Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Italia. Governo di tutti contro la Lega. Obiettivo una legge elettorale.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-18.

Aquila_001__Mangia_Topo__

Cementa molto più l’odio che l’amore.

Nulla può essere dato per certo.

«Former Italian prime minister Matteo Renzi has proposed to form a technical government without the far-right League party, in a potential threat to League chief Matteo Salvini’s ambitions»

«The “institutional government” would include left and centre-right parties for the sake of national unity, Renzi said on Sunday (11 August).»

«Those who preferred to gamble with Italy in elections in October or November risked handing the “future of our children to the extreme right”, he added»

«The vote is likely to trigger elections in which the League can count on 36 percent of nationwide support, according to latest polls. A bonus seat system in Italian electoral rules means the League could take power with the support of a fringe party instead of 5MS.»

Ma mica è detto che le cose vadano in queta maniera.

«Other politicians joined Renzi in raising the alarm, indicating that Salvini’s plan is not in the bag yet, however»

«Letta also suggested that a new government could be formed under the leadership of the current prime minister, academic Giuseppe Conte, at least until an Italian candidate for the European Commission was appointed and the budget for 2020 was approved»

* * *

«Despite the emotional call by two former prime ministers, it will not be easy to find a majority for a technical government in the Senate.»

«A new coalition needs the support of 161 senators. Today the 5MS has 107 senators and the League has 58. The Democratic Party (PD) has only 51 senators, which means that votes need to be found with smaller parties on the left, the right, or with some senators who earlier left the 5MS»

«Another problem is that the new PD leader, Nicola Zingaretti, ruled out supporting such a new coalition, on the very same day Renzi proposed it.»

«Nevertheless, the PD and the 5MS have a shared interest in voting a new electoral reform law.

This law would delete the bonus for the largest party and go back to a proportional system.»

«That is the reason why the probability of a new coalition without the League is higher than one might expect at first sight»

* * * * * * *

Al momento attuale tutto è possibile.

L’ipotesi di un governo anti – Salvini è tutt’altro che remota: Ci si ricordi come l’odio sia ben più potente dell’amore.


EU Observer. 2019-08-16. Italy: New government without Salvini in the making

Former Italian prime minister Matteo Renzi has proposed to form a technical government without the far-right League party, in a potential threat to League chief Matteo Salvini’s ambitions.

The “institutional government” would include left and centre-right parties for the sake of national unity, Renzi said on Sunday (11 August).

Those who preferred to gamble with Italy in elections in October or November risked handing the “future of our children to the extreme right”, he added.

Renzi spoke out after Salvini launched his bid to take power in Italy earlier last week.

The migrant-bashing interior minister has called on parliament to convene from recess to vote on his existing coalition with the Five Star Movement (5MS) party.

The vote is likely to trigger elections in which the League can count on 36 percent of nationwide support, according to latest polls.

A bonus seat system in Italian electoral rules means the League could take power with the support of a fringe party instead of 5MS.

And Salvini already announced he would prefer to build a coalition with the far right Fratelli d’Italia and/or the party of former prime minister Silvio Berlusconi.

An institutional government

Other politicians joined Renzi in raising the alarm, indicating that Salvini’s plan is not in the bag yet, however.

Enrico Letta, a former prime minister and ex-leader of the left Democratic Party, said in an interview that Salvini “has no principles”

“One day, he can say he wants Europe, the next that he wants to leave. With Salvini, an Italian ‘Brexit’ is not impossible,” Letta warned.

Letta also suggested that a new government could be formed under the leadership of the current prime minister, academic Giuseppe Conte, at least until an Italian candidate for the European Commission was appointed and the budget for 2020 was approved.

Difficult majority

Despite the emotional call by two former prime ministers, it will not be easy to find a majority for a technical government in the Senate.

A new coalition needs the support of 161 senators. Today the 5MS has 107 senators and the League has 58. The Democratic Party (PD) has only 51 senators, which means that votes need to be found with smaller parties on the left, the right, or with some senators who earlier left the 5MS.

Another problem is that the new PD leader, Nicola Zingaretti, ruled out supporting such a new coalition, on the very same day Renzi proposed it.

Nevertheless, the PD and the 5MS have a shared interest in voting a new electoral reform law.

This law would delete the bonus for the largest party and go back to a proportional system.

This electoral law is ready to be filed in the parliament. The League is not in favour of the law, seeing that according to the latest opinion polls the party would benefit from the electoral bonus.

That is the reason why the probability of a new coalition without the League is higher than one might expect at first sight.

Anyone but Salvini?

Meanwhile, the idea of a “technical government of president Mattarella” is also gaining ground.

Conte already suggested this idea to Italy’s president Sergio Mattarella on 7 August.

According to the Italian newspaper La Stampa, other names are also popping up to lead a technical government.

One of them is Mario Draghi, current director of the European Central Bank. Another is Marta Cartabia, professor and vice-president of Italy’s Constitutional Court.

In order to discuss the future of the Italian government, the leaders of the political groups of the senate will gather on Monday, the ones of the chamber the day after.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Italia. Sondaggi. Centrodestra a 413 seggi, 66.3%. – Corriere

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-16.

2019-08-11__Corriere__Previsioni 001

Il Corriere della Sera ha pubblicato i risultati dei sondaggi elettorali Ipsos, raccolti secondo le possibili combinazioni di accorpamenti.

Un centrodestra unito otterrebbe 413 / 618 seggi, ossia il 66.3%. Si ricordi che una legge di riforma costituzionale approvata con maggioranza qualificata non necessita di corroborazione referendaria.

La Lega da sola non otterrebbe la maggioranza dei seggi, come succederebbe invece se fosse in coalizione con Fratelli di Italia.

Riportiamo, come nostra abitudine quando sia possibile, anche le fotocopie degli articoli originali.


Sarebbe opportuno fare un solo unico commento.

Un certo quale numero di lettori lascia commenti furibondi ed osceni, come se i risultati dei sondaggi fossero attribuibili a noi e non alle società di rilevamento dati. Troppo onore: noi riportiamo soltanto e, di norma, senza commento alcuno.

Constatiamo soltanto come il bilioso commento ispirato da rabbia impotente non consenta quel pacato confronto di idee che dovrebbe essere alla base della civile convivenza.

2019-08-11__Corriere__Previsioni 002

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Partiti. Leader, iscritti ed Elettori. Il discrimine tra successo ed insuccesso.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-14.

2019-08-14__Voto_Classi_Età__001

I partiti politici dispongono sostanzialmente di tre livelli decisionali: la élite dirigenziale, gli iscritti tesserati ed infine gli Elettori.

Per comprovata tradizione in Occidente la linea politica ed economica è tracciata dalla dirigenza.

In situazioni che richiedono decisioni importanti è costumanza convocare un congresso straordinario e porre agli iscritti il quesito di cosa si debba fare: quid agendum sit.

Ma alla fine il giudizio tranchant deriva dal responso delle urne.

*

Se a prima vista questo modo di procedere sembrerebbe essere logico e democratico, nei fatti si dimostra molto lacunoso e fuorviante.

Tutto questo ragionamento si basa infatti sul presupposto, sul postulato implicito, che la dirigenza rispecchi fedelmente le idee della base degli iscritti e che questa sia campione affidabile dell’elettorato.

Bene, ai nostri tempi questa assunzione non è più valida, ed è la causa efficiente del tracollo di molti partiti politici tradizionali europei, dalla Cdu ed Spd in Germania, al partito democratico in Italia.

Poche situazioni umane soggiacciono più strettamente al principio di inerzia delle politiche. La gran parte delle dirigenze si dimostra incapace di evolversi nel tempo: ne consegue che gli Elettori voltano le spalle a queste formazioni politiche.

* * * * * * *

Il problema è plurifattoriale, ma due elementi giocano un ruolo apparentemente fondamentale: la classe di età e la situazione lavorativa.

Elezioni europee. Voto per età, studi, professione, e religiosità.

Per il Partito Democratico, che alle ultime scorse elezioni europee ottenne il 22.7% dei voti, il 19% degli elettori aveva meno di quaranta anni, mentre il 27.9% erano sopra i 65 anni.

Per la Lega, che alle ultime scorse elezioni europee ottenne il 34.3% dei voti, il 38% degli Elettori ha età compresa tra i 35 ed i 64 anni, ossia è in età lavorativa.

Per il PD i lavoratori autonomi e gli operai sono quota marginale dell’Elettorato, essendo il 17.8% ed il 14.3%, rispettivamente. Ben il 28.2% degli Elettori PD sono pensionati. Al contrario la Lega ha in queste fascie il 42.2% ed il 40.3% degli Elettori, rispettivamente.

In poche parole, l’Elettorato del partito democratico è vecchio e pensionato, quello della Lega giovane e lavoratore.

Facendo un conto grossolano ma aderente alla realtà, entro dieci anni il PD perderà un buon trenta percento degli Elettori per il naturale rinnovo della popolazione.

* * *

PD e Lega hanno seguito due differenti strategie decisionali.

– Seguendo la classica procedura, il PD si è rivolto ad una base degli iscritti che non rappresentano più il loro Elettorato, e quindi sono stati duramente punti alle elezioni.

– La Lega, al contrario, ha regolarmente sondato gli umori degli Elettori, assumendoli come linee guida: il risultato è sotto gli occhi di tutti.

* * *

Una delle più pregnanti definizioni dell’intelligenza identifica questa capacità umana con l’arte di saper riconoscere obiettivamente i fatti nuovi e di saperne trarre le conseguenze in modo sequenziale.

Ma l’acume politico è appannaggio di pochi.

Nota.

Un discorso a parte riguarderebbe i media, che in Occidente continuano imperterriti ad ignorare i parere dell’Elettorato, nel tentativo di imporgli le loro ideologie. Il risultato è una disassuefazione dei lettori.


Adnk. 2019-08-13. Calenda: “Il Pd è finito”

Il Pd è finito“. Lo ammette Carlo Calenda ai microfoni di ‘Circo Massimo’, su Radio Capital. “Così com’è, è finito sicuramente. Dopodiché può decidere di andare oltre se stesso, rilanciarsi, ricostruirsi in qualcosa di diverso” ragiona l’europarlamentare, che poi delimita i confini della scissione nel partito. “Ci sono due Pd: uno ha i gruppi parlamentari e un altro ha il partito. Nell’ultima direzione ho proposto di creare una segreteria politica in cui la gente si guarda in faccia e prende una decisione comune. I primi a non volerlo sono stati i renziani. Renzi non si siede con nessuno, non prende la telefonata di nessuno e non discute con nessuno. Questa è la verità” attacca l’ex ministro.

“La scissione nel Pd già c’è. Ormai – prosegue – è un dato di fatto. Renzi ha fatto un’intervista, non solo facendo zompare per aria il Pd ma anche facendolo diventare argomento di conversazione al posto della crisi di governo. Il tutto senza fare una telefonata a nessuno. E questo aveva detto che avrebbe fatto il senatore semplice e che non avrebbe parlato per due anni… pensa se parlava”.

Il governo istituzionale proposto da Renzi, che vedrebbe insieme i parlamentari dem e i 5 Stelle, secondo Calenda, “rischia di farsi, perché l’impulso all’autopreservazione del ceto politico è gigantesco. E l’ex premier ha bisogno di più tempo per fare il suo partito. Ma così offriremo un’occasione gigantesca a Salvini”.

L’ideatore di ‘Siamo Europei’, però, non si arrende: “Non vuol dire che non si lotterà fino alla fine. Io cercherò di costruire un fronte repubblicano, come sto dicendo da mesi, ma insieme al Pd. Si può anestetizzare questa ferita solo rilanciando un grande progetto politico che al momento anche Zingaretti mi sembra non stia lanciando. Se vuole fare il segretario del Pd, e non l’amministratore straordinario della liquidazione – consiglia Calenda – deve rilanciare facendo un grande progetto che coinvolga e vada oltre il Pd”.

“Se avrà il coraggio di farlo, esisterà qualcosa che non sarà il Pd come lo conosciamo oggi. Se non lo farà, il Pd scenderà al 15% e poi ci sarà una sinistra frammentata. E questo significherà consegnare l’Italia a Salvini. Mi batterò contro questa prospettiva. Magari sarò solo come un pirla…”.

L’ex ministro vede una sola via maestra: “Il confronto democratico con le elezioni. E la costruzione del fronte democratico e repubblicano. Abbiamo una battaglia da fare contro chi ci vuole portare fuori dall’Europa e questa battaglia si fa a viso aperto, non facendo accrocchietti per qualche mese”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Salvini vola nei sondaggi: +62%. 320 deputati e 170 senatori.

Giuseppe Sandro Mela

2019-08-09.

2019-09-09__Salvini__001

«Stando ad un’indiscrezione Dagospia, Salvini ha consumato lo strappo perché sicuro di avere i numeri per governare da solo senza il sostegno di Fratelli d’Italia e Forza Italia. “Da simulazioni effettuate in casa leghista verrebbe fuori che proiettando gli ultimi sondaggi effettuati dai più noti istituti di ricerca, il Carroccio potrebbe arrivare addirittura ad ottenere oltre 190 collegi nel maggioritario e la quasi totalità dei collegi del Senato, ovvero una novantina su poco più di 110 – scrive Dagospia – In poche parole, la Lega in caso di elezioni anticipate potrebbe ottenere oltre 320 deputati e 170 senatori”.»

2019-09-09__Salvini__002

«“Se fosse possibile gradirebbe Matteo Salvini nuovo Re D’Italia?” La domanda che sa di boutade estiva l’ha posta senza fronzoli l’istituto Gpf Inspiring Research in un sondaggio per Affaritaliani.it. Le risposte sono però più sorprendenti della domanda stessa: il 52% risponde di sì, il 48% no.»

* * * * * * *

Si riportano i commenti virgolettati, senza fare considerazione alcuna.

Si constata soltanto come il Rosatellum lo abbia voluto il partito democratico.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Merkel. Quella telefonata che allunga la vita ….

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-23.

2019-07-23__Merkel_Telefonata__001

Una telefonata allunga la vita, recitava una nota reclame televisiva.

Ma allunga anche quella di una Bundeskanzlerin condannata al declino.

Ma andiamo con ordine.

* * * * * * *

«Now that outgoing German Defense Minister Ursula von der Leyen has been narrowly elected as the next president of the European Commission, she will have to figure out how to build bridges between the Continent’s antagonistic member states and the political camps in the European Parliament»

«No, Ursula von der Leyen says, no promises were made to the governments of Poland, Hungary or Italy to secure votes from those countries’ members in the European Parliament»

«No special posts in her commission, no financial promises in the next multi-year budget, nothing like that»

«Wishes have been formulated,…. but there can only be definitive promises when the entire tableau is complete »

«A lot of things in Europe will likely depend on how von der Leyen and Angela Merkel perform under these conditions»

«But the EU is also divided, as the very close result in her election showed: 383 of 747 members of parliament voted for her as their choice for the new European Commission president»

«Rarely has a commission head been elected by such a slim margin. On top of that, von der Leyen needed votes from representatives with Poland’s Law and Justice Party (PiS) to secure her win, which raises the question of reciprocation»

«Von der Leyen is promising that the EU will reboot the relationship with Eastern Europe. “We need to overcome this division,”»

«There are divisions in the EU between north and south, but particularly between east and west. Whether it’s on the refugee question, or the future agricultural budget — the key for solving problems often lies in Eastern Europe»

«But if there is anyone in the old EU member states who can manage a reconciliation, it’s von der Leyen»

« She approaches the delicate issues related to some countries’ attacks on the constitutional state more quietly than her predecessor»

«She evades questions on her position about the pending rule of law proceedings against Poland and Hungary under Article 7 of the EU treaty, initiated in response to the countries’ efforts to undermine judicial independence and shackle independent media»

«In recent days, that has also fueled great mistrust, especially in the European Parliament. The suspicion swept through the room that the candidate wanted to buy herself a majority on the right side of the center by taking a soft approach to Viktor Orbán and Jaroslaw Kaczynski»

«The fact that Merkel had called Polish Prime Minister Mateusz Morawiecki and asked for the support of the PiS EU parliamentarians, didn’t remain secret for long either»

«Merkel continues to enjoy considerable authority in Europe, but at the latest since the refugee crisis, her aura has weakened. The idea, long stubbornly pursued by Merkel, of distributing refugees in the event of a crisis across all EU member states, turned out to be a failure that cost Germany a lot of sympathy, especially in Eastern Europe.»

«Von der Leyen needs to deviate from Merkel’s line, which will be a delicate operation»

«The vote was secret, so that nobody will be able to determine who didn’t want to give von der Leyen her job. But the number of dissenters in her own party was likely considerable»

* * * * * * *

È mutata un’era: se ne prenda atto.

Diamo atto a chi aveva fatto la previsione degli schieramenti di essere stato più accurato di un catetometro di precisione. Invero, da Lui non ci si sarebbe aspettati nulla di meno. È anche un fine psicologo, che conosce per personale esperienza i liberal socialisti; sa prevederne il comportamento.

Le speranze dei liberal socialisti si sono infrante inciampando proprio in una femmina.

don Gambino, un criminale ma di quelli grandi, soleva ripetere: “ti tradirà il migliore amico“, ed aveva più che ragione.

Il Consiglio Europeo ha affossato le speranze liberal socialiste che erano state riposte negli Spitzenkandidaten: Weber e Timmermans sono stati trombati alla grande. Undici stati nazionali si sono riappropriati del proprio potere decisionale, e lo hanno fatto valere. L’idea di un’Unione Europa diventata stato europeo era morta nel momento in cui nasceva l’Europa delle Nazioni.

Restava il problema dell’europarlamento, che almeno in questa fase avrebbe potuto far valere la propria presenza.

Ma i liberal socialisti avevano fatto proprio di tutto per rendersi odiosamente invisi agli occhi di molti. Nella loro vanagloriosa superbia avevano fatto i conti, e Frau Ursula von der Leyen non aveva la maggioranza parlamentare, a loro avviso. La superbia accieca: genera un delirio di onnipotenza.

Europarlamento. L’arte di sapersi conquistare i nemici.

Ma ecco il fatto nuovo, dirimente.

«The fact that Merkel had called Polish Prime Minister Mateusz Morawiecki and asked for the support of the PiS EU parliamentarians, didn’t remain secret for long either»

Frau Merkel in persona chiama a telefono Mr Morawiecki prima, Mr Kaczynski dopo.

Frau Merkel chiede i voti del PiS e del Fidesz, magari anche di altri identitari sovranisti. Tiene più a Frau von der Leyen che ai liberal socialisti. A costo di spaccare la Große Koaliton e la Germania.

E di voti ne ha ottenuti quanti bastano a far passare Frau Ursula von der Leyen.

Gli identitari sovranisti le hanno dato il sufficit: nulla di più. Hanno fatto dei conti perfetti.

In seno all’europarlamento si è formata una maggioranza alternativa al raggruppamento liberal socialista.

Dovendo ancora fare approvare i nomi dei commissari, Frau von der Leyen è estremamente evasiva: nessuna promessa, ci mancherebbe! Solo la presa di coscienza degli auspici di Morawiecki, Kaczynski, Orban, e Salvini. Poi si vedrà.

* * * * * * *

La scarica di bile empiematosa dei liberal socialisti è stata virulenta. Schiumavano di rabbia impotente, ovunque possibili hanno fatto una delle loro carognate, ma tanto la nuova maggioranza era viva e vegeta. Iniziano ad avvertire la discrepanza tra la loro e l’altrui volontà: si credevano onniponteti e quegli identitari sovranisti gliela hanno fatta in barba. Adeso li odiano di odio luciferino.

Nessuno sa cosa riservi il futuro, Frau von der Leyen potrebbe anche accarezzare il prurito di tradire le promesse fatte: gli esseri umani sono liberi, poi, la donna è mobile, cantava il Duca di Mantova.

Sta di fatto che in Consiglio Europeo ed in europarlamento vi sono nuove maggioranze, e che, alla resa dei conti, il Consiglio Europeo è la vera sede del potere.

Nessuno si faccia illusioni, nemmeno le più submicroscopiche: i liberal socialisti non sono ancora morti ed occupano ancora molti centri di potere, ma la ruota del destino è girata.

«Merkel had called Polish Prime Minister Mateusz Morawiecki»

*


Spiegel. 2019 -07-22. ‘We Need To Overcome this Division’

Now that outgoing German Defense Minister Ursula von der Leyen has been narrowly elected as the next president of the European Commission, she will have to figure out how to build bridges between the Continent’s antagonistic member states and the political camps in the European Parliament.

*

No, Ursula von der Leyen says, no promises were made to the governments of Poland, Hungary or Italy to secure votes from those countries’ members in the European Parliament. No special posts in her commission, no financial promises in the next multi-year budget, nothing like that. “Wishes have been formulated,” she says, straightening out her pink cardigan, “but there can only be definitive promises when the entire tableau is complete.”

It is shortly after 6 a.m. on Wednesday, and von der Leyen is sitting in the leather armchair of the “Global 500” jet belonging to the Bundeswehr, Germany’s armed forces, and putting on her seat belt. She’s flying from Strasbourg to Berlin, where she wants to pick up her dismissal papers as German defense minister. The people traveling with her still look sleepy, but von der Leyen is in top form.

The Gorch Fock controversy, related to spiraling costs in the overhaul of a famed German naval training ship, and the scandal surrounding the allocation of lucrative contracts in the Defense Ministry to consultants — just one short flight to Berlin, and she’ll have those problems behind her. Von der Leyen seems like a woman whose career looked like it had been set to end, but for whom an unexpected window into the future has now opened.

That morning, not even 12 hours had passed since the European Parliament elected Ursula von der Leyen as the next president of the European Commission, the European Union’s executive body. It’s been less than 12 hours since she became one of the most powerful women in Europe. She will now be responsible for negotiations in the trade conflict with Donald Trump. She is at the head of an authority that can impose billions in penalties on U.S. tech giants and she must ensure that countries that are notorious for violating budget rules, like Italy, abide by the Stability and Growth Pact that governs Europe’s common currency, the euro.

A lot of things in Europe will likely depend on how von der Leyen and Angela Merkel perform under these conditions. Until her departure as defense minister, von der Leyen served as a member of Merkel’s cabinet. For a time, she was even considered as Merkel’s potential successor as chancellor. Her new role will now put her at eye level with the chancellor.

Von der Leyen is the first German to occupy the post in over 50 years. And she is taking over the top job in turbulent times. For now, the United Kingdom is still slated to leave the EU on Oct. 31. Coincidentally, von der Leyen will officially start her new position in Brussels the next day.

But the EU is also divided, as the very close result in her election showed: 383 of 747 members of parliament voted for her as their choice for the new European Commission president. That’s only nine more votes than she needed to get the job. Rarely has a commission head been elected by such a slim margin. On top of that, von der Leyen needed votes from representatives with Poland’s Law and Justice Party (PiS) to secure her win, which raises the question of reciprocation.

Building Bridges

Von der Leyen is promising that the EU will reboot the relationship with Eastern Europe. “We need to overcome this division,” she says.

The “Global 500” soars in a northeasterly direction. Shortly after takeoff, the flight attendant serves filter coffee and, for the outgoing minister, a small jug of warmed milk, as well as croissants and a baguette. She explains that it had been impossible to obtain any other bread this early in the morning. It is von der Leyen’s last journey with a German government aircraft.

A blue brochure, in German and English, lies in front of her. It says, “My Agenda for Europe.” In its 24 pages, she describes the kinds of policies she wants to pursue in Europe over the coming years. “This is my program,” she says, proud of what she has accomplished in about two weeks.

There are divisions in the EU between north and south, but particularly between east and west. Whether it’s on the refugee question, or the future agricultural budget — the key for solving problems often lies in Eastern Europe.

But if there is anyone in the old EU member states who can manage a reconciliation, it’s von der Leyen. As defense minister, she took a clear position against Russia, fought for higher military expenditures and made sure that the Bundeswehr had a presence in Poland and Lithuania. Now, she is trying to make use of the sympathies she earned in Eastern Europe.

She approaches the delicate issues related to some countries’ attacks on the constitutional state more quietly than her predecessor. She evades questions on her position about the pending rule of law proceedings against Poland and Hungary under Article 7 of the EU treaty, initiated in response to the countries’ efforts to undermine judicial independence and shackle independent media.

In recent days, that has also fueled great mistrust, especially in the European Parliament. The suspicion swept through the room that the candidate wanted to buy herself a majority on the right side of the center by taking a soft approach to Viktor Orbán and Jaroslaw Kaczynski. The fact that Merkel had called Polish Prime Minister Mateusz Morawiecki and asked for the support of the PiS EU parliamentarians, didn’t remain secret for long either.

But as von der Leyen makes clear during the flight, when it comes to the constitutional state, Poland and Hungary can, in the best of cases, expect a mild tone, but not permissiveness. “It is out of the question,” she says. “The constitutional state is a fundamental principle of the EU. But in the past, many Eastern European countries have felt they been pushed too far into the corner. They felt: You just don’t want us.”

Von der Leyen wants the commission to regularly report on the state of the rule of law in each member country. “The examination of questions relating to rule of law needs to become more of a normality for us,” she says on the plane. “We are all constantly struggling to achieve that ideal.”

Many members of the European Parliament gave von der Leyen a standing ovation after the campaign speech she gave to them. The lawmakers are used to more spare rhetoric. Von der Leyen, however, made it clear with her speech where her ambitions lie. She didn’t present a collection of EU acronyms, instead saying things like, “Europe is like a long marriage. The love doesn’t grow after the first day, but it does get deeper.”

As is always the case with her, the sales pitch is right. Von der Leyen was born in Brussels and went to school there for several years. Her father, Ernst Albrecht, who later became the governor of the German state of Lower Saxony, worked for the commission. If one listens to von der Leyen, her nomination, this surprise coup by the leaders of the EU member states, seems like the only logical continuation of her career. “Brussels, this is like a homecoming for me,” she says.

A Vague Direction

Even though her speech was sprinkled with initiatives and plans, a “Green Deal” on climate protection and several pushes for greater equality for women, von der Leyen remains a blank page when it comes to European policy. Where does she want to lead the EU?

There is, for example, the question of whether the EU should move forward with the accession of new members. When she gets close to the answer, von der Leyen refers to her experience as defense minister. For 20 years, the Bundeswehr has been deployed to Kosovo, and in her job, Leyen cultivated contacts to the countries in the Western Balkans that the European Commission recently suggested could join the union starting in 2025.

But these plans have grown quiet since French President Emmanuel Macron made it clear that the accession of new countries wasn’t on his agenda. Von der Leyen, however, is in favor of making a concrete offer to countries like Albania and North Macedonia to join the EU. “We should keep our hands extended to these countries. We share the same continent, the same history, we are neighbors. If we slam the door on this region, we are only harming ourselves,” she says. “We should open negotiations for these countries to enter the EU as soon as the European Council decides that the criteria have been fulfilled.”

Angela Merkel has a similar view of the situation. The two get along, but the everyday demands of the EU might soon create stress in the relationship between the chancellor and the president of the European Commission. Merkel continues to enjoy considerable authority in Europe, but at the latest since the refugee crisis, her aura has weakened. The idea, long stubbornly pursued by Merkel, of distributing refugees in the event of a crisis across all EU member states, turned out to be a failure that cost Germany a lot of sympathy, especially in Eastern Europe.

Von der Leyen needs to deviate from Merkel’s line, which will be a delicate operation. “We need a fresh start on refugee policy,” she says. Together with current Belgian Prime Minister Charles Michel, who is the president-designate of the European Council, the powerful body representing EU leaders, she will soon start visiting EU capitals to canvas what is reasonable and what is doable. Once again, the key will be in Eastern Europe. “More officials for the border protection agency Frontex, more help for Africa, the distribution question — the instruments are all already on the table,” von der Leyen says. “Now we need to find majorities for them.”

That won’t be an easy task. The interests of not only the individual member states, but also the political camps, are too different. In the parliament, that could have cost von der Leyen the election by a hair. Her campaign speech became a balancing act. To get votes from the Greens and, especially, the Social Democrats, she promised a European unemployment benefit reinsurance scheme in the parliament, as well as more flexibility in terms of the rules of the Stability and Growth Pact — in other words, classic demands made by social democratic parties.

A Challenging Autumn

It was reminiscent of her earlier battle over parental benefits and daycare spots in Germany — von der Leyen’s speech was a good fit for her personally, but less of a good fit for her party. “We can’t just vacate our positions like this,” Markus Ferber, a member of the European Parliament’s Committee on Economic and Monetary Affairs and a lawmaker in the Christian Social Union (CSU), the Bavarian sister party of Merkel’s center-right Christian Democratic Union, complained behind closed doors. The vote was secret, so that nobody will be able to determine who didn’t want to give von der Leyen her job. But the number of dissenters in her own party was likely considerable.

Von der Leyen knows, of course, that she owes her job to the EU leaders, who surprisingly nominated her for the Commission presidency after over 50 hours of consultation. Ultimately, she was nominated unanimously (only Germany had to abstain because of the opposition of the Social Democrats). It’s a base of support she can build on.

Her slim majority in the parliament can also be traced back to a feat of strength by those EU leaders. Aside from Merkel, Pedro Sánchez from Spain and Antonio Costa of Portugal, called for members of parliament to vote for her.

As she must know herself, in the future, the challenge will be that of convincing a majority to support her plans on her own. That might already be crucial this autumn, when the parliament will intensely question von der Leyen’s commissioners during hearings. For some parliamentarians, it could be time for revenge.

If von der Leyen is worried during the flight, she doesn’t show it. Her excitement about the job seems to be drowning out any immediate concerns. It was only just recently that her job had involved grappling with unruly generals. Now, she is paying court to leaders all across Europe.

The plane descends toward Berlin’s Tegel Airport. Von der Leyen is now concerned with very practical questions.

Since the beginning of her ministerial career in Berlin almost 14 years ago, she has never had an apartment of her own in Berlin, and instead spends nights in a room in her ministry. She says she still works until late at night, and this way drivers and security personal don’t need to wait hours to accompany her to a hotel or an apartment.

Will people find a room in Berlaymont, the European Commission’s gigantic headquarters, where von der Leyen can sleep?

 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Italia. Sondaggi elettorali alla fine si sono alquanto stabilizzati.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-21.

2019-07-21__Italia. Sondaggi__001

Nel leggere i risultati dei sondaggi elettorali si dovrebbe sempre tenere presente che essi soffrono di un errore stimabile attorno ai 2.5 punti percentuali. Il valore reale di una formazione quotata 30% si aggirerebbe di conseguenza tra un minimo di 27.5% ed un massimo di 32.5%.

Sotto questa chiave di lettura, i risultati dei sondaggi elettorali in Italia non evidenziano variazioni significative rispetto a quelli ottenuti nelle elezioni europee del 26 maggio.

A meno di eventi al momento imprevisti ed imprevedibili, la situazione sembrerebbe essersi consolidata.

* * *

Ragionando esclusivamente in termini numerici, che possono anche differire profondamente dai giudizi politici, potrebbero prospettarsi solo due alternative di governo.

Il governo Lega M5S avrebbe il 36.0% + 17.5% = 53.5%.

Il governo di centrodestra avrebbe il 36.0% + 8.0% + 5.5% = 49.5%.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Unione Europea

Summit Helsinki. Francia e Germania sono di ben dura cervice.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-19.

Kadesh. Trattato. Versione Ittita.

Alla riunione di Helsinki dei ministri degli interni francesi e tedeschi hanno rigettato la bozza formulata da Malta ed Italia.

La loro posizione è semplicemente riassumibile in pochi statements.

– Malta ed Italia aprano i porti e prendano tutti i migranti che arrivano, e se li tengano.

– Francesi e Tedeschi si assumono invece l’onere di prendere i fondi europei per la migrazione, e se li tengono per sé.

*

Una consolazione riguarda Herr Seehofer. Sconfitto nelle recenti elezioni in Baviera, è stato destituito dalla carica di presidente della Csu, con le prossime elezioni nei Länder orientale dovrebbe verosimilmente perdere il posto anche di Ministro degli Interni tedesco. Se tutto procede bene, non lo si vedrà mai più.

* * * * * * *

«Potrebbe essere solo l’antipasto (piuttosto indigesto per il nostro Paese) di una conflittualità permanente tra l’Italia e i Paesi del Nord Europea sul dossier migranti che rischia di proseguire per i prossimi cinque anni di nuova legislatura europea e far regredire i pur timidi passi in avanti registrati nel Consiglio europeo del giugno 2018»

«Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini e il suo collega maltese hanno contestato l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati, temendo di doversi sobbarcare tutto il peso degli arrivi»

«Nello stesso tempo Francia e Germania si sono opposti al piano italo-maltese che prevede sbarchi e creazione di hot spot per i richiedenti nei Paesi limitrofi a quelli di partenza e corridoi umanitari per chi può essere accolto nei paesi Ue»

«le regole della ricerca e soccorso in mare (Sar), fatta salva la necessità di proteggere la vita umana e fornire assistenza a qualsiasi persona in difficoltà, non possono essere sfruttate dai trafficanti di migranti per facilitare la loro attività criminale»

«stretta sulle Ong e incremento delle espulsioni»

«Secondo Salvini le Ong non possono sostituirsi agli Stati, ricordando quanto avvenuto con la Sea Watch 3 a Lampedusa “che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta»

* * * * * * *

Francogermanici hanno semplicemente proposto un diktat: prendere o lasciare.

Poi erano barbari quelli del Trattao di Qadeš ….


Migranti, no di Francia e Germania al piano italo-maltese

Potrebbe essere solo l’antipasto (piuttosto indigesto per il nostro Paese) di una conflittualità permanente tra l’Italia e i Paesi del Nord Europea sul dossier migranti che rischia di proseguire per i prossimi cinque anni di nuova legislatura europea e far regredire i pur timidi passi in avanti registrati nel Consiglio europeo del giugno 2018. La riunione informale dei ministri dell’Interno europei tenutasi oggi ad Helsinki ha fatto riemergere infatti tutte le divisioni esistenti tra i Paesi di prima accoglienza del Sud Europa e quelli del Nord. Già durante la cena di ieri sera Italia e Malta si erano opposti all’adozione di un documento proposto da Francia e Germania che avrebbe impegnato i Paesi del Sud ad offrire porti sicuri per i migranti in arrivo. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini e il suo collega maltese hanno contestato l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati, temendo di doversi sobbarcare tutto il peso degli arrivi. Vi sarebbe poi, secondo Roma e La Valletta, il rischio che in questo modo i profughi vengano ridistribuiti negli altri Paesi mentre tutti gli altri migranti resterebbero nei Paesi di sbarco. Neppure gli incontri di questa mattina tra i ministri di Italia, Malta, Francia e Germania e successivi contatti tra tecnici sono riusciti a smussare le divergenze. È stato concordato che i tecnici dei 28 ministeri dell’Interno si incontreranno anche nelle prossime settimane in vista di un vertice a quattro (più la presidenza finlandese) da tenersi a settembre a Malta.

No di Parigi e Berlino ad hot spot fuori da Ue e corridoi umanitari

Nello stesso tempo Francia e Germania si sono opposti al piano italo-maltese che prevede sbarchi e creazione di hot spot per i richiedenti nei Paesi limitrofi a quelli di partenza e corridoi umanitari per chi può essere accolto nei paesi Ue. Un “non paper” italo-maltese chiedeva un impegno politico e finanziario “per attuare accordi di sbarco (e centri) con i Paesi terzi” con “misure di ridistribuzione obbligatorie”. Italia e Malta chiedevano alla nuova Presidenza finlandese e alla prossima Commissione europea di “dare la massima priorità” alla questione della migrazione “con un duplice obiettivo: creare le condizioni per una vera lotta contro il traffico di migranti e affrontare, senza pregiudizi, la questione delle pressioni subite dai Paesi più esposti”. Si legge nel documento ufficioso (non paper), che i ministri dell’Interno di Italia e Malta hanno preparato per la riunione di Helsinki. Inoltre si chiedeva che i rimpatri fossero condivisi equamente tra tutti gli Stati membri o, altrimenti, gestiti direttamente dall’Unione europea, attraverso Frontex. Più in particolare, nel documento si segnalava che “le regole della ricerca e soccorso in mare (Sar), fatta salva la necessità di proteggere la vita umana e fornire assistenza a qualsiasi persona in difficoltà, non possono essere sfruttate dai trafficanti di migranti per facilitare la loro attività criminale”.

Salvini: stretta sulle Ong e più espulsioni

Concetti che il responsabile del Viminale ha sintetizzato in due punti: stretta sulle Ong e incremento delle espulsioni. Secondo Salvini le Ong non possono sostituirsi agli Stati, ricordando quanto avvenuto con la Sea Watch 3 a Lampedusa “che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta”. Un altro punto è il rafforzamento dell’impegno per prevenire partenze e, soprattutto, l’incremento di espulsioni con una lista di Paesi sicuri che prevedano “riammissioni automatiche” perché ”un conto sono gli arrivi da zone di guerra e un conto quelli da Tunisia o Albania”. “Si è parlato di rispetto delle leggi e sovranità nazionale – ha aggiunto Salvini – dai ministri di più Paesi è stata apprezzata la politica italiana di difesa dei confini con la drastica riduzione degli arrivi in Europa e dei morti nel Mediterraneo”.

Castaner (Francia): cerchiamo di evitare altri morti

In linea con il programma enunciato dalla nuova presidente della Commissione Ue Ursula von der Lynen il ministro dell’Interno francese Christophe Castaner ha tenuto a ricordare che “l’iniziativa franco-tedesca che abbiamo preso è anche un’iniziativa di solidarietà per l’Italia e per Malta. Le posizioni politiche di ognuno sono legittime, ma quello che mi interessa è evitare che gli uomini e le donne muoiano in fondo al mare”. “Matteo Salvini – ha aggiunto Castaner – intende difendere le sue posizioni politiche, che sono legittime. Ma anche le mie posizioni sono altrettanto legittime e sono differenti. Non c’è dell’acrimonia, non ci sono critiche, abbiamo discussioni politiche franche e cordiali. La cosa fondamentale – ha aggiunto Castaner – è la sicurezza degli italiani da un lato e dei francesi dall’altro”. Il rappresentante di Parigi ha confermato che, al momento, “non c’è accordo” ma, ha aggiunto, “c’è bisogno di maggiore solidarietà e più responsabilità, l’Europa ha degli obblighi umanitari. Siamo dei ministri con responsabilità e sappiamo che bisogna trovare un accordo”.

Avramopoulos: non seguire solo l’interesse nazionale

Un appello alla solidarietà e ai principi europei è venuto dal commissario uscente all’immigrazione Dimitris Avramopoulos per il quale “la priorità è combattere le reti di trafficanti e fermare gli arrivi e le partenze irregolari. Non possiamo continuare così in futuro affrontando la situazione caso per caso nel Mediterraneo. Il Consiglio di oggi ha grosse possibilità di trovare soluzioni, sappiamo quali sono le nostre priorità e, ribadisco, chiederò a tutti di comportarsi come Unione europea, per trovare soluzioni. I ministri hanno grosse responsabilità”. Occorre secondo il commissario “pensare e agire con una modalità europea. Se si segue solo l’interesse nazionale ci sono sempre grossi problemi”.

Seehofer a Salvini: Stai già twittando contro di me?

Siparietto tra Matteo Salvini e il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer questa mattina ad Helsinki. Seehofer è stato il primo a raggiungere Salvini nella sala dove era in programma l’incontro e appena ha visto il titolare del Viminale con il telefonino in mano si è rivolto a lui con una battuta. “Matteo, stai già twittando per dire che siamo cattivi con voi?” ha detto riferendosi alle accuse italiane sullo strapotere di Berlino e Parigi in Ue. Salvini ha sorriso e ha risposto: “stavo mandando un messaggio di auguri”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Helsinki. Malta ed Italia contro Francia e Germania.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-18.

Helsinki_final_carrousel

Nella riunione ad Helsinki scontro di vedute tra Malta e l’Italia da una parte e Francia e Germania dall’altra.

Molti i problemi, ma il principale sarebbe che le migrazioni dovrebbero cessare, e cessando renderebbero futili i discorsi sui porti di accoglienza e sulle ripartizioni.

«Durante il tavolo in corso a Helsinki, con il vicepremier e il ministro di Malta, in occasione del vertice tra ministri Ue, da Berlino e Parigi è stato richiesto di far approvare un documento a proposito degli sbarchi che, già durante la cena informale di mercoledì sera, aveva incassato la netta contrarietà di altri Paesi, a partire da Italia e Malta»

«Malta e Italia contestano l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati»

«le Ong non possano sostituirsi agli Stati »

«’Sea Watch 3′ che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta»

«un conto sono gli arrivi da zone da guerra, un altro da Tunisia o Albania»

* * * * * * *

Questo però il cuore del problema:

«le Ong non possano sostituirsi agli Stati»

Parole queste inaccettabili da parte di quegli stati ed organizzazioni che campano fomentando guerre civili per ottenere migranti, dai quali lucrare anche sotto forma di contributi europei.

Difficile convincere Al Capone che ci si potrebbe anche comportare da persone oneste.


Adnk. 2019-07-18. Migranti, scontro con Parigi e Berlino

Scontro sul tema dei porti di sbarco per i migranti tra Matteo Salvini e Francia e Germania. Durante il tavolo in corso a Helsinki, con il vicepremier e il ministro di Malta, in occasione del vertice tra ministri Ue, da Berlino e Parigi è stato richiesto di far approvare un documento a proposito degli sbarchi che, già durante la cena informale di mercoledì sera, aveva incassato la netta contrarietà di altri Paesi, a partire da Italia e Malta.

Distanze che hanno convinto i quattro ministri a riaggiornarsi, con la Francia che si è inserita all’ultimo momento, ma la sensazione è che serviranno altri approfondimenti per avvicinarsi a un’intesa. A quanto si apprende, Malta e Italia contestano l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati (temendo di doversi sobbarcare tutto il peso degli arrivi) e immaginano che la redistribuzione dei soli profughi lasci nei primi Paesi di arrivo i clandestini, difficili da espellere.

ONG – C’è anche il nodo Ong sul tavolo a Helsinki. Salvini, durante il quadrilaterale con Francia, Germania e Malta, ha chiarito come “le Ong non possano sostituirsi agli Stati”, ricordando il caso della ‘Sea Watch 3’ “che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta”. Dopo un primo confronto con i tecnici, i ministri hanno dialogato da soli per provare ad avvicinare le posizioni. Il vicepremier ha insistito per rafforzare l’impegno per prevenire le partenze e incrementare le espulsioni, anche inserendo una lista di Paesi sicuri ”per cui prevedere delle riammissioni automatiche”. Perché ”un conto sono gli arrivi da zone da guerra, un altro da Tunisia o Albania”.

VERTICE – A settembre, si apprende, ci sarà un vertice straordinario a Malta dei quattro Paesi interessati più la Finlandia, ma già nelle prossime settimane si vedranno i rispettivi tecnici.

SEEHOFER – Siparietto tra Salvini e il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer. Quest’ultimo, prima di entrare alla riunione, presso la Finlandia Hall, si è avvicinato all’italiano, scherzando sulle accuse del leghista allo strapotere di Parigi e Berlino: “Matteo – ha domandato ironico -, stai già twittando per dire che siamo cattivi con voi?”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Religioni

Italia. Influenza elettorale della Chiesa Cattolica.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-17.

2019-07-15__Lega_Chiesa__001

Prima di esporre i risultati del sondaggio elettorale stratificato per attitudine religiosa, sarebbe opportuno far precedere alcune considerazioni, per puntualizzare e cercare di ridurre al massimo le incomprensioni.

*

È cristiano colui che

“crede in Dio Padre onnipotente, creatore dell’universo, e che Gesù di Nazareth sia il Cristo, il Figlio di Dio, nato, morto e risorto per la salvezza del’umanità”

Si noti la differenza concettuale tra “credere in” e “credere che”. Nella terminologia cristiana, il verbo ‘credere’ implica sia l’adesione mentale, volontaria e logicamente coordinata, sia la conduzione della vita in accordo al credo professato. La religione cristiana non è fatto emotivo, ma razionale.

*

La Chiesa è la comunità di coloro che credono in Cristo, dal quale la Chiesa ha ricevuto i suoi tratti essenziali: con un numero ben definito di riti (i sacramenti), con un nucleo chiaro di dottrina (i Vangeli), e con una precisa struttura gerarchica (essendo Pietro il capo della Chiesa terrena. Pertanto, la Chiesa è il prolungamento nella storia dell’incarnazione del Verbo, vero capo della Chiesa stessa, il suo ‘Corpo Mistico’.

Sant’Ambrosio dette una definizione lapidaria:

«Ubi Petrus,. ibi Ecclaesia».

*

Il Magistero Petrino gode della caratteristica di non contraddire né quanto riportato in tutti i punti di tutte le Sacre Scritture, né la Santa Tradizione: deve conservare il messaggio evangelico, spiegandolo e porgendolo in forma consona ai tempi, senza alterarne uno iota.

Ci si pensi bene. La totalità delle eresie è nata quando un passo evangelico è stato assunto come principio assoluto, senza tener conto di tutto il resto. Una generalizzazione contraddittoria.

*

Il Magistero Petrino è riportato nei documenti ufficiali pontifici, che ad oggi sono raccolti e pubblicati negli Acta Apostolicae Sedis. Nessuna altra fonte, per quanto autorevole, è autorizzata a parlare od interpretare il pensiero petrino, tanto meno la stampa. Le frasi, siano pur esse virgolettate, possono essere riportate in modo disorsivo, se avulse dal contesto originario.

*

L’essere cristiano cattolico è quindi un fatto spirituale, ingiudicabile da un punto di vista umano. Non esistono tessere di appartenenza o di adesione. Se sicuramente un cristiano dovrebbe dimostrare la sua fede nelle sue opere, sarebbe anche pur vero che possono essere fatti errori.

Tuttavia, potremmo semplificare affermando che non può professarsi cristiano cattolico chi non sia obbediente al Magistero Petrino, intendendo per tale ciò che è: quando il Santo Padre si pronuncia in materia dogmatica.

Una ultima considerazione.

Per la religione cristiana, le azioni sono buone se fatte nel nome di Cristo, secondo la Sua volontà. Questo tratto le distingue nettamente da quelle fatte per filantropia, ossia senza contenuto religioso. Filantropia è un concetto massonico.

* * * * * * *

Termometro politico ha rilasciato un interessante sondaggio, ove assieme alla propensione al voto è stato tenuto conto della religiosità dell’Elettore. Per praticità esecutiva, sono stati ripartiti in ‘praticanti’, ‘non praticanti’ ed atei od agnostici. I risultati devono quindi essere letti alla luce di queste definizioni.

Larga quota delle propensione al voto per la Lega provengono da praticanti o non praticanti, pur essendo la componente atea ben rappresentata al 33.2%. Questa stratificazione è evidente anche negli Elettori di M5S.

Inversa invece la stratificazione per il partito democratico, ove gli atei od agnostici raggiungono quota 28%.

*

Il Magistero Petrino, fatta salva l’osservanza della dottrina, non ha mai in duemila anni di storia patrocinato questa o quella forma di governo.

Poi, c’è una nutrita schiera di persone che si ritengono essere autorizzati a parlare nel nome della Chiesa, ma Chiesa non sono. Ricordiamo solo l’accorato quia nonnulli di SS Celestino I, Denzinger 238:

«Quia nonnulli, qui catholico nomine gloriantur, in damnatis haereticorum sensibus seu pravitate sive imperitia demorantes, piissimis disputatoribus obviare praesumunt ….»

“Perché alcune persone, che si gloriano del nome di coloro che sono cattolici, vivono nei pensieri dannati degli eretici sia per depravazione sia per imperizia, presumono di contrastare i più pii pensatori ….”

Gli Elettori stanno dimostrando di aver compreso ed assimilato il pensiero di papa Celestino I.

I “Vade retro Salvini” lanciati da sedicenti cristiani cattolici non hanno fatto presa sui credenti.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

von der Leyen. Sta a vedere che la eleggeranno i sovranisti….

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-10.

Cigno. Decollo.

Una cosa è la nomination ed una ben differente la conferma nell’europarlamento.

This Week in Europe: Council nominees, Croatian euro bid and more

«Though in theory the alliance in the Parliament of the EPP, S&D and Renew Europe should easily provide enough votes, a large scale rebellion is expected among the Socialist group. To win the vote von der Leyen may therefore be reliant on support from right-wing populists in Italy and Eastern Europe, securing their votes in exchange for more powerful portfolios for those countries’ Commissioners. This strategy will likely be effective, though will raise questions over the influence that anti-EU forces will have over the next Commission. The vote in the Parliament is expected on the 16th. If von der Leyen is approved, she will become the first female Commission President ….

many have criticised the fact that all the posts went to Western Europeans, with no attempt to reflect a geographic balance.»

*

«This week, mainstream political groups in the newly-elected European Parliament revealed their intentions to POLITICO to block far-right Identity & Democracy (ID) members from chairing committees on agriculture and legal affairs. Marine Le Pen and Matteo Salvini’s bloc claimed the right to chair the two committees, but the EPP, the S&D group, the Greens and the liberal Renew Europe group seem to have formed an anti-ID coalition, proposing an alternative chair in both committees. In the European Parliament, the chairs of committees are divided based on each group’s weight in votes through a principle of proportionality, but the mainstream groups are seeking to override the system in this case. The conservative ECR group decided to not take part in the “cordon sanitaire”.»

* * * * * * *

Non c’è che dire.

«In the European Parliament, the chairs of committees are divided based on each group’s weight in votes through a principle of proportionality, but the mainstream groups are seeking to override the system in this case»

“The EPP, the S&D group, the Greens and the liberal Renew Europe group”: dicono di essere democratici solo quando torna loro comodo, ma nei fatti sono razzisti come nazionalsocialisti incalliti.

Vogliono il potere per il potere, ma poi alla fine si arriverà bene il momento in cui aver bisogno della unanimità per far passare i bilanci nel Consiglio Europeo.

Ppe ed S&D dovrebbe lamentarsi solo con sé stessi per aver perso quaranta seggi a testa.

Ma non esistono solo il Ppe ed S&D.

Greens yet to be convinced by von der Leyen nomination

«Ursula von der Leyen cannot yet count on the votes of the Greens in the European Parliament for her candidacy for the presidency of the European Commission.

“She got there only thanks to Emmanuel Macron and Angela Merkel. I am not convinced she will be able to take decisions that go against their national interest”, Philippe Lamberts, the co-president of the Greens in the European Parliament said on Tuesday (8 July) on Belgian radio.»

von der Leyen dovrà ben tener presente che se si vota nell’europarlamento sia vota anche in Consiglio Europeo.

Si preannuncia una legislatura alquanto burrascosa..


Ansa. 2019-07-08. Von der Leyen a Bruxelles, settimana calda in vista voto Pe

Comincia oggi a Bruxelles la settimana che determinerà il futuro politico europeo di Ursula Von der Leyen, designata dai capi di stato e di governo a succedere a Jean-Claude Juncker. La ministra tedesca, in attesa del voto del Parlamento europeo che dovrebbe tenersi il 16 luglio a Strasburgo sulla sua nomina alla presidenza della commissione europea, incontrerà nel tardo pomeriggio a Palais d’Egmont a Bruxelles il primo ministro belga dimissionario Charles Michel, scelto dal Consiglio europeo per succedere a Donald Tusk. Mercoledì invece Von der Leyen si riunirà al Parlamento Ue con la Conferenza dei presidenti, e nel corso della giornata dovrebbe incontrare anche il gruppo S&D e gli ex liberali di Renew Europe. Obiettivo della missione del ministro tedesco a Bruxelles è assicurarsi il sostegno politico necessario per passare l’esame dell’aula nella prossima plenaria di Strasburgo.

Per il via libera alla sua nomina, Von der Leyen avrà bisogno del sostegno della maggioranza assoluta dell’emiciclo (376 voti). I Verdi hanno già annunciato che si opporranno alla candidatura, ma per ottenere i voti necessari dovrebbe bastare il sostegno dei tre principali gruppi dell’Eurocamera – Ppe, S&D e Renew Europe – che sommati hanno 444 seggi. L’incognita però è rappresentata dai socialisti, con una parte degli eurodeputati del gruppo – i tedeschi della Spd in testa – che si prepara a votare contro. In questo scenario, una carta da giocare per Von der Leyen potrebbe essere quella dei Conservatori Ecr, di cui fanno parte i polacchi del PiS che hanno già dato il loro sostegno alla tedesca in Consiglio.