, and involved a woman driver being stopped by a cop. There’s a discussion about how fast she was going, and I had her raise valid objections to the cop’s definitions of velocity. The letter said I was making the women look stupid.

The other story they objected to was told by the great astronomer Arthur Eddington, who had just figured out that the stars get their power from burning hydrogen in a nuclear reaction producing helium. He recounted how, on the night after his discovery, he was sitting on a bench with his girlfriend. She said, “Look how pretty the stars shine!” To which he replied, “Yes, and right now, I’m the only man in the world who knows how they shine.” He was describing a kind of wonderful loneliness you have when you make a discovery.

The letter claimed that I was saying a women is incapable of understanding nuclear reactions.

I figured there was no point in trying to answer their accusations in detail, so I wrote a short letter back to them: “Don’t bug me, Man!”»

Bene. Un gruppetto di femministe scatenate gli impedì di tenere una sua conferenza alla Stanford University.

Delle oche starnazzanti contro uno dei maggiori scienziati dell’ultimo secolo.

*

Provatevi in un campus liberal a dire che sostenete Mr Trump, oppure che gli lgbt sono solo malati mentali, curabili: vi crocefiggono.

Da più fastidio l’ipocrisi che la ideologia liberal socialista.

Orbene: questi che si definiscono il prototipo dei democratici si stanno adesso scagliando contro l’Ungheria.

Questa nazione sta semplicemente proseguendo la difficile opera di bonificare le proprie istituzioni dai liberal socialisti, esattamente come in altri tempi si procedette alla denazificazione.

«Nationalist politicians in Budapest appear to be stepping up their attacks on the Hungarian Academy of Sciences, with a controversial change to its research funding system and a broadside against social scientists funded by the Academy»

«Immigration, homosexual rights and gender science – these topics occupy the researchers of the Academy …. are politically suspicious, suggesting that the government should have a “greater insight” into the Academy’s work.»

«The article features a roster of scientists of the Centre for Social Sciences of the Academy who study gender, migration, ethnic minorities and LGBTQ policies»

«The attack comes only days after the Hungarian government proposed changes to its research funding system that puts the newly formed Ministry for Innovation and Technology in charge of decisions over what research topics can be funded or not in the institutes of the Academy»

«The ministry will directly manage HUF 29.1 billion in support of higher education institutions for research and development, HUF 12.7 billion for the National Scientific Research Fund and HUF 28.1 billion for the Hungarian Academy of Sciences»

* * * * * * *

Soros George. Uno stato negli stati. Ecco i suoi principali voivodati.

NGOs And The Mechanics Of Hybrid War

Ungheria. Orban vara misure per nascite e famiglie.

Orbán rimpatria in Ungheria gli ungheresi emigrati in Venezuela.

Orban fa cessare gli studi universitari sul gender.

Orban abolisce lauree e corsi di studio sul ‘gender’.

Orban scaccia Soros e vince la Unione Europea. E siamo solo agli inizi.

Orban contro Soros. Nuova legge sulle Ong.

* * * * * * *

Il clangore delle urla che levano i iberal socialisti è indice sicuro di quanto Mr Orban abbia colpito in modo forte e duro i residui centri liberal in Ungheria, dai quali gli ideologi dell’Unione Europea avrebbero contato di condizionare l’Ungheria.

Ma adesso le voci di Juncker, Tusk, Macron e Merkel arrivano sempre più fievoli in terra magiara, e se Frau von der Leyen vuole mantenersi i voti degli undici stati che la hanno supportata in Consiglio Europeo deve ben guardarsene dall’interferire negli affari interni di quel paese.

Prossima tappa, la rimozione di tutti i giudici collusi con i liberal socialisti.

È finita un’era. Piaccia o meno.


Orbán allies target Hungarian social scientists, in battle with Academy of Sciences

Nationalist politicians in Budapest appear to be stepping up their attacks on the Hungarian Academy of Sciences, with a controversial change to its research funding system and a broadside against social scientists funded by the Academy.

An article published by Hungarian pro-government magazine Figyelo, titled “Immigration, homosexual rights and gender science – these topics occupy the researchers of the Academy”, claims that the research topics of the Centre for Social Sciences of the Hungarian Academy of Sciences are politically suspicious, suggesting that the government should have a “greater insight” into the Academy’s work.

The article features a roster of scientists of the Centre for Social Sciences of the Academy who study gender, migration, ethnic minorities and LGBTQ policies.

The attack comes only days after the Hungarian government proposed changes to its research funding system that puts the newly formed Ministry for Innovation and Technology in charge of decisions over what research topics can be funded or not in the institutes of the Academy. It also follows a long-running campaign by the government to close or evict the country’s top-rated institution, the Central European University, founded by philanthropist George Soros.

Researchers targeted in the Figyelo article warn that the new law will allow the ministry to control the budget of the research institutes and to dictate conditions for all decisions with financial consequences from research programmes to personnel matters, said Judit Takacs, a research chair of the Academy’s department for social relations and network analysis.

“It leaves one feeling nauseous to have one’s work and name used as part of a propaganda campaign against academic autonomy,” Takacs said.

Róza Vajda, a junior research fellow at the department for Methodology and History of Research in the Academy who was also on the Figyelo list, said that the article is providing a narrative support to aid the policy changes considered by the government. By changing the rules for funding research the government “creates financial dependency which means political dependency,” said Vajda.

The Ministry for Innovation and Technology and Figyelo did not respond to requests for comment.

New research funding policy

The Hungarian Academy of Sciences is the dominant research organisation in the country – both funding and conducting research at the country’s universities. It dates to 1825, but has lately been clashing with the rightist government. The Academy’s web site currently features a prominent statement opposing the government’s funding plans.

Until now, the Academy was allocated an independent budget, but the new rules prepared by the government propose that all public funding for research should be allocated through the new Ministry of Innovation and Technology, led by Laszlo Palkovics.

The ministry will directly manage HUF 29.1 billion in support of higher education institutions for research and development, HUF 12.7 billion for the National Scientific Research Fund and HUF 28.1 billion for the Hungarian Academy of Sciences.

The government says the unified coordination will allow the ministry to oversee the use of national funds “as efficiently as possible”. “The priorities of the research areas should be prioritised [sic] and coordinated in the interest of the best use of resources, universities, academia and companies.”

Under the same policy strategy, the minister, Palkovics, dismissed the chairman of the National Office for Research, Development and Innovation (NRDI), József Pálinkás, “as he expects the future operation of the office based on other management and methodological principles.” Pálinkás, an advocate for scientific excellence, was appointed in 2015 and his mandate was supposed to run until 2020.

The ministry says that it won’t interfere with the work of the institutes, but researchers fear that the proposed changes will give the government the ability to decide which research projects are worthy of funding. The changes “will put an end to the scientific independence of the research centres” said the Academy.

Propaganda at work

The changes were a tough pill to swallow for researchers, but the Figyelo article confirmed that by discrediting certain fields of research, the government can use the new funding structure to limit academic freedom.

For Levente Littvay, a political scientist at Central European University (CEU) in Budapest, after seeing the article, “Our worse suspicions were confirmed: it is a political attack,” Littvay said.

The article was published “to prepare the ground a little in terms of propaganda,” said Takacs.

Figyelo is responsible for another article published in April that listed the so-called “Soros mercenaries”, which included researchers at CEU, a university that was founded by Hungarian-born philanthropist George Soros, whose world views are at odds with Hungarian prime minister Viktor Orbán.

On April 8, Orbán won his fourth term, running on a nationalist platform which touted the benefits of “illiberal democracy”, warned against foreign influence in the country and swore to protect the Christian identity of the Hungarian nation.

Vajda says that the victory emboldened Orbán to continue “crushing institutions, autonomy and independent thinking.”

“They already promised that once they win, they will go on and be more devastating,” said Vajda.

“It is hard to believe that an EU country could sink this low,” said Littvay.  

This is not the first time researchers and academics in Hungary have felt threatened by the overreaching arm of the government. A change in the higher education law passed in 2017, requiring foreign universities to maintain a campus in their home country, was widely interpreted as a direct move against CEU.

The university is now making plans to start advertising a new campus in Vienna as its base in the 2019 student recruitment campaign, unless the Hungarian government agrees that the university is in compliance the Hungarian law and it is free to operate in Budapest.

CEU expressed its solidarity with the Academy and its researchers. “The attacks against the autonomy of the Academy and the attempts to intimidate its researchers are unacceptable and threaten to seriously hinder the capacity of this premier institution to fulfill its mission at the service of the Hungarian people,” the university said.

*


Hungary: Parliament puts Academy of Sciences institutes under government control

The Hungarian parliament has voted to restructure its science sector to give government full control. Academics sharply criticize the move, fearing an end to free research in the country.

Hungary’s National Assembly has adopted a controversial bill to vastly restructure the Hungarian Academy of Sciences (MTA).

Human Rights Watch reported Tuesday that 15 academic institutes were to be removed from the Academy and placed in a newly established state research network. 

The plans, which have been known since early in year, have repeatedly provoked protests from researchers and academics at home and abroad.

Changes ahead

The changes are expected to come into force at the beginning of September. The supervisory board — the Eotvos Lorand Research Network (ELKH) — is to consist of 13 members. Six to be named by the Academy of Sciences and six by the Ministry of Innovation. The head of the committee will have the casting vote — appointed by Hungary’s Minister of Innovation Laszlo Palkovics. 

The creation of the ELKH will deprive the Academy of important financial resources, including scholarships for scientists and funds for research projects.

Additionally, the Academy could lose its grant, enshrined in law, to finance its running costs.

The new law will also establish a National Science Policy Council, to be headed by Palkovics. This body will advise the government on innovation and research topics. 

Resistance falls on deaf ears

The Academy of Sciences has unanimously spoken out against the amendment. Its president Laszlo Lovasz said in a statement ahead of Tuesday’s vote: “We kept on negotiating relentlessly, but our efforts proved futile.”

Lovasz concludes that the future scientific landscape is “unsuitable for the research community” and that the law violates “European principles.” 

Open Letter

Palkovics, on the other hand, argues that by restructuring the sector, the government wants to make Hungary more competitive within the scientific world.

The minister justified the move with reference to German research institutions he says fulfil a similar task to the soon to be established ELKH: The Leibniz Association or the Max Planck Society. 

Representatives of the German science organizations see the situation quite differently, emphasizing their independence from politicsin an open letter. They were critical of the bill, siding with the Hungarian Academy of Sciences. 

‘Violation of democratic principles’

Numerous critics from the world of politics have also spoken out. Udo Bullmann, leader of the Socialist Group in the European Parliament, accuses Hungary’s Prime Minister Viktor Orban of wanting to silence critical scientists.

“We are horrified to see Orban strike a new blow against scientific freedom and democracy in his country,” Bullmann said. He is “obviously out to establish a flawless autocracy in Hungary,” he added.

Since 2017, the Hungarian government has repeatedly taken steps to restrict freedom of scientific work within the country. Since then, the work of the Central European University, financed by US philanthropist George Soros, has been severely limited. 

As a consequence, the CEU will gradually move to Vienna and start teaching there from fall 2019. By 2023, the entire university will have moved to Austria — a direct result of Orban’s plans to restrict scientific freedoms.