Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Weidmann. ECB dovrebbe ridurre gli stimoli dettati dalla emergenza.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-07-13.

Bundesbank 002

ECB should not extend stimulus flexibility to older tools: Weidmann

«The European Central Bank can hopefully reduce emergency stimulus soon and should not transfer the extraordinary flexibility of its crisis-fighting measures to its more standard tools, German central bank chief Jens Weidmann told German newspaper Handelsblatt»

«The ECB last week decided to maintain an elevated pace of bond buys over the coming quarter, despite a stronger-than-expected rebound in growth, fearing that higher borrowing costs could choke off the recovery»

«But some policymakers are already making the case for a discussion in September on how and when to phase out the 1.85 trillion euro ($2.2 trillion) Pandemic Emergency Purchase Programme as the bloc is quickly recovering»

«He said that by next year there should be no unusual capacity underutilisation and such a situation could no longer be classified a crisis, meaning the justification for the emergency measures would be gone»

«“When the emergency for which the PEPP was created is over, it must be ended,” Weidmann, one of the most conservative members of the 25-member Governing Council»

«When this exceptional situation is over, such a high degree of flexibility is no longer appropriate»

* * * * * * *

«Bundesbank President Jens Weidmann said the European Central Bank won’t deliberately seek higher inflation rates to make up for previous undershoots»

«The ECB raised its inflation goal to 2% on Thursday in a unanimous decision after an 18-month debate, and acknowledged that temporary overshoots might occur when interest rates are near their lower limit, as now»

«In the run-up to the announcement, economists and investors speculated over whether the central bank would emulate the Federal Reserve in embracing average inflation targeting, which would mean automatic overshooting after periods of weakness»

«We are not striving for either lower or higher rates, …. That was important to me»

«At least until inflation has been sustainably revived, that should bring harmony to a sometimes-divided Governing Council of 25 officials from 19 countries»

«we do not make our monetary policy contingent on targets not met in the past»

«Still, Governing Council colleague Olli Rehn, the Finnish governor, said on Friday that while the formulation of the Fed and ECB goals are different, his interpretation is that their monetary policy reactions to similar shocks wouldn’t be that far apart»

* * * * * * *

In sintesi.

Herr Jens Weidmann è persona di grande spessore ed ottimo buon senso.

Apprezza le soluzioni elastiche, che meglio si adatterebbero alla gestione di periodi tumultuosi, perché si adattano alla realtà fattuale, senza rigidità.

Nessun accenno alla inflazione, tema scottante nella eurozona. Ma il silenzio non la esorcizza.

*


Weidmann Says ECB Won’t Seek Deliberate Inflation Overshoot.

– ECB lifted goal to 2% Thursday and said target may be exceeded

– Rehn says ECB response to a shock could be similar to Fed

*

Bundesbank President Jens Weidmann said the European Central Bank won’t deliberately seek higher inflation rates to make up for previous undershoots, underlining the compromise made between more-hawkish and more-dovish policy makers on their new price-stability strategy.

The ECB raised its inflation goal to 2% on Thursday in a unanimous decision after an 18-month debate, and acknowledged that temporary overshoots might occur when interest rates are near their lower limit, as now.

In the run-up to the announcement, economists and investors speculated over whether the central bank would emulate the Federal Reserve in embracing average inflation targeting, which would mean automatic overshooting after periods of weakness.

“We are not striving for either lower or higher rates,” Weidmann said, in one of the first reactions from within the council to the outcome of the strategy review. “That was important to me.”

The German central banker’s remarks highlight how ECB President Christine Lagarde won consensus by granting both sides of the policy spectrum devices to argue their case on the economic outlook. At least until inflation has been sustainably revived, that should bring harmony to a sometimes-divided Governing Council of 25 officials from 19 countries.

Read more: ECB Strikes Classic Compromise to Set Terms of Inflation Debate

Weidmann also said the new 2% goal over the medium term is a “clear and easily understandable objective,” and that “temporary deviations from the target in either direction can occur.”

“However, we do not make our monetary policy contingent on targets not met in the past,” he added.

Lagarde stressed in a press conference on Thursday that the institution is not doing Fed-style average inflation targeting.

Still, Governing Council colleague Olli Rehn, the Finnish governor, said on Friday that while the formulation of the Fed and ECB goals are different, his interpretation is that their monetary policy reactions to similar shocks wouldn’t be that far apart.

“We both have a symmetrical target,” he said. He also argued that the new goal would allow the ECB to emphasize other aims in its policy decisions, such as full employment.

Bank of France Governor Francois Villeroy de Galhau said in an interview with Boursorama that the ECB still needs to analyze the meaning of a “temporary” overshoot.

“We didn’t discuss any duration, we didn’t discuss any numbers. It’s all about the context,” he said. “In monetary policy, you have to combine the direction with judgment. We set the direction very clearly.”

French Finance Minister Bruno Le Maire weighed in as well, in an interview with Bloomberg Television, saying that “since we are under very special times, having this flexibility being decided by the ECB is very good news.”

Weidmann also welcomed the decision to include climate-change criteria into decision-making.

“Climate change and climate protection will play a significant role in how we fulfil our mandate,” he said. “It is correct for us to take, in particular, the financial risks deriving from climate change and climate policy as a starting point, to call for the disclosure of the necessary information, and to improve our risk management framework.”

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

ECB e Banca di Italia. Stanno preparandosi alla battaglia finale.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-06-11.

2021-06-01__ Bankitalia 001

«sono tante le cose che gli Ignazio Visco non dicono. E tutte poco piacevoli.»

«Ecb prestatrice di unica istanza»


Come i tedeschi asserragliati a Berlino nel 1945 mostravano una fede incrollabile nella futura vittoria finale, e chi non avesse professato tale fede sarebbe stato impiccato immediatamente, così nell’enclave liberal socialista occidentale sarebbe di obbligo ostentare un granitico ottimismo. L’inflazione è transitoria e tutto va per il meglio: ciò che importa è il godersi appieno il politicamente corretto e tutte le ultime legalizzazioni di ogni tipo di trasgressione.

Ma come molti gerarchi tedeschi cercavano di fuggire alla loro sorte reale, così Ecb e Banca di Italia stanno preparandosi alla battaglia finale. Hanno deciso di morire in bellezza come a suo tempo la Francia sotto il macigno degli Assignat.

È avvenuta una mutazione, incompatibile con la vita.

Ecb e banche centrali sono rimaste le uniche detentrici ed acquirenti dei titoli di debito nazionali.

Gli investitori stranieri, quelli nazionali non-finanziari e finanziari, hanno eliminato dai loro portafogli la quasi totalità dei titoli di stato europei.

Con questa manovra le banche centrali si sono totalmente staccate dalla realtà del mercato.

Generano moneta fiat con la quale acquistano titoli di stato nazionali: avrebbero inventato il moto perpetuo.

Così facendo il sistema sarebbe metastabile: ma l’inflazione è già passata dal +2.0% in aprile al +2.5% in maggio.

*

A proposito.

Alla fine gli stoici difensori di Berlino fecero un bel viaggio di sola andata in Siberia.

* * * * * * *

«Le considerazioni finali del governatore di Bankitalia hanno delineato un quadro composito e ottimistico per il Paese, auspicando però l’emissione di debito comune Ue»

«E la realtà lo conferma: negli ultimi 12 mesi, la Banca centrale è stata prestatore di «unica» istanza dei nostri Btp su mandato dell’Eurotower»

«Se il 10 giugno il mercato prezzerà davvero un taper o una fine della deroga sul limite per emittente, cosa accadrà?»

«una capacita di bilancio comune, accompagnata dalla revisione delle regole per le finanze pubbliche nazionali e fondata sulla possibilità di una stabile emissione di debito, garantita da fonti di entrata autonome»

«Tradotto, un Recovery permanente»

«al fine di stabilizzare e rendere sostenibile la crescita post-pandemica dell’eurozona»

«negli ultimi 12 mesi, la stessa Bankitalia è stata nuova detentrice net/net di tutto il debito italiano emesso»

«Di fatto, prestatrice di unica istanza»

* * * * * * *

Ecb e banche centrali hanno scelto il modo con cui alla fine fallire.

*

Il grafico che spiega la situazione di Bankitalia: senza Bce in stile Fed, l’Italia è nei guai

Le considerazioni finali del governatore di Bankitalia hanno delineato un quadro composito e ottimistico per il Paese, auspicando però l’emissione di debito comune Ue. E la realtà lo conferma: negli ultimi 12 mesi, la Banca centrale è stata prestatore di «unica» istanza dei nostri Btp su mandato dell’Eurotower. Se il 10 giugno il mercato prezzerà davvero un taper o una fine della deroga sul limite per emittente, cosa accadrà?

Le considerazioni finali di Ignazio Visco all’assemblea di Bankitalia sono state lunghe e articolate, come si conviene al momento senza precedenti che economia e conti pubblici del Paese stanno attraversando. Molti i temi toccati, tutti ruotanti attorno alla stella polare della ripresa post-pandemica: il sostegno alle imprese da mantenere, il nodo degli appalti e dei licenziamenti, il Pil che potrebbe attestarsi al di sopra del 4%, il Pnrr come fondamento di un processo di ridefinizione delle priorità e degli assetti per il Paese, la necessità di spendere con disciplina i fondi europei, i disequilibri da sanare in seno alla società italiana.

Ma, soprattutto, una capacita di bilancio comune, accompagnata dalla revisione delle regole per le finanze pubbliche nazionali e fondata sulla possibilità di una stabile emissione di debito, garantita da fonti di entrata autonome. Tradotto, un Recovery permanente. Esattamente quanto auspicato, seppur in maniera meno drastica in ossequio al ruolo che ricopre, dal presidente dell’Europarlamento, David Sassoli, in un’intervista a Il Messaggero. In quel caso, ci si I all’auspicio di un raddoppio di quel piano e dei suoi controvalori, al fine di stabilizzare e rendere sostenibile la crescita post-pandemica dell’eurozona. Poco cambia.

Perché sia le poche parole di David Sassoli che le molte di Ignazio Visco sono riassumibili senza utilizzarne altre, appare sufficiente questo grafico elaborato nel weekend dagli analisti di Nordea. Il quale parla chiarissimo: negli ultimi 12 mesi, la stessa Bankitalia è stata nuova detentrice net/net di tutto il debito italiano emesso. Di fatto, prestatrice di unica istanza. Ovviamente, su mandato Bce, la vera custode di quel cumulo infinito di Btp. E in seno al Pepp, il piano anti-pandemico cominciato proprio un anno fa e che la narrativa vedrebbe oggi alla vigilia di un ridimensionamento già al board del 10 giugno. Quantomeno, formale e a livello di annuncio.

La chiave sta tutti in quell’area verde esplosa negli ultimi due semestri. E se il quadro appare già inquietante di per sé, se letto attraverso la lente di un possibile ridimensionamento di quel supporto esiziale, paragonabile a un polmone d’acciaio, ecco che la totale assenza di altri colori nella fascia temporale di pertinenza del Pepp porta a un’ulteriore conferma. Anche le banche italiane, sfruttando la netta accelerazione nel ritmo di acquisti della Bce delle ultime settimane, come mostra il grafico aggiornato all’ultima settimana, hanno alleggerito i loro bilanci dal cosiddetto doom loop, il cordone ombelicale fra debito sovrano e settore del credito che con gli anni si è tramutato in un devastante circolo vizioso. Quantomeno, a livello di tremori sugli stati patrimoniali ogni qualvolta lo spread rialzi la testa.

Intendiamoci, le banche e le assicurazioni italiane sono ancora cariche di Btp ma non quelli emessi negli ultimi 12 mesi e che, di fatto, tutti (Ignazio Visco in testa) prezzano già come sterilizzati dall’azione di reinvestimento sine die dell’Eurotower. Ora, però, tocca ragionare in altro modo. Se l’economia richiama agli obblighi della ripartenza, la sostenibilità del debito deve cominciare a fare i conti con una Bce che non opererà più come una Fed sotto mentite spoglie. Questo, nonostante la sospensione del Patto di stabilità e il rilassamento dei parametri europei, di fatto inteso come prolungato anche oltre il limite temporale di operatività del Pepp.

E come se questo non bastasse, altre due dinamiche rischiano di rendere l’appello di Ignazio Visco all’Europa non tanto un auspicio politico, quanto un grido d’aiuto. Prima, questo grafico mostra come la concessione di credito alle aziende non finanziarie nel mese di maggio abbia registrato un momentum ancora sostenuto nell’eurozona come insieme, seppur già in calo ma come il breakdown per nazione veda i flussi maggiori concentrati nelle economie della cosiddetta Europa core, mentre pressoché impercettibili in quella periferica. Tradotto, nel momento di maggior bisogno di credito e liquidità per aziende chiamate a un colpo di reni per ripartire, il meccanismo di trasmissione prioritario per il Paese – stante la residualità assoluta del finanziamento per via obbligazionaria, inservibile per le PMI – sia quantomeno in un momento di stagnazione.

Oltretutto, in pieno processo di deleverage (e de-risk) dei bilanci bancari da detenzione di Btp, venduti alla Bce sul secondario a un prezzo ancora più che appetibile. Pessimo segnale. Seconda dinamica, quella rappresentata in questo altro grafico: il livello di detenzione di debito pubblico delle banche greche sta cavalcando verso il ritorno al livello pre-default, tanto che la ratio su assets totali viaggia in area 13%. E se per l’Italia occorre ringraziare la deroga al limite per emittente del 33% e al vincolo sulla capital key degli acquisti pro quota (la stessa che ha permesso a Bankitalia di comprare senza sosta), nel caso di Atene è l’accettazione stessa di titoli di debito come collaterale per operazioni di finanziamento a essere soggetto di eccezione statutaria, non avendo ancora riguadagnato l’investment grade.

E con il decennale greco che prezza un rendimento inferiore addirittura a quello italiano, sorge una domanda: se il principio di taper che i Paesi del Nord hanno in mente – i falchi evocati da David Sassoli nella sua intervista, dipinti come ostacolo e minaccia a un ulteriore prolungamento del sostegno – dovesse porre sul tavolo di discussione il ritiro di almeno un paio delle tre deroghe in seno al Pepp, dove andrebbe a finire un momento dopo lo spread ellenico? E quanto re-price graverebbe a tempo zero sui bilanci delle banche di Atene, trascinando al ribasso l’indice benchmark della Borsa?

E questi ultimi due grafici sembrano non deporre a favore di un atteggiamento comprensivo della Bundesbank in sede di board Bce, fra dieci giorni: se infatti l’inflazione in Germania a maggio è salita al 2,5%su base annua dal 2% di aprile, il livello massimo dal 2011, anche i bond decennali legati ai mutui immobiliari – il cui rendimento è tornato in positivo – parlano la lingua di una classe media sempre più incapace di accostarsi al real estate e alle sue dinamiche di valutazione in continua crescita. Parafrasando il più noto successo di Fiorella Mannoia, sono tante le cose che gli Ignazio Visco non dicono. E tutte poco piacevoli.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Canada. Bank of Canada inizia il ‘great exit’. Inizia il tapering.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-05-04.

Bank of Canada 001

«Con il termine tapering si fa riferimento al processo di rallentamento del ritmo di acquisti mensile dei titoli di Stato (noto come Quantitative easing) da parte di una banca centrale. La parola Tapering è stata utilizzata per la prima volta nel 2013 dall’allora numero uno della Federal Reserve, Ben Bernanke, quando decise di alleggerire la fase di QE. Il termine Tapering non deve essere confuso con il “Tightening”, parola che invece sta a indicare un restringimento delle condizioni di politica monetaria, solitamente attraverso un aumento graduale dei tassi di interesse» [Sole24Ore]

* * * * * * *

«Having announced tapering, Canada has signalled that its key interest rate could rise from 0.25% late in 2022»

«The Bank of Canada set the taper ball rolling last week, becoming the first major central bank to cut back on pandemic-era money-printing stimulus programmes»

«So who’s next?»

«The big guns of central banking – the U.S. Federal Reserve, European Central Bank and the Bank of Japan – won’t officially pare stimulus for a while, a message the BOJ reinforced on Tuesday and one the Fed is expected to reiterate»

«Yet the Bank of Canada’s C$1 billion ($806 million) cut to its weekly bond-buying programme may remind investors that the next phase in 2021 will be the taper phase»

«central bank asset purchases in the United States, Japan, the euro zone and Britain will slide to about $3.4 trillion this year from almost $9 trillion in 2020»

«The Fed plans to keep borrowing costs near 0% and maintain monthly asset purchases worth $120 billion until it sees “substantial further progress” towards full employment and its 2% flexible inflation target»

«Bank of England …. has raised expectations that the central bank’s 895 billion pound ($1.2 trillion) bond-buying scheme won’t be reduced any time soon»

«But tapering may come sooner, especially within the European Central Bank’s 1.85 trillion euro ($2.2 trillion) pandemic emergency purchase programme (PEPP)»

«ECB will end up using only 1.65 trillion euros of the total PEPP stimulus packag»

«Swedish inflation is approaching the Riksbank’s 2% target but it has said interest rates would stay at 0% for years. However, its 700 billion crowns ($84 billion) asset purchase programme will wind down this year as planned.»

* * * * * * *

Tra i molti scottanti problemi economici e finanziari che l’occidente liberal sobbolle quello degli acquisti di titoli di stato da parte delle banche centrali è cruciale.

Soffocati sotto cifre spropositate di debito pubblico, i loro titoli di stato non trovano più acquirenti sul mercato, cosa che ha spinto le banche centrali a diventare le acquirenti finali: il così detto Quantitative easing.

Se questa iniziativa ha salvato l’occidente dal default, nei fatti ha solo rimandato il momento del redde rationem.

Ma il QE non può durare in eterno e nella pausa di respiro gli stati non hanno messo in opera manovra alcuna di riduzione del debito.

La Bank of Canada è la prima banca centrale ad iniziare il tapering, ossia il processo di rallentamento del ritmo di acquisti mensile dei titoli di Stato. Le conseguenze saranno un ridimensionamento delle quotazioni ed un aumento degli interessi dovuti.

La situazione è esplosiva ed anche contagiosa.

*


The great exit: central banks line up to taper emergency stimulus.

The Bank of Canada set the taper ball rolling last week, becoming the first major central bank to cut back on pandemic-era money-printing stimulus programmes. So who’s next?

The big guns of central banking – the U.S. Federal Reserve, European Central Bank and the Bank of Japan – won’t officially pare stimulus for a while, a message the BOJ reinforced on Tuesday and one the Fed is expected to reiterate on Wednesday.

Yet the Bank of Canada’s C$1 billion ($806 million) cut to its weekly bond-buying programme may remind investors that the next phase in 2021 will be the taper phase, John Briggs, global head of strategy at NatWest Markets, told clients.

With economic data confirming a brighter outlook, Bank of America estimates central bank asset purchases in the United States, Japan, the euro zone and Britain will slide to about $3.4 trillion this year from almost $9 trillion in 2020.

For 2022, the U.S. bank predicts purchases of just $400 billion.

Here’s a look at who is tapering, who may raise interest rates and who might be the last to call time on pandemic-era monetary stimulus.

Graphic: Central bank balance sheets

1/ NORWAY

Norges Bank is at the vanguard in terms of signalling a retreat, having flagged last month that a rate rise may be coming in the second half of 2021. That has made the crown this year’s best performing G10 currency .

The central bank doesn’t intervene in bond markets, so the taper debate is not applicable.

2/ CANADA

Having announced tapering, Canada has signalled that its key interest rate could rise from 0.25% late in 2022.

Graphic: Canada’s bond market takes tapering in its stride

3/ UNITED STATES

The Fed plans to keep borrowing costs near 0% and maintain monthly asset purchases worth $120 billion until it sees “substantial further progress” towards full employment and its 2% flexible inflation target.

But with the economy expected to grow by more than 6% this year and inflation to be a “little higher” – according to Fed boss Jerome Powell – markets are pricing in a rate rise in 2023 and many analysts expect tapering to start this year.

The Fed faces a delicate balancing act, ensuring that tapering at a time of massive U.S. government borrowing does not push up Treasury yields too much.

Pictet Wealth senior economist Thomas Costerg expects tapering to start by early next year and proceed at a monthly pace of $10 billion. He said that means the process would last about a year – “enough to keep expectations for the first rate hike well in the distance”.

Graphic: Central bank holdings of government bonds

4/ BRITAIN

The departure of Andy Haldane, the Bank of England’s hawkish chief economist, has raised expectations that the central bank’s 895 billion pound ($1.2 trillion) bond-buying scheme won’t be reduced any time soon. The BoE expects inflation will be running at 1.9% by the end of this year but says the rise is likely to be capped over the medium term by labour market weakness.

Still, NatWest analysts believe the BoE could announce a 4 billion pound reduction in its so-called quantitative easing (QE) in May, trimming it to 14 billion pounds a month.

Money markets see a 56% chance of a quarter-point interest rate rise by the end of 2022.

5/ EURO ZONE

Anemic long-term inflationary pressures mean euro area rates are unlikely to rise for years. But tapering may come sooner, especially within the European Central Bank’s 1.85 trillion euro ($2.2 trillion) pandemic emergency purchase programme (PEPP).

Technically, this runs until March 2022 but some officials are already advocating reducing bond purchases as the economy strengthens.

Danske Bank analysts reckon the ECB will end up using only 1.65 trillion euros of the total PEPP stimulus package.

“For all we know at this stage, PEPP is coming to an end in March next year, so if you think about the slowdown from the current pace, that could come as soon as June,” said Andreas Billmeier, European economist at Western Asset.

Graphic: When will the ECB slow the pace of its emergency bond buys?

6/ AUSTRALIA

Australia’s economic rebound has surpassed expectations and is set for an “above trend” expansion, the Reserve Bank of Australia said in April. But the bank, which has underscored its dovish credentials by adopting yield curve control, could be among the last to tighten policy.

It wants unemployment slashed and inflation within its 2% to 3% target before shifting tack, but doesn’t see either happening until 2024. Economists expect rates to stay on hold until then and reckon the RBA could even extend asset purchases by another A$75 billion to A$100 billion ($58 bln to $77 bln).

7/ NEW ZEALAND

New Zealand’s strong recovery and red-hot property markets have raised speculation that a rate rise may come sooner than expected.

While its key interest rate is expected to stay at 0.25% this year, some analysts predict a rise in the second half of 2022. The central bank meanwhile appears to be in no hurry to taper its NZ$100 billion ($72 billion) QE programme.

8/ SWEDEN

Swedish inflation is approaching the Riksbank’s 2% target but it has said interest rates would stay at 0% for years. However, its 700 billion crowns ($84 billion) asset purchase programme will wind down this year as planned.

9/ JAPAN

The BOJ pledged this week to maintain stimulus using a yield target and purchases of government bonds and equities.

It has been accused of “stealth tapering” because its bond-buying has slowed since yield curve control (YCC) was adopted in 2016, though purchases have picked up slightly in the past year.

In March, they were about 22.2 trillion yen ($204 billion)above levels a year ago. But that’s still a quarter of the 81.96 trillion yen year-on-year increase in August 2016, just before YCC came in.

Graphic: BOJ steadily ‘stealth’ tapering its JGB buying

10/ SWITZERLAND

The Swiss National Bank does not intervene in domestic bond markets, instead capping the Swiss franc through interventions which came to nearly 110 billion francs ($120 billion) in 2020. The proceeds are used to purchase foreign bonds and equities.

The franc is less over-valued than before but the SNB shows no signs of departing from its interventionist policy and its minus 0.75% interest rate won’t rise any time soon.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Commissione. Gennaio. Fiducia dei Consumatori -15.5.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-01-21.

2021-01-21_ Europa Fiducia 001

La Fiducia dei consumatori misura il livello di fiducia da parte dei consumatori nell’attività economica.
Si tratta di un indicatore chiave, in grado di anticipare la spesa dei consumatori, che rappresenta una quota fondamentale nell’attività economica totale.

Il dato proviene da un’indagine effettuata presso circa 2.300 consumatori nei paesi Euro, nella quale agli intervistati si chiede di valutare le prospettive economiche per il futuro.

2021-01-21_ Europa Fiducia 002

* * *


Commissione Europea. January 2021: Flash Consumer Confidence Indicator

 In January 2021, the DG ECFIN flash estimate of the consumer confidence indicator decreased in both the euro area (1.7 points down) and the EU (1.6 points down) compared to December 2020. At −15.5 points (euro area) and −16.5 points (EU), the indicator continues scoring well below its long-term average o f −11.0 (euro area) and −10.6 (EU).

* * *

Commissione Europea.

The consumer confidence indicator is built on selected questions addressed to consumers according to the Joint Harmonised EU Programme of Business and Consumer Surveys. More details on the consumer confidence indicator as well as long time series can be found via the following link: https://ec.europa.eu/economy_finance/bcs

* * * * * * *


Bce ferma ma Lagarde sull’attenti: ‘periodo pandemico fino a marzo 2022, alta incertezza su vaccinazioni e durata lockdown’.

“Un ampio livello di misure accomodanti di politica monetaria è ancora essenziale” perché le incognite sono significative e c’è una elevata incertezza non solo riguardo allo sviluppo della pandemia – e dunque sul protrarsi delle misure di contenimento -lockdown – ma anche sul ritmo con cui proseguiranno le vaccinazioni anti-Covid. Nella prima conferenza stampa del 2021 seguita alla prima riunione del Consiglio direttivo della Bce, Christine Lagarde non fa nulla per indorare la pillola, anche se il mercato intravede qualche nota hawkish, laddove nel comunicato la banca centrale conferma che non è detto che sarà necessario utilizzare l’intera dotazione del PEPP, pari a 1850 miliardi di euro.

Nel corso della conferenza stampa, l’impressione è che Lagarde voglia smontare però il sospetto su un suo presunto ottimismo riguardo all’evolversi delle condizioni dell’economia dell’area euro.

“L’inflazione – sottolinea – rimane molto bassa, in un contesto di debolezza della domanda” e “i dati confermano l’impatto di breve termine pronunciato (della pandemia) sull’economia, così come il protrarsi della debolezza dell’inflazione”, per l’appunto.

Ancora: “la recrudescenza della pandemia ha provocato probabilmente un declino dell’attività economica nel quarto trimestre del 2020 (leggi Pil dell’area euro), che peserà anche sull’attività del primo trimestre del 2021”. Ed è vero che “le politiche fiscali stanno supportando le famiglie e le imprese, ma i consumatori rimangono cauti”.

Inoltre, a fronte dei dati Pmi che confermano “la ripresa dell’attività manifatturiera, il settore dei servizi rimane gravemente colpito”.

Insomma, “la pandemia (del coronavirus) pone gravi rischi”, anche se “la vaccinazione è un’importante pietra miliare” che è stata raggiunta. Detto questo, le vaccinazioni proseguono comunque “in modo molto graduale”, e con l’intensificarsi dei contagi e con le varianti del virus sono state introdotte di nuovo misure di contenimento e restrizioni. “I rischi sull’economia sono dunque ancora rivolti verso il basso, anche se in modo meno pronunciato”.

La numero uno della Bce non vuole snobbare l’importanza della scoperta dei vaccini anti-Covid 19, tutt’altro: la loro distribuzione avalla infatti, sottolinea, “una maggiore fiducia”, ma “ci vorrà del tempo per raggiungere l’immunità di gregge”.

In questo contesto “la Bce – assicura l’ex numero uno del Fondo Monetario Internazionale -punta a preservare condizioni favorevoli di finanziamento”, e per un periodo protratto di tempo.

“Il periodo pandemico – precisa – durerà infatti almeno fino al marzo del 2022”, il che significa “che noi saremo presenti sul mercato almeno fino al marzo del 2022”. Insomma, la Bce è disposta a rispondere prontamente a un eventuale appello dei mercati con i vari strumenti di cui dispone, come conferma lo stesso comunicato: novità stavolta non ce ne sono, anche se, a seguito di un articolo sulla questione scritto da Bloomberg, qualcuno si chiede se per caso Lagarde non stia perseguendo una strategia di controllo della curva dei rendimenti (YCC-yield curve control) per tenere sotto controllo soprattutto i tassi dei paesi indebitati e alle prese con crisi politiche di turno, come l’Italia.

Ma la risposta è no, anche perchè l’approccio della Bce vuole essere “olistico”.

Ciò significa (almeno in apparenza) che la Bce non ha in mente un target specifico sui tassi dei singoli paesi dell’Eurozona, come l’articolo di Bloomberg aveva in qualche modo lasciato intendere. E comunque, “per ora nessun movimento dei tassi dei bond sovrani dell’area euro pone problemi”, rassicura ancora Lagarde, negando insomma che la Bce abbia intenzione di fissare un tetto massimo per i tassi dei bond dell’Eurozona. E quindi anche di avere un target specifico anche per gli spread. Il che porta tuttavia qualcuno a chieders anchei se per caso la frase odierna di Lagarde non sia una versione soft dell’enorme gaffe che fece al suo esordio nelle vesti di neo presidente della Bce, quando disse che il compito della banca centrale non era certo quello di chiudere gli spread.

La carta italiana non sembra approvare le parole di Lagarde, con lo spread BTP-Bund a 10 anni che accelera al rialzo, ma senza grandi drammi.

In preda a forti oscillazioni invece l’euro, che inizialmente tende a interpretare in modo hawkish il comunicato della Bce, salendo fino al massimo intraday di $1,21723, per poi tornare in area $1,2150 dopo che Lagarde sottolinea che la banca centrale continua a “monitorare molto attentamente il tasso di cambio”.

E per ora, questo, sembra bastare a placare l’ansia che la banca centrale arrivi a permettere alla moneta unica di salire troppo, e dunque di minacciare le esportazioni dei paesi dell’area euro.

IL COMUNICATO

Oggi la Bce ha annunciato che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50%.

In particolare, il Consiglio direttivo si attende che i tassi di interesse di riferimento della Bce si mantengano su livelli pari o inferiori a quelli attuali finché non vedrà le prospettive di inflazione convergere saldamente su un livello sufficientemente prossimo ma inferiore al 2% nel suo orizzonte di proiezione e tale convergenza non si rifletterà in maniera coerente nelle dinamiche dell’inflazione di fondo.

Proseguiranno inoltre gli acquisti nell’ambito del Programma di acquisto per l’emergenza pandemica (pandemic emergency purchase programme, PEPP) con una dotazione finanziaria totale di 1.850 miliardi di euro”.

Francoforte ha precisato tuttavia anche che, “se le condizioni di finanziamento favorevoli possono essere mantenute mediante flussi di acquisti di attività che non esauriscano la dotazione nell’orizzonte degli acquisti netti del PEPP, non sarà necessario utilizzare appieno la dotazione. Allo stesso modo, la dotazione può essere ricalibrata, se richiesto, per preservare condizioni di finanziamento favorevoli che contribuiscano a contrastare lo shock negativo della pandemia sul profilo dell’inflazione”.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Ecb. Fuoco amico (nemico) sulla Lagarde e sulla Ecb. Troppo queruli.

Giuseppe Sandro Mela

2020-12-02.

Lagarde Crhistine 001

«Lagarde had no idea what she was saying»

* * * * * * *

Lo scandalo è nato da un editoriale del The Wall Street Journal.

«Calls from Chief Economist Philip Lane to the likes of Goldman, JPMorgan, BlackRock began in March when President Christine Lagarde flummoxed traders»

«The European Central Bank’s chief economist made dozens of private calls to banks and investors after policy meetings this year, breaking with the central bank’s usual practice of delivering information to everyone at the same time in an effort to clarify its sometimes-puzzling public pronouncements, according to three people with whom he spoke and a review of his schedule.»

Poi, l’intera questione si è allargata a macchia di olio.

«News that European Central Bank chief economist Philip Lane has been speaking to banks and investors immediately after policy decisions risks renewing unease about the institution’s communications strategy days before a crucial stimulus decision.»

«Executive Board members’ diaries on the ECB website show Lane held 11 separate calls in the hours following a market-moving misstep by President Christine Lagarde in a March 12 press conference»

«The ECB announced its powerful pandemic bond-buying program six days later»

* * * * * * *

«One of the biggest lies that has bizarrely persisted over the past century is that central banks are somehow working on behalf of “the people.” Nothing could be further from the truth, unless of course one’s definition of “people” are those high net worth individuals whose assets are in the mbillions»

«And while we have repeatedly documented the often illegal sharing of inside information between the Fed and a handful of ultra-wealthy asset managers, today we get another confirmation that the ECB is no different»

««According to the report, the calls began in March, after the ECB’s completely clueless and communications-challenged President Christine Lagarde, whose most recent “success” was crushing the reputation of the IMF which lost tens of billions in its latest “bailout” of Argentina, stunned traders by suggesting at a news conference that the central bank wouldn’t prop up Italy’s bond market»

«And since it is borderline illegal for a central banker to spark any selling, and since Italian stocks and bonds slumped after her comments, this sparked a panic at the ECB where hours later the chief economist, Philip Lane placed separate calls to 11 banks and investors in which he sought to “clarify” Lagarde’s message»

«Translation: he “explained” to a highly privileged group of ultra-wealthy investors not to sell their bonds because Lagarde had no idea what she was saying, and that he would make it clear to her what she “meant to say.”»

«the calls risked privileging big investors with sensitive information»

«Of course, this is hardly the first time the ECB has gotten in trouble for sharing market-moving confidential information with a group of “close friends.”»

* * * * * * *

«Scandalo BCE: un’inchiesta del Wall Street Journal svela come il capo economista Lane stia «commissariando» Lagarde, un siluro prima dell’imminente riunione del board»

«Un siluro. Invisibile a ogni radar, perché sparato a freddo. In tempo di pace. E, di fatto, riconducibile al più classico dei paradigmi da fuoco amico»

«Il Wall Street Journal, infatti, ha reso noto come, a seguito dalla clamorosa gaffe comunicativa dello scorso 12 marzo – quando Christine Lagarde stupì la platea di giornalisti sottolineando che «la Banca centrale non è qui per calmierare gli spread» -, il capo economista dell’Eurotower, Philip Lane, abbia cominciato una serie di telefonate private verso «investitori selezionati» per «chiarire il pensiero della numero uno».»

«Di fatto, una sorta di commissariamento sotto forma di tutela politica dell’integrità e della credibilità di un’istituzione che di lì a poco sarebbe stata chiamata a compiere proprio il mandato ufficialmente negato dalla Lagarde: comprimere artificialmente gli spread più a rischio, Italia in testa, attraverso gli acquisti in deroga alla capital key del piano pandemico emergenziale, il Pepp»

«Ma, cosa ben più grave dello stesso commissariamento de facto della numero uno, il fatto che lo scoop del Wall Street Journal sveli platealmente al mercato e al mondo quello che da tutti era conosciuto come il best kept secret del sistema, il segreto di Pulcinella che nessuno osava raccontare: l’esistenza di una ristretta cerchia di soggetti privilegiati – 18, stando alla ricostruzione -, i quali possono vantare il privilegio di una linea diretta di comunicazione con la Bce»

«Fra questi sarebbero presenti – a detta della ricostruzione del WSJ e confermata da almeno tre parti in causa, ovviamente sotto forma anomima – AXA SA, BlackRock, Pimco, Citigroup, Deutsche Bank AG, Goldman Sachs Group, JPMorgan Chase e UBS Group AG»

«Quel richiamo all’indipendenza politica e al mandato statutario come unico riferimento fa pensare, quantomeno alla luce del contenuto del servizio del Wall Street Journal. Calcolando poi che il 15 dicembre, subito dopo il board, il falco Yves Mersch lascerà il suo posto in Consiglio al falco dei falchi, l’executive director della Banca centrale olandese, Frank Elderson, quello che si sta stringendo attorno all’ex numero uno dell’Fmi appare un cerchio decisamente inquietante»

«E sempre più soffocante. Isolata, screditata dal ruolo di supplente compiuto da Philip Lane sul crinale della legittimità statutaria (e ben oltre quello della ritualità), costretta a mediare in un momento in cui invece servirebbe il massimo di coesione: il barometro pare segnare tempesta»»

* * * * * * *

Come saggiamente disse Mr Putin:

«Femmina è bello nelle Amministrazioni altrui»

*


The Wall Street Journal. Top ECB Official Privately Called Investors, Banks After Key Policy Decisions

«Calls from Chief Economist Philip Lane to the likes of Goldman, JPMorgan, BlackRock began in March when President Christine Lagarde flummoxed traders.

FRANKFURT—The European Central Bank’s chief economist made dozens of private calls to banks and investors after policy meetings this year, breaking with the central bank’s usual practice of delivering information to everyone at the same time in an effort to clarify its sometimes-puzzling public pronouncements, according to three people with whom he spoke and a review of his schedule.»

*


ECB’s Private Calls to Investors Revive Communications Confusion.

«News that European Central Bank chief economist Philip Lane has been speaking to banks and investors immediately after policy decisions risks renewing unease about the institution’s communications strategy days before a crucial stimulus decision.

Executive Board members’ diaries on the ECB website show Lane held 11 separate calls in the hours following a market-moving misstep by President Christine Lagarde in a March 12 press conference.

The ECB announced its powerful pandemic bond-buying program six days later.

The calls were reported earlier by the Wall Street Journal.»

*


ECB Secretly Made “Dozens” Of Private Calls To Select Investors After Lagarde Announcement Debacles.

«One of the biggest lies that has bizarrely persisted over the past century is that central banks are somehow working on behalf of “the people.” Nothing could be further from the truth, unless of course one’s definition of “people” are those high net worth individuals whose assets are in the mbillions.

And while we have repeatedly documented the often illegal sharing of inside information between the Fed and a handful of ultra-wealthy asset managers, today we get another confirmation that the ECB is no different.

According to the WSJ, the European Central Bank’s chief economist made “dozens of private calls” to banks and investors after policy meetings this year in what the ECB called “an unusual attempt to buttress the central bank’s sometimes-puzzling public communications.”

According to the report, the calls began in March, after the ECB’s completely clueless and communications-challenged President Christine Lagarde, whose most recent “success” was crushing the reputation of the IMF which lost tens of billions in its latest “bailout” of Argentina, stunned traders by suggesting at a news conference that the central bank wouldn’t prop up Italy’s bond market. And since it is borderline illegal for a central banker to spark any selling, and since Italian stocks and bonds slumped after her comments, this sparked a panic at the ECB where hours later the chief economist, Philip Lane placed separate calls to 11 banks and investors in which he sought to “clarify” Lagarde’s message.

Translation: he “explained” to a highly privileged group of ultra-wealthy investors not to sell their bonds because Lagarde had no idea what she was saying, and that he would make it clear to her what she “meant to say.”

Of course, this is hardly the first time the ECB has gotten in trouble for sharing market-moving confidential information with a group of “close friends.” It’s merely the last time… and the optics are as horrible as ever.  Indeed as the WSJ writes, citing former central bank officials – odd how it’s always former central bank officials who tell the truth, never current ones – said “the calls risked privileging big investors with sensitive information.”

Whereas central bankers carefully control their utterances and try to make sure all market participants get information at the same time – at least in public – diaries show that neither Lagarde’s predecessor, Mario Draghi, nor his chief economist, Peter Praet, made similar calls during their last two years in office. That’s because back then they were smarter: they would only share confidential, inside information face to face. Even so they still got caught, and in 2015, the ECB tightened its communication rules after a board member gave a closed-door speech to investors at a dinner that revealed changes to its bond-buying program.

Since then, the ECB was especially careful not to get caught leaking central bank flow information… until the inexperienced Lagarde took over and immediately found herself in a historic crisis, where every word mattered. The problem is that she had no idea how to calm markets and that’s why her chief economist had to follow through with just a handful of key accounts and explain that everything is ok and the ECB would stabilize the selloff “whatever it takes.”

“You don’t just pick up the phone and talk to the select few,” said the always aptly named Panicos Demetriades, a former member of the ECB’s rate-setting committee as head of Cyprus’s central bank. “Talking only to the big players is what you’re not supposed to be doing as the central bank. It’s not helpful for relations with the public.” …. »

*

Bufera su BCE e Lagarde: chiamate private a banche e investitori. Spread Btp-Bund anticipa tempesta.

Scandalo BCE: un’inchiesta del Wall Street Journal svela come il capo economista Lane stia «commissariando» Lagarde, un siluro prima dell’imminente riunione del board. Intanto lo spread Btp/Bund anticipa tempesta.

Un siluro. Invisibile a ogni radar, perché sparato a freddo. In tempo di pace. E, di fatto, riconducibile al più classico dei paradigmi da fuoco amico.

A poco più di una settimana dal board decisivo per rispondere in maniera efficace al fall-out economico da seconda ondata di pandemia, la Bce precipita nella bufera.

Il Wall Street Journal, infatti, ha reso noto come, a seguito dalla clamorosa gaffe comunicativa dello scorso 12 marzo – quando Christine Lagarde stupì la platea di giornalisti sottolineando che «la Banca centrale non è qui per calmierare gli spread» -, il capo economista dell’Eurotower, Philip Lane, abbia cominciato una serie di telefonate private verso «investitori selezionati» per «chiarire il pensiero della numero uno».

Di fatto, una sorta di commissariamento sotto forma di tutela politica dell’integrità e della credibilità di un’istituzione che di lì a poco sarebbe stata chiamata a compiere proprio il mandato ufficialmente negato dalla Lagarde: comprimere artificialmente gli spread più a rischio, Italia in testa, attraverso gli acquisti in deroga alla capital key del piano pandemico emergenziale, il Pepp.

Il quotidiano statunitense parla di «dozzine di telefonate private» con almeno 11 fra banche e investitori singoli, spaventati dall’uscita in stile Bundesbank della ex numero uno dell’Fmi. Ma, cosa ben più grave dello stesso commissariamento de facto della numero uno, il fatto che lo scoop del Wall Street Journal sveli platealmente al mercato e al mondo quello che da tutti era conosciuto come il best kept secret del sistema, il segreto di Pulcinella che nessuno osava raccontare: l’esistenza di una ristretta cerchia di soggetti privilegiati – 18, stando alla ricostruzione -, i quali possono vantare il privilegio di una linea diretta di comunicazione con la Bce.

Fra questi sarebbero presenti – a detta della ricostruzione del WSJ e confermata da almeno tre parti in causa, ovviamente sotto forma anomima – AXA SA, BlackRock, Pimco, Citigroup, Deutsche Bank AG, Goldman Sachs Group, JPMorgan Chase e UBS Group AG.

E se il Wall Street Journal, millantando un candore poco credibile da parte del quotidiano che sguazza nelle pastoie del mercato Usa da sempre, sottolinea come «quelle telefonate rischiano di offrire l’immagine di investitori privilegiati che possono basarsi su un’informazioni sensibili e di prima mano », quanto emerso rischia di trascinare se non nel fango, certamente nell’ombra, la reputazione di un soggetto oggi più che mai di esiziale importanza per l’eurozona.

«Non si alza il telefono solo per parlare con quelli che possono apparire i pochi eletti. Quantomeno, non quando il tuo ruolo è quello di banchiere centrale. Certamente, questo non aiuta a livello di credibilità nelle relazioni pubbliche», dichiara Panicos Demetriades, ex membro del rate-setting committee della Bce e numero uno della Banca centrale di Cipro.

Mentre per Stefan Gerlanch, ex vice di Philip Lane quando questi era a capo della Banca centrale irlandese, «sarebbe desiderabile e auspicabile che tutti possano avere accesso contemporaneo a informazioni di quella rilevanza. Altrimenti, diciamo che non si sta giocando su un campo che possiamo definire neutro». Anche perché è la natura del messaggio contenuto in quelle telefonate a gettare ombre: non tanto perché rappresenti davvero un unicum senza precedenti ma perché, di fatto, reso ora palese e noto en plein air, scoperchiando un vaso di Pandora di diffidenza.

Philip Lane, intervenendo per «chiarire» il pensiero di Christine Lagarde rispetto alla questione degli spread, ha infatti operato una moral suasion diretta su grandi banche e fondi affinché non cominciassero a scaricare detenzioni di titoli di Stato, immediatamente prezzati come a rischio dopo le parole della numero uno.

Oltretutto, nel pieno dell’esplosione pandemica in tutta Europa, dopo lo scoppio virulento del focolaio proprio in Italia, patria del Btp versione bomba a orologeria. Tanto più che, proprio per evitare simili imbarazzi, nel 2015 la stessa Bce sotto la guida di Mario Draghi impresse un giro di vite a livello di regole sulla comunicazione, dopo che un membro del board fu protagonista di un meeting a porte chiuse con un ristretto numero di investitori e durante il quale rivelò in anticipo i cambiamenti nei criteri del programma di acquisti obbligazionari.

Raggiunto dal Wall Street Journal per chiarire la vicenda, un portavoce della Bce si è visto costretto a confermare che dopo l’infausta conferenza stampa del 12 marzo scorso, «vi furono telefonate ma con l’unico scopo di sondare i punti di vista e le reazione degli economisti su questioni tecniche».

Di più, l’Eurotower conferma che «le conversazioni toccarono unicamente informazioni già pubbliche e che, in nome della politica di trasparenza, la Banca centrale ha reso noti i nomi delle istituzioni in causa».

Di fatto, nessuna smentita possibile. Il tutto, a poche ore da quello che era già parso uno strano quanto clamoroso voltafaccia da parte di una delle più accreditate alleate di Christine Lagarde contro la linea di eccessivo rigore del cosiddetto fronte del Nord Europa.

Isabel Schnabel, membro tedesco del board ma fino ad oggi contraltare molto efficace alle pulsioni di rivolta del capo della Bundesbank, Jens Weidmann, intervistata da Bloomberg ha infatti lanciato un messaggio tutto da interpretare, in vista della riunione del Consiglio della prossima settimana:

«Non ci sentiamo obbligati da quello che i mercati si attendono da noi. Siamo guidati solo dal nostro mandato».

Come dire, nessun automatismo o imposizione silente verso un ampliamento e prolungamento del Pepp in base ai desiderata degli investitori: forse era a conoscenza del tornado che di lì a poco si sarebbe abbattuto sull’Eurotower e, furbescamente, è scesa a tempo di record dal carro della presidente, prima che quello si ribaltasse e finisse nel fosso?

Quel richiamo all’indipendenza politica e al mandato statutario come unico riferimento fa pensare, quantomeno alla luce del contenuto del servizio del Wall Street Journal. Calcolando poi che il 15 dicembre, subito dopo il board, il falco Yves Mersch lascerà il suo posto in Consiglio al falco dei falchi, l’executive director della Banca centrale olandese, Frank Elderson, quello che si sta stringendo attorno all’ex numero uno dell’Fmi appare un cerchio decisamente inquietante. E sempre più soffocante. Isolata, screditata dal ruolo di supplente compiuto da Philip Lane sul crinale della legittimità statutaria (e ben oltre quello della ritualità), costretta a mediare in un momento in cui invece servirebbe il massimo di coesione: il barometro pare segnare tempesta.

E il rischio pare già essere stato percepito dallo spread Btp-Bund, tornato negli ultimi due giorni in area 120 punti base, nonostante il recente successo dell’asta su scadenza quinquennale con rendimento a zero e protagonista nell’ultima seduta di un clamoroso recupero di fine contrattazioni che svelava di fatto l’intervento di mani forti per placare la tensione, prima che venisse percepita in pieno.

La stessa Bce? Banche o assicurazioni italiane? Poco importa, la questione resta sempre la stessa: mentre Portogallo e Spagna piazzano i loro decennali allo 0% di rendimento e in costante calo da settimane intere, il nostro titolo benchmark resta inchiodato alla tripla cifra di differenziale verso il Bund. Nonostante il backstop Bce e i continui acquisti di soggetti domestici.

 C’è un problema strutturale, sempre più palese. E la rinnovata tensione sul capitolo Mes unita all’addio di Jean Pierre Mustier alla guida di Unicredit in aperta contestazione all’operazione «statalista» di acquisizione di Monte dei Paschi paiono ulteriori indizi di una pressione montante, quasi un conto alla rovescia silenzioso ma elettrico verso l’ineluttabile.

Nonostante il freddo, c’è aria di estate del 2011. Non a caso, il ministro Gualtieri ha sottolineato più volte come in discussione non ci fosse l’attivazione del Mes ma la sua riforma per trasformarlo in paracadute di ultima istanza per potenziali crisi bancarie sistemiche negli Stati membri. Quasi una confessione. Come le parole proibite di Philip Lane ai pochi eletti.

Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Ecb. Aprile. Ha acquistato 26.9 mld di titoli, dei quali 10.9 mld italiani.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-14.

ECB BCE

L’epidemia da Covid-19 è solo uno dei tanti problemi che affliggono l’Unione Europea.

Commissione Europea. Previsioni. Macro dati. ‘Lasciate ogne speranza ….’

Unione Europea ed Eurozona. Il Covid-19 le rende conflittuali.

Eurozona. Dati Macro. Prepariamoci alla società della miseria.

Suprema Corte, ECB e Corte Costituzionale tedesca, ovvero il chaos.

«Germany’s constitutional court has ruled that the European Central Bank’s stimulus program partly contravenes German law, because neither the German government nor parliament signs off on the spending»

«Germany’s Constitutional Court largely upheld several complaints against the European Central Bank’s purchase of government bonds under a program started in 2015 and meant to boost the economy and stoke inflation toward the central bank’s own target of just below 2%»

«The judges in Karlsruhe raised concerns back in 2017 that one specific part of the bond-buying program, the Public Sector Purchase Program (PSPP), could engage in economic policy and direct government financing, both of which the ECB is prohibited from doing»

«the central bank’s bond buying program was not within its sole mandate of ensuring price stability.»

«The European Court of Justice took up the case and ruled in December 2018 that the ECB’s decision to buy sovereign bonds was valid and within the bank’s mandate, despite the concerns voiced by some in Germany.»

«the verdict is a very explosive thing. ….The Bundesbank [Germany’s central bank] will — after a transitional period of three months — be barred from taking part in the ECB’s PSPP program.»

* * * * * * *

La sentenza della Corte Costituzionale tedesca ripropone in modo imperativo la questione se gli stati membri dell’Unione debbano o meno sottostare alle decisione della Corte Europea. Ma questo è un problema politico più che giuridico. È in corso un braccio di ferro tra la Germania, questa Unione Europea e la Ecb, la banca centrale. La Germania non vuole sovvenzionare i debiti degli stati meridionali dell’Unione.

Ma senza il Public Sector Purchase Program (PSPP) tali paesi non troverebbero sul mercato acquirenti dei loro titoli, con tutte le conseguenze del caso.

«Certo, si tratta di acquisti che per legge sono stati proporzionati al peso dei diversi mercati, per non “favorire” ufficialmente nessuno, tanto che sino a fine 2018 sono stati acquistati più titoli tedeschi che italiani, ma è ovvio che lo scopo fosse allentare la pressione sui Paesi in difficoltà»

«si è aggiunto a fine marzo il varo di un nuovo programma temporaneo, il Peep (Pandemic Emergency Purchase Programme), da 750 miliardi di euro.»

«Dal punto di vista quantitativo come si nota nei grafici mentre durante il 2019 si era stati praticamente sempre sotto il miliardo di acquisti netti, con molti valori negativi legati ai rimborsi dei titoli scaduti non solo si è passati a novembre a 14 miliardi e 478 milioni di acquisti, rimanendo sopra i 12 miliardi fino a febbraio, ma a marzo si è arrivati a 37 miliardi e 323 milioni, e ad aprile a 29 miliardi e 624 milioni. Non siamo ancora ai 50 miliardi e oltre dei mesi del 2015, 2016, 2017, ma l’inversione di tendenza è chiara»

«Gli acquisti di titoli pubblici italiani sono stati maggioritari a marzo e aprile, sono ammontati rispettivamente a 11 miliardi e 855 milioni su 37 miliardi e 323 milioni e a 10 miliardi e 919 milioni su 29 miliardi e 624 milioni»

«Solo 628 milioni di titoli pubblici tedeschi acquistati ad aprile»

«Di fatto la Bce sta cominciando a finanziare in modo più esplicito i Paesi più in difficoltà in modo preferenziale, senza più seguire il criterio delle quote della Bce (il capital Key).»

* * * * * * *

Questi dati indicano alcuni fenomeni, dei quali occorre prendere atto.

– Senza il Pspp e gli acquisti dell’Ecb il debito pubblico italiano diverrebbe insostenibile, anticamera del default.

– La vertenza giuridica tra la Corte Costituzionale tedesca, la Corte Europea di Giustizia, l’Unione Europea e la Ecb corre il concreto rischio di bloccare il Pspp, con tutte le conseguenze del caso.

*


In aprile su 26,9 miliardi di acquisti di titoli pubblici 10,9 miliardi erano di bond italiani

Il Pspp, Public Sector Purchase Programme, della Bce è il programma di acquisti di titoli pubblici sul mercato varato dalla Bce nel marzo 2015 su impulso del governatore Mario Draghi per proteggere i bond dei Paesi Paesi dell’Eurozona da attacchi speculativi che avrebbero potuto incrementare i tassi di interesse, misurati in sostanza con il famoso spread. E anche per generare liquidità, stimolando un maggiore credito da parte di quelle banche che abbiano venduto titoli alla Bce.

In questo modo i tassi sono rimasti bassi, in particolare quelli dei Paesi più fragili, l’Italia, la Spagna, il Portogallo. Certo, si tratta di acquisti che per legge sono stati proporzionati al peso dei diversi mercati, per non “favorire” ufficialmente nessuno, tanto che sino a fine 2018 sono stati acquistati più titoli tedeschi che italiani, ma è ovvio che lo scopo fosse allentare la pressione sui Paesi in difficoltà.

Parliamo di fine del 2018 perché allora è ufficialmente terminato il programma, che per i primi mesi del 2019 è consistito solo in acquisti volti allo scopo di reinvestire il capitale rimborsato nel caso dei titoli prima acquistato e poi giunto in scadenza.

Con il Pepp 750 miliardi di acquisti

Dal novembre 2019 però è stato deciso, in vista di un rallentamento dell’economia, di riprendere, per 20 miliardi al mese. E questo si è rivelato provvidenziale, visto lo scoppio successivo dell’emergenza coronavirus, che a marzo di quest’anno ha costretto la BCE ad aggiungere una dotazione di 120 miliardi per il 2020. Cui si è aggiunto a fine marzo il varo di un nuovo programma temporaneo, il Peep (Pandemic Emergency Purchase Programme), da 750 miliardi di euro.

E i risultati già si vedono. Dal punto di vista quantitativo come si nota nei grafici mentre durante il 2019 si era stati praticamente sempre sotto il miliardo di acquisti netti, con molti valori negativi legati ai rimborsi dei titoli scaduti non solo si è passati a novembre a 14 miliardi e 478 milioni di acquisti, rimanendo sopra i 12 miliardi fino a febbraio, ma a marzo si è arrivati a 37 miliardi e 323 milioni, e ad aprile a 29 miliardi e 624 milioni. Non siamo ancora ai 50 miliardi e oltre dei mesi del 2015, 2016, 2017, ma l’inversione di tendenza è chiara.

Solo 628 milioni di titoli pubblici tedeschi acquistati ad aprile

Ma la vera novità è che cade la finzione che finora aveva governato gli acquisti della Bce, ovvero che non si dovessero privilegiare titoli su altri, come se non vi fosse una maggiore necessità da parte di alcuni Stati.

Sono ora consentite fluttuazioni e flessibilità nella distribuzione degli acquisti. E si nota bene dai numeri. Gli acquisti di titoli pubblici italiani sono stati maggioritari a marzo e aprile, sono ammontati rispettivamente a 11 miliardi e 855 milioni su 37 miliardi e 323 milioni e a 10 miliardi e 919 milioni su 29 miliardi e 624 milioni. Gli altri bond seguono a distanza, quelli francesi, che sono stati protagonisti di 8,9 e 8,3 miliardi di acquisti, e quelli spagnoli, per 5,4 e 4,3 miliardi negli stessi due mesi.

Ad aprile sono stati comprati dalla Bce solo 628 milioni di Bund tedeschi, a loro sono stati favoriti persino titoli sovranazionali (per es.empio della Bei) o dei Paesi Bassi o di Belgio e Austria.

Di fatto la Bce sta cominciando a finanziare in modo più esplicito i Paesi più in difficoltà in modo preferenziale, senza più seguire il criterio delle quote della Bce (il capital Key). Se questo fosse confermato oltre il programma temporaneo Pepp costituirebbe una grossa novità, perché sancirebbe di fatto un principio solidaristico all’interno della Ue.