Pubblicato in: Cina, Commercio

Cina. Ottobre. Import +4.7%, Export +11.4% anno su anno.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-11-14.

Cina 016

«China has a better recovery from the pandemic and has a comparative advantage, so it has gained a larger market».

* * * * * * *


La Cina è tornata in piena fase espansiva ed anche con una crescita tumultuosa, meglio delle previsioni.

«China exports grew at the fastest pace in 19 months in October, while imports also rose, official data showed on Saturday, as the world’s second largest economy continued to recover after being hit hard by the coronavirus crisis earlier this year»

«Exports in October rose 11.4% from a year earlier, beating analysts’ expectations of a 9.3% increase and quickening from a solid 9.9% increase in September»

«The surge in exports pushed the trade surplus for October up to $58.44 billion, compared with the poll’s forecast for a $46 billion surplus and a $37 billion surplus in September.

China’s trade surplus with the United States widened to $31.37 billion in October from $30.75 billion in September»

«Exports growth quickened further and significantly exceeded expectations, indicating a relatively strong momentum»

«China’s exports could stay strong in the rest of 2020 as domestic firms resume production faster than global rivals»

«major European economies, including France, Germany and the United Kingdom, went back into lockdown as a second wave of coronavirus cases gathered strength»

«Imports rose 4.7% year-on-year in October, slower than September’s 13.2% growth»

«Analysts said the solid trade performance could provide a boost to China’s broader economic recovery, which has gained steam after suffering from a deep slump earlier this year»

«China’s economy grew 4.9% in the third-quarter from a year earlier»

«The customs administration said Saturday that China’s exports of mechanical and electrical products rose in the first 10 months, as did outbound shipments of textiles including face masks, which rose around 35 percent from a year ago»

«Most measures suggest that domestic demand continued to strengthen and the infrastructure investment at the heart of the ongoing stimulus is particularly import-intensive»

«China’s trade surplus with the US …. rose around 19 percent from last year to $31.4 billion in October»

* * * * * * *

Cina. Adesso è lei che mette i dazi all’occidente, che frigna come una mocciosa.

Cina in forte crescita trascina tutta l’Asia.

Cina ed il Rame. Il predominio economico mondiale.

L’economia cinese è l’unico grande motore di crescita al mondo. – Bloomberg.

Cina. Q3. Gettito fiscale aumentato del 4.7% anno su anno.

Cina. Settembre. Profitti Industriali +10.10% anno su anno.

Cina. Xi Jinping si meriterebbe il Premio Nobel per l’economia.

* * * * * * *

La Xinomics, ossia l’attuale visione sociale, politica ed economica della Cina, si sta dimostrando essere una carta vincente. Mr Xi ha dimostrato di essere stato in grado di contenere, e quasi sradicare, l’epidemia da Covid-19 e di aver fatto riprendere alla Cina la sua espansione e crescita economica, come se nulla fosse successo.

A nostro sommesso parere si meriterebbe pienamente il Premio Nobel per l’Economia.

*


China October exports surge, imports rise amid global recovery

China exports grew at the fastest pace in 19 months in October, while imports also rose, official data showed on Saturday, as the world’s second largest economy continued to recover after being hit hard by the coronavirus crisis earlier this year.

Exports in October rose 11.4% from a year earlier, beating analysts’ expectations of a 9.3% increase and quickening from a solid 9.9% increase in September.

The surge in exports pushed the trade surplus for October up to $58.44 billion, compared with the poll’s forecast for a $46 billion surplus and a $37 billion surplus in September.

China’s trade surplus with the United States widened to $31.37 billion in October from $30.75 billion in September.

China’s exports have stayed largely resilient amid the COVID-19 global pandemic, as strong demand for medical supplies and reduced manufacturing capacity elsewhere worked in China’s favour.

“Exports growth quickened further and significantly exceeded expectations, indicating a relatively strong momentum,” said Liu Xuezhi, an anlyst at Bank of Communications in Shanghai.

China’s exports could stay strong in the rest of 2020 as domestic firms resume production faster than global rivals and sell more COVID-19 related goods such as face masks, Liu said.

However, some analysts said exports could come under pressure in the coming months, as major European economies, including France, Germany and the United Kingdom, went back into lockdown as a second wave of coronavirus cases gathered strength. Factory activity accelerated at the fastest pace in nearly a decade in October, a private survey showed, although the official survey pointed to some slowdown in the expansion. Export orders expanded.

Imports rose 4.7% year-on-year in October, slower than September’s 13.2% growth, and underperforming expectations in a Reuters poll for a 9.5% increase, but still marking a second straight month of growth.

Chinese airlines are shunning some deliveries of Airbus AIR.PA aircraft, citing fears of coronavirus infection for their staff in the latest tussle over efforts to keep delayed deliveries on track despite the pandemic, industry sources said.

Analysts said the solid trade performance could provide a boost to China’s broader economic recovery, which has gained steam after suffering from a deep slump earlier this year.

China’s economy grew 4.9% in the third-quarter from a year earlier, but growth could slow to just over 2% this year – the weakest in over three decades but still much stronger than other major economies.

“China has a better recovery from the pandemic and has a comparative advantage, so it has gained a larger market,” said Zhou Hao, an economist at Commerzbank in Singapore.

“Of course, this advantage is also temporary and may last until the end of the year.”

*


China exports remain strong in October, import growth slows.

China’s exports posted strong growth again last month, extending an upward trend on the back of a consumption rebound among its major trading partners, official data showed Saturday.

Inbound shipments, however, cooled after a surge in September — with analysts expecting that a drop in import prices weighed on headline numbers.

Although the coronavirus pandemic has battered countries worldwide, foreign trade in the world’s second-largest economy fared better than expected, buoyed by healthcare shipments.

Exports rose 11.4 percent on-year in October, customs data showed, better than the 8.9 percent growth predicted by a Bloomberg poll of economists.

Imports meanwhile grew 4.7 percent, short of the 8.8 percent on-year rise expected.

The customs administration said Saturday that China’s exports of mechanical and electrical products rose in the first 10 months, as did outbound shipments of textiles including face masks, which rose around 35 percent from a year ago.

Capital Economics cautioned in a report this week, however, that recent data pointed to a drop in new export orders in October, signalling that “foreign demand has started to soften following fresh lockdowns abroad”.

The resurgence of infections in key markets — including the US and Europe — could strike external demand for China, which has made a renewed push this year for local consumption to underpin growth.

“Most measures suggest that domestic demand continued to strengthen and the infrastructure investment at the heart of the ongoing stimulus is particularly import-intensive,” said Capital Economics.

Meanwhile, China’s trade surplus with the US — the core gripe in Washington in the bruising trade war — rose around 19 percent from last year to $31.4 billion in October.

This widened slightly from the $30.8 billion seen in the month before, marking one of the larger surpluses this year according to Chinese figures.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo

Cina. Xi Jinping si meriterebbe il Premio Nobel per l’economia.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-10-27.

Cigno-Nero

Il blocco occidentale è attonito: la Cina è l’unico paese a presentare un pil in crescita come se il covid non ci fosse stato, mentre al contrario il blocco occidentale si strugger in una recessione epocale.

Ma a nessuno degli economisti occidentali salta in mente di ammettere che la Weltanschauung cinese sia superiore alla loro. Senza autocritica però non si impara mai dai propri errori, anzi, si tende a perpetuarli fino al collasso.

È stupefacente l’ignoranza verso la Cina e, nel caso specifico, verso quella che è chiamata essere la Xinomics.

Quasi di norma, leggendo i loro scritti, viene da domandarsi di cosa e di chi stiano parlando: non certo della realtà dei fatti. Bucoliche rappresentazioni oniriche

Cina. Non più ‘ripresa’, bensì crescita. Pil Q3 +4.9%, Produzione Industriale +6.9% anno su anno.

Mondo. Sinossi dei principali macrodati.

* * * * * * *

«Quella di Pechino è l’unica economia in espansione, tra i Paesi del G-20»

«Così la «Xinomics», che ha rilanciato le esportazioni ma vuole spingere i consumi interni (e investire moltissimo su ferrovie e infrastrutture) ha ripreso a funzionare»

«Prende velocità la grande fuga cinese dalla crisi economica innescata dal coronavirus»

«Il Pil nel terzo trimestre è cresciuto del 4,9% su base annua, raggiungendo quasi il passo del 2019, che era stato del 6,1%.»

«Ora però questo 4,9% anno su anno dice che il Pil della Cina sta crescendo in modo reale, sostenuto non solo dalla produzione ma anche dagli acquisti e dal settore dei servizi (a inizio ottobre 600 milioni di cinesi sono andati in vacanza per una settimana)»

«A settembre sia le esportazioni sia le importazioni cinesi sono cresciute in modo impressionante (rispettivamente 9,9% e 13,2%), rispetto allo stesso periodo del 2019»

«Xi Jinping è impegnato da mesi in una campagna dai toni autarchici, che spinge i cinesi a consumare di più per sostenere la produzione, senza dover fare troppo affidamento sul mercato estero»

«Per correre via dalla recessione, ci sono nuovi imponenti investimenti pubblici in grandi opere»

«Ad agosto è stato deciso che la rete ferroviaria cinese ad alta velocità raddoppierà entro il 2035, arrivando a 70 mila chilometri. La Cina ha già 36 mila chilometri di rete ferroviaria ad alta velocità, la più estesa del mondo, circa i due terzi di quella globale»

«Il boom cinese dell’alta velocità su rotaie è cominciato nel 2008: grandi infrastrutture per uscire dal tunnel della crisi finanziaria. Ora i pianificatori dell’economia cinese hanno deciso che entro 15 anni saranno costruiti altri 34 mila chilometri di rete per arrivare a 70 mila km nel 2035»

«Ci saranno 200.000 chilometri di binari nel 2035, rispetto ai 141.000 di oggi e di questi, 70.000 permetteranno ai convogli si superare i 250 km orari di media»

«Il nuovo leader supremo ha ambizioni più vaste, ha abbandonato il vecchio insegnamento di Deng Xiaoping che esortava a «nascondere la forza cinese per guadagnare tempo»»

«La Xinomics funziona»

«Ma l’Economist ha dato una valutazione diversa. «Xi sta reinventando il capitalismo di Stato. Non sottovalutatelo», ha suggerito in un editoriale il settimanale liberista»

* * * * * * *

Una delle più marcate caratteristiche dei liberal è il lezioso gusto del particolare che con ardito salto logico è assunto essere la generalità. Caso da manuale: si intervista un perfetto sconosciuto, si assume che sia espressione corale di tutto il popolo, ciò che dice diventa verità dogmatica.

Ma i problemi restano nella loro crudezza.

Ed il fatto lampante è che la Cina cresce e l’occidente sta languendo: la visione sociale, politica ed economica cinese si sta dimostrando superiore a quella dei liberal nei fatti, che sono poi quello che conta. Per questo Xi Jinping dovrebbe essere insignito del Premio Nobel.

*


L’economia della Cina esce per prima dalla crisi per la pandemia: Pil +4,9% nel terzo trimestre.

Unico Paese del G-20 di nuovo in espansione. Così la «Xinomics», che ha rilanciato le esportazioni ma vuole spingere i consumi interni (e investire moltissimo su ferrovie e infrastrutture) ha ripreso a funzionare. Per ora.

Prende velocità la grande fuga cinese dalla crisi economica innescata dal coronavirus. Il Pil nel terzo trimestre è cresciuto del 4,9% su base annua, raggiungendo quasi il passo del 2019, che era stato del 6,1%. Dopo lo sprofondo rosso del -6,8% nel periodo gennaio-marzo, con tutta la Cina in lockdown, la seconda economia del mondo ha avuto un primo rimbalzo nel secondo trimestre, chiuso a giugno con un +3,2%: ma allora era bastato riaccendere le catene di montaggio per ottenere il risultato. Ora però questo 4,9% anno su anno dice che il Pil della Cina sta crescendo in modo reale, sostenuto non solo dalla produzione ma anche dagli acquisti e dal settore dei servizi (a inizio ottobre 600 milioni di cinesi sono andati in vacanza per una settimana). Quella di Pechino è l’unica economia in espansione, tra i Paesi del G-20. Il Fondo Monetario Internazionale prevede che il dato finale del 2020 sarà intorno al +2% e che la Cina conterà per il 30 per cento nella crescita globale.

Pechino ha dato diverse prove al mondo in questi mesi: il suo sistema di Partito-Stato si è mostrato impreparato e anche reticente all’inizio dell’epidemia poi diventata pandemia; a fine gennaio ha reagito con l’operazione di quarantena più grande della storia: 60 milioni di persone chiuse in casa tra Wuhan e la sua provincia dello Hubei; poi da febbraio a inizio aprile ha fermato trasporti, fabbriche, servizi non strettamente essenziali in tutto il Paese. La ripresa in primavera è stata molto prudente: subito le fabbriche, più facili da attrezzare alle nuove esigenze di sicurezza sanitaria. Anche le scuole, per le quali i cinesi hanno una grandissima attenzione, sono state riaperte solo alla fine dell’estate.

Dopo il gigantesco lockdown il Partito-Stato ha affinato la strategia: per abbattere la trasmissione del coronavirus ha fatto ricorso a chiusure mirate di città di piccole proporzioni e di interi quartieri quando a giugno è scoppiato un focolaio a Pechino. E al lockdown localizzato è stata aggiunta una campagna massiccia di tamponi: un milione di persone al giorno a Pechino a giugno; 11 milioni in 5 giorni a Qingdao la settimana scorsa. La gente ha risposto bene, mettendosi ordinatamente in fila: la sensazione è che il Partito-Stato sia riuscito anche questa volta a far dimenticare gli errori di Wuhan tra dicembre e inizio gennaio. Operazioni costose, ma i numeri forniti dalle autorità da settimane dicono che il coronavirus con questa terapia choc è stato messo sotto controllo.

Ora i dati sul Pil e sugli altri indicatori dicono che l’economia di una potenza industriale può riprendersi dalla cura da cavallo per abbattere il coronavirus. A settembre sia le esportazioni sia le importazioni cinesi sono cresciute in modo impressionante (rispettivamente 9,9% e 13,2%), rispetto allo stesso periodo del 2019 e questo è un buon segno per il mondo globalizzato. Se i consumi interni dei cinesi risalgono, ha senso tenere aperte le fabbriche italiane specializzate in export. Ma resta l’incognita grave della seconda ondata di coronavirus in Europa, che può riavviare la spirale di depressione: se si fermano di nuovo i consumi degli occidentali costretti a restare a casa, soffre anche la macchina dell’export cinese, che conta ancora per il 17% del Pil.

Xi Jinping è impegnato da mesi in una campagna dai toni autarchici, che spinge i cinesi a consumare di più per sostenere la produzione, senza dover fare troppo affidamento sul mercato estero (incerto non solo per il coronavirus ma anche per l’impatto dello scontro con gli Stati Uniti, che non passerà anche se dovesse finire la presidenza Trump).

Per correre via dalla recessione, ci sono nuovi imponenti investimenti pubblici in grandi opere. Ad agosto è stato deciso che la rete ferroviaria cinese ad alta velocità raddoppierà entro il 2035, arrivando a 70 mila chilometri. La Cina ha già 36 mila chilometri di rete ferroviaria ad alta velocità, la più estesa del mondo, circa i due terzi di quella globale (gli Stati Uniti di fatto hanno rinunciato negli anni 50 ad ammodernare il loro sistema ferroviario, per privilegiare le autostrade che sostenevano l’industria automobilistica e petrolifera e poi puntando sul traffico aereo per le medie e lunghe distanze). Il boom cinese dell’alta velocità su rotaie è cominciato nel 2008: grandi infrastrutture per uscire dal tunnel della crisi finanziaria. Ora i pianificatori dell’economia cinese hanno deciso che entro 15 anni saranno costruiti altri 34 mila chilometri di rete per arrivare a 70 mila km nel 2035.

Per il 2035 il Partito ha promesso che la Cina sarà «un Paese socialista moderno». Già nella prima metà del 2020 gli investimenti di Pechino nelle ferrovie sono cresciuti dell’1,2%, di 46 miliardi di dollari, a fronte di un calo generale del 3,1% dovuto al lockdown per il coronavirus. Ci saranno 200.000 chilometri di binari nel 2035, rispetto ai 141.000 di oggi e di questi, 70.000 permetteranno ai convogli si superare i 250 km orari di media. Il Fuxing Pechino Shanghai tocca i 350 km. E già si fanno progetti per arrivare a 400 km e anche a 600, con i maglev sperimentati a fine giugno.

Le ferrovie sono il carro armato del progetto di Xi Jinping per sfuggire al tentativo di accerchiamento ed isolamento economico e tecnologico degli Stati Uniti. Il segretario generale del PCC in una serie di discorsi nelle ultime settimane ha esposto una nuova iniziativa di «doppia circolazione» dell’economia: la «circolazione interna» che deve puntare sui consumi dei cinesi e sui mercati finanziari di Shanghai e Shenzhen come pilastri della crescita.

L’alta velocità non è solo uno stimolo di medio termine per rilanciare la crescita, ma una strategia di lungo periodo per creare un mercato cinese solido. I nuovi convogli Tav sono stati denominati «Fuxing», che significa «Ringiovanimento»: Fuxing è uno dei grandi slogan di Xi per la Repubblica popolare cinese. I treni di prima generazione, entrati in servizio nel 2008 quando presidente era Hu Jintao erano stati chiamati «Hexie», che significa Armonia. Il nuovo leader supremo ha ambizioni più vaste, ha abbandonato il vecchio insegnamento di Deng Xiaoping che esortava a «nascondere la forza cinese per guadagnare tempo».

Lo scontro strategico scoppiato con gli Stati Uniti è stato suscitato proprio dalla nuova linea di Xi. A Washington fanno notare che la spesa in infrastrutture crea debito e molti economisti sono sempre convinti che la crescita cinese sia un colosso con i piedi di argilla. Ma l’Economist ha dato una valutazione diversa. «Xi sta reinventando il capitalismo di Stato. Non sottovalutatelo», ha suggerito in un editoriale il settimanale liberista. E ha osservato che l’economia cinese è stata danneggiata dalla guerra dei dazi di Trump meno del previsto. Ed è stata anche più reattiva di fronte alla pandemia: il Fondo Monetario Internazionale prevede che il Pil degli Stati Uniti scenderà dell’8% in questo annus horribilis.

La Xinomics funziona, al momento. Anche se la prova del fuoco arriverà nel tempo, quando il resto del mondo sarà riuscito a sconfiggere il Covid-19 e si vedrà se davvero la pianificazione centralizzata di Pechino potrà sostenere l’innovazione. L’Economist conclude che “la storia suggerisce che un processo decisionale allargato e diffuso, libertà di parola e frontiere aperte sono gli ingredienti magici”. E nel breve periodo, bisognerà vedere che cosa succederà anche in Cina sul fronte del coronavirus. Anche se qui il sistema è studiato per il controllo continuo dei cittadini e delle loro attività.