Pubblicato in: Arte, Religioni

Notre-Dame. L’incendio distrugge l’Altare Novus Ordo e preserva quello del Vetus Ordo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-19.

La riforma liturgica voluta dai teologi postconciliari aveva imposto di erigere gli altari rivolti verso il popolo. Questo anche in chiese cariche di storia secolare.

Così il celebrante dava le spalle al Tabernacolo ma guardava il popolo, divenendo lui il punto centrale della liturgia.

Oltre al massacro teologico, furono perpetrati massacri artistici. Ce lo si ricorda chi avrebbe voluto far dare una mano di biacca sul Giudizio Universale della Sistina? Maurice de Sully, tipino dal carattere deciso, avrebbe spaccato il pastorale sulla schiena a chi avesse osato fare questo. Non lo ha fatto in prima persona: lo ha fatto il fuoco.

Ecco come compariva Notre-Dame post-conciliare prima dell’incendio: uno sfregio allo stile gotico.

2019-04-19__Notre_Dame__001

Poi è arrivato l’incendio, che ha reso giustizia. L’Altare del Veturs Ordo è rimasto intatto, mentre quello del Novus Ordo ha fatto la fine che avrebbe dovuto fare fin dall’inizio: bruciato fino a scomparire.

2019-04-19__Notre_Dame__002

Adesso vedremo come saranno ricostruiti gli interni del sacro tempio.

Constatiamo come al momento non si intravedano all’orizzonte architetti della tempra di Sugerius, Sancti Dionysii Abbas, colui che concepì la basilique SaintDenis. Speriamo che i restauratori almeno si leggano con frutto i suoi manuali: De Consecratione Ecclesiae A Se Aedificatae,  ed il Liber De Rebus In Administratione Sua Gestis.

Nota.

Le Cattedrali gotiche sono sicuramente opere architettoniche, hanno aperto alla luce le Cattedrali, ma ancor più sicuramente sono un vertice teologico, un inno di pietra innalzato al Lumen de Lumine.

Annunci