Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Francia. La rivolta con il tiranno continua. Tagliata la luce ad Orly e Rungis.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-21.

2020-01-21__Parigi

A quanto sembrerebbe, i Patrioti francesi hanno iniziato una nuova fase della rivoluzione, sui cui esiti ci sarebbe ben poco da discutere. Anche ricordano che tra due mesi la Francia torna alle urne.

«French energy workers protesting against President Emmanuel Macron’s pension reform cut power on Tuesday to the world’s largest wholesale fresh food market, Rungis near Paris, the hardleft CGT union’s energy branch said»

«A spokeswoman for Rungis International Market said emergency power kicked in when the outage began 0530 GMT and that there was no disruption to trade. The power cut lasted 90 minutes»

«“The power source to Rungis is cut this morning,” the local CGT energy branch wrote on Facebook »

«The power outage also halted services on the Orlyval rail shuttle serving Orly, the French capital’s second busiest airport»

«The deliberate sabotage of power supplies underlines the growing determination of France’s left-wing unions to resort to wildcat action, after a wave of strikes and street protests since early December failed to force Macron to back down on his overhaul of the pension system»

«The Rungis market covers 234 hectares and generates revenues of 9 billion euros a year»

«Meanwhile, the longest transport strike in France in decades appeared to be petering out on Monday, with most Paris metro and national train services back up and running, offering relief to weary commuters»

«But while the return to work marked a tentative victory for President Emmanuel Macron, who has refused to back down in the dispute over pension reforms, French media and experts warned that opposition to the overhaul was far from over — and taking an increasingly radical turn»

«On the 47th straight day of strikes over the government’s plans to fuse France’s 42 different pension schemes into one, 11 out of 16 metro lines were operating as normal or nearly normal, according to the Paris public transport operator RATP»

«Mobilization continues for CGT Energy. The union, still at the forefront of the strike against the pension reform, claimed Tuesday morning a power cut affecting several cities in the southeast of the cap»

* * * * * * *

L’Europa è una bomba ad orologeria.

Gli attuali governi, ivi compresa la Commissione Europea della von der Leyen, vivono arroccati nelle proprie ideologie, del tutto staccati ed incuranti della gente comune.

Ma il malessere è diffuso per tutta l’Unione, ed in Francia in modo particolare.

Eurostat. Reddito Netto Mediano di 1,409 euro al mese.

Ebbene, sì: in questa sedicente opulenta Europa la metà della popolazione vive con meno di 1,409 euro al mese.

Ci si potrebbe permettere di fare i radical chic con 5,000 euro al mese, almeno, ed un solido posto nella pubblica amministrazione, che vessa di tasse e leggi e normative i poveracci che lavorano per arricchire i liberal, senza dare un minimo di servizi decenti.

Francia. Dimissioni in massa dei primari ospedalieri.

Macron, egemone di Francia, licenzia Ségolène Royal, che ha osato contraddirlo.

* * * * * * *

Nessuno si faccia illusioni, ma proprio nessuna.

Tutte le valanghe hanno inizio con poche pietruzze, ma alla fine hanno un potere distruttivo degno di bombe ad alto potenziale.

Se questi governi, iniziando da quello di Mr Macron, non se ne andranno con le buone, la gente inferocita li scaccerà con la forza della disperazione.

*


French workers cut electricity at world’s largest market in pensions protest

French energy workers protesting against President Emmanuel Macron’s pension reform cut power on Tuesday to the world’s largest wholesale fresh food market, Rungis near Paris, the hardleft CGT union’s energy branch said.

A spokeswoman for Rungis International Market said emergency power kicked in when the outage began 0530 GMT and that there was no disruption to trade. The power cut lasted 90 minutes.

“The power source to Rungis is cut this morning,” the local CGT energy branch wrote on Facebook.

The power outage also halted services on the Orlyval rail shuttle serving Orly, the French capital’s second busiest airport.

The deliberate sabotage of power supplies underlines the growing determination of France’s left-wing unions to resort to wildcat action, after a wave of strikes and street protests since early December failed to force Macron to back down on his overhaul of the pension system.

The Rungis market covers 234 hectares and generates revenues of 9 billion euros a year

Transport strike

Meanwhile, the longest transport strike in France in decades appeared to be petering out on Monday, with most Paris metro and national train services back up and running, offering relief to weary commuters.

But while the return to work marked a tentative victory for President Emmanuel Macron, who has refused to back down in the dispute over pension reforms, French media and experts warned that opposition to the overhaul was far from over — and taking an increasingly radical turn.

On the 47th straight day of strikes over the government’s plans to fuse France’s 42 different pension schemes into one, 11 out of 16 metro lines were operating as normal or nearly normal, according to the Paris public transport operator RATP.

National rail operator SNCF announced Sunday that nearly all suburban, regional and high-speed TGV trains would also be running.

In Paris, the focal point of the strikes that have caused nearly seven weeks of travel misery, the biggest union in RATP said Saturday it was suspending its strike action “to regain strength”.

Unsa-RATP representative Laurent Djebali told AFP that many strikers had voted to resume work “for financial reasons” after going without pay for weeks, but he was adamant that there was “no question” of ending the strike altogether.

The biggest union at the SNCF, the militant CGT, also struck a defiant note in the face of the flagging strike participation.

*


CGT Energy demands a giant power cut south of Paris

Mobilization continues for CGT Energy. The union, still at the forefront of the strike against the pension reform, claimed Tuesday morning a power cut affecting several cities in the southeast of the capital. On Facebook, CGT Énergie 94 explained that it had cut “the source station of Rungis“, plunging “the MIN (Rungis market) and Orly in the dark“. In a second publication, CGT Énergie 94 notes that “Energies CGT 94 91 93 75” are “mobilized“, and the “MV (High Voltage 20,000 Volt) substations cut“. According to FranceInfo, the cuts have affected several municipalities, including Orly, Rungis, Anthony, Fresnes and Thiais, from 6 a.m. In Rungis, the shutdown took place from 6 a.m. to 7:30 a.m. The situation is now normal in this commune.

Rungis and its perimeter were affected, a priori between 5:45 am and 8:00 am“Announced Frank Jouanno of CGT Energy from Val-de-Marne to Le Figaro. “One hundred people“Carried out this action, which concerned between”25,000 and 50,000»People.

Contacted by Le Figaro, Laurent Hérédia, federal secretary of the CGT Energy, indicates that this operation is part of “in line with our actions in the fight against pension reform“. He adds that “pickets continue, including at Gennevilliers, on the Serval site. The new Linky meters have not been installed for more than a week.It is Serval’s logistics platform which must deliver the meters for Enedis from all over the Ile-de-France.

The representative of CGT Energie Val-de-Marne, Franck Jouano, explained that he wanted “make an impression“And”have an impact on the economy“. “Currently, in the media, we only hear actions from RATP and SNCF“. Recognizing “collateral damages“Who were able to reach households, he felt that having a power outage was”not the end of the world“.

The government strongly condemned the cut: when asked about BFMTV, the Secretary of State for the City and Housing, Julien Denormandie, criticized an action “outrageous and irresponsible“. “Can you imagine not only the inconvenience, but sometimes the endangerment of people? […] It’s scandalous, it’s irresponsible and it destroys social dialogue“He rebelled, pointing to acts”which degrade the climate of dialogue“.

This Tuesday morning, the cut affected the transport in Île-de-France: the circulation of the Orlyval was disrupted, and its teams declared to make “their maximum to quickly bring the installations back into conformity“. Similarly, tram line 7 was hit by the action of CGT Energy, and set up replacement buses for its passengers. However, Orly airport was not affected.

Mobilization continues for CGT Energy. The union, still at the forefront of the strike against the pension reform, claimed Tuesday morning a power cut affecting several cities in the southeast of the capital. On Facebook, CGT Énergie 94 explained that it had cut “the source station of Rungis“, plunging “the MIN (Rungis market) and Orly in the dark“. In a second publication, CGT Énergie 94 notes that “Energies CGT 94 91 93 75” are “mobilized“, and the “MV (High Voltage 20,000 Volt) substations cut“. According to FranceInfo, the cuts have affected several municipalities, including Orly, Rungis, Anthony, Fresnes and Thiais, from 6 a.m. In Rungis, the shutdown took place from 6 a.m. to 7:30 a.m. The situation is now normal in this commune.

Rungis and its perimeter were affected, a priori between 5:45 am and 8:00 am“Announced Frank Jouanno of CGT Energy from Val-de-Marne to Le Figaro. “One hundred people“Carried out this action, which concerned between”25,000 and 50,000»People.

Contacted by Le Figaro, Laurent Hérédia, federal secretary of the CGT Energy, indicates that this operation is part of “in line with our actions in the fight against pension reform“. He adds that “pickets continue, including at Gennevilliers, on the Serval site. The new Linky meters have not been installed for more than a week.It is Serval’s logistics platform which must deliver the meters for Enedis from all over the Ile-de-France.

The representative of CGT Energie Val-de-Marne, Franck Jouano, explained that he wanted “make an impression“And”have an impact on the economy“. “Currently, in the media, we only hear actions from RATP and SNCF“. Recognizing “collateral damages“Who were able to reach households, he felt that having a power outage was”not the end of the world“.

The government strongly condemned the cut: when asked about BFMTV, the Secretary of State for the City and Housing, Julien Denormandie, criticized an action “outrageous and irresponsible“. “Can you imagine not only the inconvenience, but sometimes the endangerment of people? […] It’s scandalous, it’s irresponsible and it destroys social dialogue“He rebelled, pointing to acts”which degrade the climate of dialogue“.

This Tuesday morning, the cut affected the transport in Île-de-France: the circulation of the Orlyval was disrupted, and its teams declared to make “their maximum to quickly bring the installations back into conformity“. Similarly, tram line 7 was hit by the action of CGT Energy, and set up replacement buses for its passengers. However, Orly airport was not affected.

*


Parigi, tagliano la luce per protesta

Azione del sindacato Cgt contro la riforma delle pensioni

PARIGI, 21 GEN – Ancora corrente tagliata in Francia in un nuovo blitz contro la riforma delle pensioni rivendicata da CGT Energie. In particolare, il sindacato in lotta contro il progetto di Emmanuel Macron ha annunciato di essere all’origine del blackout di questa mattina nella zona dell’aeroporto di Orly e i mercati generali di Rungis, a sud di Parigi, con l'”obiettivo di colpire l’economia e mostrare la mobilitazione contro la riforma delle pensioni”.

Un atto “scandaloso” e “irresponsabile”, ha detto il ministro francese incaricato per la Città e la Casa, Julien Denormandie, ai microfoni di BFM-TV-RMC.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

M5S. Documento dei senatori. Grillo e Casalaggio se ne vadano via.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-10.

Cacciare a pedate 001

M5S scoppiettante di novità. Prima cacciano i peones, indi i dignitari.

«A Palazzo Madama un gruppo di senatori chiede di abolire la figura del capo politico (anche se non è Luigi Di Maio a essere messo in discussione), di sottrarre la piattaforma Rousseau a Casaleggio e di lasciare a Beppe Grillo l’incarico di presidente e non più di garante del Movimento»

«Nel documento si chiede di sottrarre la piattaforma Rousseau a Casaleggio e destinarla ad un gruppo di garanti»

*


M5S, documento dei senatori: via Casaleggio da Rousseau e abolire il capo politico. I deputati De Toma e Silvestri al gruppo misto.

Altri addii alla Camera dei deputati per i Cinque Stelle. Mentre a Palazzo Madama si chiede più trasparenza: Grillo presidente e non più garante.

A Palazzo Madama un gruppo di senatori chiede di abolire la figura del capo politico (anche se non è Luigi Di Maio a essere messo in discussione), di sottrarre la piattaforma Rousseau a Casaleggio e di lasciare a Beppe Grillo l’incarico di presidente e non più di garante del Movimento. Nelle stesse ore, i deputati Massimiliano De Toma e Rachele Silvestri hanno lasciato il M5S. I due parlamentari hanno comunicato alla presidenza della Camera il passaggio al Gruppo Misto. Il numero dei deputati, dopo queste ultime due defezioni, scende dunque da 213 a 211. Silvestri, 33 anni, è membro dal 2018, della X Commissione attività produttive, commercio e turismo. Anche De Toma, 54 anni, è membro dal 2018 della X Commissione attività produttive, commercio e turismo.

Al Senato la richiesta di «più democrazia»

Stop alla figura del capo politico, gestione collegiale ed assembleare sulla linea politica, riforma del sistema delle rendicontazioni, stop anche al ruolo del garante del Movimento. Nel documento preparato da un gruppo di senatori del M5S per l’assemblea congiunta dei Cinque Stelle si porta all’attenzione del Parlamento la proposta di una serie di modifiche statutarie. La premessa è che il perimetro del M5S resti nell’ambito della maggioranza e che non c’è alcuna intenzione di strappi nei confronti del governo. Nel mirino ci sarebbe in sostanza non solo Di Maio ma in qualche modo anche Grillo, visto che per il comico sarebbe previsto non più il ruolo di garante ma di presidente. Per quanto riguarda il tema delle restituzioni si suggerisce di versare su un conto corrente gestito da un organismo trasparenza, con l’obiettivo di lasciare ogni risorsa all’interno del Movimento. Nel documento si chiede di sottrarre la piattaforma Rousseau a Casaleggio e destinarla ad un gruppo di garanti. Questa sera verrà fatto il punto sulla situazione dei morosi e non si esclude un via libera all’espulsione degli inadempienti di lungo corso. Nel frattempo, è arrivato un chiarimento da parte dell’ufficio stampa del M5S: «Si precisa che il documento illustrato da alcuni senatori del Movimento 5 Stelle durante l’odierna assemblea non prevede alcuno “stop al ruolo del garante del Movimento” né alla figura del capo politico. In tale documento è stata avanzata la proposta di dar vita a “un organismo collegiale democraticamente eletto”».

Cambio per le restituzioni

Svolta anche sul tema delle restituzioni. Durante la riunione dei deputati grillini, sarebbero stati annunciati dei cambiamenti per quanto riguarda il regime delle rendicontazioni. I capigruppo Gianluca Perilli e Davide Crippa subentreranno nel Comitato rendicontazioni al posto degli ex presidenti Stefano Patuanelli e Francesco D’Uva. Sarà inoltre soppresso il comma dello statuto in base al quale, in caso di scioglimento del Comitato, le giacenze vengono destinate all’Associazione Rousseau: queste risorse, viene spiegato, andranno al fondo per il microcredito. A Palazzo Madama, Vito Crimi, esponente del comitato di garanzia, ha inoltre annunciato che sarà possibile utilizzare il sistema forfettario. Molti gli interventi sul sistema per i rimborsi che sarà al centro dell’assemblea congiunta. La senatrice Taverna, per esempio, avrebbe proposto che i versamenti vengano destinati ad un fondo per la ricerca o in ambito universitario.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Francia. Manomessa la rete elettrica. La rivoluzioni sta iniziando.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-18.

Ivan Iv. Il Terribile. 001

I tiranni e le relative tirannie si abbattono solo con le armi e le rivoluzioni.

E Mr Macron si comporta da tiranno fin dai primi momenti della sua elezione.

L’enigma della bega Macron – Pierre de Villiers.

«Il capo di Stato maggiore dell’esercito, il generale Pierre de Villiers, ha presentato le sue dimissioni al presidente Macron. Lo scorso 12 luglio de Villiers aveva duramente criticato le proposte sul bilancio della Difesa annunciate dal governo.»

Gilets Jaunes. È calato l’omertoso silenzio dei media liberal. Ma erano 84,000 ….

«Il coro generale è:

«Macron: vattene!»

La rivolta, che era iniziata per protestare con l’aumento delle tasse sui carburanti ed altri provvedimenti analoghi, si è trasformata nel tempo, molto rapidamente, in una generalizzata protesta con il regime di Mr Macron, che ha dovuto rimangiarsi tutti i provvedimenti presi ed indire degli stati generali.»

*

Francia. Tutti uniti contro il Governo, contro Macron.

«Il 5 è iniziato un lungo percorso di proteste nel paese transalpino a causa della riforma delle pensioni e anche i poliziotti sono pronti a scendere in piazza … E’ cominciato il «dicembre nero» francese. Sarà molto probabilmente un mese (e forse più) di scioperi, manifestazioni, incidenti, polemiche e vita dura per tutti quanti»

«L’uscita di scena di Delevoye porta a 16 il numero delle persone che hanno lasciato il governo dall’inizio del quinquennio di Macron, un record. L’Eliseo assicura che verrà sostituito al più presto.»

Tutto quello che c’è da sapere sul dossier Benalla che inguaia Macron

«L’ex collaboratore del presidente francese è in detenzione provvisoria. Secondo i giudici la scorsa estate non ha rispettato i vincoli, incontrando il suo ex collega Vincent Crase»

Macron perde un altro pezzo: se ne va anche Ismaël Emelien

«Il consigliere speciale faceva parte del giglio magico del presidente francese. L’addio sarebbe legato al suo coinvolgimento nell’affaire Benalla»

* * * * * * *

«Oggi nuova manifestazione. Si dimette ‘Monsieur Pensioni’ Premier convoca sindacati mercoledì»

«Si inasprisce il conflitto sociale in Francia, dove al tredicesimo giorno di paralisi dei trasporti 90.000 case sono rimaste senza luce a causa di azioni volontarie commesse da esponenti del sindacato CGT nella rete elettrica di Lione e della regione della Gironda (RTE).»

«La direzione del gestore della rete ha denunciato “atti ostili” legati al “movimento sociale” contro la riforma delle pensioni. Subito dopo, le azioni sono state rivendicate dalla CGT della RTE»

«Ancora una volta, come successo per Sylvie Goulard proposta da Macron alla Commissione europea, i riflettori hanno inquadrato zone d’ombra e il prescelto ha dovuto rinunciare»

«Intanto, l’esasperazione si sta facendo strada, a poco più di una settimana da Natale e con il Paese bloccato»

* * * * * * *

Già.

Più il tempo passa e più i francesi diventano violenti: sono esasperati.

Ivan IV era un vero dittatore a tutti gli effetti, e ben si era meritato l’appellativo di ‘Terribile’, ma era intelligente, furbo e scaltro. E non tradiva gli amici.

Mr Macron è la caricatura del dittatore, non volitivo, bensì testardo come tutti gli ex-maschi effemminati.

*


Pensioni: Francia nel caos. Manomessa rete, blackout 90.000 case

Oggi nuova manifestazione. Si dimette ‘Monsieur Pensioni’ Premier convoca sindacati mercoledì

Si inasprisce il conflitto sociale in Francia, dove al tredicesimo giorno di paralisi dei trasporti 90.000 case sono rimaste senza luce a causa di azioni volontarie commesse da esponenti del sindacato CGT nella rete elettrica di Lione e della regione della Gironda (RTE). La direzione del gestore della rete ha denunciato “atti ostili” legati al “movimento sociale” contro la riforma delle pensioni. Subito dopo, le azioni sono state rivendicate dalla CGT della RTE. Al momento di massima incidenza dell’azione di protesta, sono state 50.000 le case rimaste senza elettricità.

Intanto duro colpo per il governo di una Francia paralizzata da ormai 12 giorni per lo sciopero dei trasporti contro la riforma delle pensioni: si è dimesso, dopo giorni di polemiche, l’artefice del progetto voluto da Emmanuel Macron, il “Monsieur pensioni” Jean-Paul Delevoye.

Ancora una volta, come successo per Sylvie Goulard proposta da Macron alla Commissione europea, i riflettori hanno inquadrato zone d’ombra e il prescelto ha dovuto rinunciare.

Intanto, l’esasperazione si sta facendo strada, a poco più di una settimana da Natale e con il Paese bloccato.

Per le famiglie, venerdì – giorno della fine delle scuole – sarebbe stato l’inizio delle vacanze, degli spostamenti che spesso riuniscono le famiglie almeno per una volta all’anno.

Il 55% degli intervistati in un sondaggio definisce “inaccettabile” che si blocchi il paese durante le festività di fine anno ma la prospettiva sembra ora dopo ora farsi più concreta. La settimana scorsa si era parlato di un tavolo con i sindacati, invitati dal premier Edouard Philippe, per la giornata di ieri: nulla è invece accaduto e forse l’enorme grana delle dimissioni di Delevoye, arrivata alla vigilia della quarta giornata di manifestazioni, ha spinto il governo a soprassedere.

L’uomo di fiducia di Macron, che lo aveva nominato due anni fa per disegnare la riforma delle pensioni, ha parlato di “attacchi violenti” e “falsità” contro di lui ma con l’obiettivo reale di “colpire un progetto essenziale per la Francia”.

L’Eliseo ha incassato il colpo annunciando subito che “al più presto” Delevoye sarà sostituito. L’ideatore della riforma ha ammesso di aver “dimenticato” di dichiarare la sua carica di amministratore a titolo gratuito in un istituto legato alle assicurazioni. Ma sull’onda di questa scoperta, è finito sotto i riflettori ed è stato costretto ad ammettere che le “dimenticanze” erano state ben 13, pur se in gran parte senza scopo di lucro. Ha, per giunta, ricoperto la funzione governativa pur essendo presidente di un think-tank sull’educazione, una situazione imbarazzante al punto che l’interessato si è subito impegnato a restituire quanto percepito dagli incarichi non autorizzati.

Se l’opposizione più radicale ha cantato vittoria per questo smacco al governo, alcuni, come il responsabile dei sindacati autonomi dell’Unsa, Laurent Escure, ha ammesso che “ormai i negoziati e il dialogo si fanno con l’Eliseo e il governo”. Oggi, intanto, nuova manifestazione, la quarta se si conta quella praticamente passata inosservata di giovedì scorso.

Di fatto si tratta del terzo appuntamento, sul quale il sindacato punta per mostrare i muscoli alla vigilia della possibile apertura di un tavolo cruciale. Con Laurent Berger, il leader del sindacato riformista CFDT, apertamente contrario allo sciopero ad oltranza durante le feste.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Francia. La rivolta potrebbe virare in una rivoluzione.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-19.

2019-03-18__Francia__001

I problemi attuali della Francia sono ben sintetizzati dalla tabella storica del pil, espresso in dollari americani, valuta dei commerci internazionali, usata anche nei confronti tra diversi stati.

Facendo paragone con il 2008, in Francia il pil è passato da 2,932.215 miliardi ai 2,774.158 di fine 2018, mentre il pil procapite è passato da 47,181 Usd agli attuali 41,269.

In dieci anni sono stati persi 158.06 miliardi di pil e 5,912 Usd di pil procapite.

Contro un reddito mediano di circa 1,200 euro mensili, la soglia di povertà è stimata essere 1,650 euro. È la condizione in cui versa larga quota dei francesi.

* * * * * * *

La situazione economica francese è decisamente meno buona di quanto non si fosse voluto ammettere.

Se sicuramente il movente economico non è l’unico che ha spinto i Gilets Jaunes in piazza, altrettanto sicuramente ha svolto un ruolo pesante.

Il crollo del partito socialista, storicamente attento alle esigenze delle classi meno abbienti, e la parcellizzazione politica hanno giocato un altro ruolo di non poca importanza.

Gli ultimi dieci anni sono trascorsi in una specie di palude economica e sociale: per paragone, gli Stati Uniti hanno visto il pil crescere dai 14,712 miliardi Usd del 2008 agli attuali 20,501 miliardi Usd, mentre la Cina è passata da un pil di 4,604 miliardi Usd del 2008 agli odierni 12,238 miliardi Usd.

Questi dati indicano come sarebbe stato possibile far progredire il pil se i passati governi francesi ne fossero stati in grado: cosa che non è stata. A pagare il conto è stata tutta la Francia, perché il mondo non si è fermato ad aspettarla.

* * * * * * *

Se letto entro questo quadro generale, il fenomeno dei Gilets Jaunes e della violenza sempre più evidente trova una sua più che logica collocazione.

Da una parte c’è un Popolo sempre più impoverito ed inviperito e dall’altra un governo semplicemente impotente.

«Questo movimento non è mai stato identico a se stesso. È una cosa unica, che non si è mai vista prima. C’è stata una fase di estrema destra, poi una populista-plebiscitaria con la richiesta del referendum e della democrazia diretta, oggi siamo arrivati alla fase insurrezionale. Da una crisi di consenso alle tasse, siamo passati a una crisi di consenso allo Stato. Questi gruppi ormai non riconoscono l’autorità dello Stato, e lo contestano sul terreno più puro, cioè l’ordine pubblico. A breve termine il governo non potrà che rispondere sullo stesso piano, quello della repressione. Ma se dovesse morire qualche manifestante, quella sarebbe la vera svolta. Il potere farebbe fatica a rimanere in piedi».

*

«Sarebbe toccato a chiunque al suo posto. I predecessori di Macron hanno messo tonnellate di tasse e regolamenti sulla trave. Macron si è limitato ad aggiungere un chilo, ed è quello che ha fatto crollare tutto».

*

«In realtà alla questione, centrale, del potere d’acquisto non è stata data risposta. Le questioni decisive sono due: l’eccesso di tasse che gravano sulla classe media, e i troppi regolamenti che piovono sulla testa dei francesi secondo la tradizione centralista dell’ancien régime. La protesta è cominciata a novembre contro la carbon tax e il limite di velocità abbassato a 80 km/h sulle strade di provincia. Ma ormai è diventata un’altra cosa, e il governo potrebbe solo prendere una decisione clamorosa come dimezzare le tasse per la classe media. Qualsiasi altro aggiustamento non serve».

*

«Il problema dei gilet gialli è che non esistono. Ci sono sovranisti di destra vicini a Marine Le Pen, altri gauchisti della France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon, altri no global come se ne vedono da anni, c’è di tutto. I partiti populisti hanno provato a recuperarli ma loro hanno resistito, non hanno leader e non hanno rappresentanti con cui negoziare. L’obiettivo ormai è il teppismo e l’attacco sistematico alla polizia, simbolo dello Stato».

*

«Se le violenze dei manifestanti aumenteranno ancora e dovessero esserci vittime, quella sarà il punto di non ritorno».

*

«l’eccesso di tasse che gravano sulla classe media, e i troppi regolamenti che piovono sulla testa dei francesi secondo la tradizione centralista dell’ancien régime»

Chi abbia buona memoria storica, si ricordi cosa significò l’assassinio di Jerzy Popiełuszko.

«Ma se dovesse morire qualche manifestante, quella sarebbe la vera svolta …. il punto di non ritorno»

Stiamo assistendo ai prodromi di una ricolta che sembrerebbe essere destinata a diventare un rivoluzione.

Il sistema socio-economico francese è irredimibile. così come lo era l’Ancien Régime.


Corriere. 2019-03-17. Gilet gialli, il politologo Reynié: «Siamo alla fase dell’insurrezione, un vicolo cieco»

«Questo movimento non è mai stato identico a se stesso. È una cosa unica, che non si è mai vista prima. C’è stata una fase di estrema destra, poi una populista-plebiscitaria con la richiesta del referendum e della democrazia diretta, oggi siamo arrivati alla fase insurrezionale. Da una crisi di consenso alle tasse, siamo passati a una crisi di consenso allo Stato. Questi gruppi ormai non riconoscono l’autorità dello Stato, e lo contestano sul terreno più puro, cioè l’ordine pubblico. A breve termine il governo non potrà che rispondere sullo stesso piano, quello della repressione. Ma se dovesse morire qualche manifestante, quella sarebbe la vera svolta. Il potere farebbe fatica a rimanere in piedi». Il politologo Dominique Reynié, docente a Sciences Po a Parigi e specialista dei populismi, parla di una situazione francese che si trascina da decenni.

Qual è la responsabilità di Macron?

«Sarebbe toccato a chiunque al suo posto. I predecessori di Macron hanno messo tonnellate di tasse e regolamenti sulla trave. Macron si è limitato ad aggiungere un chilo, ed è quello che ha fatto crollare tutto».

Eppure il governo sembrava avere ripreso in mano la situazione, con il piano da dieci miliardi e il grande dibattito nazionale che si è appena concluso.

«In realtà alla questione, centrale, del potere d’acquisto non è stata data risposta. Le questioni decisive sono due: l’eccesso di tasse che gravano sulla classe media, e i troppi regolamenti che piovono sulla testa dei francesi secondo la tradizione centralista dell’ancien régime. La protesta è cominciata a novembre contro la carbon tax e il limite di velocità abbassato a 80 km/h sulle strade di provincia. Ma ormai è diventata un’altra cosa, e il governo potrebbe solo prendere una decisione clamorosa come dimezzare le tasse per la classe media. Qualsiasi altro aggiustamento non serve».

La distinzione tra teppisti e gilet gialli ha senso?

«Il problema dei gilet gialli è che non esistono. Ci sono sovranisti di destra vicini a Marine Le Pen, altri gauchisti della France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon, altri no global come se ne vedono da anni, c’è di tutto. I partiti populisti hanno provato a recuperarli ma loro hanno resistito, non hanno leader e non hanno rappresentanti con cui negoziare. L’obiettivo ormai è il teppismo e l’attacco sistematico alla polizia, simbolo dello Stato».

I poliziotti sono accusati di eccesso di violenza, e allo stesso tempo di non riuscire a fermare le distruzioni.

«Gli agenti si trovano di fronte a un rompicapo insolubile, perché devono mantenere l’ordine pubblico ma anche rispettare la priorità assoluta posta dal governo, quella di evitare il morto. Se le violenze dei manifestanti aumenteranno ancora e dovessero esserci vittime, quella sarà il punto di non ritorno».

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Gilets Jaunes. Acte 9. 84,000 in piazza contro Mr Macron. Rôti de Macron.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-13.

2019-01-13__gilets_jaunes__001


Secondo la società Kantar Sofres il tasso di esecrabilità di Mr Macron avrebbe raggiunto il 75%.

Nel sondaggio del 20 dicembre Odoxa attribuiva al partito di Mr Macron il 19% delle propensioni al voto, contro il 24% raccolto dalla formazione di Mrs Marine Le Pen.

A giudicare dalla piazza, sono stime financo lusinghiere.

Se è vero che Mr Macron potrebbe restare in carica fino a termine mandato, sarebbe altrettanto vero constatare sia che al momento ha un valor politico virtualmente nullo, sia che la piazza potrebbe alla fine spingere i suoi padrini a fargli dare le dimissioni.

I ricchi stanno abbandonando il ‘presidente dei ricchi‘.

Per il nono sabato consecutivo i Gilets Jaunes sono tornati in piazza in tutta la Francia.

Non erano le ‘poche decine‘ riportate da un esilarante quotidiano italiano: erano 84,000 persone, 84,000 Cittadini francesi, 84,000 Patrioti che votano e pagano le tasse. 84,000 persone umane che lottano per la loro stessa vita e libertà. Certo, il dittatore ne ha fatti arrestare ancora, tutti trattenuti senza essere comparsi davanti ad un giudice, proprio come si faceva nell’Unione Sovietica di Stalin e di Beria,

Nella Francia di Mr Macron, e dei padrini che lo hanno incardinato in quell’alto seggio, se non sei straricco non puoi permetterti di pagare quell’immane carico di tasse che gravano come macigni sulle spalle del popolo lavoratore. Per la gente comune, dover andare dal dentista per rifare la dentiera è un sogno inesaudibile. Cambiare la vecchia autovettura un sogno celestiale. Mandare i figli all’università un onere insostenibile.

Ed in questa situazione drammatica hanno ogni giorno davanti agli occhi un presidente impomatato, che investe ogni mese oltre trentamila euro di denaro pubblico in cremine e belletti e profumi.

La Francia avrebbe bisogno di un Presidente che volesse capire i reali bisogni del suo popolo, non di una sanguisuga catapultata dall’alto, tetragona al grido che si alza dalle piazze in fiamme.

La Francia avrebbe bisogno di un Presidente che la anteponesse alle forma di Mr Benalla, che di guai alla repubblica nei ha forniti a iosa.

Senza le tasse per il ‘clima‘ la bollette della corrente elettrica sarebbe dimezzata, così come il costo del carburante alla pompa.

Ci si rende perfettamente conto che Mr Macron deve ringraziare molte persone ed ambienti che lo hanno tratto dall’anonimato bancario per imporlo alla presidenza della Francia, ma i francesi non son certo disposti a pagare i debiti di Mr Macron.

Adesso Mr Macron vorrebbe lanciare un periodo di tre mesi di apertura al popolo.

Macron hopes debate can quell French unrest. So did Louis XVI

«In 1789, Louis XVI summoned France’s aristocracy, clergy and citizens to discuss ways to plug the crown’s dismal finances and quell popular discontent over a sclerotic feudal society.

It marked the start of the French Revolution. Within months he was powerless and four years later beheaded by guillotine.

Two centuries on, President Emmanuel Macron, often criticized for a monarchical manner, is also calling a national debate to mollify “yellow vest” protesters whose nine week uprising has set Paris ablaze and shaken his administration.

He will launch the three-month “grand debat” initiative on Jan. 15. As during the rule of the ill-fated king, the French are already writing complaints in “grievance books” opened up by mayors of 5,000 communes.»

*

«It marked the start of the French Revolution. Within months he was powerless and four years later beheaded by guillotine»

*

Le tricoteuses stanno aspettando con impazienza che la testa di Mr Macron adorni la cesta, assieme a quelle dei suoi ministri. Per le teste dei giornalisti liberal socialisti serviranno diversi treni merci: sono davvero tanti.



EN DIRECT – Gilets jaunes : 84 000 manifestants en France ce samedi selon l’Intérieur, la mobilisation repart à la hausse [Video]

«GILETS JAUNES – Alors que le grand débat national est sur le point de commencer en France, la mobilisation des Gilets jaunes repart à la hausse. Samedi, environ 84 000 manifestants ont défilé en France, c’est plus que le samedi précédent. Cet “acte 9” a donné lieu à moins de violences même si près de 200 personnes ont été placées en garde à vue. Deux équipes de LCI ont par ailleurs été agressés à Rouen et à Paris. Les dernières informations en direct.

–  Environ 84.000 personnes ont manifesté samedi dans le cadre de l’acte 9 des “gilets jaunes”, contre 50.000 la semaine dernière, a annoncé le ministère de l’Intérieur. La mobilisation a été forte dans plusieurs grandes villes comme Bordeaux, Marseille, Toulouse mais aussi Bourges.

–  Des heurts ont éclaté entre manifestants et forces de l’ordre dans plusieurs villes de France mais ils furent moins nombreux que le week-end précédent. Sur l’ensemble du territoire, les forces de l’ordre ont procédé à 244 interpellations qui ont donné lieu à 201 gardes à vue, selon la place Beauvau.»

*

Gilets jaunes : Noëlle Lenoir, cette ancienne ministre qui justifie les violences contre la presse

«Noëlle Lenoir, en charge des Affaires européennes dans le 2e gouvernement Raffarin, s’en est prise samedi soir au comportement des médias, de nouveau pris pour cible ce jour-là par les Gilets jaunes.

Le propos semble étonnant de la part d’une ancienne ministre. Noëlle Lenoir, en charge des Affaires européennes entre 2002 2004, a estimé samedi soir sur Twitter que « les journalistes de LCI agressés par les Gilets jaunes sont responsables de ce qu’ils subissent, mais aussi de ce qu’ils font subir aux forces de l’ordre jour après jour ». Un message visiblement parfaitement assumé puisqu’elle l’a même épinglé, c’est-à-dire placé tout en haut de son fil de publications, de sorte que chaque internaute le voit plus directement.»

*

Le grand débat “va se terminer en fiasco terrible” prédit Jean-Lin Lacapelle (RN)  [Video]

«Jean-Lin Lacapelle, délégué national du Rassemblement national, s’est exprimé au micro de BFMTV sur le grand débat national qui va s’ouvrir le mardi 15 janvier. 

BFMTV, 1ère chaine d’information en continu de France, vous propose toute l’info en temps réel avec 18h d’antenne live par jour et plus de 1000 duplex par mois. Retrouvez BFMTV sur le canal 15 de la TNT et sur BFMTV.com.»

*

Gilets Jaunes stage ninth round of protests in France [Bbc]

Thousands of demonstrators turned out across France for new “yellow vests” protests, with dozens of arrests and clashes in Paris and other cities.

*

Police in the capital used water cannon and tear gas as scuffles broke out at the Arc de Triomphe, on the ninth consecutive weekend of protests.

Some 84,000 demonstrators were recorded nationwide, an increase compared with last week, official figures show.

The nationwide protests were initially triggered by the rising price of fuel.

They have since widened to include anger at the cost of living, with a wide-ranging list of other demands.

Thousands of officers were deployed across Paris, which has previously seen street clashes and vandalism, to tackle the protesters, and parts of the city centre were blocked off by riot police.

Some 8,000 demonstrators were on the streets – more than in the past two weekends, when authorities counted just 3,500 people on 5 January and 800 on 29 December, according to interior ministry figures.

Some 156 protesters were arrested, and as of 21:00 local time (20:00 GMT), 108 remained in custody, police said.

By nightfall, there had not been the looting or burning of cars as seen in previous weeks.

There were also thousands of protesters in the cities of Bordeaux and Toulouse in southern France as well as Strasbourg in the east and the central city of Bourges, the site of another major rally, where more than 6,000 people took to the streets.

Nationwide, 244 people were arrested, of which 201 remained in custody, police said.

Some 80,000 police officers were deployed nationwide to face the protesters.

French President Emmanuel Macron has said a national debate is due to kick off on 15 January in response to weeks of protests by the “gilets jaunes” – so-called because of the high-visibility jackets they wear.

It will be held publicly in town halls across France and on the internet, and will focus on four themes: taxes, green energy, institutional reform and citizenship.