Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Femminismo. A livello mondiale il 90% disistima le femministe. – ONU.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-03-24.

Femministe 001

Premettiamo che il report citato usa il termine ‘woman’ come sinonimo di ‘femminista’, ossia il modo con cui i liberal presentano la figura femminile in accordo alla loro ideologia..

*

Lo United Nations Development Programme (UNDP) ha rilasciato un report di dati raccolti a livello mondiale:

2020 Human Development Perspectives. Tackling Social Norms. A game changer for gender inequalities.

Una cosa sono gli stati occidentali retti dai liberal socialisti.

«Only 24 percent of the parliamentarian seats are held by women, and they represent only 5 percent of heads of government in 2019 »

«women representing only 21 per­cent of the world’s employers and 12 percent of the top billionaires»

«in S&P 500 companies: only 5.8 percent of CEOS are fe­male»

Ma il resto del mondo esiste, e la pensa in modo molto differente.

«a newly-published report by the United Nations Development Programme (UNDP) …. contains data from 75 countries, covering over 80% of the world’s population.»

«Gender equality: Most people are biased against women, UN says»

«A new study shows that almost 90% of people worldwide are biased against women and around half perceive men to make better leaders»

«And nearly 30% of people think it’s justified for a husband to beat his wife»

«around half of the world’s population feel that men make better political leaders»

«while over 40% think men make better business executives and have more right to a job when work availability is limited»

«According to the report, about half of the world’s men and women feel that men make better political leaders»

«In China, 55% of people thought men were better suited to be political leaders»

«Around 39% of people in the US, which is yet to have a female president, thought men made better leaders»

«In the UK, 25% of people thought men should have more right to a job than women and said men made better business executives than women did. In India that figure was 69%»

* * * * * * *

I liberal socialisti hanno un severo problema di identità. Con l’implosione dell’Unione Sovietica il socialismo morì, anche se i socialisti erano ancora vivi, frastornati dall’accaduto. In quel momento le istanze etiche dell’ideologia liberal erano restate gli unici elementi di possibile aggregazione. Ma i liberal sono una piccola parte del mondo, sia per popolazione sia per potenza economica: era nella logica del sistema che non avrebbero potuto imporre le loro visioni a tutto il mondo.

Quando a livello mondiale il 90% disistima le femministe diventa molto difficile affermare che questo movimento raccolga molti consensi. È nel suo destino scomparire, non certo rimpianto.

*


Gender equality: Most people are biased against women, UN says

A new study shows that almost 90% of people worldwide are biased against women and around half perceive men to make better leaders. And nearly 30% of people think it’s justified for a husband to beat his wife.

Women around the world still suffer from widespread gender bias, according to a newly-published report by the United Nations Development Programme (UNDP).

The study measures how people’s social beliefs inhibit gender equality in areas including education, politics and the work force. It contains data from 75 countries, covering over 80% of the world’s population.

Pedro Conceicao, director of the Human Development Report Office at UNDP, said that while progress has been made in giving women the same access to basic needs as men in education and health, gender gaps remain in areas “that challenge power relations and are most influential in actually achieving true equality.” 

Figures reveal gender divide

The UNDP analysis found that despite decades-long efforts to close the gender divide, around half of the world’s population feel that men make better political leaders, while over 40% think men make better business executives and have more right to a job when work availability is limited. Almost 30% of people think it’s  justified for a husband to beat his wife.

Women hold only 24% of parliamentary seats globally and they make up less than 6% of chief executives in S&P 500 companies, the study showed. 

Countries with the highest numbers of people showing any kind of bias against gender equality are Jordan, Qatar, Nigeria, Pakistan and Zimbabwe. The countries with the lowest levels of gender bias are Andorra, the Netherlands, Norway and Sweden.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Unione Europea che galoppa verso la irrilevanza politica internazionale.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-27.

Microsoft PowerPoint - Folien-EU_März2017_it.pptx

 

Il 14 ed il 15 dicembre si è tenuta a Doha un Forum internazionale di politica estera. Erano presenti tutti gli stati che contano e quelli che avrebbero voluto contare qualcosa. Erano presenti personalità di grande spessore e notevole peso, ma anche una congerie di personaggi quasi ignoti: alcuni consci del proprio stato, altri smaniosi di un protagonismo grottesco. Ma anche le assenze avevano il loro peso.

«Last weekend (14-15 December) the Doha Forum took place in, well, Doha, the capital of Qatar. The Gulf is in the middle of international politics for many reasons …. Since 2015 a devastating war has been going on in Yemen, where Saudi Arabia and the United Arab Emirates are fighting the Houthi rebels, who are supported by Iran …. In the Strait of Hormuz, in the Persian Gulf, ships have been attacked, putting the international trade of oil in peril.

And on 14 September 2019 one of the main oil fields of Saudi Arabia was destroyed in a drone attack, allegedly coordinated by Iran»

«On top of that a Saudi-led coalition with countries like the United Arab Emirates, Egypt, Jordan and Bahrain started a blockade of Qatar in order to force it to change its policy»

«According to the Saudis, Qatar would support revolutions and Islamists through its news channel Al Jazeera and would have paid terrorist groups like ISIS. The Saudis also wanted to stop the good relations between Qatar and Iran»

«The yearly Doha Forum is, just like the Brussels Forum or the Munich Conference, a geopolitical conference on the highest level, where speakers usually are presidents, prime ministers or foreign ministers»

«If you see the prime minister of Malaysia, Russian foreign minister Sergei Lavrov, Iranian foreign minister Javad Zarif, Turkish foreign minister Mevlüt Cavusoglu, or Ivanka Trump, the US president’s daughter/advisor, on the speakers’ list, then you understand this conference is one of the places to give a message to the world»

«That is why it was surprising to see that there was not one speaker from the European Commission, nor from the European Council or the Parliament»

«Even more embarrassing was the fact that there was even a panel with the title “A Stronger Role for Europe in the International Arena: What would it take?” …. The 11 (!) speakers in the panel were the foreign ministers of Poland, Slovakia, Bosnia and Herzegovina, and a few household names like Carl Bildt, former prime minister and foreign minister of Sweden.»

«Where the conference counted a few thousand participants, the room for the discussion on the European Union could only hold 40 people. …. Nobody talks about the EU anymore»

«Even in a more structural way, many of the key countries of the Middle East and North Africa are part of Europe’s neighbourhood policy»

«Despite all that, the European Union was hardly ever mentioned in the more than 20 hours of geopolitical discussions»

«One can only conclude that the EU is not only losing influence»

«If the EU is not stepping up its foreign policy, it might fall into geopolitical irrelevance»

* * * * * * *

L’attuale Unione Europea è retta da un triunvirato matriarcale: Frau Angela Merkel, Frau Ursula von der Leyen, Mrs Christine Lagarde. In seno all’Unione hanno un grande potere e si osannano vicendevolmente, indirizzandosi l’una con l’altra encomi altamente laudativi. Ma fuori da questo pollaio, contano meno del fango nelle strade.

Lo schiaffo al’Europa, a questa dirigenza, è assordante e sonoro: nessuna delle alte cariche europee è stata invitata: al contrario, hanno parlato i ministri degli esteri di Polonia, Slovakia, e Bosnia and Herzegovina. Consci dei loro limiti, ma proprio per questo apprezzati ed ascoltati con cura.

Eppure erano presenti Lavrov ed Ivanka Trump. I cinesi hanno preferito non intromettersi un un problema tutto occidentale.

* * * * * * *

«the European Union was hardly ever mentioned in the more than 20 hours of geopolitical discussions»

«One can only conclude that the EU is not only losing influence»

«If the EU is not stepping up its foreign policy, it might fall into geopolitical irrelevance»

Un Otto von Bismarck non avrebbe mai tollerato un fatto del genere, ma lui aveva nelle vene testosterone da vendere.

Queste tre cocorite stanno portando l’Unione Europea allo sfascio, alla irrilivanza.

*


EU Observer. 2019-12-25. Has Europe’s foreign policy lost relevance?

Last weekend (14-15 December) the Doha Forum took place in, well, Doha, the capital of Qatar. The Gulf is in the middle of international politics for many reasons.

Since 2015 a devastating war has been going on in Yemen, where Saudi Arabia and the United Arab Emirates are fighting the Houthi rebels, who are supported by Iran.

In the Strait of Hormuz, in the Persian Gulf, ships have been attacked, putting the international trade of oil in peril.

And on 14 September 2019 one of the main oil fields of Saudi Arabia was destroyed in a drone attack, allegedly coordinated by Iran.

On top of that a Saudi-led coalition with countries like the United Arab Emirates, Egypt, Jordan and Bahrain started a blockade of Qatar in order to force it to change its policy.

According to the Saudis, Qatar would support revolutions and Islamists through its news channel Al Jazeera and would have paid terrorist groups like ISIS. The Saudis also wanted to stop the good relations between Qatar and Iran.

Since then the border between Saudi Arabia and Qatar has been closed, as well as the airspace of almost all its neighbouring countries, except for Iraq and Iran.

However, for a few weeks the tensions in the Gulf are slightly decreasing. One sign is that the King of Saudi Arabia did send an invitation to the emir of Qatar to attend the annual meeting of the Gulf Cooperation Council (GCC).

Where was EU in Doha?

The yearly Doha Forum is, just like the Brussels Forum or the Munich Conference, a geopolitical conference on the highest level, where speakers usually are presidents, prime ministers or foreign ministers.

If you see the prime minister of Malaysia, Russian foreign minister Sergei Lavrov, Iranian foreign minister Javad Zarif, Turkish foreign minister Mevlüt Cavusoglu, or Ivanka Trump, the US president’s daughter/advisor, on the speakers’ list, then you understand this conference is one of the places to give a message to the world.

Moussa Faki Mahamat, the ‘Ursula von der Leyen’ of the African Union (AU) was speaking, as well as several other commissioners from the AU.

That is why it was surprising to see that there was not one speaker from the European Commission, nor from the European Council or the Parliament.

Even more embarrassing was the fact that there was even a panel with the title “A Stronger Role for Europe in the International Arena: What would it take?”

The 11 (!) speakers in the panel were the foreign ministers of Poland, Slovakia, Bosnia and Herzegovina, and a few household names like Carl Bildt, former prime minister and foreign minister of Sweden.

Symbolically, the Doha Forum put this panel in such a small sideroom that the panel almost took up more space than the public.

Where the conference counted a few thousand participants, the room for the discussion on the European Union could only hold 40 people.

Nobody talks about the EU anymore

One could argue that the timing of the conference was not ideal to send someone of the European Union.

Only at the start of this month was the new commission installed, as well as the new president of the European council, Charles Michel. The new high representative of the EU for foreign affairs, Josep Borrell, too has only be in-situ for two weeks.

But even without a physical representation, one would expect the EU to pop up in discussions.

After all, it was the EU that sealed the nuclear agreement with Iran (JCPOA) – and that stuck to it despite the fact that the United States pulled out of it.

Even in a more structural way, many of the key countries of the Middle East and North Africa are part of Europe’s neighbourhood policy.

Despite all that, the European Union was hardly ever mentioned in the more than 20 hours of geopolitical discussions.

One can only conclude that the EU is not only losing influence.

If the EU is not stepping up its foreign policy, it might fall into geopolitical irrelevance.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Geopolitica Mondiale, Medio Oriente, Problemia Energetici

Qatar. Esce dall’Opec e si concentra sul gas naturale.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-03.

2018-12-03__Qatar__001

«Qatar has announced it is pulling out of the Opec oil producers’ cartel, just days before the group meets in Vienna»

*

«Qatar produces around 650,000 of barrels of oil a day, compared with Russia’s 11.37 million barrels a day.»

*

«The Gulf state, which joined Opec in 1961, said it would leave the cartel in January and would focus on gas production»

*

«Qatar, the world’s biggest exporter of liquified natural gas, has been boycotted by some Arab neighbours over allegations that it funds terrorism»

*

«Opec is expected to cut oil supply at this week’s meeting»

*

«We don’t have great potential (in oil), we are very realistic. Our potential is gas»

*

«Expectations are high that there will be agreement on output after Russian President Vladmir Putin said at the weekend that he and Saudi Arabia’s Crown Prince Mohammed bin Salman “have agreed to extend our agreement” to limit production»

* * * * * * * *

Il braccio di ferro è evidente.

Da una parte i paesi produttori vorrebbero poter spuntare prezzi alti, e quindi sono favorevoli ad una riduzione della estrazione; dall’altra parte i paesi consumatori vorrebbero poter ottenere i prodotti petroliferi a basso costo.

Recentemente Mr Trump aveva constato come un basso costo del petrolio fosse equivalente negli Stati Uniti ad una riduzione delle tasse, ma i produttori avevano obiettato che il ragionamento era corretto, ma che loro non erano sicuramente di accordo nel dover pagarne il costo per conto degli gli americani.

Per quanto riguarda il mercato del gas naturale liquefatto, gli osservatori fanno notare che, essendo gli americani degli esportatori, avrebbero tutto da guadagnare da prezzi elevati. Da questo punto di vista il Qatar si sarebbe trovato un socio di non poco peso.


Bbc. 2018-12-03. Qatar pulls out of Opec oil producers’ cartel

Qatar has announced it is pulling out of the Opec oil producers’ cartel, just days before the group meets in Vienna.

The Gulf state, which joined Opec in 1961, said it would leave the cartel in January and would focus on gas production.

Qatar, the world’s biggest exporter of liquified natural gas, has been boycotted by some Arab neighbours over allegations that it funds terrorism.

Opec is expected to cut oil supply at this week’s meeting.

Explaining Qatar’s decision, Energy Minister Saad al-Kaabi said: “We don’t have great potential (in oil), we are very realistic. Our potential is gas.”

He said geopolitics was not factor in the decision.

Since June 2017, Qatar has been cut off by some of its powerful Arab neighbours, particularly Saudi Arabia, over its alleged support for terrorism.

Production cuts

Qatar’s withdrawal from Opec may not have any lasting impact on the price of oil as it a relatively small producer.

But this week’s meeting of Opec is being closely watched by markets for any agreement over cuts to production after the oil price fell sharply in November.

Expectations are high that there will be agreement on output after Russian President Vladmir Putin said at the weekend that he and Saudi Arabia’s Crown Prince Mohammed bin Salman “have agreed to extend our agreement” to limit production.

Russia is not a member of Opec but is the biggest oil producer outside the group.

Mr Putin’s comments pushed oil prices higher. In early trading on Monday, Brent crude was $2.60 higher at $62.06 a barrel, while US West Texas Intermediate oil rose $2.42 to $53.35 a barrel.

However, prices are down sharply from September when Brent crude was at $81.16 a barrel.

Qatar produces around 650,000 of barrels of oil a day, compared with Russia’s 11.37 million barrels a day.

Pubblicato in: Banche Centrali, Medio Oriente

Turkia. Accordo con Qatar, che erogherebbe 13 mld Usd.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-19.

2018-06-27__Trump_Suprema_Corte__001

La politica di fedeli rapporti amicali genera sempre buoni frutti.

«Gulf nation’s banking sector has considerable exposure to Turkey»

*

«Qatar’s emir headed to Turkey on Wednesday for talks with President Recep Tayyip Erdogan who is dealing with a collapse of the lira currency and deteriorating relations with the United States»

*

«Ad agevolare il soccorso dell’Emiro, la fedeltà dimostrata da Ankara nei confronto del ricco alleato del Golfo durante i lunghi anni della crisi siriana, e soprattutto nell’ultima fase in cui gli altri Paesi dell’area, con in testa l’Arabia Saudita, hanno deciso di forzare la mano rompendo le relazioni diplomatiche con i «nemici» sciiti del Qatar»

*

«Dopo un incontro di tre ore e mezza ad Ankara, l’Emiro del Qatar, lo sceicco Al Thani, ha promesso che il suo Paese investirà 15 miliardi di dollari — circa 13 miliardi di euro — in Turchia»

* * * * * * * *

Ben difficilmente saranno i quindici miliardi erogati dall’emiro del Qatar che potranno tamponare la crisi della Turkia.

Non dovrebbe però essere sottovalutato l’impatto politico e psicologico di una simile manovra.

Si resta invece molto incuriositi dall’attuale silenzio del Presidente Putin.


Gulf New. Banking. 2018-08-16. Qatar’s emir heads to Turkey for talks with Erdogan

Gulf nation’s banking sector has considerable exposure to Turkey.

*

Dubai: Qatar’s emir headed to Turkey on Wednesday for talks with President Recep Tayyip Erdogan who is dealing with a collapse of the lira currency and deteriorating relations with the United States.

Emir Tamim Bin Hamad Al Thani and Erdogan are expected to discuss “means of strengthening the existing strategic cooperation between the two countries in various fields”, the state news agency QNA reported.

Qatar National Bank, the Middle East and North Africa’s largest bank, in 2016 completed the acquisition of Turkey’s Finansbank. Now around 15 per cent of QNB’s assets and 14 per cent of its loans relate to Turkey, according to Arqaam Capital.

Commercial Bank, Qatar’s third largest bank by assets, has been deploying more capital and focus on its Turkey business in a bid to benefit from closer political ties between the two countries. The lender owns Turkey’s Alternatifbank.


Corriere. 2018-08-16. Soccorso di lusso per Erdogan: in arrivo fondi dal Qatar per 13 miliardi

La promessa dell’Emiro dopo l’incontro ad Ankara. E il presidente turco manda segnali di disgelo all’Europa: liberato dopo 14 mesi il presidente onorario di Amnesty.

*

Nel pieno del tracollo finanziario dello scorso finesettimana, Recep Tayyip Erdogan aveva promesso minaccioso dalle colonne del New York Times che la Turchia si sarebbe cercata presto «nuovi alleati» dopo il voltafaccia degli Stati Uniti con i nuovi dazi decisi da Trump. Detto, fatto. Dopo un incontro di tre ore e mezza ad Ankara, l’Emiro del Qatar, lo sceicco Al Thani, ha promesso che il suo Paese investirà 15 miliardi di dollari — circa 13 miliardi di euro — in Turchia. E la notizia ha contribuito a risollevare il corso della lira, il cui valore è risalito del 6% dopo le pesantissime perdite consumate nell’ultima settimana.

Una boccata d’ossigeno essenziale per i mercati, ma anche per Erdogan, rimasto spiazzato dalla «aggressione» americana e determinato a salvare il suo Paese — e il consenso al suo potere — dal tracollo economico-finanziario. Ad agevolare il soccorso dell’Emiro, la fedeltà dimostrata da Ankara nei confronto del ricco alleato del Golfo durante i lunghi anni della crisi siriana, e soprattutto nell’ultima fase in cui gli altri Paesi dell’area, con in testa l’Arabia Saudita, hanno deciso di forzare la mano rompendo le relazioni diplomatiche con i «nemici» sciiti del Qatar.

Ma la strategia diplomatica di Erdogan per uscire dall’angolo non si ferma qui. Il secondo fronte aperto dal governo turco per risalire la china politica ed economica sembra essere proprio quello europeo. Già negli scorsi giorni un canale era sembrato aprirsi con la Germania quando la cancelliera Angela Merkel aveva sottolineato che «nessuno ha interesse in una destabilizzazione economica della Turchia». Ieri Erdogan ha dato seguito ai segnali tedeschi trattenendosi al telefono con Merkel, alla quale farà visita, dopo mesi di alta tensione, a settembre. E oggi è in programma un contatto telefonico con l’altro leader forte europeo, il francese Emmanuel Macron.

A testimoniare la volontà di riavvicinarsi all’Ue — per lo meno sulla carta — è arrivata anche la decisione inattesa da parte del governo turco di liberare dopo 14 mesi di prigionia Taner Kilic, presidente onorario di Amnesty in Turchia, incarcerato lo scorso anno con l’accusa di far parte della rete dell’imam Fethullah Gulen, considerato da Ankara il «mandante» del tentato golpe del 2016.

Un segnale politico ancora più evidente considerato che arriva nelle stesse ore in cui la corte di Istanbul ha respinto un secondo appello da parte della difesa del pastore Andrew Brunson per la sua liberazione. Mano tesa all’Europa, pungo di ferro con gli americani dunque. Anche sul piano più concreto: dopo l’approvazione delle tariffe anti-turche da parte degli Usa lo scorso venerdì, Erdogan ha risposto firmando il decreto che impone nuovi dazi dal 50 al 140% su prodotti di importazione americana come riso, alcol, tabacco e automobili. E pur senza porre tariffe esplicite, per completare il quadro, Erdogan ha invitato i suoi concittadini a boicottare anche i prodotti americani nel settore dell’elettronica: a partire dagli iPhone.

Pubblicato in: Armamenti, Medio Oriente

Qatar vorrebbe aderire alla Nato.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-11.

Qatar 001

Il Medio Oriente è uno scacchiere geopolitico davvero molto complesso.

Virtualmente, tutti gli stati che vi appartengono si odiano l’un l’altro di odi secolari, laddove alle lotte religiose ed etniche si sono aggiunte negli ultimi decenni anche quelli economici.

Poi, come se la cosa non fosse sufficiente, tutte le grandi potenze mondiali stanno versano a piene mani benzina sul fuoco.

Per finire, come se poi ce ne fosse stato tanto bisogno, il carattere degli arabi è spesso ambiguo, le loro posizioni sempre sfumate, e con grande facilità sanno tenere il piede non in due, ma anche in quattro scarpe. Con loro, nulla potrebbe mai dirsi definitivo.

Se è vero che usualmente mantengono le parole date, sarebbe altrettanto vero ammettere che cerchino in ogni modo di eluderne gli obblighi.

*

«Il Qatar aspira a entrare nell’Alleanza atlantica»

*

«Il vicepremier ha precisato che il Qatar è già preparato al dispiegamento di «qualsiasi unità della Nato» sul suo territorio»

*

«Le dichiarazioni arrivano a un anno dal blocco economico lanciato dal cosiddetto Quartetto (Arabia Saudita, Emirati arabi, Bahrein, Egitto).»

*

«Doha ha però sempre respinto le accuse di appoggiare «gruppi terroristici», come Hamas o Hezbollah»

*

«L’Arabia Saudita ha di nuovo minacciato di invadere il piccolo regno se procederà all’acquisto del sistema anti-aereo russo S-400»

*

«Il Qatar resta un alleato militare chiave degli Usa»

*

«Vicino a Doha c’è la base americana di Al-Udeid, la più grande in Medio Oriente, con oltre cinquemila uomini schierati e decine di cacciabombardieri»

* * * * * * *

Ad oggi non sembrerebbe essere stata presentata domanda ufficiale di adesione del Qatar alla Nato. L’idea di richiedere l’ingresso nella Nato e, contemporaneamente, quella di voler comprare sistemi S-400, sembrerebbero essere davvero conflittuali.

Ragionando sulla base dei dati ufficiali disponibile, questa iniziativa sembrerebbe rientrare più in un captatio benevolentiae che di preliminare ad una proposta formale.

Di certo, un’adesione del genere rimescolerebbe tutte le carte in Medio Oriente in modo violento, causando anche ire furibonde di altre potenze.


La Stampa. 2018-06-07. Il Qatar vuole entrare nella Nato

Il Qatar aspira a entrare nell’Alleanza atlantica. La rivelazione è stata fatta da vicepremier Khaled bin Mohammad Al-Attiyah alla rivista militare «Al-Talia»: l’ambizione a medio termine è «la piena adesione alla Nato». Il vicepremier ha precisato che il Qatar è già preparato al dispiegamento di «qualsiasi unità della Nato» sul suo territorio e che la collaborazione con i Paesi che fanno parte è «ai massimi livelli». 

Le dichiarazioni arrivano a un anno dal blocco economico lanciato dal cosiddetto Quartetto (Arabia Saudita, Emirati arabi, Bahrein, Egitto). Lo scontro all’interno degli alleati occidentali nel Golfo è nato dall’appoggio del Qatar ai Fratelli musulmani e dalle sue posizioni più concilianti con l’Iran, con il quale condivide il più grande giacimento di gas al mondo. 

Doha ha però sempre respinto le accuse di appoggiare «gruppi terroristici», come Hamas o Hezbollah. Il blocco non ha finora messo in ginocchio l’economia qatarina, che l’anno scorso è cresciuta dell’1,9 per cento, in leggero rallentamento rispetto al più 2,2 per cento del 2016. Ma le tensioni restano altissime. L’Arabia Saudita ha di nuovo minacciato di invadere il piccolo regno se procederà all’acquisto del sistema anti-aereo russo S-400. Mosca ha confermato che le trattative sono in corso. 

L’affare è però poco probabile. Il Qatar resta un alleato militare chiave degli Usa. Vicino a Doha c’è la base americana di Al-Udeid, la più grande in Medio Oriente, con oltre cinquemila uomini schierati e decine di cacciabombardieri. La Turchia, altro Paese della Nato, ha aperto a sua volta una base e dispiegato un battaglione meccanizzato. Ankara è in questo momento il più stretto partner di Doha ma Washington sta premendo sugli alleati del Golfo per una riconciliazione perché in questo momento il fronte anti-Iran è indebolito. Le dichiarazioni del vicepremier si inseriscono in questa battaglia diplomatica, con il Qatar che vuole dimostrare di essere l’alleato “più affidabile” dell’Occidente sul fronte mediorientale. 

Pubblicato in: Giustizia, Medio Oriente

Egitto. Mursi condannato per spionaggio. Il problema della democrazia.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-21.

Egypt 005

«An Egyptian court on Saturday sentenced ousted president Mohammed Mursi of the Muslim Brotherhood to 25 years in prison in a final ruling over a case accusing him of spying for Qatar»

*

«Mursi, democratically elected after Egypt’s 2011 revolution, was overthrown in mid-2013 by then-general Abdel Fattah al-Sisi, now the president, following mass protests against his rule. He was immediately arrested»

*

«Egypt’s Court of Cassation reduced Mursi’s sentence in the Qatar case to 25 years in its final ruling, from an original 40 years»

* * * * * * * *

Il problema posto trascende però quanto successo in Egitto.

Cerchiamo di esporlo con ordine, pur nella ristrettezza degli spazi di un articolo internet.

«Mohamed Morsi born 8 August 1951 is an Egyptian politician who served as the fifth President of Egypt, from 30 June 2012 to 3 July 2013, when General Abdel Fattah el-Sisi removed Morsi from office in the 2013 Egyptian coup d’état after the June 2013 Egyptian protests.

As president, Morsi issued a temporary constitutional declaration in late November that in effect granted him unlimited powers and the power to legislate without judicial oversight or review of his acts. The new constitution that was then hastily drawn up by the Islamist-dominated constitutional assembly, presented to the president, and scheduled for a referendum, before the Supreme Constitutional Court could rule on the constitutionality of the assembly, was described by independent press agencies not aligned with the regime as an “Islamist coup”. These issues, along with complaints of prosecutions of journalists and attacks on nonviolent demonstrators, led to the 2012 Egyptian protests. As part of a compromise, Morsi rescinded the decrees. In the referendum he held on the new constitution it was approved by approximately two thirds of voters. ….

He was unseated on 3 July by a military coup council ….

The Muslim Brotherhood protested against the military coup, but the pro-Morsi protests were crushed in the August 2013 Rabaa massacre in which at least 817 civilians were killed » [Fonte]

Ricapitoliamo i punti di interesse:

– Mr Mursi era stato eletto a suffragio universale alla Presidenza dell’Egitto;

– La nuova costituzione che aveva promulgato era stata approvata con un referendum popolare da circa i due terzi degli elettori.

– Questa costituzione “granted him unlimited powers and the power to legislate without judicial oversight or review of his acts ….  was then hastily drawn up by the Islamist-dominated constitutional assembly, presented to the president, and scheduled for a referendum, before the Supreme Constitutional Court could rule on the constitutionality of the assembly”.

– Rimosso e sottoposto a processo, è stato trovato colpevole di intelligenza con una potenza estera.

* * *

Si dovrebbe prendere atto di almeno quattro eventi:

  1. Mr Mursi era stato eletto dal popolo sovrano a suffragio universale;

  2. La nuova costituzione era stata approvata in sede referendaria dai due terzi dei votanti;

  3. La nuova costituzione legalizzava al presidente un potere non controbilanciato dagli altri poteri dello stato;

  4. La sua destituzione fu attuata con un pronunciamento anche sanguinoso, ritenuto essere “democratico” perché si opponeva ad una costituzione ritenuta non essere tale.

* * *

Il nodo centrale è cosa si intenda, come si definisca, il termine abusato di “democrazia“.

Treccani fornisce questa definizione:

«Forma di governo che si basa sulla sovranità popolare e garantisce a ogni cittadino la partecipazione in piena uguaglianza all’esercizio del potere pubblico.»

Come tutte le definizioni in materia, anche questa risente dei concetti meta-giuridici ispiratori. In questa sede sarebbe sufficiente notare come la “partecipazione” sia un mezzo e non un fine. Cerchiamo di spiegarci meglio: Hitler entrò nel Bundestag a seguito di elezioni a suffragio universale, in cui tutti i cittadini erano pienamente eguali nell’esercizio del potere di voto. Ma ben difficilmente ciò che ne seguì potrebbe essere definito “democratico“. Sono i principi meta-giuridici che identificano il fine, indipendentemente dai mezzi usati per conseguirlo.

Di certo possiamo notare come questa definizione disgiunga il concetto di democrazia da quello di suffragio universale. Le grandi democrazie dell’ottocento fecero cose mirabili, quali la industrializzazione delle nazioni, la costruzione delle reti ferroviarie, l’erezione di argini ai fiumi, ed infine introdussero capillarmente l’energia elettrica: investimenti colossali di pubblico beneficio, eppure a quei tempi il voto era censuale. Forse il “pubblico beneficio” meglio avrebbe indicato il significato di democrazia, anche se la defizione dovrebbe essere ulteriormente chiarita.

Difficile quindi dare un giudizio sereno sulla costituzione varata da Mr Mursi. Non è infatti dogma di fede che potere legislativo, esecutivo e giudiziario debbano per forza di cosa essere indipendenti, sempre poi che lo possano essere. Anzi, quasi di norma, l’apparente indipendenza serve solo come scudo protettivo alla sudditanza sostanziale del potere giudiziario a quello politico, come è accaduto sotto l’Amministrazione Obama. In una nazione come gli Stati Uniti le alte cariche della giustizia sono a nomina presidenziale dietro parere favorevole del senato: la nomina è quindi politica, eppure ben difficilmente si potrebbe dire che gli Stati Uniti non siano una nazione democratica. In Germania i giudici sono di nomina governativa, tanto per rinfrescarci la memoria.

Problemi di vasta portata, sui quali sarebbe ben necessario un approfondimento più oggettivo il possibile.

Così come sarebbe altrettanto necessario un ripensamento globale sui concetti metagiuridici che improntano le giurisprudenze e le legislazioni. Il pluralismo etico genera mostri.

Da ultimo, ma non certo per ultimo, si dovrebbe anche ponderare il diritto usualmente riconosciuto al popolo di rivoltarsi contro gli abusi, anche con la forza.

Ripetiamo, problemi non da poco, ma da valutarsi con cura.

In conclusione: è impossibile dare una definizione soddisfacente di democrazia senza prima aver chiaramente stabilito un contesto metagiuridico oggettivo, non soggettivo. Di certo, se questo è ritenuto essere variabile e mutevole, il termine “democrazia” può assumere qualsiasi significato gli si voglia dare.


Reuters. 2017-09-17. Egypt court sentences Mursi to 25 years in Qatar spy case

CAIRO (Reuters) – An Egyptian court on Saturday sentenced ousted president Mohammed Mursi of the Muslim Brotherhood to 25 years in prison in a final ruling over a case accusing him of spying for Qatar, judicial sources said.

Mursi, democratically elected after Egypt’s 2011 revolution, was overthrown in mid-2013 by then-general Abdel Fattah al-Sisi, now the president, following mass protests against his rule. He was immediately arrested.

Egypt’s Court of Cassation reduced Mursi’s sentence in the Qatar case to 25 years in its final ruling, from an original 40 years.

Mursi is already serving a 20-year sentence after being convicted for the killing of protesters during demonstrations in 2012.

Since toppling Mursi, Sisi has clamped down on dissent. Mass trials have been held for thousands of Muslim Brotherhood supporters, and hundreds have received death sentences or lengthy prison terms.

In 2014, Egypt charged Mursi and nine others with endangering national security by leaking state secrets and sensitive documents to Qatar. Egypt’s relations with Doha were already troubled by Qatar’s backing of Mursi.

Egypt is one of four Arab nations in a Saudi-led bloc that cut relations with the Gulf state on June 5, accusing it of backing militant groups and cooperating with their arch-foe Iran, allegations Doha denies.

Pubblicato in: Medio Oriente

Sanzioni. Esportazioni Iran verso il Qatar aumentate del 60%.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-02.

Qatar 001

«Lo scorso 23 giugno le autorità del Kuwait, che svolgono un ruolo di mediazione, hanno consegnato al Qatar una lista di 13 richieste presentate dai paesi del Golfo per porre fine alla crisi»

*

«Tra le richieste, che dovevano essere soddisfatte da Doha entro 10 giorni (con scadenza il 3 luglio), vi erano la chiusura dell’emittente televisiva “al Jazeera” e la fine dei rapporti con l’Iran»

*

«Una terza richiesta riguardava la chiusura della base militare turca in Qatar e la fine della cooperazione tra Ankara e Doha»

*

«Lo scorso 5 giugno i quattro paesi arabi e del Golfo hanno annunciato la rottura dei rapporti diplomatici con Doha, ritirando i propri ambasciatori»

* * * * * * *

«L’Iran ha incrementato di circa il 60 per cento le esportazioni di prodotti non petroliferi verso il Qatar nei primi cinque mesi del corrente anno persiano (dal 21 marzo al 21 agosto), rispetto allo stesso periodo di riferimento dell’anno precedente»

* * * * * * *

Annunciare prese di posizioni drastiche, quali per esempio l’imposizione di sanzioni, ha un senso logico solo ed esclusivamente se si sia poi in grado di mantenere ciò che è stato annunciato.

Senza una netta preponderanza economica e finanziaria, le sanzioni altro non fanno che spingere lo stato sanzionato a rafforzare i propri legami politici, militari ed economici con quanti si siano dimostrati essere amici.

Questo discorso vale sia per le sanzioni poste dall’Unione Europea alla Russia, sia per quelle dei paesi del Golfo contro il Qatar. Si sono rivelate essere inutile, se non anche dannose.

Solo le vie diplomatiche producono frutti.


Agenzia Nova. 2017-08-28. Iran-Qatar: esportazioni prodotti non petroliferi verso Doha in aumento del 60 per cento.

L’Iran ha incrementato di circa il 60 per cento le esportazioni di prodotti non petroliferi verso il Qatar nei primi cinque mesi del corrente anno persiano (dal 21 marzo al 21 agosto), rispetto allo stesso periodo di riferimento dell’anno precedente. Lo rivelano i dai dell’Agenzia delle dogane, secondo quanto riporta oggi l’agenzia stampa iraniana “Fars News”. L’Iran ha esportato verso il Qatar nel corso dei primi cinque mesi dell’anno persiano 737.500 tonnellate di merci del settore non petrolifero, pari ad un valore di 67,5 milioni di dollari. Le esportazioni verso il Qatar hanno registrato una crescita del 30,8 per cento e del 60,57 per cento rispettivamente in termini di volume e valore rispetto allo stesso periodo del precedente anno fiscale. Le imprese iraniane, specialmente quelle del settore alimentare, si sono impegnate ad espandere i legami con il Qatar in seguito alla crisi diplomatica fra Doha ed i paesi del Quartetto arabo (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti ed Egitto) proclamata lo scorso 5 giugno. I dati dell’amministrazione doganale iraniana mostrano, inoltre, che nel mese di agosto sono stati esportati prodotti pari ad un valore di circa 24,6 milioni di dollari, mentre nel mese precedente la cifra si è aggirati sui 20 milioni di dollari circa.


Agenzia Nova. 2017-08-28. Iran-Qatar: fonti stampa, ambasciatore di Doha riprende sue funzioni a Teheran.

Lo scorso 23 giugno le autorità del Kuwait, che svolgono un ruolo di mediazione, hanno consegnato al Qatar una lista di 13 richieste presentate dai paesi del Golfo per porre fine alla crisi. Tra le richieste, che dovevano essere soddisfatte da Doha entro 10 giorni (con scadenza il 3 luglio), vi erano la chiusura dell’emittente televisiva “al Jazeera” e la fine dei rapporti con l’Iran. Una terza richiesta riguardava la chiusura della base militare turca in Qatar e la fine della cooperazione tra Ankara e Doha. Le autorità del Qatar avevano subito fatto sapere di ritenere “irragionevoli” e “ostili” alla sovranità nazionale le 13 richieste. La crisi che sta coinvolgendo il Qatar e gli altri paesi della regione potrebbe durare a lungo con gravi rischi, non solo sul piano diplomatico ed economico.

Pubblicato in: Medio Oriente

Qatar finanzierebbe gli estremisti in Catalogna. – Al Arabiya

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-30.

Arabia Saudita Riyadh 001

Chi mai se lo sarebbe potuto immaginare?

Ecco cosa riporta Al Arabiya.

«Qatar financed centers of Islamic worship and mosques in Spain, particularly in the province of Catalonia, where the terrorist attacks happened»

*

«Doha supports the places of worship there through wealthy businessmen, which lead to the growth of the phenomenon of extremism in Spain»

*

«The Barcelona attack, which was adopted by ISIS organization, recalls to mind earlier discussions related to the funding of mosques frequented by extremists in Europe and its relation to terrorist attacks that claimed innocent lives»

*

«funds coming from abroad, especially from Doha to centers of worship in Spain in Catalonia, which became, according to the newspaper, a stronghold of extremism and terrorism»

*

«Spain has more than 1,260 Islamic worship centers, of which 256 are in Catalonia alone, where the highest numbers of immigrants live»

* * * * * * *

Mantenere 1,260 centri di aggregazione islamica non è spesa da poco e la loro concentrazione di 256 centri in Catalogna desterebbe qualche sospetto, tenendo conto che lì risiede solo il 7% dei due milioni e mezzo di islamici che vivono in Spagna.

D’altra parte la resa, ossia il numero di potenziali terroristi da utilizzare poi per attentati è scarna: alla fine si recluta solo un terrorista ogni centomila mussulmani contattati: non sono in molti quelli che nutrono ambizioni suicide e, soprattutto, dopo l’azione non sono più riutilizzabili.

Significativi i titoli dei media spagnoli.

Cataluña, nido del salafismo radical

«Más de ochenta de los cien centros de culto vinculados al yihadismo en España operan en esta comunidad. Empresarios de Qatar financian el adoctrinamiento en sus mezquitas, que aumentan año tras año»

*

La expansión del salafismo en Cataluña

El 70% de los autores de ataques en Europa llegan de Marruecos

Podemos no contempla firmar el pacto antiyihadista

* * * * * * *

Ufficialmente il Qatar dovrebbe essere wahhabita, quasi la stessa setta dell’Arabia Saudita.

La religione ufficiale del regno arabo saudita è l’Islam sunnita, nella sua versione giuridico-teologica del Wahhabismo neo-hanbalita.

Si noti però come l’articolista di Al Arabiya ben si guardi dal’entrare nell’aspetto della differenza religiosa tra Arabia Saudita e Qatar. Usa solo i termini di “extremism and terrorism“.

Molto più velenosi i titoli dei giornali spagnoli, scritti da un qualcuno ben addentro alle beghe religiose e dinastiche mediorientali.

«salafismo radical»

*

«La salafiyya (in arabo: ﺳﻠﻔﻴـة‎), o salafismo, è una scuola di pensiero sunnita che prende il nome dal termine arabo salaf al-ṣaliḥīn (“i pii antenati”) che identifica le prime tre generazioni di musulmani (VII-VIII secolo): i Ṣaḥābi (i “Compagni” di Maometto), i Tābiʿūn (i “Seguaci”, la generazione successiva a quella del Profeta) e i Tābiʿ al-Tābiʿiyyīn (“Coloro che vengono dopo i seguaci”, la terza generazione), tutti considerati dai salafiti modelli esemplari di virtù religiosa.

Punti di riferimento nella storia dei movimenti salafiti sono tre autori e studiosi della Sunna a cui è comunemente attribuito il titolo onorifico di “Shaykh al-Islam”: Aḥmad b. Ḥanbal (780-855), Ibn Taymiyya (1263–1328) e Muḥammad b. ʿAbd al-Wahhāb (1703-1792) ….

Il termine salafismo …. rappresentava di fatto un sinonimo del Wahhabismo.» [Fonte]

*

Qui arriviamo al nocciolo duro: sinonimo, ma non troppo.

«La famiglia Saʿūd e quella di ʿAbd al-Wahhāb, grazie a una precisa politica matrimoniale, hanno finito per imparentarsi più volte nel corso degli anni, e fino a oggi in Arabia Saudita il ministro degli Affari Religiosi è sempre un membro del famiglia Āl al-Shaykh (cioè un discendente di Muḥammad b. ʿAbd al-Wahhāb).» [Fonte]

*

Già.

Il potere del Ministero per gli Affari Religiosi in Arabia Saudita è uno stato nello stato, è appannaggio di una Tribù alleata ma diversa da quella dei Saud.

Ma anche Tamim bin Hamad Al Thani, Emiro del Qatar, ed Abdullah bin Nasser bin Khalifa al-Thani, primo ministro del Qatar dicono che avrebbero un’ascendenza imparentata con la Tribù Āl al-Shaykh. Sai che gioia per i Saud!

In conclusione.

Tra Arabia Saudita e Qatar si potrebbe dire che non scorra buon sangue.


Al Arabiya. 2017-08-23. Spanish newspaper: Qatar financed extremism in Catalonia

A Spanish newspaper revealed that Qatar financed centers of Islamic worship and mosques in Spain, particularly in the province of Catalonia, where the terrorist attacks happened.

The newspaper said in its report that Doha supports the places of worship there through wealthy businessmen, which lead to the growth of the phenomenon of extremism in Spain.

The Barcelona attack, which was adopted by ISIS organization, recalls to mind earlier discussions related to the funding of mosques frequented by extremists in Europe and its relation to terrorist attacks that claimed innocent lives.

A report published in the Spanish newspaper “La Razón” exposed the funds coming from abroad, especially from Doha to centers of worship in Spain in Catalonia, which became, according to the newspaper, a stronghold of extremism and terrorism.

Islamic centers and mosques have been under Spanish security control for years since it started receiving funding from Qatar through wealthy businessmen, the report said.

The data indicate that seven percent of Muslims in Spain, estimated at two and a half million people are based in Catalonia.

Spain has more than 1,260 Islamic worship centers, of which 256 are in Catalonia alone, where the highest numbers of immigrants live.

Pubblicato in: Banche Centrali, Economia e Produzione Industriale, Finanza e Sistema Bancario, Senza categoria, Trump, Unione Europea

Intesa San Paolo nei triboli per il prestito a Rosneft.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-27.

2017-08-04__Trump TELEMMGLPICT000136310797-xlarge_trans_NvBQzQNjv4BqHwnvh86NCImGNxSron0kTyxqUYn5PGopOSNBtx07gTA

Il problema dovrebbe essere noto.

Rosneft. Роснефть. Chi la possiede e chi la comanda.

Germania. L’ex-cancelliere Spd Schröder nel board della russa Rosneft.

Cina. Quanzhou. I Brics decidono cosa farsene dell’Occidente.

Erdogan. Turki in Germania non votate Frau Merkel.

Giovanni P. Dieselgate. Braccio di ferro Usa – Germania. L’Italia latita.

*

Rosneft, Intesa Sanpaolo in prima fila. Maxi-prestito a Glencore e Qatar

«Il consorzio internazionale acquisisce il 19,5% del colosso energetico russo. Dal gruppo italiano fino a 5,2 miliardi. L’interesse dei gruppi internazionali.

Intesa Sanpaolo ha vinto la partita: supporta con un finanziamento fino a un massimo di 5,2 miliardi di euro il consorzio formato da Glencore, leader mondiale nell’attività di produzione e trading di materie prime, e dal Fondo sovrano del Qatar (Qia) per l’acquisizione del 19,5% del capitale di Rosneft. Valore complessivo dell’operazione 10,2 miliardi di euro.»

*

«Glencore couldn’t come up with its half of the Capital by the way, so a Russian Bank floated it a “bridge loan”, until the Italian Bank could approve the Glencore loan — in spite of the Sanctions on the “collateral”»

*

Bene. Banca Intesa San Paolo ha dovuto chiedere il permesso alla Banca Centrale per erogare il prestito alla Rosneft, che è colpita sia dalle sanzioni generiche sia da quelle specifiche ad personam. In poche parole: fare un prestito a quella società è uno dei peggiori reati configurabili all’interno dell’Unione Europea.

Ma omnia munda mundis, dice la Europa Unita: se il prestito fa bene alla Germania è cosa buona, giusta e salutare. Ma questo vale solo nell’Unione Europea.

Non è vero che siano due pesi e due misure: la presenza tedesca santificherebbe anche satanasso in persona. Ma gli altri cosa ne pensano. Quanto vale Frau Merkel?

*

Ma l’Eurozona è solo un decimo dell’economica mondiale. E l’Italia è un settimo dell’economia europea.

Fuori dall’Unione Europea c’è il mastino che morde.

«Italian bank Intesa Sanpaolo has encountered problems syndicating a loan to Glencore and Qatar’s wealth fund to finance their purchase of a stake in the Kremlin-controlled oil major Rosneft because of new U.S. sanctions against Russia»

*

«Four banking sources told Reuters that Western banks including from the United States and France have so far put on hold their participation in the syndication of the 5.2 billion euro ($6.13 billion) loan that Intesa provided last year»

*

«Intesa (ISP.MI) invited about 15 banks to join the loan when it opened the syndication in May»

*

«The banking sources said their compliance departments needed to understand the new sanctions»

*

«they are wary of damaging their relations with Saudi Arabia and the other three Gulf nations embroiled in the dispute.»

*

«the syndication was complicated by a political stand-off between Qatar and Saudi Arabia»

* * * * * * * *

Ricapitoliamo.

– Prendiamo atto che Banca Intesa San Paolo non è in grado di erogare un prestito di 5.2 miliardi di euro, cifra miserrima per una banca.

– Prendiamo atto che le altre banche a livello mondiale si siano rifiutata di partecipare in compagnia di Banca Intesa San Paolo in un’operazione illegale, perché viola le sanzioni contro la Russia.

– Prendiamo atto come due paesi relativamente piccoli, quali l’Arabia Saudita ed il Qatar, possano condizionare l’operato di una banca dell’Unione Europea, infischiandosene palesemente degli interessi tedeschi e di Frau Merkel.

– Prendiamo infine atto che a Mr Trump basta fare una leggina piccola piccola a Washington per bloccare l’Unione Europea.

*

A questo punto verrebbe da chiedersi: ma Frau Merkel chi mai crede di essere?

Nota.

Non si sa dove sia e cosa stia facendo il Governo italiano.


Reuters. 2017-08-26. Exclusive: Russia sanctions disrupt Italian bank’s 5 billion euro loan deal

LONDON/MILAN (Reuters) – Italian bank Intesa Sanpaolo has encountered problems syndicating a loan to Glencore and Qatar’s wealth fund to finance their purchase of a stake in the Kremlin-controlled oil major Rosneft because of new U.S. sanctions against Russia.

Four banking sources told Reuters that Western banks including from the United States and France have so far put on hold their participation in the syndication of the 5.2 billion euro ($6.13 billion) loan that Intesa provided last year.

Intesa (ISP.MI) invited about 15 banks to join the loan when it opened the syndication in May. A loan of this size would normally take between four and six weeks to syndicate, though deals involving emerging markets can sometimes take a few weeks longer.

The banking sources said their compliance departments needed to understand the new sanctions.

They also said the syndication was complicated by a political stand-off between Qatar and Saudi Arabia. Banks are taking a more cautious approach to deals involving Qatar as they are wary of damaging their relations with Saudi Arabia and the other three Gulf nations embroiled in the dispute.

“The syndication is stuck because of new U.S. sanctions on Russia. The new sanctions are so wide-reaching that they will surely impact all similar deals involving Russian state firms,” said a London-based source with a large Western bank invited by Intesa to participate in the syndication.

Intesa, Italy’s largest retail bank, declined to comment. The banking sources did not want themselves or their banks to be named because they were not cleared to speak about the deal and because talks between Intesa and the banks about the syndication are confidential.

Pubblicato in: Armamenti, Medio Oriente, Problemi militari, Unione Europea

Cantieri Navali. L’Italia tira a Mr Macron e Frau Merkel un calcio nei denti.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-08-13.

Aquila_001__Mangia_Topo__

L’argomento è delicato quanto pruriginoso ed importante. Capendolo si comprendono i triboli tedeschi e soprattutto francesi, nonchè molte dinamiche interne la così detta Unione Europea.

La lettura dei link e degli allegati è indispensabile per comprendere l’articolo.


*

Per un certo quale lasso di tempo Mr Macron è diventato l’idolo di moda della sinistra liberal europea.

In Francia Mr Hollande era riuscito nell’improba fatica di disintegrare il partito socialista riducendolo dal 61% all’8%, ma a quel punto erano scese direttamente in campo la massoneria francese e la Banca Rothschild, presentando il proprio candidato alla Presidenza francese: Emmanuel Macron.

Grand Orient de France. 2017-04-13. Sept Obédiences maçonniques lancent un Appel Républicain pour les élections présidentielles – 13 avril 2017.

Quasi onnipotenti quando l’Occidente negli anni sessanta costituiva il 90% del pil mondiale, sempre potenti, ma decisamente ridimensionati, oggi che l’Occidente conta poco più del 40% del pil mondiale e, soprattutto, evidenzia una grossolana frattura tra Usa ed Europa di Mr Macron e Frau Merkel.

*

Macron sarebbe il candidato della Lobby Rothschild e di quella Gay.

Macron laughs off widespread rumours of sexual affair with French radio boss

Lettera aperta di Emmanuel Macron.

*

Francia. Voto presidenziali 2017 per Regione.

Macron denatura la Lione – Torino. Se poi la si finirà di costruire.

Macron & Merkel Masonry Ldt. Iniziano le grandi manovre.

L’enigma della bega Macron – Pierre de Villiers.

*

Macron. L’indice Ifop di popolarità è crollato di 10 punti.

Macron. I francesi si scoprono xenofobi e razzisti. Troppi immigrati incompatibili.

Macron nazionalizza la Stx di Saint-Nazaire. Alla faccia di EU e dell’Italia.

Macron. Affarucci in barba a sanzioni, ‘clima’ e diritti umani. Gli affari francesi sono sacri.

* * *

Il Qatar è il più grande esportatore di gas naturale liquefatto (LNG), e rifornisce di gas naturale tutta la penisola araba. Grande finanziatore del terrorismo islamico in Medio Oriente ed in Europa, è paese amico di chiunque gli permetta di fare buoni affari. Esiste, è forte e potente: sarebbe impossibile non tenerne conto.

«United Arab Emirates — Qatar on Wednesday signed a €5 billion euro (U.S. $5.9 billion) deal to purchase seven naval vessels from Italy»

*

«despite a blockade from neighboring countries»

*

«Qatari Foreign Minister Mohammed bin Abdulrahman Al Thani announced the defense deal at a joint news conference in Doha with Italian Foreign Minister Angelino Alfano»

*

«Qatar, which is the world’s largest liquefied natural gas exporter, and other energy rich Gulf Arab states are among the world’s biggest spenders on military equipment»

*

«Qatar also hosts the hub for U.S.-led operations against the Islamic State group in Iraq and Syria»

* * * * * * *

La posizione del Qatar è quella tipica di ogni paese arabo: tiene il piede in un buon numero di scarpe nella concreta speranza di guadagnarci su qualcosa. Gli arabi sono persone pratiche. Gli Occidentali, specie europei, stentano a comprendere che l’islam è politica, non religione.

Se il Qatar ospita comandi e truppe americane impegnate nella lotta contro il terrorismo in Medio Oriente, nel contempo finanzia in modo sostanzioso i terroristi stessi. È lavoro che genera lavoro. Accettato dalla Realpolitk, è avversato dagli ideologi.

Se è vero che

Trump: Qatar must stop funding terrorism

è altrettanto vero che

Qatar agrees to combat terrorism financing under deal with U.S.

Ma sia Mr Trump sia Mr Tillerson sanno anche che:

Deutsche Bank. Il Qatar mira al 25%. HBJ.

Deutsche Bank. Asset azionario e terrorismo. I proprietari.

Washington. Altro scandalo in casa democratica. Deborah Wasserman Schultz.

Trump ed Arabia Saudita. Quando la Realpolitik vale 100 miliardi cash.

*

L’Unione Europea non intrattiene buoni rapporti con gli stati del Medio Oriente.

Can Merkel press Saudi authorities on women’s rights?

Saudi Arabia ‘wants no more German weapons’: report

Merkel. Una gran brutta figuraccia in Arabia Saudita.

Merkel. Dopo l’Arabia, adesso ci ha ritentato con Mr Putin.

*

In buona sostanza l’Europa, recependo le istanze di Frau Merkel, aveva posto come conditio sine qua non per fornire armamenti ai Paesi del Medio Oriente. LEuropa voleva anche la loro completa accettazione dei ‘valori‘ patrocinati dalla Bundeskanzlerin e del così detto ‘buon governo‘, così come esso è definito dai liberals. In parole povere, i tedeschi e l’Unione gradirebbero che gli arabi si convertissero all’lgbt, diventassero femministi, indicessero elezioni ed eleggessero governanti tedeschi oppure si dimettessero in massa e si facessero sostituire da femmine educate in Europa alla scuola liberal. Questa la loro risposta:

«We will not cause any more problems for the German government with new requests for weapons»

*

Mr Macron aveva mosso Cielo, terra ed inferi per avere questa commissione del Qatar per i cantieri Stx. Ma non ce la ha fatta. Non gliela hanno voluta dare. Adesso dovrebbe essere evidente che la potenza reale di Mr Macron e dei suoi mandanti è stata ampiamente sopravalutata.

E poi. Chi mai si potrebbe fidare di Mr Macron?

Nota sarcastica.

A nessuno è sfuggito come l’intero progetto sia finanziato da Deutsche Bank, in passato di proprietà tedesca. Così i sudditi di Frau Merkel avranno il privilegio di finanziare un progetto da cui la Bundeskanzlerin si è auto esclusa per difendere la propria Weltanschauung, trascinando Mr Macron con lei.

Confermare Mr Macron e Frau Merkel nelle loro rispettive fedi ideologiche è stato un capolavoro psicologico di Mr Tillerson, potentemente aiutato da Mr Putin. I superbi alla fine credono sia vero quanto dicono loro gli adulatori.


Defense News. 2017-08-02. Qatar and Italy sign a nearly $6B deal for naval vessels

DUBAI, United Arab Emirates — Qatar on Wednesday signed a €5 billion euro (U.S. $5.9 billion) deal to purchase seven naval vessels from Italy, a reminder of the small Gulf state’s purchasing power despite a blockade from neighboring countries.

Qatari Foreign Minister Mohammed bin Abdulrahman Al Thani announced the defense deal at a joint news conference in Doha with Italian Foreign Minister Angelino Alfano. They did not provide more details on the deal, saying only that it underscored the countries’ ongoing defense cooperation.

Qatar, which is the world’s largest liquefied natural gas exporter, and other energy rich Gulf Arab states are among the world’s biggest spenders on military equipment. The deals signed over the years with the U.S. and European allies have helped cement bilateral ties, but have also made the diplomatic fallout around Qatar all the more politically sensitive. Qatar also hosts the hub for U.S.-led operations against the Islamic State group in Iraq and Syria.

The dispute erupted in early June when the four countries of Saudi Arabia, the United Arab Emirates, Egypt and Bahrain cut diplomatic ties and transport links with Qatar. Saudi Arabia also sealed shut Qatar’s only land border, impacting a significant source of food imports, and barred it from using its airspace, which has forced Qatar’s flagship carrier to take longer routes over Iran.

The crisis has prompted a flurry of international visits and meetings to try and resolve the crisis.

Earlier this week, the quartet said they would be open to dialogue with Qatar if it accepts their demands to change its policies in the region first. They also insisted that Qatar comply with a sweeping list of 13 demands as well as six broader principles that center around cracking down on terrorism financing.

In remarks at the news conference Wednesday, Al Thani insisted that any talks respect Qatar’s sovereignty and said his country has never put forth conditions for dialogue. He also appeared to dismiss the quartet’s latest comments that Qatar comply with their demands.


Quwa. 2017-08-03. Qatar inks $5.9 billion U.S. naval warship deal with Italy’s Fincantieri

The Qatari government has inked a $5.9 billion U.S. deal with its Italian counterpart for four corvettes, an amphibious landing platform dock (LPD) and two offshore patrol vessels.

Qatar had negotiated the purchase in June 2016. Italian shipbuilder Fincantieri is the principal shipbuilder, but Qatar’s ships will also be equipped with electronics and armaments from Leonardo and MBDA, respectively. The latter two firms are to receive a $1.13 billion contract to fit the new ships. The complete naval program also includes 15 years of after-sale maintenance and support work.

Notes & Comments:

Like Qatar Emiri Army and Qatari Emiri Air Force, the Qatari Emiri Naval Forces (QENF)’s modernization-track is steered towards both qualitative improvements as well as capability and quantitative expansion. The QENF’s present fleet comprises of fast attack craft and patrol boats meant for guarding its littoral seas and policing its exclusive economic zone. However, its future fleet will not only augment its patrol force (through two new OPVs), the four corvettes will provide a vastly changed warfighting capability.

Qatar’s forthcoming corvettes will be multi-mission combatants capable of anti-ship warfare (AShW), anti-air warfare (AAW) and anti-submarine warfare (ASW). With a hull length of over 100 metres, Doha intends to configure the corvettes with (likely) a Leonardo KRONOS (Naval or Grand Naval) active electronically-scanned array (AESA) radar paired with the MBDA Aster 30 Block-1 long-range surface-to-air missile (SAM), which has a range of in-excess of 100 km. Qatar is also procuring MICA-VL short-range SAMs which offer a range of 20 km, potentially to augment the Aster 30s on the corvettes and/or to equip the OPVs. The AShW element will center on the 180 km-range Exocet MM40 Block-3 anti-ship missiles (AShM).

The LPD is expected to be a variant of the 9,000-ton LPD Fincantieri had built for the Algerian Navy, the Kalaat Beni-Abbes. The Kalaat Beni-Abbes has a crew of 160 and can ferry 400 soldiers, 15 main battle tanks or 30 light-armoured vehicles with three medium-weight utility helicopters on its flight deck. This LPD will provide Qatar with an expeditionary element that it can apply for humanitarian and disaster relief and coalition support missions.