Pubblicato in: Armamenti, Devoluzione socialismo, Geopolitica Militare, Problemia Energetici, Unione Europea

Germania. Gigante dai piedi di argilla. Rapporto su catastrofe energetica.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-10.

Gigante dai Piedi di Argilla

Un governo serio dovrebbe quanto meno cercare di ridurre la possibilità di eventi catastrofici così come di aver predisposto piani adeguati nel caso accadessero.

Tuttavia un fatto emerge in modo chiaro: le attuali società industriali presentano un numero talmente elevato di severe vulnerabilità strutturali da poter essere totalmente paralizzate nel breve volgere di qualche decina di minuti. Usando fraseggi differenti, in caso di guerra sarebbe sciocco distruggere l’avversario: sarebbe sufficiente colpire una decina di punti strategici per renderlo inoffensivo.

Tranne pochissime nazioni, la quasi totalità dispone per il traffico telefonico di non più di una decina di concentratori, colpiti i quali l’intero sistema andrebbe fuori uso.

Similmente, la rete di distribuzione della corrente elettrica presenta punti strategicamente vulnerabili ma talmente importanti da bloccare tutto.

Per esempio, per lasciare tutta l’Italia senza corrente elettrica basterebbe colpire tre soli punti della connessione. Ossia, con tre razzetti da quattro soldi  l’Italia interna resterebbe senza corrente elettrica per almeno una settimana. Il rapporto prestazioni / costi è lampante. Sarebbe del tutto antieconomico bombardare Milano, Torino, Roma e città di tal livello.

* * * * * * *

La struttura della produzione energetica tedesca sembrerebbe essere stata progettata da un androide.

Pur essendo una nazione ricca di carbone, ha speso, e spende tuttora, quantità rilevanti di risorse nei metodi alternativi di generazione di corrente. A ciò consegue che i grandi parchi eolici sono messi ove vi sia vento a sufficienza, ossia nel nord del paese. Di qui la necessità di allestire elettrodotti di lunga percorrenza, lungo i quali la corrente è in buona parte dissipata.

Energia. Il problema degli elettrodotti a lunga distanza. Le dissipazioni.

Il sud ovest industrializzato è ricorso ad un escamotage. L’Austria importa di notte il surplus delle centrali atomiche dei paesi viciniori e usa questa energia per riempire i suoi bacini idrici, vendendo alla Baviera la mattina seguente energia idroelettrica, considerata così energia pulita. In altri termini, la Germania del sud dipende energeticamente dall’import.

*

L’alta dispersione lungo gli elettrodotti ha portato come conseguenza negli altri paesi alla costruzione di centrali elettriche relativamente poco potenti ma distribuite in modo equidistanziato, così da ridurre al massimo le dispersioni.

Non solo.

Un denso network di centrali elettriche è inoltre molto robusto nel sostenere guasti ai quali conseguirebbero blackout. Meno la distribuzione delle centrali è densa maggiori sono i rischi di blackout di grandi dimensioni. Ad una centrale elettriche andata improvvisamente in avaria, il sistema deve reagire riequilibrando la produzione, cosa che risulterebbe essere impossibile nei sistemi altamente concentrati.

*

La storia dei blackout dovrebbe aver insegnato qualcosa.

Il nove novembre 1965 un contatto nella centrale del Niagara Falls mandò in tilt tutta la centrale. Nel giro di soli dodici minuti primi il blackout si estese dapprima nello stato di New York, quindi nel Massachusetts, Connecticut, Rhode Island, Vermont, Maine, New Hampshire e due province canadesi: furono interessati oltre 200,000 kilometri quadrati densamente popolati.

Il 14 luglio 1977 un fulmine disattivò una centrale di trasformazione a New York, generando una reazione a catena di chiusure. La città restò al buio: la polizia arresto oltre quattromila persone che si stavano dedicando al saccheggio.

Il 28 settembre 2003 alle ore 3:01 un albero troppo vecchio per stare in piedi da solo crollò sulla linea ad altissima tensione Lavorgo-Mettlen, interrompendo l’importazione di energia dalla Svizzera all’Italia. Nel breve volgere di qualche minuto tutta l’Italia, Sicilia compresa, restò al buio. Treni ed ascensori fermi, ospedali senza corrente: il chaos generalizzato.

*

«According to an internal report by Germany’s civil protection agency, prolonged power shortages would disrupt the supply of vital goods in the country»

*

«The country lacks the necessary contigency plans for such an event»

*

«Prolonged, large-scale power shortages in Germany would cause a significant lack supplies, which could have “catastrophic” effects on the country»

*

«The alarm was raised by Germany’s Office for Civil Protection and Disaster Assistance (BBK) in an internal position paper»

* * * * * * * *

Cerchiamo di ragionare.

Un corto circuito banale a Niagara Falls ha indotto un blackout immane in quasi tutto il nordest americano. Un albero caduto su di un elettrodotto ha lasciato per due giorni l’Italia senza corrente.

Ma cosa mai succederebbe se i guasti fossero plurimi e simultanei?

Ma cosa mai potrebbe succedere se le interruzioni delle linee fossero artatamente indotte, mettiamo un sabotaggio ben organizzato?

E cosa mai potrebbe accadere in coso di un conflitto? Forse che i potenziali nemici non siano a conoscenza di questi colli di bottiglia? Sarebbero sufficienti sette cruise di piccola potenza per bloccare una intera nazione.


Deutsche Welle. 2018-11-27. Germany at risk of ‘catastrophic’ power shortages

According to an internal report by Germany’s civil protection agency, prolonged power shortages would disrupt the supply of vital goods in the country. The country lacks the necessary contigency plans for such an event.

*

Prolonged, large-scale power shortages in Germany would cause a significant lack supplies, which could have “catastrophic” effects on the country.

The alarm was raised by Germany’s Office for Civil Protection and Disaster Assistance (BBK) in an internal position paper, which was viewed by newspapers of the Funke Mediengruppe – a group that includes local newspapers across Germany.

In the research paper, the BBK reportedly wrote that a big power failure would result in a “significant distribution problem for important, sometimes vital goods” in almost all areas of society.

Electricity supply safe, but citizens and services unprepared

According to the report, this is also due to a lack of contingency plans for the distribution of fuel, food and medicines, particularly at the state and local level.

“Most of the gas stations wouldn’t provide any fuel. In a matter of hours, telephones and the internet could no longer be used. One would no longer be able to get a hold of any cash,” says the BBK’s paper.

Medical supplies could also only be provided for a short period of time, while critical infrastructure like the supply of energy, food and water, transport, telecommunications and finance would be affected.

But despite it ringing the alarm bell, the BBK believes such a catastrophic scenario in Germany isn’t imminent.

In fact, in its report the agency writes that the country’s electricity supply is “very safe,” and praised recent measures that improved IT security and increased the number of emergency power generators.

The BBK’s website advises that in case of a prolonged power shortage, citizens should wear warm clothes and light a fire with a supply of coal or wood to make up for the lack of heating.

It also advises to keep a stock of candles and flashlights, to prepare meals on a camping stove, and to have a sufficient reserve of cash in the house in case ATMs stop working due to the power failure.

Annunci

Un pensiero riguardo “Germania. Gigante dai piedi di argilla. Rapporto su catastrofe energetica.

I commenti sono chiusi.