Pubblicato in: Agricoltura

Italia. Il difficile ritorno alla agricoltura.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-28.

2020-05-20__Orzo 001

«For Some Italians, the Future of Work Looks Like the Past. As the coronavirus drastically reorders society and economies, more Italians are returning to the agricultural jobs of their grandparents.»

«workers crouched in the corridors of a cornfield and tended to stalks for the coming harvest. The ones from Morocco, Romania and Nigeria knew exactly what to do. It was the new Italian hires who needed help.»

«Italy industrialized after World War II, and never really looked back. But the virus has drastically reordered society and economies, locking seasonal workers in their home countries while marooning Italians who worked in retail, entertainment, fashion and other once-mighty industries»

«Where until recently a return to the land seemed reserved for natural wine hipsters or gentry sowing boutique gardens with ancient seeds, more Italians are now considering the work of their grandparents as laborers on the large farms that are increasingly essential to feed a paralyzed country and continent»

«Without them, hundreds of tons of broccoli, fava beans, fruit and vegetables are in danger of withering on the vine or rotting on the ground»

«agriculture needed to shake off the backward stigma of Europe’s preindustrial and pre-technological past and emphasize its use of sophisticated technology, machinery and chemistry»

«Agriculture doesn’t mean a return to the hoe …. If Italians now need the fields to survive, the farms also suddenly need Italians. Despite vigorous lobbying by agricultural groups to create so-called Green Corridors to ease their arrival, about 150,000 seasonal workers from Romania, Poland, India and elsewhere are locked out of Italy. …. At the same time, Italians, who previously constituted about 36 percent of Italy’s roughly 1 million agricultural workers, are finding their restaurants, tour companies and stores shuttered. The safer working conditions outdoors are proving attractive. So is a paycheck.»

«Italy’s leading agricultural associations have set up websites with names like Agrijob and Jobincountry and drawn more than 20,000 applications, most of them from Italians, to fill the shortfall»

«This month, the Italian government set aside more than a billion euros (about $1.1 billion) of subsidies to farmers as part of a 55-billion-euro relief package. The measure became a source of acrimonious political debate, though, because it also included a pathway to legalization for undocumented workers in the fields»

«The main question, though, remained the absence of trained seasonal workers and getting enough workers in time for the coming harvests»

«Francesco D’Amore, who grows tomatoes near Caserta, in the southern region of Campania, burst out laughing when asked if he thought people would give up their guaranteed welfare checks to go back to the fields.»

* * * * * * *

La gestione e la lavorazione dei campi richiede una buona cultura specifica, investimenti, ed amore per questo lavoro.

L’agricoltura è altamente meccanizzata e l’era del lavoro alla zappa è svanita. Non ci si improvvisa agricoltori, ma lo si può imparare: basta solo volerlo.

La contraddizione di avere un largo numero di disoccupati e carenza di manodopera agricola è solo apparente, e bene evidenziata dall’articolo riportato.

«burst out laughing when asked if he thought people would give up their guaranteed welfare checks to go back to the fields»

«scoppiò a ridere quando gli fu chiesto se pensava che la gente avrebbe rinunciato agli assegni del sussidio garantito per tornare nei campi».

Queste situazioni dovrebbe dare da pensare.

Se ha un senso la assegnazione di sussidi economici a quanti abbiano perso il lavoro, questo sussidio dovrebbe essere limitato nel tempo e mantenuto fino a tanto che il disoccupato non abbia trovato lavoro ovvero abbia rifiutato per la seconda volta una offerta di lavoro. Le sovvenzioni troppo generose ottengono effetti controproducenti.

*


For Some Italians, the Future of Work Looks Like the Past.

As the coronavirus drastically reorders society and economies, more Italians are returning to the agricultural jobs of their grandparents.

CORCOLLE, Italy — On a small farm outside Rome, workers crouched in the corridors of a cornfield and tended to stalks for the coming harvest. The ones from Morocco, Romania and Nigeria knew exactly what to do. It was the new Italian hires who needed help.

“These you have to get rid of,” the farm’s owner told Massimiliano Cassina, pointing at some cobs on the bottom of the plant.

Only weeks ago, Mr. Cassina, 52, was running a fabric company that had international clients and specialized in sports T-shirts. But the coronavirus pandemic that has killed more than 30,000 Italians and wrecked the national economy also dealt a deathblow to his business. Desperate for a paycheck, he became one of an increasing number of Italians seeking a future in the country’s agrarian past.

“They gave me a chance,” Mr. Cassina, wearing a blue mask, blue rubber gloves and sweat-stained shirt, said.

Italy industrialized after World War II, and never really looked back. But the virus has drastically reordered society and economies, locking seasonal workers in their home countries while marooning Italians who worked in retail, entertainment, fashion and other once-mighty industries.

Where until recently a return to the land seemed reserved for natural wine hipsters or gentry sowing boutique gardens with ancient seeds, more Italians are now considering the work of their grandparents as laborers on the large farms that are increasingly essential to feed a paralyzed country and continent.

Without them, hundreds of tons of broccoli, fava beans, fruit and vegetables are in danger of withering on the vine or rotting on the ground.

“The virus has forced us to rethink the models of development and the way the country works,” Teresa Bellanova, Italy’s agricultural minister, who is herself a former farmhand, said in an interview.

She said that the virus required Italy, which has remained at the vanguard of the epidemic and its consequences in Europe, to confront “a scarcity of food for many levels of the population,” including unemployed young professionals, and that agriculture needed to be “where the new generations can find a future.”

To do that, agriculture needed to shake off the backward stigma of Europe’s preindustrial and pre-technological past and emphasize its use of sophisticated technology, machinery and chemistry. She said she had discussed such a shift with her French counterpart and the same was true for Spain and Germany and beyond as the virus laid waste to other sectors.

“Agriculture doesn’t mean a return to the hoe,” she said.

If Italians now need the fields to survive, the farms also suddenly need Italians. Despite vigorous lobbying by agricultural groups to create so-called Green Corridors to ease their arrival, about 150,000 seasonal workers from Romania, Poland, India and elsewhere are locked out of Italy.

At the same time, Italians, who previously constituted about 36 percent of Italy’s roughly 1 million agricultural workers, are finding their restaurants, tour companies and stores shuttered. The safer working conditions outdoors are proving attractive. So is a paycheck.

Italy’s leading agricultural associations have set up websites with names like Agrijob and Jobincountry and drawn more than 20,000 applications, most of them from Italians, to fill the shortfall.

“Manna from heaven,” is how Paolo Figna, 26, who lost his job as a waiter, described work picking strawberries on a farm outside Verona.

But the transition for many has not been easy. Agricultural work has become as foreign to Italians as the seasonal workers from other countries who have filled the ranks of farm hands for decades.

Massimiliano Giansanti, the president of Confagricoltura, one of Italy’s largest agricultural associations, said many of those who were interested in the work didn’t have the necessary training or experience.

“Agriculture is not picking a red apple from a tree,” he said, explaining that, far from the House and Garden idyll of the Italian imagination, farming was a modern industry that required know-how, commitment and flexibility.

For now, he said, “the majority” of the Italians inquiring about positions posted on the association’s Agrijob platform still considered it gardening.

Bruno Francescon, 45, the owner of a melon farm in Mantova, hired Italians who had worked in hotels and driven buses. He said he missed his “professionally very prepared” workers from India and Morocco. An influx of Italians, he said, “doesn’t compensate for the lack of skills.” And some of the Italians he hired simply “ran away.”

Others who have found themselves in the fields had envisioned a career connected to the land. Just not so connected.

Anna Flora, 23, grew up enchanted by stories of her grandfather’s horse farm, which he had to sell off because his children showed no interest in continuing. Her passion for the land remained, though, and in February she found a job selling hail insurance to farms around Italy.

But it was the virus that struck. The firm closed and she applied to sporting goods and pet food shops as a salesperson. They closed, too. Then her town of Ferrara advertised a program to replace the missing seasonal laborers with local workers and Mr. Flora applied.

After weeks of picking strawberries, she said she found the work fulfilling, but also gainful. Plus, she said, “My grandfather is very, very happy.”

Ms. Flora was one of the more than 50 applicants for 12 positions posted on the Agrijob website to substitute for missing Polish workers at a farm owned by Franco Baraldi.

Mr. Baraldi, 59, said the Italians he hired — people who had worked in bakeries and cafes and supermarkets — didn’t know what they were doing in the beginning, but that they caught on. He said many hadn’t earned anything since March or received the help promised to them by the government. Several have asked him to stay on after the strawberry harvest for the apricot and peach season.

He said he hoped that they could, but that the future of agriculture depended on government help. Since his grandfather’s days running the farm, he said, the state had abandoned the industry. If the young didn’t follow their parents into the fields, it was because “no one helped them.” Without the subsidies given to other industries, he said, farms couldn’t make a profit, creating the conditions for unscrupulous landowners to underpay foreign workers.

This month, the Italian government set aside more than a billion euros (about $1.1 billion) of subsidies to farmers as part of a 55-billion-euro relief package. The measure became a source of acrimonious political debate, though, because it also included a pathway to legalization for undocumented workers in the fields.

Ms. Bellanova choked up in announcing the measure, which she said in an interview would help integration in Italy but also fill the shortfall of laborers created by the virus.

Critics said that legalization would do little to compensate for the labor shortfall, because those undocumented workers were already working the fields, just in exploitative conditions that grossly underpaid and overworked them. Populists both in and out of the Italian government argued that the minister was exploiting the epidemic to further a progressive agenda.

Austin Okoro, 25, a Nigerian with a work permit who picked corn with Mr. Cassina outside Rome, said his friends without legal status would jump at a job like his. But he also said that he didn’t begrudge the Italians who had joined him in the cornfield.

“They are doing fine,” he said with a smile.

The main question, though, remained the absence of trained seasonal workers and getting enough workers in time for the coming harvests.

Confagricoltura has organized flights carrying hundreds of Moroccan workers, paid for privately by farms, to arrive in Italy this week. A wine grower in the northern region of Alto Adige, complained that the Italians he had hired bailed on him and so he chartered a flight to bring eight seasoned Romanian workers to his vineyard.

But compared with Germany, which has allowed for the arrival of for tens of thousands of seasonal laborers, this amounted to a drop in the bucket.

Italy’s experience has been echoed in other parts of Europe. Prince Charles, Queen Elizabeth II’s eldest son and the heir to the British throne, has urged furloughed workers across the nation to join a government campaign aimed at finding farm labor to “pick for Britain” and save the season’s crops as the country faces a dearth of migrant workers.

In Italy, some officials and farmers have looked for a potential pool of laborers among the poorest Italians, many of whom live in the country’s economically depressed south and who in 2018 started receiving a monthly universal income check.

Francesco D’Amore, who grows tomatoes near Caserta, in the southern region of Campania, burst out laughing when asked if he thought people would give up their guaranteed welfare checks to go back to the fields.

But this month, the government created the possibility for recipients of the benefit to put it on hold for up to 60 days if they found a job in agriculture.

Nazaro Lo Iacono, 56, who lives near Caserta and has received the basic income subsidy, said that with the new guarantee, he would happily let someone else temporarily take his welfare check and return to pick tomatoes, as he had done in his youth, as long as he received a proper contract.

The problem, he said, was that “dishonest” farm owners chased Italians away by slashing wages and underpaying exploited foreigners. “We grew distant from the earth for this reason,” he said.

Back in the cornfield, Mr. Cassina said he missed his old life as he got on his hands and knees, dirtying his shorts. The farm’s owner, Vittorio Galasso, 62, observed his progress.

“He’s getting used to it,” he said.

Pubblicato in: Agricoltura, Cina, Economia e Produzione Industriale

Cina. Multinazionali aprono in continuazione stabilimenti. – Nestlé.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-27.

Nestlé 013

La Nestlé S.A. o Société des Produits Nestlé S.A. è una società multinazionale fondata nel 1866 con sede legale a Vevey, in Svizzera. Nel 2018 fatturava 91.4 miliardi CHF, con un utile netto di 10.1 miliardi CHF e 352,000 dipendenti in tutto il mondo. Ha un grande numero di società da lei dipendenti, sparse su tutto il mondo.

La Nestlé è forse la multinazionale più odiata dai liberal mondiali, che la hanno accusata di tutto e di più, senza mai però riuscire a vincere alcunché.

*

«Food giant Nestle said on Wednesday it would spend 100 million swiss francs ($103.58 million) on expanding its manufacturing footprint in China to include a new plant-based food facility and widen its production lines»

«The company said its first plant-based food facility for Asia would be built in Tianjin Economic-Technological Development Area (TEDA) and that it could launch faux meat products by the end of this year»

«Chinese consumers have been steadily shifting to plant-based diets over the past few years, in part due to a devastating pig disease and bruising Sino-U.S. trade war driving up meat prices»

«China’s “free from meat” market, which includes alternative meat products, grew 33.5% since 2014 to be worth just under $10 billion in 2018»

«The company, which has 31 production sites in China, also said it would increase annual production capacity of a local biscuit wafer plant»

* * * * * * *

La Nestlé ha in Cina 31 stabilimenti dai quali ricava circa dieci miliardi di Usd. Adesso si appresta a fabbricare un nuovo impianto, con un investimento di 104 milioni Usd.

I suoi rapporti umani e commerciali con la Cina sono ottimi.

Daimler, Mercedes Benz, ha ripreso la produzione in Cina.

Exxon Mobil Corp e la Cina. Notizia non economica bensì politica.

Gazprom. Investimenti per 1.1 trilioni di rubli. Sila Sibiri.

Cina. Aprile. Produzione Industriale Annualizzata +3.9%.

Nei confronti della Cina, si sta sempre più evidenziando uno scollamento tra le posizioni dei governi dei paesi occidentalizzati e la politica perseguita dalle multinazionali. Queste, anche se a sede legale negli Usa oppure in Europa, hanno interessi che spaziano l’orbe terracqueo e tengono in non cale la demonizzazione politica della Cina, al momento sport preferito dell’occidente politico.

*


Nestle to build new plant-based food facility in China under $100 million investment plan

Food giant Nestle said on Wednesday it would spend 100 million swiss francs ($103.58 million) on expanding its manufacturing footprint in China to include a new plant-based food facility and widen its production lines.

The company said its first plant-based food facility for Asia would be built in Tianjin Economic-Technological Development Area (TEDA) and that it could launch faux meat products by the end of this year.

Chinese consumers have been steadily shifting to plant-based diets over the past few years, in part due to a devastating pig disease and bruising Sino-U.S. trade war driving up meat prices. And now with the coronavirus crisis, several consumers are also rethinking their diets.

China’s “free from meat” market, which includes alternative meat products, grew 33.5% since 2014 to be worth just under $10 billion in 2018, according to Euromonitor. It predicts that the industry will be worth $11.9 billion by 2023.

The Nescafe coffee maker said the investment in TEDA would also include a significant capacity expansion of Nestle’s existing Purina pet food plant, with new production lines offering consumers premium veterinary diet and wet cat food products.

The company, which has 31 production sites in China, also said it would increase annual production capacity of a local biscuit wafer plant.

Nestle’s proposed investment comes just a few weeks after U.S. agribusiness giant Cargill said it would introduce a range of plant-based meat products in China following a successful trial of faux meat nuggets by KFC-owner Yum China Holdings.

Pubblicato in: Agricoltura, Devoluzione socialismo

Istat. Economia Agricola. Situazione a fine 2019.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-20.

2020-05-20__Agricoltura 001

In Italia nel 2019 la produzione agricola, silvicultura e pesca generavano 61.6 miliardi di eruo, mentre il valore aggiunto dell’agricoltura nella EU28 valeva 188.7 miliardi.

«Nel 2019, brusca frenata per la produzione di vino (-12,1%); in calo anche frutta (-6,6%), coltivazioni industriali (-3,2%) e cereali (-1,5%). Notevole ripresa per l’olio di oliva (+27,6%); in aumento anche la produzione di legumi secchi (+8,7%) e le coltivazioni foraggere (+3,4%).»

«Il peso dell’agricoltura sull’intera economia italiana è al 2,2%, se si include l’industria alimentare sale al 4,1%. Sostanzialmente stabile l’occupazione (+0,1%). Nella Ue28 crescono produzione (+0,5%) e reddito agricolo (+3,0%) ma l’Italia si conferma primo paese per valore aggiunto e terzo per valore della produzione.»

«Dopo la performance positiva del 2018 (+1,6% il valore aggiunto in volume), il settore dell’agricoltura, silvicoltura e pesca ha registrato nel 2019 una flessione: la produzione è diminuita in volume dello 0,7% e il valore aggiunto è sceso dell’1,6%. L’agricoltura in senso stretto ha fatto segnare un calo dello 0,8% del volume della produzione e dell’1,7% del valore aggiunto. Segnali negativi anche per la silvicoltura, con un decremento sia della produzione (-0,7%) che del valore aggiunto (-1,1%). In controtendenza il comparto della pesca, che ha visto un aumento sia della produzione (+1,7%) che del valore aggiunto (+1,6%).»

«Nel 2019 è proseguita la crescita del valore aggiunto dell’industria alimentare, delle bevande e del tabacco, aumentato del 2,7% a prezzi correnti e del 2,0% in volume. Il complesso del comparto agroalimentare (che comprende agricoltura, silvicoltura e pesca e l’industria alimentare) ha segnato un aumento del valore aggiunto dell’1,0% a prezzi correnti e dello 0,1% in volume. In questo comparto si è formato il 4,1% del valore aggiunto dell’intera economia (dal 3,9% del 2018), il 2,2% nel settore primario (era il 2,1% nel 2018) e l’1,9% nell’industria alimentare (1,8% nel 2018). Nonostante le difficoltà, quindi, il settore agroalimentare è riuscito a consolidare nel 2019 il proprio peso all’interno del quadro economico nazionale.»

«Il 2019 si è rivelato un anno decisamente negativo per la produzione di vino. Dopo l’exploit del 2018, quando la produzione è aumentata del 24,2% in volume e del 41,2% in valore, nel 2019 si è registrato un consistente ridimensionamento dei volumi (-12,1%) e dei valori produttivi (-17,5%).»

«L’annata 2019 è stata negativa anche per la frutta (-6,6% della produzione in volume e -12,6% in valore). Il comparto ha infatti pesantemente risentito degli effetti di agenti parassitari particolarmente aggressivi (invasione della cimice asiatica) e delle patologie connesse agli eventi climatici avversi (pioggia e freddo nella stagione della fioritura ed eccessivo aumento delle temperature nel periodo estivo). Molto negativo è stato l’andamento della produzione di pere (-34,6%), ciliegie (-14,6%), limoni (-9,7%), kiwi (-4,2%), mele (-4%) e di tutta la frutta secca.»

«Il prodotto agricolo con la migliore performance nel 2019 è stato l’olio d’oliva, la cui produzione è cresciuta del 27,6% in volume e del 29,6% in valore, con un aumento dei prezzi alla produzione dell’1,6%.»

«Nello specifico, per le coltivazioni industriali si è registrato un netto calo del volume della produzione di soia (-14,8%), colza (-4,6%) e barbabietola da zucchero (-4,8%) sulla quale, in particolare, ha inciso in maniera determinante la chiusura definitiva dell’ennesimo zuccherificio sul territorio nazionale»

«Buoni risultati si sono registrati per i legumi secchi (+8,7% il volume della produzione). Negli ultimi anni, in seguito al rapido aumento del consumo, si è avuta una notevole ripresa della produzione, passata da 15 milioni di quintali nel 2015 a 25 nel 2019 (+61,3%). In crescita anche le coltivazioni foraggere (+3,4%).»

«I costi di produzione dell’agricoltura per il 2019 sono risultati ancora in crescita. A un lieve incremento complessivo delle quantità dei prodotti utilizzati si è associato un generalizzato aumento dei loro prezzi che ha interessato praticamente tutte le categorie dei prodotti impiegati. Hanno subito un rialzo del prezzo le sementi (+3,8%), l’energia motrice (+2,9%), i fitosanitari (+2,8%), il credito e le assicurazioni (+2,6%), le acque irrigue (+2,2%), i trasporti (+2,2%) e i concimi (+2%).»

* * * * * * *

2020-05-20__Agricoltura 002

Questa era la situazione a fine 2019, non era entusiasmante, ma ragionevole.

Le prospettive per il 2020 sembrerebbero essere decisamente peggiori, specie per la crisi del reperimento di manodopera.

Coronavirus e lavoro nei campi. I vegetali maturi non raccolti marciscono.

Coronavirus e lavoro nei campi: regolarizzare immigrati non risolve i problemi

Unione Europea. Il problema del miele, delle api e della impollinazione.

Vendere frigoriferi agli eschimesi e Valdobbiadene docg in Francia.

*


Istat. L’andamento dell’economia agricola

Dopo la performance positiva del 2018 (+1,6% il valore aggiunto in volume), il settore dell’agricoltura, silvicoltura e pesca ha registrato nel 2019 una flessione: la produzione è diminuita in volume dello 0,7% e il valore aggiunto è sceso dell’1,6%. L’agricoltura in senso stretto ha fatto segnare un calo dello 0,8% del volume della produzione e dell’1,7% del valore aggiunto. Segnali negativi anche per la silvicoltura, con un decremento sia della produzione (-0,7%) che del valore aggiunto (-1,1%). In controtendenza il comparto della pesca, che ha visto un aumento sia della produzione (+1,7%) che del valore aggiunto (+1,6%).

Nel 2019 è proseguita la crescita del valore aggiunto dell’industria alimentare, delle bevande e del tabacco, aumentato del 2,7% a prezzi correnti e del 2,0% in volume. Il complesso del comparto agroalimentare (che comprende agricoltura, silvicoltura e pesca e l’industria alimentare) ha segnato un aumento del valore aggiunto dell’1,0% a prezzi correnti e dello 0,1% in volume. In questo comparto si è formato il 4,1% del valore aggiunto dell’intera economia (dal 3,9% del 2018), il 2,2% nel settore primario (era il 2,1% nel 2018) e l’1,9% nell’industria alimentare (1,8% nel 2018). Nonostante le difficoltà, quindi, il settore agroalimentare è riuscito a consolidare nel 2019 il proprio peso all’interno del quadro economico nazionale.

Pubblicato in: Agricoltura, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Constata di usare una ‘nuova forma di schiavitù’. – Deutsche Welle.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-15.

Mattatoio 013

«Coronavirus highlights scandalous conditions in Germany’s meat industry. Foreign workers are forced to endure inhumane living conditions so that we can eat cheap meat. Politicians can no longer ignore what’s happening at German slaughterhouses»

«In life, everything comes at a cost, and this also holds true for the cheap meat that consumers in rich, industrialized nations love to eat.»

«DW spoke to workers living in dilapidated, crowded conditions.»

«Nobody feels responsible»

«The problem has been “pushed back and forth between the local municipality, the region and the state,” with no one willing to act»

«One reason …. has to do with the fact that Westfleisch workers from Eastern and Southeast Europe are officially employed by a subcontractor, with German public health officials only getting involved once someone has been infected.»

«the foreigners. “They are poor people, put up in squalid conditions and exploited”»

«many foreign workers live “crammed into moldy dorms and decrepit homes,” making it impossible for them to keep a safe distance from each other. And, he says, the same applies for the “overcrowded buses that are used to shuttle workers to the slaughterhouse.”»

«Most workers in the industry are hired by subcontractors, who mainly employ Romanians, Bulgarian and Poles. The meat industry relies on this loophole to cut costs. And on paper, companies like Westfleisch carry no responsibility for the inhumane living conditions that the hundreds of foreigner workers staffing their slaughterhouses in Germany have to endure.»

«It’s an open secret that for years, laborers from Eastern and Southern Europe have been breaking their backs doing piecework in German slaughterhouses, and languishing in squalid living conditions. »

«Until recently, barely anyone seemed to be bothered by the status quo, with many arguing these workers come to Germany voluntarily, earning more money than in their respective home countries.»

«But, to keep prices low, companies pressure farmers to cut costs, too. Consequently, pork farmers keep animals in tiny pens and given them antibiotics so they don’t get sick. They are fed with cheap soy or corn, which is imported from South America»

* * * * * * *

Il problema qui denunciato è in Germania di portata nazionale, e coinvolge gran parte degli immigrati richiamati con la promessa di buoni stipendi. Quello degli allevamenti e dei mattatoi è soltanto un caso particolare.

Volendo andare al cuore del problema, alcune considerazioni sgorgano spontanee.

– La Germania sta vivendo un crisi demografica devastante: il numero di persone giovani è in costante calo, mentre aumenta la quota dei vecchi. Ma senza nascite, alla fine vengono a mancare le braccia al lavoro.

– I tedeschi disdegnano il lavoro manuale di manovalanza. Eppure vi sono 10.1 milioni di lavoratori assunti con i Kurzarbeit. Le sovvenzioni statali sono più appetibili di un lavoro stabile.

– I tedeschi amano vive bene: reclamano servizi a basso costo e, soprattutto, che il cibo sia venduto al dettaglio a prezzi bassi.

– Il problema politico è evidente: nessun partito si sognerebbe mai di far levitare i costi dei prodotti essenziali.

– La risultante è semplice: per mantenere il loro stile di vita, i tedeschi impiegano una massa di lavoro servile, che ricorda molto, troppo, da vicino il concetto insito nel termine ‘Untermesch’.

*

Solo per esempio, fino a non poco tempo fa, i tedeschi presi da sentimenti animalisti, dimostravano contro gli allevamenti di maiali, che avrebbero trattato le bestie in modo ‘disumano’.

Germania. Divisa sulla castrazione dei maiali.

Bene.

Non sarebbe cosa da poco se i tedeschi iniziassero a trattare gli esseri umani almeno con lo stesso riguardo che hanno per i poveri maiali, allevati per finire al mattatoio.

«everything comes at a cost»

*


Coronavirus: ‘Modern slavery’ at the heart of German slaughterhouse outbreak.

Just as lockdown measures are lifting, more than 200 employees at a slaughterhouse in western Germany have contracted COVID-19. DW spoke to workers living in dilapidated, crowded conditions.

I’m standing outside a run-down, two-story brick building in the village of Rosendahl, in the western German state of North Rhine-Westphalia. One of the residents, a man of around 50, tells me the home has been placed under quarantine “because of coronavirus.”

His grasp of English and German is limited, and he wants to remain anonymous, but he tells me he’s from the Romanian city of Sibiu.

The man doesn’t seem to understand that having his house under quarantine requires him to stay inside. He’s wearing a paper mask, but it dangles loosely around his neck. The man works at the Westfleisch slaughterhouse in nearby Coesfeld, along with a number of other Romanians, Bulgarians and Polish people.

Authorities have temporarily closed the slaughterhouse after news broke that an unknown number of workers at the site had become infected with the coronavirus. As of Monday afternoon, at least 249 people had tested positive for SARS-CoV-2, the virus that causes the COVID-19 disease — many of them foreign workers.

Nobody feels responsible

The Romanian man cannot say how many of his compatriots live in his building. He estimates 12, possibly more. The mailbox outside is covered with Romanian surnames, but nothing has been posted to indicate that the house has been placed under quarantine. No official notice, no handwritten sign, nothing. As we continue our conversation, another Romanian worker returns from the nearby supermarket, carrying a carton of eggs under his arm.

Anne-Monika Spallek, a spokeswoman for the Coesfeld Green party, says nobody has taken responsibility for the workers’ health and safety conditions. The problem has been “pushed back and forth between the local municipality, the region and the state,” with no one willing to act. One reason, she suspects, has to do with the fact that Westfleisch workers from Eastern and Southeast Europe are officially employed by a subcontractor, with German public health officials only getting involved once someone has been infected.

Spallek doubts the subcontractor has taken the legally required steps to prevent coronavirus from spreading inside the workers’ dorm. Every worker should have a room to himself, she says, and those infected with the virus should swiftly be isolated from the rest of the workers. Those forced to live under quarantine, among them the man and his fellow workers in Rosendahl, should be receiving deliveries of groceries and other essentials — not going out in public to fend for themselves.

A few minutes later, a minibus stops outside the house. Local authorities, immigration officers and public health workers — all clad in protective gear — head inside, it seems to start systematically testing workers for SARS-CoV-2. It will later emerge that authorities in Coesfeld carried out swab tests on 930 Westfleisch workers.

Locals sympathize with workers

A woman who lives across the street from the workers’ home tells me that authorities were slow to act and says she feels sorry for the foreigners. “They are poor people, put up in squalid conditions and exploited,” she says. An older man passing by on his bike says many locals now avoid the nearby supermarket, fearing they could contract the virus from one of the Romanian workers.

A 15-minute drive away, Peter Kossen and a friend are protesting outside the main entrance to the Westfleisch slaughterhouse. Kossen, a 51-year-old Catholic theologian, is holding up a sign that reads “End modern slavery.” They are appalled at how the workers have been treated.

“This catastrophe was on the horizon for weeks,” says Kossen, adding that many foreign workers live “crammed into moldy dorms and decrepit homes,” making it impossible for them to keep a safe distance from each other. And, he says, the same applies for the “overcrowded buses that are used to shuttle workers to the slaughterhouse.”

Just behind Kossen, trucks and workers can be seen leaving the site at regular intervals, even though officially the slaughterhouse has been temporarily shut down. The Westfleisch website, meanwhile, states that all workers infected with SARS-CoV-2, and those who came in contact with them, have been told to self-isolate at home. The company says it’s keeping in close contact with its employees.

This scandal has far-reaching consequences for the local municipality. While the state of North Rhine-Westphalia will ease some of its lockdown restrictions on Monday, Coesfeld municipality will keep them in place at least until May 18.

*


Opinion: Coronavirus highlights scandalous conditions in Germany’s meat industry

Foreign workers are forced to endure inhumane living conditions so that we can eat cheap meat. Politicians can no longer ignore what’s happening at German slaughterhouses, says DW’s Miodrag Soric.

We’re all familiar with the saying “there is no such thing as a free lunch.” In life, everything comes at a cost, and this also holds true for the cheap meat that consumers in rich, industrialized nations love to eat.

After hundreds of Eastern European laborers employed at the Westfleisch slaughterhouse in North Rhine-Westphalia tested positive for the coronavirus, it clear is that the workers are the ones paying the price — sometimes with their lives — for this cheap meat. Sure, Westfleisch, Germany’s third largest meat processing company, has stated it carries responsibility for its workers. But look closer, and you’ll see the company only has a small number of actual employees. Most workers in the industry are hired by subcontractors, who mainly employ Romanians, Bulgarian and Poles.

Passing the buck

The meat industry relies on this loophole to cut costs. And on paper, companies like Westfleisch carry no responsibility for the inhumane living conditions that the hundreds of foreigner workers staffing their slaughterhouses in Germany have to endure.

The subcontractors, in turn, argue its the government that should be setting and enforcing basic labor and health standards. But in Germany, this is the prerogative of the respective municipalities or federal states. All of this has led to passing the buck, with nobody willing to step in. And while the North Rhine-Westphalia state labor minister has bemoaned a tendency to turn a blind eye in the meat industry, he has not taken action, either. No lawmaker has, for that matter.
It’s an open secret that for years, laborers from Eastern and Southern Europe have been breaking their backs doing piecework in German slaughterhouses, and languishing in squalid living conditions. Westfleisch management knows this full well, as do the subcontractors, local officials and police, Coesfeld district administrators, North Rhine-Westphalia state authorities and even federal lawmakers. Coesfeld residents are aware of the situation, and so too are residents in neighboring towns. They cross paths with workers at the local supermarket and bakery, after all. Until recently, barely anyone seemed to be bothered by the status quo, with many arguing these workers come to Germany voluntarily, earning more money than in their respective home countries.

A virus that threatens everyone

The coronavirus pandemic has changed everything, however. If three or four workers are crammed into a single room, the risk of an outbreak is significant. And this risk of course poses an immediate danger to nearby communities. Without the coronavirus pandemic, one might argue, somewhat cynically, that most Germans would have continued to ignore these workers’ dismal living conditions.

This scandal, incidentally, has global ramifications. Germany’s meat industry is so competitive that it even exports all the way to China. German companies can offer cheaper products than their global competitors. But, to keep prices low, companies pressure farmers to cut costs, too. Consequently, pork farmers keep animals in tiny pens and given them antibiotics so they don’t get sick. They are fed with cheap soy or corn, which is imported from South America, where vast swathes of rain forest are cut down to grow these crops. This, in turn, harms the climate and drives up the cost of land.

We are all paying the price

In the end, we are all paying a high price for cheap meat. Animals reared on antibiotics mean humans are growing resistant to certain drugs, and the meat industry pollutes our ground water as too much animal waste ends up in our fields.

Industry leaders and politicians have long known about these ramifications. Everyone understands that the only way to change things is to switch to smaller, decentralized businesses that produce high-quality meat in smaller quantities. This would presumably reduce their revenue, because it would no longer pay to export pork to China. This would also surely drive up the price of meat here in Germany. Surveys, however, show that a large majority of Germans would favor transitioning to a more sustainable form of agriculture. What we need, then, is the determination, courage and leadership to get us there.

Pubblicato in: Agricoltura, Devoluzione socialismo

Coronavirus e lavoro nei campi. I vegetali maturi non raccolti marciscono.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-14.

Grano 001 Triticum_durum

Il problema è semplicissimo da enunciarsi, ma per risolverlo occorrerebbe un governo che capisse come i tempi della natura sono ben più veloci di quelli della politica.

Non solo.

Gli italiani sono persone sui generis: disdegnano il lavoro nei campi, condannano l’impiego dei migranti a bassa remunerazione nella raccolta, ma nel contempo vorrebbero avere a disposizione il cibo a prezzi bassi.

Ma ogni cosa ha il suo prezzo.

* * * * * * *

«Gli effetti dell’accordo raggiunto dal governo si vedranno più avanti, ma ora c’è la frutta da raccogliere che non può aspettare»

«A nostro avviso, il problema resta irrisolto, nonostante siano già trascorsi due mesi da quando abbiamo cominciato a portare la questione all’attenzione della politica in tutta la sua gravità. Risalgono infatti a marzo i nostri ripetuti appelli alla responsabilità dei decisori pubblici nel trovare soluzioni al problema della mancanza di lavoratori nella raccolta dei campi, venutosi a creare dopo che migliaia di stagionali aveva cominciato ancor prima del lockdown a lasciare il nostro paese oppure si trovavano poi nell’impossibilità di fare rientro»

«Avevamo proposto alcune soluzioni concrete …. quali: l’introduzione di strumenti straordinari di flessibilità e semplificazione nella ricerca della manodopera, la possibilità di impiegare in campagna, nella congiuntura di emergenza, i cittadini idonei che percepiscono il reddito di cittadinanza, oppure quanti fossero rimasti senza lavoro per via del blocco delle altre attività produttive»

«Per garantire più personale alle nostre cooperative associate, avevamo anche richiesto di consentire forme di codatorialità nei rapporti tra azienda agricola socia e cooperativa per garantire più personale nelle nostre imprese»

«Gli effetti della regolarizzazione che il governo si appresta a varare si vedranno più avanti, le imprese hanno invece bisogno di risposte che abbiano ricadute immediate»

«La frutta sugli alberi non può aspettare e la situazione nei campi resta problematica: se non arriva manodopera, sono a rischio tutti i prossimi raccolti ortofrutticoli»

«va immediatamente aperto un canale di collaborazione con Paesi come la Romania da dove viene circa un terzo dei lavoratori stagionali impegnati nelle campagne italiane con i quali nel tempo sono stati stabiliti rapporti fiduciari»

«Decine di migliaia di lavoratori rumeni …. sono potuti tornare a lavorare nelle campagne della Germania e della Gran Bretagna grazie a accordi tra i diversi Paesi che hanno utilizzato i corridoi verdi per la libera circolazione degli stagionali agricoli all’interno dell’Unione Europea »

* * * * * * *

La Ministra ha pianto calde lacrime sui poveri migranti regolarizzati, che sarà possibile impiegare il prossimo anno: ma il raccolto a quell’epoca sarà ben marcito.

Si ponga grande attenzione.

È inutile dissodare, fertilizzare e seminare se poi non si potesse raccogliere: sarebbe la morte del comparto ortofrutticolo.  Così come è da ipocriti piangere sui poveri migranti che raccolgono i vegetali per scarno compenso e nel contempo volere ortaggi e frutta a basso prezzo e, nel caso, acquistando quella importata. Questo è un assassinio del comparto agricolo.

*


Coronavirus e lavoro nei campi: regolarizzare immigrati non risolve i problemi

“Gli effetti dell’accordo raggiunto dal governo si vedranno più avanti,

ma ora c’è la frutta da raccogliere che non può aspettare”

L’accordo raggiunto dal governo per regolarizzare i migranti è una soluzione parziale al grande problema della mancanza di manodopera nei campi, e i suoi effetti si vedranno più avanti, mentre la frutta sugli alberi va raccolta adesso, non può aspettare. Servono soluzioni più efficaci e a effetto immediato. Questo è l’appello lanciato da Alleanza cooperative agroalimentari e Coldiretti, riportato da ItalianFruit.

“A nostro avviso, il problema resta irrisolto, nonostante siano già trascorsi due mesi da quando abbiamo cominciato a portare la questione all’attenzione della politica in tutta la sua gravità. Risalgono infatti a marzo i nostri ripetuti appelli alla responsabilità dei decisori pubblici nel trovare soluzioni al problema della mancanza di lavoratori nella raccolta dei campi, venutosi a creare dopo che migliaia di stagionali aveva cominciato ancor prima del lockdown a lasciare il nostro paese oppure si trovavano poi nell’impossibilità di fare rientro”. Lo dichiara Giorgio Mercuri, presidente di Alleanza cooperative agroalimentari, in merito all’accordo politico raggiunto sulla regolarizzazione dei migranti.

 “Avevamo proposto alcune soluzioni concrete – prosegue Mercuri – quali: l’introduzione di strumenti straordinari di flessibilità e semplificazione nella ricerca della manodopera, la possibilità di impiegare in campagna, nella congiuntura di emergenza, i cittadini idonei che percepiscono il reddito di cittadinanza, oppure quanti fossero rimasti senza lavoro per via del blocco delle altre attività produttive, dalla ristorazione al turismo.

Per garantire più personale alle nostre cooperative associate, avevamo anche richiesto di consentire forme di codatorialità nei rapporti tra azienda agricola socia e cooperativa per garantire più personale nelle nostre imprese. Siamo ancora in attesa che il Ministero del Lavoro – conclude il presidente di Alleanza cooperative agroalimentari – ci dia risposte ufficiali in merito alle richieste da noi presentate. Gli effetti della regolarizzazione che il governo si appresta a varare si vedranno più avanti, le imprese hanno invece bisogno di risposte che abbiano ricadute immediate. La frutta sugli alberi non può aspettare e la situazione nei campi resta problematica: se non arriva manodopera, sono a rischio tutti i prossimi raccolti ortofrutticoli”.

“L’intesa raggiunta sulla regolarizzazione dei migranti non è risolutiva dei problemi del mondo agricolo anche per i tempi che non combaciano con quelli delle imprese”, afferma da parte sua il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini nel sottolineare che nelle campagne le esigenze sono immediate mentre per la regolarizzazione ci vorrà tempo.

“Per questo – sottolinea Prandini – è necessaria subito una radicale semplificazione del voucher agricolo che possa ridurre la burocrazia e consentire anche a percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui scuole, università e molte attività economiche sono rallentate e tanti lavoratori sono in cassa integrazione.

Le imprese agricole – continua Prandini – hanno bisogno anche di professionalità ed esperienza con il coinvolgimento delle stesse persone che ogni anno attraversano il confine per un lavoro stagionale per poi tornare nel proprio Paese. Non per tutti i lavori in agricoltura ci si può improvvisare ma – sostiene Prandini – per la maggior parte serve manodopera formata e qualificata, dalla potatura alla guida dei mezzi agricoli. Per questo va immediatamente aperto un canale di collaborazione con Paesi come la Romania da dove viene circa un terzo dei lavoratori stagionali impegnati nelle campagne italiane con i quali nel tempo sono stati stabiliti rapporti fiduciari”.

Decine di migliaia di lavoratori rumeni secondo la Coldiretti sono potuti tornare a lavorare nelle campagne della Germania e della Gran Bretagna grazie a accordi tra i diversi Paesi che hanno utilizzato i corridoi verdi per la libera circolazione degli stagionali agricoli all’interno dell’Unione Europea durante l’emergenza coronavirus.

E lo stesso Governo francese, al fine di far fronte alla carenza di manodopera agricola, ha annunciato la riapertura delle frontiere per permettere ai lavoratori europei di entrare in territorio francese per prestare la propria collaborazione nei campi. Con il blocco delle frontiere in Italia, secondo la Coldiretti, sono venuti a mancare circa duecentomila lavoratori stranieri assunti regolarmente che arrivavano temporaneamente in Italia per la stagione di raccolta per poi tornare nel proprio Paese.

Dopo fragole, asparagi, carciofi, ortaggi in serra (come meloni, pomodori, peperoni e melanzane in Sicilia) con l’aprirsi della stagione i prodotti di serra hanno lasciato il posto a quelli all’aperto, partendo dal sud per arrivare al nord. Le raccolte di frutta sono partite con le ciliegie in Puglia, a seguire partirà la raccolta delle albicocche, poi prugne e pesche, sempre iniziando dal meridione, per poi risalire lo stivale ed arrivare, grazie ai tempi di maturazione differenziati delle diverse varietà, fino a settembre. A maggio è iniziata la raccolta dell’uva da tavola in Sicilia, a giugno le prime pere, ad agosto le prime mele e l’inizio della vendemmia mentre a ottobre inizia la raccolta delle olive e a novembre quella del kiwi.

Pubblicato in: Agricoltura, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Il problema del miele, delle api e della impollinazione.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-03-02.

Api nell'alveare 001

Alla radice del problema, di questo come peraltro di tutti, è una sbalorditiva mancanza di quello che una volta era chiamato il buon senso.

Tutte le tesi, una volta che siano state ideologizzate ed assunte come se fossero credi religiosi, portano a posizioni semplicemente assurde, ma che sono percepite e vissute come se fossero verità assolute. Ma assolutizzare una teoria porta a pensare ed agire in netto contrasto con il sano buon senso.

Adesso è di turno la teoria del libero mercato. Come tutte le teorie ha in sé molti elementi di grande utilità, ma ha anche altri elementi che si rivelano essere fortemente negativi.

«European beekeepers want Brussels’ protection against cheap honey imports from Ukraine and China»

«The competitive environment for honey producers in the European Union has become stiffer in recent years as a result of large amounts of honey imports, which are alleged to be of questionable quality, are being brought into the EU and sold to consumers within the bloc at far lower prices than the honey that is produced in Europe»

«The current situation on the market, according to Bruneau, is unfavourable for European beekeepers as imported honey products, notably from Ukraine and China, are sold in European at far lower prices than honey that was produced in the EU»

«in 2018, while global honey prices remained somewhat stable, production in the EU was incapable of meeting the market demand within the bloc and therefore imported more than 40% of the honey products used in Europe from third countries.»

«The average retail price of Chinese honey was 1.24€/kg in 2019, while the average production costs alone, for European-made honey, was 3.90€/kg.»

«the increase of cheap honey imports from China and Ukraine, the latter of which has a free-trade agreement with the EU, is making honey producers lower their prices as they can’t compete.»

«‘‘Today, there are many beekeepers that have gone out of business because they can’t survive in these conditions,’’»

* * * * * * *

A prima vista, il tutto sembrerebbe risolversi solo in un assestamento dei mercati: chi produca a prezzi concorrenziali si conquista gli acquirenti, che abbandonano quanti producano a prezzi maggiori. Peggio per loro, asseriscono i fanatici sostenitori del libero mercato. Perché mai si dovrebbe comprare il miele europeo a 3.90€/kg quando quello cinese costa 1.24€/kg?

Quanti avessero la passione di leggersi i bilanci prima di parlare, direbbero che con un regime di tassazione meno esoso i prezzi di produzione europei sarebbero concorrenziali a quelli cinesi, ma si sa che la lettura dei bilanci provoca podagra ed impotenza.

Ma nel caso del miele la situazione è ben più complessa, tetragona agli slogan.

Rendere antieconomica la produzione di miele implica la riduzione del patrimonio di api disponibili sul territorio europeo. Ed infatti in Europa si stanno perdendo 5 miliardi di colonie di api, che sono poi gli insetti che producono il miele.

Ma per far ciò, le api svolazzano di fiore in fiore, e così facendo impollinano le piante. Niente api, nessuna impollinazione.

Il danno che si instaura ha portate quasi apocalittiche: senza api le piante restano sterili. Calor della produzione della frutta, tanto per fare un esempio.

«we will lose 5 billion bee colonies in the European Union if the situation doesn’t change»

«Pollination is in danger and more and more European beekeepers are having to step back from their work.»

* * *

«Non si tratta solo della produzione del miele poiché prodotti come mele, pere, mandorle, agrumi, pesche, kiwi, castagne, ciliegie, albicocche, susine, meloni, cocomeri, pomodori, zucchine, soia, girasole e, colza …. dipendono completamente o in parte dalle api per la produzione dei frutti. Ma le api sono utili anche per la produzione di carne con l’azione impollinatrice che svolgono nei confronti delle colture foraggere da seme come l’erba medica e il trifoglio, fondamentali per i prati destinati agli animali da allevamento. Anche la grande maggioranza delle colture orticole da seme, come l’aglio, la carota, i cavoli e la cipolla, si può riprodurre grazie alle api.» [Fonte]

Il vero ed autentico dramma degli euroburocrati è che sono ignoranti come tacchi, tronfi dell’ideologia che pervade le loro menti. Sembrerebbero essere incapaci di valutare gli eventi nella loro globalità.

Per capire a cosa servano le api non sarebbe mica servita l’intelligenza di Pico della Mirandola.

*


European beekeepers want Brussels’ protection against cheap honey imports from Ukraine and China

The competitive environment for honey producers in the European Union has become stiffer in recent years as a result of large amounts of honey imports, which are alleged to be of questionable quality, are being brought into the EU and sold to consumers within the bloc at far lower prices than the honey that is produced in Europe.

Copa-Cogeca, a union of the two major agricultural umbrella organisations and the strongest interest group for European farmers, has called on EU authorities to draw up an emergency action plan that would serve as a protectionist measure for European beekeepers and essentially shut the door on access to the highly lucrative European consumer market for non-EU honey producers.

According to Etienne Bruneau, the chair of a Copa-Cogeca working party, European honey producers face a “critical and extremely volatile” market situation that not only threatens the sector itself but also against European consumers and the EU’s biodiversity.

Bruneau, in an interview with New Europe, shed light on what Copa-Cogeca says are threats to the EU’s honey sector and demanded that Brussels do more to protect European beekeepers and consumers.

The current situation on the market, according to Bruneau, is unfavourable for European beekeepers as imported honey products, notably from Ukraine and China, are sold in European at far lower prices than honey that was produced in the EU. Furthermore, Bruneau claimed the honey products that are imported from Ukraine and China are usually of very poor quality where sugar is added to the honey, most of which is produced using questionable hygienic standards that do not meet Europe’s regulatory standards.

Copa-Cogeca says that in 2018, while global honey prices remained somewhat stable, production in the EU was incapable of meeting the market demand within the bloc and therefore imported more than 40% of the honey products used in Europe from third countries.

Major price discrepancies contributed significantly to the overall spike in the number of honey imports that were brought into the European Union. The average retail price of Chinese honey was 1.24€/kg in 2019, while the average production costs alone, for European-made honey, was 3.90€/kg.

Bruneau says the increase of cheap honey imports from China and Ukraine, the latter of which has a free-trade agreement with the EU, is making honey producers lower their prices as they can’t compete.

‘‘Today, there are many beekeepers that have gone out of business because they can’t survive in these conditions,’’ said Bruneau who added that when European producers sell their honey, ”they lose money.’’

Copa-Cogeca wants Brussels to guarantee that any honey imported from third countries is in line with the EU’s definition of honey and to make it mandatory for Ukrainian and Chinese honey-makers to label their products, in according with European regulations, that their products are either pure or contain additives.

‘‘If you buy honey it must be honey and not something else. If it’s adulterated honey, you have to label it as such and not to sell it as honey,’’ Bruneau told New Europe. ‘‘I expect that we will lose 5 billion bee colonies in the European Union if the situation doesn’t change. Pollination is in danger and more and more European beekeepers are having to step back from their work.”

Pubblicato in: Agricoltura

Cavallette. Stanno invadendo e distruggendo l’Africa del Nord Est.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-04.

2020-01-30__Cavallette 001

Le cavallette furono una delle peggiori delle sette piaghe dell’Egitto.

«I Celiferi (Caelifera Ander, 1936) sono un sottordine di insetti ortotteri noti con il termine generico di cavallette o locuste.

In realtà il termine cavalletta può indicare sia i membri delle famiglie Tetrigidae (cavallette nane) e Acrididae (cavallette migratorie, più propriamente dette locuste), correttamente appartenenti al presente sottordine celiferi, sia la comune cavalletta verde, Tettigonia viridissima (Tettigoniidae), appartenente al secondo e distinto sottordine degli ortotteri, gli Ensifera.

Spesso il termine cavalletta è usato per tutti gli ortotteri che sono in grado di volare o saltare. ….» [Fonte]

*

Uno sciame di cavallette è composto da oltre centocinquanta milioni di insetti, in grado di spostarsi anche di un centinaio di kilometri in un giorno: in breve, le zone ove si calano diventano brulle. Calate sulle culture o sulla macchie, le cavallette mangiano tutte le foglie, lasciando gli alberi e gli steli  completamente nudi. Servono poi anni perché la flora possa riprendersi.

*

La lotta alle cavallette è una fatica di Sisifo.

«Le cavallette compiono una sola generazione l’anno. Le neanidi nascono scalarmente dalla fine di maggio alla fine di luglio, in funzione dell’altitudine e dell’esposizione. I primi adulti compaiono in luglio e si spostano in volo per brevi distanze. L’ovideposizione inizia in agosto in aree circoscritte, dette grillare, caratterizzate da terreni incolti, compatti, esposti a sud e dotati di pendenza e quindi meno soggetti a ristagni idrici. Le uova sono deposte, in numero variabile da 25 a 55, all’interno di una ooteca o cannello sovrapposte le une alle altre ed incollate da un secreto spugnoso. Ogni ooteca viene inserita all’interno di un foro prodotto nel terreno dalla femmina alla profondità di 3-4 cm. ….

la conoscenza delle “grillare” permetterà agli agricoltori di effettuare, prima della nascita delle neanidi, lavorazioni superficiali (erpicature, fresature) o dissodamenti per distruggere le ooteche ed esporle agli agenti atmosferici. ….

il naturale contenimento delle cavallette avviene, nelle annate piovose, principalmente ad opera di parassiti fungini, in particolare Entomophthora grylli, ma buona è anche la predazione esercitata da uccelli quali storni, fagiani, tacchini, faraone, rapaci, ecc. ….

il ricorso alla lotta chimica, in quanto poco efficace e ad alto impatto ambientale, sarà ammesso solo sulle ristrette aree in cui le neanidi appena nate vivono gregarie formando popolazioni molto consistenti e nelle quali non si è riusciti ad intervenire preventivamente» [Fonte]

* * * * * * *

Orbene.

Le cavallette stanno invadendo, e distruggendo, quasi tutto il Nord Est del continente africano.

A Plague Of “Billions” Of Locusts Threatens To Create Horrific End-Times Famine Across Africa

«Billions of locusts are eating everything in sight in east Africa right now, and every single day many more farms are being completely wiped out.  Unfortunately, authorities are telling us that what we have seen so far is just the tip of the iceberg.  In fact, if extreme measures are not implemented immediately, authorities are claiming that this locust plague could literally get “500 times” worse in a few months.  But it is difficult to imagine conditions getting any worse than they are at this moment.  Ravenous locust swarms that are “the size of cities” are consuming crops at a staggering pace, and this could potentially cause famine on the African continent that is unlike anything we have ever seen before.

But this is actually happening.  Right now “billions of locusts” are absolutely devastating east Africa, and each one can eat “its own weight in food every day”…

    Billions of locusts swarming through East Africa could prove disastrous for a region still reeling from drought and deadly floods, experts have warned, amid increasing calls for international help.

    Dense clouds of the ravenous insects, each of which consumes its own weight in food every day, have spread from Ethiopia and Somalia into Kenya, in the region’s worse infestation in decades.

It would be hard to overstate what this is going to mean for the region.  According to the FAO, this plague is an “unprecedented threat to food security and livelihoods in the Horn of Africa”…

    The United Nation’s Food and Agriculture Organisation has described the situation as “extremely alarming,” representing an “unprecedented threat to food security and livelihoods in the Horn of Africa.”»

*


La lotta alle cavallette è questione di vita o di morte: se condotta con esitazione, non serve a nulla.

Si faccia attenzione!

L’Europa è vicina all’Africa, e per le cavallette sarebbe un volo non eccezionalmente lungo.

Pubblicato in: Agricoltura

New York. Messo al bando il Foie Gras.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-11-01.

Fois Gras 001

Selon la loi française, «le foie gras fait partie du patrimoine culturel et gastronomique protégé en France. On entend par foie gras, le foie d’un canard ou d’une oie spécialement engraissés par gavage». [French “Code rural” law L654-27-1]

Il foie gras è definito dalla legge francese come “fegato di anatra o di oca fatta ingrassare tramite alimentazione forzata“.

«La città di New York mette fuori legge il foie gras. Il consiglio comunale ha votato approvando la proposta che vieta la vendita del prodotto, icona del made in France. I ristoranti o rivenditori di beni alimentari che violeranno il divieto potranno essere multati fino a 2.000 dollari e condannati ad un anno di carcere»

«New York non è sola in questa crociata contro il foie gras. La California, infatti, lo ha messo al bando già nel 2006. Una corte federale lo ha sospeso ma una successiva sentenza di appello lo ha invece confermato. Chicago ha a sua volta messo al bando il foie gras nel 2012, ma il provvedimento è stato abrogato due anni dopo»

* * * * * * *

Due popoli che dichiarano di essere civili, ma con legislazioni opposte sul Fois Gras.

«La votazione è stata preceduta da una campagna di sensibilizzazione condotta dalle associazioni animaliste, secondo le quali i metodi di allevamento degli animali – nella fattispecie oche e anatre – sono crudeli, specificando che spesso i volatili vengono nutriti a forza con l’impiego di un tubo»

Ma, tanto per farsi riconoscere, la produzione di foie gras è illegale in quasi tutti gli stati dell’Ue: in Italia è illegale dal marzo 2007. In Francia, il foie gras prodotto da anatre appositamente allevate in Dordogna (Canard à foie gras du Périgord) ha ottenuto la certificazione IGP, in conformità alla normativa europea.

* * * * * * *

Quanto accade fa venire in mente il misero Ciacco di dantesca memoria, ma a parti inverse.

Sembrerebbe quasi che il terrifico Cerbero abbia riversato fuoco e fiamme su di una California rea di aver bandito il fois gras.

Una cosa è gustare il foie gras di Périgord ed una totalmente differente l’assaggiare la imitazione prodotta dalle fattorie dei suburbi newyorkesi. Quest’ultima assomiglia alquanto, mutatis mutandis, alla ‘bevanda analcolica frizzante al gusto di barolo’, venduta in tetrapak.

Nota.

Sussiste un fiero dubbio se gli animalisti piangano calde lacrime per le povere anatre oppure vogliano semplicemente boicottare l’agroalimentare francese.

Per esempio, non parlano nemmeno dei poveri pesci che i pescatori lasciano morire asfissiati all’aria dopo averli tratti dalle acque: agonia lenta e terribilmente dolorosa. Ipocriti.

*


Sole 24 Ore. 2019-10-31. New York mette al bando il foie gras: multe fino a 2mila dollari e carcere

Il bando del foie gras, che dopo l’approvazione del consiglio comunale di New York dovrà ora essere controfirmato dal sindaco Bill de Blasio, scatterà nel 2022.

La città di New York mette fuori legge il foie gras. Il consiglio comunale ha votato approvando la proposta che vieta la vendita del prodotto, icona del made in France. I ristoranti o rivenditori di beni alimentari che violeranno il divieto potranno essere multati fino a 2.000 dollari e condannati ad un anno di carcere.

Il bando del foie gras, che dopo l’approvazione del consiglio comunale di New York dovrà ora essere controfirmato dal sindaco Bill de Blasio, scatterà nel 2022.

La votazione è stata preceduta da una campagna di sensibilizzazione condotta dalle associazioni animaliste, secondo le quali i metodi di allevamento degli animali – nella fattispecie oche e anatre – sono crudeli, specificando che spesso i volatili vengono nutriti a forza con l’impiego di un tubo.

Dal canto loro gli allevatori sostengono invece che gli animali sono allevati e trattati umanamente e non soffrono durante il processo di ingrasso.

New York non è sola in questa crociata contro il foie gras. La California, infatti, lo ha messo al bando già nel 2006. Una corte federale lo ha sospeso ma una successiva sentenza di appello lo ha invece confermato. Chicago ha a sua volta messo al bando il foie gras nel 2012, ma il provvedimento è stato abrogato due anni dopo.

La decisione del consiglio comunale di New York potrebbe creare problemi a due fattorie che hanno nella Grande mela il loro mercato principale e impiegano circa 400 lavoratori per la maggior parte immigrati. La produzione implica l’allevamento 350mila volatili all’anno.

Pubblicato in: Agricoltura, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Olanda. Grandiosa dimostrazione dei farmer che bloccano le autostrade.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-04.

2019-10-03--olanda__001

I liberal democratici sanno resistere a tutto tranne che alla tentazione di tassare.

I farmer, agricoltori ed allevatori, olandesi ne sanno qualcosa: ma non solo sono tassati per ogni cosa possibile ed immaginabile, ma sono anche demonizzati come inquinatori dell’umanità e sadici negli allevamenti di bestiame.

«Farmers drove their tractors to The Hague to send the message to the government about the importance of their trade»

«At least two thousand farmers took to Dutch highways and roads on their tractors, in a slow procession toward the country’s capital, The Hague. Some drove their tractors along the North Sea beaches that lead to the city»

«more than 1,000 kilometers (620 miles) of traffic jams»

«Protesters say their industry is being unfairly singled out for nitrogen emissions that pollute the environment»

«They also sought to counter the “negative image” farming and farmers have in the Netherlands. “We are not animal abusers and environment polluters. We have a heart for our businesses,” organizers wrote on one of the protests’ websites.»

«The role of farming and sustainability has recently become a hot topic in Dutch politics»

«To date, the government has not taken steps against farmers, but at least one political party has suggested that the Netherlands move to reduce the number of live animals its farmers keep»

«Agriculture Minister Carola Schouten said she supported farmers and pledged to listen to their concerns»

«the Netherlands has nearly 54,000 farms. Agriculture exports were worth some 90.3 billion euros ($98.3 billion) last year.»

* * * * * * *

Il comparto agroalimentare olandese esporta per 90.3 miliardi di euro.

Se Governo, opinione pubblica ed ngo li lasciassero lavorare in santa pace, i farmer potrebbero anche raddoppiare le esportazioni.

Ma il comparto agroalimentare olandese concorre anche per grande quota a dare da mangiare agli olandesi.

Demonizzarlo e portarlo sull’orlo del fallimento significherebbe obbligarsi ad importare derrate alimentari, non certo ad esportarle.


Deutsche Welle. 2019-10-02. Netherlands farmers stage tractor protest, cause huge jams

Farmers drove their tractors to The Hague to send the message to the government about the importance of their trade. They hoped to counter stereotypes that paint them as “animal abusers and environment polluters.”

Thousands of farmers in the Netherlands staged a national protest on Tuesday, in support of their industry.

At least two thousand farmers took to Dutch highways and roads on their tractors, in a slow procession toward the country’s capital, The Hague. Some drove their tractors along the North Sea beaches that lead to the city.

It was a visible demonstration of their trade, but it also caused major traffic chaos.

The Dutch motorists association ANWB said the tractors, along with bad weather and accidents, made Tuesday the busiest ever morning on the nation’s roads, resulting in more than 1,000 kilometers (620 miles) of traffic jams.

The Hague police said two farmers were detained, one who drove over a fence with his tractor and another who tried to stop police from detaining the first offender.

“The police respect that farmers are standing up for their interest and we’re trying to facilitate this demonstration with hundreds of tractors as well as possible,” authorities said in a statement.

‘Our way of life’

Protesters say their industry is being unfairly singled out for nitrogen emissions that pollute the environment.

They also sought to counter the “negative image” farming and farmers have in the Netherlands.

“We are not animal abusers and environment polluters. We have a heart for our businesses,” organizers wrote on one of the protests’ websites.

The role of farming and sustainability has recently become a hot topic in Dutch politics.

“This is about our families, our future, the future of our children. It’s about our way of life,” sheep farmer and one of the protest’s organizers Bart Kemp told the crowd gathered in The Hague.

To date, the government has not taken steps against farmers, but at least one political party has suggested that the Netherlands move to reduce the number of live animals its farmers keep.

Another plan would grant financial aid to farmers who cease their operations or adopt more sustainable agriculture practices.

Kemp said lawmakers lacked “the common sense — farmer’s sense — that nature and animals teach us” and called for a “new era in which the food producers of the Netherlands are listened to” by politicians.

Agriculture Minister Carola Schouten said she supported farmers and pledged to listen to their concerns.

“We are working for a strong agricultural sector with an eye on a healthy environment,” Schouten told the farmers.

According to LTO, the Dutch farmers’ organization, the Netherlands has nearly 54,000 farms. Agriculture exports were worth some 90.3 billion euros ($98.3 billion) last year.

Pubblicato in: Agricoltura, Commercio, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Governo Zingaretti ha scelto i liberal socialisti europei. Dazi. Non si lamenti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-03.

Parmigiano 009

Nel formare il nuovo governo rosso-giallo Mr Zingaretti era stata chiarissimo: si devono dare segni evidenti di quanto l’attuale Governo sia opposto a quello che lo ha preceduto. In primis, l’Italia si è collocata nell’area liberal socialista dell’Unione Europea.

È una collocazione che piace alle sinistre ma che la White House difficilmente potrebbe condividere. Questo il nostro Ministro degli Esteri avrebbe dovuto averlo ben chiaro nella mente.

Se è vero che il Governo Zingaretti sia il frutto di libere elezioni e quindi in grado di agire legalmente come possa aggradargli, sarebbe altrettanto vero il ricordarsi che alla fine è responsabile delle proprie azioni.

* * *

«La scure dei dazi Usa si abbatte sul Made in Italy, colpendo con una tariffa del 25% pecorino romano, parmigiano reggiano, provolone e prosciutto»

«Si salverebbero invece l’olio d’oliva e il prosecco»

«I dazi dovrebbero scattare dal 18 ottobre»

«Nell’elenco figurano anche il whiskey scozzese, i vini francesi, l’Emmental svizzero e la groviera. Dazi del 10% sugli aerei commerciali»

* * * * * * *

Gran brutto colpo per i vini francesi: molto brutto.

Anche l’Italia è colpita severamente, ma sarebbe impossibile non notare l’arguzia americana.

Salvando il prosecco sia facilita, e di molto, il Valdobbiadine rispetto la concorrenza francese, fatto che non guasta, senza dar troppo fastidio ad una regione da sempre di centrodestra.

Ma parmigiano reggiano, provolone e prosciutto sono in gran parte prodotti da una regione da sempre di sinistra, e che a breve andrà anche alle elezioni, felice e contenta dell’operato del Governo Zingaretti.

Una sola ultima domanda: che fine ha fatto il nostro Ministro degli Esteri?

* * *


Wto: sì ai dazi Usa sui profotti Ue per 7,5 miliardi di dollari. Tariffe del 25% su formaggi e prosciutti

E’ la compensazione per gli aiuti illegali concessi al consorzio aeronautico Airbus. Botta e risposta Di Maio-Pompeo sui prodotti italiani.

*

La scure dei dazi Usa si abbatte sul Made in Italy, colpendo con una tariffa del 25% pecorino romano, parmigiano reggiano, provolone e prosciutto. Si salverebbero invece l’olio d’oliva e il prosecco. E’ quanto emerge dalla lista dei prodotti pubblicata dalle autorita’ americane dopo il via libera del Wto agli Stati Uniti. I dazi dovrebbero scattare dal 18 ottobre. Nell’elenco figurano anche il whiskey scozzese, i vini francesi, l’Emmental svizzero e la groviera. Dazi del 10% sugli aerei commerciali. “I dazi scatteranno il 18 ottobre”, ha confermato il responsabile Usa per il commercio Robert Lightizer, aggiungendo che l’amministrazione Trump auspica di trattare con l’Unione europea per risolvere i nodi sul tavolo. Gli Usa inoltre hanno chiesto alla Wto un meeting il 14 ottobre per avere l’approvazione sulle contromisure contro la Ue.

Il Wto ha stabilito che gli Usa potranno imporre dazi agli europei per 7,5 miliardi di dollari come compensazione per gli aiuti illegali concessi al consorzio aeronautico Airbus.

Gli Stati Uniti, in base al pronunciamento dell’Organizzazione mondiale per il commercio, potranno imporre dazi sui beni provenienti dall’Unione Europea fino a 7,5 miliardi di dollari (circa 6,8 miliardi di euro) come compensazione per gli aiuti di stato a Airbus. Si tratta di una cifra record quella riconosciuta dal Wto, e fa riferimento ad una sentenza contro l’Ue per il dossier Airbus pronunciata a maggio 2018. Il pronunciamento non chiude il contenzioso. Si prevede infatti che l’anno prossimo il Wto si pronuncerà su quanti dazi potrà imporre l’Ue contro gli Usa, che a sua volta era stata sanzionata per Boeing.

“Una grande vittoria per gli Stati Uniti, una vittoria da 7 miliardi di dollari”: è il commento di Donald Trump.

E secondo il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, in visita in Italia in questi giorni, vino e parmigiano potrebbero essere colpiti dai dazi Usa: a dirlo è l’esponente americano in un’intervista a SkyTg24 dopo la decisione del Wto “che è quella che ci aspettavamo”. “L’Italia difenderà i suoi interessi nazionali su ogni campo, specie quello economico e commerciale”, replica Luigi Di Maio in una nota.

Le Borse europee chiudono pesanti con i timori di dazi americani sui beni del Vecchio continente e le paure di una brexit senza accordo dopo l’ultimatum del premier britannico all’Ue. Crea preoccupazione anche il taglio delle stime del Pil della Germania. Sul fronte valutario soffre la sterlina mentre il l’euro sul dollaro è stabile a 1,0958 a Londra. In profondo rosso Londra (-3,23%), Parigi (-3,12%), Francoforte (-2,76%) e Madrid (-2,77%).

Lo spread tra Btp e Bund si attesta a 141 punti con il rendimento del decennale italiano allo 0,89%.

“L’Italia si rende perfettamente conto che c’è una tensione commerciale a livello globale e, sicuramente, la prospettiva di questo confronto sui dazi tra Stati Uniti e Ue non può non considerare che siamo coinvolti come Unione Europea, – ha detto il premier, Giuseppe Conte -, tuttavia confidiamo di poter ricevere attenzione dal nostro tradizionale alleato su quelle che sono alcune nostre produzioni strategiche”.