Pubblicato in: Finanza e Sistema Bancario, Unione Europea

Borse. Mattinata in perdita alla fine di una settimana dolorosa.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-31. h 11:40.

2019-05-20__Borse__001

Tutte le principali borse stanno perdendo, dopo una settimana di continui ridimensionamenti.

Ci saranno moltissime persone che stanno piangendo sui guadagni svaniti.

Si inizi un po’ a contabilizzare le perdite: è un’operazione che spesso fa rinsavire.

2019-05-31__h11-40__002

2019-05-31__h11-40__003

2019-05-31__h11-40__004

2019-05-31__h11-40__005

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ideologia liberal, Stati Uniti, Unione Europea

Merkel va ad Harvard ma non alla White House.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-31.

Merkel Trump G7

Zuhörer in Harvard feiern Merkel für emotionale Rede

«Harvard hat der Kanzlerin die Ehrendoktorwürde verliehen und vor allem den Satz “Wir schaffen das” gewürdigt. In ihrer Rede beschwor sie den freien Welthandel.»

Il padrino regalava sempre un Rolex d’oro  a quelli che aveva ordinato di uccidere.



«We have to take our destiny much more into our own hands in the future if we want to be strong»

A giudicare dai risultati elettorali ed economici Frau Merkel si sarà sicuramente presa in mano il suo destino, e con esso quello della Germania, ma sembrerebbe arduo vederne buoni risultati.

*

È antica costumanza diplomatica che quando un capo di stato vada in visita come tale in un altro stato sia ricevuto dal suo pari, e con tutti gli onori. Diverso è il caso di una visita privata, che però buon garbo suggerirebbe di notificare  con un congruo lasso di tempo.

«Merkel visits Harvard Thursday but is skipping the White House»

«Merkel has faced a barrage of attacks since Trump took office — over German luxury cars, defense spending, Iran, Russian gas, and doing business with China’s Huawei Technologies Co. But it was the rupture after last June’s G-7 meeting that made up her mind: Trump is not a partner that Germany can rely on.»

«Almost 12 months on, the situation has only gotten worse. There’s a mix of anguish and frustration in Berlin and officials are asking themselves whether the relationship has already crossed the point of no return.»

«When the chancellor visits the U.S. Thursday, she’ll give a commencement speech at Harvard University, but she won’t bother visiting the White House as she has the past two years.»

«U.S. officials insist that Trump respects Merkel. But they also give a sense of the misunderstanding at the heart of their relationship.»

«U.S. officials insist that Trump respects Merkel. But they also give a sense of the misunderstanding at the heart of their relationship.»

* * * * * * *

Se il fatto non fosse una farsa, sarebbe da considerarlo una tragedia.

Il cuore del problema risiede nel fatto che le divergenze in essere tra due stati non dovrebbero mai debordare in un fatto personale tra i capi dei medesimi. Si possono avere esigenze e visioni divergenti, anche opposte, ma ciò non dovrebbe inficiare il rapporto umano. Tanto, alla fine, ci si deve pur sempre sedere attorno ad un tavolo e trattare: al massimo cambiano le persone. Tenere il broncio, farsi i dispettucci dovrebbe essere roba da donnicciole, da lavandaie ai trogoli, ed in questo Frau Merkel è un ottimo esempio.

A nostro personale ed ovviamente opinabile punto di vista, le rigidità in diplomazia gettano solo sabbia negli ingranaggi, rendendo sempre più difficile la possibilità di arrivare ad un accordo gradito ad ambo le parti.

A novembre l’attuale dirigenza dell’Unione Europea scadrà, lasciando il posto ad altre figure politiche.

Queste avranno sicuramente le proprie idee politiche ed economiche, ma sarebbe auspicabile che avessero un briciolino in più di arte diplomatica o, quanto meno, di buona educazione.

Consoliamoci con il fatto che Frau Merkel non è eterna, anche se lei se lo crede.


Bloomberg. 2019-05-30. The Moment Merkel Realized Trump Changes Everything for Germany

– Merkel visits Harvard Thursday but is skipping the White House

– Trump has hammered Merkel on trade, China, Nord Stream, cars

*

For Angela Merkel, the wakeup call came in the middle of the night.

The German chancellor was asleep in her government plane somewhere over the Atlantic in June last year when Donald Trump scuttled the fragile settlement she’d built with other Group of Seven leaders in Canada, according to a person familiar with the events.

Before turning in for the night, she’d been in a buoyant mood due to the concessions she secured from the U.S. president for a common statement on trade. When he went back on his word, she was stunned.

Merkel has faced a barrage of attacks since Trump took office — over German luxury cars, defense spending, Iran, Russian gas, and doing business with China’s Huawei Technologies Co. But it was the rupture after last June’s G-7 meeting that made up her mind: Trump is not a partner that Germany can rely on.

Almost 12 months on, the situation has only gotten worse. There’s a mix of anguish and frustration in Berlin and officials are asking themselves whether the relationship has already crossed the point of no return.

Even if Trump loses in 2020, they say the trust that underpinned the transatlantic friendship for seven decades may be gone for good. Germany has already started building new alliances that will safeguard its interests in a world where the U.S. won’t. And some of them are not to Washington’s liking.

“We have to take our destiny much more into our own hands in the future if we want to be strong,” Merkel told a political rally on Friday in Munich.

Trump’s Beef

When the chancellor visits the U.S. Thursday, she’ll give a commencement speech at Harvard University, but she won’t bother visiting the White House as she has the past two years.

U.S. officials insist that Trump respects Merkel. But they also give a sense of the misunderstanding at the heart of their relationship.

Trump’s main beef with Merkel is Germany’s trade surplus, one senior administration official said. But the U.S. administration has little patience with the fact that Germany, like all other European Union members, has handed control of trade negotiations to Brussels. Trump argues that Germany should be able to use its leverage as Europe’s largest economy to sway the talks.

In private meetings, the president has implored Merkel to engage personally in trade talks, the official said. But the chancellor insists he has to speak to the European Commission.

The official insists there is no animosity, but nor is there any rapport.

“The president has his opinions, and I have mine,” Merkel said in an interview with CNN aired Tuesday. “Very often we also find common ground. If not, then we have to keep on talking and negotiating.”

It’s a far cry from Barack Obama, or even George W. Bush. She embraced Obama when he visited the chancellery in April and in 2007 she was delighted to visit Bush’s Texas ranch.

White House Tour

It’s not that Trump and Merkel haven’t tried.

On her second visit to the Trump White House in April 2018, the president gave Merkel a tour of the residence, including the Lincoln Bedroom, as he sought to impress her.

But Trump acts as if his charm offensives can work even when he’s attacking Germany on policy issues. For Merkel, it all adds up and the result is a president she can’t trust.

Weeks after that White House visit, he claimed, — falsely — that crime in Germany was “way up” because of Merkel’s immigration policy. A month later he labeled her a “captive of Russia” for planning a new gas link. In December, U.S. officials threatened to shut Germany out of shared intelligence networks if Huawei was allowed to supply equipment for the country’s fifth-generation data networks.

Merkel’s Fears

All this is part of a broader assault on the multilateral world order that has kept Germany safe and made it rich. As Trump steps up his attacks, Merkel’s warnings about the dangers that poses are growing darker.

After that last White House visit, the chancellor began to ruminate on the Thirty Years War which devastated Europe in the 17th century. Then, as now, Europe had enjoyed some 70 years of stability. And then, as now, leaders began to disregard the constraints that underpinned that peace.

“In one fell swoop, the whole order went in the trash,” Merkel said at a religious conference a few days after returning from Washington.

That’s increasingly how decision-makers in Germany view the transatlantic relationship. Even as they muddle through in areas where cooperation is possible, the toughest issues are getting tougher.

Trump’s policy of “maximum pressure” on Iran has left German officials struggling to hold together the accord that restricted the regime’s ability to produce weapons-grade uranium after the U.S. pulled out. German officials are bewildered at what they see as a lack of strategic direction.

With German businesses angry at being forced to bow to threats from the White House, one senior official said Iran could be the issue that triggers a broader rupture between the U.S. and Germany.

New Ties to Russia

As Trump turns the screws, he’s forcing Germany into the arms of rival powers like China and Russia, a move that serves in turn to deepen the frustration in Washington.

Perhaps the most significant example is the Nord Stream 2 pipeline which will pump 55 billion cubic meters of natural gas a year under the Baltic Sea from Russia to Germany.

Officials in Merkel’s chancellery were taken aback in February at coordinated American diplomatic maneuvers to scuttle the project and now the U.S. is threatening sanctions against companies involved.

“We always have had powers that were trying to change the rules of the game,” Niels Annen, Germany’s deputy foreign minister, told a conference in Berlin this month. “What is new is the country that was really at the beginning, that was at the creation of that set of rules, is now trying to question this.”

Trump’s Envoy

At the center of the Trump diplomacy in Berlin is Ambassador Richard Grenell, a Trump loyalist and one-time Fox News contributor with a penchant for lighting political brush fires and a direct line to the president. Grenell’s sharp elbows might be a deliberate tactic for Trump, but at least in the short term, they damage his cause.

Trump has potential allies in Berlin who agree that Germany should raise defense spending and take a harder line on Russia. But Grenell’s scorched-earth approach is alienating the German public and making it difficult for them to offer him support, according to several officials.

“The way in which at least the American administration makes policy in general at the moment, with a lot of sanctions, with the fact that international agreements are scrapped, is not a good way to cooperate,” Annegret Kramp-Karrenbauer, who replaced Merkel as leader of the governing Christian Democrats last year, told Bloomberg Television in Davos, Switzerland, in January.

And so Merkel is edging toward a world in which Germany no longer relies on the U.S. In November last year she raised the prospect of a European army. Merkel called Trump’s bluff over Huawei, refusing to ban the company from German networks. And the Russian gas pipeline is going ahead.

But it’s not a world that Merkel has sought and it’s not one that she welcomes.

When she realized it would fall to her to build it on that flight back from Quebec she was shocked. She avoided the reporters on her plane until they landed again in Berlin. Then she got straight into her car, and drove off.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Fervono le trattative. – Reuters.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-31.

unione europea 001

«German Chancellor Angela Merkel and French President Emmanuel Macron disagreed on Tuesday over who should be the next chief of the European Commission»

«Unanimity is not required; Juncker got the job in 2014 despite British opposition and Hungarian abstention.»

«But it is hard to see a candidate succeeding against the will of more than just a handful of leaders, as that would risk damaging their cooperation in the future and stalling the EU’s decision-making machinery.»

«The EPP’s Weber has so far failed to rally the other EU assembly groups behind him»

«Now, stripped of their longtime combined parliamentary majority, the EPP and S&D are looking for support from the liberal ALDE and the Greens, since the four groups together would command 504 seats, comfortably enough to approve or reject any nomination made by national leaders.»

«Among national government leaders, only seven are now with the EPP»

«French officials have said the liberal Macron could endorse the center-right Barnier to succeed Juncker, but was keeping his options open»

«Macron pushed back minutes later, listing the EU competition commissioner, Denmark’s Margrethe Vestager, the bloc’s Brexit negotiator, center-right Frenchman Michel Barnier, and Dutch Social Democrat Frans Timmermans – but not Weber – as appropriate candidates.»

* * * * * * * *

In questa particolare fase politica ed economica la scelta del presidente della Commissione Europea è sicuramente non facile. Vi sono sostanziali differenze di vedute tra i capi delle nazioni ed opposizione di interessi tra i gruppi parlamentari, per non parlare poi delle realtà economiche e finanziare delle diverse aree produttive.

Né i discorsi si fermano alle supreme vette: sono anche in ballo tutte le alte dirigenze dei burocrati di Bruxelles, ai quali la pregressa gestione Juncker ha conferito grandi poteri ai quali stentano a rinunciarvi.


Reuters. 2019-05-28. Merkel, Macron clash in search of “Mr or Ms Europe”

German Chancellor Angela Merkel and French President Emmanuel Macron disagreed on Tuesday over who should be the next chief of the European Commission as EU leaders met to begin bargaining over candidates for the bloc’s top jobs in the next five years.

An EU-wide election last week returned a European Parliament with a splintered center and gains by pro-EU liberals and Greens as well as eurosceptic nationalists and the far right, making agreeing a coherent agenda for the bloc more tricky.

“We won’t choose Mr. or Ms. Europe today, but just draw a balance after the European election,” Luxembourg’s liberal prime minister, Xavier Bettel, said ahead of the meeting of 28 national leaders in Brussels.

Held once every five years, the EU election means the heads of major EU institutions will now be replaced.

Merkel said on arrival at the gathering that she backed center-right German lawmaker Manfred Weber to be the next head of the EU’s powerful executive, the European Commission, after Luxembourg’s Jean-Claude Juncker steps down on Oct. 31.

Macron pushed back minutes later, listing the EU competition commissioner, Denmark’s Margrethe Vestager, the bloc’s Brexit negotiator, center-right Frenchman Michel Barnier, and Dutch Social Democrat Frans Timmermans – but not Weber – as appropriate candidates.

Dutch Prime Minister Mark Rutte, also mooted as a possible contender in the obscure recruitment process, said Tuesday’s meeting was about “content rather than people”. It was also, he said, about agreeing policy priorities for the coming years, including climate change, economy and migration.

The center-right European People’s Party (EPP) and the center-left Socialists & Democrats (S&D) group were reduced to 326 seats together in the new, 751-strong chamber in Sunday’s vote, 50 short of the majority needed to determine by themselves who should head the Commission, as they had in years past.

Other big roles up for grabs later this year include the head of the European Parliament and the European Central Bank, the bloc’s foreign policy chief and the head of the European Council who represents leaders of the 28 EU member states and helps broker compromises among them.

The EU would risk an institutional logjam if talks drag on, leaving it unable to make pivotal policy decisions at a time when it faces a more assertive Russia, China’s growing economic might and an unpredictable U.S. president.

Leaders of a majority of parties in the newly elected chamber called on Tuesday on national government leaders to nominate a lawmaker to replace Juncker.

HORSE-TRADING

The EPP’s Weber has so far failed to rally the other EU assembly groups behind him.

Now, stripped of their longtime combined parliamentary majority, the EPP and S&D are looking for support from the liberal ALDE and the Greens, since the four groups together would command 504 seats, comfortably enough to approve or reject any nomination made by national leaders.

Among national government leaders, only seven are now with the EPP. French officials have said the liberal Macron could endorse the center-right Barnier to succeed Juncker, but was keeping his options open.

Macron has taken a stand against the “Spitzenkandidat” (lead candidate) system whereby a lawmaker selected by the European assembly should get the Commission job.

On Monday he met Spanish Prime Minister Pedro Sanchez, who is seeking a bigger EU role for Madrid.

On Tuesday, a flurry of separate face-to-face talks was taking place in Brussels before all the leaders, including outgoing British Prime Minister Theresa May, convene at 1600 GMT.

Their chairman, ex-Polish premier Donald Tusk, expects to continue consultations with capitals after the initial debate.

He also wants to have names ready for the new European Parliament’s approval in July as otherwise the whole process risks getting delayed until autumn.

Unanimity is not required; Juncker got the job in 2014 despite British opposition and Hungarian abstention.

But it is hard to see a candidate succeeding against the will of more than just a handful of leaders, as that would risk damaging their cooperation in the future and stalling the EU’s decision-making machinery.

The difficult-to-call process will be a compromise between requirements of geography and political affiliation, as well as the candidates’ own profiles. [L8N2341US]

Names in the running for Commission chief from eastern Europe include outgoing Lithuanian President Dalia Grybauskaite, the Bulgarian World Bank head Kristalina Georgieva and the Czech Republic’s justice commissioner, Vera Jourova.

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Il budget avrà un deficit da 100 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-31.

Das Brandenburger Tor in Berlin

Con un rapporto debito / pil molto basso, la Germania non ha nulla da temere di un budget che un anno possa essere negativo.

Ha invece moltissimi motivi di scontentezza per il motivo che ha portato al deficit di bilancio: l’economia tedesca stagna, ed al ristagno economico consegue la riduzione del gettito fiscale. Quindi, a spese invariate, il deficit è obbligatorio.

Siamo stati in questo facili profeti.

Germania. Acquacoltura ittica totale -12.0% a/a. – Destatis.

Germania. Colza -38%. Meno etica e più acquedotti. – Destatis

Germania. Destatis. ‘On an annual basis electricity prices increased by 10.8%’.

Germania. Ordini Industria. Febbraio -8.1% a/a. Marzo -6.0% a/a. – Destatis.

Germania. Licenze edili ad uso abitativo -2.8% a/a. – Destatis.

Germania. Produzione auto -4.1%, insolvenze +5.7%.

Germania. Sommovimenti di piazza per il caro-affitti.

Germania. VW e Ford annunciano decine di migliaia di licenziamenti e chiusure.

*

«Germany has slashed its estimate of tax intake because of weaker growth»

*

«Revenue estimates for 2019 were cut to 793.7 billion euros ($892.28 billion) from 804.6 billion euros»

*

«From 2019 through to 2023, estimates for all state levels were for an intake 124.3 billion euros less than was forecast in November, a tax estimate document published by the finance ministry showed»

*

«Over the period 2019-2023, the federal government will have some 70.6 billion euros less than the previous projection called for»

*

«We already have an expansionary fiscal policy in place»

* * * * * * * *

Quando un sistema economico entra in crisi tutti gli economisti si affrettano a suggerire i rimedi che le loro teorie suggerirebbero.

Quasi tutti però concordano nell’affermare che lo stato dovrebbe spendere di più, per stimolare l’economia.

A nostro sommesso parere però, almeno al momento attuale, il metodo Trump di ridurre drasticamente le tasse potrebbe essere una soluzione da prendersi in considerazione, visto tra l’altro che sembrerebbe funzionare più che bene.


Reuters. 2019-05-09. Germany lowers tax revenues, budget shortfall of 10.5 billion euros

Germany has slashed its estimate of tax intake because of weaker growth, the finance ministry said on Thursday, leaving the government with limited room for additional fiscal measures to counter a slowdown in Europe’s largest economy.

Revenue estimates for 2019 were cut to 793.7 billion euros ($892.28 billion) from 804.6 billion euros. From 2019 through to 2023, estimates for all state levels were for an intake 124.3 billion euros less than was forecast in November, a tax estimate document published by the finance ministry showed.

Over the period 2019-2023, the federal government will have some 70.6 billion euros less than the previous projection called for, the figures showed.

The weaker growth outlook has partly been taken into account by Finance Minister Olaf Scholz in the draft budget plan he presented in March. It means that the budget faces a shortfall of 10.5 billion euros until 2023, the finance ministry said.

“The government will have to work hard to make up for the shortfall and everybody will view this as a joint effort,” Scholz told a news conference.

Scholz, a Social Democrat, said that the German economy was facing weaker growth but it was not heading towards a crisis and no additional fiscal stimulus was needed.

“We already have an expansionary fiscal policy in place. And we will stick to this,” Scholz said, adding that the government would continue to refrain from taking on new debt.

Scholz rejected calls from Economy Minister Peter Altmaier, a confidant of conservative Chancellor Angela Merkel, to lower taxes for companies. “I’m against a race to the bottom when it comes to corporate taxation globally,” Scholz said.

The minister added, however, that the government would stick to its plan to support corporate research and development with incentives worth 1.25 billion euros per year. The cabinet is expected to pass the draft law next week.

*


The Telegraph. 2019-05-25. German economic slowdown set to blow €100bn black hole in Berlin’s budget

Germany faces a budget shortfall of €100bn (£86bn) over the next four years as its economy slows, according to leaked government figures.

Economic growth has been much slower than forecast in recent months and tax revenues are expected to fall well short of projections.

That will leave Angela Merkel’s government with a gap of €11.1bn (£9.5bn) to fill in its budget for this year alone, according to leaked figures published by Bild newspaper.

The European Commission cut its growth forecast for the German economy to just 0.5pc on Tuesday, compared to earlier projections of 1.1pc.

[Testo riportato parzialmente causa Copyright]

*


ESM. 2019-05-24. Germany’s Scholz Eyes Higher Tobacco Tax To Plug Budget Gap: Sources

German finance minister Olaf Scholz is flirting with a higher tobacco tax to plug a multi-billion-euro gap in the federal budget and boost Berlin’s fiscal strength to counter the effects of a slowing world economy, government sources said.

Scholz made the proposal last week during a closed-door meeting with other senior members of Chancellor Angela Merkel’s coalition government, two people familiar with the talks told Reuters on condition of anonymity.

‘Not A Priority’

A finance ministry spokesman declined to comment, while a government spokeswoman said a higher tobacco tax was currently not a priority for the government.

In their coalition deal sealed last year, Merkel’s conservative CDU/CSU bloc and Scholz’s left-leaning SPD agreed to refrain from both taking on new debt and increasing taxes.

“The tobacco tax is not mentioned in the coalition agreement,” the government spokeswoman said. But she added that coalition parties would discuss a tax increase if the need to talk about it should arise.

Scholz wants to increase the tobacco tax gradually over a period of five years starting from 2020. The move could bring additional tax revenues of up to €4 billion from 2020-24, according to a report by Der Spiegel magazine.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Islamizzazione dell'Occidente, Unione Europea

Germania. Duisburg-Marxloh. Un gran bel campanello di allarme.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-31.

2019-05-28__Duisburg__001

Cosa è mai successo?

Big, il partito islamico si è presentato alle elezioni ed ha stravinto.

*

BIG riceve il 35,71% nella circoscrizione 1001 di Duisburg! La Cdu è all’8.24%: se Frau Merkel avesse sperato nei voti dei mussulmani avrebbe preso un granchio grosso così.

Il test ha avuto successo, anche se questa è solo una piccola parte della città. Nella circoscrizione 1001 di Duisburg-Marxloh, dove molti musulmani sono in grande maggioranza, il partito islamico BIG ha ricevuto il maggior numero di voti in queste elezioni europee con il 35,71%, e con un ampio margine:

Naturalmente, i media non sono interessati a tutto questo, dopo tutto, tutta la Germania è in un impeto di verde, quindi la notizia che la Germania viene islamizzata sempre più rapidamente non farebbe che turbare gli elettori che sono ubriachi sul clima.

Ufficialmente, il BIG ha un aspetto moderno, in alcune parti il suo programma elettorale ricorda persino il programma elettorale dei Verdi, ma il partito è il nuovo braccio politico dei musulmani in Germania e probabilmente acquisirà sempre più influenza nel prossimo futuro.

L’unica “consolazione“. Nel nord di Duisburg, fortemente segnato dalla migrazione, l’AfD ha raggiunto in alcuni casi più del 20%.

*

Quando le risorse importate sono la maggioranza eleggono chi ritengono opportuno e governano secondo le leggi dell’Islam.

Questo era solo un test, che ha dato esito favorevole. Adesso Big si organizzerà per benino su scala nazionale


Jouwatch. 2019-05-28. Islamisierung läuft: BIG erhält in einem Stimmbezirk von Duisburg 35,71 Prozent!

Der Test ist gelungen, auch wenn es sich hierbei nur um einen kleinen Ortsabschnitt handelt. Im Stimmbezirk 1001 von Duisburg-Marxloh, also dort, wo viele Muslime zu Hause sind, erhält die islamische Partei BIG bei dieser Europawahl mit 35,71 Prozent die meisten Stimmen – und das mit großem Abstand:

Natürlich interessiert das die Medien überhaupt nicht, schließlich befindet sich ganz Deutschland im Grünenrausch, da würde die Nachricht, dass Deutschland immer schneller islamisiert wird, die klimabesoffenen Wähler nur verunsichern.

Offiziell kommt die BIG modern daher, in einigen Teilen erinnert ihr Wahlprogramm sogar an das Wahlprogramm der Grünen, aber die Partei ist nun mal der neue politische Arm der Muslime in Deutschland und wird in nächster Zukunft wohl auch immer mehr an Einfluss gewinnen.

Einziger „Trost“. Im stark durch Migration geprägten Norden von Duisburg erzielte die AfD teilweise über 20 Prozent.

Die Gesellschaft spaltet sich immer mehr.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Geopolitica Mondiale

Montreux. Bilderberg. Una lista di riferiti partecipanti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-30.

Benson. Il Padrone del Mondo_

È da un qualche tempo che stanno circolando disparati elenchi di persone che è riferito parteciperebbero alla 67° riunione della Bilderberg, in corso fino a domenica a Montreux.

Riportiamo quello che sembrerebbe essere il più attendibile, per dovere di cronaca. Notiamo come non compaiano personaggi provenienti dalla Cina, dalla Russia, dall’India, dall’Arabia Saudita e dal Giappone, solo per menzionare alcuni stati che pesano sullo scenrio mondiale.

Che per l’Italia siano presenti Matteo Renzi, Stefano Feltri e Lilli Gruber sembrerebbe attestare quanto valga l’Italia in simile consesso.


Yahoo!. 2019-05-30. Chi parteciperà al 67° incontro del gruppo Bilderberg

Il 67* incontro del gruppo Bilderberg si terrà da giovedì a domenica a Montreux, in Svizzera. Tra i partecipanti Jared Kushner, consigliere e genero di Trump, il re olandese Guglielmo Alessandro, il Presidente svizzero Ueli Maurer, i premier di Olanda ed Estonia, Mark Rutte e Juri Ratas, l’ex premier italiano Matteo Renzi, la leader Cdu Annegret Kramp Karrenbauer, il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire, la ministra della Difesa tedesca Ursula von der Leyen, il Presidente del Partito popolare spagnolo Pablo Casado, il Segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, il Ceo Microsoft Satya Nadella, il Ceo Total Patrick Pouyanne‘, il Ceo Ryanair Michael O’Leary, il Ceo Credit Suisse Tidjane Thiam, la Presidente del Banco Santander Ana Botin, il Presidente del World Economic Forum Borge Brende, il Presidente della Goldman Sachs International Jose Manuel Barroso, il direttore dell’Economist Zanny Minton Beddoes, i giornalisti italiani Stefano Feltri e Lilli Gruber.

I temi in discussione saranno:

  1. Un ordine strategico stabile;

  2. Quale futuro per l’Europa?;

  3. Cambiamenti climatici e sostenibilità;

  4. Cina;

  5. Russia;

  6. Il futuro del capitalismo;

  7. Brexit;

  8. L’etica dell’intelligenza artificiale;

  9. L’armonizzazione dei social media;

  10. L’importanza dello spazio;

  11. Cyber minacce.

Fondato nel 1954, il Bilderberg Meeting è una conferenza annuale progettata per favorire il dialogo tra Europa e Nord America. Ogni anno, tra 120-140 leader politici ed esperti dell’industria, della finanza, del lavoro, del mondo accademico e dei media sono invitati a prendere parte al Meeting.

Circa due terzi dei partecipanti provengono dall’Europa e il resto dal Nord America; circa un quarto dalla politica e dal governo e il resto da altri campi. Il Bilderberg Meeting è un forum per discussioni informali su questioni importanti. Gli incontri si svolgono secondo la Chatham House Rule, che stabilisce che i partecipanti sono liberi di utilizzare le informazioni ricevute, ma l’identità degli oratori o di altri partecipanti non può essere rivelata.

Grazie alla natura privata del Meeting, i partecipanti prendono parte come individui piuttosto che in qualsiasi veste ufficiale, e quindi non sono vincolati dalle convenzioni del proprio ufficio o da posizioni prestabilite. In quanto tali, possono prendere tempo per ascoltare, riflettere e raccogliere idee. Non vi e’ alcun ordine del giorno dettagliato, non vengono proposte risoluzioni, non vengono votati e non vengono emesse dichiarazioni politiche.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Chieste le dimissioni di Ms Andrea Nahles, boss della Spd.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-30.

Aquila Calva 001

Il problema politico tedesco non è la crescita di AfD, che nei fatti non cresce, quanto piuttosto il fatto che gli Elettori proprio non ne vogliono più sapere di votare i partiti tradizionali.

A queste elezioni europee sia la Cdu sia la Spd hanno subito perdite percentuali a due cifre, ed i socialdemocratici si stanno semplicemente estinguendo.

Se in pubblico ostentano fede religiosa nella vittoria finale, i loro bollettini stampa ricordano quelli della Wehrmacht che si era vittoriosamente ritirata dal Volga al Dnepr infliggendo all’armata Rossa una sconfitta epocale. Peccato solo che i russi non fossero di accordo.

*

«The leader of Germany’s Social Democrats, Andrea Nahles, will face calls to resign as its parliamentary chief at a crisis meeting on Wednesday after the party’s double election defeat»

«The center-left group in coalition with Angela Merkel’s conservatives lost a regional vote in the northern state of Bremen for the first time in 73 years on Sunday, and saw its share of the vote slump in EU parliamentary elections»

«Three SPD lawmakers told Reuters that the group had called a crisis meeting in parliament on Wednesday»

«Now or never, we need a fresh start, including also in personnel»

«Pressure on Nahles to quit was growing, the lawmaker added»

* ** * * * *

Diamo atto a Frau Andrea Nahles di essere riuscita a proseguire con costanza e determinazione, ed anche con abilità non comune, quell’opera di distruzione della socialdemocrazia tedesca così felicemente iniziata da Herr Martin Schulz.

Che ratellino tra di loro interessa invero ben poco a nessuno, ma se la Spd si ritirasse dalla Große Koalition la cosa sarebbe invece di interesse internazionale.

La già indebolita Frau Merkel si troverebbe a contare in sede Europea come la polvere sui piatti della stadera.

Come si vede, il futuro sembrerebbe essere denso di novità.

Nota.

Guarda un po’ che razza di sconquasso hanno fatto quei bravi figlioli dei sovranisti identitari.


Reuters. 2019-05-28. Leader of Germany’s battered leftists faces calls to quit parliament post

The leader of Germany’s Social Democrats, Andrea Nahles, will face calls to resign as its parliamentary chief at a crisis meeting on Wednesday after the party’s double election defeat, three lawmakers said.

The center-left group in coalition with Angela Merkel’s conservatives lost a regional vote in the northern state of Bremen for the first time in 73 years on Sunday, and saw its share of the vote slump in EU parliamentary elections.

Nahles – who is both the SPD’s national leader and its head in the lower house of parliament – has already called for a vote on the parliamentary post next week, heralding more turbulence for a coalition already beset by infighting.

Three SPD lawmakers told Reuters that the group had called a crisis meeting in parliament on Wednesday.

“Now or never, we need a fresh start, including also in personnel. It definitely can not go on like this,” said one of the lawmakers who spoke on condition of anonymity.

Pressure on Nahles to quit was growing, the lawmaker added.

Another SPD lawmaker said, however, that there was no other candidate in sight to replace Nahles. “I’m not aware of anybody who wants to start the revolution now.”

The leader of Germany’s Social Democrats, Andrea Nahles, will face calls to resign as its parliamentary chief at a crisis meeting on Wednesday after the party’s double election defeat, three lawmakers said.

The center-left group in coalition with Angela Merkel’s conservatives lost a regional vote in the northern state of Bremen for the first time in 73 years on Sunday, and saw its share of the vote slump in EU parliamentary elections.

Nahles – who is both the SPD’s national leader and its head in the lower house of parliament – has already called for a vote on the parliamentary post next week, heralding more turbulence for a coalition already beset by infighting.

Three SPD lawmakers told Reuters that the group had called a crisis meeting in parliament on Wednesday.

“Now or never, we need a fresh start, including also in personnel. It definitely can not go on like this,” said one of the lawmakers who spoke on condition of anonymity.

Pressure on Nahles to quit was growing, the lawmaker added.

Another SPD lawmaker said, however, that there was no other candidate in sight to replace Nahles. “I’m not aware of anybody who wants to start the revolution now.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Elezioni Italia. Analisi del Voto. Parte 2. Regioni, Provincie, Collegi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-30.

2019-05-30__Elezioni Italia. Analisi del Voto. Parte 2. Regioni e Provincie.__001

Per comprendere al meglio la portata di questi risultati sarebbe cosa molto utile avere bene in mente cosa sia e come funzioni il Rosatellum, ossia la legge elettorale per le elezioni politiche.

Rosatellum e le conseguenze delle ultime prospezioni elettorali.

«L’impianto della legge è identico a meno di dettagli alla Camera e al Senato e si configura come un sistema elettorale misto a separazione completa.

Per entrambe le camere:

– il 37% dei seggi (232 alla Camera e 116 al Senato) è assegnato con un sistema maggioritario a turno unico in altrettanti collegi uninominali: in ciascun collegio è eletto il candidato più votato, secondo un sistema noto come first-past-the-post;

– il 61% dei seggi (rispettivamente 386 e 193) sono ripartiti proporzionalmente tra le coalizioni e le singole liste che abbiano superato le previste soglie di sbarramento nazionali; il riparto dei seggi è effettuato a livello nazionale per la Camera e a livello regionale per il Senato; a tale scopo sono istituiti collegi plurinominali nei quali le liste si presentano sotto forma di listini bloccati di candidati;

– il 2% dei seggi (12 deputati e 6 senatori) è destinato al voto degli italiani residenti all’estero e viene assegnato con un sistema proporzionale.

– Vi sono infine soglie di sbarramento.»

*

Le conseguenze per le strategie di un partito dovrebbero essere evidenti.

– Il partito, o la coalizione, dovrebbe cercare di ottenere la maggioranza relativa nel maggior numero possibile dei collegi: in essi infatti il numero di voti richiesti per la elezione è di gran lunga inferiore a quello necessario nella competizione proporzionale.

– Partiti anche numericamente scarni ma concentrati in taluni collegi hanno la possibilità di fare eleggere i propri rappresentanti.

– La cura del territorio, dei collegi, diventa quindi prioritaria nelle elezioni politiche. Dovrebbe anche essere evidente come il presentare candidati noti ed apprezzati sia la chiave di volta del sistema: ma per far ciò è necessario avere il controllo politico o della regione oppure di grandi comuni.

* * * * * * *

2019-05-30__Elezioni Italia. Analisi del Voto. Parte 2. Regioni e Provincie.__002



2019-05-30__Elezioni Italia. Analisi del Voto. Parte 2. Regioni e Provincie.__003


2019-05-30__Elezioni Italia. Analisi del Voto. Parte 2. Regioni e Provincie.__004


2019-05-30__Elezioni Italia. Analisi del Voto. Parte 2. Regioni e Provincie.__005


2019-05-30__Elezioni Italia. Analisi del Voto. Parte 2. Regioni e Provincie.__006


Elezioni europee, i risultati regione per regione. Lega prima nella rossa Umbria

ABRUZZO
Con il 35,31% dei voti alle Europee, quando mancano due sole sezioni al termine dello scrutinio, la Lega risulta primo partito in Abruzzo, unico caso tra le regioni della circoscrizione Sud dove invece primeggia il M5s, che in Abruzzo si ferma al 22,44%. Il Pd ottiene il 16,96%, Fi il 9,39%, Fdi il 7,01%. La Lega conquista il primato in tutte le quattro province abruzzesi, con un distacco di oltre 10 punti dal M5s.

BASILICATA
Il Movimento 5 Stelle si conferma la prima forza politica in Basilicata con uno scarto superiore rispetto alle elezioni regionali di marzo. Ha ottenuto il 29,67 per cento delle preferenze superando la Lega che è stata preferita dal 23,32 per cento degli elettori. Seguono il Pd con il 17,37%, Forza Italia con il 9,40%, Fratelli d’Italia con l’8,39%, +Europa con il 3,26%, a seguire le altre liste. Gli elettori chiamati al voto erano 540.693 ed i votanti sono stati 255.755, con un’affluenza del 47,30%.

CALABRIA
Il Movimento 5 Stelle si afferma come primo partito alle elezioni europee in Calabria. In base ai dati definitivi del Viminale, raggiunge il 26,69%. Al secondo posto la Lega con il 22,61% e al terzo il Partito democratico con il 18,25%. Forza Italia è al 13,32% e Fratelli d’Italia al 10,26%.

CAMPANIA
Il Movimento Cinque Stelle si conferma primo partito in Campania con il 33,86%, ma anche in Campania sfonda la Lega che arriva al 19,20% come seconda forza, a pochi voti dal Pd. I dati degli scrutini in Campania segnano un’enorme crescita del partito di Salvini che un anno fa, nel collegio Campania 1, si era fermato al 2,89%. Netto il calo del M5S, che alle Politiche 2018 aveva toccato il 54,13%, mentre rimonta il Pd che passa dal 12% del 2018 al 19%, ma anche in Campania è dietro la Lega, seppur di poche migliaia di voti. Sensibile calo anche per Forza Italia, che si attesta al 13,65%, mentre Fratelli d’Italia porta a casa il 5,82%. Bassa l’affluenza in Campania, dove è andato alle urne il 47,62% degli elettori. Nella città di Napoli, la Lega di Salvini raccoglie il 12,36% dei voti ed è il terzo partito dietro il Movimento Cinque Stelle, al 39,86% (che in città conferma il suo primato con oltre 400 mila preferenze) e al Pd, che chiude al 23,29%, andando oltre le 200 mila. Lega e Forza Italia divise da poche migliaia di voti.

EMILIA ROMAGNA

Una tendenza già manifestatasi nelle precedenti tornate elettorali sembra rafforzarsi da una prima analisi dei dati delle Europee: in quella che era considerata la regione rossa per eccellenza, l’Emilia-Romagna, soprattutto nel triangolo Reggio-Modena-Ferrara, la Lega avanza e fa i suoi risultati migliori nei piccoli centri ma il Pd riesce a tenere, soprattutto nelle città. Significativo il passo avanti che il Pd registra a Bologna dove prende il 40,3% contro il 21,8% della Lega. Percentuali simili a Modena (dove si votava anche per il sindaco) con un Pd al 39,8% e Lega al 26%. Di oltre dieci punti il divario anche a Reggio Emilia, con un Pd al 37,3% e la Lega al 26%. Il Movimento 5 Stelle è quasi ovunque al di sotto della media nazionale: compresa Imola dove, dall’anno scorso, esprime il sindaco e governa la città e dove è il terzo partito con il 15,3% dietro al Pd (36,7%) e alla Lega (26,8%).

FRIULI VENEZIA GIULIA

Boom della Lega alle elezioni europee in Friuli Venezia Giulia, dove il partito di Salvini è il più votato con il 42,56% e 245.636 voti. Al secondo posto il Partito democratico con il 22,23% e 128.302 voti, al terzo il Movimento 5 Stelle con il 9,62% e 55.529 voti. Fratelli d’Italia è al 7,61% con 43.898 voti, Forza Italia al 6,69 con 38.593 voti. +Europa è al 3% con 17.333 voti.

LAZIO
La Lega sfonda anche nel Lazio: il Carroccio, quando mancano solo 5 sezioni su quasi 5.300, è il primo partito nella regione della Capitale, governata dal Pd, con il 32,66%. I dem sono quasi dieci punti sotto, al 23,79%; ancora più indietro il M5s con il 17,93%. Sono i dati definitivi delle Europee nel Lazio pubblicati dal sito del ministero dell’Interno. FdI è sopra al 9%, mentre FI è al 6,77%. La Lega è prima in tutte le province, a cominciare, più di misura, da quella di Roma dove il voto scorporato della città premia invece il Pd: nella provincia di Rieti sfonda quota 41%, con il Pd al 18,35% e il M5s al 16,86%; addirittura al 41,42% a Viterbo, con il Pd al 19% scarso e il M5s al 16%. Nelle province del sud è invece sempre secondo il M5s%: a Frosinone Lega al 40,4%, pentastellati al 18,55%, Pd al 16%; a Latina Lega al 38,9%, M5s al 16,73%, Pd al 14,8%.

LIGURIA
Per le Europee alle urne ha votato il 58,50% degli aventi diritto. Il boom della Lega fa registrare sul territorio ligure il 33,8% dei consensi, pari a 251.696 voti espressi. Cresce il Pd che se a livello nazionale segna il 23% sulla Liguria raggiunge il 24,9%. Il M5S si posiziona sul 16,4% delle preferenze. Forza Italia si ferma al 7,79% mentre Fratelli D’Italia sale al 5,67%. 

LOMBARDIA 
La Lega in Lombardia vola e supera il 43 per cento dei voti affermandosi come primo partito. Seguono il Partito democratico al 23,08, il Movimento 5 Stelle al 9,34, Forza Italia all’8,86 e Fratelli d’Italia al 5,53. Per quanto riguarda i candidati, il primo è Matteo Salvini, capolista della Lega nella circoscrizione di Nord Ovest: in Lombardia il ministro dell’Interno ha raccolto oltre 500mila preferenze. Bene anche l’ex sindaco di Milano e capolista per il Pd-Siamo Europei, Giuliano Pisapia, che in Lombardia supera le 205mila preferenze. Lo segue l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, votato da oltre 86mila elettori. Il Movimento 5 Stelle è l’unico partito in cui il capolista non sia il più votato: Mariangela Danzì in Lombardia non raggiunge le 10mila preferenze, contro le oltre 13.500 dell’europarlamentare uscente Eleonora Evi. Silvio Berlusconi stacca tutti gli altri candidati azzurri e nella sua regione viene scelto da quasi 130mila elettori. Tra i big schierati nella circoscrizione di Nord Ovest anche la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che in Lombardia guadagna oltre 60mila preferenze.

MARCHE
Nelle Marche la Lega è il primo partito alle elezioni europee: sulla base dei dati definitivi del Viminale, quando è stato completato lo scrutinio delle 1.573 sezioni, è al 37,98%. Al secondo posto il Partito democratico al 22,26%  seguito dal Movimento 5 Stelle al 18,43%. Poi Fratelli d’Italia al 5,83% e Forza Italia al 5,53%.

MOLISE
In Molise il Movimento 5 Stelle, con il 28,76% di preferenze, è il primo partito alle elezioni europee. Secondo posto per la Lega al  24,26%, seguita da Forza Italia al 15,31%, dal Partito democratico al 14,64% e da Fratelli d’Italia al 6,33%.

PIEMONTE
Anche in Piemonte la Lega è il partito: è al 37,14% con 813.001 voti. Al secondo posto il Partito democratico con il 23,94% e 524.078 voti e al terzo posto i 5 Stelle al 13,26% con 290.141 voti, Segue Forza Italia al 9,08% e 198.721 voti e Fratelli d’Italia al 5,98% con 130.986 voti.

PUGLIA
In Puglia il primo partito alle elezioni europee è il Movimento 5 Stelle, con il 26,29% e 419.344 voti, seguito, a un solo punto percentuale di differenza, dalla Lega che si attesta al 25,29% con 403.424 voti. Al terzo posto il Partito democratico al 16,64% con 265.412 voti, seguito da Forza Italia al 11,11% e 177.304 voti, Fratelli d’Italia al 8,89% con 141.865 voti, +Europa al 4,98% con 79.470 voti.

SARDEGNA
La Lega è il partito più votato alle elezioni europee di domenica 26 maggio. Al termine dello spoglio il partito di Matteo Salvini ha ottenuto 135mila 496 voti, pari al 27,5 per cento. Il Movimento 5 Stelle è arrivato secondo con 126mila 031 voti: 25,7 per cento. Terzo più votato è il Partito Democratico con 119mila 260 voti pari al 24,2 per cento. Forza Italia ha ottenuto 38mila 389 preferenze (7,81 per cento).

SICILIA
Affluenza flop in Sicilia dove è andato al voto solo il 37,5 per cento egli elettori. Oltre il 5 per cento in meno delle scorso Europee. Il M5s si conferma il primo partito con il 31,18%%, in controtendenza rispetto al resto del Paese. Il vero exploit lo fa la Lega che conquista il 20,77%. Significativo il risultato nell’isola di Lampedusa: qui la Lega supera addirittura il 45%, più del doppio del Pd, il partito che ha candidato il medico dei migranti Pietro Bartolo. Al leader del Carroccio Matteo Salvini va il primato come numero di preferenze in assoluto. In recupero il Pd che si avvicina a Forza Italia: i dem si attestano al 16,63% mentre il partito di Berlusconi raggiunte quota 16,99%.Supera la soglia di sbarramento, utile per ottenere seggi nel Parlamento di Strasburgo, Fratelli d’Italia con il 7,62%. Sotto quota tutti gli altri. 

TOSCANA
In Toscana il Pd resta il primo partito ma è sempre più tallonato dalla Lega che compie un balzo in avanti incredibile (+29% rispetto alle scorse Europee), M5s arretra mentre crollano Fi e sinistra e avanza Fdi. È la fotografia che esce dal voto delle Europee in Toscana. I democratici si attestano al 33,31%, lontanissimi dal boom a guida Renzi del 56,35% ottenuto alle Europee 2014, e il Carroccio non è lontano con il 31,48%: alla precedente consultazione aveva ottenuto il 2,56%. il partito di Salvini passa da 48.639 voti a 588.727. 

I 5Stelle spuntano il 12,68%, perdendo circa quattro punti rispetto al 2014: erano allora al 16,58%. Fi dimezza fermandosi al 5,82% rispetto al precedente 11,73%. La Sinistra ‘non passa’ in Toscana ottenendo solo il 2,60% delle preferenze mentre nel 2014 L’Altra Europa con Tsipras aveva incassato il 5,13%. In crescita Fratelli d’Italia che ottiene il 5,82% contro il 3,23% del 2014. Riguardo alle singole province – dove Pd e Lega si alternano ai primi due posti – i Dem sono in testa in tre: a Firenze dove ottengono il 42,07%, con un distacco di quasi 20 punti rispetto alla Lega (23,91); a Siena (37,56 contro il 28,75), e a Livorno (32,63 contro 29,35). La Lega è invece prima con un distacco di oltre 10 punti dal Pd a Lucca, dove prende il 39,30 (24,41 i Dem), a Grosseto col 37,99 (Pd 25,97) e Massa Carrara col 35,70 (22,78 Dem). È poi prima ad Arezzo con il 35,89 (Pd è al 29,66), a Pisa col 33,77 (31,39), a Pistoia col 35,30 (29,70), e a Prato col 34,47 (32,46). Riguardo all’affluenza, è risultata in calo di poco più di un punto percentuale: 65,76% contro il 66,69 delle Europee 2014.

TRENTINO-ALTO ADIGE

Con 95.182 voti, pari al 37,74% dei consensi, la Lega si conferma il primo partito in Trentino. Alle europee del 2014, quando il Carroccio era alleato con i Freiheitlichen in un gruppo no euro, i voti raccolti furono 19.732, cioè l’8,98%. Al secondo posto il Partito democratico, che raccoglie 63.580 preferenze, pari al il 25,21% (nel 2014 furono 93.038, il 42,36%), mentre il Movimento 5 Stelle ha ottenuto l’8,72%, cioè 21.987 voti (furono 33.954 nel 2014, il 15,46%). 

UMBRIA
A scrutinio completato, quello di Matteo Salvini – in base ai dati del ministero dell’Interno – è diventato il primo partito con 171.458 voti pari al 38,18% mentre, cinque anni fa, aveva ottenuto il 2,51% con appena 11.673 voti. Un dato superiore anche al 34,3% nazionale e al 20,1% delle politiche. Crollo invece del Partito Democratico che dal 49,15% delle Europee 2014 è passato al 23,98%. In calo anche il Movimento 5 stelle che ha ottenuto il 14,63% contro il 19,48% del 2004. Netta anche la diminuzione dei consensi registrati da Forza Italia, 6,42% (14,21%) superata da Fratelli d’Italia, al 6,58% contro il 5,42% precedente. Numeri importanti anche in vista delle prossime elezioni anticipate della Regione alle quali si andrà dopo le dimissioni della presidente Catiuscia Marini (Pd) in seguito all’indagine sui concorsi all’ospedale di Perugia. 

L’Umbria è stata la regione italiana con l’affluenza al voto più alta d’Italia. Il dato definitivo rilevato dal ministero dell’Interno è stato infatti del 67,69% contro il 70,5% della precedente consultazione. A tenere il passo più da vicino l’Emilia Romagna, al 67,3% dei votanti.

VALLE D’AOSTA

Exploit storico in Valle d’ Aosta della Lega che alle elezioni europee supera il 37%, sbaragliando la coalizione autonomista che governa la regione (Union valdotaine, Uvp, Alpe e Stella Alpina): il suo listino apparentato al Pd si è fermato al 14%. Il Pd (reduce da un deludente 5% delle regionali di un anno fa) è ora il secondo partito con il 16,22%. Il Movimento 5 Stelle non raggiunge il 10% (9,69%), Forza Italia è al 5%.

VENETO
La Lega in Veneto alle Europee porta a casa quasi la metà dei consensi degli elettori, fermandosi al 49,9%. Il secondo partito nella regione, in base ai dati definitivi, è il Pd (18,9%) che sopravanza il Movimento 5 stelle (8,9). Fratelli d’Italia con il 6,8% dei voti sorpassa Forza Italia che si ferma al 6,1%. A seguire Europa Verde e +Europa-Italia Comune-PDE Italia con il 2,7 e La Sinistra con l’1,1%.

Nello specifico, il Carroccio ha ottenuto in Veneto 1.234.361 voti, il Pd 468.619, il Movimento 5 stelle 220.370, Fratelli d’Italia 167.345, Forza Italia 149.604, Europa Verde 67.820. A seguire +Europa con 67.321 voti, la Sinistra 25.975, il Partito Animalista 13.287, il Popolo della Famiglia 13.145, il Partito Comunista 12.914, Destre Unite 7.736 e Svp 7.335
Recordman delle preferenze alle europee nella circoscrizione Nord Ovest è stato Matteo Salvini. Il segretario della Lega ha infatti da solo ottenuto quasi 677 mila preferenze. Dietro di lui, nella lista del Carroccio è arrivato l’europarlamentare uscente Angelo Ciocca (88.800) mentre terza e prima fra le donne con oltre 44 mila voti Silvia Sardone, che era uscita lo scorso anno da Forza Italia in polemica con il partito dopo la sua elezione al consiglio regionale della Lombardia.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria

Elezioni. Italia. Analisi del voto. Parte I.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-30.

2019-05-29__Sgw__001

I risultati delle elezioni europee meritano di essere analizzati in dettaglio.

Una importante avvertenza.

– L’esame dello sviluppo storico dei risultati elettorali mette in guarda su quelli ottenuti alle elezioni europee: di norma il partito che le domina non riesce ad ottenere risultati simili alle susseguenti elezioni politiche. Di conseguenza, si valutino con molto giudizio i risultati qui riportati.

Non solo. Per le elezioni politiche si vota non con il sistema proporzionale, bensì con il Rosatellum, sistema mista di voto proporzionale e voto in collegi uninominali, ove è eletto il candidato che abbia riportato il maggior numero di voti validi. Esamineremo questo aspetto nella Parte II.

2019-05-29__Sgw__002

* * * * * * *

2019-05-29__Sgw__003

2019-05-29__Sgw__005

2019-05-29__Sgw__006

Di tutti i risultati, alcuni sembrerebbero essere di notevole valore:

– La lega più che raddoppia al Centro passando dal 15,6% al 33,5% e soprattutto quadruplica al Sud e nelle Isole passando rispettivamente dal 6.2% e 6.6% al 23,5 e 22,4%.

– Il Movimento cinque stelle rispetto al 2018 perde il 15% dei consensi tra persone nate tra il 1980 e il 1996. Il Carroccio guadagna invece l’11%.

– Il Movimento cinque stelle rispetto al 2018 perde, infatti, il 15% dei consensi tra persone nate tra il 1980 e il 1996. Il Carroccio guadagna invece l’11% passando dal dei consensi del Millennials mentre il Pd il 6%

– Tra i poveri la Lega guadagna il 18% rispetto al 2018 mentre il M5s perde il 17%. Sale di 9 punti il Pd

– Il Carroccio guadagna consensi tra gli operai rispetto al 2018 con un considerevole +29% mentre M5s perde il 20%.

– Professionisti delusi da M5s mentre cresce il consenso per la Lega che, rispetto al 2018 guadagna il 12% nei voti di questa categoria (mentre i pentastellati perdono il 13%).

* * * * * * *

Professionisti, operai, poveri e donne hanno abbandonato in massa il M5S transitando nella Lega.

Alcune conclusioni.

– Le battaglie politiche si combattono e si vincono al centro, non sulle posizioni estreme.

– La cospicua svolta a sinistra attuata negli ultimi tempi dal M5S non ha dato altro che frutti negativi. Ciò dipenda da una errata interpretazione di cosa significhi il termine ‘sinistra‘. Nei fatti, la gente comune, che poi sono gli Elettori, tiene in non cale, per non dire in uggia, quei temi ideologici che un tempo erano in auge, quali le posizioni etiche, il giustizialismo, l’ecologia, il ‘clima’, il ‘no’ a qualcosa urlato senza supporti logici, etc.: guardano invece con grande attenzione a quanto fatto per il mondo del lavoro produttivo, per la riduzione del carico fiscale, per la preservazione del potere di acquisto dei propri risparmi.

– Sotto questa ottica, il M5S sembrerebbe avere un orologio biologico indietro di una decina di anni, ma i tempi sono cambiati. Le posizioni assunte su Siri, e quelle che prenderanno su Rixi, hanno procurato voti alla Lega piuttosto che al M5S. Nelle urne gli Elettori si comportano in modo anche molto differente da quanto dichiarano nei sondaggi.

– Gli iscritti al M5S non rappresentano un campione ben stratificato dell’Elettorato. Quando la dirigenza M5S consulta la sua base perde invariabilmente le elezioni. Ci si ricordi del partito democratico: fece nominare l’on Boldrini alla Presidenza della Camera e l’on Grasso a quella del Senato con trionfante tripudio dei suoi iscritti: ma quando alle elezioni si presentarono nei collegi, Ms Boldrini prese il 4.6% dei suffragi e Mr Grasso il 5.81%. Questo è un chiaro esempio di casa accade quando gli iscritti non rappresentano più l’Elettorato. L’Elettorato residuo del M5S è oramai di centrodestra: la dirigenza dovrebbe prenderne atto.


Ansa. 2019-05-29. Travaso di voti da M5s a Lega, ecco l’analisi del voto

Il giorno dopo il trionfo della Lega alle Elezioni Europee, trionfo che si va confermando anche alla tornata di elezioni amministrative, SWG analizza l’elettorato ( su un campione rappresentativo di 8mila elettori residenti in Italia) che ha decretato il successo di Matteo Salvini passato in un anno dal 17,4% delle Politiche del 2018, al 34,3% delle Europee. Se lo zoccolo duro proviene dall’elettorato del Carroccio con il 52%, il 17% aveva votato M5s, il 14% non aveva votato, il 10% aveva votato Forza Italia. Il Pd invece, passato dal 18,7% delle Politiche  2018 alle Europee 2019 recupera il suo elettorato da M5s e dalla sinistra. Per quanto riguarda invece Forza Italia l’astensionismo e il travaso di voti verso la Lega spingono la percentuale del partito di Berlusconi sotto le due cifre : dal 14% delle Politiche all’8,8% delle Europee. In sostanza, la geografia del voto ha spostato 6 milioni di voti verso la Lega e tolto tre milioni di voti al M5s. Forza Italia ha perso 2 milioni di voti.

IL PARTITO DELLA NAZIONE. Il consenso della Lega cresce da Nord a Sud.  In particolare nel Nord Ovest dove passa dal 25,7  al 40,7% e al Nord Est dal 25,5 al 41,7 storicamente riserve del Carroccio. Invece più che raddoppia al Centro passando dal 15.6% al 33,5% e soprattutto quadruplica al Sud e nelle Isole passando rispettivamente dal 6,2 e 6,6% al 23,5 e 22,4%. Il travaso è diretto con i voti persi dal Movimento Cinque stelle che al Sud, sua tradizionale riserva di voti, subisce un tracollo passando dal 46% al 29,2. Stessa sorte al Nord. Il Partito democratico invece cresce solo al Nord Est guadagnando 22mila voti mentre al Nord Ovest, al Centro e al Sud.

IL VOTO DEI GIOVANI – Tra i Millennials travaso di voti da M5s a Lega e Pd. Il Movimento cinque stelle rispetto al 2018 perde, infatti, il 15% dei consensi tra persone nate tra il 1980 e il 1996. Il Carroccio guadagna invece l’11% passando dal dei consensi del Millennials mentre il Pd il 6%. Più 3% in questa fascia d’età anche per il partito di Giorgia Meloni. M5s non convince però nemmeno tra i neo votanti. Nella ‘Generazione X’ (dei nati dopo il 1997), M5s perde il 25% dei consensi. La Lega ne guadagna il 21% e il Pd il 9%.

LE DONNE CON SALVINI – Abbandonano Fi e M5s per la Lega le donne votanti. Tra il 2018 e il 2019, infatti, il partito di Salvini guadagna il 17% nel consenso femminile mentre il M5s perde il 14%.

POVERI – Boom della Lega a danno di M5s, il Pd recupera ma resta basso nelle fascia più debole del Paese. Tra i poveri la Lega guadagna il 18% rispetto al 2018 mentre il M5s perde il 17%. Sale di 9 punti il Pd.

LEGA IN CRESCITA SIA TRA GLI OPERAI CHE TRA I PROFESSIONISTI – Il Carroccio guadagna consensi tra gli operai rispetto al 2018 con un considerevole +29% mentre M5s perde il 20%.
Professionisti delusi da M5s mentre cresce il consenso per la Lega che, rispetto al 2018 guadagna il 12% nei voti di questa categoria (mentre i pentastellati perdono il 13%). Tra i professionisti cresce il consenso a FdI (+6%) e per il Pd (+3%)

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. La grande malata di Europa. Cdu -7.4, Spd -11.5. Tutti vecchietti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-29.

2019-05-27__Germania__001

La Germania è la grande malata di Europa.

2019-05-27__Germania__002

Tra i partiti tradizionali, la Cdu è al 22.6%, -7.4 punti percentuali, la Spd è al 15.8%, -11.5 punti percentuali, ed  iGrune sono al 20.5%, +9.8 punti percentuali.

A Bremen la Spd è crollata di -8.6 punti percentuali al 24.2%.

2019-05-27__Germania__004

EU elections: Wake-up call for centrists

EU results put pressure on Merkel coalition 15h ago

EU election: Surge for Greens and euroskeptics, losses for centrist blocs

German EU election results ramp up pressure on Merkel’s coalition

German official warns Jews against wearing kippahs in public   

Europee, l’ex roccaforte socialdemocratica è caduta.

Opinion: EU election result spells an uncertain future for the German government

«In Germany, at least, Europe-friendly parties are the winners of the EU vote. However, the SPD’s defeat is so devastating that it puts Angela Merkel’s ruling coalition in danger.

For Germany’s Social Democrats, however, this Sunday has been an absolute disaster. The oldest German democratic party fell to under 16% at European level. And that’s not all: Local elections were also held on Sunday in Bremen, a federal state that the Social Democrats have governed for 73 years. No longer, though — the election was won by a CDU candidate for the very first time.

This double setback will not be without its consequences. It’s evidence that the party is on its last legs, and that total reorientation is the only way it stands any chance of having a future.

There will be arguments in Brussels over the coming days about which party gets to fill which of the leading posts. In Germany, the discussions will be more fundamental. The main question is likely to be: How much longer does this governing coalition intend to go on tormenting both itself and the country as a whole? 

Following this weekend, it’s entirely possible that, after 14 years, the Merkel era will actually be brought to an end by her SPD coalition partner — and that there will be an early election later this year. It would be an election with many, many open questions, and only one certainty: Angela Merkel is not going to stand again.»

* * * * * * *

Si noti come la Csu stia tenendo, anzi, aumentando di 1 punto percentuale, mentre la Cdu di Frau Merkel sta sprofondando.

In altri tempi, di fronte a simili disastri, la dirigenza dava le dimissioni.

La dirigenza politica tedesca è troppo superba per far ciò: seguirà quindi il destino del Labour Party e dei  Conservatori nel Regno Unito.

Vi è infatti anche un altro elemento degno di nota.

2019-05-27__Germania__003

Ogni anno Sorella Morte razzia un milione circa di tedeschi. Una volta morti e sepolti non possono più votare.

Nella Union, Cdu e Csu, il 40% dei votanti è sopra i 60 anni, mentre solo l’11% è sotto i venticinque.

Nella Spd il 22% dei votanti è sopra i 60 anni, ma solo l’8% è sotto i 25 anni.

Alle elezioni del 2021 Cdu ed Spd avranno perso, volenti o nolenti, tre milioni di voti. La base elettorale vecchia è una ben cattiva consigliera

Questi due partiti o si danno una mossa pensionando le personalità vetuste e rinnovando il programma politico, sociale ed economico, oppure sono destinati a scomparire.

* * *

Fervono riunioni e conventicole. Sono in molti ad affilare il pugnale.

L’entità del crollo del PPE e del PSE sarà il metro della vittoria dei sovranisti.

Chi non conta in patria non conta in Europa.