Pubblicato in: Arte, Economia e Produzione Industriale

Neolitico. 6,000 anni fa si produceva già la birra in una società evoluta.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-04.

2020-05-15__Neolitico 001

Gli archeologi che studiano il neolitico avevano già localizzato dei siti ove erano state riscontrate tracce della fabbricazione di birra: il sito di Hierakonpolis—HK 11C, vicino all’odierna Edfu in Egitto ed il sito Tell el-Farkha, sempre in Egitto nella parte orientale del Delta, a circa 120 kilometri a nord-est del Cairo.

«The oldest structure (known as Feature 192/201) is archaeologically dated to the Naqada IIB–C period (3600–3500 BCE). It was arranged as parallel rows of vat sets, and it measured 6 meters by 3.4 meters. There were 13 circular installations (or sockets) in which the vats were originally seated and their contents were heated. Two large ceramic vats were preserved in situ. One of the vats contained charred organic residue from the cooking or heating of the grain, which was subjected to archaeobotanical and chemical analysis.»

Nella Feature 192/201 è stata trovata una vera e propria fabbrica di birra, con file parallele di tini e 13 alloggiamenti circolari per riscaldarli: sono rimasti conservati due grandi tini di ceramica.

*

Con viva sorpresa degli archeologi, Herr Heiss e Collaboratori sono riusciti ad individuare una produzione di birra anche nell’Europa continentale in siti coevi: Hornstaad—Hörnle IA, situato nel banco del Lago di Costanza, Sipplingen—Osthafen, sempre sul Lago di Costanza, Zürich—Parkhaus Opéra, datato con criteri dendrocronologici tra il 3234 a.C. ed il 2727 a.C.

* * * * * * *

Negli ultimi decenni l’archeologia del neolitico ha compiuto consistenti passi in avanti che ci consentono di rivedere criticamente i concetti che avevamo di tale periodo.

Tuttavia, gli studi sulla birra, la sua produzione ed il reperto di vere e proprie fabbriche stabili e dedicate alla sua produzione apre nuovi orizzonti. Indicano soprattutto l’esistenza di un consistente tessuto sociale ed economico. Non è solo la pregevolezza delle tecniche usate, alquanto complesse e prima non supposte esistere cinquemila anni fa: una produzione semi-industriale presuppone la contemporanea presenza di rapporti commerciali a vasto raggio e, quindi, anche la esistenza di vie di comunicazione ragionevolmente sicure e la presenza di merci con cui scambiare la birra prodotta. In altri termini, oltre alla produzione, fatto già questo sorprendente, dovevano esistere persone che si dedicavano sia al trasporto sia alla commercializzazione del prodotto.

*


Heiss AG, Azorín MB, Antolín F, Kubiak-Martens L, Marinova E, Arendt EK, et al. (2020)

Mashes to Mashes, Crust to Crust. Presenting a novel microstructural marker for malting in the archaeological record.

PLoS ONE 15(5): e0231696.

https://doi.org/10.1371/journal.pone.0231696

Abstract

The detection of direct archaeological remains of alcoholic beverages and their production is still a challenge to archaeological science, as most of the markers known up to now are either not durable or diagnostic enough to be used as secure proof. The current study addresses this question by experimental work reproducing the malting processes and subsequent charring of the resulting products under laboratory conditions in order to simulate their preservation (by charring) in archaeological contexts and to explore the preservation of microstructural alterations of the cereal grains. The experimentally germinated and charred grains showed clearly degraded (thinned) aleurone cell walls. The histological alterations of the cereal grains were observed and quantified using reflected light and scanning electron microscopy and supported using morphometric and statistical analyses. In order to verify the experimental observations of histological alterations, amorphous charred objects (ACO) containing cereal remains originating from five archaeological sites dating to the 4th millennium BCE were considered: two sites were archaeologically recognisable brewing installations from Predynastic Egypt, while the three broadly contemporary central European lakeshore settlements lack specific contexts for their cereal-based food remains. The aleurone cell wall thinning known from food technological research and observed in our own experimental material was indeed also recorded in the archaeological finds. The Egyptian materials derive from beer production with certainty, supported by ample contextual and artefactual data. The Neolithic lakeshore settlement finds currently represent the oldest traces of malting in central Europe, while a bowl-shaped bread-like object from Hornstaad–Hörnle possibly even points towards early beer production in central Europe. One major further implication of our study is that the cell wall breakdown in the grain’s aleurone layer can be used as a general marker for malting processes with relevance to a wide range of charred archaeological finds of cereal products.

Introduction

Understanding the role of alcoholic beverages in the evolution of prehistoric societies is fundamental, yet unravelling their patterns of production and consumption is a challenging task. This is especially true for one of the supposedly most ancient and widely spread of these drinks–beer. Beer and other alcoholic beverages play complex roles in human societies and, as a consequence, their significance for prehistoric communities has been under discussion for decades. The archaeology of beer is today a highly active field, relating the beverage to the complex social processes involved in the beginnings of agriculture, to social bonding and stratification in general, and to the formation of social elites in particular. Its ritual and dietary role has been extensively investigated in ancient states with written and iconographic records but our knowledge of the occurrence and manufacture of ancient beer is highly incomplete. Tracking beer in the archaeological record as precisely as possible would therefore result in fundamentally novel insights on human societies in the past. However, archaeological beer finds are still rare and highly contested due to insufficiently explicit criteria, or a missing consensus on the criteria. We present here a discussion of possible markers for beer production from a novel approach: histological evidence observed in charred archaeological crusts and lumps of cereal products as an indication for the beer product itself. ….

Archaeobotanical case studies.

In Egypt, some insights into Predynastic brewing have already been obtained from three sites–Abydos, Hierakonpolis, and Tell el-Farkha. Excavations at all three sites have uncovered installations that may well be connected with brewing, involving actual brewing vat contents. At Abydos, the residues contain wheat, but presumably emmer (Triticum dicoccum) instead of “common wheat” as originally stated. Two further sites, both dating to the New Kingdom, have provided important evidence for the sequence of the ancient brewing method: Deir el-Medina and the Workmen’s Village at Amarna. In our study, charred crusts and lumps of emmer-based cereal products retrieved from the 4th millennium BCE brewing installations in Hierakonpolis and Tell el-Farkha were re-evaluated in order to test the consistency and reliability of thinned aleurone cell walls as indicators of ancient malting.»

Pubblicato in: Cina

Hong Kong. Proteste non autorizzate e violenze, molteplici arresti.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-04.

Rule of Law 013

L’Oxford English Dictionary definisce il termine ‘rule of law’ nei seguenti termini:

«The authority and influence of law in society, especially when viewed as a constraint on individual and institutional behavior; (hence) the principle whereby all members of a society (including those in government) are considered equally subject to publicly disclosed legal codes and processes»

*

«Principio costituzionale di derivazione britannica con cui si fa riferimento al principio della pari dignità di ogni persona di fronte alla legge, tutelandola da qualsiasi forma di arbitrio che ne possa ledere i diritti fondamentali.

Pertanto, ogni cittadino ha il diritto incomprimibile e irrinunciabile di pretendere da parte di tutti i soggetti pubblici e privati il rispetto di determinate norme giuridiche nonché, di fronte ai tribunali, di godere di un pari trattamento rispetto agli organi amministrativi e soggetti giuridici pubblici.

In particolare, in Gran Bretagna la Rule of law  non è riferita all’imperium dell’autorità statale, ma alla vigenza di una fonte del diritto derivante dalle pronunce giurisprudenziali (diversamente dai paesi di Civil law [vedi] che la rinvengono nella legge). Conseguenze dirette sono il primato della legge, l’uguaglianza di tutti dinanzi alla legge, la perseguibilità dei reati solo in virtù di una legge certa e da parte di una Corte legittimamente costituita.» [Fonte]

* * * * * * *

In realtà, esiste un problema a monte, spesso scotomizzato ed assunto in modo implicito, fatto questo che genera confusione.

Tutti i sistemi giuridici si basano sui concetti metagiuridici che li improntano. In via riduttiva, si potrebbe dire che dipendono dalla Weltanschauung del legislatore.

Per esempio, la costituzione italiana prevede all’art. 1 che “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione“, mentre all’art.5 riporta che “La Repubblica, è una e indivisibile“, etc.

Ci si pensi bene. Che la sovranità appartenga al popolo è un concetto antecedente la stesura del testo costituzionale, esattamente come l’assunto che la repubblica sia una ed indivisibile: la costituzione recepisce ed istituzionalizza questi concetti, che assume essere i suoi fondamenti.

Ma non è assolutamente detto che simili Weltanschauung siano condivise e condivisibili.

Le vicende dei separatisti catalani dovrebbero essere esempio significativi. Per loro la Spagna poteva essere scissa in due componenti.

* * * * * * *

Come tutti gli stati occidentali, anche la Cina si dichiara unica ed indivisibile. Esattamente come la Spagna, oppure il Regno Unito per quanto riguarda il Nord Irlanda, la Cina ha approvato un recente testo di legge che regolamenta le pubbliche dimostrazioni e l’associazione politica nell’ambito del suo territorio.

La legge era ben nota a tutti, e tutti i cinesi sono chiamati ad osservarla. Quanti non si adeguino incorrono quindi nei provvedimenti previsti per tali comportamenti.

I dimostranti hanno violato le leggi, e per la norma del rule of law meritano un equo processo ed una severa condanna.

* * * * * * *

Ciò detto, sorge spontaneo il porsi la domanda su quale principio giuridico gli stati occidentali, e quelli occidentalizzati, si ergano a giudici supremi ed inappellabili degli ordinamenti giuridici di paesi terzi.

Con quale diritto, per esempio, la Germania condanna la Cina, quando poi da trenta anni l’ufficio adozioni della Città di Berlino affidava sistematicamente i trovatelli ad un network di pedofili, tra il compiacimento generale?

Per non parlare poi della cesura che corre tra posizioni governative e quelle delle grandi internazionali occidentali, che fanno a gara per poter andare a produrre in Cina.

* * * * * * *


Protests break out in Hong Kong as first arrest made under new security law.

«Hong Kong was facing up to a new reality on Wednesday, after China’s central government imposed a sweeping national security law late the night before that critics say has stripped the city of its autonomy and precious civil and social freedoms, and cements Beijing’s authoritarian rule over the territory.

Hundreds turned out to protest the legislation in the busy shopping district of Causeway Bay but were met with a heavy security presence. Riot police fired pepper spray into the crowd, kettled and dispersed protesters, and deployed water cannons.

During the protest, Hong Kong police made the first arrests under the new law, including a man who was holding a black independence flag, and soon afterward a woman with a sign reading “Hong Kong Independence.”

At least 300 people were arrested on Wednesday, with nine arrests of five men and four women on suspicion of violating the national security law, according to police. Police said in an earlier tweet that one officer was injured after being stabbed in the arm. ….

In vague language, the legislation criminalizes secession, subversion, terrorism, and collusion with foreign powers. People convicted of such crimes can face sentences of up to life in prison ….

The move has also sparked international condemnation»

No. La comunità internazionale non ha condannato un bel nulla. Ciò è stato fatto solo da alcuni stati occidentali.

Quando poi le loro stesse leggi criminalizzano “secession, subversion, terrorism, and collusion with foreign powers”

Ci si domanda: chi e cosa mai si credono di essere?

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

EU. Fondi. Consiglio Europeo del 17-18 luglio ed il rule of law.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-04.

Rule of Law 013

L’Oxford English Dictionary così definisce il termine ‘rule of law’:

«The authority and influence of law in society, especially when viewed as a constraint on individual and institutional behavior; (hence) the principle whereby all members of a society (including those in government) are considered equally subject to publicly disclosed legal codes and processes».

La cosa non sarebbe destituita di buon senso se i liberal socialisti non si fossero messi in testa che la loro Weltanschauung fosse il fondamento primo di ogni sistema giuridico. Non solo. Trattano da paria chiunque non condivida la loro ideologia. È del tutto sequenziale che questo modo di concepire i rapporti politici e sociali ostacoli grandemente la possibilità di trovare accordi vantaggiosi per ambo le parti.

Il 17-18 luglio si riunirà nuovamente il Consglio Europeo per una altra assise inconcludente.

* * * * * * *

L’organo decisionale dell’Unione Europea è il Consiglio Europeo, ovvero il consesso dei capi di stato e di governo, che per molte decisioni devono raggiungere la unanimità. Per esempio, per l’approvazione dei bilanci.



«Rule-of-law row complicates budget talks»

«EU justice commissioner Didier Reynders on Monday argued for an “effective” link between respect for rule law and the disbursement of EU funds – as complex negotiations drag on among EU leaders on the bloc’s long-term budget and recovery»

«It is one of the divisive issues in the grand bargain among EU member states over the budget and the recovery package that will be discussed by EU leaders at their face-to-face summit on 17-18 July in Brussels»

«While disagreements are already running deep over the overall size of the package, the distribution via grants or loans, the economic conditions, and the issue of rebates (compensation for some net payers ), the rule of law conditionality “is another battleground opening up”, as an EU diplomat put it»

«It remains to be seen, however, how much member states are willing to fight over it, if all other contested issues fall into place»

«The EU Commission first proposed two years ago suspending EU funds in case of rule of law deficiencies»

«Poland and Hungary, which are under EU scrutiny partly for attempts to put the judiciary under political control, have rejected the plans and threatened vetoing the budget.»

«the recent Polish presidential elections, where incumbent president Andrzej Duda called for LGBT-free zones, is one example why the conditionality is so necessary.»

* * * * * * *

In pratica, i liberal socialisti europei vorrebbero che i fondi comunitari fossero erogati esclusivamente agli stati che abbiano accettato l’ideologia liberal. Va di conserva che gli stati sovrani oppongano il loro diritto di veto.

Muro contro muro ed i processi decisionali siano rimandati alla calende greche.

*


Rule-of-law row complicates budget talks.

EU justice commissioner Didier Reynders on Monday argued for an “effective” link between respect for rule law and the disbursement of EU funds – as complex negotiations drag on among EU leaders on the bloc’s long-term budget and recovery.

It is one of the divisive issues in the grand bargain among EU member states over the budget and the recovery package that will be discussed by EU leaders at their face-to-face summit on 17-18 July in Brussels – their first personal contact since the Covid-19 outbreak.

While disagreements are already running deep over the overall size of the package, the distribution via grants or loans, the economic conditions, and the issue of rebates (compensation for some net payers ), the rule of law conditionality “is another battleground opening up”, as an EU diplomat put it.

It remains to be seen, however, how much member states are willing to fight over it, if all other contested issues fall into place.

The EU Commission first proposed two years ago suspending EU funds in case of rule of law deficiencies, in response to criticism that the EU is unable to handle countries where the judiciary’s independence is compromised, or there is misuse of EU funds.

The plan was that commission’s actions could be only stopped by a qualified majority of member states, so-called “reversed qualified majority” in EU jargon.

Poland and Hungary, which are under EU scrutiny partly for attempts to put the judiciary under political control, have rejected the plans and threatened vetoing the budget.

In February, European Council president Charles Michel’s compromise proposal suggested that a qualified majority of member states should approve sanctions proposed by the commission.

Some saw the move as watering down the original plan before leaders’ negotiations even began. Others, for instance Poland, hailed the idea.

In May, in the revised budget proposal, the commission again put forward its original plan that allows for a more automatic sanctioning.

“It is indispensable to act quickly to protect the financial interest of the EU. That’s why we have to set up a decision-making process that can be applied effectively,” Reynders argued to MEPs in the civil liberties committee.

“Reverse qualified majority proposed for the council [of member states] has to be maintained, that is the only way to make sure the mechanism will be effective,” he said.

“If ‘qualified majority’ is chosen instead, we can easily find ourselves in a dead end,” Reynders said, asking the MEPs for their support, as the parliament will also need to vote on the budget deal.

Michel’s Gordian knot

As EU Council president Charles Michel is steering negotiations between governments and prepares his new proposal for the summit, it is clear that some member states want a tough “rule of law conditionality” to a starting point, at least.

The Guardian reported on Monday that Danish prime minister Mette Frederiksen “lobbied” Michel to “toughen the conditions on funding”. Dutch premier Mark Rutte also argued for a strong mechanism to the Belgian politician.

The Danes and the Dutch are part of the so-called ‘Frugal Four’ – along with Sweden and Austria – arguing for smaller spending, tougher, more targeted conditions, part of which would be an effective rule of law tool. But it is not only the ‘frugals’ who are in favour.

“The rule of law conditionality is almost a precondition to getting a deal,” said an EU diplomat, arguing that for frugal governments to convince their voters to support the package, it needs to be vested in a strong rule of law mechanism.

The diplomat argued that the recent Polish presidential elections, where incumbent president Andrzej Duda called for LGBT-free zones, is one example why the conditionality is so necessary.

“It is important that we have mechanism that have some teeth,” said another EU diplomat, acknowledging that “it is difficult to sharpen the teeth again” after the February proposal.

Others argue that Michel’s February proposal should be the starting point.

“It was acceptable to Hungary and Poland, it wasn’t the most critical issue during the February summit [of EU leaders], that’s was not why Michel did not succeed then,” said a third diplomat, arguing that there is not point in opening it up again.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Francia. Elezioni Amministrative. I veri vincitori sono gli astenuti, 63.30%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-03.

2020-07-03__Francia 013

Il Ministero degli Interni francese sta rilasciando molto lentamente i risultati elettorali, ed al momento manca una quadro generale accessibile al pubblico.

Di grande interesse sarebbero però la Tabelle di partecipazione al voto.

Abbiamo riportato quella relativa a Parigi Centro.

Su 1,299,173 iscritti alle liste elettorali, hanno votato 476,841 (37.70%), con 822,332 (63.30%) astenuti.

Questo sarebbe un risultato da meditare profondamente.

Il trionfo numerico delle sinistre e dei verdi sotto questa luce apparirebbe essere ridimensionato.

Al di là delle cause, circa 240,000 hanno deciso quale dovesse essere il nuovo sindaco di Parigi.

In attesa di sondaggi specifici, si potrebbero formulare alcune ipotesi, tutte da dimostrare.

– In queste elezioni gli Elettori hanno percepito che il loro voto sarebbe stato sostanzialmente inutile. Un candidato valeva l’altro.

– Nessuno di candidati sindaco è stato in grado di mobilizzare le masse degli Elettori. Erano tutti personaggi anodini.

*

La disaffezione degli Elettori ad esercitare il proprio diritto di scelta potrebbe avere severe conseguenze.

– Le dimostrazioni di piazza hanno un grande impatto mediatico e psicologico, ma alla fine non riescono a concretizzarsi in voti utili.

– La Francia è solo in attesa di un personaggio che sappia parlare al popolo, che sappia trascinarlo. Ma spesso simili grandi doti mal si aggradano al bene comune. E questo potrebbe essere un pericolo da non sottovalutare.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Francia. Maggio. Repubblica fondata sui debiti. Budget -117.9 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-03.

2020-07-03__Francia_ Budget 013

«Il Saldo di bilancio del governo francese misura la differenza di valore tra le entrate e la spesa del governo francese nel corso di un dato mese (entrate meno uscite).

Un dato negativo segnala un deficit di bilancio, mentre un dato positivo indica un’eccedenza.»

*

La Francia è una repubblica fondata sui debiti, che cerca disperatamente di far pagare agli altri.

È da oltre un decennio che chiude il budget governativo in costante deficit.

Pubblicato in: Sistemi Economici, Stati Uniti

USA. Molti analisti prevedrebbero un crash. – Bloomberg.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-03.

Statua della Libertà

Come più volte abbiamo avuto modo di ripetere, siamo alieni dai facili ottimismi così come dai catastrofismi, corrente di pensiero cui appartiene questo ultimo editoriale di Bloomberg.

«The world is having serious doubts about the once widely accepted presumption of American exceptionalism»

«The era of the U.S. dollar’s “exorbitant privilege” as the world’s primary reserve currency is coming to an end»

«For almost 60 years, the world complained but did nothing about it. Those days are over.»

«The balance is shifting, and a crash in the dollar could well be in the offing.»

«The seeds of this problem were sown by a profound shortfall in domestic U.S. savings that was glaringly apparent before the pandemic»

«In the first quarter of 2020, net national saving, which includes depreciation-adjusted saving of households, businesses and the government sector, fell to 1.4% of national income»

«In order to attract foreign capital, the U.S. has run a deficit in its current account — which is the broadest measure of trade because it includes investment — every year since 1982»

«Covid-19, and the economic crisis it has triggered, is stretching this tension between saving and the current-account to the breaking point. The culprit: exploding government budget deficits»

«According to the bi-partisan Congressional Budget Office, the federal budget deficit is likely to soar to a peacetime record of 17.9% of gross domestic product in 2020 before hopefully receding to 9.8% in 2021.»

«Compared with the situation during the global financial crisis, when domestic saving was a net negative for the first time on record, averaging -1.8% of national income from the third quarter of 2008 to the second quarter of 2010, a much sharper drop into negative territory is now likely, possibly plunging into the unheard of -5% to -10% zone»

«For the moment, the greenback is strong, benefiting from typical safe-haven demand long evident during periods of crisis. Against a broad cross-section of U.S. trading partners, the dollar was up almost 7% over the January to April period in inflation-adjusted, trade-weighted terms to a level that stands fully 33% above its July 2011 low»

«The coming collapse in the dollar will have three key implication»

«It will be inflationary»

«Moreover, to the extent a weaker dollar is symptomatic of an exploding current-account deficit, look for a sharp widening of America’s trade deficit»

«Finally, in the face of Washington’s poorly timed wish for financial decoupling from China, who will fund the saving deficit of a nation that has finally lost its exorbitant privilege?»

* * * * * * * * * * *

Dal nostro sommesso punto di vista concordiamo con il fatto che al momento vi siano problemi di ardua soluzione ed una crisi che ridimensionerebbe molte ambizioni, ma di lì ad un crash del dollaro ce ne corre.

*


A Crash in the Dollar Is Coming.

The world is having serious doubts about the once widely accepted presumption of American exceptionalism.

The era of the U.S. dollar’s “exorbitant privilege” as the world’s primary reserve currency is coming to an end. Then French Finance Minister Valery Giscard d’Estaing coined that phrase in the 1960s largely out of frustration, bemoaning a U.S. that drew freely on the rest of the world to support its over-extended standard of living. For almost 60 years, the world complained but did nothing about it. Those days are over.

Already stressed by the impact of the Covid-19 pandemic, U.S. living standards are about to be squeezed as never before. At the same time, the world is having serious doubts about the once widely accepted presumption of American exceptionalism. Currencies set the equilibrium between these two forces — domestic economic fundamentals and foreign perceptions of a nation’s strength or weakness. The balance is shifting, and a crash in the dollar could well be in the offing.

The seeds of this problem were sown by a profound shortfall in domestic U.S. savings that was glaringly apparent before the pandemic. In the first quarter of 2020, net national saving, which includes depreciation-adjusted saving of households, businesses and the government sector, fell to 1.4% of national income. This was the lowest reading since late 2011 and one-fifth the average of 7% from 1960 to 2005.

Lacking in domestic saving, and wanting to invest and grow, the U.S. has taken great advantage of the dollar’s role as the world’s primary reserve currency and drawn heavily on surplus savings from abroad to square the circle. But not without a price. In order to attract foreign capital, the U.S. has run a deficit in its current account — which is the broadest measure of trade because it includes investment — every year since 1982.

Covid-19, and the economic crisis it has triggered, is stretching this tension between saving and the current-account to the breaking point. The culprit: exploding government budget deficits. According to the bi-partisan Congressional Budget Office, the federal budget deficit is likely to soar to a peacetime record of 17.9% of gross domestic product in 2020 before hopefully receding to 9.8% in 2021.

A significant portion of the fiscal support has initially been saved by fear-driven, unemployed U.S. workers. That tends to ameliorate some of the immediate pressures on overall national saving. However, monthly Treasury Department data show that the crisis-related expansion of the federal deficit has far outstripped the fear-driven surge in personal saving, with the April deficit 5.7 times the shortfall in the first quarter, or fully 50% larger than the April increment of personal saving.   

In other words, intense downward pressure is now building on already sharply depressed domestic saving. Compared with the situation during the global financial crisis, when domestic saving was a net negative for the first time on record, averaging -1.8% of national income from the third quarter of 2008 to the second quarter of 2010, a much sharper drop into negative territory is now likely, possibly plunging into the unheard of -5% to -10% zone.             

And that is where the dollar will come into play. For the moment, the greenback is strong, benefiting from typical safe-haven demand long evident during periods of crisis. Against a broad cross-section of U.S. trading partners, the dollar was up almost 7% over the January to April period in inflation-adjusted, trade-weighted terms to a level that stands fully 33% above its July 2011 low, Bank for International Settlements data show. (Preliminary data hint at a fractional slippage in early June.)

But the coming collapse in saving points to a sharp widening of the current-account deficit, likely taking it well beyond the prior record of -6.3% of GDP that it reached in late 2005. Reserve currency or not, the dollar will not be spared under these circumstances. The key question is what will spark the decline?

Look no further than the Trump administration. Protectionist trade policies, withdrawal from the architectural pillars of globalization such as the Paris Agreement on Climate, Trans-Pacific Partnership, World Health Organization and traditional Atlantic alliances, gross mismanagement of Covid-19 response, together with wrenching social turmoil not seen since the late 1960s, are all painfully visible manifestations of America’s sharply diminished global leadership. 

As the economic crisis starts to stabilize, hopefully later this year or in early 2021, that realization should hit home just as domestic saving plunges. The dollar could easily test its July 2011 lows, weakening by as much as 35% in broad trade-weighted, inflation-adjusted terms.

The coming collapse in the dollar will have three key implications:  It will be inflationary — a welcome short-term buffer against deflation but, in conjunction with what is likely to be a weak post-Covid economic recovery, yet another reason to worry about an onset of stagflation — the tough combination of weak economic growth and rising inflation that wreaks havoc on financial markets.

Moreover, to the extent a weaker dollar is symptomatic of an exploding current-account deficit, look for a sharp widening of America’s trade deficit.   Protectionist pressures on the largest piece of the country’s multilateral shortfall with 102 nations – namely the Chinese bilateral imbalance — will backfire and divert trade to other, higher-cost, producers,  effectively taxing beleaguered U.S. consumers.

Finally, in the face of Washington’s poorly timed wish for financial decoupling from China, who will fund the saving deficit of a nation that has finally lost its exorbitant privilege? And what terms — namely interest rates — will that funding now require?

Like Covid-19 and racial turmoil, the fall of the almighty dollar will cast global economic leadership of a saving-short U.S. economy in a very harsh light. Exorbitant privilege needs to be earned, not taken for granted.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Polonia. I liberal socialisti della EU per la prima volta ammettono la sconfitta.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-03.

Varsavia 001

Eu Observer è la testata portavoce dei liberal socialisti dell’Unione Europea, i cui costi sono coperti, comme d’habitude, dai denari dei Contribuenti.

È rossa come la fiamma della termine granulata sotto i 100 nm: per i giornalisti dell’Eu Observer Lenin era un bieco capitalista e Stalin un demoplutocrate. Hanno un credo simil religioso nella dottrina del gender, venerano l’lgbt, assumono come principio il rule of law, sotto la condizione di essere loro al governo. Appena al potere, impongono la osservanza della loro Weltanschauung pena la morte civile.

* * * * * * *

Ma con la Polonia hanno morsicato il marmo.

Polonia. Lì si decide il destino dell’Unione Europea. – Bloomberg

Elezioni in Polonia, il presidente Duda corre per il secondo mandato

«The Future of Europe Could Be Decided in Poland»

Senza Lgbt niente Recovery Fund. Polonia e le ‘Lgbt-free’ zone.

Duda, Presidente polacco, dichiara che ‘Lgbt è una ideologia peggiore del comunismo’.

Polonia. Istituite ‘LGBTI-free zones’. La EU schiatta di rabbia.

Lo strapotere politico Lgbt da combattere e distruggere.

Polonia. Nuovo scontro con il blocco europeo sulla giustizia.

Polonia. Nuova legge sull’ordinamento giudiziario.

Polonia. Camera approva riforma giudiziaria. Giudici licenziabili.

*

Non solo. I polacchi sono ora in buona compagnia con gli ungheresi e con i rumeni, ai quali si sono affiancati fianco i tedeschi.

Suprema Corte, ECB e Corte Costituzionale tedesca, ovvero il chaos.

Germania. I tedeschi valutano la decisione della Corte Costituzionale.

* * * * * * *

Adesso il Popolo Sovrano ha dato il 41.8% dei voti a Mr Duda ed il 30.4% dei voti a Mr Rafał Trzaskowski, liberal socialista. Tra due settimane si terrà il ballottaggio, ma i liberal sono scorati.

«Eu facing three more years of Kaczyński-ism»

«Poland is heading for at least three more years of full control by the increasingly un-European Law and Justice (PiS) party after presidential elections on Sunday (28 June)»

«That is the most likely outcome after the nationalist-populist incumbent, PiS-loyalist Andrzej Duda, won with 43 percent of the vote, compared to his closest rival, centre-right candidate Rafał Trzaskowski, who got 30 percent»

«And with turnout at a sky-high 64 percent, Polish society was seized by the political battle»

«But with Duda commanding a more than 10-point lead, as well as ongoing support by state media, few think Trzaskowski can catch him in just two weeks»

«That would mean five more years of a PiS presidency and, at least, three more years of PiS government, until the next parliamentary election in 2023»

«And it would be good news for Polish farmers, Duda said, whom he praised for their “attachment to traditional values and to the fatherland in the truest sense of the word”»

«And his talk of “traditional values” came after a strikingly homophobic campaign, in which Duda compared LGBTI “ideology” to “communism”, among other slurs»

«Duda was no more than “Kaczyński’s notary, his pen [for signing laws]”, a Trzaskowski aide added, referring to the powerful PiS party chairman, Jarosław Kaczyński»

«Poland has, over the past few years, already triggered four lawsuits and an unprecedented sanctions procedure by the European Commission.»

«It is likely to see its future EU funds cut in punishment for PiS abuses of European norms»

«Robert Biedroń, a gay candidate, came sixth, with just 2 percent, doing less well than expected»

* * * * * * *

Caso del tutto eccezionale, i liberal socialisti di Eu Observer hanno ammesso la sconfitta.

Nessuno si faccia però illusione di sorta: sono dei rivoluzionari nati e se se ne offrisse il destro, farebbero un Putsch per impadronirsi del potere.

*


Eu facing three more years of Kaczyński-ism.

Poland is heading for at least three more years of full control by the increasingly un-European Law and Justice (PiS) party after presidential elections on Sunday (28 June).

That is the most likely outcome after the nationalist-populist incumbent, PiS-loyalist Andrzej Duda, won with 43 percent of the vote, compared to his closest rival, centre-right candidate Rafał Trzaskowski, who got 30 percent.

Both appealed to the nine other candidates, who also ran, to back them instead in a run-off vote on 12 July.

And with turnout at a sky-high 64 percent, Polish society was seized by the political battle.

But with Duda commanding a more than 10-point lead, as well as ongoing support by state media, few think Trzaskowski can catch him in just two weeks.

That would mean five more years of a PiS presidency and, at least, three more years of PiS government, until the next parliamentary election in 2023.

It would mean “a strong, safe Poland, a dignified Poland, whose interests are represented”, on the world stage, Duda said on Sunday.

It would signify “respect for the Polish family” which “should take first place in politics”, he added.

And it would be good news for Polish farmers, Duda said, whom he praised for their “attachment to traditional values and to the fatherland in the truest sense of the word”.

His reference to a “strong Poland” came after he got a bump from the populist US president Donald Trump, who invited Duda to the White House last week.

And his talk of “traditional values” came after a strikingly homophobic campaign, in which Duda compared LGBTI “ideology” to “communism”, among other slurs.

The crowd at his victory rally also chanted the nationalist slogan “This is Poland!” when he mentioned Trzaskowski.

But for his part, the runner-up, from the opposition Civic Platform party, said Sunday’s result showed that 57 percent of the country “wants change”.

He appealed to Polish women, especially, to back him in the run-off.

He said Poland needed an opposition president “who kept a close watch on the hands of power [government]”.

“This campaign is not about left and right, conservatism or liberalism, it’s about democracy and the democratic respect for the rights of minorities,” Trzaskowski said.

Duda was no more than “Kaczyński’s notary, his pen [for signing laws]”, a Trzaskowski aide added, referring to the powerful PiS party chairman, Jarosław Kaczyński.

“We’ve had enough!”, people chanted at the opposition rally.

Poland has, over the past few years, already triggered four lawsuits and an unprecedented sanctions procedure by the European Commission.

It is likely to see its future EU funds cut in punishment for PiS abuses of European norms.

And Kaczyński’s rule has even prompted talk that Poland might, one day, like the UK did, crash out of the EU due to his dismantling of independent courts and disregard for primacy of EU law.

It was “really sad” when politicians “target minorities for potential political gains”, EU values commissioner Věra Jourová also said ahead of Sunday.

Corona vote

Meanwhile, Kaczyński’s man might already have won if the election had been held, as PiS had planned, in early May, in the middle of the coronavirus lockdown.

Duda was riding high because he was on TV all the time talking about the crisis, while his opponents could not campaign.

But the PiS stunt failed when a minor coalition partner rebelled on public health grounds.

Sunday’s election was the EU’s first since the pandemic and Poland’s first “hybrid” vote, using a mix of physical and postal ballots.

People had to keep two metres apart at polling stations.

They were asked to wear masks, but to lower them on arrival for ID purposes, to disinfect their hands, and to bring their own pens.

In one polling station, in the town of Kalisz, an official began spraying people’s whole bodies with disinfectant before her superiors stopped her, in a sign of the times.

But crowds mingled freely at Duda and Trzaskowski’s post-election parties on Sunday evening.

There were also scattered incidents of people ripping down opponents’ posters on the day in some small towns.

The third runner-up, with 14 percent of the vote, was Szymon Hołownia, a self-styled “progressive [Roman] Catholic”, who made his name on a reality TV show.

Robert Biedroń, a gay candidate, came sixth, with just 2 percent, doing less well than expected.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Stati Uniti, Trump

USA. Nuovi Posti di Lavoro +4.8 milioni, Nuovi Sussidi Disoccupazione 1.427 milioni.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-02.

2020-07-02__USA__Sussidi 010


2020-07-02__USA__Sussidi 011

In estrema sintesi.

– Total nonfarm payroll employment rose by 4.8 million in June;

– unemployment rate declined to 11.1 percent;

– the number of unemployed persons fell by 3.2 million to 17.8 million;

– The number of unemployed persons who were on temporary layoff decreased by 4.8 million in June to 10.6 million, following a decline of 2.7 million in May.

È più che comprensibile l’esultanza di Mr Trump.

La ripresa degli Stati Uniti sta avviandosi alla grande, nonostante le stizzose reazioni dei liberal democratici e della Unione Europea.

2020-07-02__USA__Sussidi 013

* * * * * * *

L’US Bureau of Labor Statistics ha rilasciato il Report Employment Situation Summary

«Total nonfarm payroll employment rose by 4.8 million in June, and the unemployment rate declined to 11.1 percent, the U.S. Bureau of Labor Statistics reported today. These improvements in the labor market reflected the continued resumption of economic activity that had been curtailed in March and April due to the coronavirus (COVID-19) pandemic and efforts to contain it. In June, employment in leisure and hospitality rose sharply.

Notable job gains also occurred in retail trade, education and health services, other services, manufacturing, and professional and business services. ….

The unemployment rate declined by 2.2 percentage points to 11.1 percent in June, and the number of unemployed persons fell by 3.2 million to 17.8 million ….

The number of unemployed persons who were on temporary layoff decreased by 4.8 million in June to 10.6 million, following a decline of 2.7 million in May»

*


USA: richieste sussidi disoccupazione 1,427 milioni unità.

Negli USA le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 26 giugno si sono attestate a 1,427 milioni di unità, superiori alle attese (1,355 milioni di unità) ma inferiori al dato della settimana precedente (1,482 milioni di unità).

Negli USA le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 26 giugno si sono attestate a 1,427 milioni di unità, superiori alle attese (1,355 milioni di unità) ma inferiori al dato della settimana precedente (1,482 milioni di unità). Il numero totale di persone che richiede l’indennità di disoccupazione (calcolato sui dati al 19 giugno) si attesta a 19,290 milioni, superiore ai 19,231 milioni della rilevazione precedente (attese 19,000 milioni).

*

Negli Usa creati 4,5 milioni di posti di lavoro a giugno, Trump esulta.

Le richieste di nuovi sussidi settimanali di disoccupazione negli Usa si attestano a 1,42 milioni, in costante calo dal picco di 6,867 milioni toccato a marzo. Il presidente: “L’economia torna a ruggire perchè abbiamo riaperto l’America”.

L’economia Usa ha creato 4,8 milioni di posti a maggio, nonostante la crisi da coronavirus, dopo il sorprendente rialzo di 2,5 milioni di unità a maggio. Tuttavia non sarà facile recuperare i circa 22 milioni di posti persi finora, dopo il crollo record di 20,5 milioni di addetti ad aprile. Il dato è superiore alle stime degli analisti che si aspettavano un rialzo di 3 milioni di unità. Il tasso di disoccupazione (calcolato su una diversa base statistica) frena all’11,1%, contro il il 13,5% di maggio e il 14,7% di aprile e un atteso 12,3%.

Le richieste di nuovi sussidi settimanali di disoccupazione negli Usa si attestano a 1,42 milioni. Il dato è superiore alle attese degli analisti si aspettavano 1,35 milioni nuove domande. La settimana scorsa le richieste erano state 1,48 milioni. I nuovi sussidi sono in costante calo dal picco di 6,867 milioni toccato a marzo ma il declino procede più lentamente del previsto.

“L’economia americana torna a ruggire dopo il virus, abbiamo creato 5 milioni di nuovi posti di lavoro”, ha commentato il presidente americano, Donald Trump, in conferenza stampa. “I mercati finanziari hanno cominciato a superare la crisi del coronavirus”, ha aggiunto il capo della Casa Bianca. “Abbiamo superato la crisi. Altri buoni numeri, numeri fantastici, arriveranno nei prossimi mesi perché abbiamo riaperto l’America”, ha affermato ancora Trump, e ha sottolineato: “I titoli in Borsa volano con un +18 per cento nell’ultimo trimestre, il dato più alto degli ultimi vent’anni”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Pensionati. Metà dei beneficiari non ha mai versato contributi. Tagli imminenti.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-02.

2020-06-29__Pensioni 001

«Niente di certo ma già il solo fatto che se ne parli spaventa»

2020-06-29__Pensioni 002

«chi non vuole lavorare, neppure mangi. Sentiamo infatti che alcuni fra voi vivono una vita disordinata, senza fare nulla e sempre in agitazione. A questi tali, esortandoli nel Signore Gesù Cristo, ordiniamo di guadagnarsi il pane lavorando con tranquillità.» [San Paolo, 2Ts 3, 10 – 12]



È stato pubblicato il

Settimo Rapporto – “Il Bilancio del Sistema Previdenziale italiano – Andamenti finanziari e demografici delle pensioni e dell’assistenza per l’anno 2018”. [Testo completo pdf]

In estrema sintesi, alcune cifre dovrebbero chiarire il problema.

– nel 2003 le prestazioni assistenziali erano il 37.65% e quelle previdenziali il 63.35% del totale.

– nel 2018 le prestazioni assistenziali erano il 50.03% e quelle previdenziali il 49.97% del totale.

– la spesa pensionistica nel 2018, ha raggiunto i 225.593 miliardi (contro i 220.843 del 2017).

– Su 16 milioni di pensionati circa la metà è totalmente o parzialmente assistita dallo Stato. In pratica, fino a 66 anni non hanno mai pagato né contributi sociali e neppure le imposte dirette.

* * *

La crisi da coronavirus ha slatentizzato queste ‘incongruenze’.

In parole miserrime, è finita l’epoca dei pasti gratis.

Invece di lamentarsi dei tagli, si ringrazi di quanto già percepito.

* * * * * * *

«L’elevato debito pubblico dell’Italia rappresenta un freno alla crescita dell’economia oltre che un pesante fardello per la finanza pubblica. Il programma di Rilancio sarà pertanto accompagnato da un aggiornamento del Programma di Stabilità che presenterà non solo nuove proiezioni fino al 2023, ma anche un piano di rientro del rapporto debito/PIL su un orizzonte decennale»

«Per l’Italia l’impatto sarà molto duro: il FMI ha stimato per il nostro Paese un’impennata del debito pubblico che potrebbe arrivare al 166% del PIL»

«E in quell’occasione il debito pubblico dell’Italia sarà un problema non di poco conto; per questo motivo già dopo l’estate il Ministro dell’Economia presenterà alla Commissione europea un programma di rientro dal debito in eccesso.»

«Lo ha confermato lo stesso Gualtieri, il quale ha spiegato che il Piano di Rilancio che il Governo sta elaborando in queste settimane terrà conto delle “compatibilità finanziarie” e questo conterrà anche una “strategia di rientro dall’elevato debito pubblico”.»

«Niente di certo ma già il solo fatto che se ne parli spaventa»

* * * * * * *

Cerchiamo di ragionare.

Con un rapporto debito / pil al 166% e con la prospettiva del significativo calo del gettito fiscale, la situazione è davvero poco allegra. Questo governo dovrà tagliare le uscite, ed anche in modo consistente.

* * *

Pensioni più leggere dal 2021: ecco perché e chi subirà il taglio

«Assegni pensionistici più leggeri dal 1° gennaio 2021 secondo quanto ha stabilito il decreto 1.06.2020 sulla revisione triennale dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo. Dal 1 gennaio 2021, in pratica, i coefficienti di trasformazione eroderanno il montante contributivo per chi andrà in pensione.

Secondo la riforma Dini, il montante contributivo accumulato dal 1996 in poi è soggetto a rivalutazione media quinquennale legata all’andamento del Pil. Dal 2012, viene aggiornato ogni tre anni e il prossimo aggiornamento è previsto a partire dal prossimo anno quando verrà recepita anche la variazione del Pil negativo.

In base al decreto approvato a giugno, le pensioni decorrenti dal prossimo anno avranno una quota contributiva più leggera per effetto dei nuovi coefficienti che si applicheranno per le pensioni che avranno decorrenza dal 1° gennaio 2021, quindi non sono interessati i soggetti già pensionati, nonché coloro che accederanno alla pensione il 1° dicembre 2020.

Il taglio dei coefficienti, che oscillava da 4,20% in corrispondenza dei 57 anni a 6,513% per chi accedeva a pensione con 71 anni, dal prossimo anno si abbassa tra 4,186% e 6,466%. A conti fatti, come scrive Il Sole 24 Ore, una dipendente pubblica con 67 anni di età e con meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995, e quindi con una quota contributiva dal 1° gennaio 1996 e con un montante contributivo di circa 681mila euro, vedrà calare il suo assegno complessivo da 64mila euro a 63.700 euro.

Per i lavoratori con almeno 18 anni di contributi entro il 1995 invece l’impatto sarà minore considerato che la quota contributiva viene calcolata dal 1° gennaio 2012. Ciò comporta che a fronte di un montante contributivo di 100mila euro, derivante da uno stipendio annuo di 30mila, la quota contributiva di pensione scenderà da 5.604 euro a 5.575 euro, con un taglio di 29 euro lordi annuali.»

*

Pensioni: sono davvero così basse? Metà dei beneficiari non ha mai versato contributi.

«Il sistema previdenziale del nostro paese non è in ottima forma. Ma la colpa non è della spesa pensionistica, che appare sotto controllo, bensì di quella assistenziale (pensioni di invalidità, indennità di accompagnamento… ), letteralmente esplosa. A fare chiarezza sullo stato della spesa per le pensioni ci ha pensato il Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali che, nel suo Settimo rapporto, presentato qualche giorno fa a Roma.

Redatto sulla base della rigorosa rilevazione dei dati dei bilanci consuntivi degli Enti di Previdenza, lo studio illustra puntualmente gli andamenti della spesa pensionistica, delle entrate contributive e dei saldi delle differenti gestioni pubbliche e privatizzate che compongono il sistema pensionistico obbligatorio del Paese.

Di seguito, i punti principali evidenziati dal Rapporto, evidenziati da Alberto Brambilla, Presidente Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali, in un articolo pubblicato sul Corriere:

    Benché in leggera crescita, la spesa pensionistica è sotto controllo: nel 2018, ha raggiunto i 225,593 miliardi (contro i 220,843 del 2017); sempre più insostenibile appare invece il costo delle attività assistenziali a carico della fiscalità generale: 105,666 miliardi di euro nel 2018, con un tasso di crescita annuo dal 2008 pari al 4,3%.

    Su 16 milioni di pensionati circa la metà è totalmente o parzialmente assistita dallo Stato. Di questi, circa 800mila pensionati (il 5,12%) usufruiscono della pensione o assegno sociale. In pratica, fino a 66 anni non hanno mai pagato né contributi sociali e neppure le imposte dirette. Altri 2,9 milioni di pensionati beneficiano dell’integrazione al minimo, pari a 513 euro al mese, ovvero quelli che in 67 anni anni di vita non hanno neppure 15/17 anni di contributi versati.

    Ci sono inoltre 160 mila pensioni di guerra, relative al conflitto del 1945, che vanno a beneficio dei superstiti. A queste si aggiungono poi le pensioni di invalidità, con accompagnamento o meno, e le reversibilità.

    A questi si aggiungono 800mila altri pensionati (il 5%) che sono in una situazione uguale a quella precedente ma che, per legge, prendono la “maggiorazione sociale” di 630 euro mensili per 13 mesi; anche qui stesso discorso: pagamento a domanda.

    “E siamo così arrivati al 28,3% dei pensionati che, come si sarà capito, non hanno subito un’ingiustizia sociale, ma beneficiano di un sussidio quale ringraziamento per 66 anni di vita senza pagare tasse e contributi” spiega Brambilla, che continua: “Poi abbiamo circa 160mila pensioni di guerra (1%): sì, avete capito bene; di guerra relative al 1945. Ovviamente sono basse, anche perché molte sono a beneficio dei superstiti dei superstiti. A buona parte di questi pensionati, circa 2,4 milioni, in prevalenza donne, viene erogata la cosiddetta quattordicesima mensilità che, insieme ad altre prestazioni assistenziali, aumenta un pochino le pensioni di cui sopra. Infine, ci sono 2.743.988 prestazioni di invalidità civile (17%) di cui 582.730 che hanno solo la pensione di invalidità, 1.764.164 con la sola indennità di accompagnamento e 397.094 percettori di entrambe le prestazioni, che si sommano ai circa 1,158 milioni di invalidi previdenziali INPS (7,2%) e alle 716mila prestazioni Inail per le inabilità o invalidità da infortuni sul lavoro. Sono tutte pensioni modeste anche se spesso integrate con “l’indennità di accompagnamento” per i non autosufficienti: totale generale delle pensioni sotto i mille euro, 53%”.

Brambilla aggiunge che:

    “L’Istat dovrebbe anche spiegare ai cittadini che circa 8 milioni di pensionati su 16 milioni non ricevono pensioni ma benefici assistenziali sui quali non gravano imposte. L’IRPEF, circa 50 miliardi, grava sul 40% di pensionati che prendono più di 1.200 euro al mese e, soprattutto, su quel 24,7% di pensionati con prestazioni da 2 mila euro in su; cioè sulle pensioni vere, quelle pagate con contributi e tasse. Poiché, come spiega il Settimo Rapporto Itinerari Previdenziali, sono in pagamento circa 23 milioni di prestazioni per 16 milioni di pensionati, significa che ogni pensionato prende 1,42 prestazioni e che l’importo medio è pari a oltre 18mila euro l’anno: un bello stipendio che, se spiegato correttamente, incentiverebbe i giovani a credere nel nostro sistema previdenziale che – al netto dell’assistenza – è sano.

    Se poi escludiamo le pensioni assistenziali, l’importo medio delle pensioni vere passa a 25.590,43 euro annui lordi. Identiche considerazioni per le donne: è vero che hanno redditi mediamente più bassi (non solo in Italia per la verità) ma, se consideriamo che l’80% delle pensioni di reversibilità è rosa, sapendo che nel migliore dei casi l’importo di queste prestazioni è il 60% della pensione originaria, la media non può che essere più bassa”.»

*

Pensioni: il Governo taglia la spesa pensionistica per rientrare nel debito?

Le pensioni utilizzate per rientrare nel debito prodotto dall’Italia nel periodo di emergenza? È una possibilità.

Pensioni: negli ambienti della politica si comincia a parlare di un possibile taglio della spesa pensionistica per rientrare nel debito prodotto durante la pandemia di COVID-19.

D’altronde il Ministro dell’Economia – Roberto Gualtieri – non ha nascosto che sarà necessario prevedere un programma di rientro, con il sistema pensionistico italiano che potrebbe essere tra i principali indiziati. Ancora una volta – dopo il 2011 con la riforma “lacrime e sangue” approvata dal Governo Monti – le pensioni potrebbero essere utilizzate per fare cassa.

E se allora la riforma fu necessaria – come chiarito dalla Fornero – “perché senza non sarebbe stato possibile pagare tutte le pensioni”, questa volta potrebbe essere l’emergenza sanitaria, ed economica, ad imporci un taglio.

Fino a qualche mese fa sindacati e Governo stavano discutendo su come fare per rendere più flessibile il sistema pensionistico italiano; adesso lo scenario è cambiato e semmai una riforma dovesse esserci sarà solo per risparmiare sui conti pubblici.

Il Governo ha necessità di rientrare nel debito prodotto durante l’emergenza

Ad oggi non ci sono notizie certe riguardo ad un taglio delle pensioni. Ma cominciano a circolare voci in merito, con molti esponenti politici che ritengono che per il Governo sarà inevitabile riformare il sistema pensionistico per rientrare nel debito prodotto durante l’emergenza sanitaria che nei Paesi più colpiti – tra cui figura anche l’Italia – ha avuto ripercussioni importanti sull’economia.

Per l’Italia l’impatto sarà molto duro: il FMI ha stimato per il nostro Paese un’impennata del debito pubblico che potrebbe arrivare al 166% del PIL. È vero che al momento l’Unione Europea ha allentato i vincoli e che quindi non c’è molto da preoccuparsi, ma è pur vero che prima o poi la situazione tornerà alla normalità e per il nostro Paese arriverà il momento di pagare il conto.

E in quell’occasione il debito pubblico dell’Italia sarà un problema non di poco conto; per questo motivo già dopo l’estate il Ministro dell’Economia presenterà alla Commissione europea un programma di rientro dal debito in eccesso. Lo ha confermato lo stesso Gualtieri, il quale ha spiegato che il Piano di Rilancio che il Governo sta elaborando in queste settimane terrà conto delle “compatibilità finanziarie” e questo conterrà anche una “strategia di rientro dall’elevato debito pubblico”.

Taglio delle pensioni per rientrare nel debito?

Nel Piano di Rilancio con cui l’Italia dovrebbe utilizzare le risorse in arrivo con il Recovery Fund ci sono diversi obiettivi da raggiungere: investimenti importanti per rilanciare l’economia del Paese.

Ma d’altra parte nello stesso progetto ci sarà anche un programma di rientro dal debito pubblico che dovrebbe avere una durata di circa 10 anni. Questo perché, come si legge nel documento elaborato dal Governo:

    L’elevato debito pubblico dell’Italia rappresenta un freno alla crescita dell’economia oltre che un pesante fardello per la finanza pubblica. Il programma di Rilancio sarà pertanto accompagnato da un aggiornamento del Programma di Stabilità che presenterà non solo nuove proiezioni fino al 2023, ma anche un piano di rientro del rapporto debito/PIL su un orizzonte decennale

A tal proposito resta da capire come l’Italia intende rientrare nel debito, specialmente nel caso in cui gli investimenti fatti non diano i risultati sperati.

Si parla di “razionalizzazione della spesa pubblica” e non può non venire in mente quanto fatto in passato con la Legge Fornero. Il taglio del costo delle pensioni è una possibilità, con il dopo Quota 100 che potrebbe prevedere un innalzamento dell’età pensionabile.

Niente di certo ma già il solo fatto che se ne parli spaventa. Perché l’emergenza da COVID-19 ha già avuto un impatto sulle pensioni nel medio termine, speriamo non lo abbia anche a lungo termine incrementando ulteriormente l’età per il raggiungimento del diritto alla pensione.

Pubblicato in: Armamenti, Senza categoria

Giappone. Abbandona il sistema antimissile americano Aegis.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-02.

Aegis 013

Il sistema Aegis è un sistema di combattimento integrato per unità navali, installato a bordo delle principali unità da combattimento dell’US Navy. Ha capacità antimissili balistici.

Per le sue prestazioni e nonostante gli elevati costi di acquisizione e gestione, il sistema ha incontrato un certo quale successo di esportazione.

La marina militare giapponese ne aveva armato molte sue navi.

Adesso la decisione di dismettere Aegis, e non vi sono annunci sul come la marina nipponica intenda sostituirlo.

*

Se è sicuro che vi siano problemi tecnici e finanziari, altrettanto sicuramente questa è una scelta politica.

Giappone. Si dissocia dal condannare la legge cinese sulla sicurezza.

La politica estera del blocco occidentale sembrerebbe essere disorientata, incapace di raggiungere una unità politica di intenti, troppo spesso esageratamente ambiziosa rispetto alle sue reali possibilità.

La politica estera è fatta di sussurrii, non di urla.

*


Giappone: Tokyo conferma uscita da sistema antimissile Usa.

Popolazioni locale contraria e costi troppo esosi.

Il governo giapponese ha confermato il piano di uscita dal sistema di difesa antimissile statunitense Aegis Ashore a causa dei costi eccessivi per la loro funzionalità e le controversie mai risolte con la popolazione locale, contraria al loro dispiegamento.
A spiegarlo è stato il ministro della Difesa Taro Kono durante una riunione del Consiglio nazionale di sicurezza tenuta dopo le consultazioni già avvenute nello scorso fine settimana con i governatori delle prefetture di Yamaguchi e Akita.
Kono ha aggiunto che l’esecutivo guarderà ad alternative, e che per il momento i sistemi per la difesa tattica Patriot Advanced Capability-3, dotati dei missili terra-aria, saranno sufficienti a proteggere la nazione da eventuali minacce.

Il governo di Tokyo aveva firmato un’intesa con Washington nel dicembre 2017 per l’installazione di due batterie di Aegis Ashore, a ridosso di una serie di lanci di razzi dalla Corea del Nord, e nel corso di intensi scambi diplomatici tra il presidente Usa Donald Trump e il premier giapponese Shinzo Abe, per accentuare gli acquisti di tecnologie militari Usa da parte dell’alleato nipponico.

Il contratto iniziale aveva un valore di 1,7 miliardi di dollari che adesso Tokyo cercherà di rinegoziare assieme all’eventuale ricerca di un’alternativa.

*

Japan’s new missile defense destroyer starts sea trials amid Aegis Ashore saga

«The last of Japan’s eight planned destroyers capable of intercepting ballistic missiles has started sea trials ahead of its commissioning, even as the country ponders its next move following its decision to suspend plans to introduce ground-based systems for that role.

The destroyer Haguro left shipbuilder Japan Marine United Corporation’s shipyard at Isogo, near Yokohama and south of the Japanese capital Tokyo, this morning for its first sea trials.

The ship is to be commissioned in 2021. It is 170 meters long, displaces 8,200 tons and is fitted with 96 Mk 41 Vertical Launching System cells that can fire a variety of missiles, including those used for ballistic missile defense.

Haguro is the second ship of two Maya-class destroyers for the Japan Maritime Self-Defense Force, and it’s the country’s eighth destroyer to be equipped with the Aegis combat system for air and ballistic missile defense.»

*

Japan Suspends Aegis Ashore Missile Defense Plans. What Happens Now?

«Tokyo scraps plans for two expensive missile defense installations. Will another system replace Aegis Ashore?

The signs were there, but Tokyo’s decision last week to formally suspend deployment plans for two Aegis Ashore ballistic missile defense sites still came as something of a sudden development. According to the Japanese government, the primary reason for not proceeding with deployment at this time pertains to environmental concerns: specifically, the matter of spent boosters from Standard Missile 3 interceptor missiles potentially dropping over inhabited territory.

For Japanese Prime Minister Shinzo Abe’s government, the 2017 decision to proceed with two Aegis Ashore sites appears more and more like an artifact of a bygone era, when North Korea was shocking the world with rapid qualitative advances in ballistic missile technology on what seemed like a fortnightly basis. Tokyo’s decision late that year was between purchasing the more expensive six Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) batteries versus two somewhat cheaper Aegis Ashore sites.»

*

Why Japan Decided to Scrap a Key U.S. Missile Defense System.

Japan’s National Security Council has endorsed plans to cancel the deployment of two costly land-based U.S. missile defense systems aimed at bolstering the country’s capability against threats from North Korea, the country’s defense minister said Thursday.

The council made its decision Wednesday, and now the government will need to enter negotiations with the U.S. about what to do with payments and the purchase contract already made for the Aegis Ashore systems.

The council is expected to also revise Japan’s basic defense plan later this year to update the missile defense program and scale up the country’s defense posture.

Defense Minister Taro Kono announced the plan to scrap the systems earlier this month after it was found that the safety of one of the two planned host communities could not be ensured without a hardware redesign that would be too time consuming and costly.

The Japanese government in 2017 approved adding the two Aegis Ashore systems to enhance the country’s current defenses consisting of Aegis-equipped destroyers at sea and Patriot missiles on land.

Defense officials have said the two Aegis Ashore units could cover Japan entirely from one station at Yamaguchi in the south and another at Akita in the north.

The plan to deploy the two systems already had faced a series of setbacks, including questions about the selection of one of the sites, repeated cost estimate hikes that climbed to 450 billion yen ($4.1 billion) for their 30-year operation and maintenance, and safety concerns that led to local opposition.

Kono said Japan has signed contract worth nearly half the total cost and paid part of it to the U.S.

Prime Minister Shinzo Abe, who has steadily pushed to step up Japan’s defense capability, said last week that in light of the scrapping the government would need to reconsider Japan’s missile defense program and do more under the country’s security alliance with the U.S.

Abe said the government would consider the possibility of acquiring preemptive strike capability, a controversial plan that critics say would violate Japan’s war-renouncing Constitution.