Pubblicato in: Senza categoria

World Economic Forum. Previsioni al 2030.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-31.

2017-03-25__Previsioni__001

Una previsione non la si nega a nessuno. E più essa è a lungo termine, meno facilmente la si può controllare.

Sembrerebbe essere ragionevole, anche se, a nostro modo di vedere, non tiene conto del turmoil demografico che cambierà a breve il volto di molte nazioni, quali il Giappone e la Germania. Significativa la scelta lessicologica.

Previsione [Treccani]. Il fatto di prevedere, di supporre ciò che avverrà o come si svolgeranno in futuro gli eventi, basandosi su indizî più o meno sicuri, su induzioni, ipotesi o congetture.

Predizione [Treccani]. Il fatto di predire, di annunciare cioè in precedenza, a voce o in uno scritto (e di solito con autorità e in tono solenne) l’avverarsi di cose future, per ispirazione profetica, divina, paranormale (o affermate tali), o in seguito a ipotesi o induzioni fondate su esperienze pregresse, o sulla base di calcoli e dati scientifici.

Buona lettura!

Nota.

Pubblichiamo questo articolo a supporto decisionale per quanti stessero considerando l’ipotesi di investire nei paesi emergenti.


World Economic Forum. 2017-02-09. A prediction: The world’s most powerful economies in 2030

PricewaterhouseCoopers, one of the world’s largest professional-services firms, just released its predictions for the most powerful economies in the world by 2030.

The report, titled “The long view: how will the global economic order change by 2050?” ranked 32 countries by their projected global gross domestic product by purchasing power parity.

PPP is used by macroeconomists to determine the economic productivity and standards of living among countries across a certain time period.

While PwC’s findings show some of the same countries right near the top of the list in 13 years, they also have numerous economies slipping or rising massively by 2030.

Check out which countries made the list. All numbers cited in the slides are in US dollars and at constant values (for reference, the US’s current PPP is $18.562 trillion):

  1. Netherlands — $1.08 trillion

  2. Colombia — $1.111 trillion

  3. South Africa — $1.148 trillion

  4. Vietnam — $1.303 trillion

  5. Bangladesh — $1.324 trillion

  6. Argentina — $1.342 trillion

  7. Poland — $1.505 trillion

  8. Malaysia — $1.506 trillion

  9. Philippines — $1.615 trillion

  10. Australia — $1.663 trillion

  11. Thailand — $1.732 trillion

  12. Nigeria — $1.794 trillion

  13. Pakistan — $1.868 trillion

  14. Egypt — $2.049 trillion

  15. Canada — $2.141 trillion

  16. Spain — $2.159 trillion

  17. Iran — $2.354 trillion

  18. Italy — $2.541 trillion

  19. South Korea — $2.651 trillion

  20. Saudi Arabia — $2.755 trillion

  21. Turkey — $2.996 trillion

  22. France — $3.377 trillion

  23. United Kingdom — $3.638 trillion

  24. Mexico — $3.661 trillion

  25. Brazil — $4.439 trillion

  26. Germany — $4.707 trillion

  27. Russia — $4.736 trillion

  28. Indonesia — $5.424 trillion

  29. Japan — $5.606 trillion

  30. India — $19.511 trillion

  31. United States — $23.475 trillion

  32. China — $38.008 trillion

Annunci
Pubblicato in: Finanza e Sistema Bancario

Masala Bonds. Anche i noci alla nascita sono arboscelli.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-31.

2017-03-31__Noce__noci20

«A masala bond is one issued outside India but denominated in Indian rupees»

*

«The BRICS – Brazil, Russia, India, China and South Africa – agreed to create the infrastructure-focused lender in July 2014 as an alternative to the World Bank»

*

«The bank was officially launched a year later»

*

«The offering comes after the bank sold three billion in yuan-denominated green bonds ($435.5 million) on China’s interbank market last year»

*

«Headquartered in Shanghai, the New Development Bank is seen as the first major achievement of the BRICS countries since they got together in 2009 to press for a bigger say in the global financial order created by Western powers after World War Two»

*

«the establishment of the China-led Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) has raised questions about the New Development Bank’s relevance, with some commentators casting doubts about Beijing’s commitment to the lender»

* * * * * * * *

I paesi ex-emergenti per decenni sono stati trangugiati dagli organismi finanziari internazionali governati dagli occidentali: il Fondo Monetario Internazionale, Imf, a guida europea, e la World Bank a guida americana.

Più che strumenti finanziari per l’incentivazione di crescita economica e sviluppo essi sono stati in realtà braccia armate di controllo e dominio.

Poi, un bel giorno, i Brics si sono ribellati e si son fatti la loro Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB), seguita dalla New Development Bank, lasciando con un palmo di naso gli occidentali: che si tenessero pure Imf e WB.

Sarebbe stato utopico pensare che tali istituzioni avessero potuto diventare forti e potenti nel giro di pochi anni: tutto richiede il suo tempo.

Adesso, l’operazione sui masala bonds è uno dei tanti segni della crescita che è stata fatta.

In molti diranno che sono piccoli movimenti, che i volumi sono scarsi, e così via.

Si è perfettamente di accordo.

Ma cinque anni fa non c’erano ed oggi ci sono.

Nota.

Guardano gli arboscelli di noce resta difficile immaginarsi la magnificenza dell’albero. Però piantare un noce è segno di grande sensibilità del futuro: il fusto inizia a diventare maturo dopo sessanta anni, anche se a novanta raggiunge la perfezione. Lo pianta il nonno e lo taglia il pronipote.

Leggendo la Direttiva 2003/89/Ce del Parlamento Europeo e del Consiglio ben pochi si sarebbero immaginata la proliferazione di leggi, norme e regolamenti sulle noci e sui noci. Cordis: ce lo siamo finanziato con i nostri soldi, ahimé. Adesso non potresti piantare un noce senza il previo assenso della Commissione Europea ai Noci.


Reuters. 2017-03-30. BRICS development bank to issue up to $500 million in masala bonds

The New Development Bank set up by the BRICS group of major emerging economies plans to raise up to $500 million via rupee-denominated masala bonds in the second half of the year, the bank’s president, K.V. Kamath, said on Thursday.

The BRICS – Brazil, Russia, India, China and South Africa – agreed to create the infrastructure-focused lender in July 2014 as an alternative to the World Bank. The bank was officially launched a year later.

The offering comes after the bank sold three billion in yuan-denominated green bonds ($435.5 million) on China’s interbank market last year aiming to support clean and renewable energy use to reduce carbon emissions.

“We would be ready with the masala bond in local currency in the second half,” Kamath told Reuters in an interview in New Delhi. “Thereafter, in sequence, we will look at the other markets as opportunities open up.”

A masala bond is one issued outside India but denominated in Indian rupees.

Headquartered in Shanghai, the New Development Bank is seen as the first major achievement of the BRICS countries since they got together in 2009 to press for a bigger say in the global financial order created by Western powers after World War Two.

However, the establishment of the China-led Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) has raised questions about the New Development Bank’s relevance, with some commentators casting doubts about Beijing’s commitment to the lender.

Kamath played down those concerns, saying the bank was growing as per its schedule.

“We feel most welcome in our host country. We have received the utmost support from China in getting where we are,” he said.

“We are growing at the utmost speed that is possible .. We are not finding any constraint.”

The creation of the New Development Bank was aimed at addressing a massive infrastructure funding gap in the member countries, which account for almost half the world’s population and about one-fifth of global economic output.

The bank, which was founded with an initial authorized capital of $100 billion, started lending last year, funding seven projects worth $1.5 billion.

This year, it plans to fund 15 infrastructure projects in member countries worth up to $3 billion, said Kamath, who ran India’s ICICI Bank Ltd (ICBK.NS) from 1996 until 2009.

“We concentrated on building up foundations in the first two years. That task is now complete,” said Kamath said.

“As we go along, we will scale up this year what we started last year.”

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo

Tillerson. Silentium et Archivium. Vecchio stile reso nuovo.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-31.

PREFICHE 001

La stampa, i media in genere, hanno il potere che hanno o forse, meglio, che avevano, perché alcune componenti politiche glielo hanno conferito e permesso. Nei fatti, sono funzionali non tanto per trasmettere informazioni, quanto piuttosto per trasmettere il proprio punto di vista, la propria propaganda, che ovviamente devono coincidere con la visione del padrone. Il boss è il boss.

Questo è l’intimo significato di ciò che usualmente è denominato essere la “libertà di stampa“. Dovrebbe essere sufficiente leggere il The New York Times, il Deutsche Welle, il Sole 24 Ore per constatare di persona come i giornalisti siano il termine inferiore e deteriore della untuosa servitù volonariamente offerta al potente di turno. Ha dell’incredibile la capacità dei giornalisti a mutar padrone ed idee nel giro di tempi infinitesimali.

Dal pristino significato di diritto alla manifestazione delle proprie idee, nei soli limiti dell’ordinamento penale e purché ciò fosse avvenuto a proprie spese, il concetto è stato ampliato alla possibilità di dire ciò che si voglia, senza alcun limite di sorta, ed anche a spese altrui. Già: gli altri pagano e loro fanno ciò che aggrada.

Di qui allo sconfinamento il passo è breve: la “libertà di stampa” è stata fatta diventare la concreta possibilità di indagare la vita privata e pubblica di persone giuridiche e fisiche. La privacy è un optional: lederla è orripilante reato se compiuto dai nemici politici, ricerca invece della verità se fatto in proprio contro i nemici del padrone.

*

Ma un capitolo a parte è quello della vita pubblica.

Secondo i sostenitori della “libertà di stampa” il segreto di stato dovrebbe non esistere. Tutto alla luce del sole, dicono.

Traducendo in termini semplici e piani: i liberals democratici dovrebbero essere costantemente informati di ciò che intende fare il governo repubblicano, il tutto ovviamente a spese del Contribuente. E questo al solo fine di poter mettere tutti i possibili bastoni tra le ruote.

Come se Mr Putin e Mr Xi non si diano già sufficientemente da fare a cercare di penetrare i segreti americani.

* * * * * * *

Il concetto era già stato prospettato in nuce da Tommaso d’Aquino nel trattato De Regno, ma fu portato a livello di perfezione da Niccolò Machiavelli.

«Silentium et Archivium,

prima instrumenta regni.»

Nelle settimane che precedettero lo sfondamento strategico terminato a Gettysburg, un giornalista invadente nel corso di una conferenza stampa chiese al generale Lee quali fossero i suoi piani. Lee rispose gelido che se i suoi capelli li avessero conosciuti, li avrebbe immediatamente rasati. Il giornalista fu accompagnato all’uscio.

*

Non esiste possibilità di gestire problemi militari o politici, sia domestici sia esteri, senza saper tenere un doveroso riserbo. Nulla dovrebbe trapelare. E, nel caso, dovrebbe sempre seguire una severa punizione.

Ma, come recita l’andante, il pesce inizia a puzzare dalla testa.

Se il capo è querulo, non ci si lamenti poi se tutti gli altri siano queruli a loro volta.

* * * * * * *

«“It’s getting written a lot that he’s an idiot, and he’s not an idiot.”»

*

«Rex Tillerson is rewriting the rules for what it means to be secretary of state»

*

«His ideas for conducting diplomacy track closely with beliefs shaped during his 40-year career at Exxon Mobil Corp., where negotiations happened behind closed doors, leaks could cost millions of dollars in shareholder value, and the press was seen as a nuisance»

*

«We have some very, very complex strategic issues to make our way through with important countries around the world, and we’re not going to get through them by just messaging through the media. …. We get through them in face-to-face meetings behind closed doors»

*

«For the group of reporters covering him at State—who were used to being on the same plane with previous secretaries—keeping up with Tillerson was impossible»

*

«I’m not a big media press access person, ….  I personally don’t need it»

*

«Tillerson’s style marks a clean break with traditional notions of what it means to be America’s top diplomat. For decades, public relations was as much a part of the job as private negotiations, both to champion American ideals and to make sure the guy on the other side of the negotiating table didn’t control the message»

*

«Tillerson sees himself as a man of action who wants to spend his limited time getting the job done and not talking about it»

* * * * * * *

Se grande sconcerto regna tra le file dei media, sconcerto ancora maggiore pregna le fila dei dipendenti della Segreteria di Stato. Molti dei quali adesso sono ex-dipendenti.

A quelli che avevano biliosamente rimproverato a Mr Tillerson di non essere stato in grado di rimpiazzare tutti i funzionari democratici dimissionari nella Segreteria di Stato non era passato nemmeno per l’anticamera del cervello che Mr Tillerson avrebbe contratto l’organico ad un terzo del pregresso. Tutti a spasso.

Il processo di deobamizzare l’Amministrazione è in pieno corso.

Le prefiche democratiche stanno spargendo calde ed amarissime lacrime su quegli stipendi da nababbi che mai più potranno vedere, mentre i dipendenti dei media stanno incominciando a capire che non servono più, e vedono approssimarsi il fatidico momento in cui dovranno mettersi a lavorare per vivere.


Bloomberg. 2017-03-25. No Press? No Problem: Tillerson’s CEO Secrecy

“It’s getting written a lot that he’s an idiot, and he’s not an idiot.”

*

Rex Tillerson is rewriting the rules for what it means to be secretary of state. His ideas for conducting diplomacy track closely with beliefs shaped during his 40-year career at Exxon Mobil Corp., where negotiations happened behind closed doors, leaks could cost millions of dollars in shareholder value, and the press was seen as a nuisance. Case in point: Tillerson’s staff handpicked just one reporter, from the Independent Journal Review, a conservative website, to join him on his plane during his recent trip to Asia.

“We have some very, very complex strategic issues to make our way through with important countries around the world, and we’re not going to get through them by just messaging through the media,” Tillerson told IJR. “We get through them in face-to-face meetings behind closed doors.”

For the group of reporters covering him at State—who were used to being on the same plane with previous secretaries—keeping up with Tillerson was impossible. The itinerary was as follows: Land in Tokyo and meet top officials; fly to a U.S. air base in South Korea and hitch a helicopter ride to the North Korean border; bed down in Seoul for the night; then fly to Beijing before returning to the U.S. Total time in the neighborhood: about 84 hours.

The beat reporters had to trail Tillerson on their own flights, and the IJR journalist was told not to update her colleagues with his whereabouts. Although the media stayed in the same hotels as Tillerson in Seoul and Beijing, America’s top diplomat was basically off the grid for hours at a time. “I’m not a big media press access person,” he told IJR in an interview between Seoul and Beijing. “I personally don’t need it.”

Tillerson’s style marks a clean break with traditional notions of what it means to be America’s top diplomat. For decades, public relations was as much a part of the job as private negotiations, both to champion American ideals and to make sure the guy on the other side of the negotiating table didn’t control the message.

Tillerson is forgoing the PR role. He’s dispensed with news conferences—taking questions instead at tightly controlled “media availabilities” in Tokyo, Seoul, and Beijing from outlets chosen by his staff. He hasn’t dropped by U.S. embassies in the countries where he visits. And he has so far declined to elucidate any foreign policy vision in public, other than to say he supports Donald Trump’s call to cut his agency’s budget by nearly a third.

Aides say Tillerson sees himself as a man of action who wants to spend his limited time getting the job done and not talking about it. They say he’ll deliver a message when he has something to say, and that’s it. “What we know about Tillerson is that he comes from a ‘small r’ view of realism of foreign policy, that money is power, weapons are power, but ideas are not so much power,” says Heather Hurlburt, who wrote speeches for Democratic Secretaries of State Warren Christopher and Madeleine Albright.

Tillerson views himself as the antithesis of his predecessor, John Kerry. The rap on Kerry was that he never met a camera he didn’t like. He was happy to fly to Geneva, spend two days locked in negotiations about Syria, fail to reach a deal, and hold a news conference saying so. For good measure, he might throw a few verbal jabs at his counterpart standing 3 feet from him on the podium. “The days of knocking a soccer ball around on the tarmac between press conferences are over,” says Tillerson spokesman R.C. Hammond, a former Newt Gingrich aide who came to the State Department with a mandate to shake up the old order. “Instead, we are going to do actual diplomacy that leads to results—then press conferences.”

Tillerson is also taking seriously his boss’s decision to eliminate wasteful spending. He’s chosen to fly on a modified Boeing 737, which carries fewer people than the modified 758 Kerry used and flies faster. He travels with a lighter footprint, as his staff likes to say. That means a slimmed-down staff. Speechwriters, press handlers, and deputies stay at home. If that means the media get things wrong, so be it.

That was made clear in Seoul on March 17. A local paper reported that Tillerson had canceled dinner with top officials because of fatigue. The rumor turned out to be false. A dinner was never planned. The problem wasn’t so much that he had no pool reporters traveling with him, but that Hammond was unavailable to handle questions, and Tillerson hadn’t brought a press wrangler to keep reporters apprised of the secretary’s every move on such trips. Had he done so, the fatigue story would have been shot down in minutes.

While Tillerson’s staff stays busy sculpting his image as a doer and not a talker, there’s an equally plausible reason for his reticence to deal with the press. The Trump administration, like any other, has competing power centers when it comes to foreign policy. Getting out too far ahead of Trump, especially early in the presidency, could prove disastrous. And yet in the vacuum left behind, negative stories have begun to percolate about Tillerson not being up to the job. “It’s getting written a lot that he’s an idiot, and he’s not an idiot,” Hurlburt says. “First-term secretaries usually have to be a little careful of how much independent profile they have.”

When news broke on March 21 that Tillerson may skip the annual NATO meeting in April, the blowback was quick and bipartisan. “I believe all the incoming crowd at the State Department are internationalists. But to basically say, ‘Withdraw, I’m going to forfeit engagement,’ that’s a mistake,” says Daniel Runde, a Republican who’s a fellow at the Center for Strategic and International Studies in Washington. Ivo Daalder, the permanent U.S. representative to NATO from 2009 to 2013, was even more critical: “He’s dissing them, and what’s more, he works for a president who ran for office on an anti-NATO platform. There’s a lot of reassurance to be done.”

Pubblicato in: Cina, Trump

Trump incontrerà Xi il 6 aprile in Florida.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-04-01.

2017-01-04__lupi

Mr Xi incontrerà Mr Trump in Florida dal 6 al 7 aprile.

Durante la campagna elettorale americana erano corse parole anche molto pesanti, ed è da verificare fino a qual punto fossero usuale propaganda elettorale e quanto invece punti effettivamente programmatici.

L’incontro era stata preparato durante la visita di Mr Tillerson a Pechino.

Accordo sino-americano costruito su nuovi principi.

«China and the United States reached consensus on developing ties in the spirit of

– no conflict,

– no confrontation,

– mutual respect and

– win-win cooperation»

*

«China is willing to enhance communication and understanding with the United States, cement trust, properly handle disputes, expand cooperation in bilateral, regional and multilateral levels and boost new progress of bilateral ties at a new starting point»

*

Se questi sono, e restino, i principi da seguire nei colloqui tra i due capi di stato, i problemi sul tavolo non sono né da poco né di facile soluzione.

– Il problema di Taiwan, che la Cina ha sempre reclamato come territorio proprio, disapprovando profondamente i rapporti che gli americani intrattengono con essa;

– Il problema del Mar Cinese del Sud, dalla Cina reclamato come acque di proprio interesse strategico ed in cui ha costruito una decina di isole artificiali, tutte dotate di pista aeroportuale utilizzabile da parte di aerei militari, stazioni radar nonché di sistemi missilistici di difesa terra-aria e terra-nave;

– Il problema della Korea del Nord e delle sue ambizioni nucleari. Se la Korea del Nord è per la Cina un vicino molto scomodo, ancor più scomodo le risulta il trasferimento nella Korea del Sud di un sistema missilistico anti-missile americano di ultima generazione. In particolare temono che i radar di supporto possano penetrare abbondantemente lo spazio aereo cinese e che i sistemi di telesorveglianza possano anche essere rivolti contro di loro;

– Il problema del Giappone, che inizia a sentirsi meno tutelato dall’ombrello atomico americano e sotto sotto aspirerebbe a sviluppare un proprio sistema di armamento atomico indipendente,anche in risposta al piano nucleare nord koreano;

– Il problema dei rapporti commerciali bilaterali.

*

«The market dictates that interests between our two countries are structured so that you will always have me and I will always have you»

*

«Both sides should work together to make the cake of mutual interest bigger and not simply seek fairer distribution,” he said in response to a question about trade frictions»

*

Sarebbe ingenuo pensare che questo incontro possa risolvere tutte le controversie.

Ma la ragionevole attesa che i rapporti possano diventare meno conflittuali e, soprattutto, molto più aperti che in passato al dialogo franco e costruttivo, verosimilmente non dovrebbe essere disattesa.


Xinhua. 2017-03-30. Chinese president to visit Finland, meet Trump in US

Chinese President Xi Jinping will pay a state visit to Finland and travel to Florida, the United States for China-US presidents’ meeting next week, Foreign Ministry spokesperson Lu Kang announced on Thursday.

“At the invitation of President Sauli Niinisto of the Republic of Finland and President Donald Trump of the United States of America, President Xi Jinping will pay a state visit to Finland from April 4 to 6, and meet with President Trump at Mar-a-lago, Florida, the United States from April 6 to 7,” Lu said at a daily press briefing.


Reuters. 2017-03-30. China’s Xi to meet Trump in Florida next week

Chinese President Xi Jinping will travel to the United States to meet President Donald Trump at his Mar-a-Lago retreat in Florida on April 6-7, China’s Foreign Ministry said on Thursday, its first official confirmation of the highly anticipated summit.

It will be Xi’s first meeting with Trump, whose presidency began on Jan. 20, and comes as the two sides face pressing issues, ranging from North Korea and the South China Sea to trade disputes.

Ministry spokesman Lu Kang made the announcement at a daily news briefing.

He did not give any more details of the meeting agenda, but spoke of the need to see the big picture while fostering mutual interests in trade relations.

“The market dictates that interests between our two countries are structured so that you will always have me and I will always have you,” Lu said.

“Both sides should work together to make the cake of mutual interest bigger and not simply seek fairer distribution,” he said in response to a question about trade frictions.

Beijing had previously said that preparatory work for the meeting was underway. But it had not yet confirmed the trip, despite western media reports on a scheduled meeting and an announcement by the Finnish government that Xi would make a brief stop in Finland on April 5.

The summit will follow a string of other recent U.S.-China meetings and conversations aimed at mending ties after strong criticism of China by Trump during his election campaign.

U.S. Secretary of State Rex Tillerson ended a trip to Asia this month in Beijing, agreeing to work together with China on North Korea and stressing Trump’s desire to enhance understanding.

China has been irritated at being repeatedly told by Washington to rein in North Korea’s nuclear and missile programs and by the U.S. decision to base an advanced missile defense system in South Korea.

Beijing is also deeply suspicious of U.S. intentions towards self-ruled Taiwan, which China claims as its own.

During his election campaign, Trump accused China of unfair trade policies, criticized its island-building in the strategic South China Sea, and accused it of doing too little to constrain North Korea.

Trump also incensed Beijing in December by taking a phone call from Taiwanese President Tsai Ing-wen and later saying the United States did not have to stick to the so-called “one China” policy.

He later agreed in a phone call with Xi to honor the long-standing policy and has also written to Xi since seeking “constructive ties.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

La Russia avrebbe legami stretti con M5S.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-30.

Vladimir Putin, Patriarch Kirill

«Questa è ipocrisia: o condanniamo tutti i Paesi che ledono i diritti o non possiamo fare una selezione» [Manlio Di Stefano]

*

Se il Presidente Putin non avesse fatto tutto il suo umano possibile per favorire i movimenti politici anti-establishment avrebbe dovuto essere destituito, e con ignominia.

Il problema non sono né Mr Putin né i partiti anti-establishment.

Il vero problema è l’élite eurocratica che ricorre ad ogni mezzo per sopprimere chiunque non la pensi esattamente come la pensa lei. E, soprattutto, quanti vorrebbero subentrare loro, con democratiche elezioni, al governo ed al potere.

Si pensi soltanto alle campagne denigratorie condotte dalla stampa di regime ed all’uso delle Corti Penali per infangare e condannare i nemici politici. Il caso Fillon dovrebbe essere emblematico.

«Putin – risponde Di Stefano – è già un interlocutore, perché ha vinto su tutta la linea».  


La Stampa. 2017-03-30. Il governo Usa avverte l’Italia: “Fate attenzione. Ci sono legami Russia-M5S”

«Fate attenzione ai legami fra governo russo e M5S». È il messaggio circolato nei mesi scorsi nell’amministrazione Usa, con lo scopo di mettere poi Roma al corrente di un fenomeno più vasto: l’esteso impegno di Mosca a sostenere forze politiche intenzionate a sfidare gli establishment nazionali.  

Con lo scopo di indebolire nel lungo periodo tanto l’Unione Europea, quanto la Nato. Sono fonti governative americane a ricostruire per «La Stampa» quanto sta avvenendo, spiegando in particolare che sono preoccupate per l’influenza che la Russia sta cercando di avere sulle prossime elezioni italiane, nell’ambito di una strategia di interferenza che tocca tutta l’Europa, dopo quella adottata durante le presidenziali degli Stati Uniti. Finora il potenziale punto di contatto è stato individuato da Washington soprattutto nei rapporti che Mosca sta costruendo con il Movimento 5 Stelle, e con la Lega, che però ha prospettive elettorali inferiori.  

All’origine di tali sviluppi ci sono le conseguenze dell’Election Day. Quando l’intelligence americana è arrivata alla conclusione che il Cremlino aveva gestito le incursioni degli hacker nell’archivio digitale del Partito democratico, per rubare documenti con cui deragliare la candidatura presidenziale di Hillary Clinton, l’apparato governativo degli Usa si è attivato per comprendere meglio le dimensioni e lo scopo di questa strategia. Quindi si è convinto che la Russia sta cercando di dividere e indebolire l’intero Occidente, favorendo le formazioni politiche che mettono in discussione le alleanze storiche e più recenti tra le due sponde dell’Atlantico. Questa offensiva era già presente negli Stati baltici, che avendo fatto parte dell’Unione Sovietica sono abituati a simili tattiche di propaganda e manipolazione, e le riconoscono in fretta. Discorso analogo per la Serbia e l’intera area della ex Jugoslavia. L’operazione però si è allargata anche al resto dell’Europa occidentale, che secondo gli analisti di Washington è meno pronta a capirla e difendersi. Perciò il governo Usa si è attivato, con missioni discrete che hanno riguardato anche l’Italia. 

Gli obiettivi di Mosca sono tutti i Paesi dove nei prossimi mesi sono in programma le elezioni, che per la loro natura democratica consentono di infiltrare i sistemi politici e cercare di condizionarli. Al primo posto ci sono le presidenziali francesi, dove gli effetti dell’offensiva russa sono già stati pubblicamente notati, con la visita di Marine Le Pen al Cremlino e le informazioni uscite per attaccare l’indipendente Macron. Nel radar degli americani però ci sono anche le presidenziali del 2 aprile in Serbia, il voto di settembre in Germania, e quello che comunque dovrà avvenire in Italia entro la primavera del 2018.  

Secondo quanto appurato da Washington, i metodi usati sono diversi. Negli Stati Uniti gli attacchi sono avvenuti nel campo digitale, perché è molto sviluppato e offriva grandi opportunità. Lo stesso sta avvenendo già in Europa, come hanno dimostrato le denunce fatte da Macron. Più difficile è provare eventuali finanziamenti o aiuti diretti per le campagne elettorali e i partiti. In Italia il sistema digitale è meno sviluppato di quello americano, e i nostri apparati contano anche sul naturale scetticismo degli elettori per depotenziare eventuali offensive. Nel mondo di oggi, però, non serve molto: basta intercettare una mail o una lettera, per demolire un candidato o un partito. 

Poi ci sono i rapporti personali diretti. Ha sorpreso, ad esempio, la visita di una delegazione italiana che qualche tempo fa è andata in Lituania, dialogando con la comunità di origine russa nel Paese. Rilevanti sono anche gli incontri con le ambasciate, che sono leciti, ma possono andare oltre la cortesia diplomatica. M5S e Lega non hanno fatto mistero dei contatti avuti con Mosca, e ciò ha suscitato preoccupazione, anche se in scala diversa.  

L’attenzione riservata dal governo americano a questi fenomeni è maturata prima dell’entrata in carica della nuova amministrazione Trump, e delle stesse presidenziali dell’8 novembre. Finora se ne sono occupati funzionari di carriera non partisan, e la loro attività è completamente slegata dalle inchieste in corso all’Fbi e al Congresso sulle eventuali complicità tra gli hacker russi e la campagna del candidato repubblicano. Si tratta in sostanza di valutazioni professionali, indipendenti dalle vicende politiche interne. La transizione naturalmente complica le cose, perché il governo deve affrontare altre priorità, e nei Paesi che sono potenziali obiettivi non sono ancora stati nominati i nuovi ambasciatori. Le elezioni italiane però sono quelle più lontane nel calendario, a fine aprile il premier Gentiloni verrà alla Casa Bianca e a maggio ospiterà Trump al G7, e quindi ci sarà il tempo per discutere e chiarire queste preoccupazioni. Da qui lo scenario di una consultazione in crescendo fra Washington e Roma sul ruolo dei grillini come emissari del Cremlino nel Bel Paese.  

Pubblicato in: Geopolitica Mondiale, Rapporti Commerciali

EU non importa carne americana? Usa metteranno dazi fino al 100%.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-30.

Pecore macellate 005

La dirigenza dell’Unione Europea è invero sui generis.

Si è data una sua “scala valoriale“, che solo lei condivide, e vorrebbe quindi imporla a tutto l’orbe terracqueo. Lanciando anatemi ed insulti di ogni tipo a quanti non la avessero accettata. Quindi, fanno una legge che mette al bando i prodotti di quanti non si pieghino ai loro desiderata.

Nel settore commerciale denominano questo comportamento come “libero mercato“. La gente sarebbe libera di fare solo ciò che vogliono gli eurocrati, dal loro punto di vista.

*

Nello specifico, il problema nasce dagli esportatori americani di carne.

Con provvida legge l’Unione Europea aveva messo al bando la carne bovina trattata con ormoni, quasi totalmente di produzione statunitense, asserendone una estrema pericolosità. A parole per poter meglio tutelare la salute di propri sudditi. In realtà, il bando era stato emesso per avere il pretesto di proteggere gli allevamenti zootecnici danesi, francesi e tedeschi. Mica che potevano dirlo ad alta voce.

Nulla come il male ama ammantarsi di eticamente corretto. Poi, per portarsi avanti con il lavoro:

«l’Ue non ha aperto abbastanza i propri mercati alla loro [degli Usa] carne di manzo non trattata con gli ormoni, come prevedeva un accordo del 2009»

*

Rispettare gli accordi è roba da bischeri: la dirigenza europea si reputa ben al di sopra di simili quisquilie e pinzillacchere.

Adesso gli americani, grazie al Presidente Trump, stanno puntando i piedi. Esigono rapporti paritetici.

«L’amministrazione Usa sta valutando di imporre dazi punitivi del 100% sugli scooter Vespa (Piaggio), l’acqua Perrier (Nestle’, che produce anche la San Pellegrino) e il formaggio Roquefort»

*

Gli eurocrati sono estremamente abili a fare dei piagnistei da checche isteriche. Pestano i piedi e fanno i capricci quando qualcuno li contraddica.

Ma non possono proseguire all’infinito a voler per forza di cose imporre il proprio modo di vedere.

L’Europa conta economicamente grosso modo un quindici per cento dell’economica mondiale: troppo poco per potersi permettere di fare i capricci. Il resto del mondo potrebbe schiacciarla in un batter d’occhio.


Ansa. 2017-03-30. Gli Usa di Trump studiano dazi sui prodotti Ue, anche italiani

 L’amministrazione Usa sta valutando di imporre dazi punitivi del 100% sugli scooter Vespa (Piaggio), l’acqua Perrier (Nestle’, che produce anche la San Pellegrino) e il formaggio Roquefort in risposta al bando Ue sulla carne di manzo Usa di bovini trattati con gli ormoni: lo scrive il Wall Street Journal. Dietro la misura ci sarebbero le proteste dei produttori di carne di manzo americani, secondo i quali l’Ue non ha aperto abbastanza i propri mercati alla loro carne di manzo non trattata con gli ormoni, come prevedeva un accordo del 2009.

Piaggio in perdita dell’1,5% a 1,842 euro, in Piazza Affari (mentre l’All share guadagna lo 0,1%), dopo le indiscrezioni del Wall Street Journal sulle intenzioni dell’amministrazione americana. Ieri il titolo della Piaggio ha chiuso a 1,87 euro.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Finanza e Sistema Bancario

MPS. Sospesi tutti i bond. 42.5 miliardi di euro.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-30.

Michelangelo. Sistina. Dannati. 001

«Lasciate ogne speranza, voi ch’ intrate»

Li avete votati? Bene: godeteveli e state zitti.

Non garanzie, bensì certezze.

Monte Paschi Siena sarà salvato dai possessori dei suoi bond e correntisti.

Sarebbe cosa iniqua, dicono i pidiini, che debba fallire proprio la loro banca.

«La conversione in nuove azioni scatterà in funzione del livello di subordinazione (prima i bond subordinati Tier 1; se questi non basteranno, anche i Tier 2; se nemmeno questi basteranno, saranno convertiti tutti gli altri subordinati).»

*

Così, tanto per portarsi avanti con il lavoro, eccoVi

«La tabella delle 131 emissioni, tra quotate e non quotate, per un controvalore di 42,5 miliardi di euro che non possono essere negoziate sino a quando la Bce e la Ue non approveranno formalmente il piano di salvataggio»

Veneto Banca e Pop Vicenza. Bail-in in arrivo.

114 banche italiane a rischio sofferenze.


Sole 24 Ore. 2017-03-30. Mps, tutti i bond sospesi da 100 giorni. Elenchi.

«La tabella delle 131 emissioni, tra quotate e non quotate, per un controvalore di 42,5 miliardi di euro che non possono essere negoziate sino a quando la Bce e la Ue non approveranno formalmente il piano di salvataggio»

*

  • Ben 131 bond per 42,5 miliardi di euro

Valgono 42,5 miliardi circa i risparmi e gli investimenti “congelati” da 100 giorni in 131 emissioni obbligazionarie del gruppo Monte dei Paschi di Siena. Si tratta di titoli le cui negoziazioni (quando sono possibili per via della quotazione su mercati regolamentati) sono state bloccate dalla delibera Consob numero 19833 del 22 dicembre scorso che riguarda tutti i «titoli emessi o garantiti da Banca Mps e gli strumenti finanziari aventi come sottostante titoli» di Mps, trattati su mercati regolamentati e nei sistemi multilaterali di negoziazione italiani, come anche sui sistemi di internalizzazione sistematica.

Tutte le caratteristiche di questi titoli sono contenute nella tabella allegata, realizzata sui dati di Skipper Informatica. La prossima emissione in scadenza è la Mps senior tasso fisso 4,5% taglio minimo da 5mila euro (un titolo retail), codice Isin IT0004702269, che scadrà il 29 aprile, del controvalore di 450 milioni. Le più “lontane” nel tempo sono due titoli zero coupon retail di taglio minimo da mille euro dell’ex Banca Agricola Mantovana, in scadenza il 20 febbraio 2031, da 72,8 e 19,6 milioni, dai rispettivi codici Isin IT0003107767 e IT0003120919.

  • I bond quotati valgono una trentina di miliardi

Un centinaio di questi bond sono quotati in Borsa Italiana, sulla piattaforma Hi-Mtf o negoziati su EuroTlx, il sistema multilaterale di negoziazione del gruppo Borsa Italiana-Lse. Secondo quanto ricostruito dal Sole 24 Ore a dicembre scorso sulla base dei dati di Skipper Informatica, il centinaio di bond quotati valevano all’epoca oltre 30,3 miliardi di circolante. Molti di questi sono stati collocati da numerose reti, tra cui quella di Poste Italiane.

  • Le ipotesi del piano di dicembre sulla conversione in azioni

Le caratteristiche dei titoli sospesi sono differenti. Si va dai bond “senior”, non coinvolti nella trasformazione in azioni dal piano di “burden sharing” ipotizzato a dicembre, ai subordinati, che invece saranno convertiti in azioni di nuova emissione. La conversione in nuove azioni scatterà in funzione del livello di subordinazione (prima i bond subordinati Tier 1; se questi non basteranno, anche i Tier 2; se nemmeno questi basteranno, saranno convertiti tutti gli altri subordinati).

Ai nuovi detentori di azioni, per evitare rischi di scontri legali, Mps proporrà di riacquistare “in nome e per conto del ministero” le azioni derivanti dall’applicazione del “burden sharing” offrendo in cambio come corrispettivo «obbligazioni non subordinate emesse alla pari» da Mps o da società del suo gruppo per un valore nominale pari al prezzo corrisposto dal ministero.

  • Chi viene escluso dal concambio tra azioni e nuove emissioni

Questo meccanismo di concambio tra nuove azioni derivanti dalla conversione forzata dei bond subordinati in nuovi bond “senior” escluderà però le “controparti qualificate” (tutte le società finanziarie, le banche, le assicurazioni, gli investitori istituzionali ma anche fondi e fondi pensione) e i “clienti professionali”, cioè anche normali risparmiatori che però dispongano, secondo il profilo Mifid redatto dall’intermediario, di competenze, portafoglio o movimentazione titoli tali da dimostrare la loro capacità di comprendere la natura dei bond sottoscritti e i loro rischi.

Queste due categorie di investitori, quindi, rimarranno nuovi azionisti.

  • Cosa prevede il decreto salva banche per il subordinato retail 2018

Per i risparmiatori coinvolti nel collocamento di subordinati retail, come il titolo Mps 2008/2018 non quotato upper Tier 2> dal taglio di mille euro, secondo quanto ipotizzato a dicembre sarà possibile scambiare le nuove azioni in bond senior, cioè non subordinati. La conversione avverrà secondo il valore indicato per ciascun subordinato Mps dalla tabella allegata al decreto: i valori variano dal 18 al 75% sino al 100% per alcuni titoli, come il subordinato 2008/2018 upper Tier 2.

Proprio da questi dettagli si intuisce che la decisione Consob sulla sospensione delle quotazioni dei bond Mps, senior compresi, derivava dalla necessità di evitare arbitraggi e speculazioni.

  • Sospensione sino al via libera formale di Ue e Bce al salvataggio

La sospensione, inizialmente prevista come temporanea, dura invece ormai da 100 giorni. Come spiegava il Sole 24 Ore del 24 dicembre scorso, il 23 dicembre 2016 la Consob l’ha prorogata «fino a quando, anche in esito alla definizione e approvazione del programma di rafforzamento patrimoniale di Banca Mps da parte delle competenti autorità, non sarà ripristinato un corretto quadro informativo sui titoli». La sospensione potrà essere revocata quando arriverà il via libera formale dell’Unione Europea e della Bce al piano di salvataggio del ministero dell’Economia.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Trump

Trump ha vinto. – Princeton University.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-30.

Trump Vincitore

«Trump is winning»

*

«Democrats are ultimately more committed to and dependent on a strong federal government …. In his effort to “deconstruct the administrative state,” …. Trump has been moving forward at a swift pace while most attention has been focused elsewhere».

*

Assieme ai giornalisti, i professori universitari sono i più sensibili indicatori di dove stia il potere reale di una nazione.

Una sola, apprezzabile differenza.

Se i giornalisti hanno un tempo di latenza alquanto ampio, che dipende sostanzialmente dalle garanzie avute di continuare a ricevere uno stipendio adeguato ai rischi che corrono, i professori universitari hanno un time lag virtualmente nullo.

Fanno eccezione quasi esclusivamente i full professor in forza ad università con cospicui patrimoni.

Università queste da lungo tempo, con grande sagacia politica di lungo raggio, colonizzate dai liberals democratici al punto tale che da più parti si reclamano delle assunzioni in “quota repubblicani” nel corpo docente. Chi può manipolare il corpo studentesco manipola infatti e condiziona la futura classe dirigente.

Ecco perché le dichiarazioni rilasciate dal prof. Julian Zelizer lasciano alquanto perplessi. L’Univeristà di Princeton ha infatti un capitale, endowment, di circa 22.723 miliardi di dollari, essendo quarta nella graduatoria di captalizzazione. Mentre i liberals democratici continuano a crogiolarsi nella loro foia di perversioni sessuali, Mr Trump sta ricostruendo gli Stati Uniti smantellando ogni vestigia  liberals.

In fondo, Michelangelo diceva che lui toglieva soltanto dal blocco di marmo il superfluo.

*

«Trump is winning»

*

«Yet looked at from a different perspective, President Trump is actually achieving many of their [of republicans]  broader goals [of republicans]»

*

«Though sometimes hidden from view, the President has been taking a series of actions that will do great damage to the long-term goals of the Democratic Party»

*

«Democrats are ultimately more committed to and dependent on a strong federal government, while Republicans would rather let free markets do much more of the work, then conservatives have a lot to celebrate»

*

«The most dramatic set of advances has come with economic and financial deregulation. With all the attention centered around banning refugees and attacking the media, the administration has been issuing executive orders that weaken measures that have been central to regulating the economy in recent decades.»

*

«He has ordered federal agencies to revise the Clean Water Rule which has been central to strengthening federal protections of water»

*

«He issued an executive order on February 24 that establishes Regulatory Reform Officers within each federal agency whose responsibility is to make recommendations about which regulations should be eliminated»

*

«Another executive order established “Core Principles” of financial regulation, directing the Treasury Secretary to look into the existing financial regulations to see which should be abolished»

*

«For every new regulation proposed by the executive branch, another order said, two had to be repealed»

*

«In his effort to “deconstruct the administrative state,” as White House chief strategist Stephen Bannon called it, Trump has been moving forward at a swift pace while most attention has been focused elsewhere»

*

«Bill Clinton, for instance, terminated all 93 sitting US attorneys when he assumed office» [Cnn]

* * * * * * *

«Trump is making a case that government can no longer be functional at all»

*

«His ongoing attacks on the judiciary and the federal bureaucracy have fueled among his supporters skepticism and distrust that the government, and even the democracy, can ever work well»

* * * * * * *

«Democrats depend on government, guided by their liberal belief in the role Washington can play»

*

«If Washington is dysfunctional, Republicans benefit»

*

«an effort to prove to Americans that life went on even if nothing was happening in the nation’s capital»

*

«Julie Ioffe spent some time in the State Department observing how demoralized civil servants are because they have nothing to do and because most key posts have not even been filled»

*

«And this is much more of a net loss for those on the left than those on the right»

* * * * * * *

Due le frasi clou:

«Trump is winning»

*

«Democrats are ultimately more committed to and dependent on a strong federal government …. In his effort to “deconstruct the administrative state,” …. Trump has been moving forward at a swift pace while most attention has been focused elsewhere».

Grandi verità.

Mr Trump sta vincendo, e sta vincendo alla grande perché sta demolendo con metodo sistematico lo statalismo costruito nel tempo dai liberals democratici. Uno stato minimo è il suo reale obiettivo strategico.

Senza statalismo, senza statolatria, liberals democratici e socialisti ideologici sono spacciati. Senza finanziamenti pubblici ad Ong ed ad Agenzie “indipendenti” di nome, ma liberal nel personale e nei fatti, i democratici si troveranno senza più fonti di finanziamento e di sottogoverno.

Prima annientare il nemico, quindi ricostruire.

Serviranno ancora molti anni, ma oramai il potere dei liberals è stato intaccato alla radice. La via è stata tracciata. Ci saranno alti e bassi, ma indietro non si torna.

Come tutte le azioni che mirano a colpire il cuore e non solo qualche aspetto particolare, che mirano in altri termini a distruggere un sistema, gli effetti si rileveranno lentamente nel tempo. Quanti avessero attesso effetti miracolistici o portentosi immediati resteranno sicuramente delusi. Ma se al Presidente Trump basta eliminare gradualmente e progressivamente leggi, norme e regolamenti introdotti nel tempo dai liberal democratici, anche qualora i democratici ritornassero al potere impiegherebbero tempi molto lunghi per ricostruire la loro tela di ragno: ma intanto il mondo sarà drasticamente cambiato.

Pil 2016 e proiezioni 2020. Sorprese in arrivo. Ripercussioni mondiali.

Unione Europea. 19,000 tra leggi, norme e regolamenti. Troppe.

Aspetto fondamentale è il crollo dei socialisti ideologici in Europa ed il dissolvimento dell’Unione Europea. Brexit ha inferto un colpo mortale all’Unione Europea come istituzione: è il segno più evidente dell’incapacità politica della sua vecchia dirigenza. Alle prossime elezioni presidenziali e politiche francesi il partito socialista francese uscirà frammentato e disunito da odi radicati e profondi e ben difficilmente il suo prossimo governo avrà una maggioranza stabile e coesa. Ma anche il colosso tedesco evidenzia segni di crepe profonde. Nelle elezioni in Saarland l’Spd è regredita nonostante avesse ricorso al suo unico uomo di punta, Herr Schulz. Ed i problemi tedeschi sul medio – lungo termine sono molti, severi ed irrimediabili.

Germania. 13 milioni di poveri e 330,000 famiglie con la luce tagliata.

Germania. Summit in Cancelleria per l’allarme demografico.

Stiamo assistendo allo sgretolamento del potere socialista nel mondo occidentale.

E, si badi bene, uno starnuto a Washington è una pleurite settica purulenta nell’Unione Europea.


Cnn. 2017-03-14. Trump is winning

Julian Zelizer, a history and public affairs professor at Princeton University and New America fellow, is the author of “The Fierce Urgency of Now: Lyndon Johnson, Congress, and the Battle for the Great Society.” He’s co-host of the “Politics & Polls” podcast. The opinions expressed in this commentary are his own.

*

(CNN)Even with the strong jobs report and booming stock market, it is easy to look at President Trump and see total chaos.

Many days Americans wake up to learn about another bizarre tweet. They read about bitter internal dissension taking place in the White House and the endless tumult that characterizes the Oval Office. At times, it is unclear who is even running the show.

The Russia scandal has consumed much of the first half of his First Hundred Days — with the scandal potentially about to get bigger — while tea party Republicans are in an uproar about what they see as the “Obamacare Lite” that he is supporting as a replacement for the Affordable Care Act following its repeal.

The backlash against the health care proposal would seem to be the tip of the iceberg. There is a lot for conservatives to be frustrated about as they watch this presidency unfold. Yet looked at from a different perspective, President Trump is actually achieving many of their broader goals. Though sometimes hidden from view, the President has been taking a series of actions that will do great damage to the long-term goals of the Democratic Party.

If one accepts that Democrats are ultimately more committed to and dependent on a strong federal government, while Republicans would rather let free markets do much more of the work, then conservatives have a lot to celebrate.

The most dramatic set of advances has come with economic and financial deregulation. With all the attention centered around banning refugees and attacking the media, the administration has been issuing executive orders that weaken measures that have been central to regulating the economy in recent decades.

He has ordered federal agencies to revise the Clean Water Rule which has been central to strengthening federal protections of water. He issued an executive order on February 24 that establishes Regulatory Reform Officers within each federal agency whose responsibility is to make recommendations about which regulations should be eliminated.

Another executive order established “Core Principles” of financial regulation, directing the Treasury Secretary to look into the existing financial regulations to see which should be abolished. For every new regulation proposed by the executive branch, another order said, two had to be repealed. In his effort to “deconstruct the administrative state,” as White House chief strategist Stephen Bannon called it, Trump has been moving forward at a swift pace while most attention has been focused elsewhere.

President Trump has also done a great deal to continue delegitimizing the institutions of government. In the same way that Franklin Roosevelt showed Americans why the government could be a positive force for good and Ronald Reagan made a case for markets over government, Trump is making a case that government can no longer be functional at all. His is the ultimate product of the era of Watergate. His ongoing attacks on the judiciary and the federal bureaucracy have fueled among his supporters skepticism and distrust that the government, and even the democracy, can ever work well.

He continually raises questions about whether public officials, such as judges, ever do their job. The intelligence community has been a perpetual target of criticism. He has cast doubt on the entire electoral system upon which our democracy depends.

Although he has been somewhat easy on Congress thus far, given that the Republican majority has stood by him, it won’t be long until that is his target. By defying all the conventions of presidential governance and decorum, he is even undermining public faith in the position that he himself holds.

Though we don’t know if this is intentional or unintentional, it will be impossible for many Americans to have the same confidence in the President that they had in the era of Roosevelt or Eisenhower.

Although some Republicans are grumbling about the fact that President Trump has barely made any progress on a legislative agenda and that Washington has basically been tied up in Twitter knots since his inauguration, conservatives can probably also see that if the government is doing nothing, this works in their favor.

Democrats depend on government, guided by their liberal belief in the role Washington can play. If Washington is dysfunctional, Republicans benefit. This was the premise for tea party Republicans to allow a government shutdown, an effort to prove to Americans that life went on even if nothing was happening in the nation’s capital.

Failing to staff government bureaucracies and refusing to provide them with the resources needed also undercuts their ability to be effective. For a recent Atlantic piece about the State Department, Julie Ioffe spent some time in the State Department observing how demoralized civil servants are because they have nothing to do and because most key posts have not even been filled. Trump is undercutting diplomacy simply by failing to take basic care of the department responsible for this mission. “I used to love my job. Now it feels like coming to the hospital to take care of a terminally ill family member,” one worker said.

Even if things seem to be rough for the Trump administration, and for the Republican Party more broadly, there is a good reason that many conservatives are sitting tight as all of this unfolds. The turmoil and the controversy are not pleasant to watch, and many Republicans are certainly cringing as they learn of the President’s latest actions. But since the moment of the inauguration, the strength and sanctity of the federal government has been taking a big hit with Trump in the White House. And this is much more of a net loss for those on the left than those on the right.

+++ L’Università di Princeton ammette che Mr Trump ha vinto e continuerà a vincere. +++

Come i giornalisti, i professori universitari hanno uno spiccato chemiotattismo positivo verso il potere. Lo fiutano settanta miglia sotto vento e lo raggiungono alla velocità della luce.

Domani pubblicheremo una sconcertante analisi scritta da uno che fu il più liberal dei liberal, quello che cambiava i pannoloni di Mrs Hillary Clinton: Trump apprendista?? Ma faccia il piacere!! Quello è un filone di sette cotte.

Pubblicato in: Senza categoria

Unione Europea. 19,000 tra leggi, norme e regolamenti. Troppe.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-30.

Scartoffie 001

Lettura suggeribile per chiunque voglia veramente comprendere cosa stia succedendo nell’Unione Europea sarebbero le prime settanta pagine del Gaxotte, La Rivoluzione Francese.

Esse costituiscono il preambolo che descrive organizzazione e funzionamento dell’Ancien Régime.

In estrema sintesi, Gaxotte ricorda come il Regno francese si sia formato nei secoli inglobando realtà socio – politiche alle quali garantiva largamente una propria legislazione e relativa autonomia decisionale: in particolare, ne rispettava i privilegi, i “diritti precostituiti“.

A fine settecento, nel solo ambito fiscale, esistevano oltre 100,000 leggi, norme e tradizioni locali che lo stato centrale era tenuto ad osservare. Era in altri termini semplicemente impossibile stilare una legge nazionale che fosse applicabile.

Il risultato era evidente in campo fiscale: lo stato centrale non era assolutamente in grado di imporre e riscuotere tasse.

La conseguenza era che la gran massa della ricchezza nazionale restava nelle mani dei singoli cittadini, mentre lo stato era a loro confronto il povero di famiglia.

*

Il problema era sicuramente politico, ma l’estrema parcellizzazione giuridica ed organizzativa era il vero scoglio a qualsiasi forma di governo, indipendentemente dalla sua connotazione politica. Si presentava un vizio strutturale che non poteva essere affrontato e risolto se non con un colpo di stato che avesse avuto il coraggio e la forza di cancellare tutto il corpo legislativo esistente, facendo di tutt’erba un fascio, facendo anche clamorose ingiustizie, ma rendendo alla fine funzionante il sistema statale.

Questo fu forse uno dei pochi meriti della rivoluzione francese, che impose questi provvedimenti ricorrendo alla ghigliottina: servivano in quel momento i chirurghi della storia. Dolorosi, dolorosissimi, ma indispensabili quando si eclissa il normale buon senso.

Ad ogni azione corrisponde sempre un’azione eguale e contraria: quanto maggiore è la resilienza di un sistema, tanto maggiore dovrà essere la forza che lo rompe.

* * * * * * * *

Al di là delle severe problematiche religiose, di rispetto storico, politiche, etniche industriali, finanziarie, e giuridiche che opprimono l’Unione Europea, primeggia una assurda complicatezza burocratica, che rende ingovernabile il sistema indipendentemente da chi ne gestisca il potere.

L’Unione Europea è una baldoria di trattati sovrapposti e conflittuali nei quali si può trovare tutto ed il contrario di tutto. Ma il clou è il bailamme di leggi, norme, regolamenti che hanno la pretesa di regolamentare la vita delle persone giuridiche e fisiche fino nell’intimità dell’alcova.

Sono oltre 19,000.

22 milioni di pagine stampate.

La direttiva europea sulla coltivazione delle melanzane, anche di quelle messe in un vasetto sul balcone, consta di diciassette volumi di mille pagine l’uno: secondo i burocrati di Bruxelles tutti i Cittadini europei avrebbero dovuto dapprima comprarsi l’intera collezione per 8,000 modestissimi euro, quindi leggerla e compitarla. Ma questa è soltanto una delle 19,000 norme.

La complicatezza burocratica dell’Unione Europea fa aggio su quella della ex Unione Sovietica negli anni della sua decadenza.

*

Siamo chiari. Al di là delle differenti visioni politiche e dei differenti retaggi nazionali, questa Unione Europea è diventata ingestibile come a suo tempo lo fu l’Ancien Régime. Non è quasi più questione di “sinistra” oppure di “destra“, sempre che questi termini abbiano ancora un significato. È questione di mera possibilità di funzionare.

«Una montagna di 19 mila norme europee incombe su Londra con la Brexit.»

*

«La Gran Bretagna dovrà trasformarle in leggi nazionali e magari abolirne un certo numero, in nome di quello sfoltimento radicale invocato come un mantra dai critici della “elefantiaca euroburocrazia” di Bruxelles: ‘hard brexiteers’ in testa»

*

«Torna quindi di moda la parola d’ordine dei tempi di Margaret Thatcher, ‘deregulation’, vista anche come una forma d’impulso all’economia nazionale del dopo Ue, sebbene in contrasto con le promesse di un conservatorismo più sociale fatte – almeno a parole – dal governo May»

*

«non manca chi invoca con entusiasmo – ad esempio l’euroscettico Daily Telegraph – un “grande falò” delle leggi europee»

* * * * * * * *

Il Regno Unito non è l’unico stato a dover affrontare questo problema.

«One of Trump’s campaign pledges was to cut 75pc of regulation in a bonfire of red tape to help small businesses. This first step of this was his executive order, which mandated that for every new rule brought in by a government agency, two must be cut. The cost of any additional regulation must be completely offset by undoing these existing rules.» [Fonte]

Questo è uno degli aspetti salienti della devoluzione del socialismo ideologico, per cui tutto deve essere regolamentato.

La deregulation sarà il campo di battaglia futuro: non solo per un problema di sopravvivenza interno, ma anche perché l’Occidente deve affrontare un mondo sempre più agguerrito e deregolato, molto più efficiente.

Timore di restare senza regole oppure timore di riprendersi la propria libertà e, con essa, la responsabilità delle proprie azioni?


Ansa. 2017-03-29. Brexit, le 19mila norme Ue che incombono sul Regno

Una montagna di 19 mila norme europee incombe su Londra con la Brexit. La Gran Bretagna dovrà trasformarle in leggi nazionali e magari abolirne un certo numero, in nome di quello sfoltimento radicale invocato come un mantra dai critici della “elefantiaca euroburocrazia” di Bruxelles: ‘hard brexiteers’ in testa. La mole, calcolata in un rapporto della Camera dei Comuni che include leggi e regolamenti vari, costituisce comunque una sfida senza precedenti. Forse improba nelle scadenze previste per i funzionari di Sua Maestà.

Un compito difficile che non può che iniziare, come spiegato più volte dalla premier Tory britannica, Theresa May, proprio da una grande legge, la Great Repeal Bill, necessaria a cancellare l’European Communities Act del 1972 attraverso il quale il Regno Unito recepì la legislazione comunitaria. E avviare di fatto la ‘trasmigrazione’ nazionale di tutte le norme europee in modo che il parlamento di Westminster possa poi confermarle o annullarle a piacimento. Tante le materie in ballo: dall’energia, ai trasporti, all’agricoltura e alla pesca, fino ai codici del lavoro. Quest’ultimo settore, in particolare, interessa gli imprenditori che vorrebbero eliminare una serie di paletti sui turni di lavoro fissati da Bruxelles a tutela dei dipendenti, introducendo invece un ancor maggiore flessibilità degli orari.

Ma ci sono pure norme che i sudditi di Elisabetta, spesso individualisti e quasi sempre refrattari a ogni imposizione in arrivo dal continente, sarebbero felici di abbandonare a prescindere dalla distinzione di ceto. Si va dal divieto degli aspirapolvere troppo potenti fino all’obbligo di usare lampadine a basso consumo energetico. Torna quindi di moda la parola d’ordine dei tempi di Margaret Thatcher, ‘deregulation’, vista anche come una forma d’impulso all’economia nazionale del dopo Ue, sebbene in contrasto con le promesse di un conservatorismo più sociale fatte – almeno a parole – dal governo May. E del resto l’horror vacui, il timore di vuoti (normativi) da colmare non contagia tutti. Anzi, non manca chi invoca con entusiasmo – ad esempio l’euroscettico Daily Telegraph – un “grande falò” delle leggi europee. Quasi come un esorcismo di fronte alle incognite d’un futuro comunque tutto da ricostruire.