Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Germania, realtà geografica. Nel 2030 mancheranno 5 milioni di lavoratori. – Destatis.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-11-21.

2020-11-06__ Culle Vuore 013

«Population ageing in Germany will continue to increase despite high net immigration and growing birth rates»

«In the next 20 years, the current age structure will definitely lead to a decrease in the working-age population and to an increase in the number of older people»

«The future development of demographic factors such as fertility, life expectancy and net immigration will not be able to stop these processes»

«In 2018, 51.8 million people in Germany were at working age between 20 and 66 years. By 2035, the working-age population will fall by roughly 4 to 6 million, reaching 45.8 to 47.4 million»

«Then it will stabilise and subsequently decrease to 40 million»

«Without net immigration, the working-age population would decline by roughly 9 million already by 2035»

«The number of people aged 67 or over rose by 54% from 10.4 million in 1990 to 15.9 million in 2018»

«The number of people aged 80 or over will increase from 5.4 million in 2018 to 6.2 million already in 2022 and will then remain at that level until the early 2030s.»

«In the subsequent 20 years, however, it will continuously rise and reach 8.9 to 10.5 million»

«the working-age population between 20 and 66 years will decrease in all Länder»

* * * * * * *


Germania. Demografia. Tasso di fertilità crollato a 1.54. – Destatis.

Germania. Demografia. Il dramma degli insegnanti in via di pensionamento.

Germania. Adesso i vecchiacci iniziano a pagare in prima persona.

Germania. La demografia stritola Germania e Große Koalition.

Germania. Mancano 1.6 milioni di lavoratori esperti, Meister.

Germania. Il 17% degli studenti è affetto da patologie psichiatriche.

Germania al capolinea. – Handelsblatt

Germania. Gigante dai piedi di argilla. – Handelsblatt

Germania. Mancano ora 35,000 insegnanti, nel 2025 ne mancheranno 105,000.

Germania. Demografia. Accademia Tecnica. Mancano dieci milioni di lavoratori.

Germania. Mancano 1.6 milioni di lavoratori esperti, Meister. – Handelsblatt.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg. 

* * * * * * *


La popolazione autoctona tedesca è proiettata a perdere nove milioni di persone in età lavorativa entro il 2035, ossia entro quindici anni.

Industria e servizi dovranno per forza di cose ridurre di conseguenza il lavoro e, quindi, le tasse introitate dallo stato. Stato che peraltro si troverà a dover pagare un numero di pensione ben maggiore di quello attuale.

Sarà la fine ingloriosa di quello che fu un grande popolo.

Orbene.

Chi mai avrà voglia di investire nella Germania attuale?

*


Destatis. In 2030, there will be more over 65 year olds in employment than under 20 year olds.

Press release No. 436 of 2 November 2020

WIESBADEN – For 2030, it is expected that the labour force will comprise more people aged 65 to 74 than people under 20. According to the 2020 labour force projection, 1.5 to 2.4 million people in the labour force will be aged between 65 and 74 years at the beginning of the next decade, and only about 1.1 million between 15 and 19 years. The Federal Statistical Office (Destatis) also reports that presumably 1.2 to 2.2 million people in the labour force will belong to the older age group, and 1.0 to 1.1 million to the younger age group in 2060. In 2019, each group comprised 1.2 million people in the labour force.

*


Destatis. Working-age population expected to decrease by 4 to 6 million by 2035

WIESBADEN – Population ageing in Germany will continue to increase despite high net immigration and growing birth rates. In the next 20 years, the current age structure will definitely lead to a decrease in the working-age population and to an increase in the number of older people. The future development of demographic factors such as fertility, life expectancy and net immigration will not be able to stop these processes. This is the main result of the 14th coordinated population projection presented by the Federal Statistical Office (Destatis) at a press conference in Berlin on 27 June 2019.

In 2018, 51.8 million people in Germany were at working age between 20 and 66 years. By 2035, the working-age population will fall by roughly 4 to 6 million, reaching 45.8 to 47.4 million. Then it will stabilise and subsequently decrease to 40 to 46 million by 2060, depending on the level of net immigration.

Without net immigration, the working-age population would decline by roughly 9 million already by 2035.

Older population groups will continue to grow

The number of people aged 67 or over rose by 54% from 10.4 million in 1990 to 15.9 million in 2018. Until 2039, that number will grow by another 5 to 6 million, reaching at least 21 million people, and will then remain rather stable until 2060.

The number of people aged 80 or over will increase from 5.4 million in 2018 to 6.2 million already in 2022 and will then remain at that level until the early 2030s. In the subsequent 20 years, however, it will continuously rise and reach 8.9 to 10.5 million in 2050, depending on the assumed development of life expectancy.

Population will grow at least until 2024 and decline as from 2040 at the latest

For the total population, there is a wider range of possible developments than for the working-age population and for older people. Depending on the assumptions regarding fertility, life expectancy and net immigration, the population in 2018 (83 million) will increase at least until 2024 and decrease as from 2040 at the latest. It is expected that in 2060 there will be between 74 and 83 million people in Germany.

Regional differences will continue to grow until 2060

Assuming a moderate development of fertility, life expectancy and net immigration, the population will be down by 4% by 2060, in the new Länder by 18%. In the city states, however, it will be up by 10%. In contrast to the total population, the working-age population between 20 and 66 years will decrease in all Länder. With the same assumptions, the number of working-age people will decline between 2018 and 2060 by 16% in the western non-city Länder, by 31% in the new Länder and by 4% in the city states.

Methodological notes

Long-term population projections are no forecasts. They provide ‘if-then statements’ and show how the population and its structure would change under certain assumptions. The 14th coordinated population projection is based on three assumptions each regarding fertility, life expectancy and external migration balance. Nine main variants form the core of the entire calculation system. They illustrate the range of possible developments and show how the population development is influenced by fertility, life expectancy and migration.

The results for 2018 are based on an estimate.

Detailed documents relating to the press conference are available here (only in german).

Pubblicato in: Cina, Demografia

Cina. Censimento decennale. Le grandi novità.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-11-15.

Cina 014

«What’s new in China’s 2020 population survey versus 2010 census»

«The number of questions have increased to 19 from 18 previously. Also, 10% of the population will be selected afterwards to answer 48 questions in a second questionnaire, compared with 45 previously»

«Census takers, instead of pen and paper, are armed with smartphones and computer tablets. While that may increase the accuracy of data collection, it does not shorten the survey window, which will last more than a month, ending on Dec. 10. The 2010 census took only 10 days»

«Over 7 million census takers began going door to door on Sunday to collect information ranging from car ownership to whether they have family members in Hong Kong or Taiwan»

«Identity card numbers are logged for the first time, electronically linking the information collected to identifiable individuals. Officials have said the ID card details are to be matched with data recorded by the police and health services and other authorities to ensure accuracy»

«For the first time, survey respondents must disclose the number of family members who are residents in Hong Kong, Macau and Taiwan, or are now foreign nationals»

«In the longer questionnaire, respondents are asked to indicate the amount of rent they pay each month»

«The top bracket is “10,000 yuan or higher” ($1,495). That’s much higher than the highest tier of “3,000 yuan or higher” in the 2010 census»

«Also in the second questionnaire, respondents are asked for the first time to indicate if they own cars»

«pointing to the increased private wealth created in the past 10 years»

«In this year’s census, respondents are simply asked if they hold management rights to rural land, reflecting Beijing’s renewed focus on rural land resources and their utilisation»

«In the 2010 census, citizens aged 60 and above were asked to describe their general health»

«For the first time, this year, they are additionally asked about their living situation – whether they are living alone, with a partner, with their children or in an institution»

«In 2018, almost a fifth of Chinese citizens were aged 60 and over, or 249 million people»

* * * * * * *


Molti sarebbero gli aspetti da valorizzare: ne segnaliamo solo alcuni.

– Il valore massimo dell’affitto è passato a 10,000 yuan ($1,495) a confronto dei 3,000 di un decennio fa.

– È stata istituita un’anagrafe nazionale per numero di carta di identità.

– Salute e benessere pubblico sono argomento di nuova introduzione.

– I sette milioni di rilevatori sono stati dotati ciascuno di un tablet e smartphones. Uno sforzo economico non da poco, ma che compensa ampiamente il costo della trascrizione da cartaceo ad elettronico, abbattendo i tempi di elaborazione.

*


Factbox: What’s new in China’s 2020 population survey versus 2010 census.

More than 1 billion Chinese citizens will participate in a once-in-a-decade census that will inform policymakers on demographic shifts in the world’s most-populous but fast-ageing nation, and help shape social and economic policies in the years to come.

Over 7 million census takers began going door to door on Sunday to collect information ranging from car ownership to whether they have family members in Hong Kong or Taiwan. Authorities will publish the survey results in April.

Below are some changes in the way the census is being conducted compared with the 2010 survey, to reflect a wealthier and older population:

LONGER SURVEY

Census takers, instead of pen and paper, are armed with smartphones and computer tablets. While that may increase the accuracy of data collection, it does not shorten the survey window, which will last more than a month, ending on Dec. 10. The 2010 census took only 10 days.

The number of questions have increased to 19 from 18 previously. Also, 10% of the population will be selected afterwards to answer 48 questions in a second questionnaire, compared with 45 previously.

IDENTITY CARD NUMBER

Identity card numbers are logged for the first time, electronically linking the information collected to identifiable individuals. Officials have said the ID card details are to be matched with data recorded by the police and health services and other authorities to ensure accuracy. They pledged that the information will be kept strictly confidential, and will not be used for any other purpose beyond the survey.

HONG KONG & TAIWAN

For the first time, survey respondents must disclose the number of family members who are residents in Hong Kong, Macau and Taiwan, or are now foreign nationals. No other details on those family members are being asked.

RISING RENTS

In the longer questionnaire, respondents are asked to indicate the amount of rent they pay each month. The top bracket is “10,000 yuan or higher” ($1,495). That’s much higher than the highest tier of “3,000 yuan or higher” in the 2010 census, reflecting the sharp increase in property values in the past decade in China and the higher cost of living.

CAR OWNERSHIP

Also in the second questionnaire, respondents are asked for the first time to indicate if they own cars. They are to additionally disclose the overall value of all the cars they own, pointing to the increased private wealth created in the past 10 years. No other assets, such as the number of properties owned, are required to be divulged.

LAND RIGHTS

In the past, respondents were asked if they hold urban or rural residency permits under a decades-old “hukou” household registration system. In this year’s census, respondents are simply asked if they hold management rights to rural land, reflecting Beijing’s renewed focus on rural land resources and their utilisation. All rural land is owned by local collectives, not the state. Farmers have the right to use land owned by their local collective under long-term contracts, and can lease out the management of their land to others if they wish.

THE AGED

In the 2010 census, citizens aged 60 and above were asked to describe their general health. For the first time, this year, they are additionally asked about their living situation – whether they are living alone, with a partner, with their children or in an institution. China is facing what experts call a “demographic time-bomb”, following a decades-long one-child policy, which was finally abandoned in 2016. In 2018, almost a fifth of Chinese citizens were aged 60 and over, or 249 million people.

Pubblicato in: Demografia, Scienza & Tecnica

Università. I professori maschi sono più produttivi e citati delle femmine.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-10-05.

2020-0925__ Guy Madison 001

Maria Skłodowska nel 1903 fu insignita del premio Nobel per la fisica (assieme al marito Pierre Curie e ad Antoine Henri Becquerel) per i loro studi sulle radiazioni e nel 1911 del premio Nobel per la chimica per la sua scoperta del radio e del polonio. Unica donna tra i quattro vincitori di due Nobel, è la sola ad aver vinto il Premio in due distinti campi. La sua tomba è al Pantheon di Parigi.

I suoi lavori ricevettero un plauso generalizzato ed è uno degli scienziati di quell’epoca più citata da quanti abbiano poi proseguito sulle sue orme.

Nonostante che a quell’epoca fosse inusuale trovare donne nelle università, Maria Skłodowska si impose per la potenza del suo ingegno: delle quote rosa non avrebbe proprio saputo cosa farsene. Tutti ne ammiravano l’ingegno.

* * * * * * *


Guy Madison & Pontus Fahlman.

Sex differences in the number of scientific publications and citations when attaining the rank of professor in Sweden.

https://doi.org/10.1080/03075079.2020.1723533.

*


                         ABSTRACT

The proportion of women tends to decrease the higher the academic rank, following a global pattern. Sweden has taken comprehensive measures to decrease this gap across 30 years, and many countries are following a similar path. Yet today only 27% of faculty with the rank of professor in Sweden are female. A common explanation is that academia is biased against women. According to this hypothesis, women have to reach higher levels of scholarly achievement than men to be appointed to the same academic rank. Publication metrics when attaining the rank of professor were compiled from the Web of Science for samples of the whole population of 1345 professors appointed at the six largest universities in Sweden during a six-year period. Men had significantly more publications and citations in both medicine and in the social sciences, rejecting the hypothesis that women are held to a higher scholarly standard in this context.

*

Introduction.

The majority of university students in Sweden are female, but the proportion of females amongst faculty members tends to decrease as academic rank increases. Across all disciplines the majority of professor-rank faculty in Sweden are male (Statistics Sweden 2015). This is also a consistent global pattern (Lariviere et al. 2013). Although Sweden has been implementing policies to increase female representation in academia for more than 30 years, its proportion of females amongst professor-rank faculty remains lower (27%) than amongst junior faculty (47%), doctoral students (48%), and freshmen (59%) (Universitetskanslersämbetet 2018). A common explanation is that females are disadvantaged in various ways, which may manifest as the proverbial ‘glass ceiling’ (e.g. Bukstein and Gandelman 2019; Yousaf and Schmiede 2016). Accordingly, academia is described as a patriarchal and male-dominated system by academics (e.g. Fahlgren 2013; Seierstad and Healy 2012; Sköld and Tillmar 2015, 16; Van den Brink and Stobbe 2014, 165) and politicians (Ericson et al. 2013; Justitiedepartementet 2016; Socialdemokraterna 2016). ….

In other words, females are considered to be disadvantaged through sex-biased evaluation and male in-group support, all of which are based on incorrect stereotypes, and decreases research quality. Any bias that selects less able academics over abler ones is a serious problem. ….

A sex bias in granting access to a desired position will manifest itself in preferentially hiring or promoting members of one sex at a higher rate than equally or more qualified members of the other sex. The male power-system theory therefore predicts that females who reach the rank of professor will have objectively higher merits than males. Such a comparison can readily be made, because scientific publications are the central merit for this position, and publications can be quantified in terms of their number, their number of citations, and the status of the journals they are published in. ….

One may argue that publication metrics are questionable as an index of scientific competence or quality. …. Publishing more indicates you have created more knowledge and also made a greater effort to share it, and being cited and published in journals with higher impact factors indicate that experts in your area find this knowledge relevant and valuable. ….

We also make the point that publication metrics are formally instituted and generally accepted as central criteria for evaluating academics that apply for a higher rank. ….

The magnitude of sex discrimination against female academics, based on the power-system theory, can thus be estimated by their greater scientific productivity. Specifically, we predict that females will have published more scientific papers that are more frequently cited and published in journals with higher impact factors, compared to males.

*

Results.

2020-09-25__ Madison 001

2020-09-25__ Madison 002

2020-09-25__ Madison 003

*

Discussion.

We tested the hypothesis that when appointed to the rank of professor, females have higher publication merits than males, reflecting a sex bias favouring males at Swedish universities. The data falsified this hypothesis, in that none of the 12 comparisons (2 discipline clusters × 6 metrics based on WoS data) exhibited any significant effect in this direction. In contrast, six of these metrics exhibited significantly (p < .05) higher values for males after Holm correction. In terms of magnitude, males had 64%–80% more scientific publications that had attained 42%–260% more citations, resulting in a 72%–83% larger h-index (Table 7). While these are quite large differences, their effect sizes were more moderate, due to the large variability stemming both from individual differences (Simonton 2014) and differences between disciplines, in the case of the Social Sciences. ….

The results show that at this point, and regardless of other potential differences in age, funding, number of children etc., female professors had, on average, lower levels of scholarly achievement than male professors. The result can be an effect of promoting females to professor at an earlier stage in their career. Other variables that might affect productivity, or whether some faculty faced greater challenges or had to work harder than others to obtain the same apparent academic merit, is irrelevant for the conclusion that the publication criteria for becoming a professor were effectively lower for females. ….

Sixth and finally, it could be argued that even if there were no difference in productivity, female authors might be less cited due to some unidentified bias. ….

female academics were appointed on the basis of generally having higher merits apart from publications. ….

It is frequently argued in the media and the public debate that academia of today is a hostile environment for females (Lawrence 2006), that academia discriminates against females (Johnson, Hekman, and Chan 2016), and that academic quality would increase if academia fostered more of a gender perspective (Alnebratt 2011). ….

Recent empirical studies that employ more objective measures indicate that female academics are often favoured. In sociology, for example, females get a permanent position with 23%–44% fewer publications than males, and are overall 1.4 times more likely to get tenure (Lutter and Schröder 2016). ….

university administrations somehow increase the proportion of female professors by non-meritocratic means, in accord with government goals to achieve sex equality ‘in purely numerical terms, [concerning] the sex distribution amongst PhD students, teachers, and researchers’ (Utbildningsdepartementet 1994, 26, 2004, 46).4 Indeed, the Swedish government has decided that the less represented sex shall constitute at least 40% in all areas of education (Delegationen för jämställdhet i högskolan 2011, 166, 2009, 5; Utbildningsdepartementet 1994, 37), and that all official statistics should be broken down by sex in order to monitor this. ….

* * * * * * *


Cerchiamo di concludere.

Il numero delle citazioni che una pubblicazione riceve sanziona senza possibilità di appello il livello scientifico degli autori e della ricerca. Con questo metro barare è impossibile: l’audience è mondiale, ed è anche selettiva e severa.

Le elucubrazioni sulla imperiosa necessità di procedere ad un equilibrio numerico tra maschi e femmine risultano essere demolite da questi risultati.

Non solo, proseguendo di questo passo altro non si ottiene che un processo di dequalificazione delle università e degli enti di ricerca.

Torniamo a ripetere: aver abbandonato la meritocrazia per il regime delle quote è il modo più sicuro ed efficiente per distruggere le università.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo

Giappone. Primo atto del Governo Suga è sulla demografia.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-09-28.

Buco nell'acqua. Lago Berryessa. California. 001

«I minori con un’età inferiore ai 15 anni, infatti, costituiscono appena il 12% degli abitanti»

«la fascia di età degli over 65 … rappresenta il 28,7% del »

«Da qui al 2040 la percentuale di anziani con più di 65 anni raggiungeranno il 35,3% del totale della popolazione»

«Il tasso di fertilità delle donne giapponesi è di appena l’1,36: inferiore alla soglia minima di 2,07, considerata necessaria a garantire il ricambio generazionale»

«Ad oggi il 29% degli uomini single giapponesi tra i 25 e i 34 anni, e il 17,8% delle donne considerano la mancanza di fondi come principale motivo per non compiere il passo e recarsi all’altare»

*

«Per arrestare il declino della popolazione e far ripartire il numero delle unioni ufficiali tra coppie, il governo giapponese decide l’introduzione di un piano di incentivi con lo scopo di facilitare i matrimoni e aumentare il tasso di natalità»

«Le agevolazioni messe a disposizione dall’esecutivo appena insediatosi equivarranno a un importo di 600.000 yen, circa 4.850 euro, e saranno distribuite alle coppie con meno di 40 anni, con un reddito annuo combinato non superiore ai 5,4 milioni di yen, circa 43mila euro»

«Quello che appare certo è che la battaglia per impedire una trasformazione demografica dalle implicazioni devastanti per la terza economia mondiale non può più essere più rimandata»


«facilitare i matrimoni e aumentare il tasso di natalità»

Giappone. Un vecchio ogni 1.8 giovani. Cina e Russia si leccano i baffi.

Una peculiare caratteristica dei problemi demografici è legata alla certezza dei tempi generazionali: nove mesi per concepire e partorire, 18 anni per raggiungere la introduzione a basso livello nel mondo del lavoro, 25 – 30 anni per un inserimento a livello laurea.

Una ripresa demografica oggi darebbe i suoi frutti almeno tra due decenni.

Questo è il motivo per il quale i demografi da trenta anni a questa parte levano le loro inascoltate voci.

Ma l’essere umano agisce economicamente, ma non è esclusivamente economico.

Infatti, solo il 29% dei giovani maschi ed il 17.8% delle giovani femmine considera il problema economico quale ostacolo alla formazione della famiglia e la proliferazione.

Il problema è di Weltanschauung.

L’ideologia liberal che ha condizionato per decenni l’occidente, ha scardinato ciò che era l’istituto matrimoniale, rendendolo un legame labile e facilmente dissolubile, considerando la prole solo come esseri sfuggiti alla contraccezione prima, all’aborto dopo. Derideva i demografi.

Senza mutare la legislazione del diritto familiare, anche queste manovre saranno inefficaci.

*


In Giappone troppi anziani, bonus a chi si sposa e fa figli.

Per arrestare il declino della popolazione e far ripartire il numero delle unioni ufficiali tra coppie, il governo giapponese decide l’introduzione di un piano di incentivi con lo scopo di facilitare i matrimoni e aumentare il tasso di natalità, da anni tra i più bassi al mondo, a fronte dell’elevata aspettativa di vita nel Paese. Le agevolazioni messe a disposizione dall’esecutivo appena insediatosi equivarranno a un importo di 600.000 yen, circa 4.850 euro, e saranno distribuite alle coppie con meno di 40 anni, con un reddito annuo combinato non superiore ai 5,4 milioni di yen, circa 43mila euro.

Per dimostrare la sua determinazione ne voler interrompere la spirale delle basse nascite, dal prossimo anno il governo del neo premier Yoshihide Suga è disposto a finanziare i due terzi del bonus, mentre il resto dovrà essere erogato dalle municipalità, timorose per le casse comunali in tempi di crisi. Quello che appare certo è che la battaglia per impedire una trasformazione demografica dalle implicazioni devastanti per la terza economia mondiale non può più essere più rimandata. Il tasso di fertilità delle donne giapponesi è di appena l’1,36: inferiore alla soglia minima di 2,07, considerata necessaria a garantire il ricambio generazionale. Le 865.000 nascite nel Paese conteggiate nell’ultimo censimento rappresentano il minimo storico; il numero dei bambini in Giappone è sceso per il 39/esimo anno consecutivo, assestandosi ai minimi livelli dal 1950. Ad oggi il 29% degli uomini single giapponesi tra i 25 e i 34 anni, e il 17,8% delle donne considerano la mancanza di fondi come principale motivo per non compiere il passo e recarsi all’altare.
Di questo passo – dicono i sociologi – complice anche la metamorfosi generazionale e le minori pressioni sociali – oltre alla maggiore precarietà nel mondo del lavoro, l’età media delle coppie che decidono di sposarsi e avere figli sarà destinata ad elevarsi a valori che non consentiranno un contraccambio della popolazione. I minori con un’eta inferiore ai 15 anni, infatti, costituiscono appena il 12% degli abitanti dell’arcipelago, in netto contrasto con la fascia di età degli over 65 – che rappresenta il 28,7% del totale. Da qui al 2040, rivelano gli studiosi, senza i necessari fondi di assistenza alle nuove madri la situazione si inasprirà ancora di più, quando la generazione del boom demografico degli anni Settanta andrà in pensione e la percentuale di anziani con più di 65 anni raggiungeranno il 35,3% del totale della popolazione.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Germania. Il paziente era ancora vivo un secondo prima di morire. È molto malata.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-09-16.

Giulio Romano. Mantova. Palazzo Te. Caduta dei Giganti. 002 Particolare

La Germania presenta molti problemi strutturali che a breve termine potrebbero diventare destruenti. Tra i tanti, ne segnaliamo i due di più attuale importanza.

    Problema demografico.

Germania. La demografia stritola Germania e Große Koalition.

Germania. Demografia. Tasso di fertilità crollato a 1.54. – Destatis.

Germania. Mancano 1.6 milioni di lavoratori esperti, Meister.

Germania. Mancano ora 35,000 insegnanti, nel 2025 ne mancheranno 105,000.

Germania. Demografia. Accademia Tecnica. Mancano dieci milioni di lavoratori.

*

«La popolazione autoctona tedesca sta implacabilmente declinando.

Le femmine tedesche hanno il primo figlio dopo i trenta anni e sono trenta anni che l’indice di fertilità è sotto il valore di 2.1, ossia la soglia per mantenere costante la numerosità della popolazione. ….

La numerosità della popolazione totale è ragionevolmente costante nel tempo, ma solo grazie ad una massiccia immigrazione.

Tuttavia, l’immigrazione sopperisce persone culturalmente poco preparate, adatte per lavori dignitosi ma pur sempre di basso rango. Il rapporto vecchi / giovani sta calando vistosamente e, soprattutto resta impossibile rimpiazzare gli esodi da posizioni ove il dominio del tedesco fluente sarebbe indispensabile. Personale universitario, giudici, medici, infermieri, burocrati e professionisti omologhi devono mandatoriamente essere madrelingua e di alto livello culturale: ma non ce ne sono di giovani in numero sufficiente.»

La Germania, come tutte le nazioni, non è un concetto astratto: essa è la sintesi della sua popolazione. Ma se questa si estingue diventa una mera espressione geografica. Si preannuncia un transitorio particolarmente doloroso e travagliato.

    Problema del lavoro.

Nel periodo dell’emergenza la Germania ha sospeso le leggi sui fallimenti e con i Kurzarbeit ha sovvenzionato le imprese così che esse non procedessero a licenziamenti. In pratica, lo stato federale paga gli stipendi dei dipendenti, che restano formalmente assunti ma senza aver nulla da fare.

Tuttavia, codesta soluzione è chiaramente un provvedimento temporaneo, che non può durare a lungo nel tempo. Nemmeno la Germania potrebbe mantenere sine die milioni di persone.

Sarebbero circa 550,000 – 800,000 le imprese decotte, mantenute artificialmente in vita, e circa sette milioni i Kurzarbeit.

Ma l’aspetto più preoccupante è che al momento nessuno sappia come fare per uscire da questa impasse, sempre che sia ancora possibile.

Il tutto poi è ulteriormente complicato dalla parcellizzazione politica e dalle elezioni politiche che si terranno l’anno prossimo: queste stanno a cuore dei politici ben più che la Germania.

* * * * * * *

«Germany’s economy is sicker than you think»

«Epidemiologically and economically, Germany did well in round one of the pandemic»

«The problems will show up in round two»

«But the country could soon have a different problem»

«The same government policies that worked so well in the first phase of the corona-recession could do major damage in the second phase and thereafter»

«it has pumped some 1 trillion euros ($1.18 trillion) into its economy»

«The government now reckons the contraction for the whole year will be milder than originally assumed, at “only” minus 5.8%»

«In particular, Germany has been good at saving jobs»

« It’s done this in part by suspending normal bankruptcy rules, thus keeping more employers afloat. Simultaneously, the government has used a century-old policy tool to keep employees in their jobs even if they have no work to do»

«This now-famous policy instrument is called Kurzarbeit, literally “short-time work.”»

«In a nutshell, the government subsidizes firms to keep workers on their payrolls even when idled.»

«suspension of insolvency procedures were only meant to be temporary measure …. Kurzarbeit has been extended through the end of 2021»

«The fear among many German economists is that the combination of these policies will create “zombie companies” — firms that should really die and exit the market because of problems unrelated to the pandemic, but that are instead kept alive artificially»

«An estimated 550,000 firms could already be zombies, according to one estimate, and this could grow to perhaps 800,000 next year»

«One reason for concern is demographics»

«This is the decade when Germany’s baby boomers begin retiring in huge numbers»

«There’s no sign yet that the makers and suppliers of Germany’s gas-guzzling cars will get any closer to competing with the U.S. or China»

«But in extending short-term measures for the long haul, her right-left coalition seems to be more concerned with keeping the peace until next fall’s election than with preparing Germany for the bigger challenges to come»

«These will require wrenching reforms in welfare and taxation and a long-overdue upheaval in Germany’s industrial, service and financial sectors»

* * * * * * *


Germany’s Economy Is Sicker Than You Think.

Epidemiologically and economically, Germany did well in round one of the pandemic. The problems will show up in round two.

There’s no question that Germany has done relatively well during this annus horribilis, and that the administration of Chancellor Angela Merkel deserves most of the credit. But the country could soon have a different problem. The same government policies that worked so well in the first phase of the corona-recession could do major damage in the second phase and thereafter.

Germany can certainly be proud of what it has achieved this year. It “flattened the curve” of Covid-19 transmission early on. And with a dizzying array of stimulus spending and other measures, it has pumped some 1 trillion euros ($1.18 trillion) into its economy.

Thanks to all this, output has been growing again since May. The government now reckons the contraction for the whole year will be milder than originally assumed, at “only” minus 5.8%. By early 2022, the economy should be at pre-crisis levels again. Economy Minister Peter Altmaier (pictured) has been flaunting V-shaped recovery charts.

In particular, Germany has been good at saving jobs. It’s done this in part by suspending normal bankruptcy rules, thus keeping more employers afloat. Simultaneously, the government has used a century-old policy tool to keep employees in their jobs even if they have no work to do. These measures kept unemployment at 4.4% as of July, when the average was 7.2% in the European Union and 10.2% in the U.S.

This now-famous policy instrument is called Kurzarbeit, literally “short-time work.” In a nutshell, the government subsidizes firms to keep workers on their payrolls even when idled. The employees continue getting most of their normal paychecks and are ready to return to work as soon as there is renewed demand. Kurzarbeit was a big reason why Germany emerged relatively unscathed from the Great Recession of 2008-09. Viewed as the international “gold standard” of work-benefit schemes, it’s been copied across Europe and beyond.

But the subsidization of work not actually done and the de facto suspension of insolvency procedures were only meant to be temporary measures. And yet, the Merkel cabinet recently prolonged both programs. Kurzarbeit has been extended through the end of 2021.

The fear among many German economists is that the combination of these policies will create “zombie companies” — firms that should really die and exit the market because of problems unrelated to the pandemic, but that are instead kept alive artificially. An estimated 550,000 firms could already be zombies, according to one estimate, and this could grow to perhaps 800,000 next year.

The even deeper fear is that this zombification eventually infects even healthy firms and removes the pressure for them to restructure. As I described in January, many economists were predicting the end of Germany’s recent “economic miracle” even before Covid-19, unless the country prescribes itself radical industrial, technological and cultural updates.

One reason for concern is demographics: This is the decade when Germany’s baby boomers begin retiring in huge numbers. Another is a creeping loss of competitiveness in sectors that are central to Germany’s manufacturing economy, from cars to machines. A third is a cultural resistance to change that keeps Europe’s largest economy surprisingly analog in an increasingly digital world — it continues to be a maker of “stuff” in a universe of data.

Germany is a place where people still file expense reports on slices of dead trees. It’s the country that ranks last among seven in a new survey about online learning during the lockdowns, with half of German parents saying that their schools offered none at all. And it’s an economy that just plummeted by 52 ranks in an analysis of “digital risers” and laggards.

There’s hope that Covid-19 could accelerate some of the necessary changes. After this spring’s stampede into home offices, for example, just over half of German companies in one survey claimed they’ll get digitally savvier. But those were human-resources managers being polled. There’s no sign yet that the makers and suppliers of Germany’s gas-guzzling cars will get any closer to competing with the U.S. or China in artificial intelligence, which they’ll need to do to build the self-driving cars of the future.

The Merkel government deserves kudos for going all out in rescuing the Germany economy this year. But in extending short-term measures for the long haul, her right-left coalition seems to be more concerned with keeping the peace until next fall’s election than with preparing Germany for the bigger challenges to come. 

These will require wrenching reforms in welfare and taxation and a long-overdue upheaval in Germany’s industrial, service and financial sectors. As Warren Buffett, that doyen of harder-edged American capitalism, has observed, it’s only when the tide goes out that you discover who’s been swimming naked. Germany can keeping pouring on money for a while longer, but it can’t prevent the ebb.

Pubblicato in: Banche Centrali, Demografia, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Giappone. Ordini di costruzione -22.9%, Nuovi Cantieri Edili -11.4% anno su anno.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-08-31.

2020-08-31__ Giappone 001

I macrodati del Giappone sono pesantemente negativi.

Pil secondo trimestre -27.8% anno su anno

Giugno. Export -26.2%

Giugno. Import -22.3% anno su anno

Giugno. Ordinativi alla Industria -22.5% anno su anno

Maggio. Consumi delle Famiglie -16.2% anno su anno

Giugno. Ordinativi Macchine Utensili -48.3% anno su anno.

Il Giappone è in una profonda fase depressiva, per cui nonstupiscono i dati relativi al settore edilizio:

Luglio. Ordini di costruzione -22.9% anno su anno

Luglio. Nuovi Cantieri Edili residenziali -11.4% anno su anno.

È del tutto inutile iniettare continuamente liquidità in un sistema che non ha più le forze umane e la volontà di produrre.

*


Giappone. Un vecchio ogni 1.8 giovani. Cina e Russia si leccano i baffi.

*

Giappone. Il grande malato. Export -19.2%, Import -22.3% YoY. Ordinativi -22.5% YoY.

Giappone. Q2. Pil -27.8% anno su anno.

Giappone. Giugno. Export -26.2%, Import -14.4% YoY. Saldo -268.8 miliardi.

Giappone. Ordinativi Industriali. Lievi segni di ripresa ma indici negativi.

Giappone. Maggio. Consumi famiglie -16.2% anno su anno.

Giappone. Trimestre II (Q2). Una selva sconfortante di dati macro.

Giappone. Maggio. Export -28.3%. Negativo da oltre un anno.

Giappone. Indice BSI Q2 -52.3. Un tonfo storico.

Giappone. Aprile. Ordinativi Macchinari -17.7% anno su anno.

Giappone. Produzione Industriale -9.1%, Vendite Dettaglio -13.7%.

Giappone. Aprile. Export -21.9% (annuale).

Giappone. Ordinativi Macchine Utensili -48.3%.

Giappone. Il grande malato dell’oriente. Export -11.7% yoy.

Giappone. Pil anno su anno crolla del -6.3%.

Giappone. Previsione Produzione Industriale a 2 mesi -6.9%.

Giappone. Produzione Industriale -4.5% mom.

Giappone. Ordinativi di macchine utensili (Annuale) -35.5% a/a.

Indice Tankan dei grandi produttori manifatturieri (2° trim.)

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Usa. La Fed ha annientato la Middle Class coprendola di debiti.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-08-12.

Diavolo-di-Michelangelo-nel-Giudizio-Universale-della-Cappella-Sistina

«In debt we trust»


Osserviamo con grande attenzione i grafici che seguono.

2020-08-05__ USA Midddle Class 001


2020-08-05__ USA Midddle Class 002


2020-08-05__ USA Midddle Class 003


2020-08-05__ USA Midddle Class 004




In estrema sintesi.

– nel 2018 il 33% di tutti i lavoratori americani ha guadagnato meno di 20.000 dollari l’anno

– il 46% meno di 30.000 dollari

– il 58% meno di 40.000

– il 67% meno di 50.000

– circa due terzi degli statunitensi hanno dovuto fare i conti con un reddito inferiore a 4.000 dollari al mese, prima del pagamento delle tasse

– il livello di trasferimento reddituale indiretto a livello federale negli anni Cinquanta valeva il 7% del reddito, oggi vale poco meno del 30%. Senza ulteriore debito non si sopravvive.

* * * * * * *

«Un elettorato di consumatori dipendenti, alza in automatico l’asticella della posta politica in palio.»

«se qualcuno può essere chiamato sul banco degli imputati a rispondere del crimine massimo contro l’american dream, questo appare paradossalmente rispondere al nome di Federal Reserve»

«In debt we trust è formula che appare metaforicamente impressa sulla banconota statunitense da molto, molto prima. E che ora rischia di renderla non più pagabile al portatore.»

«la grande crisi finanziaria legata al crollo di Lehman Brothers e allo scandalo dei mutui subprime ha soltanto operato da “agente normalizzatore” di quella deviazione storica nel principio di diseguaglianza.

I licenziamenti di massa e i pignoramenti record di abitazioni seguiti al fall-out del biennio 2008-2009 portarono a una proletarizzazione di massa del ceto medio americano, un ulteriore livellamento verso il basso di quella che fino all’inizio degli anni Settanta era stata la spina dorsale socio-economica del Paese.»

* * * * * * *


Quello che non riuscì a fare il fall-out del biennio 2008-2009 lo sta facendo adesso il Covid-19.

La crisi da coronavirus sta semplicemente slatentizzando il tracollo del sistema economico americano così come di quello del blocco europeo.

I debiti comportano sempre il tracollo finale.

* * * * * * *


Addio famiglia Cunningham di Happy Days: negli Usa non c’è più la middle class, travolta dai debiti. E la colpa è della Fed.

Con mossa più meramente procedurale che effettivamente vincolante, Fitch ha appena confermato il rating AAA degli Stati Uniti ma rivisto l’outlook a negativo, a causa del deterioramento delle dinamiche di finanza pubblica dovuto all’emergenza Covid. Di fatto, appunto, un atto formale e niente più. Ma scavando un po’ più a fondo fra le cifre nascoste nel deficit statunitense emergono evidenze sempre più palesi e consolidate di quello che viene definito dai sociologi, prima ancora che dagli economisti, uno shift of value. Uno scostamento nei valori, dove questi ultimi vanno declinati come caposaldi di una società.

A parlare più di mille cifre ci pensa questo grafico, dal quale si evince come ad oggi circa un quarto del reddito di un cittadino Usa dipenda dal governo sotto forma di sussidio o intervento di sostegno federale, ad esempio i 600 dollari di assegno settimanale la cui erogazione è formalmente appena conclusa nella forma originaria con l’avvio del mese di agosto.

 Per mettere la questione in prospettiva, basti pensare come la cosiddetta transfer window, ovvero il livello di trasferimento reddituale indiretto a livello federale, negli anni Cinquanta e Sessanta fosse attorno al 7% e cominciò drammaticamente a salire dall’inizio degli anni Settanta, grazie all’atto spartiacque mostrato da questo altro grafic: l’abbandono sotto la presidenza di Richard Nixon del gold standard, la cosiddettà parità o convertibilità aurea del dollaro.

Storicamente e dati alla mano, è in quel momento che si crea la divisione netta fra il mitologico 99% della società e l’1% di privilegiati che gestisce e detiene una sempre maggior fetta di ricchezza. Poi, la grande crisi finanziaria legata al crollo di Lehman Brothers e allo scandalo dei mutui subprime ha soltanto operato da “agente normalizzatore” di quella deviazione storica nel principio di diseguaglianza.

I licenziamenti di massa e i pignoramenti record di abitazioni seguiti al fall-out del biennio 2008-2009 portarono a una proletarizzazione di massa del ceto medio americano, un ulteriore livellamento verso il basso di quella che fino all’inizio degli anni Settanta era stata la spina dorsale socio-economica del Paese. Insomma, la famiglia Cunningham di Happy Days con la villetta unifamiliare di proprietà e i figli che studiano entrambi al college sta sparendo con tutte le sue certezze.

E a certificarlo ci pensa questo grafico contenuto in uno studio di Deutsche Bank su dati Ocse: con una classe media a livello reddituale in area 50% della popolazione totale, oggi gli Stati Uniti vengono classificati come Banana Republic insieme a scomodi vicini di casa come Cina, Russia e Turchia.

Insomma, il misterioso caso della sparizione della middel class oggi è realtà conclamata, è scena del crimine a tutti gli effetti. Tanto che alcuni sociologi della Norhwestern University hanno anche coniato un neologismo: la middle class è divenuta muddle class, ovvero la classe confusa. Più che altro, incapace di trovare un proprio ruolo in una società mutata talmente in fretta ma altrettanto silenziosamente sottotraccia da averle fatto perdere i punti di riferimento.

Ad esempio, la proprietà di casa, uno dei caposaldi dell’american way of life. Questo grafico mostra una dinamica molto chiara: ovviamente, dal 1970 in poi il costo delle case è salito – a livello di dinamica – più del livello salariale medio ma questo, altrettanto chiaramente, non ha fatto smettere gli americani di acquistare l’immobile in cui vivono.

Quale è stato il motore del cambiamento? Il ricorso all’indebitamento, sempre maggiore e sempre più strutturale, come anticorpo e ammortizzatore creditizio alla perdita di potere d’acquisto reale e cronico. Lo stesso vale per le automobili, con qualcosa come 1,1 trilioni di dollari di debito legato al mercato automotive, una voce salita del 2.954% dal 1971. O l’utilizzo delle carte di credito e debito, il cui aumento dal 1971 è stato pari al 14.281%.

E i salari? Stando a dati della Social Security, nel 2018 il 33% di tutti i lavoratori americani ha guadagnato meno di 20.000 dollari l’anno, il 46% meno di 30.000 dollari, il 58% meno di 40.000 e il 67% meno di 50.000. Insomma, approssimativamente circa due terzi degli statunitensi hanno dovuto fare i conti con un reddito inferiore a 4.000 dollari al mese, prima del pagamento delle tasse. A confermarlo anche uno studio di Ubs, dal quale si evinceva come il 44% dei consumatori americani non guadagni a sufficienza per coprire le proprie spese. Nel report si fa notare come il 40% dei rispondenti abbia ammesso di aver avuto difficoltà ad onorare uno o più dei pagamenti fissi mensili, fra affitto o mutuo, bollette e spese fisse relative a credito al consumo o altra forma di indebitamento. E’ il cosiddetto concetto di living paycheck to paycheck, ovvero il corrispettivo del nostro tirare la fine del mese, quando l’arrivo dello stipendio equivale in molti casi anche nella sua automatica estinzione per coprire tutte le spese venutesi a sommare o che scattano di default.

Non a caso, il dibattito degli ultimi giorni al Congresso fra le due forme di prosecuzione dell’intervento a sostegno della popolazione proposte da Democratici e Repubblicani è stato di una durezza quasi senza precedenti, stante il livello di strategicità politica che esso ricopre in vista dell’appuntamento elettorale di novembre. Un elettorato di consumatori dipendenti, alza in automatico l’asticella della posta politica in palio. Insomma, al netto del Russiagate e della disputa con la Cina, delle rivolte razziali e del Covid, cifre e andamenti socio-economici alla mano paiono dirci come la realtà che emerge dalla cosiddetta Real America – la stessa che deciderà le sorti delle presidenziali – si riassuma in due certezze.

Primo, quello della classe media statunitense appare un palese caso di missing in action.

Secondo, se qualcuno può essere chiamato sul banco degli imputati a rispondere del crimine massimo contro l’american dream, questo appare paradossalmente rispondere al nome di Federal Reserve.

L’1% ringrazia, il 99% pare ancora chiedersi cosa sia accaduto. Sicuramente, quella deviazione, quello shift of value, non è da imputarsi – come in molti fanno, semplicisticamente e ideologicamente – unicamente all’approdo a Pennsylvania Avenue di Donald Trump. In debt we trust è formula che appare metaforicamente impressa sulla banconota statunitense da molto, molto prima. E che ora rischia di renderla non più pagabile al portatore.

Pubblicato in: Demografia, Medicina e Biologia

Covid-19. Statisticamente molto diminuiti i parti prematuri. – Bloomberg.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-08-05.

Neonato 001

«Pandemic shutdowns saw huge decreases in babies born prematurely. There are lessons in this»

«The trend doesn’t appear to be universal, but where it applies, the data are staggering»

«Denmark, the number of babies born after less than 28 weeks of gestation — 40 weeks is the norm — dropped by 90% during the country’s month-long lockdown this spring»

«In one region of Ireland, the rate of preemies with very low birth weight was down by 73% between January and April compared with averages over the preceding two decades»

«Somewhat smaller decreases have been observed in parts of Canada, Australia and the Netherlands»

«many parents had healthier, happier babies this spring»

«Premature birth and low gestational weight are associated with various medical complications, ranging from cerebral palsy or death in the worst cases to learning disabilities or visual problems in later life»

«But the bigger reason to cheer is that this phenomenon could eventually help us understand what causes premature birth in the first place, and thus how to prevent it.»

«One explanation for fewer premature births may be the decreases in air pollution during the lockdowns»

«But the most obvious and plausible reason appears to be that for many expecting moms, though decidedly not all, the lockdowns reduced stress. This may seem counterintuitive, because a pandemic is itself a big a stressor»

«An additional factor lowering stress during pregnancy is feeling supported by partners and families. Studies have shown that the more fathers stay engaged, the better the mothers feel»

«Maternal anxiety and depression certainly appear to hurt fetuses. Some studies suggest that “stress seems to increase the risk of pre-term birth,”»

«Because this is a matter of public health, employersers and governments should help with generous rules about maternity and paternity leave that starts before birth.»

«to simplify our lives, and to decelerate. Because sometimes less really is more.»

* * * * * * *

Il dato non dovrebbe destare troppe sorprese: vivere in modo sereno contribuisce notevolmente al mantenimento del buon stato di salute.

Tuttavia, se queste percentuali di riduzione dei parti prematuri dovessero essere confermate nei lavori scientifici di prossima pubblicazione, sicuramente la Collettività dovrebbe considerare il beneficio che si potrebbe ottenere allargando i periodi di congedo per maternità.

*


Great News About Births During Covid-19.

Pandemic shutdowns saw huge decreases in babies born prematurely. There are lessons in this.

Here at last is some good news about the Covid-19 pandemic and the wholesale disruption to our lives it has caused: In many places with strict lockdowns this spring, there were far fewer premature births than is considered normal.

The trend doesn’t appear to be universal, but where it applies, the data are staggering. In Denmark, the number of babies born after less than 28 weeks of gestation — 40 weeks is the norm — dropped by 90% during the country’s month-long lockdown this spring. In one region of Ireland, the rate of preemies with very low birth weight was down by 73% between January and April compared with averages over the preceding two decades. Somewhat smaller decreases have been observed in parts of Canada, Australia and the Netherlands. Elsewhere, clinics and doctors are now scurrying to examine their own data.

One reason to rejoice is, of course, that this means many parents had healthier, happier babies this spring. Premature birth and low gestational weight are associated with various medical complications, ranging from cerebral palsy or death in the worst cases to learning disabilities or visual problems in later life. For example, it’s why Stevie Wonder, an American singer who was born six weeks early, is blind.

But the bigger reason to cheer is that this phenomenon could eventually help us understand what causes premature birth in the first place, and thus how to prevent it. For now we can only speculate, as the researchers behind the Danish and Irish work freely admit — their papers haven’t yet been peer-reviewed.

One explanation for fewer premature births may be the decreases in air pollution during the lockdowns, as fewer people drove or flew and factories belched less. Another factor could be that the moms-to-be had fewer infections generally — and thus less inflammation in their bodies — as we reduced contact with people and germs and obsessively washed hands.

But the most obvious and plausible reason appears to be that for many expecting moms, though decidedly not all, the lockdowns reduced stress. This may seem counterintuitive, because a pandemic is itself a big a stressor. Moreover, the lockdowns deprived many people of their livelihood and thus caused additional financial and even existential anxiety.

However, the pandemic and the shutdowns were not stressful for everybody. For the lucky ones, it was instead a time to slow down. People stayed at home, either working remotely or just resting, which is what pregnant women are advised to do anyway. The quotidian stressors of commuting and office life were gone. We had more opportunities to nap.

An additional factor lowering stress during pregnancy is feeling supported by partners and families. Studies have shown that the more fathers stay engaged, the better the mothers feel. And during the lockdown, the dads in their home offices had more opportunities to do just that.

Again, for some women this same situation increased stress and anguish, because the lockdowns also led to tragic epidemics of domestic violence. As I’ve said in different contexts, in April and again last month, SARS-CoV-2 isn’t just nasty, it’s also hugely unfair because it treats us all differently.

But is stress even a plausible factor with pre-term births? Maternal anxiety and depression certainly appear to hurt fetuses. Some studies suggest that “stress seems to increase the risk of pre-term birth,” while others hypothesize that early labor may even be an evolutionary adaptation in scary situations. That said, the mechanisms and details remain a mystery.

Anecdotally, however, there’s always been a link. Just think of Thomas Hobbes, the English philosopher famous for his dark view of life being “solitary, poor, nasty, brutish and short.” Hobbes was born on a Friday in 1588, when his mother, only seven months pregnant, heard of the Spanish Armada, the fiercest naval war machine ever assembled, appearing off the coast of England. She was so frightened, she fell into labor immediately and, in Hobbes’s words, “fear and I were born twins together.”

We have to keep investigating the precise etiology of pre-term births, of course. But certain insights seem to be no-brainers. Pregnant women should get as much rest, and as much support from their partners, as possible. Because this is a matter of public health, employers and governments should help with generous rules about maternity and paternity leave that starts before birth.

And individually, we should apply the lessons we learned during the lockdowns: to simplify our lives, and to decelerate. Because sometimes less really is more.

Pubblicato in: Demografia, Unione Europea

Germania. Demografia. Tasso di fertilità crollato a 1.54. – Destatis.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-08-03.

2020-07-30__Destatis 001

La popolazione autoctona tedesca sta implacabilmente declinando.

Le femmine tedesche hanno il primo figlio dopo i trenta anni e sono trenta anni che l’indice di fertilità è sotto il valore di 2.1, ossia la soglia per mantenere costante la numerosità della popolazione.

Nel 1994 l’indice di fertilità era 1.243.

La numerosità della popolazione totale è ragionevolmente costante nel tempo, ma solo grazie ad una massiccia immigrazione.

Tuttavia, l’immigrazione sopperisce persone culturalmente poco preparate, adatte per lavori dignitosi ma pur sempre di basso rango. Il rapporto vecchi / giovani sta calando vistosamente e, soprattutto resta impossibile rimpiazzare gli esodi da posizioni ove il dominio del tedesco fluente sarebbe indispensabile. Personale universitario, giudici, medici, infermieri, burocrati e professionisti omologhi devono mandatoriamente essere madrelingua e di alto livello culturale: ma non ce ne sono di giovani in numero sufficiente.

2020-07-30__Destatis 002

*

Germania. Demografia. Il dramma degli insegnanti in via di pensionamento.

Germania. Adesso i vecchiacci iniziano a pagare in prima persona.

Germania. La demografia stritola Germania e Große Koalition.

Germania. Mancano 1.6 milioni di lavoratori esperti, Meister.

Germania. Il 17% degli studenti è affetto da patologie psichiatriche.

Germania al capolinea. – Handelsblatt

Germania. Gigante dai piedi di argilla. – Handelsblatt

Germania. Mancano ora 35,000 insegnanti, nel 2025 ne mancheranno 105,000.

Germania. Demografia. Accademia Tecnica. Mancano dieci milioni di lavoratori.

Germania. Mancano 1.6 milioni di lavoratori esperti, Meister. – Handelsblatt.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg. 

*


Destatis ha rilasciato il Report Fertility rate down to 1.54 children per woman in 2019.

Average age of women having their first baby is over 30 years.

Press release No. 282 of 29 July 2020

WIESBADEN – Approximately 778,100 babies were born in Germany in 2019, which was a decrease of 9,400 compared with 2018. The Federal Statistical Office (Destatis) reports that the total fertility rate was 1.54 children per woman in 2019. A year earlier, the figure stood at 1.57 children per woman.

*


Number of births in Germany sank in 2019.

The number of children born in Germany in 2019 sank by more than 9,000 compared with the year before. The average number of children per woman also dropped, with the capital, Berlin, registering the lowest rate.

Some 778,100 babies were born in Germany in 2019, a drop of 9,400 compared with the year before, figures released by the Federal Statistical Office (Destatis) showed on Wednesday.

Germany’s total fertility rate (TFR), also sank from 1.57 to 1.54.

Fourteen of Germany’s 16 states recorded a drop in the TFR, with only Bavaria and Bremen remaining at the same level. Bremen and Lower Saxony, both in the northwest of the country, had the highest TFR at 1.6, while Berlin had the lowest at 1.41.

Germans had a TFR of 1.43, only marginally below that of 2018 (1.45). The figure sank more significantly, from 2.12 to 2.06, among non-Germans in the country.

The TFR is the average number of children that would be borne per person of child-bearing age and ability if the person’s birth pattern resembled that of everyone capable of giving birth and who was between 15 and 49 in a particular year.

Older parent for firstborns

According to the statistics, the trend to older parenting is continuing in Germany, child-bearing parents were an average of 30.1 years old at the first of their first child. Ten years ago, that average age was 28.8. Child-bearing parents in Hamburg were oldest, 31.2 years old, while those in the eastern state of Saxony Anhalt were 28.9 years of age.

The lowest-ever TFR in Germany, at 1.3, was in 1995 shortly after reunification. That figure came about largely because of a massive drop in births in states that had belonged to the former East Germany.

According to the EU statistical agency Eurostat, Germany’s TFR in 2018 was slightly above the EU average. The highest TFR in that year was in France, at 1.88, and the lowest in Malta, at 1.23.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo

Italia. Demografia. 188,721 in meno in un anno, 844mila in cinque anni.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-20.

2020-07-14__ Istat 001

In sintesi.

– al 31 dicembre 2019 risiedono in Italia 60,244639 persone, l’8.8% stranieri

– nel 2019 sono stati iscritti all’anagrafe per nascita 420,170 bambini, -4.5%

– Nel corso del 2019 la differenza tra nati e morti (saldo naturale) è di -214 mila unità

– 844 mila in meno in cinque anni

– nel 2019 182,154 cittadini si sono trasferiti all’estero, +16.1%.

2020-07-14__ Istat 002

* * * * * * *

L’Italia sta andando incontro a uno tsunami demografico tra la trascurata incuria di un governo abulico.

* * * * * * *


Istat ha rilasciato il Report Bilancio demografico nazionale. [Testo integrale pdf]

Sommario.

«Al 31 dicembre 2019 la popolazione residente è inferiore di quasi 189 mila unità (188.721) rispetto all’inizio dell’anno. Il persistente declino avviatosi nel 2015 ha portato a una diminuzione di quasi 551 mila residenti in cinque anni.

Rispetto all’anno precedente, si registra un nuovo minimo storico di nascite dall’unità d’Italia, un lieve aumento dei decessi e più cancellazioni anagrafiche per l’estero.

Il numero di cittadini stranieri che arrivano nel nostro Paese è in calo (-8,6%), mentre prosegue l’aumento dell’emigrazione di cittadini italiani (+8,1%).

Al 31 dicembre 2019 la popolazione residente in Italia ammonta a 60.244.639 unità, quasi 189 mila in meno rispetto all’inizio dell’anno (-0,3%). Rispetto alla stessa data del 2014 diminuisce di 551 mila unità, confermando la persistenza del declino demografico che ha caratterizzato gli ultimi cinque anni.

Il calo di popolazione residente è dovuto ai cittadini italiani, che al 31 dicembre ammontano a 54 milioni 938 mila unità, 236 mila in meno dall’inizio dell’anno (-0,4%) e circa 844 mila in meno in cinque anni: una perdita consistente, di dimensioni pari, ad esempio, a quella di province come Genova o Venezia.

Nello stesso periodo, al contrario, la popolazione residente di cittadinanza straniera è aumentata di oltre 292 mila unità attenuando in tal modo la flessione del dato complessivo di popolazione residente. Il ritmo di incremento della popolazione straniera si va tuttavia affievolendo. Al 31 dicembre 2019 sono 5.306.548 i cittadini stranieri iscritti in anagrafe, l’8,8% del totale della popolazione residente, con un aumento, rispetto all’inizio dell’anno, di sole 47 mila unità (+0,9%).»

* * * * * * *


«La recessione demografica è dovuta ai cittadini italiani

Al 31 dicembre 2019 la popolazione residente in Italia ammonta a 60.244.639 unità, quasi 189 mila in meno rispetto all’inizio dell’anno (-0,3%). Rispetto alla stessa data del 2014 diminuisce di 551 mila unità, confermando la persistenza del declino demografico che ha caratterizzato gli ultimi cinque anni.

Il calo di popolazione residente è dovuto ai cittadini italiani, che al 31 dicembre ammontano a 54 milioni 938 mila unità, 236 mila in meno dall’inizio dell’anno (-0,4%) e circa 844 mila in meno in cinque anni: una perdita consistente, di dimensioni pari, ad esempio, a quella di province come Genova o Venezia.

Nello stesso periodo, al contrario, la popolazione residente di cittadinanza straniera è aumentata di oltre 292 mila unità attenuando in tal modo la flessione del dato complessivo di popolazione residente.

Il ritmo di incremento della popolazione straniera si va tuttavia affievolendo. Al 31 dicembre 2019 sono 5.306.548 i cittadini stranieri iscritti in anagrafe, l’8,8% del totale della popolazione residente, con un aumento, rispetto all’inizio dell’anno, di sole 47 mila unità (+0,9%).»

«Più contenuto il calo di popolazione al Nord

Nel 2019 la distribuzione della popolazione residente per ripartizione geografica resta stabile rispetto agli anni precedenti. Le aree più popolose del Paese si confermano il Nord-ovest (dove risiede il 26,7% della popolazione complessiva) e il Sud (23,0%), seguite dal Centro (19,9%), dal Nord-est (19,4%) e infine dalle Isole (11,0%).

Il decremento di popolazione coinvolge tutte le ripartizioni: nel Nord-ovest e nel Nord-est è contenuto (rispettivamente -0,06% e -0,03% rispetto a inizio anno), mentre i maggiori decrementi, sopra la variazione media nazionale (-0,31%), si rilevano nelle Isole (-0,70%) e al Sud (-0,63%).

A livello regionale, il primato negativo in termini di perdita di popolazione è del Molise (-1,14%), seguito da Calabria (-0,99%) e Basilicata (-0,97%). All’opposto, incrementi di popolazione si osservano nelle province di Bolzano e Trento (rispettivamente +0,30% e +0,27%), in Lombardia (+0,16%) ed Emilia-Romagna (+0,09%).

I cittadini stranieri risiedono soprattutto nel Nord e nel Centro. Il primato di presenze, in termini assoluti, va alle regioni del Nord-ovest con 1.792.105 residenti di cittadinanza straniera, pari a oltre un terzo (33,8%) del totale degli stranieri. Un cittadino straniero su quattro risiede nelle regioni del Nord-est e in quelle del Centro. Più contenuta è la loro presenza nel Sud (12,1%) e nelle Isole (4,8%).

Rapportando la popolazione residente straniera a quella totale si conferma un’incidenza superiore al 10% al Centro-nord, in linea con il 2018. Anche nel Mezzogiorno il rapporto resta stabile, ma più moderato rispetto al resto d’Italia: 4,6 residenti stranieri per cento abitanti nel Sud e 3,9 nelle Isole.»

«Meno nascite e più decessi ovunque con l’eccezione di Bolzano

Prosegue la dinamica naturale negativa della popolazione, che ancora una volta fa registrare un deficit significativo di “sostituzione naturale” tra nati e morti, in linea con la tendenza negativa in atto da diversi anni. Nel corso del 2019 la differenza tra nati e morti (saldo naturale) è di -214 mila unità.

Il saldo naturale della popolazione residente, nel complesso, è negativo in tutte le regioni: unica eccezione la provincia autonoma di Bolzano, che prosegue il suo trend positivo in termini di capacità di crescita naturale. Il tasso di crescita naturale, che si attesta a -3,6 per mille a livello nazionale, varia dal +1,5 per mille di Bolzano al -8,1 per mille della Liguria. Anche Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Molise presentano livelli del saldo naturale particolarmente accentuati, superiori al -5,5 per mille.

Il deficit di nascite rispetto ai decessi è tutto dovuto alla popolazione di cittadinanza italiana (-270 mila), mentre per la popolazione straniera il saldo naturale resta ampiamente positivo (+55.510). Il tasso di crescita naturale degli stranieri è pari in media nazionale a 10,5 per mille. Anche per gli stranieri il valore più elevato si registra nella provincia di Bolzano (13,3 per mille), quello più basso in Sardegna (5,1 per mille). Senza il contributo fornito dagli stranieri, che attenua il declino naturale della popolazione residente in Italia, si raggiungerebbero deficit di sostituzione ancora più drammatici.»

«Nuovo record negativo per le nascite

Il record negativo di nascite dall’Unità d’Italia registrato nel 2018 è di nuovo superato dai dati del 2019: gli iscritti in anagrafe per nascita sono appena 420.170, con una diminuzione di oltre 19 mila unità sul 2018 (-4,5%). Il calo si registra in tutte le ripartizioni, ma è più accentuato al Centro (-6,5%).

I fattori strutturali che negli ultimi anni hanno contribuito al calo delle nascite sono noti e si identificano nella progressiva riduzione della popolazione italiana in età feconda, costituita da generazioni sempre meno numerose alla nascita – a causa della denatalità osservata a partire dalla seconda metà degli anni Settanta – non più incrementate dall’ingresso di consistenti contingenti di giovani immigrati.

Negli ultimi anni si assiste anche a una progressiva diminuzione del numero di stranieri nati in Italia, così che il contributo all’incremento delle nascite fornito dalle donne straniere, registrato a partire dagli anni duemila, sta di anno in anno riducendosi ii. Nel 2019 il numero di stranieri nati in Italia è pari a 62.944 (il 15,0% del totale dei nati), con un calo di 2.500 unità rispetto al 2018 (-3,8%). Il peso percentuale delle nascite di bambini stranieri sul totale dei nati è maggiore nelle regioni dove la presenza straniera è più diffusa e radicata: nel Nord-ovest (21,1%) e nel Nord-est (21,2%). Un quarto dei nati in Emilia-Romagna è straniero (25,0%), in Sardegna solo il 4,3%.

Il tasso di natalità del complesso della popolazione residente è pari al 7,0 per mille. Il primato è detenuto dalla provincia autonoma di Bolzano (9,9 per mille) mentre i valori più bassi si rilevano in Liguria (5,7 per mille) e in Sardegna (5,4 per mille).»

«Stabili gli iscritti in anagrafe dall’estero

Le iscrizioni dall’estero nel 2019 ammontano a 333.799, solamente lo 0,4% in più rispetto al 2018. Aumenta invece il numero delle persone che si trasferiscono all’estero: nel 2019 i cancellati per l’estero sono stati 182.154, il 16,1% in più rispetto all’anno precedente. Il saldo migratorio con l’estero si è quindi ridotto a 152 mila unità nel 2019.

Gli iscritti in anagrafe provenienti da un Paese estero sono soprattutto cittadini stranieri (78,2%); aumenta, tuttavia, il numero di italiani che rientra dopo un periodo di emigrazione all’estero (sono 73 mila nel 2019, 26 mila unità in più rispetto al 2018).

Le persone che nel 2019 hanno lasciato il nostro Paese per trasferirsi all’estero sono 182 mila, con un aumento di 25 mila unità rispetto al 2018. Tra questi, la componente dovuta ai cittadini stranieri è cresciuta del 39,2% rispetto all’anno precedente e ammonta a 56 mila cancellazioni. Prosegue, inoltre, l’aumento dell’emigrazione di cittadini italiani: si sono trasferiti all’estero in 126 mila con un incremento dell’8,1% rispetto al 2018. Va considerato che, tra gli italiani che trasferiscono all’estero la loro residenza, una quota è da imputare ai cittadini in precedenza stranieri che, una volta acquisita la cittadinanza italiana, decidono di emigrare in Paesi terzi o di fare ritorno nel luogo di origine. Una tendenza che negli ultimi anni sta acquistando sempre più consistenza: nel 2018, le emigrazioni di questi “nuovi” italiani ammontavano a circa 35 mila (30% degli espatri, +6% rispetto al 2017) iii. I saldi migratori per l’estero mostrano un bilancio negativo per gli italiani (-53 mila) e positivo per gli stranieri (+205 mila).»