Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Recovery Fund. Contrari Paesi Bassi, Danimarca, Austria, Belgio, Irlanda, Lituania e Ungheria.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-11.

Giulio Romano. Mantova. Palazzo Te. Caduta dei Giganti. 002 Particolare

Europe’s capitals take aim at €750bn recovery plan.

Several governments say Brussels is not targeting damage caused by crisis.

«Brussels is under fire from EU governments for failing to target its planned €750bn recovery fund on economic damage caused by the coronavirus shutdown.»

«EU diplomats have raised concerns that the European Commission is proposing to use a series of “outdated” economic measures to determine how much member states will receive from a Recovery and Resilience Fund intended to heal Europe’s post-pandemic economy.»

«The commission wants the Recovery and Resilience Fund to allocate money based on three main economic criteria: a country’s gross domestic product; its GDP per capita; and its average unemployment rate between 2015 and 2019»

«It argues the criteria will ensure the funds are channelled to economies most damaged by the coronavirus and with limited fiscal capacity to fight the worst depression since the second world war. »

«Most governments will have to ratify the EU’s borrowing plans in their national parliaments»

«We are not trying to help [countries] with decades of bad economic handling and lack of reforms»

«The pandemic has hit southern Europe particularly hard while poorer countries in the east — traditionally the biggest beneficiaries of EU aid — have done better at containing it and have reopened their economies more quickly»

«Internal commission estimates show that Italy, Spain, Poland and Greece will be among the big winners from the fund. Yet Poland is expected to have the least severe recession in the EU this year»

«The commission’s methodology has now been challenged by countries including the Netherlands, Denmark, Austria, Belgium, Ireland, Lithuania, and Hungary for having no direct connection to the pandemic.»

«Governments are also concerned that Brussels will not be able to disburse hundreds of billions of euros to the economies most in need in the next two years»

* * * * * * *

Mr Paolo Gentiloni era nato per fare il Markschreier, ossia quello che al mercato urla che il suo pesce è talmente fresco che non era ancora nato.

Recovery fund, Gentiloni: Sarà di certo approvato.

Il commissario Ue per gli affari economici e monetari è ottimista sulla possibilità che la proposta di piano di rilancio e sostegno all’economia Ue messa a punto dalla commissione ottenga il sì dei capi di stato e di governo prima di luglio.

Ma la storia insegna che anche le più granitiche fedi nella vittoria finale si infrangono alla fine sotto i cingoli dell’Armata Rossa.

Non è dato di sapere donde Mr Gentiloni tragga una simile certezza, ma la clinica potrebbe suggerire il termine di ‘delirio‘.

Ma mica che sia l’unico ad esternare i propri desiderata come se fossero realtà solidamente appurate.

Guai a sprecare il Recovery Fund. Conte chiama il Sistema Italia a Palazzo Chigi.

«Il premier chiama a raccolta tutti i rappresentanti della nostra economia con un unico obiettivo, evitare che gli 82 miliardi a fondo perduto si perdano nei meandri della spesa pubblica. Mano tesa a Confindustria. Il Mes? Verrà il tempo di decidere…»

«Sull’Italia stanno per piovere 82 miliardi di contributi a zero condizioni, altri 91 sotto forma di prestiti. Merito di quel Recovery Fund approvato due settimane fa dall’Unione europea e che vede l’Italia prima destinataria dei fondi (172 miliardi). E guai a disperdere il capitale in capitoli di spesa che con la crescita c’entrano ben poco. Un messaggio arrivato direttamente dal cortile di Palazzo Chigi, dove Giuseppe Conte ha tenuto una conferenza stampa dinnanzi a un gruppo di giornalisti, nel giorno in cui è caduto l’ultimo brandello di lockdown.»

*

Di oggi 8 giugno l’intervento di Mrs Lagarde al parlamento europeo.

Lagarde (Bce): “Recovery Fund decisivo, va approvato velocemente”

Dunque, il Recovery Fund non è ancora stato approvato.

* * *

Il Governo Conte da per scontato che il Recovery Fund sia approvato dal Consiglio Europeo, che dovrebbe decidere alla unanimità. Ne parla come se 172 miliardi stiano piovendo dal Cielo. Peccato che ciò sia vero solo nella sua fervida fantasia.

Questa è una proposta che dovrà essere approvata alla unanimità dal Consiglio Europeo, ma Paesi Bassi, Danimarca, Austria, Belgio, Irlanda, Lituania e Ungheria hanno già annunciato voto contrario.

Poi, nell’ipotesi che vi sia l’approvazione, il testo votato dovrà essere approvato dal parlamento europeo e, quindi, dai singoli parlamenti dei 27 stati.

Quindi si dovrebbe passare alla fase attuativa e, cosa non di poco conto, trovare le coperture: un iter che potrebbe richiedere svariati anni.

Gran brutto segno prognostico questo scollamento dal reale.

*


Recovery fund, contrari sette governi Ue.

‘Fondi distribuiti male e scarsa connessione con virus’.

“La ripartizione delle risorse” tra Stati membri prevista dal Recovery Fund proposto dalla Commissione Ue “ha scarsa connessione diretta con la pandemia”.

E’ la denuncia di alcuni diplomatici di Paesi Bassi, Danimarca, Austria, Belgio, Irlanda, Lituania e Ungheria riportata dal Financial Times. I diplomatici definiscono “obsoleta” la metodologia di Bruxelles per l’allocazione delle risorse. Tra gli esempi di squilibrio, Ft cita la Polonia, che dovrebbe avere la recessione meno grave in Ue ma sarebbe la terza beneficiaria del Recovery, e il Belgio, che ha il più alto tasso di mortalità pro capite in Ue ma riceverebbe tra gli importi più bassi del fondo.

*

The EU recovery fund is a historic step, almost

Frugal states may block needed transfers to the south but there is a way forward

The €500bn EU recovery fund proposed this week by Angela Merkel, the German chancellor, and Emmanuel Macron, the French president, could be a historic step forward for the EU. In formulating the proposal, Ms Merkel broke two rules of Germany’s EU policy: that there should be no common borrowing and no transfer union beyond the existing EU budget. The plan recognises the extra burden that Covid-19 has placed on southern Europe. It may even lead to more fiscal integration across the EU. Yet, as it stands, the fund is likely to get bogged down in negotiations on who receives the transfers, and their size. Without clarity on that, it will be unable to address properly the widening divergence between northern and southern Europe. The pandemic has accelerated this gap, which threatens to make the EU even harder to govern than it is now. But there may be a way forward. There are several reasons why Covid-19 is more damaging for southern Europe. Italy and Spain were hit first by the pandemic. The severe toll exacted there gave other countries the chance to lock down more quickly, thereby limiting the outbreak and shortening their lockdowns. As our research shows, Germans will be able to go back to work sooner than Italians and Spaniards. Every month of restrictions reduces a country’s annualised gross domestic product by 2 to 3 per cent. The lockdowns are also more painful in southern Europe. More regions in Greece, Spain, Italy and Portugal have large tourism or manufacturing sectors — sometimes both — than in northern countries. Office workers can work more easily from home, whereas those in factories or leisure sectors must work together or in proximity to customers. Tourism is far more seasonal in Mediterranean resorts than northern cities. Even though Greece wants to open its tourism sector soon, lockdowns across Europe are likely to persist into the summer when southern Europe’s revenues are usually at their highest. In addition, southern European countries have more limited fiscal ability to support furloughed businesses and workers. The European Commission is already concerned that Germany’s vast loan guarantee programme to its companies might undermine the single market. Because southern EU countries tend to have higher debt levels and borrowing costs, that will make them less able to use their national balance sheet to protect companies from bankruptcy or to stimulate recovery. That means northern companies will be in a stronger position to take larger market shares across Europe when the pandemic ebbs. It will also sap growth in southern Europe relative to the north. The proposed recovery fund, which requires agreement from all 27 member states, recognises this divergence. But to be economically significant, most of the €500bn will have to be transferred to Greece, Italy, Portugal and Spain. Northern and central European countries will probably oppose that, and want their contributions to be largely recycled back to their own citizens and businesses. Poland and Hungary will make the persuasive case that they should not be on the hook for richer eurozone countries, where high debts are in part the result of the mismanagement of the single currency. Indeed, a transfer union makes more sense at a eurozone level as an Italian debt crisis would spill over and affect other members of the single currency. Even in the unlikely event that Hungary and Poland do agree to the transfer arrangement, as a quid pro quo they could insist that the EU stop its meddling, as they see it, in their attempts to weaken the rule of law.

There may be an alternative, however, if negotiations get bogged down after the formal blueprint is presented to EU states on May 27. Ms Merkel could jettison the frugal northern and eastern countries and instead assemble a coalition of the willing to use the EU’s “enhanced co-operation” procedure. This allows some member states to proceed with integration without the others. Such a move would render the EU even more fractured and complex. Common borrowing by coalition would also be complex. But it would forestall further economic and political divergence. It may also encourage the Netherlands and Austria to engage with the recovery fund proposal, as they would be unwilling to be left on the periphery without much say over the future of the euro. Chancellor Merkel deserves praise for her bravery in putting the proposal forward with president Macron. But there are still more difficult decisions to make.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

EU. Il nodo del bilancio settennale. Tasse in avvicinamento.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-02-14.

Brügel il Vecchio. Trionfo della Morte. Particolare. Museo del Prado.

Nel novembre dello scorso anno l’Unione Europa ha faticosamente raggiunto un accordo sul budget.

«Le autorità di bilancio dell’Unione europea, supportate dalla Commissione, hanno dunque concordato anzitutto le due cifre di riferimento: 168,69 miliardi di euro in impegni e 153,57 miliardi in pagamenti. Gli impegni sono obblighi giuridici di spesa firmati in un determinato esercizio (contratti, convenzioni, sovvenzioni); gli importi non sono necessariamente versati lo stesso anno ma possono estendersi su più esercizi. Invece i pagamenti coprono le spese previste per l’esercizio in corso. Occorre poi ricordare che il bilancio annuale è inserito nella programmazione settennale (Qfp, Quadro finanziario pluriennale) ….

la cifra complessiva annuale di quanto i Paesi membri sono disposti a investire insieme non va oltre, neanche questa volta, l’1% del Pil europeo. Comunque si tratta di oltre 150 miliardi di euro che, tolto il 7% di spese amministrative, tornano sui territori dell’Unione sotto forma di investimenti.» [Agensir]

Tenendo conto che vi sono ventisette stati, a ciascuno di essi toccherà in termini medi 5.5 miliardi euro, cifra che sembrerebbe essere ben poco entusiasmante.

Poi, adesso il Regno Unito se ne è andato via, e resta il problema di come coprire quelli che erano stati i suoi versamenti.

Così il Consiglio Europeo definisce il Qfp, Quadro finanziario pluriennale.

«Il quadro finanziario pluriennale (QFP) è il bilancio a lungo termine dell’UE. Fissa i limiti della spesa dell’UE – nel suo insieme e anche in diversi settori di attività – per un periodo di almeno cinque anni. I recenti QFP hanno coperto di solito sette anni. ….

I bilanci annuali dell’UE devono sempre essere stabiliti entro i limiti del QFP.

In pratica, gli impegni e i pagamenti sono solitamente iscritti in bilancio al di sotto dei rispettivi massimali del QFP. ….

Il Consiglio svolge un ruolo centrale nel processo legislativo sul QFP.

Prima della scadenza del QFP in corso, la Commissione europea formula una proposta per un nuovo regolamento QFP.

Tale proposta serve come base per i negoziati in sede di Consiglio, che garantirà che tutti gli Stati membri facciano parte dell’accordo, per raggiungere il quale è necessaria l’unanimità.

Anche altri attori contribuiscono al processo.

Quando definisce la propria posizione il Consiglio riceve orientamenti politici dai leader dell’UE riuniti in sede di Consiglio europeo.

Per concludere il processo decisionale è necessaria l’approvazione del Parlamento europeo. Ciò significa in pratica che il Parlamento può approvare o respingere la posizione del Consiglio, ma non può emendarla.»

In estrema sintesi:

– La Commissione Europea formula la bozza di quadro finanziario pluriennale – budget settennale;

– Il Consiglio Europeo deve approvarlo alla unanimità;

– Il parlamento europeo può o meno approvarlo, ma non modificarlo.

*

Questo, come altri peraltro, è uno dei momenti in cui anche stati piccoli possono fare sentire la propria voce e dove si vedono alla prova le doti mediatorie della Commissione.

* * * * * * *

«I ministri finanziari della zona euro intendono raccomandare politiche di bilancio più espansive e misure procicliche in caso dovessero concretizzarsi rischi al ribasso per l’economia del Vecchio Continente.» [Reuters]

Le parole sono molte belle, ma i fatti sono ben differenti.

«I leader e le istituzioni dell’Unione Europea hanno dato inizio questa settimana a un’intensa serie di incontri per discutere il compito più arduo che spetta al blocco quest’anno: concordare un budget per i prossimi sette anni»

«In una maratona di preparativi per il vertice speciale sul bilancio che si terrà il 20 febbraio, il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, hanno incontrato 22 leader dell’Ue nell’ultima settimana. …. Altri cinque, inclusi quelli di Francia e Germania, i due maggiori contributori netti al budget dell’Ue, sono previsti per la prossima settimana»

«Questi sono i negoziati più difficili che stiamo affrontando»

«Finora, le proposte sulla dimensione del bilancio di vari paesi e istituzioni variano dall’1% della produzione annuale dell’Ue, tra 180 miliardi a 190 miliardi di euro circa, all’1,3%, intorno ai 240 miliardi di euro»

«I colloqui sono insolitamente difficili a causa dell’uscita dal blocco della Gran Bretagna, uno dei principali contribuenti netti al bilancio, che lascia in eredità in media un buco annuo netto di oltre 9 miliardi di euro»

«Gli altri paesi che contribuiscono al bilancio non vogliono pagare di più per colmare il buco, mentre i beneficiari sostengono che il sostegno dell’Ue agli agricoltori o per ridurre le disparità di sviluppo è un must»

«Per contribuire a colmare il deficit di finanziamento lasciato dalla Gran Bretagna, il Parlamento europeo vuole che l’Ue ottenga nuove fonti di finanziamento dedicate al bilancio. Queste includono adesso tutte le entrate tariffarie, una piccola parte dell’IVA nazionale e le sanzioni imposte dall’Ue»

* * * * * * *

La Unione Europea attesta che il pil dei 27 paesi si attesta a 15,700 miliardi di euro l’anno.

«Oltre il 64% degli scambi commerciali dei paesi dell’UE avviene con altri paesi dell’Unione.

L’UE conta solo il 6,9% della popolazione mondiale, ma i suoi scambi commerciali con il resto del mondo rappresentano circa il 15,6% delle importazioni ed esportazioni mondiali.

Insieme agli Stati Uniti e alla Cina, l’UE è uno dei 3 maggiori protagonisti mondiali del commercio internazionale»

*

Conclusioni.

Leggere queste cifre e le relative motivazioni lascia un amaro sorrisetto sardonico.

Parlare di politiche espansionistiche con un bilancio annuale di 190 miliardi sfiora il limite del ridicolo, del grottesco.

In termini medi spetterebbero ad ogni singolo stato 7.04 miliardi l’anno, finanziati poi da una tassa europea sulle plastiche e da ritocchi dell’Iva, per non parlare poi di una tassazione ulteriore dei flussi finanziari.

È una cifra ridicolmente bassa, che ogni singolo stato potrebbe introitare mettendo in atto opportuni provvedimenti interni, senza mettere in moto il Moloch europeo, che poi si tratterebbe ben il 7% per spese amministrative.

Poniamo una domanda:

Così come è, a cosa mai serve l’Unione Europea, questa Unione Europea?

*

Ue, meeting frenetici in vista di vertice 20 febbraio su prossimo budget 7 anni

I leader e le istituzioni dell’Unione Europea hanno dato inizio questa settimana a un’intensa serie di incontri per discutere il compito più arduo che spetta al blocco quest’anno: concordare un budget per i prossimi sette anni, cosa che per molti rappresenterà un quadro più chiaro di cosa sarà un’Europa unita dopo la Brexit.

In una maratona di preparativi per il vertice speciale sul bilancio che si terrà il 20 febbraio, il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, hanno incontrato 22 leader dell’Ue nell’ultima settimana.

Altri cinque, inclusi quelli di Francia e Germania, i due maggiori contributori netti al budget dell’Ue, sono previsti per la prossima settimana.

“Questi sono i negoziati più difficili che stiamo affrontando”, ha affermato un alto funzionario dell’Ue coinvolto nel processo.

L’attuale bilancio, iniziato nel 2014, scadrà a dicembre ed è necessario concordarne uno nuovo poiché gli agricoltori di tutto il blocco dipendono fortemente da esso, così come i governi per i progetti infrastrutturali, l’istruzione e la ricerca.

Grazie agli incontri di questa settimana e della prossima, Michel redigerà una proposta sulla dimensione complessiva del bilancio e la distribuzione di denaro al suo interno.

Finora, le proposte sulla dimensione del bilancio di vari paesi e istituzioni variano dall’1% della produzione annuale dell’Ue, tra 180 miliardi a 190 miliardi di euro circa, all’1,3%, intorno ai 240 miliardi di euro.

I colloqui sono insolitamente difficili a causa dell’uscita dal blocco della Gran Bretagna, uno dei principali contribuenti netti al bilancio, che lascia in eredità in media un buco annuo netto di oltre 9 miliardi di euro.

Gli altri paesi che contribuiscono al bilancio non vogliono pagare di più per colmare il buco, mentre i beneficiari sostengono che il sostegno dell’Ue agli agricoltori o per ridurre le disparità di sviluppo è un must.

Le serie di colloqui tra Michel e talvolta anche cinque primi ministri al giorno mirano a far capire che entrambe le parti devono scendere a compromessi o dozzine di programmi e progetti finanziati dall’Ue potrebbero essere in pericolo dal 2021.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Germania. Merkel rifiuta la firma alla lettera EU per il ‘clima’.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-10.

Gabellieri__002__

Come tutto, anche le crisi economiche sono leggibili in modo double face.

Di norma ci si perde tutti, ma molto di più gli egemoni che non i poveracci: anzi, spesso per questi le crisi sono solo l’inizio della riscossa. Il profondo rinnovo delle classi dirigenti si attua di norma dopo una guerra persa: sia essa guerreggiata con i cannoni oppure anche una semplice guerra economica. Le elezioni, nei regimi che ne dispongono, spesso alternano solo gruppi di sodali.

La Germania è in depressione economica, con una produzione industriale asfittica e senza segni visibili di possibile ripresa, che, in ogni caso, avrebbe come presupposto l’allontanamento di Frau Merkel e del suo entourage dalle leve del potere.

Fino a pochi mesi fa la domanda che molti si ponevano era questa:

Is Germany too stingy to fund the fight against climate change?

Frau Merkel era sempre stata la pasionaria del ‘clima’ e delle energie alternative.

Ma la crisi economica fa rinsavire: ‘clima’ ed energie alternative sono un costosissimo lusso che nemmeno Creso avrebbe potuto permettersi. Certo, questo è un ben amaro boccone per quanti da ‘clima’ ed energie alternative traevano sostentamento per sé stessi e per i loro cari, il tutto a spese del denaro pubblico.

Nel parlamento europeo sono tutti in subbuglio: per quanto siano chiassosi, i liberal socialisti non hanno i numeri, Ancora un po’ di crisi, ed anche loro dovranno adattarsi a lavorare per vivere.

Ma la ruota del tempo sta girando veloce.

«The eight European Union member states have signed a letter urging the bloc to get tougher on climate action»

«Germany, however, was not among them, with one EU climate expert calling the absence “conspicuous.”»

«Environment ministers from France, Spain, the Netherlands, Portugal, Sweden, Denmark, Latvia and Luxembourg all signed a letter to the EU’s top climate official candidate, Frans Timmermans, calling on him to increase the objective to reduce emissions from 40% to 55% by 2030»

«The letter urges the EU to get tougher on climate action “to underpin the European Green Deal to drive the in-depth transformation and bold measures needed across all sectors of the economy.”»

«While there is broad, if not unanimous support for reaching net-zero emissions by 2050, there is a distinct lack of harmony in the EU over how to arrive at that target»

«In 2018, the majority of member states agreed on a 40% reduction, a goal that eight countries now feel is not enough»

«EU climate policy adviser for Greenpeace, Sebastian Mang, was unequivocal in his criticism of Germany’s stance, describing Berlin’s absence from the letter as “conspicuous.”»

«Mang argued that Merkel’s government was pandering to big businesses and German carmakers»

«Germany was doing enough to reduce its carbon dioxide emissions.»

* * * * * * *

I tedeschi hanno la straordinaria caratteristica che le loro intelligenze rifioriscono quando siano stati sottoposti ad un intenso cannoneggiamento, meglio se associato a pesanti bombardamenti aerei.

E questa fase depressiva non scherza per nulla: sta mandando a catafascio il loro sistema produttivo. Equivale ai bombardamenti alleti.

Paucis verbis, Frau Merkel non è arrivata alla frutta, ma al caffè ed al digestivo: adesso ha solo il conto da pagare.

Non ha quasi più margini di manovra.

Nota.

Non è sfuggito a nessuno il fatto che l’Italia non sia tra i firmatari, anche se il Governo Zingaretti rosso-giallo aveva giurato e spergiurato di voler fare una intensa politica ecologica pro-clima.

Forse che non abbia chiesto il permesso a Mr Renzi?

Nota seconda.

BlackRock, Vanguard Accused of Opposing Shareholder Efforts on Climate

*


8 EU states push to raise 2030 climate goal, but Germany absent

The eight European Union member states have signed a letter urging the bloc to get tougher on climate action. Germany, however, was not among them, with one EU climate expert calling the absence “conspicuous.”

*

Eight European Union countries Tuesday called on the bloc to up the ante on its carbon dioxide reduction target, but Germany was not one of them.

Environment ministers from France, Spain, the Netherlands, Portugal, Sweden, Denmark, Latvia and Luxembourg all signed a letter to the EU’s top climate official candidate, Frans Timmermans, calling on him to increase the objective to reduce emissions from 40% to 55% by 2030.

The letter urges the EU to get tougher on climate action “to underpin the European Green Deal to drive the in-depth transformation and bold measures needed across all sectors of the economy.”

However, German Chancellor Angela Merkel, who previously indicated her support for the new objective, is facing stiff opposition from government ministries in Berlin to join the pact.

In at the deep end

Timmermans, candidate for the role of vice president for the European Green Deal, will appear on Tuesday in the European Parliament as part of his confirmation hearing, ahead of joining incoming European Commission President Ursula von der Leyen’s executive team.

While there is broad, if not unanimous support for reaching net-zero emissions by 2050, there is a distinct lack of harmony in the EU over how to arrive at that target. In 2018, the majority of member states agreed on a 40% reduction, a goal that eight countries now feel is not enough. 

EU climate policy adviser for Greenpeace, Sebastian Mang, was unequivocal in his criticism of Germany’s stance, describing Berlin’s absence from the letter as “conspicuous.”

“Last week, [people] all over the country went to the streets and demanded climate protection,” he said.

Mang argued that Merkel’s government was pandering to big businesses and German carmakers.

On Monday, Merkel’s chief of staff, Helge Braun, indicated Germany was doing enough to reduce its carbon dioxide emissions.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Commissione Europea. Si preannunciano scontri ferocissimi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-11.

Duello Giochi-di-Carnasciale-Scherma-medievale

In succinta sintesi, alle elezioni europee il Partito Popolare Europeo e quello Socialista hanno perso assieme un centinaio di seggi, perdendo così la maggioranza.

Sia Weber, il candidato del Ppe, sia Timmerman, il candidato del Pse, sono stati bocciati dal Consiglio Europeo, che ha proposto Mrs von der Leyen, nome suggerito da Frau Merkel che si era previamente accordata con i polacchi e con gli ungheresi, che infatti la hanno votata.

Il quadro politico che ne risulta è dilacerante. Nessuno schieramento politico è in grado di imporre la propria volontà politica, mentre tutti hanno la concreta possibilità di bloccare quella altrui. Non da ultimo, esercitando il diritto di veto.

* * *

Ci si deve quindi aspettare una lotta serrata, ove di volta in volta una componente riesca a conquistarsi un pezzettino di potere, vero o presunto essere tale. Non ci si faccia impressionare dalle grida di vittoria oppure dai lamenti della sconfitta: saranno solo scaramucce. Nessuna componente è in grado di ottenere una vittoria assoluta.

I candidati alle Commissioni dovranno sostenere una audizione in seno al parlamento europeo, che esprimerà quindi su ciascuno di essi un parere, parere che però non sarà vincolante: alla fine sarà la sola Mrs Ursula von del Leyen a decidere i nomi dei Commissari.

Al momento, due di essi sono critici.

Mr László Trócsányi, nominalmente un indipendente, è talmente vicino al Fidesz di Mr Orban da essere stato nominato ministro della giustizia. Lui ed il candidato polacco,  Mr Janusz Wojciechowski, membro del PiS, sono la pulpite purulenta dei liberal socialisti europei, i quali li odiano quasi più di Mr Salvini.

Sui loro nomi si scontreranno la fazione liberal e quella che supporta Mrs von der Leyen.

Sarà una gran bello spettacolo.

Spettacolo che si consumerà mentre l’Unione Europea prosegue a grandi passi verso una profonda depressione del suo sistema economico. Ma è certamente più facile parlare del the rule of law che di come uscire dalla crisi.

Nota.

I maligni, ma si sa che i maligni sono tali, hanno notato che Mrs von der Leyen abbia trovato un posticino di consolazione per il socialista olandese Mr Frans Timmermans “sarà vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, che deve essere il marchio di fabbrica europeo”, mentre al momento non risulta che qualche briciolotto sia rimasto per Herr Weber.


László Trócsányi officially nominated for the new Enlargement Commissioner

BRUSSELS – Former Minister of Justice of Hungary László Trócsányi is officially nominated for the position ‘Neighbourhood and Enlargement’ portfolio in the Commission of Ursula von der Leyen. The news was announced today at the press conference in Brussels, where von der Leyen announced her picks for 27 portfolios in her administration. Despite rumors that Dubravka Šuica of Croatia is going to be nominated for this position, she instead received a nomination for “Democracy and Demography” portfolio. All candidates for the Commissioners will have to go through a hearing process in front of the relevant committees of the European Parliament, and the EP will vote for the Commission as a whole before 1 November, when its mandate officially begins.

* * *

Ma chi è László Trócsányi?

«Commissario alla Politica di vicinato e negoziati per l’allargamento (Ungheria, Popolari)

Ha 63 anni ed è stato professore universitario di diritto europeo e ambasciatore in vari paesi, ma negli ultimi tempi è noto soprattutto per il suo incarico da ministro della Giustizia nel governo guidato da Viktor Orbán, che ha reso l’Ungheria uno stato semi-autoritario. Negli ultimi anni Trócsányi ha promosso leggi che hanno di fatto criminalizzato le ong che si occupano di migranti e portato alla chiusura della famosa Central European University. La parlamentare europea Liberale Sophie in ’t Veld ha detto al Guardian che considera la sua nomina «una provocazione», ed è probabile che Trócsányi subirà una lunga e severa audizione al Parlamento Europeo.»

*


Ansa. 2019-09-10. Presidenza Finlandia Ue, giro vite per rispetto stato diritto

Ministra Helsinki a Ft, taglio fondi a chi lo infrange

BRUXELLES – La “Finlandia utilizzerà la sua presidenza dell’Ue per spingere affinché si adottino i controversi piani di Bruxelles che mirano a tagliare i fondi Ue agli Stati che violano lo stato di diritto, arrivando così ad una vera e propria resa dei conti con diversi stati dell’Europa centrale e orientale”. Lo scrive in un’intervista al Financial Times Tytti Tuppurainen, ministro degli affari europei finlandese, convinta che la protezione dei valori europei sia di “fondamentale importanza” in quanto “regimi più o meno totalitari” sono aumentati in tutto il mondo.

L’intenzione di Helsinki di rendere lo stato di diritto la “priorità della sua presidenza di turno” potrebbe “alimentare ulteriormente le tensioni con alcuni paesi come l’Ungheria e la Polonia, che sono già al centro di processi disciplinari dell’Ue per presunte violazioni delle regole e dei valori dell’Unione, scrive il quotidiano. “Non si tratta di portare via i soldi da alcuni paesi”, ha precisato la ministra. “È una misura preventiva ed è destinata ad applicarsi a tutti gli Stati membri”.

“La presidenza finlandese dell’Ue vuole rafforzare lo stato di diritto, proponendo tagli ai fondi per chi secondo la Commissione non rispetta le regole dello stato di diritto. Questo è il primo regalino dell’Europa agli amici dell’Est che sono risultati decisivi per eleggere von der Leyen”, scrive su Twitter l’eurodeputato della Lega Marco Zanni.

*


Von der Leyen presenta la squadra: Gentiloni commissario all’Economia

Paolo Gentiloni sarà commissario europeo agli Affari economici e monetari. Lo ha annunciato la presidente eletta della Commissione europea, Ursula von der Leyen, che ha presentato la sua squadra a Bruxelles. Gentiloni è il primo italiano a ricoprire tale carica. Von der Leyen: voglio commissione flessibile e agile “Oggi presento una squadra ben equilibrata e che riunisce competenza ed esperienza, voglio una commissione che lavori con determinazione e che offra delle risposte”, ha detto Ursula von der Leyen. “Voglio una commissione che sia flessibile moderna e agile”, ha aggiunto. “Vorrei ringraziare Juncker per il suo sostegno in queste ultime settimane, molto gentilmente ha messo a disposizione la sua equipe e oggi la sua sala stampa. Lo conosco da quando sono entrata in politica in politica e ho molto imparato da lui ed è un onore succedergli”, dice poi la presidente della Commissione Ue. Migranti, dobbiamo riformare l’accordo di Dublino “Dobbiamo riformare Dublino, ed è una questione che riguarda la solidarietà, che per definizione non può dipendere da una posizione geografica. Non può essere la base sulla quale un Paese “si deve assumersi maggiori responsabilità per esempio rispetto all’arrivo dei migranti”, ha detto lUrsula von der Leyen. “Dunque Dublino deve essere riformato e ne parleremo con molto impegno. Ciò è uno dei punti fondamentali del nostro programma”, ha aggiunto. Timmermans vicepresidente per il ‘Green Deal’, Vestager per il digitale Il socialista olandese Frans Timmermans “sarà vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, che deve essere il marchio di fabbrica europeo”, annuncia la presidente eletta della Commissione europea. La liberale danese, Margrethe Vestager sarà vice presidente esecutiva per il digitale. Vestager sarà anche commissaria per la Concorrenza. Con Valdis Dombrovskis saranno i vicepresidenti esecutivi. I commissari dovranno recarsi negli Stati membri “Tutti i commissari dovranno recarsi negli stati membri nella prima parte del loro mandato”, ha detto Ursula von der Leyen.

La lettera di von der Leyen a Gentiloni: “Alto debito è fonte di rischio” Paolo Gentiloni quando sarà commissario europeo all’Economia dovrà “fare in modo che l’Europa aumenti la propria resilienza agli choc e assicurare stabilità, in caso si verifichi un’altra recessione. Gli attuali livelli elevati di debito sono una fonte di rischio ed un vincolo per i governi, poiché impedisce di assicurare una stabilizzazione macroeconomica quando ce n’è bisogno”. Lo scrive Ursula von der Leyen, nella lettera inviata al futuro commissario europeo all’Economia. Von der Leyen precisa poi di non avere in mente solo il debito pubblico: “Dovrà guardare – scrive a Gentiloni – a come affrontare i livelli di debito sia nel settore pubblico che in quello privato”. L’Italia ha un elevato debito pubblico in rapporto al Pil, superiore al 130% del Pil, ma ha anche un debito privato inferiore a quelli di altri Paesi europei: mentre nel 2018 il debito privato del nostro Paese ammontava al 107,6%, quello dell’Olanda, generalmente rigorista in materia di finanze pubbliche, arrivava al 241,6% (dati Eurostat) e quello della Finlandia, altro Paese del fronte del rigore, è al 142% del Pil. Moscovici: Gentiloni scelta eccellente “Il mio successore designato” come commissario europeo agli Affari economici Paolo Gentiloni “è un amico ed una scelta eccellente, saprà portare i valori e le idee della famiglia socialdemocratica”. Così su Twitter il commissario uscente agli Affari economici e monetari, il francese Pierre Moscovici, che ha definito quella presentata dalla presidente eletta Ursula von der Leyen “una Commissione politica, equilibrata e per la prima volta paritaria”.

Questa la composizione della commissione europea annunciata da Ursula von der Leyen. I tre vice-presidenti esecutivi sono: Frans Timmermans (Olanda) che coordinerà le attività per il Green Deal europeo e gestirà la politica di azione per il clima; Margrethe Vestager (Danimarca) che coordinerà l’intera agenda digitale e sarà commissaria per la concorrenza; Valdis Dombrovskis (Lettonia) coordinerà le attività per un’economia al servizio delle persone e sarà commissario per i servizi finanziari. I cinque altri vicepresidenti sono: Josep Borrell (Spagna) che sarà alto rappresentante e vicepresidente designato; Vera Jourová (Repubblica ceca) ai valori e trasparenza. Margaritis Schinas (Grecia) si occuperà di “proteggere il nostro stile di vita europeo”; Maroš Šefcovic (Slovacchia) alle relazioni inter-istituzionali e prospettive strategiche; Dubravka Šuica (Croazia) con delega a democrazia e demografia. Guiderà inoltre le attività della Commissione nell’ambito della conferenza sul futuro dell’Europa. Gli altri commissari avranno le seguenti funzioni: Johannes Hahn (Austria) si occuperà di “Bilancio e amministrazione”; Didier Reynders (Belgio) sarà responsabile della Giustizia; a Mariya Gabriel (Bulgaria) spetta il portafoglio “innovazione e gioventù”. Stella Kyriakides (Cipro) alla salute; Kadri Simson (Estonia) all’energia; Jutta Urpilainen (Finlandia) ai “Partenariati internazionali”; Sylvie Goulard (Francia) al “Mercato interno” e responsabile della nuova direzione generale dell’Industria della difesa e dello spazio; László Trócsányi sarà a capo del portafoglio “Vicinato e allargamento”; Phil Hogan (Irlanda), avrà il portafoglio “Commercio”; Paolo Gentiloni, come detto, guiderà il portafoglio dell’Economia”; Virginijus Sinkevicius (Lituania) si occuperà di “Ambiente e oceani”; Nicolas Schmit (Lussemburgo) al “Lavoro”; Helena Dalli (Malta) all'”Uguaglianza”; Janusz Wojciechowski (Polonia) all’agricoltura; Elisa Ferreira (Portogallo) a coesione e riforme; Rovana Plumb (Romania) sarà incaricata dei trasporti; Janez Lenarcic (Slovenia) sarà responsabile del portafoglio “Gestione delle crisi”. Infine, Ylva Johansson (Svezia) guiderà il portafoglio “Affari interni”.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Lagarde. Commissione Econ da il primo ok alla nomina in Ecb.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-06.

Europa. Stati membri

«La commissione Econ del Parlamento Europeo ha approvato la candidatura di Christine Lagarde a presidente della Bce con 37 voti favorevoli, 11 contrari e 4 astenuti»

«Il trattato prevede comunque che la nomina spetti al Consiglio Europeo, per tutti e sei i membri del comitato esecutivo della Banca Centrale Europea, che comprende sia il presidente che il vicepresidente, più altri 4 membri.»

«Il Consiglio Europeo decide sulla base di una raccomandazione del Consiglio e consulta anche il Parlamento Europeo e il consiglio direttivo della Bce (composto dei sei membri del comitato esecutivo, più i governatori delle banche centrali dei 19 paesi della zona euro)»

«Il Consiglio Europeo decide quindi tramite una votazione a maggioranza qualificata»

* * * * * * *

Il Consiglio Europeo così definisce le regole per votare a maggioranza qualificata:

«Maggioranza qualificata

Il metodo di voto standard del Consiglio

La maggioranza qualificata è il metodo di voto più diffuso all’interno del Consiglio.

Il Consiglio lo utilizza quando adotta decisioni nell’ambito della procedura legislativa ordinaria, nota anche come codecisione. L’80% circa di tutta la legislazione UE è adottato secondo tale procedura.

Quando il Consiglio vota una proposta della Commissione o dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, si raggiunge la maggioranza qualificata soltanto se sono soddisfatte due condizioni:

– il 55% degli Stati membri vota a favore – in pratica ciò equivale a 16 paesi su 28

– gli Stati membri che appoggiano la proposta rappresentano almeno il 65% della popolazione totale dell’UE

Questa procedura è nota anche come regola della “doppia maggioranza”.

Minoranza di blocco

La minoranza di blocco deve includere almeno quattro membri del Consiglio, che rappresentino oltre il 35% della popolazione dell’UE.

Casi particolari

Se non tutti i membri del Consiglio partecipano al voto, ad esempio in caso di “opt-out” per taluni settori politici, una decisione è adottata se vota a favore il 55% dei membri del Consiglio partecipanti, che rappresentino almeno il 65% della popolazione degli Stati membri partecipanti.

Quando il Consiglio vota una proposta che non è stata presentata dalla Commissione o dall’alto rappresentante, la decisione è adottata se viene raggiunta la cosiddetta “maggioranza qualificata rafforzata”:

– vota a favore almeno il 72% dei membri del Consiglio

– i membri che votano a favore rappresentano almeno il 65% della popolazione dell’UE

Astensioni

Nel voto a maggioranza qualificata, un’astensione è considerata un voto contrario. L’astensione non equivale alla non partecipazione al voto. Ogni membro può astenersi in qualsiasi momento.»

Di conseguenza, Mrs Lagarde necessita di essere votato nel Consiglio Europeo da

– almeno 16 paesi su 28,

– i quali rappresentano almeno il 65% della popolazione totale dell’UE.

* * * * * * *

La nomina di Mrs Lagarde alla Ecb dovrebbe avvenire senza intoppi, anche se undici voti contrari in seno alla Commissione Econ non sono certo un buon inizio.

Di certo il programma di svolgere una politica monetaria altamente accomodante e per un lungo lasso di tempo è più un impegno politico che economico e finanziario, che taluni sembrerebbero non condividere.

Sono infatti molti anni che Ecb ha svolto una politica ultra accomodante, ma la situazione economica attuale dell’Eurozona sembrerebbe testimoniarne la dubbia efficacia.


Adnk. 2019-09-05. Bce, l’Europarlamento dice sì a Christine Lagarde

La commissione Econ del Parlamento Europeo ha approvato la candidatura di Christine Lagarde a presidente della Bce con 37 voti favorevoli, 11 contrari e 4 astenuti. Il trattato prevede comunque che la nomina spetti al Consiglio Europeo, per tutti e sei i membri del comitato esecutivo della Banca Centrale Europea, che comprende sia il presidente che il vicepresidente, più altri 4 membri.

Il Consiglio Europeo decide sulla base di una raccomandazione del Consiglio e consulta anche il Parlamento Europeo e il consiglio direttivo della Bce (composto dei sei membri del comitato esecutivo, più i governatori delle banche centrali dei 19 paesi della zona euro). Il Consiglio Europeo decide quindi tramite una votazione a maggioranza qualificata.

All’ordine del giorno per la neo-presidente una politica monetaria “altamente accomodante” per un “prolungato periodo di tempo”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Affaire Kövesi. Financial Times così furibondo da pubblicare senza blocchi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-02.

Colonna Traiana. Testa di Decebalo__001

Il caso di Mrs Laura Kövesi è, o dovrebbe essere, noto.

Unione Europea. Quella cesta di serpi velenosi vorrebbe colpire ancora.

Bruxelles. Laura Kövesi. Ricordatevi bene questo nome.

«EU states have already endorsed French candidate Bohnert.

For a prosecutor with an uncommon record of putting corrupt politicians behind bars, the former head of Romania’s anti-graft agency is facing one more hurdle than her rivals: the opposition of her own government.

Laura Codruta Kövesi, who was fired by Romania’s ruling Social Democrats after she put dozens of corrupt politicians behind bars, will try to convince European Parliament members in Brussels on Tuesday to support her bid to become the European Union’s first chief prosecutor after the bloc’s governments endorsed a French rival for the job.

Bohnert received almost twice as many votes from member states last week as Kövesi and Ritter did ….»

* * *

Per il posto di capo della procura europea il Consiglio Europeo aveva votato a larga maggioranza il candidato francese Mr Jean-François Bohnert.

La candidata Mrs Laura Codruta Kövesi, trentatreenne, era invisa alla Romania, sua terra nativa: arrivata appena giovinetta a capo della procura rumena, aveva incriminato un largo numero di persone invise alla fazione da lei rappresentata. Si era diportata in modo tale da essere destituita da tale alta carica. Del tutto sequenziale che la Romania non ne volesse sapere di questa candidatura.

Ma Mrs Laura Codruta Kövesi è la candidata in pectore di Mr Juncker, di Mr Tusk e degli ambienti che esprimono codesti uomini politici.

Incuranti del voto emesso dal Consiglio Europeo, Mrs Laura Codruta Kövesi è stata votata da questo europarlamento a fine mandato: con metà aprile dovrebbe infatti cessare i lavori, ed il parlamento che uscirà dalle prossime elezioni dovrebbe essere a composizione ben differente.

«Ms Kovesi is the European Parliament’s preference to lead the EU prosecutor’s office, while EU member states have opted for the French candidate, Jean-François Bohnert. Negotiations between representatives from both sides this week ended in deadlock.»

Il colpo di mano di Mr Juncker e di Mr Tusk ha subito un’inaspettata battuta di arresto. Un europarlamento eletto cinque anni or sono non ha diritto di ignorare la volontà espressa dai capi di stato e di governo attuali, ed anche a larghissima maggioranza.

Romania. Arrestata Laura Kövesi, candidata di Juncker a capo della Procura Europea.

Il tribunale rumeno preposto a giudicare i magistrati ha fatto arrestare Mrs Laura Codruta Kövesi, contestandole pesanti accuse, che vanno dalla corruzione, all’abuso di potere, fino all’alto tradimento. Se comprovate, come peraltro sembrerebbe, si potrebbe arrivare anche all’ergastolo.

* * * * * * *

La portata di questi accadimenti è comprovata dal fatto che il Financial Times è uscito con un lungo articolo ad accesso pubblico, fatto inusuale perché di norma gli articoli di questa testata sono accessibili esclusivamente agli abbonati.

Se negli anni passati Mr Juncker e Frau Merkel erano riusciti ad imporre la candidatura Tusk, che nella Polonia sua patria è considerato essere un traditore, questa volta sembrerebbero non essere riusciti in una operazione analoga.

Hanno sicuramente una maggioranza in questo parlamento europeo, ma non è assolutamente detto che la mantengano anche in quello subentrante.

La magistratura ed i tribunali europei sembrerebbero essere destinati a rimanere l’ultima roccaforte liberal socialista, ma l’arresto di Mrs Kövesi evidenzia come ci si possa opporre anche a questa forza.

La risultante è un quadro ingarbugliato e complesso.

Pochi giorni or sono il ppe ha sospeso il Fidesz, il partito di Mr Orban, e lo ha fatto facendo approvare un proclama che sintetizza l’ideologia liberal socialista. Ma così facendo il ppe ha perso i deputati ungheresi, che sarebbero stati quanto mai utili per la supposta elezione di Herr Weber a Presidente della Commissione.

La volontà di offendere e cercar di umiliare gli stati membri sembrerebbe essere tutto tranne che un cementante dell’Unione Europea.

*


Financial Times. 2019-03-30. EU warns Romania over clampdown on former anti-corruption chief

Restrictions on Laura Codruta Kovesi could hobble her push to lead Brussels’ anti-graft body.

*

The EU has warned Bucharest over a tightening legal clampdown on Laura Codruta Kovesi, the former head of Romania’s anti-corruption agency, that could hobble her chance to lead a new pan-European anti-graft body. The European Commission said on Friday that it was “crucial” all candidates were treated fairly in the race to head the European Public Prosecutor’s Office, which has pitted Ms Kovesi against a French rival. The comments came after Romanian authorities placed Ms Kovesi under “judicial control”, which means she is banned from speaking to the media or leaving the country without permission. The government in Bucharest fired her last year, and she has since been under investigation for alleged corruption. “It is crucial that all candidates, put forward by an independent selection panel, are treated fairly in the course of this process,” a European Commission spokesman said of the contest to head the EU prosecutor’s office. “All candidates need to be able to participate in all the steps of the selection procedure unhindered.” The restrictions on Ms Kovesi were announced on Thursday after she was questioned by Romanian prosecutors for almost seven hours. Earlier this month, on the same day that the European Parliament nominated Ms Kovesi to lead the EU prosecutor’s office, Romanian authorities said they were opening a second investigation into her conduct when she was the head of Romania’s anti-corruption agency.

Ms Kovesi, who has denied any wrongdoing, said she would contest the latest moves against her in court. “This is a measure to shut me up . . . a measure to keep harassing all of us in the justice system who have done our jobs,” she told reporters on Thursday. Ms Kovesi’s fate exemplifies the growing internal tensions in the EU over alleged authoritarian creep in some central and eastern European states. Her case is more charged because Bucharest currently holds the EU council’s rotating presidency. The new European prosecutor’s office will be responsible for probing alleged frauds on EU funds, which have been central to Romania’s domestic political battles. Ms Kovesi was removed as the country’s anti-corruption chief last summer after five years in the job, during which she won plaudits at home and abroad for securing high-level convictions. Among those penalised was Liviu Dragnea, leader of the ruling Social Democrats, who was found guilty in 2015 of vote rigging and later of corruption. These convictions prevented him from becoming Romania’s prime minister. A third investigation into Mr Dragnea over alleged fraud is ongoing. He denies any wrongdoing. Ms Kovesi is being investigated in Romania by a new body set up to look into alleged misdeeds by judicial personnel. But critics say it is subject to political influence.

Ms Kovesi is the European Parliament’s preference to lead the EU prosecutor’s office, while EU member states have opted for the French candidate, Jean-François Bohnert. Negotiations between representatives from both sides this week ended in deadlock. Manfred Weber, chairman of the centre-right European People’s party and the group’s candidate to lead the European Commission, said he was “very concerned” about the new legal proceedings against Ms Kovesi. “This is totally unacceptable in Europe and unprecedented for an acting Council presidency of the EU,” he said in a tweet. Romanian president Klaus Iohannis, from the opposition Liberal party, said on Thursday that the Social Democrats had “continued the assault against the justice system which started when they took power”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Elezioni Europee. L’astensionismo è il maggiore partito.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-11-19.

Cacciare a pedate 001

Il mondo occidentale sta attraversando un periodo di profonde mutazioni politiche.

Il quadro è confuso e ben poco si sta facendo per ottenere un minimo di chiarezza.

Ci si limiterà ad enunciare i fenomeni di maggiore importanza, almeno al momento attuale.

*

– L’Unione Europea non è riuscita a dotarsi di una costituzione: il suo funzionamento di basa sulla applicazione dei Trattati. Di norma questi non sono applicati alla lettera, bensì “interpretati”, ossia ciascuno si sente autorizzato a far dire ai testi ciò che più gli comoda e conviene. È una situazione organizzativa chaotica.

– Una delle risultanti è un massiccio ricorso alle Corti di Giustizia, il controllo delle quali determina la visione vincente. A dispetto del loro nome, sono organismi politici, che utilizzano la giurisprudenza ai fini dei committenti.

– L’Unione Europea è guidata da tre organi: Consiglio europeo, Europarlamento e Commissione.

– Il Consiglio europeo è composto dai capi di Stato o di governo dei paesi membri dell’Unione europea e dal Presidente del Consiglio europeo che ne presiede le sessioni; inoltre partecipa senza diritto di voto il Presidente della Commissione europea.

Ai sensi dell’art. 15 §4 del Trattato sull’Unione europea, che recepisce la precedente prassi, regola generale per l’adozione delle delibere del Consiglio europeo è il consensus, salvo diversa disposizione dei Trattati. Sono dunque previsti casi in cui è necessaria una delibera unanime, o adottata a maggioranza qualificata, o a maggioranza semplice.

– L’Europarlamento è l’unico organo eletto a suffragio popolare. Condivide la funzione legislativa con il Consiglio. Partecipa inoltre alla procedura di approvazione del bilancio dell’UE. Il Parlamento elegge il Presidente della Commissione e approva (o respinge) la nomina della Commissione nel suo insieme. In generale il Parlamento esercita un controllo politico sulla Commissione mediante l’approvazione di mozioni e dichiarazioni.

– Codecisione. Un provvedimento europeo si ritiene essere approvato ed applicabile solo qualora Consiglio europeo ed Europarlamento abbiano espresso pareri concordi.

– Gruppi Politici. I deputati del Parlamento europeo appartengono a gruppi politici e possono organizzarsi in gruppi secondo le affinità politiche, e non per nazionalità. Ogni gruppo possiede un presidente (o due co-presidenti), un ufficio di presidenza e una segreteria. Un gruppo ha bisogno di un minimo di 25 deputati ma deve rappresentare almeno un quarto degli Stati membri. In pratica, la maggior parte delle attività parlamentari passa per i Gruppi: anche alcune votazioni sono fatte per Gruppi.

* * * * * * *

Il Gruppo del Partito popolare europeo (Democratico Cristiano), che di cristiano ha solo il nome per il momento, ha ad oggi 215/751 eurodeputati. Le principali rappresentanze sono Cdu 34, Les Républicains 27, Piattaforma Civica (Pl) 25, Pardido Popular (Es) 24, Forza Italia 13, Fidesz 13, Csu 6,

Il Gruppo dell’Alleanza progressista dei Socialisti e Democratici ha oggi 189 / 751 eurodeputati. Le principali rappresentanze sono partito socialista francese 12, spd 27, partito democratico italiano 26, partito socialista dei lavoratori (Es) 14, partito socialdemocratico rumeno 14.

*                      

Per oltre tre decenni il ppe ed il pse hanno governato spartendosi vicendevolmente il potere quasi fossero fratelli gemelli, differenti solo per il nome. Basterebbe solo pensare alla tecnica elettorale dello Spitzenkandidat, con cui si nomina il Presidente della Commissione.

*

Se i risultati elettorali ottenuti di recente in Europa e le prospezioni elettorali potessero essere estrapolate ad un voto per il parlamento europeo, il quadro muterebbe in modo significativo. Il ppe scenderebbe a circa 170 membri ed il pse ameno di 120, tenendo presente il crollo del pd in Italia e della spd in Germania. Verosimilmente Alde oppure i Verdi potrebbero diventare il secondo partito, scombiccherando tutto lo scenario.

«With the European Union gearing up for legislative elections in 2019, the battle between EU supporters and opponents is shaping up to be a lot like many of the contests in this summer’s soccer World Cup»

*

«Last year’s election of French President Emmanuel Macron and fourth-term victory of German Chancellor Angela Merkel put a brake on an anti-EU trend exemplified by Brexit. But just as the EU ship was steadying itself, Italy acted as a buffet by producing a populist government composed of parties far from the European mainstream.»

*

«There will be a lot of things happening in terms of the more anti-European parties and I think they will have quite a strong percentage overall …. The question is: will these get organized and unify in one party group? If so, they could become the largest or the second-largest group in the Parliament»

*

«Beyond the political theater, the ballot has implications for how the EU is governed. In addition to passing laws along with EU national governments, the 28-nation Parliament approves the leadership of the European Commission, the bloc’s executive arm»

*

«A very strong showing by populist forces in the Parliament, where no faction enjoys an absolute majority, could put them in a position to complicate or even block the formation of a new commission»

*

«anti-EU forces may have to overcome a handicap that can make them seem like their own worst enemies: division»

*

«The EPP includes the Fidesz party of Hungarian Prime Minister Viktor Orban, who has faced criticism across Europe for backsliding on democratic standards. The ECR is home to members of Poland’s ruling Law & Justice party, which has provoked even stronger alarm on the continent by pursuing Orban-like policies»

* * * * * * *

A parte la comune volontà di sotterrare questa Commissione, i populisti nel parlamento europeo sono al momento divisi e ciascuna nazione porta un suo proprio retroterra culturale e politico.

In termini percentuali, i populisti potrebbero essere valutati attorno al 30% – 35%, ossia 200 – 250 eurodeputati. Se si presentassero come Gruppo unico potrebbero essere quello di maggioranza relativa o, quanto meno, il secondo. Di fatto, sarebbero il Gruppo egemone. Ma al momento non vi sono elementi né per avvalorare né per negare questa ipotesi.

*

Vi sarebbe poi un secondo aspetto, e di grande rilevanza.

«Turnout at European Parliament elections has fallen steadily since the first direct ballot took place four decades ago, going from almost 62 percent in 1979 to less than 43 percent in 2014.»

*

«The assembly, whose two biggest parties are the pro-EU Christian Democrats and Socialists, is mounting an unprecedented get-out-to-vote campaign in a bid to reverse the trend on May 23-26.»

*

Sembrerebbe essere verosimile che gli Elettori decisi a sovvertire questa élite dirigenziale in Europa vadano in massa a votare. Se a questo fenomeno si associasse disassuefazione da parte dell’Elettorato dei partiti tradizionali, potrebbe determinarsi una situazione in cui i sovranisti potrebbero conseguire la maggioranza assoluta nell’europarlamento.

Questo spettro fa venire i brividi agli eurocrati.

Potrebbe attuarsi ciò che mesi or sono predisse Odoxa:

Odoxa. ‘Vers un parlement européen constitué d’opposants à l’Europe.’

 

«Vers un parlement européen constitué d’opposants à l’Europe»

*

«Plus globalement, beaucoup de messages relèvent la situation (potentielle) contradictoire et incroyable d’un parlement européen qui serait constitué d’opposants à l’Europe, les # Salvini et Mélenchon sont d’ailleurs les plus utilisés»

*

Sarebbe una vera e propria beffa del destino.


Bloomberg. 2018-11-05. EU Faces a Risk in 2019 That Has Nothing to Do With Populists

– Turnout in legislative elections has fallen for four decades

– European Parliament mounts ‘ground game’ to motivate voters

*

Anti-establishment forces are attracting plenty of attention as they prepare a fresh assault on the European Union next year, but the bloc’s legislative elections may also highlight a more insidious threat: voter apathy.

Turnout at European Parliament elections has fallen steadily since the first direct ballot took place four decades ago, going from almost 62 percent in 1979 to less than 43 percent in 2014.

The assembly, whose two biggest parties are the pro-EU Christian Democrats and Socialists, is mounting an unprecedented get-out-to-vote campaign in a bid to reverse the trend on May 23-26.

The goal is also to counter the kind of energetic, targeted rallying deployed by populist parties, which have gained ground in member states from Italy to Poland. Steve Bannon, an architect of Donald Trump’s U.S. presidential-election win, has set up an organization in Europe to support parties running against further integration in the continent.

“It boils down to whether Europe is regarded as useful or not,” Ramon Luis Valcarcel, a Spanish Christian Democratic vice president of the EU Parliament who oversees its information policy, said in an interview at the assembly’s headquarters in Strasbourg, France. “While anti-Europeans — populist and nationalist movements — make up about a quarter of the electorate, pro-Europeans are reacting and showing more interest.”

Turnoff

Participation in EU legislative ballots has been falling for four decades.

Voter indifference in European legislative elections to date has posed few dangers for the EU because mainstream parties have remained firmly in the driver’s seat, with the main impact of falling turnout being merely to dent the pride of committed federalists.

Since the last ballot, however, the dynamics have changed as a result of the U.K.’s vote to leave the EU, the rise to power of overtly populist governments in Italy and Poland and the challenge to mainstream parties in such core countries as Germany.

Bannon is creating a loose alliance of populist forces across Europe — dubbed The Movement — and will offer parties polling, data analytics and messaging. And while the former Trump aide thinks it’s doubtful nationalist parties will gain a majority in the EU Parliament in May, they’d like to gain at least a third of the seats to be able to disrupt the assembly’s business through “command by negation,” he said.

There is an irony in the growing apathy toward EU Parliament elections: The trend has coincided with a steady expansion of the assembly’s powers, which touch on legislative issues ranging from banker bonuses to car emissions and political matters including appointments to top European jobs. Consequently, a wide range of EU business could be jeopardized by further big gains for euroskeptics, who hold close to 200 of the Parliament’s 751 seats.

Spot the Euroskeptics

Populists are scattered throughout the 751-seat European Parliament

“In the current part of the campaign, we are talking about the achievements of the EU such as the defense of fundamental values, the display of solidarity among member countries, environmental protection and measures taken to increase investment and jobs,” Valcarcel said in the interview in his Strasbourg office. “That way, citizens will realize that Europe is important.”

In a grass-roots initiative that is the first of its kind, the EU Parliament is mobilizing people to vote and to persuade others to do so. Through a web portal called “This Time I’m Voting,” so far more than 76,000 people have pledged to cast ballots and more than 4,000 have volunteered to help spread awareness of the elections.

This campaign pillar, called the “ground game,” will also make use of the assembly’s offices in EU capitals and target citizens categorized as “weak abstainers” who are inclined to vote but who risk not doing so on the day without encouragement. A priority in all this is to mobilize young people because they are regarded as an instinctively pro-EU segment.

The EU Parliament has also created a unit to counter “fake news,” responding to evidence that in 2016 the U.K. referendum decision to leave the bloc and even Trump’s victory were affected by falsehoods.

“Brexit is a consequence of fake news,” Valcarcel said.

Marjory van den Broeke, who heads the new unit, pointed a finger at forces abroad interested in weakening the EU.

“Part of this disinformation is pushed by foreign countries, feeding on unjustified 
but persistent bias against the EU,” she said. “We hope to show that this is what it is, unwarranted bias.”

Get Out the Vote

The Netherlands and Germany are among the most engaged

In a further groundbreaking step, the EU Parliament is working with the European Commission, the bloc’s executive arm, to examine ways to counter common misconceptions about the EU.

Not least among these is the view that the bloc is primarily a self-serving, costly bureaucracy that, when it affects the everyday lives of ordinary people, does so by subjecting them to intrusive rules.

Can this strategy, which also includes an “air game” focused on ensuring proper election coverage by television broadcasters, end the 35-year decline in voter participation in the European legislative ballot?

“I believe turnout will be higher than in 2014, but I wouldn’t want to venture a precise prediction,” Valcarcel said. “It will depend on a lot of things.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

EU e Parlamento Europeo. Si deve decidere il loro futuro.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-06-09.

unione europea 001

Da quasi due anni i liberal ed i socialisti ideologici stanno regolarmente perdendo le competizioni elettorali, con qualche marginale eccezione. Le elezioni in Austria, in Germania ed quindi in Italia hanno mutato profondamente la propensione al voto della base elettorale. Commissioni, Parlamento Europeo ed eurocrati rappresentano ancora i risultati del clima politico di molti anni or sono, e la discrepanza si sente in modo stridente.

L’anno prossimo le elezioni per il Parlamento Europeo potrebbero variarne in modo profondo la composizione.

Si sente ovunque un grande bisogno di ripensare questa Unione Europea e, di conseguenza, i criteri gestionali dell’eurozona.

*

Fa veramente specie leggere su di una testata profondamente liberal come Eu Observer un articolo come questo.

Non esiste politica senza dialogo, ed il dialogo implica in primo luogo il saper ascoltare le ragioni e le motivazioni degli altri, rispettandole. Avversare non dovrebbe significare odiare, schernire, vilipendere.

* * * * * * *

«What started out as an opportunity for European leaders to set out their vision for the future of Europe»

*

«the European Parliament declared on social media this week, the EU has never been more popular»

*

«It therefore, begs the question, is anyone listening to what the voters are trying to tell Brussels in a wave of shock national election results and a stream of unlikely coalition bedfellows.»

*

«There is no denying that citizens and leaders have been waiting more than a year for French president Emmanuel Macron to set out his vision for Europe.»

*

«But as is too often the case with Brussels, its obsession with fixed structures and the need to do something for the sake of it, has led to the debates running out of steam, whilst also showing that the so called ‘political mainstream’ has run out of ideas»

*

«As a consequence we have repeated the same, often vague debates and platitudes over and over again»

*

«We are less than 12 months away from the public going to the polls, and Brussels has yet to offer the voters an honest and very necessary appraisal of the EU, warts and all»

*

«It is time to start admitting where mistakes have been made, show that Brussels has learned its lessons, and show that it is capable of taking a different path forward»

*

«for far too many politicians sitting in the parliament’s chamber, constructive criticism is the ultimate sin»

*

«There is a fundamental lack of understanding that to critique the EU, is not to destroy it, but to seize the last real opportunity to save it»

*

«The parliament and the European Commission should be the respectful servants of the people of Europe»

*

«Politicians have one simple task, to ask ourselves, what are the needs of the public? Not to pursue the dogmatic principles of our own fixed political ideology.»

*

«However, European Commission president Jean-Claude Juncker and a number of group leaders have placed themselves in the role of overbearing maître d’, where the customer couldn’t possibly be right, regardless of how many times they tell the proprietors they don’t like what they are serving»

*

«The problem has become that for anyone offering an honest appraisal and a suggestion to do things differently is automatically labelled as eurosceptic»

*

«It has become a quick and effective way of dismissing what a person has to say»

*

«It is an intellectual and ideological snobbery which shows nothing but contempt to the voters who put us here in the first place»

*

«If a politician were to critique a policy, or the government of the day in its national parliament, would they be labelled as being national-sceptic?»

*

Queste frasi dovrebbero essere chiare ed auto esplicative.

I politici eletti sono al servizio del popolo, non viceversa.

La “intellectual and ideological snobbery” costruisce solo muri invalicabili, condanna all’isolamento.


Eu Observer. 2018-06-05. Is this the future of Europe?

This week the European Parliament held yet another Future of Europe debate. This time with the possibly soon to be departing Luxembourg prime minister.

What started out as an opportunity for European leaders to set out their vision for the future of Europe, and engage in a meaningful debate with the parliament in the wake of the departure of the UK and an ever increasing crisis in confidence from the public, has instead become a repetitive series of monologues calling for more Europe, accompanied by a not so healthy amount of patting oneself on the back for how well the EU is doing.

As the European Parliament declared on social media this week, the EU has never been more popular. It therefore, begs the question, is anyone listening to what the voters are trying to tell Brussels in a wave of shock national election results and a stream of unlikely coalition bedfellows.

Faux excitement

Of course, some of the Future of Europe debates have been much needed and long overdue. There is no denying that citizens and leaders have been waiting more than a year for French president Emmanuel Macron to set out his vision for Europe.

Despite not agreeing with everything he proposed, it was important to hear what he had to say. But as is too often the case with Brussels, its obsession with fixed structures and the need to do something for the sake of it, has led to the debates running out of steam, whilst also showing that the so called ‘political mainstream’ has run out of ideas.

Rather than have such a debate as and when needed, it has sought to hold debates simply so that everyone could have a turn. As a consequence we have repeated the same, often vague debates and platitudes over and over again.

Perhaps we could spare the faux excitement and the air fare for the next leader, and conclude that next month’s act will be calling for more Europe, more Brussels, a bigger budget. Throw in a sprinkling of how the EU’s inter-rail pass will be the saviour of the EU, and a dash of how we must have EU wide taxation, and we have a recipe for another serving of denial.

Of course, debating the future of the EU is important, but I cannot imagine what the public must think, if they even bother to watch. Quite frankly, it is embarrassing.

What are the needs of the public?

We are less than 12 months away from the public going to the polls, and Brussels has yet to offer the voters an honest and very necessary appraisal of the EU, warts and all. It is time to start admitting where mistakes have been made, show that Brussels has learned its lessons, and show that it is capable of taking a different path forward.

But I fear that for far too many politicians sitting in the parliament’s chamber, constructive criticism is the ultimate sin. There is a fundamental lack of understanding that to critique the EU, is not to destroy it, but to seize the last real opportunity to save it.

The parliament and the European Commission should be the respectful servants of the people of Europe. Politicians have one simple task, to ask ourselves, what are the needs of the public? Not to pursue the dogmatic principles of our own fixed political ideology.

Brussels has lost sight of the fact that it is there to serve not to dominate, and that the largest part of leading, is listening.

However, European Commission president Jean-Claude Juncker and a number of group leaders have placed themselves in the role of overbearing maître d’, where the customer couldn’t possibly be right, regardless of how many times they tell the proprietors they don’t like what they are serving.

The problem has become that for anyone offering an honest appraisal and a suggestion to do things differently is automatically labelled as eurosceptic.

It has become a quick and effective way of dismissing what a person has to say. It is an intellectual and ideological snobbery which shows nothing but contempt to the voters who put us here in the first place.

Let’s have a real discussion

If a politician were to critique a policy, or the government of the day in its national parliament, would they be labelled as being national-sceptic?

Would they be accused of trying to bring down the country, of being small minded, and not understanding the needs of the people? Of course not.

The role of a parliament and different political parties is to scrutinise, to hold to account, and to question. The people that have voted for me, voted for me to stand up and have their voice be heard and no matter how much other political groups want to shout down what I have to say, I will make sure that their voice is heard. That is how democracy works.

So, by all means, EU leaders are welcome to present their vision for the future, but let’s have a real and honest discussion, where we at least attempt to listen to one another.

But another ‘debate’ which calls for more and more Europe as the cure to all ails, followed by another round of self-congratulations, will just be another boost for voter apathy and a low turnout at the next election; and most worryingly of all, perhaps another step towards a future that cannot be salvaged.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Il parlamento non condivide il budget pluriennale di Juncker.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-30.

CAVALIER-KING__004__

Rientra pienamente nella logica democratica che il Parlamento Europeo non accetti il Budget pluriennale proposto dalla Commissione e richieda chiarimenti, approfondimenti, e suggerisca modifiche.

Ciò che lascia invece davvero perplessi sono le motivazioni addotte.

«They use sometimes current prices, sometimes constant prices, sometimes they calculate with 27 countries, sometimes with 28, sometimes put programmes that are out of the EU budget, like development aid»

Ciascuna di queste critiche sarebbe sufficiente a bocciare il piano.

Non dovrebbe servire aver studiato ragioneria dei bilanci constatare l’uso irrazionale di stime a prezzi correnti oppure a prezzi costanti secondo convenienza.

Conteggiare poi ogni tanto un’Europa a 28 ed altre volte un’Europa a 27 paesi stravolge alla radice ogni possibilità di varare un budget attendibile.

Si resta infine molto sorpresi che gli estensori del progetto di budget pluriennale, tutta gente colta ed esperta, sia incorsa in simili errori, che avrebbero comportato la bocciatura all’esame di ragioneria.

*

Si dovrebbe aggiungere solo un commento.

In tutto l’intero programma non si trova una qualche forma di investimento strutturale, quasi che l’Unione Europea ne fosse ampiamente fornita, né, di conserva, si riscontrano iniziative fattuali per ridurre la disoccupazione.

*

Si nota infine come

«EU officials want discretionary powers to suspend funds from states that violate treaty values» [Juncker seeks budget whip on unruly states]             

quando poi è la Commissione stessa a non rispettare nello spirito e nella lettera i Trattati.


EU Observer. 2018-05-25. EU budget: Biggest cuts and increases

After weeks of opacity about the European Commission’s original proposal for the next long-term EU budget, the European Parliament has put together its own figures.

They show the differences between the upcoming 2021-2027 period and the previous one from 2014-2020.

The commission has not published comparisons for the two biggest policies – agriculture and cohesion – and MEPs are concerned that the planned cuts are deeper than expected.

MEP Isabelle Thomas, in charge of the budget file in the parliament, told reporters that the commission’s proposal is “a very nice story, but not a true story”.

“They use sometimes current prices, sometimes constant prices, sometimes they calculate with 27 countries, sometimes with 28, sometimes put programmes that are out of the EU budget, like development aid,” she said.

In a document obtained by the EUobserver, the parliament said the commission remained “unclear about which figures it was comparing”.

The commission compares by using current prices, which do not exclude inflation. “This results in presenting its proposed cuts much more favourably,” the parliament says in the document.

Constant prices allow comparison in real terms between two different periods – but the commission did not provide this information in its first proposal in early May.

The parliament has now highlighted the main changes in funding for agriculture, cohesion, research and the Erasmus+ programme.

According to the figures provided by the parliament, the European Solidarity Corps, the Union Civil Protection Mechanism and Erasmus+ are the programs whose fundings increase the most.

The European Commission data has deducted UK expenditure from the 2014-2020 budget to compare with the new EU-27 budget.

The parliament explained that this reduction is “understandable in policy areas on pre-allocated national envelopes,” such as agriculture or fisheries, where it is easier to calculate the UK’s share.

However, the parliament pointed out that this method “may not be fully justified with genuine EU-wide programmes such as research, Erasmus.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea in caotica disgregazione.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-04-04.

Unione Europea 049

Se l’idea di avere una sempre migliore cooperazione economica nell’ambito dell’Europa era ragionevole e del tutto accettabile, la sua struttura organizzativa e funzionale nonché le sue linee guida politiche sono profondamente criticabili. Critica non significa rigetto, significa semplicemente il vederne gli aspetti non funzionali e far proposte concrete per cercare di emendarli.

Sunto storico.

Se l’attuale Unione Europea vede la luce il 1° novembre 1993 con il Trattato di Maastricht, essa affonda le sue radici nel Trattato di Roma del 1957, che tenne a battesimo la Comunità Economica Europea. Dal nostro punto di vista ciò che importa è notare come l’Unione Europea si sia sviluppata tramite la stipula di una serie successiva di trattati, ciascuno con un suo testo, allegati, appendici, revisioni e circolari attuative. E tutti poi tradotti nelle lingue dei paesi afferenti.

Attualmente il corpo dei trattati supera le 170,000 pagine ed evidenzia spesso articoli contrastanti. Per esempio, il termine “gender” trova ventisette definizioni differenti.

Nel 2006 fu fatto il tentativo di dotare l’Unione Europea di una Costituzione che ponesse fine a codesto chaos, ma il testo fu bocciato in diversi referendum, prospettava uno Stato Europeo più che una Unione e la struttura organizzativa era davvero complessa.

Organizzazione.

In estrema sintesi, il Consiglio Europeo raggruppa i capi di governo o di stato che afferiscono l’Unione, ed è deputato a dare gli indirizzi generali. Alcune decisioni dovrebbero essere prese alla unanimità, altre a maggioranza qualificata variabile a seconda dell’argomento. Il parlamento europeo è l’unico organo elettivo per cinque anni ed esercita funzione legislativa. Il Trattato di Lisbona ha introdotto la norma della codecisione: in pratica, il parlamento ha il diritto di ratificare o meno l’operato del Consiglio, e viceversa. Nel caso ottimale, dovrebbero decidere di comune accordo.

Poi esiste la Commissione Europea. È composta da un delegato per ogni Stato membro dell’Unione europea (detto Commissario). Vi sono quindi 28 commissari. A queste 28 commissioni se ne aggiungono altre 179, il cui parere vincolante dovrebbe essere sentito prima di arrivare a varare una legge.

Infine vi è il potere giudiziario, le Corti Europee: codeste Corti ha il diritto di emettere sentenze inappellabili anche nei confronti di leggi europee. In pratica, funzionari non eletti ma nominati hanno più potere degli organi elettivi.

È una struttura organizzativa assurdamente complessa: ma a pensar mal si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.

Per ovviare questa empasse decisionale, da tempo è in vigore la pratica non istituzionalizzata del Trilogo.

Si vedono rappresentanti del Parlamento (PE), del Consiglio e della Commissione: esaminano un problema e decidono il da farsi. Sicuramente la velocità decisionale è elevata, ma alla fine l’Unione Europea è governata da un limitato numero di burocrati non elettivi e non sottoposti a controlli. Per quanti abbiano buona memoria e sufficiente cultura, questa tecnica è identica a quella adottata a suo tempo dalla Corporazione dei Fasci. È nei fatti una vera e propria dittatura.

Un altro problema davvero enorme consiste nel fatto che in passato si fosse dato per scontato che gli stati membri dell’Unione avrebbero adottato come valuta l’Euro, cosa che non è accaduta. È evidente come né il Consiglio Europeo, né il parlamento, né la Commissione possano deliberare in materia monetaria. L’Ecofin riunisce i ministri delle finanze, ma costoro non sono figure apicali in grado di prendere decisioni finale. Come ciliegina sulla torta, ciò che è solitamente denominato come Eurogruppo non esiste giuridicamente: non è stato definito in nessun trattato. Il Governatore della Banca Centrale Europea è di nomina illegale e, poveretto, non sa proprio da chi dovrebbe pigliare ordini.

Problemi politici.

Il nodo del contendere che sta frantumando l’Unione Europea è il contrasto tra la visione dell’attuale dirigenza, che vorrebbe arrivare, e continuare a guidare, agli Stati Uniti di Europa e quella di numerosi stati membri che non intendono cedere nulla della loro sovranità nazionale. È stato questo, come prima ricordato, il principale motivo per cui fu bocciata a suo tempo la Costituzione Europea, che prevedeva uno stato fortemente centralizzato cui tutti gli stati membri avrebbero conferito in toto la propria sovranità, il tutto fondato sull’ideologia libera e socialista.

Mentre queste due componenti si stavano confrontando, nel breve volgere di poco più di un anno sono successi episodi che hanno sconvolto il quadro politico. Dapprima l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, poi il crollo dei socialisti francesi dal 61% all’8%, quindi le elezioni politiche federali tedesche, le elezioni politiche austriache, ed infine le elezioni politiche italiane. La composizione del Consiglio di Europa è cambiata in modo radicale. Non solo, ma il prossimo anno dovrebbero tenersi le elezioni per il rinnovo del parlamento europeo. I partiti tradizionali sono al momento usciti molto ridimensionati, sono prepotentemente entrate in scena componenti politiche nuove, e l’attuale dirigenza dell’Unione si è ritrovata in minoranza. Gli stalli politici all’interno dei singoli stati si ripercuotono poi severamente sulla gestione dell’Unione.

In estrema sintesi, l’intero sistema è in preda al chaos, è disorganizzato e con ben poca voglia di far qualcosa in codesta situazione. La paralisi decisionale è totale. Gli ultimi due Consigli Europei si cono conclusi senza riuscire a prendere decisione alcuna.

Il quadro generale.

Negli ultimi decenni è mutato radicalmente il quadro mondiale od l’Unione Europea opera. Secondo i dati 207 dell’Imf, il pil ppa mondiale ammontava a 126,687 miliardi Usd. Primeggia la Cina con 23,122 miliardi, mentre l’Unione Europea si attesta a 20,853 miliardi, ossia il 16.46% del dato mondiale. I paesi del Brics hanno prodotto un pil ppa di 40,550 miliardi (32.01%) contro i 38,694 (30.54%) dei paesi afferenti il G7.

Trenta anni or sono i Brics non passavano il 5% del pil ppa mondiale.

I Brics hanno tempi di risposta ai nuovi eventi estremamente rapidi, sia come risposte operative sia come ristrutturazioni organizzative interne, e sono politicamente molto compatti e determinati. Questo sarà elemento di non trascurabile importanza della ricostruzione dell’Unione Europea.

Futuro.

Nessuno ha la sfera di cristallo, ma almeno su di una cosa tutti si potrebbe convenire: così come è il sistema della Unione Europea dovrebbe essere profondamente ristrutturato, dal punto di vista organizzativo prima ancora che da quello politico. Una Unione Europea soltanto economica forse potrebbe essere una soluzione accettabile da parte di tutti, lasciando i necessari tempi per poter studiare una qualche forma di integrazione politica, senza però ripetere gli errori passati.