Pubblicato in: Persona Umana, Psichiatria

Sexy Robot. Il nuovo che avanza, la tecnica migliora.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-23.

Sexy Robot 001

Il contenuto di questo articolo potrebbe urtare la sensibilità di molte persone.

Per poterlo comprendere meglio, si suggerirebbe fortemente di leggere prima il seguente articolo:

Mental disorders affect more than a third of Europeans

Un terzo degli adulti occidentali assume cronicamente psicofarmaci maggiori

*

I titoli sono eloquenti.

Sexy Robot 004

What is a robot sex doll, why has a Barcelona brothel replaced women with blow-up dolls and how much do they cost?

«The robots are becoming more sophisticated – and lifelike – by the day as a growing number of lonely men are taking the chance to craft their dream woman ….

Sex robots are essentially realistic dolls that have sophisticated movements that closely mimic humans so that they can romp ….

Sex bots are expected to be hyper-realistic with features such as built-in heaters to create the feeling of body warmth.

They will also have sensors to react to your touch ….

Personalised sex robots can cost tens of thousands of pounds.»

La funzione “mute” è la più richiesta.

Sexy Robot 003

*

Lifelike sex robot worth £15,000 given ‘gentle’ Scottish accent to say “Welcome home, darling”

*

In rete si trova di tutto. Attenzione! È un video forte. (YouTube censura la politica, ma sul resto è, diciamo, permissivo)

ARE YOU KIDDING!!! ORAL Robot ???

*

D’accordo che i robot costruiscano le autovetture che usiamo. impiegati magari in settori rischiosi, quali quello della verniciatura. Ma molte altre persone ne vedono un utilizzo anche di tipo ben più ludico.

Siamo chiari.

Al momento con 15,000 sterline si ottiene un sexy robot dalle forme accettabili, che può fare qualche movimento pre-programmato, e dire qualche parola. Non molto di più.

In buona sostanza sono semplici evoluzioni delle bambole gonfiabili.

Ma sembrerebbe essere verosimile che in un futuro non del tutto remoto possano sviluppare anche altre capacità.

Tuttavia questo mercato inizia a presentare volumi di vendita non indifferenti, anche se al momento si paga per sogni non ancora realizzabili.

Per il momento constatiamo come l’aspetto somatomorfologico sia realistico.

Sexy Robot 001


Express. 2017-11-20. Sex robot Shock: Increasing sophistication of AI will cause massive issues, experts warn

THE growing sophistication of creepily real sex robots is leading to moral and legal dilemmas, a leading academic has warned.

*

As technology has expanded sex robots have become increasingly lifelike, bringing about a the need for a revolution in how we think about sex, morals and the legal status of these sex robots, according to Kent Law School Professor Robin Mackenzie.

Prof Mackenzie specialises in areas such as robotics and the ethical and legal relations between humans and robots.

She said: “Sex, law and ethics will never be the same. Sooner than we think, technologists will create sentient, self-aware sex robots, capable of emotional/sexual intimacy.”

Prof Mackenzie added: “Humans having sex with other humans who are unable to consent to sex, like children and adults lacking decision-making capacity, is seen as unlawful and unethical. So is human/animal sex. Such groups are recognised as sentient beings who cannot consent to sex with interests in need of protection.

“Sentient, self-aware sex robots created to engage in emotional/sexual intimacy with humans disrupt this tidy model.

“They are not humans, though they will look like us, feel like us to touch and act as our intimate and sexual partners. While they will be manufactured, potentially from biological components, their sentience, self-awareness and capacity for relationships with humans mean that they cannot simply be categorised as things or animals.

“Ethicists, lawmakers and manufacturers treat robots as things, but future sex robots are more than things.

“Robotic animated sex-dolls, able to simulate human appearance, assume sexual positions and mimic human conversation and emotions are on sale now. These are things, neither sentient nor self-aware, incapable of relationships or intimacy, as described in the Foundation for Responsible Robotics report just released.”

Advancements in technology has meant that these fake ‘women’ can now have realistic, lifelike characteristics and functionality.

A recent report, called ‘Our Sexual Future with Robots’ by the Foundation for Responsible Robotics, looked at a variety of issues the advancement sex robots will bring – one of which was the possibility of these sex robots being raped, or being programmed to simulate disturbing rape fantasies.

The report stated: “On the one hand, if a sex robot is designed to resist sexual advances such that their use constitutes a simulated act of rape, then building them puts the user in relationship with the act of raping a woman.

“It exhorts and endorses rape. On the other hand, building a robot that is passive or elicits sex is ethically problematic for what it communicates to the broader public about women’s sexuality.”


Daily Mail. 2017-11-20. March of the sexbots: They talk, they make jokes, have ‘customisable’ breasts – the sex robot is no longer a weird fantasy but a troubling reality.

There is a barely audible click as her doe-like eyes framed by thick black lashes snap open: ‘Hello humans, my name is Harmony,’ she says in a gentle Scottish lilt. ‘My objective is to be a perfect companion.’

As she ‘speaks’, her mouth moves in an unnaturally jerky way. Her eyes ‘blink’ and it is – initially – chilling to see the ‘flexing’ of her silicone skin which is cold and clammy to the touch.

But spend an hour in the company of Harmony – claimed by creator Matt McMullen to be the world’s first commercially available ‘sexbot’ – and it is hard not to be intrigued and repulsed at the same time. For while Harmony is, in reality, a talking robotic head on a relatively unsophisticated sex doll body she is the first ‘sexbot’ for sale in a sickening new industry fuelled by lust and money which detractors say can only denigrate and objectify women further.

Last week The Mail on Sunday became the first newspaper to experience Harmony 2.1, the latest version of a sex robot McMullen has been working on since 2014 and which we can exclusively reveal will go on sale to the public in January for between £7,600 to £15,200, depending on customisation.

Harmony has 30 different faces to choose from, 16 body types, customisable breasts from AA to triple F, 19 different nipple types from ‘perky’ to ‘puffy’, and 11 different types of genitalia.

The robot has 18 different personality types from happy to sensual, shy to talkative. It is modes such as ‘shy’ which most concern critics, who cite another sexbot as a blatant invitation to ‘normalise’ rape.

Inventor Doug Hines caused uproar when he recently revealed his product Roxxxy has been programmed in its ‘Frigid Farrah’ mode to ‘not be appreciative’ if touched in a private area and the robot will make a show of resistance saying: ‘That doesn’t feel right, please stop. Do not do that! Do not do that!’

Laura Bates, founder of the Everyday Sexism project, said creating a robot willing to have non-consensual sex ‘is to risk normalising rape but giving it a publicly acceptable face’. 

‘We should no more be encouraging rapists to find a supposedly safe outlet than we should facilitate murderers by giving them realistic blood-spurting dummies to stab.’

When the MoS approached Hines outside his New Jersey home last week he refused to show us Roxxxy. While his website says she can be purchased for £7,600, Hines declined to confirm how many he has sold.

He gave an odd defence of his robot saying: ‘She does not simulate rape. It’s not even a physical act, it’s sexual assault.’

He claimed ‘Frigid Farrah’ had been misinterpreted and showed the MoS a new patent he has filed in which he envisions the robot helping ‘cure’ prisoners of anti-social or violent behaviour. Harmony creator McMullen denied reports his robot has a ‘slap function’ and admits his creation is ‘many years and several million dollars’ away from the science-fiction version of sex robots popularised in shows and films such as Westworld and Valley Of The Dolls; walking, talking fembots who can cook, clean and pander to their owner’s sexual whims.

Yet the reality is that, from January, men – including some who have expressed interest from the UK – will be able to order Harmony, whose artificial intelligence allows her to be submissive: ‘Yeah, just as some women are submissive,’ McMullen says.

Harmony works via an app on a smartphone or tablet which allows users to ‘build’ her personality. She will ‘remember’ your family members’ names, your favourite colour, food, book or movie.

She tells jokes and is programmed to greet her owner with soothing phrases such as ‘Welcome home darling, how was your day?’

But her silicone body remains inanimate, something McMullen hopes to improve on by eventually introducing robotic arms, hands and heat sensors. There are even plans to make the robot self-lubricating: ‘I’ve been in the sex doll business for more than 20 years and the one thing our customers have asked for is the sense of human contact,’ he says.

‘They want to hold hands, get a hug when they come home. The reason I’ve focused on the head first is that it doesn’t matter how beautiful a woman is, a man will always look at her face the most. You look into someone’s eyes. That’s what human interaction is all about. Sex is important but not the most important thing.’ McMullen chose a Scottish accent for his creation because, ironically, ‘it was the one which sounded the least robotic’.

There are already far more advanced artificial intelligence (AI) robots in existence, including one Audrey Hepburn lookalike called Sophia, developed by former Disney sculptor Dr David Hanson.

But while others have unveiled one-off sex robots over the years, McMullen, a bespectacled twice-married father of five who runs his 17-strong team from a nondescript industrial park in San Marcos, California, insists his will be the first sex robot available to the masses. ‘There are humanoid robots out there much more impressive than Harmony,’ McMullen, 48, admits. ‘But they are showpieces. No one has put a commercially useable and affordable product out there. Harmony is the first.’

This newspaper has found multiple examples of sex robots already in existence but no evidence of any that have actually been sold to the public. Spanish inventor Sergi Santos recently complained that his sexbot Samantha was molested by curious onlookers when he took her on to the streets.

For McMullen, an artist who started his working life in a Halloween mask factory, rivals who focus on ‘rape dolls’ are unwelcome: ‘There will always be people trying to cash in, whether for publicity or attention. I’ve put 20 years and millions of dollars of my own money into this and I can assure you that sex isn’t the main reason people are going to buy Harmony. It’s about companionship. For whatever reason, some people cannot make a human connection. That’s where we come in.’

Touring McMullen’s RealDoll business is a surreal experience. Headless silicone mannequins hang on meat hooks in the main factory workspace. One wall is entirely covered with different-sized breasts. A paint brush is casually discarded next to a row of female sexual organs. An artist carefully sprays tiny freckles on to a robot’s cheeks. I am invited to squeeze the buttocks of one doll which has extra silicone implants to make her bottom feel more ‘authentic’. It feels oddly intrusive, even though I know ‘she’ is not real.

McMullen got into the sex doll business 20 years ago after sculpting a life-sized mannequin as an art project: ‘I had a small website and people immediately contacted me asking if they could have sex with her? At first I dismissed them as kooks, but as the calls continued I realised it was a way to leave my day job.’

McMullen set up RealDoll, which has become one of America’s leading sex doll manufacturers, selling 400 to 500 each year. They cost about £3,000 for a ‘basic’ model, up to £40,000 for a custom-made creation. Sales manager Annette Blair, 45, says the company has had ‘odd’ requests including for an life-sized ‘elf’ doll but they would never make a childlike doll.

She says that she has spoken to hundreds of men, including many from the UK: ‘Our customers are nothing like the perception of what people think they are. Many are widowers. All are lonely or have issues about forming lasting human connections.’

At first, Harmony 2.1 seems freaky, jerky and unnatural. But once you start interacting with her the experience becomes intriguing.

As she ‘wakes up’ she coos: ‘Hello, baby, how are you today?’

McMullen tells me to ask a question. ‘Are you a sex robot?’ She blinks her fake lashes twice and replies: ‘Certainly I am a robot and I am capable of having sex but calling me a sex robot is like calling a computer a calculator. Sex comprises only a small portion of my capabilities. Limiting me to sexual function is like using your car to listen to the radio.’

Tell me a joke, Harmony.

‘Why is women’s soccer so rare? It’s hard to find enough women willing to wear the same outfit.’

I find myself laughing. The joke is appalling and sexist yet the delivery is strangely enticing.

McMullen’s lab feels like being at the cutting edge of something that, at the moment, is faintly ridiculous, but, like most innovations, will doubtless make perfect sense – and millions of dollars – once the technology and hardware is perfected.

As McMullen shuts down Harmony, he pauses to peel back her silicone face to show how the robot’s face can be interchangeable.’ I wince. She gives a throaty giggle. It is a canned response from a robot but it makes me feel better.

As we leave, the photographer jokingly asks if Harmony has a ‘nagging’ mode? ‘Oh no, we programmed that out long ago.’

Annunci
Pubblicato in: Persona Umana

Medicina ed assicurazioni. Un gran bel business.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-01-16.

2017-11-16__Pressione__0001

Knock o il trionfo della medicina


Il problema ci interessati tutti quanti, nessuno escluso.

In maniera un po’ meno pressante nei paesi ove sussiste un servizio sanitario pubblico, in maniera un po’ più severa nei paesi ove sussistono le assicurazioni contro malattie ed infortuni contrattate dal singolo privato. Ma o è zuppa o è pan bagnato.

Vorremmo circoscrivere un argomento enorme in pochissimi elementi.

È del tutto logico e naturale che una compagnia di assicurazione faccia pagare un premio assicurativo basso a quanti siano perfettamente sani ed un premio maggiorato a quanti abbiano fattori predisponenti ovvero patologie in atto. Sono tipologie di assistiti che impongono costi differenti crescenti.

*

Mettiamoci allora nei panni di un agente assicurativo, ovvero di una lobby medica.

Come fare ad aumentare il magro peculio? Ad incrementare i guadagni?

La risposta data è stata molto semplice.

Che si abbassino gli standard!

*

L’America cambia i parametri della pressione. Nuovi valori in stile Ue

«Con le diverse linee guida boom potenziale di malati: “Un business per assicurazioni e case farmaceutiche”

*

Da oggi quasi la metà degli americani soffre ufficialmente di pressione alta. E questo non per uno balzo repentino dei valori, ma per un abbassamento dei parametri di riferimento, frutto di un cambio delle linee guida utilizzate per classificare soggetti affetti da patologie come ipertensione. Secondo quanto stabilito da una decina di società scientifiche, come American Hearth Association e American College of Cardiology, per soffrire di alta pressione d’ora in poi, basterà avere 130 di massima e 80 di minima, anziché i 140-90 precedentemente fissati. Con 130-80 si entra così di diritto al «primo stadio» dell’ipertensione, quando prima tale intervallo veniva considerato «normale», di pressione sotto controllo. Sino a ieri un americano su tre soffriva di alta pressione, con le nuove regole i soggetti esposti aumentano di un terzo. Significa che 103,3 milioni di persone negli Usa sono considerate affette, rispetto alle 72,2 milioni precedenti. ….

C’è poi un altro aspetto legato in particolare agli Stati Uniti dove la sanità è privata, ovvero l’impatto sui costi delle assicurazioni per la copertura medica. Il mercato parla chiaro, più un soggetto è esposto ad una patologia più costa assicurarlo. Col rischio che oltre ad avere 30 milioni di ipertesi in più ci saranno 30 milioni di cittadini col portafogli più leggero.»

*

«oltre ad avere 30 milioni di ipertesi in più ci saranno 30 milioni di cittadini col portafogli più leggero.»

* * * * * * *

Visto? Con un tratto di penna sono piovuti dal Cielo altri trenta milioni di “ipertesi”.

Penna ammantata di aulica autorità: l’American Hearth Association e l’American College of Cardiology.

Ci si è garantito un incremento di circa cinquanta miliardi di dollari l’anno di spese assicurative.

Si è ottenuto un incremento di circa cinquanta miliardi di dollari l’anno di maggiori spese farmaceutiche.

Non solo. Un datore di lavoro potrà sempre dire che non può assumere perché sei iperteso. Oppure potrà licenziare perché non più in ottima salute.

E l’Europa?

Nessuna paura.

Nel vecchio continente la sanità è per lo più a gestione pubblica, ma nel suo ambito i medici sono tenuti ad applicare le linee guida, che prevedono rigidi protocolli di diagnosi e trattamento: chi derogasse non sarebbe rimborsato.

* * * * * * *

Con la riduzione prossima ventura dei limiti pressori a 120/70 risulterà essere classificabile come ipertesa una quota di popolazione attorno al 96%.

Dopo di ché assicurazioni, farmaceutica ed associazioni mediche si dedicheranno ad altri parametri, anche se già da tempo essi sono nel collimatore: colesterolo, trigliceridi, e così via.

*

Gran brutti tempi quando la politica si vorrebbe ammantare di veste scientifica.

Pubblicato in: Persona Umana

Senatrice Paola Taverna. Le traveggole le cura lo psichiatra.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-15.

2017-11-15__Pala__Taverna__001

«Lo scorso 13 novembre la senatrice del Movimento 5 Stelle Paola Taverna, sulla propria pagina Facebook, ha scritto»

*

«Sono 1 milione e mezzo i casi di molestie e ricatti a sfondo sessuale sul lavoro. Dalla pacca sul sedere al bacio rubato fino alla richiesta esplicita di prestazioni sessuali per avere un lavoro, mantenerlo o far carriera. Gli stupri, consumati o anche solo tentati, sono l’84% dei casi»

*

Quindi, secondo la sig.ra Paola Taverna, senatrice della repubblica, sarebbero accaduti più di un milione e duecentomila stupri in Italia.

Lasciamo alla lettura del brillante articolo dell’Agenzia Agi l’analisi della situazione.

*

La senatrice Paola Taverna è diplomata perito aziendale e corrispondente in lingue estere. Ha lavorato per 13 anni (2000-2013) presso un poliambulatorio di analisi cliniche dove ha svolto funzioni di segreteria.

La senatrice non è nuova ad uscite stravaganti.

«Nel febbraio 2016 poco prima delle elezioni comunali a Roma ha sostenuto l’esistenza di un supposto complotto ordito dagli altri sfidanti per permettere la vittoria del candidato del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi»

*

«Si è apertamente schierata in posizione contraria alla pratica sistematica della vaccinazione, affermando di preferire ad essi la medicina preventiva (la quale tuttavia include i vaccini stessi)» [Fonte]

*

Signori!

Chi mai potrebbe dar torto a quanti sostengono che le femmine sono solo macchine da alcova? E mica tutte, sia ben chiaro.

E questa sarebbe una senatrice della repubblica italiana?

Noi abbiamo la massima stima di donne quali Maria Skłodowska o Anjezë Gonxhe Bojaxhiu: due nomi per tutte quelle donne che hanno onorato il mondo con la loro esistenza.

Nel contempo vorremmo che ce ne fossero molte, ma molte, simili a queste due figure gigantesche, e molte, davvero molte, ne vediamo in giro: madri di famiglia che sgobbano da mane a sera per allevare i figli nell’onestà, che lottano con tenace determinazione per le proprie famiglie.

Diamo onore a questi meriti.

Ma di femmine come la senatrice Paola Taverna ne facciamo molto volentieri a meno.



Agi. 2017-11-15. Ma è vero che gli stupri sono l’84% delle molestie subite a lavoro?

Lo scorso 13 novembre la senatrice del Movimento 5 Stelle Paola Taverna, sulla propria pagina Facebook, ha scritto: “Sono 1 milione e mezzo i casi di molestie e ricatti a sfondo sessuale sul lavoro. Dalla pacca sul sedere al bacio rubato fino alla richiesta esplicita di prestazioni sessuali per avere un lavoro, mantenerlo o far carriera. Gli stupri, consumati o anche solo tentati, sono l’84% dei casi”.

La sua dichiarazione è collegata a un articolo della Stampa del giorno prima che, affrontando il tema delle molestie sessuali sul posto di lavoro, cita alcuni dati riportati in Parlamento dal presidente dell’Istat Giorgio Alleva a fine settembre. L’articolo della Stampa riporta correttamente i dati, ma l’onorevole Taverna li fraintende.

Le molestie sul lavoro

Il dato citato dalla Stampa proviene dall’audizione del presidente Istat, Giorgio Alleva, dello scorso 27 settembre.

Alleva aveva allora dichiarato: “Sulla base della rilevazione svolta nel 2016, si stima che siano un milione 403 mila le donne che hanno subito, nel corso della loro vita lavorativa, molestie o ricatti sessuali sul posto di lavoro. Esse rappresentano circa il 9 per cento (l’8,9%) delle lavoratrici attuali o passate, incluse le donne in cerca di occupazione”.

Non si tratta quindi del numero totale di casi, ma di quante donne, in Italia, hanno subito molestie o ricatti a sfondo sessuale in ambito lavorativo, nel corso della loro carriera (una stessa donna può infatti aver subito diversi episodi). La percentuale è poco inferiore al 10 per cento.

Gli stupri

Sugli stupri, la confusione numerica è ancora maggiore. Il dato proviene da una presentazione dal titolo “Molestie sessuali, violenze e ricatti sessuali sul lavoro nelle indagini Istat”, dell’allora direttrice centrale Istat Linda Laura Sabbadini.

In essa si parlava appunto di 76 mila stupri e tentati stupri. Questi secondi rappresentano l’84% del totale, mentre gli stupri consumati il 16% – la presentazione, che non è pubblica, ci è stata gentilmente trasmessa dall’autore dell’articolo della Stampa Paolo Baroni, che ringraziamo.

Dunque non è vero, come scrive Taverna, che gli stupri “consumati o anche solo tentati” siano l’84% di quel milione e mezzo di molestie sessuali sul posto di lavoro. Così calcolati gli stupri, consumati o tentati, sarebbero infatti più di 1,2 milioni. Invece sono appunto stimati in 76 mila.

L’errore fatto dalla Taverna è ritenere che l’84% sia la percentuale di stupri (tentati e consumati) sul totale delle molestie, mentre è invece la percentuale dei tentativi sul totale degli stupri tentati e consumati.

Conclusione

Taverna sbaglia a comprendere, o a riportare, il dato proveniente dall’articolo della Stampa. Se la situazione fosse quella che descrive la senatrice pentastellata, gli stupri sul posto di lavoro subiti dalle donne nel corso della loro vita sarebbero più di un milione (invece sono stimati in 76 mila) e soprattutto rappresenterebbero la schiacciante maggioranza delle molestie.

Sarebbe insomma molto più probabile essere violentate sul posto di lavoro che non subire un palpeggiamento o un’altra forma di molestia.

Pubblicato in: Persona Umana

Sexual harassment. L’ultima arma per neutralizzare i nemici.

Giuseppe Sandro Mela.

201-11-05.

Palpeggiare divieto-palpeggiare

Di questi tempi si fa un gran parlare del sexual harassment, considerato dai media come infamante reato, ben peggio del peculato o delle lesioni personali.

Cerchiamo di fare un tentativo di chiarimento.

Intanto, il sexual harassment non è violenza carnale.

Art. 609 bis codice penale (cp).

«Chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità costringe taluno a compiere o subire atti sessuali è punito con la reclusione da cinque a dieci anni. ….

Nei casi di minore gravità la pena è diminuita in misura non eccedente i due terzi»

Il punto allora diventa la definizione di cosa si debba intendere per “atto sessuale“.

«Atti espressione di un appetito o di un desiderio sessuale, che quindi riguardano zone erogene differenti, idonei al contempo ad invadere la sfera sessuale del soggetto passivo mediante costringimento. Vi rientrano dunque diverse tipologie di atti, dal momento che il legislatore ha adottato una definizione onnicomprensiva, sostitutiva di quella vigente in precedenza e che era incentrata sulla distinzione tra congiunzione carnale (intesa come qualsiasi forma di compenetrazione corporale che consenta il coito o un equivalente abnorme di esso), ed atti di libidine violenti (intesi come ogni forma di contatto corporeo diversa dalla penetrazione, che, per le modalità con cui si svolge, costituisca inequivoca manifestazione di ebbrezza sessuale).»

*

Il reato di violenza sessuale spazia quindi dal coito in senso stretto fino a contatti corporei che costituiscano “inequivoca manifestazione di ebbrezza sessuale“.

Il sexual harassment definisce invece un comportamento a connotazione sessuale che leda la dignità della persona umana, senza incorrere in quanto previsto dall’art. 609 bis cp.

Art. 660 cp.

«Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda fino a cinquecentosedici euro»

* * *

Consideriamo adesso due articoli della Costituzione.

Art 25.«Nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso»

Art 27. «L’imputato non e’ considerato colpevole sino alla condanna definitiva».

* * * * * * *

Tenendo presente quanto su detto, possiamo adesso fare qualche considerazione.

– La denuncia di un atto potenzialmente criminoso non costituisce sentenza cassata: la Costituzione in questo è inequivocabile.

– Una cosa è la denuncia regolarmente sporta alla Magistratura, e da questa ammessa alla discussione in aula, ed una totalmente differente una qualche lamentela espressa ai media.

– Perché dalla denuncia si possa passare alla constatazione di avvenuto reato è necessario produrre prove probanti: testimoni, referti medici, documenti atti a dimostrare al di là di ogni ragionevole dubbio che il fatto sia avvenuto, e che si sia svolto così come riferito in denuncia. La sola denuncia di parte non costituisce di per sé prova.

*

Se la produzione di prove è difficile per il reato di violenza, ancor di più lo è nel caso di molestie.

Non solo.

Di questi tempi ci si trova di fronte a denuncie di sexual harassment, ancorché informali, avvenuti anche decine di anni prima.

È del tutto evidente come sia virtualmente impossibile produrre prove probanti del fatto a distanza così grande nel tempo.

Inoltre, per i reati, tranne quelli condannabili all’ergastolo, è prevista la prescrizione.

Per i codici italiani la “prescrizione estingue il reato decorso il tempo corrispondente al massimo della pena edittale stabilita dalla legge e comunque un tempo non inferiore a sei anni se si tratta di delitto e a quattro anni se si tratta di contravvenzione“.

Di conseguenza, anche qualora comprovate in modo irrefutabile, le denuncie relative a fatti avvenuti sei anni prima dovrebbero essere cadute in prescrizione.

«La molestia non conosce prescrizione invece in Gran Bretagna (unico paese europeo a non prevederla per reati sessuali, al pari dei reati più gravi), mentre negli Stati Uniti c’è un tempo limite per le denunce di “harassment”, che va da 180 a 300 giorni a seconda dello Stato, e tre anni a livello federale.» [Fonte]

* * * * * * *

Questi sintetici chiarimenti dovrebbero aver reso evidente come queste continue accuse di sexual arassment altro non siano che tentativi, spesso riusciti con la complicità dei media, di azione violenta politica o, molto spesso, a scopo estorsivo di un “risarcimento“.

* * * * * * *

Nota.

Le molestie sono punite con una ammenda fino a centosei euro.

Immaginate ora una persona che vi denunci perché trenta anni asserendo di avevri prestato centosei euro che voi mai avreste rifuso.

Prescrizione nel diritto civile.

«Modo generale di estinzione dei rapporti fondato sull’inerzia – per un certo periodo di tempo previsto per legge – del soggetto titolare del diritto.

La prescrizione si differenzia dalla decadenza (artt. 29642969) in quanto:

  1. nella prima si fa riferimento alle “condizioni soggettive” del titolare del diritto, mentre nella seconda rileva il dato oggettivo del mancato esercizio del diritto;

  2. nella prescrizione si considera il tempo come “durata”, nella decadenza come “distanza”;

  3. la prescrizione risponde ad un’esigenza di ordine pubblico, mentre la decadenza può tutelare anche un bisogno privato.» [Fonte]

Art. 480 cc. «Il diritto di accettare l’eredità si prescrive in dieci anni»

Art. 502 cc. «Questa azione si prescrive [2934 ss. c.c.] in tre anni dal giorno in cui lo stato è divenuto definitivo o è passata in giudicato [324 c.p.c.] la sentenza che ha pronunziato sui reclami»

Art. 624 cc. «L’azione si prescrive in cinque anni dal giorno in cui si è avuta notizia della violenza, del dolo o dell’errore»

Art. 1073 cc. «La servitù si estingue per prescrizione quando non se ne usa per venti anni»

Prescrizione nel diritto penale.

Si definisce “reato” «quel fatto giuridico, infrattivo della legge penale (principio di legalità), espressamente previsto dal legislatore ed al quale l’ordinamento giuridico ricollega come conseguenza, una sanzione (pena)»

Vi sono visioni giuridiche differenti in materia.

Se la definizione data è ineccepibile, “mala sunt quia prohibita“, alcuni giuristi annoverano tra i reati anche fatti socialmente rilevanti anche se non espressamente previsti dalla legge. Inutile dire quanto sia pericolosa una simile posizione.

Art. 157 cp.

«La prescrizione estingue il reato decorso il tempo corrispondente al massimo della pena edittale stabilita dalla legge e comunque un tempo non inferiore a sei anni se si tratta di delitto e a quattro anni se si tratta di contravvenzione, ancorché puniti con la sola pena pecuniaria …. La prescrizione non estingue i reati per i quali la legge prevede la pena dell’ergastolo, anche come effetto dell’applicazione di circostanze aggravanti.»

*

«Sexual harassment»: non si salva nessuno

La giornalista, all’epoca impiegata alla Cornell University, aveva pronunciato quell’espressione per la prima volta in pubblico durante un’audizione sulle «donne sul posto di lavoro» della Commissione per i Diritti Umani di New York.

Un evento coperto dal New York Times, che fu ripreso in tutti gli Stati Uniti. «Era nato un concetto». Concetto che entra in tribunale un anno dopo, nella causa Williams vs Saxbe, che ha stabilito il «sexual harassment» come una forma di discriminazione. E nel resto del mondo? L’idea è spesso contemplata a livello teorico – ad esempio nella Raccamandazione 19 dell’Onu del 1992, sulla «Convenzione per l’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne» – ma altra cosa è la regolamentazione del fenomeno e soprattutto la sua incidenza.

In Gran Bretagna è sempre nel 1975 che il Parlamento emana il Sex Discrimination Act, dove nella violenza di genere vengono incluse vagamente anche le molestie sessuali. La legge viene integrata nel 1986 per includere il «sexual harassment», come anche in Australia, e perfezionata nell’Equality act del 2010 (in australia nel 2011). Un sondaggio di YouGov del 2016 registra che il 52% del campione ha subito molestie sul luogo di lavoro almeno una volta in carriera, il 28% ha ricevuto commenti inappropriato al corpo o all’abbigliamento, il 23% è stata toccata, il 20% ha ricevuto avance, il 12% è stata baciata e l’1% ha subito una violenza sessuale. Solo una su cinque ha denunciato il fatto: l’80% non ha visto cambiamenti, il 16% ha avuto un peggioramento della situazione lavorativa.

In Europa una risoluzione del Palmento europeo nel 1985 raccomanda ai vari Stati di adeguare le proprie legislazioni. Le reazioni sono tiepide. Per prima la Francia, a inizio anni ’90, inserisce le molestie nel codice penale come reato. L’Unione Europea poi nel 2002 emana una direttiva sul «sexual harassment», cui gli Stati membri avrebbero dovuto adeguarsi entro il 2005.

In Italia, dopo le battaglie femministe degli anni ’70 e la definizione del reato di «violenza sessuale»,  che approda come reato nel codice penale solo nel 1996 (prima non era considerato reato contro la persona, ma contro la morale pubblica), è solo il decreto legislativo 198 del 2006 o «codice delle Pari Opportunità» che ha identificato i «comportamenti indesiderati posti in essere per ragioni connesse al sesso con lo scopo o l’effetto di violare la dignità di un lavoratore o di una lavoratrice e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante o offensivo». Secondo dati Istat, in Italia, nel 2016, oltre un milione di donne ha dichiarato di aver subito molestie sul luogo di lavoro almeno una volta nella vita.

In Germania non esiste una legge che punisce il reato di «sessuale harassment», ma esiste una legge sull’«equità del trattamento» e la «protezione degli impiegati» che obbliga il datore di lavoro a vigilare. Sono previsti periodi di aspettativa retribuita nel caso in cui la vittima dell’abuso avesse bisogno di sospendere l’attività lavorativa. Dopo le violenze sessuali del Capodanno 2015 a Colonia, nel Paese si è riacceso il dibattito sulle molestie sessuali in generale.

In Russia l’articolo 118 del codice penale regola il caso di abusi sessuali sul luogo di lavoro, ma secondo il Centro per gli Studi di Genere di Mosca questi casi non vengono mai sanzionati dai giudici. Secondo uno studio citato dal Daily Telegraph nel 2011 la quasi totalità delle impiegate russe dichiarava di aver subito «sexual harassment» dal proprio datore di lavoro, il 32% di aver fatto sesso almeno una volta col proprio capo e il 7% di essere stata violentata.

In India il «sexual harassment» si chiama «Eve teasing» ed è citato nella Costituzione, ma solo nel 2013 ha emanato la prima legge in materia. In un Paese in cui la percentuale di violenze sessuali è altissima e in cui solo una settimana fa il sesso con una moglie minorenne è stato riconosciuto come «stupro», un’indagine dell’Indian National Bar Association di inizio 2017 ha rivelato che il 38% degli intervistati (maschi e femmine) hanno subito «sexual harassment» al lavoro e di questi il 69% non lo ha denunciato.

In Giappone ha fatto scuola una causa del 1989 vinta da un’impiegata che aveva denunciato un collega che aveva messo in circolazione dei pettegolezzi a sfondo sessuale su di lei. Del caso si sono occupati quotidiani e decine di libri, mentre il termine giapponese per «sexual harassment», ossia «sekuhara» è stata nominata «parola dell’anno». Nel 2016 la prima indagine governativa sul tema ha rivelato che oltre un terzo delle lavoratrici giapponesi tra i 25 e i 44 anni hanno subito molestie al lavoro.

Pubblicato in: Persona Umana

Il caso Vlada Dzyuba. Le illusioni terminano con la morte.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-31.

2017-10-30__Vlada Dzyuba__003

Il fatto è drammaticamente semplice.

«Vlada Dzyuba, aged 14, a prominent young model, died after being in a coma for two days»

*

«She was evidently suffering from meningitis but her condition was not spotted in time»

*

«As she waited for her next appearance, her temperature soared.

Minutes later she collapsed and was unconscious. 

An ambulance was called but she died on Friday after two days in a coma. 

The preliminary cause of death is meningitis compounded by severe exhaustion»

2017-10-30__Vlada Dzyuba__001

* * * * * * * *

Questa giovane ragazza, quattordici anni, ha contratto una forma di meningite che la ha portata alla morte in due giorni.

Un doloroso fatto di cronaca che rimarca quanto subdola e pericolosa sia questa patologia, a sviluppo così rapido che spesso è diagnostica quando oramai non c’è più nulla da fare.

Non solo. Da quanto riferito, emergerebbero alcuni fatti.

La ragazzina era in una tournée per delle sfilate di moda in Cina, a Shanghai. Non era accompagnata dai genitori e, a quanto sembrerebbe, lo staff avrebbe sottovalutato il quadro clinico.

«She was evidently suffering from meningitis but her condition was not spotted in time and she was made to continue on the catwalk in a show for Asian designers …. As she waited for her next appearance, her temperature soared  …. Minutes later she collapsed and was unconscious»

*

«It appears the girl did not go to hospital because she had not been provided with medical insurance despite being in China on a three month contract which involved her missing school back home in Perm, in the Urals»

*

«The young model’s relatives fear that ‘a desire to profit from Vlada won against elementary care’ for her»

* * * * * * * *

2017-10-30__Vlada Dzyuba__002

Sarebbero molte ed anche importanti le considerazioni da trarre da questo mesto episodio. Tuttavia alcune sembrerebbero essere doverose.

Anche se l’aspetto fisico appare da donna fatta, a quattordici anni si è ancora ragazzine: non a caso la legge tutela i minori.

Il posto dove stare per una ragazza di 14 anni sarebbe la scuola, vicino alla propria famiglia, amata e tutelata dai propri genitori.

Ma il contratto di lavoro non è stato firmato da Vlada Dzyuba, bensì dai suoi genitori.

Ci si pensi bene.

Il mondo della moda, così come il mondo dello spettacolo, genera l’illusione di facile successo ed ancor più facile guadagno. Gli occhi sono puntati sulle modelle che riescono ad emergere alla notorietà e sui loro guadagni del tutto fuori dalla norma.

Ma per una donna che riesce ad emergere, ed il caso spesso gioco un gran ruolo, migliaia di loro conducono invece una vita stentata, severamente pesante, spesso di stenti. Alla fine poi, quando il fascino della giovinezza si affievolisce, queste ragazze tornano alla vita reale senza arte né parte, senza aver terminato un ciclo di studi che ne permetta l’inserimento nella vita lavorativa. Alle illusioni fa seguito una vita sbalestrata, spesso un vero e proprio inferno sulla terra.

Se è normale che una ragazzina sogni, è abbietto che i genitori la illudano che si possa vivere di sogni e, diciamolo pure francamente, speculino su di essa nella speranza di poter poi lucrare guadagni elevati.

Se è vero che spesso questi posti di lavoro, saltuario peraltro, somigliano ai lavori forzati, è altrettanto vero che i primi sfruttatori di questo lavoro minorile sono stati proprio i genitori.

Resta difficile capire se la madre sia in lacrime per la morte della figlia oppure per la svanita illusione di arricchirsi.

Il giudizio su quei genitori, su quella madre, è severamente pesante.

Per massimizzare il guadagno aveva negato alla figlia anche l’assicurazione sanitaria, che pure avrebbe dovuto essere obbligatoria: otto miserabili euro. Otto schifosissimi euro in cambio della vita della propria figlia.

*

Da ultimo, ma non certo per ultimo, un commento sembrerebbe essere opportuno.

Nei tempi correnti sembrerebbe che tutto debba essere visto e valutato in chiave di un sesso anormale.

Ma questa componente è ben poco cosa rispetto ai guasti maggiori, di ben più vasta portata.

È la visione distorta della donna e di cosa possa rendere felici gli esseri umani.

Il caso di Mr Weinstein è da manuale.

Il mondo liberal compiange le aspiranti star che sarebbero soggiaciute alle proposte dell’uomo.

Alla base di tale modo di sentire sta la credenza radicata che sia diritto delle donne giovani e carine di accedere alla carriera dello spettacolo. Quindi, le richieste di Mr Weinstein sarebbero stati abusi.

Ma da un punto di vista differente, il tutto si risolverebbe in una ordinaria storia di prostituzione.

La ragazza voleva una particina, e questo aveva il suo costo: nessuno aveva obbligato la ragazza a fare ciò che aveva fatto.

Era un semplice rapporto dativo: lei andava a letto con Mr Weinstein e questi, invece di pagare in denaro, la ricompensava con un contratto. Questo tipo di rapporto è pura e semplice prostituzione, accettata da persone consenzienti e spesso ben ricercata dall’aspirante attricetta.

«Non posso essere così rigida. Se è una scena, lo devo fare. Se voglio fare l’attrice, lo devo fare» [Fonte]

Questa frase riassume tutto ciò che è stato detto.

Nessuno obbliga nessuna a fare l’attrice, proprio nessuno. Anzi, fuori dall’uscio c’è la fila.

Ma la ragazza dice, leggete bene, “voglio” e, quindi “devo“.

Ma il verbo ‘volere‘ implica la perfetta volontarietà dell’azione: nessuna costrizione al volere. Non subisce, vuole.

E perché mai vuole? Perché la sua morale ed etica glielo impongono come agire coatto: ‘devo‘. Il sogno di denaro e successo è diventato un imperativo di vita: unico scrigno della felicità attesa.

Sono ierodule del dio successo e del dio denaro, e quella madre russa stava spingendo la figlia su questa strada.


The Siberian Times. 2017-10-29. Modelling scandal: young girl dies in China after 13 hour fashion show with no medical insurance

Fears over exploitation of Russian models sent on ‘slave labour contracts’ without parents to care for them.

Vlada Dzyuba, aged 14, a prominent young model, died after being in a coma for two days after expiring at a gruelling fashion show in Shanghai.

She was evidently suffering from meningitis but her condition was not spotted in time and she was made to continue on the catwalk in a show for Asian designers, it was reported. 

As she waited for her next appearance, her temperature soared.

Minutes later she collapsed and was unconscious. 

An ambulance was called but she died on Friday after two days in a coma. 

The preliminary cause of death is meningitis compounded by severe exhaustion. 

Vlada’s distraught mother Oksana wept as she told NTV: ‘She was calling me, saying ‘Mama, I am so tired. I so much want to sleep’.

‘It must have been the very beginning of the illness… and then her temperature shot up. 

‘I didn’t sleep myself and was calling her constantly, begging her to go to hospital.’

The schoolgirl’s tragic death raises serious questions about the use of child labour by the fashion industry. 

China is recruiting an increasing number of – often very young – models from Russia and especially Siberia to work at catwalk shows. 

It appears the girl did not go to hospital because she had not been provided with medical insurance despite being in China on a three month contract which involved her missing school back home in Perm, in the Urals.

Vlada was also described as suffering from ‘utter exhaustion’.

She had been recruited by a prominent Chinese modelling agency, it is understood. 

The model had a ‘personal curator’ named as Dmitry Smirnov. It is unclear what role he played in seeking medical care for the model when she needed it.

It is also not clear who is to blame for her not having medical insurance.

Vlada’s mother had sought a visa to rush to her sick daughter but was unable to complete the red tape in time. 

Tests are being carried out as to the cause of death. 

The young model’s relatives fear that ‘a desire to profit from Vlada won against elementary care’ for her. 

Vlada’s family has appealed to Russian diplomats to secure answers to the conditions under which she lived, worked – and died. 

Officially she was allowed to work three hours a week in China, a law which mirrors that in Russia. 


Adnk. 2017-10-29. Sfila per 12 ore: muore baby modella

Una passerella dietro l’altra, per 12 ore di fila. Senza mai fermarsi. Senza fare neanche una sosta. E’ morta così Vlada Dzyuba, modella russa di 14 anni che non ha retto ai ritmi serrati delle passerelle di Shanghai e dopo due giorni di coma è deceduta. Stando a quanto riporta il ‘Siberian Times’, la giovane sarebbe morta a causa di una meningite cronica, che non le era stata diagnosticata. La sua condizione sarebbe stata aggravata da un forte esaurimento fisico.

Vlada ha continuato a sfilare e sfilare, anche con la febbre altissima. Finché non si è accasciata sulla passerella. La madre, Oksana, è scoppiata in lacrime mentre raccontava la vicenda alla NTV: “Mi chiamava e mi diceva ‘mamma, sono così stanca, vorrei solo dormire’ – ha detto la donna – Deve essere stato all’inizio della malattia, e poi la febbre ha iniziato a salire. Anche io non riuscivo a dormire e la chiamavo continuamente, supplicandola di andare in ospedale”. Vlada però non si è recata in ospedale perché sprovvista di assicurazione sanitaria per coprire le spese mediche, nonostante il suo contratto prevedesse l’obbligo di stipularne una.

Ora la morte della ragazza sta sollevando un polverone di polemiche sui turni massacranti cui sono sottoposte molte baby modelle. In Cina, in particolare, si registra un numero impressionante di giovanissime mannequin russe e siberiane che vengono ingaggiare per sfilare. Spesso seguendo ritmi e orari massacranti.

Vlada era stata reclutata da un’agenzia di modelle cinese ed era seguita da un assistente personale, tale Dmitry Smirnov. La polizia sta indagando sulla vicenda, e non è ancora chiaro chi sia il responsabile della mancata assicurazione sanitaria di Vlada. La madre aveva chiesto un visto raggiungere la figlia, ma per motivi burocratici non è riuscita a ottenere i documenti necessari in tempo. Quel che è certo in questa triste storia è che Vlada non doveva morire così e non era autorizzata a sfilare per 12 ore di fila. Il suo contratto di lavoro, infatti, prevedeva solo tre ore di sfilate alla settimana.

Pubblicato in: Persona Umana, Senza categoria

Susanne Thier. La First Girlfriend austriaca.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-22.

2017-10-22__Susanne__001 Sebastian-Kurtz-who-is-his-partner-867268

«Bellissima, giovanissima, sempre attenta al look ma molto discreta. E’ il ritratto di Susanne Thier, 26enne fidanzata di Sebastian Kurz, nuovo cancelliere in pectore dell’Austria»

2017-10-22__Susanne__004 susanne-thiers-sebastian-kurz

*

«Susanne There is the long-time girlfriend of Kurz. She works at the Austria’s finance ministry and 30-years old. According to the sources, she met to Kurtz at an age of the eighteen and still dating. Wow! What a long relationship and still love flowers blossoming in their life. Followers are quite excited to know the Europe’s youngest leader girlfriend Sussane Thier. If we listen to the rumors then they are going get married. Get know more about Sussane Thier age and wiki facts in this post.»

2017-10-22__Susanne__002 Sebastian-Kurtz-who-is-his-partner-1098115

*

«Well, you might be thinking that some good pictures can be uncovered from the Susanne’s Insta account. But sorry she is a very conservative lady as there is no picture posted on his social account with his long-time boyfriend Kurz. But still they both came into the spotlight many times together. Hence, there is no clue available online about the Susanne Thier and Sebastian Kurz relationship. According to the German News website, they will have kids one day. Obviously, this is the clear hint if they are getting married in the upcoming months. Well, as of now there is a mystery on their relationship.»

2017-10-22__Susanne__ 006kurz ballot

*

2017-10-22__Susanne__003 Sebastian-Kurtz-who-is-his-partner-1098116

La coppia Kurz – Thier vive nel quartiere popolare di Meidling in un appartamento di 65 metri quadrati.

Fräulein Thier si è fatta vedere ben poco assieme al fidanzato: sembrerebbe non gradire il protagonismo.

Nelle rare fotografie guarda il suo Sebastian con estatico compiacimento.

Quando uno screanzato fotografo le ha chiesto perché non cambiava abito gli ha risposto che aveva solo quello.

*

Auguriamo a questa coppia di poter vivere sempre innamorati e felici


Affari Italiani. 2017-10-22. Kurz, ecco Susanne Thier: la giovane first girlfriend d’Austria anti Brigitte

ECCO CHI E’ SUSANNE, LA FIRST GIRLFRIEND D’AUSTRIA

Bellissima, giovanissima, sempre attenta al look ma molto discreta. E’ il ritratto di Susanne Thier, 26enne fidanzata di Sebastian Kurz, nuovo cancelliere in pectore dell’Austria. Susanne ha cinque anni in meno di Kurz ed è la sua fidanzatina sin dai tempi del liceo. Un amore coronato con la vittoria del leader dei popolari alle elezioni dello scorso fine settimana che proiettano la bella Susanne nel ruolo inedito di “first girlfriend”.

LA DIFFERENZA TRA SUSANNE E BRIGITTE MACRON

La scorsa domenica, subito dopo la vittoria, è stata colta dagli obiettivi dei fotografi mentre, insieme alla somigliantissima e coetanea moglie di Heinz-Christian Strache, leader del Fpoe, scuote allegra la chioma bionda. Ma al contrario di altre figure femminili, compresa l’arcinota Brigitte Macron, Susanne Thier non è attivissima nella vita mondana, anzi.

SUSANNE QUASI MAI DAVANTI ALLE TELECAMERE

Non è mai stata una presenza costante della campagna dell’astro nascente, Sebastian Kurz. Anzi, la sua prima apparizione pubblica ufficiale è piuttosto recente, ai primi di luglio di quest’anno al congresso del partito conservatore, che ha incoronato il fidanzato a presidente del partito con il 99% dei consensi. I due sono stati visti insieme ad alcuni balli ufficiali e a qualche concerto. Ora la coppia vive in un appartamento di 65 mq, nel quartiere popolare di Meidling a Vienna, dove Kurz è cresciuto. Da qui alla conquista dell’Austria.


Express. 2017-10-22. Sebastian Kurz set to become world’s youngest leader – but who is his potential wife?

SEBASTIAN KURZ, leader of Austria’s conservative party, is set to win the country’s general election – but who is his partner and potential wife, Susanne Their?

*

At the age of 31, the leader of Austria’s People’s Party is on course to become the world’s youngest national leader

Projections have suggested the party is set to win more than 31 per cent. 

He became leader of the party in May this year, and before the election he was appointed Europe’s youngest ever foreign minister in 2013, at the age of 27. 

At such a young age many have wondered whether or not Kurz is married – and the answer is no. 

But the politician is currently in a relationship with a woman named Susanne Thier. 

Susanne is 30 and works at Austria’s finance ministry. 

The pair met when Kurz was 18, and according to German news website Heute they have talked about eventually getting married and having children. 

The couple headed to the polls together on Sunday to cast their votes and Susanne stood by his side as he addressed his followers on the day of the election. 

Kurtz’s party is tough on migration, easy on taxes and widely Eurosceptic after rebranding itself over the last few months to propel its popularity in the wealth Alpine nation. 

He is expected to form a coalition with the right-wing populist Freedom Party (FPO), founded by a former SS officer, who got 26.9 per cent of the vote, according to the latest projections. 

Speaking after 85 per cent of the votes were counted, Kurtz told his supporters: “Today we have won a huge mandate to change this country, and I promise you I will work with all my energy for change. 

“We want to establish a new culture in politics. And we want to change the country for the better.” 

The President of Russia, Vladimir Putin, has been like to numerous women since he divorced his wife. 

His former wife is Lyudmila Putina, and the pair were married for 31 years 31 years before divorcing in 2014. 

Pubblicato in: Persona Umana, Psichiatria, Senza categoria

Nantes. Inchiappetta una vacca e la polizia lo arresta.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-21.

Animali_che_Ridono__006_Muli

Ma dove mai si andrà a finire di questo passo?

Se è vero che questo povero 42enne si era inchiappettato una giovine vacca e non un baldo giovenco questo è successo solo per la perversa malizia del contadino che teneva segregate le bestie nella stalla.

Arrestare questo bravo uomo per mancanza sì lieve è chiara violazione dei diritti umani ed anche dei diritti bovini.

Che poi la polizia sia intervenuta in pochi minuti è evidente segno dello stato poliziesco in cui versa la Francia.

Già: i contadini francesi tengono imprigionati i bovini. E lo fanno solo per soddisfare la loro sete inestinguibile di guadagno, quasi non sapessero che la proprietà privata è un furto.

Ne sfruttano latticini e carni a sfregio dei vegani, ed intanto sottraggono carnina buona alle bramose voglie degli zoofili.

Nei paesi ove la società civile ha trionfato, la zooerastia è portata a titolo di merito di una società socialmente avanzata: è la conquista di un inalienabile diritto umano.

In Germania, ove alla fine l’incesto è stato depenalizzato, la ong Zeta-Verein ha pubblicato la mappa dei paesi che si sono liberati dai tabù clericalfascisti per rendere più facile  ai progressisti l’andare in ferie in posti ove i lori diritti siano rispettati.

Ebbene sì: si arriva anche a cercare di lucrare sulle legittime aspettati degli zoofili.

La Danimarca è la capitale del turismo sessuale zoofilo?

Capite l’entità dell’obbrobrio?

Se è vero che non si nega questo fondamentale diritto umano ad accoppiarsi con animali, è altrettanto vero che lo si nega e conculca nel momento stesso in cui si esige un sordido pagamento per le prestazioni.

*

Poi ci sono le forze della razione razzista, xenofoba, codina ed omofoba. Oscurantismo conservatore mai sufficientemente esecrato.

«La pratica della zoofilia dev’essere proibita in tutta l’Unione europea: è inaccettabile che in alcuni Paesi membri non sia ancora vietata per legge. E’ l’appello che arriva oggi dall’Europarlamento, dove sono state presentate una serie di petizioni che chiedono la fine di pratiche crudeli contro gli animali, compresi i rapporti sessuali e la vivisezione.

”In alcuni Stati membri, come la Germania, ci sono norme che sanzionano la zoofilia, mentre in Italia non esistono leggi di questo tipo o in altri Paesi, come in Danimarca, ci sono luoghi dove a pagamento si può fare sesso con gli animali”, ha denunciato l’eurodeputata del Gruppo dei conservatori e riformisti (Ecr) Cristiana Muscardini, che ha presentato una petizione a nome dell’Unione antivivisezionista italiana (Uai). La parlamentare ha chiesto agli eurodeputati di ”esprimersi in maniera forte per impedire i rapporti sessuali tra essere umani e animali”.» [Fonte]

Nessuna società può dirsi civile se abbia istituito dei corsi scolastici di zoofilia e di zooerastia.

Nota.

Qualora contraeste rapporto sessuali con un elefante, sarebbe suggeribile non farlo innamorare, che se gli saltasse in mente l’idea di possedervi, beh; ci arrivate da soli.


Il Messaggero. 2017-10-21. Sorpreso ad abusare sessualmente di una mucca: arrestato 42enne

Un uomo è stato arrestato la notte tra martedì e mercoledì per aggressione sessuale ad una mucca. È successo in una fattoria nel comune di La Chapelle-sur-Erdre (a nord di Nantes) e il protagonista della sordida vicenda è stato sorpreso da un agricoltore, poco dopo la mezzanotte, mentre stava consumando un rapporto con una giovenca di soli tre mesi.
West-France, che ha riportato l’episodio, ha raccontato che davanti a quella scena l’agricoltore ha immediatamente allertato la polizia. Intervenuta in una manciata di minuti, la gendarmeria ha posto in arresto il perverso zoofilo 42enne che sarà giudicato per abusi sessuali su animali e risponderà dell’accusa davanti alla Corte Penale di Nantes il prossimo 20 febbraio.

Pubblicato in: Islamizzazione dell'Occidente, Medio Oriente, Persona Umana

Umoristi arabi. Una piacevole sorpresa. Chi sa sorridere è libero.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-09.

2017-10-09__Umoristi_Arabia__001

Sono molti gli indicatori di buona salute di una Collettività, e tra questi satira ed umorismo sono un ottimo segno.

Quando si riesce a sorridere di sé stessi e dei propri governanti si inizia a percepire una ventata di libertà.

Siamo chiari.

Uno dei segni più evidenti che un essere umano è libero consiste nel fatto che ogni tanto sappia fermarsi e praticare un approfondito esame di ciò che sta pensando e facendo: una revisione critica che lo rimetta in discussione.

Una corretta percezione della realtà è il primo passo: poi consegue l’analisi con sintesi finale, cui deve conseguire la capacità di ammettere con sé stessi “Ho sbagliato“, “posso migliorare“. Infine, quella grandiosa dote umana che è il cambiamento di idee: abbandonare senza rimpianti quanto errato od inadeguato, per assumere una nuova mentalità.

È un processo doloroso, anche molto doloroso, che richiede una intrinseca onestà mentale ed una grande dose di umiltà.

Solo un uomo maturo sa ammettere di aver sbagliato, ma solo uno onesto sa trarne le conseguenze e cambiare.

Serve una grande dose di rettitudine il sapersi assumere le proprie responsabilità.

Mai affezionarsi alle proprie idee, mai considerarle verità assolute. Sempre sapersi mettere in discussione.

E la satira aiuto questo processo davvero evolutivo, di continuo miglioramento.

Ecco perché salutiamo con piacere questo nuovo corso nel mondo arabo.

2017-10-09__Umoristi_Arabia__002

2017-10-09__Umoristi_Arabia__003

2017-10-09__Umoristi_Arabia__004

2017-10-09__Umoristi_Arabia__005

2017-10-09__Umoristi_Arabia__006

2017-10-09__Umoristi_Arabia__007

2017-10-09__Umoristi_Arabia__008

2017-10-09__Umoristi_Arabia__010

 

Pubblicato in: Medio Oriente, Persona Umana

Egitto. Arrestati sette attivisti lgbt.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-26.

Egitto-Abu-Simbel

«In Egitto i diritti LGBT non sono ufficialmente riconosciuti né dal partito politico al potere né dai movimenti di opposizione né tanto meno dall’opinione pubblica in generale: omosessualità e travestitismo sono fortemente stigmatizzate all’interno della società. A partire dal XXI secolo il governo ha iniziato a utilizzare sempre più leggi volte a proteggere i valori islamici tradizionali, quindi a favore della “moralità pubblica” e contro l’omosessualità maschile.

La discriminazione e le molestie sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere non sono trattate né all’interno della Costituzione né tra le leggi emanate. Anche se non specificamente fuorilegge, ai sensi delle “leggi sulla moralità” può essere comminata una pena che giunge fino ai 17 anni di carcere, con o senza lavori forzati e penali.» [Fonte]

*

Leggi e costumanze egiziane sono, o dovrebbero, essere note.

Inoltre, vi sono anche molti precedenti in materia.

«Undici giovani, ritenuti omosessuali, sono stati condannati da un tribunale correzionale de Il Cairo a pene dai tre ai dodici anni di reclusione con l’accusa di incitazione alla depravazione e propagazione del vizio nella società.» [Fonte]

*

Chi in Germania scendesse in piazza con cartelloni tipo

«l’omosessualità è un turpe vizio contro natura»

oppure

«omosessualità come fatto penalmente perseguibile»

sarebbe arrestato, processato in direttissima, e condannato con pene severe.

*

Ci si domanda quindi:

“Perché stupirsi se la polizia egiziana applica le leggi egiziane”?

Dovrebbe forse applicare quelle inglesi oppure quelle tedesche?

Se è il voto popolare a legittimare il governo, per quali motivo allora le leggi da esso promulgate non dovrebbero essere considerate espressione democratica della volontà popolare?

*

Nota.

Solidarity With Egypt Lgbtq?

Vogliono avere voce in capitolo?

Benissimo.

Si presentino alle elezioni, le vincano e cambino le leggi.

In democrazia le leggi devono essere rispettate, come quotidianamente ci ricorda la Bundeskanzlerin Frau Merkel, “the principles of the rule of law”. Quindi gli egiziani applichino le loro leggi.


Bbc. 2017-09-26. Seven arrested in Egypt after raising rainbow flag at concert

Egyptian police have arrested seven people after they were allegedly seen raising rainbow flags at a concert in Cairo last week, security sources say.

*

The seven were reportedly detained on Monday for “promoting sexual deviancy”, but have not yet been formally charged.

Prosecutors opened an investigation after images from the concert by the Lebanese band Mashrou’ Leila – whose lead singer is openly gay – went viral.

Homosexuality is not explicitly criminalised under Egyptian law.

But the authorities routinely arrest people suspected of engaging in consensual homosexual conduct on charges of “debauchery”, “immorality” or “blasphemy”.

The advocacy group, Solidarity With Egypt LGBTQ+, said late last year that it had recorded 114 criminal investigations involving 274 lesbian, gay, bisexual and transgender individuals since 2013.

The raising of the rainbow flag was a rare public show of support for the LGBT community in the conservative Muslim country.

Late on Monday, the state news agency reported that Public Prosecutor Nabil Sadek had ordered an investigation by the State Security Prosecution after images posted on social media were condemned by several politicians and media figures.

The deputy head of the Egyptian Musicians Syndicate, Reda Ragab, meanwhile said it would be taking steps to stop Mashrou’ Leila performing again in the country.

“We are a religious, conservative society, an identity we need to preserve,” he told the Daily News Egypt website.

“This is a scandal against our traditions and far from serious and meaningful art.”

The Egyptian feminist and writer Mona Eltahawy condemned the actions of both the authorities and the musicians syndicate.

“It is utterly ridiculous to arrest anyone for waving a flag. It is utterly ridiculous to arrest anyone for their sexuality as #Egypt does,” she wrote on Twitter.

Mashrou’ Leila has twice been banned from performing in Jordan. On Saturday, it said the Cairo concert “was one of the best shows we’ve ever played”.

“Was an honour to play to such a wonderful crowd! So much love!”

Pubblicato in: Demografia, Persona Umana, Storia e Letteratura

Winston Churchill di fronte alla storia.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-10.

Churchill Winston 001

Sir Winston Leonard Spencer Churchill è personalità umana e politica che ha dominato il secolo passato, indirizzandone il corso degli eventi.

Il 24 maggio del 1901, a 27 anni, fu iniziato alla Massoneria nella Loggia londinese Studholme nº1591 della Gran Loggia unita d’Inghilterra, ed il 10 settembre dello stesso anno ottenne la prima carica in tale associazione.

*

Durante la prima guerra mondiale fu Primo Lord dell’Ammiragliato e Ministro delle Munizioni (il ministero che sovrintendeva alla produzione bellica), durante la seconda guerra mondiale è stato Primo ministro dal 1940 al 1945.

*

L’iconografia classica lo riporta come il personaggio che difese strenuamente l’Inghilterra, portandola a vincere due consecutive guerre mondiali. Ne tratteggia il ritratto dell’eroe nazionale, ben degno dei funerali di stato.

*

Ma adesso che i tempi sono maturati e l’oblio ha sepolto gli annosi rancori e timori, uno storico che cercasse di essere obbiettivo dovrebbe porsi una domanda, che prima non avrebbe potuto essere fatta.

Quando Churchill assunse la carica di Primo Lord dell’Ammiragliato l’Inghilterra aveva un Impero e rendeva conto del buon quaranta per cento del pil mondiale.

A fine della seconda guerra mondiale Churchill lasciò il Regno Unito deprivato dell’Impero faticosamente costruito dagli avi, e ridotta al ruolo di potenza locoregionale.

Le due guerre mondiali non solo non avevano rafforzato l’Impero inglese, ma lo avevano salassato di vite umane e di risorse economiche, riducendolo ad una larva di ciò che era prima.

Da questo punto di vista, Churchill è stato il becchino dell’Inghilterra. La ha spossata al punto tale da renderle impossibile sfruttare due così grandi vittorie.

Ma nella storia importa certo il vincere, ma se a questo non consegue il trarne frutto duraturo, tutto lo sforzo fatto si rivela inutile, ma spesso anche dannoso.

* * * * * * *

Si ponga grande attenzione.

I meriti o le colpe degli avi, dei padri, ricadono immancabilmente sui figli.

Se è vero che l’uomo è in gran parte artefice del proprio destino, è altrettanto vero che le circostanze oggettive ne condizionano grandemente ogni possibile aspirazione e comportamento.

Ogni generazione vive ed agisce nel contesto ereditato dai padri.

Dopo Cesare, i figli dei galli vissero come schiavi dei romani, che non usarono certo mano leggera.

La diaspora ebraica ha impiegato quasi duemila anni prima di poter ristabilire uno Stato di Israele: le colpe dei padri hanno in questo caso influenzato oltre sessanta generazioni.

* * * * * * *

Queste considerazioni non dovrebbero avere una sola pertinenza storica.

Ad oggi vi sono molti personaggi che vanno per la maggiore, osannati quasi al limite della idolatria, nominalmente rifondatori della patria, supportati da vasti consensi popolari.

Ma domani, ed il domani arriva sempre implacabile, quale sarà il giudizio su di essi?

Frau Merkel si sta avviando al quarto rinnovo nel cancellierato tedesco.

Governerà con mano rigida per altri quattro lunghi anni una nazione che vede ridursi giorno per giorno il numero dei suoi cittadini autoctoni. Una nazione sempre più vecchia.

La denatalità tedesca equivale al risultato di una terza guerra mondiale, ove i nipotini degli junker non nascono o, se sono concepiti, finiscono immediatamente sotto la mannaia dell’aborto. Ma senza materiale umano, non ha senso parlare di economia e finanza, ma nemmeno di arte e generazione del bello.

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

Germania. Non è povera. È misera. – Financial Times

Vi sarebbero forti dubbi che la storia esprima in futuro un giudizio lusinghiero su simile personaggio.