Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

USA. Giugno21. Consumer Price Index, PCI, +5.4% anno su anno.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-07-14.

2021-07-14__ Usa PCI 001

L’inflazione che avrebbe dovuto essere temporanea sta invece perdurando.

Non solo.

Avrebbe dovuto scomparire in un amen, mentre invece sta crescendo rigogliosamente.

Lo spettro di Weimar si aggira ruggendo: per il momento azzanna solo qua e là, ma un bel dì morsicherà alla gola.

*

2021-07-14__ Usa PCI 002

«Over the last 12 months, the all items index increased 5.4 percent»

«The index for used cars and trucks continued to rise sharply, increasing 10.5 percent in June»

«The energy index rose 24.5 percent over the last 12-months, and the food index increased 2.4 percent»

«The beef index rose 4.5 percent in June, its largest 1-month increase since June 2020»

«The index for limited service meals rose 6.2 percent since June 2020»

«The energy index rose 24.5 percent over the past 12 months»

«The gasoline index rose 45.1 percent since June 2020»

«the index for natural gas rose 15.6 percent»

«The index for used cars and trucks rose sharply for the third consecutive month, increasing 10.5 percent in June»

«The lodging away from home index increased 7.0 percent in June»

«the index for car and truck rental rose 87.7 percent»

* * * * * * *

Al momento il processo inflattivo colpisce principalmente i prodotti energetici.

Tuttavia i loro rincari si ripercuotono su di un gran numero di beni e servizi che non potrebbero essere espletati senza il loro uso: si pensi soltanto alla distribuzione capillare, che dipende totalmente dal trasporto gommato.

Il fenomeno inoltre è in crescita: non ci si stupisca quindi se, senza interventi adeguati, a fine anno abbia superato il 10%.

In fondo, l’inflazione è l’unica tassa veramente democratica, che colpisce tutti i cittadini senza distinzione alcuna.

*


US Bureau of Statistics. Consumer Price Index. – June 2021.

The Consumer Price Index for All Urban Consumers (CPI-U) increased 0.9 percent in June on a seasonally adjusted basis after rising 0.6 percent in May, the U.S. Bureau of Labor Statistics reported today. This was the largest 1-month change since June 2008 when the index rose 1.0 percent. Over the last 12 months, the all items index increased 5.4 percent before seasonal adjustment; this was the largest 12-month increase since a 5.4-percent increase for the period ending August 2008.

The index for used cars and trucks continued to rise sharply, increasing 10.5 percent in June. This increase accounted for more than one-third of the seasonally adjusted all items increase. The food index increased 0.8 percent in June, a larger increase than the 0.4-percent increase reported for May. The energy index increased 1.5 percent in June, with the gasoline index rising 2.5 percent over the month.

The index for all items less food and energy rose 0.9 percent in June after increasing 0.7 percent in May. Many of the same indexes continued to increase, including used cars and trucks, new vehicles, airline fares, and apparel. The index for medical care and the index for household furnishings and operations were among the few major component indexes which decreased in June.

The all items index rose 5.4 percent for the 12 months ending June; it has been trending up every month since January, when the 12-month change was 1.4 percent. The index for all items less food and energy rose 4.5 percent over the last 12-months, the largest 12-month increase since the period ending November 1991. The energy index rose 24.5 percent over the last 12-months, and the food index increased 2.4 percent.

                         Food.

The food index increased 0.8 percent in June, as did the food at home index; both indexes rose 0.4 percent in May. As in May, the food at home increase was mostly due to the index for meats, poultry, fish, and eggs, which increased 2.5 percent over the month. The beef index rose 4.5 percent in June, its largest 1-month increase since June 2020. The index for fruits and vegetables rose 0.7 percent in June after being unchanged in the preceding month. The nonalcoholic beverages index increased 0.9 percent in June after declining 0.5 percent in May. The index for other food at home rose 0.2 percent in June, as did the index for dairy and related products.

In contrast to these increases, the index for cereals and bakery products was the only one of the six major grocery store category indexes to decline in June, falling 0.3 percent over the month after increasing 0.5 percent in May.

The food away from home index rose 0.7 percent in June following a 0.6-percent increase in May. The index for full service meals rose 0.8 percent, its largest monthly increase since last June. The index for limited service meals increased 0.6 percent in June. 

The food at home index increased 0.9 percent over the past 12 months. All six major grocery store food group indexes increased, but the index for fruits and vegetables was the only one to rise more than 0.8 percent; increasing 3.2 percent.

The index for food away from home rose 4.2 percent over the last year, the largest 12-month increase in that index since the period ending in May 2009. The index for limited service meals rose 6.2 percent since June 2020 and the index for full service meals rose 4.1 percent over the last 12 months. The index for food at employee sites and schools declined sharply over the last year, falling 29.9 percent.

                         Energy.

The energy index increased 1.5 percent in June after being unchanged in May. The gasoline index rose 2.5 percent in June after falling 0.7 percent in May. (Before seasonal adjustment, gasoline prices rose 2.2 percent in June.) The index for natural gas increased 1.7 percent in June, as it did in May. The electricity index, in contrast, fell 0.3 percent following a 0.3-percent increase the prior month.

The energy index rose 24.5 percent over the past 12 months. The gasoline index rose 45.1 percent since June 2020. The index for electricity increased 3.8 percent over the last year, while the index for natural gas rose 15.6 percent.

                         All items less food and energy.

The index for all items less food and energy rose 0.9 percent in June following a 0.7-percent increase in May. The index for used cars and trucks rose sharply for the third consecutive month, increasing 10.5 percent in June. This was the largest monthly increase ever reported for the used cars and trucks index, which was first published in January 1953. The shelter index rose 0.5 percent in June. The index for rent rose 0.2 percent and the index for owners’ equivalent rent increased 0.3 percent, the same increases as in May. The lodging away from home index increased 7.0 percent in June.

The index for new vehicles rose 2.0 percent in June, that index’s largest 1-month increase since May 1981. The motor vehicle insurance index increased 1.2 percent over the month. The index for airline fares rose 2.7 percent in June after increasing 7.0 percent the previous month. The index for apparel increased 0.7 percent in June following a 1.2-percent rise in May. The recreation index and the education index each rose 0.2 percent over the month.

The index for household furnishing and operations fell 0.1 percent in June after rising 1.3 percent in May. The index for communication was unchanged for the month.

The medical care index declined 0.1 percent in June, as it did in May. Medical care component indexes were mixed. The index for prescription drugs declined 0.2 percent in June after falling 0.3 percent in May. The hospital services index increased 0.2 percent, while the physicians’ services index rose 0.3 percent in June. 

The index for all items less food and energy rose 4.5 percent over the past 12 months. The index for used cars and trucks increased 45.2 percent, the largest 12-month change ever reported for that index. The index for new vehicles rose 5.3 percent over the past 12 months, its largest 12-month increase since the period ending January 1987. The motor vehicle insurance index increased 11.3 percent in the last year, while the index for car and truck rental rose 87.7 percent over that period. The shelter index increased 2.6 percent over the last 12 months. The medical care index rose 0.4 percent over the past 12 months, its smallest 12-month increase since the period ending March 1941.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Usa. Disoccupazione. 14,659,791 (-180,890) persone che percepiscono sussidi.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-07-02.

2021-07-02__ Usa Sussidi 001

Lo U.S. Department of Labor ha rilasciato il Report settimanale Unemployment Insurance Weekly Claims.

«Most recent week used covered employment of 139,248,565»

Al 1° luglio 2021 risultavano percettori di sussidi di disoccupazione 14,659,791 (-180,890) persone, numero statisticamente invariato rispetto ai precedenti macrodati.

«seasonally adjusted initial claims was 364,000»

«The advance unadjusted level of insured unemployment in state programs totaled 3,270,789, an increase of 37,470 (or 1.2 percent) from the preceding week»

*

2021-07-02__ Usa Sussidi 002

I più recenti macrodati non sono buoni.

PPI, principali prezzi di produzione, vale 4.8% ed il PCI, Indice dei prezzi al consumo, era 5.0%. L’Indice PEC era attestato al 3.9%. La variazione dell’occupazione non agricola (ADP) era 692,000.

La Harris-Biden Administration forse farebbe meglio a curare maggiormente i problemi economici degli States.

Note.

«An initial claim is a claim filed by an unemployed individual after a separation from an employer. The claimant requests a determination of basic eligibility for the UI program. When an initial claim is filed with a state, certain programmatic activities take place and these result in activity counts including the count of initial claims. The count of U.S. initial claims for unemployment insurance is a leading economic indicator because it is an indication of emerging labor market conditions in the country. However, these are weekly administrative data which are difficult to seasonally adjust, making the series subject to some volatility»

«A person who has already filed an initial claim and who has experienced a week of unemployment then files a continued claim to claim benefits for that week of unemployment. On a weekly basis, continued claims are also referred to as insured unemployment, as continued claims reflect a good approximation of the current number of insured unemployed workers filing for UI benefits. The count of U.S. continued weeks claimed is also a good indicator of labor market conditions. While continued claims are not a leading indicator (they roughly coincide with economic cycles at their peaks and lag at cycle troughs), they provide confirming evidence of the direction of the U.S. economy»

* * * *  * *


Department of Labor. Unemployment Insurance Weekly Claims.  

                         SEASONALLY ADJUSTED DATA

In the week ending June 26, the advance figure for seasonally adjusted initial claims was 364,000, a decrease of 51,000 from the previous week’s revised level. This is the lowest level for initial claims since March 14, 2020 when it was 256,000. The previous week’s level was revised up by 4,000 from 411,000 to 415,000. The 4-week moving average was 392,750, a decrease of 6,000 from the previous week’s revised average. This is the lowest level for this average since March 14, 2020 when it was 225,500. The previous week’s average was revised up by 1,000 from 397,750 to 398,750.

The advance seasonally adjusted insured unemployment rate was 2.5 percent for the week ending June 19, unchanged from the previous week’s revised rate. The previous week’s rate was revised up by 0.1 from 2.4 to 2.5 percent. The advance number for seasonally adjusted insured unemployment during the week ending June 19 was 3,469,000, an increase of 56,000 from the previous week’s revised level. The previous week’s level was revised up 23,000 from 3,390,000 to 3,413,000. The 4-week moving average was 3,481,750, a decrease of 75,000 from the previous week’s revised average. This is the lowest level for this average since March 21, 2020 when it was 2,071,750. The previous week’s average was revised up by 4,250 from 3,552,500 to 3,556,750.

                         UNADJUSTED DATA

The advance number of actual initial claims under state programs, unadjusted, totaled 359,130 in the week ending June 26, a decrease of 38,262 (or -9.6 percent) from the previous week. The seasonal factors had expected an increase of 12,709 (or 3.2 percent) from the previous week. There were 1,426,894 initial claims in the comparable week in 2020. In addition, for the week ending June 26, 49 states reported 115,267 initial claims for Pandemic Unemployment Assistance.

The advance unadjusted insured unemployment rate was 2.3 percent during the week ending June 19, unchanged from the prior week. The advance unadjusted level of insured unemployment in state programs totaled 3,270,789, an increase of 37,470 (or 1.2 percent) from the preceding week. The seasonal factors had expected a decrease of 19,032 (or -0.6 percent) from the previous week. A year earlier the rate was 12.0 percent and the volume was 17,518,656.

The total number of continued weeks claimed for benefits in all programs for the week ending June 12 was 14,659,791, a decrease of 180,890 from the previous week. There were 32,118,436 weekly claims filed for benefits in all programs in the comparable week in 2020.

During the week ending June 12, Extended Benefits were available in the following 12 states: Alaska, California, Colorado, Connecticut, District of Columbia, Illinois, Massachusetts, Nevada, New Jersey, New York, Rhode Island, and Texas.

Initial claims for UI benefits filed by former Federal civilian employees totaled 879 in the week ending June 19, a decrease of 26 from the prior week. There were 581 initial claims filed by newly discharged veterans, an increase of 12 from the preceding week.

There were 10,472 continued weeks claimed filed by former Federal civilian employees the week ending June 12, a decrease of 292 from the previous week. Newly discharged veterans claiming benefits totaled 6,207, a decrease of 346 from the prior week.

During the week ending June 12, 50 states reported 5,935,630 continued weekly claims for Pandemic Unemployment Assistance benefits and 50 states reported 5,261,991 continued claims for Pandemic Emergency Unemployment Compensation benefits.

The highest insured unemployment rates in the week ending June 12 were in Rhode Island (5.1), Nevada (4.4), Puerto Rico (3.9), Connecticut (3.8), California (3.6), Illinois (3.6), Alaska (3.4), New York (3.4), Pennsylvania (3.3), and District of Columbia (3.2).

The largest increases in initial claims for the week ending June 19 were in Pennsylvania (+14,715), Michigan (+1,862), and Texas (+1,814), while the largest decreases were in Illinois (-4,762), California (-4,112), Ohio (-2,955), Florida (-2,229), and Georgia (-1,826).

Pubblicato in: Brasile, Economia e Produzione Industriale

Brasile. Giugno21. IPCA-15. Indice dei Prezzi al Consumo annuale 8.13%.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-06-30.

2021-06-27__ Brasile - IPC (Indice dei Prezzi al Consumo) di metà mese (Annuale) 001

«After this year’s projected contraction due to the Covid-19 hit, the economy is seen rebounding strongly in 2021 as domestic and foreign demand recover. However, the gradual reducing of fiscal stimulus as the coronavirus shock fades, an elevated unemployment rate and ballooning public debt represent downside risks to the outlook. FocusEconomics analysts see the economy rebounding and growing 3.4% in 2021, which is down 0.1 percentage points from last month’s forecast. In 2022, panelists see GDP growth at 2.5%.»

2021-06-27__ Brasile - IPC (Indice dei Prezzi al Consumo) di metà mese (Annuale) 002

Si faccia attenzione ai valori annuali, ultime due colonne: a sinistra quelli calcolati sugli ultimi dodici mesi, ed a destra quelli calcolati anno su anno, che sembrerebbero deescrivere meglio la situazione economica. Il PPI vale 16.08.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Spagna. 2021Q1. Pil -4.2%. La Commissione Europea aveva previsto +6.8%.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-06-25.

2021-06-25__ Spagna Pil 001

Instituto Nacional de Estadística. (Ine). Indice de precios de consumo. IPC. Mayo 2021

El Índice de precios de consumo (IPC) es una medida estadística de la evolución de los precios de los bienes y servicios que consume la población residente en viviendas familiares en España.

La tasa de variación anual del IPC del mes de mayo se sitúa en el 2,7%, cinco décimas por encima de la registrada en abril.

Parcelas con más del 50% de sus precios estimados

* * * * * * *

2021-06-25__ Spagna Pil 002

Instituto Nacional de Estadística. (Ine). Contabilidad nacional trimestral de España. CNTR. Primer trimestre 2021

El PIB español registra una variación del -0,4% en el primer trimestre de 2021 respecto al trimestre anterior en términos de volumen. Esta tasa es cuatro décimas inferior a la registrada en el cuarto trimestre y una décima superior a la avanzada el pasado mes de abril. Variación anual -4.2%

PIB pm Oferta (Precios corrientes)

Renta nacional bruta y disponible

PIB pm Demanda (Precios corrientes)

PIB pm Oferta (Indices de volumen encadenado)

Empleo por ramas de actividad

* * *

– El PIB español registra una variación del −0,4% en el primer trimestre de 2021 respecto al trimestre anterior en términos de volumen. Esta tasa es cuatro décimas inferior a la registrada en el cuarto trimestre y una décima superior a la avanzada el pasado mes de abril.

–  La variación interanual del PIB se sitúa en el −4,2%, frente al −8,9% del trimestre precedente.

– La contribución de la demanda nacional al crecimiento interanual del PIB es de −2,2 puntos, 4,0 puntos superior a la del cuarto trimestre. Por su parte, la demanda externa presenta una aportación de −2,0 puntos, siete décimas superior a la del trimestre pasado.

– El deflactor implícito del PIB aumenta un 1,3% respecto al mismo trimestre de 2020, cinco décimas más que en el trimestre pasado.

– El empleo de la economía, en términos de horas trabajadas, se reduce un 2,0% respecto al trimestre anterior. Los puestos de trabajo equivalentes a tiempo completo crecen un 1,4%, lo que supone dos décimas más que en el cuarto trimestre, debido a la reducción que se observa en la jornadas medias a tiempo completo (−3,4%).

– En términos interanuales, las horas trabajadas varían un −3,6%, tasa 2,5 puntos superior a la del cuarto trimestre de 2020, y los puestos equivalentes a tiempo completo un −1,9%, 3,3 puntos más que en el cuarto trimestre, lo que supone un descenso de 343 mil puestos de trabajo equivalentes a tiempo completo en un año.

– La variación interanual del coste laboral unitario se sitúa este trimestre en el 2,6%.

– La renta nacional bruta y la renta nacional disponible bruta decrecen un 0,6% y un 0,1%, respectivamente, respecto al trimestre anterior.

– En relación al primer trimestre de 2020, la renta nacional, al igual que la renta nacional disponible, varía un −3,0%.

* * * * * * *


La Commissione Europea nel suo Report Economic forecast for Spain aveva previsto un Pil +6.8 e l’inflazione al +1.4%.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Zingaretti. ‘Vincere! E vinceremo!’ Poi, sciogliere il pd e fare un partito nuovo.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-01-10.

Arco di Trionfo. Mosca. 001

«La nuova legge elettorale ci indica una sfida»

«Dobbiamo costruire il soggetto politico dell’alternativa, convocando un congresso con una proposta politica e organizzativa di radicale innovazione e apertura»

«Vinciamo in Emilia-Romagna, dove il Pd sta facendo la campagna elettorale per Bonaccini in splendida solitudine,  senza l’appoggio di Iv e M5s, e poi cambio tutto: sciolgo il Pd e lancio il nuovo partito»

«Non penso a un nuovo partito, ma a un partito nuovo, un partito che fa contare le persone ed è organizzato in ogni angolo del Paese …. La nuova legge elettorale ci indica una sfida: dobbiamo costruire il soggetto politico dell’alternativa, convocando un congresso con una proposta politica e organizzativa di radicale innovazione e apertura. Dobbiamo rivolgerci però alle persone, e non alla politica ‘organizzata’ …. Dobbiamo aprirci alla società e ai movimenti che stanno riempiendo le piazze in queste settimane. Non voglio lanciare un’opa sulle sardine, rispetto la loro autonomia: ma voglio offrire un approdo a chi non ce l’ha»

«è inutile che ci giriamo intorno, non possiamo fare melina fino al 26 gennaio, non possiamo fare ogni giorno l’elenco delle cose sulle quali non c’è accordo nella maggioranza …. Purtroppo questo è il risultato della cultura delle ‘bandierine’, in cui ci si illude di esistere solo se si difende una cosa. Lo dico ogni giorno a Conte e a Di Maio: un’alleanza è come un’orchestra, il giudizio si dà sull’esecuzione dell’opera, non sulla fuga di un solista che casomai dà pure fastidio alle orecchie …. La linea unitaria sta pagando, come dimostrano i sondaggi, e casomai apre contraddizioni in chi non vuole scegliere. L’Italia sta gradualmente tornando a uno schema bipolare»

«Il Pd è salvo, oggi non è più il partito debole, isolato e sconfitto del 4 marzo 2018. Abbiamo retto l’urto di due scissioni, e oggi i sondaggi ci danno al 20%. Siamo il secondo partito italiano, e siamo l’unico partito nazionale dell’alleanza, l’unico che si presenta ovunque alle elezioni, l’unico sul quale si può cementare il pilastro della resistenza alle destre»

* * * * * * *

Diamo atto a Mr Zingaretti di aver parlato chiaro e con l’autorità che gli compete.

«Il Pd è salvo, oggi non è più il partito debole, isolato e sconfitto del 4 marzo 2018»

«Siamo il secondo partito italiano»

«Vinciamo in Emilia-Romagna»

«sciolgo il Pd e lancio il nuovo partito»

«il pilastro della resistenza alle destre»

* * * * * * *

Sembrerebbe l’incipit della quinta sinfonia di Beethoven.

Il pd è risorto ed in Emilia Romagna ed il Calabria sbaraglierà la lega e le destre.

‘Vincere! E vinceremo!’

Forti di questi trionfi, Zingaretti scioglierà il pd vittorioso e lancerà un nuovo partito, più vittorioso ancora del precedente.

Ma a questo punto il primo violino esce dalla melodia corale:

“un solista che casomai dà pure fastidio alle orecchie”

Perché, perché mai tutto ciò?

«può cementare il pilastro della resistenza alle destre»

* * *

La contraddizione è evidente.

«ci si illude di esistere solo se si difende una cosa»

Smantellare il vecchio glorioso pci per fare una qualcosa che ‘resista’ alle destre non è un programma politico di chi avesse voluto fare qualcosa: Zingaretti si ripropone proprio come si proponeva il m5s. ‘Contro qualcosa‘.

Gli auguriamo buona sorte: ma se per caso non vincesse?

*


Pd, Zingaretti: «Vinciamo in Emilia-Romagna e lancio un partito nuovo»

Il segretario del Partito democratico: «La nuova legge elettorale ci indica una sfida. Dobbiamo costruire il soggetto politico dell’alternativa, convocando un congresso con una proposta politica e organizzativa di radicale innovazione e apertura»

«Vinciamo in Emilia-Romagna», dove «il Pd sta facendo la campagna elettorale per Bonaccini in splendida solitudine” senza l’appoggio di Iv e M5s, «e poi cambio tutto: sciolgo il Pd e lancio il nuovo partito». Così il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, in un colloquio con Repubblica in cui spiega: «In questi mesi la domanda di politica è cresciuta, non diminuita. E noi dobbiamo aprirci e cambiare per raccoglierla».

«Non penso a un nuovo partito, ma a un partito nuovo, un partito che fa contare le persone ed è organizzato in ogni angolo del Paese», afferma Zingaretti. «La nuova legge elettorale ci indica una sfida: dobbiamo costruire il soggetto politico dell’alternativa, convocando un congresso con una proposta politica e organizzativa di radicale innovazione e apertura. Dobbiamo rivolgerci però alle persone, e non alla politica ‘organizzata’», sottolinea. «Dobbiamo aprirci alla società e ai movimenti che stanno riempiendo le piazze in queste settimane. Non voglio lanciare un’opa sulle sardine, rispetto la loro autonomia: ma voglio offrire un approdo a chi non ce l’ha».

Parlando del governo, «è inutile che ci giriamo intorno, non possiamo fare melina fino al 26 gennaio, non possiamo fare ogni giorno l’elenco delle cose sulle quali non c’è accordo nella maggioranza», dichiara Zingaretti. «Purtroppo questo è il risultato della cultura delle ‘bandierine’, in cui ci si illude di esistere solo se si difende una cosa. Lo dico ogni giorno a Conte e a Di Maio: un’alleanza è come un’orchestra, il giudizio si dà sull’esecuzione dell’opera, non sulla fuga di un solista che casomai dà pure fastidio alle orecchie», osserva, smentendo l’accusa si subalternità al Movimento: «La linea unitaria sta pagando, come dimostrano i sondaggi, e casomai apre contraddizioni in chi non vuole scegliere. L’Italia sta gradualmente tornando a uno schema bipolare».

Per Zingaretti «non è il tempo di distruggere, ma di costruire subito una visione e poi un’azione comune, su pochi capitoli chiari: come creare lavoro, cosa significa green new deal, come si rilancia la conoscenza, come si ricostruiscono politiche industriali credibili nell’era digitale».

«Questo salto di qualità lo può fare solo il nostro partito», prosegue il segretario dem. «Il Pd è salvo, oggi non è più il partito debole, isolato e sconfitto del 4 marzo 2018. Abbiamo retto l’urto di due scissioni, e oggi i sondaggi ci danno al 20%. Siamo il secondo partito italiano, e siamo l’unico partito nazionale dell’alleanza, l’unico che si presenta ovunque alle elezioni, l’unico sul quale si può cementare il pilastro della resistenza alle destre».

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Sardine ed i tempi che furono, quelli dei due milioni in piazza.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-14.

Partito Democratico 001

Oggi le sardine hanno radunato in Roma un gran numero di dimostranti: chi dice 50,000, chi dice 100,000.

Correttamente gli organizzatori ne sono orgogliosi, stante il fatto che solo il trenta per cento sarebbero stati i romani: gli altri sarebbero tutti arrivati da fuori Roma.

Uno sforzo organizzativo ed economico di non poco conto.

* * *

Alle elezioni europee 2014 il PD conquistò il 40.81% dei voti, alle politiche del 2018 conquistò alla camera il 18.76% dei suffragi. Dimezzato.

Tuttavia, nella sua lunga e travagliata storia, il Pci, Cosa, Quercia … fino al partito democratico, avevano abituato l’Italia a ben altre manifestazioni.

*


CGIL-Day: oltre due milioni i partecipanti. La cronaca.

«E’ ormai piena l’area del Circo Massimo, dove stanno confluendo tutti i cortei. Secondo le prime indiscrezioni, i manifestanti stanno superando la cifra di due milioni. I manifestanti in piazza del Circo Massimo ”sono molti di più di quanti erano nel ’94”. Lo sostiene il segretario confederal della Cgil, Claudio Sabattini. ”Non ho mai visto una cosa del genere – ha detto – e’ un numero non calcolabile …. ”piu’ del doppio” delle persone che c’erano nel ’94, quando parteciparono un milione di persone»

*


L’invasione colorata di Roma. “Mai così tanti in piazza”

«”Serenità”, aveva chiesto Sergio Cofferati dopo che gli assassini di Bologna avevano scippato il sorriso che nelle intenzioni del leader avrebbe dovuto caratterizzare la giornata dei sei cortei. E la serenità hanno portato in piazza i tre milioni di persone che hanno risposto all’appello della Cgil “contro il terrorismo e per i diritti”»

* * * * * * *

Conclusioni.

Il numero dei dimostranti in piazza sicuramente rincuora dirigenza, iscritti e simpatizzanti del partito democratico, ma la storia suggerirebbe non influire sui risultati che poi escono dalle urne.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria

Leu chiede 400,000 euro per celebrare i cento anni del Pci. Nella manovra.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-10.

2019-12-10__Gulag__001

«Un emendamento di Leu inserisce quasi mezzo milione in 2 anni per celebrare la fondazione del Partito comunista»

«Quattrocentomila euro per festeggiare i 100 anni dalla nascita del Pci»

«ammonta a 200mila euro per gli anni 2020 e 2021. …. Su questo punto si è scatenata l’ironia e la rabbia dei leghisti. «È una vergogna, ognuno festeggia i partiti che vuole», attacca Matteo Salvini. E poi: «Dicono che non ci sono fondi… Ma se ne escono con queste castronerie: fatelo coi vostri soldi l’anniversario, non coi soldi degli italiani»

«Eh sì, tengono in ostaggio la legge di bilancio per questioni fondamentali»

* * *

«Il libro nero del comunismo (Le Livre noir du communisme: Crimes, terreur, répression), a cura dello storico del comunismo Stéphane Courtois, è una raccolta di saggi sugli Stati comunisti e sui crimini e abusi compiuti dai regimi di tali stati. I saggi sono scritti da diversi ricercatori del CNRS francese, alcuni già collaboratori di François Furet, autore di un precedente libro sull’argomento, ossia Il passato di un’illusione. Il libro fu originariamente pubblicato nel 1997 dalla Éditions Robert Laffont»

«L’enfasi del testo è spesso sul resoconto di tali crimini in termini numerici (in genere ricavati dal lavoro di altri autori) per arrivare a un totale stimato di 100 milioni di vittime del comunismo»

* * * * * * *

Ricordare con cerimonie l’ideologia più sanguinaria mai vista in questo povero mondo è idea satanica.

E come si potrebbero dimenticare le parole di lode che il Pci intesseva per Pol Plot, sotto il cui regime comunista negli anni settanta si attuò il genocidio di due milioni di esseri umani? Tutti zitti con il muso nella greppia.

No. Noi non dimentichiamo.

E le sardine cantano Bella Ciao?

Si fanno complici dello sterminio di cento milioni di esseri umani. Lo avvallano.

*


Nella manovra 400 mila euro per i 100 anni del Pci. L’ira di Salvini: «Vergogna»

Un emendamento di Leu inserisce quasi mezzo milione in 2 anni per celebrare la fondazione del Partito comunista. Bufera in Parlamento.

«Quattrocentomila euro per festeggiare i 100 anni dalla nascita del Pci». La richiesta è stata avanzata da Vasco Errani, senatore di Leu, assieme ai colleghi Daniele Manca e Francesco Verducci, con un emendamento alla manovra. La richiesta di integrazione è stata avanzata proprio mentre infuria il rush finale prima del voto sulle previsioni di spesa dello Stato per il 2020.

Nel dettaglio, l’emendamento prevede uno stanziamento per l’organizzazione e «lo svolgimento di iniziative» previste per il centesimo anniversario del Partito Comunista italiano, fondato a Livorno il 21 gennaio del 1921. Nell’emendamento viene chiesta una voce di spesa che ammonta a 200mila euro per gli anni 2020 e 2021.

Su questo punto si è scatenata l’ironia e la rabbia dei leghisti. «È una vergogna, ognuno festeggia i partiti che vuole», attacca Matteo Salvini. E poi: «Dicono che non ci sono fondi… Ma se ne escono con queste castronerie: fatelo coi vostri soldi l’anniversario, non coi soldi degli italiani». Mentre il deputato del Carroccio Claudio Borghi ironizza: «Eh sì, tengono in ostaggio la legge di bilancio per questioni fondamentali».