Pubblicato in: Cina, Geopolitica Mondiale

Cina. Ambizioni antartiche.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-23.

Cina. The_Great_Hall_of_the_People

«In 2019, the world is celebrating 60 years of the Antarctic Treaty, which was signed by 12 countries on December 1, 1959»

«For six decades, the Antarctic Treaty and its related agreements, known as the Antarctic Treaty System (ATS), have successfully ensured peace and devoted the whole continent to science»

«The ATS proved to be resilient, but also has not seen any significant development since the 1990s, when the Protocol on Environmental Protection to the Antarctic Treaty (Madrid Protocol) was adopted to ban mining in Antarctica»

«China, a contracting party to the Antarctic Treaty, has become one so-called “challenger,”»

«There are seven claimants in the Antarctic – Australia, Argentina, Chile, France, Norway, New Zealand, and United Kingdom»

«Moreover, according to Article XII, although the Antarctic Treaty may be modified or amended at any time, unanimous agreement of the contracting parties must be achieved to do so»

«Therefore China, as a consultative party of the Antarctic Treaty, is entitled to raise a review conference that might end the mining ban in 2048»

«This is a legitimate question that perhaps sits at the heart of concerns about China’s “real” interests in Antarctica. China began its first Antarctic expedition in 1983, then gradually expanded its presence in the continent and adjacent waters. So far, China has four Antarctic stations (Great Wall, Zhongshan, Taishan Summer Camp, and Kunlun/Dome A), with a fifth station being built on the Ross Sea Ice Shelf, to be completed in 2022. In addition, China’s second ice-breaker, M/V Xue Long 2 will start its first polar voyage in late 2019.»

«Chinese interests could combine science, resources (e.g., fisheries or bioprospecting), tourism, shipping, and national pride»

«China is paying attention to Antarctic krill, the last untouched marine living resource on the planet.»

* * * * * * *

Spesso delle cose importanti non se ne parla: che vada bene, le si danno per scontate.

Al momento attuale, uno sfruttamento minerario dell’Antartide avrebbe un senso economico solo se intervenissero sostanziali progressi tecnologici nel settore estrattivo di materie prime molto rare.

Ma nel contempo non potrebbe essere negata l’importanza strategica militare dell’Antartide.


Diplomat Magazine. 2019-06-17. What Are China’s Intentions in Antarctica?

Reviewing China’s activities and commitments under the 60-year-old Antarctic Treaty.

*

In 2019, the world is celebrating 60 years of the Antarctic Treaty, which was signed by 12 countries on December 1, 1959. For six decades, the Antarctic Treaty and its related agreements, known as the Antarctic Treaty System (ATS), have successfully ensured peace and devoted the whole continent to science. The ATS proved to be resilient, but also has not seen any significant development since the 1990s, when the Protocol on Environmental Protection to the Antarctic Treaty (Madrid Protocol) was adopted to ban mining in Antarctica. The ATS is now facing a number of challenges, such as climate change.

China, a contracting party to the Antarctic Treaty, has become one so-called “challenger,” at least according to Western narratives. In this piece, I review the relations between China and the ATS in order to answer some of the most pressing questions being raised over Beijing’s intentions.

Is China going to make a territorial claim in Antarctica?

Highly unlikely. There are seven claimants in the Antarctic – Australia, Argentina, Chile, France, Norway, New Zealand, and United Kingdom. In addition, Marie Byrd Land in West Antarctica is left unclaimed. One of the key articles in the Antarctic Treaty is Article IV, which provides that “no new claim, or enlargement of an existing claim, to territorial sovereignty in Antarctica shall be asserted while the present Treaty is in force.”

China ratified the Antarctic Treaty in 1983 and gained consultative status with voting rights in the Antarctic Treaty consultative parties meeting as of 1985. It is an obligation under international law that the Chinese government must support the Antarctic Treaty. China cannot simply make a claim, not without withdrawing from the Antarctic Treaty first. In “China’s Antarctic Activities,” the first Chinese government white paper on Antarctica, published in May 2017, it is reaffirmed that “the Chinese Government is in persistent support of the purposes and gist of the Antarctic Treaty, and has been committed to safeguarding the stability of the ATS.”

Moreover, according to Article XII, although the Antarctic Treaty may be modified or amended at any time, unanimous agreement of the contracting parties must be achieved to do so. It is a mission impossible for China to persuade all other consultative parties so as to amend the Article IV to facilitate any potential claim.

Will China start mining in Antarctica in the near future?

Also improbably. Led by late Australian Prime Minister Bob Hawke, the Madrid Protocol was enacted in 1991 and entered into force in 1998. Article 7 states that “any activity relating to mineral resources [in Antarctica], other than scientific research, shall be prohibited.” China ratified the Madrid Protocol in 1998, which means, from an international law perspective, that Beijing will adhere to this mining ban. As more proof, when China hosted the Antarctic Treaty Consultative Meeting for the first time in 2017, then-Vice Minister of Foreign Affairs Zhang Yesui reiterated China’s desire to support the mining ban.

Nevertheless, Article 25 does provide an opportunity to review the operation of the Madrid Protocol 50 years from the date of entry into force of this Protocol. Therefore China, as a consultative party of the Antarctic Treaty, is entitled to raise a review conference that might end the mining ban in 2048. But bear in mind that any modification or amendment will require agreement by more than three-fourths of all Antarctic Treaty Consultative Parties.

In the foreseeable future, it is not commercially viable to conduct mining in Antarctica. Unless there is a game changer, either a significant advancement of mining technology or a discovery of minerals that are essential for the world’s economy but cannot be mined somewhere else, it is difficult to predict that China will openly violate its commitment under the Madrid Protocol and start mining in a continent far away from home.

If China has no concrete plan to claim and/or mine, why are they actively expanding their presence in Antarctica?

This is a legitimate question that perhaps sits at the heart of concerns about China’s “real” interests in Antarctica. China began its first Antarctic expedition in 1983, then gradually expanded its presence in the continent and adjacent waters. So far, China has four Antarctic stations (Great Wall, Zhongshan, Taishan Summer Camp, and Kunlun/Dome A), with a fifth station being built on the Ross Sea Ice Shelf, to be completed in 2022. In addition, China’s second ice-breaker, M/V Xue Long 2 will start its first polar voyage in late 2019.

As the world’s second largest economy, China now naturally has interests in almost every part of the world, be it outer space, the deep seabed, the Arctic, or Antarctica. Chinese interests could combine science, resources (e.g., fisheries or bioprospecting), tourism, shipping, and national pride. Chinese activities in Antarctica in particular seem to be designed to make sure China will not be left out should there be any possible opportunity in Antarctica in the future.

For example, China is paying attention to Antarctic krill, the last untouched marine living resource on the planet. The Chinese catch in Antarctic waters is very low at the moment. However, China sees the potential of krill fisheries under the current management of the Commission for the Conservation of Marine Living Resources (CCAMLR) and is interested in increasing its krill fishing in the Southern Ocean. This could be the root of the stalemate of the process to establish marine protected areas in Antarctica.

What if China disregards international law in Antarctica as it did in the South China Sea?

When comparing Chinese practices in the South China Sea and Antarctica, one needs to understand that the South China Sea is one of China’s core interests, where the Chinese government has consistently made territorial claims. Antarctica is neither a core interest, nor the site of claimed Chinese territory. It is fair to say that there is no evidence China has broken any rule under the ATS yet.

Still, China’s refusal to participate in the South China Sea arbitration initiated by the Philippines no doubt generated a negative image of China’s attitude toward international law. Further, it raised the question of consistency in Chinese practice of international law. Nevertheless, that was a unique political decision largely driven by China’s unpreparedness, inexperience, and mistrust of dispute settlement mechanisms of the United Nations Convention on the Law of the Sea (UNCLOS).

Apart from stonewalling the South China Sea arbitration, Chinese responses to a large extent have been trying to interpret the existing international law of the sea in favor of Chinese positions. For example, the Chinese Society of International Law published a 500-page critical study of the South China Sea arbitration awards in May 2018. The critical study is completely meaningless from a legal point of view, but it did showcase China’s willingness and capacity to engage with the law of the sea.

In the end, is there anything other countries, such as Australia, can do to ease their mind regarding Chinese activities in Antarctica?

Yes, Article VII of the Antarctic Treaty authorizes each consultative party to undertake inspections of others’ stations in Antarctica. This is an option other countries, especially claimants, could pursue. For example, Australia could request inspections of Chinese stations in the Australian Antarctic Territory (including Zhongshan, Taishan, and Kunlun).

While it is not possible to ask China to recognize any specific Antarctic claim, there are two avenues to secure Australia’s core interests in the Antarctic with China. First, after publishing its official Arctic Policy White Paper in January 2018, China’s Antarctic policy is shaping up. In the Arctic white paper, China states that it will firmly adhere to existing international law applicable in the Arctic, which paved the way for fruitful Chinese cooperation with Arctic states, in particular Russia and Nordic countries. Claimants could push China to declare in its future Antarctic white paper that China has no territorial claims in Antarctica. This is not against China’s policy position either, as noted above. But stating this outright will greatly ease the minds of all Antarctic claimants and enhance their trust to collaborate with China, e.g., through the Belt and Road Initiative.

Second, Australia could pursue specific reassurances at the bilateral level. For example, during then-Vice Premier Li Keqiang’s State Visit to Australia in 2009, then-Australian Prime Minister Kevin Rudd managed to achieve an Australia-China Joint Statement, which states “The two sides should respect and take into full consideration the core interests and major concerns of each other.” When the timing is right, perhaps the next Australia-China Joint Statement could further elaborate what those “core interests and major concerns” are – for example, China’s claims in the South China Sea and Taiwan, and the stability of the ATS for Australia.

Annunci
Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, India, Materie Prime, Russia

Oro schizzato a 1,387.25 dollari/oncia.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-20.

2019-06-20__Gold__001

E siamo solo agli inizi.


Gold soars to five-year high after Fed hints at interest rate cuts

Gold prices shot to levels not seen since 2013 on Thursday, as investors flocked to the metal after the U.S. Federal Reserve left key interest rates unchanged but shifted away from its “patient” stance on monetary policy.

In electronic trading, August gold GCQ19, +2.76% soared $33.50, or 2.5%, to $1,382.20 an ounce. The contract slipped $1.90 to settle at $1,348.80 an ounce. On a continuous contract basis, gold was trading at its highest level since September 2013, according to FactSet data.

Gold began climbing higher in electronic trading Wednesday after a statement that followed the gold futures’ settlement. While the Fed held benchmark interest rates steady between 2.25%-2.50%, officials said that over the last six weeks, “uncertainties” have increased about the outlook, hinting at the trade tensions between the U.S. and China.

Fed officials appeared at odds about whether the central bank will cut interest rates this year, judging from the central bank’s projections of future interest rate moves, known as the “dot plot.” Precious metals like gold tend to attract buyers in a low interest-rate climate.

The yield for the 10-year Treasury note TMUBMUSD10Y, -1.95%  dropped to just under 2%, at 1.983%, a level not seen since 2016. Such a move can make government debt less attractive to buyers seeking haven assets compared against bullion.

“As long as real rates are headed lower, the pool of negative yielding bonds increases (currently $12.3t) then gold is only going one way,” said Chris Weston, head of research at Pepperstone, in a note to clients.

Gold has gained over 2% week to date, as investors have bought the metal owing to uncertainty over an import tariff dispute between China and the U.S. and fears that the global economy is weakening. On Tuesday, European Central Bank President Mario Draghi suggested that the ECB could introduce more stimulus if the eurozone economy weakens further. The Bank of England’s Monetary Policy Committee will also make a policy announcement later on Thursday.

In other metals dealings, July silver SIN19, +2.35%  rose 27 cents, or 1.8% , to $15.225 an ounce, while July copper HGN19, +1.27% rose 1% to $2.709 a pound.

July platinum PLN19, +1.18%  rose 0.9% to $812.70 an ounce and September palladium PAU19, +0.41%  gained 0.3% to $1,496.50 an ounce.

Pubblicato in: Cina, Geopolitica Militare, Materie Prime

Cina. Export terre rare -16%. Industrie militari i crisi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-20.

Cinaa_Esercito_Terracotta_04__

Avevamo già anticipato l’argomento:

Usa, Cina e Terre Rare. Ora interviene anche il Pentagono.

Silenziosa come suo solito, la Cina è passata ai fatti.

«China’s rare earth exports in May fell by 16% from April to 3,640 tonnes, according to customs data released last week»

«Other proposals heard at the symposiums included accelerating the development of high-end downstream industries and establishing a “traceability mechanism” allowing every shipment of exported rare earth to be tracked»

«China will also step up efforts to combat illegal rare earth mining and promote green development of the rare earth industry»

«China should also work out a list of foreign end-users of Chinese rare earths»

* * *

«Military equipment firms in the United States will likely have their supply of Chinese rare earths restricted, the Global Times said on Monday, after China’s state economic planner confirmed industry experts have proposed export controls»

* * * * * * *

Ad una contrazione dell’export cinese delle terre rare del 16% corrisponderebbe una contrazione della produzione dei prodotti elettronici del 12%, quanto basterebbe per mandare in crisi tutto questo settore.

Per non parlare poi del comparto militare.

Sicuramente l’estrazione mineraria delle terre rare è tutto fuorché semplice ed ecologica, ed i paesi occidentali hanno anche caricato il settore di una congerie di leggi, normativi e regolamenti che, se applicati, comporterebbero costi di estrazione proibitivi.

Poi, per soprammercato, gli occidentali sono troppo civili per andare a lavorare in una miniera né, tanto meno, per sopportarne l’esistenza sotto casa.

*

Il figliol prodigo si decise a tornare a casa quando fu ridotto alla fame, a desiderare ciò che era dato da mangiare ai porci ed a lui era invece negato. Non lo spinse il rimorso di come aveva trattato il padre: lo spinse invece la fame. Ma il figliol prodigo aveva un padre, mentre l’occidente  non ce lo ha.


Reuters. 2019-06-17. U.S. military firms likely to face China rare earth restrictions: Global Times

Military equipment firms in the United States will likely have their supply of Chinese rare earths restricted, the Global Times said on Monday, after China’s state economic planner confirmed industry experts have proposed export controls.

China is the world’s dominant producer of rare earths — a group of 17 prized minerals used in everything from consumer electronics to military equipment such as jet engines, missile guidance systems satellites and lasers.

Numerous reports from state-run Chinese media have raised the prospect that China may limit its supplies of the minerals to gain leverage in its trade dispute with the United States.

The Global Times, a newspaper that is published by the ruling Communist Party’s People’s Daily, said on its official Twitter account that U.S. military equipment companies “are likely to face restrictions,” citing unidentified Chinese industry insiders.

China should also work out a list of foreign end-users of Chinese rare earths, it added.

The Global Times comment followed a statement from a spokeswoman for China’s state economic planner, the National Development and Reform Commission (NDRC), earlier on Monday that the NDRC would study and roll out relevant polices on rare earths as soon as possible.

The NDRC recently held three symposiums on rare earths to hear views from industry experts that included suggestions to enact export controls, according to a transcript of comments from NDRC spokeswoman Meng Wei.

China’s rare earth exports in May fell by 16% from April to 3,640 tonnes, according to customs data released last week.

Other proposals heard at the symposiums included accelerating the development of high-end downstream industries and establishing a “traceability mechanism” allowing every shipment of exported rare earth to be tracked, Meng said.

The government resolutely opposes any attempt to use products made with China’s exported rare earths to suppress the country’s development, Meng added.

China will also step up efforts to combat illegal rare earth mining and promote green development of the rare earth industry, she said.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Materie Prime, Putin, Russia

Russia. Varato il rompighiaccio atomico Ural. Alla fine saranno 13 navi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-20.

Yamal 001

«Russia launched a nuclear-powered icebreaker on Saturday, part of an ambitious program to renew and expand its fleet of the vessels in order to improve its ability to tap the Arctic’s commercial potential.»

«Designed to be crewed by 75 people, the Ural will be able to slice through ice up to around 3 meters thick.»

*

«The Arctic holds oil and gas reserves equivalent to 412 billion barrels of oil, about 22 percent of the world’s undiscovered oil and gas»

*

«The Ural together with its sisters are central to our strategic project of opening the NSR to all-year activThe Ural together with its sisters are central to our strategic project of opening the NSR to all-year activityity»

*

«The Ural together with its sisters are central to our strategic project of opening the NSR to all-year activity»

* * * * * * *

La Russia di Mr Putin ha da tempo lanciato una lunga serie di programmi volti a sfruttare le risorse energetiche rinvenibili nelle zone artiche, che detengono grosso modo il 22% delle riserve di petrolio e gas mondiali.

Due i grandi problemi da risolvere, e, si direbbe, risolti.

Il primo inerisce le difficoltà di allestire gli impianti estrattivi in condizioni climatiche particolarmente avverse.

Il secondo verte invece sulla trasportabilità del minerale estratto, essendo impossibile al momento attuale la costruzione di oleodotti o di gasdotti.

Artico. 50% delle riserve minerarie.

Dall’Artico la sfida russa al gas Usa: Yamal Lng ultimato in tempi record

Russia. Un gigantesco rompighiaccio per Lng. – Bloomberg.

Russia. Akademik Lomonosov. Prima centrale atomica mobile e galleggiante.

Putin avvia lo sfruttamento del mega campo Kharasaveyskoye.

Yamal. Gli Usa hanno perso, la Russia ha vinto e raddoppia. – Bloomberg

Cina, Groenlandia e ‘Polar Silk Road’.

Cina. Centrali elettriche nucleari. 37 reattori attivi, 60 in costruzione, 179 programmati.

*

La centrale atomica montata su di una chiatta trasportabile e la flotta dei 13 rompighiaccio pesanti, sette dei quali a propulsione atomica ed in grado di sfondare strati di tre metri di ghiaccio, dovrebbero essere in grado di mantenere la rotta artica agibile sia di estate sua di inverno.

La Russia si avvia a diventare la maggior produttrice di petroli e gas naturale del mondo. Poi, avere limitrofa la Cina in espansione economica sempre più rapida, garantisce un immenso mercato, per di più servibile con rotte militarmente sicure.


Reuters. 2019-05-26. Russia, eyeing Arctic future, launches nuclear icebreaker

ST PETERSBURG, Russia (Reuters) – Russia launched a nuclear-powered icebreaker on Saturday, part of an ambitious program to renew and expand its fleet of the vessels in order to improve its ability to tap the Arctic’s commercial potential.

The ship, dubbed the Ural and which was floated out from a dockyard in St Petersburg, is one of a trio that when completed will be the largest and most powerful icebreakers in the world.

Russia is building new infrastructure and overhauling its ports as, amid warmer climate cycles, it readies for more traffic via what it calls the Northern Sea Route (NSR) which it envisages being navigable year-round.

The Ural is due to be handed over to Russia’s state-owned nuclear energy corporation Rosatom in 2022 after the two other icebreakers in the same series, Arktika (Arctic) and Sibir (Siberia), enter service.

“The Ural together with its sisters are central to our strategic project of opening the NSR to all-year activity,” Alexey Likhachev, Rosatom’s chief executive, was quoted saying.

President Vladimir Putin said in April Russia was stepping up construction of icebreakers with the aim of significantly boosting freight traffic along its Arctic coast.

The drive is part of a push to strengthen Moscow’s hand in the High North as it vies for dominance with traditional rivals Canada, the United States and Norway, as well as newcomer China.

By 2035, Putin said Russia’s Arctic fleet would operate at least 13 heavy-duty icebreakers, nine of which would be powered by nuclear reactors.

The Arctic holds oil and gas reserves equivalent to 412 billion barrels of oil, about 22 percent of the world’s undiscovered oil and gas, the U.S. Geological Survey estimates.

Moscow hopes the route which runs from Murmansk to the Bering Strait near Alaska could take off as it cuts sea transport times from Asia to Europe.

Designed to be crewed by 75 people, the Ural will be able to slice through ice up to around 3 meters thick.

Pubblicato in: Cina, Stati Uniti, Unione Europea

Cina ed Hong Kong. Fomentare il chaos sembrerebbe essere cattiva idea.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-17.

Cina

«Hong Kong divenne una colonia dell’Impero britannico dopo la prima guerra dell’Oppio (1839-1842). Originariamente limitati alla sola Isola di Hong Kong, i confini della colonia furono estesi, nel 1860, a includere la penisola di Kowloon e poi con nuovi territori nel 1898. La regione fu poi brevemente occupata dal Giappone durante la guerra del Pacifico, per poi tornare sotto il controllo britannico, terminato nel 1997 quando la Cina ne ha ripreso la supervisione. La storia di Hong Kong ha profondamente influenzato la sua cultura, che spesso viene descritta come “l’Oriente che incontra l’Occidente”, e il sistema educativo che ha perseguito il sistema inglese fino alle riforme attuate nel 2009. ….

In base al principio “una Cina due sistemi”, Hong Kong possiede un sistema politico diverso dalla Cina continentale. funzionamento dell’indipendente magistratura del paese funziona secondo il modello di ordinamento giuridico del Common law. La Hong Kong Basic Law, il suo documento costitutivo, stabilisce che la regione goda di un alto grado di autonomia in tutti gli aspetti, tranne che nelle relazioni estere e nella difesa militare» [Fonte]

* * *

Hong Kong è cinese per popolazione e territorialità: ha ovviamente una sua storia.

La Cina non aveva e non ha mai potuto sopportare il fatto della presenza inglese ad Hong Kong, sorta di enclave che si reggeva con leggi e costumanze aliene alla mentalità cinese. Ma i cinesi sono persone pragmatiche e pazienti.

Allo scadere del mandato inglese, nel 1997, la Cina aveva un pil di 985.338  miliardi Usd, essendo il pil procapite di 781 Usd l’anno. A quell’epoca non poteva agire in modo diverso dall’annettersi Hong Kong avocando a sé esteri e difesa, concedendo larghe autonomie, non da ultime quelle giudiziarie.

Ma ad oggi, con un pil di 13,407 miliardi Usd e delle forze armate in grado di gestire eventuali problemi locoregionali, la situazione è mutata. Se sicuramente Hong Kong costituisca una situazione economicamente vantaggiosa, la sua importanza nel contesto dell’intero tessuto nazionale si è grandemente ridotta.

Contemporaneamente, l’anomalia politica della sua speciale gestione semi autonoma sta diventando sempre meno tollerabile. È nella logica delle cose che alla fine Hong Kong rientri pienamente nel sistema politico della Cina.

*

Talune componenti politiche dell’occidente usano la situazione di Hong Kong per cercare di ostacolare questo ritorno. Fomentano malcontento locale e dimostrazione di piazza tramite una fitta rete di ngo, completamente finanziate dall’estero, talora anche da governi occidentali.

È una situazione più folkloristica che di reale impatto, ma è quanto basta perché i media occidentali, per lo più a matrice culturale liberal, ne siano cassa di risonanza. Ma questa risonanza si ode soltanto in occidente, mentre in Cina è vissuta in termine diametralmente opposti. I cinesi la percepiscono, ed anche volentieri, come una minaccia alla propria sovranità.

La loro risposta è come al solito lenta ma ferma.

Si pensi solo all’impatto se, cosa legalmente possibile, la Cina richiamasse alla leva le classi tra i diciotto ed i ventiquattro anni. Potrebbe richiamare tutti coloro che hanno partecipato ai cortei e metterli in caserme in Manciuria o nel Deserto dei Gobi.

*

Il Governo cinese ha già preso una ferma posizione.

«Vice-Foreign Minister Le Yucheng urgently summoned a senior official from the embassy of the United States in China on Friday, urging Washington to stop interfering with the affairs of the Hong Kong Special Administrative Region in any form»

«In his meeting with the embassy’s Deputy Chief of Mission Robert W. Forden, Le protested against US officials’ recent irresponsible remarks and acts about the amendment of extradition laws by the Hong Kong SAR government, according to a statement on the ministry’s website»

«Noting that Hong Kong belongs to China, Le said, Hong Kong affairs are purely China’s internal affairs and no external forces are allowed to interfere with them»

«Beijing will take further measures in line with the US moves»

«Creating chaos in Hong Kong will do the US no good at all»

*

China foreign ministry says Hong Kong affairs an internal matter

«China’s foreign ministry said on Saturday Hong Kong matters were a Chinese internal affair and no country, organization or individual has a right to interfere.

The comments come after Hong Kong’s leader, under pressure from public protests, announced the suspension of a proposed bill that would have allowed extradition of criminal suspects to mainland China.

Ministry spokesman Geng Shuang said the ministry had taken note of Lam’s announcement. He said China’s determination to safeguard the country’s sovereignty and security, and Hong Kong’s prosperity and stability, was unshakable.»

*

I cinesi sono gente paziente, ma si sia sicuri che l’odierna vittoria delle ingerenze occidentali in Cina saranno pagate a prezzo ben caro.

Cinesi, gente pratica. Risolto il problema dell’integralismo islamico.

«Chinese authorities in the far-northwestern region of Xinjiang on Wednesday revised legislation to permit the use of “education and training centers” to combat religious extremism.»

«In practice, the centers are internment camps in which as many as 1 million minority Muslims have been placed in the past 12 months»

Stiamo pur certi che c’è posto anche per un bel po’ di gente di Hong Kong.

«The government is seeking to allow extraditions to mainland China, saying it makes sure Hong Kong remains a “safe city for residents and business”.»

«The changes will allow for extradition requests from authorities in mainland China, Taiwan and Macau for suspects accused of criminal wrongdoings, such as murder and rape»

* * * * * * *

Gli occidentali hanno una gran bella presunzione nel voler dettare alla Cina come debba comportarsi all’interno dei propri confini. Cosa mai sarebbe successo se la Cina avesse preso posizione sulla Brexit oppure sulla Catalogna?

L’esperienza insegna come i cinesi abbiano ottima memoria.


China Org. 2019-06-15. US told to stop interfering in HK

Vice-Foreign Minister Le Yucheng urgently summoned a senior official from the embassy of the United States in China on Friday, urging Washington to stop interfering with the affairs of the Hong Kong Special Administrative Region in any form.

In his meeting with the embassy’s Deputy Chief of Mission Robert W. Forden, Le protested against US officials’ recent irresponsible remarks and acts about the amendment of extradition laws by the Hong Kong SAR government, according to a statement on the ministry’s website.

Noting that Hong Kong belongs to China, Le said, Hong Kong affairs are purely China’s internal affairs and no external forces are allowed to interfere with them.

He urged the US side to view the amendment in an objective and fair manner, respect the SAR government’s legislation process and avoid doing anything that harms the prosperity and stability of Hong Kong.

Beijing will take further measures in line with the US moves, Le said.

Also on Friday, ministry spokesman Geng Shuang said at a regular news conference that China is strongly dissatisfied and firmly opposed to the US lawmakers’ reintroduction of the Hong Kong Human Rights and Democracy Act, urging them to give up “vain attempts” to create chaos in Hong Kong.

The act would “require the Secretary of State to issue an annual certification of Hong Kong’s autonomy to justify special treatment afforded to Hong Kong by the US Hong Kong Policy Act of 1992”, the US Senate Committee on Foreign Relations said in a news release.

Since Hong Kong’s return, the policies of “one country, two systems”, “Hong Kong people administering Hong Kong” and a high degree of autonomy have been effectively implemented, and Hong Kong residents have enjoyed rights and freedoms that are fully guaranteed according to law, Geng said.

“This is an objective fact that anyone without prejudice will acknowledge,” he said.

Hong Kong’s prosperity and stability is in line with the interests of the US, one of Hong Kong’s major trade partners, Geng pointed out.

“Creating chaos in Hong Kong will do the US no good at all,” the spokesman said.

Geng urged relevant people on the US side to respect basic facts, give up their “arrogance and bias” as well as their attempts to intervene in Hong Kong, and do more to help China-US mutual trust and cooperation.

Calling Western criticism of Hong Kong’s extradition law amendments irresponsible, Geng said China is determined to safeguard its national sovereignty, security and development interests, and it doesn’t fear any threats or intimidation.

Any attempt to bring disorder to the special administrative region will face objection from all Chinese people, including Hong Kong residents, and fail, he said.

*


Bbc. 2019-06-15. Hong Kong extradition row: Will it damage its star status?

Changes to Hong Kong’s extradition law could hurt the autonomy that has made it one of Asia’s main financial hubs.

The government is seeking to allow extraditions to mainland China, saying it makes sure Hong Kong remains a “safe city for residents and business”.

The proposed changes led to widespread protests in Hong Kong this week and sparked some of the worst violence seen there in decades.

Many worry that Hong Kong’s status as a global financial centre is at risk.

“The passage of the proposed legislation would undermine Hong Kong’s status both as a hub for multinational firm operations and as a global financial centre,” said Nicholas Lardy, a senior fellow at the Washington-based think tank Peterson Institute for International Economics.

So what are the proposed changes?

The changes will allow for extradition requests from authorities in mainland China, Taiwan and Macau for suspects accused of criminal wrongdoings, such as murder and rape.

Officials have said Hong Kong courts will have the final say whether to grant such extradition requests, and suspects accused of political and religious crimes will not be extradited.

Several commercial offences such as tax evasion have been removed from the list of extraditable offences.

But Hong-Kong based lawyer Antony Dapiran said this does not mean business people are “off the hook”.

“Even though there is some reassurance in the business community that those white collar crimes have been excluded… that doesn’t necessarily mean that people are therefore free of risk,” Mr Dapiran said.

“There are many other ways that someone can be extradited under the current bill for offences other than the offence that they are actually wanted (for).”

What has the business reaction been so far?

Companies have proved reluctant to openly speak about the extradition bill for fear that their businesses in mainland China could suffer consequences.

Pushing the bill through would risk “shooting Hong Kong in the foot,” Tara Joseph, president of The American Chamber of Commerce in Hong Kong, said in a recent newspaper interview.

Both the British Chamber of Commerce and the Australian Chamber of Commerce in Hong Kong, refused to comment when contacted by the BBC.

Andrew Coflan, analyst at New York-based political risk consultancy Eurasia Group, said that the foreign business community was worried.

“Hong Kong has served as a gateway to Asia for flows of goods and capital,” said Mr Coflan.

“But the passage of the extradition bill would turn it from a special legal entity into just another Chinese city, from a corporate risk perspective. The key risk is one of diverted or withdrawn investment.”

What happens to its special status?

The US, which is embroiled in a trade and technology dispute with China, has been vocal about its concerns surrounding the Hong Kong extradition bill.

The US expressed “grave concern” about the Hong Kong government’s proposed amendments which “could damage Hong Kong’s business environment” and subject American citizens there “to China’s capricious judicial system,” Morgan Ortagus, spokesman at the US State Department said during a recent news briefing.

“The continued erosion of the ‘One Country, Two Systems’ framework puts at risk Hong Kong’s long-established special status in international affairs,” he said.

In 1984, Britain and China signed an agreement where Hong Kong would enjoy “a high degree of autonomy” when it returned to China in 1997 under the principle of “one country, two systems.”

As a result, Hong Kong has its own legal system and borders, and rights including freedom of assembly and free speech are protected.

In the US, Hong Kong’s special status is recognized under the US Hong Kong Policy Act but this now appears to be under scrutiny.

US lawmakers have introduced a bill to amend the Hong Kong Policy Act of 1992. The amendment requires the US Secretary of State to “issue an annual certification of Hong Kong’s autonomy to justify special treatment” by the US.

“The bigger issue is probably that the global perception of Hong Kong as a separate part of China is under threat. And that includes official recognition of Hong Kong as a separate customs, immigration, tax and legal jurisdiction,” said David Webb, editor of Webb-site.com and long-time resident of Hong Kong.

“If Hong Kong loses its separate status then, for example, all of the duties that America has applied to Chinese exports would apply to Hong Kong exports. And any prohibitions on transfers of high grade technology to China would apply to Hong Kong as well.”

Any impact on Hong Kong’s economy?

Hong Kong saw its worst violence in decades this week, with some government offices and banks closing due to the disruption.

Standard Chartered said on Friday the branches which were closed earlier in the week would resume operations.

But Capital Economics, pointing to the fallout of the 2014 Occupy Hong Kong protests, expects the economic impact to be limited.

“The 2014 Occupy Hong Kong protests provide a useful benchmark. They brought gridlock to large parts of Hong Kong Island for over 70 days, but there was no noticeable effect on either retail sales or tourism arrivals,” it said in a research note.

“So even if the current protests last for several weeks, the impact on the economy is likely to be minimal. We are not changing our GDP growth forecasts for this year.”

However, analysts say other places in Asia like Singapore stand to benefit if the proposed changes go through, undermining Hong Kong’s status as a global financial hub.

“The main beneficiary of this development is likely to be Singapore, which has a strong legal framework and no extradition agreement with China,” said Mr Lardy from the Peterson Institute.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Usa, Cina e Terre Rare. Ora interviene anche il Pentagono.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-13.

Terre Rare. Miniera. 001

China could restrict its export of rare-earth metals as a trade-war tactic. Here’s what they are and why they’re so crucial.

«-The trade war between the US and China continues to escalate.

– Last week, the Chinese government hinted that it’s considering restricting its export of rare-earth minerals: a set of 17 metals that are hard to find and difficult to extract.

– China controls a lion’s share of the planet’s rare-earth materials, which are integral to satellites, smart phones, missiles and more.

– There are good reasons for China not to restrict rare-earth exports, but if the country chooses to do so, it could create a major challenge for tech companies like Apple and even the US Department of Defense.»

*

Correttamente il problema delle terre rare è inquadrato dal punto di vista economico: sono materia prima indispensabile all’industria.

Ma quando intervengano problemi militari e di sicurezza nazionale tutta la questione cambia immediatamente connotazione e l’aspetto economico passa in secondo piano.

*

«China is ready to use rare earths to strike back in a trade war with the United States, Chinese newspapers warned on Wednesday in strongly worded commentaries on a move that would escalate tensions between the world’s two largest economies.»

«Rare earths are a group of 17 chemical elements used in everything from high-tech consumer electronics to military equipment. The prospect that their value could soar as a result of the trade war caused sharp increases in the share prices of producers, including the company visited by Xi.»

«While China has so far not explicitly said it would restrict rare earths sales to the United States, Chinese media has strongly implied this will happen.»

«rare earths become a counter weapon for China to hit back against the pressure the United States»

*

Il problema è semplicissimo, così come il modo con cui i media lo propongono è tendenziosamente aggrovigliato.

Per definizione, le terre rare sono di difficile reperimento: sono ben poche le nazioni che dispongano di giacimenti di entità tale da poter essere sfruttati.

I processi estrattivi e raffinativi sono lunghi, costosi e, soprattutto, assai pericolosi, essendo frequentemente i minerali commisti a materiali radioattivi.

La Cina ha sbattuto fuori mercato la produzione occidentale di terre rare sia immettendo nel ciclo produttivi alcune brillanti innovazioni nella scienza della separazione dei minerali, sia eliminando quasi totalmente le norme di sicurezza per i minatori. Inutile contarsi quella dell’uva: non è che la Cina abbia sicurezze di dubbio pregio: proprio non ne ha per nulla. Basterebbe solo pensare al vorticoso turnover della manodopera.

Gli occidentali pudicamente, ipocritamente, scotomizzano questo aspetto, i cinesi lo negano a gran voce e lo bollano come infamante calunnia.

Sta di fatto che i minatori sia in Cina sia in Africa non godono di alcuna protezione, specie dalla radiazioni. In occidente, al contrario, i normativi di protezione sono più che elefantiasici, un vero e proprio overkilling legislativo, che rende l’estrazione non solo economicamente svantaggiosa, ma anche tecnicamente quasi impossibile.

*

Ciò appurato, nella speranza di essere stati chiari, si dovrebbe considerare come tutti i device elettronici, nessuno escluso, siano progettati e costruiti usando terre rare.

Siamo chiari.

Gli occidentali stanno alimentando la loro industria elettronica acquisendo terre rare dalla Cina, che è la principale se non quasi l’unica produttrice. Stanno dando per scontato che la Cina sia tenuta a vender loro le terre rare, ed anche per mezzo boccon di pane.

Tutti i piangiolenti occidentali, che tanto si commuovono al destino delle povere foche monache e sostengono i ‘diritti umani’, ogni volta che usano un cellulare od un calcolatore, un sussidio audiovisivo oppure una automobile elettrica, si rendono complici di quanto sta avvenendo nelle miniere cinesi oppure in quelle africane che estraggono cobalto ed altre materie prime: per dirla a muso duro, sono solo degli ipocriti. Degli assassini in guanti bianchi.

* * *

Se la Cina interrompesse le vendite di terre rare all’occidente nel breve volgere di non più di sei mesi, tutta l’industria elettronica occidentale serrerebbe i battenti. Altri sei mesi e l’intero comparto si ridurrebbe a cannibalizzare gli strumenti in uso, per poi far tornare tutti alla carta, al calamaio, ai piccioni viaggiatori.

Sarebbe un quadro più che apocalittico, foriero di una guerra mondiale.

* * *

Non ci si stupisca quindi di quanto stia accadendo.

Pentagon seeks funds to reduce U.S. reliance on China’s rare earth metals

«The U.S. Defense Department is seeking new federal funds to bolster domestic production of rare earth minerals and reduce dependence on China, the Pentagon said on Wednesday, amid mounting concern in Washington about Beijing’s role as a supplier.

The Pentagon’s request was outlined in a report that has been sent to the White House and briefed to Congress, said Air Force Lieutenant Colonel Mike Andrews, a Pentagon spokesman.

Rare earths are a group of 17 chemical elements used in both consumer products, from iPhones to electric car motors, and critical military applications including jet engines, satellites and lasers. ….

Between 2004 and 2017, China accounted for 80% of U.S. rare earth imports. Few alternative suppliers have been able to compete with China, which is home to 37% of global rare earths reserves.

In a commentary headlined “United States, don’t underestimate China’s ability to strike back,” the official People’s Daily noted the United States’ “uncomfortable” dependence on rare earths from China.»

Signori occidentali, volete essere ecologicamente puri? Bene, allora preparatevi a pagarlo a prezzo ben salato, e fintantoché i cinesi lo permettano.

Altrimenti, toglietevi le puzze di sotto il naso ed impiantate miniere miasmatiche ove il lavoro fa grondar la fronte di sudore.

*


Terre rare. Novità rilevanti per il disprosio.

La disponibilità di terre rare è fondamentale nei processi produttivi dei componenti elettronici e della meccanica.

Senza di esse non sarebbe possibile produrre, per esempio, telefoni cellulari, motori ibridi oppure anche i motori dei caccia.

Cerchiamo di familiarizzarci con il problema.

«Secondo la definizione della IUPAC, le terre rare (in inglese “rare earth elements” o “rare earth metals”) sono un gruppo di 17 elementi chimici della tavola periodica, precisamente scandio, ittrio e i lantanoidi. Scandio e ittrio sono considerati “terre rare” poiché generalmente si trovano negli stessi depositi minerari dei lantanoidi e possiedono proprietà chimiche simili.

Il termine “terra rara” deriva dai minerali dai quali vennero isolati per la prima volta, che erano ossidi non comuni trovati nella gadolinite estratta da una miniera nel villaggio di Ytterby, in Svezia. In realtà, con l’eccezione del promezio che è molto instabile, gli elementi delle terre rare si trovano in concentrazioni relativamente elevate nella crosta terrestre.

Vengono abbreviate in RE (Rare Earths), REE (Rare Earth Elements) o REM (Rare Earth Metals); generalmente vengono suddivise in terre rare leggere (LREE, dal lantanio al promezio), medie (MREE, dal samario all’olmio) e pesanti (HREE, dall’erbio al lutezio)» [Fonte]

* * * * * * *

Dal punto di vista estrattivo, dopo il 1985 circa si impose sempre maggiormente la Cina, che produce oggi oltre il 95% della fornitura mondiale di terre rare.

Molteplici le motivazioni. Se innanzitutto si deve considerare la sempre crescente richiesta dell’industria cinese, un peso non da poco ha avuto la difficoltà estrattiva. La difficoltà è legata alla tossicità dei minerali estratti, quasi invariabilmente mischiati con elementi radioattivi. La legislazione cinese in materia di protezione sul lavoro delle terre rare è oltremodo lasca: la gran quota della manodopera è costituita da deportati, della salute dei quali le autorità cinesi non si struggono certo.

«Il predominio estrattivo americano è finito a metà degli anni Ottanta. La Cina, che per decenni aveva sviluppato la tecnologia per separare le terre rare (processo non facile perché si tratta di elementi molto simili sotto il profilo chimico), è entrata prepotentemente nel mercato. Grazie ai finanziamenti statali, alla manodopera a basso costo e a normative ambientali permissive, se non inesistenti, le industrie cinesi hanno sbaragliato la concorrenza.»

*

L’argomento è spinoso. Infatti, come prima ricordato,

«Spesso le miniere di terre rare contengono elementi radioattivi come l’uranio e il torio. Gli abitanti dei villaggi vicini a Baotou sarebbero stati trasferiti altrove perché gli scarichi delle miniere avrebbero contaminato acqua e raccolti. I giacimenti nei pressi di Baotou producono ogni anno circa 10 milioni di tonnellate di acque di scolo, in gran parte acide o radioattive e quasi del tutto non trattate.»

*

Ovviamente, se la Cina si è accollata l’onere di estrarre le terre rare nonostante le rilevanti difficoltà minerarie, radioattività e tossicità elevata, d’altra parte ne gode adesso del monopolio. i paesi occidentali hanno imposto norme talmente rigide da impedire di fatto uno sfruttamento economicamente redditizio dei giacimenti.

Monopolio che la Cina non ha esitato a far pesare nel corso di diatribe internazionali.

«Nell’autunno del 2010 la Cina, che soddisfa il 97 per cento del fabbisogno mondiale di terre rare, ha scosso i mercati internazionali interrompendo per un mese le spedizioni in Giappone in seguito a un incidente diplomatico. Si prevede che nel prossimo decennio la Cina ridurrà costantemente le esportazioni per proteggere le forniture delle proprie industrie in rapida espansione, che già oggi consumano circa il 60 per cento della produzione di terre rare del paese.»

*


Reuters. 2019-06-05. China ready to hit back at U.S. with rare earths: newspapers

China is ready to use rare earths to strike back in a trade war with the United States, Chinese newspapers warned on Wednesday in strongly worded commentaries on a move that would escalate tensions between the world’s two largest economies.

President Xi Jinping’s visit to a rare earths plant last week had sparked speculation that China would use its dominant position as an exporter of rare earths to the United States as leverage in the trade war.

Rare earths are a group of 17 chemical elements used in everything from high-tech consumer electronics to military equipment. The prospect that their value could soar as a result of the trade war caused sharp increases in the share prices of producers, including the company visited by Xi.

While China has so far not explicitly said it would restrict rare earths sales to the United States, Chinese media has strongly implied this will happen.

In a commentary headlined “United States, don’t underestimate China’s ability to strike back”, the official People’s Daily noted the United States’ “uncomfortable” dependence on rare earths from China.

“Will rare earths become a counter weapon for China to hit back against the pressure the United States has put on for no reason at all? The answer is no mystery,” it said.

“Undoubtedly, the U.S. side wants to use the products made by China’s exported rare earths to counter and suppress China’s development. The Chinese people will never accept this!” the ruling Communist Party newspaper added.

“We advise the U.S. side not to underestimate the Chinese side’s ability to safeguard its development rights and interests. Don’t say we didn’t warn you!”

The expression “don’t say we didn’t warn you” is generally only used by official Chinese media to warn rivals over major areas of disagreement, for example during a border dispute with India in 2017 and in 1978 before China invaded Vietnam.

In its own editorial on Wednesday, sister paper the Global Times said an export ban on rare earths “is a powerful weapon if used in the China-U.S. trade war.”

“Nevertheless, China will mainly use it for defense,” it added, noting that while China might incur losses from a ban on exports, the United States would suffer more.

The paper’s editor had said on Twitter late on Tuesday that Beijing was “seriously considering” restricting rare earth exports to the United States.

China has used rare earth sales to exert pressure in past diplomatic disputes.

In 2010, Beijing cut rare earth export quotas after a Chinese trawler collided with two Japan Coast Guard ships near uninhabited islands in the East China Sea that both countries claim.

In 2012, Japan, the United States and European Union complained to the World Trade Organization (WTO) over the restrictions. Two years later, China was rebuked by the WTO for citing environmental reasons to justify the quotas. It ultimately scrapped its export quota system after losing the case.

Chinese trade experts say if Beijing moves forward with new restrictions on rare earth exports to the United States, it will likely follow Washington’s example and use national security as a justification.

China has repeatedly criticized Washington for what it says are abuses of national security exceptions at the WTO, including this week when, according to media reports, it accused the United States of breaking rules by blacklisting Huawei Technologies Co Ltd, the world’s largest telecom network gear maker.

But China for years has used national security considerations to block major U.S. technology companies, including Google and Facebook, from operating in its market.

Such restrictions have in recent years fueled calls from within some parts of the U.S. business community for Washington to pursue more reciprocal policies with Beijing.

Shares in the company Xi visited last week, JL MAG Rare-Earth Co Ltd, surged another 10% to a record high on Wednesday, having gained 134.1% in May alone. China Rare Earth Holdings Ltd soared more than 40%, while Australia’s Lynas Corp, the only major rare earths producer outside of China, climbed as much as 14.6%.

China accounted for 80% of rare earth imports between 2014 and 2017 by the United States, which has excluded them from recent tariffs along with some other critical Chinese minerals.

Beijing, however, has raised tariffs on imports of U.S. rare earth metal ores from 10% to 25% from June 1, making it less economical to process the material in China.

Some trade analysts expect an acceleration in bringing fresh rare earth mining capacity on line in California and Australia if China uses its dominant position in the market for diplomatic advantage.


Corriere. 2019-05-21. Guerra commerciale Cina-Usa, cosa sono le «terre rare» e perché Xi ha un’arma in più contro Trump

Mentre Donald Trump ha arruolato Google per colpire Huawei, Xi Jinping indossa il giubbotto blu di comandante in capo dell’economia cinese e va in ispezione a Ganzhou, nella provincia orientale di Jiangxi. Non è una scelta casuale: il presidente ha visitato il centro di produzione e trasformazione delle «terre rare» e il villaggio di Tantou, da dove 85 anni fa, nel 1934, partì la Lunga Marcia dei rivoluzionari di Mao in lotta con il Kuomintang di Chiang Kai-shek. La Lunga Marcia fu una gloriosa ritirata durata 370 giorni e oltre 9 mila chilometri per sfuggire all’accerchiamento di forze superiori. Oggi la Cina di Xi si sente di nuovo sotto attacco nella guerra commerciale e tecnologica. Con l’armata Huawei sotto assedio, il contrattacco potrebbe passare dalle «terre rare».

La chiave dell’alta tecnologia

L’agenzia Xinhua, che ha dato notizia del viaggio del presidente, non ha fatto cenno a questo possibile sviluppo strategico, ma significativamente al fianco di Xi lunedì pomeriggio c’era il vicepremier Liu He, capo negoziatore con gli americani. Per «terre rare» si intendono 17 elementi dai nomi esotici come lantanio, europio, erbio, lutezio, che hanno proprietà magnetiche e ottiche e vengono impiegati nella produzione di apparecchiature ad alta tecnologia, dai motori per auto ibride ai superconduttori, ai magneti, alle turbine a vento, ai led per gli smartphone, alle fibre ottiche per sistemi di difesa militare.

Elementi industriali strategici dunque. E la Cina nel 2018 ha prodotto il 71 per cento delle terre rare estratte nel mondo. La visita al villaggio da dove partì la Lunga Marcia simbolo di resistenza, accoppiata a quella all’impianto per il raffinamento delle terre rare fa immaginare che gli strateghi di Pechino possano usare questa arma: negare alle industrie americane i componenti minerali per l’hi-tech aprirebbe un nuovo fronte.

Escluse dai dazi Usa

Ad oggi, depositi consistenti di terre rare sono stati scoperti in almeno 35 Paesi e regioni del mondo; le riserve vengono stimate in 130 milioni di tonnellate: oltre il 40 per cento concentrate in Cina. In questo campo i cinesi sono primo produttore e primo esportatore al mondo e le loro terre rare sono così utili da non essere state incluse nella lista dei materiali sottoposti a dazi dagli Stati Uniti.

Il ruolo della propaganda

Gli analisti di Pechino fanno notare che se Trump ha intitolato la sua autobiografia “The Art of the Deal”, presentandosi come il re degli affari, ogni bravo dirigente cinese ha studiato “L’Arte della guerra” del generale e filosofo imperiale Sun Tzu. E in aggiunta, recentemente è stato ripubblicato “La Guerra di lunga durata”, raccolta di discorsi di Mao a partire dal 1938, durante la battaglia patriottica contro l’invasore giapponese. Ha commentato Hu Xijin, direttore del “Global Times” voce del Partito comunista: «Noi cinesi conosciamo bene come fiaccare il nemico con una lunga lotta».
Un ulteriore riferimento storico dà il senso dello stato d’anima che la propaganda di Pechino vuole creare tra le masse. Nel fine settimana la tv statale ha cambiato programmazione mandando in onda una serie di film in bianco e nero sulla guerra di Corea. Titoli evocativi come “Figli e figlie eroici” e “Attacco a sorpresa”.

Le pressioni su Trump

Alla stampa sono arrivate veline dell’ufficio propaganda che ricordano come la guerra di Corea sia stata una vittoria cinese contro gli Usa: «Per i volontari cinesi cominciò quando gli americani erano arrivati alla nostra frontiera con la Nord Corea e finì con il cessate il fuoco imposto dalle nostre forze sul 38° Parallelo». E ancora: «Noi cinesi ricordiamo bene che per due anni, fino al 1953, negoziammo il cessate il fuoco con gli americani, mentre combattevamo eroicamente».
Basterà questa mobilitazione (se del caso unita a rappresaglie magari sul fronte terre rare) a spingere Trump a firmare il cessate il fuoco commerciale e tecnologico? Intanto questa mattina Ren Zhengfei, il fondatore di Huawei, è stato intervistato dalla tv statale e ha assicurato: «I politici americani sottovalutano la nostra forza, ci siamo preparati e non possiamo essere isolati dal mondo».

*


Corriere. 2019-04-17. Terre rare, guerra fredda con la Cina per i materiali che servono all’hi tech

Spesso, mostrare i muscoli non è una buona idea. Al vertice del Partito Comunista Cinese lo aveva ricordato Deng Xiaoping, il leader che nel 1978 aprì l’economia dell’Impero di Mezzo al mondo: tenete un profilo basso, aveva consigliato. Da qualche anno, però, gli alti dirigenti di Pechino si sono infatuati di altre frasi famose del grande uomo. Per esempio questa: «Il Medio Oriente ha il petrolio, la Cina ha le terre rare». Ritenendo evidentemente di potere spadroneggiare in un settore strategico importantissimo per la tecnologia di oggi, hanno inteso utilizzare la posizione di monopolio che avevano fino dieci anni fa nella produzione di terre rare per imporre prezzi, quote di esportazione e termini di scambio. Il risultato è questo: nel 2009-2010, la Cina produceva tra il 95 e il 97% delle rare earths mondiali, nel 2018 meno dell’80%, secondo certe statistiche, il 58% secondo altre.

Quando ha mostrato i muscoli, gli altri Paesi si sono spaventati e sono corsi ai ripari. Per un verso, hanno enormemente intensificato l’attività di ricerca. Il Giappone, uno dei maggiori clienti di Pechino nel settore, ha scoperto un giacimento enorme di terre rare — per alcuni con prospettive di estrazione semi-perpetue — nei fondali fangosi attorno all’atollo Minami-Toroshima, a circa 1.850 chilometri a Sud-Est di Tokyo. Un consorzio presieduto dal professor Yasuhiro Kato, al quale partecipano aziende come Toyota, Modec, Shin-Etsu Chemical, sta ora studiando il modo di estrarne i metalli in modo redditizio. Per un altro verso, in altri Paesi si è rimessa in moto l’estrazione, ad esempio nella miniera di Mountain Pass, in California, che in precedenza era stata chiusa per gli alti costi. 

Le terre rare sono 17 elementi chimici della Tavola Periodica di Mendeleev poco conosciuti: dallo Scandio all’Ittrio, dal Neodimio al Cerio e al Terbio. Grazie alle loro proprietà e versatilità sono utilizzati in produzioni hi-tech: in molte tecnologie verdi, ad esempio nelle turbine a vento, nelle batterie per auto elettriche, negli smartphone, nelle tecnologie a microonde, negli schermi tv, nei superconduttori, nei tablet, nei laptop computer. Nell’industria bellica sono insostituibili: sistemi di guida missilistici, laser, satelliti, jet. Hanno insomma una indispensabilità strategica. Non è che trovarli in natura sia così raro come si direbbe dal nome: il problema è che separarli dalle rocce in cui sono contenuti e raffinarli è un processo complesso, che richiede una serie di passaggi chimici e comporta rischi di inquinamento, in alcuni casi radioattivo (molto di frequente il composto prima della separazione contiene Torio). I costi sono in genere elevati.

Fino al 1985, la maggior parte delle terre rare era prodotta in California, nella miniera di Mountain Pass. Gli Stati Uniti erano il maggior produttore al mondo, con Brasile, India, Malesia, Cina distanziati per volumi estratti. Poi, una serie di normative antinquinamento e nuovi regolamenti di estrazione portarono a un calo della produzione, al punto che nel 2002 Mountain Pass chiuse. Nel frattempo, la Cina aumentò enormemente l’estrazione: il Paese possiede circa il 30% delle riserve conosciute (escluse quelle di Minami-Torishima) e già negli anni Novanta realizzava il 90% della produzione globale. È in quel periodo che esplode la domanda internazionale, sostenuta dalle innovazioni tecnologiche. Una domanda così portentosa nella Cina stessa che, nel 2004, tre anni dopo essere entrata nella Wto ed averne accettato le regole, Pechino decise di imporre quote e tariffe all’export di terre rare. In più, per motivi ambientali, nel 2006 introdusse anche quote alla produzione. Sul mercato internazionale, i prezzi entrarono in tensione.

La grande crisi del 2008 e la recessione seguente mantennero il problema sotto controllo. Ma non poteva durare molto: l’export dalla Cina, che era ormai il monopolista del settore, scese dalle 65 mila tonnellate del 2004 alle 50 mila del 2009 e poi a 30 mila nel 2010. A quel punto, scoppiò con il Giappone la disputa territoriale sulle Isole Senkaku (Diaoyutai in cinese) e Pechino impose un embargo alle esportazioni di rare earths contro Tokyo. Il prezzo sul mercato mondiale salì fino al 1.500% per alcuni metalli. È a questo punto che la comunità internazionale si rese conto della delicatezza della situazione, del pericolo che il monopolio cinese costituiva e delle pratiche che Pechino utilizza incrociando le decisioni commerciali con quelle politiche. Europa, Stati Uniti e Giappone ricorsero alla Wto e vinsero il caso contro la Cina, la quale dal 2015 ha terminato la politica delle quote. Nel frattempo, però, tutta una serie di Paesi ha cercato fonti alternative, ha rimesso in attività miniere dismesse, tanto che i prezzi sono caduti (per questo Mountain Pass ha chiuso di nuovo).  I giacimenti di Minami-Torishima non saranno commercialmente utilizzabili ancora per qualche anno.

Avere un’alternativa alle forniture cinesi, rimane un’arma di pressione sottratta a Pechino. Dall’altro lato del Pacifico, Donald Trump si è più volte detto preoccupato della catena di fornitura di elementi indispensabili alla sicurezza e alle strategie militari americane. E Michael Silver, il presidente della società di produzione e distribuzione di materiali avanzati American Elements, ha chiesto alla Casa Bianca di introdurre la questione delle terre rare nelle trattative commerciali in corso tra Washington e Pechino. Anche gli strateghi cinesi certe volte falliscono. Hanno seguito il consiglio sbagliato di Deng e invece della modestia hanno seguito la volontà di potenza. Il mondo non è rimasto a guardare.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Unione Europea e dazi. Critica quelli americani ed applica il 48.5% sulle biciclette cinesi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-13.

2019-06-12__Biciclette__001

La posizione dell’attuale Commissione Europea sui dazi è ambivalente.

Se da una parte condanna con la massima forza i dazi americani sui prodotti europei, d’altra parte applica lei stessa dazi anche severi nei confronti degli altri.

La contraddizione è lampante.

«L’Unione europea sarebbe pronta a prorogare per altri cinque anni i dazi antidumping sulle biciclette cinesi»

«senza parità di condizioni, i produttori cinesi invaderebbero il mercato in Ue»

«Le biciclette cinesi, sottoposte a misure antidumping dal 1993, sono attualmente soggette a dazi del 48,5%»

«Le misure riguardano anche le biciclette da Cambogia, Filippine, Tunisia, Sri Lanka, Indonesia e Pakistan, anche se con alcune esenzioni»

* * * * * * *

Se sia del tutto naturale che uno stato tuteli le proprie produzioni industriali, per esempio, applicando dazi sulle omologhe produzioni estere, resta invero ambiguo considerare giusti quelli imposti ed iniqui quelli subiti.

È dal 1993 che l’Unione Europea applica dazi del 48.5% sulle biciclette prodotte in oriente: Cina, Cambogia, Filippine, Tunisia, Sri Lanka, Indonesia e Pakistan. Troviamo coerente che questi stati se ne lamentino.

Sembrerebbe essere alquanto ipocrita sostenere il principio della libera circolazione delle merci e poi comportarsi in modo difforme.

Nella realtà, il vero spinoso problema risiede nel fatto che i costi di produzione nell’Unione Europea sono decisamente maggiori di quelli riscontrabili in molti altri paesi.

È questo un problema strutturale che un giorno o l’altro dovrà ben essere affrontato.


Ansa. 2019-06-12. Cina: Ue verso proroga dazi su biciclette per altri 5 anni

Ebma, misure antidumping essenziali a tutela industria europea .

L’Unione europea sarebbe pronta a prorogare per altri cinque anni i dazi antidumping sulle biciclette cinesi. Lo apprende ANSA da fonti vicine al dossier. L’esecutivo Ue avrebbe infatti completato una revisione, avviata a giugno 2018, delle misure antidumping nei confronti dei produttori di biciclette cinesi, concludendo che l’intervento di Pechino sui costi di produzione distorce la concorrenza, e qualsiasi revoca dei dazi porterebbe a un boom di importazioni in Europa. I risultati conclusivi dell’indagine saranno resi noti a settembre e, se i Ventotto concorderanno con la Commissione, i dazi saranno rinnovati per altri cinque anni.

Un provvedimento ritenuto “essenziale” dal segretario generale dell’associazione europea dei produttori di bici (Ebma), Moreno Fioravanti, che ritiene che “senza parità di condizioni, i produttori cinesi invaderebbero il mercato in Ue” in regime di dumping, mettendo in crisi l’industria europea. Le biciclette cinesi, sottoposte a misure antidumping dal 1993, sono attualmente soggette a dazi del 48,5%. Le misure riguardano anche le biciclette da Cambogia, Filippine, Tunisia, Sri Lanka, Indonesia e Pakistan, anche se con alcune esenzioni. 

Pubblicato in: Cina, Commercio, Devoluzione socialismo, Logistica

Cina ed Italia. Accordo commerciale Genova – Shenzhen. Via della Seta.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-08.

Genova 001

Ci premettiamo di ricordare come la sigla ‘TEU’ designi la twenty (feet) equivalent unit, che nei trasporti navali indica il container da 20×12×8 piedi e, anche, la capacità di trasporto di una nave portacontainer (sono state costruite grandi navi che contengono più di 4000 TEU.).

*

«Il legame tra il porto di Genova e il porto cinese di Shenzhen, uno dei principali scali della Repubblica Popolare, situato nell’omonima municipalità, che da sola nel 2018 ha generato un Pil di 352 miliardi di dollari, è già saldo, ma presto verrà formalizzato con un ‘accordo di amicizia’»

«I cinesi, come testimonia l’accordo che abbiamo siglato di recente con Cccc, sono interessati a collaborare nei grandi investimenti infrastrutturali che dobbiamo fare nel nostro porto, dalla diga ai raccordi ferroviari, anche per consentire poi ai loro operatori logistici, come il gruppo Cosco, di portare più merce nei nostri scali»

«la Cina pesa per il 4% sull’interscambio via mare italiano …. il Far East nel suo complesso pesa per il 30% dell’interscambio complessivo del porto di Genova»

«Il nostro porto, che nel 2018 ha movimentato in totale oltre 25 milioni di TEUs, è toccato da 223 rotte internazionali di trasporto container, 7 delle quali collegano direttamente Genova….. L’interscambio tra i due porti lo scorso anno è stato di 110.000 TEUs, mentre nel periodo gennaio-aprile 2019 è stato pari a 36.000 TEUs»

* * * * * * *

Un porto non consiste solo nello scalo propriamente detto: le merci scaricate in banchina devono avere la possibilità di essere mobilizzate in modo rapido e sicuro verso le destinazioni alle quali sono dirette.

Nello scorso anno 2018 il porto di Genova ha mobilizzato 110,000 container: a questi fanno da corrispettivo altrettanti vagoni ferroviari. Tenendo conto che un convoglio ferroviario merci trascina mediamente una ventina di vagoni, sono circa 5,000 convogli l’anno, una quindicina al giorno.

Aumentare il traffico merci del porto di Genova implica però la messa in funzione di una serie di opere infrastrutturali, in carenza delle quali le merci resterebbero sulle calate.

Se il terzo valico è opera indispensabile per passare la catena montuosa dell’Appennino, dovrebbe essere semplicemente evidente l’importanza di disporre di valichi alpini funzionali alle nuove esigenze. Frejus, Gottardo e Brennero al momento attuale sono insufficienti, così come la rete autostradale: Serenissima ed Autobrennero dovrebbero essere raddoppiate, per non parlare poi della impellente necessità della gronda.

Non ci si dimentichi che a poche centinaia di miglia da Genova c’è il porto di Marsiglia, già servito da linee Tav merci: né ci si illuda che i marsigliesi ed i francesi stiano a guardare ciò che stia facendo Genova ed il Governo italiano.


Ansa. 2019-06-01. Via della Seta: nuovo accordo tra i porti di Genova e Shenzhen

 Il legame tra il porto di Genova e il porto cinese di Shenzhen, uno dei principali scali della Repubblica Popolare, situato nell’omonima municipalità, che da sola nel 2018 ha generato un Pil di 352 miliardi di dollari, è già saldo, ma presto verrà formalizzato con un ‘accordo di amicizia’ che sarà firmato dai rappresentanti delle rispettive authority in occasione della fiera internazionale Transport Logistics di Monaco, in programma nella città tedesca dal 4 al 7 giugno prossimi.

“L’obbiettivo è di rafforzare ulteriormente i rapporti commerciali, incrementando i traffici e riequilibrando anche i flussi tra import ed export” ha spiegato il presidente dell’ Autorità portuale del Mar Ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini durante la conferenza sulla promozione del porto di Shenzhen in Italia, organizzata a Genova dai rappresentanti della municipalità cinese.

“I cinesi, come testimonia l’accordo che abbiamo siglato di recente con Cccc, sono interessati a collaborare nei grandi investimenti infrastrutturali che dobbiamo fare nel nostro porto, dalla diga ai raccordi ferroviari, anche per consentire poi ai loro operatori logistici, come il gruppo Cosco, di portare più merce nei nostri scali” ha aggiunto Signorini, ricordando poi che già oggi “la Cina pesa per il 4% sull’interscambio via mare italiano” e che “il Far East nel suo complesso pesa per il 30% dell’interscambio complessivo del porto di Genova”.

Di questo traffico, una parte non indifferente è relativa proprio al porto di Shenzhen, come evidenziano i numeri forniti durante la conferenza da Lou Heru, vicedirettore della commissione trasporti delle municipalità di Shenzhen: “Il nostro porto, che nel 2018 ha movimentato in totale oltre 25 milioni di TEUs, è toccato da 223 rotte internazionali di trasporto container, 7 delle quali collegano direttamente Genova.

L’interscambio tra i due porti lo scorso anno è stato di 110.000 TEUs, mentre nel periodo gennaio-aprile 2019 è stato pari a 36.000 TEUs”.

Esiste quindi una forte collaborazione, che secondo Heru “potrà crescere ancora, anche grazie all’accordo di amicizia che verrà firmato tra il porto di Genova e il porto di Shenzhen al prossimo Trasnport Logistic di Monaco”.

Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Finanza e Sistema Bancario, Stati Uniti

Banche Mondiali. Senza potenza finanziaria non si fa politica estera.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-03.

2019-05-19__Banche__001

Se è vero che senza potenza delle forze armate sarebbe impossibile fare un minimo di politica estera, sarebbe altrettanto vero ricordarsi che senza un adeguato sistema finanziario ogni idea in tale direzione sarebbe velleitaria.

Così, come si contano gli armamenti atomici e quelli convenzionali, sarebbe opportuno ogni tanto dare una scorsa ai sistemi finanziari delle nazioni che hanno ambizioni mondiali.

Standard & Poor compila ogni anno una lista mondiale degli istituti di credito, riportandoli per total assets decrescenti: nella tabella ne riportiamo i primi venti.

Ricordiamo qui la definizione di total assets:

«The final amount of all gross investments, cash and equivalents, receivables, and other assets as they are presented on the balance sheet.»

*

La somma dei total assets delle prime venti banche mondiali assomma a 45,645.77 miliardi di dollari americani.

Le prime quattro banche mondiali sono cinesi: la Industrial and Commercial Bank of China, China Construction Bank Corporation, Agricultural Bank of China, Bank of China. Messe assieme capitalizzano 13,637.06 miliardi, ossia il 29.9% dell’assets totale.

Gli Stati Uniti hanno la JP Morgan Chase & Co., Bank of America, Citigroup Inc., Wells Fargo & Co., che sommate assieme mostrano assets per 8,750 miliardi, ossia il 19.17% del totale.

La Francia mostra quattro banche: Groupe BPCE, Société Générale, Crédit Agricole e BNP Paribas, per un assets total di 7,517.63 miliardi. il 16.47% del totale.

Le banche del Giappone e del Regno Unito stanno uscendo dalla graduatoria.

La Germania è presente solo con Deutsche Bank, che risponde al 3.87% dl totale.

* * * * * * *

Questa tabella evidenzia con crude cifre come solo Cina e Stati Uniti abbiano il supporto finanziario per la loro politica estera mondiale. Evidenzia anche come la Cina si stia avviando alla supremazia mondiale in questo settore di vitale importanza per il suo sistema economico nazionale. E tutto questo lo ha fatto in poco meno di trenta anni, partendo da basi disastrate: il problema è sia politico sia si organizzazione del lavoro in questo settore. Forse, l’Occidente farebbe bene a cercare di studiare meglio la situazione ed a cercare anche di imparare qualcosa.

Il caso francese è a parte.

Se dal punto di vista finanziario è ancora in graduatoria, ed anche ben piazzata, è almeno al momento orfana di un reggimento politico degno di tal nome: la politica estera richiede infatti una consistente continuità di intenti, venuti a meno negli ultimi lustri.

* * * * * * *

Il problema tedesco è molto ben descritto in un articolo comparso di recente: non dovrebbero servire commenti, basterenne solo leggerlo.

Le forze straniere avanzano in una Germania in rovina. È lo stato del sistema bancario tedesco oggi

Un dossier gira sui tavoli delle cancellerie e delle redazioni dei quotidiani finanziari di tutto l’Occidente – e non solo – ed è classificato, perché solo a parlarne vengono i brividi: esiste un Paese europeo che da decenni non include nei propri bilanci le liability verso enti terzi di fatto e di diritto sottoposti alla propria garanzia. Ed ha nascosto sotto il tappeto – nel formale rispetto delle regole – la bellezza di 4.700 miliardi di euro, oltre il 120% del PIL, mentre l’indebitamento della prima e della terza banca del Paese supera abbondantemente i 1.800 miliardi di Euro e l’esposizione del primo istituto di credito sui derivati equivale all’astronomica cifra di 48.000 miliardi, quattordici volte il PIL del Paese. Ora, quel Paese è la Bundesrepublik Deutschland, la Germania.

Da mesi i media di tutto il mondo riportano notizie sui tentativi di salvare Deutsche Bank e Commerzbank, le due banche di cui sopra, dal rischio di una crisi senza via d’uscita. La fusione è stata accantonata, ricordando le parole dell’ex presidente di Volkswagen Ferdinand Piëch: “Due malati in un letto non fanno una persona sana”. Unicredit, ING e alcuni istituti di credito francesi hanno cominciato ad esplorare un’acquisizione. Da notare che gli azionisti delle due banche sono quasi gli stessi: importanti fondi di investimento anglosassoni; con la significativa differenza che Commerzbank è per il 15,6% di proprietà del Governo tedesco, il quale ovviamente ha le mani legate perché non può avvallare operazioni che comportino perdite significative di posti di lavoro. È il modello tedesco di partecipazione dello Stato federale, dei Land (le regioni) e delle associazioni di lavoratori nei consigli di amministrazione e nell’azionariato delle grandi aziende che in questo, come in altri casi, mostra i propri limiti: non è realistico chiedere alle dita di una mano quali preferirebbero essere amputate dall’arto…

Il tempo corre: Fitch, che a settembre 2017 ha declassato le obbligazioni di Deutsche Bank da A- a BBB+, a giugno 2018 e di nuovo a febbraio 2019 ha confermato l’outlook negativo, ad appena due passi dalla classificazione come “titoli spazzatura”. Non che Commerzbank stia molto meglio…

A Berlino il merger (la fusione) piace ancora, anche per difendere le banche e le aziende tedesche dalle mire della Cina. L’eventuale arrivo di un “cavaliere bianco” italiano, francese o olandese verrebbe vissuto come un male minore, allo scopo di evitare traumatiche incursioni del Celeste impero, come nel caso di Geely salita senza colpo ferire al 10% di Daimler1 o della società elettrica di stato cinese arrivata a controllare il 20% di uno dei quattro gestori della rete elettrica tedeschi. Il dubbio non è se Berlino vorrà difendere la Germania e, indirettamente, l’Europa: da mesi il governo di Angela Merkel lavora a un disegno di legge volto ad assicurare all’esecutivo il potere di bloccare gli investimenti extra-UE – anche solo del 10% – in aziende di settori strategici, come infrastrutture, difesa e sicurezza. No, il dubbio è quanto e persino se potrà farlo.

Ora, ricordate come è cominciata nel settembre 2007 la così detta Grande Depressione, di cui il mondo in generale e l’Europa in particolare portano ancora le stigmate? Il 13 settembre 2008 Lehman Brothers aveva in corso trattative con Bank of America e Barclays per la possibile vendita della società. Di lì a ventiquattr’ore, però, Barclays ritirò la sua offerta, mentre l’interessamento di Bank of America cozzò contro la richiesta di un coinvolgimento del governo federale nell’operazione. Il giorno successivo l’indice Dow Jones segnò il più grande tracollo da quello che era seguito agli attacchi dell’11 settembre 2001: il fallimento di Lehman è stato il più grande nella storia, superando il crac di WorldCom nel 2002. Lehman aveva debiti bancari pari a circa 613 miliardi di dollari e debiti obbligazionari per 155 miliardi di dollari, un importo complessivo equivalente al 5% del PIL americano nel 2008.

Certamente, Berlino non ripeterebbe l’errore, memore anche dei quaranta miliardi di sterline offerte nel 2008 dal governo britannico alle banche in difficoltà. Qui, però, non parliamo di 40 e nemmeno di 600 miliardi, ma di oltre 1.800. Il governo tedesco avrebbe la forza finanziaria e politica per farlo e anche di imporre ai partner europei di fare una mano, stante anche la situazione dell’indebitamento reale della Nazione e la diffusione dei sovranismi? A fronte di offerte provenienti da Pechino dell’ordine delle centinaia di miliardi, il contribuente tedesco preferirebbe pagare il conto di banchieri e imprenditori di tasca propria, pur di garantire l’indipendenza del Sistema Paese tedesco? Il contribuente italiano si renderebbe conto che abbandonare la Germania al proprio destino equivale a segare il ramo su cui è seduto?

Chi scrive, in realtà, avrebbe timore di fare questa domanda agli Italiani se si trattasse anche solo di salvare una delle banche “sistemiche” del nostro Paese, figuriamoci quelle tedesche…

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale

Cina. La Guerra del ferro. 98 Usd per tonnellata.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-25.

2019-05-24__Ferro__001

Il ferro è il metallo più abbondante all’interno della Terra, costituendo il 16% della massa del nostro pianeta: non lo si rinviene mai allo stato elementare metallico, ma sempre sotto forma di composti in cui è presente allo stato ossidato.

Industrialmente il ferro è estratto dai suoi minerali, principalmente l’ematite (Fe2O3) e la magnetite (Fe3O4), per riduzione con carbonio in una fornace di riduzione a temperature di circa 2000 °C.

Nel 2000 sono state prodotte nel mondo circa 1,1 miliardi di tonnellate di minerale di ferro per un valore commerciale stimato di circa 250 miliardi di dollari, da cui si sono ricavate 572 milioni di tonnellate di ghisa di prima fusione.

L’estrazione di minerali di ferro avviene in 48 paesi, ma il 70% della produzione complessiva è coperto dai primi cinque: Cina, Brasile, Australia, Russia e India.

Nel 2017, l’Australia ha estratto 880 milioni di tonnellate di ferro minerale, il Brasile 440 milioni, la Cina 340, l’India 190, la Russia 100. La Cina è il principale consumatore mondiale di ferro estrattivo.

*

2019-05-24__Ferro__002

È del tutto intuitivo che il prezzo del ferro estrattivo condizioni alla fine quelle delle leghe derivate, acciaio in primis. Tuttavia il tutto è bilanciato dal rapporto domanda / offerta: ed in questo mercato la domanda cinese nei fatti condiziona i prezzi.

«While iron ore prices have surged to a five-year high above $100 a tonne, not all producers of the steel-making ingredient are sharing in the bounty»

*

«It’s no surprise that Brazil’s Vale is struggling. After all, it is largely the reason for iron ore’s stellar run, with the spot price of 62 percent ore delivered to China, as assessed by Argus Media, ending at $100.65 a tonne on Tuesday, up 38.1% this year»

*

«It was the fatal tailings dam burst at Vale’s Córrego do Feijão iron ore mine, near the town of Brumadinho, on Jan. 25 that closed that mine and several others in the subsequent weeks as safety checks were made»

*

«This dramatically cut exports from the world’s number two shipper of iron ore, with the situation being made worse by a cyclone disrupting exports in March from Australia, the world’s biggest iron ore producer»

* * * * * * * * * * *

Se il grafico ad un anno evidenzia bene la rapidità del passaggio dai 35 Usd / tonnellata ai 98 Usd / tonnellata, il grafico a dieci anni ci ricorda dei tempi quando il prezzo del ferro estrattivo aveva raggiunto i 180 Usd.

Le industrie estrattive sono state sottoposte a grandi variazioni dei prezzi che alla fine si sono risolte nella quasi messa fuori mercato di quelle che non erano sufficientemente robuste da poter reggere simili colpi.

Posto che il principale utilizzatore abbia costituito adeguate scorte di ferro estrattivo, la domanda assolve anche un ruolo eminentemente politico. Infatti, un subitaneo calo della domanda può essere collocato con un timing che coincida con il periodo di massima debolezza di una certa quale realtà estrattiva e, con essa, dello stato in cui opera.

Nota.

I volumi di ferro estrattivo sono altamente correlati a quelli dell’estrazione del carbone, svolgendo questo ultimo ruolo essenziale nei processi che conducono alla produzione dell’acciaio.


Reuters. 201-05-22. Iron ore is surging, but not all producers are joining the party: Russell

While iron ore prices have surged to a five-year high above $100 a tonne, not all producers of the steel-making ingredient are sharing in the bounty.

It’s no surprise that Brazil’s Vale is struggling. After all, it is largely the reason for iron ore’s stellar run, with the spot price of 62 percent ore delivered to China, as assessed by Argus Media, ending at $100.65 a tonne on Tuesday, up 38.1% this year.

It was the fatal tailings dam burst at Vale’s Córrego do Feijão iron ore mine, near the town of Brumadinho, on Jan. 25 that closed that mine and several others in the subsequent weeks as safety checks were made.

This dramatically cut exports from the world’s number two shipper of iron ore, with the situation being made worse by a cyclone disrupting exports in March from Australia, the world’s biggest iron ore producer.

Vale’s share price has lost 7% in local currency terms this year and is down almost 16% since the dam disaster, reflecting the likely loss of about 75 million tonnes of iron ore sales this year.

But the rapid gain in spot iron ore prices hasn’t lifted all other producers equally, with some outperforming massively and others failing to gain much traction from the higher price.

The standout performer is Fortescue Metals Group, the third-biggest Australian producer, which has gained 119 percent so far this year in local currency terms.

Some of this is catch-up from a poor performance last year, when Fortescue struggled because the lower quality iron ore it mainly produces was out of favor as Chinese steel mills preferred higher grade ore in order to maximize output.

But Fortescue is still up three times more than the spot price of iron ore, something no other major producer even comes close to achieving.

PERFORMANCE DIVERGENCE

Shares in Rio Tinto, the top Australian producer, were at A$101.27 on Tuesday, up 33.7 percent since the end of last year.

It’s also worth noting that when iron ore prices were last at current levels in May 2014, Rio’s share price was only around A$57, showing that the company’s efforts to consistently lower costs have driven increased value.

However, Rio’s Australian competitor BHP Group isn’t performing as well. Its share price has only risen 15.6 percent since the end of last year.

BHP is facing a $5 billion claim over a dam collapse at a joint venture in Brazil in 2015, but that alone would seem unlikely to explain its underperformance against Rio.

BHP does have a more diversified portfolio than Rio, which derives the bulk of its revenue from iron ore, but its petroleum division should be performing well given rising crude oil prices, and coking coal should at least be consistent, given the price of the fuel used in steel-making has been steady this year.

It’s also worth noting that BHP performed better during the previous big rally in iron ore.

Spot iron ore rose by 154 percent between December 2015 and February 2017, and BHP gained 96 percent between its low in January 2016 and a peak in late January 2017.

The story for smaller Australian producers mirrors the mixed performance of their larger peers.

Shares in Grange Resources, a producer of high-grade ore and pellets in Tasmania, have risen 35% since the end of last year, a creditable performance.

But it pales next to the 137% leap for Mount Gibson, which has also no doubt benefited from the re-opening of its high-grade Koolan Island mine in Western Australia state.

While competing companies will always have different dynamics and circumstances, such as debt levels, operating costs and dividend policies, it’s perhaps surprising to find such large variations among the relative performance of iron ore producers.

Iron ore may remain near its current elevated levels given the ongoing supply disruption from Brazil and strong Chinese demand on the back of rising stimulus spending.

If this is the case, it may be possible for some of the underperforming producers to close the gap.