Pubblicato in: Medio Oriente

Macron. Litiga anche con il Bahrain. Re al Khalifa annulla visita a Parigi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-30.

Qatar 001

Il Bahrein o Bahrain, ufficialmente Regno del Bahrein, è un piccolo Stato situato su un arcipelago di 33 isole vicino alle coste occidentali del Golfo Persico, la sua capitale è Manama. La lingua ufficiale è l’arabo.

Ha circa un milione e mezzo di abitanti con pil ppa procapite di 28,691 Usd. Noto per il suo petrolio e per le sue perle, il Bahrein è anche sede di molte grandi strutture, tra cui il Bahrain World Trade Center e il Bahrain Financial Harbour.

«France sought to assuage Bahrain on Friday after rare criticism by its ambassador to the kingdom over human rights and an honorary citizenship by Paris of a rights campaigner sparked anger in Manama»

*

«French ambassador Cecile Longe tweeted on June 7 that Paris was deeply concerned by the “treatment of human rights defenders and political opponents in the country” and specifically criticized the confirmation of a five-year prison sentence for opposition member Nabeel Rajab.»

*

«Longe’s tweets were followed by a decision on Monday by Paris town hall to make the activist an honorary citizen of the French capital.»

*

«A Bahraini emissary was dispatched to Paris on Friday to underscore Manama’s disapproval over the issue»

*

«the decision had pushed the Bahrainis to look to call off the king’s official visit to Paris, which had been due at the end of June»

* * * * * * * *

Se l’aver mandato come ambasciatrice in Bahrain Mrs Cecile Longe sembrerebbe essere stata una delle idee meno brillanti dei nostri tempi, criticare il Regno per una condanna inflitta da una sua propria Corte Penale a mente delle leggi ivi in vigore.

«On 21 February 2018, Nabeel Rajab was sentenced to five years in prison on charges of “spreading false rumors in time of war,” “insulting public authorities,” and “insulting a foreign country” in relation to Twitter posts about Bahrain’s participation in Saudi Arabia’s war on Yemen» [Fonte]

Sono ben pochi gli stati che in tempo di guerra non prevedano come reato lo spargere notizie false.

*

Mr Macron, la Francia, l’Unione Europea e gli occidentali in genere hanno da tempo il vezzo di sentirsi autorizzati a far la morale agli altri stati sovrani. Farlo poi in via ufficiale tramite l’ambasciatrice non concorre a generare un clima di calme e serene relazioni diplomatiche.

Il fatto che Mr Nabeel Rajab sia riferito essere un ”human rights defender” non lo autorizza minimamente ad insultare le pubbliche autorità, altri stati stranieri, né, tanto meno, a propalar menzogne.

Intanto un effetto c’è stato: Re al Khalifa ha annullato la visita che avrebbe dovuto tenere a Parigi a fine di questo mese.

Diciamo che Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord era ben più cauto e diplomatico dei suoi epigoni francesi.


Reuters. 2018-06-23. France seeks to calm Bahrain after rights criticism

PARIS (Reuters) – France sought to assuage Bahrain on Friday after rare criticism by its ambassador to the kingdom over human rights and an honorary citizenship by Paris of a rights campaigner sparked anger in Manama, three sources said.

France, one of the five veto-wielding members of the U.N. Security Council, has close ties with Gulf Arab states, in particular Saudi Arabia and the United Arab Emirates, and rarely publicly criticizes internal political issues.

However, French ambassador Cecile Longe tweeted on June 7 that Paris was deeply concerned by the “treatment of human rights defenders and political opponents in the country” and specifically criticized the confirmation of a five-year prison sentence for opposition member Nabeel Rajab.

Rajab was sentenced to five years in prison in February for criticizing a Saudi-led coalition fighting in Yemen and accusing Bahrain’s prison authorities of torture.

Longe’s tweets were followed by a decision on Monday by Paris town hall to make the activist an honorary citizen of the French capital.

“The Bahrainis went apoplectic after this because the symbolism of it was a step too far,” said one source aware of the matter.

A Bahraini emissary was dispatched to Paris on Friday to underscore Manama’s disapproval over the issue, two diplomatic sources said.

The sources said the decision had pushed the Bahrainis to look to call off the king’s official visit to Paris, which had been due at the end of June.

One of the two diplomats said Manama had informed Paris that the visit, which had never been officially announced, could not go ahead due to a death in the royal family.

The French presidency declined to comment. France’s foreign ministry said it stood by the ambassador’s tweets. Bahrain’s embassy in Paris did not immediately respond to requests for comment.

Annunci
Pubblicato in: Finanza e Sistema Bancario, Stati Uniti

Deutsche Bank US non supera gli stress test della Fed.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-30.

A statue is pictured next to the logo of Germany's Deutsche Bank in Frankfurt

Deutsche Bank è da tempo agli onori della cronica, ma ne avrebbe fatto volentieri a meno.

In parole povere, sta andando di male in peggio.

Deutsche Bank. Asset azionario e terrorismo. I proprietari.

Deutsche Bank. Il Qatar mira al 25%. HBJ

Deutsche Bank. Mai mettere i tedeschi spalle al muro.

Guerra civile americana. Liberals democratici e Deutsche Bank.

Deutsche Bank tumbles down private bank rankings after tough 2016

Deutsche Bank fined by regulators over money laundering claims

Germania. Deutsche Bank esclusa dal novero delle banche mondiali.

Deutsche Bank AG. Un nuovo buco da 2.2 mld. -6.29%.

Deutsche Bank. Le cattive notizie diventano pessime. Quei 35 mld Usd ….

* * * * * * *

«Deutsche Bank’s US division has failed the second round of the Federal Reserve’s annual two-stage stress tests, designed to assess how well the sector could withstand another financial crisis»

*

«The German lender suffered from “widespread and critical deficiencies” in parts of its business, the Fed said»

*

Nessuno intende fare allarmismi, sia ben chiaro. D’altra parte, Deutsche Bank sarebbe in compagnia di Goldman Sachs e Morgan Stanley, ma il fatto che i lebbrosi siano tre invece che uno non è certo motivo di particolare gioia.

«The Fed measures whether banks are holding sufficient capital to cope with a recession and in the second part of the process it focuses on banks’ “capital plans” such as how much cash they intend to return to shareholders»

*

Treccani definisce in questi termini il vocabolo ‘prudenza‘.

«L’atteggiamento cauto ed equilibrato di chi, intuendo la presenza di un pericolo o prevedendo le conseguenze dei suoi atti, si comporta in modo da non correre inutili rischi e da evitare a sé e ad altri qualsiasi possibile danno»

Di prudenza non è mai morto nessuno.


Bbc. 2018-06-29. Deutsche Bank’s US unit fails Fed’s stress test

Deutsche Bank’s US division has failed the second round of the Federal Reserve’s annual two-stage stress tests, designed to assess how well the sector could withstand another financial crisis.

The German lender suffered from “widespread and critical deficiencies” in parts of its business, the Fed said.

Goldman Sachs and Morgan Stanley were only granted “conditional” passes.

But 31 of the 35 banks tested were given the all-clear.

Stress tests were introduced in the wake of the 2008 financial crisis and every year America’s central bank, the Federal Reserve, puts the country’s banks, including foreign subsidiaries operating in the country, through their paces.

The Fed measures whether banks are holding sufficient capital to cope with a recession and in the second part of the process it focuses on banks’ “capital plans” such as how much cash they intend to return to shareholders. However this is the first year that the results of the US units of foreign banks have been publicly released.

All of the 35 largest banks subject to the tests passed the first part of the tests last week.

But the Fed found Deutsche Bank’s US arm had “material weaknesses in the firm’s data capabilities and controls supporting its capital planning process, as well as weaknesses in its approaches and assumptions used to forecast revenues and losses under stress”.

The verdict is another blow for the troubled German lender whose financial health has been under the spotlight recently. And it will require the bank to make changes to the way it operates in the US.

Goldman Sachs and Morgan Stanley were given passes, but will not be permitted to increase the amount they return to shareholders beyond levels inline with the last couple of years, in order to bolster their capital cushions.

The Fed said it was also granting a conditional pass to Boston-based State Street, which will be required to take additional steps to manage and analyse its exposure to losses.

Last year was the first time all banks passed the second round of the tests.

The second part of the tests is closely watched because it determines how much firms can return to shareholders in the form of items like share buybacks and dividends.

‘One-off event’

The Fed said it had granted the conditional pass to Goldman and Morgan Stanley because the companies’ results had been skewed by tax changes passed last year.

The tax overhaul lowered the corporate rate from 35% to 21%, but led to larger-than-usual one-off tax bills for many banks, as a result of other changes to how losses and overseas profits are taxed.

“This one-time reduction does not reflect a firm’s performance under stress and firms can expect higher post-tax earnings going forward,” the Fed said.

Despite the restrictions, Goldman will still be permitted to spend up to $6.3bn on share buybacks and dividends this year.

Morgan Stanley said it planned to return $6.8bn to shareholders.

Making progress

The decision is the latest blow for troubled Deutsche Bank. Last month the firm announced more than 7,000 job cuts and its credit rating was cut by Standard & Poor’s. The bank reported an annual loss of €500m (£438m) at the end of February.

Deutsche said its US division had “made significant investments to improve its capital planning capabilities as well as controls and infrastructure.”

“Deutsche Bank USA continues to make progress across a range of programmes and will continue to build on these efforts and to engage constructively with regulators to meet both internal and regulatory expectations,” the bank said.

The bank will be required to improve its operations, risk management and governance as a result of the test-failure. It will not be able to make distributions to its German parent firm without the Fed’s approval.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria

Vitalizi. Numeri. Polpetta avvelenata dei ‘diritti precostituiti’.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-30.

2018-06-28__Vitalizi__001

Vediamo innanzi tutto di quantizzare il problema.

«Attualmente sono in pagamento oltre 2.600 vitalizi per un totale di oltre 200 milioni di euro l’anno»

*

«Un taglio che riguarda una platea di 1.338 vitalizi»

*

«Saranno invece salvi 67 ex deputati, il cui vitalizio non subirà alcun ritocco ma per loro viene introdotto un tetto massimo»

*

«vengono previsti due tetti minimi: il primo pari a 980 euro, il secondo pari a 1.470.»

* * * * * * * *

«I deputati e i senatori, a partire dal 2011, grazie a una riforma voluta dal governo Monti non maturano più un vitalizio, ma una pensione calcolata col metodo contributivo»

*

«Quando si parla di vitalizi che ancora vengono pagati dallo Stato e ancora pesano sulle casse pubblico, si fa riferimento a quelli elargiti a ex deputati e senatori che hanno maturato il diritto al vitalizio prima che intervenisse l’abolizione»

*

«l’Inps pubblicò insieme al testo dell’audizione di Boeri una tabella che contiene le stime anno per anno della spesa per vitalizi col sistema attuale»

*

«Per il 2018 – anno record – il totale ammonta a quasi 207 milioni di euro. L’anno successivo dovrebbe calare a 200 milioni e poi via via scendere progressivamente»

*

«È vero che ci sia anche chi riceve un vitalizio senza aver “mai messo piede” in Parlamento. Questo è il caso, ad esempio, di Piero Craveri, nipote di Benedetto Croce e senatore radicale per qualche giorno nel 1987. Dopo la proclamazione, rimase in carica solo per sette giorni, duranti i quali, per sua stessa ammissione, non entrò mai fisicamente a Palazzo Madama.

“Poi sulla base del regolamento”, spiega lo stesso Craveri in un’intervista, “è arrivata una lettera a casa in cui mi chiedevano se volevo versare i contributi come quelli dei senatori in carica. Li versai e successivamente mi è arrivato il vitalizio”. In base agli elenchi pubblicati ad esempio dal Fatto Quotidiano, il suo vitalizio risulta ammontare a 2.381,64 euro mensili.»

* * * * * * * *

Se dal punto di vista giuridico la definizione di ‘diritto precostituito’ è complessa, nella sua essenzialità è semplice.

Secondo tale visione, quanti abbiano conseguito un qualcosa legalmente sarebbero investiti dal diritto di mantenerla sine die.

La giurisprudenza italiana ha spesso utilizzato tale concetto nel formulare sentenze.

Sed contra, vi sarebbero molte argomentazioni non certo prive di valore.

Nulla nella vita umano è eterno: non si troverebbe quindi motivo per cui un qualcosa di acquisito debba godere codesta caratteristica.

Estendendo il concetto agli estremi, allora la nobiltà francese avrebbe avuto tutte le ragioni a continuare a godere dei ‘diritti precostituiti‘ maturati nei secoli, diritti che la rivoluzione francese ha risolto decapitandoli.

Vi sarebbe infine un discorso sottile. A ben vedere il funzionamento della situazione pensionistica, si evidenzia come i contributi versati servano per il computo dell’ammontare della pensione, ma essi sono stati a loro tempo utilizzati per pagare le pensioni in essere. In altri termini, non esiste fisicamente un fondo ove siano stati versati i contributi riscossi. Logica vorrebbe quindi che le pensioni fossero erogate tenendo conto, momento per momento, dall’entità dei contributi riscossi.

Ma tutti i ragionamenti si infrangono nel considerare che alla fine è la volontà politica e la forza attuativa  che governa l’intero sistema. Un diritto è tale fino a tanto che l’assetto politico tale lo riconosce.

Frase sicuramente dura, ma altrettanto sicuramente reale.

La storia è piena di esempi del genere, ed anche le corti costituzionali sono autorevoli solo fino a tanto che tali siano ritenute essere. Solo i cannoni sono autorevoli di per sé stessi.

* * *

In sintesi, il parlamento è sovrano, e come tale può legiferare ed imporre l’esecuzione del dettame stabilito.

Un aspetto tuttavia resta ancora alquanto in chiaroscuro.

Se fosse approvato il ricalcolo dei vitalizi il risparmio dello stato non sarebbe certo entusiasmante, circa 40 milioni contro un volume di spesa di circa ottocento miliardi. Ma sarebbe stato costituito un precedente non da poco, essendo stato demolito il concetto di ‘diritto precostituito‘. Di lì alla generalizzazione il passo sarebbe brevissimo: tutte le pensioni, per esempio, potrebbero essere ricalcolate, ma solo per fare uo dei tanti possibili esempi.


Agi. 2018-06-28. Quanti vitalizi si pagano ancora in Italia?

Il ministro per i Rapporti col Parlamento Riccardo Fraccaro, in un articolo pubblicato sul blog del Movimento 5 Stelle, ha scritto: “Attualmente sono in pagamento oltre 2.600 vitalizi per un totale di oltre 200 milioni di euro l’anno. Vengono corrisposti assegni d’oro a ex parlamentari che non hanno mai messo piede a Camera e Senato, versiamo cifre da capogiro anche a chi ha versato contributi ridicoli”.

Si tratta di un’affermazione corretta.

Premessa

I deputati e i senatori, a partire dal 2011, grazie a una riforma voluta dal governo Monti non maturano più un vitalizio, ma una pensione calcolata col metodo contributivo.

Quando si parla di vitalizi che ancora vengono pagati dallo Stato e ancora pesano sulle casse pubblico, si fa riferimento a quelli elargiti a ex deputati e senatori che hanno maturato il diritto al vitalizio prima che intervenisse l’abolizione.

Numero e costo

Il numero e dei vitalizi è stato fornito dal presidente dell’Inps Tito Boeri, nel corso di un’audizione alla Camera del 5 maggio 2016. Allora Boeri dichiarò: “Oggi ci sono circa 2.600 vitalizi in pagamento per cariche elettive alla Camera o al Senato”.

Dunque il numero citato da Fraccaro è corretto.

Per quanto riguarda il costo, l’Inps pubblicò insieme al testo dell’audizione di Boeri una tabella che contiene le stime anno per anno della spesa per vitalizi col sistema attuale.

Per il 2018 – anno record – il totale ammonta a quasi 207 milioni di euro. L’anno successivo dovrebbe calare a 200 milioni e poi via via scendere progressivamente. Si tratta oltretutto, secondo l’Inps stesso, di stime prudenti “perché ottenuta applicando le regole ai soli anni di servizio presso il Parlamento italiano. Sono così stati esclusi eventuali anni di servizio presso il Parlamento europeo o presso Consigli Regionali”.

Anche il numero dato da Fraccaro per la spesa è insomma corretto.

Il ricalcolo col metodo contributivo, sostenuto dal Movimento 5 Stelle, produrrebbe un risparmio di 80 milioni nel 2018, secondo le stime dell’Inps.

Il 27 giugno, la presidenza della Camera ha presentato una delibera che, se approvata, porterebbe appunto al ricalcolo contributivo. Le stime della stessa presidenza parlano di risparmi per 40 milioni di euro all’anno grazie al taglio ai vitalizi dei deputati. Considerando anche i senatori, è probabile che ci si avvicini alla stima dell’Inps.

Si tratta di cifre minime rispetto al bilancio dello Stato – più di 850 miliardi di euro all’anno di spesa pubblica, rispetto ai quali un risparmio di 80 milioni rappresenta meno dello 0,01% – ma che hanno assunto oramai una forte valenza simbolica.

Si potrebbe poi porre un problema di costituzionalità a seconda dei dettagli dell’intervento sui vitalizi degli ex parlamentari.

Vitalizi a chi non ha mai messo piede in Parlamento?

È vero che ci sia anche chi riceve un vitalizio senza aver “mai messo piede” in Parlamento. Questo è il caso, ad esempio, di Piero Craveri, nipote di Benedetto Croce e senatore radicale per qualche giorno nel 1987. Dopo la proclamazione, rimase in carica solo per sette giorni, duranti i quali, per sua stessa ammissione, non entrò mai fisicamente a Palazzo Madama.

“Poi sulla base del regolamento”, spiega lo stesso Craveri in un’intervista, “è arrivata una lettera a casa in cui mi chiedevano se volevo versare i contributi come quelli dei senatori in carica. Li versai e successivamente mi è arrivato il vitalizio”. In base agli elenchi pubblicati ad esempio dal Fatto Quotidiano, il suo vitalizio risulta ammontare a 2.381,64 euro mensili.

Ci sono altre storie simili alla sua, come ad esempio quella dell’ex deputato Luca Boneschi, oggi deceduto, che si dimise pochi giorno dopo l’elezione (per nobili ragioni)) e che grazie alla legge dell’epoca ottenne il vitalizio. O come quella di Angelo Pezzana, anch’egli ex deputato rimasto in carica appena una settimana ma titolare di un vitalizio mensile pari a 2.275,32 euro.

Dunque Fraccaro ha ragione sull’esistenza di almeno alcune situazioni di questo genere.

Quanto hanno dato e quanto ricevono gli ex parlamentari?

Per quanto riguarda infine la sproporzione tra quanto versato e quanto ricevuto, questa è connaturata al sistema retributivo. Il lavoratore, in questo caso il parlamentare, gode di una pensione la cui misura è determinata dalla media delle retribuzioni degli ultimi anni lavorativi, indipendentemente dai contributi versati.

Se guardiamo ai dati contenuti nella già citata tabella Inps si vede che nel 2018, a fronte dei 207 milioni di euro di vitalizi erogati dallo Stato, i contributi versati dagli ex parlamentari ammontano appena a 36,8 milioni. Cioè i contributi “coprono” meno di un quinto della spesa.

Questo a livello generale. Ma nel caso di parlamentari rimasti in carica per poco tempo, e che hanno iniziato a godere del vitalizio in giovane età, la sproporzione tra quanto versato e quanto ricevuto è naturalmente ancora maggiore.

Conclusione

Fraccaro cita numeri corretti: sono circa 2.600 gli ex parlamentari che ricevono vitalizi e l’ammontare della spesa dello Stato per queste prestazioni è, al 2018, superiore ai 200 milioni di euro.

Esistono poi casi di ex parlamentari che sono rimasti in carica solo pochi giorni, durante i quali magari non sono mai fisicamente entrati in Parlamento, e godono del vitalizio.

È infine vero che esista spesso una sproporzione notevole tra quanto versato e quanto ricevuto dagli ex onorevoli, in particolare se sono rimasti in carica per poco tempo e se hanno iniziato a percepire il vitalizio in giovane età.


Agi. 2018-06-28. In cosa consiste la sforbiciata ai vitalizi, in numeri

Circa 40 milioni di risparmi per le casse della Camera, una cifra che si aggira intorno ai 200 milioni per l’intera legislatura. è questo l’obiettivo della sforbiciata che il presidente della Camera, Roberto Fico, intende dare ai vitalizi degli ex deputati, che ad oggi ammontano a 1.405.

Un taglio che riguarda una platea di 1.338 vitalizi, che saranno ricalcolati secondo il metodo contributivo e che, quindi, subiranno una diminuzione dal 40 al 60% dell’importo finora percepito. Saranno invece salvi 67 ex deputati, il cui vitalizio non subirà alcun ritocco ma per loro viene introdotto un tetto massimo. La ratio è che con il ricalcolo avrebbero incassato un assegno di importo maggiore e, quindi, viene messo un tetto limite che si calcola sulla base dell’ultimo vitalizio percepito al 31 ottobre 2018. Infine, vengono previsti due tetti minimi: il primo pari a 980 euro, il secondo pari a 1.470.

In vigore dal 1 novembre 2018, ma solo alla Camera

Se la riforma voluta da Fico e dai 5 stelle vedrà la luce senza modifiche, le nuove norme entreranno in vigore il 1 novembre del 2018. Questi, in sintesi, i contenuti principali del testo di delibera illustrato oggi da Fico all’Ufficio di presidenza della Camera. Le proposte di modifica dovranno essere presentate entro giovedì prossimo, 5 luglio, mentre la discussione e le votazioni si svolgeranno dalla settimana successiva. L’obiettivo di Fico è di approvare la delibera entro la fine di luglio, quindi prima della pausa estiva. Ma la riforma riguarderà solo Montecitorio. Il Senato, infatti, non ha ancora provveduto a predisporre un testo.

In cosa consiste la riforma dei vitalizi

La delibera presentata oggi da Fico mira a superare il regime dei vitalizi tutt’ora in essere per circa 2.600 ex parlamentari tra Camera e Senato, per una cifra che nel 2016 ha raggiunto i 193 milioni di euro, mentre nel 2017 è cresciuta, toccando quota 206,28 milioni di euro e la stima fatta dall’Inps è che nel 2018 dovrebbe crescere ancora, arrivando a toccare quota 206,94 milioni.

Nel 2012 Camera e Senato avevano provveduto a modificare il sistema pensionistico dei parlamentari sul modello contributivo, eliminando quindi per il futuro il regime dei vitalizi, rimasto in essere solo per gli ex parlamentari al momento dell’entrata in vigore della riforma. Con la delibera illustrata oggi i 5 stelle puntano a riformare l’intero sistema pensionistico, ampliando la platea di intervento agli ex deputati. Si procede, appunto, con la rideterminazione secondo i principi del metodo di calcolo contributivo degli assegni vitalizi, delle quote di assegno vitalizio dei trattamenti previdenziali pro rata e dei trattamenti di reversibilità maturati sulla base della normativa vigente alla data del 31 dicembre 2011.

La rideterminazione, ha spiegato il presidente della Camera illustrando la delibera – per la cui elaborazione Fico si è avvalso della collaborazione di Inps e Istat – è effettuata moltiplicando il montante contributivo individuale per il coefficiente di trasformazione relativo all’età anagrafica del deputato alla data della decorrenza dell’assegno vitalizio o del trattamento previdenziale pro rata. La base imponibile contributiva è determinata, secondo quanto previsto dalle disposizioni per i dipendenti pubblici, sulla base dell’ammontare dell’indennità parlamentare lorda definito dalla normativa vigente nel periodo di riferimento.

La quota di contribuzione a carico del deputato è pari all’aliquota percentuale della base imponibile prevista dalla normativa di riferimento, ivi ricomprendendo l’aliquota della eventuale contribuzione ai fini del completamento volontario del quinquennio della legislatura e l’aliquota della eventuale contribuzione aggiuntiva ai fini del conseguimento del diritto al trattamento di reversibilità.

Il calcolo delle aliquote

La quota di contribuzione a carico della Camera dei deputati è pari al prodotto tra l’aliquota percentuale a carico del deputato e il valore di 2,75. Il montante contributivo individuale, rivalutato sulla base dell’andamento del Pil in conformità a quanto previsto nell’ordinamento generale, viene trasformato in prestazione pensionistica applicando i coefficienti di trasformazione, determinati ad hoc dall’Inps relativi all’età anagrafica dei deputati alla data della decorrenza dell’assegno vitalizio o del trattamento previdenziale pro rata.

Per quanto riguarda i trattamenti di reversibilità, le quote previste dalla normativa vigente ai fini della liquidazione dei trattamenti di reversibilità sono rapportate al trattamento previdenziale spettante all’avente causa. Quanto ai limiti massimi e minimi del trattamento previdenziale, nella delibera si prevede che l’ammontare dei trattamenti previdenziali rideterminati non può comunque superare l’importo degli assegni vitalizi in vigore alla data dell’inizio del mandato parlamentare di ciascun deputato. Inoltre, l’ammontare dei nuovi vitalizi non può comunque essere inferiore all’importo del trattamento previdenziale maturato da un deputato che abbia svolto il mandato parlamentare nella sola XVII legislatura e che abbia maturato il diritto al compimento del 65mo anno di età, corrispondente a 980 euro netti mensili.

Nel caso in cui la rideterminazione del trattamento secondo la proposta di deliberazione sia superiore al 50% di quello in godimento, il limite minimo è aumentato a 1.470 euro.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Merkel ha invitato a Berlino Orban per il 5 luglio.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-29.

HUNGARY-GERMANY-MERKEL-ORBAN

Merkel will Ungarns Premier Orbán am 5. Juli treffen [Spiegel]

«In der Migrationspolitik verfolgten Kanzlerin Angela Merkel und Ungarns Premier Viktor Orbán bisher unterschiedliche Ansätze: Während Merkel auf europäische Lösungen setzt, veranlasste Orbán, auf dem Höhepunkt der Zuwanderung die Grenzen zu schließen. Nun haben beide Seiten ein Treffen am 5. Juli in Berlin vereinbart. Das bestätigten gut informierte Koalitionskreise dem SPIEGEL.

Zuvor hatte es bereits Berichte in ungarischen Medien darüber gegeben. Der Inhalt der Gespräche dürfte auf der Hand liegen: die Asylpolitik in der EU. ….»

*

La Bundeskanzlerin Frau Merkel ha invitato a colloquio a Berlino Mr Orban per il 5 luglio.

Fino a qui la notizia non sembrerebbe essere di particolare interesse.

Oggi l’Hungary Journal è uscito con un trafiletto, degno di essere letto.


Hungary Journal. 2018-06-29. Merkel to host Orban in Berlin on July 5

German Federal Chancellor Angela Merkel will host Hungarian Prime Minister Viktor Orban for talks in Berlin on July 5, a deputy spokesman for the German government said on Friday.

Ulrike Demmer told a press conference that parties at the talks will review bilateral relations and discuss EU and international issues. Orban and Merkel will hold a press conference after their talks, she said.

In response to a question, Annegret Korff, a spokesman for the federal interior ministry, said Interior Minister Horst Seehofer will also have talks with Orban during his Berlin visit.

* * * * * * *

Avete notato la finezza?

Sono dodici anni che la Germania spende cifre non da poco per fare adottare la terminologia liberal. Una specie di neolingua, avrebbe detto Orwell.

Il termine italiano “portavoce” era tradotto con ‘spokesman‘. Infatti nelle lingue indoeuropee il maschile comprende anche il femminile, come recentemente ha ribadito anche la Corte Costituzionale tedesca.

Secondo il lessico liberal, invece, dovrebbe essere rimpiazzato dal termine ‘spokeswoman‘ se il portavoce fosse femmina, oppure dal termine ‘spokesperson‘ nei casi dubbi od incerti. Un errore diventa motivo di duello.

L’articolista dell’Hungary Journal è ben a conoscenza di queste sottigliezze filologiche, anche perché molti suoi colleghi sono stati portati in tribunale per non averle osservate.

Invece, codesto impudente, apostrofa Mrs Annegret Korff con l’appellativo di ‘spokesman‘.

Formalmente corretto secondo l’inglese classico, ma al limite dell’insultante per la lessicologia liberal.

A quanto ci risulterebbe, questa sarebbe la prima volta che un articolista ungheresi prenda una simile iniziativa, che negli ambienti di competenza suona come un campanaccio. I tempi cambiano velocemente.

 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Miracolo a Firenze! Con 18,000€ in cc Renzi compra una casa da 1.3 milioni.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-29.

Renzi a Bruxelles per Consiglio europeo

Coloro che sostengono che i miracoli non esistono sono chiaramente in errore. Ed anche errore severo.

Esistono! Eccome che esistono!

*

Quando Renzi mostrò il conto corrente in tv: «Oggi ho 15 mila euro»

*

Matteo Renzi è davvero un miracolato

«A gennaio aveva annunciato in un’intervista tv di avere nel conto corrente poco meno di 16 mila euro.»

*

«Quattro assegni da 100 mila euro ciascuno sarebbero già stati staccati e consegnati ai proprietari tramite notaio. Il saldo, 900 mila euro, arriverà a breve. Parola di Matteo Renzi che, insieme alla moglie Agnese Landini, ha appena firmato un preliminare per l’acquisto di una villa da 1,3 milioni di euro. Il luogo scelto dall’ex premier e segretario del Pd per la prossima residenza è tra i più lussuosi di Firenze, a due passi da Piazzale Michelangelo, il belvedere della città, dove Matteo ama fare jogging. La villa si trova in via Tacca, ha 11,5 vani disposti su due livelli. E, come riportato nell’annuncio di vendita, ha una sala tripla, grande cucina abitabile, studio, tre camere e tre bagni, terrazza, per 276 metri quadrati lordi e un giardino da 1580 metri.»

*

Per natura non siamo curiosi, ma in questo caso sarebbe simpatico poter avere ulteriori informazioni e conferme.

Nota.

Avesse vinto le elezioni si sarebbe comprato il Palazzo del Bargello.

*


Firenze, Renzi compra una villa da 1,3 milioni di euro da 11 vani su due livelli

La casa in una zona lussuosa della città, vicino piazzale Michelangelo. A gennaio aveva annunciato in un’intervista tv di avere nel conto corrente poco meno di 16 mila euro. Ma l’ufficio stampa dell’ex premier precisa: «Non ha concluso ancora nessun acquisto»

*

Quattro assegni da 100 mila euro ciascuno sarebbero già stati staccati e consegnati ai proprietari tramite notaio. Il saldo, 900 mila euro, arriverà a breve. Parola di Matteo Renzi che, insieme alla moglie Agnese Landini, ha appena firmato un preliminare per l’acquisto di una villa da 1,3 milioni di euro. Il luogo scelto dall’ex premier e segretario del Pd per la prossima residenza è tra i più lussuosi di Firenze, a due passi da Piazzale Michelangelo, il belvedere della città, dove Matteo ama fare jogging. La villa si trova in via Tacca, ha 11,5 vani disposti su due livelli. E, come riportato nell’annuncio di vendita, ha una sala tripla, grande cucina abitabile, studio, tre camere e tre bagni, terrazza, per 276 metri quadrati lordi e un giardino da 1580 metri.

La trattativa

I venditori sono Natalia Gajo, 80 anni, e dai figli Giusto Puccini, 68 anni, docente di Istituzioni di diritto pubblico e la sorella Oretta, 61 anni, dal 1987 dipendente dell’ex Provincia di Firenze, guidata da Renzi tra il 2004 e il 2009. Secondo La Verità, che ha anticipato la notizia, Renzi avrebbe avuto di uno sconto di circa 200 mila euro. I restanti 900 mila euro ancora da pagare, sempre secondo La Verità, arriveranno con un mutuo, il quarto, chiesto al Banco di Napoli. La cui rata, che non si prevede particolarmente leggera, si sommerebbe a quella mensile da 4.250 euro che paga dal 2012. La villa, dopo un iter durato 31 anni, avrebbe beneficato di una sanatoria edilizia da Palazzo Vecchio e, secondo il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Francesco Torselli, di una sbarra di chiusura di un tratto di strada. A gennaio, come riporta La Verità, Renzi aveva annunciato in un’intervista tv di avere nel conto corrente poco meno di 16 mila euro e di non essersi arricchito con la politica.

La precisazione

L’ufficio stampa dell’ex premier ha precisato in una nota: «Matteo Renzi e la sua famiglia stanno da tempo cercando un’abitazione a Firenze. Al momento Renzi non ha concluso né l’acquisto di un’abitazione a Firenze né la vendita dell’abitazione di Pontassieve. Quando il percorso sarà concluso tutte le informazioni saranno rese pubbliche, come peraltro prevede la normativa per la trasparenza dei parlamentari. In caso di acquisto di una casa e di vendita dell’altra saranno come già fatto in passato resi pubblici anche i mutui, passati, presenti e futuri». Inoltre l’ufficio stampa di Renzi ha spiegato che «nessun mediatore immobiliare (men che mai internazionale) ha ricevuto un incarico dalla famiglia».

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Stati Uniti, Trump

Sua Giustizia Antony Kennedy si ritira. Altra vittoria di Trump.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-28.

Supreme Court

La Suprema Corte degli Stati Uniti funge, come in molti altri stati occidentali, da supremo ed inappellabile censore sulla costituzionalità delle leggi e dei provvedimenti emanati dal Governo Federale.

Fin qui nulla da eccepire.

I problemi hanno iniziato ad emergere da qualche decina di anni, da quando i liberal democratici sono riusciti a far nominare Giudici persone loro fedeli. La Suprema Corte era transitata da organo giuridico ad organo politico non elettivo, fedele esecutore degli ordini di partito.

Per poter conseguire i loro risultati politici, le loro Giustizie Federali avevano anche congegnato una sottile teorica in accordo alla quale le leggi non si applicano, bensì si interpretano: se ogni interpretazione è soggettiva, quella delle Corte Suprema diventa ipso facto sentenza non appellabile, e quindi ineludibile.

Operando in tal fatta, la Suprema Corte per molto tempo ha operato come vero e proprio sommo centro decisionale politico, indipendentemente da maggioranze parlamentari e dal Presidente degli Stati Uniti, instaurando de facto una vera e propria tirannide.

Ai primi del 2017, essendo stato eletto Presidente Mr Trump, si provvide a nominare Sua Giustizia Mr Neil M. Gorsuch al posto di Sua Giustizia Antonin Scalia. Fu nomina travagliata da un ostruzionismo senza precedenti dei senatori democratici, ben consci della posta in gioco.

La nomina di Neil M. Gorsuch riportava dopo anni a 5 : 4 il numero di giudici che avevano la concezione che la legge avesse dovuto essere applicata, non inventata ad libitum.

Gli effetti si videro in breve tempo.

Nella sola ultima settimana la Suprema Corte ha clamorosamente bocciato tre iniziative politiche democratiche, portate avanti dagli immaginifici giudici federali del Nono e del Settimo distretto, tutti liberal democratici di chiara osservanza. Tre sentenze che pongono la parola fine a degli iter giuridici “orripilanti“.

Janus v. State, County, and Municipal Employees (16-1466)

«The State of Illinois’ extraction of agency fees from nonconsenting public-sector employees violates the First Amendment; Abood v. Detroit Bd. of Ed., 431 U. S. 209, which concluded otherwise, is overruled.»

National Institute of Family and Life Advocates v. Becerra

Trump v. Hawaii

* * * * * * *

Di questi giorni la notizia.

«US Supreme Court Justice Anthony Kennedy has announced he is retiring at the age of 81»

Sua Giustizia Kennedy è il decano della Suprema Corte, formalmente repubblicano ma nella pratica di ideologia liberal democratica. Molto bizzoso ed imprevedibile nelle sentenze.

Non a caso Sua Giustizia Kennedy era, ed è fino a quando resterà ancora in carica, il

“most powerful man in America”.

Era nei fatti colui che alla fine decideva quale linea politica avesse dovuto essere adottata dagli Stati Uniti di America.

*

«His retirement will allow President Donald Trump to make a second nomination to the bench, likely giving the court a conservative bent for years to come»

*

I liberal democratici sono precipitati nel panico prima, nel terrore dopo.

Una Suprema Corte formata da una maggioranza di giudici onesti sarà per i liberal un ostacolo che bloccherà in modo definitivo le loro mire di potere.

«He often sided with the liberal justices on social issues, such as the legalization of gay marriage in 2017 and a decision in 1992 that reaffirmed Roe v. Wade.»

*

«Conservative activists have already announced their intention to use a more conservative court to overturn the 1973 Roe v. Wade decision legalizing abortion»

*

Già. La sentenza Roe v. Wade aveva stabilito che i feti semplicemente non sono esseri umani.


Deutsche Welle. 2018-06-27. US Supreme Court Justice Kennedy retiring, giving Trump a second pick

The “most powerful man in America” has announced his retirement at the age of 81. Kennedy is considered the “swing vote” among the justices and his depature will allow Trump to nominate a more conservative judge.

*

US Supreme Court Justice Anthony Kennedy has announced he is retiring at the age of 81. Although not the oldest, he is the most senior member of the court, having been nominated by former President Ronald Reagan.

“It has been the greatest honor and privilege to serve our nation in the federal judiciary for 43 years, 30 of those years on the Supreme Court,” Kennedy said in a statement. He added that his decision was motivated by the desire to spend more time with his family.

‘The most powerful man in America’

Kennedy has long been considered the swing vote on the court between the liberal and conservative justices. His retirement will allow President Donald Trump to make a second nomination to the bench, likely giving the court a conservative bent for years to come. Conservative activists have already announced their intention to use a more conservative court to overturn the 1973 Roe v. Wade decision legalizing abortion.

In response to the news, the president praised Justice Kennedy’s vision and heart.

Speaking in the Oval Office during a meeting with Portuguese President Marcelo Rebelo de Sousa, Trump said that when considering the next nomination he would draw from a list of 25 candidates that his campaign collected during his presidential run.

Kennedy’s career on the Supreme Court earned him the nickname “the most powerful man in America,” because he was often the deciding vote between the conservative and liberal wings of the nine-member court. He often sided with the liberal justices on social issues, such as the legalization of gay marriage in 2017 and a decision in 1992 that reaffirmed Roe v. Wade.


The New York Times. 2018-06-27. Supreme Court Justice Anthony Kennedy to Retire

WASHINGTON — Justice Anthony M. Kennedy announced on Wednesday that he would retire, setting the stage for a furious fight over the future direction of the Supreme Court.

Justice Kennedy, 81, has long been the decisive vote in many closely divided cases. His retirement gives President Trump the opportunity to fundamentally change the course of the Supreme Court.

A Trump appointee would very likely create a solid five-member conservative majority that could imperil abortion rights and expand gun rights.

Justice Kennedy’s voting record was moderately conservative. He wrote the majority opinion in Citizens United, which allowed unlimited campaign spending by corporations and unions, and he joined the majority in Bush v. Gore, which handed the 2000 presidential election to George W. Bush. He also voted with the court’s conservatives in cases on the Second Amendment and voting rights.

But Justice Kennedy was the court’s leading champion of gay rights, and he joined the court’s liberals in cases on abortion, affirmative action and the death penalty.

In April 2017, Mr. Trump formally appointed Justice Neil M. Gorsuch to succeed Justice Antonin Scalia, who died in February 2016, replacing one conservative justice with another and maintaining the basic balance of power on the court.

The replacement of Justice Kennedy with a reliable conservative would be far more consequential and would move the court markedly to the right.

The bitter 14-month battle over Justice Scalia’s seat, during which Republican senators refused to consider President Barack Obama’s nomination of Judge Merrick B. Garland, will most likely pale in comparison to the coming fight over Justice Kennedy’s seat.

Pubblicato in: Unione Europea

Consiglio Europeo. Testo Ufficiale rilasciato dalla EU.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-29.

unione europea 001

Lo European Council. Council of the European Union ha rilasciato la seguente dichiarazione.

European Council conclusions, 28 June 2018.

Ad essa è allegato il seguente documento:

European Council conclusions, 28 June 2018. [pdf]

Ne riportiamo a seguito alcuni stralci relativi le librazioni illegali.

*

Si noti come queste conclusioni non seguano l’ordine del giorno, e si riassumano in pie raccomandazioni.

Consiglio Europeo del 28 – 29 giugno. Il programma.

A nostro sommesso parere, si tratta di un testo ambiguo, che sembrerebbe essere stato scritto al solo scopo di suscitare contenziosi.

Sempre a nostro sommesso parere, sempre che non vi siano protocolli riservati, è un documento non condividibile.

* * * * * * *

«The European Council reconfirms that a precondition for a functioning EU policy relies on a comprehensive approach to migration which combines more effective control of the EU’s external borders»

*

«to further stem illegal migration on all existing and emerging routes.»

*

«As regards the Central Mediterranean Route, efforts to stop smugglers operating out of Libya or elsewhere should be further intensified»

*

«The EU will continue to stand by Italy and other frontline Member States in this respect. It will step up its support for the Sahel region, the Libyan Coastguard, coastal and Southern communities, humane reception conditions, voluntary humanitarian returns, cooperation with other countries of origin and transit, as well as voluntary resettlement.»

*

«All vessels operating in the Mediterranean must respect the applicable laws and not obstruct operations of the Libyan Coastguard»

*

«In order to definitively break the business model of the smugglers, thus preventing tragic loss of life, it is necessary to eliminate the incentive to embark on perilous journeys»

*

«This requires a new approach based on shared or complementary actions among the Member States to the disembarkation of those who are saved in Search And Rescue operations»

*

«to distinguish between irregular migrants, who will be returned, and those in need of international protection, for whom the principle of solidarity would apply»

*

«It also underlines the necessity to significantly step up the effective return of irregular migrants»

*

«Concerning the situation internally in the EU, secondary movements of asylum seekers between Member States risk jeopardising the integrity of the Common European Asylum System and the Schengen acquis. Member States should take all necessary internal legislative and administrative measures to counter such movements and to closely cooperate amongst each other to that end.»

* * * * * * *

MIGRATION

  1. The European Council reconfirms that a precondition for a functioning EU policy relies on a comprehensive approach to migration which combines more effective control of the EU’s external borders, increased external action and the internal aspects, in line with our principles and values. This is a challenge not only for a single Member State, but for Europe as a whole. Since 2015 a number of measures have been put in place to achieve the effective control of the EU’s external borders. As a result, the number of detected illegal border crossings into the EU has been brought down by 95% from its peak in October 2015, even if flows have been picking up recently on the Eastern and Western Mediterranean routes.

  2. The European Council is determined to continue and reinforce this policy to prevent a return to the uncontrolled flows of 2015 and to further stem illegal migration on all existing and emerging routes.

  3. As regards the Central Mediterranean Route, efforts to stop smugglers operating out of Libya or elsewhere should be further intensified. The EU will continue to stand by Italy and other frontline Member States in this respect. It will step up its support for the Sahel region, the Libyan Coastguard, coastal and Southern communities, humane reception conditions, voluntary humanitarian returns, cooperation with other countries of origin and transit, as well as voluntary resettlement. All vessels operating in the Mediterranean must respect the applicable laws and not obstruct operations of the Libyan Coastguard.

  4. As regards the Eastern Mediterranean Route, additional efforts are needed to fully implement the EU-Turkey Statement, prevent new crossings from Turkey and bring the flows to a halt. The EU-Turkey readmission agreement and the bilateral readmission agreements should be fully implemented in a non-discriminatory manner towards all Member States. More efforts are urgently needed to ensure swift returns and prevent the development of new sea or land routes. Cooperation with, and support for, partners in the Western Balkans region remain key to exchange information on migratory flows, prevent illegal migration, increase the capacities for border protection and improve return and readmission procedures. In the light of the recent increase in flows in the Western Mediterranean, the EU will support, financially and otherwise, all efforts by Member States, especially Spain, and countries of origin and transit, in particular Morocco, to prevent illegal migration.

  5. In order to definitively break the business model of the smugglers, thus preventing tragic loss of life, it is necessary to eliminate the incentive to embark on perilous journeys. This requires a new approach based on shared or complementary actions among the Member States to the disembarkation of those who are saved in Search And Rescue operations. In that context, the European Council calls on the Council and the Commission to swiftly explore the concept of regional disembarkation platforms, in close cooperation with relevant third countries as well as UNHCR and IOM. Such platforms should operate distinguishing individual situations, in full respect of international law and without creating a pull factor.

  6. On EU territory, those who are saved, according to international law, should be taken charge of, on the basis of a shared effort, through the transfer in controlled centres set up in Member States, only on a voluntary basis, where rapid and secure processing would allow, with full EU support, to distinguish between irregular migrants, who will be returned, and those in need of international protection, for whom the principle of solidarity would apply. All the measures in the context of these controlled centres, including relocation and resettlement, will be on a voluntary basis, without prejudice to the Dublin reform.

  7. The European Council agrees on launching the second tranche of the Facility for Refugees in Turkey and at the same time on transferring 500 million euro from the 11th EDF reserve to the EU Trust Fund for Africa. Member States are moreover called upon to contribute further to the EU Trust Fund for Africa with a view to its replenishment.

  8. Tackling the migration problem at its core requires a partnership with Africa aiming at a substantial socio-economic transformation of the African continent building upon the principles and objectives as defined by the African countries in their Agenda 2063. The European Union and its Member States must rise to this challenge. We need to take the extent and the equality of our cooperation with Africa to a new level. This will not only require increased development funding but also steps towards creating a new framework enabling a substantial increase of private investment from both Africans and Europeans. Particular focus should be laid on education, health, infrastructure, innovation, good governance and women’s empowerment. Africa is our neighbour and this must be expressed by increased exchanges and contacts amongst the peoples of both continents on all levels of civil society. Cooperation between the European Union and the African Union is an important element of our relationship. The European Council calls for further developing and promoting it.

  9. In the context of the next Multiannual Financial Framework, the European Council underlines the need for flexible instruments, allowing for fast disbursement, to combat illegal migration. The internal security, integrated border management, asylum and migration funds should therefore include dedicated, significant components for external migration management.

  10. The European Council recalls the need for Member States to ensure the effective control of the EU’s external borders with EU financial and material support. It also underlines the necessity to significantly step up the effective return of irregular migrants. In both respects, the supportive role of FRONTEX, including in the cooperation with third countries, should be further strengthened through increased resources and an enhanced mandate. It welcomes the intention of the Commission to make legislative proposals for a more effective and coherent European return policy.

  11. Concerning the situation internally in the EU, secondary movements of asylum seekers between Member States risk jeopardising the integrity of the Common European Asylum System and the Schengen acquis. Member States should take all necessary internal legislative and administrative measures to counter such movements and to closely cooperate amongst each other to that end.

  12. As regards the reform for a new Common European Asylum System, much progress has been achieved thanks to the tireless efforts of the Bulgarian and previous Presidencies. Several files are close to finalisation. A consensus needs to be found on the Dublin Regulation to reform it based on a balance of responsibility and solidarity, taking into account the persons disembarked following Search And Rescue operations. Further examination is also required on the Asylum Procedures proposal. The European Council underlines the need to find a speedy solution to the whole package and invites the Council to continue work with a view to concluding as soon as possible. There will be a report on progress during the October European Council.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Migranti. Sarebbe stato raggiunto un accordo.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-29.

2018-06-29__Conte__001

«European Union leaders have reached an agreement on migration after nearly 10 hours of talks at a summit in Brussels»

*

«Italy – the entry point of thousands of migrants, mainly from Africa – had threatened to veto the conclusions of the group’s entire agenda if it did not receive help on the issue.»

*

«Talks continued into the early hours of Friday before a compromise was reached.»

*

«Leaders said that new migrant centres could be set up in EU countries on a “voluntary” basis.»

*

«However, it was unclear which countries would volunteer to host the centres.»

*

«The joint communique also speaks of restricting the movement of asylum seekers between EU states»

*

«Today Italy is no longer alone»

*

«It is unclear whether the measures agreed will be enough, and speaking to reporters at 05:00 local time (03:00 GMT), she acknowledged the EU still had “a lot of work to do to bridge the different views”.»

*

«The 28 EU leaders also agreed to strengthen external border controls, and boost financing for Turkey and countries in North Africa»

*

«So-called “regional disembarkation platforms”, which are aimed at breaking the business model of people-smuggling gangs by processing refugees and migrants outside the EU, will also be “swiftly explored”. »

* * * * * * *

Al momento non è dato di sapere i contenuti reali del testo definitivo di accordo.

Significativo è il titolo di Bloomberg.

Italy Emerges With Migration Package as Europe Closes Doors

«- Populists’ brinkmanship forces EU leaders into compromise

– Merkel to find out Sunday if deal placates Bavarian allies

Italy’s rookie prime minister, Giuseppe Conte, negotiated a package of measures at his first European Union summit to stem the flow of migrants into the bloc and spread the burden of handling those who do arrive.

During talks in Brussels that wrapped up after 4:30 a.m. Friday, member states agreed to increase border security, set up holding centers to handle asylum seekers, and to speed up the process of determining whether people have the right to asylum and expelling those who don’t. Leaders also pledged to overhaul the rules for distributing migrants when a gateway country is overwhelmed, a key Italian demand. ….

Yet it remains unclear whether the agreement will be sufficient to help German Chancellor Angela Merkel stave off a revolt by her Bavarian sister party. Deep divisions remain between those with a relatively liberal stance on migration such as Merkel or Spain’s Prime Minister Pedro Sanchez and leaders like Hungary’s Viktor Orban, who told reporters on his arrival that “the invasion must be stopped.”»

* * *

Qualche passo in avanti semrberebbe essere stato fatto, ma alla fine potrebbe essere Herr Seehofer a dire l’ultima parola.


Bbc. 2018-06-29. Migrant crisis: EU summit leaders reach migration deal after marathon talks

European Union leaders have reached an agreement on migration after nearly 10 hours of talks at a summit in Brussels.

Italy – the entry point of thousands of migrants, mainly from Africa – had threatened to veto the conclusions of the group’s entire agenda if it did not receive help on the issue.

Talks continued into the early hours of Friday before a compromise was reached.

Leaders said that new migrant centres could be set up in EU countries on a “voluntary” basis.

These centres would process migrants to determine which are genuine refugees and which are “irregular migrants, who will be returned”, the text of their agreement says.

However, it was unclear which countries would volunteer to host the centres.

The joint communique also speaks of restricting the movement of asylum seekers between EU states.

“After this European summit, Europe is more responsible and offers more solidarity,” said Italian Prime Minister Giuseppe Conte. “Today Italy is no longer alone.”

German Chancellor Angela Merkel came into the summit needing an EU-wide agreement on dealing with asylum seekers to avert a political crisis at home that could bring down her government.

It is unclear whether the measures agreed will be enough, and speaking to reporters at 05:00 local time (03:00 GMT), she acknowledged the EU still had “a lot of work to do to bridge the different views”.

The bloc is deeply divided over the migration issue, with several Central European states rejecting an EU scheme to relocate 160,000 refugees from overcrowded camps in Greece and Italy.

Following the marathon talks, which broke up not long before sunrise, France’s President Emmanuel Macron said that “European co-operation enabled this”.

The 28 EU leaders also agreed to strengthen external border controls, and boost financing for Turkey and countries in North Africa.

So-called “regional disembarkation platforms”, which are aimed at breaking the business model of people-smuggling gangs by processing refugees and migrants outside the EU, will also be “swiftly explored”.

However getting North African countries to host such centres could be very difficult and Morocco again on Thursday rejected the idea.

Friday’s agreement also states that there is an urgent need to boost efforts to “prevent the development of new sea or land routes” into Europe.

Italian Prime Minister Giuseppe Conte had earlier taken the rare step of blocking the conclusions of the joint communique until the leaders had settled the migration issue. Both Italy and Greece want other countries to share the burden.

German Chancellor Angela Merkel had said that the migration issue could be a defining moment for the EU.

Mrs Merkel came into the summit under pressure to come up with a deal to prevent new arrivals in Germany by migrants who have already registered elsewhere.

Interior Minister Horst Seehofer, from her Bavarian coalition partner the CSU, had given her a deadline of this weekend. He has threatened to start turning away migrants from the border in his home state.

Without the CSU, Mrs Merkel would lose her parliamentary majority.

The migrant flows include refugees fleeing the Syrian war and other conflicts, urgently seeking asylum.

It is not a crisis on the scale of 2015, when thousands were coming ashore daily on the Greek islands. The European Council – the EU’s strategic leadership – says the numbers illegally entering the EU have dropped 96% since their peak in October 2015.

But this month’s tensions over migrant rescue ships barred from entry to Italian ports – most recently the German charity ship Lifeline – have put the issue firmly back in the EU spotlight.

The Lifeline was only allowed to dock in Malta after intense diplomacy among several EU states, who each agreed to take a share of the migrants on board. Malta said that Norway had now also agreed to take some migrants from the Lifeline.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

EU. In mezzo a quei debosciati Mr Conte trasuda testosterone.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-28.

2018-06-28__Conte__001

Eurostat è lapidaria.

«In 2015, 118.7 million people, or 23.7 % (see Figure 1) of the population in the EU-28 were at risk of poverty or social exclusion (AROPE), compared with 24.4 % in 2014. This means that these people were at least in one of the following conditions:

– at-risk-of-poverty after social transfers (income poverty);

– severely materially deprived or

– living in households with very low work intensity. ….

In 2015, more than a third of the population was at risk of poverty or social exclusion in three EU Member States: Bulgaria (41.3 %), Romania (37.3 %) and Greece (35.7 %). At the other end of the scale, the lowest shares of persons being at risk of poverty or social exclusion were recorded in Finland (16.8 %), the Netherlands (16.4 %), Sweden (16.0 %), and the Czech Republic (14.0 %). ….

With a rate of 26.9 % in the EU-28 (see Table 1), children were at greater risk of poverty or social exclusion in 2015 than the total population in 20 of the 28 EU Member States.»

*

Bene.

L’Unione Europea, con il 23.7% della popolazione che vive in povertà e con il 26.9% dei bambini miseri, si sta perdendo nel minuetto dei migranti, quasi che questo fosse il problema vitale dell’Unione Europea.

Se non fossero argomenti tragici, si direbbe che si stia vivendo una farsa.

Se la Bundeskanzlerin Frau Merkel pensasse al 20.0% della popolazione tedesca che vive in miseria sarebbe meno prodiga del pane che dovrebbe andare ai suoi figli. Lo stesso dicasi per Mr Macron, che in Francia assomma al 17.7% la popolazione povera. Piangano sui propri miseri invece che sui migranti.

*

Mr Conte presente di persona, Mr Salvini presente in spirito ma molto ben  presente, e Mr Trump stagliato sullo sfondo: questo è lo scenario del Consiglio Europeo.

Questi tre signori hanno dimostrato di non essere debosciati e di avere abbondante testosterone nelle loro vene.

«We need concrete facts, not more expressions of ‘solidarity»

*

«The Italian government, with its far-right League interior minister Matteo Salvini, is refusing to let migrants who have been rescued at sea to disembark on its territories’»

*

«Italy wants to abolish its responsibilities as a country of ‘first entry’»

*

«Giuseppe Conte threatened to veto the summit’s conclusions if he considered that his country did not get enough support from other member states to deal with migrants»

* * *

Bene. Era dai tempi di Ettore Fieramosca che l’Italia non aveva governanti virili, pacati nella esposizione, ma fermi nei loro propositi. Se questi sono i ‘vomitevoli‘ e ‘lebbrosi‘ noi tutti siamo contenti di condividere con loro gli epiteti lanciatici da chi non ne vuole sapere di aprire i propri porti, scaricando tutto sulle nostre spalle.

Adesso ci sentiamo orgogliosi di essere italiani.

L’epoca delle mezze figure pidiine, zerbini di piedi francesi e tedeschi, è finito: questa nuova Italia è stata in grado di scardinare l’Unione Europea.


EU migration talks hit Italian rock

EU leaders were getting ready Thursday evening (28 June) for an all-out confrontation over migration, with positions still irreconcilable on how to deal with people trying to cross the Mediterranean sea.

“It will be difficult today to have a final agreement on all the issues but we should be able to discuss about everything,” said Luxembourg’s prime minister Xavier Bettel before the EU summit opened in Brussels in early afternoon.

But simultaneously, his Italian colleague Giuseppe Conte threatened to veto the summit’s conclusions if he considered that his country did not get enough support from other member states to deal with migrants.

Conte wants other EU states to allow boats carrying people across the Mediterranean in their ports as well.

“We need concrete facts, not more expressions of ‘solidarity’,” Conte insisted.

The Italian government, with its far-right League interior minister Matteo Salvini, is refusing to let migrants who have been rescued at sea to disembark on its territories.

“Italy wants to abolish its responsibilities as a country of ‘first entry’. There is a problem here, this cannot be accepted,” a European diplomat said.

It is yet unclear what compromise could be found that both satisfy Italy’s demands and deals with Merkel’s domestic political concern on being able to push asylum seekers back to the country they first registered in – a demand of her Bavarian allies and interior minister Horst Seehofer.

Germany’s chancellor Angela Merkel held a bilateral meeting before the summit with Italy’s premier Conte to find common ground.

‘No Bavarian party’

Some EU leaders are irked by Seehofer’s threat to push back asylum seekers unilaterally.

“I hope we will be constructive today, a party from Bavaria cannot decide about the way Europe functions,” Xavier Bettel, Luxembourg’s premier said arriving to the summit.

European Council president Donald Tusk, the summit chair, had called ahead the meeting on leaders to focus on the so-called ‘external dimension’ of the management of migration – especially by agreeing on the principle of “disembarkation platforms” outside Europe and more help to countries where migrants come from.

“If they focus on external aspects of migration, there is a potential for agreement. There won’t be an agreement on the internal aspect,” said an EU official at the start of the discussions.

Platforms?

He added that some member states are “a bit concerned” by the idea of platforms outside of the EU. “But disembarkation platforms can be an answer to trafficking. First, we need an agreement that this is something we should explore,” the official added.

Several countries insisted on Thursday to have wider discussions, raising issues that were likely to highlight EU divisions.

“No solution will be efficient if it’s not European and cooperative, based on three pillars,” a source close to French president Emmanuel Macron said, referring to the external dimension, border control and the internal dimension.

Macron, together with Spanish prime minister Pedro Sanchez, has proposed, in addition to non-EU platforms, to establish centers in EU countries where rescued migrants would disembark – an idea rejected by Italy.

Cannot escape geography

The French source, who said that Macron also has support from other countries like Germany, Portugal, and the Netherlands, said that rescued migrants should be taken to the “safest, nearest” port, and pointed out that Italy could not escape geography when people embark from Libya.

The official said that the centres, which he described as “second generation hotspots” – in reference to centre established in Greece after 2015 to retain migrants and examine their asylum requests – were a way to “Europeanise” Italy’s task of processing the migrants before they can be sent to other countries to relief Italy.

But the French proposal bumps into another controversial issue, the relocation of asylum seekers.

V4 vs Relocation

Several countries, mainly the Visegrad Group composed of Hungary, Slovakia, Poland and the Czech Republic, still fiercely oppose mandatory relocation.

“We are taking a hard line, to say that Polish sovereignty vis-a-vis its borders, its national security, must be maintained in the face of [migrant] relocations,” explained Polish prime minister Mateusz Morawiecki.

A day after Tusk called on agreed solutions to counter “a tendency towards overt authoritarianism”, Hungarian prime minister Viktor Orban reversed the argument and insisted that “stopping migrants” and sending back those who arrived in Europe would be the way to respect the people’s will and “to restore the European democracy.”

Meanwhile, the discussion over disembarkation platforms – hotspots were people would be retained before they reach Europe – proves to be difficult.

“There is nothing concrete on the table, we can feel the reluctance of the UNHCR and IOM,” the first diplomat noted, referring to the UN refugee agency and the International Organization for Migration.

European Commission Jean-Claude Juncker also warned that leaders could not “here in Brussels decide for North African countries” because it would amount to “neo-colonialism”.

Merkel, for her part, underlying the need for a European-wide solution.

“Europe faces many challenges, but that of migration could become the make-or-break one for the EU,” Merkel said earlier on Thursday.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Fisco e Tasse

Bollette. Elettricità +6.5%, metano +8.25.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-28.

Banche 016. Marinus Van Reymerswaele, Prestatori di denaro, 1542.

Marinus Van Reymerswaele, Prestatori di denaro, 1542.


Spesso, molto spesso, i media parlano dei massimi sistemi, dalla pace nel mondo a come renderlo ecologicamente puro tra ventisette secoli.

Oppure piangono sulla triste sorte del gurzo del Borneo Meridionale, ove la temperatura è salita di un decimillesimo di grado centigrado.

*

Noi vorremmo invece piangere sulla triste sorte della famiglie italiane, che se ne fanno un baffo a torciglione della pace nel mondo e non si curano minimamente del gurzo.

Piangono invece le famiglie sulla loro triste sorte.

«Bollette luce e gas, aumenti dal 1 luglio: elettricità 6,5%, metano +8,2%»

*

«Un massacro per le tasche dei consumatori»

*

«Il Governo deve intervenire sul fronte della tassazione sia sulle bollette, dove la pressione fiscale supera il 40% per il gas, sia per i carburanti».

* * * * * * *

Si dice che ad essere ingordi siano i privati, ma gli stati non scherzano minimamente.

Nota.

La cosa davvero scandalosa non è tanto il dovuto a consumo, quanto piuttosto le spese fisse: una vera e propria rapina.


Bollette luce e gas, aumenti dal 1 luglio: elettricità 6,5%, metano +8,2%

La comunicazione dell’Autorità energia: pesano le tensioni internazionali e il rincaro del greggio. I consumatori: 45 euro annui in più a famiglia.

*

Dal prossimo primo luglio la spesa per l’energia, per la famiglia tipo in tutela, registrerà un incremento del 6,5% per l’energia elettrica e dell’8,2% per il gas naturale. Lo fa sapere l’Autorità di regolazione per l’energia reti e ambiente, spiegando che le tensioni internazionali e la conseguente forte accelerazione delle quotazioni del petrolio hanno «pesantemente influenzato» i prezzi nei mercati all’ingrosso dell’energia, con ripercussioni sui prezzi per i clienti finali sia del mercato libero che tutelato.

«45 euro annui a famiglia»

La prima associazione a commentare gli aumenti è stata il Codacons: «Un massacro per le tasche dei consumatori». «Le bollette», afferma il presidente Carlo Rienzi in una nota, «aumentano in modo vertiginoso a causa del caro-benzina, esattamente come avevamo previsto nelle scorse settimane. Ad aggravare la situazione il fatto che i rincari anche stavolta si verificano quando aumentano i consumi energetici degli italiani, specie per l’elettricità in relazione all’uso di condizionatori nel periodo estivo, influendo pesantemente sulla spesa energetica dei cittadini. Alla stangata determinata dall’accelerazione dell’inflazione le famiglie dovranno mettere in conto anche una maggiore spesa di 45 euro annui a nucleo per luce e gas. Il Governo deve intervenire sul fronte della tassazione sia sulle bollette, dove la pressione fiscale supera il 40% per il gas, sia per i carburanti».

Da parte sua la Coldiretti fa notare come l’aumento delle tariffe energetiche pesi sui conti delle famiglie ma anche sui costi delle imprese e renda più onerosa la produzione. L’aumento della spesa energetica ha un doppio effetto negativo perché – sottolinea la Coldiretti – riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l’agroalimentare. Il costo dell’energia – conclude la Coldiretti – si riflette infatti in tutta la filiera e riguarda sia le attività agricole ma anche la trasformazione, la conservazione degli alimenti.