Pubblicato in: Cina, Religioni

Cina. L’Islam sarebbe una patologia psichiatrica, e così la si cura.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-12-11.

Cina

Il problema è noto ed è anche semplice.

Il Governo cinese lascia ai suoi cittadini una libertà economica e gestionale impensabile in occidente, ma nel contempo impone una disciplina che fa rispettare anche con mano pesante. La politica la si fa nell’ambito del Pcc e non sono ammesse deroghe di alcun tipo.

Il problema che intercorre tra Cina ed Islam non è religioso, bensì politico: non tollerano che si formi uno stato all’interno dello stato.

Così, si dimostrano del tutto ragionevoli nel siglare un concordato con la Chiesa cattolica

Vaticano, firmato accordo con la Cina sulla nomina dei vescovi

Il Vaticano propone una rosata di nomi ragionevoli e lo stato cinese fa presente le proprie preferenze. Poi, di comune accordo, si scelgono i presbiteri da ordinare vescovi.

Non con questo che la vita dei cattolici in Cina sia rose e fiori: il concetto stesso di religione è alieno alla mentalità cinese, ma la convivenza diventa possibile.

Il caso dell’Islam è ben differente.

L’Islam non è dotato di un qualcosa simile alla Chiesa, che possa stabilire cosa sia o non sia materia di fede, così come possa indicare i canoni morali comportamentali. Non hanno un capo assimilabile al Papa, né presbiteri ordinati secondo dottrina univoca.

Chiunque ne abbia la possibilità può autoproclamarsi o farsi proclamare imam e professare una qualche forma religiosa che secondo lui possa essere denominato ‘islam’.

Basterebbe pensare alle differenze dottrinali che intercorrono tra sunniti, sciiti e wahabiti, solo per citare le tre correnti maggiori: ma di correnti varie e contrastanti se ne annoverano quasi un migliaio. In poche parole: un funzionario cinese non sa a chi rivolgersi e, nel caso che ne individui uno, questi non ha alcun potere decisionale.

A far traboccare è stata la recente politicizzazione dell’islamismo dell’Uighur. Ricettacolo di terroristi veri o presunti, era diventato una realtà non più a lungo tollerabile. Poi, per far buon peso, erano anche arrivate talune ngo occidentali che vi svolgevano attività chiaramente politiche e contrastanti con le direttive governative. Dopo secoli, l’arabo era ancora lingua madre al posto del mandarino.

La reazione cinese è stata lenta, ma come al solito molto ferma.

«In the past months, several of his friends and colleagues have heard that dreaded knock on their doors and in the quiet of the night, disappeared with no trace or warning. Everybody, including Abdulla, knows where they have been taken and kept. But nobody knows for how long they will be held, nor do they know if they’ll ever come back home. Most are yet to return, and those who have returned are shells of their former selves, neighbourhood ghosts, warning others of what looms around the corner for Uighurs refusing to disavow Islam.»

*

«In August, a United Nations human rights panel reported that nearly 1.1 million Uighur Muslims were being held in concentration camps in Xinjiang – the autonomous region in western China, home to approximately 11 million Uighurs.»

*

«the imprisoned population could be as high as 2 million»

*

«Notwithstanding the estimates, the number of Uighur Muslims being arrested, uprooted from their families and lives, and imprisoned in concentration camps – for no other reason than being Uighur and Muslim – is rising with each passing day.»

*

«inmates were “forced to renounce Islam, criticize their own Islamic beliefs and those of fellow inmates, and recite Communist Party propaganda songs for hours each day.” Male inmates were compelled to shave their beards and were force-fed pork and alcohol – which Muslims are forbidden from consuming.»

*

«These concentration camps, which hold more than 10 times the number of Japanese citizens and residents the US government locked away during World War II, are where Uighur Muslims are remade into atheist Chinese subjects»

*

«These are horrific sites where fear and physical violence, psychological trauma and emotional abuse are all available tools, wielded to push Uighur inmates to renounce Islam, which the state has called a “mental illness”, and reject the distinct Uighur customs that are deeply intertwined with their faith»

*

«This programme of brainwashing and indoctrination is not exclusive to adults. The state also operates orphanages for Uighur Muslim children taken from their parents, where the process of disconnecting them from their Islamic faith and ethnic heritage is deeply inculcated into their education.»

*

«China is an economic superpower, and nations across the world rely on it heavily for imports, trade, and more. The economic factors deterring humanitarian intervention are accompanied by a global so-called “war on terror” landscape that opened the door for Beijing, after 9/11, to violently rev up its persecution of Uighur Muslims behind the veneer of countering terrorism»

* * * * * * * *

Non stupisce che i cinesi considerino l’islam una forma psichiatrica.

Da un punto di vista dottrinale l’islam non ha mai potuto erigere una sua qualche teologia a causa delle contraddizioni intrinseche: sarebbe un’architettura illogica. Ha sviluppato notevoli correnti di pementalnsiero giuridico, ma questo non è elemento canonico.

Di fronte a moltissime persone che praticano il credo islamico in modo umanamente accettabile, molte altre lo vivono come idea dominante compulsiva: in questo i cinesi hanno ragione. A fronte di ciò, pur tuttavia, una generalizzazione sembrerebbe essere impropria.

Se però si considera che in Occidente molte associazioni nazionali di psichiatria hanno tolto l’omosessualità dalle patologie psichiatriche, considerare tale l’islam è davvero peccato veniale.

*

Si sarebbe facili profeti nel constatare come quanti non dimostrino segni tangibili di integrazione con la Cina, per esempio dismettendo l’arabo ed incominciando a parlare il mandarino, siano destinati a languire nei logai. Almeno fino a tanto che sia dato loro da mangiare: la fame è il più economico ed efficiente strumento di sterminio di massa.


Aljazeera. 2018-11-29. For China, Islam is a ‘mental illness’ that needs to be ‘cured’

China’s relentless campaign to erase the identity of the Uighurs continues, as the world remains silent.

*

Abdulla* goes to bed every night dreading that knock on the door, a knock he has heard in recurrent nightmares and in stories from neighbours. He expects it can come at any moment.

He is an ethnic Uighur and has always called Xinjiang his home. His forefathers lived and toiled atop this land for centuries, which the nascent communist Chinese government annexed in 1949. He is a father of two, a son and a daughter, and a devout Muslim – cautiously performing his five prayers every day behind the veil of secrecy his home temporarily offers him. 

In the past months, several of his friends and colleagues have heard that dreaded knock on their doors and in the quiet of the night, disappeared with no trace or warning. Everybody, including Abdulla, knows where they have been taken and kept. But nobody knows for how long they will be held, nor do they know if they’ll ever come back home. Most are yet to return, and those who have returned are shells of their former selves, neighbourhood ghosts, warning others of what looms around the corner for Uighurs refusing to disavow Islam. 

In August, a United Nations human rights panel reported that nearly 1.1 million Uighur Muslims were being held in concentration camps in Xinjiang – the autonomous region in western China, home to approximately 11 million Uighurs. Gay McDougall, who sits on the UN Committee on the Elimination of Racial Discrimination, claimed that the imprisoned population could be as high as 2 million. Notwithstanding the estimates, the number of Uighur Muslims being arrested, uprooted from their families and lives, and imprisoned in concentration camps – for no other reason than being Uighur and Muslim – is rising with each passing day. 

Shortly after the UN broke the news of the concentration camps, Sigal Samuel of The Atlantic reported that inmates were “forced to renounce Islam, criticize their own Islamic beliefs and those of fellow inmates, and recite Communist Party propaganda songs for hours each day.” Male inmates were compelled to shave their beards and were force-fed pork and alcohol – which Muslims are forbidden from consuming.

These concentration camps, which hold more than 10 times the number of Japanese citizens and residents the US government locked away during World War II, are where Uighur Muslims are remade into atheist Chinese subjects.These are horrific sites where fear and physical violence, psychological trauma and emotional abuse are all available tools, wielded to push Uighur inmates to renounce Islam, which the state has called a “mental illness“, and reject the distinct Uighur customs that are deeply intertwined with their faith.

This programme of brainwashing and indoctrination is not exclusive to adults. The state also operates orphanages for Uighur Muslim children taken from their parents, where the process of disconnecting them from their Islamic faith and ethnic heritage is deeply inculcated into their education. At these orphanages, disguised as schools, China is converting future generations of Uighur Muslim children into loyal subjects who embrace atheism and Han customs, pushing them to turn their backs on their families and towards Beijing’s vision of destroying the Uighur Muslim people.

Three months have passed since the UN broke the news of China’s network of concentration camps and the ancillary programmes designed to purge Islam and destroy the Uighur people who cling so tightly to it. Yet, global outrage and political pressure are slow to match the velocity and ferocity of China’s designs to cleanse itself of a population it deems inimical to and inassimilable with its national identity.

Why? Answers can be traced to prevailing economic and geopolitical pressures, namely, nations fearing the economic hit they would foreseeably take if they challenged or sanctioned China for its ethnic cleansing of the Uighur people. China is an economic superpower, and nations across the world rely on it heavily for imports, trade, and more. The economic factors deterring humanitarian intervention are accompanied by a global so-called “war on terror” landscape that opened the door for Beijing, after 9/11, to violently rev up its persecution of Uighur Muslims behind the veneer of countering terrorism. A campaign spearheaded by the Bush administration and the United States, encouraging other nations – including China – to join in and crack down on their Muslim populations.  

Today, in a world where nations as close as Myanmar and as distant as France are weaponising Islamophobia to drive racist, populist visions, China is not only joining in, but violently upping the ante, capitalising on this global moment to use Islamophobia to push forward its own populist vision: Wiping out an indigenous people seeking self-determination and standing against the state-sponsored mandate of Han supremacy.

With Islam serving as the spiritual lifeline connecting the Uighur people to their land, their history and to one another, the state has zeroed in on it. If it can destroy Islam, Beijing believes, it can destroy the Uighurs. And this is precisely what it has been doing behind a curtain of global ignorance for years and, even after the UN lifted that curtain for the whole world to see in August, it has carried forward without pause.  

For Abdulla, that feared knock on the door is yet to come. It may never come, or it may come tomorrow, or the day after. Yet, the fear of the unknown and the stark reality that every moment with his children, his wife, and his elderly parents, could be his last, follows his every step like a shadow. Beyond the walls of the concentration camps, Xinjiang has become an open-air prison for Uighur Muslims like Abdulla, whose every word is monitored and religious expression closely policed.  

He only finds solace in prayer. Prostrating himself before Allah, beginning in the early morning and one final time after sitting with his children at dinner, he prays that the state does not take him away and destroy his family.

Yet, the paradox of prayer symbolises the imminent perils of being Muslim in Xinjiang today, whereby the more people are unwilling to relinquish their spiritual identity and disavow Islam, the more likely they are to be taken way and kept far from everybody they love and everything they know, locked away in a living hell devised to purge them of their faith, disintegrate their families, and wash away their nation.  

Annunci
Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Psichiatria

Calenda. ‘Al pd serve il presidente della associazione di psichiatria.’

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-18.

Laringe 001

Quando lo dicevamo noi, il gregge dei liberal socialisti ha iniziato a belare a gola spiegata. Cartilagini cricoidee possenti, una tiroidea superiore grossa così, come un acquedotto, aritenoidi ipertrofiche. Ma a simili sembianze non corrispondono adeguati supporti delle aree di Broca e di Wernicke: i centri per la comprensione e per la produzione del linguaggio dei liberal socialisti si collocano alla scala inferiore del’evoluzione. Assimilano e riproducono qualche slogan. Ma da lì a dire qualche costrutto logicamente stabile ce ne passa: in caso contrario non avrebbero aderito alla ideologia liberal socialista.

*

«Sta diventando …. un posto in cui l’unico segretario che si dovrebbe candidare è il presidente dell’associazione di psichiatria».

Queste sono le parole dell’on Calenda a proposito del partito democratico.

Avendolo detto lui non abbiamo nessun motivo per non credergli.

Ma se fosse solo questo, andrebbe di lusso.

«Sono convinto …. che alle prossime europee il PD non ci debba essere. Serve un fronte repubblicano, progressista, che recuperi la parte di parte di classe dirigente locale e nazionale capace ma che spazzi via un partito che ha come unico obiettivo quello di spartirsi una torta sempre più piccola tra dirigenti che sono usurati»

«

«un partito che ha come unico obiettivo

quello di spartirsi una torta»

In pratica, una associazione per delinquere.

*

In sintesi.

Gli aderenti al partito democratico sono pazzi da legare, da chiudere dentro un manicomio gettando le chiavi ai pesci.

E la loro dirigenza non è certo da meno.

Bene.

L’Italia è stata governata per decenni a pazzi furiosi con delirio depredatorio, e questo lo sappiamo più che bene, solo che prima non lo si poteva dire.

Ma non tutto il male viene per nuocere.

Ringraziamo la Divina Provvidenza che ha dato il pd e questa sua attuale dirigenza, ossia l’unica forza distruttrice in grado di sfasciare quel partito alla radice.

Se al posto di quei bische ci fosse stato un Richelieu, un Bismarck oppure un Lenin il partito democratico avrebbe tiranneggiato per secoli.

Invece si sono suicidati con le loro stesse mani. Cosa ne sarà del gregge belante? Figuriamoci se non troveranno un altro straccio dietro cui correre.


Ansa. 2018-09-18. Calenda: al Pd serve un segretario psichiatra

La cena per ritrovarsi e accordare una strategia di opposizione è saltata. E l’organizzatore, Carlo Calenda, non nasconde l’amarezza. Fino a dire, in diretta a Circo Massimo, su Radio Capital, che ai dirigenti del PD importa solo del congresso. “Sta diventando – dice Calenda – un posto in cui l’unico segretario che si dovrebbe candidare è il presidente dell’associazione di psichiatria”

“Sono convinto – osserva l’ex ministro – che alle prossime europee il PD non ci debba essere. Serve un fronte repubblicano, progressista, che recuperi la parte di parte di classe dirigente locale e nazionale capace ma che spazzi via un partito che ha come unico obiettivo quello di spartirsi una torta sempre più piccola tra dirigenti che sono usurati”.

    Calenda, poi, spiega che l’invito a cena serviva banalmente “per ricostruire un rapporto tra Gentiloni e Renzi, e soprattutto per cercare di compattare un gruppo per fare opposizione in maniera strutturata. Poi sono partite cose surreali, tipo Zingaretti che invita un operaio e uno studente, che non c’entra niente. Poi gli altri del PD, uno dice che sta a dieta, l’altro che organizza un panino… insomma, è diventata una buffonata. Anzi, un’abbuffata di parole, in pieno stile di autolesionismo del PD”.

   Il primo a sfilarsi, dopo aver in un primo momento accettato l’invito, è stato l’ex premier Renzi: “Ha risposto tramite retroscena, dicendo che non sarebbe venuto perché lui si occupa dei destini dell’universo del paese e quindi non se ne frega niente di andare a una cena”, attacca Calenda. “Non so bene quale sia l’interesse di Renzi, che da molto tempo ti dice A e poi fa B. Penso che se dici ‘io ci sarò’ e poi fai uscire certi retroscena… è un modo di fare non serio, a cui ormai sono abituato da mesi”.

Calenda rifiuta però l’idea di una cena senza l’ex segretario: “Con Gentiloni e Minniti parlo continuamente. Nel PD c’è un’entità, che si chiama Renzi, che non si capisce cosa voglia fare e che va avanti per conto suo. È una roba un po’ singolare. È stato un presidente del Consiglio che all’inizio aveva veramente voglia di cambiare l’Italia e che ha fatto cose buone. È un grosso peccato”. “L’unica cosa che vuole fare il PD in questo momento”, analizza l’ex ministro, “è una resa dei conti fra renziani e antirenziani in vista di un congresso che doveva esserci, per me, settimane fa, e tutto sarà paralizzato in questa cosa di cui al paese non frega nulla. Nel frattempo, l’opposizione si fa in ordine sparso”.   

Giachetti inizia sciopero fame, subito data congresso – “Sono incazzato nero” e “le ho provate tutte” ma “invece traccheggiamo” e allora “a questo scenario indecoroso reagisco tornando alle mie origini: dalla mezzanotte di ieri sera ho iniziato lo sciopero della fame perché sia immediatamente convocata una assemblea straordinaria e fissata la data del congresso del Partito democratico”. Lo annuncia con un video su Facebook il deputato Pd Roberto Giachetti. “I tempi per il congresso subito ci sono”, aggiunge. “Visto che voi vi dedicate alle cene e continuate a prendere tempo mentre il Pd scivola sempre più in basso, io smetto di mangiare”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Persona Umana, Psichiatria

La realtà delle femmine incapace di orgasmo. Sono infelici.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-04.

Consoni Lilla. Streghe, megere e vecchie infernali. 1997.

Consoni Lilla. Streghe, megere e vecchie infernali. 1997.


Il femminismo ed il gender sono una diretta emanazione dell’ideologia liberal.

Ma se il fine ultimo dell’essere umano è la felicità, sembrerebbe essere lecito domandarsi quanto queste ideologie abbiano reso felici le femmine, e con esse il genere umano.

Se è vero che le persone umane agiscono sull’ambiente in cui vivono variandolo, è però altrettanto vero che l’ambiente condiziona le persone, più o meno inconsciamente. Ma è proprio vero che la femmina si dovrebbe realizzare pienamente solo ed esclusivamente nel lavoro?

Ma cosa poi vogliono le femmine? Come tutti gli essere umani vorrebbero amare ed essere amate, ma l’amore non è una mercanzia, anzi. Pochi termini come lo ‘amore‘ sono stati distorti. Amare significa voler fermamente che l’oggetto amato realizzi lo scopo per cui è a questo mondo.

Amare non è sinonino di congiunzione carnale: né è sinonimo di fornitura di mezzi. Sarà anche questo, ma non certo in modo esclusivo.

Cercheremo di approfondire questo problema, almeno per alcuni aspetti: ma è poi felice la femmina occidentale?

*

Il “Female sexual arousal disorder” (Fsad) è una patologia psichiatrica codificata come ICD-10 F52.2, ICD-9-CM 302.72.

«Female sexual arousal disorder (FSAD) is a disorder characterized by a persistent or recurrent inability to attain sexual arousal or to maintain arousal until the completion of a sexual activity. The diagnosis can also refer to an inadequate lubrication-swelling response normally present during arousal and sexual activity. The condition should be distinguished from a general loss of interest in sexual activity and from other sexual dysfunctions, such as the orgasmic disorder (anorgasmia) and hypoactive sexual desire disorder, which is characterized as a lack or absence of sexual fantasies and desire for sexual activity for some period of time. ….

Estimates of the percentage of female sexual dysfunction attributable to physical factors have ranged from 30% to 80%.» [Fonte]

*

In sintesi, in Occidente una quota variabile tra il 30% e l’80% delle femmine è incapace di raggiungere l’orgasmo per cause fisiche. Tendo conto anche delle cause psichiatriche la frequenza di questa patologia aumenta in modo consistente: circa il 70% delle femmine è incapace di godere l’orgasmo.

Si noti come questa patologia rientri nella psichiatria piuttosto che nell’endocrinologia o nella ginecologia anche per l’Associazione degli Psichiatri Americani, da sempre schierati sulle posizioni dell’ideologia liberal.

* * * * * * *

Come tutte le sindromi psichiatriche da deprivazione le tipiche reazioni possono essere schematizzate in tre grandi categorie.

Alla prima categoria si ascrivono le reazioni da rimozione. La femmina nella sua psiche prende atto del problema, cerca disperatamente di risolverlo con le sue sole forze, ma l’insuccesso la rende ancor più frustrata. Di qui il rifiuto totale di ogni possibile evenienza sessuale. Infatti, una volta eliminata radicalmente questa occorrenza, si eliminano completamente gli insuccessi: non si cimentano nemmeno più nel tentativo di un docking.

Alla seconda categoria si ascrivono le reazioni da rigetto. Poiché all’imperioso desiderio di esperire l’orgasmo corrisponde l’insuccesso quasi certo, lo si demonizza ed alla fine lo si odia. È il quadro classico che consegue all’aver coltivato un desiderio irrealizzabile, che tramuta l’amore in profondo odio. Chi avesse messo attese irrealizzabile nel partner alla fine lo odia: è il meccanismo per cui coppie che si amavano anche con grande trasporto alla fine si separano con astioso rancore. Da tutto ciò deriva, anche se parzialmente, la terza categoria di reazioni.

Alla terza categoria sono da ascriversi le reazioni da surroga. Sentendosi deprivata del godimento dell’orgasmo naturale, la femmina si rifugia nell’autoerotismo, nelle droghe stimolanti, nell’uso di device elettromeccanici. Tutti rimedi che concorrono soltanto ad aggravare la situazione, anche se lì per lì fanno arrivare al sospirato orgasmo.

L’autoerotismo è il più subdolo. Nel corso della masturbazione la femmina architetta un sogno, di norma ripetitivo: ma come tutti i sogni esso è disancorato dalla realtà. È impossibile realizzare nella vita corrente un simile sogno, fatto questo che alla fine coerce in un egotico solipsismo. La femmina diventa schiava dei suoi sogni, unica evenienza possibilità di godimento fisico e psichico. Vive in modo tensiogeno il contatto con la realtà che permea di assunti di una fantasia non supervisionata dallarazionalità mentale.

Sugli effetti di droghe quali eroina e cocaina ci sarebbe ben poco da dire: dovrebbero essere tristemente noti.

L’uso dei device elettromeccanici si associa di norma alla masturbazione onirica, solo che dimensioni, forza e possibilità di durata di azione di un meccanismo nulla hanno a che vedere con le risorse umane. Alla fine si sviluppa una dipendenza da essi, fatto questo che preclude ogni possibile rapporto naturale, vissuto come totalmente insoddisfacente e spesso avversato perché il maschio raggiunge invece l’eccitazione. La femmina si sente defraudata. Né si sottovaluti il mercato dei giocattoli per femmine adulte: se ne vendono centinaia di migliaia di pezzi ogni anno.

* * * * * * *

Il risultato finale del female sexual arousal disorder è un comportamento schizoide. Se da una parte la femmina vive il disperato bisogno di attirare l’attenzione del maschio ad ogni costo e con ogni mezzo nella speranza orgasmica, nel contempo la avversa e lo rifugge nella certezza frustrante dell’insuccesso. Questo si ripercuote su tutto il comportamento femminile, sia in casa sia sul lavoro.

Ma la risultante finale è una drammatica, esasperante solitudine, da una parte subita con insulto personale della sorte avversa che defrauda, dall’altra ricercata e quasi bramata. E poiché le portatrici di questa patologia sono incapaci di revisione critica, la colpa del tutto è scaricata sul maschio: desiderio di farlo schiattare umiliandolo nel suo vigore. Presto si arriva al franco odio.

Non ci si stupisca quindi se i due terzi delle femmine sviluppino una sindrome depressiva, che si acuisce poi con il climaterio e la vecchiaia incipiente. La solitudine e la discrepanza dal reale diventano un carcere infernale.

*

Ma è triste esperienza di quanto perversione richiami perversione. Alla fine l’abitudine al perverso rende la femmina schiava dello stesso. Tutto il suo modulo mentale vi si impronta, anche in situazioni dove il sesso non dovrebbe entrarci per nulla.

Two-thirds of Britons have had mental health problems – survey

Lo sparuto manipolo di sani di mente è diventato una minoranza in Occidente.

I due articoli allegati sono un sunto dei trattati di psichiatria. Si pensi soltanto che si è arrivato all’aberrazione di pubblicare, a spese del pubblico erario, il “Feminist Journal of Geography”, come se la geografia variasse a seconda del sesso di chi la studia.

Nota.

Nell’abbracciare la teoria femminista i liberal ne hanno determinato la psichiatria.


Campus Reform. 2017-12-25. Feminist Profs: selfies perpetuate classic ‘gender roles’

– The professors analyzed 233 female selfies posted online after the first University of Georgia home football game of 2013.

– They found that “formal wear, soft and flowy dresses, a significant amount of jewelry,” bright red lipstick, and white teeth characterize the “southern lady.”

*

A group of feminist professors recently discovered that Instagram selfies taken by women in college can reinforce “traditional gender roles.”

In a study led by Mardi Schmeichel, a University of Georgia (UGA) professor specializing in “feminist theory,” a team of professors analyzed 233 selfies that were posted in 2013 within 24 hours of the first UGA football home game of the semester.

Schmeichel and her team analyzed these selfies to see if they represented “the idealized symbol of the southern lady,” which they note is an aesthetic trope that “has had significant and enduring consequences on notions of femininity in the South.”

This symbol of the southern lady, they argue, is typified by students’ formal wear, soft and flowy dresses, a significant amount of jewelry, and clothes that emphasize “feminine curves without revealing what might be considered ‘too much’ skin.”

Bright red lipstick and white teeth are also considered emblematic of this southern aesthetic, Schmeichel argues.

After analyzing selfies posted in the time surrounding the first 2013 UGA home game, Schmeichel found that 25 percent of women who posted photos embody this harmful aesthetic.

“The clothing, makeup, posing and editing used in the southern lady images work together to achieve a hyperfeminine gender performance that differs significantly from the images of women in the other selfies,” Schmeichel laments.

“In the southern lady images, attention to a traditionally gendered performance has been emphasized,” Schmeichel writes, lamenting that “the southern lady images that circulate in these selfies reinscribe a traditional femininity organized around/on a binary.”

She also notes that students’ embodiment of femininity can be troubling.

 “The celebration of traditional femininity has been is [sic] a vexing concern for some feminists, who have interpreted it as a rolling back of hard-won progress to eliminate women’s association with these rigidly gendered and often marginalized subject positions.”

“If we are committed to destabilizing gender binaries and working toward a world in which bodies, and images of them, are not traded as capital, then there must be some attention paid to ways in which women’s [Instagram] practices and behaviors can get in the way of these goals,” Schmeichel concludes.

Campus Reform reached out to Schmeichel and her team for comment, but did not receive a response in time for publication.


Campus Reform. 2017-12-25. Feminist profs: Citations perpetuate ‘white heteromasculinity’

– Two feminist Geography professors recently wrote an article for an academic journal arguing that citations in scholarly articles contribute to “white heteromasculinity” by ignoring research by women and people of color.

– The authors say that “white men tend to be cited in much higher numbers than people from other backgrounds,” but dismiss the idea that this is due to the relative preponderance of white male geographers.

*

In a recent academic journal article, two feminist professors claim that citing sources in scholarly articles contributes to “white heteromasculinity.”

Rutgers University professor Carrie Mott and University of Waterloo professor Daniel Cockayne advance the claim in an article published last month in the Feminist Journal of Geography, but also suggest that citation can serve as “a feminist and anti-racist technology of resistance” if references are chosen with the explicit intent of promoting “those authors and voices we want to carry forward.”

Mott and Cockayne say citation practices are an issue of scholarly concern because whether a professor’s work is cited by other scholars has strong implications for hiring, promotion, tenure, and how “certain voices are represented over others” in academia.

“To cite only white men…or to only cite established scholars…does a disservice to researchers and writers who are othered by white heteromasculinism,” they argue, defining “white heteromasculinism” as “an intersectional system of oppression describing on-going processes that bolster the status of those who are white, male, able-bodied, economically privileged, heterosexual, and cisgendered.”

The authors claim that this oppressive tradition contributes to the “marginalization of women, people of color, and those othered through white heteromasculine hegemony,” asserting that “particular voices and bodies are persistently left out of the conversation altogether.”

Mott, one of the co-authors, told Campus Reform that she and Cockayne were inspired to write about citation practices after observing that “white men tend to be cited in much higher numbers than people from other backgrounds,” explaining that “we started looking into research that had been done in other fields about similar topics, and wanted to write something specifically for Geographers to think about the relationship between knowledge production and identity.”

According to Mott, women and minorities “have contributed a lot to Geographic research,” but those contributions have largely been overlooked by other researchers, which not only hinders the professional advancement of individual scholars, but also denies the benefit that their diverse perspectives might offer to the discipline.

“When it is predominantly white, heteronormative males who are cited, this means that the views and knowledge that are represented do not reflect the experience of people from other backgrounds,” she asserted. “When scholars continue to cite only white men on a given topic, they ignore the broader diversity of voices and researchers that are also doing important work on a that topic.”

According to the most recent research by the American Association of Geographers, however, women only account for 37 percent of geography professors, and only publish 33 percent of research articles related to geography.

Campus Reform inquired as to whether the citational disparity might simply reflect the relative preponderance of white men in the field, but Cockayne rebuffed that suggestion, saying, “the point we are trying to make is that important research done by traditionally marginalized voices…is often ignored by ‘mainstream’ and very well-established scholars—which means, in geography at least, white male Marxists.”

The professors conclude their paper by suggesting that researchers practice “conscientious engagement” in their citations “as a way to self-consciously draw attention to those whose work is being reproduced.”

Specifically, they urge their fellow scholars to “think through how many women, people of color, early career scholars, graduate students, and non-academics are cited,” saying this will call attention to “the power dynamics that are unintentionally reproduced therein.”

They caution, however, that this approach entails a certain risk of “basing assumptions of gender or cisnormativity on particularly gendered names.”