Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Trump. Quando un idraulico guadagna 90,000$ è un Elettore sicuro.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-30.

2019-04-16__Idraulico__001

I media ed i lib dem hanno dato e, per insperata fortuna di Mr Trump, continuano a dare un’immagine oniricamente fantastica del mondo del lavoro.

Il loro messaggio tipico è quello di una giovane manager vestita da una alta sartoria, che amministra miliardi dall’altro del settantesimo piano di un grattacielo. Non le abbiamo mai contate, ma sembrerebbero essere pochine pochine. Un altro messaggio tipico è il costante uso del modo futuro applicato a ricerche di punta non ancora commercializzate: l’intelligenza artificiale salverà il mondo, le energie alternative renderanno asettico l’ambiente, il diploma di laurea vi farà ricchi/e, i robot lavoreranno per voi, saremo tutti finanzieri.

Già.

Ma un cosa è quello che potrebbe accadere nel futuro ed una del tutto differente è quello che accade qui, adesso.

Nell’attesa che arrivi il robot che sappia fare l’idraulico, serve poter avere a disposizione un artigiano professionalmente valido. Se l’automazione è mandatoria nei grandi stabilimenti meccanici, non è ancora disponibile un robot che vi ripari la macchina e sappia pulire ad arte un carburatore.

Se poi servisse un cameriere finito, di quelli che leggono nella mente del cliente e lo stuzzicano a consumare ciò che più potrebbe piacere, liberando nel contempo la dispensa dalla giacenze, semplicemente non esiste sul mercato acquistabile ora un robot  che lo vicari.

Se non altro per le manutenzioni ordinarie e straordinarie degli immobili serviranno sempre degli artigiani.

* * *

«Big Money, No Debt: The Blunt New Pitch for Blue-Collar Workers»

*

«Some plumbers earning $90,000 as job openings go unfilled»

*

«Steered toward college, ‘I never knew this was an option’»

*

«The amount of money plumbers are making is definitely decent and it can always go up because so few people know how to do that work.”»

*

«Indeed, the 40 plumbers at Superior Plumbing in Atlanta earn around $90,000 in wages and commissions — about 70 percent higher than the region’s average income»

*

«The 3.8 percent U.S. unemployment rate has exacerbated a skilled labor shortage that had been building for years»

*

«To turn the tide, American’s blue-collar industries are adopting a blunter recruiting approach by touting how new entrants can earn more than some college graduates, without incurring tens of thousands of debt.»

*

«Specialized jobs including aircraft mechanics and heavy- equipment technicians can surpass $100,000»

*

«The biggest question that we get is, ‘How much money can we make?»

* * * * * * *

I dati rilasciati dal Bureau of Labor Statistics lasciano sconcertati gli illusi cronici.

Il mercato del lavoro è saturo di laureati nei campi più strani, avulsi dalla realtà lavorativa, e, per di più, carichi dei debiti contratti per portare a termine il ciclo degli studi. Non solo. Dopo anni di indottrinamento politico liberal questa gente deve confrontarsi con una realtà che mai avrebbe pensato che esistesse.

*


Bloomberg. 2019-04-14. Big Money, No Debt: The Blunt New Pitch for Blue-Collar Workers

– Some plumbers earning $90,000 as job openings go unfilled

– Steered toward college, ‘I never knew this was an option’

*

Like other college prep schools, Bishop McLaughlin Catholic High School north of Tampa, Florida, touts its 100 percent college acceptance rate to burnish its image and recruit students.

This year it could fall short of that mark for the first time in a while. Instead of shooting for the University of Florida or another four-year college, graduating senior Cassian O’Neill is leaning toward installing water heaters and fixing leaky toilets as a plumber.

“I don’t want to sit at a desk all day and work on a computer,” said Cassian, 19. “I want to do more hands-on work, so I thought the best way to do that was being a plumber or an electrician or a welder. The amount of money plumbers are making is definitely decent and it can always go up because so few people know how to do that work.”

Indeed, the 40 plumbers at Superior Plumbing in Atlanta earn around $90,000 in wages and commissions — about 70 percent higher than the region’s average income. Owner Jay Cunningham figures he could immediately fill 20 more plumbing jobs if he could find people with the right set of skills and a presentable appearance and demeanor. He blames the talent shortage on parental bias for college over the trades.

“We probably need to do a better job hammering in how much debt you’re going to have going to college,” said Niel Dawson, who runs apprentice and training programs for Independent Electrical Contractors in Georgia. “From day one you’re earning money in an apprenticeship program.”

Six-Figure Mechanics

The 3.8 percent U.S. unemployment rate has exacerbated a skilled labor shortage that had been building for years. To turn the tide, American’s blue-collar industries are adopting a blunter recruiting approach by touting how new entrants can earn more than some college graduates, without incurring tens of thousands of debt. Specialized jobs including aircraft mechanics and heavy- equipment technicians can surpass $100,000, and industry groups and states including Michigan and Georgia are incorporating that into their advertising campaigns.

Georgia recently spent $3 million on a campaign to push its technical colleges and is touting its tuition-free grant program for 17 high-demand jobs, including commercial truck driving, electrical linemen and diesel equipment technology, said Matt Arthur, commissioner of Georgia’s Technical College System.

In Michigan, the state Department of Talent and Economic Development is behind a campaign called Going Pro that tries to create a buzz around the professional trades. Front and center on the campaign’s web page, www.going-pro.com, is a list of career fields and how much they pay — mentioned even before a description of what each job does.

Electrical power-line installers and repairers earn $77,000, the site says. Plumbers and pipefitters earn $65,000.

“The biggest question that we get is, ‘How much money can we make?’,” said Sammie Lukaskiewicz, the agency’s deputy director of marketing and strategy.

Signing Bonuses

Trash hauler Waste Management Inc. offers $7,000 signing bonuses for certain mechanic jobs, and some competitors are offering up to $15,000, said Chief Human Resources Officer Tamla Oates-Forney. The company’s drivers meanwhile will earn $50,000 to $75,000 a year, she said.

Waste Management is also trying more creative ways to plug hard-to-fill jobs, including testing a new program to let workers steer landfill bulldozers remotely.

“You don’t have to be out at a sweaty, stinky landfill. You can be in a very pristine, pleasant environment,” Oates-Forney said. “It’s going to be more appealing, and we will be able to recruit veterans and also women who might never have thought about being in this type of industry.”

Major automotive players including Nissan North America, Manheim and Interstate Batteries are pushing young people to become auto technicians through an advocacy group called the TechForce Foundation. It’s urging repair shops to talk up their potential wages as much as possible and go way beyond traditional high school career fairs.

“You gotta get out there and start talking with them in middle school,” said TechForce director of national initiatives Greg Settle.

To be sure, a bachelor’s degree generally is more lucrative in the long run than a middle-skill job that requires some post-secondary education short of a four-year degree. Georgetown University’s Center on Education and the Workforce has studied the growth of what it calls “good jobs” — those paying at least $35,000 or $45,000 depending on someone’s age — over time and among people with different education levels.

Good jobs requiring bachelor’s degrees doubled between 1991 and 2016, while middle-skills jobs including many trades grew a more modest 29 percent, the center found. Good jobs requiring only a high school degree fell by 12 percent.

Tuition-Free

Soaring college debt, though, could tip the scales in favor of trade schools for at least some students. Student debt loads reached almost $29,000 on average nationally in 2017, with Connecticut students carrying more than $38,000 in debt, according to to the Institute for College Access and Success. While some trade certificate programs can cost as much as $45,000, many are covered in part by employers and others, like Georgia’s programs, are tuition-free.

Eight years ago, Hayden Bramlett was suffering through business courses at Valdosta State University in south Georgia. “It was like watching paint dry,” he says.

Today, the 28-year-old is finishing up a four-year electrician training program at an Independent Electrical Contractors campus in Atlanta. Meanwhile, he’s working for one of the Atlanta area’s bigger electrical, plumbing and air conditioning companies, earning more than $100,000 some years, he says.

If one is willing to work, the demand for electricians “way outweighs the people we have in this trade,” Bramlett said. “I never knew this was an option. I was steered toward college. It feels good to know I could walk out the door and get a job.”

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea ed il problema del sovraffollamento abitativo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-30.

2019-04-29__Sovraffollamento__001

Eurostat ha pubblicato la tabella aggiornata

Overcrowding rate by age, sex and poverty status – total population – EU-SILC survey.

Ricordiamo come la soglia di povertà sia definita come ‘below 60% of median equivalised income.’

«A person is considered as living in an overcrowded household if the household does not have at its disposal a minimum of rooms equal to:

– one room for the entire household,

– one room for each couple in the household,

– one room for each single person aged 18 and more,

– one room by pair of single people of the same sex between 12 and 17 years of age,

– one room for each single person between 12 and 17 years of age and not included in the previous category,

– one room by pair of children under 12 years of age.»

Nell’Unione Europea il 15.7% della popolazione vive in situazioni di sovraffollamento abitativo: ma questa percentuale sale al 26.5% tra quanti siano nella fascia di povertà.

Questo in termini di tendenza centrale.

I paesi dell’ex est europeo hanno percentuali sinistrate; i guasti del comunismo purtroppo hanno effetti di lunga durata.

Fa specie trovare che in Austria la percentuale sia del 36.0%,

Per contro, Malta (5.9%), Cipro (6.0%), Regno Unito (6.4%) ed Irlanda (7.5%) sembrerebbero essere immuni da questo problema.

*

Destatis ha rilasciato un interessante report:

7% of Germany’s population live in overcrowded households.

«Persons at risk of poverty (19%) and single parent households (19 %) were particularly affected in Germany. Persons with non-German citizenship (17%) were also considerably more likely to live in crowded conditions than German nationals (6%).»

* * * * * * *

Gli immobili ad uso abitativo presentano costi non indifferenti. Si va dal terreno da edificare, dalla zona, dal livello delle finiture fino alle condizioni di mercato vigenti, ivi compreso l’accesso al credito per contrarre un mutuo. Ma questo potrebbe anche essere il meno. Un immobile è gravato come minimo da spese di amministrazione ordinarie e straordinarie, ed in molti stati dell’Unione è soggetto a trattamento fiscale. In molti contesti socio-economici la casa è un genere che pochi possono permettersi. Ma il problema non è relegato ai costi: peso ben maggiore è ricoperto dai bassi livelli di reddito che stanno diventando la norma nell’Unione Europea, la cui economia è stagnante da quasi un decennio.

Con un reddito mediano di 1,450 euro mensili è ben difficile potersi permettere il lusso di una casa decente: coabitazione e sovraffollamento abitativo diventano situazioni obbligate dalla indigenza.

A ciò si aggiunga il costo sempre più elevato dei trasporti pubblici.

Abitare in zona centrale oppure vicino al posto di lavoro abbassa sicuramente le spese dei trasporti urbani ma presenta costi maggiori. Nel converso, se a periferia ha prezzi di acquisto o di affitto minori, obbliga però ad alte spese di trasporto.

Germania. Destatis. ‘On an annual basis electricity prices increased by 10.8%’.

Germania. Dati sempre più allarmanti sulla povertà.

Germania. Sommovimenti di piazza per il caro-affitti.

*

Italia. Generazione Y (18-32). La nuova carne da cannone, da macello.

Nell’Unione Europea, tranne qualche eccezione, le tariffe elettriche sono gravate da una tassazione che spesso triplica il valore dell’energia consumata. Fatto questo che incide certamente sui costi di produzione, ma taglieggia anche l’utenza domestica.

Più che economico, però, questo sembrerebbe essere un problema politico.


Destatis. 7% of Germany’s population live in overcrowded households

In 2017, 7% of Germany’s population lived in overcrowded dwellings. This means that the household had too few rooms compared to the number of inhabitants (details below). The overcrowding rate has remained largely constant in recent years.

A person is considered as living in an overcrowded household if the household does not have at its disposal a minimum of rooms equal to:

– one room for the entire household,

– one room for each couple in the household,

– one room for each single person aged 18 and more,

– one room by pair of single people of the same sex between 12 and 17 years of age,

– one room for each single person between 12 and 17 years of age and not included in the previous category,

– one room by pair of children under 12 years of age.

Examples of affected dwellings are households where

– three children have to share a bedroom

– a teenage brother and sister have to share a bedroom

– or parents have to use the living room as a bedroom

Persons at risk of poverty (19%) and single parent households (19 %) were particularly affected in Germany. Persons with non-German citizenship (17%) were also considerably more likely to live in crowded conditions than German nationals (6%). The urban population (11%) was approximately three times as likely to be affected as persons living in rural areas (4%).

In most other EU Member States overcrowding is more wide-spread. In Poland, Hungary, Latvia, Bulgaria and Romania more than 40% of the population lived in overcrowded dwellings. The EU average amounted to 16%.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Btp. I cancro delle banche italiane che ne detengono 396 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-30.

Bomba ad Orologeria 001

«Ci sono 396 miliardi di euro di BTp nei bilanci delle banche italiane»

*

«Rispetto a un anno fa i nostri istituti di credito hanno aumentato la loro esposizione in BTp di circa il 14% compensando così le forti vendite da parte degli investitori esteri (oltre 70 miliardi netti da aprile 2018 ad oggi)»

*

«Perché un eventuale deprezzamento dei BTp comporta un’erosione del capitale degli istituti.»

*

«I quasi 400 miliardi di titoli italiani in pancia alle banche rappresentano oltre il 10,7% del totale degli attivi»

*

«La Spagna, un altro Paese in cui le banche sono molto esposte sui titoli sovrani, il portafoglio vale circa 200 miliardi (il 7,6% del totale degli attivi)»

*

«banche portoghesi che hanno in pancia titoli sovrani per un valore pari al 9,2% degli attivi»

*

«in Borsa questi titoli hanno registrato pesanti perdite bruciando complessivamente oltre 26 miliardi di capitalizzazione»

* * * * * * * *

Ma il problema è alquanto più complesso. Lo spiega molto chiaramente il dr. Andrea Franceschi.

«Una delle ragioni per cui lo spread ha avuto un impatto tanto pesante sui titoli bancari è che circa il 57% dei titoli in portafoglio degli istituti – segnala Moody’s – è classificato come FVOCI (fair value through other comprehensive income) in cui ricadono i titoli disponibili alla vendita (available for sale). Questa classificazione è quella che più di ogni altra ha un impatto sul capitale ogni volta che lo spread sale. Nel resto d’Europa le banche hanno solo il 31% del loro portafoglio titoli che ricade in questa tipologia. Riclassificare i titoli in portafoglio come AC (ammortizated cost) in cui ricadono i titoli che una banca ha intenzione di tenere fino a scadenza potrebbe contribuire a minimizzare l’impatto delle oscillazioni dello spread sul capitale. In parte è un processo che le banche italiane hanno fatto. Il caso emblematico è quello di Unicredit, la banca in assoluto più esposta in BTp, che ha più che triplicato i titoli in portafoglio classificati come AC.»

* * * * * * * *

2019-04-26__Btp__

Come si constata, il problema è semplice da enunciarsi e quasi impossibile da risolversi.

Lo stato italiano da decenni ricorre sistematicamente al debito, che poi utilizza per partite correnti.

All’atto della emissione, lo stato è in affannosa caccia di acquirenti, cosa non facile data la entità del debito e lo stato attuale del sistema economico.

Così, il denaro dato dalla banca centrale e formalmente finalizzato al sostegno dell’economia e della produzione è utilizzato dalle banche per comprare titoli di stato, essendo in ciò obbligate.

Si pensi solo a come si sarebbe sviluppato il comparto produttivo se quei 396 miliardi fossero stati dati agli operatori del settore.

La quasi totalità delle liquidità bancarie sono state utilizzate per comprare titoli di stato che sono iscritti a bilancio in differenti maniere, ma che formano una mina vagante. Basterebbe infatti un innalzamento degli interessi, ovvero un calo delle quotazioni, e tutti i bilanci bancari precipiterebbero immediatamente in rosso.

Non solo. Ben difficilmente i titoli di stato italiano sembrerebbero essere un investimento ‘sicuro’.

Si faccia molta attenzione.

Con livelli di questa entità, 396 miliardi sono una gran bella cifra, potrebbe essere sufficiente anche un minimo fattore per scatenare un diluvio universale.


Sole 24 Ore. 2019-04-25. Banche-BTp, 5 grafici per spiegare i perché di un legame critico

Ci sono 396 miliardi di euro di BTp nei bilanci delle banche italiane. Rispetto a un anno fa i nostri istituti di credito hanno aumentato la loro esposizione in BTp di circa il 14% compensando così le forti vendite da parte degli investitori esteri (oltre 70 miliardi netti da aprile 2018 ad oggi).

Con l’impennata dello spread seguita all’insediamento del governo giallo-verde si è quindi intensificato il legame tra rischio bancario e rischio sovrano e ciò, secondo un recente studio di Moody’s, rappresenta un fattore di vulnerabilità nel momento in cui dovessero esserci nuove tensioni sullo spread. Perché un eventuale deprezzamento dei BTp comporta un’erosione del capitale degli istituti.

Il primato in Europa

I quasi 400 miliardi di titoli italiani in pancia alle banche rappresentano oltre il 10,7% del totale degli attivi. Un primato assoluto in Europa. La Spagna, un altro Paese in cui le banche sono molto esposte sui titoli sovrani, il portafoglio vale circa 200 miliardi (il 7,6% del totale degli attivi). L’esposizione in BTp degli istituti italiani è superiore anche a quella delle banche portoghesi che hanno in pancia titoli sovrani per un valore pari al 9,2% degli attivi. Non è tuttavia solo l’ammontare elevato a costituire un elemento di criticità. Lo è anche il fatto che una fetta importante del portafoglio BTp degli istituti sia rappresentato da titoli a lunga scadenza che notoriamente risentono di più dei saliscendi dello spread.

L’impatto sul capitale

L’impennata dello spread ha effetti negativi sul capitale di vigilanza delle banche: il cosiddetto CET1 Ratio che rappresenta il principale parametro per misurare la solidità di un istituto. Tra il terzo e il quarto trimestre 2018 Intesa Sanpaolo, la maggiore banca italiana per capitalizzazione, ha fatto registrare una riduzione di 45 punti del suo capitale di vigilanza per effetto dell’impennata dello spread; Unicredit ha avuto un’erosione di 39 punti; Ubi Banca di 52; Banca Mps di 67; Banco Bpm addirittura di 70 punti.

L’impatto sulla Borsa

È stato soprattutto per questo motivo che in Borsa questi titoli hanno registrato pesanti perdite bruciando complessivamente oltre 26 miliardi di capitalizzazione. E non è un caso che il titolo che ha perso di meno (Mediobanca) sia anche quello che ha subìto il minor impatto sul capitale derivante dall’aumento dello spread (solo 4 punti).

Il nodo della classificazione

Una delle ragioni per cui lo spread ha avuto un impatto tanto pesante sui titoli bancari è che circa il 57% dei titoli in portafoglio degli istituti – segnala Moody’s – è classificato come FVOCI (fair value through other comprehensive income) in cui ricadono i titoli disponibili alla vendita (available for sale). Questa classificazione è quella che più di ogni altra ha un impatto sul capitale ogni volta che lo spread sale. Nel resto d’Europa le banche hanno solo il 31% del loro portafoglio titoli che ricade in questa tipologia. Riclassificare i titoli in portafoglio come AC (ammortizated cost) in cui ricadono i titoli che una banca ha intenzione di tenere fino a scadenza potrebbe contribuire a minimizzare l’impatto delle oscillazioni dello spread sul capitale. In parte è un processo che le banche italiane hanno fatto. Il caso emblematico è quello di Unicredit, la banca in assoluto più esposta in BTp, che ha più che triplicato i titoli in portafoglio classificati come AC.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Spagna. Elezioni. Pse 28.7%, PP 16.7%, Vox 10.3%.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-29.

2019-04-29__Spagna__001

Spain election: Socialists win amid far-right breakthrough

«PM Pedro Sánchez’s party polled 29% and will need the help of either left-wing Podemos and regional parties, or the centre right, to form a government.»

*

«For the first time since military rule ended in the 1970s, a far-right party is set to enter parliament. Vox opposes multiculturalism, feminism and unrestricted migration.»

*

«The other big story of the election was the collapse in support for the Popular Party (PP), which governed Spain until it was dumped from power in May 2018 in a no-confidence vote. …. in its worst election ever, the PP won just 66 seats, down from 137 in the previous parliament. »

*

«The Socialists won 123 seats while their former coalition partner, Podemos, won 42.»

*

«But it still leaves the Socialists and Podemos 11 seats short of the necessary 176 for a majority. »

*

«The centre-left Catalan ERC was the big winner in Catalonia, with a projected 15 seats. Its leader, Oriol Junqueras, is in jail facing trial for his role in declaring independence in October 2017 and tweeted thanks for the million votes his party received.»

*

«The PP’s historic defeat means that, even with the support of centre-right Ciudadanos (Citizens) and Vox, it has no chance of forming a coalition, and leader Pablo Casado said it would become the main opposition force.»

*

«Vox won more than 10% of the vote, which gives it 24 seats in the 350-seat parliament.»

* * * * * * * *

Il tracollo del Pp avrà sicuramente ripercussioni alle elezioni europee: i popolari spagnoli sono infatti nel gruppo popolare nell’europarlamento.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

ECB Bilancia dei pagamenti. Situazione a febbraio.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-29.

Piangere__001

«Ad illas dixit: Filiae Jerusalem, nolite flere super me, sed super vos ipsas flete»


La European Central Bank ha rilasciato il report:

«Euro area monthly balance of payments: February 2019

– In February 2019 the current account of the euro area recorded a surplus of €27 billion, compared with a surplus of €37 billion in January 2019.[1]

– In the 12-month period to February 2019, the current account recorded a surplus of €335 billion (2.9% of euro area GDP), compared with a surplus of €374 billion (3.3% of euro area GDP) in the 12 months to February 2018.

– In the financial account, euro area residents made net acquisitions of foreign portfolio investment securities totalling €59 billion in the 12-month period to February 2019 (decreasing from €692 billion in the 12 months to February 2018). Non-residents made net sales of euro area portfolio investment securities totalling €66 billion (following net purchases of €348 billion in the 12 months to February 2018).»

* * * * * * *

Il documento è corposo e dovrebbe essere letto nella sua interezza.

– A febbraio il surplus del conto corrente è sceso a 27 mld dai 37 mld di gennaio;

– Nell’anno antecedente fino a febbraio 2019 il surplus era 335 mld, mentre nei dodici mesi fino a febbraio 2018 era 374 md;

– Nell’anno antecedente fino a febbraio 2019 il conto finanziario era 59 mld, mentre nei dodici mesi fino a febbraio 2018 era 692 mld.

* * * * * * *

Sono cifre davvero sconfortanti, segno più del malessere politico che di quello economico.

Impressiona il livello delle cifre, anche se si tratta di conti della Banca centrale.

In particolare, ripetiamo, i residenti dell’area dell’euro hanno effettuato acquisizioni nette di titoli da investimenti di portafoglio esteri per un totale di 59 miliardi di euro nei 12 mesi fino a febbraio 2019 (in diminuzione da 692 miliardi di euro nei 12 mesi fino a febbraio 2018). Una diminuzione di più di seicento miliardi di euro è un grandioso segno di severo malessere.

Italia. Crisi in vista. Liquidità bancarie salite al 32%, 1,371 miliardi.

Sembrerebbe che tutti si stiano aspettando un diluvio universale.

Pubblicato in: Cina

Cina. 130 milioni hanno viaggiato all’estero.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-29.

pechino-città-proibita-da-piazza-tiananmen

How Chinese tourists are changing the world

«135 million travellers a year, spending US$261 billion – numbers that will soon be smashed: Chinese tourists are having a huge impact on destinations everywhere, which welcome the money they pay but not always their ways»

*

«While much public discourse in the U.S. focuses on things like steel prices and cheap manufactured goods, the really dominant theme in Chinese economics is the power of consumer spending and services»

*

«According to the United Nations World Tourism Organization, Chinese outbound tourism expenditure grew to $261 billion in 2016 (21 percent of the world market), an increase of 12 percent from 2015 and 11 times of the amount spent a decade earlier.»

* * * * * * * * * * *

Ricapitoliamo.

135 milioni di cinesi si sono mossi all’estero per turismo, spendendo 261 miliardi di dollari americani. La spesa media è di 1,933 dollari a testa. Una famiglia di padre, madre e due figli ha speso 7,733 Usd.

Questo significa che le famiglie cinesi guadagnano a sufficienza da avere un surplus di quasi 8,000 Usd l’anno, e potersi permettere di spenderlo in un viaggio turistico all’estero.

Un po’ più del dieci per cento della popolazione totale può permettersi una tale spesa nonché di assentarsi dal lavoro per una – due settimane.

Il turismo cinese copre il 21% dell’intero mercato turistico mondiale.

Un grande risultato, tenendo conto che nel 1990, ventinove anni fa, il pil procapite cinese era 349 Usd.

*

Ci si domanda stupiti per quale motivo i media occidentali dipingano la Cina come un paese illiberale, quando una simile quota di loro Cittadini ha libertà e mezzi per recarsi all’estero. Ed a viaggio terminato, se ne ritorna contenta a casa propria.


Ansa. 2019-03-17. 130 milioni i turisti cinesi nel mondo

Cina supera Italia come arrivi internazionali, Pechino 2/o hub.

*

A poche ore dalla visita in Italia del leader cinese XI Jinping e nel mezzo dell’infuocato dibattito sul memorandum per la Via della Seta, non si può non considerare anche l’enorme potenza turistica della Cina, tenendo conto del fatto che una persona su 5 al mondo è cinese: sono oltre 130 milioni, infatti, i cinesi che annualmente si recano all’estero per turismo o per lavoro. Di questi circa il 13% arriva in Europa e solo una piccola parte – tra i 500 e i 600 mila – degli 1,4 milioni che visitano il nostro paese arriva direttamente in Italia. Esattamente, secondo i dati Istat, dalla Cina si registrano 3 milioni 77 mila arrivi e poco più di 5 milioni di presenze.

Dall’altra parte è enorme anche la potenzialità del Paese del Dragone come meta turistica: “La Cina – spiega all’ANSA Damiano De Marchi, ricercatore del Ciset – Centro internazionale di studi sull’economia turistica – ha superato l’Italia per arrivi internazionali di turisti (60 milioni contro i 58,3 del Belpaese) e Pechino è diventato il 2/o aeroporto al mondo, una situazione fino a 20 anni fa impensabile. Per non parlare del turismo domestico del Paese, su cui il governo sta molto spingendo, che ha toccato i 3 miliardi di arrivi. L’Italia continua a essere nella mente dei turisti cinesi, ma non sempre questo sogno diventa realtà, perché la scelta si basa anche sulla facilità di raggiungimento e la politica dei visti e l’assenza di voli diretti penalizzano moltissimo”.

“Provenendo dal settore turistico conosco il comparto – spiega il ministro Gian Marco Centinaio – e in particolare qualche settimana fa sono andato in Cina per parlare con il mio omonimo che mi ha riferito di come l’Italia e la Cina siano due super potenze mondiali nel settore del turismo, fuori dal nostro Paese ci vedono così. Abbiamo ottomila chilometri di costa, i siti Unesco più importanti al mondo, le città d’arte che sono dei musei a cielo aperto, abbiamo paesaggi rurali invidiati da tutti e la gente fa migliaia di chilometri per vederli e noi tutto questo lo diamo per scontato. Abbiamo la storia d’Italia che nessun Paese oltre i nostri confini possiede”.

Tutti i paesi europei rappresentano destinazioni potenziali del mercato cinese – emerge da uno studio di Cst-Confesercenti – e la loro modalità di visita è itinerante: 2-3 città per nazione e ripartono verso una nuova meta. L’Italia è il terzo paese più visitato e Roma è la seconda città più scelta, con arrivi in continuo aumento, assieme a Venezia (1 cinese su 5 pernotta in Veneto), Firenze e Milano. Le 10 destinazioni preferite sono state in ordine di visitatori: Francia, Germania, Italia, Spagna, Russia, Gran Bretagna, Svizzera, Grecia, Repubblica Ceca e Ungheria. Le prime 10 città per numero di visitatori sono Parigi, Roma, Praga, Mosca, la svizzera Interlaken, Vienna, Firenze, Venezia, Budapest e Barcellona.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Italia. Il centrodestra ha la maggioranza assoluta in Camera e Senato.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-29.

2019-04-23__Bimedia__001

Secondo un sondaggio elettorale che computa le propensioni al voto collegio per collegio, il centrodestra otterrebbe alla Camera 385 seggi, il centrosinistra 113, ed il M5S 105. Il Movimento 5 Stelle nel maggioritario: passerebbe infatti dai 92 collegi conquistati nel 2018 agli attuali 16.

2019-04-23__Bimedia__002

Il centrodestra otterrebbe nei collegi uninominali 190 seggio , contro gli 11 del centrosinistra ed i 16 del M5S. 15 collegi sono in toss-up, ossia indecidibili.

2019-04-23__Bimedia__003

Ricordiamo come con la nuova legge elettorale, per entrambe le camere:

– il 37% dei seggi (232 alla Camera e 116 al Senato) è assegnato con un sistema maggioritario a turno unico in altrettanti collegi uninominali: in ciascun collegio è eletto il candidato più votato, secondo un sistema noto come first-past-the-post;

– il 61% dei seggi (rispettivamente 386 e 193) sono ripartiti proporzionalmente tra le coalizioni e le singole liste che abbiano superato le previste soglie di sbarramento nazionali; il riparto dei seggi è effettuato a livello nazionale per la Camera e a livello regionale per il Senato; a tale scopo sono istituiti collegi plurinominali nei quali le liste si presentano sotto forma di listini bloccati di candidati.

La camera dei deputati ha 630 seggi, essendo 316 la maggioranza.

Il senato ha invece 320 seggi, essendo 161 la maggioranza.

2019-04-23__Bimedia__011

2019-04-23__Bimedia__012

2019-04-23__Bimedia__013

2019-04-23__Bimedia__014

2019-04-23__Bimedia__015

2019-04-23__Bimedia__016

2019-04-23__Bimedia__017

2019-04-23__Bimedia__018

* * * * * * *

Rosatellum bis. Gli strani effetti della nuova legge elettorale.

Elezioni 4 Marzo. Rosatellum potrebbe beffare il Pd.

La Legge 3 novembre 2017, n. 165, «Modifiche al sistema di elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Delega al Governo per la determinazione dei collegi elettorali uninominali e plurinominali. (17G00175) (GU Serie Generale n.264 del 11-11-2017)» ha variato il sistema elettorale per le elezioni di camera e senato.

Tale legge prende confidenzialmente nome di Rosatellum, dal nome del deputato che lo ha proposto.

*

Premettiamo immediatamente come non esista un sistema elettorale perfetto, e molto giocano le tradizioni. Le elezioni su base di collegi uninominali è tipica del Regno Unito, dove pur con variazioni è in vigore da secoli.

Lo scopo di un sistema elettorale dovrebbe essere quello di contemperare la volontà popolare con l’esigenza di arrivare a fare un governo legalmente in carica, operativo.

Quando si fosse in presenza di uno o due partiti largamente rappresentati dovrebbe essere alquanto facile che un partito possa ottenere la maggioranza dei seggi.

I problemi emergono invece quando il quadro politico fosse frammentato, con molti partiti ciascuno dei quali con bassa percentuale di consensi: sotto questa condizione il sistema proporzionale di ripartizione dei seggi produce situazioni inconsistenti, ingovernabili.

In tale evenienza può essere utile la presentazione in sede elettorale di coalizioni di partiti, costituite prima e non dopo le elezioni. L’attuale danza delle coalizioni cui stiamo assistendo in Germania è tutto tranne che espressione di democrazia: gli elettori hanno votato al buio.

Il sistema elettorale francese è da questo punto di vista consente di arrivare sempre ad eleggere un governo, anche se percentualmente non maggioritario: è una caratteristica neutra, vista bene o male a seconda dell’ottica usata.

Il Rosatellum ha la seguente caratteristica:

L’impianto della legge è identico a meno di dettagli alla Camera e al Senato e si configura come un sistema elettorale misto a separazione completa.

Per entrambe le camere:

– il 37% dei seggi (232 alla Camera e 116 al Senato) è assegnato con un sistema maggioritario a turno unico in altrettanti collegi uninominali: in ciascun collegio è eletto il candidato più votato, secondo un sistema noto come first-past-the-post;

– il 61% dei seggi (rispettivamente 386 e 193) sono ripartiti proporzionalmente tra le coalizioni e le singole liste che abbiano superato le previste soglie di sbarramento nazionali; il riparto dei seggi è effettuato a livello nazionale per la Camera e a livello regionale per il Senato; a tale scopo sono istituiti collegi plurinominali nei quali le liste si presentano sotto forma di listini bloccati di candidati;

– il 2% dei seggi (12 deputati e 6 senatori) è destinato al voto degli italiani residenti all’estero e viene assegnato con un sistema proporzionale.

– Vi sono infine soglie di sbarramento.

* * *

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Football femminile. Spinto e finanziato dal pubblico, ma senza spettatori.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-28.

2019-03-25__Calcio_Femminile__001

Negli ultimi tempi si è assistito ad un pressing dei media sul football femminile.

When will women be taken seriously as footballers?

Can women make a living out of football?

«Female footballers have been fighting against discrimination and inequality for over 100 years. Is this fight over, are they now recognized as professional players and can they make a living out of football? ….

According to the 2017 FIFPro Global Employment Report, women have been historically excluded from football, hampering their ability to acquire skills, resources and be culturally accepted ….

For over 100 years, female footballers worldwide have been fighting against discrimination and inequality in a bid to be recognized as professionals and fairly paid as elite athletes ….

I think what stops women’s football being seen as professional in Argentina is the strong machismo and patriarchy. If our society does not entirely accept women’s football it’s because someone put in their heads that this sport is only for men»

* * *

What’s the real reason behind gender inequality in football?

«Following a lawsuit involving the US national football team, the issue of equal pay is in the spotlight. Two Germany internationals talked to DW about the issue at a Berlin film festival focusing on women’s football.»

* * * * * * *

In sintesi:

«Female footballers have been fighting against discrimination and inequality for over 100 years»

«strong machismo and patriarchy»

«the issue of equal pay»

* * *

Insomma: maschilismo maledetto e patriarcale che discrimina le femmine negando anche parità di emolumenti.

Ci sarebbe però anche un altro punto di vista.

Se è vero che i calciatori maschi percepiscono emolumenti molto elevati è anche vero che partite di alto livello, diciamo Juventus contro Milan, attraggono quasi centomila spettatori paganti e le società televisive si contendono i diritti a trasmettere le partite a suon di milioni sonanti.

In poche parole, il calcio maschile attira pubblico che è disposto a pagare per assistere.

*

D’altro canto, il calcio femminile attrae quote minimali di pubblico

«we could expect around 2,000 spectators at home games but the figure has dropped to around 1,500 per game this season»

*

«Five years ago, Wolfsburg were drawing in average crowds of around 2,400 per league game. That figure is now around 1,300»

* * *

L’articolista si è dato la risposta da solo.

Le partite di calcio femminile non attraggono pubblico pagante, e basterebbe assistere ad uno di questi incontri per rendersene conto di persona del motivo: le femmine giocano a livello da oratorio di quarto livello per disabili e sembrano più gatte di piombo che giocatrici atleticamente allenate.

Nessuno quindi le discrimina e tanto meno perché siano femmine: fanno solo pietà.

Si mettano in grado di giocare allo stato dell’arte, richiamando quindi pubblico pagante: a quel momento avranno paghe commensurate al livello raggiunto.

Non si trova un motivo ragionevole per cui il denaro pubblico dovrebbe essere impiegato per pagare le calciatrici come se fossero Pelè oppure Maradona.

Nota.

Sarebbe davvero molto utile che si assistesse almeno ad una partita di football femminile. Ti passa la voglia una volta per sempre.

*

Empty seats: The worrying reality of women’s football across Europe

Women’s football has made major strides of late, with the highest ever crowd for a club match recorded just days ago. But in Germany, and in other major European leagues, matchday attendances are plummeting.

*

More than 60,000 people pack into a sun-kissed Wanda Metropolitano to see Spanish giants Atletico Madrid take on Barcelona. Nothing unusual, here. Until, that is, the names of those down on the pitch are read aloud: Vicky, Silvia, Carmen, Marta. The vast crowd was in attendance for a women’s game, the most highly attended ever in European football.

The news came the same week Barclays announced an unparalelled sponsorship deal with England’s Women’s Super League (WSL) worth a reported €12 million over the next three years. In December, Ada Hegerberg become the first recipient of a women’s Ballon D’or, a prize previously only awarded to the best player in the men’s game. This summer France will host a Women’s World Cup expected to break audience records.

Interest in women’s football has never been higher. So why are the numbers of fans actually attending games in Germany and across Europe dwindling?

The reality is different

“More than 60,000 spectators at a women’s game in Spain is clearly a positive step but that was just a one off,” Stephan Schmidt, a spokesperson for Turbine Potsdam, one of the most successful clubs in German women’s football, told DW. “The day to day reality is quite different and we’re actually seeing a dramatic decline in the number of fans coming to watch matches.”

Schmidt doesn’t believe the World Cup is likely to have a long term impact on attendance figures, which have fallen 25 percent at Turbine over the past five years, regardless of how well Germany fare.

“Five years ago, we could expect around 2,000 spectators at home games but the figure has dropped to around 1,500 per game this season,” he said. “If Germany go far in the Women’s World Cup then it’s possible those numbers will increase, but a quick boost doesn’t really help anyone. It needs to be sustained over a longer period to be of benefit to the league.”

It’s a similar story right across Germany, where numbers are plummeting regardless of on-field success. Wolfsburg’s women’s team, reigning Bundesliga champions and back-to-back winners of the Women’s Champions League in 2013 and 2014, have also seen crowds leaving in droves.

Five years ago, Wolfsburg were drawing in average crowds of around 2,400 per league game. That figure is now around 1,300; a 42 percent drop in average gate figures.

Bayern Munich Women, meanwhile, have seen numbers stay pretty much the same, with an average increase of just 97 spectators at games over the last five years. A paltry figure, and one which owes more to the men’s side than the women, according to Schmidt.

“Bayern benefit from the huge popularity of their men’s team,” he explained. “If fans can’t attend an FC Bayern game, for whatever reason, they can go and see a women’s game.”

European wide issue

It’s not just Germany either, other nations have struggled to maintain matchday attendances despite great strides in other areas of the women’s game.

In France, Lyon, widely-regarded as the best women’s team in Europe and winner of three Champions League titles in a row between 2015 and 2018, have seen average gates nosedive since five years ago, from more than 4,500 in 2013-14 to fewer than 1,000 this campaign. Montpellier’s gate has dropped 49 percent, Guingcamp’s, 35 percent.

Matchday figures are also falling across the board in Spain and Italy, with the Spanish clash between Atletico and Barcelona appearing even more of an anomaly when taking regular league gates into account. 

England buck the trend

England’s WSL is one of the only major European footballing leagues not experiencing this decline. Chelsea Ladies, the reigning champions, have seen average crowds rise almost 75 percent across the past five years, from 503 in 2013-14 to 1,965 this. Manchester City have seen their average gate rise 40 percent, to just over 1,600 in 2018-19. It’s a pattern repeated across the league.

“Women’s football is really making strides in this country,” Daniel Ferguson, Women’s Marketing Manager at the WSL, told DW. “More matches are being shown on TV and we’re seeing huge investment in the game both from sponsors and men’s clubs.”

“The WSL is teaching clubs to market themselves better so they can capitalize on the increased awareness. Focusing on the right groups is key; girls between the ages of seven and 15 who play football and are likely to maintain a long term interest in the game.”

Unsurprisingly, Ferguson is less pessimistic about the effects this summer’s World Cup could have on attendances.

“We’re hoping this tournament will cause women’s football to explode into the mainstream,” he said. “We saw a 33 percent increase in attendances immediately after the 2015 World Cup and, if England go far this summer, it could be ever bigger this year. We want to build on that success and inspire the next generation of girls to get involved ahead of Euro 2021, which is being played on home soil.”

As interest around women’s international football rises, the WSL is aiming to channel that interest into its domestic leagues. Focusing on key demographics and improving the matchday experience at women’s games is key to this and rival nations should take note. 

While there’s no denying women’s football is growing in myriad ways, reaching new audiences globally and inspiring more young women than ever to join local clubs, figures from across the continent cast a concerning light on the state of the game on professional domestic level.

Grumblings about the pay gap between male and female footballers are well founded given the extremity of the disparity, but many believe things aren’t going to change until fans can be persuaded to put their hands in their pockets for domestic league matches.

Sellouts and 60,000 crowds are a nice headline. But until things improve for clubs across Europe on a weekly basis, that seems to be all they are.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Fisco e Tasse

Germania. Reddito medio 34,987€ a Starnberg e 16,203€ a Gelsenkirchen.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-28.

Banchieri__101

La diseguaglianza di reddito diventa problema politico, economico e sociale quando la fascia bassa rasenta o giace all’interno  di quella della povertà.

Visto sotto questa ottica, il problema della diseguaglianza di reddito diventa più semplicemente la lotta per combattere la povertà.

«Whereas residents in the Bavarian city of Starnberg — near Munich — topped the list of 401 districts and independent towns with an average annual disposable income of €34,987 ($39,150), the North Rhine-Westphalian city of Gelsenkirchen was the country’s poorest with an average of €16,203»

*

«Although 284 of 324 districts in western Germany had average per-capita disposable income above €20,000, only 6 of 77 districts in eastern Germany did»

*

«The overall average for the whole of Germany was €23,295»

*

«Among Germany’s largest cities, Munich topped the list with an average disposable income of €29,685, followed by Stuttgart, Düsseldorf and Hamburg. Berlin fared considerably worse with an average of €19,719»

*

«poverty rates in Bavaria and Baden-Württemberg were at 12.1 percent, they were noticeably higher in northern Germany (17.3 percent).»

* * * * * * * *

A nostro sommesso punto di vista, la tassa di solidarietà ha una sua logica interna, ma solo in un’ottica temporale breve. Il rimedio sul lungo termine è la generazione di adeguati posti di lavoro e l’innalzamento della soglia di tassazione, che elimina senza alcun ricorso alla burocrazia l’esborso per le tasse esatte dai meno abbienti.

Nota.

Vivere a Berlino con un reddito medio di 19,7019 euro è davvero impresa non facile.


Deutsche Welle. 2019-04-24. German income inequality a cause for concern as east-west divide deepens

A new study has found that residents in Germany’s south have twice as much disposable income as those in the north and east. Experts have called on the federal government to act.

*

A new study released by the Institute of Economic and Social Research (WSI) in Düsseldorf on Wednesday starkly outlines the divide between wealthy and poor German communities.

Whereas residents in the Bavarian city of Starnberg — near Munich — topped the list of 401 districts and independent towns with an average annual disposable income of €34,987 ($39,150), the North Rhine-Westphalian city of Gelsenkirchen was the country’s poorest with an average of €16,203.

The WSI, which is associated with German unions and the Hans Böckler Foundation, found that although southern cities such as Munich, Heilbronn and Stuttgart had among the highest levels of disposable income after taxes, the north’s Ruhrgebiet — a former coal and steel region — and the formerly communist east lagged far behind.

Germany ‘deeply divided socially, but also regionally’

Ulrich Schneider, managing director of the welfare organization Parität (Parity), warned that the study showed Germany was “not only a deeply dived country socially, but also regionally.”

He called on the federal government to act decisively by offering more financial assistance to structurally impoverished regions as well as to keep the controversial solidarity tax to help eastern German states after reunification in 1991.

Schneider directly addressed the situation many poorer regions face, saying, “Some regions, like the Ruhrgebiet, have found themselves in a downward spiral of impoverishment that they will not be able to escape on their own.”

He also pointed out that without such investments residents would never be able to break out of the “vicious circle” of extreme poverty and dwindling municipal services — from youth centers to swimming pools, libraries, and healthcare facilities.

Although 284 of 324 districts in western Germany had average per-capita disposable income above €20,000, only 6 of 77 districts in eastern Germany did. The overall average for the whole of Germany was €23,295.

Schneider’s calls for maintaining the solidarity tax were echoed by Left Party chairwoman Katja Kipping, who criticized plans by the Free Democrats (FDP) and Chancellor Angela Merkel’s Christian Democratic and Social Union (CDU/CSU) parties to do just that.

Kipping called the concept of cutting funding for infrastructure, schools, kindergartens and nursing homes in eastern Germany “economically stupid.”

A tale of two cities

Among Germany’s largest cities, Munich topped the list with an average disposable income of €29,685, followed by Stuttgart, Düsseldorf and Hamburg. Berlin fared considerably worse with an average of €19,719, and Duisburg was the poorest of the country’s 15 largest cities with an average disposable income of just €16,881.

While poverty rates in Bavaria and Baden-Württemberg were at 12.1 percent, they were noticeably higher in northern Germany (17.3 percent).

For the study, researchers analyzed income statistics for the year 2016, the most recent such data available.