Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Politici, Trump, Unione Europea

Ambasciatore Usa Grenell chiede spiegazioni allo Spiegel.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-24.

2018-12-23__Spiegel__001

Il problema è, o dovrebbe, essere noto.

Spiegel. Centrale operativa liberal di fake news nel mondo. Lo dicono loro. – Spiegel.

«Claas Relotius committed his deception intentionally, methodically and with criminal intent. For example, he included individuals in his stories who he had never met or spoken to, telling their stories or quoting them. Instead, he would reveal, he based the depictions on other media or video recordings»

* * * * * * *

Se il caso Relotius fosse accaduto in una testata ragionevolmente obiettiva, per esempio la Frankfurter Allgemeine Zeitung, alla unanime condanna dell’operato di Herr Claas Relotius si sarebbe associato un commento di solidarietà per la redazione, colpevole al massimo di non aver sorvegliato a sufficienza quel reporter.

Invece lo scandalo è sorto in seno alla Spiegel, una delle testate più visceralmente liberal di questo mondo:

L’ambiente culturale e politico dello Spiegel è il prototipo dell’incubatore di fake news: la redazione non poteva non sapere, sempre che essa non ne fosse anche la mandante.

Tutti gli articoli dello Spiegel trasudano e grondano ideologia liberal e demonizzazione ad ogni costo dell’avversario politico vissuto come nemico mortale da uccidere con ogni possibile mezzo.

Ecco un florilegio di titoli dello Spiegel.


A .38-Caliber Rosary The Dangerous New Face of Salvini’s Italy

«Shots fired at foreigners, assaults on minorities, neo-fascist marches: Italy’s extreme right wing feels emboldened by the country’s new leadership. Many are pointing fingers at Interior Minister Matteo Salvini»

Stranieri presi a pistolettate in Italia?? E quando mai??

Dito puntato su Mr Salvini?? Ma se sta volando nelle propensioni al voto!!

*

Addressing the Inevitable: Preparations Begin for the Climate Change Deluge

«Global sea levels are rising steadily as a result of climate change and the IPCC believes the deluge has already begun. What will it mean for humankind? And what changes will this bring to our coasts and our way of life?»

Ma i redattori dello Spiegel non si ricordano quando in terza liceo avevano studiato i teoremi di incompletezza di Kurt Gödel, per cui nessun sistema di assiomi coerente può essere completo?

Il peccato mortale dello Spiegel, come peraltro quello degli ideologi liberal e socialisti, consiste nel credere come credo religioso che esista la verità scientifica e che questa sia assoluta. Come corollario, loro ne sarebbero i depositari: saccenti depositari. Questa assunzione è falsa.

* * * * * * *

«US Ambassador to Germany Richard Grenell on Friday demanded an independent investigation into a German journalist who was caught making up key details in a series of reports for Der Spiegel news magazine»

*

«He said the revelations “are troubling to the US Embassy, particularly because several of these fake stories focused on US policies and certain segments of the American people.”»

*

«He said he wrote to the editors of the respected news weekly calling for an “independent and transparent investigation.”»

*

«He said it was clear the US had been the victim of institutional bias at the magazine, saying the outlet encouraged anti-American reporting, particularly since Donald Trump was elected president»

*

In almeno una cosa però lo Spiegel non mente: un malignasso avrebbe potuto dire, per caso.

«We apologize to all American citizens who have been insulted and denigrated by these reports. We are very sorry. That should never have happened,” Der Spiegel‘s Dirk Kurbjuweit wrote.

“However, I would like to contradict you on one point. If we criticize the American president, it is not anti-Americanism, but criticism of the policy of the man in the White House»

* * * * * * * *

Una indagine svolta da parte terza sarebbe il meglio possibile per dirimere la situazione.

Notiamo tuttavia il persistere della mezogna.

«criticism of the policy of the man in the White House»

Una cosa è esprimere perplessità e/o discordanza politica: questa è cosa corretta, lecita e benvenuta.

Una cosa invece totalmente differente è il clima di odio verso la persona di Mr Trump che trasuda da tutti gli articoli dello Spiegel.

Se lo Spiegel volesse essere rispettato per le idee che sostiene, altrettanto dovrebbe fare con quelle degli altri

Non si vede perché Mr Trump debba essere trattato come un incolto visionario oscurantista perché è convinto che il ‘clima’ sia un problema inesistente, sollevato ad arte dai liberal per trarne illeciti guadagni: non è un eretico, anche perché il ‘clima’ non è oggetto di fede. Scambiando i termini, i visionari incolti ed oscurantisti sono i liberal della redazione dello Spiegel.

Invece che a Mr Trump, la redazione dello Spiegel farebbe bene a controllare meglio l’operato dei suoi redattori.


Deutsche Welle. 2018-12-22. US ambassador to Germany demands Spiegel fake news investigation

Richard Grenell has demanded an investigation after a journalist for a respected news weekly in Germany was caught falsifying reports from the US. The magazine has rejected claims of anti-Americanism.

*

US Ambassador to Germany Richard Grenell on Friday demanded an independent investigation into a German journalist who was caught making up key details in a series of reports for Der Spiegel news magazine.

He said the revelations “are troubling to the US Embassy, particularly because several of these fake stories focused on US policies and certain segments of the American people.”

He said he wrote to the editors of the respected news weekly calling for an “independent and transparent investigation.”

Anti-American bias

He said it was clear the US had been the victim of institutional bias at the magazine, saying the outlet encouraged anti-American reporting, particularly since Donald Trump was elected president. 

Journalist Claas Relotius, 33, resigned after admitting to making up stories and inventing protagonists in more than a dozen articles in the magazine’s print and online editions. Since then, other outlets the freelancer wrote for, such as Die Welt and Die Zeit, have been poring over their articles. 

Spiegel responds

On Friday, Der Spiegel published a letter in response to Grenell’s requests.

“We apologize to all American citizens who have been insulted and denigrated by these reports. We are very sorry. That should never have happened,” Der Spiegel‘s Dirk Kurbjuweit wrote.

“However, I would like to contradict you on one point. If we criticize the American president, it is not anti-Americanism, but criticism of the policy of the man in the White House. Anti-Americanism is deeply foreign to me and I am absolutely aware of what Germany owes to the United States: a great deal. At Spiegel, there is no institutional bias towards the USA.

“You suggest that in other cases, too, there has been erroneous reporting about your country. Please tell us about these cases and we will investigate them immediately,” Kurbjuweit wrote.

One of the cases that particularly infuriated the Americans was a story where Relotius claimed to have visited a small American town to find out why people there had voted for Trump. He fabricated major elements of the story including people, quotes and geographical details. In another story he wrote about a woman who watches executions in America. In that case the woman does exist, but they only met briefly and he invented large portions of the story. In another case he wrote about a civilian militia on the border with Mexico in which he made up quotes and details.

On Saturday Der Spiegel published a 23-page special report on how the award-winning reporter, faked stories for years. It said the deceit was the “worst thing that can happen to an editorial team.” It also apologized for the mistake and promised to “do everything to boost our credibility again.”

Grenell bites back

Grenell later shared what he saw as examples of anti-American bias at the magazine.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Politici, Trump

UN. Trump è quasi arrivato a controllare la maggioranza qualificata.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-13.

Donald Trump photographed at Trump Tower in NYC

Le bottiglie possono essere viste come mezze vuote oppure mezze piene, dipende soltanto dall’ottica con la quale esse siano valutate: sono ambedue veritiere se prese alla lettera, ma una è verosimilmente falsa nella sostanza.

Se la bottiglia fosse stata aperta e la si stesse bevendo, l’essere a metà sarebbe l’annuncio della fine.

Se invece si stesse riempiendo la bottiglia, l’essere arrivati alla metà sarebbe l’annuncio che si sta per terminare il lavoro.

Identico livello, opposti contenuti logici. Differenti quindi le interpretazioni e, di conseguenza, le successive operazioni da intraprendere.

Con l’avvento di Mr Trump alla Presidenza degli States, paesi membri e burocrati delle Nazioni Unite, molti dei quali sono intensamente liberal socialista, gli opposero fiera resistenza. Poi, ovviamente, vi erano e vi sono stati in aperto contrasto con gli Stati Uniti, ma questo fa parte del gioco.

I russi non voterebbero una mozione americana nemmeno se questa constatasse che la terra è rotonda. E viceversa. Il vero problema resta quindi il controllo di tutti gli stati minori.

Il tempo non è trascorso invano, e molte cose stanno mutando.

*

«Schiaffo all’amministrazione Trump all’assemblea generale dell’Onu, dove l’ambasciatrice Nikki Haley non è riuscita a far passare una mozione che avrebbe condannato per la prima volta il movimento islamista Hamas, che controlla Gaza»

*

«Prima della votazione, il Kuwait aveva proposto e ottenuto che fosse applicata la regola dei due terzi , nonostante la viva opposizione della Haley: la proposta era passata con 75 sì e 72 no, e 26 astensioni»

*

«Il voto sulla mozione ha incassato 87 sì, 57 no, con 33 astensioni.»

* * * * * * *

Se sicuramente gli Stati Uniti hanno non sono riusciti a bloccare la richiesta del Kuwait di votare a maggioranza dei due terzi, passata con 75 sì e 72 no, e 26 astensioni, sarebbe altrettanto vero che la proposta americana di condanna per Hamas abbia ottenuto 87 sì, 57 no, con 33 astensioni.

Due anni or sono in seno alla Nazioni Unite gli Stati Uniti erano in netta minoranza, riuscendo a raccogliere a stento una trentina di voti a loro favore.

Ad oggi invece sono in grado di coagulare 72 voti contro 75 su una votazione procedurale ed 87 contro 57 su di una votazione politica particolarmente spinosa, quale la condanna di Hamas.

Se è vero che Mr Trump ha fallito lo scopo primario di fare approvare la propria tesi, sarebbe altrettanto vero ammettere che abbia passato la maggioranza semplice e sia ad un filo da quella dei due terzi.

È questo un progresso diplomatico non da poco.

*

Si tenga anche presente come gli Stati Uniti stiano defilandosi dalle Nazioni Unite. Citiamo un esempio per tutti.

Gli Stati Uniti escono dal Consiglio dei diritti umani dell’Onu

*

Riprendendo in conclusione l’esempio della bottiglia, suggeriremmo di leggere questo articolo.

Onu-Hamas, la triste uscita di scena del “falco Nikki”. E ora tocca a Heather

«Una sconfitta bruciante nella sua ultima battaglia al palazzo di Vetro. L’ultima battaglia di Nikki Haley, l’ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite che a fine anno lascerà – lei dice per sua scelta – la carica E lo farà con una risoluzione, proposta dagli Stati Uniti, bocciata. Ieri l’Assemblea generale ha bocciato la mozione Usa che chiedeva la condanna di Hamas per il lancio di razzi verso il territorio israeliano e per incitamento alla violenza. Servivano i due terzi dei voti in Assemblea per farla passare, ma la risoluzione ha ottenuto solo 87 sì, contro 57 no e 33 astensioni. Non sono servite le parole di Haley che poco prima del voto definiva Hamas “il più ovvio e grottesco caso di terrorismo del mondo”.

“L’Assemblea Generale ha approvato oltre 700 risoluzioni che condannano Israele. E non una sola risoluzione che condanna Hamas. Questo, più di ogni altra cosa, è una condanna delle stesse Nazioni Unite”, ha sostenuto nel suo intervento l’ambasciatrice statunitense. Tra i 57 contrari, oltre alla totalità dei Paesi arabi, si sono schierati anche Cina, Russia, Iran, Cuba e Venezuela. L’India, che pure negli ultimi tempi si è avvicinata allo Stato ebraico, si è astenuta. Washington è invece riuscita a incassare l’appoggio dei membri dell’Ue e degli alleati fedeli come Giappone, Canada e Australia oltre a numerose nazioni dell’America Latina tra cui Messico, Argentina, Brasile e Colombia.»

*

Molto più cauto invece il The New York Times, il cui articolo è allegato in calce.


Ansa. 2018-12-07. Non passa a Onu a mozione contro Hamas

WASHINGTON, 7 DIC – Schiaffo all’amministrazione Trump all’assemblea generale dell’Onu, dove l’ambasciatrice Nikki Haley non è riuscita a far passare una mozione che avrebbe condannato per la prima volta il movimento islamista Hamas, che controlla Gaza. Prima della votazione, il Kuwait aveva proposto e ottenuto che fosse applicata la regola dei due terzi , nonostante la viva opposizione della Haley: la proposta era passata con 75 sì e 72 no, e 26 astensioni. Il voto sulla mozione ha incassato 87 sì, 57 no, con 33 astensioni.


The New York Times. 2018-12-07. In Blow to Haley, U.N. Rejects Measure Condemning Hamas

The United Nations General Assembly on Thursday rejected a resolution proposed by the United States to condemn the Islamic militant group Hamas for violence against Israel. The rejection was a blow to the American ambassador, Nikki R. Haley, who had positioned the measure as a capstone of her tenure.

In remarks before the vote, Ms. Haley characterized the resolution as an opportunity for the 193 member states of the General Assembly to put themselves on the side of “truth and balance.”

Though the body has voted many times to condemn Israel, never once has it passed a resolution critical of Hamas, an organization Ms. Haley described as one of the “most obvious and grotesque cases of terrorism in the world.”

“Today could be a historic day at the United Nations or it could be just another ordinary day,” said Ms. Haley, who announced in October that she would be resigning, perhaps by year’s end.

Since 2007, Hamas has exercised political control over the Gaza Strip, a sliver of land along the Mediterranean Sea where about two million Palestinians live in grinding poverty. This year, a series of anti-Israel protests along Gaza’s border with Israel turned violent, with Israeli security forces killing seven Palestinians in a single day in October.

Hamas militants have fired hundreds of rockets into Israel, often hitting civilian areas. They also have employed a new kind of weapon: kites armed with incendiary devices, sometimes painted with Nazi symbols, that have burned Israeli farmland.

Although a plurality of the General Assembly member countries voted in favor of the measure, a procedural maneuver by a group of Arab countries, led by Kuwait, required a two-thirds majority for the measure to pass.

The tally was 87 in favor to 58 opposed, with 32 abstentions.

Danny Danon, Israel’s ambassador, characterized the vote as a victory that had been “hijacked by a political procedure.” He praised the members that supported the measure, and said those that did not should be ashamed.

“Wait when you will have to deal with terrorism in your own countries,” he said. “Your silence in the face of evil revealed your true colors.”

The resolution, which would have condemned the use of rockets and other weapons against Israeli civilians and demanded a cessation of violence by Hamas and other militant groups, was largely symbolic. It would have had no bearing on negotiations toward a final settlement of the Israeli-Palestinian conflict.

The peace process has been paralyzed while the Trump administration completes a long-awaited and secretive proposal, led by President Trump’s son-in-law, Jared Kushner.

United Nations diplomats, including close allies of the United States, have largely been kept in the dark about the details of the proposal. It is unclear when Mr. Kushner plans to unveil it.

None of that may even matter. The Palestinians say they have lost faith in the Trump administration’s ability to be a neutral arbiter and have signaled that they may refuse to negotiate regardless of what Mr. Kushner’s plan offers them.

Palestinian officials were incensed by Mr. Trump’s decision last year to move the American Embassy in Israel from Tel Aviv to Jerusalem, a move they feared could undermine their efforts to establish East Jerusalem as the capital of a future Palestinian state.

They also were angered by the administration’s decision to cut funding in August to the United Nations agency that provides aid to millions of Palestinians classified as refugees.

Mr. Kushner played a decisive role in that decision, arguing that cutting the aid would pressure Palestinians to negotiate. Ms. Haley suggested that the aid cuts were punishment for Palestinian leaders who she said continually “bash America.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Politici

Usa. Corsa per il Senato. Chi mai se lo sarebbe potuto immaginare?

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-31.

2018-10-29__Usa

«Elizabeth Warren, Kamala Harris accused of breaking fundraising rules over Kavanaugh vote»

*

«A watchdog group filed a Senate ethics complaint Monday against Sens. Kamala Harris and Elizabeth Warren for sending out fundraising emails asking for donations to support their votes against Justice Brett M. Kavanaugh — even before they cast their votes against him.»

*

«While voting and then asking supporters to back that decision with cash is common, the watchdog group, the Foundation for Accountability and Civic Trust (FACT), says asking for money ahead of time crosses the line into vote-buying»

*

«FACT asked the Senate ethics committee to probe fundraising emails sent by Ms. Warren, Massachusetts Democrat, and Ms. Harris, California Democrat»

*

«The Senate’s rules prohibit senators “cashing in” on using their official positions for personal gain.»

*

«“This is a clear violation of the Senate Ethics rules which safeguard against the appearance or actuality of elected officials ‘cashing in’ on their official position for political purposes,”»

* * * * * * *

Per la cronaca, la sen Kamala Devi Harris (Oakland, 20 ottobre 1964) è una politica statunitense. È una delle due senatrici per lo Stato della California (assieme a Dianne Feinstein), ed è un’esponente del Partito Democratico.
Nel 2016 si candida alle elezioni per il Senato per succedere a Barbara Boxer che aveva annunciato il suo ritiro dopo 24 anni come senatrice. Il 7 giugno risulta nettamente la più votata nelle cosiddette jungle primaries della California a cui partecipano i candidati di tutti i partiti e che ammettono i due candidati più votati alle elezioni generali di novembre.
L’8 novembre sconfigge l’altra democratica Loretta Sanchez con il 62.5% dei voti, nelle prime elezioni senatoriali della storia della California a cui non partecipano candidati repubblicani, diventando la seconda donna afroamericana e la prima indo-americana ad essere eletta al Senato. 

Chi mai se lo sarebbe potuto immaginare?

Raccogliere denaro per poi votare contro la nomina di Sua Giustizia Kavanaugh?

Bei tomi queste senatrici democratici/che.


The Washington Times. 2018-10-29. Elizabeth Warren, Kamala Harris accused of breaking fundraising rules over Kavanaugh vote

A watchdog group filed a Senate ethics complaint Monday against Sens. Kamala Harris and Elizabeth Warren for sending out fundraising emails asking for donations to support their votes against Justice Brett M. Kavanaugh — even before they cast their votes against him.

While voting and then asking supporters to back that decision with cash is common, the watchdog group, the Foundation for Accountability and Civic Trust (FACT), says asking for money ahead of time crosses the line into vote-buying.

FACT asked the Senate ethics committee to probe fundraising emails sent by Ms. Warren, Massachusetts Democrat, and Ms. Harris, California Democrat.

Ms. Warren’s email said she was demanding a delay on the judge’s confirmation vote and asked for donations for her 2018 election campaign, while Ms. Harris’s emails detailed several of her actions as a member of the Judiciary Committee, including her questioning of the president’s pick for the high court, and asking for contributions.

The Senate’s rules prohibit senators “cashing in” on using their official positions for personal gain.

FACT said that linking a promise of official action with campaign contributions violates that principle.

“This is a clear violation of the Senate Ethics rules which safeguard against the appearance or actuality of elected officials ‘cashing in’ on their official position for political purposes,” said Kendra Arnold, executive director of FACT.

Spokespersons for Ms. Harris and Ms. Warren didn’t immediately return a request for comment.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Politici, Unione Europea

Fondi europei utilizzati al solo 3% e grandi opere bloccate dalla burocrazia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-12.

Burocrazia 827

Les Douze Travaux d’Astérix. Lasciapassare A38. 


Grandi Opere al rallentatore: 8 anni persi in burocrazia. Ecco i 5 casi eclatanti

«Per realizzare un’opera medio-grande servono 15 anni e 8 mesi. Solo il 45,7% dei tempi sono spesi per progettazione, gare e lavori. Il 54,3% (8,5 anni) si perdono per inerzia burocratica. Tav Torino-Lione sospesa in attesa dell’analisi costi-benefici del Governo. Nel 1992 Francia e Italia firmano l’intesa per il tunnel di base. Nel 1994 l’opera è progetto prioritario delle Reti transeuropee TEN-T. Per l’alta velocità Milano- Venezia la tratta Brescia-Padova sarà completata nel 2028. Dunque 37 anni dopo la prima pianificazione e 33 dopo l’inizio della progettazione. E dopo 25 anni di cantieri. Progetto tormentato quello della nuova pista dello scalo di Firenze. Il primo progetto della pista parallela all’autostrada A11 è del 1987, firmato dall’architetto Nustrini per l’allora gestore Saf. Nessuna pietra è stata posta per dare vita all’autostrada Roma-Latina e risolvere il nodo dell’imbuto della Pontina. La gara bandita nel 2011 è bloccata dai ricorsi. È atteso il pronunciamento definitivo del Consiglio di Stato. Una storia infinita quella del raddoppio della statale 275 Maglie-Santa Maria di Leuca. Dopo 14 anni di battaglia legale il cantiere non è ancora partito.»

* * *

«Dopo 14 anni di battaglia legale il cantiere non è ancora partito.»

La burocrazia non è una inevitabile calamità naturale. Essa è il frutto di un corpo di leggi, norme e regolamenti divenuti nel tempo talmente numerose e complesse da impedire di fatto qualsiasi funzionamento produttivo.

La burocrazia è uno strumento generato dalla classe politica legiferante: non esiste visiona statalista, statolatria, che non abbia ipertrofizzato la burocrazia.

Leggi e norme dovrebbero essere fatte per il Cittadino, non il Cittadino per le leggi e le norme.

Cerchiamo nel limite del poco spazio disponibile di chiarire meglio questo concetto.

Ponte Morandi ed il problema della burocrazia.

«Ogniqualvolta lo stato promulga una legge, un regolamento, un provvedimento qualsivoglia nome esso assuma, ne deriva immediatamente la necessità di istituire un corpo di burocrati che applichino tale provvedimento, affiancati da un corpo di funzionari che lo facciano rispettare. Talora simili incombenze sono demandate a corpi già sussistenti, ma in ogni caso i loro organici necessiteranno di adeguamenti.

Burocrati e funzionari applicano, meglio dovrebbero applicare, i provvedimenti emanati.

Molte sono le conseguenze.

Esse spaziano dal problema dei costi gestionali – burocrati e funzionari necessitano di mezzi materiali e percepiscono uno stipendio – fino al problema sostanziale che è loro delegato un potere decisionale spesso di vitale importanza per lo stato.

Per essere ancor più chiari: il Governatore della Banca Centrale si assume la responsabilità di agire in un settore vitale per la nazione, e le sue decisioni coinvolgono tutti i Cittadini, dal primo all’ultimo.

Se da molti punti di vista un potere decisionale di tale portata dovrebbe essere esclusivo appannaggio di persone elette su base di suffragio popolare, da altri punti di vista emerge evidente la totale impraticabilità di una gestione assembleare di tutta la cosa pubblica. Non a caso deputati e senatori sono eletti in delega di potere. Ad impossibilia nemo tenetur.

*

Il nodo sostanziale è quindi la filosofia che impronta le leggi ed il modo in cui esse siano implementate.

Si scontrano nei fatti due visioni opposte.

*

Secondo una visione, che potremmo etichettare in modo grossolanamente sommario come ‘di sinistra’, lo stato avrebbe diritto e dovere di regolamentare ogni attività pubblica e privata, fin nei dettagli. La conseguenza che ne deriva è la necessità di un corpo di burocrati e funzionari in continua espansione: una crescita che si auto sostiene, fino a raggiunger il fatidico momento della paralisi. Questo era, paradossalmente, la situazione delle finanze francesi nel periodo prerivoluzionario: in campo fiscale erano in essere oltre 120,000 leggi, tutte contrastanti tra di esse, nei fatti impossibili da applicare e rispettare. La rivoluzione francese ne fece piazza pulita, ricorrendo anche all’opera persuasiva della ghigliottina.

Un altro esempio potrebbe essere l’Unione Sovietica, implosa alla fine quando il numero dei burocrati era diventato cinque volte maggiore degli addetti al comparto produttivo.

*

Secondo l’altra visione, diciamo ‘di destra’ anche se sia definizione epidermica, meno lo stato legifera e meno regolamenta più efficiente sarebbe la gestione della cosa pubblica. Grosso modo, questa sarebbe la visione di quanti sostengono la necessità dello stato minimo. Lo stato dovrebbe soltanto limitarsi a sorvegliare quanto accada, regolamentando solo in base a codice civile e codice penale. Il Cittadino secondo questo modo di intendere le cose è libero di fare ciò che sia più opportuno per il suo vivere sociale ed economico, nei limiti imposti da leggi del tutto generali, e quindi chiare e facilmente applicabili.

*

Il discrimine reale è il concetto di libertà personale. Nella visione di sinistra, statalista, la libertà personale è ridotta al punto tale che quasi non esista, in quella di destra si è effettivamente liberi ma non certo onnipotenti: si è in pratica liberi di agire rettamente.»

* * * * * * * *

Burocrazia 829

L’analisi del male italiano, cui corrisponde l’analogo dell’Unione Europea, è banalmente semplice.

Fino a tanto che non si abroghino leggi, normative e regolamenti, centrali oppure periferiche, la giungla burocratica continuerà a bloccare implacabilmente ogni iniziativa, anche quella ampiamente dotata di fondi.

In poche parole, per sopravvivere è necessario smantellare tutta la concezione statocentrica eretta da decenni di governi di centrosinistra, assertori delle ideologie liberal e socialista.

* * * * * * *

«Quei miliardi europei per le infrastrutture che l’Italia da anni fa fatica a spendere. Il caso degli aiuti allo sviluppo (Fesr): assegnati al 70%, ma finora usati al 3% »

*

«Milioni e milioni di euro a disposizione. Da spendere per nuove strade, autostrade, linee ferroviarie, per esempio. Fondi studiati per migliorare e ammodernare ogni Paese dell’Unione europea. E anche per realizzare una grande rete di trasporti capace di collegare tutti gli Stati. E aiutare soprattutto le aree più in difficoltà. Soldi che ci sono, che sono previsti e che però vanno utilizzati, altrimenti si rischia di perderli»

*

«Basti pensare che per il periodo 2014-2020 l’Italia ha diritto a 44,6 miliardi di fondi Ue, ma dei vari finanziamenti a disposizione finora ha speso solo piccole percentuali, con una media che raggiunge il 5%.»

*

«è proprio la natura dei fondi strutturali a renderli impossibile da spenderli»

*

«Ed entro il 2030 sono previsti 750 miliardi di fondi per la Rete di trasporto transeuropea (TEN-T). Dai fondi Cef arrivano i 481 milioni per la Tav Torino-Lione e i 590 per il nuovo tunnel del Brennero. Ma sono altri già finanziati, tra cui l’hub del porto di Ravenna e il «Gainn4Sea» per lo sviluppo dei porti marittimi dell’Europa meridionale.»

Burocrazia 828

* * * * * * *

La situazione presenta stringenti analogie con quella della Francia subito a ridosso della rivoluzione. Nel solo settore finanziario e regime fiscale, erano in essere 120,000 leggi differenti: il sistema era semplicemente bloccato e lo stato non riusciva nemmeno a levare le imposte e le tasse. Impossibile da essere riformato, il governo rivoluzionario abrogò semplicemente tutto il corpo legislativo in essere. Inutile dire i tumulti che ne seguirono, spesso anche molto violenti, ma un largo uso della ghigliottina fece rientrare tutti nei ranghi.

Orbene. Nessuno si faccia illusioni, nemmeno una piccina piccina.

Qui, o si abroga tutta la legislazione pregressa e la si sostituisce da norme snelle e gestibili, oppure alla fine si arriverà al bagno di sangue.

«I romani, il cui stato ha retto per oltre millequattrocento anni, da persone pratiche qual loro, avevano istituito la carica del Curator, il Curatore. Costui, di carica elettiva, presiedeva uno specifico compito, con amplissima facoltà operativa, rispondendo a fine mandato con la propria testa e con i  proprio patrimonio di una eventuale gestione incongrua. Si potrebbe citare, ma solo a titolo di esempio, il Curator alvei Tiberis et riparum et cloacarum. Nel suo trattato De aquaeductibus urbis Romae Sestio Giulio Frontino descrive in dettaglio i poteri concessi al Curator e quanto il Senato lo sorvegliasse e, nel caso, pigliasse anche provvedimenti disciplinari drastici. La filosofia era quella di lasciarlo fare liberamente: premiarlo, e molto bene, se avesse operato in modo saggio, decapitarlo se avesse fallito la sua missione.»

*

Nessuno intende far fretta al Governo né pretende che possa metter mano a tutti i problemi in tempi rapidi. Ma la via da seguire dovrebbe essere sufficientemente chiara.


Corriere. 2018-08-18. Quei miliardi europei per le infrastrutture che l’Italia da anni fa fatica a spendere

Il caso degli aiuti allo sviluppo (Fesr): assegnati al 70%, ma finora usati al 3%

*

Milioni e milioni di euro a disposizione. Da spendere per nuove strade, autostrade, linee ferroviarie, per esempio. Fondi studiati per migliorare e ammodernare ogni Paese dell’Unione europea. E anche per realizzare una grande rete di trasporti capace di collegare tutti gli Stati. E aiutare soprattutto le aree più in difficoltà. Soldi che ci sono, che sono previsti e che però vanno utilizzati, altrimenti si rischia di perderli. Basti pensare che per il periodo 2014-2020 l’Italia ha diritto a 44,6 miliardi di fondi Ue, ma dei vari finanziamenti a disposizione finora ha speso solo piccole percentuali, con una media che raggiunge il 5%.

Qualche esempio: degli oltre 21 miliardi del Fondo per lo sviluppo regionale (Fesr), 1 miliardo e 382 milioni è per le infrastrutture (un altro miliardo è invece per i trasporti), ma nel 2017 solo il 3% è stato speso, anche se il 71% è comunque stato assegnato. La maggior parte è stato destinato alle regioni del Sud — Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia — dove, con altri fondi nazionali, viene finanziato il Programma operativo nazionale (Pon) Infrastrutture e Reti, cioè il potenziamento delle linee ferroviarie dello snodo di Palermo e Napoli, o l’adeguamento della linea tirrenica Battipaglia-Reggio Calabria, o il potenziamento del porto di Salerno. A che punto sono i lavori? A buon punto, sembra: 57 interventi sono stati ammessi e il 79% dei progetti iniziati sono conclusi. Però solo il 7% è stato effettivamente liquidato.

Sempre per quanto riguarda il Fesr, nel 2017, degli oltre 21 miliardi a disposizione, ne è stato speso solo il 10%, la media europea è del 16%. «Ma è proprio la natura dei fondi strutturali a renderli impossibile da spendere», interviene Nicola Rossi , economista e presidente dell’Istituto Bruno Leoni: «Nel nostro Paese quelle cifre non potranno essere mai spese, è impossibile far gestire alle Regioni infrastrutture sovraregionali». La ferrovia Napoli-Bari «è una questione sovranazionale, non riguarda solo Campania e Puglia e una volta che si decide di farla non può essere lasciato tutto solo alle due regioni». Meglio, invece «decidere a livello nazionale», un sistema anche per velocizzare e riuscire a realizzare progetti di più ampio respiro. Come è successo in Polonia, Spagna e Portogallo: «Loro — dice ancora Rossi — hanno capito come utilizzare i fondi europei e lo stanno facendo per grandi progetti che ammodernano il Paese». Nel caso italiano, invece, spesso quando si avvicina la scadenza dei termini per partecipare ai bandi e si rischia di perdere i finanziamenti ecco spuntare i cosiddetti «progetti sponda», piccole opere a livello locale tenute nel cassetto pronte ad essere tirate fuori all’ultimo momento disponibile pur di ottenere qualche soldo europeo.

Ma l’Europa ha bisogno di pensare in grande e per realizzare una rete transeuropea nei trasporti, nell’energia e nelle telecomunicazioni c’è il Cef, Connecting Europe Facility, che mette a disposizione 24 miliardi di euro per i trasporti favorendo investimenti per progetti a livello europeo avvalendosi anche di finanziamenti privati. Ed entro il 2030 sono previsti 750 miliardi di fondi per la Rete di trasporto transeuropea (TEN-T). Dai fondi Cef arrivano i 481 milioni per la Tav Torino-Lione e i 590 per il nuovo tunnel del Brennero. Ma sono altri già finanziati, tra cui l’hub del porto di Ravenna e il «Gainn4Sea» per lo sviluppo dei porti marittimi dell’Europa meridionale.

Pubblicato in: Sistemi Economici, Sistemi Politici

Arridateci il vecchio caro Demetriano.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-17.

2018-08-17__Ponti__001Ponte Sant’Angelo (nome ufficiale: ponte S. Angelo), noto anche come pons Aelius (ponte Elio), pons Hadriani (ponte di Adriano) o ponte di Castello, è un ponte che collega piazza di Ponte S. Angelo al lungotevere Vaticano, a Roma, nei rioni Ponte e Borgo.
Fu costruito a Roma nel 134 dall’imperatore Adriano per collegare alla riva sinistra il suo mausoleo. Si tramanda il nome dell’architetto Demetriano.

Ha resistito agli imperatori romani, al sacco di Roma del 410, a quello dei lanzichenecchi del 6 maggio 1527, ai bombardamenti americani dell’ultima guerra. Ha retto tutte le ventisette esondazioni storicamente riportate del Tevere, oltre che ad undici terremoti.

È sopravissuto persino alle giunte di sinistra!

E funziona ancora egregiamente.

Al sodo: ridateci l’architetto Demetriano!

Nota.

Adriano era un fior di galantumo, che faceva decapitare gli archietti incapaci.

Pubblicato in: Amministrazione, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Karachi senza acqua pone il problema di cosa serva lo stato.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-17.

Pakistan 001

«Karachi, la più popolosa città del Pakistan, vive ormai da tempo il suo dramma: l’acqua potabile scarseggia. Di fatto, solo la metà dell’acqua necessaria – circa 2080 milioni di litri al giorno contro un fabbisogno di 4160 milioni – viene distribuita quotidianamente»

*

La vicenda di Karachi dovrebbe suggerire molti spunti di meditazione e ripensamenti.

Ma, forse, quello principale dovrebbe essere un ripensamento di cosa consista la funzione dello stato e della gestione della cosa pubblica.

La Repubblica prima e l’Impero Romano dopo ci hanno sicuramente tramandato una gloriosa storia militare e civile, ma altrettanto sicuramente sono ricordati per il loro impegno a costruire acquedotti, reti fognarie, argini fluviali, porti e strade. Gli acquedotti romani sono davvero imponenti.

Esattamente come i grandi stati dell’Europa ottocentesca si sono contraddistinti per aver concepito ed attuato grandiosi progetti di infrastrutture, dalla rete ferroviaria alle gallerie transalpine, alla costruzione di centrali elettriche e della rete di distribuzione, di grandi acquedotti e l’erezione di argini ai fiumi. Per non parlare delle bonifiche.

*

Riassumendo.

Ragion d’essere dello stato, al di là della difesa e degli interni, è la messa in opera di infrastrutture quali acquedotti e relative reti di distribuzione dell’ultimo miglio, efficienti reti fognarie, reti stradali, autostradali e linee ferroviarie, ivi comprese le alte velocità, aeroporti efficienti e funzionali, ben collegati ai centri urbani, porti allo stato dell’arte, ed una oculata politica energetica: tutti devono essere cllegati alla corrente elettrica. Queste sono le principali opere, che ovviamente non escludono quelle di importanza relativamente minore, meno vitali, quali, per esempio, la tutela del patrimonio artistico della nazione.

La lettura dei bilanci statali europei degli ultimi decenni è invece sconsolante.

Lo stato si è trasformato in un ammortizzatore sociale che elargisce stipendi per lavori non produttivi, garantisce pensioni e cerca di gestire alla meno peggio il welfare.

Nulla di cui stupirsi se alla fine sistemi di tal fatta si inceppano fino quasi a smettere di funzionare.

E questo è il quadro che abbiamo sotto i nostri occhi e che sta segnando il declino del continente.


Sole 24 Ore. 2018-06-10. A Karachi cronica carenza di acqua: 20 milioni di persone hanno sete

Una popolazione di oltre 20 milioni di persone se si comprende l’intero agglomerato urbano, un fiume come l’Indo –il terzo come portata di tutta l’Asia- che ha il suo delta a poche decine di chilometri di distanza dalla città, le acque del Mare Arabico che la lambiscono. Eppure Karachi, la più popolosa città del Pakistan, vive ormai da tempo il suo dramma: l’acqua potabile scarseggia. Di fatto, solo la metà dell’acqua necessaria –circa 2080 milioni di litri al giorno contro un fabbisogno di 4160 milioni- viene distribuita quotidianamente.

Le cause di questa penuria sono diverse. Non tutto può essere attribuito ai cambiamenti climatici in atto negli ultimi anni, che sicuramente hanno comunque contribuito in negativo alla situazione, ma esistono anche altre cause. Una delle principali è la scarsa attenzione da parte delle autorità cittadine e nazionali al problema della distribuzione dell’acqua e, come concausa e conseguenza, il crescere di quella che viene chiamata “water mafia”, con un vero e proprio mercato nero dell’acqua potabile, che viene distribuita attraverso autobotti a prezzi altissimi, che arrivano a 30 volte il prezzo ufficiale stabilito dalle autorità.

Il contraddittorio boom economico

Karachi è il centro industriale e finanziario più importante del Pakistan, e genera una percentuale a doppia cifra del prodotto interno lordo del Paese asiatico. Però, la sua crescita economica negli ultimi anni è, come spesso succede nei grandi agglomerati urbani nei Paesi emergenti, a macchia di leopardo: se il Pil reale dal 2000 al 2012 è cresciuto in medi a del 5,7% annuo, quelli pro capite ha avuto un incremento medio nello stesso periodo solo del 2,7%. Tra le cause, vi è una crescita fortissima della popolazione di anno in anno, con punte che raggiungono il 4,5%, dovuta in gran parte all’immigrazione dalle campagne. Karachi ha una densità di popolazione che raggiunge i 24.000 abitanti per chilometro quadrato: una delle più alte al mondo. E una delle cause del problema idrico della megalopoli è proprio l’enorme crescita della popolazione urbana: nel non lontanissimo 1947, gli abitanti erano solo 450.000. Far fronte a questa smisurata crescita è stata una sfida che, evidentemente, ha messo a durissima prova le infrastrutture cittadine, fra cui appunto la rete di distribuzione dell’acqua potabile.

Poche ore di acqua. E di acqua «cattiva»

Attualmente, gran parte della cittadinanza può usufruire dell’acqua di rubinetto solo per alcune ore al giorno, in particolare la notte. E, molto spesso, quando l’acqua esce dai rubinetti, è di pessima qualità, tanto da essere inutilizzabile non solo per essere bevuta, ma anche per l’igiene personale e per lavare i panni. La qualità dell’acqua è così scarsa da mettere a repentaglio la salute dei cittadini, con batteri tra cui l’Escherichia Coli, la cui presenza nelle acque potabili è un chiaro sintomo di contaminazione, e che può portare malattie di vario tipo. Di fatto, nell’intero Pakistan, le acque distribuite come potabili ma in realtà di pessima qualità, a cui è esposta il 65% della popolazione, sono una delle cause maggiori di morti e malattie, raggiungendo addirittura il 40%. A Karachi, la water mafia e le sue autobotti sono l’unica fonte per molte case prive di collegamento con gli acquedotti, costrette anche a dotarsi di pompe idriche di aspirazione per portare l’”oro blu” ai piani alti.

Inoltre, la penuria di acqua potabile non colpisce solamente la popolazione, ma anche strutture industriali, servizi e infrastrutture. Per esempio, l’aeroporto internazionale di Karachi, il più grande del Pakistan, avrebbe bisogno di circa tre milioni di litri d’acqua al giorno per operare al meglio, ma al conto mancano circa 1milione 900mila litri.

Perché le fonti non bastano

Una delle principali fonti di acqua pubblica della città, l’invaso del fiume Hub chiuso da una diga, ha subito negli ultimi anni gli effetti del climate change e del calo delle piogge monsoniche. Questo invaso deve fornire di acqua non solo la provincia di Sindh, ove è situata Karachi, ma anche quella di Balochistan, la più grande in dimensione di tutto il Pakistan, dove sono situati i terreni agricoli meno irrigati dalle piogge. L’altra fonte, il fiume Indo, sta subendo anch’essa dei problemi, dovuti al clima più caldo degli ultimi anni sulle catene dell’Himalaya e del Kakakorum, con conseguente riduzione della massa di molti ghiacciai che per millenni hanno alimentato il fiume.

Il progetto di un grande acquedotto

Le autorità pubbliche che gestiscono l’acqua della città da anni cercano una soluzione a un problema che, oltre ad essere diventato cronico, rischia di peggiorare di anno in anno. Ma le inefficienze del sistema di distribuzione dell’acqua, con acquedotti che perdono percentuali importanti del proprio contenuto durante il percorso verso la città, hanno impedito di fatto il miglioramento della situazione. Attualmente, è in corso di realizzazione il progetto K-4, un sistema di condutture idriche lunghe circa 120 chilometri che dovrebbero portare poco meno di 2.500 milioni di litri di acqua al giorno nell’area urbana prelevandola dal bacino del lago Keenjar. L’ultimamento del progetto è previsto per la fine di quest’anno, ritardi e lungaggini operative e burocratiche permettendo. Ma il problema, come abbiamo visto, è complesso e di difficile soluzione, e riguarda non solo l’approvvigionamento, ma anche la distribuzione, la burocrazia e la corruzione endemica diffusa da quelle parti. Il sesto più grande agglomerato urbano al mondo ha sete, e l’emergenza sanitaria è alle porte.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Populisti. Governano già il 41% del pil dei G-20. – Bloomberg.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-14.

Vincent-Van-Gogh-Vecchi-Scarponi1

Attenzione. Nell’articolo citato il termine “populista” definisce qualsiasi tipo di reggimento politico differente da quello occidentale tradizionale, liberal. È questa una definizione molto opinabile, ma la si deve accettare almeno durante la lettura dell’articolo allegato: in caso contrario risulterebbe impossibile comprenderlo.

L’autore ne da una descrizione: “to defend the common man against corrupt elites, offering common-sense solutions to complex policy debates, and national unity above cosmopolitan inclusion”. Per l’economia del presente discorso potrebbe essere considerata essere ragionevole.



«In the Group of 20, just 32 percent of gross domestic product is controlled by mainstream democratic parties, down from 83 percent in 2007»

*

«Over the same period, the power of populist parties’ has surged to 41 percent of GDP from 4 percent»

*

«That’s a significant shift in the way the world economy is run»

*

«At the heart of the rise of populism and authoritarianism is a failure by Western democracies to manage the forces unleashed by globalization and technology. The specific catalyst was the 2008 global financial crisis and the high unemployment that followed, which reflected the policy failures of mainstream parties»

*

«Populist parties — which claim to defend the common man against corrupt elites, offering common-sense solutions to complex policy debates, and national unity above cosmopolitan inclusion — have risen into the vacuum created by the financial crisis»

*

«the rise of China means authoritarian regimes, with strong central power and limited political freedom, are playing an expanded role»

*

«Non-democratic regimes: China, Russia, Saudi Arabia and Turkey are now managing 24 percent of the G-20’s GDP; indeed China accounts for almost 19 percent, up from 8 percent a decade earlier»

*

«High-quality regulation and government effectiveness correlate more closely with growth than democratic values like voice and accountability»

* * * * * * * *

Se i numeri sono chiari, le previsioni lo sono altrettanto.

International Monetary Fund World Economic Outlook (October – 2017)

Le proiezioni al 2022 danno la Cina ad un pil ppa di 34,465 (20.54%) miliardi di Usd, gli Stati Uniti di 23,505 (14.01%), e l’India di 15,262 9.10%) Usd. Seguono Giappone con 6,163 (3.67%),  Germania (4.932%), Regno Unito 3,456 (2.06%), Francia 3,427 (2.04%), Italia 2,677 (1.60%). Russia 4.771 (2.84%) e Brasile 3,915 (2.33%).

I paesi del G7 produrranno 46,293 (27.59%) mld Usd del pil mondiale, mentre i paesi del Brics renderanno conto di 59,331 mld Usd (35.36%).

* * *

In estrema sintesi, Bloomberg constata come i governi ad impronta liberal siano rimasti in pochi e con il controllo di una parte modesta del pil occidentale. Controllo che le recenti tornate elettorali hanno consegnato prevalentemente ai populisti. I populisti controllano infatti il 41% del pil contro il 32% dei liberal, qui designati come ‘democratici‘.

Tramonto non dell’Occidente ma della dottrina illuminista.

Questi dati pongono numerosi interrogativi, tutti di ampia portata. Ne focalizzeremo solo alcuni.

Se nel 2007 i partiti ‘democratici’ governavano l’83% del pil dei G-20, ad oggi ne governano il 32%.

Le così dette ‘democrazie‘ sono crollate in modo vistoso ed inconfutabile, franamento che non può essere imputato al solo vorticoso cresce dei paesi ex – emergenti.

È la struttura stessa degli stati occidentali ad essere diventata inidonea a gestire i tempi correnti.

Se si avesse anche solo per qualche istante il coraggio di guardare la realtà per quello che è e non per quello che si vorrebbe, la seguente enunciazione sembrerebbe davvero corretta:

«High-quality regulation and government effectiveness correlate more closely with growth than democratic values like voice and accountability»

I governi occidentali hanno strutture politiche e filiere decisionali obsolete, ridondanti, assurdamente lente.

Un solo esempio: i trattati del’Unione Europea, comprendendo appendici, circolari esplicative e via quant’altro, assommano a 170,000 pagine. Sono un tutto ingestibile, indipendentemente da chi sia al governo.

La così detta divisione dei poteri porta poi ad una conflittualità interna paralizzante.

Il suffragio universale obbliga ad ascoltare la volontà della maggioranza, che spesso ha difficoltà a vedere i problemi nella loro complessità e sembrerebbe essere incapace di procedere a ragionamenti sul lungo termine.

Il regime parlamentare poi impone spesso coalizioni contra natura e tempi decisionali dilatati nel tempo.

Tutti problemi di vasta portata, ma che se non saranno risolti in breve tempo, diverrebbe inutile risolverli.


Bloomberg. 2018-06-05. In G-20, 41% of GDP Controlled by Populists vs 4% in 2007

– Mainstream democratic parties now control 32% of G-20’s output

– Key catalyst is 2008 financial crisis and ensuing unemployment

*

Democrats’ sway in major economies is on the wane.

In the Group of 20, just 32 percent of gross domestic product is controlled by mainstream democratic parties, down from 83 percent in 2007, according to Tom Orlik at Bloomberg Economics. Over the same period, the power of populist parties’ has surged to 41 percent of GDP from 4 percent.

“That’s a significant shift in the way the world economy is run,” Orlik and Associate Economist Justin Jimenez said in a Global Insight article Tuesday. “So far it has not had a major negative impact on growth and financial stability. Maybe it’s only a matter of time?”

G-20 GDP Share by Governance, Labor Share of Income

At the heart of the rise of populism and authoritarianism is a failure by Western democracies to manage the forces unleashed by globalization and technology. The specific catalyst was the 2008 global financial crisis and the high unemployment that followed, which reflected the policy failures of mainstream parties.

Populist parties — which claim to defend the common man against corrupt elites, offering common-sense solutions to complex policy debates, and national unity above cosmopolitan inclusion — have risen into the vacuum created by the financial crisis.

Moreover, the rise of China means authoritarian regimes, with strong central power and limited political freedom, are playing an expanded role.

Top Parties in Western Democracies — Share of Vote

Non-democratic regimes: China, Russia, Saudi Arabia and Turkey are now managing 24 percent of the G-20’s GDP; indeed China accounts for almost 19 percent, up from 8 percent a decade earlier.

But it’s not time to pull out the “end is nigh” placards yet, Orlik said. For the G-20 as a whole, GDP growth accelerated to 3.8 percent in 2017, the fastest pace since 2011. In part, he said, that’s because populists got lucky: they fed off economic discontent from the financial crisis, but ultimately inheriting an upswing. The U.S. fiscal package and a pro-business stance in China and India are also helping.

But there’s more to it than dump luck and stimulus. Some aspects of good governance are more important for growth than others, Orlik said, adding this may be uncomfortable for democracy advocates.

Governance vs Growth — Breakdown

“High-quality regulation and government effectiveness correlate more closely with growth than democratic values like voice and accountability,” Orlik notes. “Looking at the G-20 in those terms, the trajectory on governance looks less alarming. Democratic standards are deteriorating, but quality of regulation and government effectiveness are more stable, even edging up in recent years.”

But, Orlik adds, government effectiveness and high-quality regulation are tough to maintain in the absence of policy debate and accountability for leaders. So he remains skeptical that the new rulers of the world’s major economies will be able to decouple long-term growth from the institutions that underpin good governance.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Se ‘più Europa’ significa discordia, allora ‘meno’ è meglio. – Handelsblatt

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-01.

Gufo_007__

Quando si riuscisse a togliersi il paraocchi delle ideologie, immediatamente le idee e le azioni umane cesserebbero di essere coatte in accordo ai dettami della ideologia di turno e sarebbero viste per quello che sono: utili oppure inutili, proficue o dannose, nel breve o nel lungo termine. L’ideale sarebbe anche giuste od ingiuste, ma questo sarebbe chieder troppo al genere umano.

Per l’empirista idee, teorie e le relative azioni altro non sono che mezzi per perseguire il proprio fine. Il mezzo, di per sé stesso, è neutro, è la finalità che lo caratterizza. Un coltello ben affilato sarebbe utile strumento per tagliare a fettine un salame stagionato, ma diventerebbe mezzo di iniquità se fosse usato per tagliare gole: ma il coltello non ci entra nulla con la finalità del suo uso.

Una cosa buona qua potrebbe essere dannosa là; una cosa buona ora potrebbe essere dannosa domani, e viceversa. Talora potrebbe essere utile nazionalizzare, talaltra privatizzare. Le ideologie sono rigide mentre la realtà è fluida e mutevole.

Infine, elemento quasi invariabilmente scotomizzato, esistono anche gli altri, che, ad esser generosi, tengono le nostre idee in non cale se non in uggia. Ed alla fine si fanno capire a colpi di cannonate.

*

Confindustria tedesca, specialmente la sua componente bavarese, sta diventando il pensatoio socio – politico -economico che vicaria l’attuale vuoto ideativo della politica.

Herr Andreas Kluth è editor-in-chief dell’Handelsblatt Global dal 2017.

«after writing for The Economist for twenty years. During that time he was most recently Berlin Bureau Chief and Germany Correspondent. Before that he covered the western United States from Los Angeles, technology and media from Silicon Valley, Asian business from Hong Kong, and finance from London. He got his B.A. from Williams College, Massachusetts, and his M.Sc. from the London School of Economics»

L’articolo allegato è breve, sintetico e denso di concetti: riportarli non implica certo il condividerli, ma conoscerli è pur sempre forma di onestà mentale.

Tuttavia le conclusioni alle quali perviene sembrerebbero essere condivisibili e, soprattutto, di sano buon senso.

«So this is a good occasion to ponder when European integration makes sense — and when it does not»

*

«In trade policy, ceding national sovereignty to Brussels was the best move Europe ever made»

*

«In foreign policy, even if member states retain sovereignty, the benefits of speaking with one voice are now obvious»

*

«In both areas, the more Europe, the better»

*

«But the EU has over the years spent vastly more energy on a different, inward-facing, integration project: currency union»

*

«This has not gone well, because national economies, like their inhabitants, have stubbornly refused “to converge” as instructed. This caused the euro crisis, which is now a latent but chronic condition.»

*

«Macron …. now wants the “fiscal union” …. to complete the monetary one. In that he speaks for the EU’s south. But Merkel, speaking for the north, is balking, because Germans fear a “transfer union” in which they would permanently subsidize southerners.»

*

«Integrating Europe’s money has thus brought neither strength nor harmony but permanent conflict, sometimes sublimated, sometimes open»

*

«When “more Europe” means discord,

in the long run, less is more.»

* * * * * * *

Dal nostro sommesso punto di vista, la conclusione cui perviene Herr Kluth sarebbe quella ottimale per comune buon senso.

«When “more Europe” means discord, in the long run, less is more.»

Per essere grande, l’Europa dovrebbe rinunciare ad essere immensa.


Handelsblatt. 2018-04-29. When “more Europe” is, and is not, the answer

In trade and diplomacy European integration is a blessing. Too bad the EU didn’t concentrate on that instead of integrating money, writes the editor-in-chief of Handelsblatt Global.

*

What pageantry America staged for Europe this week. First Emmanuel Macron, a French Jupiter abroad if not at home, dazzled Donald Trump and all Washington. Now Angela Merkel is flying in, not quite dazzling but still impressive in her sobriety, so rare around the White House these days.

Macron and Merkel are on a common mission. Meeting in Berlin a week earlier, they had coordinated their agenda vis-à-vis Trump. One goal was to talk him out of nixing the nuclear deal with Iran. Brokered largely by the Europeans, it is considered a triumph of EU diplomacy, however imperfect. But Mr. Trump appears bent on killing the deal by May 12. His reimposing of sanctions could push Iran toward a nuclear “breakout” akin to North Korea’s. That might provoke Saudi Arabia to build nukes, or even prompt preemptive strikes by Israel or America. If Trump still backs away from this perilous course, it will be thanks to Franco-German diplomacy this week.

Macron and Merkel are on a common mission.

A similar dynamic may yet temper Mr. Trump on trade. He has been rattling his protectionist saber mainly at China, but also at Europe. But on trade the EU28 negotiate as one, and Mr. Trump understands that kind of strength. During their visits, Macron (bad cop) and Merkel (good cop) subtly reminded him that a fight with Europe is a bad one to pick. That may not prevent Trump from slapping tariffs on the EU. But it frames the haggling that will follow.

So this is a good occasion to ponder when European integration makes sense — and when it does not. In trade policy, ceding national sovereignty to Brussels was the best move Europe ever made. In foreign policy, even if member states retain sovereignty, the benefits of speaking with one voice are now obvious. In both areas, the more Europe, the better.

But the EU has over the years spent vastly more energy on a different, inward-facing, integration project: currency union. This has not gone well, because national economies, like their inhabitants, have stubbornly refused “to converge” as instructed. This caused the euro crisis, which is now a latent but chronic condition.

Macron, as he reminded Merkel last week, now wants the “fiscal union” (a common budget for the euro zone) he deems necessary to complete the monetary one. In that he speaks for the EU’s south. But Merkel, speaking for the north, is balking, because Germans fear a “transfer union” in which they would permanently subsidize southerners.

Integrating Europe’s money has thus brought neither strength nor harmony but permanent conflict, sometimes sublimated, sometimes open. Old and ugly stereotypes have returned: about austere and haughty Germans, about dissolute and profligate southerners. When “more Europe” means discord, in the long run, less is more.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Finlandia. Bloccato in anticipo il reddito di cittadinanza.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-04-24.

Scandinavia 001

Se il termine di “reddito di cittadinanza” è ragionevolmente definito come una sorta di sussidio a pioggia sulle classi in difficoltà economiche, le proposte di come organizzarlo e strutturarlo sono davvero numerose.

«reddito di cittadinanza lanciato dalla Finlandia l’anno scorso: un progetto di due anni che coinvolge 2 mila cittadini disoccupati, che ricevono 560 euro al mese esentasse invece dei normali sussidi contro la disoccupazione»

*

«il governo finlandese sembra voler prendere altre strade»

*

«l’esecutivo ha appena varato un provvedimento che richiede ai disoccupati di trovare almeno 18 ore di lavoro in 3 mesi per non perdere i sussidi statali»

*

«il Paese andrà verso un percorso più simile al modello inglese, che combina vari benefici e crediti d’imposta in un unico sistema»

*

«le indennità di disoccupazione erano così alte e il sistema così rigido, che a un cittadino disoccupato poteva scegliere di non lavorare perché rischiava di rimetterci»

* * * * * * *

Il disegno di legge 1148/2013, presentato da M5S, prevedeva aiuti economici a cittadini e famiglie italiane considerate essere sotto la soglia di povertà. Il reddito di cittadinanza sarebbe spettato a singoli (maggiori di 18 anni, e residenti in Italia) e famiglie, con differenti modalità in base a diversi parametri.

*

Cerchiamo di sintetizzare.

In tutte le Collettività esistono forme assistenziali per quanti si trovino in difficoltà. Soglia e modalità di intervento dipendono strettamente dagli usi locali e dal periodo storico.

Il così detto reddito di cittadinanza, tanto reclamizzato, altro non è che uno dei tanti modi di erogazione: nulla di più. Ha un nome immaginifico quanto folkloristico, ma al sugo è pur sempre un sussidio di povertà.

A nostro personale parere, opinabile quindi, il recente provvedimento finlandese di legare il sussidio ad una certa quale iniziativa della persona nel bisogno è benvenuta nel suo potere limitatorio degli abusi, ma deve anche sottostare al fatto che siano permessi lavoretti da nove ore mensili, cosa che però non tutte le legislazioni permettono.

Sempre a nostro personale parere, il problema della povertà trova sicuramente sollievo temporaneo nel sussidio, ma rimedio definitivo solo nel generare posti di lavoro e nello snellimento delle procedure burocratiche.

In questa ottica, ci sembrerebbe essere di particolare rilievo l’ultimo Executive Order emanato dal presidente Trump:

Trump. Ordine Esecutivo per la riduzione della povertà.

*

Sono scelte e decisioni che richiederebbero un maggiore e più onesto ripensamento, ed anche fare qualche conto: alla fine il problema è sempre il solito: chi paga?


Corriere. 2018-04-22. Finlandia, verso la fine l’esperimento del reddito di cittadinanza: il governo è pronto a prendere altre strade

La notizia aveva fatto il giro del mondo e attirato l’attenzione di diversi Paesi. A un anno dall’inizio, (e a un anno dalla sua fine), però, sembra che l’esperimento sia destinato a rimanere, appunto, un esperimento. Parliamo del reddito di cittadinanza lanciato dalla Finlandia l’anno scorso: un progetto di due anni che coinvolge 2 mila cittadini disoccupati, che ricevono 560 euro al mese esentasse invece dei normali sussidi contro la disoccupazione.

Il piano era stato elogiato a livello internazionale e desta ancora interesse, ma il governo finlandese sembra voler prendere altre strade. Inizialmente si prevedeva invece che dovesse essere ampliato per coinvolgere anche altre figure di lavoratori, ma l’esecutivo ha appena varato un provvedimento che richiede ai disoccupati di trovare almeno 18 ore di lavoro in 3 mesi per non perdere i sussidi statali. Secondo il ministro delle Finanze Petteri Orpo, inoltre, il Paese andrà verso un percorso più simile al modello inglese, che combina vari benefici e crediti d’imposta in un unico sistema.

L’idea del reddito di cittadinanza era stata portata avanti dopo che gli studiosi avevano rilevato che le indennità di disoccupazione erano così alte e il sistema così rigido, che a un cittadino disoccupato poteva scegliere di non lavorare perché rischiava di rimetterci: più alti erano i suoi guadagni, infatti, e minori erano i benefici sociali.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Italia. Radiografia dei Contribuenti. – Ministero Economia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-04-11.

2018-04-06__Mef__001

Il Ministero Economia e Finanza – Dipartimento delle Finanze, ha rilasciato il documento:

Statistiche Sulle Dichiarazioni Fiscali. Analisi Dei Dati Irpef. Anno D’imposta 2016.

Nel 2016 sono state presentate 40,872,080 dichiarazioni, delle quali 20,181,974 Modello 730 e 10,853,388 Modello Cu.

«Il reddito complessivo ammonta a circa 843 miliardi di euro per un valore medio di 20.940 euro (+1,2% rispetto al 2015). Si sottolinea che nel 2016 trova nuovamente applicazione la tassazione agevolata del 10% dei premi di produttività (sospesa nel 2015) che pertanto non concorrono alla formazione del reddito complessivo. Se si considera anche tale voce nel calcolo del reddito complessivo medio si assiste ad una variazione del +1,4% rispetto all’anno precedente. L’analisi territoriale mostra che la regione con reddito medio complessivo9 più elevato è la Lombardia (24.750 euro), seguita dalla provincia di Bolzano (23.450 euro), mentre la Calabria ha il reddito medio più basso (14.950 euro).»

*

«Le tipologie di reddito maggiormente dichiarate, sia in termini di frequenza sia di ammontare, sono quelle relative al lavoro dipendente (52,0% del reddito complessivo) ed alle pensioni (29,8% del reddito complessivo).

Il reddito da lavoro dipendente è pari a 438 miliardi di euro. In esso sono compresi anche:

– i compensi relativi a collaborazioni coordinate e continuative, compresi i collaboratori a progetto, che, da fonte CU/2017, risultano interessare oltre 812.000 soggetti e che costituiscono il 4,4% dell’ammontare complessivo del reddito da lavoro dipendente;

– i sussidi10 e le prestazioni di previdenza complementare11;

– i redditi percepiti da soci di cooperative sociali, che, a decorrere dal 2016, sono assimilati ai redditi da lavoro dipendente (735 soggetti per un ammontare di 13,6 milioni di euro);

– la quota di TFR liquidata mensilmente come parte integrante della retribuzione (Quir – quota integrativa della retribuzione);»

*

2018-04-06__Mef__002

«Soffermandosi invece sui valori medi dei diversi tipi di reddito dichiarato, il grafico ‘valori medi dei redditi soggetti a tassazione ordinaria’ consente un confronto dei valori ed una comparazione temporale.

Rispetto al valore medio del reddito complessivo (pari a 20.940 euro), il reddito medio da pensione (pari a 17.170 euro) è inferiore del 18,0% mentre quello da lavoro dipendente (pari a 20.680 euro) è in linea, tenuto conto che quest’anno è stata reintrodotta la tassazione agevolata dei premi di produttività.

Analizzando i lavoratori dipendenti in base al tipo di contratto di lavoro, emerge che, se si considerano i soggetti con contratto a tempo indeterminato (pari a 16,1 milioni, +0,1% rispetto al 2015), il reddito medio è pari a 23.476 euro (+1,8% rispetto all’anno precedente), mentre coloro che hanno esclusivamente contratti a tempo determinato (pari a 5,1 milioni, +6,1% rispetto al 2015) hanno un reddito medio di 9.600 euro (-0,3% rispetto all’anno precedente).

Il reddito medio d’impresa, considerando sia i soggetti in contabilità ordinaria sia quelli in contabilità semplificata, è pari a 21.080 euro, +0,7% rispetto al reddito complessivo medio mentre quello da lavoro autonomo (41.740 euro) è quasi il doppio.»

*

«I soggetti che dichiarano un’imposta netta Irpef sono 30,8 milioni (il 75% del totale contribuenti) e dichiarano un’imposta netta pari a 156,0 miliardi di euro per un valore pro capite di 5.070 euro; oltre 10 milioni di soggetti hanno imposta netta pari a zero. Si tratta, ad esempio, di contribuenti con livelli reddituali compresi nelle fasce di esonero oppure di contribuenti che fanno valere detrazioni tali da azzerare l’imposta lorda. Inoltre, considerando i soggetti la cui imposta netta è interamente compensata dal bonus 80 euro, i soggetti che di fatto non versano Irpef sono circa 12,3 milioni.

Analizzando la distribuzione dell’imposta per classi di reddito complessivo si evidenzia che i contribuenti con redditi fino a 35.000 euro (84,0% del totale contribuenti con imposta netta) dichiarano il 44,8% dell’imposta netta totale, mentre il restante 55,2% dell’imposta netta totale è dichiarata dai contribuenti con redditi superiori a 35.000 euro (16,0% del totale dei contribuenti). I soggetti con un reddito complessivo maggiore di 300.000 euro dichiarano il 5,4% dell’imposta totale. Tale andamento è tendenzialmente in linea con quello del 2015.»

*

«Dalle dichiarazioni 2016 risulta che oltre 108.500 soggetti hanno dichiarato immobili situati all’estero per un ammontare di oltre 26,9 miliardi di euro, in linea rispetto al 2015. L’imposta Ivie dichiarata è di 75,6 milioni di euro.»

*

«Sulla base di quanto detto sopra i dati dal quadro RW in merito alle attività finanziarie detenute all’estero evidenziano che oltre 175.100 soggetti hanno dichiarato un ammontare di 114 miliardi di euro (-14,2% rispetto all’anno precedente).»

* * * * * * * *

È abbastanza avvilente che gli italiani generino un reddito Irpef di soli 843 miliardi l’anno, dei quali 438 attribuibili al lavoro dipendente.

Un valore medio del reddito complessivo pari a 20,940 euro corrisponderebbe a 1,745 euro mensili.

*

Istat pubblica una simpaticissima pagina dedicata al calcolo della soglia di povertà.

Che il Lettore faccia la prova.

2018-04-05__Mef__007

Una famiglia con due figli, che vive al nord in una città con più di 250,000 abitanti, è sotto la soglia di povertà assoluta percependo meno di 1,630.37 euro al mese.

Ma dai dati del Mef il valore medio del reddito complessivo 1,745 euro mensili.

*

Sembrerebbe che non necessiti un grande potenza mentale per comprendere il reale stato economico della popolazione italiana. Il reddito medio denunciato per l’Irpef supera di solo un centinaio di euro la soglia della povertà.


La Stampa. 2018-04-04. Dove vivono gli italiani che guadagnano di più?

Il Ministero dell’Economia ha pubblicato le statistiche dei redditi dichiarati dagli italiani lo scorso anno, che rivela come la media sia di 20.940 euro per contribuente

Dietro questa media, come sempre, ci sono grandi differenze. La suddivisione proposta dal documento del Ministero in cinque macroregioni rivela che l’Italia è in realtà divisa in due. Il reddito medio è più alto nel Nord-Ovest, con 23.860 euro, scende nel Nord-Est, dove è 22.420 euro, cala ancora al Centro con 21.780 euro, ma poi fa un salto verso il basso al Sud e nelle Isole, dove si ferma, in media, tra 16.550 e 16.660 euro. Al Sud e nelle Isole il reddito medio dichiarato al fisco è quasi un terzo più basso di quello del Nord-Ovest. 

Le statistiche consentono anche di vedere quante persone appartengano alle diverse fasce di reddito. La fascia più alta considerata è quella di chi dichiara di guadagnare più di 300.000 euro. Le persone in questa situazione sono appena 35.719 e rappresentano lo 0,9 per mille del totale dei contribuenti: meno di una persona ogni mille tra quelle che presentano la dichiarazione dei redditi ha un reddito che supera i 300.000 euro lordi all’anno. Tutti insieme, questi contribuenti più ricchi dichiarano oltre 21 miliardi di euro, che rappresentano quasi il 2,5 per cento del totale dei redditi del nostro Paese. 

La maggior parte di loro, più di uno su tre, abita in Lombardia, dove risultano 12.644 contribuenti che fanno parte di questa fascia più alta, mentre in Molise sono solo 23, in Valle d’Aosta 54 e in Basilicata 73.  

La differenza nella numerosità della popolazione non basta a spiegare le differenze. In Lombardia c’è una persona che dichiara più di 300.000 euro ogni 800 abitanti, nel Lazio una ogni 1.200, in Piemonte meno di una ogni 1.500. In Campania si scende a un contribuente nella fascia dei più ricchi ogni 5.000 persone che vivono nella sua stessa Regione e in Calabria a una ogni 11.000. 

La fascia di redditi seguente, quella tra 200 e 300.000 euro, raccoglie più di 51.000 persone e altri 12 miliardi e mezzo di redditi. Insieme, le persone che sono sopra i 200.000 euro rappresentano circa due contribuenti su mille e si dividono quasi il 5 per cento dei redditi.