Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Paesi Bassi. 2021Q2. Pil +9.7% su 2020Q2. La variazione reale è 2.2%.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-19.

2021-08-18__ Olanda 001

Central Bureau voor de Statististics ha rilasciato i dati relativi al pil 2021Q2.

Si tenga presente che il rapporto 2021Q2/2020Q2 è abnormemente elevato, poiché il dato del 2020Q2 era stato particolarmente basso, -9.4%. La variazione reale è 2.2%.

2021-08-18__ Olanda 002

Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Blocco Europeo. 2021Q2. Pil +2.0% su 2021Q1. In questo caso il rapporto 2021Q2 su 2020Q2 sarebbe fallace.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-18.

2021-08-18__ Eurostat 001

Attenzione!

Correttamente Eurostat titola riportando i rapporti 2021Q2 / 2021Q1.

Infatti il 2020Q2 è stato il peggior semestre con un secco -15%. Di conseguenza, il rapporto 2021Q2 / 2020Q2 è risultato essere abnormemente elevato.

Eurostat non ha pubblicato il riscontro contro l’ultimo semestre prima della crisi economica.

2021-08-18__ Eurostat 002

* * * * * * *


Eurostat ha rilasciato il Report GDP up by 2.0% and employment up by 0.5% in the euro area.

GDP up by 2.0% and employment up by 0.5% in the euro area In the EU, GDP up by 1.9% and employment up by 0.6%

                         GDP growth in the euro area and EU.

In the second quarter of 2021, seasonally adjusted GDP increased by 2.0% in the euro area and by 1.9% in the EU, compared with the previous quarter, according to a flash estimate published by Eurostat, the statistical office of the European Union. In the first quarter of 2021, GDP had declined by 0.3% in the euro area and 0.1% in the EU.

During the second quarter of 2021, GDP in the United States increased by 1.6% compared with the previous quarter (after +1.5% in the first quarter of 2021). Compared with the same quarter of the previous year, GDP increased by 12.2% (after +0.5% in the previous quarter).

                   Employment growth in the euro area and EU

The number of employed persons increased by 0.5% in the euro area and by 0.6% in the EU in the second quarter of 2021, compared with the previous quarter. In the first quarter of 2021, employment had decreased by 0.2% in both the euro area and the EU.

Compared with the same quarter of the previous year, employment increased by 1.8% in both the euro area and in the EU in the second quarter of 2021, after -1.8% and -1.6% respectively in the first quarter of 2021.

These data provide a picture of labour input consistent with the output and income measure of national accounts.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Giappone. 2021Q2. Pil annualizzato +1.3%.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-17.

2021-08-17__ Giappone Pil 001

Il Cabinet Office ha rilasciato il Report Quarterly Estimates of GDP

2021-08-17__ Giappone Pil 002

* * * * * * *

Japan GDP rebounds in Q2 with 1.3% annualized growth

First uptick in 2 quarters beats forecasts despite COVID state of emergency.

Tokyo — Japan’s economy grew 0.3% in April-June from the previous quarter, equal to an annualized pace of 1.3%, the Cabinet Office announced on Monday, as corporate capital spending turned positive despite consumer spending that remained sluggish amid COVID-19.

The first turnaround in two quarters was bigger than an annualized increase of 0.66% that economists had expected. Most of the period between April and June coincided with a state of emergency in Tokyo, Osaka and other areas, when measures such as curbing outings, shortening restaurant hours, and closing large commercial facilities were implemented.

Japan suffered negative growth in the April-June quarter of 2020, when a state of emergency was declared for the first time in the wake of the coronavirus outbreak. But growth turned positive in the July-December period.

In January-March of 2021, a decline in personal consumption due to the state of emergency in the Tokyo metropolitan area and other areas pushed down the overall growth rate, turning negative for the first time in three quarters.

Pubblicato in: Banche Centrali, Regno Unito

Regno Unito. 2021Q2. Pil -4.4% rispetto al 2019Q4. Investimenti aziendali +9.7%.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-14.

2021-08-12__Regno Unito 001

                         In sintesi.

– The level of GDP is now 4.4% below where it was pre-coronavirus pandemic at Quarter 4 (Oct to Dec) 2019

* * * * * * *

Diamo con piacere atto allo Office for National Statistics di aver riportato il pil sull’ultimo trimestre del 2019, ultima rilevazione prima del lockdown.

Il sistema economico inglese sta dando vivi segni di ripresa: in particolare gli investimenti delle aziende hanno ripreso a buon ritmo, +9.7%, così come la produzione manifatturiera, +13.9%.

* * * * * * *


Lo Office for National Statistics ha Rilasciato il Report GDP first quarterly estimate, UK: April to June 2021

First quarterly estimate of gross domestic product (GDP). Contains current and constant price data on the value of goods and services to indicate the economic performance of the UK.

                         Main Points

– UK gross domestic product (GDP) is estimated to have increased by 4.8% in Quarter 2 (Apr to June) 2021 following the easing of coronavirus (COVID-19) restrictions.

– There have been increases in services, production and construction output over the quarter.

– In output terms, the largest contributors to this increase were from wholesale and retail trade, accommodation and food service activities, and education.

– The level of GDP is now 4.4% below where it was pre-coronavirus pandemic at Quarter 4 (Oct to Dec) 2019.

– In Quarter 2 2021, there were increases in nearly all main components of expenditure apart from “trade”, with the largest contribution from household consumption, which contributed 4.1 percentage points to the 4.8% increase following the easing of coronavirus restrictions in Quarter 2 2021 compared with Quarter 1 (Jan to Mar) 2021.

                         Headline GDP figures.

UK gross domestic product (GDP) is estimated to have increased by 4.8% in Quarter 2 (Apr to June) 2021, following the easing of coronavirus (COVID-19) restrictions (Figure 1). Monthly estimates published today (12 August 2021) show that GDP increased across all three months at 2.2% in April, 0.6% in May and 1.0% in June 2021.

The level of GDP in the UK is now 4.4% below where it was prior to the coronavirus pandemic at the end of 2019.

*

Several countries have published first estimates of nominal and real GDP for the second quarter of 2021, including France, Germany, Spain and the United States. Italy and Canada have also published first estimates of real GDP for Quarter 2 2021, but not nominal GDP and therefore have not been included in Figure 2. The UK experienced the largest increase in real GDP of these countries in Quarter 2 2021, in part reflecting the timing of the tightening and easing of public health restrictions in the first half of this year.

Of the other countries, Italy and Spain had the next largest volume increases in Quarter 2 2021. However, these two countries are the furthest away from their pre-pandemic levels of GDP, with Spain 6.8% and Italy 3.8% below their Quarter 4 (Oct to Dec) 2019 levels. The United States is the only economy to have recovered to above pre-pandemic levels (0.8%).

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Le elezioni di settembre potrebbero sconvolgere i piani della Bce. – Merkeldämmerung.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-13.

2021-08-09__ Germania Sondaggi 001

2021-08-13__ DE Sondaggi

La situazione tedesca è del tutto metastabile.

Il pil è aumentato dell’1.5% trimestre su trimestre, il PPI – Indice dei prezzi alla Produzione – è salito all’8.5%, il PCI – prezzi  al consumo – vale 3.8% segno di un crescente effetto inflattivo, l’Indice dei Prezzi alla Importazione vale ora +12.9%. Ma sono i costi dell’energia a colpire tutto il sistema produttivo, più che raddoppiati nell’ultimo biennio, sia per gli aumenti delle materie prime sia per perché gravati dalle tasse ecologiche.

The Energy Report: The Price Of Green

«The price of the green energy transition is starting to worry policymakers across the globe as it is becoming apparent the rash move to alternative energies is going to be so costly that it could put the global economy at risk. The fears of inflation, or what could be called green inflation, are starting to hit home to policymakers that maybe have not thought about the real cost of the energy transition and the impact that is going to have on people’s daily lives.»

* * * * * * *

A settembre si terranno le elezioni politiche, e le previsioni elettorali sarebbero quelle riportate nelle tabelle, tenendo conto che di norma in Germania i risultati elettorali differiscono anche grandemente dalle prospezioni.

Si prospetterebbe una situazione nella quale nessun partito risulterebbe essere chiaramente egemone. A ciò conseguirebbe la necessità di formare una coalizione tra forze politiche con anime contrastanti.

Ma il problema si prospetta ben più ampio del solo quadro politico.

ECB. Weidmann e Wunsch votano contro la Lagarde sui tassi di interesse.

Weidmann. ECB dovrebbe ridurre gli stimoli dettati dalla emergenza.

ECB’s Knot Warns Central Bank Could Be Underestimating Inflation

Gli interessi tedeschi divergono sempre più vistosamente da quelli della Ecb, e si potrebbe anche arrivare ad un punto di rottura, che i risultati elettorali potrebbe accelerare.

* * * * * * *

««Effetto alluvione» in vista del voto del 26 settembre. Ma è il combinato di congestione sulla supply chain, rischio lockdown in Cina e nuova guidance sull’inflazione a mettere la Germania in allerta»

«Mentre la Bce tratteggia magnifiche sorti e progressive per il terzo trimestre di quest’anno e Mario Draghi invita gli italiani alla cautela sanitaria in vacanza, al fine di non intaccare un’economia che va addirittura meglio del previsto, dalla Germania arriva solo cauta attesa»

«Perché il tanto temuto effetto alluvione si è alla fine palesato sui sondaggi: stando all’ultima rilevazione Kantar per il settimanale Focus, infatti, le risate fuori luogo del candidato cancelliere della Cdu, Armin Laschet, avrebbero portato il distacco fra cristiano-democratici e Verdi a soli 2 punti»

«Il partito di Angela Merkel avrebbe perso 3 punti percentuali, attestandosi al 24%, mentre quello di Annalena Baerbock ne avrebbe guadagnati altrettanti, salendo al 22%. Sempre terza al 18% la Spd»

«E che la tensione stia salendo lo conferma anche la decisione della Commissione elettorale tedesca, la quale ha escluso i Verdi dalla possibilità di correre nel Land della Saarland per irregolarità nella scelta del candidato»

«Ma al netto delle dietrologie, la Germania sconta con almeno un trimestre di anticipo criticità che Bce e governo italiano paiono ignorare in vista dell’autunno»

«In primis, il possibile deterioramento delle condizioni già estreme sulla supply chain globale, già capaci di rallentare all’1,5% il Pil della locomotiva europea nel secondo trimestre contro attese del 2% e, soprattutto, infliggere una pesante battuta d’arresto alla produzione industriale»

«A fronte di prezzi già record per il trasporto merci via container»

«se il contagio dovesse invece portare a uno stop anche di terminal e hub di trasporto, l’autunno diventerebbe un incubo a livello di approvvigionamenti»

«Senza contare l’interscambio commerciale record fra Germania e Cina, il quale oggi – a livello di export teutonico – è ancora secondo in termini assoluti dopo quello con Washington ma ormai solo per 8 miliardi di controvalore, dopo aver polverizzato quello tra Berlino e Parigi»

«Berlino ragiona su questo»

«Bce, la quale, ottenuta la vittoria di Pirro della nuova guidance sull’inflazione, appare certa di aver vincolato la prosecuzione del Pepp – sotto altro nome e formula – fino al raggiungimento formale del 2% di inflazione»

«Bundesbank, il cui numero uno infatti ha platealmente e pubblicamente votato contro la politica di tassi a zero perenni implicita nel nuovo approccio monetario dell’Eurotower»

«Con l’intera curva dei rendimenti obbligazionari sovrani in negativo, Deutsche Bank ha calcolato la perdita di valore implicita per un Bund trentennale acquistato oggi in base al tasso di inflazione»

«Se già con un 1% la perdita sarebbe attorno al 25%, giungere al nuovo obiettivo Bce del 2% implicherebbe qualcosa come il 45%»

«La Germania stia pagando un pesante scotto all’inflazione energetica, sia a livello di costi dell’elettricità che del gas, quest’ultimo direttamente legato alla disputa geopolitica fra Ue e Russia e alla scelta di quest’ultima di inviare un segnale di minaccia tramite il dimezzamento dei flussi verso l’hub tedesco di Mallnow»

«Insomma, visto da Berlino il terzo trimestre del 2021 già oggi appare in netta antitesi con quello dalle mille tonalità di rosa tratteggiato da Christine Lagarde e Mario Draghi»

* * * * * * *


Tra Cdu e Verdi solo 2 punti. Draghi e Bce fanno i loro conti senza l’oste di Berlino?

«Effetto alluvione» in vista del voto del 26 settembre. Ma è il combinato di congestione sulla supply chain, rischio lockdown in Cina e nuova guidance sull’inflazione a mettere la Germania in allerta.

Berlino è silenziosa. Troppo. Mentre la Bce tratteggia magnifiche sorti e progressive per il terzo trimestre di quest’anno e Mario Draghi invita gli italiani alla cautela sanitaria in vacanza, al fine di non intaccare un’economia che va addirittura meglio del previsto, dalla Germania arriva solo cauta attesa. Elettorale.

Perché il tanto temuto effetto alluvione si è alla fine palesato sui sondaggi: stando all’ultima rilevazione Kantar per il settimanale Focus, infatti, le risate fuori luogo del candidato cancelliere della Cdu, Armin Laschet, avrebbero portato il distacco fra cristiano-democratici e Verdi a soli 2 punti. Il partito di Angela Merkel avrebbe perso 3 punti percentuali, attestandosi al 24%, mentre quello di Annalena Baerbock ne avrebbe guadagnati altrettanti, salendo al 22%. Sempre terza al 18% la Spd. E che la tensione stia salendo lo conferma anche la decisione della Commissione elettorale tedesca, la quale ha escluso i Verdi dalla possibilità di correre nel Land della Saarland per irregolarità nella scelta del candidato. Di fatto, un 1,3% degli aventi diritto totali al voto del 26 settembre cui gli ambientalisti dovranno giocoforza fare a meno.

A detta di molti, una decisione a orologeria. Ma al netto delle dietrologie, la Germania sconta con almeno un trimestre di anticipo criticità che Bce e governo italiano paiono ignorare in vista dell’autunno. In primis, il possibile deterioramento delle condizioni già estreme sulla supply chain globale, già capaci di rallentare all’1,5% il Pil della locomotiva europea nel secondo trimestre contro attese del 2% e, soprattutto, infliggere una pesante battuta d’arresto alla produzione industriale.

A fronte di prezzi già record per il trasporto merci via container, Goldman Sachs ritiene che l’attuale, nuova emergenza pandemica scoppiata in Cina possa ulteriormente esacerbare la situazione.

La quale, a livello di code in attesa per sdoganare e scaricare nei principali hub portuali, oggi è del 76% superiore alla media a 5 anni. E con 25 città in 10 province ritenute oggi a rischio medio-alto dalle autorità cinesi contro le 6 città nella sola Guangdong riferite ai focolai di maggio, il rischio è decisamente serio. Se da un lato, infatti, un lockdown limitato alle attività industriali e manifatturiere potrebbe far respirare i porti e diminuire i tassi di congestione, dall’altro se il contagio dovesse invece portare a uno stop anche di terminal e hub di trasporto, l’autunno diventerebbe un incubo a livello di approvvigionamenti. E prezzi, stante la necessità di ricostruire gli stock di magazzino andati bruciati dai consumi durante i periodi di fermo. Senza contare l’interscambio commerciale record fra Germania e Cina, il quale oggi – a livello di export teutonico – è ancora secondo in termini assoluti dopo quello con Washington ma ormai solo per 8 miliardi di controvalore, dopo aver polverizzato quello tra Berlino e Parigi.

Berlino ragiona su questo. E lo fa con un occhio ben spalancato sulla competizione elettorale e l’altro sulle mosse della Bce. La quale, ottenuta la vittoria di Pirro della nuova guidance sull’inflazione, appare certa di aver vincolato la prosecuzione del Pepp – sotto altro nome e formula – fino al raggiungimento formale del 2% di inflazione e il suo consolidamento fino all’over-shooting. Ma qualcosa comincia a fare male, dalle parti della Cancelleria. E della Bundesbank, il cui numero uno infatti ha platealmente e pubblicamente votato contro la politica di tassi a zero perenni implicita nel nuovo approccio monetario dell’Eurotower.

Le due facce della medaglia del frutto avvelenato di un Qe inteso ormai come perenne, alla luce di un’inflazione che in Germania a luglio è salita al 3,8% su base annua, il massimo dal 1993. Dopo i pessimi conti presentati da Commerzbank (secondo istituto dell’indice ma con un market cap di soli 6,4 miliardi) nell’ultima trimestrale, infatti, l’indice bancario tedesco è sceso sotto quota 100, addirittura un livello inferiore a quello toccato durante la crisi finanziaria del 2008-2009. Al netto delle mille criticità possibili nel comparto, a erodere profittabilità a tal punto da imporre costi accessori sui conti correnti più elevati in ammontare è il tasso negativo sui depositi deciso dalla Banca centrale europea, a cui il tiering introdotto nel 2019 sta letteralmente facendo il solletico.

Con l’intera curva dei rendimenti obbligazionari sovrani in negativo, Deutsche Bank ha calcolato la perdita di valore implicita per un Bund trentennale acquistato oggi in base al tasso di inflazione. Se già con un 1% la perdita sarebbe attorno al 25%, giungere al nuovo obiettivo Bce del 2% implicherebbe qualcosa come il 45%. Ingestibile sul lungo termine.

La Germania stia pagando un pesante scotto all’inflazione energetica, sia a livello di costi dell’elettricità che del gas, quest’ultimo direttamente legato alla disputa geopolitica fra Ue e Russia e alla scelta di quest’ultima di inviare un segnale di minaccia tramite il dimezzamento dei flussi verso l’hub tedesco di Mallnow. Ingestibile sul lungo termine.

Insomma, visto da Berlino il terzo trimestre del 2021 già oggi appare in netta antitesi con quello dalle mille tonalità di rosa tratteggiato da Christine Lagarde e Mario Draghi, al netto della variante Delta e dei suoi stop-and-go forzati. Ed essendo quei tre mesi gli stessi che porteranno il Paese al voto legislativo, a fronte di un vantaggio della Cdu praticamente finito sott’acqua con l’alluvione delle scorse settimane, è più che probabile che Jens Weidmann arrivi al board Bce del 9 settembre con un chiaro mandato politico di rinnovata intransigenza. Quantomeno, al fine di inviare un segnale a cittadini e aziende (banche in testa) rispetto alle reali priorità che si intende imporre all’agenda. Mario Draghi e Christine Lagarde, forti della nuova guidance e del sostegno della variante Delta al Pepp, stanno forse facendo i conti senza l’oste tedesco?

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. 2021Q2. Pil EU +2.0%, Pil eurozona +1.9% sul 2021Q1.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-01.

2021-08-01__ Eurostat PIL 001

Eurostat ha rilasciato il Report preliminare  GDP up by 2.0% in the euro area and by 1.9% in the EU.

Correttamente, l’Istituto di Statistica ha titolato con il confronto sul trimestre precedente.

Infatti, il Pil 2020Q2 era stato inusitatamente basso, motivo per cui il rapporto 2021Q2/2020Q2 è abnormemente alto.

* * * * * * *


Eurostat. GDP up by 2.0% in the euro area and by 1.9% in the EU.

Preliminary flash estimate for the second quarter of 2021. GDP up by 2.0% in the euro area and by 1.9% in the EU. +13.7% and +13.2% respectively compared with the second quarter of 2020.

* * *

In the second quarter 2021, seasonally adjusted GDP increased by 2.0% in the euro area and by 1.9% in the EU, compared with the previous quarter, according to a preliminary flash estimate published by Eurostat, the statistical office of the European Union. In the first quarter of 2021, GDP had declined by 0.3% in the euro area and 0.1% in the EU.

These preliminary GDP flash estimates are based on data sources that are incomplete and subject to further revisions.

Compared with the same quarter of the previous year, seasonally adjusted GDP increased by 13.7% in the euro area and by 13.2% in the EU in the second quarter of 2021, after -1.3% in both zones in the previous quarter.

Among the Member States for which data are available for the second quarter 2021, Portugal (+4.9%) recorded the highest increase compared to the previous quarter, followed by Austria (+4.3%) and Latvia (+3.7%), while Lithuania (+0.4%) and Czechia (+0.6%) recorded the lowest increase. The year on year growth rates were positive for all countries.

Source dataset: namq_10_gdp

The next estimates for the second quarter of 2021 will be released on 17 August 2021.

Pubblicato in: Cina

Cina. 2021H1. Pil +12.7% sul 2020H1.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-01.

2021-08-01 __ Cina 001

Il National Bureau of Statistics of China ha rilasciato  il Report Preliminary Accounting Results of GDP for the Second Quarter and the First Half Year of 2021.

«                       Basic Concepts.

Gross Domestic Product (GDP) refers to the final products at market prices produced by all resident units in a country during a certain period of time. GDP is the core indicator of the national accounts, and also an important indicator to measure the economic conditions and the level of development of a country.

In the practice of national accounting, gross domestic product is calculated using three approaches, namely production approach, income approach and expenditure approach, which reflect gross domestic product and its composition from different angles. The production approach refers to remove the value of intermediate goods and services from the value of goods and services created in the production process, and to get the value-added. The accounting formula as follows: value-added = total output – intermediate inputs. The GDP by production approach is the sum of value-added by production approach of various industries of national economy. The income approach refers to accounting the production activities from the point of generating income during the production process. Under this accounting method, the sum of the value-added obtained from four parts: workers compensation, net taxes on production, depreciation of fixed assets and operating surplus. The accounting formula as follows: value-added = workers compensation + net taxes on production + depreciation of fixed assets + operating surplus. The GDP by income approach equals to the sum of value-added by income approach of various industries of national economy. GDP by expenditure approach refers to the method of measuring GDP from the perspective of the final uses of production activities. The final uses include final consumption expenditure, gross capital formation and net export of goods and services.

National Bureau of Statistics released quarterly GDP used the production method which based on the result of basic accounting.

                         Production Coverage.

Production range of GDP accounting includes the following four parts: first, the production of goods and services provided to or ready to provide to other units by the producers; second, self-sufficient production of goods for own final consumption or capital formation by the producers; third, self-sufficient production of knowledge carrier products for own final consumption or capital formation by the producers, excluding similar activities undertaken by the household sector; housing services; fourth, housing services provided by owner-occupied housing, as well as self-sufficient production of household and personal services provided by paid family service personnel. Production range does not include unpaid household and personal services, nor no units controlled natural activities (such as wild, non-cultivated forest, berries or wild berries natural growth, the natural growth of the number of fish in the public sea), etc.

                         Related Laws and Regulations.

GDP accounting was strictly complying with the provisions of the Statistics Law of the People’s Republic of China. At present, China’s GDP was measured in accordance with the requirements of the China’s System of National Accounts (CSNA) (2016), which has adopted the basic accounting principles, contents and methods of the United Nation’s System of National Accounts (SNA) 2008.»

Pubblicato in: Banche Centrali

Italia. 2020. Pil -8.9%, Occupati -2.1%. – Istat.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-07-04.

2021-07-03__ Italia Pil 001

In sintesi:

– Nel 2020 il Prodotto interno lordo …. è diminuito a livello nazionale dell’8,9%.

– L’occupazione (misurata in termini di numero di occupati) è diminuita del 2,1% a livello nazionale

– Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni -12,2%.

* * * * * * *


Istat. Stima preliminare del Pil e dell’occupazione a livello territoriale

I dati presentati in questo Report forniscono una stima preliminare del Pil e dell’occupazione per ripartizione territoriale riferita all’anno 2020. I risultati scaturiscono da un approccio di stima econometrico basato su indicatori (cfr. Nota metodologica) e potrebbero pertanto essere soggetti a revisioni anche ampie.

                         Flessione dell’occupazione più contenuta al Centro

Nel 2020 il Prodotto interno lordo, misurato in volume, è diminuito a livello nazionale dell’8,9%. Le stime preliminari indicano che gli effetti della crisi sanitaria da Covid-19 hanno colpito in misura relativamente più accentuata le regioni del Centro-nord rispetto a quelle del Mezzogiorno.

Le regioni del Nord-est e del Nord-ovest hanno subito una contrazione lievemente superiore rispetto alla media nazionale (con un calo pari al 9,1% in entrambe le aree), mentre nelle regioni del Centro la flessione è stata dell’8,8%. Una riduzione meno marcata rispetto al resto del Paese si riscontra nel Mezzogiorno, dove il calo del Pil è dell’8,4%.

L’occupazione (misurata in termini di numero di occupati) è diminuita del 2,1% a livello nazionale. Nel Nord-ovest e nel Mezzogiorno si osserva una flessione pari alla media nazionale; solo lievemente migliore appare il risultato del Nord-est (-2,0%) e del Centro (-1,9%).

                         Commercio, pubblici esercizi e trasporti il settore più penalizzato

Nel Nord-ovest i settori caratterizzati dalle flessioni più marcate del valore aggiunto sono stati l’Industria, che con un calo dell’11,9% fa registrare la peggiore performance a livello territoriale, e il macrosettore Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (-12,2%), che, al contrario, segna un risultato relativamente meno negativo rispetto al resto del Paese.

I Servizi finanziari, immobiliari e professionali (-5,8%) e gli Altri servizi (-5,8%) hanno subito flessioni leggermente superiori alla media nazionale, mentre per le Costruzioni il calo (-6,1%) è lievemente inferiore a quello nazionale (-6,3%). Nell’Agricoltura la flessione del valore aggiunto è stata del 3,6%, di gran lunga il risultato migliore tra tutte le macro-aree.

Nel Nord-est la crisi ha colpito pesantemente il Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni, che fa registrare la diminuzione più marcata a livello territoriale (-14,5%). La contrazione del valore aggiunto in Agricoltura (-6,0%) e nelle Costruzioni (-6,4%) è allineata alla media nazionale, mentre nell’Industria (-10,5%), nei Servizi finanziari, immobiliari e professionali (-5,1%) e negli Altri servizi (-5,0%) l’andamento risulta relativamente migliore che nel resto del Paese.

Anche al Centro, il settore che comprende Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni subisce un forte calo (-12,9%), seguito dall’Industria (-11,5%). Rispetto alle altre ripartizioni in quest’area si registrano le diminuzioni più marcate per l’Agricoltura (-9,3%) e le Costruzioni, (-6,9%). Risulta in flessione anche il valore aggiunto dei Servizi finanziari, immobiliari e professionali (-5,9%) e degli Altri servizi (-5,0%).

Il Mezzogiorno condivide col Nord-est la peggiore performance del settore del Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (-14,5%) mentre l’Industria registra in quest’area la contrazione meno marcata (-9,9%). Fanno registrare un andamento meno negativo di quello medio nazionale i settori delle Costruzioni (-6,0%), dei Servizi finanziari, immobiliari e professionali (-5,1%) e degli Altri servizi (-5,2%).

Quanto all’occupazione, il settore delle Costruzioni, l’unico ad aver registrato un incremento a livello nazionale, ha segnato la crescita maggiore al Sud (+2,4%) e la performance peggiore al Centro, con una lievissima flessione (-0,1%).

L’occupazione in Agricoltura, a fronte di una tenuta complessiva, evidenzia il migliore risultato al Nord-ovest (+1,0%) e il peggiore al Sud (-0,5%) mentre l’Industria è stata particolarmente penalizzata nel Nord-ovest (-0,9%). La rilevante contrazione dell’occupazione nel Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni ha interessato tutte le aree in misura vicina alla media nazionale (-4,3%), con un picco negativo al Nord-est (-4,8%). I Servizi finanziari, immobiliari e professionali sono stati particolarmente colpiti al Nord-ovest (-2,5%) e gli Altri servizi nel Mezzogiorno (-2,3%).

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

USA. 2021Q1. Pil ufficiale +6.4%. Detratte sovvenzioni ed inflazione circa zero. – BEA.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-06-25.

2021-06-25__ usa Pil 001

Si faccia la massima attenzione!

«Real gross domestic product (GDP) increased at an annual rate of 6.4 percent in the first quarter of 2021, reflecting the continued economic recovery, reopening of establishments, and continued government response related to the COVID-19 pandemic»

«The increase in real GDP in the first quarter reflected increases in personal consumption expenditures (PCE), nonresidential fixed investment, federal government spending, residential fixed investment, and state and local government spending The increase in real GDP in the first quarter reflected increases in personal consumption expenditures (PCE), nonresidential fixed investment, federal government spending, residential fixed investment, and state and local government spending»

«The increase in PCE reflected increases in durable goods (led by motor vehicles and parts), nondurable goods (led by food and beverages), and services (led by food services and accommodations). …. The increase in federal government spending primarily reflected an increase in payments made to banks for processing and administering the Paycheck Protection Program loan applications»

* * * * * * *

Cosa sta succedendo?

Il Bureau of Economic Analysis, ossia l’ente governativo che calcola e rilascia il pil ed il pec americano include nel pil tutte le sovvenzioni erogate dallo stato federale, dai singoli stati e dai governi locali. Una cifra immane generata ricorrendo al debito coperto dalla Fed con denaro fiat, che è stata trattata alla stregua di ricchezza generata dalla produzione nazionale, ossia dal lavoro.

Detratte dal calcolo le sovvenzioni assistenziali, il pil sarebbe circa eguale al 4%.

Ma il Pce, personal consumption expenditures, ossia l’indice di inflazione prediletto dalla Fed, è schizzato in questo trimestre proprio al 4%. In altri termini, l’inflazione si fagocita il valore degli aumenti del pil. Si da con una mano e si toglie con l’altra.

Ciò non desta sorprese.

Nel suo Report Personal Income and Outlays, April 2021 il Bureau of Economic Analysis  stesso riportava che il Disposable personal income era -14.6%. Una diminuzione delle entrate dei cittadini del -14.6% sembrerebbe essere non compatibile con un aumento del prodotto interno lordo.

Si noti anche come, sempre il Bureau of Economic Analysis aveva stimato il PCI al 5%:

Consumer prices increase 5.0 percent for the year ended May 2021

«The Consumer Price Index for All Urban Consumers increased 5.0 percent from May 2020 to May 2021. Prices for food advanced 2.2 percent, while prices for energy increased 28.5 percent»

Ma con un aumento del 28.5% dell’energia, come fa l’inflazione ad essere solo il 4%?

*

Bureau of Economic Analysis. Gross Domestic Product (Third Estimate), GDP by Industry, and Corporate Profits (Revised), 1st Quarter 2021.

«Real gross domestic product (GDP) increased at an annual rate of 6.4 percent in the first quarter of 2021, reflecting the continued economic recovery, reopening of establishments, and continued government response related to the COVID-19 pandemic. The increase was the same rate as the “second” estimate released in May. In the first quarter, government assistance payments, such as direct economic impact payments, expanded unemployment benefits, and Paycheck Protection Program loans were distributed to households and businesses through the Coronavirus Response and Relief Supplemental Appropriations Act and the American Rescue Plan Act. In the fourth quarter of 2020, real GDP increased 4.3 percent.»

* * *

Real gross domestic product (GDP) increased at an annual rate of 6.4 percent in the first quarter of 2021 (table 1), according to the “third” estimate released by the Bureau of Economic Analysis. In the fourth quarter, real GDP increased 4.3 percent.

The “third” estimate of GDP released today is based on more complete source data than were available for the “second” estimate issued last month. In the second estimate, the increase in real GDP was also 6.4 percent. Upward revisions to nonresidential fixed investment, private inventory investment, and exports were offset by an upward revision to imports, which are a subtraction in the calculation of GDP (see “Updates to GDP”).

→→ The increase in real GDP in the first quarter reflected increases in personal consumption expenditures (PCE), nonresidential fixed investment, federal government spending, residential fixed investment, and state and local government spending that were partly offset by decreases in private inventory investment and exports. Imports increased. ←←

The increase in PCE reflected increases in durable goods (led by motor vehicles and parts), nondurable goods (led by food and beverages), and services (led by food services and accommodations). The increase in nonresidential fixed investment reflected increases in equipment (led by information processing equipment) and intellectual property products (led by software). The increase in federal government spending primarily reflected an increase in payments made to banks for processing and administering the Paycheck Protection Program loan applications as well as purchases of COVID-19 vaccines for distribution to the public. The decrease in private inventory investment primarily reflected a decrease in retail trade inventories (mainly by motor vehicles and parts dealers).

Current dollar GDP increased 11.0 percent at an annual rate, or $566.8 billion, in the first quarter to a level of $22.06 trillion. In the fourth quarter, GDP increased 6.3 percent, or $324.4 billion (table 1 and table 3). More information on the source data that underlie the estimates is available in the Key Source Data and Assumptions file on BEA’s website.

The price index for gross domestic purchases increased 4.0 percent in the first quarter, compared with an increase of 1.7 percent in the fourth quarter (table 4). The PCE price index increased 3.7 percent, compared with an increase of 1.5 percent. Excluding food and energy prices, the PCE price index increased 2.5 percent, compared with an increase of 1.3 percent.

Gross Domestic Income and Corporate Profits

Real gross domestic income (GDI) increased 7.6 percent in the first quarter, compared with an increase of 19.4 percent in the fourth quarter. The average of real GDP and real GDI, a supplemental measure of U.S. economic activity that equally weights GDP and GDI, increased 7.0 percent in the first quarter, compared with an increase of 11.6 percent in the fourth quarter (table 1).

Profits from current production (corporate profits with inventory valuation and capital consumption adjustments) increased $55.2 billion in the first quarter, in contrast to a decrease of $31.4 billion in the fourth quarter (table 10).

Profits of domestic financial corporations decreased $6.4 billion in the first quarter, in contrast to an increase of $17.5 billion in the fourth quarter. Profits of domestic nonfinancial corporations increased $72.1 billion, in contrast to a decrease of $48.2 billion. Rest-of-the-world profits decreased $10.6 billion, compared with a decrease of $0.7 billion. In the first quarter, receipts increased $34.2 billion, and payments increased $44.8 billion.

Updates to GDP

In the third estimate, the change in first-quarter real GDP was the same as in the second estimate. Upward revisions to nonresidential fixed investment, private inventory investment, exports, and PCE were offset by an upward revision to imports. For more information, see the Technical Note. For information on updates to GDP, see the “Additional Information” section that follows.

Real GDP by Industry

Today’s release includes estimates of GDP by industry, or value added—a measure of an industry’s contribution to GDP. In the first quarter, private goods-producing industries increased 5.4 percent, private services-producing industries increased 7.7 percent, and government increased 0.2 percent (table 12). Overall, 17 of 22 industry groups contributed to the first-quarter increase in real GDP.

The increase in private goods-producing industries primarily reflected an increase in durable goods manufacturing (led by computer and electronic products, fabricated metal products, and machinery). The increase was partly offset by decreases in nondurable goods manufacturing (led by petroleum and coal products) and agriculture, forestry, fishing, and hunting (led by farms).

The increase in private services-producing industries primarily reflected increases in professional, scientific, and technical services; information (led by data processing, internet publishing, and other information services); administrative and waste management services (led by administrative and support services); real estate and rental and leasing; and retail trade. These increases were partly offset by decreases in other services (which includes activities of political organizations); healthcare and social assistance (led by ambulatory health care services); and utilities.

The increase in government reflected increases in federal as well as state and local.

Gross Output by Industry

Real gross output—principally a measure of an industry’s sales or receipts, which includes sales to final users in the economy (GDP) and sales to other industries (intermediate inputs)—increased 8.9 percent in the first quarter (table 16). Private goods-producing industries decreased 1.7 percent, private services-producing industries increased 13.4 percent, and government increased 6.0 percent. Overall, 17 of 22 industry groups contributed to the increase in real gross output, led by retail trade, finance and insurance, and information. A decrease in nondurable goods manufacturing was the most notable offset to these increases.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Europa. Se Italia e Spagna falliscono con il Pnnr sarà la fine della EU. – Enrico Letta.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-06-27.

Letta 001

«Il futuro dell’Europa dipende dall’Italia e dalla Spagna come non è mai accaduto nella storia europea: se l’Italia e la Spagna falliranno nell’applicazione di Next generation Eu non ci sarà mai più in Europa un intervento di investimento importante come quello rappresentato da Next generation Eu»

«La minoranza che ha tentato di bloccarlo avrà argomenti inconfutabili per bloccare qualunque sviluppo per il futuro Sarebbe la fine dell’Europa »

«È chiaro a tutti che il futuro sarà sempre più con Europa, Cina e Usa che giocheranno una partita di competizione e alleanze: o l’Europa ha gli strumenti per giocarla in quanto Europa o saremo marginali»

«L’unico modo per avere gli strumenti per giocare e vincerla è avere Next generation Eu permanente accanto al motore normale che è il bilancio comunitario»

«Next generation Eu permanente è il futuro dell’Europa e il futuro di Italia e Spagna»

«La crisi economica della pandemia ha portato a una crescita del debito pubblico fino a quasi il 160%, ovvero il 25% nell’arco di un anno»

«Come possiamo immaginare di avere un margine di indebitamento per fare investimenti solamente in una logica nazionale? E’ impossibile, gli unici margini di indebitamento sono europei»

«Proprio in questi giorni è partito il percorso degli eurobond, solo così si regge la competizione con Usa e Cina»

* * * * * * *

A nostro sommesso parere Enrico Letta ha detto una cosa ragionevole: in caso di fallimento del Pnnr l’attuale Unione Europea imploderebbe.

Se il Pnnr fosse stato attuato due anni fa, all’inizio della crisi economica, forse si sarebbe potuto ottenere un qualche beneficio: ma messo in campo con due anni di ritardo sarebbe molto difficile che ottenga un qualche risultato.

Nell’eurozona il pil 2020Q4 si è contratto del -4.9%, e quello 2021Q1 del -1.3%.

La Germania presenta un PPI del 7.2%, l’Italia del 6.5% e la Spagna del 2.7%.

Non solo.

Gli aumenti dei costi alla produzione derivano da aumenti delle materie prime e, soprattutto, dell’energia. Sono quindi aumenti strutturali, non contingenti.

Infine, si sta andando incontro ad un periodo di inflazione. I denari elargiti come sovvenzioni saranno bruciati dal calo del potere di acquisto.

Se ci si augura che tutto possa andare per il meglio, ci sarebbero forti dubbi che tale augurio possa concretizzarsi.

*

Se Italia e Spagna falliscono con il Pnnr sarà fine dell’Ue (Letta)

Minoranza per blocco Recovery avrà argomenti inconfutabili.

“Il futuro dell’Europa dipende dall’Italia e dalla Spagna come non è mai accaduto nella storia europea: se l’Italia e la Spagna falliranno nell’applicazione di Next generation Eu non ci sarà mai più in Europa un intervento di investimento importante come quello rappresentato da Next generation Eu”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, intervenendo al foro di dialogo Italia-Spagna di cui è coordinatore.

“La minoranza che ha tentato di bloccarlo avrà argomenti inconfutabili per bloccare qualunque sviluppo per il futuro Sarebbe la fine dell’Europa”, ha aggiunto.

“È chiaro a tutti – ha aggiunto Letta – che il futuro sarà sempre più con Europa, Cina e Usa che giocheranno una partita di competizione e alleanze: o l’Europa ha gli strumenti per giocarla in quanto Europa o saremo marginali. L’unico modo per avere gli strumenti per giocare e vincerla è avere Next generation Eu permanente accanto al motore normale che è il bilancio comunitario”. Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta al foro italo spagnolo di cui è coordinatore.

“Next generation Eu permanente – ha proseguito – è il futuro dell’Europa e il futuro di Italia e Spagna. La crisi economica della pandemia ha portato a una crescita del debito pubblico fino a quasi il 160%, ovvero il 25% nell’arco di un anno. Come possiamo immaginare di avere un margine di indebitamento per fare investimenti solamente in una logica nazionale? E’ impossibile, gli unici margini di indebitamento sono europei. Proprio in questi giorni è partito il percorso degli eurobond, solo così si regge la competizione con Usa e Cina”.

Letta ha poi parlato del quadro politico interno: “Non sono d’accordo con Tajani quando sostiene che conta la dimensione nazionale nelle relazioni tra i partiti e non quella europea. Conta sempre di più la dimensione europea. La dimensione nazionale senza un’intesa sull’Europa è una dimensione povera”.

“E’ stato importante vedere l’accoglienza che tutti gli spagnoli hanno dato ieri al presidente del Consiglio Mario Draghi: questo ci dà molta forza, perché l’Italia ha una situazione difficile, ci sono punti molto complessi come il debito, ma ce la faremo”, ha concluso.