Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

von der Leyen, Polonia ed Ungheria e gli identitari sovranisti indispensabili..

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-21.

Volpe e maschera

«O quanta forma, sed cerebrum non habet!» Fedro.


Buona pratica politica sarebbe quella di meditare più su chi ha perso piuttosto su chi ha vinto.

Von der Leyen vote: Europe’s media welcome EU Commission choice

«Poland’s conservative Rzeszpospolita points out that all MEPs representing Poland’s ruling Law and Justice party (PiS) backed the former German defence minister. This, the paper says, gives Warsaw reasons to hope that “the new European Commission will not resume the ideological crusade, which [Dutch Socialist] Frans Timmermans ran”, and that “Brussels will abandon all its fantasies about the formation of a European army and the weakening of Nato”. ….

Many European papers point out that von der Leyen owes her victory to a batch of crucial votes garnered from the European Parliament’s Eurosceptic wing.

Libération says even though it was a secret ballot, it was clear she relied on the support of Italy’s Five Star Movement and Poland’s ruling PiS as they had said in advance they were supporting her.»


Per meglio potersi spiegare, riassumiamo per punti.

– Il Consiglio Europeo ha bocciato Herr Weber, lo Spitzenkandidat del partito popolare europeo;

– Quindi, il Consiglio Europeo ha bocciato Herr Timmermans, lo Spitzenkandidat del partito socialista europeo;

– Infine, il Consiglio Europeo ha bocciato la proposta di Frau Merkel di far fare una staffetta tra i due Spitzenkandidaten.

– Italia, paesi del Visegrad fino a concorrenza di undici stati sono stati i voti determinanti nel decretare la sconfitta dei partiti tradizionali e nel far convergere la scelta, la nomination, su Frau von der Leyen..

Ma ciò che conta è la sconfitta, prima alle elezioni con perdita di ottanta seggi e della maggioranza, poi nel Consiglio Europeo, subita dai partiti tradizionali, Ppe ed S&D. Sono loro i veri perdenti.

*

Nelle votazioni in sede di parlamento europeo, Frau Ursula von der Leyen è uscita con 383 voti, ossia con uno scarto di soli sette voti sugli elettori presenti in aula. Sono stati determinanti i voti dei parlamentari provenienti dal M5S, PiS e Fidesz, ossia di un nutrito gruppo di identitari sovranisti.

Ma anche in questa occasione importa vedere chi ha perso, ossia lo schieramento delle sinistre.

Che poi i media liberal socialisti neghino queste evidenze è affar loro: se si fossero comportati in modo diverso sarebbero ancora al potere: quindi, non lamentiamocene troppo.

«Poland and Hungary have both claimed their votes were crucial to the election of new EU Commission president Ursula von der Leyen, in the hope of getting benefits from the new executive»

«Poland’s ruling party, Law and Justice (PiS) has 26 MEPs, while Hungary’s Fidesz has 13»

«I am a cautious optimist. The president of the European commission gives hope for a new opening»

«Morawiecki said he told Merkel and von der Leyen about his “dissatisfaction with breaking EU norms and standards”, when Szydlo was not given the chair position even though parliamentary rules allow for PiS to get the post»

«Morawiecki said in a tweet – suggesting Poland’s support for von der Leyen should also translate over to the negotiations over the EU’s long-term budget.»

«Poland and Hungary both have ongoing rule of law procedures against them, and had clashed with the commission led by outgoing president Jean-Claude Juncker over judicial independence and backlisting on democratic norms»

«Hungary’s government also suggested Budapest was looking to cash in on their votes from von der Leyen»

«In curbing migration, the new European commission president will also have to play a leading role in establishing stronger European borders and developing a culture where the states that undertake vast border protection efforts are rewarded rather than punished»

«Ursula von der Leyen prevailed by only a thin margin, one that she wouldn’t have had without the support of Fidesz-KDNP and, of course, prime minister Viktor Orban»

«But Hungary’s ongoing support is not unconditional: we have definite expectations of the new EC president and we will look out for the interests of the Hungarian people every step of the way»

«Poland is eyeing for the energy portfolio in the commission, while Hungary is reportedly bidding for the enlargement profile»

«the Polish and Italian PM both supported von der Leyen in the European Council, so their parties had an obligation to enforce the decision of their leaders»

* * * * * * *

Riassumiamo.

Gli equilibri nell’Unione Europea sono mutati, ed anche di molto. I liberal socialisti occupano ancora posti di potere, ma non più quelli strategici.

Ovviamente, nulla trapela degli accordi intercorsi, e nulla vieta il pensare che potrebbero anche non essere mantenuti.

Tuttavia il Consiglio Europeo deve prendere decisioni alla unanimità, ed a quel punto Italia, Polonia ed Ungheria potrebbero far valere la loro cruciale importanza.


EU Observer. 2019-07-18. PiS & Fidesz claim credit for von der Leyen victory

Poland and Hungary have both claimed their votes were crucial to the election of new EU Commission president Ursula von der Leyen, in the hope of getting benefits from the new executive.

Poland’s prime minister Mateusz Morawiecki told reporters on Tuesday (16 July) evening von der Leyen was a compromise candidate.

“I am a cautious optimist. The president of the European commission gives hope for a new opening,” he said, a few hours after the German was approved by a wafer-thin margin of nine MEPs on Tuesday evening.

The female conservative politician was backed by 383 members of the European Parliament, in a secret ballot, with 327 against and 22 abstentions.

Poland’s ruling party, Law and Justice (PiS) has 26 MEPs, while Hungary’s Fidesz has 13.

Conservative PiS performed a U-turn after initially refusing to support von der Leyen, after their MEP, former prime minister Beata Szydlo was voted down as chair of the employment committee of the parliament – by liberal and socialist MEPs.

The PiS, however, blamed the centre-right European People’s Party (EPP), from where von der Leyen hails.

Germany’s Christian Democratic party (CDU) secretary-general Paul Ziemiak met on Sunday in Warsaw with PiS party leader Jaroslaw Kaczynski, and then Morawiecki and German chancellor Angela Merkel had a phone conversation on Tuesday.

Morawiecki said he told Merkel and von der Leyen about his “dissatisfaction with breaking EU norms and standards”, when Szydlo was not given the chair position even though parliamentary rules allow for PiS to get the post.

‘Say thanks’

He said PiS MEPs votes had been “decisive” for von der Leyen.

“You can say that thanks to us, there is no chaos, because the whole puzzle regarding top positions would be crumbling. We have turned out to be those who have kept up the stability,” MEP Ryszard Legutko told the Polish news agency.

PiS politicians expressed their hope that Poland would get a strong portfolio in the next commission in exchange for their votes.

“We showed our effectiveness and the fact that we are in favour of a Europe of normality,” Morawiecki said in a tweet – suggesting Poland’s support for von der Leyen should also translate over to the negotiations over the EU’s long-term budget.

The Polish PM added that with the new commission chief, Poland could come to a common position on security, energy and climate issues.

Poland and Hungary both have ongoing rule of law procedures against them, and had clashed with the commission led by outgoing president Jean-Claude Juncker over judicial independence and backlisting on democratic norms.

Hungary’s government also suggested Budapest was looking to cash in on their votes from von der Leyen.

“In curbing migration, the new European commission president will also have to play a leading role in establishing stronger European borders and developing a culture where the states that undertake vast border protection efforts are rewarded rather than punished,” Hungarian state secretary Zoltan Kovacs wrote in a blog post on Wednesday.

‘Not unconditional’

“Ursula von der Leyen prevailed by only a thin margin, one that she wouldn’t have had without the support of Fidesz-KDNP and, of course, prime minister Viktor Orban,” he added, referring to the ruling government coalition.

“But Hungary’s ongoing support is not unconditional: we have definite expectations of the new EC president and we will look out for the interests of the Hungarian people every step of the way,” Kovacs wrote.

Poland is eyeing for the energy portfolio in the commission, while Hungary is reportedly bidding for the enlargement profile, something it fought for five years ago as well.

Milan Nic, a senior fellow at the German Council on Foreign Relations, told EUobserver that most of the boasting by Warsaw and Budapest is for the domestic audience.

He pointed out that the Polish and Italian PM both supported von der Leyen in the European Council, so their parties had an obligation to enforce the decision of their leaders.

Nic said von der Leyen could offer portfolios to Warsaw, but Poland should not expect the new commission chief to be backing down on rule of law issues.

Von der Leyen will be under the “highest scrutiny from the very beginning” on rule of law, precisely because of the strong opposition from Poland and Hungary to Dutch lead candidate and commission vice president Frans Timmermans for the top job.

Daniel Hegedus, a fellow with the German Marshall Fund told EUobserver that Poland and Hungary should not expect special treatment, as von der Leyen’s victory was not only down to those two countries.

“I would not expect short term gestures towards Warsaw and Budapest, the EU budget negotiations and commission portfolios would be priority for these countries, but could not expect an easing of pressure on rule of law from von der Leyen,” he added.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Salvini incoronato leader degli identitari sovranisti europei.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-05.

2019-04-05__Salvini_LePen__001

«Se non è un’investitura, poco ci manca. Marine Le Pen, leader del partito di destra nazionalista Rassemblement national, ha dichiarato che Matteo Salvini avrà «incontestabilmente» la leadership dell’internazionale di partiti sovranisti che si riunirà per la prima volta a Milano lunedì 8 aprile»

*

«A Matteo – dice Le Pen in un’intervista al Corriere della Sera – abbiamo delegato il compito di costruire un gruppo, il più largo possibile»

*

«Diverso il caso di Orbán, il politico magiaro che si è trasformato in una sorta di bandiera del sovranismo europeo.»

*

«soprattutto Alternative für Deutschland (Afd), il partito di destra nazionalista tedesco che conta oggi 91 rappresentanti nel parlamento di Berlino. Raggiunto dal Sole 24 Ore, un portavoce dell’Afd conferma che il partito sarà rappresentato a Milano dal presidente Joerg Meuthen»

* * * * * * *

2019-04-05__Salvini_LePen__002

Cerchiamo di fare un pochino di ordine in questa bolgia infernale di notizie incomplete.

Istituti di sondaggi.

Ogni istituto di sondaggi usa una sua propria metodologia di acquisizione dei dati: è giocoforza che le previsioni conseguenti siano anche molto differenti tra di esse. Poi, alcuni di codesti istituti sono politicamente schierati: nessuno vuol dire che falsifichino i dati, ovviamente, ma sembrerebbe proprio che li abbiano raccolti in modo più favorevole possibile alle loro tesi.

Un esempio potrebbe meglio chiarire.

Europe Elects stima il partito polare europeo al 20.8%, Wahlkreisprognose al 21.4%, EuropeanElectionsStats.eu al 27.13%. È del tutto evidente come queste stime debbano essere ponderate per la società che le ha fornite.

Gruppi parlamentari.

Al momento attuale, ben poco si sa di come i varia partiti nazionali si schiereranno in Europa, nei gruppi dell’europarlamento. Questo rende impossibile l’attribuzione univoca dei voti ad un determinato gruppo. Questo è il motivo per cui l’eurogruppo Efdd è stimato in qualche caso a 4.83%, in altri casi al 9.1%.

Nei fatti, dati ragionevolmente certi potrebbero essere quelli relativi all’Epp ed a S&D, ossia i socialisti europei:per questi raggruppamenti infatti è più facile sapere chi e come in essi confluiranno.

I dati ragionevolmente certi.

Il partito popolare europeo dovrebbe scendere dagli attuali 221 seggi ad una quota stimata tra i 177 ed i 191: in ogni caso una severa perdita.

Il partito socialiste europeo dovrebbe scendere dagli attuali 191 seggi a un livello stimato tra i 131 ed i 148: anche in questo caso una débâcle storica. A ciò si aggiunga che in esso confluiranno formazioni politiche a mentalità statalista ma che non abbracciano in toto l’ideologia liberal socialista.

Il problema degli identitari sovranisti, i lebbrosi.

Ad oggi, i gruppi parlamentari europei sono tutti connotati in modo stretto da un qualche riferimento  ideologico. Questo rende facile l’attribuzione e comprenderne il programma.

Per definizione, gli identitari sovranisti di ogni nazione si connotano per il retaggio religioso, storico, culturale delle proprie nazioni: non hanno omogeneità ideologica per il semplice motivo che non hanno ideologie da supportare.

In linea generale si potrebbe dire che Ppe, Pse, Alde e Grüne vorrebbero una Unione Europea trasformata in uno stato europeo, mentre gli identitari sovranisti concepiscono una Europa come confederazione economica di stati sovrani.

I numeri degli identitari sovranisti.

Grosso modo, sotto le pregiudiziali sovra esposte, gli identitari sovranisti dovrebbero poter ottenere tra i 140 ed i 170 seggi parlamentari, differentemente distribuiti nei gruppi.

ENF era stimato per 82 seggi da Eu19Eu, ed a 58 seggi da EuropeanElectionsStats: sempre meglio di 37 europarlamentari ottenuti nelle elezioni del 2014.

Non hanno possibilità alcuna di mirare ad una maggioranza, ma gli equilibri sono stati rotti. Ora ci saranno, mentre prima non c’erano.

* * * * * * *

Si notino infine alcuni fondamentali elementi.

– Più che la crescita degli identitari sovranisti, fa spicco il crollo del Ppe e del Pse, che perdono la maggioranza prima detenuta. È questo uno dei grandi risultati ottenuti dagli identitari.

– Un gruppo parlamentare ha sicuramente un certo quale peso politico, ma questo diventa massiccio se ad esso corrisponde il governo negli stati di appartenenza. Al Fidesz di Mr Orban ed al PiS polacco, adesso si unirà la Lega di Mr Salvini e, con i necessari distinguo, il partito di Herr Kurz.

– Il potere politico dell’europarlamento è sicuramente grande, ma conta ben di più il Consiglio Europeo, ossia la riunione dei capi di stato o di governo, che godono anche del diritto di veto.

Nota.

A elezione espletate, i liberal socialisti inneggeranno il fatto che per merito loro gli identitari sovranisti non sono arrivati al governo, come se l’alternanza governativa non si caratteristiche principe della democrazia. E questo è un bene. Se non facessero così, mediterebbero sul perché abbiano perso, e sonoramente, e potrebbero quindi riprendersi.

*


Sole 24 Ore. 2019-04-05. Le Pen investe Salvini: è lui il leader dei sovranisti europei

Se non è un’investitura, poco ci manca. Marine Le Pen, leader del partito di destra nazionalista Rassemblement national, ha dichiarato che Matteo Salvini avrà «incontestabilmente» la leadership dell’internazionale di partiti sovranisti che si riunirà per la prima volta a Milano lunedì 8 aprile. In un primo momento il vertice del gruppo, in via di costruzione per le Europee di maggio, aveva fatto parlare di sé soprattutto per l’assenza della leader francese e di un altro peso massimo come il primo ministro ungherese Viktor Orbán. Le Pen aveva già chiarito che avrebbe aderito a distanza, ma adesso è arrivata la conferma a tutti gli effetti: «A Matteo – dice Le Pen in un’intervista al Corriere della Sera – abbiamo delegato il compito di costruire un gruppo, il più largo possibile». Diverso il caso di Orbán, il politico magiaro che si è trasformato in una sorta di bandiera del sovranismo europeo.

Orbán è a tutt’ora membro del Partito popolare europeo, la famiglia del centrodestra che è arrivata sul punto di espellerlo per violazioni dello stato di diritto (soprattutto sulla questione migratoria) e una serie di campagne anti-europee finanziate con denaro pubblico. Le tensioni si sono risolte con un compromesso, ma i rapporti restano in bilico. Una partecipazione al summit di Milano, a quanto scrive la stampa locale, potrebbe produrre un ulteriore elemento di attrito con il suo gruppo al parlamento europeo. Nonostante le varie frizioni, l’esecutivo di Budapest non sembra aver intenzione di smarcarsi davvero dalla sua «casa» europea, a maggior ragione a meno di due mesi dalle elezioni europee e nella direzione di un’alleanza che deve ancora formarsi ufficialmente.

Chi ci sarà e chi non ci sarà a Milano

Fino ad oggi, i primi passi della «internazionale» vagheggiata da Salvini non sono sempre andati nella direzione sperata. L’obiettivo di fondo del vicepremier, a quanto è trapelato, sarebbe quello di orchestrare la nascita di un gruppo politico capace di fare da raccordo fra tutte le varie sigle della destra nazionalista in Europa. Oggi i partiti dell’area sono divisi fra l’Europa delle libertà e della democrazia diretta (la sigla che ospitava anche i Cinque stelle e la destra pro-Brexit dello Ukip di Nigel Farage) e l’Europa delle nazioni e delle libertà, forza più smaccatamente nazionalista dove si erano domiciliati la stessa Lega e il Rassemblement national di Marine Le Pen. Altri due «pesi massimi» come il polacco Diritto e giustizia e l’ungherese Fidesz hanno sempre preferito restare nell’alveo di gruppi più moderati, come il gruppo dei Conservatori e riformisti europei (nel caso di Diritto e giustizia) e, appunto, i Popolari nel caso di Fidesz di Orban.

Fra i vari inviti inoltrati dalla Lega, sono alcuni hanno ricevuto una risposta positiva. A quanto aveva già anticipato il quotidiano la Stampa, saranno presenti gruppi minori come il Partito del popolo danese (attuale stampella al governo di centrodestra di Copenaghen), i Veri finlandesi (partito di Helsinki, sempre in appoggio all’esecutivo) e soprattutto Alternative für Deutschland (Afd), il partito di destra nazionalista tedesco che conta oggi 91 rappresentanti nel parlamento di Berino. Raggiunto dal Sole 24 Ore, un portavoce dell’Afd conferma che il partito sarà rappresentato a Milano dal presidente Joerg Meuthen. Nonostante l’assenza fisica della leader, come abbiamo visto, il Rassemblement national di Le Pen ha ribadito di essere parte integrante del progetto. Niente da fare, invece, per due sigle che rappresentano il cosiddetto blocco dei Paesi di Visegrad: Diritto e giustizia e Fidesz. I primi non gradiscono le sintonie del Carroccio con la Russia di Putin, anche se dovrebbero avviare un accordo dopo il voto di maggio. A gennaio il vicepremier era volato in Polonia per tentare di impostare un dialogo privilegiato con Varsavia, ma il feeling non sembra essersi tradotto in un’intesa elettorale. I secondi, come si è visto, preferiscono mantenersi formalmente nel circuito del centrodestra, spingendo semmai per una radicalizzazione della linea dei Popolari. Lo stesso Orbán non ha mai nascosto la sua ambizione di cambiare «dall’interno» il programma del Ppe, inclinandolo in maniera più netta verso contrasto all’immigrazione, controllo delle frontiere, «salvaguardia dei valori cristiani» dell’Europa e un ridimensionamento dei poteri Ue in favore di maggiori autonomie nazionali.

Il peso reale del gruppo e i rischi di un «collage fra destre»

La domanda che incombe sull’iniziativa di Salvini riguarda, anche, il peso effettivo della sua alleanza in vista del voto di maggio. È vero che le forze sovraniste sono in buona crescita, rispetto al voto del 2014, ma si parlerebbe comunque – ottimisticamente – di un totale di 60-70 seggi su un’Eurocamera che ne conterà 705 o 751, a seconda che il Regno Unito finalizzi o meno il processo di Brexit prima delle Europee a maggio 2019. Le ultimi proiezioni del Parlamento Ue hanno attribuito all’Europa delle nazioni e delle libertà, grosso modo coincidente con la platea di partiti corteggiati da Salvini, un totale di 61 seggi (27 solo quelli della Lega, uno dei partiti più in crescita su scala continentale). Aggiungendo i 13 seggi stimati per Alternative für Deutschland, oggi appartenente all’Europa delle libertà e della democrazia diretta, si arriva a 74. Meno di un decimo del totale del Parlamento e, soprattutto, appena sopra i livelli del gruppo dei Conservatori e riformisti, la dimora europea della destra post fascista di Fratelli d’Italia: 53 seggi, senza considerare però un eventuale afflusso di deputati conservatori britannici in caso di proroga estensiva della Brexit.

Numeri a parte, c’è chi ha già messo in dubbio la tenuta di una «internazionale di nazionalisti», una contraddzione in termini che esprime il tentativo di europeizzare la destra radicale nella Ue. Un terreno di scontro abituale potrebbeessere la politica economica, dove la linea fra i vari partiti è influenzata (anche) dalla provenienza geografica. La tedesca Afd non hai nascosto, ad esempio, le sue insofferenze per «l’orrendo indebitamento italiano», arrivando all’attacco diretto nei confronti della Lega di Salvini. E anche nell’internazionale guidata da Salvini dovrebbero convivere partiti di ispirazione sociale e iperliberista, affezionati al welfare o inorriditi all’idea di una «invasione dello Stato» nella libertà di impresa. La contraddizione che ne emerge, però,potrebbe scalfire solo in minima parte la solidità del progetto.

Come spiega Manuela Caiani, professoressa al dipartimento di Scienze politiche e sociologia della Scuola normale superiore di Pisa, «la dimensione economica non è mai stata così determinante, nell’identità di queste forze – dice – Gli elementi caratterizzanti sono altri: nazionalismo, xenofobia, ostilità all’establishment e valori “conservatori”, ad esempio nella recente battaglia contro la presunta teoria del gender». Caiani intravvede semmai un certo potenziale, dettato da un fattore di dirompenza rispetto agli equilibri dell’Eurocamera: «Per la prima volta la destra radicale si unirebbe in unico partito europeo – spiega – Dandosi così una “casa” unica nella Ue. Se poi possa funzionare, lo capiremo a maggio».

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Olanda. Identitari sovranisti vincono le elezioni al senato.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-21.

Giorgione. Tempesta. 1505. Galleria Accademia Venezia. 001

«An election to the Senate of the Netherlands will be held on 27 May 2019, two months after the provincial elections.

The Senate consists of 75 members elected every four years by the members of the States-Provincial of the country’s twelve provinces, who are in turn elected directly by the citizens two months earlier. The weight of a vote is determined by the population of the province in which the voter is a member of the States-Provincial. This Senate election will be the first in which members of an electoral college representing the Caribbean Netherlands will also be able to vote. The seats are distributed in one nationwide constituency using party-list proportional representation» [Fonte]

*

Dutch government loses Senate majority amid populist surge [Reuters]

«The Dutch government will lose its majority in the Senate after provincial elections on Wednesday, preliminary results showed, as voters flocked to a new populist party two days after a possible terrorist attack in the city of Utrecht.

If confirmed, the result would mean that Prime Minister Mark Rutte’s centre-right coalition will need to seek outside support to pass legislation.

First estimates based on 60 percent of votes cast showed the new Forum for Democracy will become the largest party in the Senate, in a tie with Rutte’s conservative VVD Party, on its first try.

Following the lead of U.S. President Donald Trump, Forum for Democracy leader Thierry Baudet opposes immigration and emphasises “Dutch first” cultural and economic themes.

Pollsters had for weeks predicted Rutte’s centre-right coalition would lose its Senate majority. But experts, including pollster Maurice de Hond, said the Utrecht attack, which killed three people, appeared to boost turnout most among opponents of immigration.

Rutte’s VVD is forecast to fall to 12 seats, from 13 in the 75-member Senate, and his coalition as a whole will fall from 38 seats to 31. The Forum for Democracy is also estimated to take 12 seats. The country’s Electoral Council will publish final results on March 25.»

*

Anti-EU populists surge in Dutch election, says exit poll [France 24]

«Dutch Prime Minister Mark Rutte will lose his senate majority after upstart anti-EU populists surged in provincial elections just two days after a suspected terror attack in Utrecht.

Controversial eurosceptic Thierry Baudet’s Forum for Democracy party came from nowhere to be the second biggest in parliament’s upper house after Rutte’s, an exit poll by leading broadcaster NOS said.

The coalition led by Rutte’s centre-right VVD party is set to collapse from 38 to 31 seats in the 75-seat senate, which passes legislation approved by the lower house.

The blow for Rutte — who painstakingly formed his ruling coalition to freeze out the far-right after general elections in 2017 — will be closely watched abroad ahead of European Parliament elections in May.

Self-proclaimed intellectual Baudet — who faced criticism after failing to stop campaigning after Monday’s shooting on a tram in Utrecht in which three people died — slammed Rutte’s record on immigration.

“We are being destroyed by the people who are supposed to be protecting us,” the telegenic 36-year-old told a crowd that chanted his name on Wednesday night.

“Successive Rutte governments have left our borders wide open, letting in hundreds of thousands of people with cultures completely different to ours.”»

* * * * * * *

«Controversial eurosceptic Thierry Baudet’s Forum for Democracy party came from nowhere to be the second biggest in parliament’s upper house after Rutte’s»

La coalizione guidata dal partito VVD di centro-destra di Rutte è destinata a crollare da 38 a 31 seggi nel Senato dei 75 seggi, che approva le leggi approvate dalla camera bassa.

«The blow for Rutte — who painstakingly formed his ruling coalition to freeze out the far-right after general elections in 2017»

Ci si stupisce che la gente si stupisca della vittoria dell’Fdp: la realtà olandese non è quella dei salotti patinati o dei media, bensì quella delle massaie al mercato oppure degli agricoltori. La gente comune esiste ed anche vota.

* * *

Al di là delle etichette appiccicate con dovizia dai media, Mr Mark Rutte sembrerebbe essere tutto tranne che una personalità di centro-destra. Il suo governo ha perseguito una politica intensamente eurofila appoggiando costantemente le visioni politiche di Mr Juncker, rispettando rigorosamente la dottrina liberal.

È difficile inferire quanto questa propensione al voto possa ripetersi nelle prossime elezioni europee, ma sicuramente il futuro comportamento del premier olandese in seno al Consiglio Europeo dovrà tener conto di un senato con una consistente presenza di identitari sovranisti.

*


Ansa. 2019-03-21. Olanda: boom dei populisti al Senato

La coalizione di governo del premier olandese Mark Rutte ha perso la maggioranza al Senato al termine delle elezioni provinciali. Secondo gli exit poll Ipsos, citati da Dutch News, il partito di estrema destra populista ‘Forum per la Democrazia’ entra per la prima volta al Senato come secondo partito con 10 seggi su 75, contro i 12 del partito di centrodestra Vvd di Rutte. La formazione anti-islamica di Geert Wilders (Pvv) passa invece da 9 seggi a 6. La camera alta olandese verrà votata a maggio dai rappresentanti provinciali eletti oggi. Secondo gli exit poll, che prevedono un margine di errore di un seggio per partito, l’attuale coalizione di governo ‘quadripartita’ di Rutte può contare su 31 seggi, molto meno dei 38 necessari per avere la maggioranza alla Camera alta del parlamento, e dovrà quindi cercare il sostegno dai partiti dell’opposizione per portare avanti la legislatura. Il Forum per la democrazia partecipò alle legislative del 2017 ottenendo 1,8% e due seggi nella Camera bassa del parlamento.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Europarlamento. Salvini si sta avvicinando, con una clava in mano….

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-31.

2019-01-31__europarlamento__001

Odoxa. ‘Vers un parlement européen constitué d’opposants à l’Europe.’

*

United Right Scenario ha rilasciato gli ultimi sondaggi delle propensioni al voto per le elezioni europee.

Per la prima volta i sondaggisti considerano che gran parte degli identitari sovranisti siano confluiti nel gruppo parlamentare Enf.

L’Enf, Gruppo delle Nazioni e della Libertà, che raggruppa buona parte degli identitari sovranisti, è quotato a 132 seggi. S&D, il partito socialista europeo, è quotato a 129 seggi, mentre il partito popolare europeo mantiene la maggioranza relativa con 191 eurodeputati.

Ma nel ppe confluiscono anche, per esempio, gli ungheresi ed i polacchi, gente che non ha poi idee molto simili a quelle della Cdu di Frau Merkel, e che dall’oggi al domani potrebbero lasciare il ppe e confluire nell’Enf.

In tale evenienza il gruppo di maggioranza relativa risulterebbe essere l’Enf, gli identitari sovranisti.

* * * * * * *

Ma i liberal socialisti ed i loro amichetti dei media che li sostengono non devono nutrire alcun timore per il futuro. Nessuna incertezza. Saranno trattati per come hanno trattato.

Il processo che si aprirà a loro carico con il nome di Norimberga 2 sarà giusto ed equo, consentirà loro un ampio margine di difesa, poi li condannerà e farà eseguire le debite condanne.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Conte. Attenzione all’ira dei miti. Il suo sembrerebbe essere un ultimatum.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-30.

2019-01-28__salvini__001

Abbiamo aspettato un qualche tempo a pubblicare questo articolo su Mr Conte, per vedere se i media ne avessero dato adeguato risalto. Ma evidentemente l’ordine di scuderia era categorico: non lo si menzioni neppure. Un breve articolo sul Corriere, e basta.

Eppure, Mr Conte aveva detto cose gravi, mirando alla sostanza dei fatti.

*

«Italian Prime Minister Giuseppe Conte on Friday accused France and Germany of using empty pro-European rhetoric while pursuing their national interests on areas from immigration to industry and international diplomacy»

*

«In a hard-hitting interview in daily Corriere della Sera, Conte said Italy was no longer prepared to be treated as a “poor relation” while the EU’s largest states tried to increase their power and influence at the expense of real European integration»

*

«They are only thinking of their national interests,” Conte said, taking particular offence at a bilateral treaty signed this week in Aachen which committed to supporting Germany’s bid for a permanent seat on the United Nations Security Council»

*

«They are taking us for a ride,” Conte said, arguing that there had been a broad agreement since the early 1990s that the seat at the U.N. should go to the EU as a whole, rather than to Germany»

*

«The truth is that we have caught France and Germany with their hand in the cookie jar»

*

«Italy’s coalition parties, the anti-establishment 5-Star Movement and the right-wing League, have repeatedly attacked French President Emmanuel Macron in recent weeks, accusing Paris of impoverishing Africa and fuelling migration across the Mediterranean towards Italy»

*

«Conte, a former academic with no party affiliation, is normally seen as a moderate, mediating figure, but he warned France and Germany not to try to isolate Italy.»

*

«Certainly our allies cannot believe that we will sit silently at the table to sign off on decisions taken by others, …. Why should I take part in a summit if they have already decided everything?»

*

«We have to say these things out loud. If we don’t intervene we will have a historic responsibility for having remained silent»

*

«no other government in Europe has the support we have»

*

«The empty European rhetoric is no longer sufficient»

* * * * * * * *

Quando in altri tempi i governi francesi e tedesco godevano di ampi consensi popolari ed avevano la maggioranza in sede dell’Unione Europea essi potevano fare ciò che volevano: il bello ed il cattivo tempo. L’asse francogermanico ha sempre governato questa Unione Europea in maniera rigida, senza curarsi di comprendere le esigenze altrui. Erano l’ostensorio della tracotanza del potere, così come il servilismo di molti governi, tra i quali quelli dell’Italia del partito democratico, era un vetta della più untuosa plaggeria.

Ma Hollande prima, Mr Macron dopo, pensavano di essere il Re Sole e Frau Merkel si era immedesimata in  Friedrich der Große.

Gran brutto male il delirio di onnipotenza.

Usualmente, ci pensa la realtà dei fatti a far passare le ubbie dal capo.

I continui disastri elettorali hanno obbligato Frau Merkel a rinunciare alla presidenza del partito ed ad oggi la Germania è ben poco governabile: la coalizione tra Cdu, Csu ed Spd sta in piedi solo perché non è al momento possibile trovarne un’altra.

Mr Macron ha fatto tutto da solo: è un raro caso di perfezione nel tagliarsi il ramo sul quale si è seduti. Quanto valga lo evidenziano bene i Gilets Jaunes. Se ne sta rintanato all’Eliseo, pregando il suo dio che lo scampi dall’ira della massa inferocita.

Anche il contesto europeo è mutato grandemente nel tempo. In cinque stati gli identitari sono al governo ed in altre cinque nazioni fanno parte delle coalizioni di governo. A breve, saranno maggioranza.

Infine, si voterà non solo a maggio per le europee, ma anche subito dopo per le elezioni politiche in sette stati dell’Unione. Tutti stati che votano nel Consiglio Europeo.

Debole in patria e traballante in Europa, l’alleanza francogermanica esiste solo nella mente dei suoi sostenitori, che non hanno né avranno la forza di imporne i voleri.

Il discorso di Mr Conte è davvero ben chiaro.


Italy PM raps France, Germany for hypocrisy on Europe [Reuters]

Italian Prime Minister Giuseppe Conte on Friday accused France and Germany of using empty pro-European rhetoric while pursuing their national interests on areas from immigration to industry and international diplomacy.

In a hard-hitting interview in daily Corriere della Sera, Conte said Italy was no longer prepared to be treated as a “poor relation” while the EU’s largest states tried to increase their power and influence at the expense of real European integration.

“They are only thinking of their national interests,” Conte said, taking particular offence at a bilateral treaty signed this week in Aachen which committed to supporting Germany’s bid for a permanent seat on the United Nations Security Council.

“They are taking us for a ride,” Conte said, arguing that there had been a broad agreement since the early 1990s that the seat at the U.N. should go to the EU as a whole, rather than to Germany.

“The truth is that we have caught France and Germany with their hand in the cookie jar,” Conte said.

Italy’s coalition parties, the anti-establishment 5-Star Movement and the right-wing League, have repeatedly attacked French President Emmanuel Macron in recent weeks, accusing Paris of impoverishing Africa and fuelling migration across the Mediterranean towards Italy.

Conte, a former academic with no party affiliation, is normally seen as a moderate, mediating figure, but he warned France and Germany not to try to isolate Italy.

“Certainly our allies cannot believe that we will sit silently at the table to sign off on decisions taken by others,” he said. “Why should I take part in a summit if they have already decided everything?”

French and German “European rhetoric” disguised their defence of national interests in finance and industry, he said, citing a case this month in which the two countries moved to block an Italian shipbuilder’s bid to take over a French rival.

“We have to say these things out loud. If we don’t intervene we will have a historic responsibility for having remained silent,” Conte said.

With opinion polls showing about 60 percent of Italians back his administration, “no other government in Europe has the support we have,” Conte said, adding that he would “not accept the idea that we should behave like poor relations”.

“Maybe we have to start speaking more frankly, all of us, and to say that at this point Europe is a bit naked. The empty European rhetoric is no longer sufficient,” he said.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Belgio. Governo incespica sul Migration Pact. Effetto dei Gilets Jaunes.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-11.

Belgio 001

«Prime Minister Charles Michel stood firm against calls from a coalition partner to quit the international migration pact»

*

«He now faces the delicate task of reshuffling his cabinet along linguistic lines»

*

«Belgian Prime Minister Charles Michel has vowed to continue his administration as a minority government after the largest party in his coalition quit over his intention to sign the United Nations’ controversial migration pact»

*

«World leaders are to meet in the Moroccan city next week to sign the UN migration pact, which has elicited a strong backlash from right-wing parties in many countries»

*

«Conservative governments in Australia, Austria, Hungary, Poland and the Czech Republic have withdrawn their support for the deal, which sets out non-binding measures for regulating global migration»

*

«With N-VA’s departure, Michel will need to reshuffle his cabinet to ensure it conforms with a legal statute that requires an equal number of French- and Dutch-speaking ministers»

*

«The next federal election is scheduled for May»

* * * * * * * *

Il problema è quello che sta dominando gran parte della politica europea: lo scontro muro contro muro tra i liberal socialisti ancora al potere ed i sovranisti in ascesa.

Oggetto del contendere è l’immigrazione clandestina illegale, che per i liberal socialisti è un dogma del loro credo ideologico, e che vogliono imporre ad ogni costo a delle popolazioni che invece lo avversano.

Il Migration Pact è un obbrobrio giuridico già rigettato da Australia, Austria, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceka e, ovviamente, dagli Stati Uniti.

Il Primo Ministro Mr Charles Michel è stato eletto nel Bramante Vallone, roccaforte del Movimento Riformatore Liberale. Questo movimento ha spiccata ideologia liberal socialista. Anche se a parole si dichiara di ‘centro-destra’, nella prassi politica è costantemente schierato con quanto rimanga ancora di liberal.

La fede politica di Mr Charles Michel è talmente salda da vedere nel Migration Pact motivo sufficiente di andare ad una crisi di governo.

L’anno prossimo a maggio si terranno sia le elezioni per il rinnovo del parlamento europeo sia le elezioni federali belghe.

Stando alle attuai prospezioni, nessun partito dovrebbe essere in grado di raggiungere la maggioranza, per cui si dovrà alla fine arrivare ad un qualche accordo di coalizione. Tuttavia sarà ben difficile che si possa trovare un accordo quando i partiti fanno di temi di particolare interesse degli oggetti non trattabili.

Notiamo una strana concomitanza.

Bruxelles. Gilets Jaunes in piazza anche oggi.

Ieri a Bruxelles un migliaio di Gilets Jaunes hanno dimostrato contro il governo.

Dopo quanto accaduto in Francia, con tutte le sue conseguenze immediate e future, i sovranisti hanno avuto conferma che la piazza è con loro, che interpretano i desideri del Popolo Sovrano.

Si tratta solo di avere ancora un pochino di pazienza.


Deutsche Welle. 2018-12-09. Belgian PM reshuffles cabinet after right-wing party quits over UN migration pact

Prime Minister Charles Michel stood firm against calls from a coalition partner to quit the international migration pact. He now faces the delicate task of reshuffling his cabinet along linguistic lines.

*

Belgian Prime Minister Charles Michel has vowed to continue his administration as a minority government after the largest party in his coalition quit over his intention to sign the United Nations’ controversial migration pact.

The leader of the Flemish-speaking N-VA party, Bart De Wever, announced his party’s withdrawal late on Saturday after Michel, a French-speaking liberal, said: “I stand by my word, I will leave for Marrakesh.”

World leaders are to meet in the Moroccan city next week to sign the UN migration pact, which has elicited a strong backlash from right-wing parties in many countries.

Conservative governments in Australia, Austria, Hungary, Poland and the Czech Republic have withdrawn their support for the deal, which sets out non-binding measures for regulating global migration.

Michel fended off N-VA pressure last week when a majority in the Belgian parliament voted in favor of maintaining Belgium’s support for the agreement.

With N-VA’s departure, Michel will need to reshuffle his cabinet to ensure it conforms with a legal statute that requires an equal number of French- and Dutch-speaking ministers.

His French-speaking liberal MR and the Flemish-speaking center-right CD&V and Open VLD parties will remain in the coalition. The next federal election is scheduled for May.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Trump

Trump patrocina l’Alleanza mondiale dei partiti Sovranisti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-07.

White House Gatto 001

Il discorso di Mr Pompeo era nell’aria da tempo, ma ora se ne può parlare ore rotundo, apertamente.

Per chiarezza si dovrebbero premettere alcune considerazioni.

L’Internazionale Socialista era l’unione mondiale dei partiti d’ispirazione socialdemocratica e laburista, costituita nella presente forma il tregiugno 1951 a Francoforte. In essa erano confluiti tutti i partiti mondiali di ispirazione liberal oppure socialista: scopi primari erano l’elaborazione di strategie politiche concordate comunemente al fine di diventare la cultura politica egemone e, soprattutto, il mutuo aiuto. Il partito liberal oppure socialista anche del più minuscolo stato aderente aveva la certezza che sarebbe stato aiutato a cresce, a consolidarsi, ad andare al potere: nel caso gli stati membri lo avrebbero anche difeso militarmente. Costituiva un vero e proprio governo sovranazionale. l mondo in cui viviamo ora è una sua eredità.

Il 14 dicembre 2012 fu fondata a Roma, ed ufficializzata a Lipsia il 22 maggio 2013, Alleanza Progressista. Ispirata e voluta dal partito socialdemocratico tedesco nelle persone di Her Sigmar Gabriel ed Herr Hans-Jochen Vogel.

Alleanza Progressista era il superamento storico e politico della vetusta Internazionale Socialista, nella quale i partiti socialdemocratici non si riconoscevano più. Cambiato il credo politico, restarono immutati i criteri organizzativi: era una immensa società di mutuo soccorso. Vi aderivano il Partito Democratico degli Stati Uniti, il Partito Laburista israeliano, il Congresso Nazionale indiano, il partito socialdemocratico austriaco, il partito Socialdemocratico belga, il Partito Socialista francese, il Partito Socialdemocratico tedesco, il Partito Democratico italiano, Alleanza della Sinistra Democratica in Polonia, il Partito Laburista inglese, il Partito Socialdemocratico Operaio spagnolo, il Partito Socialista svizzero più le formazioni di sinistra di oltre novanta nazioni. È grazie alla pochezza dei personaggi che la gestivano se in pochi anni sono scomparsi dalla scena politica mondiale.

*

All’epoca in quasi tutto l’Occidente i partiti di Alleanza Progressista erano al potere, ossia in posti di governo, e la situazione è sotto gli occhi di tutti.

Erano in molti a vedere con occhio perplesso questa istituzione, alla quale facevano capo tutta una serie di ramificazioni non governative ma strettamente dipendenti, quali quelle per il ‘clima’, per il femminismo, per il giuspositivismo, le ngo, etc.

A partire dal 2016, con grande sforzo mondiale, iniziò il declino di Alleanza Progressista: dapprima le elezioni americane con la vittoria di Me Trump, quindi il crollo del partito socialista francese, ridotto ad un simulacro al 6%, seguito dal crollo della socialdemocrazia tedesca adesso quotata attorno al 14%, per non menzionare la clamorosa sconfitta elettorale del partito democratico italiano, piombato al 17%. Anche l’attuale governo liberal socialista dell’Unione Europea è nei triboli, e si vedrà a maggio l’entità del disastro.

Coloro che nel 2016 si credevano si essere onnipotenti mostrarono chiaramente al mondo la loro nullità.

* * * * * * *

Il primo e maggiore obiettivo strategico era quello di scalzare i governi liberal socialisti, anche a costo di lasciar residuare qualche turmoil locale. Ma, guardando il quadro di insieme, si direbbe che il piano sia riuscito in modo quasi perfetto. Alleanza Progressista, pur con le sue sfaccettature, è ancora al governo solo in Francia ed in Germania, ma sia Mr Macron sia Frau Merkel contano come la polvere sui piatti della bilancia. La loro caduta è solo questione di tempo.

*

Con le elezioni di midterm il Presidente Trump non solo non ha subito la tanto sbandierata Blu Wave ma ha anche aumentato il controllo che già aveva sul senato, organo questo che è chiamato a ratificare le nomine presidenziali dei giudici federali. Nella Corte Suprema Mr Trump ha già piazzato due suoi giudici, le Loro Giustizie Mr Gorsuch e Mr Kavanaugh, riportando la maggioranza repubblicana.

*

Ultima precisazione.

Nella terminologia liberal, la parola “liberal” indica una ideologia a substrato illuministico socialcomunista, mentre nella terminologia di Mr Trump significa esattamente l’opposto:ha come obiettivo il completo ritiro dell’ingerenza dello stato nella società e nell’economia.

* * * * * * *

«US secretary of state praises president whose bonfire of treaties has alarmed Europe»

*

«Donald Trump is building a “new liberal order” under US leadership, based on the principle of putting national sovereignty before multilateralism for its own sake»

*

«In a speech in Brussels before a Nato ministers meeting, Mike Pompeo sought to frame Trump’s foreign policy decisions as a coherent doctrine to a European audience that is increasingly anxious about US withdrawal from a string of treaties and Trump’s antipathy towards the European Union»

*

«He listed a series of current international institutions, including the EU, UN, World Bank and the International Monetary Fund, that he said were no longer serving their mission they were created»

*

«He argued that Trump’s reassertion of national sovereignty through his “America First” policy would make those institutions function better»

*

«At last week’s G20 summit, European officials pushed back against their US counterparts who were under instructions to eliminate references to multilateralism and a rules-based international order.»

* * * * * * *

Da quanto detto, dovrebbe essere chiaro che sta per inaugurarsi un lungo periodo di tempo a cui saranno aliene le ideologie liberal, quella socialista e tutte le relative conseguenze vissuto come credi religiosi, quali per esempio il ‘clima’, il femminismo, e così via.

I liberal saranno trattati per come hanno trattato.

Nessuno si aspetti eventi trionfalistici. I liberal socialisti hanno ancora in mano gran quota degli apparati burocratici e la quasi totalità dei magistrati occidentali, tramite i quali cercano di governare anche se elettoralmente distrutti. Sarà questa un’opera di bonifica lunga e difficile, ma è già iniziata in paesi quali la Polonia e l’Ungheria.

Le strazianti urla di dolore dei cascami liberal socialisti che ancora si aggirano, il livoroso fraseggio di Mr Macron, ridimensionato per bene di Gilet Jaunes, la sprezzante alterigia di Frau Merkel sono evidenti elementi che identificano la loro sconfitta. E di Davos, chi più ne parla?

Cina. Carbone. Davos. Fallito il piano Al Gore da 90,000 mld Usd.

Bene. Benissimo.

Saranno 90,000 miliardi che resteranno nelle tasche dei Contribuenti invece di finire in quelle dei liberal socialisti.


The Guardian, 2018-12-04. Trump is building a new liberal world order, says Pompeo

US secretary of state praises president whose bonfire of treaties has alarmed Europe.

*

Donald Trump is building a “new liberal order” under US leadership, based on the principle of putting national sovereignty before multilateralism for its own sake, his secretary of state has claimed.

In a speech in Brussels before a Nato ministers meeting, Mike Pompeo sought to frame Trump’s foreign policy decisions as a coherent doctrine to a European audience that is increasingly anxious about US withdrawal from a string of treaties and Trump’s antipathy towards the European Union.

He listed a series of current international institutions, including the EU, UN, World Bank and the International Monetary Fund, that he said were no longer serving their mission they were created.

He argued that Trump’s reassertion of national sovereignty through his “America First” policy would make those institutions function better. “In the finest traditions of our great democracy, we are rallying the noble nations of the world to build a new liberal order that prevents war and achieves greater prosperity for all,” Pompeo said at a speech at the German Marshall Fund thinktank. “We’re supporting institutions that we believe can be improved; institutions that work in American interests – and yours – in service of our shared values.”

The remarks were frequently punctuated with praise for Trump, who is referred to 13 times in the text. Pompeo portrayed his president as restoring an era of triumphal US leadership in the world, for the first time since the end of the cold war.

“This American leadership allowed us to enjoy the greatest human flourishing in modern history,” the secretary of state said. “We won the cold war. We won the peace. With no small measure of George HW Bush’s effort, we reunited Germany. This is the type of leadership that President Trump is boldly reasserting.

“After the cold war ended, we allowed this liberal order to begin to corrode. Multilateralism has too often become viewed as an end unto itself. The more treaties we sign, the safer we supposedly are. The more bureaucrats we have, the better the job gets done.”

The Trump administration has alarmed European governments with making a bonfire of treaties, walking out of the 2015 nuclear deal with Iran, withdrawing from talks with Europe on the Transatlantic Trade and Investment Partnership, pulling out of the Paris climate agreement and the UN global compact on migration. At last week’s G20 summit, European officials pushed back against their US counterparts who were under instructions to eliminate references to multilateralism and a rules-based international order.

Trump has also declared he wants to abandon the intermediate-range nuclear forces treaty with Russia, because of violations by Moscow. European capitals are seeking to broker a solution that would salvage the treaty, which kept nuclear missiles out of Europe for more than 25 years.

They feared that Pompeo would come to this week’s Nato meeting with a formal notice of withdrawal that would start a six-month clock ticking for its dissolution, but formal withdrawal is now not expected until the new year, leaving a small window open for last-minute efforts to save the treaty through a joint Nato effort to confront Russia over its suspected violation: the development of a ground-launched cruise missile.

Pompeo’s speech received polite applause, but Julianne Smith, a senior foreign policy official during Barack Obama’s time at the White House, said it had shocked US allies across Europe.

“The first words that come to mind are tone deaf,” said Smith, now a senior fellow at the Bosch Academy in Berlin. “It’s as if they have no appreciation of how Europeans are trying to figure out how to cope with an administration that they see as abdicating American leadership.

“The speech just gives Europe a long to-do list – just do this, do that, with no vision to go with it. No one I talk to here believes this administration is committed to a rules-based order.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Europa Unita. Mica ci impiccheranno, dicevano i gerarchi fascisti.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-25.

2018-09-23__Europa_Unita__001

2018-09-23__Europa_Unita__002

Riportiamo questo articolo de La Repubblica alquanto datato, ma è maieutico.

A nostro sommesso parere è altamente significativo di quanto stia accadendo.

Diversi sono gli aspetti da valutare con cura.

In primo luogo, la terminologia utilizzata. Intanto sono quasi scomparsi gli epiteti ingiuriosi e sembrerebbe essere quasi scomparso l’uso del vocabolo ‘populisti‘.

«è da vedere se i socialisti riusciranno a tenere la seconda piazza minacciata dai populisti (e il 41 per cento di Matteo Renzi di quattro anni fa è l’emblema di un’epoca archiviata).»

*

«Ma certo siamo all’inseguimento dei populisti sui temi che alimentano la percezione della paura».

L’articolista usa, come da un po’ di tempo tutta la stampa liberal socialista, il termine ‘sovranista‘.

«Il panorama politico del Vecchio Continente è sconvolto dall’ascesa dei sovranist e l’Italia è la locomotiva del fronte»

* * *

In secondo luogo, l’articolista sembrerebbe non essersi accorto dei risultati elettorali del 4 marzo: M5S e centrodestra avevano ottenuto una vittoria schiacciante, con il pd schiacciato al 18.76%, un minimo storico. E questo potrebbe anche essere il meno. Il Governo che ne è scaturito ha agito in modo tale da guadagnarsi uno sbalorditivo incremento delle propensioni al voto: ad oggi il raggruppamento M5S – Lega raccoglie il 60.3% dei consensi.

Non solo. La lega ha guadagnato nel breve volgere di qualche mese 14.7 punti percentuali, essendo adesso quotata al 32%, e tutto lo schieramento di centrodestra varrebbe il 46.6%: con l’attuale sistema elettorale conquisterebbe la maggioranza assoluta di deputati e senatori. Nel converso, il pd ha continuato la sua decrescita infelice: ad oggi il pd è quotato al 16.9% ed il centrosinistra al 19.3%.

In estrema sintesi, il centrosinistra e soprattutto il partito democratico sono scomparsi dallo scenario politico e vivono solo negli scritti di giornalisti nostalgici di tempi che mai più torneranno. I processi evolutivi stanno avanzando, spazzando via le visioni vetuste ed inadeguate alle raltà odierne, rimpiazzate da forze nuove, vitali ed intraprendenti. Lo dicevano proprio i liberal socialisti che il nuovo è sempre meglio del vecchio: eccoli serviti di barba e capelli.

In terzo luogo, è proprio questo ultimo il concetto che sconcerta e spaventa leggendo l’articolo. I media italiani, dalla Rai, Corriere della Sera, La stampa, Repubblica, Sole 24 Ore, continuano a scrivere articoli come se il partito democratico fosse ancora vivo e vegeto, fosse un potente attore politico. Invece è morto. Sembrano la vedova inconsolabile che parla del marito defunto come se fosse vivo, mentre non è più.

In quarto luogo, questi giornalisti vivono scollati dal mondo reale e chiamano i ‘sovranisti’ antisistema, quando invece oramai sono proprio i sovranisti ad essere il sistema di riferimento. Certamente i liberal socialisti hanno ancora molto potere in Italia e nell’Europa Unita: sicuramente tutto il deep state è stato incardinato da loro e son servi fedeli, anche perché il nuovo che avanza mica che li voglia. Sicuramente larga quota dei giudici sono fedelissimi supporter di quelli che furono i liberal democratici, ed altrettanto sicuramente faranno il possibile per cercare di arrestare la marea sovranista. Vinceranno anche qualche battaglia, ma il destino della guerra è segnato.

* * * * * * *

Vi ricordate il discorso tenuto il 25 giugno 1789 da Luigi Filippo II di Borbone-Orléans: “Mica ci impiccheranno“. Vero: lo ghigliottinarono.

Lo stesso dicevano i gerarchi fascisti, ed anche molti giornalisti idolatri del passato regime. Finirono poi tutti con le suole al sole.

*

Odoxa. ‘Vers un parlement européen constitué d’opposants à l’Europe.’

«Plus globalement, beaucoup de messages relèvent la situation (potentielle) contradictoire et incroyable d’un parlement européen qui serait constitué d’opposants à l’Europe, les # Salvini et Mélenchon sont d’ailleurs les plus utilisés»

Più in generale, molti messaggi indicano la (potenziale) contraddittoria e incredibile situazione di un Parlamento europeo composto da oppositori dell’Europa.

La Francia ha 74 eurodeputati: con il 21.5% la LaREM arriverebbe a 16 eurodeputati ad ideologia liberal e sostenitori dell’attuale politica europea. Per comparazione, la Lega dovrebbe ottenere 26 eurodeputati.

Ma il quadro sembrerebbe essere simile a quello tedesco, ove la Union, Cdu e Csu, con il 28% difficilmente potrebbe prendere più di 26 eurodeputati, per di più in perenne bega tra di loro.

*

Questi giornalisti non riescono a capire come un’era sia finita. E non posono capirlo perché sono chiusi dai paraocchi di una altezzosa superbia per cui si ritengono essere razza superiore, che ha concepito e culla idee che loro ritengono essere verità assoluta. Parlano dei sovranisti con il classico sprezzo dei razzisti. Ne seguiranno i destini.

Ma i sovranisti ci sono proprio per sbatterli fuori dalle stanze dei bottoni.

Ed è proprio per questi motivi che si condannano da soli.


La Repubblica. 2018-08-07. Segnatevi il 26 maggio 2019. Potrebbe essere il giorno della morte dell’Europa

Il panorama politico del Vecchio Continente è sconvolto dall’ascesa dei sovranist e l’Italia è la locomotiva del fronte. Che ora punta a conquistare le istituzioni di Bruxelles alla prossima tornata elettorale.

*

La Lega delle Leghe evocata da Matteo Salvini, o Lega dei Popoli, o come si chiamerà, se mai vedrà la luce, agita già gli incubi delle notti di mezza estate di Bruxelles e di gran parte delle cancellerie del Vecchio Continente. Fissa nelle menti, una data cruciale, 26 maggio 2019, quando, in capo a una maratona distribuita su quattro giorni, saranno finalmente ultimate le operazioni di voto per le elezioni europee.

Dieci mesi e mezzo, tanto manca, nella rutilante epoca della politica scongelata sono un tempo biblico. E tuttavia l’inerzia favorevole sembra gonfiare le vele del consenso ai sovranisti, per quel che valgono i sondaggi. Corroborati dalla percezione generale di una crescita per ora inarrestabile, spinta soprattutto dalla crisi dei migranti. Per l’Unione europea, ed è un paradosso, saranno le elezioni più politiche di sempre e contemporaneamente quelle che ne potrebbero segnare, se non la fine, almeno un drastico ridimensionamento.

L’Italia è la locomotiva della rivoluzione antisistema. Lega e Movimento 5 stelle, che si sono scambiate il testimone in vetta, viaggiano unite ben oltre il 50 per cento, ed è d a verificare se potranno tenere l’andatura alla prova complicata del governo. In Germania le difficoltà della Merkel sono interne al partito, con la minaccia esterna dell’alleato di governo, i socialdemocratici, scesi di tre punti (18,3) e insidiati, al secondo posto, dall’impetuosa salita di Alternative für Deutschland (13,6), formazione inesistente sino all’altro ieri, impasto di xenofobia e estrema destra.

Per stare sui pesi massimi, in controtendenza la Francia dove Marine Le Pen, persa la corsa all’Eliseo, è precipitata al 15 per cento, mentre il partito del presidente Emmanuel Macron assieme ai possibili alleati del centro di MoDem (Bayrou) raggiunge il 27. Ma attenzione: il governo spaventato dalla sequela di attentati e desideroso di fare incetta di voti a destra, sui migranti sta pericolosamente inseguendo il Rassemblement national, nome nuovo del Front national. E gli elettori, nella consultazione sovranazionale potrebbero scegliere di nuovo l’originale.

Ben saldo al comando l’ungherese Viktor Orbán con la maggioranza assoluta, un modello per Salvini, come se non bastasse vede crescere sul suo fronte destro Jobbik (16 per cento), e in generale è tutto il gruppo di Visegrad a tirare la volata a un possibile mutamento genetico del parlamento du Bruxelles che, causa Brexit, sarà orfano dell’Ukip di Nigel Farage, uno dei primi che accese i motori della spinta propulsiva degli anti-tutto.

L’Austria del cancelliere Kurz che minaccia di chiudere il Brennero (e ha la presidenza di turno dell’Unione), l’Olanda di Wilders e i nordici sempre più nella morsa tra “Veri finlandesi” e “Democratici svedesi” (nome usurpato per quelli che si definiscono “sinceri patrioti”) completano l’offensiva contro il Palazzo. Mentre resta da definire l’atteggiamento dei Paesi mediterranei (Italia esclusa), i più colpiti dall’ondata di profughi e dalla crisi finanziaria. In Spagna governano i socialisti, dopo lo scandalo che ha travolto i popolari, in Portogallo la sinistra è inusitatamente in forma, in Grecia uno Tsipras comunque azzoppato nel consenso, riesce a tenere una linea di galleggiamento.

Se qualunque previsione è prematura, e troppe sono le incognite di cui tenere conto, ad oggi la linea di tendenza è netta. I popolari dovrebbero confermarsi prima forza, pur con un dimagrimento che viene valutato attorno ai cento seggi. Mentre è da vedere se i socialisti riusciranno a tenere la seconda piazza minacciata dai populisti (e il 41 per cento di Matteo Renzi di quattro anni fa è l’emblema di un’epoca archiviata).

La parola chiave è cambiamento. È il desiderio della maggioranza degli europei (56 per cento, la quota italiana è più alta e si sale al 67) che vorrebbero fosse interpretato dai movimenti anti-establishment. Risulta da un sondaggio condotto per Eurobarometro da Kantar Public su 27.601 cittadini dei 28 Stati membri. Ne discendono, però, opinioni non sempre coerenti se ad esempio, il 70 per cento ritiene che essere sempre “contro” non produce benefici. E più di due terzi valuta positivamente l’appartenenza del proprio Paese alla Ue (da noi, storicamente filoeuropeisti, si precipita al 39). Quanto alle preoccupazioni, a sorpresa è la lotta al terrorismo a prendersi il primato (49 per cento), davanti alla disoccupazione giovanile (48), solo terza l’immigrazione (45), quarta la crisi economica (42). Graduatoria ribaltata in Italia, e il fatto di non aver subito gravi attentati islamisti ha una valenza, con la seguente classifica: immigrazione 66, disoccupazione 60, economia e crescita 57, terrorismo 54.

I sondaggi sono come una fotografia: fissano un oggi peraltro un po’ sfuocato. Mentre le urne della primavera prossima sono un film, azione in movimento. Nella trama sono prevedibili colpi di scena, intrecci, contraddizioni, e c’è da definire l’arco narrativo dei personaggi. Il paradosso principale sta nel fatto che i campioni dello slogan “padroni a casa propria” vorrebbero però che fosse la tanto esecrata Bruxelles a risolvere la questione dei profughi. Meglio se collocati in casa d’altri. E qui è destinato a sorgere il conflitto di interessi tra gli eventuali alleati nella Lega delle Leghe, potenziale cuneo nella consueta distinzione tra destra e sinistra. Matteo Salvini e il premier Giuseppe Conte hanno giocato con la matematica circa la percentuale di soddisfazione del (dis)accordo sui migranti nel recente Consiglio europeo: il 70 per cento? L’80 per cento?

Per occultare la realtà di fatto di una bocciatura della loro politica muscolare, ad opera soprattutto dei potenziali alleati. È stato il gruppo di Visegrad, soprattutto, ad annacquare la sbandierata condivisione del problema, accettando una ripartizione delle quote solo su base volontaria, senza nessuna obbligo e rimandando la palla nel campo delle nazioni di primo sbarco. Certo il governo gialloblù può rispondere con la sempiterna chiusura dei porti, rinunciando a una quota significativa del progresso compiuto dall’occidente sul cammino della civiltà. E sarebbe un ulteriore colpo all’idea di Europa che si è andata formando soprattutto in questi ultimi 70 anni. Colpo che si aggiunge, e duole dirlo, a quelli già inferti non solo dai gruppi “anti” ma da coloro che sulla carta si definiscono fautori dell’unità del Vecchio Continente.

La locomotiva franco-tedesca, quella che dovrebbe trainare in direzione opposta rispetto alla locomotiva-Salvini, tossicchia e arranca. Non ha fatto tesoro dei macroscopici errori del passato e li sta reiterando con gravi conseguenze. Agli esordi della crisi greca, altro banco di prova cruciale, la cancelliera Angela Merkel per conservare il potere in patria, aspettò sei mesi prima di accettare il varo del programma di aiuti perché c’erano le elezioni nel Nord Reno-Vestfalia e temeva l’ira del contribuente tedesco.

Risultato: il salvataggio di Atene diventò problematico e costerà, a conti fatti, quattro volte di più. Analogamente ora, per sedare la ribellione del suo ministro degli Interni Horst Seehofer, insegue l’estrema destra nel respingimento dei migranti e ribaltando la postura grazie alla quale, tre anni fa, era stata la paladina della difesa dei valori europei. Nella Francia proverbiale terra dei diritti dell’uomo, il presidente Macron, sconfitta Marine le Pen, ne ha però mutuato qualche idea, vedi gli atteggiamenti a Ventimiglia e Bardonecchia. Che sono in parte il frutto del retaggio del Bataclan e di Nizza.

Ma così sta avvalorando l’equivalenza tra immigrazione e terrorismo. Non siamo alla “pacchia” e alla “crociera” delle barche dei disperati di Salvini, il ministro degli Interni in perenne campagna elettorale a colpi di tweet. Ma certo siamo all’inseguimento dei populisti sui temi che alimentano la percezione della paura (attenzione, la percezione: il numero degli arrivi è drasticamente diminuito, l’invasione uno spauracchio sapientemente agitato). In questo senso gli anti-sistema hanno già vinto perché sono riusciti a imporre all’intero quadro politico la loro agenda. La fotografia di luglio è il trionfo degli egoismi nazionali. Poco più di dieci mesi per mutare soggetto.