Pubblicato in: Armamenti, Senza categoria, Stati Uniti

USA. Testato in mare un sistema laser antiaereo.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-05.

2020-05-25__Laser 013

Laser è la sigla di light amplification by stimulated emission of radiation, che indica un dispositivo per ottenere fasci intensi ed estremamente concentrati di radiazioni elettromagnetiche coerenti nei campi infrarosso, visibile e ultravioletto.

«The U.S. Department of Defense (DoD) has made large investments weaponizing laser technology for air defense. Despite billions of dollars spent, there has not been a successful transition of a high-energy laser (HEL) weapon from the lab to the field. Is the dream of a low-cost-per-shot, deep-magazine, speed-of-light HEL weapon an impossible dream or a set of technologies that are ready to emerge on the modern battlefield? Because of the rapid revolution taking place in modern warfare that is making conventional defensive weapons very expensive relative to the offensive weapons systems, the pull for less expensive air defense may necessitate a HEL weapon system. Also, due to the recent technological developments in solid-state lasers (SSL), especially fiber lasers, used throughout manufacturing for cutting and welding, a HEL weapon finally may be able to meet all the requirements of ease of use, sustainability, and reliability. Due to changes in warfare and SSL technology advances, the era of HEL weapons isn’t over; it may be just starting if DoD takes an evolutionary approach to fielding a HEL weapon. The U.S. Navy, with its large ships and their available electric power, should lead the way.» [Optical Engineering 52(2): 1008- · February 2013]

* * * * * * *

«The US successfully tested a laser weapon that can destroy aircraft mid-flight»

«A US Navy warship has successfully tested a new high-energy laser weapon that can destroy aircraft mid-flight, the Navy’s Pacific Fleet said in a statement Friday»

«Images and videos provided by the Navy show the amphibious transport dock ship USS Portland executing “the first system-level implementation of a high-energy class solid-state laser” to disable an aerial drone aircraft»

«The images show the laser emanating from the deck of the warship. Short video clips show what appears to be the drone burning»

«The power of the weapon was not disclosed, but a 2018 report from the International Institute for Strategic Studies said it was expected to be a 150-kilowatt laser»

«With this new advanced capability, we are redefining war at sea for the Navy»

«The Navy says lasers, which it calls directed energy weapons (DEW), can be effective defenses against drones or armed small boats»

«We don’t worry about wind, we don’t worry about range, we don’t worry about anything else. We’re able to engage the targets at the speed of light.»

* * * * * * *

Sviluppo e tecnologie laser sono protette da segreto militare: le informazioni rilasciate sono scarse e spesso contrastanti.

Quello riportato è uno dei primi test pubblicizzati di impiego sul campo di un’arma laser, di cui al momento si prospetta l’uso a difesa da droni, ossia aerei non a guida umana, usualmente subsonici, che volano a quote relativamente basse.

Significativo il fatto che l’annuncio sia stato dato dalla sede di Hong Kong della Cnn.

*

The US successfully tested a laser weapon that can destroy aircraft mid-flight.

A US Navy warship has successfully tested a new high-energy laser weapon that can destroy aircraft mid-flight, the Navy’s Pacific Fleet said in a statement Friday.

Images and videos provided by the Navy show the amphibious transport dock ship USS Portland executing “the first system-level implementation of a high-energy class solid-state laser” to disable an aerial drone aircraft, the statement said.

The images show the laser emanating from the deck of the warship. Short video clips show what appears to be the drone burning.

The Navy did not give a specific location of the laser weapons system demonstrator (LWSD) test, saying only that it occurred in the Pacific on May 16.

The power of the weapon was not disclosed, but a 2018 report from the International Institute for Strategic Studies said it was expected to be a 150-kilowatt laser.

“By conducting advanced at sea tests against UAVs and small crafts, we will gain valuable information on the capabilities of the Solid State Laser Weapons System Demonstrator against potential threats,” Capt. Karrey Sanders, commanding officer of Portland, said in the statement.

“With this new advanced capability, we are redefining war at sea for the Navy.”

The Navy says lasers, which it calls directed energy weapons (DEW), can be effective defenses against drones or armed small boats.

“The Navy’s development of DEWs like the LWSD provide immediate warfighter benefits and provide the commander increased decision space and response options,” the statement said.

In 2017, CNN witnessed a live-fire exercise of a 30-kilowatt laser weapon aboard the amphibious transport ship USS Ponce in the Persian Gulf.

At the time, Lt. Cale Hughes, a laser weapons system officer, described how they work.

“It is throwing massive amounts of photons at an incoming object,” Hughes said. “We don’t worry about wind, we don’t worry about range, we don’t worry about anything else. We’re able to engage the targets at the speed of light.”

The Ponce was retired from service later that year.

*


Raytheon Delivers High-Energy Laser to US Air Force.

Raytheon Co., a technology and innovation leader specializing in defense, civil government, and cybersecurity solutions, delivered the first high-energy laser counter-unmanned aerial system (UAS) to the U.S. Air Force earlier this month. The Air Force will deploy the system overseas as part of a year-long experiment, to test the system’s efficacy in real-world conditions and to train operators.

Raytheon’s high-energy laser weapon system uses an advanced variant of the company’s multispectral targeting system (MTS) — an electro-optical/infrared (EO/IR) sensor — to detect, identify, and track combative drones. Once targeted, the system engages with and neutralizes the aircraft in seconds.

“Five years ago, few people worried about the drone threat,” said Roy Azevedo, president of Raytheon Space and Airborne Systems. “Now, we hear about attacks or incursions all the time. Our customers saw this coming and asked us to develop a ready-now counter-UAS capability. We did just that by going from the drawing board to delivery in less than 24 months.”

Raytheon installed its high-energy laser weapon system (HELWS) on a small all-terrain vehicle. On a single charge from a standard 220-V outlet, the HELWS can deliver intelligence, surveillance, and reconnaissance capability, and dozens of precise laser shots. Paired with a generator, it can provide an almost unlimited number of shots.

Raytheon is integrating multiple proven technologies to counter UAS dangers across a wide range of targets, such as commercial airports, forward operating bases, and crowded stadiums. Raytheon’s portfolio of sensors, command and control (C2) systems, and kinetic and nonkinetic effectors offers effective defenses against the various threats posed by UASs.

Pubblicato in: Armamenti, Devoluzione socialismo, Geopolitica Africa, Problemi militari, Russia

Russia. Dispiegati cacciabombardieri in Libia. La strategia russa in Africa.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-03.

2020-06-03__Russia Africa 001

Inizia a delinearsi la strategia di Mr Putin e della Russia per il dominio del Mare Mediterraneo. Dapprima l’intervento militare diretto in Siria, adesso in Libia. Ma il Mediterraneo è solo un elemento di uno scacchiere ben più vasto: l’obiettivo è il dominio dell’Africa.

*

«The US has identified over a dozen Russia warplanes in Libya, marking Moscow’s first direct venture into the North African country»

«Experts say it is part of a larger Russian plan to expand its influence in the region»

«US Africa Command (AFRICOM) announced earlier this week that Russia had deployed at least 14 warplanes to Libya in support of private military contractors known as the Wagner Group»

«It was the first time Russian armed forces were identified in the North African country. Although the Wagner Group purportedly enjoys Russian state backing, the Kremlin had initially stopped short of deploying official military assets to Libya, despite Moscow’s support for general-turned-warlord Khalifa Haftar»

«For too long, Russia has denied the full extent of its involvement in the ongoing Libyan conflict»

«neither Haftar’s Libyan National Army (LNA) nor private military contractors could “arm, operate and sustain these fighters without state support — support they are getting from Russia»

«Russia is clearly trying to tip the scales in its favor in Libya …. The UN said Russia’s Wagner group already has up to 1,200 mercenaries in Libya.»

«Haftar’s LNA has sought to oust the UN-backed government Tripoli in favor of a rival Tobruk-based government. He has received support from Egypt, the United Arab Emirates and, at one point, even France. …. But Russia remains Haftar’s most committed ally»

«Strengthening the Russian military position in North Africa will undoubtedly provide Russian President Vladimir Putin with a much tighter grip over Europe and possibly even deep-rooted influence and control in the wider MENA region»

«Libya’s energy resources and the presence of several deep-water ports will give Putin the logistical and geo-strategical advantage he is attempting to achieve»

2020-06-03__Russia Africa 002

Sarebbe impossibile dominare il Mediterraneo senza poter disporre di porti con acque sufficientemente profonde da permetterne l’uso a navi da guerra. Ma gli unici porti ‘acquisibili’ al momento sono quelli della Libia.

2020-06-03__Russia Africa 003

«Russia’s state arms seller Rosoboronexport announced in April the first contract to supply assault boats to a country in sub-Saharan Africa»

«Russia is building its path to gain a foothold in Africa and broaden its export map for arms on the continent»

«Currently, it accounts for 49% of total arms exports to Africa, according to the database of the Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI)»

«Until now, Algeria remains the biggest recipient of Russian arms in Africa, followed by Egypt, Sudan and Angola …. In the early 2000s, 16 African countries were recipients of Russian arms. Between 2010 and 2019, the figure went up to 21»

«Starting in 2015, Russia started selling arms to oil-rich Angola — mainly fighter aircraft and combat helicopters»

«That same year, Algeria signed another arms deal to buy Russian weapons for $7.5 billion»

«Russia hosted the first-ever Russia-Africa summit in Sochi in 2019 as a way of further identifying cooperation possibilities across the continent. During the summit, Russian President Vladimir Putin stated that “the strengthening of ties with African countries is one of Russia’s foreign policy priorities”»

«This exhibition showed that Russia does not aim to offer disruptive new technologies in arms; instead, it focuses on improving the models that have been demanded the most»

«Russia sees Africa as a key potential partner in the vision for a multipolar world order»

«Less European, less trans-Atlantic and focused more on rising powers and rising regions»

«Despite widespread international condemnation of Mugabe’s regime, Russia stayed on the side of Zimbabwe: together with China, it vetoed the UN’s Security Council resolution for an arms embargo in 2008 and criticized Western sanctions»

«Russia has been scaling up activities in the mining of resources such as coltan, cobalt, gold, and diamonds in several other countries across Africa»

«For example, Algeria alone bought around 200 aircraft items from Russia from 2000 to2019, ranging from transporter helicopters to combat helicopters, bomber and fighter ground aircrafts. Various models of surface-to-air missiles (SAM) that are designed for destroying aircrafts or other missiles have been ordered from Algeria (several orders through 2000-2019), Burkina Faso, Egypt (several orders), Ethiopia, Libya and Morocco. Algeria also ordered tanks (more than 500 items in total), as did Uganda (67 items).»

«Cheap weapons — no questions asked»

«Africa is the continent where Russia can freely push one of the key elements of its exports: weapons. Arms trading accounts for 39% of Russia’s defense industry revenue.»

«Russian arms are good. It is universally recognized. Russian arms are also cheaper. There is no reason why African countries would not want to buy them»

«For example, in 2014, government soldiers in Nigeria were accused of human rights abuses against suspects in the country’s fight against Boko Haram. Afterwards, the US cancelled a shipment of attack helicopters, even though the deal had already been signed. That same year, Nigeria placed an order and received six Mi-35M combat helicopters from Russia»

«from 2009 to 2018, Russia accounted for 31% of Egypt’s imports of major weapons.»

«Russia’s defense industry is secretive; the law does not oblige companies to report on arms exports as such, and usually this information falls under the state’s secrecy laws.»

«China is generally growing as an arms exporter and shows similar patterns as Russia in a way of giving weapons with less political conditions»

* * * * * * *

Fornire armi e sistemi di arma è sicuramente una operazione economica, ma i risvolti politici sono evidenti: i paesi che si dotano di armamenti russi alla fine dipendono dalla Russia.

La chiave del successo è di un semplice banalità.

«Russian arms are good»

«Cheap weapons — no questions asked»

«giving weapons with less political conditions»

Il vizietto di voler imporre la propria Weltanschauung come prerequisito ai commerci sta costando all’occidente il domini mondiale.

*


Russia expands war presence in Libya.

The US has identified over a dozen Russia warplanes in Libya, marking Moscow’s first direct venture into the North African country. Experts say it is part of a larger Russian plan to expand its influence in the region.

US Africa Command (AFRICOM) announced earlier this week that Russia had deployed at least 14 warplanes to Libya in support of private military contractors known as the Wagner Group.

It was the first time Russian armed forces were identified in the North African country. Although the Wagner Group purportedly enjoys Russian state backing, the Kremlin had initially stopped short of deploying official military assets to Libya, despite Moscow’s support for general-turned-warlord Khalifa Haftar.

“For too long, Russia has denied the full extent of its involvement in the ongoing Libyan conflict,” said US Army General Stephen Townsend, who leads AFRICOM. “We watched as Russia flew fourth-generation jet fighters to Libya — every step of the way.”

The US general noted that neither Haftar’s Libyan National Army (LNA) nor private military contractors could “arm, operate and sustain these fighters without state support — support they are getting from Russia.

“Russia is clearly trying to tip the scales in its favor in Libya,” Townsend said.

The UN said Russia’s Wagner group already has up to 1,200 mercenaries in Libya.

Russia’s man

Haftar’s LNA has sought to oust the UN-backed government Tripoli in favor of a rival Tobruk-based government. He has received support from Egypt, the United Arab Emirates and, at one point, even France.

But Russia remains Haftar’s most committed ally.

Moscow has sought to expand its influence in the Middle East and North Africa (MENA) region and supported that mission through military escapades. In Syria, Moscow deployed its armed forces to prop up the Assad regime, a move that has ensured its place as a regional stakeholder.

“Strengthening the Russian military position in North Africa will undoubtedly provide Russian President Vladimir Putin with a much tighter grip over Europe and possibly even deep-rooted influence and control in the wider MENA region,” said Tomas Olivier, a counter-terrorism expert and former senior officer in the Dutch government.

“Libya’s energy resources and the presence of several deep-water ports will give Putin the logistical and geo-strategical advantage he is attempting to achieve,” Olivier added.

Risky business

Although the Russian Defense Ministry has yet to comment on the US allegations, Russian lawmaker Andrei Krasov, a member of the Russian parliament’s Defense Committee, dismissed them as “fake.”

With state-supported paramilitary forces on the ground, the Kremlin maintains the ability to deny direct involvement, yet still has strategic assets in place. That plays into its larger hybrid warfare strategy, which serves to undermine rules and responsibilities in the conflicts it engages with.

But deploying warplanes raises the stakes, making it a highly risky move for Russia, according to Theresa Fallon, director and founder of the Brussels-based Center for Russia Europe Asia Studies.

“Moscow’s supply of aircraft reportedly repainted in Syria for plausible deniability, represents a creeping shift from a proxy war to open support for Haftar,” Fallon said. “If Turkey responds by deploying more aircraft, it is likely that this could turn into another endless, Syria-like conflict.”

Although Russian-Turkish ties have thawed in recent years, the countries back opposing parties in Syria and Libya. Earlier this month, the Turkish government threatened to strike Haftar’s forces if they continued to attack diplomatic missions in Tripoli, where the UN-backed government is based.

“Libya is rich in energy sources, migrants can be leveraged in negotiations with Europe and Russian mercenaries are likely to command a lucrative revenue stream,” Fallon said. “This could turn into one more frozen conflict on which Russia thrives.”

*


Russian arms exports to Africa: Moscow’s long-term strategy.

Along with natural resources, arms exports are a key component of Russia’s economy. In the last two decades, Moscow has managed to deepen its connection with Africa and became the biggest arms supplier on the continent.

Russia’s state arms seller Rosoboronexport announced in April the first contract to supply assault boats to a country in sub-Saharan Africa. The recipient’s identity is concealed. What is known: It marks the first export contract of Russian-made final naval products to this region in the last 20 years. While this news might not have caught much international attention, this new deal adds up to a pattern: Russia is building its path to gain a foothold in Africa and broaden its export map for arms on the continent.

Once a major supplier during the Soviet era, Russia’s role in Africa waned after the collapse of the USSR. But by 2000, Russia had made inroads again, and within the last two decades Russia has managed to become the biggest arms exporter to Africa. Currently, it accounts for 49% of total arms exports to Africa, according to the database of the Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI). 

Since 2000, Russia’s arms exports to Africa have grown significantly. The increases were mainly due to growth in Russia’s arms exports to Algeria.

Russia’s eye on Africa

Until now, Algeria remains the biggest recipient of Russian arms in Africa, followed by Egypt, Sudan and Angola. According to Alexandra Kuimova, a researcher with SIPRI’s Arms and Military Expenditure Program, the number of African countries buying Russian arms increased over the last two decades. In the early 2000s, 16 African countries were recipients of Russian arms. Between 2010 and 2019, the figure went up to 21.

Starting in 2015, Russia started selling arms to oil-rich Angola — mainly fighter aircraft and combat helicopters. The Angolan government in Luanda has long maintained strong ties with Moscow, dating back to the USSR. In 1996, Russia forgave 70% of Angola’s $5 billion (€4.56 billion) in debt, which was mainly a result of several export credits the USSR had issued Angola for buying Soviet arms and military equipment. In the new millennium, Russia was a predictable choice for Angola to sign new arms deals — and within the last five years, Angola has become the third-biggest African client for Russian arms after Algeria and Egypt. Luanda’s other suppliers are Bulgaria, Belarus, Italy and China, but their shares are small.

The situation was similar with Algeria, the largest importer of Russian arms on the African continent. Soviet-era connections allowed Russia to secure its monopoly on arms deals, and Moscow completely wrote off Algeria’s $5.7 billion in debt in 2006. That same year, Algeria signed another arms deal to buy Russian weapons for $7.5 billion.

“Officials in these countries intrinsically look at Moscow from the Soviet-era links and Moscow has been able to maintain its influence. In some cases, like Algeria, it is done by debt release; sometimes by claiming that it will build repair facilities and manufacturing or maintenance facilities,” says Paul Stronski, a senior fellow in the Carnegie Endowment’s Russia and Eurasia Program.

Russia hosted the first-ever Russia-Africa summit in Sochi in 2019 as a way of further identifying cooperation possibilities across the continent. During the summit, Russian President Vladimir Putin stated that “the strengthening of ties with African countries is one of Russia’s foreign policy priorities”.

Arms deals were at the center of attention at the summit. African delegates were invited to exhibitions of Russian weapons: from subsonic jet trainor Yakovlev Yak-130, the Pantsir missile system, and the Tor-M2KM surface-to-air missile systems to smaller arms including a new Kalashnikov AK-200 series assault rifle. This exhibition showed that Russia does not aim to offer disruptive new technologies in arms; instead, it focuses on improving the models that have been demanded the most. 

Opening new markets in line with geopolitical vision

Russia’s growing interest in Africa is defined by not only economic, but also political and strategic reasons. Russia sees Africa as a key potential partner in the vision for a multipolar world order.

“Less European, less trans-Atlantic and focused more on rising powers and rising regions,” Stronski said. This is where Russia’s ties with countries like Zimbabwe and Sudan have been established, he stressed.

Zimbabwe has been subject to financial sanctions from the West since the early 2000s. The state was reportedly responsible for violence, tortures and killings of the president’s opponents during the era of former President Robert Mugabe. Despite widespread international condemnation of Mugabe’s regime, Russia stayed on the side of Zimbabwe: together with China, it vetoed the UN’s Security Council resolution for an arms embargo in 2008 and criticized Western sanctions. Russia exports a number of both raw and finished materials to Zimbabwe, ranging from wood, wheat and fertilizers to printed materials, railway cars and electronics. Russia, in turn, imports coffee and tobacco from Zimbabwe.

Russian companies are also involved in diamond and gold mining projects in the country. According to Gugu Dube, a researcher at the Transnational Threats and International Crime program in the Institute for Security Studies (ISS) in Pretoria, Russia has been scaling up activities in the mining of resources such as coltan, cobalt, gold, and diamonds in several other countries across Africa. In Zimbabwe, Russian companies are also involved in a joint venture of the Darwendale project — mining and smelting one of the world’s largest deposits of platinum group metal — for which production is planned in 2021.

These include aircrafts, missiles, tanks, air defense systems and artillery. For example, Algeria alone bought around 200 aircraft items from Russia from 2000 to2019, ranging from transporter helicopters to combat helicopters, bomber and fighter ground aircrafts. Various models of surface-to-air missiles (SAM) that are designed for destroying aircrafts or other missiles have been ordered from Algeria (several orders through 2000-2019), Burkina Faso, Egypt (several orders), Ethiopia, Libya and Morocco. Algeria also ordered tanks (more than 500 items in total), as did Uganda (67 items).

Cheap weapons — no questions asked

In Russia’s publicly available strategy documents, such as its foreign policy concept or defense doctrine, African states are defined as belonging to an unstable continent and posing an international threat in light of terrorist groups’ activities, particularly in the North African region. Such documents highlight Russia’s aims to expand interaction with Africa by developing beneficial trade and economic relations and supporting regional conflict and crisis prevention.

This ongoing instability feeds a continuous market for arms — and for Russia, Africa represents a major market without a limit in the form of economic sanctions that came from the West after the annexation of Crimea. Africa is the continent where Russia can freely push one of the key elements of its exports: weapons. Arms trading accounts for 39% of Russia’s defense industry revenue.

“Russian arms are good. It is universally recognized. Russian arms are also cheaper. There is no reason why African countries would not want to buy them,” says Irina Filatova, a history professor at Moscow’s Higher School of Economics and professor emeritus of the University of KwaZulu-Natal, who specializes in Russo-African history and relations.

In comparison to other big players, arms deals with Russia do not demand political or human rights conditions. In some cases, Russia has managed to fill the gap where European or American suppliers stepped out.

For example, in 2014, government soldiers in Nigeria were accused of human rights abuses against suspects in the country’s fight against Boko Haram. Afterwards, the US cancelled a shipment of attack helicopters, even though the deal had already been signed. That same year, Nigeria placed an order and received six Mi-35M combat helicopters from Russia.

Egypt is a similar case. After a military coup in 2013, the US started cutting military aid and arms supplies to the country. This left Russia (together with France, another leading arms exporter) with an open opportunity; the country quickly intensified arms transfers to Egypt. From 2009 to 2018, Russia accounted for 31% of Egypt’s imports of major weapons.

According to Kuimova, arms deals with Russia generally go fast. If a certain country needs weapons right away and Russia has them, Russia will be able to supply. What also plays in its favor is a lack of pressure from local civil society groups to track weapons sales. Russia’s defense industry is secretive; the law does not oblige companies to report on arms exports as such, and usually this information falls under the state’s secrecy laws. A general lack of data and transparency has created a situation where civil society groups for monitoring arms trading simply do not exist.

Competition for Russia? Growing potential of Chinese arms

For now, Russia seems to be secure in its markets for arms in Africa. However, experts see the potential of China to become a bigger player for arms supplies in Africa. Currently, China accounts for 13% of arms exports to the continent.

“China has improved the quality and quantity of what it sells. They also do reverse-engineered Russian weapons. Since 2014, Russia has shared sensitive military technology as a part of its growing ties with China,” Stronski said.

Kuimova adds that today China is able to produce and offer all kinds of arms. “China is generally growing as an arms exporter and shows similar patterns as Russia in a way of giving weapons with less political conditions,” she explained.

Researcher Filatova does not see China as a threat to Russian arms in Africa, however — in her opinion, the main competitors for Russian arms will remain the same: the US and France. She defines China’s interest in Africa as predominantly economic and says that “Russia’s competition in Africa in that regard is already lost” — because economically, Russia is not able to offer what China can. Moscow instead focuses on natural resources exports and locking down arms deals. For arms importers, switching to other suppliers is costly, so the likelihood is high that Russia can ensure new deals with its arms buyers well into the future.

Pubblicato in: Armamenti, Cina

Cina. Nuova vernice anticorrosione per gli J-15 imbarcati.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-19.

2020-03-03__J-15 001

Rispettare le specifiche militari richiede una straordinaria cura dei dettagli, e necessita di avere una fiorente industria alle spalle.

È incredibile il numero delle differenti competenze che sono necessarie e che devono essere coordinata.

«The latest batch of China’s J-15 aircraft carrier-based fighter jet is getting new, green priming paint instead of the previous yellow one»

«Reports speculate it is a new anti-corrosion material that can enhance the aircraft’s capabilities»

«A J-15, which is under assembly at the Shenyang Aircraft Company under the Aviation Industry Corporation of China (AVIC), can be seen covered in green priming paint»

«The color change in the priming paint likely indicates that it features a new type of anti-corrosion material»

«Aircraft carrier-based aircraft usually have stronger wear and tear properties compared to land-based aircraft due to extended exposure to sea water, salt haze, muggy weather and exhaust gas, and the priming paint is a key material that can protect the aircraft’s structure from being corroded and damaged »

* * * * * * *

Quando poi si tratta di una portaerei e dei velivoli imbarcati, i già notevoli problemi tecnici risultano essere ingigantiti dal particolare ambiente operativo: il salino è corrosivo. Un miglioramento nelle vernici anti-corrosione determina una semplificazione della manutenzione ed una migliore operatività.

Si potrebbe anche essere sconcertati da quanto un piccolissimo particolare, di costo percentuale infimo, possa bloccare grandiosi progetti.

Ci si ricorda di quando la rottura delle guarnizioni determinarono il disastro dello Space Shuttle Challenger? Il professor Feynman, premio Nobel per la Fisica, effettuò una famosa dimostrazione, durante una udienza su come gli O-ring perdono resilienza e diventano soggetti a cedimenti a basse temperature, immergendo un campione di materiale in un bicchiere di acqua ghiacciata.

*


J-15 aircraft carrier-based fighter jet gets new anti-corrosion paint: reports.

The latest batch of China’s J-15 aircraft carrier-based fighter jet is getting new, green priming paint instead of the previous yellow one. Reports speculate it is a new anti-corrosion material that can enhance the aircraft’s capabilities.

A J-15, which is under assembly at the Shenyang Aircraft Company under the Aviation Industry Corporation of China (AVIC), can be seen covered in green priming paint in a set of photos released by the company on its website.

Previous J-15 fighter jets used yellow priming paint, according to multiple reports and documentaries.

The color change in the priming paint likely indicates that it features a new type of anti-corrosion material, Weihutang, a column on military affairs affiliated with China Central Television, reported on Tuesday.

Aircraft carrier-based aircraft usually have stronger wear and tear properties compared to land-based aircraft due to extended exposure to sea water, salt haze, muggy weather and exhaust gas, and the priming paint is a key material that can protect the aircraft’s structure from being corroded and damaged, Weihutang reported.

This will contribute to an increase in the J-15’s usage, lower maintenance costs and greater lifespan, the report said.

The Chinese Navy received the Shandong, its second aircraft carrier, in December 2019 and a third one is reportedly being built, so China needs more J-15s to fulfill this potential, analysts said.

It is nice to see the production of the J-15 is not being significantly delayed due to the novel coronavirus outbreak, a military expert who asked not to be named told the Global Times on Thursday.

The new priming paint shows that the J-15 is becoming more powerful, as it is being improved to boost the aircraft carriers’ overall capability, the expert said.

Pubblicato in: Armamenti, Russia

Russia. Le forze aeree riceveranno altri 100 velivoli.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-03-05.

2020-02-29__Russia_100 nuovi aerei

«Le forze aerospaziali russe riceveranno nell’anno in corso circa 100 velivoli nuovi o ammodernati, come ha riferito lo scorso mese il Ministero della Difesa»

«Riguardo il caccia di quinta generazione Sukhoi Su-57 ad esempio, nelle parole dell’Amministratore Delegato di Rostech Sergey Chemezov, si viene a conoscenza che il 2020 sarà l’anno delle prime consegne alla VKS (o Forza Aerospaziale russa)»

«Nel 2020 inizierà la produzione della versione aggiornata del cacciabombardiere Sukhoi Su-34 a cui è stato assegnato l’indice di NVO (“nuove funzionalità” in russo)»

«Il 2020 vedrà molto probabilmente anche il lancio della produzione in serie dei primi elicotteri Kamov Ka-62»

«il 2020 sarà l’anno della firma di un contratto per oltre 100 nuovi elicotteri Kamov Ka-52 sviluppati nella una nuova versione denominata Ka-52M»

«Circa i progetti futuri della Difesa russa è bene citare anche il futuro bombardiere PAK-DA, un velivolo che nelle intenzioni dovrebbe adottare tecnologie stealth e che sarebbe in grado di rimanere in volo fino a 30 ore»

«L’altro progetto è il wide-body Ilyushin Il-96-400M che secondo il capo di UAC Yuri Slyusar dovrebbe anch’esso effettuare il primo volo nel 2020 (o al massimo ai primi mesi del 2021)»

«nel 2020 è prevista la consegna di otto nuovi aerei da trasporto Il-76MD-90A»

* * * * * * *

Mr Putin riesce a riarmare la Russia con spese molto contenute.

Questo è forse il segreto militare meglio custodito dai russi.

*


Le forze aeree russe riceveranno 100 velivoli nel 2020

Le forze aerospaziali russe riceveranno nell’anno in corso circa 100 velivoli nuovi o ammodernati, come ha riferito lo scorso mese il Ministero della Difesa. Secondo le dichiarazioni rese dai vari costruttori il 2020 sarà infatti un anno particolarmente attivo.

Riguardo il caccia di quinta generazione Sukhoi Su-57 ad esempio, nelle parole dell’Amministratore Delegato di Rostech Sergey Chemezov, si viene a conoscenza che il 2020 sarà l’anno delle prime consegne alla VKS (o Forza Aerospaziale russa); un impegno particolarmente intenso da parte dell’industria, UAC e il bureau Sukhoi che deve fornire 76 Su-57 entro il 2028, ma al contempo accelerare la messa in opera del nuovo propulsore “Izdeliye 30” realizzato dalla Saturn NPO. Uno step che costituirebbe un notevole salto di qualità per l’intero progetto.

Nel 2020 inizierà la produzione della versione aggiornata del cacciabombardiere Sukhoi Su-34 a cui è stato assegnato l’indice di NVO (“nuove funzionalità” in russo) e il cui contratto dovrebbe essere firmato a breve poiché sembra sia già stata emessa la lista di parametri essenziali quali i numeri di esemplari da realizzare e i relativi tempi di consegna).

Oltre all’avionica, alle armi e alle attrezzature di guerra elettronica aggiornate saranno installate dei pod da ricognizione specifici (di cui Analisi Difesa ha riferito alla fine del 2018) e sviluppati in tre varianti: UKR-RT (ELINT), UKR-OE (con sensori optoelettronici) e UKR-RL (radar) in grado secondo i costruttori di rilevare emissioni radar, segnali radio e persino comunicazioni tra telefoni cellulari a centinaia di chilometri di distanza.

Il 2020 vedrà molto probabilmente anche il lancio della produzione in serie dei primi elicotteri Kamov Ka-62, un progetto giunto già al completamento dei test aziendali sul terzo prototipo; un elicottero che in realtà sta affrontando un evidente dilatamento dei tempi nella messa in opera e sviluppo ma che potrebbe trovare un discreto interesse nel mercato militare e parastatale oltre che nel settore off-shore.

A proposito di elicotteri e del gruppo Kamov, il 2020 sarà l’anno della firma di un contratto per oltre 100 nuovi elicotteri Kamov Ka-52 sviluppati nella una nuova versione denominata Ka-52M; una variante che prevede numerose modifiche implementate a seguito del conflitto siriano e da consegnarsi entro il 2027.

Secondo il Vice Ministro della Difesa Alexei Krivoruchko i lavori in corso per la modernizzazione procedono speditamente ma gli stessi saranno completati a partire dal 2022.

Circa i progetti futuri della Difesa russa è bene citare anche il futuro bombardiere PAK-DA, un velivolo che nelle intenzioni dovrebbe adottare tecnologie stealth e che sarebbe in grado di rimanere in volo fino a 30 ore: secondo fonti aziendali del costruttore Tupolev alcuni elementi del primo prototipo sarebbero già in corso di realizzazione considerando che il primo volo è previsto a partire dal 2025 e l’ingresso in servizio nel 2027; un arrivo che consentirà la radiazione dei longevi Tu-95 (dopo ben 75 anni dal primo volo), e al contempo permetterà un’integrazione con i Tu-22M3M e i Tu-160M2.

Quanto al Tu-95MS è bene riferire che saranno ben sei gli esemplari rimodernati consegnati nel 2020 alla VKS; mentre per l’ultima variante del Tu-160 (denominata Tu-160M2) è molto probabile che questo possa essere l’anno del primo volo considerando che la costruzione è stata avviata nel 2019 e la consegna del primo esemplare è prevista per la fine del 2021.

Menzione a parte invece per due progetti per l’industria civile: il primo programma (a cui partecipa anche il bureau MiG attraverso l’assemblaggio finale presso lo stabilimento di Lukhovitsy) è l’Ilyushin Il-114-300, il cui volo inaugurale dovrebbe avvenire proprio nel 2020 e la cui prima cellula assemblata è stata presentata lo scorso 29 dicembre presso l’istituto di ricerca di volo intitolato a M.M. Gromov a Zhukovsky.

Si tratta di un velivolo realizzato sulla base dell’Il-114 che effettuò il primo volo il 29 marzo del 1990 e che, come molti programmi aeronautici colpiti dalla crisi dell’impero sovietico, dovette arrestarsi dopo una produzione in serie (che avveniva a Tashkent, in Uzbekistan) di una ventina di esemplari.

Il programma di ammodernamento e ripresa della costruzione in serie di questo regional e contestuale trasferimento della sua produzione in Russia fu avviato nel 2014 su ordine del Presidente Putin (come trattato a suo tempo da Analisi Difesa), allo scopo di fornire al mercato del trasporto aereo nazionale un velivolo moderno della classe da 52-64 posti con un carico utile fino a 7 t e consentire così la sostituzione dei più anziani Antonov An-24.

Nel biennio 2022-2023 la società UAC prevede di concludere le certificazioni e iniziare a produrre 12 aeromobili all’anno con un primo obiettivo di vendita alle compagnie aeree nazionali, ma in un futuro a breve termine con un occhio di riguardo per il mercato estero considerando che, secondo i dati forniti dal costruttore, rispetto al pari classe franco-italiano ATR-72 (che ha una portata massima di volo di 3600 km senza rifornimento), l’Il-114-300 raggiungerebbe i 5000 km con un evidente consumo di carburante dei suoi turboelica Klimov TV7-117 nettamente inferiore.

L’altro progetto è il wide-body Ilyushin Il-96-400M che secondo il capo di UAC Yuri Slyusar dovrebbe anch’esso effettuare il primo volo nel 2020 (o al massimo ai primi mesi del 2021): variante dell’Il-96, l’Il-96-400M è la versione passeggeri del velivolo da carico Il-96-400T dotata di motori PS-90A1. La sua fusoliera è di 9,65 m più lunga dell’attuale variante Il-96-300 civile e la capienza prevista è di 390 passeggeri. Nel 2017, il governo russo ha finanziato il suo sviluppo con un finanziamento di 57,4 milioni di dollari. Mentre scriviamo l’ufficio stampa della UAC comunica che il primo prototipo di volo è stato consegnato all’officina di assemblaggio finale; prossimo passo l’installazione dei sistemi di controllo e l’installazione degli interni.

A proposito di Ilyushin, non dimentichiamo infine l’aereo da trasporto militare leggero Il-112V, dove il terzo e quarto esemplare sottoposti ad una vera e propria dieta dimagrante potrebbero volare proprio nel 2020 considerando che la produzione in serie è prevista per il 2022 (e con la realizzazione programmata di non meno di 10 esemplari l’anno).

Infine, sempre in tema di Ilyushin, nel 2020 è prevista la consegna di otto nuovi aerei da trasporto Il-76MD-90A poiché nel 2019 sono state consegnati solo tre esemplari dei cinque previsti da contratto siglato nel 2012 per 39 velivoli, evidenziando alcune problematiche logistiche interne della società Aviastar-SP.

L’obiettivo è quello di accelerare attraverso un graduale e costante ammodernamento delle linee di produzione, una prassi recepita da buona parte delle aziende aerospaziali russe che devono essere così in grado di soddisfare gli ordini interni ed eventualmente anche a quelli esteri e colmare così l’impellente necessità di provvedere alla sostituzione delle categorie di macchine che nella Forza Aerospaziale russa sono estremamente carenti. Come i velivoli da trasporto, considerando ancora la cospicua flotta di aerei Antonov di vecchia generazione ancora presenti e le aerocisterne attualmente presenti in soli 19 esemplari, un numero esiguo per la dimensione e le ambizioni della stessa VKS.

Pubblicato in: Armamenti, Cina

Cina. Secondo esportatore mondiale di armi. – Sipri.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-22.

2020-01-31__Cina Export Armi 001

La Cina sta crescendo a velocità vorticosa.

Nel breve volgere di trenta anni è passata dall’essere un paese più che misero ad una superpotenza politica, economica e finanziaria.

Seguendo i dettami del grande Deng Xiaoping, la Cina ha mantenuto e continua a mantenere un basso profilo ed a restare avvolta da una cortina di discrezione, ma la sua presenza non può certo passare inosservata.

«Si vis pacem, para bellum» è frase sincopata dedotta da Vegezio.

Non solo: senza forze armate decenti sarebbe impossibile gestire una politica estera.

«These new estimates are most likely still an underestimate.»

«A lack of transparency in the arms sales figures of Chinese arms companies continues to hinder a complete understanding of China’s arms industry»

«China is the second-largest arms producer in the world, behind the United States but ahead of Russia»

«In 2017, of the 20 largest companies in the SIPRI Top 100, 11 were based in the USA, 6 in Western Europe and 3 in Russia»

«If the four Chinese arms companies investigated in the study were included in the Top 100, they would all rank among the top 20, with combined estimated arms sales totalling $54.1 billion»

«The largest of the Chinese companies is Aviation Industry Corporation of China (AVIC), which with arms sales totalling $20.1 billion would rank sixth largest in the world. China North Industries Group Corporation (NORINCO), which would place eighth in the Top 100 with sales of $17.2 billion, is in fact the world’s largest producer of land systems»

«Contrary to most other major global arms producers, Chinese arms companies specialize primarily in one arms production sector, for example AVIC produces mostly aircraft and avionics»

* * * * * * *

Si deve prendere atto della nuova situazione: la Cina esporta armi per 54.1 miliardi di Usd.

*


Il Sipri, Stockholm International Peace Research Institute, ha pubblicato il seguente report:

New SIPRI data reveals scale of Chinese arms industry

*

«New research from SIPRI suggests that #China is the second-largest arms producer in the world, behind the #UnitedStates but ahead of #Russia

*

(Stockholm, 27 January 2020) New research from the Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI) suggests that China is the second-largest arms producer in the world, behind the United States but ahead of Russia. This research represents the most comprehensive picture of Chinese companies’ weapons production to date.

In the past, a lack of transparency has meant that the value of Chinese companies’ arms sales has been either unknown or difficult to reliably estimate. For this reason, the SIPRI Top 100—an annual ranking of the world’s 100 largest arms-producing and military services companies—has so far not been able to include Chinese arms companies.

Advances in reliable estimates

SIPRI has identified information from 2015–17 on the value of arms sales by major Chinese arms companies. The research looks at four companies for which credible financial information is available. The companies cover three sectors of conventional arms production: aerospace, electronics and land systems. With the increase of available data on these companies, it is now possible to develop reasonably reliable estimates of the scale of the Chinese arms industry.

China has some of the world’s largest arms producers

Based on estimated arms sales in 2015–17, the four major Chinese arms companies chosen for the study can now finally be compared with the major arms companies from the rest of the world. In 2017, of the 20 largest companies in the SIPRI Top 100, 11 were based in the USA, 6 in Western Europe and 3 in Russia. If the four Chinese arms companies investigated in the study were included in the Top 100, they would all rank among the top 20, with combined estimated arms sales totalling $54.1 billion. Three of the companies would be ranked in the top 10.

The largest of the Chinese companies is Aviation Industry Corporation of China (AVIC), which with arms sales totalling $20.1 billion would rank sixth largest in the world. China North Industries Group Corporation (NORINCO), which would place eighth in the Top 100 with sales of $17.2 billion, is in fact the world’s largest producer of land systems.

Weapon production more specialized

Contrary to most other major global arms producers, Chinese arms companies specialize primarily in one arms production sector, for example AVIC produces mostly aircraft and avionics. Most of the large non-Chinese arms companies produce a wider range of military products across different sectors—covering aerospace, land systems and shipbuilding within one company.

For editors

These new estimates are most likely still an underestimate. A lack of transparency in the arms sales figures of Chinese arms companies continues to hinder a complete understanding of China’s arms industry. This new research, however, acts as an important scoping study that opens the possibility for further research and prepares the ground for a fuller estimate of Chinese arms sales.

Pubblicato in: Armamenti, Medio Oriente, Russia

Russia. Pantsir-S1. Accidenti se funzionano bene questi missili!

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-16.

2020-02-13__Pantsir S1 001

La Rosoboronexport reclamizza il suo sistema Pantsir come se fosse un appetibile fucile da caccia.

«The Pantsir-S1 air defence missile/gun system is designed for air defence of small military, (including mobile), administrative and industrial installations and areas against enemy aircraft, helicopters, cruise missiles and precision guided weapons. It is also used to reinforce the Air Defence groupings when repelling massive air attacks.

The Pantsir-S1 has the following main features:

– combined missile/gun armament;

– immune radar/optical fire control system, consisting of a target tracking and missile guidance radar and a thermal imager for target tracking and missile direction finding;

– engagement of 4 targets at once;

– automatic target engagement mode;

– firing surface-to-air missiles (SAM) in radar mode;

– autonomous operation with an automatic target engagement cycle, from target acquisition to engagement;

– use of the combat vehicle as part of a battery in different combat operation modes;

– engagement of a target by the missile and gun armament from a stationary position and on the move;

– modular design of the combat vehicle allowing the development of its different versions.

Types of targets engaged: aircraft, helicopters, cruise missiles, precision guided weapons, ground targets»

* * * * * * *

Come la maggior parte degli armamenti russi, anche il Pantsir-S1 è un gioiellino di meccanica di precisione con un’elettronica allo stato dell’arte, ed il tutto prodotto a costi incredibilmente bassi. Nel suo depliant, Rosoboronexport contempla anche ampi sconti su ordinativi consistenti: nessun esercito sarebbe mai resistere alla tentazione di dotarsi di un simile armamento.

Armyrecognition ne da una simpaticissima descrizione:

«The Pantsir-S1 (SA-22 Greyhound NATO code name) is an air defense missile-gun system designed to protect vital small-size and big military areas, industrial targets and land forces units and reinforced the air defense units responsible for the protection of troops and military installations against precision-guided air attack from low and extremely low altitudes. The mobile version of the Pantsir-S1 system includes a combat vehicle ( up to six vehicles in a battery), surface-to-air guided missiles, 30 mm rounds, a transporter-loader vehicle (one per two combat vehicles), maintenance and training facilities. The Pantsir-S1 is designed by the KBP Instrument Design Bureau of Tula, Russia, and is manufactured by the Ulyanovsk Mechanical Plant, Ulyanovsk, Russia. It has the reporting code name NATO, SA-22 Greyhound. The Pantsir-S1 was unveiled for the first time to the public during the MAKS Air Show in Zhukosvsky near Moscow in 1995. In May 2000, the United Arab Emirates ordered 50 96K6 Pantsir-S1 systems, mounted on MAN SX 45 8×8 wheeled vehicles. The order was worth $734m. The first batch was delivered in November 2004. However, a new radar was requested by the UAE and first deliveries of the completed system took place in 2007. Syria has placed an order for 50 Pantsir-S1 systems. Deliveries began in June 2008. Jordan has also placed an order for an undisclosed number of systems. The first 10 Pantsir S1 (SA-22 Greyhound) antiaircraft surface-to-air missile systems entered service with the Russian Air Force the 18 March 2010. On January 18, 2020, it was announced the purchase of six Pantsir-S1 by Serbia ….

The armament of Pantsir-S1 consists of twelve 57E6 surface-to-air guided missiles and two 2A38M30-millimetre automatic guns developed from the two-barreled 30mm GSh-30 gun. It is provided with a multi-range radar capable of detecting aerial targets with an effective surface of dispersion of up to 2-3 square meters at a distance of more than 30 kilometers and track them down from a distance of over 24 kilometers. ….

The armament of Pantsir-S1 consists of twelve 57E6 surface-to-air guided missiles and two 2A38M30-millimetre automatic guns developed from the two-barreled 30mm GSh-30 gun. It is provided with a multi-range radar capable of detecting aerial targets with an effective surface of dispersion of up to 2-3 square meters at a distance of more than 30 kilometers and track them down from a distance of over 24 kilometers.

Design and protection

Pantsir-S1 carries up to twelve 57E6 or 57E6-E two-stage solid fuel radio-command-guided surface-to-air missiles in sealed ready-to-launch containers. Missiles are arranged into two six-tube groups on the turret. The missile has a bi-caliber body in tandem configuration. The first stage is a booster, providing rapid acceleration within the first 2 seconds of flight after it is separated from the sustainer-stage. The sustainer is the highly agile part of the missile and contains the high explosive multiple continuous rods and fragmentation warhead, contact and proximity fuses as also radio transponder and laser responder to be localized for guidance. The missile is not fitted with seeker to keep target engagement costs low. Instead, high-precision target and missile tracking is provided via the systems multiband sensor system and guidance data is submitted via radio link for up to four missiles in flight. Missiles can be fired in at up to four targets but also salvos of two missiles at one target. The missile is believed to have a hit probability of 70-95% and have a 15 year storage lifetime in its sealed containers. Pantsir-S1 combat vehicles can fire missiles on the move.»

* * * * * * *

Le solite malelingue, i malignassi di turno, avevano messo lì che questi sistemi non sarebbero poi stati così performanti come reclamizzato: in parole povere, non sarebbero stati in grado di svolgere i compiti loro destinati.

A prezzi così bassi sarebbe stato ‘impossibile’ produrre un sistema d’arma funzionante.

La tentazione di metterli alla prova era effettivamente troppo grande.


Two drone attacks on Russian Hmeymim base in Syria repelled by Pantsyr air defense systems

MOSCOW, February 10. /TASS/. Two drone attacks on Russia’ airbase at Syria’s Hmeymin were repelled by the base’s Pantsyr missile defense system in the evening on February 9. No one was hurt, Major General Yuri Borenkov, chief of the Russian Center for Reconciliation of the Opposing Parties in Syria, said on Monday.

“The first attack from the northeastern direction was repelled the Panstyr-S missiles at a distance of two kilometers from the airbase. An aerial target approaching the base from the northwestern direction (from the Mediterranean) in the second attack was downed at a distance of six kilometers of from the base,” he said. “No one was hurt. No material damage was done.”

According to Borenkov, the attack was staged after dark on February 9. Now, the base is operating in routinely.

On behalf of the Russian reconciliation center, the Russian general called on militants’ commanders to stop provocations and embark on a path of peaceful settlement in the areas under their control.

The Russian reconciliation center continues to fulfill assigned tasks after the completion of the military campaign in Syria. The center’s officers regularly travel around the country’s liberated areas to assess the humanitarian situation. The main efforts of the Russian military are now focused on assistance to the refugees returning to their homes and evacuation of civilians from de-escalation zones.

Pubblicato in: Armamenti, Devoluzione socialismo, Geopolitica Africa

Libia. La Turkia ha sbarcato truppe, artiglieria e cingolati.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-06.

Artiglieria Semovente 001

Per il momento, la Turkia avrebbe sbarcato il Libia:

    – 6 cingolati trasporto truppe da combattimento ACV-19, evoluzione dell’ACV-15 sviluppato dall’M-113 realizzato in Turchia da FNSS Defense Systems

    – 2 obici semoventi d’artiglieria da 155 millimetri T-155 Firtina, prodotti in Turchia derivati dai semoventi sudcoreani K9

    – Un numero imprecisato di mortai pesanti da 120 millimetri HY1-12 prodotti in Turchia da MKEK

    – Due cannoni binati antiaerei da 35 millimetri Oerlikon GDF 003B prodotti su licenza in Turchia da MKEK

    – Autocarri tattici 4×4 BMC EFE da 2,5 tonnellate

*

«La presenza di una nave turca per ricerche energetiche in un settore delle acque cipriote assegnato a ENI e Total ha contribuito a indurre Emmanuel Macron a rafforzare la presenza navale nell’area.

Al momento non si può dire altrettanto del governo italiano che si è limitato, col ministro degli Esteri Luigi Di Maio, a esprimere la sua preoccupazione ad Ankara. Del resto Turchia e Francia sono ai ferri corti fin dall’autunno scorso quando l’intervento militare turco in Siria sollevò pesanti critiche in Francia.

Alcune fonti rilevano che la presenza navale turca al largo della Libia sarebbe ben più consistente di quanto non appaia. La Marina di Ankara schiererebbe all’interno della Zona economica esclusiva libica (estesa arbitrariamente con il Memorandum turco-libico del 26 novembre scorso) ben 4 fregate da 4mila tonnellate classe G (le ex Perry statunitensi): la già citata F490 Gaziantep, la F496 Gökova, F497 Göksu e F495 TCG Gediz più la nave appoggio/rifornimento da 20mila tonnellate A595 Yarbay Kudret Güngör della classe Akar.»

*

È inutile girarci attorno: senza forze armate è impossibile svolgere politica estera.

*


I turchi sbarcano a Tripoli artiglieria e cingolati da combattimento

L’escalation dell’intervento turco in Siria prosegue inarrestabile e soprattutto senza che nessuno cerchi di ostacolarlo, nonostante l’Onu, la Ue, diversi governi europei e quello italiano abbiano dichiarato quasi quotidianamente la volontà di garantire l’embargo sulle forniture di armi nella ex colonia italiana.

Prima i consiglieri militari con droni e sistemi di disturbo elettronici, poi missili e semoventi antiaerei, poi la fanteria composta da circa 3mila mercenari delle milizie jihadiste siriane e infine artiglieria, obici semoventi e cingolati da combattimento.

Il 30 gennaio, scortata da una delle due fregate della Marina turca presenti da giorni al largo di Tripoli (una è le F-490 Gaziantep, ex US Navy classe Oliver Hazard Perry), la nave per il trasporto di veicoli Bana, battente bandiera libanese, ha sbarcato a Tripoli mezzi e armamenti turchi che includerebbero:

    6 cingolati trasporto truppe da combattimento ACV-19, evoluzione dell’ACV-15 sviluppato dall’M-113 realizzato in Turchia da FNSS Defense Systems

    2 obici semoventi d’artiglieria da 155 millimetri T-155 Firtina, prodotti in Turchia derivati dai semoventi sudcoreani K9

    Un numero imprecisato di mortai pesanti da 120 millimetri HY1-12 prodotti in Turchia da MKEK

    Due cannoni binati antiaerei da 35 millimetri Oerlikon GDF 003B prodotti su licenza in Turchia da MKEK

    Autocarri tattici 4×4 BMC EFE da 2,5 tonnellate

I numeri limitati di ACV-19 e semoventi T-155 Firtina potrebbero indicare che altri esemplari giungeranno a Tripoli con altre navi ma già da ora si può affermare che si tratta dei mezzi terrestri più pesanti, protetti e complessi forniti alle forze libiche dai diversi “sponsor” stranieri.

Sia le milizie del Governo di accordo nazionale (GNA) che quelle legate all’Esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar impiegano in numero limitato carri da combattimento T-55 ereditati dall’esercito di Muammar Gheddafi. Durante le operazioni contro l’Isis a Sirte le milizie di Misurata impiegarono T-55 e obici semoventi Oto Melara Palmaria (nella foto sotto) mentre l’anno scorso emerse che tank e cingolati dell’LNA venivano mantenuti in condizioni operative da team di tecnici russi appartenenti a compagnie militari private, con ogni probabilità la Wagner.

Negli ultimi anni i mezzi terrestri forniti ai due schieramenti hanno incluso una vasta gamma di blindati e MRAP (protetti contro mine e ordigni improvvisati) tutti ruotati.

L’arrivo di questi ultimi veicoli da combattimento con obici semoventi, mortai da 120 millimetri e cannoni binati antiaerei potrebbero indicare che i turchi si apprestano a favorire un contrattacco intorno alla capitale colpendo con precisione le postazioni dell’LNA migliorando così la qualità dei tiri di artiglieria finora affidati per lo più a razzi non guidati.

Gli ACV-19 sono in grado di trasportare sul campo di battaglia squadre di fanti proteggendoli in modo ben più efficace di quanto non facciano gli attuali veicoli ruotati civili o militari come i Kirpi che i turchi hanno fornito da tempo al GNA ma che non avrebbero offerto prestazioni soddisfacenti in battaglia.

E’ possibile che i mezzi sbarcati dalla motonave Bana, tutti ampiamente testati negli ultimi anni nelle operazioni nel nord della Siria, abbiano equipaggi appartenenti all’Esercito Turco (che già schiera in Libia 350 uomini delle forze speciali) ma è probabile che gli ACV-19 (nella foto d’apertura) imbarchino squadre di mercenari siriani già peraltro abituati a operare su mezzi turchi e in stretta cooperazione con le forze di Ankara che li hanno addestrati.

I cannoni binati antiaerei da 35 millimetro rafforzano ulteriormente le capacità di difesa aerea a bassa quota del GNA soprattutto contro droni, elicotteri e aerei da attacco al suolo tenuto conto che le forze aeree dell’LNA non dispongono di armi guidate lanciabili da quote elevate.

Il 30 gennaio il GNA ha annunciato di aver abbattuto un drone da ricognizione russo del tipo Orlan-10 a sud di Tripoli, velivolo già impiegato in più occasioni dall’LNA e gestito con ogni probabilità da contractors russi che ne avevano già perso un esemplare l’anno scorso vicino a Sirte.

Dall’inizio dell’offensiva contro Tripoli da parte delle forze di Haftar, nell’aprile scorso, il GNA ha reso noto di aver abbattuto o distrutto l suolo 16 velivoli nemici: 7 aerei e 9 droni.

I primi includono di cui 2 aerei da attacco Sukhoi Su-22, 2 cacciabombardieri Mig-23, un “ricognitore emiratino” (probabilmente un aereo antiguerriglia AT-802, un “cargo Ilyushin” e un addestratore armato L-39.

Dei droni non vengono meglio specificati ma, oltre agli Orlsan-10 è noto l’abbattimento di alcuni velivoli armati di costruzione cinese Wing Loong 2 gestiti dagli Emirati Arabi Uniti.

“Abbiamo ricevuto rapporti sicuri che confermano che ieri nel porto di Tripoli sono state consegnate armi e munizioni e ciò è avvenuto grazie alla protezione di due navi da guerra turche” ha detto il 30 gennaio il portavoce dell’esercito nazionale libico, colonnello Ahmed al -Mismari, in conferenza stampa.

“La questione ora – ha proseguito il portavoce – è vedere come la comunità internazionale si pone di fronte a questa pubblica invasione turca e come comunità internazionale e Nazioni Unite si posizioneranno di fronte a questa chiara violazione della tregua”.

Al Mismari, certo meno disposto a fornire dettagli circa la cinquantina di voli di aerei cargo che hanno recentemente trasportato dagli Emirati Arabi Uniti armi, mezzi e munizioni per l’LNA, ha poi affermato che l’aeroporto tripolino di Mitiga è ormai “una base aerea completamente turca”.

La presenza della motonave Bana, scortata da una fregata turca era stata segnalata il 29 gennaio da una fonte militare francese all’ agenzia France Presse. A localizzare la nave era stato un velivolo decollato dalla portaerei Charles de Gaulle impegnata alla testa di un gruppo navale in esercitazioni congiunte con la Marina Greca nel Mediterraneo centro-orientale determinate dalla volontà comune di Atene e Parigi di contrastare le iniziative navali turche in Libia e nelle acque cipriote ricche di gas.

La presenza di una nave turca per ricerche energetiche in un settore delle acque cipriote assegnato a ENI e Total ha contribuito a indurre Emmanuel Macron a rafforzare la presenza navale nell’area.

Al momento non si può dire altrettanto del governo italiano che si è limitato, col ministro degli Esteri Luigi Di Maio, a esprimere la sua preoccupazione ad Ankara. Del resto Turchia e Francia sono ai ferri corti fin dall’autunno scorso quando l’intervento militare turco in Siria sollevò pesanti critiche in Francia.

Alcune fonti rilevano che la presenza navale turca al largo della Libia sarebbe ben più consistente di quanto non appaia. La Marina di Ankara schiererebbe all’interno della Zona economica esclusiva libica (estesa arbitrariamente con il Memorandum turco-libico del 26 novembre scorso) ben 4 fregate da 4mila tonnellate classe G (le ex Perry statunitensi): la già citata F490 Gaziantep, la F496 Gökova, F497 Göksu e F495 TCG Gediz più la nave appoggio/rifornimento da 20mila tonnellate A595 Yarbay Kudret Güngör della classe Akar.

Pubblicato in: Armamenti, Geopolitica Militare, Putin, Russia

Russia. I missili intercontinentali ipersonici Avangard sono operativi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-23.

Putin Vladimir 012

«La Russia ha annunciato che il sistema di missili ipersonici Avangard, con una gettata intercontinentale, è diventato operativo. E’ quanto si legge in un comunicato del ministero della Difesa in cui si afferma che il generale Sergei Shoigu, ministro della Difesa, “ha riferito al presidente Vladimir Putin che il primo missile armato con il più recente sistema missilistico strategico Avangard, con un veicolo dotato di una traiettoria ipersonica, è operativo dalle 10 del mattino, ora di Mosca, del 27 dicembre 2019”.

Secondo quanto riportato dalla Tass il primo missile dotato di un veicolo ipersonico Avangard sarebbe capace di volare ad una velocità 27 volte superiore a quella del suono. Putin aveva rivelato questo tipo di armi durante il suo discorso sullo stato della nazione nel marzo del 2018, affermando che contro il tipo di traiettoria di questo missile sarebbero stati inutili gli attuali sistemi di difesa anti missilistica.»

* * * * * *

«Avangard capable of carrying 2-megaton nuclear weapon at 27 times the speed of sound»

« The president described the Avangard hypersonic glide vehicle, which can fly at 27 times the speed of sound, as a technological breakthrough comparable to the 1957 Soviet launch of the first satellite »

«The Avangard is launched on top of an intercontinental ballistic missile, but, unlike a regular missile warhead, which follows a predictable path after separation, it can make sharp manoeuvres en route to its target, making it harder to intercept»

* * * * * *

L’Avangard è un concentrato di tecnologie impensate ed impensabili. Viaggia ad una velocità ventisette volte quella del suono, può eseguire manovre diversive, e non brucia pur subendo con l’atmosfera un attrito impressionante. Sembrerebbe che usi sistemi endocavitari perfezionati.

I russi hanno già sviluppato e resi operativi missili a corto – medio raggio ipersonici: tra questi degni di nota i missili antinave ed i siluri.

Russia’s ‘invincible’ hypersonic weapon that can strike anywhere in the world in MINUTES will be ready for war by 2020

Russia’s city-destroying super-nuke Avangard that travels at TWENTY times the speed of sound will be ready for take-off next year

Gli Stati Uniti sono in allarme per i super missili ipersonici russi

Missili ipersonici: rottura dell’attuale stabilità strategica tra Stati Uniti, Cina e Russia e rivoluzione nelle tattiche militari

Missili a 6 volte la velocità del suono, testati in Cina nuovi velivoli ipersonici

Putin presenzia al test di Avangard. Un missile a testa nucleare da Mach 20.

Russia. Entra in fase di test il missile ipersonico 3M22 Zircon.

Russia. Schierati gli Iskander a Kalinigrad. Hanno svegliato l’orso che dormiva.

* * * * * *

L’Unione Europea spende ogni anno per la difesa 331.124 miliardi di dollari. La Francia ne spende 50.9, la Germania 39.4.

La Russia ne spende 66.4 miliardi.

Eppure in Russia è più facile trovare un set di sottomarini nucleari armati di missili balistici a testata atomica, missili balistici ed anti-tutto trattati all’ingrosso, i carri armati T-14 li usano anche come trattori. Insomma, camminando per le strade anche di piccole città ci si inciampa più volte in ogni sorta armamenti allo stato dell’arte.

Ma nessuno si stupirebbe se i russi producessero anche archi e frecce: non si sa mai.

Come facciano i russi a disporre di simili armamenti avendo a disposizione un budget militare di poco superiore a quello francese è un enigma incomprensibile.

Nota.

I 331.124 miliardi che l’Unione Europea spende per la difesa irrorano copiosamente le tasche private dei liberal socialisti: in Russia finirebbero tutti in un battibaleno sopra il circolo polare artico a coltivare fiordalisi e piante tropicali.

*


The Guardian. 2019-12-28. Russia deploys first hypersonic missiles

Avangard capable of carrying 2-megaton nuclear weapon at 27 times the speed of sound

Russia has deployed its first regiment of hypersonic nuclear-capable missiles, with Vladimir Putin boasting that it puts his country in a class of its own.

The president described the Avangard hypersonic glide vehicle, which can fly at 27 times the speed of sound, as a technological breakthrough comparable to the 1957 Soviet launch of the first satellite.

Putin has said Russia’s new generation of nuclear weapons can hit almost any point in the world and evade a US-built missile shield, though some western experts have questioned how advanced some of the weapons programmes are.

The Avangard is launched on top of an intercontinental ballistic missile, but, unlike a regular missile warhead, which follows a predictable path after separation, it can make sharp manoeuvres en route to its target, making it harder to intercept.

The defence minister, Sergei Shoigu, told Putin the first missile unit equipped with the Avangard had entered combat duty.

“I congratulate you on this landmark event for the military and the entire nation,” Shoigu said later during a conference call with top military leaders.

The strategic missile forces chief, Gen Sergei Karakaev, said during the call that the Avangard had been put on duty with a unit in the Orenburg region in the southern Ural mountains.

Putin unveiled the Avangard and other prospective weapons systems in his state-of-the-nation address in March 2018, saying its ability to make sharp manoeuvres on its way to a target would render missile defense useless.

“It heads to target like a meteorite, like a fireball,” he said at the time.

The Russian leader said the Avangard had been designed using new composite materials to withstand temperatures of up to 2,000C (3,632F) which can be reached while travelling at hypersonic speeds. The missile can carry a nuclear weapon of up to 2 megatons.

Putin has said Russia had to develop the Avangard and other weapons systems because of US efforts to develop a missile defence system that he claimed could erode Russia’s nuclear deterrent. Moscow has scoffed at US claims that its missile shield isn’t intended to counter Russia’s missile arsenals.

This week, Putin noted that for the first time Russia was leading the world in developing a new class of weapons, unlike in the past when it was catching up with the US.

In December 2018, the Avangard was launched from the Dombarovskiy missile base in the southern Urals and hit a practice target on the Kura shooting range on the Kamchatka peninsula, 3,700 miles (6,000km) away.

The defence ministry said last month it had demonstrated the Avangard to a team of US inspectors as part of transparency measures under the New Start nuclear arms treaty between the two countries.

China has tested its own hypersonic glide vehicle, believed to be capable of travelling at least five times the speed of sound. It displayed the weapon called Dong Feng 17, or DF-17, at a military parade marking the 70th anniversary of the founding of the Chinese state.

US officials have talked about putting a layer of sensors in space to more quickly detect enemy missiles, particularly the hypersonic weapons. The administration also plans to study the idea of basing interceptors in space, so the US can strike incoming missiles during the first minutes of flight when the booster engines are still burning.

The Pentagon has been working on developing hypersonic weapons in recent years, and the defence secretary, Mark Esper, said in August that he believed it would be a couple of years before the US had one.

*


Aljazeera. 2019-12-28. Avangard: Russia deploys hypersonic nuclear-capable missiles

Following years of tests, first missile unit equipped with Avangard hypersonic glide vehicle enters combat duty.

Russia‘s defence minister reported to President Vladimir Putin that a new hypersonic weapon of intercontinental range became operational Friday following years of tests.

Defence Minister Sergei Shoigu informed Putin that the first missile unit equipped with the Avangard hypersonic glide vehicle entered combat duty, the Defence Ministry said.

The military has said that the Avangard is capable of flying 27 times faster than the speed of sound.

“I congratulate you on this landmark event for the military and the entire nation,” Shoigu said during a conference call with top military officials.

The Strategic Missile Forces chief, General Sergei Karakayev, said during the call that the Avangard was put on duty with a unit in the Orenburg region in the southern Ural Mountains.

Putin unveiled the Avangard among other prospective weapons systems in his state-of-the-nation address in March 2018, noting that its ability to make sharp manoeuvres on its way to a target will render missile defence useless.

“It heads to target like a meteorite, like a fireball,” he said then.

Putin described the Avangard’s creation as a technological breakthrough comparable to the 1957 Soviet launch of the first satellite.

The Russian leader noted that Avangard is designed using new composite materials to withstand temperatures of up to 2,000 Celsius (3,632 Fahrenheit) resulting from a flight through the atmosphere at hypersonic speeds.

The new Russian weapon and a similar system being developed by China have troubled the United States, which has pondered defence strategies.

Putin has charged that Russia had to develop the Avangard and other prospective weapons systems because of the US efforts to develop a missile defence system that he claimed could erode Russia’s nuclear deterrent.

Moscow has scoffed at the US claims that its missile shield is not intended to counter Russia’s massive missile arsenals.

Earlier this week, Putin emphasised that Russia is the only country armed with hypersonic weapons. He noted that for the first time in history, Russia is now leading the world in developing an entirely new class of weapons, unlike in the past when it was catching up with the US.

In December 2018, the Avangard was launched from the Dombarovskiy missile base in the southern Urals and successfully hit a practice target on the Kura shooting range on Kamchatka, 6,000 kilometres (3,700 miles) away.

Russian media reports indicated that the Avangard will first be mounted on Soviet-built RS-18B intercontinental ballistic missiles, code-named SS-19 by NATO.

It is expected to be fitted to the prospective Sarmat heavy intercontinental ballistic missile after it becomes operational.

The Defence Ministry said last month that it demonstrated the Avangard to a team of US inspectors as part of transparency measures under the New Start nuclear arms treaty with the US.

The US has mulled new defence strategies to counter Russian and Chinese hypersonic weapons.

US officials have talked about putting a layer of sensors in space to more quickly detect enemy missiles, particularly the hypersonic weapons. The administration also plans to study the idea of basing interceptors in space, so the US can strike incoming enemy missiles during the first minutes of flight when the booster engines are still burning.

The Pentagon also has been working on the development of hypersonic weapons in recent years, and defence secretary Mark Esper said in August that he believes “it’s probably a matter of a couple of years” before the US has one.

He has called it a priority as the military works to develop new long-range fire capabilities.

Pubblicato in: Armamenti, Unione Europea

Unione Europea. Austria, cyber-attacco al ministero degli Esteri.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-05.

Gufo_002__

«Austria suspects a foreign country is behind a serious cyberattack on information systems at its Foreign Ministry that continued on Sunday»

«Given the type and seriousness of the attack we assume this probably concerns a state actor and not criminals»

«He declined to give technical details about the assault or speculate on who might be behind it»

«The Austrian government reported the attack late on Saturday, noting other European countries have also been targeted for similar attacks in the past»

«The attack came on the same day the environmentalist Greens party backed forming a coalition government with Sebastian Kurz’s conservatives»

* * * * * * *

Le nazioni tecnologicamente evolute presentanto un elevato grado di complessità, ove ogni elemento deve essere perfettamente funzionante per garantire l’efficienza del tutto. Basta una inezia per bloccare tutto.

In Austria, come peraltro anche in Italia, solo per fare un esempio, sarebbero sufficienti sei attacchi simultanei alla rete di distribuzione dell’energia elettrica per generare un duraturo black out su tutto il territorio nazionale. Tutte le telecomunicazioni ne risulterebbero interrotte, e tutti i meccanismi che funzionassero a corrente sarebbe fermi, ascensori in primis. I gruppi elettrogeni degli ospedali usualmente garantiscono al massimo una dozzina di ore di erogazione. Dopo di che, kaputt.

Il conseguente chaos sarebbe causa primaria di crisi di panico su larga scala.

Già. Questa tecnologica Unione Europa è altamente vulnerabile, al punto tale da rendere persino inutile un attacco atomico: basterebbero sei miserabili missili di crociera del costo di una manciata di dollari.

Il cyber-attacco sarebbe un mezzo ancor più sofisticato e selettivo, ma il risultato finale sarebbe sempre lo stesso.

E si tenga anche presente che un simile attacco fatto da parte di uno stato straniero potrebbe anche avvalersi non solo della perizia elettronica ma anche dei frutti dell’intelligence, che potrebbe aver fornito, per esempio, le password.

*

Si resta davvero molto sconcertati che i vari governi nulla abbiano fatto per garantire la sicurezza delle proprie nazioni.

A guai fatti, non ci sarebbe nemmeno modo di rimediare.

*


Austria suspects foreign state behind cyberattack on ministry

Austria suspects a foreign country is behind a serious cyberattack on information systems at its Foreign Ministry that continued on Sunday, the ministry said.

“Given the type and seriousness of the attack we assume this probably concerns a state actor and not criminals,” a ministry spokesman said.

He declined to give technical details about the assault or speculate on who might be behind it. “Experts have informed us that these things can last several days,” he added.

The Austrian government reported the attack late on Saturday, noting other European countries have also been targeted for similar attacks in the past.

The attack came on the same day the environmentalist Greens party backed forming a coalition government with Sebastian Kurz’s conservatives.

The ministry said “countermeasures” were in place while an inter-agency task force reviewed the situation. Services such as travel information were still available on its website.

*


Austria, cyber-attacco al ministero degli Esteri

Il portavoce del governo: «Non possiamo escludere che si tratti di un attacco mirato da parte di un altro Stato»

Un cyber-attacco ha colpito sabato sera la rete informatica del ministero degli Esteri austriaco. «L’offensiva è ancora in corso», precisa il portavoce ministeriale Peter Guschelbauer, secondo il quale «data la gravità e la modalità» dell’offensiva informatica «non si può escludere che si tratti di un attacco mirato da parte di un altro Stato». Attacco, ha aggiunto Guschelbauer, che «è stato comunque subito individuato e sono state prese rapidamente delle contromisure».

Il quotidiano austriaco Der Standard ha sottolineato, nella sua versione on line, che «in passato diversi altri Paesi europei sono stati vittime di simili attacchi». In almeno due occasioni, per esempio, era stata colpita la rete informatica del Bundestag tedesco. Gli esperti di sicurezza austriaci ricordano le difficoltà nell’individuare gli autori di simili incursioni, dato che vi sono molte possibilità per «dissimulare le proprie tracce e di lasciare dietro di sé falsi indizi». Peraltro non sono stati forniti dettagli circa la natura del cyber-attacco.

A quanto affermano i media austriaci, le possibilità vanno dal cosiddetto «Distributed denial of service» (Ddos), nel quale i vari sistemi vengono messi in ginocchio da un gran numero di richieste contemporanee d’accesso, ad un tentativo mirato di penetrare la rete del ministero, nel qual caso si suppone che l’obiettivo sia quello dello spionaggio.

Sempre a quanto scrive lo Standard, la homepage del ministero stesso non sembra mostrare i segni dell’attacco, dato che è rimasta sempre accessibile, così come sono sempre rimasti disponibili come per esempio le informazioni per i viaggiatori e similari.

Per prevenire e affrontare situazioni del genere, le autorità viennesi avevano messo in piedi una speciale «commissione di coordinamento» che anche in questo caso si è immediatamente attivata per monitorare «a tutti i livelli» le strutture informatiche del governo in tutto il Paese.

Non è la prima volta che l’Austria è vittima di cyber-offensive. Lo scorso settembre, subito prima delle elezioni nazionali, il partito popolare guidato da Sebastian Kurz (Oevp) ha segnalato «un attacco mirato» alla struttura informatica del proprio quartier generale: sin dalla fine di luglio qualcuno era riuscito a penetrare la rete dell’Oevp riuscendo ad «esfiltrare» entro la fine di settembre ben 1,3 terabyte di dati. In questo caso, le tracce portano in Francia, visto che i dati erano stati trasferiti da un server transalpino. Un episodio simile si era registrato anche prima delle elezioni parlamentari del 2017, sempre a danno dell’Oevp. L’anno precedente ad esser stati presi di mira erano stati i siti del Parlamento austriaco e di diversi ministeri: in quel caso si trattava appunto di attacchi Ddos (Distributed denial of service). Nel luglio del 2011, gli hacker colpirono i siti web della Spoe, il partito socialdemocratico, e dell’Fpoe, la formazione di ultradestra: sulle rispettive homepage era apparso per ore il logo del gruppo «Anonymous». 

Pubblicato in: Armamenti, Cina

Cina. Sottomarini atomici e relativi missili. Punto della situazione.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-05.

Cani che corrono__01__

Sarebbe impossibile ambire di svolgere il ruolo di grande potenza mondiale senza disporre di un’adeguata flotta di sottomarini atomici armati con missili a testata atomica multipla.

Progettare e costruire sistemi d’arma di tal fatta non è solo questione di investimenti, ma anche e soprattutto di poter disporre di tecnologie avanzate, allo stato dell’arte, in un elevato numero di settori di avanguardia.

Proponiamo la lettura di questo articolo, comparso su Analisi Difesa, perché ci sembrerebbe essere completo nel delineare lo sviluppo storico dei sottomarini atomici cinesi ma anche, e soprattutto, perché è inusitatamente equilibrato.

*


Il deterrente nucleare subacqueo di Pechino,

Prima di affrontare nel dettaglio, per quanto possibile, il tema del deterrente nucleare imbarcato cinese (Ballistic missile Submarine Nuclear-powered – SSBN – e Missili balistici lanciabili da sottomarini) corre l’obbligo di precisare  che la proverbiale riservatezza cinese quando si tratta di divulgare informazioni sensibili che riguardano il proprio strumento militare, finisce con l’amplificarsi a dismisura.

Al punto che tracciare un quadro di questa particolare componente della Marina Cinese (o PLAN, People’s Liberation Army Navy) diventa un’impresa non proprio agevole, contrassegnata dalla necessità di incrociare dati, notizie e ogni altro aspetto utile. Con il risultato che, anche così facendo, gli elementi mancanti continuano a essere molti.

La decisione della Cina di dotarsi di armi nucleari può essere fatta risalire intorno alla metà degli anni 50; la Guerra in Corea si era appena conclusa e, nel frattempo, era scoppiata la prima crisi dello Stretto di Taiwan. Entrambi gli eventi, caratterizzati dalla contrapposizione con la potenza nucleare degli Stati Uniti, avevano fatto capire alla leadership di Pechino e in particolare all’allora guida del Paese e del Partito Comunista Mao Zedong, quanto fosse ormai diventato indispensabile per la nascente potenza asiatica sviluppare un proprio arsenale nucleare. Pur nella consapevolezza che le distanze con gli Stati Uniti erano già notevoli, alla fine prevalse la considerazione che le possibilità di avere un maggior peso prima di tutto nello scacchiere asiatico non potevano prescindere da un simile aspetto, per quanto limitato fosse.

Forti dell’appoggio tecnologico dell’Unione Sovietica, prima della fine del decennio si assistette all’inizio della costruzione di diversi impianti (per la produzione di materiale per gli ordigni) e di siti per lo svolgimento di test.

Nel frattempo, da Mosca giungevano diverse componenti fondamentali, ivi compresi un paio di missili (gli R-2 o SS- 2 Sibling). Appare così subito chiaro quello che sarebbe stato uno degli elementi distintivi delle politiche di acquisizione/sviluppo di armamenti da parte della Cina: l’acquisizione all’estero di un numero limitato di parti e tecnologie con il preciso scopo di svilupparli poi in patria.

Il tutto con gli evidenti vantaggi di acquisire gradualmente la necessaria autonomia e, al tempo stesso, introdurre in servizio sistemi adatti alle proprie esigenze.

Quelli in questione poi erano gli anni segnati da una piccola “rivoluzione” nel campo degli armamenti nucleari: la comparsa dei primi SSBN realmente operativi, attraverso i quali il potenziale bellico in questo specifico campo di una qualsiasi Nazione compie un passo in avanti importante.

Ovviamente, sia i vertici politici sia quelli militari della Cina erano consapevoli dell’importanza di questo specifico assetto tanto che nel luglio del 1958 dettero il via ufficiale ai progetti relativi a un nuovo SSBN (indicato come Project 09) e a un SLBM (Submarine Launched Ballistic Missile) destinato ad armare lo stesso sottomarino (a sua volta, identificato come Project 05).

A dispetto però degli sforzi profusi, non si registrò nessun passo avanti tanto che nell’agosto del 1962 il programma viene sospeso. A pesare furono 2 fattori: l’impreparazione cinese e la rottura dei rapporti con l’Unione Sovietica avvenuta nel 1960. Ma è soprattutto il primo a diventare davvero determinante; enti di ricerca e di produzione separati geograficamente che, oltretutto, finiscono con l’essere soggetti a continui spostamenti/riorganizzazioni.

Di più, a pesare è anche lo stretto controllo politico del Partito Popolare Comunista, conseguenza della stagione delle grandi riforme avviate da Mao, cioè quella “Rivoluzione culturale” che si svilupperà nel corso di diversi anni. Quale dato di fondo infine, l’evidente impreparazione e la sostanziale sottostima delle complessità legate allo sviluppo di un sottomarino a propulsione nucleare e del suo armamento costituito da missili balistici.

Dovranno perciò passare altri 4 anni, nell’agosto 1966, per registrare il riavvio delle attività di progettazione della nuova piattaforma subacquea; la strada verso un risultato tangibile sarà però ancora molto lunga.

Tra l’altro, è da rilevare come a incidere sulle decisioni di Pechino fosse anche il fattore finanziario poichè all’epoca, i bilanci della Difesa non erano certo ancora “corposi” come quelli attuali.

Non è dunque un caso che la ripresa dei lavori sul nuovo SSBN (e sui suoi missili) sia stata favorita anche dall’aumento delle disponibilità finanziarie. Ciò non di meno, è evidente che a favorire questa nuova spinta siano intervenuti, da un lato la crescente pressione volta a diversificare il proprio deterrente nucleare (oltre cioè ai missili basati a terra) e, dall’altro, la graduale maturazione tecnologico-produttiva della Cina.

Rispetto al primo punto, è chiaro che i vertici di Pechino avevano già all’epoca intuito le potenzialità belliche degli SSBN; del resto, oltre alle “super potenze” Stati Uniti e Unione Sovietica, ben presto anche Regno Unito e Francia avevano provveduto a immettere in servizio simili piattaforme.

La maggiore capacità di sopravvivenza rispetto a ICBM basati a terra è già un vantaggio notevole, ma non l’unico; anche in termini di letalità i punti a favore non mancano affatto.

Ecco dunque che per un Paese allora privo di alleati o comunque di “amici” di un certo peso (dopo la già ricordata rottura dei rapporti con l’Unione Sovietica) e desideroso al tempo stesso di acquisire un maggior peso sulla scena internazionale, questo percorso di sviluppo del proprio deterrente nucleare diventa un passaggio obbligato. Anche in considerazione del maggio lustro che sarebbe derivato dal poter dimostrare capacità produttive e conoscenza tecnologiche più avanzate.

Il primo (e tormentato) passo, la classe Type 092 o Xia

Il lavoro riavviato nel 1966 porta così al completamento di un progetto “preliminare” nel giro di circa un anno; all’epoca, si pensava che l’impostazione del nuovo sottomarino potesse avvenire nel 1973.

E invece, il primo SSBN Cinese finirà con il riuscire a prendere forma solo nel 1978. La costruzione si sviluppò presso i cantieri oggi noti come Bohai Shipbuilding Heavy Industry Co. o BSHIC, a loro volta facenti parte del colosso China Shipbuilding Industry Corporation (CSIC); situati nella città di Huladao.

Questi cantieri non solo sono uno dei più grandi siti produttivi del genere in Cina ma anche la “casa” nella quale prendono forma tutti i sottomarini a propulsione nucleare (siano essi lanciamissili balistici o di attacco) della Marina Cinese.

Il progetto in questione non era del tutto nuovo, la stessa Marina Cinese aveva infatti preferito un approccio che potrebbe essere definito incrementale: in maniera decisamente pragmatica, i primi passi dello sviluppo nel campo delle piattaforme subacquee a propulsione nucleare furono per l’appunto articolati partendo da un unico progetto.

Questo, fin una sua prima fase, dette vita ai 5 sottomarini nucleari d’attacco (SSN) Type 091 (classe Han secondo la classificazione utilizzata dalla NATO, Type 09-I secondo quella Cinese) che entrarono in servizio a partire dal 1974.

Al fine di diminuire i rischi di un’impresa comunque già impegnativa per la Cina di allora, il nuovo SSBN riprende lo scafo degli Han, aggiungendovi una sezione destinata a ospitare i pozzi di lancio per i missili.

Nasce così un sottomarino indicato come Type 092 o classe Xia secondo la NATO, Type 09-II nella classificazione Cinese Si ricorda inoltre come, nelle regole adottate dalla PLAN nell’assegnazione dei nomi alle proprie unità, tutti i sottomarini a propulsione nucleare (sia lanciamissili, sia d’attacco) ricevono indifferentemente il nome di Changzheng (o Lunga Marcia); seguito da un numero identificativo. Nel caso specifico, 406.

Non tutto però “fila liscio”: se già l’impostazione era avvenuta con anni di ritardo rispetto al previsto, l’unità sarà poi varata solo il 30 aprile del 1981. A pesare sono diversi fattori, la bassa qualità delle tecniche costruttive cinesi e, soprattutto, la scelta di avviare la costruzione dello scafo prima che fosse stata completata la progettazione dei sistemi interni.

Mano a mano che si procedeva al loro imbarco, si rendeva così necessario per esempio calcolare ogni volta la distribuzione dei pesi interni al fine di non alterare il centro di gravità del sottomarino.

E non è tutto, sebbene formalmente consegnato alla PLAN nell’ottobre del 1983, dovranno passare altri 5 anni per vederlo considerato operativo anche se, in questo caso, a incidere sono più le difficoltà legate alla “maturazione” degli SLBM da imbarcare.

Prima di procedere oltre, appare opportuno affrontare uno dei “misteri che avvolgono questa classe di sottomarini: una (presunta) seconda unità che sarebbe poi andata perduta in un (altrettanto presunto) incidente. Secondo alcune fonti mai confermate, tale secondo sottomarino sarebbe stato varato nel 1982 e, per l’appunto, sarebbe andato perduto 3 anni dopo in un incidente tale da causare anche la perdita dell’intero equipaggio.

Difficile dare un giudizio, tanto più che altre fonti sostengono che i piani iniziali della PLAN prevedessero la realizzazione di almeno un’altra unità. Tuttavia, pare che a seguito di una più approfondita analisi, la stessa Marina cinese abbia poi deciso di concentrare le proprie risorse e i propri sforzi verso una nuova classe di piattaforme, fermandosi a un solo Xia.

Per ciò che riguarda la configurazione generale, il Type 092 è facilmente distinguibile per sezione a forma squadrata ospitante il compartimento dei missili che occupa la parte centro-prodiera del sottomarino. Spicca inoltre la “falsa torre” di discrete dimensioni, anche a causa della presenza di 2 superfici di controllo. Sempre a proposito di superfici di controllo, quelle poppiere si presentano nel classico schema a croce, mentre la propulsione è assicurata da una singola elica.

Da un punto di vista tecnico esiste ormai uniformità di opinione sulle caratteristiche dimensionali del Type 092: 120 metri di lunghezza, una larghezza massima di 10 e un dislocamento che varia tra le 6.500 (in superficie) e le 8.000 tonnellate (in immersione).

Non meno tormentata è la storia che riguarda il reattore nucleare, il cui sviluppo ebbe inizio addirittura nei primi anni 60. A contendersi l’assegnazione del progetto furino 2 diversi istitut: la Quinghua University of Nuclear Energy Technology (con una proposta basata sul reattore installato sulla nave mercantile tedesca Otto Hahn) e il Reactor Engineering Technology Institute (con progetto mutuato dal reattore OK-150 installato sul rompighiaccio sovietico Lenin). Intorno al 1965, la scelta cadde sulla seconda proposta ma, fin da subito, apparve evidente come l’arretratezza cinese nel settore e la necessità di adattare all’impiego su unità subacquee un progetto nato per quelle di superficie costituivano un ostacolo importante. Solo intorno al 1970 esso sarà finalmente testato a piena potenza, a distanza cioè di 10 anni (e oltre) dall’avvio delle prime progettazioni.

Da un punto di vista più propriamente tecnico, l’intero impianto propulsivo è costituito da un reattore ad acqua pressurizzata da 58 MW termici (stimati), il quale alimenta 2 turbo-alternatori a vapore; il tutto per una potenza sull’asse che si ipotizza possa essere intorno agli 11 MW.

Dunque, un insieme non particolarmente “esuberante”, così come dimostrato dalle prestazioni che parlano di velocità massime nell’ordine dei 20 nodi; l’inevitabile prezzo da pagare per aver scelto lo stesso impianto installato sui Type 091, laddove questi ultimi presentano dimensioni e valori di dislocamento inferiori.

La profondità massima operativa è infine indicata in 300 metri. Notevole invece la confusione riguardante il numero degli uomini di equipaggio, con stime che variano dai 100 ai 140 effettivi. Se già una ricostruzione attendibile delle caratteristiche generali di questo sottomarino può essere considerata una specie di impresa, non molto differente si presenta un’analoga analisi dei sistemi di bordo; intesi come sensori e come sistemi d’arma.

Una difficoltà accresciuta dal fatto che questi sono stati oggetto di diversi cambiamenti nel corso degli anni. In termini di sensori, vi è una sostanziale uniformità di vedute rispetto alla presenza di un radar di navigazione/ricerca di superficie di origine sovietica MRK-50 o Snoop Tray; accanto a esso, un apparato per la guerra elettronica Type 921-A in funzione Radar Warning Receiver (RWR) e “Direction Finder”.

Appena qualche notizia in più sul versante dei sensori principali, cioè i sonar. Inizialmente, si presume che al pari dei Type 091 anche il Type 092 disponesse di una suite composta da un sonar attivo SQZ-3 (o Type 603) e da uno passivo SQC-1 (o Type 604), entrambi installati a prua e destinati alle funzioni di ricerca e attacco. Nel corso di uno degli innumerevoli refit avuti nel corso della sua vita, questi apparati sarebbero stati sostituiti da una nuova suite, molto più moderna e denominata SQZ-262B.

Anch’essa utilizzata per ammodernare i Type 091 (nonché altre piattaforme subacquee) e successivamente installata su altri sottomarini di costruzione cinese, essa è caratterizzata dal fatto di disporre di sensori pienamente integrati in un unico apparato.

Sempre nel corso dei vari interventi subiti, il Type 092 ha ricevuto anche un apparato passivo utilizzato in funzione di scoperta e incentrato su “arrays” piatti montati a scafo in un numero di 3 per lato. L’aspetto per così dire singolare è che si tratta di un sistema di origine francese, il DUUX-5 dell’allora Thomson Sintra poi classificato in Cina come SQG-2B, acquistato in alcuni esemplari intorno alla fine degli anni 80 e utilizzato anche per un’analoga modifica sugli stessi Type 091.

Sul fronte delle armi imbarcate, si segnala la presenza di 6 tubi lanciasiluri da 533 mm per ordigni Yu-3; questi siluri a guida acustica (per i quali s’ipotizza una qualche derivazione dai SET-65 di origine sovietica) sono impiegati per il contrasto di bersagli di superficie, con un numero totale di ordigni imbarcati pari a 12.

Le armi: gli SLBM JL-1 e 1A. E i molti altri problemi…

Uno dei problemi principali che hanno contrassegnato l’esistenza del Type 092 è stata proprio quella che potremmo definire la sua stessa ragione d’’essere, cioè i 12 SLBM Ju Lang-1 o JL-1 (o, ancora, CSS-N-3 secondo la nomenclatura americana). Lo sviluppo di questo missile ebbe inizio nei primi anni 70 per diventare, al pari della sua piattaforma di lancio, una grande novità perché il primo SLBM mai prodotto dalla Cina.

Anche in questo caso le difficoltà non mancarono e solo nel 1982, si registrano i primi lanci, dapprima utilizzando una struttura fissa e in seguito facendo ricorso a un sottomarino della classe Golf sovietica adattato per condurre sperimentazioni del genere.

Per effettuare però il primo lancio di prova dal Type 092 fu necessario attendere ancora altri 3 anni, laddove tale lancio si rivelò un fallimento. Solo alla fine di settembre del 1998 ci fu poi un nuovo test, il cui esito positivo consentendo così a questo sottomarino di diventare operativo.

Ad affliggere il JL-1, missile a propellente solido a 2 stadi e dotato di una singola testata nucleare da 200/300 Kt, sono stati principalmente problemi al sistema di navigazione e guida (nelle sue diverse parti, dai giroscopi fino agli altimetri) nonché ai razzi di propulsione: di particolare gravità i problemi legati al primo aspetto, soprattutto con riferimento al sistema di navigazione inerziale caratterizzato da scarse affidabilità e precisione.

Questo missile rivelò però ben presto anche un altro limite, rappresentato da una ridotta gittata, stimata in circa 1.800 (forse 2.000) chilometri.

Un problema che troverà una sua successiva (e parziale) soluzione grazie alla sostituzione con una nuova versione, la JL-1A, da almeno 2.500 chilometri.

Anche se bisogna dire che alcune fonti propendono per numeri ancora più importanti, nell’ordine dei 2.800/3.000 chilometri. Valori che, in caso di confronto con gli Stati Uniti avrebbero comunque costretto lo Xia ad allontanarsi molto dalle più tranquille acque della madre patria per poter lanciare i missili balistici.

Un limite enorme, che ha sicuramente contribuito in maniera determinante alla scelta della PLAN di costruire un solo Type 092, vista la sua scarsa utilità da un punto di vista operativo. Poco tempo dopo l’operatività dei missili, nel 1995 il Type 092 iniziò una serie di lavori che lo tennero fermo fino al 2001. Lavori talmente significativi da portare a una modifica della sua classificazione di riferimento e cioè Type 092G, che significa proprio “modificato”.

E’ esattamente in quest’occasione che avvenne la sostituzione dei diversi sonar e l’imbarco dei nuovi JL-1A (con modifiche, per questi ultimi, anche alla zona che ospita i tubi di lancio) ma anche aggiornamenti al sistema di combattimento, più nuovo rivestimento anecoico per diminuire il rumore irradiato.

Di fatto, e senza ulteriori giri di parole, non esiste dubbio alcuno circa il fatto che il Type 092G non abbia mai conseguito una reale operatività, non si sia mai allontanato dalle acque territoriali cinesi e, dato ancor più importante, non abbia mai condotto alcun “pattugliamento strategico” o “deterrent patrol”.

In pratica, tra il tempo speso presso la base di Xiaopingdao, un’installazione della Marina Cinese utilizzata per le fasi di consegna dei sottomarini nucleari e (nel caso specifico) per i lanci di prova degli SLBM, e i lunghi periodi di fermo in porto o nel bacino della base di Jianggezhuang, situata vicino a quella Qingdao sede della Northern Fleet cui lo Xia era assegnato, questo sottomarino è stato davvero una fonte quasi inesauribile di problemi.

A pesare soprattutto i limiti dell’apparato propulsore: incapace di fornire prestazioni adeguate, afflitto da problemi di corrosione, scarsamente affidabile, contrassegnato da perdite di vapore dai circuiti con annesso elevato livello di radiazioni e, infine, con tutta una serie di sue parti essenziali (pompe, condensatori, riduttori, ecc) caratterizzati da un cattivo isolamento acustico, a sua volta causa di un elevato livello di rumore.

Per dare un’idea dell’ordine di grandezza del problema legato proprio al rumore e di quanto esso rendesse così facilmente individuabile il Type 092, alcune informazioni filtrate a suo tempo riferirono che inizialmente questo rumore fosse talmente forte da rendere persino difficile il sonno al suo equipaggio.

Una situazione solo parzialmente migliorata per effetto di alcuni interventi correttivi (che anche hanno interessato l’idrodinamicità dello scafo e portato a installare un diverso tipo di elica). Alla fine, le stime più attendibili riportano valori di rumorosità pari a 160 decibel; una sorta di primato negativo, destinato a rimanere imbattuto!

È come se, in definitiva, il Type 092 si fosse rivelato utile solo perché ha rappresentato tutto ciò che non deve essere un SSBN:; una sorta di piattaforma sperimentale, sulla quale la PLAN ha comunque potuto accumulare una certa esperienza.

Una parentesi comunque ormai chiusa perché ogni singola fonte d’intelligence conferma il suo ritiro da ogni parvenza di servizio attivo. Al massimo può essere utilizzato per scopi addestrativi/sperimentali, cioè in quelli che in pratica ha ricoperto finora.

Il presente, i Type 094 della classe Jin; un primo passo in avanti

Se quindi l’esperienza con il singolo Xia entrato in servizio (per modo dire…) non può essere definita in altro modo se non “fallimentare”, ben diverso appare lo sviluppo della nuova classe di SSBN costruita in Cina.

Lo sviluppo di questa nuova classe di sottomarini lanciamissili balistici viene individuata (a seconda delle fonti) tra la fine degli anni 80 e l’inizio del decennio successivo. Sulla base però di una serie di riscontri incrociati, appare in realtà molto più probabile che il vero inizio del lavoro di sviluppo possa essere collocato proprio nei primi anni 90.

Questo perché è opinione diffusa che si sia replicato (almeno parzialmente) lo schema utilizzato per i precedenti SSN Type 091 che hanno fornito poi la base di partenza per gli SSBN Type 093. Nel caso specifico invece, la nuova classe di sottomarini nucleari d’attacco è rappresentata dai Type 093 (classe Shang per la NATO), con il progetto di quest’ultima che avrebbe a sua volta fornito molti elementi per progettare gli altrettanto nuovi Type 094 o classe Jin per la NATO, Type 09-IV nella classificazione Cinese.

La differenza rispetto al passato è rappresentata dal fatto che i 2 progetti si sarebbero poi sviluppati nel corso del tempo con maggiori differenze, pur cercando di fare affidamento su parti e sistemi in comune.

Uno dei temi più controversi della fase progettuale riguarda un possibile coinvolgimento da parte Russa re non mancano infatti voci di una collaborazione del Rubin Central Design Bureau for Marine Engineering di San Pietroburgo, il più importante centro di progettazione di sottomarini della Russia.

Un’ipotesi che se da un lato sembrerebbe plausibile anche in virtù della ripresa delle relazioni diplomatiche (nonché militari) tra le due potenze comuniste, appare in contrasto con la volontà cinese di sviluppare autonomamente un assetto così delicato. Difficile dunque poter mettere la parola fine alla questione.

Ormai assodato invece il ruolo avuto del colosso cantieristico CSIC, in mano al Consiglio di Stato (o Governo Popolare Centrale) di Pechino; sia nella fase di progettazione, coinvolgendo il proprio 719 Insitute, sia in quella di costruzione, facendo ricorso alle già note strutture produttive del cantiere di Huladao. Nel dettaglio, dovrebbero essere 6 le unità uscite dal cantiere e, per quanto non sia facile ricostruire la cronologia esatta delle varie fasi, è comunque possibile fornire alcune indicazioni di massima.

I lavori sul primo sottomarino sarebbero cominciati alla fine del 1999, il varo dovrebbe essere avvenuto nel 2004 e l’ingresso in servizio 3 anni dopo. Ugualmente confusi i riferimenti per gli altri; il secondo, infatti, sarebbe entrato in servizio nel 2009 o nel 2010. Il terzo invece dovrebbe aver fatto il proprio ingresso nella PLAN intorno al 2012 o forse il 2013. Per il successivo, si ha quale periodo di riferimento per l’entrata in servizio il 2015 o l’anno successivo. Rispetto al quinto, le poche informazioni filtrate ipotizzano l’inizio delle operazioni tra la fine del 2018 e i primi mesi del 2019. Infine, il varo del sesto sottomarino dovrebbe essere avvenuto (secondo foto satellitari) giusto l’ottobre scorso, con un ingresso in servizio però ancora lontano. Si tratta di date assolutamente indicative e non verificabili con esattezza; il tutto accompagnato da dubbi su quanti siano poi comunque i battelli pienamente operativi.

A oggi non sono noti neanche i piani futuri: l’intelligence statunitense ritiene che per assicurare almeno un SSBN sia sempre schierato in mare e pronto al lancio dei missili siano necessarie almeno 4/5 piattaforme; dato che sarebbe più che allineato con la consistenza attuale della classe.

In tempi più recenti poi, nuovi rapporti d’intelligence USA hanno fornito ulteriori indicazioni, arrivando a ipotizzare una consistenza finale di 8 sottomarini per l’anno 2020. Nel frattempo, si segnala che non vi è coincidenza di vedute neanche sui “pennant number” adottati, laddove per alcune fonti si sarebbe partiti da 409 per la prima, per altre la partenza sarebbe il 411.

In termini pratici, così come accaduto fino a oggi, l’unico elemento utilizzabile saranno le immagini satellitari: quando con le unità ancora in costruzione/allestimento nei cantieri CSIC di Huladao, quando dislocate presso la base di Xiaopingdao (utilizzata per svolgere l’allestimento finale e la consegna), quando presso quella di destinazione finale dei Jin e cioè la base navale di Longpo situata sull’isola di Hainan.

A differenza infatti dello Xia, questi nuovi sottomarini sono stati assegnati tutti alla South Sea Fleet anche se non sono mancate le immagini che hanno ritratto alcuni di questi temporaneamente stazionati presso la stessa base di Jianggezhuang, ciò in funzione del fatto che proprio queste 2 sono le uniche installazioni della Marina Cinese in grado di ospitare SSBN.

A tal proposito appare utile spendere qualche parola in più sul fronte delle infrastrutture; perché se da un lato è corretto porre la dovuta attenzione nei confronti delle piattaforme, dall’altro è altrettanto importante evidenziare come il conseguimento di certe capacità (nel caso specifico, quelle legate alla disponibilità di un deterrente nucleare basato in mare) passi attraverso una serie di iniziative di più ampio respiro.

E le 2 basi appena citate rientrano esattamente in questo ragionamento. A sollevare un maggiore interesse sono le installazioni presso l’isola di Hainan, comprensive della base di Yulin (prevalentemente destinata a unità di superficie e a sottomarini a propulsione convenzionale) e di Longpo.

Qui troviamo non solo banchine e le attrezzature normalmente presenti in qualsiasi porto ma anche un grande struttura per la smagnetizzazione degli scafi nonché, aspetto ancora più importante, grandi tunnel scavati sotto terra più strutture coperte/sotterranee sono capaci di ospitare gli SSBN e i missili balistici destinati all’imbarco. Il tutto è simile a quanto già presente presso la base di Jianggezhuang; con la differenza che a Longpo le infrastrutture sono già più importanti e, soprattutto, ancora in continuo sviluppo.

Per ciò che riguarda le caratteristiche generali e quelle tecniche dei Type 094, per il primo aspetto risulta evidente il ricorso a un disegno di base complessivamente simile ai precedenti Type 092. Fatti salvi gli affinamenti del caso, la configurazione per quanto riguarda la posizione della falsatorre, del compartimento missili e delle superfici di controllo ricalcano infatti in larga parte quanto visto per l’appunto sullo Xia.

Alquanto complicata si presenta invece la disanima tecnica, con informazioni scarse e talvolta discordanti. Con ordine, le dimensioni possono essere fissate in circa 135 metri di lunghezza per 12,5 di larghezza; in realtà, entrambi i dati sono approssimativi perché per il primo elemento si registrano “forchette” di valori che variano dai 133 a i 137 metri, mentre il secondo (nonostante sia quello più comunemente accettato) si segnalano anche valori di larghezza pari a circa 12 metri.

Analoghe difficoltà si riscontrano sulla definizione del dislocamento; 8.000/9.000 tonnellate in superficie è la “forchetta” più diffusa mentre su quello in immersione si passa dalle 9.000 alle 11.000 tonnellate circa.

In una sorta di crescendo rispetto alla difficoltà nel definire le caratteristiche tecniche dei Type 094, non fa eccezione la questione dell’apparato propulsivo. Un rapido passo indietro; è convinzione diffusa che il già accennato percorso parallelo con gli SSN Type 093 abbia portato, tra l’altro, anche l’adozione dello stesso impianto di propulsione.

Sennonché, né per gli uni né per gli altri sottomarini è dato sapere con esattezza cosa si celi all’interno dei loro scafi; al punto che tra le versioni circolate con più insistenza vi è anche quella del ricorso a 2 reattori nucleari (sempre del tipo PWR).

Una tesi che si regge sull’ipotesi che la PLAN abbia preso in qualche modo come riferimento i Project 671 RTM (o Victor III); tale ipotesi appare però molto debole.

Di conseguenza, lo schema effettivamente impiegato dovrebbe essere quello solito e cioè un singolo reattore nucleare con una potenza stimata di 150 MW termici, il cui vapore alimenta 2 turboalternatori che generano una potenza di poco inferiore ai 30 MW su di un singolo asse dotato di un’elica a 7 pale falcate.

A questi elementi corrisponde così un quadro delle prestazioni che per la velocità massima in immersione (nonostante stime diverse sulla potenza effettiva) restituisce quale dato più realistico oltre 22 nodi. Dunque, qualche passo in avanti rispetto allo Xia ma, ancora, qualche passo indietro rispetto alle più moderne realizzazioni per questo tipo di sottomarini. Nessuna novità di rilievo infine rispetto alla profondità massima raggiungibile, ragionevolmente ipotizzabile intorno ai 300 metri.

In virtù delle maggiori dimensioni della piattaforma, in crescita rispetto al Type 092 dovrebbe essere anche il numero degli uomini di equipaggio, indicativamente si parla di valori compresi fra 120 e 140 unità, peraltro con livelli di confort che vangono segnalati in crescita rispetto a precedenti piattaforme, il tutto per un’autonomia operativa stimata tra i 60 e i 90 giorni.

Un altro campo nel quale si può ragionevolmente pensare che ci sia stato un travaso di sistemi con i Type 093 è quello dei sensori; esiste infatti una certa uniformità di opinioni rispetto alla presenza sui Type 094 non solo della stessa suite sonar di prua SQZ-262B (per ricerca e l’attacco, operante in modalità attiva/passiva), presente peraltro anche sullo stesso Xia dopo l’aggiornamento, ma anche dell’apparato passivo per la scoperta SQC-207, il primo apparato sonar di questo tipo (con 3 “arrays” posti su ciascun lato del sottomarino) prodotto in Cina.

La presenza di un “rigonfiamento” su una pinna di coda fa pensare che i Type 094 possano essere dotati di un sensore passivo rimorchiato (TAS, Towed Array Sonar).

Sempre dovendo fare ricorso alle ipotesi, quella più probabile per ciò che riguarda gli altri sensori/sistemi di bordo vede la riconferma dello Snoop Tray come radar di navigazione/scoperta di superficie, del sistema Type 921-A come apparato di supporto alla guerra elettronica mentre, quale novità rispetto al passato, la presenza di un sistema di lancio di “decoy” per l’inganno dei siluri avversari.

Argomento quello dei siluri che ci porta ad affrontare il capitolo dei sistemi d’arma installati sui Jin. Su questi sottomarini ritroviamo infatti i (“classici”) 6 tubi lanciasiluri da 533 mm. Questi dovrebbero essere dotati di ordigni Yu-3 ma vi sono indicazioni che sarebbe già iniziata la transizione verso i più moderni Yu-6, caratterizzati da prestazioni/capacità superiori e impiegabili sia in contesti ASW sia ASuW (Anti Submarine e Anti Surface Warfare).

Nel complesso, almeno secondo quelle che sono le informazioni che circolano anche su siti e blog Cinesi (probabilmente, non proprio disinteressate…), sui Type 094 si registrano progressi nel campo dei sistemi di controllo della piattaforma, in quelli di navigazione (con una maggiore accuratezza nella determinazione della posizione, aspetto fondamentale al momento del lancio degli SLBM), e un maggior grado d’integrazione tra i sensori nell’ambito del sistema di combattimento.

I missili JL-2 e le prime evoluzioni dei Jin

Notevole infine il passo in avanti sul fronte dei missili balistici imbarcati: nei 12 (e non 16 come alcune fonti avevano inizialmente ipotizzato) pozzi di lancio sono infatti caricati altrettanti SLBM del tipo JL-2 (CSS-N-14 la definizione in ambito americano), a sua volta derivato dall’ICBM DF-31 basato a terra.

Si tratta di un missile a 3 stadi e a propellente solido, con sistema di guida inerziale e un CEP (Circular Error Probable) di 500, forse 300 metri; valori che dovrebbero essere leggermente migliori di quelli del JL-1A. Due però sono gli elementi di grande importanza: il primo è costituito dalla possibilità di ospitare una singola testata nucleare (con potenze comprese fra i 250 KT e 1 MT) o, in alternativa 3 o 4 Multiple Independently targetable Reentry Vehicles (MIRV) da 90 KT. Il secondo è invece rappresentato dal sensibile incremento della gittata, stimata tra i 7.200 e gli 8.000 chilometri.

Nulla a che vedere dunque con i precedenti JL-1A; eppure, anche lo sviluppo e il conseguimento dell’operatività di questi missili non sono stati una storia semplice. I primi test avvengono nel gennaio e nell’ottobre del 2001 e sono volti esclusivamente a verificare la corretta esecuzione del lancio da una piattaforma subacquea.

A essere impiegato è ancora una volta (così come per il JL-1) il Type 031, cioè quel sottomarino della classe Golf-I realizzato a suo tempo in Cina e poi modificato per svolgere il ruolo di unità sperimentale.

Non è del tutto chiaro se nei 2 anni seguenti siano stati effettuati altri test ma è invece certo che il 2004 rappresentò l’anno in cui lo sviluppo del missile subì un duro stop per effetto del fallimento del primo lancio effettivo di un JL-2.

Nel giugno del 2005 e nel maggio del 2008 poi, il programma riprende slancio per effetto del successo conseguito in altri lanci da parte del Type 031; il preludio di quanto accadrà nei primi mesi del 2006 quando, per la prima volta, un Type 094 lanciò un proprio missile. Gli esiti positivi di questi test fanno dunque ripartire definitivamente il programma; tanto che un nuovo lancio avvenuto nell’agosto del 2012 fa ritenere ormai acquisita l’operatività per l’accoppiata Jin e JL-2.

Nell’ambito del continuo processo di evoluzione delle piattaforme subacquee della PLAN, in tempi più recenti sono emerse delle immagini che fanno concludere come a partire dalla 3ª unità siano state introdotte delle modifiche, dando così origine ai Type 094A (da altre fonti identificati anche come Type 094B).

A similitudine infatti di quanto sperimentato su alcuni Type 093, la vela presenta una forma più arrotondata nella sua parte superiore, priva di finestrature ed è raccordata in maniera diversa con lo scafo. Inoltre, la stessa sezione ospitante i missili presenta delle modifiche volte a rendere più morbidi i raccordi fra le varie superfici, alle quali si aggiunge la scomparsa delle aperture poste sullo scafo in corrispondenza di tale sezione.

Alla base di questi interventi vi è la necessità di abbattere il rumore generato in navigazione. Tutte da verificare appaiono invece le indiscrezioni legate all’imbarco di una versione evoluta del missile presente sui Type 094.

Si parla cioè di un JL-2A che, derivato dalla nuova versione DF-31A, presenterebbe una gittata stimata di oltre 11.000 chilometri, conservando la possibilità di ospitare 3/5 MIRV o una singola testata, corredata però di decoys per favorirne la penetrazione nello spazio aereo nemico. Ancora una volta, l’assenza di informazioni rende però estremamente difficile propendere per un’ipotesi (integrazione del JL-2A, meno probabile) o un’altra (mantenimento del JL-2, più realistica).

Proprio il tema del rumore ci conduce direttamente alla questione della valutazione complessiva su queste stesse piattaforme; perché è sempre questo a rappresentare il principale fattore critico. Nonostante le migliorie apportate (oltre a quelli già citati, si segnalano ulteriori interventi sui supporti elastici dei macchinari, un miglior isolamento dei locali interni, miglioramenti sulla linea d’asse e affinamenti dei passaggi d’acqua a scafo), le stime formulate dall’intelligence americana classificano infatti i Type 094 nella categoria dei “noisy submarines”, con valori di rumorosità pari ad almeno 140 decibel, mentre per la versione successiva (la A) s’ipotizza un abbattimento fino a 120.

Quale termine di riferimento, (molto) approssimativamente fissato a 90 decibel il rumore di fondo degli oceani, si tenga presente che SSN quali quelli della classe Virginia si posizionano intorno ai 95. Una differenza all’apparenza modesta ma che, data la natura logaritmica nella scala di misurazione dei suoni, si traduce in un livello di rumorosità perfino doppio rispetto ai battelli americani.

Ma non solo, varie fonti indipendenti hanno segnalato problemi sul reattore nucleare e, più in generale, sull’apparato propulsivo. Sia perché tra i principali responsabili della rumorosità, sia perché avrebbe anch’esso manifestato dei problemi di affidabilità (sia pure non gravi come sul Type 092 e, comunque, oggetto di migliorie con i successivi 094A).

Un solo dato per spiegare come l’intera questione presenti dei risvolti all’apparenza incomprensibili: nonostante i battelli in servizio e i diversi anni trascorsi dal loro ingresso nella PLAN, a oggi nessuna fonte è stata in grado di confermare che la Marina Cinese stessa sia davvero in grado di assicurare su base regolare attività di pattugliamento strategico o “deterrent patrol” con tutti i Jin. Anche in questo caso, tuttavia, non mancano indicazioni discordanti.

Secondo informazioni fornite dal Pentagono già nel dicembre del 2015, sarebbe stata rilevata un’operazione genericamente definita di “patrol” della durata di 95 giorni da parte di un Jin.

Ulteriori dettagli non sono stati resi noti, nel senso che non è stato specificato la natura di tale “pattugliamento” ma, anzi, si è arrivati addirittura a ipotizzare che i JL-2 non fossero neanche imbarcati. L’ipotesi a questo punto più probabile è che le attività operative siano in realtà iniziate ma ancora in maniera sporadica e, soprattutto, rimanendo all’interno della cosiddetta “first island chain”. In sostanza, senza avventurarsi nell’Oceano Pacifico. È però altrettanto doveroso ricordare come il fatto che la costruzione di nuovi 094A prosegua ancora vada a dimostrare che questa versione (nel complesso) sia in grado di soddisfare le esigenze operative della PLAN.

Sviluppi futuri: i Type 096

Un’importante variabile di cui si deve tener conto è costituita dai piani di sviluppo futuri della PLAN. E se fino a questo punto il ricorso al condizionale non è certo mancato, parlare di quello che potrebbero essere le possibili future piattaforme della PLAN significa attingere ancora di più dal “mondo” dei punti interrogativi.

Da oramai qualche anno infatti, si rincorrono le voci circa una nuova classe di SSBN che, peraltro, avrebbe già la denominazione Type 09-VI secondo la classificazione Cinese, con un’equivalenza in ambito occidentale di Type 096 o classe Tang. A similitudine di quanto già avvenuto in precedenza, anche in questo caso ci sarebbe una sorta di sviluppo parallelo con i nuovi (e anch’essi ipotetici) SSN, a oggi identificati come Type 095.

Di più, secondo alcuni fonti, la prima unità sarebbe già in costruzione; con suggestive teorie che la vedrebbero già in mare per la fine di questo decennio. E così, tra indiscrezioni comparse su blog cinesi (autentiche o pilotate?) e modellini fugacemente mostrati in pubblico, c’è anche chi ha provato a sbilanciarsi: il sottomarino in questione presenterebbe una lunghezza nell’ordine dei 150 metri, con un dislocamento in immersione di circa 16.000 tonnellate.

Il vero salto in avanti sarebbe però dato dall’abbattimento dei livelli di rumorosità rispetto alle precedenti piattaforme oltre all’adozione di specifici rivestimenti anecoici e al solito lavoro di insonorizzazione dei macchinari, un notevole e ulteriore contributo dovrebbe poi venire dall’introduzione di nuovi e avanzati sistemi di propulsione (più in particolare, del cosiddetto “rim-driven thruster”). Lo scetticismo degli osservatori occidentali è forte ma se davvero la PLAN riuscisse a rendere operativo un tale sistema, la svolta sarebbe davvero importante se non epocale.

L’altro elemento di grande importanza sarebbe costituito dai pozzi di lancio che sarebbero in aumento fino al numero di 16 o 18 (se non, addirittura, 24) che andranno a ospitare i nuovi SLBM di tipo JL-3 derivati dall’ICBM DF-41, noto anche come CSS-X-10. Missili caratterizzati da un notevole incremento della gittata rispetto ai predecessori, per valori di 9.000/10.000 chilometri e con 10 MIRV.

Con questi ordigni, soprattutto se la gittata fosse nella parte alta delle stime, sarebbe dunque possibile colpire il territorio continentale degli Stati Uniti restando nei Mari Cinesi. Intanto, si segnala che sono già stati effettuati almeno un paio di lanci prova del JL-3, probabilmente facendo ricorso battello al Type 032 in dotazione alla Marina,  un sottomarino utilizzato proprio per le sperimentazioni in campo subacqueo.

Al netto di tutte queste ipotesi più o meno fantasiose, a oggi rimangono solo indicazioni generiche confermate dalla stessa intelligence americana che riferisce dell’esistenza dei programmi relativi sia al Type 096, sia del JL-3. Con rapporti recenti provenienti dallo stesso Dipartimento alla Difesa, si ipotizza che la costruzione della prima unità potrebbe avere inizio intorno ai primi anni ’20.

Nel frattempo, e questo è un elemento certo, si segnala l’espansione delle strutture produttive presso il cantiere BSHIC di Huladao, con la costruzione di un nuovo grande capannone, all’interno del quale possono essere realizzati contemporaneamente più battelli (il tutto al riparo da “occhi indiscreti”) come i Type 096  e i nuovi SSN Type 095.

Le sfide per il deterrente nucleare strategico imbarcato cinese

La rilevanza della questione relativa al raggio d’azione degli ICBM cinesi è sttettamente legata al contesto operativo della Marina Ccinese. Generalmente, le strategie d’impiego degli SSBN sono di tre tipi:

   –  costiera, con i sottomarini stessi che operano in specchi d’acqua con profondità fino a un massimo di 200 metri

   –  “bastion”, che individua uno specchio d’acqua delimitato quale zona di operazioni     in mare aperto,

   – con gli SSBN che operano nelle profondità degli oceani, che rappresenta la più efficac e flessibile.

Logica vuole che alla Marina Cinese quest’ultima opzione sia sostanzialmente preclusa: i livelli di rumorosità non proprio modesti dei propri sottomarini costituiscono infatti un grave handicap allorquando si opera in acque profonde, laddove cioè le condizioni per chi effettua operazioni di ricerca diventano più agevoli.

Inoltre lo spostamento verso simili zone di operazioni sarebbe anche ostacolato dalla necessità di attraversamento di alcuni passaggi obbligati e, oltretutto, la stessa Marina Cinese nel suo complesso (come assetti navali di superficie, subacquei nonché aerei) non appare ancora in grado di affrontare in pieno le sfide legate alla protezione complessiva dei suoi SSBN.

Non rimane dunque che optare per la prima e/o la seconda opzione. Operare in acque comunque poco profonde significa infatti contare sul vantaggio delle difficili condizioni di propagazione del suono (l’ideale per contribuire a celare le tracce di un sottomarino rumoroso) e, al tempo stesso, condurre i propri pattugliamenti all’interno di “bastioni” ben difesi nonché facili da interdire alle eventuali operazioni di un avversario risulta sempre un’ottima opzione.

Sennonché, la scelta di queste strategie comporta un prezzo da pagare: rimanere confinati in zone costiere e/o “bastioni” rappresentati dai propri Mari (principalmente, il Mar Giallo e, ancora di più, il Mar Cinese Meridionale) significa aumentare le distanze rispetto agli obiettivi.

In termini ancora più diretti, un’ipotetica accoppiata Type 094 con i propri JL-2 operativi, non potrebbe eventualmente colpire gli Stati Uniti continentali. Solo le isole Hawaii o l’isola di Guam sarebbero raggiungibili; una limitazione pesante, tale da ridurre l’efficacia di questo assetto strategico. Comprensibile quindi l’importanza dell’ingresso in servizio dei nuovi Type 096 con i missili JL-3.

Più in generale poi, la comparsa della componente strategica basata su sottomarini diventa una sfida importante anche sotto diversi altri punti di vista.

Legati principalmente alla dottrina Cinese sull’impiego di armi nucleari e sulle peculiari caratteristiche della catena di Comando e Controllo.

Nello specifico, Pechino da sempre professa la dottrina del “No-First Use” (“NFU”): l’eventuale impiego di armamenti nucleari è per l’appunto contemplato sono in termini di risposta a un eventuale attacco verso la Cina stessa.

Questo aspetto, combinato con lo stretto controllo politico a più livelli per la gestione di tutti gli assetti strategici, ha prodotto alcune decisioni importanti.

La prima è costituita dalla creazione della PLARF (People’s Liberation Army Rocket Force), cioè della struttura che si occupa di tutte le componenti dell’arsenale nucleare strategico basato a terra allo scopo di rafforzare il ruolo della Commissione Centrale Militare quale massimo organismo di controllo e della sua presa su tali armi. In questo caso, non è anche dato sapere (a oggi) se questa “Forza” abbia il controllo diretto degli assetti della PLAN o se sia quest’ultima ad avere la piena autorità sui propri sottomarini e, soprattutto, sui missili imbarcati.

La seconda fa riferimento alla scelta di tenere, in condizioni normali, separate le testate nucleari dai propri vettori (in dotazione alla PLARF medesima). Pratica che viene modificata solo in caso d’innalzamento del livello di allarme. In questo caso, la misura appare rivolta a scongiurare eventi imprevisti, soprattutto in funzione del rispetto dell’appena ricordato principio del “NFU”.

Questioni dunque importanti, entrambe legate allo stretto controllo del Partito Comunista Cinese su questi assetti operativi (ma anche su molto altro…) e che però mal si conciliano con le particolari caratteristiche di un deterrente nucleare imbarcato su sottomarini.

Proprio sul particolare aspetto del Comando e Controllo di queste unità e dei loro missili, incide anche il fattore legato alle comunicazioni con sottomarini in immersione. Riuscire infatti a comunicare con un SSBN in immersione è tanto difficile quanto fondamentale. Per farlo, occorre disporre di sistemi che operino a frequenze bassissime (VLF e ELF, Very Low e Extremely Low Frequency) che a loro volta necessitano di strutture complesse e vulnerabili.

Da questo punto di vista, è noto da tempo che la Cina dispone di diverse stazioni di comunicazione VLF: si stima che siano almeno 8 quelle attive, anche se alcune fonti allargano il numero fino a 12. Inoltre, appare ormai chiaro che sia stata acquisita anche l’operatività di un sistema di comunicazione in banda ELF, ufficialmente destinato a scopi civili e noto anche come Project WEM (Wireless Electromagnetic Method)

Esso farebbe della Cina il quarto Paese al mondo a disporne, dopo Stati Uniti (che però non lo utilizzano più), Russia e India. A tal proposito, sia pure nell’ambito della non sempre facile analisi delle indicazioni provenienti da fonte cinese, negli ultimi tempi alcuni organi d’informazioni locali hanno rilanciato delle voci circa possibili innovazioni in questo campo.

In particolare, sarebbero allo studio tecnologie per implementare sistemi di comunicazione quantistici mentre non meno “affascinanti” appaiono i possibili sviluppi nel campo dell’Intelligenza Artificiale (IA). Come noto, la Cina è un Paese che sta investendo molto nel settore, al punto che una sua applicazione in campo militare deve essere data per scontata con l’inserimento di elementi di IA nei sistemi di Comando e Controllo dei sottomarini.

Considerazioni

 Nel complesso, quella in questione è dunque una sfida di notevole portata perché destinata a interessare da un lato questioni più squisitamente tecnico/operative quali le piattaforme con i propri sistemi, i missili, le infrastrutture, le basi insieme ad altre legate all’expertise, come l’acquisizione di una certa esperienza operativa.

D’altra parte a queste considerazioni generali si aggiungono le caratteristiche peculiari della dottrina nucleare di Pechino e la sua altrettanto particolare struttura politica con tutte le implicazioni sugli aspetti militari. Tutte questioni che, come già ricordato, fanno ritenere la Cina in una condizione di complessivo ritardo in questo campo.

Al tempo stesso però non si può certo negare che il “Dragone Cinese” stia lesinando attenzione e risorse al potenziamento complessivo del proprio strumento militare e di quello nucleare in particolare.

Una tendenza ribadita anche nel recente “Libro Bianco della Difesa” dove accanto a messaggi quasi rassicuranti (la conferma della politica del “No First Use” e dunque l’impronta difensiva del proprio arsenale strategico), si aggiunge che una capacità nucleare è la pietra angolare per la salvaguardia della sovranità e della sicurezza nazionali, dissuadendo altri Paesi dall’utilizzo, o dalla minaccia di utilizzo, di armi nucleari.

Elementi da tenere in considerazione visto che, non a caso, proprio negli ultimi mesi si sono moltiplicati i segnali di grande “attenzione” da parte degli USA.

Che si tratti di rapporti del Pentagono o dell’intelligence statunitense, che si tratti di testimonianze dirette dei massimi responsabili del PACOM (Pacific Command) o di studi/articoli di analisti indipendenti, il dato che emerge con chiarezza è uno solo: la Cina sta sì completando la propria triade di armamenti nucleari (con armi lanciata da terra, dall’aria e dal mare) ma, soprattutto, sta dedicando una particolare attenzione proprio alla componente navale. Segno che lo sforzo di Pechino per colmare quel ritardo più volte denunciato, è massimo.