Pubblicato in: Cina

Cina. Export +7.6% anno su anno. Considerazioni amare.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-19.

2020-01-14__Cina Export

La General Administration of Customs People Republik China ha rilasciato il 14 gennaio il dato annuale relativo all’export cinese: +7.6%, contro un valore previsto del 3.2%.

Questo dato si presta ad almeno cinque considerazioni.

In primo luogo si dovrebbe constatare come da trenta anni a questa parte i media occidentali riportino con malcelato zelo notizie catastrofiche sullo stato dell’economia cinese, che sembrerebbe essere sempre in una situazione di labile compenso, sull’orlo di una immane crisi devastante. Per, con altrettanta costanza, escono i dati econometrici, e l’economia cinese dimostra di stare più che bene, quasi fosse Lazzaro risorto: fatto si è che non era per nulla morta. È una manfrina che qualifica i media occidentali come totalmente inaffidabili. Non ne hanno mai azzeccata una.

In secondo luogo, si vorrebbe ricordare come nel 2019 150 milioni di cinesi, circa il 10% della popolazione totale, hanno passato le ferie all’estero, spendendo circa 288 miliardi Usd. Questo solo dato evidenzia come la popolazione guadagni a sufficienza da potersi permettere ferie costose. Il fatto poi che tutti codesti turisti siano rientrati in patria significa sia la esistenza di una ampia libertà sia l’assenza di scontento sostanziale.

In terzo luogo, la Cina ha aumentato, e non di poco, il proprio export proprio nel bel mezzo della guerra dei dazi. Dato questo che dovrebbe ben dare da pensare. Nell’economia mondiale l’occidente, specie poi l’Europa, sta diventando sempre più elemento marginale: ancora importante, sicuramente sì, ma pur sempre marginale. Piaccia o meno, la Cina vivrebbe altrettanto bene anche se l’occidente scomparisse improvvisamente dalla faccia del mondo. Poi, si intende, da arguti mercanti i cinesi non disdegnano il commercio con l’occidente: anche il poco si conta.

In quarto luogo, si noti la discrepanza tra il valore predetto dagli economisti occidentali (+3.2%) e quello di riscontro del +7.6%. È un errore superiore al 100%. Gli economisti occidentali amano vedersi nel ristretto dei loro conciliaboli, ove si lodano vicendevolmente appellandosi con termini altisonanti, scambiandosi vicendevolmente la patente di genio degno come minimo del Premio Nobel per l’Economia. Scrivono articoli sussiegosi che di norma si disperdono in un oceano di particolari non rilevanti, senza mai cogliere il segno. Messaggi poi ripresi dalle ierodule dell’economia che si sono indovate in Bloomberg, pulpito dal quale elargiscono le loro granitiche certezze che saranno poi smentite l’indomani. Nessuno imputa loro di essersi sbagliate, bensì il fatto di ritenersi e proporsi come infallibili possessori della verità assoluta. Poi sbagliano del 100%.

In quinto luogo, questo dato ci insegna che per esportare occorre prima produrre. Sarebbe un buon motto lapalissiano, eppure l’occidente sembrerebbe proprio essersene dimenticato. Non si può vivere di soli servizi.

Pubblicato in: Cina

Cina. Riserve auree salite a 1,948.31 ton.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-17.

2020-01-05__Cina Riserva Oro

«Gold Reserves in China increased to 1948.31 Tonnes in the fourth quarter of 2019 from 1936.49 Tonnes in the third quarter of 2019. Gold Reserves in China averaged 1006.78 Tonnes from 2000 until 2019, reaching an all time high of 1948.31 Tonnes in the fourth quarter of 2019 and a record low of 395.01 Tonnes in the second quarter of 2000.»

Pubblicato in: Cina, Geopolitica Europea, Geopolitica Mondiale

Cina. Geopolitica dell’Unione Europea. – China Org.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-14.

Unione Europea 999

Spesso è più proficuo conoscere cosa i competitori pensino di noi che il raffinare i piani per il futuro.

Per quanto infatti riguarda il futuro, sicuramente avere un piano è mandatorio, ma ci sono anche gli altri, e loro contromosse potrebbero anche coglierci impreparati.

*

«The victory of Boris Johnson in the U.K. election will be possibly a determining factor for the future of Europe»

«But Brexit itself will put an end to the different scenarios which had flourished amid the turmoil in British politics»

«In theory, deeper integration should now be expected as far as economic affairs are concerned. However, the absence of the U.K. will certainly be felt in the EU’s foreign and defense policy»

«The key question now is whether the EU is prepared to take more action in the direction of the creation of a European army»

«The so-called Permanent Structured Cooperation (PESCO) is only a small step towards this direction as its scope is limited»

«In parallel with French-German relations, a key question is whether Boris Johnson will be interested in seeing his country play an important role in international affairs after years of inertia due to Brexit»

«The U.K. certainly has the capacity to do so»

«But will the U.K. seek closer ties with the leading countries of Europe or will it prefer the American security umbrella?»

«While the political triumvirate of Germany, France and the U.K. is yet to reveal common or separate priorities among the nations, the new European Commission under President Ursula von der Leyen hopes that the group will be more geopolitical in nature»

«China, for instance, has been already placed at the center of attention in a period where some European policy-makers rather see it as a rival»

«Macron is currently facing significant challenges while pushing for his pension reform. In the past weeks, France has been paralyzed by demonstrations and strikes»

«For her part, Merkel diagnosed that her last years in the Chancellery could spark a serious governmental crisis – should the Social Democratic Party abandon the grand coalition – and that she will need to find a remedy for the anemic growth of the national economy»

* * * * * * *

Per quanto riguarda la posizione geopolitica dell’Unione Europea il quadro è imbarazzante.

Una cosa è la comunione degli intenti da parte di nazioni prospere e floride, fortemente motivate, ed una del tutto opposta la stanca consuetudine di vedersi, parlare e nulla concludere.

Le singole nazioni europee sono intrinsecamente deboli. La Francia ha elevate tensioni sociali al suo interno, e quasi tutte le altre hanno una frammentazione politica accentuata da sistemi elettorali proporzionali, cui esitano governi di minoranza, impossibilitati di pianificare politiche di ampio respiro.

Situazione questa che comporta un stallo de facto nella gestione di forze armate comuni: ma senza di queste l’idea di poter svolgere un ruolo geopolitico di una qualche importanza sarebbe destituito di buon senso.

*


Geopolitics and the future of Europe in 2020

The victory of Boris Johnson in the U.K. election will be possibly a determining factor for the future of Europe. After more than three years of political limbo, the U.K. is now approaching its exit from the EU. However, there are still important issues that need to be resolved in the future, including the nature of the U.K.’s practical collaboration with the EU after Brexit, potential Scottish independence and nationalism in Northern Ireland. But Brexit itself will put an end to the different scenarios which had flourished amid the turmoil in British politics. 

The 27 EU member-states have shown a remarkable degree of unity after the British referendum of June 2016. They did not allow Brexit to open the proverbial Aeolus bag for other countries to follow suit and leave. In theory, deeper integration should now be expected as far as economic affairs are concerned. However, the absence of the U.K. will certainly be felt in the EU’s foreign and defense policy. 

The key question now is whether the EU is prepared to take more action in the direction of the creation of a European army. The so-called Permanent Structured Cooperation (PESCO) is only a small step towards this direction as its scope is limited. What deserves perhaps special attention is the European Intervention Initiative (EII) proposed by French President Emmanuel Macron. The EII is independent from the EU and NATO and has attracted the interest of the U.K. In January 2018, London signaled its intent to get involved following a Franco-British summit on defense cooperation. 

No doubt, Macron seeks to leave his own mark on European politics with his country taking the lead. A few weeks ago he characterized ΝΑΤΟ as “brain dead,” which generated reactions from Chancellor Angela Merkel who has been hesitant to criticize the Alliance and has refrained from envisioning a greater military role for Germany in the world. France and Germany tend to frequently disagree so future European developments will largely depend on how Macron will interact with Merkel. Experience suggests the latter is able to derail some French plans. After Macron was elected, for example, he pushed for an ambitious eurozone reform but failed to overcome obstacles posed by Berlin. 

In parallel with French-German relations, a key question is whether Boris Johnson will be interested in seeing his country play an important role in international affairs after years of inertia due to Brexit. The U.K. certainly has the capacity to do so. If this happens, cooperation between Johnson, Macron and Merkel will be critical at the NATO level and beyond. This will also be the case in the relationship between Johnson and U.S. President Donald Trump. But will the U.K. seek closer ties with the leading countries of Europe or will it prefer the American security umbrella?

While the political triumvirate of Germany, France and the U.K. is yet to reveal common or separate priorities among the nations, the new European Commission under President Ursula von der Leyen hopes that the group will be more geopolitical in nature. China, for instance, has been already placed at the center of attention in a period where some European policy-makers rather see it as a rival. In a remarkable speech given at the European Policy Centre in Brussels a few days ago, Chinese State Councilor and Foreign Minister Wang Yi advocated for a positive agenda on green growth, artificial intelligence and trade. The year 2020 will perhaps herald a new era in that regard. 

Of course, ongoing discussions about security taking place in the Old Continent cannot but take domestic considerations into account. Macron is currently facing significant challenges while pushing for his pension reform. In the past weeks, France has been paralyzed by demonstrations and strikes. Although the popularity of the French president is higher in comparison to the period of the “Yellow Vests” protests in 2018, his task is still challenging. For her part, Merkel diagnosed that her last years in the Chancellery could spark a serious governmental crisis – should the Social Democratic Party abandon the grand coalition – and that she will need to find a remedy for the anemic growth of the national economy. More importantly, her successor in the leadership of the Christian Democratic Party, Annegret Kramp-Karrenbauer does not enjoy strong support among conservatives and from society at large. 

The new year will start with great ambitions for Europe. The challenge for it is to move from abstract ideas to synthesis and implementation. 

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale

Cina. Uno dei primi esportatori mondiali di autovetture. +32% in cinque anni.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-08.

Cina

La Cina ha preso il posto che in passato fu della Germania e che questa ha voluto abbandonare.

«Tra il 2013 e il 2018, la Cina ha aumentato di quasi il 32% le esportazioni di automobili prodotte a livello nazionale, passando in cinque anni da 46 a 60,6 miliardi di dollari di vetture esportate»

«il tasso di crescita medio annuo di queste esportazioni risulta superiore a quello rilevato in Germania, Stati Uniti, Giappone e Repubblica di Corea»

«Il prezzo all’esportazione dei veicoli finiti è stato pari in media a 15.000 dollari nel 2018, in aumento del 10,6% rispetto al 2013»

«Alcuni autobus a nuova energia esportati in Europa sono stati invece venduti a 500.000 dollari per vettura»

«Alla fine del 2018, le case automobilistiche cinesi avevano investito in o instaurato partnership con 140 fabbriche straniere. Secondo il rapporto, in questo periodo il numero di punti vendita all’estero aveva superato i 9.000»

* * * * * * *

Le automobili cinesi sono affidabili, si guastano raramente, vanno a diesel oppure a benzina e soprattutto costano molto poco, in media 15,000 dollari.

Al mondo le richieste di autovetture sono elevate, specie nel sud-est asiatico ed in Africa.

La Cina sta avviandosi a soppiantare quella che fu l’industria automobilistica giapponese, sudcoreana e, soprattutto, quella tedesca.

Questa ultima è stata incapsulata da una congerie di leggi, leggine, normativi e regolamenti che le imporrebbero emissioni vicini lo zero, ossia semplicemente impossibili da ottenersi. Poi, su diktat governativo, le industrie automobilistiche europee, tedesche in primis, stanno investendo ingenti risorse sulle automobili elettriche, che mai avranno mercato.

Ma quando alla fine Merkel ed il suo entourage usciranno di scena, il guaio sarà stato consumato.

Adesso si comprende meglio perché la Cina è stata il grande argentiere del ‘clima’ in Europa.

*


Auto cinesi sempre più popolari all’estero.

Export aumentato di quasi il 32% tra il 2013 e il 2018.

Le automobili prodotte in Cina sono ormai sempre più popolari all’estero e il Paese ha aumentato sensibilmente le esportazioni di vetture prodotte a livello nazionale negli ultimi anni. E’ quanto rivela un rapporto diffuso dal ministero del Commercio di Pechino. Tra il 2013 e il 2018, la Cina ha aumentato di quasi il 32% le esportazioni di automobili prodotte a livello nazionale, passando in cinque anni da 46 a 60,6 miliardi di dollari di vetture esportate.

Secondo il rapporto, il tasso di crescita medio annuo di queste esportazioni risulta superiore a quello rilevato in Germania, Stati Uniti, Giappone e Repubblica di Corea. Anche i prezzi all’esportazione delle auto prodotte in Cina hanno continuato a crescere in questo periodo. Il prezzo all’esportazione dei veicoli finiti è stato pari in media a 15.000 dollari nel 2018, in aumento del 10,6% rispetto al 2013. Alcuni autobus a nuova energia esportati in Europa sono stati invece venduti a 500.000 dollari per vettura. In questo stesso periodo, i marchi automobilistici cinesi hanno inoltre accelerato il passo nella costituzione di impianti produttivi e reti di vendita all’estero.

Alla fine del 2018, le case automobilistiche cinesi avevano investito in o instaurato partnership con 140 fabbriche straniere. Secondo il rapporto, in questo periodo il numero di punti vendita all’estero aveva superato i 9.000.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Cina. Di gran lunga i migliori studenti al mondo.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-07.

2019-12-09__Scuola cinese

La Cina ha alle spalle cinque millenni di tradizione meritocratica, accuratamente custodita dalla scuola mandarinica, indipendentemente dal nome con il quale la si voglia denominare.

Senza comprendere questa caratteristica sarebbe impossibile comprendere sia la Cina sia le sue espressioni particolari, quali in questo caso, la scuola cinese.

«Hanno superato i loro coetanei in tutte le materie prese in considerazione: matematica, scienze e persino la lettura e la comprensione dei testi»

«Non c’è più alcun dubbio: gli adolescenti cinesi sono gli studenti migliori al mondo»

«A rivelarlo è lo studio triennale che l’OCSE svolge su studenti quindicenni in tutto il mondo»

«Dai dati che emergono dalla ricerca si evince che gli scolari che provengono dalle quattro province cinesi di Pechino, Shanghai, Jiangsu e Zhejiang hanno ottenuto risultati ben più alti della media in scienze e matematica»

«Circa 1 studente su 6 (16,5%) a Pechino, Shanghai, Jiangsu e Zhejiang (Cina) e 1 su 7 a Singapore (13,8%), hanno raggiunto i massimi livelli in matematica. Un dato che è pari solo al 2,4% nei paesi OCSE»

«Un traguardo eccellente, che cozza con il reddito delle famiglie da cui provengono gli studenti. La maggior parte di queste infatti vive con possibilità inferiori rispetto alla media internazionale»

«il segretario generale dell’OCSE Angel Gurria nella nota allegata ai dati, ma si è anche detto rammaricato del fatto che i risultati migliori non siano stati ottenuti nei Paesi che hanno investito nella formazione»

«L’unica pecca riguarda il divario di genere: le studentesse cinesi infatti hanno sotto-performato rispetto ai coetanei maschi, in tutte e tre le discipline»

«La qualità delle loro scuole oggi alimenterà la forza delle loro economie domani»

* * *

«Per l’Italia si profila un declino delle competenze dei quindicenni e delle capacità di svilupparle»

«Nell’Unione europea, il Paese scende dal 18esimo al ventesimo posto su 28: superato da Lituania e Ungheria, distanziato da Lettonia e Repubblica Ceca, lontanissimo dalla Polonia (che è la vera sorpresa: balza al terzo posto subito dietro a Estonia e Finlandia).»

«l’Italia è appena diciannovesima per spesa pubblica in istruzione in proporzione dal reddito nazionale (Pil)»

«la spesa pubblica in istruzione in Italia scende dal 4,6% del Pil nel 2009 al 3,8% del 2016»

«Né consola molto che il Nord vada meglio, quasi su livelli polacchi. Perché non solo il Sud va malissimo»

«Resta però il dubbio se davvero questa scivolata verso il basso nelle competenze dei ragazzi italiani rispetto agli altri europei dipenda solo dalle risorse in meno»

«Merita studiarla bene questa questione, perché un’analisi dei numeri da vicino la smentisce»

«quasi tutti i Paesi europei che investono meno dell’Italia per ogni studente dai sei ai quindici anni di età hanno anche risultati superiori all’Italia nei test Pisa …. Spagna, dell’Estonia, di Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lettonia, Irlanda e Lituania»

«Quanto alla Svezia, ha risultati molto peggiori di quanto farebbe prevedere la sua altissima spesa in istruzione»

«L’Europa centro-orientale, con meno risorse, sta superando l’Italia»

* * * * * * *

Punto primo. Comprendere perché la Cina primeggia.

La scuola cinese non è ideologizzata e segue criteri di professione strettamente meritocratici. È un continente con differenze tra zona e zona, ma cercheremo di estrarre le componenti principali.

– Tutti i bambini possono accedere all’istruzione elementare, che contempla lo studio mnemonico dei circa seimila ideogrammi. Le famiglie meno abbienti ricevono un sussidio statale che permetter al figlio di non gravare sulla famiglia. Il passaggio alle superiori è consentito a quanti superino una soglia invero severa. Quella cinese è una scuola che boccia alla grande, senza nessuna pietà. I migliori sono poi raccolti in collegi di stato, a totale carico dell’erario, che per loro largheggia.

– La disciplina scolastica è quasi militare. Gli insegnanti sono prudentemente sorvegliati e giudicati in base alla resa dei propri alunni, ma godono di una grande stima sociale ed anche di stipendi degni di quel nome. Hanno autorità e la esercitano.

– Gli insegnanti che non si rivelino essere all’altezza sono licenziati su due piedi, senza problemi né rimpianti.

– Le materie tecniche e scientifiche sono privilegiate

– Uno sguardo alla fotografia acclusa sarebbe maieutico. La classe è composta da più di cinquanta alunni, ed il corpo docente è risicato. La figura dell’insegnante ‘di sostegno’ non esiste. Mancano totalmente gli handicappati che pullulano nelle scuole occidentali, e la preservazione del rapporto di ‘gender’ è totalmente ignorato. Gli studenti sono in divisa. Le parole ‘assemblea‘ oppure ‘sciopero‘ sono semplicemente bandite: nessuno si sogna nemmeno di pensarle. Le vacanze sono intese come periodo di ulteriore studio.

*

Una Greta, promossa a pieni voti anche se non aveva frequentato la scuola, sarebbe un fatto fuori dal ben dell’intelletto.

* * * * * * *

Punto Secondo. La situazione italiana.

Il Miur mette a disposizione del pubblico il database sulla scuola, aggiornato purtroppo al solo 2017

– In Italia vi sono 3,312 istituti scolastici.

– Il corpo docente è formato da 737,243 persone, 127,999 maschi e 609,244 femmine, irrispettosi della parità di gender.

– In Italia 1,615 istituti hanno 89,384 docenti di sostegno, 14,345 maschi e 75,039 femmine.

– Gli Ata sono 183,425, dei quali 56,759 maschi e 126,666 femmine.

Ne consegue che il totale degli addetti alla scuola di ruolo sono 920,668.

Gli studenti che frequentano le scuole pubbliche sono 6,668,086, 3,434,565 maschi e 3,233,521 femmine.

Paucis verbis, in Italia vi sono 7.24 studenti per ogni dipendente a ruolo.

*

Ma questo conto è incompleto.

La scuola italiana pullula di personale docente ed Ata non di ruolo: il loro numero è tempovariabile, quindi non esistono statistiche disponibili. Due soli commenti.

– Questi dati indicano come il numero dei docenti sia inversamente correlato ai risultati del test Pisa.

– Il Miur è diventato uno stipendificio, che paga poco e male i docenti perché sono una quantità stratosferica. Solo per paragone, il numero del personale a ruolo nella scuola italiana e quasi eguale al numero di personale in occupazione equivalente negli Stati Uniti, che hanno 320 milioni di abitanti.

* * * * * * *

Quid agendum sit? Cosa fare?

L’organizzazione scolastica cinese è sotto gli occhi di tutti. Sarebbe solo sufficiente cercare di imitarla. In primo luogo, deburocratizzando l’intera struttura.

*

L’Italia investe poco nell’istruzione, ma ha risultati Pisa peggiori anche dei paesi che investono ancor meno. In Europa è il fanalino di coda. Non è problema di investmenti,ma di deficit strutturale.

– La scuola italiana è stata statalizzata sullo stile di quella della ex-Unione Sovietica, ma deprivandola di meritocrazia e disciplina.

*


Scuola: ecco perché i migliori studenti sono cinesi

Hanno superato i loro coetanei in tutte le materie prese in considerazione: matematica, scienze e persino la lettura e la comprensione dei testi. Non c’è più alcun dubbio: gli adolescenti cinesi sono gli studenti migliori al mondo. 

A rivelarlo è lo studio triennale che l’OCSE svolge su studenti quindicenni in tutto il mondo. Dai dati che emergono dalla ricerca si evince che gli scolari che provengono dalle quattro province cinesi di Pechino, Shanghai, Jiangsu e Zhejiang hanno ottenuto risultati ben più alti della media in scienze e matematica. Un traguardo eccellente, che cozza con il reddito delle famiglie da cui provengono gli studenti. La maggior parte di queste infatti vive con possibilità inferiori rispetto alla media internazionale. Circa 1 studente su 6 (16,5%) a Pechino, Shanghai, Jiangsu e Zhejiang (Cina) e 1 su 7 a Singapore (13,8%), hanno raggiunto i massimi livelli in matematica. Un dato che è pari solo al 2,4% nei paesi OCSE.

E che dire delle capacità nel campo della lettura? Secondo i dati dell’OCSE il 10% degli studenti cinesi più svantaggiati hanno mostrato risultati migliori rispetto alla media. L’unica pecca riguarda il divario di genere: le studentesse cinesi infatti hanno sotto-performato rispetto ai coetanei maschi, in tutte e tre le discipline.

«La qualità delle loro scuole oggi alimenterà la forza delle loro economie domani», ha commentato il segretario generale dell’OCSE Angel Gurria nella nota allegata ai dati, ma si è anche detto rammaricato del fatto che i risultati migliori non siano stati ottenuti nei Paesi che hanno investito nella formazione. Un segno che mette in luce come forse il sistema scolastico vada rivisto. «Se consideriamo il fatto che quelle quattro province cinesi hanno un reddito medio procapite molto inferiore alla media Ocse, è deludente che la maggior parte dei Paesi membri dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico non abbia fatto registrare alcun sostanziale miglioramento rispetto alla prima rilevazione PISA del 2000».

*

Perché gli studenti italiani non imparano?

L’idea europea di confrontare investimenti nelle scuole e preparazione degli studenti. Italia al 20° posto per risultati: la colpa non è solo dei pochi fondi.

Spesso accusati di agire in segreto, per una volta il mese scorso i ministri finanziari europei hanno davvero avuto una discussione semi-clandestina. Non si parlava di regole sul debito o per le banche, ma del più pubblico dei problemi: quanto spendere e come far sì che una nuova generazione di europei impari qualcosa sui banchi di scuola. L’idea era della Finlandia, uno dei Paesi che investe di più in educazione: ha chiesto alla Commissione europea di mettere in rapporto la spesa pubblica per scuole e università dei vari Paesi e i risultati degli studenti.

La graduatoria Pisa

Era questo l’aspetto che molti governi, comprensibilmente, non volevano fosse reso noto. Nessun politico, uomo o donna, ha voglia di essere giudicato a Bruxelles e criticato in patria perché magari usa il denaro dei contribuenti senza risultati visibili. In un’epoca di confronti internazionali continui sulle performance dei Paesi, mostrare che si buttano dei soldi addosso a un problema non basta più. Bisogna anche che lo si veda nelle classifiche. Il rapporto della Commissione è dunque rimasto confidenziale, ma il «Corriere» ha cercato di replicarne l’impianto confrontando la spesa in istruzione e i risultati dei ragazzi nei vari Paesi europei. È un buon momento per farlo. L’Ocse di Parigi, un organismo multilaterale, ha appena pubblicato l’ultima graduatoria Pisa («Programme for International Student Assessment») sul livello degli studenti di 15 anni. Deriva da un test su 600 mila ragazzi in 79 Paesi, somministrato nel 2018. Il «Corriere» lo ha raccontato in dettaglio il 4 dicembre con Gianna Fregonara e Orsola Riva.

Gli studenti italiani

Per l’Italia si profila un declino delle competenze dei quindicenni e delle capacità di svilupparle. Nell’Unione europea, il Paese scende dal 18esimo al ventesimo posto su 28: superato da Lituania e Ungheria, distanziato da Lettonia e Repubblica Ceca, lontanissimo dalla Polonia (che è la vera sorpresa: balza al terzo posto subito dietro a Estonia e Finlandia). In parte, era prevedibile: per la scuola nel bilancio pubblico resta ben poco. Nel 2015, ultimo anno con dati ufficiali confrontabili fra un numero sufficiente di Paesi europei, l’Italia è appena diciannovesima per spesa pubblica in istruzione in proporzione dal reddito nazionale (Pil). Piazzarsi ventesimi per le competenze dei ragazzi, in media, potrebbe essere solo il risultato della scarsità delle risorse dedicate. Né consola molto che il Nord vada meglio, quasi su livelli polacchi. Perché non solo il Sud va malissimo. Anche il Centro Italia è sotto la media Ocse in scienze e lettura, è appena sopra solo in matematica e comunque da un Paese con il trentesimo tenore di vita per abitante più alto al mondo si aspetterebbe qualcosa di più che misurarsi a una media Ocse. Questa è fatta in buona parte da economie molto meno ricche dell’Italia. Nei suoi studi la stessa Ocse mostra per esempio che nelle scienze in genere c’è una stretta correlazione fra il livello scolare dei quindicenni e il reddito per abitante nel Paese: più è alto il secondo, più sale il primo; in questo gli studenti italiani invece sono ben sotto a dove dovrebbero essere per il livello di benessere del Paese. Ma, appunto, almeno un po’ deve dipendere anche dalle strette di bilancio. Eurostat, l’agenzia statistica europea, mostra che la spesa pubblica in istruzione in Italia scende dal 4,6% del Pil nel 2009 al 3,8% del 2016. Non solo è una quota enormemente più bassa rispetto ai primi anni del Dopoguerra, quando arrivava al 9% del Pil (lo scrive Anna Maria Poggi, Per un diverso Stato sociale, Il Mulino). L’Ocse nel rapporto «Uno sguardo all’istruzione 2019» mostra anche che l’anomalia italiana dal 2010 a oggi è soprattutto in un taglio di spesa molto più profondo a questo settore che alla spesa pubblica in genere: in proporzione, si è scelto di penalizzare l’istruzione quasi cinque volte di più.

I fattori che pesano sui risultati

Resta però il dubbio se davvero questa scivolata verso il basso nelle competenze dei ragazzi italiani rispetto agli altri europei dipenda solo dalle risorse in meno. Se davvero sia colpa dei vincoli del debito o, come dicono alcuni, dell’«austerità» e magari dunque anche delle regole dell’euro. Merita studiarla bene questa questione, perché un’analisi dei numeri da vicino la smentisce. «Uno sguardo all’istruzione 2019» mostra come non sempre ogni euro speso si traduce in competenze dei ragazzi: quasi tutti i Paesi europei che investono meno dell’Italia per ogni studente dai sei ai quindici anni di età hanno anche risultati superiori all’Italia nei test Pisa. È il caso (in ordine decrescente di spesa) della Spagna, dell’Estonia, di Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lettonia, Irlanda e Lituania. Quanto alla Svezia, ha risultati molto peggiori di quanto farebbe prevedere la sua altissima spesa in istruzione. Tutti i valori sono espressi in parità di poteri d’acquisto — corretti per tener conto del costo della vita nei vari Paesi — quindi sono confrontabili. L’Europa centro-orientale, con meno risorse, sta superando l’Italia. Da anni la Polonia riduce la spesa scolastica in rapporto al Pil, ma balza in avanti nelle classifiche per la competenza dei ragazzi. Dunque sui risultati degli italiani devono pesare anche altri fattori: dai divari regionali, alla motivazione personale e delle famiglie, ai programmi o alla loro esecuzione. Osserva Riccardo Ricci, responsabile nazionale delle prove scolastiche Invalsi: «La spesa in istruzione non è solo bassa, è anche meno efficiente che in altre aree d’Europa. Dobbiamo porci il problema del modo nel quale utilizziamo le risorse». L’Ocse nota che in passato risultati frustranti nei test Pisa hanno spinto certi Paesi, dalla Colombia al Portogallo, a reagire e fare molto meglio. Magari ora sarà la volta buona dell’Italia.

Pubblicato in: Armamenti, Cina

Cina. Sottomarini atomici e relativi missili. Punto della situazione.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-05.

Cani che corrono__01__

Sarebbe impossibile ambire di svolgere il ruolo di grande potenza mondiale senza disporre di un’adeguata flotta di sottomarini atomici armati con missili a testata atomica multipla.

Progettare e costruire sistemi d’arma di tal fatta non è solo questione di investimenti, ma anche e soprattutto di poter disporre di tecnologie avanzate, allo stato dell’arte, in un elevato numero di settori di avanguardia.

Proponiamo la lettura di questo articolo, comparso su Analisi Difesa, perché ci sembrerebbe essere completo nel delineare lo sviluppo storico dei sottomarini atomici cinesi ma anche, e soprattutto, perché è inusitatamente equilibrato.

*


Il deterrente nucleare subacqueo di Pechino,

Prima di affrontare nel dettaglio, per quanto possibile, il tema del deterrente nucleare imbarcato cinese (Ballistic missile Submarine Nuclear-powered – SSBN – e Missili balistici lanciabili da sottomarini) corre l’obbligo di precisare  che la proverbiale riservatezza cinese quando si tratta di divulgare informazioni sensibili che riguardano il proprio strumento militare, finisce con l’amplificarsi a dismisura.

Al punto che tracciare un quadro di questa particolare componente della Marina Cinese (o PLAN, People’s Liberation Army Navy) diventa un’impresa non proprio agevole, contrassegnata dalla necessità di incrociare dati, notizie e ogni altro aspetto utile. Con il risultato che, anche così facendo, gli elementi mancanti continuano a essere molti.

La decisione della Cina di dotarsi di armi nucleari può essere fatta risalire intorno alla metà degli anni 50; la Guerra in Corea si era appena conclusa e, nel frattempo, era scoppiata la prima crisi dello Stretto di Taiwan. Entrambi gli eventi, caratterizzati dalla contrapposizione con la potenza nucleare degli Stati Uniti, avevano fatto capire alla leadership di Pechino e in particolare all’allora guida del Paese e del Partito Comunista Mao Zedong, quanto fosse ormai diventato indispensabile per la nascente potenza asiatica sviluppare un proprio arsenale nucleare. Pur nella consapevolezza che le distanze con gli Stati Uniti erano già notevoli, alla fine prevalse la considerazione che le possibilità di avere un maggior peso prima di tutto nello scacchiere asiatico non potevano prescindere da un simile aspetto, per quanto limitato fosse.

Forti dell’appoggio tecnologico dell’Unione Sovietica, prima della fine del decennio si assistette all’inizio della costruzione di diversi impianti (per la produzione di materiale per gli ordigni) e di siti per lo svolgimento di test.

Nel frattempo, da Mosca giungevano diverse componenti fondamentali, ivi compresi un paio di missili (gli R-2 o SS- 2 Sibling). Appare così subito chiaro quello che sarebbe stato uno degli elementi distintivi delle politiche di acquisizione/sviluppo di armamenti da parte della Cina: l’acquisizione all’estero di un numero limitato di parti e tecnologie con il preciso scopo di svilupparli poi in patria.

Il tutto con gli evidenti vantaggi di acquisire gradualmente la necessaria autonomia e, al tempo stesso, introdurre in servizio sistemi adatti alle proprie esigenze.

Quelli in questione poi erano gli anni segnati da una piccola “rivoluzione” nel campo degli armamenti nucleari: la comparsa dei primi SSBN realmente operativi, attraverso i quali il potenziale bellico in questo specifico campo di una qualsiasi Nazione compie un passo in avanti importante.

Ovviamente, sia i vertici politici sia quelli militari della Cina erano consapevoli dell’importanza di questo specifico assetto tanto che nel luglio del 1958 dettero il via ufficiale ai progetti relativi a un nuovo SSBN (indicato come Project 09) e a un SLBM (Submarine Launched Ballistic Missile) destinato ad armare lo stesso sottomarino (a sua volta, identificato come Project 05).

A dispetto però degli sforzi profusi, non si registrò nessun passo avanti tanto che nell’agosto del 1962 il programma viene sospeso. A pesare furono 2 fattori: l’impreparazione cinese e la rottura dei rapporti con l’Unione Sovietica avvenuta nel 1960. Ma è soprattutto il primo a diventare davvero determinante; enti di ricerca e di produzione separati geograficamente che, oltretutto, finiscono con l’essere soggetti a continui spostamenti/riorganizzazioni.

Di più, a pesare è anche lo stretto controllo politico del Partito Popolare Comunista, conseguenza della stagione delle grandi riforme avviate da Mao, cioè quella “Rivoluzione culturale” che si svilupperà nel corso di diversi anni. Quale dato di fondo infine, l’evidente impreparazione e la sostanziale sottostima delle complessità legate allo sviluppo di un sottomarino a propulsione nucleare e del suo armamento costituito da missili balistici.

Dovranno perciò passare altri 4 anni, nell’agosto 1966, per registrare il riavvio delle attività di progettazione della nuova piattaforma subacquea; la strada verso un risultato tangibile sarà però ancora molto lunga.

Tra l’altro, è da rilevare come a incidere sulle decisioni di Pechino fosse anche il fattore finanziario poichè all’epoca, i bilanci della Difesa non erano certo ancora “corposi” come quelli attuali.

Non è dunque un caso che la ripresa dei lavori sul nuovo SSBN (e sui suoi missili) sia stata favorita anche dall’aumento delle disponibilità finanziarie. Ciò non di meno, è evidente che a favorire questa nuova spinta siano intervenuti, da un lato la crescente pressione volta a diversificare il proprio deterrente nucleare (oltre cioè ai missili basati a terra) e, dall’altro, la graduale maturazione tecnologico-produttiva della Cina.

Rispetto al primo punto, è chiaro che i vertici di Pechino avevano già all’epoca intuito le potenzialità belliche degli SSBN; del resto, oltre alle “super potenze” Stati Uniti e Unione Sovietica, ben presto anche Regno Unito e Francia avevano provveduto a immettere in servizio simili piattaforme.

La maggiore capacità di sopravvivenza rispetto a ICBM basati a terra è già un vantaggio notevole, ma non l’unico; anche in termini di letalità i punti a favore non mancano affatto.

Ecco dunque che per un Paese allora privo di alleati o comunque di “amici” di un certo peso (dopo la già ricordata rottura dei rapporti con l’Unione Sovietica) e desideroso al tempo stesso di acquisire un maggior peso sulla scena internazionale, questo percorso di sviluppo del proprio deterrente nucleare diventa un passaggio obbligato. Anche in considerazione del maggio lustro che sarebbe derivato dal poter dimostrare capacità produttive e conoscenza tecnologiche più avanzate.

Il primo (e tormentato) passo, la classe Type 092 o Xia

Il lavoro riavviato nel 1966 porta così al completamento di un progetto “preliminare” nel giro di circa un anno; all’epoca, si pensava che l’impostazione del nuovo sottomarino potesse avvenire nel 1973.

E invece, il primo SSBN Cinese finirà con il riuscire a prendere forma solo nel 1978. La costruzione si sviluppò presso i cantieri oggi noti come Bohai Shipbuilding Heavy Industry Co. o BSHIC, a loro volta facenti parte del colosso China Shipbuilding Industry Corporation (CSIC); situati nella città di Huladao.

Questi cantieri non solo sono uno dei più grandi siti produttivi del genere in Cina ma anche la “casa” nella quale prendono forma tutti i sottomarini a propulsione nucleare (siano essi lanciamissili balistici o di attacco) della Marina Cinese.

Il progetto in questione non era del tutto nuovo, la stessa Marina Cinese aveva infatti preferito un approccio che potrebbe essere definito incrementale: in maniera decisamente pragmatica, i primi passi dello sviluppo nel campo delle piattaforme subacquee a propulsione nucleare furono per l’appunto articolati partendo da un unico progetto.

Questo, fin una sua prima fase, dette vita ai 5 sottomarini nucleari d’attacco (SSN) Type 091 (classe Han secondo la classificazione utilizzata dalla NATO, Type 09-I secondo quella Cinese) che entrarono in servizio a partire dal 1974.

Al fine di diminuire i rischi di un’impresa comunque già impegnativa per la Cina di allora, il nuovo SSBN riprende lo scafo degli Han, aggiungendovi una sezione destinata a ospitare i pozzi di lancio per i missili.

Nasce così un sottomarino indicato come Type 092 o classe Xia secondo la NATO, Type 09-II nella classificazione Cinese Si ricorda inoltre come, nelle regole adottate dalla PLAN nell’assegnazione dei nomi alle proprie unità, tutti i sottomarini a propulsione nucleare (sia lanciamissili, sia d’attacco) ricevono indifferentemente il nome di Changzheng (o Lunga Marcia); seguito da un numero identificativo. Nel caso specifico, 406.

Non tutto però “fila liscio”: se già l’impostazione era avvenuta con anni di ritardo rispetto al previsto, l’unità sarà poi varata solo il 30 aprile del 1981. A pesare sono diversi fattori, la bassa qualità delle tecniche costruttive cinesi e, soprattutto, la scelta di avviare la costruzione dello scafo prima che fosse stata completata la progettazione dei sistemi interni.

Mano a mano che si procedeva al loro imbarco, si rendeva così necessario per esempio calcolare ogni volta la distribuzione dei pesi interni al fine di non alterare il centro di gravità del sottomarino.

E non è tutto, sebbene formalmente consegnato alla PLAN nell’ottobre del 1983, dovranno passare altri 5 anni per vederlo considerato operativo anche se, in questo caso, a incidere sono più le difficoltà legate alla “maturazione” degli SLBM da imbarcare.

Prima di procedere oltre, appare opportuno affrontare uno dei “misteri che avvolgono questa classe di sottomarini: una (presunta) seconda unità che sarebbe poi andata perduta in un (altrettanto presunto) incidente. Secondo alcune fonti mai confermate, tale secondo sottomarino sarebbe stato varato nel 1982 e, per l’appunto, sarebbe andato perduto 3 anni dopo in un incidente tale da causare anche la perdita dell’intero equipaggio.

Difficile dare un giudizio, tanto più che altre fonti sostengono che i piani iniziali della PLAN prevedessero la realizzazione di almeno un’altra unità. Tuttavia, pare che a seguito di una più approfondita analisi, la stessa Marina cinese abbia poi deciso di concentrare le proprie risorse e i propri sforzi verso una nuova classe di piattaforme, fermandosi a un solo Xia.

Per ciò che riguarda la configurazione generale, il Type 092 è facilmente distinguibile per sezione a forma squadrata ospitante il compartimento dei missili che occupa la parte centro-prodiera del sottomarino. Spicca inoltre la “falsa torre” di discrete dimensioni, anche a causa della presenza di 2 superfici di controllo. Sempre a proposito di superfici di controllo, quelle poppiere si presentano nel classico schema a croce, mentre la propulsione è assicurata da una singola elica.

Da un punto di vista tecnico esiste ormai uniformità di opinione sulle caratteristiche dimensionali del Type 092: 120 metri di lunghezza, una larghezza massima di 10 e un dislocamento che varia tra le 6.500 (in superficie) e le 8.000 tonnellate (in immersione).

Non meno tormentata è la storia che riguarda il reattore nucleare, il cui sviluppo ebbe inizio addirittura nei primi anni 60. A contendersi l’assegnazione del progetto furino 2 diversi istitut: la Quinghua University of Nuclear Energy Technology (con una proposta basata sul reattore installato sulla nave mercantile tedesca Otto Hahn) e il Reactor Engineering Technology Institute (con progetto mutuato dal reattore OK-150 installato sul rompighiaccio sovietico Lenin). Intorno al 1965, la scelta cadde sulla seconda proposta ma, fin da subito, apparve evidente come l’arretratezza cinese nel settore e la necessità di adattare all’impiego su unità subacquee un progetto nato per quelle di superficie costituivano un ostacolo importante. Solo intorno al 1970 esso sarà finalmente testato a piena potenza, a distanza cioè di 10 anni (e oltre) dall’avvio delle prime progettazioni.

Da un punto di vista più propriamente tecnico, l’intero impianto propulsivo è costituito da un reattore ad acqua pressurizzata da 58 MW termici (stimati), il quale alimenta 2 turbo-alternatori a vapore; il tutto per una potenza sull’asse che si ipotizza possa essere intorno agli 11 MW.

Dunque, un insieme non particolarmente “esuberante”, così come dimostrato dalle prestazioni che parlano di velocità massime nell’ordine dei 20 nodi; l’inevitabile prezzo da pagare per aver scelto lo stesso impianto installato sui Type 091, laddove questi ultimi presentano dimensioni e valori di dislocamento inferiori.

La profondità massima operativa è infine indicata in 300 metri. Notevole invece la confusione riguardante il numero degli uomini di equipaggio, con stime che variano dai 100 ai 140 effettivi. Se già una ricostruzione attendibile delle caratteristiche generali di questo sottomarino può essere considerata una specie di impresa, non molto differente si presenta un’analoga analisi dei sistemi di bordo; intesi come sensori e come sistemi d’arma.

Una difficoltà accresciuta dal fatto che questi sono stati oggetto di diversi cambiamenti nel corso degli anni. In termini di sensori, vi è una sostanziale uniformità di vedute rispetto alla presenza di un radar di navigazione/ricerca di superficie di origine sovietica MRK-50 o Snoop Tray; accanto a esso, un apparato per la guerra elettronica Type 921-A in funzione Radar Warning Receiver (RWR) e “Direction Finder”.

Appena qualche notizia in più sul versante dei sensori principali, cioè i sonar. Inizialmente, si presume che al pari dei Type 091 anche il Type 092 disponesse di una suite composta da un sonar attivo SQZ-3 (o Type 603) e da uno passivo SQC-1 (o Type 604), entrambi installati a prua e destinati alle funzioni di ricerca e attacco. Nel corso di uno degli innumerevoli refit avuti nel corso della sua vita, questi apparati sarebbero stati sostituiti da una nuova suite, molto più moderna e denominata SQZ-262B.

Anch’essa utilizzata per ammodernare i Type 091 (nonché altre piattaforme subacquee) e successivamente installata su altri sottomarini di costruzione cinese, essa è caratterizzata dal fatto di disporre di sensori pienamente integrati in un unico apparato.

Sempre nel corso dei vari interventi subiti, il Type 092 ha ricevuto anche un apparato passivo utilizzato in funzione di scoperta e incentrato su “arrays” piatti montati a scafo in un numero di 3 per lato. L’aspetto per così dire singolare è che si tratta di un sistema di origine francese, il DUUX-5 dell’allora Thomson Sintra poi classificato in Cina come SQG-2B, acquistato in alcuni esemplari intorno alla fine degli anni 80 e utilizzato anche per un’analoga modifica sugli stessi Type 091.

Sul fronte delle armi imbarcate, si segnala la presenza di 6 tubi lanciasiluri da 533 mm per ordigni Yu-3; questi siluri a guida acustica (per i quali s’ipotizza una qualche derivazione dai SET-65 di origine sovietica) sono impiegati per il contrasto di bersagli di superficie, con un numero totale di ordigni imbarcati pari a 12.

Le armi: gli SLBM JL-1 e 1A. E i molti altri problemi…

Uno dei problemi principali che hanno contrassegnato l’esistenza del Type 092 è stata proprio quella che potremmo definire la sua stessa ragione d’’essere, cioè i 12 SLBM Ju Lang-1 o JL-1 (o, ancora, CSS-N-3 secondo la nomenclatura americana). Lo sviluppo di questo missile ebbe inizio nei primi anni 70 per diventare, al pari della sua piattaforma di lancio, una grande novità perché il primo SLBM mai prodotto dalla Cina.

Anche in questo caso le difficoltà non mancarono e solo nel 1982, si registrano i primi lanci, dapprima utilizzando una struttura fissa e in seguito facendo ricorso a un sottomarino della classe Golf sovietica adattato per condurre sperimentazioni del genere.

Per effettuare però il primo lancio di prova dal Type 092 fu necessario attendere ancora altri 3 anni, laddove tale lancio si rivelò un fallimento. Solo alla fine di settembre del 1998 ci fu poi un nuovo test, il cui esito positivo consentendo così a questo sottomarino di diventare operativo.

Ad affliggere il JL-1, missile a propellente solido a 2 stadi e dotato di una singola testata nucleare da 200/300 Kt, sono stati principalmente problemi al sistema di navigazione e guida (nelle sue diverse parti, dai giroscopi fino agli altimetri) nonché ai razzi di propulsione: di particolare gravità i problemi legati al primo aspetto, soprattutto con riferimento al sistema di navigazione inerziale caratterizzato da scarse affidabilità e precisione.

Questo missile rivelò però ben presto anche un altro limite, rappresentato da una ridotta gittata, stimata in circa 1.800 (forse 2.000) chilometri.

Un problema che troverà una sua successiva (e parziale) soluzione grazie alla sostituzione con una nuova versione, la JL-1A, da almeno 2.500 chilometri.

Anche se bisogna dire che alcune fonti propendono per numeri ancora più importanti, nell’ordine dei 2.800/3.000 chilometri. Valori che, in caso di confronto con gli Stati Uniti avrebbero comunque costretto lo Xia ad allontanarsi molto dalle più tranquille acque della madre patria per poter lanciare i missili balistici.

Un limite enorme, che ha sicuramente contribuito in maniera determinante alla scelta della PLAN di costruire un solo Type 092, vista la sua scarsa utilità da un punto di vista operativo. Poco tempo dopo l’operatività dei missili, nel 1995 il Type 092 iniziò una serie di lavori che lo tennero fermo fino al 2001. Lavori talmente significativi da portare a una modifica della sua classificazione di riferimento e cioè Type 092G, che significa proprio “modificato”.

E’ esattamente in quest’occasione che avvenne la sostituzione dei diversi sonar e l’imbarco dei nuovi JL-1A (con modifiche, per questi ultimi, anche alla zona che ospita i tubi di lancio) ma anche aggiornamenti al sistema di combattimento, più nuovo rivestimento anecoico per diminuire il rumore irradiato.

Di fatto, e senza ulteriori giri di parole, non esiste dubbio alcuno circa il fatto che il Type 092G non abbia mai conseguito una reale operatività, non si sia mai allontanato dalle acque territoriali cinesi e, dato ancor più importante, non abbia mai condotto alcun “pattugliamento strategico” o “deterrent patrol”.

In pratica, tra il tempo speso presso la base di Xiaopingdao, un’installazione della Marina Cinese utilizzata per le fasi di consegna dei sottomarini nucleari e (nel caso specifico) per i lanci di prova degli SLBM, e i lunghi periodi di fermo in porto o nel bacino della base di Jianggezhuang, situata vicino a quella Qingdao sede della Northern Fleet cui lo Xia era assegnato, questo sottomarino è stato davvero una fonte quasi inesauribile di problemi.

A pesare soprattutto i limiti dell’apparato propulsore: incapace di fornire prestazioni adeguate, afflitto da problemi di corrosione, scarsamente affidabile, contrassegnato da perdite di vapore dai circuiti con annesso elevato livello di radiazioni e, infine, con tutta una serie di sue parti essenziali (pompe, condensatori, riduttori, ecc) caratterizzati da un cattivo isolamento acustico, a sua volta causa di un elevato livello di rumore.

Per dare un’idea dell’ordine di grandezza del problema legato proprio al rumore e di quanto esso rendesse così facilmente individuabile il Type 092, alcune informazioni filtrate a suo tempo riferirono che inizialmente questo rumore fosse talmente forte da rendere persino difficile il sonno al suo equipaggio.

Una situazione solo parzialmente migliorata per effetto di alcuni interventi correttivi (che anche hanno interessato l’idrodinamicità dello scafo e portato a installare un diverso tipo di elica). Alla fine, le stime più attendibili riportano valori di rumorosità pari a 160 decibel; una sorta di primato negativo, destinato a rimanere imbattuto!

È come se, in definitiva, il Type 092 si fosse rivelato utile solo perché ha rappresentato tutto ciò che non deve essere un SSBN:; una sorta di piattaforma sperimentale, sulla quale la PLAN ha comunque potuto accumulare una certa esperienza.

Una parentesi comunque ormai chiusa perché ogni singola fonte d’intelligence conferma il suo ritiro da ogni parvenza di servizio attivo. Al massimo può essere utilizzato per scopi addestrativi/sperimentali, cioè in quelli che in pratica ha ricoperto finora.

Il presente, i Type 094 della classe Jin; un primo passo in avanti

Se quindi l’esperienza con il singolo Xia entrato in servizio (per modo dire…) non può essere definita in altro modo se non “fallimentare”, ben diverso appare lo sviluppo della nuova classe di SSBN costruita in Cina.

Lo sviluppo di questa nuova classe di sottomarini lanciamissili balistici viene individuata (a seconda delle fonti) tra la fine degli anni 80 e l’inizio del decennio successivo. Sulla base però di una serie di riscontri incrociati, appare in realtà molto più probabile che il vero inizio del lavoro di sviluppo possa essere collocato proprio nei primi anni 90.

Questo perché è opinione diffusa che si sia replicato (almeno parzialmente) lo schema utilizzato per i precedenti SSN Type 091 che hanno fornito poi la base di partenza per gli SSBN Type 093. Nel caso specifico invece, la nuova classe di sottomarini nucleari d’attacco è rappresentata dai Type 093 (classe Shang per la NATO), con il progetto di quest’ultima che avrebbe a sua volta fornito molti elementi per progettare gli altrettanto nuovi Type 094 o classe Jin per la NATO, Type 09-IV nella classificazione Cinese.

La differenza rispetto al passato è rappresentata dal fatto che i 2 progetti si sarebbero poi sviluppati nel corso del tempo con maggiori differenze, pur cercando di fare affidamento su parti e sistemi in comune.

Uno dei temi più controversi della fase progettuale riguarda un possibile coinvolgimento da parte Russa re non mancano infatti voci di una collaborazione del Rubin Central Design Bureau for Marine Engineering di San Pietroburgo, il più importante centro di progettazione di sottomarini della Russia.

Un’ipotesi che se da un lato sembrerebbe plausibile anche in virtù della ripresa delle relazioni diplomatiche (nonché militari) tra le due potenze comuniste, appare in contrasto con la volontà cinese di sviluppare autonomamente un assetto così delicato. Difficile dunque poter mettere la parola fine alla questione.

Ormai assodato invece il ruolo avuto del colosso cantieristico CSIC, in mano al Consiglio di Stato (o Governo Popolare Centrale) di Pechino; sia nella fase di progettazione, coinvolgendo il proprio 719 Insitute, sia in quella di costruzione, facendo ricorso alle già note strutture produttive del cantiere di Huladao. Nel dettaglio, dovrebbero essere 6 le unità uscite dal cantiere e, per quanto non sia facile ricostruire la cronologia esatta delle varie fasi, è comunque possibile fornire alcune indicazioni di massima.

I lavori sul primo sottomarino sarebbero cominciati alla fine del 1999, il varo dovrebbe essere avvenuto nel 2004 e l’ingresso in servizio 3 anni dopo. Ugualmente confusi i riferimenti per gli altri; il secondo, infatti, sarebbe entrato in servizio nel 2009 o nel 2010. Il terzo invece dovrebbe aver fatto il proprio ingresso nella PLAN intorno al 2012 o forse il 2013. Per il successivo, si ha quale periodo di riferimento per l’entrata in servizio il 2015 o l’anno successivo. Rispetto al quinto, le poche informazioni filtrate ipotizzano l’inizio delle operazioni tra la fine del 2018 e i primi mesi del 2019. Infine, il varo del sesto sottomarino dovrebbe essere avvenuto (secondo foto satellitari) giusto l’ottobre scorso, con un ingresso in servizio però ancora lontano. Si tratta di date assolutamente indicative e non verificabili con esattezza; il tutto accompagnato da dubbi su quanti siano poi comunque i battelli pienamente operativi.

A oggi non sono noti neanche i piani futuri: l’intelligence statunitense ritiene che per assicurare almeno un SSBN sia sempre schierato in mare e pronto al lancio dei missili siano necessarie almeno 4/5 piattaforme; dato che sarebbe più che allineato con la consistenza attuale della classe.

In tempi più recenti poi, nuovi rapporti d’intelligence USA hanno fornito ulteriori indicazioni, arrivando a ipotizzare una consistenza finale di 8 sottomarini per l’anno 2020. Nel frattempo, si segnala che non vi è coincidenza di vedute neanche sui “pennant number” adottati, laddove per alcune fonti si sarebbe partiti da 409 per la prima, per altre la partenza sarebbe il 411.

In termini pratici, così come accaduto fino a oggi, l’unico elemento utilizzabile saranno le immagini satellitari: quando con le unità ancora in costruzione/allestimento nei cantieri CSIC di Huladao, quando dislocate presso la base di Xiaopingdao (utilizzata per svolgere l’allestimento finale e la consegna), quando presso quella di destinazione finale dei Jin e cioè la base navale di Longpo situata sull’isola di Hainan.

A differenza infatti dello Xia, questi nuovi sottomarini sono stati assegnati tutti alla South Sea Fleet anche se non sono mancate le immagini che hanno ritratto alcuni di questi temporaneamente stazionati presso la stessa base di Jianggezhuang, ciò in funzione del fatto che proprio queste 2 sono le uniche installazioni della Marina Cinese in grado di ospitare SSBN.

A tal proposito appare utile spendere qualche parola in più sul fronte delle infrastrutture; perché se da un lato è corretto porre la dovuta attenzione nei confronti delle piattaforme, dall’altro è altrettanto importante evidenziare come il conseguimento di certe capacità (nel caso specifico, quelle legate alla disponibilità di un deterrente nucleare basato in mare) passi attraverso una serie di iniziative di più ampio respiro.

E le 2 basi appena citate rientrano esattamente in questo ragionamento. A sollevare un maggiore interesse sono le installazioni presso l’isola di Hainan, comprensive della base di Yulin (prevalentemente destinata a unità di superficie e a sottomarini a propulsione convenzionale) e di Longpo.

Qui troviamo non solo banchine e le attrezzature normalmente presenti in qualsiasi porto ma anche un grande struttura per la smagnetizzazione degli scafi nonché, aspetto ancora più importante, grandi tunnel scavati sotto terra più strutture coperte/sotterranee sono capaci di ospitare gli SSBN e i missili balistici destinati all’imbarco. Il tutto è simile a quanto già presente presso la base di Jianggezhuang; con la differenza che a Longpo le infrastrutture sono già più importanti e, soprattutto, ancora in continuo sviluppo.

Per ciò che riguarda le caratteristiche generali e quelle tecniche dei Type 094, per il primo aspetto risulta evidente il ricorso a un disegno di base complessivamente simile ai precedenti Type 092. Fatti salvi gli affinamenti del caso, la configurazione per quanto riguarda la posizione della falsatorre, del compartimento missili e delle superfici di controllo ricalcano infatti in larga parte quanto visto per l’appunto sullo Xia.

Alquanto complicata si presenta invece la disanima tecnica, con informazioni scarse e talvolta discordanti. Con ordine, le dimensioni possono essere fissate in circa 135 metri di lunghezza per 12,5 di larghezza; in realtà, entrambi i dati sono approssimativi perché per il primo elemento si registrano “forchette” di valori che variano dai 133 a i 137 metri, mentre il secondo (nonostante sia quello più comunemente accettato) si segnalano anche valori di larghezza pari a circa 12 metri.

Analoghe difficoltà si riscontrano sulla definizione del dislocamento; 8.000/9.000 tonnellate in superficie è la “forchetta” più diffusa mentre su quello in immersione si passa dalle 9.000 alle 11.000 tonnellate circa.

In una sorta di crescendo rispetto alla difficoltà nel definire le caratteristiche tecniche dei Type 094, non fa eccezione la questione dell’apparato propulsivo. Un rapido passo indietro; è convinzione diffusa che il già accennato percorso parallelo con gli SSN Type 093 abbia portato, tra l’altro, anche l’adozione dello stesso impianto di propulsione.

Sennonché, né per gli uni né per gli altri sottomarini è dato sapere con esattezza cosa si celi all’interno dei loro scafi; al punto che tra le versioni circolate con più insistenza vi è anche quella del ricorso a 2 reattori nucleari (sempre del tipo PWR).

Una tesi che si regge sull’ipotesi che la PLAN abbia preso in qualche modo come riferimento i Project 671 RTM (o Victor III); tale ipotesi appare però molto debole.

Di conseguenza, lo schema effettivamente impiegato dovrebbe essere quello solito e cioè un singolo reattore nucleare con una potenza stimata di 150 MW termici, il cui vapore alimenta 2 turboalternatori che generano una potenza di poco inferiore ai 30 MW su di un singolo asse dotato di un’elica a 7 pale falcate.

A questi elementi corrisponde così un quadro delle prestazioni che per la velocità massima in immersione (nonostante stime diverse sulla potenza effettiva) restituisce quale dato più realistico oltre 22 nodi. Dunque, qualche passo in avanti rispetto allo Xia ma, ancora, qualche passo indietro rispetto alle più moderne realizzazioni per questo tipo di sottomarini. Nessuna novità di rilievo infine rispetto alla profondità massima raggiungibile, ragionevolmente ipotizzabile intorno ai 300 metri.

In virtù delle maggiori dimensioni della piattaforma, in crescita rispetto al Type 092 dovrebbe essere anche il numero degli uomini di equipaggio, indicativamente si parla di valori compresi fra 120 e 140 unità, peraltro con livelli di confort che vangono segnalati in crescita rispetto a precedenti piattaforme, il tutto per un’autonomia operativa stimata tra i 60 e i 90 giorni.

Un altro campo nel quale si può ragionevolmente pensare che ci sia stato un travaso di sistemi con i Type 093 è quello dei sensori; esiste infatti una certa uniformità di opinioni rispetto alla presenza sui Type 094 non solo della stessa suite sonar di prua SQZ-262B (per ricerca e l’attacco, operante in modalità attiva/passiva), presente peraltro anche sullo stesso Xia dopo l’aggiornamento, ma anche dell’apparato passivo per la scoperta SQC-207, il primo apparato sonar di questo tipo (con 3 “arrays” posti su ciascun lato del sottomarino) prodotto in Cina.

La presenza di un “rigonfiamento” su una pinna di coda fa pensare che i Type 094 possano essere dotati di un sensore passivo rimorchiato (TAS, Towed Array Sonar).

Sempre dovendo fare ricorso alle ipotesi, quella più probabile per ciò che riguarda gli altri sensori/sistemi di bordo vede la riconferma dello Snoop Tray come radar di navigazione/scoperta di superficie, del sistema Type 921-A come apparato di supporto alla guerra elettronica mentre, quale novità rispetto al passato, la presenza di un sistema di lancio di “decoy” per l’inganno dei siluri avversari.

Argomento quello dei siluri che ci porta ad affrontare il capitolo dei sistemi d’arma installati sui Jin. Su questi sottomarini ritroviamo infatti i (“classici”) 6 tubi lanciasiluri da 533 mm. Questi dovrebbero essere dotati di ordigni Yu-3 ma vi sono indicazioni che sarebbe già iniziata la transizione verso i più moderni Yu-6, caratterizzati da prestazioni/capacità superiori e impiegabili sia in contesti ASW sia ASuW (Anti Submarine e Anti Surface Warfare).

Nel complesso, almeno secondo quelle che sono le informazioni che circolano anche su siti e blog Cinesi (probabilmente, non proprio disinteressate…), sui Type 094 si registrano progressi nel campo dei sistemi di controllo della piattaforma, in quelli di navigazione (con una maggiore accuratezza nella determinazione della posizione, aspetto fondamentale al momento del lancio degli SLBM), e un maggior grado d’integrazione tra i sensori nell’ambito del sistema di combattimento.

I missili JL-2 e le prime evoluzioni dei Jin

Notevole infine il passo in avanti sul fronte dei missili balistici imbarcati: nei 12 (e non 16 come alcune fonti avevano inizialmente ipotizzato) pozzi di lancio sono infatti caricati altrettanti SLBM del tipo JL-2 (CSS-N-14 la definizione in ambito americano), a sua volta derivato dall’ICBM DF-31 basato a terra.

Si tratta di un missile a 3 stadi e a propellente solido, con sistema di guida inerziale e un CEP (Circular Error Probable) di 500, forse 300 metri; valori che dovrebbero essere leggermente migliori di quelli del JL-1A. Due però sono gli elementi di grande importanza: il primo è costituito dalla possibilità di ospitare una singola testata nucleare (con potenze comprese fra i 250 KT e 1 MT) o, in alternativa 3 o 4 Multiple Independently targetable Reentry Vehicles (MIRV) da 90 KT. Il secondo è invece rappresentato dal sensibile incremento della gittata, stimata tra i 7.200 e gli 8.000 chilometri.

Nulla a che vedere dunque con i precedenti JL-1A; eppure, anche lo sviluppo e il conseguimento dell’operatività di questi missili non sono stati una storia semplice. I primi test avvengono nel gennaio e nell’ottobre del 2001 e sono volti esclusivamente a verificare la corretta esecuzione del lancio da una piattaforma subacquea.

A essere impiegato è ancora una volta (così come per il JL-1) il Type 031, cioè quel sottomarino della classe Golf-I realizzato a suo tempo in Cina e poi modificato per svolgere il ruolo di unità sperimentale.

Non è del tutto chiaro se nei 2 anni seguenti siano stati effettuati altri test ma è invece certo che il 2004 rappresentò l’anno in cui lo sviluppo del missile subì un duro stop per effetto del fallimento del primo lancio effettivo di un JL-2.

Nel giugno del 2005 e nel maggio del 2008 poi, il programma riprende slancio per effetto del successo conseguito in altri lanci da parte del Type 031; il preludio di quanto accadrà nei primi mesi del 2006 quando, per la prima volta, un Type 094 lanciò un proprio missile. Gli esiti positivi di questi test fanno dunque ripartire definitivamente il programma; tanto che un nuovo lancio avvenuto nell’agosto del 2012 fa ritenere ormai acquisita l’operatività per l’accoppiata Jin e JL-2.

Nell’ambito del continuo processo di evoluzione delle piattaforme subacquee della PLAN, in tempi più recenti sono emerse delle immagini che fanno concludere come a partire dalla 3ª unità siano state introdotte delle modifiche, dando così origine ai Type 094A (da altre fonti identificati anche come Type 094B).

A similitudine infatti di quanto sperimentato su alcuni Type 093, la vela presenta una forma più arrotondata nella sua parte superiore, priva di finestrature ed è raccordata in maniera diversa con lo scafo. Inoltre, la stessa sezione ospitante i missili presenta delle modifiche volte a rendere più morbidi i raccordi fra le varie superfici, alle quali si aggiunge la scomparsa delle aperture poste sullo scafo in corrispondenza di tale sezione.

Alla base di questi interventi vi è la necessità di abbattere il rumore generato in navigazione. Tutte da verificare appaiono invece le indiscrezioni legate all’imbarco di una versione evoluta del missile presente sui Type 094.

Si parla cioè di un JL-2A che, derivato dalla nuova versione DF-31A, presenterebbe una gittata stimata di oltre 11.000 chilometri, conservando la possibilità di ospitare 3/5 MIRV o una singola testata, corredata però di decoys per favorirne la penetrazione nello spazio aereo nemico. Ancora una volta, l’assenza di informazioni rende però estremamente difficile propendere per un’ipotesi (integrazione del JL-2A, meno probabile) o un’altra (mantenimento del JL-2, più realistica).

Proprio il tema del rumore ci conduce direttamente alla questione della valutazione complessiva su queste stesse piattaforme; perché è sempre questo a rappresentare il principale fattore critico. Nonostante le migliorie apportate (oltre a quelli già citati, si segnalano ulteriori interventi sui supporti elastici dei macchinari, un miglior isolamento dei locali interni, miglioramenti sulla linea d’asse e affinamenti dei passaggi d’acqua a scafo), le stime formulate dall’intelligence americana classificano infatti i Type 094 nella categoria dei “noisy submarines”, con valori di rumorosità pari ad almeno 140 decibel, mentre per la versione successiva (la A) s’ipotizza un abbattimento fino a 120.

Quale termine di riferimento, (molto) approssimativamente fissato a 90 decibel il rumore di fondo degli oceani, si tenga presente che SSN quali quelli della classe Virginia si posizionano intorno ai 95. Una differenza all’apparenza modesta ma che, data la natura logaritmica nella scala di misurazione dei suoni, si traduce in un livello di rumorosità perfino doppio rispetto ai battelli americani.

Ma non solo, varie fonti indipendenti hanno segnalato problemi sul reattore nucleare e, più in generale, sull’apparato propulsivo. Sia perché tra i principali responsabili della rumorosità, sia perché avrebbe anch’esso manifestato dei problemi di affidabilità (sia pure non gravi come sul Type 092 e, comunque, oggetto di migliorie con i successivi 094A).

Un solo dato per spiegare come l’intera questione presenti dei risvolti all’apparenza incomprensibili: nonostante i battelli in servizio e i diversi anni trascorsi dal loro ingresso nella PLAN, a oggi nessuna fonte è stata in grado di confermare che la Marina Cinese stessa sia davvero in grado di assicurare su base regolare attività di pattugliamento strategico o “deterrent patrol” con tutti i Jin. Anche in questo caso, tuttavia, non mancano indicazioni discordanti.

Secondo informazioni fornite dal Pentagono già nel dicembre del 2015, sarebbe stata rilevata un’operazione genericamente definita di “patrol” della durata di 95 giorni da parte di un Jin.

Ulteriori dettagli non sono stati resi noti, nel senso che non è stato specificato la natura di tale “pattugliamento” ma, anzi, si è arrivati addirittura a ipotizzare che i JL-2 non fossero neanche imbarcati. L’ipotesi a questo punto più probabile è che le attività operative siano in realtà iniziate ma ancora in maniera sporadica e, soprattutto, rimanendo all’interno della cosiddetta “first island chain”. In sostanza, senza avventurarsi nell’Oceano Pacifico. È però altrettanto doveroso ricordare come il fatto che la costruzione di nuovi 094A prosegua ancora vada a dimostrare che questa versione (nel complesso) sia in grado di soddisfare le esigenze operative della PLAN.

Sviluppi futuri: i Type 096

Un’importante variabile di cui si deve tener conto è costituita dai piani di sviluppo futuri della PLAN. E se fino a questo punto il ricorso al condizionale non è certo mancato, parlare di quello che potrebbero essere le possibili future piattaforme della PLAN significa attingere ancora di più dal “mondo” dei punti interrogativi.

Da oramai qualche anno infatti, si rincorrono le voci circa una nuova classe di SSBN che, peraltro, avrebbe già la denominazione Type 09-VI secondo la classificazione Cinese, con un’equivalenza in ambito occidentale di Type 096 o classe Tang. A similitudine di quanto già avvenuto in precedenza, anche in questo caso ci sarebbe una sorta di sviluppo parallelo con i nuovi (e anch’essi ipotetici) SSN, a oggi identificati come Type 095.

Di più, secondo alcuni fonti, la prima unità sarebbe già in costruzione; con suggestive teorie che la vedrebbero già in mare per la fine di questo decennio. E così, tra indiscrezioni comparse su blog cinesi (autentiche o pilotate?) e modellini fugacemente mostrati in pubblico, c’è anche chi ha provato a sbilanciarsi: il sottomarino in questione presenterebbe una lunghezza nell’ordine dei 150 metri, con un dislocamento in immersione di circa 16.000 tonnellate.

Il vero salto in avanti sarebbe però dato dall’abbattimento dei livelli di rumorosità rispetto alle precedenti piattaforme oltre all’adozione di specifici rivestimenti anecoici e al solito lavoro di insonorizzazione dei macchinari, un notevole e ulteriore contributo dovrebbe poi venire dall’introduzione di nuovi e avanzati sistemi di propulsione (più in particolare, del cosiddetto “rim-driven thruster”). Lo scetticismo degli osservatori occidentali è forte ma se davvero la PLAN riuscisse a rendere operativo un tale sistema, la svolta sarebbe davvero importante se non epocale.

L’altro elemento di grande importanza sarebbe costituito dai pozzi di lancio che sarebbero in aumento fino al numero di 16 o 18 (se non, addirittura, 24) che andranno a ospitare i nuovi SLBM di tipo JL-3 derivati dall’ICBM DF-41, noto anche come CSS-X-10. Missili caratterizzati da un notevole incremento della gittata rispetto ai predecessori, per valori di 9.000/10.000 chilometri e con 10 MIRV.

Con questi ordigni, soprattutto se la gittata fosse nella parte alta delle stime, sarebbe dunque possibile colpire il territorio continentale degli Stati Uniti restando nei Mari Cinesi. Intanto, si segnala che sono già stati effettuati almeno un paio di lanci prova del JL-3, probabilmente facendo ricorso battello al Type 032 in dotazione alla Marina,  un sottomarino utilizzato proprio per le sperimentazioni in campo subacqueo.

Al netto di tutte queste ipotesi più o meno fantasiose, a oggi rimangono solo indicazioni generiche confermate dalla stessa intelligence americana che riferisce dell’esistenza dei programmi relativi sia al Type 096, sia del JL-3. Con rapporti recenti provenienti dallo stesso Dipartimento alla Difesa, si ipotizza che la costruzione della prima unità potrebbe avere inizio intorno ai primi anni ’20.

Nel frattempo, e questo è un elemento certo, si segnala l’espansione delle strutture produttive presso il cantiere BSHIC di Huladao, con la costruzione di un nuovo grande capannone, all’interno del quale possono essere realizzati contemporaneamente più battelli (il tutto al riparo da “occhi indiscreti”) come i Type 096  e i nuovi SSN Type 095.

Le sfide per il deterrente nucleare strategico imbarcato cinese

La rilevanza della questione relativa al raggio d’azione degli ICBM cinesi è sttettamente legata al contesto operativo della Marina Ccinese. Generalmente, le strategie d’impiego degli SSBN sono di tre tipi:

   –  costiera, con i sottomarini stessi che operano in specchi d’acqua con profondità fino a un massimo di 200 metri

   –  “bastion”, che individua uno specchio d’acqua delimitato quale zona di operazioni     in mare aperto,

   – con gli SSBN che operano nelle profondità degli oceani, che rappresenta la più efficac e flessibile.

Logica vuole che alla Marina Cinese quest’ultima opzione sia sostanzialmente preclusa: i livelli di rumorosità non proprio modesti dei propri sottomarini costituiscono infatti un grave handicap allorquando si opera in acque profonde, laddove cioè le condizioni per chi effettua operazioni di ricerca diventano più agevoli.

Inoltre lo spostamento verso simili zone di operazioni sarebbe anche ostacolato dalla necessità di attraversamento di alcuni passaggi obbligati e, oltretutto, la stessa Marina Cinese nel suo complesso (come assetti navali di superficie, subacquei nonché aerei) non appare ancora in grado di affrontare in pieno le sfide legate alla protezione complessiva dei suoi SSBN.

Non rimane dunque che optare per la prima e/o la seconda opzione. Operare in acque comunque poco profonde significa infatti contare sul vantaggio delle difficili condizioni di propagazione del suono (l’ideale per contribuire a celare le tracce di un sottomarino rumoroso) e, al tempo stesso, condurre i propri pattugliamenti all’interno di “bastioni” ben difesi nonché facili da interdire alle eventuali operazioni di un avversario risulta sempre un’ottima opzione.

Sennonché, la scelta di queste strategie comporta un prezzo da pagare: rimanere confinati in zone costiere e/o “bastioni” rappresentati dai propri Mari (principalmente, il Mar Giallo e, ancora di più, il Mar Cinese Meridionale) significa aumentare le distanze rispetto agli obiettivi.

In termini ancora più diretti, un’ipotetica accoppiata Type 094 con i propri JL-2 operativi, non potrebbe eventualmente colpire gli Stati Uniti continentali. Solo le isole Hawaii o l’isola di Guam sarebbero raggiungibili; una limitazione pesante, tale da ridurre l’efficacia di questo assetto strategico. Comprensibile quindi l’importanza dell’ingresso in servizio dei nuovi Type 096 con i missili JL-3.

Più in generale poi, la comparsa della componente strategica basata su sottomarini diventa una sfida importante anche sotto diversi altri punti di vista.

Legati principalmente alla dottrina Cinese sull’impiego di armi nucleari e sulle peculiari caratteristiche della catena di Comando e Controllo.

Nello specifico, Pechino da sempre professa la dottrina del “No-First Use” (“NFU”): l’eventuale impiego di armamenti nucleari è per l’appunto contemplato sono in termini di risposta a un eventuale attacco verso la Cina stessa.

Questo aspetto, combinato con lo stretto controllo politico a più livelli per la gestione di tutti gli assetti strategici, ha prodotto alcune decisioni importanti.

La prima è costituita dalla creazione della PLARF (People’s Liberation Army Rocket Force), cioè della struttura che si occupa di tutte le componenti dell’arsenale nucleare strategico basato a terra allo scopo di rafforzare il ruolo della Commissione Centrale Militare quale massimo organismo di controllo e della sua presa su tali armi. In questo caso, non è anche dato sapere (a oggi) se questa “Forza” abbia il controllo diretto degli assetti della PLAN o se sia quest’ultima ad avere la piena autorità sui propri sottomarini e, soprattutto, sui missili imbarcati.

La seconda fa riferimento alla scelta di tenere, in condizioni normali, separate le testate nucleari dai propri vettori (in dotazione alla PLARF medesima). Pratica che viene modificata solo in caso d’innalzamento del livello di allarme. In questo caso, la misura appare rivolta a scongiurare eventi imprevisti, soprattutto in funzione del rispetto dell’appena ricordato principio del “NFU”.

Questioni dunque importanti, entrambe legate allo stretto controllo del Partito Comunista Cinese su questi assetti operativi (ma anche su molto altro…) e che però mal si conciliano con le particolari caratteristiche di un deterrente nucleare imbarcato su sottomarini.

Proprio sul particolare aspetto del Comando e Controllo di queste unità e dei loro missili, incide anche il fattore legato alle comunicazioni con sottomarini in immersione. Riuscire infatti a comunicare con un SSBN in immersione è tanto difficile quanto fondamentale. Per farlo, occorre disporre di sistemi che operino a frequenze bassissime (VLF e ELF, Very Low e Extremely Low Frequency) che a loro volta necessitano di strutture complesse e vulnerabili.

Da questo punto di vista, è noto da tempo che la Cina dispone di diverse stazioni di comunicazione VLF: si stima che siano almeno 8 quelle attive, anche se alcune fonti allargano il numero fino a 12. Inoltre, appare ormai chiaro che sia stata acquisita anche l’operatività di un sistema di comunicazione in banda ELF, ufficialmente destinato a scopi civili e noto anche come Project WEM (Wireless Electromagnetic Method)

Esso farebbe della Cina il quarto Paese al mondo a disporne, dopo Stati Uniti (che però non lo utilizzano più), Russia e India. A tal proposito, sia pure nell’ambito della non sempre facile analisi delle indicazioni provenienti da fonte cinese, negli ultimi tempi alcuni organi d’informazioni locali hanno rilanciato delle voci circa possibili innovazioni in questo campo.

In particolare, sarebbero allo studio tecnologie per implementare sistemi di comunicazione quantistici mentre non meno “affascinanti” appaiono i possibili sviluppi nel campo dell’Intelligenza Artificiale (IA). Come noto, la Cina è un Paese che sta investendo molto nel settore, al punto che una sua applicazione in campo militare deve essere data per scontata con l’inserimento di elementi di IA nei sistemi di Comando e Controllo dei sottomarini.

Considerazioni

 Nel complesso, quella in questione è dunque una sfida di notevole portata perché destinata a interessare da un lato questioni più squisitamente tecnico/operative quali le piattaforme con i propri sistemi, i missili, le infrastrutture, le basi insieme ad altre legate all’expertise, come l’acquisizione di una certa esperienza operativa.

D’altra parte a queste considerazioni generali si aggiungono le caratteristiche peculiari della dottrina nucleare di Pechino e la sua altrettanto particolare struttura politica con tutte le implicazioni sugli aspetti militari. Tutte questioni che, come già ricordato, fanno ritenere la Cina in una condizione di complessivo ritardo in questo campo.

Al tempo stesso però non si può certo negare che il “Dragone Cinese” stia lesinando attenzione e risorse al potenziamento complessivo del proprio strumento militare e di quello nucleare in particolare.

Una tendenza ribadita anche nel recente “Libro Bianco della Difesa” dove accanto a messaggi quasi rassicuranti (la conferma della politica del “No First Use” e dunque l’impronta difensiva del proprio arsenale strategico), si aggiunge che una capacità nucleare è la pietra angolare per la salvaguardia della sovranità e della sicurezza nazionali, dissuadendo altri Paesi dall’utilizzo, o dalla minaccia di utilizzo, di armi nucleari.

Elementi da tenere in considerazione visto che, non a caso, proprio negli ultimi mesi si sono moltiplicati i segnali di grande “attenzione” da parte degli USA.

Che si tratti di rapporti del Pentagono o dell’intelligence statunitense, che si tratti di testimonianze dirette dei massimi responsabili del PACOM (Pacific Command) o di studi/articoli di analisti indipendenti, il dato che emerge con chiarezza è uno solo: la Cina sta sì completando la propria triade di armamenti nucleari (con armi lanciata da terra, dall’aria e dal mare) ma, soprattutto, sta dedicando una particolare attenzione proprio alla componente navale. Segno che lo sforzo di Pechino per colmare quel ritardo più volte denunciato, è massimo.

Pubblicato in: Banche Centrali, Cina

Cina. Ridotte le riserve obbligatorie delle banche. Liberati 115 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-03.

Banca Centrale Cina

I cinesi negli ultimi trenta anni hanno accumulato enormi riserve valutarie: questo fenomeno non è solo visibile a livello statale ma anche nel sistema bancario, che per legge deve detenere una ben definita quota di riserve.

Modificando con prudenza e sagacia il valore della percentuale delle riserve bancarie, la banca centrale si è costruita uno strumento di modulazione del credito quanti mai duttile ed operativo a premuta di pulsante: gli effetti dell’uso di un simile strumento sono quasi istantanei e non intaccano il margine di manovra della banca centrale.

Ma tutto questo è possibile perché in passato la quota destinata a riserva bancaria era molto elevata: dalle riserve si può allora attingere, per il semplice motivo che ci sono.

*

«China’s central bank said on Wednesday it was cutting the amount of cash that all banks must hold as reserves, releasing around 800 billion yuan ($114.91 billion) in funds to shore up the slowing economy»

«La banca centrale cinese ha deciso di tagliare i requisiti delle riserve per le banche, liberando così circa 114 miliardi di dollari per sostenere il credito e spronare l’economia in rallentamento. La People Bank of China taglierà il coefficiente di riserva (RRR) il prossimo 6 gennaio di 50 punti base, riducendo l’ammontare di liquidità che le banche devono detenere. Abbassando tale indice vengono liberate risorse per il credito alle piccole e medie imprese»

«The People’s Bank of China (PBOC) said on its website it will cut banks’ reserve requirement ratio (RRR) by 50 basis points, effective Jan. 6. The move would bring the level for big banks down to 12.5%.»

«The PBOC has now cut RRR eight times since early 2018 to free up more funds for banks to lend as economic growth slows to the weakest pace in nearly 30 years»

«Many investors had expected Beijing to announce more support measures soon»

* * * * * * *

Se, come sembrerebbe, in questo mese di gennaio Stati Uniti e Cina trovassero un accordo almeno iniziale sul problema dei dazi, la situazione si stabilizzerebbe.

L’incertezza è infatti uno dei maggiori ostacoli nella pianificazione di un progetto industriale.

*


Cina, la banca centrale taglia le riserve e libera 114 miliardi

La banca centrale cinese ha deciso di tagliare i requisiti delle riserve per le banche, liberando così circa 114 miliardi di dollari per sostenere il credito e spronare l’economia in rallentamento. La People Bank of China taglierà il coefficiente di riserva (RRR) il prossimo 6 gennaio di 50 punti base, riducendo l’ammontare di liquidità che le banche devono detenere. Abbassando tale indice vengono liberate risorse per il credito alle piccole e medie imprese.

La banca centrale nel 2019 è già intervenuta tre volte per ridurre il coefficiente e sostenere l’economia cinese che, lo scorso anno, è cresciuta al tasso più lento degli ultimi tre decenni. L’agenzia di stampa statale Xinhua ha dichiarato che l’ultimo taglio “compenserà gli impatti della domanda di cassa” in vista del Festival di Primavera di fine gennaio. Il raffreddamento della domanda interna e una lenta guerra commerciale con gli Stati Uniti hanno contribuito al rallentamento dell’economia. Washington e Pechino il mese scorso hanno annunciato la “Fase Uno” dell’intesa sui dazi, dopo quasi due anni di guerra commerciale. L’accordo commerciale sarà firmato a metà gennaio, ha detto Trump martedì, annunciando che andrà in Cina per colloqui continui.

*


China cuts banks’ reserve ratios again, frees up $115 billion to spur economy

China’s central bank said on Wednesday it was cutting the amount of cash that all banks must hold as reserves, releasing around 800 billion yuan ($114.91 billion) in funds to shore up the slowing economy.

The People’s Bank of China (PBOC) said on its website it will cut banks’ reserve requirement ratio (RRR) by 50 basis points, effective Jan. 6. The move would bring the level for big banks down to 12.5%.

The PBOC has now cut RRR eight times since early 2018 to free up more funds for banks to lend as economic growth slows to the weakest pace in nearly 30 years.

Many investors had expected Beijing to announce more support measures soon. While recent data has shown signs of improvement, and Beijing and Washington have agreed to de-escalate their long trade war, analysts are unsure if either will prove sustainable and forecast growth will cool further this year.

“The RRR cut will help boost investor confidence and support the economy, which is gradually steadying,” said Wen Bin, an economist at Minsheng Bank in Beijing, who also expects another cut in China’s new loan prime rate (LPR) this month.

Premier Li Keqiang raised expectations of an imminent RRR cut in a speech in late December, saying authorities were considering more measures to lower financing costs for smaller companies, including broad-based and “targeted” RRR reductions aimed at helping more vulnerable parts of the economy.

Freeing up more liquidity now would also reduce the risks of a credit crunch ahead of the long Lunar New Year holidays later this month, when demand for cash surges. Record debt defaults and problems at some smaller banks have already added to strains on China’s financial system.

The PBOC said it expects total liquidity in the banking system to remain stable ahead of the Lunar New Year.

Of the latest funds released, small and medium banks would receive roughly 120 billion yuan, the central bank said, stressing that it should be used to fund small, local businesses.

The PBOC said lower reserve requirements will reduce banks’ annual funding costs by 15 billion yuan, which could reduce pressure on their profit margins from recent interest rate reforms. Last week, it said existing floating-rate loans will be switched to the new benchmark rate starting from Jan. 1 as part of a broader effort to lower financing costs.

Analysts at Nomura had forecast the PBOC would deliver a system-wide 50 bps cut in the RRR before the holidays, together with an added reduction for some smaller banks.

Analysts say the U.S-China Phase one trade deal, expected to be signed this month, will relieve only some of the pressure weighing on the Chinese economy, which has also been weighed down by sluggish domestic and global demand, slowing investment and weakening business confidence.

China plans to set a lower economic growth target of around 6% in 2020, relying on increased state infrastructure spending to ward off a sharper slowdown, policy sources said. Growth has cooled from 6.8% in 2017 to 6% in the third quarter of 2019, the slowest since the early 1990s.

MORE POLICY EASING SEEN

Smaller, private firms have been particularly hard hit as regulators clamped down on riskier types of financing and debt.

Despite Beijing’s urging, commercial banks have been reluctant to lend to such firms as they are considered bigger credit risks than state-owned firms.

In recent months, China has also started to make modest cuts in major policy lending rates to lower corporate financing costs, with more expected in the new year.

Tang Jianwei, a senior economist at Bank of Communications in Shanghai, expects two to three RRR cuts this year and a further 25-30 bps reduction in the loan prime rate.

But officials have repeatedly pledged not to resort to “flood-like” stimulus like that in past economic downturns, which left a mountain of debt and stoked fears of property market bubbles.

Pubblicato in: Cina, Commercio

Cina. Ha concesso più prestiti a stati esteri di IMF e World Bank.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-30.

2019-10-16__Cina Debiti 001

Il Kiel Institute for the World Economy ha pubblicato un interessante report: China’s Overseas Lending.

«Compared with China’s dominance in world trade, its expanding role in global finance is poorly documented and understood. Over the past decades, China has exported record amounts of capital to the rest of the world. Many of these financial flows are not reported to the IMF, the BIS or the World Bank. “Hidden debts” to China are especially significant for about three dozen developing countries, and distort the risk assessment in both policy surveillance and the market pricing of sovereign debt. We establish the size, destination, and characteristics of China’s overseas lending. We identify three key distinguishing features. First, almost all of China’s lending and investment abroad is official. As a result, the standard “push” and “pull” drivers of private cross-border flows do not play the same role in this case. Second, the documentation of China’s capital exports is (at best) opaque. China does not report on its official lending and there is no comprehensive standardized data on Chinese overseas debt stocks and flows. Third, the type of flows is tailored by recipient. Advanced and higher middle-income countries tend to receive portfolio debt flows, via sovereign bond purchases of the People’s Bank of China. Lower income developing economies mostly receive direct loans from China’s state-owned banks, often at market rates and backed by collateral such as oil. Our new dataset covers a total of 1,974 Chinese loans and 2,947 Chinese grants to 152 countries from 1949 to 2017. We find that about one half of China’s overseas loans to the developing world are “hidden”. ….

Unlike other major economies, almost all of China’s overseas lending and investment is official, meaning that it is undertaken by the Chinese government, state-owned companies or the statecontrolled central bank. Most notable is the fact that the documentation of China’s capital exports is (at best) opaque. ….

China does not divulge data on its official flows with the OECD’s Creditor Reporting System, and it is not part of the OECD Export Credit Group, which provides data on long- and short-term trade credit flows ….

China’s direct loans and trade credits have climbed from almost zero in 1998 to more than 1.6 trillion USD, or close to 2 percent of world GDP in 2018. ….

In total, estimates suggest that the Chinese state now accounts for a quarter of total bank lending to emerging markets ….

This has transformed China into the largest official creditor, easily surpassing the IMF or the World Bank. ….

Overall, we combined details on more than 1,947 loans as well as 2,947 grants extended by the Chinese government and state-owned creditor agencies since 1949, to more than 150 countries worldwide, with total commitments of 530 billion US$. ….

using unpublished data from the World Banks’s Debtor Reporting System and data on BIS reported bank claims, we find that about 50% of China’s lending is “hidden”. Neither the IMF, nor the World Bank, nor credit rating agencies report on these “hidden” debt stocks, which have grown to more than 200 billion USD as of 2016 ….

These practices have a historical analogue. Indeed, China’s overseas loans share many features with French, German and British 19th century foreign lending, which also tended to be market based, partially collateralized by commodity income, and characterized by a close link of political and commercial interests ….

the government of China holds more than five trillion USD of debt towards the rest of the world (6% of world GDP) ….»

* * * * * * *

Chiunque abbia una sia pur minima infarinatura dei canoni dell’economia classica capisce al volo cosa stia facendo la Cina: replica quello che fu il comportamento delle potenze occidentali nell’ottocento. Per questo motivo il comportamento cinese resto oscuro a politici ed economisti occidentali, che non riescono neppure a quantizzarne la portata.

A differenza degli occidentali, la Cina intrattiene relazioni economiche indipendentemente dai problemi interni dei paesi e senza voler imporre la condivisione dell’ideologia liberal.

Poi, sarebbe da domandarsi per quale strano motivo i cinesi dovrebbero pubblicare i rendiconti di ciò che stanno facendo: tanto, ne mettono al corrente coloro che reputano debbano esserne aggiornati.

Di fatto, in ogni caso, ha fatto più prestiti la Cina dell’Imf e della World Bank: due organizzazioni destinate a declinare assieme al declino dell’occidente.

La stima di 1.6 trilioni Usd di crediti in essere è molto cautelare: altri istituti li stimano fino al doppio.

La Cina sta legandosi la maggior parte degli stati africani ed asiatici ed una quota rilevante di nazioni del sud America. È una penetrazione finanziaria ed economica strategica, destinata a dare i suoi frutti nel tempo.

L’occidente ha nel corso dei decenni assunto una struttura altamente dispendiosa e poco efficiente, e destina gran parte delle sue risorse al mantenimento di un welfare alla lunga insostenibile. Il confronto con la Cina è perso. Il mondo non ha più bisgno dell’occidente.

*


The Countries Most in Debt to China

According to research recently published by the Kiel Institute for the World Economy, there are seven countries in the world whose external loan debt to China surpasses 25 percent of their GDP. Three (Djibouti, Niger and The Republic of the Congo) are located in Africa, while four (Kyrgyztan, Laos, Cambodia and the Maldives) are in Asia.

Yet, the world map of debt to China amassed through direct loans (excluding debt holdings and short-term trade debt) shows that a majority of countries heavily in debt to China are in Africa, but that Central Asia and Latin America follow close behind.

While China’s overseas lending is coordinated by the country’s centralized government, it is often poorly documented, which the researchers of the paper were trying to change. They found that debt by direct loans started to grow immensely only around 2010 and that loans by China often come at higher rates and with shorter grace periods for the receiving country than comparable loans from the OECD or the World Bank. The authors also caution that countries heavily in debt to China are at risk of defaulting. In the 1970s, a lending boom which consisted of similar contracts offered by U.S., European and Japanese banks had led to this outcome for a number of developing countries which were trying to improve their infrastructure, according to the research.

Meanwhile, external debt to China through portfolio holdings is concentrated in developed nations and passes the threshold of 10 percent of GDP for Germany and the Netherlands. It amounts to between 5 and 10 percent of GDP in the U.S., Canada, France, the UK and Australia.

Pubblicato in: Cina, Stati Uniti, Unione Europea

Cina. Da gennaio taglia i dazi su 850 prodotti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-29.

2019-12-24__Cina 001

In effetti, si restava molto perplessi a sentire i cinesi lamentarsi dei dazi americani, quando poi avevano messo dazi a due cifre percentuali sulle merci occidentali.

A tutte le manfrine dovrebbe esserci un limite, e quello del ridicolo dovrebbe essere evitato come la peste nera.

*

«Dal 1 gennaio 2020 la Cina ha annunciato il taglio delle tariffe sull’importazione di oltre 850 prodotti, dalla carne di maiale congelata ad alcuni tipi di semi-conduttori»

«Ad annunciarlo la Commissione per le Tariffe Doganali del Consiglio di Stato, il governo cinese»

«La mossa giunge mentre la Cina sta ultimando i dettagli dell’intesa raggiunta con gli Stati Uniti sulla fase uno della disputa tariffaria anche se non appare direttamente collegata ad essa e gli Usa non vengono menzionati nel comunicato, e mentre si registrano progressi per un accordo di libero scambio con Giappone e Corea del Sud»

«Next year, China will implement temporary import tariffs, which are lower than the most-favored-nation tariffs, on more than 850 products, the finance ministry said on Monday. That compared with 706 products that were taxed at temporary rates in 2019»

«The tariff changes were made to “increase imports of products facing a relative domestic shortage, or foreign specialty goods for everyday consumption»

«China and the United States cooled their drawn-out trade war earlier this month, announcing a Phase 1 agreement that would reduce some U.S. tariffs in exchange for more Chinese purchases of American farm products and other goods»

«The finance ministry said the tariff rate for frozen pork will be cut to 8% from the most-favored-nation duty of 12%, as China copes to plug a huge supply gap after a severe pig disease decimated its hog herd»

«China brought in 229,707 tonnes of pork in November, up more than 150% from the previous year. Pork imports CNC-PORK-IMP for the first 11 months of the year stood at 1.733 million tonnes, up 58% from a year earlier»

«China will also lower temporary import tariffs for ferroniobium – used as an additive to high strength low alloy steel and stainless steel for oil and gas pipelines, cars and trucks – from 1% to zero in 2020 to support its high-tech development. The country brought in 35,909 tonnes of ferroniobium in 2018 and 37,818 tonnes for the first 10 months of this year»

«U.S. Trade Representative Robert Lighthizer said China had agreed to buy $200 billion worth of additional U.S. goods and services over the next two years as part of the Phase 1 trade pact to be signed in early January. If the purchases are made, they would represent a huge jump in U.S. exports to China»

* * * * * * *

Una considerazione finale.

Se, come potrebbe sembrare, Usa e Cina iniziassero a trovare accordi soddisfacenti per ambedue, si raffredderebbero molte delle attuai tensioni sui mercati.

Ma alla fine emergerebbe che, in ogni caso, il vero perdente sarebbe l’Unione Europea.

*


China to lower import tariffs on frozen pork, avocados from January 1

BEIJING (Reuters) – China will lower tariffs on products ranging from frozen pork and avocado to some types of semiconductors next year as Beijing looks to boost imports amid a slowing economy and a trade war with the United States.

Next year, China will implement temporary import tariffs, which are lower than the most-favored-nation tariffs, on more than 850 products, the finance ministry said on Monday. That compared with 706 products that were taxed at temporary rates in 2019.

The tariff changes were made to “increase imports of products facing a relative domestic shortage, or foreign specialty goods for everyday consumption,” the ministry said in a statement on its website.

China and the United States cooled their drawn-out trade war earlier this month, announcing a Phase 1 agreement that would reduce some U.S. tariffs in exchange for more Chinese purchases of American farm products and other goods.

The finance ministry said the tariff rate for frozen pork will be cut to 8% from the most-favored-nation duty of 12%, as China copes to plug a huge supply gap after a severe pig disease decimated its hog herd.

An outbreak of African swine fever that started in August last year has nearly halved China’s pig herd, official data showed, sending pork prices soaring to record levels.

Beijing has issued a series of measures to boost pig production, while increasing imports of various meats to meet domestic demand.

China brought in 229,707 tonnes of pork in November, up more than 150% from the previous year. Pork imports CNC-PORK-IMP for the first 11 months of the year stood at 1.733 million tonnes, up 58% from a year earlier.

China will also lower temporary import tariffs for ferroniobium – used as an additive to high strength low alloy steel and stainless steel for oil and gas pipelines, cars and trucks – from 1% to zero in 2020 to support its high-tech development.

The country brought in 35,909 tonnes of ferroniobium in 2018 and 37,818 tonnes for the first 10 months of this year.

The tariff rate for frozen avocado was cut to 7% from the most-favored-nation duty of 30%, the ministry said.

China’s economy is expanding at its weakest rate in nearly 30 years and could face more downward pressure next year, but the government has vowed to keep growth within a reasonable range in 2020 and keep policies forward-looking and effective.

U.S. Trade Representative Robert Lighthizer said China had agreed to buy $200 billion worth of additional U.S. goods and services over the next two years as part of the Phase 1 trade pact to be signed in early January. If the purchases are made, they would represent a huge jump in U.S. exports to China.

Beijing has said the increased purchases are in line with the growing need of the Chinese people, as the country opens its markets further to global trade.

Tariffs for some asthma and diabetes medications will be set at zero, the ministry said, while duties on some wood and paper products will be lowered too.

Import tariffs on multi-component semiconductors will be cut to zero.

China will also further lower most-favored-nation import tariffs on some information technology products from July 1, the ministry said.

*

Dazi, la Cina taglia le tariffe sull’importazione di oltre 850 prodotti da gennaio

Tra i prodotti per cui è prevista una riduzione compaiono la carne di maiale, gli avocado congelati. Le tariffe saranno, invece, azzerate, per i farmaci anti-asma e per le materie prime dei farmaci anti-diabete.

Dal 1 gennaio 2020 la Cina ha annunciato il taglio delle tariffe sull’importazione di oltre 850 prodotti, dalla carne di maiale congelata ad alcuni tipi di semi-conduttori. Ad annunciarlo la Commissione per le Tariffe Doganali del Consiglio di Stato, il governo cinese. La mossa giunge mentre la Cina sta ultimando i dettagli dell’intesa raggiunta con gli Stati Uniti sulla fase uno della disputa tariffaria anche se non appare direttamente collegata ad essa e gli Usa non vengono menzionati nel comunicato, e mentre si registrano progressi per un accordo di libero scambio con Giappone e Corea del Sud. La decisione di ridurre le tariffe, spiega la nota diffusa dall’agenzia Xinhua, è quello di «espandere le importazioni, promuovere il coordinato sviluppo di commercio e investimenti, avanzare lo sviluppo di alta qualità della costruzione congiunta dell’iniziativa Belt and Road», la Nuova Via della Seta, lanciata nel 2013 dal presidente cinese, Xi Jinping. 

Tra i prodotti per cui è prevista una riduzione delle tariffe compaiono la carne di maiale congelata – all’8%, una mossa che pare diretta a contrastare il forte rincaro dei prezzi dopo l’epidemia di peste suina africana che ha decimato allevamenti in tutta la Cina – gli avocado congelati (al 7%) e il succo d’arancia non congelato. Le tariffe saranno, invece, azzerate, per i farmaci anti-asma e per le materie prime dei farmaci anti-diabete, così come per alcuni semi-conduttori. La mossa prevede anche la riduzione delle tariffe su 176 prodotti tecnologici importati a partire dal 1 luglio 2020, e un abbassamento delle tariffe sui prodotti in legno e carta a partire dall’inizio del prossimo anno.

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale

Cina. Produzione Industriale +6.2% yoy.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-26.

2019-12-17__Cina PI 001

L’Ufficio Centrale di Statistica cinese ha pubblicato il 16 dicembre il dato della produzione industriale anno su anno (yoy): +6.2%.

La Cina è la dimostrazione vivente che è possibile anche di questi tempi avere un sistema economico florido e vivace: il problema è solo nel governo.

*


Eurostat. Produzione Industriale. Ungheria +6.5%, Irlanda +5.9%, Polonia +3.4%.

Eurozona. Produzione Industriale -2.2 yoy. Dodicesimo mese.

Giappone. Produzione Industriale -4.5% mom.

Italia. produzione Industriale -2.4% yoy, metalmeccanico -6.9% yoy.

Germania. Produzione Industriale -1.7% mom, -5.3% yoy.

Germania. Ordini alle fabbriche -0.4% mom. Era stato previsto un +0.3%.

Eurostat. Produzione Industriale -1.7% yoy. Dati conflittuali con Destatis.

Eurozona. Produzione Industriale -1.7% yoy. Ungheria +11.1%, Polonia +5.6%.

Italia. Produzione industriale -2.1% yoy. Settimo mese consecutivo. Ungheria +11.1% yoy.