Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Italia. ‘Eurozone exit’. Italexit. Si inizia a parlarne.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-24.

2020-05-21__Accatone 013

Tutte le valanghe iniziano con quattro sassolini. Poi, questi iniziano a ruzzolare ed a trasportarsene appresso degli altri. Ma quando la valanga è in atto, nulla può arrestarla e tutto distrugge sul suo cammino.

Il sussurrare prima, il parlarne apertamente dopo, sembrerebbero essere i primi quattro sassolini: potrebbero fermarsi lì, ma non si sa mai. Chi fuggisse subito forse potrebbe salvarsi.

O segnali sono tre, forti e chiari.

Il primo segnale consiste nel fatto che dai primi di aprile tutti i media liberal usano il termine ‘bloc’ per designare quelle che prima denominavano ‘Unione Europea’. Se disgregare la ‘Unione Europea’ sarebbe stata una eresia degna del rogo, bonificare un ‘bloc’ degli stati incompatibili diventerebbe un’opera di potatura quasi doverosa.

Il secondo segnale consiste invece nel fatto che il termine ‘new lira’ sta iniziando a comparire alla chetichella, ma proposto con forte veemenza.

Il terzo segnale è l’uso del termine ‘Italexit’ utilizzato non più per segnalare l’uscita dell’Italia dal blocco europeo, bensì solo dalla eurozona.

«EU cracks: Italy warned it could face eurozone exit»

«Italy should seek help from its own wealthy citizens, rather than relying on Germany and other EU countries»

«Manfred Weber, leader of the European People’s Party in the European Parliament, became the latest figure to speak out, calling for “strict controls” to prevent Italy and Spain embarking on massive public spending sprees using EU cash»

«Hans-Olaf Henkel suggested the best solution would be for Italy to leave the eurozone and go back to their own currency, which he dubbed the “new lira”»

«The former MEP explained: “I share Soros’ views on Italy but do not believe that there is any justification to show ‘financial solidarity with Italy because of the corona crisis’.»

«”What have Germans to do with the decisions taken by Italian politicians on their health system or the (very late) decisions on the lockdown in Lombardy?»

«”On average the per capita wealth of Italians is way above the wealth of for instance Germans.»

«”So, before Italian politicians like Salvini or Conte or anybody claims money from citizens of other countries to mitigate the financial results of their decisions they should ask their own wealthy people to show solidarity with their own people.»

«”Rather than letting Italian politicians borrow money from and at the risk of other countries, Germany should make a generous gift in exchange for Italy leaving the eurozone and go back to their own currency (New Lira)!»

«”This way Italy’s Central Bank could devalue their currency to become competitive again, get the economy back on its (own) feet and prosper like Italy did before the euro.”»

«”The real bombshell severely damaging the EU did already go off: Brexit!»

* * * * * * *

È nella logica delle cose che i paesi europei virtuosi non ne vogliano più sapere di finanziare le allegre gestioni italiane.

Che l’Italia lasci l’eurozona senza uscire dal blocco potrebbe essere una soluzione di compromesso.

Ma facendo quattro conti della serva, l’Italia andrebbe incontro ad un’inflazione venezuelana, aggravata dal fatto che nessuno sano di mente acquisterebbe i suoi titoli di stato.

L’ultima cosa che resterebbe da fare sarebbe il devolvere almeno un terzo delle ricchezze ancora detenute dai privati a ripianare almeno in parte il debito delle amministrazioni pubbliche. Ma senza cambiare la struttura dello stato, questo riprenderebbe imperterrito sulla strada già seguita.

Riassumendo, per l’Italia si prospetta la società delle miseria.

*


EU cracks: Italy warned it could face eurozone exit as coronavirus crisis deepens

ITALY should seek help from its own wealthy citizens, rather than relying on Germany and other EU countries, to bail it out as it struggles to bounce back from the coronavirus pandemic, a former MEP and economist has warned.

And Hans-Olaf Henkel suggested the best solution would be for Italy to leave the eurozone and go back to their own currency, which he dubbed the “new lira”. Mr Henkel was speaking against the backdrop of widening splits between the north and the south of the bloc, and particularly Germany and Italy, on how best to mitigate the economic and societal impacts of the virus.

Manfred Weber, leader of the European People’s Party in the European Parliament, became the latest figure to speak out, calling for “strict controls” to prevent Italy and Spain embarking on massive public spending sprees using EU cash.

Mr Henkel was also responding to comments by billionaire europhile George Soros, who last week suggested the EU had a duty to help Italy, which has been hit harder by the disease than anywhere else in the bloc, by spreading the cost of rebuilding the country’s economy among members of the eurozone.

The former MEP explained: “I share Soros’ views on Italy but do not believe that there is any justification to show ‘financial solidarity with Italy because of the corona crisis’.

“What have Germans to do with the decisions taken by Italian politicians on their health system or the (very late) decisions on the lockdown in Lombardy?

“On average the per capita wealth of Italians is way above the wealth of for instance Germans.

“So, before Italian politicians like Salvini or Conte or anybody claims money from citizens of other countries to mitigate the financial results of their decisions they should ask their own wealthy people to show solidarity with their own people.

“Rather than letting Italian politicians borrow money from and at the risk of other countries, Germany should make a generous gift in exchange for Italy leaving the eurozone and go back to their own currency (New Lira)!

“This way Italy’s Central Bank could devalue their currency to become competitive again, get the economy back on its (own) feet and prosper like Italy did before the euro.”

Mr Henkel, who stressed his respect for a “globalised, liberal and democratic world”, added: “I know Soros from a meeting some years ago when we discussed the first euro crisis.

“At that time I advocated the euro to be split into a ‘Northern Euro’ and a ‘Euro for the South’, in each case the currency to reflect the different economic realities prevailing in, for example, Greece, Italy and France on one hand and, for instance, in Austria, The Netherlands and Germany on the other.”

Addressing a proposed solution – “forever bonds”, in other words, loans which would never have to be repaid, he added: “Soros’ idea of eternal European loans may work on a national basis like they did in the UK and in the US in World War 1, but they would not work on a European level.

“Not only would we be confronted with the same moral hazard such as in the case of euro- or coronabonds, they would also be limited to the eurozone hence create a new border within Europe.

“On one side are those with solidarity for Italy like Germany.

“On the other are those without like Denmark or Sweden or Poland, none of them being in the eurozone.

“The real bombshell severely damaging the EU did already go off: Brexit!

“And here both Soros and I engaged heavily to avoid it.

“We both seem to agree that it is a disaster for both Britain and the EU.

“At the end, it might be more one for the EU than the UK.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. I tedeschi valutano la decisione della Corte Costituzionale.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-20.

Signorelli Luca (1445-1523). Dannati all'inferno (1499-1502), dettaglio 2, Cappella di San Brizio, Duomo di Orvieto

Abbiamo già riportato la sentenza con la quale la Corte Costituzionale tedesca ha dichiarato guerra alla Corte Europea.

Suprema Corte, ECB e Corte Costituzionale tedesca, ovvero il chaos.

«Germany’s constitutional court has ruled that the European Central Bank’s stimulus program partly contravenes German law, because neither the German government nor parliament signs off on the spending»

«The judges in Karlsruhe raised concerns back in 2017 that one specific part of the bond-buying program, the Public Sector Purchase Program (PSPP), could engage in economic policy and direct government financing, both of which the ECB is prohibited from doing»

«the central bank’s bond buying program was not within its sole mandate of ensuring price stability.»

«The European Court of Justice took up the case and ruled in December 2018 that the ECB’s decision to buy sovereign bonds was valid and within the bank’s mandate, despite the concerns voiced by some in Germany.»

«the verdict is a very explosive thing. ….The Bundesbank [Germany’s central bank] will — after a transitional period of three months — be barred from taking part in the ECB’s PSPP program.»

* * *

La sentenza della Corte Costituzionale tedesca ripropone in modo imperativo la questione se gli stati membri dell’Unione debbano o meno sottostare alle decisione della Corte Europea. Ma questo è un problema politico più che giuridico. I tedeschi hanno rivendicato una loro propria autonomia, esattamente ciò che condannano nei paesi quali la Polonia e l’Ungheria. E questo è stato il vero motivo della Brexit.

Adesso i tedeschi stanno ripensando a quanto è accaduto, ed alle sue conseguenze.

«Tuesday’s ruling by Germany’s constitutional court may have been aimed squarely at the European Central Bank’s bond-buying economic stimulus plans»

«But it also has the potential to shake the very foundations of the European Union itself»

«For what the panel of German jurists did was claim the right of national courts to decide when European law overrules local law, and when it doesn’t»

«That challenges the supremacy of the Luxembourg-based European Court of Justice (ECJ) and sets a precedent for future challenges by Eurosceptics across the bloc.»

«This looks more like a message to the ECJ rather than a serious challenge to the ECB. The real issue is, who gets to interpret the law»

«The European Court of Justice had already ruled in December 2018 that the two-trillion-euro stimulus package put in place by the ECB to kickstart the economy after the sovereign debt crisis of a decade ago was in line with EU law.»

«But in a sharply worded ruling in response to a complaint by German activists who say the scheme is ruinously profligate, the German judges dismissed the ECJ ruling as “incomprehensible” and criticised it for not properly addressing whether the ECB scheme was proportionate to the needs of the eurozone economy»

«it concluded that the ECJ ruling was therefore “ultra vires”»

«With the stakes no less than the credibility of the institutions running the euro single currency, the ruling has sent reverberations across the 27-nation zone.»

«For several months, the Polish government has been clearly saying that the EU cannot overstep its competences»

«some fear it could have political consequences»

«Europe cannot work if national constitutional courts decide unilaterally when the Luxembourg court has primacy. Expect Hungary’s and Poland’s constitutional courts to follow this precedent»

«Some EU-watchers are starting to wonder whether the outcome of the clash between the highest courts in Germany’s and the EU could ultimately require the EU to rewrite the rules on which its whole power structures are based – a process that would throw open a Pandora’s Box of conflicting visions»

«The German Court is telling the European Court that …. the ECJ was completely wrong and did its work in an irresponsible way»

* * * * * * *

Tra le numerose considerazioni, alcune parrebbero essere di portata generale.

– Per decenni i liberal socialisti europei hanno governato l’Unione utilizzando le corti di giustizia, i giudici delle quali erano, e sono tuttora, loro sodali.

– Sempre per decenni i liberal socialisti europei hanno imposto l’adesione alla loro Weltanschauung come prerequisito per intrattenere rapporti politici ed economici.

– Questa sentenza della Corte Costituzionale tedesca tarpa alla radice il potere che i liberal socialisti ancora potevano esercitare.

– Ma se Germania, Polonia ed Ungheria si sono ribellate all’usbergo giuridico europeo, anche l’Italia potrebbe fare altrettanto, sempre che lo volesse.

*


Our way or no way? German ECB ruling rocks EU foundations

Tuesday’s ruling by Germany’s constitutional court may have been aimed squarely at the European Central Bank’s bond-buying economic stimulus plans. But it also has the potential to shake the very foundations of the European Union itself.

For what the panel of German jurists did was claim the right of national courts to decide when European law overrules local law, and when it doesn’t. That challenges the supremacy of the Luxembourg-based European Court of Justice (ECJ) and sets a precedent for future challenges by Eurosceptics across the bloc.

“This looks more like a message to the ECJ rather than a serious challenge to the ECB. The real issue is, who gets to interpret the law,” said one senior EU official speaking on condition of anonymity.

Since its founding 1957 Treaty of Rome, European Union has been an unparalleled experiment in national sovereignty-sharing. While members retain a great deal of autonomy, its rules set out where EU law – as interpreted by the ECJ – must hold sway.

To be sure, there has been a long history of national courts probing how far they can push their own competence, and of local politicians noisily complaining about EU “diktats”.

But the right of the ECJ to define where EU law is supreme was a principle that even Britain broadly accepted before its exit from the bloc this year. Now that notion has been disputed by a court of a founding EU member, which also happens to be its biggest economy and the main contributor to its budgets.

Moreover it comes at a testing time for a bloc struggling to coordinate its response to the coronavirus pandemic and dealing with the aftermath of Brexit, the hitherto unthinkable departure of a large country from its club of nations.

“ULTRA VIRES”

The European Court of Justice had already ruled in December 2018 that the two-trillion-euro stimulus package put in place by the ECB to kickstart the economy after the sovereign debt crisis of a decade ago was in line with EU law.

But in a sharply worded ruling in response to a complaint by German activists who say the scheme is ruinously profligate, the German judges dismissed the ECJ ruling as “incomprehensible” and criticised it for not properly addressing whether the ECB scheme was proportionate to the needs of the eurozone economy.

Crucially, it concluded that the ECJ ruling was therefore “ultra vires” – Latin for overstepping authority – and gave the ECB three months to come back and prove that the bond purchases were justified by the demands of the economy.

With the stakes no less than the credibility of the institutions running the euro single currency, the ruling has sent reverberations across the 27-nation zone.

While the European Commission, the Brussels-based executive arm of the EU, issued a statement reaffirming that rulings of the European Court of Justice are binding on national courts, the nationalist-minded Polish government cried victory.

“For several months, the Polish government has been clearly saying that the EU cannot overstep its competences,” said Deputy Justice Minister Sebastian Kaleta, whose government has long argued for powers to be returned to national capitals.

HEADING FOR A REWRITE?

It is too early to say how this will play out for the EU.

Beyond the shadow that it has cast on the ECB’s stimulus package at a time when the eurozone economy has been plunged into deep recession by lockdowns aimed at halting the new coronavirus, some fear it could have political consequences.

A report by U.S. democracy watchdog Freedom House on Wednesday highlighted democratic concerns in Poland and Hungary, both of which have challenged EU provisions on rule of law that were conditions for their membership in the first place.

“I am very worried about the future of Europe,” said Luis Garciano, a liberal Spanish Member of the European Parliament.

“Europe cannot work if national constitutional courts decide unilaterally when the Luxembourg court has primacy. Expect Hungary’s and Poland’s constitutional courts to follow this precedent,” he said.

Kaleta did not specify in his statement whether Warsaw would take specific action as a result of the ruling, only noting that it was “relevant” for Poland.

Some EU-watchers are starting to wonder whether the outcome of the clash between the highest courts in Germany’s and the EU could ultimately require the EU to rewrite the rules on which its whole power structures are based – a process that would throw open a Pandora’s Box of conflicting visions.

“The German Court is telling the European Court that, in a matter which none of the two have expertise in, the ECJ was completely wrong and did its work in an irresponsible way,” said Carsten Brzeski, a Frankfurt-based economist for ING bank.

“This seems to be legal language for: we hear what you say but we disagree and therefore do everything to disagree. Means that actually there is no other way than rewriting the European Treaties.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Materie Prime

Acciaio. Primo Trimestre. Mondo -1.4%, Italia -40.2%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-17.

Acciaio a rotoli 001

«Complessivamente, la produzione mondiale di acciaio grezzo è stata di 443 milioni di tonnellate nei primi tre mesi del 2020, in calo dell’1,4% rispetto allo stesso periodo del 2019»

«la produzione del primo trimestre 2020 in Asia è diminuita soltanto dello 0,3% rispetto al 2019, sostenuta in gran parte dalla produzione cinese, aumentata dell’1,2% durante il trimestre»

«nel Nord America, …. la produzione è diminuita del 4%.»

«La produzione in Giappone è diminuita del 9,7% e negli Stati Uniti del 6%.»

«riduzioni della produzione di acciaio grezzo a doppia cifra in nazioni come l’Italia (-40,2%), la Germania (-20,9%), la Francia (-13,2%) e la Spagna (-14,6%).»

* * * * * * *

Cina. Innalzati i dazi sui tubi di acciaio EU ed USA.

Messi i dazi sull’acciaio inossidabile da Cina, Indonesia e Taiwan.

Cina. Tassa anti-dumping sull’acciaio da EU, Indonesia, Giappone, Sud Korea.

* * *

Con una crisi economica di portata mondiale ci si sarebbe attesi un calo significativo della produzione di acciaio, che invece a livello mondiale scendo solo del -1.4%: anzi, in Cina è aumentata, anche se di poco, dell’1.2%.

Il crollo è avvenuto invece nei paesi produttori dell’Unione Europea: l’Italia ha mostrato un -40.2%, ma contrazioni a due cifre sono presenti in Germania, Francia e Spagna.

È in corso una guerra dei dazi, ove l’Unione Europea accusa la Cine di dumping, e, viceversa, la Cina accusa l’Unione Europea di fare altrettanto.

Il nodo però risiede nel fatto che i prezzi europei di produzione sono totalmente fuori mercato, anche se stati ed Unione elargiscono sussidi per consentire un minimo di export.

*


Acciaio: i numeri drammatici del crollo di marzo.

Gli ultimi dati della World Steel Association fotografano impietosamente il crollo della produzione di acciaio in molti paesi, tra cui anche l’Italia.

I produttori di acciaio in Europa e in Asia hanno fatto la loro parte nel tagliare la produzione a seguito della pandemia di COVID-19.

Tutti si aspettavano quindi una riduzione cospicua delle tonnellate prodotte a marzo. Ma leggere numeri così drammatici a consuntivo fa comunque un certo effetto, anche pensando che nei mesi successivi potrebbe essere ancor peggio.

Crollo del 40,2 percento in Italia

Le misure di lockdown per contenere i contagi hanno portato a riduzioni della produzione di acciaio grezzo a doppia cifra in nazioni come l’Italia (-40,2%), la Germania (-20,9%), la Francia (-13,2%) e la Spagna (-14,6%). Secondo la World Steel Association, la produzione globale di acciaio grezzo di marzo per i 64 paesi che aderiscono all’associazione ammontava a 147,1 milioni di tonnellate, con una diminuzione del 6% rispetto ai 156,5 milioni di tonnellate prodotte lo stesso mese dello scorso anno.

Oltre ai paesi già citati, anche due degli altri maggiori produttori di acciaio del mondo hanno tirato il freno a mano: Giappone e Stati Uniti. La produzione in Giappone è diminuita del 9,7% e negli Stati Uniti del 6%.

In Cina, la cui economia è stata colpita per prima dal coronavirus, il PIL si è ridotto di oltre il 6% nel primo trimestre. Inoltre, la produzione di acciaio a marzo è diminuita dell’1,7% rispetto a marzo 2019.

Ma la produzione cinese rimane forte

Tuttavia, la produzione del primo trimestre 2020 in Asia è diminuita soltanto dello 0,3% rispetto al 2019, sostenuta in gran parte dalla produzione cinese, aumentata dell’1,2% durante il trimestre. Non così è stato per l’Unione Europea, la cui produzione è diminuita del 10% rispetto allo stesso trimestre del 2019. Stessa cosa nel Nord America, dove la produzione è diminuita del 4%.

Complessivamente, la produzione mondiale di acciaio grezzo è stata di 443 milioni di tonnellate nei primi tre mesi del 2020, in calo dell’1,4% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Francia. Disoccupati 7.8%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-14.

2020-05-14__Francia Disoccupato 013

Il tasso di disoccupazione francese è 7.8% nel primo trimestre di questo anno. Il valore atteso era 8.4%.

*

Questo dato è di difficile interpretazione.

Infatti, sembrerebbe proseguire la riduzione della disoccupazione anche nel primo trimestre di questo anno, con la crisi economica indotta dall’epidemia di coronavirus. Dato questo è sorprendente: difficilmente in un periodo di crisi aumenta la occupazione.

Non solo. Tutti gli altri dati macro relativi al primo trimestre non sono per nulla buoni: la produzione industriale, per fare solo un esempio, a marzo era crollata del -16.2%.

Francia. Marzo. Produzione Industriale -16.2% mese su mese.

Francia. Pil primo trimestre -5.8%, contro il -3.5% previsto.

Francia. Indicatori Macro PMI da obitorio.

Banca di Francia. Pil 2020 Q1 a -6%. ‘Prospettive desolanti’.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

EU. Suprema Corte, ECB e Corte Costituzionale tedesca, ovvero il chaos.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-06.

Brenno 001

Si faccia molta attenzione!

Questo problema potrebbe causare la morte economica e finanziaria dell’Italia e, di conseguenza, dei Cittadini italiani.

*

In questa Unione Europea vige il dogma per cui dovrebbe esistere la divisione dei poteri. Tutti sono di accordo che la politica non dovrebbe intromettersi nella giustizia, ma tutti accettano senza fiatare che la giustizia faccia politica.

Vediamo adesso chi siano gli attori della diatriba che, del tutto casualmente, è scoppiata proprio in mezzo alla crisi del coronavirus ed alla ripresa dei QE da parte della banca centrale. Il fascicolo giaceva dal 2015 presso la Corte Costituzionale tedesca.

* * * * * * *

Così l’Ecb si autodefinisce.

«La Banca centrale europea (BCE) è la banca centrale dei 19 Stati membri dell’Unione europea che hanno adottato l’euro. Il nostro obiettivo principale è mantenere la stabilità dei prezzi nell’area dell’euro e preservare così il potere di acquisto della moneta unica.

La BCE è un’istituzione ufficiale dell’UE che si colloca al centro dell’Eurosistema e anche del Meccanismo di vigilanza unico, per quanto riguarda la vigilanza sulle banche.

La nostra missione è servire i cittadini europei salvaguardando il valore dell’euro e mantenendo la stabilità dei prezzi.

Definiamo e attuiamo la politica monetaria per l’area dell’euro e svolgiamo una serie di altre funzioni, fra le quali la vigilanza bancaria. ….

*

Dal 1° gennaio 1999 la Banca centrale europea (BCE) ha assunto la responsabilità della conduzione della politica monetaria per l’area dell’euro, che rappresenta la seconda maggiore economia al mondo dopo gli Stati Uniti.

L’area dell’euro è nata nel gennaio 1999, quando le banche centrali nazionali (BCN) di 11 Stati membri dell’Unione europea (UE) hanno trasferito alla BCE le proprie competenze in materia di politica monetaria. La Grecia vi ha aderito nel 2001, la Slovenia nel 2007, Cipro e Malta nel 2008, la Slovacchia nel 2009, l’Estonia nel 2011, la Lettonia nel 2014 e la Lituania nel 2015. La creazione dell’area dell’euro e di un nuovo organo sovranazionale, la BCE, ha segnato una pietra miliare nella lunga e complessa storia dell’integrazione europea. ….

La base giuridica della politica monetaria unica è definita dal Trattato sul funzionamento dell’Unione europea e dallo Statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea. Lo Statuto ha posto in essere la BCE e il Sistema europeo di banche centrali (SEBC) dal 1° giugno 1998. La Banca centrale europea costituisce il nucleo dell’Eurosistema e del SEBC. La BCE e le banche centrali nazionali svolgono in collaborazione i compiti ad esse conferiti. La BCE è dotata di personalità giuridica ai sensi del diritto pubblico internazionale. ….

Il Consiglio direttivo è il principale organo decisionale della BCE. Comprende:

    i sei membri del Comitato esecutivo

    i governatori delle banche centrali nazionali dei 19 paesi dell’area dell’euro. ….»

 L’indipendenza della BCE favorisce il mantenimento della stabilità dei prezzi. Ciò trova conferma in analisi teoriche e riscontri empirici di ampia portata riguardo all’indipendenza delle banche centrali.

L’indipendenza della BCE è sancita dal Trattato e dallo Statuto nel quadro istituzionale della politica monetaria unica.

Né la BCE, né le BCN, né i membri dei rispettivi organi decisionali possono sollecitare o accettare istruzioni dalle istituzioni o dagli organi dell’Unione europea, dai governi degli Stati membri o da qualsiasi altro organismo.

Le istituzioni e gli organi dell’UE nonché i governi degli Stati membri sono tenuti a rispettare tale principio e a non cercare di influenzare i membri degli organi decisionali della BCE (articolo 130 del Trattato). ….

competenza della Corte di giustizia dell’Unione europea a dirimere qualsiasi controversia in materia.»

Riassumiamo.

Le cariche della banca centrale specialmente la presidenza, sono di nomina politica, approvate dal Consiglio Europeo e ratificate dall’europarlamento.

Una prima anomalia è costituita dal fatto che solo una parte di stati membri dell’Unione ha accettato la valuta europea e, quindi, l’autorità dell’Ecb, ma concorrono alla nomina del Presidente.

La seconda anomalia è costituita dal fatto che l’Ecb da regolatrice e prestatrice di ultima istanza attuando i QE si è tramutata in compratrice di ultima istanza, funzione che i Trattati non le avevano attribuito. Ma questa funzione le fu imposta dal Consiglio Europeo: ossia il potere politico si intromise, e pesantemente, nella così detta autonomia dell’Ecb.

A mente dei Trattati, ricordiamo, avrebbe dovuto essere la Corte Europea a dirimere eventuali controversie.

* * * * * * *

«La Corte costituzionale federale tedesca (Bundesverfassungsgericht – BVerfG) è un’istituzione della Repubblica federale tedesca per amministrare la giustizia costituzionale. Nata nel dopoguerra, ha sede nella città di Karlsruhe.

La Legge Fondamentale (così è denominata la Costituzione tedesca) le ha attribuito il diritto di annullare i provvedimenti legislativi che, seppur promulgati secondo le norme democratiche, vìolino i principi della Costituzione. È un organo di natura giurisdizionale formato da sedici giudici eletti per metà dai membri del Bundestag e per metà dal Bundesrat.

La nomina dei 16 giudici compete per metà al Bundestag (il parlamento federale) e per metà al Bundesrat (la camera che rappresenta i Länder). Il Bundestag designa i giudici di propria competenza attraverso un comitato di 12 grandi elettori, di cui fanno parte parlamentari eletti dalla medesima camera con metodo proporzionale, che delibera con la maggioranza dei due terzi dei voti. Il Bundesrat designa i giudici di propria competenza, su proposta di una apposita commissione, attraverso il voto pubblico e diretto dell’intero consesso espresso con una maggioranza di due terzi.

La durata della carica è fissata a 12 anni, ma termina comunque al raggiungimento dell’età di 68 anni.» [Fonte]

Come si constata, i giudici costituzionali tedeschi sono tutti di nomina politica e provengono da partiti politicamente attivi. Difficile dire che siano “indipendenti“.

* * * * * * *

«Germany’s constitutional court has ruled that the European Central Bank’s stimulus program partly contravenes German law, because neither the German government nor parliament signs off on the spending»

«Germany’s Constitutional Court largely upheld several complaints against the European Central Bank’s purchase of government bonds under a program started in 2015 and meant to boost the economy and stoke inflation toward the central bank’s own target of just below 2%»

«The judges in Karlsruhe raised concerns back in 2017 that one specific part of the bond-buying program, the Public Sector Purchase Program (PSPP), could engage in economic policy and direct government financing, both of which the ECB is prohibited from doing»

«The overall asset purchasing scheme was used between 2015 and 2018 to buy government bonds and other securities worth approximately €2.6 trillion ($2.9 trillion) with the aim of boosting the economy. Over €2.1 trillion in purchases were made as part of the PSPP.»

«The program also knows as quantitative easing was reactivated in November of last year against the backdrop of trade conflicts, the specter of Brexit and other headwinds impacting the eurozone economy.»

«Government and lawmakers need to scrutinize ECB decisions

Germany’s supreme court stated it could not find any proof of direct government financing by the ECB. But it found that both the German government and lawmakers had failed to scrutinize the objectives and mechanisms involved in the ECB’s bond buying program. The judges said there had never been a thorough analysis of whether the ECB’s PSPP scheme was really an adequate measure to boost the economies of the 19-member eurozone.»

«the central bank’s bond buying program was not within its sole mandate of ensuring price stability.»

«The European Court of Justice took up the case and ruled in December 2018 that the ECB’s decision to buy sovereign bonds was valid and within the bank’s mandate, despite the concerns voiced by some in Germany.»

«the verdict is a very explosive thing. ….The Bundesbank [Germany’s central bank] will — after a transitional period of three months — be barred from taking part in the ECB’s PSPP program.»

*

«Riaffermiamo il primato della legge europea e il fatto che le decisioni della Corte europea sono vincolanti su tutte le Corti nazionali.»

«La BCE dovrà ora dimostrare che il programma è davvero proporzionato per ottenere l’approvazione del governo tedesco e dei legislatori»

«Il governo federale e il Bundestag sono impegnati di contrastare la gestione passata del Pspp»

«quella della Corte costituzionale suona come “una dichiarazione di guerra” nei confronti della Corte di Giustizia europea che, nel 2018, aveva sancito la legalità del Qe sotto tutti gli aspetti»

* * * * * * *

In cauda venenum.

– La sentenza della Corte Costituzionale tedesca ripropone in modo imperativo la questione se gli stati membri dell’Unione debbano o meno sottostare alle decisione della Corte Europea. Ma questo è un problema politico più che giuridico. I tedeschi hanno rivendicato una loro propria autonomia, esattamente ciò che condannano nei paesi quali la Polonia e l’Ungheria.

– Dietro la sentenza si cela, ed anche molto male, il Governo tedesco, da sempre insofferente a dover finanziare il QE che privilegia gli acquisti di titoli di stato di paesi in difficoltà, ed in misura ben maggiore alla loro quota di rappresentanza nell’Unione.

*

Anche se non si andasse al confronto diretto, questo è un warning che peserà sulla futura conduzione sia dell’Ecb sia della Commissione Europea.

Ma in caso di confronto e di blocco del PSPP, molte nazioni correrebbero il rischio concreto e tangibile del default.

Da ultimo, ma non certo per ultimo, si constata come il sistema giudiziario dei paesi europei sia la vera sede del potere politico, esercitato per interposte persone, nemmeno suffragate dal voto popolare. È la dittatura dei giudici.

*


Top German court says ECB bond buying scheme partially contravenes the law.

Germany’s constitutional court has ruled that the European Central Bank’s stimulus program partly contravenes German law, because neither the German government nor parliament signs off on the spending.

Germany’s Constitutional Court largely upheld several complaints against the European Central Bank’s purchase of government bonds under a program started in 2015 and meant to boost the economy and stoke inflation toward the central bank’s own target of just below 2%.

Tuesday’s ruling by Germany’s surpreme court was the result of years of debate over the role of the eurozone’s central bank. It did not cover current ECB aid issued in response to the coronavirus crisis, with the ECB having launched a special Pandemic Emergency Purchase Program.

The judges in Karlsruhe raised concerns back in 2017 that one specific part of the bond-buying program, the Public Sector Purchase Program (PSPP), could engage in economic policy and direct government financing, both of which the ECB is prohibited from doing.

The overall asset purchasing scheme was used between 2015 and 2018 to buy government bonds and other securities worth approximately €2.6 trillion ($2.9 trillion) with the aim of boosting the economy. Over €2.1 trillion in purchases were made as part of the PSPP. 

The program also knows as quantitative easing was reactivated in November of last year against the backdrop of trade conflicts, the specter of Brexit and other headwinds impacting the eurozone economy.

Government and lawmakers need to scrutinize ECB decisions

Germany’s supreme court stated it could not find any proof of direct government financing by the ECB. But it found that both the German government and lawmakers had failed to scrutinize the objectives and mechanisms involved in the ECB’s bond buying program. The judges said there had never been a thorough analysis of whether the ECB’s PSPP scheme was really an adequate measure to boost the economies of the 19-member eurozone.

The court thus sided with several groups of plaintiffs including economist and former far-right AfD leader Bernd Lucke as well as Peter Gauweiler, a former senior member of Bavaria’s conservative CSU party. They had argued that the central bank’s bond buying program was not within its sole mandate of ensuring price stability.

Ping-ponging with EU court

It were some judges at the Federal Constitutional Court themselves who back in 2017 started the ball rolling by raising concerns that a specific part of the bond buying program, the Public Sector Purchase Program (PSPP), could directly engage in economic policy which the ECB is not allowed to do.

The European Court of Justice took up the case and ruled in December 2018 that the ECB’s decision to buy sovereign bonds was valid and within the bank’s mandate, despite the concerns voiced by some in Germany. However, concerns in Karlsruhe had remained all along.

Uwe Burkert, an economist with LBBW Bank, said after Tuesday’s ruling by Germany’s top court that “the verdict is a very explosive thing.”

“The Bundesbank [Germany’s central bank] will — after a transitional period of three months — be barred from taking part in the ECB’s PSPP program.”

Commerzbank Chief Economist Jörg Krämer is certain, though, that the bond buying scheme will continue. “The ECB will have to prove now that the program is really proportionate so as to win approval by the German government and lawmakers — given the large group of experts at the ECB, that shouldn’t be much of a problem.”

*



Corte Ue, ‘Bce è indipendente’. Berlino: “Ma serve chiarezza”.

La Corte Tedesca aveva accolto parte dei ricorsi contro l’acquisto dei bond per il QE deciso dalla Bce nel 2015.

“Riaffermiamo il primato della legge europea e il fatto che le decisioni della Corte europea sono vincolanti su tutte le Corti nazionali. La Commissione rispetta l’indipendenza della Bce, e studieremo la sentenza in dettaglio”: Lo ha detto un portavoce della Commissione Ue commentando la sentenza della Corte tedesca sugli acquisiti dei bond della Bce.

La Corte costituzionale tedesca, infatti, ha accolto in parte i ricorsi contro l’acquisto di titoli di Stato da parte della Bce avvenuti a partire dal 2015. 

Stando alla Corte tedesca, i programmi di acquisti di bond contrastano le competenze della stessa Bce. Per la prima volta nella storia della repubblica tedesca, l’organo principale della giustizia del paese afferma che le misure prese da un organo europeo “non sono coperte dalle competenze europee” e per questo “non potrebbero avere validità in Germania”. La Corte chiede alla Bce di giustificare il suo agire. “Il governo tedesco e il Bundestag, sulla base della loro responsabilità di integrazione – aggiunge – sono tenuti ad attivarsi nei confronti del PSPP”.

La Corte costituzionale tedesca dà tre mesi di tempo alla Bce, per fare chiarezza sul programma di acquisto dei bond, accogliendo parte del ricorso contro le misure attuate a partire dal 2015. Lo riporta Bloomberg. 

La Bce risponde che sta valutando la sentenza della Corte Tedesca sul programma di acquisto di titoli di Stato “e si esprimerà a tempo debito”. Lo si apprende da un portavoce della Banca Centrale Europea. Intanto si apprende che è prevista una convocazione della Bce per le 18.

Il governo tedesco si spenderà a Francoforte per fare in modo che la Bce attui la verifica sostanziale delle misure criticate dalla Corte costituzionale tedesca. Lo ha detto il sottosegretario alle Finanze Joerg Kukies, a Karlsruhe. “Ci muoveremo a questo scopo”, ha spiegato “e crediamo che la Bce lo farà”. L’Alta Corte ha affermato che la Bundesbank non potrà più partecipare ai programmi di acquisto dei titoli di Stato, se la Banca centrale europea non chiarirà che la sua azione è “proporzionale”.

Sono molto contento del fatto che la Corte costituzionale abbia dato sostanzialmente ragione ai nostri ricorsoi”. Lo dice Bernd Lucke, l’economista tedesco che fondò il partito di Alternative fuer Deutschland per poi lasciarlo, ritenendo che virasse troppo a destra. Lucke è fra i promotori del ricorso contro il programma di acquisto di bond dalla Bce, su cui si è espressa la Corte. “È un buon segnale, che mostra come l’ordinamento del diritto e il controllo giudiziario in Germania e in Europa funzionino ancora”, ha aggiunto.

Pubblicato in: Banche Centrali, Senza categoria, Unione Europea

Eurozona. Pil primo trimestre -3.8%. trimestre su trimestre.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-30.

2020-04-30__Eurozona_Pil 001

Si resta francamente esterrefatti leggendo per l’eurozona un pil trimestrale di -3.8%, visto che la Spagna aveva registrato un -5..2%, la Francia un -5.8% e valori similari sono attesi per Italia e Germania.

Francia. Pil primo trimestre -5.8%, contro il -3.5% previsto.

Spagna. Pil Q1 -5.2% qoq, -4.1 yoy.

*


Eurostat. Preliminary flash estimate for the first quarter of 2020. GDP down by 3.8% in the euro area and by 3.5% in the EU.

Seasonally adjusted GDP decreased by 3.8% in the euro area and by 3.5% in the EU during the first quarter of 2020, compared with the previous quarter, according to a preliminary flash estimate published by Eurostat, the statistical office of the European Union. These were the sharpest declines observed since time series started in 1995. In March 2020, the final month of the period covered, COVID-19 containment measures began to be widely introduced by Member States. In the fourth quarter of 2019, GDP had grown by 0.1% in the euro area and by 0.2% in the EU.

Compared with the same quarter of the previous year, seasonally adjusted GDP decreased by 3.3% in the euro area and by 2.7% in the EU in the first quarter of 2020, after +1.0% and +1.3% respectively in the previous quarter. These were the sharpest declines since the third quarter of 2009 (-4.5% for euro area and -4.4% for EU).

Pubblicato in: Cina

Cina. Hong-Kong. Arrestati gli attivisti separatisti.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-22.

Cina

Quanti si fossero illusi che i cinesi non avessero buona memoria andranno incontro ad amare disillusioni. Sono gente paziente, e la loro storia insegna come sappiano aspettare fino al momento di regolare i conti, in modo definitivo.

Quando pochi anni or sono il governo della regione della Catalogna, democraticamente eletto, cercò di rendersi indipendente dalla Spagna, il governo centrale fece intervenire l’esercito, arrestare governo e parlamento locale, i membri del quale furono poi processati e condannati a lunghe pene detentive.

Tutto il mondo occidentale, Unione Europea compresa, si schierò compatto con il governo madrileno, decretando in questo modo la fine delle ambizioni catalane.

Nel contempo, tutto il mondo occidentale, e soprattutto l’Unione Europea, appoggiarono senza mezzi termini i separatisti di Hong Kong, arrivando a finanziarne i movimenti ed ad organizzare manifestazioni in tale sede.

La Cina rispose prendendo ferme posizioni sulla inviolabilità del suo territorio patrio, ma secondo la consuetudine millenaria dei loro governi, attendendo con calma il momento propizio per agire.

* * * * * * *

Cina. Hong Kong. La pazienza ha un limite.

Hong Kong. Guarda guarda chi si rivede.

Di questi giorni è arrivata la notizia, proprio mentre occidente ed Unione Europea sono alle prese con problemi di ben altra rilevanza, e sono quindi impossibilitati di reagire.

«Police in Hong Kong have arrested 15 of some of the city’s most high-profile pro-democracy activists»

«The group includes 71-year-old media tycoon Jimmy Lai as well as a number of prominent lawmakers»

«They are accused of organising, taking part in or publicising unauthorised assembles during last year’s mass protests in the Chinese territory»

«They are due to appear in court next month»

«Before the coronavirus outbreak, Hong Kong had witnessed almost weekly demonstrations against a proposal to allow extraditions to the Chinese mainland»

* * * * * * *

Le posizioni basate sul principio dei due pesi e delle due misure riescono a sopravvivere solo quando sono sostenute da una grande forza politica, economica e milita: abbandonate a sé stesse, implodono sotto il peso delle proprie contraddizioni.

*


Hong Kong: High-profile democracy activists arrested

Police in Hong Kong have arrested 15 of some of the city’s most high-profile pro-democracy activists.

The group includes 71-year-old media tycoon Jimmy Lai as well as a number of prominent lawmakers.

They are accused of organising, taking part in or publicising unauthorised assembles during last year’s mass protests in the Chinese territory.

They are due to appear in court next month.

The government has not explained the high-profile arrests but they come days after Beijing’s most senior official in the city called for a new security law to deal with dissent.

Before the coronavirus outbreak, Hong Kong had witnessed almost weekly demonstrations against a proposal to allow extraditions to the Chinese mainland.

While that was later abandoned, the protests morphed into demands for greater democracy and less control from Beijing, and anger against the government remains.

Who was arrested?

Media tycoon Jimmy Lai runs the Apple Daily newspaper, which is frequently critical of the Hong Kong and Chinese leadership.

Mr Lai, who was estimated by Forbes in 2009 to be worth $660m (£512m), was also arrested in February this year on charges of illegal assembly and intimidation.

Democratic Party founder and barrister Martin Lee, 81, was another prominent figure to be detained.

The 81-year-old – who is known as the father of Hong Kong democracy – said he was “very much relieved” by his arrest, according to AFP news agency.

“For so many years, so many months, so many good youngsters were arrested and charged, while I was not arrested. I feel sorry about it,” he added.

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale, Materie Prime, Trump, Unione Europea

EU. Messi i dazi sull’acciaio inossidabile da Cina, Indonesia e Taiwan.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-14.

Acciaio a rotoli 001

«The European Commission has imposed provisional anti-dumping duties on some stainless steel products from China, Indonesia and Taiwan, according to the official EU journal, nearly eight months after launching a probe into low-price imports»

«The duties on hot-rolled stainless steel sheets and coils include a rate of 17% on shipments from two Indonesian subsidiaries of Chinese stainless steel maker Tsingshan Holding Group, whose rapid expansion and low production costs in the southeast Asian country have left EU producers fretting over market share»

«Tsingshan’s Chinese rival Shanxi Taigang Stainless Steel Co (000825.SZ) Ltd and three affiliates were hit with the highest rate of 18.9%, while other mainland China firms saw rates of 14.5% and 17.4%. The Taiwan duties were lower, ranging from 6% to 7.5%.»

«That came in the wake of a surge in imports after Washington’s 25% steel import tariffs effectively closed off the U.S. market.»

«Imports from China, Indonesia and Taiwan into the EU increased by 66% over the investigation period between July 1, 2018 and June 30, 2019, reaching more than 30% of free market consumption, the Commission said.»

«Prices of these imports “undercut the (EU) industry’s prices,” it added, putting the undercutting margins at 4.1% for Taiwan, 9.3% for China and 10.7% for Indonesia»

* * * * * * *

Ecco un altro colpo all’applicazione della teoria della globalizzazione e del ‘libero’ mercato.

La Unione Europea aveva fortemente criticato Mr Trump quando aveva messo dei dazi sull’acciaio inossidabile prodotto da quelle nazioni.

Adesso, invece, è lei che mette dazi, ed anche elevati, per proteggere ciò che resta della propria produzione.

Ma se è vero che questo inedito protezionismo garantisce la sopravvivenza delle acciaierie tedesche, sarebbe altrettanto vero che gli altri paesi europei non potranno più approvvigionarsi dell’acciaio inossidabile a prezzi di mercato.

In poche parole, salva le acciaierie e scarica il peso della loro inefficienza sugli utilizzatori europei di tali prodotti.

Sembrerebbe essere una gran brutta azione.

*


EU puts anti-dumping duties on stainless steel from China, Indonesia and Taiwan.

The European Commission has imposed provisional anti-dumping duties on some stainless steel products from China, Indonesia and Taiwan, according to the official EU journal, nearly eight months after launching a probe into low-price imports.

The duties on hot-rolled stainless steel sheets and coils include a rate of 17% on shipments from two Indonesian subsidiaries of Chinese stainless steel maker Tsingshan Holding Group, whose rapid expansion and low production costs in the southeast Asian country have left EU producers fretting over market share.

Tsingshan’s Chinese rival Shanxi Taigang Stainless Steel Co (000825.SZ) Ltd and three affiliates were hit with the highest rate of 18.9%, while other mainland China firms saw rates of 14.5% and 17.4%. The Taiwan duties were lower, ranging from 6% to 7.5%.

It is expected the duties will restore fair trading conditions, end the price depression and allow the EU industry to recover, said the regulation dated April 7, noting price pressure had had a serious impact on profitability.

The investigation began last August after a dumping complaint lodged by the European Steel Association, known as Eurofer, on behalf of four EU producers. That came in the wake of a surge in imports after Washington’s 25% steel import tariffs effectively closed off the U.S. market.

Imports from China, Indonesia and Taiwan into the EU increased by 66% over the investigation period between July 1, 2018 and June 30, 2019, reaching more than 30% of free market consumption, the Commission said.

Prices of these imports “undercut the (EU) industry’s prices,” it added, putting the undercutting margins at 4.1% for Taiwan, 9.3% for China and 10.7% for Indonesia.

The EU has filed a separate complaint to the World Trade Organization about Indonesia’s ban on exports of nickel ore, which is used to make stainless steel ingredient nickel pig iron, from the start of this year.

The Commission said it received replies to questionnaires from the two known stainless steel sheet and coil exporters in Indonesia, both of whose ultimate parent was China’s Tsingshan.

“Both exporting producers failed to provide a meaningful worldwide structure of the group in their questionnaire replies and during the verification visits,” it said, adding it had found the price they paid for nickel ore was more than 30% below the international market price.

The commission gave interested parties 15 calendar days to submitted written comments on the regulation and five calendar days to request a hearing.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Fisco e Tasse

Governo delle tasse. Altro che contributi! A giugno stangata da 17 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-13.

Gabellieri__002__

«Quello del governo è un bluff, hanno approvato una norma che di fatto è congelata, probabilmente con il solo obiettivo di sbandierare denaro distribuito a pioggia sul sistema economico italiano. Ma quel denaro non c’è, almeno per ora e, in ogni caso, non si tratta di elargizioni, ma di indebitamento aggiuntivo a carico delle imprese anche se a condizioni vantaggiose»

«Questo tipo di misure sono importanti, non vogliamo demonizzarle, ma è giusto fare alcune osservazioni. Primo: una norma di questo tipo, considerata la situazione di straordinaria emergenza, va varata e resa immediatamente applicabile»

«Ragion per cui, il governo avrebbe dovuto ottenere, con toni decisi, da Bruxelles, una rapidissima verifica e un altrettanto rapido via libera»

«Secondo: le garanzie, da sole, non bastano a tenere in piedi l’economia italiana; andremo incontro a un periodo buio, di fatturati che crollano e allora non è possibile immaginare che un’azienda, senza entrate, stia in piedi solo con nuovi debiti»

*

«I versamenti fiscali di aprile e maggio, sospesi col decreto legge Imprese (o liquidità), dovranno essere saldati a giugno in un’unica soluzione oppure in cinque rate mensili fino a ottobre: il totale ammonta a 17 miliardi di euro»

* * * * * * *

A voler essere politicamente corretti, si dovrebbe dire che abbiamo un Governo di cialtroni matricolati. Buoni solo a fare annunci roboanti, promesse che mai manterranno, caricando di tasse le imprese oramai deprivate di liquidità.

Ruberebbero il biberon ad un neonato.

Di fatto, di soldi non se ne vede nemmeno l’ombra, mentre invece incombe minaccioso il fisco che reclama altri 17 miliardi di denaro fresco e buono dalle imprese che non ne hanno più.

Questo Governo odia chi imprende, odia chi lavora, odia chi cercasse di sopravvivere. Fa rimpiangere i bei tempi quando c’erano gli aguzzini sulle galere.

*


Unimpresa. Dl liquidità: Unimpresa, a giugno stangata fiscale da 17 miliardi

Gli effetti tributari del decreto-legge 23. Possibilità di suddividere in cinque rate.

*


Unimpresa. Coronavirus: Unimpresa, bluff governo su garanzia Sace, manca ok Ue

Sulla garanzia per i prestiti alle imprese che dovrebbe essere assicurata dalla Sace manca ancora il via libera dell’Unione europea: la misura inserita nell’ultimo decreto-legge per l’emergenza Coronavirus, infatti, richiede un articolato processo autorizzativo da parte della Commissione Ue al fine di escludere che si configurino aiuti di Stato illegittimi, cioè sussidi pubblici vietati dalle regole comuni. Tale verifica è obbligatoria poiché la Sace è una società pubblica e la garanzia extra introdotta dal governo potrebbe essere stoppata dall’Unione europea. Ne consegue che, al momento, per le aziende italiane non è possibile ottenere i finanziamenti previsti dal provvedimento d’urgenza sfruttando il sistema di garanzia predisposto dal governo. È quanto segnala Unimpresa, dopo aver analizzato le ultime bozze del decreto-legge approvato ieri dal Consiglio dei ministri e ancora in corso di definizione. In particolare, il comma 12 dell’articolo 1 stabilisce che l’efficacia delle misure sulle garanzie (commi da 1 a 9) “è subordinata all’approvazione della Commissione Europea ai sensi dell’articolo 108 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea”. «Quello del governo è un bluff, hanno approvato una norma che di fatto è congelata, probabilmente con il solo obiettivo di sbandierare denaro distribuito a pioggia sul sistema economico italiano. Ma quel denaro non c’è, almeno per ora e, in ogni caso, non si tratta di elargizioni, ma di indebitamento aggiuntivo a carico delle imprese anche se a condizioni vantaggiose» commenta il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara.

«Questo tipo di misure sono importanti, non vogliamo demonizzarle, ma è giusto fare alcune osservazioni. Primo: una norma di questo tipo, considerata la situazione di straordinaria emergenza, va varata e resa immediatamente applicabile. Ragion per cui, il governo avrebbe dovuto ottenere, con toni decisi, da Bruxelles, una rapidissima verifica e un altrettanto rapido via libera. Secondo: le garanzie, da sole, non bastano a tenere in piedi l’economia italiana; andremo incontro a un periodo buio, di fatturati che crollano e allora non è possibile immaginare che un’azienda, senza entrate, stia in piedi solo con nuovi debiti» aggiunge il presidente di Unimpresa.

*


A giugno una stangata fiscale da 17 miliardi.

I versamenti di aprile e maggio, sospesi con il dl Imprese, dovranno essere saldati in un’unica soluzione o in cinque rate mensili fino a ottobre.

I versamenti fiscali di aprile e maggio, sospesi col decreto legge Imprese (o liquidità), dovranno essere saldati a giugno in un’unica soluzione oppure in cinque rate mensili fino a ottobre: il totale ammonta a 17 miliardi di euro.

Lo segnala Unimpresa in un documento nel quale illustra i dettagli tributari del provvedimento d’urgenza (decreto-legge 23 dell’8 aprile 2020) col quale è stato disposto lo slittamento, in presenza di determinate condizioni, dei versamenti tributari (compresa l’Iva) e contributivi riferiti ai mesi di marzo e aprile che di norma si saldano rispettivamente ad aprile e a maggio.

Il congelamento – spiega Unimpresa – vale anzitutto per le aziende con ricavi non superiori a 50 milioni di euro nel 2019, se hanno subito nel mese di marzo 2020 una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% rispetto a marzo 2019; stesso discorso vale per aprile per i versamenti di maggio 2020.

Lo stesso beneficio scatta per le aziende con ricavi superiori a 50 milioni nel periodo di imposta 2019, se hanno subito nel mese di marzo 2020 una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 50% rispetto a marzo 2019; anche per questa fascia di imprese, l’agevolazione vale, in relazione alle scadenze di aprile, per i versamenti di maggio 2020. Versamenti sospesi anche le aziende che hanno intrapreso l’attività di impresa in data successiva al 31 marzo 2019.

In totale – conclude Unimpresa – stando alla relazione tecnica del decreto, il congelamento riguarda circa 17 miliardi di adempimenti: 4,3 miliardi sono relativi a ritenute da lavoro dipendente, 5,5 miliardi sono il gettito Iva, 900 mila riguardano il versamento delle ritenute d’acconto degli autonomi e 6,5 miliardi sono, invece, riconducibili a imposizioni contributive.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Italia. Sgw. Cina preferita agli Usa, la fiducia nella EU crolla al 24%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-11.

2020-04-08__Swg 002

«L’empatia dovuta all’essere state le due realtà più colpite nella fase iniziale dell’epidemia, ma anche gli aiuti reciproci, producono un notevole avvicinamento degli italiani alla Cina, al punto da preferirla come alleato rispetto allo storico partner americano …. il 36% degli italiani considera preferibile la Cina come partner internazionale, mentre solo il 30% sceglie gli Usa, storico alleato dell’Italia»

«L’Ue in quanto tale scende dal 42% di settembre scorso al 27% attuale, la commissione Ue dal 41 al 24, e la Bce dal 43 al 25»

* * * * * * *

Gli amici si contano nel momento del bisogno.

E taluni stati dell’Unione Europea non si sono per nulla dimostrati né amici né ragionevoli.

La gente però non è sciocca, e queste situazioni le percepisce al volo.

I giudizi espressi su questa gestione dell’Unione Europea e della Bce sono tranchant.

*


Sondaggio Swg: crolla la fiducia degli italiani nell’Ue.

Cina preferita a Usa come alleato, poche variazioni per i partiti.

L’epidemia non sposta molti voti, almeno per ora, ma cambia l’atteggiamento degli italiani verso l’Ue e gli altri paesi stranieri. L’ultimo “radar” Swg del 6 aprile mostra solo piccole variazioni nelle percentuali dei partiti, ma segnala un repentino “innamoramento” per la Cina, ora preferita agli Stati Uniti come alleato. Crolla invece, come era prevedibile, il giudizio sull’Ue, percepita come sorda ai problemi che l’Italia sta vivendo.

Spiega Swg: “La crisi legata alla pandemia cambia anche la percezione degli scenari politici a livello globale. L’empatia dovuta all’essere state le due realtà più colpite nella fase iniziale dell’epidemia, ma anche gli aiuti reciproci, producono un notevole avvicinamento degli italiani alla Cina, al punto da preferirla come alleato rispetto allo storico partner americano”.

“Sul piano europeo invece, – sottolinea l’istituto di ricerche – le dinamiche recenti hanno incrinato fortemente il rapporto dei cittadini con le istituzioni europee”. Ma non solo, l’epidemia ha “ha anche diviso le opinioni pubbliche dei diversi stati membri.

Gran parte degli italiani, come anche la maggioranza dei francesi, sostiene il bisogno di politiche solidali tra i paesi per condividere i costi della crisi. In termini finanziari ciò si traduce nell’assenso con l’ipotesi degli Eurobond, strumento che però trova la contrarietà di due terzi dei tedeschi”.

Nel dettaglio, il 36% degli italiani considera preferibile la Cina come partner internazionale, mentre solo il 30% sceglie gli Usa, storico alleato dell’Italia. In particolare, il 51% degli elettori M5s e il 45% di quelli del Pd preferisce Pechino a Washington, mentre il 51% di chi vota centrodestra resta fedele agli Usa.

Il 75% degli italiani, poi, chiede “piena solidarietà tra gli stati europei per il rilancio”, insieme al 58% dei francesi.

Addirittura, l’83% di chi vive in Italia è favorevole ai “Coronabond” europei, mentre sono contrari il 64% dei tedeschi.

La fiducia nelle istituzioni europee crolla: l’Ue in quanto tale scende dal 42% di settembre scorso al 27% attuale, la commissione Ue dal 41 al 24, e la Bce dal 43 al 25. Al contrario, aumenta la percentuale di coloro che danno un giudizio positivo sulla politica estera italiana: dal 30% di settembre al 46% rilevato ora.


2020-04-08__Swg 001

2020-04-08__Swg 003

2020-04-08__Swg 004