Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Usa. Il caso di Mr Andrew Cuomo. Biden suggerisce le dimissioni. La difesa. La Faida.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-07.

2021-08-07__ Obama e Nancy Pelosi 001

Mr Andrew Cuomo, 1957, è Governatore dello Stato di New York dal 2011, membro eminente del Partito Democratico, liberal ortodosso di stretta osservanza.

«Since late 2020, Cuomo has faced allegations of sexual harassment and sexual assault. By April 2021, eleven women had made accusations against him. In a long-anticipated report published on August 3, 2021, New York State Attorney General Letitia James stated that Cuomo sexually harassed multiple women during his time in office. President Joe Biden, Nancy Pelosi, Chuck Schumer, and Kirstin Gillibrand have all called on him to resign»

* * *

It’s OK when Joe does it! Cuomo presents pics of Biden, Obama, Kamala and the Clintons hugging and kissing people to excuse his handsy behavior as part of his desperate defense against AG report

– Cuomo, in an 85-page defense against the Attorney General’s report, used photos of other Democrats and George Bush in an attempt to show that all politicians get handsy 

– He says his behavior against women is nothing out of the ordinary and any claim of assault is untrue

– Some of the women say he groped their behinds and breasts – which he denies but the AG says is true

– Everyone from de Blasio to Biden is now calling for him to stand down but he is refusing to

– He now faces impeachment at the NY legislature, civil lawsuits and potential criminal charges in Albany and Westchester, where prosecutors have opened investigations into the allegations 

Negli Stati Uniti è in corso una faida all’interno del partito democratico, e tutti i liberal reclamano la testa di Mr Cuomo, costi quello costi. Nei disperati tempi nei quali si stava peggio, Mr Cuomo avrebbe pagato con la vita, suicidandosi impiccandosi ad un albero di fragole, la sua pretesa a decidere con la sua testa. Adesso, per il momento, potrebbe anche continuare a vivere.

* * *


A nostro sommesso avviso, ma certi di asserire un concetto corretto, una persona accusata di un qualcosa dovrebbe essere ritenuta essere innocente fino a sentenza definitiva.

Quasi tutte le legislazioni in materia definiscono come reato una qualche azione prevista dal codice penale. Ma la stessa azione compiuta prima di essere stata contemplata nel codice penale non può essere considerata reato.

Sempre a nostro modo di vedere, il tribunale dovrebbe valutare le accuse solo ed esclusivamente sulla scorta di una documentazione oggettiva, verificabile e verificata: senza prove inconfutabili le accuse sarebbero solo calunnie.

Similmente, il tribunale dovrebbe lasciare alla difesa ampi margini operativi, affinché siano espresse, e comprovate, tutte le istanze della persona accusata.

Nell’emettere sentenza, il tribunale dovrebbe valutare infine le situazioni al contorno.

* * *

Orbene, undici donne hanno asserito che Mr Andrew Cuomo avrebbe loro inferto dei sexual harassment, ossia qualcosa da loro ritenuto essere oltraggioso sessualmente. Non è dato di sapere le date cui risalirebbero i fatti, ma sembrerebbero essere di vecchia data, ossia ben prima che il sexual harassment fosse stato considerato da tribunali e leggi.

Non solo.

Nell’ideologia liberal e nei tribunali liberal il sexual harassment è considerato essere il peggiore dei peggiori reati.

Sempre a nostro modo di vedere, il fatto che Joe Biden, Nancy Pelosi, Chuck Schumer, e Kirstin Gillibrand abbiano detto che Mr Andrew Cuomo deve dimettersi solo sulla base di quanto hanno asserito quelle donne, ci sembrerebbe essere una bruttura, anche tenendo presente che Mr Andrew Cuomo si dichiara innocente.

È la negazione di ogni qualsiasi forma di giustizia, per non dire di sano buon senso.

* * *

La musica cambierebbe se una simile prava azione fosse stata fatta spinti dall’invidia, al solo fine di eliminare una personalità diventata scomoda: ma questo sarebbe un pensar male, cosa aliena alla nostra mentalità.

* * *


Most New Yorkers want Cuomo to resign over sexual harassment, poll finds

NEW YORK, Aug 4 (Reuters) – Some 59% of New Yorkers think Governor Andrew Cuomo should resign after an investigation found that he groped, kissed or made suggestive comments to 11 women in violation of U.S. and state law, a Marist Poll showed on Wednesday.

After state Attorney General Letitia James unveiled the five-month independent investigation’s conclusions on Tuesday, the Democratic governor said in a video statement he has no plans to resign and denied he had acted inappropriately.

The poll of 614 randomly selected New York state adults was conducted by landline or mobile phone on Tuesday and survey questions were available in English or Spanish, Marist said. It found that 59% said the governor should resign in light of the findings, 32% said he should serve out his term and 9% said they were unsure.

Among New York Democrats, 52% said he should resign, 41% said he should not and 8% were unsure, while 77% of Republicans said he should quit, 16% said he should stay and 7% were unsure.

The poll also found that 44% of respondents said Cuomo did something illegal, 29% said he did something unethical but not illegal, 7% concluded he did nothing wrong, 6% had not heard enough about the allegations and 13% were unsure.

* * *

‘I think he should resign’: Biden calls for NY Gov. Cuomo to step down after sexual misconduct allegations

– In March, Biden said Cuomo should resign if the AG investigation confirmed sexual misconduct claims.

– Responding to the report in a 14-minute address, Cuomo remained defiant.

*

Washington — President Joe Biden on Tuesday called for New York Gov. Andrew Cuomo to resign following a damning new report from the state attorney general’s office that alleged Cuomo sexually harassed 11 women including state employees in violation of state and federal laws.

“I think he should resign,” Biden said, sticking by his position from March when he said the Democratic governor should resign if the AG investigation confirmed the sexual harassment claims.

Biden did not say when asked whether the New York state legislature should impeach Cuomo if he refused to step down. The president said he was sure some of Cuomo’s embraces of women were “totally innocent” as the governor has claimed.

“But apparently, the attorney general decided there were things that weren’t,” Biden said.

The president’s statement is the most devastating yet politically for Cuomo, who for months has resisted calls that he resign from prominent New York Democrats as he seeks to finish his third term. Cuomo is up for reelection in 2022.

The bombshell report released by New York Attorney General Letitia James’s office provided corroborated accounts of harassment by Como that included unwanted groping, kissing, hugging and inappropriate comments, including claims from one executive assistant who says Cuomo reached under her blouse and grabbed her breast.

Responding to the report in a 14-minute address, Cuomo remained defiant, making clear he plans to stay in office and denying the claims. The governor, who was not charged with any crimes, vowed to bring in a sexual harassment expert to train his staff.

“The facts are much different than what has been portrayed,” Cuomo said. “I want you to know directly from me that I never touched anyone inappropriately or made inappropriate sexual advances. I am 63 years old. I have lived my entire adult life in public view. That is just not who I am. And that’s not at all who I have ever been.”

At one point, Cuomo highlighted a photo montage that showed him kissing, hugging and embracing famous politicians and co-workers to push back at claims he inappropriately kissed a worker on her forehead.

“I do it with everyone,” Cuomo said. “I do banter with people. I do tell jokes – some better than others”

Cuomo, a Biden ally, visited the White House in February to discuss states’ needs during the coronavirus pandemic, just weeks before the governor became the subject of sexual misconduct claims.

Even before the AG investigation got underway, the majority of New York’s congressional delegation, including Senate Majority Leader Chuck Schumer, D-N.Y., and Sen. Kirsten Gillibrand, D-N.Y., called for Cuomo to resign in March after the allegations first surfaced publicly. Calls for him to resign renewed after the release of the report.

“No elected official is above the law,” the senators said Tuesday. “The people of New York deserve better leadership in the governor’s office. We continue to believe that the governor should resign.”

“We commend the brave women who came forward and spoke truth to power,” Rep. Hakeem Jeffries, D-N.Y., said in a statement. “The time has come for Governor Andrew Cuomo to do the right thing for the people of New York State and resign.”

In recent weeks, Cuomo had questioned the independence of the investigators. And his office has suggested James, a fellow Democrat, is interested in a run for governor herself, something James has not said publicly.

The report – which includes some previously unreported allegations – followed a five-month investigation. It contends Cuomo and his senior staff retaliated against at least one former employee, fostered a toxic workplace that enabled the harassment to occur and created a hostile work environment.

Among those Cuomo was found to have harassed included several members of his staff, a state trooper who was part of his security detail, an energy company employee, and a Department of Health doctor who administered a coronavirus test on him live on television last year.

“I believe these women,” James said, calling the claims “substantiated” and “corroborated” but saying it is up to Cuomo whether he resigns. “That decision is ultimately up to the governor of the state of New York.”

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Usa. Georgia. Audit elettorale riscontra voti contati più volte. Licenziamenti.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-07-23.

2021-07-22__ Georgia 001

Usa. Maricopa. Arizona Audit. Si evidenziano severe ‘discrepanze’ nello scrutinio del 2020.

Dopo la Arizona, adesso è il turno della Georgia a riscontrare severe frodi elettorali.

2021-07-22__ Georgia 002

*

«GA Secretary of State demands election officials be fired after duplicate ballots found»

«Georgia Secretary of State Brad Raffensperger on Thursday called for Fulton County Election Director, Rick Barron, and Registration Director, Ralph Jones, to be terminated from their positions immediately following reports of voter fraud in Georgia’s largest county»

«Rick Barron and Ralph Jones, Fulton’s registration chief, must be fired and removed from Fulton’s elections leadership immediately. Fulton’s voters and the people of Georgia deserve better»

«→→ This comes after images became available showing that nearly 200 absentee ballots in Fulton County were double counted ←←»

«Even The Atlantic Journal-Constitution, a left-leaning newspaper, reviewed the available digital ballots and found that hundreds of ballots were indeed, counted twice»

«A lawsuit filed in December by Voter GA claims there is significant evidence of fraudulent ballots and improper ballot counting in Fulton County»

«a judge ruled in favor of allowing it to move forward, seeking an analysis of all absentee ballots»

«The team’s analysis revealed that 923 of 1539 mail-in ballot batch files contained votes incorrectly reported in Fulton’s official November 3rd 2020 results»

«Joe Biden and total votes cast compared to their reported audit totals for respective batches»

«During the analysis, Voter GA claimed to have found seven falsified audit tally sheets containing fabricated vote totals for their respective batches»

«the error reporting rate in Fulton’s hand count audit is a whopping 60%»

«Along with the falsified sheets, the organization found more than 200 Fulton County mail-in ballot images containing votes not included in the hand count audit results for the November election»

«Besides Fulton County, an audit is currently underway in Arizona’s Maricopa County, after substantial claims of election fraud claims were made there as well»

* * * * * * *

Ovunque aleggino dei liberal democratici lì si trovano vermai di frodi elettorali.

*


GA Secretary of State Demands Election Officials Be Fired After Duplicate Ballots Found

Georgia Secretary of State Brad Raffensperger on Thursday called for Fulton County Election Director, Rick Barron, and Registration Director, Ralph Jones, to be terminated from their positions immediately following reports of voter fraud in Georgia’s largest county.

“Fulton County’s continued failures have gone on long enough with no accountability,” Raffensperger wrote on Twitter. “Rick Barron and Ralph Jones, Fulton’s registration chief, must be fired and removed from Fulton’s elections leadership immediately. Fulton’s voters and the people of Georgia deserve better.”

Georgia Secretary of State Brad Raffensperger on Thursday called for Fulton County Election Director, Rick Barron, and Registration Director, Ralph Jones, to be terminated from their positions immediately following reports of voter fraud in Georgia’s largest county.

“Fulton County’s continued failures have gone on long enough with no accountability,” Raffensperger wrote on Twitter. “Rick Barron and Ralph Jones, Fulton’s registration chief, must be fired and removed from Fulton’s elections leadership immediately. Fulton’s voters and the people of Georgia deserve better.”

This comes after images became available showing that nearly 200 absentee ballots in Fulton County were double counted.

Even The Atlantic Journal-Constitution, a left-leaning newspaper, reviewed the available digital ballots and found that hundreds of ballots were indeed, counted twice.

One video, posted by Heather Mullins of Real America’s Voice, alleges that you can see the same two ballots side-by-side, showing the exact same pen markings, with the exact same image number.

A lawsuit filed in December by Voter GA claims there is significant evidence of fraudulent ballots and improper ballot counting in Fulton County. Although the county and its election board filed motions to dismiss the case, a judge ruled in favor of allowing it to move forward, seeking an analysis of all absentee ballots.

Voter GA describes itself as a “non partisan, non profit, all volunteer, dues free coalition of citizens founded to restore election integrity in Georgia.”

According to a press release the organization published this week, hundreds of ballots contained noticeable irregularities. “The team’s analysis revealed that 923 of 1539 mail-in ballot batch files contained votes incorrectly reported in Fulton’s official November 3rd 2020 results,” Voter GA stated. “These inaccuracies are due to discrepancies in votes for Donald Trump, Joe Biden and total votes cast compared to their reported audit totals for respective batches. Thus, the error reporting rate in Fulton’s hand count audit is a whopping 60%.”

During the analysis, Voter GA claimed to have found seven falsified audit tally sheets containing fabricated vote totals for their respective batches. Along with the falsified sheets, the organization found more than 200 Fulton County mail-in ballot images containing votes not included in the hand count audit results for the November election.

Investment manager David Cross, who is working alongside Voter GA, told The Atlantic Journal-Constitution, “If we’re finding this in Fulton County, we’re probably going to find it throughout the state. The question is, why did it happen?”

“The simple fact that it happened and we found it here means that it probably occurred elsewhere,” Cross added.

Republicans have been laser-focused on pursuing election audits after many anomalies caused distrust in the 2020 election results. Besides Fulton County, an audit is currently underway in Arizona’s Maricopa County, after substantial claims of election fraud claims were made there as well.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata

Nexus. Un solo dipendente avrebbe dovuto costruire 180,000 banchi per Azzolina.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-09-19.

Banda-Bassotti-y

La società Nexus è diventata tristemente nota.

Nexus. Appaltati 180,000 Banchi monoposto a 250 euro. All’Ikea costano 37 euro.

«la Nexus made Srl di Ostia, sia tra le undici ditte vincitrici del discusso appalto che dovrebbe assicurare i nuovi arredi scolastici»

«Fattura 400.000 euro, però si è portata a casa una commessa di quasi 45 milioni di euro»

«figurare tra gli operatori «aggiudicatari del lotto A Cig 8377980FCB», riguardante i banchi scolastici monoposto nella tipologia tradizionale»

«il proprietario e amministratore unico, Franco Aubry, presente con una quota di 100 euro mentre il socio, Fabio Aubry, che fino al 2007 fabbricava tende, ha versato 3.900 euro di capitale»

«La società ha depositato il bilancio 2018 il 12 marzo 2020, il bilancio 2019 lo scorso 10 luglio»

««Non conosco questa azienda, non ne ho mai sentito parlare», ci risponde Emidio Salvatorelli, presidente di Vastarredo, la più importante industria di produzione di arredi scolastici, che certo non ignora quali siano i produttori italiani capaci di fornire in così poco tempo 180.000 banchi»

«Ci sembrava un numero elevato di pezzi, di cui solo 20.000 saranno consegnati il 12 settembre e ben 160.000 il 31 ottobre»

*

Un banco monoposto costa 250 euro l’uno.

Ma se si leggesse il catalogo dell’Ikea, si troverebbero dei prezzi oscillanti tra i 37 ed i 70 euro.

Ieri il Commissario Arcuri ha annunciato lo scioglimento del contratto.

Oggi emerge un altro fatto nuovo, da farsa se non fosse una tragedia.

Scuola, banchi: Arcuri, super-appalto da 45 milioni di euro a società fantasma

Ha un capitale sociale di 4 mila euro e un solo dipendente, avrebbe dovuto fornire 180 mila banchi, al costo di 248 euro l’uno.

La scuola sta per iniziare ma i problemi per le riaperture in sicurezza si moltiplicano. Ancora avvolta nel mistero la questione dei nuovi banchi, nonostante le rassicurazioni della ministra Azzolina: “Entro fine ottobre arriveranno tutti”. Il commissario Domenico Arcuri – si legge sulla Verità – ancora non ha rivelato i nomi delle undici società vincitrici della gara d’appalto per la fornitura dei banchi. Ma ne spunta una con caratteristiche non idonee, tanto che dopo averle assegnato la commessa il contratto è stato ritirato. Si tratta della Nexus made Srl di Ostia, ditta indicata in un’interrogazione della Lega.

E’ stata una delle undici società vincitrici, sebbene avesse un capitale sociale di 4 mila euro e un fatturato annuo di 400 mila euro. Si occupa – riporta la Verità – di “diffusione, promozione, organizzazione e gestione di manifestazioni, eventi, fiere e congressi”. Nonostante questo è riuscita ad impegnarsi per fornire 180 mila banchi al costo di 247,80 euro l’uno. Aggiudicandosi un super-appalto di quasi 45 milioni di euro. Dubbi sull’omonimia dell’amministratore delegato della società – riporta la Verità – Fabio Aubry, potrebbe essere lo stesso che con un’altra società ha ottenuto diverse commesse governative: addirittura per il G7 di Taormina e Ischia a maggio e ottobre del 2017.

* * * * * * *

«Ha un capitale sociale di 4 mila euro e un solo dipendente, avrebbe dovuto fornire 180 mila banchi, al costo di 248 euro l’uno».

Avete letto bene. Un solo dipendente, peraltro molto produttivo ……

Beh: tra due settimane andiamo a votare.

Il governo rossogiallo ha ben dimostrato ciò che intende fare.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Azzolina. Banchi monoposto girevoli: pagati 250€, costano 7.69€ da Alibaba.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-09-14.

2020-09-13__ Alibaba 001

Siamo debitori al sig Marco Russo, un ottimo e stimato amico, di questa informazione.

*

La vicenda è nota.

Nexus. Appaltati 180,000 Banchi monoposto a 250 euro. All’Ikea costano 37 euro.

Il mistero della mini ditta che ha vinto il maxi appalto da 45 milioni per i banchi.

*

È stata perpetrata una immane truffa ai danni dei Cittadini Contribuenti e degli studenti.

Si auspica una inchiesta della magistratura.

Guardate bene la fotografia.

I famigerati banchi monoposto della ministra Azzolina possono essere comprati da Alibaba con un entry level di 7.69€ l’uno. Ma, verosimilmente, ordinandone una milionata si potrebbe anche ottenere lo sconto.

Orbene.

In quali tasche sono finiti tutti gli altri denari?

Non si aggiunge altro per non finire nelle spire del codice penale.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata

CSM. Marco Mancinetti, Unicost, si dimette. Palamara colpisce ancora.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-09-09.

Varmaio 013

«Maria Vittoria Caprara da piu parti viene considerata di Cartoni (Corrado, all’epoca membro del Csm, ndr). Lei è libera di fare quello che vuole ma sta lì a 2200 euro al mese in + da 5 anni con i voti di unicost roma. Questo è intollerabile. Lei se ne deve andare da lì»

«Ciao Luca. Come va? Hai qualcuno da indicarmi al Coni con cui posso parlare per i biglietti dello stadio? Per portare anche Lollo»

*

2020-09-09__ La Verità 001

Alla fine nel Csm non resterà nessun magistrato. Questo è il sesto a dimettersi.

Il più innocente condannato all’ergastolo.

*


Bufera procure: si dimette altro consigliere Csm.

E’ Marco Mancinetti, togato di Unicost.

Un altro consigliere del Csm si è dimesso in relazione al “caso Palamara”. Si tratta di Marco Mancinetti, togato di Unicost. “Ho ricevuto pochi minuti fa la notifica dell’azione disciplinare nei miei confronti da parte della Procura generale per fatti inerenti alle attività amministrative svolte dalla precedente consiliatura, sulla base delle chat da me intrattenute con Luca Palamara – spiega lo stesso Mancinetti- Pur non essendovi alcun automatismo di legge, ho già rassegnato le mie dimissioni nelle mani del Vice Presidente del Consiglio superiore della Magistratura, per senso istituzionale e per evidenti ragioni di opportunità, nel pieno rispetto delle attività della Procura generale e nella convinzione di poter offrire ogni chiarimento nella sede competente”.

*


La saga dei Mancinetti è tutta online.

*


Csm, si dimette un altro consigliere citato nell’inchiesta su Luca Palamara: è il sesto caso. “Su di me aperta azione disciplinare”.

Passo indietro di Marco Mancinetti, togato di Unicost, la corrente moderata delle toghe. Era citato nelle chat col pm sotto inchiesta: “Pochi minuti fa la notifica dell’azione disciplinare nei miei confronti da parte della Procura generale”. L’anno scorso si erano dimessi Corrado Cartoni, Paolo Criscuoli, Antonio Lepri, Gianluigi Morlini e Luigi Spina, tutti attualmente sotto processo disciplinare.

Il caso Palamara non si ferma. E continua a provocare scosse di assestamente dentro al Consiglio superiore della magistratura. L’ultimo a cadere è Marco Mancinetti, togato di Unicost, la corrente moderata delle toghe: ha deciso di dimettersi da Palazzo dei Marescialli. Il motivo? Su di lui è stata aperta un’azione disciplinare dopo che la procura di Perugia ha intercettato le sue chat con Luca Palamara.

“Ho ricevuto pochi minuti fa la notifica dell’azione disciplinare nei miei confronti da parte della Procura generale per fatti inerenti alle attività amministrative svolte dalla precedente consiliatura, sulla base delle chat da me intrattenute con Luca Palamara – spiega lo stesso Mancinetti- Pur non essendovi alcun automatismo di legge, ho già rassegnato le mie dimissioni nelle mani del Vice Presidente del Consiglio superiore della Magistratura, per senso istituzionale e per evidenti ragioni di opportunità, nel pieno rispetto delle attività della Procura generale e nella convinzione di poter offrire ogni chiarimento nella sede competente”.

Tra le chat intercettate tra Mancinetti e Palamara c’è quella del febbraio 2018 in cui il primo si esprime sul collega Luciano Panzani: “Cmq leggendo nota di panzani ce da ridere. Lo dovete asfaltare è un matto”. Nel dicembre 2017 commenta il ruolo di Maria Vittoria Caprara, all’epoca magistrato segretario del Csm: “Maria Vittoria Caprara da piu parti viene considerata di Cartoni (Corrado, all’epoca membro del Csm, ndr). Lei è libera di fare quello che vuole ma sta lì a 2200 euro al mese in + da 5 anni con i voti di unicost roma. Questo è intollerabile. Lei se ne deve andare da lì”.

Mancinetti è il sesto consigliere del Csm a lasciare il Csm per vicende legate al “caso Palamara”. L’anno scorso si erano dimessi Corrado Cartoni, Paolo Criscuoli, Antonio Lepri, Gianluigi Morlini e Luigi Spina, tutti attualmente sotto processo disciplinare, come lo stesso Palamara. Processo che ricomincerà la prossima settimana. Aveva dovuto lasciare l’incarico anche un membro di diritto di Palazzo dei Marescialli, cioè l’allora procuratore generale della Cassazione, Riccardo Fuzio, che ha anticipato la sua uscita dalla magistratura dopo essere finito indagato per rivelazione di segreto d’ufficio. Il suo successore, Giovanni Salvi, ha dovuto costituire una apposita task force di sostituti incaricata di passare al setaccio tutte le chat, le conversazioni, gli sms conservati nel cellulare di Palamara, per valutare l’apertura di procedimenti disciplinari. Tra questi pure quello di Mancinetti, che ora fa un passo indietro.

*



Da Ermini a Cascini e Mancinetti. La rete delle chat sul nuovo Csm.

Molto alto il numero di messaggi in cui sono nominati consiglieri. Lo è di meno quello di chi ha attivamente chiacchierato .

L’esame delle chat di Luca Palamara in cui compaiono i nomi dei consiglieri del Csm è ancora in corso, ha spiegato ieri il procuratore generale della Corte di Cassazione, Giovanni Salvi. Il numero di chat in cui i membri del Csm sono nominati è molto alto. Più circoscritto l’elenco di chi ha scambiato direttamente messaggi con Palamara. Riportiamo alcuni messaggi. Non tutti hanno ovviamente una rilevanza disciplinare. Toccherà al Csm e alla Procura generale della Cassazione stabilire quali.

Partiamo da quelli del vicepresidente David Ermini che, lo ricordiamo, deve la sua nomina proprio all’asse che Luca Palamara ha creato tra Unicost e Magistratura Indipendente, con l’avallo del parlamentare Pd Cosimo Ferri. Investitura avvenuta dopo l’indicazione del suo nome, in quota Pd, fatta da Luca Lotti e sancita, nel settembre 2018, durante una cena a casa di Giuseppe Fanfani, ex membro del Csm e parlamentare del centrosinistra. E proprio ai giorni in sta per diventare vice presidente del Csm che risalgono i primi messaggi tra Palamara ed Ermini: “Tutto procede bene” gli scrive il primo. “Grazie” gli risponde il secondo. E quando il 27 settembre Ermini viene eletto, Palamara gli invia questo messaggio: “Godo!!!!!!! Insieme a te!!!!”. Il 18 ottobre Ermini gli chiede un aiuto per un convegno di stampo sindacale. Palamara era intervenuto in un contesto simile l’anno prima. Ed Ermini gli scrive: “Mi mandi un paio di punti per la traccia dell’intervento di domani?”. A novembre i due discutono di un altro componente del Csm, Piercamillo Davigo. “Anche stasera Davigo debole…” scrive Palamara, ed Ermini risponde: “Va troppo spesso in tv… secondo me così si inflaziona…”. “Sì, hai ragione, si sta bruciando” conferma Palamara. Ed Ermini: “Alla fine non fa più notizia”.

Scambi di messaggi anche tra Palamara e Marco Mancinetti che nel settembre 2017 gli scrive: “Allora ti do i dati di mio figlio (…)”. “Ok” gli risponde Palamara. Secondo alcune ricostruzioni – che Mancinetti ha sempre smentito, minacciando querele – i dati servivano per l’iscrizione in un’università albanese per la quale Palamara s’era impegnato. Nel febbraio 2018 Mancinetti si esprime sul collega Luciano Panzani: “Cmq leggendo nota di panzani ce da ridere. Lo dovete asfaltare è un matto”. Nel dicembre 2017 commenta il ruolo di Maria Vittoria Caprara, all’epoca magistrato segretario del Csm: “Maria Vittoria Caprara da piu parti viene considerata di Cartoni (Corrado, all’epoca membro del Csm, ndr). Lei è libera di fare quello che vuole ma sta lì a 2200 euro al mese in + da 5 anni con i voti di unicost roma. Questo è intollerabile. Lei se ne deve andare da lì”.

C’è uno scambio di messaggi anche con Giuseppe Cascini: “Ciao Luca. Come va? Hai qualcuno da indicarmi al Coni con cui posso parlare per i biglietti dello stadio? Per portare anche Lollo”. Cascini spiega di avere la sua tessera ma che in segreteria, al Csm, gli hanno detto di non avere altri biglietti. “Se vuoi – risponde Palamara – chiediamo per altro posto alla Roma come per Rocco”. Nell’agosto 2017 invece Palamara scambia messaggi con il fratello Francesco Cascini che sembrano riguardare il suo curriculum di magistrato: “Ciao Luca ho mandato l’integrazione sai qualcosa? Grazie”. “Ti aggiorno tra poco” risponde Palamara. “Grazie” continua Francesco Cascini “Ma secondo te come si mette?”. “Sto cercando di rimetterla a posto. Sono fiducioso” replica Palamara. Il 20 settembre Palamara scrive a Giuseppe Cascini: “Francesco ok”. “Grazie Luca” gli risponde il collega. Il laico M5S Fulvio Gigliotti spedisce solo messaggio d’auguri natalizi. L’augurio di uscire dall’inchiesta di Perugia a testa alta arriva invece da Giuseppe Marra.

Nel 2017 gli scrive anche Michele Ciambellini: “Ho saputo del grande lavoro che stai facendo su Bari! Puoi immaginare quanto sia importante anche per me in prospettiva. Ti ringrazio e ti abbraccio. A presto”. Infine Concetta Grillo che, nell’aprile 2018, in più d’un messaggio spende buone parole per il collega Giuseppe Tigano per gli uffici di Caltanissetta e Agrigento. “Sono profili professionali equivalenti (…) Tigano nostro da sempre ci sta dando una grande mano e al di là di tutto è bravo”.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Avvocato dell’FBI si dichiara colpevole di aver alterato documenti contro Mr Trump.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-08-15.

FBI 001

«A former FBI attorney is preparing to plead guilty to altering an email used to obtain a surveillance warrant on former Trump campaign aide Carter Page, producing the first concrete results of a review Attorney General William Barr ordered into the FBI’s handling of the investigation into contacts between Donald Trump’s 2016 campaign and Russia»

«The former FBI attorney, Kevin Clinesmith, will plead to a single felony count of making a false statement»

«Kevin deeply regrets having altered the email. It was never his intent to mislead the court or his colleagues as he believed the information he relayed was accurate, …. But Kevin understands what he did was wrong and accepts responsibility.»

«The altered email was among the explosive findings in Justice Department Inspector General Michael Horowitz’s review of the FBI’s handling of the surveillance warrant against Page»

«He also found the warrant and three renewals were riddled with errors and omissions, some of them significant»

«The formal criminal charge — a five-page document detailing Clinesmith’s offense filed in Washington D.C.’s federal district court on Friday — does not suggest a broader conspiracy to take down or damage Trump»

«It is likely however, to fuel the president’s allegations that the FBI abused its power to spy on his campaign and damage him after the election»

«Trump blasted Clinesmith at the outset of a Friday press conference, calling him “a corrupt FBI attorney.”»

«Trump has urged Barr and Durham to investigate former president Barack Obama and former vice president Joe Biden»

«Bill Barr has the chance to be the greatest of all time, but if he wants to be politically correct, he’ll be just another guy, because he knows all the answers, he knows what they have, and it goes right to Obama and it goes right to Biden»

«“Relying on the altered email, [the supervisory FBI agent] signed and submitted the application to the court on June 29, 2017,” prosecutors said.»

«Also Pence is stupid»

«The felony false-statement charge Clinesmith is set to plead guilty to carries a maximum possible punishment of five years in prison»

*

«Clinesmith’s case was assigned to U.S. District Court Judge James Boasberg, an Obama appointee»

«Court records show the case is being prosecuted by Durham as well as an assistant U.S. attorney from Durham’s Connecticut office, Neeraj Patel, along with Washington-based Assistant U.S. Attorney, Anthony Scarpelli.»

* * * * * * *

Riassumiamo.

– Mr Kevin Clinesmith, all’epoca dei fatti avvocato della Cia, ha alterato il testo di una e-mail poi usata per sostenere le accuse di intelligenza con il nemico da parte di Mr Trump.

– Mr Kevin Clinesmith si presenterà in giudizio, presieduto dal giudice della corte distrettuale James Boasberg, e si dichiarerà colpevole: reo confesso.

– Tutto il gran vociare di una connection tra Mr Trump e la Russia risulta essere basata solo su menzogne e documenti alterati o falsi.

*


Ex-FBI Lawyer Pleads Guilty in Move Trump Sees Hurting Biden.

– Admission to altering email early in probe of Russia meddling

– Trump makes unsupported claim of spying by Obama and Biden

*

A former FBI lawyer agreed Friday to plead guilty to falsifying a document that was part of a broad investigation into Russia’s interference in the 2016 election, in the first criminal charge under an inquiry into whether government officials committed wrongdoing.

The former lawyer, Kevin Clinesmith, admitted he altered an email from the CIA that investigators used to seek renewed court permission for a secret wiretap on former Trump campaign adviser Carter Page in 2017. Clinesmith changed the email to incorrectly say that Page hadn’t been a CIA source.

Trump and his conservative allies seized on the development to bolster their unsupported claim that former President Barack Obama and Vice President Joe Biden — Trump’s re-election opponent this year — spied on his 2016 presidential campaign and then worked to sabotage his early presidency.

The president described Clinesmith as “a corrupt FBI attorney who falsified FISA warrants in James Comey’s very corrupt FBI.”

“Fact is they spied on my campaign and they got caught, and you’ll be hearing more,” Trump said at a White House news conference.

Clinesmith altered an email for one warrant to the special court that oversees the Foreign Intelligence Surveillance Act, not multiple warrants as Trump said, and did so in June 2017 after Trump fired Comey.

More broadly, the case against Clinesmith involves a lower-level official and doesn’t provide evidence to back up the assertion that there was a broad criminal conspiracy against Trump led from the White House.

‘Deeply Regrets’

Clinesmith will plead guilty to the charge but there won’t be a court appearance on Friday, his lawyer, Justin Shur, said in an email.

“Kevin deeply regrets having altered the email,” Shur said. “It was never his intent to mislead the court or his colleagues as he believed the information he relayed was accurate. But Kevin understands what he did was wrong and accepts responsibility.”

The charge is part of a criminal investigation that Attorney General William Barr opened last year into the FBI’s Russia probe, which sought to determine whether anyone associated with Trump’s campaign conspired with Russia to interfere in the 2016’s election. The investigation, which is being led by U.S. Attorney John Durham, is examining actions that law enforcement and intelligence officials took in the early stages of the investigation into Russia’s election interference.

On Thursday, Trump warned Barr that he shouldn’t be “politically correct” and “just get a couple of the lower guys.”

“Bill Barr has a chance to be the greatest of all time, but if he wants to be politically correct he’ll be just another guy because he knows all the answers,” Trump said in the interview with Maria Bartiromo of Fox Business Network. “He knows what they have, and it goes right to Obama and it goes right to Biden.”

Trump and his allies have said they expect findings from Durham’s probe to be made public in the weeks before the election that they can use against Biden.

Barr is facing criticism that he’s politicizing the Justice Department and is going to violate a policy under which prosecutors aren’t supposed to make public moves that could sway an election.

Hours after Trump’s warning, Barr said that a new development in the investigation was coming and that he planned to reveal more in the coming weeks.

Barr denied he’s bending to politics or election considerations in the interview with Fox News host Sean Hannity.

“I have said there are going to be developments, significant developments, before the election,” Barr said. “But we’re not doing this on the election schedule. We’re aware of the election. We’re not going to do anything inappropriate before the election.”

*


Former FBI lawyer set to plead guilty to altering email during Russia investigation.

An FBI lawyer who worked on the surveillance warrant of former Trump foreign policy adviser Carter Page plans to plead guilty Friday to making a false statement in an email as part of an investigation into the Russia investigation.

Kevin Clinesmith plans to admit to one charge of altering an email to another official in 2017 that said Page wasn’t a previous government source, when he had been one.

Clinesmith had also been critical of President Donald Trump when he worked for the FBI.

Friday’s charge represents the first public production from the highly anticipated Durham investigation and will likely provide political fodder for Trump amid a storm of negative headlines regarding his management of the coronavirus pandemic.

“Kevin deeply regrets having altered the email,” Clinesmith’s lawyer, Justin Shur, said in a statement Friday. “It was never his intent to mislead the court or his colleagues as he believed the information he relayed was accurate. But Kevin understands what he did was wrong and accepts responsibility.”

Judge James Boasberg of the US District Court in Washington, who also is the presiding judge of the Foreign Intelligence Surveillance Court that approved the Page warrants, was assigned to handle Clinesmith’s criminal case on Friday, according to the court record.

Trump kicked off his Friday afternoon briefing with a brief reference to Clinesmith.

“That’s just the beginning… what happened should never happen again. He is pleading guilty, terrible thing, terrible thing. The fact is they spied on my campaign and they got caught and you’ll be hearing more,” Trump said.

However, the court documents laying out the single charge against Clinesmith don’t make any broader allegation of a conspiracy by FBI investigators against Trump, an accusation Trump has frequently made. Instead it shows another FBI official who signed the fourth FISA warrant raising a concern about whether Page was a CIA source and seeking email proof when Clinesmith downplayed the CIA relationship with Page.

CIA process

The documents also offer a window into the bureaucratic process the CIA — referred to as another government agency in the court record — uses to document its interaction with an American, and the efforts a CIA employee made to ensure there was a record of its history with Page.

Clinesmith was a lower-level FBI attorney working on the early Russian investigation into Page and other Trump-connected advisers, then known at Crossfire Hurricane.

The documentation Clinesmith worked on was intended to back up applications for surveillance of Page in 2016 and 2017, whom the FBI believed was acting as an agent of Russia. Page was never charged with a crime.

The CIA had told the Crossfire Hurricane team in mid 2016 that Page was a contact years earlier providing information on interactions with people associated with Russian intelligence. Investigators secured a warrant to surveil Page, and renewed three times into 2017. On the fourth renewal, Clinesmith changed an email from the CIA saying Page was a source when he forwarded the information to a supervisor. The email Clinesmith changed said Page, who is called Individual #1 in the charging document, was “not a ‘source’,” according to the court papers.

“The defendant had altered the original June 15, 2017, email from the [other government agency] liaison by adding the words ‘and not a source’ to the email, thus making it appear that the [agency] liaison had written in the email that Individual #1 was ‘not a source’,” prosecutors wrote about his charge.

Page investigation revealed email error

Clinesmith’s error over email was first discovered by the Justice Department’s independent inspector general Michael Horowitz last year. Horowitz said in December he had referred the matter for further investigation, and Clinesmith’s handling of the surveillance application became part of US Attorney John Durham’s work in understanding the intelligence and steps taken in the early takes of the Russia investigation.

The inspector general also found highly partisan messages sent by Clinesmith that insulted Trump and Vice President Mike Pence.

Despite the error, Horowitz did not find that the problems with Clinesmith undermined the overall validity of the surveillance. The Justice Department later decided two renewals of Page’s surveillance were invalid, as Durham continued to look into the early intelligence and approach to the Russia investigation by the FBI and national security officials.

Trump focusing on Durham probe of Russia investigation

Trump has increasingly pointed toward the probe as a means for redemption after years of intense scrutiny of his presidential campaign and administration by special counsel Robert Mueller, and he has used unfounded conspiracies about the launch of the Russia investigation under the Obama administration to try and tar former Vice President Joe Biden, his presumptive rival in the 2020 race.

Durham’s pace, however, has become a point of frustration for the White House, and Friday’s news came after complaints from the President and promises from the Attorney General William Barr.

Barr teased the announcement late Thursday in an interview with a Fox News program that Trump is known to watch regularly — just hours after Trump told the network that he hoped Durham and Barr would not shy away from more serious conclusions and appeared to belittle prospective charges against Clinesmith.

“I hope they’re doing a job, I hope they’re not going to be politically correct and say, well you know, we want to go, just get — let’s get the lower guys that forged the documents going into FISA,” Trump said.

Durham, a longtime federal prosecutor from Connecticut, has been tapped by attorneys general from both parties to lead sensitive special investigations, and is known for being meticulous, if slow. A probe into the CIA’s use of so-called enhanced interrogation techniques against detainees that he conducted under the Obama administration took about three years to complete.

Barr had targeted an early summer completion for Durham’s work earlier this year, although that date has since slipped into the winter as Durham has negotiated with witnesses for cooperation. The pandemic also took a toll, Barr has said.

Among Trump’s wish list of political scalps are senior former Obama national security officials, including former CIA Director John Brennan and James Clapper, the former director of national intelligence, and allegations about their handling of intelligence about Trump is still under review by Durham. Neither has been charged with any crime.

Durham’s recent efforts

Glimpses into other arms of the probe have emerged from witnesses who have been questioned in recent months.

Neither Brennan nor Clapper have met with Durham yet. A spokesman for Brennan said discussions for an interview have been ongoing and that one issue remains that Brennan requires access to his papers from his time at the CIA, which the Trump administration has blocked.

In recent weeks, James Baker, former FBI general counsel during the Russia investigation, sat with Durham’s team for an interview and was quickly brought back for follow-up questions, according to a person briefed on the matter.

A grand jury in Washington’s federal court, which Durham was using as part of his investigation, also has resumed work, people familiar with the matter said.

On Wednesday, Barr said that he was aiming to release some of Durham’s conclusions ahead of the November election, but also opened up the possibility that the review could extend even further.

“We’re all aware of the calendar and we’re not going to do anything for the purposes of affecting an election, but we are trying to get some things accomplished before the election,” Barr told conservative commentator Buck Sexton.

Durham, meanwhile, had remained silent as his investigation progressed, with the exception of an unusual statement in December that rebutted a conclusion by the Justice Department’s inspector general about the propriety of the opening of the Russia probe.

At the time, Durham said that he disagreed with a finding included in the inspector general report that said the FBI had adequate reason to open their counterintelligence investigation in 2016, basing the statement, he said, on evidence from people in the US and outside of the US that may have been unreachable to the inspector general’s investigators.

*


Former FBI attorney to plead guilty for altering email in Russia probe.

A former FBI attorney is preparing to plead guilty to altering an email used to obtain a surveillance warrant on former Trump campaign aide Carter Page, producing the first concrete results of a review Attorney General William Barr ordered into the FBI’s handling of the investigation into contacts between Donald Trump’s 2016 campaign and Russia.

The former FBI attorney, Kevin Clinesmith, will plead to a single felony count of making a false statement, though his lawyer said it was not his intent to mislead the court that approved the original warrant in 2016 and three renewals in 2017.

“Kevin deeply regrets having altered the email. It was never his intent to mislead the court or his colleagues as he believed the information he relayed was accurate,” Clinesmith’s lawyer Justin Shur said in a statement. “But Kevin understands what he did was wrong and accepts responsibility.”

The altered email was among the explosive findings in Justice Department Inspector General Michael Horowitz’s review of the FBI’s handling of the surveillance warrant against Page. He also found the warrant and three renewals were riddled with errors and omissions, some of them significant.

The findings led the Justice Department to rescind two of the renewal warrants, though Horowitz did not ultimately conclude that the FBI lacked a basis to surveil Page altogether.

The formal criminal charge — a five-page document detailing Clinesmith’s offense filed in Washington D.C.’s federal district court on Friday — does not suggest a broader conspiracy to take down or damage Trump. It is likely however, to fuel the president’s allegations that the FBI abused its power to spy on his campaign and damage him after the election.

Trump blasted Clinesmith at the outset of a Friday press conference, calling him “a corrupt FBI attorney.”

“So that’s just the beginning, I would imagine because what happened should never happen again,” Trump said.

Trump has called for widespread prosecutions of those in the FBI and intelligence community he perceives as his political enemies, contending that the entire investigation of his campaign’s contacts with Russia was a “witch hunt” against him. Horowitz’s probe, despite its findings of wrongdoing by Clinesmith and problems with the FISA applications, concluded that the FBI had a legitimate basis to investigate the campaign’s contacts with Russia.

In an unusual statement issued at the time Horowitz released his report, Barr and U.S. attorney for Connecticut John Durham — whom Barr tapped to lead an unusual review of the Russia probe — indicated they disagreed with some of the inspector general’s conclusions. Trump has urged Barr and Durham to investigate former president Barack Obama and former vice president Joe Biden, but Barr has indicated the probe will not reach them.

Trump has been almost uniformly supportive of Barr in public, but in an interview this week, the president hinted at some concern that the attorney general was being too timid in targeting those Trump views as responsible for the Russia investigation.

“Bill Barr has the chance to be the greatest of all time, but if he wants to be politically correct, he’ll be just another guy, because he knows all the answers, he knows what they have, and it goes right to Obama and it goes right to Biden,” Trump told Fox News.

Barr did foreshadow the Clinesmith plea during a Fox News appearance late Thursday, indicating that a development — one the attorney general described as not particularly major — was forthcoming in Durham’s ongoing review of the Trump-Russia investigation.

In their explanation of the allegations against Clinesmith, prosecutors indicated that Clinesmith altered a June 2017 email that was used in one of the Page surveillance renewals. The alteration followed a discussion with colleagues about whether Page had a history as a CIA source.

Clinesmith, in internal messages, indicated that he believed Page was a “subsource” but never a source, and when a superior asked if he had it in writing, Clinesmith forwarded an email from a CIA liaison but added his own words to it to underscore his view that Page was “not a source.”

“Relying on the altered email, [the supervisory FBI agent] signed and submitted the application to the court on June 29, 2017,” prosecutors said.

Clinesmith was removed from special counsel Robert Mueller’s probe after Horowitz discovered internal messages that revealed he espoused anti-Trump sentiment. Mueller also removed FBI officials Peter Strzok and Lisa Page after discovering similarly anti-Trump messages, though all officials have argued their personal political views did not influence their investigative decisions.

Among the messages Horowitz uncovered was one sent the day after Trump’s election in 2016:

“Who knows if the rhetoric about deporting people, walls, and crap is true. I honestly feel like there is going to be a lot more gun issues, too, the crazies won finally,” Clinesmith wrote. “This is the tea party on steroids. And the GOP is going to be lost, they have to deal with an incumbent in 4 years. We have to fight this again. Also Pence is stupid.”

Two weeks later, when a colleague asked Clinesmith about whether he was rethinking his commitment to serving in the Trump administration, Clinesmith replied “Hell no” and added “Viva le resistance.”

The felony false-statement charge Clinesmith is set to plead guilty to carries a maximum possible punishment of five years in prison. However, defendants typically get shorter sentences in accordance with federal sentencing guidelines and many who plead guilty to a false-statement charge receive no prison time.

Clinesmith’s case was assigned to U.S. District Court Judge James Boasberg, an Obama appointee.

Court records show the case is being prosecuted by Durham as well as an assistant U.S. attorney from Durham’s Connecticut office, Neeraj Patel, along with Washington-based Assistant U.S. Attorney, Anthony Scarpelli.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Giustizia, Persona Umana, Vizi e Depravazioni

Ostia. Pedofilo rom in spiaggia vendeva un bambino di tre anni.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-28.

Pedofilia 013

Si legga con grande attenzione.

Se grida vendetta a Dio ed agli uomini la pedofilia ed il pedofilo, ancor peggio sarebbe per i giudici così benevoli da rimetterli prontamente in libertà, anche se fossero noti recidivi.

* * * * * * *

Ostia, offre figlio di 3 anni per prestazioni sessuali: arrestato.

«Sul lungomare di Ostia aveva offerto il figlio di 3 anni per prestazioni sessuali in cambio di soldi. L’uomo, un 23enne di etnia rom, è stato denunciato e arrestato dalla guardia di finanza con l’accusa di sfruttamento della prostituzione minorile, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

Secondo quanto ricostruito, ieri il 23enne, camminando sul lungomare di Ostia tra lo stabilimento ‘Mariposa’ e lo stabilimento ‘Il Finanziere’ con il piccolo in braccio, ha avvicinato alcuni anziani chiedendo soldi in cambio del bambino. Qualcuno però ha chiamato la Guardia di Finanza e sul posto è arrivata una pattuglia. A quel punto il 23enne ha lasciato il bambino ed è scappato. Quando i finanzieri lo hanno bloccato ha opposto resistenza sferrando calci e pugni ai militari.

L’uomo, che viveva con il figlio in un palazzo popolare di Ardea, ha numerosi precedenti per furto, stupefacenti e danneggiamenti. Arrestato è stato portato a Regina Coeli. Il bimbo, che era denutrito e disidratato, si trova ora in ospedale con gli assistenti sociali ed è sotto la tutela del tribunale dei minori.»

*

Pedofilia a Ostia, l’appello di Tirrito e Picca: “Subito una campagna per tutelare i bambini”

«La vicepresidente del Movimento Nazionale Spontaneo “Bambini Strappati”: “Loro sono il nostro futuro e non possiamo permettere che qualcuno violi la loro dignità”.

Bambini violentati o “venduti” ai passanti per pochi soldi. La cronaca degli ultimi giorni fotografa un’immagine inquietante di Ostia. “Nel X Municipio di Roma, in meno di una settimana, si è assistito a un’escalation di reati contro i minori, pedofilia ma non solo”, denuncia Maricetta Tirrito, vicepresidente del Movimento Nazionale Spontaneo “Bambini Strappati”.

“Prima la bimba violentata dal vicino di casa (leggi qui), cui era stata affidata dai genitori, ieri il giovane rom che vende un piccolo di pochi anni ai passanti sul lungomare di Ostia (leggi qui). Storie raccapriccianti dove emerge tutta la vulnerabilità dei minori ma anche la necessità di aumentare le forze in campo per proteggere i più piccoli”, prosegue Tirrito.

“Faccio appello a tutte le Istituzioni del territorio affinché sia lanciata al più presto una campagna di sensibilizzazione a tutela dei minori. Loro sono il nostro futuro e non possiamo permettere che qualcuno violi la loro dignità“, conclude Tirrito.

Parole alle quali fanno eco quelle di Monica Picca, capogruppo della Lega nel X Municipio di Roma, che si scaglia contro l’amministrazione Raggi: “Mentre i cittadini del X Municipio assistono attoniti e sgomenti all’arresto di un Rom che tentava di offrire un bambino di due anni per atti sessuali, la Sindaca Virginia Raggi ci regala l’ennesima assurdità partorita dalla sua amministrazione: diecimila euro alle famiglie nomadi per lasciare i campi“.

Non osiamo immaginare cosa sarebbe successo se quei soldi fossero finiti in tasca a un individuo del genere. Da anni ci battiamo per la regolarizzazione di zone off-limits per cittadini e forze dell’ordine come l’ex colonia Vittorio Emanuele, e in cambio otteniamo una proposta scellerata come questa”, conclude Picca.»

*

Ostia, rom offre bambino in cambio di denaro, bagnante lo fa arrestare.

«L’uomo ha provato a vendere “una prestazione sessuale” con il bimbo di 2 anni che teneva per mano. La polizia non esclude la pista del rapimento.

“C’è un uomo qui fuori che mi ha chiesto se mi interessava pagarlo per avere una prestazione sessuale con il bambino che teneva per mano. Andate a prenderlo”. A denunciare l’episodio alla Guardia di Finanza è stato un turista, scioccato per l’assurda proposta avanzatagli da un uomo di origini romene. La vicenda è raccontata dal Messaggero, che spiega come l’approccio sia avvenuto sul lungomare Amerigo Vespucci, a Ostia, vicino allo stabilimento delle Fiamme Gialle.

L’uomo – un cittadino romeno di 25 anni – teneva per mano un bambino biondo di circa 2 anni, che le forze dell’ordine hanno poi trovato in stato di disidratazione. Alla segnalazione del turista, è partita la caccia all’uomo, che ha lasciato il piccolo da solo sul marciapiede e ha cercato di fuggire arrampicandosi sui tetti delle auto in sosta. Quando gli agenti lo hanno raggiunto, ha dato in escandescenza e si è scagliato contro di loro. Ora sono in corso le indagini per chiarire il rapporto tra il nomade e il bambino; la polizia non esclude la pista del rapimento. Soccorso dai militari, il bambino – riporta il Messaggero – sembrava impietrito: non riusciva a parlare né a piangere, voleva soltanto bere.»

*

Bimbe abusate in spiaggia a Ostia. Arrestato pedofilo

«Molestate in un lido tre amichette di nove anni. L’uomo, M.T. è marito e padre, nei prossimi giorni sarà ascoltato dal giudice per le indagini…”

*

Roma, a Ostia algerino molesta ragazzine in spiaggia: rischia il linciaggio, poi l’arresto.

«Panico ieri in spiaggia, in uno stabilimento a Ostia. Un algerino ha iniziato a molestare verbalmente due ragazzine minorenni scatenando la rabbia di alcune persone che hanno tentato di aggredirlo. L’intervento della polizia ha riportato la calma, ma un romano di 26 anni è intervenuto in aiuto dell’algerino e si è scagliato contro la volante.

Il romano è stato arrestato dagli agenti per resistenza, lesioni e minacce a pubblico ufficiale, danneggiamento dei beni dello Stato, rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale. L’algerino è stato arrestato per resistenza e minacce a pubblico ufficiale. L’algerino è stato anche denunciato a piede libero per molestie sessuali e il romano per favoreggiamento. Entrambi sono finiti ai domiciliati in attesa del giudizio per direttissima.»

* * * * * * *

Che Ostia sia un ricettacolo di pedofili è cosa ben nota da tempo. Ecco un titolo del 31 agosto 2019.

Ostia, allarme pedofilo in spiaggia: «Toccava le nostre figlie nascosto dal getto dell’idromassaggio della piscina».

«Le ha prima seguite, poi le ha avvicinate con una scusa e, lontano dagli occhi dei genitori, ha iniziato a toccarle nelle parti intime. Le vittime innocenti sono cinque bambine tra i 9 e 12 anni che erano allo stabilimento “La Bicocca” su Lungomare Amerigo Vespucci a Ostia per passare una giornata al mare. Le bambine, che l’uomo ha palpeggiato più di una volta, dopo un primo momento di esitazione, vista l’insistenza dell’uomo, che approfittava della copertura dell’acqua per molestarle, si sono allontanate e, terrorizzate, hanno avvertito i genitori. L’uomo, di circa 45 anni e padre di un bambino di due, a quanto apprende Leggo è stato individuato dai carabinieri di Ostia e denunciato.

Secondo quanto ricostruito da Leggo, l’uomo che era in compagnia della moglie e del figlio di due anni, intorno alle 17 di venerdì ha molestato nella zona delle piscine cinque bambine. Allo Stabilimento “La Bicocca”, contattato da Leggo, non hanno una gran voglia di commentare l’accaduto: «Se volete sapere i prezzi del Lido – hanno detto al telefono – ve li possiamo dare, per altre cose chiamate le forze dell’ordine».

Sembrava una normalissima giornata di mare, con tanto sole e tanto caldo. Cinque amichette che passavano il pomeriggio insieme, con le loro mamme, trascorrevano le ultime giornate di vacanza prima del rientro a scuola al mare. Un predatore, in grado di sfruttare l’ingenuità di bambine piccole e indifese.

Il quarantacinquenne, secondo quanto emerge dalla denuncia rilasciata dai genitori di una delle bambine, ha prima visto che una delle mamme si era allontanata momentaneamente dal gruppo delle amichette e ha deciso di seguirle.

Dopo aver visto che le bambine entravano in piscina ha fatto lo stesso e si è  avvicinato alle ragazzine. Poi nella zona dell’idromassaggio, sfruttando il movimento dell’acqua che ne proteggeva i gesti, ha palpeggiato più volte il sedere delle bimbe. Le minori, impaurite, sono uscite di corsa dalla piscina, andando vicino ai bagni, ma l’uomo, non contento, le ha raggiunte nuovamente, continuando a palpeggiarle.

Chiaramente spaventate, a quel punto le bimbe sono immediatamente corse dalle mamme per raccontare tutto. I genitori a quel punto senza perdere tempo hanno segnalato il fatto con ben cinque denunce alla Caserma Carabinieri di Ostia. L’uomo è stato individuato e denunciato alla Procura della Repubblica con l’accusa di violenza sessuale.»

Ma cosa mai succede?

Una volta arrestati il giudice prontamente li rilascia.

Pedofilo molesta due ragazze di 13 e 14 anni ma evita il carcere: «Troppo duro per lui.

«Secondo i giudici la prigione non sarebbe adatta, così un pedofilo evita il carcere. Kyle Sweet, 19 anni, ha molestato sessualmente due ragazze di 13 e 14 anni ….

Il 19enne è stato arrestato a Blackpool e processato. Secondo i magistrati dovrà scontare 14 anni di carcere, ma l’ambiente non sarebbe adatto per lui, viste le condizioni attuali, così trascorrerà i prossimi 3 anni in una comunità. Dopo una prima reclusione, infatti, l’uomo ha subito molestie da parte degli altri galeotti, le guardie hanno provato a proteggerlo, ma non era gestibile la situazione, come riporta anche Metro, così è stato necessario allontanarlo dal carcere.

Il giudice ha sostenuto che parte dell’operato del 19enne sia dovuta alla giovane età, secondo il magistrato Sweet avrebbe sottovalutato la gravità delle sue azioni, per questo gli verrà concessa una riabilitazione per poter affrontare meglio il carcere e poi il successivo reintegro nella società.»

* * * * * * *

Si è depravati prima nella mente e nel cuore, quindi negli atti susseguenti, anche quelli sessuali.

Se i rapporti contro natura tra persone adulte e consenzienti assumono particolare gravità nel momento in cui diventano di pubblico dominio, quelli contro i bambini inducono un grande senso di ribrezzo. Sono da condannarsi senza possibilità di appello, anche tenendo conto che i pedofili sono per loro intrinseca natura dei recidivi.

Nel primo caso riportato di Ostia

«L’uomo, che viveva con il figlio in un palazzo popolare di Ardea, ha numerosi precedenti per furto, stupefacenti e danneggiamenti. Arrestato è stato portato a Regina Coeli. Il bimbo, che era denutrito e disidratato, si trova ora in ospedale con gli assistenti sociali ed è sotto la tutela del tribunale dei minori.»

Con una fedina penale di tal fatta, quel signore avrebbe dovuto trovarsi in galera, magari con il 41 bis.

Desta stupore e sconcerto come nell’immaginario collettivo si stia sviluppando un senso di complicità con i pedofili.

«L’intervento della polizia ha riportato la calma, ma un romano di 26 anni è intervenuto in aiuto dell’algerino e si è scagliato contro la volante.

Il romano è stato arrestato dagli agenti per resistenza, lesioni e minacce a pubblico ufficiale, danneggiamento dei beni dello Stato, rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale. L’algerino è stato arrestato per resistenza e minacce a pubblico ufficiale. L’algerino è stato anche denunciato a piede libero per molestie sessuali e il romano per favoreggiamento. Entrambi sono finiti ai domiciliati in attesa del giudizio per direttissima.»

Da ultimo, ma non certo per ultimo, il comportamento dei giudici è quanto mai riprovevole.

Concedere gli arresti domiciliari per reati di tal fatta o comminare sentenze irrilevanti che finiscono per non esser mai scontate è segno palese di complicità, così come la voluta omissione di non aver considerato le plurime recidive.

Poi le sinistre si scagliano contro quanti prendessero posizioni nette.

Romania. Proibito l’insegnamento della teoria del gender. Europarlamento in tilt.

Romania. Lo speaker Florin Iordache fa il gesto del dito ai gerarchi della EU, in europarlamento.

Duda, Presidente polacco, dichiara che ‘Lgbt è una ideologia peggiore del comunismo’.

Berlino. Da trenta anni le Autorità affidavano i trovatelli ai pedofili.

Germania. Nel 2019 15,000 casi di pedofilia.

Germania. Pedofilia. Un vaso di Pandora di raccapriccianti orrori.

*

Amici miei, vigiliamo sui nostri figli e sui nostri nipoti: gli orchi sono tra di noi, protetti dalle autorità.

Questo genere di peccati grida vendetta a Dio ed agli uomini.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata

PD. Una ‘cosca mafiosa’ per il controllo dei Magistrati, ben lieti di essere controllati. – Palamara.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-22.

Pesceane 013

Tanto per ricordare, era il giugno 2019.

Anche Mr Mattarella era a conoscenza di tutto, sapeva, taceva ed ordiva.


Il caso Lotti (dentro il caso procure) che avvelena l’estate del Pd.

«L’ex ministro dello Sport si è autosopeso e il segretario Zingaretti lo ha ringraziato. Ma le intercettazioni pubblicate dai giornali sulle nomine nelle procure, spaccano di nuovo il partito.

Nella bufera che ha sconvolto il Csm, tra presunte toghe sporche e nomine di giudici decise in combutta con la politica, è finito in queste ore anche Luca Lotti, l’ex ministro dello Sport che ieri s’è autosospeso. Senza però riuscire a evitare un grosso sconquasso nel partito guidato da Luca Zingaretti. Sconquasso che oggi riempie molte pagine di giornale.

L’ex ministro e braccio destro di Matteo Renzi chiede, rivolto ad alcuni compagni di partito: “Quanti di loro si sono occupati di magistrati?” Ce l’ha col tesoriere Luigi Zanda, che gli aveva chiesto di lasciare. Ma il punto principale non è questo: il punto è che Lotti vantava sul Csm e per conto di questo organo interlocuzioni con il Quirinale che non aveva.

Proprio così, Lotti ha tirato in ballo direttamente anche il presidente Mattarella, sostenendo di aver avuto un colloquio al Quirinale con il capo dello Stato in merito alle nomine. Notizia che ieri il Colle ha seccamente smentito con una nota: “Si tratta di millanterie”. I testi delle intercettazioni si possono leggere ampiamente e dettagliatamente sul Corriere della Sera, ma anche su La Stampa e la Repubblica. “Quello che vi devo dire io Mattarella… io ci sono andato e ho detto: ‘presidente la situazione è questa’ e gli ho detto quello che voi mi avete detto più o meno…”, si legge nel verbale dell’intercettazione. Lotti sostiene anche di aver discusso delle nomine al ruolo di consigliere giuridico della presidenza della Repubblica, un incarico poi assegnato a Stefano Erbani al posto di Ernesto Lupo, andato in pensione.»

*

«Quello che vi devo dire io Mattarella… io ci sono andato e ho detto: ‘presidente la situazione è questa’ e gli ho detto quello che voi mi avete detto più o meno…»

Dunque, anche Mr Mattarella era a conoscenza di tutto,

sapeva, taceva ed ordiva.

* * * * * * *

“Tutti sapevano della spartizione delle poltrone”, dice Alfonso Sabella.

«Caso Procure: intervista al magistrato (oggi giudice a Napoli) divenuto noto anche per la serie tv Il Cacciatore. “La magistratura dovrebbe dare un grosso segnale di differenza etica. Il sorteggio è un male incredibile ma forse sarebbe forse l’unico modo trasparente”.

Tutti conoscevamo il sistema di spartizione delle poltrone. Anche Paolo Borsellino ne fu “vittima”, però le garantisco che la magistratura è tuttora sana, altrimenti la toga l’avrei già buttata”. È un fiume in piena il magistrato Alfonso Sabella, per anni impegnato in Sicilia nella caccia dei latitanti di mafia e divenuto noto per la serie tv Il Cacciatore. “Alcuni anni fa ho capito che da solo non avevo la forza di cambiarlo, non ho trovato grandi sponde e quindi ho deciso di adeguarmi ma per coerenza personale non presento domande per incarichi direttivi o semi-direttivi»

Quindi:

«Tutti conoscevamo il sistema di spartizione delle poltrone»

* * * * * * *


Caso procure, le ‘accuse’ del pg della Cassazione a Palamara e Ferri.

“Comportamenti gravemente scorretti” nella riunione all’hotel Champagne e “strategie di discredito”.

“Comportamenti gravemente scorretti”  in violazione dei doveri imposti ai magistrati. Sono le ‘accuse’ che la procura generale della Cassazione, titolare, con il Guardasigilli, dell’azione disciplinare per le toghe, muove al pm di Roma (ora sospeso) Luca Palamara, al magistrato in aspettativa, oggi deputato di Italia Viva, Cosimo Ferri, e ai 5 togati del Csm – Luigi Spina, Gianluigi Morlini, Antonio Lepre, Corrado Cartoni e Paolo Criscuoli – che hanno dovuto lasciare Palazzo dei Marescialli dopo l’emergere dello ‘scandalo’ dalle intercettazioni dell’inchiesta di Perugia.

 Il processo davanti alla disciplinare del Csm prenderà il via martedì prossimo, 21 luglio: al centro, in particolare, la riunione notturna del 9 maggio 2019 all’Hotel Champagne per parlare di nomine ai vertici degli uffici giudiziari, e, soprattutto, di quella a capo della procura di Roma, come emerso dalle conversazioni intercettate dal trojan inoculato nel cellulare di Palamara. Tra i presenti, anche il deputato dem Luca Lotti, per il quale i pm della Capitale avevano già chiesto il rinvio a giudizio per la fuga di notizie sul caso Consip. Nell’atto di incolpazione, la procura generale della Suprema Corte guidata da Giovanni Salvi ricorda che nella riunione “erano discusse e approfondite, anche al fine di una loro enfatizzazione vicende che concernevano uno dei concorrenti” all’ufficio direttivo romano, ossia il capo della procura fiorentina Giuseppe Creazzo, “ipoteticamente ostative alla sua designazione”, e mette in rilievo, riportando un dialogo intercettato tra Palamara e Lotti, la “strategia di danneggiamento del dottor Creazzo correlata ad esigenze del citato interlocutore”.

Non solo: da più conversazioni emerge, secondo il pg, una “strategia di discredito” da parte di Palamara nei confronti dell’allora capo della procura romana Giuseppe Pignatone e, soprattutto, dell’aggiunto Paolo Ielo. 

La procura generale contesta quindi agli incolpati un “uso strumentale della propria qualità e posizione, diretto, per la modalità di realizzazione, a condizionare l’esercizio di funzioni costituzionalmente previste, quali la proposta e la nomina di uffici direttivi di vari uffici giudiziari da parte del Consiglio superiore della magistratura”, parlando anche di comportamento “idoneo ad influenzare, in maniera occulta, la generale attività della Quinta Commissione dell’organo di autogoverno”.

E ancora: ai 5 ex consiglieri di Palazzo dei Marescialli, alle contestazioni del pg inerenti le “violazioni dei doveri di riservatezza, correttezza ed equilibrio”, si aggiunge quella del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, secondo il quale avrebbero gettato “discredito sull’ordine giudiziario” e inciso “negativamente sulla fiducia e sulla considerazione di cui il magistrato deve godere”.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Germania. Il Ministro Olaf Scholz avrebbe coperto il fallimento Wirecard.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-18.

Cloaca Maxima 013

«Lo scandalo Wirecard travolge Olaf Scholz, ministro delle finanze tedesco.

Tramite un report reso noto da Bloomberg l’uomo è stato accusato di conoscere da tempo la situazione della fintech tedesca e di aver scelto di nasconderla volontariamente.

Una notizia, questa, che se confermata getterebbe la Germania e il suo governo in pasto alle critiche, che già nelle ultime settimane nel pieno dello scandalo Wirecard non si sono risparmiate.

Stando a quanto riportato da Bloomberg, che ha dichiarato di aver visionato un rapporto dello stesso ministero, Olaf Scholz sarebbe stato informato dei potenziali rischi di manipolazione del mercato circa un anno e mezzo prima dell’esplosione dello scandalo Wirecard e del collasso della società.

A contattarlo sarebbe stata la Bafin, autorità tedesca equivalente alla nostrana Consob, che in quell’occasione si sarebbe detta pronta a investigare tutti gli aspetti della questione.

l rapporto citato da Bloomberg – già finito nelle mani della commissione parlamentare per le finanze di Germania – ha gettato benzina sul fuoco delle discussioni, rendendo il problema anche politico oltre che finanziario.» [Money]

*

Wirecard, da sogno fintech europeo a incubo per milioni di utenti con le carte bloccate

«Ad Aschheim, piccolo sobborgo a nord est di Monaco di Baviera, doveva nascere la risposta europea alla Silicon Valley, è invece venuto a galla uno scandalo finanziario che sta imbarazzando il governo tedesco, la Bafin (l’equivalente italiano della Consob) e la Ernst&Young.»

*

Wirecard,fermato l’ex ceo Braun per il buco da 2 miliardi. La Germania inciampa nel suo «caso Parmalat»

«Ai revisori non risultano i depositi dichiarati nelle Filippine. E ora le banche (Abn Amro, Ing, Commerzbank e istituti cinesi) potrebbero ritirare le linee di credito. Sotto accusa i controllori di Bafin (Consob tedesca) che ha sempre difeso la società»

* * * * * * *

Persino conti inesistenti nelle Filippine?

Ma chi si credevano mai di essere?

Erano solo dei liberal socialisti.

*

«German Finance Minister knew of Wirecard issues a year before collapse»

«Report reveals early involvement of German finance minister»

«Scholz’s inaction is ‘highly problematic,’»

«German Finance Minister Olaf Scholz was aware of potential market manipulation at Wirecard AG almost a year and a half before the company collapsed»

«Financial watchdog BaFin informed Scholz in February 2019 about the case “because of the suspicion of a violation against the prohibition of market manipulation,”»

«His early knowledge of the allegations swirling around Wirecard increases scrutiny on the highest-ranking Social Democrat in Merkel’s coalition and lays bare the delicate dynamics just over a year before the next election»

«Presented to the heads of the parliamentary finance committee on Thursday evening, the report creates a new opening for critics who accuse German authorities of being too lax by failing to pursue fraud allegations of a company that aspired to be a leading light in Europe’s tech industry»

«His deputy, Joerg Kukies, confirmed on Wednesday that he met the digital payments company’s then-Chief Executive Officer Markus Braun twice at the end of last year, including once on the manager’s birthday»

«Merkel kept the scandal at arm’s length, saying the responsibility to clear up the issue lies with Scholz»

«Merkel would be hard pressed to take action against her vice chancellor without bringing down the coalition»

«Any decision over Scholz’s fate would rather lie with the SPD, whose members last year rejected his bid to lead the party in favor of a duo who voiced more support for policies such as a wealth tax, a higher minimum wage and public spending»

«The ministry is “actively” looking to overhaul accounting oversight in the aftermath of Wirecard’s collapse and will present a plan “as quickly as possible.”»

«BaFin President Felix Hufeld said last month that his institution is among those parties responsible for the failure to catch what he has called “massive fraud” at the company»

«The sloppiness when it comes to controlling billion-dollar companies is simply inconceivable»

* * * * * * *

Ma questo potrebbe essere solo l’inizio.

*


Bloomberg. German Finance Minister Knew of Wirecard Issues a Year Before Collapse

– Report reveals early involvement of German finance minister

– Scholz’s inaction is ‘highly problematic,’ Green lawmaker says

*

German Finance Minister Olaf Scholz was aware of potential market manipulation at Wirecard AG almost a year and a half before the company collapsed, putting pressure on a key figure in Angela Merkel’s government.

Financial watchdog BaFin informed Scholz in February 2019 about the case “because of the suspicion of a violation against the prohibition of market manipulation,” according to a report by the Finance Ministry seen by Bloomberg.

His early knowledge of the allegations swirling around Wirecard increases scrutiny on the highest-ranking Social Democrat in Merkel’s coalition and lays bare the delicate dynamics just over a year before the next election.

Presented to the heads of the parliamentary finance committee on Thursday evening, the report creates a new opening for critics who accuse German authorities of being too lax by failing to pursue fraud allegations of a company that aspired to be a leading light in Europe’s tech industry.

The minister was told that BaFin would “investigate in all directions,” said the document, which was reported earlier by German media.

While Scholz has denied any direct involvement in the Wirecard scandal, he has struggled to insulate himself from the issue. His deputy, Joerg Kukies, confirmed on Wednesday that he met the digital payments company’s then-Chief Executive Officer Markus Braun twice at the end of last year, including once on the manager’s birthday.

Scholz’s Problem

Merkel kept the scandal at arm’s length, saying the responsibility to clear up the issue lies with Scholz.

“What information the Finance Ministry possessed at what time will be disclosed by the ministry to the public, and the chancellor sees that as good and correct,” Martina Fietz, Merkel’s deputy spokeswoman, said Friday during a regular government press conference.

She stopped short of stating that Scholz has the German leader’s full support. “The chancellor works faithfully with all members of the cabinet,” Fietz said.

Despite the mounting pressure, Merkel would be hard pressed to take action against her vice chancellor without bringing down the coalition, an unlikely scenario in the midst of a global pandemic and during Germany’s six-month presidency of the European Union.

Political Support

Wirecard, a member of Germany’s benchmark DAX index, became a national disgrace when it said last month that a quarter of its balance sheet probably doesn’t exist. That set off a blame game between banks, auditors and public authorities and revealed large gaps in the country’s oversight of non-financial companies.

“Politically it’s highly problematic that the finance minister got involved with the case at such an early stage,” Danyal Bayaz, a lawmaker with the Green party, said in a phone interview on Friday.

“Scholz had Wirecard on his radar, he had an interest, but this interest apparently never became big enough to prompt him to take action,” he said, adding that the Finance Ministry has failed to clear up its role and that he wouldn’t rule out seeking a parliamentary investigation.

Any decision over Scholz’s fate would rather lie with the SPD, whose members last year rejected his bid to lead the party in favor of a duo who voiced more support for policies such as a wealth tax, a higher minimum wage and public spending.

Still, voter backing of the SPD remains mired at historic lows, and the party has begun to maneuver in support of Scholz’s bid to run for the chancellorship. That fragile balance would be upended if the politician’s standing was challenged.

Reform Push

The Finance Ministry waved off suggestions that Scholz didn’t act appropriately. German regulators pursued various accusations against Wirecard over the years and the ministry was regularly informed about the state of the various probes, Finance Ministry spokesman Dennis Kolberg said at the government briefing.

The ministry is “actively” looking to overhaul accounting oversight in the aftermath of Wirecard’s collapse and will present a plan “as quickly as possible.”

“We’re looking intensively at whether improvements are necessary,” Kolberg said.

BaFin, which is overseen by the Finance Ministry, has come under criticism for appearing to focus more on targeting investors who alleged irregularities at Wirecard and made bets against the stock, rather than the company itself.

The regulator said in March last year that it was investigating both sides. BaFin President Felix Hufeld said last month that his institution is among those parties responsible for the failure to catch what he has called “massive fraud” at the company. Still, he defended BaFin’s actions against so-called short sellers as being a legal obligation.

Despite outrage over the shortcomings, political opponents have stopped short of calling for Scholz to step down.

“The sloppiness when it comes to controlling billion-dollar companies is simply inconceivable,” Bernd Riexinger, head of the Left party, said in an emailed statement. “Scholz urgently needs to explain why suspicions of irregularities at Wirecard — but also the problems with the oversight regime — were ignored in his ministry for so long.”

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Palamara. Chiama 133 testimoni. Tutti i cognomi e nomi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-16.

Tafano 013

Sta per essere portato al pubblico dibattito in tribunale il tafanario della magistratura italiana.

«Luca Palamara adesso va al contrattacco»

«L’ex pm ha deciso di chiamare a testimoniare al suo processo 133 testi, tra questi ex ministri come Andrea Orlando e molti togati»

«L’ex boss di Unicost a processo a Perugia per corruzione ha deciso di chiamare a testimoniare 133 testi con l’obiettivo …. di processare la magistratura italiana e il suo processo di autogoverno»

«Il tanto atteso elenco delle persone da convocare davanti al tribunale dei giudici, nel processo che comincerà martedì 21 luglio, è arrivato: l’ex pubblico ministero romano prova a ribaltare gli addebiti denunciando un andazzo generale al quale lui si sarebbe semplicemente adattato»

«Una linea difensiva che si trasforma in attacco, attuata citando i nomi più noti e altisonanti del mondo togato e istituzionale, della politica giudiziaria e dei Csm avvicendatisi negli ultimi trent’anni»

«Mancano …. il capo dello Stato Sergio Mattarella e il suo predecessore Giorgio Napolitano, ma ci sono i rispettivi consiglieri giuridici»

«E poi gli ex ministri della Giustizia Giovanni Maria Flick e Andrea Orlando, l’ex titolare della Difesa Roberta Pinotti; i magistrati (o ex magistrati) già parlamentari del Pd Anna Finocchiaro, Gianrico Carofiglio e Donatella Ferranti; i procuratori di Milano Francesco Greco, di Napoli Giovanni Melillo, di Palermo Francesco Lo Voi, di Bologna Giuseppe Amato, il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho; ex magistrati di grido come Edmondo Bruti Liberati, Guido Lo Forte e Antonio Ingroia; gli ex presidenti dell’Anm Francesco Minisci e Eugenio Albamonte; gli ex vicepresidenti del Csm Cesare Mirabelli, Nicola Mancino, Michele Vietti, Giovanni Legnini, componenti passati e presenti del Consiglio, compresi alcuni componenti della Sezione disciplinare che deve processarlo»

«Un elenco sterminato, con il quale Palamara intende dimostrare che “esisteva una prassi costante, di strategia e comunque di interlocuzione” tra togati ed ex togati del Csm, le correnti di appartenenza e i loro diretti referenti del mondo della politica»

* * * * * * *

Non è detto che i giudici accettino alla deposizione tutti i nomi. Né è detto che i convocati dicano la verità.

Di certo, nel numero potrebbero sorgere molte ghiotte contraddizioni.

Altrettanto certo è che Mr Palamara morirà combattendo.

P.S. Non c’è più quasi nessuno che osa parlare di “indipendenza della magistratura”.

*


Palamara in versione “Buscetta della magistratura”. Adesso è lui a fare i nomi.

L’ex pm ha deciso di chiamare a testimoniare al suo processo 133 testi, tra questi ex ministri come Andrea Orlando e molti togati.

Luca Palamara adesso va al contrattacco. L’ex boss di Unicost a processo a Perugia per corruzione ha deciso di chiamare a testimoniare 133 testi con l’obiettivo – si legge sul Corriere della Sera – di processare la magistratura italiana e il suo processo di autogoverno. Il tanto atteso elenco delle persone da convocare davanti al tribunale dei giudici, nel processo che comincerà martedì 21 luglio, è arrivato: l’ex pubblico ministero romano prova a ribaltare gli addebiti denunciando un andazzo generale al quale lui si sarebbe semplicemente adattato. Dalla lista di Palamara si evince che l’accusato vuole mettere sotto accusa decine di altre decisioni del suo Csm e di quelli precedenti. Qualcuno l’ha invitato a diventare “il Buscetta della magistratura”.

Una linea difensiva che si trasforma in attacco, attuata citando i nomi più noti e altisonanti del mondo togato e istituzionale, della politica giudiziaria e dei Csm avvicendatisi negli ultimi trent’anni. Mancano – prosegue il Corriere – il capo dello Stato Sergio Mattarella e il suo predecessore Giorgio Napolitano, ma ci sono i rispettivi consiglieri giuridici. E poi gli ex ministri della Giustizia Giovanni Maria Flick e Andrea Orlando, l’ex titolare della Difesa Roberta Pinotti; i magistrati (o ex magistrati) già parlamentari del Pd Anna Finocchiaro, Gianrico Carofiglio e Donatella Ferranti; i procuratori di Milano Francesco Greco, di Napoli Giovanni Melillo, di Palermo Francesco Lo Voi, di Bologna Giuseppe Amato, il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho; ex magistrati di grido come Edmondo Bruti Liberati, Guido Lo Forte e Antonio Ingroia; gli ex presidenti dell’Anm Francesco Minisci e Eugenio Albamonte; gli ex vicepresidenti del Csm Cesare Mirabelli, Nicola Mancino, Michele Vietti, Giovanni Legnini, componenti passati e presenti del Consiglio, compresi alcuni componenti della Sezione disciplinare che deve processarlo.

Un elenco sterminato, con il quale Palamara intende dimostrare che “esisteva una prassi costante, di strategia e comunque di interlocuzione” tra togati ed ex togati del Csm, le correnti di appartenenza e i loro diretti referenti del mondo della politica.

*


Oltre 100 testimoni: ecco la lista di Palamara che può terremotare magistratura e politica. Tutti i nomi.

E’ la lista che può terremotare la politica e la magistratura. Si tratta dei 133 testimoni che il pm Luca Palamara ha chiamato a deporre nel proceimento davanti alla sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura in merito al caso intercettazioni che ha coinvolto l’ex presidente dell’Anm.

Dall’ex ministro della Giustizia e vicesegretario del Pd Andrea Orlando, al magistrato e scrittore Gianrico Carofiglio, ai presidenti emeriti della Consulta, Cesare Mirabelli e Giovanni Maria Flick. L’udienza è prevista il prossimo 21 luglio. L’elenco, che conta 133 nomi, comprende tra gli altri l’ex ministro della Difesa Roberta Pinotti, l’ex senatrice Anna Finocchiaro, l’attuale vicepresidente di Palazzo dei Marescialli David Ermini e gli ex Michele Vietti e Giovanni Legnini, il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero De Raho, i pm romani Domenico Ielo, Sergio Colaiocco Luca Tescaroli, l’ex presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri.

La lista integrale è stata svelata dall’Adnkronos e comprende questi nomi:  1.Gerardo MASTRODOMENICO 2.Roberto DACUNTO 3.Gianluca BURATTINI 4.Fabio DEL PRETE 5.Duilio BIANCHI 6.Gaspare STURZO 7.Fabrizio VANORIO 8.Paola BALDUCCI 9.Giovanni LEGNINI 10.Riccardo FUZIO 11.Giovanni MELILLO 12.Stefano ERBANI 13.Francesco Saverio GAROFANI 14.Gianluigi MORLINI 15.Antonio LEPRE 16.Corrado CARTONI 17.Luca TESCAROLI 18.Ermino Carmelo AMELIO 19.Paolo BARLUCCHI 20.Vincenzo IACOVITTI 21.Mario SURIANO 22.Roberta PINOTTI 23.Raffaele SQUITIERI 24.Paola ROIA 25.Andrea ARMARO 26.Sergio SANTORO 27.Franco LO VOI 28.Antonella CONSIGLIO 29.Rodolfo SABELLI 30.Stefano PESCI 31.Agnello ROSSI 32.Francesco CAPORALE 33.Nunzia D’ELIA 34.Sergio COLAIOCCO 35.Lia AFFINITO 36.Lucio ASCHETTINO 37.Claudio GRANATA 38.Claudio DE SCALZI 39.Domenico IELO 40.Luigi SPINA 41.Andrea DE GIORGIO 42.Sabina CALABRETTA 43.Luciano PANZANI 44.Stefano FAVA 45.Giuseppe BIANCO 46.Erminio AMELIO 47.Antonio FUGAZZOTTO 48.Picrcamillo DAVIGO 49.Sebastiano ARDITA 50.Giovanni BRUNO 51.Alberto DELLO STROLOGO 52.Domenico IELO 53.Paola PIRACCINI 54.Paolo CRISCUOLI 55.Antonangelo RACANELLI 56.David ERMINI 57.Riccardo FUZIO 58.Marco BISOGNI 59.Martina BONFIGLIO 60.Paolo FRAULINI 61.Francesco PRETE 62.Federico CAFIERO DE RAHO 63.Giuseppina CASELLA 64.Giuseppina GUGLIELMI 65.Paolo ABRITTI 66.Franccsco MENDITTO 67.Mara MATTIOLI 68.Pasquale CICCOLO 69.Luigi PACIFICI 70.Alessandra ZINITI 71.Giovanni BIANCONI 72.Nicola MANCINO 73.Michele VIETTI 74.Giovanni LEGNINI 75.Davide ERMINI 76.Cesare MIRABELLI 77.Giovanni Maria FLICK 78.Massimo BRUTTI 79.Francesco GRECO 80.Erncsto LUPO 81.Silvia DELLA MONICA S2.Laura LAERA 83.Giuseppe AMATO 84.Edmondo BRUTI LIBERATI 85.Claudio CASTELLI 86.Carmclo CELENTANO 87.Giovanni ILARDA 88.Andrea ORLANDO 89.Anna FINOCCHLARO 90.Gianrico CAROFIGLIO 91.Antonella MAGARAGGIA 92.Guido CAMPLI 93.Francesco TESTA 94.Anna Maria MANTINI 95.Alessandra SALVADORI 96.Bianca FERRAMOSCA 97.Franccsco MINISCI 98.Laura ROMEO 99.Mariano SCIACCA 100.Maria Antonietta TRONCONE 101.Francesco SOVIERO 102.Maria Vittoria DE SIMONE 103.Roberto ALFONSO 104.Luigi RIELLO 105.Massimo FORCINITI 106.Eugenio ALBAMONTE 107.Cristina ORNANO 108.Baldovini DE SENSI 109.Antonia GIAMMARIA 110.Francesco VIGORITO 111.Aniello NAPPI 112.Franco CASSANO 113.Rosina ROMANO 114.Maria Laura PAESANO 115.Silvia CORINALDESI 116.Renato BALDUZZI 117.Rossana GIANNACCARI 118.Al do MORGIGNI 119.Alessandro PEPE 120.Valerio FRACASSI 121.Antonangelo RACANELLI 122.Guido LO FORTE 123.Antonio INGROIA 124.Alfonso SABELLA 125.CateUo MARESCA 126.Bruno FASCIANA 127.Salvatore DI VITALE 128.Piergiorgio MOROSINI 129.Emanuele BASILE 130.Mario SURIANO 131.Piercamillo DAVIGO 132.Fulvio GIGLIOTTI 133.Donatella FERRANTI.

Ora occorrerà capire se il Csm “approverà” tutti i test o ne defalcherà qualcuno. Di certo la materia scotta, e ora che la lista è pubblica qualsiasi decisione sarà soggetta a ulteriori polemiche.