Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Eurocrati e voto sulle tasse. Solo la morte risolve certi problemi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-16.

Ghigliottina 1008

«Another nail in the EU’s coffin» [Otmar Issing]

*

«The European Commission wants to implement majority voting on tax issues, just as Brexit shifts the balance of EU power from tax-averse northern nations to tax-happy southern countries»

*

«Under the Treaty of Lisbon, in effect since 2009, the European Union became a more agile and effective operator, because EU policies across a range of issues were now to be decided by qualified-majority voting instead of unanimity»

*

«But as recent efforts to allocate refugees within the EU show, in some cases, particularly where fundamental issues of national sovereignty are involved, outvoted member states are unprepared or unwilling to implement collective decisions»

*

«For many years, some EU member states have refused to cooperate fully in the fight against tax evasion and avoidance»

*

«And because EU tax policies still require unanimity, each country has a veto»

*

«And because EU tax policies still require unanimity, each country has a veto. It seems only natural, therefore, that the EU would want to introduce qualified-majority voting here, too»

*

«Under a new proposal from Pierre Moscovici, the EU Commissioner for Economic and Financial Affairs, Taxation, and Customs, if 55% of member states representing at least 65% of the EU population were to vote in favor of a new tax policy, it would pass»

*

«Under the Treaty of Lisbon, the conditions for a qualified majority have been balanced in such a way as to give both the “North” and the “South” a blocking minority of (at least) 35% of the EU population. As long as the northern member states were aligned, they could prevent any initiatives that were against their interests»

*

«fundamental issues of sovereignty are at stake»

*

«Apparently, the Commission has learned very little from the bruising Brexit debate of the past two-and-a-half years»

*

«With its latest tone-deaf initiative, it continues to add grist to the Euroskeptics’ mill.»

* * * * * * *

Mancano tre mesi alle elezioni europee e sette stati dell’Unione andranno alle elezioni politiche.

Ma questa Commissione non si da pace: lo spettro del pensionamento è per lei un incubo terrificante.

Cerca quindi ogni modo e maniera per cercare di perpetuarsi nonostante sia altamente probabile che debba diventare una minoranza.

In ogni caso dobbiamo ringraziarli.

Ci hanno fatto capire a fondo il perché sia venuta la rivoluzione francese: certa gente smette di nuocere solo dopo che è stata decapitata.

È legittima difesa.


Handelsblatt. 2019-02-13. The EU’s new tax plan is a recipe for rebellion

The European Commission wants to implement majority voting on tax issues, just as Brexit shifts the balance of EU power from tax-averse northern nations to tax-happy southern countries. Another nail in the EU’s coffin, says Otmar Issing.

*

Under the Treaty of Lisbon, in effect since 2009, the European Union became a more agile and effective operator, because EU policies across a range of issues were now to be decided by qualified-majority voting instead of unanimity.

But as recent efforts to allocate refugees within the EU show, in some cases, particularly where fundamental issues of national sovereignty are involved, outvoted member states are unprepared or unwilling to implement collective decisions. Nonetheless, the European Commission is now wading into yet another domain where fundamental issues of sovereignty are at stake.

For many years, some EU member states have refused to cooperate fully in the fight against tax evasion and avoidance. And because EU tax policies still require unanimity, each country has a veto. It seems only natural, therefore, that the EU would want to introduce qualified-majority voting here, too. Under a new proposal from Pierre Moscovici, the EU Commissioner for Economic and Financial Affairs, Taxation, and Customs, if 55% of member states representing at least 65% of the EU population were to vote in favor of a new tax policy, it would pass.

At first glance, the situation certainly does seem to merit a strengthening of the EU’s hand on tax matters, so that it can finally correct a glaring shortcoming. Yet once qualified-majority voting has been introduced as a means of reining in tax evasion and avoidance, it will also determine all future tax policies.

This is not merely an assumption. The Commission’s stated objective is to apply qualified-majority voting to all tax-policy initiatives that are “necessary for the single market and for fair and competitive taxation.” Such a vague formulation opens the door to all manner of interventions.

As a further justification of his proposal, Moscovici also points to the potential to secure additional EU revenues through new financial-transaction and digital taxes – both of which his proposal explicitly mentions as possible policy options. It remains to be seen whether these special taxes will meet their proponents’ expectations. But even if they fail, previous experience suggests that the Commission will nonetheless use the new voting rule to secure ever-higher tax revenues “for Europe” through whatever means available.

As it happens, the United Kingdom’s impending departure from the bloc will dramatically alter the conditions for achieving a qualified majority on tax matters. The UK is among the northern member states that, together, account for 39% of the EU population and tend to resist protectionist measures, tax increases, and transfers to highly indebted countries. By comparison, the Mediterranean countries that generally favor transfers and taxes currently account for 38% of the EU population.

This is as it should be. Under the Treaty of Lisbon, the conditions for a qualified majority have been balanced in such a way as to give both the “North” and the “South” a blocking minority of (at least) 35% of the EU population. As long as the northern member states were aligned, they could prevent any initiatives that were against their interests. After Brexit, however, the North’s share of the population will fall to 30%, while the South’s share will rise to 43%. In other words, the North will no longer have a veto. Making matters worse, following the upcoming election in May, a similar southward shift is also imminent in the European Parliament, which would also gain a greater say in tax-policy questions if the Commission’s proposals are enacted.

The Commission’s proposal should be seen for what it is: an attempt to undermine the fiscal competence of sovereign states through a seemingly harmless back door. With the upcoming rebalancing of power within the EU clear for all to see, one need not be a prophet to predict higher taxes in the future. Even if the northern member states’ national parliaments are uniformly opposed to tax increases, they will have no way to block them. And, sooner or later, the backlash against this loss of sovereignty and wholesale soaking of the northern EU countries will be directed against the EU itself.

In light of these ramifications, the Commission’s proposal to subject tax policies to qualified-majority voting not only runs counter to the already-fraught efforts to achieve an “ever-closer union,” but also jeopardizes the successful integration that has occurred to date. Apparently, the Commission has learned very little from the bruising Brexit debate of the past two-and-a-half years. With its latest tone-deaf initiative, it continues to add grist to the Euroskeptics’ mill.

Annunci
Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Commercio, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria

Cina. Il primo gennaio è entrata in vigore la riforma fiscale.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-05.

Cina

«China’s rich brace for tax raid on $24 trillion wealth pile

– Havens are disappearing, overseas earnings will become taxable

– Foreign assets to be easier to track, transfers may be levied »

*

«China’s plan to cut taxes in 2019 for the masses has the nation’s super-rich running for cover on concern the government will make up the shortfall by going after the wealthy»

*

«Changes to the tax regime as of Jan. 1 mean authorities will be paying closer attention to assets and investment holdings.»

*

«In a nation where personal wealth is estimated to have climbed to a record $24 trillion in 2018 — $1 trillion of which is held abroad — that potentially offers rich pickings»

*

«Anxiety over how the new rules will be enforced has already triggered a flood of Chinese clients seeking to create overseas trusts.»

*

«Tougher taxes at home could have implications beyond China’s shores, with the country’s wealthy having been on a buying binge in recent years, driving up prices for everything from property in Vancouver and Sydney, to famous artworks and fine wines»

*

«Under the new rules, owners of offshore companies will not only pay taxes on dividends they receive but will also face levies of as much as 20 percent on corporate profits, from as low as zero previously.»

*

«This has triggered a flood of rich families seeking refuge via trusts, which often shield wealthy owners from having to pay taxes unless the trusts hand out dividends.»

*

«In the past, the rich could avoid paying taxes on overseas earnings by acquiring a foreign passport or green card, while keeping their Chinese citizenship. But this won’t work starting in January as the government will tax global income from all holders of “hukou” household registrations»

*

«The system allows authorities to view various tax-related data, which had been scattered across various government departments, in one consolidated platform. The new system also beefs up the identification process by preventing individuals from divvying up their income across multiple sources or ID numbers to pay lower taxes.»

*

«But it’s not just the rich that may face a stricter tax environment. China lowered the threshold for blocking citizens with overdue taxes from leaving the country to 100,000 yuan ($14,600) from the previous threshold of 1 million yuan»

*

«Though the tax rate and the details remain unclear, the prospects of the tax has caused people with multiple apartments to worry and made properties a less desirable investment tool»

* * * * * * *

La storia insegna che gli stati hanno ben poco interesse a tassare una popolazione misera: ne caverebbero ben poco. Ma quando la ricchezza diventa generalizzata, in questo caso si stima essere 24 trilioni, ben pochi governanti resistono alla tentazione. 

Il caso cinese sembrerebbe però essere maggiormente complesso.

Se sicuramente in Cina sembrerebbe essere terminata la fase dello ‘arricchitevi come potete, ma arricchitevi‘ altrettanto sicuramente la situazione politica, economica e finanziaria interna non era sembrata essere troppo perturbata dagli investimenti esteri.

Se gli investimenti cinesi esteri non erano tassati, fatto questo che li ha stimolati non poco, altrettanto chiaramente dovrebbe essere evidente come siano stati mezzi potenti di penetrazione dei mercati stanieri con la forza dell’acquisto.

Nei fatti la Cina sta cambiando i suoi obiettivi strategici nei confronti del mondo. Gli investimenti esteri sono transitati ad essere un mezzo di dominio mondiale: hanno cessato di essere mero strumento di arricchimento.

In questa ottica, la tassazione delle attività estere potrebbe diventare un’arma impropria finalizzata al fine di conquistare una posizione egemone mondiale. Il polso della situazione è dato dal titolo di apertura del The New York Times:

Sexism Claims From Bernie Sanders’s 2016 Run: Paid Less, Treated Worse

Con simili avversari pwe i Cinesi è davvero facile conquistarsi l’egemonia.


Bloomberg. 2019-01-03. China’s Rich Brace for Tax Raid on $24 Trillion Wealth Pile

– Havens are disappearing, overseas earnings will become taxable

– Foreign assets to be easier to track, transfers may be levied

*

China’s plan to cut taxes in 2019 for the masses has the nation’s super-rich running for cover on concern the government will make up the shortfall by going after the wealthy.

Changes to the tax regime as of Jan. 1 mean authorities will be paying closer attention to assets and investment holdings. In a nation where personal wealth is estimated to have climbed to a record $24 trillion in 2018 — $1 trillion of which is held abroad — that potentially offers rich pickings. Anxiety over how the new rules will be enforced has already triggered a flood of Chinese clients seeking to create overseas trusts.

Tougher taxes at home could have implications beyond China’s shores, with the country’s wealthy having been on a buying binge in recent years, driving up prices for everything from property in Vancouver and Sydney, to famous artworks and fine wines.

Offshore Cache

Chinese overseas wealth more than doubled between 2012 and 2018

The State Administration of Taxation didn’t respond to a faxed request for comment.

Here’s how the new tax rules may affect — and rein in — China’s rich:

Crackdown on Havens

Under the new rules, owners of offshore companies will not only pay taxes on dividends they receive but will also face levies of as much as 20 percent on corporate profits, from as low as zero previously. This has triggered a flood of rich families seeking refuge via trusts, which often shield wealthy owners from having to pay taxes unless the trusts hand out dividends. Overseas buildings or shell companies are also becoming easier to track for authorities as China embraces an international data-sharing agreement known as the Common Reporting Standard, or CRS.

It’s not clear how the government will utilize CRS data, especially in early 2019, but authorities may grant amnesty for a certain period for a stable transition or focus on penalizing the biggest offenders, according to Jason Mi, a partner at Ernst & Young in Beijing.

Closing Loopholes

In the past, the rich could avoid paying taxes on overseas earnings by acquiring a foreign passport or green card, while keeping their Chinese citizenship. But this won’t work starting in January as the government will tax global income from all holders of “hukou” household registrations — the most encompassing way of identifying a Chinese national — regardless of whether they have any additional nationalities.

That’s prompted many people to give up their Chinese citizenship in 2018 by surrendering their “hukou” to avoid paying taxes on foreign income from Jan. 1, according to Peter Ni, a Shanghai-based partner and tax specialist at Zhong Lun Law Firm. Starting in 2019, people surrendering Chinese citizenship will need to be audited by tax authorities first and possibly explain all their sources of income, according to Ni.

Reining in Gifts

Tycoons transferring assets to relatives or third parties could be subject to taxation in the new year, depending on how strictly China enforces rules on gifts, according to Ni at Zhong Lun. The levies could reach as much as 20 percent of the asset’s appreciated value, according to Ni.

For example, if a tycoon were to transfer overseas shares worth $1 million to his son for free, and if those shares originally cost the tycoon $100,000, the tycoon could be taxed 20 percent of the $900,000 increase in the value of those shares, or $180,000.

The risk of getting taxed will be higher if the recipient is a foreigner because their assets may be beyond Chinese officials’ reach, according to Ni.

Tougher Taxman

Tax authorities will sharpen their scrutiny of high-net-worth individuals thanks to more modern tools at their disposal, according to Ni. One is the Golden Tax System Phase III platform that’s being increasingly used to chase down people’s entire source of income. The system allows authorities to view various tax-related data, which had been scattered across various government departments, in one consolidated platform. The new system also beefs up the identification process by preventing individuals from divvying up their income across multiple sources or ID numbers to pay lower taxes.

But it’s not just the rich that may face a stricter tax environment. China lowered the threshold for blocking citizens with overdue taxes from leaving the country to 100,000 yuan ($14,600) from the previous threshold of 1 million yuan, according to the official Xinhua news agency.

Eyes on Property

Further down the road, China is preparing to introduce a property tax law that could go into effect as soon as 2020. Though the tax rate and the details remain unclear, the prospects of the tax has caused people with multiple apartments to worry and made properties a less desirable investment tool, EY’s Mi said.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Fisco e Tasse, Unione Europea

Agenda del giorno da Bruxelles. Nuove Tasse in arrivo. – Bloomberg.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-26.

Caravaggio decollazione-03

Da tempo Bloomberg pubblica un sommario giornaliero dei principali eventi, che riporta in modo encomiabilmente asettico. Talora però scappa anche un aggettivo, una interiezione, di salace umorismo anglosassone, che rendono financo più piacevole la lettura.

«It may only be a regional ballot, but Sunday’s election in the German state of Hesse is shaping up to be a bellwether of Angela Merkel’s authority. Her Christian Democratic Union has ruled the state that includes Frankfurt since 1999 but is polling poorly going into the vote; the result threatens to again lay bare the depth of public dissatisfaction with the ruling parties in Berlin. Losing Hesse would pile pressure on Merkel six weeks before she stands for re-election as head of the CDU, and further embolden those unhappy with her leadership»

*

«Zombie Tax | A working group of tax experts from EU member states meets today to discuss — what else? — moves to impose a 3 percent tax on the revenue that tech companies make within the bloc. The commission’s legal service is at loggerheads with counterparts at the EU council over the legal basis of such a tax, but we’ll save you the details of internal memos we’ve seen. What you need to know is the EU’s Austrian presidency has given up on seeking an agreement at next month’s finance ministers’ meeting in favor of a “state of play” discussion.»

* * * * * * *

Quanto mai opportuna l’esortazione fatta dall’articolista:

«Remain Calm».

In un mondo in cui le grandi potenze economiche tendono alla riduzione delle tasse non rincuora l’idea che un gruppo di lavoro di esperti stia studiando e raccomandando l’imposizione di nuove tasse.

Né ci rincuora minimamente la frase successiva:

«we’ll save you the details of internal memos we’ve seen».


→ Bloomberg. 2018-10-26. Brussels Edition: Merkel’s Next Test

It may only be a regional ballot, but Sunday’s election in the German state of Hesse is shaping up to be a bellwether of Angela Merkel’s authority. Her Christian Democratic Union has ruled the state that includes Frankfurt since 1999 but is polling poorly going into the vote; the result threatens to again lay bare the depth of public dissatisfaction with the ruling parties in Berlin. Losing Hesse would pile pressure on Merkel six weeks before she stands for re-election as head of the CDU, and further embolden those unhappy with her leadership.

What’s Happening

Zombie Tax | A working group of tax experts from EU member states meets today to discuss — what else? — moves to impose a 3 percent tax on the revenue that tech companies make within the bloc. The commission’s legal service is at loggerheads with counterparts at the EU council over the legal basis of such a tax, but we’ll save you the details of internal memos we’ve seen. What you need to know is the EU’s Austrian presidency has given up on seeking an agreement at next month’s finance ministers’ meeting in favor of a “state of play” discussion.

Week-Ahead | It’s all about economy and finance next week as we await Eurostat’s readings for third-quarter growth (Tuesday), and October inflation and September unemployment (Wednesday). The results of EU-wide stress tests on bank balance sheets come on Friday. Bank stocks across the continent have seen better days, but the focus will be on how lenders in Italy and Germany fare.

Brexit Talks | As for Brexit negotiations next week, there are no firm plans. Informal contacts are ongoing, but Prime Minister Theresa May’s cabinet is not close enough to agreeing on a way forward for top level talks to resume. Even as time is running short to reach a deal, there will almost certainly be no new plan put forward by the British side before next Monday’s budget, Tim Ross and Dara Doyle report.

In Case You Missed It

Remain Calm | Mario Draghi delivers a keynote speech this afternoon in Brussels, a day after the ECB’s Governing Council confirmed it still expects to cap bond buying under its 2.6 trillion euro ($3 trillion) asset-purchase program at the end of the year. In his Thursday press conference, the ECB president told his native Italy to calm down and avoid policies that will push up borrowing costs, and said that risks to the euro-area economy remain “broadly balanced” even as recent surveys suggest  the outlook may have darkened.

Italian Uncertainty | Political upheaval isn’t exactly a novelty in Italy — the country has had some 65 governments since World War II. But the current coalition of the anti-establishment Five Star Movement and the anti-immigration League is ripping up policy norms like seldom before. The upshot is that in Italy, as around the world, companies are struggling to cope with the growing political uncertainty stoked by populism.

Facebook Fined | Facebook Inc. was slapped with a symbolic 500,000-pound ($645,000) fine by the U.K.’s privacy regulator for “serious” violations of data protection rules that paved the way for the  Cambridge Analytica scandal. The fine is the highest possible for the Information Commissioner’s Office under old rules that predated this year’s EU revamp of privacy penalties.

Soros Exit | Central European University, established by billionaire investor-philanthropist George Soros to spread democracy in post-communist Europe, will prepare to relocate to Vienna from Budapest after Hungary’s government moved to shut it down. The development is a victory for Hungarian Prime Minister Viktor Orban and resurgent nationalists around the world who have vilified Soros, and could further strain relations between Budapest and Brussels.

Venceremos | With all the doom and gloom among socialist parties across the EU, here’s a piece of good news for our center-left readers to lift their spirits before the weekend: Spain’s Socialists would win a general election with a wide margin over their traditional conservative rivals if the vote were held this month, according to the country’s state pollster CIS. While polls suggest the Socialists are increasing their support, Prime Minister Pedro Sanchez is struggling to push his policy agenda through parliament, where he has just 84 out of 350 seats.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Fisco e Tasse, Unione Europea

Italia. Gli automobilisti pagano solo 73 miliardi di tasse, e si lamentano anche.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-23.

2018-09-16__Auto__001

Gli italiani sono stati governati per decenni da formazioni politiche per le quali la proprietà privata era considerata essere un furto.

Saggiamente Lenin diceva che la borghesia la si ammazza caricandola di tasse: chi mai avrebbe potuto illudersi che i suoi epigoni si fossero tirati indietro?

«partendo dall’Iva sull’acquisto i cui numeri sono indicati nel grafico sopra. In questo caso l’Italia è al decimo posto su 28, con il 22%.»

*

«[Accise] L’Italia è seconda, con 728 euro su 1000 litri, o, se vogliamo, 72,8 centesimi al litro …. in Bulgaria, con 36,3, Ungheria, con 39,1, Polonia, con 39,5 »

*

«[Bollo] In Italia si considera la potenza del motore calcolato in Kilowatt, un Kw corrisponde a 1,36 Cavalli-vapore  …. Nessun bollo invece in Polonia»

*

«In Italia vi è poi l’Imposta Provinciale di Trascrizione (Ipt) di 150,81 euro, che ogni provincia può innalzare del 30%»

*

«Considerando il complesso delle tasse automobilistiche in Europa, gli automobilisti italiani sono al terzo posto per gettito fiscale dato che versano ogni anno 73 miliardi allo Stato»

*

«Poi c’è l’Iva, 17,35 miliardi di gettito, e i balzelli minori come i 5 miliardi e 620 milioni della revisione obbligatoria delle automobili che, in Italia, sono circa 37 milioni»

* * * * * * *

Siamo tutti di accordo: per 73 miserabili miliardi lo stato concede al Cittadino Contribuente, ed anche Elettore, di disporre di una autovettura e di girarci, nei limiti consentiti dal salario.

Ma quale altro stato da agli automobilisti l’onore di passare su ponti traballanti?  È una sorta di roulette russa: passiamodoci sopra sperando che cada dopo che si è passati. Nella sua magnanimità, lo stato concede ai sopravissuti di poter ritentare la sorte su di un altro ponte.


True Numbers. 2018-09-16. Gli automobilisti italiani pagano 70 miliardi di tasse

Il confronto con i Paesi Ue: secondi per accise su benzina e diesel. Quanto pesa il fisco al volante

Fisco e tasse possono togliere la voglia di possedere un’automobile, perché dopo averla comprata bisogna mantenerla, e tra Iva, accise e bolli si può buttare via una valanga di soldi. Soprattutto in Italia.

Quante tasse sull’automobile.

Cominciamo a vedere una per una le tasse automobilistiche in Europa partendo dall’Iva sull’acquisto i cui numeri sono indicati nel grafico sopra. In questo caso l’Italia è al decimo posto su 28, con il 22%. Al primo posto vi è l’Ungheria, con il 27%, poi Croazia, Danimarca e Svezia al 25%. Poi Finlandia e Grecia, con il 24%, e Irlanda, Polonia e Portogallo con il 23%. In gran parte degli altri Stati l’Iva è minore, in particolare è solo del 19% in Germania, e del 20% in Francia.

Ma l’Iva sull’acquisto di un’automobile è solo una delle tasse da pagare per un proprietario, ve ne sono naturalmente molte altre.

Le tasse automobilistiche in Europa.

E una cosa è certa. L’Europa non è certo unita riguardo alle tasse automobilistiche e dei costi che pendono sul proprietario: le differenze tra i balzelli applicati da Paese e Paese sono ancora enormi e, come spesso accade, l’Italia sta nella parte alta della classifica.

Classifica che però non può essere fatta in modo preciso, perché le tasse elencate da Acea (Association des Constructeurs Européens d’Automobiles) a volte non sono paragonabili. Quelle che sono paragonabili sono le accise sui carburanti: quelle sulla benzina verde sono indicate nella tabella qui sotto. Le accise sono tasse indirette che non dipendono dal prezzo ma dalla quantità, quindi non è in percentuale, come le altre, ma corrisponde a un ammontare fisso, al litro nel caso del carburante. Sono quelle famose tasse che vengono aumentate ogni volta che vi è un’emergenza e lo Stato deve fare cassa. Questa è la situazione attuale delle accise su 1000 litri di carburante senza piombo.

2018-09-16__Auto__002

L’Italia è seconda, con 728 euro su 1000 litri, o, se vogliamo, 72,8 centesimi al litro. Viene superata solo dai Paesi Bassi, con 77,8. Nel caso delle accise il divario è ancora più ampio che nell’Iva. Vi sono Paesi in cui l’accise è pari alla metà o meno di quella applicata in Italia come, per esempio, in Bulgaria, con 36,3, Ungheria, con 39,1, Polonia, con 39,5. Accise più basse di quelle italiane anche in Germania e Francia dove si paga rispettivamente 65,5 e 65,9.

Le tasse sul diesel.

Le tasse automobilistiche in Europa sono diverse anche per quanto riguarda le accise sul diesel, i cui dati sono indicati nel grafico qui sotto.

2018-09-16__Auto__003

Anche in questo caso siamo secondi, questa volta dietro il Regno Unito, con 61,7 centesimi al litro (o 617 euro per 1000 litri, che è lo stesso).

La più economica è sempre la Bulgaria, con 33 centesimi al litro, seguita da Lussemburgo, Polonia, Lituania, Ungheria. In quasi tutti Paesi dell’Est, ma anche in Spagna si paga molto meno, solo 36,7 centesimi. In Germania e Francia invece rispettivamente 47 e 54,7. Insomma, nonostante gli stipendi e i redditi maggiori, guidare costa decisamente meno quasi ovunque.

La tassa di registrazione.

Nel caso della tassa di registrazione il confronto comincia ad essere davvero difficile perché i criteri per far pagare le tasse automobilistiche in Europa cambiano. E di molto.

Per esempio: la tassa di registrazione in Italia è calcolata sui cavalli, sul peso e sui posti mentre non è così altrove. In Germania è calcolata in percentuale sul prezzo d’acquisto +26,3 euro; in Francia si paga in base alle emissioni di CO2 superiori ai 120 grammi per km. Le emissioni di CO2 sono il criterio usato anche in Belgio,  Austria, Finlandia, Cipro, Irlanda, Paesi Bassi, Spagna. Nel Regno Unito è proporzionale al prezzo, in Polonia e Portogallo alla capacità dei cilindri.

Quanto costa il bollo.

Idem per il bollo auto. Ognuno fa un po’ come pare: nulla è più confusionario delle tasse automobilistiche in Europa. In Italia si considera la potenza del motore calcolato in Kilowatt, un Kw corrisponde a 1,36 Cavalli-vapore. In Romania, Slovacchia, Slovenia il bollo viene calcolato in base alla capacità dei cilindri così come in Germania e Portogallo, dove la tassa viene integrata dal calcolo sulle emissioni di CO2. Nessun bollo invece in Polonia. In Francia si paga tra i 27 e i 51,2 euro per cavallo vapore più una tassa regionale, più una cifra dipendente dalle emissioni di CO2, calcolata in modo piuttosto complicato, che obbliga gli automobilisti a pagare 160 euro in caso si superino i 190 grammi di emissioni per Km.

In Italia vi è poi l’Imposta Provinciale di Trascrizione (Ipt) di 150,81 euro, che ogni provincia può innalzare del 30%. E lo fanno quasi tutte. Vi sono tariffe diversificate in base alla regione, al fatto che si superino o meno i 100 Kw, e il tipo di standard del motore calcolato in “euro” (euro4, euro5, euro6 eccetera). Il tasso base è, per esempio, di 2,58 euro per Kw nel caso della gran parte delle regioni per auto euro5 o euro6 se non si superano i 100 Kw, ma si sale a 3,12 in Abruzzo e Campania. Si può però arrivare anche a 5,45 euro per Kw in queste regioni e in Toscana al di sopra dei 100 Kw e in caso di euro0.

Il bollo in Germania.

In Germania il bollo consiste in 2 euro ogni 100 centimetri cubici di capacità di cilindro più 2 euro per ogni grammo di CO2 per Km oltre i 95 g/Km. In Spagna si considerano i cavalli fisici (Hp): si va da 12,62 euro per meno di 8 cavalli ai 112 euro per più di 20. Più le tasse regionali. Ovviamente ovunque ci sono esenzioni e sconti in base all’uso di Gpl o all’età del veicolo, con variazioni riguardanti anche la località.

Il totale delle tasse.

Ma a quanto ammonta il gettito che gli automobilisti europei garantiscono alle casse del proprio Paese? Considerando il complesso delle tasse automobilistiche in Europa, gli automobilisti italiani sono al terzo posto per gettito fiscale dato che versano ogni anno 73 miliardi allo Stato. I tedeschi ne versano 90,5 e i francesi 73,5. Il grafico qui sotto mostra la differenza del gettito totale, diviso per le varie tasse, proveniente dall’uso di automobili in Germania e in Italia.

Ma attenzione: rispetto ai 90 miliardi dei tedeschi, i nostri, in termini relativi, sono di più perché il gettito totale dello Stato tedesco è circa il doppio rispetto a quello del nostro Paese (850 miliardi contro 1600 in Germania). Così anche la parità con il gettito delle tasse legate all’auto in Francia, 73,5 miliardi, nasconde il fatto che in realtà Oltralpe in media si raccolgono molte più tasse, 1.300 miliardi.

Significa che i 70 miliardi italiani incidono in modo decisamente maggiore. Provengono per quasi la metà, 35,82 miliardi, dalle accise sui carburanti. Poi c’è l’Iva, 17,35 miliardi di gettito, e i balzelli minori come i 5 miliardi e 620 milioni della revisione obbligatoria delle automobili che, in Italia, sono circa 37 milioni.

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo, Fisco e Tasse, Unione Europea

Italia leader europea per carico fiscale. – Cgia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-03.

2018-06-28__Cgia__001

L’Italia è paese leader europeo per carico fiscale sulle imprese con un 14.1% sul totale del gettito fiscale: 101.176 miliardi di euro.

Per paragone e confronto, nell’Unione Europea questa percentuale vale l’11.8% (681.827 miliardi) e nell’eurozona vale invece il 12.0% (519.998 miliardi di euro).

«Il peso economico dell’inefficienza burocratica della macchina pubblica sulle Pmi, invece, è di 31 miliardi e il deficit infrastrutturale, sia materiale che immateriale, grava sul sistema produttivo per almeno 40 miliardi di euro”»

*

Queste cifre danno da pensare.

Non lascia perplessi l’entità della cifra, quanto piuttosto la discrepanza tra la cifra versata e la scarsezza di prestazioni elargite. L’intera macchina statale soffre di una burocrazia elefantiasica: sempre più si avverte l’esigenza di una de legislazione che elimini od almeno snellisca le procedure burocratiche e normative.

Se il problema è sicuramente politico, altrettanto sicuramente si dovrebbe ammettere che sia con altrettanta importanza organizzativo.

L’efficienza burocratica olandese, tedesca oppure austriaca è proverbiale, eppure quanto a leggi e normativi quei paesi non scherzano affatto.

Se poi si volesse allargare l’orizzonte al quadro mondiale, la struttura e l’efficienza organizzativa delle burocrazie americana e cinese potrebbero essere prese come esempi paradigmatici.

*

Se compito del governo sia sicuramente quello di indirizzo politico della nazione, altrettanta attenzione sembrerebbe essere da attribuirsi alla semplificazione del funzionamento dell’apparato statale. Non sarà certo cosa facile, dopo tanti, troppi, anni di malgoverno.


Cgia. 2018-06-23.  Sulle nostre imprese gravano 101 miliardi di tasse l’anno. Sforzo fiscale record tra i big dell’UE.

Le imprese italiane versano al fisco 101,1 miliardi di euro l’anno: un carico di imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali da far tremare i polsi. Tra i principali paesi europei, solo l’Olanda (14,2 per cento) registra una incidenza del prelievo fiscale riconducibile alle imprese sul gettito fiscale totale superiore alla nostra (14,1 per cento).

Con i nostri principali competitor, invece, scontiamo dei differenziali molto preoccupanti; tutti presentano un “sacrificio fiscale” nettamente inferiore al nostro. Sulle aziende tedesche, ad esempio, grava un prelievo sul gettito totale del 12,3 per cento, sulle spagnole dell’11,6 per cento, su quelle britanniche dell’11,4 per cento e sulle francesi del 10,2 per cento (vedi Tab.1).

“Sebbene alle nostre imprese sia praticamente richiesto lo sforzo fiscale più oneroso d’Europa – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo – lo Stato italiano continua a non agevolarne la crescita. Anzi. Ricordo, ad esempio, che il debito commerciale della nostra Pubblica amministrazione nei confronti dei propri fornitori è di 57 miliardi di euro, di cui una trentina ascrivibili ai ritardi nei pagamenti. Il peso economico dell’inefficienza burocratica della macchina pubblica sulle Pmi, invece, è di 31 miliardi e il deficit infrastrutturale, sia materiale che immateriale, grava sul sistema produttivo per almeno 40 miliardi di euro”.

L’Ufficio studi della CGIA tiene inoltre a sottolineare che la priorità del nostro Paese è la questione economica. I segnali di ripresa registrati in questi ultimi 2 anni si stanno affievolendo e anche quest’anno la nostra crescita sarà la più contenuta in tutta l’Ue. Per questo è necessario intervenire quanto prima per abbassare le tasse, alleggerire l’oppressione burocratica, accelerare i pagamenti della Pubblica amministrazione e tornare ad investire. In merito agli investimenti il Segretario della CGIA, Renato Mason, afferma:

“Pur essendo uno strumento intelligente, il piano 4.0, fortemente voluto dall’ex ministro Calenda, è stato tarato sulle esigenze delle medie e delle grandi aziende. Non è un caso, infatti, che fino ad ora la stragrande maggioranza degli incentivi sia stata utilizzata da queste ultime. Le piccole, che sono la quasi totalità delle imprese presenti nel paese, ne hanno usufruito in misura minore. Pertanto, è necessario coinvolgerle maggiormente e nella rivoluzione digitale che dovremo affrontare nei prossimi anni dovranno essere interessate anche la Pubblica amministrazione, la scuola e le maestranze. Questa sfida si vince se, tutti assieme, saremo in grado di fare squadra, giocando questa partita con la consapevolezza che chi rimarrà indietro avrà poche possibilità di stare al passo con le principali potenze economiche del mondo”.

Oltre ad avere un peso fiscale in Italia che rimane tra i più elevati tra i paesi più avanzati, la CGIA ricorda che è altrettanto inaccettabile che il grado di complessità raggiunto dal fisco scoraggi la libera iniziativa e la voglia di fare impresa. Inoltre, gli artigiani mestrini tengono a precisare che non è nemmeno più rinviabile una riflessione sull’ “assetto” della Magistratura giudiziaria.

“Il nostro sistema fiscale – conclude Zabeo – è costituito da 3 attori: il legislatore, l’Amministrazione finanziaria e la giustizia tributaria. Ad ognuno di questi soggetti la Costituzione conferisce una funzione e

non è ammessa alcuna sovrapposizione di ruoli. Le Commissioni tributarie, però, si avvalgono della struttura organizzativa ed economica del Ministero dell’Economia e delle Finanze a cui appartiene anche l’Agenzia delle Entrate che è la controparte del contribuente. Ora, nessuno mette in discussione l’indipendenza e l’imparzialità dei giudici tributari, ci mancherebbe, sta di fatto che il problema esiste e nel contenzioso giuridico tra fisco e contribuente lo squilibrio c’è e, purtroppo, è a svantaggio di quest’ultimo”.

Ritornando ai dati riportati in Tab. 1, la CGIA fa presente che l’incidenza percentuale delle tasse pagate dalle imprese sul totale del gettito fiscale è un indicatore che aiuta a comprendere l’elevato livello di tassazione a cui sono sottoposte le aziende. Si tenga presente che le imposte italiane considerate in questa analisi su dati Eurostat sono: l’Irap, l’Ires, la quota dell’Irpef in capo ai lavoratori autonomi, le ritenute sui dividendi e sugli interessi, le imposte da capital gain e i contributi previdenziali pagati dai lavoratori autonomi per la propria posizione previdenziale.

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo

Imposte, Tasse, Tributi ed Accise. Non sono sinonimi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-21.

Matsys Jan. (Belgio 1509-1575). Esattore delle Tasse. 1539

Matsys Jan. (Belgio 1509-1575). Esattore delle Tasse. 1539.


Nel comune fraseggio i media ci hanno abituato ad usare i termini imposte, tasse e tributi quasi siano sinonimi, come se indicassero lo stesso contenuto logico. Ma così non è. Purtroppo anche molti politici di alta caratura sembrerebbero avere severi problemi lessicologici. Il risultato è una grande confusione.

Cerchiamo di fare un pochino di chiarezza, senza scendere in un dettaglio pesantemente noioso.

*

Tributo, secondo Treccani.

«Prestazione patrimoniale imposta ai cittadini dallo Stato o da altro ente del settore pubblico, in virtù del potere normativo (art. 23 Cost.).

In ragione del presupposto impositivo, si distinguono 3 forme di tributo:

– le imposte, che sono finalizzate al finanziamento della spesa per servizi pubblici indivisibili (per es., ordine pubblico, difesa militare), il cui ammontare varia in ragione della capacità contributiva, ex art. 53 Cost.

– le tasse, che sono tributi corrisposti a fronte di un servizio pubblico erogato a determinati contribuenti, essendo il costo del servizio ripartito in ragione del beneficio ottenuto (per es., tasse universitarie e sanitarie);

– i contributi speciali che costituiscono, infine, tributi per prestazioni erogate a un soggetto su istanza individuale (per es., estrazione o copia di documenti, registrazione di atti; caso a parte, a carattere obbligatorio, per es. per conseguire la pensione o i servizi sanitari, sono i contributi sociali»

*

Imposta, secondo Treccani.

«Nell’ambito della più ampia nozione di tributo, la prestazione patrimoniale coattiva acausale, dovuta da un soggetto in base a un presupposto dimostrativo di forza economica, che escluda qualunque relazione specifica con un’attività dell’ente pubblico riferita al soggetto o da cui quest’ultimo possa trarre un vantaggio. In tal senso le imposte si distinguono dalla tassa, il cui presupposto è di contro costituito dalla richiesta di un atto ovvero del compimento di un’attività pubblica specificamente riguardante un determinato soggetto, quale l’emanazione di un provvedimento o la prestazione di un pubblico servizio»

*

Tassa, secondo Treccani.

«Compenso, talora inferiore al costo, pagato dal privato a un ente pubblico per un servizio a lui reso dall’ente stesso dietro sua domanda. A differenza dell’imposta, la tassa, pur essendo fissata dall’autorità (e quindi in questo senso coattiva), non è obbligatoria per il contribuente, che è tenuto al pagamento solo nel caso in cui intenda usufruire del relativo servizio. La tassa rappresenta dunque una forma di tributo legato a una controprestazione che rientra nell’ambito delle funzioni istituzionali di un’amministrazione pubblica.»

*

Accisa, secondo Treccani.

«Tributo indiretto applicato sulla produzione o sul consumo di determinati beni. Le a. assicurano alcune importanti finalità del sistema fiscale:

– la realizzazione del principio della generalità dell’imposta (in quanto colpiscono prodotti di largo consumo, in proporzione al consumo stesso);

– l’assicurazione di un gettito immediato e costante per lo Stato;

– la possibilità di rapide manovre fiscali mediante il ritocco delle aliquote»

*

Carico fiscale, secondo il dizionario de il Sole 24 Ore.

«Il carico fiscale comprende l’insieme degli oneri fiscali e contributivi cui devono sottostare le imprese.»

*

Contributo, secondo Treccani. [Ha molti significati ed usi: ne elenchiamo i pertinenti]

«- Somma di denaro che, in seguito a particolari disposizioni, viene esatta obbligatoriamente, con carattere di imposta o di tassazione, dallo stato o da enti pubblici, sia per far fronte a lavori di pubblica utilità, sia a favore di determinati gruppi sociali

– Contributo previdenziale, somma che, nel rapporto di assicurazione sociale, deve essere versata obbligatoriamente, parte dal datore di lavoro e parte dal lavoratore stesso, all’istituto assicuratore in misura proporzionale all’ammontare della retribuzione e con aliquote distinte per le varie forme assicurative»

* * * * * * * *

Ci si rende perfettamente conto di quanto a molti suonino noiose le definizioni e di come spesso lo stesso termine possa essere utilizzato con sensi differenti, talora specificati nei testi.

Una corretta distinzione dei termini è tuttavia importante per comprendere e far comprendere di cosa si stia parlando oppure, per esempio, nel poter valutare il rapporto prestazioni costo e liceità della tassa.

Poniamo un caso per tutti.

La tassa sui rifiuti, entrata in vigore in tutti i comuni italiani a partire dal 1.1.2014, è destinata alla copertura integrale dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati alla smaltimento. Il servizio comprende lo spazzamento, la raccolta, il trasporto, il recupero, il riciclo, il riutilizzo, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti.

Usualmente il calcolo è automatico a partire dalla metratura dell’immobile, dal numero di persone ivi agenti, dal tipologia di attività svolta, etc. La ponderatura del carico è tuttavia soggetta alla visione politica dell’ente imponente. Alcune tipologie di lavoro potrebbero essere chiamate a contribuire in modo molto maggiore di altre, anche al di là dei costi che obbiettivamente siano loro imputabili.

Un abuso frequentemente riscontrato nell’esame dei bilanci di molti comuni è una tassa sui rifiuti ben più onerosa dei costi oggettivi dello smaltimento. Fatto è che la facilità identificativa ed esattiva porta a caricare su tale tassa altri oneri che in realtà le sono alieni.

Stesso discorso potrebbe essere fatto per le accise, che di norma ben poco hanno a che vedere con il bene colpito.

*

Sulle imposte il discorso potrebbe essere di ben maggiore respiro.

Esso coinvolge direttamente il concetto di “stato” e di quali debbano essere le sue mansioni.

Un solo esempio per tutti. Se è logico che uno stato debba provvedere all’ordine interno ed alla difesa, è compito della politica determinarne obiettivi, estensione, e, quindi, costi.

* * * * * * * *

Una considerazione finale, ma non certo ultima per importanza.

Con l’esclusione delle accise, ogni tassa genera sicuramente un gettito, ma nel contempo necessita di personale e di spese materiali per essere applicata. La contabilità dei costi applicativi è complessa, ma non certo impossibile, e spesso, molto spesso, genera sorprese amare. La tassa soddisfa molto spesso più la vanagloria dei politici che la hanno istituita e la loro reclame elettorale piuttosto che incrementare il gettito. Non da ultimo, nella contabilità dei costi si dovrebbe anche tenere presente quelli dei Contribuenti, chiamati ad ulteriori adempimenti burocratici.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Irlanda. Apple. Tredici miliardi Usd. EU la guastafeste.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-04-29.

Irlanda 001

«Liechtenstein, Luxembourg, Monaco, Andorra and San Marino are small European states that have also in various ways attracted the super-rich either to live, as in Monaco or to process their investments, as in Liechtenstein and Luxembourg»

*

«For larger nations, there has long been a limited degree of competition to attract the registration of international corporations»

*

«Delaware has established itself as the go-to corporate registration center, in part because it does not collect taxes on income earned from outside the state»

*

«Ireland is a medium-size country with a diverse economy and a strong international brand»

*

«Like Iceland, which borrowed heavily abroad, in the end the Irish boom turned into near catastrophic bust as asset prices, including property, collapsed under mountains of debt»

*

«Ireland remained a major location for multinational corporations because of its extremely attractive corporate tax rates»

*

«The Eurocrats in Brussels became increasingly vexed at Ireland’s generosity, the more so because EU funds were needed to bail out the country’s banking system after it imploded»

*

«Now Ireland and the giant Apple Corporation – the world’s richest business – have lost a bitterly fought legal battle against a ruling from Brussels that the highly favorable Irish tax regime amounted to illegal state aid»

*

«Apple has begun to pay $13 billion of back taxes into an escrow account, pending final judgment»

* * * * * * * *

La cosa era nell’aria.

Ireland forced to collect €13bn in tax from Apple that it doesn’t want

Ireland expects Apple EU tax appeal to be heard in autumn.

Ed ecco che appare un fatto nuovo.

Ireland expects Apple EU tax appeal to be heard before end of year

«An appeal by Apple and Ireland against a European Union ruling for the U.S. firm to pay 13 billion euros ($16 billion) in disputed taxes is likely to be heard before the end of the year»

Non ci si è sbagliati a leggere.

La debitrice Apple e la creditrice Irlanda hanno fatto assieme ricorso contro la sentenza della Corte Europea.

Apple non ne vuole sapere di pagare e l’Irlanda proprio non vuole riscuotere quelle tasse.

Una causa davvero alquanto fuori dalla norma.

Non si vorrebbe essere facili quanto involontari falsi profeti, ma non ci si stupirebbe poi di veder l’Apple trasferirsi altrove, magari in Arabia Saudita.


Saudi Gazette. 2018-04-26. Ireland weeps as Apple starts to pay it $13 billion

Small countries with constrained economies long ago discovered interesting ways of making a living. There was, for instance, the issue of ever more attractive postage stamps, some issued in sufficiently small numbers as to make them highly collectable by philatelists around the world. Small nations have also set themselves up as registries for international shipping and more famously as offshore financial centers.

Liechtenstein, Luxembourg, Monaco, Andorra and San Marino are small European states that have also in various ways attracted the super-rich either to live, as in Monaco or to process their investments, as in Liechtenstein and Luxembourg. When the Eurobond market began in the 1970s, it was said that Belgian dentists used to drive regularly across the border to Luxembourg where their bonds were held, to pick up their quarterly coupon payments.

Leaving aside the postage-stamp earnings from countries no bigger than postage stamps themselves, the main attractions of these jurisdictions have been considerably lower tax rates and registration fees. Along with these has often been a relaxed attitude to the enforcement of international rules and regulations. Thus last week the Marshall Islands was protesting at the emissions from world shipping, even though, as the leading flag-of-convenience registry, it was always itself in a position to pressure ship owners to make their vessels more environmentally friendly.

For larger nations, there has long been a limited degree of competition to attract the registration of international corporations. Even within the United States, Delaware has established itself as the go-to corporate registration center, in part because it does not collect taxes on income earned from outside the state. Thus company finance officers have been able to keep longer control of their income and make arrangements to mitigate their tax bills elsewhere.

But Ireland is a medium-size country with a diverse economy and a strong international brand. It is for instance a major exporter of cattle, not least to the Middle East. In the 1980s it became a “tiger economy” in large part because of its benign tax regime for foreign companies. Like Iceland, which borrowed heavily abroad, in the end the Irish boom turned into near catastrophic bust as asset prices, including property, collapsed under mountains of debt.

But even in the worst of its recession, Ireland remained a major location for multinational corporations because of its extremely attractive corporate tax rates. The Eurocrats in Brussels became increasingly vexed at Ireland’s generosity, the more so because EU funds were needed to bail out the country’s banking system after it imploded. Now Ireland and the giant Apple Corporation – the world’s richest business – have lost a bitterly fought legal battle against a ruling from Brussels that the highly favorable Irish tax regime amounted to illegal state aid.

As a result, even though it and the Irish government are still seeking to appeal, Apple has begun to pay $13 billion of back taxes into an escrow account, pending final judgment. Other multinationals that have set up in Ireland are also likely to be obliged to pay many billions of tax which Brussels calculates they owe. In Dublin, politicians remain distraught that their country’s long-standing offshore business plan has been ruled illegal. But they cannot really be that upset. Considering the billions of dollars that are likely to be rolling into the Irish treasury, this was not too bad a battle to lose.

Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo

Stangata. Continua il minuetto in crescendo: ora siamo 60 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-04-03.

Matsys Jan. (Belgio 1509-1575). Esattore delle Tasse. 1539

«Non è ancora chiusa la partita sulle commissioni speciali per esaminare gli atti urgenti del Governo in attesa che si formi una maggioranza. Anche perché sono in ballo passaggi delicati come quelli sul Def e su eventuali decreti che potrebbero rendersi necessari nel caso in cui si prolungassero i tempi per la nascita di un nuovo Governo. Il Senato ha formalizzato la costituzione della super-commissione, la Camera, complice l’assenza di esponenti del Governo, ha invece preso tempo. ….

Dei 27 componenti della commissione speciale al Senato, che sarà operativa dal 4 aprile, 9 sono infatti del M5S, 5 della Lega, altrettanti di Fi e 2 di Fratelli d’Italia, tutte forze politiche decise a invertire la rotta sul fronte previdenziale.» [Sole 24 Ore]

*

Una situazione che avrebbe potuto essere semplicissima è stata ingarbugliata fino a renderla quasi incomprensibile.

L’essenza, è che il passato Governo Gentiloni ha lasciato sicuramente in eredità all’Italia la legge sul testamento biologico, facendo così felice la maggior parte degli italiani, ma altrettanto sicuramente ha lasciato una situazione contabile che rasenta al filo il codice penale. E questo non piace a molto italiani.

Dapprima si parlava, conti alla mano, della necessità di una “manovrina“. Piccina, piccina, piccina.

Italia. Manovra da trenta miliardi. I masochisti voteranno a favore.

Manovra, “stangata da 30 miliardi”

Manovrina che assomigliava ad una stangata. Trenta miliardi non sono una briciola.

Poi, qualcuno ha ravattato nei conti:

Conti Pubblici. Manovra. I 30 miliardi che sono 70, ma raddoppieranno.

Adesso esce una nuova valutazione: “mica settanta miliardi! Che caspita. Sono solo sessanta“.

In arrivo 60 mld di tasse in più.

*

«Cittadini e imprese, spremuti all’inverosimile, si preparano ad aprire il portafogli per sostenere i conti pubblici»

*

«I contribuenti vengono chiamati a coprire i fallimenti dei governi che non sono riusciti a tagliare gli sprechi nel bilancio pubblico …. e zavorrano i conti dello Stato; la Spending Review è stata una clamorosa barzelletta»

* * * * * * * *

Il nodo è semplice, e si articola in due statement:

– i debiti si pagano;

– il debito pubblico altro non è che una tassa a pagamento differito.

Nota.

Non ci si illuda che questi siano i conti definitivi. Le prefiche parlano di 130 miliardi totali. Per il momento, si intende.


Adnk. 2018-04-01. “In arrivo 60 mld di tasse in più”

Il nuovo governo deve disinnescare una mina fiscale da oltre 60 miliardi di euro. Nei prossimi tre anni sono in arrivo 30 miliardi in più di tasse che corrispondono all’aggravio Iva che farà salire il balzello sui consumi fino al 25% nel 2019-2020. E altri 30 miliardi saranno prelevati dalle tasche dei contribuenti grazie a una lunga lista di misure contenute nell’ultima Legge di Bilancio. E’ questo, secondo un’analisi del Centro studi di Unimpresa, il primo scoglio per la nuova maggioranza e per il prossimo esecutivo.

Si tratta di trappole fiscali, sostiene l’associazione, che faranno lievitare il gettito dello Stato: nella manovra approvata a fine 2017 sono contenute ben 27 voci, in qualche modo nascoste o comunque poco note, che portano complessivamente a far lievitare le entrate nelle casse dello Stato per complessivi 29,6 miliardi nel triennio 2018-2020. In totale, dunque, i contribuenti italiani, imprese e famiglie, dovranno pagare all’erario 60 miliardi in più.

“Cittadini e imprese, spremuti all’inverosimile, si preparano ad aprire il portafogli per sostenere i conti pubblici”, commenta il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci. “I contribuenti vengono chiamati a coprire i fallimenti dei governi che non sono riusciti a tagliare gli sprechi nel bilancio pubblico – aggiunge Pucci – e zavorrano i conti dello Stato; la Spending Review è stata una clamorosa barzelletta”.

Secondo Unimpresa, “il ragionamento trae fondamento dalle misure contenute nel provvedimento sui conti pubblici” che ha stabilito il rinvio dell’aumento dell’imposta sul valore aggiunto al 2019 e ha evitato, così, un incremento del carico fiscale a carico di famiglie e imprese, per il 2018, pari a 15,7 miliardi. Ma si tratta di mancati aumenti tributari e non di tagli. E comunque la stretta fiscale è solo rinviata: secondo i calcoli dell’associazione, nel 2019-2020 l’aumento delle aliquote Iva (quella ordinaria dal 22 al 25% e quella agevolata dal 10 all’11,5%) comporterà complessivamente un aumento del gettito tributario superiore a 30 miliardi di euro. Nel 2019, l’incremento sarà di 11,4 miliardi e nel 2020 di 19,1 miliardi per un totale di 30,5 miliardi. E poi ci sono le 27 trappole fiscali, grazie alle quali lo Stato incasserà 29,6 miliardi aggiuntivi, cifra che porta il totale della stangata a 60,1 miliardi.

Nel dettaglio, quest’anno il gettito tributario complessivo salirà di 11,7 miliardi, nel 2019 crescerà di 9,5 miliardi e nel 2020 aumenterà di 8,3 miliardi. Dalle misure sulla fatturazione elettronica derivano aumenti delle entrate per 202,2 milioni, 1,6 miliardi e 2,3 miliardi per un totale di 4,2 miliardi nel triennio. La stretta sulle frodi nel commercio degli oli minerali “vale” 272,3 milioni, 434,3 milioni e 387 milioni per complessivi 1,09 miliardi. La riduzione della soglia dei pagamenti della pubblica amministrazione a 5.000 euro frutta all’erario 145 milioni, 175 milioni e 175 milioni per complessivi 495 milioni.

Dai nuovi limiti alla compensazione automatica dei versamenti fiscali, continua Unimpresa, derivano 239 milioni l’anno per tutto il triennio, con un totale di 717 milioni. L’aumento dal 40 al 55% (per il 2018 e per il 2019) e al 70% (dal 2020) degli anticipi delle imposte sulle assicurazioni porteranno più entrate pari a 480 milioni nel 2018 e nel 2020 per 960 milioni complessivi. Il ridimensionamento del fondo per la riduzione della pressione fiscale vale 377,9 milioni per il 2018, 377,9 milioni per il 2019 e 507,9 milioni per il 2020 per un totale di 1,2 miliardi. Le nuove disposizioni in materia di giochi valgono in totale 421,2 milioni (rispettivamente 120 milioni 150,6 milioni e 150,6 milioni). Sono sei, in tutto, le voci che riguardano le detrazioni per spese relative alla ristrutturazione edilizia o alla riqualificazione energetica: un “pacchetto” che porta a un incremento di gettito, rispettivamente, per 145,3 milioni, 703,7 milioni e 4,3 milioni per un totale di 853,3 milioni.

I cosiddetti “effetti riflessi” derivanti dai rinnovi contrattuali e dalle nuove assunzioni portano a maggiori entrate per 1,02 miliardi, 1,08 miliardi e 1,1 miliardi per complessivi 3,2 miliardi. Il differimento al 2018 dell’entrate in vigore della nuova Iri (imposta sui redditi) “vale” 5,3 miliardi nel 2018, 1,4 miliardi nel 2019 e 23,2 miliardi nel 2020 per un totale di 6,8 miliardi in più di tasse. Altri 4,04 miliardi complessivi, nel triennio in esame, sono legati all’imposta sostitutiva sui redditi da partecipazione delle persone fisiche: 1,2 miliardi nel 2018, 1,4 miliardi nel 2019 e 1,4 miliardi nel 2020. Vi sono, poi, altre 11 voci, piccole misure e interventi vari, che comportano 5,4 miliardi aggiuntivi di entrate nel triennio: 2,1 miliardi nel 2018, 1,8 miliardi nel 2019 e 1,4 miliardi nel 2020, conclude l’associazione.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Conti Pubblici. Manovra. I 30 miliardi che sono 70, ma raddoppieranno.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-03-24.

Gabellieri__002__

Il 10 aprile scadrebbe il termine di presentazione del def.

Usiamo il tempo condizionale perché usualmente l’Italia non brilla per puntualità.

Qualche scusa la si potrebbe sempre trovare.

Nessuno intende tediare il Lettore con un’esposizione dettagliata e puntuale.

I conti nazionali stanno andando così bene, ma così bene, ma così bene, che sarà necessaria una manovra correttiva. Poi non si dica che il Governo Gentiloni non abbia lasciato una eredità della quale ce ne ricorderemo per anni.

Le cifre che stanno circolando sono state ottenute partendo da differenti presupposti: l’aritmetica è corretta, variano solo le situazioni al contorno.

Per gli ottimisti inguaribili, la manovra dovrebbe aspirare almeno una trentina di miliardi di euro.

«Ma l’agenda operativa del prossimo governo, qualunque sarà la tavolozza dei suoi colori, deve partire da un numero: 30 miliardi»

*

«12,4 servono per lo stop agli aumenti Iva dal 1° gennaio, priorità condivisa da tutte le forze politiche; su altri 12 poggia il rispetto degli obiettivi di riduzione del deficit scritti nei documenti di finanza pubblica, e “vigilati” da un’Europa dove trovare nuovi spazi di flessibilità sarà molto più difficile rispetto al passato recente; e c’è in lista anche il rinnovo dei contratti del pubblico impiego, con un costo netto per lo Stato da almeno due miliardi»

*

«perché le intese firmate a febbraio riguardano il 2016-2018, e anche a non voler riavviare subito la macchina sarà indispensabile mettere a bilancio almeno i fondi per le indennità di vacanza contrattuale»

*

«senza contare le richieste già arrivate dai sindacati per la conferma di quella quota di aumenti (fino al 24% negli enti locali, al 21% in sanità e così via) che altrimenti cadrebbe dal 1° gennaio»

*

«l’orizzonte triennale coperto dalla manovra chiede 19,1 miliardi sia sul 2020 sia sul 2021»

Quindi, il computo ottimista prevedrebbe 30 miliardi subito e quaranta in due anni: totale, settanta miliardi. E questo è solo l’inizio. Poi, donde li piglieranno?

* * * * * * *

Ma il mondo è anche pieno di cassandre.

A fine anno la Bce dovrebbe interrompere i QE, e Mr Trump dovrebbe continuare a svalutare il dollaro ed ad innalzare gli interessi. Almeno, così hanno detto. Se poi lo faranno, per l’Italia saranno lacrime di sangue, ma di sangue vero.

Infine, constatiamo come le promesse fatte in campagna elettorale assommino a poco più di 700 miliardi: e questo senza che nessuno si sia peritato di dire donde avrebbe cavato le relative coperture. Sono molti nel mondo curiosissimi di vedere se manterranno ciò che hanno promesso.

Solo 70 miliardi? Nei denti!


Sole 24 Ore. 2018-03-24. Conti pubblici, manovra «obbligata» da 30 miliardi

I pallottolieri parlamentari girano a pieno ritmo per elaborare una soluzione sulle presidenze delle Camere dopo la rottura di Palazzo Madama nel centrodestra. Rottura che getta una variabile ulteriore sulla ricerca della composizione delle maggioranze di governo possibili.

Gli echi della campagna elettorale sono ancora forti e spingono a misurare le ipotesi di alleanze in base alle convergenze fra le promesse elettorali. Ma l’agenda operativa del prossimo governo, qualunque sarà la tavolozza dei suoi colori, deve partire da un numero: 30 miliardi.

foto 001

Tanto misura la parete da risalire per far andare a braccetto tre sfide: 12,4 servono per lo stop agli aumenti Iva dal 1° gennaio, priorità condivisa da tutte le forze politiche; su altri 12 poggia il rispetto degli obiettivi di riduzione del deficit scritti nei documenti di finanza pubblica, e “vigilati” da un’Europa dove trovare nuovi spazi di flessibilità sarà molto più difficile rispetto al passato recente; e c’è in lista anche il rinnovo dei contratti del pubblico impiego, con un costo netto per lo Stato da almeno due miliardi. Già, perché le intese firmate a febbraio riguardano il 2016-2018, e anche a non voler riavviare subito la macchina sarà indispensabile mettere a bilancio almeno i fondi per le indennità di vacanza contrattuale: senza contare le richieste già arrivate dai sindacati per la conferma di quella quota di aumenti (fino al 24% negli enti locali, al 21% in sanità e così via) che altrimenti cadrebbe dal 1° gennaio.

foto 002

Insieme alle classiche spese «indifferibili», dalle missioni internazionali ai finanziamenti agli enti pubblici in un pacchetto intorno ai 5 miliardi, i 30 miliardi si profilano insomma come l’agenda «obbligata» per il presidente del consiglio che si vedrà consegnare la campanella da Paolo Gentiloni. E gettano un’ipoteca pesante sulle priorità programmatiche che puntano sui tagli fiscali in area Lega e Forza Italia, reduci dalla rottura di ieri, sulla spesa pubblica per reddito di cittadinanza e investimenti nei Cinque Stelle, e sui ripensamenti previdenziali in modo trasversale.

Il calendario ancora non certifica che il cantiere potrà aspettare ottobre prima di mettersi in moto: il miglioramento dei conti pubblici certificato dall’Istat, con un deficit all’1,9% del Pil anziché al 2,1%, allontana secondo il governo la richiesta europea di manovra correttiva in primavera da 3,5 miliardi, ma le decisioni definitive arriveranno a maggio. «Non vedo allarme sull’Italia per quanto riguarda la stabilità dei mercati», conferma il premier Gentiloni dal consiglio europeo di Bruxelles evocando uno spread che infatti anche ieri ha vissuto l’ennesima giornata di calma piatta (ieri il differenziale è rimasto fermo a 126 punti, mentre il Tesoro ha annunciato 7,5 miliardi di titoli a media e lunga scadenza per l’asta di mercoledì prossimo). Ma è lo stesso Gentiloni a ricordare che la spinta della congiuntura aiuta («lo stato dell’economia italiana è incoraggiante», ha detto), ma che «questo non vuol dire che la situazione sia eterna, immutabile». Il tempo scorre, insomma, e lo stallo non aiuta.

Fuori discussione, stando almeno alle dichiarazioni di tutti i partiti, è l’esigenza di affrontare il primo dei tre capitoli «obbligati», cioè lo stop alle clausole di salvaguardia che senza interventi porterebbero all’11,5% l’aliquota oggi al 10% e al 24,2% quella che oggi si ferma al 22. Per farlo servono 12,4 miliardi l’anno prossimo, mentre l’orizzonte triennale coperto dalla manovra chiede 19,1 miliardi sia sul 2020 sia sul 2021, per fermare anche gli aumenti ulteriori messi a «salvaguardia» dei conti di quei due anni. La prima prova sul campo di queste intenzioni si avrà con il Def da chiudere entro aprile, o più probabilmente nelle risoluzioni parlamentari che accompagneranno il Documento tecnico limitato al tendenziale su cui sta lavorando il ministero dell’Economia. Ma sarà la Nota di aggiornamento di settembre a dover inserire nelle tabelle i numeri definitivi che guideranno la manovra.

La cifra chiave intorno a cui ruota il secondo punto in agenda è quella del deficit, che nei programmi italiani presentati a Bruxelles dovrebbe scendere il prossimo anno allo 0,9% del Pil. Tradotto in euro, significa una correzione da 12 miliardi rispetto ai livelli del 2018, a meno di non voler rompere i vincoli europei (e il percorso di riduzione del debito) come per ora ha proposto esplicitamente solo la Lega. E lo stallo non aiuta a ridurre questo tratto di strada, perché l’esperienza mostra che aprile e maggio sono i mesi cruciali per la trattativa con la Commissione sui numeri: l’anno scorso il pressing primaverile di Roma produsse uno “sconto” da 8,5 miliardi che è stato usato dalla legge di bilancio per bloccare i soliti aumenti Iva. Sconto motivato con l’esigenza di portare avanti le riforme senza colpire una crescita ancora sotto al potenziale, e per affrontare le spese «eccezionali» sui migranti: tutte ragioni difficili da rievocare ora.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Unione Europea

Atlantico e tasse. Tra i due litiganti potrebbe godere un terzo.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-03-23.

Litiganti 001

Tra i due litiganti il terzo gode.


I problemi ci sono e sono anche reali, concreti, al momento difficilmente risolvibili.

Il primo problema consiste nell’avere un gradiente di tassazione, per cui le imprese cercano, quando libere di farlo, di trasferirsi in toto od in parte ove pagano in tasse la minor cifra possibile.

Il secondo problema consiste nel come si possa evitare un permanente conflitto da zone differenti.

*

Ogni stato, o coalizione di stati, ha sicuramente la libertà di stabilire le sue proprie tariffe fiscali. Ovviamente, ad ogni azione corrisponde una reazione eguale e contraria. La pressione fiscale troppo elevata può mandar fuori mercato un intero comparto produttivo. Una bassa pressione fiscale può richiamare industrie ed investimenti. La pressione fiscale modula inoltre la capacità dei consumi.

Spesso però si compiono errori di giudizio, talora in buona fede ma anche molto spesso in pessima fede. Se è importante il livello fiscale, è spesso ancor più importante il contesto organizzativo generale: complessità burocratica, infrastrutture e servizi disponibili, sistema giudiziario efficiente, etc.. Da una corretta contabilità dei costi potrebbe emergere quanto sia più conveniente lavorare, e quindi pagare le tasse, in un paese al alto livello impositivo. Problema ancor più complesso per una multinazionale, che può far defluire ricavi e guadagni ripartendoli tra i diversi stati in cui opera minimizzando così legalmente le tasse versate.

Ciò che lascia invero perplessi è come un simile problema sia porto al pubblico quasi che il pagare le tasse fosse un canone etico o morale. L’Unione Europea in questo è alquanto amante del melodramma. Stigmatizza le basse tasse negli Stati Uniti, ma quando Irlanda oppure il Lussemburgo di Mr Juncker si comportavano da paradisi fiscali, beh, allora tutto andava bene.

Juncker blocked tax reform, leaked cables say

«European Commission president Jean-Claude Juncker helped block measures to curtail tax avoidance during his time as prime minister of Luxembourg, according to leaked documents.

German diplomatic cables leaked to German radio group NDR reportedly describe how Luxembourg railed against efforts to crack down on tax avoidance schemes under Juncker’s stewardship.

Shared with the Guardian newspaper and the International Consortium of Investigative Journalists, a Washington-based club, earlier this week, the cables show the inner workings of the so-called code of conduct group on business taxation.»

*

Il secondo problema sembrerebbe invece al momento irrisolvibile.

Secondo l’International Monetary Fund il Pil ppa mondiale ammontava a 126,688 miliardi Usd: la Cina concorreva con 23,122 mld, l’Unione Europea con 20,853 mld e gli Stati Uniti con 19,362 mld, e l’India con 9,447 miliardi Usd. Nessuna di queste quattro grandi realtà economiche è in grado di controllare il mercato globale né economicamente, né militarmente, né giuridicamente.

La risultante è la banale constatazione di come un accordo generale sia semplicemente impossibile, utopico.

* * * * * * *

In conclusione si vorrebbe introdurre uno spunto di riflessione.

I media riportano la attuale guerra sui livelli di tassazione come se i soli contendenti fossero gli Stati Uniti da una parte e l’Unione Europea dall’altra.

Se è vero che Stati Uniti ed Unione Europea assommano al 31.74% del pil ppa mondiale, la voce del restante 68.26% non è sicuramente flebile.

Si corre il serio rischio che mentre codesti contendenti si litigano, le imprese si trasferiscano in altre parti del globo.

Nota.

La gente è davvero strana.

Da una parte vorrebbe comprare il nuovo cellulare a prezzi stracciati, continuare a pubblicare gratuitamente su Facebook, chattare su Messanger senza spendere un centesimo e, nel contempo, che quelle povere ditte fossero schiacciate dalle tasse.

Una domanda: ma chi mai si credono di essere?


Cnn. 2018-03-21. Silicon Valley faces sweeping new taxes in Europe

Europe is moving aggressively to raise billions more in tax from big tech companies such as Google and Facebook.

The European Commission proposed sweeping new rules on Wednesday that would drastically change how and where top digital companies are taxed.

The most dramatic is an interim measure that would slap a 3% tax on revenue generated from digital activities including online advertising and the sale of user data. The tax would apply to companies with global revenue of more than €750 million ($920 million).

That tax could add €5 billion ($6.1 billion) a year to the coffers of member countries, the European Commission estimates.

The second measure, which the Commission describes as its “preferred long-term solution,” would tax digital profits where they are generated. The tax would be applied even if companies do not have a physical presence in the country.

“The amount of profits currently going untaxed is unacceptable,” European Commission Vice President Valdis Dombrovskis said in a statement. “We need to urgently bring our tax rules into the 21st century.”

Most companies in Europe pay 24% corporate tax on average, compared to under 10% for digital firms, according to European officials.

The measures are designed to stop big tech companies from lowering their tax payments by shifting profits to countries that charge lower rates, such as Ireland or Luxembourg.

The tax proposals must be approved by EU member countries and its parliament, and they could face significant opposition from some governments. Pierre Moscovici, the Commission’s top economy official, said he hoped the rules would be approved before the end of 2018.

The European Commission said in 2016 that Ireland must recover up to €13 billion ($16 billion) in unpaid taxes from Apple, its largest ever tax ruling against a single company.

Big tech, and especially Silicon Valley firms such as Apple (AAPL) and Amazon (AMZN), is under increasing pressure in Europe, where regulators have taken a much stricter line on privacy and data sharing than in the United States.

Legislation that will come into force in May imposes tough new restrictions on what kind of data can be collected from users, and tech companies will face heavy fines if they violate the rules.

American tech firms are pushing back.

The Information Technology Industry Council, which represents Facebook (FB), Google (GOOGL) and Ebay (EBAY), wrote to US Treasury Secretary Steven Mnuchin in February and urged him to oppose the EU tax proposals.

The industry group cited “rising rhetoric targeting US companies and clear statements of intent to raise revenue from US-based firms.” It said the EU measures “would set a troubling precedent that could deeply harm the US and global business climate.”

The American Chamber of Commerce to the EU warned in a statement on Wednesday that a tax on revenue could reduce the amount of money available for investment. That would hurt jobs and growth in the EU, the group added.

Moscovici told reporters that the European Union was not targeting US companies.

“Our proposal does not target any company or any country,” he said. “This is not an anti-American tax … this is a digital tax.”