Pubblicato in: Giustizia

Giappone. Giustiziati gli attentatori al sarin. La pena di morte.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-19.

Animali_che_Ridono__007_Gufo

A fine 2016 vi erano al mondo 7.442 miliardi di esseri umani, dei quali circa un miliardo vive nell’Occidente, intendendo con tale termine l’Europa, Russia e Turkia escluse, gli Stati Uniti ed il Canada.

L’Occidente così definito assomma quindi il 13.5% della popolazione mondiale.

Da un punto di vista meramente economico, se si considera il pil per potere di acquisto, l’Occidente rende ragione del 29.46% del pil ppa mondiale.

In altri termini, l’Occidente non è più ‘maggioranza‘ a livello mondiale, né per popolazione né per potenza economica.

Negli ultimi decenni è invalsa in Occidente la costumanza di abolire la pena di morte anche per i reati di maggior rilevanza penale e persino abrogandola dai codici militari di guerra.

È una posizione giuridica con una serie di elementi a supporto ed un’altrettanto lunga e motivata serie di ragioni contrarie.

Non si intende in questo momento entrare nel merito etico, morale e giuridico a favore o contro la legalizzazione della pena di morte: si constata soltanto che tranne che in Occidente essa è ancora in vigore in quasi tutto il resto del mondo.

Sarebbe incorretto indicare come ‘barbari‘ i paesi che la applicano: nulla e nessuno autorizza ad un simile giudizio. Ogni popolazione ed ogni stato ha una sua giurisprudenza ben consolidata da lunga tradizione, che meriterebbe a nostro commesso parere la massima considerazione.

Sono semplicemente due differenti modi di concepire un provvedimento giuridico. Per gli orientali sono ‘barbari‘ gli occidentali. Ma scambiarsi epiteti non concorre certo a risolvere le differenze di vedute.

*

Di questi giorni in Giappone è stata eseguita la sentenza capitale contro Shoko Asahara e sei altri complici, rei di aver effettuato un attacco terroristico utilizzando il sarin, un gas nervino, in cui morirono dodici persone ed un centinaio di altre furono coinvolte con severe conseguenze.

I media occidentali hanno commentato la notizia come se i giapponesi fossero ‘giuridicamente arretrati‘, ‘imbarbariti‘, ‘disumani‘ e così via. Tutelano l’assassino senza curarsi più di tanto delle vittime.

Questi sembrerebbero essere giudizi tranchant più di ordine politico che giuridico.

In ogni caso, l’abolizione della pena di morte è nel mondo appannaggio di una piccola minoranza.

Nota.

Nessuno si stupirebbe se entro tempi anche abbastanza brevi l’Occidente ripristinasse la pena di morte e la applicasse in modo estensivo.


La Stampa. 2018-07-06. Giustiziati in Giappone i sette responsabili dell’attacco col sarin nella metropolitana del 1995.

Shoko Asahara, fondatore e leader del cult Aim Shinrikyo, responsabile degli attacchi compiuti nella metropolitana di Tokyo nel 1995 col gas sarin, è stato giustiziato lo scorso venerdì, tramite impiccagione. Il 63enne Asahara, il cui vero nome era Chizuo Matsumoto, è il primo ad essere giustiziato di 13 persone, legate a una serie di crimini commessi dal culto della «Verità suprema» che idealizzava la fine del mondo. Oltre al fondatore Shoko Asahara, sono stati oggi giustiziati venerdì altri 6 componenti del culto Aum Shinrikyo, responsabili dell’attacco.  

Asahara era stato arrestato nel maggio del 1995, due mesi dopo l’attacco del 20 marzo compiuto nella metropolitana di Tokyo, che aveva provocato 13 morti e coinvolto almeno 6.200 persone. Inizialmente Asahara aveva negato di aver architettato l’operazione, ma durante il processo del 2004 ha ammesso di meritare la condanna per aver pianificato l’esecuzione dell’attacco. 

La sua condanna a morte era stata decisa definitivamente nel 2006. Le udienze dei membri del culto Aum Shinrikyo sono andate avanti per oltre 20 anni nelle aule dei tribunali giapponesi, con quasi 200 incriminazioni e 12 condanne a morte. 

Cnn. 2018-07-06. Japanese cult leader Shoko Asahara executed for Tokyo sarin attack

Seven members of the Aum Shinrikyo cult, which carried out the deadly 1995 sarin gas attack on the Tokyo subway, have been executed, Japanese officials said Friday.

Cult leader Shoko Asahara, whose real name is Chizuo Matsumoto, had been in prison for 22 years before his execution this week. The attack left more than a dozen people dead and thousands injured.

Twelve other members of Aum Shinrikyo were sentenced to death for their roles in the Tokyo attack. Asahara’s death sentence was finalized in 2006, according to public broadcaster NHK, but trials of his co-conspirators dragged on for a further 12 years.

Since those proceedings finished earlier this year, the days of the Aum Shinrikyo members had been numbered, even as opponents of the death penalty attempted to block the executions.

Asahara was one of seven members of the cult hanged this week. The others are Tomomasa Nakagawa, Tomomitsu Niimi, Kiyohide Hayakawa, Yoshihiro Inoue, Seiichi Endo and Masami Tsuchiya, according to Japanese Justice Minister Yoko Kawakami.

Six other people are still sentenced to die in connection to the 1995 attack and other Aum Shinrikyo crimes. The date of their executions is not known.

Executions in Japan are done in secret, with no advance warning given to the prisoner, their family or legal representatives, according to Amnesty International. Prisoners often only learn hours before that they are to be killed.

Shizue Takahashi, a victims group representative and widow of a Toyko Metro employee who died in the sarin attack, told reporters she was “surprised” by the sudden execution.

“When I think of those who died because of them, it was a pity (my husband’s) parents and my parents could not hear the news of this execution,” she said. “I wanted (cult members) to confess more about the incident, so it’s a pity that we cannot hear their account anymore.”

In a statement Friday, Amnesty said the execution of Asahara and other Aum Shinrikyo members would not deliver justice for the Tokyo attack.

“The attacks carried out by Aum were despicable and those responsible deserve to be punished. However, the death penalty is never the answer,” said Hiroka Shoji, East Asia researcher at Amnesty International.

“Justice demands accountability but also respect for everyone’s human rights. The death penalty can never deliver this as it is the ultimate denial of human rights.”

Doomsday beliefs

Asahara founded Aum Shinrikyo in 1984 and quickly attracted thousands of disciples, combining forecasts of a coming apocalypse — which would come after the US attacked Japan and turned it into a nuclear wasteland — with traditional religious teachings and new age tactics.

Many of Asahara’s followers were highly educated scientists and engineers, who helped bring in huge amounts of money to the cult’s coffers.

As the cult grew, the families of members began to raise the alarm, and complaints of brainwashing and abuse within Aum Shinrikyo became more common.

Despite this, few would have predicted what was to come, and the cult shot to global notoriety with the March 1995 attack on the Tokyo subway, when members of Aum Shinrikyo released sarin gas on carriages full of commuters during rush hour. The attack killed 13 people and injured 5,500.

Asahara and dozens of his followers were arrested in the months that followed, after police raids across the country.

At a press conference Friday, former Aum Shinrikyo spokesman Fumihiro Joyu said he carried a “heavy shared responsibility” for the group’s crimes.

“I would like to apologize to the victims,” he said. “I would like to work on compensation and to make sure such crimes never happen again.”

Aleph, a successor group to Aum Shinrikyo, is still involved in a court case over settlements to the victims of the 1995 and other attacks. Joyu left Aleph in 2006.

He said that more than 10 years after he left the cult, he had “no special feeling” for Asahara, but had still been somewhat nervous about the potential repercussions for criticizing him in public. With Asahara’s execution, he hoped this fear would go away.

Deadly cult

Aum Shinrikyo’s killings began in November 1989, when lawyer Tsutsumi Sakamoto — who was working on a class action case against the cult — was brutally murdered along with his wife and child. The killing was eventually linked to the cult.

Prosecutors said cult members entered the Sakamotos’ home as they slept, injected them with lethal doses of potassium chloride and strangled them.

Sakamoto’s murder and the growing clamor from cult members’ families caused increased attention from the authorities, and Aum Shinrikyo began preparing for the end.

At a sheep farm in rural Western Australia and other properties, cult scientists began testing sarin while others synthesized the VX nerve agent and launched a failed attempt to manufacture automatic rifles.

On June 27, 1994, seven people were killed and more than 500 hospitalized after Aum Shinrikyo released sarin gas from a truck by driving slowly around an apartment complex in Matsumoto, Nagano prefecture. Another victim died in 2008.

Subway attack

The Matsumoto attack was a warm up to the main event, which began almost eight months later on March 20, 1995, according to a report by the Federation of American Scientists.

Five Aum Shinrikyo members boarded subway cars on three different lines in central Tokyo during rush hour, carrying plastic bags filled with sarin. They punctured the bags with the sharpened tips of theirs umbrellas and left them on baggage racks or the floor to seep the deadly gas into the carriages.

The trains were scheduled to arrive at central Kasumigaseki station within four minutes of each other, and the cult hoped not only to kill everyone on board, but also use the trains to deliver the gas to a massive interchange used by thousands of passengers at a time.

Fortunately, mistakes made in developing the sarin and its delivery method meant the attack was far less effective than intended, and the group only succeeded in killing 12 and injuring 5,500 people. Another victim died later.

According to the FAS report, chemical weapons experts estimate that “tens of thousands could have easily been killed” if the attack had been carried out correctly.

Arrest and trial

Dozens of Aum Shinrikyo members were arrested after months of raids by police on hundreds of locations across Japan.

Asahara himself was arrested in May 1995, and indicted on 17 charges ranging from murder to illegal production of weapons and drugs.

His trial — and appeals process — took years to complete, and gripped Japan, as police continued to seek other cult members linked to the Tokyo and Matsumoto attacks.

In late 1996, Ashara admitted responsibility for the sarin attack but said he was not personally involved in the crime, saying he had been “instructed by God” to shoulder the blame. At the same time, he warned lawyers they would die if they continued questioning Aum Shinrikyo members.

After a trial that lasted eight years, Asahara was found guilty of masterminding the attack and sentenced to death in 2004. By 2006, he had exhausted the appeals process.

His execution was delayed due to ongoing cases against his co-conspirators, the last of whom was arrested in 2012.

Aum Shinrikyo split into Hikari no Wa and Aleph in 2007, and the latter group has apologized for the Tokyo attack, which it blames on “top members of then Aum Shinrikyo.” The two groups have around 150 and 1,500 followers respectively, according to Japanese media.

Government surveillance of Hikari no Wa was lifted last year, but Aleph remains under official scrutiny.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Unione Europea

Germania. La Suprema Corte da ragione a Seehofer sulle deportazioni.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-15.

Suprema Corte di Karlsruhe 001

«Germany’s constitutional court on Monday denied an appeal from a suspected Islamic State member who was trying to avoid deportation to Tunisia, saying the threat of the death penalty was not likely to be realized»

*

«Haikel S.’s lawyer filed an appeal with the European Court of Human Rights, but judges in Strasbourg declined to intervene Monday»

*

«Haikel S. was involved in the 2015 Bardo Museum attack, where Islamic State supporters killed 22 people and injured dozens more»

*

«He initially came to Germany in 2003 as a student, and after being deported returned in 2015, claiming to be a refugee from Syria»

 *

«He was captured in an anti-terror raid in 2017 and is currently in a Frankfurt jail awaiting deportation.»

*

«The decision is definitely a win for Horst Seehofer, Germany’s interior minister and leader of Bavaria’s Christian Social Union»

* * * * * * *

Il 24 settembre 2017 sarà una data che i tedeschi ricorderanno bene. In quel giorno i partiti tradizionali subirono una terrificante débâcle. Non ne uscirono annientati, ma gli equilibri si erano rotti.

Gli Elettori avevano voltato le spalle alla Union, Csu e Cdu, ed alla socialdemocrazia: tutto sommato AfD aveva ottenuto un ottimo risultato per desistenza altrui.

Se constatiamo come la Bundeskanzlerin Frau Merkel sia tuttora in ruolo di comando, constatiamo altresì come il suo potere effettivo sia il fantasma di ciò che era stato in passato. Ed infatti in sede internazionale Frau Merkel ha ricevuto trattamenti da terzo mondo.

Ma alla mutata scena politica non è ancora corrisposto il cambiamento del deep state.

In questi sistemi politici occidentali, che si sciacquano in continuazione la bocca di essere “democratici“, gli Elettori possono mandare a casa o ridimensionare i politici, mentre i magistrati se li tengono a vita o per lunghissimi periodi di tempo. In Germania i giudici costituzionali durano in carica dodici anni.

Se la componente liberal socialista è uscita politicamente battuta, la somma magistratura ritiene tuttora simile orientamento politico, ed agisce politicamente ogniqualvolta le sia stata data la possibilità: funziona come un vero e proprio gruppo di fuoco

Ci si sarebbe quindi aspettati che la Suprema Corte avesse ribadito la non estradabilità di Herr Haikel S., coimputato per 22 omicidi.

Ma i giudici, specie poi quelli di grado elevato sono i più perfezionati sistemi per stabilire donde tiri il vento.

Così la Suprema Corte di Karlsruhe ha stabilito la possibilità legale di estradare Herr Haikel S., ancorché in Tunisia viga la pena di morte.

Ça va sans dire: questa sentenza smentisce le ventun altre sentenze già emesse in materia. Le Corti non amministrano la giustizia ma assecondano il potere in atto.


Handelsblatt. 2018-05-08. German court OKs deportations to Tunisia despite death penalty

The ruling is a win for the CSU’s Horst Seehofer, who sought the swift deportation of asylum seekers classified as terrorist threats.

*

Germany’s constitutional court on Monday denied an appeal from a suspected Islamic State member who was trying to avoid deportation to Tunisia, saying the threat of the death penalty was not likely to be realized.

Haikel S.’s lawyer filed an appeal with the European Court of Human Rights, but judges in Strasbourg declined to intervene Monday. The ruling paves the way for more deportations of people considered “terrorist threats.” German law prevents deportation if the suspect would face the death penalty or life without parole in the destination country, but Tunisia has not executed anyone since 1991.

Chancellor Angela Merkel welcomed the ruling. “It is a judgment that gives us clarity and makes the enforcement of rights possible,” she said. It could bring a conclusion to the case of Sami A., a former bodyguard of Osama bin Laden who has so far avoided deportation to Tunisia.

The decision is definitely a win for Horst Seehofer, Germany’s interior minister and leader of Bavaria’s Christian Social Union, who is thinking about the state’s election in October. He has been trying to speed up deportations since he came into office in March and is currently creating a plan for “anchor centers” to process asylum seekers more efficiently.

——

“It is a judgment that gives us clarity and makes the enforcement of rights possible.”

——

The project is part of the coalition pact that the CDU/CSU and SPD agreed upon in March. Mr. Seehofer says the anchor centers would swiftly take in and process refugees, and direct them out of Germany if necessary. Critics call anchor centers a euphemism for concentration camps and point to the recent uprising in Ellwangen, where asylum seekers prevented police from taking a man slated to be deported last week.

Authorities in Germany and Tunisia believe Haikel S. was involved in the 2015 Bardo Museum attack, where Islamic State supporters killed 22 people and injured dozens more. He initially came to Germany in 2003 as a student, and after being deported returned in 2015, claiming to be a refugee from Syria. He was captured in an anti-terror raid in 2017 and is currently in a Frankfurt jail awaiting deportation.

Ms. Merkel’s cabinet is expected to wrap up another sticking point this week and cap the number of family members allowed to follow immigrants to Germany at 1,000 per month.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Stati Uniti, Trump

Trump. Corte Suprema, aborto e controllo dell’Occidente.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-13.

Corte Suprema Americana

Questa estate si combatterà la battaglia decisiva per il controllo dell’Occidente nei decenni successivi. Non a caso il Corriere, come tutti peraltro, dice che “sono in gioco prospettive epocali“.

«Nello scontro che potrebbe durare fino all’autunno inoltrato sono in gioco prospettive epocali per il Paese, ma anche gli equilibri politici nel breve periodo»

*

«A novembre ci sono le elezioni di mid-term: rinnovo completo della Camera dei rappresentanti e di un terzo del Senato»

*

«E la conferma del nuovo giudice rappresenta un rischio da una parte e dell’altra. »

*

«È uno dei passaggi più importanti per la politica e la società americana. L’alto collegio ha l’ultima parola su temi cruciali come l’aborto, l’ambiente, i diritti civili, le misure sull’immigrazione.»

*

«Con le dimissioni di Kennedy, effettive dal prossimo 31 luglio, l’equilibrio interno torna in parità: quattro toghe nominate da presidenti democratici e quattro da repubblicani.»

*

«Il nuovo arrivato, il nono, potrebbe risultare decisivo per forgiare la giurisprudenza negli anni a venire, capovolgendo, per esempio, la sentenza Roe contro Wade che, nel 1973, riconobbe alle donne il diritto di decidere liberamente l’interruzione della gravidanza.»

*

«Sul versante democratico Heidi Heitkamp, del North Dakota, Joe Donnelly dell’Indiana e Joe Manchin della West Virginia vengono da Stati ora controllati dai trumpiani: temono di perdere il seggio a novembre se bloccheranno la nomina del presidente»

* * * * * * * *

Negli ultimi due secoli l’Occidente si è cullato su di una grandiosa ipocrisia: che l’ordine giudiziario possa essere una realtà staccata ed indipendente da quello politico. Alla fine si arriva ad una delle due possibilità: o il potere politico governa la magistratura, oppure essa governa la politica. Alterum non datur.

I liberal democratici hanno da sempre dato grande importanza al governo tramite la magistratura, inventandosi anche la teoria giuridica per la quale i giudici possono ‘interpretare‘ le leggi invece che applicarle: ne consegue che le relative sentenze siano soggettive invece che oggettive. In parole povere, con i liberal al governo il giudice fa ciò che più gli aggrada, ossequioso servo del partito.

Se nel 2016 fosse stata eletta Mrs Hillary Clinton, il mondo sarebbe stato liberal per i prossimi decenni: la storia ha disposto però in modo differente. Se si riuscisse a comprendere la crucialità dell’evento sarebbe immediatamente comprensibile la reazione scomposta dei liberal democratici alla sconfitta alle presidenziali.

*

A rigor di logica, il problema dell’aborto pertiene l’etica e la morale e, di conseguenza, secondariamente la politica, ed etica e morale condannano la pratica abortiva come omicidio premeditato. Una cosa è la giustizia ed una completamente differente la legalità., come bene ha puntualizzato il Processo di Norimberga.

I liberal risolsero il problema sui generis: asserendo che non esiste l’etica, bensì esistono le etiche, ammettono cioè la liceità di differenti giudizi. Ma se tutti i giudizi siano equivalenti significa che alla fine prevale solo ed esclusivamente la visione di chi detiene il potere e può quindi imporsi.

I liberal democratici hanno fatto dell’aborto la loro bandiera portante, asserendo che tale pratica sarebbe stata un diritto fondamentale della femmina, la decisione della quale non necessitava neppure del parere del padre. Similmente, nel periodo in cui hanno avuto il controllo dell’apparato giudiziario, hanno patrocinato sentenze che elevavano al rango di diritti fondamentali situazioni altamente opinabili. Avevano il potere e lo hanno esercitato, imponendo de facto le proprie visioni. Il governo passava a funzionari statali, saltando i rappresentanti eletti.

Adesso i liberal mal sopportano che il vento sia cambiato.

Basta dare tempo al tempo, e tutto l’impianto giuridico faticosamente costruito dai liberal sentenza su sentenza sarà sistematicamente smantellato.

Aborto, ambiente, ‘diritti civili’, immigrazione, etc.: tutto dovrà essere riassettato sia per debito di giustizia sia per rovesciare i simboli liberal.


Corriere. 2018-07-09. Corte suprema, l’aborto sarà decisivo

Quattro candidati e ancora molti dubbi per Donald Trump. Il presidente svelerà stasera, in diretta televisiva alle 21 (le 3 di notte di martedì 10 in Italia), il nome del giudice scelto per sostituire Anthony Kennedy alla Corte Suprema. Fino a ieri la lista di Trump, ritiratosi a meditare nel campo di golf di Bedminster nel New Jersey, appariva fluida, senza un vero favorito. Le indiscrezioni dei giornali americani danno in buona posizione Thomas Hardiman, 53 anni, del Massachusetts, già in ballottaggio con Neil Gorsuch, poi preferito, nel gennaio del 2017 per prendere il posto di Antonin Scalia. Hardiman, tra l’altro, ha prestato servizio nel tribunale di Philadelphia con una sorella di «The Donald», la giudice Maryanne Trump Barry.

Leggermente più indietro Raymond Kethledge, 51 anni del New Jersey; Brett Kavanaugh, 53 anni di Washington e Amy Coney Barrett, 46 anni, della Louisiana. Sono tutti solidi conservatori. La più tetragona è Amy, cattolica militante, 7 figli, l’unica donna nella selezione finale che inizialmente prevedeva 25 magistrati.

L’indicazione di Trump dovrà poi essere ratificata dal Senato. Bastano 50 voti, la metà del totale: a quel punto il vice presidente Mike Pence può intervenire per dare la maggioranza ai repubblicani.

È uno dei passaggi più importanti per la politica e la società americana. L’alto collegio ha l’ultima parola su temi cruciali come l’aborto, l’ambiente, i diritti civili, le misure sull’immigrazione. Con le dimissioni di Kennedy, effettive dal prossimo 31 luglio, l’equilibrio interno torna in parità: quattro toghe nominate da presidenti democratici e quattro da repubblicani.

Il nuovo arrivato, il nono, potrebbe risultare decisivo per forgiare la giurisprudenza negli anni a venire, capovolgendo, per esempio, la sentenza Roe contro Wade che, nel 1973, riconobbe alle donne il diritto di decidere liberamente l’interruzione della gravidanza.

Nello scontro che potrebbe durare fino all’autunno inoltrato sono in gioco prospettive epocali per il Paese, ma anche gli equilibri politici nel breve periodo. A novembre ci sono le elezioni di mid-term: rinnovo completo della Camera dei rappresentanti e di un terzo del Senato. E la conferma del nuovo giudice rappresenta un rischio da una parte e dell’altra.

Ieri il senatore repubblicano Lindsay Graham, spesso critico con Trump, ha dichiarato che «nessuno dei quattro nomi avrebbe la possibilità di superare il vaglio parlamentare». Ecco una breve mappa del disagio tra i repubblicani: il senatore Rand Paul detesta l’epoca dei Bush e quindi boccerebbe Kavanaugh, che è stato tra l’altro consigliere di George W. Bush e assistente del super procuratore Kenneth Starr nell’inchiesta su Bill Clinton.

Le repubblicane moderate Lisa Murkowski e Susan Collins, invece, si opporrebbero alla designazione dell’anti-abortista Barrett e chiederebbero ampie garanzie agli altri pretendenti.

Sul versante democratico Heidi Heitkamp, del North Dakota, Joe Donnelly dell’Indiana e Joe Manchin della West Virginia vengono da Stati ora controllati dai trumpiani: temono di perdere il seggio a novembre se bloccheranno la nomina del presidente. E sono solo pochi esempi: è in arrivo un’altra stagione dall’esito imprevedibile.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Stati Uniti, Trump

Trump. Una sua accusatrice arrestata in flagranza di reato.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-12.

2018-07-12__Stormy_Daniels__001

Cerchiamo di esporre materia complessa con un certo quale ordine.

La lettura degli allegati è parte integrante di questo articolo.

Durante l’Amministrazione liberal democratica molti stati americani hanno recepito nel codice penale il sexual harassment, punendolo con pene detentive di lunga durata e refusioni al limite della solvibilità. Era, ed è, considerato allo stesso livello dello stupro con efferata violenza. Non solo. In molti stati tale reato non era soggetto a prescrizione, e la testimonianza della femmina era, ed è tuttora, ritenuta essere prova probante: documentazione e testimoni erano ritenuti essere roba da Ancien Régime.

Si scatenò una mattanza: oltre un terzo delle cause erano fatte da femmine che denunciavano aver subito tale oltraggio. Poi, come costumanza negli Stati Uniti, la maggior parte terminava con un accordo stragiudiziario.

Se era stato montato un business imponente, era anche stata messa a punto un’arma micidiale per eliminare gli avversari politici. Nell’Unione Sovietica la denuncia di socialdemocrazia, sotto il nazionalsocialismo di essere un ‘ebreo bianco’ era trattata come il sexual harassment negli Stati Uniti.

*

Sexual harassment. L’ultima arma per neutralizzare i nemici.

Silicon Valley. La pronta risposta al sexual harassment.

Essere femmina garantisce immunità totale. Fintanto che durerà ….

Mafioso con 59 omicidi. Libero. Non erano sexual harassment.

*

Ma come recita il proverbio, il diavolo fa le pentole e non i coperchi.

I liberal democratici avevano scavato una profonda buca ove seppellire i repubblicani e, nelle loro attese, anche Mr Trump, ma hanno incominciato a caderci loro stessi.

Nessuno si è chiesto il cui prodest dei sexual harassment.

Matt Lauer. Un altro liberal democratico licenziato in tronco.

Trump. Sen. Al Franken, democratico, accusato di sexual harassment.

Procuratore Generale NY, Schneiderman, dimissionario per abusi sessuali.

Justin Trudeau, premier canadese, si era palpeggiato Mrs. Rose Knight.

* * * * * * *

L’obbiettivo finale di tutto questo polveroso marchingegno era uno dei tanti tentativi democratici di incastrare in una qualche maniera quel Mr Trump che li aveva asfaltati alle elezioni presidenziali.

Nugoli di femmine non più nel fior degli anni iniziò a denunciare di essere state oggetto di sexual harassment da parte del Presidente Trump.

Molto cautamente, però, queste denunzie erano fatte a mezzo stampa, ma, tranne una, nessuna era stata formalizzata in un atto legale esposto a polizia o magistratura. Senza elementi probanti in mano, sarebbe stato ben difficile aver un sia pur minimo appiglio.

Mrs Stephanie Clifford, nome d’arte Stormy Daniels, ha accusato il Presidente Trump

«Stormy Daniels, the adult film actress who has made headlines for an alleged affair with Donald Trump»

*

«Stephanie Clifford, claims she had sex with Trump in 2006»

*

«Ms. Clifford, who performs under the name Stormy Daniels, had been scheduled to appear at Sirens Gentlemen’s Club in northeastern Columbus on Wednesday and Thursday, according to the club’s website»

*

«She was arrested for allowing a customer to touch her “in a non sexual manner” while she was on stage, her lawyer, Michael Avenatti, wrote on Twitter. He wrote that she was expected to be charged with a misdemeanor “for allowing ‘touching.’”»

*

Questo è l’annuncio twitter dato dall’avvocato Michael Avenatti:

«Just rcvd word that my client @StormyDaniels was arrested in Columbus Ohio whole performing the same act she has performed across the nation at nearly a hundred strip clubs. This was a setup & politically motivated. It reeks of desperation. We will fight all bogus charges. #Basta»

* * * * * * * *

Per cercare di capirci, fare l’attrice per “adult films” significa la piena, conscia e volontaria determinazione ad essere ripresa mentre maschi vigorosi la penetrano per ogni dove, mentre succhia voluttuosamente uno dei tanti membri maschili disponibili sul set, senza disdegnare l’uso di sexual toy, da quelli di uso domestico a quelli ad alta potenza. Come corollario, le pornostar danno al produttore ampio mandato a far circolare i relativi filmati ove compare il loro volto e la loro figura in tali condizioni. Si noti come  gli “adult films” spesso hanno contenuti aberranti per soddisfare ele esigenze particolari di molti clienti paganti: sono disponibile depravazioni di ogni tipo.

Diciamo che le femmine che fanno le pornostar non sono propriamente delle Suore Orsoline.

*

Come riporta il suo avvocato, Mr Michael Avenatti, Mrs Stephanie Clifford, alias Stormy Daniels, aveva lavorato in oltre un centinaio di club come spogliarellista e, nello stile di quei locali, caldeggiava che i clienti la palpeggiassero per ogni dove, specie nei punti ove la femminilità è meglio rappresentata, dietro modico compenso. Ma il numero annienta, e Mrs Clifford ci si faceva la giornata. Più la palpeggiavano, più guadagnava.

Ma è caduta male, molto male.

Infatti, una legge dell’Ohio vieta a chiunque non sia un membro di famiglia di toccare una ballerina nuda o seminuda, e così Mrs Stephanie Clifford é stata arrestata per avere permesso ed incoraggiato i clienti a toccarla, in violazione delle leggi statali.

*

Da detenuta, e con un simile encomiabile curriculum, Mrs Stephanie Clifford avrà adesso molte difficoltà a continuare a sostenere le proprie accuse a Mr. Trump.

Ed intanto le elezioni di midterm si stanno avvicinando.


Cnbc. 2018-07-12. Stormy Daniels arrested in Ohio while performing, her attorney says

Stormy Daniels, the adult film actress who has made headlines for an alleged affair with Donald Trump, was arrested in Columbus, Ohio, according to her attorney.

*

Stormy Daniels, the adult film actress who has made headlines for an alleged affair with Donald Trump, was arrested in Columbus, Ohio, according to her attorney.

Michael Avenatti, who has represented Daniels, delivered the message in a Twitter post in the earlier hours of Thursday ET. In that tweet, the attorney claimed the arrest was politically motivated, and said “it reeks of desperation.”

CNBC has not independently confirmed the arrest.

In a subsequent Twitter post, Aventatti said Daniels had been arrested for “allegedly allowing a customer to touch her while on stage in a non sexual manner.”

The attorney added in a follow-up post that he expected the adult film actress to be released on bail “shortly” and that she would be charged “with a misdemeanor for allowing ‘touching.'”

“We will vehemently contest all charges,” Avenatti said.

Avenatti told NBC News that he was of the understanding that there were multiple undercover vice officers in the club during Daniels’ show. After the customer touched her, according to the attorney, those officers got up and arrested the performer on the spot.

Daniels, whose real name is Stephanie Clifford, claims she had sex with Trump in 2006, while he was married to Melania Trump.

In October 2016, on the eve of the presidential election, Michael Cohen, then Donald Trump’s personal attorney, used a shell company he had set up to pay Daniels $130,000 in exchange for her signing a nondisclosure agreement.

Daniels has said the agreement barred her from speaking publicly about her tryst with Trump.


The New York Times. 2018-07-12. Stormy Daniels Arrested at Strip Club in Columbus, Her Lawyer Says.

Stephanie Clifford, the pornographic film actress who said she had an affair with Donald J. Trump before he became president, was arrested at a strip club in Columbus, Ohio, her lawyer said early Thursday.

Ms. Clifford, who performs under the name Stormy Daniels, had been scheduled to appear at Sirens Gentlemen’s Club in northeastern Columbus on Wednesday and Thursday, according to the club’s website.

She was arrested for allowing a customer to touch her “in a non sexual manner” while she was on stage, her lawyer, Michael Avenatti, wrote on Twitter. He wrote that she was expected to be charged with a misdemeanor “for allowing ‘touching.’”

A man who answered the phone at Sirens early Thursday morning said, “We have no comment on that.” He declined to provide his name. The Columbus Police Department did not immediately return a phone call.

Since gaining nationwide prominence for her accusation against President Trump — and the $130,000 payment she received to originally keep quiet — Ms. Clifford has drawn crowds at strip clubs across the country, including in Greenville, S.C., Salem, Ore., and Des Moines, Iowa. They were mostly curiosities until her trip to Columbus.

Mr. Avenatti, an outspoken lawyer who has become a sharp critic of Mr. Trump, saw political machinations behind the arrest.

“This was a setup & politically motivated,” Mr. Avenatti wrote. “It reeks of desperation. We will fight all bogus charges.”

She was arrested for allegedly allowing a customer to touch her while on stage in a non sexual manner! Are you kidding me? They are devoting law enforcement resources to sting operations for this? There has to be higher priorities!!! #SetUp #Basta

— Michael Avenatti (@MichaelAvenatti) July 12, 2018

In Ohio, it is illegal for an employee who is “nude or seminude” at a sexually oriented business to be touched by a patron or to touch a patron, with the exception of an immediate family member. Depending on what body part is touched, the charge can be a first- or fourth-degree misdemeanor.


Bbc. 2018-07-12. Stormy Daniels arrested in Ohio – lawyer

US porn star Stormy Daniels has been arrested in a strip club in Columbus, Ohio, according to her lawyer.

Ms Daniels was arrested for allegedly letting a customer touch her on stage “in a non sexual manner”, lawyer Michael Avenatti tweeted.

Ms Daniels became embroiled in a row with President Donald Trump after saying she slept with him in 2006, an allegation which he denies.

Her lawyer called the arrest “a setup” and “politically motivated”.

The president and the porn star: Why this matters

The conflicting statements in the Stormy Daniels saga

A Columbus police spokesperson has yet to respond to requests for confirmation about the arrest at the Sirens club in the north of the city.

Mr Avenatti tweeted that Ms Daniels, real name Stephanie Clifford, had been performing “the same act she has performed across the nation at nearly a hundred strip clubs”.

He said he expected her to be released on bail shortly and charged with a misdemeanour and vowed to “vehemently contest all charges”.

An Ohio law known as the Community Defense Act proscribes anyone touching a nude or semi-nude dancer, unless they are related.

Sirens tweeted last month to say Ms Daniels would make two “exclusive appearances” at the venue on the nights of 11 and 12 July.

A person who answered the phone at Sirens declined to comment.

Ms Daniels says she was paid $130,000 (£98,000) shortly before the 2016 presidential election to keep quiet about her alleged sexual encounter with Mr Trump.

She is trying to free herself from a non-disclosure agreement signed before the election, and suing over a “defamatory” tweet by the US president earlier this year. Mr Trump denies all allegations.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Ong - Ngo, Unione Europea

Ong (ngo). Cosa dicono il codice di navigazione e le norme internazionali.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-08.

Animali_che_Ridono__007_Gufo

Il professor Augusto Sinagra, docente di diritto internazionale. ha pubblicato un interessante studio, che riportiamo a seguito in abstract.

«Cercherò di fare una riflessione esclusivamente tecnico-giuridica di diritto internazionale di cui sono stato Professore Ordinario nell’Università.

  1. Le navi che solcano i mari battono una Bandiera. La Bandiera non è un oggetto meramente folkloristico o di colore. La Bandiera della nave rende riconoscibile lo Stato di riferimento della nave nei cui Registri navali essa è iscritta (nei registri è indicata anche la proprietà pubblica o privata).

  2. La nave è giuridicamente una “comunità viaggiante” o, in altri termini, una “proiezione mobile” dello Stato di riferimento. In base al diritto internazionale la nave, fuori dalle acque territoriali di un altro Stato, è considerata “territorio” dello Stato della Bandiera.

Dunque, sulla nave in mare alto si applicano le leggi, tutte le leggi, anche quelle penali, dello Stato della Bandiera.

  1. Il famoso Regolamento UE di Dublino prevede che dei cosiddetti “profughi” (in realtà, deportati) debba farsi carico lo Stato con il quale essi per prima vengono in contatto. A cominciare dalle eventuali richieste di asilo politico.

  2. Non si vede allora quale sia la ragione per la quale una nave battente Bandiera, per esempio, tedesca, spagnola o francese, debba – d’intesa con gli scafisti – raccogliere i cosiddetti profughi appena fuori le acque territoriali libiche e poi scaricarli in Italia quando la competenza e l’obbligo è, come detto, dello Stato della Bandiera.

  3. Da ultimo è emerso che due navi battenti Bandiera olandese e con il solito carico di merce umana, non si connettano giuridicamente al Regno di Olanda e né figurino su quei registri navali, come dichiarato dalle Autorità olandesi.

Allora, giuridicamente, si tratta di “navi pirata”, le quali non sono solo quelle che battono la bandiera nera con il teschio e le tibie incrociate.

  1. Ne deriva il diritto/dovere di ogni Stato di impedirne la libera navigazione, il sequestro della nave e l’arresto del Comandante e dell’equipaggio.

Molti dei cosiddetti “profughi” cominciano a protestare pubblicamente denunciando di essere stati deportati in Italia contro la loro volontà. Si è in presenza, dunque, di una nuova e inedita tratta di schiavi, con la complicità della UE, che offende la coscienza umana e che va combattuto con ogni mezzo.»

* * * * * * *

È un testo estremamente chiaro, che non dovrebbe necessitare di commenti.

*

Una lettura interessante potrebbe essere il trattato

Zanarelli, Comentale, Pinto. Manuale di diritto della navigazione e dei trasporti. 2016. III Ed. Cedam.

Seguono alcuni excerpta.

*

«Se si parla di “nazionalità” in ordine alla nave e all’aeromobile, ci si riferisce al criterio di collegamento di tali beni con l’ordinamento giuridico di un determinato Stato: lo Stato, perciò, esercita la sovranità su quelle navi e quegli aeromobili che battono la bandiera di quest’ultimo.

È da considerare che la libertà di navigazione marittima e aerea appartiene allo Stato sotto la cui bandiera e la cui responsabilità i mezzi di navigazione si muovono e non all’individuo. Attraverso l’iscrizione nei registri dello Stato, come ribadito nella Convenzione UNCLOS (art. 91) e nella Convenzione di Chicago del 1944 (art. 17) le navi e gli aeromobili ottengono la concessione della nazionalità dello Stato. Tuttavia, si nota che, per quanto concerne le navi, la Convenzione UNCLOS nell’art. 93 stabilisce che tali mezzi possano battere bandiera di altri soggetti dotati di personalità giuridica di diritto internazionale, quali le Nazioni Unite, le sue agenzie specializzate e l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica.

Sull’attribuzione della nazionalità a navi e aeromobili, la dottrina ha sottolineato un “accentuato intervento pubblico” nel settore dei trasporti la cui conseguenza è stata quella di ritenere che soltanto una nazionalità possa essere concessa ad una nave e, quindi, che le navi apolidi non possano godere della libertà di navigazione.

In particolare, in merito al possesso di più nazionalità, sia la Convenzione UNCLOS sia la Convezione di Chicago del 1944 prevedono espressamente il divieto di possedere più di una nazionalità per nave o per aeromobile, rispettivamente nell’art. 92, comma 1 e nell’art. 18. Parimenti, nel diritto interno il codice della navigazione, con gli artt. 145 per le navi e 751 per gli aeromobili, sancisce il divieto di iscrizione nei registri italiani per quei veicoli che sono già in possesso della nazionalità di altri Stati perché già iscritti. Possibile deroga a tale regime si verifica nei casi di bare-boat charter registration, nei casi di locazione a scafo nudo del veicolo: in tali casi, infatti, i soggetti che sono in possesso dei requisiti per ottenere la registrazione e quindi l’attribuzione della nazionalità possono chiedere la sospensione temporanea dell’iscrizione delle navi nei registri di uno Stato per iscriversi temporaneamente nei registri di un altro.

Nell’ordinamento giuridico italiano, come anche negli altri paesi di tradizione marittima, la nazionalità è legata alla proprietà nazionale e, dopo diversi interventi di riforma, alla proprietà di cittadini ed enti di altri Stati europei.

L’art. 143 del codice della navigazione, come modificato dall’art. 7, d.l. 30 dicembre 1997, n. 457, convertito in legge 27 febbraio 1998, n.30, elenca i requisiti per chiedere l’attribuzione della nazionalità alla nave e stabilisce che “Rispondono ai requisiti di nazionalità per l’iscrizione nelle matricole o nei registri di cui all’articolo 146: le navi che appartengono per una quota superiore a dodici carati a persone fisiche giuridiche o enti italiani o di altri Paesi dell’Unione europea; le navi di nuova costruzione o provenienti da un registro straniero non comunitario, appartenenti a persone fisiche, giuridiche o enti stranieri non comunitari i quali assumano direttamente l’esercizio della nave attraverso una stabile organizzazione sul territorio nazionale con gestione demandata a persona fisica o giuridica di nazionalità italiana o di altri Paesi dell’Unione europea, domiciliata nel luogo di iscrizione della nave, che assuma ogni responsabilità per il suo esercizio nei confronti delle autorità amministrative e dei terzi, con dichiarazione da rendersi presso l’ufficio di iscrizione della nave, secondo le norme previste per la dichiarazione di armatore”.

Per quanto concerne gli aeromobili, invece, l’art. 756 del codice della navigazione al comma 1 prevede che “Rispondono ai requisiti di nazionalità richiesti per l’iscrizione nel registro aeronautico nazionale gli aeromobili che appartengono in tutto od in parte maggioritaria: a) allo Stato, alle regioni, alle province, ai comuni e ad ogni altro ente pubblico e privato italiano o di altro Stato membro dell’Unione europea; b) ai cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea; c) a società costituite o aventi una sede in Italia o in un altro Stato membro dell’Unione europea il cui capitale appartenga in tutto od in parte maggioritaria a cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea, ovvero a persone giuridiche italiane o di altro Stato membro dell’Unione europea aventi le stesse caratteristiche di compagine societaria e il cui presidente, la maggioranza degli amministratori e l’amministratore delegato siano cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea”.

L’art. 143 del codice della navigazione, come modificato dall’art. 7, d.l. 30 dicembre 1997, n. 457, convertito in legge 27 febbraio 1998, n.30, elenca i requisiti per chiedere l’attribuzione della nazionalità alla nave e stabilisce che “Rispondono ai requisiti di nazionalità per l’iscrizione nelle matricole o nei registri di cui all’articolo 146: le navi che appartengono per una quota superiore a dodici carati a persone fisiche giuridiche o enti italiani o di altri Paesi dell’Unione europea; le navi di nuova costruzione o provenienti da un registro straniero non comunitario, appartenenti a persone fisiche, giuridiche o enti stranieri non comunitari i quali assumano direttamente l’esercizio della nave attraverso una stabile organizzazione sul territorio nazionale con gestione demandata a persona fisica o giuridica di nazionalità italiana o di altri Paesi dell’Unione europea, domiciliata nel luogo di iscrizione della nave, che assuma ogni responsabilità per il suo esercizio nei confronti delle autorità amministrative e dei terzi, con dichiarazione da rendersi presso l’ufficio di iscrizione della nave, secondo le norme previste per la dichiarazione di armatore”.

Per quanto concerne gli aeromobili, invece, l’art. 756 del codice della navigazione al comma 1 prevede che “Rispondono ai requisiti di nazionalità richiesti per l’iscrizione nel registro aeronautico nazionale gli aeromobili che appartengono in tutto od in parte maggioritaria: a) allo Stato, alle regioni, alle province, ai comuni e ad ogni altro ente pubblico e privato italiano o di altro Stato membro dell’Unione europea; b) ai cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea; c) a società costituite o aventi una sede in Italia o in un altro Stato membro dell’Unione europea il cui capitale appartenga in tutto od in parte maggioritaria a cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea, ovvero a persone giuridiche italiane o di altro Stato membro dell’Unione europea aventi le stesse caratteristiche di compagine societaria e il cui presidente, la maggioranza degli amministratori e l’amministratore delegato siano cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea”.

L’iscrizione nei registri: i criteri

I requisiti per ottenere l’attribuzione della nazionalità variano a seconda delle leggi dello Stato in modo non omogeneo: è la Convenzione di Montego Bay, all’art. 91, comma 2, che stabilisce il principio della libertà degli Stati di determinare le condizioni di iscrizione delle navi nei propri registri.

È noto, infatti, che alcuni Stati siano particolarmente disponibili e richiedano requisiti elastici tali essere classificati come “bandiere di comodo”, “bandiere ombra o di convenienza”. Tale prassi permette di ottenere una registrazione più agevole, laddove altre nazioni possiedano regole più ferree e vincolanti, e viene spesso utilizzata per godere di un regime fiscale di favore, pur compromettendo la sicurezza e le condizioni di lavoro a bordo. L’ITF[6] aggiorna costantemente una lista composta dalle nazioni che utilizzano le proprie bandiere a questo scopo.

Sebbene non ci sia una definizione a livello internazionale dei requisiti necessari [7], la Convenzione UNCLOS stabilisce, all’art. 91, che per l’attribuzione della nazionalità tra la nave e lo Stato della bandiera dovrebbe esistere un collegamento effettivo, il c.d. genuine link. Tuttavia, diverse sono le difficoltà che si riscontrano nell’attuazione di tale principio dal momento che, nell’assenza di sanzioni per le navi che battono bandiere di convenienza, gli Stati possiedono giurisdizione esclusiva e non permettono alcuna interferenza di terzi sui mezzi.

La tendenza attuale degli Stati tradizionalmente marittimi, utilizzata per arginare il fenomeno dell’outflagging, o meglio la fuga verso i registri di convenienza, è stata quella di prevedere dei registri internazionali da affiancare a quelli ordinari con requisiti meno rigidi per la concessione della nazionalità. Anche l’Italia, con il d. l. 457 del 1997, convertito in l. 30 del 1998, ha previsto sgravi fiscali e contribuitivi, nonché facilitazioni per l’imbarco di marittimi non comunitari. Tuttavia, va sottolineato che l’imbarco in tale registro internazionale è ammesso solo per le navi adibite a traffici commerciali internazionali.

Il problema della giurisdizione delle navi

Le navi sono sottoposte esclusivamente al potere dello Stato di bandiera, perciò rappresentano un’estensione della nazionalità anche al di fuori del limite delle acque territoriali. Il principio di giurisdizione esclusiva dello Stato di bandiera, eppure, subisce delle deroghe nel momento in cui la nave entra nelle zone sottoposte alla sovranità dello Stato costiero o portuale.

Le eccezioni sono previste nei casi di: pirateria, dal momento che la nave pirata che compie violenze contro le altre navi, può essere catturata da ogni Stato e può essere sottoposta a misure repressive; contrabbando di guerra in tempo di pace, laddove sia in corso una guerra civile, lo Stato può visitare e catturare, anche in acque internazionali, qualsiasi nave che abbia intenzione di supportare gli insorti; diritto di visita, che consente a navi da guerra di vistare navi in alto mare, quando vi è un fondato sospetto che la nave pratichi  la pirateria o la tratta di schiavi, che faccia partire trasmissioni radio-televisive non autorizzate, che adoperi la bandiera in maniera fraudolenta.

Nella zona economica esclusiva, oltre a quanto detto, le eccezioni aumentano e comprendono la facoltà di esercitare sulla  nave straniera tutti i poteri connessi alla regolamentazione dello sfruttamento delle risorse proporzionalmente alle infrazioni commesse. Nel mare territoriale vige il principio del passaggio inoffensivo e della sottrazione penale dello Stato costiero ai fatti puramente interni: laddove una nave straniera che abbia violato le leggi di uno Stato, le navi da guerra o di servizi pubblici la possono inseguire purché l’inseguimento abbia avuto inizio nelle acque interne o nel mare territoriale. Tuttavia, l’’inseguimento deve essere necessariamente continuo e potranno essere esercitati solo quei poteri ammessi nella zona in cui ha avuto inizio l’inseguimento, ma deve cessare se la nave entra nel mare territoriale di un altro Stato.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Unione Europea

EU apre causa legale contro la Polonia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-06.

Warszawa. Palazzo Jabłonowski 001

«The European Commission launched legal proceedings against the Polish government on Monday, a day before many of the country’s Supreme Court judges are being forced into early retirement due to a controversial new law»

*

«Of the 76 judges currently serving Warsaw’s highest court, 27 are over 65. Their departure would allow PiS to stack the court with government-friendly judges»

*

«Poland is undermining “the principle of judiciary independence.”»

*

«Poland has argued that the law is a necessary reform to outdated regulations that go back to communist rule, but the EU has consistently maintained that it is an attack on democratic checks and balances»

*

«The rule-of-law procedure opened on Monday was part of a broader investigation into the Polish government that could potentially lead to sanctions from Brussels»

*

«However, any such sanctions would have to be unanimously agreed upon and Poland’s close ally Hungary is likely to veto such a measure»

*

I passati regimi comunisti e para-comunisti in Polonia avevano nominato un largo numero di giudici molto giovani e delle loro idee. Le sentenze emesse da quei signori erano degne dell’Unione Sovietica, di infelice memoria. Tuttavia, caduto il comunismo ed i susseguenti governi filo-comunisti, i giudici ideologizzati sono rimasti. Il problema è evidente. Una cosa è rispettare la libertà di giudizio dei giudici, ed una totalmente differente è accettare che i tribunali svolgano attività politica.

Con legge costituzionale, la Polonia si appresta a mandarli in pensione, per sostituirli con persone capaci, oneste e probe, che applichino le legge testuali e non ‘interpretandole‘.

L’attuale dirigenza europea ha preso la cosa a cuore, che per loro batte a sinistra da bravi liberal.

Nella realtà dei fatti gli eurocrati vedono lentamente ma inesorabilmente svanire quel potere che avevano esercitato che spietata arroganza: quei giudici erano loro creature, docili, ubbidienti e mansuete ai loro voleri e desiderata.

Poniamoci adesso una domanda.

Le cause sono lunghe: durano quanto le ere geologiche. Ed anche i giudici possono cambiare…

Ma l’anno prossimo si terranno le elezioni europee, che manderanno in quiescenza una gran numero di europarlamentari del Ppe e dei socialisti. Poi, ci sarà ancora la Bundeskanzlerin Frau Merkel?


Deutsche Welle. 2018-07-02. EU opens legal case against Poland

The European Commission has argued that Warsaw has violated the rule of law by putting top judges in early retirement. Critics say the ruling Law and Justice party wants to stack the court with supporters.

*

The European Commission launched legal proceedings against the Polish government on Monday, a day before many of the country’s Supreme Court judges are being forced into early retirement due to a controversial new law.

Brussels and Warsaw have been at odds over the judicial reforms for two and a half years, with the European Union arguing that Poland is undermining “the principle of judiciary independence.”

“Given the lack of progress and the imminent implementation of the new retirement regime for supreme court judges, the Commission decided today to launch the infringement procedure as a matter of urgency,” spokesman Margaritis Schinas said.

Poland has argued that the law is a necessary reform to outdated regulations that go back to communist rule, but the EU has consistently maintained that it is an attack on democratic checks and balances.

‘The constitution guarantees me this position’

The rule-of-law procedure opened on Monday was part of a broader investigation into the Polish government that could potentially lead to sanctions from Brussels. However, any such sanctions would have to be unanimously agreed upon and Poland’s close ally Hungary is likely to veto such a measure.

Poland has a month to respond to the announcement. Dozens of the judges targeted by the new law have also announced their intention to defy the new laws and stay in their jobs after Tuesday, claiming the reforms are unconstitutional.

Chief Supreme Court Judge Malgorzata Gersdorf, 66, told DW that she had no intention to abandon her post. “The constitution guarantees me this venerable post for six years, and I see no reason why I should file a petition with the executive branch about it.”

Of the 76 judges currently serving Warsaw’s highest court, 27 are over 65. Their departure would allow PiS to stack the court with government-friendly judges.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Stati Uniti, Trump

Sua Giustizia Antony Kennedy si ritira. Altra vittoria di Trump.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-28.

Supreme Court

La Suprema Corte degli Stati Uniti funge, come in molti altri stati occidentali, da supremo ed inappellabile censore sulla costituzionalità delle leggi e dei provvedimenti emanati dal Governo Federale.

Fin qui nulla da eccepire.

I problemi hanno iniziato ad emergere da qualche decina di anni, da quando i liberal democratici sono riusciti a far nominare Giudici persone loro fedeli. La Suprema Corte era transitata da organo giuridico ad organo politico non elettivo, fedele esecutore degli ordini di partito.

Per poter conseguire i loro risultati politici, le loro Giustizie Federali avevano anche congegnato una sottile teorica in accordo alla quale le leggi non si applicano, bensì si interpretano: se ogni interpretazione è soggettiva, quella delle Corte Suprema diventa ipso facto sentenza non appellabile, e quindi ineludibile.

Operando in tal fatta, la Suprema Corte per molto tempo ha operato come vero e proprio sommo centro decisionale politico, indipendentemente da maggioranze parlamentari e dal Presidente degli Stati Uniti, instaurando de facto una vera e propria tirannide.

Ai primi del 2017, essendo stato eletto Presidente Mr Trump, si provvide a nominare Sua Giustizia Mr Neil M. Gorsuch al posto di Sua Giustizia Antonin Scalia. Fu nomina travagliata da un ostruzionismo senza precedenti dei senatori democratici, ben consci della posta in gioco.

La nomina di Neil M. Gorsuch riportava dopo anni a 5 : 4 il numero di giudici che avevano la concezione che la legge avesse dovuto essere applicata, non inventata ad libitum.

Gli effetti si videro in breve tempo.

Nella sola ultima settimana la Suprema Corte ha clamorosamente bocciato tre iniziative politiche democratiche, portate avanti dagli immaginifici giudici federali del Nono e del Settimo distretto, tutti liberal democratici di chiara osservanza. Tre sentenze che pongono la parola fine a degli iter giuridici “orripilanti“.

Janus v. State, County, and Municipal Employees (16-1466)

«The State of Illinois’ extraction of agency fees from nonconsenting public-sector employees violates the First Amendment; Abood v. Detroit Bd. of Ed., 431 U. S. 209, which concluded otherwise, is overruled.»

National Institute of Family and Life Advocates v. Becerra

Trump v. Hawaii

* * * * * * *

Di questi giorni la notizia.

«US Supreme Court Justice Anthony Kennedy has announced he is retiring at the age of 81»

Sua Giustizia Kennedy è il decano della Suprema Corte, formalmente repubblicano ma nella pratica di ideologia liberal democratica. Molto bizzoso ed imprevedibile nelle sentenze.

Non a caso Sua Giustizia Kennedy era, ed è fino a quando resterà ancora in carica, il

“most powerful man in America”.

Era nei fatti colui che alla fine decideva quale linea politica avesse dovuto essere adottata dagli Stati Uniti di America.

*

«His retirement will allow President Donald Trump to make a second nomination to the bench, likely giving the court a conservative bent for years to come»

*

I liberal democratici sono precipitati nel panico prima, nel terrore dopo.

Una Suprema Corte formata da una maggioranza di giudici onesti sarà per i liberal un ostacolo che bloccherà in modo definitivo le loro mire di potere.

«He often sided with the liberal justices on social issues, such as the legalization of gay marriage in 2017 and a decision in 1992 that reaffirmed Roe v. Wade.»

*

«Conservative activists have already announced their intention to use a more conservative court to overturn the 1973 Roe v. Wade decision legalizing abortion»

*

Già. La sentenza Roe v. Wade aveva stabilito che i feti semplicemente non sono esseri umani.


Deutsche Welle. 2018-06-27. US Supreme Court Justice Kennedy retiring, giving Trump a second pick

The “most powerful man in America” has announced his retirement at the age of 81. Kennedy is considered the “swing vote” among the justices and his depature will allow Trump to nominate a more conservative judge.

*

US Supreme Court Justice Anthony Kennedy has announced he is retiring at the age of 81. Although not the oldest, he is the most senior member of the court, having been nominated by former President Ronald Reagan.

“It has been the greatest honor and privilege to serve our nation in the federal judiciary for 43 years, 30 of those years on the Supreme Court,” Kennedy said in a statement. He added that his decision was motivated by the desire to spend more time with his family.

‘The most powerful man in America’

Kennedy has long been considered the swing vote on the court between the liberal and conservative justices. His retirement will allow President Donald Trump to make a second nomination to the bench, likely giving the court a conservative bent for years to come. Conservative activists have already announced their intention to use a more conservative court to overturn the 1973 Roe v. Wade decision legalizing abortion.

In response to the news, the president praised Justice Kennedy’s vision and heart.

Speaking in the Oval Office during a meeting with Portuguese President Marcelo Rebelo de Sousa, Trump said that when considering the next nomination he would draw from a list of 25 candidates that his campaign collected during his presidential run.

Kennedy’s career on the Supreme Court earned him the nickname “the most powerful man in America,” because he was often the deciding vote between the conservative and liberal wings of the nine-member court. He often sided with the liberal justices on social issues, such as the legalization of gay marriage in 2017 and a decision in 1992 that reaffirmed Roe v. Wade.


The New York Times. 2018-06-27. Supreme Court Justice Anthony Kennedy to Retire

WASHINGTON — Justice Anthony M. Kennedy announced on Wednesday that he would retire, setting the stage for a furious fight over the future direction of the Supreme Court.

Justice Kennedy, 81, has long been the decisive vote in many closely divided cases. His retirement gives President Trump the opportunity to fundamentally change the course of the Supreme Court.

A Trump appointee would very likely create a solid five-member conservative majority that could imperil abortion rights and expand gun rights.

Justice Kennedy’s voting record was moderately conservative. He wrote the majority opinion in Citizens United, which allowed unlimited campaign spending by corporations and unions, and he joined the majority in Bush v. Gore, which handed the 2000 presidential election to George W. Bush. He also voted with the court’s conservatives in cases on the Second Amendment and voting rights.

But Justice Kennedy was the court’s leading champion of gay rights, and he joined the court’s liberals in cases on abortion, affirmative action and the death penalty.

In April 2017, Mr. Trump formally appointed Justice Neil M. Gorsuch to succeed Justice Antonin Scalia, who died in February 2016, replacing one conservative justice with another and maintaining the basic balance of power on the court.

The replacement of Justice Kennedy with a reliable conservative would be far more consequential and would move the court markedly to the right.

The bitter 14-month battle over Justice Scalia’s seat, during which Republican senators refused to consider President Barack Obama’s nomination of Judge Merrick B. Garland, will most likely pale in comparison to the coming fight over Justice Kennedy’s seat.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Unione Europea

Polonia. Mr Timmermans a colloquio con Mr Morawiecki.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-20.

unione europea 001

Le problematiche insorte tra Polonia ed Unione Europea affondano le radici in aspetti generali e di grande interesse sia culturale sia politico.

Un primo problema verte su quanta sovranità nazionale ritengano gli stati che afferiscono alla unione. Secondo un punto di vista si dovrebbe arrivare agli Stati Uniti di Europa, secondo altri ad una sorta di Zollverein, che potrebbe al massimo evolvere in una confederazione. Sono due visioni diametralmente opposte.

Un secondo problema verte la figura dei giudici. Dovrebbe essere evidente che il giudice debba ben essere nominato da qualcuno. Negli Stati Uniti larga quota dei giudici di livello medio – basso sono elettivi e nominati pro tempore. I giudici delle Corte da appello in su sono solitamente nominati dal Governatore, Presidente nel caso di quelli federali, ma la nomina deve essere confermata dal relativo senato dopo ampia ed approfondita discussione, tipicamente con una maggioranza di almeno il 60% degli aventi diritto al voto. Non solo. proprio di questi giorni è la notizia che il giudice Aaron Persky, Santa Clara County Superior Court, è stato rimosso a seguito di una petizione popolare seguita da regolare voto senatoriale: l’opinione pubblica lo aveva accusato di aver elargito una sentenza troppo blanda. Difficilmente possiamo dire che gli Stati Uniti non siano democratici e non rispettino le leggi.

Nei paesi dell’Unione Europea i giudici sono solitamente a nomina governativa.

Nell’ambito della magistratura francese è radicalmente differenziato lo status giuridico dei magistrats du siége, che svolgono le funzioni di giudice, da quello dei magistrats du parquet che svolgono, invece, le funzioni di pubblico ministero. Il pubblico ministero francese è nominato e dipende gerarchicamente dal governo, attraverso il Ministro della giustizia: la Loi Perben II del 1º febbraio 2010 sottopone esplicitamente la funzione inquirente al controllo del Ministero della Giustizia, ed è stata dichiarata legittima dal Consiglio costituzionale sia rispetto agli articoli della Carta che al principio della separazione dei poteri.

In Germania la nomina dei 16 giudici compete per metà al Bundestag (il parlamento federale) e per metà al Bundesrat (la camera che rappresenta i Länder): la durata della carica è fissata a dodici anni.

Da quanto succintamente esposto, dovrebbe emergere chiaramente come ogni nazione abbia una sua tradizione giuridica, degna del massimo rispetto. Un procedura ‘perfetta’ semplicemente non esiste.

Un terzo problema riflette la rimozione dei giudici. Il caso del giudice Aaron Persky dovrebbe dar da pensare a fondo: l’opinione pubblica nel fare la petizione di rimozione si è erta a giudice del caso giuridico. Se da una parte ciò potrebbe soddisfare i canoni democratici, dall’altra il pericolo di un giustizialismo di piazza è del tutto evidente. Meglio sarebbe stato a parer nostro l’accedere alla Suprema Corte di Giustizia, se non altro per evitare un pericoloso precedente.

Ma se si ammette il principio che il popolo sovrano può rimuovere un giudice sgradito, dovrebbe conseguirne che altrettanto possano fare i rappresentanti lecitamente eletti.

A questo proposito sarebbe utile aver letto, e ricordare, quel bel trattato della prof.ssa Angela Di Gregorio, ‘Epurazioni e protezione della democrazia. Esperienze e modelli di «giustizia post-autoritaria»‘.

Il problema si pose in modo lampante alla fine della guerra mondiale, con le epurazioni dei giudici collusi in Germania con il nazionalsocialismo ed in Italia con il fascismo. Furono procedimenti sommari, non esenti da invidie e veleni.

Ma il problema si pose nuovamente con la riunione delle Germanie: i giudici della ex-Ddr furono rimossi in gran parte in modo discreto ma fermo. Il caso di Egon Krenz, che subì anche condanna penale, è significativo.

Il quarto problema è sottile ma tagliente. Nella giurisprudenza occidentale si stanno confrontando due opposte correnti di pensiero. La prima sostiene che il giudice giudicante abbia il diritto ed il dovere di interpretare le costituzione e leggi, la seconda sostiene invece che i giudici debbano semplicemente applicare alla lettera le leggi.

Lo scontro è non da poco. Se gli esseri umani fossero perfetti, il problema non si porrebbe. Diventa invece un pesante macigno quando l’interpretazione della legge diventa arbitraria. Si generano in questa maniera delle ingiustizie legalizzate.

Il quinto problema è quello fondamentale, e proprio per questo ben poco se ne parla. Si faccia conto di essere stati incaricati di scrivere ex novo una costituzione: ci si pone davanti ad un foglio bianco, tutto da riempire. È ovvio che ciascuno scriverà un testo in accordo alle proprie idee generali attorno ai principi primi. Bene: codesti principi prendono nome di ‘principi metagiuridici‘. Come tutti i rami dello scibile umano, anche il settore metagiuridico è esplorabile secondo la metodologia scientifica che applica il principio di non contraddizione. Ne consegue la unicità di tali principi. Le costituzioni scritte in accordo con questi potranno differire su aspetti applicativi, non certo su quelli di sostanza.

Il problema si configura perché la corrente di pensiero ‘interpretativa‘ interpreta anche i principi metagiuridici e, di norma, ne ammette una pluralità. Pluralità che di per sé stessa ne evidenza le contraddizioni interne, che alla fine sgorgano nello stagno del fatto che di impone la visione di chi abbia il potere.

Questo è il reale terreno di scontro tra le opposte visioni giuridiche, così come tra l’Unione Europea e la Polonia o, più in generale, i paesi del Visegrad.

* * *

Lo scontro è così politico ed economico laddove avrebbe dovuto essere un confronto di Weltanschauung.

Tutto il resto è sequenziale.

Si vedrà se nel rinnovato Consiglio Europeo l’attuale eurodirigenza abbia ancora la maggioranza per poter imporre la propria visione.


China Org. 2018-06-18. EU official visits Poland on rule of law, justice reform

Visiting European Commission Vice President Frans Timmermans on Monday expressed hope for more constructive dialogues with Poland on the rule of law and justice reform issues, following his meeting with Polish Prime Minister Mateusz Morawiecki.

During a press conference following the meeting, both leaders underlined the will to reach an agreement and hope for further talks.

“We had a constructive discussion about the issues over the rule of law,” Timmermans said, adding that he was given new information about the reforms, and expressed hope that communication might be continued to resolve the issue and find a solution.

Morawiecki also emphasized the will to reach an agreement while taking into account the necessity of justice system reform in the country. He also expressed satisfaction that Timmermans “did not represent a position of various forces that are not interested in a compromise”.

On Dec. 20 last year, the European Commission took an unprecedented step by triggering Article 7 for the first time in its history, launching a censure against Poland over a judicial reform dispute.

The European Commission doubted Poland’s laws reforming the Supreme Court and believed the National Judicial Council might be undermining the EU’s rule-of-law principles.

The amended laws on the Supreme Court and common court system, which introduce changes to extraordinary appeals and court assessors’ appointment proceedings, came into force in Poland on June 16. Enditem

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Persona Umana, Religioni, Stati Uniti

America. La Suprema Corte fa cessare la persecuzione contro religione e Masterpiece Cakeshop.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-04.

2018-06-06__Masterpiece Cakeshop__001

La Suprema Corte degli Stati Uniti di America ha sentenziato sul caso Masterpiece Cakeshop versus Colorado Civil Rights Commission.

«In Masterpiece Cakeshop case, Supreme Court holds that Colorado Civil Rights Commission violated baker’s rights under the free exercise»  [Supreme Court]

*

«In 2012, David Mullins and Charlie Craig asked Phillips to bake a cake to celebrate their planned wedding, which would be performed in another state. Phillips said he couldn’t create the product they were looking for without violating his faith.

“The Bible says, ‘In the beginning there was male and female,'” Phillips said.

Mullins and Craig filed a complaint with the Colorado Civil Rights Commission, which ruled in their favor, citing a state anti-discrimination law. Phillips took his case to the Colorado Court of Appeals, arguing that requiring him to provide a wedding cake for the couple violated his constitutional right to freedom of speech and free exercise of religion. The court held that the state anti-discrimination law was neutral and generally applicable and did not compel Phillips’ Masterpiece Cakeshop to “support or endorse any particular religious view.” It simply prohibited Phillips from discriminating against potential customers on account of their sexual orientation»

* * *

2018-06-06__Masterpiece Cakeshop__002

«The Supreme Court ruled in favor of a Colorado baker who refused to bake a cake to celebrate the marriage of a same sex couple because of a religious objection.»

*

«The ruling was 7-2.»

*

«The court held that the Colorado Civil Rights Commission showed hostility toward the baker based on his religious beliefs. The ruling is a win for baker Jack Phillips, who cited his beliefs as a Christian, but leaves unsettled broader constitutional questions on religious liberty»

*

«The ruling, written by Justice Anthony Kennedy, held that members of the Colorado Civil Rights Commission showed animus toward Phillips specifically when they suggested his claims of religious freedom was made to justify discrimination»

*

«The case was one of the most anticipated rulings of the term and was considered by some as a follow up from the court’s decision three years ago to clear the way for same-sex marriage nationwide. That opinion, also written by Kennedy, expressed respect for those with religious objections to gay marriage»

*

«Jack serves all customers; he simply declines to express messages or celebrate events that violate his deeply held beliefs, …. Creative professionals who serve all people should be free to create art consistent with their convictions without the threat of government punishment»

*

«At the same time the religious and philosophical objections to gay marriage are protected views and in some instances protected forms of expression, …. neutral consideration to which Phillips was entitled was compromised here. …. The commission’s hostility was inconsistent with the First Amendment’s guarantee that our laws be applied in a manner that is neutral toward religion …. The outcome of cases like this in other circumstances must await further elaboration in the courts, all in the context of recognizing that these disputes must be resolved with tolerance, without undue disrespect to sincere religious beliefs, and without subjecting gay persons to indignities when they seek goods and services in an open market»

* * * * * * * *

Significativo il commento della Cnbc.

«The justices, in a 7-2 decision, said the Colorado Civil Rights Commission showed an impermissible hostility toward religion when it found that baker Jack Phillips violated the state’s anti-discrimination law by rebuffing gay couple David Mullins and Charlie Craig in 2012. The state law bars businesses from refusing service based on race, sex, marital status or sexual orientation. ….

Government hostility toward people of faith has no place in our society, yet the state of Colorado was openly antagonistic toward Jack’s religious beliefs about marriage.

The case became a cultural flashpoint in the United States, underscoring the tensions between gay rights proponents and conservative Christians» [Cnbc]

Bene. Così il quattro giugno la Corte Suprema degli Stati Uniti ha messo la definitiva parola “fine” sul caso del Masterpiece Cakeshop.

Dopo sei anni di soprusi, di epiti insultanti, e di un linciaggio difficilmente visto nella storia americana, il caso è stato definito dichiarando, riaffermando, il diritto di Mr Jack Phillips a proclamare ed esercitare i suoi diritti religiosi.

Non solo, la Colorado Civil Rights Commission prima e la  Colorado Court of Appeals hanno perpetrato un sopruso, essendo partigiane per odio alla religione.

«The Court concludes that “Phillips’ religious objection was not considered with the neutrality that the FreeExercise Clause requires»

*

«This conclusion rests on evidence said to show the Colorado Civil Rights Commission’s (Commission) hostility to religion.»

*

«Hostilityis discernible, the Court maintains »

*

«The Court also finds hostility in statements made at two public hearings on Phillips’ appeal»

* * * * * * *

Una sola considerazione.

Sulla base della sentenza della Suprema Corte, è ora lecito asserire che la struttura giuridica del Colorado, persino nella Corte di Appello, ha evidenziato un atteggiamento ostile, di odio nei confronti della religione.

Se è vero che alla fine la Suprema Corte ha rimediato a questo abuso, sarebbe altrettanto vero il dover notare come questa forma di razzismo sia tipica delle Corti di Giustizia composte da giudici nominati dalla componente democratica.

Bene. Adesso almeno questa persecuzione è finita, e diamo atto a Mr Jack Phillips di aver trovato la forza di ribellarsi a questa nuova forma di odiosa dittatura. Attorno al caso del Masterpiece Cakeshop i liberal democratici avevano imbastito un ordito politico di rara risonanza, quasi che esso fosse il problema cruciale degli Stati Uniti: ne avevano fatto bandiera di combattimento: così un caso che mai avrebbe dovuto approdare in un Tribunale era diventato un caso nazionale.


The Washington Times. 2018-06-04. SCOTUS sides with Christian baker in same-sex wedding cake case

The Supreme Court held Monday a Christian baker’s religious liberty was violated when Colorado’s Civil Rights Commission penalized him for refusing to bake a wedding cake for a same-sex couple.

The 7 to 2 ruling found the Colorado Civil Rights Commission did not view the baker’s case with “religious neutrality.”

“The reason and motive for the baker’s refusal were based on his sincere religious beliefs and convictions,” Justice Anthony M. Kennedy wrote in the opinion for the court.

Though the court sided with the baker, it did so narrowly, noting, “It is proper to hold that whatever the outcome of some future controversy involving facts similar to these, the Commission’s actions here violated the Free Exercise Clause.”


Cnn. 2018-06-04. Supreme Court rules for Colorado baker in same-sex wedding cake case

The Supreme Court ruled in favor of a Colorado baker who refused to bake a cake to celebrate the marriage of a same sex couple because of a religious objection.

The ruling was 7-2.

The court held that the Colorado Civil Rights Commission showed hostility toward the baker based on his religious beliefs. The ruling is a win for baker Jack Phillips, who cited his beliefs as a Christian, but leaves unsettled broader constitutional questions on religious liberty.

“Today’s decision is remarkably narrow, and leaves for another day virtually all of the major constitutional questions that this case presented,” said Steve Vladeck, CNN Supreme Court analyst and professor at the University of Texas School of Law. “It’s hard to see the decision setting a precedent.”

The ruling, written by Justice Anthony Kennedy, held that members of the Colorado Civil Rights Commission showed animus toward Phillips specifically when they suggested his claims of religious freedom was made to justify discrimination.

The case was one of the most anticipated rulings of the term and was considered by some as a follow up from the court’s decision three years ago to clear the way for same-sex marriage nationwide. That opinion, also written by Kennedy, expressed respect for those with religious objections to gay marriage.

“Our society has come to the recognition that gay persons and gay couples cannot be treated as social outcasts or as inferior in dignity and worth,” he wrote Monday.

Alliance Defending Freedom Senior Counsel Kristen Waggoner, who represented Phillips, praised the ruling.

“Jack serves all customers; he simply declines to express messages or celebrate events that violate his deeply held beliefs,” Waggoner said in a statement. “Creative professionals who serve all people should be free to create art consistent with their convictions without the threat of government punishment.”

Louise Melling, deputy legal director of the American Civil Liberties Union, emphasized the narrowness of the opinion.

“The court reversed the Masterpiece Cakeshop decision based on concerns unique to the case but reaffirmed its longstanding rule that states can prevent the harms of discrimination in the marketplace, including against LGBT people,” Melling said in a statement.

Because Justice Clarence Thomas concurred in part, the judgment of the court on the case was 7-2 but the opinion on the rationale was 6-2.

Religious tolerance

Kennedy wrote that there is room for religious tolerance, pointing specifically to how the Colorado commission treated Phillips by downplaying his religious liberty concerns.

“At the same time the religious and philosophical objections to gay marriage are protected views and in some instances protected forms of expression,” Kennedy wrote, adding that the “neutral consideration to which Phillips was entitled was compromised here.”

“The commission’s hostility was inconsistent with the First Amendment’s guarantee that our laws be applied in a manner that is neutral toward religion,” Kennedy said, adding to say that the case was narrow.

“The outcome of cases like this in other circumstances must await further elaboration in the courts, all in the context of recognizing that these disputes must be resolved with tolerance, without undue disrespect to sincere religious beliefs, and without subjecting gay persons to indignities when they seek goods and services in an open market,” the opinion states.

Justice Ruth Bader Ginsburg, in her dissent which was joined by Justice Sonia Sotomayor, argued that “when a couple contacts a bakery for a wedding cake, the product they are seeking is a cake celebrating their wedding — not a cake celebrating heterosexual weddings or same-sex weddings — and that is the service (the couple) were denied.”

Baker emphasizes Christian beliefs

Phillips opened the bakery in 1993, knowing at the outset that there would be certain cakes he would decline to make in order to abide by his religious beliefs.

“I didn’t want to use my artistic talents to create something that went against my Christian faith,” he said in an interview with CNN last year, noting that he has also declined to make cakes to celebrate Halloween.

In 2012, David Mullins and Charlie Craig asked Phillips to bake a cake to celebrate their planned wedding, which would be performed in another state. Phillips said he couldn’t create the product they were looking for without violating his faith.

“The Bible says, ‘In the beginning there was male and female,'” Phillips said.

He offered to make any other baked goods for the men. “At which point they both stormed out and left,” he said.

Mullins and Craig filed a complaint with the Colorado Civil Rights Commission, which ruled in their favor, citing a state anti-discrimination law. Phillips took his case to the Colorado Court of Appeals, arguing that requiring him to provide a wedding cake for the couple violated his constitutional right to freedom of speech and free exercise of religion. The court held that the state anti-discrimination law was neutral and generally applicable and did not compel Phillips’ Masterpiece Cakeshop to “support or endorse any particular religious view.” It simply prohibited Phillips from discriminating against potential customers on account of their sexual orientation.

“This case is about more than us, and it’s not about cakes,” Mullins said in an interview last year. “It’s about the right of gay people to receive equal service.”

The Trump administration sided with Phillips.

“A custom wedding cake is not an ordinary baked good; its function is more communicative and artistic than utilitarian,” Solicitor General Noel Francisco argued. “Accordingly, the government may not enact content-based laws commanding a speaker to engage in protected expression: An artist cannot be forced to paint, a musician cannot be forced to play, and a poet cannot be forced to write.”

Pubblicato in: Geopolitica Europea, Giustizia, Unione Europea

Afd porta la Bundeskanzlerin Frau Merkel davanti alla Suprema Corte.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-29.

Berlino Porta Brandemburgo

L’apertura incondizionata della frontiera da parte di Merkel nel 2015 è all’esame della Corte costituzionale federale di  Karlsruhe, Bundesverfassungsgericht.

Nella denuncia si prospetta che Frau Merkel avrebbe violato il diritto di partecipazione del Bundestag alla decisione di aprire le frontiere tedesche, ufficialmente difese dalla Costituzione. Sarebbe stata quindi un’azione non votata dal Parlamento.

«Wesentliche Entscheidungen, die das Gemeinwesen berührten, müssten im Parlament entschieden werden.»

Le decisioni importanti che riguardano tutta la collettività dovrebbero essere decise in parlamento.

Qualora Frau Merkel perdesse la causa intentatale, dovrebbe dare le dimissioni.

          


Der Bundestag. 2018-05-21. AfD klagt gegen Merkels Grenzöffnung. Bei Niederlage muss Sie zurücktreten!

homas Seitz – Die unbedingte Grenzöffnung durch Merkel im Jahre 2015 steht auf dem Prüfstand des Bundesverfassungsgerichts

Juristisch, hochspannend! Und vor allen Dingen auch politisch brisant, denn wenn Frau Merkel verliert, dann muss Sie zurücktreten! Die Koalition ist jetzt schon am Ende.

Mein Kommentar zur Woche in Berlin. Ihnen schöne Pfingsten.

Weitere Informationen über mich und meine politische Arbeit im Bundestag für Deutschland finden Sie unter: thomas-seitz.net


Welt. 2018-05-18. AfD zieht gegen Merkel vor Bundesverfassungsgericht

Die AfD hat in Karlsruhe eine Organklage gegen Merkels Flüchtlingspolitik eingereicht.

– Der Partei gehe es darum, die „Herrschaft des Unrechts“ feststellen zu lassen, sagte Justiziar Stephan Brandner.

 -Die Bundesregierung habe bei ihrer Einwanderungspolitik die Mitwirkungsrechte des Bundestags verletzt.

*                                                  

Die AfD zieht gegen die Flüchtlingspolitik von Angela Merkel (CDU) vor das Bundesverfassungsgericht. Die Bundestagsfraktion habe am 14. April eine Organklage in Karlsruhe eingereicht, sagte ihr Justiziar Stephan Brandner am Freitag in Berlin.

Der AfD gehe es darum, die „Herrschaft des Unrechts“ feststellen zu lassen. Die Bundesregierung habe bei ihrer Einwanderungspolitik die Mitwirkungsrechte des Bundestags verletzt, heißt es in der Klage.

Überprüft werden soll nach dem Willen der AfD Merkels Entscheidung von Anfang September 2015, die Grenze von Österreich nach Deutschland für Flüchtlinge offen zu halten und die Menschen nicht abzuweisen.

Brandner sagte: „Diese Klage kann die Welt verändern. Und sie wird die Welt verändern, wenn sie erfolgreich ist.“ Merkel müsse dann in „Nullkommanichts“ weg. Ob es zur Verhandlung kommt, ist noch offen.

Der zweite parlamentarische Geschäftsführer der AfD-Fraktion, Jürgen Braun, sagte, es gebe keine diktatorische Kanzlerin, auch sie habe sich an Recht und Gesetz zu halten. Wesentliche Entscheidungen, die das Gemeinwesen berührten, müssten im Parlament entschieden werden. Braun sprach mit Bezug auf die Politik der Grenzöffnung von einer „Herrschaft der Willkür und des Unrechts“, die nicht mit dem Grundgesetz vereinbar sei.

Auch CSU-Chef Horst Seehofer hatte Merkels Entscheidung als „Herrschaft des Unrechts“ bezeichnet. „Wir setzen um, was Seehofer angekündigt, aber nicht umgesetzt hat“, sagte Brandner. Seit Jahren herrsche ein Ausnahmezustand, es gehe um einen massiven Eingriff in die Rechte des Bundestags.