Pubblicato in: Cina, Commercio, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Cina. Ceec, un nome da imparare. Dazi ridotti dal 17.3% al 7.7%.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-27.

Visegrad 001

Tutte le notizie possono essere commentate da differenti punti di vista, ciascuno dei quali mette in particolare risalto uno dei tanti aspetti.

Tra di questi, uno è costantemente sorvolato e sottotaciuto dai media occidentali: argomento particolarmente scomodo, ma non per questo inesistente.

Mentre l’Occidente sta dibattendosi in una crisi politica di severa portata, che raggiunge il suo massimo espressivo nella impossibilità di formare governi coesi e determinati, con movimenti e partiti minoritari che si rifiutano di accettare il ruolo di essere minoranze, mentre l’Occidente disperde l’opinione pubblica su temi etici e morali di dubbia consistenza ed utilità, mentre l’Occidente constata la evanescenza delle proprie teorie economiche non più, e vistosamente, in grado di gestire i tempi correnti, la Cina e la Russia stanno sviluppando un piano politico ed economico volto a formare un nuovo baricentro euroasiatico.

Molte quindi le possibili considerazioni.

In primo luogo, mentre in passato l’Occidente rendeva conto di gran parte dell’economia mondiale, al momento attuale le nazioni del G-7 generano circa il trenta per cento del pil mondiale. Il sistema economico occidentale non ha quindi dimensioni e forza per condizionare il resto del mondo, mentre questo ultimo ha dimensioni e forza per condizionare l’Occidente. La conseguenza è lapalissiana: l’Occidente non è più libero di scegliersi le strade da percorrere e le modalità di azione: o si adegua, oppure soccombe.

In secondo luogo, l’Unione Europea ha iniziato a frantumarsi. Se i partiti bollati come ‘populisti’ non hanno ancora conquistato dei governi europei, con la loro stessa presenza ne condizionano indirizzi ed azioni. La crisi politica francese ed austriaca, spagnola ed italiana, nonché quella tedesca paralizzano l’Unione Europea. Paralisi politica che si riverbera severamente sulla attività della Banca Centrale, proprio nel momento di inizio del tapering.

In terzo luogo, fino a quando aveva un qualche potere, Frau Merkel ed i suoi alleati europei si erano posti per motivazioni ideologiche in posizioni conflittuali con i paesi del Visegrad e, più generalmente parlando, con quelli dell’est europeo, Russia compresa. In alcune dichiarazioni, la dirigenza dell’Unione si era anche sbilanciata al punto di voler imporre al Visegrad sanzioni. Alla luce dell’attuale crisi queste posizioni sembrerebbero essere non più a lungo sostenibili.

In quarto luogo, come prima ricordato, l’Unione Europea non è più libera di decidere ciò che vuole. La Cina, assieme alla Russia, ha sviluppato il Ceec, China and Central and Eastern European Countries, nel cui ambito si muove con saggi criteri paritetici, senza esercitare la minima pressione sulle situazioni interne dei paesi membri. Una unione economica di sedici paesi. Molto significativo l’esame del sito di questa nuova organizzazione. Le fotografie prese ad icona dei singoli stati, per Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Repubblica Ceka, Estonia, Ungheria, Lettonia, Macedonia, Polonia, Serbia, e Slovenia sono chiese, fatto del tutto impensabile invece nell’Unione Europea.

In quinto luogo, appaiono evidenti almeno due aspetti dell’interna questione. Come detto prima, la Cina non interferisce in nulla nei problemi interni dei paesi partner, ma investe cifre colossali in infrastrutture di trasporti ed utilities che nell’ambito del progetto Belt and Road superano abbondantemente i millecinquecento miliardi di dollari. Queste due considerazioni evidenziano il netto contrasto con il modo di agire dell’Unione Europea, che devolve la quasi totalità del proprio bilancio in welfare oppure in imprese ideologiche avulse dalle esigenze correnti dei mercati.

In sesto luogo, i numeri parlano chiaro. I paesi dell’est europeo stanno ricevendo più fondi dalla Cina che non dall’Unione Europea, che, anzi, fa persino pesare quel poco che concede. È evidente che alla fine queste nazioni saranno anche costrette a rivedere il proprio schieramento in seno alla Nato, con tutte le sequenziali conseguenze.

*

Dazi doganali ridotti dal 17.3% al 7.7%?

Sicuramente questa manovra faciliterà le esportazioni verso la Cina, anche se nel contempo ne consoliderà la leadership. Ma altrettanto sequenzialmente evidenzia come un miglioramento del sistema economico occidentale dipenda più dalla Cina e dalla Russia che non dall’Occidente.


XinuaNet. 2017-11-26. China to cut tariffs on consumer goods

BEIJING, Nov. 24 (Xinhua) — China will further reduce tariffs on consumer goods, including food and infant formula, in the third cut since 2015.

Effective next month, the average import tax on some food, health products, medicine, daily chemicals, clothing, footwear, and other products will drop to 7.7 percent from 17.3 percent, the Ministry of Finance (MOF) said Friday in an online statement.

Some types of baby milk powder and diapers will have zero tariffs, according to an MOF list.


XinuaNet. 2017-03-05. China collects over 400 bln yuan in taxes from major FTZs

BEIJING, March 5 (Xinhua) — China collected 409 billion yuan (59.3 billion U.S. dollars) in taxes in four major free trade zones (FTZs) last year, data from the State Administration of Taxation (SAT) showed.

The tax revenue growth was driven by fast development, reasonable industrial structure and strong innovation in the Shanghai, Tianjin, Fujian and Guangdong FTZs.

Nearly 90 percent of the tax revenue came from the modern services sector, while high-end manufacturing witnessed strong growth in tax revenue, SAT data showed.

SAT data showed tax receipts from car manufacturing had annual growth of 44 percent last year, 34 percentage points higher than the national average.

Internet, software and information technology services posted stellar growth in tax revenues. The Guangdong FTZ, supported by tech-hub Shenzhen, saw tax revenues from the two sectors increase 470 percent and 390 percent respectively year on year.

FTZs are part of government efforts to test reform policies, including interest rate liberalization and fewer investment restrictions to better integrate the economy with international practice.

China launched its first FTZ in Shanghai in 2013. In late 2014, Tianjin, Fujian and Guangdong were allowed to set up a second group of FTZs. Another seven were approved in August 2016 in a bid to replicate the success of previous trials.


XinuaNet. 2017-11-26. Chinese premier leaves for Hungary visit, SCO meeting in Russia.

«BEIJING, Nov. 26 (Xinhua) — Chinese Premier Li Keqiang left Beijing on Sunday morning for an official visit to Hungary and the sixth meeting of heads of government of China-Central and Eastern European Countries in Budapest.

Li will also attend the 16th meeting of the Council of Heads of Government (Prime Ministers) of the Shanghai Cooperation Organization in the Russian city of Sochi from Nov. 30 to Dec. 1.»


XinuaNet. 2017-11-26. Premier Li vows to bring China-CEEC cooperation, China-Hungary ties to new high

«BUDAPEST, Nov. 26 (Xinhua) — Chinese Premier Li Keqiang has vowed to bring cooperation between China and the 16 Central and Eastern European countries (CEEC) and relations between China and Hungary to a higher level.

Li made the statement in an article published on the newspaper The Hungarian Times before attending the sixth meeting of heads of government of China and the CEEC on Nov. 26-29 in Budapest and paying an official visit to Hungary. Full Story»

*

BUDAPEST, Nov. 26 (Xinhua) — Chinese Premier Li Keqiang has vowed to bring cooperation between China and the 16 Central and Eastern European countries (CEEC) and relations between China and Hungary to a higher level.

Li made the statement in an article published on the newspaper The Hungarian Times before attending the sixth meeting of heads of government of China and the CEEC on Nov. 26-29 in Budapest and paying an official visit to Hungary.

“This is an important meeting held at the fifth anniversary of the launching of China-CEEC cooperation (16+1 cooperation). I’m looking forward to the meeting and the visit,” Li said.

Noting that Chinese President Xi Jinping announced in May the establishment of a comprehensive strategic partnership between the two countries, Li said he is full of confidence about China-Hungary relations and the prospect of China-CEEC cooperation.

The premier recalled that the first China-CEEC economic and trade forum was held in Budapest in 2011 and, a year later, the 17 countries established a new trans-regional cooperation platform, called the 16+1 cooperation.

Over the five years, the 16+1 cooperation has been growing and the mechanism improving, bringing about remarkable progress to cooperation in all fields, Li said.

Political mutual trust between China and the CEEC countries has been deepened, with the two sides having established cooperation mechanisms in about 20 areas, he said.

Economic cooperation has been growing steadily, with bilateral trade increasing to 58.7 billion U.S. dollars in 2016 from 43.9 billion dollars in 2010 and the completion of a number of landmark infrastructure projects, said the premier.

People-to-people exchanges have been strengthened in the fields of education, culture, health, tourism, media, think tank, political party and youth, and at local levels, he said.

After a great start, the 16+1 cooperation demands a new direction and new momentum, the premier said, adding that he will work with CEEC leaders to review what the two sides have achieved in the five years and draw a blueprint for the future.

On China-Hungary ties, Li said both countries are beneficiaries and supporters of economic globalization, and it is in line with the fundamental interests of the two countries to stick to trade and investment liberalization and facilitation.

Speaking highly of the strategic alignment of the China-proposed Belt and Road Initiative with Hungary’s Eastern Opening policy, Li said the Belt and Road Initiative and 16+1 cooperation have put the two countries’ economic and trade cooperation on a fast lane, with progress made in the areas of investment, finance, agriculture, scientific and technological innovation and small and medium-sized enterprises.

China and Hungary have also made strides in people-to-people exchange and cooperation in the areas of culture, education, sports, tourism and traditional Chinese medicine, he said.

Both sides hold that China-Hungary ties have entered the best period in history, Li said.

The 19th National Congress of the Communist Party of China has set out a grand blueprint and action guideline for future development of China, said Li, adding that a more open and prosperous China will surely bring more and greater opportunities to all countries in the world including Hungary.


XinuaNet. 2017-11-26. Commentary: Less anxious, more active EU needed in China-CEE cooperation

«BUDAPEST, Nov. 26 (Xinhua) — As Chinese Premier Li Keqiang heads to Budapest on Sunday for the sixth meeting of heads of government of China-Central and Eastern European (CEE) Countries, the once lagging behind part of Europe gets another chance to showcase its new title — the fastest growing region in Europe.

Data from the European Union (EU) lists Romania (8.6 percent in Q3, 2017), Latvia (6.2 percent), Poland and Czech Republic (both 5.0 percent) as top four fastest growing economies in the Union, which happen to be members of the China-CEE cooperation framework and take the lion’s share of China’s investment in the region.»


XinuaNet. 2017-11-26. Transport most promising field of cooperation between Poland, CEEC, China: Polish PM.

WARSAW, Oct. 25 (Xinhua) — Polish Prime Minister Beata Szydlo on Wednesday said transport is “one of the most promising fields of cooperation between Poland, the whole Central and Eastern Europe, and China.”

She made the statement as ministers of transport from China and Central and Eastern European Countries (CEEC) met here on Wednesday for the second CEEC-China Transport Ministers’ Meeting, which aims to improve cooperation in the area of transport.

During the opening ceremony, Szydlo said Poland has plans to develop the country’s transport infrastructure, including road, rail, air, sea links and inland waterways.

He Jianzhong, vice-minister of transport of China, said that China is willing to work with CEEC to promote the integration of Eurasian transport, accelerate interconnection of infrastructure and work together for a new chapter in China-CEEC transport cooperation.

 

Annunci
Pubblicato in: Cina, Commercio

Cina. Inizia a rendere pan per focaccia. Siete avvisati.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-21.

2017-11-21__Gigi_Hadid__003

Il Sommo Newton aveva stabilito il terzo principio della dinamica:

«Per ogni forza che un corpo A esercita su di un altro corpo B, ne esiste istantaneamente un’altra uguale in modulo e direzione, ma opposta in verso, causata dal corpo B che agisce sul corpo A»

che può essere espresso anche in questi termini:

«ad ogni azione corrisponde sempre una uguale ed opposta reazione».

*

Questo principio fisico generale si attaglia benissimo ai rapporti umani si tratta per come si è trattati.

«Tantum dabis, tantum dabo».

*

Per decenni e decenni i liberal hanno rovesciato sulla Cina ogni possibile quantità e qualità di vituperi, spesso poi seguiti da azioni di censura. Per non parlare di una continua denigrazione.

Recentemente l’Handelsblatt, giornale della confindustria tedesca, ha ricordato che:

«Contrary to the beliefs of many people here, the West’s political model is not universally accepted in the rest of the world».

Parole che avevano seguito a ruota la dichiarazione di Mr Macron:

«I believe in the sovereignty of states, and therefore, just as I don’t accept being lectured on how to govern my country, I don’t lecture others» [Macron]

Cina. Una nuova legge sulle Ong (Ngo).

La ‘casa’ di Shanghai. Capire cosa sia la Cina di oggi.

* * * * * * *

Come detto, per decenni l’Occidente si è scagliato contro la Cina, accusandola di essersi dotata della forma di governo a lei più confacente, oppure di aver negato alle ogn internazionali di agire sul suo territorio: la hanno bollata, e continuano a farlo, di essere “antidemocratica“.

Orientali e cinesi sono proverbiali per la loro pazienza, ma avere pazienza non significa che alla fine non si prendano provvedimenti. Bene: adesso stanno colpendo l’Occidente usando le sue stesse armi.

«Gigi Hadid has pulled out of the Victoria’s Secret fashion show in Shanghai, meaning one of the underwear brand’s most famous models will not be appearing in its biggest event of the year»

*

«This decision has been welcomed by many in China, after she caused offence by impersonating the Buddha and “mocking Asians” in a “racist” Instagram video»

*

«Hadid has apologised multiple times for the video, in which she holds up a cookie in the shape of the Buddha, then smiles and squints her eyes to imitate his face»

*

«[If she] despises Asian people, why would she come to Asia? [I] boycott [her] firmly»

* * * * * * * *

La Cina ha colpito un business di gran conto e, soprattutto, una delle icone del mondo occidentale.

Una giovanissima modella, né ci si è dimenticati di quanto accadde a Milano il 22 settembre 2016, che vive la “gender fluidity”: e siccome ciò va bene a lei ed ai liberal, dovrebbe anche andar bene ai cinesi.

“Vogue” apologizes for “gender fluidity” cover featuring Gigi Hadid and Zayn Malik

Essendo atea, Miss  Gigi Hadid si permette di sbeffeggiare Buddha, persona sacra in gran parte del mondo: ma in Cina mastica amaro. Semplicemente non le danno il visto di ingresso: è persona sgradita.

Ma nessuno si faccia la minima illusione: in un domani andranno a prenderla.

* * * * * * * *

Ci si pensi bene, perché i cinesi, come tutti gli Orientali, sono sottili.

Questo caso va ben oltre la figura di Mrs Gigi Hadid, ben nota solo per mostrare in pubblico ogni centimetro quadrato della propria pelle, in ossequio ai dettami del femminismo spinto.

È il primo chiaro segnale che l’Occidente può entrare in Cina solo se la comprende e rispetta.

Il secondo segnale è altrettanto chiaro. I liberal odiano la religione, qualsiasi essa sia, la irridono, la deridono e non perdono ocasione per sberleffiarla. Con i cristiani gli va di lusso perché questi reagiscono ben poco, ma con gli islamici, per esempio, sono molto più cauti: non sono gente di spirito.

Adesso hanno il segnale anche dalla Cina. I liberal si sonono convinti che i cinesia siano ‘comunisti’ e che di conseguenza siano atei attivi. Errore colossale, tipico di chi non conosca la Cina. Adesso dovrebbero aver capito che i cinesi ci tengono a Buddha.

I tempi in cui i liberal credevano di essere i padroni del mondo non esiste più: sono solo cascami della storia.

E poi, non sono più al governo in nessuna nazione occidentale: contano ancora qualcosa qui in Occidente, ma ogni giorno il loro potere si squaglia come neve al sole.

L’Occidente è stato avvisato: se non rientrasse nei ranghi non metterebbe più piede in Cina a cercar di vendere le sue minutaglie.


Ansa. 2017-11-21. La Cina nega il visto a Gigi Hadid, non sarà angelo Victoria’s Secret Show /VIDEO

Brutte notizie per Gigi Hadid, e per i suoi fan. La bellissima modella infatti non prenderà parte al Victoria’s Secret Show. Il motivo? Lo show si terrà a Shanghai ma la Cina ha deciso di negare il visto alla star a causa di un video che aveva postato la sorella Bella Hadid lo scorso febbraio e che era stato giudicato offensivo e razzista da molti utenti asiatici.
A confermare la notizia è stata proprio la Hadid, spiegandola con un tweet: “Sono molto triste nell’annunciare che non calcherò la passerella del Victoria’s Secret Show di Shanghai. Amo la mia famiglia di Victoria’s e sarò lì con lo spirito.”
Nel video incriminato si vede Gigi che tiene tra le mani quello che sembra essere un biscotto a forma di Buddha e, mentre lo avvicina al viso, chiude gli occhi, quasi a imitarne l’immagine, un gesto che molti hanno visto come offensivo nei confronti di chi gli occhi a mandorla li ha davvero.


The Telegraph. 2017-11-21. Gigi Hadid pulls out of Shanghai Victoria’s Secret show after causing offence with Buddha impression

Gigi Hadid has pulled out of the Victoria’s Secret fashion show in Shanghai, meaning one of the underwear brand’s most famous models will not be appearing in its biggest event of the year.

This decision has been welcomed by many in China, after she caused offence by impersonating the Buddha and “mocking Asians” in a “racist” Instagram video.

Users wrote on Weibo after it was announced, with one warning: “Don’t come, I am serious, never come to China.”

Another wrote: “This is the greatest news I have ever heard.”

And another chided: “What garbage. Don’t  try to praise her by calling her a super model.”

The 22-year-old model, who was supposed to walk the runway with her sister Bella Hadid, wrote on Twitter: “I’m so bummed I won’t be able to make it to China this year. Love my VS family, and will be with all my girls in spirit!! Can’t wait to tune in with everyone to see the beautiful show I know it will be, and already can’t wait for next year!”

Some have speculated it was decided she shouldn’t go after she offended many when she squinted her eyes in an attempt to impersonate the Buddha.

Hadid has apologised multiple times for the video, in which she holds up a cookie in the shape of the Buddha, then smiles and squints her eyes to imitate his face.”

When it was announced she would be walking in the Victoria’s Secret show in Shanghai, many wrote of their anger and shock.

One wrote: “Don’t come to Shanghai. You’re not welcome here. Screw off!”

Another said: “[If she] despises Asian people, why would she come to Asia? [I] boycott [her] firmly.”

Gigi Hadid’s management has been contacted for comment.

After the controversy over the video erupted, the model wrote on social media: “It hurts me to hurt anyone, and I want you all to know that it was never my intent to offend anyone through my actions and I sincerely apologise to those who were hurt or felt let down by me.

“I have the utmost respect and love for the people of China and cherish the incredible memories I have made while visiting in the past. I have learned to be very careful of how my actions can come off or be portrayed and I’m hopeful you’ll accept my apology.

“I hope to meet many of you and let you get to know me for me. I do not condone hurtful behaviour and want people and fans of all backgrounds to know they are welcomed, loved and respected around me and by me.”

Pubblicato in: Cina, Commercio, Economia e Produzione Industriale, Geopolitica Mondiale, Stati Uniti, Trump

Cina ed Usa firmano accordi bilaterali per 250 miliardi di dollari.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-10.

 2017-11-10__Xi_Trump__001

Poniamoci una domanda e cerchiamo di rispondere, anche se la risposta sarebbe davvero molto complessa: a cosa servono i Governi ed i Capi dello stato?

Sicuramente servono a preservare la pace internazionale e domestica, frutto dell’esercizio di giuste costumanze e decisioni, di rapporti intrinsecamente corretti ed equi.

Altra importante componente è la conservazione del potere di acquisto della valuta ed una osservanza ragionevole dei rapporti giuridici ed economici, nel rispetto sostanziale della libertà umana.

Infine, un buon governo innalza il potere di acquisto della popolazione: non si chiedono miracoli impossibili, ma ogni anno diminuisca il numero delle persone indigenti, lasciando anche che i benestanti migliorino ed i ricchi continuino ad arricchirsi.

È da considerarsi buono il governo che abbassa le tasse.

*

Se a prima vista quanto detto sembrerebbe essere banale, uno sguardo alla storia ci permetterebbe di dire che governi del genere sono una rarità.

Esattamente come si resterebbe stupiti dal dover constatare che risultati del genere siano stati ottenuti anche, e soprattutto, da sistemi di governo profondamente differenti da quelli attuali in Occidente.

Ci si rende conto quanto un simile approccio euristico possa anche urtare la sensibilità di alcuni, ma alla fin fine tutto è giudicabile sulla base dei risultati conseguiti. I mezzi usati diventano immediatamente trasparenti.

* * * * * * *

«Two-way investment is gaining steam»

*

«Bilateral trade surged to 519.6 billion U.S.dollars in 2016 from 2.5 billion dollars in 1979 when the two countries established diplomatic ties»

*

«We also welcome U.S. companies and financial institutions to participate in the ‘Belt and Road Initiative»

*

«Chinese and U.S. companies signed deals worth more than 250 billion U.S. dollars during President Donald Trump’s state visit to China»

*

«China and the United States have huge potential in reciprocal economic and trade cooperation, Xi sai»

*

«China and the United States are highly complementary rather than competitive»

*

«Deals include purchases of Boeing aircraft, Ford automobiles, U.S. soybeans and joint development of liquified natural gas in Alaska»

*

«The two sides should uphold the principles of equality and mutual benefit, mutual understanding and accommodation, and handle disputes through dialogue and consultation»

* * * * * * *

Il Presidente Trump ha fatto ciò che avrebbe dovuto fare ogni capo di stato degno di tale nome: rafforzare i legami economici e commerciali e portare a casa contratti vantaggiosi per ambo le parti.

E così è stato: accordi per 250 miliardi sono un ottimo risultato.

Come si vede, la strada degli accordi bilaterali è ben più proficua di quella dei trattati commerciali locoregionali.

Solo per fare un esempio pratico:

Boeing committed to forging closer partnership with China for common development

«According to Boeing’s 2017 China Current Market Outlook, China will need to purchase more than 7,240 new airplanes valued at 1.1 trillion U.S. dollars over the next 20 years, he said.»

Avere un mercato sicuro per venti anni e stimabile a circa 1,100 miliardi di dollari non è cosa da poco. E questo riguarda solo la Boeing.

L’accordo per il gas naturale liquefatto ha una stima ancora superiore a quello della Boeing.

Delfin taps China for US floating LNG plant

«Delfin Midstream, developing the first floating facility to export U.S. natural gas, has sealed a preliminary 15-year sales deal with city gas distributor China Gas Holdings ….

unnamed Chinese banks to fund its ambitious $8 billion as the current global supply overhang in liquefied natural gas (LNG)»

*

La White House ha voltato pagina.


Xinuanet. 2017-11-09. Chinese, U.S. companies sign over 250 bln USD business deals

BEIJING, Nov. 9 (Xinhua) — Chinese and U.S. companies signed deals worth more than 250 billion U.S. dollars during President Donald Trump’s state visit to China.

Chinese President Xi Jinping on Thursday revealed the figure after he and President Trump witnessed the signing of the agreements.

China and the United States have huge potential in reciprocal economic and trade cooperation, Xi said.

Deals include purchases of Boeing aircraft, Ford automobiles, U.S. soybeans and joint development of liquified natural gas in Alaska.

Being the world’s biggest developing economy and developed economy, China and the United States are highly complementary rather than competitive, Xi said when meeting with business delegates from both countries.

“We are willing to expand imports of energy and farm produce from the United States, deepen service trade cooperation. We hope the U.S. side will increase exports of civil technology products to China. We will continue to encourage Chinese companies to invest in the United States. We also welcome U.S. companies and financial institutions to participate in the ‘Belt and Road Initiative’,” he said.

Given the rapid growth of bilateral trade, it’s unavoidable to have friction, said Xi. The two sides should uphold the principles of equality and mutual benefit, mutual understanding and accommodation, and handle disputes through dialogue and consultation, he said.

Xi reaffirmed China’s commitment to opening up and reform and said China will not close its door to the world, and it will only become more and more open.

Overseas-invested companies, including the U.S.-invested firms, will enjoy a more open, transparent and standard market environment in China, he said.

Xi said China’s economic outlook will look bright for a long time. The Chinese economy has been transitioning from a phase of rapid growth to a stage of high-quality development with improving economic structure. It has the foundation, condition and impetus to sustain the good momentum.

China is the United States’ largest trading partner while the U.S. is China’s second largest. Bilateral trade surged to 519.6 billion U.S.dollars in 2016 from 2.5 billion dollars in 1979 when the two countries established diplomatic ties.

Over the past decade, U.S. exports to China increased 11 percent annually on average, while China’s exports to the United States only rose 6.6 percent.

China holds a surplus in goods trade with the United States while the United States maintains service trade surplus with China.

Two-way investment is gaining steam. Jobs created by Chinese-invested firms across America had jumped ninefold since 2009 to 140,000 last year, according to a recent report by the National Committee on U.S.-China Relations and Rhodium Group.

Pubblicato in: Commercio, Unione Europea

Germania. Trasporto gommato pesante è straniero al 33%.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-04.

Camion 911

«The mileage of lorries with a gross vehicle weight of 7.5 tonnes or more on roads in Germany rose to around 25.2 billion kilometres between January and September 2017»

*

«Lorries from countries that have become EU members since 2004 accounted for 33 percent of heavy goods traffic between January and August this year»

*

«The largest share of this figure consists of trucks from Poland – just under 16 percent. Trucks from the Czech Republic and Romania follow suit with about 4 percent and 3.5 percent, respectively.»

*

«In the period from January to August 2017, trucks with domestic license plates accounted for under 58 percent of heavy goods traffic»

*

«Ten years earlier, it was almost 66 percent»

*

«Many trucks from abroad for instance are permanently stationed in Germany and drivers are only home every few weeks or months»

*

«These drivers mainly come from central and eastern European countries and they are paid on the terms and conditions of their home countries.»

*

«In Germany, there is a lack of truck drivers to fill demand»

*

«While over 16,211 apprentices and trainees acquired a truck driver’s license in Germany last year, some 30,000 truck drivers retire each year.»

* * * * * * * *

In sintesi:

– Il 58% delle merci su trasporto gommato pesante è mobilizzato da camion registrati in Germania.

– Il 33% del traffico gommato pesante è mobilizzato da automezzi e guidatore dell’Europa dell’est.

– Nel 2016 i tedeschi hanno richiesto 16,211 licenze, mentre 30,000 hanno cessato la attività.

*

In primo luogo, i tedeschi non sono attratti da questo lavoro, davvero faticoso, con un margine di guadagno limitato.

Quindi, più che invasione si tratta di rimpiazzo.

In secondo luogo, gli autotrasportatori dell’est percepiscono stipendi minori rispetto ai colleghi tedeschi. Riescono tuttavia a stare relativamente bene, perché pagano le tasse nelle rispettive patrie, ove l’incidenza della tassazione è minore. Un problema è quello della assistenza sanitaria.

In terzo luogo, gli autotrasportatori dell’est hanno ritmi di lavoro molto più lunghi di quelli tedeschi: a ciò consegue una maggiore quantità di merci mobilizzate.

*

Il problema inizia a farsi serio.

Una nazione non può dipendere per un fattore strategico come il trasporto pesante gommato dagli umori di nazioni estere, sia pure ‘amiche’.


The Local. 2017-11-02. How trucks from eastern Europe are coming to dominate German roads

If you drive on the motorway and on country roads often, you may have noticed not only an increase in trucks, but that these vehicles hail from countries such as Poland, Czech Republic and Romania. This development highlights several issues.

The mileage of lorries with a gross vehicle weight of 7.5 tonnes or more on roads in Germany rose to around 25.2 billion kilometres between January and September 2017, according to surveys conducted by the Federal Office for Goods Transport (BAG).

This figure is 3.5 percent higher than the figure determined for the previous year, thus demonstrating strong growth in automobile freight transport across the country.

Earlier predictions saw an average annual growth rate of only 2 percent. But those predictions have now been surpassed due to Germany’s positive economic development and favourable diesel prices.

Not only are there more and more lorries on roads across the Bundesrepublik, current data show that many of them are coming from outside Germany.

Lorries from countries that have become EU members since 2004 accounted for 33 percent of heavy goods traffic between January and August this year. Ten years ago, this figure was almost half the amount at 18 percent in the same period.

The largest share of this figure consists of trucks from Poland – just under 16 percent. Trucks from the Czech Republic and Romania follow suit with about 4 percent and 3.5 percent, respectively.

But this development isn’t necessarily a good thing for German freight forwarding agencies, as this is the tenth year in a row that their share of traffic has steadily declined.

In the period from January to August 2017, trucks with domestic license plates accounted for under 58 percent of heavy goods traffic. Ten years earlier, it was almost 66 percent. The situation is similar in other founding EU member states, according to Die Welt.

Meanwhile, associations in Germany are concerned about cheap competition. According to truck lobbyists and independent market experts, a significant growth in truck transport in the country highlights among other things a difference in wages and social conditions for lorry drivers across the EU.

Many trucks from abroad for instance are permanently stationed in Germany and drivers are only home every few weeks or months. These drivers mainly come from central and eastern European countries and they are paid on the terms and conditions of their home countries.

In August, French President Emmanuel Macron pushed to overhaul the scope of the controversial so-called Posted Workers Directive rule which allows EU firms to send temporary workers from low-wage countries to richer nations without paying their local social charges (e.g. health and welfare systems). Backed by Germany, France wants the job duration of posted employees to be limited to 12 months.

In Germany, there is a lack of truck drivers to fill demand. According to the Federal Association of Road Haulage, Logistics and Disposal (BGL), the effects of the shortage of skilled workers in logistics are taking on previously unknown dimensions.

While over 16,211 apprentices and trainees acquired a truck driver’s license in Germany last year, some 30,000 truck drivers retire each year.

The development is also something that affects everyday car drivers on German streets. Non-truck drivers might be able to relate with the feeling of arriving at a rest stop on the motorway only to have to leave again because it’s so crowded.

In Germany, rest and leisure time for truck drivers are legally prescribed, meaning that car parks on motorways are often full – partly due to an abundance of parked lorries.

Pubblicato in: Cina, Commercio

Belt and Road. Adesso apre la Baku – Tbilisi – Kars.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-04.

Georgia Armenia Azerbaijan 002

Questa linea ferroviaria, concepita nell’ambito del Belt and Road unisce Baku, sul Mar Caspio, con la città di Kars in Turkia, passando per Tbilisi.

È un percorso alquanto strano, che merita perciò alcune spiegazioni.

La prima spiegazione è politica.

«As much as 8 million tons of cargo may be carried on the Baku-Tbilisi-Kars railway by 2025»

*

«Azerbaijan and Armenia are in an unresolved conflict over the territory of Nagorno-Karabakh»

*

«Turkey closed its border with Armenia in 1993 in support of Azerbaijan»

*

«Azerbaijan has invested $640 million from its sovereign wealth fund into upgrading existing track on its section of the line»

*

«helping Georgia to modernize 153 kilometers of railway to the Turkish border»

*

«Turkey built a new 76-kilometer section of rail from Kars to the Georgian border»

*

Per una lunga serie di motivi, l’analisi dei quali sarebbe qui fuori luogo, l’Armenia non intrattiene buoni rapporti né con la Turkia, né con l’Azerbaijan. È del tutto naturale che i progettisti abbiano semplicemente aggirato l’ostacolo.

Georgia Armenia Azerbaijan 003

La seconda spiegazione è orografica.

L’Armenia ha una pianta quasi ellittica, con grande asse inclinato in senso antiorario. È sostanzialmente una grande vallata con sia ad est sia ad ovest impegnative catene montuose.

Se è vero che una linea ferroviaria diretta Baku – Kars sarebbe stata lunga solo 600 kilometri circa, è altrettanto vero che avrebbe dovuto superare due catene montuose che avrebbero richiesto numerosi trafori e viadotti.


Bloomberg. 2014-10-30. A New Asia-to-Europe Railway Route Is Opening Up

– Presidents to gather for opening of Baku-Tbilisi-Kars line

– Transport corridor links Asia and Europe via Caucasus region

*

Azerbaijan is opening a long-delayed railway intended to cut transport times for goods between Asia and Europe.

President Ilham Aliyev is due to host Turkish counterpart Recep Tayyip Erdogan and Georgian leader Giorgi Margvelashvili at a ceremony Monday for the departure of the first train from the Caspian Sea port of Alat, south of the Azeri capital, Baku. The event, which Kazakh President Nursultan Nazarbayev is also expected to attend, marks the conclusion of a 10-year project to open a rail corridor linking central Asia and Europe through the Caucasus region.

The 826-kilometer (513 miles) railway from Baku to the Georgian capital, Tbilisi, and the Turkish city of Kars may deliver cargo between China and Europe in 12 to 15 days, making it a competitive alternative to existing routes that go via Russia or Iran, and much faster than sea freight, according to the Azeri government. The port at Alat, which Azerbaijan says is the largest in the Caspian Sea region, was built to provide connections to central Asia.

As much as 8 million tons of cargo may be carried on the Baku-Tbilisi-Kars railway by 2025, according to the Azeri government. Passenger services are also planned to start along the route next year, including sleeper-car services between Baku and Istanbul.

The project, initially scheduled for completion in 2010 and then in 2012, suffered repeated delays as construction costs mounted. It failed to win financial backing from the U.S. and the European Union because the railway deliberately avoided passing through Armenia, whose Soviet-era track would have offered the most direct route to Turkey. Azerbaijan and Armenia are in an unresolved conflict over the territory of Nagorno-Karabakh. Turkey closed its border with Armenia in 1993 in support of Azerbaijan as the two former Soviet neighbors fought a war over the disputed territory.

‘Grand Adventure’

Azerbaijan has invested $640 million from its sovereign wealth fund into upgrading existing track on its section of the line, and helping Georgia to modernize 153 kilometers of railway to the Turkish border. Turkey built a new 76-kilometer section of rail from Kars to the Georgian border.

“Asia and Europe will meet in this grand adventure through the Baku-Tbilisi-Kars railway project,” Georgian Prime Minister Giorgi Kvirikashvili said in a speech to the United Nations General Assembly in September. The railway and Georgian plans for a deep-water port at Anaklia on the Black Sea coast will help promote “a more prosperous and peaceful region,” he said.

While the new line offers a shorter route for transporting Chinese goods to Europe by rail, “the competition is really tough,” said Akif Mustafayev, permanent representative in Azerbaijan of the intergovernmental commission of TRACECA, an EU-backed transport program. Azerbaijan and other countries on the route will have to offer lower tariffs and simplified customs procedures to win business and avoid delays, he said.

Pubblicato in: Cina, Commercio, Rapporti Commerciali

Cina. Nuova linea Urumqi – Ukraina. Trasporta materiale strategico.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-31.

2017-10-31__Cina. Nuova linea Urumqi - Ukraina. 001

La strategia cinese del Belt and Road prosegue con la precisione dei cronometri cinesi.

Tuttavia la notizia odierna travalica in modo sostanziale quello relativo ad una mera tratta ferroviaria. È molto di più.

Di questi giorni è l’apertura di una nuova tratta che collega direttamente Urumqi, capitale della regione autonoma dello Xinjiang Uygur all’Ukraina, esattamente Poltava, di fatidica memoria.

Sono diversi gli elementi di rilievo da recepire.

In primo luogo, la Cina sta sviluppando una fitta rete di connessioni ferroviarie anche su lunghissime distanze. Soluzione questa che comporta una lunga serie di vantaggi. In questo caso, per esempio, la merce è stata consegnata con un viaggio di circa due settimane, contro i due mesi richiesti dalla linea marittima. Per fine anno saranno oltre 700 i treni arrivati in Europa dalla Cina, e che ritorneranno in patria con merci del vecchio continente: un interscambio che sfiora i 140 miliardi, e siamo solo agli inizi. Solo per esempio, si prenda nota come le esportazioni dello Xinjiang ammontavano fino a poco tempo fa a circa tre miliardi di dollari americani: lo sviluppo è evidente.

Freight train links China with France

Freight train from China coming to Bratislava after one year break

Freight train links China with Slovakia

First Changchun-Hamburg freight train departs

Direct China-Britain freight train likely to reshape trade

In secondo luogo, l’attivazione di queste tratte presuppone prima, facilita e stimola dopo, una produzione industriale specifica sulle esigenze dell’interscambio, sia ai capi dei terminali, sia anche in tutte le tappe intermedie. In poche parole, lungo la linea ferroviaria si possono sviluppare attività manifatturiere che prima non avrebbero avuto senso causa la intrasportabilità del prodotto manufatto. È un indotto di proporzioni per il momento relativamente modeste, ma che a regime eserciterà un notevole peso sulle economie.

In terzo luogo, si noti la classifica merceologica dei beni trasportati: “oil drilling equipment“, materiali per le perforazioni petrolifere. Già. La Cina, un popolo che solo trenta anni fa era alla fame, adesso è un produttore competitivo nel settore petrolifero, prima appannaggio esclusivo di alcuni paesi occidentali. E ciò che fa specie, è che questa tipologia produttiva è per molti aspetti sia migliore sia più economica di quella occidentale. L’idea che i cinesi sappiano fabbricare solo canestri di vimini è davvero bislacca.

In quarto luogo, si noti come la regione dello Xinjiang Uygur sia autonoma dal 1955. Circa il 45% della popolazione è uiguri, turcomanna mussulmana. È una regione che sta emergendo da poco e lentamente dalla miseria, essendo ora il pil pro capite di 25,034 ¥. Convivenza difficile quella degli uiguri con gli han, che sfociò anche in sedizioni alle quali lo stato reagì con fermezza, dal coprifuoco prolungato alle pena di morte per i fomentatori di disordini. Detto a mo’ di cronaca, molti paesi esteri avevano a suo tempo cercato di mettere benzina sul fuoco, specie tramite ong (ngo).

Il governo centrale cinese aveva preso fin dal 1954 un provvedimento molto efficiente, che sembrerebbe essere la fotocopia di quello attuato in Germania negli anni trenta da Herr Hjalmar Schacht: costituì il “Corpo per la produzione e la costruzione dello Xinjiang” (Xinjiang Shengchang Jianshe Bingtuan). Detto corpo era un’organizzazione militare e paramilitare che era arrivata ad avere un organico di 900,000 uomini, impiegati alla costruzione di infrastrutture e sistemi produttivi. A questo corpo si deve la fondazione di oltre cento grandi fattorie agricole.

Cina. Regioni. 001

* * * * * * *

Agli occhi degli Occidentali resta incomprensibile come in Cina convivano simbioticamente strutture fortemente centralizzate, ed addirittura militarizzate come il Corpo, con altre completamente deregolamentate: una libertà di azione economica mai riscontrata in Occidente.

Il fatto è che, essendo deideologizzati, i cinesi scelgono per quanto sia più opportuno al momento e non considerano le scelte come fatti definitivi ed irreversibili.




Xinhua Net. 2017-10-29. New cargo route links Xinjiang with Ukraine

URUMQI, Oct. 29 (Xinhua) — A new China-Europe freight train route was launched Sunday in Urumqi, capital of northwest China’s Xinjiang Uygur Autonomous Region.

The first train, carrying oil drilling equipment, left Urumqi Sunday noon and is bound for Poltava, Ukraine, via Kazakhstan and Russia. This is the first cargo train linking Xinjiang with Ukraine.

The new route will cut the transportation time from more than two months by sea to just 15 days, said Cheng Jingmin, deputy manager of Xinjiang Beiken Energy Engineering.

The company sent the equipment for a drilling project in Ukraine.

According to Cui Yumiao, deputy mayor of Karamay, the new route will serve as an important channel for enterprises in the city to expand their presence in overseas market along the Belt and Road.

With trade volume increasing between China and European countries in recent years, Urumqi has started to offer “point-to-point” customized services to cut transportation costs and time.

A total of 700 China-Europe freight trains are expected to depart from Xinjiang by the end of 2017. 

Pubblicato in: Cina, Commercio, Senza categoria

Cina. Riprese le importazioni di gorgonzola italiano.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-19.

gorgonzola

«L’Ambasciata italiana di Pechino ci ha appena comunicato che si potranno riavviare le esportazioni di Gorgonzola e degli altri formaggi erborinati in Cina»

*

«Il blocco a sorpresa sui formaggi erborinati operato a fine agosto dalle autorità di Pechino e da noi denunciato aveva messo a rischio un mercato molto promettente per i formaggi italiani»

*

«La situazione – sottolinea Assolatte – è stata sbloccata dal Ministero della Sanità cinese, che, in una nota, conferma che questi prodotti – pur superando i limiti previsti dalla normativa locale per i fermenti e i lieviti previsti – sono sicuri e possono essere commercializzati in Cina»

*

«Risolto il problema contingente …. resta immutata l’esigenza a più lungo termine di collaborare con AQSIQ (l’agenzia cinese per la sicurezza alimentare) per far aggiornare l’attuale normativa sui prodotti caseari, evitando così il possibile ripetersi di nuovi blocchi alle nostre esportazioni»

* * * * * * *

Le vendite casearie italiane in Cina tra il 2015 ed il 2016 sono ammontate  2,650 tonnellate, con un incremento del 42%. Nei primi sette mesi del 2017 sono aumentate del +32%.

È un mercato che al momento ha un volume di poco più di una ventina di milioni di euro, ma che si preannuncia come molto promettente. Deve battere la concorrenza interna cinese, sicuramente, ma anche quella dei tradizionali produttori del caseario, quali la Francia e la Germania, che pure hanno prodotti di alta qualità.

Il problema resta però un altro, al momento risolto solo grazie al buon senso cinese.

In Italia la produzione del formaggio deve sottostare alle normative domestiche ed a quelle dell’Unione Europea. Queste direttive sono conflittuali con quelle di molti altri paesi. Nel caso in esame, per esempio, l’Unione Europea tollera una quantità di fermenti e lieviti molto maggiore che non i restanti paesi del mondo.

Il vezzo della burocrazia europea di non prendere in considerazione alcuna le normative dei paesi extra-comunitari, quasi che non esistessero e non fossero oggetto di esportazioni, sta dimostrando i suoi limiti.

Esattamente come dovrebbe cessare l’uso della normativa comunitaria per proteggere prodotti locali.

Francesi e tedeschi, nel caso in oggetto, non sanno produrre prodotti simili al gorgonzola senza utilizzare alte quote di fermenti e lieviti. La normativa europea sembrerebbe essere stata fatta per tutelarne la possibilità di produzione in Europa, ma alla fine penalizza le esportazioni anche di chi saprebbe produrre gorgonzola senza ricorrere all’impiego di eccessivi additivi.


Ansa. 2017-10-18. La Cina riapre le porte al gorgonzola e agli altri formaggi erborinati

Assolatte, mercato cinese in ascesa, +32% vendite in 7 mesi

*

“L’Ambasciata italiana di Pechino ci ha appena comunicato che si potranno riavviare le esportazioni di Gorgonzola e degli altri formaggi erborinati in Cina”. Lo rende noto Assolatte, ricordando che “Il blocco a sorpresa sui formaggi erborinati operato a fine agosto dalle autorità di Pechino e da noi denunciato aveva messo a rischio un mercato molto promettente per i formaggi italiani”.

“La situazione – sottolinea Assolatte – è stata sbloccata dal Ministero della Sanità cinese, che, in una nota, conferma che questi prodotti – pur superando i limiti previsti dalla normativa locale per i fermenti e i lieviti previsti – sono sicuri e possono essere commercializzati in Cina”. “Si tratta di un risultato – prosegue Assolatte – che arriva al termine di un intenso lavoro da noi sollecitato attivamente che ha coinvolto i Ministeri interessati e il Direttore Generale del Ministero della Salute nella sua recente visita in Cina”.

“Risolto il problema contingente – precisa Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte – resta immutata l’esigenza a più lungo termine di collaborare con AQSIQ (l’agenzia cinese per la sicurezza alimentare) per far aggiornare l’attuale normativa sui prodotti caseari, evitando così il possibile ripetersi di nuovi blocchi alle nostre esportazioni”.

Su questo tema – aggiunge Assolatte – le ambasciate italiana e francese stanno lavorando ad un incontro tecnico a Pechino, nel corso del quale le autorità nazionali e comunitarie, con le delegazioni degli imprenditori, illustreranno alle controparti cinesi le caratteristiche di sicurezza che l’industria casearia conferisce ai formaggi erborinati.

“La notizia della positiva soluzione di questa emergenza ci fa ben sperare per il futuro. Il mercato cinese si sta facendo sempre più interessante per le nostre imprese – conclude Ambrosi – Dai dati Assolatte si rileva che tra 2015 e 2016 le vendite di formaggi italiani sono aumentate del 42%, arrivando a 2650 tonnellate. E nei primi 7 mesi di quest’anno c’è stato un ulteriore balzo in avanti: +32% rispetto all’analogo periodo 2016, superando le 2,2 mila tonnellate”.

Pubblicato in: Commercio, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Trump. Dazi del 220% sugli aerei Bombardier.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-27.

2017-08-04__Trump TELEMMGLPICT000136310797-xlarge_trans_NvBQzQNjv4BqHwnvh86NCImGNxSron0kTyxqUYn5PGopOSNBtx07gTA

Chi si fosse illuso che la affermazione “America First” fosse uno slogan sarà rimasto amaramente deluso.

Non lo è per niente, ed alle parole seguono i fatti.

*

Cercheremo di spiegarci nel più puro, ricercato, cauto e liberal linguaggio politicamente corretto: leggete quindi tra le righe quanto non si potrebbe dire a chiara voce.

Gli stati europei hanno fatto dell’industria aeronautica uno dei più orrendi carrozzoni politici della storia umana, ove la norma è incompetenza e corruzione. Personale liberal e socialista, quote rose ovunque perché “femmina è bello!”, cimitero di costosissimi elefanti dismessi dai ranghi politici, cessi ripartiti per tutte le possibili tipologie, vere o presunte, di sesso degenerato ma pur sempre oltremodo costoso.

I risultati sono prodotti di qualità inferiore a quella offerta dal mercato, e questo sarebbe il meno.

Questa industria aeronautica sopravvive di sovvenzioni dell’Unione Europea e dei vari stati, e ciò nonostante è in triboli perpetui.

Ha quasi cessato di essere un insieme di aziende produttive: sono solo aziende tenute in piedi per mantenere clientes, personale, amici, amanti e grandi elettori. È un immenso voivodato liberal e socialista.

Le partecipate italiane, quelle dei tempi dei centro-sinistra organici, sarebbero gigli in odore si santità a confronto e l’industria aeronautica europea sta avviandosi a grandi passi ad eguagliare la gestione fatta dal partito democratico italiano nelle banche. I pirati della Malesia erano galantuomini.

Viste dall’esterno, assomigliano in tutto e per tutto ad associazioni per delinquere di stampo mafioso.

*

Ci si rende perfettamente conto di quanto questo linguaggio politicamente corretto possa essere criptico, ma confidiamo sull’intelletto dei signori Lettori.

Ci scusiamo di aver parlato in così forbiti termini politicamente corretti, ma nel contempo abbiamo la quasi certezza che qualcuno troverà pur sempre qualcosa da ridire: nel caso lo seppelliremo sotto i faldoni dei bilanci, che tanto hanno incrementato l’industria degli inchiostri rossi.

*

«Bombardier received an unfair subsidy in the form of £135m investment pledge by the UK Government and Northern Ireland’s power sharing administration»

*

«The firm also received $1bn from the Quebec government in 2015»

*

«Bombardier received unfair state subsidies from the UK and Canada, allowing the sale of airliners at below cost price in America.»

*

«Bombardier vowed to fight the ruling which it described as “absurd”. The company is due to start delivery of up to 125 new jets to Delta Airlines next year as part of a $5.6bn (£4.2bn) deal signed in 2016.»

*

«this allowed Bombardier to supply aircraft at in implausibly low price of around £19m, making it impossible for Boeing to compete. Those aircraft will now cost around £61m once the interim tariff is applied»

*

«L’amministrazione Trump ha deciso di imporre dazi antidumping del 220% sugli apparecchi CSeries della canadese Bombardier»

*

È finita un’era: cerchiamo di rendercene conto.



Sole 24 Ore. 2017-09-27. Trump impone dazi del 220% sugli aerei Bombardier. May: «delusa»

L’amministrazione Trump ha deciso di imporre dazi antidumping del 220% sugli apparecchi CSeries della canadese Bombardier. La decisione è arrivata dal Dipartimento del Commercio dopo le proteste di Boeing per presunte sovvenzioni sleali che avrebbero avvantaggiato il costruttore canadese. Secondo il colosso dell’aeronautica statunitense, un ordine di 75 CSeries da parte di Delta Air Lines (del valore di cinque miliardi di dollari) sarebbe stato “viziato” da pratiche scorrette da parte di Bombardier, esattamente come accaduto negli anni Novanta con l’europea Airbus.

La decisione del Dipartimento del Commercio contro Bombardier diventerà effettiva solo se la International Trade Commission statunitense darà ragione a Boeing in una decisione finale attesa per l’anno prossimo.

Intanto il primo ministro inglese Theresa May si è detta «amaramente delusa» per la decisione del governo americano di imporre dazi antidumping del 220% sui prodotti della canadese Bombardier, che impiega migliaia di dipendenti in Irlanda del Nord. «Sono amaramente delusa per la decisione su Bombardier», ha twittato May. «Il governo continuerà a lavorare con il gruppo per salvaguardare i posti di lavoro in Irlanda del Nord», ha aggiunto.

La CSeries è una famiglia di aeroplani di linea a fusoliera stretta (narrow-body) composta da due modelli: CS100 e CS300, in fase di test e prima produzione da parte di Bombardier Aerospace. Il progetto fu annunciato nel 2004, mentre la progettazione e lo sviluppo sono cominciate nel 2008. Il CS110 ha una capienza 100-125 posti e il CS130 di 120-145 posti, a seconda delle configurazioni. I nuovi CSeries montano nuovi motori ecologici costruiti con materiali compositi.

Il progetto CSeries ha costretto Airbus, nel dicembre 2010, a rivisitare i suoi A320 proponendo la versione ri-motorizzata A320neo, per il rischio di perdere quote di mercato nel campo dei velivoli narrow-body della categoria sotto ai 150 posti. La risposta di Airbus al progetto CSeries, ha a sua volta costretto anche Boeing, nell’agosto 2011, ad offrire una versione ri-motorizzata della sua gamma di aerei a fusoliera stretta, proponendo il Boeing 737 MAX.


Independent. 2017-09-27. US Bombardier ruling: Theresa May ‘bitterly disappointed’ at Trump administration tariff decision

Bombardier employs around 4,200 people in Belfast and thousands more jobs in Northern Ireland are supported through the manufacturer’s supply chain.

*

Prime Minister Theresa May is “bitterly disappointed” by a US Department of Commerce decision to impose a tariff of nearly 220 per cent on a new model of passenger jet manufactured by Bombardier, one of Northern Ireland’s biggest employers, Downing Street said. 

The comment came after Ms May was accused of being “asleep at the wheel” as unions warned that thousands of jobs could be put at risk by the US move.

Canadian multinational Bombardier employs around 4,200 people in Belfast and thousands more jobs in Northern Ireland are supported through the manufacturer’s supply chain, according to trade unionists.

Ms May had lobbied US President Donald Trump over the dispute, which was sparked by complaints from rival Boeing that Bombardier received unfair state subsidies from the UK and Canada, allowing the sale of airliners at below cost price in America.

Bombardier vowed to fight the ruling which it described as “absurd”. The company is due to start delivery of up to 125 new jets to Delta Airlines next year as part of a $5.6bn (£4.2bn) deal signed in 2016.

Union leaders slammed the prime minister for failing to do more to lobby for British workers.

GMB national officer, Ross Murdoch described the decision as a “hammer blow to Belfast” and accused Ms May of being “asleep at the wheel when she could and should have been fighting to protect these workers”.

Jimmy Kelly, Unite regional secretary, said: “The decision taken by the US department of commerce was not unexpected – unfortunately it is unlikely to be overturned by president Trump whose protectionist tendencies are well-known.

“The threat of punitive tariffs on the C-Series will cast a shadow over Bombardier’s future unless the company can source alternative and substantial sales outside the US market.”

It is understood the Prime Minister raised the issue in a telephone call with US President Donald Trump earlier this month following presure from Democratic Unionist Party leader Arlene Foster, whose 10 MPs are propping up Ms May’s minority government.

Mrs Foster said: “This is a very disappointing determination, but it is not the end of the process and there are further steps that will follow.

“The C-Series is a hugely innovative aircraft that is vital to Bombardier’s operations in Belfast. It is this innovation that sets the C-Series apart and it is not in direct competition with Boeing.”

Bombardier’s deal to supply billions of pounds worth of jets is in jeopardy after the US Commerce Department ruled that Bombardier received an unfair subsidy in the form of £135m investment pledge by the UK Government and Northern Ireland’s power sharing administration. The firm also received $1bn from the Quebec government in 2015.

US authorities say this allowed Bombardier to supply aircraft at in implausibly low price of around £19m, making it impossible for Boeing to compete. Those aircraft will now cost around £61m once the interim tariff is applied.

US secretary of commerce Wilbur Ross said on Wednesday: “The US values its relationships with Canada, but even our closest allies must play by the rules.

“The subsidisation of goods by foreign governments is something that the Trump Administration takes very seriously, and we will continue to evaluate and verify the accuracy of this preliminary determination.”

Pubblicato in: Commercio, Economia e Produzione Industriale, Logistica

‘Clima’. I grandi dimenticati. Anche navi ed aerei sono inquinanti.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-17.

2016-11-30__Aminali_006

Riportiamo un articolo pubblicato tre anni or sono su di un argomento sul quale è sceso un silenzio tombale.

Ma il fatto di non parlarne più non significa minimamente che il problema non esista più.

«sia le turbine a reazione dei velivoli (alimentate a kerosene, carburante petrolifero simile al gasolio), che i grandi motori diesel navali (alimentati con olio combustibile poco raffinato di origine petrolifera, il cosiddetto”bunker oil”), a differenza delle auto, emettono quantitativi enormi di idrocarburi (HC), ossido di carbonio (CO), ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx), particolato (PM), anidride carbonica (CO2), poiché sono del tutto privi di dispositivi assimilabili ai catalizzatori ed ai filtri anti-particolato, atti a ridurre drasticamente le emissioni allo scarico»

*

«Stime per difetto hanno quantificato che il traffico aereo di un aeroporto come Fiumicino o Malpensa emetta giornalmente gas inquinanti pari alla quantità che emetterebbero circa 350 mila auto non catalizzate»

*

«un solo aereo di linea inquina come circa 600 auto non catalizzate»

* * *

IL CIA World Factbook riporta la tabella del censimento delle navi mercantili attualmente in funzione.

Sono attive 32,561 navi, ciascuna delle quali inquina mediamente come diciannovemila automobili non catalitiche.

Ciò significa un inquinamento pari a quello di 619 milioni di automobili non catalitiche.

Si consideri che il parco autovetture mondiali è stimato essere circa un miliardo, in gran parte catalizzate.

*

Così stando le cose, nessuno si stupirebbe che a breve si varino progetti per avere aerei e navi elettrici.




Nogeo Ingegneria. 2014-04-28. Aerei e navi emettono di tutto – ma tutti a far finta di niente.

Auto tartassata: ma nulla si fa contro le principali fonti inquinanti.

Le istituzioni si accaniscono solo contro le auto, mentre su altri settori molto più inquinanti domina l’impunità e un silenzio assordante

Le istituzioni, spinte da demagogia ambientalista, si accaniscono, da oltre 20 anni, solo contro le auto mentre su altri settori molto più inquinanti, domina l’impunità e un silenzio assordante. Mi chiedo se ai vari legislatori europei (i più accaniti contro le emissioni delle auto), sia mai venuto in mente di valutare obiettivamente, senza condizionamenti o preconcetti di tipo ideologico, magari con il supporto tecnico-scientifico di veri esperti non di parte, quanto possano inquinare molto più delle auto, gli aerei e le navi, tanto per restare nell’ambito dei mezzi di trasporto. Hanno costoro una sia pur vaga idea della enorme quantità di prodotti della combustione immessi nell’atmosfera dal traffico aereo e marittimo in un solo giorno o in un intero anno? La domanda è volutamente oziosa poichè è fin troppo evidente che gli esperti indipendenti lo sappiano bene, ma le istituzioni fanno finta di niente.

AEREI E NAVI EMETTONO DI TUTTO – Ebbene, proviamo a spiegarlo a beneficio di chi ignora tale aspetto e crede, a causa della falsa informazione dei media, che le automobili siano la unica fonte di ogni problema ambientale e soprattutto del presunto riscaldamento globale. Ma prima è doveroso fare una fondamentale distinzione anche qualitativa fra le emissioni di scarico degli aerei e delle navi rispetto a quelle delle auto, e ciò rende ancor più inaccettabile il voler ignorare tale aspetto, perché non si tratta solo di CO2. Infatti, sia le turbine a reazione dei velivoli (alimentate a kerosene, carburante petrolifero simile al gasolio), che i grandi motori diesel navali (alimentati con olio combustibile poco raffinato di origine petrolifera, il cosiddetto”bunker oil”), a differenza delle auto, emettono quantitativi enormi di idrocarburi (HC), ossido di carbonio (CO), ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx), particolato (PM), anidride carbonica (CO2), poiché sono del tutto privi di dispositivi assimilabili ai catalizzatori ed ai filtri anti-particolato, atti a ridurre drasticamente le emissioni allo scarico. Per gli aerei non potrebbe essere diversamente, stante la logica di funzionamento di un turboreattore, mentre per quanto riguarda le navi affronteremo il grave problema in altra occasione. I gas suddetti sono realmente tossici e pericolosi per la salute, a differenza della CO2 (anidride carbonica) che, giova ricordarlo, non è un gas inquinante, né tanto meno tossico, ma solo ad effetto serra come il vapore acqueo presente in atmosfera (le nuvole) che è di gran lunga l’elemento naturale ad effetto serra più diffuso. La CO2 è talmente innocua per la salute che la ingeriamo con piacere e volontariamente, in grandi quantità, con le bevande gassate, i vini spumanti, ecc. (per poi tornare all’aria libera dopo essere espulsa dal nostro organismo in modo poco elegante). Peraltro, è assai singolare che nessun ambientalista o istituzione abbia nulla da obiettare sulla enorme produzione industriale di CO2 destinata alle bevande (ma anche per altri scopi), ma ritorneremo presto sull’argomento.

DUE PESI E DUE MISURE – Beninteso, noi non vogliamo criminalizzare il trasporto aereo, né quello marittimo ai quali riconosciamo ovviamente una primaria e insostituibile funzione economica e commerciale. Tuttavia, è impossibile ignorare la stridente disparità di trattamento di cui godono tali attività rispetto al martoriato settore automotive privato. Inoltre, da sempre abbiamo preso le dovute distanze dalle teorie catastrofiste, invero semplicistiche quanto sospette (grossi interessi pseudo-ambientalisti in gioco), contestate peraltro da fior di scienziati ed esperti del clima, secondo cui le emissioni di CO2 derivanti dalle attività umane sarebbero le uniche responsabili dei cambiamenti climatici. Questi, come dimostrano le conoscenze acquisite, sono sempre avvenuti, in epoche diverse, a prescindere dalle attività umane, visto che si tratta di processi ciclici naturali che si evolvono di norma nel corso di svariati secoli o anche millenni da non poter essere valutati obiettivamente nell’arco di poche generazioni. Dunque, non cadiamo nel facile tranello di cercare altri capi espiatori. Noi vogliamo sottolineare e denunciare la mala fede, l’incompetenza, l’ottusa demagogia e il doppio-pesismo delle istituzioni che da vari anni hanno preso di mira solo il settore automotive, penalizzando e colpendo pesantemente non solo i costruttori, costringendoli ad investire enormi capitali al fine di rispettare normative e limiti sempre più stringenti e dall’esito pratico assai dubbio, ma anche gli utilizzatori finali del bene automobile con imposizioni legislative talvolta arbitrarie e spesso demenziali, costi, limiti e divieti di libera circolazione del tutto ingiustificati e penalizzanti, che hanno effetti devastanti sulla libera mobilità privata, l’economia dell’intero settore e indirettamente sulle filiere di altre attività industriali e commerciali. Basti pensare ai danni economici sul commercio causati dall’inutile e demagogico periodico blocco delle circolazione veicolare privata in molte città italiane. L’aver escluso artatamente il trasporto aereo (ed altri settori) dalle restrizioni stabilite dal Protocollo di Kyoto, è la più evidente dimostrazione che i Paesi coinvolti hanno la coda di paglia e, al di là dei proclami ufficiali con cui tutte le istituzioni mondiali si dichiarano convinti ambientalisti, di fronte a interessi enormi i cosiddetti difensori della “eco-sostenibilità” ricorrono a provvedimenti di facciata e sono pronti a chiudere tutti e due gli occhi per puro opportunismo. Peraltro, giova sottolineare che negli USA, in concomitanza con la buona ripresa economica e industriale degli ultimi anni, le emissioni di CO2 sono aumentate, con tanti saluti al Protocollo di Kyoto ed alla vocazione “ambientalista” del Presidente Obama.

UN GIORNO IN AEROPORTO VALE 350 MILA AUTO – Stime per difetto hanno quantificato che il traffico aereo di un aeroporto come Fiumicino o Malpensa emetta giornalmente gas inquinanti pari alla quantità che emetterebbero circa 350 mila auto non catalizzate! Figuriamoci se si prendono in considerazione aeroporti ben più trafficati come New York, Londra, Parigi. In altri termini, un solo aereo di linea inquina come circa 600 auto non catalizzate. Ma le auto, ormai da oltre 20 anni, sono tutte catalizzate per legge, quindi al suddetto rapporto, per essere più realistico, andrebbe aggiunto, per difetto, almeno uno zero. E’ ben noto che l’industria automobilistica mondiale, nell’ultimo ventennio, ha dovuto investire cifre enormi per ridurre le emissioni e continua a farlo, in un processo di obblighi legislativi e normative che appare senza fine. Viceversa, il comparto aereo avrebbe ottenuto il permesso dai vari organi internazionali, di triplicare il traffico fino al 2050, come afferma SDC (Sustainable Development Commission) nominata dal governo britannico. Negli ultimi 10-15 anni i viaggi low cost hanno incrementato a dismisura il traffico aereo e il conseguente inquinamento atmosferico e si può affermare che il trasporto su ali sia la fonte di emissioni di gas serra e di sostanze inquinanti più in crescita.

Pubblicato in: Cina, Commercio, Economia e Produzione Industriale, Geopolitica Mondiale, Russia, Sistemi Economici

Brics. Il Summit di settembre a Xiamen. Ripudio dell’Occidente.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-25.

Soffitti__005

Abbiamo già riferito del Simposio di Quanzhou, preparatorio al Summit dei Brics da tenersi a Xiamen il 3  5 settembre prossimo.

Cina. Quanzhou. I Brics decidono cosa farsene dell’Occidente.

«Delegates to a BRICS seminar, organised by the Communist Party of China (CPC) in the southeast city of Quanzhou analysed and debated the Chinese model of rapid development as the template for the rapid growth, especially of the global South»

*

«It highlights the theme: “BRICS: stronger partnership for a brighter future.”»

*

«BRICS members account for about 23 per cent of the world economy, and contributed to more than half of global growth in 2016»

*

«Peking University professor and former World Bank chief economist Justin Lin Yifu pointed out at the seminar that among nearly 200 developing economies since the end of the Second World War, only two have transitioned from low-income to high-income economies, with China possibly emerging as the third by 2025»

*

«He attributed the failure to avoid either the middle-income or low income trap, to pursuit of western mainstream economic theories — structuralism, and neoliberalism. He stressed that a right balance between the role of the market and the state was required to achieve breakthroughs, Xinhua reported»

*

«Mr. Lin highlighted that the “secret of China’s success is its use of both ‘invisible hand’ and ‘visible hand,'”. He added that technological innovation and industrial upgrading can proceed smoothly, only when the market and the state played their complementary roles»

*

«The weak hatchling will never take off if it depends on government aid, financial grants, and welfare allowances»

* * * * * * * *

Molte le novità. Se riporteremo solo alcune.

In primo luogo, si constata come nel 1990 il pil nominale cine ammontasse a 398.623 miliardi Usd, mentre nel 2016 tale valore era salito a 11,218.281: è aumentato di ventotto volte. Per comparazione il pil nominale in tale lasso di tempo è cresciuto di 6.9 volte in India, 3.1 volte negli Stati Uniti e di 2.2 volte in Germania.

In secondo luogo, si constata come in Cina l’accesso al potere politico avvenga tramite una selezione strettamente meritocratica all’interno del Pcc, vera e propria fucina di idee politiche, economiche e sociali. La Cina non ha bisogno alcuno né del suffragio universale né del concetto occidentale di “democrazia“. I politici cinesi hanno un tasso culturale che surclassa quello dei loro omologhi occidentali, e che consente di concepire e perseguire programmi strategici. I politici cinesi non necessitano di essere simpatici alla maggioranza, né ne sono schiavi. Una sorta di concezione platonica della politica.

In terzo luogo, la Cina ha gelosamente custodito il suo retaggio storico, culturale e sociale che ha retto per oltre quaranta secoli. Non ha permesso alle ong occidentali di infiltrarsi nel suo tessuto sociale. Non solo. La legge sul matrimonio della Repubblica popolare cinese definisce il matrimonio come unione tra un uomo e una donna, richiede ai genitori che adottano bambini dalla Cina di essere uniti in matrimoni eterosessuali. Se fino al 1997 l’omosessualità era considerata reato penale, mentre la sua militanza tuttora lo è, le disposizioni penali sul teppismo comprendono l’omosessualità.

In quarto luogo, la Cina rigetta, e quindi non segue le “mainstream economic theories“. In particolare il debito sovrano ammonta al 42.61% del pil nominale in Cina, 15.94% in Russia, 78.32% in Brasile, 69.54% in India, e 50.47% in Sud Africa.

In quinto luogo, constata come “technological innovation and industrial upgrading” abbiano un senso solo quando il mercato le richieda, per cui la Cina le introduce esclusivamente al bisogno.

In sesto luogo, vi è un fermo rigetto dei “government aid, financial grants, and welfare allowances“. E questo è una grossolana differenza con i paesi occidentali che pone i cinesi ed i Brics in antitesi con la Weltanscahuung liberal democratica.

* * * * * * *

Concludendo.

È significativo il titolo con cui il The Hindu tratta del prossimo Summit di Xiamen.

Ahead of Xiamen summit, BRICS discuss new rules of global governance

I Brics si apprestano a dettare al mondo, Occidente compreso, le nuove regole del governo globale, e queste saranno l’opposto di quelle propugnate dall’Occidente.

Per ulteriori approfondimenti 林毅夫.


The Hindu. 2017-08-18. Ahead of Xiamen summit, BRICS discuss new rules of global governance

The BRICS summit is being held in China’s coastal city of Xiamen from September 3-5. It highlights the theme: “BRICS: stronger partnership for a brighter future.”

*

As the countdown for the September summit of the Brazil-Russia-India-China-South Africa (BRICS) grouping begins, scholars, academics and government officials have been brainstorming ways in which the emerging economies can set the global agenda, based on new rules of governance.

Delegates to a BRICS seminar, organised by the Communist Party of China (CPC) in the southeast city of Quanzhou analysed and debated the Chinese model of rapid development as the template for the rapid growth, especially of the global South.

The BRICS summit is being held in China’s coastal city of Xiamen from September 3-5. It highlights the theme: “BRICS: stronger partnership for a brighter future.”

BRICS members account for about 23 per cent of the world economy, and contributed to more than half of global growth in 2016.

Peking University professor and former World Bank chief economist Justin Lin Yifu pointed out at the seminar that among nearly 200 developing economies since the end of the Second World War, only two have transitioned from low-income to high-income economies, with China possibly emerging as the third by 2025.

He attributed the failure to avoid either the middle-income or low income trap, to pursuit of western mainstream economic theories — structuralism, and neoliberalism. He stressed that a right balance between the role of the market and the state was required to achieve breakthroughs, Xinhua reported.

Mr. Lin highlighted that the “secret of China’s success is its use of both ‘invisible hand’ and ‘visible hand,'”. He added that technological innovation and industrial upgrading can proceed smoothly, only when the market and the state played their complementary roles.

Robert Kuhn, a China expert from the United States, focused on the pursuit of “Four Comprehensives” by Chinese leaders as an overarching framework to achieve rapid development goals. The “Four Comprehensives” cover efforts to pursue a moderately prosperous society, reform, rule of law and Party discipline, he observed.

While acknowledging China’s success, most participants also underscored that there is no one-size-fits-all development model that can be fully replicated to achieve growth. Essop Goolam Pahad, the editor of South Africa’s Thinker Magazine, pointed out that a change of mindset was essential as communities and their leader must believe that development is possible, whatever the odds. “The weak hatchling will never take off if it depends on government aid, financial grants, and welfare allowances,” he observed.

The brainstorming in Quanzhou has been preceded by a conference, earlier this month of the BRICS trade minister in Shanghai, which focused on the continued relevance of globalisation. In the wake of protectionist sentiments in the U.S. and Europe, it underscored the need for a united stand of the emerging economies against protectionism, and backing for a multilateral trade system.

In late July, a BRICS security meeting was held in Beijing, with discussions on global governance, anti-terrorism, the internet, energy, national security and development. A month earlier, finance ministers and central bank governors agreed to strengthen cooperation in several fiscal and financial areas, including the BRICS New Development Bank and regulatory collaboration.