Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Russia, Stati Uniti, Unione Europea

Politica monetaria. Nessuna teoria è soddisfacente.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-19.

FED 001

L’iter percorso da tutte le scienze empiriche è molto ripetitivo. Si raccolgono dei dati sperimentali, quindi si formulano delle ipotesi ed infine, dopo aver preso molte cantonate, si arriva ad avere una teoria che ragionevolmente spiega il pregresso. A questo punto ci si illude che questa teoria sia stabile nel tempo e che possa prevedere il futuro.

Quindi, iniziano ad essere raccolti nuovi dati sperimentali che sono apparentemente inspiegabili con quella teoria e che spesso la contraddicono.

Se questo è il momento magico che stimola a formulare teorie più generali ed ampie, spesso costituisce motivo di sconforto per quanti avevano sostenuto a spada tratta la vecchia teoria.

Il vero nodo da affrontare e superare è riuscire ad uscire da quell’inerzia scientifica e culturale che aveva portato a divinizzare una teoria che, per sua stessa natura e definizione è solo una interpretazione momentaneamente valida della realtà in cui si è immersi. Tenendo anche conto di quanto la realtà cambi velocemente.

* * * * * * *

Le cose sono relativamente semplici quando si parla delle scienze empiriche classiche, quali la chimica oppure la fisica, ma diventano straordinariamente complesse quando ci si addentra nelle scienze umanistiche, quali la giurisprudenza oppure l’economica. Queste scienze trattano fenomeni difficilmente quantizzabili e, soprattutto, dipendenti da una vasta congerie di concause: sono davvero ben complesse.

Non solo la partecipazione emotiva è davvero molto forte, ma gli interessi di bottega sono spesso elementi che arrivano al punto di impedire persino la corretta percezione del reale.

A mettere la ciliegina sulla torta, alcuni reggimenti politici si caratterizzano per aver propugnato una certa quale teoria economica, proponendola come la panacea. In questo caso subentra un rapporto fideistico inattaccabile logicamente: solo la mutazione dei rapporti di forza politici permette di riprendere l’usuale corretto iter scientifico. Ma è sempre un doloroso parto distocico.

* * * * * * *

Negli ultimi decenni molti dei pilastri sui quali erano basate le pregresse teorie economiche hanno iniziato a sfaldarsi.

Due casi da manuale e tuttora ben poco conosciuti e studiati sono gli eventi russi e cinesi a fine degli anni ottanta.

In quella che gli attuali storici russi designano come epoca di El’cin, questo grande3 quanto incompreso statista aveva dato ai russi un unico mandato.”arricchitevi”. Successero cose fantasmagoriche: taluni si proclamarono proprietari di fabbriche, altri di banche, e così via. Si utilizzarono metodi da pirati della Malesia: ma in dieci anni il sistema economico russo era quasi rimesso in piedi. Toccò poi a Mr Putin di rimettere un po’ di legalità nel paese, ma per far ciò fu giocoforza instaurare un governo forte.

In Cina Deng Xioaping guardava con attenzione ed apprensione quanto stata accadendo in Russia e concepì quello che va sotto il nome di ‘socialismo cinese’, che è ben poco socialista e tutto cinese: è un metodo pratico. Mentre al centro vigeva uno strettissimo statalismo, liberalizzò gradualmente le fasce inferiori del sistema economico, alzando lentamente la soglia sotto la quale la libertà di lavoro e di impresa era esasperatamente libera, financo ai limiti della licenza.

*

Gli sviluppi dei sistemi economici russo e cinesi sono una realtà sotto gli occhi di tutti: basta solo avere il coraggio di guardarla.

Ma nell’economica del presente discorso un elemento dovrebbe essere preso con la massima attenzione.

Anche se l’Occidente, in modo invero molto ipocrita, postulava l’indipendenza della banca centrale dalla politica, quasi fossero state realtà opposte e contrastanti, sia Russia sia Cina considerarono le loro relative banche centrali propaggini e strumento del governo.

«They’re even facing broader questions about their independence from politics, a cornerstone of economic management in rich countries»

*

«may not be able to repeat the trick in another downturn.»

*

«The Era of Cheap Money Shows No One Knows How Monetary Policy Works»

*

«Monetary policy is supposed to work like this: cut interest rates, and you’ll encourage businesses and households to borrow, invest and spend. It’s not really playing out that way.»

*

«In the cheap-money era, now into its second decade in most of the developed world (and third in Japan), there’s been plenty of borrowing. But it’s been governments doing it.»

*

«The arms-length relationship between politicians and central bankers was built when the fat tail was excessively high inflation,  …. Now the fat tail is excessively low inflation, call it deflation. We need to update our thinking on a more cooperative stance between the fiscal and monetary authorities.»

*

«Also growing are calls for governments to boost economies if central banks can’t.»

*

«The European Central Bank has just been forced to postpone any effort to shift monetary policy back toward normal»

*

«Should governments a) run larger deficits because low rates allow them to or b) because central banks can buy their debt and keep rates low? In a sense it doesn’t matter. In both cases, the answer is that governments should run larger deficits.»

*

«The problem for policy makers is that what once looked like a short-term crisis stopgap has in fact stretched out for years — making it increasingly likely that the next downturn will arrive with interest rates still low.»

*

«recent history says it would likely be governments that took advantage of the lower rates»

*

«Unlike governments, [households and businesses] haven’t been eager to borrow more money, however cheap it is.»

* * * * * * * *

Sono riflessioni non da poco.

A questo punto sorgerebbero spontanee alcune domande, ma prima si cerchi di eliminare ogni residuo teorico dal capo.

Ci si ricordi prima di rispondere che nel 2008 l’eurozona aveva un pil di 14,113 miliardi Usd, mentre a fine 2017 esso valeva 12,589 miliardi Usd. Sempre nel 2008 la Cina aveva un pil di 4,604 miliardi Usd, salito a 12,237 miliardi Usd a fine 2017.

– la futura governance dell’eurozona dovrà tendere al contenimento dei bilanci ovvero praticare politiche monetarie espansive?

– come potrebbe la banca centrale affrontare una nuova recessione in un periodo di tassi negativi?

– visti i risultati ottenuti, perché non imitare la politica economica e monetaria cinese?

*


Bloomberg. 2019-03-15. The Era of Cheap Money Shows No One Knows How Monetary Policy Works

– Low rates haven’t lured indebted households and businesses

– Central banks face questions as divide from politics blurs

*

Monetary policy is supposed to work like this: cut interest rates, and you’ll encourage businesses and households to borrow, invest and spend. It’s not really playing out that way.

In the cheap-money era, now into its second decade in most of the developed world (and third in Japan), there’s been plenty of borrowing. But it’s been governments doing it.

The numbers help explain a growing sense that central banks, which took emergency action to pull economies out of the 2008 slump, may not be able to repeat the trick in another downturn.

They’re even facing broader questions about their independence from politics, a cornerstone of economic management in rich countries. In the past decade, still-indebted private actors were mostly unwilling to dive back into the red, even at ultra-low rates engineered by the central banks — while governments could and did. The dividing line is starting to look fuzzy.

‘Fat Tail’

Some analysts say it’s time to redraw it.

The arms-length relationship between politicians and central bankers “was built when the fat tail was excessively high inflation,” said Paul McCulley, the former Pimco chief economist. “Now the fat tail is excessively low inflation, call it deflation. We need to update our thinking on a more cooperative stance between the fiscal and monetary authorities.”

Most economists see that as a slippery slope that could lead to prices spiraling out of control. That’s one reason they’re dismissive of Modern Monetary Theory, a school of thought which supports bigger deficits, and is relaxed about central banks financing them. MMT economists say public debt is generally safer than the private kind, which snowballed in the age of monetary policy dominance before disaster struck.

The question is a live one, and not just in academia. It gets bumped up the agenda every time President Donald Trump snipes at the Federal Reserve. There are similar political pressures in other countries.

‘Somewhat Sluggish’

Also growing are calls for governments to boost economies if central banks can’t.

The European Central Bank has just been forced to postpone any effort to shift monetary policy back toward normal. The region’s growth prospects “are somewhat sluggish,” Isabelle Mateos y Lago, chief multi-asset strategist at BlackRock Investment Institute, told Bloomberg TV this week. “We could use some fiscal stimulus.”

——

What Our Economists Say

Should governments a) run larger deficits because low rates allow them to or b) because central banks can buy their debt and keep rates low? In a sense it doesn’t matter. In both cases, the answer is that governments should run larger deficits.

Tom Orlik, chief economist, Bloomberg Economics

——

In Japan, there’s been more cooperation between the people in charge of budgets and those who manage interest rates than pretty much anywhere else.

When the government and central bank work in tandem, “synergy effects from both sides can produce stronger economic stimulus,” former BoJ deputy governor Kikuo Iwata, a key architect of the plan, said at the Bank for International Settlements last year. He’s argued that monetary policy has done what it can, and that Japan — which already has the world’s biggest public-debt burden — needs even more fiscal stimulus to complete its escape from deflation.

Tag Team

In the heat of crisis, collaboration between governments and central banks has been fairly explicit almost everywhere. In 2008 in the U.S., for example, the Fed’s Ben Bernanke and Treasury’s Henry Paulson rapidly formed a tag-team. In Europe a few years later, Mario Draghi’s pledge to do “whatever it takes” to preserve the single currency gave Italian government debt a backstop, and brought yields down from the brink.

Public borrowing at low rates proved to be an effective way of putting a floor under the Great Recession. The U.S. and Japan did more of it than Europe, where there’s no central authority able to tap credit markets and spend on the continent’s behalf — and they’ve had better recoveries.

The problem for policy makers is that what once looked like a short-term crisis stopgap has in fact stretched out for years — making it increasingly likely that the next downturn will arrive with interest rates still low.

In the U.S., a plurality of economists expect a recession in 2020, a presidential election year. The Fed will have some room to cut, though less than the 500 basis points reckoned to be its typical response to a shrinking economy. Its peers have much less, if any.

And even if they had, recent history says it would likely be governments that took advantage of the lower rates.

The worst recessions to hit developed countries lately (and some emerging markets too) have followed rapid buildups in private credit — one reason why central banks have found it hard to inject stimulus. And today, households and businesses are still highly indebted by past standards.

Unlike governments, they haven’t been eager to borrow more money, however cheap it is.

Annunci
Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Debito pubbliche amministrazioni. A fine gennaio era 2,358.008 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-18.

2019-03-18__Bankitalia__001

Banca di Italia ha rilasciato il report:

Finanza pubblica: fabbisogno e debito – gennaio 2019.

A fine 2017 il debito delle Amministrazioni Pubbliche era 2,263.479 miliardi di euro, salito a fine 2018 a 2,316.697 miliardi: a fine gennaio 2019 si collocava a 2,358.008 miliardi.

È in corso anche un cambiamento tra i detentori del debito.

2019-03-18__Bankitalia__002

La quota detenuta dalle IFM residenti è passata dai 599.622 miliardi del 2017 ai 653.784 di fine 2018, mentre la quota detenuta dai non residenti è scesa da 730.507 miliardi a 684.459 miliardi.

Sempre a fine 2018, il debito delle Amministrazioni Locali ammontava a 85.624 miliardi, così ripartiti: Nord Ovest 24.281, Nord Est 10.929, Centro 23.297, Sud 19.164, Isole 7.954.

Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Devoluzione socialismo, India, Russia, Stati Uniti

Pil ppa 2019-2203. Brics 36%, G7 27%. I Brics valgono 3.5 volte l’eurozona.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-08.

2019-03-08__Pil PPa Mondo G7 Brics

L’International Monetary Fund World Economic Outlook (April – 2018) è una miniera di dati, tra i quali figurano anche le proiezioni del pil ppa al 2023.

Pil 2016 e proiezioni 2020. Sorprese in arrivo. Ripercussioni mondiali.

Pil 2018 – 2022. – Previsioni dell’IMF. Grandi sorprese in arrivo. 

*

Le prime dieci nazioni classificate per pil ppa proiettato al 2023 sarebbero la Cina, gli Stati Uniti, l’India, il Giappone, la Germania, l’Indonesia, la Russia, il Brasile, il Regno Unito, e la Francia.

Ma subito dopo verrebbero il Messico, la Turkia, la Korea, la Repubblica Islamica dell’Iran e l’Arabia Saudita.

Sempre nella proiezione al 2023, la Cina si collocherebbe al primo posto con 37,067 miliardi Usd, seguiti dagli Stati Uniti con 24,537 miliardi Usd. L’avvenuto sorpasso è diventato chiaramente evidente.

Ma ciò che più salta agli occhi è la disparità tra il gruppo dei paesi G7 e quelli facenti capo ai Brics.

Con 48,179 miliardi Usd i paesi del G7 renderebbero conto del 27.06% del pil ppa mondiale, mentre i Brics si attesterebbero a 63,907 miliardi Usd, ossia al 35.90%.

* * * * * * *

Nel 2008 l’eurozona aveva un pil di 14,113 miliardi Usd, ma a fine 2017 aveva registrato un pil di 12,589 miliardi Usd; la Cina, nello stesso arco temporale, era passata da un pil di 4,804 miliardi Usd ad un valore di 12,237 miliardi Usd. Per quanto riguarda il pil espresso in valori assoluti, e non relativi al potere di acquisto, la Cina a fine 2017 eguagliava l’eurozona.

La differenza di performance tra questi due sistemi socio-economica è lampante.

L’eurozona è regredita mentre la Cina è cresciuta, ed anche di molto.

Nelle proiezioni al 2023 l’eurozona rende conto di un pil ppa di 18,413 miliardi Usd: il 10.34% del valore mondiale. Troppo poco per contare realmente, troppo poco per poter dettare condizioni.

Qualsiasi persona di buon senso dovrebbe trarne le conseguenze: qualsiasi perdita può essere rimediata, tranne quella del tempo. Il tempo andato via è perso per sempre.

Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Europarlamento. Placet a Campa (Eba), Laviola (Srb) Lane (Ecb).

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-15.

Banchieri__101

Reuters lo aveva preconizzato giorni or sono.

Parlamento Ue, quasi certa ok nomine Lane a Bce, Laviola a Srb e Campa a Eba

Siamo più che soddisfatti del silenzioso operare del premier Conte che ha permesso la nomina del dr. Sebastiano Laviola, Italian Financial Attaché, a membro del board del Srb.

Sarà chiamato a svolgere un delicato compito di indirizzamento del fragile sistema bancario europeo.

*

«Via libera del Parlamento europeo alla nomina dello spagnolo José Manuel Campa alla presidenza dell’Autorità bancaria europea (Eba), dell’irlandese Philip Lane a capo economista della Bce e dell’italiano Sebastiano Laviola a membro del Single Resolution Board (Srb).»

*

«Dopo il via libera alle nomine oggi in plenaria, la palla passa ora al Consiglio che dovrà approvarle in via definitiva.»

* * *

European Banking Authority. Eba.

«L’Autorità bancaria europea (ABE) è un’autorità indipendente dell’Unione europea (UE), che opera per assicurare un livello di regolamentazione e di vigilanza prudenziale efficace e uniforme nel settore bancario europeo.  Gli obiettivi generali dell’Autorità sono assicurare la stabilità finanziaria nell’UE e garantire l’integrità, l’efficienza e il regolare funzionamento del settore bancario.

L’ABE fa parte del Sistema europeo di vigilanza finanziaria (SEVIF), che è costituito da tre autorità di vigilanza: l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), l’Autorità bancaria europea (ABE) e l’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA). Il sistema comprende inoltre il Comitato europeo per il rischio sistemico (CERS), il comitato congiunto delle autorità europee di vigilanza e le autorità di vigilanza nazionali.

Pur essendo indipendente, l’ABE è responsabile dinanzi al Parlamento europeo, al Consiglio dell’Unione europea e alla Commissione europea.

Missioni e compiti

Mentre le autorità di vigilanza nazionali (e, a breve, la Banca centrale europea per i paesi partecipanti al nuovo meccanismo di vigilanza unico, un pilastro fondamentale della cosiddetta “unione bancaria”) conservano la responsabilità della vigilanza dei singoli istituti finanziari, il ruolo dell’ABE consiste nel migliorare il funzionamento del mercato interno assicurando una vigilanza e una regolamentazione appropriate, efficienti e armonizzate in Europa.

Il compito principale dell’ABE è contribuire, attraverso l’adozione di norme tecniche vincolanti e orientamenti, alla creazione del corpus unico di norme del settore bancario. Il corpus è inteso a fornire un’unica serie di norme prudenziali armonizzate per gli istituti finanziari in tutta l’UE, che consentano di assicurare condizioni di parità e una tutela elevata dei depositanti, degli investitori e dei consumatori.

L’Autorità svolge un ruolo fondamentale anche nel promuovere la convergenza delle pratiche di vigilanza per garantire un’applicazione armonizzata delle norme prudenziali. L’ABE ha altresì l’incarico di valutare il rischio e le vulnerabilità presenti nel settore bancario dell’UE, in particolare attraverso relazioni periodiche di valutazione dei rischi e prove di stress su scala paneuropea.

Tra gli altri compiti affidati all’ABE figurano il trattamento dei casi di applicazione insufficiente del diritto dell’UE da parte delle autorità nazionali, l’adozione di decisioni in situazioni d’emergenza, la mediazione al fine di risolvere le controversie fra autorità competenti in situazioni transfrontaliere e la funzione di organismo consultivo indipendente del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione.»

*

Single Resolution Board (Srb)

«The SRB is the central resolution authority within the Banking Union (BU). Together with the National Resolution Authorities (NRAs) of participating Member States (MS), it forms the SRM. The SRB works closely with the NRAs, the European Commission (EC), the European Central Bank (ECB), the European Banking Authority (EBA) and national competent authorities (NCAs).

Its mission is to ensure an orderly resolution of failing banks with minimum impact on the real economy, the financial system, and the public finances of the participating MS and beyond. 

The role of the SRB is proactive: rather than waiting for resolution cases to manage, the SRB focuses on resolution planning and enhancing resolvability, to avoid the potential negative impacts of a bank failure on the economy and financial stability.

Established by Regulation (EU) No 806/2014 on the Single Resolution Mechanism (SRM Regulation), the Single Resolution Board (SRB) has been operational as an independent European Union (EU) Agency since January 2015. The SRB strives to become a trusted and respected resolution authority with a strong resolution capacity and the ability to act swiftly and in an appropriate, consistent and proportionate manner in establishing and enforcing an effective resolution regime for banks in the Single Resolution Mechanism (SRM) jurisdictions, thus avoiding future bail-outs.

The role of the SRB is proactive: rather than waiting for resolution cases to handle, the SRB focuses on resolution planning and preparation with a forward-looking mindset to avoid the potential negative impact of a bank failure on the economy and on financial stability. The SRB aims to become a centre of expertise in bank resolution.»

*


Ansa. 2019-03-15. Via libera del Parlamento Ue a nomine Eba (Campa) e Srb (Laviola)

STRASBURGO – Via libera del Parlamento europeo alla nomina dello spagnolo José Manuel Campa alla presidenza dell’Autorità bancaria europea (Eba), dell’irlandese Philip Lane a capo economista della Bce e dell’italiano Sebastiano Laviola a membro del Single Resolution Board (Srb). Prima di approvare le nomine, l’aula ha però denunciato la mancanza di equilibrio di genere. Gli eurodeputati hanno infatti adottato una risoluzione, approvata con 453 voti a favore, 50 contrari e 71 astensioni, in cui si deplora che la Commissione europea e la grande maggioranza dei governi Ue “non siano stati finora in grado di promuovere un maggiore equilibrio di genere in seno agli organismi e alle istituzioni dell’Unione”, in particolare “per quanto riguarda le nomine di alto livello nei settori attinenti alle questioni economiche, finanziarie e monetarie”.

Gli eurodeputati hanno inoltre chiesto che in futuro l’Eurocamera si impegni a non prendere in considerazione liste di candidati in cui il principio dell’equilibrio di genere non sia rispettato. Dopo il via libera alle nomine oggi in plenaria, la palla passa ora al Consiglio che dovrà approvarle in via definitiva.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Ideologia liberal

Ocse. In cinque anni scadrà un trilione di corporate bond.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-14.

2019-03-02__Ocse__001

Sant’Agostino e San Giovanni Evangelista sono i santi patroni dei tipografi: ma elargiscono grazie spirituali, non certo cinque trilioni di dollari.


«Una montagna di debito, un castello di carta di dimensioni mai viste in precedenza che rischia crollare alla prossima recessione o rallentamento economico»

*

«L’Ocse non è certo la prima organizzazione a lanciare un allarme sui corporate bond, le obbligazioni emesse a piene mani dalle società non finanziarie in questo ultimo decennio di politiche ultra-espansive da parte delle Banche centrali, ma i dati pubblicati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico provocano timori più che legittimi»

*

«A partire dall’ammontare di titoli che circolano sul mercato, che a fine 2018 sfiorava i 13mila miliardi di dollari: oltre il doppio rispetto a 10 anni fa, quando la più profonda crisi finanziaria che si ricordi stava per scoppiare»

*

«Rispetto al 2008 una delle differenze più significative e temute riguarda l’ampiezza del fenomeno»

*

«Oltre alle economie avanzate (più di 10mila miliardi, con gli Stati Uniti che fanno ovviamente la parte del leone con quasi 6mila miliardi) stavolta risultano pienamente coinvolti anche i Paesi emergenti (con titoli per 2.780 miliardi, poco meno dell’Europa). In particolare la Cina (1.720 miliardi), da molti è additata come l’area di rischio principale»

*

«la quota di obbligazioni investment grade di qualità inferiore (cioè le «Triple B») si attesti al massimo storico vicina al 54% (era appena al 30% nel 2008)»

*

«uno shock finanziario simile a quello del 2008, obbligazioni societarie per 500 miliardi rischiano di essere trasferite nel mercato high yield entro un anno»

*

«A partire dal dicembre 2018, le società delle economie avanzate dovranno pagare o rifinanziare 2.900 miliardi di dollari in 3 anni e quelle dei Paesi emergenti 1.300 miliardi: due dati che, se messi insieme come nota l’Ocse, valgono una cifra «vicina al valore totale del bilancio della Federal Reserve»»

* * * * * * * *

2019-03-02__Ocse__002

Il sistema economico occidentale, unitamente a quello dei paesi ad esso vicini, sta cercando disperatamente di uscire dalla crisi del 2009, che ha dissanguato le banche centrali, che vedono ora i loro margini di manovra sostanzialmente ridotti. Rimettere in moto a pieno ritmo le rotative potrebbe portare al collasso del ssitema.

A ciò si deve aggiungere il fatto che la crisi che inizia a fare capolino avrebbe dimensioni ben maggiori della precedente.

Anche se a guai fatti a ben poco serve cercare i ‘colpevoli‘, non si può fare a meno di individuare in una classe politica ottusa la situazione odierna.  Mantenendo tassi prossimi allo zero, se non anche negativi, la banche centrali si sono dovute trasformare da prestatrici di ultima istanza ad investitrici di ultima istanza: un ruolo inedito, ben poco esplorato dal punto di vista teorico. Sono semplicemente piene di carta straccia.

Le banche centrali hanno fatto sforzi eroici, nella presunzione che i politici approfittassero del lasso di tempo loro concesso per metter mano a riforme strutturali del sistema economico occidentale. Mai fiducia fu peggio riposta. E con il termine ‘riforme‘ si deve intendere una delegiferazione associata a deburocratizzazione, con conseguente riduzione della presenza dello stato nei processi economici.

Orbene: nulla di tutto questo è accaduto, quindi i nodi iniziano a venire al pettine.

Adesso, sul solo fronte dei bond societari, 12.95 trilioni di Usd, le economie avanzate detengono 10.17 trilioni Usd mentre i pesi emergenti 2.78 trilioni Usd. Dovranno, dovrebbero, ben renderli.

Per quanto riguarda le scadenze, nei prossimi cinque anni dovrebbero essere rifusi un po’ meno di cinque trilioni: grosso modo, un trilione ogni anno.

Ed il tutto in un momento di stasi, per non dire stagnazione. dell’economia europea.

Si faccia grande attenzione.

Il paziente era vivo un secondo prima di morire.

Il fatto che l’attuale sistema economico regga non significa minimamente che possa reggere anche in futuro.

Nota.

Il problema dei corporate bond mica che sia l’unico: ci sono anche, ma solo a titolo di esempio, il problema dei debiti pubblici e quello del welfare oramai ingovernabile.

Mr Marchionne aveva ragione nel prevedere la società della miseria.


Sole 24 Ore. 2019-02-28. L’allarme Ocse sui corporate bond: un «trilione» in scadenza per i prossimi 5 anni

Una montagna di debito, un castello di carta di dimensioni mai viste in precedenza che rischia crollare alla prossima recessione o rallentamento economico. L’Ocse non è certo la prima organizzazione a lanciare un allarme sui corporate bond, le obbligazioni emesse a piene mani dalle società non finanziarie in questo ultimo decennio di politiche ultra-espansive da parte delle Banche centrali, ma i dati pubblicati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico provocano timori più che legittimi. A partire dall’ammontare di titoli che circolano sul mercato, che a fine 2018 sfiorava i 13mila miliardi di dollari: oltre il doppio rispetto a 10 anni fa, quando la più profonda crisi finanziaria che si ricordi stava per scoppiare.

Un fenomeno ormai globale

Rispetto al 2008 una delle differenze più significative e temute riguarda l’ampiezza del fenomeno. Oltre alle economie avanzate (più di 10mila miliardi, con gli Stati Uniti che fanno ovviamente la parte del leone con quasi 6mila miliardi) stavolta risultano pienamente coinvolti anche i Paesi emergenti (con titoli per 2.780 miliardi, poco meno dell’Europa). In particolare la Cina (1.720 miliardi), da molti è additata come l’area di rischio principale vista la trasparenza ancora approssimativa dei mercati, ormai è diventata il secondo emittente corporate più grande a livello mondiale in termini di ammontare annuo.

La carica delle «Triple B»

Non si tratta però soltanto di una questione meramente quantitativa: «Anche i rischi e le vulnerabilità nel mercato del debito societario sono significativamente diversi da quelli del precedente ciclo pre-crisi», nota l’Ocse, ricordando come da una parte la quota di obbligazioni investment grade di qualità inferiore (cioè le «Triple B») si attesti al massimo storico vicina al 54% (era appena al 30% nel 2008) e dall’altra vi sia nel frattempo «stata una netta diminuzione dei diritti delle obbligazioni societarie che potrebbe amplificare gli effetti negativi in caso di stress del mercato». Il problema, sottolineano sotto questo aspetto gli analisti, è che «nel caso di uno shock finanziario simile a quello del 2008, obbligazioni societarie per 500 miliardi rischiano di essere trasferite nel mercato high yield entro un anno», costringendo così i fondi che seguono in modo passivo i benchmark (la stragrande maggioranza) a vendite automatiche difficili da assorbire da investitori non-investment grade.

A peggiorare ulteriormente la situazione, sempre nel caso di un’eventuale recessione o di un rallentamento marcato dell’economia reale, contribuisce il fatto che le società si troveranno ad affrontare livelli record di rimborsi a breve e medio termine. A partire dal dicembre 2018, le società delle economie avanzate dovranno pagare o rifinanziare 2.900 miliardi di dollari in 3 anni e quelle dei Paesi emergenti 1.300 miliardi: due dati che, se messi insieme come nota l’Ocse, valgono una cifra «vicina al valore totale del bilancio della Federal Reserve».

Il «muro» da un trilione di dollari l’anno

Per le economie avanzate, in particolare, si profila di fronte alla vista un vero e proprio «muro di scadenze» costituito da quasi un trilione (cioè mille miliardi di dollari) all’anno per il prossimo quinquennio. Ma l’impatto rischia di essere ancora più significativo per i Paesi emergenti, visto che «l’importo dovuto entro i prossimi 3 anni ha raggiunto il record del 47% del totale delle consistenze, quasi il doppio della percentuale nel 2008”.

In calo le protezioni dei «covenant»

Riguardo alle emissioni high yield, l’Ocse rileva infine anche una marcata diminuzione dell’utilizzo di strumenti di protezione quali i covenant, clausole inserite in modo apposito in un contratto obbligazionario per proteggere i diritti dei possessori di obbligazioni. Se infatti è vero che per le emissioni di qualità elevata il livello di covenant si è mantenuto pressoché invariato fra il 16 e il 18% nell’ultimo decennio, quando si guarda ai non investment grade l’utilizzo della «protezione» è sceso nel medesimo periodo dal 47% al 34 per cento. «La riduzione del divario fra le obbligazioni investment grade e non investment grade sfida la tradizionale relazione tra qualità del bond e il grado di protezione richiesto dagli investitori», rileva ancora l’Ocse, sottolineando come questa dinamica possa «influenzare negativamente i loro portafogli».

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Europa. Il problema italiano. Default oppure exit.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-13.

2019-03-09__Italia__001

La Tabella riprodotta in fotocopia dovrebbe essere eloquente.

Nel 2008 il Pil espresso in Usd era 2,402 miliardi Usd, nel 2017 ammontava a 1,934.

Sempre nel 2008 il Pil procapite era di 40,689 Usd, mentre a fine 2017 ammontava a 31,989 Usd. Un perdita del 25% circa.

Nel 2008 il debito sovrano era 1,666 miliardi di euro, e nel 2017 era 2,283 miliardi di euro.

Nel volgere di dieci anni i Governi nazionali hanno aumentato il debito pubblico di 617 miliardi. Ma questa immane cifra non è stata utilizzata per investimenti nel comparto produttivo, che poi rendono reddito, bensì in partite correnti: pensioni, sussidi, e così via.

Né, tanto meno, è stata utilizzata per mettere in atto riforme strutturali dello stato, ossia per delegiferate, deburocratizzare, ridurre il numero e le mansioni dei dipendenti pubblici, e per ridurre imposte e tasse.

Le responsabilità di quanti abbiano governato in quell’arco di tempo si configurano come alto tradimento.

E le conseguenze iniziano a farsi sentire con mano pesante.

* * * * * * *

«Crisis brewing in Italy will lead to default, exit from the euro, or both»

*

«There is a dual Italian crisis brewing in the European Union.»

*

«On the one hand, it is a political, or even geopolitical, crisis. Italy is undermining the unity of the European Union; blocking the EU’s recognition of those behind the coup in Venezuela as the legitimate authority; preventing the expansion of sanctions against Russia; and even supporting the ‘yellow vest’ movement in France, which is arousing the anger of the French government.»

*

«On the other hand, the crisis is economic in nature. Italy is once more sliding into a recession (economic growth was negative in the country); Italian banks are again facing financial problems; and the business media has already estimated that the Italian economic crisis could blow up the entire European banking system.»

* * * * * * * * * * *

«There is a strong possibility that the EU’s leaders will soon be faced with a choice: try to save Italy (and the whole of Europe) from yet another crisis or set an example by punishing the Italian government for the country’s independent economic and foreign policies»

*

«bad bank debts of €185 billion were reported in Italy at the end of 2017 – a record for the European Union»

*

«Italy accounts for roughly a quarter of the non-performing loans in the eurozone»

*

«Conte’s cabinet is once again facing a dilemma: either put up with the economic stranglehold by EU bureaucrats (and voter dissatisfaction) or go up against the European Union»

*

«To really understand the Italian problem, it should be borne in mind that, as a member of the European Union and the eurozone, Italy does not have full national sovereignty, especially when it comes to economic matters»

*

«It is clear that conflicts like these indicate political instability within the European Union and the situation is becoming truly volatile»

*

«On the other hand, if this happened then Italy could well declare either a default on its government debt, or its exit from the eurozone, or (as noted by The Telegraph) both at the same time»

* * * * * * * * * * *

«Ironically, the worse hit by such a scenario will be French banks, which Bloomberg estimates have Italian loans worth hundreds of billions of euros on their balance sheets. What’s more, such a shock could see foreign investors (and many European ones) beginning to flee the eurozone, adding a currency component to the banking crisis.»

*

«“the winds of change have crossed the Alps”. For those who lived through the collapse of the USSR, the symbolism of the Italian politician’s phrase, whether intentional or not, cannot but evoke certain associations with what was said in the Soviet information space in the 1980s»

*

«Populist politicians in Europe love comparing the European Union to the late USSR, and this comparison is starting to ring true like never before.»

* * * * * * * * * * *

Bene.

Questa è la situazione che i numeri esprimono, e che sarebbe bene rileggerseli ed impararli a memoria.

L’Italia è nella situazione dell’Unione Sovietica a fine degli anni ’80, e sta seguendo le orme della Grecia.


Oriental Observer. 2019-03-08. Default Or Exit: A Battle Between Italy And The EU Is Inevitable

There is a dual Italian crisis brewing in the European Union. On the one hand, it is a political, or even geopolitical, crisis. Italy is undermining the unity of the European Union; blocking the EU’s recognition of those behind the coup in Venezuela as the legitimate authority; preventing the expansion of sanctions against Russia; and even supporting the ‘yellow vest’ movement in France, which is arousing the anger of the French government.

On the other hand, the crisis is economic in nature. Italy is once more sliding into a recession (economic growth was negative in the country); Italian banks are again facing financial problems; and the business media has already estimated that the Italian economic crisis could blow up the entire European banking system.

There is a strong possibility that the EU’s leaders will soon be faced with a choice: try to save Italy (and the whole of Europe) from yet another crisis or set an example by punishing the Italian government for the country’s independent economic and foreign policies. In turn, Italian Prime Minister Giuseppe Conte’s government will most likely have its own dilemma to deal with: bow down and sell its principles to get help from Brussels or go all out and regain Italian independence. The choice will not be easy and either decision will be painful. Neither ending to this Italian drama could really be called happy. As this headline in The Telegraph quite rightly notes: “Crisis brewing in Italy will lead to default, exit from the euro, or both.”

At the heart of the Italian issue is the fact that the 2008 crisis never really went away, and all the self-congratulations of European (especially Italian) politicians were actually attempts to hide the old, unresolved problems under the carpet. Until recently, the Italian economy had been showing anaemic growth, but it began to decline over the last two quarters. Efforts to borrow more are not helping, either. There are negative interest rates in the eurozone, but it is often more profitable for banks to keep their money in the European Central Bank (even at a negative interest rate) or invest it somewhere outside of Italy than lend it to risky Italian businesses and ordinary Italians who will probably never pay the money back. Indeed, bad bank debts of €185 billion were reported in Italy at the end of 2017 – a record for the European Union. Italy accounts for roughly a quarter of the non-performing loans in the eurozone (i.e. loans that are not being repaid or are seriously overdue), and it is easy to see why Brussels considers the country to be the EU’s weak spot.

Another problem developed after the Conte government – a coalition of two populist, eurosceptic parties – came to power in June 2018. It tried to solve the country’s economic issues by increasing government incentives, but Italy is already in debt (Italy’s national debt is 131 per cent of its GDP). The European Commission warned it against enlarging its budget deficit and increasing its national debt too much, and threatened fines for violating budget discipline.

In light of the European Commission’s threat of economic sanctions (!), the Italian government had to negotiate and make concessions in its fiscal policy, and now, due to Italy’s shrinking economy, Conte’s cabinet is once again facing a dilemma: either put up with the economic stranglehold by EU bureaucrats (and voter dissatisfaction) or go up against the European Union.

To really understand the Italian problem, it should be borne in mind that, as a member of the European Union and the eurozone, Italy does not have full national sovereignty, especially when it comes to economic matters. It does not control the monetary policy of the European Central Bank and cannot even prepare a budget in line with the wishes of its own government or parliament without the risk of running into sanctions or fines from the European Commission. What’s more, Italian eurosceptic politicians suspect that the European Commission (in which the main roles belong to people hand-picked by Germany, France and the US) is punishing Italy and literally strangling its economy because of a political dislike of the Italian government’s geopolitical actions.

Take Rome’s recent move to block the European Union’s recognition of Juan Guaidó as the president of Venezuela, for example. It makes sense that pro-US officials in the European Commission would try to punish Italy as harshly as possible for such behaviour. And Italy’s démarches are not limited to Venezuela. One of the leaders of the government coalition, Deputy Prime Minister of Italy Luigi Di Maio, held a meeting this week with the leaders of the ‘yellow vest’ movement in France and supported their efforts, a move that caused great offence in the government of President Macron, who probably regarded such actions by the Italian authorities as an attempt to legitimise the political demands of a movement set on removing him from power. The French president’s logical response to such actions by the Italian government is to use the European Commission and its budgetary leverage to put pressure on Italy.

It is clear that conflicts like these indicate political instability within the European Union and the situation is becoming truly volatile. On the one hand, the European Commission really could push Italy to the brink of bankruptcy or even trigger a full-blown economic collapse, which would probably (but far from definitely) lead to a change of government in Rome. On the other hand, if this happened then Italy could well declare either a default on its government debt, or its exit from the eurozone, or (as noted by The Telegraph) both at the same time, especially since such threats (right up to the country’s withdrawal from the European Union) have already been made by the government, the unofficial leader of which is Deputy Prime Minister Matteo Salvini.

Ironically, the worse hit by such a scenario will be French banks, which Bloomberg estimates have Italian loans worth hundreds of billions of euros on their balance sheets. What’s more, such a shock could see foreign investors (and many European ones) beginning to flee the eurozone, adding a currency component to the banking crisis. Time will tell whether the European Commission is willing to take such risks to punish Italy’s freedom-loving politicians, but we can already agree with Luigi Di Maio, who, after meeting the French ‘yellow vests’, declared that “the winds of change have crossed the Alps”. For those who lived through the collapse of the USSR, the symbolism of the Italian politician’s phrase, whether intentional or not, cannot but evoke certain associations with what was said in the Soviet information space in the 1980s. At that time, the “winds of change” were blowing through every single crack in the Soviet Union, and we know it never ends well. Populist politicians in Europe love comparing the European Union to the late USSR, and this comparison is starting to ring true like never before.

Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria, Unione Europea

Banche Europee. Altra giornata non buona. Le cinesi stanno bene.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-08.

Anche venerdì otto marzo è stata giornata infausta per le banche del continente europeo.

Molti sono i motivi della loro intrinseca debolezza, ma su tutti spicca la pesante intromissione della politica nella loro gestione. Il banchiere impresta denaro, si direbbe per definizione, a quanto sia certa la refusione del debito contratto: se gestita in codesta maniera la banca è e resta sana.

Il politico invece usa la banca per i suoi fini. Ma i fini politici non coincidono con quelli finanziari ed economici.

Il vero nodo è la formazione del consiglio di amministrazione: se fatto da tecnici ben selezionati esso funziona al meglio. Ma se risultasse essere inquinato da personaggi entrati nel cda in ‘quota di qualcosa’, dal criterio politico a quello di parità dei sessi oppure ancora sul colore dei capelli codeste persona alla fine si rivelano essere dei  parassiti dilapidatori di risorse. Essere parenti del primo ministro non conferisce particolare sapienza bancaria.

Poi ci sarebbe un altro aspetto, ma per meglio valutarlo sarebbe utile guardare prima con attenzione i grafici: salta subito agli occhi.


 

2019-03-08__Banche__001

2019-03-08__Banche__003

2019-03-08__Banche__005

2019-03-08__Banche__006

2019-03-08__Banche__007

2019-03-08__Banche__008


Rileggiamo, ricapitolando, le capitalizzazioni.

Intesa San Paolo     36.932 miliardi Eur

Banco Bpm                 2.963 miliardi Eur

Commerzbank          8.313 miliardi Eur

Deutsche Bank        16.871 miliardi Eur

Crédit Agricole       30.389 miliardi Eur

Bank of China           1.29 trilioni di yuan, ossia 191.96 miliardi Usd.

*

Le banche europee hanno capitalizzazioni assolutamente insufficienti, alle quali si associano prestiti in sofferenza per quasi 200 miliardi, ufficialmente, ma in pratica almeno quattro volte tanto.

Sul perché sarebbe lunga disquisizione, e la ragione principale la abbiamo già riportata: sta di fatto che siano oltremodo fragili. Stanno in piedi come castelli di carta.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario, Unione Europea

Banche Europee. Gran brutta giornata il dopo Draghi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-07.

Ecb. Nuovo Ltro. Intanto il rapporto EurUsd vale

La Ecb ha detto che il sistema economico europeo sprizza salute da tutti i pori, meglio di così non si potrebbe stare. Quindi si deve procedere al rinvio dell’aumento dei tassi di interesse e si deve eseguire un nuovo Ltro senza limiti di spesa.

Per le banche europee è suonata la tromba del si salvi chi può.

Amici miei, che vi siete fidati della vostra banca, iniziate a domandarvi se la Vostra fiducia è stata ben riposta. E magari anche se domani ci sarà.

A suon di distribuire pasti gratis il granaio si è svuotato.

Nota.

Ed intanto il Governo continua a spendere soldi che non ha con la larghezza di Masaniello.

Un caro arrivederci dalla Cina, con tanto affetto.

2019-03-07__Banche__001

2019-03-07__Banche__002

2019-03-07__Banche__003

2019-03-07__Banche__004

2019-03-07__Banche__005

2019-03-07__Banche__006

Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Ecb. Nuovo Ltro. Intanto il rapporto EurUsd vale

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-07.

2019-03-07__UsdEur__001

«Abbiamo deciso di lasciare i tassi di interesse invariati e continuiamo ad attenderci che si mantengano su livelli pari a quelli attuali almeno fino a fine 2019».

*

«la banca centrale intende continuare a reinvestire integralmente il capitale rimborsato sui titoli in scadenza per un periodo prolungato di tempo successivamente alla data del primo rialzo dei tassi»

*

«ma alla fine si è trovato un punto di incontro su una modifica della guidance fino a fine anno in presenza delle misure a favore del sistema finanziario annunciate oggi»

*

«La Banca centrale europea ha infatti nuovamente rivisto al ribasso le stime di crescita per l’Eurozona, portando il Pil 2019 a +1,1% da +1,7% stimato a dicembre, che era già stata limato dal +1,8% precedente»

*

«Ridotta a +1,6% da +1,7% la stima per il 2020»

*

«l’Eurozona si trova in una fase di persistente debolezza e incertezza, pur ritenendo che l’eventualità di una recessione sono molto basse»

*

«Presentando le nuove operazioni Tltro di maxi-prestiti alle banche, Draghi ha precisato che «rispondono a una varietà di obiettivi», ma il principale di questi resta «l’approvvigionamento delle banche nei prossimi anni», dato che si prevede una «una congestione nel funding», causata dalla scadenza degli esistenti Tltro e di importanti quantità di bond bancari, e da vari adempimenti regolamentari (leggi le norme di Basilea).»

*

«Il nostro obiettivo è che i fondi siano usati per erogare credito a imprese e famiglie, non per comprare bond sovrani»

*

«In base al nuovo programma di aste T-Ltro, le controparti potranno prendere a prestito fino al 30% dello stock di prestiti idonei alla data del 28 febbraio 2019 e a un tasso che sarà indicizzato al tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali per tutta la durata dell’operazione»

*

Mr Draghi non è certo uomo che creda alle fatine dagli occhi azzurri. Ma come Governatore non avrebbe potuto dire altro:

«obiettivo è …. non per comprare bond sovrani»

*

Gran buon affare per quanti abbiano i denari denominati in Usd.

A pensar male si farà peccato, ma ci si azzecca sempre.


Sole 24 Ore. 2019-03-07. Bce, nuova serie di aste T-Ltro da settembre 2019 a marzo 2021. Draghi: tassi fermi fino a fine 2019

«Abbiamo deciso di lasciare i tassi di interesse invariati e continuiamo ad attenderci che si mantengano su livelli pari a quelli attuali almeno fino a fine 2019». Lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi, aggiungendo che la banca centrale intende continuare a reinvestire integralmente il capitale rimborsato sui titoli in scadenza per un periodo prolungato di tempo successivamente alla data del primo rialzo dei tassi. Il presidente della Bce ha confermato che, come sempre, le nuove misure annunciate sono state prese all’unanimità («un segnale molto molto buono di coesione data la loro complessità», ha commentato Draghi), dopo un’ampia valutazione del quadro macroeconomico, e «nell’obiettivo della stabilità dei prezzi», considerando che la crescita economica dell’Eurozona ha mostrato segni di «sensibile rallentamento» con «prospettive più deboli del previsto». Diversi governatori – ha detto il numero uno dell’Eurotower – hanno suggerito di allungare la “forward guidance” fino al marzo 2020, «ma alla fine si è trovato un punto di incontro su una modifica della guidance fino a fine anno in presenza delle misure a favore del sistema finanziario annunciate oggi».

Bce taglia le stime per l’economia dell’Eurozona

La Banca centrale europea ha infatti nuovamente rivisto al ribasso le stime di crescita per l’Eurozona, portando il Pil 2019 a +1,1% da +1,7% stimato a dicembre, che era già stata limato dal +1,8% precedente. Ridotta a +1,6% da +1,7% la stima per il 2020, mentre per il 2021 la Bce conferma una crescita dell’1,5 per cento. Tagliate anche le stime sull’inflazione per il 2019 all’1,2% dall’1,6% atteso in precedenza. Per il 2020 sono state riviste al ribasso a 1,5% (da 1,7% precedente) e per il 2021 a 1,6% (da 1,8%). Il presidente della Bce ha spiegato che l’Eurozona si trova in una fase di persistemte debolezza e incertezza, pur ritenendo che l’eventualità di una recessione sono molto basse. Fra i vari fattori che hanno comportato una forte revisione al ribasso della stima di crescita sul 2019, ve ne sono di esterni e di interni: «uno di questi è certamente l’Italia», oltre che il settore automobilistico tedesco», ha detto Draghi.

I motivi di preoccupazione restano perlo più di carattere globale, come la minaccia del protezionismo, la Brexit, la situazione in Cina e le vulnerabilità dei mercati emergenti. Draghi ha anche precisato che se ci fosse una schiarita nei rapporti commerciali Usa-Cina, ci potrebbe essere un impatto positivo sulla velocità di espansione dell’economia dell’Eurozona.

Per Draghi, tuttavia, non c’è il rischio che l’economia dell’eurozona diventi troppo dipendente dagli stimoli della politica monetaria. «Stiamo parlando di un’economia che rallenta ma che è ancora in crescita, crescono i salari e migliora la situazione del mercato del lavoro, per cui bisogna mettere il tutto in prospettiva». Il presidente della Bce ha anche aggiunto che non si è parlato in consiglio direttivo di riattivare il programma di quantitative easing.

Nuova serie di aste T-Ltro da settembre 2019 a marzo 2021

Presentando le nuove operazioni Tltro di maxi-prestiti alle banche, Draghi ha precisato che «rispondono a una varietà di obiettivi», ma il principale di questi resta «l’approvvigionamento delle banche nei prossimi anni», dato che si prevede una «una congestione nel funding», causata dalla scadenza degli esistenti Tltro e di importanti quantità di bond bancari, e da vari adempimenti regolamentari (leggi le norme di Basilea). «Abbiamo deciso di reintrodurre le aste Tltro – ha spiegato il presidente Bce – per minimizzare il rischio che i fondi presi a prestito con le aste a lungo termine possano essere utilizzati come avvenuto in passato con i bond sovrani. Il nostro obiettivo è che i fondi siano usati per erogare credito a imprese e famiglie, non per comprare bond sovrani».

La nuova serie di aste T-Ltro annunciate dalla Banca centrale europea saranno condotte a partire da settembre 2019 fino al marzo 2021. Ognuna di queste aste durerà 2 anni. «Queste nuove operazioni – si legge nel comunicato – aiuteranno a mantenere condizioni di credito favorevoli per le banche e aiuteranno con una trasmissione efficace della politica monetaria». In base al nuovo programma di aste T-Ltro, le controparti potranno prendere a prestito fino al 30% dello stock di prestiti idonei alla data del 28 febbraio 2019 e a un tasso che sarà indicizzato al tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali per tutta la durata dell’operazione.

Come gli altri programmi Tltro in essere, le nuove aste prevedono degli incentivi per mantenere condizioni di credito favorevoli. «Le controparti avranno il diritto di prendere in prestito fino al 30% dello stock di prestiti idonei al 28 febbraio 2019 ad un tasso indicizzato al tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali nel corso della durata di ciascuna operazione», spiega la Bce aggiungendo che come nel caso del programma Tltro, il Ttro-III «offrirà incentivi per mantenere condizioni di credito favorevoli. Ulteriori dettagli sui termini precisi di Tltro-III saranno comunicati a tempo debito». Le operazioni di prestito dell’Eurosistema continueranno a essere condotte come procedure di asta a tasso fisso con piena aggiudicazione per il tempo necessario e almeno fino alla fine del periodo di mantenimento della riserva a partire dal marzo 2021.

Tassi su livelli attuali fino a fine 2019

Il Consiglio direttivo della Bce ha deciso di lasciare i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al −0,40%. «Il Consiglio direttivo – si legge nel comunicato di fine vertice – si attende che i tassi di interesse di riferimento della Bce si mantengano su livelli pari a quelli attuali almeno fino alla fine del 2019 e in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine». Con questa formula la Bce modifica la guidance sui tassi che fino alla precedente riunione erano previsti sui livelli attuali solo fino «all’estate del 2019». Per quanto riguarda le misure non convenzionali di politica monetaria, il Consiglio direttivo conferma che «intende continuare a reinvestire, integralmente, il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del programma di acquisto di attività per un prolungato periodo di tempo successivamente alla data in cui inizierà a innalzare i tassi di interesse» e in ogni caso «finché sarà necessario per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario».