Pubblicato in: Medicina e Biologia, Persona Umana, Scienza & Tecnica

Archivio delle mutazioni del genoma umano in 141,456 soggetti. – Nature.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-30.

2020-05-29__Nature geetic variation 013

«E’ pronto il più grande catalogo delle varianti genetiche umane: basato sull’analisi del Dna di oltre 140.000 persone di tutto il mondo, è come una Stele di Rosetta che aiuterà a interpretare il genoma per scoprire la funzione dei geni, identificando quelli responsabili di malattie che possono essere colpiti con farmaci. Il risultato è pubblicato in sette studi sulle riviste Nature, Nature Communications e Nature Medicine dal consorzio di ricerca internazionale gnomAD (Genome Aggregation Database), guidato dal Broad Institute e dal Massachusetts General Hospital. Anche l’Italia partecipa con il cardiologo Diego Ardissino dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.

Il catalogo, frutto di otto anni di lavoro, contiene oltre 443.000 varianti che determinano la perdita di funzione del gene e quindi impediscono la produzione della forma corretta della proteina corrispondente. I ricercatori guidati da Konrad Karczewski hanno provato a stabilire se le varianti potessero avere effetti sulla salute, arrivando così a identificare geni particolarmente sensibili che potrebbero essere legati a gravi condizioni come le disabilità intellettive.

Lo studio principale è accompagnato da altri due che arricchiscono il catalogo con ben 433.000 varianti genetiche strutturali, ovvero delezioni, duplicazioni o inversioni d’orientamento dei geni, che sono tra i principali ‘motori’ dell’evoluzione umana oltre che delle malattie.

Le altre ricerche pubblicate dal consorzio mostrano invece come le varianti genetiche che danno perdita di funzione possano essere utilizzate per diagnosticare malattie e per riconoscere nuovi target genetici da colpire con i farmaci. E’ il caso del gene Lrrk2 associato al Parkinson: studiando le sue varianti, i ricercatori hanno capito che il gene può essere colpito con farmaci che ne riducono l’attività senza causare gravi effetti collaterali.» [Fonte]

*

«In this paper and accompanying publications, we present the largest, to our knowledge, catalogue of harmonized variant data from any species so far, incorporating exome or genome sequence data from more than 140,000 humans. The gnomAD dataset of over 270 million variants is publicly available»

«Although the gnomAD dataset is of unprecedented scale, it has important limitations. At this sample size, we remain far from saturating all possible pLoF variants in the human exome»

«Examples such as PCSK9 demonstrate the value of human pLoF variants for identifying and validating targets for therapeutic intervention across a wide range of human diseases»

*

«Each dataset, totalling more than 1.3 and 1.6 petabytes of raw sequencing data»

Peta è il prefisso che indica 1015, ossia un milione di miliardi.

Dire che questo lavoro sia mastodontico sarebbe persino restrittivo.

Decisamente la genetica è una scienza assai complessa.

*


Konrad J. Karczewski, Laurent C. Francioli, […] Daniel G. MacArthur.

The mutational constraint spectrum quantified from variation in 141,456 humans.

Nature volume 581, pages 434–443 (2020).

«Abstract.

Genetic variants that inactivate protein-coding genes are a powerful source of information about the phenotypic consequences of gene disruption: genes that are crucial for the function of an organism will be depleted of such variants in natural populations, whereas non-essential genes will tolerate their accumulation. However, predicted loss-of-function variants are enriched for annotation errors, and tend to be found at extremely low frequencies, so their analysis requires careful variant annotation and very large sample sizes1. Here we describe the aggregation of 125,748 exomes and 15,708 genomes from human sequencing studies into the Genome Aggregation Database (gnomAD). We identify 443,769 high-confidence predicted loss-of-function variants in this cohort after filtering for artefacts caused by sequencing and annotation errors. Using an improved model of human mutation rates, we classify human protein-coding genes along a spectrum that represents tolerance to inactivation, validate this classification using data from model organisms and engineered human cells, and show that it can be used to improve the power of gene discovery for both common and rare diseases.»

«The physiological function of most genes in the human genome remains unknown. In biology, as in many engineering and scientific fields, breaking the individual components of a complex system can provide valuable insight into the structure and behaviour of that system. For the discovery of gene function, a common approach is to introduce disruptive mutations into genes and determine their effects on cellular and physiological phenotypes in mutant organisms or cell lines»

«However, recent exome and genome sequencing projects have revealed a surprisingly high burden of natural pLoF variation in the human population, including stop-gained, essential splice, and frameshift variants, which can serve as natural models for inactivation of human genes»

«Here, we describe the detection of pLoF variants in a cohort of 125,748 individuals with whole-exome sequence data and 15,708 individuals with whole-genome sequence data, as part of the Genome Aggregation Database (gnomAD; https://gnomad.broadinstitute.org), the successor to the Exome Aggregation Consortium (ExAC)»

«We aggregated whole-exome sequencing data from 199,558 individuals and whole-genome sequencing data from 20,314 individuals. These data were obtained primarily from case–control studies of common adult-onset diseases, including cardiovascular disease, type 2 diabetes and psychiatric disorders. Each dataset, totalling more than 1.3 and 1.6 petabytes of raw sequencing data, respectively, was uniformly processed, joint variant calling was performed on each dataset using a standardized BWA-Picard-GATK pipeline»

«Among these individuals, we discovered 17.2 million and 261.9 million variants in the exome and genome datasets, respectively; these variants were filtered using a custom random forest process (Supplementary Information) to 14.9 million and 229.9 million high-quality variants»

«Some LoF variants will result in embryonic lethality in humans in a heterozygous state, whereas others are benign even at homozygosity, with a wide spectrum of effects in between»

«we developed the loss-of-function transcript effect estimator (LOFTEE) package, which applies stringent filtering criteria from first principles (such as removing terminal truncation variants, as well as rescued splice variants, that are predicted to escape nonsense-mediated decay) to pLoF variants annotated by the variant effect predictor»

«Applying LOFTEE v1.0, we discover 443,769 high-confidence pLoF variants, of which 413,097 fall on the canonical transcripts of 16,694 genes. The number of pLoF variants per individual is consistent with previous reports»

«The LOEUF metric can be applied to improve molecular diagnosis and advance our understanding of disease mechanisms. Disease-associated genes, discovered by different technologies over the course of many years across all categories of inheritance and effects, span the entire spectrum of LoF tolerance»

«In an independent cohort of 5,305 individuals with intellectual disability or developmental disorders and 2,179 controls, the rate of pLoF de novo variation in cases is 15-fold higher in genes belonging to the most constrained LOEUF decile, compared with controls»

«Schizophrenia and educational attainment are the most enriched traits (Fig. 5c), consistent with previous observations in associations between rare pLoF variants and these phenotypes»

«In this paper and accompanying publications, we present the largest, to our knowledge, catalogue of harmonized variant data from any species so far, incorporating exome or genome sequence data from more than 140,000 humans. The gnomAD dataset of over 270 million variants is publicly available»

«Although the gnomAD dataset is of unprecedented scale, it has important limitations. At this sample size, we remain far from saturating all possible pLoF variants in the human exome»

«Examples such as PCSK9 demonstrate the value of human pLoF variants for identifying and validating targets for therapeutic intervention across a wide range of human diseases»

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo, Persona Umana, Sistemi Politici

Italia. Costituzione e Covid-19. Pro e Contro.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-18.

Costituzione Italiana 001

«L’epidemia da Covid-19 ha prodotto in Italia una emergenza “vera”, che ha riattualizzato il problema – che si era posto anche negli anni del terrorismo fascista e brigatista – della compatibilità di misure eccezionali, a tutela della collettività, con i diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione repubblicana, con la forma di governo parlamentare basata sulla separazione dei poteri e con il sistema costituzionale delle autonomie.»

«Troppo spesso politici, giornalisti e tuttologi di vario genere hanno abusato del termine “emergenza”, al solo scopo di dare enfasi retorica ai propri discorsi, per ritrovarsi poi puntualmente impreparati quando si verificano autentici stati di necessità, che reclamano risposte rapide ed efficaci dalle istituzioni»

«Di qui una ridda di atti normativi e amministrativi, di annunci mediatici e di commenti “a caldo”, che quasi sempre aumentano la confusione, ingenerando equivoci difficili da superare perché ormai entrati nel senso comune.»

* * * * * * *

A nostro sommesso parere, il problema esiste ed è concreto.

Vi sono dei pro e dei contro.

Di fatto, non essendo stata prevista questa situazione generata dal Coid-19, stiamo improvvisando: personalmente, non grideremmo alla crisi della democrazia. Sarebbe parola troppo grossa.

La nostra costituzione è stata scritta nel primissimo dopoguerra: ne ritiene pregi e difetti.

A nostro modo di vedere il bicameralismo perfetto ed una quasi ossessiva divisione dei poteri conseguono in tempi decisionali troppo lunghi, ai quali l’avvalersi dei decreti pone ben poco rimedio.

Il coronavirus ha generato una situazione nella quale il parlamento trova grandi difficoltà a riunirsi, e questo fatto non era stato preso in considerazione dalla costituzione.

Aggiungere una ultima considerazione.

In tempi nei quali tutto viaggiava lentamente, la nostra trigosità decisionale non emergeva evidente. Ma nei tempi odierni, quando ci sono nazioni come la Russia oppure la Cina che hanno tempi decisionali nell’ordine delle ore, la struttura della nostra costituzione non è funzionale. Una cosa è discutere il problema in sé e per sé, ed una differente è valutarlo nell’ambito dei rapporti internazionali.

La costituzione dello stato è troppo importante per essere scritta soltanto dai giuristi.

L’articolo riportato espone il punto di vista del giurista, da leggersi con attenzione.

* * * * * * *


Covid-19 e Costituzione.

SOMMARIO: 1. Le garanzie costituzionali non possono essere “sospese”. 2. Il ricorrente disprezzo per la democrazia parlamentare. 3. L’alterazione progressiva del sistema delle fonti. 4. Possibile sveltimento del procedimento di conversione dei decreti legge. 5. Emergenza e sistema delle autonomie.

1 Le garanzie costituzionali non possono essere “sospese”

L’epidemia da Covid-19 ha prodotto in Italia una emergenza “vera”, che ha riattualizzato il problema – che si era posto anche negli anni del terrorismo fascista e brigatista – della compatibilità di misure eccezionali, a tutela della collettività, con i diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione repubblicana, con la forma di governo parlamentare basata sulla separazione dei poteri e con il sistema costituzionale delle autonomie. Troppo spesso politici, giornalisti e tuttologi di vario genere hanno abusato del termine “emergenza”, al solo scopo di dare enfasi retorica ai propri discorsi, per ritrovarsi poi puntualmente impreparati quando si verificano autentici stati di necessità, che reclamano risposte rapide ed efficaci dalle istituzioni. Di qui una ridda di atti normativi e amministrativi, di annunci mediatici e di commenti “a caldo”, che quasi sempre aumentano la confusione, ingenerando equivoci difficili da superare perché ormai entrati nel senso comune.

Sul piano del diritto costituzionale, un primo equivoco, di carattere generale, è prodotto dall’affermazione che una situazione di emergenza richieda la sospensione, ancorché temporanea, delle garanzie, personali e istituzionali, previste dalla Costituzione. Tenterò di dimostrare che non si deve sospendere nulla, ma che invece sarebbe sufficiente, per fronteggiare lo stato di necessità, applicare quanto è scritto nella Carta costituzionale, senza vagheggiare revisioni e tirare in ballo la sempre fascinosa teoria di Carl Schmitt sulla sovranità che spetta a chi comanda nello stato di eccezione.

È vero che la Costituzione italiana non contiene una norma specifica sullo stato di necessità, come alcune altre Carte europee, ma si tratta di una omissione voluta, perché non era ancora svanito il ricordo, nella mente dei Costituenti, dell’art. 48 della Costituzione di Weimar, che contribuì notevolmente ad aprire la strada all’affermazione del regime nazista. Alla contrazione autocratica del potere, nell’ipotesi di emergenza, si è preferita la puntuale previsione di specifici modi di applicazione di princìpi e regole costituzionali, quando alcuni beni collettivi (salute, sicurezza, pacifica convivenza) fossero gravemente minacciati. Del resto, come potrebbe la Costituzione, che trova la sua legittimazione nella tutela dei diritti fondamentali prevedere essa stessa il loro accantonamento, anche se temporaneo?

Persino in vista della situazione eccezionale per antonomasia, la guerra, l’art. 78 Cost. non mette da parte la democrazia parlamentare, giacché lo stato di guerra può essere dichiarato solo dal Parlamento e prevede che quest’ultimo possa delegare al Governo i «poteri necessari», non i pieni poteri, richiamando così il principio di proporzionalità, che vale non soltanto per la restrizione dei diritti fondamentali, ma anche per le alterazioni del normale equilibrio costituzionale.

Dall’ultima disposizione costituzionale citata si può già dedurre il criterio generale di valutazione dell’appropriatezza degli interventi istituzionali nelle situazioni di emergenza, qualunque sia la loro causa. Poiché ogni diritto, dovere o potere, pubblico e privato, si inserisce in un contesto di rapporti giuridicamente regolati e condizionati dalle diverse situazioni di fatto, la loro consistenza e la loro portata si definisce, volta per volta, dall’interazione tra la posizione singola, personale o istituzionale, ed il contesto medesimo, che varia a seconda delle circostanze, sempre nell’ambito di schemi normativi pre-disposti direttamente dalla Costituzione o dalla stessa specificamente previsti nelle loro linee generali.

Lo stato di eccezione schmittiano – di questi tempi spesso evocato – presuppone invece uno spazio vuoto, deregolato e riempito dalla volontà del sovrano, inteso come potere pubblico liberato da ogni vincolo giuridico e capace di trasformare istantaneamente la propria forza in diritto. Tutto ciò non è ipotizzabile nell’Italia repubblicana e democratica, mentre sarebbe ben possibile sul piano dell’effettività storica se, anche sulla base di equivoci non chiariti, si accedesse all’idea di un salto extra-sistematico verso un ordinamento giuridico-costituzionale opposto a quello vigente e paradossalmente introdotto da quest’ultimo. Sembra che molti non si avvedano di evocare scenari di questo tipo. Peggio ancora nell’ipotesi che se ne avvedano.

Sarebbe quindi coerente e prudente non parlare più di “sospensione” delle garanzie costituzionali.

2 Il ricorrente disprezzo per la democrazia parlamentare

Colto alla sprovvista da un dramma epocale inizialmente sottovalutato, il Governo italiano – come, anche se in forme diverse, tutti gli altri governi del mondo, a cominciare dal celebrato Governo cinese – ha dato vita ad una serie impressionante di atti normativi, primari e secondari, che si sono accavallati, sovrapposti e contraddetti, con scarso o nessun rispetto per quella noiosa ed ingombrante costruzione che i giuristi chiamano “sistema delle fonti”. Non si percepisce con sufficiente nettezza che il rispetto dell’ordine costituzionale delle fonti non è concessione ad una mania classificatoria di specialisti autoreferenziali, ma la carne viva della democrazia “reale”.

Troppo spesso in Italia la democrazia parlamentare è stata ritenuta, a seconda dei casi, antiquata, meramente formale, strumento dei partiti e della “casta” che li dirige. I seggi delle Camere sono sempre più spesso denominati spregiativamente “poltrone”. Che male c’è quindi a sottrarre potere decisionale e di controllo ad un gruppo di parassitari membri della “casta”, comodamente assisi nelle loro poltrone e attenti soltanto alle loro prebende e ai loro privilegi? Ritorna periodicamente la polemica antiparlamentare, che nel XX secolo accompagnò l’eclissi della democrazia in tutta Europa. Cesarismo e bonapartismo – sorvolo in questa sede su sottili distinzioni teoriche tra i due termini – furono ritenuti, a destra come a sinistra, strumenti di accelerazione del cambiamento politico e sociale, in contrapposizione all’equilibrio costituzionale del vecchio Montesquieu, considerato invece fattore di immobilismo e di conservazione. I partiti politici furono annientati dai loro stessi capi (Mussolini, Hitler, Stalin) e trasformati in apparati di propaganda al loro servizio. La democrazia parlamentare, disprezzata e derisa, ha dovuto cedere il passo alla democrazia dell’acclamazione, del consenso plebiscitario verso il leader, a volte truce a volte paternamente benevolo, le cui decisioni sono rapide, efficaci e immuni dalle lotte tra le aborrite fazioni politiche.

Quale migliore occasione di una grande epidemia (pandemia) che miete migliaia di vittime e richiede misure immediate e coerenti nell’interesse dell’intera collettività, per riportare in auge questo ciarpame storico?

Il Parlamento è troppo lento e rissoso per essere in grado di sfornare atti normativi con la tempestività imposta dalle drammatiche circostanze determinate dall’espandersi del contagio. Ci pensa il Governo; anzi, siccome lo stesso Governo è lento e litigioso al suo interno, ci pensa il Presidente del Consiglio dei ministri. Assieme alla rappresentanza parlamentare viene “sospesa” anche la collegialità del Governo, entrambe sostituite dalla comunicazione diretta tra vertice dell’Esecutivo e cittadini. All’approvazione o riprovazione delle Camere sui provvedimenti urgenti si sostituiscono i sondaggi, esangue e incontrollabile surrogato del voto democratico e costituzionalmente regolato.

Si potrebbe dire che, nel momento attuale, di fronte alla necessità di salvare la salute e la vita stessa delle persone, l’osservanza delle regole istituzionali slitta in secondo piano.

Sarebbe asserzione ineccepibile, se non fosse possibile ottenere gli stessi risultati senza “sospensioni”, in tutto o in parte, della Costituzione. Riaffiora la tendenza degli ultimi decenni a mettere sulle spalle della Carta le responsabilità di una politica impotente, perché perennemente affaccendata da baruffe di cortile e dall’ossessivo inseguimento di consenso emotivo ed immediato. Non c’è principio, non c’è riflessione ragionevole che non possa essere sacrificata ad un applauso in un teatro o in una piazza o a qualche like inserito sotto la suggestione di una battuta a effetto. Accade così che la Costituzione venga di fatto oscurata sotto la coltre di esaltazioni enfatiche, volte a dimostrare che il proprio programma politico discende da un principio costituzionale, oppure, al contrario, delegittimata dalle accuse continue di impedire quel benefico decisionismo, il cui deficit sarebbe alla radice di tutti i mali. Si diceva lo stesso nella Germania di Weimar. Sappiamo come è andata a finire.    

3 L’alterazione progressiva del sistema delle fonti
Tra i tanti profili meritevoli di attenzione, mi soffermo brevemente su quello che mi sembra il punto capitale della problematica costituzionalistica della gestione dello stato di necessità: il rispetto del principio di legalità e della riserva di legge.

L’esordio delle misure di contenimento del contagio epidemico da Covid-19 è stato caratterizzato da un profluvio di dpcm contenenti discipline delle più varie materie e dei più disparati oggetti, norme attuative di disposizioni già vigenti e, insieme, norme anche fortemente innovative della legislazione esistente, non escluse limitazioni di diritti fondamentali, prescrizioni di nuovi doveri di comportamento, financo sanzioni penali. Tutto sotto l’ombrello (si potrebbe dire sotto … la foglia di fico) di una disposizione “in bianco” del d.l. n. 6/2020, meramente attributiva di potere, senza alcuna delimitazione di forma o di contenuto. Ciò che non sarebbe stato consentito in sede di delegazione legislativa si è pensato fosse ammissibile con un decreto legge a maglie larghe, anzi … larghissime! È vero che buona parte dei veri e propri “sfregi” costituzionali della prima fase dell’emergenza sono stati cancellati a posteriori da successivi atti con forza di legge, in special modo dal d.l. n.19/2020, ma è altrettanto vero che ciò è avvenuto in ritardo, dopo il levarsi di molte critiche, accompagnate inevitabilmente da proposte di revisione costituzionale volte ad eliminare gli “impacci” di un sistema costituzionale “bloccato”, perché asseritamente irto di pesi e contrappesi che impedirebbero le decisioni.

Ciò che in questo momento mi interessa sottolineare è la disinvoltura con cui si stava procedendo all’impiego indiscriminato di atti di varia natura (legislativa, regolamentare, amministrativa generale). Non c’è tanto da meravigliarsi, se si pensa che da molti decenni gli organi di produzione normativa in Italia hanno adottato, come proprio inno, rispetto alle fonti del diritto, l’aria del Duca di Mantova nel Rigoletto di Giuseppe Verdi: «Questa o quella per me pari sono», alla faccia di moralisti e parrucconi (i famosi “professoroni”), che tarpano le ali alla potente creatività dell’Esecutivo e dei “tecnici” (?) retrostanti (burocrati o “consiglieri” che siano).

Oggi più che mai è necessario riaffermare, senza tentennamenti, che qualunque limitazione di diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione o disciplina restrittiva della generale libertà dei comportamenti – anche sotto forma di istituzione o ampliamento di doveri – deve trovare il suo presupposto in una statuizione di rango legislativo – legge formale o atto con forza di legge – perché, in un modo o nell’altro, la limitazione stessa possa essere assoggettata al vaglio del Parlamento. L’assolutezza o relatività delle varie riserve di legge previste in Costituzione è rimessa alla valutazione degli organi costituzionali politici e di garanzia nei casi concreti. Resta fuori dal quadro costituzionale, in ogni caso, la rimozione in blocco del controllo parlamentare e, di conseguenza, del Presidente della Repubblica e della Corte costituzionale. Ne deriva che, nelle ipotesi di emergenza, lo strumento, non surrogabile, da utilizzare per interventi immediati, è il decreto legge (art. 77: «In casi straordinari di necessità e urgenza…»).

Come stupirsi, del resto, che questa elementare affermazione, che tutti gli studenti in giurisprudenza di primo anno ben conoscono, sia stata ignorata in questa occasione, se la stessa è stata pretermessa quanto meno nell’ultimo quarto di secolo, con l’abuso della decretazione d’urgenza, che ha preso il posto della legge formale delle Camere; era logico aspettarsi che, diventato il decreto legge una forma anomala, ma invalsa nella prassi, di legislazione corrente, quando si fosse presentata una vera situazione di necessità e urgenza, il procedimento ideato dai Costituenti per fronteggiare velocemente l’emergenza sia apparso “lento”, come “lento” era apparso il procedimento ordinario di formazione della legge di fronte all’abuso della parola “emergenza” per qualunque problematica economica o sociale si presentasse al vaglio della politica. Si è verificato un “effetto domino”: il decreto legge al posto della legge, l’atto amministrativo al posto del decreto legge.

Detto questo, non bisogna dimenticare che nelle presenti circostanze le restrizioni incidono inevitabilmente almeno sulle libertà personale (art. 13 Cost.), di circolazione e soggiorno (art. 16 Cost.), di riunione (art. 17 Cost.), di religione (art. 19 Cost.), di manifestazione del pensiero (art. 21 Cost.), nonché sul diritto-dovere al lavoro (art. 4 Cost.) e sulla libertà di iniziativa economica privata (art. 41 Cost.). Se da questi caposaldi si passa alle conseguenze indirette delle restrizioni, quasi tutta la prima parte della Costituzione risulta incisa dalle norme di contenimento del contagio da Covid-19. Molto lavoro per il Parlamento? Al contrario purtroppo, poco lavoro.

4 Possibile sveltimento del procedimento di conversione dei decreti legge

Gli argomenti principali che sostengono, in questi drammatici momenti, l’accantonamento del Parlamento sono essenzialmente due.

Il primo è quello, sempre ricorrente, delle “pastoie” del procedimento parlamentare di conversione in legge, appesantito da eventuali atteggiamenti non collaborativi dell’opposizione.

Il secondo è quello della difficoltà di riunirsi delle Camere, a causa della necessità di osservare rigorosamente le precauzioni necessarie ad evitare la diffusione del contagio, anche all’interno delle sedi parlamentari,  

Il primo argomento prova troppo. Atteggiamenti poco responsabili delle forze politiche, che, in momento come quello che stiamo attraversando, perdono tempo in schermaglie, tattiche ritardatrici, dispetti e imboscate o, al contrario, approfittano della situazione per dettare regole unilaterali, saltando il doveroso confronto tra maggioranza e opposizione, non sono imputabili alla Costituzione e alla separazione dei poteri, ma alla perdurante crisi del sistema politico, frammentato in partiti e movimenti incapaci di indirizzi responsabili, ma al continuo inseguimento degli spostamenti, anche minimi, di consenso elettorale, cui viene sacrificato il risultato pratico della legislazione in qualsiasi campo. Sarebbe aberrante che l’unico rimedio a queste deprecabili tendenze fosse l’irrigidimento autoritario dello Stato. Il pericolo tuttavia esiste, giacché – è inutile negarlo – è rimasta in vita in una parte della popolazione la cultura politica che accompagnò la nascita e l’affermazione del fascismo: disprezzo per il Parlamento ed i suoi “riti”, culto del capo. A poco varrebbe obiettare che spesso queste tendenze si manifestano in forme farsesche e quindi non temibili. Al contrario, l’incapacità di percepire il proprio stesso ridicolo è stata una componente dell’appoggio di massa alle dittature moderne.

 Osservando quanto si è verificato nella prima fase della crisi da covid-19, si ha la conferma dell’assoluta necessità che la democrazia sia saldamente presidiata da organi di garanzia, quali il Presidente della Repubblica (così come è configurato dalla Costituzione italiana) e la Corte costituzionale. Non sorprende che la venatura autoritaria della cultura politica italiana favorisca continui attacchi contro di essi.

 La seconda argomentazione, di carattere contingente, può trovare una risposta, che mostra refluenze anche sulla prima, di carattere generale.

Il quarto comma dell’art. 72 Cost. non include la conversione in legge dei decreti legge tra i casi in cui è obbligatorio il procedimento ordinario ed è, di conseguenza, escluso il procedimento decentrato in commissione. La necessità del procedimento ordinario emerge tuttavia dai Regolamenti della Camera e del Senato (art. 96-bis RC e art. 78 RS). Potrebbe essere utile, in circostanze veramente straordinarie come quella attuale, prevedere nei medesimi Regolamenti l’ipotesi di una deliberazione all’unanimità della Conferenza dei capigruppo, che autorizzi la scelta del procedimento decentrato, le cui modalità non solo renderebbero più agili e veloci i lavori, ma consentirebbero pure l’adozione di tutte le cautele (numero dei presenti, distanze, scelta dei locali più adatti etc.) necessarie per l’incolumità dei partecipanti ed il contenimento del contagio. Maggioranza e opposizione sarebbero comunque garantite, giacché sarebbe sempre possibile la transizione al procedimento ordinario, su richiesta del Governo, di un quinto dei membri della commissione competente e di un decimo dell’assemblea.

Una facile obiezione a questa proposta potrebbe essere la scarsa coesione sui valori delle nostre forze politiche, che potrebbe vanificare – con la mancata unanimità iniziale e con l’uso spregiudicato della facoltà di trasformazione del procedimento legislativo – gli obiettivi perseguiti (rapidità e ruolo centrale del Parlamento). Sono consapevole di questa difficoltà. Rispondo però che si tratta di un problema politico, da non celare dietro la comoda scusa dell’impedimento costituzionale. Una volta predisposti gli strumenti adatti, ognuno dovrà assumersi le proprie responsabilità.

Una soluzione come quella prospettata mi sembrerebbe preferibile al “televoto” dei parlamentari, non tanto per una interpretazione letterale delle parole «presente» o «presenti» contenute nell’art. 64 Cost., quanto piuttosto perché appare problematico poter garantire nella votazione da remoto la sussistenza delle condizioni della sua genuinità ai sensi dell’art. 48 Cost.; il che vale per tutte le forme di “democrazia digitale”, che prescindono dalle condizioni ambientali in cui si trova chi esprime la sua volontà democratica. A costo di apparire troppo sospettoso e tradizionalista démodé, mi sento più tranquillo se elettori e rappresentanti esprimono il loro voto nelle cabine poste nei seggi elettorali e su schede di Stato (elettori) o nelle sedi parlamentari, con le tecniche allo scopo predisposte e lontani da possibili interferenze e pressioni (rappresentanti). L’entusiasmo per la tecnologia non dovrebbe far diminuire l’entusiasmo per la libertà. E se, financo con le garanzie di cui sopra, si sono verificate, dentro e fuori le Camere, violazioni scandalose dell’art. 48 Cost., possiamo figurarci cosa potrebbe accadere se il voto fosse espresso in luoghi privati, alla presenza eventuale di terzi estranei o con modalità – volute o non – tali da non garantirne la segretezza, quando richiesta.

5 Emergenza e sistema delle autonomie

Una rapida osservazione sull’incidenza della situazione emergenziale sul sistema delle autonomie.

Non credo vi sia necessità di reintrodurre il limite dell’interesse generale alla potestà normativa delle Regioni, nei termini in cui esisteva nella Costituzione prima della riforma del Titolo V della Parte II introdotta nel 2001.

Esistono due possibilità, entrambe trascurate, o quasi, per rendere più coerenti e veloci i rapporti tra Stati e Regioni, specie in tempi come quelli che stiamo vivendo. Il primo è quello classico della legge-quadro. Sarebbe necessario ed opportuno che lo Stato emanasse – ai sensi dell’art. 117, terzo comma, Cost. – una legge contenente i principi generali di una materia (la tutela della salute), in cui fossero contenute norme precise sul modus operandi delle autorità statali, regionali e locali in caso di epidemie e altre emergenze sanitarie. Il caos attuale è, in buona parte, frutto dell’assenza di una tale legislazione di inquadramento sistematico, che non si è pensato di predisporre in tempi normali. Le norme contenute nella legge n. 833 del 1978, istitutiva del Servizio sanitario nazionale, appaiono lacunose e insufficienti, specie sul punto cruciale degli ambiti reciproci delle competenze dello Stato e delle Regioni. È sufficiente compiere una lettura sistematica degli artt. 7, 11 e 32 della legge ora citata, per rendersi conto che rimangono margini di incertezza e ambiguità non tollerabili in situazioni di emergenza, come quella attuale, in cui di tutto c’è bisogno tranne che di conflitti istituzionali, che aumentano lo smarrimento e la confusione.   

La carenza di criteri pre-definiti, lascia largo spazio ad una disordinata corsa a riempire veri o presunti vuoti di disciplina o a dar luogo a normative anche fortemente differenziate non solo per obiettive necessità di adeguamento a situazioni locali, ma anche per pura polemica politica con il Governo nazionale o per smania individualistica di visibilità, in vista del possibile, successivo sfruttamento elettorale. Forse è l’aspetto più triste e squallido delle attuali difficoltà di coordinamento tra autorità nazionali, regionali e locali. Si spera che le attuali difficoltà possano essere di monito a non dimenticare il problema una volta ritornata (come si spera!) la normalità.

Il secondo strumento è previsto nell’art. 120 Cost., che consente al Governo di sostituirsi alle Regioni ed agli enti locali in una serie di casi, tra i quali rientra certamente l’emergenza che stiamo attraversando. Ciò non significa che non si debbano attivare tutte le potenzialità del regionalismo cooperativo, ma soltanto che il Governo nazionale, esperiti tutti i tentativi di accordo, in uno spazio temporale compatibile con la gravità della situazione, possa assumere la responsabilità della decisione unitaria, quando ciò sia indispensabile per la salvaguardia degli interessi supremi indicati nella medesima norma costituzionale. Non esiste alcuna oggettiva necessità di nuove disposizioni costituzionali per introdurre clausole di supremazia e di interesse nazionale. Basterebbe applicare le norme che già esistono Naturalmente sarebbe necessaria un’altra condizione, non scritta: il coraggio di farlo.

In ogni caso, nessuna legge autorizzativa potrà mai consentire ad una Regione (a fortiori ad un ente locale) di emanare norme che impediscano o ostacolino la libera circolazione delle persone e delle cose tra le Regioni, in palese dispregio del primo comma del citato art. 120 della Cost., come purtroppo in qualche caso si sta verificando. Un blocco di transito da una Regione ad un’altra ha una rilevanza nazionale per diretto dettato costituzionale. Sempre e comunque è necessario un provvedimento statale. La Repubblica «una e indivisibile» (art. 5 Cost.) non può tollerare che parti del territorio e della popolazione nazionali si pongano in contrapposizione tra loro. Vi osta, oltre che il principio di unità nazionale, anche il principio di solidarietà (art. 2 Cost.), inconciliabile con qualunque chiusura egoistica o particolaristica. Chiudere si può e si deve, se la situazione concreta lo impone, ma solo se si valuta l’impatto nazionale di provvedimenti così incisivi su princìpi supremi (unità e solidarietà), dai quali dipende l’esistenza stessa della Repubblica democratica.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Persona Umana

Asili Nido. 13,147 asili nido. Coprono solo il 24% delle richieste.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-03-08.

2020-02-22__Asili 001

«Il viceministro per l’Istruzione Anna Ascani intende rende obbligatoria la frequenza agli asili nido in Italia»

«Dai 3 anni in poi i bambini, se dovesse passare la proposta sostenuta da tutto il Pd a partire dal segretario del partito, Nicola Zingaretti, tutti i bambini dovrebbero iniziare ad andare a scuola »

«Sono 13.147 i servizi socio-educativi per l’infanzia che Istat ha censito nell’anno scolastico 2016/2017»

«Di questi 11.017 sono asili nido, gli altri 2.130, invece, si dividono fra spazi gioco, servizi in contesto domiciliare e centri per bambini e genitori»

«I posti disponibili nelle strutture coprono solo il 24% del target, ovvero i bambini residenti in Italia sotto i 3 anni »

«Il nostro Paese è ben lontano anche dal 33% di copertura fissato dall’Unione Europea»

«In generale nel centro-nord la copertura delle strutture per la prima infanzia non scende sotto percentuali del 30%.

Al sud, invece, l’obiettivo appare lontanissimo, con regioni che non raggiungono nemmeno il 15%, come Calabria e Sicilia»

«In Calabria addirittura il 73% degli asili nido è a gestione privata, la stessa cifra percentuale identifica le strutture pubbliche nella provincia autonoma di Trento»

«Un miliardo e 475 milioni di euro è questo l’investimento complessivo che i comuni italiani hanno stanziato per i servizi rivolti alla prima infanzia nel 2016, ma il 19,4% è rimborsato attraverso le rette pagate dalle famiglie»

2020-02-22__Asili 002

* * * * * * *

Tra le numerose possibili considerazioni, alcune sembrerebbero essere di considerevole importanza.

Prima considerazione.

Prima di annunciare una legge che renda obbligatoria la frequenza agli asili nido in Italia, il viceministro per l’Istruzione Anna Ascani avrebbe fatto bene a conteggiare sia il numero dei bambini italiani sia il numero delle strutture disponibili, che coprono solo il 24% del target. Diciamo pure francamente che non ha fatto una buona impressione.

Seconda considerazione.

Si fa tanto parlare di andare incontro alle famiglie, alle mamme ed ai bambini. Poi, le parole sono smentite dai fatti. In assenza di asili nido le giovani mamme sono virtualmente impossibilitate al lavoro, anche qualora lo volessero. Duplicare i servizi sarebbe però un aggravio di soli due miliardi l’anno: cifra ridicolmente basse a fronte degli aumenti di reddito innescati da un maggior numero di donne inserite nel mondo del lavoro.

*

Asili nido obbligatori: il 76% dei bambini non trova posto.

Sono 13.147 i servizi socio-educativi per l’infanzia e coprono solo il 24% della potenziale domanda

Il viceministro per l’Istruzione Anna Ascani intende rende obbligatoria la frequenza agli asili nido in Italia. Ovvero: dai 3 anni in poi i bambini, se dovesse passare la proposta sostenuta da tutto il Pd a partire dal segretario del partito, Nicola Zingaretti, tutti i bambini dovrebbero iniziare ad andare a scuola. Giusto? Sbagliato? A guardare i numeri il problema non è questo. Il problema è che in Italia non ci sono abbastanza asili nido per tutti.

Pochi asili nido in Italia

Sono 13.147 i servizi socio-educativi per l’infanzia che Istat ha censito nell’anno scolastico 2016/2017. Di questi 11.017 sono asili nido, gli altri 2.130, invece, si dividono fra spazi gioco, servizi in contesto domiciliare e centri per bambini e genitori. Numeri davvero troppo bassi: i posti disponibili nelle strutture coprono solo il 24% del target, ovvero i bambini residenti in Italia sotto i 3 anni. Il nostro Paese è ben lontano anche dal 33% di copertura fissato dall’Unione Europea; un parametro minimo stabilito per consentire alle mamme di continuare a lavorare, aiutando a risolvere il problema della scarsa partecipazione delle donne al mercato del lavoro.

Dal grafico sopra è possibile avere il quadro della situazione con la suddivisione fra strutture pubbliche e private, che comunque non raggiungono nella maggior parte delle regioni la soglia del 33%.

Asili nido in Italia: in Umbria sono decisivi i privati

Passando in rassegna regione per regione, la situazione degli asili nido in Italia è disomogenea. In Valle d’Aosta, Umbria, Emilia Romagna, Toscana e nella provincia di Trento il parametro posto dalla Ue è rispettato ormai da diversi anni, e in generale nel centro-nord la copertura delle strutture per la prima infanzia non scende sotto percentuali del 30%.

Al sud, invece, l’obiettivo appare lontanissimo, con regioni che non raggiungono nemmeno il 15%, come Calabria e Sicilia. Un gap di servizi che va dal 7,6% di copertura dei posti sul potenziale in Campania, la regione con il valore più basso, al 44,7% in Valle d’Aosta.

Poi c’è il capitolo pubblico-privato. Le strutture private predominano in Umbria, salvagenti che permettono di raggiungere livelli di servizio adeguati. In Calabria addirittura il 73% degli asili nido è a gestione privata, la stessa cifra percentuale identifica le strutture pubbliche nella provincia autonoma di Trento. Un’altra differenza incolmabile fra nord e sud.

I comuni non investono negli asili nido

Un miliardo e 475 milioni di euro è questo l’investimento complessivo che i comuni italiani hanno stanziato per i servizi rivolti alla prima infanzia nel 2016, ma il 19,4% è rimborsato attraverso le rette pagate dalle famiglie.

Tra il 2004 e il 2012 le risorse comunali messa a disposizione dagli sili nido in Italia erano passate da 1.1 miliardi a 1.6, un incremento positivo del 47%, cui è seguita una contrazione della spesa nei due anni successivi, poi una stabilizzazione nel triennio 2014-2016.

Anche la gestione degli asili nido direttamente in capo ai comuni è diminuita negli ultimi anni, con la conseguente crescita degli appalti ad associazioni o enti privati. Nell’anno scolastico 2016/2017 negli asili nido a gestione comunale si sono iscritti 93.200 bambini, contro gli oltre 99.700 contati 4 anni prima: una perdita tutt’altro che trascurabile.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Persona Umana

Ungheria. Matrimoni +84% dal 2010. – Xinuhanet.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-24.

Sunrise behind the Hungarian Parliament building in Budapest.

Nessuno resti sorpreso che sia un’agenzia cinese a riportare con enfasi la duplice notizia che in Ungheria il numero dei matrimoni sia aumentato dell’84% rispetto al 2010 e che il numero dei divorzi sia sceso dal 67% al 33%, una delle più basse percentuali europee.

*

L’Ungheria è un paese in forte crescita.

9.7 milioni di abitanti, ha un pil nominale procapite di 17,463 Usd, ed un pil ppa procapite di  34.046 Usd. La popolazione sotto i 14 anni è del 14.66%, mentre quella nella fascia 15 – 24 anni ammonta al 10.76%: gli over-65 sono il 19.5%. Le nascite per 1000 abitanti sono 8.9, mentre i decessi sono 12.8: il saldo è quindi negativo.

Il tasso di fertilità è tra i più basi di Europa: 1.45 bambini nati per ogni donna. Questo valore trova la sua ragion d’essere nel fatto che moltissimi giovani erano emigrati negli scorsi anni in cerca di un lavoro dignitoso: è solo con il Governo Orban che il sistema economico si è rimesso in moto. Adesso iniziano a verificarsi dei rientri.

Dal 2004 la Ungheria è membro dell’Unione Europea e della Nato, ma non vi fa vita a causa del fatto che si professa identitaria sovranista, visione di vita del tutto aborrita dall’attuale dirigenza dell’Unione.

Ma la vera spinta economica è venuta dall’aver aderito al Ceec 16 + 1.

Asia alla conquista dell’Europa dell’Est.

Cina. Ceec 16 + 1. L’Occidente inizia a preoccuparsi.

Cina non divide l’Unione Europea: è già divisa. Ceec.

«The 16+1 was established in 2012 as a multilateral platform facilitating cooperation between China and 16 Central and Eastern European countries (CEEC). …. In recent years, the platform’s summits have attracted a lot of attention, especially in Western Europe …. The intensifying level of engagement between the 16 countries in the CEE region and China has considerably alarmed Brussels and Berlin …. Many Western European observers and policymakers have raised concerns about the potential risks of growing Chinese presence in Eastern Europe, claiming that Beijing’s major interest in engaging with the region is a part of its long-term strategy to undermine EU unity»

L’Ungheria ha ottenuto dal Ceec fondi per investimenti strategici infrastrutturali di gran lunga superiori a quelli ottenuti dall’Unione Europea.

*

Chiunque guardi anche solo con una occhiata distratta l’elenco dei paesi europei che aderiscono al Ceec si renderebbe immediatamente conto della portata di lungo termine di questa iniziativa cinese e, di conseguenza, al loro interesse di aver paesi che mantengono la loro popolazione.

*


Xinjuanet. Hungary reports marriage boom in 2019.

The institution of marriage is undergoing a true renaissance in Hungary, Katalin Novak, Minister of State for Family and Youth Affairs at the Ministry of Human Capacities, said here on Wednesday.

“In 2019, more couples have tied the knot than anytime during the last 30 years,” Novak said at a press conference.

“Between January and November 2019, about 62,000 people got married, 84 percent more than in 2010,” Novak said.

“Meanwhile, the number of divorces declined: in 2010, the divorce rate was 67 percent, which had decreased to only 33 percent by 2018.”

Novak spoke following the publication of official figures on the number of marriages in Hungary by the Central Statistical Office (KSH).

KSH’s figures show that 2019 witnessed the fastest growth in the number of marriages in Hungary over the past 30 years.

*


Hungary reports marriage boom in 2019

The institution of marriage is undergoing a true renaissance in Hungary, Katalin Novák, Minister of State for Family and Youth Affairs at the Ministry of Human Capacities, said here on Wednesday. “In 2019, more couples have tied the knot than anytime during the last 30 years,” Novák said at a press conference.

“Between January and November 2019, about 62,000 people got married, 84 percent more than in 2010,” Novák said. “Meanwhile, the number of divorces declined: in 2010, the divorce rate was 67 percent, which had decreased to only 33 percent by 2018.”

Novák spoke following the publication of official figures on the number of marriages in Hungary by the Central Statistical Office (KSH). KSH’s figures show that 2019 witnessed the fastest growth in the number of marriages in Hungary over the past 30 years.

Pubblicato in: Persona Umana, Problemi Etici e Morali, Storia e Letteratura

Dresda. 75 anni fa il bombardamento.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-13.

2020-02-13__Dresda 002

Il 13 febbraio 1945 i bombardieri anglo-americani distrussero la città di Dresda, generando un colossale incendio.

Quanto accadde dovrebbe darci da pensare a lungo.

Tutti anelano alla pace, ma spesso in modo distorto: vorrebbero vivere in pace incuranti se altrove la pace fosse diventata un mero termine di un vocabolario desueto.

Tra il 1975 ed il 1979 prese corpo il genocidio cambogiano, tra la indifferenza generale: nessuno fece nulla per arrestarlo, mentre molti si diedero un gran da fare per alimentarlo.

Nel 1994 avvenne il genocidio dei tutsi in Ruanda: anche in quella occasione coloro che si proclamavano pacifisti non mossero un dito.

Questi sono soltanto due tra i tanti esempi possibili.

* * *

Di questi tempi la devoluzione occidentale fa da incubatrice a molti sentimenti di odio, di rancori, di situazioni che alimentano una violenza verbale difficilmente riscontrabile nella storia, forse vissuta all’epoca delle guerre di religione europee.

Ma dalla violenza verbale a quella fisica il passo è breve, e la depressione economica che travaglia l’Europa è una miscela esplosiva che potrebbe anche deflagrare incontrollata.

Non ci si dimentichi che la guerra mondiale fu innescata dalla grande depressione.

In calce, alcune fotografie, per ripassare quella lezione che ci dette la storia.

* * *


Dresden: The World War Two bombing 75 years on

“The firestorm is incredible… Insane fear grips me and from then on I repeat one simple sentence to myself continuously: ‘I don’t want to burn to death’. I do not know how many people I fell over. I know only one thing: that I must not burn.”

On 13 February 1945, British aircraft launched an attack on the eastern German city of Dresden. In the days that followed, they and their US allies would drop nearly 4,000 tons of bombs in the assault.

The ensuing firestorm killed 25,000 people, ravaging the city centre, sucking the oxygen from the air and suffocating people trying to escape the flames.

Dresden was not unique. Allied bombers killed tens of thousands and destroyed large areas with attacks on Cologne, Hamburg and Berlin, and the Japanese cities of Tokyo, Hiroshima and Nagasaki.

But the bombing has become one of the most controversial Allied acts of World War Two. Some have questioned the military value of Dresden. Even British Prime Minister Winston Churchill expressed doubts immediately after the attack.

“It seems to me that the moment has come when the question of bombing of German cities simply for the sake of increasing the terror, though under other pretexts, should be reviewed,” he wrote in a memo.

“The destruction of Dresden remains a serious query against the conduct of Allied bombing.”

Dresden is the capital of the state of Saxony. Before the bombing it was referred to as the Florence on the Elbe or the Jewel Box, for its climate and its architecture.

By February 1945, Dresden was only about 250km (155 miles) from the Eastern Front, where Nazi Germany was defending against the advancing armies of the Soviet Union in the final months of the war.

The city was a major industrial and transportation hub. Scores of factories provided munitions, aircraft parts and other supplies for the Nazi war effort. Troops, tanks and artillery travelled through Dresden by train and by road. Hundreds of thousands of German refugees fleeing the fighting had also arrived in the city.

At the time, the UK’s Royal Air Force (RAF) said it was the largest German city yet to be bombed. Air chiefs decided an attack on Dresden could help their Soviet allies – by stopping Nazi troop movements but also by disrupting the German evacuations from the east.

RAF bomber raids on German cities had increased in size and power after more than five years of war.

Planes carried a mix of high explosive and incendiary bombs: the explosives would blast buildings apart, while the incendiaries would set the remains on fire, causing further destruction.

Previous attacks had annihilated entire German cities. In July 1943, hundreds of RAF bombers took part in a mission against Hamburg, named Operation Gomorrah. The resulting assault and unusually dry and hot weather caused a firestorm – a blaze so great it creates its own weather system, sucking winds in to feed the flames – which destroyed almost the whole city.

The attack on Dresden began on 13 February 1945. Close to 800 RAF aircraft – led by pathfinders, who dropped flares marking out the bombing area centred on the Ostragehege sports stadium – flew to Dresden that night. In the space of just 25 minutes, British planes dropped more than 1,800 tons of bombs.

As was common practice during the war, US aircraft followed up the attack with day-time raids. More than 520 USAAF bombers flew to Dresden over two days, aiming for the city’s railway marshalling yards but in reality hitting a large area across the city.

On the ground, civilians cowered under the onslaught. Many had fled to shelters after air raid sirens warned of the incoming bombers.

But the first wave of aircraft knocked out the electricity. Some came out of hiding just as the second wave arrived above the city.

People fell dead as they ran from the flames, the air sucked from their lungs by the fire storm. Eyewitness Margaret Freyer described a woman with her baby: “She runs, she falls, and the child flies in an arc into the fire… The woman remains lying on the ground, completely still”.

Kurt Vonnegut survived the bombing as a prisoner of war in Dresden.

“Dresden was one big flame. The one flame ate everything organic, everything that would burn,” he wrote in his work Slaughterhouse-Five.

He described the city after the attack as “like the moon now, nothing but minerals. The stones were hot. Everybody else in the neighbourhood was dead.”

In total, the British lost six bombers in the attack, three to planes accidentally hitting each other with bombs. The US lost one.

Nazi Germany immediately used the bombing to attack the Allies. The Propaganda Ministry claimed Dresden had no war industry and was only a city of culture. Though local officials said about 25,000 people had died – a figure historians agree with now – the Nazis claimed 200,000 civilians were killed.

In the UK, Dresden was known as a tourist destination, and some MPs and public figures questioned the value of the attack. A story at the time published by the Associated Press news agency said the Allies were conducting terror bombing, spreading further alarm.

US and UK military planners, however, insisted the attack was strategically justified, in the same way as attacks on other cities – by disrupting industry, destroying workers’ homes and crippling transport in Germany.

A 1953 US report on the bombing concluded that the attack destroyed or severely damaged 23% of the city’s industrial buildings, and at least 50% of its residential buildings. But Dresden was “a legitimate military target”, the report said, and the attack was no different “from established bombing policies”.

The debate about the Allied bombing campaign, and about the attack on Dresden, continues to this day. Historians question if destruction of German cities hindered the Nazi war effort, or simply caused civilian deaths – especially towards the end of the conflict. Unlike an invasion like D-Day, it is harder to quantify how much these attacks helped win the war.

Some argue it is a moral failing for the Allies, or even a war crime. But defenders say it was a necessary part of the total war to defeat Nazi Germany.

It has even become a symbol for conspiracy theorists and some far-right activists – including Holocaust deniers and extremist parties – who have quoted Nazi casualty figures as fact and have commemorated the bombing.

Seventy-five years later, the bombing of Dresden remains a controversial act.


2020-02-13__Dresda 001

2020-02-13__Dresda 003

2020-02-13__Dresda 004

2020-02-13__Dresda 005

2020-02-13__Dresda 006

2020-02-13__Dresda 007

2020-02-13__Dresda 008

2020-02-13__Dresda 009

 

 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Persona Umana

M5S. Il caso di Rachele Silvestri.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-16.

2020-01-15__Silvestri 001

In data 31 dicembre avevamo riportato che l’on. Rachele Silvestri aveva lasciato il movimento cinque stelle.

M5S. Altri quindici deputati in fuga.

* * *

Poi le cose sono evolute, pigliando una piega riprovevole,

M5S, Rachele Silvestri lascia il movimento, insulti sessisti sul web: «Ti voglio sputare in faccia»

«Tr..a», «pu…na», «dove abita che la voglio sputare in faccia». Rachele Silvestri, deputata marchigiana abbandona il M5S e passa al gruppo Misto. E a poche ore dalla decisione, sulla pagina Facebook della deputata e su quella di siti locali appaiono insulti di ogni tipo, fino alla vignetta dell’impiccato con la scritta “Ovunque si trova un Giuda”. Silvestri è il sesto parlamentare che lascia i cinquestelle dall’inizio del 2020.

La condanna del M5s. «Come direttivo del gruppo Camera, condanniamo con forza il violento attacco, avvenuto tramite social, nei confronti della deputata Rachele Silvestri. Non stiamo parlando più di confronto e critica politica, anche dura, ma di infamità che travalicano ogni limite di civiltà. Esprimiamo la nostra solidarietà alla collega e a tutti coloro i quali diventano bersaglio di questi attacchi inaccettabili». È quanto scrive in un post su Facebook il direttivo del gruppo parlamentare del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei deputati.

«Voglio esprimere la mia solidarietà all’onorevole Silvestri che è stata oggetto di volgari e gravissime offese che si configurano come un’ignobile violenza con l’aggravante di essere stata scatenata, senza ritegno, contro una Donna», scrive sul proprio profilo Fb la vice presidente della Regione Marche Anna Casini. «La Politica non è insulto, non ha ragione, o è più bravo, chi in modo volgare prevarica l’altro. – afferma Casini – Mi auguro che si torni a discutere di temi concreti usando toni pacati e sobri di cui tutti abbiamo bisogno se vogliamo capire e rispettare le ragioni e i pensieri dell’ altro».

* * * * * * *

Una triste caratteristica delle sinistre ideologizzate è quella di odiare come nemici mortali gli avversari politici.

Il caso dell’on. Rachele Silvestri è solo l’ultimo caso in ordine cronologico.

Lo ripetiamo a costo di sembrare noiosi.

A noi nulla interessa che on. Rachele Silvestri sia femmina, che professi una sua propria religione, che abbia determinate idee politiche, e così via.

È un essere umano, e come tale deve essere rispettata.

Una cosa è il non condividere ciò che essa abbia detto, pensato o fatto, ed una del tutto differente è linciarla con insulti triviali.

Abbiamo apprezzato che la vice presidente della Regione Marche Anna Casini abbia preso le sue difese, e francamente ci si sarebbe aspettati di leggere anche la solidarietà di Di Maio e dei maggiorenti del movimento cinque stelle.

Pubblicato in: Persona Umana

Italia. Ci sono anche tante storie davvero belle, edificanti. Due episodi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-11-24.

2019-11-24__ Episodi 001

«Mio padre mi ha insegnato questo. E io questo ho fatto»


Leggendo i media che riportano quasi esclusivamente episodi di nefandezze, di delitti e di tutto un armamentario da codice penale, verrebbe quasi spontaneo generalizzare questi eventi a tutta la popolazione.

Prima ancora di essere un grossolano errore logico, sarebbe un’altrettanto colossale ingiustizia.

Nei fatti, Cittadini probi ed onesti ci sono, e sono anche la maggioranza.

È ininfluente la razza, la etnia, la religione professata, il tasso di scolarizzazione, la posizione sociale ed economica: chi sia onesto tale rimane in ogni circostanza, mentre i disonesti invece approfittano delle loro conoscenze per essere ancor più, scusatemi un uso dialettale, delle ‘fetenzie’.

L’abile penna di Chiara Severgnini riporta due episodi: quello di Mr Modou Gaye e quello di Mr Omar Chamkhou. Due immigrati disoccupati, ma che hanno tanto da insegnare a perclari plurilaureati, con ottimi lavori.

*


Parma, trova orologio d’oro e lo restituisce: ambulante 22enne viene assunto

La storia di Modou Gaye, 22 anni, origini senegalesi e residenza nella Bassa parmense: ha trovato un orologio d’oro e lo ha consegnato ai carabinieri. Il proprietario lo ha premiato con un posto di lavoro.

L’orologio era in una busta di velluto verde, sul ciglio della strada, in via Farini, a Parma. Quando Modou Gaye, 22 anni, lo ha raccolto, ha capito subito di avere di fronte a sé un oggetto di grande valore, quindi lo ha mostrato a un gioielliere. Che gli ha dato la conferma: quell’orologio d’oro valeva oltre 25 mila euro. Così il ragazzo — di origini senegalesi e residente a Colorno, nella Bassa parmense — ha deciso di consegnarlo ai carabinieri del posto. «Quel Rolex non era mio. Quindi dovevo per forza restituirlo. Mio padre mi ha insegnato questo. E io questo ho fatto», ha spiegato in un’intervista alla Gazzetta di Parma. Quando l’orologio è stato riconsegnato, il proprietario — un imprenditore di Modena — ha voluto conoscere Gaye e, quando ha saputo che il ragazzo era disoccupato, gli ha offerto un lavoro nella sua azienda.

La restituzione

Il proprietario del Rolex riconsegnato da Gaye è un imprenditore della provincia di Mantova che, il 9 novembre, aveva perso l’orologio mentre si trovava a Parma per lavoro. Per ritrovarlo, oltre ad aver denunciato lo smarrimento alla stazione dei carabinieri di Marmirolo, aveva anche pubblicato alcuni appelli sui giornali locali. Quando i carabinieri lo hanno contattato comunicandogli le circostanze del ritrovamento, l’uomo si è recato a Parma per incontrare Gaye. Lì ha ascoltato la sua storia e ha deciso di ringraziarlo non con una ricompensa in denaro, ma offrendogli un lavoro. «Una bella storia di riscatto», ha commentato il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti: «Abbiamo tutti una storia, ed è bello sapere che l’onestà diventa il mezzo attraverso il quale poterla raccontare: squarcia il velo d’indifferenza facendoci sentire un po’ più umani e un poco meno disinteressati al mondo che ci circonda».

Il disoccupato 59enne assunto in Veneto dopo aver restituito 900 euro

Una storia che riporta alla memoria analoghi episodi di correttezza che sono stati poi ricompensati con offerte di lavoro. A gennaio, ad esempio, Omar Chamkhou, 59 anni, disoccupato dal 2014, ha ritrovato un portafoglio mentre passeggiava sulle rive del Brenta, nel Vicentino: conteneva 900 euro. Dopo averlo consegnato al Comune, è stato contattato da Bernardo Finco, titolare della Conceria Finco di Bassano: era lui il proprietario del borsellino smarrito. L’imprenditore, dopo aver conosciuto la storia dell’uomo, ha deciso di offrirgli un lavoro: «È una persona di onestà indiscutibile ed era da tempo disoccupato, non per sua colpa», ha spiegato Finco, «ci sembra solo giusto dargli un lavoro». Intervistato dal Giornale di Vicenza, l’uomo ha spiegato cosa ha significato per lui quella opportunità: «È stato come rinascere, dopo anni di sofferenza e disperazione». Chamkhou — che vive in Italia da trent’anni e ha la cittadinanza — era stato licenziato nel 2014 insieme ad altri 112 dipendenti dalla multinazionale del settore chimico Akzo Nobel di Romano. Da allora aveva cercato lavoro disperatamente, senza però riuscirci: «Alla mia età — ha raccontato — è difficile trovare un posto».

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Persona Umana

Occidente. Le femmine pagano più tasse dei maschi, ma inquinano.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-25.

Mela con il Coltello tra i Denti.

Le adunche mani grifagne del fisco calano inesorabili su tutti i consumi non comprimibili. Anche su quelli tipicamente muliebri.

La tassa sul macinato gravava in misura diversa a seconda della tipologia del macinato.

Castagne – Tassa di cinquanta centesimi per ogni quintale macinato

Segale – Tassa di una lira per ogni quintale macinato

Granoturco – Tassa di una lira per ogni quintale macinato

Avena – Tassa di una lira e venti centesimi per ogni quintale macinato

Grano – Tassa di due lire per ogni quintale macinato

Non si sorrida della cifra apparentemente piccola: una lira del 1869 corrispondeva a 7,302 lire del 2001. Ma mangiare pur dovevano farlo tutti.

Tutte le femmine presentano in età fertile i flussi mestruali: lunga ed ingegnosa fu la lotta per tamponare l’evento, così come l’incontinenza urinaria che affligge spesso il sesso muliebre man mano che passano gli anni.

Gli assorbenti usa e getta, sono stati creati da un’idea di Benjamin Franklin per fermare il sanguinamento dei soldati feriti in battaglia. Nel 1888 la Johnson & Johnson iniziò a produrre i primi assorbenti usa e getta. Il vero problema fu quello della riduzione dei costi di produzione e, quindi, del prezzo di vendita.

Le strisce di stoffa vecchia iniziarono ad essere sostituite solo quanto i prezzi divennero accessibili a tutte le borse, anche se, data la praticità del device, i produttori ne avevano un ragionevole ricavo. Sui costi grava pesantemente il trasporto: la confezione di assorbenti occupa molto volume e pesa ben poco. Un camion è saturato rapidamente, ma il costo del viaggio resta sempre elevato.

Ma fu solo con l’avvento della petrolchimica che gli assorbenti divennero comodi e meno onerosi: sfagno e poliacrilato come assorbente in senso stretto, polietilene con riversamento.

Nella sola Italia, i sedici milioni di donne in età fertile sono per i soli assorbenti un mercato da un miliardo e mezzo. Ma la cifra raddoppia tenendo conto degli assorbenti usati nell’incontinenza urinaria, noiosissimo fastidio che affligge le femmine vecchie.

* * * * * * *

Ma il fisco mica che si sia lasciato scappare questa splendida occasione di taglieggiar la gente.

«Gli assorbenti interni rientrano infatti tra i prodotti parafarmaceutici e come tali sono tassati. Quanto? Dipende»

*

«Lo stato con la tassazione più elevata è l’Ungheria (27%). La Grecia prima dei piani di austerità ne aveva una al 13%, oggi schizzata al 24%. Solo in Irlanda e Malta è a zero, mentre in  Gran Bretagna la “tampon tax” è stata da poco tagliata  al 5% (era al 20%). In Italia? Lo sappiamo: l’Iva è al 22%»

*

«una donna ha il ciclo, annessi e connessi, ma deve pure pagare le tasse sui suoi assorbenti, mentre uomo può tranquillamente radersi con le sue lamette al 4%.»

* * * * * * *

Diverso invece sarebbe il discorso sul vestiario, essendo quello femminile più costoso di quello maschile.

Diversi i motivi commerciali di questa differenza.

Le femmine gradiscono avere scelte più differenziate di quelle dei maschi, e questo è un costo. Poi esiste il fattore moda: un negozio dovrebbe tenere una ragionevole varietà per attirare la clientela, ma a fine stagione molti dei capi rimasti invenduti vanno fuori mercato.

*

Il Dipartimento per la tutela dei consumatori (Dca) della città di New York ha stimato che la femmina paga grosso modo mille dollari al mese in più di tasse rispetto ai maschi. Cifra da prendersi con buon senso, dato l’elevato costo della vita in quella città.

«Un sondaggio del Plan International UK ha rilevato che una ragazza inglese su 20 fra i 14 e i 21 non può permettersi asciugamani o assorbenti igienici. Non si tratta qui di un tabù culturale, ma di un problema economico. ….

Assorbenti e affini sono ancora considerati “bene di lusso” con un IVA al 22%, contro il 5% di quella dei tartufi. La Spagna applica invece un’IVA del 4% la Francia del 5,5 %, il Regno Unito del 5%, il Belgio e i Paesi Bassi del 6%. …. Infine, non dimentichiamo che gli assorbenti inquinano» [Sole 24 Ore]

Bene.

Pigliamo atto che le femmine siano, a lor dire, inquinanti.

*


È stato pubblicato un simpaticissimo report sulla Pink Tax.


Le “Pink Tax”: le tasse che pagano solo le donne

Le donne, senza saperlo, versano circa mille euro al mese di imposte in più rispetto agli uomini

Si chiama “pink tax” ed è un ricarico sui prodotti femminili: quasi mille dollari procapite ogni anno in America, ma anche da noi le cose non vanno diversamente.

Il grafico sopra mostra, per ogni tipologia di prodotto, quanto costa la versione femminile (di più) rispetto a quella maschile (di meno). I dati sono del Dipartimento per la tutela dei consumatori (Dca) della città di New York che ha analizzato 5 industrie, 24 negozi, 91 marche, 35 categorie di prodotti e 794 prodotti.

I prodotti per donna sono più costosi

Da quest’analisi emerge che i prodotti per donne sono più costosi. Un esempio? I giochi e gli accessori da bimba costano il 7% in più rispetto a quelli da maschietto, i vestitini il 4%. E crescendo la musica non cambia. Gli abiti da donna sono l’8% più costosi dei capi da uomo, i prodotti per la cura del corpo del 13% e quelli per la salute dell’8%. Analizzando 397 casi d’acquisto è stato notato come le donne nel 42% abbiano dovuto pagare di più degli uomini, mentre l’inverso è accaduto solo 72 volte (18%).

Lo Stato della California ha stimato inoltre che annualmente le americane paghino una “tassa di genere” pari a circa 1.351 dollari in un anno. E si arriva al paradosso: anche un normale caschetto da bici soffre della discriminazione di genere e costa di più se è “rosa”.

Il grafico sopra mostra la “tassa sugli assorbenti” nei vari Paesi europei. Gli assorbenti interni rientrano infatti tra i prodotti parafarmaceutici e come tali sono tassati. Quanto? Dipende. Lo stato con la tassazione più elevata è l’Ungheria (27%). La Grecia prima dei piani di austerità ne aveva una al 13%, oggi schizzata al 24%. Solo in Irlanda e Malta è a zero, mentre in  Gran Bretagna la “tampon tax” è stata da poco tagliata  al 5% (era al 20%). In Italia? Lo sappiamo: l’Iva è al 22%

Insomma, non solo una donna ha il ciclo, annessi e connessi, ma deve pure pagare le tasse sui suoi assorbenti, mentre uomo può tranquillamente radersi con le sue lamette al 4%.

La “tampon tax” nel resto del mondo

Negli Stati Uniti solo 5 stati su 50 hanno ritirato le tasse sui prodotti sanitari rosa: Maryland, Massachussetts, Minnesota, New Jersey e Pennsylvania. In altri cinque stati (New Hampshire, Delaware, Montana, Alaska e Oregon) non ci sono balzelli e i restanti applicano aliquote tra il 4 e il 9%. La Malesia è al 6% mentre in Australia il ciclo è tassato al 10%.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Persona Umana

Troppi discorsi indefiniti o senza costrutto. Ragioniamo e difendiamoci.

Giuseppe Sandro Mela.
2019-07-01.

1483-1520__Raffaello__La_Scuola_di_Atene_Il Pensatore_

Negli ultimi decenni l’umanità è stata sommersa da fiumi di discorsi, alimentati dai media e, poi, dall’uso sempre più accentuato delle risorse delle telecomunicazioni, dai telefonici ai social network.

Per far quasi buon peso, si assiste anche ad un ritorno imperioso di persone che inneggiano alla scienza, alla verità scientifica, al fatto che essa sarebbe infallibile.

Se però ci si ragionasse un pochino attorno, emergerebbero molti punti che avrebbero dovuto lasciarci per lo meno dei dubbi.

Nessuna pretesa di essere esaustivi, ma qualche pensiero sembrerebbe valerne la pena.

* * * * * * *

L’aggettivazione ‘scientifico‘ indica un fenomeno che sia sempre e costantemente ripetibile, essendo invariate le condizioni sperimentali. Così, ad esempio, è scientifico affermare che se si abbia in mano un oggetto e lo  molli, questo cadrà verticalmente al suolo.

A prima vista la cosa sembrerebbe del tutto banale. Ma nulla è banale.

L’oggetto mollato potrebbe, per esempio, cadere al suolo sì, ma non verticalmente, bensì da un lato. Per esempio, se si fosse su di un treno che viaggiasse molto veloce, l’oggetto cadrebbe nella direzione opposta a quella di marcia. Sono variate le condizioni sperimentali, ma chi viaggiasse in treno ben difficilmente potrebbe accorgersene,

Questo nuovo esperimento, ripetibile a piacere, ci indica molte cose.

Il nostro primo enunciato non era una legge universale, se no, non sarebbe stato smentito dal nuovo esperimento. Solo che era valido esclusivamente in situazioni statiche. Se si fosse in movimento ad accelerazione sufficiente, la caduta non può essere verticale.

Prima conclusione.

Un enunciato avulso dal suo contesto ha buone possibilità di essere confutato. Ma il contro esempio non ne inerisce la validità, bensì le circostanze, che sono due concetti ben differenti.

*

La prima impressione è usualmente quella di essere molto scettici sui risultati del secondo esperimento: ma dopo un buon numero di ripetizioni ci si deve arrendere alla realtà dei fatti.

Ma si dovrebbe invece tripudiare di gioia: questo dato anomalo può insegnarci anche molte cose.

Il riscontro di un fenomeno ‘anomalo‘ è proprio quello che permette il progresso scientifico. Il secondo esperimento, infatti, unitamente al famoso disco di Poincaré, stuzzicarono la mente di Einstein a formulare quella che poi sarebbe stata la teoria della relatività.

Seconda Conclusione.

Anche i dati empirici più rocciosi incorrono prima o poi in un nuovo riscontro che li inficia, ovvero che li integra. Non sono verità assolute, bensì locali.

* * * * * * *

Di fronte ai dati sperimentali sorge sempre la domanda del perché mai si verifichino e secondo determinate modalità.

L’umana curiosità porta quindi a formulare delle teorie che cerchino di descrivere e di spiegare i fatti. Di norma le teorie dovrebbero essere abbastanza complete, soddisfacenti, ma neppure esse sono verità assolute. Il primo esperimento era stato spiegato in modo magistrale dalla teoria di Newton, forse il maggiore capolavoro che mente umana abbia concepito. Ma anche essa fu poi superata dalla relatività, che la integrò in sé stessa. Non che la teoria di Newton fosse errata: valeva soltanto on un ambiente a bassa velocità.

Terza Conclusione.

Le teorie altro non sono che interpretazioni ragionevoli, che sussistono solo nell’attesa di essere superate. Non esistono teorie ‘assolute‘. Tutte le teorie, anche quelle che avessimo elaborato noi, sono destinate ad essere superate.

Si constata incuriositi quanto la gente si dispiaccia che la teoria prediletta sia stata superata od integrata da una successiva, invece di essere ben contenta di quanto sia aumentato l’umano sapere.

* * * * * * *

Ciò appurato, possiamo procedere oltre.

Tutti i discorsi umani sono espressi in un qualche linguaggio, ma caratteristica comune è quello di articolarsi in frasi concatenate. Ogni frase ha, dovrebbe avere, un soggetto, un predicato ed un complemento, come abbiamo imparato dall’analisi logica studiata nella seconda elementare.

Sembra facile, ma nei fatti è tutto fuorché facile.

Gran parte delle frasi riscontrabili sui media è senza soggetto: ossia, non è capibile chi sia l’attore del predicato.

Altre frasi traggono invece in inganno:

«A Marzia piacciono i mandarini».

Il soggetto non è Marzia, bensì i mandarini. ‘A Marzia‘ altro non è che il complemento di termine.

Non solo. La stragrande maggioranza delle frasi riscontrabili usa l’indicativo, ossia quel modo della lingua che esprime una enunciazione, una semplice constatazione di un dato di fatto. Ma con altrettanta frequenza la frase avrebbe dovuto usare congiuntivo o condizionale, perché esprime tutto tranne che una certezza.

«Questo colore è grigio»

E chi mai lo ha detto? Detta da un discromatopsico suonerebbe quasi a mo’ di presa in giro.

Quarta Conclusione.

Controllare sempre con cura quale sia il soggetto della frase, sempre poi che sia stato riportato.

* * * * * * *

Ma siamo appena appena agli inizi,

Tutti convengono sulla necessità di definire il significato dei termini, quanto meno da un punto di vista lessicologico: è il motivo per cui esistono i vocabolari e le enciclopedie.

Le parole senza un ben preciso significato sarebbero del tutto inutili, se non anche fuorvianti. Poi, sussistono anche forme espressive di dubbio inconcludente.

Le parola hanno un senso inequivocabile? Ma ne siamo poi così sicuri?

I vocaboli presi a sé stanti possono essere indeterminati per loro stessa natura. Così, la parola “città” è sia singolare sia plurale. L’unico modo per discernere il significato sarebbe quello di considerare il sintagma che la sostiene: “la città”, “le città”.

Facciamo un altro semplicissimo esempio, un pochino più complesso.

«Questo è uno zoccolo»

A prima vista si direbbe che sia una frase compiuta, inequivocabile. Più chiara di così cosa mai si potrebbe volere?

Ma ragioniamoci un pochino sopra.

Questa è una frase enunciativa: infatti utilizza il modo indicativo.

Questo” è un aggettivo oppure un pronome dimostrativo, che indica cosa vicina nel tempo e nello spazio a chi parla. Ma l’uso del termine “questo” non fornisce indicazione alcuna a cosa si riferisca: potrebbe essere un tritacarne, oggetto che chiaramente non può essere uno zoccolo. Ci si rassegni: è indefinito.

Zoccolo“.

Facciamo finta di nulla e consultiamo la Treccani.

Questo termine può indicare una congerie di cose del tutto differenti.

– un particolare tipo di calzatura;

– un uomo particolarmente rozzo ed ignorante;

– la gigantesca unghia del terzo dito degli equidi; più in generale, degli artiodattili;

– strato di fango o neve che si appiccica alle suole delle scarpe;

– pane di terra che resta adeso alle radici di una pianta estirpata;

– pane fritto oppure arrostito;

– la parte inferiore di un edificio oppure di una parete;

– basamento rigido di una zona regione geologica;

– dispositivo per sostenere il carrello di un aereo;       

– spina multipolare;

etc, etc, etc.

Nei fatti, dalla frase presa in considerazione non siamo minimamente in grado di comprendere a cosa si riferisca né cosa significhi.

Eppure lì per lì quella frase ci era sembrata essere un enunciato lampante!

Quinta Conclusione.

Le frasi, siano pure enunciative, estratte dal corpo del discorso sono usualmente incomprensibili, indefinite.

Sesta Conclusione.

Si diffidi dall’uso disinvolto delle frasi citate, sia pure tra virgolette. Estratte da un contesto ed immesse in uni differente il loro significato resta alterato. Spesso involontariamente, ma molto frequentemente ciò è fatto in modo sapientemente artato.

* * * * * * *

La precedente non è certo una conclusione rassicurante, ma il peggio ha ancora da venire.

Nel prendere in considerazione tutto il discorso, in quello almeno che l’Autore riterrebbe essere un alcunché di ragionevolmente compiuto, deve necessariamente intervenire un processo ben superiore alla compitazione dei termini.

La mente dovrebbe stabilire con quale dei tanti significati siano stati usati i termini in tutti i punti nei quali ricorrono, per poterli quindi concatenare in una sequenza che abbia almeno la parvenza di un senso compiuto.

Ma la prima cosa che servirebbe seguendo tale procedura mentale sarebbe quella di conoscere esattamente tutte le possibili definizioni di tutti i termini che siano stati usati. Ma non tutti si sono studiati a memoria la Treccani.

Resta allora evidente quanto soggettiva sia l’estrazione del significato da un discorso e con quanta facilità si possa interpretare uno scritto in modo incorretto.

Settima Conclusione.

Nessuna frase è di per sé stessa intellegibile per quanto “chiara” essa possa essere. Il lettore capisce ciò che è in grado di capire. In altri termini, la fraseologia non è né può essere intrinsecamente oggettiva. Leggere uno scritto con la ferma volontà di cercare di capire cosa avesse voluto dire l’autore è fatica improba.

*

Ci si trova allora davanti ad un paradosso.

Più si cercasse di definire almeno il significato dei termini usati, più si complicherebbe il discorso, appesantendolo fino al punto da renderlo del tutto incomprensibile. È arte non da tutti trovare il giusto equilibrio.

Ottava Conclusione.

L’arte di scrivere discorsi comprensibili dipende sicuramente dalla maestria dell’Autore nel bilanciare la precisione lessicologica e concatenatoria con la piacevolezza e la facilità della lettura, ma in ultima analisi deve pur sempre affidarsi alla capacità intuitiva, alla potenza mentale, del Lettore.

Un antico greco che avesse preso in mano un moderno trattato di analisi non ci avrebbe capito nulla.

L’obiettivo nello scrivere sarebbe quindi quello di rendersi comprensibili almeno alla maggior parte di quanti vogliano e si sforzino di comprendere. Cosa abbastanza facile quando si parla di concetti o cose note, di incredibile complicatezza quando si affrontano temi nuovi.

* * * * * * *

Si faccia grande attenzione.

Molte definizioni sono in realtà tutto tranne che definizioni: al massimo sono descrizioni. Ma solitamente sono solo tautologie.

È vero che il termine “media aritmetica” possa essere definito come il rapporto tra la somma dei dati ed il loro numero: ma questa non è certo la sua definizione propria: è solo il modo con cui la si calcola. Essa, la media aritmetica, è il valore che minimizza la somma degli scarti quadratici di una serie di dati. Senza aver ben presente questa definizione, si applica la procedura di calcolo in modo acefalo, ottenendo risultati numericamente corretti, ma privi di senso. Non a caso molte medie riportate trionfalmente altro non sono che pattume logico.

*

Concludiamo questo miserrimo excursus con la sconsolata frase del grande Max Palnck:

«Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e al loro posto si forma una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari».

*

Siamo oberati da enunciati pomposi, che si vorrebbero presentare come verità assolute, incontrovertibili.

Spesso poi queste sono espressi e sostenuti da una qualche potenza politica, che ne impone la osservanza.

Per esempio aver difeso la sacralità del vincolo matrimoniale è costata la testa di Giovanni il Battista, di John Fisher e di Thomas More. Ma sono davvero moltissimi coloro che seguono le orme di re Enrico VIII e fanno stabilire la verità di un enunciato dalla mannaia del boia.

Nota importante.

Suggerirei di tutto cuore ai Lettori la lettura di questo libro, indispensabile per formare la mente al ragionamento.

Irving Copi & Carl Cohen. Introduzione alla logica. Il Mulino. 1999.

Pubblicato in: Persona Umana

White House ed alcuni suoi animali. Fotografie.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-11.

White House Animal 001

Usualmente, si ha delle residenze presidenziali un concetto austero, quasi che ad abitarle fossero persone dedite solo a pensieri elevati e profondi, carichi delle loro responsabilità.

Nella vita quotidiana, però, anche questi personaggi illustri amano circondarsi di animali, che tengono loro compagnia, ed ai quali sono molto affezionati.

Queste fotografie dovrebbero però parlare chiaro.

White House Gatto 001

 

White House Animal 003

 

White House Animal 004

 

White House Animal 005

 

White House Animal 006