Pubblicato in: Cina

Cina. Maggio. Profitti Industriali +6% anno su anno.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-29.

2020-06-28__Cina Profitti Ind 013

Ecco in estrema sintesi gli ultimi macrodati pubblicati.

– PMI. Manifatturiero 50.7

– PMI. Non Manifatturiero 53.6

– Produzione industriale annuale (degli ultimi 12 mesi) -2.8%

– Produzione industriale annuale +4.4%

– Vendite al Dettaglio (Annuale) -2.8%

– Vendite al Dettaglio (degli ultimi 12 mesi) -14.01%

– Profitti Industriali +6% anno su anno

* * * * * * *

«Profits at China’s industrial firms rose for the first time in sixth months in May, suggesting the country’s economic recovery is gaining traction and brightening the outlook for manufacturing investment and jobs»

«China’s national bureau of statistics said profits at China’s industrial firms in May rose 6% year-on-year to 582.3 billion yuan ($82.28 billion)»

«The rebound followed a 4.3% fall in April, and is its sharpest monthly gain since March 2019»

«Economic activity in China is clearly improving after the lifting of tough virus containment measures that led to weeks of near paralysis»

«Earnings for Chinese factories were hit by the sharpest factory-gate price drop in more than four years recorded in May, while exports slipped again, erasing a transient gain in April»

«For the first five months of 2020, industrial firms’ profits fell 19.3% from the same period last year to 1.84 trillion yuan»

«the oil refinery sector recorded a profit of 11.6 billion yuan in May, up 8.9% year-on-year, swinging from a loss of 21.8 billion yuan the previous month»

«Power sector profits grew 10.9% in May, compared with a decline of 15.7% in April.»

«Liabilities at industrial firms rose 6.6% on year at end-May, compared with a 6.2% increase as of end-April.»

* * * * * * *

Il sistema economico cinese ha imboccato la strada della ripresa, mostrando una vitalità che molti non le riconoscevano.

Sarà un processo lungo, ma il trend sembrerebbe essere ben definito.

Sicuramente la Cina si scontrerà con la questione degli accordi commerciali con gli Stati Uniti e con il fatto che molti dei paesi nei quali esportava sono al momento in piena crisi, e senza mezzi risulta essere impossibile finanziare un import.

*


China industrial firms’ May profits post first monthly rise in 6 months

Profits at China’s industrial firms rose for the first time in sixth months in May, suggesting the country’s economic recovery is gaining traction and brightening the outlook for manufacturing investment and jobs.

China’s national bureau of statistics said profits at China’s industrial firms in May rose 6% year-on-year to 582.3 billion yuan ($82.28 billion), according to a statement on Sunday.

The rebound followed a 4.3% fall in April, and is its sharpest monthly gain since March 2019.

Economic activity in China is clearly improving after the lifting of tough virus containment measures that led to weeks of near paralysis. But the recovery has been uneven and demand at home and abroad remains sluggish amid concerns of a second wave of infections and a global recession.

Despite May’s earnings growth, “market demand remains relatively weak amid the epidemic, and sustainability of the profit recovery deserves further observation,” Zhu Hong, senior statistician at the statistics bureau said in the statement.

Earnings for Chinese factories were hit by the sharpest factory-gate price drop in more than four years recorded in May, while exports slipped again, erasing a transient gain in April.

Futures prices for steel, which have surged this year on a government push for more infrastructure projects, fell last week as rising steel production and lean demand from downstream users stoked worries about oversupply.

For the first five months of 2020, industrial firms’ profits fell 19.3% from the same period last year to 1.84 trillion yuan.

May’s profit growth was aided by significant profit recoveries in key industries including oil refinery, power, chemicals and steel.

For example, the oil refinery sector recorded a profit of 11.6 billion yuan in May, up 8.9% year-on-year, swinging from a loss of 21.8 billion yuan the previous month. Power sector profits grew 10.9% in May, compared with a decline of 15.7% in April.

Zhu also attributed May’s profit growth to easing cost pressures, improving profit margins, positive impact from policy stimulus and much higher investment returns.

Earnings at China’s state-controlled industrial firms were down 39.3% on an annual basis for January-May, versus a 46.0% fall in the first four months, the statistics bureau data showed.

Private sector profits fell 11% in the first five months, narrowing from January-April’s 17.2% slump.

Liabilities at industrial firms rose 6.6% on year at end-May, compared with a 6.2% increase as of end-April.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Produzione Industriale Annuale. Cina +4.4%, Eurozona -28.0%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-20.

2020-06-20__Cina PI 013

Le comparazioni hanno sempre in sé un qualcosa di urtante per quanti non riescano a sostenere il confronto. Pur tuttavia hanno una loro intrinseca validità, in quanto mettono in evidenza situazioni che richiederebbe una particolare cura per essere rimesse in sesto.

Sia il blocco europeo sia la Cina hanno subito una severa crisi indotta dall’epidemia da coronavirus, situazione dalla quale sembrerebbero iniziare ad emergere dopo periodi più o meno lunghi di lockdown. Sicuramente lo sfasamento dei picchi epidemici potrebbe ancora influire, ma non per quote rilevanti in questa fase di calo consistente dei contagi.

La produzione industriale cinese rilasciata il 15 giugno si attestava al +4.4%, mentre quella per il blocco europeo, rilasciata il 12 giugno, era -28.0%.

La differenza è significativa ed evidente.

Il problema non è tanto il Covid-19, quanto l’assetto politico, economico, giuridico e strutturale che caratterizza ciascuna delle zone prese in considerazione.

Non a caso si sta assistendo ad una vera e propria fuga delle industrie del blocco europeo verso la Cina.

* * * * * * *

Bmw taglierà 6mila posti di lavoro (prepensionamenti) nel 2020

Cina non amour. Maggio. Mercedes-Benz vendite in crescita a due cifre.

Cina. I grandi Atenei inglesi stanno trasferendosi in Cina.

Cina. Maggio. Export -3.3% anno su anno, Import -16.7%.

Cina mon amour. Maggio. Ford aumenta le vendite in Cina +32%.

Cina. Anche Volkswagen vi programma grandi investimenti.

Cina ed Hong Kong. I media occidentali hanno cambiato registro.

Cina e Red Bull Gmbh. Un mercato impossibile da trascurare.

Cina. Multinazionali aprono in continuazione stabilimenti. – Nestlé.

Cina. Aprile. Produzione Industriale Annualizzata +3.9%.

Daimler, Mercedes Benz, ha ripreso la produzione in Cina.

Exxon Mobil Corp e la Cina. Notizia non economica bensì politica.

Cina mon amour. Maggio. Prada +10%.

Cina. Maxipetroliere in rada in attesa di scaricare. La ripresa corre veloce.

* * * * * * *

Questi due semplici macrodati e la loro differenza dovrebbero indurre consistenti ripensamenti sulla portata di quanto accade.

In particolare, iniettare liquidità in un sistema incapace di produrre senza intervenire sui fattori di blocco è cosa perfettamente inutile, per non dire dannosa.

Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale

Cina non amour. Maggio. Mercedes-Benz vendite in crescita a due cifre.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-18.

2020-06-16__Cina Commerci 013

La Cina sta evidenziando una ripresa davvero sorprendente, specie poi se fosse paragonata alla situazione del blocco europeo. È una situazione economica e strutturale che richiama le grandi industrie occidentali.

Nel contempo, sarebbe utile cercare di comprendere come abbiano potuto farlo.

Cina. I grandi Atenei inglesi stanno trasferendosi in Cina.

Cina. Maggio. Export -3.3% anno su anno, Import -16.7%.

Cina mon amour. Maggio. Ford aumenta le vendite in Cina +32%.

Cina. Anche Volkswagen vi programma grandi investimenti.

Cina ed Hong Kong. I media occidentali hanno cambiato registro.

Cina e Red Bull Gmbh. Un mercato impossibile da trascurare.

Cina. Multinazionali aprono in continuazione stabilimenti. – Nestlé.

Cina. Aprile. Produzione Industriale Annualizzata +3.9%.

Daimler, Mercedes Benz, ha ripreso la produzione in Cina.

Exxon Mobil Corp e la Cina. Notizia non economica bensì politica.

Cina mon amour. Maggio. Prada +10%.

Cina. Maxipetroliere in rada in attesa di scaricare. La ripresa corre veloce.

* * * * * * *

«BAIC Motor Corp. and Daimler AG plan to build a new factory in China for Mercedes-Benz vehicles to meet growing demand as the German automaker deepens its ties with the country. The automakers will co-invest more than 11.9 billion yuan (US$1.9 billion) to build the facility»

«Li Shufu, the billionaire founder of Zhejiang Geely Holding Group Co., said he had acquired a stake worth about 7.3 billion euros ($9 billion) in Daimler, marking the biggest investment in a global automobile manufacturer by a Chinese company. The 9.7% stake makes Geely the single largest investor in the parent of Mercedes-Benz»

«Mercedes-Benz manufacturer Daimler has seen business stabilise in China after the country ended coronavirus lockdowns, a senior manager at the German car manufacturer told a newspaper on Sunday (Apr 26).»

«In China alone, we sold around 50,000 vehicles again in March»

«China, who bought 694,200 Mercedes-Benz cars last year, 29 per cent of total sales»

«After a strong start to the year, Daimler said demand was hit by the spread of the coronavirus and sales of new Mercedes-Benz brand cars fell to 477,378 vehicles, down 15% from the previous year»

«Mercedes-Benz sold more than 70,000 passenger cars in May and achieved a double-digit growth in China, German carmaker Daimler announced on Tuesday»

«Last week, the German carmaker announced that global deliveries to car dealers in May were down 28.6 percent compared with the same month last year, with almost 135,000 passenger cars of the Mercedes-Benz brand sold worldwide»

* * * * * * *

Sintetizziamo.

– Mercedes-Benz ha venduto in Cina il 28.6% delle 135,000 automobili prodotte nel mondo.

– Ha prodotto e venduto 50,000 autovetture in marzo e 70,000 a maggio.

– Il 9.7% delle azioni sono in possesso dei cinesi.

*

Se questo trend dovesse proseguire, alla fine Mercedes-Benz avrebbe il grosso della produzione e delle vendite in Cina.

*


Daimler says China business picks up again.

«Mercedes-Benz manufacturer Daimler has seen business stabilise in China after the country ended coronavirus lockdowns, a senior manager at the German car manufacturer told a newspaper on Sunday (Apr 26).

“In China alone, we sold around 50,000 vehicles again in March. That makes us confident,”, said Markus Schaefer, managing board member for production, told Bild am Sonntag newspaper.

Mercedes-Benz delivered a total of approximately 477,400 passenger cars worldwide between January and March. The report did not say how many of those went to customers in China, who bought 694,200 Mercedes-Benz cars last year, 29 per cent of total sales.

Starting on Monday, cars are set to roll off Daimler’s assembly line again in Germany. The Sindelfingen and Bremen passenger-car plants will start production of E- and S-Class vehicles.

China is the largest market for the S-Class built in Sindelfingen. Normally several hundred vehicles roll off the assembly line in Sindelfingen every day.»

*


Daimler sees increase in demand in China.

«Daimler AG said Wednesday that sales of its flagship Mercedes-Benz cars plunged in the first three months of the year, as factories shut down in the wake of the coronavirus, but added that it saw signs of recovery in China.

“In China and South Korea, our dealerships are fully open and we see a significant increase in demand there. That gives us confidence,” Britta Seeger, the company’s sales chief, said in a statement.

After a strong start to the year, Daimler said demand was hit by the spread of the coronavirus and sales of new Mercedes-Benz brand cars fell to 477,378 vehicles, down 15% from the previous year. Sales in China were down 20%, while sales in Europe and the U.S. fell 16% and 5% respectively.

The sharp decline in sales comes in the wake of temporary factory closures in China, Europe and the U.S. in an effort to contain the spread of the coronavirus pandemic.»

*


BAIC and Daimler to Build $1.9 Billion China Production Plant.

«BAIC Motor Corp. and Daimler AG plan to build a new factory in China for Mercedes-Benz vehicles to meet growing demand as the German automaker deepens its ties with the country.

The automakers will co-invest more than 11.9 billion yuan (US$1.9 billion) to build the facility, BAIC said Sunday in a brief filing to the Hong Kong stock exchange. The statement didn’t disclose the location of the production base.

“The new factory will manufacture various Mercedes-Benz products in China including new energy electric vehicles” and improve the overall production capacity of the companies’ joint venture, Beijing Benz Automotive Co., the statement said.

The announcement comes a day after Li Shufu, the billionaire founder of Zhejiang Geely Holding Group Co., said he had acquired a stake worth about 7.3 billion euros ($9 billion) in Daimler, marking the biggest investment in a global automobile manufacturer by a Chinese company. The 9.7% stake makes Geely the single largest investor in the parent of Mercedes-Benz.»

*


Mercedes-Benz returns to double-digit growth in China.

«Mercedes-Benz sold more than 70,000 passenger cars in May and achieved a double-digit growth in China, German carmaker Daimler announced on Tuesday.

“The retail sales in our biggest market China provide us with optimism,” said Britta Seeger, member of the board of management of Daimler and Mercedes Benz, responsible for sales and marketing.

Daimler’s core brand would get “step by step back to normality.” After a production suspension caused by the COVID-19 pandemic, Mercedes-Benz car plants had successfully restarted production.

From June onwards, all Mercedes-Benz plants worldwide would be gradually restarted, according to Daimler.

Last week, the German carmaker announced that global deliveries to car dealers in May were down 28.6 percent compared with the same month last year, with almost 135,000 passenger cars of the Mercedes-Benz brand sold worldwide»

Pubblicato in: Commercio, Economia e Produzione Industriale, Stati Uniti, Trump

Usa. Maggio. Vendite al Dettaglio. +14.7% mese su mese.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-17.

2020-06-17__USA Vendite Dettaglio 013

«Le vendite al dettaglio negli Usa rimbalzano a maggio, grazie alle riaperture e salgono del 17,7% mensile, contro la contrazione del 14,7% (dato rivisto dall’iniziale -16,4%) di aprile»

«Su base annuale le vendite scendono del 6,1%, contro il -17,2 (dato rivisto dall’iniziale -21,6%) di aprile. Gli analisti prevedevano una discesa del 24,6%»

«La produzione industriale statunitense sale dell’1,4% mensile a maggio, contro il -12,5% (dato rivisto dall’iniziale -11,2%) di aprile»

«I dati sono particolarmente significativi proprio perché sono tra i primi dati macro Usa di maggio.»

* * * * * * *

Sono dati estremamente incoraggianti, specie poi se comparati con quelli del blocco europeo: -11.7% mese su mese e -19.6% anno su anno. Sempre nell’eurozona la produzione industriale registrava un -17.1% mese su mese e -28.0% anno su anno.

Pienamente giustificato il Twitter di Mr Trump:

«Wow! Le vendite al dettaglio di maggio mostrano il più grande aumento mensile di tutti i tempi, con un incremento del 17,7%. Molto meglio di quanto previsto. Sembra un gran giorno per il mercato e per i posti di lavoro»

*


In Usa è boom di consumi: le vendite al dettaglio a maggio rimbalzano del 17.7%.

Dopo la contrazione del 14,7% di aprile, gli analisti si aspettavano un rialzo non superiore all’8%. La produzione industriale cresce, invece, meno delle attese, +1,4%. Sono i primi dati macro riferiti al mese scorso.

Le vendite al dettaglio negli Usa rimbalzano a maggio, grazie alle riaperture e salgono del 17,7% mensile, contro la contrazione del 14,7% (dato rivisto dall’iniziale -16,4%) di aprile. Gli analisti si aspettavano un rialzo molto più contenuto dell’8%.

Su base annuale le vendite scendono del 6,1%, contro il -17,2 (dato rivisto dall’iniziale -21,6%) di aprile. Gli analisti prevedevano una discesa del 24,6%. I dati sono particolarmente significativi perché sono tra i primi dati macro Usa relativi al mese di maggio. 

Il commento di Trump

“Wow! Le vendite al dettaglio di maggio mostrano il più grande aumento mensile di tutti i tempi, con un incremento del 17,7%. Molto meglio di quanto previsto. Sembra un gran giorno per il mercato e per i posti di lavoro”. Lo scrive su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, commentando i dati sulle vendite al dettaglio Usa.

La produzione industriale

La produzione industriale statunitense sale dell’1,4% mensile a maggio, contro il -12,5% (dato rivisto dall’iniziale -11,2%) di aprile. Gli analisti si aspettavano un rialzo del 2%. Su base annuale la produzione arretra del 15,3%, dopo il -15% di aprile e contro un atteso -18%. Si tratta di un segnale piuttosto debole di ripresa dell’economia Usa, che a maggio ha iniziato la riapertura, mentre ad aprile era in pieno lockdown. I dati sono particolarmente significativi proprio perché sono tra i primi dati macro Usa di maggio. 

Pubblicato in: Cina, Sistemi Economici

Cina. Ripresa. Maggio. Produzione Industriale +4.4% YoY, Vendite Dettaglio -2.8%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-15.

2020-06-15__ Cina produzione Industriale 013

Il National Bureau of Statistics of China ha rilasciato i dati relativi alla

– Produzione Industriale annualizzata +4.4% e

– Vendite al Dettaglio annualizzate -2.8%.

2020-06-15__ Cina Vendite al dettaglio 014

* * * * * * *

I macrodati cinesi confermano una ripresa molto più consistente di quanto non si fosse potuto pensare.

Nonostante il lockdown, la produzione industriale ha ripreso a crescere anno su anno: ha ammortizzato le perdite subite durante il periodo di crisi pandemica. Le vendite al dettaglio sono risalite dal -20.5% di febbraio, al -15.8% di marzo, al -7.5% di aprile per arrivare al -2.8% del mese di maggio.

* * * * * * *

Cina. I grandi Atenei inglesi stanno trasferendosi in Cina.

Cina. Maggio. Export -3.3% anno su anno, Import -16.7%.

Cina mon amour. Maggio. Ford aumenta le vendite in Cina +32%.

Cina. Maxipetroliere in rada in attesa di scaricare. La ripresa corre veloce.

Cina. Maggio. Vendite automobili +11.7% anno su anno.

Cina mon amour. Maggio. Prada +10%.

Cina, ripresa della produzione con una domanda mondiale depressa.

Cina. Anche Volkswagen vi programma grandi investimenti.

Cina e Red Bull Gmbh. Un mercato impossibile da trascurare.

Commerci Mondiali. Marzo. -1.4% mese su mese. Bene Cina ed India.

China Express Air compra 100 aeromobili della Comac.

* * * * * * *

Questi dati dovrebbero indurre a ragionarci sopra.

La pandemia ed il lockdown  sono accaduti sia nei paesi occidentalizzati sia in Cina.

Ma mentre America e blocco europeo hanno macrodati da mettersi a piangere, la Cina si sta riprendendo molto velocemente.

La differenza consiste quindi nel come sia strutturata la gestione politica degli stati e l’organizzazione dei loro sistemi economici.

Constatiamo come in occidente il mondo politico e sociale si sia concentrato su problemi ideologici, vissuti con dimostrazioni di piazza di rara violenza e criminalizzazione delle forze dell’ordine chiamate a sedarle. Per non parlare poi dei vergognosi abbattimenti ed imbrattamenti di statue dei grandi del nostro passato da parte di persone insignificanti ma aggressive.

A nostro sommesso avviso, questo sembrerebbe essere un metodo non idoneo per affrontare la crisi economica.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Regno Unito

Regno Unito. Aprile. Macroindicatori. Pil -24.5%, Produzione Industriale -24.4%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-12.

2020-06-12__Regno Unito Aprile 013

«British Prime Minister Boris Johnson said figures showing the economy had plunged by a quarter in the March-April period had not come as a surprise because it was always going to hit a country that is dependent on services»

These figures came as no surprise to us because we’ve always recognised that this wasn’t going to be just a public health crisis but also a really serious crisis for our economy»

«Coronavirus is likely to hit a country like the UK economically very hard, we depend on services, on human contact … but we’re also a very resilient and a dynamic economy and we will bounce back»

*

Le Autorità inglesi hanno rilasciato oggi molteplici macroindicatori relativi al mese di aprile, i quali proponiamo sintetizzati in una unica tabella.

Ricordiamo che in tale mese era iniziato il lockdown, per cui i valori attesi erano fortemente negativi.

Il pil annualizzato ha segnato un -24.5%.

La Produzione Industriale annualizzata si è contratta del -24.4%, contro il -28.0% dell’eurozona.

La Produzione Manifatturiera anno su anno è scesa del -28.5%, quella del Settore Edile del -44%, mentre le Vendite al Dettaglio erano -22.6% alla rilevazione del 22 maggio.

*


Reuters. Britain’s Johnson says wasn’t surprised by economic plunge.

British Prime Minister Boris Johnson said figures showing the economy had plunged by a quarter in the March-April period had not come as a surprise because it was always going to hit a country that is dependent on services.

“These figures came as no surprise to us because we’ve always recognised that this wasn’t going to be just a public health crisis but also a really serious crisis for our economy,” he told broadcasters.

“Coronavirus is likely to hit a country like the UK economically very hard, we depend on services, on human contact … but we’re also a very resilient and a dynamic economy and we will bounce back.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Eurozona. Produzione Industriale. -28% anno su anno, -17.1% mese su mese.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-12.

2020-06-12__Eirozona PI 010

In sintesi.

Comparazione contro Aprile 2019

Eurozona -28.0%

Blocco europeo -27.2%

Comparazione contro Marzo 2020

Eurozona -17.1%

Blocco europeo -17.3%

→ production of durable consumer goods fell by 45.4% YoY

→ capital goods by 40.8% YoY

→ Luxembourg (-43.9%), Italy (-42.5%) and Slovakia (-42.0%) YoY

*

«Overall, industrial production in the euro area and EU has fallen to levels last seen in the mid-1990s»

2020-06-12__Eirozona PI 013

* * * * * * *

2020-06-12__Eirozona PI 011


Eurostat ha rilasciato il Report

April 2020 compared with March 2020. Industrial production down by 17.1% in euro area and 17.3% in EU.

Down by 28.0% and 27.2% compared with April 2019.

In April 2020, the COVID-19 containment measures widely introduced by Member States continued to have a significant impact on industrial production. The seasonally adjusted industrial production fell by 17.1% in the euro area and by 17.3% in the EU, compared with March 2020, according to estimates from Eurostat, the statistical office of the European Union. These are the largest monthly falls recorded since the start of the series, significantly higher than the 3% to 4% drops seen in late 2008 and early 2009 during the financial crisis.

In April 2020 compared with April 2019, industrial production decreased by 28.0% in the euro area and by 27.2% in the EU. These are the largest annual falls recorded since the start of the series, exceeding the -21.3% in the euro area and -20.7% in the EU observed in April 2009. Overall, industrial production in the euro area and EU has fallen to levels last seen in the mid-1990s.

Monthly comparison by main industrial grouping and by Member State

In the euro area in April 2020, compared with March 2020, production of durable consumer goods fell by 28.9%, capital goods by 26.6%, intermediate goods by 15.6%, non-durable consumer goods by 11.9% and energy by 4.8%.

In the EU, production of durable consumer goods fell by 27.8%, capital goods by 27.3%, intermediate goods by 14.9%, non-durable consumer goods by 10.7% and energy by 5.0%.

Industrial production decreased in all Member States for which data are available, with the largest decreases in Hungary (-30.5%), Romania (-27.7%) and Slovakia (-26.7%).

Annual comparison by main industrial grouping and by Member State

In the euro area in April 2020, compared with April 2019, production of durable consumer goods fell by 47.7%, capital goods by 40.9%, intermediate goods by 25.5%, non-durable consumer goods by 14.0% and energy by 12.8%.

In the EU, production of durable consumer goods fell by 45.4%, capital goods by 40.8%, intermediate goods by 23.6%, non-durable consumer goods by 12.5% and energy by 12.4%.

Among Member States for which data are available, the largest decreases in industrial production were registered in Luxembourg (-43.9%), Italy (-42.5%) and Slovakia (-42.0%). The only increase was observed in Ireland (+5.5%).

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Italia. I dati della catastrofe economica. E siamo solo agli inizi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-11.

Brügel Pieter. La parabola dei ciechi. Gallerie Nazionali di Capodimonte

L’Italia sta avviandosi ad una catastrofe economica paragonabile solo a quella subita durante la guerra mondiale.

Vi sarebbe la impressione che a molti questa realtà sfugga, in questo facilitati dai queruli annunci enfatici di un governo incapace di dominare gli eventi.

A seguito riportiamo un elenco di articoli utili alla comprensione della catastrofe incombente.

Siamo solo agli inizi.

Nota.

Il gettito fiscale ad aprile è diminuito del -22.1%, ma quello dei prossimi mesi e, soprattutto, del prossimo anno sarà fortemente ridotto. Ci si pensi bene a cosa questo comporta.

*

Istat. Aprile. Produzione Industriale. -42.5% YoY, -19.1% MoM.

«riduzioni della produzione senza precedenti.

– Produzione industriale -19.1% rispetto a marzo

– Produzione industriale -23.2% rispetto ai tre mesi precedenti

– Produzione industriale -42.5% anno su anno

*

– Industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori -80.5% anno su anno

– Fabbricazione di mezzi di trasporto -74.0% anno su anno

– Altre industrie -57.0% anno su anno su anno»

*

Reuters. Produzione industria aprile -19,1% m/m, -42,5% a/a su Covid – Istat.

Ad aprile le misure di contenimento dell’epidemia di Covid-19 hanno determinato la forzata chiusura dell’attività di molti settori per l’intero mese, con effetti negativi rilevanti sui livelli produttivi.

Lo comunica oggi Istat, affermando che nel mese in esame la produzione segna un nuovo marcato calo congiunturale (-19,1%) — seppur meno ampio di quello di marzo (-28,4%) — e una flessione tendenziale record del 42,5% dal -29,4% (marginalmente rivisto) del mese precedente.

Su base annuale, si tratta della quattordicesima contrazione consecutiva.

Le attese degli analisti erano per un declino del 24% su mese e del 40% su anno ad aprile della produzione, considerata un buon anticipatore del Pil.

L’istituto di statistica segnala che l’unico comparto in leggera crescita su mese è quello farmaceutico (+2,0%), mentre rimane sostanzialmente stabile quello alimentare (-0,1%).

Tutti i settori sono in calo a perimetro annuo: le più colpite sono le industrie tessili e quelle per la fabbricazione di mezzi di trasporto, con riduzioni senza precedenti rispettivamente pari all’80,5% e al 74,0%. I giorni lavorativi per il mese in esame sono stati 21 contro i 20 di aprile 2019.

Nella media del periodo febbraio-aprile, il livello della produzione cala del 23,2% rispetto ai tre mesi precedenti.

Nel primo trimestre, su cui solo parzialmente hanno pesato le ricadute dell’epidemia, il Pil italiano è sceso del 5,3% a livello congiunturale secondo i dati definitivi forniti il 29 maggio dalla stessa Istat, che ha effettuato una revisione marcatamente al ribasso rispetto al -4,7% stimato il mese prima. Per l’intero 2020 la contrazione, secondo l’Istituto di statistica, sarà superiore all’8%, mentre gli analisti assumono in media un calo del 10%, sempre a patto che il rimbalzo dell’economia nel secondo semestre sia robusto. Il governo stima un 2020 a -8%, con rischi al ribasso.

Secondo un report di Oxford Economics, l’intensificarsi del lockdown a partire dalla seconda metà di marzo peserà ancora di più su produzione e Pil nel secondo trimestre, con una contrazione del prodotto interno lordo che si porterà all’11%.

* * * * * * * * * * *

Italia. La società della miseria e della fame. E lo stato latita.

Italia. Fatturato Servizi. Primo Trimestre -6.2% MoM, -7.2% YoY.

Italia. Il difficile ritorno alla agricoltura.

Italia. Fondi EU per sovvenzionare le biciclette irritano i nordici.

Italia. Debito pubblico al limite della sostenibilità. – Bloomberg.

Italia. ‘Eurozone exit’. Italexit. Si inizia a parlarne.

Italia. Leggi e decreti attuativi. Il concetto di eternità.

Costruzioni. Marzo. Anno su anno. Blocco europeo -15.4%, Italia -35.4%.

Immatricolazioni auto. Aprile. GB -97.3%, Italia -97.6%, Francia -88.8%.

Italia. Giornali. Primo Trimestre. Sole 24 Ore. Fatturato a 43.3 mln, -13.7%.

Acciaio. Primo Trimestre. Mondo -1.4%, Italia -40.2%.

Italia. Marzo. Industria. Fatturato -25.8%, Ordinativi -26.5% mese su mese.

Italia. Previsione sul mese di aprile. Produzione Industriale -45.9%.

Eurostat. Pil per stato e per trimestre.

Italia. Il fisco sui salari è il maggiore del mondo.

MEF. Le nostre dichiarazioni dei redditi.

Italia. Covid-19. Miseria in forte crescita. – Mef ed Istat.

Governo delle tasse. Altro che contributi! A giugno stangata da 17 miliardi.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Istat. Aprile. Produzione Industriale. -42.5% YoY, -19.1% MoM.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-11.

2020-06-11__Italia Produzione Industriale 014

In sintesi. Aprile.

– Produzione industriale -19.1% rispetto a marzo

– Produzione industriale -23.2% rispetto ai tre mesi precedenti

– Produzione industriale -42.5% anno su anno

*

– Industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori -80.5% anno su anno

– Fabbricazione di mezzi di trasporto -74.0% anno su anno

– Altre industrie -57.0% anno su anno su anno

*

«riduzioni della produzione senza precedenti»

2020-06-11__Italia Produzione Industriale 015

* * * * * * *

2020-06-11__Italia Produzione Industriale 016


2020-06-11__Italia Produzione Industriale 013

«Aprile 2020. Produzione Industriale.

Ad aprile 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca del 19,1% rispetto a marzo. Nella media del periodo febbraio-aprile, il livello della produzione cala del 23,2% rispetto ai tre mesi precedenti.

– L’indice destagionalizzato mensile mostra un aumento congiunturale solo per l’energia (+0,7%), mentre ampie diminuzioni si registrano per i beni intermedi (-24,6%), i beni strumentali (-21,8%) e, in misura meno intensa, i beni di consumo (-14,0%).

– Corretto per gli effetti di calendario, ad aprile 2020 l’indice complessivo diminuisce in termini tendenziali del 42,5% (i giorni lavorativi sono stati 21 contro i 20 di aprile 2019). Forti flessioni tendenziali caratterizzano quasi tutti i principali comparti; il calo è infatti meno pronunciato solo per l’energia (-14,0%), mentre risulta molto rilevante per i beni strumentali (-51,5%), i beni intermedi (-46,0%) e quelli di consumo (-39,8%).

– Tutti i principali settori di attività economica registrano diminuzioni tendenziali. Le più accentuate sono quelle delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-80,5%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (-74,0%), delle altre industrie (-57,0%) e della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (-56,3%); i cali minori, invece, si osservano nella produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (-6,7%) e nelle industrie alimentari, bevande e tabacco (-8,1%).

– Nel corso della fase di rilevazione vi è stata una moderata riduzione del tasso di risposta delle imprese, conseguente all’emergenza sanitaria in corso. Le azioni messe in atto per fare fronte a queste perturbazioni nella fase di raccolta dei dati (si veda Nota metodologica, pag. 11) hanno consentito di elaborare e diffondere gli indici relativi al mese di aprile 2020.»

«Il commento

Ad aprile le misure di contenimento dell’epidemia di Covid-19 hanno determinato la forzata chiusura dell’attività di molti settori per l’intero mese, con effetti negativi rilevanti sui livelli produttivi. Su base congiunturale, al netto della stagionalità, si osserva una nuova, marcata flessione (-19,1%), seppure meno ampia di quella di marzo (-28,4%); l’unico comparto in leggera crescita è quello farmaceutico (+2,0%), mentre rimane sostanzialmente stabile quello alimentare (-0,1%). In termini tendenziali, l’indice corretto per gli effetti di calendario diminuisce in modo ancor più accentuato di quanto osservato il mese precedente, con una flessione del 42,5%. Tutti i settori sono in calo. Le industrie tessili, dell’abbigliamento, pelli e accessori e quelle della fabbricazione di mezzi di trasporto sono le più colpite, con riduzioni della produzione senza precedenti e rispettivamente pari all’80,5% e al 74,0%.»

*


Istat. Produzione industriale.

Ad aprile 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca del 19,1% rispetto a marzo. Nella media del periodo febbraio-aprile, il livello della produzione cala del 23,2% rispetto ai tre mesi precedenti.

L’indice destagionalizzato mensile mostra un aumento congiunturale solo per l’energia (+0,7%), mentre ampie diminuzioni si registrano per i beni intermedi (-24,6%), i beni strumentali (-21,8%) e, in misura meno intensa, i beni di consumo (-14,0%).

Corretto per gli effetti di calendario, ad aprile 2020 l’indice complessivo diminuisce in termini tendenziali del 42,5% (i giorni lavorativi sono stati 21 contro i 20 di aprile 2019). Forti flessioni tendenziali caratterizzano quasi tutti i principali comparti; il calo è infatti meno pronunciato solo per l’energia (-14,0%), mentre risulta molto rilevante per i beni strumentali (-51,5%), i beni intermedi (-46,0%) e quelli di consumo (-39,8%).

Tutti i principali settori di attività economica registrano diminuzioni tendenziali. Le più accentuate sono quelle delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-80,5%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (-74,0%), delle altre industrie (-57,0%) e della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (-56,3%); i cali minori, invece, si osservano nella produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (-6,7%) e nelle industrie alimentari, bevande e tabacco (-8,1%).

Nel corso della fase di rilevazione vi è stata una moderata riduzione del tasso di risposta delle imprese, conseguente all’emergenza sanitaria in corso. Le azioni messe in atto per fare fronte a queste perturbazioni nella fase di raccolta dei dati (si veda Nota metodologica, pag. 11) hanno consentito di elaborare e diffondere gli indici relativi al mese di aprile 2020.

Pubblicato in: Banche Centrali, Economia e Produzione Industriale

Francia. Aprile. Produzione Industriale -17.7% annuale.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-10.

2020-06-10__Giappone 013

La situazione francese è ben poco rassicurante.

PMI. Maggio. Italia, Francia, Germania ed eurozona a confronto.

Francia e Cina. Renault in crisi e fuori dal mercato cinese.

Francia. PMI Composito 30.5, Manifatturiero 40.3, Servizi 29.4.

Immatricolazioni auto. Aprile. GB -97.3%, Italia -97.6%, Francia -88.8%.

Banca di Francia. Economia -27%, Manifatturiero -37%.

Francia. Marzo. Produzione Industriale -16.2% mese su mese.

Francia. Pil primo trimestre -5.8%, contro il -3.5% previsto.

Francia. Indicatori Macro PMI da obitorio.

Banca di Francia. Pil 2020 Q1 a -6%. ‘Prospettive desolanti’.

* * * * * * *

La ripresa non è sicuramente a portata di mano.