Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Polonia, Repubblica Ceka, Ungheria ed Estonia bloccano la EU sul carbone.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-24.

2019-06-22__Clima__001

«Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).»

«The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050” – a date too specific for them»

«Poland was leading the opposition, with support from the Czech Republic and Hungary»

«A clear commitment for the 2050 date was also missing from Estonia, an EU source said on condition of anonymity.

Another EU source said “three and a half states” were against – in an illustration of the non-committal stance of Estonia»

«But in the end, the leaders decided to scrap the 2050 commitment»

«The final text now says the EU aspires to climate neutrality “in line with the Paris agreement”, and the mention of the year 2050 was moved to a footnote»

«Ironically, in the text published on the European Council website on Thursday evening, the footnote initially was not included»

* * * * * * *

Per meglio comprendere il significato di questa posizione si dovrebbe leggere con cura il testo rilasciato dal Consglio Europeo.

«European Council conclusions on the MFF, climate change, disinformation and hybrid threats, external relations, enlargement and the European Semester, 20 June 2019

  1. Multiannual financial framework

  2. The European Council welcomed the work done under the Romanian Presidency and took note of the various elements of the MFF package. It called on Finland’s Presidency to pursue the work and to develop the Negotiating Box. On that basis the European Council will hold an exchange of views in October 2019, aiming for an agreement before the end of the year.

III. Climate change

  1. The European Council emphasises the importance of the United Nations Secretary General’s Climate Action Summit in September for stepping up global climate action so as to achieve the objective of the Paris Agreement, including by pursuing efforts to limit the temperature increase to 1.5°C above pre-industrial levels. It welcomes the active involvement of Member States and the Commission in the preparations.

  2. Following the sectoral discussions held over recent months, the European Council invites the Council and the Commission to advance work on the conditions, the incentives and the enabling framework to be put in place so as to ensure a transition to a climate-neutral EU in line with the Paris Agreement [1] that will preserve European competitiveness, be just and socially balanced, take account of Member States’ national circumstances and respect their right to decide on their own energy mix, while building on the measures already agreed to achieve the 2030 reduction target. The European Council will finalise its guidance before the end of the year with a view to the adoption and submission of the EU’s long-term strategy to the UNFCCC in early 2020. In this context, the European Council invites the European Investment Bank to step up its activities in support of climate action.

  3. The EU and its Member States remain committed to scaling up the mobilisation of international climate finance from a wide variety of private and public sources and to working towards a timely, well-managed and successful replenishment process for the Green Climate Fund.»

Dapprima esprime un enunciato di principio:

«take account of Member States’ national circumstances and respect their right to decide on their own energy mix»

Poi si arriva al nocciolo vero.

«Multiannual financial framework …. Green Climate Fund»

L’obiettivo è arrivare a varare un piano finanziario pluriennale che sostenga il Green Climate Fund, le risorse del quale saranno impiegate per sostenere le economie tedesca, francese ed olandese.

Interessano i soldi: il ‘clima’ è solo la foglia di fico che santificherebbe il saccheggio.

Ma il piano finanziario pluriennale deve essere approvato dal Consiglio Europeo alla unanimità, e l’epoca in cui l’asse francogermanico era onnipotente è tramontata.


EU Observer. 2019-06-22. Four states block EU 2050 carbon neutral target

Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).

The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050” – a date too specific for them.

Poland was leading the opposition, with support from the Czech Republic and Hungary.

A clear commitment for the 2050 date was also missing from Estonia, an EU source said on condition of anonymity.

Another EU source said “three and a half states” were against – in an illustration of the non-committal stance of Estonia.

“There was lots of back and forth and ‘how can we persuade you’,” added the source.

But in the end, the leaders decided to scrap the 2050 commitment.

The final text now says the EU aspires to climate neutrality “in line with the Paris agreement”, and the mention of the year 2050 was moved to a footnote.

“For a large majority of member states, climate neutrality must be achieved by 2050,” that footnote said.

Ironically, in the text published on the European Council website on Thursday evening, the footnote initially was not included.

Climate neutrality refers to an economy in which the emission of greenhouse gases caused by human activity is mostly prevented, and any remaining emissions are compensated through for example planting additional trees or capturing emissions and storing them.

The reference of climate neutrality “in line with the Paris agreement” is open to interpretation.

The global climate agreement, clinched in 2015 in the French capital, said that the entire world should reach climate neutrality “in the second half of this century”.

However, the Paris deal also said that efforts must be made to limit global warming to an average temperature rise of 1.5C, compared to pre-industrial levels.

The failure to reach a consensus on 2050 will be a disappointment to many who saw positive signs in recent weeks.

That 2050 target seemed to gain momentum recently after the EU’s largest state, Germany, decided to support it.

Also earlier this month, the United Kingdom, although leaving the EU, committed to a domestic zero-emissions target by 2050, while Italy also came on board.

But at the EU summit in Brussels it proved to be impossible to convince the last quartet of sceptics.

Consensus is needed for leaders to adopt official conclusions.

One diplomatic source said the reluctance of some coal-dependent member states was “expected”.

“It’s easier for Scandinavian countries to commit to climate neutrality,” he said.

“These are known differences [between the member states]”, he added.

Poland’s permanent representation in Brussels said in a tweet that prime minister Mateusz Morawiecki “defends [Poland]’s interests in discussion about climate policy”.

“Fair distribution of climate protection costs means taking into account the specificities of [member states]. Climate goals are important in the same way as their implementation, taking into account citizens & economy,” it said.

‘Blew it’

But non-governmental organisations were frustrated with the outcome.

Greenpeace said that Europe’s governments “had a chance to lead from the front and put Europe on a rapid path to full decarbonisation”.

“They blew it,” the environmental lobby group added.

Friends of the Earth meanwhile called the vetoes “criminal behaviour”.

“The reference to being in line with the Paris agreement in such a flimsy text makes a mockery of that agreement, and should not be allowed to stand,” said WWF.

The diplomatic source stressed, however, that the EU was “still ambitious” and that he never expected the final target year to be agreed at this summit.

“The climate debate is not finished. It will come back, certainly, in December,” he said.

Meanwhile at the summit, the leaders did agree in the text to submit a long-term climate strategy to the UN climate body in “early 2020”, and adopted a Strategic Agenda which identified climate action as one of the EU’s priorities.

The Strategic Agenda, covering the 2019-2024 period, said the EU’s policies should be “consistent with the Paris agreement” – but also did not contain a specific year for carbon neutrality.

“As the effects of climate change become more visible and pervasive, we urgently need to step up our action to manage this existential threat. The EU can and must lead the way, by engaging in an in-depth transformation of its own economy and society to achieve climate neutrality,” it said.

Another new impetus for the climate debate will be on 1 July when Finland takes over the helm for six months as EU president.

Earlier this month Finland said it wanted to be climate neutral by 2035.

In the early hours of Friday, European Council president Donald Tusk told press “reaching unanimity was not possible today”.

“However, we have good reason to believe that this may change, as no country ruled out the possibility of a positive decision in the coming months,” said Tusk.

Annunci
Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Portogallo, Primo paese eurozona ha emesso 260 mld$ di bond denominati in Yuan.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-01.

Banchieri__101

Delle notizie occorrerebbe prenderne atto, dando poi per scontato come possano essere interpretate sotto diverse angolature.

Nel 2016 la Polonia e nel 2018 l’Ungheria avevano emesso buoni del tesoro denominati in yuan, ma questi due paesi sono membri dell’Unione Europea ma non fanno parte del’eurozona. A suo tempo furono operazioni avvallate dalla Ecb, anche se a malincuore.

Di questi giorni è il turno del Portogallo, pese aderente l’Eurozona, ad emettere buoni di stato denominati in yuan.

Inoltre questa emissione non è certo di poco conto: ammonta per controvalore a 260 miliardi di dollari americani.

* * *

Il debito pubblico dei paesi europei è trasbordante.

Il problema non è la volontà governativa di ricorrere incrementandolo al debito, quanto piuttosto il trovare chi sia disposto a dare le proprie liquidità per acquistare codesti nuovi titoli. I mercati liberi i considerano rischiosi.

Anche se il concetto è sgradito e tossico per molti, il mercato finanziario dell’eurozona stenta a trovare le risorse per continuare a finanziare i debiti sovrani. Si aggiunga come la volontà dell’Ecb di mantenere tassi bassi, quasi nulli, rende i bond europei scarsamente appetibili.

Aprirsi al mercato finanziario cinese diventa così una semplice azione di Realpolitik, ma nel mondo reale i tassi di interesse sono ben più onerosi di quelli europei, almeno per il momento.

Ovviamente questo è solo un piccolo segno di inizio: prima non c’era ed adesso invece c’è.


New Europe. 2019-05-31. Portugal becomes first Eurozone country to sell debt in Chinese yuan

Portugal is the first Eurozone country to issue bonds denominated in Chinese yuan after offering on 29-30 May so-called “Panda Bonds” worth €260 billion, with a three-year maturity.

The yuan-denominated bonds are the first in the European Union. Poland issued government bonds on the Chinese market in 2016, followed by Hungary in 2018. Although Portugal will pay more in higher-yielding yuan-denominated bonds, the Socialist government in Lisbon plans to enter the high-liquidity market.

Portugal went through an international bailout between 2011 and 2014 but has since returned to positive growth figures, which led ratings agency Fitch update its outlook for Portugal from “stable” to “positive.”

Since exiting its bailout phase five years ago, Portugal has had one of the fastest growing and most robust economies in the Eurozone at a time when EU stalwarts Italy and Germany have seen their economies struggle, with the former having been mired in a recession for much of the latter part of 2018 and early 2019.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ideologia liberal, Unione Europea

Ungheria. Aiuti alle famiglie prolifiche.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-17.

Ungheria 001

Gli ultimi sondaggi disponibili evidenziano un Fidesz con percentuali oscillanti tra il 52% ed il 57%, con uno stacco di quasi trenta punti percentuali sul secondo partito ungherese. Sono proiezioni che confermano completamente i risultati delle ultime elezioni.

*

L’Ungheria è uscita trenta anni or sono dal giogo comunista che la aveva asservita e dominata per un cinquantennio. Imploso il comunismo è rimasto un cumulo di macerie morali, etiche, ed economiche. La ricostruzione è stata ben lunga e difficile e l’Unione Europea ben poco ha fatto per quel paese, anche se l’ingresso dell’Ungheria nella Nato era stato condizionato anche ad aiuti non soltanto militari.

Non ci si dimentichi che il 23 ottobre 1956 gli ungheresi trovarono il coraggio di ribellarsi, e che per questo versarono il loro contributo di sangue. La repressione fu severa.

Senza avere presente la storia ungherese resterebbe quasi impossibile comprendere quanto siano abbarbicati alle loro radici religiose, storiche, culturali, sociali, politiche ed anche artistiche. Sono sopravvissuti grazie alla venerazione per le loro tradizioni, unica fonte di speranza nel futuro.

Ma la tradizione non alberga nelle tombe degli avi: la tradizione di incarna e vive nella prole.

Negli ultimi decenni l’Ungheria ha subito una forte emigrazione costituita principalmente da persone giovani, cui è conseguito un calo delle nascite, avendo come concausa la situazione economica sinistrata. Il rapporto vecchi / giovani è molto elevato.

Al momento attuale, il tasso di fertilità ungherese si attesta a1.397 figli per donna.

Nel 2018 il Fondo Monetario Internazionale stimava il pil ppa procapite ungherese a 31,903 dollari americani.

Il momento della miseria e della povertà sembrerebbe essere alle spalle. Il basso tasso di fertilità sembrerebbe da ascriversi ad altri moventi.

*

Nell’ultimo lustro l’Unione Europea e l’Ungheria hanno avuto diatribe, legate al fatto che la attuale dirigenza europea, che sta per uscire di carica, si riconosce nell’idealismo socialista di stretta osservanza, Weltanschauung opposta a quella ungherese.

Uno dei tanti nodi è costituito dalla visione della famiglia degli ungheresi, che di recente hanno legiferato introducendo numerosi aiuti economici alle famiglie che prolificavano.

L’articolo che alleghiamo è l’enunciazione del credo liberal in materia.

Sarebbero molte le considerazioni da fare, ma una sembrerebbe essere della massima importanza.

Mr Orban ed il suo partito, il Fidesz, ottengono una propensione al voto ben sopra il 50%, confermando come ricordato i risultati elettorali.

L’articolo cita invece le ngo, ong, come se fossero la reale espressione della coralità ungherese, arrivando fino a definirle ‘società civile’.

La società civile è quella costituita dai Cittadini Elettori, che si esprimono nelle urne.

È clamorosamente falso proporre realtà non elettive e rappresentate da ben poche persone come si fossero la espressione della volontà popolare. I liberal socialisti lo vorrebbero, ma non è proprio così.

Ricordiamo come di quell’articolo non siano condivisi nemmeno i diacritici.

Il 26 maggio si sta avvicinando, ed in quel giorno ci si conterà.

Forse, con un centinaio di eurodeputati in meno, i liberal deporranno almeno in parte l’antica alterigia.


Corriere. 2019-05-13. Madri sovrane nell’Ungheria di Orbán

Ai tempi del socialismo qui si scavava carbone e le fabbriche producevano alluminio. Oggi a Várpalota, ventimila abitanti 90 km a sud-ovest di Budapest, le miniere sono chiuse, il lavoro viene dall’industria chimica e dal turismo. Edina e Daniel si sono trasferiti nel 2017. Quattro camere più soggiorno vista ciminiere, 92 metri quadrati al secondo piano di una palazzina bianca in un complesso per venti famiglie. Nell’area verde la domenica si fa il barbecue e i bambini giocano sull’altalena. In casa sfrecciano Eszter di 9 anni, Sara di 5 e Patrik di 3.

Edina e Daniel aspettano il quarto figlio. Lei ha 38 anni, lavorava come operaia ma ora con tre figli può restare in maternità finché il più piccolo avrà otto anni, con uno stipendio fisso di 25 mila fiorini, circa 80 euro. Lui, 36 anni, trasporta rifiuti pericolosi in un’azienda 40 km più a nord per 330 mila fiorini al mese e nel tempo libero arrotonda facendo l’imbianchino. La famiglia Nagy è entrata nel programma di punta del governo nazionalista di Viktor Orbán per sostenere le nascite contro il tracollo demografico. La seconda fase, annunciata a gennaio, estende la legislazione in vigore dal 2015: ogni donna sotto i 40 anni che decida di sposarsi ha diritto a un mutuo agevolato, come pure i nuclei con almeno 2 figli (prima il prestito scattava al terzo e riguardava solo case di nuova costruzione).

Le madri con almeno 4 figli non pagheranno tasse per il resto della vita; dai 3 figli in su arriva l’assegno per un’auto a 7 posti; previsti un contributo per i nonni che badano ai nipoti e la creazione di 21 mila asili nido. In 4 anni accolte 85 mila domande su 100 mila, per un costo di 220 milioni. Solo 500 famiglie hanno chiesto il sussidio senza avere ancora 3 figli: lo schema Csok ammette una semplice promessa, se però il terzogenito non arriva si restituisce il prestito.

È la «legge del bimbo in attesa». La casa di Edina e Daniel è costata 22 milioni di fiorini, 68.750 euro. Dopo un’analisi capillare di consumi e stile di vita hanno ottenuto in totale venti milioni, dieci da ripagare in vent’anni a zero interessi con rate inferiori al 50% del reddito familiare.

«Ha deciso lui, io avevo il terrore di non superare l’esame e perdere anche l’anticipo — ricorda Edina —. Devi pianificare ogni cosa, essere in regola con le bollette e dimostrare di poter pagare le rate. Se non ce la fai in tre mesi ti tolgono tutto. Eravamo sul punto di divorziare ogni settimana». «Mi sono venuti i capelli grigi — aggiunge lui — ma ne è valsa la pena. Nella vecchia casa c’erano infiltrazioni di umidità, qui abbiamo tutto, persino il garage». Edina, pensa mai di tornare al lavoro? Risponde lui: «La madre deve seguire i bambini, anche senza il quarto non gliel’avrei permesso». «Per i figli devi pur rinunciare a qualcosa» sorride lei.

Il terrore dell’annichilimento

Nel Centro-Est dei confini ridefiniti da guerre e alleanze, la demografia è da sempre arma politica. Il filosofo tedesco Johann Herder nel ’700 predisse che lingua e nazione magiare sarebbero state assimilate dai vicini popoli slavi fino a scomparire. Il terrore dell’annichilimento attraversa la storia ungherese e nel nono anno dell’era Orbán fare figli diventa una questione di sicurezza nazionale che si unisce all’altra grande emergenza populista: l’immigrazione.

 Blindare i confini significa anche dover contare solo sulle forze interne per spingere le nascite. Dal picco di 10,7 milioni del 1980 la popolazione è scesa a 9,7. Mentre nel resto dell’ex blocco sovietico la transizione democratica ha significato anche libertà di non avere bambini ma poi il tasso di fertilità è risalito, in Ungheria nel 2017 nascevano ancora 1,54 figli per donna. Nelle vie di Budapest manifesti con giovani coppie, nonni amorevoli e bimbi sorridenti hanno sostituito i poster contro il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker e il filantropo George Soros: quella campagna ha fatto saltare la pace fredda tra i Popolari europei e determinato la sospensione del partito di Orbán, Fidesz.

«Non siamo stati sospesi, abbiamo congelato la nostra partecipazione perché non siamo più certi di riconoscerci nel Ppe che apre all’immigrazione e tradisce l’identità cristiana. Decideremo cosa fare dopo il voto» dice al Corriere Zoltán Kovács, segretario di Stato.

Orbán valuta alleanze con Lega e sovranisti ma per l’Italia resta prioritaria la collaborazione sui migranti che Budapest rifiuta… «Matteo Salvini, definito dallo stesso Orbán un eroe, ha dimostrato che è possibile fermare l’immigrazione illegale se c’è volontà politica. La nostra linea non cambia, non condivideremo scelte irresponsabili di altri». La democrazia illiberale cerca nemici pubblici e lacera la società, non è pericolosa? «La democrazia non ha bisogno di definizioni ed è legittimata dalla volontà popolare. Non escludiamo nessuno ma sappiamo in cosa crediamo. La verità non è pericolosa, perché temerla?».

E la verità è ovunque. Una verità dogmatica e artificiale in piena luce che non ammette ombre né obiezioni. Il racconto ufficiale domina i mezzi d’informazione. Nel progetto di rifondazione identitaria al motto «Dio, patria, famiglia» il governo non esita a utilizzare la Storia alimentando la retorica della potenza mutilata dal Trattato del Trianon o rivendicando il ruolo di baluardo contro l’avanzata ottomana, la lotta dell’indomito spirito magiaro per l’indipendenza dall’Austria e la rivoluzione antisovietica del 1956. «Tutti i tiranni ricreano il passato e tutti i governi mentono, c’è una parte di verità in ogni menzogna». Ágnes Heller siede sul divano di velluto verde nella sua casa che guarda il Danubio. La grande filosofa ebrea sopravvissuta all’Olocausto, allieva di György Lukács e interprete del marxismo in chiave etica, fuggita dall’Ungheria poi tornata nel 2009, di contraddizioni ne ha superate.

Questa campagna per la famiglia, dice, si fonda su un calo demografico incontestabile «ma come risponde il potere, che ha a cuore solo la propria sopravvivenza? Con un piano destinato a moltiplicare le famiglie indebitate e che poggia su presupposti antropologici pericolosi, poiché legittima l’idea che si stia insieme per interesse riportando le donne a una divisione di ruoli che le ingabbia: madre a casa, padre al lavoro. Questo quadro valoriale però non attrae le classi bianche agiate alle quali erano rivolti gli incentivi e che sono più corteggiate dagli etno-nazionalisti. La bio-politica fondata sull’ethnos è quanto di più vicino al razzismo possa produrre la società ed è un rischio per tutti».

Anima e corpo

Éva Koppányi, 47 anni, prega nella chiesa dei Santi angeli da dove Apostol Televízió trasmette la messa. «Oggi le persone inseguono i beni materiali e cercano risposte nel New Age. Dobbiamo aiutarle a incontrare Dio e a costruire famiglie che crescano nella fede». La battaglia per la spiritualità coinvolge direttamente la famiglia del premier, calvinista con moglie cattolica e 5 figli. Il secondo, Gáspár, ha in comune con il padre passione per il calcio, talento oratorio e una nazione da salvare: nel 2015 ha fondato una chiesa pentecostale per avvicinare i giovani a Cristo, Felház, Casa.

Nel 2011, atto istitutivo dell’era Fidesz contro il verbo universalista dell’Europa senza radici fu l’adozione della prima Costituzione democratica scritta: la nuova Legge fondamentale introduce nel preambolo l’orgoglio dell’Ungheria cristiana nata con il primo re, Santo Stefano, e tutela la vita «dal momento del concepimento». L’emancipazione femminile non è mai stata una priorità per i governi post-1989, che hanno ereditato una società sessista malgrado l’esaltazione socialista della parità uomo-donna: nel quotidiano ruoli e gerarchie del patriarcato restavano immobili.

«Tutti i regimi oppressivi sono patriarcali — dice Györgyi Tóth di Nane, associazione per i diritti delle donne —. Due fattori possono spingere le nascite: percorsi di rientro al lavoro per le madri e condivisione dei compiti con i compagni. Nulla di tutto questo accade oggi in Ungheria. La politica, con una retorica compiacente scambiata per rispetto, promuove vecchi stereotipi sulle brave amministratrici dalla lacrima facile. Così non si affrontano i veri problemi come la voragine che ci separa dagli uomini per stipendi e prospettive di carriera. Chi può, va via».

In seconda classe

«Tutto è propaganda, le campagne governative sono finanziate con miliardi pubblici ma nessuno scandalo — spiega Eszter Farkas, 31 anni, ricercatrice alla Ceu, l’università finanziata da Soros e costretta a trasferire parte dei corsi a Vienna —. Per mantenere la polarizzazione sociale chi sta al potere non bada a spese, tanto il denaro fa sempre gli stessi giri».

 «Viviamo in una bella favola che non è per tutti — dice Attila, 37 anni, marketing manager e attivista gay per la prevenzione dell’Hiv —. Se non appartieni alla tribù giusta sei fuori, non in modo ufficiale ma poco a poco diventi un intruso nella tua città, ti guardano quando tieni per mano il tuo compagno, le associazioni Lgbt non trovano spazio per i progetti nelle scuole e il Gay Pride sfila dietro le transenne».

Una visione sociale che produce surreali blocchi burocratici, come per la piccola tribù di Zoe Maria (sei mesi), mamma Veronika (30 anni) e papà Janos, che lavora in banca e a 36 anni fa i conti: un divorzio, 2 famiglie, 4 figli. «Il sistema non ha collegato il mio nome a due donne e il sussidio per Zoe è rimasto congelato».

Vera Somfai, 36 anni, manager di risorse del personale, è single. «Non per scelta, non ho trovato quel tipo di stabilità. Oggi mi definisco una nomade digitale, la mia vita mi piace, ho i miei spazi e i miei silenzi. Ma qui non si costruisce il futuro. Se non ti allinei finisci in seconda classe, hanno persino proposto di tagliare del 40% la pensione a chi non ha figli. Il sistema sanitario è a pezzi, in provincia ho visto bruciare plastica e rifiuti per riscaldare le case. In città i problemi si rimuovono e le persone sono sempre più aggressive. C’è chi protesta ma la maggior parte non si oppone all’odio che monta, per 50 anni questa gente non ha potuto parlare e adesso tace. Quasi tutti i miei amici sono andati via, io resto».

Pubblicato in: Armamenti, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Stati Uniti, Unione Europea

Trump ed Orban. Esiste anche la Nato, ed è quella che ha le armi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-14.

2019-05-14__Orban__001

«U.S. President Donald Trump warmly welcomed Viktor Orban to the White House on Monday, saying the far-right Hungarian leader was “respected all over Europe.”»

*

«The pair sat down for talks about NATO and trade, less than two weeks before European parliamentary elections in which far-right parties are expected to make a strong showing»

*

«Orban’s hardline stance against migrants has attracted criticism from other European leaders, but appeared to find a more sympathetic audience in Trump»

*

«You have been great with respect to Christian communities, …. You have really put a block up and we appreciate that very much»

*

«People have a lot of respect for this prime minister, he’s a respected man. He’s done the right thing, according to many people, on immigration.»

*

«Don’t forget they’re a member of NATO, a very good member of NATO»

*

«The two leaders were due to discuss Hungary’s plan to buy medium-range missiles from the U.S.»

* * * * * * *

Secondo le ultime prospezioni elettorali il partito popolare europeo e quello socialista assieme dovrebbero perdere circa un centinaio di eurodeputati. Se così sarà, avrebbero perso la maggioranza, subendo una severa batosta.

Stranamente, sembrerebbe che a ben pochi possa interessare il cercare di capire come abbiano fatto ad inimicarsi e disaffezionare una così larga quota di Elettori.

Il comportamento tenuto nei confronti dell’Ungheria di Mr Orban spiegherebbe molto della mentalità che ha portato a questo risultato.

Stretta osservanza ideologica, rigidità comportamentale ed una tediosamente fastidiosa supponenza sono stati elementi cardini che hanno portato alla disfatta: quanti non la pensassero come loro sarebbero bollati di comportamento eretico e bollati con l’ostracismo.

Ma senza Realpolitik ci si condanna alla estinzione: una eutanasia ben poco ‘eu‘ e molto ‘kakà‘. Una morte tormentosa e tormentata.

*

Non solo.

Un’altra caratteristica dei liberal socialisti è un esasperato solipsismo, che impedisce loro sia di guardare il futuro sia la realtà.

Fossero diversi, non andrebbero incontro alla disfatta elettorale.

Quindi, ci si curi ben poco di quanto affermano al momento gli eurodirigenti uscenti di carica e gli eurodeputati, ben pochi dei quali potranno ritornare nel parlamento europeo o sulle poltrone della Commissione: il parere degli sconfitti non conta poi più di tanto.

*

Un tema da sempre glissato dagli eurocrati è la divisione del mondo tra le superpotenze atomiche: ed ora alla America ed alla Russia si è unita anche la Cina.

Si voglia o meno, la Nato ha costituito elemento calmierante la pace mondiale, che si manterrà sotto la condizione che i diversi gruppi atomici restino in equilibrio.

Sotto questo punto di vista, di non poca importanza, se è vero che al momento l’Ungheria fa parte dell’Unione Europea, sarebbe altrettanto doveroso ricordarsi che essa è incardinata nella Nato, di cui funge da postazione avanzata, unitamente ad altri paesi dell’ex est europeo.

Mr Orban gradirebbe anche ospitare sistemi missilistici a medio raggio americani, magari anche comprandoli.

L’Unione Europea non dispone di forze armate degne di quel nome, non ha forze atomiche e neppure dispone di missili anti-missile. L’armamento atomico inglese è ben poca cosa, e quello francese ancor meno, sempre poi che riescano a farlo funzionare.

Che poi gli Stati Uniti brucino dalla voglia di difendere questa Europa sarebbe cosa tutta da dimostrare.

Ma senza forze armate efficienti è impossibile esercitare una sia pur minima politica estera.

Vedremo come i nuovi eletti, Commissione Compresa, affronteranno codesta situazione, ma intanto gli anni sprecati non saranno recuperati facilmente.


Euro News. 2019-05-14. Trump praises Orban for protecting Christians from migrants

U.S. President Donald Trump warmly welcomed Viktor Orban to the White House on Monday, saying the far-right Hungarian leader was “respected all over Europe.”

The pair sat down for talks about NATO and trade, less than two weeks before European parliamentary elections in which far-right parties are expected to make a strong showing.

Orban’s hardline stance against migrants has attracted criticism from other European leaders, but appeared to find a more sympathetic audience in Trump.

“You’re respected all over Europe. Probably like me a little bit controversial, but that’s okay,” Trump told Orban at a brief news conference. “You’ve done a good job and you’ve kept your country safe.”

In 2015, Orban erected a razor-wire fence the length of Hungary’s southern border to prevent migrants, most of whom travelled from Muslim countries, entering from Serbia.

“You have been great with respect to Christian communities,” Trump told Orban. “You have really put a block up and we appreciate that very much.”

Hungary missile plan

Asked if he shared European concerns about Hungary backsliding on democracy, Trump said: “People have a lot of respect for this prime minister, he’s a respected man. He’s done the right thing, according to many people, on immigration.”

Orban said: “From the people, by the people, for the people, this is the basis for the Hungarian government. We are happy to serve our nation. We have a new constitution accepted in 2011 and its functioning well.”

Trump interjected: “Don’t forget they’re a member of NATO, a very good member of NATO.”

The two leaders were due to discuss Hungary’s plan to buy medium-range missiles from the U.S.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Orban abbandona Weber al suo destino.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-08.

Plutarco. Come trarre vantaggio dai Nemici. 001

«Orban ha spiegato di aver cambiato posizione quando Weber aveva detto che non voleva diventare presidente della Commissione con i voti degli ungheresi»

*

«Weber has said he does not want to be commission president with the votes of the Hungarians»

*

I tedeschi sono sempre stati abilissimi diplomatici. L’apice fu raggiunto dal Cancelliere Theobald Bethmann-Hollweg, quello che nel 1914 dichiarò che i trattati erano “pezzi di carta”  e che “la necessità non conosce legge“.

Benissimo.

Così la Germania ha litigato con la Polonia, la Romania ed adesso si è conquistata un altro nemico nell’Ungheria. Con l’Italia è un epsilon piccolo a piacere più prudente, ma non usa certo guanti di velluto.

Ma queste quattro nazioni votano nel Consiglio Europeo, che è poi quello che deve proporre i nomi del Presidente e dei Commissari della Commissione Europea.

Gli ungheresi ben difficilmente voteranno per Herr Weber.

Poi, il partito popolare europeo perde i 14 eurodeputati del Fidesz, che verosimilmente potrebbero confluire nel gruppo di Mr Salvini.

Qualcuno regali ad Herr Weber questo libro:

Dale Carnegie

L’ arte di conquistar gli amici e il dominio sugli altri

Bompiani.

*


EU Observer. 2019-05-07. Orban withdraws support for Weber’s presidency bid

Hungary’s prime minister Viktor Orban said on Monday his Fidesz party no longer supports Manfred Weber, the European People’s Party (EPP)’s lead candidate to be the EU Commission’s next president. The European People’s Party and Orban agreed to suspend the Fidesz’s membership last month. “Weber has said he does not want to be commission president with the votes of the Hungarians,” Orban said, describing this as an “insult” to Hungarians.

*


Ansa. 2019-05-07. Orban, Fidesz non sosterrà più Weber (Ppe)

BERLINO – Il primo ministro ungherese Viktor Orban ed il suo partito Fidesz non sosterranno più il candidato del Partito popolare europeo (Ppe), Manfred Weber, alla guida della Commissione Ue. “Stiamo cercando un nuovo candidato”, ha detto Orban a Budapest in una conferenza stampa congiunta con Vice-cancelliere Heinz-Christian Strache (Fpoe), secondo quanto riferisce l’agenza APA. Orban ha spiegato di aver cambiato posizione quando Weber aveva detto che non voleva diventare presidente della Commissione con i voti degli ungheresi. “Se qualcuno offende un Paese in quel modo, il primo ministro del Paese offeso non può certo sostenerne la candidatura”, ha detto Orban. Fidesz è stato recentemente sospeso dal Ppe. 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Salvini in visita in Ungheria. Verosimilmente Orban lascerebbe il Ppe.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-05.

2019-02-19__Ungheria__001

«The EPP has a greater need for us than we do for them» [Gergely Gulyás]


«Hungary’s Viktor Orban has sent his clearest signal yet that his party may split with Europe’s main conservative group and join an anti-immigrant, nationalist bloc led by Italy’s Matteo Salvini in the EU Parliament»

*

«Hungarian Prime Minister Viktor Orban edged closer to Italy’s far-right leader on Thursday, signaling he may break with the mainstream European conservative group following European Parliament elections in late May.»

*

«Orban’s ruling Fidesz Party was suspended, but not expelled, in March from the European People’s Party (EPP) over the deterioration in the rule of law in Hungary under his right-wing government. »

*

«The EPP, made up of center-right parties including Germany’s Christian Democrats, is projected to keep its place as the European Parliament’s biggest group following the May 23-26 elections. That would put the EPP in a pole position to choose the next European Commission president»

*

«Orban has suggested that Fidesz may leave the EPP after the European Parliament elections, which polls suggest could see a surge in support for anti-immigrant, nationalist parties.»

*

«After talks in Budapest with Italy’s hard-line Interior Minister Matteo Salvini, the Hungarian leader said he was moving closer to formal cooperation.»

*

«We are spectacularly, confidently, openly seeking cooperation with Salvini, …. Although what actual form that takes we will see… I am convinced that Europe needs an alliance of anti-immigration parties»

*

«Because the problem is not to redistribute the migrants who are already here, but to prevent the arrival of thousands more of them»

* * * * * * *

Si constata che se il Fidesz abbandonasse il partito popolare europeo, questo perderebbe i 14 deputati ungheresi, scendendo da 170 a 156 seggi, mentre il gruppi di Salvini salirebbe da 70 ad 84 seggi.

I sogni egemonici di Herr Weber potrebbero dimostrarsi illusioni.


Hungary Today. 2019-05-03. CSU Leader: Orbán’s Meeting with Salvini ‘Is a Bad Sign’

Chairman of the Bavarian Christian Social Union, Markus Söder, criticized Orbán for meeting with Italian Interior Minister and Lega leader Matteo Salvini on Thursday. 

During his visit to Bulgaria, Söder stressed:

It is clear to us: There is not and cannot be cooperation with right-wing populists in Europe.”

An alliance with Salvini, Le Pen and the AfD is simply “a no-go,” and “the Hungarian situation is becoming a difficult matter which we regret,” Söder stated.

He continued by saying, “We hoped that the reprieve given to Hungary by the EPP would be used positively, but a meeting with Salvini is a bad sign.”

——

Fidesz Suspended in EPP after Vote on Joint Proposal

After a joint proposal from the EPP Presidency together with Fidesz, the European People’s Party has voted to suspend Fidesz, the party family announced. Fidesz president and Hungarian Prime Minister Viktor Orbán says Fidesz decided unilaterally to suspend exercising its rights as a member of the European People’s Party. “Fidesz will be suspended with immediate effect and … Continue reading

——

The Bavarian politician also called the meeting a harbinger of “bad development” that will most certainly play a role in the examination of Fidesz’s EPP membership.

Fidesz used to be on amicable terms with CSU. This criticism comes after a statement by Gergely Gulyás, the head of the Prime Minister’s Office: Bavarian CSU is Still Hungary’s Friend.

——

“We Aren’t Looking for a Party Group, We’re Looking for Allies” — Interview with PMO Head Gergely Gulyás

“As long as Fidesz is a member of the European People’s Party, we are concentrating on this group. In the EP elections we will run as a member of the EPP” — said Gergely Gulyás, Minister of Prime Minister’s Office, in an interview with Ungarn Heute. He believes those debating Fidesz’ membership during an election … Continue reading

——

Back in January — in his congratulation letter to Söder —  Viktor Orbán called the traditionally close partnership between his ruling Fidesz and Söder’s governing CSU parties an important pillar of Hungarian-Bavarian and Hungarian-German ties.

*


Orbán: Magyarország a szárazföldön, Salvini a tengeren állította meg a migrációt

Magyarország a szárazföldön, Matteo Salvini olasz miniszterelnök-helyettes, belügyminiszter pedig a tengeren állította meg a migrációt – mondta Orbán Viktor miniszterelnök pénteken a Kossuth rádió Jó reggelt, Magyarország! című műsorában.

Salvini “szöget vert a bevándorláspárti politikusok koporsójába”, és Magyarország ugyan “kisebb szöggel”, de szintén csatlakozott ehhez a “művelethez” – fogalmazott a kormányfő, miután előző nap Budapesten tárgyalt a Liga olasz kormánypárt vezetőjével.

Hozzátette: Salvini bebizonyította, hazudnak a bevándorláspárti politikusok, amikor azt mondják, nem lehet megállítani a migrációt.

Ráadásul amióta Matteo Salvini Olaszország belügyminisztere, és nem engedi be a bevándorlókat szállító hajókat, azok nem is indulnak el, így radikálisan lecsökkent a vízbe fulladt migránsok száma, ami jól mutatja, hogy “emberség szempontjából is inkább a Salvini- és a magyar politika a helyes” – jegyezte meg.

Beszámolt Salvininek arról, hogy a balkáni migránsútvonalat lezáró magyar határkerítés és a határvédelem költségeiből Brüsszel nem térített meg semmit.

Orbán Viktor arról is beszélt, hogy egyes európai államok vezetői túl könnyen használnak durva kifejezéseket más országok vezetőire, nem veszik figyelembe, hogy ez tiszteletlenség velük és a választóikkal szemben.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Europa. Risultati Elettorali 2018.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-26.

Europa 002

Riportiamo da Edn Hub i risultati elettorali 2018.

Dopo un anno elettorale cruciale per l’Unione europea, il 2017, la sfida dei Ventotto al populismo ha caratterizzato anche il 2018. A confrontarsi con i risultati delle urne sono stati a vario titolo 11 Stati membri: dall’Italia all’Irlanda, passando per Ungheria, Repubblica Ceca, Cipro, Finlandia, Svezia. Il destino dei partiti tradizionali, davanti all’ascesa dei rivali populisti, è apparso ancora molto incerto. Tra gli appuntamenti più attesi, le elezioni in Italia il 4 marzo, dove gli euro-scettici del Movimento 5 Stelle non hanno disatteso  i favori dei pronostici e sono andati al governo con il partito di destra anti-migranti della Lega Nord.

I risultati elettorali del 2018:

– REPUBBLICA CECA – Al ballottaggio del 26 e 27 gennaio, in un serrato testa a testa, il presidente uscente Milos Zeman ha battuto lo sfidante Jiri Drahos, ex presidente dell’Accademia delle Scienze (Csav), con il 51,3% dei consensi. Si riconferma quindi la linea euroscettica e populista portata avanti nello scorso mandato da Zeman, che mantiene Praga orientata verso l’est dell’Europa, allacciata ai Visegrad (Polonia, Ungheria e Slovacchia), muro anti Ue nell’accoglienza ai migranti. Zeman ha promesso di affidare ad Andrej Babis, vincitore delle elezioni politiche in Repubblica Ceca nell’ottobre del 2017, il secondo tentativo di formare un governo. L’affluenza ha raggiunto il record del 66,6%.

– FINLANDIA – Domenica 28 gennaio la Finlandia si è recata alle urne per eleggere il nuovo presidente per un mandato di sei anni. Il presidente uscente, Sauli Niinisto, è stato rieletto al primo turno con il 62,7% dei suffragi, quasi cinque volte di più del suo sfidante più vicino, il verde Pekka Haavisto, che si è fermato al 12,4%. Niniisto, 69 anni, ex ministro delle Finanze ed ex speaker del parlamento, è stato un presidente molto popolare sin dall’inizio del suo mandato nel 2012. Si è presentato come indipendente, senza associarsi al partito conservatore che in passato aveva presieduto. “Sono sorpreso e colpito da questo sostegno”, ha detto ai media dopo la vittoria. Deludente invece il risultato dei Veri Finlandesi, partito conosciuto per le sue forti posizioni anti-europeiste e nazionaliste, in forte ascesa negli ultimi anni: la candidata Laura Huhtasaari si è fermata al 6,8%.

– CIPRO –  A 5 anni di distanza dalle ultime elezioni presidenziali di Cipro nel 2013, il voto di domenica 28 gennaio ha visto contrapposti su tutti il presidente in carica conservatore Nicos Anastasiades e il principale avversario, Stavros Malas, sostenuto dal partito comunista Akel.  Arrivati al ballottaggio (al primo turno Anastasiades era arrivato primo con il 35,5% dei voti, Malas secondo con il 30,2%), il 4 febbraio il 71enne Anastasiades è stato rieletto presidente ricevendo il 56% dei voti, mentre il suo avversario Stavros Malas ha raccolto il 44% dei voti. I due si erano già sfidati nelle elezioni del 2013, quando Anastasiades vinse con un larghissimo vantaggio; a questa tornata è stata ricompensata la stabilità ottenuta dal paese durante la sua carica, ma Malas ha ricevuto comunque più voti rispetto alle aspettative. La questione della riunificazione dell’isola è stata al centro della campagna elettorale di Nicosia. Il 7 gennaio è stata rinnovata l’Assemblea dell’autoproclamata Repubblica turca di Cipro del Nord (Rtcn), che ha sancito la vittoria Partito di unità nazionale (Ubp) – vicino ad Ankara e per il mantenimento dello status quo -, ma non la formazione di un governo che è ancora in discussione. Proprio la necessità di riprendere il dialogo con la Turchia sul processo di riunificazione in funzione di uno stato federale è stato uno dei temi al centro del dibattito elettorale e sarà la maggior sfida di Anastasiades.

– ITALIA – Il 4 marzo è stata la volta degli elettori italiani, chiamati alle urne per le elezioni politiche. A sfidarsi sono stati la coalizione di centro-destra guidata dall’ex premier Silvio Berlusconi affiancato dal leader della Lega, Matteo Salvini, i populisti del Movimento Cinque Stelle con Luigi Di Maio candidato premier, e il Partito Democratico di Matteo Renzi. Il Movimento 5 stelle ha ottenuto più del 30 per cento dei voti sia alla Camera sia al Senato, sopratutto grazie alle regioni del centro e dell’Italia del sud. La Lega ha superato Forza Italia e il Partito democratico è sotto al 20%. Liberi e Uguali ha superato la soglia di sbarramento del 3%. L’affluenza è stata del 72,9%, la più bassa nelle elezioni politiche dal 1948 a oggi. Con questi numeri, nessuna forza politica ha ottenuto una maggioranza assoluta in parlamento, ma dopo oltre due mesi e mezzo di trattative M5S e Lega si sono alleati dando vita a un governo di stampo populista, presieduto dal premier Giuseppe Conte.

– UNGHERIA – L’8 aprile si sono tenute le elezioni politiche in Ungheria. Fidesz, il partito del primo ministro Viktor Orbán, populista di destra, ha vinto con il 49% dei consensi, riconquistando la maggioranza dei due terzi in parlamento e avviandosi al suo terzo mandato consecutivo dal 2010. Secondo è il partito Jobbik con il 20%, terza l’alleanza socialisti-verdi con 12%.  La sfida sembra essere tutta a destra, con il partito Jobbik di estrema destra a rappresentare il più grande rivale di Orban.

– SLOVENIA – Anno di campagna elettorale per la Slovenia, con le elezioni generali a giugno e quelle locali a novembre. Alle politiche del 4 giugno, il conservatore Janez Jansa e il suo Partito democratico sloveno (SDS), che sono su posizioni anti-migranti e alleati del leader nazionalista ungherese Viktor Orban, hanno vinto con il 25% dei voti. Jansa non è però stato in grado di formare una maggioranza. A guidare il Paese è dunque Marjan Sarec (LMS), che con la Lista omonima si era piazzato secondo con il 12,6%, ed è appoggiato da cinque partiti di centrosinistra in un governo di minoranza.

– SVEZIA – Il 9 settembre 2018 è stato il turno della Svezia di andare al voto. I socialdemocratici del premier uscente Stefan Lofven sono risultati nuovamente la prima forza, con il 28,4% dei consensi, ma è il risultato peggiore per il partito dal 1920. Secondi, con il 19,7%, la destra dei Moderati guidati da Ulf Kristersson. Terzi, in ascesa al 17,7%, i populisti e sovranisti del partito Svedesi Democratici, guidati da Jimmie Akesson. Al momento, il blocco del centrosinistra e del centrodestra sono appaiati intorno al 40%, ma non hanno i numeri per governare. Nelle prossime settimane saranno dunque decisive le trattative per formare un governo di coalizione.

– LETTONIA – Dalle elezioni politiche di sabato 6 ottobre, le tredicesime nei 100 anni di storia del Paese, è emerso il primato del partito filorusso Concordia (Harmony) al 19,8%, che però ha scarse possibilità di dar vita a un governo. Lo scenario che si presenta – come peraltro avvenuto in tutte le ultime elezioni politiche nei Paesi dell’Ue – è una lunghissima trattativa tra forze politiche anche molto diverse, per mettere in piedi una coalizione. Brusco calo di consensi per il partito liberal-conservatore, una volta potentissimo, del vicepresidente della Commissione europea ed ex premier del Paese baltico, Valdis Dombrovskis. Il suo Unità (‘Vienotiba’ in lettone) – uno dei tre partiti che compongono la maggioranza uscente – è crollato al 6,7%, ottenendo appena otto seggi. Alle politiche del 2014, registrò il 21,8% con 23 seggi. Dombrovskis si dice comunque “fiducioso che il Paese sarà in grado di istituire un governo fermamente pro-europeo”, anche se a guidarlo non sarà più probabilmente il premier uscente Maris Kucinskis. La maggioranza tripartitica di centro-destra, dimezzata nei consensi, dovrà cercare nuove alleanze pescando tra una serie di formazioni che viaggiano intorno al 10-13%. Secondo gli analisti locali, alla fine si potrebbe arrivare a un ‘pentapartito’, che rischia tuttavia di avere problemi di tenuta, per le distanze programmatiche tra le formazioni. E’ invece altamente improbabile che a formare l’esecutivo sia chiamato il partito Concordia, che ha nella minoranza russa il proprio elettorato di riferimento e che finora è stato sempre tenuto fuori dalla stanza dei bottoni grazie a una sorta di cordone sanitario messo in atto dalle altre forze politiche, preoccupate dell’eventuale ingresso di un cavallo di Troia del Cremlino negli affari politici europei: fino al 2017 Concordia aveva anche un accordo di cooperazione col partito di Putin Russia Unita. Al momento, soltanto i secondi arrivati, i populisti euroscettici di Kpv Lv sarebbero disponibili ad allearsi coi filorussi, ma il loro 14,2% non è comunque sufficiente a garantire una maggioranza.

– BELGIOUna incontestabile vittoria per i Verdi è, in sintesi, il risultato delle Comunali che si sono svolte in Belgio. Domenica 14 ottobre si sono tenute le elezioni provinciali, municipali e distrettuali belghe. La regione di Bruxelles è andata al voto con 19 comuni, le Fiandre con 5 province e 300 comuni (nella città di Anversa si sono tenutee anche le elezioni per i distretti), e la Vallonia con 5 province e 262 comuni. A Bruxelles i Verdi passano da uno a tre borgomastri (sindaci), facendo breccia nei 19 comuni della capitale belga e sembrerebbero pronti ad entrare in una maggioranza con il Ps, quest’ultimo largamente in testa che realizza globalmente dei buoni risultati nella regione di Bruxelles. Ammaccato il Mr (Liberali), mentre al sud del Paese, in Vallonia, si registra una buona performance per il Ptb, il Partito del lavoro, di estrema sinistra che diventa il terzo partito a Liegi ed il secondo a Charleroi e a Seraing. Nelle Fiandre, nord del paese, il nazionalismo fiammingo tiene: roccaforte della Nuova alleanza fiamminga (N-va), la città conferma il suo leader, Bart De Wever, sindaco. Resta da capire con chi si alleeranno i nazionalisti. Altro dato significativo quello delle donne a Bruxelles: il 48,8% risultano elette, un vero e proprio record. Nulla di fatto invece per il partito Islam che non ha ottenuto alcun eletto.

– LUSSEMBURGOAlle elezioni del 15 ottobre, i tre partiti della coalizione di governo uscente – i socialisti della Lsap, Dp (la formazione di stampo liberale di Bettel) e i Verdi -, hanno riconfermato la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento (31 su 60). Il partito di centro-destra Csv (cristiano sociali), dell’ex premier e attuale presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, si è invece aggiudicato la maggioranza relativa con il 28,3% dei voti e 21 seggi. Il granduca del Lussemburgo, Henri Albert Guillaume, ha incaricato il premier uscente, il liberale Xavier Bettel a formare un nuovo governo.

– IRLANDA – Elezioni presidenziali senza sorprese in Irlanda: Michael D. Higgins, 77 anni, letterato di idee liberal, è stato confermato per un secondo settennato alla carica di capo dello Stato, sostanzialmente di garanzia, ma priva di veri poteri nel sistema istituzionale della repubblica. Higgins, nel rispetto delle previsioni della vigilia, ha segnato una netta vittoria al primo turno con oltre il 58% di voti. Il meno lontano dei 5 rivali è l’uomo d’affari indipendente Peter Casey, dato poco sopra il 20%, mentre tutti gli altri sono sotto il 10 con la prima donna in lizza, Liadh Ni
Riad, eurodeputata dello Sinn Fein (sinistra nazionalista) al terzo posto attorno all’8%. In calo l’affluenza alle urne rispetto al 2011.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Problemia Energetici, Russia, Unione Europea

Russia. Nel 2019 scadono gli accordi al transito di gas attraverso l’Ukraina.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-29.

TurkStream

Sempre che non siano in corso delle trattative riservate, cosa possibile quanto verosimile, l’Unione Europea sembrerebbe non aver ancora pensato a come comportarsi quando a fine 2019 scadranno gli accordi tra Russia ed Ukraina, in base ai  quali il gas russo transita sul territorio ukraino per giungere ai consumatori europei.

Per quanto possa sembrare essere ragionevole che alla fine si arrivi ad un rinnovo dei permessi, ciò non è assolutamente detto che accada. A quanto sembrerebbe, il problema sarebbe sicuramente di prezzo del pedaggio, ma molto di più sarebbe politico.

L’Europa dipende mani e piedi dalle forniture russe di gas, sia per il riscaldamento ed uso domestico, sia per alimentare molte delle esistenti centrali elettriche.

*

Lascia quindi alquanto perplessi la notizia per cui l’Ungheria avrebbe preso l’iniziativa e contrattato direttamente le forniture con la Russia.

«Russia will supply gas to Hungary in 2020, regardless of agreements on gas transit between Moscow and Kiev»

*

«Today, the CEO of Gazprom and I have concluded an agreement that Gazprom will ensure gas supplies to Hungary, regardless of whether a transit agreement is concluded between Russia and Ukraine,” RBC quoted  Hungarian Foreign and Trade Minister Péter Szijjártó»

*

«A situation might arise when Russia will no longer supply gas to the European continent via Ukraine»

*

«We have to prepare for this scenario, because we must always take into account the worst scenario when planning the security of the country’s energy supply»

* * * * * * *

Il problema è di non poco conto ed anche di ben difficile soluzione. Poi, magari, in colloqui riservati, le parti potrebbero anche dimostrasi una volta tanto ragionevoli.

Che tra Russia ed Ukraina non corra buon sangue non dovrebbe essere cosa ignota: l’Unione Europea parteggerebbe ufficialmente per l’Ukraina, ma nel contempo ha bisogno del gas russo per sopravvivere.

La Russia sta proseguendo i lavori per il Nord Stream 2 con grande risentimento americano, e nel contempo sta proseguendo i lavori sullo TurkStream, tra le urenti ambasce dell’Unione Europea. Ambedue le soluzioni bypassano l’Ukraina.

* * *

Turk Stream. Bulgaria approva il progetto.

Un’occhiata sia pur superficiale al tracciato del TurkStream in avanzata fase di posa mette chiaramente in luce come il tracciato passi dalla Turkia alla Bulgaria e, quindi, attraverso la Serbia, arrivi direttamente in Ungheria.


The Moskow Times. 2019-03-24. Russia Agrees To Ensure Gas Supplies to Hungary, Bypassing Ukraine

Russia will supply gas to Hungary in 2020, regardless of agreements on gas transit between Moscow and Kiev, the RBC news website reported on Friday.  

The transit agreement between Russia and Ukraine expires at the end of this year and a new agreement has not yet been negotiated.

“Today, the CEO of Gazprom and I have concluded an agreement that Gazprom will ensure gas supplies to Hungary, regardless of whether a transit agreement is concluded between Russia and Ukraine,” RBC quoted  Hungarian Foreign and Trade Minister Péter Szijjártó as saying after negotiations with Gazprom head Alexei Miller.

“A situation might arise when Russia will no longer supply gas to the European continent via Ukraine. We have to prepare for this scenario, because we must always take into account the worst scenario when planning the security of the country’s energy supply,” RBC quoted Szijjártó as saying.

State-run Gazprom is building two pipelines — Nord Stream 2 and the European leg of TurkStream — in the face of opposition from the European Union and the United States.

Both will carry Russian gas to Europe, bypassing Ukraine. The Nord Stream 2 link under the Baltic Sea is jointly funded by Gazprom and five regional energy companies. The planned TurkStream leg from Turkey to the EU is set to receive financing from a 50-50 joint venture between Gazprom and its Turkish partner.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Weber è in visita da Orban. Prove di convivenza.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-12.

2019-03-05__Orban__001

Herr Weber, candidato in pectore per la Presidenza della Commissione Europea, è andato in visita da Mr Orban per cercare un chiarimento ed un accordo.

Il motivo è semplice.

Nel nuovo europarlamento il partito popolare europeo dovrebbe perdere circa una cinquantina di deputati, mentre il partito socialista europeo dovrebbe perderne una sessantina. Hanno perso la maggioranza.

Non solo, con le prossime elezioni statali, sette stati dell’Unione rinnoveranno i propri capi di stato e/o di governo nell’ambito del Consiglio Europeo. Anche qui le vecchie maggioranze sembrerebbero destinate a scomparire.

Infine, l’asse frangermanico è incrinato: Mr Macron è diventato il problema dei francesi e Frau Merkel quello dei tedeschi.

*

Herr Weber può sicuramente essere proposto come candidato dall’attuale dirigenza europea, ma l’approvazione dipenderà dalla composizione dei nuovi organi direttivi: l’attuale élite egemone sarà pensionata.

«Weber’s apparent reluctance to move against Orban has also cast a shadow over his campaign to become the next European commission president.»

Il nodo è il solito.

Quelli che sono riferiti essere i “common values” dell’Unione Europea non sono quelli spacciati per tali dall’ideologia liberal socialista di Mr Juncker, Mr Tusk e compari, anche se per cinque lunghi anni questi signori hanno cercato di imporli.

Con maggio gli identitari sovranisti saranno ben numerosi nell’europarlamento, verosimilmente centocinquanta circa: non potranno più a lungo essere ghettizzati, isolati, conculcati, derisi, calunniati.

«Orban appeared defiant, saying there will be no compromise from Hungary against migration and on “the protection of Christian culture”».

Piaccia o meno, Mr Orban esiste.

Si faccian pure venire le coliche colecistiche: la religione e la cultura cristiana continuano ad esistere. E sono in molto coloro che le difendono a spada tratta. Essere identitari sovranisti, attaccati alle proprie radici, non significa essere ‘lebbrosi’: tra poco ‘lebbrosi’ saranno i liberal socialisti.

Non solo.

Gli identitari sovranisti hanno anche la caratteristica di essere tipicamente forti elettoralmente nei propri rispettivi paesi: in Polonia, Ungheria ed Italia hanno solide maggioranze, basi elettorali delle quali non godono i partiti liberal socialisti, che sono i grandi perdenti di questa stagione.

*

Vedremo come andranno le cose, ma alla fine una qualche forma di convivenza dovrà ben essere trovata. Ancora per qualche mese l’attuale élite può esercitare la forza, ma le elezioni la spazzeranno via.


EU Observer. 2019-03-12. Orban hosts Weber in Budapest for EPP showdown

Hungary’s prime minister Viktor Orban is set to host the leader of the European Parliament’s centre-right political group in Budapest on Tuesday (12 March).

The meeting with group chair Manfred Weber follows weeks of speculation on the future of Orban’s Fidesz nationalist party within the centre-right EPP.

Some dozen Fidesz MEPs belong to the EPP, the European Parliament’s largest political group.

But Orban’s anti-migration campaign and nation-wide poster ad attacks against philanthropist George Soros and European Commission president Jean-Claude Juncker have upped the pressure on Weber to boot out Fidesz from the political group ahead of the European elections in May.

The political rift appears to have only widened after Weber’s demand last week for an apology from Orban over the anti-EU rhetoric remains unanswered.

Hungary’s problems run deep amid a backsliding of political rights, the lowest since 1989, and a European Parliament that last September demanded Budapest be censured over the “clear risk” of breaching EU values.

The commission last month launched a counter-attack against Orban’s anti-migration campaign, which the chief commission spokesman described as “ludicrous conspiracy theory”.

Weber’s apparent reluctance to move against Orban has also cast a shadow over his campaign to become the next European commission president.

Earlier this month, Weber said Orban must reverse his decision to expel the Central European University (CEU) from Budapest in order to remain in the EPP.

He also told German newspaper Welt am Sonntag over the weekend that Orban wants to remain in the EPP.

“He knows that in order to do so, he has to show that he accepts our common values and show solidarity with us in the campaign,” he said.

Tuesday’s encounter is billed as a last-ditch effort for reconciliation between the two sides ahead of 20 March meeting where a final decision is set to be made on the future relationship.

But in a radio interview last week, Orban appeared defiant, saying there will be no compromise from Hungary against migration and on “the protection of Christian culture”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Geopolitica Europea, Unione Europea

Orbán rimpatria in Ungheria gli ungheresi emigrati in Venezuela.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-07.

2019-03-05__Orban__001

I liberal socialisti si stupiscono ogni giorno che passa del fatto che l’Elettorato europeo abbia loro voltato le spalle e che non li amino, non li gradiscano più. Ultima giusto ieri la Estonia.

La superbia è un vizio terribile. Dapprima si limita ad una esagerata stima di sé e dei propri meriti (reali o presunti), che si manifesta esteriormente con un atteggiamento altezzoso e sprezzante e con un ostentato senso di superiorità nei confronti degli altri: un vero e proprio razzismo. Quindi si distilla nella sua essenza: in una considerazione talmente alta di sé stessi da giungere al punto di stimarsi come principio e fine del proprio essere. Mr Macron è un fulgido esempio.

Il superbo si domanda stupefatto per quale motivo gli altri non lo adorino, non gli riconoscono quella che presume essere la sua intrinseca grandezza. La gente non si piega alla sua volontà, ed alla fine lui stesso si rende conto di quanto il suo volere cozzi contro quello altrui.

Da questo punto di vista il superbo esperisce già su questa terra l’inferno che lo sta aspettando come sistemazione definitiva. Passa il suo tempo a rodersi il fegato.

Comprendendo questo passaggio si comprende anche la profonda motivazione dell’odio rancoroso che nutrono contro chiunque si opponga loro. Se hanno il potere, lo esercitano in modo spietato, se non lo hanno, si tormentano di odio e rabbia impotente. La revisione critica del proprio operato è loro aliena: son sempre alla ricerca di capri espiatori, di persone alle quali addossare ogni colpa dei loro insuccessi.

* * *

Mr Soros e Mr Orbán non hanno per nulla gradito gli ultimi cartelloni politici del Fidesz, il partito di Mr Orbán. Eppure Mr Juncker vi appare persino quasi sobrio.

Se già da tempo Mr Orbán era loro inviso, adesso lo è ancora di più, ed i fidi scudieri liberal si stanno scatenando contro l’uomo, appigliandosi ad ogni minimo pretesto, ma rodendosi il fegato che Fidesz ha la maggioranza assoluto.

«Most Venezuelans with Hungarian ancestry emigrated in two waves»

*

«The first, after World War Two, included many associated with the Miklos Horthy regime which sided with Nazi Germany. Some had been involved in the deportation of Hungarian Jews to Nazi death camps»

*

«A very different group of around 400 followed after the 1956 failed revolution, including some who had fought the Soviet army on the barricades in Budapest»

*

«The community has since swelled to several thousand»

*

«Only when the situation deteriorated rapidly in 2017, when hunger was accompanied by arbitrary violence, did community organisers turn for help to the Hungarian government. The 350 who have arrived have been generously received, with enrolment in language classes and accommodation and integration for the first 12 months.»

*

«About 350 have already arrived on plane tickets funded by the state. Another 750 are on a list, waiting in Caracas, and more may follow»

* * * * * * *

Serve proprio essere liberal socialisti con denominazione di origine controllata per confondere, volutamente ed artatamente, il rimpatrio di compatrioti in difficoltà con l’immigrazione clandestina illegale di persone che son tutto tranne che ungheresi.

Il giornalista della Bbc ci riesce, ma l’effetto è l’opposto: gli si ride in faccia. Già: i liberal socialisti non hanno proprio il senso dello humour.

In ogni caso, le elezioni europee si stanno avvicinando ogni giorno che passa.

Nota.

Se questi cartelloni sono stati riprovati dalla dirigenza del’Unione Europea è segno evidente di quanto siano giusti e corretti.


Bbc. 2019-03-04. Venezuela crisis: Secret escape to anti-migration Hungary

It may come as a surprise to see refugees from the turmoil in Venezuela warmly welcomed in Hungary – by a government widely known to be hostile to immigration and asylum.

About 350 have already arrived on plane tickets funded by the state. Another 750 are on a list, waiting in Caracas, and more may follow.

But there’s a catch.

All those who apply must prove Hungarian ancestry, however distant that might be.

Government spokesmen have been at pains to insist that they are genuine Hungarians “coming home”, though very few were actually born in Hungary, let alone speak Hungarian.

Who are they?

Most Venezuelans with Hungarian ancestry emigrated in two waves.

The first, after World War Two, included many associated with the Miklos Horthy regime which sided with Nazi Germany. Some had been involved in the deportation of Hungarian Jews to Nazi death camps.

A very different group of around 400 followed after the 1956 failed revolution, including some who had fought the Soviet army on the barricades in Budapest.

The community has since swelled to several thousand. Many young Venezuelans without any Hungarian ancestry were attracted by the vibrant cultural life of the community in Caracas, with its dance and scout groups.

Only when the situation deteriorated rapidly in 2017, when hunger was accompanied by arbitrary violence, did community organisers turn for help to the Hungarian government.

The 350 who have arrived have been generously received, with enrolment in language classes and accommodation and integration for the first 12 months.

Orban and his anti-immigration campaign

The irony is that the programme has been drawn up by an inter-ministerial team from the Fidesz government, which has bitterly opposed immigration for the past four years.

Nationalist Prime Minister Viktor Orban has built his campaign for the European Parliament elections in May entirely on opposing immigration to the European Union.

The campaign of billboards and newspaper ads has been condemned by the EU as distorting the truth and aiming to “paint a dark picture of a secret plot to drive more migration to Europe”.

Most refugee integration programmes here were abolished by the government in 2016 and 2017.

Only 94 people were granted asylum in Hungary in the first nine months of 2018. Another 290 were given lesser forms of protected status.

The Venezuelans’ arrival was revealed by independent news website Index and Hungary’s authorities have asked those taking part in the scheme not to talk to the media.

“The government made clear to us that this would be difficult to communicate – because of its own hysterical anti-migrant campaign,” said one of the Venezuelans already safely in Hungary, who asked that his name not be used.

“They insist on the word ‘repatriation’ – but this was rather loosely applied at the start. Now, the conditions have been tightened.”

A difficult task of persuasion

Their cause was eventually championed by deputy Prime Minister Zsolt Semjen.

“It was hard at first persuading the government just how bad the situation there had become. That my monthly pension barely covered a single meal,” my source said.

“We did not become refugees lightly. Especially those of us who were refugees from Hungary in the first place. We knew that we may lose our life’s work, our flats, everything we had in Venezuela.”

Plane tickets and even transport to the airport were arranged through the Hungarian embassy in Ecuador and the Hungarian Maltese Charity Service.

The first Venezuelans arrived in April 2018 and all are deeply grateful to the Hungarian government for its assistance.

But the peculiar anti-migrant atmosphere cultivated by the Orban government has led to some tragicomic scenes.

When the new arrivals were placed initially in the tourist resort of Balatonoszod, local Hungarians boarded up their windows and phoned the police in panic when they noticed what they called “negroes” in the streets.

“It’s true some of us are quite dark-skinned,” laughed my Venezuelan contact. “But some of us are more Hungarian than Hungarians!”

What next for Hungary’s immigrants?

One year on, the children are already fluent in the language, and well-integrated into their local schools.

“They love the freedom to go out in the streets safely. The freedom to study, to be themselves here, to be exotic,” said another parent.

But worries plague the older people among them.

“What will we do when our year is up, and the charity extended to us ends? We are not entitled to pensions here,” one told me.

That is just one of the problems Hungary’s ministry of human capacities is trying to solve.

Opposition parties have accused the government of hypocrisy for taking in Venezuelans but rejecting Syrians, Iraqis or Afghans.

The Venezuelans fear such attacks might dilute the government’s willingness to allow in those still queuing to escape.

They have noticed a lull in new arrivals, as the government assesses whether the current Venezuelan government will survive.

Under laws passed in Hungary in 2018, organisations and individuals which help migration can be fined or even jailed and have 25% of their income confiscated by the state to fund border defences.

The Hungarian opposition jokes that the state should in this case fine itself.

I ask my contact: if the Maduro government falls, would you return to Venezuela?

“Of course. That is my home.”