Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Macron. Corte Conti bacchetta il Governo per il debito pubblico.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-26.

Fattoria Animali 001

La Francia ha raggiunto un debito pubblico di 2,414.622 miliardi di euro, essendo 102.23% il rapporto debito / pil, con un debito procapite di 36,511 euro. Di interessi deve pagare 55.015 miliardi di euro all’anno.

*

Cour des Comptes. 2019 Annual public report

Lo Stability Programme. April 2018 ne è rimasto sconvolto.

*

«France’s public auditor has criticized president Emmanual Macron’s decision to loosen the country’s purse strings to try to end months of yellow vest protests »

«The Cour des Comptes warned on Tuesday that the country’s debt level, which is hovering at close to 100 percent, was “worrying” and urged the government to control spending»

«The auditor said the money directed towards the grievances of the yellow vests had not been founded on savings elsewhere»

«In a report, the public auditor said the growing divergence between France and its neighbours on debt reduction was “worrying” and “could lead to a deterioration of the perceived quality of France’s debt among investors”.»

«It criticized the government over its failure curb overspending noting it had the opportunity to take advantage of a spell of growth»

«But this year it is set to rise again above the 3.0-percent mark, increasing to 3.1 percent on the back of a package of tax cuts and income top-ups announced to try to defuse the anger of the anti-government yellow vests»

«The International Monetary Fund also warned last month that France’s debt was “too high for comfort” and called on the government to cut spending»

* * * * * * *

La Cour des Comptes ha pubblicato una severa reprimenda del Presidente Macron, che ha portato il rapporto debito / pil al 102.23%, con un aumento del debito pubblico a 2,414.622 miliardi di euro.

L’Unione Europea, la Commissione Europea e Mr Moscovici non hanno fiatato, chiusi nella omertà che li lega.
Nella Fattoria degli Animali erano tutti eguali, ma i porci erano più eguali degli altri.

*


French public auditors warn over rising debt

France’s public auditor has criticized president Emmanual Macron’s decision to loosen the country’s purse strings to try to end months of yellow vest protests.

The Cour des Comptes warned on Tuesday that the country’s debt level, which is hovering at close to 100 percent, was “worrying” and urged the government to control spending.

The auditor said the money directed towards the grievances of the yellow vests had not been founded on savings elsewhere.

In a report, the public auditor said the growing divergence between France and its neighbours on debt reduction was “worrying” and “could lead to a deterioration of the perceived quality of France’s debt among investors”.

It criticized the government over its failure curb overspending noting it had the opportunity to take advantage of a spell of growth.

No French government has balanced the books since the 1970s.

On coming to power in 2017, Macron set about trying to cut the deficit to bring it in line with an EU limit of three percent of GDP, which the eurozone’s second-biggest economy has flouted for the last ten years.

Last year, the deficit fell to a 12-year low of 2.5 percent of GDP, a decline which was greater-than-expected and achieved despite falling growth and purchasing power.

Pledge to balance books revised

But this year it is set to rise again above the 3.0-percent mark, increasing to 3.1 percent on the back of a package of tax cuts and income top-ups announced to try to defuse the anger of the anti-government yellow vests.

The measures are expected to drive up the public debt to 98.9 percent this year.

The government expects to be back on track with deficit reduction next year. It is aiming for a deficit of 1.2 percent by the end of Macron’s first presidential term in 2022 – having apparently given up on its original 2017 campaign pledge to balance the books within five years.

The Cour des Comptes warned against any further let-up in the drive to clean up the country’s finances.

The International Monetary Fund also warned last month that France’s debt was “too high for comfort” and called on the government to cut spending.

*


France 24. 2019-06-25. Rising French debt is ‘worrying’, public auditors warn

France’s public auditor on Tuesday warned that the country’s debt level, which is hovering at close to 100 percent, was “worrying” and urged the government to control spending.

France’s debt-to-GDP ratio is set to reach 98.9 percent this year, bucking the downward trend seen in most other eurozone countries after President Emmanuel Macron loosened the country’s purse strings to try end months of often violent “yellow vest” protests.

In a report, France’s Cour des Comptes said the growing divergence between France and its neighbours on debt reduction was “worrying” and “could lead to a deterioration of the perceived quality of France’s debt among investors”.

It chided the government over its failure to take advantage of a spell of growth to significantly rein in overspending, which leads to increased borrowing every year.

“France is far from having eliminated its structural deficit whereas many of its European neighbours have achieved a balance,” it warned in a 150-page report.

No French government has balanced the books since the 1970s.

On coming to power in 2017, Macron immediately set about trimming the deficit to bring it in line with an EU limit of three percent of GDP, which the eurozone’s second-biggest economy had persistently flouted for a decade.

Last year, the deficit fell to a 12-year low of 2.5 percent of GDP, a greater-than-expected decline achieved despite falling growth and purchasing power.

But this year it is set to again rise above the 3.0-percent mark, increasing to 3.1 percent on the back of a package of tax cuts and income top-ups announced to try to defuse the anger of the anti-government yellow vests.

The measures are expected to drive up the public debt to 98.9 percent this year.

The government expects to be back on track with deficit reduction next year. By the end of Macron’s first presidential term in 2022, it is aiming for a deficit of 1.2 percent — a far cry from his 2017 campaign pledge to balance the books within five years.

The Cour des Comptes warned against any further let-up in the drive to clean up the country’s finances.

The International Monetary Fund also warned last month that France’s debt was “too high for comfort” and called on the government to cut spending.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Problemia Energetici, Unione Europea

Germania. Cdu e Csu litigano sul piano di uscita dal carbone.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-26.

Germania. Laender 0021

«Conservative Chancellor Angela Merkel’s Bavarian allies have called for Germany to phase out coal by 2030 but the government has insisted on keeping its 2038 target, in the latest sign of strain within her coalition»

«The call by Markus Soeder, the premier of Germany’s economic powerhouse state of Bavaria, could further test Merkel’s right-left coalition administration which has been shaken by policy disputes and dire results in European Parliament elections»

«The German climate targets could be reached by 2030 only if we massively speed up the coal exit»

«The government on Monday rebuffed Soeder’s proposal and said it would stick to its plan to exit coal by 2038 as recommended by a commission of experts who estimated the phase-out would cost 40 billion euros ($45.54 billion) at least»

«Bavaria has little to lose from speeding up the coal exit. It is home to only 5 of the more than 100 coal power stations in Germany and it has no coal mines»

«Soeder’s remarks also reflect alarm within the CSU at the rise of the ecologist Greens who came in second in an election in Bavaria last year and are the most popular party nationally according to polls»

«There are mounting doubts that Merkel’s conservative-led coalition with the Social Democrats (SPD) as junior coalition partners would serve its full term until 2021»

«Critics say her abrupt decision to phase out nuclear power in Germany after the Fukushima disaster in 2011 has driven up energy prices and increased Germany’s dependence on coal»

* * * * * * *

Gli ultimi sondaggi Insa danno la Cdu al 18% e la Csu al 6%, con i Grüne al 25%.

Poiché la Csu si presenta solo in Baviera, è evidente come la Cdu sia in forte svantaggio nei confronti dei Grüne nel resto della federazione tedesca.

Il nodo è il solito: Frau Merkel.

Adesso la Csu  tenta di destabilizzare il governo portandosi su posizioni verdi oltranziste, che sa più che bene quanto siano inattuabili.

«the phase-out would cost 40 billion euros ($45.54 billion) at least»

E di questi tempi anche la Germania deve iniziare a fare attenzione con le spese voluttuarie.

Poi c’è la Spd. Ridotta ai minimi termini, brancola alla ricerca di una strategia politica, come un pugile al ko tecnico.

Infine, a mesi si terranno le elezioni in tre Länder dell’est. ed i risultati si preannunciano come un bagno di sangue per la Große Koalition.

Un’ultima considerazione.

È nella logica delle cose che Sorella Morte mieta a piene mani le persone vecchie.

Nel 2038 è verosimile che quasi tutta l’attuale classe politica tedesca sia due metri sotto terra ovvero relegata in un gerontocomio. Secondo le proiezioni Destatis a tale data la popolazione tedesca autoctona sarà dimezzata.

Ci si domanda allora: che bisogno avranno quei superstiti di energia?


Reuters. 2019-06-24. Merkel’s Bavarian allies snub her coal exit plan

Conservative Chancellor Angela Merkel’s Bavarian allies have called for Germany to phase out coal by 2030 but the government has insisted on keeping its 2038 target, in the latest sign of strain within her coalition.

The call by Markus Soeder, the premier of Germany’s economic powerhouse state of Bavaria, could further test Merkel’s right-left coalition administration which has been shaken by policy disputes and dire results in European Parliament elections.

“The German climate targets could be reached by 2030 only if we massively speed up the coal exit,” Soeder, whose Christian Social Union (CSU) is the sister party of Merkel’s Christian Democrats (CDU), told the Muenchener Merkur newspaper.

“In the end we must actually exit (coal) in 2030.”

The government on Monday rebuffed Soeder’s proposal and said it would stick to its plan to exit coal by 2038 as recommended by a commission of experts who estimated the phase-out would cost 40 billion euros ($45.54 billion) at least.

“We are determined to implement the recommendations of the coal commission,” government spokesman Steffen Seibert said on Monday.

Bavaria has little to lose from speeding up the coal exit. It is home to only 5 of the more than 100 coal power stations in Germany and it has no coal mines.

Soeder’s remarks also reflect alarm within the CSU at the rise of the ecologist Greens who came in second in an election in Bavaria last year and are the most popular party nationally according to polls.

Last year, Germany raised its target for the contribution of renewables to 65 percent by 2030 from 50 percent in a bid to reduce CO2 emissions by 55 percent over 1990 levels. It is set to miss a 2020 target aimed at cutting emissions by 40 percent.

There are mounting doubts that Merkel’s conservative-led coalition with the Social Democrats (SPD) as junior coalition partners would serve its full term until 2021.

The SPD suffered painful losses at the EU elections last month and have been under pressure to quit the coalition the reluctantly joined after election two years ago.

Their leader Andrea Nahles stepped down earlier this month as the party’s popularity in polls hit a record low.

Merkel’s climate policy has been controversial. Critics say her abrupt decision to phase out nuclear power in Germany after the Fukushima disaster in 2011 has driven up energy prices and increased Germany’s dependence on coal.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Mobilità elettorale mette in crisi la democrazia. M5S e Conservatori inglesi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-25.

Naufragio 001

Napoleone aveva brillantemente risolto il problema senza stare a farci sopra molti ragionamenti.

von Clusewitz aveva invece sistematizzato molti pensieri napoleonici.

«Il mezzo più sicuro per perdere ogni guerra è impegnarsi su due fronti.»

«La paura è diretta alla conservazione fisica, il coraggio alla conservazione morale»

«Nell’emozione del momento i sentimenti dominano gli uomini più fortemente dei pensieri.»

«Per quanto riguarda la deduzione degli effetti dalle cause si presenta spesso una difficoltà insormontabile: non si conoscono affatto le vere cause»

«Poiché il talento e il genio agiscono all’infuori delle leggi della teoria, si trasformano nell’antitesi della realtà»

«Spesso è assai difficile dire, nel caso concreto, dove termini la forza di carattere e cominci la testardaggine»

* * * * * * *

Dopo decenni di immobilismo, l’Elettorato mondiale e quello europeo in particolare hanno dimostrato una sbalorditiva mobilità: nessuna formazione politica può ora cullarsi sugli allori di una grande vittoria elettorale. L’Elettorato non è più una fauna stanziale.

Ben poche persone avevano previsto un partito socialista francese crollare al6%, una socialdemocrazia tedesca crollare all’11%, una Cdu precipitare al 18%, una partito democratico italiano scendere a minimi storici, avendo perso elezioni politiche, regionali ed amministrative in poco più di un anno. Nel Regno Unito il Brexit Party è nato con la velocità di un fungo prataiolo. M5S ha ottenuto un trionfo alle elezioni politiche del 4 marzo, per dimezzarsi in un solo anno.

Tutte queste situazioni dovrebbero ben dare da pensare.

C’è però un aspetto che va a toccare l’essenza stessa della democrazia.

Tutti i partiti europei sono grosso modo simili nella organizzazione. Un certo quale numero di iscritti coagulati attorno ad un programma esprime con votazioni interne una dirigenza, che poi guiderà il partito alle elezioni.

Se scopo di un partito è l’affermazione elettorale, ossia il riuscire a convincere gli Elettori della bontà del proprio programma, un fatto balza immediatamente agli occhi: gli iscritti al partito dovrebbero essere rappresentanti omogenei di almeno una parte dell’Elettorato. Solo sotto questa condizione la consultazione della base degli iscritti produce decisioni elettoralmente proficue.

Ma mentre l’Elettorato muta con grande velocità, il corpo degli iscritti tende a preservare gelosamente le idee primigenie: in altri termini, è oltrepassato e sepolto nel dimenticatoio del tempo. Consultare gli iscritti significa prendere decisioni non più in linea con i tempi.

Eccoci di fronte al grande scoglio attuale.

Se la dirigenza seguisse gli iscritti si involverebbe in sé stessa e farebbe la fine del partito socialista francese, della socialdemocrazia tedesca, e così via. Se invece non ne tenesse conto, si esporrebbe alla destituzione al primo congresso che si celebrasse.

Questo è uno dei tanti scogli sui quali la democrazia è andata a sbattere, e non è intoppo di poco conto.

* * * * * * *

«The final two names will then be put to a postal vote of the 160,000 Tory party members, beginning on 22 June, with the winner expected to be announced about four weeks later»

Ma cosa mai decideranno questi 160,000 iscritti che hanno così a lungo sopportato la gestione di Mrs May?

*

Ancora più severa è la inerzia che presenta il M5S. Se riconosciamo volentieri a M5S il merito di aver potentemente concorso a disgregare il partito democratico, altrettanto constatiamo come non abbia saputo gestire il transito da partito che raccoglieva lo scontento a propositivo partito di governo.

Le strategie di un partito di opposizione che cavalca lo scontento popolare sono diametralmente divergenti da quelle di un partito di governo: M5S non ha saputo, o voluto, operare la scelta, e quindi ci hanno pensato gli Elettori.

Lezione andata però a vuoto.

La base degli iscritti a M5S è ancien régime: è rimasta agli urlatori del ‘No’ a qualcosa, mentre il suo Elettorato residuo non condivide sostanzialmente tale scelta.

Ma quanto la dirigenza del M5S sia vecchia e superata nella mente è indicato da quanto si lasci condizionare da quanto stia andando dicendo Alessandro Di Battista., oramai ex-parlamentare del Movimento.

*

Ripensiamoci con grande cura.

«Poiché il talento e il genio agiscono all’infuori delle leggi della teoria, si trasformano nell’antitesi della realtà»

«Spesso è assai difficile dire, nel caso concreto, dove termini la forza di carattere e cominci la testardaggine»


Bbc. 2019-06-18. Tory leadership hopefuls to face second vote

«The Tory leadership contest will enter the next stage later when a second round of voting is held in Parliament.

Conservative MPs will vote by secret ballot in the Commons, with a result expected some time after 18:00 BST.

Any of the six remaining candidates will be eliminated from the contest if they come last or fail to secure at least 33 votes.

Those remaining in the race will take part in a live BBC debate in central London on Tuesday evening.

The debate will be hosted by BBC Newsnight presenter Emily Maitlis and broadcast on BBC One at 20:00 BST.

Candidates will face questions from viewers across the country via local TV studios.

Remaining candidates will face further ballots later this week, where the bottom-ranked MP will be knocked out until only two candidates are left.

The final two names will then be put to a postal vote of the 160,000 Tory party members, beginning on 22 June, with the winner expected to be announced about four weeks later. ….»

*


Corriere. 2019-06-18. Di Battista: «Salvini gioca sporco». Ma è rivolta M5S: ci sfrutta per i soldi 

ROMA — Un de profundis del governo, in 126 paginette di agile «pamphlet», come lo definisce il suo autore Alessandro Di Battista. Una piccola bomba a mano tirata sul governo, su Matteo Salvini e su Luigi Di Maio. I parlamentari non hanno ancora letto il testo, uscito ieri, ma sono bastate le prime anticipazioni per scatenare una rivolta contro l’ex Subcomandante che, indeciso se andare al fronte o restare nelle retrovie, ha pensato bene di minare dalle fondamenta l’esecutivo. Perché, scrive nelle ultime righe, se continuano «gli squallidi giochi di potere», il Movimento deve fare il Movimento: «Un conto è fare un patto di governo, un altro è essere complici».

Il viaggio in India saltato

L’esternazione di Di Battista viene contestata nelle molte chat che viaggiano tra i parlamentari. Si racconta che l’ex deputato avesse un accordo con Loft, la piattaforma tv del Fatto, per scrivere reportage dall’India. Ma il viaggio, pluriannunciato, è saltato. «L’accordo, ci aveva detto lui stesso — racconta un deputato — doveva portargli un compenso di 20-25 mila euro al mese. E invece è saltato. Per questo se n’è uscito con questo libro. Per sfruttare l’immagine del Movimento e fare soldi». Quella del denaro è una voce ricorrente tra i parlamentari, infuriati. Si racconta nelle chat che abbia partecipato più volte alle «war room», i gabinetti di guerra di Di Maio, e in un’occasione abbia spiegato di aver bisogno di soldi e di sperare in un ruolo retribuito nel Movimento. Menzogne contro una voce scomoda? Possibile, ma in molti fanno notare che Di Battista sia sempre stato a favore di un governo con Salvini e che ora il dietrofront sia motivato da altro. Con l’aggravante di parlare da quasi esterno. «Ogni volta che c’è una responsabilità — scrive un parlamentare — si tira indietro. Gianroberto gli aveva offerto di fare il sindaco di Roma e ha detto no. Luigi di fare il candidato alle Europee e ha detto no. Vuole fare la rivoluzione, ma non si fa da casa, scrivendo libri. Si fa scendendo in piazza».

L’sms «forse mai arrivato»

Un clima pessimo. Veleni e coltelli. «Pugnalate», per dirla con l’autore. Con Di Maio arroccato a Palazzo Chigi, che fa sapere di non aver letto il libro e di avere altro da fare. Il pamphlet è «Politicamente scorretto», come da titolo. Accuse, talvolta insulti. Di Battista rivela di aver cambiato idea su Salvini: «Mi fidavo di lui». Ora non più: «Sta giocando sporco. Fa strategia, provoca, cerca pretesti per attribuire al Movimento la rottura, perché la sola cosa che gli interessa è fare il premier». Salvini per Di Battista è «inaffidabile», «schiavo del potere», «un politico vecchio», «uno del sistema», «un garantista solo con gli amici». Via sms gli contestò, dice, «l’ignobile show alla Buster Keaton di Berlusconi» al Quirinale. Sms, butta lì, «forse mai arrivato». Arrivano via carta, invece, accuse e insulti. A Giovanni Malagò, «una piattola», «un coatto». Lui e Luca Cordero di Montezemolo, dice, «sono due bimbetti senza arte né parte». Fabio Fazio «uno che pensa soprattutto alla carriera», Sergio Chiamparino uno «incartapecorito». Il Pd «è iperliberista e profondamente di Destra» (nel libro si abusa di maiuscole e la parola più ricorrente è «ignobile»), mentre Salvini, prima di cambiare idea, «era molto più di sinistra del Pd».

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

EU. Piano quinquennale di protezione. Tante parole e niente fondi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-25.

Unione Europea 010 Bicchieri

L’eurodirigenza oramai prossima alla scadenza cerca di sottoporre piano su piano nel tentativo che i capi di stato e di governo ne accettino qualcosa da usare poi come grimaldello al proprio tornaconto.

Se è vero che i lberal socialisti hanno ottenuto una maggioranza in parlamento, è peraltro anche vero che alla fine sia il Consiglio Europeo a prendere le decisioni importanti. In quella sede però molte decisioni devono essere prese alla unanimità, specialmente i budget annuali e quelli pluriennali.

Questa è realtà gradita a taluni e sgradita ad altri.

Polonia, Repubblica Ceka, Ungheria ed Estonia bloccano la EU sul carbone.

Consiglio Europeo. Disaccordo totale su tutto. Una assemblea condominiale.

*

Il punto cardine consiste nel fatto che i liberal socialisti non si rassegnano mai alle sconfitte: hanno pienamente assimilato lo spirito rivoluzionario insito nel marxismo ed ideologie ad esso sequenziali.

Nell’Unione Europea al momento attuale Mr Macron è in difficoltà e, dopo la sconfitta elettorale, si appresta ad incamerare quella di un G7 in suolo francese ma monco, senza il Presidente Trump:

G7 Biarritz. Si preannuncia un altro G7 inconcludente.

Frau Merkel è nei triboli, ed al punto tale da rendere necessaria la discesa in campo del suo patrono:

Germania recluta Soros nella campagna elettorale nei Länder orientali.

*

Per meglio comprendere, sarebbe opportuno ricordarsi del fatto che i liberal socialisti parlano in una loro propria neolingua, ove termini per tutti aventi un preciso significato per loro ne assume un altro, spesso diametralmente opposto.

«EU leaders on Thursday (20 June) night agreed to an ambitious agenda for the bloc intended to serve as a benchmark for decisions in the next five years»

«But when one reads the ‘new strategic agenda’ through the prism of reality, it is hard to see how the EU will be able to act on it – given the existing deep divisions among member states»

Si noti in primo luogo la profonda scorrettezza usata.

La Commissione uscente avrebbe voluto imporre a quella nuova subentrante il proprio piano quinquennale: correttezza politica ed anche sano buon senso avrebbero voluto che il piano quinquennale lo avesse elaborato la nuova Commissione, quando sarà nominata.

Poi i nostri si lamentano della “existing deep divisions among member states“: sono divisioni da loro volute e fomentate, perché cercano pervicacemente di prevaricare la libertà altrui.

«Precisely those divisions foreshadow a bloc that will increasingly take decisions on the basis of the lowest common denominator, rather than bold strategic visions»

Gran bella scoperta che in un sistema democratico le scelte finali siano frutto di accordi.

Se in democrazia è corretto che la maggioranza governi, sarebbe altrettanto corretto che lo facesse nel rispetto delle minoranze.

«EU leaders promise to strengthen the EU’s ability to stand alone in the world, in response to US president Donald Trump’s threats to pull out of Nato, Russia’s hybrid warfare and China’s aggressive trade practices»

Orbene, in passato uno disse “tanti nemici tanto onore” e finì impiccato per i piedi.

Adesso questi eurocrati vorrebbero niente di meno che combattere l’America, la Russia e la Cina, ossia le tre superpotenze mondiali. Questa è una megalomania che sconfina nel delirio di onnipotenza.

Ma quanto siano potenti Mr Macron e Frau Merkel lo vediamo bene.

«EU leaders, partly due to the insistence of Hungary’s prime minister Viktor Orban, have also pledged to protect the bloc’s external borders.

There is a clear desire from EU leaders to show citizens that the 2015 migrant wave will never happen again and the EU can keep track of who is entering its territory»

«On climate, EU leaders failed to agree on new ambitious targets as Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia rejected a clear long-term climate neutrality goal at the summit on Thursday.»

* * * * * * *

Poniamoci adesso una domanda.

Cosa potrebbe succedere se Mr Macron si indebolisse ulteriormente dopo il probabile smacco del G7 abortito e se Frau Merkel fosse obbligata a lasciare la cancelleria a causa del disastro che si profila nel voto nei Länder orientali?


EU Observer. 2019-06-22. EU puts forward five-year plan focusing on ‘protection’

EU leaders on Thursday (20 June) night agreed to an ambitious agenda for the bloc intended to serve as a benchmark for decisions in the next five years.

But when one reads the ‘new strategic agenda’ through the prism of reality, it is hard to see how the EU will be able to act on it – given the existing deep divisions among member states.

Precisely those divisions foreshadow a bloc that will increasingly take decisions on the basis of the lowest common denominator, rather than bold strategic visions.

Nevertheless, the agenda hits all the right notes.

It defines the EU as a protector and guarantor of the rights, freedoms and prosperity of European citizens in a world that “has become increasingly unsettled, complex and subject to rapid change”.

It underlines the message that emerged from EU leaders as a result of the migrant crisis and the populist wave that followed in the footsteps of asylum seekers: a Europe that protects.

EU leaders promise to strengthen the EU’s ability to stand alone in the world, in response to US president Donald Trump’s threats to pull out of Nato, Russia’s hybrid warfare and China’s aggressive trade practices.

“Over the next five years, the EU can and will strengthen its role in this changing environment,” the EU leaders promise.

Their priorities are “protecting citizens and freedoms”, “developing a strong and vibrant economic base”, “building a climate-neutral, green, fair and social Europe”, “promoting European interests and values on the global stage”.

Double standard

But it is already at the first pledge where the agenda develops a strange friction with reality.

“The EU shall defend the fundamental rights and freedoms of its citizens,” the document says, adding that “the rule of law, with its crucial role in all our democracies, is a key guarantor that these values are well protected; it must be fully respected by all member states and the EU”.

The EU Commission and the European Parliament, after years of procrastinating and labouring on new tools to protect the rule of law, has acted on infringements of judicial independence, for instance in Hungary and Poland.

But member states, and the EU itself, has failed to counter the systematic erosion of those freedoms, particularly in Hungary.

Scholars and observers are debating whether an EU member state, Hungary – which has signed up to this agenda – can truly qualify as a democracy.

The political and legal developments leading to this question all happened under the EU’s watch.

Defining borders

EU leaders, partly due to the insistence of Hungary’s prime minister Viktor Orban, have also pledged to protect the bloc’s external borders.

There is a clear desire from EU leaders to show citizens that the 2015 migrant wave will never happen again and the EU can keep track of who is entering its territory.

“Effective control of the external borders is an absolute prerequisite for guaranteeing security,” the document states.

It also pledges to that leaders are “determined to further develop a fully functioning comprehensive migration policy”, including asylum reform.

The EU has struggled with reforming its asylum policy for over three years, mainly because it is stuck on the issue of whether all countries should participate in distributing asylum seekers – in case of another migrant wave, that leaders pledge will never happen.

Some countries, where political forces are keen on keeping migration in the headlines and where anti-EU sentiment is whipped up by those in charge, were not interested in an asylum deal. Why would this attitude change any time soon?

Another pledge is sticking to deepening the single market, and making sure Europe does not lose out in the global digital and articificial intelligence competition. An important step is a promise to “dressing the fragmentation of European research, development and innovation”.

However, both the Horizon2020 and the Juncker plan, aimed at boosting investment and innovation, fell short of closing those gaps.

Climate change

On climate, EU leaders failed to agree on new ambitious targets as Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia rejected a clear long-term climate neutrality goal at the summit on Thursday.

Nevertheless, they write in the agenda that the “EU can and must lead the way, by engaging in an in-depth transformation of its own economy and society to achieve climate neutrality”.

Along with migration and climate, inequality is another issue where voters’ frustrations seemed to have prompted an EU pledge to respond.

EU leaders said recalibrating towards a greener economy requires “keen attention” to social issues, and pledge to implement a “European Pillar of Social Rights”, warning that deepening inequalities pose political and economic risks.

Yet the reason the social pillar was slow to strengthen – member states’ efforts to keep tax issues and social benefits close to home – is not likely to change soon.

EU leaders also pledge to step up Europe’s defensive capabilities, while protecting a rule-based multilateral world order.

“The EU needs to be more assertive and effective,” the agenda claims, but with diverging foreign affairs interests, it is difficult to see how this one single European voice can emerge from a cacophony of different capitals – even if some member states would be willing to decide some foreign affairs issues by majority rule.

The EU leaders’ agenda is ambitious and aims to respond to voters’ very much tangible concerns, but the track record of member states shows that the EU’s strategic thinking can easily fall apart as soon as interests diverge, and they do.

And while the leaders set out their program, the four biggest parties in the European Parliament are also working for their own agenda for the next five years.

They hope to agree on it by next Tuesday.

For which agenda the next EU commission president – and who that president is – will be willing to take political risks, remains to be seen.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Di Maio. Un intervento degno di essere letto e meditato.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-24.

Di Maio 001

Adnk riporta ampie citazioni virgolettate del discorso tenuto dall’on Di Maio sullo stato del Movimento Cinque Stelle. Molte delle affermazioni che espone sembrerebbero essere del tutto oneste e sensate, e nel leggerle sarebbe anche utile ricordarsi come l’on Di Maio ricopra un ruolo politico vidimato dal voto popolare.

*

«Non mi interessa se in buona fede o in mala fede, ma se qualcuno in questa fase destabilizza il MoVimento con dichiarazioni, eventi, libri, destabilizza anche la capacità del Movimento di orientare le scelte di Governo»

«Qui stiamo lavorando per il Paese, e questo non lo posso permettere. Abbiamo tutti una grande responsabilità. Sentiamola»

«Si rimettano i carriarmatini nella scatola e ognuno porti avanti il ruolo che è chiamato ad assolvere nella società: ministro, parlamentare, attivista, cittadino. Un ruolo non è migliore dell’altro, per quanto mi riguarda. Ma tutti devono essere rispettati e ognuno stia al proprio posto»

«Destabilizzare il Governo in questo momento in cui il Presidente del Consiglio sta portando avanti una trattativa difficilissima con l’Unione Europea è da incoscienti, e questo lo dico sia al MoVimento che alla Lega. Non permetterò che né io né il MoVimento veniamo indeboliti da queste dinamiche. Ci mancherebbe altro. Ma è bene che tutti sappiano. Dobbiamo essere una testuggine, non un campo estivo»

«Il mio ruolo non è per niente semplice. Ogni volta che sono riuscito a far approvare una proposta di legge che poi, una volta Legge, ci ha riempito di orgoglio, ho dovuto fare un accordo di maggioranza ad un vertice di maggioranza»

«Mi sono seduto al tavolo per ore e per notti intere ed ho contrattato ogni punto, visto che non abbiamo mai avuto una maggioranza autonoma. Ogni volta che abbiamo preso decisioni su leggi che hanno cambiato o cambieranno la vita a milioni di italiani, ho dato il massimo per trovare la quadra e ottenere il miglior risultato per i cittadini, nonostante le profonde differenze di vedute che c’erano all’interno del Governo. Ho fatto solo il mio dovere, ma questo non vuole dire che sia stato semplice»

«La forza di contrattare a quei tavoli proviene fondamentalmente da due fattori: capacità personali e compattezza della forza politica che rappresenti. Oggi vorrei soffermarmi su questo secondo punto. Quando due forze politiche si siedono al tavolo attraverso i loro capi politici, ognuno dei due deve poter garantire che sugli accordi che si prendono, i parlamentari, i sindaci, i governatori, agiranno di conseguenza. Se non è così iniziano seri problemi. Ed è anche per questo che in passato quando qualcuno non ha votato la fiducia al Governo è stato espulso»

«Io sono preoccupato per la procedura d’infrazione, ma anche fiducioso perché l’Italia può pretendere molto di più ai quei tavoli ma per pretendere dobbiamo essere uniti come forze politiche e dentro le forze politiche»

«C’è bisogno di unità. E così non solo noi potremmo evitare la procedura ma anche fare una legge di bilancio che elimina una serie di balzelli che pesano sulla vita dei cittadini»

* * * * * * *

Sono discorsi che grondano sano buon senso.

Alcuni elementi sembrerebbero essere di portata generale.

Se è perfettamente logico che i membri di un partito politico dibattano sul da farsi magari anche dovendosi adattare alle realtà emergenti, e se è altrettanto logico che si mettano in campo i più disparati pensieri, è sicuramente un processo dialettico il cui contenuto non dovrebbe trapelare al pubblico se non ad argomento sviscerato e riportato da quanti abbiano il diritto di parlare a nome del partito.

La fuga di notizie, gli sfoghi di ambizioni conculcate, le invidie mal represse del successo altrui percepito come danno emergente, per non menzionare poi gli interventi pilotati direttamente dall’estero sono materia da basso impero, da condannarsi senza possibilità di appello.

L’on Di Maio ha perfettamente ragione quando afferma che sia in corso una delicatissima trattativa in sede Unione Europea, esattamente come ha ragione da stravendere quando ricorda che la forza internazionale di un capo di governo affonda le sue radici nella sua robustezza interna.

Destabilizzare il M5S significa sottominare il potere contrattuale del Governo in sede Unione Europea in un momento di delicate trattative, i risultati delle quali perdureranno per cinque lunghi anni.

I comportamenti stigmatizzati sono però di entità tale da generare un dubbio che rasenta la certezza: molti ambienti e molte persone, a tra questa anche quanti siano o siamo stati nel M5S non sono insensibili al tintinnio dell’oro del Reno e sono diventati cooperatori di opera disgregatrice, che affonda il proprio cui prodest ben al di là delle frontiere nazionali.


Adnk. 2016-09-23. Ira Di Maio: “Basta destabilizzare il M5S”

“Non mi interessa se in buona fede o in mala fede, ma se qualcuno in questa fase destabilizza il MoVimento con dichiarazioni, eventi, libri, destabilizza anche la capacità del Movimento di orientare le scelte di Governo”. Così scrive Luigi Di Maio, su Facebook, ‘bacchettando’ senza citarlo ad Alessandro Di Battista. “Qui stiamo lavorando per il Paese, e questo non lo posso permettere. Abbiamo tutti una grande responsabilità. Sentiamola”, spiega ancora il vicepremier e capo politico M5S, che nella lunghissima riflessione affidata ai social rivendica sforzi e lavoro svolto finora dalla parte pentastellata dell’esecutivo, ‘bastonando’ anche la senatrice Nugnes, ‘rea’ secondo Di Maio di tradire le promesse del partito. “Stiamo governando la Nazione Italia, non stiamo giocando a risiko”, spiega ancora Di Maio, che aggiunge: “Si rimettano i carriarmatini nella scatola e ognuno porti avanti il ruolo che è chiamato ad assolvere nella società: ministro, parlamentare, attivista, cittadino. Un ruolo non è migliore dell’altro, per quanto mi riguarda. Ma tutti devono essere rispettati e ognuno stia al proprio posto”.

Di Battista: “Con Di Maio chiarirò, chi destabilizza è Salvini”

Poi il monito a compagni e alleati: “Destabilizzare il Governo in questo momento in cui il Presidente del Consiglio sta portando avanti una trattativa difficilissima con l’Unione Europea è da incoscienti, e questo lo dico sia al MoVimento che alla Lega. Non permetterò che né io né il MoVimento veniamo indeboliti da queste dinamiche. Ci mancherebbe altro. Ma è bene che tutti sappiano. Dobbiamo essere una testuggine, non un campo estivo“.

Il ministro passa quindi al suo ruolo di partito e di governo: “Il MoVimento ha deciso, dopo le elezioni europee, che io dovessi continuare ad essere il capo politico del Movimento. Da sempre ho incentrato il mio ruolo su un obiettivo: il MoVimento 5 Stelle al Governo per cambiare l’Italia. E così sarà”.

“Il mio ruolo non è per niente semplice. Ogni volta che sono riuscito a far approvare una proposta di legge che poi, una volta Legge, ci ha riempito di orgoglio, ho dovuto fare un accordo di maggioranza ad un vertice di maggioranza”, sottolinea. “Mi sono seduto al tavolo per ore e per notti intere ed ho contrattato ogni punto, visto che non abbiamo mai avuto una maggioranza autonoma. Ogni volta che abbiamo preso decisioni su leggi che hanno cambiato o cambieranno la vita a milioni di italiani, ho dato il massimo per trovare la quadra e ottenere il miglior risultato per i cittadini, nonostante le profonde differenze di vedute che c’erano all’interno del Governo. Ho fatto solo il mio dovere, ma questo non vuole dire che sia stato semplice”.

“La forza di contrattare a quei tavoli proviene fondamentalmente da due fattori: capacità personali e compattezza della forza politica che rappresenti. Oggi vorrei soffermarmi su questo secondo punto. Quando due forze politiche si siedono al tavolo attraverso i loro capi politici, ognuno dei due deve poter garantire che sugli accordi che si prendono, i parlamentari, i sindaci, i governatori, agiranno di conseguenza. Se non è così iniziano seri problemi. Ed è anche per questo che in passato quando qualcuno non ha votato la fiducia al Governo è stato espulso”.

Quindi il capitolo senatori: “Oggi – scrive Di Maio – leggo che la senatrice Paola Nugnes vuole lasciare il MoVimento 5 Stelle anche perché reputa la legge che taglia 345 parlamentari, una legge anti democratica. Se si vuole tradire una promessa, bisognerebbe dimettersi non passare al misto”.

Per me la manovra si può fare pure domani mattina il tema è che ancora non conosco le coperture della flat tax e questa è una responsabilità e un onere della Lega che ha vinto le elezioni europee ed è giusto che avanzi la sua proposta economica”. “Io sono preoccupato per la procedura d’infrazione, ma anche fiducioso perché l’Italia può pretendere molto di più ai quei tavoli ma per pretendere dobbiamo essere uniti come forze politiche e dentro le forze politiche”. “Perché ogni volta che uno prova a scrivere una legge di bilancio a mezzo stampa o a trovare 10 miliardi a mezzo stampa o prova a indebolire una forza politica con libri, interviste, post l’unica cosa che si fa è indebolire il governo di una delle prime sette potenze del mondo. C’è bisogno di unità. E così non solo noi potremmo evitare la procedura ma anche fare una legge di bilancio che elimina una serie di balzelli che pesano sulla vita dei cittadini”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Polonia, Repubblica Ceka, Ungheria ed Estonia bloccano la EU sul carbone.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-24.

2019-06-22__Clima__001

«Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).»

«The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050” – a date too specific for them»

«Poland was leading the opposition, with support from the Czech Republic and Hungary»

«A clear commitment for the 2050 date was also missing from Estonia, an EU source said on condition of anonymity.

Another EU source said “three and a half states” were against – in an illustration of the non-committal stance of Estonia»

«But in the end, the leaders decided to scrap the 2050 commitment»

«The final text now says the EU aspires to climate neutrality “in line with the Paris agreement”, and the mention of the year 2050 was moved to a footnote»

«Ironically, in the text published on the European Council website on Thursday evening, the footnote initially was not included»

* * * * * * *

Per meglio comprendere il significato di questa posizione si dovrebbe leggere con cura il testo rilasciato dal Consglio Europeo.

«European Council conclusions on the MFF, climate change, disinformation and hybrid threats, external relations, enlargement and the European Semester, 20 June 2019

  1. Multiannual financial framework

  2. The European Council welcomed the work done under the Romanian Presidency and took note of the various elements of the MFF package. It called on Finland’s Presidency to pursue the work and to develop the Negotiating Box. On that basis the European Council will hold an exchange of views in October 2019, aiming for an agreement before the end of the year.

III. Climate change

  1. The European Council emphasises the importance of the United Nations Secretary General’s Climate Action Summit in September for stepping up global climate action so as to achieve the objective of the Paris Agreement, including by pursuing efforts to limit the temperature increase to 1.5°C above pre-industrial levels. It welcomes the active involvement of Member States and the Commission in the preparations.

  2. Following the sectoral discussions held over recent months, the European Council invites the Council and the Commission to advance work on the conditions, the incentives and the enabling framework to be put in place so as to ensure a transition to a climate-neutral EU in line with the Paris Agreement [1] that will preserve European competitiveness, be just and socially balanced, take account of Member States’ national circumstances and respect their right to decide on their own energy mix, while building on the measures already agreed to achieve the 2030 reduction target. The European Council will finalise its guidance before the end of the year with a view to the adoption and submission of the EU’s long-term strategy to the UNFCCC in early 2020. In this context, the European Council invites the European Investment Bank to step up its activities in support of climate action.

  3. The EU and its Member States remain committed to scaling up the mobilisation of international climate finance from a wide variety of private and public sources and to working towards a timely, well-managed and successful replenishment process for the Green Climate Fund.»

Dapprima esprime un enunciato di principio:

«take account of Member States’ national circumstances and respect their right to decide on their own energy mix»

Poi si arriva al nocciolo vero.

«Multiannual financial framework …. Green Climate Fund»

L’obiettivo è arrivare a varare un piano finanziario pluriennale che sostenga il Green Climate Fund, le risorse del quale saranno impiegate per sostenere le economie tedesca, francese ed olandese.

Interessano i soldi: il ‘clima’ è solo la foglia di fico che santificherebbe il saccheggio.

Ma il piano finanziario pluriennale deve essere approvato dal Consiglio Europeo alla unanimità, e l’epoca in cui l’asse francogermanico era onnipotente è tramontata.


EU Observer. 2019-06-22. Four states block EU 2050 carbon neutral target

Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).

The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050” – a date too specific for them.

Poland was leading the opposition, with support from the Czech Republic and Hungary.

A clear commitment for the 2050 date was also missing from Estonia, an EU source said on condition of anonymity.

Another EU source said “three and a half states” were against – in an illustration of the non-committal stance of Estonia.

“There was lots of back and forth and ‘how can we persuade you’,” added the source.

But in the end, the leaders decided to scrap the 2050 commitment.

The final text now says the EU aspires to climate neutrality “in line with the Paris agreement”, and the mention of the year 2050 was moved to a footnote.

“For a large majority of member states, climate neutrality must be achieved by 2050,” that footnote said.

Ironically, in the text published on the European Council website on Thursday evening, the footnote initially was not included.

Climate neutrality refers to an economy in which the emission of greenhouse gases caused by human activity is mostly prevented, and any remaining emissions are compensated through for example planting additional trees or capturing emissions and storing them.

The reference of climate neutrality “in line with the Paris agreement” is open to interpretation.

The global climate agreement, clinched in 2015 in the French capital, said that the entire world should reach climate neutrality “in the second half of this century”.

However, the Paris deal also said that efforts must be made to limit global warming to an average temperature rise of 1.5C, compared to pre-industrial levels.

The failure to reach a consensus on 2050 will be a disappointment to many who saw positive signs in recent weeks.

That 2050 target seemed to gain momentum recently after the EU’s largest state, Germany, decided to support it.

Also earlier this month, the United Kingdom, although leaving the EU, committed to a domestic zero-emissions target by 2050, while Italy also came on board.

But at the EU summit in Brussels it proved to be impossible to convince the last quartet of sceptics.

Consensus is needed for leaders to adopt official conclusions.

One diplomatic source said the reluctance of some coal-dependent member states was “expected”.

“It’s easier for Scandinavian countries to commit to climate neutrality,” he said.

“These are known differences [between the member states]”, he added.

Poland’s permanent representation in Brussels said in a tweet that prime minister Mateusz Morawiecki “defends [Poland]’s interests in discussion about climate policy”.

“Fair distribution of climate protection costs means taking into account the specificities of [member states]. Climate goals are important in the same way as their implementation, taking into account citizens & economy,” it said.

‘Blew it’

But non-governmental organisations were frustrated with the outcome.

Greenpeace said that Europe’s governments “had a chance to lead from the front and put Europe on a rapid path to full decarbonisation”.

“They blew it,” the environmental lobby group added.

Friends of the Earth meanwhile called the vetoes “criminal behaviour”.

“The reference to being in line with the Paris agreement in such a flimsy text makes a mockery of that agreement, and should not be allowed to stand,” said WWF.

The diplomatic source stressed, however, that the EU was “still ambitious” and that he never expected the final target year to be agreed at this summit.

“The climate debate is not finished. It will come back, certainly, in December,” he said.

Meanwhile at the summit, the leaders did agree in the text to submit a long-term climate strategy to the UN climate body in “early 2020”, and adopted a Strategic Agenda which identified climate action as one of the EU’s priorities.

The Strategic Agenda, covering the 2019-2024 period, said the EU’s policies should be “consistent with the Paris agreement” – but also did not contain a specific year for carbon neutrality.

“As the effects of climate change become more visible and pervasive, we urgently need to step up our action to manage this existential threat. The EU can and must lead the way, by engaging in an in-depth transformation of its own economy and society to achieve climate neutrality,” it said.

Another new impetus for the climate debate will be on 1 July when Finland takes over the helm for six months as EU president.

Earlier this month Finland said it wanted to be climate neutral by 2035.

In the early hours of Friday, European Council president Donald Tusk told press “reaching unanimity was not possible today”.

“However, we have good reason to believe that this may change, as no country ruled out the possibility of a positive decision in the coming months,” said Tusk.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Unione Europea

Germania recluta Soros nella campagna elettorale nei Länder orientali.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-24.

Soros George 002

Tra qualche mese si voterà in tre Länder della Germania orientale.

In Thüringen AfD è quotata al 20%, in Sachsen al 24% e nel Brandenburg al 21%: potrebbe diventare il partito di maggioranza relativa.

Questo sicuramente per la sua abilità a parlare al cuore ed alla mente della gente, ma altrettanto sicuramente per l’implosione dei partiti tradizionali: in Sachsen l’Spd è all’8% e nel Brandenburg la Cdu è al 17%. Però. nei Länder orientali i Grüne non hanno sfondato: in Thüringen raggiungono solo l’8%.

Se sia importante conquistare il cancellierato e la maggioranza nel parlamento federale, altrettanta importanza riveste il controllo dei Länder, che nominano i sentori nel senato federale.

* * * * * * *

Nessuno si aspetti risultati rivoluzionari, ma

«The anti-immigration party made  gains in the region in the European Parliament elections last month, emerging as a powerful political force in eastern Germany.»

Al momento AfD ha l’ostracismo di tutte le forze politiche liberal ed è soggetta ad una conventio ad excludendum che non si vedeva dal 1933. Ma il tempo, la devoluzione del socialismo liberal a livello mondiale, e la crisi economica lavorano a suo favore,

* * *

Con l’avvallo, per non dire richiesta, del governo federale, ombra di ciò che fu in passato, adesso Mr George Soros scende in campo nella battaglia elettorale all’est, agendo da stato nello stato: infondo la Germania è un suo dominion.

«George Soros’s Open Society Foundation is gearing up to battle hate and the far-right in eastern Germany. The Alternative for Deutschland (AfD) is predicted to perform well in three upcoming state elections»

«The foundation of American billionaire George Soros plans to expand operations in eastern Germany where right-wing populists are strong, his Open Society Foundation said Friday»

«As a first step we will work with local partners in East Berlin and surrounding areas to launch an initiative to fight against hate crimes»

«In light of the political landscape in eastern Germany, the Open Society Foundation is seeking to support organizations that promote an open, liberal and pluralistic Germany. …. the foundation supports more than 50 civil society organizations in Germany»

«Under pressure from Hungarian Prime Minister Viktor Orban, the Open Society Foundation closed its doors in Budapest last year and moved one of its main offices to Berlin.»

* * * * * * *

Si resta attoniti e stupefatti nel constatare come la Germani accetti che una forza straniera svolga un’attiva campagna elettorale durante le elezioni nei Länder. Se mai ce ne fosse stato bisogno, questa è una prova ulteriore di quanto la Germania ed il suo attuale Governo siano commissariati da forze estere, che degli interessi dei tedeschi non tengono alcun conto.

A loro interessa esclusivamente il potere per il potere: sono intrinsecamente dittatoriali come a suo tempo lo furono Lenin e Stalin o, meglio, un Quisling

Ci si prepari quindi a ciò che avverrà.

Chiunque parlasse bene di AfD sarebbe immediatamente accusato di spargere discorsi di odio.

Similmente, constatare il fallimento della Große Koalition sarebbe subito un discorso di odio.

Nota.

Molte persone avversano a parole Mr Soros, ma nei fatti appoggiano le ideologia propalate dalle ong a lui facenti capo. Non si rendono conto che Mr Soros ha scatenato in Europa un’offensiva globale, che può essere contrastata esclusivamente utilizzando una strategia altrettanto globale.

Gli amici dei nostri nemici sono nostri nemici.


Deutsche Welle. 2019-06-22. George Soros to target far-right in eastern Germany

George Soros’s Open Society Foundation is gearing up to battle hate and the far-right in eastern Germany. The Alternative for Deutschland (AfD) is predicted to perform well in three upcoming state elections.

*

The foundation of American billionaire George Soros plans to expand operations in eastern Germany where right-wing populists are strong, his Open Society Foundation said Friday.

“As a first step we will work with local partners in East Berlin and surrounding areas to launch an initiative to fight against hate crimes,” said Selmin Caliskan, the director of the foundation’s Berlin bureau on Friday. Details of the action will be released in the coming months.

The right-wing Alternative for Deutschland (AfD) is strongest in Germany’s formerly Communist east, where three states — Thuringia, Saxony and Brandenburg —  hold elections in the fall.

The anti-immigration party made  gains in the region in the European Parliament elections last month, emerging as a powerful political force in eastern Germany. The AfD is currently represented in Germany’s federal parliament and every state legislature.

In light of the political landscape in eastern Germany, the Open Society Foundation is seeking to support organizations that promote an open, liberal and pluralistic Germany. According to Caliskan, the foundation supports more than 50 civil society organizations in Germany.

The Hungarian-born Soros has become a bête noire of the European far-right for his promotion of open borders and liberal causes.

Under pressure from Hungarian Prime Minister Viktor Orban, the Open Society Foundation closed its doors in Budapest last year and moved one of its main offices to Berlin.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

SP con le spalle al muro. Estinzione o fuori dal governo. – Reuters.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-22.

2019-06-22__Spd__001

Secondo le ultime prospezioni elettorali l’Spd scenderebbe da 59 a 23 deputati nelle circoscrizioni, passando dal 20.5% al 12%.

La sua base elettorale è formata principalmente da anziani, i suoi iscritti sono vetusti, ed il partito non è in grado di formulare un programma politico di sorta: è una balena spiaggiata.

Continuare con la Große Koalation è un puro e semplice suicidio, essendo a rimorchio di una Frau Merkel asfittica, capace soltanto di ripetere logori slogan come un vecchio disco di vinile inceppato.

Le dimissioni di Andrea Nahles sono la testimonianza di tale crisi.

2019-06-22__Spd__002

*

«Germany’s Social Democrats (SPD) should involve rank-and-file members in a decision on whether to remain in the governing coalition led by Chancellor Angela Merkel’s conservatives, the center-left party’s most senior minister said»

«Finance Minister Olaf Scholz, who made the comments in extracts from an interview with news magazine Der Spiegel, stopped short of explicitly advocating a membership ballot on the issue, however»

«The coalition has been under strain almost since it was laboriously patched together last autumn, and calls from within the SPD for the party to pull out have grown louder since its disastrous showing this spring in European Parliament and regional elections»

«If Scholz’s proposal is adopted, the membership could have the chance to use a planned half-time review to end the government»

* * * * * * *

In autunno si voterà in tre Länder orientali, ed i sondaggi danno l’Spd ridotta ad un’unica cifra percentuale: potrebbe anche avere difficoltà a superare la soglia di sbarramento.

L’impressione netta è che prolungare i tempi di attesa di una decisione potrebbero risultare essere fatali.


Reuters. 2019-06-22. SPD members need a say over German coalition’s fate, Scholz tells Spiegel

Germany’s Social Democrats (SPD) should involve rank-and-file members in a decision on whether to remain in the governing coalition led by Chancellor Angela Merkel’s conservatives, the center-left party’s most senior minister said.

Finance Minister Olaf Scholz, who made the comments in extracts from an interview with news magazine Der Spiegel, stopped short of explicitly advocating a membership ballot on the issue, however.

The coalition has been under strain almost since it was laboriously patched together last autumn, and calls from within the SPD for the party to pull out have grown louder since its disastrous showing this spring in European Parliament and regional elections.

If Scholz’s proposal is adopted, the membership could have the chance to use a planned half-time review to end the government.

“We agreed to take stock at the end of this year,” he told the magazine. “I take that very seriously. And since it was our members who decided to join this coalition, this question can’t be left for a meeting of the party leadership.”

As the second most senior member of the government, Scholz’s views carry great weight, all the more so since the SPD’s leader Andrea Nahles resigned this month. She has yet to be replaced.

Party high-ups are due to discuss on Monday how the revision clause that was placed in the coalition agreement to win over reluctant members will be implemented.

The SPD, which along with Merkel’s conservatives has dominated post-war German politics, has fallen to fourth place in some opinion polls.

Regardless of the outcome of the review, Scholz said the SPD would not enter into another coalition with the conservatives.

A pullout could lead either to the formation of a new coalition, possibly under a different chancellor, or early elections.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Fitto (FdI) eletto co-presidente del gruppo Ecr al parlamento europeo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-22.

ECR 001

Il gruppo parlamentare europeo  European Conservatives and Reformists Group alla unanimitù ha eletto come co-presidenti Raffaele Fitto, di Fratelli di Italia, ed il polacco Ryszard Legutko del PiS.

Ecr dispone di 63 / 751 seggi.

Protecting and respecting member states

Common sense & sustainability

«If the EU and its global partners really want to tackle issues such as climate change, recycling, waste, emissions and pollution, food quality and food security, then the EU needs to adopt sensible and sustainable measures which do not place unnecessary and costly burdens on businesses and Member States. Rather than unrealistic targets which will never be fulfilled or properly implemented, the ECR Group supports an ambitious, incremental, and sensible approach that all Member States can support.»

Added value for taxpayers

«A key priority for the ECR Group is cutting much of the suffocating regulation that the EU has adopted and applied to businesses. The ECR Group is constantly identifying where Member States and the EU are implementing EU rules in an unnecessarily bureaucratic and complicated way. By reducing mindless bureaucracy and unnecessary laws, and by ensuring that EU policies are operating efficiently, we can make your taxes work harder than ever!

The ECR Group has led the way on common sense policymaking, and in ensuring that the EU properly implements the competitiveness test, particularly for small and medium sized businesses. The EU needs regulation that provides a level playing field for businesses whilst protects consumers, without uneven implementation across the EU. »

* * * * * * *

La reale potenza politica dell’Italia inizia a dispiegarsi. Saranno die italiani ad essere co-presidente dei gruppi identitari sovranisti.

Una sola nota, ma non di scarsa importanza.

Ecr fa molto spesso ricorso al sintagma ‘common sense‘: il caro, vecchio, sano buon senso.

È un richiamo metodologico che sembrerebbe essere condivisibile in pieno, specie poi in un periodo in cui la maggior parte degli schieramenti politici patrocina programmi implementati attorno ad una idea centrali, assolutizzata ed ideologizzata.

Ci richiama alla memoria il grande Orazio:

«Est modus in rebus: sunt certi denique fines, quos ultra citaque nequit consistere rectum»

“C’è una misura nelle cose: vi sono precisi confini, oltre i quali non può sussistere il giusto.“

*

«reducing mindless bureaucracy and unnecessary laws»

Questo solo obiettivo programmatico val bene lo sforzo di cercare di attuarlo al meglio, con ragionevolezza.


Ansa. 2019-06-20. Fitto (Fdi) eletto co-presidente del gruppo Ecr al Pe

L’eurodeputato italiano Raffaele Fitto (Fratelli d’Italia) è stato eletto co-presidente del gruppo dei Conservatori e riformisti (Ecr) insieme al polacco Ryszard Legutko (Diritto e giustizia-Pis). “Essere stato eletto all’unanimità co-presidente del gruppo dei Ecr non è solo un grande onore, ma anche un motivo di soddisfazione e orgoglio per me e per Fratelli d’Italia”, ha affermato Fitto, sottolineando che “oggi, in Europa, Fratelli d’Italia è la seconda delegazione del gruppo europeo dei conservatori”.

“La mia elezione a co-presidente è la prova di quanto e come siamo cresciuti politicamente e nelle urne. Un grazie ai colleghi di tutte le delegazioni che mi hanno dato fiducia, darò il massimo perché sia ben riposta”, ha detto Fitto. “Il grazie più grande va a Giorgia Meloni – ha aggiunto – per la sua lungimiranza, per aver intuito che nel centrodestra c’era bisogno di una nuova proposta politica che rilanciasse i valori e i principi della destra, ma con un nuovo linguaggio capace di includere anche chi veniva da storie diverse, ma coerenti con un percorso. Oggi la mia elezione è il successo anche di questo progetto politico”.