Pubblicato in: Geopolitica Europea, Problemia Energetici, Sistemi Economici

Unione Europea. Il futuro energetico sarà nel nucleare.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-05-18.

 centrale-nucleare-di-temelin

Il problema è molto semplice.

La Commissione Europea ha deciso che l’Unione riprenderà sviluppo e costruzione di centrali nucleari.

«The Chernobyl nuclear disaster on April 26, 1986, was a shock for Europe – and a turning point. The accident made the consequences of nuclear power visible, and scuttled many plans for new nuclear power plants.

In the years since, reactors in Europe have become old and many European countries have come to resist nuclear power – motivated mainly by the long-term risks that underlie it.

However, about a third of all electricity in the European Union still comes from nuclear power, figures from the International Atomic Energy Agency (IAEA) show.

Monetary struggles

According to the World Nuclear Industry Status Report, in 2015 only 128 reactors are still functioning in the EU, of which almost half (58) are in France.

Two reactors under construction by the French nuclear company Areva in France and in Finland – started in 2005 and 2007 – will not be finished before 2018, years after they should already have gone online.

According to current estimates, these plants have already cost three times more than planned – about 9 billion euros ($10 billion) per plant.

The planned Hinkley Point C nuclear power station in England, spearheaded by French utility EDF, is also facing cost overruns, financing difficulties and delays to scheduled construction begin.»

*

«The French nuclear industry has not been able to sell a single new nuclear power plant for eight years. If EDF does not acquire Areva as planned, the company will likely face bankruptcy.

The European Commission has calculated costs for nuclear decommissioning and management of radioactive waste at 268 billion euros by 2050. A study from European Parliament Greens put that figure at 485 billion euros.

According to the EU, electric companies will only finance 150 billion euros of these costs.»

*

«Three EU member states – Finland, France and Slovakia – are currently constructing new nuclear plants. But all these projects are facing cost overruns and delays – works on Slovakia’s new reactors started in 1986.

By 2030, capacity expansions to existing nuclear facilities are planned or proposed in Bulgaria, the Czech Republic, Finland, France, Hungary, Lithuania, Poland and the United Kingdom – according to the World Nuclear Association, a pro-nuclear group.» [Fonte]

*

Il World Nuclear Industry Status Report riporta una realtà altamente sinistrata.

L’Europa non è più in grado di progettare e costruire una centrale nucleare.

E questo è un severo handicap strategico: non è solo questione di generare energia, bensì di know-how specifico e di tecniche ingegneristiche che consentano rapporti prestazioni/costi profittevoli.

La Hinkley Point C nuclear power station in costruzione nel Regno Unito è un chiaro esempio di quanto l’Europa sia rimasta arretrata. Significativo il fatto, non menzionato nel lavoro citato, che il Regno Unito abbia dovuto rivolgersi sia all’Edf, per onore di firma, ma anche alla China General Nuclear Power Corporation. 

Similmente, il reattore in costruzione a Flamanville, Normandia, sta evidenziando una lunga serie di triboli progettuali e costruttivi, segno del degrado delle conoscenza francesi in materia.

* * * * * * *

Per confronto, la situazione cinese sembrerebbe essere molto esplicativa.

«- Mainland China has 32 nuclear power reactors in operation, 22 under construction, and more about to start construction.

– Additional reactors are planned, including some of the world’s most advanced, to give more than a three-fold increase in nuclear capacity to at least 58 GWe by 2020-21, then up to 150 GWe by 2030, and much more by 2050.»

*

Secondo la World Nuclear Organization, vi sarebbero 64 centrali atomiche in costruzione o avanzata fase progettuale, 92 con progetto approvato ed iniziato, ed altre 79 allo studio perché presunte essere necessarie nel futuro.

*

Proseguendo in questa maniera, la Cina potrebbe diventare l’unico paese mondiale con una concreta esperienza progettuale e costruttiva.

* * * * * * *

Il problema europeo non è soltanto tecnico.

Il problema è strategico.

Se non si riuscisse a focalizzare il problema da questo punto di vista, il discorso si ridurrebbe a sterili quanto inutili discussioni sulle emissioni di anidride carbonica oppure sullo smaltimento delle scorie.

Sono significativi i documenti rilasciati recentemente dalla EU’s Energy Commission.

Commission presents report on investments in nuclear safety

Nuclear Illustrative Programme

Factual data on nuclear power generation

Recommendation on agreements with non-EU countries (article 103 Euratom Treaty)

* * * * * * *

La progettazione e la costruzione di una centrale atomica richiede grosso modo una dozzina di anni. Altrettanti anni sono necessari per ammortizzare i costi. L’arco temporale è quindi ventennale.

Il problema cardine è saper fare previsioni ragionevolmente certe su questi lassi di tempo.

Inevitabilmente entra in campo per l’Europa l’aspetto demografico. Se esaminato senza orpelli politici od ideologici, la realtà è che tra venti anni la popolazione europea autoctona sarà dimezzata, la produzione industriale ridotta ad un terzo dell’attuale, ed il pil ridotto ad un quarto dell’attuale. Queste sono le stime sulle quali si basano tutti gli attuali progetti strategici: piacciano o meno. Il nucleare diventa quindi conditio sine qua non per consentire almeno la sopravvivenza della popolazione residua.

Si faccia attenzione.

La svolta strategica prospettata dalla Commissione Europea sicuramente urterà contro l’ideologia dei residui partiti di sinistra in molte nazioni. Altrettanto sicuramente troverà nella Germania attuale fortissime resistenze.

Sulle così dette energie alternative sono stati fatti investimenti colossali: i soli aiuti statali dati dai paesi dell’Unione Europea a fondo perso hanno raggiunto negli ultimi quindici anni la cifra iperbolica di quasi 1,800 miliardi di euro. E questo sarebbe ancora il meno: questo immane fiume di denaro è stato monopolizzato dalle sinistre, che vedono arrivare la fine del loro monopolio in materia.

I membri della Commissione non sono sprovvidi. Sanno benissimo che Mr. Obama scomparirà dalla storia a novembre, Mr. Hollande ad aprile e Frau Merkel nell’autunno dell’anno prossimo. Sono oramai cascami della politica mondiale.

 

Deutsche Welle. 2016-05-17. European Union to pass strategy paper on nuclear energy

Ahead of a meeting of the EU’s Energy Commissioners, a report obtained by German media has revealed plans for the future of nuclear power in Europe. The plans run contrary to German policy.

*

Citing a strategy paper from EU on Tuesday, “Spiegel Online” reported that European Union (EU) plans to defend its technological dominance in the nuclear sector.

According to the document, the EU’S 28 member states should strengthen cooperation on researching, developing, financing and constructing new innovative reactors.

The paper is reportedly the basis for the European Commission’s future nuclear policy and is expected to be passed by the Energy Union Commissioners on Wednesday. The report would then be presented to the EU Parliament.

“Spiegel Online” reported that the EU plans to advance the mini-reactors, with the hope that such technology should be in use no later than 2030.

German nuclear phase-out

The plans are poles apart from Germany’s policy, however, which wants to end its use of nuclear power by 2022. As an alternative to nuclear energy, Berlin has pushed to increase renewable energy, such as wind and solar power. But a decision to shut down nuclear power following the 2011 Fukushima nuclear disaster in Japan has also left Germany reliant on dirty and readily available coal to produce power.

The task of safely decommissioning and dismantling nuclear power stations also promises to be expensive and controversial, and will take many years. While the government and nuclear industry are keen to get on with dismantling and removing reactors soon after they are shut down, the non-governmental organization International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW) has voiced concerns about the potential associated health risks.

The IPPNW’s preferred solution would require heavily contaminated elements such as spent fuel rods to be removed immediately, while less-contaminated buildings and equipment would be left in situ indefinitely.

However, E.ON – Germany’s largest electricity utility and owner of 11 nuclear stations – told DW that fencing off sites was neither more nor less safe than dismantling them. The utility argued instead that dismantling is a better solution in terms of the labor market consequences.

“IPPNW’s option would mean that 300 to 400 people who work at a nuclear site would abruptly lose their jobs,” said an E.ON spokesperson.

 

Rai News. 2016-05-17. Più nucleare per ridurre CO2 e gas russo: è la strategia della Commissione Ue.

La Commissione europea vuole “accelerare” la costruzione di reattori nucleari in Europa. Lo scrive oggi lo Spiegel online che cita un documento “strategico” di Bruxelles volto a “tutelare il predominio tecnologico nel settore nucleare” europeo. Secondo il documento, “gli stati membri devono rafforzare la cooperazione in materia di ricerca, sviluppo, finanziamento e costruzione di reattori di nuova generazione”. La documentazione deve costituire la base della futura politica atomica dell’Unione e servire da base di discussione, domani, per l’incontro dei commissari con competenze in politica energetica e successivamente essere sottoposto al vaglio del Parlamento europeo. Secondo questo progetto l’Ue dovrebbe accelerare in particolare la costruzione di minireattori che dovrebbero entrare in funzione al più tardi nel 2030. Nel documento viene proposto fra l’altro di migliorare il quadro degli investimenti con l’ipotesi di fondi dall’Efsi (il Fondo europeo per gli investimenti strategici), dalla Bei (la Banca europea per gli investimenti) e dai programmi di ricerca europei. L’obiettivo della Commissione Ue è duplice, riassume lo Spiegel online: ridurre la dipendenza dell’Europa dal gas russo e contemporaneamente ottemperare agli impegni di riduzione di Co2. Prioritario, si legge nel documento, resta l’obiettivo della sicurezza per qualsiasi attività nucleare. Attualmente nell’Unione europea sono in funzione 131 centrali nucleari in 14 Paesi che producono circa 121 Gigawatt al giorno. In altri 14 Paesi ci sono progetti per la costruzione di nuove centrali. La Germania, al contrario dovrebbe spegnere il suo ultimo reattore nucleare nel 2022. In Italia il nucleare è stato bandito da un referendum del 1986 e nel 2011 un nuovo referendum ha confermato la scelta degli italiani.

 

Rai News. 2015-08-10. Nucleare in Giappone, riparte il primo reattore dopo Fukushima tra le proteste dei cittadini.

Il nucleare torna a produrre energia in Giappone ed è subito polemica, con le proteste di cittadini contrari alla ripresa del programma. Dopo il disastro di Fukushima nel 2011, entra in funzione un primo reattore, nel rispetto delle più stringenti norme sulla sicurezza definite dopo l’incidente: la Kyushu Electric Power domani mattina farà ripartire il reattore numero 1 della centrale di Sendai, nella prefettura meridionale di Kagoshima, che secondo le previsioni della compagnia inizierà a generare elettricità venerdì, puntando a entrare nel ciclo commerciale ai primi di settembre. Kyushu Electric Power ha effettuato oggi tutte le verifiche in programma, a cominciare dalle barre di combustibile. Se la tabella dovesse essere rispettata, il reattore tornerà a funzionare domani mattina alle 10.30 (3.30 in Italia), con l’ipotesi di raggiungere il punto di criticità alle 23.00. A settembre dello scorso anno, l’impianto di Sendai fu il primo a soddisfare i requisiti sulla sicurezza introdotti nel 2013, in risposta alla crisi di Fukushima e che il governo definisce come le “più severe al mondo”. Il riavvio a Sendai segna di fatto la ripresa dell’investimento giapponese in un programma nucleare dopo due anni di assenza: gli oltre 40 reattori potenzialmente utilizzabili, al netto di quelli destinati a essere smantellati, sono tutti fermi. Il riavvio del programma nucleare nipponico avviene dunque a 4 anni dalla crisi di Fukushima del marzo 2011, dopo la quale il governo nipponico aveva riavviato due impianti nucleari, che però furono spenti nel 2013, causando due anni di blackout totale dal settore. Il governo del premier Shinzo Abe è pronto a riavviare circa i reattori considerati sicuri. “Il riavvio delle centrali nucleari confermate come sicure è importante nella nostra politica energetica”, ha infatti commentato il portavoce del governo, Yoshihide Suga, riprendendo le posizioni del premier Shinzo Abe sull’atomo a uso civile come uno dei pilastri della politica energetica nazionale. Gli attivisti antinucleari hanno però protestato intorno alla centrale di Sendai e non hanno fatto mancare una manifestazione vicino alla sede in cui si trova il primo ministro. Secondo alcuni sondaggi, i cittadini giapponesi sarebbero contrari al programma nucleare. Contro la riattivazione di alcuni reattori era stato fatto anche un ricorso legale nella prefettura giapponese di Aichi, a ovest di Tokyo: lo scorso aprile due reattori della centrale nucleare di Takahama sarebbero dovuti tornare in funzione, ma il tribunale distrettuale di Fukui ha deciso di bloccare tutto accogliendo l’ingiunzione degli abitanti della zona, preoccupati per la sicurezza.

Advertisements

2 pensieri riguardo “Unione Europea. Il futuro energetico sarà nel nucleare.

I commenti sono chiusi.