Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Geopolitica Europea, Senza categoria

Zelenskiy presidente dell’Ukraina.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-22.

Ukraina__001

«The national exit poll showed Zelenskiy had won 73 percent of the vote with Poroshenko winning just 25 percent»

*

«Zelenskiy …. has promised to end the war in the eastern Donbass region and to root out corruption amid widespread dismay over rising prices and falling living standards»

*

«Since there is complete uncertainty about the economic policy of the person who will become president we simply don’t know what is going to happen and that worries the financial community»

*

«We need to see what the first decisions are, the first appointments. We probably won’t understand how big these risks are earlier than June»

*

«Perhaps nothing will change»

* * * * * * * *

Anche se la stampa ne parla diffusamente, a nostro commesso parere ben poco importa il pregresso lavoro svolto dal presidente eletto, Mr Volodymyr Zelenskiy. Pigliamo soltanto atto come sia digiuno, almeno apparentemente, di conoscenze di politica e di economia, e tanto meno del meccanismo di funzionamento dello stato. Conterà quindi molto l’entourage cui si affiderà. Per fare il presidente di uno stato l’onestà è condizione necessaria, ma non sufficiente.

È davvero molto difficile dire quanto siano realizzabili gli slogan elettorali che lo hanno portato alla vittoria, pur se vi si intravede l’anelito a terminare la guerra civile nel Donbass. Un po’ di Realpolitik non guasterebbe.

L’Ukraina è un paese stremato da quasi due decenni di guerre e di chaos politico interno, cui si deve aggiungere la nefasta azione condotta da molte potenze straniere che hanno usato l’Ukraina per perseguire i loro fini, non certo il bene di quella povera nazione.

I grandi attori occidentali, Hollande, Merkel, Juncker sono usciti di scena oppure ininfluenti al momento attuale. Resta ben difficile pensare che il Donbass possa essere pacificato senza un ragionevole accordo tra Stati Uniti e Russia.

Sembrerebbe anche molto arduo che Mr Zelenskiy possa rimettere in moto il sistema economico ukraino a tempi brevi. Il degrado produttivo è severo, il tasso di disoccupazione molto elevato, il rischio degli investimenti dovrebbe ancora essere valutato con grande cura.

Non resta altro che augurarsi che l’Ukraina possa avviarsi a voltar pagina nella storia.


Reuters. 2019-04-21. Comedian Zelenskiy wins Ukrainian presidential race by landslide: exit poll

KIEV (Reuters) – Ukraine entered uncharted political waters on Sunday after an exit poll showed a comedian with no political experience and few detailed policies had easily won enough votes to become the next president of a country at war.

The apparent landslide victory of Volodymyr Zelenskiy, 41, is a bitter blow for incumbent Petro Poroshenko who tried to rally Ukrainians around the flag by casting himself as a bulwark against Russian aggression and a champion of Ukrainian identity.

The national exit poll showed Zelenskiy had won 73 percent of the vote with Poroshenko winning just 25 percent.

If the poll is right, Zelenskiy, who plays a fictitious president in a popular TV series, will now take over the leadership of a country on the frontline of the West’s standoff with Russia following Moscow’s annexation of Crimea and support for a pro-Russian insurgency in eastern Ukraine.

Zelenskiy, whose victory fits a pattern of anti-establishment figures unseating incumbents in Europe and further afield, has promised to end the war in the eastern Donbass region and to root out corruption amid widespread dismay over rising prices and falling living standards.

But he has been coy about exactly how he plans to achieve all that. Investors want reassurances that he will accelerate reforms needed to attract foreign investment and keep the country in an International Monetary Fund program.

“Since there is complete uncertainty about the economic policy of the person who will become president we simply don’t know what is going to happen and that worries the financial community,” said Serhiy Fursa, an investment banker at Dragon Capital in Kiev.

“We need to see what the first decisions are, the first appointments. We probably won’t understand how big these risks are earlier than June. Perhaps nothing will change.”

Annunci
Pubblicato in: Geopolitica Militare, Geopolitica Mondiale, Putin, Russia, Stati Uniti, Trump

Russia ed Ukraina. Qualcuno vorrebbe sabotare il summit Putin – Trump.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-11-29.

Trump Macron 010

Giorni fa tre navi ukraine si sono avvicinate alle acque territoriali russe al largo di Kerc: i russi le hanno cannoneggiate e quindi catturate.

È scoppiato il finimondo.

Mr Macron e Frau Merkel avrebbero voluto invadere immediatamente la Russia, poi hanno dovuto desistere non disponendo di esercito. Si sono limitati a parole grevi, minacciando l’ulteriore inasprimento delle sanzioni, salvo restando che la Russia continui a far arrivare in Europa il gas naturale.

Il commento migliore è stato quello del presidente Trump.

*

«President Trump said Wednesday that he “didn’t like” Russia’s capture of three Ukraine naval vessels and called on European leaders to “get involved” — but stopped short of leveling any criticism at Vladimir Putin for ratcheting up tensions in the region»

*

«We’re going to see, we’re going to find out what happened. I didn’t like the incident and we’re getting a report on what’s going on»

*

«”Angela, let’s get involved Angela!” he added, referring to German Chancellor Angela Merkel, exaggerating the pronunciation of her first name»

*

«The president said that France should also get involved, but didn’t elaborate on what actions the two countries»

*

«There was a question — was a warning given? Did they [the Ukranian vessels] let them know they’re coming through? Because they have a system I guess. It’s been working»

* * * * * * *

«Ci sarebbe una domanda da porsi. È stato dato un avvertimento? L’Ukraina aveva fatto sapere ai russi che stanno arrivando? Perché hanno un sistema, credo. »

*

Questo è il vero quesito da porsi.

L’Ukraina aveva o meno avvisato i russi che delle sue navi da guerra, in realtà tre vecchie carrette, si sarebbero avvicinate a Kerc?

I soliti malpensanti potrebbero anche malignare che tutto ciò che è successo sia stato fatto a posta al solo fine di impedire oppure rendere più difficile il summit in programma tra Mr Trump e Mr Putin.


The New York Post. 2018-11-29. Trump ‘didn’t like’ Russia’s capture of Ukrainian naval vessels

President Trump said Wednesday that he “didn’t like” Russia’s capture of three Ukraine naval vessels and called on European leaders to “get involved” — but stopped short of leveling any criticism at Vladimir Putin for ratcheting up tensions in the region.

“We’re going to see, we’re going to find out what happened. I didn’t like the incident and we’re getting a report on what’s going on,” Trump told The Post during a 36-minute Oval Office interview.

”Angela, let’s get involved Angela!” he added, referring to German Chancellor Angela Merkel, exaggerating the pronunciation of her first name.

The president said that France should also get involved, but didn’t elaborate on what actions the two countries — which have both criticized Russia, as has UN Ambassador Nikki Haley — should take.

“It shouldn’t happen, it shouldn’t happen,” Trump said.

But at the same time he noted: “There was a question — was a warning given? Did they [the Ukranian vessels] let them know they’re coming through? Because they have a system I guess. It’s been working.”

Meanwhile, the Kremlin said Wednesday it still expects a meeting between Putin and Trump to go ahead as planned despite a suggestion from the president that it could be canceled.

Trump said Tuesday that he may cancel the sit-down with Putin at the G-20 meeting in Argentina following Russia’s seizure of the three Ukrainian ships last weekend.

Kremlin spokesman Dmitry Peskov told reporters that the meeting was on and that Russia has not received “any other information from our US counterparts.”

Putin’s foreign affairs adviser, Yuri Ushakov, noted that the meeting, which is set for Saturday, has been prepared through official channels and Moscow expects Washington to notify it of any changes in the same way.

“This meeting is necessary for both sides,” Ushakov said. “It’s important in view of the developing situation in the world.”

The long-simmering conflict between Russia and Ukraine burst into the open on Sunday, when Russian border guards fired on three Ukrainian vessels and seized the ships and the crew.

Trump said he would be receiving a “full report” from his national security team on Russia’s recent actions in eastern Ukraine and the Black Sea, and would decide afterward.

Pubblicato in: Armamenti, Russia, Stati Uniti

Ukraina. Gli Usa forniscono sistemi contro-carro Javelin.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-06.

2018-05-02__Javelin__001

«Il Javelin è un’arma militare utilizzata in caso di attacco contro mezzi blindati e carri armati, ma non sono esclusi elicotteri a bassa quota. Il raggio d’azione è di circa 2–3 km. L’arma è composta da un lanciatore spalleggiabile usa e getta, chiamato CLU (Command Launch Unit, unità di controllo lancio); il proiettile utilizzato è un missile a combustibile solido.

Il personale di lancio è di norma costituito da due persone, ma può essere lanciato anche da una persona singola.

Il bersaglio viene individuato in fase di puntamento, ed è agganciato e seguito autonomamente dal missile, senza che siano necessari altri interventi da parte del personale che lo ha lanciato (“lancia e dimentica”) per mezzo del calore emanato dal bersaglio stesso; il puntamento è facilitato dall’elettronica dell’arma che, oltre ad una funzione di zoom, include anche una di visione notturna.

Il missile può operare in due differenti modalità:

    – Direct Attack: il missile colpisce con volo diretto il bersaglio ad una quota massima di 60 m superiore al punto di lancio;

    – Top Attack: il missile si innalza fino a 150 m di altezza prima di colpire, se occorre, in picchiata.

La parte superiore dei veicoli blindati si presenta solitamente piatta e non ha i tipici profili inclinati e sfuggenti destinati a deviare i proiettili di provenienza orizzontale. Nella modalità “Top Attack” il missile, grazie alla condizione di velocità raggiunta in picchiata, ricade sull’obiettivo con un altissimo potere di penetrazione.

Allo scopo di neutralizzare la difesa reattiva delle moderne corazze reattive, il missile utilizza una doppia testata HEAT in tandem, la prima carica esplosiva fa saltare le corazze reattive esterne, la seconda carica (principale) penetra nella corazza.

Il missile può essere sviluppato in modo da confondere i sistemi antimissile della difesa da colpire, in quel caso il bersaglio non ha via di scampo.» [Fonte]

* * *

«The White House is said to have approved the sale of Javelin systems to Ukraine late last year after months of heated debate»

*

«The announcement at the time triggered a sharp reaction from Moscow, including an accusation against the United States of “fomenting a war”»

Il sistema contro-carro Javelin non è esattamente lo stato dell’arte, ma è pur sempre una arma ravvicinata di tutto rispetto. Si riferisce che per neutralizzare un carro armato T 14 sarebbero necessari da quattro a cinque missili.

Di per sé la fornitura di missili contro – carro non dovrebbe essere una notizia: tutti gli eserciti ne sono forniti e tutti i carri armati moderni hanno sistemi di difesa

Ciò che sembrerebbe essere mutato è l’atteggiamento americano: una cosa è fornire sistemi di arma offensivi, ed una totalmente differente è vendere sistemi di arma difensivi.

In ogni caso, un giorno o l’altro, il problema ukraino dovrà ben essere affrontato in sede politica: servirebbe un accordo dignitoso per tutte le parti.

Sarebbe del tutto comprensibile quanto i russi siano rimasti contrariati da questa fornitura.


Radio Poland. 2018-05-01. US delivers anti-tank missiles to Ukraine: report

The US State Department has confirmed a delivery of American-made anti-tank missile systems to Ukraine, Radio Free Europe/Radio Liberty has reported.

*

The broadcaster said the delivery was likely to anger Moscow amid a four-year-old conflict that has seen Russia-backed separatists battling Ukrainian troops.

The Javelin anti-tank missile systems intended for Ukraine “have already been delivered,” Radio Free Europe/Radio Liberty quoted a US State Department official as saying on Monday in response to a query.

The State Department provided no further details, Radio Free Europe/Radio Liberty said.

It noted that, according to the authorities in Kyiv as well as Western governments, ever since Moscow seized the Crimea region of southern Ukraine in March 2014, Russia has armed and coordinated Ukrainian separatists as well as provided Russian fighters amid attempts to seize control of swathes of eastern Ukrainian territory across the Russian border.

The US shipment marks at least a symbolic victory for Ukraine in its efforts to keep Western support in the simmering conflict, Radio Free Europe/Radio Liberty said.

Russia annexed Crimea from Ukraine in March 2014 after a referendum that the Ukrainian authorities and the West said was illegal. Earlier, Russian soldiers in unmarked uniforms seized strategic facilities on the peninsula from the Ukrainian army and local authorities.

The White House is said to have approved the sale of Javelin systems to Ukraine late last year after months of heated debate, according to Radio Free Europe/Radio Liberty.

The announcement at the time triggered a sharp reaction from Moscow, including an accusation against the United States of “fomenting a war,” Radio Free Europe/Radio Liberty said.

Pubblicato in: Cina, Commercio, Rapporti Commerciali

Cina. Nuova linea Urumqi – Ukraina. Trasporta materiale strategico.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-10-31.

2017-10-31__Cina. Nuova linea Urumqi - Ukraina. 001

La strategia cinese del Belt and Road prosegue con la precisione dei cronometri cinesi.

Tuttavia la notizia odierna travalica in modo sostanziale quello relativo ad una mera tratta ferroviaria. È molto di più.

Di questi giorni è l’apertura di una nuova tratta che collega direttamente Urumqi, capitale della regione autonoma dello Xinjiang Uygur all’Ukraina, esattamente Poltava, di fatidica memoria.

Sono diversi gli elementi di rilievo da recepire.

In primo luogo, la Cina sta sviluppando una fitta rete di connessioni ferroviarie anche su lunghissime distanze. Soluzione questa che comporta una lunga serie di vantaggi. In questo caso, per esempio, la merce è stata consegnata con un viaggio di circa due settimane, contro i due mesi richiesti dalla linea marittima. Per fine anno saranno oltre 700 i treni arrivati in Europa dalla Cina, e che ritorneranno in patria con merci del vecchio continente: un interscambio che sfiora i 140 miliardi, e siamo solo agli inizi. Solo per esempio, si prenda nota come le esportazioni dello Xinjiang ammontavano fino a poco tempo fa a circa tre miliardi di dollari americani: lo sviluppo è evidente.

Freight train links China with France

Freight train from China coming to Bratislava after one year break

Freight train links China with Slovakia

First Changchun-Hamburg freight train departs

Direct China-Britain freight train likely to reshape trade

In secondo luogo, l’attivazione di queste tratte presuppone prima, facilita e stimola dopo, una produzione industriale specifica sulle esigenze dell’interscambio, sia ai capi dei terminali, sia anche in tutte le tappe intermedie. In poche parole, lungo la linea ferroviaria si possono sviluppare attività manifatturiere che prima non avrebbero avuto senso causa la intrasportabilità del prodotto manufatto. È un indotto di proporzioni per il momento relativamente modeste, ma che a regime eserciterà un notevole peso sulle economie.

In terzo luogo, si noti la classifica merceologica dei beni trasportati: “oil drilling equipment“, materiali per le perforazioni petrolifere. Già. La Cina, un popolo che solo trenta anni fa era alla fame, adesso è un produttore competitivo nel settore petrolifero, prima appannaggio esclusivo di alcuni paesi occidentali. E ciò che fa specie, è che questa tipologia produttiva è per molti aspetti sia migliore sia più economica di quella occidentale. L’idea che i cinesi sappiano fabbricare solo canestri di vimini è davvero bislacca.

In quarto luogo, si noti come la regione dello Xinjiang Uygur sia autonoma dal 1955. Circa il 45% della popolazione è uiguri, turcomanna mussulmana. È una regione che sta emergendo da poco e lentamente dalla miseria, essendo ora il pil pro capite di 25,034 ¥. Convivenza difficile quella degli uiguri con gli han, che sfociò anche in sedizioni alle quali lo stato reagì con fermezza, dal coprifuoco prolungato alle pena di morte per i fomentatori di disordini. Detto a mo’ di cronaca, molti paesi esteri avevano a suo tempo cercato di mettere benzina sul fuoco, specie tramite ong (ngo).

Il governo centrale cinese aveva preso fin dal 1954 un provvedimento molto efficiente, che sembrerebbe essere la fotocopia di quello attuato in Germania negli anni trenta da Herr Hjalmar Schacht: costituì il “Corpo per la produzione e la costruzione dello Xinjiang” (Xinjiang Shengchang Jianshe Bingtuan). Detto corpo era un’organizzazione militare e paramilitare che era arrivata ad avere un organico di 900,000 uomini, impiegati alla costruzione di infrastrutture e sistemi produttivi. A questo corpo si deve la fondazione di oltre cento grandi fattorie agricole.

Cina. Regioni. 001

* * * * * * *

Agli occhi degli Occidentali resta incomprensibile come in Cina convivano simbioticamente strutture fortemente centralizzate, ed addirittura militarizzate come il Corpo, con altre completamente deregolamentate: una libertà di azione economica mai riscontrata in Occidente.

Il fatto è che, essendo deideologizzati, i cinesi scelgono per quanto sia più opportuno al momento e non considerano le scelte come fatti definitivi ed irreversibili.




Xinhua Net. 2017-10-29. New cargo route links Xinjiang with Ukraine

URUMQI, Oct. 29 (Xinhua) — A new China-Europe freight train route was launched Sunday in Urumqi, capital of northwest China’s Xinjiang Uygur Autonomous Region.

The first train, carrying oil drilling equipment, left Urumqi Sunday noon and is bound for Poltava, Ukraine, via Kazakhstan and Russia. This is the first cargo train linking Xinjiang with Ukraine.

The new route will cut the transportation time from more than two months by sea to just 15 days, said Cheng Jingmin, deputy manager of Xinjiang Beiken Energy Engineering.

The company sent the equipment for a drilling project in Ukraine.

According to Cui Yumiao, deputy mayor of Karamay, the new route will serve as an important channel for enterprises in the city to expand their presence in overseas market along the Belt and Road.

With trade volume increasing between China and European countries in recent years, Urumqi has started to offer “point-to-point” customized services to cut transportation costs and time.

A total of 700 China-Europe freight trains are expected to depart from Xinjiang by the end of 2017. 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. L’ex-cancelliere Spd Schröder nel board della russa Rosneft.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-18.

2017-08-15__Schroeder__001 40082130_403

«A friend of the Russian president, former German Chancellor Schröder has been working for the Russian energy industry since he lost to Chancellor Merkel in 2005»

*

«A Russian government decree published late on Friday night nominated former German Chancellor Gerhard Schröder to join the board of the Russian energy giant Rosneft»

*

«The company is majority-owned by the Russian government and has its headquarters near the Kremlin in Moscow.»

*

«Schröder was nominated as a non-executive director of Rosneft as part of the company’s plans to increase the number of board directors from nine to 11»

*

«His name was one of seven presented in the decree signed by Russian Prime Minister Dmitry Medvedev and published on the Russian government’s website»

*

«Rosneft is the world’s largest publicly traded petroleum company and is headed by Igor Sechin, an ally of Russian President Vladimir Putin, who served as deputy prime minister until 2012. The company has been hit by Western sanctions following Russia’s annexation of Ukraine’s Crimea region and its support for pro-Russia separatists in eastern Ukraine»

*

«Rosneft has been hit by Western sanctions»

* * * * * * * *

Mr Gerhard Schröder, classe 1944, è membro della socialdemocrazia tedesca (Spd): è stato Cancelliere tedesco dal 27 ottobre 1999 fino al 22 novembre 2005.

«Alcuni mesi dopo la fine del mandato politico, accetta la nomina di Gazprom a capo del consorzio Nord Stream AG, che si occupa della costruzione di un gasdotto che collegherà la costa russa nella regione di Vyborg alla costa tedesca nella regione di Greifswald, passando per il Mar Baltico.» [Fonte]

*

Questo è il giudizio su di lui espresso da Mr Dmitry Medvedev, Primo Ministro della Federazione Russa, e riportato sul sito ufficiale The Russian Government, di cui riportiamo il testo nella versione ufficiale inglese, anche se quella originale russa è alquanto differente.

The Russian Government. 2016-02-11. Dmitry Medvedev’s interview for Handelsblatt, Germany

«Gerhard Schröder is right. He’s absolutely right. It was a mistake. He’s an experienced politician, he headed the German government, but that’s not the only point. His view is fundamentally correct.

I think right now European countries just need to get together and make some difficult decisions. The EU is not a monolithic structure, we all realise that. There are countries that feel phantom pain when it comes to the Soviet Union. They constantly suspect Russia of something. Hopefully, Germany is not one of those countries. The history of our relations went through two bloody wars in the 20th century. However, we are now close partners. Just recently, Germany was our biggest trade partner in Europe» [Dmitry Medvedev]

* * * * * * * *

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza, nei limiti del possibile.

Sicuramente Herr Gerhard Schröder è uomo di vasta cultura, ampia esperienza politica, grandi capacità e, soprattutto, è una delle poche personalità tedesche che prima di sentirsi aderente ad all’ideologia di un partito sia sente ancora cittadino germanico. Sono queste caratteristiche di non poco conto, specie se poi siano abbinate ad un’intrinseca coerenza: Herr Schröder è una delle poche persone rimaste in Germania che tiene fede a quanto concordato.

Di conseguenza, non si può non concordare con il giudizio umano che su di lui ha espresso Mr Dmitry Medvedev.

*

Simultaneamente, resta perfettamente comprensibile il gioco politico della Bundeskanzlerin Frau Merkel, che a parole si presenta come paladina degli accordi di Parigi, come alfiere di altissimi ‘valori‘ etici e morali, e che poi nei fatti vuole il Nord Stream 2 per far convogliare in Germania tutto il gas russo necessario per tutta l’Unione Europea, che vuole schiacciare con i più vari pretesti i paesi del Visegrad per punirli di essersi rivolti al gas naturale liquefatto (Lng) proveniente dagli Usa, che a parole condanna le centrali a carbone e nel contempo ne commissione altre e sempre più potenti. Solo per citare qualcosa. Ma poi nei fatti appesterebbe il mondo pur di far raggiungere alla Germania, comandata da Frau Merkel ovviamente, una supremazia in Europa.

*

Ciò che invece lascia sempre più stupefatti è l’immane numero dei pecoroni di orwelliana memoria che credono nel ‘clima‘ a livello di integralisti religiosi, e senza guadagnarci uno scudo bucato.

Davvero la Bundeskanzlerin Frau Merkel ogni giorno che passa assomiglia sempre più a Kim Philby.


Deutsche Welle. 2017-08-15. Former German Chancellor Gerhard Schröder nominated to Russia’s Rosneft board

A friend of the Russian president, former German Chancellor Schröder has been working for the Russian energy industry since he lost to Chancellor Merkel in 2005. Rosneft has been hit by Western sanctions.

*

A Russian government decree published late on Friday night nominated former German Chancellor Gerhard Schröder to join the board of the Russian energy giant Rosneft. The company is majority-owned by the Russian government and has its headquarters near the Kremlin in Moscow.

Schröder was nominated as a non-executive director of Rosneft as part of the company’s plans to increase the number of board directors from nine to 11. His name was one of seven presented in the decree signed by Russian Prime Minister Dmitry Medvedev and published on the Russian government’s website.

Rosneft is the world’s largest publicly traded petroleum company and is headed by Igor Sechin, an ally of Russian President Vladimir Putin, who served as deputy prime minister until 2012. The company has been hit by Western sanctions following Russia’s annexation of Ukraine’s Crimea region and its support for pro-Russia separatists in eastern Ukraine.

Schröder has publicly opposed the sanctions placed on Rosneft.

SPD party convention speech

In a speech at a Social Democratic (SPD) convention in June, Schröder said he was not anti-American but that: “What happens in the US needs to be openly and harshly criticized.” Schröder no longer holds any active official position in the party.

Schröder signed the Nord Stream pipeline deal on behalf of Germany with Putin during his last days in the chancellor’s office in September 2005, shortly before the federal elections that saw Angela Merkel replace him.

After he left the office he had held for seven years, Schröder began a new career as a businessman in Russia at the head of Nord Stream AG’s shareholder committee from December 2005. In that role he oversaw the implementation of the project to operate the gas pipeline directly linking Russia and Germany, carrying Russian natural gas across the Baltic. His nomination on Friday marks a new high spot in his business career in Russia.

A major state player

Nord Stream AG is a subsidiary of Gazprom, the leading global gas producer which enjoys monopoly rights on gas pipeline exports from Russia. The company is majority owned by the government of Russia, although technically private.

In 2014, during the height of the fighting between pro-Moscow separatists and Ukrainian troops in the east of Ukraine, Schröder celebrated his 70th birthday with Russian President Vladimir Putin in St. Petersburg at an event hosted by Nord Stream AG.

Rosneft acquired the assets of former oil giant Yukos in a three-year period from 2004 and by last year it had become the 51st largest company in the world with over $60 billion (50.7 billion euros) in sales.


Deutsche Welle. 2017-08-15. Rosneft nomination for ex-Chancellor Schröder causes SPD headache

Germany’s Social Democrats are dismayed at former Chancellor Gerhard Schröder’s nomination to the board of the Russian energy giant Rosneft. The party’s secretary-general, however, is taking the bull by the horns.

*

Former German Chancellor Gerhard Schröder is still widely remembered for the comment he made back in 2004 about Russian President Vladimir Putin’s being a “flawless democrat.”

Even then, almost 13 years ago, Putin was not necessarily known for his strict adherence to democratic principles in his country. But Schröder and Putin are still friends to this day. And now, there are reports saying that Schröder has been nominated to the supervisory board of the largest Russian oil company, Rosneft, and may be appointed to it at the end of September.

After Russia annexed Crimea in 2014, Rosneft was put on the European Union’s sanction list. But this does not seem to bother the now 73-year-old Schröder. He has not yet officially confirmed his nomination, however.

Longtime business dealings with Russia

Since 2005, Schröder has championed the Nord Stream Baltic Sea pipeline, which runs directly from Russia to Germany. Nord Stream AG is a subsidiary of Russia’s state-owned gas supplier Gazprom. Schröder’s involvement right after he was voted out of office in 2005 already provoked considerable displeasure in many quarters back then. And now, after reports of the Rosneft nomination, criticism has been harsh as well.

“Shameless,” said the former Green Party leader, Reinhard Bütikofer, now a member of the European Parliament. And the Ukrainian ambassador to Berlin, Andriy Melnyk, said it was morally reprehensible “for a former chancellor and a leading SPD member to be instrumentalized by the head of the Kremlin.”

Advantage Merkel

“I will not comment on the professional future of the former chancellor here,” Steffen Seibert, Chancellor Angela Merkel’s spokesman, told DW on Monday. He does not have to; the mere news of Schröder’s possible collaboration with Rosneft plays into the hands of Merkel’s and her Christian Democrat Union’s (CDU) election campaign.

But within Schröder’s party, the Social Democrats (SPD), frustration with the former chancellor is growing.

Current polls show that the SPD and its top candidate Martin Schulz are trailing far behind the CDU and the current chancellor, and there are only six weeks to go until the elections. The SPD’s secretary-general, Hubertus Heil, decided to take the bull by the horns when asked about Schröder’s plans, saying, “In the first place, this is Gerhard Schröder’s personal decision. I do not know what he will decide. He won’t let anyone tell him what to do. I only know that after his term as chancellor, Martin Schulz does not intend to work in the private sector.”

“After his term as chancellor”: Heil probably has little choice but to talk that way during an election campaign.

Shock and anger behind closed doors

Other top SPD members are reluctant to discuss Schröder in public, but behind closed doors, they all vent their resentment against him. They say there is despair over Schröder’s “insensitivity”; after all, he once served as chairman of the SPD.

Reports of Schröder’s possible job in Moscow make work for Schulz even more difficult, they say, and many SPD members express rancor at the fact that his pension as former chancellor does not seem to be enough for him.

The general tenor of their remarks is that while the party is working itself to the bone in this difficult election campaign, Schröder is coming along and stabbing them in the back.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Geopolitica Mondiale

Putin inizia a reagire alle sanzioni. Per il momento radia 755 diplomatici.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-07-31.

bomba_atomica_002

«Russian President Vladimir Putin has announced that 755 staff must leave US diplomatic missions, in retaliation for new US sanctions against Moscow»

*

«The decision to expel staff was made on Friday, but Mr Putin has now confirmed the number who must go by 1 September»

*

«It brings staff levels to 455, the same as Russia’s complement in Washington»

*

«This is thought to be the largest expulsion of diplomats from any country in modern history»

*

«Mr Putin suggested he could consider more measures»

*

«We have waited long enough, hoping that the situation would perhaps change for the better. But it seems that even if the situation is changing, it’s not for anytime soon»

* * * * * * * *

Era da molto tempo che ci si domandava fino a quando Mr Putin e la Russia avrebbero avuto pazienza.

Con questo provvedimento, estremamente severo dal punto di vista politico e diplomatico, ma ininfluente su tutti i restanti aspetti relazionali, il Kremlin dichiara esplicitamente che il momento di portare pazienza è terminato.

Ad ogni azione corrisponde una reazione eguale e contraria: per il momento la Russia risponde con una manovra diplomatica senza precedenti nella storia delle relazioni russo – americane. Per il momento, però.

Considerazioni.

– La cultura liberal, che negli Stati Uniti pervade interamente lo schieramento democratico e, parzialmente, anche quello repubblicano, propugna una visione ideologica, in accordo alla quale non è lecito contrarre rapporti di alcun tipo con persone od entità che non condividano pienamente la sua propria Weltanschauung. E questa cultura è anche quella al momento dominante l’establishment europeo, massimamente quello tedesco e francese. Ma gli scollamenti tra classe dirigenziale e popolazione sono sempre più evidenti, ancorchè politicamente non rilevanti.

– Quando l’Occidente liberal dominava il mondo sia dal punto di vista economico, sia politico, sia culturale, esso aveva la possibilità concreta di imporre la propria volontà.

– Se negli anni cinquanta l’Occidente rendeva ragione di oltre il 90% del pil mondiale, ad oggi supera a stento la quota del 40%: i paesi “emergenti” sono emersi sia economicamente, sia politicamente, sia culturalmente, sia anche militarmente. Ed inoltre stanno coordinandosi tra di loro: sono oramai la maggioranza e reclamano il loro spazio vitale. Chiedono di essere rispettati.

– Il resto del mondo non condivide per nulla la Weltanschauung liberal: è una realtà della quale sarebbe molto opportuno prendere atto. Ciò non significa che non abbia valori circa i “diritti umani” e la “democrazia“: solo che questi valori sono semplicemente opposti a quelli dei liberal occidentali, specie nei loro criteri attuativi.

– Se gli Stati Uniti sono sempre una grande superpotenza, specie poi dal punto di vista militare, Russia e Cina sono anche esse superpotenze militari. Ma gli equilibri stanno cambiando velocemente. La Cina si è riappropriata del Mar Cinese del Sud: nei fatti la flotta americana è interdetta in tale zona. Cina e Russia accordano alla Korea del Nord una sorta di protezione che rende vani ed irrealistici i lamenti americani. Anche un paese come l’Iran può permettersi di fronteggiarli, anche esso coperto da Russia e Cina.

* * * * * * *

Qui si arriva adesso al cuore della questione.

La rigidità ideologica dei liberals porta inevitabilmente ad uno scontro, scontro dal quale ben difficilmente potrebbero uscirne vittoriosi.

Buon senso e Realpolitik suggerirebbero sempre di perseguire la via diplomatica per appianare le inevitabili controversie: ma la Realpolitik impone anche e soprattutto di accettare la realtà così come essa è. Ciò non significa astenersi dall’operare a proprio vantaggio, sarebbe solo un’altra utopia: significa solo smussare gli angoli ed evitare lo scontro. Le ideologie si propongono, non si impongono. In politica tutto è contrattabile.

Così come in altri tempi l’Occidente fu obbligato a prendere atto dell’esistenza di una Korea divisa in una nazione a Nord ed una a Sud, così come prese atto di aver perso il controllo dell’Indonesia, e del Vietnam in modo specifico, così dovrebbe prendere atto che la situazione ukraina è oramai cristallizzata. Prendere atto non significa minimamente condividere: significa non farne un casus belli.

L’attuale posizione del Senato Americano è troppo rigida, da questo punto di vista,  per consentire un margine di trattative, né sfugge il fatto che sia più condizionata da fattori di politica interna che di politica estera.

Stesso ragionamento sarebbe da estendersi alle posizioni della Bundeskanzlerin Frau Merkel e dell’Unione Europea in senso lato. Sarebbe errore severo considerare le sanzioni votate dal Senato americano disgiunte da quelle approvate dall’Unione Europea.

Una ultima ma ben importante considerazione sarebbe la constatazione di una profonda incoerenza dell’ideologia liberal occidentale, ben riscontrabile nel comportamento tedesco, propaggine europea dei liberal democratici americani. Se Frau Merkel è strenua sostenitrice dei valori liberal e di sanzioni sempre più aspre nei confronti della Russia, ma nel contempo ne è sempre più dipendente almeno dal punto di vista energetico. E lo è al punto tale dal volere fortemente il Nord Stream 2. Né ci si illuda che le tensioni ideologiche nei confronti dei paesi del Visegrad siano ininfluenti sul quadro globale.

Per usare una frase forte, quasi al limite della volgarità, ma che ben renderebbe l’idea, non è produttivo sputare nel piatto ove si mangia.

Conclusione.

La storia evidenzia molto chiaramente come tutte le situazioni di chiusura ideologica si risolvano alla fine in situazioni conflittuali: che vada bene, guerre fredde, ma se qualcosa non dovesse funzionare a dovere, in guerre guerreggiate.

Siamo chiari: meglio un Realpolitik magari insoddisfacente piuttosto che un missile atomico sulla testa.


Bbc. 2017-07-31. Russia’s Putin orders 755 US diplomatic staff to leave

Russian President Vladimir Putin has announced that 755 staff must leave US diplomatic missions, in retaliation for new US sanctions against Moscow.

The decision to expel staff was made on Friday, but Mr Putin has now confirmed the number who must go by 1 September.

It brings staff levels to 455, the same as Russia’s complement in Washington.

This is thought to be the largest expulsion of diplomats from any country in modern history, says the BBC’s Laura Bicker in Washington.

The number includes Russian employees of the US diplomatic missions across Russia, the BBC’s Sarah Rainsford in Moscow adds.

Staff in the embassy in Moscow as well as the consulates in Ekaterinburg, Vladivostok and St Petersburg are affected, she says.

The US said the move was a “regrettable and uncalled for act”.

“We are assessing the impact of such a limitation and how we will respond to it,” a state department official said.

Mr Putin did strike a conciliatory note, saying he did not want to impose more measures, but also said he could not see ties changing “anytime soon”.

Mr Putin told Russian television: “More than 1,000 people were working and are still working” at the US embassy and consulates, and that “755 people must stop their activities in Russia.”

Russia has also said it is seizing holiday properties and a warehouse used by US diplomats.

Mr Putin suggested he could consider more measures, but said: “I am against it as of today.”

He also noted the creation of a de-escalation zone in southern Syria as an example of a concrete result of working together.

However, in terms of general relations, he added: “We have waited long enough, hoping that the situation would perhaps change for the better.

“But it seems that even if the situation is changing, it’s not for anytime soon.”

The new US sanctions were in retaliation both for Russia’s annexation of Crimea in 2014 and Russian interference in the US election.

In December, the Obama administration ordered the seizure of two Russian diplomatic compounds and expelled 35 Russian diplomats in response to alleged hacking of the US Democratic Party and Hillary Clinton’s campaign.

The new US sanctions on Russia were overwhelmingly approved by both houses of Congress, despite objections from President Donald Trump who wants warmer ties between the two countries.

The White House said on Friday that he would sign the sanctions bill after fears he could veto it.

Mr Trump was believed to be particularly concerned about a provision in the new bill that limits his ability to lift sanctions – forcing him to consult Congress first.

Some European countries are also angry because the new law could penalise European companies that invest in big Russian oil and gas projects such as the new Nord Stream II pipeline.

US intelligence agencies believe Russia tried to sway the election in favour of Mr Trump and now there are several investigations looking into whether anyone from his campaign helped.

Russia has always denied interfering and Mr Trump insists there was no collusion.


Ansa. 2017-07-31. Putin caccia 755 diplomatici americani da Mosca

Vladimir Putin caccia 755 diplomatici americani dalla Russia in ritorsione alle sanzioni contro Mosca approvate dal Congresso statunitense. L’annuncio del presidente russo conferma il pugno duro di Mosca e arriva nonostante il provvedimento non sia entrato ancora in vigore.

Il testo del progetto di legge e’ infatti sul tavolo del presidente Donald Trump che, pur essendosi impegnato a firmarlo, ancora non lo ha fatto. “Ha detto chiaramente che lo farà” precisa il vice presidente Mike Pence, smorzando le critiche.

In un’intervista a Rossiya 1, Putin parla di pazienza esaurita: “abbiamo aspettato per un po’” un cambiamento e un miglioramento dei rapporti con gli Stati Uniti, “ma giudicando da tutto, se qualcosa cambierà non sarà a breve” afferma il presidente russo. I diplomatici americani dovranno lasciare la Russia entro l’1 settembre: a partire da quel momento gli Stati Uniti potranno contare al massimo 455 diplomatici nelle loro rappresentanze in Russia, cioe’ esattamente quanti ne ha il Cremlino fra ambasciata e consolati americani.

”E’ venuto il momento di mostrare agli Stati Uniti che non lasceremo le loro azioni senza risposta. Washington ha assunto posizioni che peggiorano i nostri rapporti bilaterali e possiamo mettere in campo anche altre misure per rispondere” aggiunge Putin, confermando le parole del vice ministro degli esteri Sergei Ryabkov. In un’intervista ad Abc, Ryabkov ha parlato di ”varie opzioni” a disposizione di Mosca, senza sbilanciarsi sui dettagli. L’annuncio di Putin rappresenta un’escalation negativa nei rapporti con Washington, nonostante il dialogo ”costruttivo” fra Trump e il presidente russo ad Amburgo a margine del G20.

Non è escluso che Mosca possa inasprire ulteriormente la sua ritorsione contro gli Stati Uniti per sanzioni ritenute ingiustificate. Sanzioni criticate duramente anche dall’Unione Europea. E accolte con scetticismo anche da Trump: il provvedimento approvato dal Congresso non impone solo sanzioni alla Russia, ma limita allo stesso tempo l’autorità del presidente su una loro eventuale abolizione. Pur non convinto Trump ha assicurato che firmerà il progetto, decidendo cosi’ di non aprire un nuovo fronte di scontro con il Congresso sulla Russia, che già è al centro delle indagini che vendono coinvolto il presidente

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Trump

Usa, Ukraina e la domanda di Mr Tillerson: ‘Chi paga?’

Giuseppe Sandro Mela.

2017-04-12.

Tillerson Rex 001

La prassi di svolgere politica su basi ideologiche è stata storicamente rigettata con l’implosione dell’Unione Sovietica.

Ammettere che si stia facendo qualcosa in omaggio ad un credo ideologico altro non significa che si stia facendo qualcosa contro il comune buon senso. E tutto depone a favore del fatto che ciò che è illogico alla fine rovina miseramente.

Ma la morte del comunismo non equivale alla morte dei comunisti né alla repentina scomparsa dei suoi canoni comportamentali. Servono generazioni per consolidare il cambio di Weltanschauung.

Sono passati quasi trenta anni, una generazione, ed adesso stiamo assistendo alla devoluzione socialista. Servirà almeno ancora una altra generazione per seppellire anche questo rimasuglio ideologico.

Però sta iniziando a farsi vedere la Realpolitik, in cui i cinesi sono maestri consumati e sagaci.

*

La dichiarazione fatta da Mr Tillerson meriterebbe di essere meditata non tanto per l’argomento che tratta, quanto piuttosto come mutazione metodologica nella politica estera americana.

«Why should U.S. taxpayers be interested in Ukraine?»

*

In primo luogo, Mr Tillerson non parla di “America” né di “americani“: assume come punto di riferimento i “taxpayers“, ossia i Contribuenti. È una vera e propria rivoluzione culturale. Chi paga deve anche contare politicamente.

In secondo luogo, è il Contribuente che impronta la politica estera, non esigenze ideologiche in campo politico che richiedono denaro al Contribuente.

In terzo luogo, i governanti sono al posto in cui sono per far crescere economicamente i Contribuenti, non per tosarli per soddisfare le proprie ideologie. E le tasse sottraggono ricchezza al Contribuente.

*

È una rivoluzione copernicana.


Bloomberg. 2017-04-12. Tillerson Asks Why U.S. Taxpayers Should Care About Ukraine

– Offhand remark an unexpected moment as foreign ministers meet

– Top diplomat still finding footing in protocol-rich meetings

*

With one offhand remark, U.S. Secretary of State Rex Tillerson left European diplomats befuddled at a gathering in Italy.

“Why should U.S. taxpayers be interested in Ukraine?” Tillerson asked foreign ministers discussing Russia’s intervention there at a Group of Seven gathering Tuesday in Lucca, Italy.

French Foreign Minister Jean-Marc Ayrault, who later recounted the exchange to reporters, said he responded that American taxpayers ought to want a European Union that’s “strong politically, strong from a security point of view, and strong economically.”

But the provocative remark suggested Tillerson, the former chief of Exxon Mobil Corp., is still finding his footing in a world of diplomacy where even passing remarks are parsed for deeper meaning.

The question was sure to give pause to any European official fearful that President Donald Trump might ease sanctions and let the former Soviet state slip back into it Russia’s orbit, even as tensions with Moscow are running high.

Asked what Tillerson was driving at with his question about Ukraine, State Department spokesman R.C. Hammond responded with two words: “Rhetorical device.”

In fact, Tillerson has been explicit that the U.S. and Europe shouldn’t lift the sanctions imposed against Russia for its invasion of Ukraine and its annexation of its Crimea region.

“The reason the sanctions were put in place continue to exist,” Tillerson said in an interview with ABC’s “This Week” broadcast Sunday. “There’s been no change of the status of the situation in Ukraine or Crimea. And those sanctions will remain in place until those issues are addressed.”

Pubblicato in: Geopolitica Militare, Geopolitica Mondiale

L’Ukraina chiede formalmente lo status di alleato esterno Nato.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-23.

NATO_affiliations_in_Europe.svg

La Verkhovna Rada, il parlamento ukraino, ha approvato con un ridotto margine di maggioranza, 232 / 450, un appello indirizzato al Congresso degli Stati Uniti volto a farsi riconoscere lo status di principale alleato al di fuori della Nato. Il testo fa notare come questa concessione non dipenda dal Consiglio Nato, bensì dai soli Stati Uniti.

*

Il problema è delicato e complesso.

Domandiamoci intanto chi, cosa e dove sia l’Ukraina.

Regno più che millenario, con una tradizione invidiabile, l’Ukraina ha conosciuto tempi di splendore, quando i suoi confini arrivavano a Mosca e Novgorod, così come conobbe la dominazione polacca, prima, e quindi quella russa.

Nell’attuale Ukraina, nelle regioni ad ovest si parla polacco, ungherese e rumeno, mentre in quelle orientali si parla il tataro di Krimea ed il russo. Alle differenze linguistiche corrispondono differenze di mentalità.

Da oltre quattro secoli la Russia considera l’Ukraina zona strategica per la sua difesa, ed infatti ha combattuto numerose guerra per assumerne il controllo.

Annessa forzatamente all’Urss, negli anni trenta subì l’Holodomor: lo sterminio sistematico per fame di oltre sette milioni di ukraini, i kulak. È impossibile che un ukraino posa dimenticare l’Holodomor.

Nel 1954, l’allora Segretario Generale Nikita Chruščëv annetteva all’Ukraina i territori russofoni e la Krimea, facendole assumere i confini attuali. Fu un’annessione amministrativa, ma contro natura dal punto di vista etnico, culturale e linguistico.

Nel 1990, con la caduta dell’Urss, l’Ukraina si dichiarò indipendente. Per sua disgrazia non si dette una struttura federale, comprendente uno stato a cultura polacca, uno stato orientale a cultura russa, la Krimea ed, infine, l’Ukraina vera e propria. Aveva posto le basi per severi contrasti e conflitti sociali.

Se la pacifica convivenza avrebbe potuto essere possibile, non resse alle pesanti interferenze di stati esteri.

*

Adesso cerchiamo di ragionare, aiutandoci con la cartina.

I russi non permetteranno mai che l’Ukraina entri nell’orbita occidentale e, massimamente, che aderisca alla Nato. Il problema è geopolitico, ma anche militare. Se così fosse, sarebbe possibile schierare missili a testata nucleare in Ukraina, ossia in una zona che si incunea in profondità nel territorio russo. Ma i missile a gittata intermedia sono più difficilmente intercettabili dalla contraerea per i tempi ristrettissimi che intercorrono tra il loro rilevamento radar ed il loro impatto al suolo.

Per essere chiari, la Russia si sentirebbe così minacciata nella sua esistenza da ricorrere anche ad una guerra atomica globale. Ed anche al momento attuale, la possibilità che la Russia invada la Ukraina è tutt’altro che remota.

*

Di ieri la richiesta dell’Ukraina al Congresso degli Stati Uniti.

Non sappiamo come potrebbe reagire l’Amministrazione Trump.

Sinceramente, ci si stupirebbe se concedesse lo status di alleato maggiore esterno alla Nato.


Agenzia Nova. 2017-03-22. Difesa: l’Ucraina ha chiesto agli Stati Uniti lo status di alleato esterno della Nato.

Kiev, 22 mar 14:59 – (Agenzia Nova) – Il parlamento ucraino (Verkhovna Rada) ha chiesto al Congresso degli Stati Uniti un approfondimento sostanziale del partenariato per la sicurezza bilaterale tra i paesi e la concessione dello status di alleato maggiore esterno alla Nato. L’appello è stato sostenuto da 232 deputati necessari su 450, con una soglia minima di 226. Nella risoluzione si osserva che in contrasto con la domanda a lungo termine per ottenere l’adesione alla Nato la concessione dello status di principale alleato al di fuori della Nato è un diritto sovrano degli Stati Uniti e non richiede il consenso di tutti i paesi membri dell’Alleanza atlantica. Nel documento si afferma inoltre che lo status è riconosciuto agli stati che si trovano in aree diverse del mondo, come Australia, Nuova Zelanda e Giappone, così come paesi che sono sotto la minaccia di un’azione militare, come Corea del Sud, Afghanistan e Israele.