Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Francia. La rivolta con il tiranno continua. Tagliata la luce ad Orly e Rungis.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-21.

2020-01-21__Parigi

A quanto sembrerebbe, i Patrioti francesi hanno iniziato una nuova fase della rivoluzione, sui cui esiti ci sarebbe ben poco da discutere. Anche ricordano che tra due mesi la Francia torna alle urne.

«French energy workers protesting against President Emmanuel Macron’s pension reform cut power on Tuesday to the world’s largest wholesale fresh food market, Rungis near Paris, the hardleft CGT union’s energy branch said»

«A spokeswoman for Rungis International Market said emergency power kicked in when the outage began 0530 GMT and that there was no disruption to trade. The power cut lasted 90 minutes»

«“The power source to Rungis is cut this morning,” the local CGT energy branch wrote on Facebook »

«The power outage also halted services on the Orlyval rail shuttle serving Orly, the French capital’s second busiest airport»

«The deliberate sabotage of power supplies underlines the growing determination of France’s left-wing unions to resort to wildcat action, after a wave of strikes and street protests since early December failed to force Macron to back down on his overhaul of the pension system»

«The Rungis market covers 234 hectares and generates revenues of 9 billion euros a year»

«Meanwhile, the longest transport strike in France in decades appeared to be petering out on Monday, with most Paris metro and national train services back up and running, offering relief to weary commuters»

«But while the return to work marked a tentative victory for President Emmanuel Macron, who has refused to back down in the dispute over pension reforms, French media and experts warned that opposition to the overhaul was far from over — and taking an increasingly radical turn»

«On the 47th straight day of strikes over the government’s plans to fuse France’s 42 different pension schemes into one, 11 out of 16 metro lines were operating as normal or nearly normal, according to the Paris public transport operator RATP»

«Mobilization continues for CGT Energy. The union, still at the forefront of the strike against the pension reform, claimed Tuesday morning a power cut affecting several cities in the southeast of the cap»

* * * * * * *

L’Europa è una bomba ad orologeria.

Gli attuali governi, ivi compresa la Commissione Europea della von der Leyen, vivono arroccati nelle proprie ideologie, del tutto staccati ed incuranti della gente comune.

Ma il malessere è diffuso per tutta l’Unione, ed in Francia in modo particolare.

Eurostat. Reddito Netto Mediano di 1,409 euro al mese.

Ebbene, sì: in questa sedicente opulenta Europa la metà della popolazione vive con meno di 1,409 euro al mese.

Ci si potrebbe permettere di fare i radical chic con 5,000 euro al mese, almeno, ed un solido posto nella pubblica amministrazione, che vessa di tasse e leggi e normative i poveracci che lavorano per arricchire i liberal, senza dare un minimo di servizi decenti.

Francia. Dimissioni in massa dei primari ospedalieri.

Macron, egemone di Francia, licenzia Ségolène Royal, che ha osato contraddirlo.

* * * * * * *

Nessuno si faccia illusioni, ma proprio nessuna.

Tutte le valanghe hanno inizio con poche pietruzze, ma alla fine hanno un potere distruttivo degno di bombe ad alto potenziale.

Se questi governi, iniziando da quello di Mr Macron, non se ne andranno con le buone, la gente inferocita li scaccerà con la forza della disperazione.

*


French workers cut electricity at world’s largest market in pensions protest

French energy workers protesting against President Emmanuel Macron’s pension reform cut power on Tuesday to the world’s largest wholesale fresh food market, Rungis near Paris, the hardleft CGT union’s energy branch said.

A spokeswoman for Rungis International Market said emergency power kicked in when the outage began 0530 GMT and that there was no disruption to trade. The power cut lasted 90 minutes.

“The power source to Rungis is cut this morning,” the local CGT energy branch wrote on Facebook.

The power outage also halted services on the Orlyval rail shuttle serving Orly, the French capital’s second busiest airport.

The deliberate sabotage of power supplies underlines the growing determination of France’s left-wing unions to resort to wildcat action, after a wave of strikes and street protests since early December failed to force Macron to back down on his overhaul of the pension system.

The Rungis market covers 234 hectares and generates revenues of 9 billion euros a year

Transport strike

Meanwhile, the longest transport strike in France in decades appeared to be petering out on Monday, with most Paris metro and national train services back up and running, offering relief to weary commuters.

But while the return to work marked a tentative victory for President Emmanuel Macron, who has refused to back down in the dispute over pension reforms, French media and experts warned that opposition to the overhaul was far from over — and taking an increasingly radical turn.

On the 47th straight day of strikes over the government’s plans to fuse France’s 42 different pension schemes into one, 11 out of 16 metro lines were operating as normal or nearly normal, according to the Paris public transport operator RATP.

National rail operator SNCF announced Sunday that nearly all suburban, regional and high-speed TGV trains would also be running.

In Paris, the focal point of the strikes that have caused nearly seven weeks of travel misery, the biggest union in RATP said Saturday it was suspending its strike action “to regain strength”.

Unsa-RATP representative Laurent Djebali told AFP that many strikers had voted to resume work “for financial reasons” after going without pay for weeks, but he was adamant that there was “no question” of ending the strike altogether.

The biggest union at the SNCF, the militant CGT, also struck a defiant note in the face of the flagging strike participation.

*


CGT Energy demands a giant power cut south of Paris

Mobilization continues for CGT Energy. The union, still at the forefront of the strike against the pension reform, claimed Tuesday morning a power cut affecting several cities in the southeast of the capital. On Facebook, CGT Énergie 94 explained that it had cut “the source station of Rungis“, plunging “the MIN (Rungis market) and Orly in the dark“. In a second publication, CGT Énergie 94 notes that “Energies CGT 94 91 93 75” are “mobilized“, and the “MV (High Voltage 20,000 Volt) substations cut“. According to FranceInfo, the cuts have affected several municipalities, including Orly, Rungis, Anthony, Fresnes and Thiais, from 6 a.m. In Rungis, the shutdown took place from 6 a.m. to 7:30 a.m. The situation is now normal in this commune.

Rungis and its perimeter were affected, a priori between 5:45 am and 8:00 am“Announced Frank Jouanno of CGT Energy from Val-de-Marne to Le Figaro. “One hundred people“Carried out this action, which concerned between”25,000 and 50,000»People.

Contacted by Le Figaro, Laurent Hérédia, federal secretary of the CGT Energy, indicates that this operation is part of “in line with our actions in the fight against pension reform“. He adds that “pickets continue, including at Gennevilliers, on the Serval site. The new Linky meters have not been installed for more than a week.It is Serval’s logistics platform which must deliver the meters for Enedis from all over the Ile-de-France.

The representative of CGT Energie Val-de-Marne, Franck Jouano, explained that he wanted “make an impression“And”have an impact on the economy“. “Currently, in the media, we only hear actions from RATP and SNCF“. Recognizing “collateral damages“Who were able to reach households, he felt that having a power outage was”not the end of the world“.

The government strongly condemned the cut: when asked about BFMTV, the Secretary of State for the City and Housing, Julien Denormandie, criticized an action “outrageous and irresponsible“. “Can you imagine not only the inconvenience, but sometimes the endangerment of people? […] It’s scandalous, it’s irresponsible and it destroys social dialogue“He rebelled, pointing to acts”which degrade the climate of dialogue“.

This Tuesday morning, the cut affected the transport in Île-de-France: the circulation of the Orlyval was disrupted, and its teams declared to make “their maximum to quickly bring the installations back into conformity“. Similarly, tram line 7 was hit by the action of CGT Energy, and set up replacement buses for its passengers. However, Orly airport was not affected.

Mobilization continues for CGT Energy. The union, still at the forefront of the strike against the pension reform, claimed Tuesday morning a power cut affecting several cities in the southeast of the capital. On Facebook, CGT Énergie 94 explained that it had cut “the source station of Rungis“, plunging “the MIN (Rungis market) and Orly in the dark“. In a second publication, CGT Énergie 94 notes that “Energies CGT 94 91 93 75” are “mobilized“, and the “MV (High Voltage 20,000 Volt) substations cut“. According to FranceInfo, the cuts have affected several municipalities, including Orly, Rungis, Anthony, Fresnes and Thiais, from 6 a.m. In Rungis, the shutdown took place from 6 a.m. to 7:30 a.m. The situation is now normal in this commune.

Rungis and its perimeter were affected, a priori between 5:45 am and 8:00 am“Announced Frank Jouanno of CGT Energy from Val-de-Marne to Le Figaro. “One hundred people“Carried out this action, which concerned between”25,000 and 50,000»People.

Contacted by Le Figaro, Laurent Hérédia, federal secretary of the CGT Energy, indicates that this operation is part of “in line with our actions in the fight against pension reform“. He adds that “pickets continue, including at Gennevilliers, on the Serval site. The new Linky meters have not been installed for more than a week.It is Serval’s logistics platform which must deliver the meters for Enedis from all over the Ile-de-France.

The representative of CGT Energie Val-de-Marne, Franck Jouano, explained that he wanted “make an impression“And”have an impact on the economy“. “Currently, in the media, we only hear actions from RATP and SNCF“. Recognizing “collateral damages“Who were able to reach households, he felt that having a power outage was”not the end of the world“.

The government strongly condemned the cut: when asked about BFMTV, the Secretary of State for the City and Housing, Julien Denormandie, criticized an action “outrageous and irresponsible“. “Can you imagine not only the inconvenience, but sometimes the endangerment of people? […] It’s scandalous, it’s irresponsible and it destroys social dialogue“He rebelled, pointing to acts”which degrade the climate of dialogue“.

This Tuesday morning, the cut affected the transport in Île-de-France: the circulation of the Orlyval was disrupted, and its teams declared to make “their maximum to quickly bring the installations back into conformity“. Similarly, tram line 7 was hit by the action of CGT Energy, and set up replacement buses for its passengers. However, Orly airport was not affected.

*


Parigi, tagliano la luce per protesta

Azione del sindacato Cgt contro la riforma delle pensioni

PARIGI, 21 GEN – Ancora corrente tagliata in Francia in un nuovo blitz contro la riforma delle pensioni rivendicata da CGT Energie. In particolare, il sindacato in lotta contro il progetto di Emmanuel Macron ha annunciato di essere all’origine del blackout di questa mattina nella zona dell’aeroporto di Orly e i mercati generali di Rungis, a sud di Parigi, con l'”obiettivo di colpire l’economia e mostrare la mobilitazione contro la riforma delle pensioni”.

Un atto “scandaloso” e “irresponsabile”, ha detto il ministro francese incaricato per la Città e la Casa, Julien Denormandie, ai microfoni di BFM-TV-RMC.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Francia. Dimissioni in massa dei primari ospedalieri.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-21.

rivoluzione-francese-guida_6949ef62a477f0aa6af95142ce5ccc04

Chiunque abbia avuto conoscenza diretta dell’Unione Sovietica di Brežnev, oppure si sia peritato di studiarne un po’ struttura e dinamiche, non potrebbe fare a meno di concludere che l’attuale Unione Europea, ed anche molti stati nazionali ad essa afferenti, sono affetti da un sistema burocratico ipertrofico, da uno statalismo accentratore e pianificatore quanto incapace di cogliere ed adattarsi alla realtà.

Il risultato finale si concretizza in sistemi sanitari nazionali minuziosamente organizzati e pianificati a livello centrale, con un forte squilibrio del personale e dell’allocazione delle risorse: gli ospedali rigurgitano di dipendenti amministrativi tutti indaffarati ad attuare le normativi ricevute, mentre il personale medico ed infermieristico è assunto su base concorsuale ‘atipica’, è insufficiente, ed è soprattutto oberato da una serie di adempimenti burocratici che impediscono di fatto di svolgere il loro lavoro, ossia di curare la gente.

Troppo spesso il problema è liquidato in meri termini economici: i medici e gli infermieri sono sottopagati per le responsabilità che sono chiamati ad assumersi, lavorando per di più in un ambiente ostile, ma il problema più acuto è che sono stati resi schiavi di un apparato burocratico acefalo, ove ai medici restano solo le responsabilità civili e penali.

* * * * * * *

Come sia finita l’Unione Sovietica è cosa nota: è implosa sotto il peso delle proprie contraddizioni. E tutti possiamo constatare quanto tempo sia necessario per poter ricostruire qualcosa di funzionante sulle pregresse rovine lasciate dal socialismo.

La Francia è uno dei paesi europei maggiormente burocratizzato, e la sanità non sfugge certamente all’attenzione dei burocrati.

Ma anche questo settore sta collassando.

Il contesto generale è deprimente, con il governo che ha dovuto ritirare la riforma del sistema pensionistico, ed è sempre più contestato dalle piazze: la gente non ne può di più.

Macron, egemone di Francia, licenzia Ségolène Royal, che ha osato contraddirlo.

Francia. La rivolta si estende al settore energetico.

Francia. La rivolta dei Contribuenti quasi ignorata dai media.

Francia. Manomessa la rete elettrica. La rivoluzioni sta iniziando.

«Mi dimetto perché sono costretta a fare cose non etiche. Mi dimetto perché un tempo il nostro compito era curare i malati, oggi ci viene chiesto di produrre ricoveri, un numero sempre maggiore di ricoveri in modo da fare soldi per l’ospedale. I miei pazienti, malati di diabete, hanno complicazioni gravi, alcuni rischiano l’amputazione ma le loro degenze sono troppo lunghe, non producono profitto e quindi diventano un peso. Io non lo sopporto più»

«la protesta di 1.100 medici di tutta la Francia— tra i quali 600 primari — che si sono dimessi dalle loro funzioni amministrative»

«Continueremo a occuparci dei pazienti, come è ovvio, ma non risponderemo più all’amministrazione, e smetteremo di occuparci più dei fogli Excel che della salute dei pazienti »

«Da tutto il Paese arrivano le testimonianze di ospedali sul punto di crollare sotto il peso delle riduzioni della spesa e del personale»

«Hanno cominciato lo scorso autunno quelli che lavorano nei pronto soccorso, che suppliscono ormai ai medici di base, soprattutto in provincia dove i dottori scarseggiano e molti abitanti si fanno curare all’ospedale più vicino anche per malattie che non richiederebbero interventi urgenti.»

«La ministra della Sanità, Agnès Buzyn, promette un piano da 1,5 miliardi in tre anni, giudicato largamente insufficiente»

«L’ospedale pubblico costa alla Francia circa 85 miliardi l’anno, cifra tra le più alte nei Paesi dell’Ocse»

* * * * * * *

Tutte le valanghe all’inizio erano pochi sassolini: serve del tempo perché si formi e proceda il fronte distruttivo.

Come del resto l’Unione Europea, anche la Francia inizia ad avviarsi alla implosione.

*


I medici in Francia, «Pazienti come numeri»: l’addio choc dei primari

Dimissioni di massa tra i medici: «Ci chiedono soltanto di produrre ricoveri»

«Mi dimetto perché sono costretta a fare cose non etiche. Mi dimetto perché un tempo il nostro compito era curare i malati, oggi ci viene chiesto di produrre ricoveri, un numero sempre maggiore di ricoveri in modo da fare soldi per l’ospedale. I miei pazienti, malati di diabete, hanno complicazioni gravi, alcuni rischiano l’amputazione ma le loro degenze sono troppo lunghe, non producono profitto e quindi diventano un peso. Io non lo sopporto più».

Lo sfogo della professoressa Agnès Hartemann, primario di diabetologia all’ospedale La Pitié Salpêtrière di Parigi, ha portato in primo piano la protesta di 1.100 medici di tutta la Francia— tra i quali 600 primari — che si sono dimessi dalle loro funzioni amministrative.

«Continueremo a occuparci dei pazienti, come è ovvio, ma non risponderemo più all’amministrazione, e smetteremo di occuparci più dei fogli Excel che della salute dei pazienti», ha aggiunto Hartemann al termine di una conferenza stampa. Da tutto il Paese arrivano le testimonianze di ospedali sul punto di crollare sotto il peso delle riduzioni della spesa e del personale. «Ci capita di ricoverare dei bambini in ginecologia perché non ci sono abbastanza letti», si indigna per esempio Antoinette Perlat, primario di medicina interna all’ospedale universitario di Rennes.

Se i ferrovieri, con il loro sciopero iniziato il 5 dicembre e continuato durante le feste di Natale hanno finora quasi monopolizzato l’attenzione dei media e del governo, anche medici e infermieri da mesi sono in agitazione. Hanno cominciato lo scorso autunno quelli che lavorano nei pronto soccorso, che suppliscono ormai ai medici di base, soprattutto in provincia dove i dottori scarseggiano e molti abitanti si fanno curare all’ospedale più vicino anche per malattie che non richiederebbero interventi urgenti.

Nelle ultime settimane la protesta si è allargata ai primari, che lamentano l’eccesso di compiti amministrativi e la difficoltà di rapportarsi ai pazienti con l’umanità e l’attenzione imposte dal giuramento di Ippocrate.

Il 14 gennaio, mentre il direttore dell’ospedale Saint-Louis di Parigi pronunciava il tradizionale discorso di auguri di inizio anno, i medici e gli infermieri si sono tolti il camice bianco e lo hanno gettato per terra davanti a lui. Tra le ragioni di un malcontento popolare che ha portato in piazza i gilet gialli e poi i sindacati contro la riforma delle pensioni, c’è la generica paura di dare l’addio al modello sociale francese che ha al centro la scuola e l’ospedale pubblico, a lungo vanto del Paese. La ministra della Sanità, Agnès Buzyn, promette un piano da 1,5 miliardi in tre anni, giudicato largamente insufficiente. L’ospedale pubblico costa alla Francia circa 85 miliardi l’anno, cifra tra le più alte nei Paesi dell’Ocse.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Macron, egemone di Francia, licenzia Ségolène Royal, che ha osato contraddirlo.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-15.

Macron 0801

Quando un boiardo osava contraddire Ivan IV questi quando era buono lo faceva uccidere assieme a tutta la sua famiglia, ma se fosse stato di cattivo umore, evento peraltro frequente, deportava tutti in Siberia, con un viaggio a piedi, fatto fare preferibilmente di inverno.

Diciamo che non aveva un carattere gran che cordiale, ma aggiungiamo anche che viveva in un ambientino davvero ostile.

Fosse per lui, Mr Macron avrebbe già fatto decapitare quella decina di milioni di francesi che non condividono il suo pensiero. La lama della ghigliottina non avrebbe certo avuto tempo per arrugginirsi. Mr Macron ha una sua ben precisa idea di cosa sia la democrazia. Crede solo di essere la quarta persona della Santissina Trinità: è di una sconcertante umiltà.

In attesa di poter assumere i pieni poteri ed in carenza di boia, Mr Macron mostra il suo volto umano e licenzia su due piedi Mr. Ségolène Royal, Ambasciatrice.

2020-0115__Macron __001

«Deve fare una scelta: o vuole restare ambasciatrice, e allora deve rispettare le scelte del governo, o preferisce recuperare la sua libertà di parola, e allora non può più essere ambasciatrice»

La lettera ministeriale è riportata in fotocopia, e di seguito pubblichiamo la risposta di Mrs. Ségolène Royal, che potrebbe essere avversaria di Macron alle prossime elezioni presidenziali.

«Le Canard Enchaîné fait état d’une information dont voici le contenu exact. En fait, je ne suis pas convoquée car le licenciement de cette mission bénévole sur les pôles a déjà eu lieu, sans entretien préalable, comme indiqué dans la lettre ci-jointe. Je comprends par cette lettre que le Président de la République va mettre fin à mes fonctions à un prochain conseil des ministres puisque je n’ai pas l’intention de renoncer à ma liberté d’opinion et d’expression garantis par la Constitution.

J’en prends acte.

Je remercie et salue le travail remarquable des équipes du Ministère des Affaires Étrangères, des ambassades en poste dans les pays du cercle arctique et des scientifiques, chercheurs et universitaires français respectés dans le monde entier. J’ai accompli cette tâche bénévole avec passion et conscience professionnelle en continuité de ma responsabilité de présidente de la COP21. Le bilan complet sera publié dans quelques jours.

(Quant aux deux parlementaires qui avaient annoncé à grand bruit ma convocation punitive, ils ont menti car l’Assemblee Nationale n’a jamais voté de commission d’enquête. Ils se seront fait davantage connaître par ce coup d’éclat que par leurs travaux parlementaires…)

Cela dit, animée par l’utilité de transmettre ce que j’ai appris des pôles et notamment des populations autochtones que l’on doit mieux écouter pour comprendre la catastrophe climatique, je me tiens à la disposition des commissions affaires étrangères et développement durable pour témoigner sur tous ces travaux ainsi que pour défendre l’Institut polaire qui a besoin de moyens pour assurer encore mieux le rayonnement scientifique de la France.»

*


Macron licenzia Ségolène. Lei posta la lettera su Facebook

«Poniamo fine alle sue funzioni dopo le pubbliche contestazioni». L’ex ministra e l’ex candidata correrà per l’Eliseo 2022?

Licenziata da Macron, che potrebbe ritrovarsela come avversaria alle prossime elezioni presidenziali del 2022. Ségolène Royal, ex ministra ed ex candidata all’Eliseo nel 2007, nominata nel luglio 2017 ambasciatrice di Francia per i Poli, ha rivelato ieri sera su Facebook la lettera con la quale il Quai d’Orsay (il ministero degli Affari esteri francese) le annuncia il prossimo licenziamento.

«Signora Ambasciatrice, è previsto di mettere fine alle sue funzioni dopo le recenti prese di posizione pubbliche, che contestano la politica del governo e la sua attuazione alla quale lei, in qualità di ambasciatrice, titolare di un posto sottomesso alla decisione del governo, è strettamente associata (..)», si legge della lettera firmata da François Delattre (segretario generale del Quai d’Orsay) e Emilie Piette (segretaria generale del ministero della Transizione ecologica).

Appena tre giorni fa la ministra Elisabeth Borne aveva lanciato un avvertimento pubblico a Ségolène Royal: «Deve fare una scelta: o vuole restare ambasciatrice, e allora deve rispettare le scelte del governo, o preferisce recuperare la sua libertà di parola, e allora non può più essere ambasciatrice». Negli ultimi mesi Royal ha moltiplicato le uscite critiche nei confronti del governo e del presidente Macron: a proposito del mancato divieto di alcuni pesticidi, sulla contestata riforma delle pensioni, e sulla «vicinanza del presidente al mondo del business globalizzato».

Nell’ottobre scorso Royal era stata toccata dalle polemiche perché un’inchiesta di Radio France (la radio pubblica) aveva rivelato che l’ambasciatrice della Francia per i Poli non aveva mai partecipato alle riunioni del Consiglio dell’Artico (l’istituzione che raduna i rappresentanti degli otto Stati che hanno una parte del territorio nell’Artico), a differenza di quello che faceva con regolarità il suo predecessore Michel Rocard. In quell’occasione Royal si è sentita poco difesa dal governo, ha parlato di un possibile complotto, e oggi arriva la rottura. «Non ho intenzione di rinunciare alla mia libertà di opinione e di espressione, garantita dalla Costituzione», dice Royal. L’ex ministra ritrova autonomia di movimento, in vista del 2022.

Pubblicato in: Brasile, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Solo quel povero tapino di Zingaretti le concede credito.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-09.

Minosse & Macron

Nel momento di accettare il governo rosso-giallo, Zingaretti pose in modo molto chiaro le proprie condizioni, che per il movimento cinque stelle recepì pienamente, con un cambio di rotta di centottanta gradi.

Direzione PD e programma di Zingaretti.

«La Direzione del Pd ha approvato un ordine del giorno che ripercorre la relazione di Nicola Zingaretti dando il mandato a aprire una trattativa per verificare la possibilità di “un governo di svolta per la legislatura”, in “discontinuità” col precedente. Il documento è stato approvato per acclamazione all’unanimità»

«Il governo giallo verde caduto ieri “è stato uno dei peggiori della storia della Repubblica, dopo 14 mesi è fallito”»

«”Il problema non è l’esercizio provvisorio, ma la manovra mostruosa che abbiamo davanti” e che ammonta ad almeno 23 miliardi. “Togliamoci dalla testa che trovare 23 miliardi sia facile»

«Un eventuale nuovo governo deve essere “di svolta, di legislatura” altrimenti “è meglio andare alle urne”»

«”Appartenenza leale all’Unione europea; pieno riconoscimento della democrazia rappresentativa, a partire dalla centralità del parlamento; sviluppo basto sulla sostenibilità ambientale; cambio nella gestione di flussi migratori, con pieno protagonismo dell’Europa; svolta delle ricette economiche e sociale, in chiave redistributiva, che apra una stagione di investimenti”»

* * * * * * *

Spesso vi è una concreta discrepanza tra ciò che è e ciò che si crede sia una qualsiasi cosa.

Mentre per Zingaretti e per il partito democratico l’Unione Europea nella sua componente liberal socialista è punto di riferimento di gran peso, per molti altri vale ben poco, molto poco, quasi nulla.

Unione Europea che galoppa verso la irrilevanza politica internazionale.

Sorge spontanea la domanda: ma quanto vale l’Unione Europea? Eppure essa è guidata da ben tre femmine: Frau Merkel, Fra von der Leyen e Mrs Lagarde. Con tre femmine al top dovrebbe essere a punta di diamante degli stati mondiali, in accordo alla teoria liberal socialista.

*

Negli ultimi tempi si sono verificati molti fatti che coinvolgono l’Unione in modo profondo. Per esempio, la situazione in Libia, con il prossimo invio di truppe turche in quello stato nord africano, sotto il patrocinio di Mr Putin.

Di certo Mr Erdogan non affronterà tale impresa per fare un favore all’Unione Europea.

Però, più una nazione vale, più la gente ne parla e studia tutte le sue mosse.

Osserviamo allora le pagine nazionali edite da Reuters. Le porgiamo in fotocopia perché la composizione delle pagine varia, ovviamente, nel tempo.


2020-01-05__Reuters 004

Turchia.

Un articolo il 30/12 e tre articoli il 2 gennaio, due dei quali focalizzati sulla Libia.


2020-01-05__Reuters 002

Francia.

Gli articoli si fermano alle date del 22 e del 23 dicembre. Nemmeno una menzione al problema del Mediterraneo.


2020-01-05__Reuters 003


Germania.

Gli articoli risalgono al dicembre dello scorso anno, 21, 24, 30 e 30 dicembre. Le alternative sono in primo piano: non parlano quasi di altro.


2020-01-05__Reuters 001

Brasile.

Solo per paragone, ecco la fotocopia della pagina dedicata al Brasile. Qui riportiamo gli ultimi quattro articoli tutti del 2 gennaio, ma gli articoli del 2 gennaio sono nove, come per quasi tutti gli altri giorni.

* * * * * * *

Questo riportato è solo uno dei tanti segni di quanto valga l’Unione Europea e di quanto il mondo internazionale si curi si sapere cosa pensi e cosa faccia. Vive felicemente ignorandola.

Solo Mr Zingaretti è suo validissimo supporto.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Francia. La rivolta si estende al settore energetico.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-02.

2019-12-25__Parigi Ballerine

«French workers voted on Monday to halt production at a key oil facility that supplies Paris and the surrounding region, joining other petroleum industry shutdowns in a nationwide strike against government pension reforms»

«Industrial action against President Emmanuel Macron’s reforms has also crippled train services over the past two weeks, escalating into clashes between protesters and police in the capital earlier on Monday»

«Production at Total’s Grandpuits oil refinery and petrol depot southeast of Paris will stop as a result of the vote by workers from the hardline CGT union»

* * * * * * *


More than half a million rally in France against Macron’s pension reforms

«Hundreds of thousands of demonstrators took to the streets of France on Tuesday in the latest show of strength against the government’s plans for pension reforms.

The CGT, one of the unions organising the rally in the capital, claimed 350,000 demonstrators had gathered for a march through Paris out of 1.8 million nationwide.

However, the interior ministry put the figure at 76,000 in Paris while an assessment agency used by the media said there were 72,500 protesters in the capital.»

*


France’s CGT oil workers could halt refinery production over pensions reform

«France’s CGT oil sector workers union plans to step up a nationwide strike but will leave the decision over whether to halt production at refineries for workers to decide early next week, a CGT union official said.

The CGT union has been at the forefront a two-week nationwide strike against a planned government reform of France’s pension system.

CGT said it is against the reform and will not call off the strike, or suspend it during the Christmas break unless President Emmanuel Macron’s government drops the plan.

Although strikes by the oil sector workers have disrupted supplies of refined products to petrol stations, they have so far not called for a halt in production at refineries.

Union leaders of the petrol branch held a meeting on Friday, after the main confederation rejected the government’s latest proposals on Thursday to break the deadlock. ….»

*


French union workers vote to halt production at key oil facility

French workers voted on Monday to halt production at a key oil facility that supplies Paris and the surrounding region, joining other petroleum industry shutdowns in a nationwide strike against government pension reforms.

Industrial action against President Emmanuel Macron’s reforms has also crippled train services over the past two weeks, escalating into clashes between protesters and police in the capital earlier on Monday.

Production at Total’s Grandpuits oil refinery and petrol depot southeast of Paris will stop as a result of the vote by workers from the hardline CGT union.

* * * * * * *


Con i tiranni non si tratta: li si abbatte con la forza del popolo sovrano.

Poi. Mr Macron è quello che critica i Cinesi per Hong Kong…..

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Macron. Ballerine in pensione a 65 anni. L’Opera di Parigi sciopera.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-26.

2019-12-25__Parigi Ballerine

Per danzare il Lago dei Cigni le ballerine devono avere una resistenza fisica degna delle atlete di ginnastica a corpo libero, un senso vivacissimo della musica e del ritmo, nonché una grazia ed una leggiadria sicuramente acquisita con duri allenamenti, ma anche connaturata. Sono ben poche al mondo le ragazze che riescono a danzare la scena del quadrato.

Tutte queste caratteristiche possono essere raggiunte solo quando il corpo sia nel periodo di massima efficienza: infatti di norma queste ballerine classiche sono poco più che ragazzine, che raramente riescono a reggere la scena dopo i trenta anni.

Non a caso, nel 1698 il buon Re Luigi XIV consentì ai ballerini dell’Opera di Parigi di potersi ritirare a 42 anni.

Ma a smentire clamorosamente la teoria dell’evoluzione, eccoti arrivare Mr Macron che vorrebbe pensionare il corpo di ballo classico ai 65 anni. Più che teoria dell’evoluzione si dovrebbe parlare di teoria della involuzione.

Ma ve lo vedete un ballerino 65enne interpretare la parte di Rothbart oppure quella del buffone (una delle parti più difficili dal punto di vista ginnico)?  Oppure una Odette – Odile che danzasse nei limiti imposti da artrosi e psoriasi?

Osservate bene la fotografia. I muscoli si disegnano armonici ma possenti nelle gambe e nelle cosce. Il deltoide destro della ballerina sbracciata, quella a destra, sembrerebbe essere stato ripreso da un trattato di anatomia. È molto difficile conciliare la potenza muscolare con la finezza dei movimenti.

Siamo chiari.

Qui si rasenta la follia pura.

*


Anche le ballerine contro Macron e la riforma delle pensioni: la protesta al teatro dell’Opera di Parigi.

In Francia, anche il corpo di ballo dell’Opera di Parigi si è unito alle proteste delle ultime settimane contro la riforma delle pensioni. A passo di danza, le ballerine hanno manifestato danzando davanti all’ingresso del teatro sulle note del Lago dei Cigni di Ciajkovskij. Sullo sfondo, enormi stendardi con scritto: «Opera di Parigi in sciopero» e «Cultura in pericolo». Ad assistere all’esibizione-protesta, una folla numerosissima di cittadini. I ballerini e le ballerine, insieme ai lavoratori del settore pubblico, si oppongono al piano del governo di eliminare più di 40 regimi pensionistici separati e sostituirli con un sistema basato su punti singoli. Il piano di pensionamento speciale per l’Opera di Parigi, che consente ai ballerini di ritirasi a 42 anni, fu introdotto nel 1698 dal re Luigi XIV ed è tra i più antichi di Francia. «Anche se siamo in sciopero, il 24 dicembre volevamo offrire un momento di grazia», ha dichiarato Alexandre Carniato, ballerino e portavoce degli scioperanti. «Nonostante il freddo, le ragazze hanno voluto affrontare la sfida e i musicisti per accompagnarli». Lo sciopero di quasi tre settimane ha paralizzato il trasporto pubblico in Francia e costretto l’Opera di Parigi a cancellare molte esibizioni, incluso il programma di martedì.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Francia. La rivolta dei Contribuenti quasi ignorata dai media.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-19.

2019-12-18__Francia001

La Francia è in aperta rivolta contro il regime di Mr Macron.

La gente comune è esasperata dal costo della vita e si vede cambiare le carte in tavola sul computo delle proprie future pensioni, sempre poi che all’età del pensionamento le prendano per davvero.

La situazione economica europea e francese è tutto fuorché buona, ed anche un sommario sguardo sul futuro fa raggelare il sangue nelle vene.

IMF. Proiezioni del pil mondiale al 2024 e 2050. La scomparsa dell’Europa.

Merkel inizia a sbattere il volto sulla durissima realtà. Dopo di lei il diluvio.

La fuga della produzione industriale determina che in un tempo rapido “il pil ppa del’intera Europa (16,212 mld euro, 6.88% del pil ppa mondiale) dovrebbe essere inferiore a quello della sola India.”

*

Siamo chiari.

Tra qualche decennio, quando gli attuali dimostranti avranno raggiunto l’età pensionabile, non ci saranno le risorse con le quali corrispondere loro le pensioni dovute.

Se ne traggano le dovute conclusioni.

*


Rivolta in Francia: 200 mila in piazza, boicottata la rete elettrica. Novantamila case senza luce

Tredicesima giornata di mobilitazione contro la riforma delle pensioni voluta dal governo Macron. Il governo irremovibile: «La manovra non cambia».

PARIGI. Sono centinaia di migliaia le persone scese oggi in piazza contro la riforma delle pensioni voluta dal presidente Emmanuel Macron. Secondo un primo conteggio diffuso dalla stampa francese, oltre 200 mila manifestanti – tra cui macchinisti, insegnanti, funzionari, avvocati, magistrati in sciopero, ma anche infermieri e dipendenti pubblici e privati – hanno partecipato alla quarantina di cortei che si sono svolti da questa mattina in diverse città di Francia. Mentre a Parigi, come da tradizione, la manifestazione è cominciata a inizio pomeriggio, tra slogan contro la riforma di Macron, e canti di lotta come «Bella Ciao». Un lungo fiume di manifestanti che attraverserà parte della capitale, da Place de la République per arrivare in Place de la Nation, passando per la Bastiglia. Per il leader del sindacato CGT, Philippe Martinez, questa ennesima giornata di proteste è già «un grande successo». «Nonostante i tentativi di divisione del governo, la popolazione resta mobilitata».

Qualche leggero tafferuglio è avvenuto a fine corteo, ma soltanto dopo l’ordine di dispersione, a Place de la Nation. La manifestazione si è svolta in generale in un clima tranquillo, anche quando è passata alla Bastiglia, dove si temevano incidenti per la presenza di materiale dell’enorme cantiere aperto da mesi sulla piazza. A Place de la Nation, i black bloc – qualche centinaio – si erano riuniti e sono stati dispersi dalla polizia. Nell’operazione, 13 persone sono state fermate e un poliziotto è rimasto ferito. 

In ogni caso, il primo ministro francese, Edouard Philippe, ha rivendicato la propria «determinazione totale» nel portare avanti la contestata riforma delle pensioni. Nel suo intervento davanti ai deputati dell’Assemblea Nazionale, si è detto «totalmente determinato a creare un regime universale, sulla necessità di far prevalere l’equilibrio del futuro sistema e di riportare all’equilibrio il sistema attuale». Philippe ha anche assicurato che il dialogo con le sigle sindacali «non si è mai rotto».

Il tredicesimo giorno di proteste in tutta la Francia contro la riforma delle pensioni il conflitto sociale si è inasprito, ben oltre la paralisi dei trasporti: 90 mila case sono rimaste senza luce a causa di azioni volontarie commesse da esponenti del sindacato CGT nella rete elettrica di Lione e della regione della Gironda (RTE). Un «primo avvertimento» che rischia di portare a «tagli ancora più massicci», ha dichiarato il delegato sindacale, Francis Casanova.

Tra i dipendenti delle ferrovie Sncf un terzo dei ferrovieri (32,8%) è in sciopero (lunedì era l’11,2%), mentre lo è il 75,8% dei conducenti (61% lunedì), per i dati ufficiali. Inoltre, hanno incontrato le braccia il 59,2% dei controllori, il 24% dei segnalatori (rispettivamente 41% e 17,3% lunedì). Nel settore dell’istruzione, allo sciopero aderiscono il 25,05% degli insegnanti nella scuola primaria, il 23,32% nella secondaria, secondo il ministero. I dati sono rispettivamente 50% e 60% per i sindacati.

La mobilitazione arriva all’indomani dalle dimissioni si Jean-Paul Delevoye, il regista della contestata riforma, travolto dalle polemiche per cumulo degli incarichi remunerati ed in conflitto di interessi con il suo ruolo nel governo. I dimostranti hanno risposto all’appello dei sindacati da Nantes a Le Havre, da Douai a Valenciennes e Marsiglia. Ad Angers, l’esplosione di un petardo ha provocato due feriti. Secondo le Figaro un uomo ha perso il pollice ed un altro è stato ferito alla testa, in circostanze che ancora non sono state chiarite. Lo sciopero ha un impatto anche su musei e monumenti, molti dei quali sono oggi chiusi, fra cui il castello di Versailles e la tour Eiffel. Il 20% dei voli aerei sono stati soppressi, e vi sono gravi disagi nel traffico ferroviario e nei trasporti urbani della capitale.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Francia. Manomessa la rete elettrica. La rivoluzioni sta iniziando.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-18.

Ivan Iv. Il Terribile. 001

I tiranni e le relative tirannie si abbattono solo con le armi e le rivoluzioni.

E Mr Macron si comporta da tiranno fin dai primi momenti della sua elezione.

L’enigma della bega Macron – Pierre de Villiers.

«Il capo di Stato maggiore dell’esercito, il generale Pierre de Villiers, ha presentato le sue dimissioni al presidente Macron. Lo scorso 12 luglio de Villiers aveva duramente criticato le proposte sul bilancio della Difesa annunciate dal governo.»

Gilets Jaunes. È calato l’omertoso silenzio dei media liberal. Ma erano 84,000 ….

«Il coro generale è:

«Macron: vattene!»

La rivolta, che era iniziata per protestare con l’aumento delle tasse sui carburanti ed altri provvedimenti analoghi, si è trasformata nel tempo, molto rapidamente, in una generalizzata protesta con il regime di Mr Macron, che ha dovuto rimangiarsi tutti i provvedimenti presi ed indire degli stati generali.»

*

Francia. Tutti uniti contro il Governo, contro Macron.

«Il 5 è iniziato un lungo percorso di proteste nel paese transalpino a causa della riforma delle pensioni e anche i poliziotti sono pronti a scendere in piazza … E’ cominciato il «dicembre nero» francese. Sarà molto probabilmente un mese (e forse più) di scioperi, manifestazioni, incidenti, polemiche e vita dura per tutti quanti»

«L’uscita di scena di Delevoye porta a 16 il numero delle persone che hanno lasciato il governo dall’inizio del quinquennio di Macron, un record. L’Eliseo assicura che verrà sostituito al più presto.»

Tutto quello che c’è da sapere sul dossier Benalla che inguaia Macron

«L’ex collaboratore del presidente francese è in detenzione provvisoria. Secondo i giudici la scorsa estate non ha rispettato i vincoli, incontrando il suo ex collega Vincent Crase»

Macron perde un altro pezzo: se ne va anche Ismaël Emelien

«Il consigliere speciale faceva parte del giglio magico del presidente francese. L’addio sarebbe legato al suo coinvolgimento nell’affaire Benalla»

* * * * * * *

«Oggi nuova manifestazione. Si dimette ‘Monsieur Pensioni’ Premier convoca sindacati mercoledì»

«Si inasprisce il conflitto sociale in Francia, dove al tredicesimo giorno di paralisi dei trasporti 90.000 case sono rimaste senza luce a causa di azioni volontarie commesse da esponenti del sindacato CGT nella rete elettrica di Lione e della regione della Gironda (RTE).»

«La direzione del gestore della rete ha denunciato “atti ostili” legati al “movimento sociale” contro la riforma delle pensioni. Subito dopo, le azioni sono state rivendicate dalla CGT della RTE»

«Ancora una volta, come successo per Sylvie Goulard proposta da Macron alla Commissione europea, i riflettori hanno inquadrato zone d’ombra e il prescelto ha dovuto rinunciare»

«Intanto, l’esasperazione si sta facendo strada, a poco più di una settimana da Natale e con il Paese bloccato»

* * * * * * *

Già.

Più il tempo passa e più i francesi diventano violenti: sono esasperati.

Ivan IV era un vero dittatore a tutti gli effetti, e ben si era meritato l’appellativo di ‘Terribile’, ma era intelligente, furbo e scaltro. E non tradiva gli amici.

Mr Macron è la caricatura del dittatore, non volitivo, bensì testardo come tutti gli ex-maschi effemminati.

*


Pensioni: Francia nel caos. Manomessa rete, blackout 90.000 case

Oggi nuova manifestazione. Si dimette ‘Monsieur Pensioni’ Premier convoca sindacati mercoledì

Si inasprisce il conflitto sociale in Francia, dove al tredicesimo giorno di paralisi dei trasporti 90.000 case sono rimaste senza luce a causa di azioni volontarie commesse da esponenti del sindacato CGT nella rete elettrica di Lione e della regione della Gironda (RTE). La direzione del gestore della rete ha denunciato “atti ostili” legati al “movimento sociale” contro la riforma delle pensioni. Subito dopo, le azioni sono state rivendicate dalla CGT della RTE. Al momento di massima incidenza dell’azione di protesta, sono state 50.000 le case rimaste senza elettricità.

Intanto duro colpo per il governo di una Francia paralizzata da ormai 12 giorni per lo sciopero dei trasporti contro la riforma delle pensioni: si è dimesso, dopo giorni di polemiche, l’artefice del progetto voluto da Emmanuel Macron, il “Monsieur pensioni” Jean-Paul Delevoye.

Ancora una volta, come successo per Sylvie Goulard proposta da Macron alla Commissione europea, i riflettori hanno inquadrato zone d’ombra e il prescelto ha dovuto rinunciare.

Intanto, l’esasperazione si sta facendo strada, a poco più di una settimana da Natale e con il Paese bloccato.

Per le famiglie, venerdì – giorno della fine delle scuole – sarebbe stato l’inizio delle vacanze, degli spostamenti che spesso riuniscono le famiglie almeno per una volta all’anno.

Il 55% degli intervistati in un sondaggio definisce “inaccettabile” che si blocchi il paese durante le festività di fine anno ma la prospettiva sembra ora dopo ora farsi più concreta. La settimana scorsa si era parlato di un tavolo con i sindacati, invitati dal premier Edouard Philippe, per la giornata di ieri: nulla è invece accaduto e forse l’enorme grana delle dimissioni di Delevoye, arrivata alla vigilia della quarta giornata di manifestazioni, ha spinto il governo a soprassedere.

L’uomo di fiducia di Macron, che lo aveva nominato due anni fa per disegnare la riforma delle pensioni, ha parlato di “attacchi violenti” e “falsità” contro di lui ma con l’obiettivo reale di “colpire un progetto essenziale per la Francia”.

L’Eliseo ha incassato il colpo annunciando subito che “al più presto” Delevoye sarà sostituito. L’ideatore della riforma ha ammesso di aver “dimenticato” di dichiarare la sua carica di amministratore a titolo gratuito in un istituto legato alle assicurazioni. Ma sull’onda di questa scoperta, è finito sotto i riflettori ed è stato costretto ad ammettere che le “dimenticanze” erano state ben 13, pur se in gran parte senza scopo di lucro. Ha, per giunta, ricoperto la funzione governativa pur essendo presidente di un think-tank sull’educazione, una situazione imbarazzante al punto che l’interessato si è subito impegnato a restituire quanto percepito dagli incarichi non autorizzati.

Se l’opposizione più radicale ha cantato vittoria per questo smacco al governo, alcuni, come il responsabile dei sindacati autonomi dell’Unsa, Laurent Escure, ha ammesso che “ormai i negoziati e il dialogo si fanno con l’Eliseo e il governo”. Oggi, intanto, nuova manifestazione, la quarta se si conta quella praticamente passata inosservata di giovedì scorso.

Di fatto si tratta del terzo appuntamento, sul quale il sindacato punta per mostrare i muscoli alla vigilia della possibile apertura di un tavolo cruciale. Con Laurent Berger, il leader del sindacato riformista CFDT, apertamente contrario allo sciopero ad oltranza durante le feste.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Francia. Tutti uniti contro il Governo, contro Macron.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-09.

Macron 0801

Secondo l’ultimo sondaggio Odoxa il tasso di esecrabilità di Mr Macron avrebbe raggiunto il 65%.

Dato questo ben confermato dalla piazza.

«Il 5 è iniziato un lungo percorso di proteste nel paese transalpino a causa della riforma delle pensioni e anche i poliziotti sono pronti a scendere in piazza»

«E’ cominciato il «dicembre nero» francese. Sarà molto probabilmente un mese (e forse più) di scioperi, manifestazioni, incidenti, polemiche e vita dura per tutti quanti»

«La pietra dello scandalo è la riforma delle pensioni, per cui sono scattate già le prime proteste, voluta dal governo macronista del primo ministro Edouard Philippe che ha comunque ribadito l’intenzione dell’esecutivo su allungare l’età d’uscita dal lavoro»

«Ma i margini di compromesso sono scarsissimi quando è in gioco il settore francese dei trasporti ferroviari, i cui dipendenti beneficiano tradizionalmente di condizioni molto favorevoli, potendo lasciare il lavoro intorno ai 55 anni d’età»

«Un «no» durissimo sulle labbra della CGT (la tradizionale confederazione sindacale filocomunista), di Force Ouvrière (un tempo percepita come una UIL francese, oggi durissima col governo), di SUD (confederazione più movimentista), delle organizzazioni studentesche e di tanti sindacati di categoria»

«Però i problemi reali ci sono e sono grossi come il ritorno in piazza anche dei gilet gialli. Il « no » alla riforma pensionistica si salda con forme di malcontento che vanno dalle ristrutturazioni aziendali alla situazione, sempre più seria, degli ospedali»

«la riduzione dell’orario lavorativo da 40 a 35 ore settimanali, che è stata per certi aspetti un boomerang. Le 35 ore dovevano favorire le assunzioni («Lavorare meno, lavorare tutti!»), ma nella santità pubblica questo (per ragioni di bilancio) si è rivelato impossibile. Il risultato è che il personale ospedaliero lavora come prima senza aver ottenuto adeguati aumenti salariali, perché il passaggio alle 35 ore è coinciso con un forzato raffreddamento dei negoziati sulla busta paga»

«Uno spettro s’aggira per la Francia. Si chiama «convergenza delle lotte».»

«Proclamata contro la riforma pensionistica, la protesta si è estesa ad altri settori. Dal traffico aereo alla sanità, dall’istruzione ai trasporti urbani lo scenario della paralisi anche nei prossimi giorni è plausibile. In Francia i sindacati sono molto forti nel settore pubblico e molto deboli in quello privato. Persino i poliziotti, che non ne possono più dopo un anno di manifestazioni dei gilets gialli, sono pronti a scendere in strada. L’opposizione soffia sul fuoco di scioperi e manifestazioni.»

* * * * * * *

Me Macron ha alcuni illustri predecessori.

Il buon Re Luigi, finito sulla ghigliottina, e Mr Hollande, scomparso dall’agone politico.

*


Milano Finanza. 2019-12-08. Uno spettro s’aggira per la Francia: tutti uniti contro il governo.

Il 5 è iniziato un lungo percorso di proteste nel paese transalpino a causa della riforma delle pensioni e anche i poliziotti sono pronti a scendere in piazza. Analisi del dicembre nero

*

E’ cominciato il « dicembre nero » francese. Sarà molto probabilmente un mese (e forse più) di scioperi, manifestazioni, incidenti, polemiche e vita dura per tutti quanti. Previsione pessimistica ? Forse. Ipotesi plausibile ? Certamente. La pietra dello scandalo è la riforma delle pensioni, per cui sono scattate già le prime proteste, voluta dal governo macronista del primo ministro Edouard Philippe che ha comunque ribadito l’intenzione dell’esecutivo su allungare l’età d’uscita dal lavoro. Uomo di dialogo, quest’ultimo ha fatto molto per cercare un’intesa con le parti sociali prima di varare il suo progetto. A poco per ora sono serviti gli incontri governo-sindacati. Ma i margini di compromesso sono scarsissimi quando è in gioco il settore francese dei trasporti ferroviari, i cui dipendenti beneficiano tradizionalmente di condizioni molto favorevoli, potendo lasciare il lavoro intorno ai 55 anni d’età. Il governo ipotizza meccanismi che entreranno in vigore solo per i nuovi assunti, ma per la maggior parte dei sindacati questo non cambia nulla. La risposta è « no ». Punto e basta. Un « no » durissimo sulle labbra della CGT (la tradizionale confederazione sindacale filocomunista), di Force Ouvrière (un tempo percepita come una UIL francese, oggi durissima col governo), di SUD (confederazione più movimentista), delle organizzazioni studentesche e di tanti sindacati di categoria. Le parole di Edoaurd Philippe – « Vogliamo un regime pensionistico più stabile, più sicuro e più solido al posto dei 42 sistemi esistenti oggi in Francia » – si scontrano con un rifiuto dal sapore al tempo stesso politico e corporatista.

Però i problemi reali ci sono e sono grossi com il ritorno in piazza anche dei gilet gialli. Il « no » alla riforma pensionistica si salda con forme di malcontento che vanno dalle ristrutturazioni aziendali alla situazione, sempre più seria, degli ospedali. I problemi del personale medico e soprattutto infermieristico stanno diventando molto pesanti anche a causa di una riforma di vent’anni fa : la riduzione dell’orario lavorativo da 40 a 35 ore settimanali, che è stata per certi aspetti un boomerang. Le 35 ore dovevano favorire le assunzioni (« Lavorare meno, lavorare tutti ! »), ma nella santità pubblica questo (per ragioni di bilancio) si è rivelato impossibile. Il risultato è che il personale ospedaliero lavora come prima senza aver ottenuto adeguati aumenti salariali, perché il passaggio alle 35 ore è coinciso con un forzato raffreddamento dei negoziati sulla busta paga. Il problema è grave. Edouard Philippe lo sa ; e mercoledì ha lanciato il suo « piano d’emergenza per gli ospedali » : gli stanziamenti pubblici per il settore aumentano di 1,5 miliardi di euro su 3 anni e lo Stato si farà carico direttamente (sempre in 3 anni a partire dal 2020) di 10 miliardi di euro di debiti degli ospedali. Ma può essere poco per curare la malattia.

Uno spettro s’aggira per la Francia. Si chiama « convergenza delle lotte ». Oggi i francesi sono come i veneziani che ascoltano la sirena d’allarme. Tutti sapevano esattamente la data in cui il paese sarebbe stato sommerso dall’acqua alta del malcontento : il 5 dicembre, giorno appunto dello sciopero generale.

Proclamata contro la riforma pensionistica, la protesta si è estesa ad altri settori. Dal traffico aereo alla sanità, dall’istruzione ai trasporti urbani lo scenario della paralisi anche nei prossimi giorni è plausibile. In Francia i sindacati sono molto forti nel settore pubblico e molto deboli in quello privato. Persino i poliziotti, che non ne possono più dopo un anno di manifestazioni dei gilets gialli, sono pronti a scendere in strada. L’opposizione soffia sul fuoco di scioperi e manifestazioni. Quella di sinistra è in primissimo piano, ma anche l’estrema destra di Marine Le Pen (che, come nel caso dei Gilets gialli, potrebbe essere la vera beneficiaria politica delle proteste) cerca di dare il proprio interessato contributo alla « convergenza delle lotte ». I sondaggi confermano che oggi la Francia politica ha due poli, rappresentati dalla Le Pen e dal presidente Emmanuel Macron, che in caso di nuove presidenziali sarebbero, una volta di più, i protagonisti del ballottaggio. Macron vincerebbe ancora, ma la distanza tra i due si ridurrebbe di molto rispetto alle presidenziali del maggio 2017. Macron è alla metà del suo mandato all’Eliseo. La sua popolarità ha toccato il 64 per cento nel giugno 2017 e il punto più basso, col 23 per cento, nel dicembre 2018 (all’indomani dell’esplosione della crisi dei Gilet gialli). Oggi è del 34 per cento : più di François Hollande (che a metà mandato era al 14), ma meno di Nicolas Sarkoy (che era al 38 e che ha poi perso le elezioni). Paradossalmente la vera fortuna di Macron è proprio d’avere per sfidante la Le Pen, che ha un limitato potere di aggregazione al di là del suo elettorato del primo turno.

Quante volte, in dicembre, suonerà a Parigi la sirena dell’acqua alta ? Questo nessuno può dirlo. Lo sciopero generale del 5 dicembre potrebbe continuare a tempo indeterminato nel settore dei trasporti. Già i sindacati parlano di « sciopero illimitato », evocando uan frase utilizzata nel dicembre 1995, quando la Francia fu a lungo paralizzata sempre per bloccare una riforma delle pensioni (che il governo del primo ministro Alain Juppé fu effettivamente costretto a ritirare). Da Nizza a Rennes, da Perpignano a Lilla i francesi hanno di fronte settimane di pesanti difficoltà. Soprattutto nella regione parigina si teme il peggio. La vera novità rispetto alla crisi di fine 1995 sta nel fatto che ormai molte persone possono continuare a lavorare da casa. Il computer potrebbe essere il vero alleato di Macron.