Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Macron, il Presidente dei Ricchi, alza il prezzo degli alimentari. +10%.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-02.

Macron 0801

Mr Macron è proprio un brav’uomo, uomo si fa per dire, ovviamente, e non tanto del bravo.

Novello Robin Hood alla meno uno, ruba ai miseri per arricchire ulteriormente i ricchi, suoi santi patroni.

Tanto per essere chiari, gli alimentari aumenteranno di almeno il dieci per cento a favore della grande distribuzione: agli operatori del comparto agroalimentare non arriverà mezzo centesimo bucato.

Mr Macron si sta preparando gli amici per quando dovrà fuggire dalla Francia, inseguito dalla folla inferocita

*

«Nutella, Président Camembert, Ricard Pastis and Carte Noire coffee are among the brands set to cost more in France as a law on food prices takes effect»

*

«It means big food and drink brands can no longer be sold at cost price.»

*

«Shops’ profit margin must be at least 10%.»

*

«The French consumer rights group UFC Que Choisir voiced scepticism about the new law.»

*

«But he noted that “gilets jaunes” protesters were frequent shoppers at the big supermarkets and out-of-town stores, where prices would go up.»

*

«So it’s French people on more modest incomes, with weak purchasing power, who will pay»

*

«The law “does not oblige” food and drink wholesalers to pay more to French rural producers»

* * * * * * * * * * * *

Intanto la lista delle recriminazioni per sabato due febbraio si allunga.

Ce que les gilets jaunes prévoient pour leur acte XII le 2 février

Acte 12 : ce que prévoient les Gilets jaunes samedi

“Gilets jaunes” : l’acte XII dédié aux “gueules cassées”

Nessuno gli dica che a maggio si vota.


Bbc. 2019-02-01. France puts up food and drink prices under new law

Nutella, Président Camembert, Ricard Pastis and Carte Noire coffee are among the brands set to cost more in France as a law on food prices takes effect.

It means big food and drink brands can no longer be sold at cost price. Shops’ profit margin must be at least 10%.

But many shops’ own-brand products are expected to get a bit cheaper. Such goods often come from smaller firms.

The government aims to help smaller producers but France has continuing yellow-vest protests over prices.

Nutella ‘riots’ spread across France

There are doubts about whether the new law will actually work as hoped.

How much of a price rise?

The 10% margin threshold means a food or drink brand previously sold for €1 (£0.88; $1.1) now has to be priced at €1.1 minimum.

But there will not be uniform price increases, French media report. The law affects supermarkets and hypermarkets more than small local shops.

That is because the big outlets offer some popular brands at or near cost price, slashing their margins on those products, in order to lure customers, in a fierce price war. Their profits depend on big volume and high turnover.

Small shops, however, cannot match the supermarkets’ low margins.

Supermarket chain Carrefour is adapting to the law by increasing discounts for loyalty card customers.

Carrefour expects to raise prices by 35 euro cents on average, which is 5%. It says 1,000 food and drink brands are affected, out of 25,000 on sale.

A big retailer which has already raised prices gave the daily Le Parisien a list of brands affected, while requesting anonymity. Among the price rises are:

Président Camembert (up 8.6%)

Ricard Pastis (aniseed liqueur – up 9.9%)

Nutella (up 8.4%)

Carte Noire coffee (up 4.4%)

Coca-Cola (up 5%)

Hypermarket chain E Leclerc said it was raising prices by 3% on 1,000 brands.

Agriculture Minister Didier Guillaume said “the aim is to sell agricultural goods for what they’re worth”. He stressed that meat and fish prices would be unaffected.

He said that in supermarkets, in general, prices would go up on 500 out of 13,000 products, and in hypermarkets on 800 out of 20,000 on sale.

Why is the law controversial?

The government hopes that by making shops pay more to their suppliers – the wholesalers – the latter will pay more to French food and drink producers. That is because the wholesalers’ income should increase as consumers pay higher prices for certain brands.

But millions of French consumers are angry about the cost of living, so there is a risk for the government. It is already struggling to contain often violent “gilets jaunes” (yellow vest) protests.

The protests were sparked by a fuel price hike last year – later cancelled by President Emmanuel Macron – but soon the “gilets jaunes” movement morphed into a wider protest against economic hardship.

For months there have been big weekend protests by the yellow vests across France. Another one is planned for Saturday.

Which consumers are most affected?

The French consumer rights group UFC Que Choisir voiced scepticism about the new law.

One of its researchers, Mathieu Escot, said smaller shops like the Monoprix chain in Paris would not put up prices, because their margins were already above 10%.

But he noted that “gilets jaunes” protesters were frequent shoppers at the big supermarkets and out-of-town stores, where prices would go up.

“So it’s French people on more modest incomes, with weak purchasing power, who will pay,” he argued.

The law “does not oblige” food and drink wholesalers to pay more to French rural producers, he said.

A big agricultural union, Confédération paysanne, told the daily Libération “there is no clear incentive to ensure a return to producers and boost their income”.

Annunci
Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Clima. Ansa ci ha preso per imbecilli. In modo sfacciato.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-01.

2019-02-02__Ansa__001

L’Ansa, Redazione di Roma, ha preso i suoi lettori per perfetti imbecilli.

E lo fa anche con un sussiego degno di Mr Macron.

«Oggi in diverse città italiane si svolgeranno iniziative per il clima #climatestrike, sull’esempio di Greta Thunberg, la sedicenne di Stoccolma che ha “scioperato” da scuola per piazzarsi davanti al Parlamento svedese e protestare contro la mancanza di azione rispetto al cambiamento climatico che minaccia il pianeta»

*

«Questo esempio di disobbedienza è stato replicato in tutto il mondo. Anche in Italia da alcune settimane ragazze e ragazzi, cittadine e cittadini, senza bandiere di partito, si ritrovano in piazza ogni venerdì, guidati dagli hashtag #FridaysForFuture e #ClimateStrike»

* * * * * * *

La didascalia della fotografia riportata è

«Studenti per il clima in tutta Italia».

*

Intanto, nella fotografia vi sono tredici persone, piazzate infreddolite in una piazza deserta. Come folla non c’è male.

Poi, guardate i volti degli “studenti”.

Sono tutti vecchi, con i capelli bianchi bene in vista: quello con il cappotto ha almeno ottanta anni.

«Studenti»?

*

«In tutta Italia»?

Non ci si allarghi troppo.

«Pisa, Milano, Brescia, Bologna, Venezia, Roma, Torino, Genova, Taranto»

Sono otto città, e l’Italia ne ha ben di più.

* * * * * * *

Non facciamo nessuna fatica a comprendere quanto i liberal socialisti abbiano vissuto alla grande con i fondi pubblici stanziati per il clima.

Né tanto meno si fa fatica a comprende come il fiasco di Davos, assenti Trump, May, Xi, Macron, tanto per fare nomi famosi e che contano, sia loro foriero di disoccupazione. Per loro l’idea di dover lavorare per vivere è terrifica.

Pazienza che vengano a raccontarci che il clima sarebbe semplicemente disastroso, essendo l’unico rimedio dar loro ancora valanghe di soldi del Contribuente: in fondo sono i moderni accattoni, anche se lo fanno su scala industriale.

Ma che ci passino questi vegliardi per baldi giovani è cosa al di fuori di ogni senso dello humour.

Gran brutta cosa quando l’ideologia ottunde le menti fino a questo punto!

Clima. Il riscaldamento antropico non esiste. – Corriere.

Arctic Sea Ice Gone in Summer Within Five Years?

Vi ricordate quando nel 2007 gli ‘scienziati’ liberal socialisti avevano solennemente annunciato che la calotta polare artica sarebbe scomparsa entro il duemiladodici?

Ebbene, noi ce lo ricordiamo più che bene.

Clima__001


Ansa. 2019-02-01. Studenti per il clima in tutta Italia, come Greta Thunberg

Oggi in diverse città italiane si svolgeranno iniziative per il clima #climatestrike, sull’esempio di Greta Thunberg, la sedicenne di Stoccolma che ha “scioperato” da scuola per piazzarsi davanti al Parlamento svedese e protestare contro la mancanza di azione rispetto al cambiamento climatico che minaccia il pianeta.

Questo esempio di disobbedienza è stato replicato in tutto il mondo. Anche in Italia da alcune settimane ragazze e ragazzi, cittadine e cittadini, senza bandiere di partito, si ritrovano in piazza ogni venerdì, guidati dagli hashtag #FridaysForFuture e #ClimateStrike.

Oggi, venerdì 1/o febbraio, previste manifestazioni a Pisa, Milano, Brescia, Bologna, Venezia, Roma, Torino, Genova, Taranto.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Spagna. Bloccata la Open Arms nel porto di Barcellona.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-15.

2019-01-15__spagna__001

«Spanish migrant rescue charity Proactiva Open Arms said Monday that the authorities were preventing its ship from setting sail from Barcelona to save migrants»

*

«Proactiva Open Arms operates in  between Libya and southern Europe»

*

«The charity’s rescue ship, Open Arms, docked in southern Spain on December 28th»

*

«After stocking up with provisions in Barcelona, the ship had been due to set sail again on January 8th but Barcelona’s Port Authority prohibited it from leaving»

*

«Spain’s public works ministry, which controls the Port Authority, said Spain has no maritime rescue jurisdiction off the Libyan coast where Open Arms operates and had violated maritime regulations on past rescue missions»

* * * * * * * *

Cerchiamo di tradurre dal politicamente corretto ad un linguaggio intellegibile.

Nelle recenti elezioni in Andalusia

Andalusia. I ‘lebbrosi’ di Vox conquistano 12 seggi.

Andalusia. Vox supporta esternamente il governo Ciudadanos – Popolari.

il governo di minoranza inizia a fare i suoi conti. Sarebbe sufficiente che alle prossime elezioni Vox salisse dall’attuale 8% al 15%, cosa possibilissima, e le sinistre se ne andrebbero in pensione.

Di qui la stretta sui migranti ed il motivo per cui è stato negato alla Proactiva Open Arms di salpare.

*

La “charity Proactiva Open Arms” raccoglie fondi dell’Unione Europea e spagnoli per fare la carità ai liberal socialisti che la gestiscono: si accontentano di pochi milioni ed è per questo che lo chiamano carità.

«rescue ship» altro non significa che detta nave se ne sarebbe voluta andare all’appuntamento con i negrieri per prendersi a bordo i migranti clandestini e portali illegalmente in un qualche paese europeo. Il termine ‘rescue‘ identifica soltanto la tratta degli schiavi.

*

Ricordiamo sommessamente come il 23 ed il 24 maggio si tengano le elezioni europee.


The Local, 2019-01-15. Spain stops migrant rescue boat Open Arms from setting sail

Spanish migrant rescue charity Proactiva Open Arms said Monday that the authorities were preventing its ship from setting sail from Barcelona to save migrants.

“We are blocked in a port once again. Port Authority in Barcelona denied permission to Open Arms to sail #Med Central,” the charity based near the Catalan capital wrote in a tweet.

“Preventing us from saving lives is irresponsible and cruel,” said Proactiva Open Arms founder Oscar Camps in a separate tweet, accusing “cowardly politicians” of putting migrants’ lives at risk.

Proactiva Open Arms operates in  between Libya and southern Europe, coming to the aid of migrants who get into difficulties during the sea crossing from northern Africa.

The charity’s rescue ship, Open Arms, docked in southern Spain on December 28th with 311 mainly African migrants it had rescued a week earlier off the coast of Libya after both Italy and Malta denied it entry.

After stocking up with provisions in Barcelona, the ship had been due to set sail again on January 8th but Barcelona’s Port Authority prohibited it from leaving, a  Proactiva Open Arms spokeswoman told AFP.

The charity appealed the decision two days later, requesting that it be allowed to put out to sea to carry out “observation and surveillance tasks in the central Mediterranean”.

In a statement, Spain’s public works ministry, which controls the Port Authority, said Spain has no maritime rescue jurisdiction off the Libyan coast where Open Arms operates and had violated maritime regulations on past rescue missions.

Since the boat lacks permission to dock in countries near where it operates, “it has had to cross the Mediterranean for several days to disembark rescued migrants, putting the safety of the ship, its crew and the people on board at risk,” the statement added.

Shortly after he came to power in June, Spanish Prime Minister Pedro Sanchez allowed the Aquarius, a boat chartered by the aid groups SOS Mediterranee and Doctors Without Borders, to dock in Spain with more than 600 migrants on board.

His Socialist government also allowed the Open Arms to dock in Spain but in August refused once again to receive the Aquarius.   

Spain became Europe’s main entry point for migrants last year, overtaking Greece and Italy, which have taken measures to prevent rescued migrants from landing at its ports.

More than 55,000 migrants arrived in Spain by sea in 2018, according to the UN refugee agency.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Ong - Ngo, Unione Europea

European Union pubblica il manuale del perfetto peculato legale.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-09.

2018-12-15__Europa_Grant_001

La semplice ingenuità della gente comune è commovente.

Non c’è da stupirsene: mentre i malvagi sanno benissimo cosa sia il bene e lo rifuggono le persone buone ignorano cosa sia il male.

Se la prima tentazione sarebbe quella di etichettare le persone buone come babbei perché non sono maliziosi, si dovrebbe invece benedire il Cielo che al mondo vi siano ancora persone oneste: senza di loro non potrebbe esistere un vivere più o meno civile.

Alle volte però questa semplicità travalica i limiti del buon senso, ed allora da dote positive può anche diventare negativa: il malvagio assolda il buono con un qualche specchietto per allodole, e questo buono diventa suo intimo collaboratore, talora persino servo. Una volta erano denominati utili idioti.

*

Negli ultimi anni si è assistito ad una levata di scudi contro gli emolumenti che percepiscono gli eletti, e, quindi, anche contro i vitalizi.

Reazione elementare di fronte alla arroganza del potere, della casta, ma spesso non a fondo meditata.

Ci spiegheremo con un esempio.

Un deputato deve trovarsi una casa in Roma, e questa ha un suo costo di affitto e di utenze. Poi ci sono tutte le spese dei viaggi dalla residenza della propria famiglia e Roma, e non son spese da poco. Poi, quel poveraccio dovrà ben mangiare e bere. Infine, dovrà mantenere una fitta serie di relazioni umane, avendo ospiti, ed intrattenendo relazioni. Si faccia un rapido conto. Con meno di diecimila euro al mese è semplicemente impossibile fare il deputato.

Ma se la gente lo fa, da qualche parte dovrà ben procurarsi le risorse.

La prima cosa che viene in mente è che sia ricco di famiglia, cosa spesso vera. In Occidente è virtualmente impossibile fare politica venendo da una famiglia non abbiente.

Ma questa non è la regola, quindi da qualche parte i soldi devono ben entrargli. Se poi si ragiona che a termine mandato non percepirà buonuscita e vitalizio, è del tutto evidente che qualcosa da parte il poveraccio se lo debba mettere.

*

L’arte della sopravivenza è connaturata negli esseri umani, ma taluni vi riescono in modo encomiabile, altri invece in alla grande: l’essere stato eletto diventa una vera e propria miniera di oro. Lo stipendio serve loro solo per ricevere gli estratti conti della banca.

* * * * * * *

L’Unione Europea è un grandioso marchingegno finalizzato all’arricchimento del suo staff, dei loro amici, ed, ovviamente, agli amici degli amici. Chi si fosse creduto che gli europarlamentari e gli euroburocrati temano le prossime elezioni per motivi ideologici sarebbe proprio fuori strada.

Nel sito Welcome Europe compare, inter alias, una simpaticissima paginetta, che riportiamo in fotocopia.

EU fund and EU Call for proposals for development NGOs

84 EU Grants are available for development NGOs, 42 calls for proposals (funding opportunities) are available for development NGOs.

*

Il meccanismo di funzionamento del marchingegno è semplice e ben collaudato.

– Si costituisce una Ngo, con tanto di presidente e consiglio di amministrazione, volta a promuovere un qualcosa che colpisca la fantasia ed i sentimenti umani. Una esempio? Organizzazione non governativa per la protezione dei gatti rossi in estinzione nei centri cittadini.

– L’importanza sociale e l’alto profilo professionale è così chiaro che tutti i consigli comunali amici riconosceranno immediatamente simile ngo. Molti la finanzieranno anche.

– Subito dopo, qualche consiglio regionale, particolarmente sensibile ai miagolii dei gatti rossi in via di estinzione, doterà di fondi codesta spettabile organizzazione.

– A livello nazionale la trafila si conclude con il riconoscimento governativo e con sovvenzioni che iniziano a diventare consistenti.

– Infine il grande balzo: l’Organizzazione non governativa per la protezione dei gatti rossi in estinzione nei centri cittadini concorre per ottenere un grant dall’Unione Europea. Qui si parla di milioni.

– Mai nella storia dell’Unione Europea è stato finanziato un qualcosa che non inducesse guadagni occulti agli amici degli amici.

*

Tutto il marchingegno regge se, e solo se, nei punti direzionale siano stati collocati amici degli amici. che approvano qualsiasi progetto a scatola chiusa, purché sia amicale. In Sede Europea si fa anche di più: si organizzano grant usufruibili solo da parte di ngo che, in questo caso, patrocinano l’esistenza dei gatti rossi randagi. Nel caso che in tale settore operino anche realtà non del proprio partito, il grant sarà bandito con norme ancor più stringenti. Le ngo che concorrono devono operare anche nel centro di Pentema, o di qualche altro paesino disperso nel mondo.

*

In questa maniera il denaro del Contribuente non è speso sotto il controllo parlamentare, anzi, ne è sottratto.

Prive di un qualsiasi controllo, le ngo intanto deliberano adeguati stipendi ai consiglieri di amministrazione, poi daranno emolumenti degni quel nome a consulenti e persone vicine. E chi mai sarebbe loro più vicino del povero politico che ha deliberato l’elargizione di tutto quel ben di Dio? La ngo gli procura un appartamento consono al suo stato e gli passa un adeguato argent de poche. Di norma contante, usato, di piccolo taglio. Un po’ di qui ed un po’ di qua, e la giornata è stata fatta.

La gente mica che lo abbia capito che i politici dello stipendio se ne fanno un baffo.

*

2018-12-15__Europa_Grant_002

Per tornare all’Unione Europea, riportiamo un modestissimo elenco, solo un esempio, di ngo beneficiarie.

Come si vede, vi figura la Soros Foundation – Open Society Institute.

Notate la finezza.

«Grants provided to NGO’s projects».

Tanto nomini, nullum par elogium!

A questa fondazione i fondi sono dati per i progetti che essa porrà in essere, senza nemmeno curarsi di sapere almeno il titolo cui ascrivere la spesa.

* * * * * * *

Ecco alcuni altri progetti.

EDF – Support to Promoting Environmentally Sustainable Commercial Aquaculture in Uganda (PESCA)

EIDHR – Support to Civil Society, Local Authorities and Human Rights in Ukraine

*

Adesso dovrebbe esse chiaro qual sia la vera posta in gioco con le elezioni europee del maggio prossimo.

Nota.

L’Italia, nel suo piccolo, tra comuni, provincie, regioni e stato elargisce alle ngo circa undici miliardi: se cessasse questa abitudine non ci sarebbero problemi di bilancio.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

California NVRA settlement 08948. Cancellati 1.5 mln di votanti inesistenti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-07.

2019-01-06__comgresso__001

Il problema sarebbe davvero semplice da un punto di vista legale: c’è una legge e la si dovrebbe applicare.

Ma la California è una roccaforte liberal democratica che per trenta anni non ha applicato il National Voter Registration Act of 1993, complici il governo locale e quello federale. Con tutte le Corti di Giustizia liberal, manco a dirlo che i ricorsi dei repubblicani erano regolarmente bocciati.

L’oggetto del contendere sono le liste elettorali di molte contee californiane, che contengono molti milioni di iscritti in più rispetto al numero dei cittadini elettori.

Solo che questi milioni di elettori fantasma sono regolarmente andati a votare e, guarda caso, hanno sempre votato i candidati democratici.

I malevoli repubblicani dicono che far votare cittadini inesistenti sarebbe una frode elettorale, mentre i liberal democratici affermano che stavano solo interpretando in modo corretto la volontà popolare.

2019-01-06__comgresso__002

Adesso la solfa è finita.

«We have signed a settlement agreement with the State of California and the County of Los Angeles under which they will begin the process of removing from their voter registration rolls as many as 1.5 million inactive registered names that may be invalid.

These removals are required by the National Voter Registration Act (NVRA), a federal law requiring the removal of inactive registrations from the voter rolls after two general federal elections (encompassing from 2 to 4 years). Inactive voter registrations belong, for the most part, to voters who have moved to another county or state or have passed away.»

* * * * * * *

Questo un abstract del dispositivo di legge, tratto da Congress.Gov.

«Shown Here:

Conference report filed in House (04/28/1993)

National Voter Registration Act of 1993 – Requires each State to establish Federal election voter registration procedures by: (1) application made simultaneously with a driver’s license application; (2) mail; and (3) application in person at a designated Federal, State, or nongovernmental office, or at the applicant’s residential registration site in accordance with State law.

Declares that this Act does not apply to any State that has no voter registration requirement with respect to elections for Federal office and/or in which voters may register at the polling place at the time of a general election for Federal office.

(Sec. 5) Declares that each State motor vehicle license application (or renewal application) shall simultaneously serve as a voter registration application with respect to Federal elections, unless the applicant fails to sign the voter registration application. Sets forth provisions regarding: (1) forms and procedures; and (2) transmittal deadlines.

(Sec. 6) Requires each State to use the mail voter registration application form prescribed by the Federal Election Commission (Commission). Authorizes a State to develop its own form provided it meets the requirements of this Act.

Authorizes a State to require first-time voters to vote in person, with exceptions for overseas and handicapped or elderly persons.

Authorizes the removal of a voter application in the case of an undelivered (returned) notice of an application made by mail.

(Sec. 7) Requires each State to designate voter registration agencies including: (1) all State offices that provide public assistance, unemployment compensation, or disability services; (2) State or local government offices; (3) Federal and nongovernmental offices (upon their agreement); and (4) armed forces recruitment offices.

(Sec. 8) Requires each State to: (1) assure that any eligible applicant who submits an application by a certain deadline is registered to vote in the election; (2) require the appropriate State election official to notify each applicant of the disposition of the application; (3) provide that the name of a voter may not be removed from the official list of eligible voters except by reason of death, criminal conviction, mental incapacity, change in residence, or voter request; (4) inform applicants of voter eligibility requirements and penalties provided by law for submission of a false voter registration application; (5) conduct a general program that makes a reasonable effort to remove from the official lists any voters ineligible by reason of death or change of address; and (6) ensure tht the identity of any voter registration agency where a particular voter registered is not publicly disclosed.

Provides that any State program or activity to protect the integrity of the electoral process by assuring an accurate and current voter registration roll for elections for Federal office shall: (1) be uniform and nondiscriminatory; and (2) not result in the removal of the name of any person from the official list of registered voters for failing to vote.

Prohibits a State from removing the name of a voter from the official list of eligible voters for Federal elections on the grounds that the registrant has moved, unless such registrant: (1) confirms in writing that he or she has changed residence to a place outside the jurisdiction of the registrar; or (2) has failed to respond to a notice from the registrar and has not appeared to vote and, if necessary, correct the address in an election during a certain period.

Provides for the opportunity to vote of a person who has changed address without properly notifying the registrar.

States that in the event of a change of address, for voting purposes, of a voter to another address within the same jurisdiction, the registrar shall correct the voting registration list accordingly. Prohibits such voter’s name from being removed from the registry of eligible voters by reason of such change of address, except as provided in this Act.

Requires the United States attorney to give the chief State election official written notice of an offender’s felony conviction in Federal district court.»

*

È del tutto naturale che un attornay liberal democratico non troverà alcunché di felony nel far votare i morti, purché abbiano votato democratico. Lo diceva anche Al Capone e don Gambino.

Judicial Watch Sues California and Los Angeles Over Dirty Voter Registration Rolls

«Eleven of California’s 58 counties have registration rates exceeding 100% of the age-eligible citizenry.’  

‘California has the highest rate of inactive registrations of any state in the country. Los Angeles County has the highest number of inactive registrations of any single county in the country’»

*

«Judicial Watch announced today that it filed a federal lawsuit against Los Angeles County and the State of California over their failure to clean their voter rolls and to produce election-related records as required by the federal National Voter Registration Act (NVRA) (Judicial Watch, Inc.et al. v. Dean C. Logan, et al. (No. 2:17-cv-08948)).  The lawsuit was filed in the United States District Court for the Central District of California’s Western Division on behalf of Judicial Watch, Election Integrity Project California, Inc., and Wolfgang Kupka, Rhue Guyant, Jerry Griffin, and Delores M. Mars, who are lawfully registered voters in Los Angeles County.

Judicial Watch argues that the State of California and a number of its counties, including the county of Los Angeles, have registration rates exceeding 100%:

Eleven of California’s 58 counties have registration rates exceeding 100% of the age-eligible citizenry.

Los Angeles County has more voter registrations on its voter rolls than it has citizens who are old enough to register. Specifically, according to data provided to and published by the EAC, Los Angeles County has a registration rate of 112% of its adult citizen population.

The entire State of California has a registration rate of about 101% of its age-eligible citizenry.

Judicial Watch points out that this is due in part to the high numbers of inactive registrations that are still carried on California’s voter rolls:

About 21% of all of California’s voter registrations, or more than one in five, are designated as inactive.

California has the highest rate of inactive registrations of any state in the country…. Los Angeles County has the highest number of inactive registrations of any single county in the country.

Although these inactive registrations should be removed after a statutory waiting period consisting of two general federal elections, California officials are simply refusing to do so.

Judicial Watch explains that, even though a registration is officially designated as “inactive,” it may still be voted on election day and is still on the official voter registration list. The inactive registrations of voters who have moved to a different state “are particularly vulnerable to fraudulent abuse by a third party” because the voter who has moved “is unlikely to monitor the use of or communications concerning an old registration.” Inactive registrations “are also inherently vulnerable to abuse by voters who plan to fraudulently double-vote in two different jurisdictions on the same election day.”

Judicial Watch sent a written request for public records on November 16, 2017, and another on November 29, 2017, seeking information about “the number of inactive registrations on the voter rolls in Los Angeles County,” but was told each time that there were no responsive records. ….»

* * * * * * *

Alla fine la questione è arrivata alla United States District Court for the Central District of California’s Western Division.

Major Victory for Cleaner Elections in California

«Eleven of California’s 58 counties have registration rates exceeding 100% of the age-eligible citizenry. ….

The entire State of California has a registration rate of about 101% of its age-eligible citizenry ….

About 21% of all of California’s voter registrations, or more than one in five, are designated as inactive ….

California has the highest rate of inactive registrations of any state in the country…. Los Angeles County has the highest number of inactive registrations of any single county in the country. ….

The lawsuit confirmed that Los Angeles County has on its rolls more than 1.5 million potentially ineligible voters»

* * *

Cause analoghe sono in corso in Ohio, Kentucky, Indiana e Maryland.

«on comparisons of national census data to voter-roll information, there were 3.5 million more names on various county voter rolls than there were citizens of voting age»

Far votare i morti e gli inesistenti è un brevetto registrato dei liberal democratici.

Qui si può trovare la fotocopia ufficiale del JW v Logan California NVRA settlement 08948

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Senza categoria

Spiegel. Sospesi tutti i redattori capo. Fabbricavano in serie fake news.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-05.

Reni Guido. San Michele Arcangelo schiaccia satana. 1636

«Prenderò per moglie la figlia più giovane di Warwick.

Sì, le ho ucciso marito e padre, ma che importa? …

La piglierò, ma la terrò per poco»

Shakespeare. Riccardo III.


Lo scandalo dello Spiegel sta allargandosi a visto d’occhio. Si sta aprendo la cloaca dei media liberal.

Spiegel. Centrale operativa liberal di fake news nel mondo. Lo dicono loro. – Spiegel.

Spiegel star reporter ‘faked stories’ for years

Dopo lo Spiegel anche Deutsche Welle sparge fake news.

* * *

Quelli che accusavano a destra e manca di spargere notizie false, inventate ad arte per denigrare gli avversari politici e magnificare l’ideologia liberal socialista si stanno rivelando essere i principali produttori e spacciatori di notizie false, inventate di sana pianta.

Iniziato con il caso Claas Relotius, vincitore dei premi Cnn per il miglior giornalismo, pescato con le mani nel sacco quando era da almeno tre anni che falsificava tutto, adesso le indagini stanno mordendo l’intera redazione dello Spiegel.

I due redattori capo, Herr Ullrich Fichtner, editor in chief, ed Herr Matthias Geyer, a chief editor,

«have been “suspended until the (magazine’s) internal commission has completed its investigation into the affair”».

*

«Der Spiegel said on December 23 a criminal complaint would be filed against Relotius after it emerged he may also have embezzled donations intended for Syrian street children»

* * *

I media liberal sono una raccolta di mentitori professionisti.

Trump. Cnn licenzia in tronco Mrs Kathy Griffin. Non serve più.

G20. Povera CNN, mazziata e cornuta. Un gaffe da giornaletto parrocchiale.

Cnn. 21° Fake News. Cnn ha alterato uno scritto di Abraham Lincoln.

Trump. CNN, NYT ed AP ammettono di aver riportato artatamente notizie false su Mr Trump.

Procuratore Generale NY, Schneiderman, dimissionario per abusi sessuali.

Cnn. Crollo dell’audience dopo la pubblicazione di troppe fake news.

*

Adesso sta spuntando anche il fatto che oltre a spargere notizie false si sarebbero anche intascati i soldi dati dalla gente per i poveri bambini siriani.

Ma, a dir dei liberal, chi più degno di elargizioni di noi? Chi mente è ladro.


The Local. 2019-01-01. Spiegel suspends two editors after fake news scandal

Influential German news weekly Der Spiegel, shaken by a scandal over a reporter who admitted faking stories for years, said it has suspended two senior editors.

The contracts of Ullrich Fichtner, an editor in chief, and Matthias Geyer, a chief editor, have been “suspended until the (magazine’s) internal commission has completed its investigation into the affair,” the editor in chief Steffen Klusmann said in an internal letter, of which AFP obtained a copy on Friday.

On December 19, Der Spiegel stunned the media world by revealing that one of its award-winning reporters had for years falsified stories.

Claas Relotius, 33, resigned this month after admitting he had made up stories and invented protagonists in more than a dozen articles in the magazine’s print and online editions.

“The Relotius affair raises the question as to whether” Ullrich and Fichtner “can continue in their jobs after such a disaster,” said Klusmann.

“The first discovered it for Der Spiegel, the second hired him and was until recently his superior.”

“We could now hold to account anyone who has dealt with Relotius, and that could continue up to the top of the hierarchy,” he said.

Der Spiegel said on December 23 a criminal complaint would be filed against Relotius after it emerged he may also have embezzled donations intended for Syrian street children.

Relotius on Thursday denied the accusations.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Ong - Ngo

Open Arms attraccherà in un porto spagnolo. EU finanzia per 5 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-23.

2018-12-23__EU_Funging__001

Spanish charity Open Arms rescues 311 migrants off Libya [Reuters]

«Spanish charity Proactiva Open Arms has rescued 311 migrants in the Mediterranean sea off the coast of Libya, it said on Saturday.

The migrants will be taken to the Spanish port of Algeciras after the charity’s vessel was refused entry by several European countries, including Malta and Italy. A newborn baby and his mother were taken by helicopter to Malta.

Proactiva Open Arms operates between Libya and southern Europe in a mission aimed at aiding migrants who have found themselves in trouble attempting to cross the sea from north Africa.»

*

Il problema della Open Arms era già approdato in sede del parlamento europeo l’11 settembre 2018.

«Parliamentary questions.

Subject:  EU funding of the Libyan coastguard.

On 17 July, the NGO Proactiva Open Arms lodged a complaint concerning the ‘failure to provide assistance in international waters and abandonment of a living person and the corpses of a woman and child by the Libyan coastguard. They were found on a destroyed vessel 80 miles from Libya’.

The Italian Government has closed its ports to NGOs conducting humanitarian rescue work. These organisations are human rights defenders. In line with EU directives on human rights defenders, these NGOs should receive priority attention in EU external action.

On 7 July, Italy and Libya signed an agreement for the provision of EUR 5 billion to Libya to stem migration to Europe.

  1. Will the Commission continue to fund the Libyan coastguard directly or indirectly?

  2. Will the Commission continue to fund the ‘Aurora’ project, and will it do so using the Internal Security Fund?

  3. To what extent is the coastguard currently involved in ‘Seahorse’, ‘Aurora’ or any other projects, or to what extent has it been or will it be involved, in terms of the Libyan coastguard’s access to European communications systems or Eurosur?»

* * * * * * *

Serve un contorsionismo logico per voler presentare come opera di volontariato una serie di azioni finanziate per cinque miliardi di euro da parte della Unione Europea, usando il denaro del Contribuente, Cittadino Elettore europeo.

Come le altre organizzazioni del genere, costoro si procurano migranti in Africa che vanno poi a raccogliere sulle coste della Libia e vorrebbero infine introdurre clandestinamente ed illegalmente in Europa.

Queste organizzazioni non hanno nulla dei “human rights defenders”: svolgono non azione caritativa, bensì lavoro a scopo di lucro.

La risposta del Ministro Salvini è chiara e netta, senza perifrasi:

«Il ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha confermato la sua linea: “La nave Open Arms, di Ong spagnola con bandiera spagnola, ha raccolto 200 immigrati e ha chiesto un porto italiano per farli sbarcare, dopo che Malta (dopo aver fatto giustamente sbarcare una donna e un bambino) ha detto di no»

*

«La mia risposta è chiara: i porti italiani sono chiusi!»

*

«Per i trafficanti di esseri umani e per chi li aiuta, la pacchia è finita»

*

Ci si pensi bene, ma molto bene.

L’Unione Europea finanzia il tutto con cinque miliardi di euro: poi Mr Moscovici e Mr Oettinger hanno strangolato l’Italia per cavare dai Contribuenti italiani una cifra analoga.


Ansa. 2018-12-23. Migranti, Open Arms andrà in Spagna, Madrid concede porto

Andrà in Spagna la nave della Ong Open Arms che questa mattina ha salvato al largo della Libia oltre 300 migranti, tra cui una donna e un neonato che avevano bisogno di cure mediche e che sono state sbarcate a Malta. Secondo quanto si apprende da fonti italiane, le autorità di Madrid hanno già indicato a Open Arms il porto dove sbarcare.   

Nella mattinata l’allarme lanciato dall’ong spagnola Proactiva che opera con la nave Open Arms: la nave spagnola “Open Arms con più di 300 persone a bordo non ha un porto sbarco, e Malta nega l’approvvigionamento. E’ un’emergenza di Natale”.  L’ong ha riferito di aver salvato ieri 300 migranti a bordo di 3 barche “in pericolo di naufragio”.

A bordo c’era anche un neonato di due giorni con la mamma, gli unici che sono stati evacuati stamattina dalle autorità maltesi. 

Mamma e figlio sono poi stati trasferiti in ambulanza all’ospedale Mater Dei dell’isola. 

Il ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha confermato la sua linea: “La nave Open Arms, di Ong spagnola con bandiera spagnola, ha raccolto 200 immigrati e ha chiesto un porto italiano per farli sbarcare, dopo che Malta (dopo aver fatto giustamente sbarcare una donna e un bambino) ha detto di no. La mia risposta è chiara: i porti italiani sono chiusi! Per i trafficanti di esseri umani e per chi li aiuta, la pacchia è finita”. 

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Senza categoria

Spiegel. Centrale operativa liberal di fake news nel mondo. Lo dicono loro. – Spiegel.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-22.

2018-12-22__Spiegel__001

Da chi mai avrebbe potuto prendere premi ed onorificenza Herr Relotius se non dalla CNN, Grande Maestra di ogni possibile menzogna?


«Claas Relotius committed his deception intentionally, methodically and with criminal intent. For example, he included individuals in his stories who he had never met or spoken to, telling their stories or quoting them. Instead, he would reveal, he based the depictions on other media or video recordings»

*

Abbiamo aspettato che si calmassero le acque e che emergessero informazioni corroborabili prima di riprendere questa notizia, che si preannuncia essere una delle più importanti dell’ultimo decennio.

Per sua stessa ammissione, lo Spiegel, una testata tedesca a grande tiratura ampiamente citata a livello mondiale, è stata la centrale di elaborazione e spaccio di notizie false, inventate di sana pianta, volte a supportare la propria visione ideologica, ossia quella liberal socialista. Un tale cumulo di falsità da fare dubitare persino che il suo nome sia quello vero.

*

Questi sono i titoli e le frasi usate dallo Spiegel stesso.


Answers to the Most Important Questions [Spiegel, 2018-12-19]

«In recent years, DER SPIEGEL published just under 60 articles by reporter and editor Claas Relotius. He has now admitted that, in several instances, he either invented stories or distorted facts. ….

Claas Relotius, a reporter and editor, falsified his articles on a grand scale and even invented characters, deceiving both readers and his colleagues. This has been uncovered as a result of tips, internal research and, ultimately, a comprehensive confession by the editor himself.  ….

The first suspicions emerged following the publication in November 2018 of the article “Jaeger’s Border” about an American vigilante group that patrols the border between Mexico and the United States.

Juan Moreno, who reported the story together with Relotius for DER SPIEGEL, grew distrustful of his colleague. Moreno also reported his concerns to DER SPIEGEL. He didn’t relent, and he took advantage of a trip to the U.S. for reporting on another story to gather incriminating information about Relotius — and also in order to take steps to protect himself, given that his byline had also appeared on the article.

After initially denying the allegations, Relotius finally confessed at the end of last week. It has emerged that he invented entire passages — not only in the article “Jaegers border,” but also in a number of other articles.»

*

«Relotius also worked for other media organizations in Germany and abroad. During his time as a freelance journalist, his work got published by other media including Cicero, the Neue Zürcher Zeitung am Sonntag, the Financial Times Deutschland, Die Tageszeitung, Die Welt, Süddeutsche Zeitung Magazin, Weltwoche, Zeit Online and the Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung.»

* * *


DER SPIEGEL Reveals Internal Fraud [Spiegel, 2018-12-19]

«A DER SPIEGEL reporter committed large-scale journalistic fraud over several years. Internal clues and research have provided significant evidence against reporter Claas Relotius, who has since admitted to the falsifications and is no longer employed by DER SPIEGEL. Other media organizations may also have been affected.

On the evening of Monday, Dec. 3, Relotius, who had worked for DER SPIEGEL for seven years and had been employed as an editor for the past year and a half, was called onto a stage in Berlin. The jury for the 2018 German Reporter Award was once again of the opinion that he had written the best feature story of the year, this one about a Syrian boy who lived with the belief that he had contributed to the country’s civil war through a graffito he had daubed onto a wall in Daraa …. The truth, however — a truth that nobody could have known at that point in time — is that his sources were anything but clear. Indeed, it is likely that much of it was made up. Inventions. Lies. Quotes, places, scenes, characters: All fake

*

«The fact that Relotius had for years been able to slip through the vetting and fact-checking measures established over decades at DER SPIEGEL is particularly painful and it raises questions about internal structures here that must be addressed immediately. The fact that we were unable to prevent such flagrant violations of the DER SPIEGEL Statute, which has codified the values of this organization since 1949, is the source of tremendous pain. »

* * *


Statement from DER SPIEGEL Editors-in-Chief

* * * * * * *

«Claas Relotius “made up stories and invented protagonists” in at least 14 out 60 articles that appeared in the magazine’s print and online editions, Spiegel wrote, warning that other outlets could also be affected»

*

«The Relotius scandal has come at a bad time for the media. Across the globe faith in the press is wavering, with US President Trump and others waging a war on what they like to call the “fake news media”. 

Right-wing groups have seized upon the story, citing it as evidence of a widespread culture of lies and fabrication in the media. 

Germany’s right-wing Alternative for Germany (AFD) political party has long said that the German press picks and chooses which stories to report on based on ideology. 

Given that Relotius’ targets were often one-dimensional Trump supporters who scoffed at big city liberals or right-leaning individuals fearful of immigrants only adds to the claims of right-wing groups. 

The Relotius scandal has come at a bad time for the media. Across the globe faith in the press is wavering, with US President Trump and others waging a war on what they like to call the “fake news media”. 

Right-wing groups have seized upon the story, citing it as evidence of a widespread culture of lies and fabrication in the media. 

Germany’s right-wing Alternative for Germany (AFD) political party has long said that the German press picks and chooses which stories to report on based on ideology. 

Given that Relotius’ targets were often one-dimensional Trump supporters who scoffed at big city liberals or right-leaning individuals fearful of immigrants only adds to the claims of right-wing groups.»

I fatti sono oramai appurati. Possiamo quindi trarre delle considerazioni.

Che lo Spiegel pubblicasse sistematicamente fatti, circostanze e dati inventati era cosa notoria e denunciata da ben più di un lustro.

Non certo che sia l’unica testata fraudolenta e menzognera.

Cnn, The New York Times e The Washington Post, solo per fare qualche nome, sono degni sodali dello Spiegel. Non a caso le diverse redazioni colmano di premi ed onorificenze i giornalisti delle altre testate. Si lodano e si ammirano tra di loro: poi pubblicano che onorificenze e premi erano ‘ambiti’.

Il problema risiede nel fatto che menzognera e fallace è l’ideologia liberal socialista: chi le abbraccia è o rapidamente diventa anche lui menzognero.

La Redazione dello Spiegel tenta disperatamente di addossare tutte le responsabilità su Herr Claas Relotius: mente anche in questa occasione.

Sono anni che negli ambienti del caso questo nome era riportato per quello che era, ed anche con malcelato disprezzo. In ogni caso, anche nella impossibile ipotesi che la Redazione fosse all’oscuro di questa trama, nessuno ha sorvegliato in modo umanamente decente il contenuto degli interventi dello Spiegel. Anzi, spesso li ha sostenuti con proterva alterigia.

Lo Spiege avrebbe bisogno di una colossale purga, quale quella avvenuta nel 1962.

Chi non si ricorda il caso Bedingt abwehrbereit, pubblicato il 10 ottobre 1962?

«Lo scandalo Spiegel (in tedesco Spiegel-Affäre) fu una crisi politico-mediatica che ebbe luogo nella Repubblica Federale Tedesca nel 1962, e che vide l’arresto di alcuni giornalisti del noto settimanale Der Spiegel, in particolare il fondatore e direttore Rudolf Augstein e il giornalista Conrad Ahlers, per iniziativa del Ministro della Difesa Franz Josef Strauß. Questo scandalo rappresenta uno delle maggiori crisi politiche nella storia della Germania dal 1945.

L’accusa, mossa al settimanale, era di alto tradimento a causa della pubblicazione di informazioni riservate sulla polizia tedesca riguardanti gravi irregolarità all’interno di essa. Lo scoppio dello scandalo dette vita a movimenti di protesta in tutta la Germania e segnò la fine della carriera politica di Konrad Adenauer l’anno successivo. Inoltre, segnò in modo permanente la reputazione del ministro Strauß, che perse il ministero, e regalò prestigio a Der Spiegel e a Augstein» [Fonte]

* * * * * * *

Bene: adesso sappiamo di quale stoffa è fatta l’informazione dei media liberal.

Se ne tragga ammaestramento.


The Local. 2018-12-19. Spiegel star reporter ‘faked stories’ for years

Germany’s respected news weekly Der Spiegel stunned the media world on Wednesday by revealing that one of its award-winning reporters had for years falsified stories.

Claas Relotius “made up stories and invented protagonists” in at least 14 out 60 articles that appeared in the magazine’s print and online editions, Spiegel wrote, warning that other outlets could also be affected.

Relotius, 33, resigned after admitting to the scam. He had written for the magazine for seven years and won numerous awards for his investigative journalism, including CNN Journalist of the Year in 2014.

Earlier this month, he was named German Reporter of the Year for a story about a young Syrian boy.

The cheating came to light after a colleague who worked with him on story along the US-Mexican border raised suspicions about some of the details in Relotius’s reporting. 

The reporter eventually tracked down two alleged sources quoted extensively by Relotius in the article, which was published in November. Both said they had never met Relotius.

Relotius had also lied about seeing a hand-painted sign that read “Mexicans Keep Out”, a subsequent investigation found.

Other fraudulent stories included one about a Yemeni prisoner in Guantanamo Bay, and one about NFL star Colin Kaepernick.

In a lengthy article, Spiegel said it was “shocked” by the discovery and apologized to its readers as well as to anyone who may have been the subject of “fraudulent quotes, made up personal details or invented scenes at fictitious places”.

The Hamburg-based magazine, renowned for its in-depth investigative pieces,  described the episode as “a low point in Spiegel’s 70-year history”.

An in-house commission has been set up to pore over all of Relotius’ work for the weekly.

The reporter also wrote for a string of other well-known outlets, including German newspapers taz, Welt and the Frankfurter Allgemeine’s Sunday edition.

Relotius told Spiegel he regretted his actions and was deeply ashamed, the magazine said.

“I am sick and I need to get help,” he was quoted as saying.


The Local. 2018-12-21. New sources reveal true extent of Der Spiegel forgery scandal

For the past week the German media has been rocked by the Claas Relotius scandal. With Relotius today agreeing to hand back his awards, the sheer scale of his lies and fabrications is slowly becoming clear.

For years, Der Spiegel journalist Claas Relotius was one of the most celebrated and awarded journalists in Germany. His became known across the globe for his international investigative journalism, winning several accolades in the process. 

While whispers had existed for years about the 33-year-old journalist, it wasn’t until his admission of guilt this week that the extent of Relotius’ ethical breaches has become clear. 

As reported by The Local on Wednesday, Relotius “made up stories and invented protagonists” in at least 14 of the articles he wrote for the magazine’s print and online editions. The magazine, which is known internationally for its unique fact checking department, has warned that other publications may be affected. 

Reloitis today indicated he would be handing back the German Reporter of the Year awards he won for his investigative journalism. 

CNN also indicated it would be stripping him of two prizes they awarded him for his reporting. 

On Thursday, Medium published a story outlining the fabrications Relotius made during his time in Fergus Falls, Minnesota, reporting on rural America’s apparently unwavering support for President Trump. 

Relotius’ original story – which ran under the banner “One month with people who pray for Donald Trump on Sundays” – was published in 2017. The much-lauded article described a town which was supposedly like many rural centres across the country which had delivered the 2016 for the underdog Trump. It was interwoven with a diverse blend of characters apparently only linked by their love of President Trump. 

The Medium story was prepared by Fergus Falls residents Michele Anderson and Jake Krohn, both of whom had briefly encountered Relotius during his time in their hometown.

The article lists eleven lies and fabrications made by the journalist about Fergus Falls, ranging from the dense, sprawling forest and rolling hills that encircle the town (it’s on a prairie) to an apparent love for the film American Sniper, which Relotius falsely said has played to full audiences at the local cinema for the past two years. 

Anderson and Krohn said they were initially welcoming of Relotius, particularly as he seemed not to be purely focused on the town’s conservative Trump supporters and apparently sought to paint a full picture of Fergus Falls. As time went on however, they became perplexed at Relotius’ apparent reluctance to seriously engage with the town’s residents. 

Then, when the story was published, they realized that Relotius had little regard for the truth at all. 

“Unfortunately now, even if it is in German, there is false historical documentation of our community that is not only completely wrong, but that our faces, our landscapes and our community’s name were used for, in service of perpetuating an ugly and exaggerated stereotype during a time when we, in both urban and rural places, need to find ways to understand each other more than to be divided,” they said. 

Relotius’ now former colleague Juan Moreno told the German press he’d suspected for years that Relotius may be lying, but was reluctant to come forward due to the award-winning reporter’s high standing.

“The industry is so small – word would have got around that Moreno ’couldn’t bear that a brilliant reporter like Relotius is better than him’,” Moreno said. 

“His stories all came together brilliantly. His reporting in recent years has moved in the direction of short stories, of literature.”

Moreno suspected Relotius years ago, with his initial attempts to share his concerns rebuffed by his colleagues. He worked hard to out Relotius’ forgeries, contacting several of his previous sources only to be told that their quotes were misrepresented – or that they hadn’t met Relotius at all. 

n their apology published yesterday, Der Spiegel wrote “Moreno would go through three or four weeks of hell because his colleagues and senior editors in Hamburg didn’t initially believe that Relotius could be nothing more than a liar”. 

“In late November and into early December, some at Der Spiegel even believed that Moreno was the real phony and that Relotius was the victim of slander.”

Der Spiegel has now thanked Moreno, acknowledging the crucial role he played in shedding light on Relotius and his history of forgery. 

The Relotius scandal has come at a bad time for the media. Across the globe faith in the press is wavering, with US President Trump and others waging a war on what they like to call the “fake news media”. 

Right-wing groups have seized upon the story, citing it as evidence of a widespread culture of lies and fabrication in the media. 

Germany’s right-wing Alternative for Germany (AFD) political party has long said that the German press picks and chooses which stories to report on based on ideology. 

Given that Relotius’ targets were often one-dimensional Trump supporters who scoffed at big city liberals or right-leaning individuals fearful of immigrants only adds to the claims of right-wing groups. 

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Macron. Rem crolla al 18% e la Le Pen vola al 24%: primo partito in Francia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-14.

2018-12-14__Macron__001

Ifop ha reso pubblico l’ultimo sondaggio sulle intenzioni di voto in Francia.

«La liste du Rassemblement National (anciennement Front National) soutenue par Marine Le Pen 24%»

*

«La liste de La République en Marche et du Modem 18%».

* * * * * * *

2018-12-14__Macron__002

«Secondo un’inchiesta Ipsos, pubblicata dal quotidiano L’Opinion, se si votasse oggi il Rassemblement national di Marine Le Pen otterrebbe il 24%, mentre la maggioranza presidenziale, vale a dire République en Marche e MoDem, capeggiata da Macron si fermerebbe al 18%.»

*

«Una catastrofe»

*

«A meno di sei mesi dalle elezioni europee, che si terranno il 26 maggio, il responso è impietoso»

*

«La “sovranità europea” contro “sovranità nazionale” sembra destinata a soccombere»

*

«Il fronte sovranista è ben più ampio del bacino di suffragi che otterrebbe il Rassemblement national. Ne fa parte anche il partito relativamente nuovo di Nicolas Dupont-Aignan, Debout la France (Alzati Francia) accreditato di un sorprendente 8%, mentre Florian Philippot, ex-braccio destro della Le Pen e fuoriuscito dal partito, ora leader di Les Patriotes, fa registrare un poco lusinghiero, ma pur sempre utile 1%.»

*

«Ciò significa che il 33% dei francesi sceglierebbe una coalizione apertamente sovranista, lasciando nel guado tutte le altre forze politiche»

* * * * * * *

Sicuramente Mr Macron potrà restare all’Eliseo fino a scadenza del suo mandato elettorale, proprio come sta facendo la Frau Merkel in Germania, altrettanto sicuramente potrà contare sulla maggioranza parlamentare fino a tanto che essa non sarà rinnovato, ma nel contempo dovrà prendere atto che la sua forza politica reale si sta sfaldando dopo giorno dopo giorno. Adesso è precipitato al 18%, e sono in molti a ritenere questa percentuale ben al di sopra quando non gli spetti realmente.

*

Sono in molte le persone e gli ambienti che si lagnano della proterva presunzione di Mr Macron e della superba alterigia che contraddistingue ogni suo intervento pubblico: pochi come lui hanno saputo rendersi odiosi al popolo ed al mondo.

Similmente, sono in molte le persone e gli ambienti che non riescono più a sopportare l’ottuso battage che i media liberal socialisti fanno inneggiando Mr Macron, la “sovranità europea” e tutto il corteo che segue tali ideologie.

Errano.

Si sbagliano, ed alla grande.

Questa catastrofe che si sta abbattendo su Mr Macron, sui gerarchi di Bruxelles (si ricordi che Mr Moscovici è un socialista francese) è causata proprio da Mr Macron stesso e dai pennivendoli dei giornali liberal.

Si stanno suicidando, e la cosa migliore è cercare di aiutarli.

Immaginatevi cosa mai sarebbe successo se al posto di Mr Macron ci fosse stato il cardinale di Richelieu, se al posto di Mr Juncker ci fosse stato Otto von Bismarck, e se i giornalisti liberal, quelli del Corriere della Sera, de La Stampa e del Sole 24 Ore, per intenderci, fossero persone oneste che scrivessero solo dei fatti ed in modo veritiero.

Non ce li toglieremo mai più di dosso.

Quindi, lunga vita a Mr Macron, a Mr Juncker ed ai pennivendoli!

Adulateli, che si gonfino fino a scoppiare come ranocchi negli stagni.


Marine Le Pen vola. La destra intercetta i gilets jaunes

Secondo un’inchiesta Ipsos, pubblicata dal quotidiano L’Opinion, se si votasse oggi il Rassemblement national di Marine Le Pen otterrebbe il 24%, mentre la maggioranza presidenziale, vale a dire République en Marche e MoDem, capeggiata da Macron si fermerebbe al 18%. Una catastrofe.

Non sono bastati i tredici minuti televisivi che Emmanuel Macron ha riservato ai suoi connazionali la sera del 10 dicembre per risalire la china dei disastrosi sondaggi che lo tormentano da mesi. L’aver dichiarato apertamente il fallimento della sua politica e l’aver teso la mano ai c facendo promesse che difficilmente potranno essere mantenute, a meno di non sforare il deficit e dunque mettersi contro l’Unione europea, non sembra aver pagato.

Secondo un’inchiesta Ipsos, pubblicata dal quotidiano L’Opinion, se si votasse oggi il Rassemblement national di Marine Le Pen otterrebbe il 24%, mentre la maggioranza presidenziale, vale a dire République en Marche e MoDem, capeggiata da Macron si fermerebbe al 18%. Una catastrofe. A meno di sei mesi dalle elezioni europee, che si terranno il 26 maggio, il responso è impietoso. La “sovranità europea” contro “sovranità nazionale” sembra destinata a soccombere. La Le Pen si giova, dunque, dopo oltre un mese di proteste da parte dei gilets jaunes , della crisi nella quale la presidenza è precipitata insieme con le forze politiche che la sostengono. E non è la sola.

Il fronte sovranista è ben più ampio del bacino di suffragi che otterrebbe il Rassemblement national. Ne fa parte anche il partito relativamente nuovo di Nicolas Dupont-Aignan, Debout la France (Alzati Francia) accreditato di un sorprendente 8%, mentre Florian Philippot, ex-braccio destro della Le Pen e fuoriuscito dal partito, ora leader di Les Patriotes, fa registrare un poco lusinghiero, ma pur sempre utile 1%. Ciò significa che il 33% dei francesi sceglierebbe una coalizione apertamente sovranista, lasciando nel guado tutte le altre forze politiche.

Uno scarto notevole separa la Le Pen tutti gli avversari, compreso ovviamente Macron: i Républicains post-gollisti, completamente allo sbando, sono nettamente distanziati con un magro 11%; lo stesso vale per l’insieme dei partiti di sinistra, dei quali nessuno supera la soglia del 10%: France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon (9%), Europe Écologie-Les Verts di Cohn-Bendit (8,5%), il Partito socialista (4,5%), Génération.s (3,5%); l’Udi (Unione dei democratici e indipendenti che raggruppa ben sette partitini liberal-democratici) guidato da  Jean-Christophe Lagarde raggranella circa il 3%. Un quadro che diciannove mesi fa nessuno poteva immaginare.

Sorprende il “sorpasso” della sconfitta del maggio scorso, ma ancor più è clamoroso il risultato, per quanto virtuale, di Dupont-Aignan, a dimostrazione che la destra francese si sta dislocando e radicando in maniera asimmetrica. Il giovane uomo politico francese che rifiutò al primo turno delle ultime  presidenziali di confluire nello schieramento della Le Pen, al secondo turno invitò i suoi elettori a sostenerla e lei lo indicò, qualora avesse vinto, come primo ministro.

Debout la France ha un’impronta chiaramente neogollista e sovranista. Per lungo tempo il suo leader è stato il capo di una corrente del partito di Sarkozy e di Fillon, Rassemblement pour la République, dal quale si è reso autonomo nel 2008 denominandosi Debout la République. Nell’ottobre del 2014 assunto l’attuale denominazione. Fa parte dell’Alleanza per la Democrazia Diretta in Europa all’Europarlamento e precedentemente era membro di EUDemocrats. Ha  due deputati all’Assemblea nazionale ed un senatore.

Alle elezioni presidenziali del 2012  Dupont-Aignan ottenne l’1,7% dei voti al primo turno e si posizionò al 7º posto tra i vari candidati alla presidenza della Repubblica. Alle presidenziali del 2017 Dupont-Aignan ha ottenuto il 4,75% al primo turno. Risultato non disprezzabile.

La Le Pen, scrivono i giornali francesi, in vista delle europee, competizione nella quale il suo partito ha sempre raggiunto obiettivi ragguardevoli, grazie anche al sistema proporzionale che non lo penalizza, è pronta a cavalcare il malcontento anche se finora in maniera assai discreta ha appoggiato il movimento dei gilets jaunes. E la nuova linea tende ad includere piuttosto che ad escludere come nel passato. Un fronte unitario con Dupont-Aignan ed altri soggetti minori non è un’utopia. È perfino pronta a stringere occasionali patti con la gauche pur di far sentire a Macron il fiato sul collo. Infatti il suo gruppo all’Assemblea nazionale voterà  la mozione di censura del governo presentata da France Insoumise di Mélenchon.

“Qualsiasi occasione per ribadire la nostra totale opposizione alle politiche di Macron è buona”, ha dichiarato. E la destra, oltre i confini delle appartenenze, sembra apprezzare. Come la maggior parte dei gilets jaunes che nelle urne potrebbero diventare tricolori.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Brasile. Arrestato Cesare Battisti. Nuova richiesta estradizione.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-14.

2018-12-14__Battisti__001

«Cesare Battisti deve essere arrestato per evitare il pericolo di fuga in vista di un’eventuale estradizione»

*

«Il nuovo corso voluto da Jair Bolsonaro ha avuto conseguenze immediate sulla vicenda dell’ex terrorista dei Pac»

*

«A ordinarne l’arresto, con un provvedimento immediatamente esecutivo, è stato un magistrato del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano, Luis Fux.»

* * * * * * *

Cesare Battisti è un assassino con sentenza cassata, che militava nella fazione dei Pac.

Per decine di anni è stato protetto dalla sinistra italiana prima, dai socialisti francesi dopo ed infine dai socialisti brasiliani. I criminali proteggono sempre gli altri criminali.

Adesso che quella genia di collusi è stata scacciata dalle stanze del potere, può essere ripristinato quel minimo di giustizia che consente il normale vivere civile.

Con questo provvedimento dovrebbe essere ben chiara anche un’altra cosa.

I liberal socialisti detengono ancora molto potere specie nel deep state, negli apparati burocratici e nelle magistrature di molti paesi, ma i loro giorni sembrerebbero alla fine essere contati. Non avranno posto ove ricevere asilo una volta che siano chiamati a render ragione del loro operato innanzi a Corti di Giustizia imparziali.


Ansa. 2018-12-14. Brasile, ordinato l’arresto di Cesare Battisti

“Cesare Battisti deve essere arrestato per evitare il pericolo di fuga in vista di un’eventuale estradizione”. Il nuovo corso voluto da Jair Bolsonaro ha avuto conseguenze immediate sulla vicenda dell’ex terrorista dei Pac. A ordinarne l’arresto, con un provvedimento immediatamente esecutivo, è stato un magistrato del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano, Luis Fux.

Che ha invece chiesto una decisione collegiale (pur definendosi favorevole) sulla possibilità che un capo di Stato annulli la decisione di un suo predecessore sulla concessione dell’estradizione. Formalmente, il giudice Luis Fux ha revocato una misura a favore di Battisti, che lui stesso aveva concesso nell’ottobre dell’anno scorso. Lo ha fatto su richiesta della Procuratrice Generale, Raquel Dodge, per “evitare il rischio di fuga e assicurare una eventuale estradizione”, secondo un comunicato diffuso dalla stessa Procura. Il Stf si era già dichiarato a favore dell’estradizione di Battisti nel 2010, lasciando però l’ultima parola all’allora presidente, Lula da Silva, riguardo alla sua permanenza nel paese. Lula concesse all’italiano la residenza permanente in Brasile nelle ultime ore del suo mandato. Lo scorso 6 novembre Fux aveva presentato al Stf la sua relazione sul caso Battisti, chiedendo che sia esaminato in sessione congiunta da tutti i magistrati dell’alta corte. Il Stf deve decidere se un presidente può legalmente modificare una decisione del genere presa da un suo predecessore.

Il presidente eletto, Jair Bolsonaro, ha assicurato molte volte – l’ultima ieri, ricevendo l’ambasciatore italiano in Brasile – che intende concedere l’estradizione di Battisti, che considera un “piccolo regalo” per il popolo italiano. Un atteggiamento che è stato molto apprezzato da Matteo Salvini. I media brasiliani danno per scontato che i legali di Battisti presenteranno un ricorso contro la decisione di Fux, chiedendo un parere dell’intero Srf. Ma l’ex terrorista dovrà aspettare la decisione dietro le sbarre. Al momento il suo legale si è limitato ad un “non comment” dopo aver precisato di non aver ancora avuto accesso agli atti del giudice:”l’ho saputo dai media”, ha detto. Battisti vive in Brasile dal 2009, e attualmente risiede a Cananeia, sulla costa dello stato di San Paolo. Nell’ottobre dell’anno scorso è stato arrestato a Corumbà, nello stato di Mato Grosso del Sud, mentre, secondo l’accusa, tentava di attraversare il confine boliviano con 6 mila dollari e 1.300 euro non dichiarati. Liberato dopo tre giorni, è rimasto comunque sotto processo per esportazione illegale di valuta.