Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Sistemi Economici, Unione Europea

Cina e Germania. Dietro i sorrisi pistole fumanti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-12.

 Gabellieri__002__

China denies using social media to infiltrate German politics and business circles

Germany wants EU to tighten foreign takeover rules

China emerging as Germany’s main economic rival  

China’s unsatisfied hunger for German companies

Chinese acquisitions in Germany’s mechanical engineeing industry

Berlin approves Kuka sale to Midea

Germany tightens takeover rules to shield ‘critical’ businesses

*

«As the German government is trying to prevent German companies in strategic industries from being acquired by foreign investors, especially from China, we take a look at some prominent takeovers from recent years.»

*

«Germany continues to be a favorite destination for Chinese investors. According to Berlin-based Mercator Institute for China Studies, foreign direct investment (FDI) in Germany started soaring in 2015 and hit a record of 11 billion euros ($12.6 billion) of completed deals last year. This makes Germany the largest recipient of Chinese FDI in Europe.»

*

«In the light of the German government tightening takeover rules to shield ‘critical’ businesses from foreign investors, especially technology and advanced manufacturing assets, here are some examples of Beijing buying up Germany’s famed “hidden champions” of mid-sized companies.»

*

«Chinese appliance manufacturer Midea’s purchase of German robot manufacturer Kuka for 4.4 billion euros was by far the largest transaction last year. As German daily Süddeutsche Zeitung reported, the German government’s plan to veto the sale of critical technology is a direct response to the Kuka takeover.»

*

«In October of last year, China’ sovereign wealth fund CIC invested one billion euros in German property group BGP. The transaction was the first major Chinese investment in German homes. According to Reuters, CIC and its co-investors beat out German property groups Vonovia and Deutsche Wohnen in the auction for BGP»

*

«However, Audretsch also said that Economics Minister Sigmar Gabriel would seek to initiate a public debate about how “Europe’s open societies” would deal with unfair competition in future.»

*

«Chinese appliance giant Midea has secured a stake of more than 90 percent in the German industrial robotics supplier Kuka, with a multi-billion-euro offer that stoked controversy in Europe.»

*

Ma il problema non è solo economico: è anche politico.

«The report deals primarily with political issues but it also urges EU action on some economic fronts, notably on how the bloc deals with Chinese investment.»

*

«It says that the EU “needs to continue providing alternatives to the promises of Chinese investments in European countries” and needs to avoid scenarios where falls in its own structural funding opens the door for Chinese investment.»

*

«The report also says that the EU should employ a “screening” mechanism which prevents any Chinese investment that is deemed to “run against European interests”.»

*

«”While the EU should welcome foreign investment in general, it must be able to stop any state-driven takeover of companies in systemically important sectors,”»

* * *

Toh!! L’Unione Europea inizia ad adottare il protezionismo.

Ma chi lo avrebbe mai detto?


Deutsche Welle. 2018-02-05. Exit the Dragon? Chinese investment in Germany

In 2016, Chinese investors took over more companies in Europe than in the previous four years combined, most of them in Germany. The trend did not continue in 2017 but that was not due to any tightening of Chinese belts.

*

Sun Yi, who leads the China business services bureau at the German offices of consulting firm EY (formerly known as Ernst & Young), doesn’t reveal exactly how many German companies were taken over by the Chinese in 2017. One thing is clear though — it is less than there were in 2016.

That year, Germany was the most popular investment destination for Chinese companies in Europe, hosting 68 acquisitions. As Sun Yi explains, that number fell last year, as did the overall volume of transactions.

By her account, there is one clear reason for all of this. “In November 2016, the Chinese government agreed to strictly control the flow of capital abroad,” she tells DW. Since then, German sellers have demanded higher sums as collateral than previously. “Money now has to be deposited into an account in Germany, or else a bank has to give a guarantee,” she says. “Some planned deals have failed since.”

German angst over China

The recent obstacles are not only regulatory. A tangible discomfort around the issue of Chinese investment has also crept in on the German side.

“We are seeing the growing influence of the Chinese Communist Party on individual companies, exactly the opposite of what we heard in Davos last year. That’s what annoys us,” Dieter Kempf of the Federation of German Industry (BDI) told DW, referring to Chinese President Xi Jinping’s championing of free trade at the 2017 World Economic Forum annual meeting.

The Communist Party has made no secret of its desire to dominate certain industries, such as technology, and unseat current incumbents. With the state’s ‘Made in China 2025’ strategy, it has defined its target industries.

Aerospace is one. That might explain why the German Ministry of Economics wants to probe the planned takeover of German aerospace supplier Cotesa by a Chines state-owned company.

“Since the introduction of investment auditing in Germany in 2004, no acquisition has been prohibited,” the Ministry says. But last year the rules were tightened. “Since July 2017, around 30 acquisitions have been audited — equivalent to around half the revenue for the whole year,” the Ministry confirmed to DW.

China enters the Citadel

Concerns over China’s growing influence in Europe, not just economically but also politically, are dealt with in a new policy document from MERICS, the Berlin-based Mercator Institute for China Studies, titled: “Authoritarian Advance: Responding to China’s Growing Political Influence in Europe”.

The report deals primarily with political issues but it also urges EU action on some economic fronts, notably on how the bloc deals with Chinese investment.

It says that the EU “needs to continue providing alternatives to the promises of Chinese investments in European countries” and needs to avoid scenarios where falls in its own structural funding opens the door for Chinese investment.

The report also says that the EU should employ a “screening” mechanism which prevents any Chinese investment that is deemed to “run against European interests”.

“While the EU should welcome foreign investment in general, it must be able to stop any state-driven takeover of companies in systemically important sectors,” it says.

How the Kuka crumbles…

Germany — unsurprisingly, given the volume of Chinese investment that has already flowed into the country — is already on the alert. A major impetus for the German tightening of regulations was the takeover by Chinese conglomerate Midea of German robotics manufacturer KUKA in 2016. It was a wake-up call.

“KUKA is a key player in industry 4.0,” says Oliver Emons of the Hans Böckler Foundation, a research body of the German Trade Union Confederation.

To see such a respected, high-tech company fall into Chinese hands hurts. On the other hand, it was just the rule of the market in action — KUKA needed money, Midea needed the tech and in a form of economic OK-Cupid, they found each other.

As well as this kind of natural coupling, Chinese companies have in recent years cultivated an image of being seen to genuinely care about the long-term well-being of the German companies they invest in.

A study by the Hans Böckler Foundation found Chinese investment, on the whole, to be a positive thing. “If you look at the investments, we see that a large proportion of companies remain committed to their investments and to the staff,” Emons, author of the study, told DW.

China’s investment image takes a hit

There is another side to this though. When that study was being written, the first cases of job cuts were not yet known. For example, the former Osram subsidiary Ledvance, now in Chinese hands, cut 1,300 jobs recently.

KUKA also reportedly wants to cut around 250 jobs at its Augsburg headquarters, around a third of the workforce. Midea has given a jobs guarantee and KUKA boss Til Reuter says any job losses are unrelated to the Chinese presence.

Emons has his doubts. “Would he have done that were the Chinese not there?” he wonders. He believes that these kinds of cases will harm the image of Chinese investors and will fuel the already latent fear that exists over selling German technology to the Chinese.

For Sun Yi over at EY, such fears are unfounded. “First of all, the Chinese are not the biggest investors in Germany. The USA, Britain and the Swiss are all ahead of them,” she explains.

“Secondly, with a few exceptions, the companies in Germany and Europe that Chinese firms have invested in generally have had nowhere left to grow within their own markets.”

Annunci
Pubblicato in: Cina

Cina. Politica estera secondo Mr Wang Yi, Ministro degli Esteri.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-11.

Pechino-Cina

Per un diplomatico e per un politico occidentale la politica estera cinese resta solitamente ai limiti della comprensibilità: è l’esatto opposto di quanto e come perseguito dall’Occidente negli ultimi settanta anni.

L’argomento sta diventando delicato considerando il ritorno della Russia nell’agone politico internazionale, che si associa alla sempre maggiore ininfluenza dell’Unione Europa ed alla svolta “America First” voluta dal Presidente Trump.

Stanno emergendo realtà semplici ma nuove, e quindi di non facile comprensione.

*

Cina prima potenza economica mondiale. – Bloomberg

La ‘casa’ di Shanghai. Capire cosa sia la Cina di oggi.

«La Cina è la Cina: non rientra nelle categorie mentali occidentali.»     

Cina alla conquista dell’America Latina. – Bloomberg

Cina. Xiamen. Brics Plus alla conquista del mondo.

Obor. Progetto cinese su di un terzo del pil mondiale, per ora.

Cina. 1000TTP. Ne ignorate la esistenza. Domani vi mangerete le dita.

Cina. Centrali elettriche nucleari. 37 reattori attivi, 60 in costruzione, 179 programmati.

Cina. La dottrina economica vincente di Deng Xiaoping.

Cina risponde all’ultimatum di Macron in stile cinese.

*

«international relations centered on win-win cooperation»

*

«With the core concepts of “respect for justice,” “adherence to principles,” and “striving for win-win results,” this partnership embodies China’s millennia-old philosophical ideals and core values.»

*

«They include searching for common ground while reserving differences, harmony in diversity, and the vision of harmony and peaceful co-existence. It is therefore both viable and appealing »

*

«We in China think that all countries have the right to determine their own foreign policy»

*

«China is not meddling in political debates»

*

L’attuale politica estera cinese altro non è che la prosecuzione di quella condotta per svariati millenni dall’Impero Cinese.

Essa è la diretta conseguenza della struttura imperiale della Cina. Un governo centrale molto forte e meritocratico che avoca a sé interni, esteri e difesa, parzialmente finanze e giustizia, lasciando le realtà periferiche a gestirsi come meglio credano. In questo la Cina ricorda l’impero romano e quello di Carlo Magno, un po’ meno il Sacro Romano Impero.

La Cina non tende a conglobare, ad assimilare: al contrario dell’occidente che vive la mentalità statale, vede i rapporti internazionali principalmente come rapporti di natura economica.

Questa visione consente di intrattenere scambi proficui anche con paesi che abbiano politiche estere fortemente discordanti, oppure situazioni interne del tutto differenti.

Totalmente alieno dalla mentalità cinese il concetto di voler imporre costumi politici, etici e morali a coloro con i quali collaborare: “China is not meddling in political debates“.

Significativo come il cinese classico non abbia un termine equivalente a quello occidentale di “compromesso“: la Cina desidera e vuole accordi, non compromessi. Ambedue i contraenti devono trarne il giusto e lecito ritorno.

Su queste basi diventa immediatamente possibile per la Cina garantire e richiede un rapporto paritetico.

*

Questa sembrerebbe essere la carta vincente: una grande lezione per l’Occidente.


China Org. 2018-02-05. China continues to pursue major-country diplomacy with Chinese characteristics: FM

China will continue to break new ground in pursuing major-country diplomacy with Chinese characteristics in the new era, said an article under the byline of Foreign Minister Wang Yi.

As a permanent member of the UN Security Council and a developing country, China needs to consider and contribute to global wellbeing, shoulder its due international responsibilities and play its role as a major country in promoting common development, according to the article carried by the China International Studies, a bi-monthly periodical.

“We will take a longer and broader perspective, and be even more open-minded and resourceful in our diplomacy,” Wang said. “We will give more consideration to the overall interests of the world and humanity, and work in a proactive manner.”

China will continue to hold high the banner of peace, development, cooperation and mutual benefit, and strengthen friendship and cooperation with other countries on the basis of the Five Principles of Peaceful Coexistence, Wang said.

“We will firmly uphold the existing international system with the UN at the core, and protect and expand the legitimate rights and interests of developing countries,” he said.

China will follow the principle of achieving shared benefits through consultation and collaboration in engaging in global governance, and strive for a more equitable and fairer international political and economic order, according to Wang.

China will continue to treat all countries as equals, address international disputes through peaceful means, and work for greater democracy and rule of law in international relations, he said.

“We will continue to act as a responsible major country to contribute to world peace, promote global development, and uphold the international order,” Wang said. 

China Org. 2016-03-23. China’s major-country diplomacy progresses on all fronts

Replete with its own unique features, China’s major-country diplomacy has made comprehensive progress in recent years. Upholding a new model of international relations centered on win-win cooperation, China has actively built up a global partnership network. It has expanded its relations with other major countries, forged closer ties and deepened its collaboration with other developing countries, and become ever more involved in global governance even as it broadens its scope. It has also promoted reforms to governance mechanisms and systems by contributing China’s views and plans thereto. Chinese-style major-country diplomacy has thus delivered remarkable results over past years.

Extended Global Partnership

China’s foreign policy of establishing open and inclusive global partnerships based on win-win cooperation is welcomed by other countries. China’s partners are now to be found everywhere in the world. An innovation of China’s independent foreign policy of peace, the global partnership network transcends the simplistic “non-aligned” or the U.S.-led “military alliance” models of inter-country relations. With the core concepts of “respect for justice,” “adherence to principles,” and “striving for win-win results,” this partnership embodies China’s millennia-old philosophical ideals and core values. They include searching for common ground while reserving differences, harmony in diversity, and the vision of harmony and peaceful co-existence. It is therefore both viable and appealing.

China deplores the mindset and rules of the zero-sum game, and deprecates any exclusive alliance. Rather, it upholds an open and inclusive world order that supports diversity and reciprocal learning and an international relationship that allows for peaceful coexistence, equality and win-win cooperation. A manifestation of China’s global partnership concept is its diplomacy toward its neighbors. It features amity, sincerity, mutual benefit and inclusiveness: thus far, China has established various forms of strategic partnership with 67 countries and five international organizations, signifying that its view of global partnership finds endorsement and support worldwide.

Chinese President Xi Jinping has elevated the ideal of global partnership to new levels with his proposal to jointly build a community of shared future with international society. The global partnership network China advocates is inherently different from the U.S.-led military alliance spawned in the Cold War period, which is closed, exclusive, and whose primary aim is confrontation, even military confrontation. The relationship between the U.S. and its allies rests not on an equal footing, but is rather U.S.-centric. Its allies depend on the U.S. to varying degrees for their security.

In contrast, the network of global partnership China anticipates, with or without the “strategic” prefix, is open and inclusive, and targets win-win cooperation. Not intended to counter a third country, it comports with the “Bandung spirit” and the Five Principles of Peaceful Coexistence, and serves the goal of world peace and stability and common economic development.

The partnership China proposes is not discriminatory or divisive. It sets up no “us” and “them” camps, as it aims to achieve cosmopolitism and build a community of shared future, which both demands and facilitates collaboration.

This global partnership network is moreover not China-dominated. It is a set of multi-centric, multi-layered and multi-pivotal sub-networks of regional and international cooperation that are interconnected and interwoven. It covers interstate cooperation in the southern hemisphere, and that between the northern and southern hemispheres, as well as those defying such geographical pigeonholes. Given the rich diversity of the world and the disparity in the development levels and models of different nations, this global partnership network pioneers a new relationship paradigm in which countries learn from, unite and cooperate with one other in the Internet Plus era, yielding a “one plus one equals more than two” effect.

Pubblicato in: Cina, Sistemi Economici

Cina. Record mondiale con 135 mln di turisti che hanno speso 261.1 mld Usd.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-05.

Pechino-Cina

«In 2014, China issued 16 million passports, ranking first in the world, surpassing the United States (14 million) and India (10 million)» [Fonte]

*

«As of April 2017, China had issued over 100 million biometric ordinary passports» [Fonte]

*


How Chinese tourists are changing the world

«135 million travellers a year, spending US$261 billion – numbers that will soon be smashed: Chinese tourists are having a huge impact on destinations everywhere, which welcome the money they pay but not always their ways»

* * * * * * * * * * *

Ricapitoliamo.

135 milioni di cinesi si sono mossi all’estero per turismo, spendendo 261 miliardi di dollari americani. La spesa media è di 1,933 dollari a testa. Una famiglia di padre, madre e due figli ha speso 7,733 Usd.

Questo significa che le famiglie cinesi guadagnano a sufficienza da avere un surplus di quasi 8,000 Usd l’anno, e potersi permettere di spenderlo in un viaggio turistico all’estero.

Un po’ più del dieci per cento della popolazione totale può permettersi una tale spesa nonché di assentarsi dal lavoro per una – due settimane.

Il turismo cinese copre il 21% dell’intero mercato turistico mondiale.

Un grande risultato, tenendo conto che nel 1990, ventotto anni fa, il pil procapite cinese era 349 Usd.

* * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * *

«Outbound Chinese tourism has enjoyed explosive growth over the past decade and there’s plenty more where that came from: only 5 percent of the Middle Kingdom’s citizens hold a passport, compared with 40 percent in the U.S.»

*

«While much public discourse in the U.S. focuses on things like steel prices and cheap manufactured goods, the really dominant theme in Chinese economics is the power of consumer spending and services»

*

«According to the United Nations World Tourism Organization, Chinese outbound tourism expenditure grew to $261 billion in 2016 (21 percent of the world market), an increase of 12 percent from 2015 and 11 times of the amount spent a decade earlier.»

*

«The number of outbound travelers climbed 6 percent to 135 million in 2016. Numbers like these reinforced China’s No. 1 outbound tourism status in the world since 2012.  »

*

«The footprints of Chinese tourists are now found across Southeast Asia, Africa, North and South America and even the Polar regions»

*

«President Xi Jinping increasingly encourages outbound tourism to project soft power on the global stage»

*

«Chinese outbound tourism is a precursor to Chinese overseas investment and consumption.»

*

«It will help create a significant number of jobs in destination countries.. Their trips abroad have created up to 100 million jobs worldwide. »

*

«According to the CEO of Ctrip, about 15 million Chinese outbound tourists chose the company annually»

*

«That will make the greatest splash in small countries like Cambodia»

*

«Despite investors’ skepticism about official Chinese economic data, the rising wealth of the population is reflected through the boom in outbound tourism»

* * * * * * * * * * *

Una considerazione sorgerebbe spontanea.

In un recente articolo il The New York Times diceva:

Going Long Liberty in China

«China has thrived since Deng Xiaoping by offering its people economic freedom without political freedom»

*

«Can China continue to prosper, while censoring the Internet, controlling its news media and insisting on a monopoly of political power by the Chinese Communist Party?»

*

I liberal ed i socialisti sono ideologicamente impossibilitati a comprendere ciò che accade in Cina.

Non fanno altro che ripetere che i cinesi sarebbero deprivati della loro libertà.

Ci si pone quindi alcune domande.

– Ma se in Cina vigesse un regime autoritario, illiberale, questo permetterebbe che ben 135 milioni dei suoi cittadini se ne vadano all’estero ogni anno?

– Ma se in Cina vigesse un regime autoritario, illiberale, perché mai i cinesi andati all’estero per turismo ritornerebbero in patria?

*

Durante il periodo dell’Unione Sovietica i passaporti erano dati dietro ricetta medica non ripetibile. Si concedevano i visti di uscita ad un numero irrisorio di persone. E ciò nonostante buona parte di chi fosse riuscito ad espatriare richiedeva asilo politico.

Ringraziamo il The New York Times per pubblicare, diciamo pure in continuazione, articoli così vistosamente avulsi dalla realtà: sono l’arma migliore per distruggere alla radice ciò che asseriscono. Non li biasimiamo di aver detto menzogne, ma di averle dette incredibili. Alla lunga questo modo di fare risulta esere controproducente.

Davvero l’ideologia liberal e socialista è una patologia mentale che rende avulsi dalla realtà oggettiva: sono incurabili, irridimibili.


Bloomberg. 2018-01-29. To Understand China’s Growth, Look at Its Tourists

The country’s consumers are flexing muscles abroad. Leisure travel will be followed by investment and plenty of jobs in nations they visit.

*

If you want to gauge how Chinese consumers are reshaping the world, look at how many of them are leaving China.

For vacation, that is. Outbound Chinese tourism has enjoyed explosive growth over the past decade and there’s plenty more where that came from: only 5 percent of the Middle Kingdom’s citizens hold a passport, compared with 40 percent in the U.S. That’s a lot of ground to make up and suggests this boom has some staying power.  

Investors would do well to focus on the beneficiaries, and not just the Chinese companies among them. I’m talking about Marriott International Inc., Ctrip.com International Ltd. and the PowerShares Dynamic Leisure and Entertainment exchange-traded fund.  

While much public discourse in the U.S. focuses on things like steel prices and cheap manufactured goods, the really dominant theme in Chinese economics is the power of consumer spending and services. This was initially a domestic phenomenon. It’s now increasingly taking place beyond China’s shores.  

If you worry that Chinese economic data are fake, here are some numbers that may comfort, or startle, you. According to the United Nations World Tourism Organization, Chinese outbound tourism expenditure grew to $261 billion in 2016 (21 percent of the world market), an increase of 12 percent from 2015 and 11 times of the amount spent a decade earlier. The number of outbound travelers climbed 6 percent to 135 million in 2016. Numbers like these reinforced China’s No. 1 outbound tourism status in the world since 2012.  

How did all this happen? Like many changes, it can be traced to Deng Xiaoping’s opening of the economy in the 1980s. But it didn’t really take off in force until 1995 when China launched the Approved Destination Status (ADS) program, which allowed for organized tours to a small but growing number of approved countries. The industry has had three distinct phases.

First, from the mid-1980s to early 1990s, trickles of outbound tourism to a few Asian neighbors were allowed for family visits only. Also permitted were government-paid or employer-paid business trips and cultural exchanges involving visiting scholars and seminar attendees.

Next, from the mid-1990s to 2010, under the ADS policy, some licensed travel agencies organized self-paid packaged group tours usually involving multiple destinations. Those trips often featured superficial sightseeing in iconic cities, photo snapping, and gift shopping for family and friends. Tourists still didn’t have much interaction with the local scene due to low income levels, rigid tour arrangements, rushed itineraries, language barriers and lack of overseas travel experience.

Lastly, from 2010 to the present, rising income, increasing travel experience, easier visa regulations and marketing efforts by destination countries made things a lot easier. Add to that, self-driving independent tours and off-the-beaten-track destinations with in-depth experience and lifestyle experiments.

The footprints of Chinese tourists are now found across Southeast Asia, Africa, North and South America and even the Polar regions. Millennials dominate the self-driving tourist group, whose interest shifted from merely sightseeing and shopping to learning about history and experiencing culture.

President Xi Jinping increasingly encourages outbound tourism to project soft power on the global stage. Chinese officials are also known to adjust the flow of tourists to destinations based on the temperature of political relations. All the while, rising Chinese incomes at home mean more is spent each trip. 

The explosive growth of the internet, social media, mobile applications and mobile payment provides more convenience for tourists. This isn’t unique to China, but it underscores how uniquely the Chinese tourism industry is positioned.  

What are the investment implications? This boom has just started and the best is yet to come. Investors should target destinations, industries and companies that can attract Chinese tourists. Multinational hotel chains like Marriott, travel service companies like Ctrip, airlines, and foreign luxury brand retails should all benefit from this trend. As shown below, the exchange-traded fund for PowerShares has been riding Chinese outbound tourism since 2010, substantially outperforming Standard & Poor’s 500 index.

Chinese outbound tourism is a precursor to Chinese overseas investment and consumption. It will help create a significant number of jobs in destination countries. According to the CEO of Ctrip, about 15 million Chinese outbound tourists chose the company annually. Their trips abroad have created up to 100 million jobs worldwide. That will make the greatest splash in small countries like Cambodia.

Despite investors’ skepticism about official Chinese economic data, the rising wealth of the population is reflected through the boom in outbound tourism. Can something go wrong? Sure. But the spending refutes, at least in part, the argument that China’s growth is a debt-fueled house of cards.

Keep your eye on that passport number and watch it grow. 

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Geopolitica Asiatica, Unione Europea

Cina ed il dominio sul delta del Mekong.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-28.

Mekong 001

La stupefacente difficoltà a comprendere, ed accettare perché esiste, la realtà politica, sociale ed economica cinese da parte dei politici occidentali mette a durissima prova la capacità di resistenza mentale di quanti operino invece nel settore, che trovano in questo il loro più grande ostacolo operativo.

Eppure potrebbe benissimo capire la Cina anche un bambino di sei anni, purché non prevenuto, onesto e con un QI almeno superiore a quello di un orango. Ma l’ideologia acceca, ottunde.

Parole dure?

Parole troppo dolci e sussurrate in termini fin troppo politicamente corretti.

I cinesi sono dei pragmatici totalmente tetragoni alle ideologie: questo è il discrimine.

Non solo. Quando gli stati occidentali riescono a mettere da parte un qualche surplus, immediatamente lo utilizzano nel loro welfare, mentre i cinesi lo impiegano per conquistare il mondo. Se il surplus non ci fosse, ebbene, gli occidentali farebbero debiti.

Cina. 1000TTP. Ne ignorate la esistenza. Domani vi mangerete le dita.

Macron consegna l’ultimatum EU alla Cina. Mr Xi terrificato.

Cina risponde all’ultimatum di Macron in stile cinese.

Cina alla conquista dell’America Latina. – Bloomberg

Cina. Centrali elettriche nucleari. 37 reattori attivi, 60 in costruzione, 179 programmati.

Obor. Progetto cinese su di un terzo del pil mondiale, per ora.

*

Ma la grande differenza la si vede in un settore non economico. Riportiamo a seguito le parole di Mr Liu Zoukui.

«We in China think that all countries have the right to determine their own foreign policy»

*

«China is not meddling in political debates»

A questo fa riscontro la visione ideologica degli occidentali.

Is Cambodia an autocratic state now? 

Activists slam jailing of protesters in Cambodia

EU cuts off funds for Cambodia election after opposition party dissolved

«For many years, Cambodia has largely depended on financial support from Western countries. This is changing and Chinese aid and loans to Cambodia now far exceed those of the US»

*

«And contrary to the West, China doesn’t set conditions when it comes to protecting human rights and democracy. With Beijing on his side, Cambodian PM Hun Sen has criticized the West and accused the US of attempting to overthrow his government»

*

«Diminished US strategic leadership in the region also pushes Mekong states to turn to China»

* * * * * * * *

L’attuale clima politico occidentale non vuole aver nulla a che fare con stati che non ne accettino la propria Weltanschauung atea, liberal e statalista. Ma il fatto di voler ignorare ed osteggiare la presenza di codeste realtà non le elimina affatto: semplicemente le spinge verso l’orbita cinese.

Da questo punto di vista la geopolitica del delta del Mekong sembrerebbe essere da manuale, specie poi includendovi la situazione delle Filippine.

L’Occidente ha regalato alla Cina l’intero scacchiere del sud est asiatico. Sicuramente molti dei governi in tale scacchiere geopolitico non sono dei fiordalisi, ma ci si dovrebbe anche chiedere da quale pulpito provenga la predica.

Guardate con attenzione la carta geografica, e vi renderete immediatamente conto dell’enormità commessa.


Deutsche Welle. 2018-01-15. Is Chinese investment taking over the Mekong?

China is shoring up its sphere of influence in Southeast Asia through aid and investment. By funding infrastructure and development, China can increase its economic and strategic leverage over poorer neighbors.

*

Last week, China and Cambodia signed 19 agreements during Chinese Premier Li Keqiang’s meeting in Phnom Penh with Cambodian Prime Minister Hun Sen that will heavily increase Chinese investment in Cambodia.

The deals included the construction of a highway linking Phnom Penh with the port city Sihanoukville and an expansion of the capital’s international airport. Deals were also signed to build Cambodia’s first communication satellite and for “rice trade,” the Phnom Penh Post reported.

Over the past few years, China’s influence in the Mekong region has increased significantly. Beijing is the largest foreign investor in Cambodia, Laos and Myanmar and has strengthened its presence in Thailand.

In exchange for aid and investments, China gets access to natural resources such as oil, gas and timber, and can garner support for building dams along the Mekong River. Cambodia also supports China in its ongoing territorial dispute over the South China Sea.

Premier Li announced that China is offering more government concessional loans with a total value of 7 billion yuan (€896 million, $1.1 billion) to the lower Mekong countries – Thailand, Myanmar, Laos, Vietnam and Cambodia.

In Cambodia, Chinese companies are building new roads, bridges and skyscrapers, including the multimillion-dollar One Park project in Phnom Penh. The project includes condominiums and business high-rises being built on reclaimed land that used to be Boeung Kak Lake.

The eviction of thousands of people has led to ongoing protests. The area is being developed by the Chinese companies Graticity Real Estate Development and China State Construction Engineering Cooperation.

Diminishing influence of the West

For many years, Cambodia has largely depended on financial support from Western countries. This is changing and Chinese aid and loans to Cambodia now far exceed those of the US.

And contrary to the West, China doesn’t set conditions when it comes to protecting human rights and democracy. With Beijing on his side, Cambodian PM Hun Sen has criticized the West and accused the US of attempting to overthrow his government.

Carl Thayer, a Southeast Asia expert with the University of New South Wales in Australia, told DW that Cambodia “will continue to embrace China” and that mainland Southeast Asia “will be drawn more into China’s orbit.”

Cambodia is not the only country in the region coming under greater Chinese influence. Thailand and Laos are important links to the Belt and Road Initiative, a major infrastructure project spearheaded by Beijing that will connect China with the rest of Asia, Europe, the Middle East and Africa.

In Laos, China has started construction on a new railroad that will connect the Chinese city Kunming with Vientiane and eventually with Bangkok, Kuala Lumpur and Singapore. China has high expectations for Laos’ development, with Chinese companies flocking to the country, building roads, shopping malls and even an entire satellite city near Vientiane.

“We will see China step up its Belt and Road Initiative in mainland Southeast Asia,” Thayer predicts. “China will fund infrastructure development in Vietnam, Laos and Cambodia. The net effect will be to increase Chinese commercial and political influence in these countries,” he said. 

Beijing’s strategic goals

China’s political influence is apparent in the South China Sea dispute, where several countries are contending with Beijing over the territorial status of waters and islands. Because China has the support of Cambodia, the Association of Southeast Asian Nations (ASEAN) has failed to create a united stand against Beijing’s position.

Jonathan Spangler, director of the South China Sea Think Tank, told DW that Beijing can influence ASEAN decisions by controlling a few of its members. “This strategy has been particularly effective in relation to South China Sea issues, as ASEAN’s disunity continues to hinder its members from agreeing upon a meaningful plan for dispute management or resolution.”

Diminished US strategic leadership in the region also pushes Mekong states to turn to China, although Carl Thayer has said there are signs that this may change. The US recently announced, as part of its national security policy, that Washington is committed to improve ties with its traditional allies in the region, Thailand and the Philippines, as well as with Vietnam, Indonesia, Malaysia and Singapore.

Thayer believes this could have mixed implications for the Mekong countries. “On the plus side, they could benefit from investment in high-quality infrastructure that promotes economic growth,” he said. “On the other hand, the states of the Lower Mekong could become a cockpit where US-China rivalry plays out.”

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Germania. Ne dispone chi la possiede, e non sono i tedeschi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-28.

Gufo_019__

Germania. Metà Dax-30 è in mano straniera. – Handelsblatt.

*

«foreigners now own more than half of the stock in Germany’s top 30 listed companies»

*

«foreign investors now own more than half of the stock – 53 percent – in DAX companies»

*

«At several of the well-known firms, such as Bayer, Deutsche Börse and Adidas, foreign ownership is well over 70 percent.»

*

«The DAX companies that are largely German-owned have not fared so well. They tend to have one large domestic institutional investor; for example, the German government owns 32 percent of Deutsche Telekom and 15 percent of Commerzbank, while the Krupp Foundation has 23 percent of steelmaker ThyssenKrupp»

*

«The success of foreign investors comes down to sober calculation and an eye for short-term profit»

*

«US asset investment firm Blackrock, which is among the largest in the world, is the biggest investor in German industry. It holds a stake in every DAX company, on average more than 5 percent, sometimes as much as 10 percent. But Blackrock is no activist investor – it buys, sits back and waits for capital appreciation»

*

«In 2017, the largest deal in Germany with Chinese participation was the sale of Essen-based energy service provider Ista International to billionaire Li Ka-shing’s Cheung Kong Property Holdings for $6.7 billion, followed by HNA’s investment in Deutsche Bank»

*

«Shadowy Chinese conglomerate HNA Group plans to stick with Deutsche Bank, in which it is the largest shareholder»

*

«On average last year, the 30 DAX companies generated three-quarters of their revenues overseas. Twenty years ago, it was just 50 percent.»

*

«In the mid-1990s, 60 percent of their workforce was in Germany; today, that figure is just 40 percent.»

* * * * * * *

Cerchiamo di ragionare.

Si resta stupefatti della soave levità ragionativa di molte persone.

Una cosa è che una società abbia sede legale in Germania ed una totalmente differente è che la proprietà sia tedesca.

Quanti hanno impiegato grandi risorse, duramente guadagnate nell’agone mondiale, per ottenere il controllo di società tedesche non lo hanno certo fatto a maggior gloria della Germania: lo hanno fatto per guadagnare loro e le nazioni dalle quali provengono.

Non solo.

«the 30 DAX companies generated three-quarters of their revenues overseas»

*

In altre parole, queste società levano un 75% delle loro entrate all’estero, dalle attività produttive ivi installate. Le società tedesche hanno delocalizzato in modo spietato la propria produzione: ma alla fine comanda la nazione che ha la produzione sul proprio territorio. Per esempio: la Russia può effettivamente chiudere i rubinetti del gas lasciando l’Europa al buio. Sempre che lo voglia e che lo trovi utile: però ne ha piana potestà.

Ma essendo all’estero, fuori dalla Germania, queste attività sono esposte ai capricci dell’alterna sorte. Basta una minima variazione politica ed i guadagni esteri delle società tedesche scompaiono. Svaniscono nel nulla.

Ci si pensi sopra bene, a mente fredda e senza orpelli ideologici.

Quanti ora inneggiano alla Germania ed ad un certo quale modo di gestire l’Unione Europea, in realtà inneggiano ed esaltano i padroni della Germania: proprio quelli che si illudevano di combattere.

Orwell era stato geniale nel descrivere il gregge di pecore belanti a comando.


Handelsblatt. 2018-01-26. China continues German shopping spree

Chinese investors are acquiring German companies in ever-bigger deals as the United States’ protectionist policies deter foreign buyers.

*

Although teutonic resistance to Far East takeovers is growing, Chinese buyers have invested a record sum of $13.7 billion (€11 billion) in German companies in 2017. The number of takeovers from China declined by 21 percent to 54 transactions, per a study published Wednesday by consulting firm EY.

Some experts believe that the Chinese shopping spree will continue in 2018. “Despite political opposition, the industrial logic remains intact,” said Alexander Kron, head of transaction advisory services for German-speaking countries at EY, formerly known as Ernst & Young. “This is why we will see more deals in the high triple-digit million range with Chinese participation in Germany and Europe over the next 12 months.”

In 2017, acquisitions across Europe dropped by 20 percent to 247 transactions, a result of protectionist tendencies and stricter conditions imposed by the Beijing government. The volume of mergers and acquisitions (M&A) fell by a third to $57.6 billion.

The long-term outlook for takeovers with Chinese participation remains good, said a lawyer at an international law firm. He also predicted that China will open up further, leading to a more balanced M&A business. According to EY, in addition to China’s traditional industrial investments, future mergers and acquisitions will increasingly focus on fashion/retail, food and pharmaceuticals.

In 2017, the largest deal in Germany with Chinese participation was the sale of Essen-based energy service provider Ista International to billionaire Li Ka-shing’s Cheung Kong Property Holdings for $6.7 billion, followed by HNA’s investment in Deutsche Bank.

Washington’s isolationist policies have significantly stunted the takeover ambitions of Chinese companies in the US domestic market. The transaction value of Chinese acquisitions in the United States fell drastically in 2017 to about $10 billion, compared with a record more than $50 billion in 2016, according to Thomson Reuters. Antitrust and foreign trade investigations are increasingly throwing up obstacles. The Committee on Foreign Investment in the United States is “more active than ever before,” said Rod Hunter of the Baker McKenzie law firm.


Handelsblatt. 2017-12-27. Chinese firm backs Deutsche Bank management

The Austrian manager who represents HNA on Deutsche Bank’s board says the Chinese support CEO John Cryan’s turnaround plan.

*

Shadowy Chinese conglomerate HNA Group plans to stick with Deutsche Bank, in which it is the largest shareholder. The group also considers John Cryan an able CEO and believes that the bank is on the right track with its restructuring plan, according to the Austrian manager who represents HNA on the bank’s board of directors.

“Deutsche Bank is a core investment for HNA and our participation has a high prestige factor,” said Alexander Schütz, the founder of Austrian asset management firm C-Quadrat, which is majority owned by HNA. “Deutsche Bank is very popular in Asia. We are assuming that HNA will stick with this commitment in the long term.”

Mr. Schütz dismissed reports of bad blood between Mr. Cryan and HNA’s CEO Adam Tan. According to news reports, Mr. Cryan had resisted meeting Mr. Tan, but the two men finally caught up with one another in early November.

“We believe in the success of Deutsche Bank,” Mr. Schütz told Handelsblatt. “The bank had to clean up some bad debts. The CEO, John Cryan, did that very well.” He added that Mr. Cryan is “a very intelligent manager who is just the man for this moment in the bank’s business.”

HNA’s complex ownership has caused concern from some regulators, such as in New Zealand, where the Overseas Investment Office has blocked HNA’s acquisition of UDC, the country’s largest non-bank lender, because of what it called uncertainty about HNA’s ownership structure.

But Mr. Schütz said that his firm had submitted documentation to the Austrian financial regulator over HNA’s purchase of a majority stake in C-Quadrat and that it had reached a different conclusion than the New Zealand authorities.

“We are confident that we know all the people involved in HNA and we have always had an open and friendly relationship with them,” he said.

HNA is a hotels and casino firm as well as an airline. It has borrowed nearly €50 billion to finance overseas acquisitions over the last year, but Mr. Tan said the company may sell off some non-core holdings to meet Chinese government demands for a reduction in overseas investment.

Bloomberg has reported that the German financial regulator BaFin is also conducting an inquiry to determine if HNA accurately reported its share purchases in Deutsche Bank, Germany’s largest lender, when it began building its stake during a capital increase last April.

Mr. Schütz told Handelsblatt that HNA had always planned to be a long-term shareholder in Deutsche Bank despite its use of short-term derivatives as part of its financing of the share purchase. “This misunderstanding stems from the fact that the first derivative structure only lasted for a year,” he said. “The new structure has a three-year term, which shows that HNA is oriented to the long-term and has no interest in selling.

He said that HNA was using derivatives because they secure HNA against large losses and the firm makes profits when the bank’s shares increase in value. Also, he said refinancing costs are lower using derivatives than buying the shares outright.

He also said that HNA welcomed the decision of US buyout fund Cerberus to take a 3-percent stake in Deutsche Bank last month.


Handelsblatt. 2017-10-13. The DAX’s Foreign Invasion

New research shows that foreigners now own more than half of the stock in Germany’s top 30 listed companies. And it seems that the greater the foreign-ownership, the better the performance.

*

Yesterday, Germany’s blue-chip DAX stock market index hit 13,000 points for the first time in its 30-year history. And while that’s great news for the German managers of the 30 big firms that make up the DAX, it’s even better news for their largely foreign owners.

Research by Handelsblatt suggests that foreign investors now own more than half of the stock – 53 percent – in DAX companies. At several of the well-known firms, such as Bayer, Deutsche Börse and Adidas, foreign ownership is well over 70 percent.

In terms of sales, revenue, profits and employment, today’s top German companies are highly globalized. In the last 25 years, firms like BMW, Siemens and Bayer have relentlessly looked outward in search of fast-growing markets and high-value inputs. This has yielded a steady increase in profit margins, which in turn has drawn the attention of overseas investors. German investors, on the other hand, have always been very reluctant to put their money on the stock market.

In terms of return, overseas investors have gained enormously on the back of DAX companies. Infineon, the Munich-based semi-conductor maker, is a good example. It has one of the highest concentrations of foreign investors, at more than 85 percent; not coincidentally, its market performance has been stellar, with its stock increasing 5,000 percent in the past eight years. If you had bought €10,000 ($11,800) in Infineon stock in 2009, you would now be sitting on half a million euros. Likewise, Adidas, which is 80 percent foreign-owned, has tripled its stock price in just two years.

*

The major exception to the trend is among management: here, Germans still predominate.

*

The DAX companies that are largely German-owned have not fared so well. They tend to have one large domestic institutional investor; for example, the German government owns 32 percent of Deutsche Telekom and 15 percent of Commerzbank, while the Krupp Foundation has 23 percent of steelmaker ThyssenKrupp. But these stocks are all among the worst-performing German equities of the last decade. Not long ago, a Telekom share sold for €100: today it can be yours for just €15.50.

The success of foreign investors comes down to sober calculation and an eye for short-term profit. They exhibit little of the investor loyalty which was once the hallmark of German business. It is hard to imagine the Krupp Foundation ever selling its stake in ThyssenKrupp, but when the Abu Dhabi state investment fund ploughed €2 billion into carmaker Daimler in 2009 saying it was investing for decades to come, it was really in it for the short-term. And with brilliant success: the fund sold its stake three years later, doubling its initial investment.

US asset investment firm Blackrock, which is among the largest in the world, is the biggest investor in German industry. It holds a stake in every DAX company, on average more than 5 percent, sometimes as much as 10 percent. But Blackrock is no activist investor – it buys, sits back and waits for capital appreciation. If there’s no growth, it reduces its position.

German business has rapidly internationalized in other areas too. On average last year, the 30 DAX companies generated three-quarters of their revenues overseas. Twenty years ago, it was just 50 percent. In the mid-1990s, 60 percent of their workforce was in Germany; today, that figure is just 40 percent.

The major exception to the trend is among management: here, Germans still predominate. According to figures from consultants EY, two-thirds of the most senior 200 executives are German nationals.

Paradoxically, Infineon, the most foreign-owned DAX company, has no non-German executives. Other companies without a single foreign manager include energy giants E.ON and RWE, as well as Commerzbank, the country’s second-largest bank, and real estate behemoth Vonovia. The most globalized management teams can be found at Adidas, Deutsche Bank, Volkswagen, Linde, the personal care conglomerate Beiersdorf, as well as healthcare company Fresenius.

Just six percent of non-executive board members are American, even though 25 percent of the revenues of large German firms comes from the US, and 20 percent of their shares are held by American shareholders. It is a similar story with Asia: just one director, out of 261 in total, comes from Asia, although top German firms raise 17 percent of their revenues in Asia.

This seems likely to change. “The internationalization of senior management and supervisory boards is simply a logical part of globalization,” said Alexander Bassen, professor of finance at Hamburg University.

It is hard to concretely prove that companies actually do better with more foreign managers and directors. “Of course a higher proportion of foreigners on the board is not a yardstick for quality,” said Mathieu Meyer, a managing partner at EY. But by globalizing much more slowly in this than in other areas of their business, German companies may be losing out on expertise.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo

Rapporto Oxfam. 2,043 miliardari posseggono l’82% delle ricchezze.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-24.

Operazione anti-accattonaggio

L’Oxfam ha rilasciato il report «Reward work, not wealth. To end the inequality crisis, we must build an economy for ordinary working people, not the rich and powerful.»

*

«Last year saw the biggest increase in the number of billionaires in history, with one more billionaire every two days. There are now 2,043 dollar billionaires worldwide. Nine out of 10 are men. Billionaires also saw a huge increase in their wealth. This increase was enough to end extreme poverty seven times over. 82% of all of the growth in global wealth in the last year went to the top 1%, whereas the bottom 50% saw no increase at all.»

*

«Living wages and decent work for the world’s workers are fundamental to ending today’s inequality crisis. All over the world, our economy of the 1% is built on the backs of low paid workers, often women, who are paid poverty wages and denied basic rights.»

*

«- Over three-quarters of people either agree or strongly agree that the gap between rich and poor in their country is too large – this ranges from 58% in the Netherlands to 92% in Nigeria.

– Nearly two-thirds of the respondents in the 10 countries think the gap between the rich and the poor needs to be addressed urgently or very urgently.

– 60% of total respondents agree or strongly agree it is the government’s responsibility to reduce the gap between the rich and the poor. In South Africa, 69% of respondents agree or strongly agree.

– 75% of the respondents prefer lower levels of income inequality than those that exist in their country. In fact, more than half of the people surveyed wanted lower levels of inequality in their country than currently exist in any country in the world.»

*

«- Last year saw the biggest increase in the number of billionaires in history, one more every two days. There are now 2,043 dollar billionaires worldwide. Nine out of 10 are men.18

– In 12 months, the wealth of this elite group has increased by $762bn. This is enough to end extreme poverty seven times over.19

– In the period between 2006 and 2015, ordinary workers saw their incomes rise by an average of just 2% a year,20 while billionaire wealth rose by nearly 13% a year – almost six times faster.21

– 82% of all growth in global wealth in the last year went to the top 1%, while the bottom half of humanity saw no increase at all.22

– While billionaires in one year saw their fortunes grow by $762bn, women provide $10 trillion in unpaid care annually to support the global economy.23

– New data from Credit Suisse means 42 people now own the same wealth as the bottom 3.7 billion people, and that last year’s figure has been revised from eight to 61 people owning the same as the bottom 50%.24

– The richest 1% continue to own more wealth than the whole of the rest of humanity»

* * * * * * * * * * *

Il tema della ricchezza si presta a diverse angolature di lettura. Ciascuno permette di intravedere qualche aspetto vero, e gli uni non escludono gli altri.

Si potrebbe anche notare come gli approcci che facciano leva su sentimentalismi siano verosimilmente più di ostacolo che di utilità per comprendere ed affrontare il problema.

Alla fine dell’800 Vilfredo Pareto enunciò il principio per cui un limitato numero di cause produca un elevato numero di effetti. Applicando il principio ai sistemi economici, la maggior parte della ricchezza è accentrata in potestà di pochi.

Questo è il dato di fatto, sperimentalmente riscontrabile in tutte le società.

Il principio di Pareto pone molti problemi ed obbliga anche ad alcune conseguenze.

Prima conseguenza.

La curva di distribuzione della ricchezza non è simmetrica. Presenta un picco sinistro, corrispondente ai meno abbienti, ed una lunga coda destra, ove si addensano i ricchi.

Gli economisti usano di norma la media aritmetica quali indicatore di tendenza centrale: è facilmente calcolabile e quasi tutti sanno cosa sia, o almeno credono di saperlo. Ma la media aritmetica è idonea a rappresentare soltanto curve simmetriche, per cui fornisce un valore ben poco rappresentativo della situazione.

Queste curve altamente asimmetriche sarebbero meglio rappresentabili da percentili, e tra di essi la mediana potrebbe avere ruolo principe. Data una serie di dati, il valor mediano è quel valore al di sotto del quale si addensa la metà della popolazione in oggetto.

Per precisione, la media altro non è che il valore che minimizza la somma degli scarti quadratici, mentre la mediana minimizza la somma dei valori assoluti degli scarti.

Un esempio potrebbe chiarire meglio quanto detto.

La Germania ha nel un pil procapite di 41,244 Usd, che la pone tra i paesi più ricchi del mondo. Ma non è tutto oro ciò che riluce.

Germania. 13 milioni di poveri e 330,000 famiglie con la luce tagliata.

Germania. 860,000 homeless, ed adesso pagano le tasse.

‘Massive’ rich-poor gap in German society

Germania. Non è povera. È misera. – Financial Times

«In Germania il 17.1% della popolazione vive in povertà, percentuale che si innalza al 69.1% nei disoccupati.»

In effetti, in Germania nel 2016 il pil ppa procapite mediano era 16,534.50 Usd: ossia, il 50% della popolazione tedesca vive con meno di 16,534 dollari l’anno.

Davvero pochino per un paese detto ricco.

In sintesi estrema: una cosa è la ricchezza disponibile nella nazione ed una molto differente quella accessibile da parte della grande maggioranza dei cittadini.

*

Seconda conseguenza.

La Ricchezza. Domandiamoci cosa sia.

Italia. 307mila (1.2%) famiglie controllano il 20% della ricchezza finanziaria.

Era talmente ricco da potersi permettere la dentiera.

Negli anni attorno al 1100 l’Abbazia di Cluny e le sue dipendenze erogavano ottantamila pasti gratuiti per i poveri, una enormità per la popolazione dell’epoca: eppure la Borgogna era allora ritenuta essere una delle zone più ricche della Francia. Gli scritti di Sant’Ugo Abate danno un vivido quadro della situazione.

Negli ultimi due secoli l’Occidente si è dovuto fronteggiare con questo problema. Industrializzazione e ferrovie prima, avvento dell’elettricità dopo, hanno dato una formidabile spinta alla crescita economica, ma la povertà non è stata debellata.

La grande tentazione è stata quella di demonizzare la ricchezza. È un’operazione che ben si presta ad ogni possibile forma di demagogia. Lo stato si è così assunto l’onere di equilibrare la distribuzione della ricchezza.

I dati forniti per la Germania dovrebbero essere sufficientemente esplicativi di quanto l’insuccesso sia evidente. E si consideri che la Germania sarebbe anche uno dei più ricchi sistemi economici: figuratevi cosa accade nei più poveri.

Anche se il sistema di Cluny era davvero molto efficiente, ancora adesso è in auge l’aforisma per cui

«the charity has been criticized as offering a too simplistic view of the imbalances.»

Spesso però le soluzioni più semplici sono anche quelle che funzionano meglio.

Terza conseguenza.

Si voglia o meno, ricchezza e ricchi servono a tutta la collettività.

«Richer people are already highly taxed people – reducing their wealth beyond a certain point won’t lead to redistribution, it will destroy it to the benefit of no one»

Senza ricchi, senza una concentrazione dei mezzi, sarebbero impossibili i grandi investimenti, specialmente quelli nelle infrastrutture, ossia in quegli strumenti pubblici che generano nuova ricchezza.

Questo concetto è stato pienamente assimilato da Deng Xioping nel formulare la visione economica cinese.

La ‘casa’ di Shanghai. Capire cosa sia la Cina di oggi.

Cina. Mandarinato e democrazia. – Handelsblatt

«Never before had the Chinese so many freedoms, so much prosperity and so much rapid growth under Communist leadership as they did after Mr. Deng’s reforms».

Cina. Xiamen. Brics Plus alla conquista del mondo.

Belt and Road Forum. L’alternativa a Davos ed al G20.

Obor. Progetto cinese su di un terzo del pil mondiale, per ora.

Cina si è già conquistata gran parte del mondo.

*

In buona sostanza, la dottrina cinese propugnata da Deng Xiaoping capovolge la visione occidentale del problema.

Lo stato non deve tanto tassare i ricchi per ridistribuire ai poveri, quanto piuttosto fare gli investimenti infrastrutturali che mettono in grado i miseri di trovare un dignitoso lavoro ed emergere dalla fascia dell’indigenza.

Cina. La dottrina economica vincente di Deng Xiaoping.

* * * * * * * * * * *

Concludiamo.

Per un’analisi storica un periodo di trenta anni è ben poca cosa.

Prendiamo però atto come nel 1990 il pil cinese ammontasse a 398.623 miliardi Usd, salito a 11,232.108 miliardi a fine 2016. In termini di pil procapite si è passati dai 349 Usd del 1990 agli attuali 8,123 Usd: un aumento di circa ventiquattro volte. In termini di pil ppa procapite la cifra sarebbe 16,676 Usd.

Questa visione economica sembrerebbe essere la via al momento più efficiente per combattere la povertà.

Tutto il resto sembrerebbe essere solo un insieme di parole armoniose e suadenti a piacere, ma con poco o punto effetto pratico. Ma ciò che conta sono i fatti.


Aljazeera. 2018-01-22. World’s richest get 82 percent of global wealth: Oxfam

Half of the world’s population received no share of all wealth created globally last year, while 82 percent went to the richest one percent, a report by Oxfam International revealed.

Billionaires in 2017 increased their wealth by $762bn, enough to end “global extreme poverty seven times over”, the UK-based charity’s annual inequality report, published on Monday, said.

Winnie Byanyima, the organisation’s executive director, has called the boom a “symptom of a failing economic system”.

“The people who make our clothes, assemble our phones and grow our food are being exploited to ensure a steady supply of cheap goods, and swell the profits of corporations and billionaire investors,” she said on January 19.

Last year saw the biggest increase in billionaires in recorded history, with one minted every two days, according to the report, named ‘Reward work, not wealth’.

There are now 2,043 billionaires worldwide – 90 percent of which are men – the report, based on data from Credit Suisse’s Global Wealth Databook for 2017, said.

Tax evasion, erosion of workers’ rights and automation are responsible for the world’s economic inequality, according to Oxfam.

The organisation has called for greater redistribution of wealth through the use of taxation and public spending programmes by governments worldwide, the elimination of the gender pay gap and a focus on ‘living wages’ rather than minimum wages.

‘Demonising capitalism’

Critics, however, have accused Oxfam of being “obsessed with the rich, rather than concerned with the poor” following publication of the report.

“Demonising capitalism may be fashionable in the affluent Western world but it ignores the millions of people who have risen out of poverty as a result of free markets,” Mark Littlewood, director general at the UK-based Institute of Economic Affairs, said in a statement on Monday.

“Richer people are already highly taxed people – reducing their wealth beyond a certain point won’t lead to redistribution, it will destroy it to the benefit of no one,” he said.

Increasing minimum wage rates would also likely result in jobs being cut, harming those Oxfam intend to help, Littlewood added.

Monday’s report arrived ahead of the annual World Economic Forum (WEF), in Davos, Switzerland, which is scheduled to begin on Tuesday.

This year’s conference, attended by political and business leaders from across the globe, will focus on ‘creating a shared future in a fractured world’, according to the WEF’s website.

Last year’s inequality report by Oxfam revealed that eight men, including Bill Gates and Michael Bloomberg, own as much wealth as 3.6 billion people.

Pubblicato in: Cina, Commercio

Cina. Belt and Road cresce. Q3 trade da 750 mld Usd.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-23.

2018-01-23__Cina__001

Mentre gli Stati Uniti si stanno dilaniando in una guerra civile sessuale combattuta a colpi di scandali più presunti che veri, ma in ogni caso diffamatori per l’intero complesso americano, mentre nell’Unione Europa si sta scatenando una guerra di secessione per come si debba intendere la Weltanschauung europea, mentre molte grandi nazioni europee esperiscono una severa crisi politica che impedisce loro di formare uno straccetto di governo, bene: mentre tutto ciò accade la Cina prosegue a lavorare notte e giorno.

*

China-OBOR Multilateral Trade Increases 26%

Switzerland holds the balance of the new Silk Road

Nei primi tre trimestri 2017 il Progetto Belt and Road, Silk Road, ha consentito scambi commerciali per oltre 750 miliardi Usd.

*

Questi sono i principali titoli comparsi nella sola settimana scorsa.

Here comes another Belt and Road train! Direct freight service links China’s Guangxi to Poland

China opens new freight train service to Budapest

Freight train service to link northeast China’s Yanbian with Europe

1,000th trip! China-Europe direct freight rail service makes stride

New Belt and Road rail freight service launched! It links Finland’s Kouvola to China’s Xi’an

Another Belt and Road freight service launched! It links China’s Xinjiang to Ukraine

New “Silk Road” freight train launched between China and Germany

They come in a bulk! China-Europe rail freight service to boost e-commerce

China-Europe freight trains bring European food to central China’s supermarkets

Another Belt and Road freight service launched! It links east China to Kazakhstan

*

Non passa giorno senza che si aggiunga un qualche nuovo concreto passo avanti nell’intero progetto.

La Cina sta conquistando economicamente il mondo, ed alla fine l’Occidente si troverà isolato. E con il programma Ceec sta penetrando i paesi dell’est europeo.

È desolante l’oziosa incuria dimostrata dai governanti europei e dalla dirigenza di Bruxelles: sembrerebbero essere affetti da sindrome autistica.

Una sola, semplice constatazione.

Il pil cinese nel 2000 era 1,214.9 miliardi Usd ed a fine 2016 era 11,232 mld Usd: a tutto il 2017 è semplicemente decuplicato. La Cina continua a crescere al ritmo del 6 – 7 % all’anno, e spesso anche di più.

Poniamo allora una domanda seria.

Non sarebbe tempo che l’Occidente riveda criticamente le proprie idee politiche ed economiche, mutuando dal modello di sviluppo cinese quanto possa essere di utilità?

Pubblicato in: Cina, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Cina. La dottrina economica vincente di Deng Xiaoping.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-17.

Pechino-Cina

«Non interessa il colore del gatto, purché acchiappi i topi».

Deng Xiaoping.


La cultura occidentale avrebbe in sé tutti gli elementi necessari e sufficienti per comprendere la dottrina economica cinese. Solo che la generazione attuale o se ne è dimenticata oppure li tiene in non cale. Come risultato, la dottrina economica cinese resta ai più un enigma. Eppure è quella vincente ad oggi.

Dobbiamo a quel grande genio di Max Planck due celebri frasi, molto difficili da comprendersi a fondo.

«Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e al loro posto si forma una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari.»

*

«Non siamo autorizzati a supporre che esistano leggi fisiche, che siano esistite fino ad ora, o che continueranno ad esistere in forma analoga nel futuro»

* * * * * * * *

L’Occidente è rimasto abbacinato dalle teorie sociopolitiche illuministiche e, successivamente, dal pensiero di Hegel, che lui stesso sintetizzò in un’altrettanto celebre frase:

«se i fatti contraddicono la teoria, tanto peggio per i fatti»

*

L’idealismo dialettico prima, quello materialista e quello storico dopo, hanno deprivato il pensiero occidentale dal contatto e corretta percezione del reale. Se poi l’incorretta percezione è elaborata alla luce di logiche contraddittorie, il disastro è assicurato. L’attuale palude occidentale è il prodotto finale.

Il nodo logico è il rispetto o meno del principio di non contraddizione.

Il pensiero non deve contraddire il reale né come assunti né come conclusioni, e deve essere coerente con sé stesso ed i postulati che ha assunto.  

Le scienze economiche non sfuggono queste condizioni al contorno.

Solo che la politica è donna capricciosa e mendace, avida quanto corrotta, ma che ama e si strugge di ammantare di roboanti parole il suo misero operato di vilissima bottega. Ecco il fiorire di teorie economiche stravaganti, in auge solo fino a tanto che il potere politico le impone.

Non a caso in Cina le teorie economiche occidentali sono studiate nella storia dell’economia: sono anticaglie, utili da conoscersi da un punto di vista culturale, ma esclusivamente per non ripeterne gli errori.

«Perdersi in astratti ragionamenti per stabilire se l’economia pianificata è per sua natura socialista, mentre l’economia di mercato sarebbe per sua natura capitalistica, è fatica sprecata perché priva di senso»

* * * * * * * *

La ‘casa’ di Shanghai. Capire cosa sia la Cina di oggi.

Cina. Mandarinato e democrazia. – Handelsblatt

Cosa vuol dire per la Cina abbandonare Marx per tornare a Confucio.


Citeremo alcuni passi tratti da Beijing Information. n. l del 3.1.1994.

Si noti come la terminologia occidentale, quali per esempio “capitalismo“, “socialismo” siano sempre da intendersi come “capitalismo cinese“, “socialismo cinese“: hanno contenuti logici e definizioni totalmente differenti.

«L’economia socialista di mercato – tra tutti i mutamenti strutturali il più visibile e il più convincente- corrisponde a quel tipo di economia che la Cina sperimenta in via di fatto ormai da alcuni anni: resta da precisarne e da regolamentarne i tempi, mediante una normativa che dia certezza giuridica alle transazioni e alle intese. «L’economia di mercato, in fatti, è in un certo senso una economia legislativa», dichiara Wang Zhingyu, direttore della Commissione di stato per l’economia e il commercio. Una regolamentazione legislativa idonea consente di standardizzare le norme del mercato. consente di mantenere l’ordine negli scambi e di rafforzare il controllo macro-economico; consente inoltre di “creare le condizioni favorevoli allo sviluppo economico. in modo che la legislazione economica nel suo insieme si adatti al ritmo della riforma dei meccanismi di gestione”»

*

«Nel valutare l’efficacia di questo modello di sviluppo. resta manifestamente cinese, pragmatico senza ombra di mediazioni, il principio di ottimizzazione. Il successo o il fallimento delle riforme introdotte viene valutato secondo un unico criterio: se contribuiscono oppure no allo sviluppo delle forze produttive socialiste. Dove si può ancora leggere il punto focale del pensiero economico di Deng Xiaoping e il suo irriducibile pragmatismo.»

*

«Perdersi in astratti ragionamenti per stabilire se l’economia pianificata è per sua natura socialista, mentre l’economia di mercato sarebbe per sua natura capitalistica, è fatica sprecata perché priva di senso. «Questo – dice Deng – ho imparato meglio di qualsiasi altra cosa: pazientare; attendere che le cose maturino da sé è molto meglio che obbligare la gente a fare in fretta. Invece di imporre obblighi e di scatenare dei movimenti di massa, è meglio lasciar fare le cose.

Così, progressivamente, tutta la gente si abitua alle cose nuove. Non discutere è la mia più grande invenzione. Non discutere significa guadagnare tempo. Quando si discute troppo, le cose si complicano. Si passa tutto il proprio tempo a discutere e non si riesce a fare nulla.

Invece di discutere bisogna sperimentare con audacia e avere il coraggio di innovare. Così è stato per la riforma rurale, così è stato per la riforma urbana».

Il ragionamento di Deng Xiaoping è tutto costruito sul principio della naturale tendenza delle cose, un atteggiamento inseparabile dalla mentalità operativa dei cinesi. Una sintesi tra le più espressive, del tipico pragmatismo di Deng Xiaoping: lasciare che le cose facciano il loro corso.»

*

«Pianificazione e mercato sono semplicemente dei meccanismi economici. neutri di per sé. da assumere o da rifiutare a seconda delle condizioni oggettivamente accertate in una situazione specifica. Condizione fondamentale, da porre in ogni caso come premessa necessaria non modificabile, ce n’è una sola: la fedeltà ai quattro principi, unica garanzia per la stabilità politica; necessaria solida base a partire dalla quale ogni audacia innovativa può essere sperimentata.»

* * * * * * * *

Deng Xiaoping è un empirista, tetragono ad ogni teoria. Per fortuna della Cina ed, in ultima analisi, anche nostra.

A seguito riportiamo un saggio particolarmente ben scritto dal prof. Marco Costa.

In alcuni punto avremmo preferito che l’Autore si fosse dilungato nella spiegazione, ma consideriamo questo un testo di rilievo.



Marco Costa. I caratteri fondamentali dell’ascesa economica cinese

Per secoli la Cina è stata una civiltà che ha saputo giocare un ruolo primario e di leadership all’interno dell’Asia fino al XIX secolo quando il paese ha registrato un notevole arresto culturale, politico ed economico. Grazie a Mao Zedong, dopo la Seconda Guerra Mondiale, la Repubblica Popolare Cinese è riuscita ad imporre una forma di governo, il sistema socialista autocratico, che ha permesso di assicurare al paese sovranità territoriale, controlli severi sulla vita quotidiana dei cinesi e sui costi. Succeduto a Mao Zedong nel 1978, Deng Xiaoping e gli altri esponenti del partito comunista cinese hanno dato il via ad una economia orientata verso il libero mercato che ha fatto registrare un significativo sviluppo nazionale economico a partire dal nuovo millennio. Attualmente la Cina registra una crescita del proprio PIL pari al 7.3%, dato che subirà un decremento nei prossimi cinque anni secondo le stime degli esperti attestandosi nel 2019 al 5.5%. Ma quali sono stati i fattori che hanno favorito la crescita economica della Cina e la sua affermazione a livello mondiale? Il Dott. Marco Costa, responsabile dell’area euroasiatica presso il CeSEM (partner dell’Associazione), analizza e presenta le linee guida che hanno costituito il modello economico cinese effettuando un raffronto con il modello economico occidentale e con le relative performance.

*

Ci siamo abbastanza diffusamente occupati dello straordinario fenomeno della crescita cinese già in due volumi di recente pubblicazione, La Grande Muraglia (Cavriago, 2012), vertente sulle dinamiche strettamente ideologiche e geopolitiche relative alla pacifica ascesa della Cina Popolare, e in La Via della Seta – Vecchie e Nuove Strategie Globali tra la Cina e il Bacino del Mediterraneo (Cavriago, 2014)dedicato a diversi aspetti storici e culturali di interrelazione tra area europea e area dell’estremo oriente. Tuttavia risulta evidente che l’argomento Cina – tanto a livello economico visto l’interesse rispetto alle opportunità commerciali, quanto a livello ideologico nell’analisi dell’originalità del modello socialista cinese, non meno che a livello geopolitico rispetto alla chiarificazione della teoria dello sviluppo multilaterale delle relazioni internazionali – può tutt’altro che considerarsi esaurito. Risulta utile a tal proposito proporre un raffronto, almeno schematico, tra le linee guida che hanno segnato il modello economico occidentale (quindi euro-americano) e quello cinese nel corso degli ultimi due decenni; date premesse diverse, dati fondamentali economici diversi, non deve quindi stupire che i risultati, le performance macroeconomiche delle due rispettive aree risultano nel mondo contemporaneo del tutto differenti se non opposte.

La crisi del capitalismo occidentale ha avuto infatti almeno tre premesse. In primo luogo uno straordinario processo di finanziarizzazione dell’economia, secondo cui si immaginava di portare avanti un modello in cui il denaro si sarebbe moltiplicato infinitamente come variabile indipendente dei processi di produzioni di beni reali (per dirla alla Marx, passando da M-D-M’ a D-M-D’ a D-D’-D”).[1] In definitiva la crescita del ruolo della finanziarizzazione è strettamente collegata al processo di innovazione finanziaria avvenuto a partire dagli anni 1980. Tale processo, sospinto dalla deregolamentazione (il cosiddetto neoliberismo) e tradottosi nella creazione e nella diffusione in un mondo sempre più globalizzato di strumenti finanziari oltremodo strutturati e complessi, se in un primo momento può avere favorito lo sviluppo dell’economia, ha poi incoraggiato anche comportamenti incauti, gestioni prive di sani criteri prudenziali e speculazioni spregiudicate; ciò a danno della stabilità dell’intero settore finanziario e, per effetto contagio, di tutto il sistema economico. Nello specifico, l’eccessiva finanziarizzazione del sistema, determinata dal ruolo preminente assunto nel sistema economico dagli intermediari e dagli strumenti finanziari, è ritenuta da molti studiosi una della concause (o addirittura il fattore scatenante) della crisi economica globale partita nel biennio 2007-08. Aspetti tra i più disgraziatamente noti, di questo fenomeno, si sono incontrati nella vertiginosa diffusione di prodotti finanziari virtuali quali i famigerati subprime, i future, i derivati o altri similari. Non è un caso se più di un analista ha definito questo processo come passaggio da economia a stregoneria di Wall Street, alludendo alla smisurata fiducia nella moltiplicazione dei titoli finanziari virtuali.

Seconda premessa, non meno importante, dell’incartamento recessivo in cui sono precipitate le economie occidentali (anche se, ad onor del vero, quella americana ha potuto fornire risposte differenti alla luce di uno status di sovranità economica contrariamente all’area Euro), è stato il cosiddetto fenomeno della sovrapproduzione. Anche qui, non bisogna necessariamente muoversi secondo coordinate marxiste per ammettere che la crisi economico-finanziaria del nostro mondo è scaturita in larga misura dalla rottura di quell’equilibrio che per decenni – ininterrottamente dal dopoguerra in poi – ha retto il sistema capitalistico occidentale, secondo cui potenziale produttivo e capacità di consumo sono variabili interdipendenti, ovvero l’economia può prosperare nella misura in cui vi sia una massa di consumatori potenziali (interni o esterni) predisposti monetariamente all’acquisto. È evidente che con una drastica proletariarizzazione del ceto medio e una depauperizzazione delle classi lavoratrici le merci prodotte hanno avuto sempre meno consumatori disponibili ad acquistarle, innescando una classica crisi di sovrapproduzione in cui la crisi è prodotta non da scarsa produzione o da calamità naturali o da eventi bellici, bensì come conseguenza del fatto che i lavoratori generalmente non riescono più ad acquistare le merci che concorrono a produrre. Insomma l’archiviazione definitiva di quel modello che solitamente veniva chiamato come sistema fordista. Negli ultimi anni si è sentito dire che la causa della crisi sono il sistema finanziario, i mutui spazzatura, l’avarizia dei mercati, la cattiva amministrazione dei politici e delle istituzioni regolatrici. Probabilmente in ognuna di queste c’è una parte di ragione, in alcune molto più che in altre. Tuttavia, come sostiene David Harvey nel suo Crisis of Capitalism,“sembra che l’ultima cosa a passare per la testa alla maggior parte degli economisti e/o opinionisti di professione è che la causa della crisi sia il sistema stesso, che si tratti di una crisi strutturale. Anche qualche anno fa qualcuno chiese in un gruppo di discussione al quale partecipava se la crisi che allora iniziava a intravedersi fosse una tipica crisi di produzione. Allora pensavo di sì, ed è un’opinione che continuo ad avere. Nella teoria marxista classica le crisi capitaliste hanno origine nelle imprese che non trovano mercato per i loro prodotti. Sovrapproduzione che pertanto tende a coesistere con una situazione di disoccupazione, e che nel suo complesso non è altro che capitale e forza lavoro (un altro tipo di capitale) che non trovano opportunità per essere investiti e generare profitti. Questo non vuol dire che non ci sia scarsità. La sovrapproduzione implica eccedenze di merci e le merci non vanno a coprire i bisogni umani ma la domanda solvente. Così possiamo trovare uno stock, per esempio di merce-casa, che non trova sbocco sul mercato e pertanto si accumula senza essere utilizzato”.[2] Suonano assai familiari queste parole, basti pensare al fatto che solo nel nostro paese ci sono 3,5 milioni di case vuote e, tuttavia, in un contesto di distruzione di posti di lavoro, migliaia di famiglie incontrano difficoltà per dare soluzione a un bisogno così fondamentale come quello di avere un tetto. La causa per la quale il sistema capitalista tende a sfociare in questo tipo di crisi è che, dopo un periodo di espansione, la differenza tra la capacità di produzione e la domanda solvente si fa sempre più profonda, così che la domanda diventa insufficiente, i prezzi si bloccano e diminuiscono, cadono i profitti, le imprese falliscono e i lavoratori rimangono disoccupati. Cosicché, per affrontare le crisi o per evitarle, bisogna creare opportunità dove investire capitale e manodopera e/o incrementare la domanda solvente. Entrambe le cose sono intimamente legate, dato che si distruggono posti di lavoro, la domanda solvente si riduce e viceversa. Stando così le cose, direi che le ultime crisi del capitalismo globale, a partire dagli anni ‘70, sono state crisi delle soluzioni per evitare la crisi di sovrapproduzione. Queste soluzioni sono state in primo luogo,l’intervento dello Stato nell’economia e, in secondo luogo, la liberalizzazione del sistema finanziario e la creazione di complessi sistemi di debito. In entrambi i casi, la questione della casa e dell’urbanizzazione in generale hanno svolto un ruolo fondamentale (e quest’ultima è un’idea che prendo direttamente da David Harvey che a sua volta lavora sulle tesi di Henri Lefebvre); tale ipotesi sembra straordinariamente attuale.

Infine un terzo fattore, una terza concausa che mi sembra aver contribuito in modo evidente ad affossare le economie occidentali: il debito. In realtà l’economia fondata sul debito come regola, ha contribuito per anni e forse decenni ha mantenere in vita un sistema completamente esaurito, secondo uno schema che potremmo così sommariamente riassumere: per indurre al consumo in condizioni di scarsità monetaria si ricorre al debito privato → il debito privato diventa debito delle banche → il debito delle banche diventa debito pubblico dove lo Stato funziona sempre come copertura assicurativa dei banchieri → lo Stato per ripianare i debiti è costretto a tagliare ulteriormente i diritti sociali e tassare ulteriormente la base lavoratrice e produttrice → implicando una spirale di contrazione ulteriore consumi come un effetto feedback, generando un’auto-alimentazione della crisi. Basti pensare al caso europeo, dove la crisi economica apparve ulteriormente aggravata dalla crisi dei debiti pubblici di alcuni stati europei (Grecia, Irlanda, Spagna, Portogallo, Italia, Cipro, Slovenia), i cui piani di salvataggio finanziario (erogati dalla cosiddetta troika) furono volti a scongiurare il rischio di insolvenza sovrana (default), con effetti che si rilevarono tuttavia ulteriormente recessivi per l’economia reale. Questi piani furono subordinati all’accettazione di misure di politica di bilancio restrittive sui conti pubblici (austerity) basate su riduzioni di spesa pubblica e aumenti ossessivi delle imposte. Tali ricette sono state pesantemente messe in discussione, da una parte del mondo accademico internazionale (specie di formazione keynesiana), come una delle cause dell’aggravarsi dello stato di crisi che, soprattutto all’interno dell’Eurozona, appariva amplificato dall’attuazione di pesanti misure di austerity (rese necessarie dall’adozione dell’euro con cambio fisso che non consente eccessivi squilibri nel conto delle partite correnti tra gli stati aderenti). Altri esponenti accademici, di cultura liberista, ritengono invece tali misure come necessarie per evitare l’esplosione del debito pubblico e il rischio di default.

Passando al modello adottato dai governi cinesi che si sono succeduti a partire dal 1976, anno dell’avvio delle prime riforme economiche attuate da Deng Xiaoping, possiamo trovare una straordinaria differenza nei fondamentali macroeconomici; insomma i cinesi si sono affidati ad un modello di sviluppo del tutto opposto rispetto a quello che ha segnato le aree Euro e Dollaro. La Cina è oggi il paese più studiato grazie all’originalità del suo modello economico. Studiato perché è l’unica esperienza di matrice socialista che è riuscita a competere anche sul piano economico con l’Occidente; ma temuto perché è l’unico paese a far fronte agli Stati Uniti senza la necessità di allearsi in un blocco economico (e militare) extraterritoriale. Ma come mai questo paese, che è il più popoloso al mondo, è riuscito ad arrivare a questo livello? La risposta a questa domanda può essere individuata a partire dall’analisi della figura di Deng Xiaoping, l’uomo che ha portato la Cina allo sviluppo attuale. È difficile immaginare come un paese che aveva una crescita annua del 20% sia riuscito a svilupparsi. Nell’economia non è sufficiente che il prodotto nazionale cresca mentre il reddito pro-capite diminuisce, ma Xiaoping è riuscito a portare la Cina ad avere contemporaneamente sia lo sviluppo economico che quello sociale. Per capire questo paese dobbiamo riandare alla storia di questi ultimi anni e analizzarla attentamente. Prima della Rivoluzione cinese guidata da Mao Tse Tung, la Cina era un paese feudale, chiuso e diretto dalle dinastie che lo governavano sotto la supervisione inglese. Con la rivoluzione culturale Mao ha introdotto elementi economici di collettivismo – un modo di produzione basato sulla collettività dei mezzi di produzione – affinché la Cina potesse svilupparsi in maniera autonoma, nonostante quel modello rimaneva ancorato e adatto ad un’economia fondamentalmente agricola. In realtà, Mao è riuscito a controllare il problema della fame in un paese così vasto, ciò nonostante la Cina continuava ad essere assai arretrata economicamente. Con la sua morte, avvenuta nel 1975, la Cina si è divisa in due: i fedeli ortodossi alla parola di Mao, più conosciuti come la banda dei quattro, guidati dalla moglie, che sostenevano che tutti dovevano seguire ciò che lui aveva fatto e continuare la sua opera ostinatamente; e l’altro gruppo guidato da Xiaoping che era fedele al messaggio originario di Mao, come vedremo in seguito. Alla fine ha prevalso Xiaoping e questo è stato cruciale per la Cina in quanto quest’ultimo era abbastanza saggio da riuscire a guidare la Cina sulla strada dello sviluppo e della riforma. L’attuale epoca coincide con la cosiddetta Terza Rivoluzione Industriale, quella della microelettronica. Le precedenti rivoluzioni hanno portato la tecnologia meccanica che permetteva al paese di raggiungere il livello delle altre nazioni ma, poiché questa richiedeva la necessità di laboratori di ricerca, i paesi del terzo mondo sono stati condannati all’arretramento. A partire da questa rivoluzione, si è cominciato invece a verificare che lo sviluppo cinese ha incentivato le entrate dell’industria tecnologica, diversamente dall`URSS che è rimasta ancorata al vecchio sistema incentrato sull’industria pesante. Il programma di sviluppo di Xaoping si è basato sull’introduzione di elementi di mercato attuato con una grande pianificazione centrale. Ossia, Deng ha aperto gradualmente le frontiere cinesi mentre nel contempo continuava a mantenere una decisiva presenza dello Stato nell’economia e nella politica. Lo scopo di questa politica economica intrapresa da Xiaoping è stata l’accumulazione, che secondo tutti i grandi teorici classici dell’economia, come Riccardo e Adam Smith e Karl Marx, è la base preliminare per arrivare allo sviluppo. Questo fatto, aggiunto a una grande politica di controllo della natalità (che è riuscita a bloccare quell’immensa ed altrimenti incontrollata crescita demografica), ha fatto sì che la Cina sia oggi il paese con maggiori prospettive economiche. L’economia cinese ha sempre avuto, in questi anni, un aumento relativamente rapido e costante. La riforma ha affrontato subito ciò che era semplice per poi arrivare al complesso; era iniziata dalle campagne per arrivare alle città, dalla costa orientale per arrivare all’occidente. Dal campo economico a quello politico, culturale, scientifico, tecnologico, educativo ecc. Gli straordinari successi ottenuti dai cinesi confermano la superiorità del sistema socialista, sia pure di un socialismo originale. Riforma, sviluppo e stabilità sono gli unici modi di salvare il socialismo in Cina, giacché senza innovazione non c’è sviluppo, senza sviluppo non si può mantenere la stabilità sociale. Gli obiettivi che la Cina si è prefissa riguardo allo sviluppo economico, si sono svolti in tre tappe fondamentali: dal 1981 al 1990 il PIL pro capite doveva raddoppiare passando da 250 dollari a persona a 500 risolvendo per l’essenziale i problemi della gente riguardo al cibo e al vestiario; la seconda tappa dal 1991 al 2000 il PIL pro capite doveva ulteriormente raddoppiare arrivando a 1000 dollari, ovvero l’entrata del tenore di vita a uno stadio medio con il PIL che passa i 1000 miliardi di dollari. Nella terza tappa il PIL per persona deve triplicare arrivando a un reddito pari allo standard dei paesi mediamente sviluppati, alla metà del XXI secolo. La gente potrà vivere in un benessere relativo dato che la modernizzazione sarà già essenzialmente realizzata in Cina. La Cina ha realizzato nel 1987 il suo primo obiettivo con tre anni di anticipo e nel 1995 l’obbiettivo previsto per la seconda tappa. In seguito la Cina ha concretizzato l’obiettivo della terza tappa riformulando l’obiettivo in tre fasi che durerà cinquanta anni sino alla metà del XXI secolo. L’obiettivo dell’undicesimo piano quinquennale formulato nel 2005 per il 2010 era di mantenere lo sviluppo relativamente rapido e duraturo dell’economia nazionale realizzando il raddoppio del PIL in rapporto al 2000 con un consistente miglioramento del livello di vita. La vita dei contadini doveva essere sensibilmente migliorata e l’insieme delle regioni rurali doveva entrare nel livello medio di benessere. Nella seconda fase, fino al 2020, gli obiettivi economici e sociali sono l’industrializzazione e l’urbanizzazione delle campagne, dove migliorerà il tenore di vita assieme ad un ulteriore arricchimento delle città. La Cina nel suo complesso entrerà in uno stadio di moderato benessere. Nella terza fase, tra il 2020 e il 2050, si pone l’obiettivo è di arrivare a essere un paese socialista moderno a un livello di sviluppo medio. É un programma ambizioso e certamente difficile da realizzare perché quest’ultimo periodo, e qui l’esperienza internazionale insegna, potrebbe essere caratterizzato da una stagnazione con molteplici conflitti sociali. Nei primi anni ’80 la priorità fu data allo sviluppo dell’industria tessile e leggera. Il nono piano quinquennale degli anni ’90 propose la trasformazione del sistema economico e del modello di crescita economica. Il decimo piano del 2000 ha proposto la strategia d’industrializzazione e urbanizzazione (nel 2005 la percentuale di popolazione dedita all’agricoltura si aggirava ancora sul 47% mentre la percentuale della popolazione urbana era solo il 43%). Nel 2005 il PIL era il 4,7% del totale mondiale. La Terza sessione plenaria del 16° Congresso del Partito ha preso la decisione di programmare uno sviluppo scientifico sostenibile centrato sull’uomo. L’undicesimo piano del 2005 ha stabilito i nuovi compiti di accrescere la capacità innovativa, di costruire una nuova campagna socialista e una società armoniosa. Nel 2012 il PIL nominale era secondo le stime più caute già di 7.740 miliardi di dollari, il secondo al mondo e 12.460 miliardi quello a parità di capacità d’acquisto, con un PIL procapite a parità di capacità d’acquisto pari 9.100. Era 8.500 nel 2011 e 7.800 nel 2010. L’industria contribuisce per il 46.8%, i servizi per il 43.6%, l’agricoltura per il 9.6% nel 2010. La forza lavoro è di 815 milioni di persone, con un dato sempre significativo, ovvero una disoccupazione mai superiore al 4%. La Cina offre un ambiente adatto agli investimenti e alla produzione. La Cina è il paese più dinamico del mondo con la crescita più alta. Si apre sempre più verso l’esterno; il costo della mano d’opera, delle materie prime e dei servizi è molto competitivo, l’ambiente macroeconomico eccellente. La Cina sarebbe anche un paese ricco in risorse naturali e agricoltura se non fosse sovrappopolato. Il paese ha comunque notevolmente migliorato le strade, le telecomunicazioni, la qualità delle risorse idriche, l’elettricità e l’approvvigionamento di energia e materie prime sono soddisfacenti. La mano d’opera è sufficiente e la formazione tecnica elevata. La forza lavoro è di 815 milioni di persone così distribuita: agricoltura (36.7%), industria (28.7%), servizi (34.6%) secondo i dati del 2008. La Cina si sta adeguando anche dal punto di vista legale, le leggi sono sempre più in sintonia con la legislazione internazionale. La Cina ha stabilito 120 misure preferenziali per l’investimento di capitali stranieri. Dal 2001 il paese si è progressivamente aperto in tutti i campi all’investimento straniero. I limiti dell’investimento straniero riguardano l’acciaio, l’investimento immobiliare e il controllo macroeconomico riguarda particolarmente i rischi legati al sistema bancario e interessa poco le imprese straniere semmai quelle entrate in Cina con intenti speculativi. Veniamo alle cifre del boom economico cinese, in particolare nell’industria, fermandoci per ora al contesto precedente la crisi finanziaria americana:

Sebbene i dati siano del periodo precedente alla crisi mondiale, sono comunque molto significativi. Il PIL è raddoppiato dal 2002 al 2007, alla vigilia della crisi finanziaria USA, passando da 1000 a 2000 miliardi di Euro. Con un aumento annuo medio del 10,6% ha avuto in questo periodo la crescita più rapida dall’inizio delle riforme. Il ritmo medio di crescita è stato del 5% superiore a quello mondiale. Le entrate pubbliche che erano pari a 171 miliardi di euro sono aumentate di una volta e mezzo negli ultimi cinque anni. Dal 2005, il PIL ha sorpassato successivamente quello della Francia e quello della Gran Bretagna. Nel 2002, il PIL della Cina era rispettivamente il 13,9% di quello degli Usa, il 37% del Giappone e il 71,8% della Germania, diventando nel 2006 il 20% (USA), 60,6% (Giappone) e il 91,3% (Germania). Il PIL tedesco è stato superato nel 2009 e nel 2010 quello giapponese. Il PIL cinese nella produzione mondiale è passato dal 4,4% al 5,5% nel 2006 (Revenu moyen 2007).

Dal 2002 al 2007, i fondi destinati all’agricoltura, alle regioni rurali e ai contadini dalle finanze centrali sono passati da 190,5 miliardi di yuan (16 miliardi di euro) a 431,8 miliardi di yuan. Quelli destinati ai settori dell’istruzione, della scienza, della cultura e della sanità pubblica da 514,3 miliardi di yuan nel 2004 sono aumentati a 742,6 miliardi di yuan nel 2006 (63 miliardi di euro). La Cina ha buoni fondamentali anche dal punto di vista del debito, pari a circa il 20% del PIL (per avere un paragone, in Italia abbiamo sforato il 130%!). La Cina è indubbiamente la maggiore potenza industriale del mondo. Se invece del PIL assoluto prendiamo quello PPP (Purchasing Power Parity ossia a parità del costo della vita) le cose diventano ancora più chiare. Se una multinazionale produce 10 lettori CD in USA al costo di 100 dollari l’uno, la sua quota PIL per gli USA sarà 1000 dollari, se produce gli stessi 10 lettori in Cina al costo unitario di 10 dollari, la sua quota PIL in Cina sarà 100 dollari. Dal punto di vista del PIL assoluto ciò che ha prodotto in USA è dieci volte quello che ha prodotto in Cina. Dal punto di vista del PIL PPP avrà prodotto 1000 dollari in USA e 1000 in Cina (nel PPP la cifra viene infatti rapportata al costo che il prodotto ha in USA). Il PIL PPP da più l’idea della quantità di merci e servizi prodotti. La Cina comunque è la prima economia del mondo nel settore industriale, poiché il PIL degli USA è dato sopratutto dal terziario. In altre parole gli USA si conferma che le economie occidentali sono state investite da fenomeni di terziarizzazione e finanziarizzazione, mentre quella cinese è rimasta tradizionalmente ancorata alla produzione di beni materiali. I lavoratori cinesi dell’industria sono più di 200 milioni, superano quelli dell’Ocse, del Brasile, dell’India mesi assieme. Ma oltre ad essere la maggiore potenza industriale lo è anche dal punto di vista economico generale.

Questa tabella ci descrive la marcia inesorabile della Cina verso la leadership mondiale. Se poi si tiene conto che Gregory Chow sostiene che il PIL cinese sarebbe sottostimato per via del mancato apprezzamento dei fattori innovativi delle merci probabilmente già alla fine del 2008, il PIL cinese già superava quello americano. La World Bank ha invece cambiato, improvvisamente e in maniera molto sospetta, i criteri del PPP in Cina. Secondo alcuni si tratterebbe di un artificio contabile per mantenere formalmente in testa gli USA. A questo punto con il PIL della Cina che aumenta, e quello degli USA che diminuisce o ristagna, mantenendo il vecchio criterio del PPP avrebbe già abbondantemente sorpassato gli USA. Uno studio della banca di investimenti Goldman Sachs proietta nel 2041 il sorpasso sugli USA in base al PIL nominale. Scriveva Bowles ancora nel 1994: “La Cina ha raddoppiato la sua produzione pro capite nei dieci anni tra il 1977 e il 1987, uno dei periodi di tempo più brevi impiegati da qualsiasi paese per raggiungere un tale record. Questa crescita impressionante è in parte il risultato di un aumento significativo del fattore della produttività sia del settore statale che non statale, un punto di una certa importanza dato il ben documentato fallimento del socialismo a pianificazione centrale nell’aumentare la produttività. Il risultato è che l’economia della Cina è ora stimata (utilizzando i tassi di cambio di potere d’acquisto) che si superata per dimensioni solo dagli Stati Uniti e Giappone e vi è una reale possibilità che la Cina diventerà la più grande economia del mondo entro il 2025”.[3] Solo la ridefinizione del potere d’acquisto della Cina da parte della Banca Mondiale ha rimandato il sorpasso. Sarà però questione di qualche anno. Inoltre i ricavi non sono trasformati in rendite finanziarie e capitali speculativi, giochi di Borsa, invece di essere reinvestiti creando sviluppo industriale, ricerca, innovazione, occupazione e benessere per la popolazione. E’ sbagliato pensare che il boom economico si sia basato unicamente sulle esportazioni. Bisogna convincersi che gran parte della crescita economica cinese è dovuta all’espansione del mercato interno, quindi è avvenuta a direttamente beneficio dei cittadini cinesi. Tra l’altro nel capitalismo il surplus, il guadagno insomma, è appannaggio di una classe molto ristretta che ha la tendenza (particolarmente nelle aziende famigliari italiane) a investire di più in beni di consumo superflui che nello sviluppo. In Cina lo stato stabilisce i tassi d’investimento giacché ha il controllo dell’economia.

A tal fine è interessante scorgere il trend del PIL della Cina ai prezzi di mercato secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale con dati in milioni di yuan. Per l’equiparazione al Purchasing Power Parity (PPP), il dollaro è scambiato a 2,05 yuan.

Ci sono buoni motivi per pensare che la Cina possa continuare nella sua corsa; infatti i dati della Banca mondiale e Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo dimostrano che non la migliore performance media per quindici anni di Corea del Sud, Singapore, Taiwan e ha raggiunto il 10 per cento. Inoltre, il potenziale di crescita della Cina è enorme. Il suo PIL pro capite è solo il 5 per cento di quello statunitense. La Corea del Sud ha avuto più o meno lo stesso divario di crescita con gli Stati Uniti nel 1960, e continuò la rapida crescita che è ancora più probabile nella Cina di oggi di quanto lo fosse in Corea, grazie alle nuove tecnologie. La Cina può continuare a questo ritmo incredibile? Cinque fattori suggeriscono che può. In primo luogo, la Cina è attenta a investire in settori che alimentano la sua crescita. Si ottiene circa la stessa esplosione di crescita dell’India per gli stessi soldi investiti. Ma il sistema finanziario cinese mobilita più risorse che in India, e si assegna una quota molto maggiore al settore delle infrastrutture come strade, porti e sistemi fognari. In secondo luogo, la Cina ha creato incentivi che premiano il duro lavoro, la conoscenza e l’assunzione di rischi. I lavoratori rurali possono ora passare alla città e competere per i lavori urbani. L’istruzione obbligatoria è stata estesa a nove anni, e l’alto tasso di alfabetizzazione della Cina è alla base dell’aumento della produttività dei lavoratori. In terzo luogo, l’apertura audace della Cina di commercio su scala mondiale ha migliorato la sua flessibilità economica e finanziato le nuove tecnologie, mentre ha giudiziosamente gestito le aree chiave come gli investimenti esteri. Giappone e Corea non hanno mai rischiato l’apertura così veloce. In quarto luogo, le basi di una classe media durevole sono emerse, grazie alle riforme della terra, ai miglioramenti in materia di istruzione, e alle nuove reti di sicurezza sociale e pensionistica. Infine, la Cina è una società relativamente basso tasso di criminalità, dove la mancanza di minacce alla sicurezza fisica migliorano le opportunità economiche. La corruzione esiste, ma a livelli inferiori a quelli in India, Indonesia, e le Filippine, ed è vigorosamente perseguita. Tale andamento suggerisce che i funzionari cinesi stanno governando in modo agile ed energico. Le contraddizioni ed il relativo malcontento è connaturato in qualsiasi paese abbia il privilegio di trasformare la produttività così rapidamente come ha fatto la Cina. Il problema è come gestire i disordini. L’approccio della Cina è di compensare gli sfollati, punire coloro che causano problemi, e punire gli illeciti dei governi locali. Tale processo è difficilmente perfetto. Le assemblee con discorsi critici sul governo sono diffuse e in gran parte pacifiche. Sia la crisi finanziaria asiatica che l’epidemia di SARS aveva il potenziale di portare alla crisi. In entrambi i casi, il governo ha imparato dai suoi errori e recuperato in fretta, facendone tesoro negli anni successivi. La Cina è diventata nel 2011 il maggiore paese industriale del mondo, spodestando la leadership degli USA, che la deteneva da 110 anni secondo l’IHS Global Insight. L’IHS ha esaminato i dati del US Bureau of Economic Analysis, e l’Ufficio Nazionale di Statistica della Cina. La Cina aveva il 19,9% del mercato mondiale., gli Stati Uniti il 19,4%. “Gli Stati Uniti ha attraversato una grave recessione, mentre la Cina ha continuato a crescere”, ha dichiarato Mark Killion, economista di IHS Global Insight; “Sapevamo che sarebbe avvenuto comunque, ma il declino negli Stati Uniti e l’ascesa della Cina ha avvicinato molto l’evento”, ha detto Killion (China Edges 2011). Per il Wall Street Journal “L’America è umiliata ancora una volta dal successo cinese”. (McIntyre 2011). Secondo il Crédit Suisse AG, nel 2016 poterebbe superare il Giappone come secondo paese più ricco del mondo con una ricchezza totale di 40 milioni di dollari. Stime della PwC, la maggiore società di contabilità al mondo segnalano che la Cina diventerà nel 2018 la maggiore economia del pianeta come risulta da uno studio sul peso delle 22 maggiori economie del mondo a parità di potere d’acquisto del PIL ai prezzi di mercato. Secondo il FMI il PIL cinese (PPP) potrebbe superare quello americano nel 2016 aprendo la strada a quando nel 2050, forse anche prima, gli attuali paesi emergenti domineranno lo scenario economico globale. Va altresì ricordato che rispetto alla crescita della Cina gli USA sono cresciuti solo del 4,6%; e che nel 2010, la proporzione del PIL della Cina nel totale mondiale è del 9,5%, quasi il doppio del 5% de 2005, equivalendo al 40,2% di quello degli USA (Informe anual 2012). Questa straordinaria crescita economica – che probabilmente non ha paragoni nella storia moderna – induce anche ad una riflessione geopolitica: la Cina è ormai un punto di riferimento per tutti paesi che cercano di sottrarsi all’egemonia americana. la Cina lo può fare a differenza dell’URSS che non aveva la possibilità di esportare né un modello economico efficiente, né tecnologia e management, né capitali. Come correttamente ricorda Giovanni Arrighi nel suo Adam Smith a Pechino: “Assieme a questa trasformazione, si assiste a una crescita, relativamente agli Stati Uniti, dell’importanza della Cina anche fuori dall’Oriente asiatico. Nell’Asia meridionale gli scambi con l’India sono passati dai 300 milioni di dollari del 1994 ai 20 miliardi di dollari del 2005, una vera inversione a U nelle relazioni commerciali a cui si accompagna un’intensificazione senza precedenti nella realizzazione di accordi sia a livello aziendale che a livello governativo. Il fallimento americano nel prendere il controllo esclusivo del “rubinetto petrolifero globale” in Medio Oriente ha trovato la sua sanzione più spettacolare nell’ottobre 2004 con la firma di un grande contratto di forniture petrolifere fra Pechino e Tehran. Ancora più a Sud, la Cina preme sull’Africa per le proprie forniture petrolifere. Nel 2000 Pechino ha volontariamente rinunciato a 1,2 miliardi di dollari di debiti dei paesi africani e nei cinque anni successivi ritmo scambio fra Africa e Cina è passato da poco meno di 10 milioni di dollari a più di 40 miliardi di dollari. Un numero crescente di imprenditori cinesi – nel 2006 erano dieci volte di più che i 2003 – si recano in Africa per realizzare investimenti in paesi cui le aziende occidentali non sembrano interessate e a cui il governo cinese offre assistenza allo sviluppo a fronte della sola contropartita politica del non riconoscimento di Taiwan e senza nessuno di quei lacci e laccioli che si nascondono dietro agli aiuti occidentali. In risposta, i governanti dei paesi africani guardano sempre più a Oriente in tema di commercio, aiuti e alleanze politiche scrollando via i tradizionali legami storici del continente con l’Europa e gli Stati Uniti. Altrettanto importante è stato l’ingresso della Cina in Sud America. Mentre Bush si è limitato a una fugace apparizione al meeting dell’APEC del 2004 in Cile, Hu Jintao ha impiegato due settimane per visitare Argentina, Brasile, Cile e Cuba, ha annunciato più di trenta miliardi di dollari di nuovi investimenti e ha firmato contratti di lungo periodo per la fornitura alla Cina di materie prime essenziali. Gli effetti politici di queste iniziative sembrano più evidenti in Brasile, dove Lula ha più volte lanciato l’idea di una “alleanza strategica” con Pechino, e in Venezuela, dove Chavez salutò nella rapida ascesa degli scambi petroliferi con la Cina l’aprirsi di una via per il Venezuela per rompere con la propria dipendenza dal mercato americano”.[4]

Tirando le somme, possiamo stabilire alcune caratteristiche essenziali della poderosa ascesa cinese: aumento della produzione di beni, merci e prodotti materiali che ha mantenuto un + 10% di PIL ultimo decennio; (le cifre più caute parlano di un + 8% di PIL nell’ultimo biennio). Un aumento delle condizione di vita della popolazione (il PIL è cresciuto di pari passo con il potere d’acquisto delle masse lavoratrici, mantenendo la disoccupazione al 3,9 – 4,1%, e un potere d’acquisto medio annuo delle masse lavoratrici del + 10%). Una chiara crescita della domanda interna, funzionale anche alla protezione dalle oscillazioni dei mercati internazionali. Ed un aumento della capacità di erogazione del credito bancario interno alle forze imprenditoriali; come infatti ricorda l’economista statunitense Patrick Chovanec“In Cina per combattere la recessione sono stati introdotti due piani di stimolo all’economia. Nel primo il governo ha speso 4000 milioni di renminbi per potenziare le infrastrutture. Con il secondo piano ha iniettato nelle banche commerciali 10.000 milioni di renminbi perché li dessero in prestito a chi ne aveva bisogno; di questi, 2000 milioni sono serviti a sostenere il primo stimolo. Una parte dei prestiti elargiti dalle banche sono i cosiddetti non-performing loans, investimenti che non generano soldi ma che sviluppano l’economia, come per esempio la costruzione di strade ferrate. Per il governo cinese incitare le banche a comportarsi in questo modo, e cioè a concedere prestiti, non è un problema perché è ricco e se necessario può facilmente ricapitalizzare”.[5] E qui basta ricordare come l’enorme surplus monetario cinese abbia avuto una conseguenza epocale dal punto di vista geo-economico, nella misura in cui il credito cinese si è tradotto in acquisto del tesoro americano. L’ammontare di titoli detenuto da questa ampia categoria di finanziatori del debito USA ammonta a più di 9.000 miliardi di dollari. Spiccano in particolare i 1.152 miliardi detenuti dalla Cina, a cui vanno aggiunti i 112 miliardi in mano a Hong Kong e una frazione più risibile a Macao. A seguire c’è il Giappone, creditore fin dai primi anni Ottanta, con 906 miliardi. Terzo posto per il Regno Unitocon 333 miliardi e quarto per i Paesi esportatori di petrolio con 221,5 miliardi. Da notare anche il Brasile con quasi 207 miliardi.

Dall’altra ci sono gli enti governativi statunitensi con i restanti 4.613 miliardi. Per la gran parte si tratta di fondi fiduciari per finanziare il sistema del welfare (come i programmi Social Security e Medicare) e la costruzione di infrastrutture. In pratica, se sommiamo questi titoli a quelli detenuti dalla Fed scopriamo che quasi la metà (circa 6.000 miliardi) del debito del Paese è con se stesso, il che non è molto rassicurante. Un po’ come avveniva da noi negli anni Ottanta, quando l’allora Ministero del Tesoro apriva linee di credito presso la Banca d’Italia per finanziarsi. L’adesione all’euro, con il conseguente trasferimento delle competenze di politica in tema di monetaria in capo alla Bce, ha posto fine a questa pratica licenziosa. In secondo luogo, oltre 7.840 miliardi sono detenuti da investitori nazionali, mentre la restante metà è in mano ad investitori esteri. Ciò significa che in caso di default il mercato soffrirebbe non poco, con ripercussioni potenzialmente gravi per la stabilità della finanza internazionale. Infine, l’ultima demarcazione è tra titoli negoziabili e non. Quasi tutto il debito detenuto dal pubblico è negoziabile, ovvero passibile di essere oggetto di scambio sui mercati. Solo una piccola parte (540 milioni) è non negoziabile, dunque emesso in favore di determinati possessori e detenuto stabilmente da questi ultimi. In buona sostanza la Cina Popolare è oggi il primo finanziatore del debito americano, senza della quale l’economia statunitense non avrebbe più avuto copertura reale per mantenere i propri equilibri di bilancio ad un livello accettabile. Questo modello dello sviluppo cinese, che vede consumo e produzione regolati dall’autorità dello Stato, legando costantemente crescita del PIL alla crescita condizioni di vita (e relativa capacità di consumo interno) e viene chiamato socialismo armonico di mercato.

A questo punto risulta naturale una riflessione di carattere ideologico; non deve infatti stupire, e nemmeno suonare coma un’anomalia, il fatto che elementi di economia di mercato siano per la Cina Popolare affiancati ad elementi di carattere statale e socialista, nel quadro di una salda guida del PCC sui vari organi di Governo. Questo sistema, che è fondamentalmente un sistema misto tra imprese pubbliche e private sotto la direzione generale dello Stato è chiamato come socialismo armonico di mercato in tutti i documenti scaturiti nei due ultimi Congressi generali del PCC, il 17° e il 18°. Spesso tale sistema è criticato, inopportunamente, anche da settori della sinistra che sono dimentichi dell’autonoma tradizione socialista cinese, dove la collaborazione tra attori pubblici e privati allo sviluppo della nazione è in realtà una costante. Consci del fatto che, oltretutto con assoluta correttezza anche marxista, i dirigenti cinesi vedono il socialismo non come collettivizzazione della povertà (vedi comuni agricole maoiste) ma come collettivizzazione di un benessere diffuso che deve essere conseguente al pieno sviluppo delle forze economiche, tecnologiche e scientifiche della nazione (anzi come sua filiazione), in realtà nella storia del socialismo cinese il concetto di cooperazione tra classi sotto la direzione dello Stato emerge ben prima della fase attuale. Già Mao Tse Tung, con la sua teoria del Fronte Unito aveva infatti teorizzato che “La Repubblica Popolare, nel periodo della rivoluzione democratica borghese, non abolirà la proprietà privata, a meno che non abbia carattere imperialistico o feudale, non confischerà le imprese industriali e commerciali della borghesia nazionale, ma, al contrario ne incoraggerà lo sviluppo. Dobbiamo proteggere qualsiasi capitalista nazionale, a condizione che non appoggi gli imperialisti o i traditori della patria. Nella fase della rivoluzione democratica, la lotta tra il lavoro e il capitale avrà dei limiti. Le leggi sul lavoro della repubblica popolare salvaguarderanno gli interessi degli operai, ma non saranno dirette contro l’arricchimento della borghesia nazionale e lo sviluppo dell’industria e del commercio nazionale, poiché tale sviluppo nuoce agli interessi dell’imperialismo ed è a vantaggio degli interessi del popolo cinese. Ne consegue che la repubblica popolare rappresenterà gli interessi di tutti gli strati del popolo in lotta contro l’imperialismo e le forze feudali”.[6] Ebbe, non a caso, modo di affermare ciò nel 1969, proprio dopo fallimento grande balzo in avanti e comuni agricoli, esperimento ammirevole ma contraddittorio di socialismo rurale. Ancora Deng Xiaoping così si espresse a proposito della modernizzazione socialista: “Le forze d’avanguardia della produzione, la cultura più avanzata e i più ampi interessi delle masse, incoraggiando la partecipazione popolare a partire da tutti i livelli della società per trasformare la Cina in un moderno paese socialista”. E ancora Jang Zemin, parlando della teoria della tripla Rappresentanza, ebbe a dire: “Il compito fondamentale del socialismo è di sviluppare le forze produttive. Durante lo stadio iniziale è tanto più necessario concentrarsi, con assoluta priorità, sul loro sviluppo. Diverse contraddizioni esistono nell’economia, nella politica, nella cultura, nelle attività sociali e in altri settori della vita in Cina; ma la contraddizione principale nella società è quella tra i crescenti bisogni materiali e la produzione arretrata. La contraddizione principale continuerà ad essere questa durante la fase iniziale di costruzione del socialismo in Cina e in tutte le attività della società”.[7] Il Presidente Hu Jintao, sulla stessa falsariga, così descrisse nello Statuto del PCC varato nel 2007 i caratteri del socialismo armonico di mercato: “la visione dello sviluppo scientifico è una teoria scientifica che si adatta perfettamente ai tempi e che deriva in linea diretta dal marxismo-leninismo, dal pensiero di Mao Tse Tung, dalla teoria di Deng Xiaoping e dall’importante pensiero della Tripla rappresentanza”.[8]Insomma che Stato e mercato attori parallelamente coinvolti in uno stesso progetto di sviluppo e modernizzazione sono un elemento di continuità dello straordinario sviluppo cinese, e non un’anomalia. Questo perché si può scorgere un filo rosso del socialismo cinese, che pone il tema del progresso come propedeutico a quello del socialismo (prima contraddizione tra cina e suoi nemici; seconda tra classi all’interno della cina – prima contraddizione tra sviluppo e sottosviluppo; seconda su distribuzione sociale sviluppo), sorge però una questione: ma lo Stato e il Pcc che ruolo hanno, o si limitano a guardare il dispiegarsi delle forze produttive? La risposta deve essere scorta negli obiettivi di lungo termine del progetto modernizzatore della Cina Popolare; Mao diceva che prima di poter parlare di socialismo in Cina bisognava almeno attendere un secolo, e chi lo accusava di temporeggiare, controargomentava che al capitalismo erano servite due rivoluzioni industriali ed oltre due secoli ed ancora non aveva risolto le sue contraddizioni; Hu Jintao, nel congresso del 2007, parlava del 2012 (centesimo anniversario del Pcc) come data per poter parlare di “una società di media prosperità di livello elevato” e del 2049 (centesimo anniversario della Rep. Pop.) come data decisiva per il raggiungimento di “uno Stato socialista armonioso, prospero, potente, democratico e modernizzato”.

Per il ruolo giocato dalla Cina nell’economia mondiale e per le potenzialità espresse, questo paese è ormai un fattore chiave nell’analisi dell’attuale crisi internazionale. In tal senso, benché i vari punti di vista e le opinioni in merito non siano omogenei, c’è un certo consenso riguardo al ruolo di rilievo che la Cina potrebbe avere nelle dinamiche globali. La crisi, scoppiata negli Stati Uniti a metà del 2007 come crisi del mercato immobiliare, è divenuta una crisi finanziaria di portata mondiale, e ora tutti concordano sul fatto che si tratti di una crisi economica globale che ha reso manifeste le conseguenze della liberalizzazione e globalizzazione dei mercati. L’estensione pressoché immediata della crisi al resto del mondo trova spiegazione nella stretta interconnessione esistente tra i diversi mercati finanziari, nella liberalizzazione e flessibilità delle operazioni finanziarie e nell’automatizzazione dei mercati; processo che ha reso facile l’acquisto, da parte investitori internazionali che ne ignoravano la natura – e dunque il rischio insito – di complessi prodotti finanziari legati ai debiti ipotecari. La crisi, inoltre, trascende ormai l’ambito finanziario e va a toccare l’economia reale. L’impatto maggiore è avvertito nell’economia nordamericana, dove si osserva un rallentamento della crescita ed una contrazione della domanda interna, che incide indirettamente sul resto del mondo in termini di scambi commerciali. Nel caso dell’Asia, benché l’esposizione diretta alla crisi sia stata limitata dalla minore presenza di titoli “tossici” nei mercati finanziari di questi paesi, l’impatto è stato comunque avvertito, proprio a causa del processo avanzato di globalizzazione dell’economia mondiale. Il colpo più duro è venuto dal rallentamento della crescita globale, in particolare negli Stati Uniti e in Europa. Questo rallentamento si riflette sulla domanda, e comporta un calo delle esportazioni con conseguenze pesanti sull’economia asiatica.

Anche la Cina è stata colpita dalla crisi, benché l’impatto diretto sia stato abbastanza limitato. Si stima che degli oltre 1,9 bilioni (milioni di miliardi) di dollari statunitensi presenti nelle riserve monetarie cinesi, almeno la metà sia costituita da investimenti in titoli del debito pubblico statunitense e da oltre 400 mila milioni da titoli di Fannie Mae e Freddy Mac.[9] Il livello di esposizione più elevata è quello della Banca Centrale e di altre banche commerciali (soprattutto la Banca Cinese e la Banca Commerciale Cinese) che nel complesso detenevano circa 30 mila milioni di dollari in prodotti finanziari legati alle ipoteche americane. Inoltre, almeno 7 banche cinesi hanno confermato di avere, al momento della bancarotta, buoni della Lehman Brothers per 772 milioni di dollari, una cifra che tuttavia rappresenta meno dello 0,5% del capitale complessivo investito in titoli.[10] Tuttavia, dato l’orientamento dell’economia verso le esportazioni, l’impatto più duro è stato avvertito sul commercio e sugli investimenti, molto forte in termini di riduzione delle esportazioni. Infatti, pur essendo queste cresciute del 30% annuale tra 2003 e 2007, e del 20% nel 2008, nel dicembre dello stesso anno il tasso di crescita inter-annuale[11] si è ridotto al 5,3%, a causa della contrazione della domanda, in primo luogo da parte dei mercati statunitensi ed europei.[12] Va considerato, a proposito, che la domanda dei G-3 (Stati Uniti, Europa e Giappone) rappresenta il 46% delle esportazioni cinesi. A partire da ottobre 2008 gli investimenti diretti esteri (IDE) hanno avuto una tendenza decrescente. Durante i primi cinque mesi dell’anno gli IDE verso la Cina si sono ridotti del 20,4% rispetto allo stesso periodo del 2008, attestandosi a 34.050 milioni di dollari. Nel maggio 2009 inoltre sono diminuiti di un ulteriore 17,8%, scendendo a 6.380 milioni di dollari, in conseguenza dell’ottava caduta mensile consecutiva. Tutto ciò ha avuto un effetto notevole sulla crescita, dato che le esportazioni costituiscono il 40% del PIL cinese e che nel 2008 gli investimenti esteri sono stati pari al 29,7% della produzione industriale totale, al 21% delle entrate fiscali, al 55,3% delle esportazioni ed al 54,7% delle importazioni; inoltre, gli IDE avevano creato posti di lavoro per 45 milioni di persone.[13] Dunque nel 2008, con una crescita del 9% (la più bassa degli ultimi sette anni), l’economia cinese ha vissuto il rallentamento più forte a partire dalle riforme di trent’anni fa. Il rallentamento della crescita in sé, non è poi così grave per la Cina, considerando che le autorità intendevano frenarla per evitare il surriscaldamento dell’economia; tuttavia dal punto di vista della creazione di posti di lavoro la minore crescita ha un peso significativo, e date le caratteristiche demografiche della Cina, pone il paese intero di fronte ad una sfida importante. Si stima, infatti, che l’economia cinese debba mantenere un tasso di crescita vicino all’8% annuo per poter creare abbastanza impiego da garantire la stabilità sociale e politica del paese. La crisi attuale ha coinvolto circa 150 milioni di lavoratori immigrati, di cui circa 20 milioni sono dovuti tornare nei luoghi d’origine. Si avverte inoltre l’urgenza di creare nuovi posti di lavoro per i 6,5 milioni di studenti universitari che si sono laureati nel 2009. Nonostante quanto detto finora, la Cina può contare su alcune fattori che la pongono in una posizione migliore nella crisi rispetto ai grandi paesi occidentali, sia per quanto riguarda la limitatezza dell’impatto, sia per quanto riguarda la possibilità di affrontarne le conseguenze. Tra i fattori che spiegano la limitatezza dell’impatto vanno citati: la possibilità del governo cinese di utilizzare poderosi strumenti d’intervento, nonostante la liberalizzazione e l’apertura dell’economia frutto delle riforme. Tale capacità d’intervento è evidente nel grado di controllo sul mercato finanziario, nella limitazione posta agli investimenti esteri e nella cautela usata rispetto ai complessi prodotti finanziari diffusi negli altri paesi. Benché sia cresciuto il livello di interdipendenza tra economia mondiale ed economia cinese, il sistema finanziario di quest’ultima non ha ancora forti legami con quello internazionale, e ciò determina una maggiore resistenza agli effetti della crisi finanziaria. Oltre a ciò, in confronto ad altri paesi la Cina era più preparata ad assorbire le conseguenze della crisi. Da questo punto di vista occorre considerare i successivi vari elementi. Il sistema bancario è stato notevolmente migliorato dalle riforme ed è più solido rispetto a quello degli altri paesi. I crediti non recuperabili sono solo il 5% dei titoli posseduti. Anche se la quota dovesse salire al 12%, le perdite potrebbero essere assorbite attraverso le rendite bancarie. In Cina la situazione dei debiti è comodamente gestibile. A fine 2007 il totale dei prestiti rappresentava meno del 12% del PIL, di cui il 7% costituito da debiti a breve scadenza. Inoltre, con un surplus di partita corrente del 10%, la Cina non ha bisogno di far affluire valuta estera per finanziare la propria crescita. La situazione fiscale è solida, con un debito pubblico che ammonta 15% del PIL e un surplus fiscale del 1%. Il tasso di risparmio privato è uno dei più elevati al mondo (35%), perciò le banche cinesi possono contare su un’abbondante liquidità e il sistema bancario è uno dei pochi a non essere stato toccato dalla crisi del credito. Inoltre, la quota dei prestiti sui depositi è al livello che aveva a metà anni Sessanta, e dato che molte banche sono pubbliche, il flusso del credito può essere diretto verso l’economia a seconda delle necessità. La Cina può contare sulle riserve monetarie più ampie del mondo, dato ché a fine marzo 2009 ammontavano ad 1 bilione, 953 mila e 700 milioni di dollari. Quella cinese è fondamentalmente un’economia di Stato (quasi il 70% della proprietà dei mezzi di produzione è in mano allo Stato), con un potere decisionale e d’intervento fortemente centralizzato.

I punti di forza citati fanno sì che, a differenza della maggior parte dei paesi colpiti, la Cina possa contare sugli strumenti necessari ad adottare incentivi economici utili per affrontare la situazione. In sintesi questi strumenti sono: le ampie risorse statali; la capacità di gestione, la cautela e la flessibilità dimostrate dal governo e dal Partito Comunista; la serietà dimostrata nell’impegno a sostenere l’economia. In quest’ottica, il governo si è affrettato a promuovere un ampio piano di incentivi economici da qui al 2010, per un ammontare di 4,4 bilioni di yuan (585.000 milioni di dollari), pari al 13 % del PIL. L’80 % delle risorse sarà destinato ad investimenti infrastrutturali, e gli effetti saranno percepiti gradualmente a partire dal secondo semestre del 2009 e nel 2010.[14] Il piano adottato ha quattro obiettivi strategici: 1-Equilibrio dell’economia: sviluppare un strategia di crescita a lungo termine, basata in misura maggiore sul consumo interno e meno sulle esportazioni. 2-Aumentare l’efficienza: modernizzare e ristrutturare l’industria per migliorarne la produttività e l’efficienza (rivitalizzare i settori più importanti per lo sviluppo). 3-Sviluppo sociale: estendere il benessere sociale ed aumentare i livelli occupazionali. 4-Dare alle riforme un carattere di continuità: mantenere stabile il processo di riforma e fare progressi nel raggiungimento degli obiettivi stabiliti. Con queste finalità, il governo ha aumentato le risorse del piano 2009 destinate al settore ricerca e sviluppo e alla spesa sociale in aree chiave come l’istruzione, l’assistenza medica e la sicurezza sociale. Dunque, il programma cinese anticrisi si differenzia notevolmente da quelli messi in atto dagli altri paesi. In primo luogo, si differenzia per l’entità dell’intervento, che in termini di risorse è il maggiore messo in pratica tra tutti i paesi emergenti; Secondo, è diverso perché la sua azione non si limita ad affrontare la situazione congiunturale, e punta invece verso uno sviluppo a lungo termine; Terzo, il programma d’intervento tocca la sfera sociale e include impegni importanti sul piano della protezione ambientale, cosa che manca totalmente nei piani d’intervento degli altri paesi e che risulta ancora più significativa data la situazione di crisi; Infine, si tratta di uno dei programmi più efficaci, dato che se ne cominciano già a vedere i risultati.

A dispetto della rapidità con cui le misure descritte sono state adottate in Cina, nei primi mesi del 2009 gli effetti della crisi non hanno smesso di manifestarsi. Il commercio ha continuato a contrarsi rispetto all’ultimo trimestre del 2008, le esportazioni sono diminuite del 25,7 % e le importazioni del 43,1 %. Nel settore industriale la caduta del valore aggiunto è stata di 9,1 punti percentuali rispetto al totale del 2008. La diminuzione del tasso di crescita, nel primo trimestre del 2009 è stata sensibile (6,1 % rispetto al primo trimestre del 2008), anche se le politiche espansive adottate hanno cominciato a stimolare la domanda interna e l’economia ha iniziato a riprendersi. Per il 2009 ci si aspetta che l’economia cresca del 7-8 %, e che inizi un lento recupero nel corso del 2010, dato che ci vorrà del tempo per avviare un processo di crescita diverso da quello basato sulle esportazioni. L’opinione di Li Yang, ex consulente della Banca Centrale cinese e direttore dell’Istituto di Finanze dell’Accademia di Scienze Sociali cinese, l’andamento del recupero avrà la forma di una “W”, ovvero la crescita diminuirà nel momento in cui si esaurirà l’effetto immediato delle misure di stimolo fiscale e monetario, ma in seguito tornerà ad aumentare.[15] A partire dal primo trimestre del 2009 alcuni indicatori hanno iniziato a dare segni positivi: gli aggregati monetari e i crediti del settore finanziario hanno registrato una tendenza al rialzo. Il credito erogato nel corso dell’anno rappresenta più del 93 % del credito concesso nel 2008. Inoltre, anche la produzione industriale e il valore aggiunto del settore hanno invertito la tendenza al ribasso, salendo del 5,1% (1,3 punti percentuali in più rispetto a febbraio), e gli investimenti diretti esteri mostrano segni di recupero quali il rallentamento della flessione rispetto ai mesi precedenti. Altri indicatori incoraggianti sono l’aumento dell’investimento in titoli a tasso fisso, che ha raggiunto il 28,8%, così come la crescita dei consumi rappresentata dall’aumento della vendita di automobili (3,4% rispetto al primo trimestre del 2008). In base a questi dati, gli analisti sono certi che la Cina sarà il primo paese a riprendersi dalla crisi e quello che a livello mondiale avrà la crescita maggiore, benché non potrà tornare ai tassi di aumento del PIL a due cifre degli ultimi anni. Sembra fuori dubbio che per la Cina l’esito finale della crisi sarà positivo, non solo in termini di raggiungimento degli obiettivi interni, ma soprattutto per la posizione internazionale che guadagnerà. Sul piano del commercio, la diminuzione dei prezzi di materie prime e prodotti alimentari ha reso meno costose le importazioni, e ciò si riflette positivamente sulla competitività delle esportazioni, oltre a rappresentare un vantaggio per i consumatori cinesi in termini di moderazione del rischio d’inflazione.[16] La diminuzione dei prezzi, aiuta a sua volta a compensare la caduta del volume di esportazioni, e pone il paese in condizioni più favorevoli ad aumentare la presenza sui mercati esteri. Sfruttando la contrazione della domanda di combustibili causata dalla recessione mondiale e dal loro deprezzamento, la Cina sta orientando gran parte delle riserve monetarie all’acquisto di greggio dall’estero, con l’obiettivo di accrescere le proprie riserve petrolifere e assicurare sia la crescita presente che futura. D’altra parte, a causa della scarsità di risorse disponibili per il finanziamento su scala mondiale e dell’ampiezza delle riserve monetarie cinesi, il paese sta accentuando la strategia di investimento all’estero, per garantirsi le risorse necessarie alla crescita e l’accesso a nuove tecnologie.[17] È noto, inoltre, che di fronte alle difficoltà economiche attraversate da numerose imprese occidentali la Cina ha manifestato interesse alla loro acquisizione totale o parziale, il che ha suscitato congetture in merito al tentativo del gigante asiatico di aiutare tali imprese, o piuttosto di stare approfittando della crisi delle stesse. Finora, la Cina ha dimostrato di gestire tali progetti con estrema cautela, cercando di non entrare in conflitto con le controparti occidentali, evitando rischi economici e politici e dando prova di grande responsabilità sullo scenario internazionale. Dal punto di vista monetario, lo yuan si è mantenuto stabile, con una tendenza all’apprezzamento rispetto al dollaro statunitense, ciò a causa della volatilità del dollaro e della posizione cinese nel contesto attuale, che rende sempre più plausibile un maggiore riconoscimento dello yuan a livello internazionale. Nel complesso questi elementi confermano che la crisi sta facendo da catalizzatore rispetto all’emergere sullo scenario globale della Cina, destinata ad avere un ruolo sempre più importante. Nel breve termine, ci si aspetta che il Gigante Asiatico abbia un peso rilevante nell’uscita dalla crisi e che diventi la seconda economia mondiale (secondo alcuni questo avverrà nel 2010, secondo altri nel 2018).[18] La posizione occupata a livello mondiale dal PIL, costituisce unicamente una misura delle dimensioni dell’economia cinese, ma non è rilevante in termini assoluti. In primo luogo perché dal punto di vista dei redditi procapite la Cina impiegherà ancora molto tempo per raggiungere i livelli dei paesi sviluppati; in secondo luogo perché per la Cina è più importante il grado di partecipazione all’economia e alla politica internazionale, piuttosto che la posizione occupata nelle classifiche degli indicatori macroeconomici. Quello che è certo è che in questa fase la Cina Popolare si sta affermando come uno dei motori dell’economia mondiale, con un apporto sempre maggiore alla crescita mondiale. In questo senso, si ipotizza che il miglior contributo che la Cina possa dare all’uscita dalla crisi è continuare il processo di crescita. Di fatto, il PIL cinese complessivo come dato di stock non è ancora largamente superiore a quello di Europa e Stati Uniti. Inoltre, il consumo privato è ancora un terzo di quello statunitense, perciò la contrazione del consumo negli Stati Uniti, a cui va aggiunta quella in atto nelle altre economie avanzate, non può essere compensata dall’aumento del consumo cinese e delle altre economie emergenti sul breve termine. Altro aspetto da considerare, in merito al possibile contributo cinese all’uscita dalla crisi mondiale, è quello delle relazioni cinesi con il resto del mondo. Da questo punto di vista, nei confronti degli Stati Uniti, si osserva un atteggiamento di sostegno del dollaro, al punto che ormai il futuro economico degli Stati Uniti dipende in larga misura dalla continuità dell’acquisto di buoni del Tesoro da parte cinese. Naturalmente, la Cina è molto interessata sul brevissimo termine a mantenere a galla quello che è il suo maggior acquirente internazionale, oltre che fonte di capitali d’investimento, perciò ha continuato a comprare i buoni nonostante la svalutazione del dollaro, la cui quota nelle riserve cinesi è però in via di diminuzione. Nei confronti dell’Europa, l’atteggiamento cinese è una politica di cooperazione diretta a stimolare la domanda e la crescita di entrambe le economie, e ad evitare che la crisi spinga all’adozione di misure protezionistiche. Per quanto riguarda lo scenario asiatico, spicca il ruolo assunto dalla Cina nella cooperazione e concertazione regionale delle politiche di stabilità finanziaria e monetaria. In tal senso, è notevole la determinazione cinese mostrata nell’appoggio alla Iniziativa di Chiang Mai, un sistema di scambio di valute tra paesi asiatici istituito dopo la crisi finanziaria regionale di fine anni Novanta, in aggiunta agli incentivi finanziari e fiscali alle esportazioni.[19] Recentemente i paesi dell’Asean +3 hanno stabilito le quote che ognuno apporterà al fondo comune, che ammonta a 120.000 milioni di dollari; si tratta della prima azione congiunta e autonoma di portata continentale diretta a fronteggiare la crisi e a proteggere le monete nazionali dei paesi membri. Per quanto riguarda il peso relativo di ciascun paese, Cina e Giappone superano entrambi il 32% del totale, la Corea del Sud si attesta al 16% e gli altri paesi dell’Asean coprono il residuo 20%. Per quanto riguarda i paesi in via di sviluppo, la Cina ha aumentato l’aiuto nonostante la crisi finanziaria globale e si è detta disponibile a sostenere i paesi in difficoltà. All’inizio del 2009, i leader cinesi sono stati in Asia, Africa, America Latina ed Europa per discutere alcuni progetti di cooperazione commerciale ed economica, contrastare le misure protezionistiche e raccogliere consenso sulla comune opposizione alla crisi. Per altro, le autorità cinesi hanno dichiarato che continueranno ad impegnarsi nell’implementazione degli accordi stipulati con gli altri paesi, guadagnando credibilità come “partner di fiducia” nell’attuale contesto di crisi. Infine, vanno sottolineati aspetti rilevanti, come il ruolo che nel lungo termine la Cina potrebbe assumere a livello mondiale. In tal senso, si intravede il potenziale protagonismo cinese sul piano finanziario e nella ricostruzione del sistema finanziario internazionale, soprattutto per quanto riguarda l’emergere dello yuan e la partecipazione cinese alle istituzioni finanziarie internazionali. In merito alla propria valuta la Cina sta attuando, con intensità sempre maggiore, una strategia di promozione dello yuan come moneta internazionale, strategia che prevede l’avvio di progetti di cooperazione con altri paesi, come Argentina e Russia, che inizieranno ad usare lo yuan come mezzo di pagamento nell’interscambio commerciale, al fine di limitare la propria dipendenza dal dollaro statunitense; da parte cinese, l’obiettivo è invece quello di diffondere lo yuan in regioni diverse da quella asiatica. Negli ultimi mesi il paese ha poi firmato accordi nei quali si impegna a prestare yuan a determinati paesi asiatici (Corea del Sud, Malesia, Indonesia) e alla Bielorussia, qualora dovessero attraversare un’emergenza finanziaria; inoltre Hong Kong è stato autorizzato ad usare lo yuan nel commercio con il resto dell’Asia. Tuttavia, almeno nel breve e nel medio termine, lo yuan non sostituirà il dollaro come moneta di riserva internazionale globale (alcuni economisti lo considerino possibile entro il 2020)[20], anche se Shangai si affermerà come vero e proprio centro finanziario mondiale; per allora si stima che il 9% delle riserve mondiali saranno in valuta cinese, facendone così la quarta valuta più importante dopo il dollaro, l’euro e la sterlina. Per quanto riguarda il ruolo all’interno delle istituzioni finanziarie mondiali, l’aumento del potere finanziario cinese avrà l’effetto di limitare la capacità di decisione unilaterale di Stati Uniti ed Unione Europea. La Cina ha inoltre mostrato disponibilità a finanziare il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Asiatica di Sviluppo (ADB), e dunque a rafforzare la propria posizione in questi organismi. Va poi considerato che, nel 2010, il Fondo Monetario revisionerà i pesi assegnati alle singole valute all’interno del paniere di monete che compongono i cosiddetti Diritti Speciali di Prelievo. La composizione di questo paniere viene aggiornata ogni cinque anni, nell’ultima revisione del 2005 il dollaro rappresentava il 44% del paniere, l’euro il 34%, lo yen e la sterlina l’11% ciascuno; nella revisione del 2013 lo yuan potrebbe far parte della lista. Inoltre, recentemente la Cina ha proposto di creare una nuova valuta internazionale, gestita dal Fondo Monetario, che rimpiazzi il dollaro come moneta di riserva e di scambio commerciale. Questa moneta potrebbe essere costituita dagli stessi Diritti Speciali di Prelievo, in modo da rendere più stabile il sistema finanziario internazionale. La proposta cinese, benché di difficile attuazione per molte ragioni, di cui alcune di carattere tecnico, esprime la preoccupazione e la necessità avvertita di un’ampia ristrutturazione delle finanze globali e sottolinea, oltre alle perplessità cinesi nei confronti del dollaro, la volontà implicita di giocare un ruolo di maggiore protagonismo nella finanza internazionale. In sintesi, la crisi sta accelerando la formazione di un nuovo ordine mondiale economico, finanziario e politico, nel quale la Cina occuperà una posizione di superiorità indiscutibile.

A causa dei progressi nel grado di integrazione all’interno dell’economia mondiale, la Cina ha subito solo marginalmente gli effetti della crisi mondiale; tuttavia, le peculiarità del modello economico cinese si riflettono nelle caratteristiche dell’impatto: l’esposizione diretta alla crisi è stata limitata e l’effetto più forte deriva dal calo delle esportazioni e degli investimenti esteri. La Cina può far leva sulle caratteristiche del proprio modello economico che hanno limitato l’impatto, e sui punti di forza che la pongono in una posizione migliore degli altri paesi nel processo di recupero. La crisi ha messo in evidenza le peculiarità del modello economico cinese, nella misura in cui aspetti tradizionalmente oggetto di critica si sono invece rivelati punti di forza nel proteggere l’economia del gigante asiatico. Risulta quindi evidente che la crisi finanziaria occidentale sta facendo da catalizzatore del ruolo emergente della Cina sullo scenario mondiale, e del sempre maggiore protagonismo del paese asiatico.

*

[1]  Vedi K. Marx, Il Capitale, Editori Riuniti, Roma, 1964, pp. 180-184.

[2]  Vedi D. Harvey, The Enigma of Capital and the Crises of Capitalism, Profile Books, London, 2010.

[3]  Vedi  Paul Bowles and Xiao-yuan Dong, New Left Review, n°208 1-1-12:1994 pp. 49 – 77

[4]  Vedi G. Arrighi, Adam Smith a Pechino, Feltrinelli, Milano, 2008, pp. 234-235.

[5]  Vedi L. Napoleoni, Maonomics, 2010, p. 110.

[6]  Vedi Mao Zedong, Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese, 27 dicembre 1935, in Opere scelte, Vol. I, Casa Editrice in Lingue Estere, Pechino, 1969, pag.173.

[7]    Intervento disponibile anche sul sito internet China Daily, 7 dicembre 2002 .

[8]   Hu Jintao, risoluzione del XVII Congresso del PCC sullo Statuto, 21 ottobre 2007.

[9]    Società, patrocinate dal governo statunitense, che detenevano o garantivano la gran parte dei prestiti ipotecari, e che sono andate fallite.

[10]  Arribas Quintana, Javier, Crisis financier global: Serà China una victima o saldrà beneficiada?, Global Asia, 1/11/2008.

[11]   Bustelo, Pablo, Podrà China capear el temporal?, El Paìs.com, 25/01/2009.

[12]  Secondo alcune stime, quando la crescita del PIL statunitense diminuisce di un punto percentuale, le esportazioni cinesi calano del 4,75%, tale è il livello di interrelazione ed interdipendenza.

[13]  “Gli IDE in Cina scendono del 20,4% nei primi cinque mesi”, Pueblo en Linea, 16/06/2009.

[14]  Reuters, 16/06/2009

[15]  Reuters, 15/06/2009.

[16]  Lo yuan si è apprezzato del 20% tra il luglio 2005 e il febbraio 2009. (Xinhua, 8/03/2009).

[17]  IPS, 6/03/2009.

[18]  Xinhua, 14/06/2009

[19]  Si tratta di un’iniziativa adottata dai paesi che dal maggio 2000 fanno parte dell’Asean+3, che istituendo un sistema di scambio delle valute e di unione delle riserve internazionali dei paesi membri, si pone l’obiettivo di aumentare la liquidità e di vigilare collettivamente per prevenire le crisi.

[20] Xinhua, 9/05/2009.

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Geopolitica Africa

Cobalto. Il Congo triplica le tasse e ci guadagna la Cina.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-16.

2018-01-11__Congo__

«Il cobalto è l’elemento chimico di numero atomico 27. Il suo simbolo è Co.

Il nome deriva probabilmente dal greco kobalos, traducibile con folletto (ma vedi anche coboldo), “kobolt” in tedesco, probabilmente dato ai minatori tedeschi che incolpavano i folletti di fargli trovare un metallo inutile anziché il desiderato oro. ….

Il cobalto non si trova allo stato puro metallico, ma solo come minerale, e non viene estratto da solo ma come sottoprodotto della estrazione di rame o nichel. I più importanti minerali di cobalto sono la Heterogenite, la cobaltite, l’eritrite, il glaucodoto e la skutterudite. I maggiori produttori al mondo di cobalto sono la Repubblica Democratica del Congo, la Cina, lo Zambia, la Russia e l’Australia.» [Fonte]

*

«The main ores of cobalt are cobaltite, erythrite, glaucodot and skutterudite (see above), but most cobalt is obtained by reducing the cobalt by-products of nickel and copper mining and smelting.

In 2005, the top producer of cobalt were the copper deposits in the Katanga Province (former Shaba province) of the Democratic Republic of the Congo (DRC) with almost 40% world share, reports the British Geological Survey. By 2015, DRC supplied 60% of the world production of 32,000 tons at prices of $20,000 to $26,000 per ton, including artisanal mining which supplied 10% to 25%. The political situation in Congo influences the price of cobalt significantly.

The Mukondo Mountain project, operated by the Central African Mining and Exploration Company (CAMEC) in Katanga, may be the richest cobalt reserve in the world. It was estimated to be producing one third of total global production of cobalt in 2008. In July 2009, CAMEC announced a long-term agreement to deliver its entire annual production of cobalt concentrate from Mukondo Mountain to Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Materials of China.» [Fonte]

*

Questo è il profilo che Bloomberg fornisce per la Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Materials.

«Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material Co.,Ltd. is engaged in the research and manufacture of cobalt, nickel, and copper compounds for customers in China and internationally. It offers cobalt chloride, cobalt oxalate, cobalt sulfate, copper sulfate, cobalt hydroxide, cobalt tetroxide, cobalt oxide, cobalt carbonate, copper cathode, cobalt caprate, cobalt boroacylate, cobalt powder, nickel oxide, nickel sulfate, copper sulfate, and copper electrode; and their extended products. Its products are mainly used in battery material, hard alloy, electric plating, ceramic glaze, industrial catalyst, and powder metallurgy. It also provides technical support services. The company was founded in 2004 and is based in Shangyu, China. As of February 28, 2007, Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material Co.,Ltd. operates as a subsidiary of ENRC Africa Holdings Limited. As of December 19, 2016, Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material Co.,Ltd operates as a subsidiary of China Greatpower Jinchuan.»

*

«Founded in December 2016, China Greatpower Jinchuan is a joint venture between Shanghai Greatpower, Jinchuan Group and an undisclosed new energy industry fund, with Shanghai Greatpower as the majority stakeholder. The Shanghai-headquartered joint venture purchased assets belonging to former Chinese cobalt salt producer Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material at a public auction in December 2016 and plans to invest $150 million into the idled operations. Before halting production, the former Galico plant had an annual capacity of 4,500 tonnes of cobalt contained in cobalt salts and 2,000 tonnes of nickel contained in nickel salts, with products ranging from cobalt sulfate, cobalt chloride and nickel sulfate. The company expects to reach full production capacity for cobalt salts in August and will begin producing nickel sulfate» [Metal Bulletin]

*

«Founded in 2016, China Greatpower Jinchuan Advanced Battery Materials Corp.(GPJC)is a leading producer of core materials for global lithium battery industry. Located in National Economic and Technological Development Zone near Hangzhou Bay in Shaoxing City of Zhejiang Province,the company covers 120000㎡of land area and 70000㎡of building area including a large-scale production site.

 GPJC is a joint venture between Shanghai Greatpower, Jinchuan Group and an undisclosed new energy industry fund, with Shanghai Greatpower holding the majority stake, successfully purchasing assets belonging to former Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Material Co.,Ltd in December 2016. GPJC aims to be the key supplier of core materials across the whole supply chain for global lithium battery material. For the commissioning of first-stage production, GPJC has invested over 200 million RMB to produce battery materials including cobalt, nickel and lithium with a new capacity of 30,000 mtpa on board by 2017. GPJC has both the expertise in sourcing and marketing battery materials with long-term strategic partnerships in the upstream sector and also the cutting-edge technology of producing and processing battery materials in the downstream sector, the combination of which will maximise its competitive advantage and show its uniqueness under ever-changing market conditions.

With Shanghai Greatpower holding the majority stake, GPJC is a national high-tech enterprise specialized in developing, manufacturing and selling high performance power battery material(lithium-ion battery and energy storage battery), which is jointly invested by Jinchuan Group and Beijing Daseng International Investment. GPJC aims to be the core supplier in key material of the power battery industry chain in Chinese and even global market.

In order to set up the double advantage of resource control and material technology, our company have arranged effective layout on the upstream resources of lithium battery materials and established the supply chain of lithium and cobalt resources all over the world in a simultaneous way, thus completely possessing the service ability for new energy industry.» [Greatpower J]

* * * * * * *

Cerchiamo di sintetizzare, al costo di essere anche molto riduttivi.

– Larga parte del cobalto è estratto nella Provincia del Katanga (ex Shaba) della Repubblica Democratica del Congo, che fornisce il 50% di tutta la produzione mondiale.

– L’estratto minerario è inidoneo all’impiego industriale diretto, e deve essere trattato, almeno a solfato di cobalto.

– L’aumento delle tasse di estrazione resterà trasparente alla Cina, che lo scaricherà sugli acquirenti, mentre gioverà al Congo, che ha un disperato bisogno di infrastrutture.

– A partire dal 2009 l’intera produzione estrattiva della Mukondo Mountain è esportata in toto in Cina, alla  Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Materials, di proprietà Shanghai Greatpower, che la manipola ottenendo la quasi totalità del solfato di cobalto disponibile sui mercati.

– I mercati mondiali dipendono anche in questo settore dal virtuale monopolio cinese, che lo coordina tramite la Zhejiang Galico Cobalt & Nickel Materials con la produzione di altre molecole indispensabili per l’industria globale.

– In ultima analisi, il governo cinese modula tutto il mercato del solfato di cobalto e, di conseguenza, quello delle batterie e di molti componenti elettronici e metallurgici.

* * * * * * *

Si voglia o meno, piaccia o meno, la Cina ha un governo di persone capaci, ben selezionate e che governano e sanno governare.

La sua organizzazione politica è in grado di tessere piani strategici di lungo termine, e lo fa con accortezza.

L’Occidente avrebbe molte cose da imparare.


Metalli Rari. 2017-12-12. Il cobalto andrà forte anche nel 2018?

«Le aspettative per il cobalto, durante l’anno che sta per finire, sono sempre state brillanti.

Il metallo chiave per la produzione delle batterie al litio, utilizzate anche per alimentare i veicoli elettrici (EV), è stato uno dei protagonisti del 2017. I prezzi al London Metal Exchange (LME) sono cresciuti di oltre il 120% da inizio anno e i titoli azionari delle società del settore hanno registrato guadagni del 100%.

Il trend al rialzo dei prezzi dura ormai da inizio anno, grazie alle prospettive di una forte domanda proveniente dal settore EV e alle preoccupazioni che non ci sia abbastanza cobalto. Nei primi giorni del 2017 i prezzi erano di 32.500 dollari, mentre a inizio dicembre hanno raggiunto i 75.000 dollari a tonnellata, il punto più alto dell’anno.

Probabilmente, a spingere i prezzi così in alto non è stata soltanto la domanda, ma anche la speculazione. Agli investitori è sempre più chiaro che la scommessa a lungo termine sullo sviluppo del mercato della mobilità elettrica è vincente.

Molti fondi istituzionali hanno studiato a lungo la catena delle forniture del cobalto, per coglierne tutte le opportunità. Si sono resi conto che le batterie al litio non contengono il metallo quotato al LME, quanto piuttosto solfato di cobalto. Tuttavia, il fatto che il cobalto sotto forma metallica sia quotato in un mercato regolamentato come l’LME, aggiunge una maggiore trasparenza sull’andamento dei prezzi dal momento che le diverse forme di cobalto sono intrinsecamente legate (ma il solfato di cobalto costa molto di più).

Per chi non lo sapesse, l’80% della produzione mondiale di prodotti chimici a base di cobalto, come il solfato, vengono prodotti dalla Cina, che importa la materia prima necessaria dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC), un paese ad altissima instabilità politica.

Ma cosa succederà nel 2018?

Innanzitutto, l’aumento della domanda è destinato a continuare. Domanda crescente e scarsità di offerta porteranno ancora ad una crescita dei prezzi, spinti soprattutto dal settore EV. In questo contesto, giocherà un ruolo sempre più importante la Repubblica Democratica del Congo che, attualmente, fornisce il 50% di tutta la produzione mondiale. Di conseguenza, i grossi problemi di questo paese, instabilità politica ed estrazione del minerale ottenuta sfruttando il lavoro minorile, si ripercuoteranno sui prezzi del cobalto.»


Bloomberg. 2018-01-10. Congo May More Than Double Tax on Critical Global Cobalt Supply

– Mining code to increase royalty taxes on ‘strategic’ materials

– Legislation awaiting Senate approval to be signed into law

*

The Democratic Republic of Congo is preparing to more than double a tax on two-thirds of global cobalt supply, potentially increasing the cost of the critical battery metal just as the world begins to embrace electric vehicles.

Congo, the world’s biggest cobalt producer, will increase the royalty miners pay on exports of the metal to 5 percent from 2 percent if it opts to categorize cobalt as a “strategic substance,” Mines Minister Martin Kabwelulu told the country’s Senate last week.

The new classification is part of an overhaul of mining legislation that is fiercely opposed by the industry, which says the law may deter future investment. Under the revised code, backed by the government and being scrutinized by parliament, the tax on base metals including copper and cobalt will increase to 3.5 percent from 2 percent. If approved by the Senate, the law will also allow the state to select “strategic” metals, likely to include cobalt, and tax them at a higher rate of 5 percent, Kabwelulu said.

A byproduct of copper and nickel mining used to harden steel, cobalt stepped into the global spotlight last year as prices surged. The metal’s efficiency in conducting electricity has made it essential for rechargeable batteries used in electric cars produced by companies including Tesla Inc. and Volkswagen AG.

Prices Triple

Plans to dramatically increase the production of electric vehicles resulted in the price of the metal more than tripling in the past two years as miners and automakers scrambled to secure supply. The boom hasn’t gone unnoticed in Congo, whose mines supply about two-thirds of global output.

The new legislation will guarantee Congo “the flexibility to face unforeseen developments in the international market if the international economic situation demands it” by permitting the government to declare certain minerals “strategic substances,” Kabwelulu told senators Jan. 5, according to a transcript of his remarks.

The minister singled out cobalt’s “not only strategic but also critical character” on the world market. Tantalum, a scarce mineral extracted from so-called coltan ore and used in smartphones, could also be taxed at the higher rate, Kabwelulu said.

The current mining law, which was promoted by the World Bank and adopted in 2002, attracted billions of dollars of investment from mining companies including Glencore Plc and Randgold Resources Ltd. While the economy has grown, the government says the mining industry hasn’t generated sufficient revenue for the state.

Windfall Tax

“If cobalt is declared strategic one day, naturally the royalty will climb to 5 percent,” Kabwelulu’s chief of staff, Valery Mukasa, said by phone Tuesday. “We haven’t said cobalt will be a strategic substance. We said cobalt can be,” he said, adding there are “considerations that need to be assessed from a technical point of view and in terms of the international market.”

In addition to the new royalty tax on strategic minerals, the draft law also:

– Increases royalties on gold from 2.5 percent to 3.5 percent;

– Introduces a profit-windfall tax;

– Doubles the state’s free share to 10 percent; and,

– Reduces the period during which contract stability is guaranteed to five years from 10 years.

Stability Clauses

While existing stability clauses mean companies with valid mining contracts, like Glencore and Randgold, won’t have to comply with most reforms for 10 years, the increased royalty rates will be applied to all projects immediately, Kabwelulu told senators on Jan. 2.

The royalty hike may have the biggest impact on Glencore, the country’s largest producer of both copper and cobalt. The company shipped about 213,000 metric tons of copper and 24,500 tons of cobalt from its Mutanda mine last year. That could rise to more than 500,000 tons of copper and more than 65,000 tons of cobalt by 2019 once production at its suspended Katanga Mining operation reaches full capacity.

The draft law was adopted by the National Assembly on Dec. 8 and is being examined by the Senate in an extraordinary session that started Jan. 2. If approved by the Upper House, it will be sent to President Joseph Kabila to sign into law.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Geopolitica America Latina., Stati Uniti, Trump

Cina alla conquista dell’America Latina. – Bloomberg

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-15.

2018-01-05__Cina_Amarica_Latina__001

Con il Progetto Belt & Road la Cina si sta assicurando un ottimo rapporto politico ed economico con i paesi dell’est Europa, che scambiano ore più merci con la Cina che non con l’Unione Europea, con i paesi asiatici, ove il suo progetto ferroviario le assicura tra l’altro sbocchi sicuri sugli oceani, e con l’Africa, i cui stati stanno abbandonando i rapporti con l’Occidente perché condizionati troppo pesantemente da imposizioni etiche e sociali per loro inaccettabili.

Adesso la Cina sta finendo l’accerchiamento dell’Occidente penetrando in profondità i sistemi economici dell’America Latina.

Basterebbe osservare con cura un mappamondo per notare come la Cina abbia accerchiato l’Occidente, che alla fine commercerà solo con sé stesso: troppo poco per vivere.

*

«China in 2009 surpassed the U.S. as Brazil’s largest export market, as South America’s biggest economy stepped up shipments of everything from iron ore to soy beans»

*

«China a year later become Latin America’s leading trade partner, when you omit Mexico and take into account only the South American nations»

*

«China’s emergence as a global economic rival to the U.S. is perhaps most obvious in Latin America»

*

«The U.S. in recent years has lost its status to China as the top trading partner in parts of Latin America, such as copper-rich Chile and agriculture and mining powerhouse Brazil»

*

«Meanwhile the Chinese government is ready to expand its dominance in a region already supplying it expanding economy with everything from farm goods to raw materials»

* * * * * * *

Questo Occidente è incapace di generare una strategia di lungo termine, nemmeno quella per cercare di sopravvivere.

Tra i tanti, tre problemi emergono chiari e netti.

– L’Occidente sta vivendo la fase di devoluzione delle ideologie liberal e socialiste: l’agonia della Germania ne è chiara evidenza. Se al momento l’ultimo governo socialista resta, ancora per qualche mese, quello italiano, anche i governi ad ideologia liberal stanno scricchiolando. Ma come tutti i processi storici anche questa devoluzione richiede tempo, lacrime e sangue. Queste fasi di turmoil non son certo propizie alla formulazione di strategie.

– Ma vi è anche un aspetto tecnico che ingigantisce a dismisura i problemi dell’Occidente: i suoi sistemi elettorali.

Il suffragio universale, l’attribuzione proporzionale dei seggi parlamentari, una esasperata suddivisione e contrapposizione dei poteri, un’organizzazione statale altamente burocratizzata e di conseguenza inefficiente. Stanno emergendo dalla Spagna, alla Germania, all’Italia situazioni di ingovernabilità cronica. Quando oramai sarà troppo tardi, si darà il governo alla formazione di maggioranza relativa.

E nulla si ottiene però bollando come ‘autocratici‘ i governi che semplicemente funzionano.

– La crisi di denatalità dell’Occidente inizia a far sentire i propri morsi sulle carni occidentali. Una popolazione vecchia e debosciata da alcool, droghe e concezioni contro natura non può competere con popolazioni giovani e ‘normali‘.

*

Il warning non è quindi diretto al Presidente Trump: è diretto a tutto l’Occidente, anche a quello che proprio non lo vuole capire.

Nota.

A nessuno sarà sfuggito il particolare che l’America Latina dispone del ‘triangolo del litio’, donde proviene quasi il 90% mondiale del minerale estratto. Chi dominasse quella zona, dominerebbe il mondo. Poi, sia chiaro, il rame è ottimo condimento.


Bloomberg. 2017-01-04. China Is Boosting Ties in Latin America. Trump Should Be Worried

China’s emergence as a global economic rival to the U.S. is perhaps most obvious in Latin America.

The U.S. in recent years has lost its status to China as the top trading partner in parts of Latin America, such as copper-rich Chile and agriculture and mining powerhouse Brazil. Now, all the uncertainty surrounding U.S. President Donald Trump’s plans – from building a southern border wall, to re-freezing Cuba relations and exiting the Paris climate change accord supported by Latin America – could give an opening for China to seize more ground in the region. 

Meanwhile the Chinese government is ready to expand its dominance in a region already supplying it expanding economy with everything from farm goods to raw materials. 

China in 2009 surpassed the U.S. as Brazil’s largest export market, as South America’s biggest economy stepped up shipments of everything from iron ore to soy beans. China a year later become Latin America’s leading trade partner, when you omit Mexico and take into account only the South American nations.

“China has successfully established a really remarkable economic presence in the region over a relatively short period of time,” according to Margaret Myers, director of the Inter-American Dialogue’s Latin America and the World Program.

Mexico is an exception that still looks to the U.S. for most of its commerce, thanks in some measure to the North American Free Trade Agreement’s zero-tariffs regime. The country’s exports to the U.S. totaled $303 billion in 2016 compared with just $5.4 billion to China.

But China’s encroachment in the region could accelerate if Trump makes good on threats to withdraw from Nafta, which would result in higher tariffs between Mexico and the U.S. Mexico already is making contingency plans to increase trade with non-U.S. nations in case the trade pact dissolves and the country’s proximity to Latin America makes it a natural pivot point.

To be sure, that doesn’t mean that China would completely benefit from a souring of U.S.-Mexico relations. China largely seeks commodity imports from Latin America, whereas Mexico’s biggest exports to its northern neighbor are cars and car parts as well as electronics – items that China already produces in abundance.

But the dissolution of Nafta could create a vacuum in Mexico that China would try to at least partially fill.

“Certainly Mexico will be interested in collaborating more with China” — as well as other countries — if Nafta ends, according to R. Evan Ellis, a professor of Latin American studies at the U.S. Army War College. “Mexico’s partnership with the United States has really been a bulwark against the advances of China in the region.”