Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Trump

WSJ ha voltato gualdrappa.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-30.

Animali. Bocca aperta. Civetta. 001

«After the FBI was instructed by the White House to interview two of the women who claim Judge Brett Kavanaugh sexually assaulted them – ignoring a third accuser represented by lawyer Michael Avenatti, The Wall Street Journal attempted to independently corroborate the 3rd accuser’s story»

*

«To try and corroborate the story, the Wall Street Journal contacted “dozens of former classmates and colleagues,” yet couldn’t find anyone who knew about the rape parties»

*

«The Wall Street Journal has attempted to corroborate Ms. Swetnick’s account, contacting dozens of former classmates and colleagues, but couldn’t reach anyone with knowledge of her allegations. No friends have come forward to publicly support her claims»

*

«Richard Vinneccy – a registered Democrat, took out a restraining order against her, and says he has evidence that she’s lying»

*

Nessuna prova. La accusa che la signora abbia mentito.


The Wall Street Journal. 2018-09-30. White House Directs FBI to Interview First Two Kavanaugh Accusers, But Not the Third

The Federal Bureau of Investigation has been instructed by the White House to interview two of the women who have alleged sexual misconduct by Brett Kavanaugh, according to people familiar with the matter.

The parameters of the FBI probe don’t include interviewing Julie Swetnick, who said this week the Supreme Court nominee attended a party decades ago where she was gang-raped, according to one of the people.

[Testo riportato parzialmente causa il copyright]


Zero Hedge. 2018-09-30. WSJ Can’t Corroborate Kavanaugh Accuser’s “Gang Bang” Account After “Dozens” Contacted

After the FBI was instructed by the White House to interview two of the women who claim Judge Brett Kavanaugh sexually assaulted them – ignoring a third accuser represented by lawyer Michael Avenatti, The Wall Street Journal attempted to independently corroborate the 3rd accuser’s story. 

Julie Swetnick – whose checkered past has called her character into question, alleges that Kavanaugh and a friend, Mark Judge, ran a date-rape “gang bang” operation at 10 high school parties she attended as an adult (yet never reported to the authorities). 

The allegations were posted by Avenatti over Twitter, which assert that Kavanaugh and Judge made efforts to cause girls “to become inebriated and disoriented so they could then be “gang raped” in a side room or bedroom by a “train” of numerous boys.” 

To try and corroborate the story, the Wall Street Journal contacted “dozens of former classmates and colleagues,” yet couldn’t find anyone who knew about the rape parties. 

The Wall Street Journal has attempted to corroborate Ms. Swetnick’s account, contacting dozens of former classmates and colleagues, but couldn’t reach anyone with knowledge of her allegations. No friends have come forward to publicly support her claims. –WSJ

Soon after Swetnick’s story went public, her character immediately fell under scrutiny – after Politico reports that Swetnick’s ex-boyfriend, Richard Vinneccy – a registered Democrat, took out a restraining order against her, and says he has evidence that she’s lying. 

“Right after I broke up with her, she was threatening my family, threatening my wife and threatening to do harm to my baby at that time,” Vinneccy said in a telephone interview with POLITICO. “I know a lot about her.” –Politico

I have a lot of facts, evidence, that what she’s saying is not true at all,” he said. “I would rather speak to my attorney first before saying more.” Avenatti called the claims “outrageous” and hilariously accused the press of “digging into the past” of a woman levying a claim against Kavanaugh from over 35 years ago. 

Swetnick will appear Sunday night in a TV interview with Showtime’s The Circus – the first woman to levy claims against the Supreme Court nominee to do so. NBC’s Morning Joe teased a clip of the interview Thursday, in which Swetnick calls for an investigation into the allegations against Kavanaugh. 

On Saturday, Mr. Avenatti, Ms. Swetnick’s lawyer, said on Twitter that he and his client hadn’t yet heard from the FBI, despite their repeated requests for an interview. Ms. Swetnick alleged earlier this week that Judge Kavanaugh attended a party in the early 1980s where she was gang-raped and that he tried to get women drunk at several gatherings so they could be targeted for sexual assault. –WSJ

“It is critically important that the public be informed of any hidden effort to limit the scope of the FBI investigation,” said Avenatti. “The scope should be unlimited and the FBI should be tasked with determining whether an allegation is credible—as they do every day in this country.”

Still waiting for a response to this. Still waiting for the FBI to contact me or my client. https://t.co/flU6U0O2Yz

— Michael Avenatti (@MichaelAvenatti) September 30, 2018

NOW in @thedailybeast@MichaelAvenatti blasts possible move by GOP to limit scope of #FBIKavanaughinvestigation – excluding his client’s allegations against #BrettKavanaugh -Vows to “take the facts” to the American peoplehttps://t.co/5A3tZjsSfD #nhpolitics #SCOTUSNomination pic.twitter.com/mUYe5NeXTb

— Paul Steinhauser (@steinhauserNH1) September 30, 2018

Kavanaugh’s first two accusers, Christine Blasey Ford and Deborah Ramirez, have accused Kavanugh of groping and exposing himself respectively. 

On Friday, Republican Senator Jeff Flake attempted to stall a Judiciary Committee vote on Kavanaugh pending an FBI investigation, only to have Chairman Chuck Grassley (R-IA) cut him off and call a snap vote, advancing the nomination to the full Senate floor. Flake then vowed to vote no on the full floor decision, and was joined by GOP Senator Lisa Murkowski of Alaska, just one day after Dianne Feinstein cornered her in a hallway for an apparent “talking to.” 

While walking into Senate Majority Leader Mitch McConnell’s office, Sen. Lisa Murkowski of Alaska, a key vote, said “yes,” when asked if she supports Sen. Jeff Flake’s proposal for a delay.

CNN asked: And do you think it should be limited to Ford’s accusations or should it include an investigation into other allegations?

Murkowski responded: “I support the FBI having an opportunity to bring some closure to this.” –CNN

An official with the Trump administration said the reopening of Kavanaugh’s FBI background check was being handled “as any update to a background investigation would be handled if new, derogatory information is introduced.” 

“The FBI field agents will investigate this as they typically do under the constraints of there being new, derogatory information,” the official said. “They’re not going to go on a fishing expedition.”

Trump told reporders on Saturday that the White House gave the FBI “free reign” in the Kavanaugh inquiry to “do whatever they had to do, whatever it is that they do.” 

“Having them do a thorough investigation, I actually think it will be a blessing in disguise,” Trump said. “It will be a good thing.”

This would contradict Trump’s claims today that “they,” the FBI, “have free reign” to do a “thorough investigation” https://t.co/wavytPaPGi

— Brian Stelter (@brianstelter) September 29, 2018

“The White House is not micromanaging this process,” White House press secretary Sarah Sanders said in an interview with Fox News Sunday

.@PressSec claims Kavanaugh’s testimony was “equally heartbreaking” to Ford’s.
Sanders then says the most “disgraceful and disgusting” thing about Ford’s sexual story isn’t the sexual assault, but is “the way the Democrats have allowed this process to play out.” pic.twitter.com/8z3Mb8O19t

— Aaron Rupar (@atrupar) September 30, 2018

That said, the Journal notes that just because the FBI wasn’t granted the authority to interview Swetnick doesn’t mean they can’t ask other witnesses about her allegations. 

Former FBI officials say they are confident an investgation can be conducted by next Friday, according to the Journal, which adds that background checks for presidential appointees or judicial nominees often need to be done within a matter of weeks. That said, “background investigations are different from criminal investigations in that they are done at the request of a “client”—in this case the White House—and investigators are unable to deploy search warrants or grand jury subpoenas. Potential witnesses are allowed to decline requests to be interviewed,” the Journal adds. 

The limitations on what the FBI will be able to investigate differed from what former officials said would be the best approach, given the level of public scrutiny and likelihood that the bureau could be accused of not chasing down every lead. –WSJ

“If I was in charge of this, I would tell [FBI] Director [Chris] Wray, we need to call up every single person on this,” Mr. Danik said. “You don’t want anyone out there who can say in a week or two, ‘They never talked to us, they never heard from us.’” 

Annunci
Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Senza categoria

Ponte Benetton. Il contagio si espande alla Francia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-30.

2018-09-27__Fracia_Mappa_Ponti__001

«Ponte autostradale pericolante.

Gli utenti coinvolti nel crollo saranno considerati responsabili del medesimo.

Famiglia Benetton e Società Autostrade augurano serena morte agli utenti.»

*

Nessun timore! In Francia non operano né la Famiglia Benetton né quelli di Autostrade, loro fidi scudieri.

Di conseguenza, questo cartello non lo si vedrà mai sulle autostrade francesi.

«A report by the Ministry of Transport revealed that of the country’s 164 largest bridges, 23 are in need of urgent construction work»

*

«only one of the bridges investigated was classified as being “in good condition”»

*

«Among the bridges in the worst condition was the Echinghen viaduct in the northern Pas-de-Calais region and the Caronte bridge in the Bouches-du-Rhône department in southern France»

*

«A total of 21 bridges were classified as “constructions whose structure had altered and required non-urgent repair work however most of the bridges were classified as having just “minor defects”.»

*

«It does not reflect a security risk»

* * * * * * * *

I ponti francesi stanno ancora in piedi: non hanno Famiglia Benetton Società Autostrade.


The Local. France. 2018-08-26. A Glance around France: The 23 bridges at risk

There was some worrying news about the state of France’s bridges on Wednesday. 

A report by the Ministry of Transport revealed that of the country’s 164 largest bridges, 23 are in need of urgent construction work. 

The report, which was ordered after the tragic bridge collapse in Italy August, shows that only one of the bridges investigated was classified as being “in good condition”. 

Among the bridges in the worst condition was the Echinghen viaduct in the northern Pas-de-Calais region and the Caronte bridge in the Bouches-du-Rhône department in southern France.

A total of 21 bridges were classified as “constructions whose structure had altered and required non-urgent repair work however most of the bridges were classified as having just “minor defects”.

“This classification of  bridge condition is a tool to indicate the level of repairs needed and how urgent they are. It does not reflect a security risk,” said the Transport Ministry. 

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo

Provincie. Il 31 ottobre andremo a votare per 47 enti che quasi non esistono.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-30.

Ghigliottina 1004

È un guazzabuglio tipicamente nostrano: in questo noi italiani siamo dei maestri.

Cosa sono le provincie?

«Relativamente all’Italia, la provincia è un ente locale avente una competenza su un gruppo di comuni, non necessariamente contigui, e al contempo una circoscrizione periferica di uffici statali. Essa ha competenze e funzioni determinate dalle leggi di attuazione dell’art. 114 della Costituzione.

Attualmente le province italiane sono 107, includendo nel computo anche i liberi consorzi comunali della Sicilia che hanno natura consortile, le province autonome di Trento e di Bolzano che svolgono funzioni regionali e sono in grado di legiferare, le 14 città metropolitane, la Regione Valle d’Aosta che svolge anche funzioni che nelle regioni a statuto ordinario sono svolte dalle province, e le 4 province del Friuli-Venezia Giulia che sono state ridotte a pure circoscrizioni statali.

Il numero delle province italiane è costantemente aumentato nel secondo dopoguerra. Nella creazione di nuove province, non si è registrato alcun caso di accorpamento o soppressione di enti precedenti se non per cessione dei relativi territori ad altri Stati (provincia di Fiume, di Pola e di Zara), è solo in Sardegna sono state soppresse le province di diritto regionale dell’Ogliastra e di Olbia-Tempio, mentre sono state accorpate la provincia di Carbonia-Iglesias, la provincia del Medio Campidano e parte della provincia di Cagliari andando a costituire l’attuale provincia del Sud Sardegna.

La riforma Delrio, nel suo testo originario, emanato per decreto, prevedeva la riduzione delle circoscrizioni provinciali a circa la metà. In sede di conversione in legge la parte relativa ad accorpamenti, soppressioni, fusioni e incorporazioni è stata abrogata. Così era accaduto in precedenza con gli emendamenti alle varie riforme varate dal governo Monti. Con la modifica del Titolo V della Costituzione del 2001 le province sono state mantenute tra gli elementi costitutivi della Repubblica, al pari dei comuni. Questo ha portato la Corte costituzionale ad annullare i decreti del Governo Monti che svuotavano le province delle loro funzioni come anticamera della loro abolizione.

Il 3 aprile 2014 è stata approvata definitivamente dal parlamento una riforma delle province a seguito della quale esse sono diventate enti di area vasta di secondo livello, cioè eletti a suffragio ristretto dai sindaci e dai consiglieri comunali dei comuni presenti sul loro territorio. È previsto che alcune funzioni proprie delle province passino ai comuni e alle regioni. Fanno eccezione le province autonome di Trento e Bolzano inoltre le regioni a statuto speciale che hanno autonomia in materia di enti locali ovvero la Sicilia, Sardegna e Friuli – Venezia Giulia si sono in parte discostate dai principi della legislazione statale in materia.»

*

Chi e come elegge presidente e consiglio provinciale?

«La regolamentazione del consiglio provinciale è difforme sul territorio nazionale. Nelle regioni a statuto ordinario, la legge “Delrio” 7 aprile 2014 n°56 ha disposto una riforma complessiva dell’ente provinciale. Secondo la legge costituzionale 23 settembre 1993 n°2, nelle regioni a statuto speciale la normativa in questione si applica solo nella misura in cui esse lo desiderino.

Secondo la legge Delrio, il consiglio provinciale viene eletto a suffragio ristretto solo dai sindaci e dai consiglieri comunali della provincia. Anche il suffragio passivo è stato parimenti ristretto, con l’aggiunta in via transitoria dei consiglieri provinciali uscenti. Il voto è ponderato secondo le fasce di popolazione previste per le elezioni comunali. Il consiglio provinciale si compone del Presidente della provincia e di un numero variabile di consiglieri, in funzione del numero degli abitanti:

– 16 consiglieri nelle province con più di 700.000 abitanti,

– 12 consiglieri nelle province intermedie,

– 10 consiglieri nelle province con meno di 300.000 abitanti.

Sebbene non esplicitamente disposto dal testo di legge, il sistema elettorale è stabilito nel metodo D’Hondt per analogia di quanto previsto per i consigli metropolitani. Il superamento del vecchio metodo del premio di maggioranza a favore del ritorno alla proporzionale è da supporsi essere motivato sia dal fatto che la distorsione a favore del maggior partito è già implicita nel restringimento del suffragio a consiglieri comunali già eletti con sistema maggioritario, sia dalla cancellazione del rapporto di fiducia col Presidente che rende così superflua la necessità di un’ampia maggioranza consiliare per la stabilità dell’organo esecutivo. La selezione dei singoli consiglieri avviene invece sulla base del classico voto di preferenza, fatto inedito nella storia elettorale delle province italiane. La nuova normativa ha ridotto la durata del mandato del Consiglio in 2 anni, sebbene l’eventuale perdita della carica comunale comporti la decadenza del consigliere provinciale e la sua surroga. Il passaggio al sistema presidenziale ha invece implicitamente abolito la possibilità di uno scioglimento anticipato del Consiglio per motivi politici.»

* * * * * * *

Uno dei più deprecabili e deprecandi aspetti di essere stati governati per decenni da politici liberal oppure socialisti è l’astrusa quanto assurda complicatezza della struttura amministrativa della cosa pubblica.

Questa è la diretta conseguenza di una visione idealista statolatra che ad ogni provvedimento in materia complica la già complessa macchina organizzativa dello stato: è una burocrazia che genera sempre nuova burocrazia.

Gli Elettori si erano più volte pronunciati per l’abolizione delle provincie. Ma abolire 107 presidenze e 107 consigli suona agli orecchi statalisti come un’orrenda eresia. Ma questo sarebbe anche il meno. Le provincie hanno un bilancio che spendono con spensierata gaiezza, hanno il loro personale, accuratamente selezionato tra gli aventi diritto, ossia i tesserati del partito egemone, e continuano anche allegramente ad assumere nuovo personale.

Il ritorno delle Province: enti morti che assumono

«Le Province tornano a nuova vita grazie alla legge di Bilancio varata dal governo Gentiloni: rianimate da una pioggia di milioni e dal via libera alle assunzioni a tempo indeterminato, dopo il blocco del turn over lungo tre anni, si preparano a una florida ripartenza. A riabilitarle ufficialmente c’è l’iniezione da 700 milioni di euro per il 2018, necessaria a finanziare la spesa corrente, e che fa cantare vittoria al presidente dell’Upi (Unione province italiane), Achille Variati: «Finalmente non siamo più un tabù per la politica». È la celebrazione di una rinascita: «La legge ci restituisce l’autonomia finanziaria e quella organizzativa, riaffermando per le Province i principi contenuti nella Costituzione e che fino ad oggi erano stati disattesi». ….

La legge di bilancio licenziata dal Parlamento riapre i cordoni della borsa: 480 milioni di euro per il 2018 e un fondo straordinario da 1,6 miliardi per la manutenzione della rete stradale provinciale.

Ma soprattutto c’è il via alle assunzioni a tempo indeterminato sia nelle Province che nelle Città metropolitane, con priorità agli uffici in sofferenza come viabilità ed edilizia, a patto che l’importo dei costi complessivi di personale non superi il 20% delle spese correnti»

* * * * * * *

La domanda di quanti siano a percepire emolumenti dalle provincie resta senza risposta: è più facile che venga reso pubblico lo schieramento atomico dei nostri amici russi. Se il numero dei dipendenti è stimabile per difetto a circa 30,000 unità, il numero dei consulenti e dei fornitori di beni o servizi supera le 120,000 unità. Alle volte cifre ragionevoli, altre volte cifre stroboscopiche.

Anche il volume di spesa è segreto militare: una stima del tutto grossolana si aggirerebbe attorno ai trenta miliardi all’anno.

* * * * * * *

È una situazione organizzativa folle, fatta da un partito folle.

Dirigenza del pd. Ecco perché dovrebbe essere internata in manicomio.

Calenda. ‘Al pd serve il presidente della associazione di psichiatria.’

Studiare l’organizzazione della cosa pubblica italiana porta immediatamente alla mente quella della Francia nel periodo a ridosso della rivoluzione francese, quando il solo numero delle leggi, regolamenti e norme in campo fiscale assommavano a ben 120,000 atti differenti. Ben si capisce come alla fine la gente si sia rivoltata, abbia fatto un rogo delle leggi passate, ed abbia accuratamente decapitato personalità, burocrati e funzionari dell’ancien régime.

Almeno i morti non ritornano ed hanno smesso di nuocere.

Nota Importante.

A molti sfugge un meccanismo perverso delle elezioni indirette.

Lo scopo ultimo delle elezioni dovrebbe essere il consentire il ricambio politico e generazionale.

Con le elezioni indirette sono elettori attuali personaggi eletti in un passato quadro politico del tutto differente da quello odierno. In questa maniera il vecchio tende ad auto perpetuarsi, con tutti gli evidenti conflitti gestionali.

A conti fatti, sarebbe meno costoso dare un vitalizio di 10,000 euro al mese purché scompaiano: loro e le provincie.


Agi. 2018-09-25. Il 31 ottobre saranno eletti i presidenti di 47 province. Ma non erano state abolite?

Consiglieri e presidenti non saranno votati dai cittadini. Come funziona il nuovo ordinamento degli enti locali che il referendum del 4 dicembre 2016 avrebbe dovuto spazzare via, ma che continuano a funzionare in base alla legge Delrio.

*

Tutti gli ultimi governi hanno sparato a zero sulle province, fino ad annunciare di averle debellate, quale caposaldo di inutili sprechi. Eppure il 31 ottobre si voterà per rinnovare 47 presidenti e 70 consigli provinciali. Come è possibile? Il decreto milleproroghe, scrive il Sole 24 Ore, ha dato il via alla macchina elettorale, con buona pace della legge Delrio del 2014, che ha trasformato le Province in enti di secondo livello cioè eletti da sindaci e consiglieri comunali del territorio e non dai cittadini.

La riforma costituzionale che le avrebbe dovute cancellare si è arenata sullo scoglio del referendum e ora sta al governo gialloverde esaminare la richiesta dell’Upi di ripristinare 280 milioni di finanziamenti tagliati negli anni scorsi.

——-

I numeri

– Si eleggeranno 47 presidenti e 70 consigli provinciali

– Le province nelle Regioni a statuto ordinario sono 76

– In totale le poltrone da assegnare sono 850

——-

Come funzionano le elezioni

In teoria, sono candidabili tutti i sindaci e i consiglieri comunali interessati. In pratica, potrà essere coinvolto solo il 38% dei primi cittadini. L’altro 62% non ha i 12 mesi di mandato ancora da svolgere previsti dalla riforma Delrio. Il risultato è che l’election day consentirà di riempire tutte le caselle solo a 13 enti sui 47 coinvolti. Gli altri lo faranno a metà o in due tempi. Senza contare che nei 29 restanti (per arrivare alle 76 Province delle Regioni a statuto ordinario) sí voterà nell’arco dei prossimi 4 anni.

Cosa prevede la legge Delrio

Le 76 Province (e 10 Città metropolitane) delle Regioni ordinarie sono diventate enti di secondo grado con un presidente e un consiglio provinciale (tutti senza gettone) eletti tra i sindaci e i consiglieri comunali di zona. Non esistono più le giunte. Le Regioni hanno deciso quali funzioni lasciare loro e quali riprendersi. La riforma costituzionale avrebbe dovuto sopprimerle, ma è stata bocciata con il referendum

Le province ora costano il 32% in meno, con un taglio da 5 miliardi di spese nel 2010 a 3,45 del 2015, di cui solo 1,38 di funzioni fondamentali. Gli investimenti, poi, sono crollati del 63%, passando da 1,93 miliardi del 2008 a 0,71 del 2017.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Il ‘popolo bue’ in rivolta. Più che bue sembrerebbe essere un toro.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-30.

2018-09-30__Germania__001

Il mese di ottobre che inizia domani sarà cruciale per i destini dell’Occidente.

Negli Stati Uniti stiamo assistendo alle ultime battute sulla nomina di Sua Giustizia Kavanaugh a membro a vita della Suprema Corte: nel caso che, dopo aver approvato la nomina in sede di Commissione Giustizia, il Senato la confermasse con la votazione in aula, per circa trenta anni questa Corta sarebbe a maggioranza repubblicana. Questo evento segnerebbe l’inizio di una fine certa dell’ideologia libera a socialista negli Stati Uniti.

Se poi, come potrebbe essere, il Presidente Trump alle elezioni di midterm, che si terranno ai primi di novembre, conservasse la maggioranza in Senato, avrebbe il via libera alla nomina di 19 giudici nelle corti di appello federali. Tranne due circuiti giudiziari, tutto il sistema dei giudici americani avrebbe matrice culturale repubblicana.

A questo punto, se anche i liberal democratici assassinassero con efferatezza Mr Trump, per più di una generazione il sistema dei giudici statunitensi governerebbe esattamente come se Mr Trump fosse ancora presente ed attivo.

Nessuno intende sovra enfatizzare quanto potrebbe accadere, ma nei fatti è Harmageddon: la battaglia finale.

Liberal e socialisti hanno sempre disprezzato quel ‘popolo bue‘ dal quale si aspettavano di essere sempre votati, essendo essi gli illuminati, le guide naturali dei popoli.

Non hanno voluto prestargli l’orecchio: nessun problema, i Cittadini Elettori adesso li stanno cacciando via a pedate. La società civile è costituita dai Cittadini Elettori, non dagli iscritti alle ngo.

*

Ma ad ottobre si terranno anche le elezioni regionali e provinciali in Italia, ed anche in questa nazione sembrerebbe ragionevole supporre che i partiti ad ideologia liberal e socialista ne escano ulteriormente ridimensionati: ridotti a percentuali talmente basse da risultare politicamente ininfluenti per un lungo lasso di tempo, se non per sempre.

*

Si voterà anche in Brasile ed in Lussemburgo. In un Brasile insanguinato dall’attentato fatto dai liberal socialisti per eliminare il loro avversario politico Mr Bolsonaro, in Lussemburgo per decidere quale atteggiamento terrà quel piccolo stato in seno al Consiglio Europeo.

*

Ma gli occhi degli europei sono focalizzati ora sulla Germania, ove il 14 ottobre si voterà in Baviera ed il 28 in Hessen.

Secondo le previsioni elettorali disponibili Cdu, Csu ed Spd dovrebbero perdere in modo clamoroso.

Negli ultimi due giorni ben sei differenti società di prospezioni elettorali sono concordi: Emnid, Forsa, Forsch’gr Wahlen, Gms, Infratest dimap, ed Insa stimano la Union, Cdu ed Csu, tra il 27% ed il 28% e la Spd al 16%.

Un ulteriore crollo che si attuerebbe dopo la già severa débâcle del 24 settembre dello scorso anno.

Molto verosimilmente la Bundeskanzlerin Frau Merkel potrebbe dare le dimissioni, aprendo una crisi politica mai vista in Germania. Ma se anche rimanesse al Governo, la sua forza politica in patria e nell’Unione Europea sarebbe semplicemente nulla.

Queste sono le ultime previsioni per la Baviera:

2018-09-30__Germania__002 Baviera

E queste sono le ultime previsioni per l’Hessen:

2018-09-30__Germania__003 Hessen

* * * * * * *

Se si è sicuramente certi che le previsioni debbano essere prese sempre con grande circospezione e buon senso, un calo di dieci punti percentuali per i partiti della Union e di 7 – 8 punti percentuali per la Spd dovrebbe essere l’epitaffio da iscriversi sulla tomba politica di questi partiti.

Né ci si dimentichi che a maggio del prossimo anno si terranno le elezioni europee, ove con questi numeri la rappresentanza dei partiti tradizionali tedeschi sarà ridotta a numeri trascurabili.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Presidente Mattarella: è stato nominato presidente non capo del governo.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-30.

Animali_che_Ridono__007_Gufo

Ora che da tempo si sono spenti i riflettori mediatici sul Forum Ambrosetti, sembrerebbe lecito chiosare il messaggio loro mandato dal Presidente della repubblica Mattarella. Non è stato il solito messaggio di augurio: è stato un vero e proprio programma politico antitetico a quello del Governo nazionale.

Tutti abbiamo profonda stima e riverenza della carica di Capo dello Stato.

Tutti portiamo rispetto alla persona che pro tempore ne ricopre la carica.

Ma la autorevolezza non la si conquista grazie ad una nomina concordata tra diverse forze politiche: ce la si conquista con un’ideazione ed un comportamento degni della carica ricoperta.

* * * * * * *

Costituzione. [Ne riportiamo i passi salienti in questo contesto]

Art. 73.

Le leggi sono promulgate dal Presidente della Repubblica entro un mese dalla approvazione [74, 87, 138].

Se le Camere, ciascuna a maggioranza assoluta dei propri componenti, ne dichiarano l’urgenza [72], la legge e` promulgata nel termine da essa stabilito.

Le leggi sono pubblicate subito dopo la promulgazione ed entrano in vigore il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione, salvo che le leggi stesse stabiliscano un termine diverso.

Art. 74.

Il Presidente della Repubblica, prima di promulgare la legge, puo` con messaggio motivato alle Camere [87] chiedere una nuova deliberazione.

Se le Camere approvano nuovamente la legge, questa deve essere promulgata.

Art. 83.

Il Presidente della Repubblica e` eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri [55, 85].

All’elezione partecipano tre delegati per ogni Regione [85] eletti dal Consiglio regionale in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze. La Valle d’Aosta ha un solo delegato [II].

L’elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell’assemblea. Dopo il terzo scrutinio e` sufficiente la maggioranza assoluta.

Art. 85.

Il Presidente della Repubblica e` eletto per sette anni.

* * * * * * *

Il vero, sostanziale, indirizzo politico della nazione è stabilito dai Cittadini Elettori al momento delle elezioni: sono loro i primi attori politici, mentre tutti gli altri agiscono in delega. Eseguono il mandato ricevuto.

Se si fosse democratici nella sostanza e non solo nella forma, peggio poi solo a parole, dovrebbe essere doveroso prendere atto di quanto ha espresso la maggioranza. La minoranza deve essere rispettata, sicuramente sì, ma nei limiti che le competono e fino a tanto che si comporta in modo tale da meritarsi rispetto.

Non spetta al Presidente della Repubblica stabilire la linea politica nazionale: ciò è compito e prerogativa degli Elettori prima, quindi del Governo.

Compito del Presidente della Repubblica è la promulgazione delle leggi.

Se corrisponde al vero che il Presidente possa rifiutarsi di firmare e promulgare una legge, rimandandola alle camere, sarebbe altrettanto vero ricordare che se le camere approvassero nuovamente detta legga, essa dovrebbe essere promulgata. Il parere del Presidente della Repubblica è ininfluente.

In parole da gente sulla strada, il Presidente altro non è che il notaio della Repubblica. Piaccia o non piaccia a chi occupasse pro tempore tale carica.

I pruriti presidenziali di fare politica sono del tutto alieni alla Carta Costituzionale.

*

Se è vero che sotto ben definite circostanze il Presidente della Repubblica possa mandare messaggi motivati alle Camere, sarebbe altrettanto vero constatare come il Forum Ambrosetti di Cernobbio sia composto sicuramente da molte persone degne, ma non sia assolutamente il surrogato delle Camere, che sono, tra l’altro, elettive.

Il Presidente Mattarella ha tracimato i limiti saggiamente posti alla sua carica, ed ha mandato un manifesto politico. Lettera contestabile sia nella forma sia nella sostanza.

Umanamente possiamo anche comprenderlo.

Il Presidente Mattarella è frutto politico di un’era passata: è intrinsecamente liberal socialista, convinto fautore degli Stati Uniti di Europa a guida dell’attuale eurodirigenza. Vive questa visione politica come un credo religioso integralista: mal digerisce e sopporta il governo che ora gli Elettori hanno voluto darsi.

Se come cittadino è ovviamente libero di nutrire codeste idee, come Presidente della repubblica non è per nulla libero di esternarle, massimamente poi quando parla dall’alto della Sua Carica.

Ciò detto, sarebbe allora molto più corretto il dimettersi e ritornare nell’agone politico.


Adnk. 2018-09-08. Mattarella difende l’Ue

”Una casa comune solida e ben gestita costituisce il più efficace antidoto contro antistoriche spinte dissociative”. Così il Capo dello Stato Sergio Mattarella, che torna oggi a parlare in difesa dell’Europa e del futuro dell’Unione europea in un messaggio di saluto al Forum Ambrosetti di Cernobbio. Europa, quindi, come una “casa comune”, che per il presidente della Repubblica è ”quanto chiede la società civile dei Paesi europei: più sicurezza, in un contesto internazionale così profondamente perturbato, più equità, più condivisione delle responsabilità”.

Per questo, continua Mattarella, “i governi hanno l’onere di contribuire con atteggiamenti e proposte costruttive a garantire il miglior funzionamento dell’Ue, aggiornandone le priorità. La posta in gioco è molto elevata: un’Europa all’altezza delle sfide che i popoli hanno dinnanzi è la soluzione adeguata per evitare ai singoli paesi di scivolare nell’irrilevanza e per consentire loro, invece, di partecipare autorevolmente alla stesura di nuove e più appropriate regole internazionali”.

Le istituzioni europee e nazionali – avverte ancora il presidente della Repubblica – debbono lavorare insieme per rispondere alle esigenze di cittadini e soggetti economici e sociali, garantendo libertà in un mondo aperto e, allo stesso tempo, coesione e solidarietà, presupposti per proseguire il cammino di pace, democrazia e sviluppo assicurato dall’integrazione del continente in questi 60 anni, estendendolo, auspicabilmente, oltre i suoi confini”, spiega ancora Mattarella.

Per custodire il futuro dei nostri popoli, dice il Presidente, è quindi “indispensabile riaffermare i valori fondamentali alla base delle libere scelte che hanno portato all’Unione europea: libertà, stato di diritto, democrazia, uguaglianza, solidarietà, rispetto della dignità umana”. Questi, infatti, “principi sulla base dei quali si è costruita la civiltà occidentale in una società in cui inclusione, tolleranza e giustizia sono stati gli obiettivi perseguiti in tutti questi decenni. E’ questa la prospettiva in cui è saldamente collocata l’Italia”.

Rendere attuali questi valori costitutivi – sottolinea – declinarli in iniziative concrete per rispondere tempestivamente alle aspettative dei cittadini, richiede un coerente sforzo e concorso collettivi, che sappia durevolmente legittimare la ragion d’essere profonda dell’appartenenza all’Ue, che va ben oltre la semplice partita del dare/avere”.

E per quanto riguarda la questione migratoria, ”occorrono ambizioni all’altezza dei tempi e delle sfide a partire dal rafforzamento di progetti fondamentali dell’integrazione, come l’Eurozona, alle questioni della politica estera e di difesa, al potenziamento delle politiche di coesione e crescita, con strumenti che consentano di gestire con efficace solidarietà le trasformazioni produttive e le sofferenze sociali, alla predisposizione di regole che sappiano affrontare in modo adeguato la questione migratoria”. Per il resto, spiega ancora il capo dello Stato, “dobbiamo compiere scelte fondamentali su politiche e istituzioni: dal bilancio comune alla governance economica dell’area Euro”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Trump

Midterm. Il The New York Times si interroga sulla marea blu.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-29.

Nrew York Times

«Britons in the 1930s did not want to “die for Danzig,” and Americans today don’t want to die for Taipei or Riga, never mind Kiev or Tbilisi»


Sono in molti ad interrogarsi se sia Mr Trump ad improntare l’America, oppure sia l’America a condizionare il pensiero politico ed economico di Mr Trump.Nel primo caso la marea blu, ossia la vittoria dei liberal democratici sia al Congresso, sia al Senato, sia conquistando tutti i Governatorati da eleggere, sarebbe cosa del tutto automatica. Ma in caso contrario la marea blu potrebbe essere solo un modesto rigagnolo in tempo di siccità.

Questo quesito se lo pone anche il The New York Times.

Anticipiamo la domanda finale:

«Now we have Mr. Trump. Is he an aberration or a culmination?»

La risposta del NYT sarà una sorpresa.

*

«The three pillars of the ideology — isolationism, protectionism and restricting immigration — were gaining popularity before Donald Trump became president and may outlast his tenure»

*

«We have a U.S. president who doesn’t value the rules-based international order …. But is the American public any different?»

*

«President Trump may not enjoy majority support these days, but there’s good reason to believe that his “America First” approach to the world does»

*

«There has been no popular outcry against Mr. Trump’s trade battles with Canada, Mexico and the European allies.  …. After all, even Hillary Clinton had to disown her support for the Trans-Pacific Partnership in the last election»

*

«The old free-trade consensus is gone.»

*

«Mr. Trump’s immigration policies may be more popular with Republicans than with Democrats, but few Democratic politicians are running on a promise to bring more immigrants into the country»

*

«Republican voters follow Mr. Trump in seeking better ties, accepting Moscow’s forcible annexation of Crimea and expanding influence in the Middle East»

*

«Most Americans in both parties also agree with Mr. Trump that America’s old allies need to look out for themselves and stop relying on the United States to protect them»

*

«Britons in the 1930s did not want to “die for Danzig,” and Americans today don’t want to die for Taipei or Riga, never mind Kiev or Tbilisi»

*

«Mr. Trump’s narrower, more unilateralist and nationalist approach to the world is probably closer to where the general public is»

*

«In our own time, the trend toward an America First approach has been growing since the end of the Cold War»

*

«Now we have Mr. Trump. Is he an aberration or a culmination?»

*

«But they may have to start facing the fact that what we’re seeing today is not a spasm but a new direction in American foreign policy, or rather a return to older traditions»

America First Has Won.

* * * * * * *

Bene.

Tra poco più di un mese si andrà alle urne e ci si potrà contare.


The New York Times. 2018-09-24. ‘America First’ Has Won

The three pillars of the ideology — isolationism, protectionism and restricting immigration — were gaining popularity before Donald Trump became president and may outlast his tenure.

*

“We have a U.S. president who doesn’t value the rules-based international order,” a former top aide to Vice President Joseph R. Biden Jr. observed in this paper not long ago. She was right, of course. But is the American public any different?

President Trump may not enjoy majority support these days, but there’s good reason to believe that his “America First” approach to the world does. There has been no popular outcry against Mr. Trump’s trade battles with Canada, Mexico and the European allies. Experts suggest we are in for a long international trade war, no matter who the next president may be. After all, even Hillary Clinton had to disown her support for the Trans-Pacific Partnership in the last election. The old free-trade consensus is gone.

Mr. Trump’s immigration policies may be more popular with Republicans than with Democrats, but few Democratic politicians are running on a promise to bring more immigrants into the country. And just as in the 1920s, isolationism joins anti-immigration sentiment and protectionism as a pillar of America Firstism.

The old consensus about America’s role as upholder of global security has collapsed in both parties. Russia may have committed territorial aggression against Ukraine. But Republican voters follow Mr. Trump in seeking better ties, accepting Moscow’s forcible annexation of Crimea and expanding influence in the Middle East (even if some of the president’s subordinates do not). They applaud Mr. Trump for seeking a dubious deal with North Korea just as they once condemned Democratic presidents for doing the same thing. They favor a trade war with China but have not consistently favored military spending increases to deter a real war.

Democrats might seem to be rallying behind the liberal order, but much of this is just opposition to Mr. Trump’s denigration of it. Are today’s rank-and-file Democrats really more committed to defending allies and deterring challengers to the liberal world order? Most Democratic politicians railing against Mr. Trump’s “appeasement” of Moscow hailed Obama’s “reset” a few years ago and chastised Republicans for seeking a new Cold War. Most Democratic voters want lower military spending and a much smaller United States military presence overseas, which hardly comports with getting tougher on Russia, Korea or China — except on trade.

Most Americans in both parties also agree with Mr. Trump that America’s old allies need to look out for themselves and stop relying on the United States to protect them. Few really disagreed with the president’s stated reluctance to commit American lives to the defense of Montenegro. Britons in the 1930s did not want to “die for Danzig,” and Americans today don’t want to die for Taipei or Riga, never mind Kiev or Tbilisi. President Obama was less hostile to the allies than Mr. Trump, but even he complained about “free riders.”

In retrospect it’s pretty clear that Mr. Obama was too internationalist for his party base. He expanded NATO, intervened in Libya, imposed sanctions on Russia and presided over the negotiation of the Trans-Pacific Partnership. Democrats may miss Mr. Obama for many reasons, but there’s little evidence that the rank-and-file miss those policies. Mr. Trump’s narrower, more unilateralist and nationalist approach to the world is probably closer to where the general public is than Mr. Obama’s more cosmopolitan sensibility.

It would be comforting to blame America’s current posture on Mr. Trump. But while he may be a special kind of president, even he can’t create a public mood out of nothing. Now as always, presidents reflect public opinion at least as much as they shape it. Between the two world wars, and especially from 1921 through 1936, an American public disillusioned by World War I was averse to further overseas involvement, and it didn’t matter whether the presidents were supposed “isolationists” like Warren Harding and Calvin Coolidge or supposed “internationalists” like Herbert Hoover and Franklin Roosevelt. It took a lot more than fireside chats to turn public opinion around. It took Hitler’s conquest of Europe, near-conquest of Britain and, finally, Pearl Harbor to convince a majority of Americans that America First was a mistake.

In our own time, the trend toward an America First approach has been growing since the end of the Cold War. George H.W. Bush, the hero of the Gulf War, had to play down foreign policy in 1992 and lost to a candidate promising to focus on domestic issues. George W. Bush won in 2000 promising to reduce United States global involvement, defeating an opponent, Al Gore, who was still talking about America’s indispensability. In 2008, Mr. Obama won while promising to get out of foreign conflicts for good. In 2016, Republican internationalists like Jeb Bush and Marco Rubio were trounced in the primaries. Hillary Clinton struggled to hold off Bernie Sanders, a progressive isolationist, and it was certainly not because of her foreign policy views.

Now we have Mr. Trump. Is he an aberration or a culmination? Many foreign policy experts, and most of the foreign leaders pouring into New York this week for the United Nation’s General Assembly, have been counting on the former. They place their hopes on the 2020 elections to get America back on its old path. But they may have to start facing the fact that what we’re seeing today is not a spasm but a new direction in American foreign policy, or rather a return to older traditions — the kind that kept us on the sidelines while fascism and militarism almost conquered the world.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Problemia Energetici, Unione Europea

Germania. Frau Merkel comprerà ed importerà natural gas dagli Stati Uniti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-29.

Pollo allo Spiedo

Per usare una terminologia politicamente corretta, lasciando solo sottendere tra le righe, Mr Trump sta sistematicamente distruggendo tutte le situazioni al contorno di Frau Merkel.  La sta arrostita sul fuoco, lentamente.

Lentamente, molto lentamente, Frau Merkel inizia a comprendere chi sia il padrone.

*

«Germany will chose where to build a liquefied natural gas (LNG) terminal by the end of 2018 as a gesture to the United States which wants to ship more gas to Europe, the economy minister said on Tuesday»

*

«Germany will decide by the end of the year where to locate its first terminal for receiving liquefied natural gas (LNG), German economy and energy minister Peter Altmaier said Tuesday»

*

«That could be good news for the U.S. economy—and for U.S. political influence.»

* * * * * * *

Ecco il titolo del World Energy News.

Germany to Build LNG Terminal in ‘Gesture to U.S.’

«Germany will chose a city to host a new liquefied natural gas (LNG) terminal by year end’s in what its economy minister on Tuesday called “gesture” to the United States, which wants to increase gas exports to Europe.

“This is a gesture to our American friends,” Peter Altmaier said after a meeting with the EU’s energy chief in Brussels. He said the move was unrelated to Germany’s support the Nord Stream 2 pipeline, which Russia is laying under the Baltic Sea directly to its shores and is opposed by the United States.

“Nord Stream 2 is a project that has a long life already and much money has been invested.”»

* * * * * * *

No ci sono commenti.


Reuters. 2018-09-18. Germany to build LNG plant in ‘gesture’ to U.S. drive to sell more

Germany will chose where to build a liquefied natural gas (LNG) terminal by the end of 2018 as a gesture to the United States which wants to ship more gas to Europe, the economy minister said on Tuesday.

In a bid to deter U.S. President Donald Trump from imposing hefty new trade tariffs on European Union goods, the EU said in July it would work to increase imports of U.S. soybeans and LNG.

Trump wants U.S. LNG to compete with Russian natural gas exports in Europe. He has accused Germany of being a “captive” to Moscow because of its heavy reliance on Russian gas and has called for Berlin to drop support for the $11 billion Nord Stream 2 pipeline plan to pump more gas from Russia to Germany.

“This is a gesture to our American friends,” Peter Altmaier said of plans to decide on a site for the LNG terminal.

“We have three competing cities and we will take a decision before the end of the year,” he said after meeting Maros Sefcovic, the European Commission vice president and EU energy chief.

But Altmaier said the LNG plan was not related to Germany’s support for Nord Stream 2, which he told reporters was “a project that has a long life already and much money has been invested.”

At talks in Brussels, Altmaier and Sefcovic discussed the future of gas transit via Ukraine, the traditional route for Russian gas supplies that make up more than a third of EU needs.

Critics of the Nord Stream 2 pipeline say it will deprive Ukraine of lucrative gas transit fees and increase dominance of Russian gas monopoly Gazprom.

Altmaier repeated Germany’s request for Moscow to continue to send “substantial” supplies via Ukraine after their contract expires in 2019 but did not put a figure on volumes.

Sefcovic said volumes had to be substantial enough to pay for maintenance of Ukraine’s gas pipeline infrastructure.

He also said the United States had to do more to make its gas exports competitive on European markets.

German firms are considering building an LNG terminal as gas demand rises in Europe and the Netherlands, one of Germany’s crucial suppliers which is winding down its giant Groningen field and plans to close it in 2030.

German utility Uniper said on Monday it was ready to import LNG and distribute it should a terminal be built at Wilhelmshaven, close to its storage facilities.


Fortune. 2018-09-19. ‘A Gesture to Our American Friends.’ Germany’s Plans for a Natural Gas Terminal Could Help the U.S. With Russia

Germany will decide by the end of the year where to locate its first terminal for receiving liquefied natural gas (LNG), German economy and energy minister Peter Altmaier said Tuesday. That could be good news for the U.S. economy—and for U.S. political influence.

The United States is the world’s largest producer of natural gas and, in the face of an on-going trade war with China, is eager to find more ports to sell LNG into. It also wants to tilt Germany and the rest of Europe away from Russian influence, which Russia—the world’s second biggest natural gas producer—sometimes exercises by cutting off its natural gas pipelines into the continent.

Of course, one LNG terminal is unlikely to solve all of these issues.

Germany is a key player in on-going negotiations between the U.S. and EU over tariffs on trade, and Altmaier said the LNG plan was “a gesture to our American friends,” Reuters reports. But most of Germany’s natural gas imports come from Russia, and it is still building a pipeline, Nord Stream 2, to bring natural gas directly from Russia.

“Europe is also becoming more, not less, dependent on Russian natural gas,” Steven Winberg, assistant secretary of fossil energy, warned during a Senate hearing last week. Congress must approve most U.S. LNG exports.

Germany is unusual among major European countries for not yet having port facilities that can accept LNG, which requires special handling compared to natural gas, but can be converted back into gas from for overland transport via pipes.

Dutch companies Gasunie and Vopak and German company Oiltanking formed a joint venture last year that has been laying the groundwork for a €450 million ($526 million) facility in Brunsbüttel that could meet about 10% of Germany’s natural gas demand. Altmaier noted that at least two other cities are competing to be the chosen site.

Of course, the thing about a more liquid market is that you can end up business partners with your purported enemies: earlier this year, the U.S. flirted with buying Russian LNG.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Italia. La denatalità che travolge la società.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-29.

Allucinazioni 001

La scienza demografica riesce a fare previsioni ragionevoli perché per sua natura ha dei parametri certi. Il parametro cardine è costituito dal fatto che l’essere umano necessita di nove mesi di gestazione e può entrare nel mondo del lavoro come minimo dopo diciotto anni, che salgono a trenta se dovesse seguire corsi universitari, master compreso.

Usualmente le nozze / convivenza accadono quando le persone abbiano trovato un lavoro dignitoso.

*

Le femmine italiane hanno un tasso di fertilità di 1.34, laddove il tasso di steady-state sarebbe 2.1.

La conseguenza è semplice: la popolazione autoctona italiana tende a scendere, avviandosi alla scomparsa.

Il problema è stato preso molto, ma molto alla leggera, soprattutto per un problema legato alla mentalità imperante che propugna la limitazione delle nascite e, qualora la femmina abbia concepito, il passo dell’aborto. La prole è vista cme un peso da cui guardarsi.

Con eguale leggerezza è stata smantellata accuratamente l’istituzione matrimoniale, concedendo separazioni e divorzi in modo quasi automatico, a semplice richiesta di parte. Al massimo, il rapporto matrimoniale è rimasto estinto nel suo aspetto di rapporti economici. Ma mentre il divorzio annulla tutte le conseguenze giuridiche del matrimonio, non ne estingue l’obbligo al mantenimento del coniuge: da questo punto di vista in Italia il matrimonio è tutelato persino meglio di quello ecclesiastico. Gli impegni economici che ne derivano sono semplicemente eterni.

Le attuali leggi sulla famiglia fanno tutto l’umano possibile per scoraggiare sia il mantenere unito il nucleo familiare sia il procreare la prole. La maternità è quasi non protetta e gli assegni familiari di una volta sono solo un deriso ricordo. La possibilità di frequentare asili nido è scarna.

La religione era ed è un potente mezzo di coesione e tutela del vincolo familiare, ma anche la religiosità è stata avversata.

Si badi bene.

La denatalità è un probema di Weltanschauung, non un problema meramente economico.

*

Questo fenomeni portano ad una decrescita della popolazione, ma questo non è il problema maggiore.

Il decremento non colpisce in modo omogeneo tutte le classi di età, ma solo ed unicamente la classe giovane. Il rapporto vecchi / giovani tende ad aumentare in continuazione e passa livelli critici.

Iniziano a mancare i giovani da immettere nel mercato del lavoro e per l’assistenza agli anziani.

Italia. 169 vecchi ogni 100 giovani. Si prospettano tempi crudeli.

Istat: Italia in declino demografico, più vecchi e soli

La scuola ha insegnanti vecchietti.

Immigrati. Rimpiazzeranno i 11,800 medici che mancano.

La storia ci da ampie dimostrazioni che nelle fasi di spopolamento i problemi maggiori e le maggiori tensioni non avvvengo a processo ultimato, bensì nelle fasi di transitorio, quando gli squilibri tra anziani e giovani sono più evidenti e maggiormente percepiti.

I vecchi necessitano di giovani che li accudiscano. Non sono autosufficienti: potranno essere anche ricchi, ma avranno pur sempre bisogno di un qualcuno che dia loro un brodino e li cambi quando si sporcano. Molti affermano, ostentando una grande sicurezza di quanto dicono, che si importeranno badanti. Ma una badante costa attorno ai 18,000 euro l’anno, più le spese di vitto ed alloggio. È un lusso che ben pochi possono permettersi. Non solo, in Italia si enumerano un po’ meno di 400,000 posti in ricoveri per anziani, che per loro natura sono lungodegenti: ma i vecchi sono quasi dieci volte tanti.

In una collettività fisiologicamente sana, si dovrebbero avere almeno tre giovani per ogni anziano.

Il futuro degli anziani è davvero terrificante. Per averne un assaggio, si vada in un qualche gerontocomio a vedere.

Dovrebbero ricevere assistenza pubblica solo quanti abbiano figliato.


Ansa. 2018-09-22. Italia fra 100 anni, per esperti solo 16 milioni di abitanti

La proiezione emersa nel Festival Statistica a Treviso

*

L’Italia fra 100 anni – a condizioni invariate rispetto ad ora – potrebbe veder crollare la propria popolazione, arrivando a poco più di 16 milioni di abitanti rispetto ai 59 mln 423mila attuali. Un puro esercizio statistico, che secondo gli studiosi deve far riflettere però sulle politiche per la natalità e il sostegno alle famiglie.

L’inquietante proiezione è emersa oggi a Treviso nella seconda giornata di Statistcall, il Festival della Statistica. In un programma informatico sono stati inseriti il tasso di fertilità attuale (1,34) e l’attesa di vita dei bimbi nati oggi (83,8 anni), per capire – con tutte le altre condizioni alla pari – quante persone abiteranno a Penisola nel 2018: poco più di 16 milioni è stato il responso. “Perché ciò si verifichi tra cento anni, anche se già tra 20 anni saremo comunque 8 milioni in meno – ha detto il prof. Matteo Rizzolli della Lumsa di Roma – è sufficiente comportarsi come adesso, cioè non fare nulla per favorire la natalità e dare sostegno alla famiglia”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Trump

Kavanaugh. Nomina approvata in Commissione.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-29.

Campidoglio 001

Asia Argento docet.


«The Supreme Court plays a vital role in US political life. Appointed for life, its nine members have the final say on US law.»

*

«This includes highly contentious social issues, such as abortion, and challenges to government policy.»

*

«Judge Kavanaugh’s appointment could tilt the balance in favour of conservatives for years to come. »

*

«Republicans control the Senate by a narrow 51-49 majority. Without the support of Mr Flake and one other Republican senator – and assuming all Democrats vote against – the confirmation of Judge Kavanaugh cannot occur.»

*

«A simple majority of those present is needed for the confirmation. If there is a tie, the vice-president, who presides over the Senate, casts the deciding vote.»

*

«Mr Flake, who often differs from Mr Trump and the Republican leadership in Congress, had issued a statement shortly before Friday’s session stating that he would back Judge Kavanaugh.»

* * *

«Analysts say an FBI investigation into the allegations against Judge Kavanaugh would not be a “new” investigation.»

*

«It would be reopening its previously completed background check on Judge Kavanaugh. This might mean going back to old witnesses – or speaking to new ones.»

*

«Friday saw Republicans on the Senate Judiciary Committee throw out Democrat attempts to subpoena Mark Judge, a friend of Judge Kavanaugh who Dr Ford said had witnessed the assault on her 36 years ago. Mr Judge had told the committee in a written statement that he did not recall any such incident.»

*

«On Friday, a day after hearing from Dr Ford and Judge Kavanaugh, the Senate Judiciary Committee split along partisan lines in a vote on passing Judge Kavanaugh’s nomination to the full Senate.»

*

«Democrats accused the 11 Republicans of attempting to rush the process, while Republicans countered that the 10 Democrats were using the sexual assault allegations in an attempt to delay – and ultimately block – the conservative judge from joining the Supreme Court.»

* * *

«Il senatore repubblicano Jeff Flake ha annunciato che votera’ a favore di Brett Kavanaugh, il giudice nominato da Donald Trump»

* * * * * * * *

Constatiamo molto amaramente come negli attuali Stati Uniti di America vi siano persone, anche assurte a cariche pubbliche della massima importanza, che ritengano come una accusa sia equivalente ad una sentenza cassata.

Ribadiamo come le accuse non supportate da prove probanti, inequivocabili, siano solo ed unicamente calunnie. Le accuse poi devono essere fatte alle usuali autorità competenti e nei termini stabiliti dalla legge, non certo ai media.

Orbene, la nomina di Sua Giustizia Mr Kavanaugh è stata approvata in sede di commissione giustizia del Senato, che a giorni sarà chiamato ad esprimere il voto  definitivo.


Ansa. 2018-09-28. Kavanaugh, sì commissione, ora al Senato

Dem votano contro. Senatore Flake popone rinvio voto per indagine Fbi

*

La commissione giustizia del Senato americano ha approvato la nomina alla Corte Suprema del giudice conservatore Brett Kavanaugh, nonostante le accuse di aggressione sessuale da parte di tre donne. Repubblicani a favore, contro i democratici. Ora la nomina dovrà essere confermata in seduta plenaria dal Senato.

Ma intanto il senatore repubblicano Jeff Flake ha proposto di posticipare per non oltre una settimana il voto del Senato per la conferma del giudice, per consentire una indagine dell’Fbi sulle accuse di aggressioni sessuale.


Ansa. 2018-09-28. Kavanaugh: senatore Flake, voto a favore

Il senatore repubblicano Jeff Flake ha annunciato che votera’ a favore di Brett Kavanaugh, il giudice nominato da Donald Trump alla corte suprema e accusato da tre donne di aggressione sessuale.

Flake, fortemente critico verso il presidente, era uno dei senatori piu’ incerti nel voto. La sua decisione ha suscitato le proteste di alcune attiviste al Senato.


Bbc. 2018-09-28. Brett Kavanaugh: Trump court nominee clears first hurdle

A US Senate committee has voted to approve Brett Kavanaugh’s nomination to the US Supreme Court – but on the condition of an FBI investigation into sexual misconduct allegations.

As a result, a full Senate vote on Judge Kavanaugh’s confirmation has been delayed for up to a week.

The inquiry would be limited to “current credible allegations”, the Senate Judiciary Committee said.

Judge Kavanaugh denies allegations from at least three women.

Republican leaders in the Senate agreed to support the request for an FBI inquiry, and President Donald Trump has now ordered it should go ahead.

On Thursday, the committee heard testimony from Christine Blasey Ford, now a professor of psychology in California, who says Judge Kavanaugh – nominated to the court by President Trump – sexually assaulted her when they were teenagers in the 1980s.

Judge Kavanaugh also testified on Thursday, angrily rejecting the allegation he had ever assaulted her or anyone else. He accused Democrats of politicising the process and harming his family and good name.

What might the FBI do in a week?

Analysts say an FBI investigation into the allegations against Judge Kavanaugh would not be a “new” investigation.

It would be reopening its previously completed background check on Judge Kavanaugh. This might mean going back to old witnesses – or speaking to new ones.

Friday saw Republicans on the Senate Judiciary Committee throw out Democrat attempts to subpoena Mark Judge, a friend of Judge Kavanaugh who Dr Ford said had witnessed the assault on her 36 years ago. Mr Judge had told the committee in a written statement that he did not recall any such incident.

After the committee had adjourned, Mr Judge’s lawyer Barbara Van Gelder said: “If the FBI or any law enforcement agency requests Mr Judge’s co-operation, he will answer any and all questions posed to him.”

What exactly has happened?

On Friday, a day after hearing from Dr Ford and Judge Kavanaugh, the Senate Judiciary Committee split along partisan lines in a vote on passing Judge Kavanaugh’s nomination to the full Senate.

Democrats accused the 11 Republicans of attempting to rush the process, while Republicans countered that the 10 Democrats were using the sexual assault allegations in an attempt to delay – and ultimately block – the conservative judge from joining the Supreme Court.

Then, amid much confusion, Arizona Republican Jeff Flake told the committee that he would back the motion to send Judge Kavanaugh’s nomination for a full vote on the Senate floor – but would not support his confirmation in the Senate without the additional FBI probe for which the Democrats and the American Bar Association (ABA) had pressed.

The vote then went ahead, with all 11 Republicans including Mr Flake in favour and all 10 Democrats – despite welcoming Mr Flake’s intervention – voting against.

A statement issued later by the committee said it would “request that the administration instruct the FBI to conduct a supplemental FBI background investigation”.

It said: “The supplemental FBI background investigation would be limited to current credible allegations against the nominee and must be completed no later than one week from today.”

Why is this vote so important?

The Supreme Court plays a vital role in US political life. Appointed for life, its nine members have the final say on US law.

This includes highly contentious social issues, such as abortion, and challenges to government policy.

Judge Kavanaugh’s appointment could tilt the balance in favour of conservatives for years to come.

Republicans control the Senate by a narrow 51-49 majority. Without the support of Mr Flake and one other Republican senator – and assuming all Democrats vote against – the confirmation of Judge Kavanaugh cannot occur.

A simple majority of those present is needed for the confirmation. If there is a tie, the vice-president, who presides over the Senate, casts the deciding vote.

Mr Flake, who often differs from Mr Trump and the Republican leadership in Congress, had issued a statement shortly before Friday’s session stating that he would back Judge Kavanaugh.

On his way to the committee room, he was berated by two women who said they were victims of sexual violence and urged him to change his mind.

Speaking to reporters at the White House after the committee vote, Mr Trump said he would leave it to Senate leaders to decide how to proceed.

“Whatever they think is necessary is okay,” he said. “They have to do what they think is right.”

But he continued to support Judge Kavanaugh, saying he had not thought “even a little bit” about a replacement – but added that he had found Dr Ford a “credible witness”.

Are there other allegations against Kavanaugh?

Yes, and new ones appeared ahead of Thursday’s hearing. At present they are:

– Deborah Ramirez. The former Yale University student has said that Brett Kavanaugh once exposed himself to her at a dormitory party in the 1980s. She alleges the incident occurred during a drinking game and remembers Brett Kavanaugh standing to her right and laughing

– Julie Swetnick. A Washington DC resident. In a sworn affidavit, she alleges Brett Kavanaugh was involved in the drugging and sexual assault of girls at house parties in the 1980s. She says she was the victim of a gang rape in 1982 at a party attended by the now-Supreme Court nominee

– Anonymous. A woman sent a letter to a Colorado senator alleging her daughter had witnessed Judge Kavanaugh pushing a woman he was dating “very aggressively and sexually” against a wall in 1998

Judge Kavanaugh denies these allegations, and on Thursday called Ms Swetnick’s allegation “a joke” and “a farce”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Baviera. Csu in rotta -13.7 punti percentuali, Spd -8.6.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-28.

2018-09-27__Baviera__001

L’Insa ha rilasciato il 26/9 i risultati dell’ultimo sondaggio elettorale eseguito in Baviera.

La Csu scenderebbe dal 47.7% all’attuale 34%. Perderebbe quindi 13.7 punti percentuali, ossia un calo percentuale del [100 * (47.7 – 34) / 47.7] = 28.72%.

La Spd scenderebbe dal 20.6% all’attuale 11%. Un calo di 8.6 punti percentuali, ossia un crollo percentuale del [100 * (20.6 -11) /20.6] = 46.60%.

AfD si collocherebbe al 14%.

*

Sono trend impressionanti, difficilmente riscontrabili nella storia.

Il tracollo dei due partiti tradizionali tedeschi è evidente ovunque in Germania.

Nordrhein-Westfalen. La Spd dal 31.2% al 24%, AfD dal 7.4% al 13%.

Germania. Brandenburg. Cdu -8.7%, Spd -27.89%.

Germania. Union 27.5%. Afd 17.5%. Spd 16.55.

Lebbrosi. Buone notizie. Cdu-Csu scese al 28% (-5 punti percentuali).

Germania. Hessen. Cdu -9.5, Spd -6.5, Afd +10 punti percentuali.

Baviera. Csu – 8 punti percentuali in sei mesi.

*

Tra poco più di tre settimane si andrà a votare in Hessen ed in Baviera: sarà quello il momento della verità.

Ma se tanto da tanto, la ribellione contro Frau Merkel cui abbiamo assistito nei giorni scorsi al Bundestag potrebbe evolversi rapidamente verso la crisi di governo. I partiti tradizionali sembrerebbero essere destinati alla estinzione.

Ma a maggio del prossimo anno si andrà anche a votare per il rinnovo del parlamento europeo: con cifre del genere né Cdu, né Csu, né Spd possono sperare di contare ancora qualcosa. Sempre che, ovviamente, all’epoca esistano ancora.

Germania ed immigrazione. Un sondaggio boccia malo modo il Governo.

Germania. È iniziata la rivoluzione. Brinkhaus batte Kauder 125 a 112.