Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Salvini. Le regole EU sul bilancio sono discutibili. – Bloomberg

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-18.

2019-05-17__Salvini__001

«Italy could be ready to break European Union fiscal rules»

*

«If we need to break some limits, like the 3% or the 130-140%, we’ll go ahead»

*

«Until unemployment is halved in Italy, until we reach 5%, we’ll spend everything that we have to spend»

*

«If someone in Brussels complains, that’s not our problem»

*

«If there are European rules that are starving a continent, these rules must be changed»

*

«Absolutely not, because Italians’ right to a job, life and health comes first»

* * * * * * *

Ci si rende perfettamente conto come parlare di codesto argomento a campagna elettorale ancora in corso si presti a distorsione, anche grossolane: le campagne elettorali sono fatte con gli slogan che promettono cose poi impossibili da mantenersi.

Tuttavia Mr Salvini pone un problema reale e concreto: le leggi e le regole che non rispondessero più alle sfide da affrontare dovrebbero essere cassate oppure modificate.

In fondo, questo è il nucleo portante della Realpolitik: accettare i dati di fatto, piacciano o meno.

Quando furono emesse, le regole che imponevano un disavanzo massimo del 3% ed un certo quale rapporto ottimale debito / pil furono stabilite in un ben definito contesto economico. Occorrerebbe prendere atto che tutte le situazioni al contorno sono mutate. Mutate esse, dovrebbero mutare le regole.

Si aggiunga poi un altro fatto.

Il pil ppa procapite valeva 39,111 Usd a fine 2013 ed a fine 2017 valeva invece 36,870 Usd: durante il quinquennio di governo di questa Commissione Europea il pil ppa procapite è sceso, mentre quello degli Stati Uniti e della Cina è invece aumentato.

Questo semplice dato indicherebbe in modo evidente come ci sia qualcosa che non funziona nelle regolare che governano l’eurozona: ma le regole che non servono o, peggio, ostacolano, devono essere variate.

*

Ma anche nazioni quali la Francia e la Spagna questo anno sforeranno abbondantemente la soglia del 3%: perché per loro sì e per l’Italia no?

Il problema posto da Mr Salvini è troppo importante per ridurlo a mero elemento di dialettica elettorale.

«Il tetto del 3% sul deficit rientra fra i cosiddetti parametri di Maastricht, i vincoli di bilancio fissati in occasione della firma del trattato omonimo nel 1992 ed entrati in vigore il 1 novembre 1993. ….

Esiste, però, anche una versione diversa dei fatti: il vincolo del deficit sarebbe frutto di una decisione del tutto arbitraria, dettata da esigenze politiche della sola Francia. ….

Nei programmi dei partiti per le Europee 2019 non si parla esplicitamente di violare i parametri di Maastricht, ricorrendo a una più generica avversione alla «austerity» imposta da Bruxelles» [Sole 24 Ore]

Già. Ma il 26 maggio si vota.


Bloomberg. 2019-05-16. Salvini, on Campaign Trail, Says Italy May Break EU Rules

– League leader looks to retake initiative in run-up to EU vote

– Frenemy Di Maio rips Salvini on comments, without naming him

*

Deputy Prime Minister Matteo Salvini sent ripples through financial markets on Tuesday, saying Italy could be ready to break European Union fiscal rules, on the same day his coalition partner called on him to stop “fanning the flames” with critical comments about the government.

“If we need to break some limits, like the 3% or the 130-140%, we’ll go ahead,” League party chief Salvini told reporters in Verona, while campaigning ahead of this month’s European parliamentary elections. Salvini was referring to the bloc’s limits on budget deficits and government debt as a share of economic output.

Salvini’s remark triggered a new clash with his coalition partner and sometime rival, Deputy Prime Minister Luigi Di Maio of the Five Star Movement, who adopted a more investor-friendly stance.

“It’s quite irresponsible to let the spread rise the way it is doing right now with comments on exceeding the debt-to-GDP limit which is even more worrying than exceeding the deficit-to-GDP limit,” Di Maio told reporters in Perugia, Italy, without naming Salvini. Di Maio also referred to “shouting our mouths off on the debt-to-GDP.”

In an interview with la Repubblica published earlier Tuesday, Di Maio called on the League leader to tone down the internal attacks that have threatened the government’s shaky coexistence.

“Enough fanning the flames,” Di Maio told the daily newspaper, charging that Salvini’s aggressive tone has opened the door to extremist forces. “The ultra-right is a danger.”

Savvy campaigning and well-timed attacks against Five Star have made the League the dominant player in the government, with its support rising since the two parties took office in June.

‘Not Our Problem’

But after a week in which the League suffered its first major political defeat in just under a year in government and took losses in local elections in Sicily, Salvini’s comments Tuesday may have been a bid to retake the initiative; Brussels-bashing has been a popular campaign theme for both Five Star and the League, which are contesting the European elections separately.

“Until unemployment is halved in Italy, until we reach 5%, we’ll spend everything that we have to spend,” Salvini said. “If someone in Brussels complains, that’s not our problem.”

Yields on Italian two-year bonds climbed as much as 10 basis points to 0.72%, the highest level since Feb. 8. The 10-year yield spread over Germany rose five basis points to 282 basis points, a three-month high.

Di Maio told Repubblica he won’t step down as party leader if the Movement scores under 20% in the European elections and that the results won’t lead to a cabinet reshuffle, with more ministries going to the League, which is widely expected to emerge as the larger party after the vote.

That outcome would flip the script of last year’s national election, when Five Star finished first. The League has not requested the premiership in the event it becomes the largest party in the coalition, Di Maio said. Salvini taking over as premier is “a scenario that doesn’t exist,” Di Maio told Repubblica.

*


Reuters. 2019-05-16. Italy’s Salvini again raps EU budget rules, shrugs off impact on markets

European Union budget regulations are “starving the continent” and must be changed, Italian Deputy Prime Minister Matteo Salvini said on Wednesday, a day after he roiled financial markets by saying Italy should be ready to break the rules.

Salvini sent markets into a spin after saying on Tuesday that Rome should be willing to break the EU’s deficit ceiling of 3% of gross domestic product and push debt to 140% of GDP if necessary, to lower unemployment.

His right-wing League party is campaigning along with other eurosceptic parties for European Parliament elections on May 26, but his comments are unnerving investors in Italian debt.

“If there are European rules that are starving a continent, these rules must be changed,” Salvini told reporters when asked about his comments on Tuesday, which sent Italy’s 10-year bond yield to a two-month high and pushed the spread between Italian and German yields to their widest level in three months.

On Wednesday, investor fears spread to the Italian share market and rippled through stocks across Europe.

Asked if he was worried that his remarks were widening the spread, he said: “Absolutely not, because Italians’ right to a job, life and health comes first.”

At 132 percent of GDP, Italian debt is proportionally the second-highest in the euro zone after Greece.

Salvini has repeatedly criticized EU rules since becoming League leader in 2013, but his latest attack came at a time of heightened sensitivity to Italian risk due to broader investor nervousness, the proximity of the European Parliament elections and after a lackluster Italian bond auction on Tuesday.

His remarks also elicited a further show of discord between Italy’s ruling parties, with the League’s coalition partner, the 5-Star Movement, criticizing the comments on possibly hiking the debt as “irresponsible”.

Annunci
Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Russia

Russia. Riserve valutarie a 494.7 mld Usd. Cina riduce i Treasury a 1,120 mld.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-16.

2019-05-16__Russia__001

The Central Bank of the Russian Federation

ha rilasciato il Report sulle sue consistenze in riserve valutarie, che ammontano a 494.7 miliardi Usd.

2019-05-16__Russia__002

Il 1° gennaio 2019 le riserve erano 466.9 miliardi Usd.

*

Come la Cina, anche la Banca Centrale Russia ha ridotto in modo sostanziale la sua esposizione in dollari americani.

2019-05-16__Tresaury China 001

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Trump

Trump. Ministero del tesoro. Ad aprile surplus di 160.3 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

201-05-13.

2019-05-13__America__Teesoro__001

Il Bureau of The Fiscal Service ha rilasciato il

Monthly Receipts, Outlays, and Deficit or Surplus, Fiscal Years 1981-2019:

Per il mese di aprile.

«The federal government recorded a $160.3 billion surplus in April as revenues for the month»

*

«But even with a flood of tax receipts, the deficit so far this year is running 37.7% higher than a year ago»

*

«The Treasury Department reported Friday that the deficit for the first seven months of the budget year that began Oct. 1 totals $530.9 billion, compared to a deficit of $385.5 billion for the same period a year ago»

*

«The Trump administration projected in March that this year’s deficit will hit $1.1 trillion, up from last year’s deficit of $779 billion»

*

«The administration is projecting the deficit will stay above $1 trillion for four straight years before starting to decline for the rest of the decade»

*

«The deficits have increased following congressional passage in December 2017 of a $1.5 trillion tax cut promoted by President Donald Trump as well as a boost last year in spending on domestic and military programs»

*

«The Congressional Budget Office is projecting that the deficit this year will climb to $896 billion, smaller than the administration’s $1.1 trillion forecast»

*

«The new report showed that customs duties total $41 billion so far this year, up 82% from a year ago, a big increase that reflects the higher tariffs the Trump administration has imposed on China and other countries»

* * * * * * *

Solitamente ad aprile i conti americani registrano un surplus dovuto al versamento delle tasse.

Si resta piuttosto stupiti per il fatto che sia stato conseguito e per la sua entità.

Lo scorso anno infatti era stato varato un taglio delle tasse di circa 1,500 miliardi, per cui ci si sarebbe aspettati non tanto un surplus, quanto piuttosto un deficit, cosa invece che non è stata.

I soli dazi doganali ammontano a 41 miliardi, essendo aumentati dell’82%.


Bloomberg. 2019-05-13. U.S. Government Records $160.3 Billion April Surplus

The federal government recorded a $160.3 billion surplus in April as revenues for the month jumped to an all-time high. But even with a flood of tax receipts, the deficit so far this year is running 37.7% higher than a year ago.

The Treasury Department reported Friday that the deficit for the first seven months of the budget year that began Oct. 1 totals $530.9 billion, compared to a deficit of $385.5 billion for the same period a year ago.

The Trump administration projected in March that this year’s deficit will hit $1.1 trillion, up from last year’s deficit of $779 billion. The administration is projecting the deficit will stay above $1 trillion for four straight years before starting to decline for the rest of the decade.

The deficits have increased following congressional passage in December 2017 of a $1.5 trillion tax cut promoted by President Donald Trump as well as a boost last year in spending on domestic and military programs.

The Congressional Budget Office is projecting that the deficit this year will climb to $896 billion, smaller than the administration’s $1.1 trillion forecast but still 15% higher than last year.

The CBO shows slightly smaller deficits in the short-term, projecting that they will remain below $1 trillion through 2021 but after that will top $1 trillion and will remain above the $1 trillion mark for the rest of the decade.

While the government runs deficits in most months, April has been a surplus month for 60 of the past 65 years, reflecting the flood of revenue that comes in with the annual deadline for individuals to pay tax bills.

This year’s surplus was down from a $214.3 billion surplus in April 2018. That primarily reflected calendar quirks which had shifted $45 billion in benefit payments into March last year because April 1 fell on a weekend.

The new report showed that customs duties total $41 billion so far this year, up 82% from a year ago, a big increase that reflects the higher tariffs the Trump administration has imposed on China and other countries. The duties on China increased again Friday with both sides unable to reach a deal to resolve a number of contentious trade issues.

So far this year, receipts are up 1.8 percent to $2 trillion while spending is up 7.6% to $2.57 trillion.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Argentina e Turkia. Due paesi emergenti nei triboli.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-08.

2019-05-08__Turkia__001

Dal primo gennaio la lira turka ha perso rispetto al dollaro americano il -14.34%, mentre il peso argentino è sceso del -16.84%. Se è vero che la valuta statunitense si è apprezzata in questo lasso di tempo, sarebbe altrettanto vero constatare come le valute di questi due stati abbiano regredito. Per esempio, l’euro ha perso il -2.34% ed il franco svizzero il -3.47%.

*

Sicuramente lo stato economico di una nazione non può essere giudicato sul mero andamento delle sua valute: quando però le regressioni sono ad due cifre percentuali, qualcosa lo danno bene da pensare.

«Turchia e Argentina sono i Paesi più in difficoltà in questo periodo»

*

«Le problematiche che zavorrano la crescita delle due nazioni sono annose e non riguardano solamente la sfera economica ma anzi hanno radici profonde nelle questioni politiche.»

*

«I problemi di Argentina e Turchia hanno alcuni elementi in comune»

*

«L’inflazione è una preoccupazione importante in entrambe le economie ed entrambe le banche centrali hanno avuto difficoltà a controllarla ultimamente»

*

«A marzo questa è arrivata a toccare il 54,7% in Argentina e il 19,7% in Turchia»

*

«Sia in Turchia che in Argentina ci sono motivi per preoccuparsi dell’andamento delle politiche»

*

«il Presidente Erdogan è fortemente contrario a una politica monetaria più convenzionale e a tal fine ha fatto pressioni sulla Banca Centrale in diverse occasioni»

*

«La nomina del genero del Presidente a Ministro delle Finanze non ha aiutato a placare le preoccupazioni del mercato»

*

«In Argentina invece si tratta di una situazione nuova»

*

«L’ex Presidente Cristina Fernández de Kirchner ha iniziato a risalire nei sondaggi in vista delle elezioni che si terranno ad ottobre»

* * * * * * *

Il problema che si ripropone è quello solito.

Se è naturale, alle volte financo doveroso, che lo stato intervenga nei processi finanziaria ed economici del paese, sarebbe altrettanto logico ricordare come esistano dei limiti oltre i quali non si dovrebbe andare. È una questione di equilibri.

Spesso invece il governo oltrepassa codesti limiti di ragionevolezza, ed in questa maniera nel tentativo di risolvere un problema immediato genera le basi per un futuro di portata ben maggiore.

Il nodo è costituito dal fatto che queste situazioni inflattive sono strutturali. Sicuramente la contingenza del momento influisce, ma è la struttura di base che dovrebbe essere rivista.

Ma resta in ogni caso molto difficile che situazioni politiche di tal fatta riescano a ricondursi entro l’alveo del sano buon senso.

In conclusione.

Sembrerebbero non esserci gli elementi per un soverchio timore, specie per i titoli di stato denominati in Usd, ma prudenza suggerirebbe di limare le esposizioni troppo elevate.

Poi, per quanti ne accettassero il rischio, è pur sempre valida la regola di comprare un titolo quando è basso per rivenderlo quando è alto. Ma parlando di titoli di stato, ciò significa acquisire detti titoli nel bel mezzo di una crisi in atto, che li abbia ampiamente deprezzati. Questo è chiaramente un rischio, usualmente bilanciato da un alto rendimento: il problema consiste solo nel saperlo lucidamente riconoscere e, nel caso, accettare.


Money. 2019-05-08. Turchia e Argentina in ginocchio, ma nessun pericolo di contagio per gli altri emergenti

Turchia e Argentina stanno affrontando problemi unici nelle rispettive sfere economiche e politiche. Al di là del sentiment, non c’è ragione per cui gli investitori dovrebbero temere un effetto contagio al resto dell’asset class emergente.

*

Turchia e Argentina sono i Paesi più in difficoltà in questo periodo. Le problematiche che zavorrano la crescita delle due nazioni sono annose e non riguardano solamente la sfera economica ma anzi hanno radici profonde nelle questioni politiche.

Da inizio anno non è un caso che le due valute peggiori in termini relativi contro il Dollaro Usa siano proprio il Peso dell’Argentina e la Lira della Turchia.

Con una crescita economica incerta e timori su una potenziale recessione negli Stati Uniti, gli investitori potrebbero sentirsi un po’ più agitati del solito riguardo alla possibilità che questa situazione contagi anche il resto degli emergenti.

Argentina e Turchia: i problemi in comune

I problemi di Argentina e Turchia hanno alcuni elementi in comune. L’inflazione è una preoccupazione importante in entrambe le economie ed entrambe le banche centrali hanno avuto difficoltà a controllarla ultimamente.

A marzo questa è arrivata a toccare il 54,7% in Argentina e il 19,7% in Turchia. Tali livelli sono ben al di sopra della media per i Paesi emergenti e sono cresciuti notevolmente in un periodo in cui il resto degli emergenti ha visto un’inflazione piatta o in calo.

Da notare inoltre che nessun altro mercato tra gli emergenti ha riscontrato questo problema. L’inflazione è sotto controllo grazie a un mix di fattori globali e domestici in tutti gli altri Paesi.

Craig Botham, Senior Emerging Markets Economist di Schroders, ha voluto ricordare anche un’altra sfida che riguarda la Turchia: «il Paese ha poche armi a disposizione per difendere la sua valuta. Le riserve in valute straniere sono molto basse, se confrontate con i livelli ritenuti adeguati secondo gran parte dei modelli. Ciò può essere valutato in diversi modi: considerando ad esempio se la Turchia ha un livello adeguato di riserve per finanziare qualche mese di importazioni, o per autofinanziare il debito in valuta forte giunto alla scadenza. Oggettivamente sembra che la Turchia non eccella in nessuna delle due, e inoltre occorre notare che le riserve dichiarate possono essere gonfiate ricorrendo a prestiti a breve termine».

Rischio contagio sulla componente emergente? Nessun pericolo. I motivi

Queste argomentazioni sono sufficienti per aizzare timori di un possibile contagio verso il resto del comparto emergente? Secondo l’asset manager di Schroders no.

«Riteniamo che tali preoccupazioni siano eccessive. La Turchia e l’Argentina non rappresentano il sintomo di un problema più generale nei mercati emergenti. Al contrario, i due Paesi stanno affrontando problemi abbastanza unici nelle sfere economiche e politiche. Al di là del sentiment, non c’è ragione per cui gli investitori dovrebbero temere un effetto contagio al resto dell’asset class».

Crisi Turchia: contrasti fra Erdogan e Banca centrale

Sia in Turchia che in Argentina ci sono motivi per preoccuparsi dell’andamento delle politiche. In Turchia si tratta ormai di una storia ricorrente: il Presidente Erdogan è fortemente contrario a una politica monetaria più convenzionale e a tal fine ha fatto pressioni sulla Banca Centrale in diverse occasioni. Il fatto che l’Istituto si sia recentemente allontanato dalla volontà di inasprire la politica dei tassi di interesse, nonostante le pressioni sulla valuta, ha aiutato a confermare tale percezione.

La nomina del genero del Presidente a Ministro delle Finanze non ha aiutato a placare le preoccupazioni del mercato, anche a causa delle presentazioni lacunose che ha di recente utilizzato ai meeting, ultimo quello con il Fondo Monetario Internazionale. Ci sono pochi segnali che indicano che la politica andrà nella giusta direzione in Turchia.

Crisi Argentina: ritorno del populismo rischioso con la Kirchner

In Argentina invece si tratta di una situazione nuova, almeno sotto la guida dell’attuale Presidente. Macri è stato eletto con un’agenda di riforme economiche, inizialmente acclamata dai mercati.

Tuttavia, il passaggio di testimone ha richiesto più tempo del previsto e l’elettorato ha iniziato a stancarsi delle sue promesse mai mantenute. L’ex Presidente Cristina Fernández de Kirchner ha iniziato a risalire nei sondaggi in vista delle elezioni che si terranno ad ottobre. Il ritorno di Kirchner e delle politiche populiste sembra una minaccia sempre più reale.

Botham di Schorders conclude l’analisi così:

Le sfide politiche per Turchia e Argentina sono quindi molto significative, se non insormontabili. La buona notizia per il resto degli emergenti è che si tratta di rischi molto specifici e non ci sono grandi motivi per pensare che porterà a un contagio, al di là del sentiment degli investitori.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Germania. Ordini Industria. Febbraio -8.1% a/a. Marzo -6.0% a/a. – Destatis.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-08.

Destatis__001

«Manufacturing. March.  -6.0% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)»

*

«Manufacturing. February. -8.1% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)»

*

«Domestic orders decreased by 4.2% …. in March 2019 on the previous month»

* * * * * * *

La Germania sta attraversando una fase di stagnazione economica che, stando a codesti dati, sembrerebbe essere davvero severa. Al calo degli ordine consegue un calo della produzione. Al calo della produzione consegue un calo del fatturato. Al calor del fatturato conseguono sia il calo delle tasse versate allo stato sia anche licenziamenti. Insomma, non si dovrebbero prendere codesti dati alla leggera.

Germania.Costo del Lavoro. – Destatis.

Germania. Di nuovo sul costo del lavoro. – Deutsche Welle.

Germania. Prezzi dell’import +1.7% a/a. – Destatis.

Germania. Destatis. Costruzioni -2.0% a/a.

Germania. Destatis. ‘On an annual basis electricity prices increased by 10.8%’.

Germania. Destatis. Ordini all’industria ancora giù, -0.7%, dall’estero -0.9%.

Germania. Dati sempre più allarmanti sulla povertà.

*

Non osiamo immaginare cosa possa succedere dopo che si saranno tenute le elezioni europee e  quelle dei tre Länder in programma per questo anno.

* * * * * * *


Destatis ha rilasciato il nuovo Report

Manufacturing in March 2019: New orders +0.6% seasonally adjusted on the previous month

March 2019 (provisional): new orders in manufacturing

+0.6% on the previous month (price, seasonally and calendar adjusted)

-6.0% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)

February 2019 (revised): new orders in manufacturing

-4.0% on the previous month (price, seasonally and calendar adjusted)

-8.1% on the same month a year earlier (price and calendar adjusted)

*

WIESBADEN – Based on provisional data, the Federal Statistical Office (Destatis) reports that price-adjusted new orders in manufacturing had increased in March 2019 a seasonally and calendar adjusted 0.6% on the previous month. For February 2019, revision of the preliminary outcome resulted in a decrease of 4.0% compared with January 2019 (provisional: -4.2%). Price-adjusted new orders without major orders in manufacturing had decreased in March 2019 a seasonally and calendar adjusted 1.9% on the previous month.

Domestic orders decreased by 4.2% and foreign orders rose by 4.2% in March 2019 on the previous month. New orders from the euro area were up 8.6%, new orders from other countries increased 1.4% compared to February 2019.

In March 2019 the manufacturers of intermediate goods saw new orders fall by 1.5% compared with February 2019. The manufacturers of capital goods showed increases of 1.1% on the previous month. For consumer goods, an increase in new orders of 6.4% was recorded.

Turnover -0.2% seasonally adjusted on the previous month

The price-adjusted turnover in manufacturing in March 2019 was down a seasonally and calendar adjusted 0.2% on the previous month. In February 2019, the corrected figure showed a decrease of 0.9% to January 2019 (provisional: -1.1%).

The data shown here on new orders and turnover are based on the volume index of manufacturing, seasonally and calendar adjusted by means of X13 JDemetra+. (The underlying mathematical-statistical method is not fundamentally different from the previously applied method X-12-ARIMA.)

New orders and turnover are covered and evaluated in accordance with the Classification of Economic Activities, 2008 edition (WZ 2008). New orders are covered only in selected economic branches of manufacturing.

Pubblicato in: Banche Centrali, Stati Uniti, Unione Europea

EurUsd. Powell (Fed) fa effetto anche se tace e non fa nulla.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-02.

2019-05-02__EurUsd__001

«L’euro si è fortemente indebolito nei confronti del dollaro ieri, dopo la conferenza stampa del governatore della Federal Reserve Jerome Powell, che ha motivato le scelte della banca centrale di mantenere i tassi d’interesse invariati al 2,5%, come ampiamente atteso dal mercato»

*

«In realtà, subito dopo la pubblicazione della decisione del FOMC, l’euro si era apprezzato contro il biglietto verde, salendo fino a quota 1,1265 in pochi minuti, con i traders che hanno letto evidentemente in chiave molto dovish il comunicato della Fed»

*

«Poi, non appena il governatore ha preso la parola, l’euro ha iniziato la sua discesa che l’ha portato fino a quota 1,1191, quindi di nuovo sotto la soglia psicologica dell’1,12»

*

«Difficile dire cosa abbia spinto i traders a leggere in chiave hawkish le parole di Powell, capovolgendo la lettura del comunicato della Fed di pochi minuti prima, dal momento che il governatore è sembrato essere più colomba del previsto, annunciando, anche se non esplicitamente, un “whatever it takes” da parte della banca centrale per riportare l’inflazione al livello del 2,0%, in questo momento ancora lontano e indesiderato dai banchieri centrali americani»

*

«Il che può significare solo un mix di politiche monetarie accomodanti o, addirittura, come ritiene qualcuno, ultra-accomodanti»

* * * * * * * *

In primo luogo, definiamo alcuni termini specialisti del forex.

Dovish. Deriva da “dove” (’colomba’) e per associazione analogica alle caratteristiche dell’animale docile, pacifico e positivo connota una linea di condotta morbida, in contrasto con la linea dura che, invece, definisce l’atteggiamento “Hawkish” (da falco). Si riferisce ad un quadro economico che supporta in genere tassi di interesse più bassi.

Dovish è simile a bearish. Ma dove bearish descrive una visione pessimistica di un mercato, dovish descrive una visione ottimista che riguarda l’evolversi dell’inflazione.

Hawkish. Deriva da “hawk” letteralmente dall’inglese “falco”, è utilizzato nella descrizione della condotta delle politiche monetarie più “dure” (in analogia con le caratteristiche dell’animale) portate avanti dalle banche centrali che contrastano il possibile aumento dell’inflazione. Al contrario di Dovish, Hawkish si riferisce ad una linea di condotta più dura soprattutto nella considerazione dell’inflazione. Questa linea di condotta tende a preferire le misure che si ritiene possano mantenere bassa l’inflazione come: tassi di interesse più elevati, politica fiscale stretta e restrizioni in materia di espansione monetaria. Hawkish è simile a bullish. Ma laddove bullish descrive una visione ottimistica nei confronti di una economia o di un bene, hawkish descrive un atteggiamento pessimista nei confronti dell’evolversi (al rialzo) dell’inflazione.

* * * * * * * *

Come si constata, anche senza prendere nessuna iniziativa pratica, le parole di un governatore quale Powell hanno il potere si sommuovere i mercati valutari.

È uno strumento nel cui uso Mario Draghi è maestro.

Non si stenta fantasia ad immaginare come Mr Trump sia furente al calor rovente.

Nei fatti è dilacerato da due strategie divergenti: un dollaro debole e bassi tassi di interesse sarebbero quanto di meglio lui possa desiderare per il sistema economico statunitense, ma nel converso un dollaro forte mette in difficoltà il mondo e favorisce il contenimento della inflazione interna.

Ma in ultima analisi si tenga presente come le variazioni, sia pur consistenti, che prendono campo in due giorni sono spesso rapidamente ammortizzabili da parte dei mercati.

Viviamo in ogni caso un periodo fortemente turbolento.

* * * * * * * *


L’euro affonda dopo le parole di Powell

L’euro si è fortemente indebolito nei confronti del dollaro ieri, dopo la conferenza stampa del governatore della Federal Reserve Jerome Powell, che ha motivato le scelte della banca centrale di mantenere i tassi d’interesse invariati al 2,5%, come ampiamente atteso dal mercato. In realtà, subito dopo la pubblicazione della decisione del FOMC, l’euro si era apprezzato contro il biglietto verde, salendo fino a quota 1,1265 in pochi minuti, con i traders che hanno letto evidentemente in chiave molto dovish il comunicato della Fed, soprattutto per la parte relativa ai timori di una bassa inflazione prolungata nel tempo.

Poi, non appena il governatore ha preso la parola, l’euro ha iniziato la sua discesa che l’ha portato fino a quota 1,1191, quindi di nuovo sotto la soglia psicologica dell’1,12. Difficile dire cosa abbia spinto i traders a leggere in chiave hawkish le parole di Powell, capovolgendo la lettura del comunicato della Fed di pochi minuti prima, dal momento che il governatore è sembrato essere più colomba del previsto, annunciando, anche se non esplicitamente, un “whatever it takes” da parte della banca centrale per riportare l’inflazione al livello del 2,0%, in questo momento ancora lontano e indesiderato dai banchieri centrali americani.

Il che può significare solo un mix di politiche monetarie accomodanti o, addirittura, come ritiene qualcuno, ultra-accomodanti, che si risolvono in una riduzione dei tassi d’interesse e in una politica espansiva del bilancio. In altre parole, il riconoscimento di una forward guidance molto dovish, nonostante per poterne valutare l’effettiva realizzabilità gli analisti avranno bisogno di un po’ di tempo.

* * *

Dovish.

Dovish è una parola inglese molto spesso utilizzata nelle analisi delle condotte di politica monetaria delle banche centrali. Letteralmente, deriva da “dove” (’colomba’) e per associazione analogica alle caratteristiche dell’animale docile, pacifico e positivo connota una linea di condotta morbida, in contrasto con la linea dura che, invece, definisce l’atteggiamento “Hawkish” (da falco).

Dovish, infatti, si riferisce ad un quadro economico che supporta in genere tassi di interesse più bassi. L’atteggiamento “dovish” parte dall’assunto che le pressioni inflazionistiche siano sufficientemente basse perché i tassi di interesse possano mantenersi altrettanto bassi.

Come già annunciato, spesso Dovish viene utilizzato nel contesto di descrizione delle azioni di politica monetaria e delle prospettive delle banche centrali.

Ad esempio, se un governatore di una banca centrale dovesse affermare che gli effetti di elevati costi agricoli non rischiano di ripercuotersi sugli indici inflazionistici, allora tali osservazioni tenderebbero ad essere descritte come ’dovish’.

Dovish è simile a bearish. Ma dove bearish descrive una visione pessimistica di un mercato, dovish descrive una visione ottimista che riguarda l’evolversi dell’inflazione.

*

Hawkish

Hawkish, che deriva da “hawk” letteralmente dall’inglese “falco”, è utilizzato nella descrizione della condotta delle politiche monetarie più “dure” (in analogia con le caratteristiche dell’animale) portate avanti dalle banche centrali che contrastano il possibile aumento dell’inflazione.

Al contrario di Dovish, Hawkish si riferisce ad una linea di condotta più dura soprattutto nella considerazione dell’inflazione.

Con hawkish, infatti, si definisce un atteggiamento negativo nei confronti dell’evoluzione dell’inflazione e dei suoi possibili effetti sulla società e sull’economia. Secondo la posizione più hawk le pressioni inflazionistiche possono erodere il potere d’acquisto dei consumatori e destare incertezza circa il mantenimento della stabilità dei prezzi.

In generale, questa linea di condotta tende a preferire le misure che si ritiene possano mantenere bassa l’inflazione come: tassi di interesse più elevati, politica fiscale stretta e restrizioni in materia di espansione monetaria.

Come già detto, l’approccio “da falco” sostiene la linea dura della condotta monetaria; ad esempio se un governatore di una banca centrale dovesse affermare che gli effetti dell’aumento dei prezzi dei beni agricoli rischiano di ripercuotersi sul livello dell’inflazione, allora tale atteggiamento sarebbe descritto come “hawkish“, dalla linea dura.

Hawkish è simile a bullish. Ma laddove bullish descrive una visione ottimistica nei confronti di una economia o di un bene, hawkish descrive un atteggiamento pessimista nei confronti dell’evolversi (al rialzo) dell’inflazione.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Chi non ricordasse il 16 agosto 2018 sarà disilluso. Aste btp e bot deserte.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-02.

Piangere__002

Superficialità e sindrome monoculturale sono cugine che amano albergare nelle menti scarsamente strutturate.

Di norma chiamano a tener loro compagni l’intima amica presunzione: la forma più perniciosa è quella che, non conoscendo la realtà, si illude che tutti la pensino come lei, e che il suo pensiero sia quello giusto in senso assoluto.

Già: ma nella vita esistono anche gli “altri“, e molto spesso si dipende da loro e da come la pensano. Nel caso del debito gli “altri” sono i creditori.

Non comanda chi accede al credito: comanda chi lo concede.

Ecco alcune frasi caratteristiche, che somigliano più a slogan che al frutto di un qualche ragionamento:

«Il debito può salire a piacere: è sufficiente che la banca centrale stampi»

*

«Le moderne teorie economiche dimostrano in modo inequivocabile che l’entità del debito è ininfluente sul sistema economico»

*

Poi, quando succedono fatti come questi riportati a seguito, allora la colpa non è di un debito sovrano mostruoso né tanto meno di quanti lo abbiano propugnato, ma degli gnomi di Zurigo, di un complotto contro l’Italia e così via.

*

Buon giorno, Italia! Ftse Mib -1.87%, Btp ancora in discesa. Aste deserte.

«Se è vero che di questi giorni i volumi di scambio sono basi, sarebbe altrettanto vero constatare come la borsa italiana inanelli una serie continua di ridimensionamenti e le quotazioni dei titoli di stato siano in costante, continua discesa.

Se nessuno intenda fare il catastrofista, sarebbe d’altra parte necessario prendere atto della situazione.

Posizioni che prima erano ritenute essere solide come rocce stanno scricchiolando vistosamente.

Si inizia a delineare il problema clou dell’Italia: trovare acquirenti per i propri titoli di stato.

Non sarà soltanto questione di aumentare i tassi di interesse, bensì di generare fiducia negli investitori.»

*

Tregua per i BTp, aste «light» ma solo fino alla Befana

«Il fatto che l’ultimo giorno di questo ottobre nero per i mercati sia finito con spread in lieve calo a 305 punti base e Piazza Affari in minimo rialzo (+0,27%) regala un pizzico di sollievo. Anche perché i titoli di Stato italiani trovano d’ora in avanti un alleato: il calendario. A novembre e dicembre, secondo le stime degli analisti, il Tesoro avrà la necessità di emettere relativamente pochi BoT e BTp: intorno a 30 miliardi. Motivo: fino ad oggi ha già soddisfatto il 92% delle necessità finanziarie dell’intero 2018. Ma la tregua durerà poco: fino a dicembre. »

*

Titoli pubblici: asta deserta o quasi!

«Titoli pubblici: asta deserta o quasi! BTp Italia: la raccolta per i risparmiatori si chiude a 863 milioni, peggior dato di sempre Neanche un miliardo di euro in tre giorni. Nessuno forse si aspettava una raccolta così «magra» fra gli investitori retail per il BTp Italia, forse neanche i più pessimisti sulla sorte del debito italiano. A pesare, nei giorni pieni di tensione e culminati proprio questa mattina con l’avvio della procedura di infrazione da parte della Commissione Ue, è chiaramente il clima di incertezza che si è creato attorno alla gestione delle nostre Finanze pubbliche e la conseguente volatilità sul mercato: una situazione che ha finito per allontanare le famiglie da uno strumento al quale parevano davvero affezionate, nonostante la cedola minima garantita fosse la più elevata da diversi anni a questa parte. Primato negativo.»

*

Perché l’asta del Btp Italia è stata un flop

«Per il primo buono del Tesoro «gialloverde» sottoscrizioni per soli 481 mln. Spred e i bassi tassi pesano. Ma per gli analisti tra le ragioni c’è anche il crollo del 12% da maggio della precedente edizione.

Il Btp Italia parte col freno a mano tirato. La 14esima edizione del Buono del Tesoro, il primo emesso sotto le insegne del governo ‘gialloverde’ ha fatto segnare sottoscrizioni per appena 481,3 milioni di euro. Un record negativo se si esclude l’emissione del giugno 2012, quando il Btp che da ormai sei anni il Tesoro dedica ai piccoli risparmiatori raccolse all’esordio solo 218 milioni. In tutte le altre dodici edizioni, al debutto le sottoscrizioni non sono mai scese sotto il miliardo di euro, con un picco di 16,8 miliardi nel novembre 2013. Nell’ultima edizione, a metà dello scorso maggio, il primo giorno si era chiuso a quota 2,3 miliardi.»

*

Nessuno compra più il nostro debito: anche i fondi hanno snobbato i Btp

«Emissione flop: incassati solo 2,1 miliardi. Il tedesco Weidmann: “Contro le crisi meno sovranità e ministro delle Finanze unico”

Il collocamento, un vero e proprio flop che è la cartina di tornasole della diffidenza verso tutto ciò che è espressione del debito tricolore, si è chiuso ieri con una seconda girata di spalle. Dopo gli appena 863 milioni comprati dal pubblico retail, cioè proprio quei piccoli risparmiatori cui è principalmente destinato il Buono agganciato all’inflazione, questa volta è toccato agli investitori istituzionali mostrare il pollice verso, con soli 1,3 miliardi di euro di titoli sottoscritti.

Con l’intera eurozona a rischio di collassamento, qualche mese dopo Mario Draghi avrebbe riscritto il finale della crisi del debito sovrano: prima con una frase diventata celeberrima («Wathever it takes»), e poi con il varo del piano di acquisto con cui la Bce ha messo le mani su 2.300 miliardi di titoli.»

* * * * * * *

Debito pubblico è salito a 2,363.685 miliardi.

Italia. Debito pubbliche amministrazioni. Analisi per vita residua.

Bundesbank. Piano ufficioso per dimezzare il debito italiano.

Italia. Debito Sovrano a 2,311.703 mld. La brutta sorpresa di Bankitalia.

Debito delle Amministrazioni Locali. Ipotecano il futuro.

Bankitalia. Il debito delle PA è salito a 2,279.881 miliardi.

* * * * * * *

Semplifichiamo al massimo, a costo di essere bollati di crassa ignoranza e superficialità: ma il nostro problema sarebbe quello di farsi capire, almeno da quanti vogliano capire.

Quando un qualche attore economico emette dei titoli, nel nostro caso lo stato che emette bot, btp etc, ha un unico grande problema: trovare gli acquirenti, ossia persone fisiche o giuridiche che in cambio dei titoli conferiscano denaro fresco.

È velleitario ritenere di poter convincere un potenziale acquirente decantandogli le bellezze formali delle nuove teorie monetarie: quello guarda solo i fondamentali, i tassi di interesse e le garanzie date.

Non solo, L’Italia ha un rank BBB-: un knot sotto ed i titoli italiani non potrebbero essere comprati dagli acquirenti istituzionali. Formalmente, non potrebbero nemmeno essere detenuti in portafoglio.

Le citazioni di cui sopra ci ricordano come negli ultimi tempi molte aste di titoli di stato siano andate deserte, ossia non si era presentato nessun acquirente. Ma se non arrivano i compratori, chi mai potrebbero arringare i sostenitori delle moderne teorie della moneta? Quelli se ne impippano.

Ci si pensi sopra molto bene.

Weimar con il suo Papiermark, oppure il Venezuela con il suo bolivar soberano avrebbero ben dovuto insegnare qualcosa.

Il problema del debito può in un amen tramutarsi nel problema dell’ira dei creditori turlupinati.

*

Italia. Crisi in vista. Liquidità bancarie salite al 32%, 1,371 miliardi.

ECB. Entro fine anno si dovrebbe rinnovare il Governatore.

Ecb. Bollettino Economico. Italia. Futuro nero.

Alla fine si andrà a votare perle elezioni europee, per la regione Piemonte e per le amministrative in oltre 3,860 comuni.

Poi, sembrerebbe verosimile che si arrivi ad un redde rationem.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Btp. I cancro delle banche italiane che ne detengono 396 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-30.

Bomba ad Orologeria 001

«Ci sono 396 miliardi di euro di BTp nei bilanci delle banche italiane»

*

«Rispetto a un anno fa i nostri istituti di credito hanno aumentato la loro esposizione in BTp di circa il 14% compensando così le forti vendite da parte degli investitori esteri (oltre 70 miliardi netti da aprile 2018 ad oggi)»

*

«Perché un eventuale deprezzamento dei BTp comporta un’erosione del capitale degli istituti.»

*

«I quasi 400 miliardi di titoli italiani in pancia alle banche rappresentano oltre il 10,7% del totale degli attivi»

*

«La Spagna, un altro Paese in cui le banche sono molto esposte sui titoli sovrani, il portafoglio vale circa 200 miliardi (il 7,6% del totale degli attivi)»

*

«banche portoghesi che hanno in pancia titoli sovrani per un valore pari al 9,2% degli attivi»

*

«in Borsa questi titoli hanno registrato pesanti perdite bruciando complessivamente oltre 26 miliardi di capitalizzazione»

* * * * * * * *

Ma il problema è alquanto più complesso. Lo spiega molto chiaramente il dr. Andrea Franceschi.

«Una delle ragioni per cui lo spread ha avuto un impatto tanto pesante sui titoli bancari è che circa il 57% dei titoli in portafoglio degli istituti – segnala Moody’s – è classificato come FVOCI (fair value through other comprehensive income) in cui ricadono i titoli disponibili alla vendita (available for sale). Questa classificazione è quella che più di ogni altra ha un impatto sul capitale ogni volta che lo spread sale. Nel resto d’Europa le banche hanno solo il 31% del loro portafoglio titoli che ricade in questa tipologia. Riclassificare i titoli in portafoglio come AC (ammortizated cost) in cui ricadono i titoli che una banca ha intenzione di tenere fino a scadenza potrebbe contribuire a minimizzare l’impatto delle oscillazioni dello spread sul capitale. In parte è un processo che le banche italiane hanno fatto. Il caso emblematico è quello di Unicredit, la banca in assoluto più esposta in BTp, che ha più che triplicato i titoli in portafoglio classificati come AC.»

* * * * * * * *

2019-04-26__Btp__

Come si constata, il problema è semplice da enunciarsi e quasi impossibile da risolversi.

Lo stato italiano da decenni ricorre sistematicamente al debito, che poi utilizza per partite correnti.

All’atto della emissione, lo stato è in affannosa caccia di acquirenti, cosa non facile data la entità del debito e lo stato attuale del sistema economico.

Così, il denaro dato dalla banca centrale e formalmente finalizzato al sostegno dell’economia e della produzione è utilizzato dalle banche per comprare titoli di stato, essendo in ciò obbligate.

Si pensi solo a come si sarebbe sviluppato il comparto produttivo se quei 396 miliardi fossero stati dati agli operatori del settore.

La quasi totalità delle liquidità bancarie sono state utilizzate per comprare titoli di stato che sono iscritti a bilancio in differenti maniere, ma che formano una mina vagante. Basterebbe infatti un innalzamento degli interessi, ovvero un calo delle quotazioni, e tutti i bilanci bancari precipiterebbero immediatamente in rosso.

Non solo. Ben difficilmente i titoli di stato italiano sembrerebbero essere un investimento ‘sicuro’.

Si faccia molta attenzione.

Con livelli di questa entità, 396 miliardi sono una gran bella cifra, potrebbe essere sufficiente anche un minimo fattore per scatenare un diluvio universale.


Sole 24 Ore. 2019-04-25. Banche-BTp, 5 grafici per spiegare i perché di un legame critico

Ci sono 396 miliardi di euro di BTp nei bilanci delle banche italiane. Rispetto a un anno fa i nostri istituti di credito hanno aumentato la loro esposizione in BTp di circa il 14% compensando così le forti vendite da parte degli investitori esteri (oltre 70 miliardi netti da aprile 2018 ad oggi).

Con l’impennata dello spread seguita all’insediamento del governo giallo-verde si è quindi intensificato il legame tra rischio bancario e rischio sovrano e ciò, secondo un recente studio di Moody’s, rappresenta un fattore di vulnerabilità nel momento in cui dovessero esserci nuove tensioni sullo spread. Perché un eventuale deprezzamento dei BTp comporta un’erosione del capitale degli istituti.

Il primato in Europa

I quasi 400 miliardi di titoli italiani in pancia alle banche rappresentano oltre il 10,7% del totale degli attivi. Un primato assoluto in Europa. La Spagna, un altro Paese in cui le banche sono molto esposte sui titoli sovrani, il portafoglio vale circa 200 miliardi (il 7,6% del totale degli attivi). L’esposizione in BTp degli istituti italiani è superiore anche a quella delle banche portoghesi che hanno in pancia titoli sovrani per un valore pari al 9,2% degli attivi. Non è tuttavia solo l’ammontare elevato a costituire un elemento di criticità. Lo è anche il fatto che una fetta importante del portafoglio BTp degli istituti sia rappresentato da titoli a lunga scadenza che notoriamente risentono di più dei saliscendi dello spread.

L’impatto sul capitale

L’impennata dello spread ha effetti negativi sul capitale di vigilanza delle banche: il cosiddetto CET1 Ratio che rappresenta il principale parametro per misurare la solidità di un istituto. Tra il terzo e il quarto trimestre 2018 Intesa Sanpaolo, la maggiore banca italiana per capitalizzazione, ha fatto registrare una riduzione di 45 punti del suo capitale di vigilanza per effetto dell’impennata dello spread; Unicredit ha avuto un’erosione di 39 punti; Ubi Banca di 52; Banca Mps di 67; Banco Bpm addirittura di 70 punti.

L’impatto sulla Borsa

È stato soprattutto per questo motivo che in Borsa questi titoli hanno registrato pesanti perdite bruciando complessivamente oltre 26 miliardi di capitalizzazione. E non è un caso che il titolo che ha perso di meno (Mediobanca) sia anche quello che ha subìto il minor impatto sul capitale derivante dall’aumento dello spread (solo 4 punti).

Il nodo della classificazione

Una delle ragioni per cui lo spread ha avuto un impatto tanto pesante sui titoli bancari è che circa il 57% dei titoli in portafoglio degli istituti – segnala Moody’s – è classificato come FVOCI (fair value through other comprehensive income) in cui ricadono i titoli disponibili alla vendita (available for sale). Questa classificazione è quella che più di ogni altra ha un impatto sul capitale ogni volta che lo spread sale. Nel resto d’Europa le banche hanno solo il 31% del loro portafoglio titoli che ricade in questa tipologia. Riclassificare i titoli in portafoglio come AC (ammortizated cost) in cui ricadono i titoli che una banca ha intenzione di tenere fino a scadenza potrebbe contribuire a minimizzare l’impatto delle oscillazioni dello spread sul capitale. In parte è un processo che le banche italiane hanno fatto. Il caso emblematico è quello di Unicredit, la banca in assoluto più esposta in BTp, che ha più che triplicato i titoli in portafoglio classificati come AC.